*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 070 -

1.°— Direzione, fot ma, spessezza delle pareli del canate prostatico.

La direzione del canale prostatico non è in generale parallela all'asse

della prostata. Esso si avvicina in alto più alla sua faccia anteriore,

e in basso più alla posteriore; il suo asse incrocia quello della

glandola sotto un angolo molto acuto. — Quest'asse, del resto, non è

rettilineo, ma descrive una curva la cui concavità guarda in avanti ed

in alto, curva poco pronunziata nei giovani, ma che aumenta sotto

l'inliuenza del progresso della età. in ragion diretta delle dimensioni

che acquista il lobo medio della prostata.

Rigonfiato n«'lla sua parte media, il canale prostatico rappresenta unii

cavità ellissoide un po'depressa d'avanti indietro, in modo che il suo

diametro trasverso supera l'antero-posteriore. Si restringe non pel

trasporto di tutt'i punti della sua superficie verso il suo asse, ma

per l'applicazione della sua pareti* anteriori* alla posteriore, come

dimostrerò più innanzi.

Il suo diametro medio nello stato abituale può esseri» valutato a

r> millimetri. Al momento del passaggio della urina è in generale

di 7 a 8 millimetri. Ma dilatando il canale può giungere molto facilmente

sino a 1*J e 15 millimetri. 1 miei studii mi aveano condotto

ad ammettere che fosse cosa prudente tli non portare la dilatazione

al di là di quest'ultimo limite; però l.olbeau, fondandosi sul-

X esperimento cadaverico pensa che si possa giungere sino a 20

millimetri senza produrre alcuna lacerazione al livello dello slintere

della vescica. Al di là di questa dilatazione estrema, la lacerazione diverrebbe

inevitabile.

La spessezza delle pareti di questo canale è importante a conoscere

E-sa interessa specialmente al chirurgo, che nei diversi proce*si

dell'operazione della pietra col metodo perineale, non può giungere in

vescica che aprendosi una via attraversi» la prostata. IVr determinar-.

la. basta ini-urarc i diversi raggi che si estendono dalla superlifie.

interna ibi canale alla periferia «Iella glandola. Tra questi, i più lunghi

corrispondono all'unione del MIO quarto superiore coi suoi tre

quarti inferiori, ma differiscono in realtà mollo poco da quelli della

base. Ora questi ultimi, ne^li uomini da 2."i a 7A) anni m'hanno

presentata la seguente lunghezza media:

11 mediano anteriore 5 millimetri

Il mediano posteriore ] 7

Il trasversale ir,

L obliquo iu basso ed infuori 2'd

S.-iin ritiene che il raggio mediano posteriore sia di 1 r» a IH milliinHri,

il trasverso di __>i), l'obliquo di w n 2fr, L«* cifre che copri-

More magazines by this user
Similar magazines