Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

413

villani, che tutti i Bellonati atti ad arme, e con que-

gli i popoli di cinque altre cittadi, orano andati tutti

in uno alto luogo circondato dai paduli , e in quello

luogo avevano posto il campo aspettando la venuta

di Cesare, acciò che, se elio venisse con pochi, cioè

con tre legioni, come era la nominanza, egli delibe-

rassono combattere ; se elio venisse con molti , egli

si difendessono con la fortezza del luogo e con la

necessità dello strame e del frumento e con 1' aspra

parte dell' anno, le quali cose tutte combattevano per

loro contro a Cesare. La quale intenzione udendo elio

conobbe che quello era assai sano consiglio e non di

barbari, e sommamente stette attento di venire alle

mani con quegli, essendo i suoi dispregiati per pochi,

fidandosi quegli pochi in numero, ma esperti in bat-

taglia e di conosciuta virtude, essere uomini si fatti,

che ninna moltitudine, ninna forza di nimici gli po-

"

tesse corrompere. Adunque chiamati i cavalieri, e ma-

nifestatagli la deliberazione de' nimici, confortò i suoi,

che al modo usato egli si portassono virtuosamente

e che egli andassono stretti , acciò che crescesse la

opinione de' nimici clie egli fossono pochi. Elio pose

dinanzi tre legioni, com' elio potè più strette, gli ar-

nesi mise in mezzo, di dietro pose una legione; e

nientemeno per questa malizia non ingannò i nimici.

E benché 1' essere pochi gli confortasse a combattere,

la subita andata gli disconfortava, la quale pareva

piena di speranza grande, com' eli' era : egli stettono

in luogo alto. Cesare, com' elio potè, fortificò il campo

più presso ai nimici con isteccati e torri spesse e forti

oltre al modo. E questo faceva per due cagioni, acciò

che elio crescesse ai nimici speranza e opinione che i

More magazines by this user
Similar magazines