GIUSEPPE PARINI - rikimirandola.it

rikimirandola.it

GIUSEPPE PARINI - rikimirandola.it

GIUSEPPE PARINI

Antonella Bianchera


Bosisio (Brianza) 1729 - Milano1799

Antonella Bianchera


PARINI E L’ILLUMINISMO

Intellettuale impegnato nella battaglia civile:

Combatte, in nome del progresso e della

ragione, contro le aberrazioni e le storture

della realtà contemporanea.

Impegnato a diffondere idee nuove che

migliorino la vita sociale e giovino al bene

comune: la “pubblica felicità”.

Antonella Bianchera


Dell’Illuminismo accoglie con favore i princìpi

egualitari.

Crede nell’uguaglianza originaria e naturale di

tutti gli uomini.

Crede nella necessità di riconoscere a ogni

individuo una pari dignità, a prescindere dalla

classe sociale in cui è collocato.

Antonella Bianchera


l’umanitarismo, l’amore per l’umanità in

quanto tale

Lo sdegno per tutto ciò che offende l’uomo e

provoca in lui umiliazione e sofferenza

La convinzione che dovere fondamentale di

ogni uomo è la solidarietà per i suoi simili

L’impegno per alleviare miserie e patimenti

Antonella Bianchera


Il culto della scienza: chimica, fisica, biologia

migliorano la vita sociale e favoriscono la

pubblica felicità

Scoperte scientifiche: fonte di progresso e di

benessere per l’umanità

Antonella Bianchera


Ma la scienza non deve essere una moda, una

mania frivola di salotti aristocratici e di dame

oziose

Antonella Bianchera


È ostile a ogni forma di fanatismo religioso

Giudica negativamente la Controriforma

Ritiene empie le guerre di religione

Definisce barbarie i roghi di ebrei e di eretici

Si scaglia contro l’oscurantismo degli

ecclesiastici che “s’oppongono allo

avanzamento delle umane cognizioni”

Antonella Bianchera


Dell’Illuminismo respinge:

Le posizioni antireligiose ed edonistiche.

Ritiene che le teorie libertine dei philosophes

siano estremamente pericolose per la

convivenza sociale degli uomini e per la salute

della loro anima. Perciò le condanna.

Antonella Bianchera


Dell’Illuminismo italiano non condivide:

Il cosmopolitismo: Parini teme che

l’assorbimento della cultura francese snaturi i

caratteri originari della cultura italiana e ne

comprometta la purezza della lingua con l’uso dei

francesismi

L’eversione degli uomini del “Caffè” che

respingevano il classicismo tradizionale in nome

di una letteratura “utile”, delle cose e non delle

parole, volta a diffondere i lumi.

Antonella Bianchera


PARINI E IL CLASSICISMO

Parini è rigorosamente fedele ad un’idea

classica della letteratura

È animato da un vero e proprio culto della

dignità formale e dei modelli antichi

Antonella Bianchera


PARINI E LA RELIGIONE

Parini esalta una religiosità intima:

“E’ d’uopo, Achille, alzare/ne l’alma il primo

altare” (dalle Odi, L’educazione)

Si scaglia contro le ipocrite pratiche esteriori

Antonella Bianchera


Parini crede profondamente nella religione:

essa è indispensabile freno allo scatenarsi

delle passioni umane

essa è principio di una ordinata convivenza

civile

essa è rivelazione del significato ultimo

dell’esistenza umana e garanzia di salvezza

Antonella Bianchera


PARINI E LA NOBILTA’

La nobiltà è una classe oziosa e improduttiva

Sperpera le ricchezze che derivano dalle sue

rendite, cioè dal lavoro altrui

Non coltiva studi che servano all’avanzamento

della cultura e della scienza

Non si cura di ricoprire cariche e magistrature

utili al bene pubblico

Il nobile è: “colui che da tutti servito a nullo

serve”

Antonella Bianchera


Solo in epoche passate la nobiltà aveva avuto

una funzione sociale:

difendere la patria in guerra

rivestire le magistrature

amministrare la cosa pubblica

incrementare la proprietà

migliorare le colture

dedicarsi agli studi

Antonella Bianchera


PARINI MODERATO RIFORMISTA

Parini si trova perfettamente allineato con la

politica del governo illuminato di Maria

Teresa d’Austria

• Lotta contro i privilegi feudali

• Rigenerazione dell’aristocrazia

• Reinserimento produttivo dell’aristocrazia nel

corpo sociale

Antonella Bianchera


PARINI E LA LETTERATURA

Parini non accetta la riduzione della letteratura

a veicolo di cognizioni utili, in vista di fini

esclusivamente pratici.

“Va per negletta via/ ognor l’util cercando/la

calda fantasia/che sol felice è quando/l’utile

unir può al vanto/di lusinghevol canto”

(dalle Odi, Salubrità dell’aria)

Antonella Bianchera


L’utile non può mai essere disgiunto dal

“lusinghevol canto”

(Orazio: miscere utile dulci)

La poesia è concepita secondo la dignità

formale dei classici

Parini resta fedele alla concezione classica

della poesia: in essa risiede l’essenza stessa

dell’uomo, la sua dignità

Antonella Bianchera


PRODUZIONE POETICA

le Odi

25 Odi

Primo nucleo: 1758-1769

Odi di impegno civile

(La vita rustica, La salubrità dell’aria, La

musica, L’educazione, L’innesto del vaiuolo, Il

bisogno, L’impostura)

Antonella Bianchera


Lunga pausa fino al 1777

(La laurea, Le nozze)

Secondo nucleo: 1783-1795

Odi neoclassiche

(La recita dei versi, La caduta, La tempesta, In

morte del maestro Sacchini, Il pericolo, La

magistratura, Il dono, La gratitudine, Il

messaggio, A Silvia, Alla Musa)

Antonella Bianchera


ODI

Ode: dal greco odé = canto

E’ il componimento lirico per eccellenza,

idoneo a cantare passioni civili, morali,

affettive, contenuti nobili e ideali

Scrittori greci: Pindaro, Alceo, Saffo

Scrittori latini: Orazio

Scrittori italiani: Parini, Foscolo, Manzoni,

Carducci, Pascoli

Antonella Bianchera


I metri dell’ode:

Sono molteplici

In genere prevalgono i settenari o anche gli

endecasillabi

Le strofe: quartine, sestine, ottave

Ritmo assai vivace

Antonella Bianchera


ODI CIVILI O ILLUMINISTICHE

anni Sessanta

Sono animate da atteggiamenti più battaglieri

che testimoniano la militanza illuministica

Si occupano di problemi di stringente attualità

spesso molto pratici e concreti

Antonella Bianchera


ALCUNI ESEMPI

LA VITA RUSTICA

• Visione tradizionalmente idillica della

campagna

• Visione nuova del lavoro dei contadini, inteso

come attività produttiva e socialmente utile

• Teorie fisiocratiche

Antonella Bianchera


L’IMPOSTURA

• Il poeta si scaglia contro ogni forma di

ipocrisia e di finzione

• Impiega l’ironia per creare una serie di

macchiette e figurine di impostori

Antonella Bianchera


L’EDUCAZIONE

• L’istruzione alla base del rinnovamento sociale

• Formazione del ceto dirigente a cui Parini

indirizza i suoi precetti pedagogici

• Idea umanistica di formazione: armonia

spirito-corpo

• La ragione deve regolare e guidare i

sentimenti

Antonella Bianchera


L’INNESTO DEL VAIUOLO

• Esaltazione della scienza moderna contro ogni

forma di pregiudizio e di oscurantismo

• L’ode è dedicata al dottor Gianmaria Bicetti:

egli è il simbolo del saggio, del filosofo che

lotta contro i sofismi e le ipocrsie

Antonella Bianchera


IL BISOGNO

• In consonanza con i principi della

giurisprudenza contemporanea

• Sono il bisogno e la miseria a determinare la

maggior parte dei delitti > filantropia,

affermazione dei diritti naturali

• Occorre prevenire, lottando contro la povertà

• Ispirata all’opera di Cesare Beccaria, Dei delitti

e delle pene

Antonella Bianchera


L’EVIRAZIONE

• Contro il costume di evirare i giovani cantori

• Sdegno per una pratica barbara e incivile

• Le cause: capriccioso egoismo dei potenti,

pronti a mutilare l’uomo e a negare la sua

dignità


La salubrità dell’aria

Si celebra la purezza dell’aria

Si esalta la scienza medica moderna

Si criticano l’amministrazione pubblica

milanese e i privati

Lessico tecnico

Sintassi classicamente strutturata

Modernità della tematica

Antonella Bianchera


Strofa 1.

Oh beato terreno

del vago Eupili mio,

ecco al fin nel tuo seno

m’accogli; e del natio

aere mi circondi;

E il petto avido inondi!

Antonella Bianchera


Strofa 2.

Già nel polmon capace

Urta sé stesso e scende

Quest’etere vivace

Che gli egri spirti accende,

E le forze rintegra,

E l’animo rallegra.

Antonella Bianchera


Strofa 5.

Pèra colui che primo

a le triste oziose

acque e al fetido limo

la mia cittade espose;

e per lucro ebbe a vile

la salute civile.

Antonella Bianchera


Strofa 6.

Certo colui del fiume

di Stige ora s’impaccia

tra l’orribil bitume

onde alzando la faccia

bestemmia

il fango e l’acque

che radunar gli piacque.

Antonella Bianchera


Strofa 7.

Mira dipinti in viso

di mortali pallori

entro al mal nato riso

I languenti cultori;

e trema, o cittadino,

che a te il soffri vicino.

Antonella Bianchera


Strofa 8.

Io de’ miei colli ameni

nel bel clima innocente

passerò i dì sereni

tra la beata gente

che di fatiche onusta

è vegeta e robusta.

Antonella Bianchera


Strofa 12.

Ben larga ancor natura

fu a la città superba

di cielo e d’aria pura:

ma chi i bei doni or serba

fra il lusso e l’avarizia

E la stolta pigrizia?

Antonella Bianchera


Strofa 13.

Ahi! Non bastò che intorno

putridi stagni avesse;

anzi a turbarne il giorno

sotto a le mura stesse

trasse gli scelerati

rivi a marcir su i prati.

Antonella Bianchera


Strofa 19.

Né a pena cadde il sole

che vaganti latrine

con spalancate gole

lustran ogni confine

de la città che desta

beve l’aura molesta.

Antonella Bianchera


Strofa 20.

Gridan le leggi è vero;

e Temi bieco guata:

ma sol di sé pensiero

ha l’inerzia privata.

Stolto! E mirar non vuoi

ne’ comun danni i tuoi?

Antonella Bianchera


Strofa 22.

Va per negletta via

ognor l’util cercando

la calda fantasia

che sol felice è quando

l’utile unir può al vanto

di lusinghevol canto.

Antonella Bianchera


PARINI E IL SENSISMO

Teoria risalente al filosofo inglese J. Locke

(1632-17049 e in Italia diffusa dagli scritti di

Etienne de Condillac (1714-1780)

Tutta la vita spirituale dell’uomo ha origine

dalle sensazioni fisiche

Piacere e dolore i sentimenti fondamentali

L’arte stimola la vitalità interiore derivante dal

piacere

Antonella Bianchera


Ricerca della parola icastica, capace di

suscitare immagini e sensazioni molto vivide.

La parola energica e realistica

Immagine chiara dell’oggetto materiale

Antonella Bianchera


STILE DELLE ODI

Scelta di espressioni ardite e realistiche, ricche

di forza sensibile

Devono suscitare immagini visive, plastiche,

tattili, foniche, olfattive

Antonella Bianchera


Parini impiega il linguaggio classico per

esprimere l’impoetico:

Usa perifrasi e sineddochi

Usa personificazioni mitologiche

Ricorre alla sintassi latina

Modello: Orazio

La poesia deve esser nuova senza tuttavia

scardinare il sistema letterario tradizionale

Antonella Bianchera


ODI NEOCLASSICHE

anni Settanta

Le riforme di Giuseppe II suscitano in Parini e

negli altri illuministi un netto disaccordo

Senso di delusione e di disaffezione nei

confronti dell’autoritarismo del sovrano

Contro il privilegiamento delle scienze a

scapito delle discipline umanistiche

Parini si allontana dalla militanza civile

La celebrazione della dignità del poeta

Antonella Bianchera


I temi di queste odi sono più universali

Si è spenta la tensione morale

Viene meno la fiducia nella possibilità di

cambiare il mondo

Il poeta si apparta e si chiude in se stesso

Si autocelebra, proponendosi come anima

superiore depositaria dei più nobili ideali

morali e del bello in sé.

Antonella Bianchera

More magazines by this user
Similar magazines