*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 897 _

testino che mediante uno stretto peduncolo, che non tarda ad obliterarsi.

Molto vicina allora alla membrana calcare, compie la parte

principale nei fenomeni dell'ematosi, mentre conserva il suo ufficio

di organo nutritivo e le vene onfalo-mesenteriche continuano ad aewrbire

gli elementi accumulati nella vescichetta.

ta vescichetta allantoide occupa la cavità pleure-peritoneale e si

attende rapidamente. Riceve da ognuna delle arterie iliache una branca:

queste, chiamate arterie allantoidee, arterie ombelicali, si altangano,

si dividono, si ramificano, in ragione diretta della sua estendere.

Molto vicina così alla membrana testacea prende ugualmente

parte alla ossigenazione del sangue, in modo molto debob* al principio,

ma poi sempre di più, a misura che l'ufficio della vescichetta

ombelicale diminuisce.

Il cuore in questo eecondo periodo si curva sopra se stesso, i ».*ni

•I «ituano dietro i ventricoli, al livello di questi. 11 setto interventricolare

si sviluppa e già si mostrano anche i primi rudimenti del

Mtto del bulbo aortico.

Il secondo paio d'archi arteriosi si oblitera il quinto si forma.

1/6 due carotidi divengono più apparenti, sopratutto la carotide intoma,

che si può già seguire sulle parti laterali dell'encefalo, allora

sottile e di una perfetta trasparenza essendo il cranio mem'.ranoso.

Il tronco dell' aorta si allunga notevolmente Dalle sue parti laterali

nascono, al livello di ogni vertebra, fine branche trasversali,

che si perdono in parte nel corpo di Wolff, in parte nei reni, che

cominciano a svilupparsi. Le arterie iliache si designano più chiaramente;

le arterie allantoidee ne rappresentano dapprima un semplice

rimo, ma, a misura che l'allantoide si sviluppa, i rami passano allo

stato «li branche primitive e queste a quello di rami.

Il fegato, accrescendosi e circondando il canale venoso, lo divide

io due parti, l'una inferiore, che conserva il nome di canale venoso,

l'altra superiore che prende quello di Metto venoso. I canali di

Cuvier si aprono nella parte più alta del seno, immediatamente al

disotto delle orecchiette. I vasi efferenti ed afferenti del fegato

continuan«ìosi per le loro divisioni capillari, formano, nella >ua spes-

*m, una via collaterale sempreppiù importante, nella quale pa-a

una parte del sangue che percorre il canale venoso.

Delle due vene omfalo-mesenteriche, che per la loro riunione costituiscono

questo canale, quella del lato destro si atrofizza.

Alle arterie ombelicali corrispondono le due vene ombelicali, o allantoidee,

le quali, alla loro entrata nello addome, danno origine a«l

«l HO! tronco, che si apre nella parte iniziale del «anale venoso.

cioè a dire nella parte terminale della vena omfalo-mesenterica sinistra.

In seguito si accresce molto, mentre che questa al contrario

«limlnuisce, sicché questa ultima allora sembra terminarci nella v«w>a

*A»TIT -#V..l. IV,

More magazines by this user
Similar magazines