Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

257

tidandosi del sito e della fortezza del luogo; e nien-

temeno cercava , se elio vedesse modo di nuocere al-

l' ardentissimo nimico. In questo solamente intento

sollecitava , che Cingetorige e gli altri amici venis-

sono a lui con quanta gente egli potessono. Tutti si

apparecchiano ad obbedire. In questo mezzo Indicio-

maro ora guardando la fortezza del luogo , ora git-

tando saette , ora minacce , appressato al campo an-

dava intorno, e Labieno stando dentro continuamente

mostrava maggiore paura. E l' audacia de' nimici più

e più cresceva , infinochè nascosamente messa dentro

di mezza notte alcuna gente da cavallo e con grande

sollecitudine tenendolo occulto, sicché per ninno segno

si potesse alcuno accorgere di questo, tornato il dì,

Indiciomaro tornò secondo usanza e assali il campo

lanciando frecce i suoi dentro dal campo , e con

grande dispregio chiamavano i Romani con alte voci

che escano fuori a combattere. E i Romani stavano

taciti. I Gallici facendo molto danno al luogo , ma

niente a' nimici, finalmente la sera, come egli sole-

vano , divisi e stanchi si partivano. I quali Labieno

come vide molto sparti , subito aperte le porte del

campo, comandò che la gente uscisse fuori, e indovi-

nando quello che avvenne, disse: Niuno ferisca altri,

infinochè non è morto Indiciomaro, acciò che elio non

abbia spazio di scampare mentre voi combattete con gli

altri. E promette a quegli che l' uccidessono grande

premio ; e usciti fuori incontanente quegli da cavallo,

mandò dietro a quegli soccorso di eletti pedoni. E que-

gli feciono come gli era comandato. I nimici percossi

da cosa non pensata e fuggendo, e i Romani per con-

trario tutti intenti a uno, in mezzo del fiume circon-

17

More magazines by this user
Similar magazines