Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

* 337

coiiKUida mento S{Uiza alcuna mormorazione o lamen-

tanza. Confortati dappoi gli Edui, che egli non aves-

sono discordia tra loro, la quale è sempre pestilenziosa

e mortale nelle ji^randi terre, e che alla presente guerra

egli dessono 1' aiutorio, che egli potessono, ai quali ,

vinta Gallia, elio renderebbe degno premio, ottenne,

che egli gli inanderebbono tutta la gente da cavallo

e diecimila pedoni. Allora divise 1' oste in due parti,

e mandò Labieno contro ai Senoui e ai Parisii con

quattro legioni e grande parte della gente da cavallo,

ed elio con sei legioni e tutta 1' altra gente da ca-

vallo tornò agli Alverni e andò a Gergonia. Vercin-

getorige, saputa la venuta di Cesare, ruppe tutti i ponti

del fiume da quella parte, onde elio sapeva che elio

dovesse passare , il quale io trovo essere chiamato

Laber, e in alcuno luogo Claver. Imperciò venendo

trovò serrate le vie e i nimici andati per 1' altra ripa.

In questo stato yarii pensieri stimolavano i capitani :

Vercingetorige teaieva, che elio non rifacesse alcuno

de' ponti; Cesare temeva di stare impacciato la state

dal fiume, il quale innanzi 1' autunno non si poteva

passare. Nientemeno lo ingegno di Cesare vinse ogni

inconvenienza. Perchè, mandati tutti gli arnesi della

regione e datogli quattro legioni e aggiunte a quelle

alquante coorti, acciò che paresse tutto il numero delle

legioni e paresse che tutto 1' oste cercasse il passo in

altro luogo, elio rimase in luogo nascosto solamente

con due legioni, che gli restavano, e comandò ai suoi

che egli andassono molto da lungi e chf^ da lungi egli

traessono i nimici. Allora partiti i nimici e seguendo

la via dell' oste de' Romani, acciò che egli contrastas-

sono dovunque egli volessono passare, Cesare pigliò

22

More magazines by this user
Similar magazines