scarica documento pdf - Ogni scoperta è scoperta di sé

scopertadise.it

scarica documento pdf - Ogni scoperta è scoperta di sé

LA COMPETENZA

EMOTIVA

Giorgio C. Cavallero

Progetto

«Ogni scoperta è scoperta di »

1


DEFINIZIONI

(Matte Blanco, 1975, 243)

L'emozione è un composto

di sensazione-sentimento e pensiero,

ciascun gruppo dei quali

varia da un'emozione all'altra

2


Plutchik, 1994

L'emozione è un insieme complesso di interazioni tra

fattori soggettivi e oggettivi, mediate da sistemi

neurali/ormonali, che possono:

• a) dare origine a esperienze affettive,

es.: sensazioni di attivazione e di piacere/dispiacere;

• b) generare processi cognitivi come effetti percettivi

emotivamente rilevanti, valutazioni, processi di

etichettamento;

• c) attivare aggiustamenti fisiologici di vasta portata

alle condizioni elicitanti;

• d) portare a un comportamento che è spesso, ma

non sempre, espressivo, finalizzato e adattivo.

3


(Frijda, 1987, 45)

Le emozioni sembrano il prodotto

del sistema adattivo

di elaborazione dell'informazione,

impegnato nel raggiungimento di scopi,

che impiega procedure di valutazione

per accertare la rilevanza degli eventi rispetto agli scopi

e una serie di programmi motori ed energetici

per conseguire o ristabilire l'adattamento.

4


COMPONENTI

DELL'ESPERIENZA EMOZIONALE

1. risposte fisiologiche

(Battacchi; Codispoti, 1992, p. 9)

2. risposte tonico-posturali (tensione, rilassamento)

3. risposte comportamentali (scappare, aggredire o

prontezza a metterle in atto)

4. risposte espressive

5. esperienza emotiva.

L'esperienza soggettiva, o vissuto cosciente, comprende

di regola anche la percezione di alterazioni corporee.

5


(Battacchi; Codispoti, 1992, p. 10)

Nelle emozioni altrui percepiamo

alterazioni della mimica facciale,

del gestire, della postura, della voce,

del corpo (sudorazione, rossore ecc.),

cioè delle espressioni corporee

e comportamentali

6


COMPONENTI

DELL'ESPERIENZA EMOZIONALE

(Ricci Bitti, 1998)

Cognitiva

Fisiologica

Espressivo-motoria

Motivazionale

Vissuto soggettivo

7


LO SCHEMA EMOZIONALE

(Greenberg et al.,1999, 81)

1. è una complessa integrazione biosociale di processi

cognitivi, affetti, motivazione e azione relazionale;

2. opera automaticamente al di fuori della coscienza

per produrre i significati sentiti e le tendenze

all’azione;

3. produce risposte affettive valutando una situazione

in relazione ad un bisogno o preoccupazione;

4. ricostruisce l’esperienza emotiva nel presente.

8


FUNZIONI DELLE EMOZIONI

Attentiva

Influenza la salienza delle informazioni

Motivazionale

Influenza la disposizione di obiettivi

Comunicativa

Regola le interazioni con gli altri

10


CLASSI DI EMOZIONI

(Ortony, Clare, Collins)

Stimoli Reazioni

Eventi piacere/dispiacere

Agenti approvazione/disapprovazione

Oggetti attrazione/repulsione

11


Shaver, Schwartz, 1987

in Galati, 1993

12


GIOIA

(Egan)

Bassa Media intensità Alta

compiaciuto gioioso entusiasta

spensierato contento elettrizzato

soddisfatto di buon umore estasiato

tranquillo allegro eccitato

sereno ottimista contento

calmo felice

13


TRISTEZZA

Bassa Media intensità Alta

giù di tono triste disperato

scoraggiato solo angustiato, avvilito

tagliato fuori

infelice, incerto,

insicuro depresso

preoccupato ferito distrutto, desolato

malinconico demoralizzato sconfitto, finito

deluso frustrato

sconfortato abbattuto

avvilito

14


PAURA

Bassa Media intensità Alta

preoccupato,

perplesso impaurito terrorizzato

inquieto,nervoso spaventato, apprensivo preso dal panico

a disagio, esitante teso atterrito

turbato, intimidito in ansia pavido

vulnerabile agitato sconvolto

imbarazzato allarmato, sconcertato

15


RABBIA

Bassa Media intensità Alta

infastidito arrabbiato irato, infuriato

contrariato stizzito ostile, in collera

scosso irritato furioso

agitato, irrequieto offeso, risentito furibondo

turbato innervosito

stizzito

16


COLPA

Bassa Media intensità Alta

con rimorso mortificato umiliato

imbarazzato ridicolo avvilito

agitato allarmato stupido, smarrito

intimidito vergognoso angustiato

17


COMPETENZA - FORZA

Bassa Media intensità Alta

fermo competente, forte potente, autorevole

abile sicuro di influente

convincente coraggioso

determinato audace, capace

risoluto, efficace

realizzato, assertivo

18


CONFUSIONE - INCERTEZZA

Bassa Media intensità Alta

Perplesso confuso tormentato

disorganizzato inceto, incredulo sconcertato

insicuro, titubante dubbioso sconvolto

in conflitto disorientato

ambivalente

19


DEBOLEZZA – INADEGUATEZZA

Bassa Media intensità Alta

rassegnato inadeguato, fragile inutile, impotente

poco disinvolto incapace esausto, codardo

demoralizzato vulnerabile buono a nulla

incerto senza risorse inferiore

insicuro incompetente insignificante

20


CONOSCENZE E ABILITA’ DI BASE

PER UNA COMPETENZA EMOTIVA

G.C. CAVALLERO

CONSAPEVOLEZZA

● Sentire

● Riconoscere

● Accettare

● Essere Empatici

GESTIONE

● Valutare

● Agire

22


SENTIRE

CONSAPEVOLEZZA

o Essere attenti a ciò che si prova

o Sapere che si può non essere

consapevoli di uno stato emotivo

o Sapere che si possono provare più

emozioni contemporaneamente

o Sapere che le emozioni possono

nasconderne altre

o Distinguere il sentire dal pensare

23


CONSAPEVOLEZZA

RICONOSCERE

o Discernere, identificare e

nominare i vari stati emotivi

o Valutarne l'intensità

24


CONSAPEVOLEZZA

ACCETTARE

o Separare il sentire dall'agire

o Sapere che l’emozione ha un senso

ed è legata a eventi, aspettative e

valutazioni

o Riconoscersi il diritto di sentire ciò

che si sente, anche se è doloroso o

sgradevole

25


CONSAPEVOLEZZA

ESSERE EMPATICI

o Cogliere informazioni

sull’esperienza emotiva dell’altro

o Valutare l’intensità dell’emozione

dell’altro

o Coinvolgersi empaticamente

o Tollerare l'eventuale sofferenza

connessa alle emozioni

o Essere consapevoli della

separazione (distanziamento)

26


VALUTARE

GESTIONE

le azioni possibili in rapporto ai fini

l’impatto relazionale

le convenzioni socio-culturali

gli aspetti morali

27


AGIRE

GESTIONE

Decidere se agire, differire o evitare

l’espressione, tollerando la frustrazione.

Scegliere l'espressione o l'azione più

adeguata (motoria, verbale, espressivo

corporea ecc.)

Assumersi la responsabilità dell'azione

Regolare l’emozione

Ridurre lo stress

28


GESTIONE CONSAPEVOLE

DELLE EMOZIONI

G.C. CAVALLERO

ESPRESSIONE DILUIZIONE DIFFERIMENTO SOPPRESSIONE

AZIONE SUBLIMAZIONE

VALUTARE

E DECIDERE

ESSERE EMPATICI

ACCETTARE

RICONOSCERE

SENTIRE

EMOZIONE

SINTOMI DIFESE

29


Scala

della consapevolezza emotiva

C. Steiner, 1997

• 1. Torpore. Non hai consapevolezza dei tuoi

sentimenti.

• 2. Sensazioni. Le tue emozioni vengono

registrate fisicamente (per esempio come mal

di testa o vertigini) ma non sei ancora

consapevole delle emozioni stesse.

30


• 3. Esperienza primaria. Sei consapevole delle

emozioni ma non sai che cosa sono. Non puoi

discuterne o comprenderle.

• 4. Differenziazione. Attraversando la barriera

verbale e parlando dei tuoi sentimenti tu

impari a differenziare tra rabbia, amore,

vergogna, gioia o odio.

31


• Causalità. Puoi non soltanto riconoscerli

separatamente, puoi anche vedere che cosa

li causa.

• Empatia. Sei consapevole delle emozioni

delle altre persone.

• Interattività. Sei sensibile al flusso e riflusso

delle emozioni intorno a te e a come esse

interagiscono.

32


• Dare carezze

• Chiedere carezze

Stadio 1

Aprire il cuore

• Accettare e rifiutare carezze

• Darsi carezze da soli

33


Stadio 2

Esaminare il panorama emotivo

• Fare affermazioni di azione/sentimento

• Accettare un’affermazione di

azione/sentimento

• Rivelare le nostre impressioni intuitive

• Convalidare una impressione intuitiva

34


Stadio 3

Prendere la responsabilità

• Scusarsi per i propri errori

• Accettare o rifiutare le scuse

• Chiedere scusa

• Concedere o negare il perdono.

35

Similar magazines