METaLLiCi - Fulvio Biancatelli Architetto

fulviobiancatelli.com

METaLLiCi - Fulvio Biancatelli Architetto

Catalogo IO colore.completo:Progetto1 07/03/2010 14.09 Pagina 2

A mia madre,

che tanto avrebbe voluto esserci

Un nome da supereroe. Aspetto da liquido organico.

Odore da piatto da portata.

Colore bianco per l’uso, neutro quando si solidifica.

Precursore di molti collanti, più potenti e moderni, ha dopo molti decenni

ancora il fluido di una volta, il colorito pallido

e la forza di aggrapparsi praticamente a tutto.

Basta saper aspettare e dargli fiducia. Ha bisogno di pensare

per saper quello che fa, relazionarsi con quello che ha, trovare confidenza:

un timido che ha bisogno di tempo.

Nel frattempo si ha la possibilità di cambiare posizione e forma dei legati,

prima che la luce permetta quella trasformazione da crisalide

in farfalla. Un timido che quando è sicuro dei sentimenti

non tradisce mai, forte e combattivo, si sacrifica per te

nelle operazioni più ingrate, nell’imprigionare impossibili idee,

nello scomparire per far luce alle materie legate:

un modesto pieno di orgoglio per l’amicizia stretta.

Una fiducia ripagata con sincerità simbolicamente

rappresentata dalla trasparenza che acquista dall’essiccazione.

Col ferro ha un rapporto di odio e amore: gli si aggrappa

come disperato, ma gli succhia la ruggine come fosse latte materno

creando quegli aloni, quasi funghi che sembrano liquefare il metallo.

Se poi incontra la compagna di vita, quella anilina, polvere colorante,

narcisista e irresistibile perde qualsiasi inibizione

e si compenetrano generando cristalli traslucidi coloranti la luce.

Torna poi nel proprio barattolo

come Aladino pronto per il prossimo desiderio.

ELogio dEL vinaviL

Presepe artistico

Visso (MC)

Lamiera mandorlata, rete metallica,lamiera ossidata,

rame, metacrilato bianco opaco, tronco d’albero

2005

More magazines by this user
Similar magazines