Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

391

se elio aveva condotta, la quale molto scarsamente e

malignamente partendo, stava veramente a modo di

assediato , non facendo guerra con uscire fuori , né

combattendo, ma con lo aspettare e con i messi, do-

mandando ed aspettando da ogni parte aiutorio. Ce-

sare, fatto più certo dello stato degli assediati dai

fuggitivi e da alcuni presi, sollecitava con tanto studio,

che leggere o udire è fatica , il fortificarsi con torri

ed edifici!, e ancora avere abbondanza di frumento dai

più fertili paesi , ed ogni cosa che in sì fatti casi si

può pensare per ingegno umano, con il quale elio

ovviasse non solamente ai pericoli apparenti , ma a

qualunque cosa con 1' animo si può fingere ; le quali

tutte cose lo appetito della vittoria e della gloria fa-

ceva leggiere a farsi. Ma i popoli de' Gallici informati

per lo tornare de' suoi , come le cose stessono in

istretto caso ad Alessia, fatto il consiglio e udita la

intenzione dei principi , deliberarono che per niuno

modo egli dispregierebbono questo sì grande pericolo

di Gallia , ma non di costringere alla battaglia tutti

quegli, che potessono portare arme, la qual cosa aveva

domandato lo assediato capitano ; e acciò che il fatto

non fosse senza fine, determinarono porre in ciascuna

cittade certo numero. Lunga cosa è andare dietro a

ogni particolarità, e, benché il conoscere delle cose

faccia al fatto, alcuna volta elio non è meno rincre-

scevole ; i nomi delle citta sono quaranta o circa, e di

queste trovo che il numero de' combattitori da cavallo

fu otto mila , e di quegli da piedi dugento quaranta

mila. Con questa sì grande moltitudine fresca e po-

sata dovevano combattere dieci legioni de' Romani già

stanche vincendo nel paese de' nimici. E questa si

More magazines by this user
Similar magazines