Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

il messo :

355

clie quegli tlieciinila di sua gente erano in

potestà ili Cesare , e die Litavito fuggendo appena

scampò. Allora presi da subita paura, andarono con

mutato volto, ma non con mutato animo, al tribuno,

il quale egli tenevano assediato, e scusarono il fatto

dicendo che la sua ingiuria era fatta mattamente e

non con consentim'ento del popolo ; de' beni suoi, che

gli erano stati tolti, feciono processo, bandeggiarono

Litavito e i suoi fratelli, e pubblicarono i suoi beni, e

sopra questo mandarono ambasciatori a Cesare, i quali

scusassino il fatto e domandassono perdonanza. E tutto

questo non con buono animo , ma per paura : ed in

questo mezzo segretamente consigliavano al modo

usato, e per messi esortavano a guerra le cittadi vi-

cine. La ricordanza de' molti beneficii e onori era pe-

rita : solamente si ricordavano che elio era misericor-

dioso. La qual cosa benché ella dovesse indurre ognuno

a obbedienza e amore, commosse molti indegnamente

a ingiurie ; finalmente questa lo condusse inflno alla

morte. Della qual cosa si dirà a suo luogo: ma al

presente seguirò quello, che io ho cominciato. Adunque

Cesare, bendi' elio sapesse chiaramente l' animo degli

Edui, nientemeno elio diede benignissima risposta agli

ambasciatori, che andarono a lui : cioè che per la pro-

sunzione di alquanti matti elio non amava meno quella

terra carissima a lui, e che non gli potrebbe entrare

in animo non essere amato da quegli , i quali elio

tanto amava e sempre aveva amati. E questo rispose

agli ambasciatori.

More magazines by this user
Similar magazines