19.06.2013 Views

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

26<br />

30 32<br />

36<br />

<strong>in</strong> copert<strong>in</strong>a:<br />

foto di Augusto Giglietti<br />

41<br />

JESI E LA SUA VALLE - qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>ale d’<strong>in</strong>formazione Direttore responsabile D<strong>in</strong>o<br />

Mogianesi, Direttore Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Caporedattore Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, Segretaria di<br />

redazione Samanta Vecci, Fotografia Augusto Giglietti, Grafica Elisabetta Carletti,<br />

Pubblicità Marco Focante, Amm<strong>in</strong>istrazione Pao<strong>la</strong> Perl<strong>in</strong>i - Gruppo Editoriale<br />

Informazione - sede, direzione, redazione, amm<strong>in</strong>istrazione e pubblicità via Petrucci<br />

11 <strong>Jesi</strong> (An) www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - e.mail jesival@t<strong>in</strong>.it - tel 0731/4855 - fax<br />

0731/209128 - stampa Utj, <strong>Jesi</strong> - associato a: Unione Stampa Periodica Italiana Reg.<br />

trib. di Ancona n. 262/62 del 9.11.1962 - spedizione <strong>in</strong> abbon. postale una copia e 1,90<br />

(arretrata e 3,80) • abbonamento annuale e 33,00 • estero e 70,00 • sostenitore<br />

e 60,00 - C/c postale 12544607 <strong>in</strong>testato a: Gruppo Editoriale Informazione soc. coop.<br />

via Petrucci 11 <strong>Jesi</strong> - Consiglio di Amm<strong>in</strong>istrazione: presidente Marcello Focante, vice<br />

presidente Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Elisabetta Carletti, Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, D<strong>in</strong>o Mogianesi<br />

sommario<br />

4<br />

9<br />

11<br />

13<br />

26<br />

30<br />

32<br />

34<br />

36<br />

38<br />

40<br />

41<br />

42<br />

45<br />

FUORISERA<br />

a cura di emanuele ram<strong>in</strong>i<br />

EDITORIALE:<br />

UNA GRANDE SFIDA<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

EDITORIALE:<br />

ANNIVERSARIO STANCO<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

CHIUSO LO ZUCCHERIFICIO<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

SCIARE NELL’APPENNINO...<br />

di andrea carnevali<br />

VIGILI DI PROSSIMITÀ: UN AIUTO...<br />

di chiara cascio<br />

LA FAMIGLIA È UNA RISORSA<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

AVANTI NELLA CONTINUITÀ<br />

di mar<strong>in</strong>a mar<strong>in</strong>i<br />

INFRASTRUTTURE<br />

ULTIMA CHIAMATA 2<br />

di mauro bignami<br />

MILLE “VOCI” PER CONOSCERE JESI<br />

di lorenzo verdol<strong>in</strong>i<br />

SCUOLA MUSICALE A PANTIERE<br />

di eleonora dottori<br />

E FINALMENTE... NON C’È PIÙ<br />

NIENTE DA FARE!!!<br />

di emanue<strong>la</strong> corsetti<br />

COMUNE VUOL DIRE COMUNITÀ<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

GIUSEPPE ABBRUZZETTI<br />

di giuseppe luconi


4 FUORISERA FLASH<br />

a cura di emanuele ram<strong>in</strong>i<br />

La stagione di “Teatro Ragazzi”<br />

Da gennaio a marzo andrà <strong>in</strong> scena al Teatro Pergolesi<br />

di <strong>Jesi</strong> <strong>la</strong> seconda parte del<strong>la</strong> Stagione “Teatro<br />

Ragazzi”. Dopo lo spettacolo “I Giard<strong>in</strong>i di P<strong>la</strong>stica”<br />

andato <strong>in</strong> scena il 20 gennaio, <strong>in</strong> cui tre attori giocano<br />

con oggetti di p<strong>la</strong>stica, li trasformano e sfidano i bamb<strong>in</strong>i<br />

a riconoscerli, <strong>la</strong> rassegna prosegue il 27 gennaio<br />

con Il matt<strong>in</strong>o di zucchero, spettacolo <strong>in</strong>terattivo per<br />

bamb<strong>in</strong>i con storie, musica, disegni e canzoni dal vivo<br />

realizzato da Roberto Pium<strong>in</strong>i <strong>in</strong>sieme a Giovanni<br />

Caviezel, gli autori del<strong>la</strong> fortunata trasmissione tv<br />

L’Albero Azzurro. Il 17 febbraio, liberamente ispirato a<br />

Collodi, ecco P<strong>in</strong>occhio!!!<br />

Un buratt<strong>in</strong>o (bamb<strong>in</strong>o?)<br />

<strong>in</strong> fuga del Teatro del<br />

Canguro. La nuova produzione<br />

del Teatro Pirata,<br />

C<strong>in</strong>derel<strong>la</strong> Vampirel<strong>la</strong>,<br />

sarà al Pergolesi il 24 febbraio,<br />

con le mirabo<strong>la</strong>nti<br />

avventure di C<strong>in</strong>derel<strong>la</strong> tra<br />

vampiri, draghi e streghe.<br />

Il 16 marzo, si potrà assistere<br />

a Alì Babà e i quaranta<br />

<strong>la</strong>droni, teatro di<br />

figure animate allegro e<br />

divertente adatto ad un<br />

pubblico di famiglie.<br />

C<strong>in</strong>derel<strong>la</strong> Vampirel<strong>la</strong><br />

Giovani artisti all’Enoteca<br />

Prosegue con successo l’<strong>in</strong>iziativa che vede l’esposizione<br />

delle opere di giovani artisti marchigiani presso gli<br />

spazi del<strong>la</strong> Galleria dell’Enoteca Regionale di <strong>Jesi</strong>. F<strong>in</strong>o<br />

al 7 febbraio <strong>in</strong> esposizione le opere di Ciro Fabbozzi;<br />

dall’8 febbraio al 21 febbraio quelle dell’aerografista<br />

Diego Mandol<strong>in</strong>i; dal 22 febbraio al 7 marzo è <strong>la</strong> volta<br />

del fotografo Davide Gamba.<br />

Tre metri sopra il cielo<br />

Dopo il grande successo del romanzo di Federico Moccia<br />

e del film di Luc<strong>in</strong>i irrompe <strong>in</strong> teatro (a Civitanova<br />

il 29 e 30 gennaio) <strong>la</strong> fantastica storia d’amore di Step<br />

e Babi “Tre metri sopra il cielo”. Def<strong>in</strong>ito un Grease<br />

anni ’80 a ritmo di rock, il musical riporta alle atmosfere<br />

orig<strong>in</strong>ali del testo e disegna uno Step più mal<strong>in</strong>conico,<br />

problematico e romantico rispetto al protagonista<br />

<strong>in</strong>terpretato nel film da Scamarcio.<br />

Babi è una ragazza di buona famiglia, <strong>la</strong> figlia che tutti<br />

vorrebbero avere. Step è un ragazzo ribelle che appartiene<br />

al mondo del<strong>la</strong> strada e delle corse c<strong>la</strong>ndest<strong>in</strong>e.<br />

La storia fra i due ha <strong>in</strong>izio grazie al<strong>la</strong> complicità <strong>in</strong>consapevole<br />

di Pollo e di Pall<strong>in</strong>a, i loro rispettivi migliori<br />

amici. Impianti scenografici <strong>in</strong>novativi, una colonna<br />

sonora <strong>in</strong>tensa e coreografie ‘modern’ creano un concerto<br />

di musica ed emozioni con cui gli spettatori si<br />

possono scatenare, bal<strong>la</strong>re, ridere e commuovere.<br />

GLI APPUNTAMENTI...<br />

sabato 26 gennaio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> Rassegna Teatro<br />

Ragazzi IL MATTINO DI ZUCCHERO; ore 17.30<br />

A Senigallia (Teatro La Fenice), GOMORRA: spettacolo<br />

teatrale tratto dal caso letterario dello scorso anno,<br />

v<strong>in</strong>citore del premio Viareggio Opera Prima 2006<br />

A Montecarotto (Teatro Comunale), LA FINE È IL MIO<br />

INIZIO<br />

A Sant’Elpidio a Mare (Teatro Cicconi), SERATA D’AD-<br />

DIO di e con Paolo Vil<strong>la</strong>ggio<br />

domenica 27 gennaio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Studio Valeria Moriconi), per <strong>la</strong> Stagione<br />

Concertistica Società Amici del<strong>la</strong> Musica GABRIELE<br />

GEMIGNANI (violoncellista) musiche di J.S.Bach e Z.<br />

Kodaly; ore 17.30<br />

martedì 29 gennaio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), TRILOGIA DELLA VILLEG-<br />

GIATURA di Carlo Goldoni; repliche mercoledì 30 e<br />

giovedì 31 gennaio<br />

A Civitanova Marche (Teatro Ross<strong>in</strong>i), TRE METRI<br />

SOPRA IL CIELO dal libro di Federico Moccia (esclusiva<br />

regionale) replica mercoledì 30 gennaio<br />

A Grottammare (Teatro delle Energie) LE LACRIME<br />

AMARE DI PETRA VON KANT<br />

mercoledì 30 gennaio<br />

A Montegranaro (C<strong>in</strong>e Teatro La Per<strong>la</strong>), LE NOZZE DI<br />

FIGARO con Tullio Solenghi<br />

giovedì 31 gennaio<br />

A <strong>Jesi</strong> (C<strong>in</strong>ema Diana), per il Ciclo I giovedì d’essai<br />

IRINA PALM di Sam Garbaski<br />

venerdì 1° febbraio<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (Teatro Comunale), NOVECENTO di<br />

Alessandro Baricco; <strong>in</strong>terpretato e diretto da Corrado<br />

D’Elia; ore 21.15<br />

A Maio<strong>la</strong>ti (Teatro Spont<strong>in</strong>i) Marsil<strong>in</strong>iziative LA BAITA<br />

DEGLI SPETTRI di C<strong>la</strong>udio Greg Gregori, <strong>in</strong>terpretato<br />

e diretto da Lillo & Greg, replica il 2 febbraio<br />

sabato 2 febbraio<br />

A Cor<strong>in</strong>aldo (Teatro Goldoni), LA LOCANDIERA di C.<br />

Goldoni<br />

martedì 5 febbraio<br />

A Fano (centro storico), grande conclusione del CAR-<br />

NEVALE DI FANO 2008 con sfi<strong>la</strong>ta di carri allegorici<br />

e tanto divertimento; dalle ore 15.00<br />

mercoledì 6 febbraio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi) IL RAGAZZO DEGLI AQUI-<br />

LONI del<strong>la</strong> compagnia Teatro Invito <strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

con <strong>la</strong> rassegna Scompag<strong>in</strong>a; ore 21.15<br />

giovedì 7 febbraio<br />

A <strong>Jesi</strong> (C<strong>in</strong>ema Diana), per il Ciclo I giovedì d’essai<br />

ANGELI DISTRATTI e <strong>in</strong>contro con il regista Gianluca<br />

Arcop<strong>in</strong>to; ore 21.30<br />

A Castelfidardo (Teatro Astra), per <strong>la</strong> Rassegna Le<br />

Strade del Jazz JOHN ABERCROMBIE TRIO; ore 21.15<br />

venerdì 8 febbraio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> Stagione S<strong>in</strong>fonica LA<br />

MUSICA RACCONTA, LA MUSICA SI DIVERTE.<br />

FAMILY CONCERT; ore 21.00<br />

sabato 9 febbraio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), NON SI PAGA! NON SI<br />

PAGA! di Dario Fo con Mar<strong>in</strong>a Massironi e Antonio<br />

Catania; ore 21.00 con replica domenica 10 alle ore<br />

17.00<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (Teatro Comunale) Compagnia La Fenice<br />

LA TRAGEDIA DEL FORTUNALE una tragedia di<br />

mare; ore 21.15<br />

domenica 10 febbraio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Studio Valeria Moriconi), per <strong>la</strong> Stagione<br />

Concertistica Società Amici del<strong>la</strong> Musica SAMANTHA<br />

SIMONE (pianista) musiche di W. A. Mozart, L. van<br />

Beethoven, F. Chop<strong>in</strong>, R. Schumann, ore 17.30<br />

martedì 12 febbraio<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (Teatro Comunale) LE SERVE di Jean<br />

Genet con Franca Valeri, Anna Maria Guarnieri e<br />

Patrizia Zappa Mu<strong>la</strong>s; ore 21.15<br />

mercoledì 13 febbraio<br />

A Fermo (Teatro dell’Aqui<strong>la</strong>) A UN PASSO DAL<br />

SOGNO di Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime con i<br />

ragazzi di Amici e con Paolo Calissano e <strong>la</strong> partecipazione<br />

di Mauro Coruzzi <strong>in</strong> arte P<strong>la</strong>t<strong>in</strong>ette (esclusiva<br />

regionale). Replica giovedì 14 febbraio.<br />

Info: (biglietteria) 0734/284295<br />

venerdì 15 febbraio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> Stagione S<strong>in</strong>fonica<br />

FESTIVAL BEETHOVEN; ore 21.00<br />

giovedì 21 febbraio<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi) ROMEO & GIULIETTA NATI<br />

SOTTO CONTRARIA STELLA del<strong>la</strong> compagnia Leart’<br />

Teatro, con <strong>la</strong> regia di Leo Muscato; ore 21.15<br />

Carnevale di Fano<br />

Torna anche quest’anno il Carnevale di Fano, uno dei<br />

più antichi e famosi d’Italia. Oltre al<strong>la</strong> consueta e suggestiva<br />

sfi<strong>la</strong>ta dei carri, l’edizione del 2008 (dal 18<br />

gennaio al 5 febbraio) prevede tantissime <strong>in</strong>iziative<br />

degne di <strong>in</strong>teresse che animeranno <strong>la</strong> città per giorni e<br />

giorni: animatori per bamb<strong>in</strong>i, gare di disegno, ballo,<br />

giostre, angolo trucco... E il 4 febbraio <strong>la</strong> grande conclusione<br />

con <strong>la</strong> sfi<strong>la</strong>ta del martedì grasso.<br />

Romeo &<br />

Giulietta<br />

nati sotto<br />

contraria<br />

stel<strong>la</strong><br />

Il 21 febbraio appuntamento<br />

al<br />

Teatro Pergolesi<br />

con “Romeo &<br />

Giulietta nati sotto<br />

contraria stel<strong>la</strong>”.<br />

Il regista Leo<br />

Muscato rivisita <strong>la</strong> più grande tragedia di tutti i tempi:<br />

Romeo e Giuletta di Shakespeare. Un viaggio a ritroso<br />

nel teatro elisabettiano, <strong>in</strong> cui era diffusa <strong>la</strong> pratica di<br />

affidare molte parti ad uno stesso attore ed i ruoli femm<strong>in</strong>ili<br />

agli uom<strong>in</strong>i. Nello spettacolo i veri protagonisti<br />

sono sette vecchi comici girovaghi, tra <strong>in</strong>vidie, ripicche,<br />

alleanze. I comici (Ruggero Dondi, Salvatore Lanol<strong>in</strong>a,<br />

Paolo Bessegato, Marco Godetti, Giordano Mancioppi,<br />

Alessandro Grazian, Ernesto Mahieux) si presentano al<br />

pubblico per <strong>in</strong>terpretare - come recita il sottotitolo<br />

del<strong>la</strong> pièce - “La dolorosa storia di Giulietta e del suo<br />

Romeo, impunemente <strong>in</strong>terpretata da comici trasformisti,<br />

specialisti nel teatro di ricerca e <strong>in</strong> comparsate”. In<br />

un modo o nell’altro questi comici, a volte tragici,<br />

riescono a raccontare <strong>la</strong> storia dei due giovani amanti,<br />

a far commuovere e ridere nello stesso tempo.<br />

I giovedì d’essai<br />

È ripartita <strong>la</strong> rassegna I giovedì d’essai organizzata dal<br />

Giometti C<strong>in</strong>ema <strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con il Comune di<br />

<strong>Jesi</strong>, Assessorato al<strong>la</strong> cultura. Le proiezioni si svolgono<br />

al C<strong>in</strong>ema Diana di <strong>Jesi</strong>.<br />

31 gennaio: Ir<strong>in</strong>a Palm di Sam Garbaski (Belgio, Lussemburgo,<br />

G. B., Germania, 2007, 103’) con Marianne<br />

Faithfull, Miki Manoilovic, Jenny Agutter.<br />

Che cosa è disposta a fare una nonna per far curare il<br />

suo nipot<strong>in</strong>o? La risposta sta nel suo nome di battaglia,<br />

Palm appunto. Lieve, nonostante il tema.<br />

7 febbraio: Incontro con il regista Gianluca Arcop<strong>in</strong>to e<br />

proiezioni di Angeli distratti di Gianluca Arcop<strong>in</strong>to<br />

(Italia, 2008, 80’). Docufiction ispirata al testo teatrale<br />

Canto per Fallujah di Francesco Niccol<strong>in</strong>i.<br />

5


6 LETTERE<br />

GRAZIE PER QUELLO CHE AVETE FATTO!<br />

Dal<strong>la</strong> famiglia del sig. Sergio Ulissi riceviamo:<br />

Si par<strong>la</strong> spesso male dei servizi sanitari e delle <strong>in</strong>efficienze<br />

degli addetti. Noi vogliamo, <strong>in</strong>vece, con questa<br />

lettera r<strong>in</strong>graziare tutti coloro che sono <strong>in</strong>tervenuti per<br />

salvare il nostro caro.<br />

La matt<strong>in</strong>a del 23 settembre scorso Sergio ha avuto,<br />

nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> abitazione, un arresto cardiaco. Nonostante<br />

fosse il primo giorno delle fiere, gli addetti del 118<br />

sono <strong>in</strong>tervenuti con grande tempestività. È stata una<br />

corsa contro il tempo, ma ce l’hanno fatta! Vista <strong>la</strong><br />

situazione disperata si sono prodigati con tutte le loro<br />

possibilità e l’hanno rianimato. Trasportato con urgenza<br />

al Pronto soccorso dell’ospedale di <strong>Jesi</strong>, è stato immediatamente<br />

ricoverato nel reparto rianimazione. Qui<br />

gli anestesisti (bravissimi), dopo 47 giorni, lo hanno<br />

portato a respirare autonomamente; grande passo che<br />

ha permesso il trasferimento nel reparto di neurologia.<br />

R<strong>in</strong>graziamo tutto il personale medico e paramedico<br />

dei reparti di rianimazione e di neurologia dell’ospedale<br />

di <strong>Jesi</strong>, del<strong>la</strong> cardiologia sub <strong>in</strong>tensiva del Lancisi di<br />

Ancona e del<strong>la</strong> Neurologia riabilitativa di Torrette che<br />

dopo una lunga degenza ci hanno fatto riavere Sergio<br />

a casa.<br />

In mezzo a tante notizie negative, ci fa piacere raccontare<br />

di un fatto che ha dimostrato grande professionalità<br />

e umanità.<br />

I RITARDI DEGLI ASCENSORI<br />

Risposta dell’assessore ai <strong>la</strong>vori pubblici, Stefano Tonelli,<br />

ad una nostra segna<strong>la</strong>zione:<br />

I <strong>la</strong>vori per <strong>la</strong> realizzazione degli ascensori (due corpi<br />

dist<strong>in</strong>ti, <strong>in</strong>terval<strong>la</strong>ti da via Mazz<strong>in</strong>i) che dal parcheggio<br />

delle Conce saliranno direttamente <strong>in</strong> piazza del<strong>la</strong> Repubblica<br />

vengono realizzati a scomputo degli oneri di<br />

urbanizzazione dell’ex Sima.<br />

Ciò significa che l’impresa che ha realizzato il complesso<br />

residenziale dell’ex Sima, anziché pagare gli oneri<br />

dovuti per l’urbanizzazione, realizza opere pubbliche<br />

su richiesta del Comune per un pari importo.<br />

L’impresa <strong>in</strong> questione, <strong>la</strong> Pa<strong>la</strong>zzetti, ha subappaltato<br />

<strong>la</strong> realizzazione degli ascensori ad una ditta <strong>la</strong> quale –<br />

dopo aver com<strong>in</strong>ciato le opere – è fallita. Per legge il<br />

Comune ora si trova nell’impossibilità di chiedere al<strong>la</strong><br />

Pa<strong>la</strong>zzetti di farsi carico direttamente essa stessa dell'opera,<br />

almeno f<strong>in</strong>o a quando il curatore fallimentare<br />

non contabilizzerà <strong>la</strong> parte dei <strong>la</strong>vori eseguiti dal<strong>la</strong> ditta<br />

fallita e non autorizzerà <strong>la</strong> ripresa del cantiere.<br />

L’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale ha sensibilizzato del problema<br />

il curatore fallimentare ed attende fiduciosa <strong>la</strong><br />

rapida soluzione del<strong>la</strong> questione, considerando l’importanza<br />

che i due ascensori avranno nell’accesso al centro<br />

dal<strong>la</strong> parte più a <strong>valle</strong> del<strong>la</strong> città.<br />

Lo scorso <strong>numero</strong> avevamo chiesto <strong>in</strong>formazioni circa i<br />

<strong>la</strong>vori di costruzione degli ascensori di Via Mazz<strong>in</strong>i.<br />

Temevamo che ci fosse sfuggita qualche nota da parte<br />

dell’amm<strong>in</strong>istrazione comunale che ne avesse spiegato<br />

i motivi del ritardo. Così non era stato visto che anche<br />

il presidente del<strong>la</strong> Circoscrizione Centro e il presidente<br />

del<strong>la</strong> Commissione Urbanistica si pongono lo stesso<br />

problema. R<strong>in</strong>graziamo l’assessore ai Lavori pubblici<br />

per <strong>la</strong> risposta, anche se ci sembra che i cittad<strong>in</strong>i<br />

avrebbero dovuto essere <strong>in</strong>formati un po’ meglio, visto<br />

lo stato di abbandono dei <strong>la</strong>vori. Un altro caso, qu<strong>in</strong>di,<br />

che dimostra come troppo spesso gli enti pubblici,<br />

nel<strong>la</strong> realizzazione delle opere, si scontr<strong>in</strong>o con ditte<br />

non sempre all’altezza dell’<strong>in</strong>carico ricevuto. Con grave<br />

danno per i cittad<strong>in</strong>i.<br />

R.R.<br />

Voce del lettore<br />

Piccioni<br />

In Comune non c’è più un<br />

referente per monitorare <strong>la</strong><br />

presenza dei piccioni nel<br />

centro storico di <strong>Jesi</strong>.<br />

Stanno sporcando dappertutto<br />

e nessuno fa <strong>in</strong>terventi.<br />

Non si devono uccidere,<br />

ma neanche <strong>la</strong>sciarli<br />

riprodurre senza controllo.<br />

A chi ci si deve rivolgere?<br />

Ci sono problemi sanitari.<br />

Non dovrebbe <strong>in</strong>tervenire<br />

qualcuno?<br />

L’ultima di Woodstock<br />

Scomparsi i quadretti del c<strong>in</strong>ema<br />

Da giorni le locand<strong>in</strong>e dei film <strong>in</strong> programmazione a<br />

<strong>Jesi</strong> non sono più esposti negli appositi spazi (loggette<br />

via Pergolesi, via Rosselli...). Come mai?<br />

Piazzale San<br />

Francesco<br />

nell’<strong>in</strong>curia<br />

7<br />

I muri del<strong>la</strong> Seconda Circoscrizione,<br />

e non solo,<br />

sono tutti sporchi e pieni<br />

di scritte. Mucchi di cartacce<br />

vagano per giorni<br />

sul piazzale e c’è sempre<br />

una gran confusione f<strong>in</strong>o<br />

a ora tarda provocata dai<br />

ragazzi che ci si radunano.<br />

Non si potrebbe tenere<br />

questa piazza <strong>in</strong><br />

modo più decoroso?


di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

Una grande<br />

sfida<br />

È difficile pensare positivo <strong>in</strong> <strong>questo</strong> assurdo paese<br />

dove <strong>la</strong> fiducia dei cittad<strong>in</strong>i verso le istituzioni è sempre<br />

m<strong>in</strong>ore e dove il senso civico è <strong>in</strong> netto calo. Però<br />

dobbiamo farlo ugualmente, i nostri valori di democrazia<br />

ce lo chiedono.<br />

Quello che è successo a Napoli è stato il massimo e ha<br />

appannato ancora di più, se ce n’era bisogno, l’immag<strong>in</strong>e<br />

dell’Italia nel mondo. Però un effetto positivo possiamo<br />

dire che l’ha avuto, ha aperto nel resto del Paese<br />

un grosso dibattito sul problema dei rifiuti. A Napoli si<br />

è fatto un gran par<strong>la</strong>re di discariche e termovalorizzatori<br />

(o più semplicemente <strong>in</strong>ceneritori), vedendo nel<br />

EDITORIALE<br />

ritardo del<strong>la</strong> realizzazione di queste strutture <strong>la</strong> causa<br />

di tutti i mali.<br />

Il dibattito aperto ha però chiarito che, forse <strong>in</strong> quel<strong>la</strong><br />

regione, costituiscono per il momento l’unico <strong>in</strong>tervento<br />

possibile, ma nel resto del paese <strong>in</strong>vece, per quanto<br />

riguarda i rifiuti, scegliere questa soluzione sarebbe<br />

un grave errore.<br />

Sta nascendo un grosso movimento di op<strong>in</strong>ione pubblica<br />

<strong>in</strong>torno al<strong>la</strong> raccolta dei rifiuti “porta a porta”. In<br />

effetti se vogliamo dare una risposta ai problemi ecologici<br />

ed economici del prossimo futuro, questa può<br />

essere l’unica strada percorribile. Bruciare tutti i rifiuti<br />

è uno spreco economico e causa di <strong>in</strong>qu<strong>in</strong>amento. Un<br />

ciclo dei rifiuti corretto, rispettoso dell’ambiente ed<br />

economicamente vantaggioso, dovrebbe considerare i<br />

rifiuti stessi come una risorsa e prevedere un sistema<br />

di raccolta che raggiunge risultati <strong>in</strong>torno al 75-80% di<br />

differenziata (<strong>in</strong> Italia siamo attualmente solo al 24%,<br />

a Napoli e <strong>in</strong> Campania meno del 10%), conferendo <strong>in</strong><br />

discarica non più del 25-30% di prodotto trattato.<br />

Quattro sono le fasi di <strong>in</strong>tervento. Al primo posto va<br />

messa <strong>la</strong> riduzione delle materie prime utilizzate, al<br />

secondo il riuso degli oggetti, al terzo (il più importante)<br />

il riciclo di tutto ciò che può essere recuperato<br />

(carta, p<strong>la</strong>stica, metalli e i rifiuti organici che verranno<br />

trasformati <strong>in</strong> compost per l’agricoltura), e solo al<br />

quarto l’<strong>in</strong>cenerimento con produzione di energia (calore<br />

ed elettricità). Solo una picco<strong>la</strong> quota di rifiuti, che<br />

non possono essere ricic<strong>la</strong>ti, f<strong>in</strong>irà <strong>in</strong> discarica.<br />

I costi per il conferimento <strong>in</strong> discarica stanno aumentando<br />

notevolmente, pagati dai s<strong>in</strong>goli comuni <strong>in</strong> base<br />

a quanto consegnano, che poi riversano sui cittad<strong>in</strong>i;<br />

qu<strong>in</strong>di recuperare farà risparmiare tutti. Dim<strong>in</strong>uirà così<br />

il consumo di materie prime con risparmio di energia e<br />

m<strong>in</strong>or <strong>in</strong>qu<strong>in</strong>amento, ci saranno un allungamento del<strong>la</strong><br />

vita delle discariche e m<strong>in</strong>ori rischi per <strong>la</strong> salute.<br />

Parte a <strong>Jesi</strong>, da aprile, il “porta a porta” con obiettivi<br />

ambiziosi. Attualmente stiamo ricic<strong>la</strong>ndo per una quantità<br />

<strong>in</strong>torno al 25% circa, dobbiamo arrivare con <strong>questo</strong><br />

sistema, già entro il 2008, al 60-65% e successivamente<br />

al 70-80%. Sembra impossibile ma si può,<br />

visto che città come Monsano, Serra de’ Conti, Senigallia<br />

l’hanno fatto, sotto <strong>la</strong> guida del Consorzio Cir33<br />

che nei prossimi giorni <strong>in</strong>izierà le assemblee illustrative<br />

anche a <strong>Jesi</strong>.<br />

Però dovremo crederci tutti. È troppo facile prendere e<br />

buttare tutto nei cassonetti lungo le strade. Dovremo<br />

abituarci a separare già nelle nostre abitazioni, conoscere<br />

per i diversi materiali i giorni <strong>in</strong> cui passeranno<br />

gli addetti al<strong>la</strong> raccolta. Sarà qu<strong>in</strong>di un salto di qualità<br />

notevole che dovremo fare per noi e per le generazioni<br />

che verranno. Potrebbe essere un primo passo per<br />

un recupero di quel senso civico che farà all<strong>in</strong>eare<br />

l’Italia agli altri paesi per i quali questa pratica è normale<br />

già da molti anni.<br />

9


di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

Anniversario<br />

stanco<br />

Il 1° gennaio 1948, esattamente 60 anni fa, entrava <strong>in</strong><br />

vigore <strong>la</strong> Costituzione dell’Italia repubblicana. C<strong>in</strong>que giorni<br />

prima, il 27 dicembre del ’47, il Capo provvisorio dello<br />

Stato, Enrico De Nico<strong>la</strong>, l’aveva promulgata con le controfirme<br />

del presidente dell’Assemblea Costituente Umberto<br />

Terrac<strong>in</strong>i, del Presidente del Consiglio dei M<strong>in</strong>istri Alcide De<br />

Gasperi e il visto del Guardasigilli Giuseppe Grassi.<br />

Le celebrazioni di <strong>questo</strong> anniversario, f<strong>in</strong>ora, sono apparse<br />

abbastanza sbiadite e prive di partico<strong>la</strong>re solennità.<br />

C’è, sembra, una certa mancanza di entusiasmo e quasi<br />

un imbarazzo nel riferirsi a questa scadenza. Complice,<br />

probabilmente, il clima complessivo di questi ultimi anni –<br />

e di questi ultimi giorni –, nei quali <strong>la</strong> politica non è riuscita<br />

a trovare, pur nelle <strong>in</strong>evitabili e fisiologiche divisioni,<br />

una profonda unità di <strong>in</strong>tenti, di valori e degli accordi solidi<br />

sulle regole fondamentali del<strong>la</strong> convivenza e del<strong>la</strong> contesa<br />

democratica.<br />

EDITORIALE<br />

11<br />

E <strong>in</strong>vece proprio per questa crisi al<strong>la</strong>rmante, che dura da<br />

parecchi anni, sarebbe quanto mai opportuno e doveroso<br />

rifarsi all’atmosfera di col<strong>la</strong>borazione e unità che caratterizzò<br />

il periodo del secondo immediato dopoguerra.<br />

Il nostro Paese ha una storia di profonde divisioni mai<br />

completamente risolte. Se facessimo una rapida e sommaria<br />

ricognizione, troveremmo motivi più che eloquenti<br />

per avere un’immag<strong>in</strong>e di storiche <strong>la</strong>cerazioni. A partire<br />

dal<strong>la</strong> <strong>sua</strong> costituzione, registriamo questioni gravi e varie<br />

mai del tutto sanate: <strong>la</strong> questione meridionale, il brigantaggio,<br />

<strong>la</strong> questione romana, il distacco tra città e campagna,<br />

l’estrema pochezza del<strong>la</strong> nostra <strong>in</strong>dustria, <strong>la</strong> povertà<br />

di<strong>la</strong>gante nelle campagne, le fortissime tensioni sociali,<br />

l’esiguità del corpo elettorale nei primi decenni del<strong>la</strong> vita<br />

statale, <strong>la</strong> contestazione quarantennale dei cattolici contro<br />

uno stato costituitosi con il ricorso alle armi a danno del<br />

potere temporale del papa... Molte questioni di allora, pur<br />

nel mutare dei tempi e dei dati, restano <strong>in</strong> agenda anche<br />

oggi. E quando, all’<strong>in</strong>izio del secolo scorso, le cose sembravano<br />

prendere una piega favorevole, lo scoppio del<strong>la</strong><br />

Grande, tragica guerra – decisa, peraltro, <strong>in</strong> forte disunità<br />

di <strong>in</strong>tenti – aprì le porte al ventennio fascista, che si concluse<br />

con un paese devastato, nell’anima e nel corpo, da<br />

una Seconda guerra, prima suicida e poi civile.<br />

Il momento del<strong>la</strong> Costituzione fu il momento più alto del<strong>la</strong><br />

nostra storia. Per il tollerante compromesso delle forze<br />

politiche che avevano dato vita al<strong>la</strong> Resistenza, per <strong>la</strong><br />

buona volontà dimostrata che nasceva, ad un tempo, dal<br />

disperato coraggio del<strong>la</strong> ricostruzione e dall’entusiasmo<br />

per un nuovo, promettente <strong>in</strong>izio.<br />

Non si erano ancora affievoliti gli entusiasmi di quel magico<br />

’48, che già, <strong>in</strong> quello stesso anno, <strong>la</strong> frattura del<strong>la</strong><br />

durissima campagna elettorale e l’attentato a Togliatti,<br />

con l’<strong>in</strong>cubo del<strong>la</strong> <strong>in</strong>surrezione, ripiombavano il Paese <strong>in</strong><br />

un clima di acute tensioni. E poi l’esclusione dal<strong>la</strong> vita<br />

governativa del<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra e del<strong>la</strong> destra. Per decenni, per<br />

motivi diversi e a causa del<strong>la</strong> guerra fredda, una parte<br />

assai consistente dell’elettorato restava fuori dal<strong>la</strong> porta,<br />

<strong>in</strong>utilizzata e arrabbiata. E poi, storia di questi ultimi anni,<br />

le diverse regioni disossate dal<strong>la</strong> ma<strong>la</strong>vita organizzata, il<br />

fenomeno leghista, il naufragio del<strong>la</strong> prima repubblica, <strong>la</strong><br />

delusione per <strong>la</strong> seconda, <strong>la</strong> contrapposizione determ<strong>in</strong>ata<br />

dal<strong>la</strong> legge elettorale maggioritaria, r<strong>in</strong>ascenti ed aggressive<br />

<strong>in</strong>tolleranze, lo stallo delle istituzioni, lo scontro tra<br />

poteri, il r<strong>in</strong>ascente e autarchico tifo ideologico, l’affermazione<br />

di un mercato sempre al<strong>la</strong> ricerca di garanzie…<br />

Ho <strong>la</strong> conv<strong>in</strong>zione che, nonostante tutto, nonostante certe<br />

distorsioni e una certa nostra impreparazione, è il nostro<br />

<strong>in</strong>gresso <strong>in</strong> Europa che ci può salvare. Un <strong>in</strong>gresso che ci<br />

ha fatto pagare dei prezzi. Ma sono conv<strong>in</strong>to che ben più<br />

gravi disagi sarebbero nati dal<strong>la</strong> nostra esclusione, dal<br />

nostro appartarci <strong>in</strong> un iso<strong>la</strong>mento per nul<strong>la</strong> splendido ed<br />

assai problematico. La partecipazione al progetto europeo,<br />

<strong>in</strong> fondo, contribuisce a proteggere noi da noi stessi.<br />

Così stando le cose, per ragioni <strong>in</strong>terne e per dare un contributo<br />

importante ai nostri partner, sarebbe quanto mai<br />

urgente tornare ai valori del<strong>la</strong> Costituzione, non per una<br />

vuota e rituale celebrazione sessagenaria, ma per ritrovare<br />

il clima di compromesso alto e le ragioni profonde del<br />

nostro stare <strong>in</strong>sieme.


12 FOTO CRONACA<br />

ZUCCHERIFICIO<br />

Una città, un territorio, uniti a difesa dei posti di <strong>la</strong>voro.<br />

Manifestazioni degli operai davanti allo stabilimento<br />

e al centro del<strong>la</strong> città. Consigli comunali straord<strong>in</strong>ari<br />

a <strong>Jesi</strong> e a Monsano con <strong>la</strong> partecipazione dei s<strong>in</strong>daci<br />

del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a, di par<strong>la</strong>mentari marchigiani, consiglieri<br />

regionali e prov<strong>in</strong>ciali. Riunione straord<strong>in</strong>aria del<br />

Consiglio prov<strong>in</strong>ciale a <strong>Jesi</strong>. Delegazione di operai del<strong>la</strong><br />

Sadam ricevuti, con il s<strong>in</strong>daco Belcecchi, dal prefetto<br />

Giovanni D’Onofrio.<br />

IL PUNTO<br />

di F<strong>la</strong>vio Donati<br />

L’Europa paga aziende e agricoltori<br />

per smettere <strong>la</strong> produzione dello<br />

zucchero<br />

Chiuso lo Zuccherificio<br />

L’accordo prevede <strong>la</strong> riconversione dell’impianto<br />

e il mantenimento dell’occupazione<br />

L’<strong>in</strong>contro di martedì 22 gennaio a Roma, al m<strong>in</strong>istero<br />

delle politiche agricole, ha chiuso <strong>la</strong> porta ad ogni speranza<br />

di salvare dal<strong>la</strong> chiusura lo zuccherificio di <strong>Jesi</strong>.<br />

Al<strong>la</strong> base del<strong>la</strong> crisi, c’è <strong>la</strong> riforma del settore saccarifero<br />

varata nel 2006 dall’Unione europea. Una riforma<br />

volta a liberalizzare il prezzo dello zucchero, che ha<br />

fortemente penalizzato <strong>la</strong> produzione italiana portando,<br />

nel giro di soli 3 anni, al<strong>la</strong> chiusura di ben 14 stabilimenti<br />

sui 20 attivi f<strong>in</strong>o al 2005.<br />

Una chiusura <strong>in</strong>centivata dai generosi contributi dell’Unione<br />

europea. Si tratta, quest’anno, di 625 euro per<br />

ogni tonnel<strong>la</strong>ta di zucchero non prodotta, che per lo<br />

zuccherificio di <strong>Jesi</strong> significano circa 60 milioni di euro.<br />

Cifra che costituisce il fortissimo ostacolo contro cui si<br />

è <strong>in</strong>utilmente battuta <strong>la</strong> mobilitazione delle istituzioni<br />

cittad<strong>in</strong>e e regionali, scese a fianco dei <strong>la</strong>voratori per<br />

difendere quel<strong>la</strong> che è stata una delle grandi risorse<br />

economiche del<strong>la</strong> nostra zona.<br />

Il nuovo zuccherificio di <strong>Jesi</strong> era nato all’<strong>in</strong>izio degli<br />

anni Settanta su un’area di circa 50 ettari. Un impianto<br />

all’avanguardia che ancora oggi, trentac<strong>in</strong>que anni<br />

dopo <strong>la</strong> <strong>sua</strong> prima campagna saccarifera, cont<strong>in</strong>uava<br />

ad essere tra i più produttivi d’Italia. Riusciva a “mac<strong>in</strong>are”<br />

120 mi<strong>la</strong> qu<strong>in</strong>tali di bietole al giorno ricavandone,<br />

a seconda delle stagioni, dai 13 ai 14 mi<strong>la</strong> qu<strong>in</strong>tali<br />

di zucchero raff<strong>in</strong>ato.<br />

Una qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>a di anni fa, <strong>in</strong> accordo con <strong>la</strong> Edison, <strong>la</strong><br />

Sadam presentò il progetto per <strong>la</strong> realizzazione di una<br />

centrale turbogas all’<strong>in</strong>terno dello stabilimento, con lo<br />

scopo dichiarato di abbattere i costi di produzione di<br />

almeno il 15%. La <strong>sua</strong> realizzazione <strong>in</strong>contrò ostacoli<br />

fortissimi anche per <strong>la</strong> concomitante costruzione di una<br />

analoga, più grande, centrale turbogas nello stabilimento<br />

Api di Falconara.<br />

Dopo una lunghissima trattativa, nel 2001 <strong>la</strong> centrale<br />

venne tuttavia realizzata. A determ<strong>in</strong>are il via libera<br />

al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> costruzione concorsero almeno due fattori:<br />

primo, il miglioramento del progetto, che riduceva le<br />

emissioni <strong>in</strong> atmosfera ed abbatteva drasticamente i<br />

POLITICA<br />

13<br />

prelievi idrici per il raffreddamento; secondo, l’implicita<br />

garanzia che <strong>la</strong> realizzazione del<strong>la</strong> centrale, con un<br />

<strong>in</strong>vestimento superiore ai 70 milioni di euro, avrebbe<br />

“ancorato” per sempre <strong>la</strong> produzione dello zucchero<br />

nel<strong>la</strong> nostra città.<br />

Insomma, l’attenzione era stata non tanto per i 15<br />

dipendenti stabilmente occupati nel<strong>la</strong> centrale, ma<br />

piuttosto per i 170 dipendenti dello zuccherificio e per<br />

i circa 400 stagionali assunti per <strong>la</strong> campagna bietico<strong>la</strong>.<br />

Una campagna breve per quanto riguarda <strong>la</strong> <strong>la</strong>vorazione<br />

delle bietole, lo scorso anno 53 giorni ed <strong>in</strong><br />

media circa 70 giorni, ma che, seppure per un <strong>numero</strong><br />

m<strong>in</strong>ore di stagionali, proseguiva anche per <strong>la</strong> raff<strong>in</strong>azione<br />

dello zucchero.<br />

Una produzione ulteriormente di<strong>la</strong>tata nel tempo grazie<br />

al<strong>la</strong> realizzazione, avvenuta nel 2006, di un nuovo<br />

moderno impianto di cromatografia per l’estrazione<br />

dello zucchero dal me<strong>la</strong>sso. Un <strong>in</strong>vestimento che aveva<br />

garantito ulteriori giornate di <strong>la</strong>voro e che sembrava<br />

aver ulteriormente consolidato lo stabilimento jes<strong>in</strong>o.<br />

L’attività dello zuccherificio co<strong>in</strong>volgeva poi tante piccole<br />

aziende artigiane, da quelle impegnate nelle<br />

manutenzioni degli impianti a quelle di autotrasporto<br />

che hanno nei due mesi di campagna bietico<strong>la</strong> uno dei<br />

momenti di maggior impegno e reddito. Per arrivare<br />

<strong>in</strong>f<strong>in</strong>e ai produttori agricoli che ottenevano buona parte<br />

del proprio reddito dal<strong>la</strong> coltivazione delle bietole.<br />

Ma proprio <strong>questo</strong> dei produttori è stato oggi l’anello<br />

debole del<strong>la</strong> catena, quello che ha <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e ceduto portando<br />

al<strong>la</strong> chiusura dello zuccherificio. Per loro ci sono<br />

<strong>in</strong>fatti circa 30 milioni di euro di contributi dall’Unione<br />

europea per riconvertire le colture, con il risultato che<br />

<strong>la</strong> superficie da piantare a barbabietole si è ridotta ad<br />

8 mi<strong>la</strong> ettari a fronte dei 15 mi<strong>la</strong> <strong>in</strong>dispensabili per<br />

confermare <strong>la</strong> campagna bietico<strong>la</strong> 2008.<br />

Dal<strong>la</strong> riunione al m<strong>in</strong>istero è tuttavia emersa <strong>la</strong> volontà<br />

di riconvertire lo stabilimento al<strong>la</strong> produzione di biodisel<br />

a partire dai semi di girasole. Cosa che dovrebbe<br />

almeno garantire <strong>la</strong> conservazione del posto di <strong>la</strong>voro<br />

ai 170 dipendenti. Comunque vada, un esito molto<br />

amaro, che chiude una pag<strong>in</strong>a importante dello sviluppo<br />

economico del<strong>la</strong> nostra città.<br />

<strong>Jesi</strong>, corso Matteotti. Manifestazione contro <strong>la</strong> chiusura del<strong>la</strong><br />

Sadam.


14<br />

FLASH<br />

Stagione S<strong>in</strong>fonica<br />

Proseguono al Teatro Pergolesi<br />

di <strong>Jesi</strong> i concerti del<strong>la</strong><br />

Stagione s<strong>in</strong>fonica<br />

2007/2008 eseguiti dall’Orchestra<br />

Fi<strong>la</strong>rmonica<br />

Marchigiana.<br />

LA MUSICA RACCONTA,<br />

LA MUSICA SI DIVERTE<br />

Family Concert<br />

venerdì 8 febbraio, ore 21<br />

G. Bizet Jeux d’enfants<br />

(Giochi di bamb<strong>in</strong>i), Petite<br />

Suite d’orchestre, op. 22;<br />

F. Poulenc Histoire du Babar,<br />

le petite elephant<br />

W. A. Mozart E<strong>in</strong> musikalischer<br />

Spass (Uno scherzo<br />

musicale) <strong>in</strong> fa magg., K.<br />

522;<br />

F. J. Haydn S<strong>in</strong>fonia n. 45<br />

<strong>in</strong> fa diesis m<strong>in</strong>. Hob. I:45<br />

“Degli addii”: F<strong>in</strong>ale: Presto<br />

- Adagio<br />

Voce recitante Debora Manc<strong>in</strong>i<br />

Direttore Tania Morand<strong>in</strong>i<br />

FESTIVAL BEETHOVEN<br />

venerdì 15 febbraio, ore 21<br />

F. Mendelssohn<br />

Riccardo Ficosecco<br />

Per il momento<br />

<strong>la</strong> torta è grande<br />

e le candel<strong>in</strong>e<br />

sono poche...<br />

Tanti auguri a<br />

Riccardo per il<br />

suo primo compleanno<br />

da nonno<br />

Libio, nonna<br />

Maria, zio Nico,<br />

zia Vale e Simone!!!<br />

Die Hebriden, F<strong>in</strong>galshöhle<br />

(Le Ebridi, La grotta di<br />

F<strong>in</strong>gal), ouverture op. 26;<br />

Concerto per viol<strong>in</strong>o e orchestra<br />

<strong>in</strong> mi m<strong>in</strong>., op. 64;<br />

L. van Beethoven S<strong>in</strong>fonia<br />

n. 1 <strong>in</strong> do magg., op. 21;<br />

Viol<strong>in</strong>o Fanny C<strong>la</strong>magirand<br />

Direttore Hubert Saudant<br />

MUSICHE<br />

PER LA PASQUA<br />

mercoledì 19 marzo, ore 21<br />

P. Marzocchi Opera su<br />

commissione FORM;<br />

A. Vivaldi Gloria <strong>in</strong> re magg.,<br />

per 2 soprani, contralto, coro<br />

e orchestra RV 589;<br />

W. A. Mozart S<strong>in</strong>fonia n.<br />

40 <strong>in</strong> sol m<strong>in</strong>., K. 550<br />

Coro Lirico Marchigiano “V.<br />

Bell<strong>in</strong>i” Maestro del coro<br />

David Crescenzi Direttore<br />

Romolo Gessi<br />

DVORÁK ˇ E MUSORG-<br />

SKIJ<br />

mercoledì 2 aprile, ore 21<br />

A. Dvorák ˇ<br />

Concerto per<br />

violoncello e orchestra <strong>in</strong><br />

si m<strong>in</strong>., op. 104 (B. 191);<br />

Marta e Andrea Boria<br />

M. Musorgskij Quadri di<br />

un’esposizione (orchestrazione<br />

di Maurice Ravel),<br />

suite per orchestra;<br />

Violoncello Enrico Bronzi<br />

Direttore Donato Renzetti<br />

LE QUATTRO STAGIONI<br />

venerdì 11 aprile, ore 21<br />

P. G<strong>la</strong>ss, Concerto Grosso<br />

Brass Sextet<br />

A. Piazzol<strong>la</strong> Le Quattro Stagioni,<br />

versione per pianoforte<br />

e archi<br />

Pianoforte Stefano Miceli<br />

Direttore Donato Renzetti<br />

VIAGGIO IN ITALIA<br />

venerdì 18 aprile, ore 21<br />

M. Di Bari Opera su commissione<br />

FORM;<br />

F. Mendelssohn S<strong>in</strong>fonia<br />

n. 4 <strong>in</strong> <strong>la</strong> magg. op. 90<br />

Italiana;<br />

I. Strav<strong>in</strong>skij Pulc<strong>in</strong>el<strong>la</strong>, versione<br />

<strong>in</strong>tegrale con canto;<br />

Solisti; Gabriel<strong>la</strong> Bosco,<br />

Gianluca Sorrent<strong>in</strong>o, Simone<br />

Albergh<strong>in</strong>i<br />

Direttore Donato Renzetti<br />

Tanti auguri da<br />

parte dei genitori,<br />

dei nonni e degli<br />

zii a Marta ed Andrea<br />

Boria che il<br />

1° e l’11 febbraio<br />

compiono rispettivamente<br />

otto e<br />

due anni.<br />

LE QUATTRO STAGIONI<br />

venerdì 9 maggio, ore 21<br />

A. Vivaldi Le Quattro Stagioni<br />

musiche folkloristiche f<strong>in</strong><strong>la</strong>ndesi;<br />

Direttore e solista Pekka<br />

Kuusisto viol<strong>in</strong>o<br />

PROGETTI SPECIALI<br />

CHET BAKER TRIBU-<br />

TE<br />

lunedì 21 aprile, ore<br />

21.00<br />

Coproduzione FORM<br />

Marche Jazz Network<br />

Tromba Paolo Fresu<br />

Maestro concertatore<br />

Roberto Cipelli<br />

Reparto Ortopedia<br />

Ospedale Civile di <strong>Jesi</strong><br />

Un r<strong>in</strong>graziamento speciale a tutto il reparto di<br />

Ortopedia dell’Ospedale civile di <strong>Jesi</strong> da parte di<br />

Italia Sansoni che ha ricevuto cure e attenzioni e<br />

non di meno professionalità durante <strong>la</strong> breve degenza<br />

presso il reparto. R<strong>in</strong>graziamenti partico<strong>la</strong>ri<br />

al primario dott. Nico<strong>la</strong> Pace, allo staff composto<br />

dal dott. Paolo Chiarrotti, Mariano Chiusaroli, <strong>la</strong><br />

fisioterapista Emma e tutti gli <strong>in</strong>fermieri addetti.<br />

Acquisto di una<br />

nuova ambu<strong>la</strong>nza<br />

Il Consiglio di Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

del<strong>la</strong> Fondazione<br />

Cassa di Risparmio<br />

di <strong>Jesi</strong> ha deciso di erogare<br />

a favore dell’Azienda<br />

Sanitaria Unica Regionale-<br />

Zona Territoriale n. 5 un<br />

importante contributo per<br />

l’acquisto di un’autoambu<strong>la</strong>nza<br />

di soccorso avanzato<br />

(lifecar-centro mobile di rianimazione)<br />

per il Pronto<br />

Soccorso dell’Ospedale di<br />

<strong>Jesi</strong>.<br />

Tale donazione consentirà<br />

di migliorare <strong>la</strong> qualità e<br />

l’efficienza del servizio di<br />

emergenza sanitaria del<br />

nostro Ospedale assicurando<br />

ai cittad<strong>in</strong>i un soccorso<br />

tempestivo e tecnologicamente<br />

avanzato.<br />

La direzione del<strong>la</strong> Zona<br />

Territoriale di <strong>Jesi</strong> ha espresso<br />

il proprio r<strong>in</strong>graziamento<br />

al presidente del<strong>la</strong><br />

Fondazione, Federico Tardioli,<br />

per l’attenzione sollecita<br />

e frequente con cui<br />

<strong>la</strong> Fondazione segue e<br />

supporta da anni <strong>la</strong> sanità<br />

jes<strong>in</strong>a.<br />

15<br />

Monsano comune<br />

ecologico<br />

Il comune di Monsano ha<br />

operato alcune <strong>in</strong>iziative<br />

volte al risparmio energetico<br />

e al<strong>la</strong> riduzione dell’<strong>in</strong>qu<strong>in</strong>amento.<br />

L’impianto fotovoltaico,<br />

<strong>in</strong>stal<strong>la</strong>to presso<br />

<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> materna di S.<br />

Maria, rende il plesso sco<strong>la</strong>stico<br />

completamente autonomo<br />

dal punto di vista<br />

energetico, e immette <strong>in</strong><br />

rete l’energia non utilizzata<br />

prodotta. Un <strong>la</strong>mpione di illum<strong>in</strong>azione<br />

pubblica <strong>in</strong><br />

campagna, all’<strong>in</strong>crocio tra<br />

via Coll<strong>in</strong>a e via Montefiore,<br />

sfrutta <strong>la</strong> produzione di<br />

energia elettrica attraverso<br />

due fonti r<strong>in</strong>novabili, quel<strong>la</strong><br />

del sole e quel<strong>la</strong> del vento,<br />

attraverso un piccolo pannello<br />

fotovoltaico e una picco<strong>la</strong><br />

elica che garantiscono<br />

l’illum<strong>in</strong>azione serale <strong>in</strong> un<br />

<strong>in</strong>crocio non raggiunto dal<strong>la</strong><br />

rete pubblica e l’<strong>in</strong>troduzione<br />

del nuovo sistema di<br />

gestione dei rifiuti con il<br />

metodo “porta a porta” che<br />

cerca di aumentare <strong>la</strong><br />

coscienza ambientale dei<br />

cittad<strong>in</strong>i.


16<br />

Incontri di storia dell’arte<br />

Il Comune di <strong>Jesi</strong>, l’Assessorato<br />

al<strong>la</strong> Cultura, <strong>la</strong> P<strong>in</strong>acoteca<br />

e i Musei Civici<br />

organizzano anche quest’anno<br />

gli “Incontri di<br />

Storia dell’Arte” presso <strong>la</strong><br />

Galleria degli Stucchi di<br />

Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti, tutti i<br />

mercoledì alle ore 18,15,<br />

curati dal<strong>la</strong> direttrice<br />

Loretta Mozzoni. Questo il<br />

programma:<br />

30 gennaio<br />

Rodolfo Rabboni - Immag<strong>in</strong>i<br />

dell’Arte. Immag<strong>in</strong>i<br />

del<strong>la</strong> Mente<br />

Loretta Mozzoni - Lorenzo<br />

Lotto: affetti e sentimenti<br />

6 febbraio<br />

Bernardo Pianetti e Andrea<br />

Donati - Giro<strong>la</strong>mo<br />

Il dialetto di<br />

Giacomo Magagn<strong>in</strong>i<br />

a Roma<br />

Il 23 gennaio a Roma si è<br />

svolta una serata <strong>in</strong> onore<br />

del poeta dialettale jes<strong>in</strong>o<br />

Giacomo Magagn<strong>in</strong>i (1872-<br />

1927), de “La Musa Paesana”<br />

firmandosi con lo<br />

pseudonimo Jacopone da<br />

<strong>Jesi</strong>. Durante <strong>la</strong> serata,<br />

presentata da Maria Lenti,<br />

ci sono state letture di Corrado<br />

Olmi e Lucia Bendia.<br />

Marchesi da<br />

Cotigno<strong>la</strong><br />

13 febbraio<br />

R o m i n a<br />

Quarchioni -<br />

Le opere dei<br />

Vivar<strong>in</strong>i per<br />

le Marche<br />

20 febbraio<br />

Loretta Mozzoni - Un capo<strong>la</strong>voro<br />

di Giorgio Vasari<br />

<strong>in</strong> P<strong>in</strong>acoteca<br />

27 febbraio<br />

Attilio Coltorti - Campitelli:<br />

una famiglia di artisti jes<strong>in</strong>i<br />

5 marzo<br />

Stel<strong>la</strong> Rudolph - La straord<strong>in</strong>aria<br />

carriera di Carlo<br />

Maratti (1625-1713)<br />

Da Camerano a Roma con<br />

un riverbero europeo.<br />

Polo Artigiano e<br />

Commerciale<br />

La CNA, l’associazione artigiani,<br />

<strong>in</strong>forma che sono<br />

disponibili nuovi spazi a <strong>Jesi</strong><br />

per le imprese artigiane e<br />

per il commercio. Il segretario<br />

cittad<strong>in</strong>o del<strong>la</strong> CNA,<br />

Stefano Sargentoni, ha annunciato<br />

che si è sbloccata<br />

una situazione che perdurava<br />

da quattro anni e f<strong>in</strong>almente<br />

si può partire con <strong>la</strong><br />

realizzazione del PolArc, un<br />

edificio di 10mi<strong>la</strong> metri<br />

quadri, suddiviso <strong>in</strong> due<br />

blocchi, a dest<strong>in</strong>azione <strong>in</strong><br />

parte artigiana e <strong>in</strong> parte<br />

commerciale, dove si prevede<br />

potranno trovare posto<br />

20/30 imprese. L’area<br />

su cui sorgerà il PolArc è<br />

dietro il Cityper, <strong>in</strong> una<br />

posizione strategica, zona<br />

commerciale già frequentata,<br />

che ne favorisce <strong>la</strong><br />

visibilità. Le dimensioni dei<br />

locali potranno variare da<br />

160 a 500 mq., <strong>in</strong>oltre tutte<br />

le unità immobiliari garantiranno<br />

i requisiti passivi previsti<br />

dalle recentissime<br />

norme <strong>in</strong> materia di contenimento<br />

dei consumi energetici.<br />

www.aurorabasket.it<br />

Grande successo di visitatori<br />

per il sito <strong>in</strong>ternet ufficiale<br />

dell’Aurora Basket <strong>Jesi</strong><br />

(aurorabasket.it). Il web<br />

po<strong>in</strong>t del<strong>la</strong> Fileni Bpa ha<br />

<strong>in</strong>fatti polverizzato tutti i<br />

record raggiunti nell’anno<br />

2006, premiando <strong>la</strong> scelta<br />

del<strong>la</strong> società di puntare<br />

molto sul<strong>la</strong> rete per quanto<br />

concerne <strong>la</strong> comunicazione.<br />

Aurorabasket.it, che a<br />

breve sarà oggetto di un<br />

ulteriore restyl<strong>in</strong>g e ampliamento<br />

delle funzioni disponibili<br />

per gli utenti, ha<br />

chiuso l’anno appena trascorso<br />

con ben 5.359.947<br />

accessi, vale a dire che gli<br />

<strong>in</strong>ternauti sono entrati nel<br />

sito per avere <strong>in</strong>formazioni<br />

Guida sicura<br />

La Circoscrizione <strong>Jesi</strong> Ovest<br />

ha provveduto a <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>re<br />

presso il circolo parrocchiale<br />

San Francesco un etilometro<br />

a gettone. L’<strong>in</strong>iziativa<br />

è stata accolta favorevolmente<br />

dal circolo e<br />

<strong>in</strong>tende offrire un utile servizio<br />

<strong>in</strong> uno dei locali del<strong>la</strong><br />

città più frequentato dai<br />

giovani. L’apparecchio, acquistato<br />

con i fondi del<strong>la</strong><br />

circoscrizione, offre <strong>in</strong>fatti<br />

al costo di un euro <strong>la</strong> possibilità<br />

di misurare con<br />

sufficiente precisione il<br />

tasso alcolemico nel sangue<br />

e di valutare qu<strong>in</strong>di se<br />

si è <strong>in</strong> grado di mettersi<br />

al<strong>la</strong> guida di un’autovettura.<br />

Con tale <strong>in</strong>iziativa si<br />

o fruire dei suoi servizi <strong>in</strong><br />

ben 1.322.000 <strong>in</strong> più rispetto<br />

all’anno prima. I visitatori<br />

diversi sono passati<br />

dai 48.732 del 2006 ai<br />

63.224 del 2007, con un<br />

aumento del 129%.<br />

<strong>in</strong>tende sia sensibilizzare i<br />

giovani circa <strong>la</strong> pericolosità<br />

di guidare dopo aver bevuto<br />

alcolici, sia permettere a<br />

chi decide di bere con moderazione<br />

di non superare il<br />

tasso massimo fissato dal<strong>la</strong><br />

legge di 0,5 g/litro di alcool,<br />

evitando le pesanti sanzioni<br />

di carattere penale.<br />

Convegno sul<strong>la</strong><br />

celiachia<br />

Domenica 27 gennaio il<br />

Circolo Cittad<strong>in</strong>o di <strong>Jesi</strong><br />

(via XX Settembre) ospita<br />

un convegno su “Celiachia:<br />

conoscer<strong>la</strong> per riconoscer<strong>la</strong>”<br />

organizzato dal<strong>la</strong><br />

FIDAPA di <strong>Jesi</strong> e dall’AIC<br />

Marche Onlus con il patroc<strong>in</strong>io<br />

del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> di Specializzazione<br />

<strong>in</strong> Scienza<br />

dell’Alimentazione dell’Università<br />

Politecnica delle<br />

Marche. Tre gli argomenti<br />

pr<strong>in</strong>cipali: Celiachia <strong>in</strong> età<br />

pediatrica; Celiachia nell’adulto;<br />

Alimentazione del<br />

celiaco. Per <strong>in</strong>formazioni<br />

rivolgersi al<strong>la</strong> sede regionale<br />

dell’AIC al <strong>numero</strong>:<br />

071 2802754.<br />

Polveri sottili<br />

L'agenzia regionale per <strong>la</strong><br />

protezione ambientale del<strong>la</strong><br />

Marche (ARPAM) ha comunicato<br />

nei giorni scorsi i<br />

dati 2007 delle polveri sottili<br />

(PM10) rilevati dalle<br />

central<strong>in</strong>e <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>te nel<strong>la</strong><br />

prov<strong>in</strong>cia di Ancona: <strong>la</strong><br />

situazione è preoccupante.<br />

<strong>Jesi</strong> ha sforato i limiti di<br />

legge per circa il 28 per<br />

cento dei giorni contro un<br />

limite consentito dal<strong>la</strong><br />

legge di circa il 10 per<br />

cento, cioè 35 sforamenti<br />

<strong>in</strong> un anno. La situazione<br />

non è migliore nei primi<br />

giorni del 2008. Il controllo<br />

delle polveri sottili nelle<br />

nostre città è previsto<br />

dal<strong>la</strong> legis<strong>la</strong>zione per <strong>la</strong><br />

forte <strong>in</strong>cidenza che queste<br />

hanno sul<strong>la</strong> salute. Le<br />

patologie legate all’<strong>in</strong>qu<strong>in</strong>amento<br />

da polveri sottili<br />

sono causa di asma, di<br />

affezioni cardio-polmonari<br />

e del<strong>la</strong> dim<strong>in</strong>uzione delle<br />

funzionalità polmonari e<br />

possono provocare una<br />

riduzione significativa dell’aspettativa<br />

di vita. Il problema<br />

delle polveri sottili,<br />

secondo l’ARPAM, è collegato<br />

al<strong>la</strong> immissione nell’aria<br />

di prodotti del<strong>la</strong><br />

combustione, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re<br />

derivanti dal traffico<br />

autoveico<strong>la</strong>re. Il Circolo<br />

Legambiente Azzaruolo di<br />

<strong>Jesi</strong> chiede al<strong>la</strong> Regione<br />

Marche e al<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia di<br />

Ancona di <strong>in</strong>tervenire; al<br />

Comune di <strong>Jesi</strong> chiede di<br />

operare per <strong>la</strong> riduzione<br />

del traffico cittad<strong>in</strong>o per<br />

ridurre il livello del PM10 e<br />

soddisfare così le norme<br />

fissate dall’UE.<br />

Il gioco <strong>in</strong><br />

ospedale<br />

La Ludoteca Riù di Santa<br />

Maria Nuova da febbraio<br />

aprirà presso l’ospedale<br />

Salesi di Ancona una Ludoteca<br />

del Riuso permanente<br />

gestita dai suoi operatori.<br />

Già da un paio di<br />

anni, <strong>in</strong>fatti, con il progetto<br />

RiuSorridi, venivano effettuati<br />

<strong>in</strong>terventi periodici<br />

presso l’ospedale del capoluogo,<br />

f<strong>in</strong>alizzati ad offrire<br />

ai piccoli ospiti del<br />

Salesi occasioni di svago,<br />

17<br />

distrazione e divertimento,<br />

ma, allo stesso tempo,<br />

divulgazione dei valori del<br />

recupero dei materiali, del<br />

riuso e del ricic<strong>la</strong>ggio. Per<br />

meglio prepararsi ad affrontare<br />

il nuovo impegno,<br />

importante quanto faticoso,<br />

nel quartier generale del<strong>la</strong><br />

Ludoteca di Santa Maria<br />

Nuova, si sta svolgendo un<br />

corso di formazione avente<br />

come tema specifico “Il<br />

gioco <strong>in</strong> ospedale”.


Prepariamoci a ricic<strong>la</strong>re<br />

Rifiuti “porta a porta”<br />

Un appello viene rivolto da<br />

amm<strong>in</strong>istratori ed ambientalisti<br />

per diffondere e radicare<br />

il sistema di raccolta<br />

differenziata “porta a<br />

porta” <strong>in</strong> tutto il territorio<br />

prov<strong>in</strong>ciale. Si dà un giudizio<br />

positivo dei risultati f<strong>in</strong><br />

qui raggiunti nel<strong>la</strong> fase di<br />

avvio del<strong>la</strong> raccolta differenziata<br />

attuata con il metodo<br />

“porta a porta”, attivata<br />

dal Consorzio “CIR33<br />

Valles<strong>in</strong>a Misa” nei Comuni<br />

del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a e del<strong>la</strong> Valle<br />

del Misa, dando atto che<br />

tale scelta va nel<strong>la</strong> giusta<br />

direzione, coniugando <strong>la</strong><br />

Gli ecovolontari<br />

Prende il via il progetto<br />

che prevede <strong>la</strong> presenza<br />

degli ecovolontari sul territorio<br />

dei Comuni consorziati.<br />

La prima fase dell’<strong>in</strong>iziativa<br />

prevede <strong>la</strong> partecipazione<br />

ad un breve<br />

corso di formazione. Il<br />

corso si svolgerà il 29 gennaio<br />

ed il 5 febbraio dalle<br />

17.30 alle 19.30 a<br />

Senigallia e, al<strong>la</strong> stessa<br />

ora, il 30 gennaio ed il 6<br />

febbraio a <strong>Jesi</strong> presso <strong>la</strong><br />

sede del Consorzio. Dopo<br />

aver seguito il corso, i partecipanti<br />

col<strong>la</strong>boreranno<br />

con il Consorzio e con il<br />

Comune per contribuire al<br />

supporto dei cittad<strong>in</strong>i nell’attività<br />

di differenziazione,<br />

al controllo del servizio<br />

e dell’igiene urbana ed<br />

anche all'organizzazione di<br />

<strong>in</strong>iziative di educazione e<br />

salvaguardia ambientale<br />

con una<br />

ottimale gestione<br />

del territorio. I<br />

sottoscrittori dell’appello<br />

sono certi<br />

dei benefici che<br />

tale scelta produrrà<br />

per l’<strong>in</strong>tera comunità,<br />

a partire dal<strong>la</strong> forte riduzione<br />

dei rifiuti da conferire <strong>in</strong><br />

discarica, con effetti positivi<br />

sia ambientali ed economici<br />

che occupazionali e<br />

sociali. Auspicano che tale<br />

scelta sia assunta ancor più<br />

come una vera e propria<br />

priorità. Una sfida che dovrà<br />

vedere <strong>in</strong> prima l<strong>in</strong>ea<br />

l’<strong>in</strong>tera comunità prov<strong>in</strong>ciale,<br />

dalle amm<strong>in</strong>istrazioni<br />

pubbliche alle forze sociali,<br />

co<strong>in</strong>volte per promuovere,<br />

estendere e consolidare <strong>in</strong><br />

tutto il territorio tale sistema<br />

di raccolta differenziata.<br />

sensibilizzazione. Per partecipare<br />

al corso, completamente<br />

gratuito, è sufficiente<br />

contattare l’Area<br />

comunicazione del Consorzio.<br />

Viale dell’<strong>in</strong>dustria,<br />

5 – 60035 <strong>Jesi</strong> (AN) –<br />

0731/215990.<br />

Avviate le <strong>in</strong>dag<strong>in</strong>i condom<strong>in</strong>iali a <strong>Jesi</strong><br />

Il Cir33 Consorzio Intercomunale<br />

“Valles<strong>in</strong>a-Misa”<br />

ha avviato, <strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

con il Comune di <strong>Jesi</strong><br />

e <strong>Jesi</strong>Servizi, le <strong>in</strong>dag<strong>in</strong>i<br />

territoriali <strong>in</strong> vista dell’attivazione<br />

del nuovo servizio<br />

di raccolta domiciliare dei<br />

rifiuti che <strong>in</strong>teresserà una<br />

parte del<strong>la</strong> città.<br />

Tecnici <strong>in</strong>caricati del Consorzio<br />

si recheranno presso<br />

i condom<strong>in</strong>i e le aziende<br />

del territorio, <strong>in</strong> un primo<br />

momento per fornire le<br />

<strong>in</strong>dicazioni necessarie agli<br />

utenti e poi per <strong>in</strong>dividuare,<br />

<strong>in</strong> base alle <strong>in</strong>dicazioni<br />

ottenute, gli spazi idonei al<br />

posizionamento dei nuovi<br />

contenitori per <strong>la</strong> raccolta<br />

differenziata. Il servizio a<br />

<strong>Jesi</strong> prevedrà l’<strong>in</strong>troduzione<br />

del sistema di raccolta<br />

porta a porta per tutte le<br />

tipologie di rifiuto.<br />

Per <strong>questo</strong> si assisterà al<strong>la</strong><br />

scomparsa dei cassonetti e<br />

delle campane per <strong>la</strong> raccolta<br />

differenziata e i cittad<strong>in</strong>i<br />

verranno forniti di<br />

bidoni per <strong>la</strong> separazione<br />

dell’organico, del vetro e<br />

dell’allum<strong>in</strong>io, del<strong>la</strong> carta,<br />

del<strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica, del Rsu (il<br />

rifiuto residuo dal<strong>la</strong> raccolta<br />

differenziata).<br />

Le famiglie non residenti<br />

<strong>in</strong> abitazioni condom<strong>in</strong>iali<br />

avranno a disposizione dotazioni<br />

s<strong>in</strong>gole consistenti<br />

<strong>in</strong> bidonc<strong>in</strong>i per separare il<br />

rifiuto già <strong>in</strong> casa propria<br />

ed esporranno davanti al<strong>la</strong><br />

propria abitazione ciascun<br />

contenitore quando previsto<br />

dal calendario settima-<br />

19<br />

nale degli svuotamenti. Lo<br />

stesso faranno i residenti di<br />

unità condom<strong>in</strong>iali, con l’unica<br />

differenza che i bidoni,<br />

ad eccezione del mastell<strong>in</strong>o<br />

da sotto<strong>la</strong>vello per l’organico,<br />

saranno <strong>in</strong> dotazione al<br />

condom<strong>in</strong>io e non ad ogni<br />

s<strong>in</strong>go<strong>la</strong> famiglia.<br />

Le vie che saranno <strong>in</strong>teressate<br />

dal porta a porta a partire<br />

dal mese di aprile sono:<br />

XXV Aprile, Agraria, Amendo<strong>la</strong>,<br />

Bixio, Borgognoni,<br />

Capponi, Ciald<strong>in</strong>i, C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ni,<br />

Mag<strong>in</strong>i Coletti, Contuzzi,<br />

Crivelli, Dal<strong>la</strong> Chiesa, De<br />

Bosis, De Gasperi, De Nico<strong>la</strong>,<br />

Dei Colli, Dei Fiori,<br />

Del<strong>la</strong> Concordia, Del<strong>la</strong> Vittoria,<br />

Di Mastro Antonio,<br />

Elia, Erbarel<strong>la</strong>, Eustachi, F.lli<br />

Cervi, Ferretti, For<strong>la</strong>n<strong>in</strong>i,<br />

Frezzi, Ga<strong>la</strong>nte, Galeno,<br />

Gandhi, Giani, Giovanni<br />

XXIII, Gramsci, Grilli, Honorati,<br />

Ippocrate, Kennedy,<br />

M.L.K<strong>in</strong>g, La Malfa, Lapis,<br />

La Torre, Leonardi, Lotto,<br />

Malpighi, Mamiani, Maratta,<br />

Marcucci, Mattarel<strong>la</strong>, Monterevellone,<br />

A.Moro, Murri,<br />

Nenni, Nievo, Paradiso, Parri,<br />

Piccitù, Pucc<strong>in</strong>i, Ravagli,<br />

R<strong>in</strong>aldi, Rosi, Ros<strong>in</strong>i, Ross<strong>in</strong>i,<br />

Russell, S.Antonio, S.<br />

Marco, S.Pietro, Salimbeni,<br />

Salvoni, R.Sanzio, Schweitzer,<br />

Togliatti, Tolstoj, Tornabrocco,<br />

Turati, Verdi, Vesalio,<br />

Zuccari.


20<br />

La cena dei commercianti di S. Allende<br />

<strong>Jesi</strong>. Il 16 gennaio i negozianti<br />

di Largo Salvador<br />

Allende si sono ritrovati al<br />

ristorante Mynonna per<br />

Basta poco per...<br />

una cena <strong>in</strong> allegria. La<br />

serata è cont<strong>in</strong>uata tra<br />

musica e balli <strong>la</strong>t<strong>in</strong>o americani.<br />

Burraco che passione!<br />

Presso il Salone del Lampadario<br />

del Circolo Cittad<strong>in</strong>o<br />

di <strong>Jesi</strong> (via XX Settembre),<br />

ogni venerdì alle<br />

ore 21.00, proseguono i<br />

Il 21 dicembre scorso una<br />

rappresentativa di alunni<br />

delle c<strong>la</strong>ssi seconde del<strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong> secondaria di primo<br />

grado “Giacomo Leopardi”<br />

di <strong>Jesi</strong>, ha portato un augurio<br />

speciale a chi vive<br />

nel<strong>la</strong> Casa di Riposo.<br />

Insieme al professore Emanuele<br />

Fiordelmondo, <strong>in</strong>segnate<br />

di musica, gli alunni<br />

hanno fatto un concert<strong>in</strong>o<br />

con il f<strong>la</strong>uto, eseguendo<br />

corsi di Burraco. Per chi<br />

volesse partecipare rivolgersi<br />

a Antonietta: 336-<br />

414958; o Marco 339/73-<br />

13261.<br />

alcune canzoni e recitando<br />

poesie natalizie. I “vecchietti”<br />

si sono rive<strong>la</strong>ti entusiasti<br />

e contenti dell’<strong>in</strong>iziativa.<br />

L’esperienza è stata importante<br />

anche per i ragazzi,<br />

i quali si sono resi<br />

conto che con <strong>la</strong> loro spontaneità<br />

e gioia di vivere<br />

hanno rega<strong>la</strong>to un sorriso<br />

a delle persone che ne<br />

hanno bisogno.<br />

R<strong>in</strong>graziamento del<strong>la</strong> Croce Verde<br />

L’Associazione Volontari<br />

Croce Verde <strong>Jesi</strong> Onlus<br />

<strong>in</strong>tende r<strong>in</strong>graziare sentitamente,<br />

anche quest’anno,<br />

<strong>la</strong> Fondazione Cassa di<br />

Risparmio di <strong>Jesi</strong> per aver<br />

concesso un contributo di<br />

tremi<strong>la</strong> euro con il quale<br />

l’associazione ha potuto<br />

acquistare due nuovi defibril<strong>la</strong>tori<br />

da <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>re sulle<br />

ambu<strong>la</strong>nze di emergenza.<br />

Si tratta di due defibril<strong>la</strong>tori<br />

semiautomatici completi<br />

di l<strong>in</strong>ee guida aggiornate<br />

secondo le normative<br />

vigenti e di custodie semi<br />

rigide per il trasporto. Il<br />

suddetto materiale permetterà<br />

agli equipaggi<br />

impegnati nel servizio di<br />

emergenza, o 118, di garantire<br />

<strong>la</strong> massima efficenza<br />

qualora ci si trovi di<br />

fronte a situazioni di arresto<br />

cardiaco e dunque necessità<br />

di rianimare un paziente.<br />

Questo permette al<strong>la</strong><br />

Croce Verde di avere strumentazioni<br />

sempre più<br />

tecnologiche e soprattutto<br />

garantire al<strong>la</strong> cittad<strong>in</strong>anza<br />

una preparazione sempre<br />

più adeguata degli equipaggi.


22 SPORT FLASH<br />

a cura di fabrizio romagnoli<br />

Fileni BPA da urlo<br />

“Tutti <strong>in</strong> piedi per questa<br />

Aurora”. Il coro <strong>la</strong>nciato dai<br />

tifosi dell’Avanguardia nel<strong>la</strong><br />

curva arancioblu fa da colonna<br />

sonora all’ottimo<br />

momento vissuto dal<strong>la</strong> Fileni<br />

Bpa di Capobianco, che<br />

dopo aver asfaltato a domicilio<br />

Imo<strong>la</strong> (83-52) strapazza<br />

fra le mura amiche<br />

del Pa<strong>la</strong>Triccoli una Pepsi<br />

Caserta che arrivava nel<br />

ruolo di grande favorita per<br />

<strong>la</strong> promozione: prova al<br />

limite del<strong>la</strong> perfezione, il<br />

f<strong>in</strong>ale è 98-77 per gli jes<strong>in</strong>i<br />

ma il vantaggio di Ross<strong>in</strong>i e<br />

Presentata presso l’Esagono,<br />

<strong>la</strong> terza edizione del<br />

concorso “L’Amico Atletico”<br />

promosso da Ubi-<br />

Banca Popo<strong>la</strong>re di Ancona<br />

e Fondazione Gabriele<br />

Card<strong>in</strong>aletti per premiare<br />

chi, specie nello sport meno<br />

abituato ai riflettori, <strong>in</strong>nalzi<br />

valori di lealtà, amicizia,<br />

impegno, solidarietà.<br />

Edizione 2008 aperta oltre<br />

alle Marche ad Abruzzo,<br />

Campania, Emilia Romagna,<br />

Lazio, Umbria, Molise,<br />

tutte regioni dove Ubi<br />

- Banca Popo<strong>la</strong>re di Ancona<br />

è presente.<br />

A presentare l’<strong>in</strong>iziativa lo<br />

jes<strong>in</strong>o Andrea Card<strong>in</strong>aletti,<br />

presidente dell’Istituto per<br />

il Credito Sportivo, ed il<br />

falconarese Emiliano Mon-<br />

compagni aveva toccato<br />

anche il +35. <strong>Jesi</strong> chiude il<br />

girone d’andata al quarto<br />

posto e si guadagna anche<br />

l’accesso al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>al four di<br />

Coppa Italia di categoria<br />

(1-2 marzo prossimi).<br />

Qualificate anche Sores<strong>in</strong>a,<br />

Sassari e Ferrara. <strong>Jesi</strong>, che<br />

si era candidata ad ospitare<br />

l’evento, resta delusa per <strong>la</strong><br />

scelta caduta su Ferrara.<br />

Intanto nel<strong>la</strong> prima di ritorno<br />

nuova vittoria <strong>in</strong>terna<br />

per <strong>la</strong> Fileni Bpa, che tiene<br />

sotto controllo e batte<br />

Montecat<strong>in</strong>i (90-76).<br />

“Amico atletico” anno terzo, il concorso<br />

si amplia<br />

teverde, segretario del dipartimento<br />

alle politiche<br />

giovanili ed alle attività<br />

sportive del m<strong>in</strong>istro Giovanna<br />

Me<strong>la</strong>ndri.<br />

Testimonial d’eccezione<br />

tantissimi rappresentanti<br />

dello sport ad altissimo<br />

livello, marchigiani e non,<br />

membri del<strong>la</strong> giuria presieduta<br />

dal vice presidente<br />

del Coni Luca Pancalli.<br />

Li rappresenta al<strong>la</strong> presentazione<br />

Michele Maggioli,<br />

centro del<strong>la</strong> Fileni Bpa:<br />

“Contento di partecipare<br />

con chi si avvic<strong>in</strong>a allo<br />

sport con lo spirito giusto”.<br />

Si vota tramite il sito<br />

www.codiceatletico.it o al<br />

<strong>numero</strong> verde gratuito<br />

800.550.388.<br />

Monte Schiavo<br />

BDM, si riparte fra<br />

mercato e Coppa<br />

Italia<br />

Pronto a rimettersi <strong>in</strong> marcia<br />

il volley femm<strong>in</strong>ile di<br />

A1 dopo lo stop del campionato<br />

per le qualificazioni<br />

olimpiche delle nazionali.<br />

Monte Schiavo BdM<br />

attesa domenica 27 a Sassuolo<br />

dopo essere tornata<br />

<strong>in</strong> campo per <strong>la</strong> Champions<br />

League giovedì 24 a<br />

Cannes. Intanto le prill<strong>in</strong>e<br />

battono con un doppio 3-0<br />

ravvic<strong>in</strong>ato Imo<strong>la</strong> nel<strong>la</strong><br />

seconda fase di Coppa Italia<br />

e guadagnano l’accesso<br />

al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>ale a otto del<strong>la</strong><br />

competizione (28-29-30<br />

marzo oppure 4-5-6 aprile),<br />

dove nei quarti troveranno<br />

<strong>la</strong> Despar Perugia.<br />

La società rossoblu dopo le<br />

Baldi rugby, <strong>la</strong>scia Mister Montesi,<br />

squadra a Cunn<strong>in</strong>gton<br />

L’<strong>in</strong>izio del 2008 porta al<br />

Rugby <strong>Jesi</strong> ’70 del nuovo<br />

ma<strong>in</strong> sponsor Baldi Ristorazione<br />

una partenza al<strong>la</strong><br />

grande dopo <strong>la</strong> lunga sosta<br />

per le Feste nel campionato<br />

di C ma anche una <strong>in</strong>attesa<br />

novità: il tecnico Marco<br />

Montesi per motivi strettamente<br />

personali si dimette<br />

e <strong>la</strong> società affida <strong>la</strong> squadra<br />

al direttore tecnico<br />

difficoltà del<strong>la</strong> prima parte<br />

di stagione è tornata a<br />

guardare al mercato: nel<br />

momento <strong>in</strong> cui scriviamo<br />

tutto è ancora <strong>in</strong> sospeso<br />

riguardo agli arrivi, ufficiale<br />

soltanto <strong>la</strong> partenza del<strong>la</strong><br />

schiacciatrice Elisa Cel<strong>la</strong>,<br />

passata al Piacenza <strong>in</strong> A2.<br />

Un’azione del<strong>la</strong> R<strong>in</strong>ieri<br />

Jes<strong>in</strong>a ed EDP, v<strong>in</strong>ce <strong>la</strong> nebbia<br />

Nel calcio tanto i leoncelli<br />

<strong>in</strong> Eccellenza quanto le<br />

leoncelle <strong>in</strong> A2 si trovano<br />

ad avere a che fare con<br />

avversità meteorologiche.<br />

I primi dopo le sonanti vittorie<br />

su Biagio Nazzaro (4-<br />

1) e Fermignano (5-0) con<br />

cui aprono il girone di ritorno<br />

vanno a Montegiorgio,<br />

dove <strong>la</strong> partita viene<br />

sospesa sullo 0-0 al term<strong>in</strong>e<br />

del primo tempo per<br />

nebbia. Sorte analoga per<br />

<strong>la</strong> Edp Jes<strong>in</strong>a: chiusa con<br />

un pieno di vittorie <strong>la</strong> pri-<br />

Peter Cunn<strong>in</strong>gton. Come<br />

detto <strong>in</strong> campionato si riprende<br />

dal<strong>la</strong> vittoria <strong>in</strong>terna<br />

per 8-0 sul<strong>la</strong> (ora ex) capolista<br />

Paganica, qu<strong>in</strong>di derby<br />

<strong>in</strong>sidioso sul campo di San<br />

Benedetto e successo nel<br />

f<strong>in</strong>ale per 24-22. In c<strong>la</strong>ssifica<br />

terzo posto a c<strong>in</strong>que<br />

punti dal<strong>la</strong> prima Gran<br />

Sasso, cui si andrà a far<br />

visita nel prossimo turno.<br />

ma fase di Coppa Italia<br />

(c<strong>in</strong>que su c<strong>in</strong>que compreso<br />

l’1-0 al Picenum), le<br />

ragazze di Sdogati erano<br />

pronte per <strong>la</strong> trasferta di<br />

Palermo nel<strong>la</strong> prima di ritorno<br />

ma <strong>la</strong> nebbia chiude<br />

l’aeroporto Raffaello Sanzio<br />

di Falconara e le <strong>la</strong>scia a<br />

terra, <strong>in</strong>evitabile il r<strong>in</strong>vio.<br />

Negli ottavi di Coppa Italia<br />

di marzo per l’Edp confronto<br />

di prestigio con <strong>la</strong> Reggiana,<br />

squadra di A1 con<br />

tre scudetti e due Coppe<br />

Italia <strong>in</strong> bacheca.<br />

RISULTATI E CLASSIFICHE<br />

BASKET – Serie A2 maschile<br />

Fileni Aurora <strong>Jesi</strong> – Caserta 98-77<br />

Fileni Aurora <strong>Jesi</strong> – Montecat<strong>in</strong>i 90-76<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Sores<strong>in</strong>a 22, Sassari 22, Ferrara 22, Fileni Aurora <strong>Jesi</strong><br />

20, Pistoia 20, Caserta 18, Reggiana 18, Casale 16, Pavia<br />

16, Rim<strong>in</strong>i 14, Fabriano 14, Imo<strong>la</strong> 14, Veroli 12,<br />

Montecat<strong>in</strong>i 8, Livorno 8, Novara 6<br />

VOLLEY – Serie A1 femm<strong>in</strong>ile<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Scavol<strong>in</strong>i Pesaro 30, Perugia 28, Bergamo 28, Novara 24,<br />

Busto Arsizio 17, Chieri 15, Monteschiavo BdM <strong>Jesi</strong><br />

14, Altamura 11, Santeramo 10, Sassuolo 10, Imo<strong>la</strong> 8,<br />

Forlì 3<br />

CALCIO – Eccellenza<br />

Jes<strong>in</strong>a – Fermignanese 5-0<br />

Montegiorgio – Jes<strong>in</strong>a (r<strong>in</strong>viata)<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Elpidiense 37, Piano San Lazzaro 32, Fossombrone 32,<br />

C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na 30, Macerata 29, Civitanovese 28, Urb<strong>in</strong>o 28,<br />

Jes<strong>in</strong>a 27, Castelfrettese 27, Montegiorgio 26,<br />

Fermignanese 26, Senigallia 24, Pergolese 24, Osimana<br />

23<br />

23, Chiara<strong>valle</strong> 22, Monturanese 20, P.S. Elpidio 15, Vis<br />

Pesaro 13<br />

CALCIO – Serie A2 femm<strong>in</strong>ile<br />

Aquile Palermo – EDP Jes<strong>in</strong>a (r<strong>in</strong>viata)<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Roma 32, Bari 25, Francavil<strong>la</strong> 23, Ravenna 21, Cervia 20,<br />

EDP Jes<strong>in</strong>a 18, Perugia 12, Aquile Palermo 11, Ludos<br />

Palermo 10, Or<strong>la</strong>ndia 10, Imo<strong>la</strong> 8, Lecce 8<br />

RUGBY - Serie C<br />

Baldi Rugby <strong>Jesi</strong> – Paganica 8-0<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Gran Sasso 44, Paganica 41, Baldi Rugby <strong>Jesi</strong> 40,<br />

Pesaro 38, Gubbio 27, Avezzano 20, Sambenedettese 18,<br />

Terni 13, Perugia 2, Fermo -2<br />

CALCIO A 5 - Serie C1<br />

Acli S.Giuseppe – Urb<strong>in</strong>o 4-1<br />

Morro<strong>valle</strong> – Acli S.Giuseppe 6-4<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Cameranese 46, Ascoli 45, Juvent<strong>in</strong>a 34, Acli S.Giuseppe<br />

31, Ostrense 29, San Sever<strong>in</strong>o 27, Montegranaro 27,<br />

Morro<strong>valle</strong> 25, Falconara 24, P.S.Giorgio 23, Cor<strong>in</strong>aldo 23,<br />

Urb<strong>in</strong>o 22, Tenax 21, Castelbell<strong>in</strong>o 16, Osimo Stazione 13,<br />

Picchio 11, Grande Toro 10


CLASS E 1ª A SCUOLA CAPPANNINI<br />

CLASS E 1ª B SCUOLA CAPPANNINI<br />

In piedi da s<strong>in</strong>istra: Nicho<strong>la</strong>s<br />

Mantello, Riccardo Tosti,<br />

Margherita Gagliard<strong>in</strong>i,<br />

Jonathan Nasetti, Matilde<br />

Cherub<strong>in</strong>i, Mart<strong>in</strong>a Pieralisi,<br />

Aurora Nasetti, Mart<strong>in</strong>a<br />

Lombardi.<br />

In g<strong>in</strong>occhio: Maddalena<br />

Lat<strong>in</strong>i, Francesco Baioni,<br />

Agnese Parisi, Ilenia<br />

Mastricci, Diego Bufar<strong>in</strong>i,<br />

Teresa Federici, Riccardo<br />

Mocchegiani, Lucia Mira.<br />

Seduti: Giovanni Brunori,<br />

Diego Sparaciari, Sara<br />

Bert<strong>in</strong>i, Aurora Argentati,<br />

Vanessa Wete Ngalu<strong>la</strong>,<br />

Sophie Scortich<strong>in</strong>i, Gabriele<br />

Vignaroli.<br />

Insegnanti: Federica<br />

Buratt<strong>in</strong>i e Luciana Nobili.<br />

In piedi da s<strong>in</strong>istra:<br />

Gabriele Rosi, Angelo<br />

Cerioni, Riccardo Manc<strong>in</strong>i,<br />

Lorenzo Cor<strong>in</strong>aldesi,<br />

Giovanni Morosetti, Hamza<br />

Kanoune, Silvia Fratoni,<br />

Gaia Grilli, Maria Giard<strong>in</strong>ieri.<br />

In g<strong>in</strong>occhio: Andrea<br />

Card<strong>in</strong>aletti, Federica Pace,<br />

Mart<strong>in</strong>a Barba, Riccardo<br />

Trabucco, Alice Giard<strong>in</strong>ieri,<br />

Wenyan Zhuo, Mart<strong>in</strong>a<br />

Albanesi.<br />

Seduti: Alessio Maurizi,<br />

Elena Mari, Alice Natalucci,<br />

Maria Sofia Zappelli,<br />

Francesca Asmundo, Alba<br />

Sara Demontis.<br />

Assente:Camil<strong>la</strong> Pierelli.<br />

Insegnanti: Danie<strong>la</strong><br />

Mandol<strong>in</strong>i, Patrizia B<strong>la</strong>si.


26 PRIMO PIANO<br />

Sciare nell’Appenn<strong>in</strong>o<br />

marchigiano<br />

La rassicurante e tradizionale vacanza bianca nelle Marche è ritornata<br />

di moda. È preferita da turisti locali, grazie all’ottimo <strong>in</strong>nevamento,<br />

ma anche per il bisogno di concedersi un’evasione ecologica, a contatto<br />

con un ambiente <strong>in</strong>contam<strong>in</strong>ato. Piste illum<strong>in</strong>ate di notte nel<br />

Montefeltro e week-end ri<strong>la</strong>ssanti a Ussita e Frontignano<br />

di andrea carnevali<br />

Piste da favo<strong>la</strong>, per gli appassionati dello sci. Nelle Marche<br />

il freddo sta conservando un fondo naturale che, <strong>in</strong> quasi<br />

tutte le stazioni, non si vedeva da qualche anno. Mentre gli<br />

alberghi confermano il tutto esaurito (o quasi), gli impianti<br />

di risalita girano e raddoppiano le presenze. Il settore<br />

delle vacanze <strong>in</strong>vernali ha ormai un grande <strong>in</strong>teresse per le<br />

Marche, perché enti ed organizzazioni di turismo, che si<br />

occupano di montagna, riescono a rispondere alle esigenze<br />

degli appassionati e di esperti sciatori. Nel comprensorio<br />

dei Monti Sibill<strong>in</strong>i sono praticabili <strong>numero</strong>si sport <strong>in</strong>vernali:<br />

sci, snowboard e freeride nei moderni impianti di<br />

risalita di Sassotetto (Sarnano), del<strong>la</strong> P<strong>in</strong>tura (Bologno<strong>la</strong>),<br />

di Frontignano (Ussita) e di Monte Prata (Castel<br />

S. Angelo sul Nera).<br />

Da alcuni anni ha preso avvio negli Appenn<strong>in</strong>i, unitamente<br />

ad altri poli turistici, un processo di rivalutazione<br />

del territorio che ha portato ad assorbire un turismo di nic-<br />

chia, a volte anche di élite. Sono, così, sorte stazioni sciistiche<br />

con <strong>in</strong>nevamento artificiale, non lontano dei centri<br />

abitati.<br />

Anche gli <strong>in</strong>vestimenti, utilizzati nel<strong>la</strong> riqualificazione<br />

delle strutture e degli impianti, hanno permesso di valorizzare<br />

l’<strong>in</strong>u<strong>sua</strong>le patrimonio di cui <strong>la</strong> montagna è dotata.<br />

Gli ambienti <strong>in</strong>contam<strong>in</strong>ati sono adatti allo sci-escursionistico,<br />

allo sci-alp<strong>in</strong>o e allo snowboard, altre ai neo “sportivi”<br />

che hanno compiuto almeno otto anni. Prima di scendere<br />

<strong>in</strong> pista, si potrà migliorare il tono musco<strong>la</strong>re con<br />

saune o bagni turchi.<br />

A queste località si sono aggiunti negli anni alberghi<br />

sparsi, grazie ad una buona rete di strade che permettono<br />

di visitare i resti delle fortificazioni medievali. Il parco di<br />

Sasso Simone e Simoncello a Montecopiolo - nel<strong>la</strong> zona del<br />

Carpegna – dispone di località sciistiche moderne con sciovie<br />

e vaste piste attrezzate. Gli impianti sciistici di Monte-<br />

copiolo dell’Eremo di monte Carpegna e Vil<strong>la</strong>grande<br />

(1260-1415 metri) consentono lo scii notturno. Completa<br />

<strong>la</strong> vacanza <strong>la</strong> formu<strong>la</strong> sport-benessere nello stabilimento<br />

termale Pit<strong>in</strong>um Thermae con i centri wellness e beauty<br />

club di Macerata Feltria.<br />

Montecopiolo, frequentata molto spesso da ospiti abituali,<br />

è meta d’obbligo dopo <strong>la</strong> visita di Urb<strong>in</strong>o, di San Leo,<br />

di Gradara e Sassocorvaro. Scegliere l’Eremo di Carpegna<br />

e Vil<strong>la</strong>grande vuol dire stare lontano dallo stress e prenotare<br />

una vacanza <strong>in</strong> un’area di turismo m<strong>in</strong>ore. Le stazioni<br />

sciistiche di Carpegna sono percorse da turismo giornaliero<br />

perché hanno piste abbastanza ampie e <strong>in</strong>nevate.<br />

Tuttavia lo sci <strong>in</strong>vernale è <strong>in</strong>tegrato da un <strong>in</strong>teresse sempre<br />

maggiore per le opere d’arte o il turismo ambientale<br />

che nel<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di Pesaro Urb<strong>in</strong>o sta assumendo connotati<br />

molti ricercati.<br />

Le bellezze naturali ed il fasc<strong>in</strong>o del<strong>la</strong> montagna come<br />

del resto di tutta <strong>la</strong> catena appennica sono <strong>in</strong>f<strong>in</strong>iti. Non<br />

molto distante dal Carpegna, s’<strong>in</strong>nalza il massiccio del<br />

Monte Nerone (1525 metri) con i comuni d’Apecchio, Piobbico<br />

e Cagli. Le spettaco<strong>la</strong>ri faggete, i pascoli estivi, i boschi<br />

<strong>in</strong>nevati, il clima partico<strong>la</strong>rmente variabile caratterizzano<br />

questa splendida montagna. Dal<strong>la</strong> vetta del Monte<br />

Nerone si ammirano panorami mozzafiato con le sue sei<br />

In basso: Frontignano, Monte Nerone,<br />

Sarnano, Monte Piselli.<br />

27<br />

piste che offrono un divertimento per tutti i gusti. Le piste<br />

sono servite da uno skilift e due manovie e permettono l’utilizzo<br />

di slitte e gommoni. La lunghezza totale delle piste<br />

è di 6,5 km.<br />

La cuc<strong>in</strong>a locale completa l’offerta turistica del Monte<br />

Nerone. Direttamente sulle piste si trova il rifugio Cors<strong>in</strong>i<br />

che, con le sue prelibatezze, delizia tutta <strong>la</strong> cliente<strong>la</strong> del<strong>la</strong><br />

stazione sciistica. Le varie delizie eno-gastronomiche del<strong>la</strong><br />

montagna sono attrazioni irresistibili da degustare durante<br />

le vacanze <strong>in</strong>vernali. Per combattere il freddo, il liquore<br />

al cum<strong>in</strong>o – distil<strong>la</strong>to tipico di Ussita – è un ottimo rimedio.<br />

La tavo<strong>la</strong> è eccellente anche <strong>in</strong> <strong>in</strong>verno. I piatti tipici<br />

locali ci <strong>in</strong>vitano a non perdere le ottime carni bov<strong>in</strong>e allevate<br />

sui ricchi pascoli dei Monti Sibill<strong>in</strong>i ed il saporitissimo<br />

miele.<br />

Alle falde del Monte Bove si trova Ussita attrezzata con<br />

piste e sistemi di risalita che <strong>in</strong>cludono anche quattro seggiovie,<br />

sei impianti di risalita e una funivia. La pista pr<strong>in</strong>cipale,<br />

<strong>la</strong> Spigale, è lunga oltre 1900 metri e presenta un<br />

dislivello di 320 metri. Nello stesso comprensorio di Ussita,<br />

<strong>in</strong> località Frontignano (1342-1980 metri), sorge <strong>la</strong> stazione<br />

sciistica più grande delle Marche, con 11 piste da sci.<br />

La nuova seggiovia quadriposto a Pian dell’Arco - Belvedere<br />

è l’impianto più moderno delle Marche (1410-1632


28 PRIMO PIANO<br />

metri) con una lunghezza complessiva di 910 metri.<br />

Stare un week-end a Ussita-Frontignano vuol dire<br />

riscoprire sapori e sensazioni di una montagna con paesaggi<br />

unici. La stazione turistica di Frontignano è dotata di<br />

<strong>in</strong>frastrutture moderne per lo sci e gli sport <strong>in</strong>vernali e per<br />

il soggiorno sul<strong>la</strong> neve. Molte delle strutture ricettive di<br />

Ussita offrono skipass per agevo<strong>la</strong>re i propri ospiti, tuttavia<br />

sono praticabili snowboard, passeggiate con racchette<br />

da neve, mounta<strong>in</strong> bike e nordic walk<strong>in</strong>g.<br />

La bellezza dell’ambiente montano soddisfa gli appassionati<br />

del<strong>la</strong> neve, del freeride e dello snowboard. Il versante<br />

delle Saliere è adatto agli sciatori pr<strong>in</strong>cipianti ed a<br />

quelli che desiderano perfezionare <strong>la</strong> propria tecnica sia<br />

con gli sci che con lo snowboard. Le piste presenti alle<br />

Saliere sono <strong>la</strong>rghe, asso<strong>la</strong>te e dal pendio costante, <strong>in</strong>terval<strong>la</strong>to<br />

da qualche gobbone che le rende più divertenti. La<br />

stazione sciistica è servita dalle seggiovie delle Saliere, del<br />

G<strong>in</strong>epro e dal<strong>la</strong> nuovissima quadriposto Pian dell’Arco-Belvedere.<br />

Diverse sono le possibilità per i pr<strong>in</strong>cipianti di scaldarsi<br />

e cont<strong>in</strong>uare nel versante del Canalone. A Belvedere si<br />

possono scegliere piste di difficoltà crescente che da rosse<br />

poi diventano blu, oppure costeggiano <strong>la</strong> strada panoramica.<br />

Il tracciato del<strong>la</strong> seggiovia del G<strong>in</strong>epro è accessibile ai<br />

pr<strong>in</strong>cipianti. Per chi ama lo snowboard Frontignano offre<br />

sevizi di snow park <strong>in</strong> cima al<strong>la</strong> sciovia Jacci di Bicco e <strong>in</strong>teressanti<br />

it<strong>in</strong>erari fuori pista.<br />

Il moderno Pa<strong>la</strong>zzo del ghiaccio ad Ussita è una struttura<br />

adatta ad <strong>in</strong>trattenere molti amanti dello sport. È una<br />

delle più belle attrattive di Ussita dove molti giovani vanno<br />

a patt<strong>in</strong>are. Il pa<strong>la</strong>zzotto è diventato un luogo di aggregazione<br />

per ragazzi. Gli altri impianti sportivi completano l’offerta:<br />

pisc<strong>in</strong>a comunale coperta, so<strong>la</strong>rium e m<strong>in</strong>igolf.<br />

Ma, a 13 chilometri a sud di Ussita, sul Monte Prata<br />

(780-1790 metri), <strong>la</strong> località di Castelsantangelo sul<br />

Nera propone una vacanze “giovane” con piste e comodi<br />

lett<strong>in</strong>i per ri<strong>la</strong>ssarsi e per abbronzarsi a disposizione al rifugio<br />

Cornaccione (1950 metri) con panorama sui Monti<br />

Sibill<strong>in</strong>i, al rifugio Cristo delle Nevi (1830 metri) con <strong>in</strong>clusa<br />

grapperia e terrazza esterna con sdraio ed al rifugio<br />

Saliere (1500 metri).<br />

I piccoli centri dell’Appenn<strong>in</strong>o marchigiano sono, <strong>in</strong>oltre,<br />

ricchi di opere d'arte. Il castello di Ussita e le strad<strong>in</strong>e<br />

di Visso sono le mete ideali per chi decida di frequentare le<br />

piste di Frontignano. La stazione sciistica di Arquata del<br />

Tronto, poco distante da Forca Canep<strong>in</strong>e, consente di<br />

muoversi tra le Marche e l’Abruzzo.<br />

La stazione sciistica è compresa tra due parchi nazionali:<br />

Monti Sibill<strong>in</strong>i e Parco Gran Sasso e Monti del<strong>la</strong> Laga.<br />

Negli impianti sciistici a Forca Canep<strong>in</strong>e (1330-1670 metri)<br />

si pratica lo sci di fondo. Il rifugio degli Alp<strong>in</strong>i <strong>in</strong> località<br />

Forca di Presta (1580 metri) è il luogo ideale per trascorrere<br />

le proprie vacanze <strong>in</strong>vernali e per fare lo sci da fondo,<br />

escursionismo, sci alp<strong>in</strong>o e ghiaccio e snow walk<strong>in</strong>g. Il rifugio<br />

è compreso nell’it<strong>in</strong>erario del Grande Anello dei Sibill<strong>in</strong>i,<br />

un percorso escursionistico di 120 Km completamente<br />

segna<strong>la</strong>to che, <strong>in</strong> nove giorni di camm<strong>in</strong>o, fa scoprire l’<strong>in</strong>tera<br />

catena montuosa.<br />

Dal balcone del centro storico <strong>la</strong> vista spazia dalle più<br />

alte cime dei Sibill<strong>in</strong>i al<strong>la</strong> sottostante Piana di Castelluccio,<br />

altopiano situato a circa 1300 metri. Molto scenografico è<br />

l’ambiente medioevale di Arquata del Tronto dove si possono<br />

visitare <strong>la</strong> Rocca e l’Oratorio del<strong>la</strong> Madonna del Sole,<br />

nel<strong>la</strong> frazione Capodacqua, attribuito a Co<strong>la</strong> dell’Amatrice.<br />

L’offerta dei servizi sportivi nel periodo <strong>in</strong>vernale, grazie<br />

alle abbondanti nevicate, co<strong>in</strong>volge gli appassionati di sci<br />

ed i pr<strong>in</strong>cipianti. Anche l’accoglienza <strong>in</strong> alberghi e pensioni<br />

è molto soddisfacente.<br />

Sarnano è il polo orientale del comprensorio sciistico<br />

del Parco Nazionale dei Monti Sibill<strong>in</strong>i. La stazione sciistica<br />

è considerata tra le più grandi ed attrezzate del<strong>la</strong> regione<br />

Marche per <strong>la</strong> ricchezza e <strong>la</strong> varietà dei sistemi di impianti<br />

di piste collegate con le nuove stazioni. Le sciovie sono distribuite<br />

nei tre Comuni: Sarnano, impianti di Sassotetto e<br />

del<strong>la</strong> Maddalena (1280-1625 metri), Bologno<strong>la</strong>, impianti di<br />

P<strong>in</strong>tura di Bologno<strong>la</strong> (1050-1590 metri), Acquacan<strong>in</strong>a e<br />

Piani di Ragnolo (1450-1520 metri) dove è possibile praticare<br />

lo sci di fondo nei 25 chilometri di piste.<br />

La domanda turistica è ormai orientata verso aree<br />

dotate di <strong>in</strong>nevamento artificiale. Il dislivello delle piste da<br />

scii nel<strong>la</strong> quota di partenza e nel<strong>la</strong> quota di arrivo del<strong>la</strong><br />

seggiovia superiore ai 1600 metri ha favorito l’omologazione<br />

delle piste per tre specialità di s<strong>la</strong>lom: speciale, gigante<br />

e super gigante. Ciò permetterà di ospitare gare di sci<br />

nazionali tra cui i campionati <strong>in</strong>terregionali giganti e s<strong>la</strong>lom<br />

speciali. L’impianto di <strong>in</strong>nevamento di Sarnano con generatori<br />

di neve artificiale ad alta e bassa pressione nei periodi<br />

più caldi dell’anno ha stabilizzato il fondo di neve per lo<br />

sci.<br />

Sarnano propone pacchetti turistici week-end sul<strong>la</strong><br />

neve con servizio navetta gratuito da Sarnano agli impianti<br />

sciistici. La montagna del Monte Bove consente weekend<br />

o long-weekend e settimana bianca a buon prezzo. Le<br />

terme di San Giacomo di Sarnano dispongono di un impianto<br />

termale per allenare il corpo allo sci oltre alle tradizionali<br />

terapie idroponiche e al bicarbonato di sodio. Anche<br />

il centro storico è ben conservato. La visita agli edifici del<strong>la</strong><br />

città vecchia e al<strong>la</strong> p<strong>in</strong>acoteca locale favoriscono il contatto<br />

con il passato e le abitud<strong>in</strong>i locali.<br />

Gli <strong>in</strong>vestimenti effettuati hanno contribuito ad aumentare<br />

<strong>la</strong> ricettività di tutto il comprensorio sciistico di<br />

Sassotetto-S.M.Maddalena. Nel pacchetto vacanza di<br />

Sarnano si scopre tutta <strong>la</strong> nuova politica ambientale. Gli<br />

eco-hotel consentono di rimanere a contatto con <strong>la</strong> natura<br />

tute<strong>la</strong>ndo nello stesso tempo l’ambiente. I conventi ristrutturati<br />

e gli alberghi ecologici (anche i rifugi “verdi”) si alimentano<br />

con energia pulita. A Sarnano sono molti gli<br />

eventi <strong>in</strong>vernali che si <strong>in</strong>seriscono nelle serate gastronomiche<br />

a base di piatti tipici (polenta, v<strong>in</strong>cisgrassi, legumi,<br />

castrato, agnello, funghi, tartufi, erbe aromatiche).<br />

Località sciistiche delle Marche<br />

Acquacan<strong>in</strong>a (MC)<br />

Piste 3 per complessivi 30 Km<br />

(1 difficile e 2 medie)<br />

Piste sci di fondo<br />

Informazioni tel. 0737/521443<br />

www.acquacan<strong>in</strong>a.s<strong>in</strong>p.net<br />

Arquata del Tronto – Forca<br />

Canap<strong>in</strong>e (AP)<br />

5 skilift, 2 manovie, 1 seggiovia<br />

Piste: 16 di cui 3 nere, 11 rosse e 2<br />

piste per campo scuo<strong>la</strong> per un totale<br />

di 25 km<br />

Informazioni tel. 0736/808217 –<br />

339/4712100<br />

www.forcacanap<strong>in</strong>e.com<br />

Ascoli Piceno – Monte Piselli<br />

3 skilift, 1 seggiovia<br />

Piste 5 di cui 1 campo scuo<strong>la</strong>, 1 nera,<br />

2 rosse per un totale 11 Km<br />

Informazioni tel. 0736/251675-<br />

0861/930154<br />

Bologno<strong>la</strong><br />

8 Km. totali di piste di cui blu 3,<br />

rosse 3 e nere 2<br />

Informazioni tel. 0737/520225<br />

www.comune.bologno<strong>la</strong>.mc.it<br />

Castelsantangelo sul Nera<br />

Sciovie 5, piste di rientro di varia<br />

difficoltà.<br />

Impianti di risalita Monte Prata<br />

tel. 0737/98321<br />

Montecopiolo - Eremo Monte<br />

Carpegna (PU)<br />

Piste 2, piste a Vil<strong>la</strong>grande 2 piste<br />

all’Eremo<br />

Informazioni tel. 0722/78225 –<br />

0722/78143<br />

www.eremomontecarpegna.it<br />

www.pit<strong>in</strong>umthermae.com<br />

Piobbico e Monte Nerone (PU)<br />

Piste 4 di 1/1,5 Km<br />

Fuori pista 1<br />

Informazioni tel. 0722/90134<br />

www.montenerone.it<br />

Monte Prata,<br />

Montecopiolo, Forca<br />

Canap<strong>in</strong>e, Bologno<strong>la</strong>.<br />

Sotto, Monte Prata.<br />

29<br />

Gli operatori turistici del<strong>la</strong> montagna stanno svolgendo<br />

un ruolo decisivo nel<strong>la</strong> proposta di pacchetti di viaggio con<br />

molte soluzioni per il pernottamento e lo scii. Del resto per<br />

una vacanza sul<strong>la</strong> neve nei periodi di bassa stagione è possibile<br />

trascorrere una settimana di vacanza sul<strong>la</strong> neve con<br />

tariffe complete che <strong>in</strong>cludono oltre a vitto e alloggio negli<br />

alberghi, le scuole di sci e il tesser<strong>in</strong>o per gli impianti di<br />

risalita.<br />

Ussita-Frontignano<br />

Sciovie 6, seggiovie 4, piste di rientro<br />

di varia difficoltà, possibilità di sciare<br />

ad alta quota.<br />

impianti di risalita Frontignano<br />

tel. 0737/90224<br />

Pa<strong>la</strong>ghiaccio tel. 0737/99319 -<br />

339/7873537<br />

www.ussita-frontignano.com<br />

www.sportneve.it<br />

Sarnano<br />

Piste da fondo: <strong>in</strong> località Piani di<br />

Ragnolo-Acquacan<strong>in</strong>a 3 anelli di varia<br />

difficoltà.<br />

Piste da discesa: 6 medie e 5 facili<br />

per totali 19 km.<br />

Impianti di risalita: 1 seggiovia e 9<br />

sciovie.<br />

Sciovie Sassotetto 0733 651101<br />

Sciovie S.M.Maddalena 0733 651103<br />

Sciovie Municipio 0733 659911<br />

www.sciclubsarnano.it<br />

www.termedisarnano.it


30 CITTÀ<br />

Vigili di prossimità:<br />

un aiuto da vic<strong>in</strong>o<br />

Dopo <strong>la</strong> fase sperimentale, entra ufficialmente nel programma<br />

di mandato un nuovo servizio del<strong>la</strong> Polizia municipale. Tra le<br />

aree di <strong>in</strong>tervento: promuovere il dialogo con le istituzioni, sorvegliare<br />

il territorio, stabilire contatti con gli altri servizi del<strong>la</strong><br />

città, favorire l’accoglienza e l’ascolto dei cittad<strong>in</strong>i<br />

di chiara cascio<br />

Ascoltare il cittad<strong>in</strong>o, aiutarlo nell’<strong>in</strong>dividuazione delle<br />

soluzioni, far chiarezza. Queste le funzioni pr<strong>in</strong>cipali del<br />

vigile di prossimità e di presidio, illustrate dall’assessore<br />

Daniele Olivi durante <strong>la</strong> Festa del Corpo di Polizia<br />

municipale, tenutasi presso <strong>la</strong> sa<strong>la</strong> consiliare lo scorso<br />

19 gennaio, <strong>in</strong> occasione del<strong>la</strong> celebrazione di San<br />

Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani d’Italia. Presenti<br />

all’<strong>in</strong>contro anche il s<strong>in</strong>daco Fabiano Belcecchi e le<br />

autorità locali, che hanno espresso il loro entusiasmo<br />

per il successo ad oggi ottenuto da questa nuova figura<br />

del<strong>la</strong> Polizia municipale, <strong>in</strong>trodotta <strong>in</strong> via sperimentale<br />

nell’estate 2007 e <strong>in</strong>serita ufficialmente nel programma<br />

di mandato il 30 novembre scorso.<br />

Ma chi sono dunque i vigili di prossimità? Che<br />

tipo di servizio offrono al<strong>la</strong> comunità?<br />

«É doveroso precisare che queste nuove figure non<br />

sono direttamente responsabili del<strong>la</strong> sicurezza dei quartieri,<br />

come lo sono i carab<strong>in</strong>ieri o <strong>la</strong> polizia – sostiene<br />

l’assessore Daniele Olivi – il loro è un ruolo complementare<br />

e col<strong>la</strong>borativo con le altre forze dell’ord<strong>in</strong>e».<br />

«Si tratta di uno strumento che agevo<strong>la</strong> l’<strong>in</strong>tegrazione<br />

tra istituzione e cittad<strong>in</strong>i – aggiunge il comandante<br />

del<strong>la</strong> Polizia municipale di <strong>Jesi</strong> Enrico Lancillotti – e di<br />

conseguenza <strong>in</strong>crementa il benessere del<strong>la</strong> comunità».<br />

Cosa si <strong>in</strong>tende con prossimità?<br />

Olivi: «Il term<strong>in</strong>e “prossimità”<br />

richiama l’importante ruolo del<br />

vigile svolto all’<strong>in</strong>terno del<strong>la</strong> società:<br />

egli non è solo uno dei volti<br />

dell’Amm<strong>in</strong>istrazione ma è anche<br />

una figura vic<strong>in</strong>a al cittad<strong>in</strong>o ed<br />

esperta del territorio. Grazie a un<br />

approccio mirato all’ascolto e al<strong>la</strong><br />

condivisione, il vigile di prossimità<br />

mette <strong>la</strong> <strong>sua</strong> professionalità e le<br />

sue conoscenze al servizio di chi<br />

necessita d’aiuto. Inoltre, ha il<br />

compito di garantire il rispetto<br />

delle norme. La multa non va considerata<br />

un atto vessatorio e puni-<br />

tivo ma è costruttiva <strong>la</strong>ddove <strong>in</strong>centivi il rispetto per le<br />

regole nell’ottica di migliorare <strong>la</strong> convivenza tra i cittad<strong>in</strong>i».<br />

Lancillotti: «I vigili di<br />

prossimità presiedono alcune<br />

zone del<strong>la</strong> città non a bordo<br />

dell’autovettura d’ord<strong>in</strong>anza<br />

ma a piedi, proprio per facilitare<br />

<strong>la</strong> comunicazione tra<br />

Polizia municipale e utenza.<br />

Sono vigili che scendono tra i<br />

cittad<strong>in</strong>i, entrano <strong>in</strong> contatto<br />

con loro, ne raccolgono le<br />

<strong>la</strong>mentele e le segna<strong>la</strong>zioni,<br />

per poi <strong>in</strong>dirizzarle ai vari uffici<br />

comunali. Il carattere di<br />

“prossimità” è espressione<br />

del<strong>la</strong> disponibilità dell’agente<br />

verso il cittad<strong>in</strong>o: <strong>questo</strong> significa<br />

privilegiare il dialogo anche con chi commette<br />

un’<strong>in</strong>frazione, evitando di giungere subito al<strong>la</strong> punizione».<br />

Come e quando nasce l’esigenza di offrire al<br />

cittad<strong>in</strong>o <strong>questo</strong> servizio?<br />

Olivi: «É partito tutto dal bisogno di una presenza<br />

cont<strong>in</strong>ua e costante sul territorio per <strong>in</strong>crementare <strong>la</strong><br />

percezione di sicurezza. I primi presidi di prossimità<br />

sono nati <strong>in</strong> accordo con le istituzioni, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>r modo<br />

con le tre Circoscrizioni, che di fatto costituiscono il<br />

primo momento d’<strong>in</strong>contro tra cittad<strong>in</strong>i e Amm<strong>in</strong>istrazione.<br />

Con l’aiuto dei presidenti di Circoscrizione, l’Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

ha <strong>in</strong>dividuato le aree del<strong>la</strong> città più sofferenti<br />

ed ha <strong>in</strong>iziato ad <strong>in</strong>viarvi dei presidi. Il progetto<br />

è partito <strong>la</strong> scorsa estate <strong>in</strong> via sperimentale e ora è <strong>in</strong><br />

corso <strong>la</strong> fase di stabilizzazione».<br />

Com’è organizzata l’attività di presidio?<br />

Lancillotti: «Il presidio dei vigili di prossimità si<br />

serve <strong>in</strong>nanzitutto di un furgone che funge da “ufficio<br />

mobile”, <strong>in</strong>ternamente dotato di apparecchiature e computer<br />

collegati <strong>in</strong> via telematica al Comune; due o più<br />

Nel<strong>la</strong> pag<strong>in</strong>a precedente: l’assessore Daniele Olivi e il comandante del<strong>la</strong> Polizia municipale di <strong>Jesi</strong> Enrico Lancillotti; sopra: vigili<br />

di prossimità a Porta Valle, uno dei presidi del<strong>la</strong> città.<br />

vigili sorvegliano a piedi <strong>la</strong> zona ed entrano <strong>in</strong> contatto<br />

con i cittad<strong>in</strong>i. L’attività dura circa tre ore e un quarto e<br />

ha frequenza giornaliera».<br />

Quali sono le aree di maggior <strong>in</strong>tervento?<br />

Olivi: «Premetto che per il 2008 è previsto un<br />

aumento delle zone di presidio e una corrispettiva dim<strong>in</strong>uzione<br />

delle ore da dedicare ad ognuna. Ad oggi, i<br />

presidi organizzati hanno <strong>in</strong>teressato via San Giuseppe,<br />

zona Porta Valle, <strong>la</strong> stazione ferroviaria, via del Prato, i<br />

giard<strong>in</strong>i pubblici, il parco del Ventaglio, l’ex-Smia, via<br />

Roma e <strong>la</strong> zona Fornace, il Torrione, il Campo Boario,<br />

via San Francesco e piazza Di Savio».<br />

Quali sono state le difficoltà riscontrate?<br />

Olivi: «Beh, uno degli ostacoli che stiamo ancora<br />

cercando di superare è l’<strong>in</strong>adeguatezza numerica del<br />

Corpo, non adatto alle esigenze del<strong>la</strong> città: ad oggi<br />

contiamo 32 unità contro le 40 ottimali. Se nell’anno<br />

precedente l’Amm<strong>in</strong>istrazione si è preoccupata di stabilizzare<br />

i precari, uno degli impegni per il 2008 è proprio<br />

quello di <strong>in</strong>crementare l’organico <strong>in</strong> modo da garantire<br />

più presidi».<br />

Quali risultati si sono ottenuti?<br />

Lancillotti: «Da quando il servizio è diventato<br />

costante e ben strutturato sono arrivati i primi miglioramenti<br />

a livello di <strong>in</strong>tegrazione: sempre più spesso, i<br />

cittad<strong>in</strong>i ci avvic<strong>in</strong>avano per un aiuto, per un consiglio<br />

o per segna<strong>la</strong>rci delle anomalie. In questi mesi, è sceso<br />

il <strong>numero</strong> delle sanzioni, <strong>in</strong> quanto non abbiamo usato<br />

un approccio repressivo ma privilegiato il contatto anche<br />

di fronte ai comportamenti scorretti di alcuni. La<br />

gente spesso ci considera degli aguzz<strong>in</strong>i il cui scopo è<br />

rimp<strong>in</strong>guare le casse del Comune con le multe. In realtà<br />

siamo solo persone dedite al<strong>la</strong> comunità, pronte a<br />

confrontarsi, a comprendere, ad ammonire e a prevenire<br />

l’irrego<strong>la</strong>rità prima di punire».<br />

Olivi: «L’Amm<strong>in</strong>istrazione ha registrato forti consensi<br />

del<strong>la</strong> comunità sull’operato dei vigili di prossimità.<br />

A dimostrarcelo sono spesso i cittad<strong>in</strong>i stessi, con<br />

telefonate ed e-mail. Altre volte l’approvazione è segna<strong>la</strong>ta<br />

dalle Circoscrizioni. Anche i sondaggi e le verifiche<br />

sul territorio hanno rilevato gradimento e soddisfazione<br />

sull’attività di presidio».<br />

Cosa c’è <strong>in</strong> programma per il futuro?<br />

Olivi: «Come già detto, <strong>in</strong>nanzitutto l’ampliamento<br />

dell’organico e dei presidi. É prevista <strong>in</strong>oltre anche <strong>la</strong><br />

partecipazione del Corpo a corsi di formazione e di<br />

aggiornamento per un miglioramento del<strong>la</strong> qualità del<br />

servizio. Inf<strong>in</strong>e anche <strong>la</strong> tecnologia avrà <strong>la</strong> <strong>sua</strong> parte:<br />

presto doteremo i vigili di un furgone più attrezzato e di<br />

palmari che permettano loro di consultarsi e di rispondere<br />

ai cittad<strong>in</strong>i <strong>in</strong> tempo reale. In cantiere, c’è anche il<br />

progetto di aumentare <strong>la</strong> sorveglianza nel centro storico,<br />

grazie ai varchi elettronici».<br />

Lancillotti: «Le attività di presidio hanno contribuito<br />

f<strong>in</strong>ora a migliorare <strong>la</strong> qualità del<strong>la</strong> vita del<strong>la</strong> città. È<br />

per <strong>questo</strong> motivo che <strong>la</strong> Polizia Municipale è d’accordo<br />

con l’Amm<strong>in</strong>istrazione nel cont<strong>in</strong>uare ad offrire al cittad<strong>in</strong>o<br />

<strong>questo</strong> servizio. Modifiche e miglioramenti verranno<br />

effettuati a tempo debito: a mano a mano che i problemi<br />

e i bisogni del<strong>la</strong> comunità muteranno, evolveranno<br />

anche <strong>la</strong> qualità e <strong>la</strong> quantità delle prestazioni. Gli<br />

<strong>in</strong>contri previsti con i presidenti delle Circoscrizioni ci<br />

aiuteranno poi a far luce su limiti e potenzialità, sulle<br />

nuove esigenze del territorio e sulle eventuali correzioni<br />

da apportare all’attività: solo così potremmo essere<br />

<strong>in</strong> grado di aiutare i cittad<strong>in</strong>i al meglio».


32 SOCIETÀ<br />

LA FAMIGLIA È UNA RISORSA<br />

L’esperienza dell’appoggio e dell’affidamento familiare a<br />

<strong>Jesi</strong> ed <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

«La famiglia, di solito, viene vista come portatrice di<br />

problemi a cui bisogna dare risposte attraverso i servizi.<br />

Ma non è solo <strong>questo</strong> perché, se adeguatamente<br />

sostenuta e supportata, <strong>la</strong> famiglia è una risorsa importante»,<br />

ci ha detto Riccardo Bor<strong>in</strong>i, coord<strong>in</strong>atore<br />

dell’Ambito Territoriale Sociale IX di <strong>Jesi</strong>. Nell’affido e<br />

nell’appoggio familiare, <strong>in</strong>fatti, previsti dal<strong>la</strong> legis<strong>la</strong>zione<br />

italiana nel percorso di chiusura degli istituti per<br />

m<strong>in</strong>ori, <strong>la</strong> famiglia ha un ruolo centrale.<br />

L’affidamento familiare è un <strong>in</strong>tervento a term<strong>in</strong>e di<br />

aiuto e sostegno, che si attua per sopperire al disagio o<br />

al<strong>la</strong> difficoltà di un bamb<strong>in</strong>o e del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> famiglia, <strong>la</strong> quale,<br />

temporaneamente, non è <strong>in</strong> grado di occuparsi delle sue<br />

necessità affettive, accuditive ed educative. In <strong>questo</strong><br />

caso il m<strong>in</strong>ore può essere affidato a un'altra famiglia o a<br />

persona s<strong>in</strong>go<strong>la</strong> o a una comunità di tipo familiare.<br />

L’appoggio familiare è una porta aperta per bamb<strong>in</strong>i<br />

e famiglie carenti di risorse parentali, amicali e di<br />

punti di riferimento. Il tipo di aiuto è limitato ad alcuni<br />

giorni del<strong>la</strong> settimana, ore del<strong>la</strong> giornata o per il weekend.<br />

È un <strong>in</strong>tervento di aiuto per prevenire situazioni<br />

che, se trascurate nel tempo, possono esprimersi <strong>in</strong> un<br />

forte disagio a danno del m<strong>in</strong>ore.<br />

«L’appoggio è una prevenzione forte non solo dal<br />

punto di vista del bamb<strong>in</strong>o ma anche del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> famiglia,<br />

perché è un prendersi cura anche del<strong>la</strong> famiglia<br />

del bamb<strong>in</strong>o» ha precisato Bor<strong>in</strong>i. «L’affido garantisce<br />

al bamb<strong>in</strong>o il diritto di crescere <strong>in</strong> una famiglia anche<br />

se, per un periodo, sostituisce quel<strong>la</strong> propria per<br />

momentanea difficoltà».<br />

Per sollecitare le famiglie del territorio nei confronti<br />

di questa esperienza, le istituzioni si sono organizzate.<br />

«È stata fatta un’importante azione di sensibilizzazione<br />

da parte degli enti pubblici, i comuni dell’Ambito<br />

Territoriale Sociale IX e Asur Marche - Zona<br />

Territoriale 5, e il territorio ha dato una risposta buona».<br />

Ci ha detto Bor<strong>in</strong>i.<br />

Dal 2006, anno <strong>in</strong> cui è stata avviata questa <strong>in</strong>iziativa<br />

a <strong>Jesi</strong> e Valles<strong>in</strong>a, circa trenta famiglie hanno dato<br />

<strong>la</strong> loro disponibilità ad esperienze di appoggio e di affido.<br />

Questo significa che, se i cittad<strong>in</strong>i conoscono i<br />

bisogni del territorio, rispondono con generosità e si<br />

impegnano <strong>in</strong> prima persona. Una volta espresso <strong>in</strong>teresse<br />

per <strong>questo</strong> <strong>in</strong>tervento, è possibile frequentare un<br />

corso di formazione di quattro o c<strong>in</strong>que <strong>in</strong>contri, dopodichè<br />

si avvia l’esperienza di affido, secondo un dettagliato<br />

programma predisposto dall’Equipe Integrata<br />

Adozione e Affido, di cui fanno parte operatori<br />

dell'Ambito Territoriale Sociale IX, del Consultorio<br />

Familiare dell’ASUR Zona Territoriale n. 5 e le associazioni<br />

Oikos e Consultorio La Famiglia.<br />

«Se ci sono persone <strong>in</strong>teressate a questa esperienza,<br />

o anche semplicemente <strong>in</strong>curiosite, le <strong>in</strong>vitiamo a<br />

contattarci per avere tutte le <strong>in</strong>formazioni» ci ha detto<br />

Stel<strong>la</strong> Roncarelli, psicologa dell’Asur Zona Territoriale<br />

5 e componente dell’Equipe. «Si deve tener presente<br />

che i bamb<strong>in</strong>i vengono dati <strong>in</strong> affido perché <strong>la</strong> situazione<br />

familiare è <strong>in</strong> crisi. Con l’affido si dà comunque<br />

<strong>la</strong> possibilità ad un bamb<strong>in</strong>o di crescere vivendo un<br />

rapporto familiare».<br />

LA NOSTRA ESPERIENZA DI AFFIDO<br />

Una coppia jes<strong>in</strong>a, che noi chiameremo Marco e<br />

Anna, ci ha raccontato <strong>la</strong> propria esperienza di affido a<br />

tempo pieno di un bamb<strong>in</strong>o molto piccolo. Al momento<br />

non hanno altri figli.<br />

«Da tre anni ospitiamo bamb<strong>in</strong>i del<strong>la</strong> Bielorussia e<br />

<strong>questo</strong> discorso si è al<strong>la</strong>rgato quando abbiamo partecipato<br />

ad un corso sull’affido. Abbiamo dato così <strong>la</strong> nostra<br />

disponibilità e quando è capitata <strong>la</strong> necessità di<br />

ospitare <strong>questo</strong> bamb<strong>in</strong>o, abbiamo accettato.<br />

Ci siamo buttati <strong>in</strong> questa esperienza con tanto entusiasmo<br />

e qualche preoccupazione su come si sarebbe<br />

adattato il bamb<strong>in</strong>o e <strong>in</strong>vece è andato tutto molto bene,<br />

il bamb<strong>in</strong>o si è subito ambientato.<br />

Abbiamo <strong>la</strong> fortuna di avere un ottimo rapporto con<br />

<strong>la</strong> famiglia di orig<strong>in</strong>e, e procede tutto bene. Gli operatori<br />

dell’équipe sono ottimi col<strong>la</strong>boratori, sempre pronti<br />

ad aiutarci e supportarci. Non ti senti solo, hai sempre<br />

queste figure vic<strong>in</strong>o.<br />

Questa esperienza ha solo <strong>la</strong>ti positivi, perchè avere<br />

un bamb<strong>in</strong>o per casa è una grande gioia, è un arricchimento<br />

personale. Certo che <strong>la</strong> situazione è partico<strong>la</strong>re,<br />

è come una famiglia "al<strong>la</strong>rgata" dove non ci sono<br />

solo i genitori affidatari ma anche <strong>la</strong> famiglia di orig<strong>in</strong>e,<br />

i servizi sociali. Uno pensa sempre che le situazioni difficili<br />

siano lontane, <strong>in</strong>vece anche nel<strong>la</strong> nostra zona ci<br />

sono tante famiglie <strong>in</strong> difficoltà e dare una mano crediamo<br />

sia un grande segno di civiltà.<br />

Se c’è chi si sente di fare questa esperienza, lo consigliamo<br />

perchè è una cosa importante sia per <strong>la</strong> famiglia<br />

che per il bamb<strong>in</strong>o che ha un ambiente di cui fidarsi.<br />

Il pensiero di quando l’affido f<strong>in</strong>irà poi all'<strong>in</strong>izio è<br />

stato un grosso freno, perchè ti affezioni al bamb<strong>in</strong>o e<br />

pensi che il distacco possa farti soffrire. In realtà, se si<br />

riesce a costruire un rapporto buono con <strong>la</strong> famiglia di<br />

orig<strong>in</strong>e, può esserci sempre un momento di <strong>in</strong>contro,<br />

anche se non ci illudiamo, perchè sappiamo che è una<br />

esperienza a term<strong>in</strong>e. Nel tempo <strong>la</strong> paura è passata. Ci<br />

siamo abituati all'idea del distacco, è il progetto stesso<br />

che lo prevede. Anzi, c'è da augurarsi che il bamb<strong>in</strong>o,<br />

per il suo bene, rientri nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> famiglia e ritrovi <strong>la</strong><br />

serenità che ha perso. Ci dispiacerebbe solo se dovesse<br />

avere dei problemi, ma se sta bene lui, stiamo bene<br />

anche noi».<br />

L’APPOGGIO, UN ARRICCHIMENTO PERSONALE<br />

Raffael<strong>la</strong>, s<strong>in</strong>gle, da tre anni vive l'esperienza di appoggio<br />

familiare di una bamb<strong>in</strong>a.<br />

Sono sempre stata attirata dal sociale. Vivendo da<br />

so<strong>la</strong> e non avendo figli, penso che l'appoggio sia un<br />

arricchimento sia per il bamb<strong>in</strong>o (almeno spero) che mio<br />

personale. Inizialmente pensare di prendermi <strong>in</strong> qualche<br />

modo cura di un bamb<strong>in</strong>o era una situazione che mi <strong>in</strong>timoriva<br />

un po', superata praticamente poco dopo, anche<br />

perché poi <strong>in</strong> ogni caso periodicamente c'è <strong>la</strong> possibilità<br />

di <strong>in</strong>contrarsi e<br />

confrontarsi con<br />

gruppi <strong>in</strong> cui ci<br />

sono altri genitori<br />

affidatari e assistenti<br />

sociali: c’è<br />

una col<strong>la</strong>borazione<br />

comunque cont<strong>in</strong>ua.<br />

Vieni a conoscenza di situazioni<br />

problematiche quando<br />

<strong>in</strong> genere senti casi di cronaca rese<br />

ec<strong>la</strong>tanti dal<strong>la</strong> televisione, che pensi siano lontane e <strong>in</strong>vece,<br />

purtroppo, sono anche molto vic<strong>in</strong>e.<br />

Si è abituati di solito a valutare casi dividendo il<br />

bene dal male: con questa esperienza ti trovi di fronte<br />

a situazioni partico<strong>la</strong>ri <strong>in</strong> cui capisci che non è facile<br />

fare scelte così nette. E soprattutto impari a non giudicare<br />

<strong>in</strong> qualunque caso, a non pensare e valutare per<br />

categorie; c'è da agire nel<strong>la</strong> tute<strong>la</strong> del bamb<strong>in</strong>o, qu<strong>in</strong>di<br />

non puoi valutare secondo rigidi schemi mentali, ma da<br />

ango<strong>la</strong>zioni diverse.<br />

I rapporti con <strong>la</strong> famiglia sono sufficientemente<br />

buoni, soprattutto con i nonni. Qualche problema c’è,<br />

non perché io non sia accettata, ma per il disagio culturale<br />

del<strong>la</strong> famiglia con cui non sempre è facile confrontarsi,<br />

situazioni che impari ad accettare ed arg<strong>in</strong>are<br />

<strong>in</strong> qualche modo.<br />

All’<strong>in</strong>izio puoi essere un po’ <strong>in</strong>timorita, chiederti se<br />

sei all’altezza, come puoi essere accettata dal<strong>la</strong> bamb<strong>in</strong>a<br />

come nel mio caso... tutto sta nel creare un’atmosfera<br />

di gioco. Personalmente due volte a settimana<br />

vado a prender<strong>la</strong> a scuo<strong>la</strong>, poi facciamo i compiti,<br />

oppure andiamo <strong>in</strong> ludoteca, partecipiamo a <strong>la</strong>boratori,<br />

andiamo a delle feste.<br />

Di solito l’appoggio è un’esperienza a term<strong>in</strong>e, ma<br />

penso che se uno il rapporto non lo vuole far f<strong>in</strong>ire, non<br />

f<strong>in</strong>isce. La bamb<strong>in</strong>a è molto affezionata, una frequentazione<br />

può cont<strong>in</strong>uare anche se il progetto ritiene non<br />

ci sia più bisogno. F<strong>in</strong> dall'<strong>in</strong>izio devi essere consapevole<br />

che si tratta di un aiuto dis<strong>in</strong>teressato, non deve<br />

qu<strong>in</strong>di essere un “possesso” e non penso debba riempire<br />

dei vuoti.<br />

PER INFORMAZIONI:<br />

AMBITO T.S. IX<br />

P.zza Indipendenza, 1 60035 <strong>Jesi</strong> (An)<br />

Tel. 0731/538424-245-393<br />

Fax 0731/588393<br />

Sito: www.comune.jesi.an.it/ambito9<br />

ASUR ZT 5<br />

Via Guerri 60035 <strong>Jesi</strong> (An)<br />

Tel. 0731/534696-683-676<br />

Fax 0731/534623


34 IMPRESE E TERRITORIO<br />

Avanti nel<strong>la</strong> cont<strong>in</strong>uità<br />

La Hydropro cambia nome e diventa Caterpil<strong>la</strong>r Hydraulics Italia Srl<br />

di mar<strong>in</strong>a mar<strong>in</strong>i<br />

Circa 250 dipendenti, uno stabilimento di oltre<br />

19mi<strong>la</strong> mq coperti su un’area totale di 150mi<strong>la</strong><br />

all’uscita <strong>Jesi</strong> Est del<strong>la</strong> superstrada. La Caterpil<strong>la</strong>r<br />

Hydraulics Italia Srl da anni progetta, produce e<br />

vende cil<strong>in</strong>dri idraulici per macch<strong>in</strong>e movimento<br />

terra ed operatrici <strong>in</strong> genere. Prodotti che vengono<br />

montati dalle imprese acquirenti su macch<strong>in</strong>e<br />

operatrici dest<strong>in</strong>ate a <strong>la</strong>vorare <strong>in</strong> molte parti del<br />

mondo. I pr<strong>in</strong>cipali clienti sono <strong>in</strong> Inghilterra,<br />

Francia, Belgio, Nord America e <strong>in</strong> picco<strong>la</strong> parte<br />

anche <strong>in</strong> Italia.<br />

Nostra <strong>in</strong>tervista al dottor Roberto Lorenzoni<br />

amm<strong>in</strong>istratore delegato del<strong>la</strong> Caterpil<strong>la</strong>r Hydraulics<br />

Italia Srl di <strong>Jesi</strong>.<br />

Dottor Lorenzoni, adesso che non vi chiamate<br />

più Hydropro ma Caterpil<strong>la</strong>r, è cambiato qualcosa?<br />

«Non è cambiato nul<strong>la</strong> da un punto di vista strettamente<br />

legale-societario, credo però di poter dire che è<br />

cambiato qualcosa <strong>in</strong>vece da un punto di vista filosofico-culturale.<br />

Mi permetta di chiarire meglio: molte persone<br />

del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a conoscono questa azienda e <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

storia. È stata per molti anni una realtà molto importante<br />

per <strong>questo</strong> territorio, con il nome Sima, poi ha<br />

attraversato, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re negli anni ’80 e ’90, momenti<br />

di grave difficoltà.<br />

Nel 1996 Caterpil<strong>la</strong>r, attraverso una nuova compagnia<br />

di nome Hydropro, ha acquisito parte degli assets<br />

del<strong>la</strong> Sima ed ha cercato di risollevare i dest<strong>in</strong>i dell’azienda<br />

jes<strong>in</strong>a. A più di 10 anni dall’acquisizione, credo<br />

si possa affermare che siano stati fatti rilevanti progressi<br />

e, pur cont<strong>in</strong>uando a dover competere e soffrire<br />

per trovare e mantenere uno spazio sul mercato, abbiamo<br />

imboccato una direzione chiara per il futuro. Per<br />

<strong>questo</strong> abbiamo deciso di cambiare anche <strong>la</strong> nostra<br />

denom<strong>in</strong>azione <strong>in</strong> Caterpil<strong>la</strong>r Hydraulics Italia Srl».<br />

Ci può presentare brevemente <strong>la</strong> Caterpil<strong>la</strong>r?<br />

«Caterpil<strong>la</strong>r è una società leader mondiale nel<strong>la</strong> costruzione<br />

di macch<strong>in</strong>e movimento terra, da m<strong>in</strong>iera,<br />

motori termici e turb<strong>in</strong>e <strong>in</strong>dustriali. Inoltre è presente<br />

<strong>in</strong> settori come il re-manufactur<strong>in</strong>g (rigenerazione di<br />

macch<strong>in</strong>e e componenti) e servizi f<strong>in</strong>anziari. Occupa<br />

direttamente circa 90.000 persone ed ha fabbriche e<br />

uffici praticamente <strong>in</strong> tutto il mondo. Attraverso <strong>la</strong> propria<br />

rete di dealers serve i clienti ed i mercati di tutto<br />

il mondo. Il forte orientamento al cliente ed <strong>la</strong> elevata<br />

qualità del prodotto sono i pr<strong>in</strong>cipali tratti che ci caratterizzano.<br />

Ecco perché siamo orgogliosi che anche <strong>la</strong> nostra<br />

fabbrica di <strong>Jesi</strong> possa fregiarsi del nome Caterpil<strong>la</strong>r».<br />

Quali sono i progetti futuri del<strong>la</strong> fabbrica di<br />

<strong>Jesi</strong>?<br />

«Come dicevo prima, il nostro core bus<strong>in</strong>ess è<br />

costruire cil<strong>in</strong>dri. Ne stiamo costruendo parecchie<br />

migliaia ogni anno, ma dobbiamo costruirne di più per<br />

essere ancora più competitivi. Abbiamo un piano di crescita,<br />

che stiamo implementando, basato su quattro fattori<br />

critici di successo: Persone, Qualità, Velocità e Costi<br />

competitivi. Ogni progetto, <strong>in</strong>iziativa od azione che eseguiamo<br />

è collegato ad uno di questi fattori critici. Li def<strong>in</strong>iamo<br />

così perché sono quei fattori su cui dobbiamo<br />

puntare per avere successo.<br />

Abbiamo <strong>in</strong>vestito e stiamo <strong>in</strong>vestendo <strong>in</strong> nuovi processi<br />

ed <strong>in</strong> nuovi macch<strong>in</strong>ari, ma, mi permetta di ag-<br />

35<br />

giungere, stiamo anche <strong>in</strong>vestendo molto sulle persone,<br />

attraverso formazione, rotazione del <strong>la</strong>voro, ecc».<br />

Si par<strong>la</strong> molto di competizione asiatica, vi fa<br />

paura?<br />

«Inutile negare che <strong>la</strong> competizione di paesi emergenti,<br />

a basso costo di mano d’opera, è motivo di<br />

preoccupazione per molte aziende, <strong>la</strong> nostra <strong>in</strong>clusa.<br />

Abbiamo ogni giorno esempi di imprese che decidono di<br />

delocalizzare <strong>la</strong> produzione. Cerchiamo comunque di<br />

tenere gli occhi aperti perché <strong>la</strong> globalizzazione è anche<br />

opportunità, non solo concorrenza. La competizione<br />

può anche sp<strong>in</strong>gere a trovare il coraggio e le energie<br />

per creare nuovi processi produttivi più competitivi,<br />

aggiungere servizi al proprio portafoglio prodotti, sfidarsi<br />

per migliorare <strong>la</strong> propria puntualità di consegna ai<br />

clienti, migliorare <strong>la</strong> qualità del sistema azienda, ecc.<br />

La cosa importante, a mio avviso, è avere una strategia<br />

di medio lungo term<strong>in</strong>e, ricalibrar<strong>la</strong> cont<strong>in</strong>uamente,<br />

perché le condizioni competitive oggi cambiano<br />

anche rapidamente. E f<strong>in</strong>alizzare a questa strategia<br />

ogni <strong>in</strong>iziativa o progetto aziendale».<br />

Caterpil<strong>la</strong>r<br />

Hydraulics Italia Srl<br />

<strong>Jesi</strong> - via Roncaglia, 69


36 ATTUALITÀ<br />

Infrastrutture<br />

ultima chiamata - 2<br />

Intervista a Gian Mario Spacca,<br />

presidente del<strong>la</strong><br />

Giunta regionale Marche<br />

di mauro bignami<br />

Ad un recente convegno nazionale, i Giovani Industriali<br />

hanno snoccio<strong>la</strong>to i pr<strong>in</strong>cipali ostacoli allo sviluppo<br />

delle imprese italiane, puntando l’<strong>in</strong>dice contro le<br />

carenze <strong>in</strong>frastrutturali accomunanti molte regioni. Tra<br />

queste le Marche, sul<strong>la</strong> cui situazione il presidente<br />

regionale GI C<strong>la</strong>udio Schiavoni e quello di Macerata<br />

Wolfango Alp<strong>in</strong>i hanno fatto il punto, aggiungendo il<br />

proprio cahier de doléances a quello di Federico Vitali,<br />

presidente di Conf<strong>in</strong>dustria Marche.<br />

La crescita delle imprese, dicono i due giovani<br />

imprenditori, è frenata da un contesto <strong>in</strong>frastrutturale<br />

carente che non offre adeguato sostegno allo sviluppo<br />

<strong>in</strong>dustriale: il sistema viario è storicamente <strong>in</strong>sufficiente<br />

e disagevole per le zone montane e per <strong>la</strong> val<strong>la</strong>ta del<br />

Potenza; l’autostrada è ancora a due corsie; non c’è<br />

una strada diretta per Roma; <strong>la</strong> rete ferroviaria è con<br />

un b<strong>in</strong>ario per ogni senso di percorrenza; l’aeroporto<br />

versa <strong>in</strong> condizioni quasi disastrose e, a parte i collegamenti<br />

con Mi<strong>la</strong>no e Roma (quando ci sono), mancano<br />

quelli con le pr<strong>in</strong>cipali città italiane. Ci sono zone<br />

<strong>in</strong>dustriali all’<strong>in</strong>terno non raggiunte dall’Adsl e il deficit<br />

energetico è pari al 50 per cento.<br />

In questa servizio sullo stato dell’arte delle <strong>in</strong>frastrutture,<br />

sentiamo Gian Mario Spacca, Governatore<br />

delle Marche.<br />

AUTOSTRADA A14. Sono <strong>in</strong>iziati i <strong>la</strong>vori del<strong>la</strong> terza<br />

corsia e c’è <strong>la</strong> buona notizia che si farà anche <strong>la</strong> tratta<br />

Porto S. Elpidio-Pedaso.<br />

Quali le prospettive, quali i vantaggi?<br />

«Le Marche <strong>in</strong>iziano a sanare una situazione di deficit<br />

<strong>in</strong>frastrutturale che si protrae da troppo tempo.<br />

Siamo tra le realtà nazionali più d<strong>in</strong>amiche, <strong>in</strong> cont<strong>in</strong>ua e<br />

rapida crescita, che scontano carenze non più giustificabili.<br />

La terza corsia autostradale segna una svolta<br />

nel<strong>la</strong> direzione del<strong>la</strong> maggiore accessibilità del nostro<br />

territorio. Rappresenta un’opera importante che aiuta<br />

lo sviluppo, migliora <strong>la</strong> sicurezza dei collegamenti, agevo<strong>la</strong><br />

<strong>la</strong> vivibilità dei centri costieri. Inoltre, gli accordi<br />

conclusi con <strong>la</strong> Società Autostrade garantiscono <strong>la</strong> realizzazione<br />

di opere compensative a favore del territorio,<br />

per circa 130 milioni di euro».<br />

VIABILITÀ ORDINARIA. Il progetto Quadri<strong>la</strong>tero consente<br />

di <strong>in</strong>tervenire sul<strong>la</strong> piattaforma logistica delle<br />

Marche (porto di Ancona, <strong>in</strong>terporto di <strong>Jesi</strong>, aeroporto<br />

di Falconara), per <strong>la</strong> cui realizzazione non si può più<br />

aspettare. Il 18 settembre sono stati firmati gli accordi<br />

di programma.<br />

Quali sono i tempi di attuazione previsti, almeno<br />

per le pr<strong>in</strong>cipali opere?<br />

«Stiamo rispettando i tempi stabiliti. La società<br />

Quadri<strong>la</strong>tero dispone del 50% delle risorse necessarie.<br />

I primi cantieri sono stati aperti <strong>in</strong> aprile e sono stati<br />

consegnati otto progetti def<strong>in</strong>itivi e due esecutivi. Nelle<br />

Marche i <strong>la</strong>vori riguardano, per ora, i due maxilotti di<br />

SS76 e SS77 e <strong>la</strong> Pedemontana verso il maceratese. Al<br />

convegno di Camer<strong>in</strong>o per il decennale del terremoto,<br />

Gaetano Galia, presidente del<strong>la</strong> Quadri<strong>la</strong>tero, ha assicurato<br />

che <strong>la</strong> Società <strong>in</strong>tende concludere le opere entro<br />

il 2012».<br />

IL PORTO DI ANCONA. Localmente è considerato una<br />

potenziale piattaforma logistica <strong>in</strong> mezzo al Mediterraneo<br />

e porta del Far East e dell’Europa orientale anche<br />

per le imprese umbre e <strong>la</strong>ziali. E’ stata venti<strong>la</strong>ta <strong>la</strong><br />

costituzione di una società pubblica per l’attuazione del<br />

Piano del porto, di cui facciano parte Regione,<br />

Prov<strong>in</strong>cia, Comune, CCIAA e Autorità portuale.<br />

Come vede <strong>la</strong> proposta?<br />

«Il ri<strong>la</strong>ncio del porto di Ancona riveste un’importanza<br />

fondamentale per potenziare <strong>la</strong> dotazione logistica del<strong>la</strong><br />

nostra regione. Un’esigenza che deve vedere l’impegno<br />

degli enti pubblici e territoriali co<strong>in</strong>volti, <strong>in</strong> primo luogo <strong>la</strong><br />

stessa città di Ancona. La Regione farà <strong>la</strong> propria parte,<br />

com’è sempre stato, nel<strong>la</strong> chiarezza dei ruoli e degli<br />

impegni che competono a ciascuno».<br />

L’USCITA A OVEST. 7,5 chilometri di cui il 62% <strong>in</strong> galleria,<br />

per una spesa di 472 milioni di euro, è stata confermata<br />

come <strong>in</strong>frastruttura prioritaria dal m<strong>in</strong>istero<br />

competente e si farà <strong>in</strong> project f<strong>in</strong>anc<strong>in</strong>g.<br />

La Regione, se lo farà, come <strong>in</strong>terverrà?<br />

«La Regione è favorevole a questa soluzione. L’ha<br />

sostenuta e accolto con favore l’emanazione del re<strong>la</strong>tivo<br />

bando. Il collegamento del porto di Ancona con l’A14<br />

è strategico per valorizzare il sistema logistico portoaeroporto-<strong>in</strong>terporto.<br />

Un rappresentante del<strong>la</strong> Regione<br />

farà anche parte del<strong>la</strong> commissione che valuterà le<br />

manifestazioni di <strong>in</strong>teresse pervenute al m<strong>in</strong>istero».<br />

AUTOSTRADE DEL MARE. Come fare per spostare<br />

parte del traffico su gomma, via mare?<br />

«La Regione è <strong>in</strong>teressata al programma comunitario<br />

Marco Polo II e sta <strong>la</strong>vorando per farvi rientrare <strong>la</strong><br />

Piattaforma logistica delle Marche. L’obiettivo del programma<br />

è quello di ridurre <strong>la</strong> congestione stradale,<br />

potenziando l’<strong>in</strong>termodalità e il trasporto marittimo.<br />

Possiamo favorire lo spostamento, via mare, del traffico<br />

su gomma, dando concretezza progettuale al Corridoio<br />

Adriatico che, nel<strong>la</strong> nostra regione, può contare su <strong>in</strong>frastrutture<br />

come il porto di Ancona, l’aeroporto e l’<strong>in</strong>terporto<br />

delle Marche. La connessione logistica di queste<br />

realtà offre una straord<strong>in</strong>aria possibilità d’<strong>in</strong>tervento, <strong>in</strong><br />

vista soprattutto dell’aumento dei traffici marittimi che<br />

deriverà dal raddoppio del Canale di Suez».<br />

L’AEROPORTO RAFFAELLO SANZIO. Il presidente di<br />

Conf<strong>in</strong>dustria Marche <strong>la</strong>menta <strong>la</strong> gestione non manageriale<br />

dell’aeroporto, che «non ha ancora assunto il ruolo<br />

di aeroporto regionale».<br />

Lei conferma <strong>la</strong> volontà del<strong>la</strong> Regione di <strong>in</strong>vestirvi?<br />

«La Regione cont<strong>in</strong>uerà a <strong>in</strong>vestire risorse nell’aero-<br />

37<br />

porto delle Marche. Non possiamo privarci di un’<strong>in</strong>frastruttura<br />

essenziale per accompagnare <strong>la</strong> crescita economica<br />

e turistica del territorio. Il progetto di ri<strong>la</strong>ncio e risanamento<br />

f<strong>in</strong>anziario è a buon punto: le perdite sono<br />

dimezzate e i passeggeri crescono. La concessione quarantennale<br />

è <strong>in</strong> dirittura d’arrivo. Grazie al riord<strong>in</strong>o che<br />

abbiamo operato <strong>in</strong>sieme alle altre componenti pubbliche<br />

e private, <strong>la</strong> situazione sta tornando sotto controllo.<br />

Occorre ora non abbassare <strong>la</strong> guardia e cercare nuove<br />

partnership per sostenere lo sviluppo dello scalo con<br />

<strong>in</strong>vestimenti f<strong>in</strong>anziari e progettuali adeguati a un mercato<br />

<strong>in</strong> cont<strong>in</strong>ua evoluzione».<br />

Le rimostranze di Conf<strong>in</strong>dustria, possono preludere<br />

al<strong>la</strong> richiesta di vendita al<strong>la</strong> Regione delle<br />

quote detenute dai privati?<br />

«Tutt’altro! In conseguenza del successo del piano<br />

di ri<strong>la</strong>ncio dell’<strong>in</strong>frastruttura, <strong>in</strong> <strong>questo</strong> momento c’è<br />

un’attenzione fortissima verso le potenzialità dell’aeroporto.<br />

Da parte degli <strong>in</strong>vestitori privati <strong>in</strong>ternazionali ma<br />

anche locali. La Regione è conv<strong>in</strong>ta che le risorse impegnate<br />

nell’aeroporto rappresent<strong>in</strong>o un <strong>in</strong>vestimento per<br />

le Marche».<br />

FERROVIA. L’<strong>in</strong>nesto di due tra le l<strong>in</strong>ee più importanti<br />

di traffico (Adriatica e Orte-Falconara) all’<strong>in</strong>terno del<br />

territorio del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia potrebbe fornire su rotaia un<br />

servizio di collegamento pari a quello stradale. Il rafforzamento<br />

di queste tratte, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re del<strong>la</strong> Orte-<br />

Falconara, è un argomento che riscuote sempre l’<strong>in</strong>teresse<br />

delle forze sociali e politiche.<br />

Riusciranno - e quando - i nostri eroi, a vedere<br />

l’oggetto dei loro sogni?<br />

«Rafforzare queste tratte significa, anzitutto, non<br />

sguarnirle dei necessari servizi e dei collegamenti esistenti.<br />

Siamo <strong>in</strong>soddisfatti delle decisioni assunte da<br />

Trenitalia che penalizzano <strong>la</strong> nostra regione e abbiamo<br />

protestato con <strong>la</strong> dovuta fermezza,<br />

anche con manifestazioni<br />

simboliche, come quel<strong>la</strong><br />

al<strong>la</strong> stazione di Ancona.<br />

Detto <strong>questo</strong>, sul piano degli<br />

<strong>in</strong>terventi <strong>in</strong>frastrutturali, registriamo<br />

l’impegno del Governo<br />

ad adeguare <strong>la</strong> galleria<br />

di Cattolica, per superare <strong>la</strong><br />

strozzatura che impedisce il<br />

transito ferroviario dei mezzi<br />

pesanti, penalizzando il polo<br />

logistico delle Marche e <strong>la</strong><br />

realizzazione <strong>in</strong> corso del<strong>la</strong><br />

galleria di Varano. Due <strong>in</strong>terventi<br />

che contribuiscono a<br />

ri<strong>la</strong>nciare il nodo ferroviario<br />

di Ancona-Falconara. Lavoriamo<br />

col Governo nazionale per<br />

completare un’altra priorità<br />

strategica del disegno <strong>in</strong>frastrutturale<br />

regionale: il raddoppio<br />

del<strong>la</strong> Orte-Falconara».


38 LIBRI<br />

Mille “voci” per<br />

Conoscere <strong>Jesi</strong><br />

di lorenzo verdol<strong>in</strong>i<br />

La prima sa<strong>la</strong> c<strong>in</strong>ematografica<br />

jes<strong>in</strong>a si chiamava<br />

Ideal. Venne aperta nel 1907<br />

nei locali di quello che sarà<br />

poi il Caffè Imperiale. Negli<br />

anni successivi, sull’onda del<br />

successo per quell’<strong>in</strong>venzione<br />

fantastica, altre sale ospiteranno<br />

il “c<strong>in</strong>ematografo”. Così<br />

il Politeama Abruzzetti,<br />

nato nel 1922 come teatro,<br />

quattro anni più tardi veniva<br />

tras<strong>formato</strong> nel<strong>la</strong> più grande<br />

sa<strong>la</strong> c<strong>in</strong>ematografica del<strong>la</strong><br />

città, capace di novecento<br />

posti: il Politeama Jes<strong>in</strong>o.<br />

Questa è solo una delle<br />

mille notizie e curiosità che<br />

è possibile conoscere sfogliando<br />

il volume scritto da<br />

Giuseppe Luconi e Pao<strong>la</strong><br />

Coco<strong>la</strong>, Conoscere <strong>Jesi</strong>, edito<br />

grazie al contributo del<strong>la</strong><br />

Fondazione Cassa di Risparmio<br />

di <strong>Jesi</strong> e al<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

del settimanale «Voce<br />

del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a». Mille notizie,<br />

appunto. A voler essere<br />

più precisi: 999. Perché<br />

<strong>questo</strong> è l’esatto <strong>numero</strong><br />

delle “voci” che sono state<br />

trattate dagli autori: un<br />

dizionario, <strong>in</strong>somma. Anzi, una «guida – così recita il sottotitolo<br />

– al<strong>la</strong> conoscenza delle persone e delle cose, del<strong>la</strong><br />

storia e delle tradizioni del<strong>la</strong> tua città» (arricchita da 764<br />

fotografie).<br />

Un <strong>la</strong>voro molto consistente, accurato e rigoroso, che<br />

ripercorre per <strong>in</strong>tero <strong>la</strong> storia di <strong>Jesi</strong> e guida il lettore <strong>in</strong> un<br />

viaggio al<strong>la</strong> scoperta di personaggi di primo piano o secondari,<br />

istituzioni e associazioni, vicende e monumenti storici.<br />

Il dizionario si basa sul<strong>la</strong> notevole mole di dati e notizie<br />

che Luconi ha potuto raccogliere nel suo «viaggio quasi<br />

sessantennale nel mondo dell’<strong>in</strong>formazione», nel corso del<br />

quale ha pubblicato ventitré libri, alcuni dei quali essenziali<br />

per <strong>la</strong> conoscenza del<strong>la</strong> storia cittad<strong>in</strong>a (Storia di <strong>Jesi</strong><br />

(1969) e L’anno più lungo (1975), solo per citare i più<br />

noti). «Ora, con <strong>questo</strong> “Dizionario” – ha scritto Vittorio<br />

Massaccesi nel<strong>la</strong> Presentazione – mi pare che egli desideri<br />

s<strong>in</strong>tetizzarci, <strong>in</strong> qualche modo, tutto l’umano scibile sul<strong>la</strong><br />

città di Federico II».<br />

Intervista a<br />

Giuseppe Luconi e<br />

Pao<strong>la</strong> Coco<strong>la</strong>,<br />

autori di un ricco<br />

dizionario sul<strong>la</strong><br />

nostra città<br />

L’altra autrice, Pao<strong>la</strong> Coco<strong>la</strong>,<br />

è certamente meno nota, anche<br />

se il suo appassionato attivismo<br />

<strong>in</strong> ambito sco<strong>la</strong>stico (è maestra<br />

di scuo<strong>la</strong> Primaria) e <strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

con le due riviste cittad<strong>in</strong>e<br />

più diffuse, l’hanno fatta<br />

conoscere ed apprezzare dai<br />

lettori jes<strong>in</strong>i più attenti. Salent<strong>in</strong>a<br />

(vive a <strong>Jesi</strong> dal 2001), si<br />

def<strong>in</strong>isce una «maestra aspirante<br />

giornalista», ma certo è<br />

una persona piena di passioni e<br />

curiosità <strong>in</strong>tellettuali, tanto da<br />

risultare – ha spiegato Luconi –<br />

una col<strong>la</strong>boratrice fondamentale<br />

per <strong>la</strong> realizzazione di un<br />

<strong>la</strong>voro così complesso. Scontata<br />

<strong>la</strong> prima domanda ai due autori:<br />

Come e quando è nata<br />

l’idea di un dizionario su<br />

<strong>Jesi</strong>?<br />

«Ne avevamo par<strong>la</strong>to <strong>in</strong><br />

occasione di un progetto di<br />

storia realizzato <strong>in</strong> una scuo<strong>la</strong><br />

di <strong>Jesi</strong>. Si trattò di un <strong>la</strong>voro<br />

(riguardava <strong>la</strong> Liberazione di<br />

<strong>Jesi</strong> dal giogo nazifascista)<br />

impegnativo, ma anche molto<br />

orig<strong>in</strong>ale perché non seguiva,<br />

nel suo svolgimento, il rigoroso<br />

iter cronologico proprio del<strong>la</strong> narrazione storica.<br />

Concludemmo che se <strong>la</strong> storia poteva essere raccontata<br />

con successo anche senza seguire percorsi stereotipati,<br />

potevamo farlo anche per ord<strong>in</strong>e alfabetico. Il materiale<br />

accumu<strong>la</strong>to da Luconi era “<strong>in</strong>f<strong>in</strong>ito”, e <strong>la</strong> nostra idea ci<br />

parve subito <strong>la</strong> strada giusta da percorrere per offrire a<br />

chiunque un’opportunità <strong>in</strong> più per viaggiare nel<strong>la</strong> storia di<br />

<strong>Jesi</strong>. Poi, nel novembre del 2006, quando ci siamo ritrovati<br />

a <strong>la</strong>vorare <strong>in</strong>sieme per un giornal<strong>in</strong>o sco<strong>la</strong>stico, abbiamo<br />

deciso di concretizzare f<strong>in</strong>almente il progetto ideato nel<br />

2002 e portato avanti un po’ a s<strong>in</strong>ghiozzo per via degli<br />

impegni di entrambi».<br />

Avete precisato che il testo andato <strong>in</strong> stampa rappresenta<br />

<strong>la</strong> quarta versione, «perché ogni stesura<br />

andava via via modificandosi per il fluire di nuove<br />

voci, di aggiornamenti, di correzioni». Quanto<br />

tempo è costato <strong>questo</strong> <strong>la</strong>voro, e quanto è stato<br />

complesso realizzarlo?<br />

«La selezione del materiale raccolto da<br />

Luconi <strong>in</strong> “tutta <strong>la</strong> <strong>sua</strong> vita” e l’ulteriore<br />

c<strong>la</strong>ssificazione hanno richiesto qualche<br />

anno. La messa a punto dei testi, l’aggiornamento<br />

delle illustrazioni, l’impag<strong>in</strong>azione<br />

(sempre curata direttamente da noi) e le<br />

quattro stesure hanno impegnato per almeno<br />

qu<strong>in</strong>dici mesi quasi tutto il nostro tempo<br />

libero. Le difficoltà maggiori le abbiamo<br />

<strong>in</strong>contrate proprio nel <strong>la</strong>voro grafico, che<br />

per noi dilettanti si è rive<strong>la</strong>to un viaggio<br />

complicato, ma anche molto stimo<strong>la</strong>nte e<br />

gratificante. Al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e, superati i problemi<br />

tecnici più fastidiosi, ci avevamo preso<br />

gusto!».<br />

Per quanto riguarda i criteri adottati<br />

per <strong>la</strong> scelta delle voci da <strong>in</strong>serire,<br />

nell’<strong>in</strong>troduzione avete chiarito che «si<br />

è deciso di escludere i viventi, per l’impossibilità<br />

obbiettiva di stabilire il conf<strong>in</strong>e tra i<br />

“meritevoli” e “non meritevoli”». Allo stesso tempo,<br />

però, avete <strong>in</strong>cluso associazioni, circoli, gruppi culturali<br />

che sono <strong>in</strong> piena attività, con <strong>la</strong> conseguenza<br />

che sono state escluse s<strong>in</strong>gole persone, ma non chi<br />

opera nell’ambito di un gruppo o di un’associazione.<br />

Non vi è <strong>in</strong> <strong>questo</strong> una contraddizione? In fondo, poi,<br />

<strong>la</strong> discrezionalità nel<strong>la</strong> scelta non esiste sempre, sia<br />

che ci si riferisca a soggetti (viventi e non viventi),<br />

che ad associazioni, enti, istituzioni? In def<strong>in</strong>itiva,<br />

potreste pensare ad una nuova edizione che <strong>in</strong>cluda<br />

anche i nomi di quei soggetti (viventi, per fortuna)<br />

che già sono percepiti dal<strong>la</strong> città come parte del<strong>la</strong><br />

propria storia?<br />

«In effetti, <strong>in</strong>izialmente il progetto del volume era più<br />

esteso, e prevedeva addirittura schede di approfondimento.<br />

Poi siamo stati costretti a ridimensionarci per poter<br />

rientrare nei tempi previsti. Ora stiamo riconsiderando <strong>la</strong><br />

possibilità di <strong>in</strong>serire con voce propria – come giustamente<br />

lei sottol<strong>in</strong>ea – anche i viventi che già sono percepiti <strong>in</strong><br />

tal senso… comunque bisogna precisare che alcuni di essi<br />

sono presenti nel libro, anche se solo all’<strong>in</strong>terno di “voci”<br />

che riguardano <strong>la</strong> loro attività, come ad esempio <strong>la</strong> Vezzali,<br />

<strong>la</strong> Trill<strong>in</strong>i…».<br />

State già pensando, dunque, di realizzare una<br />

nuova edizione aggiornata?<br />

«È <strong>la</strong> prima volta che a <strong>Jesi</strong> viene realizzata una pubblicazione<br />

del genere. Considerata <strong>la</strong> quantità di notizie, di<br />

nomi, di date che il volume contiene non possono essere<br />

esclusi aggiornamenti, <strong>in</strong>tegrazioni anche conseguenti al<br />

succedersi degli avvenimenti. Ad accreditare <strong>la</strong> possibilità<br />

di una seconda edizione sono <strong>la</strong> buona accoglienza e il<br />

consenso manifestati da tanti jes<strong>in</strong>i per questa nostra <strong>in</strong>iziativa».<br />

Lei ha scritto, signora Coco<strong>la</strong>, che sebbene abbia<br />

nel cuore <strong>la</strong> <strong>sua</strong> terra, «non può fare a meno di provare<br />

curiosità e <strong>in</strong>teresse per <strong>la</strong> <strong>sua</strong> nuova<br />

“patria”». A me pare che lei abbia dimostrato assai<br />

più che “curiosità” e “<strong>in</strong>teresse”: un <strong>la</strong>voro di queste<br />

dimensioni può realizzarsi solo se si è animati da<br />

grande passione. Come e da cosa le è nata?<br />

«F<strong>in</strong> da picco<strong>la</strong> sono stata soggiogata dal fasc<strong>in</strong>o irresistibile<br />

del<strong>la</strong> storia, dell’antico. Lo registravo con occhi<br />

febbrili nei piccoli cambiamenti che vedevo nel mio piccolo<br />

paese natìo, nel basso Salento. Paesi semplici, spesso<br />

molto poveri, dove il progresso arrivava lento. Mio padre,<br />

Giuseppe Luconi e Pao<strong>la</strong> Coco<strong>la</strong>, autori del volume<br />

Conoscere <strong>Jesi</strong><br />

39<br />

s<strong>in</strong>daco per due amm<strong>in</strong>istrazioni consecutive, era il mio<br />

eroe <strong>in</strong> assoluto perché era l’autore delle piccole grandi<br />

magìe che accadevano attorno a me. Poi però <strong>la</strong> vita a<br />

volte ti fa fare un giro lungo e ti ritrovi a realizzare quello<br />

che hai dentro, e forse per il quale sei fatta o sei nata,<br />

magari dopo tanti anni e tante cose. Così, quando com<strong>in</strong>ciai<br />

ad <strong>in</strong>segnare nel ’99 a Mi<strong>la</strong>no, f<strong>in</strong>almente libera da<br />

<strong>in</strong>combenze più materiali, ripresi i miei viaggi virtuali e<br />

cartacei nel<strong>la</strong> storia. <strong>Jesi</strong>, con le sue ricchezze e il suo fervore<br />

culturali e sociali, mi ha offerto <strong>la</strong> possibilità di sfogare<br />

liberamente questa mia passione. Inizialmente, con il<br />

progetto di storia su <strong>Jesi</strong> dall’avvento del fascismo al<strong>la</strong><br />

nascita del<strong>la</strong> Repubblica. È <strong>in</strong>descrivibile l’emozione che<br />

provavo nel far scoprire ai miei alunni che a <strong>Jesi</strong> c’era stato<br />

un aeroporto, che <strong>la</strong> città era attraversata da un val<strong>la</strong>to,<br />

che i bamb<strong>in</strong>i a otto anni già imparavano un mestiere, che<br />

per andare <strong>in</strong> bagno si usciva fuori, nel giard<strong>in</strong>o, che i<br />

panni si <strong>la</strong>vavano nel<strong>la</strong> pozza o al <strong>la</strong>vatoio… vedere i loro<br />

occhi stupiti, vederli impadronirsi a poco a poco del passato<br />

del<strong>la</strong> loro città, impadronirmene io stessa: <strong>questo</strong> è<br />

stato ed è il mio motore. Un motore rombante, che mi<br />

porta a calcare cont<strong>in</strong>uamente le strade di <strong>Jesi</strong> e a mesco<strong>la</strong>rmi,<br />

f<strong>in</strong>o a sentirmene parte, tra <strong>la</strong> <strong>sua</strong> gente».<br />

Signor Luconi, ha scritto che il dizionario «esce<br />

al<strong>la</strong> vigilia di un anniversario importante, dopo un<br />

viaggio quasi sessantennale nel mondo dell’<strong>in</strong>formazione».<br />

Quanto e cosa le ha dato <strong>questo</strong> viaggio? E<br />

come le piacerebbe festeggiare i suoi sessant’anni di<br />

giornalismo?<br />

«Quando scrissi il mio primo articolo, nell’estate del<br />

’49, ero conv<strong>in</strong>to che quell’articolo fosse anche l’ultimo,<br />

qu<strong>in</strong>di non avevo <strong>in</strong> mente traguardi “giornalistici” da raggiungere.<br />

La cosa <strong>in</strong>vece è andata avanti e procede ancora…<br />

Un viaggio lungo, che considero <strong>la</strong>rgamente <strong>in</strong> attivo,<br />

perché mi ha permesso di vivere a contatto con <strong>la</strong> gente e<br />

di avere un bel rapporto con i lettori. E dai lettori ho avuto<br />

il meglio: <strong>la</strong> loro attenzione, <strong>la</strong> loro benevolenza, senza le<br />

quali il mio viaggio si sarebbe <strong>in</strong>terrotto sul nascere. Il<br />

successo che sta avendo <strong>questo</strong> “Dizionario” per me è già<br />

una festa».


40 ASSOCIAZIONI<br />

Scuo<strong>la</strong><br />

musicale<br />

a Pantiere<br />

di eleonora dottori<br />

C’era una scuo<strong>la</strong> a Pantiere,<br />

ed è il caso di dire che<br />

c'è ancora.<br />

Certo non ci sono più i<br />

banchi, ma leggii e pianoforti,<br />

e <strong>la</strong> musica che si<br />

sparge per tutta Via Leopardi<br />

porta al<strong>la</strong> giusta conclusione:<br />

le pareti del vecchio<br />

istituto elementare<br />

ospitano oggi una scuo<strong>la</strong> di<br />

musica.<br />

Quanti corsi tenete e da quanto tempo è aperta<br />

<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>?<br />

«I corsi sono partiti a novembre grazie al<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

tra il Comune di Castelbell<strong>in</strong>o e l’Associazione<br />

Opus 1(one) – spiega Samuele Garofoli che <strong>in</strong>segna <strong>la</strong><br />

tromba ed è presidente dell’Associazione Opus 1 – Per<br />

ora sono una dec<strong>in</strong>a di corsi, ai quali se ne aggiungeranno<br />

altri, come ad esempio quello di DJ che è una<br />

novità. Tra le materie c<strong>la</strong>ssiche proponiamo pianoforte,<br />

chitarra, tromba, trombone, viol<strong>in</strong>o, sax e poi tecniche<br />

di improvvisazione jazzistica, musica d’<strong>in</strong>sieme e big<br />

band. Alcuni di questi <strong>in</strong>segnamenti sono difficili da trovare<br />

nelle scuole tradizionali».<br />

Ci sono dei corsi più gettonati?<br />

«La maggior parte degli <strong>in</strong>segnanti sono musicisti<br />

jazz, e l’associazione è conosciuta per <strong>questo</strong>, qu<strong>in</strong>di i<br />

corsi con orientamento jazzistico sono quelli più richiesti,<br />

però cerchiamo di rivolgerci ad un bac<strong>in</strong>o d’utenza più<br />

vario. L’idea è <strong>in</strong>segnare uno strumento con lo scopo di<br />

imparare a suonare <strong>in</strong>sieme ad altri, <strong>la</strong> preparazione è<br />

s<strong>in</strong>go<strong>la</strong>, ma il f<strong>in</strong>e è quello di suonare <strong>in</strong>sieme».<br />

Chi è l’allievo “tipo” del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> e quanti allievi<br />

sono iscritti?<br />

«Ad oggi gli allievi sono una trent<strong>in</strong>a ma aumentano<br />

di mese <strong>in</strong> mese. Come preparazione alcuni iscritti<br />

partono da zero altri <strong>in</strong>vece chiedono una preparazione<br />

specialistica. L’obiettivo è avvic<strong>in</strong>arci ai ragazzi con età<br />

<strong>in</strong>feriore ai 10 anni, per ora gli studenti hanno dai 13<br />

ai 60 anni, ed arrivano da <strong>Jesi</strong>, Pantiere, Falconara,<br />

Fabriano, anche Senigallia e <strong>questo</strong> perché alcuni corsi<br />

sono quasi <strong>in</strong> esclusiva».<br />

Qu<strong>in</strong>di questa scuo<strong>la</strong> di musica vuole sopperi-<br />

re <strong>la</strong> mancanza di corsi esclusivi?<br />

«La scuo<strong>la</strong> nasce con l’esigenza di<br />

riqualificare <strong>la</strong> struttura del<strong>la</strong> vecchia<br />

scuo<strong>la</strong> elementare di Pantiere. Questa<br />

scuo<strong>la</strong> propone dei corsi che non ci<br />

sono nelle altre scuole di musica, per<br />

esempio gli strumenti a fiato sono difficili da trovarsi,<br />

anche il corso da DJ, che partirà a febbraio con corsi<br />

collettivi che, solo <strong>in</strong> <strong>questo</strong> caso, saranno a <strong>numero</strong><br />

chiuso. Inoltre i partecipanti avranno <strong>la</strong> possibilità di<br />

esibirsi nelle più importanti discoteche del<strong>la</strong> zona.<br />

Come per gli altri corsi verrà ri<strong>la</strong>sciato un attestato di<br />

frequenza».<br />

Quanto tempo occorre ad un ragazzo per imparare<br />

a suonare uno strumento?<br />

«Domanda da un milione di dol<strong>la</strong>ri. Ci sono ragazzi<br />

che hanno un apprendimento immediato altri no, ma<br />

non conta il tempo del<strong>la</strong> preparazione. Sfornare musicisti<br />

non è l’obiettivo primario di un <strong>in</strong>segnante.<br />

Vogliamo che <strong>questo</strong> corso sia più <strong>in</strong>timo, che sia un<br />

aiuto <strong>in</strong>dipendentemente dal risultato».<br />

E gli <strong>in</strong>segnanti?<br />

«Gli <strong>in</strong>segnati hanno una preparazione certa e certificata,<br />

con una grande esperienza alle spalle, vedi<br />

Massimo Moranti che <strong>in</strong>segna trombone e tecniche di<br />

improvvisazione, ma anche Simone La Maida che <strong>in</strong>segna<br />

sax. Inoltre – aggiunge Stefano Coppari che nel<strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong> <strong>in</strong>segna chitarra – i corsi, sia settimanali che<br />

qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>ali, vanno <strong>in</strong>contro alle esigenze dell’alunno<br />

<strong>la</strong>voratore, per <strong>questo</strong> <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> fa anche orari diversi.<br />

E, iscrivendosi al<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>, si hanno delle agevo<strong>la</strong>zioni<br />

nei negozi di <strong>Jesi</strong> specializzati <strong>in</strong> musica».<br />

Ci sono progetti per il futuro?<br />

«Stiamo <strong>la</strong>vorando per realizzare una rete con altre<br />

associazioni e scuole marchigiane. Per esempio a Senigallia<br />

verrà un’organista americana che terrà un sem<strong>in</strong>ario<br />

di tre giorni, con concerto f<strong>in</strong>ale e prove aperte.<br />

Altri progetti sono ancora da def<strong>in</strong>ire».<br />

E f<strong>in</strong>almente…<br />

non c’è più<br />

niente da fare!!!<br />

Esce nelle sale di tutta Italia<br />

il film prodotto del<strong>la</strong> jes<strong>in</strong>a Federica Bernard<strong>in</strong>i.<br />

La prima a Livorno il 5 febbraio,<br />

a <strong>Jesi</strong> verrà proiettato giovedì 7<br />

di emanue<strong>la</strong> corsetti<br />

Mi guarda da sopra gli occhiali Federica, mentre mi racconta<br />

il lungo (e a volte anche travagliato) camm<strong>in</strong>o per<br />

vedere realizzato il frutto di tanto appassionato <strong>la</strong>voro, ma<br />

c’è una luce nel suo sguardo che trasc<strong>in</strong>a nel turb<strong>in</strong>e di<br />

emozioni che sta tutt’ora vivendo.<br />

«F<strong>in</strong>almente ce l’abbiamo fatta – <strong>in</strong>izia a dire Federica<br />

Bernard<strong>in</strong>i - dopo circa un anno e tre mesi di ricerca <strong>in</strong>cessante,<br />

<strong>la</strong> EAGLE PICTURES ha accettato di distribuire il<br />

film. Devo dire grazie a Jacopo Capanna, tito<strong>la</strong>re del<strong>la</strong><br />

Moon Light, che ha creduto <strong>in</strong> questa produzione e mi ha<br />

dato <strong>la</strong> grande opportunità di entrare nel circuito del grande<br />

pubblico».<br />

Sarà perché conosco Federica, e ho <strong>in</strong>contrato di recente<br />

<strong>sua</strong> figlia Crist<strong>in</strong>a che mi par<strong>la</strong>va appunto dell’uscita ancora<br />

imprecisata del film, sarà che mi spunta un po’ di<br />

orgoglio jes<strong>in</strong>o nel pensare che ancora una volta (e nonostante<br />

tutto) un artista, una produzione, e sicuramente un<br />

successo, sono “roba nostrana”, che mi <strong>in</strong>curiosisco e<br />

voglio saperne di più.<br />

«Non c’è più niente da fare (<strong>la</strong> vita è una commedia)”<br />

è il titolo del film che vedremo <strong>in</strong> uscita nazionale l’8 febbraio<br />

pv, ma <strong>in</strong> anteprima uscirà il 5 febbraio nel<strong>la</strong> multisa<strong>la</strong><br />

Medusa di Livorno, dove è stato girato, e poi a <strong>Jesi</strong> il<br />

7 successivo, dove speriamo riceverà una <strong>numero</strong>sissima<br />

rispondenza di pubblico! Ne abbiamo bisogno, non è solo<br />

una questione economica, ma siamo conv<strong>in</strong>ti che una pellico<strong>la</strong><br />

di qualità valga l’apprezzamento del<strong>la</strong> gente. Purtroppo<br />

siamo abituati a produzioni scadenti che narrano<br />

storie di scarso spessore, ricche di paro<strong>la</strong>cce e oscenità,<br />

povere di contenuto e valore artistico.<br />

Voglio sperare che le persone che vanno al c<strong>in</strong>ema sappiano<br />

apprezzare l’energia trasmessa da <strong>la</strong>vori che rispecchiano<br />

realtà conosciute, delicate, ironiche, che fanno<br />

divertire e anche pensare: non ci può essere solo il culto<br />

del<strong>la</strong> cret<strong>in</strong>agg<strong>in</strong>e!».<br />

CULTURA<br />

41<br />

Adesso però sei<br />

arrabbiata:<br />

«Il punto è che se<br />

andiamo avanti così non si troveranno più case disposte a<br />

distribuire film italiani. La situazione è tale che per avere<br />

successo devi girare colossal, o saghe al<strong>la</strong> stregua di Harry<br />

Potter. Così andrà persa per sempre <strong>la</strong> tradizione che un<br />

tempo ci ha contraddist<strong>in</strong>to, quel<strong>la</strong> del<strong>la</strong> commedia all’italiana,<br />

ma quel<strong>la</strong> vera, mi spiego?».<br />

Benissimo direi. E mi trovo totalmente d’accordo.<br />

Raccontaci allora di questa commedia:<br />

«È <strong>la</strong> storia di una compagnia teatrale di Livorno che<br />

vuole mettere <strong>in</strong> scena Ca<strong>valle</strong>ria Rusticana.<br />

Le vicende dei vari protagonisti si <strong>in</strong>trecciano dando<br />

vita ad una storia corale che rimane sempre bril<strong>la</strong>ntissima<br />

pur passando per momenti fortemente commoventi. La<br />

trama può piacere un po’ a tutti, perché fa par<strong>la</strong>re le persone<br />

reali: Crist<strong>in</strong>a Cirilli (mia figlia) è Chiara, che <strong>la</strong>vora<br />

alle poste e litiga con il fidanzato Enrico (Stefano Filippi)<br />

che è perennemente disoccupato; Rocco Papaleo è il grande<br />

amatore, traditore e tradito, avvocato e attore, appassionato<br />

<strong>in</strong>terprete di una figura che ci farà morir dal ridere.<br />

Poi c’è Paolo Ruff<strong>in</strong>i di MTV, nei panni di un figlio che ha<br />

un difficile rapporto con il padre; e ci sono loro, Raffaele<br />

Pisu e Valeria Valeri, due giganti del teatro anche nel<strong>la</strong><br />

realtà, che hanno il compito, con <strong>la</strong> loro saggezza di anziani<br />

attori, di donare al film quel tocco di poesia che ci farà<br />

sperare <strong>in</strong> un sogno possibile».<br />

Insomma, mettiamo<strong>la</strong> così, bisogna andarlo a<br />

vedere perché…?<br />

«Perché f<strong>in</strong>almente con <strong>questo</strong> film si dà voce a coloro<br />

che <strong>la</strong>vorano tutto il giorno e dopo cena, spendono le ultime<br />

energie per fare una cosa che amano veramente. Per <strong>questo</strong><br />

abbiamo l’appoggio morale del<strong>la</strong> FITA che ha riconosciuto <strong>in</strong><br />

<strong>questo</strong> film un sistema per valorizzare il teatro amatoriale».


42 PERSONAGGI<br />

Comune vuol<br />

dire comunità<br />

Colloquio con l’artista jes<strong>in</strong>o<br />

Sauro Ciuffolotti<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

Sauro Ciuffolotti, jes<strong>in</strong>o, c<strong>la</strong>sse ’52, autore di recenti e<br />

<strong>in</strong>teressanti opere e monumenti, attraverso <strong>la</strong> <strong>sua</strong> s<strong>in</strong>go<strong>la</strong>re<br />

avventura vissuta al parco Lenti – nel nuovo quartiere<br />

multietnico Savoia Marchetti – ci offre <strong>la</strong> <strong>sua</strong> testimonianza<br />

positiva. E dimostra come <strong>la</strong> concertazione, <strong>la</strong> volontà<br />

e <strong>la</strong> determ<strong>in</strong>azione di un folto gruppo di cittad<strong>in</strong>i<br />

riescano a superare le barriere sonnolente del<strong>la</strong> burocrazia,<br />

a guizzare fuori dai lenti meandri amm<strong>in</strong>istrativi per<br />

realizzare dimensioni di vita a misura d’uomo.<br />

Abbiamo visto <strong>la</strong> <strong>sua</strong> figura esordire <strong>in</strong> pubblico<br />

legata <strong>in</strong> un certo modo a quel<strong>la</strong> del prof. Giuseppe Di<br />

Lucchio. Questa amicizia quando è nata?<br />

«Ci siamo conosciuti proprio per il parco. Quando venni<br />

ad abitare qui, sette anni fa, <strong>questo</strong> dell’ex Smia era un<br />

quartiere che era tutto un cantiere, una discarica a cielo<br />

aperto. I nostri figli non avevano uno spazio per giocare.<br />

Giocavano dietro i “buzzi”… tanto che al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e ideammo,<br />

nel 2003, il 1° Campionato di Pal<strong>la</strong>volo <strong>in</strong>tito<strong>la</strong>to proprio<br />

“Dietro al buzzo”.<br />

Mi suggerirono allora di andare a par<strong>la</strong>re con il presi-<br />

dente del<strong>la</strong> Circoscrizione. Nell’<strong>in</strong>contro, gli sottoposi il<br />

problema di questa zona <strong>in</strong> stato di abbandono; gli portai<br />

qualche foto offrendogli <strong>la</strong> mia piena disponibilità dato che<br />

operavo nel settore artistico: grafica, pittura, scultura».<br />

Aveva già qualche bozzetto?<br />

«Nessuno. Dopo qualche giorno lui mi cercò e mi espose<br />

l’idea di realizzare un monumento al<strong>la</strong> Savoia Marchetti<br />

perché era appunto il luogo dove essa sorgeva. In tale<br />

occasione, decidemmo anche di realizzare il parco. Mi proposi<br />

per il progetto e lui mi accordò <strong>la</strong> <strong>sua</strong> fiducia. Era<br />

autunno quando glielo consegnai. Una sera di primavera<br />

mi telefonò comunicandomi che era stato approvato».<br />

Il monumento al<strong>la</strong> Savoia Marchetti da chi è stato<br />

f<strong>in</strong>anziato?<br />

«In parte dal<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia e dal Comune. In parte dagli<br />

sponsor e dal sottoscritto. È un monumento contro <strong>la</strong><br />

guerra, <strong>in</strong>augurato il 2 giugno del 2006, che si è rive<strong>la</strong>to<br />

una preziosa opportunità di aggregazione per i residenti<br />

del quartiere. Ricordo che per l’occasione ripulimmo solo <strong>la</strong><br />

zona dove si doveva posizionarlo. Successivamente,<br />

com<strong>in</strong>ciammo a ripulire per <strong>in</strong>tero, a “bonificare”. Al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e<br />

l’area ripulita era così <strong>in</strong>vitante che a Di Lucchio venne l’idea<br />

di fare qualcosa per ricordare Enrico Mattei.<br />

Cogliemmo l’occasione per costruire una fontana che<br />

rievocasse <strong>la</strong> figura di <strong>questo</strong> grande marchigiano. Intanto<br />

l’amicizia tra me e Di Lucchio si consolidava: <strong>la</strong>voravamo<br />

<strong>in</strong>sieme, uscivamo <strong>in</strong>sieme, ci scambiavamo op<strong>in</strong>ioni, idee.<br />

F<strong>in</strong>ita l’estate, mi misi immediatamente al <strong>la</strong>voro, al centro<br />

esatto del parco».<br />

È stata edificata sul posto?<br />

«La base del<strong>la</strong> fontana è stata edificata sul posto. La<br />

piramide <strong>in</strong>vece è stata precostruita perché ci sono componenti<br />

di acciaio, marmo, vetro che poi ho montato assieme.<br />

L’<strong>in</strong>augurazione è avvenuta il 2 dicembre 2006. Non<br />

c’era ancora l’illum<strong>in</strong>azione. In seguito realizzai i progetti<br />

per questa e per i camm<strong>in</strong>amenti che congiungessero tutti<br />

i pa<strong>la</strong>zzi e tutte le vie. L’idea successiva di realizzare il<br />

“Salotto del<strong>la</strong> memoria” scaturì <strong>in</strong>vece dal fatto che le vie<br />

sono <strong>in</strong>tito<strong>la</strong>te ai magistrati vittime del<strong>la</strong> mafia. Inf<strong>in</strong>e, <strong>la</strong><br />

realizzazione del Viale del<strong>la</strong> Pace con il quale abbiamo<br />

fatto <strong>in</strong> modo che <strong>la</strong> strada proseguisse f<strong>in</strong>o a sfociare agli<br />

ultimi pa<strong>la</strong>zzi. Ho pensato di impreziosirlo con dei gabbiani;<br />

Di Lucchio lo ha arricchito con le targhe che recano<br />

impresse frasi importanti<br />

per <strong>la</strong> Pace e<br />

l’Integrazione. Devo<br />

dare atto a Di Lucchio<br />

per l’approvazione dei<br />

vari progetti, perché ha<br />

saputo attivarsi con<br />

successo, è “una grande<br />

forza del<strong>la</strong> natura”».<br />

Ho visto che<br />

avete <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>to anche<br />

<strong>numero</strong>se panch<strong>in</strong>e.<br />

«Sono una trent<strong>in</strong>a.<br />

In <strong>questo</strong>, come<br />

per le varie opere, ci<br />

hanno aiutato gli<br />

sponsor: ogni panch<strong>in</strong>a<br />

reca, nel<strong>la</strong> parte<br />

posteriore dello schienale,<br />

<strong>la</strong> targhetta con<br />

il nome di uno di essi.<br />

Anche per i giochi vale<br />

lo stesso discorso. Il contributo dei cittad<strong>in</strong>i residenti, degli<br />

sponsor, quello mio e di Di Lucchio, nonché il sostegno del<br />

Comune e del<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia, hanno reso possibile tutto <strong>questo</strong>…<br />

ed è veramente straord<strong>in</strong>ario!»<br />

Qu<strong>in</strong>di lei si è trovato a impegnarsi non solo con<br />

il <strong>la</strong>voro, ma anche con contributi <strong>in</strong> denaro?<br />

«Sì, certo. L’ho fatto veramente con s<strong>la</strong>ncio e amore per<br />

il quartiere. È importante capire che Comune vuol dire comunità,<br />

per cui tutti, <strong>in</strong> situazioni di emergenza o di disagio,<br />

dobbiamo dare una mano. Logicamente <strong>questo</strong> non<br />

vuol dire esonerare il Comune dal suo dovere istituzionale.<br />

Ho fatto tutto <strong>questo</strong> perché ci ho creduto, ho creduto<br />

nel<strong>la</strong> forza del<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione e nel fatto che si possa<br />

sempre dare di più. E l’impegno, <strong>la</strong> generosità pagano<br />

sempre prima o poi. Ciò, <strong>in</strong>fatti, mi ha dato l’opportunità di<br />

esprimermi <strong>in</strong> forma più visibile dal punto di vista artistico.<br />

Purtroppo, c’è sempre qualcuno che non rispetta, non ha<br />

cura di questa bellissima risorsa. Qualche volta, per esempio,<br />

troviamo <strong>in</strong>tere zolle di terra nel<strong>la</strong> fontana. Tante volte<br />

ci ritroviamo a raccogliere cartacce e altro».<br />

Come fa a conciliare <strong>la</strong> cura del parco con il <strong>la</strong>voro?<br />

«I primi tempi, quando gli oleandri erano piccolissimi,<br />

Nel<strong>la</strong> pag<strong>in</strong>a accanto: Sauro Ciuffolotti e sotto <strong>la</strong> fontana dedicata a Enrico<br />

Mattei; qui sopra il “Salotto del<strong>la</strong> memoria”, a s<strong>in</strong>istra lo scultore davanti al<br />

monumento dedicato al<strong>la</strong> Savoia Marchetti e sotto una delle vetrate realizzate<br />

dall’artista.<br />

andavo pers<strong>in</strong>o di notte ad <strong>in</strong>naffiarli. Lo faccio durante le<br />

ore libere, oppure alzandomi presto al matt<strong>in</strong>o. Prima di<br />

<strong>in</strong>iziare a <strong>la</strong>vorare, come è stato per il Viale del<strong>la</strong> Pace.<br />

Andavo al matt<strong>in</strong>o alle sei, ci stavo un tre ore circa adoperandomi<br />

<strong>in</strong> tutto quello che c’era da fare… e qualche<br />

volta vi ho dedicato anche delle giornate <strong>in</strong>tere».<br />

Qual è il suo <strong>la</strong>voro nel<strong>la</strong> vita?<br />

«Sono un libero professionista. Mi occupo di grafica<br />

pubblicitaria, ma soprattutto del<strong>la</strong> realizzazione di vetrate<br />

artistiche attraverso <strong>la</strong> riproduzione di immag<strong>in</strong>i c<strong>la</strong>ssiche<br />

o moderne, compatibilmente con l’arredamento dove<br />

vanno collocate, sia per ambienti pubblici che privati.<br />

Dip<strong>in</strong>go, <strong>in</strong>somma, attraverso una tecnica tutta mia, su<br />

vetri e specchi. Col<strong>la</strong>boro con tutte le vetrerie locali.<br />

Decoro vetrate e porte».<br />

Come è arrivato a <strong>questo</strong> <strong>la</strong>voro?<br />

«Francamente, non me lo ha <strong>in</strong>segnato nessuno. Da<br />

ragazz<strong>in</strong>o ho frequentato l’Istituto d’Arte ad Ancona.<br />

Mario Sordi, autore del monumento a Maria Montessori,<br />

era un mio compagno di scuo<strong>la</strong> e mio carissimo amico: mi<br />

ha <strong>in</strong>segnato molte cose. Poi ho disegnato fumetti a Mi<strong>la</strong>no<br />

per <strong>la</strong> casa editrice Universo, per dei periodici; col<strong>la</strong>boravo<br />

con il Monello, Grand Hotel… Tornato a <strong>Jesi</strong>, nell’80, mi<br />

son dato da fare facendo quello che mi capitava. In seguito<br />

mi sono messo per conto mio – sono oltre ventic<strong>in</strong>que<br />

anni – <strong>in</strong>iziando con grafica pubblicitaria e decorazioni.<br />

Così pian piano mi sono specializzato <strong>in</strong> decorazioni pittoriche<br />

su vetri e specchi. Oggi mi occupo anche di arte<br />

sacra. Molte immag<strong>in</strong>i le ho realizzate per il cimitero di<br />

<strong>Jesi</strong>, per le cappell<strong>in</strong>e private. Se uno crede <strong>in</strong> se stesso,<br />

prima o poi ce <strong>la</strong> fa».<br />

Per completare l’ultima parte del parco, cosa<br />

pensate di fare?<br />

«Il Comune ha già preparato un progetto con una serie<br />

di aiuole disposte a semicerchio e dei bellissimi cipressi<br />

toscani. Dopo c’è il problema del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> manutenzione. Ci<br />

auguriamo che, una volta completato, non venga dimenticato<br />

né dai cittad<strong>in</strong>i né dal Comune. Che siano assicurati<br />

<strong>la</strong> pulizia e il controllo».<br />

Quante famiglie straniere ci sono?<br />

«Poche. Saranno una dec<strong>in</strong>a su una sessant<strong>in</strong>a di famiglie<br />

jes<strong>in</strong>e. Sono costituite da persone a modo, silenziose<br />

e rispettose. Hanno dei bamb<strong>in</strong>i un po’ vivaci, ma sta poi<br />

a noi <strong>in</strong>dicare le regole e farle osservare. Quando sarà ultimato,<br />

il quartiere avrà una popo<strong>la</strong>zione di circa 2500 abitanti».


44<br />

L’Album di JV<br />

LA FAMIGLIA PATRIARCALE<br />

Una famiglia di una volta, anno 1929. Nel<strong>la</strong> foto c’è il capoccia, Giuseppe Allegr<strong>in</strong>i, e le famiglie (i canti) di due<br />

dei suoi figli, Attilio e Basilio. Presente anche il cagnol<strong>in</strong>o di casa, Montagnì. Tutti vivevano nel<strong>la</strong> stessa casa di<br />

campagna che si trovava nel<strong>la</strong> zona di Campolungo, sopra gli attuali giard<strong>in</strong>i pubblici, ora via del Burrone. La prima<br />

bamb<strong>in</strong>a a s<strong>in</strong>istra è Solidea Allegr<strong>in</strong>i che, oltre a venire a r<strong>in</strong>novare l’abbonamento al<strong>la</strong> rivista, ci ha portato anche<br />

<strong>la</strong> foto.<br />

Il dialetto di Livio Cirilli<br />

LA TERA<br />

E daje che te daje e che te do,<br />

a forza de ‘nqu<strong>in</strong>a’ e de fa’ <strong>la</strong> guera,<br />

ammò êmo sbudel<strong>la</strong>do giù nigò:<br />

c’è pure un bugo ‘ntell’atmosfera.<br />

‘Sto pôro monno nostro, caro Antò,<br />

è diventado un pezzo de gruviera;<br />

chì, ce l’ magnamo tutto ‘nte ‘na ô.<br />

Noântri, ce credemo, co’ <strong>la</strong> tera,<br />

che ce se pô giogà, come ‘na pal<strong>la</strong>,<br />

che tanto a lia non je ne frega niè.<br />

Ma daje che te daje da grattal<strong>la</strong>,<br />

sci lia se stufa, ariveremo che<br />

se ‘rvolta, come ai tempi de Noè,<br />

e ce ‘rtrôeremo tutti quanti a gal<strong>la</strong>.<br />

FRADE FOGO E SORA ACQUA<br />

Quanno che el nostro Santo protettore,<br />

lodava el monno co’ <strong>la</strong> <strong>sua</strong> natura,<br />

forse era già d’accordo col Signore:<br />

volêa facce capi’ ch’ogni creatura,<br />

sci l’Ômo <strong>la</strong> maltratta e no’ <strong>la</strong> cura,<br />

se stizza, se ‘vvilisce eppo’ je môre,<br />

oppure se ribel<strong>la</strong> con furore,<br />

come fradello Fògo. Ma è sigura,<br />

ottocent’anni fa sapêa ‘na cosa.<br />

Lu’ ha ditto: “l’acqua è umile e preziosa”<br />

e que <strong>la</strong> ô niciù el podêa capi’.<br />

Ma Lu’ era Santo e non s’era sbajado:<br />

sapêa che ‘nte sto’ monno disastrado,<br />

l’acqua sarìa costada più del vi’!<br />

Personaggi del , 900 di giuseppe luconi<br />

Giuseppe Abbruzzetti<br />

Nato a <strong>Jesi</strong> il 28 agosto del 1870. Notaio (nonno di<br />

Valeria Moriconi). Eletto consigliere comunale nelle elezioni<br />

del 26 aprile del 1908, venne nom<strong>in</strong>ato s<strong>in</strong>daco<br />

quattro giorni dopo a capo di un’amm<strong>in</strong>istrazione cattolico-moderata.<br />

Forse anche per il carattere forte, decisionista<br />

dell’Abruzzetti, <strong>la</strong> <strong>sua</strong> amm<strong>in</strong>istrazione fu<br />

scossa da crisi ricorrenti per <strong>in</strong>comprensioni all’<strong>in</strong>terno<br />

del<strong>la</strong> maggioranza: l’ultima, <strong>la</strong> più grave, nell’estate<br />

del 1910.<br />

A provocar<strong>la</strong> fu <strong>la</strong> scelta del<strong>la</strong> piazza dove collocare<br />

il monumento a Pergolesi: scartata piazza Angelo<br />

Colocci perché “luogo troppo stretto”, bocciata piazza<br />

Federico II perché “fuori di mano”, <strong>la</strong> scelta <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e era<br />

caduta sul<strong>la</strong> piazza dello Statuto, di fronte al<strong>la</strong> chiesa<br />

delle Grazie.<br />

Ma, nelle sedute consiliari del 26 gennaio e del 9<br />

febbraio 1910 Abbruzzetti spiazzò tutti <strong>in</strong>formando di<br />

aver messo a disposizione del comitato pro-monumento<br />

«tutte le piazze di <strong>Jesi</strong> ad eccezione di quel<strong>la</strong> delle<br />

Grazie», provocando una dura reazione anche all’<strong>in</strong>terno<br />

del<strong>la</strong> maggioranza. Nei mesi successivi <strong>la</strong> situazione<br />

si fece più <strong>in</strong>candescente f<strong>in</strong>o ad arrivare alle dimissioni<br />

del s<strong>in</strong>daco, degli assessori e dei consiglieri di<br />

maggioranza: Abbruzzetti restò <strong>in</strong> carica f<strong>in</strong>o all’11 agosto,<br />

sostituito dal repubblicano Riccardo Be<strong>la</strong>rd<strong>in</strong>elli.<br />

Giuseppe Abbruzzetti venne rieletto s<strong>in</strong>daco c<strong>in</strong>que<br />

anni dopo, l’8 maggio del 1915, a capo di un’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

monarchico-liberale. Qu<strong>in</strong>dici giorni dopo, nel<strong>la</strong><br />

notte fra il 23 e il 24 maggio, un dirigibile austriaco<br />

<strong>la</strong>nciava bombe sull’hangar di <strong>Jesi</strong>: i cittad<strong>in</strong>i vennero<br />

così a sapere che l’Italia era entrata <strong>in</strong> guerra contro<br />

l’Austria. Il giorno stesso Abbruzzetti convocò il<br />

Consiglio comunale: «L’ora non consente né divagazioni,<br />

né recrim<strong>in</strong>azioni, né polemiche – disse. – Quando<br />

il nemico comune batte alle porte, uno deve essere il<br />

cuore, una <strong>la</strong> volontà. Un pensiero all’esercito e all’armata,<br />

sicuro presidio del<strong>la</strong> Patria, e al re saggio e<br />

democratico». I repubblicani, dai banchi dell’opposizione,<br />

si associarono alle parole patriottiche del s<strong>in</strong>daco,<br />

ma – come era prevedibile – non al<strong>la</strong> manifestazione<br />

per il re.<br />

Abbruzzetti mantenne <strong>la</strong> carica f<strong>in</strong>o al 9 ottobre del<br />

1920. A provocarne <strong>la</strong> caduta questa volta fu <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

decisione di realizzare una strada lungo il fossato detto<br />

di San Giovanni e che sarà chiamata viale del<strong>la</strong> Vittoria.<br />

L’importanza dell’opera, che consentì di dare <strong>la</strong>voro<br />

a cent<strong>in</strong>aia di reduci del<strong>la</strong> grande guerra, fu contestata<br />

da due assessori e da una dozz<strong>in</strong>a di consiglieri<br />

Giuseppe Abruzzetti con <strong>la</strong> nipote Valeria<br />

45<br />

dei due schieramenti, che si dimisero. Abbruzzetti non<br />

si arrese e, con i voti dei consiglieri comunali rimasti <strong>in</strong><br />

carica, il progetto venne approvato.<br />

Abbruzzetti era uomo d’azione. Al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> <strong>in</strong>iziativa si<br />

deve anche <strong>la</strong> realizzazione del primo acquedotto<br />

comunale (per il quale impiegò i prigionieri di guerra<br />

austriaci), attivato nel 1917. Nel settembre del 1908,<br />

nel<strong>la</strong> ex chiesa di San Floriano, si <strong>in</strong>auguravano <strong>la</strong><br />

biblioteca e <strong>la</strong> p<strong>in</strong>acoteca comunali. Il 31 maggio dell’anno<br />

dopo aveva luogo “l’ufficiale <strong>in</strong>augurazione dell’ufficio<br />

telefonico che al<strong>la</strong>cciava <strong>la</strong> nostra <strong>Jesi</strong> con altre<br />

città importanti”.<br />

Abbruzzetti promosse anche il referendum sul riposo<br />

festivo, riguardante <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re i negozi del<strong>la</strong><br />

città. Il referendum, tenutosi il 25 aprile del 1909, si<br />

risolse con <strong>la</strong> vittoria dei favorevoli al<strong>la</strong> chiusura festiva:<br />

820 “sì” contro 356 “no” (ma poi un decreto prefettizio<br />

annul<strong>la</strong>va il risultato del referendum).<br />

Lasciati gli <strong>in</strong>carichi pubblici, Giuseppe Abbruzzetti<br />

nel 1922 costruì un suo teatro, il Politeama Abbruzzetti<br />

(def<strong>in</strong>ito dal direttore del periodico La Guazza “grandioso<br />

e stupendo locale”), poi ribattezzato Politeama<br />

Jes<strong>in</strong>o. Durante l’ultimo conflitto mondiale, dall’8 ottobre<br />

al 23 novembre del 1943, fu commissario prefettizio<br />

di <strong>Jesi</strong>. Morì il 21 agosto del 1950.


di alberto pierucci<br />

La stagione s<strong>in</strong>fonica del<strong>la</strong> FORM-Orchestra Fi<strong>la</strong>rmonica<br />

Marchigiana procede a pieno regime, all’<strong>in</strong>segna del<br />

successo e del<strong>la</strong> qualità.<br />

Che diversa situazione, per il nostro teatro, oggi,<br />

rispetto a non molti anni fa quando noi appassionati di<br />

<strong>questo</strong> genere musicale ci ritrovavamo <strong>in</strong> p<strong>la</strong>tea, sempre<br />

gli stessi, scambiandoci i pareri, a metà e a f<strong>in</strong>e<br />

spettacolo, sulle partiture <strong>in</strong> programma e su come<br />

venivano eseguite! Eravamo tutti <strong>in</strong> p<strong>la</strong>tea, noi spettatori,<br />

e commentavamo tra noi che era andata bene,<br />

quanto a presenze, le sere <strong>in</strong> cui le poltrone erano<br />

quasi tutte occupate. I palchi, allora, erano sistematicamente<br />

vuoti.<br />

Le cose com<strong>in</strong>ciarono a prendere una piega un po’<br />

diversa quando come responsabile artistico e direttore<br />

d’orchestra venne Gert Meditz.<br />

Ma più ancora fu, poi, Gustav Kuhn, con <strong>la</strong> verve e<br />

<strong>la</strong> comunicativa che gli erano proprie, oltre che con l’<strong>in</strong>discussa<br />

<strong>sua</strong> specifica capacità direttoriale, ad attrarre<br />

tante nuove presenze di spettatori. In seguito gli appassionati<br />

del<strong>la</strong> musica s<strong>in</strong>fonica, al Teatro Pergolesi, sono<br />

divenuti così <strong>numero</strong>si da far registrare spesso l’en<br />

ple<strong>in</strong>. A raccogliere gli entusiastici app<strong>la</strong>usi del folto<br />

pubblico, <strong>in</strong> questi ultimi anni, sono stati <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re<br />

il compianto maestro ucra<strong>in</strong>o Woldemar Nelson e l’eccellente<br />

direttore attuale, Donato Renzetti. Ovviamente,<br />

i consensi di chi è presente ai concerti sono diretti<br />

<strong>in</strong> parte più che considerevole all’Orchestra Fi<strong>la</strong>rmonica<br />

Marchigiana, che ha raggiunto da tempo un livello di<br />

Nelle foto l’Orchestra<br />

Fi<strong>la</strong>rmonica Marchigiana<br />

ANCORA BEETHOVEN<br />

Ma anche Vivaldi, Mozart, Mendelssohn,<br />

Dvorak, Musorgskij… e perf<strong>in</strong>o una serata<br />

(fuori abbonamento) di grande jazz nel<br />

programma s<strong>in</strong>fonico 2008.<br />

professionalità davvero considerevole.<br />

Ogni famiglia di strumenti, ogni gruppo, ogni s<strong>in</strong>go<strong>la</strong><br />

<strong>in</strong>dividualità anche a livello solistico, svolge encomiabilmente<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> parte. I direttori che si avvicendano<br />

sul podio manifestano <strong>in</strong> modo <strong>in</strong>equivocabile, al<br />

term<strong>in</strong>e di ogni esecuzione, <strong>la</strong> loro soddisfazione.<br />

Il programma di quest’anno, come anticipavo nel<br />

titolo, fa perno su Beethoven, riprendendo e proseguendo<br />

<strong>la</strong> scelta del 2006-07, ma ascolteremo anche<br />

belle musiche di tanti altri grandi autori.<br />

Un dato partico<strong>la</strong>rmente pregevole è costituito da<br />

fatto che Donato Renzetti, dopo aver diretto il concerto<br />

di apertura il 14 dicembre, sarà sul podio <strong>in</strong> altre tre<br />

serate: il 2 aprile dedicato al Concerto <strong>in</strong> s<strong>in</strong> m<strong>in</strong>. per<br />

violoncello e orch. di Dvorak e al<strong>la</strong> bel<strong>la</strong> Suite per<br />

orchestra “Quadri di un’esposizione” di Musorgskij.<br />

Inoltre: l’11 aprile per “Le Quattro Stagioni” firmato da<br />

Astor Piazzol<strong>la</strong> <strong>in</strong> una curiosa versione per pianoforte e<br />

archi. Inf<strong>in</strong>e, il 9 maggio, con un programma molto<br />

accattivante: <strong>la</strong> S<strong>in</strong>fonia n.4 “Italiana” di Mendelshon,<br />

il “Pulc<strong>in</strong>el<strong>la</strong>” di Strav<strong>in</strong>skij e un nuovo <strong>la</strong>voro di Di Bari<br />

commissionato dal<strong>la</strong> FORM. Fra i 10 concerti (compresi<br />

già quelli eseguiti) mi sembra importante segna<strong>la</strong>re<br />

quello jazzistico di lunedì 21 aprile, fuori abbonamento,<br />

dedicato al grande Chet Baker, ed <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e quello conclusivo<br />

del 9 maggio, <strong>in</strong> cui lo strepitoso viol<strong>in</strong>ista f<strong>in</strong><strong>la</strong>ndese<br />

Pekka Kuusisto eseguirà “Le Quattro Stagioni”,<br />

questa volta nell’edizione c<strong>la</strong>ssica di Vivaldi, oltre ad<br />

una serie di musiche folcloristiche del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> terra.<br />

FARMACIE<br />

Servizio feriale<br />

LUNEDÌ 28 GENNAIO (diurno e notturno) Cerni, MAR-<br />

TEDÌ 29 (diurno e notturno) Ospedale, MERCOLEDÌ 30<br />

(diurno e notturno) Grammercato, GIOVEDÌ 31 (diurno e<br />

notturno) Coppi, VENERDÌ 1° FEBBRAIO (diurno e notturno)<br />

Moretti, LUNEDÌ 4 (diurno e notturno) Calcatelli,<br />

MARTEDÌ 5 (diurno) Delle Grazie, (notturno) Coppi,<br />

MERCOLEDÌ 6 (diurno e notturno) Comunale, GIOVEDÌ 7<br />

(diurno e notturno) Cerni, VENERDÌ 8 (diurno e notturno)<br />

Ospedale.<br />

Servizio festivo<br />

SABATO 26 GENNAIO (diurno) Delle Grazie, (notturno)<br />

Coppi, DOMENICA 27 (diurno e notturno) Comunale,<br />

SABATO 2 FEBBRAIO (diurno) Barba, (notturno) Coppi,<br />

DOMENICA 3 (diurno e notturno) Mart<strong>in</strong>i.<br />

Indirizzi e numeri telefonici delle farmacie<br />

Barba, via Roma, tel. 204579; Calcatelli, via Pucc<strong>in</strong>i 5,<br />

tel. 56482; Cerni, via Garibaldi, tel. 53793; Comunale,<br />

via San Francesco, tel. 207066; Delle Grazie, corso Matteotti,<br />

tel. 209076; Grammercato, via Marconi, tel.<br />

56516; Mart<strong>in</strong>i, corso Matteotti 29, tel. 208842; Moretti,<br />

corso Matteotti 13, tel. 209162; Ospedale, corso Matteotti,<br />

tel. 57656; Coppi, via F. Coppi 31, tel. 200858.<br />

ANAGRAFE<br />

Nati residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Porcarelli Giacomo, Canonici Cassandra, Ye X<strong>in</strong>ni, Rossetti<br />

Giulia, Carletti Letizia, Barkat Aimen, Tariuc Manase,<br />

Ceccarelli Bianca, Fratoni Giorgia.<br />

Nati residenti <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

Rotatori Luca di Monte Roberto.<br />

Deceduti residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Corall<strong>in</strong>i Maria di anni 77, Morosetti Nello di anni 82,<br />

Cappel<strong>la</strong>ccio Adele di anni 80, Mariani Alfredo di anni<br />

96, Lorenzetti Aldo di anni 72, Cesaroni Antonietta di<br />

anni 90, Tombolesi Telmo di anni 96, Luzi Giancarlo di<br />

anni 70, Mosca Giuseppe di anni 82, Nicol<strong>in</strong>i Eva di<br />

anni 83, Gianfranceschi Luigi di anni 86, Mencarelli<br />

Mauro di anni 41, R<strong>in</strong>aldi G<strong>in</strong>evra di anni 86, Lup<strong>in</strong>i<br />

Paolo di anni 43, Del Pianto Laura di anni 81.<br />

Deceduti residenti <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

Sandroni Enrico di anni 86 di Cupramontana, Fraboni<br />

Io<strong>la</strong>nda di anni 94 di Arcevia, Balducci Armanda di anni<br />

78 di Poggio San Marcello, Marcucc<strong>in</strong>i Avenanzio di<br />

anni 75 di Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i, Mosca Maria di anni 75 di<br />

Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i, Giuliani Eugenio di anni 80 di Morro<br />

D’Alba, Cappelli Pacifico di anni 59 di Castelp<strong>la</strong>nio,<br />

Pasqu<strong>in</strong>i Emilio di anni 72 di Filottrano, Pe<strong>la</strong>gagge P<strong>in</strong>o<br />

di anni 54 di Monte Roberto, Bellucci Nazario di anni 74<br />

di Castelp<strong>la</strong>nio.<br />

Matrimoni<br />

Pa<strong>la</strong>d<strong>in</strong>i Emanuele e Tiribelli Serena.<br />

TELEFONO AMICO<br />

Tel: 0731/59878; e-mail: telefonoamico@libero.it.<br />

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle 12,30 o dalle<br />

16,30 alle 19,00.<br />

AGENDA<br />

Il 29 gennaio ricorre<br />

il 38° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

FRANCO FRANCONI<br />

<strong>la</strong> moglie Eva e il figlio<br />

Marsilio lo ricordano<br />

agli amici e parenti che<br />

lo stimarono <strong>in</strong> vita.<br />

<strong>in</strong> ricordo di<br />

ANSUINA MORETTI<br />

scomparsa il 27.01.07 e<br />

OSTILIO ROMITI<br />

Cara mamma è un<br />

anno che ci hai <strong>la</strong>sciati.<br />

Ti ricordiamo sempre<br />

con amore <strong>in</strong>sieme al<br />

babbo con il quale ti<br />

pensiamo ricongiunta<br />

per sempre.<br />

Vostra figlia<br />

e tutti i familiari<br />

Nel 3° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa d<br />

DARIO ORLETTI<br />

lo ricordano con tanto<br />

affetto <strong>la</strong> moglie, <strong>la</strong><br />

figlia, il genero e i nipoti.<br />

Sarà celebrata una<br />

messa di suffragio<br />

il 1° febbraio presso <strong>la</strong><br />

chiesa di San Francesco<br />

di Pao<strong>la</strong> alle ore 18,00<br />

(Arco Clement<strong>in</strong>o).<br />

TELEFONO AZZURRO 19696<br />

CARABINIERI 112<br />

POLIZIA STRADALE 113<br />

VIGILI DEL FUOCO 115<br />

SOCCORSO STRADALE 116<br />

EMERGENZA SANITARIA 118<br />

OSPEDALE PRONTO SOCCORSO 0731/534214<br />

VIGILI URBANI 0731/779088<br />

GUARDIA MEDICA E VETERINARIA 0731/5555<br />

47

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!