Istituto dei Sordi di Torino - Città di Torino

comune.torino.it

Istituto dei Sordi di Torino - Città di Torino

ISTITUTO DEI SORDI DI TORINO

Viale San Pancrazio 65 – 10044 Pianezza (TO)

Tel.: 0119676317 - Fax: 0119677048

Sito: www.istitutosorditorino.org e-mail:educativa@istitutosorditorino.org

C.F.86001190015 – P.I.08120540011

MODELLO SI SCHEDA DI PRESENTAZIONE ALLE FAMIGLIE.

UTENTI SORDI

Istituto dei Sordi di Torino

Viale San Pancrazio, 65 – Pianezza (To)

Tel. 011 9676317

Fax 011 9677048

e-mail: direzione@istitutosorditorino.org; educativa@istitutosorditorino.org

Sito Internet: www.istitutosorditorino.org

Attività dell’agenzia

L’Istituto dei Sordi di Torino è un Ente di antica origine, nato quasi 200 anni fa con il

duplice scopo di istruire i bambini sordi e formare i loro maestri.

La prima sede definitiva dell’Istituto fu in via Assarotti, a Torino, dove vi rimase per circa

100 anni, fino al 1965 quando venne costruito il grande edificio di Pianezza, dove hanno

tuttora sede le attività istituzionali dell’Ente, in Viale S. Pancrazio n. 65.

Attualmente l’Istituto eroga un complesso articolato di servizi rivolti a disabili sensoriali ed

è organizzato in aree di intervento, come segue:

LE SCUOLE E I SERVIZI RESIDENZIALI

− SCUOLA DELL’INFANZIA paritaria “San Francesco di Sales”, convenzionata con il

Comune di Pianezza, con progetti di inserimento di bambini disabili sensoriali e

personale docente ed educativo specializzato.

− CENTRO DIURNO POMERIDIANO per alunni sordi di scuola materna, elementare,

media, superiore e formazione professionale iscritti nelle scuole comuni. Gli utenti

sono divisi in gruppo a seconda del corso di studi frequentato e sono previste attività

per il sostegno scolastico e il raggiungimento delle autonomie. per il sostegno

scolastico e il raggiungimento delle autonomie. Gli alunni usufruiscono del progetto

volto all’integrazione “LE PAROLE CHE SI MUOVONO”, che consiste nell’inserimento

in gruppo di studenti sordi all’interno di una stessa classe. Sono avviati al suo interno

laboratori di LIS per i compagni e prevedono la presenza per tutto l’orario scolastico di

un educatore specializzato.

− “CASA DEI DECIBEL”: gruppo appartamento che ospita giovani e adulti sordi in

temporanea o permanente situazione di disagio e necessità di accoglienza

residenziale. È un servizio aperto tutto l’anno e con copertura educativa e

assistenziale 24 ore su 24. per tutti gli ospiti viene redatto un progetto educativo

individuale che punta all’autonomia lavorativa e personale.

− CORSI per persone sorde adulte in difficoltà (stranieri, pluriminorati).


I SERVIZI SANITARI

− IL CENTRO AUDIOLOGOPEDICO: è costituto da un equipe di 4 logopediste

dipendenti dell’Istituto e da una consulente psicologa, un consulente foniatra, una

consulente di neuropsichiatria infantile. È un servizio rivolto principalmente agli ospiti

delle nostre scuole e del gruppo appartamento ma anche ad utenti esterni.

− ATTIVITÀ DI MUSICOTERAPICA E PSICOMOTRICITÀ con consulenti esterni

specializzati sulle disabilità sensoriali.

SERVIZI EDUCATIVI TERRITORIALI PER PERSONE SORDE.

Educatori specializzati sulla sordità svolgono un servizio di assistenza alla comunicazione

e all’autonomia in favore di minori o giovani adulti sordi inseriti in percorsi formativi di ogni

ordine e grado.

Il servizio si svolge a scuola, a casa e/o sul territorio sulla base di un Progetto Educativo

Individualizzato organizzato sulla lettura dei bisogni dell’utente e concordato con la

famiglia e tutti i professionisti di riferimento facenti parte dell’equipe multidisciplinare.

SERVIZI FORMATIVI E CORSI

l’Istituto, Ente di Formazione accreditato presso il Ministero dell’Istruzione, Università e

Ricerca, organizza corsi di Lingua Italiana dei Segni e di Braille rivolti a personale

docente, educativo e a operatori socio-sanitari, nonché a genitori di bambini sordi, studiosi

e semplici curiosi. Sono inoltre organizzati corsi di aggiornamento sulla sordità e sulla LIS

ad insegnanti di scuole di vario ordine e grado e ad associazioni che si occupano di

disabilità presso le sedi degli enti committenti.

È vigente una convenzione con le Agenzie Formative “Salotto&Fiorito” e “Casa di Carità”

per la docenza nei corsi di formazione per Assistenti alla Comunicazione e all’Autonomia

per disabili sensoriali.

IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE SULLA SORDITÀ.

Il centro di documentazione fornisce un servizio di consulenza bibliografica e di

consultazione dei testi della biblioteca specializzata in particolare a laureandi provenienti

perlopiù dall’Università di Torino; si attiva lo stesso servizio di consulenza tramite posta

elettronica per laureandi residenti in altre città italiane. La biblioteca è comunque a

disposizione, previo appuntamento, di chiunque fosse interessato a informarsi sulla

disabilità sensoriale.

L’Istituto da qualche anno ha una propria pubblicazione, la rivista “La voce silenziosa”,

che raccoglie e diffonde le esperienze degli operatori del settore (dagli educatori agli

assistenti, fino agli interpreti) e i progetti e le iniziative a favore dei disabili sensoriali.

Riferimenti educativi generali e filosofia del servizio

L’istituto dei Sordi di Torino considera l’educazione e l’istruzione dei bambini sordi un

diritto fondamentale ed uniforma a questo principio la propria organizzazione assumendo i

seguenti valori:

CENTRALITA’ DELLA PERSONA. La tradizione delle nostre scuole pone gli alunni al

centro dell’organizzazione dell’Ente, predisponendo una struttura funzionale attenta ai

bisogni particolari e alle fasi evolutive degli alunni e finalizzata allo sviluppo integrale ed

armonico della personalità di ognuno.

EGUAGLIANZA. Non ci sono distinzioni di sesso, età, religione, opinioni politiche e razza.

2


IMPARZIALITA’. L’Istituto agisce secondo criteri di obiettività ed equità, offrendo a tutti

servizi di pari livello qualitativo e in linea con l’orientamento espresso dalle famiglie.

CONTINUITA’. È garantito lo svolgimento regolare e completo del servizio e delle attività

educative.

PARTECIPAZIONE. È garantito il diritto all’informazione sulle prestazioni erogate, la

verifica della correttezza dei comportamenti, della qualità dei servizi e dell’osservanza

delle norme di legge.

EFFICIENZA ED EFFICACIA. Il servizio è erogato in modo da garantire l’efficienza, come

miglior rapporto tra risorse impiegate e risultati attesi e l’efficacia, intesa come rapporto tra

risorse impiegate e risultati raggiunti.

DISPONIBILITA’ ALL’INNOVAZIONE. L’Istituto attua una riflessione continua sulle proprie

attività, volta alla ricerca e alla progressiva qualificazione delle proprie azioni, anche

attraverso collaborazioni con altri Enti e Istituti Universitari e con il confronto continuo e

costante con gli operatori di altre scuole, ASL, Enti locali, centri di formazione

professionale.

Metodologia specifica

SERVIZI EDUCATIVI TERRITORIALI PER PERSONE SORDE

− progetti di educazione bilingue;

− progetti di educazione bimodale;

− sostegno all’apprendimento scolastico;

− sostegno all’apprendimento della lingua verbale e scritta;

− assistenza alla comunicazione e interpretariato per studenti universitari;

− assistenza alla comunicazione per bambini con impianto cocleare.

L’ esperienza specifica

Il primo intervento educativo dell’ Istituto risale al 1814, anno in cui Giovanni Battista

Scagliotti aprì una piccola scuola annessa ad un ente assistenziale torinese per

accogliere sia bambini sordi sia bambini ciechi.

Nel 1985 veniva aperto il Centro Audiologopedico, per offrire ai ragazzi sordi attività

riabilitative secondo le più recenti innovazioni.

Dal 1998 l’Istituto ha cominciato ad organizzare e gestire, a fianco delle attività

tradizionali, servizi educativi territoriali specializzati per disabili sensoriali.

L’istituto ha sviluppato convenzioni con i seguenti Enti:

- con l’Istituto Statale Sordi di Roma e l’Istituto di Psicologia del CNR – reparto Linguaggio

e sordità (dir. Virginia Volterra), nell’ambito di un progetto internazionale denominato “Beni

culturali e sordità”;

- con la Fondazione Robert Hollman di Cannero (VB) per bambini con deficit visivo, per la

proposta di eventi formativi congiunti rivolti alle famiglie e agli operatori;

- con i Centri Servizi Formativi accreditati alla Regione Piemonte II.RR. “Salotto&Fiorito” e

“Casa di Carità Arti e Mestieri” per corsi annuali di formazione professionale per assistenti

alla comunicazione e all’autonomia per disabili sensoriali;

- con la Fondazione Feyles per l’accoglienza in tirocinio di studenti laureandi in Scienze

dell’Educazione all’Università degli Studi di Torino;

3


Inoltre l’agenzia lavora o ha lavorato con i seguenti committenti:

Provincia di Torino, Comune di Torino, Provincia di Asti, Provincia di Roma, Provincia di

Vercelli, Provincia di Alessandria, Provincia di Cuneo, CISA 12 di Nichelino, CISS di

Chivasso, CISSA di Pianezza, CISS-AC di Caluso, CIS di Ciriè, CISSA di Moncalieri,

CONISA Valle di Susa, CISS di Pinerolo, CISS 38 di Cuorgnè, Consorzio dei servizi socioassistenziali

del Chierese, CISA 5 di Rivoli, CIDIS di Orbassano, CISA 31 di Carmagnola,

CISAP Collegno e Grugliasco, CISP di Settimo T.se, Città di Collegno, Città di Settimo

T.se, Comunità Montana Alta Valle Erro e Comune di Acqui Terme, Comunità Montana

Val Pellice, Comunità Montana Val Sagone, Comunità Montana Valli di Lanzo, Comunità

Montana Valli Mongia e Cevetta, Comune di Alpignano, Consorzio di Racconigi(Cuneo),

Consorzio IN.RE.T.E di Ivrea, Consorzio Monviso Solidale, CONVITTO STATALE SORDI

di Torino, UNIVERSITA’ degli Studi di Torino, ASL TERRITORIALI EDISU, SANABIL

Cooperativa Sociale, istituto CSEA.

Modalità di raccordo con la famiglia

Il ruolo della famiglia è centrale all’interno dell’intervento educativo ed è importante che la

famiglia condivida e partecipi alla programmazione degli obiettivi. L’educatore di

riferimento avrà cura di mantenere i rapporti tra la famiglia e l’Agenzia attraverso

l’intervento educativo e attraverso incontri periodici.

Le famiglie mantengono rapporti con l’Agenzia attraverso le riunioni interistituzionali e

attraverso gli incontri con il coordinatore.

Modalità di predisposizione e gestione del progetto individuale

L’intervento educativo è rivolto ad obiettivi condivisi nella collaborazione con la rete dei

servizi e pone l’attenzione su alcuni presupposti ritenuti indispensabili:

- la partecipazione della famiglia al progetto educativo;

- l’integrazione dei servizi per individuare il progetto globale e quello individuale;

- la capacità di lavorare per progetti, obiettivi, verifiche.

Dopo un primo incontro con la famiglia e con gli altri operatori di riferimento l’intervento

viene avviato secondo gli obiettivi stabiliti e concordati in maniera condivisa e dopo

un’attenta lettura dei bisogni. Sono previsti incontri interistituzionali durante l’anno per la

verifica degli obiettivi e la condivisione del progetto.

Modalità di raccordo con i servizi consortili

Sono previsti degli incontri tra il Coordinatore dei servizi educativi e l’ente gestore al fine di

aggiornare l’ente stesso circa l’andamento del servizio. È prevista inoltre la stesura del

Progetto Educativo Individuale (PEI) per ciascun utente che l’Istituto dei Sordi di Torino si

impegna, a conclusione dell’anno scolastico (e comunque non oltre il 31 luglio), a far

pervenire all’ente gestore per informarlo sullo sviluppo e sull’andamento annuale degli

interventi.

Modalità di rapporto con la rete dei servizi e del territorio

È indispensabile che i servizi siano coordinati e capaci di lavoro collaborativi. Nessun

servizio può rispondere da solo alla vasta gamma di richieste delle famiglie con problemi

multipli. È perciò importante creare una buona rete di servizi e lavorare in equipe, tenendo

presente il diverso ruolo di ciascun professionista pur perseguendo gli stessi obiettivi

educativi.

La formazione della rete avviene attraverso gli incontri interistituzionali di programmazione

e verifica degli interventi e attraverso l’andamento dell’intervento educativo.

4


Modalità di verifica in itinere

Le verifiche vengono svolte attraverso gli incontri interistituzionali. Solitamente i momenti

di incontro sono pari a tre durante l’anno scolastico, ma il gruppo di lavoro può essere

convocato in qualsiasi momento per affrontare eventuali difficoltà; durante ogni riunione

viene stilato un verbale, sottoscritto da tutti i presenti, che verrà allegato al PEI a

testimonianza dell’avvenuta verifica e condivisione del progetto.

Modalità di verifica del risultato

Le verifiche finali si svolgono al termine dell’anno scolastico durante un incontro

interistituzionale tra tutti i professionisti appartenenti alla rete e alla famiglia in cui viene

fatto un bilancio degli obiettivi raggiunti e in cui viene pianificata la continuità del progetto

educativo.

Personale impiegato

Il personale impiegato è in regola con la formazione e con gli standards qualitativi richiesti

per l’iscrizione e la permanenza al Registro di Accreditamento. Ciò richiede che

l’educatore sia capace di costruire un progetto complessivo integrato e finalizzato a tappe

emancipative; voglia privilegiare l’ottica delle risorse anziché prestare attenzione a ciò che

manca; riconosca l’importanza della storia affettiva e famigliare del bambino e cerchi di

individuare le capacità integre che ha. Occorre sottolineare l’importanza per gli operatori

che si attui la scelta della formazione permanente e della supervisione: scelta che incide

in modo fondamentale e significativo sul lavoro sociale caratterizzato per la centralità della

relazione con l’altro e che concorre in modo rilevante, e sempre più evidente, alla loro

identità culturale, professionale e solidale.

La formazione permanente diventa parte integrante del metodo di lavoro ed offre anche

un importante ambito di confronto e collaborazione degli operatori con le altre realtà

operative. Anche la supervisione è indice dello sforzo di professionalità e chiarezza con

cui si vuole caratterizzare gli interventi.

Altri servizi offerti dall’agenzia educativa

Servizio di interpretariato in LIS per conto di privati e/o enti; servizio di Logopedia e di

Foniatria; servizio di Riabilitazione Linguistica; assistenza guidata al centro di

documentazione sulle disabiltà sensoriali; corsi di LIS e di Braille; corsi di orientamento e

di mobilità per disabili visivi; corsi di autonomia personale e domestica per disabili visivi;

interventi riabilitativi attraverso la Stimolazione Basale; servizio di ingrandimento testi per

ipovedenti; corsi di didattica per sordi e Riabilitazione Linguistica; comunità alloggio per

sordi adulti; counseling psicologico; scuola guida per sordi; aula multimediale con

possibilità di videoconferenza; rivista specializzata sulla sordità e le tematiche legata ad

essa; soggiorni estivi al mare per adolescenti sordi; Centri Estivi.

5

More magazines by this user
Similar magazines