*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 167 -

B. — Tonaca muscolare

Kssa non presenta una spessezza uniforme. Molto spessa in tutta

la sua porzione pilorica, un poco meno nella piccola curvatura, meno

ancora sulle due facce e sulla grande curvatura, diviene estremamente

sottile sull'apice del gran fondo-cieco. Tradotte in cifre, queste differenze

sono più apprezzabili : in vicinanza del piloro la spessezza

media varia da 3 a 4 millimetri; sulla piccola curvatura non oltrepassa

un millimetro e mezzo; sulle due facce e sulla grande curvatura

si riduce ad un millimetro; sulla parte (entrale della grande

tuberosità, raggiunge appena un quarto di millimetro. K sopratutto

alla tonaca muscolare che bisogna attribuire le differenze di spessezza

che ci offre lo stomaco nelle sue diverse regioni.

Le fibre che compongono questa tonaca sono di tre ordini: longitudinali,

circolari ed ellittiche.

L< prime fanno seguito alle fibre longitudinali dell'esofago, che

sembrano prolungarsi sullo stomaco da sinistra a destra per continuarsi

nel piloro colle fibre longitudinali dell'intestino tenue M>n

situate immediatamente al disotto della tonaca sierosa.

Le fibre circolari dello stomaco prolungano lo strato delle fibre

circolari dell'esofago: esse sono sottoposte alle precedenti.

Le fibre ellittiche, fibre ad ansa di alcuni autori, fanno seguito anche

alle fibre circolari del canale esofageo. Formano un ter/o piano,

che poggia immediatamente sulla tonaca cellulosa.

La tonaca muscolare dello stomaco comprende dunque tre piani

sovrapposti : uno superficiale, uno medio, ed uno profondo.

1.' PIANO BUPKRI ICIÀI.F. -Costituisce una dipendenza dello strato

muscolare longitudinale del canale alimentare —(ìiunto all'estremità

inferiore dell'esofago, questo strato si espande molto regolarrnpnte.

Le fibre che corrispondono al lato destro del canale si prolungano

sulla piccola curvatura dello stomaco, formando una striscia muscolare

molto pronunziata, che ha ricevuti» il nome cravatta svizzera.

Quelle che corrispondono al lato sinistro discendono sulla grossa tuberosità.

Le anteriori e posteriori, dovendo distribuirsi come le precedenti

sopra superficie molto estese, costituiscono uno strato sommamente

cottile.

Tutte queste libre abbracciano, irradiandosi, l'orifizio superiore dello

stomaco, poi descrivono curve a concavità superiore e si prolungano

dalla sua estremità splenica sino al piloro.

A misura che si avanzano verso l'orifizio pilorico, *i veggono ravvicinarsi

e formare uno strato sempreppiù spesso, vi livello di quest'orifìzio

si continuano col piano longitudinale dell'intestino tenti.-.

Il piano longitudinale è dunque sempre continuo. V. disposto sullo

More magazines by this user
Similar magazines