*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 71!. —

/lonale che s* irradia dall'ovario verso tutti i punti dell' apparecchi >

genitale, diviene sede di modificazioni più notevoli ancora. Il sangue

affluisce nelle sue pareti , riempie le sue arterie e specialmente le

sue enormi vene, in modo che si trova in uno stato molto anal"_.«<

a quello del bulbo dell'ovario. Da un'altra parte la mucosa uterina

aumenta di spessezza e di estensione, si copre di pieghe, i suoi vasi si

iyiluppano, e ben presto ne trapela un liquido dapprima poco abbondante

e di color roseo, che si mischia al muco uterino ed al muco

'vaginale. A questo trapelamene succede una veia emorragia, che perete

tre, quattro o cinque giorni e che, diminuendo in seguito, non

iarda a sopprimersi per riprodursi spontaneamente ogni mese per

tutto il periodo di fecondità della donna.

K a questo scolo che si è dato il nome di mesi,-unzione. Esso

««(incide sempre con la caduta periodica dell' uovo. Negrier il primo,

nel 18M1, ha indicata questa coincidenza, e tutti i fatti raccolti

da quell'epoca l'hanno confermata. Essi hanno dimostrato inoltre

che, la mestruazione è subordinata alla caduta dell' ovulo : in altri

termini, che la deiscenza delle vescichette ovariche si traduce al

jiìi fuori con la mestruazione. Questa emorragia è il segno esterno

.«ielle modificazioni che subisce l'utero per prepararsi a ricevere il

germe e circondarlo delle condizioni le più favorevoli ai MIO S> Ìluppo.

La rottura dtdla vescichetta ovarica può avvenire per tutta la titillala

dello scolo, ma risulta dallo insieme dei fatti osservati che hn

fanIJ»D in generale alla fine delle regole. Questo momento è dunque

Quello in cui P altitudine alla fecondazione giunge nella donna al

Mio più alto grado.

2." .'INOMKNI CHE PltODUCiiNSI NELLE VESCICHETTF. OVARICHE l'ol'o

U l.t.KO DEISCENZA; FORMAZIONE DEI CORPI LUTEI. — La piccola soluzione

di continuo che si ò prodotta sul polo periferico della vt-sci-

• h*'Ma diviene sedo o punto di partenza di una infiamma/ione più

•••enti vìva, che ha per conseguenza il versamento di una linfa

AuMica, alla quale si mischia sempre una certa quantità di san-tie I

j.

More magazines by this user
Similar magazines