Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

i43

gli della terra. Perchè cupidamente la speranza piglia

ogni uomo , e fannosi a credere cose che egli cono-

scono non essere e non potersi fare : si dolce cosa

è non dirò sperare, ma pensare quelle cose, che di-

lettano ; ma io non intendo , come uno si speri le

pensare si può ogni cosa. Cosi

ma cose impossibili :

Pompeo consolando sé e consolandolo gli altri , e

come io penso, elio essendo commosso da una grande

sollecitudine grande parte della notte stava con le

schiere ordinate, Cesare, non so per che via andando,

uscì del campo. Al quale essendo notificato lo stato

de' nimici, stette fermo e ordinò le schiere. Corsono

l'uno contro all'altro con grandi romori, ma con

maggiori animi e con ineffabile e grandissimo odio,

ed aspramente e pertinacemente combatterono ; e in

ninno luogo Cesare fu mai in tanto dubbio, né sì

prossimo allo estremo pericolo con i nimici né con i

cittadini, la quale cosa tu dirai essere di vergogna, ed

essere segno della debilità degli uomini ; e fu la cosa

in tanto pericolo, che, come Floro ornatissimamente

dice, la fortuna parea deliberare non so che. E non

so pensare che altro , se non se , o ella voleva se-

guire il suo amico infino all' ultimo con ferma e

al postutto non usata fede , o se ella volendo se-

guire altri abbandonasse lui allo estremo della via.

E questa deliberazione della fortuna si grande fu e

si lunga , che nella indugia della battaglia non pie-

gandosi la vittoria ad alcuna delle parti, gli antichi

cavalieri esperti in tante vittorie a poco a poco si

cessavano indietro , alla quale vergogna non erano

usati gli occhi di Cesare, e non si ritenevano di fug-

gire palesemente per virtìi più che per vergogna , la

More magazines by this user
Similar magazines