Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

Capitolo XXVII.

delle civili hallaglie, nel quale si contiene come Cesare,

ordinata la Spagna , tornò a Roma , e i suoi

trionji, e come elio ordinò la Repubblica,

e ultimamente la sua morte.

653

Compiute queste tante battaglie, finite tante fa-

tiche , le quali non che portare , ma scrivere e leggere

e udire è fatica, Cesare vincitore tornò a Roma,

al mio giudizio beato di felicitade di battaglie, e fa-

vello secondo il secolo , se solamente avesse vinto i

nimici della patria e non la patria. E questa fu certo

la vergogna e la considerazione de' costumi de' Ro-

mani, che solamente elio trionfasse de' nimici, e sola-

mente permettesse che si scrivesse il numero de' ni-

mici morti sotto la sua capitananza , e se ne facesse

memoria. Vietava di scrivere il numero de' cittadini

morti , acciò che non si rimproverassono alla patria

le sconfitte e le miserie di casa ; benché del numero

de' nimici morti si farebbe grande vergogna alla

umana generazione , se non si facesse ai Romani.

Perchè per il suo condurre, secondo che si dice da

notabili autori , undici volte cento e novantadue mi-

gliaia di nimici furono morti, e seguesi : che elio non

volle fosse notato, quanti elio ne vinse nelle civili bat-

taglie. Trionfò quattro volte, secondo che dicono quasi

tutti gli autori, secondo gli altri più certi, cinque volte.

Il primo trionfo fu di Gallia e d' Inghilterra, e questo

More magazines by this user
Similar magazines