COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA

thomas.niclas55

COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA

COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA

Provincia di Sondrio

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Numero 11 del 25-05-2012

L'anno duemiladodici il giorno venticinque del mese di maggio alle ore 18:00 si è riunito il

Consiglio Comunale convocato, a norma di legge, in sessione in Prima convocazione in seduta

Pubblica.

Risultano:

Oggetto: PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ESAME OSSERVAZIO=

NI E PARERI. APPROVAZIONE DEFINITIVA. PROVVEDIMEN=

TI CONSEGUENTI.

BALDINI BARBARA P BARACCHI FELICE P

GANDOSSINI SARA P FOLATTI MIRKO P

MUFFATTI LUCA P FARINA MARIO A

DI CINO ANGELO FELICE P ACCOTO PAOLO P

CONFORTI GIANCARLO P PELIZZATTI LUIGI A

COLOMBO RICHARD P ABBIATI BENEDETTO P

GIANATTI DANIELA P

PRESENTI…: 11

ASSENTI…..: 2

Partecipa il SEGRETARIO COMUNALE, SONGINI DOTT.SSA PAOLA, il quale provvede

alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, il Sindaco, BALDINI BARBARA assume la

Presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato.


Oggetto: PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ESAME OSSERVAZIO=

NI E PARERI. APPROVAZIONE DEFINITIVA. PROVVEDIMEN=

TI CONSEGUENTI.

PREMESSO che con deliberazione di C.C. n. 24 in data 07.12.2011, esecutiva, è stato adottato

il P.G.T. – Piano di Governo del Territorio – del Comune di Montagna in Valtellina, unitamente

alla V.A.S. (Valutazione Ambientale Strategica), costituito dai documenti elencati nel suddetto

atto, a firma dell’Arch. Molinetti Silvano dello Studio Quattro di Chiavenna e per la parte

geologica ed idrogeologica dal Geologo Danilo Grossi dello studio GEO3 di Sondrio;

VISTO in proposito l’articolo 13 della Legge regionale n. 12/2005 e ss.mm.ii. sugli

adempimenti successivi alla prima adozione;

DATO ATTO che il Responsabile del servizio tecnico ha provveduto:

- alla pubblicazione, ai sensi dell’art. 13 – 4° comma – della legge regionale n. 12/2005 e

ss.mm.ii., dell’avviso di deposito degli atti costituenti il P.G.T., con avviso del 19.12.2011,

pubblicato dal 28.12.2011 per trenta giorni scadenti il 28.01.2012 e per la presentazione di

osservazioni al Comune entro il termine di 30 (trenta) giorni successivi alla scadenza del

deposito sopra indicato (28.02.2012), nonché alla pubblicazione sul B.U.R.L. – Serie Avvisi e

Concorsi n. 52 del 28.12.2011 e sul quotidiano “La Provincia di Sondrio” del 24.12.2011

dell’avviso di deposito di cui sopra;

- all’invio del Piano alla Regione Lombardia con lettera prot. 38 del 03.01.2012, ai sensi dell’art.

13 della L.R. 12/2005 e s.m.i.;

- all’invio del Piano alla Provincia di Sondrio con lettera prot. 38 del 03.01.2012, ai sensi

dell’art. 13 della L.R. 12/2005 e s.m.i.;

- all’invio del Piano all’Azienda Sanitaria Locale con lettera prot. 38 del 03.01.2012, ai sensi

dell’art. 13 della L.R. 12/2005 e s.m.i.;

- all’invio del Piano all’A.R.P.A. di Sondrio con lettera prot. 38 del 03.01.2012, ai sensi dell’art.

13 della L.R. 12/2005 e s.m.i.;

- all’invio dello Studio di Incidenza Ambientale alla Comunità Montana Valtellina di Sondrio

con lettera prot. 95 del 09.01.2012;

CONSIDERATO che sono pervenuti i seguenti pareri:

- in data 19.01.2012 prot. 378 parere dell’ARPA di Sondrio;

- in data 29.02.2012 prot. 1434 parere dell’ASL di Sondrio;

- in data 20.03.2012 prot. 1918 parere della Comunità Montana Valtellina di Sondrio;

- in data 27.04.2012 prot. 2832 parere della Regione Lombardia;

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


- in data 09.05.2012 prot. 3062 parere della Provincia di Sondrio;

DATO che entro il termine previsto (28.02.2012) sono pervenute n. 62 osservazioni ed oltre il

suddetto termine n. 6 osservazioni;

DATO ATTO che in base all’art. 13 – comma 7 della L.R. 12/2005, questo Ente, ha tempo 90

giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle osservazioni per deliberare in merito ai

pareri, alle osservazioni ed alle prescrizioni, ovvero entro il 28.05.2012;

DATO ATTO che si ritiene di esaminare e votare in merito ai seguenti pareri ed osservazioni;

- parere della Provincia di Sondrio;

- parere della Regione Lombardia;

- osservazioni dei privati , A.R.P.A. ed A.S.L.;

Il Sindaco preliminarmente avanza la proposta di non procedere alla lettura integrale delle

osservazioni, essendo le stesse già note ai consiglieri;

Il Consigliere Paolo Accoto chiede che venga data lettura integrale delle osservazioni;

Il Sindaco risponde che le osservazioni presentate dalla minoranza possono essere lette

integralmente e che per le altre si potrà valutare di volta in volta se ci sono ragioni specifiche;

Il Consigliere Paolo Accoto esprime la propria contrarietà sulla scelta dell’Amministrazione di

non dare lettura integrale delle osservazioni dichiarandolo assurdo;

Si procede alla votazione procedurale sulla proposta di non dare lettura integrale delle

osservazioni, ma della sintesi della stessa, fermo restando che, ove ritenuto necessario, qualsiasi

Consigliere avrà la facoltà di chiedere la lettura integrale delle osservazioni per le quali ritenga

utile tale approfondimento;

La votazione resa per alzata di mano dà il seguente esito:

presenti 11

votanti 11

favorevoli 10

contrari 1 (Paolo Accoto)

astenuti 0

Si passa quindi ad una votazione preliminare sull’esame o meno delle osservazioni giunte fuori

termine che sono state presentate da:

Zariatt Ida acquisita al protocollo dell’Ente al n. 2198 del 30.03.2012;

Bongiascia Luigi acquisita al protocollo dell’Ente al n. 2342 del 05.04.2012;

Ambrosini Franco – Bongetta Luciana acquisita al protocollo dell’Ente al n. 2485 del

12.04.2012;

Ambrosini Franco acquisita al protocollo dell’Ente al n. 3083 del 11.05.2012;

Testini Luigi acquisita al protocollo dell’Ente al n. 3140 del 11.05.2012;

Bongiascia Pietro acquisita al protocollo dell’Ente al n. 3143 del 11.05.2012;

La votazione resa per alzata di mano dà il seguente esito:

presenti 11

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

Prende la parola l’Arch. Silvano Molinetti, dopo aver fatto una premessa nella quale spiega la

valenza che va attribuita ai pareri della Provincia e della Regione, ne va ad illustrare i contenuti

e le determinazioni in merito alla valutazione di compatibilità espresso rispettivamente dalla

Provincia e dalla Regione con il P.T.C.P e il PTR. ed alle conseguenti modifiche da introdurre al

PGT, esposte nell’allegato documento (allegato A).

Alle ore 18.45 entra in aula il Consigliere Luigi Pelizzatti;

Udito l’intervento del Consigliere Benedetto Abbiati, che osserva che sarebbe stato meglio

avere in mano il documento contenente le controdeduzioni del tecnico prima della seduta del

consiglio comunale, che avrebbe consentito delle decisioni più ponderate. In merito al parere

della Provincia suggerisce di recepire alcune osservazioni introducendo le seguenti ulteriori

modifiche e integrazioni :

- eliminare il riferimento alle nuove costruzioni all’art. 29 – RS – Rispetto stradale,

fluviale, ambientale del Piano delle Regole;

- estensione dell’art. 46 ultimo comma ( Recinzioni) del Piano delle Regole a tutte le aree

agricole, in particolare per quanto riguarda la dotazione di sufficienti varchi. Nelle aree

agricole non dovrà essere realizzato lo zoccolo in muratura;

- integrare l’art. 14 del Piano dei Servizi relativo alle attrezzature per la distribuzione

dell’energia elettrica ad alta o media tensione non interrate con la previsione di apposite

misure a tutela dell’avifauna.

Si procede alla votazione per alzata di mano sulle determinazioni e modifiche da introdurre al

Piano a seguito delle osservazioni della Provincia (all.A), con l’aggiunta delle modifiche

proposte dal Consigliere Abbiati suindicate, con il seguente esito:

presenti 12

votanti 12

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 2 (Paolo Accoto e Luigi Pelizzatti)

Alle ore 19.15 esce dall’aula il Consigliere Luigi Pelizzatti;

Si procede alla votazione per alzata di mano sulle determinazioni e modifiche da introdurre al

Piano a seguito delle osservazioni della Regione (all.A), con il seguente esito:

presenti 11

votanti 11

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 1 (Paolo Accoto )

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


L’arch. Silvano Molinetti espone sinteticamente l’osservazione presentata dall’Arpa

Dipartimento di Sondrio, che si articola in 14 punti e delle motivazioni per le quali si propone di

respingerla nel suo insieme;

Prende la parola il Consigliere Abbiati evidenziando come i 14 punti siano molto differenziati tra

di loro e che avrebbero meritato un’analisi più approfondita.

Si procede alla votazione per alzata di mano per respingere l’OSSERVAZIONE N. 0A –ARPA

del 19.01.2012 prot. 378, con le motivazioni di cui al documento allegato A, avente il seguente

esito:

presenti 11

votanti 11

favorevoli 9

contrari 2 (Abbiati, Accoto)

astenuti 0

L’arch. Silvano Molinetti espone sinteticamente l’osservazione presentata dall’ASL di Sondrio.

Si procede alla votazione per alzata di mano per respingere l’OSSERVAZIONE N. 0B – ASL

del 29.02.2012 prot. 1434 con le motivazioni di cui al documento allegato A, avente il seguente

esito:

presenti 11

votanti 11

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 1 ( Accoto)

PROCEDUTO all’illustrazione di ogni singola osservazione presentata dai cittadini da parte

dell’arch. Silvano Molinetti con proiezione su schermo luminoso ed alla conseguente votazione

per alzata di mano come di seguito riportato:

OSSERVAZIONE N. 1 – Schenatti Pietro del 22.12.2011 prot. 8802

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


Alle ore 19.30 rientra in aula il Consigliere Luigi Pelizzatti

OSSERVAZIONE N. 2 – Baldini Massimo del 27.12.2011 prot. 8847

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 9

astenuti 3 (Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 3 – Arminio Paola del 03.01.2012 prot. 37

Il Consigliere Paolo Accoto chiede la lettura integrale dell’osservazione.

L’Architetto Silvano Molinetti procede alla lettura dell’osservazione.

Il Consigliere Benedetto Abbiati dichiara di non condividere il metodo di accogliere

parzialmente un’osservazione, che a suo parere, deve essere o accolta o respinta integralmente.

Il Sindaco interrompe la discussione proponendo di effettuare una votazione preliminare

sull’approvazione del metodo di accogliere parzialmente le osservazioni.

La votazione resa per alzata di mano dà il seguente esito:

presenti 12

votanti 12

favorevoli 9

contrari 2 (Accoto e Pelizzatti)

astenuti 1 (Abbiati)

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3 (Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 4 – Serra Gina del 23.01.2012 prot. 461

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


OSSERVAZIONE N. 5 Bongiascia Mauro del 23.01.2012 prot. 462

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3(Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 6 – Gianatti Tania Gandossini Nelda del 23.01.2012 prot. 471

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 7 – Leusciatti Giuseppe Ernesto Benedetti Olga del 02.02.2012 prot.

749

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 2 (Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 8 – Della Maddalena Carlo del 08.02.2012 prot. 913

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 9 – Pelizzatti Lucia Elvira del 07.02.2012 prot. 868

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 2 (Paolo Accoto e Luigi Pelizzatti)

votanti 12

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 0

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


OSSERVAZIONE N. 10 – Miotti Alberto Pietroboni Maria Gloria del 13.02.2012 prot.

1002

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 11 – Gianatti Pier Giorgio Erba Giulia del 15.02.2012 prot. 1066

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 12 – Pedrotti Ivan- Alessandro, Fumasoni Walter del 16.02.2012

prot. 1097

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 13 – Di Lorenzo Giuseppina del 20.02.2012 prot. 1148

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


OSSERVAZIONE N. 14 – Gianatti Claudio-Lina - Magini Giovanni – Gianatti Alba -

Franco - Zelia, Bernardini Serra Gina, Bongiascia Mauro Campanini Paolo del 21.02.2012

prot. 1163

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti alla discussione e al 1 (Conforti Giancarlo)

voto

votanti 11

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 2 (Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 15 – Paganoni Stefano del 21.02.2012 prot. 1168

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 16 – Trippi Francesco Borghi Marco del 21.02.2012 prot. 1169

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 17 – Mattaboni Claudio del 21.02.2012 prot. 1179

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 18 – Benedetti Mario del 23.02.2012 prot. 1247

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 19 – Cooperativa Vitivinicola di Montagna Poggiridenti Ponchiera

del 24.02.2012 prot. 1277

Si apre un ampio dibattito sull’osservazione n. 19, nel quale il Consigliere Benedetto Abbiati

esprime stupore sul fatto che in uno strumento di programmazione generale sia già individuato il

soggetto che acquisterà il terreno in questione, proponendo che sia tolto ogni riferimento alla

Cooperativa Vitivinicola.

Viene quindi messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata, con la

seguente modifica :

- è eliminata la parte riguardante il richiamo esplicito alla cooperativa, mantenendo la modifica

all’art. 24 relativa al P.C. convenzionato.

Si procede alla votazione per alzata di mano con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 20 – Serioli Giovanna del 24.02.2012 prot. 1278

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 21 – Soc. BLP Srl del 24.02.2012 prot. 1279

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 22 - Soc. BLP Srl del 24.02.2012 prot. 1280

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 23 – Gianola Adriano del 24.02.2012 prot. 1281

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 24 – Gianesini Michele del 24.02.2012 prot. 1282

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 25 – Muffatti Gianni del 24.02.2012 prot. 1283

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 26 – Gianola Paolo del 24.02.2012 prot. 1284

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 27- Testini Iris del 24.02.2012 prot. 1285

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 28 Della Maddalena Stella Villa Aldo del 25.02.2012 prot. 1310

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 29 – Paola Rigamonti del 27.02.2012 prot. 1327

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 30 – Pier Luigi Serioli Paolo Credaro Mariangela Benedetti del

27.02.2012 prot. 1338

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 31 – Caprari Noris, Oriana , Giordano , Romeri Daniele, Peregrini

Enzo, Mottalini Ilaria del 27.02.2012 prot. n. 1341

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 32 – Testini Lina del 27.02.2012 prot. 1344

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 33 – Studio tecnico Bonolini per eredi Mattaboni del 27.02.2012 prot.

1345

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 2 (Accoto e Pelizzatti)

Il Consigliere Paolo Accoto dichiara di non comprendere il motivo per cui viene respinta

l’osservazione, atteso che è stato il Comune a realizzare la strada di Ca’ Mattaboni confinante

con questi terreni.

OSSERVAZIONE N. 34 – De Marchi Sergio del 28.02.2012 prot. 1368

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 35 – Brunalli Tiziana – Wilma , Adriana del 28.02.2012 prot. 1369

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti alla discussione e al 1 (Gandossini Sara)

voto

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 36 – Parolo Pieragelo Della Maddalena Paola – Gianna del

28.02.2012 prot. 1370

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 37 – Erbizzi Barbara , Tiziana, Gianatti Gianni , Luciano, Gugiatti

Franco, Sceresini Francesco, Tito del 28.02.2012 prot. 1372

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 38 – Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1383 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3(Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 39 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1384 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 40 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1385 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 41 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1386 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3(Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 42- Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1387 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 43 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1388 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 44 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1389 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 12

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 45 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1390 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 46 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1391 del 28.02.2012

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3(Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 47 Gandossini Mario, Donata, Bruno del 28.02.2012 prot. 1392

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 2 (Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 48 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1393 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 12

non partecipanti al voto 0

votanti 12

favorevoli 9

contrari 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

Alle ore 21.10 esce dall’aula il Consigliere Folatti Mirko

OSSERVAZIONE N. 49 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Pelizzatti Luigi

prot. 1394 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 8

contrari 3(Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 50 - Gandossini Mario, Donata, Bruno del 28.02.2012 prot. 1395

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 10

contrari 0

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


astenuti 1 (Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 51 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Luigi Pelizzatti

prot. 1396 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 8

contrari 3 (Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 52 – Parolo Angelo prot. 1397 del 28.02.2012

Si pone in votazione la proposta di esaminare l’osservazione congiuntamente all’osservazione n.

62 presentata dall’Ufficio Tecnico Comunale, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 9

contrari 2 (Accoto e Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 53 - Abbiati Benedetto, Accoto Paolo, Luigi Pelizzatti del 28.02.2012

prot. 1398

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 8

contrari 3 (Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 54 – Quattrini Marinella del 28.02.2012 prot. 1399

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

Non partecipanti al voto 0

Votanti 11

favorevoli 11

Contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 55 – Bottinelli Piero Maria del 28.02.2012 prot. 1400

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


votanti 11

favorevoli 8

contrari 3 (Abbiati, Accoto e Pelizzatti)

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 56 – Sceresini Paolo del 28.02.2012 prot. 1402

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 57 – Credaro Primo, Gianatti Alda , Meago Elena del 28.02.2012

prot. 1409

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 58 - Gianatti Franco, Credaro Pietro, Gianatti Zelia, Magini

Giovanni, Gianatti Claudio, Lina, Alba, Bernardini Fabia, serra Gina, Bongiascia Mauro,

Campanini Paolo, Secchi Massimo del 28.02.2012 prot. 1418

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti alla discussione e al 1 (Giancarlo Conforti)

voto

votanti 10

favorevoli 10

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 59 – Bussi Ivan del 28.02.2012 prot. 1419

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 60- Bussi Ivan del 28.02.2012 prot. 1420

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 61 – Ignizio Rosario del 28.02.2012 prot. 1421

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 62- Ufficio Tecnico Comunale del 28.02.2012 prot. 1422

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, stralciando integralmente il punto 19, e quindi

confermando i contenuti dell’art. 32 delle NTA del PdR, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 2 (Accoto e Pelizzatti)

votanti 9

favorevoli 8

contrari 0

astenuti 1 (Abbiati)

OSSERVAZIONE N. 52 – Parolo Angelo prot. 1397 del 28.02.2012

Viene messa in votazione la proposta di respingere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 9

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 2 (Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 63 – Zariatt Ida del 30.03.2012 prot. 2198

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


OSSERVAZIONE N. 64 – Bongiascia Luigi del 05.04.2012 prot. 2342

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 65 – Ambrosini Franco , Bongetta Luciana del 12.04.2012 prot. 2485

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 8

contrari 0

astenuti 3 (Abbiati, Accoto, Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 66 – Ambrosini Franco del 10.05.2012 prot. 3083

Viene messa in votazione la proposta di accogliere parzialmente l’osservazione trattata per le

motivazioni di cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 9

contrari 0

astenuti 2 (Accoto e Pelizzatti)

OSSERVAZIONE N. 67 – Testini Luigi del 11.05.2012 prot. 3140

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

OSSERVAZIONE N. 68 – Bongiascia Pietro del 11.05.2012 prot. 3143

Viene messa in votazione la proposta di accogliere l’osservazione trattata per le motivazioni di

cui al documento allegato A, con il seguente esito:

presenti 11

non partecipanti al voto 0

votanti 11

favorevoli 11

contrari 0

astenuti 0

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


ATTESA la propria competenza in ordine all’adozione del presente provvedimento ai sensi

dell’art. 42 comma 2, lett. a) del D.lgs. 267/2000;

CONSIDERATO che pertanto esistono le condizioni per procedere alla definitiva approvazione

del P.G.T. ;

DATO ATTO che sulla proposta di deliberazione ai sensi dell'art. 49 del D.Lgs. 267/2000, è

stato formulato preliminarmente alla presente seduta il parere favorevole reso dal Responsabile

del servizio interessato;

CON VOTI n. 8 favorevoli, n. 2 contrari ( Paolo Accoto e Luigi Pelizzatti) e n. 1 astenuto

(Benedetto Abbiati) espressi per alzata di mano dai n. 11 Consiglieri presenti e votanti;

DELIBERA

1) di approvare le controdeduzioni in merito alle osservazioni presentate ai sensi del comma 4

dell’art. 13 della L.R.. 12/2005 e s.m.e i. al Piano di Governo del territorio, adottato con

deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 07.12.2011 ai sensi dello stesso art. 13;

2) di approvare, ai sensi dell’art. 13 della L.R. n. 12/2005 e s.m.e i. , il Piano di Governo del

Territorio composto dai seguenti elaborati, modificati conseguentemente al precedente punto 1):

All. A1 – Relazione tecnica

All. A2 – Disposizioni normative

A - DOCUMENTO DI PIANO -

QUADRO RICOGNITIVO E CONOSCITIVO

All. A3 – Rapporto con la pianificazione regionale

All. A4 – Schedatura nuclei di antica formazione

TAV. 1A: Inquadramento geografico

TAV. 2A: Uso del suolo ad orientamento vegetazionale

TAV. 3A: Previsioni urbanistiche vigenti ed istanze pervenute

TAV. 4A: Stato di fatto e sistema della mobilità

TAV. 5A: Tavola dei vincoli

CARTE DEL PAESAGGIO

TAV. 6A: Unità tipologiche di paesaggio

TAV. 7A: Sensibilità paesistica dei luoghi ed elementi del paesaggio

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


TAV. 8A: CARTA ECOPAESISTICA

Aree naturali protette ed elementi della rete ecologica

TAV.9Aa: Tavola delle previsioni di piano

TAV.9Ab: Tavola delle previsioni di piano

DETERMINAZIONI DI PIANO

B - PIANO DEI SERVIZI-

All. B1 : Relazione tecnica e catalogo dei servizi esistenti

All. B2 : Norme Tecniche

TAV. 1B: Tavola dei servizi esistenti e di progetto

TAV. 2B: Reti di urbanizzazione

All. C1: Relazione tecnica

All. C2: Norme Tecniche

TAV. 1Ca: Tavola di progetto

TAV. 1Cb: Tavola di progetto

C - PIANO DELLE REGOLE

TAV. 1Cc: Tavola di progetto

Montagna piano – Quadri – Campagna – Madonnina – Paini – Farina –

Prada – Castaldo – Vervio

TAV. 2Ca: Nuclei di antica formazione - Gradi di intervento

- Cà Barella – Piazza delle Fontane – Piazza S.Giorgio – Paroni – Cà Magini -

- Contr. Ponte – Contr. Prada – Contr. Castaldo – Cà dei Quadri -

TAV. 2Cb: Nuclei di antica formazione – Gradi di intervento

-Dosso – Contr. Madonnina – Cà Paini – Cà Vervio

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA

CG01: CARTA DEL DISSESTO CON LEGENDA PAI

CG02: CARTA DELLA PERICOLOSITA’ SISMICA LOCALE

CG03: CARTA DEI VINCOLI

CG04: CARTA DI SINTESI

CG05: CARTA DI FATTIBILITA’ DELLE AZIONI DI PIANO – TERRITORIO COMUNALE

CG06: CARTA DI FATTIBILITA’ DELLE AZIONI DI PIANO – AREE URBANIZZATE

Relazioni:

CG07: RELAZIONE GEOLOGICA e NORME GEOLOGICHE DI PIANO

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


All.15 : Dichiarazione sostitutiva dell’ atto di notorietà

V - VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO

All. V1: Rapporto ambientale

All. V2: Sintesi non tecnica

Dichiarazione di Sintesi finale

Parere Motivato finale

STUDIO DI INCIDENZA

- Studio di Incidenza del Piano di Governo del Territorio del Comune di Montagna in Valtellina

( ZPS “VAL DI TOGNO - PIZZO SCALINO” IT2040021, ZPS “RISERVA REGIONALE BOSCO DEI BORDIGHI” IT2040402

e SIC “VAL DI TOGNO - PIZZO SCALINO” IT2040021)

A: Relazione

B: Tabella reticolo idrico

C: Regolamento comunale di polizia idraulica

D: Documentazione fotografica

STUDIO DEL RETICOLO IDRICO

1A: Fasce di rispetto del reticolo idrico del territorio comunale

1B: Fasce di rispetto del reticolo idrico del territorio comunale

2A: Fasce di rispetto del reticolo idrico del territorio comunale

2B: Fasce di rispetto del reticolo idrico del territorio comunale

2C: Fasce di rispetto del reticolo idrico del territorio comunale

2D: Fasce di rispetto del reticolo idrico del territorio comunale

2E: Fasce di rispetto del reticolo idrico del territorio comunale

A: Relazione - Verifica idraulica tratto terminale "Valle dell'Orco"

1: Planimetria generale - Verifica idraulica tratto terminale "Valle dell'Orco"

2: Profilo longitudinale - Verifica idraulica tratto terminale "Valle dell'Orco"

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


3) di dare atto che la componente geologica è inserita nel Piano delle Regole come da parere della

Regione Lombardia unitamente alla dichiarazione di cui all’allegato 15 della DGR 8/1566/2005 inserita

nella relazione geologica (all. CG07);

4) di demandare al Responsabile del servizio competente tutti gli atti necessari per addivenire alla

successiva pubblicazione dell’avviso di approvazione del presente P.G.T. da parte del Consiglio

Comunale sul Bollettino della Regione Lombardia, cui è subordinata l’efficacia dello stesso,

pubblicazione che è condizionata dalla completa e corretta trasmissione al S.I.T. degli elaborati del P.G.T.

in formato digitale,

Indi il Presidente, invita a deliberare sull'immediata eseguibilità della presente deliberazione;

IL CONSIGLIO COMUNALE

CON VOTI n.8 favorevoli e n 3 astenuti (Abbiati, Accoto e Pelizzatti) espressi per alzata di

mano dai n. 11 Consiglieri presenti e votanti;

DELIBERA

Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, 4°

comma del D.Lgs. 267/2000.

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


Letto, approvato e sottoscritto.

IL CONSIGLIERE

BARACCHI FELICE

IL SINDACO

BALDINI BARBARA

CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE

IL SEGRETARIO COMUNALE

SONGINI DOTT.SSA PAOLA

Il sottoscritto Segretario certifica che la presente deliberazione viene pubblicata, ai sensi e per gli

effetti di cui all’art. 32, 1° comma della Legge 18.06.2009 n. 69, mediante inserimento nel sito

informatico www.comune.montagnainvaltellina.so.it - Sezione Albo - dal giorno

15-06-2012 e vi rimarrà per 15 giorni consecutivi.

Lì, 15-06-2012

La presente deliberazione è divenuta esecutiva il

CERTIFICATO DI ESECUTIVITA'

IL SEGRETARIO COMUNALE

SONGINI DOTT.SSA PAOLA

decorsi i 10 giorni dalla data d’inizio delle pubblicazioni (art.134, comma 3, D.Lgs.vo n.267/2000);

Lì,

IL SEGRETARIO COMUNALE

SONGINI DOTT.SSA PAOLA

DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 25-05-2012 COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA


Rev.1

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MONTAGNA IN

VALTELLINA

ESAME OSSERVAZIONI

DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA’ ESPRESSO DALLA

PROVINCIA DI SONDRIO

La Giunta Provinciale di Sondrio con deliberazione n. 72 del 27.04.2012 ha approvato il Documento di

Valutazione compatibilità del P.G.T. del Comune di Montagna in Valtellina con il P.T.C.P. della

Provincia di Sondrio.

Il documento relativo alla valutazione di compatibilità con il PTCP espresso dalla Provincia, ripercorre

le scelte del PGT in merito alla tutela dei beni paesaggistici ed ambientali, al sistema delle

infrastrutture, agli ambiti agricoli strategici, alla difesa del suolo, alla rete ecologica, analizzando

inoltre i contenuti tecnici della Tavola delle Previsioni di Piano.

La Provincia esprime un parere conclusivo favorevole condizionato al rispetto di quanto indicato nel

documento di valutazione.

La sintesi delle indicazioni del documento provinciale è riportata qui di seguito suddivisa per capitoli.

a) Tutela dei beni paesaggistici ed ambientali

La valutazione provinciale da atto che il PGT rappresenta l’insieme della vincolistica esistente,

confermando le aree rappresentate dal sistema informativo Beni Ambientali, senza proporre modifiche

agli ambiti di cui all’art. 17 delle NTA del PPR.

Le analisi della componente paesaggistica sono confluite nella carta della sensibilità paesaggistica dei

luoghi ed elementi del paesaggio elaborata sulla base delle linee guida regionali.

In merito alla sensibilità paesistica delle aree produttive di fondovalle, la Provincia richiede di

modificare la classe di sensibilità al fine di garantire una maggiore tutela paesaggistica nell’attuazione

degli interventi previsti dall’ambito di trasformazione AT_1.

Sulla tavola 7 A si chiede di specificare la presenza di tre cascate individuate dal PTCP tra le due forre

del torrente Davaglione e di verificare la presenza della forra e della cascata Val di Togno.

Si chiede di introdurre nella tabella di raffronto PTCP – PGT l’area di interesse naturalistico Val di

Togno media.

Si richiede inoltre di integrare la cartografia del Piano delle Regole con le aree di valore paesaggistico

individuate dal documento di Piano e di integrare la tavola dei vincoli con le componenti di valore

prescrittivo del PTCP.

Si richiede inoltre di integrare la relazione con la presenza del Lago di Painale e di eliminare un

riferimento errato al paesaggio lacuale nelle disposizioni normative del Documento di Piano.

Varchi o corridoi paesistico ambientali

La Provincia da atto che il PGT recepisce i varchi inedificabili del PTCP con piccoli aggiustamenti alla

scala locale.

Terrazzamenti

La Provincia da atto della puntuale individuazione delle aree terrazzate, richiedendo una verifica della

perimetrazione rispetto al PTCP e richiedendo inoltre una maggior chiarezza applicativa delle norme di

tutela nelle zone agricole.

Aree di naturalità fluviale

Il PGT conferma le aree di naturalità fluviale apportando modifiche riguardanti:

-presa d’atto di un’attività esistente riclassificata come zona T5

-eliminazione di due aree in località Busteggia che si incuneano nel tessuto agricolo, per le quali il PGT

non rileva caratteristiche di naturalità fluviale.

Pag. 1 di 33


-si evidenziano in sponda idrografica destra del fiume Adda due impianti di trattamento e deposito

inerti, per i quali si richiede una normativa che prescriva il recupero e la rinaturalizzazione delle aree

degradate.

Sentieri e percorsi di interesse paesistico – viste panoramiche

Si richiede di integrare la norma sul paesaggio con le disposizioni di tutela previste dall’art. 14 del

PTCP inerenti le viste attive e passive.

Il tracciato individuato nel progetto definitivo “percorso di valorizzazione dei terrazzamenti retici –

lotto 2” – deve essere indicato in cartografia.

b) Infrastrutture per la mobilità

Il PGT contiene la previsione infrastrutturale nuova SS. 38 lotto 7, senza indicare la fascia di

inedificabilità.

Si rappresenta che il PGT ha recepito solo nel Piano delle Regole la viabilità di progetto a ridosso della

ferrovia finalizzata all’eliminazione del passaggio a livello. Si richiede di integrare la previsione nel

Documento di Piano e nel Piano dei Servizi.

c) Ambiti agricoli strategici e aree agricole

La relazione di compatibilità da atto che il PGT recepisce gli ambiti agricoli strategici del PTCP,

apportando lievi modifiche al perimetro, quale scala di maggior dettaglio. Per le aree agricole si

richiede di riportare in cartografia la distanza di 100 m. inedificabili dagli allevamenti esistenti per l’uso

residenziale.

Difesa del suolo

Il parere provinciale da atto dello sviluppo dello studio geologico di supporto alla pianificazione

urbanistica e delle integrazioni prodotte in applicazione alla DGR 7374/2008.

E’ stato inoltre eseguito uno studio idraulico di dettaglio della piana dell’Adda tra Montagna e

Poggiridenti. Le erosioni calanchive dei depositi morenici nelle testate del torrente Davaglione

potrebbero avere caratteristiche di geosito e come tali adeguate forme di tutela.

Tavola delle previsioni di PGT

Tessuto urbano consolidato

La valutazione di conformità segnala una possibile incoerenza nella definizione del tessuto urbano

consolidato. La valutazione da atto che il PGT non prevede ambiti di trasformazione residenziale

concentrando la realizzazione delle nuove previsioni all’interno del tessuto urbano.

La relazione da atto che il PGT individua le aree di interesse paesistico ambientale e riperimetra i

nuclei storici in parziale modifica rispetto alle previsioni del PTCP.

Si richiede una modifica della normativa escludendo la nuova edificazione in ambiti dove la stessa è

esclusa.

Tessuto produttivo e commerciale

Si segnala la presenza in località Agneda dell’ambito di trasformazione AT_1 contiguo con un PA a

destinazione commerciale.

Ambito di trasformazione

Il documento di piano individua un solo ambito di trasformazione a destinazione prevalente

commerciale in località Agneda, riservato alle medie strutture di vendita nella tipologia centro

commerciale, nonché a eventuali altre destinazioni terziarie.

Si segnala che la previsione non è in sintonia con l’art. 64 del PTCP inerente il sistema distributivo

commerciale.

Rev.1

Pag. 2 di 33


Si osserva che la documentazione non è corredata da specifica analisi connessa alla previsione di

traffico e deve essere assoggettata al parere della conferenza dei comuni facenti parte della

conurbazione.

Aree non soggette a trasformazione

Si rileva che il PGT si limita a specificare le aree di non trasformazione urbanistica nelle fasce di

rispetto richiedendo una valutazione dell’argomento.

Parere conclusivo: la valutazione di compatibilità ha posto in evidenza che lo scenario generale di

sviluppo proposto dal PGT del Comune di Montagna, pur presentando alcune incongruenze, non è in

contrasto con gli obiettivi, gli elementi prescrittivi e le previsioni di carattere sovraccomunale declinati

dal PTCP ed esprime conseguentemente un parere favorevole condizionato.

VALUTAZIONE DI INCIDENZA

Sul territorio di Montagna sono presenti i siti di Rete Natura 2000 SIC/ZPS IT2040021 “Val di Togno –

Pizzo Scalino” e ZPS IT2040402 “Riserva Naturale Bosco dei Bordighi” ed elementi di Rete Ecologica

Regionale (DGR VIII/10962 del 30/12/2009) tra i quali:

. corridoi primari ad alta antropizzazione Fiume Adda

. elementi di primo livello compresi nelle Aree prioritarie per la biodiversità “43 Alpi Retiche”, “n. 44

Versante retico della Valtellina e “45 fondovalle della media Valtellina”.

. elementi di secondo livello comprendente una fascia di versante tra Monte Dosso Bruciato e torrente

Rogna.

Rev.1

Considerazioni in merito al parere di compatibilità provinciale

e conseguenti modifiche da introdurre

Il parere di compatibilità espresso dall’Amministrazione Provinciale, nel confermare la sostanziale

compatibilità del PGT del Comune di Montagna in Valtellina, riporta la richiesta di modifica di alcuni

elaborati di Piano.

Tutela dei beni paesaggistici ed ambientali

Il Parere di compatibilità della Provincia propone alcune modifiche ai documenti del PGT, che vengono

conseguentemente modificati o integrati come segue:

1. Si eleva la classe di sensibilità del comparto produttivo di fondovalle a ridosso della SS.38

portandola da classe I a classe III.

2. Per quanto attiene alle cascate sul torrente Davaglione l’informazione viene integrata con le

cascate mancanti; l’art.16 delle Disposizioni Normative viene integrato aggiungendo il

seguente paragrafo:

- Gli ambiti contraddistinti nella tav. 7A Sensibilità paesista dei luoghi ed elementi del

paesaggio riguardano la presenza di forre e cascate di interesse paesaggistico per i quali il

PGT prescrive una tutela assoluta vietando interventi che modifichino lo stato dei luoghi.

3. Il perimetro dell’area di interesse naturalistico Val di Togno media viene riportato anche sulla

tavola di progetto del PdR e all’art.32 delle NTA del PdR si aggiunge un nuovo punto:

10. AREA DI INTERESSE NATURALISTICO E PAESISTICO

L’area contraddistinta da apposita simbologia sulle tavole di progetto del PdR 1C, riguardante

la Val di Togno media è caratterizzata per la presenza della formica aquilonia e deve essere

tutelata ai sensi dell’art. 8 del PTCP in questa area sono vietati interventi di modifica dello

stato dei luoghi.

Pag. 3 di 33


Rev.1

4. Per quanto attiene le aree di interesse paesistico ambientale ed ecologico, le indicazioni

contenute nel PdR riassumo gli elementi necessari per l’identificazione e la tutela degli aspetti

di maggior interesse, per tanto si confermano le indicazioni contenute nelle tavole di piano.

5. La tavola dei vincoli, parte del DdP rappresenta il sistema di vincolistica esistente derivato

dalla legislazione vigente e non contiene indicazioni prescrittive del PTCP in quanto le stesse

non costituiscono vincolo ma scelte operative della pianificazione sovraordinata e come tali

devono essere rappresentati nella tavola di progetto del DdP.

6. Si modifica la relazione tecnica a pag.21 al punto 22 bis, citando la presenza del lago di

Painale

7. Per quanto riguarda l’obbligatorietà dell’esame paesistico dei progetti indicato all’art. 35 del

PTR, si evidenza che la norma vale su tutto il territorio regionale indipendentemente dalla sua

previsione negli elaborati del PGT.

8. Si modifica l’art.16 delle disposizioni normative del DdP eliminando il riferimento al paesaggio

lacuale

TERRAZZAMENTI

Si conferma la perimetrazione degli ambiti individuati dal PGT. Si conferma che l’ambito a cui si

riferiscono le normative delle aree agricole è quello del paesaggio terrazzato individuato nella tavola di

progetto del DdP. Per meglio chiarire l’applicazione della norma si inserisce nella tavola del PdR la

perimetrazione dei terrazzamenti e si aggiunge all’art.30 punto 10, art. 31 punto 9, art. 32 punto 9, il

riferimento ai terrazzamenti individuati sulle tavole del PdR evidenziando inoltre l’inedificabilità di tali

ambiti.

AREE DI NATURALITA’ FLUVIALE

La normativa di piano, art. 34 NTA del PdR consente gli interventi di recupero e di rinaturalizzazione

delle aree degradate; non esistendo fabbricati agricoli nelle aree di naturalità fluviale non si

inseriscono norme al riguardo. Si conferma la conferma dell’ area di degrado in sponda destra

dell’Adda a confine con Sondrio e si inserisce nella tav.7 l’informazione.

SENTIERI E PERCORSI DI INTERESSE NATURALISTICO

Si porta nelle tavole 7A e 9A del DdP il tracciato del “Sentiero dei terrazzamenti valtellinesi” la cui

realizzazione è demandata alla C.M. di Sondrio; il PTCP non evidenzia nel territorio di Montagna viste

attive e passive. Si inserisce sulle tavole del DdP il percorso della pista equestre esistente a ridosso del

fiume Adda.

Infrastrutture e mobilità

Per quanto riguarda la cartellonistica stradale il comune di Montagna ha approvato uno specifico

regolamento ai sensi della citata delibera del consiglio provinciale; si ritiene pertanto di confermare il

PGT nella conformazione adottata.

Per quanto attiene alla viabilità di progetto recepita nel PdR riguardante l’eliminazione dei passaggi a

livello la stessa verrà inserita nel PdS e nel DdP.

Ambiti agricoli strategici

Si ritiene di modificare il punto 7 dell’art. 31 delle NTA del PdR eliminando la citazione “nuove

costruzioni”.

Non si inserisce l’indicazione cartografica dei 100 m di distanza dagli impianti zootecnici operativi in

quanto è più corretto che la valutazione della distanza venga effettuata caso per caso.

Difesa del suolo

Si modificano le carte di sintesi sistemando la legenda.

Pag. 4 di 33


Tavola delle previsioni di piano

Tessuto Urbano Consolidato

La Provincia chiede di rivedere la perpetrazione del tessuto urbano consolidato, in quanto lo stesso

comprende anche aree a destinazione agricola AG_2.

Nel confermare la coerenza delle modalità di definizione del TUC rispetto a quanto contenuto

nell’art.10 della legge regionale 12 che cita “quelle parti di territorio sulle quali è già avvenuta

l’edificazione o la trasformazione dei suoli, comprendendo tra esse le aree libere intercluse o di

completamento”, si ritiene comunque possibile accettare parzialmente l’indicazione della provincia

riducendo in alcune parti il TUC. Le caratteristiche del territorio del territorio del comune di Montagna

in Valtellina sono assolutamente peculiari in quanto spesso l’attività agricola si svolge e si compenetra

nel tessuto urbano consolidato e quindi l’individuazione di aree agricole definite comunali all’interno

nel TUC è corretta e consentita dalle specifiche tecniche costituenti le linee guida per la realizzazione

del SIT integrato.

Per quanto attiene alle aree definite T3 - Tessuto urbano in ambito a prevalenza di verde - si

confermano le previsioni del PdR, peraltro di competenza comunale.

Si modificano gli art. 22-29-31 eliminando rispettivamente ai punti 8 - 7 il riferimento alle nuove

costruzioni.

Tessuto Produttivo Commerciale

Si modifica la destinazione di area privata a servizio pubblico dell’area in località Agneda inserendola in

un ambito T5 Tessuto commerciale esistente e di completamento- escludendo da tale ambito la nuova

edificazione. Si introduce sulla Tav. 1Cc di progetto un’apposita simbologia richiamata all’art. 24 – T5

– Tessuto commerciale esistente e di completamento – attraverso l’inserimento al punto 7 - Norme

particolari del seguente comma:

Nell’ambito contraddistinto sulla Tav. 1Cc – Tavola di progetto – con la simbologia @ non è attribuito

un indice di utilizzazione fondiaria ed è consentito l’uso commerciale dell’area per esposizione

automobili.

Ambiti di trasformazione

Relativamente all’ambito di trasformazione AT_1 in località Agneda, si modifica la descrizione

contenuta nella relazione tecnica del DdP al punto d.2.7 allineando a quanto contenuto nelle

disposizioni normative del DdP. L’area ricade nelle unità di paesaggio “Paesaggio di fondovalle”

riguardante tutto il fondovalle valtellinese non occupato da insediamenti urbani e la scheda d’ambito

dell’art. 5 delle Disposizioni Normative del DdP tiene conto delle problematiche paesaggistiche. Infatti

gli indirizzi paesaggistici, gli aspetti morfologici e tipologici dell’interventi, nonché una corretta

strutturazione dei parametri urbanistici, consentono di realizzare l’intervento tenendo conto della

situazione paesistico-territoriale dell’area. Per quanto attiene alla destinazione commerciale il piano

non è altro che la mera riconferma dei contenuti nel PRG vigente modificati eliminando dalla norma

che consentiva di insediare la grande distribuzione commerciale anche per trasferimento da altro

comune.

Ulteriori considerazioni

Per quanto riguarda il vincolo relativo alla fascia di rispetto fluviale, si fa riferimento alla tavola dei

vincoli che contiene l’indicazione cartografica di tale fascia.

Per quanto attiene agli elementi non espressamente riportati, si confermano i contenuti del PGT in

quanto coerenti con gli obiettivi di piano e con la normativa sovraordinata.

Valutazione di incidenza

Si prende atto dei contenuti del parere provinciale, modificando gli articoli 14 delle norme del PdS e 46

delle norme del PdR come richiesto.

Rev.1

Pag. 5 di 33


DETERMINAZIONI IN MERITO AL PARERE ESPRESSO DALLA REGIONE LOMBARDIA AI

SENSI DELL’ART. 13 COMMA 8 LEGGE REGIONALE 12/2005

La Giunta regionale con deliberazione n. IX/3305 del 18/04/2012 ha assunto, in ordine al Documento

di Piano del PGT del Comune di Montagna in Valtellina le determinazioni risultanti dal parere

formulato dal Dirigente della struttura Pianificazione Territoriale.

Il parere regionale ripercorre i riferimenti procedurali e la relazione tra il PGT ed il PTR relativamente

agli obiettivi regionali di natura paesaggistica.

Il documento relativo al parere di conformità da atto che dalla lettura degli atti del piano emerge che il

patrimonio di antica formazione è stato oggetto di un’attenta valutazione e che il tessuto urbano

consolidato è stato analizzato e suddiviso secondo le diverse peculiarità nelle diverse zone; nell’ottica

di contenimento di consumo di suolo il piano non individua nuovi ambiti di trasformazione esterni al

tessuto urbano consolidato, ma prevede, all’interno dello stesso la possibilità di utilizzare le aree

interstiziali.

Il parere regionale ripercorre successivamente la normativa del PdR, le aree agricole individuate dal

piano, le scelte relative al tessuto produttivo, e l’individuazione dell’ambito di trasformazione AT_1.

Per quanto attiene alla coerenza del DdP con gli orientamenti del PTR, il documento regionale

evidenzia un non automatico collegamento tra le necessità espresse dagli obiettivi del sistema

territoriale e le scelte progettuali del PGT. in merito all’ambito di trasformazione AT_1 si chiede che la

scheda venga completata con ulteriori elementi indicati dalla L. 12 anche in considerazione che il

piano prevede il possibile sviluppo congiunto con il confinante PAa commerciale.

Si richiede di dimostrare la compatibilità delle previsioni di piano con le risorse economiche in capo

all’amministrazione.

Il parere chiede inoltre maggiore chiarezza in merito alla definizione applicativa della possibilità di

attuazione di piani di recupero nelle diverse zone territoriali.

Per quanto attiene alla quantificazione della capacità insediativa di piano si segnala che nel calcolo

non figurano i potenziali derivanti dal recupero degli edifici esistenti e dei diritti edificatori derivanti

dalla cessione di aree a standard.

Con riferimento all’istituto della perequazione, si segnala che il PTR consente l’atterraggio dei diritti

volumetrici alle sole aree T2, rimandando ad un apposito regolamento attraverso le Disposizioni

normative del DdP.

Per quanto riguarda l’aspetto geologico la delibera della G.R. prevede che in sede di approvazione

definitiva del PGT lo studio geologico venga correttamente inserito tra gli elaborati del piano e non

come allegato.

Considerazioni in merito alla presenza sul territorio di obiettivo prioritario di interesse

regionale.

Il territorio comunale è interessato dalla previsione strutturale relativa alla SS. 38 – Completamento

della tangenziale di Sondrio.

La Regione segnala che il tracciato riportato dal piano non è del tutto corrispondente al progetto

definitivo approvato dall’ANAS e chiede che gli elaborati del piano siano adeguati recependo

correttamente il tracciato del progetto comprendendo inoltre l’apposizione di un congruo corridoio di

salvaguardia.

Rev.1

Pag. 6 di 33


Rev.1

Considerazioni in merito al parere di compatibilità della Regione Lombardia e

conseguenti modifiche da introdurre

Il Comune di Montagna in Valtellina è tenuto a richiedere un parere di conformità alla regione in

quanto il territorio comunale è attraversato da una parte del progetto infrastrutturale in

considerazione della previsione della SS 38 Completamento della Tangenziale di Sondrio, inserito nel

PTR quale obiettivo di interesse regionale.

Il valore prescrittivo del parere Regionale riguarda quindi solamente la coerenza tra il

documento di piano del PGT e la previsione infrastrutturale relativa all’obiettivo prioritario (progetto

SS. 38 – Completamento della tangenziale di Sondrio). Le altre considerazioni espresse nel parere,

costituiscono esclusivamente un indirizzo generale ed un’interpretazione della struttura regionale in

merito al rapporto con il PTR, e come tali il comune ha facoltà di prenderle in considerazione o di

confermare il PGT nelle scelte già operate. Peraltro l’art. 13 comma 5 della L.R. 12/05, citato dalla

regione come riferimento giuridico, conferma che le verifiche devono essere effettuate solamente sul

documento di piano e non sugli altri elaborati costituenti il PGT.

Il parere in merito al DdP del PGT del Comune di Montagna in Valtellina conferma la corretta

impostazione dello strumento urbanistico rispetto alla normativa regionale vigente e rispetto al Piano

Territoriale, in particolare relativamente agli obiettivi regionali di natura paesaggistica.

Il documento regionale, in merito all’ambito di trasformazione AT_1, richiede un completamento degli

elementi descrittivi richiesti dalla normativa regionale vigente. Al riguardo si segnala che la scheda

d’ambito di cui all’art. 5 delle Disposizioni Normative del DdP dettaglia gli obiettivi generali nonché gli

indici urbanistico-edilizi, oltre che le vocazioni funzionali e gli elementi morfologici e tipologici idonei

alla definizione degli interventi futuri, introducendo le norme essenziali richieste dall’art. 8 della

L.12/2005.

Per quanto attiene alle possibilità di utilizzo dei P.R. nelle zone di antica formazione e negli ambiti del

tessuto urbano consolidato occorre precisare che la normativa del PGT ha previsto la collocazione dei

tessuti urbani NA – NR- T0 – T1 – T2 – AG1 – AG2 – AG3 – in applicazione ai contenuti di cui all’art.

27 della L. 457/78, che chiede agli strumenti urbanistici comunali la definizione della zona di recupero.

Ciò non significa che scatta obbligatoriamente l’applicazione di Piani di recupero in queste zone, ma

che si prevede la facoltà di intervento con questo strumento attuativo nei casi in cui risulti più idoneo

per risolvere le problematiche insediative.

Per quanto attiene alla capacità insediativa introdotta dal PdS si è scelto di calcolare l’utilizzo dei lotti

liberi non essendo possibile definire la quantità relativa al recupero che il piano potrà configurare.

Per quanto attiene all’istituto della perequazione, compensazione e incentivazione, il piano non

rimanda affatto l’applicazione all’approvazione di uno specifico regolamento; il rimando riguarda

esclusivamente le modalità di gestione dei diritti edificatori, mentre i criteri sono contenuti nell’art. 3

delle Disposizioni Normative. Conseguentemente le osservazioni di carattere generale e di indirizzo

riportate nel parere regionale non producono modifiche agli elaborati di piano.

Parere in merito all’obiettivo prioritario di interesse regionale.

La Regione segnala che il tracciato dell’infrastruttura introdotto nel PGT (desunto dalle informazioni

provinciali) non è del tutto corrispondente al progetto definitivo presentato da ANAS in data

11/02/2004 e licenziato favorevolmente dalla Regione nell’ambito dell’iter della Legge Obiettivo (DGR

n. VII/17168 del 16.4.2004).

Conseguentemente risulta necessario aggiornare gli elaborati del PGT recependo correttamente il

tracciato di tale progetto, successivamente trasmesso dagli uffici regionali, dando atto nella normativa

dell’apposizione di un congruo corridoio di salvaguardia dimensionato secondo i criteri regionali

approvati con DGR n. 8/8579 del 3.12.2008.

Si richiede inoltre di inserire nell’ambito di trasformazione AT_1 – Area in località Agneda- l’obbligo di

subordinare l’approvazione del relativo Piano Attuativo alla preventiva verifica degli effetti indotti sul

sistema di accesso, mediante un apposito studio di traffico nel quale si dovrà tenere in debita

considerazione il carico di traffico conseguente all’attivazione dell’adiacente P.A. già convenzionato,

valutando le eventuali ulteriori opere di adeguamento infrastrutturale.

Il recepimento di questa osservazione si modifica la scheda d’ambito dell’area AT_1 inserendo la

normativa sopra indicata.

Si adegua inoltre la Relazione tecnica al punto D.2.7 – rendendola coerente con il testo della

normativa.

Pag. 7 di 33


OSSERVAZIONE n° 0A:

Rev.1

Esame osservazioni

Presentata da: ARPA Dipartimento di Sondrio

Prot. n° 378 generale - n° 0A speciale

OSSERVAZIONI ED INDICAZIONI SUL DdP

a-INTERVENTI DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE:

Gli effetti negativi derivanti dall’attuazione dell’AdT 1 e degli AdC devono essere compensati con

azioni che agiscono sulla riqualificazione del sistema ambientale, esempio rinaturalizzazione o

rimboschimento di aree di valenza strategica per lo sviluppo della rete ecologica

b-INTEGRAZIONI ALLA SCHEDA DELL’ AdT 1:

Per una migliore leggibilità del piano e per dare applicazione certa alle vigenti disposizioni legislative e

regolamentari si suggerisce di integrare la scheda tecnica dell’AdT 1

c-INDICAZIONI PER IL PdR:

Integrare le NTA con le prescrizioni ed i criteri a cui ci si dovrà attenere in fase di progettazione come

di seguito indicato.

1. Acquisire l’assenso esplicito degli Enti gestori delle reti sulla congruità dell’acquedotto, della

fognatura e dell’impianto di depurazione a sopportare i nuovi carichi insediativi

2. Recepire le disposizioni in merito al risparmio e al riutilizzo della risorsa idrica

3. Recepire lo standard minimo di superficie drenante

4. Presentare una relazione tecnica che individui le soluzioni impiantistiche per la produzione

termica e elettrica che dimostri la sostenibilità delle stesse in funzione del fabbisogno

energetico annuo stimato e del rapporto di utilizzo delle fonti rinnovabili

5. Recepire quanto previsto dal D.G.R. n.8 8/2244 per la riduzione delle portate meteoriche

convogliate in pubblica fognatura

6. Utilizzare impianti di illuminazione esterna in conformità ai criteri di antinquinamento luminoso

7. Nel progettare le nuove costruzioni tener conto della possibile presenza di radon nel

sottosuolo e prevedere l’isolamento ermetico dell’ edificio

8. Presentare la documentazione di valutazione previsionale del clima acustico delle aree

interessate alla realizzazione di nuovi insediamenti residenziali prossimi a strade.

9. Prima del riutilizzo del patrimonio edilizio esistente e/o della riconversione di aree utilizzate in

passato per attività potenzialmente inquinanti, svolgere un’indagine ambientale tesa a

escludere l’ inquinamento del suolo, del sottosuolo e delle acque sotterranee.

10. Per gli interventi edilizi da realizzare all’interno della fascia determinata dalla distanza di prima

approssimazione delle linee elettriche e di cabine, prevedere l’obbligo di verifica delle fasce di

rispetto

11. Per i nuovi edifici da realizzare in prossimità di allevamenti esistenti, prevedere l’obbligo di

rispettare le distanze.

12. Per i nuovi edifici in cui è prevista la permanenza di persone superiore a 4 ore giornaliere e da

realizzare in prossimità di impianti per la telecomunicazione e la radiotelevisione, verificare

che gli stessi non ricadano nel volume di rispetto già calcolato dal Gestore degli impianti.

13. Lungo i tracciati dei metanodotti rispettare le distanze d’inedificabilità

14. Nelle zone di rispetto cimiteriale prevedere il divieto di realizzare nuove opere edilizie

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione l’osservazione presentata da ARPA dipartimento di Sondrio riguarda indicazioni di

carattere generale e sulle schede degli ambiti di trasformazione, nonché indicazioni relative al Piano

delle Regole ed in particolare alle Norme tecniche di attuazione.

Al riguardo si sottolinea quanto segue:

Pag. 8 di 33


Il Documento di piano individua solo un ambito di trasformazione, confermando le previsioni contenute

nel PGR vigente, senza aumentare in nessuna altra parte il carico insediativo del comune.

La scelta del Comune è stata assolutamente orientata alla riduzione massima del consumo di suolo,

privilegiando interventi di completamento posti all’interno del Tessuto consolidato.

L’attuazione dell’ambito di trasformazione è prevista attraverso un Piano Attuativo, i cui contenuti sono

ben descritti nelle disposizioni normative e le cui variabili sono legate all’insieme delle azioni di

negoziazione che il comune porrà in essere in fase di predisposizione degli strumenti stessi.

Conseguentemente le possibili compensazioni ambientali verranno stabilite in quella sede, in forza

dell’effettiva previsione urbanistica definitiva, nel rispetto delle indicazioni contenute nel PGT.

Per quanto attiene al Piano delle Regole, le indicazioni riportate dall’osservazione dell’ARPA,

riguardano la proposizione di normative vigenti, il cui rispetto da parte degli interventi edilizi è un atto

dovuto indipendentemente dal fatto che le norme attuative ribadiscano i concetti legislativi richiamati.

Anzi, è parte della filosofia di gestione del territorio introdotta dal PGT in tutte le sue componenti, non

appesantire la norma da inutili richiami legislativi vigenti, per garantire ai cittadini una migliore facilità

di lettura ed al comune una migliore facilità di gestione.

Pertanto l’osservazione nel suo insieme viene respinta.

OSSERVAZIONE n° 0B:

Presentata da: ASL Sondrio

Prot. n° 1434 generale - n° 0B speciale

Riassunto dell'osservazione :

- Prevedere interventi a favore dell’incremento della mobilità pedonale, del verde pubblico

fruibile e della riduzione del traffico veicolare nelle aree abitate e di nuova edificazione

- Al fine della prevenzione degli incidenti stradali prevedere opere di mitigazione del traffico e

marciapiedi protetti

- Nelle zone di contiguità tra aree residenziali e aree agricole prevedere aree di separazione tra

le costruzioni ed il terreno circostante destinato ad attività agricola

- Introdurre nel regolamento edilizio, al fine della prevenzione dell’inquinamento da gas radon,

norme tecniche per le nuove costruzioni

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si prende atto delle considerazioni di carattere generale contenute nella lettera dell’Asl

di Sondrio confermando che la progettazione urbanistica del PGT è stata effettuata anche in

applicazione a principi di tutela della salute dei cittadini.

OSSERVAZIONE n° 1:

Presentata da: SCHENATTI Pietro

Prot. n° 8802 generale - n° 1 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : il PGT ha inteso tutelare le aree poste a ridosso del paesaggio terrazzato coltivato a

vigneto, confermando le caratteristiche paesaggistiche attuali dell’intero ambito ed inserendo le

relative aree in zona T3 – tessuto urbano in ambito a prevalenza di verde. Si ritiene pertanto di

confermare tale scelta mantenendo le aree oggetto dell’osservazione nella destinazione individuata

dal Piano.

Rev.1

Pag. 9 di 33


OSSERVAZIONE n° 2:

Presentata da: BALDINI MASSIMO

Prot. n° 8847 - n° 2 speciale

Riassunto dell'osservazione :Modificare il perimetro della zona edificabile

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere l’osservazione in quanto la modifica proposta, di modesta entità,

permette di realizzare l’intervento con minor impatto ambientale.

OSSERVAZIONE n° 3:

Presentata da: ARMINIO Paola

Prot. n° 37 - n° 3 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile T2_Tessuto urbano di

completamento

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [x]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere parzialmente l’osservazione modificando la normativa delle

zone agricole in luogo della modifica alle tavole grafiche, consentendo di conseguenza la

realizzazione dell’autorimessa richiesta, ciò in quanto si tratta di una problematica di carattere

generale.

La modifica alla normativa deve però tenere conto della realtà paesaggistica del territorio, limitando gli

interventi nelle aree non inserite nel paesaggio terrazzato. Si modifica conseguentemente l’art. 30

delle NTA eliminando il divieto del punto 2 ed introducendo al punto 6 la seguente alinea:

- E’ consentita la realizzazione di autorimesse interrate ai sensi della L.122/89 nelle aree collocate fino

alla quota di 700 m/slm e con l’esclusione delle aree comprese nel paesaggio dei terrazzamenti

perimetrali sulle tavole di progetto del PdR, da realizzarsi nel raggio massimo di 200 m. dell’edificio a

cui sono asservite e con il rapporto massimo riferito all’edificio residenziale di 10 mq/100 mc.

OSSERVAZIONE n° 4:

Presentata da: SERRA Gina

Prot. n° 461 - n°4 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile come del PRG vigente

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere l’osservazione inserendo la porzione di area già inserita nel

PRG in zona C1, in zona T2, consentendo l’edificabilità dell’area; la modifica di modesta entità non

incide sui contenuti generali del piano.

Rev.1

Pag. 10 di 33


OSSERVAZIONE n° 5:

Presentata da: BONGIASCIA Mauro

Prot. n° 462 - n°5 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile come del PRG vigente

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere l’osservazione inserendo la porzione di area già inserita nel

PRG in zona C1, in zona T2, consentendo l’edificabilità dell’area; la modifica di modesta entità non

incide sui contenuti generali del piano.

OSSERVAZIONE n° 6:

Presentata da: GIANATTI Tania, GANDOSSINI Nelda

Prot. n° 471 - n°6 speciale

Riassunto dell'osservazione : Prevedere un’apposita norma che disciplini la sistemazione dei

manufatti a filo strada in zona dove le pendenze esistenti non

permettono l’arretramento delle costruzioni

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : le problematiche espresse nell’osservazione riguardano aspetti generali del piano in

quanto esistono sul territorio situazioni analoghe generate dalla conformazione orografica dei luoghi.

Si ritiene pertanto di introdurre una norma generale nell’art. 31 delle NTA del Piano delle Regole, in

coda al paragrafo 6 la seguente frase:

I manufatti esistenti aventi destinazione di accessori utilizzati come legnaie, autorimesse, ripostigli,

possono essere recuperati mantenendo la posizione attuale rispetto la strada, con uno sviluppo

all’interno della proprietà che consente di realizzare autorimesse a servizio delle abitazioni esistenti.

OSSERVAZIONE n° 7:

Presentata da: LEUSCIATTI Giuseppe Ernesto

Prot. n° 749 - n°7 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire il terreno in zona edificabile T2_Tessuto urbano di

completamento

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la previsione di area edificabile in zona T2, riguarda una fascia posta in fregio alla

strada ed in continuità con le aree circostanti. Si conferma conseguentemente la scelta localizzativa

effettuata dal Piano delle Regole.

Rev.1

Pag. 11 di 33


OSSERVAZIONE n° 8:

Presentata da: DELLA MADDALENA Carlo

Prot. n° 913 - n°8 speciale

Riassunto dell'osservazione : Riduzione fascia di rispetto idraulico sul lato est del terreno per poter

realizzare un manufatto interrato

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la riduzione della fascia di rispetto idraulico non è attuabile attraverso l’accettazione di

un’osservazione, ma comporta verifiche idrauliche e geologiche con conseguente modifica del reticolo

minore non attuabile in questa fase.

OSSERVAZIONE n° 9:

Presentata da: PELIZZATTI Lucia Elvina

Prot. n° 868 - n°9 speciale

Riassunto dell'osservazione : Stralcia i terreni dalla zona T2_Tessuto urbano di completamento

riclassificandoli come area AG2_Aree agricole comunali

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [x]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene possibile accettare parzialmente l’osservazione, riducendo in parte l’area

edificabile.

OSSERVAZIONE n° 10:

Presentata da: MIOTTI Alberto, PIETROBONI Maria Gloria

Prot. n° 1002 - n°10 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni attualmente in zona edificabile T2_tessuto urbano di

completamento in zona agricola

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : l’area oggetto dell’osservazione similmente alle aree contermini oggetto di altre

osservazioni sono assimilabili agli ambiti della zona T6 - Aree di interesse paesistico – e quindi la

richiesta può essere accolta riconducendo la destinazione dell’ambito in zona T6.

Rev.1

Pag. 12 di 33


OSSERVAZIONE n° 11:

Presentata da: GIANATTI Pier Giorgio, ERBA Giulia

Prot. n° 1066 - n°11 speciale

Riassunto dell'osservazione: Inserire i terreni attualmente in zona edificabile T2_tessuto urbano di

completamenti in VPV

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : l’area oggetto dell’osservazione similmente alle aree contermini oggetto di altre

osservazioni sono assimilabili agli ambiti della zona T6 - Aree di interesse paesistico – e quindi la

richiesta può essere accolta riconducendo la destinazione dell’ambito in zona T6.

OSSERVAZIONE n° 12:

Presentata da: PEDROTTI Ivan, PEDROTTI Alessandro, FUMASONI Walter

Prot. n° 1097 - n°12 speciale

Riassunto dell'osservazione :Mantenere la destinazione urbanistica come da PRG

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere l’osservazione inserendo la porzione di area già inserita nel

PRG in zona C1, in zona T2, consentendo l’edificabilità dell’area; la modifica di modesta entità non

incide sui contenuti generali del piano.

OSSERVAZIONE n° 13:

Presentata da: DI LORENZO GIUSEPPINA

Prot. n° 1148 - n°13 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire il terreno in zona edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare le previsioni del piano delle regole nell’area in oggetto in quanto

coerenti con gli obiettivi di piano orientati alla riduzione di consumo di suolo agricolo.

Rev.1

Pag. 13 di 33


OSSERVAZIONE n° 14:

Presentata da: GIANATTI Claudio, GIANATTI Lina, MAGINI Giovanni, GIANATTI Alba,

GIANATTI Franco, GIANATTI Zelia, BERNARDINI Serra Gina, BONGIASCA Mauro

Prot. n° 1163 - n°14 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni ora destinati quale Area di interesse paesistico in

zona residenziale edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione: l’area in oggetto è situata in un ambito di sensibilità paesistica molto elevata a

prevalente valore naturale, le cui caratteristiche hanno suggerito la classificazione in zona T6, Aree di

interesse paesistico; si conferma conseguentemente la scelta operata dal Piano delle regole.

OSSERVAZIONE n° 15:

Presentata da: PAGANONI Stefano

Prot. n° 1168 - n°15 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona compatibile per la realizzazione di stazione

servizio carburanti

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione: l’area oggetto dell’osservazione è collocata in un ambito dove è presente il tracciato

della nuova SS 38 – Completamento della tangenziale di Sondrio - inserita nel vigente piano

territoriale regionale quale obiettivo prioritario di interesse regionale ai sensi dell’art. 20 l.r. 12/2005, e

conseguentemente inserita in zona RS rispetto stradale ed in parte in area di naturalità fluviale, in

applicazione alle indicazione del PTCP della provincia di Sondrio. La Regione Lombardia nel parere

espresso sul PGT del comune di Montagna in Valtellina ricorda la necessità che il Piano preveda un

congruo corridoio di salvaguardia all’infrastruttura e da atto che il PGT non introduce nuove previsioni

insediative fisicamente interferenti con la predetta opera.

Si confermano conseguentemente le previsioni del PGT nell’area oggetto dell’osservazione.

OSSERVAZIONE n° 16:

Presentata da: TRIPPI Francesco, BORGHI Marco

Prot. n° 1169 - n°16 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile T2_Tessuto urbano di

completamento

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : il PGT ha inteso tutelare le aree poste a ridosso del paesaggio terrazzato coltivato a

vigneto, confermando le caratteristiche paesaggistiche attuali dell’intero ambito ed inserendo le

relative aree in zona T3 – tessuto urbano in ambito a prevalenza di verde. Si ritiene pertanto di

confermare tale scelta, mantenendo le aree oggetto dell’osservazione nella destinazione individuata

dal Piano.

Rev.1

Pag. 14 di 33


OSSERVAZIONE n° 17:

Presentata da: MATTABONI Claudio

Prot. n° 1179 - n°17 speciale

Riassunto dell'osservazione : Mantenere la destinazione tecnologica come da PRG

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : L’area è collocata in un ambito dove insistono previsioni di carattere sovra comunale

imposte dalla pianificazione sovraordinata, riguardanti diverse problematiche e più precisamente:

- Tracciato nuova SS. 38 Completamento della tangenziale di Sondrio - inserita nel vigente

Piano Territoriale Regionale quale obiettivo prioritario di interesse regionale ai sensi dell’art.

20 l.r. 12/2005 e come tale soggetta a salvaguardia sia dal PTR che dal PTCP che introduce

anche una fascia di rispetto di 100 mt dall’infrastruttura.

- Ambito agricolo strategico, individuato dal PTCP provinciale

- Aree di “VARCHI INEDIFICABILI” individuati dalla pianificazione Provinciale

- Aree di naturalità fluviale, individuate dalla pianificazione provinciale.

L’insieme delle vincolistiche e delle previsioni sovraordinate insistenti sull’area non possono che

confermare le indicazioni del PGT.

OSSERVAZIONE n° 18:

Presentata da: BENEDETTI Mario

Prot. n° 1247 - n°18 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare la previsione del Piano delle Regole nell’area in esame in

quanto coerente con i principi di tutela paesaggistica e di riduzione di consumo di suolo previsti dal

PGT.

OSSERVAZIONE n° 19:

Presentata da: COOPERATIVA VITIVINICOLA di Montagna Poggiridenti Ponchiera

Prot. n° 1277 - n°19 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in località Campagna di prossimo acquisto da parte

del Comune in zona dove trasferire nuova sede cooperativa

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : la richiesta della cooperativa vitivinicola evidenzia la necessità di localizzare un ambito

nel quale trasferire la propria attività, che costituisce un servizio all’agricoltura del territorio comunale

ed anche dei comuni contermini. Le modifiche che devono essere apportate al PGT per soddisfare la

richiesta, che presenta un interesse di carattere generale riguardano quindi la destinazione di una

parte dell’area in una zona idonea alla realizzazione dell’intervento, mantenendo

contemporaneamente la previsione di parcheggio pubblico già individuata nel PGT adottato.

Conseguentemente si modifica l’area mantenendo la parte anteriore in Zona ST1 e inserendo la

restante parte dell’area in zona T5 – Tessuto commerciale esistente e di completamento.

Rev.1

Pag. 15 di 33


All’art. 24 delle NTA del PdR si aggiunge:

L’intervento posto n località Campagna è attuato mediante Permesso di Costruire convenzionato, che

pone a carico del soggetto attuatore la realizzazione dei parcheggi ad uso pubblico prospicienti la

strada.

OSSERVAZIONE n° 20:

Presentata da: SERIOLI Giovanna

Prot. n° 1278 - n°20 speciale

Riassunto dell'osservazione : eliminare i vincoli imposti sulla proprietà

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la previsione del Piano dei Servizi nell’ambito oggetto dell’osservazione, conferma

l’intenzione di prevedere nell’intero comparto un’area di servizi pubblici in particolare destinata al

verde attrezzato ed allo sport, in continuità con le precedenti previsioni. Il PGT riduce però, rispetto

alle previsioni del passato, le aree a standard, per dimensionarle in modo adeguato rispetto alle

possibilità di intervento del Comune ed alla durata del vincolo. Le restanti parti sono invece destinate

ad un’area di tessuto urbano a prevalenza di verde, analogamente alle aree circostanti, in

applicazione dei principi introdotti negli obiettivi di piano.

OSSERVAZIONE n° 21:

Presentata da: Società BLP srl

Prot. n° 1279 - n°21 speciale

Riassunto dell'osservazione : Sostituzione degli edifici esistenti e loro spostamento verso ovest

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : le aree oggetto dell’osservazione sono collocate in fascia B del PAI e soggetti alle

restrizioni edificatorie previste dalla normativa di riferimento. Pertanto le previsioni del PGT devono

essere confermate.

OSSERVAZIONE n° 22:

Presentata da: Società BLP srl

Prot. n° 1280 - n°22 speciale

Riassunto dell'osservazione : Spostare edificio esistente verso sud e realizzare nuovo edificio

produttivo

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione :. le aree oggetto dell’osservazione sono collocate in fascia B del PAI e soggetti alle

restrizioni edificatorie previste dalla normativa di riferimento. Pertanto le previsioni del PGT devono

essere confermate.

OSSERVAZIONE n° 23:

Presentata da: GIANOLA Adriano

Rev.1

Pag. 16 di 33


Rev.1

Prot. n° 1281 - n°23 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire il fabbricato in cartografia e realizzare un piccolo edificio con

destinazione agricola

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [x]

Respinta [ ]

Motivazione : l’osservazione è accolta inserendo il fabbricato esistente sulla cartografia di base del

PGT.

OSSERVAZIONE n° 24:

Presentata da: GIANESINI Michele

Prot. n° 1282 - n°24 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire nella NTA del PdR la possibilità di realizzare un manufatto

interrato nelle zone agricole comunali limitrofe ai fabbricati residenziali

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [X]

Respinta [ ]

Motivazione : l’osservazione è accolta analogamente alla n° 3 che qui si richiama esplicitamente,

riportando le modifiche agli art. 30 e 31 delle NTA già indicate nell’osservazione precedente.

OSSERVAZIONE n° 25:

Presentata da: MUFFATTI Gianni

Prot. n° 1283 generale - n° 25 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire nelle NTA del PdR la possibilità di edificare nuove costruzione

nelle zone agricole comunali

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : l’osservazione è respinta in quanto si ritiene di confermare la scelta di non consentire

nuove costruzioni nelle zone agricole, precisando che per le attività esistenti è possibile un incremento

volumetrico pari al 30 % delle volumetrie esistenti che consente di soddisfare i nuovi fabbisogni delle

attività agricole insediate.

OSSERVAZIONE n° 26:

Presentata da: GIANOLA Paolo

Prot. n°1284 generale - n° 26 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i fabbricati in zona T6_Aree di interesse paesistico

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : l’osservazione è accolta in quanto si tratta di adeguare la previsione del Piano delle

Regole all’effettiva situazione della proprietà.

Pag. 17 di 33


OSSERVAZIONE n° 27:

Presentata da: TESTINI Iris

Prot. n° 1285 generale - n° 27 speciale

Riassunto dell'osservazione : Ampliare il piccolo edificio esistente per la realizzazione di punto di

degustazione vini e vendita di prodotti tipici locali di propria

produzione.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la richiesta dell’osservazione è respinta in quanto le NTA del Piano delle Regole già

consentono l’ampliamento richiesto e quindi non sono necessarie ulteriori modifiche.

OSSERVAZIONE n° 28:

Presentata da: DELLA MADDALENA Stella, VILLA Aldo

Prot. n° 1310 generale - n° 28 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermarle previsioni del PGT nell’ambito in esame in quanto coerenti con

gli obiettivi di tutela paesaggistica e di limitazione del consumo di suolo contenuti nello strumento

urbanistico.

OSSERVAZIONE n° 29:

Presentata da: RIGAMONTI Paola

Prot. n° 1327 generale - n° 29 speciale

Riassunto dell'osservazione : Possibilità di recuperare i fabbricati esistenti inseriti in zona

T3_Tessuto urbano in ambito a prevalenza a verde

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : il PGT ha inteso tutelare le aree poste a ridosso del paesaggio terrazzato coltivato a

vigneto, confermando le caratteristiche paesaggistiche attuali dell’intero ambito ed inserendo le

relative aree in zona T3 – tessuto urbano in ambito a prevalenza di verde. Si ritiene pertanto di

confermare tale scelta mantenendo le aree oggetto dell’osservazione nella destinazione individuata

dal Piano.

OSSERVAZIONE n° 30:

Presentata da: SERIOLI Pier Luigi, CREDARO Paolo, BENEDETTI Mariangela

Rev.1

Pag. 18 di 33


Rev.1

Prot. n° 1338 generale - n° 30 speciale

Riassunto dell'osservazione : Ampliare il perimetro del nucleo consolidato ed inserire i mappali in

zona edificabile di completamento

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare la previsione del Piano delle Regole nell’area in esame in

quanto coerente con i principi di tutela paesaggistica e di riduzione di consumo di suolo previsti dal

PGT.

OSSERVAZIONE n° 31:

Presentata da: ROMERI Daniele, CAPRARI Noris, CAPRARI Oriana, PERREGRINI Enzo,

MOTTALINI Ilaria, CAPRARI Giordano

Prot. n° 2012 generale - n° 31 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire il terreno in zona edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : le caratteristiche orografiche, geologiche, paesaggistiche, ambientali dell’area in

esame hanno determinato la sua collocazione in zona AG2, che si ritiene necessario confermare.

OSSERVAZIONE n° 32:

Presentata da: TESTINI Lina

Prot. n° 1344 generale - n° 32 speciale

Riassunto dell'osservazione : Integrare l’ art.45 delle NTA con inserimento clausola che permetta la

“possibilità di traslazione entro il limite di 20 m"

Accolta [X]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : le problematiche esposte sono di carattere generale e pertanto si ritiene possibile una

modifica alla normativa dell’art. 45 consentendo maggiore possibilità di spostamento dei sedimi nelle

zone AG3. Pertanto si aggiunge all’art. 45, in coda al punto 2, la seguente frase:

“Nelle zone AG3, mediante l’approvazione di un Piano di Recupero, è possibile procedere allo

spostamento di sedime fino ad un massimo di m. 20.”

OSSERVAZIONE n° 33:

Presentata da: STUDIO TECNICO BONOLINI per Eredi MATTABONI

Pag. 19 di 33


Rev.1

Prot. n° 1345 generale - n° 33 speciale

Riassunto dell'osservazione : Modificare la destinazione urbanistica dei mappali da zona agricola

comunale a zona edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare la previsione del Piano delle Regole nell’area in esame in

quanto coerente con i principi di tutela paesaggistica e di riduzione di consumo di suolo previsti dal

PGT.

OSSERVAZIONE n° 34:

Presentata da: DE MARCHI Sergio

Prot. n° 1368 generale - n° 34 speciale

Riassunto dell'osservazione : Possibilità di realizzare un fabbricato interrato in zona AG1_Ambiti

Agricoli Strategici

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : non si rende necessario procedere alle modifiche proposte dall’osservazione in quanto

l’art. 44 delle NTA del Piano delle Regole già consente questi interventi.

OSSERVAZIONE n° 35:

Presentata da: BRUNALLI Tiziana, BRUNALLI Vilma, BRUNALLI Adriana

Prot. n° 1369 generale - n° 35 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire parte dei terreni in zona edificabile

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare la previsione del Piano delle Regole nell’area in esame in

quanto coerente con gli obiettivi generali previsti dal PGT, sia per quanto attiene alla tutela

paesaggistica che per la dotazione di servizi.

OSSERVAZIONE n° 36:

Presentata da: PAROLO Pierangelo, DELLA MADDALENA Paola, DELLA MADDALENA Angela

Pag. 20 di 33


Rev.1

Prot. n° 1370 generale - n° 36 speciale

Riassunto dell'osservazione : Modificare la destinazione urbanistica da zona T2_Tessuto urbano di

completamento a zona T3_Tessuto urbano in ambito a prevalenza di

verde

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare le previsioni del PGT nell’ambito in esame in quanto coerenti

con gli obiettivi di Piano e con il territorio circostante.

OSSERVAZIONE n° 37:

Presentata da: ERBIZZI Barbara, ERBIZZI Tiziana, GIANATTI Gianni, GIANATTI Luciano,

GIANATTI Franco, SCERESINI Francesco, SCERESINI Tito

Prot. n° 1372 generale - n° 37 speciale

Riassunto dell'osservazione : Realizzazione piano attuativo di iniziativa privata.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : il PGT ha inteso tutelare le aree poste a ridosso del paesaggio terrazzato coltivato a

vigneto, confermando le caratteristiche paesaggistiche attuali dell’intero ambito ed inserendo le

relative aree in zona T3 – tessuto urbano in ambito a prevalenza di verde. Si ritiene pertanto di

confermare tale scelta mantenendo le aree oggetto dell’osservazione nella destinazione individuata

dal Piano.

OSSERVAZIONE n° 38:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELIZZATI Luigi

Prot. n° 1383 generale - n° 38 speciale

Riassunto dell'osservazione : Eliminare dall’art.4 comma 23 delle NTA del PdR il divieto di

realizzare scale esterne nell’ ambito delle nuove costruzioni.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la normativa del Piano delle Regole citata dall’osservazione ha carattere paesaggistico

ed architettonico ed è orientata ad una maggiore qualità progettuale delle nuove costruzioni; si ritiene

pertanto di confermarla.

OSSERVAZIONE n° 39:

Pag. 21 di 33


Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELIZZATI Luigi

Prot. n° 1384 generale - n° 39 speciale

Riassunto dell'osservazione : Eliminare dall’art. 4 comma 22 delle NTA del PdR il divieto di

recuperare i sottotetti negli edifici esistenti in zona AG3_Aree

agricole di versante

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la normativa vieta il recupero dei sottotetti nel paesaggio di versante classificato in

zona AG3, trattandosi di fabbricati di antica formazione; anche le nuove norme regionali in materia

tutelano gli edifici aventi queste caratteristiche, pertanto l’osservazione viene respinta.

OSSERVAZIONE n° 40:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1385 generale - n° 40 speciale

Riassunto dell'osservazione : Modificare la Tav.1Cc del PdR togliendo le porzioni di territorio

classificate in classe 4 dalle zone T1_Tessuto urbano saturo e dalle

zone T2_Tessuto urbano di completamento, qualificandole invece

come zone AG2_Aree agricole comunali.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la classificazione in zone T1 e T2 di aree poste all’interno dei classi geologiche 4, in

particolare riferite ad ambiti vincolati degli studi di dettaglio relativi al reticolo minore, è possibile in

quanto consente di utilizzare gli indici fondiari delle aree, senza prevedere in queste aree nuove

costruzioni, ciò in forza dell’applicazione del combinato disposto delle NTA del PGT con la normativa

geologica prevalente.

OSSERVAZIONE n° 41:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1386 generale - n° 41 speciale

Riassunto dell'osservazione : Eliminare dall’ art. 23 comma 9 delle NTA del PdR l’intero secondo ed

ultimo periodo (“la realizzazione di un fabbricato interrato collocato

ad una quota inferiore a quella del profilo naturale del terreno,

destinato a ricovero automezzi”).

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la classificazione dell’area oggetto dell’osservazione in zona T4, subordinando gli

interventi alla modifica della normativa geologica in fase di revisione, è legittima e consente di evitare

un’apposita variante di Piano. L’introduzione della possibilità di sistemare la situazione attuale

dell’area, proponendo un totale interramento delle attività esistenti, permette una riqualificazione

ambientale del comparto. Si ritiene quindi di confermare la scelte del PGT.

OSSERVAZIONE n° 42:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Rev.1

Pag. 22 di 33


Rev.1

Prot. n° 1387 generale - n° 42 speciale

Riassunto dell'osservazione :

- Eliminare dall’art. 21 delle NTA del PdR il 3° ed ultimo comma del punto 10

- Eliminare dall’art. 27 delle NTA del PdR il 2° e ultimo comma del punto 5

- Aggiungere all’art. 27 delle NTA del PdR il seguente comma: “A fronte della cessione gratuita

delle aree necessarie per realizzare attrezzature pubbliche di interesse comunale o

allargamenti stradali da parte del Comune, ai proprietari delle aree è consentito il riutilizzo

della volumetria esistente demolita o del diritto edificatorio di competenza dell’area ceduta

nell’ambito della zona territoriale T2_ ai sensi del punto 5 dell’art.21 delle presenti norme”

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [X]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere parzialmente l’osservazione estendendo la norma alle zone T1-

T2 ed alla zona ST1. Si modifica conseguentemente la normativa del PdR come segue:

-art. 20 – T1 – Tessuto urbano saturo – si aggiunge in coda all’articolo:

9 – Norme particolari

-a fronte della cessione gratuita delle aree necessarie per allargamenti stradali ai proprietari delle aree

è consentito il riutilizzo della volumetria esistente da demolire in sito o l’utilizzo della stessa quale

diritto edificatorio riutilizzabile nell’ambito della zona territoriale T2 ai sensi del punto 5 dell’art. 21 delle

presenti norme.

-art. 21 – T2 – Tessuto urbano di completamento – si sostituisce l’ultimo alinea con il seguente:

-a fronte della cessione gratuita delle aree necessarie per allargamenti stradali ai proprietari delle aree

è consentito il riutilizzo della volumetria esistente da demolire in sito o l’utilizzo della stessa quale

diritto edificatorio riutilizzabile nell’ambito della zona territoriale T2 ai sensi del punto 5 dell’art. 21 delle

presenti norme.

-art. 27 – ST1 – Attrezzature pubbliche di interesse comune

Si sostituisce il 2° comma con il seguente:

-a fronte della cessione gratuita delle aree necessarie per allargamenti stradali ai proprietari delle aree

è consentito il riutilizzo della volumetria esistente da demolire in sito o l’utilizzo della stessa quale

diritto edificatorio riutilizzabile nell’ambito della zona territoriale T2 ai sensi del punto 5 dell’art. 21 delle

presenti norme.

Si eliminano conseguentemente dalla Tavola 1Cc del PdR le simbologie di riferimento.

OSSERVAZIONE n° 43:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1388 generale - n° 43 speciale

Riassunto dell'osservazione : Eliminare completamente il comma 4 dall’art. 30 delle NTA del PdR.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [X]

Motivazione : Le modifiche introdotte alla normativa in recepimento delle proposte della Provincia

consentono di differenziare gli ambiti dei terrazzamenti dalle restanti parti degli ambiti agricoli

strategici, tutelando la in edificabilità del paesaggio terrazzato.

OSSERVAZIONE n° 44:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Pag. 23 di 33


Rev.1

Prot. n° 1389 generale - n° 44 speciale

Riassunto dell'osservazione : Eliminare dall’art. 30.10 delle NTA del PdR l’inciso “con i filari disposti

in senso ortogonale al pendio”.

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : la normativa è mutuata dalla norme del PTCP. E’ possibile comunque eliminare la

dizione citata nell’osservazione senza alterare sostanzialmente la normativa.

OSSERVAZIONE n° 45:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1390 generale - n° 45 speciale

Riassunto dell'osservazione : Modificare gli articoli 20.5 e 21.6 delle NTA del PdR inserendo in

entrambi: “Previa deliberazione del Consiglio Comunale potranno

essere ammesse distanze inferiori per esigenze di allineamento con

i fabbricati, o distanze nulle in caso di particolari esigenze”.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [X]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accettare parzialmente l’osservazione allineando la norma degli artt. 20 e

21 attribuendo però la facoltà di deroga alla Giunta Comunale. Si modificano conseguentemente l’art.

20.5 sostituendo il Responsabile del Procedimento con la Giunta comunale e l’art. 21.6 sostituendo

l’Amministrazione comunale con la Giunta comunale.

OSSERVAZIONE n° 46:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1391 generale - n° 46 speciale

Riassunto dell'osservazione :

- Eliminare il 3° ed ultimo comma del punto 10 art. 21 delle NTA del PdR

- Eliminare l’intero punto 9 nell’art. 23 nelle NTA del PdR

- Eliminare i commi 3° e 4° dell’art. 24 nelle NTA del PdR

- Eliminare il 2° ed ultimo comma del punto 5 art. 27 delle NTA del PdR

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [X]

Motivazione : Si ritiene di confermare le norme contenute nelle NTA del PdR in quanto rispondenti

alla necessità di definire con precisione esigenze particolari emerse sul territorio, precisando che il

PGT può introdurre norme specifiche tese a risolvere esigenze puntuali emerse, tranne che per le

modifiche già apportate in accettazione dell’osservazione n. 42.

OSSERVAZIONE n° 47:

Presentata da: GANDOSSINI Mario, GANDOSSINI Donata, GANDOSSINI Bruno

Pag. 24 di 33


Rev.1

Prot. n° 1392 generale - n° 47 speciale

Riassunto dell'osservazione : Stralcia il mappale dalla zona edificabile T2_Tessuto urbano di

completamento ed inserirla in zona agricola e/o simile.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare le previsioni del PGT nell’ambito in esame in quanto coerenti

con gli obiettivi di Piano e con il territorio circostante.

OSSERVAZIONE n° 48:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1393 generale - n° 48 speciale

Riassunto dell'osservazione : Classificare l’ambito in località Campagna in zona ST1_Attrezzature

pubbliche di interesse comune già destinato a Verde Pubblico

sportivo ed attrezzato nel precedente PRG.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la Legge Regionale 12/2005 ha introdotto al comma 12 dell’art 9 la durata del vincolo

relativo alla previsioni di nuove aree pubbliche di 5 anni. Ciò comporta la previsione nel Piano dei

Servizi di aree che ragionevolmente sono acquisibili nel quinquennio. Il PGT ha ritenuto di inserire in

zona ST1 solo una porzione delle aree già vincolate dal PRG, inserendo le restanti are in zona T3

tessuto urbano con la prevalenza di verde che non consente trasformazioni e che tutela le aree per

un’eventuale futura necessità. Si conferma conseguentemente la previsione.

OSSERVAZIONE n° 49:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1394 generale - n° 49 speciale

Riassunto dell'osservazione : Eliminare dall’art. 17.10 delle NTA del PdR le prime due righe e le

ultime tre righe, eventualmente limitando il divieto di istallazione di

pannelli fotovoltaici e/o solari termici ai soli edifici “pregevoli per

storia ed arte”.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare le normative oggetto dell’osservazione in quanto coerenti con

gli obiettivi di tutela paesaggistica del PGT.

OSSERVAZIONE n° 50:

Presentata da: GANDOSSINI Mario, GANDOSSINI Donata, GANDOSSINI Bruno

Pag. 25 di 33


Rev.1

Prot. n° 1395 generale - n° 50 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile T2_Tessuto urbano di

completamento

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : si ritiene di confermare la previsione del Piano delle regole nell’area in esame in quanto

coerente con i principi di tutela paesaggistica e di riduzione di consumo di suolo previsti dal PGT.

OSSERVAZIONE n° 51:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1396 generale - n° 51 speciale

Riassunto dell'osservazione :

- Modificare la Tav. 1Cc in modo tale che il perimetro del Piano Attuativo PAa risulti coerente

con i documenti del Piano Attuativo vigente e con la viabilità circostante

- Modificare l’art. 24 delle NTA del PdR eliminando il testo contenuto tra le righe 2 e 5: “In

considerazione delle previsioni complessive di sviluppo del comparto urbano limitrofo, definito

dal Documento di Piano come Ambito di trasformazione AT_1, è consentito al Piano attuativo

PAa una ridefinizione dell’ipotesi progettuale che permette l‘integrazione tra i due interventi

nel rispetto dei parametri urbanistici già contenuti nella Convenzione urbanistica vigente”.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [X]

Respinta [ ]

Motivazione : l’incongruenza riscontrata sulla tavola 1Cc è frutto di diverse basi cartografiche

utilizzate dallo strumento attuativo e dal PGT. Si ritiene pertanto di correggere la Tavola 1Cc

ampliando l’ambito del PAa fino al collegamento con la strada esistente. Per quanto attiene alla norma

si conferma quanto contenuto nelle Disposizioni Normative.

OSSERVAZIONE n° 52:

Presentata da: PAROLO Angelo

Prot. n° 1397 generale - n° 52 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire il fondo in una zona urbanistica tale da consentire

l’edificazione di un fabbricato fuori terra di superficie pari a 50 mq a

servizio dell’attività agricola esercitata.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [X]

Motivazione : L’osservazione è respinta in quanto si ritiene opportuno confermare le previsioni del

PdR al riguardo, analogamente a quanto avvenuto per il punto 19 delle osservazioni dell’ufficio tecnico

comunale.

OSSERVAZIONE n° 53:

Presentata da: ABBIATI Benedetto, ACCOTO Paolo, PELLIZZATTI Luigi

Prot. n° 1398 generale - n° 53 speciale

Pag. 26 di 33


Riassunto dell'osservazione :

- Le NTA del PdR recepiscano integralmente il contenuto del D.Lgs.28/11, prevedendo all’uopo

un nuovo articolo

- Prevedere nelle NTA del PdR un nuovo articolo volto a premiare, attraverso un bonus

volumetrico del 20% ed una riduzione del 35% del costo di costruzione, le nuove costruzioni e

quelle sottoposte a ristrutturazione rilevante realizzate in classe energetica “A” nelle zone T1,

T2, T3, AG1, AG2, AG3.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [X]

Motivazione : si ritiene di confermare le normative del PGT precisando che gli aspetti energetici di

cui al D.Lgs. 28/11 devono essere eventualmente previsti all’interno del Regolamento edilizio

Comunale. Per quanto attiene ad un ulteriore bonus volumetrico ed una riduzione del costo di

costruzione per le nuove costruzioni, realizzate in classe energetica A, si ritiene di non introdurre nel

PGT ulteriori benefici al riguardo ritenendo sufficienti le norme introdotte dall’insieme delle normative

nazionali e regionali.

OSSERVAZIONE n° 54:

Presentata da: QUATTRINI Marinella

Prot. n° 1399 generale - n° 54 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire per intero il terreno in zona edificabile T2_Tessuto urbano di

completamento

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere l’osservazione in quanto la modifica proposta, di lieve entità, non

incide sui contenuti del Piano.

OSSERVAZIONE n° 55:

Presentata da: BOTTINELLI Piero Maria

Prot. n° 1400 generale - n° 55 speciale

Riassunto dell'osservazione : Ottenere una fascia da adibire a giardino riducendo l’area destinata a

zona ST1_Attrezzature pubbliche di interesse comune.

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere l’osservazione in quanto la modifica proposta, di lieve entità, non

incide sui contenuti del Piano.

OSSERVAZIONE n° 56:

Presentata da: SCERESINI Paolo

Prot. n° 1402 generale - n° 56 speciale

Rev.1

Pag. 27 di 33


Riassunto dell'osservazione : Possibilità di trasformare parte dei mappali in deposito a cielo aperto

per lo stoccaggio di macchinari, di attrezzature di cantiere e di un

piccolo deposito (circa 50mc) di pietrame per murature.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : la proposta di destinare le aree a deposito di attrezzature edili, è in contrasto con le

caratteristiche orografiche, paesaggistiche ed ambientali dell’area; si conferma conseguentemente la

previsione del PGT .

OSSERVAZIONE n° 57:

Presentata da: CREDARO Primo, GIANATTI Alda, MEAGO Elena

Prot. n° 1409 generale - n° 57 speciale

Riassunto dell'osservazione : Introdurre delle integrazioni agli art. 21 e 25 delle NTA del PdR per

poter esercitare e potenziare le attività professionali svolte

all’azienda agricola di famiglia sui terreni ed immobili oggetto

dell’osservazione

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : gli immobili oggetto dell’osservazione sono collocati in un ambito urbano, e

l’individuazione del PGT è coerente con il contesto. Le attività esercitate sono comunque compatibili

con la classificazione urbanistica effettuata dal PGT.

OSSERVAZIONE n° 58:

Presentata da: GIANATTI Franco, CREDARO Pietro, GIANATTI Zelia, MAGINI Giovanni,

GIANNATTI Claudio, GIANATTI Lina, GIANATTA Alba, BERNARDINI Fabia, SERRA Gina,

BONGIASCA Mauro, CAMPANINI Paolo, SECCHI Massimo

Prot. n° 1418 generale - n° 58 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona edificabile T2_Tessuto urbano di

completamento.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : l’area in oggetto è situata in un ambito di sensibilità paesistica molto elevata a

prevalente valore naturale, le cui caratteristiche hanno suggerito la classificazione in zona T6, Aree di

interesse paesistico; si conferma conseguentemente la scelta operata dal Piano delle Regole.

OSSERVAZIONE n° 59:

Presentata da: BUSSI Ivan

Prot. n° 1419 generale - n° 59 speciale

Rev.1

Pag. 28 di 33


Riassunto dell'osservazione :

- Inserire i terreni in zona T2_Tessuto urbano di completamento

- Consentire il cambio d’uso del fabbricato a destinazione agricola inserito attualmente in zona

AG2_Aree agricole comunali

- Gli immobili oggetto dell’osservazione ricadenti nel nucleo di antica formazione Cà Barella

vengano classificati con grado di intervento C5 Ristrutturazione urbanistica avendo così la

possibilità di demolizione e ricostruzione traslando gli stessi verso Nord, con un arretramento

dalla strada comunale che permetta l’allargamento della sede stradale, la realizzazione di

parcheggi privati e pubblici e di una piccola piazza

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : l’osservazione è respinta e le motivazioni sono articolate come segue:

1) La modifica all’area in via Ponsecco non viene accolta in quanto le aree non sono state

destinate in zona T2 per le caratteristiche paesaggistiche ed ambientali e si ritiene necessario

confermare le previsioni di piano.

2) Si ritiene di confermare l’ambito in esame in zona agricola in quanto coerente con il contesto

circostante.

3) Si confermano le classificazioni effettuate dal PGT in quanto coerenti con tutta l’attività di

classificazione dei Nuclei di antica formazione del Comune.

OSSERVAZIONE n° 60:

Presentata da: BUSSI Ivan

Prot. n° 1420 generale - n° 60 speciale

Riassunto dell'osservazione : Inserire i terreni in zona AG2_Aree agricole comunali

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [x]

Motivazione : il PGT ha inteso tutelare le aree poste a ridosso del paesaggio terrazzato coltivato a

vigneto, confermando le caratteristiche paesaggistiche attuali dell’intero ambito ed inserendo le

relative aree in zona T3 – tessuto urbano in ambito a prevalenza di verde. Si ritiene pertanto di

confermare tale scelta mantenendo le aree oggetto dell’osservazione nella destinazione individuata

dal Piano.

OSSERVAZIONE n° 61:

Presentata da: ROSARIO Ignazio

Prot. n° 1421 generale - n° 61 speciale

Riassunto dell'osservazione : Possibilità di realizzare sul lato est del proprio capannone ad una

distanza di 4 m. dalla recinzione del proprio lotto un locale tecnico di

72 mq al servizio della propria attività artigianale.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [X]

Motivazione : l’osservazione non è accolta in quanto la normativa vigente già consente l’intervento

proposto e non necessitano ulteriori modifiche.

OSSERVAZIONE n° 62:

Rev.1

Pag. 29 di 33


Presentata da: UFFICIO TECNICO Comune di Montagna in Valtellina

Prot. n° 1422 generale - n° 62 speciale

Riassunto dell'osservazione :

1. Art.4.14 precisare altezza massima degli edifici, che nel caso di edifici con copertura dell’

ultimo piano abitabile a falde l’ altezza va misurata con metodo della sommatoria delle aree di

facciata divisa per il perimetro

2. Specificare che gli ampliamenti previsti dall’art.42 non sono in deroga alle altezze massime di

zona

3. Art.21 (zone T2) inserire la possibilità degli ampliamenti previsti dall’ art.42

4. Art.23 (zona T4) inserire la possibilità degli ampliamenti previsti dall’ art.42

5. Specificare nel caso dello spostamento di sedime previsto dal comma 2 dell’ art.45 se lo

stesso deve avvenire nel rispetto delle distanze da Codice Civile o di 5 m dai confini di altre

proprietà, ed eventualmente se tali distanze sono derogabili con l’ assenso del confinante

6. Art. 4.22 specificare se nel caso di recupero abitativo del sottotetto entro la sagoma dell’

edificio ma con aumento/creazione di nuove unità immobiliari è necessario dimostrare la

disponibilità di spazi da destinare a parcheggio privato

7. Nella legenda mancano le colorazioni che individuano gli spazi dedicati alla viabilità esistente

8. Manca l’indicazione dei vincoli di rispetto stradale

9. Art.7 NTA PdS inserire la possibilità di trasferire le volumetrie derivanti da cessioni gratuite di

spazi a destinazione “pubblica” anche su lotti di terreno con edifici esistenti e posti di qualsiasi

zona del PGT, da utilizzare come volumi accessori all’ edificio principale (anche non in

aderenza) o per l’ ampliamento dell’ edificio principale

10. Manca una norma sull’edificazione in prossimità di elettrodotto e l’ eventuale indicazione delle

ex fasce di rispetto

11. Alcuni tecnici liberi professionisti hanno evidenziato che la distanza di 5 m ( sia per strutture

fuoriterra che interrate) da spazi a destinazione pubblica, comprese strade ecc., è eccessiva è

ne propongono la riduzione almeno per gli interrati a 1,50

12. La Comunità Montana Valtelllina di Sondrio ha segnalata all’ufficio tecnico la mancata

indicazione del vincolo per la presenza di metanodotto (e relativa norma tecnica) e la

mancanza dell’ inserimento del fabbricato occupato dal canile

13. Inserire la possibilità di edificare autorimesse ai sensi della L.122/89 nelle zone agricole fino

alla quota di 700 m con la delimitazione che rientrino nel raggio di 200-300 m dall’ edificio alla

quale sono asservite e con il rapporto massimo di 10mq/100mc di edificio residenziale

14. Art. 24 (tessuto T5) nelle norme particolari dell’ ambito contraddistinto con il simbolo & è

necessario specificare se la cessione dell’ area è intesa come solo cessione o cessione e

realizzazione della strada prevista

15. Art. 44 (fabbricati accessori) specificare, per maggior chiarezza, se tali fabbricati devono

essere accessori ad un fabbricato esistente, se devono essere realizzati nell’area di

pertinenza o aree limitrofe, se tale fabbricato deve essere residenziale o se possono essere

realizzati anche su aree libere senza vincoli di pertinenza.

16. Inserire una limitazione degli ambienti interrati realizzabili in zona agricola per evitare che in

caso di interventi su fabbricati esistenti vengano realizzati ripostigli interrati garantendo solo il

limite di permeabilità previsto dal Regolamento Locale d’Igiene

17. La Via Malpensata è indicata in maniera non corretta

18. Inserire un allargamento stradale in via Carletti a nord de mappali fg.27 n.915-916-917-918 al

fine di garantire la possibilità di un futuro allargamento stradale che permetterebbe di

raggiungere le vecchie case del nucleo della Madonnina e forse incentivarne il recupero

19. Valutare la possibilità di inserire per la zona AG3 l’ammissibilità di nuove edificazioni a

destinazione esclusivamente agricola limitandole al possesso di certi requisiti: es. quote non

superiori di 1000 m, superficie coperta massima di 60 mq.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [X]

Respinta [ ]

Motivazione : si tratta di osservazioni puntuali dell’ufficio tecnico inerenti chiarimenti e migliorie alle

NTA del PdR, che vengono accolte in quanto ritenute idonee a meglio precisare alcuni aspetti attuativi

della norma. Le modifiche introdotte sono le seguenti:

1. Al secondo comma del punto 4.14 dell’art. 4 è aggiunta la seguente frase:

Rev.1

Pag. 30 di 33


Rev.1

per gli edifici con copertura dell’ultimo piano abitabile a falde, l’altezza va misurata con il

metodo della sommatoria delle aree di facciata divisa per il perimetro.

2. All’art. 42 prima dell’ultima alinea si aggiunge la seguente frase:

-gli ampliamenti di cui al presente articolo devono rispettare le altezze massime delle singole

zone.

3. Gli ampliamenti di cui all’art. 42 si riferiscono all’intero territorio comunale e quindi anche alla

zona T2.

4. Gli ampliamenti di cui all’art. 42 si riferiscono all’intero territorio comunale e quindi anche alla

zona T2.

5. Si conferma la normativa del piano che richiede il rispetto delle distanze previste dal C.C.

6. L’art. 64 della L. 12/2005 prevede che in caso di nuova unità immobiliare debbano essere

reperiti i parcheggi pertinenziali, eventualmente monetizzabili.

7. Si integra la legenda con l’indicazione grafica relativa alla viabilità esistente.

8. La vincolistica del rispetto stradale all’interno dei centri abitati è quella prevista dalle singole

zone omogenee; all’esterno si applicano i disposti di cui al Codice della strada. Si ritiene

pertanto di non introdurre una simbologia grafica al riguardo.

9. Si ritiene di confermare la normativa del PdS in quanto la normativa di piano già prevede per

tutti i fabbricati una possibilità di ampliamento in deroga con un massimo del 20%;

generalizzare una norma che permetta il trasferimento ovunque dei diritti edificatori potrebbe

comportare interventi sproporzionati rispetto agli indici fondiari attribuiti al piano che sono a

loro volta proporzionati alla tipologia esistente ed alle caratteristiche paesaggistiche del

territorio.

10. Le fasce di rispetto degli elettrodotti sono indicate nella Tav. 5A-Tavola dei vincoli – con le

relative fasce di rispetto.

11. Si ritiene di confermare le distanze degli interrati dagli spazi pubblici nei limiti fissati dal PdR.

12. Si introduce nelle tavole di progetto 1C del PdR e nella Tavola dei vincoli il tracciato del

metanodotto e la relativa fascia di rispetto.

13. Si modifica la normativa degli artt. 31 e 32 al punto 2 Destinazioni d’uso non ammissibili –

eliminando la frase “non è consentita la realizzazione di autorimesse interrate”. Si inserisce al

termine del punto 4 Indici volumetrici dimensionali la seguente frase: “E’ consentita la

realizzazione di autorimesse interrate ai sensi della L.122/89 nelle aree collocate fino alla

quota di 700 m/slm e con l’esclusione delle aree comprese nel paesaggio dei terrazzamenti

perimetrali sulle tavole di progetto del PdR, da realizzarsi nel raggio massimo di 200 m.

dell’edificio a cui sono asservite e con il rapporto massimo riferito all’edificio residenziale di 10

mq/100 mc.”.

14. Si conferma la normativa prevista dall’art. 24 che richiede la sola cessione delle aree.

15. La normativa di piano fa riferimento evidentemente a fabbricati accessori di un fabbricato

principale che devono essere collocati all’interno dell’area libera del lotto di riferimento. Per

maggiore chiarezza nella prima riga dell’art. 44, dopo il termine “accessori”, si inserisce “di un

fabbricato principale”.

16. Si introduce agli artt. 30-31-32, al termine del punto 6 Costruzioni ed attività esistenti - la

seguente alinea:

-è consentita la realizzazione di interrati nel limite massimo del 50% della slp del fabbricato

principale.

17. Si corregge il riferimento alla Via Malpensata.

18. Viene inserito sulla tavola 1Cc di progetto l’allargamento stradale richiesto in Via Carletti.

19. Si ritiene di confermare i contenuti dell’art. 32 delle NTA del PdR.

OSSERVAZIONE n° 63/FT:

OSSERVAZIONI PERVENUTE FUORI TERMINE

Presentata da: ZARIATT Ida

Prot. n° 2198 generale - n° 63/FT speciale

Riassunto dell'osservazione : Si chiede che il terreni inserito parte in zona T2 e parte in zona T6

venga inserito completamente in zona T6

Accolta [x]

Pag. 31 di 33


Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : l’area oggetto dell’osservazione similmente alle aree contermini oggetto di altre

osservazioni sono assimilabili agli ambiti della zona T6 - Aree di interesse paesistico – e quindi la

richiesta può essere accolta riconducendo la destinazione dell’ambito in zona T6.

OSSERVAZIONE n° 64/FT:

Presentata da: BONGIASCIA Luigi

Prot. n° 2342 generale - n° 64/FT speciale

Riassunto dell'osservazione : Il terreno attualmente inserito in zona T2_tessuto urbano di

completamento venga destinato alla zona T6_Aree di interesse

paesistico

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : l’area oggetto dell’osservazione similmente alle aree contermini oggetto di altre

osservazioni sono assimilabili agli ambiti della zona T6 - Aree di interesse paesistico – e quindi la

richiesta può essere accolta riconducendo la destinazione dell’ambito in zona T6.

OSSERVAZIONE n° 65/FT:

Presentata da: AMBROSINI Franco – BONGETTA Luciana

Prot. n° 2485 generale - n° 65/FT speciale

Riassunto dell'osservazione : Il terreno attualmente inserito in zona RS risulta essere un parcheggio

privato si chiede di tenerne conto in ogni valutazione di variazione

urbanistica.

Accolta [X]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : il parere di conformità della Provincia ha già evidenziato le problematiche sollevate

dall’osservazione e in recepimento delle richieste della Provincia l’area viene collocata in zona T5.

OSSERVAZIONE n° 66/FT:

Presentata da: AMBROSINI Franco

Prot. n° 3083 generale - n° 66/FT speciale

Riassunto dell'osservazione : Il terreno di collegamento tra i due stabili di proprietà è stato

classificato come una continuazione della strada via degli Osti, la via

stessa deve terminare in quanto trattasi di area privata che non può

avere diritto di transito.

Inoltre altro terreno di proprietà è stato classificato in zona RS

essendo attualmente un parcheggio privato.

Accolta [ ]

Parzialmente accolta [X]

Respinta [ ]

Motivazione : si ritiene di accogliere l’osservazione riguardante il tratto di strada Via degli Osti

modificando la tavola di progetto del PdR inserendo l’area della strada privata in zona T5. Per quanto

Rev.1

Pag. 32 di 33


iguarda l’area classificata fascia di rispetto, viene confermata la destinazione prevista nel PdR,

modificando, in parziale accoglimento dell’osservazione, l’art. 29 delle NTA ed inserendo tra le

destinazioni di zona principali il parcheggi privati.

OSSERVAZIONE n° 67/FT:

Presentata da: TESTINI Luigi

Prot. n° 3140 generale - n° 67/FT speciale

Riassunto dell'osservazione : I terreni attualmente inseriti in zona residenziale T2_Tessuto urbano

di completamento e T6_Aree di interesse paesistico, non essendo

interessato ad edificare nessuna costruzione chiede che l’ intero

lotto venga inserito in zona T6.

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : l’osservazione viene accolta inserendo l’area in zona T6 , trattandosi di una modifica di

modesta entità che non incide nei contenuti del Piano.

OSSERVAZIONE n° 68/FT:

Presentata da: BONGIASCA Pietro

Prot. n° 3143 generale - n° 68/FT speciale

Riassunto dell'osservazione : I terreni attualmente inseriti in zona T2_Tessuto urbano di

completamento vengano stralciati dalla zona edificabile non avendo

la necessita di realizzare nessun fabbricato.

Accolta [x]

Parzialmente accolta [ ]

Respinta [ ]

Motivazione : l’osservazione viene accolta inserendo l’area in zona T3 , trattandosi di una modifica di

modesta entità che non incide nei contenuti del Piano.

Rev.1

Pag. 33 di 33

More magazines by this user
Similar magazines