Views
5 years ago

2° parte - Udine Cultura

2° parte - Udine Cultura

62 che a questo

62 che a questo proposito sono le “impronte” della sua brucatura sull’apice delle foglie più vecchie. Infine è frequente incontrare, posati sulle foglie, esemplari di crinoidi (gigli di mare), Antedon mediterranea, che presentano una notevole varietà cromatica e che sono forme anche queste che incubano le uova. La fauna vagile associata al manto fogliare dei prati formati dalle piccole fanerogame marine (Zostera marina, Cymodocea nodosa, Nanozostera noltii) è stata nel complesso meno studiata in Mediterraneo; informazioni maggiori sono disponibili per Cymodocea nodosa che dopo posidonia è la pianta marina più ampiamente distribuita anche lungo il gradiente di profondità, potendo raggiungere i 30 metri. La fauna mobile delle foglie di Cymodocea non differisce da quella rilevata in posidonia, se non per il numero inferiore di specie che si riscontra a livello di tutti i gruppi più caratteristici (anfipodi, isopodi, molluschi, policheti), cioè una comunità impoverita rispetto a quella di posidonia. È il caso degli echinodermi che sono quasi assenti nei sistemi a piccole fanerogame ad eccezione del minuto riccio Psammechinus microtuberculatus che proprio per le dimensioni ridotte può brucare sulle foglie di Cymodocea mentre è assente su posidonia. A fronte tuttavia di una minore biodiversità complessiva, alcune specie possono mostrare abbondanze maggiori. È il caso di alcuni policheti sillidi interstiziali dei generi Sphaerosyllis spp. ed Exogone spp., del mollusco Bittium reticulatum o di Jujubinus gravinae che sembra un vicariante ecologico di J. exasperatus e J. striatus tipici di posidonia, nonché di alcuni peracaridi (come il tanaidaceo Asterina pancerii, la stella marina tipica del posidonieto Il riccio di mare Psammechinus microtuberculatus Leptochelia savignyi, gli anfipodi Synchelidium haplocheles e Pariambus typicus). In generale, la minore complessità del manto fogliare di questa pianta, dovuta alle ridotte dimensioni delle foglie e alla dinamica temporale più accentuata, sembrano favorire specie di dimensioni inferiori e ad habitus interstiziale. La fauna vagile in Cymodocea presenta variazioni stagionali di abbondanza molto più evidenti e marcate rispetto a Posidonia, in relazione alle maggiori variazioni della densità dei fasci nei prati e della morfologia del manto fogliare durante l’anno. L’entità della colonizzazione della fauna dipendono quindi in larga misura dalla densità del prato e dalle condizioni ambientali complessive. In condizioni idrodinamiche di forte esposizione, ad esempio, i prati di Cymodocea scompaiono in inverno poiché i fasci vengono scalzati e rimossi dal moto ondoso: si può quindi immaginare la dinamica estrema di questi sistemi e le implicazioni per le comunità associate. In uno dei pochi studi sperimentali manipolativi disponibili in Mediterraneo, la riduzione e la rimozione progressiva e completa del manto fogliare in Cymodocea provocano effetti drammatici sulla struttura della fauna, con il crollo dell’abbondanza e della presenza stessa di alcuni gruppi. In condizione di forte idrodinamismo o con densità ridotte dei fasci, come nei prati più profondi (15-20 m) o in inverno, i sistemi a Cymodocea non differiscono da un fondo molle nudo; è coerente quindi che nell’ambito della bionomia bentonica della scuola francese, questi sistemi siano definiti come “facies ad epiflora” delle sabbie fini. 63

64 La fauna vagile ad invertebrati associata ai rizomi e al fondo. La fauna associata allo strato dei rizomi di Posidonia e al fondo è rappresentata da speci appartenenti a numerosi phyla, molti dei quali sono stati menzionati prima poiché presenti anche nello strato delle foglie. Le forme vagili associate ai rizomi sono costituite nel complesso da organismi di maggiori dimensioni, forme meno specializzate e più ubiquiste, che si possono rinvenire anche in altri habitat vegetati, o anche in biotopi di fondo molle poiché legati al tipo di sedimento in cui si impianta la posidonia. Oltre ad alcuni dei gruppi caratteristici del manto fogliare, che, come abbiamo visto prima, compiono notevoli migrazioni diurne tra i rizomi e le foglie (anfipodi, isopodi, tanaidacei, molluschi), le forme che più di frequente si rinvengono nello strato dei rizomi-fondo sono soprattutto, policheti, crostacei decapodi, molluschi ed echinodermi. Una notevole presenza e importanza hanno anche alcuni gruppi meno cospicui come i platelminti, o della meiofauna, quali nematodi e copepodi arpatticoidi. Nel complesso, come osservato per la fauna sessile, si deve notare come anche per la fauna mobile presente nel fondo e nei rizomi si rilevi una affinità inferiore per il sistema a posidonia, rispetto a quella che vive in permanenza sulle foglie o vi si sposta soprattutto nelle ore notturne. A livello dei rizomi e del fondo si verifica una riduzione dell’idrodinamismo e della luce, mentre aumenta la sedimentazione del particellato sospeso che viene come catturato dal manto fogliare. L’attenuazione di questi fattori, che si riducono ulteriormente lungo la profondità, e la presenza di sedimentazione fanno sì che la fauna associata ai Il decapode Pilumnus hirtellus rizomi presenti una zonazione meno evidente, più sfumata o in alcuni casi del tutto assente sia lungo il gradiente di profondità, sia tra praterie diverse. Inoltre, in rapporto al tipo di substrato in cui la prateria è insediata (roccia, fondo detritico, sabbia grossolana, sabbia-fangosa ecc.), e ai diversi tassi di sedimentazione locali, la fauna associata può arricchirsi in varia proporzione di specie di fondo duro o tipiche di sedimenti di natura molto diversa. L’abbondanza della fauna associata a questi comparti della prateria è anche in questo caso influenzata dalla densità Un isopode sopra una foglia di Posidonia oceanica dei fasci, cioè dal grado di disponibilità effettiva di substrato per la colonizzazione, e dalla tipologia a grande scala dei prati. La distribuzione più o meno continua o a macchie del prato e la presenza di radure, canali o altre interruzioni della continuità del prato stesso, instaura una situazione a mosaico che favorisce la presenza di altre specie e aumenta la biodiversità complessiva. I policheti presentano nello strato dei rizomi e nel fondo la loro massima diversificazione, anche se non si può identificare una comunità tipica di posidonia. Il popolamento a policheti associato alle fanerogame marine è più che altro caratterizzato dalla commistione di specie a diversa ecologia, provenienti da ambienti vegetati, habitat di fondo duro o di fondo molle, che non da specie esclusive. Fanno eccezione alcune forme che sembrano più fedelmente associate a Posidonia, quali Pontogenia chrysocoma, Pholoe minuta, Kefersteinia cirrata, o la specie sedentaria Polyophthalmus pictus. In generale circa un terzo delle specie di policheti in questo comparto della prateria appartiene alla famiglia dei sillidi, sia con forme macrobentoniche come Syllis garciai, S. columbretensis e S. gerlachi, che interstiziali come Sphaerosyllis spp., Exogone spp. e Salvatoria spp.. Altre famiglie molto diversificate nello strato dei rizomi sono i fillodocidi, i polinoidi, i nereididi e gli esionidi, e alcune specie cospicue, quale l’afroditide Laetmonice hystrix (verme di fuoco), un predatore che dai fondi fangosi limitrofi frequenta la prateria probabilmente per alimentarsi. Una menzione a parte meritano alcune forme di eunicidi che vivono all’interno delle scaglie di posidonia (basi delle foglie cadute che permangono nel rizoma stesso a formare un tipico rivestimento a manicotto) in cui scavano gallerie sinuose caratteristiche. Queste forme costituiscono una categoria particolare, quella dei perforatori, e rappresentano tra i pochi metazoi che riescono a perforare il 65

17-q17_laghivulcanici3 - Udine Cultura
07-Coste rocciose2 - Udine Cultura
07-Coste rocciose3 - Udine Cultura
mascherando con bay - Udine Cultura