Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

47

segue i niinici. Ancora per lo paese de' Sequani pf

degli Edui è uno fiume, il quale si sparge e scorre

si pigramente, che appena si può discernere, dove elio

abbia suo corso, il quale per antico nome è chiamato

Arar, e per nuovo è chiamato Sona, e sta cheto a

modo di uno lago. Questi passando per lo paese di

Lugdonia innanzi al muro della città si meschia con

il Rodano , sì veloce , come quello è pigro. E questo

passavano con navi gli Elvezii; ai quali passando so-

pravvenne la notte, ed essendo già passate le tre

parti, la quarta aspettava di passare la seguente mat-

tina ; ed avea disposto la fortuna che questa fosse

quella parte degli Elvezii, la quale molti anni innanzi

avea dato al popolo di Roma grave sconfitta e ver-

gogna uccidendo il consolo e ponendo 1' oste sotto

servitù, come poco innanzi dicemmo; nella quale scon-

fitta era stato morto intra molti uno Lucio Pisene

ambasciatore del consolo, avo di quel Pisene, il quale

mo era consolo e suocero di Cesare. E perciò Cesare

più allegro, essendo venuto il caso di vendicare la pri-

vata e la pubblica ingiuria, solamente con tre legioni

di mezza notte uscì del campo, e, assaliti quegli i

quali erano occu-^ati a passare e non temevano sì

fatto pericolo, con grande sconfitta gli spacciò, rima-

nendone pochi, i quali fuggirono in alcune selve, che

erano quivi presso. E fatto questo, Cesare niente in-

dugiò, ma incontanente, fatto uno subito ponte, passò

il fiume per assalire lo avanzo de' nimici con quello

medesimo furore di fortuna. Nel qual passare turbati

i nimici , e massimamente perchè egli si meraviglia-

vano di tanto ardente animo , avendo elio passato in

uno di, alla qual cosa egli s' erano aff'aticati ind.arno

More magazines by this user
Similar magazines