Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

VA')

sarò a l'are} lo invonio presso al mare oceano. (Jostui

provedendo al liiso^^no della veit(waglia , a ciascnna

gente vicina mandò nno ambasciatore , e ai Veneti

mandò due ambasciatori perchè quegli erano la pili

possente gente di quella regione, e al presente non

si trova di quella il nome nò alcuno vestigio (e così

vanno le cose umane). Quegli, pensando forse per

questo modo riscuotere i suoi statichi , i quali egli

non aveano dato volentieri, ritennono gli ambascia-

tori e messongli in prigione. Ad esempio di questi i

popoli vicini , come quegli hanno leggieri e mobili

ingegni, similmente non lasciarono tornare gli amba-

sciadori, che erano andati a loro. Essendo fatte queste

cose verso de' Romani in Gallia contro la promis-

sione e contro la buona usanza, Cesare qon avea

pensiero a questo , perchè credeva ogni cosa essere

cheta , e già tratto da cupidità di vedere luoghi non

veduti era andato in Ischiavonia, la quale era parte

della sua provincia ed eragli aggiunta por la legge

Vatinia. E quella amplissimo paese, al quale è dal-

l' un lato l'Italia e l'alta Alemagna, dall'altro è

Macedonia, Tracia e 1' Epiro: dal terzo il mare Adria-

tico, e dal quarto è il Danubio, il quale è il maggior

fiume di questi paesi. Notificata per lettere questa

ribellione a Cesare , mandò indietro che fossono tro-

vate quante galee si poteva e apparecchiate nel fiume

Ligeri, il quale è famoso in Gallia, e con il suo nome

per sé solo entra nel mare oceano, e gli ufficiali e i

galeotti per le dette navi sieno trovati per quella

provincia, acciò che, com' elio sarà venuto, con questa

gente elio vada a seconda del fiume contro i nimici,

i quali abitano presso il mare oceano. Ed elio mede-

More magazines by this user
Similar magazines