Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

nella provincia dt;" lioiuani , gli Edili essere latti ri-

belli, tutta la Gallia essere in movimento. Per le quali

cose mosso Labieno aveva deliberato non conjbaltere,

e solo questo pensava, cioè come elio potesse ridurre

salve le sue legioni al castello Ageduico ( così era

chiamato il luogo) onde elio era partito, e dove, posta

la ris(50ssa, elio aveva lasciato i suoi arnesi. In quello

mezzo i Bellonati, intra i Gallici famosi, seguivano si

grandi movimenti, e mossi per la ribellione degli Edui

avevano discoperto lo celato odio, e già inimici mani-

festi erano sotto le armi. Perciò gravato da una parte

dai Parisii, dall' altra dai Bellonati mutò consiglio in

tempo , perchè era circondato da varia gravezza di

guerra , e deliberò tentare la fortuna combattendo ;

ed aiutato da un aspro temporale di notte, morte le

spie dei nimici non guardandosi , tutta la notte con

vario roraoreggiare e con molta paura mostrando di

fuggire, tenendo i nimici solleciti e sospesi infino al

di, subito levossi , e, ordinate le schiere, confortò i

suoi con magnifica orazione in prima pregandogli, che

egli si ricordino della sua prima e tante volte provata

virtude e di Cesare, e che egli si facciano a credere

che elio sia presente , con il quale egli hanno avute

molte e famose vittorie; perchè solamente con la sua

ventura anch' ora si combatte, e con la ricordanza di

lui i suoi piglieranno fidanza e i nimici paura. Dette

queste cose, diede il segno della battaglia. Combatte-

rono dall' una parte e dall' altra con grande animo in

tanto, che i Gallici nel primo assalto, cacciata indietro

una parte dei suoi, gli altri, benché fossono afflitti di

molte piaghe, non volsono il volto in dietro e non

mossono il piede di suo luogo. E come la settima le-

More magazines by this user
Similar magazines