Le Vite degli uomini illustri;

booksnow1.scholarsportal.info

Le Vite degli uomini illustri;

079

biture, che Cesare ridurrebbe molti dallo inferno , se

fosse possibile, perchè di quella med'Bsiina gente elio con-

serva quegli, che olio puote. Questa benignità e questi

costumi di Cesare , i quali il dovrebbono avere fatto

amici) di tutta la umana generazione , gli trovarono

la morte, della qual cosa è lecito avere sospetto. Poi-

ché parve che sicuramente potesse essere offeso co-

lui, che perdonava ogni cosa a ogni uomo, e di niente

faceva vendetta. Alcune altre cagioni si aggiunsono

a queste, ed è leggiera cosa trovare o fingere cagioni.

Dicono che elio era superbo , e certamente sì fatti

sogliono essere crudeli , ed è manifesto che la cru-

deltà fu molto di lungi da lui. E posto che sia al-

cuna superbia in lui, la qual cosa appena può essere,

certamente dietro a tante vittorie elio era cessato di

essere meraviglioso , ed era leggiero alla coscienza

delle cose fatte. Dicono che elio die il magistrato oltre

air usanza de' costumi della patria e non solamente

a sé, ma eziandio agli altri. Dicono eh' usurpò troppi

onori, continuo consolato, perpetua dittatura e censura,

nome d'imperatore e di padre della patria, le quali cose

dietro a lui avvennono a molti altri molto dissimiglie-

voli, la statua tra i re, altezza in sedia, la quale certo

non si doveva dare a chi la domandava , ma

di ra-

gione a chi la rifiutava , e non solamente gli onori

umani, ma i divini, la sedia dorata nella corte posta

alta, templi ed altari ; ne' quali, io confesso, elio passò

il modo. Ma quello che segue, che è ? Le immagini

appresso agli dei ; ma che dei erano quegli ? Forse

Giove Nettuno, i quali non valevano il piede di Ce-

sare, uomini viziosi, o, come è scritto : Tutti gli dei

delle genti sono demonii. Dicesi ancora che elio dispre-

More magazines by this user
Similar magazines