Catalogo - Galleria d'Arte OpenLab Artisti Oggi Genova

openlabgallery.it

Catalogo - Galleria d'Arte OpenLab Artisti Oggi Genova

PROGETTO SPECIALE ARTE CONTEMPORANEA

MEDITERRANEAN REVEALS / SVELAMENTI

“Svelamenti” è un progetto che intende indagare la riflessione di alcune giovani artiste

delle due sponde del Mediterraneo sulla condizione delle donne che, in bilico tra

innovazione e tradizione, in situazioni culturali diverse hanno scelto di fare arte e magari di

denunciare condizioni difficili.

Il velo di Ipazia si solleva e consente uno scambio di esperienze e sensibilità tra cinque

giovani artiste di questa riva del Mediterraneo - Elena Aromando, Diana Mantzoros,

Cristina Peruzzi, Emanuela Tortello e Giulia Vasta - e tre artiste dell’altra riva - Nisrine

Boukhari, Safaa Erruas, Mariam Faried - in residenza nella nostra città. Le artiste

lavoreranno dando vita a performances che saranno ospitate in numerose gallerie della

città. Altre artiste come Liuba, con l’anteprima del trittico video “Side by side” e Michela

Ruisi con “Il Corpo rinato” intervengono in Sant’Agostino con installazioni dedicate a

Ipazia. Molti sono i veli che si possono sollevare, tante le trame che verranno tessute in

questo incrocio di esperienze e culture.

Lunedì 15 novembre ore19.00 allʼOpenLab Artisti Oggi

ATTIMI. Performance di Cristina Peruzzi

Attimi

(Alessandra Gagliano Candela)

Il sistema solare, la filosofia, la matematica.

Momenti, attimi di una vita.

Delle candele, il fumo dell'incenso, fogli bianchi sparsi per terra.

La performance si articolerà in vari attimi, durante i quali ripercorrerò le tappe fondamentali della

vita di Ipazia; l'astrologia con le candele, la filosofia e la matematica con il fumo dell'incenso

(l'essere) e i fogli dove appariranno nozioni di filosofia e matematica, per arrivare al puro

svelamento del mio corpo. Una donna sola, che "gioca" con il fuoco, si brucia e parla attraverso

le parole della sua ricerca, arriva a svelare il proprio corpo, in preda a pazzia.

Seduta per terra, nella penombra, darò vita a questi attimi, accompagnata dal sottile suono di

una musica, come fossi in meditazione.

Quasi un' alchimista alle prese con le proprie scoperte, che però non vuole rinunciare al suo

ruolo di donna.

L'attimo inteso come il momento del ricordo, l'istante prima della ri-creazione mentale.


Cristina Peruzzi (1986).

Nata a Genova nel 1986, frequenta il biennio Specialistico in Scenografia, presso

lʼAccademia Ligustica di Belle Arti. Tra le numerose mostre e performance alle quali ha preso

parte segnaliamo: I Fluttuanti in Cornice allestimento scenografico performativo di The

Move_Prove Libere di regia, a cura di Mauro Martini.


FESTIVAL DELL’ECCELLENZA AL FEMMINILE 2010

IPAZIA. IL MEDITERRANEO DELLE DONNE

GENOVA, 9-17 NOVEMBRE 2010

CON IL PATROCINIO DI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - DIPARTIMENTO PER II DIRITTI E LE PARI OPPORTUNITÀ

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

ENTI PROMOTORI

REGIONE LIGURIA

COMUNE DI GENOVA

PROVINCIA DI GENOVA

IPAZIA PREVEGGENZA TECNOLOGICA

IN COLLABORAZIONE CON

TEATRO CARLO FELICE

TEATRO STABILE DI GENOVA

TEATRO DELLA TOSSE

TEATRO MODENA

CAMERA DI COMMERCIO DI GENOVA

CENTRO SPERIMENTALE STUDI DI CINEMATOGRAFIA ROMA

CINETECA GRIFFITH GENOVA

CINETECA NAZIONALE

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CRITICI

MIKADO

BIBLIOTECA D’ALESSANDRIA D’EGITTO

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DELLA PROVINCIA DI GENOVA

LA CONSULTA DI GENOVA

AIDIA, ASSOCIAZIONE ITALIANA DONNE INGEGNERI ED ARCHITETTI

ACCADEMIA LIGUSTICA DI BELLE ARTI

GALLERIE D’ARTE

I LUOGHI

PALAZZO DELLA BORSA - SALONE DELLE GRIDA, CHIOSTRO SAN MATTEO - ORDINE DEGLI ARCHITETTI

CAMERA DI COMMERCIO – SALONE DI RAPPRESENTANZA, SALA POLIVALENTE-REGIONE LIGURIA PALAZZO DUCALE - SALA DEL CAMINO,

SOTTOPORTICATO, SALA DOGANA, AUDITORIUM PALAZZO ROSSO. FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA.

PALAZZO TURSI - SALONE DI RAPPRESENTANZA,

FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE – AULA MAGNA

CHIOSTRO E CHIESA DI SANTA MARIA DI CASTELLO, MUSEO DELL’ACCADEMIA LIGUSTICA – 15 GALLERIE D’ARTE

1


IL

FESTIVAL 2010

IPAZIA. IL MEDITERRANEO DELLE DONNE

Premessa

II Festival, attraverso la presentazione di donne esemplari, protagoniste nelle professioni nelle arti,

nel sociale, nello sviluppo scientifico, e attraverso l'analisi delle strategie “di genere”, propriamente

femminili, vuole contribuire a formare in tutte le donne una più consapevole coscienza della propria

identità, del proprio valore, della propria storia, cultura, delle proprie attitudini e del contributo che

esse apportano al progresso dell’umanità.

II Festival vuole dunque indagare e mettere in risalto “l’eccellenza femminile” in modo originale e

dinamico con un approccio interdisciplinare, in particolare, attraverso l'Arte, il Teatro, il Cinema.

Ipazia d’Alessandria d’Egitto

L’edizione di quest’anno è intitolata a Ipazia d’Alessandria (370 – 415 d. C. circa). Intellettuale

poliedrica e completa, eccelse in varie discipline, in particolare, la filosofia, la matematica,

l’astronomia. Fu maestra nella Biblioteca di Alessandria, succedendo al padre Teone, e consigliera

di autorevoli personaggi del suo tempo, fu condannata a morte dal sistema di potere del tempo,

rappresentato dal vescovo Cirillo. Da quel momento, la storia occidentale registra un protagonismo

esclusivamente maschile.

Il Festival dell’Eccellenza al Femminile di Genova 2010 porge il tributo a tutte le donne, in favore

della loro autonomia e libertà di pensiero e, soprattutto per la loro eccellenza, istituendo il Premio

Ipazia che verrà conferito quest’anno per la prima volta “alla donna che si è distinta per

grandezza e levatura nella Cultura, nell’Arte e nell’impegno sociale”.

In nome di Ipazia e del Mediterraneo saranno protagoniste dell’edizione di quest’anno, le donne

delle due sponde del Mediterraneo, provenienti da paesi come Egitto, Marocco, Tunisia, Siria,

Grecia partner del Festival sarà la la Biblioteca di Alessandria d’Egitto, diretto erede della

conoscenza tramandata dalla grande scienziata alessandrina.

IL PROGRAMMA

IL MELOGRANO SIMBOLO DEL FESTIVAL E DEL MEDITERRANEO

Il Festival 2010 presenta la sua quinta edizione nel segno di Ipazia e del Mediterraneo.

Le parole chiave del programma di quest’anno sono Svelamenti ed Eccellanza e trovano la loro

sintesi nel melograno, che simboleggia la manifestazione e il Mediterraneo e richiama fertilità e

fortuna. Diffuso tra l’Asia, il Caucaso e l’India, dove ancora adesso cresce spontaneo, questo frutto

meraviglioso si affaccia sul Mediterraneo lasciando tracce di sé nelle rappresentazioni pittoriche degli

Egiziani e nella predilezione che gli tributavano i Greci e i Romani, consacrandolo alle due dee

femminili per eccellenza, Venere e Giunone, mentre la Bibbia lo considera un prodotto della terra

promessa.

Cosa meglio del melograno può esemplificare il mondo della filosofa di Alessandria, la cui mente

spaziava tra la Grecia e l’Asia, e che incontrò sul suo cammino, concluso tragicamente, i discendenti

degli Ebrei: i Cristiani? Singolare punto di incontro tra Ipazia e questo magico frutto è la pittura di

Raffaello, che ne fece il ritratto e dedicò un’altra opera alla Madonna della Melagranata.

Il melograno poi, che si fa strada tra l’Asia e il Mare Nostrum, e allarga i nostri orizzonti fino al

Caucaso e all’Indo, ha altri punti in comune con l’eccellenza delle donne, che deve essere appunto,

scoperta: dietro una scorza dura e bigia nasconde tesori dai colori lucenti e dal gusto squisito.

2


Le Aree Tematiche e i Progetti speciali

La quinta edizione del Festival dell'Eccellenza al Femminile offre un cartellone ricco di iniziative a

carattere multidisciplinare, dal Cinema al Teatro, all'Arte Contemporanea, alla Filosofia, alla

Letteratura, all’Economia e alle Scienze esatte, con momenti di gioco e di divertimento, di

formazione e di riflessione culturale che sono divisi in 4 aree tematiche

Le aree tematiche riunite nella figura di Ipazia che tutte le esprime e le contiene Spirito del

Mediterraneo, Grandi Donne Grandi Storie, Sirene su Marte, Svelamenti, sono i fili che con

diversi colori si intrecciano e ci guidano nel Festival alla scoperta di un’Eccellenza al Femminile. Le

virtù delle donne sono spesso misconosciute ma il melograno che simboleggia la loro storia, con il

Festival ogni anno a novembre si apre e mostra i loro sorprendenti tesori.

Spirito del mediterraneo

L’area Tematica Spirito del Mediterraneo racconta il cammino delle donne verso l’emancipazione;

il femminile che dai miti matriarcali delle origini e dalla Grecia antica attraversa la storia è una forza

che nutre ed esalta il pensiero dell’umanità, raffina le arti e la scienza ed inesauribile arriva fino ad

oggi.

il Mediterraneo nell’Arte e nella Poesia delle donne è come un grande ventre materno, in cui

prendono forma gli elementi primordiali, le evocazione sciamanica dei riti matriarcali, la forza della

musica e della danza, l’esotismo e la sensualità delle narrazioni di Sharazade, le passioni negate

nelle prigioni della vita quotidiana.

Grandi donne grande storie

L’area Tematica Grandi donne grandi storie ci guida negli entusiasmanti successi ma anche nei

tragici insuccessi, di protagoniste di tutti i tempi, nelle opere del genio femminile nelle scienze e

nelle arti. Una lente per leggere l’universo delle donne come un firmamento in cui si distinguono

stelle di eccellente lucentezza.

Sirene su Marte

L’area Tematica Sirene su Marte vuole condurci in una esplorazione di “genere” attraverso campi

d’indagine considerati prettamente maschili come l’astronomia, la matematica, la fisica, la filosofia,

la poesia ermetica, le nuove tecnologie e il web, dalle spedizioni su Marte progettate dalle

scienziate italiane, alla ricerca condotta dalle donne per la difesa dei fondali marini.

Svelamenti

L’area Tematica Svelamenti indaga la ricerca della verità nelle molteplici forme in cui si manifesta.

Svelamento è l’”hijab” che si alza e scopre il viso di una donna, è l’Arte che si manifesta attraverso

il genio e la follia, è l’identità che si mostra nelle trasformazioni di genere e nei nuovi orizzonti

estetici; è il linguaggio della pelle che svela il disagio e i fondamenti dell’essere.

SVELAMENTI (Mediterranean REVEALS) Progetto Speciale Egitto, Siria, Marocco

Mediterranean Reveals è un progetto speciale che promuove residenze e creazioni al

femminile di Arte Contemporanea con artiste da Egitto, Siria, Marocco. Esistono nella

sponda sud del Mediterraneo molte artiste donne, che si sono dedicate a indagare la condizione e

l’immaginario femminile, a partire da loro stesse. Alcune di loro verranno a Genova durante il

Festival e si incontreranno con artiste italiane, lavoreranno con loro in un’esperienza di continuo

scambio; le potrete incontrare con le loro creazioni nelle Gallerie d’Arte di Genova durante gli

aperitivi e nel Museo di Sant'Agostino

3


CALENDARIO

MARTEDI’ 9 novembre

h. 15,00

Tavola Rotonda

Reveals - Gli svelamenti dell’arte

Saluto: Adelmo Taddei, Museo Sant’ Agostino, Alessandra Gagliano Candela, storica dell’arte;

Luogo: Museo di Sant’ Agostino

Ingresso libero

h. 17,00

Inaugurazione del Festival - Tavola Rotonda

IPAZIA. IL MEDITERRANEO DELLE DONNE

Saluto: Andrea Ranieri, Assessore Cultura Comune di Genova,

Conduce: Emanuela Bambara, Ipazia Preveggenza Tecnologica; Gemma Beretta, scrittrice;

Youssef Ziedan, scrittore, Egitto; Mohamed Nadir Aziza, Osservatorio Mediterraneo, Tunisia;

Consuelo Barilari, Direttrice del Festival, Yasmine Ali, Bibliotheca Alexandrina, Egitto;

Luogo: Palazzo Tursi

h. 18,00

Recital

IL SOGNO DI IPAZIA

Compagnia Teatro Belli, di Massimo Vincenzi, con Francesca Bianco e Stefano Molinari

come voce fuori campo.

Regia di Carlo Emilio Lerici.

L’ultimo giorno di vita di Ipazia, dal mattino all’uscita di casa per recarsi alla scuola, fino al momento

dell’aggressione e della morte. Salvare la Biblioteca d’Alessandria è il simbolo della sua esistenza ma

su di lei incombe la minaccia sempre violenta dell’autorità politica e religiosa.

Luogo: Chiesa di Sant’Agostino

h. 19,00

2 Performance e aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria d’arte Maks

h. 21,00

Monologo

VASTA È LA PRIGIONE

Testo di Assia Djebar, di e con Licia Maglietta.

Introduce Silvana Zanovello, giornalista

Isma è una donna algerina che cerca di fuggire dalla prigionia familiare di un marito che non ama, si

innamora di un uomo più giovane finchè il tradimento viene scoperto e la violenza irrompe su di lei.

La sua storia è simile alla storia di tutte le donne che abitano i romanzi femminili dedicati all’Islam,

per le quali l’amore diventa un proibito moto di libertà. La storia di Isma ricorda Sakineh ed a lei è

dedicato questo primo spettacolo della rassegna.

Luogo: Ridotto - Teatro Modena

4


MERCOLEDI 10 novembre

h. 15,00

Inaugurazione Mostra Fotografica

LE DIVE DE L’EUROPEO

Foto di donne indimenticabili del cinema italiano.

Luogo: Auditorium di Palazzo Rosso

h. 16,00

Inaugurazione del ciclo di film di Suso Cecchi d’Amico

L'ONOREVOLE ANGELINA

Regia di Luigi Zampa, con Anna Magnani

Con Claudio G. Fava, critico cinematografico

Luogo: Auditorium di Palazzo Rosso

h. 16,00

Tavola Rotonda

CAMILLE CLAUDEL. IL PREZZO DELLA CREATIVITA’

Con: Sandro Parmiggiani, curatore e critico d’arte ; Paolina Preo, critica d’arte; Brigida di Leo,

critica d’arte

Luogo: Centro Culturale Francese

h. 17,00

Proiezione del film

CAMILLE CLAUDEL

Regia: Bruno Nuytten con Isabelle Adjani, Gérard Depardieu, Alain Cuny, Laurent Grevil. Rarovideo

distribuzioni.

Luogo: Centro Culturale Francese

h. 19,30

Performance e aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Gallerie d’Arte Guidi & Schoen

h. 20,30

Incontro

Camille Claudel in scena

Incontro con Dacia Maraini, scrittrice.

Conduce Silvana Zanovello, giornalista

Luogo: Sala Dogana - Palazzo Ducale

5


h. 21,30

Anteprima nazionale

Progetto spettacolo multimediale

CAMILLE CLAUDEL

Testo teatrale di Dacia Maraini, con Mariangela D'Abbraccio, Regia Consuelo Barilari,

Progetto luci Liliana Iadeluca

Presentazione del Progetto multimediale di Studio Azzurro.

Claudel non è pazza ma la perdita prolungata della dimensione del tempo e dello spazio nella

reclusione in manicomio trasforma il suo genio artistico in impulso autodistruttivo e nel paradosso

della follia. Camille nel buio della propria solitudine e dell’ospedale psichiatrico in cui trascorre

trent’anni incontra tutti i personaggi della sua vita; la madre, il fratello Paul, l’amante Rodin, rivivono

attraverso forme di luce, elementi luminosi: il fascio di luce dallo spioncino della porta, la sua

ombra, la lampadina, i bagliori dell’ acqua nel catino.

In quel luogo Camille può vederli più chiaramente, può esorcizzare la paura, l'influsso che questi

personaggi hanno esercitati su di lei in passato .

Luogo: Sottoporticato - Palazzo Ducale

GIOVEDÌ 11 novembre

h. 17,00

Incontro

L’EDUCAZIONE AI SENTIMENTI E AI DIRITTI.

Con: Nando dalla Chiesa, promotore Città dei Diritti; Margherita Rubino, Promotore città di

Genova.

Luogo: Foyer – Teatro della Corte

h. 18,00

Spettacolo

PASSI AFFRETTATI

Progetto e testo teatrale di Dacia Maraini.

Una denuncia, ma anche un atto di attenzione verso tutte quelle donne che sono ancora prigioniere

di un matrimonio non voluto, di una famiglia violenta, di una tradizione e di una discriminazione

storica ancora difficile da superare. Educare ai sentimenti per una nuova sensibilità della cultura

maschile.

Conclude: Emanuela Abbatecola, sociologa.

Luogo: Foyer – Teatro della Corte

h. 18,00

Tavola Rotonda

ECCELLENZE NEL TEATRO D'OPERA.

Conduce: Lorenza Codignola Bo, regista;

Con: Nada Matosevic, direttore d'orchestra e sovraintendente, Croazia; Marina Bianchi,

regista; Margherita Palli, scenografa; Gabriella Pescucci, costumista; Elisabetta

Maschio, direttore d'orchestra;

Luogo: Palazzo Tursi

h. 18,00

Per il ciclo di film sceneggiati da Suso Cecchi D’Amico

NELLA CITTÀ L'INFERNO

Regia di Renato Castellani, con Anna Magnani e Giulietta Masina

Conduce: Raffaella Grassi, critica cinematografica.

6


Luogo: Cinema Sivori

h. 19,30

Aperitivo

Con Francesca Comencini, regista cinematografica.

Luogo: Bar Mangini

h.19,30

Performance di poesia in Galleria

SIRENE SU MARTE

Luogo: Gallerie d’Arte Ellequadro

h. 20,30

Tavola Rotonda

LO SPAZIO BIANCO

Saluto: Giorgio Devoto, Assessore alla Cultura Provincia di Genova; Conduce: Luisa Stagi,

Sociologa. Con: Francesca Comencini, regista cinematografica; Raffaella Grassi, critica

cinematografica; Olga Rossi Cassottana, pedagoga;

Luogo: Cinema Sivori

h. 21,30

Proiezione del Film

LO SPAZIO BIANCO

regia di Francesca Comencini, regista cinematografica; con Margherita Buy

Luogo: Cinema Sivori

VENERDì 12 novembre

h. 16,00

Tavola rotonda

IL CORPO DELLE DONNE E L'ECONOMIA AL FEMMINILE

Conduce: Lorella Zanardo, scrittrice. Con: Patrizia De Luise, Confesercenti Genova; Marylin

Fusco, Vice Presidente Regione Liguria; Andree Ruth Shammah, Teatro Pierlombardo; Pina

Rando, Teatro Modena; Kristin Engvig, WIN conference; Tatiana Campioni, Museo S. Maria

della Scala; Savina Scerni, Politeama Genovese; Evelina Christillin, Teatro Stabile Torino; Ida

Di Benedetto, produttrice cinematografica

Luoghi: Palazzo della Borsa - Salone delle Grida

h. 18,30

Tavola Rotonda

SUSO CECCHI D’AMICO. Una regina del cinema italiano.

Margherita D’Amico, scrittrice

Con: Masolino D’Amico, critico teatrale e scrittore; Aldo Viganò, Associazione Critici; Claudio G.

Fava, critico cinematografico; Francesca Comencini, regista; Alessandra Levantesi, scrittrice;

Federica Pontremoli, sceneggiatrice; Enrico Magrelli, Cineteca Nazionale.

Il regista Mario Monicelli in video-conferenza.

7


Durante la Tavola Rotonda verrà proiettato il documentario

CONVERSAZIONI DI SUSO CECCHI D’AMICO

di Luca Zingaretti con Margherita D’Amico

Luogo: Palazzo della Borsa

h. 20,00

Performance e aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria d’Arte Vision Quest

SABATO 13 novembre

h. 15,30

Inaugurazione del Progetto SPIRITO DEL MEDITERRANEO

Performance

SPIRITO DEL MEDITERRANEO

con la performer Antonella Pagano

Luogo: Palazzo Ducale - Sala Dogana

h. 16,30

Incontro

L’AMBIGUO MALANNO. Il Femminile nel Mediterraneo.

intervista a Eva Cantarella, grecista; conduce Margherita Rubino, grecista;

Luogo: Palazzo Ducale - Sala Dogana

h. 18,30

Tavola Rotonda – presentazione in anteprima nazionale del libro di Silvia Ronchey

“Ipazia. La vera storia” (Rizzoli). Come scrive Umberto Eco nella copertina del libro: "Su Ipazia

sono fiorite molte leggende e si sono sbizzarriti anche i poeti. E' giusto che una bizantinista, che sa

lavorare sui documenti, ci racconti la vera storia — che non è meno affascinante delle leggende".

Per la prima volta, con rigore filologico e storiografico e grande abilità narrativa, Silvia Ronchey,

partendo dalle testimonianze antiche, ricostruisce in tutti i suoi aspetti l'avventura esistenziale e

intellettuale di Ipazia, inserendola nella realtà culturale e sociale del mondo tardoantico, sullo sfondo

del tumultuoso passaggio di consegne tra il paganesimo e il cristianesimo, ma anche delle battaglie

ideologiche, religiose e letterarie di ogni tempo e orientamento su cui Ipazia ha continuato fino ad

oggi a proiettare la luce del suo martirio.

IPAZIA E LA BIBLIOTECA DI ALESSANDRIA

Conduce: Margherita Rubino, grecista. Con: Luciano Canfora, filologo e storico; Silvia

Ronchey, bizantinista e filologa; Yasmine Ali, Bibliotheca Alexandrina, Egitto;

Luogo: Palazzo della Borsa

h. 19,30

Performance e Aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria D’Arte Dac

h. 20,00

Performance e Aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria D’Arte il Vicolo

h. 20.00

8


Aperitivo e Video-installazione

con Virginia Monteverde

SVELAMENTI

Luogo: Palazzo della Borsa

h. 21,00

Spettacolo musicale multimediale in antiche lingue del Mediterraneo

LE VECCHIE E IL MARE

Testo di Ghiannis Ritsos, Regia Biagio Guerrera e Daniela Orlando. Con: Simona di Gregorio,

Daniela Orlando, Miriam Palma, Matilde Politi (voci) e Maria Grazia Campisi, Vanessa

Grasso, Concetta Sapienza (clarinetti). Video Dimitris Kozaris. Musiche Giovanni Arena

Le voci di sette vecchie donne si intrecciamo con le immagini di video proiezioni su schermi come

lenzuoli al sole del mediterraneo; come sirene cantano e salutano il loro mondo, fatto di mare, di

vento, di attesa e cura dei propri uomini. Un melologo che rilegge in chiave contemporanea motivi

tradizionali greci e siciliani, un canto che riecheggia, accomunando idealmente tutte le donne delle

isole del Mediterraneo.

DOMENICA 14 novembre

h. 16,00

Incontri nella Tenda della Poesia

STRANIERE E PELLEGRINE

Incontro con: Amel Moussa, poetessa, Tunisia; Tiziana Cerarosco, poetessa. Conduce:

Alessandra Cenni, poetessa.

Luogo: Sala Dogana – Palazzo Ducale

h. 17,00

Spettacolo di narrazione

SHARAZADE AI CONFINI DEL MEDITERRANEO

Con e di Mara Baronti,

Compagnia Teatro della Tosse

Musiche di Cristina Alioto

Chi ha sentito parlare de "Le Mille e Una Notte"? Tutti. Chi le conosce? Pochissimi.

Ognuno di noi ha in mente personaggi dei fumetti o del cinema: Alì babà, Shaharazade e altri.

Vale forse la pena di entrare più direttamente in contatto con questo mondo: le “Mille e una Notte”

ci raccontano un GRANDE ISLAM sapiente, allegro e aperto che in fondo non ci è sconosciuto.

h. 18,30

Tavola Rotonda

LA PERFIDIA DELLE DONNE

Conduce: Valeria Palumbo, giornalista e scrittrice. Con: Platinette, attrice. Piera Detassis,

critica cinematografica (da confermare); Ester Carla De Miro, storica del cinema.

Luogo: Auditorium - Palazzo Rosso

9


h. 19,30

Performance e Aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria D’Arte Studio 44

h.20,30

Film

TESTIMONE D’ACCUSA

di Billy Wilder con Marlene Dietrich (1957)

Luogo: Auditorium - Palazzo Rosso

h. 20,30

Presentazione

CATERINETTA FIESCHI ADORNO

Con Sandra Isetta, cristianista; Ferruccio Bertini, Medievista.

Luogo: Chiesa di Santa Caterina

h. 21,00

Spettacolo teatrale

SANTA CATERINA DA GENOVA

Liberamente tratto dagli scritti di S.Caterina Fieschi Adorno di Gioia Costa. Con Giselda Volodi

Mistica, colta, nobile, Caterina Fieschi Adorno anticipa l’esigenza della Riforma, predica la carità e

conversa con i massimi intellettuali del Quattrocento. Santa Caterina fonda e organizza ospedali e

servizi farmaceutici per le malattie difficili, le epidemie e i malati terminali. Rivelò una carica di

energia quasi soprannaturale, fu un simbolo del proprio tempo, ebbe molti seguaci e molte donne

del popolo e della nobiltà seguirono il suo esempio.

LUNEDI 15 novembre

h. 16,00

Performance di Poesia .

CORPI CELESTI

Con: Alessandra Cenni, poetessa; Musiche: Fulvio Pereda; Allestimento: Filio Koutsolenti.

Luogo: Chiesa di S. Agostino

h. 17,00

Tavola rotonda

SIRENE SU MARTE

con: Amalia Ercoli Finzi, ingegnere orbitale; Emanuela Pompei, astronoma; Filippina Caputo,

astronoma; Conduce: Paola de Paoli, giornalista.

Luogo: Chiesa di S. Agostino

h. 18,00

PREMIO IPAZIA – I edizione

Il Sindaco Marta Vincenzi conferirà il Premio Ipazia per la Donna simbolo dell’Eccellenza al

Femminile 2010 a: Carla Fracci

Introducono: Elvira Bonfanti e Margherita Rubino

Luogo: Palazzo Tursi

h. 19,00

Performance e Aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

10


Luogo: Galleria D’Arte Open Lab

h. 19,30

Performance e Aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria D’Arte Artè

h.21,00

Spettacolo Teatrale

PERSONE NATURALI E STRAFOTTENTI

Di Patroni Griffi, con Vladimir Luxuria, Daniele Russo, Maria Luisa Santella, Timothy

Martin Regia di Luciano Melchionna.

La notte di Capodanno in una squallida camera ad ore nei bassi di Napoli si incontrano 4

personaggi: un americano di colore, un giovane alla ricerca di esperienze omosessuali, un

transessuale e una vecchia e laida prostituta. Lo spazio in cui si incontrano come nella discesa al

sottosuolo, sono le viscere del Mediterraneo; ma non è sottoterra, bensì in un luogo abitato del

mondo civile in cui si incrociano rapporti di “diversità” e un estremo disagio di vivere.

Luogo: Teatro della Gioventù

MARTEDI 16 novembre

h. 16,00

Tavola Rotonda

QUESTIONE DI PELLE

Conduce: Maria Augusta Masperone, cardiologa.

Con: Aurora Parodi, medico; Patrizia Ciulla, dermatologo; Oria Trifoglio, ginecologo; Marina

Romagnoli, medico.

IL TATUAGGIO.

Introduce: Luisa Stagi, sociologa; Rossella Gallo, dermatologa.

LA COSMESI, I SEGNI DELL’IDENTITA’.

Dalle antiche ricette salernitane al trucco nel cinema e nello spettacolo.

Introduce Ferruccio Bertini, medievista

Con: Silvana Giacobini, giornalista e scrittrice.

SOFIA LOREN UNA VITA DA ROMANZO

Con Silvana Giacobini

Luogo: Sala Polivalente, Piazza De Ferrari

h. 17,00

In ricordo di Suso Cecchi D’Amico

Proiezione dei Film

RISATE DI GIOIA

Regia di Mario Monicelli con Anna Magnani e Totò

Introduce Francesca Felletti, critica cinematografica

Luogo: Cinema Sivori

h. 17,00

Incontro

PER ALDA MERINI. ELOGIO DELL’ARTE E DELLA FOLLIA

11


Conduce: Stefano Bigazzi,giornalista. Con: Roberto Vecchioni, cantautore; giornalista; Angelo

Guarnieri, psicoterapeuta e poeta.

Luogo: Palazzo della Borsa

h. 19,30

Performance e Aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria D’Arte Chan

h. 20,00

Performance e Aperitivo d’arte in Galleria

SVELAMENTI

Luogo: Galleria D’Arte Immagine e Colore

h. 21,00

Teatro della Tosse - Sala Aldo trionfo

Spettacolo teatrale musicale

METTI IL DIAVOLO A BALLARE

Con Teresa De Sio e la sua orchestra

Una storia nella notte di carnevale in pieno Mediterraneo. Il tempo è quello in cui le

tarante mordevano le donne nelle campagne e bisognava metterle «a ballare» per liberarle

dal male Al centro c’è una notte maledetta di Carnevale, una vicenda che finirà per travolgere la vita

di molti e scompaginare l’esistenza stessa del paese in cui si svolge la vicenda.

MERCOLEDI’ 17 novembre

h. 17,00

Spettacolo teatrale

LE DONNE CHE HANNO FATTO L’ITALIA.

Con Laura Curino

Donne celebri e misconosciute, accomunate dalla convinzione di voler portare la propria vocazione

nella società e nel mondo del lavoro: dal Bauhaus al ricordo di un’immigrata morta nell’incendio

della fabbrica Cotton, da Maria Antonietta agli smalti per le favolose nozze di Grace Kelly e alla

nascita del design.

Luogo: foyer - Teatro della Corte

h. 18,00

Tavola Rotonda/Incontro

STORIE DI DONNE STORIE D'IMPRESE.

Con: Patrizia De Luise, Confesercenti Genova; Alessandra Bisacco, Apcom Liguria; Mariangela

Ravaioli, Ismar Cnr; Fiorenza Scotti, Progetto Gendera; Fiorella Ghignone, Liapull.

Luogo: Camera di Commercio

Verrà assegnato al pubblico del Festival il PREMIO IN EGITTO CON IPAZIA un viaggio in

Egitto nei territori di Ipazia offerto da Diomira Travel. Altri Premi in palio prodotti e trattamenti per

la bellezza e il benessere della donna. Il concorso sarà abbinato alla tessera PASSE-PARTOUT

a seguire

Serata conclusiva del Festival. Performance e Aperitivo di arrivederci con il pubblico

con spettacolo a sorpresa.

12


DELL’ECCELLENZA AL FEMMINILE

IPAZIA • IL MEDITERRANEO DELLE DONNE

SPETTACOLI TEATRALI FILM TAVOLE ROTONDE INCONTRI LETTURE MOSTRE PERFORMANCE

GENOVA • DA MARTEDÌ 9 A MERCOLEDÌ 17 NOVEMBRE 2010

il festival 2010

IPAZIA.

IL MEDITERRANEO DELLE DONNE

II Festival, attraverso la

presentazione di donne

esemplari, protagoniste nelle

professioni nelle arti, nel sociale,

nello sviluppo scientifico e,

attraverso l’analisi delle strategie

“di genere”, propriamente

femminili, vuole contribuire a

formare in tutte le donne una

più consapevole coscienza della

propria identità, del proprio

valore, della propria storia,

cultura, delle proprie attitudini

e del contributo che esse

apportano al progresso

dell’umanità.

II Festival vuole dunque indagare

e mettere in risalto “l’eccellenza

femminile” in modo originale e

dinamico con un approccio

interdisciplinare, in particolare

attraverso l’arte, la letteratura,

il teatro, il cinema.

Ipazia d’Alessandria

d’Egitto

L’edizione di quest’anno è

intitolata a Ipazia d’Alessandria

(370-415 d. C. circa). Intellettuale

poliedrica e completa, eccelse in

varie discipline, in particolare,

la filosofia, la matematica,

l’astronomia. Fu maestra ad

Alessandria proseguendo

l’attività del padre Teone e

consigliera di autorevoli

personaggi. Ipazia fu condannata

a morte dal sistema di potere

del suo tempo rappresentato dal

vescovo Cirillo. Da quel

momento, la storia occidentale

registra un protagonismo

esclusivamente maschile.

WWW.ECCELLENZALFEMMINILE.IT

IL PREMIO IPAZIA

ALL’ECCELLENZA AL FEMMINILE

Il Festival porge il tributo a tutte

le donne, in favore della loro

autonomia e libertà di pensiero e,

soprattutto, per la loro eccellenza,

istituendo il “Premio Ipazia

all’eccellenza al femminile” che

verrà conferito per la prima volta

“alla donna che si è distinta per

grandezza e levatura nella cultura,

nell’arte e nell’impegno sociale”.

In nome di Ipazia e del

Mediterraneo saranno

protagoniste quest’anno le donne

delle due sponde del

Mediterraneo, provenienti da

paesi come Egitto, Marocco,

Tunisia, Siria, Grecia. Partner del

Festival sarà la Biblioteca di

Alessandria d’Egitto, diretto erede

della conoscenza tramandata

dalla grande scienziata

alessandrina.


il programmale aree tematiche

IL MELOGRANO

SIMBOLO DEL FESTIVAL

Il Festival 2010 presenta la sua

quinta edizione nel segno di Ipazia

e del Mediterraneo.

Le parole chiave del programma

di quest’anno sono svelamenti ed

eccellenza e trovano la loro sintesi

nel melograno, che simboleggia la

manifestazione e richiama fertilità

e fortuna. Diffuso tra l’Asia, il

Caucaso e l’India, dove ancora

adesso cresce spontaneo, questo

frutto meraviglioso si affaccia sul

Mediterraneo lasciando tracce di

sé nelle rappresentazioni

pittoriche degli Egiziani, nella

tradizione religiosa ebraica e nella

predilezione che gli tributavano i

Greci e i Romani, consacrandolo

alle due dee femminili per

eccellenza, Venere e Giunone,

mentre la Bibbia lo considera un

prodotto della terra promessa.

Cosa meglio del melograno può

esemplificare in immagine

il mondo complesso e fecondo

delle donne e in particolare

della filosofa di Alessandria?

Singolare punto di incontro tra

Ipazia e questo magico frutto è

la pittura di Raffaello, che ne fece

il ritratto e dedicò un’altra opera

alla “Madonna della Melagrana”.

Il melograno si fa strada tra

l’Asia e il Mare Nostrum e ha

altri punti in comune con

l’eccellenza delle donne:

dietro una scorza dura nasconde

tesori dai colori lucenti e

dal gusto squisito.

LE AREE TEMATICHE E

I PROGETTI SPECIALI

Il Festival offre un cartellone ricco

di iniziative a carattere

multidisciplinare: cinema, teatro,

arte contemporanea, filosofia,

letteratura, economia e scienze

esatte, con momenti di gioco e

divertimento, di formazione e

riflessione culturale che sono divisi

in quattro aree tematiche.

Le aree tematiche, riunite nella

figura di Ipazia che tutte le esprime

e le contiene, sono i fili che con

diversi colori si intrecciano e ci

guidano nel Festival alla scoperta

dell’eccellenza al femminile.

Le virtù delle donne sono spesso

misconosciute ma il melograno che

simboleggia la loro storia, aprendosi

con il Festival ogni anno a

novembre, ci mostra i loro

sorprendenti tesori.

Spirito del Mediterraneo

Spirito del Mediterraneo racconta

il cammino delle donne verso

l’emancipazione; il femminile che

dai miti matriarcali delle origini e

dalla Grecia antica attraversa la

storia è una forza che nutre ed

esalta il pensiero dell’umanità,

raffina le arti e la scienza e

inesauribile arriva fino ad oggi.

Il Mediterraneo nell’arte e nella

poesia delle donne è come un

grande ventre materno, in cui

prendono forma gli elementi

primordiali, dalle evocazioni

sciamaniche dei riti matriarcali, alla

forza della musica e della danza,

all’esotismo e la sensualità delle

narrazioni di Sharazade, alle

passioni negate nelle prigioni della

vita quotidiana.

Grandi donne grandi storie

Grandi donne grandi storie ci

guida negli entusiasmanti

successi, ma anche gli insuccessi,

delle protagoniste di tutti i

tempi, nelle opere del genio

femminile nelle scienze e nelle

arti. Una lente per leggere

l’universo delle donne come un

firmamento in cui si distinguono

stelle di eccellente lucentezza.

Sirene su Marte

Sirene su Marte vuole condurci in

una esplorazione di “genere”

attraverso campi d’indagine

considerati prettamente maschili

come l’astronomia, la matematica,

la fisica, la filosofia, la poesia

ermetica, le nuove tecnologie e il

web passando dalle spedizioni su

Marte progettate dalle scienziate

italiane, alla ricerca condotta dalle

donne per la difesa dei fondali

marini.

Svelamenti

Svelamenti indaga la ricerca della

verità nelle molteplici forme in cui

si manifesta. Svelamento è l’hijab

che si alza e scopre il viso di una

donna, è l’arte che si manifesta

attraverso il genio e la follia, è

l’identità che si mostra nelle

trasformazioni di genere e nei

nuovi orizzonti estetici, svelamento

è il linguaggio della pelle che

racconta il disagio e i fondamenti

dell’essere.

Progetto speciale

arte contemporanea

Svelamenti-Mediterranean

Reveals

Promuove creazioni al femminile di

arte contemporanea e residenze di

artiste da Egitto, Siria, Marocco.

Nella sponda sud del Mediterraneo

molte artiste hanno indagagato la

condizione e l’immaginario

femminile. Alcune di loro saranno

ospiti del Festival e lavoreranno in

continuo scambio con artiste

italiane. Con le loro creazioni

saranno presenti nelle Gallerie

d’arte durante gli aperitivi e nel

Museo di Sant’Agostino.


passe-partout

Info: 010.6048277 • info@eccellenzalfemminile.it •Ufficio stampa: OPI OLCESE PRESS Claudia Parisi 340.4155877

PRENDI LA CARD CON TE…

E VAI IN VIAGGIO!

Card passe-partout per

tutti gli eventi del festival

Acquistare la CARD passe-partout

ti dà una serie di vantaggi:

• puoi prenotare gli eventi del

Festival con una semplice

telefonata al ✆ 346.1576557

• ti dà diritto all’ingresso agli

spettacoli teatrali, alle proiezioni

di film, agli incontri e a ben 11

aperitivi con performances di

arte e poesia

• puoi vincere un favoloso viaggio

di 8 giorni in Egitto, sulle tracce

di Ipazia

La CARD costa € 30; ridotto € 20 per

gruppi, Cral, per chi ha meno di 26 o

più di 65 anni.

I prezzi dei biglietti

• Spettacoli € 10 - ridotto € 5

• Incontri € 3

• Aperitivi € 3

• Film € 3

• Aperitivo + film, oppure

incontro + film € 5

Alcuni incontri e tavole rotonde

sono ad ingresso gratuito.

Siamo su Facebook

Biglietteria

I biglietti per i singoli eventi e la

CARDpasse-partout per seguire

l’intero festival sono acquistabili dal

15 ottobre in prevendita on-line:

• www.eccellenzalfemminile.it

• www.happyticket.it

Dal 9 novembre fino alla fine del

Festival direttamente presso le

biglietterie:

• Palazzo Ducale

✆ 010.5574004

• Musei di via Garibaldi

✆ 010.2759185

• Info-point del Festival

piazza Matteotti

Prenotazioni e prevendita

I biglietti prenotati potranno essere

ritirati fino a 2 ore prima dell’inizio

dell’evento presso i punti di

prevendita. I possessori della

CARD passe-partout potranno

ritirare il biglietto direttamente

all’orario fissato dietro semplice

prenotazione telefonica.

Libreria Spazio-incontri

Dal 12 al 16 novembre sarà aperta

nella Sala Polivalente in Piazza De

Ferrari. Ogni giono incontri con gli

autori e presentazioni di libri.

I vantaggi della card

Per chi acquista la CARD entro l’8

novembre, in regalo il kit del festival:

borsa, badge da personalizzare,

collarino porta badge, portachiavi, 2

quaderni del Festival in quadricromia,

adesivo a forma di melograno per

appendere il programma e poterlo

consultare in ogni momento. Prima

dell’inizio del festival i gadget saranno

ritirabili presso lo spazio soci Fnac e

dal 9 novembre presso l’info-point

del Festival in piazza Matteotti.

Una convenzione con Fnac

Chi presenterà la CARD passepartout

del Festival avrà la carta

soci Fnac con la riduzione del 50%

presso lo spazio soci Fnac dal 9 al

16 novembre.

Un viaggio nei luoghi

di Ipazia

Per chi acquista la CARD in palio un

PREMIO SPECIALE: UN VIAGGIO DI

UNA SETTIMANA IN EGITTO, nei

luoghi di Ipazia, dal 4 al 12 gennaio

2011, organizzato e offerto da

Diomira Travel.

REP UBBLICA ITALI ANA

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità

REGIONE LIGURIA

Comune di Genova Provincia di Genova

Accademia ligustica

di Belle Arti

arté

Si ringrazia per la collaborazione il Gruppo Ligure Critici Cinematografici (SNCCI)

A cura di Schegge di Mediterraneo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI

DI GENOVA

More magazines by this user
Similar magazines