17.06.2013 Views

Numero 1 - aprile 2013 - Comune di Storo

Numero 1 - aprile 2013 - Comune di Storo

Numero 1 - aprile 2013 - Comune di Storo

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Perio<strong>di</strong>co quadrimestrale del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - TN • Poste Italiane S.p.a. • Spe<strong>di</strong>zione in abbonamento postale 70% DCB Trento • Anno XXXIII - n. 7 - Aprile <strong>2013</strong><br />

Registrazione Tribunale <strong>di</strong> Trento n. 348 del 07.11.1981 • Taxe Parçue • Contiene inserti redazionali<br />

20 anni dall’incen<strong>di</strong>o a <strong>Storo</strong> 55° Gruppo Alpini <strong>di</strong> Darzo Lavori in corso Nuovo <strong>di</strong>rettivo Pro loco Lodrone


Alpini Darzo<br />

Eventi in Val del Chiese<br />

Il Bucaneve<br />

Soccorso Alpino<br />

Coro Valchiese<br />

Fabiano Ferretti<br />

Intervento 19 presso RSA<br />

Società Americana


BOLLETTINO DEL<br />

COMUNE DI STORO<br />

Perio<strong>di</strong>co quadrimestrale del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

(Tn) Registrazione Tribunale <strong>di</strong> Trento n. 348 del<br />

07.11.1981 - ANNO XXXIII - N. 7 - Aprile <strong>2013</strong><br />

SEDE DELLA REDAZIONE<br />

Municipio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Piazza Europa, 5<br />

tel. 0465.681200 - fax 0465.686026<br />

DIRETTORE RESPONSABILE<br />

Salvatore Giacomolli<br />

DIRETTORE TECNICO<br />

Chiara Grassi<br />

COMITATO DI REDAZIONE<br />

Vigilio Giovanelli, Stefania Alessi, Clau<strong>di</strong>o<br />

Cortella, Marta Coser, Luciano Guida, Marco<br />

Malfer, Sabrina Scaglia<br />

storo@biblio.infotn.it<br />

UN RINGRAZIAMENTO AI COLLABORATORI<br />

ESTERNI DI QUESTO NUMERO<br />

Sabrina Amista<strong>di</strong>, Associazione “La miniera”,<br />

Associazione Pescatori Dilettanti <strong>Storo</strong>, Banda<br />

Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, Giuliano Beltrami, Michele<br />

Bettazza, Francesca Braghetto, CAI SAT<br />

<strong>Storo</strong>, Davide Canetti, Loretta Cavalli, Circolo<br />

Pensionati dei Voi, Angela Collotta, Comitato<br />

“Bene <strong>Comune</strong>”, Coro Valchiese, Gianni Cortella,<br />

Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>,<br />

Gabriele Coser, Laura Danieli, Fabiano Ferretti,<br />

Elisa Fusi, Nicola Giovanelli, Ilaria Girar<strong>di</strong>ni,<br />

Gruppo Adolescenti dell’Oratorio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>,<br />

Gruppo Sci Lodrone, Francesco Guerra, I Fuori<br />

Quota, Michela e Il Bucaneve, Lodron Foto Club,<br />

Omar Lucchini, Marisa Marini, Basilio Piccinelli,<br />

Salvatore Poletti, Pro loco Lodrone, Pro loco<br />

<strong>Storo</strong> M2, Stefano Isidoro Radoani, RSA <strong>Storo</strong><br />

“Villa S. Lorenzo”, S.S. Settaurense, Soccorso<br />

Alpino <strong>Storo</strong>, Società Americana <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>,<br />

Giuseppe Tonini, Giusi Tonini, Ufficio Anagrafe,<br />

Ufficio Ragioneria, Ufficio Tecnico, Alex Zanetti<br />

SI RINGRAZIANO PER LE FOTOGRAFIE<br />

Lodron Foto Club, Denis Mora, Rolando<br />

Zanetti, Vigili del fuoco <strong>di</strong> Tione, gli autori, i<br />

rappresentanti delle associazioni, i privati e il<br />

fotografo Gerardo Sai<br />

GRAFICA, IMPAGINAZIONE E STAMPA<br />

Grafica 5 - Arco (TN)<br />

Questo perio<strong>di</strong>co viene inviato gratuita mente<br />

a tutte le famiglie, enti e associazioni del<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e a tutti gli emigrati che<br />

ne facciano richiesta. Per chi lo desidera, il<br />

Bollettino è on-line al seguente in<strong>di</strong>rizzo:<br />

www.comune.storo.tn.it<br />

Chi vuole inviare consigli, critiche e osservazioni<br />

al Comitato <strong>di</strong> redazione può inviare<br />

una e-mail all’in<strong>di</strong>rizzo <strong>di</strong> posta elettronica:<br />

storo@biblio.infotn.it<br />

Chiuso in stampa il 16 <strong>aprile</strong> <strong>2013</strong><br />

In copertina: particolare <strong>di</strong> Palazzo Caffaro a<br />

Lodrone. Foto <strong>di</strong> Ivan Igini per Lodron Foto Club<br />

In quarta <strong>di</strong> copertina: Palazzo Bavaria a Lodrone,<br />

la fontana <strong>di</strong> Piazza Unità d’Italia a <strong>Storo</strong>,<br />

l’interno della chiesa San Giovanni Nepomuceno<br />

X <strong>di</strong> Darzo (Lodron Foto Club per il censimento<br />

dei beni storico artistici del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>)<br />

SOMMARIO<br />

DALLA REDAZIONE 2<br />

VITA AMMINISTRATIVA<br />

Attività del Consiglio Comunale 3<br />

Notizie della Giunta Comunale 11<br />

Determine dei Responsabili dei Servizi 15<br />

Notizie dai Gruppi Consiliari 18<br />

Concessioni E<strong>di</strong>lizie 28<br />

I risultati delle elezioni politiche <strong>2013</strong> a <strong>Storo</strong> 29<br />

L’APPROFONDIMENTO: BIODIGESTORE<br />

La parola al Comitato Bene <strong>Comune</strong>: Utilizzo e riciclo dei rifiuti organici in Trentino 31<br />

La parola all’Assessore all’ambiente: Di aria e <strong>di</strong> bio<strong>di</strong>gestore 32<br />

ATTUALITÀ<br />

Area industriale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>: l’evoluzione in un periodo <strong>di</strong> forte crisi 34<br />

Lavori in corso 36<br />

ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

20° Anniversario della scomparsa del vicecomandante tionese Giuseppe “Pino” Bon<strong>di</strong> 39<br />

55° anniversario Gruppo Alpini <strong>di</strong> Darzo 43<br />

Lungo un mese e più 45<br />

Nuovo <strong>di</strong>rettivo alla Pro Loco <strong>di</strong> Lodrone 47<br />

Lodron Foto Club 48<br />

Per un futuro migliore… e<strong>di</strong>zione <strong>2013</strong> - Il nuovo Piano Giovani della Valle del Chiese 50<br />

Gruppo Adolescenti dell’Oratorio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> 52<br />

Dai ricor<strong>di</strong> nasce la voglia <strong>di</strong> continuare 54<br />

Un gran Carnevale nonostante il tempo avverso 56<br />

Banda Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Concerto <strong>di</strong> Capodanno ed Eventi <strong>2013</strong> 59<br />

Coro Valchiese: gemellaggio in arrivo 60<br />

Esposizione <strong>di</strong> opere scultoree <strong>di</strong> Isidoro Zontini 62<br />

I Tre<strong>di</strong>ci Eventi Magici della Valle del Chiese 63<br />

L’ospitalità è bella 65<br />

Lavori socialmente utili all’interno delle strutture per anziani 66<br />

Circolo pensionati dei voi 68<br />

Complimenti a Marina Zinelli 80<br />

La Società Americana <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e la sostituzione del monumento commemorativo 71<br />

La stagione della pesca è aperta 72<br />

In longboard ai 90 all’ora sulle strade delle Alpi 73<br />

Gruppo Sci Lodrone 76<br />

S.S. Settaurense: obiettivo Promozione! 77<br />

Il Soccorso Alpino Trentino: operatività nel <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> 79<br />

Escursioni Sat 81<br />

ADDII<br />

Ad<strong>di</strong>o dottor De Stefano - Saluto ad un amico 82<br />

Ciao Valanga… 83<br />

INFORMAZIONI UTILI E AVVISI<br />

Cosa fare in caso <strong>di</strong>... fuga <strong>di</strong> gas? 84<br />

Agevolazioni Tariffa Igiene Ambientale 85<br />

Archivio storico comunale Prima Guerra Mon<strong>di</strong>ale 85<br />

Tariffe cimitero 86<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Popolazione residente al 31.12.2012 87<br />

METTETEVI ALLA PROVA<br />

Soluzioni del cruciverba dello scorso numero 88


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

2<br />

Dalla Redazione<br />

Cari lettori,<br />

ogni volta che mi trovo a stendere il sommario<br />

del nuovo numero del bollettino mi meraviglio<br />

<strong>di</strong> quante cose, associazioni, gruppi, eventi e<br />

personaggi ci siano nei nostri paesi. Tanto per<br />

fare degli esempi, chi ha mai sentito parlare<br />

<strong>di</strong> Downhill Skateboar<strong>di</strong>ng? Io no, eppure a<br />

<strong>Storo</strong> abbiamo il maggior esponente trentino<br />

<strong>di</strong> questo particolare sport acrobatico, Fabiano<br />

Ferretti. E chi conosce I Fuori Quota? Beh,<br />

questo è un gruppo piuttosto numeroso ma<br />

sicuramente chi li conosce non sa che, oltre a<br />

organizzare escursioni in montagna, persegue<br />

anche un obiettivo insolito e molto nobile. È<br />

un piacere scoprire queste chicche nostrane e<br />

farle conoscere anche a tutto il resto dei citta<strong>di</strong>ni!<br />

Ma a sua volta, lo stesso bollettino sta <strong>di</strong>ventando<br />

uno strumento sempre più in mano<br />

alla gente e mi inorgoglisce ad ogni occasione<br />

ricevere inaspettate richieste spontanee <strong>di</strong> persone<br />

che chiedono <strong>di</strong> poter scrivere del proprio<br />

gruppo o <strong>di</strong> segnalare qualche evento. Vi invito<br />

quin<strong>di</strong> sempre più numerosi ad approfittare<br />

<strong>di</strong> questa importante vetrina della società! Per<br />

avere informazioni, potete rivolgervi a noi del<br />

comitato <strong>di</strong> redazione, al bibliotecario o anche<br />

in comune.<br />

La fetta più grossa del notiziario è quin<strong>di</strong> lasciata<br />

come sempre alle associazioni ma voglio<br />

sottolineare che anche la parte amministrativa<br />

non è affatto “barbosa” come può sembrare<br />

perché gli atti esposti sono scelti in base all’interesse<br />

per la popolazione e lo spazio de<strong>di</strong>cato<br />

ai gruppi consiliari, con schietti botta e risposta,<br />

aggiunge un bel po’ <strong>di</strong> pepe alla vita politica.<br />

Infine, mi permetto <strong>di</strong> evidenziare un approfon<strong>di</strong>mento<br />

de<strong>di</strong>cato al tema <strong>di</strong> attualità più scottante,<br />

l’eventualità <strong>di</strong> impiantare un bio<strong>di</strong>gestore<br />

a <strong>Storo</strong>, che viene affrontata sia dal comitato<br />

Bene <strong>Comune</strong> che dall’Assessore all’ambiente<br />

Laura Danieli.<br />

Vi lascio dunque alla lettura <strong>di</strong> questo bel numero<br />

e arrivederci alla prossima estate.<br />

Chiara Grassi


VITA AMMINISTRATIVA<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Vita amministrativa<br />

Di seguito vengono riportate le sintesi delle delibere <strong>di</strong> Consiglio e <strong>di</strong> Giunta ritenute <strong>di</strong> maggior interesse<br />

per la citta<strong>di</strong>nanza. Il testo integrale <strong>di</strong> tutte le delibere è presente in libera visione presso gli Uffici Comunali<br />

e sul sito web del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> all’in<strong>di</strong>rizzo www.comune.storo.tn.it sotto la sezione “Albo”.<br />

Attività del Consiglio Comunale<br />

SEDUTE DA DICEMBRE 2012 A MARZO <strong>2013</strong><br />

SEDUTA DEL 27 DICEMBRE 2012<br />

Assenti i consiglieri Marco Malfer, Luca Turinelli, Angelo Melzani, Ermanna Briani, Silver Zanetti, Mauro Ferretti<br />

DELIBERA N. 20<br />

Approvazione convenzione tra<br />

Consorzio BIM del Chiese e comuni<br />

<strong>di</strong> Bersone, Bon do, Bondone,<br />

Brione, Castel Con<strong>di</strong>no,<br />

Cimego, Con<strong>di</strong>no, Daone, Lardaro,<br />

Pieve <strong>di</strong> Bono, Praso, Prezzo,<br />

Roncone e <strong>Storo</strong> per la redazione<br />

del P.R.I.C. (piano sovracomunale<br />

<strong>di</strong> riduzione dell’inquinamento<br />

luminoso)<br />

DELIBERA N. 21<br />

Approvazione <strong>di</strong> mo<strong>di</strong>fiche al<br />

regolamento <strong>di</strong> <strong>di</strong>sciplina della<br />

pubblicità e sul servizio delle<br />

pubbliche affissioni<br />

DELIBERA N. 24<br />

Adozione <strong>di</strong> varianti al piano regolatore<br />

generale e al piano dei<br />

centri storici<br />

Con tre<strong>di</strong>ci voti favorevoli e un astenuto (Narciso Marini) il consiglio<br />

delibera <strong>di</strong> approvare la “Convenzione tra Consorzio B.I.M. del Chiese e<br />

Comuni <strong>di</strong> Bersone, Bondo, Bondone, Brione, Castel Con<strong>di</strong>no, Cimego,<br />

Con<strong>di</strong>no, Daone, Lardaro, Pieve <strong>di</strong> Bono, Praso, Prez zo, Roncone e <strong>Storo</strong><br />

per la redazione del P.R.I.C.” nello schema trasmesso dal Consorzio<br />

B.I.M., composta da 11 articoli e che si allega alla presente deliberazione<br />

per costituirne parte integrante e sostanziale.<br />

Con tre<strong>di</strong>ci voti favorevoli e un astenuto (Narciso Marini) il consiglio<br />

delibera <strong>di</strong> apportare alcune mo<strong>di</strong>fiche al regolamento <strong>di</strong> <strong>di</strong>sciplina<br />

della pubblicità e sul servizio delle pubbliche affissioni.<br />

Il Sindaco Vigilio Giovanelli e il consigliere Narciso Marini, si <strong>di</strong>chiarano<br />

personalmente interessati alla trattazione del presente punto all’or<strong>di</strong>ne<br />

del giorno e si allontanano dall’aula ai sensi dell’art. 14 del TUOC.<br />

All’unanimità, il consiglio delibera <strong>di</strong> adottare le varianti al piano regolatore<br />

generale e dei centri storici composte dalla seguente documentazione:<br />

1. relazione accompagnatoria;<br />

2. norme <strong>di</strong> attuazione, ove la precedente parte terza è sostituita dagli<br />

allegati alla delibera n. 2039/2010 della Giunta provinciale assunta ai<br />

sensi degli articoli 36 comma 2 e 58 della LP 1/2008;<br />

3. documento <strong>di</strong> verifica <strong>di</strong> non assoggettabilità agli obblighi <strong>di</strong> re<strong>di</strong>gere<br />

il rapporto ambientale relativamente alla ren<strong>di</strong>contazione urbanistica;<br />

4. fascicolo contente le mo<strong>di</strong>fiche alle pagine dei volumi delle descrizioni<br />

progettuali dei piani dei centristorici;<br />

5. elaborati analogici e informatici composti da 13 tavole in scala<br />

1:2000 con riportati i poligoni che comprendono le aree 6. oggetto <strong>di</strong><br />

3


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

DELIBERA N. 1<br />

Istituzione e nomina <strong>di</strong> una<br />

commissione <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o su proposte<br />

<strong>di</strong> mo<strong>di</strong>fica del Regolamento<br />

del bollettino comunale<br />

SEDUTA DEL 18 MARZO <strong>2013</strong><br />

DELIBERA N. 3<br />

Approvazione Regolamento<br />

per il tributo sui rifiuti e sui<br />

servizi e schema <strong>di</strong> Convenzione<br />

con la Comunità delle<br />

Giu<strong>di</strong>carie relativa al trasferimento<br />

del servizio <strong>di</strong> riscossione<br />

dell’ad<strong>di</strong>zionale<br />

alla TARES<br />

4<br />

variante (chiamati con il co<strong>di</strong>ce V100) riprodotti su:<br />

base catastale;<br />

PRG vigente;<br />

c) varianti al PRG;<br />

7. due tavole in scala 1:1.000 dei centri storici, rispettivamente <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

e delle frazioni; legenda generale;<br />

8. visione sinottica sistema inse<strong>di</strong>ativo, produttivo e infrastrutturale in<br />

scala 1: 20.000<br />

Si uniscono i consiglieri Angelo Melzani e Marco Malfer<br />

Visto la votazione per le nomine avvenuta con sistema <strong>di</strong> voto limitato,<br />

il consiglio comunale delibera <strong>di</strong> istituire la Commissione consiliare per<br />

proporre mo<strong>di</strong>fiche al Regolamento del bollettino comunale, formata<br />

da Dario Luzzani e Ennio Colò in rappresentanza della maggioranza e<br />

Marco Malfer e Luca Turinelli in rappresentanza della minoranza.<br />

Sono assenti i consiglieri Angelo Melzani, Ermanna Briani, Silver Zanetti, Mauro Ferretti, Narciso Marini<br />

All’unanimità il consiglio delibera<br />

1. <strong>di</strong> approvare il Regolamento per il tributo sui rifiuti e sui servizi, nel<br />

testo che allegato alla presente deliberazione ne costituisce parte integrante<br />

e sostanziale<br />

2. <strong>di</strong> approvare la convenzione con la Comunità delle Giu<strong>di</strong>carie relativa<br />

al trasferimento del servizio per la riscossione dell’ad<strong>di</strong>zionale alla<br />

TARES, nel testo che allegato alla presente deliberazione ne costituisce<br />

parte integrante e sostanziale, incaricando il Sindaco della sua sottoscrizione<br />

3. <strong>di</strong> determinare nell’importo minimo <strong>di</strong> € 0,30 al mq l’importo della<br />

maggiorazione oggetto della riscossione.


VITA AMMINISTRATIVA<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

DELIBERA N. 4<br />

Esame ed approvazione del bilancio <strong>di</strong> previsione per l’esercizio <strong>2013</strong>, della relazione previsionale e programmatica<br />

e del bilancio pluriennale <strong>2013</strong>­2015<br />

RELAZIONE DEL SINDACO AL BILANCIO <strong>2013</strong><br />

SIGNORI CONSIGLIERI,<br />

abbiamo varcato la linea <strong>di</strong> metà consiliatura e possiamo<br />

affermare che il nostro programma ha preso<br />

forma. Molte delle scelte promesse sono state<br />

realizzate o sono in fase <strong>di</strong> realizzazione, sebbene<br />

il periodo che stiamo vivendo (lo <strong>di</strong>cevo già nella<br />

relazione al bilancio 2012) sia carico <strong>di</strong> tensioni e<br />

<strong>di</strong> incertezze, sia a livello nazionale (ciò che accade<br />

dalle parti del Parlamento ne è un esempio lampante),<br />

sia sul piano provinciale.<br />

A cascata, come sempre, a pagare il prezzo più alto<br />

delle tensioni sono i gra<strong>di</strong>ni più bassi. E il gra<strong>di</strong>no<br />

più basso della scala istituzionale è rappresentato<br />

dal <strong>Comune</strong>, che paga inevitabilmente il prezzo per<br />

il restringimento dei cordoni della borsa e del taglio<br />

delle spese.<br />

Tuttavia non sarebbe onesto piangersi addosso.<br />

Dobbiamo <strong>di</strong>rci, anzi, che i Comuni trentini per ora<br />

sono ancora fortunati rispetto ai Comuni che operano<br />

oltre il confine regionale. Il Trentino ha ancora<br />

risorse. E poi, venendo al nostro caso specifico, possiamo<br />

contare sui sovracanoni aggiuntivi, che rappresentano<br />

una iniezione <strong>di</strong> liqui<strong>di</strong>tà. Certo, dobbiamo<br />

essere consapevoli che non durerà, se è vero<br />

che nel 2015 (parola dell’assessore Ugo Rossi in<br />

un recente incontro a Tione) il bilancio provinciale<br />

subirà un taglio netto <strong>di</strong> un miliardo e 300 milioni,<br />

ossia <strong>di</strong> oltre un quarto della sua consistenza. A quel<br />

punto chi avrà operato con lungimiranza partirà in<br />

vantaggio, mentre chi avrà sperperato sarà doppiamente<br />

penalizzato.<br />

Segnaliamo un risparmio: nell’esercizio 2012 circa<br />

20.000 euro <strong>di</strong> costi per il personale, avendo un <strong>di</strong>pendente<br />

in meno per le sostituzioni <strong>di</strong> maternità.<br />

Sono stati riorganizzati gli uffici con l’accorpamento<br />

del Servizio commercio alla Segreteria. “È poca<br />

cosa”, si <strong>di</strong>rà, ma riteniamo che il mare si riempia<br />

con le gocce. Di ben altra consistenza è il capitolo<br />

mutui a carico delle casse municipali. Si stanno riducendo<br />

le rate: se nel 2011 (primo anno <strong>di</strong> bilancio<br />

<strong>di</strong> questa consiliatura) ammontavano ad euro<br />

1.140.636, quest’anno sono scese ad euro 875.000<br />

e nel 2015 scenderanno ulteriormente ad euro<br />

198.000, a testimoniare una gestione accorta e cosciente<br />

dei problemi esistenti.<br />

Ovviamente ci sono anche le spese. Per l’esercizio<br />

<strong>2013</strong> è prevista una spesa <strong>di</strong> 50.000 euro per la restituzione<br />

dell’ICI versata dai proprietari dei terre-<br />

ni della zona industriale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>: con la variante al<br />

Piano Regolatore Generale approvata in <strong>di</strong>cembre<br />

dal Consiglio comunale è stato previsto che fino a<br />

quando non verrà approvato il Piano attuativo per<br />

la zona industriale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> resterà sospeso il pagamento<br />

dell’ICI/IMU. Una volta che la variante <strong>di</strong>verrà<br />

esecutiva (preve<strong>di</strong>amo a giugno-luglio) saranno restituite<br />

anche le quote già versate negli ultimi <strong>di</strong>eci<br />

anni.<br />

Con il <strong>2013</strong> il <strong>Comune</strong> incasserà l’intera imposta<br />

IMUP versata per le abitazioni e per le aree e<strong>di</strong>ficabili,<br />

mentre allo Stato andrà l’intera quota dei fabbricati<br />

produttivi, come avrà modo <strong>di</strong> spiegare più<br />

dettagliatamente l’assessore al bilancio. La maggiore<br />

entrata <strong>di</strong> euro 150.000 verrà bilanciata con la<br />

riduzione dei trasferimenti provinciali. Stessa cosa<br />

per la nuova imposta Tares: è una ad<strong>di</strong>zionale sulla<br />

tassa rifiuti, <strong>di</strong> 0,30 euro al metro quadro. Il maggiore<br />

introito per il <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, valutato in<br />

102.000 euro, verrà decurtato dai trasferimenti provinciali.<br />

Il regolamento appena approvato è legato<br />

al nuovo tributo, la cui riscossione verrà affidata alla<br />

Comunità delle Giu<strong>di</strong>carie, già ente gestore della tariffa<br />

rifiuti.<br />

CAPITOLO INVESTIMENTI<br />

Prima <strong>di</strong> passare al corposo capitolo investimenti,<br />

informo che dalla Provincia finalmente è arrivato<br />

nei giorni scorsi il decreto del presidente della Giunta<br />

<strong>di</strong> unione dei due Consorzi forestali <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e<br />

Con<strong>di</strong>no: nel bilancio non abbiamo ancora previsto<br />

la spesa e le entrate; lo faremo quando si saranno<br />

conclusi gli accor<strong>di</strong> per il riparto delle spese e sarà<br />

stato approvato lo statuto. Stiamo lavorando per<br />

Lavori <strong>di</strong> sistemazione acquedotto Nader<br />

5


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

trovare un accordo che vada bene per tutti, soprattutto<br />

per noi <strong>Comune</strong> capofila.<br />

Parlando <strong>di</strong> investimenti, partiamo dalle infrastrutture<br />

forestali ed agricole: acquedotto Nader costo<br />

euro 371.000; strada Alpo-Pozze euro 177.000 in<br />

collaborazione con il comune <strong>di</strong> Bondone; sistemazione<br />

della strada Nagò euro 141.000. Le opere<br />

sono tutte finanziate con un contributo provinciale<br />

dal 80 al 65% della spesa ammessa.<br />

A proposito <strong>di</strong> contributi, ne verrà assegnato uno <strong>di</strong><br />

300.000 euro al Consorzio <strong>di</strong> Miglioramento Fon<strong>di</strong>ario<br />

<strong>di</strong> Darzo e Lodrone per il ponte sul Chiese<br />

seconda parte dopo aver superato alcune problematiche<br />

tecniche con i bacini montani a Trento in<br />

una riunione tenutasi tra il presidente CMF Marini<br />

Narciso, il tecnico ing. Zen, il consigliere delegato<br />

all’agricoltura Malcotti e il Sindaco, per evitare maggiori<br />

costi. Per la costruzione dell’innesto sulla rotatoria<br />

al Sorino, accesso a nord e a sud, abbiamo<br />

trovato la collaborazione del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> Con<strong>di</strong>no,<br />

in quanto la Provincia è intenzionata a chiudere al<br />

traffico tutti gli accessi sulla Statale. Costo dei lavori,<br />

su delega della Provincia, previsto in 130.000 euro.<br />

Riqualificazione del centro Murialdo: dopo molte<br />

insistenze e trattative con il servizio politiche sociali<br />

della Provincia, lo scorso 18 gennaio ci è stata comunicata<br />

la concessione del finanziamento del supero<br />

<strong>di</strong> spesa <strong>di</strong> 598.000 euro. A <strong>di</strong>cembre, per ragioni<br />

<strong>di</strong> sicurezza, abbiamo provveduto a demolire<br />

la porzione <strong>di</strong> casa confinante con la piazza, dopo<br />

che qualche vandalo aveva danneggiato le solette.<br />

Sistemazione tetto della sede della Cooperativa sociale<br />

Il Bucaneve: il Servizio urbanistica della Provincia<br />

ha accolto la nostra richiesta <strong>di</strong> finanziamento<br />

della spesa, nell’ambito del completamento della<br />

ristrutturazione dell’e<strong>di</strong>ficio sede della Cooperativa.<br />

Una volta ultimati i lavori il piano mansarda verrà<br />

destinato alle Associazioni <strong>di</strong> volontariato.<br />

6<br />

Acquisto delle poltrone per l’au<strong>di</strong>torium: dopo un<br />

iter macchinoso, in quanto l’appalto per la fornitura<br />

è molto complesso, ora si procederà all’in<strong>di</strong>zione<br />

della gara. Abbiamo presentato alla Provincia la richiesta<br />

<strong>di</strong> finanziamento <strong>di</strong> 750.000 euro sul fondo<br />

<strong>di</strong> riserva per il completamento dell’opera.<br />

A proposito <strong>di</strong> completamenti, c’è il prolungamento<br />

del tracciolo in località Faserno per 30.000 euro.<br />

A Lodrone, nell’area ricreativa, è prevista la costruzione<br />

<strong>di</strong> una struttura a<strong>di</strong>bita a spogliatoi ed a ritrovo<br />

per le Associazioni del paese; il progetto, del costo <strong>di</strong><br />

150.000 euro, è a cura dell’Ufficio tecnico comunale<br />

e preve<strong>di</strong>amo <strong>di</strong> appaltare i lavori entro l’anno.<br />

Centro ricreativo alle Piane: l’opera verrà realizzata<br />

dalla Pro Loco. Il progetto è stato pre<strong>di</strong>sposto ed è<br />

stata presentata la richiesta <strong>di</strong> contributo alla Provincia<br />

ed al <strong>Comune</strong> per il finanziamento della parte<br />

non coperta dal contributo provinciale. A bilancio<br />

abbiamo previsto un importo per il finanziamento<br />

<strong>di</strong> 90.000 euro per tre anni; sempre che venga concesso<br />

il contributo provinciale, altrimenti dovremo<br />

rivedere l’importo.<br />

Messa in sicurezza della miniera Valcornera: dopo<br />

<strong>di</strong>versi anni dalla <strong>di</strong>smissione si sono verificati danni<br />

e ce<strong>di</strong>menti degli imbocchi alle gallerie; siamo<br />

riusciti a strappare alla Provincia un contributo del<br />

50% sui fon<strong>di</strong> per le aree delle miniere <strong>di</strong>smesse. Il<br />

costo complessivo ammonta a 188.000 euro, con<br />

progetto redatto dall’Ufficio tecnico comunale.<br />

Contributo alle chiese: c’è stata una richiesta da parte<br />

della parrocchia <strong>di</strong> Lodrone per il finanziamento<br />

del progetto <strong>di</strong> restauro della chiesa parrocchiale<br />

dell’Annunziata; abbiamo deciso <strong>di</strong> impegnare<br />

75.000 euro, sud<strong>di</strong>visi negli anni 2014 e 2015. Altri<br />

contributi vengono destinati alla chiesa <strong>di</strong> Sant’Andrea<br />

(al servizio del cimitero <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>) per 10.000<br />

euro ed alla chiesa <strong>di</strong> Darzo per l’acquisto delle<br />

campane per 4.000 euro per tre anni.<br />

Lavori sistemazione del Centro Murialdo L’area alle Piane de<strong>di</strong>cata alla Pro loco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>


VITA AMMINISTRATIVA<br />

Chiesa dell’Annunziata a Lodrone<br />

Parcheggio <strong>di</strong> via San Giovanni a Darzo: è previsto<br />

un costo <strong>di</strong> 205.000 euro; il progetto sarà redatto da<br />

tecnici esterni e lo scopo è <strong>di</strong> mettere a <strong>di</strong>sposizione<br />

un’area per il parcheggio nei pressi della scuola<br />

materna e dell’asilo nido che verrà aperto entro fine<br />

anno. A tal proposito vi comunico che i lavori stanno<br />

procedendo nel rispetto dei tempi stabiliti.<br />

Allargamento e sistemazione del tratto <strong>di</strong> via Saletto<br />

che porta all’imbocco con la Strada Statale, a <strong>Storo</strong>.<br />

Il costo previsto ammonta a 150.000 euro; il progetto<br />

è stato affidato ad un tecnico esterno; avvieremo<br />

subito la procedura espropriativa ed entro l’anno<br />

sarà possibile dare avvio ai lavori.<br />

Un intervento <strong>di</strong> manutenzione straor<strong>di</strong>naria riguarda<br />

l’asfaltatura del parcheggio <strong>di</strong> via Marconi, dove<br />

è stata creata una piazza alla quale è nostra intenzione<br />

dare un nome significativo per la comunità <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong>; se qualche consigliere ha proposte da avanzare<br />

saremo ben lieti <strong>di</strong> ascoltarle e <strong>di</strong> valutarle.<br />

Altri interventi <strong>di</strong> asfaltatura verranno effettuati su<br />

parte della piazza Malfer interessata dal passaggio<br />

della fognatura e sulle strade degli abitati <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>,<br />

Darzo e Lodrone.<br />

QUESTIONE VIABILITÀ<br />

Desidero toccare ora il capitolo viabilità, che presenta<br />

connessioni esterne ed interne al nostro <strong>Comune</strong>. Parto<br />

dalle emergenze esterne, perché negli ultimi mesi<br />

sono quelle che hanno creato le maggiori sofferenze.<br />

Alludo alla frana che per una settimana ha bloccato<br />

alla fine <strong>di</strong> gennaio la Statale del Caffaro sul territorio<br />

<strong>di</strong> Anfo. Sembravano particolarmente preoccupati<br />

gli operatori turistici <strong>di</strong> Pinzolo e Madonna<br />

<strong>di</strong> Campiglio, ma affermo senza tema <strong>di</strong> smentita<br />

che ad occuparsi del problema in prima persona è<br />

stato il sindaco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, insieme al suo collega <strong>di</strong><br />

Con<strong>di</strong>no, anche perché noi non avremo le piste <strong>di</strong><br />

sci, cercate dai turisti lombar<strong>di</strong>, ma abbiamo le fab-<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

briche che attendono come gli assetati <strong>di</strong> acqua nel<br />

deserto le materie prime per le loro lavorazioni.<br />

Approfitto per comunicare che il 27 marzo prossimo<br />

avrà luogo in comune una riunione con il presidente<br />

Pacher e il dott. Decol per approfon<strong>di</strong>re i<br />

problemi della viabilità locale e anche dei problemi<br />

legati alla viabilità trentino-lombarda, dopo che la riunione<br />

era saltata il mese scorso al BIM del Chiese.<br />

Venendo alle connessioni interne, non si può non<br />

parlare dello svincolo sud <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, andato all’appalto<br />

nelle prime settimane del <strong>2013</strong> dopo decenni <strong>di</strong><br />

attesa. Ricordo che la gara è stata vinta dall’impresa<br />

Mosca Costruzioni <strong>di</strong> Bersone, che ha praticato un<br />

ribasso del 32 per cento sull’importo a base d’asta<br />

<strong>di</strong> 350.000 euro. La realizzazione inizierà a breve,<br />

dopo che si è concluso l’iter progettuale ed autorizzativo,<br />

e dopo che sono stati affidati dalla Provincia<br />

i lavori.<br />

Le famiglie che abitano nei pressi del futuro svincolo<br />

hanno manifestato nei giorni scorsi alcune<br />

perplessità circa la sicurezza dei loro accessi privati.<br />

Purtroppo l’Amministrazione è stata contattata solo<br />

<strong>di</strong> recente, ma seguiremo comunque la questione e<br />

le loro osservazioni per fare quanto possibile in questa<br />

fase avanzata dell’opera. Rimanendo nel campo<br />

della viabilità, che attende da anni una soluzione c’è<br />

anche il progetto legato al sottopasso <strong>di</strong> Ca Rossa<br />

giunto alle ultime battute dopo un iter burocratico e<br />

macchinoso e dopo <strong>di</strong>versi incontri locali e provinciali<br />

tra il sindaco e l’assessore ai lavori pubblici Cortella.<br />

Un’altra questione che da molti anni è irrisolta<br />

è legata alla centrale e alle opere del Ce<strong>di</strong>s ( vasca<br />

<strong>di</strong> accumulo) che insistono sul terreno dell’ASUC <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong>; tale problema è in fase <strong>di</strong> risoluzione.<br />

QUESTIONE LAVORO<br />

Desidero ora intrattenermi su un argomento che definire<br />

scottante è riduttivo: l’occupazione. E quando<br />

7


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

Gli stabili <strong>di</strong>smessi <strong>di</strong> interesse per l’inse<strong>di</strong>amento<br />

<strong>di</strong> alcune aziende locali<br />

si parla <strong>di</strong> occupazione a <strong>Storo</strong> non si può non entrare<br />

nel tema dell’area produttiva.<br />

La sua storia è lunga una sessantina d’anni, ossia da<br />

quando, negli anni Cinquanta, si piantarono i primissimi<br />

capannoni. Fra la seconda metà del Novecento<br />

e l’inizio del Ventesimo Secolo ha vissuto un crescendo,<br />

con l’arrivo <strong>di</strong> aziende multinazionali e la crescita<br />

<strong>di</strong> impren<strong>di</strong>tori locali, cui è seguito un inesorabile declino,<br />

passato attraverso la fuga <strong>di</strong> molte delle realtà<br />

che erano arrivate dando speranza ai nostri lavoratori.<br />

Oggi l’area industriale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> è l’emblema della situazione<br />

economica italiana: molti capannoni vuoti<br />

e fabbriche un tempo vitali chiuse.<br />

L’Amministrazione comunale, attraverso l’assessore<br />

Giusi Tonini alle attività economiche, subito dopo il<br />

suo inse<strong>di</strong>amento si è posta il problema del futuro<br />

dell’area. <strong>Numero</strong>si sono stati gli abboccamenti con<br />

Trentino Sviluppo per capire come procedere per far<br />

vivere un nuovo sviluppo all’area, impresa non semplice<br />

in un tempo <strong>di</strong>fficile per le aziende.<br />

La prima iniziativa messa in campo è consistita nel<br />

congelamento dell’ampliamento dell’area industriale,<br />

perché abbiamo capito che ampliare significava<br />

sacrificare territorio per niente: infatti le manifestazioni<br />

<strong>di</strong> interesse giunte al <strong>Comune</strong> quando pensava<br />

<strong>di</strong> aggiungere superficie all’esistente si erano<br />

sciolte come la neve al sole, complice certamente la<br />

crisi che attanaglia il mondo dal 2008.<br />

Uno dei compen<strong>di</strong> più gran<strong>di</strong>, se non il più grande,<br />

è costituito dalla ex Trentino Legno, 8.000 metri<br />

quadrati coperti. Troppo grande in rapporto alle richieste<br />

che arrivavano dal mondo produttivo.<br />

Allora ci si è rivolti allo stabile della ex Lowara. L’assessore<br />

alle attività produttive ha preso contatti<br />

con Trentino Sviluppo, proprietaria dell’area, che ha<br />

emesso un bando per l’utilizzo del capannone e del<br />

piazzale: 4.000 metri quadrati coperti su un’area <strong>di</strong><br />

8<br />

15.000 metri quadrati. Il 25 gennaio, all’atto della<br />

scadenza del bando, si sono tirate le somme, scoprendo<br />

che hanno chiesto <strong>di</strong> poter utilizzare la superficie<br />

otto aziende. Le valutazioni sono in corso e<br />

a breve si comprenderà chi potrà entrare in quell’area.<br />

Se si riuscirà a sod<strong>di</strong>sfare la richiesta sarà senza<br />

dubbio un elemento positivo, anche se una cosa è<br />

certa: in questo momento non c’è alcuna possibilità<br />

<strong>di</strong> ampliare l’area industriale.<br />

E a proposito <strong>di</strong> lavoro, va rimarcato l’impegno<br />

dell’Amministrazione comunale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> nell’Intervento<br />

19, ossia nei lavori socialmente utili. Nel <strong>2013</strong><br />

il nostro <strong>Comune</strong> investirà 120.000 euro, che andranno<br />

ad affiancarsi agli 80.000 messi a <strong>di</strong>sposizione<br />

dal Consorzio Bim del Chiese per dare un’occupazione<br />

stagionale a circa 65 persone della valle,<br />

impegnate nei lavori nel verde e nell’attività sociale<br />

a fianco delle case <strong>di</strong> riposo. Riteniamo sia un dovere<br />

riuscire, tanto più in una situazione <strong>di</strong>fficile come<br />

quella che viviamo, a dare uno sbocco al bisogno <strong>di</strong><br />

lavoro <strong>di</strong> tante famiglie in <strong>di</strong>fficoltà.<br />

QUESTIONE AMBIENTE<br />

Tocca ora al capitolo cantiere ambiente/aria.<br />

Com’è noto a tutti, l’argomento dell’anno, per le polemiche<br />

sollevate, riguarda il bio<strong>di</strong>gestore per il quale,<br />

secondo i contestatori, la Giunta avrebbe già approvato<br />

la realizzazione nell’area del depuratore. In<br />

realtà, come abbiamo ripetuto più volte noi e come<br />

ha detto anche il presidente della Giunta provinciale<br />

in un documento ufficiale, non c’è nessuna documentazione<br />

che attesti una simile decisione.<br />

In attesa <strong>di</strong> ulteriori approfon<strong>di</strong>menti sulla questione<br />

che tanto sta facendo <strong>di</strong>scutere, seguita dall’assessore<br />

Laura Danieli che segue con attenzione il<br />

problema ambiente, abbiamo richiesto all’Agenzia<br />

Provinciale <strong>di</strong> Protezione dell’Ambiente (APPA) <strong>di</strong> ripetere<br />

la campagna <strong>di</strong> controllo della qualità dell’aria,<br />

che venne fatta la prima volta nel 2006 e poi nel<br />

2009 quando l’allora sindaco Settimo Scaglia aveva<br />

chiesto le analisi. La risposta dell’APPA nel 2010<br />

ha confermato la buona qualità dell’aria. A breve<br />

avremo quin<strong>di</strong> una stazione mobile che rileverà la<br />

qualità dell’aria nel paese <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e gli eventuali<br />

fenomeni <strong>di</strong> inquinamento.<br />

Ambiente/rete delle riserve. Insieme ai Comuni<br />

<strong>di</strong> Bondone, Ledro, Riva e Tenno e con il supporto<br />

del Servizio ambientale della Provincia, stiamo realizzando<br />

la Rete delle Riserve delle Alpi Ledrensi. È<br />

un nuovo modo <strong>di</strong> gestire aree già protette, introducendo<br />

opportunità <strong>di</strong> tutela attiva. La Provincia<br />

delega ai Comuni la gestione, e con un accordo <strong>di</strong><br />

programma si fissano regole ed opportunità <strong>di</strong> valorizzazione,<br />

anche per le Associazioni che vivono il<br />

territorio montano.


VITA AMMINISTRATIVA<br />

Ecologia/crm. Si sono conclusi i lavori <strong>di</strong> adeguamento<br />

del Centro Raccolta Materiali con la realizzazione<br />

della tettoia per i rifiuti RAEE (Rifiuti Apparecchiature<br />

Elettriche e Elettroniche). Ora il centro è a<br />

tutti gli effetti a norma <strong>di</strong> legge. È stata stipulata la<br />

convenzione con la Comunità delle Giu<strong>di</strong>carie per<br />

la sua gestione. L’accesso per i privati continua ad<br />

essere libero; quello per le aziende è regolamentato<br />

con una convenzione tra le singole <strong>di</strong>tte e la<br />

Comunità <strong>di</strong> Valle.<br />

Ecologia/isole ecologiche. Stanno per partire i lavori<br />

per la realizzazione dell’isola ecologica <strong>di</strong> Ca’<br />

Rossa. A <strong>Storo</strong> si sta riorganizzando quella <strong>di</strong> via Saletto<br />

con i contenitori seminterrati. A breve partiranno<br />

i lavori anche per la seconda isola <strong>di</strong><br />

Darzo nei pressi del centro polivalente, che sostituirà<br />

quella della zona artigianale.<br />

Cantiere Comunale. In collaborazione con l’Ufficio<br />

tecnico e il Cantiere comunale, stiamo organizzando<br />

la gestione dei lavori riguardanti il patrimonio comunale.<br />

METANIZZAZIONE<br />

Il <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> ha inviato una lettera all’Agenzia<br />

Provinciale per l’energia ed al Consiglio delle Autonomie<br />

locali, confermando le osservazioni al Piano<br />

energetico-ambientale (PEAP) della Comunità<br />

delle Giu<strong>di</strong>carie, in particolare per quanto riguarda<br />

l’estensione del servizio <strong>di</strong> <strong>di</strong>stribuzione del gas<br />

metano alla frazione <strong>di</strong> Ca’ Rossa e chiedendo al<br />

contempo che il progetto <strong>di</strong> metanizzazione <strong>di</strong> Bagolino<br />

possa passare attraverso la frazione <strong>di</strong> Riccomassimo;<br />

inoltre abbiamo chiesto <strong>di</strong> inserire tut-<br />

Panorama su Riccomassimo<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

te queste proposte nel relativo bando <strong>di</strong> prossima<br />

emanazione.<br />

QUESTIONE CULTURA<br />

In data 11 marzo ultimo scorso, come ci è stato<br />

anticipato da una comunicazione del Servizio Foreste<br />

della Provincia, sono iniziati i lavori <strong>di</strong> recupero<br />

dell’area Bastia, con particolare riferimento alla sistemazione<br />

del percorso <strong>di</strong> accesso. L’intervento seguito<br />

dall’assessore alla cultura Loretta Cavalli, fa seguito<br />

ad una richiesta della nostra Amministrazione,<br />

intenzionata a portare avanti un progetto volto alla<br />

realizzazione <strong>di</strong> un itinerario artistico, archeologico,<br />

religioso ed ambientale, che colleghi la chiesetta<br />

<strong>di</strong> San Lorenzo con l’area archeologica del Dos de<br />

Cingol, al fine <strong>di</strong> valorizzare un patrimonio ad oggi<br />

parzialmente e <strong>di</strong>fficilmente accessibile, da offrire<br />

agli abitanti del nostro territorio, ma anche ai turisti,<br />

attraverso percorsi ecomuseali.<br />

Stiamo inoltre interessando la Soprintendenza per i<br />

Beni Archeologici affinché intervenga con opere <strong>di</strong><br />

restauro conservativo dell’area archeologica. L’impegno<br />

finanziario richiesto al nostro <strong>Comune</strong> sarà pari<br />

al 25% dell’importo complessivo <strong>di</strong> euro 15.000<br />

messo a <strong>di</strong>sposizione dal Servizio Foreste.<br />

Per quanto riguarda la memoria, è in fase esecutiva<br />

il progetto relativo alla raccolta <strong>di</strong> interviste legato<br />

alla nostra storia, denominato I GRANAI DELLA ME-<br />

MORIA ed affidato al Circolo pensionati “Dei Voi” e<br />

condotto per la parte tecnica dalla <strong>di</strong>tta Capelli.<br />

Si valuterà nella prossima commissione cultura se<br />

completare il lavoro con la realizzazione <strong>di</strong> un dvd,<br />

anche in considerazione dell’esito della domanda <strong>di</strong><br />

contributo richiesta all’assessorato<br />

alla cultura della Provincia,<br />

atteso a breve.<br />

IN CONCLUSIONE<br />

Come si può notare dalla presente<br />

relazione, questa Amministrazione<br />

sta lavorando proficuamente.<br />

Lo <strong>di</strong>ciamo con<br />

sod<strong>di</strong>sfazione e senza false<br />

modestie. Colgo l’occasione per<br />

esprimere il mio più vivo ringraziamento<br />

a tutti i collaboratori.<br />

Posso affermare senza il timore<br />

<strong>di</strong> essere smentito che oggi si<br />

respira dentro l’e<strong>di</strong>ficio comunale<br />

un’atmosfera <strong>di</strong> serenità e<br />

<strong>di</strong> laboriosità che rende il lavoro<br />

più semplice anche per gli amministratori.<br />

Un ringraziamento<br />

particolare alla nuova segretaria<br />

dott.ssa Paola Giovanelli che si<br />

9


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

è già inserita nella macchina del nostro comune<br />

<strong>di</strong>mostrando grande volontà e <strong>di</strong>sponibilità ad affrontare<br />

giornalmente le varie problematiche con<br />

tutti gli uffici, <strong>di</strong>mostrando spirito <strong>di</strong> grande collaborazione.<br />

Colgo l’occasione per ringraziare anche i consiglieri<br />

comunali, sia <strong>di</strong> maggioranza che <strong>di</strong> minoranza,<br />

per gli stimoli forniti alla Giunta: quando si elaborano<br />

proposte costruttive e si tengono comportamenti<br />

corretti significa che si lavora, ognuno nel<br />

suo ruolo, per il progresso della propria comunità,<br />

e ciò non può che far bene a tutti. Come <strong>di</strong>cevo<br />

all’inizio, i problemi da affrontare sono sempre più<br />

complessi anche sul piano burocratico, oltre che per<br />

le <strong>di</strong>fficoltà finanziarie che pervadono tutte le sfere<br />

pubbliche. Tuttavia siamo stati scelti per governare<br />

la nostra comunità e dobbiamo farlo tutti con grande<br />

impegno, trasparenza, <strong>di</strong>sponibilità e sensibilità<br />

democratica.<br />

Prima <strong>di</strong> chiudere formulo a tutto il Consiglio, alla<br />

Giunta ed alla struttura comunale il più fervido augurio<br />

<strong>di</strong> buon lavoro e <strong>di</strong> un proficuo <strong>2013</strong>.Gli assessori<br />

qui presenti sono <strong>di</strong>sponibili a rispondere ad<br />

ogni domanda sulla relazione legata alle loro competenze.<br />

Con tre<strong>di</strong>ci voti favorevoli e due contrari (Marco<br />

Malfer e Luca Turinelli) il consiglio delibera <strong>di</strong> approvare<br />

il bilancio annuale finanziario <strong>di</strong> previsione per<br />

l’esercizio <strong>2013</strong> ed il bilancio pluriennale <strong>2013</strong>-2015<br />

allegato alla presente delibera, le cui risultanze finali<br />

sono riportate nel seguente quadro generale riassuntivo:<br />

ENTRATE <strong>2013</strong> 2014 2015<br />

Avanzo <strong>di</strong> Amministrazione 735.000,00<br />

Titolo 1° - Entrate tributarie<br />

Titolo 2° - Entrate da contributi e trasferimenti cor renti dello Stato, della Re-<br />

1.242.000,00 1.242.000,00 1.242.000,00<br />

gione, della Provincia, e <strong>di</strong> altri enti pubblici anche in rapporto alle funzioni<br />

de legate della Regione e della Provincia<br />

2.077.000,00 2.020.000,00 1.723.000,00<br />

Titolo 3° - Entrate extra tributarie 1.091.000,00 1.052.000,00 1.025.000,00<br />

Totale entrate correnti 4.410.000,00 4.314.000,00 3.990.000,00<br />

Titolo 4° - Entrate da alienazioni, da trasferimenti <strong>di</strong> capita-li e da riscossione<br />

<strong>di</strong> cre<strong>di</strong>ti<br />

3.575.000,00 1.954.000,00 2.082.000,00<br />

Titolo 5° - Entrate da accensione <strong>di</strong> prestiti 1.000.000,00 1.000.000,00 1.000.000,00<br />

Titolo 6° - Entrate da servizi per conto terzi 845.000,00<br />

Totale complessivo delle entrate<br />

SPESE<br />

10.565.000,00 7.268.000,00 7.072.000,00<br />

Titolo 1° - Spese correnti 3.760.000,00 3.674.000,00 3.820.000,00<br />

Titolo 2° - Spese in conto capitale 4.160.000,00 1.834.000,00 2.082.000,00<br />

Titolo 3° - Spese per rimborso <strong>di</strong> prestiti <strong>di</strong> terzi 1.800.000,00 1.760.000,00 1.170.000,00<br />

Titolo 4° - Spese per servizi per conto terzi 845.000,00<br />

Totale complessivo delle spese 10.565.000,00 7.268.000,00 7.072.000,00<br />

10<br />

Di approvare contestualmente al bilancio <strong>di</strong> previsione<br />

la relazione previsionale e programmatica<br />

comprendente il programma generale delle opere<br />

pubbliche, allegati anch’essi alla presente delibera.<br />

Di dare atto che:<br />

• Il saldo <strong>di</strong> parte corrente pur risultando positivo<br />

non è sufficiente per coprire le spese inerenti le<br />

quote dei mutui in ammortamento, e che pertanto<br />

per coprire tale spesa è necessario ricorrere<br />

all’utilizzo in parte corrente dell’intera quota del<br />

Fondo investimenti minori, in deroga alla limitazione<br />

prevista dal protocollo d’intesa del 30 ottobre<br />

2012 e <strong>di</strong> un ulteriore importo <strong>di</strong> 204.000,00<br />

euro della somma dei sovracanoni ag giuntivi destinata<br />

al comune <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>;<br />

• Come riportato nella relazione allegata al bilancio<br />

vengono rispettati gli obiettivi imposti per il<br />

rispetto del patto <strong>di</strong> stabilità.<br />

Di <strong>di</strong>chiarare la presente delibera imme<strong>di</strong>atamente<br />

eseguibile ai sensi dell’articolo 79 del TUOC vista la<br />

necessità <strong>di</strong> far fronte con urgenza ad alcuni impegni<br />

<strong>di</strong> spesa.


VITA AMMINISTRATIVA<br />

DELIBERA N. 33<br />

Adesione al “Patto dei Sindaci<br />

­ Covenant of Mayors” denominato<br />

“Un impegno per l’energia<br />

sostenibile”<br />

DELIBERA N. 34<br />

Prelevamento dal fondo <strong>di</strong> riserva<br />

or<strong>di</strong>nario<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Notizie della Giunta Comunale<br />

SEDUTE DA DICEMBRE 2012 A MARZO <strong>2013</strong><br />

SEDUTA DELL’11 DICEMBRE 2012<br />

Sono assenti gli Assessori Giusi Tonini, Clau<strong>di</strong>o Cortella, Laura Danieli<br />

SEDUTA DELL’17 DICEMBRE 2012<br />

All’unanimità la Giunta delibera<br />

1. <strong>di</strong> aderire al Patto dei Sindaci sottoscrivendo il documento “Patto dei<br />

Sindaci - Covenant of Mayors” denominato “un impegno per l’energia<br />

sostenibile” allegato alla presente deliberazione quale parte integrante<br />

e sostanziale della stessa, nel quale le città europee si impegnano a<br />

ridurre le emissioni <strong>di</strong> CO2 del 20% at traverso un piano d’azione che<br />

preveda tempi <strong>di</strong> realizzazione, risorse umane de<strong>di</strong>cate, monitorag gio,<br />

informazione e educazione;<br />

2. <strong>di</strong> demandare al Sindaco l’adesione e la conseguente sottoscrizione<br />

del Patto dei Sindaci comunicandolo al Ministero dell’Ambiente e dalla<br />

Commissione Europea;<br />

3. <strong>di</strong> impegnarsi a presentare il Piano <strong>di</strong> azione per l’energia sostenibile<br />

entro un anno dalla formale adesione al Patto;<br />

4. <strong>di</strong> demandare alla Giunta comunale e ai responsabili dei servizi <strong>di</strong><br />

merito gli eventuali adempi menti successivi.<br />

All’unanimità, la Giunta delibera<br />

1. Di <strong>di</strong>sporre il prelevamento, dal fondo <strong>di</strong> riserva or<strong>di</strong>nario, della<br />

somma <strong>di</strong> Euro 16.500,00;<br />

2. Di destinare detta somma all’aumento degli stanziamenti come <strong>di</strong><br />

seguito riportati:<br />

intervento cap. descrizione previsione iniziale variazione +/- previsione definitiva<br />

1010203<br />

Manutenzione arre<strong>di</strong> e attrezzatu re per gli uf-<br />

270<br />

fici comunali<br />

40.000,00 6.000,00 46.000,00<br />

1010202 300 Spese d’ufficio 41.000,00 6.000,00 47.000,00<br />

1010603<br />

Spese per perizie, collau<strong>di</strong>, stu<strong>di</strong> e progettazio-<br />

650<br />

ni e consulenze tecni che<br />

10.000,00 100,00 10.100,00<br />

1010702<br />

Spese per servizio stato civile, anagrafe e atti-<br />

860<br />

vazione gestione as sociata informatica e Spo<br />

5.000,00 300,00 5.300,00<br />

1090403 4540 Manutenzione or<strong>di</strong>naria fognature<br />

Spese <strong>di</strong>verse per il servizio <strong>di</strong> raccolta e tra-<br />

15.000,00 400,00 15.400,00<br />

1090502 4700 sporto rifiuti soli<strong>di</strong> urbani e per l'ammortamento<br />

della <strong>di</strong>scarica<br />

10.000,00 2.700,00 12.700,00<br />

1080102<br />

Spese varie per il cantiere comu nale e per gli<br />

5870<br />

automezzi in dota zione<br />

40.000,00 1.000,00 41.000,00<br />

1010811 6435 Fondo <strong>di</strong> riserva or<strong>di</strong>nario 16.900,00 -16.500,00 400,00<br />

saldo 0,00 0,00<br />

3. Di dare atto che con il presente provve<strong>di</strong>mento viene mo<strong>di</strong>ficato automaticamente anche il piano esecutivo<br />

<strong>di</strong> gestione;<br />

4. Di <strong>di</strong>chiarare il presente provve<strong>di</strong>mento imme<strong>di</strong>atamente eseguibile ai sensi del quarto comma dell’art.<br />

79 del TUOC approvato con DPReg 1° febbraio 2005, n. 3/L.<br />

11


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

DELIBERA N. 35<br />

Integrazione della delibera n. 13<br />

del 13.05.2009 con lo schema <strong>di</strong><br />

convenzione urba nistica in materia<br />

<strong>di</strong> esenzione del contributo<br />

<strong>di</strong> concessione per i casi <strong>di</strong> e<strong>di</strong>lizia<br />

resi denziale convenzionata<br />

<strong>di</strong> cui all’articolo 118 della legge<br />

provinciale 1/2008<br />

SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO <strong>2013</strong><br />

È assente l’Assessore Loretta Cavalli<br />

DELIBERA N. 8<br />

Approvazione dello schema del<br />

bilancio <strong>di</strong> previsione per l’esercizio<br />

<strong>2013</strong>, della rela zione previsionale<br />

e programmatica e del<br />

bilancio pluriennale <strong>2013</strong>/2015<br />

12<br />

All’unanimità la Giunta delibera<br />

1. Di integrare la precedente delibera n. 13 del 13.05.2009 inserendo<br />

la ulteriore clausola essenziale in<strong>di</strong>viduata dalla lettera e) che deve essere<br />

contenuta nelle convenzioni urbanistiche per i casi previsti dall’art.<br />

118 comma 1 della l.p. 1/2008, pre<strong>di</strong>sposta in base a quanto previsto<br />

dal comma 3 dello stesso articolo:<br />

e) - esonero parziale del contributo <strong>di</strong> concessione nei casi <strong>di</strong> e<strong>di</strong>lizia<br />

residenziale convenzionata:<br />

“Il concessionario si impegna alla cessione o locazione degli alloggi ai<br />

soggetti in possesso dei re quisiti previsti dall’articolo 117 comma 3 della<br />

l.p. 1/2008, entro <strong>di</strong>ciotto mesi dalla conclusione dei lavori, termine eventualmente<br />

prorogabile dal <strong>Comune</strong> su richiesta motivata dell’interessato;<br />

Il concessionario si impegna a non cedere e non mutare la destinazione<br />

d’uso dell’immobile, in pro prietà o in go<strong>di</strong>mento a qualsiasi titolo<br />

a soggetti in possesso dei citati requisiti previsti, per <strong>di</strong>eci anni dalla<br />

data del conseguimento dell’agibilità, come previsto dall’articolo 117<br />

comma 4 della ci tata l.p. 1/2008;<br />

Il concessionario, in caso <strong>di</strong> <strong>di</strong>sdetta dei contratti <strong>di</strong> locazione, si obbliga<br />

a sostituire entro sei mesi dalla cessazione della locazione precedente,<br />

salvo eventuale proroga del <strong>Comune</strong> su richiesta moti vata<br />

del richiedente, i precedenti locatari con altri soggetti in possesso dei<br />

requisiti <strong>di</strong> cui al com ma all’articolo 117 comma 3 della l.p.1/2008;<br />

A garanzia del rispetto degli impegni previsti dal presente atto, è stato<br />

costituito idoneo atto <strong>di</strong> fi dejussione, corrispondente all’importo della<br />

riduzione degli oneri <strong>di</strong> urbanizzazione, somma che si avrebbe dovuto<br />

versare in assenza della presente convenzione, maggiorati del 10%<br />

per la durata <strong>di</strong> 10 anni fino alla scadenza del vincolo <strong>di</strong> destinazione.<br />

L’interessato si impegna a garantire il rispetto degli obblighi previsti<br />

anche da parte <strong>di</strong> eventuali aventi causa, fatto salvo il caso <strong>di</strong> assunzione<br />

<strong>di</strong>retta degli obblighi da parte <strong>di</strong> questi ultimi.<br />

In caso <strong>di</strong> mancato rispetto degli obblighi convenzionali, il comune<br />

chiede al soggetto che li ha as sunti il pagamento della quota <strong>di</strong> contributo<br />

non corrisposta ai sensi del comma 1, in proporzione alla durata<br />

residua della convenzione, applicando le tariffe vigenti al momento<br />

della richiesta <strong>di</strong> pagamento. Per la riscossione <strong>di</strong> queste somme il<br />

comune può avvalersi anche delle garanzie fideiussorie previste.<br />

La durata degli effetti della presente convenzione è pari a 10 anni.”<br />

All’unanimità, la Giunta delibera <strong>di</strong><br />

1) Di approvare lo schema <strong>di</strong> bilancio <strong>di</strong> previsione per l’anno <strong>2013</strong> e<br />

pluriennale <strong>2013</strong>/2015 allegato alla presente delibera.<br />

2) Di approvare lo schema della Relazione previsionale e programmatica<br />

e <strong>di</strong> Bilancio pluriennale <strong>2013</strong>/2015 comprendente anche il piano delle<br />

opere pubbliche allegata e parte integrante del bilan cio <strong>di</strong> previsione;<br />

3) Di curare e <strong>di</strong>sporre la presentazione dello schema <strong>di</strong> bilancio <strong>di</strong><br />

previsione, della Relazione pre visionale e programmatica e del bilancio<br />

pluriennale, con i relativi allegati, all’organo consiliare unitamente alla<br />

relazione del revisore dei conti.<br />

4) Di <strong>di</strong>chiarare la delibera per l’urgenza, imme<strong>di</strong>atamente eseguibile,<br />

ai sensi dell’art. 79, quarto comma del TULROC approvato con DPReg<br />

1° febbraio 2005, n. 3/L e s.m.


VITA AMMINISTRATIVA<br />

SEDUTA DELL’11 MARZO <strong>2013</strong><br />

Sono assenti gli Assessori Laura Danieli e Clau<strong>di</strong>o Cortella<br />

DELIBERA N. 9<br />

Aggiornamento delle tariffe servizi<br />

cimiteriali<br />

DELIBERA N. 10<br />

Aggiornamento dell’elenco delle<br />

strade forestali ad esclusivo<br />

servizio del bosco (tipo A) con<br />

annotazione <strong>di</strong> strada d’arroccamento<br />

per il tratto <strong>di</strong> strada<br />

denominata Val Lorina<br />

DELIBERA N. 11<br />

Servizio <strong>di</strong> acquedotto: approvazione<br />

del piano finanziario e<br />

determinazione delle tariffe per<br />

l’anno <strong>2013</strong><br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

All’unanimità la Giunta delibera <strong>di</strong> approvare le nuove tariffe per i servizi<br />

e le concessioni cimiteriali, riportate tra le informazioni utili in fondo<br />

al bollettino.<br />

All’unanimità, la Giunta delibera <strong>di</strong> annotare a margine della strada denominata<br />

Val Lorina e già inserita nell’elenco delle strade forestali ad<br />

esclusivo servizio del bosco (tipo A), l’in<strong>di</strong>viduazione della stessa fra le<br />

strade d’arrocca mento <strong>di</strong> cui all’art 22 bis del DPP n. 51-158/Leg/2008<br />

come specificato <strong>di</strong> seguito:<br />

N. Nome strada Tipo Località <strong>di</strong> partenza Località <strong>di</strong> arrivo Diritto uso civico Annotazione<br />

14 Val Lorina A<br />

Fontanì<br />

(dopo fienili Lorina)<br />

Confine con Tiarno<br />

(<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> Ledro)<br />

<strong>Storo</strong> Strada d'arroccamento<br />

All’unanimità, la Giunta delibera<br />

1. Di approvare il piano finanziario per l’esercizio chiuso 2011, per<br />

quello in chiusura 2012 e per il prossimo esercizio <strong>2013</strong> al quale fa<br />

riferimento la tariffa per il <strong>2013</strong> che prevede l’imputazione dei costi<br />

fissi <strong>di</strong> euro 33.895,56 e costi variabili <strong>di</strong> euro 41.427,90 per un costo<br />

totale <strong>di</strong> euro 75.323,46 relativo alla gestione del servizio acquedotto<br />

ed esposti nella tabella allegata e parte integrante del presente provve<strong>di</strong>mento.<br />

2. Di confermare la quota fissa della tariffa che dovrà essere corrisposta<br />

da tutte le utenze in<strong>di</strong>pendente mente dal consumo <strong>di</strong> acqua il cui<br />

importo è stato ottenuto dalla sud<strong>di</strong>visione del totale dei costi fissi per<br />

il numero totale delle utenze domestiche, da allevamento e produttive<br />

dei seguenti importi:<br />

• utenze domestiche: euro 12,85;<br />

• utenze per allevatori (abbeveraggio bestiame): euro 6,43;<br />

• utenze speciali: euro 25,70;<br />

• bocche antincen<strong>di</strong>o: euro 5,16<br />

3. Di fissare in euro 0,1436 l’importo della tariffa base unificata che<br />

verrà applicata al secondo scaglione <strong>di</strong> consumo, dando atto che la<br />

stessa verrà ridotta del 30% per il primo scaglione ed aumentata del<br />

30% per il terzo scaglione e del 60% per il quarto scaglione e come<br />

meglio riportato nel prospetto allegato al presente provve<strong>di</strong>mento del<br />

quale ne forma parte integrante e sostanziale.<br />

4. Di confermare l’impianto tariffario approvato con la delibera consiliare<br />

n. 13 del 18 febbraio 1999.<br />

5. Di dare atto che con l’applicazione del nuovo modello tariffario si<br />

prevede la copertura del 100% dei co sti sia fissi che variabili.<br />

6. Di dare atto che il contenuto nel regolamento contrastante con<br />

quanto deliberato con il presente provve<strong>di</strong>mento è da ritenersi abrogato.<br />

13


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

DELIBERA N. 12<br />

Servizio <strong>di</strong> fognatura: approvazione<br />

piano finanziario e determinazione<br />

tariffe per l’anno<br />

<strong>2013</strong><br />

14<br />

Presepi a <strong>Storo</strong> Primo Classificato La Piasola<br />

“Masoi de formantas”<br />

Secondo Classificato Casa Bonomini<br />

All’unanimità, la Giunta delibera<br />

1. Di approvare il piano finanziario per l’esercizio chiuso 2011, quello<br />

in chiusura 2012 e per il corrente esercizio <strong>2013</strong> al quale fa riferimento<br />

la tariffa per il <strong>2013</strong> che prevede l’imputazione dei costi fissi <strong>di</strong> euro<br />

13.179,73 e costi variabili <strong>di</strong> euro 24.476,65 per un costo totale <strong>di</strong> euro<br />

37.656,38 rela tivi alla gestione del servizio fognatura ed esposti nella<br />

tabella allegata e parte integrante del presen te provve<strong>di</strong>mento.<br />

2. Di fissare la quota fissa della tariffa che dovrà essere corrisposta da<br />

tutte le utenze civili in<strong>di</strong>pendentemente dalla quantità <strong>di</strong> acqua reflua<br />

scaricata nell’importo <strong>di</strong> euro 6,10, ottenuto dalla sud<strong>di</strong>vi sione del totale<br />

dei costi fissi per il numero totale delle utenze.<br />

3. Di fissare in euro 0,0583 l’importo della tariffa unica a metro cubo<br />

<strong>di</strong> acqua scaricata.<br />

4. Di dare atto che la copertura dei costi fissi è del 100%.<br />

5. Di dare atto che il contenuto nel regolamento contrastante con quanto<br />

deliberato con il presente provve<strong>di</strong>mento è da ritenersi abrogato.<br />

“Masoi de formantas”<br />

Terzo Classificato Casa Moneghini<br />

“Masoi de formantas”<br />

Primo Classificato La Polentera


VITA AMMINISTRATIVA<br />

Determine dei<br />

Responsabili dei Servizi<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Di seguito vengono riportati i titoli delle determine ritenute <strong>di</strong> maggior interesse per la citta<strong>di</strong>nanza. Il testo<br />

integrale e i dettagli <strong>di</strong> ognuna sono presenti in libera visione presso gli Uffici Comunali o sul sito web del<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> all’in<strong>di</strong>rizzo www.comune.storo.tn.it sotto la sezione “Albo”.<br />

DA DICEMBRE 2012 A MARzo <strong>2013</strong><br />

N. Data Oggetto<br />

218 14-12-12<br />

219 14-12-12<br />

220 14-12-12<br />

Fornitura e posa <strong>di</strong> recinzioni lungo il perimetro del nuovo parcheggio all’incrocio tra via Garibal<strong>di</strong> e via Papaleoni<br />

a <strong>Storo</strong>.<br />

Approvazione della perizia <strong>di</strong> spesa per lavori <strong>di</strong> somma urgenza per la messa in sicurezza a seguito della frana<br />

sulla strada per Faserno a <strong>Storo</strong>.<br />

Approvazione della perizia <strong>di</strong> spesa per lavori <strong>di</strong> somma urgenza per la messa in sicurezza a seguito della frana<br />

sulla strada per Casina - Terramonte a <strong>Storo</strong> e approvazione della contabilità finale ed approvazione della<br />

relativa fattura.<br />

221 17-12-12 Liquidazione spese sostenute dall’economo comunale nel periodo dal 23.10.2012 al 12.12.2012.<br />

222 17-12-12<br />

223 19-12-12<br />

224 19-12-12<br />

Erogazione contributo or<strong>di</strong>nario all’Azienda pubblica <strong>di</strong> servizi alla persona Villa S. Lorenzo <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> per l'anno<br />

2012.<br />

Approvazione progetto e affido lavori <strong>di</strong> manutenzione straor<strong>di</strong>naria dell'impianto <strong>di</strong> illuminazione pubblica a<br />

Lodrone tratto Chiesa - Bivio Riccomassimo.<br />

Approvazione dello schema <strong>di</strong> atto <strong>di</strong> rinnovo <strong>di</strong> concessione, ai soli fini idraulici e patrimoniali, per il mantenimento<br />

del transito lungo la sommità arginale del fiume Chiese, nel tratto in destra orografica contrad<strong>di</strong>stinto<br />

con la p.f. 5854/1 CC <strong>Storo</strong>.<br />

225 19-12-12 Affido dell’incarico per la fornitura <strong>di</strong> beni e servizi per la biblioteca comunale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

226 19-12-12<br />

227 21-12-12<br />

228 27-12-12<br />

229 27-12-12<br />

230 27-12-12<br />

Restituzione a conguaglio della quota <strong>di</strong> ripartizione dei costi della gestione associata e coor<strong>di</strong>nata del servizio<br />

bibliotecario intercomunale valle del Chiese<br />

In<strong>di</strong>zione del concorso pubblico per esami per il conferimento <strong>di</strong> un posto in pianta organica <strong>di</strong> funzionario<br />

tecnico della categoria D - livello base - 1° posizione e approvazione del relativo bando.<br />

Approvazione della contabilità finale, del certificato <strong>di</strong> regolare esecuzione e approvazione del prospetto riepilogativo<br />

della spesa sostenuta per i lavori <strong>di</strong> somma urgenza per la messa in sicurezza dell'area pozzo Marmerio<br />

- Travà a seguito dei crolli rocciosi del 20 giugno 2011.<br />

Mo<strong>di</strong>fica al contratto <strong>di</strong> noleggio <strong>di</strong> un automezzo modello Opel Kombo 1.3 CDTI VAN per l’attività <strong>di</strong> sportello<br />

nell’ambito del Piano giovani <strong>di</strong> zona della Valle del Chiese.<br />

Integrazione alla Determina n. 182 del 17 ottobre 2012 per lavori <strong>di</strong> manutenzione delle facciate del centro polivalente<br />

Carlo Maffei a Darzo. Finanziamento della maggiore spesa<br />

231 27-12-12 Affido lavori <strong>di</strong> demolizione del corpo 23 della p.ed. 112 - in CC <strong>Storo</strong> e finanziamento della relativa spesa.<br />

232 27-12-12<br />

Assunzione a carico del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> dell'utenza <strong>di</strong> energia elettrica del centro sportivo Mariano Beltrami<br />

<strong>di</strong> Darzo.<br />

15


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

233 27-12-12<br />

16<br />

Convenzione per l'uso e la gestione <strong>di</strong> locali presso la ex scuola elementare <strong>di</strong> Lodrone da parte del Comitato<br />

associazioni Lodrone.<br />

234 28-12-12 Rettifica determina n. 214 del 5.12.2012 relativamente all'imputazione a bilancio.<br />

235 28-12-12<br />

236 28-12-12<br />

237 31-12-12<br />

Concessione contributo alle pro loco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, <strong>di</strong> Darzo e Lodrone per il funzionamento e l’organizzazione della<br />

propria attività <strong>di</strong>chiarata <strong>di</strong> pubblico interesse locale - anno 2012.<br />

Lavori per la realizzazione <strong>di</strong> nuova isola ecologica in località Cà Rossa. Approvazione a tutti gli effetti del progetto<br />

esecutivo, finanziamento della spesa e modalità <strong>di</strong> affido lavori.<br />

Approvazione del comodato d'uso del locale ex palestra della scuola elementare <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> alla Banda sociale <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong> da utilizzare quale sede.<br />

238 31-12-12 Contratto noleggio <strong>di</strong> fotocopiatori.<br />

239 31-12-12<br />

Concessione contributo all’istituto comprensivo del Chiese “don Lorenzo Milani” per attività integrativa scolastica<br />

anno 2012.<br />

240 31-12-12 Acquisto <strong>di</strong> arre<strong>di</strong> e lavori <strong>di</strong> finitura presso il plesso scolastico <strong>di</strong> Lodrone e la scuola Me<strong>di</strong>a <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

241 31-12-12 Lavori <strong>di</strong> adeguamento degli spazi interni della sede provvisoria della scuola provinciale per l'infanzia <strong>di</strong> Darzo.<br />

242 31-12-12<br />

Realizzazione <strong>di</strong> attraversamenti pedonali regolati da impianto semaforico a chiamata da effettuare all'interno<br />

degli abitati <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e Darzo.<br />

243 31-12-12 Concessione contributi minori nel campo sociale a gruppi locali pro anno 2012.<br />

1 03-01-13<br />

Elezioni politiche del 24 e 25 febbraio <strong>2013</strong>: autorizzazione preventiva a prestare lavoro straor<strong>di</strong>nario da parte<br />

del personale del <strong>Comune</strong>.<br />

2 08-01-13 Sottoscrizione abbonamenti a riviste tecnico giuri<strong>di</strong>che per l'anno <strong>2013</strong>.<br />

3 15-01-13 Determina per l’affido del servizio dei servizi cimiteriali.<br />

4 16-01-13 Riparto e liquidazione dei <strong>di</strong>ritti <strong>di</strong> segreteria riscossi durante il 4° trimestre 2012.<br />

5 21-01-13<br />

6 21-01-13<br />

7 22-01-13<br />

8 22-01-13<br />

9 22-01-13<br />

10 24-01-13<br />

11 28-01-13<br />

12 28-01-13<br />

Lavori <strong>di</strong> collegamento dell'acquedotto <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> con l'acquedotto <strong>di</strong> Lodrone - sistemazione acquedotto in zona<br />

industriale: approvazione a tutti gli effetti <strong>di</strong> legge del progetto esecutivo, finanziamento della relativa spesa ed<br />

affido lavori e nomina del <strong>di</strong>rettore dei lavori.<br />

Corresponsione del trattamento <strong>di</strong> fine rapporto e del trattamento economico sostitutivo delle ferie non fruite al<br />

<strong>di</strong>pendente <strong>di</strong> ruolo cessato nel 2012.<br />

Conferimento incarico al geologo dott. Bombardelli Renzo per redazione <strong>di</strong> perizia geologica a sostegno del<br />

progetto definitivo <strong>di</strong> messa in sicurezza della miniera Valcornera in c.c. Darzo.<br />

Adesione al progetto a supporto delle attività della biblioteca comunale e approvazione della convenzione tipo<br />

<strong>di</strong> compartecipazione ai costi del personale. Anno <strong>2013</strong><br />

Approvazione della contabilità finale e del certificato <strong>di</strong> regolare esecuzione dei lavori relativi alla somma urgenza<br />

per la costruzione <strong>di</strong> un by - pass strada <strong>Storo</strong> - Faserno - opere <strong>di</strong> consolidamento.<br />

Approvazione della convenzione per la concessione in uso alla Pro loco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> M2 <strong>di</strong> parte delle pp.ff. 320/1,<br />

320/4 e p.ed. 1323 in località Piane a <strong>Storo</strong>, con estinzione del vincolo <strong>di</strong> uso civico gravante la p.fond. 320/4 e<br />

approvazione del relativo atto traslativo.<br />

Approvazione del ren<strong>di</strong>conto delle entrate conseguite e delle spese sostenute nella gestione della Scuola Provinciale<br />

dell'Infanzia <strong>di</strong> Darzo nell'anno scolastico 2011-2012.<br />

Rideterminazione della spesa necessaria per il ricovero presso l’Azienda Provinciale Servizi alla Persona (APSP)<br />

Villa S. Lorenzo <strong>di</strong> un citta<strong>di</strong>no residente nel <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> parzialmente privo dei mezzi <strong>di</strong> sussistenza.


VITA AMMINISTRATIVA<br />

13 28-01-13<br />

14 01-02-13<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Rideterminazione della spesa necessaria per il ricovero presso l’Azienda Provinciale Servizi alla Persona (APSP)<br />

Villa S. Lorenzo <strong>di</strong> un citta<strong>di</strong>no residente nel <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> parzialmente privo dei mezzi <strong>di</strong> sussistenza.<br />

Lavori <strong>di</strong> sistemazione ambientale e messa in sicurezza delle pertinenze e dell'area sede della ex miniera<br />

“Valcornera”, porzione della ex concessione mineraria per baritina denominata “Marigole - Pice” <strong>di</strong> proprietà<br />

dell'Amministrazione separata dei Beni <strong>di</strong> Uso Civico <strong>di</strong> Darzo: approvazione del progetto definitivo ai fini del<br />

finanziamento<br />

15 12-02-13 Assunzione degli oneri <strong>di</strong> gestione della Scuola provinciale dell’infanzia <strong>di</strong> Darzo.<br />

16 20-02-13 Approvazione perizia <strong>di</strong> variante sui lavori per la realizzazione della sede della banda sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

17 20-02-13 Approvazione del Piano Giovani <strong>di</strong> Zona Valle del Chiese per un futuro migliore - anno <strong>2013</strong>.<br />

18 20-02-13 Integrazione alla determinazione n 10 del 24.01.<strong>2013</strong>.<br />

19 21-02-13<br />

20 21-02-13<br />

22 27-02-13<br />

Interventi finalizzati al miglioramento dei patrimoni forestali ed alla <strong>di</strong>fesa dei boschi dagli incen<strong>di</strong> da realizzare<br />

con il supporto della PAT Servizio foreste e fauna - località sopra Sapes e Bastia.<br />

Interventi finalizzati al miglioramento dei patrimoni forestali ed alla <strong>di</strong>fesa dei boschi dagli incen<strong>di</strong> da realizzare<br />

con il supporto della PAT Servizio foreste e fauna - malga Alpo.<br />

Acquisto attrezzature, apparecchiature ed arre<strong>di</strong> del nuovo centro socio educativo per la cooperativa Bucaneve:<br />

approvazione dell’elenco dei beni da acquistare ai fini della presentazione <strong>di</strong> richiesta <strong>di</strong> contributo ai sensi<br />

dell’art. 36 della LP 12 luglio 1991 n. 14.<br />

23 01-03-13 Inserimento fotografie e testi sul sito internet del comune <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

24 11-03-13<br />

Estensione incarico al dott. geol. Germano Lorenzi per la redazione dello stu<strong>di</strong>o geologico - geotecnico <strong>di</strong> supporto<br />

al progetto <strong>di</strong> variante alla messa in sicurezza della zona denominata “Pra <strong>di</strong> Berti” da caduta massi nella<br />

frazione <strong>di</strong> Lodrone nel comune <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

25 12-03-13 Cessione <strong>di</strong> quota mensile dello stipen<strong>di</strong>o per rimborso <strong>di</strong> un prestito contratto da un <strong>di</strong>pendente comunale<br />

26 14-03-13 Locazione dell’appartamento sito a <strong>Storo</strong> in via Martinello n. 30 al miglior offerente me<strong>di</strong>ante pubblico avviso.<br />

27 15-03-13<br />

Approvazione della contabilità finale e del certificato <strong>di</strong> regolare esecuzione dei lavori relativi alla somma urgenza<br />

a seguito della frana sulla strada <strong>Storo</strong> - Faserno.<br />

28 18-03-13 Risoluzione dei contratti <strong>di</strong> ven<strong>di</strong>ta legname alla <strong>di</strong>tta Ampola Legnami srl.<br />

29 18-03-13<br />

30 18-03-13<br />

31 20-03-13<br />

Approvazione trattativa privata per fornitura <strong>di</strong> carburante per autotrazione per gli automezzi in dotazione al<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

Approvazione dello schema <strong>di</strong> concessione in uso della malga Monsur in località Casina, con l'associazione “I<br />

fuori quota”.<br />

Corresponsione del trattamento <strong>di</strong> fine rapporto e del trattamento economico sostitutivo delle ferie non fruite al<br />

<strong>di</strong>pendente <strong>di</strong> ruolo cessato nel 2012.<br />

32 20-03-13 Acquisto <strong>di</strong> due sim Wind per telefoni cellulari.<br />

33 20-03-13<br />

34 25-03-13<br />

35 26-03-13<br />

Conferimento <strong>di</strong> incarico al geologo dott. Germano Lorenzi perla redazione <strong>di</strong> perizia geologica a sostegno del<br />

progetto definitivo relativo alla formazione <strong>di</strong> un terrapieno sulle pp.ff. 4530/1 e 4530/2 a Ca Rossa<br />

Acquisto piante <strong>di</strong> “Marrone Trentino” nell'ambito dei lavori <strong>di</strong> messa in sicurezza della zona Prà <strong>di</strong> Berti a<br />

Lodrone<br />

Conferimento incarico al geologo dott. Renzo Bombardelli per lo stu<strong>di</strong>o geologico al fine della redazione <strong>di</strong> una<br />

perizia geologico - geotecnica <strong>di</strong> supporto ai lavori <strong>di</strong> sistemazione della strada in località Loc a Darzo<br />

17


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

Notizie dai Gruppi Consiliari<br />

AutonoMIA<br />

pER Il FutuRo<br />

Arrivati a metà della legislatura,<br />

tracciamo un sintetico bilancio<br />

<strong>di</strong> quanto svolto in merito alle<br />

nostre competenze amministrative.<br />

Oltre alla costante e normale<br />

amministrazione, ci siamo impegnati,<br />

in ambito culturale, sollecitando<br />

la realizzazione <strong>di</strong> un piano<br />

<strong>di</strong> intervento per la valorizzazione<br />

del patrimonio storico culturale a<br />

livello comunale.<br />

Il 26 novembre scorso, presso il<br />

teatro Santa Croce, a Lodrone,<br />

la Provincia Autonoma <strong>di</strong> Trento<br />

rappresentata dall’ ‘assessore alla<br />

Cultura Franco Panizza, attraverso<br />

la presentazione del <strong>di</strong>rigente<br />

generale attività e beni culturali,<br />

arch. Sandro Flaim e del progettista<br />

arch. Marco Radoani, ha esposto<br />

pubblicamente uno stu<strong>di</strong>o <strong>di</strong><br />

fattibilità riguardante il recupero<br />

e la valorizzazione del Castello<br />

S.Barbara.<br />

Il maniero potrà essere risanato<br />

con un’operazione prevista in<br />

otto lotti autonomi che, fin dopo<br />

il primo intervento, renderà accessibile<br />

al pubblico una parte<br />

del castello. Auspichiamo che i<br />

lavori potranno essere svolti al<br />

18<br />

più presto, anche se il momento<br />

congiunturale economico-finanziario<br />

non favorisce la <strong>di</strong>sponibilità<br />

<strong>di</strong> gran<strong>di</strong> risorse.<br />

L’e<strong>di</strong>ficio potrà così essere salvaguardato<br />

dal punto <strong>di</strong> vista storico<br />

architettonico e rendersi <strong>di</strong>sponibile<br />

per la rappresentazione <strong>di</strong><br />

piccole mostre ed eventi, incentivando<br />

il percorso storico-turistico<br />

della nostra valle e soprattutto<br />

dotando il nostro <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> un<br />

luogo che possa favorire questo<br />

comparto che, anche in tempi <strong>di</strong><br />

crisi, offre i suoi frutti. Anche le<br />

notizie turistiche apparse sui nostri<br />

quoti<strong>di</strong>ani locali, evidenziano<br />

come il Consorzio Turistico Valle<br />

del Chiese, abbia chiuso con un<br />

bilancio positivo in fatto <strong>di</strong> presenze<br />

nelle nostre strutture alberghiere.<br />

Altro progetto riguarda il lavoro<br />

<strong>di</strong> recupero ambientale in località<br />

Bes al quale il Servizio Foreste, insieme<br />

al nostro <strong>Comune</strong>, ha dato<br />

inizio ai lavori nei giorni scorsi.<br />

Il lavoro consisterà nel taglio <strong>di</strong><br />

parte del bosco retrostante la<br />

Chiesetta <strong>di</strong> S.Lorenzo, la realizzazione<br />

<strong>di</strong> sentieri e il successivo<br />

restauro conservativo dell’area<br />

archeologica, a cura della Soprintendenza<br />

ai Beni Archeologici<br />

della Provincia.<br />

Questo intervento porterà alla<br />

definizione <strong>di</strong> un itinerario artistico,<br />

archeologico, religioso e storico,<br />

che potrà inserirsi nei percorsi<br />

eco museali territoriali. Il tutto<br />

mettendo a <strong>di</strong>sposizione risorse<br />

finanziarie modeste da parte della<br />

nostra amministrazione Comunale<br />

.<br />

Le attività culturali sono state<br />

numerose, sia organizzate attraverso<br />

il Servizio Interbibliotecario<br />

della Valle del Chiese, <strong>di</strong> cui ne<br />

siamo ente capofila, (circa 15 ini-<br />

ziative) sia altri incontri quali: serate<br />

sull’archeologia, sulla Grande<br />

Guerra, il concerto <strong>di</strong> Natale, i<br />

dopocena Letterari, i lunedì della<br />

cultura, corsi <strong>di</strong> manualità e la<br />

presentazione del libro Naturalmente<br />

Trentino pubblicato dalla<br />

Sat in occasione dei 140 anni del<br />

suo sodalizio, gestiti dalla nostra<br />

biblioteca.<br />

Negli ultimi giorni si sono svolte<br />

le elezioni nazionali ed auspichiamo<br />

si riesca a trovare un accordo<br />

per la formazione del futuro<br />

governo. Non sarà facile, anche<br />

alla luce del risultato riportato dal<br />

nuovo movimento 5 Stelle, per il<br />

quale non <strong>di</strong>scutiamo i contenuti<br />

ma la cui strategia, in una logica<br />

<strong>di</strong> web-democrazia, forse non ha<br />

del tutto definito gli aspetti reali<br />

e pratici con i quali oggi devono<br />

confrontarsi.<br />

La coalizione <strong>di</strong> centrosinistra<br />

ha avuto un buon risultato sia<br />

a livello locale che provinciale<br />

e il nostro partito <strong>di</strong> riferimento<br />

territoriale PATT ne è uscito con<br />

brillante successo, il segretario<br />

<strong>di</strong> partito e Assessore Provinciale<br />

Franco Panizza ha conquistato<br />

il ruolo <strong>di</strong> Senatore ed il Consigliere<br />

Provinciale Mauro Ottobre<br />

quello <strong>di</strong> deputato.<br />

Congratulazioni a loro e buon lavoro<br />

a tutti.<br />

Noi continuiamo il nostro, siamo<br />

stati eletti per essere al vostro<br />

servizio ed è questo che ci impegniamo<br />

a svolgere cercando <strong>di</strong><br />

fare del nostro meglio.<br />

Ascanio Zocchi<br />

Loretta Cavalli


VITA AMMINISTRATIVA<br />

CREsCERE InsIEME<br />

Il Consiglio comunale dello scorso<br />

18 marzo prevedeva l’approvazione<br />

del bilancio comunale<br />

per il <strong>2013</strong>. Di norma, per illustrare<br />

un bilancio si elencano cifre.<br />

Vorremmo invece riassumerlo in<br />

poche e semplici parole, riprendendo<br />

la <strong>di</strong>chiarazione <strong>di</strong> voto favorevole<br />

del nostro gruppo.<br />

Una votazione che purtroppo ha<br />

visto la sala consigliare priva <strong>di</strong><br />

<strong>di</strong>versi consiglieri delle minoranze<br />

che anche in questa occasione,<br />

indubbiamente preziosa per<br />

la vita amministrativa della nostra<br />

Comunità, hanno preferito non<br />

partecipare, negando <strong>di</strong> riflesso<br />

alle persone che li hanno votati<br />

il fondamentale <strong>di</strong>ritto ad essere<br />

rappresentati in Consiglio, manifestando<br />

con<strong>di</strong>visione o critica<br />

del documento che stabilirà per il<br />

<strong>2013</strong> gli in<strong>di</strong>rizzi <strong>di</strong> governo.<br />

Senza il confronto e le critiche<br />

costruttive dei consiglieri <strong>di</strong> minoranza<br />

<strong>di</strong> sicuro l’attività del<br />

consiglio e delle commissioni <strong>di</strong><br />

lavoro sarebbe molto più povera;<br />

perché ciascuno, al <strong>di</strong> là dei<br />

colori politici, se in modo sereno,<br />

armato <strong>di</strong> buona volontà e privo<br />

<strong>di</strong> astio è in grado <strong>di</strong> arricchire la<br />

<strong>di</strong>scussione e può in tal modo<br />

influire sul governo della nostra<br />

Comunità, anche e soprattutto in<br />

questi momenti <strong>di</strong> certo delicati<br />

anche al livello nazionale che richiedono<br />

impegno a tutti i livelli.<br />

Si comincia a migliorare la situa-<br />

zione dell’Italia rimboccandosi<br />

le maniche e lavorando a partire<br />

dalle istituzioni più vicine alla<br />

gente!<br />

Tornando al bilancio, cre<strong>di</strong>amo<br />

possa essere sintetizzato in quattro<br />

parole che spesso avete letto<br />

nei nostri articoli o avete sentito<br />

nei momenti <strong>di</strong> incontro con la<br />

gente: parole semplici e <strong>di</strong>rette,<br />

come il nostro modo <strong>di</strong> amministrare:<br />

coerenza, rigore, serietà,<br />

visione. Concetti da sempre cari<br />

a Crescere Insieme e al nostro<br />

Sindaco Vigilio Giovanelli.<br />

Coerenza rispetto al programma<br />

amministrativo al quale la gente<br />

ha dato fiducia: anche nel bilancio<br />

<strong>2013</strong> trovano spazio opere citate<br />

nel programma amministrativo:<br />

la parola data va rispettata.<br />

Il bilancio del <strong>2013</strong> prevede ad<br />

esempio il finanziamento della<br />

struttura ricreativa alle Piane, del<br />

parco giochi a Lodrone, dei parcheggi<br />

lungo via Nepomuceno a<br />

Darzo: ma anche altri impegni,<br />

come il rimborso dell’ICI per i<br />

terreni sui quali era previsto l’ampliamento<br />

della zona industriale<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>: con la variante al piano<br />

regolatore è stato possibile dar<br />

finalmente risposta ai proprietari<br />

che da molti anni attendevano invano<br />

l’inse<strong>di</strong>amento <strong>di</strong> industrie<br />

che purtroppo oggi, per la crisi,<br />

hanno cambiato programmi.<br />

Rigore, nel momento delicato in<br />

cui stiamo vivendo è un concetto<br />

molto usato a destra e a manca.<br />

Il nostro bilancio, senza tanto clamore,<br />

lo mette semplicemente in<br />

pratica, riducendo le spese generali,<br />

riorganizzando ed ottimizzando<br />

il lavoro degli uffici comunali,<br />

posticipando alcune opere del nostro<br />

programma in attesa ripagare<br />

prima i mutui accesi dalle precedenti<br />

amministrazioni. Mutui per<br />

opere <strong>di</strong> certo necessarie, ma che<br />

pesano ancora oggi sulle casse<br />

comunali: nel primo bilancio della<br />

nostra legislatura (2011) le rate<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

dei mutui erano <strong>di</strong> circa 1.100.000<br />

€, nel <strong>2013</strong> sono 875.000 € e caleranno<br />

a 198.000 € nel 2015.<br />

Serietà, perché non è con gli slogan<br />

televisivi o con le opere pubbliche<br />

a pioggia cui ci hanno abituato<br />

altre epoche politiche ormai<br />

passate che si danno risposte<br />

alla gente, ma con una riflessione<br />

seria su cosa serve realmente.<br />

Stiamo sfruttando questi primi<br />

anni <strong>di</strong> mandato amministrativo<br />

(mentre ripaghiamo i mutui) per<br />

riflettere a <strong>di</strong>versi livelli: locale,<br />

con la Comunità <strong>di</strong> Valle, con la<br />

Provincia, lavorando a nuovi progetti<br />

<strong>di</strong> opere ed urbanistici, con<br />

il confronto <strong>di</strong>retto con la gente,<br />

in modo da arrivare con le idee<br />

chiare ed evitare sprechi o risposte<br />

avventate che sarebbero imperdonabili.<br />

Serietà che ha già<br />

portato il finanziamento per le<br />

fognature <strong>di</strong> Ca’ Rossa, Darzo e<br />

Lodrone (circa 2 milioni <strong>di</strong> euro),<br />

e a segnali più che positivi per la<br />

nuova scuola elementare <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

(9 milioni <strong>di</strong> euro).<br />

Visione verso il futuro della<br />

nostra Comunità: un futuro che<br />

si costruisce anno per anno, attraverso<br />

documenti fondamentali<br />

come il bilancio. Visione che<br />

si percepisce in tutti i concetti<br />

esposti, ra<strong>di</strong>cati nella concretezza<br />

e nella quoti<strong>di</strong>anità, ma con una<br />

chiara visione programmatica per<br />

il futuro della nostra Comunità.<br />

Un bilancio per il <strong>2013</strong> nel quale<br />

traspaiono i concetti <strong>di</strong> coerenza,<br />

rigore, serietà e visione. Un bilancio<br />

che il nostro gruppo con<strong>di</strong>vide<br />

e che ha contribuito a preparare,<br />

assieme all’intera Giunta<br />

comunale e con il lavoro sempre<br />

prezioso e generoso degli uffici<br />

comunali.<br />

I consiglieri <strong>di</strong> Crescere Insieme<br />

Andrea Bonomini, Ugo Bonomini,<br />

Clau<strong>di</strong>o Cortella, Dario Luzzani,<br />

Adriano Malcotti<br />

19


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

pD e pAtto CIVICo<br />

Nel ringraziare tutti gli elettori del<br />

<strong>Comune</strong>, sono stati oltre l’ottanta<br />

per cento degli aventi <strong>di</strong>ritto, che<br />

hanno manifestato con alto senso<br />

civico il loro assenso democratico<br />

ai partiti, alle liste e alle coalizioni<br />

che si sono can<strong>di</strong>dati a governare<br />

l’Italia, particolare gratitu<strong>di</strong>ne<br />

vogliamo riservarla a coloro<br />

che hanno scelto il Partito<br />

Democratico e sono stati poco<br />

più del venti per cento.<br />

Con il loro voto hanno contribuito<br />

ad eleggere il senatore<br />

del nostro collegio, tre deputati<br />

della circoscrizione regionale e<br />

a permettere al PD <strong>di</strong> guidare<br />

la coalizione più votata a livello<br />

nazionale, con<strong>di</strong>zione che non ci<br />

fa sentire vincitori delle elezioni<br />

politiche ma imprescin<strong>di</strong>bili ed è<br />

già molto.<br />

Sod<strong>di</strong>sfazione va espressa in<br />

casa PD anche per la ventata <strong>di</strong><br />

cambiamento tra le proprie fila<br />

20<br />

a Roma, tanti giovani e donne<br />

come mai prima d’ora sono approdati<br />

sugli scranni parlamentari,<br />

Renzi e le primarie hanno fatto<br />

scuola si <strong>di</strong>rebbe.<br />

Il percorso che ci ha portati a<br />

questo buon risultato ci ha visti<br />

impegnati anche a livello locale<br />

ad organizzare tre tornate <strong>di</strong><br />

elezioni primarie per dar modo<br />

ai citta<strong>di</strong>ni che l’avessero voluto<br />

<strong>di</strong> partecipare per con<strong>di</strong>videre<br />

innanzitutto il progetto <strong>di</strong> centrosinistra<br />

per poi scegliere il can<strong>di</strong>dato<br />

alla Presidenza del Consiglio;<br />

si ricorderà la sfida Bersani-<br />

Renzi che premiò il primo solo al<br />

secondo turno <strong>di</strong> ballottaggio. Il<br />

Partito Democratico, per aggirare<br />

le aberrazioni della legge elettorale,<br />

ha messo in cantiere anche<br />

le primarie per la scelta dei can<strong>di</strong>dati<br />

alla Camera dove ha riscontrato<br />

un consistente successo la<br />

giovane roveretana esponente<br />

del bisogno <strong>di</strong> rinnovamento<br />

della politica, Elisa Filippi. È stata<br />

nostra ospite per una serata a<br />

<strong>Storo</strong> ed ha <strong>di</strong>mostrato, pur giovanissima,<br />

con il suo percorso <strong>di</strong><br />

stu<strong>di</strong> e lavoro (laurea, lavoro alla<br />

Comunità Europea a Bruxelles,<br />

conoscenza lingue, collaborazione<br />

con l’Associazione Nazionale<br />

Comuni d’Italia) tutta la sua preparazione<br />

e passione.<br />

Peccato che per logiche nazionali<br />

e regionali la sua can<strong>di</strong>datura al<br />

quarto posto in lista non le abbia<br />

permesso <strong>di</strong> raggiungere l’obiettivo<br />

massimo della elezione alla<br />

Camera dei Deputati. Invece <strong>di</strong><br />

rimanere delusa e stanca dall’esperienza,<br />

Elisa si è messa a lavorare<br />

ancora <strong>di</strong> più e senz’altro<br />

la vedremo protagonista sin dalle<br />

elezioni provinciali dell’autunno<br />

prossimo.<br />

Anche per queste auspichiamo<br />

il coinvolgimento della popolazione<br />

nella scelta del can<strong>di</strong>dato<br />

o della can<strong>di</strong>data alla Presidenza<br />

della coalizione <strong>di</strong> centro-sinistra-autonomista<br />

dopo la partenza<br />

del Presidente Dellai per<br />

Roma. Una coalizione che sta <strong>di</strong>mostrando<br />

tutta l’autorevolezza<br />

e la capacità <strong>di</strong> gestire i passaggi<br />

<strong>di</strong>fficili che il momento <strong>di</strong> crisi sta<br />

richiedendo. L’alleanza, per certi<br />

versi coraggiosa, per esempio<br />

messa in pie<strong>di</strong> per le can<strong>di</strong>dature<br />

al Senato e che nei tre collegi<br />

provinciali ha portato a casa tre<br />

vittorie secche con Fravezzi-<br />

Tonini-Panizza ne è la riprova.<br />

Un’alleanza che, nel nostro piccolo<br />

anche a <strong>Storo</strong>, sta dando i<br />

suoi frutti. Stiamo <strong>di</strong>mostrando<br />

tutti i giorni <strong>di</strong> essere in grado<br />

in ogni ambito <strong>di</strong> ottenere confronti<br />

positivi rispetto ai bisogni<br />

del territorio, possiamo programmare<br />

le opere pubbliche con la<br />

sicurezza che <strong>di</strong> fronte ai mille<br />

problemi che incontriamo nel<br />

rapportarci alla Provincia, troviamo<br />

nell’apparato degli interlocutori<br />

attenti, preparati e pronti a<br />

supportarci nell’in<strong>di</strong>viduare strade<br />

corrette ed efficaci per “sbrogliare<br />

la matassa” come anche la<br />

lontana periferia merita in termini<br />

<strong>di</strong> tempistiche certe, efficienza<br />

ed efficacia.<br />

Nelle settimane scorse, durante<br />

una visita in municipio <strong>di</strong> due<br />

classi della scuola elementare<br />

che ha in progetto la conoscenza<br />

del <strong>Comune</strong> come Ente locale<br />

primo riferimento per i citta<strong>di</strong>ni,<br />

i ragazzi nella loro freschezza e<br />

schiettezza hanno chiesto agli<br />

Amministratori presenti all’incontro,<br />

tra le mille domande curiose<br />

e interessanti, se andassero<br />

d’accordo tra <strong>di</strong> loro.<br />

Ecco questo è un altro punto <strong>di</strong><br />

forza <strong>di</strong> questa riuscita collaborazione.<br />

Pur nelle <strong>di</strong>fficoltà che<br />

anche i Comuni vivono, strozzati<br />

da vincoli, uno su tutti il Patto<br />

<strong>di</strong> Stabilità, norme arcaiche,<br />

riduzioni <strong>di</strong> finanziamenti, trasformati<br />

pure in esattori per conto<br />

dello Stato che si nasconde<br />

<strong>di</strong>etro agli amministratori locali<br />

quasi si vergognasse a chiedere<br />

ulteriori imposte, tasse e gabelle<br />

per riquadrare i propri conti


VITA AMMINISTRATIVA<br />

colabrodo, riusciamo sempre a<br />

fare sintesi per trovare la giusta<br />

soluzione ai problemi che si incontrano<br />

ma anche a prospettare<br />

qualche idea per dare un po’ <strong>di</strong><br />

respiro alla crisi che sta mettendo<br />

tutti sulle ginocchia. Il bilancio<br />

preventivo <strong>2013</strong> approvato<br />

nei giorni scorsi dalla maggioranza<br />

contiene qualche<br />

risposta, qualche passo avanti<br />

per superare il guado del periodo<br />

nero della nostra economia,<br />

certi che per molto <strong>di</strong>pen<strong>di</strong>amo<br />

da Trento e Roma per non <strong>di</strong>re<br />

da Bruxelles. A Trento il giorno<br />

dopo le elezioni c’è un Consiglio<br />

Provinciale eletto, un Presidente<br />

eletto <strong>di</strong>rettamente dai citta<strong>di</strong>ni,<br />

che forma la Giunta e governa, a<br />

Roma si sa è tutta un’altra cosa.<br />

A Roma si parla da anni <strong>di</strong> <strong>di</strong>mezzamento<br />

dei parlamentari, <strong>di</strong><br />

tagli della politica, a <strong>Storo</strong> è già<br />

attualità: la recente legge regionale<br />

<strong>di</strong> mo<strong>di</strong>fica dell’or<strong>di</strong>namento<br />

dei comuni ha stabilito nuove<br />

norme per i comuni. Per noi in<br />

sintesi si tratta <strong>di</strong> meno 7% delle<br />

indennità <strong>di</strong> carica (da subito,<br />

che peraltro gli amministratori<br />

quel 7% lo devolvevano respon-<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

sabilmente e generosamente al<br />

bilancio comunale dalla loro elezione),<br />

poi passaggio da 20 a 18<br />

consiglieri e da 6 a 4 assessori<br />

dalla prossima consigliatura.<br />

Invece che con l’esempio, si parte<br />

sempre dagli altri. È ora <strong>di</strong> invertire<br />

la rotta.<br />

Il documento è con<strong>di</strong>viso anche<br />

da Salvatore Moneghini e Michele<br />

Bettazza del gruppo consiliare<br />

Patto Civico.<br />

I consiglieri comunali PD:<br />

Giusi Tonini, Laura Danieli e<br />

Ennio Colò<br />

21


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

nuoVI oRIzzontI e<br />

pRoGEtto 2000<br />

la democrazia muore a storo,<br />

ovvero il Consiglio Comunale<br />

del 27 febbraio <strong>2013</strong><br />

Visto che i nostri solerti giornalisti<br />

non hanno trovato il tempo <strong>di</strong><br />

presenziare al consiglio comunale<br />

dello scorso 27 febbraio (forse,<br />

ma forse, perché all’O.d.G. c’erano<br />

argomenti richiesti dalle minoranze<br />

e non dalla maggioranza),<br />

i citta<strong>di</strong>ni del nostro <strong>Comune</strong><br />

si sono dovuti accontentare <strong>di</strong> resoconti<br />

arrivati sulla stampa una<br />

settimana dopo e non si sa come,<br />

probabilmente grazie a qualche<br />

magica <strong>di</strong>vinità. Naturalmente,<br />

tali “articoli” <strong>di</strong> giornale omettevano<br />

completamente le gravissime<br />

condotte poste in essere dalla<br />

maggioranza storese, che ha<br />

<strong>di</strong>mostrato un’arroganza ed una<br />

prepotenza senza precedenti.<br />

Cerchiamo <strong>di</strong> dare il nostro<br />

punto <strong>di</strong> vista su quanto acca-<br />

22<br />

duto, naturalmente dai banchi<br />

della minoranza, adattando<br />

per il Bollettino Comunale il<br />

testo apparso sul nostro blog<br />

nei giorni successivi al consiglio<br />

e dove ancora lo potete<br />

trovare in formato integrale.<br />

L’or<strong>di</strong>ne del giorno era il seguente:<br />

1. Interrogazione sul bollettino<br />

comunale.<br />

2. Mozione sulla video trasmissione<br />

delle sedute consiliari.<br />

3. Istituzione e nomina <strong>di</strong> una<br />

commissione <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o su proposte<br />

<strong>di</strong> mo<strong>di</strong>fica del regolamento<br />

del bollettino comunale.<br />

4. Autorizzazione ai sensi dell’art.<br />

113 comma 1 ed articolo 112<br />

comma 4 della legge provinciale<br />

n. 1/2008 al rilascio della concessione<br />

e<strong>di</strong>lizia in deroga per<br />

la realizzazione <strong>di</strong> un impianto<br />

ascensore a servizio della particella<br />

e<strong>di</strong>ficiale 246 nel comune<br />

catastale <strong>di</strong> Darzo<br />

Prima <strong>di</strong> iniziare la trattazione,<br />

tuttavia, il Sommo Presidente del<br />

Consiglio Bonomini, in spregio<br />

alle norme del regolamento ed<br />

infischiandosene beatamente<br />

delle norme che lui stesso dovrebbe<br />

far rispettare, si mette<br />

(a suo <strong>di</strong>re) a dare lettura <strong>di</strong> un<br />

testo preparato a casa con l’aiuto<br />

<strong>di</strong> qualche esperto (auguriamoci<br />

non della segretaria comunale,<br />

che speriamo abbia altro da fare<br />

nel suo ruolo) in cui replica alle<br />

affermazioni fatte da Nuovi Orizzonti<br />

nel precedente consiglio comunale,<br />

allorquando Turinelli ha<br />

dovuto abbandonare la seduta<br />

per l’ennesima <strong>di</strong>mostrazione <strong>di</strong><br />

forza della democratica maggioranza<br />

storese. In qualche modo,<br />

insomma, il Presidente cerca <strong>di</strong><br />

salvarsi con mesi <strong>di</strong> ritardo, giustificando<br />

la prepotenza <strong>di</strong> allora<br />

commettendone una ancora più<br />

grave.<br />

Ebbene: pur provando a spiegargli<br />

che non può fare quello che<br />

sta facendo, egli prosegue ad<strong>di</strong>rittura<br />

richiamando ufficialmente<br />

e minacciando espulsioni dall’aula.<br />

Alè! Primo round democratico<br />

finito! Ad avviso <strong>di</strong> scrive e<br />

con<strong>di</strong>vide questo articolo, Bonomini<br />

è totalmente inadeguato<br />

a ricoprire il ruolo <strong>di</strong> Presidente<br />

del Consiglio Comunale, lo ha<br />

<strong>di</strong>mostrato più volte, con la sua<br />

intolleranza ad ogni forma <strong>di</strong> <strong>di</strong>battito<br />

e la sua assurda fiscalità<br />

che utilizza per coprire i <strong>di</strong>fetti <strong>di</strong><br />

cui sopra.<br />

Si passa così al primo vero punto:<br />

l’interrogazione presentata ormai<br />

tanto tempo fa e mai apparsa sul<br />

sito del <strong>Comune</strong>, ma che trovate<br />

in internet sempre sul nostro<br />

blog.<br />

E qui arriviamo al secondo<br />

round: l’assessore Cortella prende<br />

la parola per richiedere la SE-<br />

DUTA SEGRETA nella <strong>di</strong>scussione<br />

dell’interrogazione. SEGRE-<br />

TA!!!!! è la prima volta da quando<br />

se<strong>di</strong>amo in Consiglio che accade<br />

una cosa simile su un’interrogazione!!!<br />

La motivazione della richiesta:<br />

nel testo si entra nel merito <strong>di</strong> attitu<strong>di</strong>ni<br />

e qualità personali <strong>di</strong> una<br />

persona. Ovvero: quello che succede<br />

praticamente sempre in un<br />

<strong>di</strong>battito politico (magari qualcuno<br />

ha letto le interrogazioni parlamentari<br />

sulla vicenda Monte<br />

Paschi Siena, Mussari & Co.?!?)<br />

L’interrogazione, invece, come ormai<br />

sanno anche i muri, parla <strong>di</strong><br />

un articolo CENSURATO al Bollettino<br />

Comunale, e assolutamente<br />

non si rivolge ad una persona in<br />

particolare.<br />

Non comprendendo dove starebbe<br />

la violazione, chie<strong>di</strong>amo<br />

maggiori spiegazioni. Anziché rispondere<br />

ancora Cortella, ecco<br />

che interviene in soccorso la segretaria<br />

comunale (complimenti<br />

all’imparzialità!) cominciando<br />

a parlare <strong>di</strong> privacy (sic!!!!) e<br />

<strong>di</strong> sanzioni pesantissime (oltre<br />

50 mila euro) senza alcuna<br />

apprezzabile ragione giuri<strong>di</strong>ca.<br />

Francamente assurdo, tecnicamente<br />

fuori dalla grazia… ma


VITA AMMINISTRATIVA<br />

sufficiente pretesto affinché la<br />

maggioranza - raccogliendo l’assist<br />

piovuto più o meno volontariamente<br />

dalla segretaria - voti<br />

la segretezza della seduta, con il<br />

Sommo Presidente che fa allontanare<br />

gli spettatori presenti. A<br />

questo punto, ai noi consiglieri<br />

promotori, non resta che ritirare<br />

l’interrogazione, posto<br />

che la sua “segretezza” fa ridere<br />

i muri (i soli rimasti in consiglio)<br />

e rende del tutto inutile l’attività<br />

politica <strong>di</strong> minoranza.<br />

Punto successivo è la mozione<br />

sulle telecamere in Consiglio:<br />

Ennio Colò vince il campionato<br />

del mondo <strong>di</strong> arrampicata sugli<br />

specchi, <strong>di</strong>cendo che la norma<br />

sulle telecamere è bella e utile e<br />

si può fare! Però… non adesso!<br />

Perché ci potrebbero essere dei<br />

consiglieri che, non avendo saputo<br />

prima <strong>di</strong> queste tecnologie, ora<br />

potrebbero essere in imbarazzo a<br />

parlare nell’obiettivo. O ancora,<br />

chissà che in futuro qualche consigliere<br />

balbuziente possa sentirsi<br />

a <strong>di</strong>sagio!!!<br />

Facciamola breve: dopo la censura<br />

dell’articolo sul bollettino,<br />

la seduta segreta sull’interrogazione,<br />

volevate che<br />

approvassero la videotrasmissione<br />

delle sedute? Ma figuriamoci!<br />

13 voti contro e mozione<br />

respinta.<br />

Il Consiglio continua poi con la<br />

nomina <strong>di</strong> una commissione<br />

per la revisione del regolamento<br />

sul bollettino comunale,<br />

visto che dall’inse<strong>di</strong>amento<br />

<strong>di</strong> questa amministrazione il comitato<br />

<strong>di</strong> redazione non riesce<br />

a lavorare senza incontrare problemi.<br />

Su nostra richiesta, viene<br />

ridotto il numero <strong>di</strong> componenti<br />

proposto da 6 a 4, tornando<br />

alla composizione concordata in<br />

capigruppo (e puntualmente <strong>di</strong>sattesa<br />

in sede <strong>di</strong> proposta consigliare).<br />

Almeno su questo colgono<br />

la questione e acconsentono.<br />

Componenti sono eletti Ennio<br />

Colò, Dario Luzzani, Marco Malfer<br />

e Luca Turinelli.<br />

Ultimo punto: la concessione in<br />

deroga per realizzare un ascensore,<br />

a servizio <strong>di</strong> una famiglia che<br />

ne ha bisogno per gravi motivi. E<br />

ci mancherebbe pure: votiamo<br />

a favore, come sempre facciamo<br />

sulle proposte sensate, utili<br />

e responsabili, proprio perché la<br />

nostra minoranza è li per collaborare<br />

lealmente al bene comune,<br />

quando almeno gliene viene data<br />

la possibilità.<br />

La seduta del 27 febbraio invece<br />

va ricordata come monito per ciò<br />

che una maggioranza non deve<br />

essere e non deve fare . Non abbiamo<br />

mai visto un’arroganza del<br />

genere: non comprendono che<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

sono lontani dai citta<strong>di</strong>ni, e questo<br />

non rendersene conto non fa<br />

altro che allontanarli ancora. Se<br />

dureranno fino al 2015, siamo<br />

certi che i nostri concitta<strong>di</strong>ni li<br />

manderanno a casa <strong>di</strong> corsa, stufi<br />

<strong>di</strong> essere presi in giro con promesse<br />

<strong>di</strong> democrazia <strong>di</strong>sattese<br />

nei fatti e stufi <strong>di</strong> una immobilità<br />

che ingessa il nostro <strong>Comune</strong> dal<br />

2010, sban<strong>di</strong>erando per gran<strong>di</strong><br />

conquiste il semplice gestire ciò<br />

che davvero <strong>di</strong> buono aveva fatto<br />

la Giunta <strong>di</strong> Settimo Scaglia.<br />

Chie<strong>di</strong>amo infine al Sindaco e ai<br />

suoi consiglieri <strong>di</strong> trovare un pizzico<br />

<strong>di</strong> <strong>di</strong>gnità e <strong>di</strong> cancellare dal<br />

sito del <strong>Comune</strong> lo slogan che<br />

da mesi campeggia, inutile e<br />

inascoltato da lui e dalla sua<br />

Giunta. Infatti, come una barzelletta,<br />

sulla home troviamo questa<br />

scritta: Su questo sito il comune<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong> espone “alla luce del<br />

sole” i propri atti, memore del<br />

monito del giu<strong>di</strong>ce Brandeis: “in<br />

democrazia la luce del sole è il<br />

miglior <strong>di</strong>sinfettante“. Come <strong>di</strong>rebbe<br />

Totò: ma ci faccia il piacere!!!<br />

Luca Turinelli, Nuovi Orizzonti<br />

Articolo con<strong>di</strong>viso da<br />

Marco Malfer e Narciso Marini<br />

<strong>di</strong> Progetto 2000<br />

23


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

24<br />

Anche se abbiamo ottenuto un risultato elettorale straor<strong>di</strong>nario e<br />

ricco <strong>di</strong> significato, oggi in consiglio siamo invalidati a prescindere,<br />

in quanto gruppo <strong>di</strong> minoranza.<br />

Questo vuoto, che volutamente stiamo mantenendo sul bollettino<br />

comunale, rappresenta lo spazio e la valenza che i nostri gruppi<br />

hanno per operare nel consiglio comunale.<br />

Distinti saluti a tutta la citta<strong>di</strong>nanza.<br />

ERMANNA BRIANI<br />

Anche se abbiamo ottenuto un risultato elettorale straor<strong>di</strong>nario e<br />

ricco <strong>di</strong> significato, oggi in consiglio siamo invalidati a prescindere,<br />

in quanto gruppo <strong>di</strong> minoranza.<br />

Questo vuoto, che volutamente stiamo mantenendo sul bollettino<br />

comunale, rappresenta lo spazio e la valenza che i nostri gruppi<br />

hanno per operare nel consiglio comunale.<br />

Distinti saluti a tutta la citta<strong>di</strong>nanza.<br />

SILVER ZANETTI, MAURO FERRETTI<br />

Anche se abbiamo ottenuto un risultato elettorale straor<strong>di</strong>nario e<br />

ricco <strong>di</strong> significato, oggi in consiglio siamo invalidati a prescindere,<br />

in quanto gruppo <strong>di</strong> minoranza.<br />

Questo vuoto, che volutamente stiamo mantenendo sul bollettino<br />

comunale, rappresenta lo spazio e la valenza che i nostri gruppi<br />

hanno per operare nel consiglio comunale.<br />

Distinti saluti a tutta la citta<strong>di</strong>nanza.<br />

ANGELO MELZANI


VITA AMMINISTRATIVA<br />

Repliche<br />

REplICA DI uGo BonoMInI<br />

All’ARtIColo<br />

DI nuoVI oRIzzontI E<br />

pRoGEtto 2000<br />

In merito a quanto scritto dal consigliere<br />

Turinelli e sottoscritto dai<br />

consiglieri <strong>di</strong> Progetto 2000 mi<br />

preme fare delle precisazioni per<br />

la parte che mi riguarda in qualità<br />

<strong>di</strong> presidente del consiglio.<br />

All’inizio del consiglio comunale<br />

del 27 <strong>di</strong>cembre 2012 il consigliere<br />

Turinelli aveva manifestato<br />

la sua contrarietà in merito all’or<strong>di</strong>ne<br />

del giorno e al fatto che la<br />

mozione e l’interrogazione da lui<br />

presentate non erano state messe<br />

sul sito internet del comune.<br />

In quell’occasione avevo risposto<br />

che non riscontravo irregolarità,<br />

riservandomi <strong>di</strong> fare ugualmente<br />

un approfon<strong>di</strong>mento su quanto<br />

REplICA DI EnnIo Colò<br />

All’ARtIColo DI nuoVI<br />

oRIzzontI E pRoGEtto<br />

2000<br />

I consiglieri Turinelli e Malfer banalizzano,<br />

riducendo a caricatura,<br />

il mio intervento tenuto nel corso<br />

del <strong>di</strong>battito consiliare sulla mozione<br />

della videoripresa. A nome<br />

della Giunta e maggioranza e a<br />

titolo <strong>di</strong> consigliere delegato alla<br />

partecipazione ho sostenuto che<br />

in questa fase della legislatura<br />

non sia opportuno attivare tale<br />

proposta invocata da due consiglieri<br />

che si sono accorti <strong>di</strong> questa<br />

necessità solo quando sono<br />

passati dalla maggioranza all’opposizione.<br />

Attivare a metà legislatura<br />

la videoripresa delle sedute<br />

del consiglio sarebbe come<br />

sollevato dal consigliere Turinelli.<br />

Per questo, in occasione del primo<br />

consiglio comunale successivo,<br />

avvenuto in data 27 febbraio<br />

<strong>2013</strong>, prima <strong>di</strong> iniziare con la trattazione<br />

dei punti all’or<strong>di</strong>ne del<br />

giorno ho ritenuto opportuno,<br />

nel rispetto <strong>di</strong> tutti i consiglieri,<br />

informare il consiglio in merito<br />

all’approfon<strong>di</strong>mento fatto sulle<br />

osservazioni poste a suo tempo<br />

dal consigliere Turinelli.<br />

Non vedo quin<strong>di</strong> nel mio intervento<br />

nessuno spregio del regolamento<br />

del consiglio comunale,<br />

regolamento che all’ art.<br />

46, comma 1 recita: “All’inizio<br />

dell’adunanza, concluse le formalità<br />

preliminari, il presidente<br />

e il sindaco effettuano le comunicazioni<br />

proprie sull’attività del<br />

comune e su fatti ed avvenimenti<br />

<strong>di</strong> particolare interesse per la<br />

Comunità”. Ritengo <strong>di</strong> aver agito<br />

cambiare le regole del gioco a<br />

metà campionato. La proposta,<br />

se si vuole essere cre<strong>di</strong>bili, va<br />

scritta sui programmi elettorali<br />

e va posta <strong>di</strong> fronte alla citta<strong>di</strong>nanza<br />

in campagna elettorale e<br />

se si ottiene il consenso e si <strong>di</strong>venta<br />

maggioranza, la si realizza.<br />

Quando un citta<strong>di</strong>no sta per<br />

decidere <strong>di</strong> can<strong>di</strong>dare è opportuno<br />

sappia che potrà essere chiamato<br />

a <strong>di</strong>battere in consiglio <strong>di</strong><br />

fronte alla telecamera e <strong>di</strong> fronte<br />

al nuovo scenario, meglio sarebbe<br />

<strong>di</strong>re nuova platea, qualcuno<br />

sarà entusiasta, pronto a rifarsi il<br />

guardaroba e l’abbonamento dal<br />

parrucchiere, mentre altri potrebbero<br />

declinare l’invito rinunciando<br />

alla loro presenza tra le liste<br />

elettorali.<br />

Ho poi chiesto ai consiglieri <strong>di</strong> riflettere<br />

profondamente su questa<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

nel rispetto del regolamento e<br />

reputo infondata l’accusa fatta<br />

nei miei confronti.<br />

Per quanto riguarda poi l’accusa<br />

d’intolleranza a ogni forma <strong>di</strong><br />

<strong>di</strong>battito e assurda fiscalità mi limito<br />

a <strong>di</strong>re che non faccio altro<br />

che applicare il regolamento del<br />

nostro consiglio comunale, regolamento<br />

che definisce in modo<br />

chiaro e preciso i tempi e il numero<br />

degli interventi concessi a<br />

ciascun consigliere. Regolamento<br />

che in seguito al lavoro fatto<br />

dalla commissione statuto e regolamento,<br />

<strong>di</strong> cui lo stesso Turinelli<br />

faceva parte, è stato rivisto<br />

e approvato con il voto favorevole<br />

<strong>di</strong> tutto il consiglio comunale,<br />

Turinelli e consiglieri <strong>di</strong> Progetto<br />

2000 inclusi.<br />

Il presidente del consiglio<br />

Ugo Bonomini<br />

ipotesi ponendo tutta una serie<br />

<strong>di</strong> problematiche che il gruppo<br />

consiliare PD nel suo intervento<br />

<strong>di</strong> replica in queste pagine, bene<br />

sintetizza e che invito a leggere.<br />

Da parte mia ho invece anticipato<br />

al consiglio comunale come<br />

si stia lavorando sullo statuto e<br />

sul tema della partecipazione dei<br />

citta<strong>di</strong>ni a proposito delle norme<br />

referendarie, al fine <strong>di</strong> permettere<br />

ai se<strong>di</strong>cenni il voto e per eliminare<br />

il quorum sui quesiti referendari<br />

comunali consultivo e propositivo.<br />

Queste mi sembrerebbero<br />

due soluzioni praticabili a breve<br />

per avvicinare i citta<strong>di</strong>ni alle istituzioni<br />

al fine <strong>di</strong> rafforzarne fiducia<br />

e cre<strong>di</strong>bilità.<br />

Ennio Colò<br />

consigliere delegato<br />

alla partecipazione<br />

25


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

REplICA DI CREsCERE<br />

InsIEME All’ARtIColo<br />

DI nuoVI oRIzzontI E<br />

pRoGEtto 2000<br />

Il gruppo <strong>di</strong> Crescere Insieme ritiene<br />

che le affermazioni <strong>di</strong> Luca<br />

Turinelli e dei consiglieri <strong>di</strong> Progetto<br />

20000 siano irrispettose<br />

nei confronti dei lettori e del<br />

Presidente del Consiglio, che ha<br />

sempre cercato <strong>di</strong> svolgere il proprio<br />

compito con competenza,<br />

con particolare rigore e scrupoloso<br />

rispetto del regolamento, ma<br />

allo stesso tempo, permettendo<br />

spesso ai Consiglieri <strong>di</strong> minoranza<br />

<strong>di</strong> esprimere le loro idee, anche<br />

nei casi in cui il regolamento<br />

lo avrebbe escluso.<br />

Scrivere poi che la Democrazia<br />

muore a <strong>Storo</strong>, con riferimento<br />

al Consiglio comunale del 27<br />

febbraio <strong>2013</strong>, è offensivo verso<br />

coloro che in passato in Italia e<br />

ancora adesso in tante parti del<br />

mondo hanno veramente cono-<br />

REplICA DI pD E pAtto<br />

CIVICo All’ARtIColo<br />

DI nuoVI oRIzzontI E<br />

pRoGEtto 2000<br />

Il gruppo consiliare PD e Patto<br />

Civico a proposito delle affermazioni<br />

<strong>di</strong> Turinelli e Malfer circa la<br />

mozione sulla videoripresa sintetizza<br />

così la propria posizione:<br />

1) Riteniamo che il tema sia da<br />

campagna elettorale e in prospettiva<br />

quin<strong>di</strong>, se ci sarà il consenso<br />

della comunità, da prossima legislatura;<br />

2) Bisognerà fare un’attenta<br />

analisi dei costi che l’operazione<br />

comporta;<br />

3) Stiamo attenti a scimmiottare<br />

soluzioni che solo le gran<strong>di</strong> città<br />

hanno messo in essere, tra i comuni<br />

sotto i 5000 abitanti saremmo<br />

una mosca bianca;<br />

4) Bisogna chiedersi se serva alla<br />

26<br />

sciuto sulla loro pelle la morte<br />

della democrazia e della libertà<br />

<strong>di</strong> espressione.<br />

La richiesta <strong>di</strong> <strong>di</strong>scutere in seduta<br />

segreta l’interrogazione nella<br />

quale si faceva riferimento a<br />

persone e a fatti privati, come<br />

avvenuto ancora in passato<br />

nel nostro comune, quando il<br />

Consiglio doveva deliberare o<br />

<strong>di</strong>scutere su argomenti in cui<br />

erano coinvolte persone, lasciava<br />

la massima libertà <strong>di</strong> espressione<br />

agli interroganti e ai vari<br />

consiglieri <strong>di</strong> <strong>di</strong>battere ed esprimere<br />

le proprie opinioni senza<br />

alcuna remora.<br />

Non si capisce quin<strong>di</strong> l’affermazione<br />

nel titolo dell’interrogazione,<br />

poiché anche a consiglio<br />

segreto i consiglieri potevano<br />

<strong>di</strong>re liberamente quanto desideravano…Affermiamo<br />

quin<strong>di</strong>, senza<br />

timore <strong>di</strong> smentita, che questa<br />

è democrazia e libertà <strong>di</strong><br />

espressione…Quello che manca<br />

è la serietà e l’onestà verso i<br />

lettori da parte <strong>di</strong> chi ha fatto af-<br />

comunità o solo a qualche consigliere<br />

in cerca <strong>di</strong> visibilità, in sintesi<br />

è meglio favorire l’essere o<br />

l’apparire?<br />

5) Questa maggioranza ritiene<br />

<strong>di</strong> privilegiare il contatto <strong>di</strong>retto<br />

e costante con la gente; non ha<br />

nel proprio programma elettorale<br />

questa proposta e non ritiene<br />

in questa legislatura <strong>di</strong> dover <strong>di</strong>sperdere<br />

energie preziose per<br />

stu<strong>di</strong>arla a scapito <strong>di</strong> altre progettualità<br />

in cui è impegnata;<br />

6) Bisognerebbe per esempio<br />

lavorare e trovare accor<strong>di</strong> tra<br />

maggioranza e minoranza per<br />

produrre un regolamento d’aula<br />

complesso sulla videoripresa;<br />

7) L’esperienza avviata in altre<br />

città ci insegna che sono alti i rischi<br />

<strong>di</strong> strumentalizzazioni e manipolazioni;<br />

8) Il garante della privacy pone,<br />

sulla questione, alcune in<strong>di</strong>cazioni<br />

e limiti (per esempio la trat-<br />

fermazioni non corrette attraverso<br />

il bollettino.<br />

La stessa serietà verso i citta<strong>di</strong>ni<br />

che è mancata con il vostro<br />

voto contrario al bilancio<br />

(solitamente le minoranze, per<br />

responsabilità, si sono sempre<br />

astenute). Il voto contrario significa<br />

invece non con<strong>di</strong>visione del<br />

bilancio e quin<strong>di</strong> degli importanti<br />

interventi in esso contenuti,<br />

come ad esempio quelli nel<br />

mondo sociale (struttura eventi<br />

nell’area piane a <strong>Storo</strong>), cattolico<br />

(integrazione finanziamento per<br />

ristrutturazione chiesa Lodrone)<br />

e dell’istruzione (parcheggi a servizio<br />

dell’asilo nido <strong>di</strong> Darzo).<br />

Questa è democrazia: la possibilità<br />

<strong>di</strong> esprimere opinioni <strong>di</strong>verse,<br />

in questo caso il vostro <strong>di</strong>ssenso:<br />

possibilità che esiste, come avete<br />

<strong>di</strong>mostrato.<br />

I consiglieri <strong>di</strong> Crescere Insieme<br />

Andrea Bonomini, Ugo Bonomini,<br />

Clau<strong>di</strong>o Cortella, Dario Luzzani,<br />

Adriano Malcotti<br />

tazione <strong>di</strong> dati sensibili (salute,<br />

razza ecc.) <strong>di</strong> cui bisognerebbe<br />

stu<strong>di</strong>arne le conseguenze;<br />

9) Si rischia <strong>di</strong> trasformare il consiglio<br />

comunale da luogo <strong>di</strong> confronto<br />

democratico a festival della<br />

vanità e della verbosità.<br />

10) L’antipolitica si è alimentata<br />

anche grazie alle videoriprese<br />

dei consigli comunali, provinciali<br />

e regionali; molte volte litigiosi<br />

e inconcludenti proprio perchè<br />

è interesse <strong>di</strong> solito delle opposizioni<br />

instaurare un clima polemico<br />

e provocatorio stile “tanto<br />

peggio, tanto meglio”.<br />

Il testo è con<strong>di</strong>viso anche dai<br />

consiglieri Salvatore Moneghini<br />

e Michele Bettazza <strong>di</strong> Patto Civico.<br />

I consiglieri del<br />

Gruppo Consiliare PD:<br />

Giusi Tonini, Laura Danieli<br />

e Ennio Colò


VITA AMMINISTRATIVA<br />

REplICA DI nuoVI oRIzzontI<br />

AGlI IntERVEntI<br />

DEGlI AltRI GRuppI<br />

Al consiglio comunale del 18<br />

marzo <strong>2013</strong> scorso, come qualche<br />

articolo <strong>di</strong> maggioranza ha<br />

sottolineato, è stato approvato il<br />

bilancio <strong>di</strong> previsione del <strong>Comune</strong><br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>. Questa volta, i nostri<br />

gruppi <strong>di</strong> minoranza hanno<br />

necessariamente dovuto votare<br />

contro! Le ragioni sono riassunte<br />

nella <strong>di</strong>chiarazione <strong>di</strong> voto che<br />

trovate sul sito del <strong>Comune</strong>, <strong>di</strong><br />

cui qui riportiamo un estratto.<br />

… Come l’anno passato, ci troviamo<br />

davanti ad un bilancio che<br />

ci si vuol far credere sia ridotto,<br />

quando invece può contare comunque<br />

su nuove risorse, anche<br />

aggiuntive rispetto a quelle del<br />

2006: i sovraccanoni del BIM, le<br />

entrate IMUP, i mutui che vanno<br />

ad esaurirsi. Certo, non siamo<br />

così miopi da non vedere che<br />

questi sono tempi <strong>di</strong> ristrettezze e<br />

che il bilancio provinciale, madre<br />

<strong>di</strong> tutte le risorse, venga sempre<br />

più sforbiciato. Ma condanniamo<br />

con forza questo continuare a<br />

nascondersi <strong>di</strong>etro “la crisi, i tagli<br />

e le <strong>di</strong>fficoltà”. Insomma: dal<br />

2010 non ve<strong>di</strong>amo uno straccio<br />

<strong>di</strong> idea nuova, <strong>di</strong> prospettiva, <strong>di</strong><br />

programmazione, <strong>di</strong> rilancio per<br />

il nostro territorio.<br />

Ve<strong>di</strong>amo invece una giunta che<br />

si è seduta sul buon lavoro fatto<br />

dalla precedente, i cui progetti<br />

sono l’unica ancora che ancora<br />

vi evita <strong>di</strong> affondare!<br />

Nonostante i soliti quoti<strong>di</strong>ani <strong>di</strong><br />

regime compiacenti ieri abbiano<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

magnificato il grande operato<br />

della giunta <strong>di</strong> Vigilio Giovanelli &<br />

Soci, la verità è che solo quanto<br />

venne progettato dalla Giunta<br />

<strong>di</strong> Settimo Scaglia sta vedendo<br />

la luce. Basta confrontare<br />

la relazione programmatica<br />

<strong>di</strong> allora e quella <strong>di</strong> oggi per<br />

rendersene conto.<br />

Ciò che più ci turba, tuttavia, è<br />

che in questo mare <strong>di</strong> assoluta<br />

pochezza la Giunta continui ad<br />

adottare un atteggiamento superbo,<br />

arrogante e offensivo, …<br />

negando nei fatti quel <strong>di</strong>alogo<br />

che a parole <strong>di</strong>ce <strong>di</strong> volere.<br />

Articolo con<strong>di</strong>viso con i consiglieri<br />

<strong>di</strong> Progetto 2000, Marco<br />

Malfer e Narciso Marini<br />

Luca Turinelli<br />

27


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

Concessioni E<strong>di</strong>lizie<br />

DA noVEMBRE 2012 A MARzo <strong>2013</strong> a cura dell’Ufficio Tecnico<br />

N. Data Titolari Paese Oggetto<br />

82 15-11-12 Giovanelli Giuseppe <strong>Storo</strong> Ampliamento capannone industriale - p.ed. 1568<br />

83 15-11-12 Melzani Silvia Lodrone Ristrutturazione del sottotetto da a<strong>di</strong>bire ad abitazione - p.ed. 87/3<br />

84 16-11-12 Salvadori Gianrocco e Pietro Lodrone Sanatoria opere <strong>di</strong>fformi dal progetto autorizzato - p.ed. 326<br />

85 21-11-12<br />

Beltrami Luigi, Margherita e<br />

Darzo Realizzazione casa <strong>di</strong> abitazione - p.ed. 374 - p.f. 876/1<br />

86 04-12-12<br />

28<br />

Grassi Flavio<br />

Zontini Gloria,<br />

Manuele e Virginia<br />

87 05-12-12 Zontini Angelo <strong>Storo</strong><br />

<strong>Storo</strong> Ristrutturazione esterna e<strong>di</strong>ficio - p.ed. 577<br />

Ristrutturazione e<strong>di</strong>lizia con cambio <strong>di</strong> destinazione d'uso <strong>di</strong> parte<br />

del sottotetto - p.ed. 577<br />

88 10-12-12 Giovanelli Luigi <strong>Storo</strong> Variante alla ristrutturazione dell'e<strong>di</strong>ficio - p.ed. 739<br />

89 11-12-12<br />

Bonomini Giovanna e<br />

Canetti Giovanbattista<br />

e Marta<br />

<strong>Storo</strong><br />

Variante per la ristrutturazione appartamento a piano secondo, realizzazione<br />

cappotto e<strong>di</strong>ficio e sostituzione serramenti piano terra e<br />

secondo - p.ed. 858/1<br />

90 11-12-12 Mezzi Valentino <strong>Storo</strong> Variante alla ristrutturazione dell'e<strong>di</strong>ficio - p.ed. 777<br />

91 11-12-12<br />

Mezzi Loredana e Riccardo e<br />

Romiti Ernesto Romano<br />

<strong>Storo</strong><br />

Ristrutturazione parziale e<strong>di</strong>ficio come da sentenza Tribunale <strong>di</strong><br />

Trento - p.ed. 317<br />

92 13-12-12<br />

Azienda Agricola<br />

Fontana Bianca<br />

<strong>Storo</strong> Sanatoria capannoni ad uso agricolo - pp.ed. 1051 e 1052 e 1053<br />

93 17-12-12 Mezzi Michele <strong>Storo</strong> Variante alla costruzione della casa d'abitazione - p.f. 1728/1<br />

94 19-12-12 Luzzani Giancarlo Lodrone Sanatoria per il cambio d'uso dell'e<strong>di</strong>ficio - p.ed. 363<br />

95 19-12-12 Chiettini Maria <strong>Storo</strong> Opere realizzate in <strong>di</strong>fformità dalle concessioni e<strong>di</strong>lizie - p.ed. 626<br />

96 19-12-12<br />

Panzeri Francesco, Laura e<br />

Weber Anna<br />

Lodrone Variante per la creazione <strong>di</strong> 2 unità immobiliari- p.ed. 244<br />

97 19-12-12<br />

Caprini Lorenzo, Roberta<br />

e Lazzaroni Giuseppina<br />

<strong>Storo</strong> Mo<strong>di</strong>fiche interne ed esterne all'e<strong>di</strong>ficio - p.ed. 963<br />

98 20-12-12 Fusi Egi<strong>di</strong>o<br />

Consorzio Elettrico <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Lodrone<br />

Demolizione e ricostruzione <strong>di</strong> un e<strong>di</strong>ficio artigianale a<strong>di</strong>bito a magazzino<br />

per materiale e<strong>di</strong>le - p.ed. 364 e p.f. 234/1<br />

99 21-12-12 S.c.a.r.l. e Cosi Amelia e<br />

Demadonna Gianfranco<br />

<strong>Storo</strong> Recupero e<strong>di</strong>lizio - p.ed. 683 - 241<br />

1 09-01-13 Salvadori Gianrocco e Pietro Lodrone Ristrutturazione e<strong>di</strong>ficio - p.ed. 326<br />

2 21-01-13 Mezzi Clau<strong>di</strong>o <strong>Storo</strong> Ampliamento e<strong>di</strong>ficio residenziale - p.ed. 1531<br />

3 24-01-13 Cortella Roberto <strong>Storo</strong><br />

Sanatoria per <strong>di</strong>fformità alle opere per ristrutturazione dell'e<strong>di</strong>ficio<br />

- p.ed. 211<br />

4 11-02-13 Scalvini Na<strong>di</strong>a Lodrone<br />

Sanatoria per opere realizzate in <strong>di</strong>fformità dal progetto autorizzato<br />

- p.ed. 466<br />

5 14-02-13 Zontini Angelo e Nicola <strong>Storo</strong><br />

Variante alla ristrutturazione e<strong>di</strong>lizia con cambio <strong>di</strong> destinazione d'uso<br />

<strong>di</strong> parte del sottotetto - p.ed. 577<br />

6 19-02-13 Beltramolli Alessandro <strong>Storo</strong> Lavori <strong>di</strong> livellamento giar<strong>di</strong>no - p.ed. 1485<br />

7 22-02-13<br />

Consorzio Elettrico<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong> S.c.a.r.l.<br />

<strong>Storo</strong><br />

Sanatoria per <strong>di</strong>fformità delle opere <strong>di</strong> ristrutturazione dell'e<strong>di</strong>ficio<br />

- p.ed. 665/1<br />

8 25-02-13 Canetti Luigi <strong>Storo</strong><br />

Realizzazione <strong>di</strong> impianto <strong>di</strong> sollevamento per superamento barriere<br />

architettoniche - p.ed. 1251/9<br />

9 25-02-13 Maestri Mauro Darzo Sistemazioni esterne all'e<strong>di</strong>ficio - p.f. 1000/1<br />

10 26-02-13 Zontini Giovanna <strong>Storo</strong><br />

Realizzazione nuovo contro timpano e sistemazioni esterne - p.ed.<br />

1404 pp.ff. 5326 - 5327 - 5328/1 - 5328/2<br />

11 27-02-13 Pran<strong>di</strong>ni Caterina Lodrone<br />

Ristrutturazione e<strong>di</strong>ficio con realizzazione locali a piano sottotetto -<br />

p.ed. 478


VITA AMMINISTRATIVA<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

I risultati delle elezioni politiche<br />

<strong>2013</strong> a <strong>Storo</strong><br />

Le elezioni nazionali del 24-25<br />

febbraio scorso hanno <strong>di</strong>pinto<br />

un quadro politico italiano molto<br />

complesso che ancora oggi,<br />

dopo mesi dallo spoglio, non ha<br />

permesso la formazione <strong>di</strong> un governo<br />

stabile e non lascia intravedere<br />

certezze per il futuro. Il centrosinistra<br />

ha raggiunto la maggioranza<br />

assoluta dei deputati<br />

(grazie al premio <strong>di</strong> maggioranza)<br />

e la maggioranza relativa dei senatori,<br />

ma al Senato non ha ottenuto<br />

uno scarto sufficiente per la<br />

governabilità e in questa grande<br />

confusione post-elettorale, in cui<br />

il movimento <strong>di</strong> Grillo ha segnato<br />

un vero e proprio boom, in realtà<br />

non c’è un vincitore ma piuttosto<br />

tre gran<strong>di</strong> minoranze. Il Presiden-<br />

1000<br />

800<br />

600<br />

400<br />

200<br />

0<br />

941<br />

715<br />

647<br />

VOTI ESPRESSI PER IL SENATO<br />

Sezioni 1 -MOV. 5 STELLE 2 - MIR<br />

800<br />

700<br />

600<br />

500<br />

400<br />

300<br />

200<br />

100<br />

0<br />

787<br />

590<br />

495 413<br />

225<br />

SENATO<br />

te Napolitano, in pieno semestre<br />

bianco, dopo il vano tentativo<br />

concesso a Bersani <strong>di</strong> creare un<br />

governo che potesse avere la fiducia<br />

del Parlamento, ha dato in<br />

questi giorni incarico ai cosiddetti<br />

“saggi”, alte figure amministrative<br />

dello Stato, <strong>di</strong> sciogliere quantomeno<br />

i no<strong>di</strong> più preoccupanti per<br />

l’Italia nelle prossime settimane.<br />

Al momento appare ancora oscuro<br />

cosa si deciderà <strong>di</strong> fare dopo<br />

questo periodo transitorio.<br />

Nei quattro seggi allestiti a <strong>Storo</strong>,<br />

le due coalizioni tra<strong>di</strong>zionali<br />

sono riuscite a mantenere la propria<br />

base elettorale ma anche qui<br />

il Movimento 5 Stelle ha avuto<br />

un’impennata <strong>di</strong> popolarità ed è<br />

risultato il primo partito più vota-<br />

113 81 63 57 42<br />

CAMERA<br />

3 - SVP PATT - UPT<br />

- PD<br />

76 46 30 29 26 23 13 6 3<br />

4 - FARE PER FERM. 5 - RIV. CIVILE<br />

a cura della Redazione<br />

to alla Camera.<br />

Ma ve<strong>di</strong>amo meglio come hanno<br />

votato gli storesi attraverso i numeri<br />

emersi dalle urne.<br />

L’affluenza si è assestata su poco<br />

più dell’80% per entrambe le<br />

Camere, 2.893 voti (82,2%) alla<br />

Camera e 2.659 voti (81,2%) al<br />

Senato. I votanti sono stati poco<br />

meno rispetto al 2008 e i dati<br />

delle schede bianche o nulle è<br />

stata molto simile al 2008 quin<strong>di</strong>,<br />

nonostante lo sconcerto preelettorale<br />

<strong>di</strong>ffuso, gli storesi hanno<br />

ritenuto importante esercitare<br />

il proprio <strong>di</strong>ritto <strong>di</strong> esprimere un<br />

voto.<br />

Riguardo ai risultati, al Senato, il<br />

can<strong>di</strong>dato della coalizione SVP -<br />

PATT - UPT - PD, Vittorio Fravezzi,<br />

Sindaco <strong>di</strong> Dro che oggi siede a<br />

Palazzo Madama, è stato il più<br />

votato con 941 voti (38,2%), a<br />

seguire il can<strong>di</strong>dato del Movimento<br />

5 Stelle, Milena Bertagnin,<br />

ha preso 715 voti (29%) e poi<br />

Giorgio Leonar<strong>di</strong> per PdL - Lega<br />

Nord ha preso 647 voti (26,2%).<br />

Pozzer <strong>di</strong> Rivoluzione Civile, Azzolini<br />

<strong>di</strong> Fare per fermare il declino<br />

e Zucchelli <strong>di</strong> Moderati in Rivoluzione<br />

si sono assestati su percentuali<br />

molto <strong>di</strong>stanti dai primi.<br />

6 - PDL - LEGA<br />

NORD<br />

BERTAGNIN ZUCCHELLI FRAVEZZI AZZOLINI POZZER LEONARDI<br />

voti % voti i % voti % voti % voti % voti %<br />

1 195 26,7 8 1,1 308 42,2 16 2,2 19 2,6 184 25,2<br />

2 202 27,6 16 2,2 298 40,8 12 1,6 20 2,7 183 25,0<br />

3 109 27,5 5 1,3 159 40,2 17 4,3 11 2,8 95 24,0<br />

4 209 34,4 13 2,1 176 28,9 12 2,0 13 2,1 185 30,4<br />

TOT 715 29,0 42 1,7 941 38,2 57 2,3 63 2,6 647 26,2<br />

29


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> VITA AMMINISTRATIVA<br />

Osservando i dati della Camera,<br />

vero campo <strong>di</strong> valutazione, dei<br />

quattor<strong>di</strong>ci partiti presenti, le preferenze<br />

si sono concentrate su<br />

Movimento 5 Stelle con 787 voti<br />

(28,5%), Partito Democratico con<br />

590 voti (21,4%), Scelta Civica<br />

Monti con 495 voti (17,9%), Popolo<br />

della Libertà con 413 voti (15%),<br />

Lega Nord con 225 voti (8,1%).<br />

30<br />

Anche a <strong>Storo</strong>, il Movimento<br />

<strong>di</strong> Grillo è riuscito a turbare gli<br />

elettorati <strong>di</strong> entrambe le coalizioni<br />

tra<strong>di</strong>zionali. Ricordo, infatti,<br />

che il PD nel 2008 aveva il<br />

29,8 % dei voti, il PdL il 29,6 %,<br />

la Lega Nord il 19,6% e l’UDC il<br />

7,8%.<br />

Ma a <strong>Storo</strong> e in Trentino in generale,<br />

non è stato solo il Movimen-<br />

SENATO<br />

to <strong>di</strong> Grillo a “rubare” voti ai due<br />

schieramenti principali, in questo<br />

ha contribuito anche Scelta Civica<br />

per Monti, il cui capolista era il<br />

Presidente uscente della Provincia,<br />

Lorenzo Dellai, grazie al quale<br />

la coalizione <strong>di</strong> Monti ha oltrepassato<br />

la soglia <strong>di</strong> sbarramento<br />

dell’8% per avere una rappresentanza<br />

alla Camera.<br />

VOTI ESPRESSI PER LA CAMERA DEI DEPUTATI<br />

Sezioni 1 - SVP 941 2 - PD<br />

1000voti<br />

% voti %<br />

715<br />

1 80026<br />

3,2 199 24,2<br />

3 - SEL<br />

voti %<br />

14 647 1,7<br />

4 - RIV. CIVILE<br />

voti %<br />

12 1,5<br />

5 - LEGA NORD<br />

voti %<br />

68 8,3<br />

6 - LA DESTRA<br />

voti %<br />

5 0,6<br />

2<br />

3<br />

19<br />

60023<br />

2,3<br />

5,1<br />

194<br />

84<br />

23,6<br />

18,8<br />

16<br />

7<br />

1,9<br />

1,6<br />

6<br />

4<br />

0,7<br />

0,9<br />

66<br />

24<br />

8,0<br />

5,4<br />

10<br />

3<br />

1,2<br />

0,7<br />

4 400 8<br />

TOT 76<br />

200<br />

1,2<br />

2,8<br />

113<br />

590<br />

16,8<br />

21,4<br />

9<br />

46<br />

1,3<br />

1,7 113<br />

4<br />

26<br />

81<br />

0,6<br />

0,9<br />

67<br />

225<br />

63<br />

10,0<br />

8,1<br />

57<br />

5<br />

23<br />

42<br />

0,7<br />

0,8<br />

Sezioni 7 - MIR<br />

0<br />

8 - PDL 9 - DIE FREIHEIT. 10 - FARE PER FERM. 11 - MOV. 5 STELLE 12 - SCELTA CIVICA<br />

800<br />

700<br />

600<br />

500<br />

400<br />

300<br />

200<br />

100<br />

0<br />

voti % voti % voti % voti % % % voti %<br />

1 6 0,7 114 13,9 0 0,0 7 0,9 217 26,4 149 18,1<br />

2 2 0,2 108 13,2 2 0,2 4 0,5 214 26,1 161 19,6<br />

3 1 0,2 75 16,8 0 0,0 13 2,9 126 28,2 86 19,2<br />

4 4 0,6 116 17,3 1 0,1 5 0,7 230 34,3 99 14,8<br />

TOT 13 0,5 413 15,0 3 0,1 29 1,0 787 28,5 495 17,9<br />

Sezioni 13 - UDC 14 - CASAPOUND I.<br />

voti % voti %<br />

1 6 0,7 0 0,0<br />

2 14 1,7 5 0,6<br />

3 1 0,2 0 0,0<br />

4 9 1,3 1 0,1<br />

TOT 30 1,1 6 0,2<br />

787<br />

590<br />

495 413<br />

La logica del bipolarismo, dunque,<br />

è crollata anche a <strong>Storo</strong> e<br />

il grande consenso ottenuto dal<br />

Movimento 5 Stelle ha mostrato,<br />

qui come in tutta Italia, il desiderio<br />

<strong>di</strong> virare su un nuovo modo <strong>di</strong><br />

vivere la politica.<br />

225<br />

CAMERA<br />

La prossima chiamata alle urne<br />

per i trentini sarà l’elezione del<br />

consiglio provinciale già fissata<br />

per il 27 ottobre <strong>2013</strong>… sempre<br />

che non si debba tornare prima a<br />

votare per le politiche.<br />

76 46 30 29 26 23 13 6 3


L’APPROFONDIMENTO: BIODIGESTORE<br />

lA pARolA Al CoMItAto BEnE CoMunE<br />

Il problema dello smaltimento dei rifiuti organici sta<br />

sempre più presentandosi in Trentino come una <strong>di</strong>fficile<br />

ricerca <strong>di</strong> compromessi fra le principali caratteristiche<br />

del territorio: la sua complessa geografia,<br />

le sue vocazioni naturali e i suoi problemi amministrativi.<br />

Un notevole contributo chiarificatore sull’argomento<br />

è stato l’incontro a <strong>Storo</strong> <strong>di</strong> popolazione e rappresentanti<br />

della locale e zonale Pubblica Amministrazione<br />

con il Prof.Gianni Tamino, docente Universitario<br />

<strong>di</strong> livello internazionale, che ha avvinto il numeroso<br />

pubblico intervenuto con una “lectio magistralis”<br />

della quale riassumiamo i principali assunti.<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Utilizzo e riciclo<br />

dei rifiuti organici in Trentino<br />

Le soluzioni ipotizzate nella provincia, vantaggi e rischi<br />

esposti nell’incontro a storo con il prof. Gianni Tamino<br />

Gianni Tamino è docente <strong>di</strong> Biologia generale e<br />

dal 2001 <strong>di</strong> Fondamenti <strong>di</strong> Diritto ambientale al<br />

Dipartimento <strong>di</strong> Biologia dell’Università <strong>di</strong> Padova;<br />

fa inoltre parte del corpo docente del Corso<br />

<strong>di</strong> specializzazione in Bioetica a Padova.<br />

Dal 1983 al 1992 fu membro della Camera dei<br />

Deputati. Nel 1985 è stato tra i promotori del<br />

referendum antinucleare.<br />

Tamino si è sempre occupatato <strong>di</strong> problemi ambientali,<br />

<strong>di</strong> energie rinnovabili, <strong>di</strong> sostenibilità, <strong>di</strong><br />

biotecnologie, <strong>di</strong> ricerca nell'ambito degli inquinanti<br />

ambientali, pubblicando libri e scrivendo<br />

numerosi articoli su riviste scientifiche, culturali<br />

e <strong>di</strong>vulgative. Si è interessato allo stu<strong>di</strong>o <strong>di</strong> centrali<br />

elettriche e inceneritori e il loro impatto ambientale,<br />

e alla possibilità <strong>di</strong> rischi biologici e <strong>di</strong><br />

effetti mutageni e cancerogeni causati dalle attuali<br />

biotecnologie e dai campi elettromagnetici.<br />

Ha partecipato a numerosi Convegni e a numerose<br />

trasmissioni televisive e ra<strong>di</strong>ofoniche, in<br />

particolare alla RAI (dove fa parte del gruppo<br />

<strong>di</strong> esperti sull’energia della trasmissione Caterpillar).<br />

È stato membro del Comitato Nazionale<br />

per la Biosicurezza e le Biotecnologie, presso la<br />

a cura del comitato “Bene <strong>Comune</strong>” <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

L’energia solare trasforma, attraverso la fotosintesi<br />

clorofilliana e altri processi, il CO2 e l’H2O in zuccheri<br />

e sali minerali che consentono lo sviluppo delle<br />

attività vitali. Una quantità compresa tra lo 0,1% e<br />

l’1% dell’energia irra<strong>di</strong>ata dal Sole sulla Terra sarebbe<br />

sufficiente a colmare tutto il fabbisogno energetico<br />

del ciclo vitale attualmente svolgentesi sulla terra!<br />

La Natura procede esclusivamente per processi <strong>di</strong><br />

trasformazione e riciclo, mentre l’uomo si procura<br />

l’energia con processi prevalentemente <strong>di</strong> combustione,<br />

generando così calore e composti che incidono<br />

negativamente sull’atmosfera, come CO2 e Nox.<br />

1 Kg <strong>di</strong> combustibile, bruciando, produce da 3 a 4<br />

Kg <strong>di</strong> sostanze inquinanti, come composti <strong>di</strong> H, O,<br />

S, N.<br />

Presidenza del Consiglio dei ministri e, in particolare,<br />

del Gruppo <strong>di</strong> lavoro sui rischi biologici, e<br />

della Commissione Interministeriale per le Biotecnologie.<br />

31


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

La Pianura Padana è una delle zone più inquinate<br />

dell’Europa: il tasso <strong>di</strong> NO2 ne è un chiaro in<strong>di</strong>catore.<br />

La combustione produce CO2 eccedente la possibilità<br />

<strong>di</strong> assorbimento della fotosintesi.<br />

Nel 1500 la percentuale <strong>di</strong> CO2 nell’aria era <strong>di</strong> 160<br />

parti per milione, ora è <strong>di</strong> 400 parti, con un conseguente<br />

aumento della temperatura me<strong>di</strong>a <strong>di</strong> 1° C.<br />

In Italia abbiamo centrali elettriche con capacità<br />

produttiva <strong>di</strong> 101.447 Mw, contro una richiesta <strong>di</strong><br />

51.873 Mw; assurdo quin<strong>di</strong> pensare a nuovi impianti.<br />

Energia rinnovabile:<br />

S’intende quella che si ricostituisce nel medesimo<br />

tempo nel quale viene consumata.<br />

Rifiuti<br />

Il problema rifiuti sino a circa 50 anni fa non esisteva:<br />

i rifiuti organici venivano riciclati come concime,<br />

gli imballaggi erano pressoché inesistenti, i contenitori<br />

<strong>di</strong> liqui<strong>di</strong> erano in vetro e riciclati <strong>di</strong> continuo.<br />

Oggi è necessario in primo luogo produrre meno<br />

rifiuti; rimetterli in circolo come materia, ripristinare<br />

il compostaggio con strumenti adeguati.<br />

Ricuperare i rifiuti come materia significa rimetterne<br />

in circolo il 90%, mentre produrre energia bruciandoli<br />

significa recuperare solo il 20%.<br />

Il bio<strong>di</strong>gestore produce gas, dei quali solo il 40%<br />

è metano utilizzabile per produrre energia, il rimanente<br />

sono composti <strong>di</strong> idrogeno, azoto e zolfo;<br />

produce <strong>di</strong>gestato, che deve essere compostato per<br />

il riutilizzo; a questo punto è meglio andare <strong>di</strong>rettamente<br />

al compostaggio!<br />

Di aria e <strong>di</strong> bio<strong>di</strong>gestore<br />

lA pARolA All’AssEssoRE All’AMBIEntE<br />

Utilizzo questo spazio per cercare <strong>di</strong> ri<strong>di</strong>mensionare<br />

le polemiche emerse durante la serata sul bio<strong>di</strong>gestore<br />

organizzata a fine febbraio dal Comitato Bene<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

Molto sinteticamente in quella serata ci è stato det-<br />

32<br />

L’APPROFONDIMENTO: BIODIGESTORE<br />

In Trentino, considerati gli impianti esistenti tra<br />

compostaggio e bio<strong>di</strong>gestori, resta una carenza <strong>di</strong><br />

capacità <strong>di</strong> smaltimento <strong>di</strong> 18.000 ton/anno che si<br />

ipotizza <strong>di</strong> azzerare con un eventuale bio<strong>di</strong>gestore<br />

nella zona <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

Questo provocherebbe, in conseguenza del traffico<br />

<strong>di</strong> carico, delle emissioni <strong>di</strong> gas <strong>di</strong> scarico <strong>di</strong> un generatore<br />

<strong>di</strong> energia, e delle emissioni <strong>di</strong> altri soli<strong>di</strong><br />

e flui<strong>di</strong> generate dal bio<strong>di</strong>gestore, un sicuro peggioramento<br />

dell’inquinamento atmosferico in un’area<br />

che già un’analisi dell’aria risalente al 2006 ha evidenziato<br />

a forte rischio per la presenza <strong>di</strong> ozono,<br />

benzopirene e polveri sottili ben oltre i limiti consentiti.<br />

Inoltre, il bilancio energetico del bio<strong>di</strong>gestore sarebbe<br />

negativo, in quanto il <strong>di</strong>gestato e i liqui<strong>di</strong> <strong>di</strong> risulta<br />

richiederebbero consumi <strong>di</strong> energia per essere<br />

riciclati, consumi non considerati nella descrizione<br />

del funzionamento del bio<strong>di</strong>gestore presentata dai<br />

tecnici della Provincia.<br />

L’eventuale progetto <strong>di</strong> bio<strong>di</strong>gestore deve essere obbligatoriamente<br />

soggetto a uno screening <strong>di</strong> prelu<strong>di</strong>o<br />

alla VIA; inoltre la situazione dell’aria della zona<br />

deve essere costantemente monitorata me<strong>di</strong>ante<br />

ripetute analisi da parte degli Enti tecnici della Provincia.<br />

La conclusione:<br />

gli Storesi debbono scegliere tra l’accollarsi lo smaltimento<br />

<strong>di</strong> 10.000 (o 18.000?) ton/anno <strong>di</strong> rifiuto<br />

organico, peggiorare le già compromesse con<strong>di</strong>zioni<br />

d’inquinamento locali dell’aria e <strong>di</strong>sporre in cambio<br />

<strong>di</strong> 3.150.000 Kwh/anno <strong>di</strong> energia, o mettere in<br />

primo piano le con<strong>di</strong>zioni <strong>di</strong> salute e vivibilità della<br />

zona.<br />

a cura <strong>di</strong> Laura Danieli<br />

Assessore all’Ambiente<br />

to che tutto, per essere compatibile con la natura<br />

e con il mondo in cui viviamo, deve appartenere<br />

a una fase <strong>di</strong> un ciclo che deve chiudersi. Un po’<br />

come quegli schemi che nel libro delle elementari<br />

ci mostravano l’anello della catena alimentare. Un<br />

ciclo aperto, cioè che non si chiude ad anello, non è<br />

compatibile. Un ciclo chiuso sì.


L’APPROFONDIMENTO: BIODIGESTORE<br />

Si è parlato delle potenzialità del sole come fonte<br />

energetica enorme e inesauribile che l’uomo dovrebbe<br />

imparare ad utilizzare <strong>di</strong> più.<br />

Sbagliato aver puntato a livello nazionale sulla combustione<br />

del gas metano per riscaldare e per tutti<br />

gli usi noti. Il fotovoltaico e il solare termico sono<br />

esempi positivi <strong>di</strong> utilizzo dell’energia solare; ci è<br />

stato detto <strong>di</strong> non pensare troppo al loro smaltimento<br />

nel momento in cui <strong>di</strong>venteranno rifiuto, perché<br />

essendo costituiti prevalentemente <strong>di</strong> silicio rientrerà<br />

tutto facilmente nel ciclo della natura, chiudendo<br />

l’anello.<br />

Utilizzare l’energia che proviene dal sole e non,<br />

come invece abitualmente sceglie l’uomo sbagliando,<br />

procedere alla combustione. Questo è stato detto<br />

a gran voce che racchiuso in uno slogan suonerebbe<br />

come NO alla combustione - SÍ ai sistemi che<br />

<strong>di</strong>pendono dall’energia del sole.<br />

Applicando queste giustissime affermazioni alla nostra<br />

realtà dovremmo anche <strong>di</strong>re no alla combustione<br />

domestica, cioè no all’uso delle stufe, dei caminetti<br />

e delle cucine economiche.<br />

Sempre quella sera si è dato tanto risalto ad un possibile<br />

inquinamento allarmante dell’aria dell’abitato<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>. Posto che non credo che tra le colpe <strong>di</strong><br />

un’amministrazione, buona o cattiva che sia, ci sia<br />

quella della qualità dell’aria, è invece doveroso che<br />

un <strong>Comune</strong> faccia tutto quello che è nelle sue possibilità<br />

affinché chi <strong>di</strong> dovere controlli. E l’amministrazione<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong> così ha fatto.<br />

Una prima volta a seguito <strong>di</strong> una interrogazione alla<br />

Giunta provinciale, venne effettuata la campagna <strong>di</strong><br />

controllo dell’aria.<br />

Dal 2 marzo al 25 <strong>aprile</strong> del 2006 per 55 giorni venne<br />

effettuata un’indagine sulla qualità dell’aria. In<br />

via Cesare Battisti venne posizionata una stazione<br />

mobile in grado <strong>di</strong> rilevare gli inquinanti presenti in<br />

maniera <strong>di</strong>ffusa nell’aria a livello del suolo e provenienti<br />

da più fonti.<br />

I risultati delle indagini facevano emergere che<br />

“ad esclusione dei parametri delle PM10, NO2 e<br />

IPA (con le dovute precisazioni e valutazioni evidenziate)<br />

tutti gli altri inquinanti primari hanno<br />

abbondantemente rispettato i limiti”. Lo ripeterei,<br />

tutti gli altri inquinanti primari hanno abbondantemente<br />

rispettato i limiti. Quin<strong>di</strong> an<strong>di</strong>amo cauti con<br />

l’allarme e le accuse; non pensiamo <strong>di</strong> vivere in<br />

un luogo degradato con un’aria tale da farci uscire<br />

<strong>di</strong> casa con le mascherine sul volto. Tutto questo<br />

è falso.<br />

Nel corso del 2009 l’amministrazione <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, sollecitata<br />

in Consiglio Comunale, richiedeva una nuova<br />

campagna <strong>di</strong> analisi all’Agenzia Provinciale per la<br />

Protezione dell’Ambiente, la stessa che si era occupata<br />

della raccolta e dell’analisi dei dati nel 2006, la<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

quale ritenne non necessario ripetere la campagna.<br />

Nel dettaglio APPA sostenne che le situazioni critiche<br />

rilevate da tutte le stazioni fisse <strong>di</strong> monitoraggio<br />

nell’inverno 2005-2006, negli anni successivi erano<br />

rientrate ampiamente nei parametri. Per questo,<br />

sulla base <strong>di</strong> considerazioni statistiche, anche la situazione<br />

a <strong>Storo</strong> doveva essere migliorata. Infatti la<br />

risposta testualmente <strong>di</strong>ceva “<strong>Storo</strong> non è dotata<br />

<strong>di</strong> una stazione fissa <strong>di</strong> monitoraggio ma la qualità<br />

dell’aria è comunque adeguatamente valutata utilizzando<br />

le informazioni raccolte dalla rete provinciale<br />

<strong>di</strong> monitoraggio”.<br />

Preso atto però della richiesta emersa durante la<br />

serata sul bio<strong>di</strong>gestore organizzata dal Comitato<br />

Bene <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> lo scorso 26 febbraio, l’amministrazione<br />

ha chiesto a APPA <strong>di</strong> riconsiderare la<br />

richiesta e quin<strong>di</strong> <strong>di</strong> programmare una nuova campagna<br />

<strong>di</strong> indagine sulla qualità dell’aria a <strong>Storo</strong>. Nella<br />

prima metà del mese <strong>di</strong> marzo è giunta risposta<br />

affermativa.<br />

Attualmente a <strong>di</strong>fferenza della procedura seguita in<br />

passato, le campagne <strong>di</strong> monitoraggio hanno durata<br />

prolungata. Perché i dati per essere più significativi<br />

e rispondenti alle reali situazioni, hanno bisogno<br />

<strong>di</strong> essere riferiti a perio<strong>di</strong> lunghi, dove siano presenti<br />

perio<strong>di</strong> fred<strong>di</strong> ma anche cal<strong>di</strong>; umi<strong>di</strong> ma anche secchi.<br />

Infatti la parzialità e le “dovute precisazioni e valutazioni”<br />

degli esiti della precedente campagna del<br />

2006 erano dovuti a questo. Rappresentavano due<br />

mesi <strong>di</strong> inizio primavera <strong>di</strong> un anno particolarmente<br />

freddo e poco piovoso.<br />

La Provincia <strong>di</strong>spone <strong>di</strong> due stazioni mobili <strong>di</strong> monitoraggio.<br />

è da poco terminata una lunga campagna<br />

in una località del Trentino e a breve, giusto il tempo<br />

<strong>di</strong> sottoporre la stazione mobile a manutenzione<br />

straor<strong>di</strong>naria, sarà <strong>di</strong>sponibile per <strong>Storo</strong>.<br />

Rimaniamo quin<strong>di</strong> in attesa dell’esito della campagna<br />

<strong>di</strong> controllo dell’aria mettendo in atto, se vogliamo,<br />

alcune semplici regole nel nostro vivere quoti<strong>di</strong>ano<br />

come pre<strong>di</strong>ligere bicicletta e gambe all’uso<br />

dell’automobile; controllare che la temperatura<br />

invernale in casa e in ufficio non superi i 19-20<br />

gra<strong>di</strong> centigra<strong>di</strong> e che in estate non si ecceda<br />

con l’uso del con<strong>di</strong>zionatore; bruciare nelle stufe<br />

solo legna da ardere e non altro; contenere<br />

il ricorso ai cassonetti dell’organico delle isole<br />

ecologiche trovando posto per la maggior parte<br />

del rifiuto organico nel bidone del composter<br />

domestico e per le ramaglie e gli sfalci dell’erba<br />

in un angolo del giar<strong>di</strong>no.<br />

Solo con la partecipazione convinta e consapevole<br />

<strong>di</strong> tutta la popolazione potremmo contribuire all’esito<br />

positivo delle analisi dell’aria e incidere abbassando<br />

il trend <strong>di</strong> crescita del rifiuto organico che attualmente<br />

smaltiamo fuori provincia.<br />

33


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ATTUALITÀ<br />

Area industriale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>:<br />

l’evoluzione in un periodo <strong>di</strong> forte crisi<br />

Riprendo, per questo numero del bollettino, alcune<br />

questioni relative alla lunga storia dell’area industriale<br />

soggetta ad ampliamento. È una storia della<br />

quale più volte si è parlato e più volte si è scritto e,<br />

ad oggi, il <strong>di</strong>scorso <strong>di</strong> ampliare un’area industriale<br />

appare quanto meno anacronistico, cioè come parlare<br />

<strong>di</strong> una questione che ha poco a che vedere con<br />

i giorni nostri. Troppi i capannoni vuoti perché le<br />

aziende hanno chiuso. Troppe le persone in cassa<br />

integrazione o senza lavoro!<br />

Allo stesso tempo, chiudere una questione significa<br />

farlo utilizzando la ragione, i dati e il senso civico.<br />

Le sensazioni e i personalismi non contano nulla.<br />

Questa amministrazione fin dal suo inse<strong>di</strong>amento<br />

ha lavorato per cercare <strong>di</strong> dare una risposta, positiva<br />

o negativa, alla questione della realizzazione o<br />

meno <strong>di</strong> quest’area. Fin da subito si è capito che<br />

il <strong>di</strong>fficile momento economico e finanziario, che<br />

è sempre più pesante anche nei nostri paesi, poco<br />

faceva sperare in una soluzione positiva <strong>di</strong> questa<br />

pratica. Per avere però dei dati oggettivi, in accordo<br />

con l’Assessorato all’Industria della PAT e con Trentino<br />

Sviluppo, ci siamo attivati al fine <strong>di</strong> realizzare<br />

un’indagine <strong>di</strong> vivacità economica del nostro territorio.<br />

Circa venti le aziende che hanno risposto all’appello<br />

e che hanno deciso <strong>di</strong> seguire l’iter <strong>di</strong> indagine<br />

svolto da Trentino Sviluppo. Indagine che ha portato<br />

però ad un risultato negativo rispetto all’entità<br />

dell’opera da apprestarsi, sia in termini <strong>di</strong> aziende<br />

interessate sia in base ai parametri richiesti <strong>di</strong> metri<br />

quadrati e persone occupate. Preme sottolineare<br />

Ex Lowara <strong>di</strong> proprietà della Trentino Sviluppo<br />

34<br />

a cura <strong>di</strong> Giusi Tonini<br />

Vice Sindaco e Assessore all’Industria e Artigianato<br />

che le aziende che si sono segnalate come interessate<br />

(non all’acquisizione ma solo al poter essere<br />

oggetto <strong>di</strong> indagine!) erano tutte aziende locali e<br />

che richiedevano, eventualmente e informalmente,<br />

una <strong>di</strong>versa logistica. Nessuna nuova impresa con<br />

relativi posti <strong>di</strong> lavoro aggiuntivi!<br />

Nonostante i dati scoraggianti, la nostra amministrazione<br />

non si è fermata e ha comunque richiesto<br />

<strong>di</strong> poter valutare altri tipi <strong>di</strong> risposta per il nostro<br />

territorio. In particolare si è fatta un’analisi rispetto<br />

ai, purtroppo, tanti capannoni vuoti e inutilizzati<br />

presenti nell’area. Con l’Assessorato provinciale e<br />

Trentino Sviluppo, prendendo atto delle insufficienti<br />

richieste per l’apprestamento della nuova area e dei<br />

tanti siti vuoti, si è cercato <strong>di</strong> valutare l’acquisizione<br />

<strong>di</strong> spazi già e<strong>di</strong>ficati, per capire se a fronte <strong>di</strong><br />

una risposta più veloce rispetto all’apprestamento<br />

<strong>di</strong> un’area vi fossero maggiori interessi. In un primo<br />

momento l’attenzione è stata rivolta verso l’area e<br />

lo stabile della Trentino Legno. Attraverso la verifica<br />

con quanti avevano manifestato interesse verso<br />

l’ampliamento dell’area si è attivato un confronto al<br />

fine <strong>di</strong> capire se tale soluzione poteva avere degli<br />

sbocchi e avere un senso dal punto <strong>di</strong> vista economico<br />

e finanziario. Nemmeno questo iter è stato<br />

positivo poiché l’area Trentino Legno è molto grande,<br />

sia in termini <strong>di</strong> capannone che <strong>di</strong> area libera.<br />

In questa evoluzione si inserisce, <strong>di</strong>co ancora purtroppo<br />

a nostro malgrado, la chiusura dell’attività<br />

Italpumps, azienda che lavorava entro il capannone<br />

Ex Lowara. Stabile <strong>di</strong> proprietà <strong>di</strong> Trentino Sviluppo<br />

che, a fronte della chiusura dell’attività,<br />

ne è ri<strong>di</strong>ventata proprietaria lo scorso<br />

novembre. Da subito sono partiti i confronti<br />

con Trentino Sviluppo per capirne<br />

le intenzioni in merito al futuro <strong>di</strong> quello<br />

stabile e delle sue pertinenze. Se l’area<br />

Trentino Legno è risultata essere troppo<br />

grande per le necessità espresse e ipotizzate,<br />

il compen<strong>di</strong>o Ex Lowara poteva<br />

rispondere ad alcune necessità. Si è fatto<br />

quin<strong>di</strong> il punto della situazione: ampliamento<br />

della zona industriale impraticabile<br />

per dati oggettivi, acquisizione<br />

Trentino Legno onerosa e non praticabile<br />

dato lo scarso interessamento. Lo stabi-


ATTUALITÀ<br />

le Ex Lowara può essere una risposta<br />

per il nostro territorio? L’Assessore<br />

provinciale all’industria Alessandro<br />

Olivi e i referenti <strong>di</strong> Trentino Sviluppo<br />

rispondono alla nostra richiesta<br />

in un incontro tenutosi a <strong>di</strong>cembre a<br />

<strong>Storo</strong>, alla presenza anche <strong>di</strong> alcuni<br />

impren<strong>di</strong>tori che si sono <strong>di</strong>mostrati<br />

interessati all’immobile: “Proviamo!”<br />

E quin<strong>di</strong> Trentino Sviluppo emette un<br />

bando per la ven<strong>di</strong>ta dello stabile e<br />

dell’area: poco meno <strong>di</strong> 4.000 mq coperti<br />

su 15.000 <strong>di</strong> area. Rispondono<br />

formalmente in otto al bando scaduto<br />

lo scorso 25 gennaio. Anche questa<br />

volta aziende locali, non nuove. Aziende però <strong>di</strong>sposte<br />

ad investire nel proprio territorio e nel proprio<br />

futuro! Con questi impren<strong>di</strong>tori le valutazioni sono<br />

tutt’ora in corso. Sarebbe una buona iniziativa se<br />

andasse in porto. Ridare vita ad un capannone sotto<br />

forma <strong>di</strong> una sorta <strong>di</strong> condomino artigiano: più<br />

aziende in un unico spazio che potrebbero anche<br />

creare reti fra <strong>di</strong> loro. Una risposta, un segnale positivo<br />

in un momento tanto <strong>di</strong>fficile!<br />

Ma ampliamento area industriale non significa solo<br />

valutare se farla o non farla, la risposta in questo<br />

caso serve anche verso quanti si trovano nella situazione<br />

<strong>di</strong> pagare prima l’ICI e ora l’IMUP, sui terreni<br />

oggetto della questione.<br />

Il Consiglio Comunale dello scorso <strong>di</strong>cembre ha<br />

approvato la variante del nostro Piano Regolatore<br />

Generale e quin<strong>di</strong> anche la norma che prevede che<br />

per le aree industriali ove è previsto lo strumento<br />

del piano attuativo per procedere all’e<strong>di</strong>ficazione e<br />

dove questo non vi sia, su quei terreni si possano<br />

L’interno <strong>di</strong> una azienda storese<br />

Stabile della Trentino Legno<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

attivare solo opere <strong>di</strong> manutenzione e risanamento,<br />

senza variazioni d’uso, nonché coltivazione rurale<br />

degli stessi. A fronte <strong>di</strong> questa norma, che <strong>di</strong> fatto<br />

congela l’area industriale soggetta ad ampliamento,<br />

il comune non è tenuto a richiedere l’imposta Imup.<br />

Tutte le verifiche sono in corso così come si stanno<br />

valutando le strade e i tempi per poter restituire<br />

quanto versato fino ad oggi, che per le aree soggette<br />

a piano attuativo e relativo esproprio da parte<br />

dell’Ente Pubblico, si effettua fino a 10 anni in<strong>di</strong>etro.<br />

In questa situazione si incastra inoltre il Piano Territoriale<br />

<strong>di</strong> Comunità che la nostra Comunità <strong>di</strong> Valle<br />

deve stendere e approvare e che contiene in<strong>di</strong>cazioni<br />

e linee guida anche in merito alle aree industriali<br />

<strong>di</strong> tutte le Giu<strong>di</strong>carie, fra le quali quin<strong>di</strong> anche la<br />

nostra. Il Piano Territoriale andrà poi in Provincia e<br />

questa ne recepirà le in<strong>di</strong>cazioni. Il PUP, Piano Urbanistico<br />

Provinciale, prenderà atto <strong>di</strong> quanto inserito<br />

nel Piano e <strong>di</strong> competenza della Comunità. La<br />

nostra amministrazione ha segnalato alla Comunità<br />

<strong>di</strong> Valle lo stato <strong>di</strong> fatto delle indagini<br />

svolte relative all’ampliamento<br />

della zona industriale. Il<br />

tavolo <strong>di</strong> lavoro appositamente<br />

costituito in Comunità per valutare<br />

e stendere il Piano, tratterà<br />

quin<strong>di</strong>, attraverso valutazioni<br />

puntuali ed approfon<strong>di</strong>te, svolte<br />

anche in relazione allo stato<br />

<strong>di</strong> fatto del comparto industriale<br />

della Valle del Chiese e delle<br />

Giu<strong>di</strong>carie più in generale, anche<br />

la nostra questione e in particolare<br />

la valutazione dello stralcio<br />

della zona industriale soggetta<br />

ad ampliamento. Una volta terminato<br />

il lavoro sul Piano Territoriale<br />

<strong>di</strong> Comunità e inviato quin<strong>di</strong><br />

in Provincia, l’iter si potrà <strong>di</strong>re<br />

quasi concluso.<br />

35


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ATTUALITÀ<br />

Lavori in corso<br />

Appuntamento anche per questo numero del bollettino<br />

con il consueto aggiornamento legato sui<br />

lavori pubblici e <strong>di</strong>ntorni, con la volontà <strong>di</strong> offrire ai<br />

lettori un servizio obiettivo <strong>di</strong> informazione.<br />

Cominciamo dalle principali opere avviate: la ristrutturazione<br />

della scuola provinciale dell’infanzia e<br />

realizzazione dell’asilo nido a Darzo, per un importo<br />

complessivo <strong>di</strong> 1.250.000 € e i lavori per la ristrutturazione<br />

<strong>di</strong> Palazzo Cortella al Dos, che consentiranno<br />

<strong>di</strong> ricavare la sede della cooperativa Bucaneve<br />

con un intervento <strong>di</strong> 1.270.000 €, cui si affiancheranno<br />

altri 205.000 € per il recupero delle facciate.<br />

Secondo i tecnici che seguono i lavori, entrambi i<br />

36<br />

<strong>di</strong> Clau<strong>di</strong>o Cortella, architetto<br />

Assessore ai lavori pubblici, urbanistica, e<strong>di</strong>lizia<br />

cantieri procedono come da previsioni e si prevede<br />

la consegna finale a Darzo entro giugno 2014 e a<br />

<strong>Storo</strong> entro febbraio 2014.<br />

Il bilancio per il <strong>2013</strong> prevede il finanziamento per<br />

una serie <strong>di</strong> opere importanti per la nostra Comunità,<br />

tra le quali l’acquedotto <strong>di</strong> Nader, per un importo<br />

<strong>di</strong> circa 300.000 € con i quali si prevede <strong>di</strong><br />

riqualificare l’acquedotto esistente e sostituire ed<br />

adeguare il serbatoio esistente alle norme igienico<br />

sanitarie e dei vigili del fuoco.<br />

In ambito <strong>di</strong> urbanizzazioni, abbiamo chiesto ed<br />

ottenuto che nel bando <strong>di</strong> appalto provinciale per<br />

la fornitura del metano nel nostro <strong>Comune</strong>, venga<br />

Foto del restauro <strong>di</strong> Palazzo Cortella (ex Villa San Lorenzo), riguardante la rimozione degli intonaci per il<br />

restauro e il risanamento degli avvolti


ATTUALITÀ<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Documentazione fotografica manufatti e luoghi legati al progetto per l’acquedotto <strong>di</strong> Nader<br />

inserita la richiesta <strong>di</strong> estendere la rete esistente anche<br />

alle frazioni <strong>di</strong> Ca Rossa e <strong>di</strong> Riccomassimo. Da<br />

ricordare anche che è in corso la progettazione per la<br />

realizzazione ed integrazione delle reti <strong>di</strong> acquedotto,<br />

acque bianche e nere per le frazioni <strong>di</strong> Ca Rossa,<br />

Darzo e Lodrone: opera da due milioni <strong>di</strong> euro.<br />

Rimanendo in ambito <strong>di</strong> opere, questa volta però<br />

a livello provinciale, un rapido aggiornamento sulla<br />

questione viabilità, anche alla luce del recente incontro<br />

in giunta comunale con il Presidente della<br />

Provincia Pacher dello scorso 27 marzo.<br />

A breve partiranno i lavori per il completamento dello<br />

svincolo a sud <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, che consentirà ai mezzi<br />

leggeri <strong>di</strong> imboccare la strada in <strong>di</strong>rezione <strong>di</strong> Darzo e<br />

Lodrone in sicurezza. I lavori sono già stati appaltati<br />

e la Provincia sta verificando le questioni legate alla<br />

sicurezza sollevate solo recentemente da alcuni proprietari<br />

per trovare la soluzione viabilistica migliore.<br />

Sempre in ambito viabilistico, il Presidente ci ha<br />

confermato il finanziamento per completare anche<br />

la rotatoria a nord <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, inserendo un nuovo<br />

accesso che utilizzi la vecchia viabilità, che corre pa-<br />

rallela a quella principale, per mettere in sicurezza il<br />

tratto a nord della rotatoria eliminando gli accessi a<br />

raso e convogliandoli in sicurezza nella rotatoria. La<br />

progettazione dell’opera sarà affidata verso la fine<br />

<strong>di</strong> <strong>aprile</strong>.<br />

Entro la meta del mese <strong>di</strong> <strong>aprile</strong> si dovrebbe completare<br />

l’iter autorizzativo per la sostituzione della<br />

passerella pedonale <strong>di</strong> Ca Rossa con un più fruibile<br />

sottopassaggio. Anche in questo caso ci siamo<br />

fatti portavoce dei suggerimenti e delle preoccupazioni<br />

emerse dalla gente che utilizzerà questa struttura<br />

al fine <strong>di</strong> renderla funzionale, oltre che rendere<br />

sicuro l’attraversamento pedonale.<br />

Si sono invece praticamente conclusi i lavori per la<br />

passerella ciclopedonale in corrispondenza della<br />

Casa dello Sport. Tale opera conterrà anche le pre<strong>di</strong>sposizioni<br />

per la metanizzazione del centro sportivo.<br />

Infine, in ambito urbanistico, dopo la prima adozione<br />

della variante al piano regolatore generale<br />

(che ha consentito, tra l’altro, il rimborso delle<br />

imposte versate sui terreni sui quali era previsto<br />

l’ampliamento dell’area industriale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>) sono<br />

37


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ATTUALITÀ<br />

La passerella ciclopedonale in località Grilli<br />

pervenute ventidue osservazioni da parte dei privati.<br />

Di queste, la commissione urbanistica <strong>di</strong> maggioranza<br />

e minoranza ha scelto, in assoluta trasparenza,<br />

le tre<strong>di</strong>ci osservazioni pertinenti (ovvero le sole<br />

relative a mo<strong>di</strong>fiche introdotte dalla variante o errori<br />

cartografici) e sta procedendo alla <strong>di</strong>scussione e decisione<br />

in merito. Al termine del lavoro della commissione<br />

urbanistica (anche questa volta davvero<br />

proficuo e valido), gli uffici comunali introdurranno<br />

le eventuali mo<strong>di</strong>fiche al piano regolatore, che<br />

passeranno nuovamente in Consiglio Comunale e<br />

quin<strong>di</strong> al vaglio della popolazione per eventuali osservazioni<br />

solo sulle mo<strong>di</strong>fiche introdotte in questa<br />

seconda tornata. Si procederà in questo modo fino<br />

a quando il piano non subirà più nuove mo<strong>di</strong>fiche:<br />

38<br />

dopo<strong>di</strong>ché il piano procederà l’iter autorizzativo<br />

passando al confronto con il Servizio provinciale per<br />

l’urbanistica e quin<strong>di</strong> all’adozione definitiva.<br />

Le opere e le questioni illustrate non potrebbero<br />

procedere senza l’apporto e la professionalità<br />

espressi quoti<strong>di</strong>anamente dagli uffici comunali, che<br />

ringrazio sinceramente anche in questo numero per<br />

il prezioso lavoro.<br />

Con la speranza <strong>di</strong> aver fornito un aggiornamento<br />

sintetico ma il più possibile completo, rinnovo la<br />

massima <strong>di</strong>sponibilità per ulteriori chiarimenti o per<br />

affrontare nuove questioni (sono sempre reperibile<br />

al numero dell’Assessorato 329 08 999 44).<br />

Lavori presso il nuovo asilo nido <strong>di</strong> Darzo Lavori per l’ampliamento del cimitero <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

20° Anniversario della scomparsa del<br />

vicecomandante tionese Giuseppe “Pino” Bon<strong>di</strong><br />

Sono già passati venti lunghi anni da quel lontano<br />

febbraio 1993, dove le montagne sopra l’abitato <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong> erano colpite da un terribile incen<strong>di</strong>o boschivo<br />

(<strong>di</strong> origine dolosa) <strong>di</strong> vastissime <strong>di</strong>mensioni dove<br />

perse la vita un Vigile del Fuoco ed altri due rimasero<br />

profondamente feriti, ed ancora oggi il ricordo <strong>di</strong><br />

quell’immane trage<strong>di</strong>a è vivo nelle menti <strong>di</strong> chi <strong>di</strong>rettamente<br />

o in<strong>di</strong>rettamente ne ha avuto a che fare.<br />

In ricordo <strong>di</strong> questo triste avvenimento domenica<br />

17 marzo <strong>2013</strong> si è svolta in località Terramonte una<br />

toccante celebrazione nel ricordo dell’eroico gesto<br />

<strong>di</strong> Pino Bon<strong>di</strong>, il vicecomandante Tionese che perse<br />

la vita in quei terribili giorni <strong>di</strong> venti anni fa. Una<br />

cerimonia molto partecipata che ha visto recarsi a<br />

Terramonte (dove oggi sorge un monumento a ricordo<br />

<strong>di</strong> quanto successo) circa 200 Vigili del Fuoco<br />

volontari provenienti dalle intere valli Giu<strong>di</strong>carie, in<br />

modo particolare i Vigili del Fuoco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e Tione<br />

al completo e con le relative squadre allievi, i<br />

vertici dei Vigili del Fuoco volontari, permanenti e<br />

del <strong>di</strong>partimento della protezione civile dell’epoca,<br />

il presidente della federazione dei Vigili del Fuoco<br />

volontari della PAT ing. Alberto Flaim, l’ispettore <strong>di</strong>strettuale<br />

ing. Gianpietro Amadei, il sindaco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Cav. Vigilio Giovanelli e quello <strong>di</strong> Tione Mattia<br />

Gottar<strong>di</strong> con le relative amministrazioni comunali,<br />

i rappresentanti del Corpo Forestale, della Guar<strong>di</strong>a<br />

<strong>di</strong> Finanza, della Polizia Locale e i famigliari dello<br />

sfortunato Giuseppe Bon<strong>di</strong>.<br />

La cerimonia ha avuto inizio sotto una forte nevicata<br />

con un solenne rito religioso celebrato da<br />

Febbraio 1993 ­ La Rocca Pagana (foto vig. Denis<br />

Mora)<br />

Don Mario Bravin<br />

(anch’egli Vigili<br />

del Fuoco facente<br />

parte del corpo <strong>di</strong><br />

Madonna <strong>di</strong> Campiglio)<br />

ed è proseguita<br />

con i <strong>di</strong>scorsi<br />

molto forti<br />

e toccanti delle<br />

autorità e terminata<br />

poi la deposizione<br />

<strong>di</strong> una corona<br />

<strong>di</strong> fiori.<br />

A pochi passi dal<br />

luogo della cerimonia,<br />

fra quei<br />

boschi e ripi<strong>di</strong> canaloni<br />

che scendono<br />

a picco per<br />

centinaia <strong>di</strong> me-<br />

a cura dei Vigili del Fuoco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

tri, il 21 febbraio 1993 scoppiò un furioso incen<strong>di</strong>o<br />

che impiegò centinaia <strong>di</strong> Vigili del Fuoco provenienti<br />

dalle valli Giu<strong>di</strong>carie e dal capoluogo. Fra<br />

loro c’erano anche i Vigili del Fuoco <strong>di</strong> Tione con il<br />

vicecomandante Pino Bon<strong>di</strong> che in quelle tragiche<br />

circostanze rimase ferito in gravissime con<strong>di</strong>zioni, e<br />

morì dopo 23 giorni <strong>di</strong> sofferta agonia il 16 marzo<br />

1993 lasciando la moglie e due figlie adolescenti.<br />

Durante la cerimonia sono stati i nipoti <strong>di</strong> Pino, che<br />

purtroppo non hanno avuto la fortuna <strong>di</strong> conoscerlo,<br />

a deporre la corona <strong>di</strong> fiori in ricordo del nonno.<br />

Un’immagine dell’epoca<br />

Il Vicecomandante Giuseppe<br />

Bon<strong>di</strong><br />

39


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Di seguito riportiamo il verbale sull’incidente<br />

dell’allora Capoplotone Sergio Armani ed attuale<br />

comandante del corpo Tionese del 25 febbraio<br />

1993 letta durante la commemorazione:<br />

“Questa relazione vuole essere il riassunto <strong>di</strong> quanto<br />

accaduto il 21 febbraio 1993, durante le operazioni<br />

<strong>di</strong> spegnimento dell’incen<strong>di</strong>o boschivo nel<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, loc. Terramonte.<br />

La terribile esperienza vissuta deve essere <strong>di</strong> monito<br />

perché certi errori non abbiano a ripetersi, affinché<br />

coor<strong>di</strong>natori, comandanti, capi plotone e capi squadra<br />

possano operare con più sicurezza e responsabilità<br />

nel corso degli interventi a cui sono chiamati;<br />

senza <strong>di</strong>menticare le giovani leve che, con coraggio<br />

e spericolato entusiasmo, rischiano la vita sottovalutando<br />

i pericoli e le incognite delle operazioni.<br />

Certamente rimarrà indelebile il ricordo <strong>di</strong> quel giorno<br />

nel cuore e nella mente <strong>di</strong> quanti hanno vissuto<br />

quei drammatici momenti ed il sacrificio <strong>di</strong> tre giovani<br />

resterà quale lezione <strong>di</strong> vita ed insegnamento<br />

per coloro che fanno e faranno parte del Corpo dei<br />

Vigili del Fuoco Volontari.<br />

Alle 6,00 <strong>di</strong> domenica 21 febbraio 1993, vengono<br />

allertati i pompieri del Corpo <strong>di</strong> Tione perché intervengano<br />

a collaborare nelle operazioni <strong>di</strong> spegnimento<br />

<strong>di</strong> un incen<strong>di</strong>o boschivo che sta <strong>di</strong>vampando<br />

sui monti <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, interessando le località Verdura,<br />

Terramonte, Casina e Rocca Pagana.<br />

Imme<strong>di</strong>atamente parte una squadra composta dal<br />

Vice Comandante Giuseppe Bon<strong>di</strong>, dal Capo Plotone<br />

Sergio Armani e dai Vigili Eugenio Antolini, Paolo<br />

Armani, Vittorio Marchiori, Italo Parolari, Angelo e<br />

Mattia Salvaterra, Franco Scozzafava e Rocco Valentini,<br />

con i mezzi e l’attrezzatura necessari: una<br />

miniautobotte, un furgone Ducato, una Campagnola<br />

Fiat R59 trainante un carrello con le pompe canadesi,<br />

una serie <strong>di</strong> tubi da 25 mm, motoseghe ed<br />

altro materiale, un fuoristrada Patrol che aggancia<br />

Monumento in loc. Terramonte<br />

40<br />

un altro carrello con il modulo degli incen<strong>di</strong> boschivi<br />

ed il vascone da 5.000 litri.<br />

Giunta alla Caserma <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> alle 7,00, la squadra<br />

<strong>di</strong> Tione è incaricata <strong>di</strong> portarsi in località Terramonte<br />

e, in accordo con un Vigile <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, viene<br />

<strong>di</strong>visa in due squadre: la prima ­ composta da Mattia<br />

Salvaterra, Eugenio Antolini, Rocco Valentini e<br />

Vittorio Marchiori ­ sarà impegnata alla “base vascone”,<br />

pre<strong>di</strong>sposta per il rifornimento d’acqua per<br />

il secchio dell’elicottero operante in zona e per il<br />

rifornimento <strong>di</strong> altri mezzi; la seconda ­ quella <strong>di</strong><br />

Giuseppe Bon<strong>di</strong>, Sergio Armani, Italo Parolari, Angelo<br />

Salvaterra, Franco Scozzafava e Paolo Armani<br />

(autista della miniautobotte) ­ si posizionerà sul primo<br />

tornante della strada che scende da Terramonte<br />

Alta, istituendo lì la “base <strong>di</strong> partenza”, da dove<br />

stenderà le due condotte con i “naspi” da 10 mm. in<br />

modo tale da evitare che il fuoco possa attraversare<br />

l’unico tratto <strong>di</strong> collegamento esistente tra il fronte<br />

dell’incen<strong>di</strong>o ed il centro rurale <strong>di</strong> Terramonte, costituito<br />

da una quarantina <strong>di</strong> case.<br />

Stesi quin<strong>di</strong> due “naspi” per una lunghezza <strong>di</strong> circa<br />

300 metri, fino a raggiungere l’avvallamento boschivo<br />

che si snoda verticalmente alla montagna<br />

e che sarà poi teatro della trage<strong>di</strong>a, si rimane in<br />

attesa che il fuoco avanzi per procedere poi allo<br />

spegnimento.<br />

A causa della lentezza con la quale l’incen<strong>di</strong>o si<br />

propagava (in tre ore il fuoco era avanzato <strong>di</strong> circa<br />

5 metri), Pino Bon<strong>di</strong> e Sergio Armani decidono <strong>di</strong><br />

attaccare un terzo “naspo” per consentire l’attraversamento<br />

del canale ed aggre<strong>di</strong>re il fronte dell’incen<strong>di</strong>o<br />

sull’altro versante.<br />

Per collaborare alle operazioni, Angelo Salvaterra<br />

e Franco Scozzafava ripiegano con la loro condotta<br />

verso la base <strong>di</strong> partenza e si uniscono ai due graduati<br />

sul nuovo fronte. La squadra così formatasi è<br />

composta ora da Pino, Sergio, Italo, Angelo e Franco,<br />

mentre Paolo è alla miniautobotte alla base <strong>di</strong><br />

partenza.<br />

La vegetazione del luogo è tipicamente arbustiva e<br />

sono rade le piante d’alto fusto, in particolare pino<br />

silvestre; l’incen<strong>di</strong>o interessa il sottobosco <strong>di</strong> ericacee<br />

e si estende per circa 60­70 metri.<br />

Stesa la tubazione per circa 450 metri e dopo aver<br />

iniziato a spegnere il fuoco per un fronte <strong>di</strong> circa<br />

65 metri verso il basso, Sergio ottiene il cambio da<br />

Angelo al quale viene or<strong>di</strong>nato <strong>di</strong> bagnare molto<br />

bene per una fascia <strong>di</strong> qualche metro e quin<strong>di</strong> risalire<br />

gradualmente con il getto d’acqua verso la<br />

zona rocciosa.<br />

A supporto nelle operazioni <strong>di</strong> spegnimento e <strong>di</strong> alimentazione,<br />

giunge in zona anche una squadra del<br />

Corpo <strong>di</strong> Breguzzo, munita <strong>di</strong> carrello per incen<strong>di</strong><br />

boschivi.


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

A questo punto Pino Bon<strong>di</strong> e Sergio Armani stabiliscono<br />

le successive mosse: Pino rimarrà in quella<br />

zona con il compito <strong>di</strong> finire <strong>di</strong> bagnare quel tratto <strong>di</strong><br />

fronte e <strong>di</strong> spegnere l’incen<strong>di</strong>o fino all’ultimo focolaio,<br />

quin<strong>di</strong> ripiegherà verso il sentiero che conduce<br />

alla base <strong>di</strong> partenza bagnando abbondantemente<br />

una fascia della larghezza <strong>di</strong> qualche metro lungo il<br />

sentiero, tanto da costituire una barriera che possa<br />

fermare le fiamme nel caso salgano dal basso verso<br />

l’avvallamento; Sergio, dopo aver raccomandato<br />

ai colleghi <strong>di</strong> Breguzzo <strong>di</strong> aiutare i Vigili <strong>di</strong> Tione<br />

nel recupero e spostamento dei naspi, tornerà alla<br />

base <strong>di</strong> partenza dove, con la collaborazione del<br />

Capo Squadra <strong>di</strong> Breguzzo, provvederà al cambio<br />

<strong>di</strong> alimentazione dalla miniautobotte al carrello degli<br />

incen<strong>di</strong> boschivi <strong>di</strong> Breguzzo e quin<strong>di</strong>, a bordo<br />

della miniautobotte, condotta da Paolo, si sposterà<br />

alla “base vascone” per rifornire d’acqua il mezzo.<br />

Durante quest’ultima operazione, improvvisamente<br />

si alza un forte vento che ­ in modo spaventoso ­ alimenta<br />

le fiamme verso il fronte della Rocca Pagana:<br />

nel giro <strong>di</strong> un paio <strong>di</strong> minuti l’incen<strong>di</strong>o avanza<br />

<strong>di</strong> 300 metri, oscurando tutta la zona con un denso<br />

fumo nero.<br />

È l’inizio della trage<strong>di</strong>a.<br />

Alla ra<strong>di</strong>o, voci concitate e confuse avvertono che tre<br />

Vigili del Fuoco sono rimasti intrappolati dal fuoco a<br />

Terramonte. Sergio stacca imme<strong>di</strong>atamente la miniautobotte<br />

dal rifornimento e con Paolo fa ritorno<br />

verso la base <strong>di</strong> partenza, mentre or<strong>di</strong>na a Mattia<br />

Salvaterra e Vittorio Marchiori <strong>di</strong> raggiungerli con<br />

il furgone Ducato. Poco prima <strong>di</strong> arrivare sul posto,<br />

incontrano la squadra <strong>di</strong> Breguzzo al completo con<br />

Italo, a bordo della Campagnola con il carrello degli<br />

incen<strong>di</strong> boschivi; stanno scappando dall’incen<strong>di</strong>o<br />

ormai fuori controllo, confermando che tre Vigili<br />

sono imprigionati tra le fiamme.<br />

Sergio e Paolo giungono con il cuore in gola alla<br />

base <strong>di</strong> partenza, ma non trovano nessuno. Lasciato<br />

Paolo sul posto con l’incarico <strong>di</strong> continuare<br />

a bagnare, Sergio attraversa la barriera <strong>di</strong> fuoco e<br />

corre sul sentiero verso l’avvallamento chiamando<br />

<strong>di</strong>speratamente per nome i tre Vigili <strong>di</strong> Tione che<br />

mancano all’appello: Pino Bon<strong>di</strong>, Angelo Salvaterra<br />

e Franco Scozzafava.<br />

Pino risponde imme<strong>di</strong>atamente, ma con lamenti:<br />

purtroppo è scivolato lungo il canalino ed è ferito;<br />

Angelo e Franco invece non rispondono e non<br />

si vedono. Il primo pensiero è che abbiano perso<br />

l’orientamento e siano caduti dalle rocce sottostanti;<br />

allora Sergio Armani, in preda alla <strong>di</strong>sperazione,<br />

superando <strong>di</strong> nuovo la barriera <strong>di</strong> fuoco, corre<br />

alla base <strong>di</strong> partenza per cercare aiuto. Lì trova solo<br />

Paolo Armani al quale or<strong>di</strong>na <strong>di</strong> chiamare rinforzi.<br />

Sergio, intanto, sentendo delle grida più in basso,<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

si precipita in quella <strong>di</strong>rezione, sfortunatamente invano.<br />

Vede però che si sta avvicinando l’elicottero<br />

e che la miniautobotte con Paolo e Vittorio tornano<br />

alla base <strong>di</strong> partenza.<br />

Mentre Sergio, alla affannata ricerca <strong>di</strong> aiuto, scende<br />

lungo il sentiero, incontra Rocco Valentini, Eugenio<br />

Antolini e Mattia Salvaterra che, supportati<br />

da alcuni civili, trasportano su una scala a<strong>di</strong>bita a<br />

barella, Angelo, fortemente ustionato e dolorante.<br />

A questo punto intervengono i colleghi <strong>di</strong> Breguzzo<br />

che, caricato il ferito sulla Campagnola, si avviano<br />

verso l’elicottero che sta atterrando. Sopraggiungono<br />

poi parecchi altri Vigili fra i quali il Comandante<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e un Ufficiale del Corpo Permanenti <strong>di</strong><br />

Trento.<br />

Portato in salvo Angelo, l’imperativo più impellente<br />

è ora quello <strong>di</strong> soccorrere e recuperare Pino Bon<strong>di</strong>,<br />

sicuramente ferito in modo grave ed ancora oltre la<br />

barriera.<br />

Sergio, che lo aveva localizzato e conosce la situazione<br />

per averla sperimentata, e due Vigili <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

­ dopo essersi bagnati da capo a pie<strong>di</strong> ed indossati<br />

gli autoprotettori ­ attraversano la linea <strong>di</strong> fuoco e si<br />

<strong>di</strong>rigono verso il canalino: assicuratisi con le corde,<br />

si calano sul punto dove è caduto Pino, che ancora<br />

risponde alle chiamate.<br />

Il Vice Comandante Bon<strong>di</strong> viene rinvenuto a circa<br />

60/70 metri più in basso rispetto al sentiero, sdraiato<br />

sulla schiena e con i pie<strong>di</strong> puntati ad un albero<br />

per evitare <strong>di</strong> scivolare più giù. È ferito, con ustioni<br />

<strong>di</strong> 2° e 3° grado che interessano il 50% del corpo<br />

ma non si lamenta molto per il dolore ed è cosciente.<br />

Sergio cerca <strong>di</strong> tranquillizzarlo e gli presta le prime<br />

cure, aiutato da un collega <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>: gli pulisce il<br />

naso e la bocca in modo da facilitargli la respirazione<br />

e gli pone un fazzoletto sul viso per evitare<br />

l’inspirazione della cenere, trasportata dal vento.<br />

Nel frattempo si continua a sollecitare l’intervento<br />

<strong>di</strong> altri soccorritori per poter portare in salvo il ferito,<br />

La commemorazione (foto cs. Rolando Zanetti)<br />

41


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

anche perché la situazione si sta facendo sempre<br />

più pericolosa, con il rischio ­ praticamente inevitabile<br />

­ <strong>di</strong> venir colpiti dalla caduta <strong>di</strong> sassi.<br />

Tuttavia l’incen<strong>di</strong>o non è ancora completamente<br />

domato e, dunque, è <strong>di</strong>fficoltoso raggiungere la<br />

zona. Dopo una mezz’oretta, finalmente, giungono<br />

altri Vigili con una barella che viene fatta calare:<br />

adagiatovi il ferito, si provvede ad issarla fin sul<br />

sentiero protetta e sorretta dai primi soccorritori.<br />

Si raggiunge quin<strong>di</strong> la base <strong>di</strong> partenza e poi, su<br />

un’autolettiga, la piazzola in località Casina dove<br />

è in attesa l’elicottero per il successivo trasporto <strong>di</strong><br />

Pino Bon<strong>di</strong> all’Ospedale S. Chiara <strong>di</strong> Trento.<br />

Qui si apprende la notizia che Angelo Salvaterra,<br />

con ustioni <strong>di</strong> 2° e 3° grado che interessano il 35%<br />

del corpo, sta per essere ricoverato presso il Centro<br />

Ustionati dell’Ospedale Borgo Trento <strong>di</strong> Verona,<br />

mentre Pino Bon<strong>di</strong> ­ dopo le prime cure al Pronto<br />

Soccorso ­ verrà avviato al Centro Gran<strong>di</strong> Ustioni<br />

del Policlinico Civile <strong>di</strong> Padova.<br />

Dalle prime <strong>di</strong>chiarazioni dei Vigili <strong>di</strong>rettamente interessati,<br />

vengono ricostruiti i momenti imme<strong>di</strong>atamente<br />

precedenti l’incidente:<br />

Accortisi che il vento si era notevolmente alzato,<br />

Angelo, Franco ed Italo stavano ritirando i “naspi”<br />

quando ­ sentito un forte fruscio ed uno strano rumore<br />

­ venivano avvolti dalla cenere sollevata e da<br />

un intenso fumo, che impe<strong>di</strong>va loro <strong>di</strong> fare ritorno al<br />

sentiero che conduce alla base <strong>di</strong> partenza. Prima,<br />

però, avevano potuto scorgere il Vice Comandante<br />

Bon<strong>di</strong> inciampare e poi scivolare, avvolto dalle<br />

fiamme, e rotolare nel canalino. Italo, continuando<br />

a correre, riusciva miracolosamente a mettersi in<br />

salvo raggiungendo la squadra <strong>di</strong> Breguzzo, mentre<br />

Angelo e Franco non avevano altra via d’uscita<br />

se non quella <strong>di</strong> <strong>di</strong>rigersi in alto, su una parete rocciosa,<br />

visto che l’altra parte, verso il fronte dell’incen<strong>di</strong>o,<br />

era completamente avvolta da una densa<br />

coltre <strong>di</strong> fumo. Aiutandosi vicendevolmente, i due<br />

giovani riuscivano a raggiungere uno sperone roc­<br />

42<br />

cioso ma, quando l’immensa nuvola nera si stava<br />

<strong>di</strong>radando, Franco si era accorto che Angelo era<br />

caduto, finendo in mezzo al fuoco; era allora imme<strong>di</strong>atamente<br />

sceso in aiuto del collega ed insieme<br />

avevano corso in <strong>di</strong>rezione della base <strong>di</strong> partenza.<br />

Qui giunti, però, non avevano trovato nessuno, perché<br />

­ in preda al panico ­ tutti erano fuggiti.<br />

Non essendo più in grado <strong>di</strong> percorrere la strada<br />

in salita, mancando loro le forze e <strong>di</strong>sperati per essersi<br />

ritrovati soli, si erano <strong>di</strong>retti a valle. Franco era<br />

riuscito a raggiungere la base vascone dove, con<br />

l’aiuto <strong>di</strong> Rocco ed Eugenio, rimasti sul posto, aveva<br />

potuto imme<strong>di</strong>atamente bagnarsi. Angelo invece,<br />

sfinito e dolorante, era caduto a terra a circa 200<br />

metri dalla stessa e, quin<strong>di</strong>, soccorso dai colleghi<br />

e dal fratello Mattia, veniva adagiato su una scala<br />

a<strong>di</strong>bita a barella e, trasportato in Ospedale a Trento.<br />

Franco, con ustioni meno gravi, veniva accompagnato<br />

all’Ospedale <strong>di</strong> Tione.<br />

Questa esperienza, così tragica e dolorosa, ha molto<br />

impressionato, non solo i Corpi dei Vigili del Fuoco,<br />

<strong>di</strong>rettamente coinvolti, ma tutta la Comunità delle<br />

Giu<strong>di</strong>carie che ha espresso la sua piena solidarietà<br />

per l’altruismo ed il coraggio dei pompieri intervenuti,<br />

pompieri che, oltretutto, svolgono la loro opera<br />

volontariamente.<br />

La de<strong>di</strong>zione e l’impegno <strong>di</strong>mostrati in questa triste<br />

occasione siano <strong>di</strong> esempio per i giovani e rimanga<br />

dentro il cuore <strong>di</strong> tutti a perenne memoria il ricordo<br />

<strong>di</strong> questo terribile avvenimento perché, in futuro,<br />

non si ripetano gli errori commessi.”<br />

“La commemorazione <strong>di</strong> un evento così doloroso,<br />

che ha segnato la famiglia dei Vigili del<br />

Fuoco è il dovuto omaggio alla coraggiosa abnegazione<br />

del caro in<strong>di</strong>menticabile Pino”


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

55° anniversario<br />

Gruppo Alpini <strong>di</strong> Darzo<br />

Sabato 6 e domenica 7 <strong>aprile</strong> Darzo ha festeggiato<br />

i suoi Alpini. A <strong>di</strong>re il vero a festeggiare il cinquantacinquesimo<br />

anniversario della nascita del Gruppo,<br />

affollando il centro polivalente, non erano solo i darzesi,<br />

ma anche molta gente venuta da fuori. Ed è<br />

stata una vera festa <strong>di</strong> popolo.<br />

Durante la cerimonia della domenica, come accade<br />

in queste circostanze, sono stati premiati alcuni<br />

uomini per la fedeltà all’associazione. Il presidente<br />

Elvio Giacometti ha assegnato dei riconoscimenti<br />

alla memoria, oltre che a persone presenti. An<strong>di</strong>amo<br />

con or<strong>di</strong>ne.<br />

Targhe alla memoria sono andate a Massimo Donati<br />

e a Mario Casagrande (che non era <strong>di</strong> Darzo,<br />

ma è come se lo fosse stato, tanto era attaccato al<br />

paese della moglie), entrambi tolti prematuramente<br />

all’affetto dei cari ed alla comunità. Targa <strong>di</strong> ringraziamento<br />

a Gianfranco Marini, il primo amico del<br />

Gruppo, tesserato da 55 anni, ossia dal primo anno<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

<strong>di</strong> Giuliano Beltrami<br />

<strong>di</strong> esistenza del Gruppo. Per 45 anni nel sodalizio,<br />

hanno ottenuto riconoscimenti Paolo Beltrami, Celestino<br />

Marini, Valentino Marini e Giacomo Giacometti.<br />

Infine la festa non poteva finire senza un ringrazia-<br />

43


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

mento a Ferruccio Marini, classe 1920, ancora in<br />

ottima forma nonostante qualche acciacco dell’età,<br />

uno dei 38 reduci che nel 1958 si incontrarono al<br />

Dopolavoro <strong>di</strong> Darzo per fondare il Gruppo Ana. Altri<br />

tempi: la guerra era finita da meno <strong>di</strong> quin<strong>di</strong>ci anni<br />

e le ferite erano ancora aperte. A Darzo era viva la<br />

memoria <strong>di</strong> quelli che dalla seconda guerra mon<strong>di</strong>ale<br />

non erano tornati.<br />

Erano il tenente degli Alpini Costantino Marini (docente<br />

al liceo classico Prati <strong>di</strong> Trento, catturato e giustiziato<br />

nel <strong>di</strong>cembre del 1941 dai partigiani <strong>di</strong> Tito),<br />

Giacomo Marini (vittima della strage <strong>di</strong> Cefalonia,<br />

uno degli ecci<strong>di</strong> più vigliacchi della seconda guerra<br />

mon<strong>di</strong>ale, quando i tedeschi massacrarono novemila<br />

soldati italiani) e Mario Marini (finito in fondo al<br />

mare prima <strong>di</strong> arrivare a Brin<strong>di</strong>si, cosa che nessuno<br />

vorrebbe, men che meno un montanaro).<br />

A proposito <strong>di</strong> guerra, <strong>di</strong> rara intensità emotiva lo<br />

spettacolo del sabato sera: il monologo dell’attore<br />

bresciano Andrea Giustacchini intitolato “Dov’è<br />

Nikolajewka? Il sacrificio dei soldati italiani nella<br />

neve <strong>di</strong> Russia 1941-1943”, accompagnato dalla fisarmonica<br />

<strong>di</strong> Luca Lombar<strong>di</strong>, con testo <strong>di</strong> John Comini,<br />

collaborazione tecnica <strong>di</strong> Sara Ragnoli, regia<br />

44<br />

<strong>di</strong> Peppino Coscarelli, liberamente tratto dall’omonimo<br />

libro <strong>di</strong> Maurizio Abastanotti, un maestro bresciano,<br />

autore <strong>di</strong> altre pubblicazioni, presente alla<br />

serata. Struggente il racconto della ritirata degli alpini<br />

dal Don allo sfondamento liberatorio della sacca<br />

<strong>di</strong> Nikolajewka, con migliaia <strong>di</strong> morti in mezzo<br />

alla neve (40 gra<strong>di</strong> sotto zero) vinti dalla fame e dai<br />

cannoni russi.<br />

Domenica spazio alla sfilata, purtroppo sotto la pioggia<br />

battente, con l’accompagnamento della Fanfara<br />

Ana <strong>di</strong> Gavardo; pranzo al polivalente e <strong>di</strong>scorsi ufficiali.<br />

Hanno parlato il capogruppo Elvio Giacometti,<br />

il sindaco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> Vigilio Giovanelli, il capozona<br />

Dario Pellizzari, l’ex senatore Ivo Tarolli (che non<br />

manca quasi mai alle feste degli alpini) ed il presidente<br />

provinciale dell’Ana Maurizio Pinamonti. Tutti<br />

hanno avuto parole lusinghiere nei confronti delle<br />

penne nere, impegnate nella <strong>di</strong>fesa della patria, ma<br />

anche (oggi soprattutto) nelle attività umanitarie<br />

attraverso l’Ana, l’Associazione nazionale alpini, che<br />

vede i “bocia” e i “veci” a fianco delle associazioni<br />

<strong>di</strong> volontari, nella buona e nella cattiva sorte, nelle<br />

manifestazioni ricreative ed in occasione <strong>di</strong> alluvioni<br />

e terremoti, a sostenere chi soffre.


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Lungo un mese e più<br />

“Lungo un mese e più”. Si intitola così la serie <strong>di</strong><br />

iniziative messe in campo per il mese <strong>di</strong> maggio del<br />

<strong>2013</strong> dall’Associazione <strong>di</strong> promozione sociale “La<br />

Miniera”. Teatro dell’iniziativa sarà l’ex stabilimento<br />

della Sigma, che per decenni ha ospitato la lavorazione<br />

del solfato <strong>di</strong> bario della famiglia Cima, mentre<br />

oggi è <strong>di</strong> proprietà della Mineraria Baritina, erede<br />

<strong>di</strong> quel Piero Corna Pellegrini da Pisogne, il primo<br />

ad investire sul futuro delle viscere della montagna<br />

darzese nel 1894.<br />

Questa è la sede che gli organizzatori hanno ritenuta<br />

ideale per i vari incontri, a partire dal primo<br />

maggio con la proiezione dei video partecipanti alla<br />

Associazione<br />

La Miniera<br />

Sottosopra!<br />

Cronache della trasformazione.<br />

Miniere, lavoro, territorio.<br />

ore 15.15<br />

PROIEZIONE E PREMIO SPECIALE<br />

Concorso Video <strong>2013</strong> History Lab 3x3<br />

“Storie <strong>di</strong> Lavoro” - www.hl.museostorico.it<br />

ore 17.30<br />

INAUGURAZIONE<br />

MOSTRA FOTOGRAFICA<br />

Lavoro in corso, persone,<br />

industria, territorio<br />

ore 18.00<br />

MUSICA IN TRASFORMAZIONE<br />

Brin<strong>di</strong>si con Gruppo musicale locale<br />

Per informazioni<br />

Associazione La Miniera<br />

info@minieredarzo.it<br />

cell. 3282419981<br />

www.minieredarzo.it<br />

In collaborazione con<br />

Società Mineraria Baritina<br />

A.S.U.C. Darzo<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Fondazione Stava 1985<br />

ore 20.15<br />

PRESENTAZIONE PROGETTO<br />

“Lavoriamoci su.”<br />

Trasformazioni in corso<br />

nell’ex sito minerario <strong>di</strong> Marìgole<br />

Programma<br />

Ecomuseo dell’Argentario<br />

History Lab<br />

Fondazione Museo Storico del Trentino<br />

Provincia autonoma <strong>di</strong> Trento<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

a cura dell’Associazione “La Miniera”<br />

rassegna History Lab 3x3, per finire con la tavola rotonda<br />

e la rappresentazione teatrale.<br />

L’iniziativa si inserisce nelle molteplici attività pensate<br />

dall’Associazione “La Miniera”, i cui <strong>di</strong>rigenti ritengono<br />

doveroso accendere un faro per illuminare<br />

un secolo <strong>di</strong> storia che ha coinvolto la comunità <strong>di</strong><br />

Darzo in primis, ma anche le altre comunità della<br />

valle del Chiese e dell’alta valle Sabbia.<br />

Le casseforti dalle quali si estraeva la barite, l’oro<br />

bianco, pietra bianca e pesante utilizzata prima nei<br />

colorifici, ora nell’isolamento <strong>di</strong> sale operatorie e ra<strong>di</strong>ologiche,<br />

erano a Val Cornèra e Marìgole, a Pice-<br />

Paèr e Val dai Còrf. Come ogni oro anche il solfato<br />

L’associazione <strong>di</strong> promozione sociale LA MINIERA<br />

vi invita a partecipare all’evento lungo-un-mese<br />

MERCOLEDÌ 1 MAGGIO GIOVEDÌ 23 MAGGIO SABATO 1 GIUGNO NEI FINE SETTIMANA<br />

Festa del Lavoro Giornata nazionale<br />

sulle miniere<br />

Il lavoro in miniera e nelle industrie minerarie della barite hanno trasformato il territorio<br />

e la comunità <strong>di</strong> Darzo <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e paesi limitrofi, in Valle del Chiese.<br />

Per decenni, nel corso del Novecento, vi fu crescita incessante e successo.<br />

Poi, il lento declino e la tentazione dell’oblio. Oggi, la voglia <strong>di</strong> contribuire a una nuova trasformazione.<br />

Perlomeno <strong>di</strong> provarci, con pensieri, iniziative, progetti, collaborazioni.<br />

Tutte le iniziative in programma si terranno a Darzo <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

presso lo storico stabilimento industriale minerario “ex Sigma”,<br />

oggi sede dalla Società Mineraria Baritina (lungo la Strada Statale 237).<br />

Sottosopra! Lavoro in corso, persone,<br />

industria, territorio<br />

ore 17.00<br />

TAVOLA ROTONDA<br />

Sottosopra! Trasformazione dei luoghi,<br />

trasformazione del lavoro<br />

ore 20.30<br />

PRESENTAZIONE VIDEO INTERVISTE<br />

Ritratti <strong>di</strong> Miniera - La vita nelle industrie<br />

minerarie della barite nei ricor<strong>di</strong><br />

dei lavoratori e lavoratrici<br />

<strong>di</strong> Lodrone e Riccomassimo<br />

Sab 11 e Dom 12 maggio<br />

Sab 18 e Dom 19 maggio<br />

Sab 25 e Dom 26 maggio<br />

Sab 1 e dom 2 giugno<br />

dalle 16.00 alle 19.00<br />

APERTURA MOSTRA FOTOGRAFICA<br />

E VISITE GUIDATE<br />

Con il sostegno <strong>di</strong><br />

Cassa Rurale Giu<strong>di</strong>carie Valsabbia Paganella<br />

Fondazione Caritro<br />

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della<br />

Provincia <strong>di</strong> Trento<br />

45


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

<strong>di</strong> bario fece salire la febbre, tanto che parecchi si<br />

misero alla cerca. Gli unici ad arrivarci furono tre impren<strong>di</strong>tori<br />

lombar<strong>di</strong>: accanto ai già nominati Corna<br />

Pellegrini della Valcamonica ed al milanese Cima arrivarono<br />

i Maffei della Valsassina, che a Val Cornèra<br />

trovarono quello che per anni fu il più grande giacimento<br />

europeo.<br />

Di questa storia oggi rimangono testimonianze che<br />

non possono essere <strong>di</strong>sperse: quelle orali degli ex<br />

protagonisti (minatori, selezionatrici del minerale,<br />

camionisti, meccanici, impiegati), e quelle documentarie<br />

(progetti, mappe, atti e contratti), oltre<br />

alle attrezzature ed ai luoghi in cui scorreva la vita<br />

lavorativa <strong>di</strong> tanti uomini e donne: la miniera <strong>di</strong> Marìgole<br />

e gli stabilimenti della Mineraria Baritina, con<br />

relative attrezzature.<br />

A <strong>di</strong>re il vero la testimonianza più importante è l’ere<strong>di</strong>tà<br />

attiva <strong>di</strong> quelle imprese che oggi non ci sono<br />

più, costituita dagli artigiani, nati come indotto delle<br />

aziende minerarie (elettricisti, meccanici, manutentori)<br />

che oggi, nonostante le <strong>di</strong>fficoltà e i morsi della<br />

crisi, brillano <strong>di</strong> luce propria, essendosi creati le loro<br />

nicchie <strong>di</strong> mercato.<br />

Dopo che le miniere hanno esaurito il loro compito<br />

ci si è posti il problema <strong>di</strong> salvarne la memoria.<br />

Così, per documentare questo itinerario storico,<br />

economico e soprattutto umano, l’Associazione “La<br />

46<br />

Miniera” ha deciso <strong>di</strong> organizzare questa come altre<br />

manifestazioni. L’obiettivo dell’iniziativa <strong>di</strong> maggio,<br />

in specifico, è uno solo: far conoscere quella che fu<br />

un’epopea socio-economica e confrontare quell’epoca<br />

con il nostro tempo, mostrando quanto si sia<br />

trasformato il lavoro nell’ultimo secolo.<br />

Attenzione, le miniere non erano una esclusiva <strong>di</strong><br />

Darzo. Basti pensare, per rimanere alle Giu<strong>di</strong>carie<br />

ed alla Maffei, alla cava <strong>di</strong> feldspato <strong>di</strong> Giustino, che<br />

prima si affiancò, poi si sostituì alla barite. Ma poi<br />

in Trentino abbiamo molti altri esempi. Così l’Associazione<br />

darzese ha deciso <strong>di</strong> fare rete insieme<br />

all’Ecomuseo dell’Argentario ed alla Fondazione Stava1985,<br />

dando vita al progetto “Sottosopra”.<br />

Non solo memoria, ma anche sviluppo. Il recupero<br />

della memoria, infatti, può essere utilizzato a fini<br />

turistici: altrove lo insegnano. Comunque non è secondaria<br />

la ricerca delle ra<strong>di</strong>ci a fini per così <strong>di</strong>re<br />

interni alle nostre comunità, perché non si possono<br />

<strong>di</strong>menticare i sacrifici dei nostri “vecchi”, i quali hanno<br />

posto le basi per il nostro benessere.<br />

per informazioni<br />

Associazione La Miniera<br />

info@minieredarzo.it<br />

cell. 3282419981<br />

www.minieredarzo.it


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Nuovo <strong>di</strong>rettivo<br />

alla Pro Loco <strong>di</strong> Lodrone<br />

La Pro Loco <strong>di</strong> Lodrone inizia il nuovo anno rinnovando<br />

completamente il <strong>di</strong>rettivo, lasciando spazio<br />

a noi giovani del paese <strong>di</strong> intraprendere questa<br />

esperienza insieme alla comunità.<br />

Ci riteniamo un gruppo unito capace <strong>di</strong> superare le<br />

<strong>di</strong>fficoltà che incontreremo in questo percorso nel<br />

miglior modo possibile aiutandoci l’uno con l’altro.<br />

Cercheremo <strong>di</strong> sod<strong>di</strong>sfare la popolazione in ogni<br />

nostro evento e in ogni singolo progetto, standole<br />

vicino in qualunque situazione essendo sempre <strong>di</strong>sponibili,<br />

dando un aiuto a chi ne avesse bisogno,<br />

come ci ha insegnato chi prima <strong>di</strong> noi ha vissuto<br />

questa esperienza.<br />

Abbiamo come scopo anche quello <strong>di</strong> riuscire a<br />

coinvolgere altri ragazzi che come noi hanno voglia<br />

<strong>di</strong> <strong>di</strong>vertirsi e <strong>di</strong> stare insieme, ma che soprattutto<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

a cura del Direttivo<br />

hanno tanta voglia <strong>di</strong> fare. L’attuale <strong>di</strong>rettivo all’interno<br />

del gruppo <strong>di</strong> giovani che anima la pro loco<br />

è così composto: Cristian Fusi è il nuovo presidente,<br />

Raffaele Cominotti il vicepresidente e Alessandra<br />

Benini è la segretaria. Saremmo felici <strong>di</strong> riuscire ad<br />

ampliare questo gruppo, quin<strong>di</strong> cogliamo l’occasione<br />

per lanciare un invito a tutti coloro che ne fossero<br />

interessati. Ci potete contattare anche su face book<br />

all’in<strong>di</strong>rizzo www.facebook.com/proloco.lodrone.<br />

In conclusione vorremmo ringraziare chi ci ha preceduti<br />

per ogni sforzo fatto, avendo anche portato<br />

a termine il progetto della casa in località “Prà <strong>di</strong><br />

Berti” il quale, andato a buon fine, ci ha permesso<br />

<strong>di</strong> avere una sede dove ritrovarci per le riunioni.<br />

Ringraziamo inoltre per averci lasciato una Pro loco<br />

sana e solida.<br />

47


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Lodron Foto Club<br />

2012. Un anno importante per il Lodròn Fotoclub che<br />

ha visto la ripresa dell’attività dopo alcuni anni durante<br />

i quali la fotografia è stata portata avanti con<br />

progetti personali <strong>di</strong> quei pochi superstiti <strong>di</strong> un gruppo<br />

che era stato capace <strong>di</strong> svolgere attività <strong>di</strong> importanza<br />

anche sovra-territoriale: 9 concorsi fotografici<br />

nazionali, gli ultimi con patrocinio della Federazione<br />

Associazioni Fotografiche Italiane e che hanno avuto<br />

una menzione d’onore; i corsi <strong>di</strong> avvicinamento alla<br />

fotografia e la partecipazione a Concorsi d’arte fotografica<br />

nazionali e internazionali. È così! Succede...<br />

Gli alti e i bassi sono un aspetto ciclico delle attività,<br />

come lo è il rincorrersi delle stagioni nell’arco dell’anno.Il<br />

Club è ora <strong>di</strong> nuovo cresciuto; i membri sono<br />

tanti, eterogenei per età, comune <strong>di</strong> provenienza (da<br />

Daone a Lodrone) e visione fotografica, ma accomunati<br />

da un interesse, una passione importante quale<br />

è quella per la fotografia: importante per esprimere<br />

i propri sentimenti, le proprie idee, la propria visione<br />

<strong>di</strong> mon<strong>di</strong> lontani o attenzione al territorio nel quale<br />

viviamo, cose queste che portano ognuna in sé un<br />

valore naturale, culturale o intimo che deve essere<br />

conservato e valorizzato.Ci si ritrova con buona cadenza,<br />

per parlare, per confrontarsi, con quell’ilarità<br />

leggera degli amici che rende piacevoli gli incontri e<br />

proficue le serate.Un circolo aperto, senza gerarchie<br />

dettate dalla bravura, età o ruolo, ma che fa della<br />

con<strong>di</strong>visione la molla forte per parlare <strong>di</strong> fotografia,<br />

per crescere tecnicamente e artisticamente e per produrre<br />

progetti fotografici sia personali che collettivi.<br />

2012. Un anno ricco:<br />

Mostra fotografica personale <strong>di</strong> Attilio Zontini “Nani”:<br />

“Antichi lavori: le ultime conta<strong>di</strong>ne <strong>di</strong> Baitoni”, presso<br />

la Sala mostre della Casa Sociale <strong>di</strong> Baitoni.<br />

• Mostra fotografica personale <strong>di</strong> Stefano Isidoro<br />

Radoani: “Batedur de Bore”, l’antica processione<br />

del venerdì Santo <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, allestita presso la Biblioteca<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

• Collaborazione con la Scuola Materna <strong>di</strong> Con<strong>di</strong>no<br />

nell’ambito dei festeggiamenti organizzati per il<br />

100° compleanno <strong>di</strong> attività scolastica. Sono state<br />

allestite tre mostre che per soggetto hanno avuto<br />

il mondo <strong>di</strong> bambini meno fortunati dei nostri. A)<br />

“Ho visto Sergej volare” <strong>di</strong> Alessandro Zanon, storia<br />

ambientata a Chernobyl. B) “Sorrisi dal Mato<br />

Grosso” <strong>di</strong> Giovanni e Gilberto Bazzoli, cercata per<br />

48<br />

<strong>di</strong> Stefano Isidoro Radoani e Alex Zanetti<br />

mostrare l’attività <strong>di</strong> volontariato gratuito svolta<br />

anche da giovani della Valle del Chiese a favore<br />

delle genti e bambini an<strong>di</strong>ni. C) “Etiopia” <strong>di</strong> Renzo<br />

Mazzola, che ha documentato la vita <strong>di</strong> bambini<br />

nei villaggi poveri dell’Altipiano etiope.<br />

• Mostra fotografica personale <strong>di</strong> Stefano Isidoro<br />

Radoani: “Carnevale <strong>di</strong> Bagolino”, fotografie<br />

dell’antico e storico carnevale bagosso, allestita<br />

presso la chiesa <strong>di</strong> San Lorenzo <strong>di</strong> Bagolino.<br />

• Mostra fotografica personale <strong>di</strong> Ivano Igini: “La carelà”,<br />

rievocazione storica <strong>di</strong> vita conta<strong>di</strong>na <strong>di</strong> Anfo<br />

(BS) allestita a Castel San Giovanni <strong>di</strong> Bondone.<br />

• Su richiesta del bibliotecario <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, si è effettuata<br />

la ripresa fotografica dello spettacolo <strong>di</strong> letture<br />

e recitazione: “Prima Guerra Mon<strong>di</strong>ale”, tenuto a<br />

forte Larino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> Lardaro e organizzato<br />

dal Consorzio delle Biblioteche della Valle del<br />

Chiese e della Serata teatrale presentata presso la<br />

Biblioteca <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> sulla Prima guerra mon<strong>di</strong>ale:<br />

Racconti della Galizia.<br />

• Partecipazione <strong>di</strong> gran parte dei componenti del<br />

Circolo alla mostra a tema Portfolio tenuta in occasione<br />

del Convegno Regionale e organizzata<br />

dal Circolo fotografico <strong>di</strong> Merano.<br />

• In occasione dei mercatini <strong>di</strong> Natale che si sono<br />

tenuti nell’antico borgo me<strong>di</strong>oevale <strong>di</strong> Quartinago<br />

<strong>di</strong> Cimego è stata allestita una mostra fotografica<br />

che ha avuto per tema gli aspetti naturali della<br />

Valle del Chiese.<br />

L’allestimento della mostra personale <strong>di</strong> Stefano Isidoro<br />

Radoani tenutasi dal 7 al 22 luglio 2012 presso<br />

la chiesa <strong>di</strong> San Lorenzo a Bagolino (foto S. I.<br />

Radoani)


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

E il <strong>2013</strong>? È partito con nuovo vigore:<br />

• Collaborazione con la Biblioteca Comunale <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong> atta a documentare fotograficamente i beni<br />

artistici e <strong>di</strong> importanza storica e architettonica<br />

del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>; alla quale farà seguito la<br />

georeferenziazione delle immagini su una mappa<br />

che sarà consultabile a breve sul sito del <strong>Comune</strong><br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

• In febbraio il Lodron Fotoclub si è spostato a Genova<br />

per un’interessante visita alla Mostra fotografica<br />

<strong>di</strong> Steve McCurry, importante fotografo <strong>di</strong><br />

fama internazionale, componente della famosa<br />

Agenzia Fotografica Magnum e collaboratore <strong>di</strong><br />

National Geographic.<br />

• A Marzo, il rinnovo delle cariche sociali, nel segno<br />

del rinnovamento ma supportate dall’esperienza<br />

dei membri “storici”.<br />

1<br />

3<br />

Momenti della mostra collettiva dei Circoli TAA a Merano<br />

con inaugurazione il 29 settembre 2012 presso<br />

la Sala Civica <strong>di</strong> via Huber (foto Angelo Davorio)<br />

1 Ivan Igini <strong>di</strong>scute il portfolio con il noto fotografo<br />

Giancarlo Torresani<br />

2 Ivan Igini seduto, Giancarlo Torresani <strong>di</strong> fronte,<br />

Flavio Zanetti, Stefano Radoani, uno spettatore e<br />

Alex Zanetti<br />

3 Stefania Pellizzari osserva il suo portfolio esposto<br />

alla mostra<br />

4 Flavio Zanetti con la moglie <strong>di</strong>scutono con Torresani,<br />

dopo aver visionato il portfolio esposto (sotto<br />

la lampada a sx)<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

• In Aprile si è tenuto un corso “base” <strong>di</strong> fotografia<br />

che ha visto la partecipazione <strong>di</strong> oltre 20 fotografi<br />

“in erba”. Corso che andrà avanti, prossimamente,<br />

anche per argomenti più avanzati.<br />

• È in programma un lavoro collettivo per ricordare<br />

la Prima Guerra Mon<strong>di</strong>ale, evento tragico che ha<br />

coinvolto i nostri territori e le nostre genti, e che<br />

presenteremo in occasione della ricorrenza dei<br />

100 anni che sarà celebrata nel 2015.Non mancheranno<br />

attività personali e collaborazioni e conoscenza<br />

con la fotografia <strong>di</strong> altri Circoli fotografici.<br />

Il resto è ancora da scrivere, ma l’entusiasmo c’è... e<br />

si trova in quella fase dove è possibile organizzare<br />

qualunque cosa...<br />

Voi? Partecipate!<br />

Ci potete seguire anche su Facebook all’in<strong>di</strong>rizzo<br />

www.facebook.com/groups/lodronfc.<br />

2<br />

4<br />

I portfolio <strong>di</strong> Alex Zanetti (sx) e quello <strong>di</strong> Stefano<br />

Radoani esposti a Merano (foto <strong>di</strong> Alex Zanetti)<br />

49


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Per un Futuro Migliore... e<strong>di</strong>zione <strong>2013</strong>!<br />

Il nuovo Piano Giovani della Valle del Chiese<br />

PROVINCIA AUTONOMA<br />

DI TRENTO<br />

Riparte il Piano Giovani <strong>di</strong> Zona della Valle dl Chiese<br />

con la sua sesta e<strong>di</strong>zione!<br />

Riparte con nuove ed accattivanti proposte rivolte<br />

a tutti i giovani della nostra valle nei vari ambiti <strong>di</strong><br />

interesse delle politiche giovanili. Si va dalla citta<strong>di</strong>nanza<br />

attiva al volontariato, dalla cultura alla creatività,<br />

dalle arti come musica, teatro, cinema, alla tecnologia<br />

e innovazione, dall’educazione allo sport,<br />

nonché varie possibilità <strong>di</strong> conoscere e confrontarsi<br />

con il mondo.<br />

La nostra valle, la Valle del Chiese, con il sostegno<br />

e la fiducia delle amministrazioni comunali, del comune<br />

“capofila” <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, del mondo associativo<br />

e giovanile nonché degli affezionati sponsor locali<br />

(BIM del Chiese, Cassa Rurale Adamello Brenta,<br />

Cassa Rurale Giu<strong>di</strong>carie Valsabbia e Paganella, Famiglia<br />

Cooperativa <strong>di</strong> Bondo e Roncone) già oramai<br />

da alcuni anni può vantare <strong>di</strong> un alto impegno e<br />

50<br />

a cura <strong>di</strong> Sabrina Amista<strong>di</strong><br />

Referente tecnico organizzativo per la Comunità Murialdo<br />

e <strong>di</strong> Bettazza Michele<br />

Referente istituzionale<br />

interesse nelle politiche giovanili con particolare attenzione<br />

alla promozione <strong>di</strong> sani stili <strong>di</strong> vita.<br />

Il Tavolo del Confronto e della Proposta, dal 2008<br />

con l’avvio dei Piani Giovani <strong>di</strong> Zona, e ancor prima<br />

con il progetto sovracomunale Per un Futuro Migliore,<br />

gestito sempre dalla Comunità Murialdo, si presenta<br />

attento e vigile sulla con<strong>di</strong>zione giovanile in<br />

valle, valorizzando l’ascolto, il protagonismo giovanile<br />

e incentivando in modo costante l’innovazione<br />

delle proposte. Oramai il Piano Giovani è conosciuto<br />

in tutte le realtà della valle e i giovani apprezzano<br />

e utilizzano sempre più questo strumento <strong>di</strong> crescita<br />

e <strong>di</strong> creatività non solo come partecipanti o fruitori.<br />

È bene sottolineare che i progettisti del PGZ sono<br />

oramai per lo più giovani che con gli anni hanno<br />

acquisito gli strumenti specifici e formativi per poter<br />

mettersi in gioco a tutti gli effetti. I progetti che propongono<br />

per i loro compagni, amici, citta<strong>di</strong>ni della<br />

Foto <strong>di</strong> gruppo dei ragazzi scesi a Reggio Calabria all’interno del progetto “Legalitalia” promosso<br />

dall’Oratorio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

valle nascono da idee con<strong>di</strong>vise in gruppo e portate<br />

al Tavolo <strong>di</strong> lavoro. I giovani ci sono, si propongono,<br />

si confrontano, creano con creatività ed ingegno,<br />

portano idee nuove, fresche, innovative. Con<br />

gli anni ve<strong>di</strong>amo sorgere nuovi protagonisti, nuovi<br />

partner con nuove energie da con<strong>di</strong>videre e mettere<br />

in scena.<br />

Un obiettivo raggiunto con gli anni e grazie ad un<br />

lavoro <strong>di</strong> grande sinergia tra gli attori del Piano è la<br />

sovracomunalità: lo scambio e la collaborazione<br />

tra associazioni della valle e il coinvolgimento alle<br />

proposte <strong>di</strong> ragazzi provenienti da comuni <strong>di</strong>versi e<br />

talvolta anche non limitrofi tra loro. Ciò si è raggiunto<br />

grazie ad una pubblicizzazione sempre attenta<br />

e presente in ogni comune, con la partecipazione<br />

<strong>di</strong>retta delle operatrici dello Sportello Giovani della<br />

Comunità Muraildo nei vari contesti educativi e<br />

associazionistici. Bisogna muoversi nella valle, cercare<br />

i giovani nei loro ambiti quoti<strong>di</strong>ani, proporre<br />

loro possibilità e voglia in mettersi in gioco, solo<br />

così possiamo avere risposte concrete e proposte<br />

sempre all’avanguar<strong>di</strong>a, azioni e pensieri che sappiano<br />

effettivamente rispondere in modo sincero<br />

e funzionale ai bisogni dei nostri giovani. Grazie a<br />

questo attento lavoro nascono le collaborazioni tra<br />

associazioni, gli scambi <strong>di</strong> idee e pensieri comuni.<br />

Si strutturano così percorsi specifici basati su una<br />

partecipazione partecipata e responsabile, nonché<br />

su una volontà <strong>di</strong> andare oltre alle naturali “chiusure”<br />

territoriali. Le varie iniziative presentate possono<br />

sempre contare su un Sportello Giovani impegnato<br />

e <strong>di</strong>sponibile ad interagire con il territorio. Lo Sportello<br />

infatti è lo strumento informatico (sito) e “vagante”<br />

(pulmino) per una presenza in Valle a 360°.<br />

Le proposte che per il <strong>2013</strong> vengono presentate e<br />

avanzate alla Valle del Chiese nascono tutte sotto<br />

un denominatore comune ossia l’INNOVAZIONE,<br />

idee ed energie nuove, nuovi slanci su nuovi scenari.<br />

Tra tutti spicca la promozione del volontariato<br />

con una proposta che ha saputo coinvolgere varie<br />

Momento <strong>di</strong> formazione del gruppo <strong>di</strong> giovani supportato<br />

dal comune <strong>di</strong> Cimego cha ha proposto il<br />

progetto: “Giovani ed Istituzioni”<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

La serata interculturale: “Suoni e Sapori dal Mondo:<br />

<strong>di</strong>alogo come strumento <strong>di</strong> interculturalità”<br />

promossa dall’Oratorio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

associazioni e giovani già nella fase <strong>di</strong> pensiero e<br />

organizzazione delle attività. Altro grande tema fuori<br />

dalla norma per il nostro contesto territoriale è<br />

stato la citta<strong>di</strong>nanza attiva con percorsi formativi<br />

interessanti ed in<strong>di</strong>spensabili per una crescita culturale<br />

al passo con i tempi. Permangono, sempre<br />

però con nuovi slanci e creatività, laboratori artistici,<br />

lu<strong>di</strong>co espressivi e sportivi, nonché proposte calate<br />

ad hoc sul nostro contesto culturale e sociale <strong>di</strong> valorizzazione<br />

del territorio e percorsi formativi sulle<br />

nostre ra<strong>di</strong>ci storico locali.<br />

La sensibilizzazione e prevenzione verso sani stili <strong>di</strong><br />

vita rimane sempre un criterio con<strong>di</strong>viso e scelto dal<br />

Tavolo, supportato in fase logistica e organizzativa<br />

dalla Comunità Murialdo, anche per la progettualità<br />

<strong>2013</strong> (anche se per questo anno ci si limiterà<br />

a sostenere e affiancare quelle associazioni che<br />

hanno inserito tali tematiche nelle loro progettualità,<br />

senza quin<strong>di</strong> proporre come Tavolo <strong>di</strong> lavoro<br />

specifiche azioni in merito). Il Tavolo ritiene però<br />

importante dare continuità al lavoro <strong>di</strong> riflessione e<br />

progettualità del futuro del Centro <strong>di</strong> Aggregazione<br />

Giovanile in cantiere a Pieve <strong>di</strong> Bono. Le operatrici<br />

cercheranno <strong>di</strong> portare nuovi spunti <strong>di</strong> riflessione<br />

all’interno del gruppo <strong>di</strong> lavoro costituito durante<br />

gli incontri proposti nel 2012. Infine un accenno alle<br />

nuove collaborazioni con i Piano <strong>di</strong> Giovani limitrofi<br />

(Rendena e Busa <strong>di</strong> Tione, Comano e Bleggio, Val <strong>di</strong><br />

Sole) e l’importante confronto e con<strong>di</strong>visione con la<br />

Comunità <strong>di</strong> Valle locale; si cercherà <strong>di</strong> continuare<br />

quello iniziato quest’anno per proporre ai giovani<br />

delle Giu<strong>di</strong>carie contenuti nuovi e stimolanti nonché<br />

occasioni formative a tema.<br />

www.futuromigliore.it<br />

51


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Gruppo Adolescenti<br />

dell’Oratorio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> a cura degli animatori del Gruppo Adolescenti<br />

Il Gruppo Adolescenti dell’Oratorio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> è un ritrovo<br />

fisso per i giovani della zona ormai da anni.<br />

Gli incontri si svolgono ogni lunedì sera dalle 20.30<br />

alle 21.30 presso l’Oratorio <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e sono rivolti ai<br />

ragazzi dalla terza me<strong>di</strong>a alla terza superiore.<br />

Durante questi incontri gli animatori propongono<br />

tematiche <strong>di</strong> attualità legate principalmente alla<br />

con<strong>di</strong>zione giovanile come: <strong>di</strong>pendenze e nuove <strong>di</strong>pendenze<br />

(da gioco, da social network, affettive),<br />

bullismo, informazione critica, conformismo e con<strong>di</strong>zionamenti,<br />

fede, razzismo, consumismo e commercio<br />

equo-solidale, volontariato, famiglia, fiducia,<br />

affettività, <strong>di</strong>versità e futuro.<br />

Giornata Mon<strong>di</strong>ale della Gioventù: Madrid 2011<br />

52<br />

L’obiettivo che questi incontri si propongono è <strong>di</strong><br />

offrire spunti <strong>di</strong> riflessione e favorire la maturazione<br />

in<strong>di</strong>viduale e la costruzione <strong>di</strong> un senso critico sulle<br />

varie tematiche.<br />

Le attività del gruppo adolescenti non si esauriscono<br />

con gli incontri del lunedì sera, ma si collocano<br />

all’interno <strong>di</strong> un progetto più ampio <strong>di</strong>stribuito<br />

nell’arco dell’anno che si caratterizza da alcuni appuntamenti<br />

fissi: il mercatino <strong>di</strong> Natale con Mandacarù<br />

e Africa Rafiki, la festa <strong>di</strong> San Giovanni Bosco,<br />

gli incontri a Tione <strong>di</strong> Parola Giovane, la Veglia <strong>di</strong><br />

Natale organizzata dal coor<strong>di</strong>namento decanale<br />

<strong>di</strong> pastorale giovanile, la presenza alla Giornata


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Campeggio Adolescenti 2012<br />

Mon<strong>di</strong>ale della Gioventù (alla quale quest’anno<br />

non parteciperemo per problemi logistici), la partecipazione<br />

alla Via Crucis organizzata dal Gruppo<br />

Giovani <strong>di</strong> Lodrone, l’animazione coi bambini a<br />

carnevale, alla festa delle famiglie e alla giornata<br />

<strong>di</strong> apertura dell’oratorio, i Progetti nell’ambito del<br />

Piano Giovani <strong>di</strong> Zona, Suoni e Sapori dal mondo,<br />

la partecipazione alla Fiera del giovane, il Campeggio<br />

adolescenti e la collaborazione con alcune associazioni<br />

come l’ADMO e il Centro <strong>di</strong> Aiuto alla<br />

Vita <strong>di</strong> Tione.<br />

Quest’anno con il progetto proposto nell’ambito del<br />

Piano Giovani <strong>di</strong> Zona, abbiamo deciso <strong>di</strong> affrontare<br />

la tematica del volontariato per far capire ai ragazzi<br />

l’importanza della gratuità, del donarsi agli altri e<br />

dell’amore verso il prossimo.<br />

La prima fase del progetto prevede delle serate, tutti<br />

i lunedì <strong>di</strong> <strong>aprile</strong>, nelle quali verranno presentate le<br />

attività delle associazioni <strong>di</strong> volontariato locale.<br />

Questo primo punto è stato pensato soprattutto per<br />

poter dare l’opportunità ai ragazzi <strong>di</strong> mettersi in gioco<br />

in prima persona e <strong>di</strong> pensare ad una realtà biso-<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

gnosa d’aiuto meno <strong>di</strong>stante e a cui troppo spesso<br />

non si pensa in modo concreto.<br />

La seconda fase è de<strong>di</strong>cata alla conoscenza <strong>di</strong> associazioni<br />

che operano, invece, a livello nazionale e<br />

internazionale.<br />

Il progetto proseguirà con un viaggio a Roma nel<br />

mese <strong>di</strong> maggio <strong>2013</strong> durante il quale i ragazzi potranno<br />

conoscere da vicino e visitare le se<strong>di</strong> <strong>di</strong> alcune<br />

gran<strong>di</strong> associazioni tra le quali: UNICEF, EMER-<br />

GENCY e AMNESTY INTERNATIONAL<br />

Al termine del percorso ci sarà una serata <strong>di</strong> restituzione<br />

alla comunità nella quale i ragazzi porteranno<br />

la loro esperienza anche attraverso la proiezione <strong>di</strong><br />

foto e filmati.<br />

Il progetto è rivolto ai giovani dai 15 ai 29 anni e<br />

sarà pubblicizzato prossimamente tramite dei volantini<br />

dove saranno specificate le date delle serate<br />

e del viaggio a Roma.<br />

Ricor<strong>di</strong>amo che nella biblioteca <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> sono aperte<br />

le iscrizioni al campeggio adolescenti che si svolgerà<br />

presso la Casa Alpina Don Vigilio Flabbi a Faserno<br />

dal 16 al 25 agosto <strong>2013</strong>.<br />

53


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Dai ricor<strong>di</strong> nasce<br />

la voglia <strong>di</strong> continuare a cura del Direttivo “I Fuori Quota”<br />

Si parla sempre <strong>di</strong> tra<strong>di</strong>zione in questo mondo <strong>di</strong><br />

progresso, <strong>di</strong> scoprire e riscoprire usi e costumi <strong>di</strong><br />

un passato non così tanto lontano da noi. I ricor<strong>di</strong> <strong>di</strong><br />

una comunità, soprattutto come la nostra, si rifanno<br />

al lavoro conta<strong>di</strong>no e alla cura della montagna tipica<br />

dell’economia <strong>di</strong> sussistenza che permetteva la vita<br />

dei nostri paesi.<br />

Non sono molti i giovani che apprezzano ancora<br />

questi valori e li ritengono vali<strong>di</strong> e meritevoli <strong>di</strong> essere<br />

messi in risalto e tramandati alle prossime generazioni;<br />

noi dell’associazione “I Fuori Quota” vogliamo<br />

essere fra questi pochi, e non solo a parole<br />

ma con i fatti.<br />

Questa associazione è nata per continuare ancora<br />

Tutto il gruppo<br />

54<br />

meglio il lavoro <strong>di</strong> ripristino<br />

della malga<br />

“Monsur”, sopra il<br />

monte <strong>di</strong> Casina<br />

e del ripristino<br />

dell’antico pascolo<br />

circostante,<br />

ormai invaso dal<br />

bosco nel quale sono<br />

presenti imponenti faggi<br />

secolari <strong>di</strong> rara bellezza; lavoro<br />

che già da <strong>di</strong>eci anni veniva portato avanti privatamente<br />

da Gabriele Coser e Francesco Baratella,<br />

rispettivamente attuali Presidente e Vicepresidente


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Direttivo “I fuori quota”<br />

dell’associazione, che ora possono contare anche<br />

sull’aiuto degli altri soci fondatori Marco Gelpi, Clau<strong>di</strong>o<br />

Poletti, Francesco Romele e altri soci. Grazie alla<br />

nostra passione e costanza siamo riusciti a far conoscere<br />

alla gente del paese e all’Amministrazione<br />

Comunale la delicata situazione della malga dovuta<br />

alla lunga incuria, che ha portato l’e<strong>di</strong>fico della malga<br />

ad un degrado tale da rendere necessari importanti<br />

lavori <strong>di</strong> ristrutturazione.<br />

La nostra associazione è nata da un gruppo <strong>di</strong> amici<br />

con la grande passione per la montagna, fatta anche<br />

<strong>di</strong> attività escursionistiche sia estive che invernali,<br />

senza per questo voler competere con le associazio-<br />

Il tramonto da Gras<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

ni storicamente presenti<br />

sul territorio, ma per dare<br />

la nostra collaborazione,<br />

come stiamo iniziando a<br />

fare con il CAI-SAT <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

con l’obiettivo <strong>di</strong> organizzare<br />

assieme <strong>di</strong>verse<br />

attività finalizzate principalmente<br />

per attirare i<br />

giovani e far riscoprire ed<br />

apprezzare la montagna<br />

in tutte le sue sfaccettature,<br />

che vanno dalla scalata<br />

più impegnativa alla<br />

piacevole passeggiata su<br />

facili sentieri fioriti.<br />

Questo tipo <strong>di</strong> collaborazione<br />

sta funzionando<br />

molto bene già dalla<br />

nascita dell’associazione<br />

con il CAI SAT <strong>di</strong> Daone,<br />

il cui presidente Juri Corra<strong>di</strong><br />

è un nostro sincero<br />

amico ed entusiasta sostenitore.<br />

Dopo questa breve presentazione della nostra attività<br />

dobbiamo introdurre una nota dolente <strong>di</strong> tipo<br />

squisitamente economico, dovuta anche al particolare<br />

periodo <strong>di</strong> crisi, che non permette agli enti preposti<br />

<strong>di</strong> elargire nella misura necessaria ad eseguire<br />

i lavori <strong>di</strong> ristrutturazione della malga, noi però non<br />

ci scoraggiamo e continuiamo come sempre a fare<br />

tutto il possibile per raggiungere il nostro scopo,<br />

sperando in un futuro più roseo. Intanto continuiamo<br />

gratuitamente e silenziosamente ad offrire un<br />

riparo sicuro ed accogliente ai numerosi escursionisti<br />

che passano a trovarci e lasciano il loro saluto sul<br />

<strong>di</strong>ario della malga.<br />

Gras<br />

55


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

46° Gran Carnevale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Un gran carnevale<br />

nonostante il tempo avverso<br />

Musica, balletti e tanto <strong>di</strong>vertimento sono stati anche<br />

quest’anno gli ingre<strong>di</strong>enti che hanno determinato<br />

il grande successo del Gran Carnevale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

La scaletta degli appuntamenti prevedeva, come accade<br />

da anni, un ricco programma <strong>di</strong> intrattenimenti<br />

con <strong>di</strong>vertimento assicurato per gran<strong>di</strong> e piccini.<br />

L’“opening Carnival <strong>2013</strong>” al teatro tenda alle Piane<br />

sabato 9 febbraio, il carnevale dei ragazzi con la<br />

giornata “no alcool” organizzata dal gruppo Oratorio<br />

<strong>Storo</strong> domenica pomeriggio, la serata <strong>di</strong> ballo liscio<br />

“Alla scoperta dell’acqua calda” del gruppo<br />

“Mary Poppins” vincitore del Trofeo Gran Carnevale<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e del Trofeo Herman<br />

56<br />

a cura <strong>di</strong> Mirko Giovanelli ­ Pro Loco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> M2<br />

al teatro tenda presso piazzale VVF, la sfilata dei<br />

bambini della scuola materna per le vie del centro<br />

storico e le due storiche esibizioni <strong>di</strong> carri allegorici<br />

con balli mascherati e serate annesse componevano<br />

il ricco programma <strong>di</strong> eventi <strong>di</strong> questa grande festa.<br />

Tutto procedeva per il meglio, piccolo inconveniente:<br />

la neve. È scesa incessantemente e nonostante il<br />

meteo non avesse intenzione <strong>di</strong> migliorare, la Proloco<br />

e l’intera comunità dei “Coquadri” non si sono<br />

persi d’animo. Alcuni organizzatori hanno passato<br />

“Stor save the queen” della Banda Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>,<br />

secondo classificato


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

un’intera nottata insonne con ruspe e taglia neve<br />

per liberare e pulire il grande anello che avrebbe<br />

dovuto ospitare la sfilata del martedì grasso.<br />

Avrebbe dovuto, purtroppo! La neve scesa la mattina<br />

stessa <strong>di</strong> martedì ha inevitabilmente <strong>di</strong>ssuaso<br />

organizzatori, figuranti e l’intera comunità che sin<br />

“10 anni <strong>di</strong> Stor-ja” del gruppo <strong>di</strong> Con<strong>di</strong>no, terzo<br />

classificato<br />

“L’isilo got talent” del gruppo “Combattenti”, sesto<br />

classificato<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

dall’alba si era data da fare con pale da neve per<br />

rendere possibile il regolare proseguimento dell’evento.<br />

Confermate, nonostante tutto, le feste ai capannoni.<br />

Simbolicamente il trofeo Mati Quadrati è stato consegnato<br />

a tutti coloro che si sono dati da fare ed<br />

“Zecchino St’oro” del gruppo “Stan molom al<br />

<strong>di</strong>aol”, quinto classificato<br />

“No castagne no party” del gruppo de “Le fate<br />

nere”, vincitore della categoria Gruppi mascherati<br />

57


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

hanno assecondato e aiutato organizzatori nella<br />

speranza <strong>di</strong> poter avere la meglio sulle con<strong>di</strong>zioni<br />

meteo.<br />

Sabato, il botto! Massima partecipazione: oltre mille<br />

figuranti, 24 esibizioni <strong>di</strong> carri allegorici e gruppi mascherati,<br />

migliaia e migliaia <strong>di</strong> spettatori, tra residenti<br />

e turisti <strong>di</strong> giornata che hanno scelto <strong>di</strong> passare il<br />

sabato nel “capoluogo” della Valle del Chiese.<br />

Si contavano 8 carri interni, 10 esterni e 6 gruppi<br />

mascherati. Per il secondo anno consecutivo si aggiu<strong>di</strong>ca<br />

il “Trofeo Gran Carnevale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>” il gruppo<br />

“Mary Poppins” con “Alla scoperta dell’acqua calda”<br />

(1154 punti), carro che ha sod<strong>di</strong>sfatto la giuria<br />

a tal punto da assegnarle pure il “Trofeo Hermann”<br />

per l’originalità dell’idea, la satira e la trasgressione<br />

che il carro stesso vantava.<br />

A seguire, nella classifica degli interni, troviamo sul<br />

po<strong>di</strong>o il carro della Banda Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> con “Stor<br />

save the queen” (1136 punti) e il gruppo <strong>di</strong> Con<strong>di</strong>no<br />

con “10 anni <strong>di</strong> Stor-ja” (1127 punti). Al quarto<br />

posto “Daghe en tai” dei giovani <strong>di</strong> Bersone, poi<br />

“Zecchino St’oro” del rinnovato gruppo “Stan molom<br />

al <strong>di</strong>aol” riunitosi nuovamente a <strong>di</strong>stanza <strong>di</strong> 30<br />

anni, e “L’isilo got talent” del gruppo “Combattenti”.<br />

Il settimo e ottavo posto se lo sono aggiu<strong>di</strong>cati<br />

due gruppi della Val <strong>di</strong> Ledro con i carri “Assalto<br />

alla crisi” e “Angeli e demoni”.<br />

Tra i carri esterni ha avuto la meglio il gruppo del<br />

Bleggio con il suo “’80 voglia <strong>di</strong>sco… party” (981<br />

punti), a seguire “Mac come i fonc” dei ragazzi <strong>di</strong><br />

Zuclo e i “Maya-loni” del gruppo <strong>di</strong> Daone.<br />

Classifica a se stante, come sempre, quella dei gruppi<br />

mascherati, che quest’anno hanno visto un incremento<br />

<strong>di</strong> iscritti. I due gruppi mascherati storici<br />

si sono aggiu<strong>di</strong>cati i primi due posti in classifica. Il<br />

vincitore è stato “No castagne no party” con 660<br />

punti del gruppo de “Le fate nere” e il secondo<br />

“Cuori solitari” del simpatico gruppo “Car da l’Hermann”<br />

con 649 punti. Altro gruppo storese iscritto<br />

“Cuori solitari” del gruppo “Car da l’Hermann”, secondo<br />

classificato della categoria Gruppi mascherati<br />

58<br />

I Polenter da Stor<br />

quest’anno e quinto classificato: gruppo “Lebrac”<br />

con “Zumbagym da Stor”.<br />

La rassegna non ha quin<strong>di</strong> <strong>di</strong>satteso le aspettative<br />

della Proloco che da mesi lavorava per la buona<br />

riuscita della festa. Il numero <strong>di</strong> ingressi al teatro<br />

tenda e il numero <strong>di</strong> porzioni <strong>di</strong> polenta carbonera<br />

<strong>di</strong>stribuita ai visitatori dai “Polenter” hanno dato<br />

conferma <strong>di</strong> quanto il Gran Carnevale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> sia un<br />

evento tanto atteso e sentito da molti amanti delle<br />

feste in maschera.<br />

Da ringraziare oltre ai tanti volontari sono soprattutto<br />

coloro che hanno reso economicamente possibile<br />

tutto questo: gli sponsor.<br />

Un particolare ringraziamento anche a: <strong>Comune</strong> <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong>, Provincia Autonoma <strong>di</strong> Trento, Trentino Sviluppo,<br />

Cassa Rurale Giu<strong>di</strong>carie Valsabbia Paganella,<br />

Consorzio turistico Valle del Chiese, Bim del Chiese,<br />

Consorzio Elettrico <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

Sperando <strong>di</strong> aver sod<strong>di</strong>sfatto le aspettative dei partecipanti,<br />

la Proloco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> M2 coglie l’occasione<br />

<strong>di</strong> ringraziare le tante “new entry” <strong>di</strong> quest’anno e<br />

non solo, che hanno dato un grande aiuto nell’organizzazione<br />

e nell’allestimento.<br />

“Zumbagym da Stor” del gruppo “Lebrac”, quinto<br />

della categoria Gruppi mascherati


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Banda Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Concerto <strong>di</strong> Capodanno ed Eventi <strong>2013</strong><br />

Nella serata del primo gennaio <strong>2013</strong> al Centro Polivalente<br />

<strong>di</strong> Darzo erano presenti più <strong>di</strong> cinquecento<br />

persone per assistere al Concerto <strong>di</strong> Capodanno della<br />

Banda Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>. Nel suo <strong>di</strong>scorso il Presidente<br />

Paolo Zontini ha voluto ringraziare il Direttivo<br />

ed i ban<strong>di</strong>sti per l’impegno <strong>di</strong>mostrato nel corso<br />

dell’anno; l’ex maestro Marcello Rota, rimasto nel<br />

gruppo della Banda come ottimo suonatore; i numerosi<br />

sponsor che sostengono l’attività della Banda ed<br />

il nuovo maestro Andrea Romagnoli, primo storese<br />

a <strong>di</strong>rigere la Banda dopo l’era <strong>di</strong> Gianfranco Demadonna.<br />

Consueti il saluto del Sindaco del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong> cav. Vigilio Giovanelli e dell’Assessore alla Cultura<br />

Loretta Cavalli, la quale ha assegnato le medaglie<br />

per i 10 anni <strong>di</strong> attività ban<strong>di</strong>stica alla percussionista<br />

Mellissa Botticini, per i 20 anni al percussionista<br />

Denis Beltramolli e per i 30 anni ad Ivano Marotto al<br />

Basso Tuba. La serata è stata aperta, come da consuetu<strong>di</strong>ne,<br />

dalla Banda Giovanile <strong>di</strong>retta dal maestro<br />

Luca Zontini con l’esibizione <strong>di</strong> due <strong>di</strong>vertenti pezzi.<br />

Salutata la “Ban<strong>di</strong>na”, i riflettori si sono subito puntati<br />

sulla protagonista della serata, la Banda Sociale<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, guidata dal nuovo maestro Andrea Romagnoli<br />

che ha <strong>di</strong>mostrato grande grinta, passione e<br />

professionalità nel guidare il gruppo. Inutile ricordare<br />

quanto il Concerto <strong>di</strong> Capodanno sia frutto del<br />

lavoro e dell’impegno <strong>di</strong> almeno una cinquantina <strong>di</strong><br />

persone durante l’intero arco dell’anno, ed i complimenti<br />

ricevuti a fine serata non possono che far pia-<br />

Matteo Abatti con la Banda Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

cere ed incoraggiare<br />

a proseguire con immutata<br />

passione. Vari<br />

brani, introdotti dagli<br />

ormai storici presentatori<br />

Silvia Pasi ed<br />

Alessandro Zontini,<br />

si sono susseguiti<br />

in un’incalzante sequenza,<br />

spaziando da<br />

melo<strong>di</strong>che colonne<br />

sonore a pezzi più vivaci.<br />

Strepitose le esibizioni<br />

del cantautore<br />

Matteo Abatti con il<br />

brano “I don’t want to<br />

miss a thing” e con il<br />

a cura della Banda Sociale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Il maestro Andrea Romagnoli<br />

suo pezzo “Nella mia testa c’è”, arrangiato per banda<br />

da Giovanni Bruni. In occasione del grande Concerto<br />

<strong>di</strong> inizio anno, i suonatori hanno ringraziato tutti<br />

coloro che collaborano con la Banda e anticipato alcuni<br />

appuntamenti per il <strong>2013</strong>: l’inaugurazione della<br />

nuova Sede in data Domenica 19 Maggio; il Concertone<br />

delle Bande <strong>di</strong> Valle che si terrà a Praso il<br />

giorno Domenica 14 Luglio ed il Concerto d’Estate<br />

che si svolgerà a <strong>Storo</strong> in data Domenica 21 Luglio.<br />

Tra le varie attività vi è in programma un Grest Musicale<br />

che si terrà probabilmente verso fine giugno<br />

presso la “Colonia <strong>di</strong> Faserno”.<br />

59


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Coro Valchiese:<br />

gemellaggio in arrivo<br />

Il Coro Valchiese gode oggi <strong>di</strong> ottima salute. Nel 2012<br />

è stato protagonista in ben 24 concerti riscuotendo<br />

importanti riconoscimenti e successi. I più significativi<br />

sono stati: partecipazione a “Venezia in Coro”,<br />

evento organizzato dalla Federazione dei Cori del<br />

Veneto in collaborazione con quella trentina, “Sentir<br />

cantar nelle Corti” a Negrar (VR) su invito del Coro<br />

Coste Bianche, partecipazione alla manifestazione<br />

“A banda larga” tenutasi a Trento, “Cime Incantate” a<br />

Pinzolo con il Coro Presanella, a Gardone Valtrompia<br />

(BS) per una Rassegna organizzata dal Coro Inzino.<br />

Ha poi cantato a Ponte Caffaro, Con<strong>di</strong>no e Baitoni<br />

per le locali Sezioni degli Alpini, poi Darzo per la Sagra,<br />

Cimego e Lodrone per due concerti natalizi. Ha<br />

organizzato la tra<strong>di</strong>zionale “Rassegna <strong>di</strong> Primavera”<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e la “Rassegna Autunno in Coro” a Con<strong>di</strong>no<br />

e sempre in questi ultimi due paesi ha organizzato<br />

I componenti del Coro Valchiese<br />

60<br />

<strong>di</strong> Erich Radoani<br />

Presidente Coro Valchiese<br />

le “Armonie <strong>di</strong> Natale” ed il “Concerto <strong>di</strong> Santo Stefano”,<br />

eventi che ormai si possono considerare vere<br />

e proprie tra<strong>di</strong>zioni per i nostri comuni.<br />

L’intento del Coro Valchiese per il corrente anno è<br />

quello <strong>di</strong> ripetere lo straor<strong>di</strong>nario 2012. L’8 giugno<br />

organizzerà la 28^ Rassegna <strong>di</strong> Primavera che si terrà<br />

al Teatro dell’Oratorio con la partecipazione del<br />

Coro Montagne Mie <strong>di</strong> Chiuro (SO) ed il Coro Voci<br />

del Mincio da Volta Mantovana. Dal 21 al 23 giugno<br />

il nostro coro ospiterà la “Saengerverein <strong>di</strong> Oettingen”<br />

ed il gruppo folkloristico corale “Russt Wurst<br />

Saenger” sempre <strong>di</strong> Oettingen. Questo paese si trova<br />

150 km dopo Monaco <strong>di</strong> Baviera. Il primo incontro<br />

tra il nostro coro e la Saengerverein è avvenuto<br />

nel 2002 e da allora ci sono stati più incontri tra i<br />

due sodalizi generando un’amicizia che si può <strong>di</strong>re


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

La consueta Rassegna <strong>di</strong> Primavera<br />

“fraterna”. Due anni fa siamo stati da loro ottenendo<br />

un’accoglienza a <strong>di</strong>r poco trionfale anche da parte<br />

della locale amministrazione comunale, sentendoci<br />

<strong>di</strong>re più volte che questo è un “gemellaggio” che<br />

funziona assai bene. Per sabato 22 giugno alle ore<br />

21.00 si terrà una serata concerto in Piazza Europa,<br />

tempo permettendo, con qualche canto del nostro<br />

coro e l’esibizione <strong>di</strong> queste due importanti associazioni.<br />

Durante la manifestazione sarà suggellato<br />

questo importante gemellaggio con la consegna <strong>di</strong><br />

targhe a tema con l’intervento della nostra amministrazione<br />

comunale.<br />

Merita un cenno particolare il nostro Maestro Dario<br />

Donati che quest’anno raggiunge l’importante traguardo<br />

dei 20 anni <strong>di</strong> <strong>di</strong>rezione del Coro Valchiese,<br />

<strong>di</strong>stinguendosi sempre per preparazione, serietà e<br />

professionalità. Non voglio <strong>di</strong>menticare i coristi che<br />

confermano un impegno sempre costante contribuendo<br />

in modo sicuramente decisivo alla crescita e<br />

al miglioramento della nostra associazione. Chiudo<br />

questo spazio che mi è stato concesso con un’anticipazione:<br />

vorremmo portare la Rassegna “Armonie<br />

<strong>di</strong> Natale” al 26 <strong>di</strong>cembre... comunque prima <strong>di</strong><br />

questa data c’è moltissima attività da svolgere.<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Chi desidera essere aggiornato sui programmi<br />

e sull’attività del coro può visitare il nuovo sito<br />

www.corovalchiese.com<br />

Coro Valchiese in esibizione<br />

61


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Esposizione <strong>di</strong> opere scultoree<br />

<strong>di</strong> Isidoro Zontini<br />

a cura <strong>di</strong> Loretta Cavalli<br />

Assessore alla cultura<br />

<strong>Storo</strong>,7 <strong>di</strong>cembre 2012<br />

In questo giorno, avrebbe festeggiato<br />

il proprio compleanno, Isidoro<br />

Zontini, nostro conosciuto e<br />

stimato compaesano, scomparso<br />

<strong>di</strong> recente pur essendo ancora<br />

giovane e <strong>di</strong>namico. Egli aveva<br />

in serbo un progetto: mostrare le<br />

sue opere scultoree al pubblico.<br />

Un sogno interrotto che la moglie<br />

Daniela ci ha proposto <strong>di</strong> concretizzare.<br />

La nostra amministrazione<br />

ha accolto in modo positivo<br />

questa richiesta mettendo a <strong>di</strong>posizione<br />

uno spazio all’interno<br />

della nostra Biblioteca Comunale<br />

Egi<strong>di</strong>o ­ anno 2009 ­ Scultura ­ h<br />

36 cm (legno <strong>di</strong> cirmolo)<br />

Statuina ­ anno 2010 ­ Scultura ­<br />

h 70 cm (legno <strong>di</strong> cirmolo)<br />

62<br />

e collaborando nelle operazioni<br />

<strong>di</strong> preparazione ed allestimento.<br />

L’inaugurazione <strong>di</strong> questa personale<br />

inauguratasi proprio il 7 <strong>di</strong>cembre<br />

u.s., ha rappresentato un<br />

momento importante <strong>di</strong> incontro<br />

tra amici, parenti, colleghi <strong>di</strong> lavoro<br />

che sono stati parte della<br />

vita <strong>di</strong> Isidoro ed ha coinvolto oltre<br />

alle istituzioni tutti coloro che<br />

hanno voluto conoscere la sua<br />

figura attraverso un percorso artistico<br />

ed interiore. Le sue sculture<br />

lignee hanno svelato un uomo<br />

garbato e sensibile che ha posto<br />

tutto al <strong>di</strong> sopra <strong>di</strong> sé. I messaggi<br />

Gufo ­ anno 2003 ­ Bassorilievo ­<br />

cm 70 x 34,5 (legno <strong>di</strong> tiglio)<br />

Natività ­ anno 2007 ­ Bassorilievo<br />

­ cm 90 x 79 (legno <strong>di</strong> tiglio)<br />

trasmessi sono chiari, senza contaminazioni<br />

e forzature, ispirati<br />

all’amore per la natura e legati ai<br />

luoghi dove ha intensamente vissuto,<br />

de<strong>di</strong>candosi agli altri e arricchendo<br />

il proprio essere.<br />

La rassegna è stata arricchita da<br />

un catalogo, curato anch’esso<br />

dalla moglie, <strong>di</strong>stribuito durante<br />

l’inaugurazione e nei giorni seguenti<br />

ai numerosi visitatori che<br />

hanno ammirato ed apprezzato le<br />

sue opere esposte fino alla metà<br />

<strong>di</strong> gennaio. Un’occasione per far<br />

vivere ancora un futuro ad Isidoro<br />

attraverso le proprie creazioni.<br />

Pannello ­ anno 2010 ­ Bassorilievo<br />

­ cm 85 x 35 (legno <strong>di</strong> tiglio)<br />

L’uomo e la montagna ­ anno<br />

2002 ­ h 121 cm (legno <strong>di</strong> cedro)


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Le iniziative estive del servizio bibliotecario<br />

valle del Chiese e del comune <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

a cura <strong>di</strong> Salvatore Poletti<br />

I 13 EVENTI MAGICI della VALLE DEL CHIESE<br />

Quanti mesi ci sono in un anno? naturalmente tre<strong>di</strong>ci!<br />

In Valle del Chiese quest’anno c’è un mese in più, 30 giorni per 13 eventi speciali, 13 occasioni uniche<br />

per scoprire l’anima rurale <strong>di</strong> questo angolo <strong>di</strong> Trentino.<br />

1° FEstA DI pRIMAVERA<br />

25-28 <strong>aprile</strong><br />

Il fine settimana che sa <strong>di</strong> primavera<br />

3° GIoCo nAtuRA<br />

22-23 giungo<br />

A caccia d’in<strong>di</strong>zi nell’incantevole Valle <strong>di</strong> Daone<br />

5° lA MAGIA DEl lAGo<br />

05-07 luglio<br />

Le notti magiche a Castel San Giovanni per un<br />

weekend da Fiaba<br />

7° spEEDRoCK<br />

20-21 luglio<br />

Outdoor a 360° in Valle <strong>di</strong> Daone<br />

9° DoC<br />

01 agosto<br />

Il cinema incontra il gusto a Forte Larino<br />

11° AltRotEMpo/pAEsAGGI ElEttRICI<br />

09-11 agosto<br />

Festival della storia<br />

lA MAGIA DEl lAGo<br />

Venerdì 5 luglio, ore 20<br />

Castel San Giovanni <strong>di</strong> Bondone<br />

una notte al castello<br />

Per i ragazzi dai 9 agli 11 anni<br />

(3/5 elementare max. n. 40)<br />

I ragazzi verranno accompagnati<br />

dai genitori al castello, parteciperanno<br />

ad un laboratorio per la<br />

13° MonDo ContADIno<br />

21-22 settembre<br />

Festival dell’enogastronomia rurale<br />

costruzione delle lanterne, ascolteranno<br />

storie <strong>di</strong> paura e leggende<br />

sui Lodron, dormiranno<br />

nel castello e il giorno seguente,<br />

dopo aver fatto colazione, torneranno<br />

a casa.<br />

Animatrici della notte Elisabetta<br />

Parisi dei Bandus <strong>di</strong> Riva del Garda,<br />

Barbara Balduzzi e Ilaria Anto-<br />

2° WEEKEnD 13 EuRo<br />

01-02 giugno<br />

Il fine settimana low cost per battere la crisi!<br />

4° sIMposIo DEl lEGno<br />

25-30 giugno<br />

Diventa un vero scultore del legno con i<br />

laboratori e workshop alla Scuola <strong>di</strong> Praso<br />

6° un FIuME DI sApoRI<br />

13-14 luglio<br />

La farina gialla <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> incontra trote e<br />

salmerini per una sfida a tutto gusto<br />

8° MonDo MAlGA<br />

26-28 luglio<br />

Hai mai dormito in una vera malga <strong>di</strong> montagna?<br />

10° I suonI DEllE DoloMItI<br />

07-08 agosto<br />

La musica tocca il cielo in Valle del Chiese<br />

12° FEstA DEl FuoCo E DEllE polEntE<br />

17-18 agosto<br />

La notte delle streghe nel borgo <strong>di</strong> Cimego<br />

nimi del gruppo Passpartù.<br />

Organizzazione Servizio bibliotecario<br />

valle del Chiese e comune<br />

<strong>di</strong> Bondone.<br />

un FIuME DI sApoRI<br />

Domenica 14 luglio, ore 20,30<br />

Parco Casa Soggiorno per Anziani<br />

<strong>di</strong> Strada<br />

63


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Parco Pieve, teatro <strong>di</strong> “Un fiume <strong>di</strong> sapori ­ cena con delitto”<br />

“la sentenza: un tribunale <strong>di</strong><br />

matti (cena con delitto)”<br />

Compagnia Anubi Squaw<br />

Siamo in un tribunale, una persona<br />

è accusata <strong>di</strong> omici<strong>di</strong>o e il<br />

pubblico che partecipa come<br />

Giuria avrà il <strong>di</strong>fficile compito, a<br />

<strong>di</strong>battimento concluso, <strong>di</strong> formulare<br />

la sentenza. Il caso è particolarmente<br />

<strong>di</strong>fficile, ma, del resto,<br />

anche negli autentici processi<br />

spesso ci si trova <strong>di</strong> fronte a testimoni<br />

reticenti o bugiar<strong>di</strong>, a prove<br />

costruite ad arte per in<strong>di</strong>rizzare o<br />

sviare le indagini, ad avvocati che<br />

praticano furbi giochetti per vincere<br />

la causa.<br />

Lo spettacolo è solo su prenotazione<br />

e con quota <strong>di</strong> partecipazione<br />

<strong>di</strong> € 25, comprensiva <strong>di</strong><br />

spettacolo e cena a base <strong>di</strong> antipasto,<br />

polenta e spiedo, dolce e<br />

caffè. Max 100 posti.<br />

Organizzazione Servizio bibliotecario<br />

valle del Chiese in collaborazione<br />

con il Circolo Culturale <strong>di</strong><br />

Strada.<br />

Il MonDo DEllE MAlGHE<br />

Sabato 27 luglio, ore 19<br />

Malga Vacil <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

una cena a lume <strong>di</strong> stella<br />

Aperitivo <strong>di</strong> benvenuto, cena con<br />

piatti tipici, leggere le stelle con<br />

racconti, narrazioni e musiche,<br />

viaggio tra le stelle con il gruppo<br />

<strong>di</strong> astrofili.<br />

Costo <strong>di</strong> € 15,00 per i soci CAI<br />

SAT ed € 18,00 per i non soci.<br />

(Max 80 persone).<br />

Organizzazione comune e CAI<br />

SAT <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

I suonI DEllE DoloMItI<br />

Mercoledì 7 agosto, ore 21<br />

64<br />

Parco della Casa aperta <strong>di</strong> Roncone<br />

Mi ritorni in mente: la musica <strong>di</strong><br />

Battisti per raccontare una storia<br />

d’amore<br />

“Il mio canto libero”, “La canzone<br />

del sole”, “E penso a te”, “Perchè<br />

no”, “Dieci ragazze”... e si potrebbe<br />

continuare all’infinito…<br />

Lucio Battisti ha saputo interpretare<br />

con intensità straor<strong>di</strong>naria le<br />

variegate tinte dell’amore e del<br />

quoti<strong>di</strong>ano, con una semplicità<br />

mai separata dalla profon<strong>di</strong>tà dei<br />

sentimenti.<br />

È forse per questo che ancora<br />

oggi le sue canzoni sono vive<br />

nella nostalgia dolce <strong>di</strong> uomini e<br />

donne, e cantate nelle notti d’estate<br />

da ragazzi e ragazze che mai<br />

hanno visto l’uomo Battisti ma<br />

che ritrovano nella sua musica<br />

le emozioni universali delle sto-<br />

rie d’amore uniche che ciascuno<br />

vive.<br />

Ma musica e le canzoni eseguite<br />

dal vivo, che dominano comunque<br />

la scena, sono affiancate da<br />

brevi recitazioni da pagine della<br />

letteratura che concorrono a raccontare<br />

frammenti <strong>di</strong> una storia<br />

d’amore para<strong>di</strong>gmatica, dall’incontro<br />

al corteggiamento, dalla<br />

passione alla gelosia, dall’abitu<strong>di</strong>ne<br />

al tra<strong>di</strong>mento, fino al ritorno...<br />

Organizzazione Servizio bibliotecario<br />

Valle del Chiese.<br />

Le iniziative fanno parte dei 13<br />

EVENTI MAGICI della VALLE DEL<br />

CHIESE, propostI dal Consorzio<br />

Turistico e dall’Ecomuseo della<br />

valle del Chiese. Le prenotazione<br />

alle serate del 5, del 14 e del 27<br />

luglio si effettuano nelle biblioteche<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, Pieve <strong>di</strong> Bono,<br />

Roncone, Bondone e presso il<br />

Consorzio Turistico della valle del<br />

Chiese.<br />

Le attività dei servizio bibliotecario<br />

valle del Chiese sono organizzate<br />

grazie al sostegno economico<br />

del BIM del Chiese, della Cassa<br />

Rurale Giu<strong>di</strong>carie Valsabbia Paganella<br />

e della Banca Valsabbina.<br />

Il Castello <strong>di</strong> San Giovanni dove si svolgerà “Una notte al Castello”


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

L’ospitalità è bella<br />

Alla Casa <strong>di</strong> Soggiorno per Anziani “Rosa dei Venti”<br />

<strong>di</strong> Co<strong>di</strong>no il 26 marzo si è svolta l’inaugurazione <strong>di</strong><br />

una mostra <strong>di</strong> opere pittoriche, acrilico su pannello,<br />

realizzate da un gruppo <strong>di</strong> ragazzi della Cooperativa<br />

Sociale “Il Bucaneve” <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>.<br />

Adriano, Fabio, Marco, Silvino e Simone, con tanta<br />

voglia <strong>di</strong> colorare, hanno portato a termine una ventina<br />

<strong>di</strong> opere aiutati dall’artista Franca Con<strong>di</strong>nelli,<br />

oltre alla collaborazione della volontaria Mara, che<br />

sono rimaste esposte nella struttura fino a Pasqua<br />

e che saranno esposte anche il 25 <strong>aprile</strong> alla festa<br />

“Sulle ali della libertà” all’Idroland <strong>di</strong> Baitoni.<br />

L’ospitalità della casa <strong>di</strong> soggiorno, il supporto del<br />

buon caffè <strong>di</strong> Denis e lo scambio <strong>di</strong> saluti con i vari<br />

ospiti, che incuriositi si fermavano a guardare e<br />

commentare, sono stati <strong>di</strong> grande stimolo per noi!<br />

L’inaugurazione è stata partecipata, i famigliari hanno<br />

apprezzato le opere ed il lavoro, non solo pittorico,<br />

svoltosi con i ragazzi che sperano <strong>di</strong> ripetere<br />

l’esperienza anche quest’anno!<br />

Ringraziamo per la <strong>di</strong>sponibilità e la gentilezza del<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

a cura <strong>di</strong> Michela<br />

presidente della “Rosa Dei Venti”, Matteo Radoani, il<br />

suo <strong>di</strong>scorso ci ha fatto capire come sia bello ospitare<br />

ed essere ospitati!<br />

Gli artisti in erba erano orgogliosi del risultato ottenuto<br />

e sinceramente lo sono anch’io!<br />

65


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Lavori socialmente utili all’interno<br />

delle strutture per anziani<br />

Nella primavera del 2010, il <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> decise<br />

<strong>di</strong> ampliare il progetto (Azione 10) legato agli<br />

“interventi <strong>di</strong> politica del Lavoro triennio 2008-<br />

2010” oltre che per le sole attività definite <strong>di</strong> “abbellimento<br />

urbano”, anche verso le attività legate al<br />

settore sociale. Ha investito nel sociale attraverso il<br />

finanziamento <strong>di</strong> progetto per “l’impiego <strong>di</strong> manodopera<br />

per interventi <strong>di</strong> particolari servizi ausiliari <strong>di</strong><br />

tipo sociale a carattere temporaneo, compatibili con<br />

il grado <strong>di</strong> debolezza o svantaggio del lavoratore,<br />

o particolari servizi necessari per il recupero del lavoratore”.<br />

Attraverso questa strategia si sono potute<br />

“aiutare” persone <strong>di</strong>soccupate residenti nel nostro<br />

territorio e fornire un’assistenza suppletiva a persone<br />

svantaggiate, ricoverate in strutture residenziali<br />

per anziani, per rispondere alle molteplici esigenze.<br />

Festa dell’Intervento<br />

66<br />

a cura <strong>di</strong> rag. Angela Collotta, Presidente<br />

e <strong>di</strong> dott.ssa Francesca Braghetto, Direttore<br />

La prima Casa ospitante questa tipologia <strong>di</strong> intervento<br />

è stata l’A.P.S.P. “Villa San Lorenzo” che vide<br />

la presenza <strong>di</strong> 4 lavoratori, 1 a tempo pieno e 3 a<br />

part-time. Il progetto prevedeva una serie <strong>di</strong> attività<br />

<strong>di</strong> supporto alle attività quoti<strong>di</strong>ane.<br />

L’amministrazione <strong>di</strong> Villa San Lorenzo ha accolto<br />

prontamente l’opportunità che le veniva offerta.<br />

Dopo un avvio all’insegna dell’incertezza sulle competenze<br />

da attribuire, per non incorrere in conflitti<br />

procedurali e normativi, in collaborazione con la<br />

cooperativa Lavoro, si è trovato un adeguato spazio<br />

<strong>di</strong> azione all’interno del servizio <strong>di</strong> sorveglianza e accompagnamento<br />

degli ospiti.<br />

I nuovi lavoratori hanno <strong>di</strong>mostrato motivazione<br />

e spirito <strong>di</strong> adattamento nei confronti della nuova<br />

esperienza lavorativa.<br />

Non possedendo competenze professionali specifiche,<br />

gli operatori hanno collaborato alle attività <strong>di</strong><br />

animazione, hanno rinforzato l’opera <strong>di</strong> sorveglianza<br />

nei confronti <strong>di</strong> ospiti deambulanti ma <strong>di</strong>sorientati,<br />

hanno instaurato rapporti interpersonali per favorire<br />

la socializzazione <strong>di</strong> ospiti particolarmente soli o tristi,<br />

hanno svolto piccole commissioni per sod<strong>di</strong>sfare<br />

i desideri e le necessità degli ospiti…<br />

In un primo momento, come già detto, non erano<br />

chiare le loro competenze e vi era il timore che la<br />

loro presenza “temporanea” mo<strong>di</strong>ficasse i delicati<br />

Si pelano le castagne


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

equilibri fra <strong>di</strong>pendenti della Casa, familiari e volontari.<br />

Dopo il necessario periodo <strong>di</strong> “rodaggio” e la<br />

conoscenza reciproca, si è venuto a creare un nuovo<br />

equilibrio molto più ricco <strong>di</strong> presenze e <strong>di</strong> storie<br />

umane.<br />

I <strong>di</strong>pendenti della’Azienda hanno saputo valorizzare<br />

l’aiuto offerto dai nuovi “colleghi” e anche il volontariato,<br />

sempre attivo e presente, ha apprezzato l’integrazione<br />

creatasi.<br />

Durante il periodo <strong>di</strong> “assenza” dalla A.P.S.P. Villa<br />

San Lorenzo, da <strong>di</strong>cembre 2010 ad <strong>aprile</strong> 2011,<br />

tutti hanno sentito la mancanza del gruppo <strong>di</strong> Azione<br />

10: gli ospiti chiedevano dove erano finite le 4<br />

signore che avevano imparato<br />

a riconoscere ed apprezzare;<br />

gli operatori sentivano <strong>di</strong> non<br />

essere sufficienti in particolare<br />

nei compiti <strong>di</strong> sorveglianza<br />

e assistenza alla deambulazione;<br />

le animatrici erano in<br />

qualche modo limitate nelle<br />

proposte alternative a sottogruppi<br />

<strong>di</strong> ospiti perché tali<br />

attività richiedevano compresenze.<br />

Per sopperire in qualche<br />

modo a questa delicata<br />

fase, il volontariato ha dato<br />

tutto il meglio <strong>di</strong> sé garantendo<br />

la presenza nei fine settimana,<br />

giornate meno presi<strong>di</strong>ate<br />

dal servizio animazione<br />

istituzionale, anche a costo<br />

<strong>di</strong> un superlavoro purché a<br />

termine; l’Amministrazione,<br />

dal canto suo, ha dovuto integrare<br />

turni e presenze con un<br />

surplus <strong>di</strong> spesa.<br />

Nel 2011 il comune <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

ha voluto ampliare questo<br />

tipo <strong>di</strong> intervento che ha visto<br />

I festeggiamenti per Caterina Gnosini<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

coinvolte 22 persone. Pertanto, oltre alla collaborazione<br />

con l’A.P.S.P. “ Villa San Lorenzo” <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, i<br />

lavoratori sono stati inseriti anche presso le strutture<br />

<strong>di</strong> Con<strong>di</strong>no “Rosa dei Venti” e Pieve <strong>di</strong> Bono “ Padre<br />

Odone Nicolini”. (6 lavoratori a <strong>Storo</strong>, 6 a Con<strong>di</strong>no,<br />

8 a Pieve <strong>di</strong> Bono. I due lavoratori rimasti hanno<br />

svolto la loro attività sul territorio).<br />

Da quel momento in poi, il progetto è definito sovra<br />

comunale perché vede il coinvolgimento dei tre<br />

comuni <strong>Storo</strong>, Con<strong>di</strong>no e Brione (<strong>di</strong> cui <strong>Storo</strong> è capofila).<br />

Nel 2012 le persone coinvolte complessivamente<br />

sono state 22: nella struttura <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> 7 persone, a<br />

Con<strong>di</strong>no 4 persone e a Pieve <strong>di</strong> Bono 8. Sul territorio<br />

sono state coinvolte 3 persone. Da ora il progetto<br />

si chiama “Intervento 19”, ma al <strong>di</strong> là del nome<br />

quello che rimane sono i lavoratori interessati, con<br />

i loro volti, i loro nomi, la <strong>di</strong>sponibilità e il desiderio<br />

<strong>di</strong> mettersi al servizio <strong>di</strong> chi anziano o debole ha<br />

bisogno <strong>di</strong> attenzione particolare.<br />

Per l’anno 2011 e 2012, soprattutto per quanto riguarda<br />

la parte legata al progetto definito “sociale”,<br />

è stato importante anche il contributo economico<br />

del Bim del Chiese.<br />

Verificata la “Bontà” del progetto, la sod<strong>di</strong>sfazione<br />

degli anziani e delle Amministrazioni coinvolte, il<br />

Sindaco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, in questi giorni, ha confermato la<br />

fattibilità del progetto anche per il <strong>2013</strong>.<br />

67


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Circolo pensionati dei voi<br />

TESSERAMENTO. Col primo gennaio <strong>2013</strong> si sono<br />

aperte le adesioni al Circolo per l’anno sociale <strong>2013</strong>.<br />

Lo Statuto stabilisce che possono essere SOCI:<br />

“tutti i pensionati o comunque tutte le persone anziane<br />

<strong>di</strong> ambo i sessi che abbiano raggiunto l’età<br />

pensionabile… - Sono ammesse deroghe: - per il<br />

coniuge che non ha raggiunto detta età qualora l’altro<br />

coniuge abbia i requisiti per essere Socio del Circolo…<br />

per i collaboratori che prestano la loro opera<br />

gratuita a beneficio del Circolo”.<br />

A marzo <strong>2013</strong> i Soci sono già 280 e vorremmo coinvolgere<br />

nuovi amici. Quin<strong>di</strong>, gli interessati potranno<br />

<strong>di</strong> seguito scoprire <strong>di</strong> più sulla attività del nostro circolo.<br />

SCOPI E FINALITÀ: “Il Circolo è una Associazione <strong>di</strong><br />

promozione sociale i cui scopi non lucrativi sono…<br />

Assemblea 2 <strong>di</strong>cembre 2012<br />

68<br />

a cura <strong>di</strong> Gianni Cortella<br />

la promozione <strong>di</strong> iniziative sociali, culturali, ricreative,<br />

assistenziali, turistiche e sportive a favore dei<br />

propri Soci…”<br />

La tessera annuale, del costo <strong>di</strong> € 10,00 - dà <strong>di</strong>ritto<br />

a partecipare alla vita del Circolo ed alle iniziative<br />

presentate nel programma annuale consegnato al<br />

momento del tesseramento. All’interno <strong>di</strong> queste<br />

proposte ogni Socio sceglie <strong>di</strong> aderire a quella o a<br />

quelle che più si avvicinano alla propria sensibilità<br />

o gra<strong>di</strong>mento ed inoltre è invitato a dare il proprio<br />

contributo <strong>di</strong> collaborazione e <strong>di</strong> portare nuove idee.<br />

OCCASIONI <strong>di</strong> AGGREGAZIONE. Il nostro Circolo<br />

si preoccupa anzitutto <strong>di</strong> creare momenti <strong>di</strong> incontro<br />

e <strong>di</strong> amicizia.<br />

Ad oggi risulta che l’obiettivo principale sia stato<br />

raggiunto visto il numero sempre crescente <strong>di</strong> co-


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

loro che lo frequentano regolarmente nei giorni <strong>di</strong><br />

apertura settimanale che sono:<br />

GIOVEDÌ, SABATO E DOMENICA dalle 20.00 alle<br />

23.00 e alla DOMENICA anche dalle 14.00 alle<br />

18.00. In sede è possibile de<strong>di</strong>carsi al gioco delle<br />

carte, della tombola, seguire le partite <strong>di</strong> calcio in<br />

compagnia davanti al televisore o semplicemente<br />

scambiarsi quattro chiacchiere a mo’ <strong>di</strong> filò nella saletta<br />

apposita.<br />

IN ALCUNI MARTEDÌ alle ore 20.30 sono previsti<br />

incontri culturali per approfon<strong>di</strong>re la conoscenza<br />

della nostra storia e del nostro territorio.<br />

Dal 2012 viene offerta anche la possibilità <strong>di</strong> partecipare<br />

alla stagione teatrale a Trento.<br />

- Gite fissate per il <strong>2013</strong>: tour sulla Costa Amalfitana,<br />

visita in Valle d’Aosta<br />

- Partecipare alle ricorrenze fisse quali: Assemblea<br />

generale dei Soci, festa <strong>di</strong> inizio (settembre) e chiusura<br />

attività (luglio), Raduno Circoli Provinciali.<br />

- Interventi nel sociale: collaborazione con le Scuole,<br />

con l’Amministrazione comunale, con la Pro loco<br />

e con altre associazioni che chiedono un aiuto per<br />

manifestazioni d’ogni genere.<br />

I NOSTRI ANZIANI AL CENTRO DELLA COMUNITÀ<br />

Il nostro Circolo nel lontano 2006 aveva avvertito il<br />

bisogno <strong>di</strong> istituire la FESTA DEGLI OTTANTENNI. Ci<br />

risultava infatti che in tutti i Comuni circostanti, ogni<br />

anno venisse organizzata la Festa degli anziani. Solo<br />

in <strong>Storo</strong> capoluogo nessuno aveva pensato a creare<br />

una giornata a loro de<strong>di</strong>cata. Il nostro Circolo, sensibile<br />

alla presenza in paese <strong>di</strong> tante persone che desiderano<br />

una occasione <strong>di</strong> incontro e <strong>di</strong> festa a loro<br />

riservata, ha pensato bene <strong>di</strong> farsi carico <strong>di</strong> questa<br />

iniziativa assumendosi in toto l’organizzazione ed i<br />

costi conseguenti.<br />

Ottantenni nel 2006<br />

Il coro da poco costituito<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

La partecipazione alla prima festa fu <strong>di</strong> 19 ospiti coraggiosi<br />

perché accettarono una nuova esperienza e<br />

si fidarono del Circolo.<br />

SVILUPPO DELL’INIZIATIVA<br />

A partire dal 2008 si comincia a mo<strong>di</strong>ficare ra<strong>di</strong>calmente<br />

la proposta. Il Direttivo prese in mano la celebrazione<br />

dell’intera festa non più ridotta al solo<br />

pranzo, ma si pensa all’opportunità <strong>di</strong> raggiungere<br />

tutti gli anziani residenti nel capoluogo sia nelle loro<br />

abitazioni che nelle Case <strong>di</strong> Riposo ed inserire nella<br />

giornata la partecipazione alla messa <strong>di</strong> ringraziamento<br />

per il traguardo raggiunto.<br />

Viene così preparata una lettera contenente gli auguri<br />

<strong>di</strong> Buon Natale e felice Anno Nuovo. Viene in<br />

essa rivolto un sincero ringraziamento per il contributo<br />

<strong>di</strong> lavoro e sacrificio che i nostri nonni hanno<br />

saputo offrire alla comunità nel passato, per migliorare<br />

le con<strong>di</strong>zioni <strong>di</strong> vita nella nostra borgata, e viene<br />

riba<strong>di</strong>ta la conferma che i Soci e Socie del Circolo<br />

si ricordano <strong>di</strong> loro e sono loro vicini con stima e<br />

simpatia.<br />

Così per il 16 <strong>di</strong>cembre 2012, un<strong>di</strong>ci Socie del Circolo,<br />

si <strong>di</strong>chiarano <strong>di</strong>sponibili a recapitare personalmente<br />

a ciascuna persona in in<strong>di</strong>rizzo, la lettera con<br />

l’invito, il programma ed un testo del farmacista (lettera<br />

ad Ugo) che esalta l’amore a <strong>Storo</strong>.<br />

Le risposte sono lusinghiere: dei 172 invitati, parecchi<br />

si ritrovano in Chiesa per la messa e ben 65 “Ottantenni<br />

ed oltre” partecipano anche al pranzo.<br />

Durante il pranzo viene proiettato il filmato realizzato<br />

da Paolo Capelli nel 2011 e che documenta<br />

l’incontro con l’Arcivescovo mons. Luigi Bressan che<br />

ha voluto essere con noi sia nella celebrazione della<br />

Messa che a pranzo e si è intrattenuto con ogni<br />

ospite per un saluto personale. Questa sua presenza<br />

è stata molto apprezzata dal Direttivo che dagli<br />

ospiti i quali hanno così commentato: “Allora siamo<br />

importanti anche noi!”, oppure “Ho avuto la fortuna<br />

69


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

<strong>di</strong> stringergli la mano e parlargli personalmente!” e<br />

grande è stata la sorpresa e la gioia!<br />

L’intera giornata ha rivelato inoltre commozione e<br />

felicità nel poter ritrovarsi fra amici, trascorrere nella<br />

serenità, cantare canzoni <strong>di</strong> un tempo e sentire<br />

alcune poesie del vecchio spesial. A fine pranzo -<br />

come ormai da anni è consuetu<strong>di</strong>ne gra<strong>di</strong>ta - vengono<br />

scattate parecchie foto ricordo.<br />

In questi ultimi anni ci siamo resi conto, attraverso<br />

l’esperienza delle visite e dei colloqui avuti, che<br />

meritano una particolare attenzione specialmente<br />

coloro che vivono in casa e solo raramente o mai<br />

possono uscire a causa degli acciacchi dell’età o per<br />

malattia.<br />

Da parte soprattutto <strong>di</strong> questi “esiliati” ci sono pervenute<br />

lettere e ringraziamenti perché si sentono<br />

partecipi <strong>di</strong> una famiglia allargata. Siamo convinti<br />

che per la maggior parte degli anziani è importante<br />

poter uscire <strong>di</strong> casa, incontrarsi con gli altri che<br />

hanno gli stessi nostri desideri, la voglia <strong>di</strong> riscoprire<br />

il calore <strong>di</strong> un abbraccio, la gioia dello stare insieme,<br />

in una gran festa dell’intera comunità, fra persone<br />

che si aiutano a vicenda e si incoraggiano nel<br />

cammino talvolta <strong>di</strong>fficile della vita. Ecco perché da<br />

quest’anno il Circolo sta pensando <strong>di</strong> aumentare le<br />

occasioni <strong>di</strong> incontro in collaborazione con numerose<br />

persone che già si sono <strong>di</strong>chiarate <strong>di</strong>sponibili per<br />

questi gesti <strong>di</strong> solidarietà.<br />

GRAZIE A TANTI NONNI. Penso doveroso ringraziare<br />

i sempre più numerosi nonni che sono impegnati<br />

a custo<strong>di</strong>re i nipoti. Basta girare per il paese,<br />

(ora che atten<strong>di</strong>amo la bella stagione), passare nei<br />

pressi della scuola materna ed elementare, del parco<br />

giochi, della chiesa (se aperta), o del cimitero e<br />

quant’altro, per scoprire con quanta premura queste<br />

persone eccezionali custo<strong>di</strong>scono amorevolmente<br />

questi piccoli mentre i loro genitori sono impegnati<br />

nel lavoro per l’intera giornata.<br />

Solo alla sera alcuni <strong>di</strong> questi meravigliosi nonni,<br />

dopo una giornata <strong>di</strong> grande impegno e de<strong>di</strong>zione,<br />

ricca <strong>di</strong> forti emozioni e preoccupazioni, desiderano<br />

rilassarsi per qualche ora frequentando il Circolo<br />

per incontrare amici o coetanei in un ambiente accogliente<br />

e tranquillo.<br />

“GRANAI DELLA MEMORIA”. L’esperienza fatta<br />

tramite il progetto propostoci dall’Assessore alla cultura<br />

sig. Loretta Cavalli, ci ha permesso <strong>di</strong> incontrare<br />

tanti anziani che desiderano <strong>di</strong>alogare, incontrarsi,<br />

raccontare il proprio vissuto. Quante storie vere,<br />

quante notizie interessanti, quanta amicizia cercata<br />

e goduta!<br />

Per integrare le interviste e le testimonianze raccolte,<br />

abbiamo chiesto - fra l’altro - la collaborazione<br />

70<br />

<strong>di</strong> Socie e Soci che amano cantare. Da questi si è<br />

formato un gruppo allargato <strong>di</strong> amici che è veramente<br />

lieto <strong>di</strong> poter collaborare sia al progetto “Granai<br />

della memoria” che ad altre iniziative quali ad<br />

esempio l’animazione presso le Case <strong>di</strong> Riposo <strong>di</strong><br />

<strong>Storo</strong> e Con<strong>di</strong>no, il progetto “Malghe aperte” o altre<br />

richieste già in cantiere.<br />

Gra<strong>di</strong>remmo trovare, accanto agli attuali Soci,<br />

persone nuove che portino idee innovative e<br />

collaborino fra il resto nella raccolta e catalogazione<br />

<strong>di</strong> fotografie “storiche” o incrementino<br />

anche il bel canto nelle nostre serate e nelle feste<br />

che allietano la vita del Circolo.<br />

Chi desidera avere informazioni sulla nostra vita,<br />

sulle attività, sullo statuto o sull’intero programma<br />

<strong>2013</strong> ed altro, le può trovare<br />

- sul nostro sito: www.Circolo Pensionati <strong>Storo</strong><br />

- collegandosi con noi all’in<strong>di</strong>rizzo circolodeivoi@<br />

ce<strong>di</strong>snet.it<br />

- visitando la Sede in Piazza Fiorindo Malfer, 108 -<br />

<strong>Storo</strong><br />

I nostRI CoMplIMEntI!!<br />

Rinnoviamo i nostri complimenti alla concitta<strong>di</strong>na,<br />

signora Marina Zinelli, scrittrice <strong>di</strong> racconti<br />

ispirati al nostro mondo rurale. Il giorno 28<br />

febbraio Ra<strong>di</strong>o Dolomiti ha trasmesso una sua<br />

novella intitolata: “L’ABETE SOLITARIO” e numerosi<br />

sono stati gli ascoltatori della nostra comunità<br />

che hanno avuto il piacere <strong>di</strong> avvicinarsi e<br />

conoscere la signora Zinelli in veste <strong>di</strong> scrittrice.<br />

Auguri da tutti noi affinché trovi anche in futuro<br />

sod<strong>di</strong>sfazioni da questa sua passione.


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

La Società Americana <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> e la sostituzione<br />

del monumento commemorativo<br />

Nel lontano 1960, la Società Americana <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>,<br />

mossa dalla volontà <strong>di</strong> ricordare tutti gli emigrati defunti,<br />

<strong>di</strong>ede l’incarico <strong>di</strong> costruire un’insegna rappresentante<br />

una nave, bardata <strong>di</strong> allori e illuminazioni.<br />

L’insegna venne posizionata nel vialetto all’entrata<br />

del cimitero <strong>di</strong> S. Andrea a <strong>Storo</strong> e, con il tempo, è<br />

<strong>di</strong>venuta per la gente un monumento per il ricordo<br />

<strong>di</strong> tutti i defunti, emigrati della Società e non.<br />

Il monumento negli ultimi anni appariva oramai<br />

usurato dal tempo e presentava parecchie lacerazioni,<br />

tanto da renderlo esteticamente fatiscente e<br />

non più sicuro.<br />

Verso la fine del 2010, la Società ha dunque deciso<br />

<strong>di</strong> rinnovarlo con una intelaiatura nuova.<br />

Passati più <strong>di</strong> due anni e, come già annunciato<br />

nell’articolo apparso sul bollettino comunale del<br />

mese <strong>di</strong> Dicembre 2012, grazie ai contributi raccolti,<br />

all’impegno messo a <strong>di</strong>sposizione dal <strong>di</strong>rettivo e da<br />

alcuni soci, e grazie alla collaborazione stretta con<br />

le <strong>di</strong>tte private che hanno partecipato alla realizzazione<br />

del Monumento, siamo riusciti a riposizionare<br />

L’OPERA finita il giorno 19 Marzo <strong>2013</strong>, festa solenne<br />

<strong>di</strong> S. Giuseppe.<br />

Il nuovo monumento, costruito e illuminato con le<br />

ultime tecnologie, accoglie nuovamente chi va a<br />

pregare i propri cari, e apprezzandolo, Vi invitiamo<br />

a porgere un pensiero a quegli emigranti che oggi<br />

non ci sono più.<br />

a cura del Direttivo<br />

71


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

La stagione della pesca è aperta<br />

I soci dell’Associazione Pescatori Dilettanti <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> si<br />

sono ritrovati per programmare l’apertura del nuovo<br />

anno e decidere le date delle gare per il <strong>2013</strong>.<br />

L’anno appena terminato si è chiuso con un calo dei<br />

permessi d’ospite che non poco ha intimorito l’amministrazione<br />

e <strong>di</strong> conseguenza le entrate sono <strong>di</strong>minuite<br />

ed è così stato più <strong>di</strong>fficile gestire il bilancio.<br />

L’apertura della prossima stagione è stata fissata per<br />

domenica 17 febbraio e terminerà in acque correnti<br />

il 30 settembre e nei tre laghetti del territorio il 3<br />

ottobre.<br />

Il costo del permesso annuale è fissato a Euro 80,00<br />

per tutti i residenti in Trentino con sconto a Euro<br />

40,00 per i bambini fino ai 12 anni.<br />

Il permesso giornaliero è <strong>di</strong> Euro 12,00.<br />

Nel <strong>2013</strong> si svolgeranno 4 gare in 3 <strong>di</strong>versi tipi <strong>di</strong> acqua.<br />

La prima nel Rio Lora il 7 <strong>aprile</strong> e sarà una gara<br />

a coppie in acqua corrente, la seconda e la terza nel<br />

laghetto Roversella il 21 <strong>aprile</strong> e il 05 maggio e la<br />

quarta e ultima gara nel laghetto Greggi il 26 maggio<br />

de<strong>di</strong>cata alla pesca al trotone (trota gigante) al<br />

termine della quale seguirà polenta carbonera per<br />

tutti i partecipanti.<br />

La <strong>di</strong>rezione spera in una buona partecipazione alle<br />

gare e in un aumento dei permessi d’ospite, ricordando<br />

le ottime catture della stagione appena terminata.<br />

Per le iscrizioni:<br />

DARZO: Caffè alla Vecchia Posta, Piccinelli Basilio<br />

STORO: Bar Pergola, Monduzzi Marco, Foto Sai<br />

LODRONE: Bar Conventino, Bar Peter Pan<br />

PONTE CAFFARO: Alfio Bike Momenti della cena sociale<br />

La parola all’assessore allo sport Dario Luzzani<br />

72<br />

<strong>di</strong> Basilio Piccinelli<br />

segretario della Associazione Pescatori DS<br />

La parola al segretario Basilio Piccinelli, sulla sinistra<br />

il presidente Giusto Cadamuro


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

In longboard ai 90 all’ora<br />

sulle strade delle Alpi<br />

BREVE IntERVIstA Al MAGGIoR EsponEntE<br />

tREntIno DEl DoWnHIll sKAtEBoARDInG<br />

Ciao Fabiano! Come prima cosa, cos’è il longboard?<br />

Ciao! Il Longboard è una variante dello skateboard,<br />

la tavola è più lunga, con uno shape ben particolare,<br />

ruote <strong>di</strong> <strong>di</strong>mensioni più gran<strong>di</strong> e durezze inferiori<br />

per una maggiore aderenza sull’asfalto, montate<br />

su cuscinetti <strong>di</strong> alta precisione con doti <strong>di</strong> altissima<br />

scorrevolezza. I carrelli sono decisamente più larghi<br />

dei classici da skate, dotati <strong>di</strong> un movimento più<br />

ampio, per facilitarne le curve.<br />

Qual è la tua specialità?<br />

La <strong>di</strong>sciplina che pratico io si chiama Downhill Skateboar<strong>di</strong>ng,<br />

un mix <strong>di</strong> <strong>di</strong>namicità, velocità e adrenalina.<br />

Si tratta <strong>di</strong> <strong>di</strong>scese sullo skateboard, si svolge<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

su strade in <strong>di</strong>scesa possibilmente ben asfaltate. Le<br />

gare vengono svolte in tre fasi: la prima sono le classiche<br />

“prove libere”, con <strong>di</strong>scese <strong>di</strong> riscaldamento e<br />

stu<strong>di</strong>o del percorso. La seconda fase è la qualifica,<br />

dove ogni rider scende da solo e viene cronometrato<br />

per stabilire le successive griglie <strong>di</strong> partenza, la<br />

terza e ultima fase è a gironi eliminatori. Si scende<br />

quattro alla volta, i primi due passano il turno e il<br />

terzo e il quarto vengono eliminati, e via così fino ad<br />

arrivare ai quarti <strong>di</strong> finale, semifinale e finale.<br />

Che tipo <strong>di</strong> indumenti e protezioni si devono usare?<br />

In gara è sempre obbligatorio indossare una tuta <strong>di</strong><br />

pelle, come quella dei motociclisti, caschetto integrale<br />

e guanti.<br />

A che velocità si può arrivare con un longboard?<br />

Attualmente il record mon<strong>di</strong>ale è <strong>di</strong> circa 130 kmh,<br />

ma io sono arrivato solo ai 90… per ora!<br />

73


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

non hai paura a quelle velocità?<br />

Assolutamente no, l’adrenalina è talmente forte che<br />

mi fa <strong>di</strong>menticare la paura.<br />

Come fai a frenare?<br />

Questa è la domanda più classica, generalmente la<br />

prima che mi fa la gente!<br />

Beh, da spiegare a parole non è facile, ma in sé il<br />

concetto non è poi <strong>di</strong>fficile. In parole povere si frena<br />

come su uno snowboard, cioè mettendo la tavola<br />

<strong>di</strong> traverso frenando con l’attrito delle ruote, mentre<br />

per frenare poco magari all’ingresso <strong>di</strong> qualche<br />

curva, si fa “driftare” il retrotreno della tavola, come<br />

una derapata <strong>di</strong> una macchina da rally, oppure si<br />

frena appoggiando leggermente il piede sull’asfalto.<br />

È una manovra che si acquisisce e si affina con il<br />

tempo e l’esperienza, ma una volta imparata, ti permette<br />

<strong>di</strong> fare frenate persino brusche e imme<strong>di</strong>ate<br />

anche ad alta velocità in tutta sicurezza.<br />

Quando hai scoperto <strong>di</strong> avere questa passione?<br />

Ho scoperto il mondo del longboard nell’autunno<br />

2010, quando per passare il tempo con gli amici,<br />

mi ero costruito una specie <strong>di</strong> skateboard taglia XL.<br />

Arrivato poi al lago, un ragazzo vedendomi esclama:<br />

“Che bel longboard!”, ed io che fino a quel momento<br />

non avevo mai sentito quel termine mi sono incuriosito<br />

e ho cercato un po’ nel web. Mi è bastato<br />

vedere pochi secon<strong>di</strong> <strong>di</strong> un video per farmi perdere<br />

la testa.<br />

Chi ti ha insegnato poi ad andare con queste tavole?<br />

Assolutamente nessuno, auto<strong>di</strong>datta al 100%! Rubacchiavo<br />

le tecniche e i segreti un po’ qua e un po’<br />

là, guardando i video dei riders americani o osservando<br />

i ragazzi che lo praticavano da prima <strong>di</strong> me, e<br />

il resto sono stati tentativi su tentativi.<br />

E da lì?<br />

Nell’estate 2011 ho cominciato a giraracchiare un<br />

po’ per i vari eventi e gare in giro per l’Italia, conoscendo<br />

ancor meglio questa <strong>di</strong>sciplina. In quella<br />

2012 il mio livello si era letteralmente alzato, così<br />

ho debuttato nelle singole gare sparse per il paese<br />

e nel corto Campionato Italiano (solo tre tappe<br />

valide), dove a sorpresa ho collezionato due ottimi<br />

quinti posti nelle prime due gare, sbagliando peraltro<br />

l’ultima curva <strong>di</strong> entrambe le semifinali mentre<br />

ero in testa (inesperienza...). Ai primi <strong>di</strong> luglio però,<br />

un infortunio in allenamento, mi ha tolto la possibilità<br />

<strong>di</strong> correre per un mese e <strong>di</strong> conseguenza non<br />

ho potuto partecipare all’ultima tappa, perdendo<br />

quin<strong>di</strong> l’occasione <strong>di</strong> insi<strong>di</strong>are i primi posti. Il mio<br />

Campionato Nazionale si è chiuso con un sesto po-<br />

74<br />

sto, con <strong>di</strong>screta sod<strong>di</strong>sfazione e qualche rimpianto.<br />

Ad agosto ho poi partecipato a una tappa <strong>di</strong> coppa<br />

del mondo a Teolo (PD), ma la mia caviglia infortunata<br />

ancora faceva capricci, tanto che il risultato<br />

non è stato troppo sod<strong>di</strong>sfacente, solo settimo tra<br />

gli italiani.<br />

E fuori dall’ambiente agonistico?<br />

Alla fine della scorsa stagione ho creato l’Alpine<br />

Swarm Team, squadra <strong>di</strong> soli rider trentini, dove per<br />

ora militiamo solo in quattro, ma vedendo come si<br />

sta sviluppando e <strong>di</strong>ffondendo questo sport c’è l’alta<br />

probabilità che il gruppo si allargherà in non troppo<br />

tempo. Siamo “sponsorizzati”, o meglio, supportati<br />

dal negozio “The Shop” <strong>di</strong> Riva del Garda e corriamo<br />

con tavole EffeSette Longboards. Quest’ultime, che<br />

ci cre<strong>di</strong>ate o no, sono <strong>di</strong> provenienza storese; sono<br />

tavole che sviluppo e costruisco io, ormai da un paio<br />

<strong>di</strong> stagioni. Si sono rivelate tavole molto molto efficienti<br />

e molto ambite da non pochi riders.<br />

Mi sembra quin<strong>di</strong> <strong>di</strong> capire che questo sport ti<br />

abbia cambiato la vita...<br />

Decisamente sì, mi ha permesso <strong>di</strong> conoscere davvero<br />

tanti ragazzi con la mia stessa passione, e <strong>di</strong> girare<br />

l’Italia in lungo e in largo in loro compagnia. Ho<br />

skateato su alcune tra le più belle strade del paese,


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

dai passi dolomitici agli appennini tosco emiliani, e<br />

nel giro <strong>di</strong> due anni ho partecipato a eventi <strong>di</strong> livello<br />

internazionale come il KNK Longboard Camp in<br />

Slovenia e il Gioasteka in Svizzera, eventi dove per<br />

3-5 giorni c’è la possibilità <strong>di</strong> correre su una strada<br />

chiusa, con furgoni per la risalita e ragazzi da tutta<br />

Europa che skateano fino a sera. Un para<strong>di</strong>so... e<br />

sono anche ottime occasioni per allenarsi.<br />

Ti alleni anche su strade aperte al traffico?<br />

Ecco, qui si tocca un tasto dolente...<br />

Allenarsi non è facile, poiché scendere su strade<br />

trafficate non è prudente, quin<strong>di</strong> cerco <strong>di</strong> trovare<br />

sempre stra<strong>di</strong>ne <strong>di</strong> montagna con pochissimo passaggio<br />

<strong>di</strong> macchine, o si esce alle prime ore dell’alba,<br />

quando il mondo ancora dorme! Meno problemi<br />

crei alla gente, e meno ne creano a te.<br />

A tal proposito, com’è il rapporto con la gente?<br />

Beh, più o meno come in tutte le altre cose, alcuni<br />

la pensano in positivo, e altri in negativo. Quando<br />

ti vedono scendere, alcuni sbarrano gli occhi, rimanendo<br />

piacevolmente stupiti, alcuni t’incitano, e altri<br />

t’insultano... È normale! Per alcuni sei un mito e per<br />

altri un cretino.<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

E per i tuoi genitori cosa sei?<br />

Hahaha!! Che brutta domanda!! Diciamo che la<br />

mamma non è molto entusiasta, come ogni mamma<br />

è un po’ preoccupata, evita <strong>di</strong> guardare qualsiasi<br />

mio video o qualsiasi mia gara, si rifiuta, e onestamente<br />

va bene così, mentre mio padre è abbastanza<br />

preso da quello che faccio, si <strong>di</strong>verte a guardare i<br />

miei video e le foto. Ai primi tempi mi chiamava <strong>di</strong>cendomi:<br />

“Come stai? Tutto bene? Ti sei fatto male?<br />

Vai piano e stai attento!”, mentre ora quando mi<br />

chiama la prima cosa mi chiede è: “Com’è andata la<br />

gara?” e poi “Devi essere più veloce!!”. Mi fa morire!!<br />

programmi per la stagione <strong>2013</strong>?<br />

I programmi per quest’estate sono ghiotti. Innanzitutto<br />

voglio correre il Campionato Italiano dando il<br />

meglio <strong>di</strong> me, cercando <strong>di</strong> rimanere tra i primi “top<br />

5” nel ranking nazionale, e perché no, sicuramente<br />

puntare al po<strong>di</strong>o, poi c’è la concreta idea <strong>di</strong> fare alcune<br />

tappe dell’Europeo, certamente non per il risultato<br />

(all’estero il livello è pazzesco) ma per correre a<br />

fianco dei migliori riders del mondo e fare esperienza.<br />

Due <strong>di</strong> queste tappe saranno sicuramente quelle<br />

che si svolgeranno a Kozakov (Rep. Ceca) e Peyragudes<br />

(Spagna), che sono le due tappe più toste e<br />

spettacolari <strong>di</strong> tutto il circuito europeo.<br />

Se volessimo saperne <strong>di</strong> più su questo sport e<br />

su quel che fai?<br />

Per chi volesse farsi un’idea ancora più chiara, vi suggerisco<br />

<strong>di</strong> andare su youtube e <strong>di</strong>gitare “Il Baggi”, lì<br />

avrete facile accesso al mio canale e potrete vedere<br />

i video che e<strong>di</strong>to con David, uno dei miei compagni<br />

<strong>di</strong> team, ma se ancora non vi basta, il 23/24 giugno<br />

ci sarà una bella gara a poca strada dal nostro paese,<br />

più precisamente a Lozio (BS). Se volete passare<br />

un weekend alternativo, beh, <strong>di</strong> sicuro è una cosa<br />

che non si vede tutti i giorni!!<br />

Grazie Fabiano, in bocca al lupo per la tua prossima<br />

stagione!<br />

Crepi, grazie! Spero <strong>di</strong> portare presto buone notizie!<br />

75


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Gruppo Sci Lodrone<br />

Attività Stagione invernale 2012/<strong>2013</strong><br />

L’andamento meteorologico della stagione invernale<br />

2012/<strong>2013</strong>, ha consentito all’associazione Gruppo<br />

Sci Lodrone lo svolgimento <strong>di</strong> tutte le attività<br />

programmate.<br />

L’attività più impegnativa sia dal punto <strong>di</strong> vista organizzativo,<br />

che per il costo economico, è senza dubbio<br />

il Corso <strong>di</strong> Sci, che anche quest’anno ha coinvolto<br />

numerosi ragazzi. Per dare un’idea dei corsi<br />

<strong>di</strong> sci da noi organizzati: alcuni dei ragazzi iscritti in<br />

questi ultimi anni sono i figli <strong>di</strong> quei “giovani” che<br />

anni fa hanno frequentato i corsi che allora si svolgevano<br />

in Gaver.<br />

L’annuale raduno <strong>di</strong> sci alpino e ciaspole che si<br />

svolge sul monte Tonolo, arrivato quest’anno alla<br />

18° e<strong>di</strong>zione, ha visto la partecipazione <strong>di</strong> oltre 180<br />

iscritti, voglio ringraziare a tal proposito, la collaborazione<br />

dell’Amministrazione comunale <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>,<br />

che ha reso possibile il raggiungimento dei prati<br />

<strong>di</strong> Tonolo (punto <strong>di</strong> partenza e arrivo del Raduno)<br />

attraverso lo sgombero della neve e la successiva<br />

sabbiatura <strong>di</strong> tutti i 10 Km <strong>di</strong> strada necessari per<br />

raggiungere la località.<br />

L’attività si è conclusa con l’annuale Gara sociale,<br />

tra<strong>di</strong>zionale competizione che mette a confronto genitori<br />

e figli appassionati <strong>di</strong> questo bellissimo sport.<br />

Viste le particolari <strong>di</strong>fficoltà che le famiglie hanno<br />

dovuto e dovranno affrontare in questo momento<br />

<strong>di</strong> crisi economica, che tocca in modo particolare il<br />

ceto me<strong>di</strong>o-basso dei nostri associati, il Gruppo Sci<br />

Le foto si riferiscono alla annuale gara sociale a Pinzolo<br />

76<br />

a cura <strong>di</strong> Giovanni Luzzani<br />

Presidente Gruppo Sci Lodrone<br />

Lodrone, ha mantenuto invariati i costi a carico dei<br />

partecipanti alle attività programmate, conseguenza<br />

inevitabile <strong>di</strong> questa scelta è stata una consistente<br />

riduzione delle <strong>di</strong>sponibilità pazientemente accantonate<br />

negli anni precedenti, da parte dell’Associazione.<br />

Nella speranza che, anche in futuro, continui l’interesse<br />

da parte dei giovani per le iniziative che il<br />

Gruppo Sci Lodrone propone a tutti coloro che amano<br />

la montagna, la neve, e una sana vita sportiva,<br />

colgo l’occasione per ringraziare tutti i collaboratori<br />

che con il loro impegno rendono possibile l’organizzazione<br />

delle manifestazioni da noi proposte.


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

S.S. Settaurense:<br />

obiettivo Promozione!<br />

Il mese <strong>di</strong> marzo <strong>2013</strong> ha segnato un cambiamento<br />

all’interno della nostra Associazione: al presidente<br />

<strong>di</strong>missionario Tiziano Moneghini - ancora grazie per<br />

l’impegno costante e il tanto tempo de<strong>di</strong>cato! - è<br />

succeduto Luigi Scalmazzini, già giocatore prima e<br />

<strong>di</strong>rigente poi della nostra società.<br />

Da destra Tiziano Moneghini, Luigi Scalmazzini,<br />

Mattia Pasi<br />

Premiazione torneo calcio a 5<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

a cura del Direttivo<br />

La <strong>di</strong>rezione della Settaurense è oggi così formata:<br />

Presidente Onorario Pelizzari Marco (Gaget)<br />

Presidente Scalmazzini Luigi<br />

Vice Presidente Pasi Mattia<br />

Direttore Generale Scarpari Cristian<br />

Direttore Sportivo Giovanelli Nicola<br />

Segretaria Girar<strong>di</strong>ni Ilaria<br />

Dirigenti Grassi Remo, Scarpari Domenico,<br />

Giovanelli Luigi, Glenn<br />

Grassi, Giovanelli Simone,<br />

Allenatore<br />

Manzoni Elio, Pezzarossi Erik,<br />

Coser Giacomo, Giovanelli Dario,<br />

Gelpi Vigilio, Carraro Guido,<br />

Giovanelli Pierino, Moneghini<br />

Mattia, Cortella Francesco.<br />

Armanini Gianni<br />

77


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Fondata come polisportiva nel 1934 a <strong>Storo</strong>, la Ass.<br />

S.S. Settaurense ha militato nei massimi campionati<br />

<strong>di</strong> calcio regionali con alcuni risultati <strong>di</strong> spicco:<br />

da ricordare soprattutto i sei campionati in CND a<br />

partire dal 1995.<br />

Attualmente l’Ass. S.S. Settaurense ha una prima<br />

squadra che milita nel Campionato <strong>di</strong> calcio Provinciale<br />

<strong>di</strong> Seconda Categoria; svolge inoltre un’intensa<br />

attività sportivo-ricreativa sul territorio comunale:<br />

- durante l’estate presso il Campo Sportivo <strong>di</strong> località<br />

“Piane” a <strong>Storo</strong> va in scena il classico “Mon<strong>di</strong>albrok”,<br />

torneo <strong>di</strong> calcio a 7 giocatori aperto a tutti<br />

che da ormai tre e<strong>di</strong>zioni è intitolato alla memoria<br />

del vicepresidente Hermann Zontini; con la partecipazione<br />

<strong>di</strong> più <strong>di</strong> 250 calciatori e un buon seguito<br />

<strong>di</strong> pubblico è un appuntamento <strong>di</strong> spicco nell’estate<br />

sportiva della Valle del Chiese;<br />

- durante le feste natalizie invece, presso il Palastor<br />

<strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, è giunto ormai alla terza e<strong>di</strong>zione (per<br />

quanto riguarda l’organizzazione dalla Settaurense)<br />

il “Torneo <strong>di</strong> Natale - Trofeo BM Greenpower<br />

- Alpilegno”, torneo <strong>di</strong> calcetto a 5 giocatori.<br />

All’organizzazione e allo svolgimento <strong>di</strong> ognuna <strong>di</strong><br />

queste attività partecipano decine <strong>di</strong> persone oltre<br />

ai circa 25 <strong>di</strong>rigenti ufficiali della società che per<br />

La squadra <strong>2013</strong><br />

78<br />

passione e buona volontà si prestano ad arricchire<br />

il panorama associazionistico del nostro <strong>Comune</strong>.<br />

D’obbligo un ringraziamento va alla associazione<br />

Proloco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, per la proficua collaborazione.<br />

Un ringraziamento particolare va al <strong>Comune</strong> <strong>di</strong><br />

Bondone che da quest’anno ospita gli allenamenti<br />

della nostra squadra nella propria struttura del<br />

Campo Sportivo <strong>di</strong> Baitoni in quanto alle vecchie<br />

PIANE non è più usufruibile tutto il campo intero,<br />

ri<strong>di</strong>mensionato per altre attività, ma solo metà<br />

campo per il torneo estivo.<br />

L’obiettivo che ci siamo preposti, <strong>di</strong>fficile da raggiungere,<br />

ma ci cre<strong>di</strong>amo molto, è la vittoria nel<br />

campionato per poter ritornare in campionati (Prima<br />

Categoria) sicuramente più consoni ai nostri<br />

trascorsi calcistici ed ai nostri sempre numerosi tifosi<br />

Storesi.<br />

Un Particolare ringraziamento al nostro Sponsor<br />

principale Eurocomepa ed a tutti quelli che ci aiutano<br />

in questa stagione calcistica.<br />

Per concludere invitiamo calorosamente tutti i tifosi<br />

dei colori bianco ver<strong>di</strong> a seguirci sempre più<br />

numerosi.<br />

Stimolare i nostri ragazzi a dare sempre il massimo<br />

<strong>di</strong> loro stessi per il raggiungimento dell’obiettivo<br />

della Promozione!


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Il Soccorso Alpino Trentino:<br />

operatività nel <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Nel comune <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> è presente un presi<strong>di</strong>o del Corpo<br />

del Soccorso Alpino Trentino (CNSAS).<br />

Questi è sud<strong>di</strong>viso in macro zone su tutto il territorio<br />

del Trentino e la zona che comprende il nostro<br />

<strong>Comune</strong> è la zona Adamello Brenta che inizia a sud<br />

con l’abitato <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, arriva a nord fino a Madonna<br />

<strong>di</strong> Campiglio, e comprende anche il territorio del<br />

Bleggio fino a Molveno.<br />

Sul territorio della zona operano 7 stazioni che<br />

collaborano e gestiscono tutto assieme spaziando<br />

dall’operatività sugli interventi <strong>di</strong> soccorso fino alla<br />

gestione della cassa generale.<br />

A <strong>Storo</strong> (coperto dalla stazione della Valle del Chiese<br />

che ha la propria base a Pieve <strong>di</strong> Bono) è presente<br />

una squadra molto affiatata composta da 4 operatori,<br />

un fuoristrada Land Rover Defender 110 e tutta<br />

l’attrezzatura necessaria per effettuare gli interventi<br />

<strong>di</strong> Giuseppe Tonini<br />

nei quali siamo chiamati ad operare.<br />

Anche nel 2012 il personale della stazione ha svolto<br />

un buon lavoro, chiamato a fronteggiare interventi<br />

<strong>di</strong> varia natura, dal recupero <strong>di</strong> persone infortunatesi<br />

su terreno impervio, al recupero su pareti <strong>di</strong> ghiaccio,<br />

dal soccorso in valanga fino a quello in forra.<br />

Ed è proprio <strong>di</strong> quest’ultima attività che ci ha visto<br />

lavorare sul territorio Storese.<br />

Quest’anno abbiamo avuto ben 2 recuperi nella<br />

forra del fiume Palvico, e un intervento congiunto<br />

con il Soccorso Alpino Bresciano per il recupero <strong>di</strong> 5<br />

torrentisti olandesi incapaci <strong>di</strong> proseguire nel fiume<br />

Caffaro all’altezza dell’abitato <strong>di</strong> Riccomassimo.<br />

L’intervento in forra, è un intervento molto delicato:<br />

sia per la morfologia del terreno (immaginatevi la<br />

<strong>di</strong>fficoltà <strong>di</strong> dover portare una persona in barella in<br />

pozzi stretti e passaggi angusti), sia per la possibilità<br />

79


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

<strong>di</strong> improvvise piene e ultimo ma non per importanza<br />

per il freddo causato dal continuo contatto con<br />

l’acqua. Alcune figure della stazione CNSAS hanno<br />

frequentato dei corsi appositi per imparare a gestire<br />

questi tipi <strong>di</strong> interventi, e muoversi nell’ambiente<br />

ipogeo. Servono molte ore <strong>di</strong> preparazione per imparare<br />

l’utilizzo delle tecniche adeguate per la movimentazione<br />

in forra delle squadre con le barelle.<br />

DIVENTARE SOCCORRITORE<br />

Per <strong>di</strong>ventare operatore del CNSAS bisogna frequentare<br />

appositi esami a livello provinciale ed essere<br />

iscritti nelle file del Cai-Sat. Un primo esame serve<br />

per verificare le capacità generali del can<strong>di</strong>dato e<br />

al quale possono partecipare tutti, previa iscrizione<br />

come Soccorritore Collaboratore (senza compiti<br />

operativi) alla stazione.<br />

Seguono poi dei corsi dove vengono spiegate<br />

all’Aspi rante Operatore le varie manovre sui molteplici<br />

terreni <strong>di</strong> intervento. Il can<strong>di</strong>dato si troverà a<br />

muoversi su terreno <strong>di</strong> alta montagna, o impervio,<br />

su parete <strong>di</strong> roccia o ghiaccio e su terreno innevato.<br />

Al termine del percorso formativo il can<strong>di</strong>dato dovrà<br />

affrontare un esame generale per <strong>di</strong>ventare Operatore<br />

Tecnico <strong>di</strong> Soccorso Alpino ed entrare a tutti gli<br />

effetti nella stazione del CNSAS.<br />

80<br />

Diventato Operatore si può accedere a molti corsi <strong>di</strong><br />

specializzazione e proseguire la “carriera” <strong>di</strong> soccorritore<br />

fino all’ambitissimo ruolo <strong>di</strong> Eli-soccorritore.<br />

Questa figura fa parte della squadra <strong>di</strong> elisoccorso<br />

che lavora sugli elicotteri del Trentino Emergenza<br />

118. Figura importantissima e <strong>di</strong> grande responsabilità,<br />

è la persona che assiste il me<strong>di</strong>co e l’infermiere<br />

quando, atterrato l’elicottero, la squadra deve<br />

muoversi per raggiungere l’infortunato. Molte volte<br />

si tratta <strong>di</strong> terreno esposto, impervio, articolato<br />

o ad<strong>di</strong>rittura estremo e quin<strong>di</strong> deve garantire la sicurezza<br />

e l’incolumità dei componenti dell’équipe<br />

me<strong>di</strong>ca una volta scesa dall’elicottero.<br />

La nostra stazione è composta da 18 Operatori effettivi<br />

e 3 Aspiranti Soccorritori, tra cui 1 Tecnico <strong>di</strong><br />

Elisoccorso, 2 Tecnici <strong>di</strong> Soccorso Alpino, 1 Tecnico<br />

<strong>di</strong> Soccorso in Forra e 15 Operatori. Svolgiamo una<br />

turnistica <strong>di</strong> reperibilità giornaliera composta da 2<br />

unità tutti i giorni dell’anno, e in alcuni perio<strong>di</strong>, un<br />

servizio <strong>di</strong> guar<strong>di</strong>a attiva presi<strong>di</strong>a eventuali luoghi ad<br />

alto rischio.<br />

Il corpo del Soccorso Alpino Trentino continua<br />

la ricerca <strong>di</strong> personale operativo, che abbia<br />

passione per la montagna e per il volontariato,<br />

nonché molto tempo e voglia da de<strong>di</strong>care agli<br />

altri.


ENTI, GRUPPI, ASSOCIAZIONI, MANIFESTAZIONI<br />

Escursioni Sat<br />

Anticipiamo <strong>di</strong> seguito il programma in via <strong>di</strong> definizione delle escursioni sAt:<br />

28 APRILE ALP. GIOVANILE CASTEL BESENO<br />

12 MAGGIO ALP. GIOVANILE SENTIERO SCALONI<br />

26 MAGGIO CULTURALE FIERA DEL GIOVANE<br />

2 GIUGNO ESCURSIONISTICA CIMA DURMONT<br />

16 GIUGNO ESCURSIONISTICA PERIPLO MONTE STIGOLO<br />

23 GIUGNO ESCURSIONISTICA LAGHI DI S. GIULIANO<br />

7 LUGLIO ESCURSIONISTICA CIMA VIOZ<br />

13/14 LUGLIO ALPINISTICA PRESANELLA<br />

21 LUGLIO ESCURSIONISTICA MONTE BRUFFIONE<br />

3/4 AGOSTO ESCURSIONISTICA SENTIERO DEI FIORI<br />

6 AGOSTO ESCURSIONISTICA MONTE CARENA (TRASFIGURAZIONE)<br />

18 AGOSTO ALPINISTICA FERRATA E. AROSIO AL CORNO DI GREVO<br />

24/25 AGOSTO ALP. GIOVANILE SPESSA<br />

31 AGOSTO E 1 SETTEMBRE FERRATA BOCCHETTE CENTRALI<br />

15 SETTEMBRE ESCURSIONISTICA SASSONGHER<br />

29 SETTEMBRE ESCURSIONISTICA CIMA RAVA<br />

13 OTTOBRE ESCURSIONISTICA CIMA SERODOLI<br />

27 OTTOBRE ALP. GIOVANILE CIMA CASET<br />

Alle gite <strong>di</strong> Alpinismo Giovanile possono partecipare tutti<br />

Altre date da ricordare:<br />

19 APRILE PRESENTAZIONE ZAINETTO<br />

26 MAGGIO FIERA DEL GIOVANE<br />

19 MAGGIO MANUTENZIONE SENTIERI<br />

9 GIUGNO MANUTENZIONE SENTIERI<br />

9 GIUGNO RADUNO REG. ALPINISMO GIOVANILE<br />

29/30 GIUGNO CORSO USO GPS<br />

27/28 LUGLIO NOTTE SOTTO LE STELLE<br />

A LUGLIO SERATA CON IL CORO VALCHIESE<br />

6 AGOSTO GIORNATA DELLA TRASFIGURAZIONE<br />

6 OTTOBRE MANUTENZIONE SENTIERI<br />

20 OTTOBRE CONGRESSO SAT<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Le informazioni sono puramente in<strong>di</strong>cative e possono subire variazioni anche ra<strong>di</strong>cali per ragioni <strong>di</strong>verse.<br />

È opportuno perciò contattare i coor<strong>di</strong>natori delle singole escursioni in anticipo per conferme ed altre informazioni.<br />

Utile in tal senso anche una visita presso la sede sociale c/o Palazzo Cortella in Piazza Europa a <strong>Storo</strong><br />

(Municipio) con orario <strong>di</strong> apertura il venerdì sera dalle 21.00 alle 22.30.<br />

La Sezione <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> risponde al numero: 0465 296650 oppure al cellulare 331 1216651.<br />

Altre notizie e foto delle gite si possono trovare sul sito www.caisatstoro.it<br />

81


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Ad<strong>di</strong>o dottor De Stefano<br />

Saluto ad un amico<br />

Nel 1981, motivi <strong>di</strong> lavoro mi portarono a trasferirmi<br />

per alcuni anni a <strong>Storo</strong>, fu allora che ebbi modo <strong>di</strong><br />

conoscere Angelo. Fu una conoscenza che a breve<br />

si trasformò in amicizia, e che continuò anche dopo<br />

il mio ritorno a Vicenza: un’amicizia, vera, sentita,<br />

lunga trentadue anni.<br />

Mi mancherai Angelo, mi mancherà la tua curiosità,<br />

la tua meraviglia e il tuo interesse per tutto ciò che<br />

ti circondava.<br />

Mi mancheranno i nostri lunghi incontri <strong>di</strong> <strong>Storo</strong>, ma<br />

anche <strong>di</strong> Vicenza, e <strong>di</strong> Abano.<br />

Mi mancheranno le nostre telefonate, il tuo “Floriuccio”<br />

che usavi per salutarmi. Era una gioia parlarti,<br />

sentirti fra noi, sentire la tua amicizia vicina.<br />

Mi mancherà la tua pacatezza, la tua serenità, valori<br />

che riuscivi trasmettere a chi ti stava vicino: non ho<br />

ricordo ti averti visto qualche volta arrabbiato. Anche<br />

nelle situazioni più <strong>di</strong>fficili trovarvi sempre una<br />

soluzione, un lato positivo.<br />

Mi mancherà la tua filosofia sulla vita; ma anche sulla<br />

morte della quale non avevi paura. Una filosofia<br />

unica ed invi<strong>di</strong>abile, che hai mantenuto fino all’ultimo<br />

giorno della tua esistenza. Guardavi solo quanto<br />

<strong>di</strong> positivo avevi ricevuto durante il tuo percorso<br />

terreno: eri grato per quanto ti era stato concesso.<br />

Mi mancherà la tua cultura: era piacevole ascoltarti,<br />

sentirti mettere alla luce il tuo sapere con <strong>di</strong>screzione,<br />

senza mai vantartene. Così, come facevi nella<br />

tua professione <strong>di</strong> me<strong>di</strong>co: <strong>di</strong>alogavi con i tuoi pazienti,<br />

li ascoltavi. Riuscivi a creare un rapporto me<strong>di</strong>co/paziente<br />

sì <strong>di</strong> rispetto, ma anche <strong>di</strong> amicizia.<br />

Ma voglio anche ricordare il tuo altruismo, l’amore<br />

che avevi per tutte le persone e che oggi, sono certo,<br />

avresti voluto salutare e ringraziare una ad una.<br />

Vedevi nelle persone solo i lati positivi, per te la malizia<br />

e l’invi<strong>di</strong>a non esistevano.<br />

Ricordo le tue passioni: per la lettura, per i concerti,<br />

che ti portavano a fare anche chilometri e chilometri<br />

82<br />

Dottor Angelo De Stefano<br />

per ascoltarli…Il tuo bisogno <strong>di</strong> viaggiare, <strong>di</strong> conoscere<br />

il mondo, anche con itinerari da te organizzati<br />

(in verità qualcuno fatti con un pizzico <strong>di</strong> incoscienza<br />

e che faceva spesso arrabbiare la tua Ivana per le<br />

scelte da te fatte).<br />

Dicevi che organizzando i viaggi <strong>di</strong> persona, li vivevi<br />

due volte: prima nel pianificarli e poi fisicamente<br />

sul posto. Voglio per questo credere che la meta <strong>di</strong><br />

questo tuo ultimo viaggio sia come te lo immaginavi,<br />

come l’avresti voluto.<br />

Mi mancherai Angelo. Mi mancheranno i tuoi racconti,<br />

i tuoi pareri, i tuoi consigli, la tua filosofia, la<br />

tua saggezza, ma, soprattutto, la tua voce.<br />

È stato bello conoscerti!<br />

Ciao Angelo, ciao amico mio.<br />

ADDII<br />

Florio Cappon


ADDII<br />

Ciao Valanga…<br />

Era la mattina del 10 marzo<br />

quando la tragica notizia della<br />

tua scomparsa è arrivata come<br />

un fulmine a ciel sereno… in<br />

poche ore il passaparola e decine<br />

<strong>di</strong> messaggi in rete hanno<br />

espresso il dolore e l’incredulità<br />

<strong>di</strong> non poter più sentire la tua<br />

voce, <strong>di</strong> non poterti più incontrare,<br />

<strong>di</strong> non poter vedere il tuo<br />

faccione ed il tuo sorriso e <strong>di</strong><br />

non poter sentire le tue battute.<br />

La tristezza sul volto dei tuoi<br />

amici Alpini, dei tuoi compagni<br />

<strong>di</strong> avventure, dei componenti<br />

delle Associazioni con cui hai<br />

collaborato e delle centinaia <strong>di</strong><br />

persone che ti hanno salutato<br />

per l’ultima volta hanno dato<br />

prova della tua grande bontà,<br />

sensibilità e <strong>di</strong>sponibilità ad<br />

aiutare la gente.<br />

Ci sono tante parole per descriverti,<br />

parte <strong>di</strong> queste e tante foto-<br />

Sean Giovanelli<br />

grafie dei bei momenti trascorsi<br />

insieme le abbiamo con<strong>di</strong>vise<br />

su facebook e vogliamo riportarne<br />

alcune per far sapere anche<br />

a quanti non ti conoscevano la<br />

grande persona che eri.<br />

VALANGA… Sta olta ta le combenà<br />

proprio gròsa… mi domà<br />

ne ghe saro a salodarte par l’ultema<br />

olta, me tegno comà recordo<br />

l’ultima festa che om fat col<br />

nòs gruppo de amici… an màc<br />

sarom tuc a Piacensa, a ca festa<br />

an de te me domandave de sonarte<br />

al silensio… stan ne te ghe<br />

sare a domandarmal ma mi tal<br />

sonaro lostes, al po be posibol,<br />

e saro sechiur che te me scoltare<br />

da su lì e spero aca staolta<br />

comà a Bergam de farte vegnir<br />

la pel de galina… Ciao Sean… te<br />

me macare an gran tant… tròp<br />

tant…<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Sono ancora incredula… non<br />

sono capace <strong>di</strong> accettare che non<br />

ti vedrò più… che non berremmo<br />

più una birra insieme… che<br />

non ti vedrò più sul tuo pick­up<br />

ed alzare la tua mano per salutare…<br />

non è giusto… no! Vederti<br />

li fermo mi sembrava impossibile…<br />

col tuo barbù che avresti<br />

portato all’adunata! Voglio ricordarti<br />

com’eri sempre sorridente e<br />

solare… ”sempre pronto a dare<br />

una mano… da vicino da lontano…<br />

questi son gli AMICI MIEI”!<br />

Ti voglio bene Seanino… Hai lasciato<br />

un vuoto immenso in tutti<br />

noi! Lacrime e dolore che nessuno<br />

può colmare! Ciao Valanga…<br />

e su lì… FA AMO’ AN GIRO!<br />

Sono senza parole, non possono<br />

capitare certe cose, grazie per le<br />

serate passate assieme e per gli<br />

aiuti che ci hai sempre dato.<br />

Sei riuscito ad entrare nel cuore<br />

<strong>di</strong> tutti e oggi si è visto! Ti ricorderemo<br />

sempre così! E la tua<br />

frase “FA AMO’ AN GIRO” resterà<br />

impressa nella nostra mente<br />

come tu nei nostri cuori! Ciao<br />

Valanga.<br />

Non ci sono parole per descrivere<br />

il dolore che hai lasciato… le<br />

facce delle persone raccolte sul<br />

sagrato della Chiesa parlavano<br />

da sole… il silenzio e l’applauso<br />

hanno fatto capire il rispetto che<br />

le persone hanno nei tuoi confronti;<br />

grazie Valanga per tutto<br />

quello che hai fatto.<br />

Buon viaggio Sean… da su li vardane<br />

dre e dane na mà…<br />

i to Amici<br />

83


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> INFORMAZIONI UTILI E AVVISI<br />

Cosa fare in caso <strong>di</strong> fuga <strong>di</strong> gas?<br />

CAUSE<br />

Le cause principali <strong>di</strong> una fuga <strong>di</strong> gas sono legate al<br />

mal funzionamento <strong>di</strong> caldaie non revisionate, fornelli<br />

non revisionati o <strong>di</strong> vecchia data, impianti non<br />

a norma <strong>di</strong> legge o costruiti non a regola d’arte ed<br />

a incidenti <strong>di</strong> qualunque genere che possono danneggiare<br />

tubazioni o componenti impiantistiche,<br />

che se compromesse, provocano una fuoriuscita<br />

consistente <strong>di</strong> gas nell’ambiente circostante. In caso<br />

<strong>di</strong> fuga <strong>di</strong> gas, non esistono casi più o meno pericolosi<br />

<strong>di</strong> altri, sono tutti molto pericolosi perché noi<br />

non possiamo ne vedere, ne gestire la nube <strong>di</strong> gas<br />

che si sviluppa in seguito alla fuga. Soprattutto perché<br />

questa è relazionata a molti fattori ambientali,<br />

per esempio se ci troviamo in un luogo chiuso o<br />

aperto, le con<strong>di</strong>zioni del vento, la presenza <strong>di</strong> inse<strong>di</strong>amenti<br />

civili o industriali nelle vicinanze e quin<strong>di</strong><br />

la presenza <strong>di</strong> potenziali inneschi. Un modo semplice<br />

ma spesso “scomodo” per prevenire le possibili<br />

gravi conseguenze <strong>di</strong> una fuga <strong>di</strong> gas è la creazione<br />

<strong>di</strong> fori <strong>di</strong> aerazione che portano all’esterno il gas accidentalmente<br />

fuoriuscito.<br />

COME COMPORTARSI<br />

Al primo segnale o sospetto <strong>di</strong> fuga <strong>di</strong> gas la cosa<br />

migliore da fare è spalancare porte e finestre in<br />

modo da consentire il cambio dell’aria nella stanza.<br />

Nel contempo bisogna stare estremamente attenti<br />

a non attivare eventuali fonti <strong>di</strong> innesco come<br />

lampa<strong>di</strong>ne, luci ed altre apparecchiature elettriche<br />

in quanto queste potrebbero provocare delle scintille<br />

che innescando la miscela aria/gas causerebbero<br />

un’esplosione. Ovviamente non accendere delle<br />

fiamme, per esempio accen<strong>di</strong>ni, candele, ed in caso<br />

spegnere quelle già accese. A questo punto si deve<br />

procedere se possibile alla chiusura del rubinetto<br />

della condotta del gas della propria rete domestica<br />

(o eventualmente della bombola) e contattare imme<strong>di</strong>atamente<br />

il 115 (Vigili del Fuoco). Si deve<br />

poi allontanarsi velocemente dalla propria abitazione<br />

e avvertendo (nel caso si risieda in condominio)<br />

il custode o gli inquilini dei vari appartamenti presenti,<br />

ovviamente senza suonare il campanello ma<br />

bussando semplicemente alla porta. Inoltre dopo<br />

che la fuga è stata intercettata ed il problema è stato<br />

temporaneamente risolto è opportuno contattare<br />

appena possibile anche il proprio idraulico <strong>di</strong> fiducia<br />

in modo da risolvere definitivamente il problema,<br />

riparando l’impianto.<br />

84<br />

a cura del corpo dei Vigili del Fuoco <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Disastro ferroviario <strong>di</strong> Viareggio (29 giugno 2009),<br />

con successiva fuoriuscita <strong>di</strong> GPL ed esplosione<br />

dove ci furono 33 vittime<br />

IN SINTESI...<br />

- Arieggiare l’ambiente aprendo le finestre<br />

- Prevenire tutte le forme <strong>di</strong> innesco<br />

- Chiudere la valvola del gas o l’interruttore generale<br />

che eroga il gas nell’appartamento.<br />

- Allontanarsi dalla zona.<br />

- Telefonare al 115 (Vigili del Fuoco).<br />

ALTRE COSE DA RICORDARE:<br />

Se ci sono delle persone all’interno dell’appartamento<br />

che hanno perso i sensi per l’esalazione <strong>di</strong><br />

gas è bene trascinare, se possibile, il soggetto in un<br />

luogo arieggiato e sicuro. Attendere poi in strada<br />

l’arrivo dei Vigili del Fuoco e nell’attesa allontanare<br />

se possibile tutti le persone presenti vicino al luogo<br />

della fuga.<br />

Ricor<strong>di</strong>amo inoltre i due tipi <strong>di</strong> gas comunemente<br />

presenti nelle nostre abitazioni<br />

- Gas Metano (idrocarburo semplice con sigla CH 4<br />

limiti <strong>di</strong> esplosivita’ 5,3% - 14% vol.): più leggero<br />

dell’aria, che in caso <strong>di</strong> fuga si stratifica verso l’alto<br />

vicino al soffitto<br />

- Gas <strong>di</strong> Petrolio Liquefatto (GPL, miscela <strong>di</strong> idrocarburi<br />

alcani quali propano e butano): più pesante<br />

dell’aria, che in caso <strong>di</strong> fuga si stratifica verso il basso<br />

vicino al pavimento.<br />

Nei nostri paesi il gas presente nella rete <strong>di</strong> <strong>di</strong>stribuzione<br />

comunale è il metano (più leggero<br />

dell’aria e che quin<strong>di</strong> tende a propagarsi verso l’alto)<br />

Nelle bombole (e bomboloni fissi) è presente<br />

invece il GPL (più pesante dell’aria e che quin<strong>di</strong>


INFORMAZIONI UTILI E AVVISI<br />

tende a depositarsi in basso). Evitare nel modo più<br />

assoluto <strong>di</strong> posizionare le bombole <strong>di</strong> gas in vani interrati<br />

o “buche”! Anche piccole per<strong>di</strong>te ripetute nel<br />

tempo possono creare dei pericolosissimi ristagni <strong>di</strong><br />

gas con rischio <strong>di</strong> esplosione.<br />

È bene quin<strong>di</strong> evitare <strong>di</strong> stoccare quest’ultimo gas<br />

in locali interrati in quanto eliminarlo risulterebbe<br />

molto problematico. Sotto il punto <strong>di</strong> vista fisico il<br />

GPL è un gas estremamente infiammabile ma non<br />

è tossico, non provoca monossido <strong>di</strong> carbonio e se<br />

non fosse odorizzato con etantiolo (che gli conferisce<br />

il classico odore), questi sarebbe inodore. Nel<br />

caso <strong>di</strong> fuga <strong>di</strong> gas da parte <strong>di</strong> una bombola ad<br />

uso domestico <strong>di</strong> GPL, e conseguente accensione<br />

del getto, è possibile estinguere la fiammata che si<br />

viene a creare chiudendo <strong>di</strong>rettamente il rubinetto<br />

presente sulla sommità della bombola.<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Strage <strong>di</strong> via Ventotene, Roma (27 novembre 2001),<br />

fuga <strong>di</strong> gas con relativa esplosione. 8 morti tra cui<br />

4 vigili del fuoco<br />

Tariffa <strong>di</strong> Igiene Ambientale<br />

Agevolazioni<br />

Si porta a conoscenza, per chi non abbia già provveduto,<br />

che sono previste alcune agevolazioni sulla<br />

Tariffa <strong>di</strong> Igiene Ambientale.<br />

In particolare, si segnalano le seguenti:<br />

• riduzione del 20% della quota fissa per chi pratica<br />

il compostaggio domestico dei rifiuti organici,<br />

me<strong>di</strong>ante composter, cumulo o altro su superficie<br />

non pavimentata <strong>di</strong> pertinenza all’abitazione o<br />

nelle vicinanze della stessa.<br />

• Per le utenze composte da almeno un soggetto<br />

che per malattia o han<strong>di</strong>cap, comprovati da idonea<br />

documentazione me<strong>di</strong>ca, produce una notevole<br />

quantità <strong>di</strong> tessili sanitari (pannolini e pan-<br />

Archivio storico comunale<br />

Prima Guerra Mon<strong>di</strong>ale<br />

All’interno <strong>di</strong> un articolo pubblicato sull’ultimo bollettino,<br />

in merito al Centenario della Grande Guerra,<br />

abbiamo informato la popolazione che stiamo procedendo<br />

alla raccolta <strong>di</strong> documenti, foto, lettere <strong>di</strong><br />

soldati, al fine <strong>di</strong> realizzare un Archivio Storico Comunale<br />

sulla Prima Guerra Mon<strong>di</strong>ale.<br />

Ricor<strong>di</strong>amo che il materiale presentato verrà scannerizzato<br />

o fotocopiato e l’originale riconsegnato ai<br />

proprietari.<br />

noloni) o altro tipo <strong>di</strong> rifiuto sanitario è previsto<br />

l’addebito <strong>di</strong> un numero massimo <strong>di</strong> svuotamenti<br />

a seconda nel numero dei componenti della famiglia.<br />

Queste agevolazioni devono essere richieste compilando<br />

un modulo reperibile presso l’ufficio tributi<br />

comunale.<br />

È inoltre prevista per le famiglie che hanno figli sotto<br />

i 2 anni <strong>di</strong> età, l’agevolazione sulla quota variabile<br />

con l’addebito <strong>di</strong> un numero massimo <strong>di</strong> svuotamenti<br />

che viene applicata d’ufficio in base ai dati<br />

dell’anagrafe comunale.<br />

Potrete rivolgerVi presso la nostra Biblioteca Comunale<br />

oppure a Gianni Zontini e Francesco Bologni<br />

che si sono resi <strong>di</strong>sponibili per la raccolta.<br />

Confidando nella Vostra sensibilità e collaborazione<br />

cogliamo l’occasione per ringraziare coloro che<br />

sono già intervenuti e quanti stanno cercando tra<br />

vecchi ricor<strong>di</strong>, una foto o una lettera da aggiungere<br />

alla nostra storia.<br />

Grazie, Loretta Cavalli<br />

85


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong> INFORMAZIONI UTILI E AVVISI<br />

Tariffe cimitero<br />

Con delibera <strong>di</strong> Giunta n. 9 dell’11/03/<strong>2013</strong> sono state istituite le nuove tariffe per i servizi cimiteriali che<br />

vengono riassunte nel seguente prospetto:<br />

tABEllA A) ConCEssIonI<br />

86<br />

n. Concessione importo in €<br />

1 Loculi concessione per 20 anni 1800,00<br />

2 Nicchie - concessione 20 anni 500,00<br />

3 Nicchie - rinnovo per ulteriori 15 anni 250,00<br />

4<br />

Ulteriori urne nelle nicchie (art. 79<br />

comma 7)<br />

tABEllA B) tARIFFE AD IMpoRto FIsso<br />

50,00<br />

n. Voce importo in €<br />

1<br />

2<br />

3<br />

Servizio <strong>di</strong> inumazione in fossa comune<br />

per adulti<br />

Servizio <strong>di</strong> inumazione in fossa comune<br />

per bambini<br />

Servizio <strong>di</strong> cremazione per deceduti<br />

che al momento del decesso erano residenti<br />

nel comune <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> (relativo al<br />

servizio del forno crematorio, mentre<br />

il trasporto è a carico dei famigliari)<br />

350,00<br />

180,00<br />

250,00<br />

4 Servizio <strong>di</strong> tumulazione in loculo 190,00<br />

tABEllA C) sERVIzI GRAtuItI<br />

n. Voce importo in €<br />

1<br />

2<br />

3<br />

Inumazione nel campo degli indecomposti<br />

a seguito <strong>di</strong> esumazione o<br />

estumulazione or<strong>di</strong>naria (compresa la<br />

fornitura della nuova cassa)<br />

Autorizzazione alla <strong>di</strong>spersione o affidamento<br />

delle ceneri<br />

Dispersione delle ceneri nel cinerario<br />

comune<br />

gratuito<br />

gratuita<br />

gratuita<br />

4 Deposizione delle ossa nell’ossario gratuita<br />

5 Cippo per campo indecomposti gratuita<br />

tABEllA D) tARIFFE A RIMBoRso totAlE<br />

(comprensivo <strong>di</strong> IVA)<br />

n. Voce<br />

importo<br />

in €<br />

1 Inumazione dei resti mortuali in terra 69,62<br />

2 Inumazione urna cinerari in terra 92,82<br />

3 Tumulazione feretro in tomba <strong>di</strong> famiglia 406,09<br />

4<br />

Tumulazione urna cineraria o resti mortuali<br />

in tomba <strong>di</strong> famiglia<br />

208,85<br />

5<br />

Tumulazione urna cineraria o cassetta con<br />

resti mortuali in loculo<br />

185,64<br />

6<br />

Tumulazione urna cineraria o cassetta con<br />

resti mortuali in nicchia<br />

58,01<br />

7 Esumazione urne cinerarie<br />

Estumulazione straor<strong>di</strong>naria salma inde-<br />

58,01<br />

8 composta da loculo (non comprende la successiva<br />

destinazione della salma)<br />

522,12<br />

9<br />

Estumulazione urna cineraria o cassetta con<br />

resti mortuali da loculo<br />

185,64<br />

10<br />

Estumulazione urna cineraria o cassetta con<br />

resti mortuali da nicchia<br />

69,62<br />

11 Tariffa oraria per altre prestazioni 34,81<br />

12 Composizione resti mortuali e traslazione 58,01<br />

13 Consegna urna a pareti 34,81<br />

14<br />

Ogni altra prestazione a domanda in<strong>di</strong>viduale<br />

fornita dal comune o dalle <strong>di</strong>tte esterne<br />

a cui sono affidati i servizi cimiteriali e<br />

funerari<br />

rimborso<br />

totale


INFORMAZIONI UTILI E AVVISI<br />

<strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong><br />

Popolazione residente al 31.12.2012<br />

REsIDEntI Maschi Femmine totAlE<br />

Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Differenza<br />

2011<br />

STORO 1353 1434 2787 -31<br />

DARZO 379 371 750 -4<br />

LODRONE 533 556 1089 -2<br />

RICCOMASSIMO 23 23 46 1<br />

TOTALE 2288 2384 4672 -36<br />

FAMIGlIE Famiglie Differenza 2011<br />

TOTALE 1860 -16<br />

nAtI Maschi Femmine totAlE Differenza 2011<br />

TOTALE 20 22 42 -10<br />

MoRtI Maschi Femmine totAlE Differenza 2011<br />

TOTALE 11 28 39 -4<br />

IMMIGRAtI nEl CoMunE Differenza 2011<br />

MASCHI 32<br />

FEMMINE 39<br />

TOTALE 71 3<br />

EMIGRAtI DAl CoMunE Differenza 2011<br />

MASCHI 53<br />

FEMMINE 57<br />

TOTALE 110 37<br />

stRAnIERI Differenza 2011<br />

MASCHI 156<br />

FEMMINE 140<br />

TOTALE 296 -13<br />

87


Bollettino del <strong>Comune</strong> <strong>di</strong> <strong>Storo</strong> - Aprile <strong>2013</strong><br />

Mettetevi alla prova<br />

soluzione del cruciverba del numero scorso<br />

N.B.: DEFINIZIONI MAIUSCOLE = DIALETTO<br />

88<br />

a cura <strong>di</strong> Francesco Guerra<br />

ORIZZONTALI: 1 LE CAMPANELLE CHE INFESTANO GLI ORTI 51 FRUTTI DEL BIANCOSPINO 12 Il fiume italiano<br />

più lungo 13 Il paese trentino che può volare... 14 SE NE POSSONO MANGIARE ANCHE LE CIME... 15 ERBA<br />

DELLE ORECCHIE... 18 MATURA SOTTO LA PAGLIA 21 Caos senza testa 22 FORNISCE UN’OTTIMA LEGNA DA<br />

ARDERE 24 MUCCA A STORO 26 Convegno Nazionale Anziani 27 II profeta <strong>di</strong> Allah 29 Ente Fiscale Italiano<br />

30 II nome <strong>di</strong> papa Wojtyla 31 Vocali <strong>di</strong> dea 33 Vetture Troppo Piccole 34 Sondrio 36 Caltanissetta (sigla) 37<br />

Deve esserlo l’assegno per essere incassato 38 Né sì né no 40 Li adoravano i pagani 41 Suoi sinonimi possono<br />

essere apprensione e angoscia 43 Interiezione che esprime sorpresa 44 Suonano molto spesso a <strong>Storo</strong> 46<br />

Fanghi in centro 47 Ultimo Scorso 50 Iniziali delta Martinelli 52 ll nome <strong>di</strong> una torre <strong>di</strong> Trento 53 FOGLIA Dl<br />

VITE 55 Fine <strong>di</strong> riga 56 NE RiCAVAVAMO LE NOSTRE PRIME SIGARETTE... 59 È grande e verde in un famoso film<br />

60 Segue sempre una rotta 61 LO È IL SINDACO Dl STORO 63 Si radunavano nel vicolo della cria 64 Vi nacque<br />

Abramo 66 BACCHE NERE DELIZIOSE MATURE, MA ALTRIMENTI ACERBISSIME 68 E un atomo elettrizzato 69<br />

Sl FORMA NEL BOSCO DOPO IL TAGLIO CEDUO 72 L’ERBA INFESTANTE PER ANTONOMASIA 74 Oggetto, roba<br />

75 II giorno più breve 76 Capitale delle Asturie 77 Diede fama all’Eldorado 78 Anna cantante<br />

VERTICALI: 1 UN FASCIO Dl FRASCHE 2 Gestiva il “Centrale” fino a poco tempo fa 3 UNA FRONDA Dl<br />

CONIFERA 4 Articolo per zaino 5 ERBA INFESTANTE DEI PRATI CON GROSSI STELI VUOTI 6 Eva senza fine<br />

7 LA PIANTA CHE HA I BOCCIOLI PELOSI COME I GATTI... 8 PORTA FORTUNA SE HA QUATTRO FOGLIE... 9 II<br />

passato più recente 10 Anca senza la prima 11 Lo <strong>di</strong>ce chi non capisce 12 INDICA UN GRAPPOLO Dl FRUTTO,<br />

MA PUO’ PENDERE DAL NASO... 14 GIRANO SOTTO IL CARRO 16 L’imposta più <strong>di</strong>ffusa 17 COSI’ VIENE<br />

CHIAMATO IL MUGHETTO A STORO 19 Officine Meccaniche 20 L’ERBA DALLE FOGLIE PIU’ GRANDI 21 È<br />

ROSSA E ASSOMIGLIA ALLA MORA... 23 UN IMPIASTRO CURATIVO DE STÈ AGN 25 Alessandria 28 Nelio sport<br />

si giocano prima dei quarti 32 Una nota 35 II primo fieno 37 Un tipo <strong>di</strong> falco 39 Verbo adatto ai suffumigi<br />

42 Contrario <strong>di</strong> giù 45 Pordenone 46 Il cognome <strong>di</strong> una cantautrice 48 Sono felici 49 Sottolinea un dato <strong>di</strong><br />

fatto 51 CESPUGLI E ARBUSTI CHE CRESCONO AD ALTE QUOTE 54 Può essere cesareo 55 Un uccello... non<br />

manca nei cantieri 57 Iniziali della Ambra cantante 58 Fiume siberiano che sfocia nel Mare Glaciale Artico 61<br />

Serpente enorme 62 Cosi gli anziani chiamano ancora il casco 64 Ognuno ha i propri 65 Rimini sulle auto 66<br />

Precede i nomi sul calendario 67 Grosseto 70 Articolo spagnolo 71 Sud-Ovest 73 Esprime perplessità

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!