Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

nfi5

era cercato il cammino o per altri o per lui mede-

simo ; alcuna volta entrava tra i nimici sconosciuto

neir abito di quegli, sicché, considerata ogni cosa, si

poteva dubitare, se elio era più animoso, o piìi pro-

veduto e più cauto. Ebbe prestezza non solamente

meravigliosa , nm incredibile e nello ingegno e nel

corpo, sicché, se elio aveva a fare alcuna cosa con

lo ingegno, potevasi credere che elio 1' avesse prima

fatta, che cominciata; e similmente pareva con il

corpo non andare , ma volare , sicché in ciascheduno

dì camminava alcuna volta cento miglia , e se elio

trovava fiumi passavagli o notando o con otri en-

fiati vogando con i piedi, sicché spesse volte, che me-

raviglia é a dire , i messi mandati innanzi ad an-

nunziare alle cittadi la sua venuta, arrivavano ad

un' ora con lui , e alcuna volta si smarrivano tro-

vando che elio era prima arrivato. E con questa

prestezza era alcuna animositade e ardire in tanto ,

che spesse volte per grandissime tempeste, quando

eziandio ninna speciale persona sarebbe stata ar-

dita entrare in cammino , elio camminava con tutto

l'oste, e incontanente, com' elio arrivava, assaliva

gli sbigottiti nimici, e non gli dava alcuno riposo o

spazio da risumere 1' animo. Quante volte era dub-

bioso pericolo, elio mandava via i cavalli e special-

mente il suo, acciocché, rimanendo con i pedoni a

uguale pericolo , e tolta via la speranza di fuggire ,

elio fermasse tutto l' oste come uno uomo. E oltre

all' arte di capitananza elio adoperò 1' ufficio di cava-

liere si valentemente, che, come niuno fu pari capi-

tano a lui, così niuno fu migliore cavaliere. Adunque

spesse volte elio solo dirizzò le schiere che piegavano,

More magazines by this user
Similar magazines