Il vostro spazio - L'Archetipo

larchetipo.com

Il vostro spazio - L'Archetipo

Il vostro spazio

10

A mio fratello

Tu che hai lottato

nella sfera di vetro

da quando i tuoi occhi

s’aprirono al mondo,

tra le mani del Dio

ed il pianto materno

in un muto vagito

che la speranza trattenne.

Sei cresciuto spartano

come la pietra piú dura

che hai saputo artefare

ai fianchi dell’Arno

ed hai sempre lottato,

sofferto e taciuto,

cercando un amico

una carezza sincera,

una gioia mondana

che riempisse il tuo cuore,

quel cuore che dava

ed apriva la porta

ad ogni passante,

ad ogni sorriso,

quel cuore gitano

che crebbe veloce

nel tuo petto stanco

per una colpa antica.

Raffaele Sganga

Non temere, mia vita,

il tuo futuro,

qualche dio mosso a compassione

ti avvolgerà di celeste calore.

Nuovi fiori da te sbocceranno

e tutto ciò che nel tuo cuore è sacro

il dio preserverà.

Sii dunque lieta e nutri fiducia

che per ognuno c’è misericordia.

Rifuggi chi non crede nel domani,

all’amore di Dio per la creatura.

Volgi al cielo lo sguardo

e in una stella

ritroverai la forza di sperare.

Alda Gallerano

Massimo Vannini

«Dodecaedro con piramidi»

Il solido, realizzato in rame,

presenta dodici facce, sulle quali

sono state costruite dodici piramidi.

Nella cosmologia di Platone, il

dodecaedro simboleggiava l’intero

universo. Le piramidi costruite

sul dodecaedro sono la prosecuzione

creativa dell’uomo rispetto

all’universo che il Divino gli pone

come in sé concluso.

L’Archetipo – settembre 2007

Frammenti di crisalide

perduti

in uno specchio

un ideogramma

sboccia

in una pagina di neve

dice

d’altre vite spese

per un raccolto

.....Amore

pronuncia

la parola

un nembo di rugiada

dissolto

in una vastità di cielo

risolto

da ogni vincolo

di terra

in ogni seme che si spezza

gravida luce

sente approssimarsi

la fertile potenza

dell’aurora.

Mario La Floresta

La conquista

Come massa informe

nasci,

che si attacca su ogni cosa.

Un osso duro sei:

per staccarti

si usano lame d’acciaio,

ma tu opponi sempre

una valida resistenza

a coloro che cercano

di darti forma.

Ribelle sei per natura.

I fornai

si svegliano la notte

per poterti lavorare.

Sei esistito da sempre

e fatica si fa

a conquistarti ogni giorno,

bramato

pane quotidiano. Leonardo Riccioli


Cara ultima luce,

caro terroso

respiro degli alberi,

colonne erette

al buio,

che si posa!

Caro volo

d’uccelli,

cari ultimi

canti!

Come l’anima

insegue voi, come mi prende

nostalgia

del Cosmo!

Lirica e dipinto di M. Letizia Mancino

È il quoziente di differenza cromosomica che,

secondo gli scienziati darwinisti, impedisce alla scimmia piú

evoluta, il bonobo del Congo, di compiere il salto ontologico

sovrannaturale per diventare creatura umana. Quella percentuale

costituisce uno sbarramento genetico (o gerarchico?)

affinché il processo di trasformazione non avvenga. E la scimmia,

come ogni animale ligio al codice naturale, quel salto

non può e non vuole compierlo. Ma l’uomo, al contrario, è

sottratto a ogni limitazione biologica e morale. E da come si

comporta ultimamente, pare che un bel salto all’indietro

voglia proprio farlo. Mortale, naturalmente.

Il bonobo africano,

allegro e conciliante,

è una scimmia alla mano:

benché saldo e prestante

rifugge dagli scontri,

scarica le tensioni

in amorosi incontri.

Alieno da passioni,

dotato di pazienza,

potrebbe dar lezioni

di rara convivenza

ed eque soluzioni

all’uomo bellicoso

che risolve sparando

qualunque contenzioso.

Si va delineando

uno scambio genetico:

il primate sapiente

e tuttavia bisbetico

si conferma demente

se rovina la Terra

praticando la guerra.

Prenda allora a modello

il suo quasi-fratello!

Egidio Salimbeni

Fine agosto

Questa notte, fine agosto,

qui, non lontano dal mare,

l’aria è tiepida e dolce,

ricca di aromi di fiori,

profumo di Mediterraneo

ondeggiante sul canto

armonioso dei grilli,

le fronde del salice piangente

accarezzate appena dal vento,

sogna la matura estate

sotto la liquida luce

della luna piena.

Carla Riciputi

L’Archetipo – settembre 2007 11

More magazines by this user
Similar magazines