Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

409

ma la sola potenza che certamente era grande, e di-

cevano e avevano per certo , che , se egli avessono

messa fuori la sua gente, i Romani non avrebbono

potuto ovviargli in tanti luoghi, ovvero, se egli 1' aves-

sono avuta tutta in un luogo, non avrebbono potuto

portare sì grande soma. La quale ultima cosa special-

mente quanto egli stimassono giustamente ,

1' ultima

battaglia glielo doveva avere insegnato. Ma enno molti,

che niente imparano pensare di quello che deve avve-

nire, se non quello che egli desiderano che avvenga ;

cosi sottopongono al suo desiderio il capo indomito

della fortuna , e molto spesso si trovano ingannati.

In quello medesimo errore sono quegli , che credono

che i suoi consigli esaminati tra molti non vengano

mai a notizia dei nimici , e perchè non gli vogliono

manifestare , si fidano non potersi manifestare. I Bi-

turigi allora caddono in questo. Cesare , ordinate le

cose appresso gli Edui, un dì innanzi calen di Gen-

naio , il quale certamente non è tempo atto all' oste

per cavalcare, elio si partì di Bibratte e comandò ai

cavalieri, che egli non ardessono le ville, acciò che

non mancasse pascolo all' oste, o che i nimici ve-

dendo . impauriti fuggissono in luogo sicuro : e cosi

subito andò nel paese de' Brugesi , onde gli era an-

nunziato che erano i nimici. E mandati innanzi i ca-

valieri in primieramente pigliarono per gli campi ì

villani, che stavano sicuri e in riposo, primachè egli

potessono o fuggire o che egli si potessino accorgere,

da chi egli fossono presi. Così pigliate molte migliaia

d' uomini, gli altri Brugesi per le città vicine cerca-

vano salute a sé per la sollecitudine di quegli che

ritenevano i Romani , per la privata fede o per lo

More magazines by this user
Similar magazines