*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 81 -

modo completo; molto frequentemente sarebbe libero indentro, ed occuperebbe

una specie di gronda analoga a quella che 1' arteria splenica

si scava sul margine superiore del pancreas. Ma questa disposizione

dev'essere considerata come molto eccezionale ; sopra otto cadaveri

sui quali ho esaminato le parotidi non esisteva né dall' uno

né dall'altro lato.

Nel suo cammino attraverso la glandola, quest' arteria fornisce

1' auricolare posteriore che attraversa obbliquamente la sua estremità

inferiore, poi le auricolari anteriori, in numero indeterminato, che

l'attraversano anche da dentro infuori.— Più in alto si biforca per

dare origine alla mascellare interna ed alla temporale superficiale. La

mascellare interna s'immette quasi immediatamente sotto il collo del

condilo della mascella, contro il quale è fissata da una bendella fibrosa

molto resistente. La temporale superficiale continua il cammino

primitivo del tronco arterioso e non lascia la glandola che al livello

del tubercolo dell'apofìsi zigomatica: prima di uscirne fornisce la

trasversale della faccia.

A queste arterie corrispondono delle vene che loro sono unite su

tutta la loro estensione. La più importante è la giugulare esterna,

situata infuori ed un poco in avanti del tronco carotideo. Nel suo

cammino fornirebbe, secondo la maggior parte degli autori, una branca

che s'anastomizzerebbe con la giugulare esterna. Sugli otto cadaveri

di cui ho precedentemente parlato non ho riscontrato questa branca

che una sola volta.

I vasi linfatici intra-parotidei sono estremamente numerosi e voluminosi

per la maggior parte. Essi provengono da parecchie sorgenti :

1° dalla metà anteriore del cuoio capelluto : 2° dal sopracciglio e dalla

parte esterna delle palpebre ; 3° dai tegumenti del pomello e della

regione parotidea; 4° dal padiglione dell' orecchio.

Quelli del cuojo capelluto si portano quasi verticalmente in uno o

due gangli che stanno nel terzo superiore della glandola. — Quelli del

sopracciglio, delle palpebre e della pelle del pomello e della regione

parotidea si scaricano in alcuni gangli situati nella spessezza della parotide

, al disotto dei precedenti, e tanto piccoli in generale che

non si possono scoprire che injettando e seguendo i vasi che vi si

terminano. — Quelli che emanano dalla faccia esterna del padiglione

convergono verso un ganglio costante e voluminoso situato in avanti

del trago. — Infine quelli che provengono dall'elice e da tutta la faccia

interna o posteriore del padiglione girano intorno al condotto uditivo,

per raggiungere due o tre gangli di dimensione variabile che occupano

la parte inferiore del margine posteriore della parotide.

Tutti questi gangli sono sotto-aponevrotici e la maggior parte anche

coverti in parte o completamente dai lobuli vicini. —Ma indipendentemente

da questi gangli superficiali, ve ne sono dei profondi, al

S.U-PEY-Vol. IV.

U

More magazines by this user
Similar magazines