*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 532 -

ciforme, s'incurvano immediatamente, prendendo una direzione leggermente

sinuosa e costeggiando la piramide da cui dipendono, por

portarsi verso la sostanza midollare, nella quale penetrano; dopo un

cammino più o meno lungo, tutte si riflettono, per rientrare poi nella

sostanza corticale, ove si continuano con un tubo flessuoso. Le due

branche dell'ansa che descrivono i canali uriniferi nel loro lungo cammino

sono dunque situate ambedue sul contorno dello piramidi di

Ferrein; la branca che si continua coi tubi collettori fa anche parte

della piramide ; quella che si continua coi tubi flessuosi ne resta

indipendente. ma è sempre molto vicina ad essa.

I tubi flessuosi circondano le piramidi di Ferrein, e formano uno

strato spesso che sembra dovunque continuo, ma che si compone in

realtà di tanti segmenti per quante sono le piramidi. Tutti questi

segmenti stanno semplicemente gli uni accanto agli altri, ma restano

indipendenti. Tra essi si veggono i vasi sanguigni ed i glomeruli cho

indicherebbero i loro limiti rispettivi, se i tubi non li ricoprissero

da tutte le parti.

La direzione che presentano questi tubi, del resto, non si può dedescrivere.

Essi si piegano e si ripiegano, si avvolgono a spira in

alcuni punti, formano gomitoli in altri, e s'incrociano in mille modi,

ingranandosi mediante le parti sporgenti e rientranti dei loro interminabili

intrecci. È sopratutto alle loro flessuosità che la sostanza

corticale deve l'aspetto che la distingue.

Secondo alcuni autori, i tubi flessuosi si dividerebbero e comunicherebbero

tra loro in diversi punti «lei loro cammino. Ilo l'alto

numerosi tentativi per constatare queste anastomosi, ma non ho potuto

riscontrarne alcuna traccia: la loro esistenza, se non è il risultato

di un errore è almeno molto discutible.

1 tubi contorti, relativamente voluminosi hanno un diametro

medio di 0 m ,06 ed una cavità estremamente stretta, in modo che diffìcilmente

si vede sui tagli perpendicolari alla loro direzione. La Inni

tunica esterna è sottile Ma ciò che li caratterizza sopratutto, è la

-rande spessezza del loro strato epiteliale, costituito da cellule prismatiche

a contorni poco pronunziati. Queste cellule si alterano e si

staccano prontamente dopo la morte, e vi si trovano freqiieiitenn'iite

delle granulazioni grasso, che tendono a moltiplicarsi con l'età e

sopratutto in certe malattie.

Per studiare la disposizione dei canali uriniferi nelle due »

More magazines by this user
Similar magazines