*.V *

bore.usp.br

*.V *

— 63 -

Questo ultimo sembra essere un semplice muco, quelle delle tonsille si

trova quasi sempre mischiato a grumi d'apparenza e di consistenza caseosa.

E nella porzione profonda delle cavità più irregolari che stanno

ordinariamente questi nuclei caseiformi, creduti alcune volte pezzi di

materia tubercolare. Sono costanti e sempre multipli, anche nelle tonsille

in apparenza le più sane. Non si potrebbero considerare come

tanti corpi estranei ? e questi corpi estranei moliplicandosi ed accrescendosi

non sarebbero la causa più ordinaria delle ripetute tonsilliti

che si osservano in alcuni ammalati?

Le arterie delle tonsille provengono dalla faringea inferiore, dalla

palatina superiore e inferiore, e dalla linguale. Il maggior numero delle

loro divisioni si terminano anche nei follicoli chiusi, sulla periferia

e nella cavità dei quali si anastomizzano.

Le vene sono numerose ma di piccolo calibro ; si dirigono infuori

per formare un piccolo plesso, il plesso tonsillare, che costituisce

una dipendenza del plesso faringeo.

Vasi linfatici estremamente abbondanti e notevoli anche pel loro

volume prendono origine dalle tonsille. Partono dai follicoli chiusi

e tappezzano le pareti delle cavità di queste glandoìe. I loro tronchi

si dirigono gli uni in fuori, gli altri indentro verso i linfatici della

faccia dorsale della lingua, ai quali si uniscono.

I nervi emanano dal glosso-faringeo. Alcuni filetti nervosi sembrano

venire anche dallo pneumogastrico.

II tessuto cellulare concorre debolmente alla costituzione delle tonsille.

Esso diviene evidentissimo ponendo queste glandoìe nell'acido

acetico che le distende infiltrandosi nelle maglie.

§ 5.' — PARETE INFERIORE DELLA BOCCA.

Questa parete è formata dalla lingua, e sopra un piano più profondo

dalla mucosa che eopre le parti molli più alte del collo.

Quasi tutte le parti che costituiscono la lingua ci sono già note. Il

suo scheletro osseo e fibroso, come anche i suoi muscoli, sono stati descritti

nella miologia (1). I suoi vasi {'>), i suoi nervi (3) il suo involucro

mucoso (4) sede speciale del gusto hanno successivamente

anche fissato la nostra attuazione.

Per completare il suo studio, ci resta a considerare quest' organo nel

suo insieme e specialmente nei suoi rapporti o comunicazioni con le

altre parti dell'apparecchio digerente. Passeremo poi in rivista le glandoìe

molto numerose situate nella sua spessezza.

(i) Voi. II.

(2) Voi. II.

(3) Voi. III.

(4) Voi. III.

More magazines by this user
Similar magazines