Il regista, attore, musicista balcanico il 19 marzo ospite al ... - Ilmese.it

ilmese.it

Il regista, attore, musicista balcanico il 19 marzo ospite al ... - Ilmese.it

Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma

€ 0,50

B0690210

ARTE

Alla Civica strane

creature tratte

dalle “Pagine

di un bestiario

fantastico”

Il regista, attore,

musicista balcanico

il 19 marzo

ospite al Baluardo.

Tutto quello che volete

sapere sul cinema

e sulla vita del genio

di Underground

sERATA

kusTuRicA

TEATRO

Massimo Castri

alle prese con

Beckett. Debutta

alle Passioni

“Finale di Partita”

MusicA

Al Comunale

l’opera “Idomeneo

re di Creta”

e la formazione

Europa Galante


Concessionaria BMW e MINI

Parma Motors

Parma - Fidenza


Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma

€ 0,50

ARTE

Alla Civica strane

creature tratte

dalle “Pagine

di un bestiario

fantastico”

Il regista, attore,

musicista balcanico

il 19 marzo

ospite al Baluardo.

Tutto quello che volete

sapere sul cinema

e sulla vita del genio

di Underground

SERATA

KUSTURICA

TEATRO

Massimo Castri

alle prese con

Beckett. Debutta

alle Passioni

“Finale di Partita”

Aut. Tribunale di Parma

n. 9 del 24.03.2003

ISSN 1827-5958

euro 0,50

Il Mese di Modena n.82

Direttore responsabile

Simone Simonazzi,

simonazzi@edicta.net

Art director

Pietro Spagnulo,

spagnulo@edicta.net

Redazione

Eugenio Fedolfi, Marina

Leonardi, Alberto Morsiani,

Alessia Pelillo, Michele Pelillo,

Greta Ronchetti, Erika Varesi

Hanno collaborato

Serena Arbizzi, Dalila Borrelli,

Carlotta Catellani, Tatiana Cristoni,

Letizia De Felice, Micol

Lombardi, Annalisa Malavolta,

Elisa Nobler, Imane Samia

Oursana, Laura Parenti,

Maria Elena Seidenari, Matteo

Tommasina

Per informazioni e contatti

Redazione de Il Mese di

Modena:

Marina Leonardi - Edicta

via S. Chiara 14

41100 Modena

Tel. 0592034854

leonardi@edicta.net

Erika Varesi - Edicta

via Torrente Termina 3/b

43100 PARMA

Tel. 0521251848

Fax 0521907857

mesemodena@edicta.net

MUSICA

Al Comunale

l’opera “Idomeneo

re di Creta”

e la formazione

Europa Galante

Editore

Edicta p.s.c.

via Torrente Termina 3/b

n. iscrizione ROC: 9980

43100 PARMA

www.edicta.net

Per la pubblicità

Tel. 0521258210

Tiratura 12.000 copie

Stampa

Stamperia s.c.r.l. – PARMA

i n . s o m m a r i o

in sommario

primopiano

pag.04 Kusturica si racconta pag.06 Se il bestiario si fa disegno pag.08 Oltre i confini

della musica pag.09 Castri rilegge Beckett

arte

pag.10 Il Piano si fa in tre - Quella foto che viene da Est pag.12 Burri e i suoi Cellotex

pag.13 Ben Vautier l’arte della parola - Quei 100.000 filters di Lami pag.14 Per

liberare la creatività pag.15 Laura Zuccheri in Rapsody in Green

teatro

pag.16 Le nuvole di Aristofane nelle visioni di Latella - Quella Danza di morte con Lavia

e Guerritore pag.18 Donne private dell’amore - Iaia Forte è la sensuale Molly B. pag.19

C’è aria di comicità pag.20 Piccolo gioco tanti equivoci pag.21 Storie di diritti umani

violati pag.22 Un passato da sfogliare pag.27 Ecco i Gonzago “allevatori” di rose

calendario eventi

musica

pag.28 Con Idomeneo è ancora lirica - Un grande concerto tutto dedicato a Chopin

pag.30 Da Debussy al Dadaismo pag.31Nafshi il suono dell’anima pag.32 Voci e parole

al femminile pag.33 De Andrè canta De Andrè pag.34 Concerti live al Vox Club

pag.35 Nuove Scenergie a Mirandola

cinema

pag.36 Dalla Turchia alla Truffaut - Il giovedì in compagnia del mito Sergio Leone pag.38

Amore vero nella terza età

incontri

pag.40 Con Buk piccoli editori in mostra - Quelle domeniche al museo tra arte e archeologia

pag.41 Le baby vacanze partono da qui - Così gli appassionati di giochi si ritrovano

a Play pag.42 800 candeline per Spilamberto pag.43 Attenzione... Acqua in brocca!

carpi

pag.44 Rare pitture l’arte del ‘600 pag.45 Per la festa della donna tutti a teatro

appuntamenti

pag.46 Un 2010... Itinerando! - Viaggio virtuale tra i castelli

il Mese Modena

In tutte le edicole di Modena e provincia, e distribuito

gratuitamente in città:

Comune di Modena, Informagiovani/IAT,

Biblioteca Delfini, Provincia di Modena, Teatro

Storchi, Teatro delle Passioni, Fondazione

Cassa di Risparmio di Modena, Sala Truffaut

In provincia a Carpi:

Comune, Biblioteca Arturo Loria, IAT,

Urp QuiCit

a Castelfranco Emilia:

Assessorato Cultura

a Vignola:

Fondazione, Rocca

Buono acquisto per una copia di

Valido fi no al 31 DicEMBRE 2010

PER L’EDICOLANTE: DA RESTITUIRE

ALL’AZIENDA DI DISTRIBUZIONE GIORNALI

www.edicta.net

Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma

€ 0,50

B0361209

ARTE

Prosegue

al Sant’Agostino

la mostra

sulla fotografia

dell’Est Europa

Ricordi ed emozioni

nell’ultimo lavoro firmato

dal regista lettone Alvis Hermanis

LE SIGNORINE

DI WILKO

BALLETTO

Certe Notti

La Compagnia

Aterballetto danza

sulle canzoni

di Ligabue

Debutto il 27 gennaio

sul palco del Teatro Storchi

CARPI

Per il Giorno

della Memoria

una pièce teatrale

sulle opere

di Primo Levi


2 MARZO

La vita è un miracolo

di Emir Kusturica

Sala Truffaut, Modena - ore 21

Kusturica racconta la guerra

a modo suo, confondendo le

carte, rimuovendo l’orrore e

celebrando un piccolo sognatore

ottimista, che fa l’amore e

ignora la politica

3 MARZO

La notte dei maghi

di István Szabó

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Ultimo film della trilogia del

regista ungherese dedicata alla

contraddittoria fascinazione

che esercita il potere, dopo

“Mephisto” (1981) e “Il

colonnello Redl” (1984)

9 MARZO

Maradona di Kusturica

di Emir Kusturica

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Un guazzabuglio geniale

una miscela di simpatia,

ammirazione, amicizia,

condivisione di idee e umori

dell’ex-jugoslavo Kusturica per

l’argentino pibe de oro

10 MARZO

Being Julia

di István Szabó

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Dal romanzo di Somerset

Maugham che già ispirò

Mankiewicz per Eva contro Eva,

un film d’attori un po’ démodé

ma assai divertente, con un

finale travolgente

19 MARZO

Incontro con Emir

Kusturica

Baluardo della Cittadella

Modena - ore 18

Partecipano Gian Paolo Caselli

e Alberto Morsiani.

Al termine proiezione del film

inedito “Bar Titanic”

Ingresso gratuito

[04] - il mese marzo \2010

LA RASSEGNA

DI AlBERTO MORSIANI

Si concludono gli appuntamenti

con i maestri dell’Est Europa

La retrospettiva che il Circuito Cinema ha

dedicato a Emir Kusturica prevede due

ultime date in marzo. Il 2 è in cartellone la

vita è un miracolo). 1992: scoppia il conflitto

in Bosnia. Il mite ingegnere ferroviario

serbo Luka (Slavko Stimac) si innamora di

Sabara (Natasa Solak), una musulmana

che dovrebbe essere scambiata con

suo figlio, fatto prigioniero dai bosniaci.

Kusturica racconta la guerra a modo suo

confondendo le carte: letti che volano,

tromboni che suonano, cani che razzolano,

ubriachi e tifosi che si menano: il consueto,

strabordante vitalismo del regista.

Il “Focus Kusturica” si conclude (ma il 19, al

Baluardo è previsto l’incontro con il regista)

con il suo film più recente, Maradona di

Kusturica (9 marzo). Non un documentario,

ma un guazzabuglio geniale dove la

guazza è la strepitosa miscela di simpatia,

ammirazione, fratellanza, condivisione di

idee e umori dell’ex-jugoslavo Kusturica per

l’argentino pibe de oro. Ha voluto mostrarne

tre volti: il calciatore, il cittadino che

porta Fidel Castro tatuato su una gamba

e Che Guevara su un bicipite e denuncia

la politica imperialista Usa e britannica, il

padre (omettendo i figli illegittimi). Ritratto

di un ex che a Buenos Aires ha suscitato

una setta monoteista con la statua votiva

e i sacramenti, un obeso esibizionista che

perde 40 chili in 2 anni, un ribelle gognatore

più intelligente e maturo di quel che dicono.

Nel mese di marzo si conclude anche

l’altra rassegna, la personale sul regista

ungherese Istvan Szabo. Due i film: il 3

marzo si vedrà la notte dei maghi, storia

di un soldato austriaco che, ferito alla testa,

sviluppa dei poteri paranormali che lo

rendono celebre ma che suscitano l’ostilità

del nascente regime hitleriano che lo eliminerà,

mentre il 10 marzo è in programma

Being Julia - la diva Julia, da Somerset

Maugham, biografia di una sfiorita regina

del teatro britannico che, ingannata dagli

uomini, cerca vendetta in palcoscenico.

Info: www.circuitocinema.mo.it


p r i m o p i a n o

Kusturica

si racconta

Venerdì 19 marzo alle ore 18, presso

il Baluardo della Cittadella in Piazza

Tien An Men, il grande regista Emir

Kusturica terrà un incontro a ingresso

libero con la cittadinanza. L’evento conclude

la retrospettiva completa dei film del regista

che l’Associazione Circuito Cinema sta

tenendo presso la sala Truffaut. L’iniziativa

fa parte degli eventi collaterali organizzati in

occasione della mostra “Est Europa - Storia

Memoria Identità” allestita presso l’ex Ospedale

Sant’Agostino. L’incontro con Kusturica

è promosso dall’Associazione Circuito Cinema,

in collaborazione con l’Assessorato

alla Cultura del Comune di Modena e con

Solares Fondazione delle Arti di Parma, ed

è realizzato grazie alla Fondazione Cassa

di Risparmio di Modena. Nel corso dell’incontro,

presieduto da Gian Paolo Caselli,

Consigliere della Fondazione, e condotto dal

critico Alberto Morsiani, direttore dell’Associazione

Circuito Cinema, Kusturica avrà

modo di rispondere a domande sulla sua

lunga carriera cinematografica, sulle sue

molteplici fonti di ispirazione, sui suoi film

pluripremiati ai maggiori festival internazionali

(2 Palme d’Oro a Cannes, 1 Leone d’Oro

a Venezia), sulla passione per la musica che

lo ha portato a fondare un gruppo punk in

cui suona con il figlio, sul suo impegno culturale,

sociale e politico, sui nuovi progetti

tra i quali un film su Pancho Villa e uno su

Giuseppe Verdi sceneggiato insieme allo

scrittore modenese Lorenzo Miglioli, che

sarà presente in sala.

Esponente per eccellenza di quello che da

qualche anno viene indicato come il “cinema

dei Balcani”, Kusturica è nato a Sarajevo in

una famiglia di origine serba ma di religione

musulmana ed è cresciuto nell’ambiente

multiculturale della capitale bosniaca ai

tempi di Tito. Come molti aspiranti registi

jugoslavi del tempo, si è iscritto alla prestigiosa

Facoltà di cinema e televisione di

Praga (FAMU). Qui ha avuto modo di formarsi

a contatto con i classici di Hollywood,

le comiche mute americane e il moderno

cinema europeo, di cui ammira soprattutto

l’onirismo satirico di Fellini, le magie antiche

di Tarkovskij e l’umorismo nero e graffiante

della cultura filmica cecoslovacca. La sua

carriera decolla subito e con l’opera di

Venerdì 19 marzo

al Baluardo l’incontro

con il grande regista

di Sarajevo, maestro

del cinema slavo

e artista a tutto tondo

debutto, “Ti ricordi di Dolly Bell?”, vince il

Leone d’oro a Venezia.

Sono passati quasi trent’anni, e Kusturica è

rimasto una voce unica e personalissima nel

panorama internazionale. Spesso coinvolto

in polemiche politiche (il presunto revisionismo

filo-serbo del suo capolavoro Underground,

Palma d’oro a Cannes 1995), in

realtà Kusturica è un artista a tutto tondo,

pieno di riferimenti, oltre che cinematografici,

anche letterari (Dostoevskij, Kafka), pittorici

(Chagall), musicali (la musica zigana),

componendo un vitalismo “bigger than life”

e una energia visiva affascinante.

IL FILM

L’inedito Bar Titanic

Al termine dell’incontro

con il regista

verrà proiettato

il film inedito Bar

Titanic (1979),

medio metraggio

tratto da un racconto

del premio

Nobel Ivo Andric,

che Kusturica diresse a 25 anni per

la TV di Sarajevo. È una riflessione

complessa, assai controversa all’epoca,

che illumina e anticipa i conflitti dei

gruppi etnici in Jugoslavia. Il film è ambientato

a Sarajevo, nel bar dell’ebreo

Mento Papo, durante la II Guerra

Mondiale. Esso precede l’esplosione

multietnica della Bosnia: termina con

un delitto razzista. I temi, la claustrofobia

di una locanda grigio-bluastra,

l’atmosfera tinta di giallo, fanno del film

un precursore di “Underground”.

primopiano


[06] - il mese marzo \2010

DI MARINA lEONARDI

Se il bestiario

si fa disegno

Il 20 marzo apre nelle sale di Palazzo Margherita

una mostra i cui protagonisti sono animali fantastici

grifoni, unicorni e mostri marini usciti dalla penna

di Baj, Fontana, Vaccari, Costa e tanti altri artisti

In attesa di una nuova direzione che detti

gli indirizzi per la stagione di mostre

2010 la Galleria Civica non resta con le

mani in mano e, esaurite le celebrazioni per

il suo cinquantenario, va ad inaugurare una

nuova mostra, con opere tratte dalla ricca

Raccolta del Disegno Contemporaneo.

Pagine da un bestiario fantastico è il titolo

del nuovo evento espositivo, organizzato e

coprodotto dalla Galleria Civica di Modena

e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di

Modena, a cura di Silvia Ferrari e Serena

Goldoni che aprirà i battenti sabato 20

marzo alle 18.30 nelle sale di Palazzo

Santa Margherita.

Tema della mostra sono grifoni, unicorni,

draghi, mostri marini: un ricco catalogo di

creature fantastiche che ha popolato fin dal

Medioevo il mondo dei bestiari, illustrazioni

immaginarie cui la fantasia ha dato vita per

secoli allo scopo di rappresentare in chiave

fantastica il mondo animale.

La Galleria Civica, attingendo in parte dalla

ricca collezione del disegno contempo-

raneo, si misura con questo patrimonio

culturale per indagare ricerche artistiche

di autori italiani contemporanei attraverso

una ricca selezione di opere su carta.

Il progetto di mostra, che trae ispirazione

da suggestioni medievali, reinterpretate

anche dalla letteratura moderna, valga ad

esempio il “Manuale di zoologia fantastica”

di Jorge Luis Borges (un giardino zoologico

e mitologico che ospita sfingi, grifi e

centauri in luogo di leoni e giraffe, e dove

albergano creature nate per combinazione

tra realtà e fantasia), si articola in un percorso

espositivo che interessa tutte le sale

di Palazzo Santa Margherita.

Il nucleo fondamentale della mostra è

rappresentato da una selezione di opere

significative della “Raccolta del Disegno”

ed è arricchito da lavori di artisti italiani

contemporanei provenienti da gallerie o collezioni

pubbliche e private del nostro Paese.

Uno spazio importante è stato riservato

anche alla sperimentazione e alla creatività

di nuova generazione: la Sala Grande di

Palazzo Santa Margherita ospiterà infatti

un’ampia selezione dedicata a giovani autori

italiani - alcuni fra quelli più rappresentativi

del panorama contemporaneo - chiamati

a dialogare con i maestri del passato con

opere di grande formato e installazioni

realizzate per l’occasione.

La mostra segue dunque una linea di ricerca

- visionaria e fantastica - che parte

dalla storia dell’arte italiana, seguendo una

direttrice che attraversa il classicismo e si

nutre di matrici surreali e simboliste, per

finire con le ricerche degli artisti dell’ultima

generazione.

Il progetto di mostra scommette sull’idea

che sia possibile, oggi, osservare come

la fascinazione nei confronti dell’animale

- nutrita di fantasie, credenze religiose,

simbologie, proiezione di vizi e virtù - possa

essere ancora in grado di esprimere

l’universo dell’irrazionale, del mistero, o

anche, più semplicemente, dello svago e

INFORMAZIONI

PAGINE DA UN BESTIARIO FANTASTICO

Dove: Palazzo Santa Margherita

corso Canalgrande 103, Modena

Quando: dal 20 marzo al 18 luglio

Inaugurazione 20 marzo alle ore 18.30

Orari: martedì-venerdì 10.30-13; 16-19

sabato, domenica e festivi 10.30-19

lunedì chiuso

Organizzazione e produzione: Galleria Civica

di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio

di Modena

Info: 059 2032911 - 2032940


p r i m o p i a n o

Sopra “Giraffa” Helga Franza 2003; nel box a

destra “Lizard” Mario Merz 1982; in basso a destra

“Gnammy Jeremy” Helga Franza 2003; in basso a

sinistra “Les Mouettes” Cesare Peverelli 1960

del divertimento.

Tanti gli autori presenti in mostra tra cui:

Enrico Baj, Davide Benati, Andrea Chiesi,

Claudio Costa, Enzo Cucchi, lucio

Fontana, Osvaldo licini, Marino Marini,

Mario Merz, luigi Ontani, Alberto Savinio,

Wainer Vaccari. La mostra è accompagnata

da un catalogo, prodotto dalla Galleria

Civica di Modena, Raccolta del Disegno

Contemporaneo.

una Raccolta di fogli d’autore

Dal 1988 ad oggi la collezione è arrivata a oltre 5mila pezzi

Nel 1988, sotto la

direzione di Flaminio

Gualdoni, la Galleria

Civica avvia il più importante

esempio

italiano di pubblica

collezione di opere su

carta. Si tratta della

Raccolta del Disegno

Contemporaneo che

a tutt’oggi è giunta

ad assommare oltre

cinquemila fogli, testimonianza

di una

crescita programmata

e consistente del

patrimonio artistico e

cospicua documentazione

dell’arte italiana

del nostro secolo.

Sono due mostre come Disegno italiano

tra le due guerre (1983) e Disegno

italiano del dopoguerra (1987),

ampie ricognizioni sul disegno italiano

del XX secolo, a rendere possibile

l’orientamento collezionistico individuato

dalla Galleria Civica. Tali rassegne

sono gli autentici avvii per iniziare ad

acquistare, e viste le costanti carenze

economiche di ogni istituzione italiana,

a sollecitare le donazioni di disegni per

la Raccolta.

Da quel momento ciò che interessa è di

creare una precisa e sufficientemente

estesa documentazione relativa alla

cultura disegnativa del nostro secolo,

mirando più alla qualità del singolo

foglio, piuttosto che alla celebrità della

firma.

I primi nuclei della collezione

derivano dalle

donazioni che gli artisti,

i loro eredi, e in

molti casi i collezionisti

stessi, hanno ritenuto

di concedere a seguito

della mostra “Roma

1934”, del 1986.

Appartengono a questo

primo gruppo le

opere degli artisti che

parteciparono, negli

anni Trenta e Quaranta,

alla nascita della

Scuola Romana. A

quel primo nucleo della

Raccolta si aggiungono

altri autori tra

cui lucio Fontana, con sei magnifiche

carte di Studi per “Concetti spaziali”.

Dal 1989 nuove acquisizioni portano

fogli di Birolli, Melotti, il raro Autoritratto

di Enrico Prampolini del 1943 a

cui si aggiunge uno strepitoso Taccuino

di disegni inediti e poi licini, Vaccari,

Parmiggiani, Bendini. Dal 1994, quando

viene pubblicato il catalogo generale

della Raccolta del Disegno Contemporaneo,

molti altri fogli si aggiungono, tra

cui Guttuso, Carrà, Penone e il nucleo

di oltre quattrocento fogli dedicati

all’intera opera grafica di Koki Fregni.

Nel corso di questi anni, la vicenda

collezionistica della Galleria Civica ha

inoltre posto particolare attenzione agli

autori attivi sul territorio.

primopiano


Per la decima edizione

del festival Altro Suono

sonorità tradizionali,

elettroniche e jazz

Ospiti gruppi multietnici

tra i quali l’Orchestra

di Piazza Vittorio e Niyaz

Anteprima l’1 marzo

con il tributo a Wyatt

Nell’edizione 2010 Altro Suono festival

prosegue il suo lungo viaggio

attraverso i diversi generi musicali: dalle

tradizioni popolari al jazz, dal rock alla musica

d’avanguardia. La rassegna attinge

a culture e repertori diversi, in linea con

una tendenza ormai assodata che ha visto

progressivamente dissolversi confini e

barriere tra generi musicali.

Il programma, come sempre variegato ed

emozionante, vedrà cinque grandi nomi

esibirsi al Teatro Comunale di Modena nel

periodo tra aprile e maggio, anticipati da

uno speciale evento fuori abbonamento.

Parallelamente alla rassegna principale

si svolgeranno i due concerti di Effetto

Musica 2010, festival dell’Unione Comuni

Modenesi Area Nord, ed il ciclo di lezioniconcerto

Dentro le Note.

A fare da anteprima al festival lunedì 1

marzo sarà, in prima assoluta, Comicoperando.

A Tribute to the Music of Robert

Wyatt, un momento dedicato a uno dei

più amati cantanti - cantautori nella storia

della musica. La formazione è composta

da eminenti musicisti europei, cinque dei

quali hanno collaborato con Robert Wyatt

[08] - il mese marzo \2010

DI MICHElE PElIllO

Oltre i confini

della musica

Sopra foto di un musicista dell’Orchestra

di Piazza Vittorio sotto Arto Lyndsay

sia nel passato sia recentemente, che

presenteranno, riarrangiandoli, una serie

di brani fondamentali di Wyatt, dagli esordi

con i Soft Machine fino al più recente

“sperimentalismo popolare” dell’acclamata

“Comicopera” (2007).

Il festival vero e proprio comincerà martedì

20 aprile, con una serata all’insegna dei

nuovi suoni del folk: musica tradizionale

turco-persiana e sonorità elettroniche

convivono infatti in perfetto equilibrio nel

progetto “Nine Heavens” del gruppo Niyaz,

nato dall’incontro della vocalist Azam

Al via le lezioni concerto

del ciclo Dentro le Note

Incontrare i musicisti, conoscere la

loro vita e il loro rapporto con la musica,

entrare nel vivo delle esecuzioni

dialogando direttamente con gli interpreti:

con questo obiettivo è nata nel

2002 la rassegna Dentro le Note,

che nel corso degli anni ha coinvolto

il pubblico di studenti universitari - ai

quali è espressamente rivolta - e non

solo. Quattro gli incontri, realizzati in

collaborazione con l’Università degli

Studi di Modena e Reggio Emilia, che

si terranno tra marzo e aprile presso

la Facoltà di lettere e Filosofia in

Largo S.Eufemia.Il primo, mercoledì

24 marzo, sarà con il Jamal Ouassini

Trio ed il loro progetto “Da

Baghdad a Cordoba”: un itinerario

musicale con brani appartenenti al

repertorio classico della musica araba,

che si snoda attraverso forme sia

strumentali che vocali.

Alì con il multistrumentista Loga Ramin

Torkian e con Jess Stroup, Naser Musa

Janini e Salar Nader. Si rimane in tema di

sinergie musicali con l’appuntamento di

martedì 27 aprile, che vedrà protagonista

l’incredibile Orchestra di Piazza Vittorio.

Formata da musicisti di diverse etnie che

suoneranno gli strumenti propri della loro

tradizione, l’Orchestra metterà in scena

uno speciale adattamento de “Il flauto magico”.Sempre

nell’ambito della fusione della

musica tradizionale con le nuove tendenze

occidentali saranno gli appuntamenti con

Khaled, il re della musica raï, fissato per

sabato 8 maggio, e con la cantante canadese

Tanya Tagaq, che giovedì 13 maggio

presenterà il suo Auk/Blood con Michael

Red e Crystal Derksen.

Torna la collaborazione tra l’Altro Suono

festival e AngelicA in un progetto di

stampo contemporaneo sostenuto dalla

Regione Emilia-Romagna, che ha come

protagonista Arto lindsay e la sua band,

impegnati, sabato 22 maggio, nello spettacolo

“4 Skies”.

Info: 059 2033020


p r i m o p i a n o

Castri rilegge Beckett

Il debutto di un grande Maestro? È il

teatro dell’assurdo! Nella sua lunga ed

eccellente carriera Massimo Castri non

aveva mai lavorato su testi di Samuel

Beckett fino al debutto di Finale di partita

in prima assoluta il 30 marzo al Teatro

delle Passioni di Modena. “La mia scelta è

legata a un pensierino semplice, - confessa

il regista toscano - Quest’anno rileggendo

alcuni testi, tra cui Finale di partita, mi

sono accorto che Beckett scrive bene

come Cechov!”. A partire dalle associazioni

fatte tra il capolavoro teatrale di Beckett

e le Tre sorelle di Anton Cechov, messo in

scena da Castri un paio di anni fa, il regista

ha notato un’interessante somiglianza

tra le due opere: “Sono due testi che non

hanno grasso, - spiega Massimo Castri -

la scrittura di Beckett fa il

paio con quella di Cechov

per la sua essenzialità e

sintesi: sono due linguaggi

criminali, che non possono

essere spinti oltre”. Ne

scaturisce allora il desiderio

di indagine, tipico

di un Maestro del calibro

di Castri, che decide di

“esplorare il linguaggio di

Beckett, di cui non mi ero

fidato prima” per svelare

che “Beckett è una porta privilegiata al Novecento,

soprattutto in Finale di partita”.

Ribaltando la più consueta formula “facciamo

Cechov come se fosse Beckett”,

Massimo Castri dirige Finale di partita al

grido di “Facciamo Beckett come fosse Cechov!”.

Alle prese con un testo complesso,

L’OPERA

Il gioco degli scacchi

ispirò lo scrittore

Samuel Beckett pubblica

nel 1957 “Finale di partita”,

opera teatrale in un

solo atto scritta prima in

francese e poi tradotta

come consueto dallo stesso

autore in inglese come

“Endgame”. Appassionato

di scacchi, Beckett mutua

dal gioco il titolo dell’opera:

a quel momento in cui sulla

scacchiera non rimangono

che gli ultimi pezzi e i gioca-

INFORMAZIONI

Finale di partita

significativamente meno rappresentato di

“Aspettando Godot”, Castri guida un cast

di quattro bravi attori tra cui spicca il bolognese

Vittorio Franceschi, già avvezzo

ai testi beckettiani (è stato infatti curatore

del Beckett-concerto-collage di materiali

tratti dall’opera narrativa e poetica

dell’autore irlandese) e oggi condirettore

della Scuola di Teatro Alessandra Galante

Garrone di Bologna.

In scena i protagonisti

sono l’anziano Hamm,

cieco e condannato a

trascorrere i suoi giorni

sulla sedia a rotelle

e Clov, il suo servo,

dipendenti l’uno dall’altro

ma in continuo

Teatro delle Passioni, Modena

dal 30 marzo al 1 aprile, dal 6 al 10

aprile e dal 13 al 17 aprile alle ore

21; 11 e 18 aprile alle ore 17

Biglietteria telefonica 059 301880

www.emiliaromagnafondazione.com

conflitto. La presenza

dei vecchi genitori di

Hamm, Nell e Negga,

dentro a bidoni dell’immondizia

incombe sui due e fuori sembra

non esistere più nulla.

Emilia Romagna teatro Fondazione, Teatro

tori professionisti si arrendono

di fronte all’inevitabile

sconfitta. Il protagonista

Hamm, è paragonabile ad

un giocatore dilettante,

che non si accorge dell’inesorabile

destino.

La compagnia

Quattro attori fidati e di

successo per il Beckett

di Castri: accanto al bolognese

Vittorio Franceschi,

compaiono Milutin

Dapcevic, giovane attore

del Montenegro formatosi

tra Serbia e Milano

che da anni intrattiene

un duraturo sodalizio con

Castri a Roma, Diana

Hobel già interprete del

fortunato “Così è se vi

pare” di Pirandello nel

2008 il premio Ubu per

la regia, e Antonio Peligra

presente nel cast de

“la presidentessa”.

Debutta il 30 marzo

al Teatro delle Passioni

Finale di Partita

capolavoro del celebre

drammaturgo irlandese

di Roma e Teatro Stabile Metastasio della

Toscana si sono uniti in una produzione

che saprà sicuramente distinguersi nel

panorama nazionale. [Alessia Pelillo]

In alto una foto del regista

Massimo Castri, nel box in

basso Samuel Beckett

il regista

Dopo il debutto come attore al

Piccolo di Milano, Massimo Castri

approda alla regia negli anni

‘70. La collaborazione con Emilia

Romagna Teatro risale agli anni

’80 e dopo una serie di regie di

successo giunge ai più recenti “Il

Berretto a sonagli” di Pirandello,

“Amoretto” di Schnitzler, “Le

serve” di Genet. Uno dei maestri

del teatro italiano, Massimo

Castri ha affrontato di tutto:

dai classici greci ai romantici

tedeschi, fino all’ultimo vaudeville

“La presidentessa” presentato a

dicembre al Teatro Storchi.

primopiano


arte

[10] - il mese marzo \2010

DI MARINA lEONARDI

Il Piano si fa in tre

Presentati gli interventi futuri della Fondazione CRMO

arte e i beni culturali sono tra le prio-

L’ rità della Fondazione Cassa di Risparmio

di Modena, un impegno che si ritrova

nel nuovo Piano triennale d’intervento

2010-2012, il documento programmatico

che orienterà l’attività dell’ente nell’arco

di tutto il prossimo triennio e che destina

al settore il 37% delle risorse totali messe

a bilancio per il 2010 che ammontano a

35 milioni di euro.

Come spiega il presidente della FCRMO,

Andrea landi: “Anche nel prossimo

triennio l’attività della Fondazione si concentrerà

nei tre settori di intervento: arte,

attività e beni culturali; ricerca scientifica

e tecnologica e attività di rilevante valore

sociale. Nell’area sociale la Fondazione

continuerà anche nel 2010 ad orientare

in modo significativo le proprie risorse

verso azioni di contrasto dell’emergenza

sociale. Gli interventi non punteranno

soltanto a contenere gli effetti della crisi,

ma anche a rilanciare una progettualità di

più ampio respiro in grado di promuovere

innovazione, sviluppo e reti internazionali e

questo, con un aggancio forte alla ricerca

scientifica che è un altro dei settori a cui la

Fondazione è interessata. Anche il progetto

del Sant’Agostino, che è riferito all’area

culturale, appartiene a quella categoria di

progetti capaci di aprire nuove prospettive

per la città nel campo della cultura, della

formazione, della ricerca, delle relazioni

sociali e dei rapporti internazionali”.

Ancora nel campo culturale,

la Fondazione sarà impegnata

anche nel prossimo triennio

nei cantieri di restauro del

Duomo e della Ghirlandina.

Proseguirà poi il progetto Fondazione

Fotografia, sarà inoltre

consolidata la partnership con

il Fotomuseo “Giuseppe Panini”,

in vista di una programmazione

e gestione unitaria delle attività

espositive. Sulla fotografia proseguirà

anche il rapporto con

la Galleria Civica e non appena

sarà insediata la nuova direzione

verrà aperto un confronto

sulla progettazione futura.

La Fondazione continuerà

inoltre a sostenere in modo

continuativo e senza flessioni

rispetto al 2009 le fondazioni

Teatro Comunale ed Emilia Romagna

Teatro e inoltre il consorzio per il Festival

Filosofia e proseguirà nel sostegno delle

numerose associazioni del territorio che

operano in ambito musicale, teatrale e

cinematografico.

Proseguirà anche l’impegno a favore della

valorizzazione degli archivi storici ed artistici

e a favore della creatività giovanile

sia in ambito scolastico che musicale e

artistico.

Info: www.fondazione-crmo.it

L’obiettivo è sul sant’Agostino

Via all’affidamento dell’incarico per il recupero del complesso

Il recupero totale del complesso del

Sant’Agostino è sicuramente l’obiettivo

primario della Fondazione Cassa di Risparmio.

Come è noto, il progetto punta

a riqualificare il complesso edilizio, di

proprietà della Fondazione e di trasformarlo

in un nuovo luogo della cultura in

coordinamento con le principali istituzioni

della città, che ospiterà importanti

istituzioni, come la Biblioteca estense

e la Biblioteca civica d’arte Poletti, un

centro per l’immagine e la fotografia,

una vasta area espositiva, un centro

Le nuove acquisizioni

che guardano all’Africa

Il nuovo Piano Triennale, ha spiegato

la referente del settore Arte,

attività e beni culturali del Consiglio

di Indirizzo della Fondazione, Maria

Grazia Scacchetti, mette al centro il

progetto Fondazione Fotografia che

proseguirà con ulteriori acquisizioni

(curate sempre da Filippo Maggia) in

ambito internazionale: in particolare,

l’acquisizione di opere dall’Europa

dell’est sarà seguita, nel 2010, da

quella relativa all’Africa e al Medio

Oriente. Ancora nel 2010 proseguirà

la ricognizione sulla fotografia italiana

che si concluderà con un ulteriore

evento espositivo.

La parte più ambiziosa del progetto

è riferita alle attività formative che si

articolano in una serie di workshop e

nell’avvio di un master internazionale

per giovani che intendano specializzarsi

nella fotografia contemporanea.

Questo in collaborazione con le scuole

superiori (come l’Istituto d’arte Venturi)

e l’Università.

linguistico e per l’internazionalizzazione,

attività complementari e di servizio,

come una caffetteria- ristorante e una

foresteria. La Fondazione, che nel corso

del 2009 ha avviato la procedura di selezione

del progettista, si pone l’obiettivo di

giungere ora all’affidamento dell’incarico

così da poter acquisire il progetto definitivo

entro la fine dell’anno.

I lavori, per un importo di 40 milioni di

euro, dovrebbero essere appaltati nella

primavera-estate del 2011 per concludersi

a fine 2014.


Quella foto che viene da Est

Prorogata al 21 marzo l’esposizione delle 150 opere di Storia memoria identità

Ultimi 21 giorni di mostra per le oltre

150 opere, tra scatti e video di

Storia, memoria, identità. Fotografia

contemporanea dell’Est Europa, l’interessante

evento espositivo prodotto dalla

Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

e allestito negli spazi del Sant’Agostino.

L’esposizione, curata da Filippo Maggia,

propone le opere di 29 artisti provenienti

da 18 diversi paesi, dalla Polonia all’Albania,

dalla Macedonia alla Lituania, dalla

Turchia alla Russia. Tante realtà diverse

e tanti linguaggi diversi.

Incarnano proprio l’idea del “post-comunismo”

le foto del serbo Mladen Stilinovic

“Sale of dictatorship” che propone a confronto

una serie di immagini in bianco e

INFORMAZIONI

STORIA MEMORIA IDENTITÁ

Fotografia contemporanea

dall’Est Europa

Dove: Ex Sant’Agostino, Modena

Quando: fino al 21 marzo 2010

Orari: da martedì a domenica 11-19

chiuso il lunedì

Ingresso gratuito

Produzione: Fondazione Cassa

di Risparmio di Modena

Cura: Filippo Maggia

Visite Guidate

Sabato 6 e 13 marzo - ore 11.30

Info: 059 239888 - 335 1621739

www.mostre.fondazione-crmo.it

In alto a sinistra Milica Tomic “Xy ungelöst -

the reconstruction of a crime”, 1997 videoinstallatione,

a destra Marika Asatiani senza

titolo, 2006 dalla serie “Achara”

nero che ritraggono Tito sui

muri o le vetrine dei negozi

con le foto a colori dell’oggi

dove le stesse immagini

si trovano sulle bancarelle

dell’usato. Di grande effetto

le gigantografie dell’Ucraino

Aleksander Petlura

che viaggia nelle tradizioni

dell’Est raccogliendo oggetti

e vestiti che poi fissa

indossati da grandi gruppi

di persone. È davvero esilarante

il video “Monument

to yesterday” della rumena

Chisa e della slovacca Tkacova

che con un impacciato

streap tease fanno il verso

al “voyerismo” della società

contemporanea. Bellissimi

poi i ritratti femminili, della

georgiana Marika Asatiani,

che ritrae diverse donne di

una zona di confine tra l’ex

Unione Sovietica e la Turchia,

per molti anni isolata

da tutto comprese le influenze occidentali.

Molto ironico anche il lavoro del bulgaro

Ivan Moudov che propone il ciclo “Already

Made”: si tratta di immagini di fondi di

caffè affiancati da un testo che riporta

l’interpretazione di un chiromante che

provocatoriamente l’autore trasforma in

critico d’arte. Moudov con la leggerezza

dei suoi lavori protesta contro la mancanza

in Bulgaria, di un museo di arte contemporanea!

Ecco la ceca Swetlana Heger

con la sua “Animal farm” che rimanda al

romanzo di Orwell, e che fotografa una

serie di bronzi di animali realizzati con la

fusione delle statue di Stalin. Più politico il

lavoro della serba Milica Tomic, che con

“Reconstruction of the crime” ricostruisce

simbolicamente l’uccisione di 33 dimostranti

da parte dei serbi nel marzo del

1989. Un bellissimo video che in patria

ha suscitato molto scalpore.

Questi sono solo alcuni dei tanti artisti

dell’esposizione, ognuno con la sua storia

ricca di spunti e significati. Perché se una

cosa ci ha fatto capire questa mostra è

che l’Est Europa che i vecchi planisferi

rappresentavano di un solo colore, oggi,

come testimonia la vitalità di questa mostra,

è un grande patchwork di tanti colori

e sfumature diverse.

Tomic, Heger, Fogarasi

gli artisti si presentano

Tra gli eventi collaterali segnaliamo il

ciclo di incontri con gli artisti e conferenze

(presso l’ex ospedale Sant’Agostino)

che analizzano il contesto

storico e geopolitico dell’Est Europa

e presentano lo scenario artistico

dando voce ad alcuni protagonisti

dell’esposizione.

Mercoledì 3 marzo - ore 18.30

Andreas Fogarasi (Ungheria), Swetlana

Heger (Rep.Ceca) e Banu Cennetoglu

(Turchia)

La voce dei luoghi: lo scenario urbano e le

sue architetture evocative come specchio

dell’ideologia

Martedì 9 marzo - ore 18.30

Preview sulla Biennale di Bucarest

Conferenza di Razvan Ion, direttore di

Pavilion Magazine

Mercoledì 10 marzo - ore 18.30

Calin Dan (Romania) e Iosif Király

(Romania)

Architettura emozionale: la memoria dei

luoghi tra storia ed esperienza soggettiva

Giovedì 22 aprile - ore 18.30

Milica Tomic (Serbia)

L’arte come impegno civile: il ruolo

dell’artista nel processo di costruzione

dell’identità

arte


arte

[12] - il mese marzo \2010

DI MARINA lEONARDI

Burri e i suoi cellotex

Dal 13 marzo alla MOdenArte trenta opere del maestro italiano

ancora Alberto Burri, uno dei

È più grandi maestri dell’arte

italiana del Novecento, il protagonista

della scena modenese.

Abbiamo da poco ammirato le

carte realizzate dall’artista umbro

nella mostra che la Galleria Civica

ha dedicato alla Collezione di Don

Bettelli che subito la MOdenArte

(Direzionale Toscanini, via Toscanini

26) riaccende i riflettori su di

lui, portando in galleria una serie

di splendidi Cellotex. Con questo

nome Burri indicava tutta una serie

di opere, che costituiscono uno

dei cicli più interessanti della sua produzione, realizzate a partire dagli anni ‘70 e che

l’hanno accompagnato fino alle ultime fasi della sua attività, come i Cellotex in mostra

a Modena realizzati appunto tra il 1982 e il 1993, due anni prima della scomparsa

dell’artista avvenuta nel 1995. I Cellotex sono pannelli di dimensioni medio grandi forgiati

su una base di materiali compressi per uso industriale, dove Burri interveniva con linee

e geometrie, realizzando grandi campiture di colore. Sono composizioni che comunicano

al tempo stesso vivacità e gravità, leggerezza e peso, stasi e movimento. Nelle opere

del ciclo Annottarsi, Cellotex monocromi neri dal carattere meditativo e notturno, la

ricerca di Burri approda infine al silenzio dell’assoluto. A questa prima parte di opere,

si affiancano poi in mostra venti serigrafie realizzate tra il 1986 e il 1988 e una piccola

bruciatura, un’altra tecnica questa che caratterizza in maniera inequivocabile l’opera

del maestro di Città di Castello.

“L’opera di Alberto Burri - leggiamo nelle note del curatore della mostra Gianluca Ranzi

- descrive una parabola creativa fondata sulla sperimentazione continua dei materiali

e delle proprietà della materia. Per Burri tutto si trova sulla superficie del quadro e

il suo instancabile trascorrere sui materiali aspira alla ricerca di una nuova forma di

classicità giocata sulla tensione verso l’equilibrio formale della composizione, ottenuta

sfruttando le qualità strutturali della materia impiegata e il rapporto tra luce e colore”.

L’esposizione Alberto Burri: Cellotex. la strategia della materia, sarà inaugurata

sabato 13 marzo.

Info: 059 367470 www.modenarte.com

Un enorme graffito

contro l’intolleranza

La penna di dieci grandi scrittori e la

matita di Henning Wagenbreth per

un ideale, enorme graffito contro

l’intolleranza. Questa è la mostra

1989: 10 storie per attraversare i

muri, un progetto internazionale della

casa editrice Orecchio Acerbo, del

Goethe Institut e di numerosi istituti di

cultura e partner in Italia e in Europa.

L’allestimento che gode del patrocinio

del Ministero dell’Istruzione è esposto

fino al 26 marzo nella Galleria

Europa, ad Europa Direct in piazza

Grande 17 al piano terra del Palazzo

Comunale da lunedì a venerdì 9-13

e 15-18.30, sabato 9.30-12.30,

chiuso il mercoledì pomeriggio.

Info: 059 2032602

Donne di Franco Fontana

l’otto marzo in fotografia

È un progetto dedicato all’universo

femminile, la mostra 8 marzo.

Donne. Foto di Franco Fontana,

organizzata dal Comune di Modena

ed esposta per tutto il mese di marzo

nella Sala dei Passi Perduti del

Palazzo Comunale e lungo i portici

antistanti l’ingresso.

“Non è una galleria di levigate bellezze,

di corpi sontuosi: è una galleria

di donne e basta che parlano con il

volto, le mani, gli occhi e anche con

il corpo, certo”. Così lo scrittore

Valerio Massimo Manfredi descrive il

lavoro di Franco Fontana: 117 scatti

che con uguale intensità si fermano i

volti di celebrità come Franca Rame,

Ornella Vanoni, Marta Marzotto, Rita

Levi Montalcini, Isabelle Allende,

così come su quelli di tante donne

sconosciute.

Catalogo di Franco Cosimo Panini.

Info: 059 2917330

se Mazzoli gioca un tris d’assi

Cucchi, Della Vedova e Benvenuto alla Galleria di via Sauro

Alla Galleria Mazzoli (Via Nazario Sauro 62) , prosegue

per tutto il mese di marzo la mostra Benvenuto | Cucchi

| Della Vedova - AB CD che presenta affiancandole,

le opere dei tre artisti italiani di diversa generazione.

Per Cucchi (1949) la pittura, la scultura e il disegno

sono gli strumenti necessari per esternare la propria

interiorità; le sue immagini appartengono ad un universo

poetico spesso allusivo al mondo popolare o

all’inconscio. Considerato l’artista più visionario tra gli

esponenti della Transavanguardia, Enzo Cucchi diviene,

a partire dagli anni Ottanta, artista di fama internazionale. Nelle opere di Mario Della

Vedova (1958) che spaziano in campi diversi, gli elementi vengono scomposti e ricomposti

azzerati e rielaborati in modo che acquistino un senso logico o una semplice e

palese giustificazione. La poetica di Carlo Benvenuto (1966) è minimale, fotografa

oggetti di uso comune in scala 1:1 su sfondo neutro in un’atmosfera rarefatta di

delicatezza e suspense. La mostra è visitabile fino al 31 marzo.

Info: 059 243455 www.galleriamazzoli.com


Ben Vautier l’arte della parola

Fino al 10 aprile alla Biblioteca Poletti la rassegna In forma di libro

Ottanta libri esposti al pubblico per la prima volta, una

serie di oggetti in cui è protagonista la scrittura e due

“cataplasmi”, volumi che si librano nello spazio calando

dal soffitto. È ciò che propone la mostra I libri di Ben

Vautier, aperta fino al 10 aprile alla Biblioteca civica

d’arte luigi Poletti (viale Vittorio Veneto 5). Curata da

Mario Bertoni e Carla Barbieri, la dodicesima esposizione

della rassegna annuale “In forma di libro” rende omaggio

a uno dei grandi artisti contemporanei. Le tele di Ben, di

forte impatto emotivo e psicologico, in cui la parola è la

protagonista, rendono il suo stile unico e ben identificabile:

su di esse le frasi e i commenti filosofici ed estetici

esplodono con violenza passionale e lucidità ironica,

mettendo in discussione le nostre certezze. La sua scrittura si deposita su tutto: luogo

d’origine del suo intervento artistico, essa dà vita a una creazione infinita di volumi che

testimoniano l’importanza del libro e la centralità della scrittura nel suo lavoro.

Info: 059 2033372

Al Lapidario i reperti dei recenti scavi archeologici

Prosegue Mutina oltre le mura. Recenti scoperte sulla

via Emilia la mostra organizzata dal Museo Civico Archeologico

di Modena e dalla Soprintendenza per i Beni

Archeologici dell’Emilia Romagna, un’esposizione dedicata

ai più recenti rinvenimenti effettuati lungo la grande arteria

consolare romana, dagli scavi del santuario preromano di

Cittanova, che hanno restituito venti splendide antefisse

in terracotta con teste femminili, a quelli della tangenziale

Pasternak o della Fossalta, da dove proviene il leone in

pietra rinvenuto agli inizi del 2009. Fulcro dell’esposizione

è l’imponente fregio con corteo marino che decorava in

origine un grande monumento funerario rinvenuto nel

2007 sulla via Emilia Est, a breve distanza dal monumento

di Vetilia. L’esposizione ha luogo nel Lapidario Romano dei Musei Civici presso il

Palazzo dei Musei ed è visitabile da lunedì a domenica ore 9-19.

Info: 059 2033101

Umberto Mastroianni

la forma della scultura

La Galleria Punto Arte (via Caselline,

15) fino al 10 marzo rende omaggio

allo scultore Umberto Mastroianni

(1910-1998) con l’esposizione di

opere su vetro, sbalzi su rame, smalti

e tecniche miste, ovvero una piccola

rassegna di opere realizzate con quei

materiali che l’artista ha sempre

utilizzato nella sua attività scultorea.

Grande sperimentatore, Umberto

Mastroianni, nella sua ricerca di mezzi

espressivi sempre nuovi, trae ispirazione

dai materiali più disparati, dal

vetro alla terracotta, dalla stoffa alla

carta, dal marmo al cartone come si

può ammirare in mostra. Orari di vista

16-19, chiusura lunedì e giovedì.

Info: 059 226694

silvia camporesi rilegge

il pensiero di simone Weil

Il 13 marzo, la galleria Betta Frigieri

(Via Giovanni Muzzioli 8) presenta i

nuovi lavori fotografici e video di Silvia

Camporesi, pensati appositamente

per questa mostra curata da luca

Panaro. Il misticismo laico che spesso

caratterizza la ricerca dell’artista è

quanto mai evidente in questa serie

ispirata ai Quaderni (1941-42) della

filosofa francese Simone Weil. La

posizione etica fondamentale di Weil è

il mettersi dalla parte degli oppressi.

Silvia Camporesi prende spunto da

questa esperienza per indagare cinque

figure di donne costantemente in bilico

fra il normale e l’anormale, autoritraendosi

nei loro panni. L’artista estende

questa lettura ad altri interessanti casi

al femminile che oscillano tra il misticismo

e la patologia mentale.

La mostra è aperta dal mercoledì al

sabato dalle ore 16 alle 19.30

Info: 339 3766367

Quei 100.000 filters di Lami

Novità all’Area progetto mentre tornano i laboratori per bambini

Sarà inaugurata sabato 20 marzo alle 18.30 a Palazzo

Santa Margherita (corso Canalgrande 103 fino al

16 maggio), l’installazione di Giovanni lami dal titolo

100.000 filters, settimo appuntamento della nuova

edizione di Area Progetto, iniziativa dedicata alla creatività

giovanile emergente promossa dalla Galleria Civica

in collaborazione con l’Ufficio Giovani d’Arte del Comune.

“100.000 filters” pone l’accento sul fenomeno della

progressiva perdita di una visione incontaminata del cielo

da parte dell’uomo e si sviluppa attraverso una serie di

fotografie di grande formato sospese come un grande tetto sulla testa degli spettatori,

con l’immagine visibile soltanto dal lato opposto al loro passaggio.

Nuovi appuntamenti domenica 21 (10.30-12.30 e 15-17.30) e sabato 27 marzo

(15-17.30) a Palazzo Santa Margherita per i laboratori didattici: I bambini incontrano

l’arte contemporanea, dedicati ai bimbi di 4-11 anni, a cura del Settore Istruzione del

Comune di Modena, in collaborazione con Memo (prenotazioni tel. 059 2034330).

Info: 059 2032911

arte


arte

Ritorna anche quest’anno Ri.creazione,

la biennale d’arte organizzata dal Comune

di Castelfranco Emilia che presenta

il concorso, aperto a tutti gli amanti dell’arte,

dal titolo: l’oro blu del XXI Secolo.

Proprio all’acqua, elemento vitale per la

sopravvivenza umana, è dedicato il bando

che invita partecipanti a progettare e a

realizzare un contenitore per l’acqua, un

oggetto d’arte che sia anche un recipiente

funzionale. La scelta di un tema così

particolare è stato dettato

dal forte valore culturale,

sociale e politico che riveste

un elemento primario

come l’acqua. Fondamentale

per lo sviluppo delle

civilità antiche che si localizzarono

vicino a bacini

fluviali, essa diventò non

solo elemento misticoreligioso

legato alla purificazione

e alla rinascita

ma anche epicentro di

conflitti tra popoli e civil

per il suo possesso. Da

quanto ci narra la storia si

capisce come l’acqua si caratterizzi come

elemento inalienabile dal quale dipende

la sopravvivenza dell’uomo non solo per

quanto riguarda la sua salute ma anche

per tutti gli usi per il quale viene impiegata:

agricoltura, trasporti, energia. Ed è

proprio a tutte queste componenti che i

concorrenti devono rifarsi per poter crea-

[14] - il mese marzo \2010

DI ANNAlISA MAlAVOlTA

Per liberare la creatività

All’interno della 4 rassegna temporanea

di artisti locali ArteInTorre ospitata

alla sala del Torrione di Castelnuovo

sono previste: fino al 7 marzo Specchi

d’anime, opere di Maria Cristina Baracchi,

dal 13 al 21 la natura incisa

di Giuseppe Manzoli e dal 27 marzo al

5 aprile la passione, opere di Bianca

Rosa Mazzoni e Elena Tabacchi. .

Info: 059 534810

IL CONCORSO

re un oggetto che spicchi per innovazione e

originalità sia nella forma che nella tecnica

utilizzata.

Il concorso, rivolto a tutti gli artisti italiani

e stranieri, è suddiviso in tre sezioni:

Giovani Artisti Emergenti (18-35 anni),

Concorso per le Scuole, dedicata alle

Scuole Secondarie di primo grado e agli

Istituti Scolastici Superiori; e l’arte non

ha età. I lavori, anche

di gruppo, potranno

Biennale d’Arte

l’oro blu del XXI Secolo

Consegna opere entro l’1 giugno

Tre sezioni: Giovani artisti emergenti,

Concorso per le scuole, L’arte

non ha età - Tre premi di 1.000

euro ciascuno più altri premi

per opere di particolare pregio

essere spediti al Servizio

Cultura del Comune

di Castelfranco Emilia

(Piazzale Curiel n. 28) entro l’1 giugno

2010. Le opere vincitrici verranno esposte

presso la sede di Palazzo Piella ed altri

spazi espositivi delle province di Modena

e Bologna, oltre ad essere riunite in un

Al Museo della Bilancia

con gli amici e la famiglia

Non è il solito sconto comitiva ma

un’opportunità per godersi un museo

originale in famiglia o con gli amici!

ll Museo della Bilancia di Campogalliano

invita ad entrare nelle sue sale in

gruppo, in una formazione composta

da 10 persone. E con questo numero

magico l’ingresso è gratuito per tutti!

È sufficiente telefonare e concordare

il giorno e l’ora, che può essere anche

serale. L’idea insolita per un party

esclusivo, da dedicare all’approfondimento

culturale e alla storia vista

attraverso gli strumenti di misurazione

del peso. Fino al 9 maggio si può

anche visitare la mostra: “Sguardi

d’autore. Modenesi di peso”.

Info: 059 527133

La seconda biennale

d’arte Ri.creazione

è dedicata all’acqua

e invita tutti all’ideazione

di un’opera-contenitore

catalogo e divulgate on-line tramite un

apposito portale internet.

Il bando e la scheda di iscrizione sono

scaricabili dal sito www.comune.castelfranco-emilia.mo.it.

Info: 059 959377

lasciate ogne speranza voi ch’intrate

è il titolo della mostra di illustrazioni

della Divina Commedia realizzate da

Franco Morelli. Trenta opere dell’artista

ferrarese saranno distribuite in

due differenti esposizioni; una presso il

Castello Pico di Mirandola ( fino al 14

marzo) e una presso la Rocca Estense

di San Felice (fino al 7 marzo).

Info: 0535 29788


Laura Zuccheri in Rapsody in Green

Fumetto, grafica e pittura nella personale al Castello di Formigine

Prosegue fino all’11

aprile presso il Castello

di Formigine Rhapsody

in green la mostra

dedicata a Laura Zuccheri.

Sono una quarantina

le opere esposte rappresentative

della carriera

della bravissima illustratrice

italiana, che nel 2006

ha ottenuto il Premo

Anafi come miglior disegnatrice

e che collabora

da tempo con la casa

editrice parigina “Les Humanoïdes

Associés”, considerata

rivoluzionaria nel

fumetto di fantascienza.

Abbiamo fatto alcune

Tavole del fumetto Julia

domande all’artista sulle

sue attività.

Come inizia la tua storia nel mondo dei fumetti?

“Sono sempre stata portata per il disegno. Dopo

un corso di grafica ho capito che quella non era

la mia strada. È stato mio padre, grande collezionista

di fumetti, a spingermi ad imbarcarmi

in questa avventura. Poi è arrivato il Ken Parker

Magazine, quindi Julia, che è stata la mia prima

grande esperienza”.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

“Sto iniziando un lavoro in Francia, che unisce i

ruoli di autrice e disegnatrice. Ho dovuto imparare

a lavorare con il colore: da qui è nata la mia

passione per la pittura e i quadri”.

Quadri che, assieme alle

tavole grafiche e ai fumetti

compongono la tua prima

personale a Formigine. Che

emozioni ti suscita vedere

le tue opere in mostra?

“Non riesco ancora a decifrare

quello che sento,

penso che me ne renderò

conto solo più avanti”.

Cosa ti senti di consigliare

ai giovani che vogliono

intraprendere la carriera

di fumettista?

“Disegnare, disegnare e

ancora disegnare. Questo

è sicuramente fondamentale.

Ma non basta: bisogna

impegnarsi sempre per aumentare

la propria cultura,

guardando film, leggendo

libri e studiando la storia”.

A margine della mostra, un’iniziativa assolutamente

apprezzabile e da cogliere al volo è quella ideata

dall’Assessorato alla Cultura e Politiche giovanili del

Comune di Formigine. promote dell’esposizione,

che ha deciso di organizzare Io, fumettista di

domani!, un ciclo di incontri gratuiti e ad accesso

libero con Laura Zuccheri in persona. Appuntamento

dunque al Castello martedì 2, 9 e 16 marzo,

ore 20.30, per conoscere la storia del fumetto,

apprenderne le tecniche basilari, scoprire da vicino

il percorso artistico di Laura Zuccheri “rubandole”

qualche trucco del mestiere. [Eugenio Fedolfi]

Info: 059 416368

sono gli esperti a raccontare l’arte

A Castelvetro si studiano Giovanna d’Aragona e i ritratti di Picasso

Due appuntamenti a marzo per la rassegna di approfondimento

ArteArte che ha luogo presso la Sala consiliare del Palazzo

Municipale di Castelvetro. Venerdì 12 marzo alle ore 20.30

Giovanna Lazzi, direttrice della Biblioteca Riccardiana di Firenze,

tiene l’incontro intitolato “Giovanna d’Aragona: la donna ideale

tra 400 e 500”. Giovanna d’Aragona incarna il prototipo della

bellezza femminile, come indicato anche dai trattati che circolano

numerosi all’epoca. Al contrario della fanciulla della fine del

Quattrocento, bionda ed eterea, questa è una donna nel fiore

del suo fascino, sottolineato dall’opulenza dell’abito. Scopo della

serata è anche quello di valorizzare la mostra permanente di

costumi in stile rinascimentale Fili d’Oro a Palazzo collocata

all’interno di Palazzo Rangoni nel Centro Storico di Castelvetro.

Venerdì 26 marzo, sempre alle ore 20.30, appuntamento con

Il ritratto da Raffaello a Picasso il volto, l’abito, la forma” a cura

dello storico dell’arte Giuseppe Bernardoni.

Info: 059 758818

FUORI PROVINCIA

Berlino è in Germania

Temporary Station Parma

Prosegue fino al 31 marzo

presso The Box Art&Info,

all’interno della Temporary

Station di Parma,

la mostra Berlino è in

Germania. L’esposizione è

organizzata da un gruppo

di studenti iscritti al Corso

di Laurea in Beni Artistici

e dello Spettacolo e Storia

dell’Arte Medievale, Moderna

e Contemporanea

dell’Università degli Studi

di Parma, in collaborazione

con STU Area Stazione.

Dopo un viaggio a Berlino

avvenuto lo scorso maggio,

gli studenti del corso di

Storia dell’Architettura e

del Design, tenuto dalla

Professoressa Francesca

Zanella sono tornati con

la voglia di raccontare

questa esperienza. Nasce

così l’idea di una mostra:

una Berlino ricostruita

per tasselli concettuali,

come in un puzzle della

memoria tracciato in una

mappa psico-geografica,

imprecisa, inaffidabile, labirintica,

proprio come la

Città stessa.

A supportare il progetto

espositivo, una serie di

shock visivi riportati su

superficie fotosensibile:

fotografie che mostrano

dettagli, porzioni di visuale

che evitano il tutto senza

escluderlo.

La mostra a ingresso libero

è aperta dal lunedì al

venerdì dalle ore 8 alle 13

e dalle 14 alle 17.

Info: 0521 936334

arte


teatro

la leggenda del coniglio volante,

spettacolo rivelazione della scorsa

stagione sulla scena nazionale del

Teatro di Figura, vincitore dell’edizione

2008 del Festival Puppet and Music,

approda alla rassegna la domenica

non si va a scuola. Un racconto magico,

fatto di musica, immagini, pause

incantate. Al Teatro delle Passioni il

13 marzo (ore 16) e il 14 marzo (ore

15 e 16.30).

[16] - il mese marzo \2010

DI AlESSIA PElIllO

Le nuvole di Aristofane

nelle visioni di Latella

L’8 marzo il talentuoso regista porta

in scena al Teatro Storchi il testo

del commediografo greco. Il 10 e l’11

arrivano i divertenti Personaggi nati

dalla fantasia di Antonio Albanese

del fuori programma sta nella sua capacità

di uscire dagli schemi. È il caso dei due appuntamenti

L’attrattiva

fissati fuori abbonamento della stagione 2009/2010 del

Teatro Storchi, che portano a Modena un

irresistibile Antonio Albanese e lo spettacolo

le nuvole, che il talentuoso regista Antonio

Latella ha presentato al Festival dei Due

Mondi di Spoleto l’estate scorsa.

Antonio Albanese dedica ai Personaggi che lo

hanno reso più famoso la nuova tournée con

scalo a Modena il 10 e 11 marzo. Attore,

scrittore e regista, noto al pubblico televisivo,

cinematografico e da diversi anni anche teatrale,

ha un talento tutto speciale nel creare

mille volti che hanno in comune una grande

umanità: dall’immigrato che non riesce a

inserirsi al Nord, all’imprenditore che lavora

sedici ore al giorno, dal sommelier serafico

Foto di Anna Bertozzi

nel decantare il vino, al candidato politico

poco onesto, dal visionario Ottimista “abitante di un mondo

perfetto” al tenero Epifanio e i suoi sogni internazionali. In una

serata unica, di quelle da mozzare il fiato (dal ridere), arrivano i

monologhi scritti a quattro mani con Michele Serra, una galleria

di anti-eroi, protagonisti di un mondo fatto di ossessioni, paure,

deliri di onnipotenza e scorciatoie, (ma dove trova posto anche

la poesia), maschere irriverenti che conosciamo: sono cittadini

italiani a tutti gli effetti e tutti ne conosciamo almeno uno.

Le Nuvole, spettacolo prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria per

la regia di Antonio latella, ha riscosso ampio favore di critica

e pubblico dopo il debutto estivo per approdare finalmente al

Teatro Storchi l’8 marzo. Scritta da Aristofane nel 243 a.C.

è una commedia antica che non scade mai e ad oggi uno dei

testi più rappresentati della storia per quella sua capacità di

trasferire situazioni contingenti in una dimensione universale,

eternando il perenne conflitto delle generazioni

e il problema di una società che ha smarrito

il senso del giusto.

Un padre disperato per le sorti del figlio

scialacquatore e della moglie, si rivolge

agli dei dell’Olimpo che per tutta risposta

lo indirizzano al responso delle Nuvole che,

come ci ricorda il regista, “sono tutto e non

sono niente, sono i nostri desideri e le nostre

paure, le nostre gioie e i nostri orrori,

e diventano tutto ciò che vogliamo ma non

potranno mai essere, mai esistere, eppure

sono indistruttibili, come i pensieri, le idee”.

Nella sua rivisitazione dell’opera, Latella esalta

l’antica satira, pungente e vivace, che ancora

ci fa ridere e se da un lato porta in scena

solo quattro attori, asciugando il testo, dall’altro apre la scena

a nuove visioni ed apparizioni sceniche.

Info: 059 2136011 www.emiliaromagnateatro.com

Quella Danza di Morte

con Lavia e Guerritore

Gabriele lavia e Monica Guerritore tornano in scena

al ritmo di un macabro passo a due. Danza di morte,

traduzione dell’opera Dodsdansen di August Strindberg,

è il nuovo spettacolo diretto e interpretato da Lavia, che

per la quinta volta si affida a un testo del drammaturgo

svedese.

Scritto di getto, in una sola settimana, nel 1900, Dodsdansen

è un dramma in due atti che rappresenta una

parte della produzione di Strindberg in cui le opere vengono

popolate da personaggi tormentati che finiscono con

lo scontrarsi tra loro in una lotta omicida. Si tratta di un

testo che supera letteralmente gli stretti confini del naturalismo

per aprirsi ad una visione più agitata dell’intimo, ad

una prospettiva più metafisica e mistica, è l’analisi lucida

e spietata della vita di coppia, dello scontro titanico tra i

sessi, del matrimonio ma non solo: è anche una vera e


propria profonda riflessione sul significato della morte

e della vita.

La storia è incentrata sul matrimonio di Edgar e Alice,

coppia di falliti alla soglia delle nozze d’argento: lui, un

militare, non è mai riuscito a divenire tenente, mentre

lei non ha coronato i suoi sogni di gloria con la carriera

di attrice che ha abbandonato per il matrimonio. Senza

esclusione di colpi, i due si scontrano e fronteggiano

in una lotta perpetua. L’inferno coniugale di Strindberg

non nasce dallo scontro di creature particolarmente

diaboliche e perverse, ma dalla convivenza di personaggi

assolutamente comuni, quasi banali che danzano intorno

alla vita e alla morte.

Strindberg è un autore poco frequentato sulle scene italiane,

– spiega Lavia - Eppure la drammaturgia moderna

gli deve tutto: egli è moderno tra i moderni. Nessun altro

prima di lui e dopo di lui ha avuto il genio di concepire

un’opera come questa”. Lo spettacolo, in scena al Teatro

Storchi dal 25 al 28 marzo sostituisce “Scrittura

femminile azzurro pallido” che per ragioni tecniche non

potrà andare in scena in questa stagione.

Info: www.emiliaromagnateatro.com

Avventura ed amore

nel musical Robin Hood

Manuel Frattini ladro gentiluomo tra le magie

e le insidie dell’incantata foresta di Sherwood

Un nuovo musical per un

classico della letteratura e

del cinema: Robin Hood, arriva

al Teatro Storchi dal 5

al 7 marzo di Modena nella

recente versione di Beppe

Dati, autore di vent’anni di

canzoni di successo. Una

leggenda eterna di eroi e

malvagi, in un grande musical

dove un ladro gentiluomo

diventerà il principe della

foresta incantata di Sherwood.

Lo spettacolo è la nuova

celebrazione della leggenda

di Robin Hood, attraverso

la rivisitazione della storia Foto di Federico Riva

tradizionale all’interno di un

contesto creativo dove l’idea è dare più livelli di lettura a

un pubblico il più eterogeneo possibile. Manuel Frattini,

indiscussa star del musical italiano, dopo i successi di

Pinocchio e Peter Pan, approda al ruolo di Robin Hood,

finalmente un personaggio adulto che svela, però, dietro

la regia di Christian Ginepro. La prima parte del musical,

infatti, è dedicata alla giovinezza di Robin, alle sue profonde

delusioni dopo la morte del padre, ad un periodo di

distruzione del proprio ego. Avventori, banditi, popolani,

dame, ancelle, servitori, ci accompagnano in questa bella

avventura che racconta, anche, come e perché un uomo

può diventare un eroe. Scenografie grandiose e coreografie

eclettiche, in grado di fondere passi di danza moderna, a

tip-tap e tradizionali danze irlandesi.

Info: www.emiliaromagnateatro.com

La strada dal cinema al palco

Venturiello rilegge il capolavoro di Fellini

Il capolavoro di Federico Fellini,

la strada, diventa adattamento

teatrale e approda al dramma

con musiche tratte dall’originale

con la regia di Massimo Venturiello

nella produzione La Contemporanea

e Compagnia Mario

Chiocchio. Un’opera coinvolgente

che mantiene i dialoghi del film

ma si rinnova ritrovando un’innata

dimensione poetica grazie alle interpretazioni di Tosca

e dello stesso Venturiello. L’atmosfera malinconica del

circo si arricchisce di colori, luci e suoni delle scene

circensi più contemporanee, come quella del Circo Barnum,

che con le sue asimmetrie ha regalato un’anima

ai personaggi. In scena al Teatro Storchi il 13 marzo

alle 21 e il 14 marzo alle 15.30.

Info: 059 301880

teatro


teatro

[18] - il mese marzo \2010

DI AlESSIA PElIllO

Donne private dell’amore

Mascia Musy dà voce a Vesna una giovane zingara nata dalla penna della Tamaro

Festeggiare l’8 marzo a teatro ci

ricorda l’impegno di tante attrici,

autrici, registe e addette ai lavori

che, professioniste al di qua o al di

là del sipario, si battono da sempre

per il riconoscimento e la garanzia del

proprio mestiere.

Ert Fondazione, in collaborazione con

le Circoscrizioni 1, 2, 3 e 4 e Comune

di Modena (Assessorato alle Pari

Opportunità e Assessorato alla Cultura),

organizza una breve rassegna di

spettacoli ad ingresso libero nei giorni

a cavallo della Festa della Donna.

Al Teatro Storchi è di scena il 9

marzo love, un racconto di Susanna

Tamaro pubblicato nella raccolta “Per

Voce Sola”.

Reduci dal successo raccolto con

“Ascoltami bene”, la drammaturga

e regista Emanuela Giordano e la

pluripremiata attrice Mascia Musy

tornano insieme sul palcoscenico a

raccontare una storia di diritti negati,

di emarginazione dolorosa, di ingenuità

tradita, di violenza fisica e psicologica.

“Venduta come un pollo da batteria ad un’organizzazione di

sfruttatori, messa sulla strada a procacciarsi denaro, Vesna

è ancora una bambina quando, un giorno, incontra per caso

un uomo che le sorride, le da fiducia, la ospita a casa sua, la

veste e la nutre. È l’uomo dell’amore”. Il racconto di un’ado-

iaia Forte è la sensuale Molly B.

L’attrice interpreta il monologo tratto dall’Ulisse di James Joyce

Tra erotismo e confessioni Iaia Forte

è Molly Bloom, protagonista di un famoso

monologo tratto dall’ultima parte

dell’Ulisse di James Joyce di scena alla

Polisportiva S. Damaso domenica 7

marzo alle ore 21 (ingresso libero).

Dietro la regia di Carlo Cecchi, Molly

diventa Marianna Fiore, una trentatreenne

napoletana sentimentale, carnale

e viscerale che accoglie il pubblico

distesa su un letto al centro del palco,

nella penombra, per dar sfogo ad un

flusso di coscienza in cui prendono

corpo ricordi, immagini, amori, in un

condensato di lascivia, ingenuità, sincerità

e tenerezza.

Nel romanzo di Joyce, Molly Bloom

è una parodia di Penelope, icona

della moglie fedele che aspetta il proprio

marito pazientemente, mentre Molly, al

contrario, è una donna estremamente

passionale, e infedele che nel romanzo

ha una relazione extraconiugale con Hugh

Blazes Bolyan che per Marianna diventa

Peppino. L’allestimento di Cecchi prevede

la presenza-assenza silenziosa di un marito,

Leopold, per noi Poldino, che dorme ai

piedi del letto, al fianco di Molly/Marianna

apparentemente inconsapevole dei veri

desideri di sua moglie.

Il racconto diventa intenso ed emozionale

nella lingua di Iaia Forte, che incarna

perfettamente e languidamente gli stati

d’animo di una Molly piena di vita, di forza,

di voglie. È burrosa, morbida, sensuale

avvolta in un corpetto rosa e accerchiata

lescente rom, in forma di monologo,

è stato ispirato all’autrice dagli occhi

sconfinatamene tristi di una giovane

nomade che venticinque anni fa ha

visto chiedere l’elemosina a Ponte

Sisto. Il dono inatteso di un amore

di cui è sempre stata priva, accende

nella giovane Vesna una prospettiva

di speranza destinata però a cadere.

“Una ballata epica - la definisce la

stessa Giordano - dedicata all’infanzia

meno amata, quella di cui ogni giorno

diffidiamo e con cui non sappiamo

fare i conti”. La straordinaria e toccante

interpretazione della Musy è

accompagnata dall’organetto di Fiore

Benigni.

Mascia Musy, protagonista della scena

italiana, è stata Anna Karenina per

la regia di Eimuntas Nekrosius, spettacolo

grazie al quale ha vinto il Premio

Ubu e il Premio Eti Olimpici del Teatro

come migliore attrice protagonista.

Ha portato sulla scena autori quali

Pasolini, Ceckov, Marivaux, Goldoni.

L.Carrol, Dostoewskj, Svevo, G.B.Shaw, Sofocle, Jonesco,

Pirandello, Schnitzler, H.V.Kleist.Attrice e produttrice per la tv,

ha partecipato a diversi film e sceneggiati.

Dove: Teatro Storchi, Modena

Quando: 9 marzo - ore 21.15

Info: 059 2032819 www.comune.modena.it/pariopportunita

da biancheria intima audace, pronta

per il suo uomo, Peppino, che sa come

prenderla e farla sentire una donna,

diversamente dal marito che ha dimenticato

come va trattata. Padrona

assoluta della scena e del personaggio,

Iaia Forte improvvisa, prende a pretesto

suoni e rumori provenienti dall’esterno e

li utilizza per far esprimere Molly.

Info: 059 2032819


shen Wei fonde tra loro tradizione e modernità

Sul palco del Comunale due

produzioni del coreografo

ballerino e designer cinese

In bilico tra Oriente e Occidente, Shen

Wei è un’artista e coreografo cinese

formatosi nell’alveo della tradizione

teatrale del suo Paese, ma poi fiorito

a New York dopo essersi intriso della

cultura americana. Qui ha fondato la

sua compagnia che si è affermata come

una delle realtà più interessanti della

danza contemporanea internazionale.

Nato nello Hunan nel ‘68, dal ‘91 al

‘94 è stato tra i primi membri della

Guangdong Modern Dance Company,

prima compagnia di danza moderna in

Cina, e si è trasferito in USA nel 1995,

dopo essere stato insignito di una

borsa di studio dal Nikolais-Louis Dance

Lab. Coreografo-danzatore-calligrafo, è

capace di mettere in scena l’antica tradizione

del suo Paese, con un particolare

amore verso gli aspetti grafici e pittorici,

e, immediatamente dopo, di regalarci un

pezzo tutto americano di danza astratta

estremamente colta. È proprio questo che

la Shen Wei Dance Art ci mostrerà il 3

marzo, alle 21, sul palco del Teatro Comunale

Pavarotti di Modena. Re - (Part I),

lavoro profondamente personale nonché

spirituale, è basato sui sentimenti suscitati

dalla terra, dalla gente e dalla cultura

tibetana e che il coreografo articola nella

danza di un rito lento dal sapore esotico.

Commissionato dal Lincoln Center Festival

nel 2005, Map è invece costruito a

partire dalla geografia melodica e ritmica

del brano “The Desert Music” di Steve

C’è aria di comicità

Si ride al Michelangelo con Gioele Dix e Paolo Hendel

Si respira aria di comicità, ma non solo, al Teatro

Michelangelo di Modena con gli imperdibili

appuntamenti di marzo. A inizio mese, dal 1 al 4

marzo, dopo le esperienze dedicate all’affabulazione

scenica su temi narrativi importanti, Gioele

Dix torna al cabaret con lo spettacolo Dixplay (in

cartellone anche il 5 marzo al Teatro Sociale di

Finale Emilia), in cui il racconto ironico si mischia

alla parodia, la riflessione sarcastica, alla storiella.

Come in un immaginario display antologico di stili e

personalità, Gioele Dix propone monologhi comici

ambientati nella realitaliana contemporanea, per

descriverne vizi e manie. Al suo fianco due figure

eccellenti: Bebo “Best” Baldan, eclettico compositore

polistrumentista, e Giancarlo Bozzo, storico

fondatore e autore di Zelig. Dal 9 all’11 marzo

sarà invece la volta della scoppiettante commedia dal titolo Sali e t’abbacchi, scritta da

Gino Riveccio e Gustavo Verde, in cui si susseguono a ritmo incessante contrattempi e

colpi di scena. La commedia fotografa la solitudine del nostro tempo rappresentando una

realtà che rischia di acuirsi in occasione di ricorrenze importanti come quella del Natale:

gli affetti sempre più distratti dall’ambizione vengono messi in luce con ironia e garbo.

Il 18 marzo vedremo invece Paolo Hendel: Il tempo delle susine verdi è un monologo

fatto di ricordi di scuola, favole rivisitate, versi immortali, battute da osteria, invenzioni

surreali e bizzarre storie di quotidiana umanità. A fare da contrappunto, le musiche dal

vivo eseguite dall’autore Ranieri Sessa alla chitarra. A chiudere il calendario di marzo, dal

23 al 25, Troppo buono, uno spettacolo di musica e parole, reso coinvolgente anche da

giochi di luci e video, in cui Giulio Scarpati parla di attualità prendendo in giro i nostri difetti

(in programma il 21 marzo al Teatro Comunale di San Felice sul Panaro). Accompagnato

dall’attore-musicista Bob Messini, il protagonista si racconta partendo dal concetto di

bontà, segno distintivo di un modo d’essere, ma anche etichetta a cui si è legati a vita, in

un ribaltamento tragico in cui la bontà si trasforma in “marchio d’infamia”. [Laura Bruni]

Info: 059 343662

Reich. Qui si scatena la grande capacità

di Shen Wei di illustrare visivamente il

tessuto sonoro, tracciando con la danza

i contorni di sette “mappe del movimento”

che culmineranno in un magistrale

vortice di energia. [Laura Bruni]

Info: 059 2033010

un viaggio nel teatro

canzone di Giorgio Gaber

Sono di varia natura le proposte

dell’associazione filodrammatica

Anfitrione per il mese di marzo.

Sabato 13 al Club Pernilla sarà

presentato[ore 22] Ciao Gaber–

Omaggio a Giorgio Gaber: un viaggio

nel teatro-canzone del cantautore milanese,

che vedrà in scaletta famosi

brani e monologhi. Domenica 21 [ore

16, replica alle 21] al teatro Cittadella,

la brillante commedia Sarto per

signora di Georges Feydeau, diretta

da Andrea Ferrari. L’evento, il cui

ricavato è devoluto all’Associazione

A.Serra per la ricerca sul cancro, ha

il patrocinio di Provincia e Comune di

Modena. Venerdì 26 [ore 20.45] al

salotto culturale di Simonetta Aggazzotti

l’incontro dal titolo le origini e

lo sviluppo del Teatro in Italia: epoca

etrusca e latina, che vedrà impegnati

gli allievi del laboratorio di Didattica

Teatrale.[L.B]

Info: 338 2434005

teatro


IN PROVINCIA

>teatro

Piccolo gioco

tanti equivoci

Arriva sabato 20 marzo al Teatro Astoria

di Fiorano, The Kitchen Company

con “Un piccolo gioco senza conseguenze”

di Jean Dell e Gerald Sibleyras, spettacolo

rivelazione dell’ultima edizione del Festival

dei 2 Mondi di Spoleto.

Il testo teatrale incredibilmente comico

diretto da Eleonora D’Urso e tradotto da

Giulia Serafini, porta sulla scena cinque

personaggi non ancora trentenni che,

Ogni venerdì sera arrivano

i Comediant a Bumport

La rassegna di teatro dialettale in

programma al Teatro Comunale di

Bomporto si conclude nel mese di

marzo con tre appuntamenti. Venerdì

12 la compagnia “La Maschera” di

San Felice sul Panaro presenta la

pastiglia di Miracui di Silvana Ferrari;

venerdì 19 la compagnia “In

Fin c’la dura” di Ravarino presenta

Bianca, Nives e i sette nanni, tre

atti comicissimi di Andrea Bassoli e

venerdì 26 la compagnia “Gli Artristi

di San Cesario” porta in scena Al

Dutòr d’la Mutua di Massimo Zani.

Inizio ore 21.

Info: 059 8170343

Colores Morenos

5 marzo - ore 21

Al Teatro Dadà di Castelfranco

Emilia la Compagnia

Flamenquevive propone un

percorso che accarezza varie

tappe del baile attraverso coreografie

di più elementi che

agiscono all’unisono.

Info: 059 927138

[20] - il mese marzo \2010

per una piccola bugia detta per scherzo,

si ritrovano coinvolti in un meccanismo a

domino che cambierà radicalmente le loro

vite. Un piccolo gioco senza conseguenze

è un titolo ironico che ben si riferisce

alle azioni che la protagonista, Chiara,

innesca fin dalle prime battute. Un gioco

che, articolato in un susseguirsi di colpi

di scena, avrà, di fatto, delle conseguenze

catastrofiche. La commedia, tipicamente

francese, affida alla bravura dei cinque

interpreti un testo che affronta un tema

certamente attuale e che coinvolge tutti,

poiché rispecchia le dinamiche relazionali

della coppia, indaga sull’autenticità dei

rapporti e si interroga sul valore dell’amicizia,

soprattutto quando questa lascia

inesorabilmente posto al desiderio.

Lo spettacolo “Un piccolo gioco senza

conseguenze” ha il suo punto di forza

nell’affiatamento degli attori. Quella che

emerge è l’attività corale degli interpreti e

l’indagine accurata all’interno delle diverse

“patologie” umane. Lo spettacolo, un’ora

e mezzo di divertimento garantito, può

contare su musiche e canzoni originali di

Maria Pierantoni Giua.

The Kitchen Company, nasce da un’idea di

Massimo Chiesa, noto produttore teatrale,

che ha selezionato una trentina di giovani

Dalla prosa al balletto

23 e 29 marzo - ore 21.00

Al Teatro Nuovo di Mirandola il

23 marzo la compagnia di danza

Aterballetto presenta Casanova. La

sfida di interpretare la figura dell’avventuriero

veneziano e una società

al tramonto è stata colta da Eugenio

Scigliano, invitato da Aterballetto a

creare un lavoro a serata - il primo

della sua carriera - per la compagnia

emiliana.

Il 29 marzo Alessandro Gassman porta sulla scena Roman e il

suo Cucciolo, tratto da Cuba & His Teddy Bear di Reinaldo Povod,

un testo contemporaneo che riscosse grande successo negli anni

’80 a New York dove ebbe come protagonista Robert De Niro.

Dramma familiare e sociale, lo spettacolo è uno sguardo neutrale

e non ideologico sulla presenza degli immigrati che ha cambiato la

fisionomia delle città e le stesse relazioni interpersonali.

Info: 0535 26500

Al Teatro Astoria

di Fiorano The Kitchen

Company porta in scena

un’esilarante commedia

attori dando vita appunto a una compagnia

teatrale. Un passo controcorrente colmo

di rischi ma sicuramente avventuroso che

ha già saputo incassare le prime significative

vittorie. [Letizia De Felice]

Info: 0536 404371 www.tirdanza.it

My fair lady

17 marzo - ore 21.00

All’Auditorium Ferrari di Maranello

la Compagnia Corrado

Abbati propone l’operetta che

racconta la storia di un professore

snob che vuole trasformare

una rozza fioraia in una

“signora”dell’alta società.

Info: 0536 943010


Vito dipinge un ironico affresco dell’Emilia

Divertente, leggero e scoppiettante arriva

il nuovissimo spettacolo di Vito, dal titolo

Se perdo te 2, produzione Arena del Sole

- Nuova Scena Teatro Stabile di Bologna,

tramite il quale sarà possibile lasciarsi

coinvolgere dall’esilarante vena umoristica

dell’attore-autore bolognese. Vito ritorna a

cimentarsi con i personaggi di “Se perdo

te” che, nel 1991, segnò una pietra miliare

nella carriera dell’artista che svelò al

grande pubblico le sue qualità di attore, di

trasformista comico e impresse un marchio

alla collaborazione ormai ventennale

con l’autore Francesco Freyrie e il regista

Daniele Sala. A suggellare il ritorno di Don

Guido, ci sarà Maria Pia Timo, con la quale

Musica Ridens

6 e 28 marzo - ore 21.00

Alla Sala Teatro Massimo

Troisi di Nonantola sabato 6

marzo Haber e i poeti con

Alessandro Haber, domenica

28 marzo Made in Italy di e

con Valeria Raimondi e Enrico

Castellani.

Info: 0522 621133

Vito annovera una collaudata collaborazione.

“Se perdo te 2” è una rappresentazione

comica ma, allo stesso tempo, un interessante

affresco dell’Emilia, resa sempre più

differente dall’avvento del progresso, dai

centri commerciali, dagli outlet, dai “padelloni”

delle tv satellitari. C’è solo un’enclave

che resiste imperterrita agli attacchi del

consumismo: Fossa Ranuzzi, il feudo di Don

Guido, raccontato da Vito con tutto il noto

bagaglio di umanità e simpatia.

Saranno due le date dello spettacolo in provincia

di Modena: la prima il 2 marzo all’Auditorium

di Maranello, la seconda l’11 marzo al

Teatro Dadà di Castelfranco Emilia. [S.A.]

Info: www.emiliaromagnateatro.com

Storie di diritti umani violati

A T come Teatro i racconti di uomini e donne che lottano per la pace e la libertà

La rassegna T come Teatro, promossa

dall’Associazione Progettarte e dalla

Fondazione Cassa di Risparmio di Modena,

propone anche per il mese di marzo un

ricco calendario di spettacoli dall’interessante

sfondo sociale.

In onore alla giornata che celebra la Festa

della Donna, l’8 marzo, al Teatro Incontro

di Corlo di Formigine, andrà in scena la

rappresentazione sul tema tutto femminile

Mamme a progetto. Ora o mai più… di e

con Beatrice Schiros e Emanuela Currao,

in collaborazione con il Teatro della Caduta.

Protagoniste le quarantenni di oggi, una

volta bambine, alle quali sembra ancora

di udire il riecheggiare delle dolci parole

che le loro mamme usavano per farle addormentare.

Frasi che si scontrano con

la dura realtà della vita e con il proprio

cammino personale che non sempre si

può intraprendere serenamente e felicemente.

Poi, non immediatamente arrivano

le cicogne, capita talvolta di doverle cercare

per lungo tempo e con tanta fatica.

Lo spettacolo verrà riproposto il 9 marzo

al Teatro Facchini di Medolla.

Venerdì 26 marzo, sempre al Teatro Incontro

di Corlo sarà la volta de Il fuoco di

Hanifa, di Francesco Zarzana e Silvia Resta,

voce recitante Cecilia Serradimigni e

canto di Valentina Colombini. Uno specchio

sulle vite intense di Hanifa, Anna, Neda,

Suad tra Iran, Afghanistan, Palestina, Cecenia

e Saharawi; donne fiere, coraggiose

e che non hanno paura di niente...perché

hanno paura di tutto. Profondi racconti

di donne che pagano a caro prezzo la

loro voglia di dire quello che pensano

e che vedono. Una lotta disperata per

affermare quello in cui credono contro le

convenzioni da cui sono costrette, contro

le più elementari tradizioni che vorrebbero

relegarne il ruolo ad un’esistenza di infimo

livello. Sul palco anche Simone Accietto,

Alice Broi, Martina Ronchetti, Alessio

Vanzini, ballerini dei corsi professionali di

danza “La Capriola”.

T come Teatro chiude il mese martedì 30

marzo al Teatro Facchini di Medolla con

l’appuntamento Con buona pace. Lo spettacolo,

di Francesco Zarzana, con Cecilia

Serradimigni nel doppio ruolo di regista e

interprete, è un intreccio di storie vere e

di testimonianze che provengono da quei

luoghi dove i diritti non sono ancora stati

affermati come tali e, quindi, non attribuiti

agli esseri umani. “Con buona pace” è un

grido corale di speranza per un mondo

migliore che arriva direttamente dalla Bosnia,

dall’Africa, dall’Iran e dalla Georgia.

Gli spettacoli hanno inizio alle ore 21.

[Serena Arbizzi]

Info: www.progettarte.org

teatro


teatro

Ricordare e ripercorrere con la memoria

le otto edizione della rassegna “I

Grandi Interpreti del Teatro” ci permette

di elaborare un’esauriente panoramica

sui protagonisti del teatro contemporaneo

di prosa italiano, e di evidenziare la

ricchezza di una proposta culturale che

è stata offerta in questi anni al pubblico

vignolese. Per testimoniare e preservare

la memoria di un evento che ha qualificato

l’offerta culturale della città la Fondazione

di Vignola ha deciso di riunire in una pubblicazione

intitolata, Otto anni di GIT I Grandi

Interpreti del Teatro 2003-2010, l’intero

programma delle performance ospitate

nel corso delle diverse edizioni.

Era l’inverno del 2003 quando la Fondazione

di Vignola, in collaborazione con

l’Amministrazione comunale

ed Emilia Romagna

Teatro Fondazione, decise

di organizzare una piccola

rassegna di spettacoli per

sanare il vuoto causato

dalla chiusura dello storico

teatro Ariston, la cui riapertura

è ormai prossima.

Una programmazione di

poche sere ma di grande

spessore artistico con la

presenza di grandi attori

di fama nazionale. La scelta di un palcoscenico

inusuale e suggestivo, quale

quello della sala dei Contrari della Rocca di

Vignola, ha fin da subito messo alla prova

la professionalità degli attori ospitati, che

hanno dovuto sfidare e superare l’assenza

di un vero e proprio allestimento scenico,

[22] - il mese marzo \2010

DI GRETA RONCHETTI

Un passato da sfogliare

Uno sguardo sincero, ironico e a tratti

cinico sulla nostra realtà, sulla vita di tutti

i giorni fatta di dubbi e contraddizioni:

pare essere questo il leit motiv che lega

gli ultimi due appuntamenti in cartellone

PUBBLICAZIONE

dimostrando le loro altissime capacità.

Dall’originalità e dalla semplicità della proposta

sono nati veri e propri spettacoli di

spessore, profondi e allo stesso tempo

piacevoli, che hanno ottenuto un meritato

successo di pubblico e critica.

Sfogliando le pagine del volume, disponibile

dal 30 marzo presso la Rocca, emerge

una sorta di filo conduttore che ha caratterizzato

le diverse

edizioni, riconoscibile

nella straordinaria articolazione

delle performance

che hanno

spaziato dal tragico

all’umoristico, dal dialogo

interiore alla canzone,

dalla denuncia

Otto anni di GIT I Grandi Interpreti

del Teatro 2003-2010

Il volume è disonibile dal 30 marzo

presso la Rocca di Vignola

Piazza dei Contrari 4, Vignola MO

Tel. 059 775246

www.fondazionedivignola.it

all’introspezione.

Maria Paiato e Umberto

Orsini, Paolo Rossi

e Moni Ovadia e ancora David Riondino,

Paolo Poli, Gabriele Lavia, Laura Pasetti,

Arnoldo Foà ed Elisabetta Pozzi, sono solo

alcuni dei nomi che si sono succeduti nei

La Fondazione di Vignola

ripercorre in un volume

otto anni di grandi

spettacoli di prosa

ospitati presso la Rocca

diversi anni e che hanno dato forma a

una variegata tavolozza di arti, stili, voci e

interpretazioni stimolando il vivo interesse

dei cittadini di Vignola.

Modugno e Marescotti gli ospiti di marzo

per l’ottava edizione della rassegna I Grandi

Interpreti del Teatro. Mercoledì 17 marzo

ludovica Modugno è protagonista de la

badante, testo e regia di Cesare Lievi. In

una famiglia borghese i due figli si preoccupano

per la salute dell’anziana madre;

entrambi hanno poco tempo da dedicarle e

assumono una badante dell’Europa dell’Est,

che non viene accettata dall’anziana. Si

sviluppa così una riflessione poetica sui

cambiamenti indotti alla società dalla presenza

dei nuovi immigrati, stranieri per

lingua e cultura che entrano nella nostra

vita facendo esplodere contraddizioni sociali

e intaccando abitudini quotidiane.

Martedì 30 marzo uno straordinario

Ivano Marescotti presenta lUI, un

patàca qualsiasi. L’attore-autore veste

i panni di un Bertoldo emiliano o romagnolo

rivisitato che ripercorre i caratteri

profondi delle nostre genti e delle nostre

terre. Il rozzo villano di un tempo si rivela

poi arguto nel cogliere il senso pratico

della vita e nel mettere alla berlina il

vuoto linguaggio del potere, uscendone

come protagonista critico e in fondo

sapiente. Gli spettacoli si svolgono nella

Sala dei Contrari della Rocca di Vignola

con inizio alle ore 21.

Info: 059 775246


teatro


calendario eventi

LuNEDì 1

l’Altro Suono festival 2010

Comicoperando

A Tribute to the Music of Robert Wyatt

Teatro Comunale, Modena - ore 21

Info: 059 2033010

le Cri

coreografia, video e colonna sonora

Nacera Belaza

Teatro delle Passioni, Modena - ore 21

Info: 059 301880

Dixplay

di Gioele Dix

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Taxi to the dark side

di Alex Gibney

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

MARTEDì 2

Se perdo te 2

di Francesco Freyre

con Vito e Maria Pia Timo

Auditorium E.Ferrari, Maranello - ore 21

Info: 0536 943010

Dixplay

di Gioele Dix

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Taxi to the dark side

di Alex Gibney

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

la vita è un miracolo

di Emir Kusturica

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

Amore & altri crimini

di Stefan Arsenijevic

Cinema Ariston, Castelnuovo R. - ore 21

Info: www.cinemateatroariston.it

Io, fumettista di domani!

Il disegno - a cura di Laura Zuccheri

Castello di Formigine - ore 20.30

Info: 059 416368

MERcOLEDì 3

Shen Wei Dance Arts

Re - (Part I) / Map

Teatro Comunale, Modena - ore 21

Info: 059 2033010

Dixplay

di Gioele Dix

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Shylock: il mercante di Venezia

in prova

regia Roberto Andò e Moni Ovadia

con Moni Ovadia e Shel Shapiro

Teatro Nuovo, Mirandola - ore 21.00

Info: 0535 26500

Divino Tango

Pasiones Company

Teatro Carani, Sassuolo - ore 21

Info: 0536 811084

Storia Memoria Identità

Fotografia contemporanea dell’Est

Europa

Andreas Fogarasi (Ungheria), Swetlana

Heger (Rep.Ceca) e Banu Cennetoglu

(Turchia) - La voce dei luoghi: lo scenario

urbano e le sue architetture evocative

come specchio dell’ideologia.

Sant’Agostino, Modena - ore 18.30

Info: 335 1621739

Dersu Uzala, il piccolo uomo

delle grandi pianure

di Arika Kurosawa

Sala Truffaut, Modena - ore 15.30

Info: 059 239222

la notte dei maghi

di Istvan Szabo

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

GiOVEDì 4

Alessandro Magnanini

Someway still I do

Baluardo della Cittadella, Modena ore 21.30

Info: www.baluardodellacittadella.it

Dixplay

di Gioele Dix

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Passaggio in India

con Sandro Lombardi e Giulia Lazzarini

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

Sweet Sixteen

di Ken Loach

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

Passioni per il dialogo

Presentazione del volume fotografico di

Robert Marnika“ZADAR 1991- la guerra

all’improvviso”

Fusorari, Modena - ore 21

Info: 059 372467

Il Bardo bifronte

conversazioni shakespeariane tra

teatro e...

con Salvatore Veca e Loretta Innocenti

Biblioteca Delfini, Modena - ore 21

Info: www.emiliaromagnateatro.com

VENERDì 5

Festival Pianistico

Pietro De Maria, pianoforte

Auditorium Marco Biagi, Modena - ore 21

Info: www.gmimo.it

Motel Connection

Vox Club, Nonantola - ore 21.30

Info: www.voxclub.it

Promemoria

“15 anni di storia italiana ai confini della

realtà” con Marco Travaglio

PalaPanini, Modena - ore 21

Info: www.ticketone.it

Robin Hood - Il musical

di Beppe Dati, con Manuel Frattini

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

Colores Morenos

con Compagnia Flamenquevive

Teatro Dadà, Castelfranco Emilia - ore 21

Info: 059 927138

Dix play

di Gioele Dix

Teatro Sociale, Finale Emilia - ore 21

Info: 0535 91350

Legenda per la consultazione Appuntamenti

Passaggio in India

con Sandro Lombardi e Giulia Lazzarini

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

Cenerentola è andata via

Il Teatro La Baracca

Teatro Parrocchiale, Centro Storico

Castelvetro - ore 21

Info: 059 758815

Il processo

di Orson Welles

Sala Truffaut, Modena - ore 17.30 e 21.15

Info: 059 239222

Fra le pagine di un Registro

Presentazione del quaderno delll’Archivio

Storico delle Scuole Elementari di

Castelvetro

Sala Consiliare del Municipio, Castelvetro

ore 17

Info: 059 758 843

sABATO 6

Robin Hood - Il musical

di Beppe Dati, con Manuel Frattini

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

Haber e i poeti

con Alessandro Haber e Luca Velotti,

sax tenore soprano e clarinetto

Stagione di prosa - Musica Ridens

Teatro Massimo Troisi, Nonantola

ore 21

Info: 059 896651

Passaggio in India

con Sandro Lombardi e Giulia Lazzarini

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

la doppia ora

di Giuseppe Capotondi

Sala Truffaut, Modena

ore 20.30 e 22.30

Info: 059 239222

Storia Memoria Identità

Fotografia contemporanea dell’Est

Europa

visita guidata alla mostra

Sant’Agostino, Modena - ore 11.30

Info: 335 1621739

DOMENicA 7

Europa Galante

Fabio Biondi violino e direttore

Teatro Comunale, Modena - ore 21

Info: 059 2033010

Rumì

con Luisa Cottifogli voce, percussioni

Gabriele Bombardini chitarre, sequencer

Andrea Bernabini videoproiezioni,

Franco Naddei live electronics, tecnico

Sala a Gradoni - via Cialdini, Modena

ore 17.30

Info: 059 2032819/2910

Tango Fatal

Circolo XXII Aprile - via Donati 120,

Modena - ore 18.30

Info: 059 2032819

Robin Hood - Il musical

di Beppe Dati, con Manuel Frattini

Teatro Storchi, Modena

ore 15.30 e 21

Info: 059 211426

Molly B.

con Iaia Forte

Polisportiva S. Damaso, Modena - ore 21

Info: 059 2032819

Passaggio in India

con Sandro Lombardi e Giulia Lazzarini

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

District 9

di Neill Blomkamp

Sala Truffaut, Modena - ore 18.30 e 20.30

Info: 059 239222

Il canto delle spose

di Karin Albou

Cinema Ariston, San Marino, Carpi - ore 21

Info: 059 680546

Scrittrici dal mondo

con Federica Fabiani, Francesca Debri

Portierato Sociale c/o Windsor Park, via

San Faustino 155; Modena - ore 15.30

Info: 059 2032819

libro che spettacolo

Davide Rondoni presenta “Apocalisse

amore” (Mondadori, 2008)

Teatro Comunale, Modena - ore 20.40

Info: www.teatrocomunalemodena.it

LuNEDì 8

le nuvole

di Aristofane

regia Antonio Latella

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

Mamme a progetto

Ora o mai più…

T come teatro

di e con Beatrice Schiros e Emanuela

Currao

Teatro Incontro, Corlo di Formigine - ore

21

Info: www.progettarte.org

la strana coppia

Compagnai Teatro delle MoRe

Circolo Arci, San Cesario - ore 20.30

Info: 059 936721

Donne informate sui fatti

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: www.carpidiem.it

Settimo Cielo

di Andreas Dresen

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

Voci di donne

“Femminile plurale” Letture di Franca

Lovino - Musica con Metralli

Sala Polivalente, Castelnuovo R. - ore 20.30

Info: 059 534810

MARTEDì 9

Consonanze musicali

Quartetto di sassofoni

dell’Istituto “Vecchi - Tonelli”

Teatro San Carlo, Modena - ore 21

Info: 059 2032925

love

un racconto di Susanna Tamaro

con Mascia Musy

Teatro Storchi, Modena - ore 21.15

Info: 059 2032819/2910

Sali e t’abbacchi

di Gino Rivieccio Gustavo Verde

Cinema Incontri Musica Teatro

calendario eventi


calendario eventi

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Mamme a progetto

Ora o mai più…

T come teatro

di e con Beatrice Schiros

ed Emanuela Currao

Teatro Facchini, Medolla - ore 21

Info: www.progettarte.org

Maradona di Kusturica

di Emir Kusturica

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

Settimo Cielo

di Andreas Dresen

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

Il canto delle spose

di Karin Albou

Cinema Ariston, Castelnuovo R

ore 21

Info: www.cinemateatroariston.it

Storia Memoria Identità

Fotografia contemporanea dell’Est

Europa

Preview sulla Biennale di Bucarest

Conferenza di Razvan Ion, direttore di

Pavilion Magazine

Sant’Agostino, Modena - ore 18.30

Info: 335 1621739

Il cammino della “nuova

musica”

Lezione introduttiva al Novecento musicale

Relatore: Claudio Rastelli

Facoltà di Lettere e Filosofia, Modena

ore 16

Info: 059 372467

Radici in cammino

genti di Castelnuovo e Montale - storie,

aneddoti e curiosità

Sala Lori, Montale - ore 21

Info: 059 534810

Io, fumettista di domani!

La narrazione - a cura di Laura Zuccheri

Castello di Formigine - ore 20.30

Info: 059 416368

MERcOLEDì 10

Personaggi

di Michele Serra, Antonio Albanese

con Antonio Albanese

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

Sali e t’abbacchi

di Gino Rivieccio Gustavo Verde

Teatro Michelangelo, Modena ore 21.15

Info: 059 343662

E tra du sgnor... par bein

di Valentino Gavi

con I Teatrant ed Modna

Auditorium E.Ferrari, Maranello - ore 21

Info: 0536 943010

Storia Memoria Identità

Fotografia contemporanea dell’Est

Europa

Calin Dan (Romania) e Iosif Király (Romania)

Architettura emozionale: la memoria

dei luoghi tra storia ed esperienza

soggettiva

Sant’Agostino, Modena - ore 18.30

Info: 335 1621739

Il cammino della “nuova

musica”

[24] - il mese marzo \2010

Lezione introduttiva al Novecento musicale

Relatore: Claudio Rastelli

Facoltà di Lettere e Filosofia, Modena

ore 16

Info: 059 372467

Oltre il giardino

di Hal Ashby

Sala Truffaut, Modena - ore 15.30

Info: 059 239222

Being Julia - la diva Julia

di István Szabó

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

GiOVEDì 11

De Andrè canta De Andrè

con Cristiano De Andrè

Palapanini, Modena - ore 21

Info: www.studiosonline.it

Concerti d’inverno

Ciro Longobardi - pianoforte

Teatro delle Passioni, Modena

ore 21.15

Info: 059 372467

Personaggi

di Michele Serra, Antonio Albanese

con Antonio Albanese

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

Sali e t’abbacchi

di Gino Rivieccio Gustavo Verde

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Se perdo te 2

di Francesco Freyrie

con Vito, Maria Pia Timo

Teatro Dadà, Castelfranco Emilia - ore 21

Info: 059 927138

Gonzago’s Rose

Compagnia Tardito-Rendina

Teatro Italia, Soliera - ore 21

Info: 059 859665

Il mio amico Eric

di Ken Loach

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

Il cammino della “nuova

musica”

La trasformazione dei linguaggi nelle

musiche degli ultimi cento anni.

3° lezione - Il Pianoforte nel Novecento

Relatore: Ciro Longobardi

Teatro delle Passioni, Modena - ore 15

Info: 059 372467

Invito all’opera

Idomeneo, re di Creta

incontro con Giuseppe Fausto Modugno

Teatro Comunale, Modena - ore 18

Info: 059 2033003

Acqua in brocca

Acqua del rubinetto: se la conosci, la

bevi. - Carta d’identità dell’acqua dell’acquedotto

di Castelnuovo

Sala delle Mura, Catelnuovo R. - ore 21

Info: 059 534810

VENERDì 12

Idomeneo, re di Creta

Dramma per musica in tre atti

Libretto di Giambattista Varesco

Musica di Wolfgang Amadeus Mozart

Teatro Comunale, Modena - ore 20.30

Info: 059 2033010

Concerti d’inverno

Ensemble Dissonanzen

“Man Ray Movies”

Teatro delle Passioni, Modena

ore 21.15

Info: 059 372467

la pastiglia di Miracui

Commedia dialettale in due atti

Compagnia La Maschera di San Felice

sul Panaro

Teatro Comunale, Bomporto - ore 21

Info: 059 8170343

Smithereens

di Susan Seidelman

Versione originale con sottotitoli italiani

Sala Truffaut, Modena - ore 17.30 e 21.15

Info: 059 239222

Il cammino della “nuova

musica”

La trasformazione dei linguaggi nelle

musiche degli ultimi cento anni.

4° lezione - Composizione e Improvvisazione

Relatore: Ensemble Dissonanzen

Teatro delle Passioni, Modena - ore 15

Info: 059 372467

ArteArte

“Giovanna d’Aragona: la donna ideale tra

400 e 500” a cura di Giovanna Lazzi

Sala Consiliare del Municipio, Castelvetro

ore 20.30

Info: 059 758818

sABATO 13

Concerto aperitivo

Nafshi

Annamaria Morini, flauto

Enzo Porta, violino

Speculum Ensemble, sestetto vocale

Auditorium M. Biagi, Modena - ore 17.30

Info: www.gmimo.it

la strada

dramma con musiche tratto dal film di

Federico Fellini

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

la leggenda del coniglio

volante

testo e regia Gigio Brunello

spettacolo di burattini

Teatro delle Passioni, Modena - ore 16

Info: www.emiliaromagnateatro.com

Ciao Gaber - Omaggio a

Giorgio Gaber

Andrea Ferrari, voce

Cesare Vincenti, chitarra e cori

Vincenzo Murè, tastiere ed effettistica

Club Pernilla, Modena - ore 22

Info: 338 2434005

Io sono l’amore

di Luca Guadagnino

Sala Truffaut, Modena - ore 20.15 e 22.30

Info: 059 239222

Buk

Il festival della piccola e media editoria

Foro Boario, Modena - ore 9.30-19.30

Info: www.progettarte.org

Play

Convention Nazionale dei Giocatori

Quartiere fieristico, Modena

dalle 9 alle 24

Info: www.play-modena.it

Storia Memoria Identità

Fotografia contemporanea dell’Est

Europa

visita guidata alla mostra

Sant’Agostino, Modena - ore 11.30

Info: 335 1621739

DOMENicA 14

Idomeneo, re di Creta

Dramma per musica in tre atti

Musica di Wolfgang Amadeus Mozart

Teatro Comunale, Modena - ore 15.30

Info: 059 2033010

Silvia Mezzanotte

Regine

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

la strada

dramma con musiche tratto dal film di

Federico Fellini

di Tullio Pinelli, Bernardino Zapponi

Teatro Storchi, Modena - ore 15.30

Info: 059 211426

la leggenda del coniglio

volante

testo e regia Gigio Brunello

spettacolo di burattini

Teatro delle Passioni, Modena

ore 15 e 16.30

Info: www.emiliaromagnateatro.com

Motel Woodstock

di Ang Lee

Sala Truffaut, Modena - ore 18.30 e 20.30

Info: 059 239222

Buk

Il festival della piccola e media editoria

Foro Boario, Modena

ore 9.30-19.30

Info: www.progettarte.org

Play

Convention Nazionale dei Giocatori

Quartiere fieristico, Modena

dalle 9 alle 19.30

Info: www.play-modena.it

Visite di Mirandola e dintorni

ore 15.30 in automobile

Visita a Mortizzuolo: Chiesa, Sala del

Vescovo, storia del mercato campestre

del 1600 e battaglia del 1703

ore 15.30 - Mirandola medioevale e rinascimentale.

Mirandola Barocca

ore 16 - Visita al Castello dei Pico

Visita al Museo Civico

ore 15.30 - Visita alla Chiesa del Gesù

ritrovo alla Chiesa del Gesù di Mirandola

Info: 0535 22639 339 1191266

LuNEDì 15

Spira Mirabilis

Sinfonia n°3 - Schubert

Sala Teatro della Polisportiva, Formigine

ore 21

Info: www.comune.formigine.mo.it

Exiled

di Johnnie To

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

MARTEDì 16

Concerto in memoria di

Roberto Verti

Odhecaton, gruppo vocale

Direttore, Paolo Da Col

Liuwe Tamminga, organo

Duomo di Modena - ore 21.30

Info: www.gmimo.it


Il calendario completo degli appuntamenti in provincia è scaricabile sul sito: www.provincia.modena.it

Exiled

di Johnnie To

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

I racconti dell’età dell’oro

di Cristian Mungiu

Cinema Ariston, Castelnuovo R. - ore 21

Info: www.cinemateatroariston.it

Io, fumettista di domani!

L’ispirazione - a cura di Laura Zuccheri

Castello di Formigine - ore 20.30

Info: 059 416368

MERcOLEDì 17

Il tempo delle susine verdi

di e con Paolo Hendel

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

My fair lady

Compagnia Corrado Abbati

Auditorium E.Ferrari, Maranello - ore 21

Info: 0536 943010

la badante

I Grandi Interpreti del Teatro

testo e regia Cesare Lievi

Sala dei Contrari, Rocca di Vignola - ore 21

Info: 059 775246

la Bohème

di Robert Dornhelm

Cinema Michelangelo, Modena - ore 20.30

Info: 059 343662

Pandora’s box

di Yesim Ustaoglu

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

GiOVEDì 18

Rita Marcotulli e Pietro

Tonolo

Baluardo della Cittadella, Modena ore 21.30

Info: www.baluardodellacittadella.it

Quartetto Euphoria Show!

regia Banda Osiris

Musica Ridens

Teatro Massimo Troisi, Nonantola - ore 21

Info: 059 896651

Il tempo delle susine verdi

di e con Paolo Hendel

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Razzis-mò Basta

con Andrea Rivera

Teatro Italia, Soliera - ore 21

Info: 059 859665

Avenue Q

musical con attori e pupazzi

Teatro Carani, Sassuolo - ore 21

Info: 0536 811084

Il cammino della “nuova

musica”

La trasformazione dei linguaggi nelle

musiche degli ultimi cento anni.

5 lezione - La musica pianistica americana

relatore: Emanuele Arciuli

Facoltà di Lettere e Filosofia, Modena ore 16

Info: 059 372467

Acqua in brocca

Acqua “fatta” in casa. Consigli sull’acqua

che beviamo

Sala delle Mura, Catelnuovo R. - ore 21

Info: 059 534810

Per un pugno di dollari

di Sergio Leone

Sala Truffaut, Modena - ore 21.15

Info: 059 239222

VENERDì 19

Concerti d’inverno

Emanuele Arciuli - pianoforte

Teatro delle Passioni, Modena - ore 21

Info: 059 372467

S.P.A Solo per amore

con Loretta Goggi

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

Una vita da pavura

di e con Andrea Sasdelli

con Giuseppe Gicobazzi

Teatro Comunale di San Felice Sul

Panaro - ore 21

Info: 0535 81175

Bianca, Nives e i sette nanni

Tre atti comicissimi di Andrea Bassoli

Compagnia In Fin c’la dura di Ravarino

Teatro Comunale, Bomporto - ore 21

Info: 059 8170343

Avenue Q

musical con attori e pupazzi

Teatro Carani, Sassuolo - ore 21

Info: 0536 811084

Incontro con Emir Kusturica

Partecipano Gian Paolo Caselli, Consigliere

della Fondazione Cassa di Risparmio

di Modena e Alberto Morsiani, direttore

dell’Associazione Circuito Cinema

Al termine proiezione di “Bar Titanic”

Baluardo della Cittadella, Modena - ore 18

Info: 059 236288

Il canto delle spose

di Karin Albou

Sala Truffaut, Modena

ore 20.40 e 22.30

Info: 059 239222

Children’s Tour

il salone delle vacanze 0-14

ModenaFiere - dalle ore 9 alle 19

Info: www.childrenstour.it

sABATO 20

Un piccolo gioco senza

conseguenze

di Jean Dell e Gerald Sibleyras

The Kitchen Company

Teatro Astoria, Fiorano - ore 21

Info: 0536 404371

S.P.A Solo per amore

con Loretta Goggi

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

Un teatro da scoprire

Visite guidate con sorprese musicali

Teatro Comunale, Modena - ore 11

Info: 059 2033003

Children’s Tour

il salone delle vacanze 0-14

ModenaFiere - dalle ore 10 alle 20

Info: www.childrenstour.it

Il canto delle spose

di Karin Albou

Sala Truffaut, Modena

ore 20.40 e 22.30

Info: 059 239222

Legenda per la consultazione Appuntamenti

DOMENicA 21

Santo per signora

interpretata e diretta da Andrea Ferrari

Teatro Cittadella, Modena - ore 16 e 21

Info: 338 2434005

Troppo buono

di Marco Pesta, Giulio Scarpati,

Nora Venturini

Teatro Comunale di San Felice Sul

Panaro - ore 21

Info: 0535 81175

S.P.A Solo per amore

con Loretta Goggi

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

Children’s Tour

il salone delle vacanze 0 -14

ModenaFiere - dalle ore 10 alle 20

Info: www.childrenstour.it

Segreti di famiglia

di Francis Ford Coppola

Sala Truffaut, Modena ore 18.15 e 20.30

Info: 059 239222

LuNEDì 22

Feisbum - Il film

di autori vari

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

Acqua in brocca

Incontro con lo scrittore Davide Sapienza

e presentazione del suo nuovo libro

“La strada era l’acqua”, Galaad Edizioni

Sala delle Mura, Catelnuovo R. - ore 21

Info: 059 534810

MARTEDì 23

Troppo buono

di Marco Pesta, Giulio Scarpati,

Nora Venturini

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Casanova

coreografie Eugenio Scigliano

produzione Aterballetto

Teatro Nuovo, Mirandola - ore 21.00

Info: 0535 26500

les Ballets Trockadero

de Monte Carlo

Parodia dei grandi classici al maschile

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

Feisbum - Il film

di autori vari

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

Welcome

di Philippe Lioret

Cinema Ariston, Castelnuovo Ragone

ore 21

Info: www.cinemateatroariston.it

A man’s fear of God

di Ozer Kiziltan

Sala Truffaut, Modena – ore 21.15

Info: 059 239222

MERcOLEDì 24

Troppo buono

di Marco Pesta, Giulio Scarpati,

Nora Venturini

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Certified lunatic & Master

of the Impossible

di e con Tomás Kubínek

Teatro del Popolo, Concordia - ore 21

Info: 0535 412937

Autumn

di Özcan Alper

Sala Truffaut, Modena – ore 21.15

Info: 059 239222

Dentro le note

Jamal Ouassini Trio

Da Baghdad a Cordoba

Facoltà di Lettere e Filosofia, Modena

ore 18

Info: www.teatrocomunale.it

GiOVEDì 25

Roberto Gatto lysergic

Band

Baluardo della Cittadella, Modena

ore 21.30

Info: www.baluardodellacittadella.it

Danza di morte

di August Strindberg

regia Gabriele Lavia

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

Troppo buono

di Marco Pesta, Giulio Scarpati, Nora

Venturini

Teatro Michelangelo, Modena - ore 21.15

Info: 059 343662

Ofelia 4e48

Pensieri Acrobati

Teatro Italia, Soliera - ore 21

Info: 059 859665

Per qualche dollaro in più

di Sergio Leone

Sala Truffaut, Modena – ore 21.15

Info: 059 239222

VENERDì 26

Giuliano Palma

& The Bluebeaters

Vox Club, Nonantola - ore 21.30

Info: www.voxclub.it

Danza di morte

di August Strindberg

regia Gabriele Lavia

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

le origini e lo sviluppo

del Teatro in Italia: epoca

etrusca e latina

curato e presentato da Andrea Ferrari,

con letture interpretate dagli attori

salotto culturale di Simonetta Aggazzotti,

Modena - ore 20.45

Info: 338 2434005

licedei Clown Theatre

Semianyki (The Family)

Teatro Comunale, Carpi - ore 21

Info: 059 649263

Il fuoco di Hanifa

T come teatro

di F. Zarzana e S.Resta con Cecilia

Serradimigni

Teatro Incontro, Corlo di Formigine

ore 21

Info: www.progettarte.org

Cinema Incontri Musica Teatro

calendario eventi


calendario eventi

Conversando di teatro

Anna Teresa Tubini presenta

“Finale di Partita”

Foyer Teatro Storchi, Modena - ore 17.30

Info: www.emiliaromagnateatro.com

ArteArte

Il ritratto da Raffaello a Picasso”

a cura di Giuseppe Bernardoni

Sala Consiliare del Municipio,

Castelvetro ore 20.30

Info: 059 758818

Francesca

di Bobby Paunescu

Sala Truffaut, Modena – ore 20.30 e

22.30

Info: 059 239222

sABATO 27

Orchestra da Camera

di Mantova

Julian Kovacev direttore

Andrea Lucchesini pianoforte

Teatro Comunale, Modena - ore 21

Info: 059 2033010

Concerti d’inverno

Concerti Sighicelli

Jordi Palomares - pianoforte

Basilica, San Cesario - ore 21.15

Info: 059 372467

Danza di morte

di August Strindberg

regia Gabriele Lavia

Teatro Storchi, Modena - ore 21

Info: 059 211426

libro che spettacolo

Emilia Costantini presenta

“Tu dentro di me”

(Aliberti Editore, 2009)

Teatro Comunale, Modena - ore 20.40

Info: www.teatrocomunalemodena.it

Francesca

di Bobby Paunescu

Sala Truffaut, Modena

ore 20.30 e 22.30

Info: 059 239222

DOMENicA 28

Danza di morte

di August Strindberg

regia Gabriele Lavia

Teatro Storchi, Modena - ore 15.30

Info: 059 211426

Made in Italy

di e con Valeria Raimondi

ed Enrico Castellani

Teatro Massimo Troisi, Nonantola

ore 21

Info: 059 896651

Orchestra Sinfonica

Abruzzese

Maurizio Zanini, Carlo Guaitoli

Musiche di Chopin e Bizet

Teatro Comunale, Carpi - ore 17

Info: 059 649263

Francesca

di Bobby Paunescu

Sala Truffaut, Modena – ore 20.30

e 22.30

Info: 059 239222

LuNEDì 29

Roman e il suo cucciolo

di Reinaldo Povod

[26] - il mese marzo \2010

regia Alessandro Gassman

Teatro Nuovo, Mirandola - ore 21

Info: 0535 26500

la siciliana ribelle

di Marco Amenta

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

MARTEDì 30

Finale di partita

di Samuel Beckett

regia Massimo Castri

Teatro delle Passioni, Modena - ore 21

Info: 059 301880

lui, un patàca qualsiasi

I Grandi Interpreti del Teatro

con Ivano Marescotti

Sala dei Contrari, Rocca di Vignola

ore 21

Info: 059 775246

Con buona pace

T come teatro

di F. Zarzana con Cecilia Serradimigni

regia Cecilia Serradimigni

Teatro Facchini, Medolla - ore 21

Info: www.progettarte.org

la siciliana ribelle

di Marco Amenta

Filmstudio 7B, Modena - ore 21

Info: 059 236291

Soul Kitchen

di Fatih Akin

Cinema Ariston, Castelnuovo Ragone

ore 21

Info: www.cinemateatroariston.it

Destiny

di Zeki Demirkubuz

Sala Truffaut, Modena – ore 21.15

Info: 059 239222

MERcOLEDì 31

Finale di partita

di Samuel Beckett

regia Massimo Castri

Teatro delle Passioni, Modena - ore 21

Info: 059 301880

Romeo e Giulietta

Balletto di Milano

Teatro Carani, Sassuolo - ore 21

Info: 0536 811084

Milk

di Semih Kaplanoglu

Sala Truffaut, Modena – ore 21.15

Info: 059 239222

1 ApRiLE

Piani diversi

Fausto Bongelli pianoforte

Stefano Battaglia pianoforte jazz

Conduce Maurizio Franco

Baluardo della Cittadella, Modena

ore 21.30

Info: www.gmimo.it

Finale di partita

di Samuel Beckett

regia Massimo Castri

Teatro delle Passioni, Modena - ore 21

Info: 059 301880

Il buono, il brutto, il cattivo

di Sergio Leone

Sala Truffaut, Modena – ore 20.45

Info: 059 239222

Le mostre da vedere

ApRONO

Pagine da un bestiario

fantastico

Dove: Galleria Civica Sala Grande e Sale

Superiori di Palazzo Santa Margherita

corso Canalgrande 103, Modena

Quando: dal 20 marzo

orari: martedì-venerdì 10.30-13; 16-19

sabato, domenica e festivi 10.30-19

lunedì chiuso

Info: 059 2032911- 2032940

100.000 filters

Dove: Galleria Civica, Area progetto, Palazzo

S. Margherita corso Canalgrande

Quando: dal 20 marzo

orari: mart- ven 10.30-13; 15-18

sabato, domenica e festivi 10.30-18

lunedì chiuso

Info: 059 2032911- 2032940

Silvia Camporesi

Dove: Betta Frigieri Arte Contemporanea,

via Muzzioli 8, Modena

Quando: dal 13 marzo

orari: mercoledì-sabato 16.00-19.30

Info: 339 3766367

Alberto Burri: Cellotex.

la strategia della materia

Dove: Galleria MOdenArte, Modena

Quando: dal 13 marzo

orari: dal lunedì al venerdì 9-17.30 e il

sabato 11-18

Info: www.modenarte.com

Mauro Barbieri “Spy Story”

Dove: Galleria Art Ekyp, Modena

Quando: 6 marzo

orari: 10-12.30; 16-18.30

Chiuso il lunedì mattina, giovedì pomeriggio

e domenica

Info: www.artekyp.com

8 marzo. Donne. Foto di

Franco Fontana

Dove: Palazzo Comunale, Piazza Grande,

Sala dei passi perduti, Modena

Quando: fino al 31 marzo

orari: mart-ven 9.30-12 e 15-17; sab,

dom e fest 10-13 e 15-19

Info: 059 2917330

Rare pitture - ludovico

Carracci, Guercino e l’arte nel

Seicento a Carpi

Dove: Palazzo dei Pio e Museo Diocesiano

e Palazzo Foresti, Carpi

Quando: dal 27 marzo

orari: venerdì, sabato e festivi dalle 10

alle 13 e dalle 15 alle 19; dal martedì al

giovedì dalle 10 alle 13

Info: 059 649955 www.palazzodeipio.it

la natura incisa

incisioni di Giuseppe Manzoli

Dove: Sala del Torrrione, Castelnuovo

Quando: dal 13 al 21 marzo

orari: sab 13 marzo 17-19.30; sab e

dom 9.30-12.30 e 15-19.30

Info: 059 534810

la passione

opere di Bianca Rosa Mazzoni e Elena

Tabacchi

Dove: Sala del Torrrione, Castelnuovo

Quando: dal 27 marzo al 5 aprile

orari: sab 27 marzo 17-19.30; sab e

dom 9.30-12.30 e 15-19.30

Info: 059 534810

pROsEGuONO

Storia, memoria, identità

fotografia contemporanea

dall’Est Europa

Dove: Ex Ospedale S. Agostino, Modena

Quando: fino al 21 marzo

orari: martedì - domenica 11-19

Info: 335 1621739

Ben in forma di libro. I libri

di Ben Vautier

Dove: Biblioteca Luigi Poletti, Modena

Quando: fino al 10 aprile

orario: lun 14.30-19; mar-ven 8.30-13 e

14.30-19.00; sab 8.30-13

Info: 059 2033372

Cucchi Della Vedova

Benvenuto

Dove: Galleria Mazzoli, Modena

Quando: fino al 31 marzo

orari: feriali 10.00-13.00/16.00-19.30

Info: 059 243455

Mutina oltre le mura.

Recenti scoperte sulla via Emilia

Dove: Lapidario Romano dei Musei Civici,

Palazzo dei Musei, Modena

Quando: fino al 27 giugno

orari: da martedì a venerdì 9-12, sabato,

domenica e festivi 10-13 e 15-18

Info: 059 2033100

1989: 10 storie per attraversare

i muri

Dove: Europa Direct Piazza Grande

Quando: fino al 26 marzo

orari: da lunedì a venerdì 9-13 e

15-18.30, sabato 9.30-12.30, chiuso il

mercoledì pomeriggio

Info: 059 2032602

Rhapsody in green.

Fumetto, illustrazione e pittura

di laura Zuccheri

Dove: Castello di Formigine,

Quando: fino al 11 aprile

orari: ven 19-22, sab e dom 9-13 e 15-22

Info: 059 416368

lasciate ogne speranza voi

ch’intrate

mostra di illustrazioni di Franco Morelli

Dove: Castello dei Pico, Mirandola

Quando: fino al 14 marzo

orari: ven 16-19; sab e dom 10-13;16-19

Info: www.castellopico.it

cHiuDONO

Download

Dove: Betta Frigieri Arte Contemporanea,

Modena

Quando: fino al 6 marzo

orari: mercoledì-sabato 16-19.30

Info: 339 3766367

lasciate ogne speranza voi

ch’intrate

mostra di illustrazioni di Franco Morelli

Dove: Rocca Estensa, San Felice sul

Panaro

Quando: fino al 7 marzo

orari: sab e dom 10-12.30 e 15.30-18.30

Info: www.comunesanfelice.net


teatro

[27] - il mese marzo \2010

DI AlESSIA PElIllO


Ecco i Gonzago “allevatori” di rose

A Soliera l’opera senza tempo della Compagnia Tardito Rendina

Lui, Gonzago, è un uomo sicuro, duro come la sua

sedia. Lei, Rosalia, è una donna offesa, prostrata,

appassionata e sensuale come le rose. Vivono insieme

da “100 anni” allevando rose. Giovedì 11 marzo (ore

21) la Compagnia Tardito Rendina torna al Teatro Italia

di Soliera col personale progetto di teatro-danza ai

confini del clown per presentare Gonzago’s Rose, opera

prima, piccolo spettacolo culto, un delicato gioiello

senza tempo. Dal 12 al 14 marzo la Compagnia Tardito

Rendina terrà inoltre un laboratorio di teatro-danza.

La stagione di Arti Vive Habitat prosegue giovedì 25

marzo (ore 21) con la compagnia Pensieri Acrobati

in Ofelia 4e48 uno spettacolo di Stefano Cenci liberamente

tratto da “Psicosi della 4:48” di Sarah Kane.

Nel 1999, momento in cui la critica inglese celebra il

trionfo della sua opera, Sara Kane è ricoverata in un

ospedale psichiatrico da dove scrive “Psicosi delle 4.48”, un lucido e sarcastico flusso

di coscienza sulla sua depressione, sulla sua rabbia e sulla sua solitudine.

Giovedì 18 marzo (alle 21) atteso Andrea Rivera, moderno cantastorie popolare che

propone il suo ultimo spettacolo dal titolo Razzis-mò Basta. Violento e irriverente,

ma spesso altrettanto poetico, Rivera parla di noi, dei nostri limiti, dei nostri vizi, con

monologhi, canzoni, interviste esilaranti, dialoghi surreali.

Info: 059 859665

in Aveneu Q protagonisti

divertenti attori-pupazzi

La variegata stagione del Teatro

Carani di Sassuolo prossegue in

marzo con spettacoli curiosi e diverteni.

Mercoledì 3 marzo la Pasiones

Company presenta Divino Tango,

Uno spettacolo elegante, sensuale

e di alto impatto emotivo con Adrian

Aragon e Erica Boaglio, il 18 e 19

marzo l’appuntamento è invece con

l’originale musical con attori e pupazzi,

questi ultimi disegnati da Arturo

Brachetti, intitolato Avenue Q. Protagonisti

della scena sono dei pupazzi

fatti vivere da attori che, recitando

accanto a loro, ne completano le

intenzioni, le espressioni e l’energia.

La trama presenta uno spaccato

di vita di un gruppo di amici-vicini di

casa, dove le diverse storie si intrecciano.

Mercoledì 31 marzo danza e

letteratura si incontrano nel classico

Romea e Giulietta portato in scena

dal Balletto di Milano sulla musica di

T. Ciaikovskij.

Info: 0536 811084

teatro


musica

Nuovo appuntamento con l’opera al

Teatro Comunale Luciano Pavarotti.

Venerdì 12 marzo alle ore

20.30 e domenica 14 marzo alle 15.30 è

infatti in cartellone Idomeneo re di Creta,

dramma per musica in tre atti su musica

di Wolfgang Amadeus Mozart.

Così come accadde per il concerto, la

sinfonia, la sonata da camera, il Singspiel,

e l’opera buffa, anche l’opera seria raggiunse

i suoi risultati migliori nelle mani

del genio salisburghese. L’opera fu commissionata

a Mozart dal principe elettore

della Baviera Carl Theodor nel 1780, per

farla rappresentare in forma privata al

teatro di corte di Monaco nella stagione di

[28] - il mese marzo \2010

DI MARINA lEONARDI

con Idomeneo è ancora

Il 12 e 14 marzo torna l’opera al Teatro Comunale

con il dramma storico messo in musica da Mozart

Regia di Davide Livermore e direzione di Mariotti

carnevale dell’anno successivo. Autore del

libretto fu Giambattista Varesco, cappellano

di corte dell’arcivescovo di Salisburgo.

La composizione fu laboriosa e comportò

numerose modifiche a causa della prolissità

del libretto, secondo quanto riferì lo

stesso Mozart.

Al suo debutto, il 27 gennaio 1781,

l’opera fu osannata e fu eseguita per tre

sere. Nonostante l’apprezzamento del

pubblico della corte di Monaco, negli anni

seguenti Idomeneo non conobbe tuttavia

che una sola ripresa nel 1786. Per l’occasione,

oltre all’apporto di diversi tagli

e alla sostituzione di alcuni numeri della

partitura originale con altri composti ex

novo, Mozart dovette riscrivere per un

tenore la parte di Idamante.

La vera riscoperta di quest’opera avvenne

al Festival di Glyndebourne negli anni ottanta

del Novecento. Oggi è frequentemente

rappresentata, anche in Italia.

La storia di Idomeneo si svolge a Creta,

dopo la guerra di Troia. Il re Idomeneo

rientrando all’isola è travolto da una

tempesta e per sopravvivere promette a

Nettuno di sacrificargli la prima persona

che incontrerà sulla spiaggia di Creta non

sapendo che questa prima persona sarà

l’amato figlio Idamante. La storia mescola

amore e pathos, l’amore del principe Idamante

per la bella prigioniera troiana la

Nel repertorio barocco di Europa Galante

Appuntamento con la concertistica

domenica 7 marzo alle ore 21. Sul

palco del Comunale arriva Europa

Galante diretta da Fabio Biondi, anche

al violino.

In programma: di Telemann - Burlesque

de Quixotte TWV55; di J.S.

Bach - Concerto per violino ed archi

BWV1056 in sol minore; di Telemann

- Concerto per due violini ed archi in do

maggiore; di Vivaldi - Concerto per violino,

cello ed archi RV547 in si bemolle

maggiore; di Telemann - Concerto per

due viole ed archi TWV52:G3 in sol

maggiore; di J.S. Bach - Concerto

per due violini e archi BWV 1043 in

re minore e infine ancora di Telemann -

Ouverture à quatre en fa majeur.

Europa Galante nasce nel 1990 presso il

Teatro Stabile di Parma dal desiderio del

suo direttore artistico Fabio Biondi di fondare

un gruppo strumentale italiano per

le interpretazioni su strumenti d’epoca del

grande repertorio barocco e classico.

In breve è divenuta uno fra i primi e più celebri

complessi italiani di musica antica nel

mondo, attiva sia in campo operistico che

strumentale, l’orchestra vanta sin dai suoi

esordi una nutrita attività discografica che

le è valsa numerosi riconoscimenti, fra cui

cinque Diapason d’Or, le nomine “Disco

dell’anno” in Spagna, Canada, Svezia,

principessa Ilia e lo struggimento del padre

che deve sacrificare il figlio. Ma Idamante

riesce ad uccidere il mostro che Nettuno

mandato per distruggere Troia, così alla

fine la pace ritorna e Idomeneo abdicherà

in favore del figlio che potrà finalmente

sposare l’amata Ilia.

Questa nuova produzione dell’opera coprodotta

dal Teatro Regio di Torino e dal

Teatro Comunale di Bologna è diretta da

Michele Mariotti, direttore principale del

Francia e Finlandia, e il Prix du disque.

Nel 2002, Fabio Biondi e l’Europa Galante

hanno ottenuto il premio Abbiati

della critica musicale italiana.

Info: 059 2033010


lirica

Teatro Comunale di Bologna.

La messa in scena è stata realizzata

da Davide livermore: “Per me il punto

centrale - ha detto parlando della messa

in scena dell’Idomeneo - è capire dove

sta dio e dove stanno i mostri. Il grande

interrogativo è capire chi li genera e l’unica

risposta è l’uomo. Quindi il racconto, il

gioco, consiste nel far vedere chi è dio e

chi genera i mostri. La Sinfonia sarà già a

sipario aperto e si comincerà a vedere e a

capire, ma non posso svelare di più”.

Sul palco, Idomeneo è Jason Collins,

Idamante Silvia Beltrami - Giuseppina Bridelli,

Ilia Arianna Ballotta, Elettra Valentina

Corradetti - Cristina Antoaneta Pasaroiu.

Sul palco anche l’Orchestra e Coro del

Teatro Comunale di Bologna diretto da

Paolo Vero.

Giovedì 11 marzo alle ore 18, nel ridotto

del Teatro Comunale si svolgerà il consueto

appuntamento propedeutico all’opera

a cura degli Amici dei Teatri Modenesi

in collaborazione con il Teatro Comunale.

Parlerà di Idomeneo, re di Creta, Giuseppe

Fausto Modugno docente di pianoforte.

Ingresso libero.

Info: 059 2033010

www.teatrocomunalemodena.it

un grande concerto tutto dedicato a chopin

Sarà l’Orchestra da camera di Mantova

a chiudere il 27 marzo alle ore 21 il

cartellone concertistico del mese. Sul

palco del Comunale salirà il direttore

Julian Kovacev con un bel concerto che

propone musiche di Fryderyk Chopin,

nel centenario della nascita (marzo

1810), e prevede l’esecuzione di uno

dei suoi brani più significativi il Concerto

n.1 in mi minore op.11 per pianoforte

e orchestra con la partecipazione di

Andrea lucchesini, pianista e da oltre

vent’anni uno dei protagonisti della vita

musicale italiana.

Direttore della Scuola di Musica di

Fiesole, Accademico di Santa Cecilia,

Sopra Michele Mariotti e un bozzetto di scena

In basso a sinistra una foto di Mario Biondi,

a destra L’Orchestra da camera di Mantova

Lucchesini ha iniziato la sua carriera nel

1983 con la vittoria del Concorso “Dino

Ciani” alla Scala di Milano. Da allora ha

suonato con le più maggiori orchestre,

collaborando con direttori quali Abbado,

Chailly, Harding e Sinopoli.

Dal debutto, avvenuto nel 1981 nella

splendida cornice del Teatro Bibiena di

Mantova, l’Orchestra da Camera di Mantova

si è imposta all’attenzione generale

per quelle che ancora oggi sono le sue

qualificanti caratteristiche: brillantezza

tecnica, assidua ricerca della qualità

sonora, particolare sensibilità ai problemi

stilistici. Nel corso dell’ormai ventennale

vita artistica, l’Orchestra ha collaborato

Le pagine sposano le note

in Libro: che spettacolo!

La Fondazione Teatro Comunale di

Modena è l’unico teatro del Nord

Italia ad aderire alla terza edizione di

libro: che spettacolo!.

L’iniziativa, che vede coinvolti anche

i teatri di Roma, Bari e Lecce, ha

l’obiettivo di promuovere lo spettacolo

dal vivo e il libro, favorire la lettura

e valorizzare gli artisti e gli autori

contemporanei.

Due gli appuntamenti previsti dal

teatro modenese: il 7 marzo alle ore

20.40, prima dell’inizio del concerto

di Europa Galante, Davide Rondoni

presenta la sua raccolta poetica

Apocalisse amore (Mondadori,

2008) mentre sabato 27 marzo,

sempre alle 20.40, prima del concerto

dell’Orchestra da Camera di

Mantova, Emilia Costantini presenta

Tu dentro di me (Aliberti Editore,

2009), romanzo che affronta il tema

della maternità surrogata.

In occasione delle presentazioni in

teatro, il pubblico potrà usufruire

di agevolazioni sul prezzo dei libri

messi in vendita. Il programma di

“Libro: che spettacolo!” può essere

consultato sul sito www.giornaledellospettacolo.it

Prosegue poi alla libreria La Feltrinelli

(via Cesare Battisti 17) l’iniziativa

Guida all’ascolto: la rassegna concertistica

del teatro comunale, il ciclo

di incontri organizzati dalla libreria in

collaborazione col teatro modenese,

condotto dall’appassionato di musica

Eugenio Candi. Giovedì 25 marzo alle

ore 18 si parlerà dell’Orchestra da

Camera di Mantova.

Info: 059 222868

con direttori e solisti di fama internazionale,

svolgendo un’attività che l’ha vista

protagonista di innumerevoli concerti in

Italia e all’estero.

Info: 059 2033010

musica


musica

La stagione degli Amici

della Musica prosegue

con la performance

del pianista Longobardi

e l’evento sperimentale

dedicato a Man Ray

che vede protagonista

l’Ensemble Dissonanzen

Si chiude a marzo il percorso artistico

fra le “musiche degli ultimi cent’anni”,

ossia i Concerti d’Inverno, una delle

rassegne più amate e seguite degli Amici

della Musica di Modena. Tre imperdibili

appuntamenti con altrettanti nomi eccelsi,

preceduti da altrettanti incontri-lezioni

(vedi box a lato), per programmi vari ed

avvincenti che toccano le più affascinanti

espressioni della musica colta del nostro

secolo.

Giovedì 11 marzo (ore 21.15 - ingresso

gratuito) ci si immergerà nelle sonorità pianistiche

di inizio novecento, a tratti misteriose

ed ammalianti, a tratti sconvolgenti,

che hanno reso grandi compositori quali

Debussy, Schönberg, Skrjabin, Janàcek e

molti altri. Sono proprio questi nomi che

caratterizzeranno il programma di Ciro

longobardi, che dedicherà la prima parte

del concerto al Primo Libro dei Preludes

di Claude Debussy, la seconda a brevi

capolavori degli altri compositori citati.

Ciro Longobardi è impegnato da più di

quindici anni nello studio e nella diffusione

del repertorio e dei linguaggi musicali

moderni e contemporanei. Animato da

grande curiosità per tutte le possibilità

offerte dal fare musica, è attivo sia come

NOTE DI PASSAGGIO

Il mese degli Amici della Musica termina con

il ritorno della rassegna Note di Passaggio:

sabato 27 marzo (ore 21.15 - ingresso

gratuito) nella Basilica di San Cesario si

esibirà il formidabile Jordi Palomares,

pianista scintillante e comunicativo, pronto a

cimentarsi con un impegnativo programma

incentrato sulla musica spagnola, da Ravel

a Turina ad Albeniz, passando per Mompou

e Granados: un’occasione per ascoltare

certe sonorità troppo spesso trascurate, in

un’esecuzione a regola d’arte.

L’appuntamento successivo per Note di

Passaggio sarà il 10 di aprile a Spilamberto,

con una lezione-concerto speciale dedicata

al ompositore Schumann, curata e

presentatoadal grande musicologo Guido

Salvetti, nome di livello internazionale in

ambito musicologico.

[30] - il mese marzo \2010

DI MICHElE PElIllO

Da Debussy

al Dadaismo

Sopra una foto di Emanuele Arciuli, in basso a

destra un’immagine dell’Ensemble Dissonanzen

solista che come camerista, oltre che in

progetti multimediali, di teatro musicale e

d’improvvisazione.

Il giorno seguente, venerdì 12 (ore 21.15

- ingresso gratuito), si rimane in atmosfera

di avanguardia francese di inizio secolo con

un progetto sperimentale decisamente

interessante: le musiche di Satìe, rivisitate

nelle improvvisazioni dell’Ensemble Dissonanzen,

accompagneranno tre esclusivi

cortometraggi di Man Ray, artista poliedrico

che ha alimentato il fuoco dell’avanguardia

dadaista di quel periodo.

L’ultimo concerto della rassegna è quello

di venerdì 19 con Emanuele Arciuli (ore

21.15), uno dei pianisti italiani più attenti

alla musica contemporanea, che presenterà

un repertorio raffinato e complesso:

Grieg, Bartók, Cage, Crumb, Rzewsky,

Chacon, tutti nomi fondamentali per lo sviluppo

delle sonorità avanguardistiche della

musica classica nel novecento, rivisitati

con l’attenzione e la classe di un talento

come Arciuli. Tutti i concerti avranno luogo

al Teatro delle Passioni.

Info: 059 372467 www.amicidellamusica.info

Alle passioni salgono

in cattedra i musicisti

Il cammino della Nuova Musica è il

titolo della nuova e curiosa iniziativa

organizzata dagli Amici della Musica di

Modena in collaborazione con la Facoltà

di Lettere e Filosofia dell’Universaità

degli studi di Modena e Reggio Emilia.

Il ciclo di lezioni e concerti sul Novecento

musicale prende il via martedi

9 e mercoledi 10 marzo (Facoltà di

Lettere e Filosofia, ore 16) con il compositore

Claudio Rastelli impegnato in

due lezioni che introducono ai linguaggi

musicali del Novecento; la crisi del

linguaggio musicale “tradizionale” e

l’apertura a nuove “soluzioni”.

Giovedi 11 marzo è il pianista Ciro

longobardi (Teatro delle Passioni, ore

15) a tenere una lezione sulla scrittura

pianistica degli ultimi cent’anni, con

esempi ed esecuzioni al pianoforte

mentre venerdi 12 marzo (Teatro

delle Passioni, ore 15), l’Ensemble

Dissonanzen propone una lezione con

musica dal vivo intorno alle tecniche di

improvvisazione,

L’ultimo incontro è previsto giovedi 18

marzo (Facoltà di Lettere e Filosofia,

ore 16) tenuto dal pianista Emanuele

Arciuli, esperto di letteratura

pianistica americana. Le lezioni sono

riservate a studenti universitari (consentono

di maturare crediti formativi)

ai sociAdM e agli abbonati Teatro delle

Passioni. È comunque possibile diventare

sociAdM in ogni momento.

Info: www.amicidellamusica.info


Nafshi il suono dell’anima

Sabato 13 marzo un concerto aperitivo dedicato all’opera di Adriano Guarnieri

Il mese a venire si prospetta vario ed

intenso per la Gioventù Musicale Italiana

sede di Modena: tre appuntamenti con

altrettante rassegne di grande musica, in

grado di soddisfare i gusti e le aspettative

di tutti gli appassionati.

Venerdì 5 marzo (inizio ore 21) il prestigioso

Festival Pianistico porterà all’Auditorium

Marco Biagi l’incredibile talento di Pietro

De Maria, uno dei più apprezzati pianisti

italiani, che la GMI aveva già avuto occasione

di ospitare nel 2003 in apertura

del festival “Van Sonate”. Se il repertorio

che l’aveva visto protagonista allora era

incentrato sulle sonate pianistiche di Beethoven,

il programma di quest’anno muove

in direzioni diverse, perlopiù esterne al

pianismo classico-romantico, spaziando

da Scarlatti al contemporaneo Kapustin, a

Chopin, a Clementi. Pietro De Maria svolge

un’intensa attività concertistica come

solista con prestigiose orchestre e con direttori

quali Roberto Abbado, Gary Bertini,

Myung-Whun Chung, Vladimir Fedoseyev e

Daniele Gatti.

Continua anche l’appuntamento pomeridiano

con la rassegna Concerti Aperitivo:

sabato 13 marzo (ore 17.30), sempre

all’Auditorium Marco Biagi, un ensemble

di eccezione proporrà un programmadi

grande innovazione. Nafshi, infatti, non

è soltanto l’omonima opera di Adriano

Guarnieri: è un termine ebraico dal doppio

significato di “la mia anima” ed “il mio

respiro”, filo conduttore in un programma

passa in rassegna diversi sguardi interiori

rivolti alla “propria anima” in relazione ad

un “proprio corpo”, articolandosi

in due blocchi simmetrici.

Il flauto di Annamaria Morini

ed il violino di Enzo Porta saranno

accompagnati sul palco

dal sestetto vocale Speculum

Ensemble.

Da non perdere anche l’ultimo

appuntamento della rassegna

Piani Diversi, che l’1 aprile (ore

21.30) stimolerà il gusto degli

ascoltatori con un confronto

pianistico mozzafiato, in grado

di unire due mondi idealmente

distanti come la classica ed il

jazz. La cornice è il Baluardo

della Cittadella, casa del jazz

modenese, ed i protagonisti

sono i grandi pianisti Fausto

Bongelli e Stefano Battaglia:

il primo è un esecutore “classico”

con consolidate esperienze

anche nell’avanguardia musicale

novecentesca; il secondo un interprete

molto originale, che da una riconoscibile

formazione classica si è spinto ad una

esplorazione della ricerca musicale che

sfugge alle classificazioni di genere. Presenterà

la serata il musicologo Maurizio

Franco, uno dei maggiori esperti italiani

ed europei di jazz.

Segnaliamo poi il Concerto in memoria di

Roberto Verti previsto martedì 16 marzo

(ore 21 - ingresso libero) al Duomo di

Modena con il gruppo vocale Odhecaton e

Liuwe Tamminga all’organo.

Info: 059 235736

CALENDARIO

5 marzo - ore 21.00 Festival pianistico

Auditorium Marco Biagi

Pietro De Maria pianoforte

13 marzo - ore 17.30 Concerto apertitivo

Auditorium Marco Biagi - Nafshi

Annamaria Morini flauto - Enzo Porta violino

Speculum Ensemble sestetto vocale

16 marzo - ore 21

Duomo di Modena

Odhecaton gruppo vocale

Liuwe Tamminga organo

1 aprile - ore 21.30 Piani diversi

Baluardo della Cittadella

Fausto Bongelli pianoforte

Stefano Battaglia pianoforte jazz

Grandezze & Meraviglie da ascoltare

Sotto l’etichetta Antiqua, è uscita nelle

migliori edicole italiane l’ultima produzione

musicale del XII Festival Musicale Estense

Grandezze & Meraviglie. La registrazione

“live” del concerto Bach & alii eseguito

dall’Arte dell’Arco il 20 ottobre scorso, propone

i concerti a tre e quattro Cembali e

archi di Bach, un concerto in stile barocco

commissionato dal Festival al compositore

Gianluca Bersanetti. I solisti sono Michele

Barchi, Roberto Loreggian, Francesco

Baroni e Francesca Bacchetta, con la direzione

di Federico Guglielmo, primo violino.

Ai brani si aggiunge un “bonus” con il concerto

di Vivaldi a quattro violini, che Bach

Annamaria Morini e Enzo Porta

trascrisse a quattro cembali. Antiqua

è una collezione dedicata alla musica,

alla storia e alle arti dal Medioevo al

Barocco. Esce bimestralmente e si presenta

in forma di volumetto; ciascuno

è focalizzato su un repertorio specifico

e sul contesto che lo vide nascere. Di

volta in volta viene presentato un luogo,

un’epoca storica e un ambiente culturale

dei quali le musiche del cd - eseguite

secondo i criteri del restauro filologico

- sono trait-d’union e colonna sonora. In

questo caso il luogo è Dresda, città che

contribuì all’appropriazione da parte di

Bach dell’arte di Vivaldi.

musica


musica

5 marzo

MOTEl CONNECTION

H.E.R.O.I.N lIVE

Il gruppo presenta il terzo album

in studio del progetto di

Samuel, DjPisti e Pierfunk

VOX, NONANTOlA

DA NON PERDERE A MARZO

11 marzo

DE ANDRÈ CANTA

DE ANDRÈ

Un meraviglioso viaggio musicale

nel mondo di Fabrizio con

gli occhi e la voce di Cristiano

PAlAPANINI, MODENA

[32] - il mese marzo \2010

18 marzo

RITA MARCOTUllI

E PIETRO TONOlO

La celebre pianista dalle sonorità

potenti e delicate si esibisce

con il virtuoso sassofonista

BAlUARDO, MODENA

7 marzo

RUMì

CON lUISA COTTIFOGlI

Connubio perfetto tra suoni,

immagini e parole

SAlA A GRADONI

MODENA

25 marzo

ROBERTO GATTO

lYSERGIC BAND

Formazione composta da organo

Hamond, tromba, sassofoni

e batteria

BAlUARDO, MODENA

Voci e parole al femminile

Domenica 7 marzo in citil canto e le percussioni di Luisa Cottifogli e le melodie di Tango Fatal

In occasione della Festa della Donna il Comune di Modena

Comitato Pari opportunità, Assessorato alle Pari Opportunità

e Assessorato alla Cultura, in collaborazione con le circoscrizioni

e avvalendosi dell’organizzazione di Emilia Romagna

Teatro Fondazione, propone un ricco cartello di incontri,

spettacoli teatrali (vedi pag. 18) e concerti. Domenica 7

marzo alle ore 17.30, presso la Sala a Gradoni in via Cialdini

(Modena), le percussioni e la voce di luisa Cottifogli animano

lo spettacolo Rumì, connubio perfetto tra suoni, immagini e

parole. Da sempre conosciuta per le originali sperimentazioni

in campo musicale e per le collaborazioni con artisti famosi

(Quintorigo, Fossati, Dalla), l’artista propone al pubblico nuove

melodie attraverso l’unione dell’antica lingua di Romagna con

ritmi contemporanei. Lo spettacolo ruota attorno alla figura,

realmente esistita, del mendicante Rumì che, vagando per le

pianure emiliane, intonava le proprie orazioni in cambio di un

pezzo di pane. La cantante rende omaggio a questa figura

personalizzandone accenti e pronunce e introducendo tracce

musicali moderne al fine di creare un legame tra la tradizione

e la modernità.

Alle ore 18.30 presso il Circolo XXII Aprile di via Donati è la

volta dello spettacolo Tango Fatal, rilettura in chiave europea

e tutta al femminile di una delle melodie più famose al mondo.

Questo ballo, che comprende musica e danza, nasce nella

regione del Rio de la Plata (tra Argentina ed Uruguay) intorno

Racconti da ogni parte del mondo

Domenica 7 marzo alle ore 15.30 presso il Portierato

Sociale c/o Windsor Park (via San Faustino 155) è in

programma l’evento Scrittrici dal mondo. Federica Fabiani e

Francesca Debri presentano testi selezionati da Biblioteca

Comunale Antonio Delfini. Poesie, fiabe e brevi racconti

dall’Egitto alla Romania,dall’Albania alla Polonia, un contributo

alla reciproca conoscenza attraverso uno sguardo al

femminile su mondi sempre meno lontani.

Luisa Cottifogli

alla seconda metà dell’800, si sviluppa fortemente anche in

Italia fino agli anni Quaranta e il 30 settembre 2009 l’Unesco

l’ha dichiarato Patrimonio Culturale Intangibile dell’Umanità. Il

gruppo (voce, pianoforte, viola, fisarmonica, cahon e violino),

attraverso tanghi e milonghe, ripercorre la storia di questa

danza portando in scena le sue atmosfere passionali e travolgenti

alternando brani strumentali e brani cantati, tango

classico e nuevo ed anche pezzi originali. Le diverse esperienze

di ogni componente del gruppo (dalla musica classica a quella

leggera) creano linguaggi stilistici differenti che si ricongiungono

in un unico ed eterogeno spettacolo fatto di diverse

contaminazioni culturali che rendono unica la reinterpretazione

di questi ritmi latini. [Annalisa Malavolta]

Info: 059 2032819 www.comune.modena.it/pariopportunita


7 marzo

TANGO FATAl

Rilettura in chiave europea e

tutta al femminile di una delle

melodie più famose al mondo

CIRCOlO XXII APRIlE

MODENA

26 marzo

GIUlIANO PAlMA & THE

BlUEBEATERS

Presentano il loro ultimo lavoro

“Combo” commistione di generi

tra ska, pop, rock e reggae

VOX, NONANTOlA

CLASSICA

Prosegue la stagione di concerti

dell’Istituto Superiore di Studi

Musicali Vecchi-Tonelli di

Modena, Consonanze Musicali.

Martedì 9 marzo alle ore 21

presso il Teatro San Carlo

ospite il quartetto di sassofoni

dell’Istituto Vecchi-Tonelli e

sabato 27 marzo alle ore

17.30 nella Sala delle Vedute di

Palazzo dei Pio a Carpi Nicola

Fratti al pianoforte. Sabato 13

alle 18, sempre a Carpi, lezioneconcerto

con Tarcisio Balbo.

Info: 059 2032925

De Andrè canta De Andrè

Il tour dedicato al poeta della canzone fa tappa a Modena al PalaPanini

Dopo un 2009 di sold out e riconoscimenti,

tra cui il titolo di “Miglior tour dell’anno”,

Cristiano De Andrè riparte in tour con De Andrè

canta De Andrè e giovedì 11 marzo farà

tappa anche al PalaPanini di Modena. Rispetto

al progetto iniziale, pensato come tournee

estiva in ricordo del padre Fabrizio nel decimo

anniversario dalla sua scomparsa, il tour

sarà arricchito di nuove

date e alcune novità, in un

omaggio senza tempo ad

un padre e poeta che ha

lasciato la sua impronta

indelebile sulla storia della

canzone italiana.

Cristiano De Andrè, polistrumentista,compositore,

cantautore è accompagnato

da quattro musicisti:

Osvaldo Di Dio alle chitarre,

Davide Pezzin al basso

e contrabbasso, Davide

Devito alla batteria, coordinati

da Luciano Luisi, già

arrangiatore di Zucchero e

Ligabue, al piano, tastiere

e programmazione. La regia dello spettacolo

è di Pepi Morgia, regista di tutti gli spettacoli

di Fabrizio.

“De Andrè canta De Andrè”, progetto di Bruno

Sconocchia e Michele Torpedine, segna definiti-

vamente il passaggio del testimone di un’eredità

complessa che Cristiano ha atteso prima di reinterpretare,

ma che adesso ha finalmente deciso

di ricostruire ed arricchire attingendo al baule

della memoria. All’interno dello spettacolo l’unico

brano scritto interamente da Cristiano è “Dietro

la porta”, con cui si aggiudicò il secondo posto e

il Premio della Critica nel Sanremo 1993: un piccolo

ponte tra tutto ciò che

suo padre ha rappresentato

per lui e per il pubblico.

Nato il 29 dicembre 1962

Cristiano è cresciuto in un

vivace ambiente culturale,

dove teatro e musica sono

state componenti quotidiane.

Villaggio, Tognazzi, Tenco,

Lauzi, Paoli e De Gregori

sono amici ed abituali frequentatori

di casa De André.

A 11 anni Cristiano si

avvicina con successo alla

chitarra, a 17 al violino, che

studia per cinque anni al Conservatorio

Paganini di Genova.

Dopo le prime esperienze

con il gruppo “Tempi Duri” nel 1985 Cristiano

intraprende la carriera di cantante solista.

I biglietti sono in vendita tramite il circuito TicketOne

(www.ticketone.it). [Letizia De Felice]

Info: www.studiosonline.it

Jazz tutto italiano al Baluardo della cittadella

Sul palco a marzo Alessandro

Magnanini, Roberto Gatto

Band e il duo Marcotulli Tonolo

Tre imperdibili appuntamenti con il jazz in

chiave italiana. Tre giovani proposte che

riempiranno di atmosfera e suggestioni i

giovedì sera al Baluardo della Cittadella.

Il 4 marzo è in cartellone l’esibizione di

Alessandro Magnanini, compositore,

produttore e chitarrista emiliano già collaboratore

di Mario Biondi, che presenterà

al pubblico il suo disco d’esordio “Someway

still I do”, ricco di suggestioni delle orchestre

degli anni ‘50 e ‘60 innestate in un

suono contemporaneo, che si concede

qualche ammiccamento al pop. La musicalità

proposta durante il concerto sarà

assai ricca: alla chitarra di Magnanini si

aggiungeranno pianoforte, basso, batteria

e tre voci soliste.

Il duo pianoforte-sassofono composto

da Rita Marcotulli e Pietro Tonolo sarà

invece protagonista della serata di giovedì

18 marzo. La coppia incarna un perfetto

connubio jazzistico fra un’artista come la

Marcotulli, caratterizzata da sonorità

potenti e delicate al tempo stesso, alla

continua ricerca di sensazioni evocative,

e un musicista come Tonolo che utilizza

i suoi virtuosismi per giungere ai limiti

dell’espressione armonica. Chiude il

cartellone del mese, il 25 marzo la Roberto

Gatto lysergic Band, formazione

composta da organo Hamond, tromba,

sassofoni e batteria. Dalla sezione ritmica,

di cui è grande interprete, Gatto

parte per un viaggio artistico che lo

porta a contaminare la propria musica

con altri linguaggi; gli altri strumenti

sono i fondamentali compagni di avventura

che lo hanno accompagnato fino

alla realizzazione del suo ultimo lavoro

discografico, uno dei più riusciti nel

panorama jazzistico italiano degli ultimi

anni. I concerti hanno inizio alle ore

21.30. [Eugenio Fedolfi]

Info: www.baluardodellacittadella.it

musica


musica

concerti live al Vox club

Aprono il mese sul palco di Nonantola i Motel Connection e venerdì 26

commistioni ska, soul e reggae con Giuliano Palma & The Bluebeaters

Due eventi, due atmosfere differenti e due modi di intendere

la musica. Venerdì 5 marzo il Vox Club di Nonantola ospita

il concerto dei Motel Connection; lo stesso palco sarà calcato il

26 marzo dal gruppo di Giuliano Palma & The Bluebeaters.

Nati all’inizio del nuovo millennio, i Motel Connection hanno

influenzato la scena dance italiana di questi anni. Nascono a

Torino nel gennaio 2000 grazie all’incontro tra Samuel (voce

dei Subsonica), Pisti (dj house) e Pierfunk (ex-bassista dei

Subsonica). In occasione della data modenese presenteranno

il loro nuovo album H.E.R.O.I.N., anticipato dall’uscita dell’omonimo

singolo.

Giuliano Palma & The Bluebeaters, la band capace di eccellere

nei classici ska e del northern soul come nel riarrangiare e

dare nuova linfa a brani più commerciali, presenta venerdì 26

le canzoni del suo ultimo album “Combo”. Quattro gli inediti, tra

brani firmati dalla coppia Giuliano Palma e Fabio Merigo e ”Un

grande sole”, scritta e interpretata insieme a Samuel Romano,

Torna ad esibirsi a Formigine la Spira

Mirabilis, il gruppo di giovani musicisti

professionisti italiani e stranieri provenienti

dalle più prestigiose orchestre

ed accademie d’Europa. Il 15 marzo

alle ore 21 presso la Sala Teatro della

[34] - il mese marzo \2010

voce dei Subsonica. In

”Combo” si trovano poi

cover che spaziano dal

Battisti meno conosciuto,

all’omaggio finale alla

saga di 007, passando

per un classico degli

Stray Cats e il punk

dei Buzzcocks, più pop

italiano vecchia maniera,

hit anni Sessanta

e canzone d’autore. In

tema di contaminazioni musicali, ad ampliare lo spettro sonoro

di questo ultimo lavoro contribuisce anche un’orchestra di 18

elementi, che per la prima volta accompagna le note leggere

della band regina dei live

Info: www.voxclub.it

spira Mirabilis alle prese con schubert

Polisportiva la formazione eseguira la

Sinfonia n.3 in Re maggiore D.200 di

Schubert.

“Volevamo proseguire lungo il nostro

percorso schubertiano - spiegano i musicisti

- questa la ragione principale. È una

sinfonia dove le luci sembrano prevalere

sulle ombre, dove tutt’al più si giunge ad

una composta maestosità senza essere

scossi dalle inquietudini di sinfonie come

la Quarta o vinti dalla fragilità di sinfonie

come la Quinta (per citare brani con i quali

ci siamo confrontati), e prevale una sorta

di vitalità eburnea, che non osa abbagliare

ma che ci permea delicatamente”.

il Quartetto Euphoria show!

Ospite al Cinema Teatro Troisi per la rassegna Musica Ridens

A seguito di un accordo di collaborazione stretto tra il Comune

di Nonantola e il centro teatrale La Corte Ospitale, quest’ultimo

ha collaborato con Officine Musicali per la realizzazione

della tradizionale rassegna Musica Ridens.

I prossimi appuntamenti presso la Sala Cinema Teatro Massimo

Troisi di Nonantola sono: giovedì 18 marzo alle ore 21

The Quartetto Euphoria in Quartetto Euphoria Show! per la

regia Banda Osiris e giovedì 8 aprile, sempre alle ore 21,

Microband in S.M.S.(Strange Music Simphony). Il Quartetto

Euphoria nasce nel 1999 dalla collaborazione con la Banda

Osiris che, nel 2000, accompagnano nella fortunata tournée

di “Roll Over Beethoven”. Collabora con artisti di fama internazionale

tra cui Skin degli Skunk Anansie, Stefano Bollani, il duo Petra Magoni e

Ferruccio Spinetti.

Info: 0522 621133

“Non tanti di noi hanno confidenza con

questa sinfonia - proseguono - scopriremo

con voi i suoi segreti e con voi

ci lasceremo sorprendere da ciò che

Schubert, appena diciottenne, avrà

nascosto tra le pieghe della musica.

Rientra per noi in quel novero di sinfonie

alle quali “volere bene”, che hanno

bisogno di essere suonate, e protette.

Lasciarla semplicemente accadere

potrebbe sottrarcela”. Il progetto è

promosso dal Comune di Formigine e

sostenuto dalla Fondazione Cassa di

Risparmio di Modena.

Info: www.comune.formigine.mo.it

Al Dadà un concerto

per i terremotati di Haiti

Venerdì 19 marzo alle ore 21 al

Teatro Dadà di Castelfranco Emilia è

in programma una serata musicale

di beneficienza per Haiti: una evento

che vuole dare un segnale forte di

solidarietà e vicinanza umana a quel

popolo che sta soffrendo.

La serata, che vedrà la presenza di

musicisti e personalità della Provincia

di Modena, è organizzata dall’Associazione

“Castelfranco Blues Festival

in collaborazione con la città di Castelfranco

Emilia. L’incasso sarà devoluto

interamente ai terremotati.

Info: 059 959377


Nuove Scenergie a Mirandola

All’Auditorium del Castello gli artisti dell’Accademia Kairos

e Ivano Marescotti accompagnato dai Buskers Guitar Sketch

Torna per il quarto anno Scenergie, la

rassegna, organizzata dal Comune di

Mirandola in collaborazione con la Fondazione

Scuola di Musica “Carlo e Guglielmo

Andreoli”, l’Associazione Amici della Musica

Giorgio Necordi costruttore di Theremin

Un appuntamento davvero originale quello di giovedì 11

marzo alle ore 21 presso la Fonoteca comunale di Nonantola

con Giorgio Necordi e l’evento Del Theremin e di

altre meravigliose invenzioni. Un viaggio alla (ri)scoperta

di un affascinante strumento, antesignano di tutti gli

strumenti elettronici, e del suo inventore la cui incredibile

storia personale si intreccia senza soluzione di continuità

alle alterne fortune delle sua più importante invenzione,

segnando un’epopea che lo ha portato, di fatto, ad essere

uno dei padri della musica elettronica. Giorgio Necordi ha

cominciato ad interessarsi all’universo “Theremin” nella

metà degli anni 90. Appassionato costruttore egli stesso di

Theremin, dalla fine degli anni novanta gestisce un portale

web che con il tempo è diventato un importante punto di riferimento per tutti coloro

che intendono avvicinarsi allo strumento.

Info: 059 548361

fuori provincia

e con il contributo della Fondazione Cassa

di Risparmio di Mirandola. Venerdì 5 marzo

all’Auditorium del Castello Pico alle ore 21

è in programma il Gran Galà dell’Operetta

introdotto da Paola Fornasari Patti,

presidente dell’Accademia di Formazione

Artistica Kairos di Verona. Saranno eseguiti

numerosi brani dalle più celebri operette.

Di scena gli artisti dell’Accademia Kairos

e al pianoforte Federico Donadoni. Ultimo

appuntamento di “Scenergie 2010” sarà

venerdì 19 marzo, all’Auditorium del Castello

Pico alle ore 21, con A tu per tu con

l’attore: Ivano Marescotti racconta. Voce

narrante di Ivano Marescotti, musiche dei

Bruskers Guitar Sketch, Eugenio Polacchini

e Matteo Minozzi.

Info: 0535 610944

Temirkanov e la Filarmonica di San Pietroburgo

Martedì 16 marzo alle ore 21 Yuri Temirkanov, grande

maestro alla testa della prestigiosa orchestra russa sarà

ospite al Teatro Regio di Parma per una serata, in favore

del Comitato Parma per Haiti, realizzata grazie al sostegno

di Wegh Group, Teatro Regio di Parma. Temirkanov

sarà sul podio alla guida dell’Orchestra Filarmonica di

San Pietroburgo, il sontuoso complesso che vanta una

storia di infiniti successi in tutto il mondo. Interamente

consacrato a due dei più amati autori della scuola russa,

il programma dell’appuntamento straordinario della

Stagione Concertistica 2010 si aprirà con il secondo

Concerto in do minore op. 18 di Sergej Rachmaninov. .

Il ricavato sarà devoluto al Comitato “Parma per Haiti”,

per la realizzazione, nell’isola colpita dalla tremenda calamità, di un Centro di produzione

protesi per i bambini mutilati dal terremoto.

Info: www.teatroregioparma.org

PRECARIART

SERATE

PRECARIE

LʼAssociazione Precariart, in collaborazione

con il Teatro dei Segni e Arci

Modena, è felice di presentare la terza

edizione di Serate Precarie.

La rassegna si propone come nelle passate

edizioni di aprire un corridoio comunicativo

tra lʼarte di strada e il teatro canonico

attraverso la commistione dei due generi.

Quattro magiche serate allʼinsegna del

divertimento che vedranno alternarsi sul

palco personaggi clowneschi, saltimbanchi,

giocolieri ed acrobati, per grandi

e per piccini. Al Teatro dei Segni.

Il 3 marzo Gambeinspallateatro

arriva con Dejavu, spettacolo di ombre,

bolle e luci. Luminose particelle di cose già

viste svaniscono nel buio per rincontrarsi

ancora come in un dejavu, in attesa che il

vero si sveli in un nuovo sogno. Di e con

Eros Goni e Patrizia Ianni.

Il 10 marzo Carolina Khoury presenta

Mare Crisium, spettacolo noir umoristico

per attrice e burattino adatto ad un

pubblico adulto e liberamente tratto da

Salomè di Oscar Wilde. Come i sette veli

di Salomè l'attrice gioca sette diversi ruoli

alternando stili differenti che si intersecano

e coesistono tra loro.

Il 17 marzo Andrea Menozzi in arte

Stoppino con lo spettacolo Driiin. Artista

poliedrico ha iniziato gli studi teatrali

presso la scuola di teatro Galante Garrone

di Bologna, approfondendo successivamente

la sua ricerca con Yves Lebreton,

Jean Menigault, Pierre Byland, Leris

Colombaioni.

Il 24 marzo con Osvaldo Carretta e

Valda nello spettacolo Però?!. Due

personaggi che evocano una dimensione

antica e popolare, ci riconducono ad una

tradizione che affonda le sue radici nella

storia del teatro viaggiante e nella

commedia dell'arte. Di e con Marta

Mingucci e Stefano Corrina.

Tutti gli spettacoli si terranno al

Teatro dei Segni in via San Giovanni

Bosco 150, inizio alle 21.30.

Info e prenotazioni:

precariart@gmail.com

info@teatrodeisegni.com

347/1176932

www.precariart.it

musica


cinema

>cinema

[36] - il mese marzo \2010

DI AlBERTO MORSIANI

Dalla Turchia

alla Truffaut

Dal 16 marzo presso la Sala di via degli Adelardi

dieci film realizzati da registi turchi contemporanei

Produzioni indipendenti che delineano una corrente

composta da differenti sguardi e approcci narrativi

Inizia alla sala Truffaut, in collaborazione

con il Ministero per la Cultura e il Turismo

della Repubblica di Turchia, una importante

rassegna dedicata al cinema turco

contemporaneo: dieci film naturalmente

inediti, proposti in versione originale con

sottotitoli italiani preparati per l’occasione.

La rassegna, denominata Il cielo sopra

Istanbul, prende avvio martedì 16 marzo

per concludersi mercoledì 14 aprile. In

Turchia è emersa una nuova generazione

di registi indipendenti, che ha rilanciato il

cinema d’autore, realizzando film di qualità

con budget limitati. I più rappresentativi (tutti

nati negli anni ’60) sono Nuri Bilge Ceylan,

Yesim Ustaoglu, Zeki Demirkubuz, Dervis

Zaim, Semih Kaplanoglu e Reha Erdem.

Anche se ogni film è un progetto diverso e i

collegamenti tra i registi citati non definiscono

un vero e proprio movimento culturale,

c’è però un background professionale e

produttivo comune: la non frequentazione di

scuole di cinema, l’apprendistato attraverso

LA RASSEGNA

il cielo sopra istanbul

La rassegna propone 10 titoli tra i più

significativi degli ultimi anni:

16 marzo - Libro d’estate di Yamac Okur

17 marzo - Il vaso di Pandora

di Yesim Ustaoglu

23 marzo - La paura dell’uomo di Dio

di Ozer Kiziltan

24 marzo - Autunno di Ozcan Alper

30 marzo - Destino di Zeki Demirkubuz

31 marzo - Latte di Semih Kaplanoglu

6 aprile - Tempi e venti di Reha Erdem

7 aprile - Nuvole di maggio

di Nuri Bilge Ceylan

13 aprile - Mio padre, mio figlio

di Cagan Irmak

14 aprile - Punto di Dervis Zaim

la realizzazione di cortometraggi, il costante

e decisivo riferimento al proprio patrimonio

autobiografico, da cui deriva che molto

spesso i registi sono anche sceneggiatori

dei loro film. Comune è poi la residenza a

Istanbul dove, negli ultimi 15 anni, sono

aumentate le facilitazioni tecniche e distributive

a favore del cinema indipendente.

Comune è anche l’ethos cinematografico.

Si tratta di un cinema personale con una

grande varietà di stili e di approcci narrativi,

ma che, in un’ottica assolutamente

il giovedì in compagnia

del mito sergio Leone

Il grande Sergio Leone viene omaggiato alla sala Truffaut

con la retrospettiva integrale delle sue opere: Al cuore,

Ramon, al cuore! è il titolo della rassegna che prevede

8 titoli (alcuni restaurati) ogni giovedì dal 18 marzo al 29

aprile. Leone (1929-89), dopo aver fatto l’aiuto-regista e lo

sceneggiatore, dirige il suo primo film nel 1961, Il colosso

di Rodi (in cartellone il 29 aprile), avventura mitologica in cui

già mostra la sua sapienza spettacolare e lo spirito ironico e

beffardo. Il film che segna la sua svolta è però Per un pugno

di dollari (1964, 18 marzo), che firma con lo pseudonimo di

Bob Robertson, con cui realizza un western atipico e personale,

in cui la violenza è sottolineata da una regia barocca e

dilatata che influenza profondamente altri registi (Peckinpah,

Tarantino) e affronta i canoni del genere con sottile taglio

dissacratore. L’enorme successo del film è confermato dagli

altri titoli della cosiddetta “trilogia del dollaro”, sempre con


SPAZIO APERTO

Prime visioni tra viaggi

amore e integrazione

Nell’ambito di Spazio aperto - Inediti e

riscoperte, il Circuito Cinema propone

alla sala Truffaut diverse imperdibili

prime visioni. Venerdì 19 e sabato

20 marzo è in cartellone Il canto delle

spose (2008) della tunisina Karn

Albou. Tunisia 1942. Nour e Myriam

sono unite da un affetto fatto di una

tensione tenera e appassionata, sono

cresciute insieme, vicine, compagne,

confidenti. Due adolescenti in simbiosi

che trovano un completamento e che

verranno travolte dalla follia di un Olocausto

esportato anche in Nord Africa.

La regista, con sensibilità e talento,

racconta delle donne divise dal conflitto

moderna, esprime un tratto comune: la

valorizzazione visiva del non detto e del non

agito, quindi delle emozioni che la commozione

o la monotonia della vita quotidiana

impediscono di esprimere apertamente.

In quasi tutti i film più significativi esistono

personaggi incapaci di parlare o a disagio

con la parola o incapaci di far comprendere

agli altri i propri sentimenti. È il segno di

un linguaggio naturalmente limitato, ma

anche della malinconia e della frustrazione.

Spesso, il non detto riguarda tematiche

sociali e politiche quali la discriminazione,

il pregiudizio, la violenza nascosta, la crisi

d’identità e l’amnesia culturale. Sentimenti

inespressi, assenza di appartenenza,

resistenza all’identificazione con codici so-

ma sempre unite dalla loro condizione di

genere. Venerdì 26, sabato 27 e domenica

28 marzo è la volta di Francesca

(2009) del rumeno Bobby Paunescu. La

protagonista vuole partire per Milano con

un progetto socialmente utile: aprire un

asilo per immigrati, per aiutare i connazionali

e modificare la “percezione” pessima

dei rumeni in Italia. Il suo sogno è distrutto

da problemi interni della società rumena:

l’emigrazione si è trasformata in business

illegale. Il film a Venezia ha suscitato polemiche

per le invettive contro il sindaco

leghista di Verona e Alessandra Mussolini.

Il 3 aprile si vedrà il delicatissimo Il viaggio

di Jeanne (2008) della francese Anna

Novion. Ogni anno Albert fa visitare un

paese diverso a sua figlia Jeanne. Per i 17

anni di lei la porta in un isolotto svedese,

dove lui è convinto di trovare il tesoro

ciali determinati, vagabondaggio come fuga

dalle convenzioni, identità come limbo: tra

la città e la campagna, tra l’appartenenza

etnica e quella politica, o persino tra la ra-

Clint Eastwood protagonista e le musiche celeberrime di

Ennio Morricone: Per qualche dollaro in più (1965, 25

marzo) e Il buono, il brutto, il cattivo (1966, 1 aprile),

due opere che segnando la nascita dello spaghetti-western

definiscono un linguaggio in cui la violenza dell’azione è immersa

in tempi narrativi sospesi assumendo la sacralità di

un gesto carico di mito e di sordida brutalità. Leone affronta

la morte dell’epopea della frontiera e la fine del mito con

C’era una volta il West (1968, 15 aprile). In Giù la testa

(1971, 8 aprile), storia di un terrorista irlandese che partecipa

alla rivoluzione messicana, si esprime apertamente

lo spirito libertario e antimperialista dell’autore. Nel 1984

è la volta di “C’era una volta in America”, ascesa e declino

di due gangster ebrei newyorkesi, ambientata tra il 1923

e il 1968 e impregnata di un forte senso della violenza e

dell’onore, che non è possibile proporre perché la copia non

è in buone condizioni. Nella rassegna è invece compreso

il divertente western Il mio nome è Nessuno (1973, 22

aprile), con Terence Hill e Henry Fonda, che è firmato da

Tonino Valerii ma che Leone ha prodotto, ideato e di cui

ha girato diverse sequenze.

perduto di un leggendario vichingo. Il

viaggio trasforma padre e figlia, il cui

sguardo sugli adulti si ridimensiona:

visti da vicino, i “grandi” le appaiono

alla sua altezza.

Info: 059 536288

zionalità e la follia. I personaggi riflettono lo

sradicamento e le contraddizioni del regista

nella sua costante ricerca di verità e di

identità. L’autobiografismo porta in campo

anche i temi della famiglia, della relazione

padre-.figlio e madre-figlio, i contrasti coniugali

o di coppia, l’impegno nei movimenti

di ribellione e nella politica, il collegamento

tra personale e politico.

Tutto ciò ritroviamo nei film in rassegna,

scelti tra i migliori proposti nei festival internazionali.

libro d’estate (2008) di Yamac

Oku (16 marzo), che apre la rassegna,

descrive la routine quotidiana e la potenziale

deriva drammatica di una famiglia; Il vaso

di Pandora (2008) di Yesim Ustaoglu (17

marzo) è un dramma famigliare con al centro

i temi della vecchiaia e della contraddizione

città/campagna; la paura dell’uomo

di Dio (2006) di Ozer Kiziltan (23 marzo)

è un dramma costruito come un thriller su

un modesto impiegato coinvolto in intrighi;

Autunno (2008) di Ozcan Alper (24 marzo)

racconta il dramma di una generazione

delusa a causa della dura realtà sociale e

politica; Destino (2006) di Zeki Demirkubuz

(30 marzo) è un melodramma privo di

climax e di catarsi, un triangolo amoroso

tra passione e dannazione: latte (2008) di

Semih Kaplanoglu (31 marzo) è il secondo

capitolo di una trilogia ambientata in una

regione rurale in cui emerge il contrasto

tra tradizione e modernizzazione. Seguono

in aprile altri quattro film.

Info: 059 536288

In apertura una foto di Istanbul, in basso a

sinistra una foto della regista Yesim Ustaoglu,

nel testo un’immagine del film “Latte”

cinema


cinema

>cinema

[38] - il mese marzo \2010

DI AlBERTO MORSIANI

Alla Truffaut sconti per under 35 e over 60

Proseguono alla sala Truffaut le due rassegne,

Nitrato d’argento e Flashbacks, dedicate

rispettivamente agli over 60 (pomeriggi

del mercoledì a ingresso gratuito per loro) e

agli under 35 (pomeriggi e serate del venerdì

a soli 2 euro): ma le proiezioni sono aperte

a tutti gli altri ai prezzi soliti. Della prima rassegna

ricordiamo il capolavoro di Hal Ashby

Oltre il giardino (1979), in programma il 10

marzo, in cui il giardiniere Chance timido e

analfabeta viene a contatto con la high-class

americana, che scambia la sua ingenuità per

intelligenza e i suoi silenzi per saggezza. Così

viene osannato come genio della finanza e

della politica: un cult immortale, una satira

ironica e pungente. Della seconda rassegna

bisogna ricordare il capolavoro di Orson

Amore vero nella terza età

Nella Vetrina del 7B in cartellone anche il discusso film tedesco Settimo cielo

Ultime quattro prime visioni nella stagione

della Vetrina 7BIS e dei Dimenticati

al Filmstudio 7B, rassegna sostenuta dalla

Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

L’8 e 9 marzo in cartellone l’eccellente

Settimo cielo (2008) del tedesco Andreas

Dresen, indagine cauta e implacabile su di

una sessantenne sposata da trent’anni e

sospesa fra maturità e vecchiaia, dapprima

turbata e progressivamente sconvolta da

una passione adulterina considerata fuori

tempo massimo, e massimamente fuori

luogo, dalla società. Il film ha la sfrontatezza

di dar vita cinematografica alla sessualità

nella terza età, utilizzando molte scene di

nudo; sessualità su cui il nostro mondo

discetta da tempo con disinvoltura.

Welles Il processo (1962), in cartellone il

5 marzo, tratto abbastanza liberamente da

Kafka, in cui il sommo regista insegue un

sogno di cinema visionario, grandioso, di una

cupa bellezza piranesiana. Da non mancare

anche un piccolo film giovanilista di culto

quasi sconosciuto, Smithereens (1982)

di Susan Seidelman (12 marzo), su una

diciannovenne di provincia che cerca fama e

fortuna nel mondo del rock’n’roll a New York

vagabondando con un brillante piumaggio

punk. Il montaggio veloce, stilizzato, della

regista si fonde con una pulsante colonna

sonora dei The Feelies per creare il senso

febbrile della vita di strada: si vive velocemente

con l’adrenalina sempre a mille.

Info: www.circuitocinema.mo.it

Il 15 e il 16 marzo c’è l’imperdibile Exiled

(2007) del grande hongkonghese Johnnie

To, su due gangsters spediti a Macao sulle

tracce di un traditore. Abilissimo a costruire

inquadrature e sequenze, To riprende

gli stilemi del western e temi e personaggi

come l’amicizia virile, la famiglia, il gruppo

“selvaggio” pronto a immolarsi per un

ideale più alto, fonde adrenalina e umorismo

nero. Terzo appuntamento il 22 e

23 marzo con il curioso Feisbum - Il film

(2009), prodotto indipendente italiano di

autori vari che propone in otto episodi e

cinque sketch l’interazione sociale ai tempi

di Facebook. C’è chi si inventa una nuova

personalità, chi ne sfrutta le possibilità

truffaldine, chi “tagga” una foto di troppo

compromettendo il matrimonio del miglior

amico, chi si proclama il “dio del sesso

virtuale” ma vive ancora con la madre, chi

usa il network per sognare un incontro con

una bellezza esotica e così via.

La Vetrina si conclude il 29 e 30 marzo

con la siciliana ribelle (2008) di Marco

Amenta, che ricostruisce la sconvolgente

storia vera di una adolescente palermitana

che denuncia l’assassinio del padre e del

fratello. Da quel momento, rinnegata dalla

famiglia e dai compaesani, ma protetta da

un giudice, Rita è costretta a lasciare la

Sicilia ed esiliare a Roma. Il regista punta

tutto sullo spaesamento e solitudine di una

ragazzina che cerca invano di rigettare la

cultura mafiosa.

CALENDARIO

1-2 marzo - ore 21

TAXI TO THE DARK SIDE di Alex Gibney

8-9 marzo - ore 21

SETTIMO CIELO di Andreas Dresen

15-16 marzo - ore 21

EXILED di Johnnie To

22-23 marzo - ore 21

FEISBUM - IL FILM di autori vari

29-30 marzo - ore 21

LA SICILIANA RIBELLE di Marco Amenta

Ingresso unico 5.50 euro

Info: 059 236291


in provincia

lo spazio bianco

8 marzo - ore 21

Lunedì 8 marzo all’Auditorium

Enzo Ferrari di Maranello

e al Cinema Teatro

Italia di Soliera verrà proiettato

il film lo spazio bianco

di Francesca Comencini; la

storia di Maria, madre di

una bambina nata prematura,

che affronta da sola il

calvario dell’attesa.

Entrambe le proiezioni sono

ad ingresso gratuito.

Il martedì sera all’Ariston di Castelnuovo

tutti i martedì del mese di marzo - ore 21

Per la dodicesima edizione di Ariston d’Essai sono in programma

a marzo al Cinema di Castelnuovo Rangone: martedì 2 Amore e

altri crimini di Stefan Arsenijevic; martedì 9 Il canto delle spose

diretto dalla regista Karin Albou, martedì 16 Racconti dell’età

dell’oro di Hanno Höfer, Cristian Mungiu, Constantin Popescu,

Ioana Uricaru e Razvan Marculescu; martedì 23 Welcome di

Philippe Lioret e martedì 30 Soul Kitchen di Fatih Akin, film

vincitore del Premio Speciale della Giuria a Venezia 2009.

Info: www.cinemateatroariston.it

Film d’Essai al Cinema Astoria di Fiorano

8 marzo e ogni mercoledì fino al 14 aprile - ore 21

Al via l’8 marzo la rassegna di film d’Essai del Cinema Astoria

di Fiorano organizzata da Tirteatro in collaborazione con il

Comune di Fiorano Modenese. In calendario nel giorno della

Festa della donna la commedia dolce-amara al femminile Due

partite. L’appuntamento con il cinema prosegue poi ogni mercoledì

sera dal 17 marzo fino al 14 aprile. In programmazione:

A serious man, Questione di punti di vista, l’uomo che verrà

(ad ingresso gratuito), lo spazio bianco, Alza la testa.

Info: 059 303996

marzoT.indd 1 17-02-2010 12:00:58

cinema


incontri DI MICOl lOMBARDI

in breve

Corrida di S.Geminiano

7 marzo

La Corrida di San

Geminiano, rinviata

per neve, si terrà il

7 marzo con partenza

alle 14.30 da

via Berengario e con

arrivo al Parco Novi

Sad. Il ritrovo degli

atleti è previsto dalle 13 al Palazzetto

dello Sport (Via Molza), dove funzionerà

una segreteria dalle ore 11.

Info: 059 828043

Trofeo Salvarola Terme

20 e 21 marzo

L’anteprima di Modena

terra di Motori

è il Concours D’Elégance

Trofeo Salvarola

Terme che si

terrà a Salvarola in

collaborazione con

Galleria Ferrari. L’XI

Concours celebrerà per la prima volta

un marchio estero. Premiazioni in

Piazza Grande a Modena.

Info: www.modenaterradimotori.com

Giornate Fai di Primavera

27 e 28 marzo

Il 27 e il 28 marzo

tornano le Giornate

Fai di Primavera

per andare alla scoperta

del patrimonio

artistico e naturalistico

italiano con la

visita di centinaia di

siti particolari, 550 in tutt’Italia, spesso

inaccessibili ed eccezionalmente a

disposizione del pubblico.

Info: 059 226293

Corsi per tutte le età

marzo

Ricco il calendario di

marzo dell’Università

per la libera età

N.Ginzburg (via Ciro

Menotti, 137) che

propone vari incontri

di approfondimento

da “L’ebraismo nella

storia” (8 marzo, ore 17) alla “Scoperta

di sé” (4,16,18 marzo) “Dal

Ricamo (4 marzo) alla Pittura a olio”

(22 ore 10).

Info: 059 4279459

[40] - il mese marzo \2010

con Buk piccoli editori in mostra

Il festival modenese dedicato ai libri torna il 13 e il 14 al Foro Boario

Protagonista il poeta John Giorno che terrà un incontro e un atelier

Torna anche quest’anno Buk, il Festival

della piccola e media editoria, organizzato

dall’associazione Progettarte in

collaborazione con il Comune, di Modena

e Fondazione CRMO. Giumto alla sua terza

edizione il Festival si tiene al Foro Boario

il 13 e 14 marzo (9.30-19.30 a ingresso

libero) con alcune anteprime previste nei

giorni 11 e 12 marzo con una serie di

importanti eventi. Buk vuole favorire la

diffusione della piccola e media editoria,

dando visibilità alle oltre 100 case editrici

che a Modena presenteranno la loro ricca

offerta culturale. Ospite d’onore è il poeta

John Giorno che terrà un atelier di poesia

e un incontro pubblico sabato 13 dal titolo

“Poesia scritta e poesia detta”. Tra gli altri

ospiti lo scrittore spagnolo Sabas Martin, la

cantante regina del “pop letterario” Susanna

Parigi e ancora Rita Charbonnier, Massimo

Bubola e lo statunitense Dirk Hamilton.

Info: www.progettarte.org

Quelle domeniche al museo tra arte e archeologia

Museo Civico d’Arte e Museo Civico Archeologico

Etnologico di Modena inaugurano a marzo il ricco

calendario di iniziative primaverili: quattro domeniche

dedicate ad incontri, conferenze e visite tra raccolte

d’arte, artigianato artistico e le più recenti scoperte

archeologiche avvenute in città. Tutte ad ingresso

libero, con inizio alle 16.30, le iniziative aprono domenica

7 marzo con “La collezione Sernicoli e l’arte

emiliana tra Rinascimento e Barocco”, con la storica

dell’arte Lucia Peruzzi; si prosegue il 14 marzo con

“Milano-Modena: l’artigianato orafo tra Napoleone

e l’Unità d’Italia”, incontro con Lorenzo Lorenzini del

Museo Civico d’Arte; domenica 21 e 28 marzo è poi la volta di due visite esclusive

alla mostra “Mutina oltre le mura” guidate dalla direttrice del Museo Archeologico

Ilaria Pulini e dagli esperti Prof. Stefano Lugli e Donato Labate.

Info: 059 2033100

Alla 1 tra tessiture, opera e benessere

Prosegue la rassegna l’opera al cinema, il 28 marzo

alle ore 16 presso la sala conferenze della Circoscrizione

1 (piazzale Redecocca, 1) Matteo Marazzi commenterà

la proiezione di Pagliacci di Leoncavallo (info: 059

212334). Due i cicli di incontri organizzati dall’Associazione

culturale “Salotto magico” in collaborazione

con la Circoscrizione1. Il benessere negli affetti è in

programma presso la sala Agnini (via del Carmine) il 3

e 10 marzo alle ore 21 e il 17 alle ore 17. Tessere

l’arte è un viaggio nell’evoluzione dell’arte del tessere,

dalla produzione alla conservazione, dal restauro al

collezionismo, realizzato in collaborazione con il Museo

Civico. Condurrà alla sua scoperta il dott. Lorenzo Lorenzini.

L’iniziativa a partecipazione gratuita si terrà nelle sale e nei laboratori del

Museo nei giorni 9, 16, 23 marzo alle ore 17.

Info: 059 390173


Le baby vacanze partono da qui

Torna Children’s Tour il salone del turismo per famiglie e bambini

A ModenaFiere dal 19 al 21 oltre 150 espositori da tutta Italia

Ritorna a Modena Children’s Tour il salone

delle vacanze 0-14. Organizzato da

Studio Lobo e ModenaFiere, si svolgerà dal

19 al 21 marzo presso il quartiere fieristi-

co di viale Virgilio e rappresenta oggi in Italia

l’unica occasione di incontro e confronto

tra esperienze turistiche rivolte ai genitori

e alle famiglie, senza trascurare i ragazzi

che viaggiano da soli o con la scuola. Qui i

genitori potranno incontrare direttamente

località turistiche, villaggi e strutture ricettive,

centri per le vacanze studio, fattorie

didattiche etc… che hanno dato vita a servizi

ad hoc. Oltre 150 espositori, decine di

appuntamenti per gli operatori e i dati del

primo Osservatorio Nazionale sul turismo

0-14. Non mancherà una grande area

dedicata ai piccoli visitatori che potranno

vivere per qualche ora l’avventura delle loro

prossime baby vacanze. Orari: ven 9-19,

sab e dom 10-20.

Info: 0522 631042 www.childrenstour.it

Così gli appassionati di giochi si ritrovano a Play

Impossibile non divertirsi a Play, a Modena al quartiere

fieristico il 13 e 14 marzo, due giorni dedicati al puro

divertimento: novità in anteprima nazionale, convegni

sulla cultura del gioco e tante curiosità.

Dal campionato italiano di Brain Trainer alla presentazione

di BAO, antico gioco da tavolo africano, alla

fedele ricostruzione di un accampamento celtico del

III° secolo d.C all’anteprima di Risiko Challenge o le

nuovissime proposte di LEGO. Tutti i padiglioni di ModenaFiere,

oltre 15 mila mq saranno letteralmente invasi da

tutto ciò che è divertimento per giocatori di ogni età. Novità

del 2010, la presenza di un’area dedicata al modellismo con

le opere dei migliori modellisti Italiani: treni, auto, aerei, e soldatini identici a quelli

veri. La fiera è organizzata dal Club TreEmme con la direzione di ModenaFiere, in

collaborazione con numerose associazioni.

Info: www.play-modena.it

Alla 3 la primavera si colora con il carnevale

A Modena Est torna il Carnevale di primavera, il 14

marzo, in piazza Liberazione. Dalle ore 10 gonfiabili per

i bambini e dalle 14 la sfilata dei 30 carri e tanti artisti

con il Brasilian Ballett Show. Interverranno la Famiglia

Pavironica e la Banda cittadina (info: Circoscrizione 2

tel. 059 2034150). Proseguono gli incontri di Strada

facendo: storia di un cambiamento familiare, presso il

Teatro S.G. Bosco il 13 marzo ore 10-12, “I rapporti

tra generazioni, nonni, figli e nipoti” con la psicologa

Chiara Danesi e sabato 27 marzo ore 10-12 “La costruzione

di una nuova coppia e il rapporto educativo

con i figli” con Laura Fruggeri, psicoterapeuta familiare

(info: 059 210242). Il 5, 12, 19, 26 marzo alle ore

21.15 tornano i Venerdì insieme al dialetto: rassegna di prosa dialettale presso

la Polisportiva Modena Est. Spettacoli a pagamento.

Info: 059 283449

incontri


incontri DI GRETA RONCHETTI

in breve

It’s looks good!

concorso di fotografia

consegna il 10 maggio

Giovani fotografi

all’attacco! Fino al

10 maggio sono

aperte le iscrizioni

a It’s looks good!, il

concorso rivolto agli

artisti dell’obiettivo

fra i 18 e i 40 anni,

organizzato dall’azienda

Toschi di Vignola (famosa per le

ciliegie sotto spirito) in collaborazione

con Artegiovane. I fotogafi saranno

chiamati ad intrpretare con i loro

scatti lo spirito di amore per le cose

buone della terra, all’insegna del

motto “Gustosa è la vita”.

La giuria, composta da nomi di primo

piano nel panorama del design e della

fotografia, assegnerà al vincitore un

premio in denaro di 1.500 euro. I

primi tre classificati avranno inoltre

l’opportuità di trascorrere una giornata

con il grande artista Franco

Fontana. Per tutti i giovani partecipanti

sarà comunque una vetrina

per mettere in mostra la loro arte e

il loro talento.

Info: www.itlooksgood.it

La gestione di siti culturali

progetto CrossCulTour

27 marzo

Recuperare le ricchezze

storiche e

architettoniche del

territorio e trasformarle

in una professione.

Prende il via

il 27 marzo (iscrizioni

entro il 24) il

Corso in Gestione

Creativa di siti culturali, organizzato

dalla Provincia di Modena e finanziato

nell’ambito del progetto Europeo

CrossCulTour. Il percorso formativo

è rivolto a dipomati, studenti universitari

e laureati dai 18 ai 40 anni

interessati a un lavoro di recupero

di molti siti, oggi chiusi, con finalità

turistiche e culturali. Il corso, che

avrà una durata di 82 ore, fornirà

la gamma completa di conoscenze

necessarie: della storia dell’arte alle

modalità di promozione turistica, dalla

comunicazione degli eventi al reperimento

do fondi, fino ad organizzare

progetti pilota sulla base delle migliori

idee sviluppate durante i lavori.

Info: 059 2058161

[42] - il mese marzo \2010

800 candeline per spilamberto

Proseguono in paese le celebrazioni tra storia, eventi e tradizioni

ripercorrendo le vicende dell’antico Castello costruito nel 1210

In occasione degli 800 anni della nascita

del Comune e della costruzione del suo castello,

Spilamberto prosegue la lunga serie

di iniziative per celebrare degnamente il “castrum”

e la chiesa di San Giovanni Battista,

entrambi edificati nel 1210. Tre gli appun-

tamenti presso lo Spazio Eventi Famigli di

via Rimembranze, dove saranno presentati

importanti studi: giovedì 11 marzo inizierà

“Architettura fortificata e residenza patrizia

nel modenese tra XIV e XVII secolo. La Rocca

Rangoni a Spilamberto”, tesi di dottorato

di Laura Balboni. “Comune di Castello” e

“Comunità dominata” sono i lavori di Criseide

Sassatelli protagonisti della serata del 18

marzo. Mercoledì 31 marzo spazio invece

a “A volo d’uccello su Spilamberto nella metà

del Settecento” ricerca di Achille Lodovisi e

Claudio Confortini su un’affascinante antica

mappa opera di Lorenzo Confortini. Nella

chiesa di S. Giovanni Battista mercoledì 24

sarà presentato il volume “La figura e l’opera

di Don Domenico Muratori”.

Info: www.comune.spilamberto.mo.it

Un invito a merenda nella Rocca di Spezzano

Appuntamenti per grandi e piccini all’insegna del divertimento,

del buon mangiare e del buon bere: è Invito

a merenda nella cucina del castello, la proposta che

coniuga cultura ed enogastronomia nella suggetiva

cornice dell’antica cucina della rocca di Spezzano.

Sono quattro i pomeriggi pensati per i bambini dai 4

ai 10 anni. Le domenica di marzo, a partire dalle ore

16.30 saranno proposti laboratori con merenda (il

7, 21, e 28 mazo) o spettacoli teatrali per famiglie

(14 marzo).

Per i genitori sono in programma tre appuntamenti

alla scoperta del buon vino e del buon aceto. Bere

giusto è il nome dell’iniziativa che, sempre alle 16.30, guiderà all’incontro prima

con l’Amarone della Valpolicella (7 marzo), quindi con gli spumanti emiliani (21

marzo) e infine con l’aceto balsamico tradizionale (28 marzo).

Info: 0536 233412

Giuliana Sgrena presenta

il suo ultimo libro sull’Iraq

Giuliana Sgrena, Baghdad, cinque

anni fa. Sono queste le coordinate da

cui parte il lungo viaggio della giornalista

inviata di guerra de “il manifesto”.

Un viaggio che passa attraverso il suo

drammatico rapimento e termina con

il difficile ritorno alla normalità, tema

del suo ultimo libro Il ritorno. Dentro il

nuovo Iraq, che la Sgrena presenterà

venerdì 5 marzo alle ore 21 presso il

Castello di Formigine. L’incontro sarà

condotto dall’assessore alla Cultura

Mario Agati e dal presidente di ProgettArte

Francesco Zarzana.

Info: 059 416246

Riapre a Pasqua il Parco

della Terramara di Montale

Riprendono a Pasqua le curiose attività

del Parco della Terramara di

Montale. Visite guidate, archeologia

sperimentale e laboratori per bambini

saranno nuovamente aperti al grande

pubblico a partire da domenica 4 aprile

e lunedì di Pasquetta 5 aprile. Tutte

le domeniche e i giorni festivi di aprile,

maggio e giugno il Parco sarà aperto

dalle 10 alle 13.30 e dalle 14.30

alle 19 (ultimo ingresso un’ora prima

della chiusura). Il nuovo programma

degli appuntamenti è disponibile sul

sito www.parcomontale.it.

Info: 059 203301 - 059 532020


Attenzione... Acqua in brocca!

A Castelnuovo una rassegna per conoscere e difendere l’elemento

primario della vita. Il 22 marzo ospite lo scrittore Davide Sapienza

Acqua, acqua e ancora acqua. Questo

elemeno fondamentale per la vita è al

centro di tre appuntamenti organizzati dal

Comune di Castelnuovo Rangone presso la

Sala delle Mura in via della Conciliazione.

Il primo incontro della rassegna Acqua in

Un corso per diventare esperti sommelier

Dare al vino il giusto peso. Con questo obiettivo hanno unito

le loro forze il Museo della Bilancia di Campogalliano e

l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino per proporre

un nuovo corso per sommelier che prenderà il via il 16

marzo. Ogni martedì e giovedì, durante le lezioni del corso,

che si terrà nei locali del Museo all’interno dell’ex Cantina

Sociale di Campogalliano, i partecipanti sarano guidati

nell’emozionante esperienza della scoperta di profumi e

sapori unici e inconfondibili, in un continuo alternarsi di

tradizione e innovazione. Dopo lezioni sulla storia del vino

e sui principali elementi di viticoltura ed enologia, i futuri

sommelier entreranno nel suggestivo mondo dei sensi,

con stimolazioni olfattive, esercitazioni gustative, tecniche

di assaggio, degustazioni guidate.L’esame finale consegnerà

ai partecipanti la “patente di assaggiatore di vino”.

Info: www.museodellabilancia.it

Domenica 14 marzo dalle ore 9 alle

ore 19 a San Cesario sul Panaro è in

programma Fiori in Piazza, l’appuntamento

con la mostra-mercato di fiori

e articoli da giardinaggio. Troverete

piante da interni ed esterni, da frutto,

aromatiche, officinali e tanto altro

Info: 059 933720

brocca, giovedì 11 marzo alle ore 21,

sarà un occasione per conoscere l’acqua

del rubinetto: “Se la conosci la bevi” sarà il

filo conduttore degli interventi sulle attività

di tutela, controllo e distribuzione del prodotto

che dall’acquedotto pubblico giunge

nelle case di tutti i castelnovesi. Consigli

sull’acqua che beviamo saranno il centro

dell’appuntamento del 18 marzo, sempre

alle ore 21: un’opportunità di riflettere sul

diritto di ogni uomo all’acqua, sui complessi

intrecci economici del mondo delle minerali

in bottiglia e sugli ultimi ritrovati della tecnica

in campo di risparmio idrico. Lunedì 22

marzo, in occasione della giornata mondiale

dell’acqua, spazio invece allo scrittore Davide

Sapienza, autore del libro “La strada era

acqua”, storia a metà fra realtà e fantasia

del rapporto tra uomo e fiume.

Info: www.comune.castelnuovo-rangone.mo.it

Ad Azione Natura incontri

e proiezioni sull’avventura

All’insegna dell’amore per l’avventura

e per la natura. Nasce così Azione

Natura, iniziativa del Comune di Marano

giunta alla 23° edizione. Sono

quattro le serate di incontri e proiezioni

previste in marzo al centro culturale di

Marano. Il 5 marzo spazio a “Viaggiare

a pedali: Islanda, il viaggio dei sogni”.

Venerdì 12 marzo tocca a “La Via dei

Monti, storie di lupi e di Appennino”. Il

libro “La strada era acqua” sarà presentato

venerdì 19 marzo. Chiuderà il

filmato “Quelli che stanno al nord” , in

programma venerdì 26 marzo.

Info: 059 705770

festa della donna

La strana coppia

San Cesario

Una commedia brillante

per celebrare

l’8 marzo. Il circolo

Arci di San Cesario

ospita lo spettacolo

dal titolo “La strana

coppia”, storia in due

atti di Neil Simon che

intreccia le vite di uomini e donne con

un umorismo brillante e intelligente.

Ingresso libero, inizio ore 20.30.

Info: 059 936721

La poesia di Alda Merini

Maranello

“Dedicato ad Alda

Merini” è l’appuntamento

all’insegna

della poesia d’autore

che il comune di Maranello,

in occasione

della festa della donna,

dedica alla grande

poetessa. Dalle ore 18, allo Spazio

culturale Madonna del Corso lettura

di poesia e aperitivo per tutti.

Info: 0536 240022

C’ero una volta... io

Mirandola

Tantissime le iniziative

che a Mirandola

celebrano la

giornata dedicata

al gentil sesso. Alle

ore 18.30, presso

l’Auditorium del Castello

Maria Letizia

Ori presenta “C’ero una volta… io”,

analisi dell’identità della donna di ieri

e di oggi.

Info: www.comune.mirandola.mo.it

Voci di donne

Castelnuovo Rangone

Una mimosa per tutte

le donne è il simpatico

omaggio dell’appuntamento

dedicato

all’universo femminile

alla sala polivalente

(via Ciro Bisi). Alle

20.30 “Femminile

plurale”, letture di Franca Lovino. A

seguire “Musica con Metralli”, sintesi

di poesia e musica sperimentale.

Info: 059 534810

incontri


Si intitola Rare pitture. ludovico Carracci,

Guercino e l’arte nel Seicento

a Carpi, l’esposizione visitabile dal 27

marzo al 20 giugno nella città dei Pio. Un

evento atteso e importante anche perché

per la prima volta tre monumenti storici

della città, Palazzo dei Pio, Sant’Ignazio

col Museo Diocesano e Palazzo Foresti,

diventano in contemporanea sede di mostra,

grazie alla collaborazione tra Comune,

Diocesi di Carpi e Palazzo Foresti srl.

Le opere esposte testimo-

niano la cultura figurativa

del Seicento in città e può

vantare dipinti di artisti del

calibro di Guido Reni, Giovanni

Francesco Barbieri

soprannominato il Guercino

e Ludovico Carracci. Proprio

alla scuola dei Carracci

(Ludovico era cugino di Agostino

e Annibale Carracci)

vennero affidate numerose

commissioni da parte di

privati e confraternite locali

carpigiane.

I fratelli Carracci e Ludovico

avevano infatti fondato, a fine ‘500, una

bottega di pittura, l’Accademia degli Incamminati,

dando vita ad uno stile unico,

frutto di una cura estrema nelle linee e nel

disegno (tipico della scuola fiorentina) e di

una scelta accurata e meditata dei colori

(tipico della scuola veneziana). Si finì presto

col parlare di una vera e propria scuola

bolognese, che per tutto il 600 contese a

Firenze e a Roma il primato della pittura

italiana e che presto ebbe tra le sue fila

altri talentuosi artisti quali il Domenichino,

Lanfranco e, presenti nella mostra, il

Guercino e Guido Reni. E così, solo tra il

1617 e il 1619, Carpi acquisì 3 opere di

[44] - il mese marzo \2010

LA MOSTRA

DI DAlIlA BORREllI

Rare pitture

l’arte del ‘600

assoluto rilievo: “San Rocco in carcere” di

Guido Reni, il “Martirio di san Pietro” del

Guercino e “San Bernardino libera Carpi da

un esercito nemico” di Ludovico Carracci.

Di quest’ultimo dipinto è curioso scoprire

le vicende alterne di vendite, requisizioni,

soppressioni che lo allontanarono da Carpi

per arrivare ad essere custodito nella cattedrale

di Notre Dame di Parigi dove ancora

oggi è conservato e da dove oggi torna per

la prima volta nella città per la quale era

stato in realtà pensato e dipinto. L’esposizione,

soprattutto nella sua parte principale

ospitata a Palazzo dei Pio, vuole dunque

stimolare una riflessione sul contesto locale

in cui nacquero queste importanti committenze

e ricostruire la

Carpi amante del bello e

pittoricamente ricca del

diciassettesimo secolo.

La mostra trova nelle

Rare pitture

ludovico Carracci, Guercino e l’arte

nel Seicento a Carpi

Dove: Palazzo dei Pio, Museo Diocesiano

e Palazzo Foresti, Carpi

Quando: dal 27 marzo al 20 giugno

orari: venerdì, sabato e festivi dalle

10 alle 13 e dalle 15 alle 19; dal

martedì al giovedì dalle 10 alle 13

Info: 059 649955

www.palazzodeipio.it

altre due location diversi

spunti interessanti.

L’esposizione si snoda

infatti fra il Museo Diocesano,

nel quale si trova

una scelta di opere a

committenza sacra e, il

Palazzo Foresti, in cui è

stata allestita una serie

di dipinti più a carattere

profano.

In alto “San Rocco in

carcere” di Guido Reni,

a destra “Martirio di san

Pietro” del Guercino

In mostra dal 27 marzo

opere di numerosi pittori

della scuola dei Carracci

Le tele di Ludovico

Guercino e Guido Reni

esposte nelle tre

diverse sedi: Museo

Diocesano, Palazzo

Foresti e Palazzo dei Pio


c a r p i

8 MARZO

per la Festa della Donna si va tutti a teatro

Tratto dall’omonimo libro dello scrittore torinese

Carlo Fruttero, Donne informate sui

fatti è lo spettacolo che l’amministrazione

comunale di Carpi ha deciso di proporre al

Teatro Comunale lunedì 8 marzo alle 21 in

occasione della Festa della Donna.

Lo spettacolo, nato da un testo appassionante

e ottimamente scritto da Fruttero, si regge

sull’interpretazione di otto brave attrici italiane

tra le quali, più note al pubblico, Daniela

Poggi e Romina Mondello, dirette da Beppe

Navello. Tutto ruota attorno all’omicidio e al

ritrovamento del corpo di Milena, ex prostituta

romena che era riuscita ad abbandonare la

INCONTRI

Sulla Costituzione

e contro il razzismo

Martedì 16 marzo alle

ore 16 presso la sede

della Fondazione ex Campo

Fossoli si tiene l’incontro

Il principio di laicità

nella Costituzione

italiana con Gian Paolo

Storchi, docente di Diritto

costituzionale(Università di

Modena e Reggio Emilia).

In occasione della Giornata

internazionale contro il razzismo

(21 marzo) venerdì

19 marzo alle ore 21 presso

l’Auditorium San Rocco

di Carpi è in programma

Non chiamarmi zingaro,

IN BIBLIOTECA

Fare Storie 2010

lettura spettacolo di e con

Pino Petruzzelli. Ingresso

libero. Lo stesso evento

viene replicato sabato 20

marzo alle ore 11 per le

scuole superiori, previa

prenotazione.

Info: 059 688272

Un atelier di scrittura e un laboratorio

di idee. Questo lo spirito

di Fare Storie 2010, corso organizzato

dalla Biblioteca Loria

di Carpi pensato per chiunque

voglia confrontarsi con alcuni

scrittori italiani che nella loro

pratica quotidiana di scrittura

hanno maturato una coscienza critica sui

valori e le caratteristiche della narrazione

letteraria, e per chi desideri sviluppare in

forma di narrazione le proprie esperienze

e fantasie attraverso un approfondimento

critico delle proprie capacità narrative.

“bella vita” sposando un ricco banchiere.

Un misterioso delitto, un orrendo fatto di

cronaca letto dagli sguardi di otto donne

informate sui fatti: la figlia, la migliore amica,

una bidella, una barista, una carabiniera,

una giornalista, una volontaria e una vecchia

contessa.

Personaggi differenti per età, estrazione

sociale e cultura, ognuna impegnata in un

racconto che, più che rilevare i fatti, scopre

qualcosa di sè e della propria psicologia.

L’ingresso gratuito ma con prenotazione

obbligatoria presso la biglietteria del Teatro

Comunale (tel. 059 649263).

Al cinema

Domenica 7 marzo (ore

20.30) al Cinema Ariston

di San Marino di Carpi

è in programma il film Il

canto delle spose di Karin

Albou. Ambientato in

Tunisia durante la II Guerra

Mondiale, la pellicola

racconta del rapporto tra

Nour e Myriam due ragazze

adolescenti che vivono

nello stesso quartiere e

che, nonostante siano una

musulmana e l’altra ebrea,

sono legate da una forte

amicizia. Mentre il matrimonio

di Nour, promessa

sposa al cugino Khaled,

viene rinviato mese dopo

mese, l’ingresso dell’esercito

nazista a Tunisi cambia

la vita di Myriam.

Info: 059 695898

Il corso, che inizia il 20 marzo

e si concluderà l’8 maggio, è

suddiviso in moduli.Il primo è

Giacimenti. luoghi dai quali

estrarre una storia condotto

da Giorgio Vasta. Si passa poi

allo studio di come Creare un

mondo per scrivere un romanzo

guidati da Davide Bregola.

Si prosegue con Come sedurre

il lettore. Tecniche narrative

relative al punto di vista e alla costruzione

dei personaggi con Raul Montanari e si

conclude con I più bei racconti della nostra

vita con Antonio Pascale. È possibile

iscriversi ad ogni singolo modulo.

Info: 059 649954

LA STAGIONE

Ecco gli spettacoli del mese al

Teatro Comunale di Carpi. Per

la rassegna Prosa dal 4 al

7 marzo (ore 21) Passaggio

in India diretto da Federico

Tiezzi con Sandro Lombardi e

Giulia Lazzarini; dal 19 al 21

(ore 21) Per Amore diretto da

Marco Mattolini con Loretta

Goggi. Per la rassegna Non

solo teatro il 26 marzo

(ore 21) in scena i Licedei

Clown Theatre in Semianyki

(The Family). La rassegna

Danza offre il 23 Les Ballets

Trockadero de Monte Carlo,

parodia dei grandi classici

tutti al maschile. Il 14 marzo

(ore 16) per la rassegna La

vita è sogno si esibisce Silvia

Mezzanotte in “Regine”.

Infine, per Concerti Aperitivo,

appuntamento è il 28 marzo

(ore 17) con l’Orchestra

Sinfonica Abruzzese, Maurizio

Zanini, carlo GUaitoli in

musiche di Chopin e Bizet.

Info: 059 649263

carpi


appuntamenti

un 2010... Itinerando

Passeggiate, escursioni e safari notturni sul territorio modenese

Si rinnova anche per il 2010 l’appuntamento

con Itinerando Emilia Romagna,

la rassegna per la promozione del turismo

all’aria aperta ideata dalla cooperativa

Promappennino. Alla sua XVII edizione, il

programma consta di ben 179 iniziative,

che accompagneranno gli appassionati della

natura, delle escursioni e delle tradizioni

alla scoperta delle meraviglie della nostra

montagna, senza dimenticare quel pizzico

di avventura che rende tutto così speciale.

“Con questa edizione di Itinerando Emilia

Romagna, - dice Riccardo Solmi presidente

di Promappennino - si conferma nostra la

volontà di realizzare il più importante contenitore

regionale di turismo all’aria aperta.

Nonostante la difficoltà nel reperire fondi,

crediamo sia stato realizzato anche quest’anno un calendario ricco e variegato”.

Gli appuntamenti nella provincia di Modena, cinquanta in tutto, comprenderanno gite

a piedi e in Mtb, ciaspolate, safari notturni, trekking, campeggi nella natura e campi

estivi per ragazzi, visite ai parchi ed alle aree protette della regione, senza dimenticare

le eccellenze legate alla storia e all’enogastronomia. Ad accompagnare i partecipanti,

24 guide ambientali escursionistiche, che illustreranno non solo i percorsi, ma anche la

flora, la fauna e la storia dei luoghi visitati.

Inoltre, abbinato al calendario sarà disponibile il secondo numero del magazine Itinerando

News, che si presenta come un’agile cartoguida per tutti gli appassionati; uno strumento

da conservare o da tenere in tasca durante le proprie vacanze tra il Reno e il Panaro e

da consultare per essere informati sulle offerte turistiche più interessanti. Infine, tutte le

opportunità che la montagna offre ai suoi ospiti sono disponibili con gli speciali pacchetti

di Itinerando Vacanze: in una giornata, in un weekend o in una settimana, si potrà camminare

nei boschi, visitare i borghi, assaporare i prodotti tipici o prendere parte ad un

trekking sui crinali. E, per i più piccoli, giornate con gli asinelli, gare di tiro con l’arco e

tarzaning. Il programma completo delle iniziative è disponibile consultando il sito: www.

escursioniemiliaromagna.com.

Info: 059 985584

La camminata della Val

Nizzola ritorna il 14 marzo

Domenica 14 marzo è in programma

la 30° edizione della Camminata della

Val Nizzola a Solignano, omologata

dal coordinamento dell’attività podistica

amatoriale della Provincia di

Modena. La gara non competitiva si

snoda su percorsi di 3, 9, 15, 21

km a scelta. I partecipanti dovranno

dimostrare di essere in regola con

certificato d’idoneità fisica. Verranno

premiate le prime 40 società e i primi

5 gruppi scolastici con premi, coppe,

trofei, targhe e a tutti gli iscritti verrà

consegnato un premio ricordo della

manifestazione.

Il ritrovo è a Solignano Nuovo in via

V.Veneto (ore 8).

Info: 349 5422721

[46] - il mese marzo \2010

DI CARlOTTA CATEllANI

calendario

Sabato 20 marzo - ore 19

SAFARI NOTTURNO NEL PARCO DEI

SASSI DI ROCCAMALATINA DI GUIGLIA

Ritrovo presso il Centro Parco “Il

Fontanazzo” di Pieve di Trebbio

Dopo una cena a base di prodotti tipici

in un locale tipico montanaro, caprioli,

volpi e tassi saranno a portata “visiva”

degli escursionisti. Prenotazione entro il

mercoledì precedente: 059 795721

Domenica 21 marzo - ore 9.30

ESCURSIONE “I CAMPANELLINI DELLE

RUPI DEI SASSI” NEL PARCO DEI SASSI

Per ammirare il risveglio della natura,

il malinconico sottobosco che si veste

di petali color latte. Ritrovo presso

il parcheggio del campo sportivo di

Roccamalatina di via Sassi. Prenotazione

obbligatoria: 059 535477 - 340 2576781

Venerdì 26 e sabato 27 marzo - ore 19

“SAFARI NOTTURNO E ALL’ALBA CON

GLI UCCELLI” NEL PARCO DEI SASSI DI

ROCCAMALATINA

Ritrovo presso il Centro Parco “Il

Fontanazzo” di Pieve di Trebbio. Cena in

un locale tipico ed una facile escursione

con safari e avvistamento animali. Dopo

il pernottamento, la mattina successiva

cince, usignoli, picchi ed altri volatili del

parco si potranno osservare durante

una istruttiva seduta di inanellamento.

Prenotazione obbligatoria entro il mercoledì

precedente: 059 795721

Domenica 28 marzo - ore 8.30

PASSEGGIATA PANORAMICA “LE

SALSE, OVVERO I VULCANI BONSAI DI

NIRANO”, ritrovo alle ore 8.30 a Fiorano

Modenese. Una passeggiata panoramica

alla scoperta dei vulcani di fango. Alla

fine della mattinata, è prevista una visita

al Centro della Riserva. Prenotazione

obbligatoria: 333 3728356

Viaggio virtuale tra i castelli

Un nuovo sito per scoprire percorsi tra storia, arte e cultura

È dedicato ai venti castelli e rocche più interessanti del

territorio modenese, dalla Bassa all’Appennino, il nuovo

sito www.castellimodenesi.it. Realizzato da Comunica,

cooperativa di giornalisti attiva da anni nel settore della

comunicazione turistica e culturale, il sito offre in anteprima

le notizie principali che riguardano le storiche dimore

delle signorie e le principali iniziative, tra mostre, visite

e gite, che si svolgono ancor oggi in queste affascinanti

locations. I castelli presentati, sono quelli di Carpi, Finale

Emilia, Formigine, Guiglia, Levizzano Rangone, Mirandola,

Monfestino, Montecuccolo, Montefiorino, Montegibbio,

Montese, Panzano, Pompeano, Roccapelago, San Felice sul

Panaro, Sestola, Soliera, Spezzano, Spilamberto e Vignola.

Ad ognuno è dedicata una scheda, nella quale sono riportati gli orari d’apertura ed

una ricca galleria fotografica. Il portale è pensato, oltre che per approfondire la storia

degli antichi centri di potere, per la valorizzazione turistica del territorio, alla scoperta

di questi tesori spesso non adeguatamente conosciuti ed apprezzati.


appuntamenti


21- 23 aprile 2010

dalle ore 9 alle ore 18

Via Università, 12

www.unipr.it

Con il patrocinio di:

Ministero dell’’Istruzione,

dell’’Università e della Ricerca

Il mondo che ti aspetta


TEATRO STORCHI /Largo Garibaldi 15

5 e 6 marzo ore 21

7 marzo ore 15,30 e ore 21

S C . 59 4 C C 0

il musical

di Beppe Dati

adattamento e regia CHRISTIAN GINEPRO

con Manuel Frattini, Valeria Monetti,

Simone Sibillano, Mimma Lovoi, Lello Abate,

Marco Manca, Diego Casalis, Chiara Scipione

coreografie Fabrizio Angelini

fuori abbonamento

8 marzo ore 21

61 9 e i C 61

di Aristofane

regia ANTONIO LATELLA

con Marco Cacciola, Annibale Pavone,

Maurizio Rippa, Massimiliano Speziani

fuori abbonamento

10 e 11 marzo ore 21

F 1S T C 9 , 3 3 5

testi Michele Serra, Antonio Albanese

regia GIAMPIERO SOLARI

con Antonio Albanese

dal 25 al 27 marzo ore 21

28 marzo ore 15,30

0 , 9 l, 0 5 7 C S a 1

di August Strindberg

regia GABRIELE LAVIA

con Monica Guerritore, Gabriele Lavia

13 marzo ore 21

14 marzo ore 15,30

6, T a S , 0 ,

di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi

Tratto dall’omonimo film di Federico Fellini

regia MASSIMO VENTURIELLO

con Tosca, Massimo Venturiello

www.emiliaromagnateatro.com

TEATRO DELLE PASSIONI

/Viale Carlo Sigonio 382

dal 30 marzo al 1 aprile

dal 6 al 10 aprile

dal 13 al 17 aprile

ore 21

11 e 18 aprile ore 17

259 , 61 0 5 F , S a 5a,

di Samuel Beckett

regia MASSIMO CASTRI

con Vittorio Franceschi,

Milutin Dapcevic, Diana Hobel,

Antonio Peligra

BIGLIETTERIA TELEFONICA:

059/2136021

DAL LUNEDÌ/VENERDÌ ORE 9/13

BIGLIETTERIA TEATRO STORCHI:

LARGO GARIBALDI, 15 MODENA

DAL MARTEDÌ/VENERDÌ ORE 10/14

SABATO ORE 10/13

BIGLIETTERIA TEATRO DELLE

PASSIONI:

VIA CARLO SIGONIO, 382 MODENA

MARTEDÌ, GIOVEDÌ E SABATO

ORE 16.30/19

BIGLIETTERIA ON LINE:

WWW.EMILIAROMAGNATEATRO.COM

WWW.VIVATICKET.IT

More magazines by this user
Similar magazines