Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

541

sposto d' andare in Parlia, vinto ancora dal consiglio

do* suoi consenti andare in Egitto, e quella sentenza,

che fu peggiore , vinse , la qual cosa spesso avviene

ne' consigli. Perchè, come la sciagurata nave arrivò

al lido d' Egitto, a quello re, al quale elio era stato

(lato dal senato per tutore, e servato gli aveva il

l'egno con somma fede , e con pietà di padre glielo

aveva restituito, e per ragione della dimestichezza

del padre e pei servigli , che elio gli avea fritti , an-

dava per domandare aiutorio , Tolomeo giovane re ,

saputa la solitaria venuta di sì grande uomo , pen-

sando la fortuna per lo suo abito, e turbato di si

subita cosa, domandando in tumultuoso consiglio, che

fosse da fare (se alcuno buon consigliatore vi fu);

la sua sentenza fu vinta da quella di vilissimi servi,

per paura de' Romani, come dappoi scusandosi egli

dicevano, o fosso deliberato per sola malvagità e per

dispregiare lui e acquistare la grazia di Cesare e

seguire la fortuna; e furono mandati assassini, i quali

il togliessono della nave in una piccola barca con po-

chi,, sotto scusa di rio porto, per menarlo al re, e poi

lo uccisone. fortuua degli uomini e fine delle pro-

spere cose! In cospetto del figliuolo e della moglie e

degli amici crudelmente fu morto con il coltello di

Achilia, crudelissimo uomo, e di Settimio, fierissimo

uomo , già stato suo cavaliere , e allora del re , poi

suo disertore. E se non lo riteneva la vergogna di

averlo altra volta abbandonato , il cittadino romano

non dovea esser mandato a uccidere il romano prin-

cipe, e cosi avere obbedito il comandamento dello scel-

lerato re d' Egitto. Oh quanto era il caso più onesto,

se non vi fos^e skita la mano de' Romani ! Ma la

More magazines by this user
Similar magazines