01.08.2013 Views

OGGI - sito in costruzione

OGGI - sito in costruzione

OGGI - sito in costruzione

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

<strong>in</strong> vendita obbligatoria<br />

<strong>OGGI</strong><br />

Nuovo Molise + il Giornale<br />

Anno 15 N. 86 - € 1,00<br />

I P<strong>in</strong>occhi<br />

della buona<br />

novella<br />

Silenzio, si vota. Allora<br />

parliamo d’altro: ad esempio<br />

di Sanità. Un colabrodo<br />

ormai di ribalta nazionale.<br />

Dopo quella rimediata su Sole<br />

24Ore e Gazzett<strong>in</strong>o, la terza<br />

fi guraccia settimanale lor<br />

signori del Palazzo regionale<br />

se la sono assicurata grazie al<br />

giornale leghista «laPadania».<br />

A parlare, <strong>in</strong> questo caso,<br />

un addetto ai lavori: il<br />

sottosegretario alla Salute, On.<br />

Francesca Mart<strong>in</strong>i. La palad<strong>in</strong>a<br />

dei cani, ben nota per le sue<br />

battaglie animaliste, si occupa<br />

<strong>in</strong> questa circostanza del canaio<br />

molisano, quello che ruota<br />

attorno ai conti del sistema<br />

sanitario, un pasticcio con un<br />

disavanzo pari a 110 miloni di<br />

euro. Un dato compreso nel<br />

quadro debitorio di 539 milioni<br />

di euro complessivamente<br />

maturati negli ultimi sette<br />

anni. “Il Molise - chiede<br />

l’<strong>in</strong>tervistatrice - è come se<br />

fosse repellente alla legalità”,<br />

e la rasoiata della Mart<strong>in</strong>i<br />

non si fa attendere: “Non<br />

credo che pass<strong>in</strong>o <strong>in</strong>osservate<br />

le violazioni palesi alla legge.<br />

Nè al m<strong>in</strong>istero nè ai Nas, che<br />

sono l’organo <strong>in</strong>vestigativo sul<br />

territorio cui fa riferimento il<br />

m<strong>in</strong>istero. Apprendiamo qu<strong>in</strong>di<br />

da un sottosegretario di Stato<br />

che sulle tracce della Sanità<br />

molisana, oltre al Commissario<br />

Iorio, al sub-Commissario<br />

Mastrobuono e all’assessore<br />

Passarelli, la cui funzione<br />

decorativa appare ogni giorno<br />

sempre più evidente, ci sono<br />

anche i carab<strong>in</strong>ieri del Nas.<br />

“Paradossalmente - aggiunge<br />

la Mart<strong>in</strong>i - doveremmo<br />

commissariare i Commissari”,<br />

e poi aggiunge, come una<br />

campana che suona a morto:<br />

“Daremo l’esempio, il Molise<br />

servirà da esempio per tutto<br />

il Paese”. Insomma, quanto<br />

basta a smascherare, semmai<br />

ve ne fosse bisogno, i P<strong>in</strong>occhi<br />

della buona novella: quelli che<br />

predicano bene e razzolano<br />

male, anzi malissimo, dando a<br />

credere che la ricetta per venire<br />

fuori dal baratro è già pronta.<br />

In realtà non c’è assolutamente<br />

nulla, non sapendo lor signori<br />

dove sbattere la testa. La<br />

strada per parare il colpo, al<br />

momento, è solo una e passa<br />

attraverso ulteriori tasse,<br />

utilizzo improprio dei fondi<br />

Fas e svendita dei gioielli di<br />

famiglia. Come un nobile<br />

decaduto, Iorio dovrà vendere<br />

l’argenteria dei molisani per<br />

tappare i buchi da lui aperti.<br />

Con una differenza: qui, oltre<br />

ai soldi, manca pure la nobiltà.<br />

Pasquale Di Bello<br />

<strong>OGGI</strong><br />

<strong>OGGI</strong><br />

<strong>OGGI</strong><br />

Nuovo Molise<br />

Edizione della regione e del Frentano<br />

Poste Italiane sped. <strong>in</strong> A.P. - D.L. 353/2003 conv.L.46/2004 art.1,c1,DCB CB<br />

Campobasso: Via Garibaldi 48 - Tel 0874.49571 Fax 484365<br />

Pubblicità: N.C.P. srl Via Garibaldi 48 Campobasso Tel. 0874.484400 Fax 699152<br />

Nello sport<br />

www.nuovomolise.net<br />

Isernia: P.zza della Repubblica, 29 - Tel. 0865.411789 Fax 411910<br />

Termoli: C.so Nazionale, 10 - Tel. 0875.81095 Fax 81352<br />

Domenica delle Palme<br />

Domenica 28 marzo 2010<br />

Elezioni, due giorni per scegliere il futuro<br />

CORSA AL VOTO<br />

Sfi da tra c<strong>in</strong>que candidati<br />

con l’<strong>in</strong>cognita ballottaggio:<br />

tra speranze e timori<br />

CALCIO - Buon pari per l’Agnone, v<strong>in</strong>ce il Trivento: i playoff sono ancora possibili. Bojano ko<br />

I Lupi cadono e Capone denuncia...<br />

Il patron rossoblù rivela una telefonata sospetta<br />

CAMPOBASSO<br />

Scuole sicure,<br />

esposto<br />

<strong>in</strong> Procura<br />

Ma il s<strong>in</strong>daco<br />

m<strong>in</strong>imizza:<br />

nessun<br />

allarme<br />

A pag<strong>in</strong>a 12<br />

TERMOLI<br />

Speciale elezioni da pag<strong>in</strong>a 2 a pag<strong>in</strong>a 10<br />

IL Campobasso perde immeritatamente contro L’Aquila, ma<br />

a notizia è il tentativo di comb<strong>in</strong>e rivelato a partita fi nita<br />

dal presidente rossoblù Ferruccio Capone. L’episodio è stato<br />

confermato dal calciatore dei lupi Alessandrì che ha dichiarato<br />

pubblicamente di aver rivecuto una telefonata ‘sospetta’.<br />

ALTRI CENTRI<br />

Altri 17 Comuni <strong>in</strong> cerca<br />

del primo cittad<strong>in</strong>o<br />

Fibrillazione a Montenero


2 SPECIALE ELEZIONI<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Da questa matt<strong>in</strong>a alle 8 urne aperte per decidere le sorti di diciotto Comuni<br />

Amm<strong>in</strong>istrative, parola agli elettori<br />

Complessivamente<br />

sono 54 gli aspiranti<br />

s<strong>in</strong>daci<br />

e 68 le liste<br />

collegate<br />

Dodici i Comuni<br />

<strong>in</strong> prov<strong>in</strong>cia<br />

di Campobasso,<br />

sei <strong>in</strong> prov<strong>in</strong>cia<br />

di Isernia<br />

ECCO tutto quello che c’è<br />

da sapere prima di recarsi<br />

alle urne.<br />

QUANDO SI VOTA<br />

Le operazioni di voto per<br />

l’elezione dei s<strong>in</strong>daci e dei<br />

consigli comunali si svolgeranno<br />

domenica 28<br />

marzo, dalle ore 8 alle<br />

ore 22, e lunedì 29 marzo<br />

2010, dalle ore 7 alle ore<br />

15.<br />

Lo scrut<strong>in</strong>io dei voti <strong>in</strong>izierà<br />

subito dopo la conclusione<br />

delle operazioni<br />

di voto e l’accertamento<br />

del numero dei votanti.<br />

COME SI VOTA<br />

● Elezione del s<strong>in</strong>daco e<br />

del consiglio comunale di<br />

Termoli (con popolazione<br />

superiore a 15.000<br />

abitanti) - La scheda, di<br />

colore azzurro, reca i<br />

nomi e i cognomi dei candidati<br />

alla carica di s<strong>in</strong>daco,<br />

scritti entro un appo<strong>sito</strong><br />

rettangolo, al cui<br />

fianco sono riportati i<br />

contrassegni della lista o<br />

delle liste con le quali il<br />

candidato è collegato.<br />

L’elettore può votare:<br />

* per una delle liste, tracciando<br />

un segno sul relativo<br />

contrassegno; il voto<br />

così espresso si <strong>in</strong>tende<br />

attribuito anche al candi-<br />

I GIOCHI sono ormai fatti. Scende<br />

il silenzio tra candidati s<strong>in</strong>daci e<br />

aspiranti consiglieri e la parola passa<br />

agli elettori.<br />

Oggi e domani, <strong>in</strong>fatti, si metterà<br />

la parola f<strong>in</strong>e su questa tornata<br />

elettorale che ha visto il Molise tra i<br />

protagonisti meno <strong>in</strong> vista. Al contrario<br />

di quasi tutte le altre regioni,<br />

<strong>in</strong>fatti, <strong>in</strong> Molise non si vota nè per<br />

le Regionali nè per le Prov<strong>in</strong>ciali.<br />

Fatta eccezione per Termoli, <strong>in</strong>oltre,<br />

gli altri Comuni dove si vota<br />

sono tutti di piccolissime dimensioni,<br />

qu<strong>in</strong>di un eventuale turno di<br />

ballottaggio è previsto solo per la<br />

città adriatica.<br />

I NUMERI<br />

Sono complessivamente 18 i Comuni<br />

che andranno al voto oggi e domani.<br />

Oltre che nei due Comuni più<br />

importanti - Termoli e Montenero di<br />

Bisaccia - si voterà per il r<strong>in</strong>novo di<br />

altre dieci amm<strong>in</strong>istrazioni <strong>in</strong> prov<strong>in</strong>cia<br />

di Campobasso - Roccavivara,<br />

San Giuliano del Sannio, Bonefro,<br />

Cercepiccola, San Polo Matese,<br />

Lupara, Montelongo, Casalciprano,<br />

Provvidenti, Pietracupa - e sei <strong>in</strong><br />

provv<strong>in</strong>cia di Isernia - Montenero<br />

Valcocchiara, Roccasicura, Sessano<br />

del Molise, Acquaviva d’Isernia,<br />

Pozzilli, Sesto Campano.<br />

Complessivamente concorrono<br />

alle Amm<strong>in</strong>istrative 2010 54 aspiranti<br />

s<strong>in</strong>daci supportati da 68 liste.<br />

A Termoli sono <strong>in</strong> corsa c<strong>in</strong>que<br />

candidati con ben 19 liste: Antonio<br />

Di Br<strong>in</strong>o sostenuto da dieci liste<br />

(tra partiti e civiche) di area di centrodestra;<br />

l’ex vices<strong>in</strong>daco della<br />

Giunta Greco Filippo Monaco, che<br />

corre con c<strong>in</strong>que liste (tra cui l’Idv);<br />

Remo Di Giandomenico, s<strong>in</strong>daco<br />

prima del dimissionario Greco, sostenuto<br />

da due liste, Erm<strong>in</strong>ia Gatti,<br />

tra i fondatori del movimento «Costruire<br />

Democrazia» che corre però<br />

con la lista del Partito Democratico;<br />

l’outsider Antonio Fasciano, rappresentante<br />

della società civile e promotore<br />

di tante battaglie, che si<br />

presenta con la lista civica nazionale<br />

«Per il bene comune».<br />

Se i partiti la fanno da padrone a<br />

Termoli, sono <strong>in</strong>vece rimasti dietro<br />

le qu<strong>in</strong>te a Montenero di Bisaccia,<br />

dove i tre candidati s<strong>in</strong>daci<br />

sono espressione di altrettante liste<br />

civiche, anche se di chiara impronta<br />

politica. Nicola Travagl<strong>in</strong>i, rappresentante<br />

del centrodestra, ’compare’<br />

del presidente del CdA dello Zuccherificio<br />

Domenico Porfido, che si<br />

candida come consigliere; Giuseppe<br />

Chiapp<strong>in</strong>i, coord<strong>in</strong>atore del Pd cittad<strong>in</strong>o;<br />

Margherita Rosati, espressione<br />

della società civile ma fortemente<br />

voluta dal ’re’ di Montenero<br />

Ton<strong>in</strong>o Di Pietro.<br />

Per quanto riguarda gli altri Comuni<br />

della prov<strong>in</strong>cia di Campobasso,<br />

quello con il maggior numero di<br />

candidati (e liste) è Montelongo<br />

con 4 aspiranti s<strong>in</strong>daci. Sono <strong>in</strong>vece<br />

3 i candidati e le liste a Roccavivara,<br />

Bonefro, Casalciprano, Provvidenti<br />

e Pietracupa. Sfida a due<br />

(ognuno con una lista), <strong>in</strong>vece, a<br />

San Giuliano del Sannio, Cercepiccola,<br />

San Polo Matese e Lupara.<br />

Sono sei le Amm<strong>in</strong>istrazioni comunali<br />

che si r<strong>in</strong>novano <strong>in</strong> prov<strong>in</strong>cia<br />

di Isernia, tutte <strong>in</strong> piccoli Comuni.<br />

Tra questi spicca l’alto numero<br />

di candidati e liste (ben 5) a Montenero<br />

Valcocchiara, mentre<br />

sono 4 gli aspiranti s<strong>in</strong>daci ad Acquaviva<br />

d’Isernia e<br />

Roccasicura. Particolarmente sentita<br />

la competizione elettorale a<br />

Pozzilli, dove ha r<strong>in</strong>unciato a ricandidarsi<br />

il s<strong>in</strong>daco uscente Passarelli<br />

ma è <strong>in</strong> corsa una sua omonima,<br />

ma non parente, oltre ad altri<br />

due candidati. Colpo di scena a Sessano<br />

del Molise, dove Gabriella<br />

Petroll<strong>in</strong>i è l’unica candidata. Il suo<br />

’rivale’, Mario Manc<strong>in</strong>i, è stato<br />

escluso perché la sua lista si è fermata<br />

a 8 consiglieri, qu<strong>in</strong>di l’unico<br />

ostacolo per la vittoria della Petroll<strong>in</strong>i<br />

è il quorum. Inf<strong>in</strong>e, per la prov<strong>in</strong>cia<br />

di Isernia, si r<strong>in</strong>nova l’amm<strong>in</strong>istrazioni<br />

comunale di Sesto<br />

Campano, dove sono <strong>in</strong> corsa due<br />

aspiranti s<strong>in</strong>daci.<br />

Nello speciale <strong>in</strong>serto che segue -<br />

da pag<strong>in</strong>a 3 a pag<strong>in</strong>a 10 - l’elenco<br />

completo di candidati e liste.<br />

Buona lettura!<br />

Daniela Di Cecco<br />

IL VADEMECUM PER RECARSI ALLE URNE SENZA SORPRESE<br />

dato a s<strong>in</strong>daco collegato;<br />

* per un candidato a s<strong>in</strong>daco,<br />

tracciando un segno<br />

sul relativo rettangolo,<br />

senza scegliere alcuna<br />

lista collegata; il voto così<br />

espresso si <strong>in</strong>tende attribuito<br />

solo al candidato<br />

alla carica di s<strong>in</strong>daco;<br />

* per un candidato a s<strong>in</strong>daco,<br />

tracciando un segno<br />

sul relativo rettangolo,<br />

e per una lista collegata,<br />

tracciando un segno<br />

sul relativo contrassegno;<br />

il voto così espresso si <strong>in</strong>tende<br />

attribuito sia al<br />

candidato alla carica di<br />

s<strong>in</strong>daco, sia alla lista collegata;<br />

* per un candidato a s<strong>in</strong>daco,<br />

tracciando un segno<br />

sul relativo rettangolo,<br />

e per una lista non collegata,<br />

tracciando un segno<br />

sul relativo contrassegno;<br />

il voto così espresso<br />

si <strong>in</strong>tende attribuito<br />

sia al candidato alla carica<br />

di s<strong>in</strong>daco, sia alla lista<br />

non collegata (cosiddetto<br />

"voto disgiunto").<br />

L’elettore potrà anche<br />

manifestare un solo voto<br />

di preferenza per un candidato<br />

alla carica di con-<br />

sigliere comunale, segnando,<br />

sull’apposita<br />

riga stampata sulla destra<br />

di ogni contrassegno<br />

di lista, il nom<strong>in</strong>ativo (solo<br />

il cognome o, <strong>in</strong> caso di<br />

omonimia, il cognome e<br />

nome e, ove occorra, data<br />

e luogo di nascita) del<br />

candidato preferito appartenente<br />

alla lista prescelta.<br />

● Elezioni del s<strong>in</strong>daco e<br />

del consiglio comunale<br />

degli altri Comuni (con<br />

popolazione <strong>in</strong>feriore a<br />

15.000 abitanti) - La<br />

scheda è di colore azzurro.<br />

L’elettore può esprimere<br />

il proprio voto:<br />

* tracciando un segno sul<br />

nom<strong>in</strong>ativo di un candidato<br />

alla carica di s<strong>in</strong>daco;<br />

* tracciando un segno sul<br />

contrassegno di una delle<br />

liste di candidati alla carica<br />

di consigliere;<br />

* tracciando un segno sia<br />

sul contrassegno prescelto,<br />

sia sul nom<strong>in</strong>ativo del<br />

candidato alla carica di<br />

s<strong>in</strong>daco collegato alla lista<br />

votata.<br />

In tutti i casi predetti il<br />

voto si <strong>in</strong>tenderà attribuito<br />

così <strong>in</strong> favore del<br />

candidato alla carica di<br />

s<strong>in</strong>daco, come <strong>in</strong> favore<br />

della lista a lui collegata.<br />

L’elettore potrà anche<br />

manifestare un solo voto<br />

di preferenza per un candidato<br />

alla carica di consigliere<br />

comunale, segnando,<br />

sull’apposita<br />

riga stampata sulla scheda,<br />

il nom<strong>in</strong>ativo (solo il<br />

cognome o, <strong>in</strong> caso di<br />

omonimia, il cognome e<br />

nome e, ove occorra, data<br />

e luogo di nascita) del<br />

candidato preferito appartenente<br />

alla lista compresa<br />

nel medesimo riquadro,<br />

senza dover apporre<br />

alcun altro segno<br />

sul relativo contrassegno.<br />

In tal modo, il voto si <strong>in</strong>tenderà<br />

attribuito, oltre<br />

che al s<strong>in</strong>golo candidato a<br />

consigliere comunale, anche<br />

alla lista cui il candidato<br />

medesimo appartiene,<br />

nonché al candidato<br />

alla carica di s<strong>in</strong>daco collegato<br />

con la lista stessa.<br />

Non è ammessa l’espressione<br />

del voto di preferenza<br />

con <strong>in</strong>dicazioni numeriche.<br />

TESSERA<br />

ELETTORALE<br />

Per poter esercitare il diritto<br />

di voto presso l’ufficio<br />

elettorale della sezione<br />

nelle cui liste sono<br />

iscritti gli elettori dovranno<br />

esibire, oltre ad<br />

un documento di riconoscimento,<br />

la tessera elettorale<br />

personale.<br />

ELETTORI DISABILI<br />

● Gli elettori non deambulanti,<br />

qualora la sede della<br />

sezione elettorale alla<br />

quale sono iscritti non è<br />

accessibile mediante sedia<br />

a ruote, possono votare<br />

<strong>in</strong> altra sezione del Comune,<br />

la cui sede sia priva<br />

di barriere architettoniche.<br />

● Voto degli elettori fisicamente<br />

impediti. Gli elettori<br />

ciechi, amputati delle<br />

mani, affetti da paralisi o<br />

da altro impedimento di<br />

analoga gravità possono<br />

esprimere il voto con l’assistenza<br />

di un accompagnatore.<br />

● Voto degli elettori affetti<br />

da <strong>in</strong>fermità che ne rendano<br />

impossibile l’allon-<br />

Al voto tutti<br />

paesi di piccole<br />

dimensioni. Solo<br />

a Termoli è previsto<br />

il ballottaggio<br />

Nella città adriatica<br />

è sfida a c<strong>in</strong>que<br />

Chi conquisterà<br />

Palazzo<br />

Sant’Antonio?<br />

tanamentodall’abitazione. Gli elettori affetti da<br />

gravissime <strong>in</strong>fermità tali<br />

che l’allontanamento<br />

dall’abitazione <strong>in</strong> cui dimorano<br />

risulti impossibile,<br />

anche con l’ausilio dei<br />

servizi di trasporto pubblico<br />

che i Comuni sono<br />

tenuti ad organizzare <strong>in</strong><br />

occasione delle consultazioni<br />

elettorali per facilitare<br />

agli elettori disabili<br />

il raggiungimento del<br />

seggio, e gli elettori che si<br />

trov<strong>in</strong>o <strong>in</strong> condizioni di<br />

dipendenza cont<strong>in</strong>uativa<br />

e vitale da apparecchiature<br />

elettromedicali, tali<br />

da impedirne l’allontanamento<br />

dall’abitazione <strong>in</strong><br />

cui dimorano, possono votare<br />

nella propria abitazione.<br />

● Voto degli elettori degenti<br />

<strong>in</strong> ospedali e case di<br />

cura. I degenti <strong>in</strong> ospedali<br />

e case di cura sono ammessi<br />

a votare nel luogo<br />

di ricovero, se elettori del<br />

Comune ove ha sede l’ospedale<br />

e la casa di cura.<br />

Sono equiparati ai su<strong>in</strong>dicati<br />

luoghi le case di riposo<br />

per anziani, purchè<br />

dotate di una struttura<br />

sanitaria (<strong>in</strong>fermeria), e<br />

le comunità o altre strutture<br />

per il recupero di<br />

tossicodipendenti.


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Democrazia<br />

Cristiana<br />

***<br />

Di Geronimo G<strong>in</strong>o<br />

Amato Claudio<br />

Amoruso Giovanni<br />

Basilico Giorgio<br />

Bucci Giuseppe<br />

Cannone V<strong>in</strong>cenzo<br />

Caserta Luigi<br />

Colangelo D<strong>in</strong>o<br />

Colavita Nicola<br />

De Luca Maristella<br />

De Palma Viviana<br />

Di Bitonto Stefania<br />

Di Meo Rossella<br />

Di Rocco Ioris<br />

Di Virgilio Giuseppe<br />

Ficca Giovanni<br />

Garofano Donato<br />

Giagnorio Giuseppe<br />

Giorgetta Loris, Lucio<br />

Masciantonio Giuseppe<br />

Pasquale Donato<br />

Pennucci Luigi Antonio<br />

Petrucci Sebastian<br />

Piermar<strong>in</strong>o Mercurio<br />

Porreca Giuseppe<br />

Sciarretta Maria Amalia<br />

Scorrano Maria Luisa<br />

Siciliano Francesco Paolo<br />

Travagl<strong>in</strong>i Nicol<strong>in</strong>o<br />

Zitti Andrea<br />

Alleanza Futuro<br />

La Destra<br />

***<br />

De Gregorio V<strong>in</strong>cenzo (Enzo)<br />

Fasulo Angelo<br />

De Gregorio Ivan<br />

Reale Antonio<br />

Girotti Valerio<br />

Legittimo Salvatore<br />

Gioia Angelo<br />

Tozzi Aurelio<br />

Ver<strong>in</strong>i Marco<br />

Coppola Rosa<br />

Leggieri Adriano<br />

Mascia Luigi<br />

Mess<strong>in</strong>eo Salvatore<br />

Iasenza Massimo<br />

Fraraccio Diego<br />

De Gregorio Rocco<br />

Salerno Massimiliano<br />

La Padula Gennaro Rosario<br />

Gesualdi Mauro<br />

Tavani Andrea<br />

Criasia Emanuele<br />

Ionata Fabiana Rossella<br />

Mignogna Renato<br />

Lovascio V<strong>in</strong>cenzo<br />

Bonaduce Manuel<br />

Forni Fernando<br />

BASSO ANTONIO DI BRINO<br />

Il popolo<br />

di Termoli<br />

per Di Br<strong>in</strong>o<br />

Antonelli Carlo<br />

Cannella Givanni<br />

Caprioli Pasquale<br />

Cicchetti Maurizio<br />

Colaci Donato<br />

Colatriano Nicola<br />

D’Agost<strong>in</strong>o V<strong>in</strong>cenzo<br />

Di Benedetto Mario Michele<br />

Di Giov<strong>in</strong>e Francesco<br />

Di Michele Filomena<br />

Di Palma Michele<br />

Emiliozzi Andrea<br />

Ferretti Sergio<br />

Ientile Giuseppe<br />

Lanzone Basso<br />

Lucciola Amleto<br />

Mastroberard<strong>in</strong>o Franco G.<br />

Matassa Iolanda<br />

Meo Anna<br />

Moio Ton<strong>in</strong>o<br />

Paolitto Antonio<br />

Papalia Carm<strong>in</strong>e<br />

Piscitelli Raffaele<br />

Ragni Michele<br />

Renzetti Michele Giuseppe<br />

Santilli Maurizio<br />

Simeone Domenico<br />

Simpatico Sabr<strong>in</strong>a<br />

Troisi Massimiliano<br />

Vergallo Giusepp<strong>in</strong>a<br />

Progetto<br />

Molise<br />

***<br />

Bernardo Francesco<br />

Boianelli V<strong>in</strong>cenzo<br />

Bucci Alessandro<br />

Camaioni Adamo Nicola<br />

Ciccone Michela<br />

Dambra Leonardo<br />

De Simone Franco<br />

Di Silvio Fabio<br />

Fiardi Francesco<br />

Florio Gabriella<br />

Francesch<strong>in</strong>i Luigi<br />

Iacoponi Roberto<br />

Leva Giuseppe<br />

Notarangelo Nicola<br />

Perfetto Nicola<br />

Perilli Domenico<br />

Petti Bruno<br />

Proietti Fabio<br />

Ricca Flora<br />

R<strong>in</strong>aldi Salvatore<br />

Risolo Giovanni<br />

Rocchia Giuseppe<br />

Tommasiello Graziano<br />

Z<strong>in</strong>ni Giuliano<br />

Zuccar<strong>in</strong>o Luigi Giacomo T.<br />

COMUNALI TERMOLI<br />

Unione<br />

di Centro<br />

***<br />

Alfieri Domenico (Mimmo)<br />

Aufiero V<strong>in</strong>cenzo<br />

Barone Filomena Anna<br />

Barone Giuseppe<br />

Barone Salvatore<br />

Cocomazzi Michele<br />

Della Neve Domenico<br />

Di Gemmi Giust<strong>in</strong>o<br />

Di Lello Luig<strong>in</strong>a<br />

Di Mart<strong>in</strong>o Patrizia<br />

Di Palma Ermanno<br />

Di P<strong>in</strong>to Ezio<br />

Fabrizio Gennaro (Timoteo)<br />

Far<strong>in</strong>a Angelo<br />

Ferrazzano V<strong>in</strong>cenzo<br />

Floro Maria (Debora)<br />

Forcione Nicol<strong>in</strong>o<br />

Galasso Luigi<br />

Lalli Alessia<br />

Lent<strong>in</strong>io Giuseppe<br />

Martella Pasqual<strong>in</strong>o<br />

M<strong>in</strong><strong>in</strong>no Raffaele<br />

Mol<strong>in</strong>ari Bernard<strong>in</strong>o (D<strong>in</strong>o)<br />

P<strong>in</strong>ti Costanzo<br />

Pracella Benito Matteo<br />

Recchi Aureliana<br />

Sciarretta Nicola<br />

Sfredda Cristian<br />

Storto Paolo<br />

Totaro Giancarlo<br />

In Comune<br />

per Termoli<br />

***<br />

Malerba Nazario<br />

D’Arienzo Domenico<br />

Ambros<strong>in</strong>o Maurizio<br />

Amoroso Nicol<strong>in</strong>o<br />

Baioli Paolo<br />

Baranello Giuseppe<br />

Caia Francesco<br />

Cappiello Adamo<br />

Carusillo Emilio<br />

Ciccone Gerardo<br />

De Mar<strong>in</strong>is Giovanni Giorgio<br />

Di Lisa Pasquale<br />

Germele Giuseppe<br />

Iov<strong>in</strong>e Melania<br />

Ludovico Clemente<br />

Massidda Annalisa<br />

Merola Andrea<br />

Miele Enrico<br />

Moscufo Nicola<br />

Perilli Domenico<br />

Piccolo Salvatore<br />

P<strong>in</strong>taldi Corrado<br />

Ponce Carla<br />

Riccio Angelo<br />

Selvaggio Sergio<br />

Taraborrelli Stefano<br />

Valente Roberto<br />

Vigiani Andrea<br />

Il Popolo<br />

delle Libertà<br />

***<br />

Brienza Michelangelo<br />

Ciarniello Annibale<br />

D’Auria Michele<br />

De Felice Ennio<br />

De Fenza Agost<strong>in</strong>o<br />

De Guglielmo Fernanda<br />

Di Cesare Mario Flaviano<br />

Di Lisa Bruno<br />

Ferretti Mario<br />

Ferrone Francesco<br />

Garzarella Bruno<br />

Granito Nicandro Giancarlo<br />

Leone Luigi Mario<br />

Manc<strong>in</strong>i Mario<br />

Mariani Maria Assunta<br />

Montano Alberto<br />

Monti Anacleto<br />

Nibaldi Livio<br />

Nuozzi P<strong>in</strong>o<br />

Paduano Luciano Fioravante<br />

Paparella Antonio<br />

Pesce Luigi<br />

Recchi Claudio<br />

R<strong>in</strong>aldi Francesco Graziano<br />

Roberti Francesco<br />

Sprocatti Ivo<br />

Tanassi Nicola Antonio<br />

Ver<strong>in</strong>i Bruno<br />

Vitale Nicola<br />

Zara Maria V<strong>in</strong>cenza<br />

Popolari<br />

Udeur<br />

***<br />

Altieri Antonietta<br />

Bosco Massimo<br />

Buono Francesca<br />

Colonna Maril<strong>in</strong>a<br />

D’Antonio Isabella Maria<br />

D’Aurora Bruno<br />

Della Porta Edmondo<br />

Di Cesare Domenico<br />

Di Claudio Nicola<br />

Di Giandomenico Nello<br />

Di Lena Nazzario<br />

Di Michele Nicol<strong>in</strong>o<br />

Di Toro Monia<br />

Ferra Pietro<br />

Giordano Giovanni Carm<strong>in</strong>e<br />

Giuoco Fabrizio<br />

Lafratta Paolo Walter<br />

Landolfi Antonio<br />

Ligorio Giulia<br />

Magistrale Antonio<br />

Manes Michelangelo<br />

Palombo Luig<strong>in</strong>a<br />

Pascucci Antonio<br />

Petrilli Giuseppe<br />

P<strong>in</strong>to Marcell<strong>in</strong>o<br />

Ragni Giuseppe<br />

Re Fernando<br />

Sabella V<strong>in</strong>cenzo<br />

Sabelli Alfonso<br />

Turdò Luigi<br />

Molise<br />

Civile<br />

***<br />

Ciccolepre Gianfilippo Biagio<br />

Ciliberti Francesco Paolo<br />

D’Alessandro Antonio<br />

D’Angelo Rocco<br />

De Santis Antonio<br />

De Santis Maurizio<br />

Desiderio Giuseppe<br />

Di Fortunato Eliana Lonice<br />

Di Marzio Mercurio Pietro<br />

Di Marzo Amodio<br />

Ferretti Lorenzo<br />

Giard<strong>in</strong>o Luigi<br />

Grafone Rosario<br />

Mar<strong>in</strong>elli Milena<br />

Marrano Giuseppe<br />

Meale Gianluigi<br />

Medulli Attilio Gabriele<br />

Mele Antonella<br />

Menadeo Gianluca<br />

Mennello Antonio<br />

Morfeo Antonio<br />

Morlacchetti Giuseppe<br />

Palena Fabio<br />

Pepe Paolo<br />

Perricone Stefano<br />

Pietrantonio M. Angiol<strong>in</strong>a<br />

Porreca Ferd<strong>in</strong>ando<br />

Ricci Ugo<br />

Triggiani Giovanni<br />

Valente Antonio<br />

Alleanza<br />

di Centro<br />

***<br />

Spezzano Giuseppe (Toni)<br />

De Gregorio Antonella<br />

Castiello Angelo<br />

Alfieri Maddalena<br />

Colaneri Giuseppe<br />

Colella Maurizio<br />

Consilvio Emanuela<br />

D’Addario Davide<br />

D’Agnillo Antonio<br />

De Simone Raffaele<br />

Degnovivo Annarita<br />

Di Palma Lorenzo<br />

Ermalosi Attilio<br />

Ferrazzano Attilio<br />

Iannaccone Giulio<br />

Labrozzi Alessio<br />

Lococciolo Angelo<br />

Marangi Giorgio<br />

Mar<strong>in</strong>aro Maria<br />

Mascilongo Giacomo<br />

Montò Francesca<br />

Perna Barbara<br />

Porzio Dario<br />

Saia Antonio<br />

Scagnoli Amelia<br />

Scutti Andrea<br />

Soprano Diomira<br />

3


4 COMUNALI TERMOLI<br />

Italia<br />

dei<br />

Valori<br />

Antonarelli Marcello<br />

Aufiero Arcangelo<br />

Campanelli Gabriella<br />

Catter<strong>in</strong>o Francesco<br />

Ciotoli Valeria<br />

D’Amario Benedetto<br />

De Lena Giuseppe<br />

De Leo Massimo<br />

De Tomo V<strong>in</strong>cenzo<br />

Di Blasio Giacomo Mario<br />

Gallo Giuseppe<br />

Iacampo Gennaro<br />

Impalà Francesco<br />

Irace Bruno<br />

Lattanzi Emanuela<br />

Manes Costant<strong>in</strong>o<br />

Marolla Cosimo<br />

Marra Giovanni<br />

Iorio Massimo<br />

Morritti Mariangela<br />

Murolo Giuseppe<br />

Perrotta Pasquale<br />

Pilla Domenico<br />

Russo Antonio<br />

Sforza Piero Marco<br />

Viola Maria Sofia<br />

Manc<strong>in</strong>elli Massimo<br />

D’Agata Fabrizio<br />

Izzi Giuseppe<br />

Rapone Anna Gabriella<br />

L’ex vices<strong>in</strong>daco:<br />

«La termolesità<br />

è fondamentale»<br />

L’onorevole:<br />

«La città deve<br />

tornare alla guida»<br />

FILIPPO MONACO<br />

Partecipazione<br />

democratica<br />

***<br />

Bontempo Attilio<br />

Budano Michele<br />

Cardella Domenico<br />

Caruso Francesco<br />

Casol<strong>in</strong>o Andrea<br />

Ciccone Antonio<br />

Coscia Simone<br />

Del Gatto V<strong>in</strong>cenzo<br />

Di Battista Antonio<br />

Di Blasio Antonella<br />

Di Lello Maria Del Carmen<br />

Di Vito Mariaemma<br />

D’Onofrio Salvatore<br />

Fascia Fabrizio<br />

Frascatore Paolo<br />

Fusco Francesco<br />

Gianfelice Michele<br />

Giuditta Antonio<br />

Guar<strong>in</strong>o Gabriele<br />

Lapiccirella Antonio<br />

Maltese Federica<br />

Mar<strong>in</strong>i Luigi<br />

Ossame Maria Giusepp<strong>in</strong>a<br />

Palmieri Antonio<br />

Passante Susanna<br />

Petrella Gabriele<br />

Pisani Domenico<br />

Siviero Antonietta<br />

Sommella Angelo<br />

Vitale Gabriele<br />

REMO DI GIANDOMENICO<br />

Federazione<br />

della<br />

S<strong>in</strong>istra<br />

Agapiti Marcello<br />

Barone Gervasio detto N<strong>in</strong>o<br />

Biondi Serena<br />

Cocco David<br />

Cuculo Jean-luc<br />

Cupaioli Nicol<strong>in</strong>o<br />

D’Alfonso Stella<br />

De Sanctis Micaela, Teresa<br />

Di Paolo Daniele<br />

Di Pardo Adele<br />

Di Rado Davide<br />

Di Stefano Antonietta<br />

Far<strong>in</strong>a Domenico (Mimmo)<br />

Ganguzzi Stefano<br />

Iammar<strong>in</strong>o Silvio<br />

Leva Simone<br />

Manzo Antonio<br />

Mastronardi V<strong>in</strong>cenzo<br />

Paganotto Matteo<br />

Palmieri Maurizio<br />

Palumbo Rosalba, Teresa<br />

Pecorella Gustavo<br />

Pescara Antonio<br />

Quici Teresa<br />

Ruscetti Nicola<br />

Russo Giovanni detto Gianni<br />

Salerno Luca Roberto<br />

Santoro Giuseppe<br />

Salome Laura<br />

Teonesto Michele<br />

Nelle formazioni ci sono giovani ma anche chi ha già amm<strong>in</strong>istrato<br />

Monaco e Di Giandomenico,<br />

due squadre cariche e motivate<br />

CINQUE le liste a sostegno di<br />

Filippo Monaco e due quelle al<br />

fianco di Remo Di Giandomenico.<br />

Formazioni che annoverano<br />

nomi già conosciuti dal mondo<br />

politico termolese, altri <strong>in</strong>vece<br />

alle prime esperienze.<br />

Filippo Monaco, ex vices<strong>in</strong>daco<br />

di Termoli, è carico e motivato.<br />

Ha evidenziato, <strong>in</strong> queste<br />

settimane, la necessità di termolesità:<br />

nelle scelte per la città<br />

deve essere protagonista chi<br />

Termoli la vive.<br />

Al fianco di Monaco numerosi<br />

amm<strong>in</strong>istratori che sono stati<br />

già alla guida della città f<strong>in</strong>o a<br />

qualche mese fa ma anche tanti<br />

volti nuovi e diversi giovani pieni<br />

di spirito d’<strong>in</strong>iziativa.<br />

Remo Di Giandomenico,<br />

già s<strong>in</strong>daco f<strong>in</strong>o a qualche tempo<br />

fa della località adriatica,<br />

torna <strong>in</strong> gioco «per dare la disponibilità<br />

ad una nuova squadra<br />

che vuole lavorare per la<br />

città».<br />

Una nuova Termoli nei programmi<br />

di Remo Di Giandomenico<br />

e della sua compag<strong>in</strong>e. L’onorevole<br />

anche nella sua presentazione<br />

del programma ha<br />

evidenziato aspetti rilevanti per<br />

ridare voce a Termoli: un impegno<br />

concreto sotto ogni punto di<br />

vista perché «Termoli deve rialzarsi,<br />

deve riprendersi - è scritto<br />

nel programma di Di Giandomenico<br />

- il ruolo guida della regione».<br />

andrea nasillo<br />

Liberatermoli<br />

**<br />

**<br />

Mar<strong>in</strong>ucci Paolo<br />

Marra Eugenio<br />

Di Nucci Gianfranco<br />

Paradisi Daniele<br />

Pasqual<strong>in</strong>i Angelo<br />

Pullerio Franco<br />

Petrone Giuseppe<br />

Di Palma Lorenzo<br />

Di Paola Giulia<br />

Rosati Francesco<br />

Rizza Lara<br />

Berardi Antonio Maik<br />

Di Blasio Giuseppe<br />

Limongi Mario<br />

Palmieri Luisa<br />

Cannarsa Luca<br />

Silverio Ettore<br />

Tutolo Mar<strong>in</strong>etta<br />

Calmo Massimiliano<br />

Montanaro Basso<br />

Petrella Giovanni<br />

Pennacchietti Leo<br />

Del C<strong>in</strong>que Alberto<br />

Mastroberard<strong>in</strong>o Antonella<br />

Piccoli Pasquale<br />

Gammieri Angelo<br />

Sivilla Antonio<br />

Perrotta Milena<br />

Pistilli Nico<br />

Lucarelli Elio<br />

Popolari<br />

Liberali<br />

nel Pdl<br />

Amoruso Giovanni Battista<br />

Cannarsa Basso<br />

Gianfagna Bracone Antonio<br />

Cilla Antonio<br />

C<strong>in</strong>alli Maria Rosaria Monia<br />

Corvo Gian Michele Adamo<br />

De Gregorio Antonio<br />

De Nisi Michele<br />

De Palma Vito<br />

Di Bona Antonio<br />

Di Cienzo V<strong>in</strong>cenzo<br />

Greco Sandro<br />

Limongi V<strong>in</strong>cenzo<br />

Maffulli Michele<br />

Mezzodì Iolanda Rosetta<br />

Mottola Giuseppe<br />

Pagliaccio Rocco<br />

Panico Francesco<br />

Parente Mario<br />

Pecorella Alfredo Michele<br />

Perfetto Domenico<br />

Pretor<strong>in</strong>o Michele<br />

Quici Daniela<br />

Ragni Tomas<strong>in</strong>a<br />

Ramos Prudente Bruno<br />

Santoro Giuseppe Valerio<br />

Sciarretta Pietro Giuseppe<br />

Secchieri Luciano<br />

Speciale Giuseppe Antonio<br />

Urbano Sandro Raffaele<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Riformisti<br />

per Termoli<br />

***<br />

Mar<strong>in</strong>o Giuseppe (detto P<strong>in</strong>o)<br />

Bartolomeo Lucia<br />

Battista P<strong>in</strong>o<br />

Benevento Pasquale<br />

Bizzarro Luigi<br />

Capozzo Raffaele<br />

Ciarallo Paola<br />

Danese Natal<strong>in</strong>a<br />

D’Angelo Antonio<br />

Del Sordo Rosalba<br />

Di Bona Pasquale<br />

Di Cecco Michele<br />

Di Lallo Nicola<br />

Giannattasio Rom<strong>in</strong>a<br />

Glave Costant<strong>in</strong>a Katia<br />

Lascialandà Maria<br />

Micozzi Antonio<br />

Petrilli Matteo<br />

Salvatore Antonio<br />

Vizzarri Pardo Antonio<br />

Zvarici Costel<br />

Termoli<br />

Giovane<br />

***<br />

Silvestri Angelica<br />

Astolfo Dario<br />

Bevilacqua Marcucc<strong>in</strong>a D.<br />

Biscotti Giuseppe<br />

Checchia Alessandro<br />

Cicch<strong>in</strong>i Alessandro<br />

Colonna Basso Gabriele<br />

Corcione Angela<br />

Cremonesi Antonella<br />

De Vita Raffaele<br />

Degnovivo Antonio<br />

Di Nallo Cater<strong>in</strong>a<br />

Giordano Donato<br />

Greco Salvatore<br />

Liccardo Maurizio<br />

Lobozzo Maria Giuseppa<br />

Marchegiani Francesco<br />

Mar<strong>in</strong>ucci Paola<br />

Mastrogiuseppe Alessio<br />

Mastronardi Pardo<br />

Mennello V<strong>in</strong>cenzo<br />

Mucci Giuseppe<br />

Occhionero Giancarlo<br />

Palmieri Ottaviano Marco<br />

Paoletti Sandro<br />

Pasquarelli Pietro<br />

Petrucci V<strong>in</strong>cenzo<br />

Sabbat<strong>in</strong>elli Milena<br />

Tricarico Maddalena<br />

Velko Glori


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Partito<br />

Democratico<br />

***<br />

Bellanova Cataldo<br />

Berchicci Gennaro<br />

Canosa Salvatore<br />

Cappella Basso Vittorio<br />

Chiorri Pietro<br />

Ciaramella Annamaria<br />

Colonna Nicola<br />

D’Alessandro Enrico Mart<strong>in</strong>o<br />

D’Amelio Raffaella<br />

Di Biase Antonio<br />

Di Campli Sebastiano<br />

Di Francia Salvatore<br />

Di Iorio Cesare Augusto<br />

Di Luzio Donato<br />

Di Palma Mauro<br />

Grasso Alessandro<br />

Larivera N<strong>in</strong>o<br />

Lorito Giuseppe<br />

Mar<strong>in</strong>o Domenico<br />

Occhionero Giuseppe<br />

Pennetta Marcello<br />

Petrella Gennaro<br />

Piunno Saverio<br />

Quaranta Maria Elisabetta<br />

Sale Giandomenico<br />

Sciarretta Maria Pia<br />

Sciarretta V<strong>in</strong>cenzo<br />

Scurti Rocco Franco<br />

Tilli Francesca<br />

Venittelli Laura<br />

Professionisti,<br />

ma anche semplici<br />

casal<strong>in</strong>ghe e mamme<br />

Pronta la ’squadra’<br />

di Fasciano: «I partiti<br />

rubano il futuro»<br />

ERMINIA GATTI<br />

Tra consiglieri<br />

comunali uscenti<br />

e iscritti al partito<br />

una lista "eterogenea"<br />

Soddisfatta la Gatti:<br />

«Sono pronta<br />

per immergermi<br />

<strong>in</strong> questa avventura»<br />

ANTONIO FASCIANO<br />

COMUNALI TERMOLI<br />

Per il Bene<br />

Comune<br />

***<br />

Alberico Irene<br />

Benvenuto Guar<strong>in</strong>o<br />

Bonifacio Gianpaolo<br />

Cannarsa Nicola (Nicol<strong>in</strong>o)<br />

Caposiena Michele (Lello)<br />

Catenaro Valter Domenico<br />

Chiozzi Giancamillo<br />

D’Angelo Marco<br />

Della Porta Massimo<br />

Della Vella Filippo<br />

Di Fabio Marco<br />

Di Paolo Liberantonio<br />

Emiliozzi Luca (Lucas)<br />

Fasciano Domenico<br />

Gagliardi Michele<br />

Guidotti Antonio<br />

Ligorio Brigida<br />

Mar<strong>in</strong>elli Erika<br />

Mautone Antonio<br />

Musacchio Nicoletta<br />

Orlando Diego<br />

Pomponii Maria<br />

Setaro Fabrizio<br />

Tarant<strong>in</strong>i Guido<br />

Testa Pasquale<br />

Tridente Debora<br />

Trivelli Valerio<br />

Giatt<strong>in</strong>i Gileno Silvana<br />

Tarant<strong>in</strong>i Maria<br />

Maglie Luisella<br />

Quando a contare<br />

non sono solo i numeri<br />

La ’bionda’<br />

e il blogger:<br />

la politica<br />

degli antipodi<br />

GLI altri puntano tutto sulla<br />

forza dei numeri? E loro,<br />

<strong>in</strong> una competizione elettorale<br />

composta da oltre 500<br />

candidati e da una valanga<br />

di liste, si presentano "da soli".<br />

Lei, la bionda avvocatessa<br />

di Campomar<strong>in</strong>o, Erm<strong>in</strong>ia<br />

Gatti. Ex dipietrista, scovata<br />

proprio dal "Ton<strong>in</strong>o nazionale"<br />

e adesso ’presa <strong>in</strong> prestito’<br />

dal Partito Democratico<br />

per puntare a ricompattare<br />

il centros<strong>in</strong>istra, si presenta<br />

alla competizione elettorale<br />

forse più "affollata"<br />

della storia di Termoli con i<br />

suoi 30 nomi venuti fuori un<br />

po’ dal cil<strong>in</strong>dro fatato del Pd<br />

e un po’ da Costruire Democrazia.<br />

Lui, il blogger più conosciuto<br />

di Termoli, Antonio<br />

Fasciano. Uno di quelli che<br />

pensa prima all’ambiente e<br />

alla sua città e poi alla vita<br />

privata.<br />

La sua candidatura, forse<br />

all’<strong>in</strong>izio presa un po’ sottogamba,<br />

alla f<strong>in</strong>e si è concretizzata<br />

<strong>in</strong> una lista di gente<br />

"pulita", al di fuori della politica.<br />

Trenta nomi che hanno<br />

dato daranno battaglia f<strong>in</strong>o<br />

alla f<strong>in</strong>e.<br />

Certo che tra i due la sorpresa<br />

maggiore è stata proprio<br />

quella della Gatti. O<br />

per meglio dire dell’unica lista<br />

a sostegno.<br />

All’<strong>in</strong>izio della sua candidatura<br />

si parlava di quattro<br />

liste, poi scese a due.<br />

I bookmaker, <strong>in</strong>fatti, davano<br />

per certo che il simbolo<br />

"architettato" dal "compagno<br />

di avventure" Massimo<br />

Romano, quel Costruire<br />

Democrazia ’strappato’ a<br />

Peppe Astore, alla f<strong>in</strong>e sarebbe<br />

stato presente nella<br />

tornata elettorale.<br />

Grande sorpesa, qu<strong>in</strong>di,<br />

quando la bionda è uscita<br />

fuori dall’ufficio del segretario<br />

comunale Donato Petros<strong>in</strong>o<br />

con un’unica lista<br />

<strong>in</strong> mano. Il simbolo è quello<br />

bianco, rosso e verde del<br />

Partito Democratico. E questo<br />

già la dice lunga e serve<br />

a fugare gli ultimi, residui,<br />

dubbi sulle reali <strong>in</strong>tenzioni<br />

del partito.<br />

Per quello che, <strong>in</strong>vece, riguarda<br />

i candidati, di novità<br />

ce ne sono sia per la Gatti<br />

che per Fasciano.<br />

Il Pd può contare, accanto<br />

a nomi più "conosciuti" del<br />

panorama politico (leggasi<br />

ex consiglieri comunali e<br />

iscritti al partito), su gente<br />

che, presa dalla società civile,<br />

è pronta a dare battaglia<br />

per la sua città.<br />

Per Fasciano, <strong>in</strong>vece, la<br />

sua lista (esclusivamente civica,<br />

e mai come <strong>in</strong> questo<br />

caso il term<strong>in</strong>e è azzeccato)<br />

annovera personaggi di spicco<br />

di Termoli.<br />

Accanto a questi ci sono<br />

casal<strong>in</strong>ghe e mamme di famiglia<br />

con la voglia di mettersi<br />

<strong>in</strong> gioco per il bene della<br />

città.<br />

«Sono pronta per tuffarmi<br />

<strong>in</strong> questa avventura», è stato<br />

il commento a caldo della<br />

Gatti. «I partiti rubano il<br />

futuro», commenta Fasciano.<br />

E, c’è da scommetterci,<br />

che se ne vedranno delle belle.<br />

Michela Bevilacqua<br />

5


6 COMUNALI MONTENERO<br />

Il centrodestra corre<br />

unito alle amm<strong>in</strong>istrative<br />

«E’ il frutto di una s<strong>in</strong>tesi<br />

coraggiosa<br />

e di progetto condiviso»<br />

NICOLA TRAVAGLINI<br />

Uniti<br />

per Montenero<br />

***<br />

Benedetto Donato Paride<br />

D’Amario Angelo<br />

D’Angelo Giuseppe<br />

D’Ascenzo Pasqual<strong>in</strong>o<br />

D’Ascenzo Ton<strong>in</strong>o Domenico<br />

Di P<strong>in</strong>to Giuseppe<br />

Dragonetti Pasqual<strong>in</strong>o<br />

F<strong>in</strong>occhio Marco<br />

Lallopizzi Nicola<br />

Laviola Marilena<br />

Magagnato Angelo<br />

Marchesani Gianfranca<br />

Murazzo Giuseppe<br />

Porfido Domenico<br />

Rusciano Cesare<br />

Zappitelli G<strong>in</strong>o<br />

GIUSEPPE CHIAPPINI<br />

Progresso<br />

e Libertà<br />

***<br />

Antonelli Loris<br />

Benedetto Natal<strong>in</strong>o<br />

Borrelli Catia<br />

Borrelli Marco<br />

Camplone Federica<br />

Caserio Angelo<br />

D’Ascenzo Alessio<br />

Di Fabio Silvio<br />

Di Giac<strong>in</strong>to Livio<br />

Di Stefano Marcello<br />

Manes Costant<strong>in</strong>o<br />

Scoca Antonio<br />

Spadacc<strong>in</strong>i Giuseppe<br />

Sparvieri Lucio<br />

Storani Giulio<br />

Travagl<strong>in</strong>i Michele<br />

Elezioni al fotof<strong>in</strong>ish<br />

Nella ’tana’<br />

di Di Pietro<br />

corsa a tre<br />

Scontro tra Travagl<strong>in</strong>i,<br />

Chiapp<strong>in</strong>i e Rosati<br />

UN noto film si chiamava<br />

«Una poltrona per<br />

due». A Montenero la<br />

corsa alla poltrona (ossia<br />

alla fascia tricolore<br />

da primo cittad<strong>in</strong>o) è tra<br />

tre candidati s<strong>in</strong>daci.<br />

Nicola Travagl<strong>in</strong>i è<br />

candidato unico del centrodestra.<br />

Il centros<strong>in</strong>istra,<br />

<strong>in</strong>vece, correrà diviso:<br />

da un lato Giuseppe<br />

Chiapp<strong>in</strong>i, coord<strong>in</strong>atore<br />

cittad<strong>in</strong>o di Montenero<br />

del Partito Democratico.<br />

Dall’altro<br />

lato, <strong>in</strong>vece, Margherita<br />

Rosati, ’donna’<br />

uscente dal Pd ma voluta<br />

fortemente dall’Italia<br />

dei Valori di Antonio<br />

Di Pietro. A nulla sono<br />

valsi, qu<strong>in</strong>di, gli appelli<br />

all’unità fatti f<strong>in</strong>o all’ultimo<br />

m<strong>in</strong>uto utile. L’accordo<br />

romano tra i due<br />

partiti maggiori non si è<br />

realizzato neanche a<br />

Montenero.<br />

E’ nel paese natìo di<br />

Di Pietro, <strong>in</strong>fatti, che<br />

l’IdV ha voluto mettere<br />

<strong>in</strong> atto, f<strong>in</strong>o all’ultimo,<br />

l’accordo con i democratici.<br />

Peccato, però, che le<br />

scelte portate avanti su<br />

Termoli hanno creato<br />

delle difficoltà anche e<br />

soprattutto su Montenero.<br />

E qu<strong>in</strong>di Chiapp<strong>in</strong>i e<br />

Rosati correranno da<br />

soli. Con buona pace di<br />

Travagl<strong>in</strong>i.<br />

F<strong>in</strong>o all’ultimo, però,<br />

non bisogna fare i conti<br />

senza l’oste perché le<br />

sorprese sono sempre<br />

dietro l’angolo.<br />

Michela Bevilacqua<br />

Il centros<strong>in</strong>istra è diviso: Partito democratico<br />

e Italia dei valori non hanno trovato<br />

la quadra. Giovani e con voglia di lavorare<br />

per Montenero, è «scontro al vertice»<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

MARGHERITA ROSATI<br />

Montenero<br />

<strong>in</strong> Comune<br />

***<br />

Benedetto Leo<br />

Borgia Michele<br />

Cuculo Nicol<strong>in</strong>o<br />

D’Aulerio Antonio<br />

D’Aulerio Antonio<br />

Di Matteo Vitale Enzo<br />

Di Pietro Cristiano<br />

Di Pietro Luisa<br />

Dragani Anton<strong>in</strong>o Michele<br />

Gatti Massimo<br />

Marchesani Francesco<br />

Marrollo Cristiano<br />

Palma Daniela<br />

Perazzelli Carmela<br />

Potalivo Adriano<br />

Potalivo Nicol<strong>in</strong>o


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Gianluca<br />

Di Lisa<br />

Partecipazione e Libertà<br />

Onestà e Coerenza<br />

***<br />

Sallustio Giovanni<br />

N<strong>in</strong>ni Nicola<br />

Pasquarelli Domenico<br />

Sallustio Domenico<br />

Di Lisa Anna<br />

Ferrara Maria Michela <strong>in</strong> Antenucci<br />

Di Lisa Maria Giuseppa <strong>in</strong> Di<br />

Lisa<br />

Di Lisa Maria Grazia <strong>in</strong> Sallustio<br />

Di Lisa Assunta<br />

SONO dodici i Consigli comunali,<br />

<strong>in</strong> prov<strong>in</strong>cia di<br />

Campobasso, da r<strong>in</strong>novare.<br />

Si tratta per la maggior<br />

parte di piccoli, se non addirittura<br />

piccolissimi comuni,<br />

<strong>in</strong> cui la comnpetizione<br />

elettorale si gioca,<br />

più che sul piano politico e<br />

partitico, sul piano delle<br />

pesone, delle idee e dei programmi.<br />

Eppure, <strong>in</strong> alcuni Comuni<br />

sono più di due i candidati<br />

alla carica di s<strong>in</strong>daco, nonostante<br />

la scarsa densità<br />

di popolazione.<br />

Le elezioni comunali rappresentano<br />

da sempre un<br />

momento particolarmente<br />

importante per la vita dei<br />

paesi.<br />

Lo dimostra l’alta pecentuale<br />

di affluenza alle urne<br />

che si è registrata nelle<br />

passate tornate elettorali.<br />

Così, le giornate di oggi e<br />

domani saranno decisive<br />

per def<strong>in</strong>ire un nuovo assetto,<br />

un nuovo progetto per<br />

questi piccoli Comuni a cui<br />

spesso manca una chiara e<br />

def<strong>in</strong>ità identità.<br />

In molti casi si tratterà di<br />

uno ’scontro’ all’ultimo<br />

voto, che, anche con uno<br />

scarto m<strong>in</strong>imo, consegnerà<br />

il paese nelle mani del neo<br />

eletto s<strong>in</strong>daco.<br />

Sfide che si annunciano<br />

avv<strong>in</strong>centi e vissute con<br />

trepidazione dai cittad<strong>in</strong>i.<br />

La corsa per un posto al<br />

Comune è ormai partita.<br />

Si vota f<strong>in</strong>o alle 15 di domani,<br />

immediatamente<br />

dopo <strong>in</strong>izierà lo spoglio<br />

elettorale. Presumibilmente,<br />

specie nei Comuni più<br />

piccoli, i risultati dovrebbero<br />

arrivare già dal tardo<br />

pomeriggio. In alcuni casi,<br />

però, il maggior numero di<br />

liste - alcune delle quali costituite<br />

solo per beneficiare<br />

delle agevolazioni di legge<br />

- potrebbe rendere più complicato,<br />

e lungo, lo spoglio<br />

elettorale.<br />

COMUNALI PROVINCIA CAMPOBASSO<br />

ROCCAVIVARA SAN GIULIANO DEL SANNIO<br />

Domenico<br />

Di Lisa<br />

Insieme<br />

per Roccavivara<br />

***<br />

Antenucci Franco<br />

Di Blasio Giampaolo<br />

Di Lisa Nicola<br />

Di Nunzio Luigi<br />

Di Renzo Nicola<br />

Ferrara Enzo<br />

Gasbarro Assunta<br />

M<strong>in</strong>ni Enzo<br />

Niro Luigi<br />

Pietropaolo Alessio<br />

Porfirio Giuseppe<br />

Rossi Ugo<br />

Antonio<br />

Porro<br />

Verso<br />

la libertà<br />

***<br />

San Gregorio Mauro<br />

Di Bucchianico Nicola<br />

Padovano Matteo<br />

Cater<strong>in</strong>o Emiliano<br />

Savoia Luigi<br />

Siano Raffaele<br />

Di Felice Marcello<br />

Pietromonico Carm<strong>in</strong>e<br />

Cecere Maurizio<br />

Caiazza Antonio<br />

Armenise Fabrizio<br />

Augello Umberto Ciro<br />

CERCEPICCOLA<br />

Marco<br />

Spensieri<br />

La forza delle idee<br />

Uniti per Cercepiccola<br />

***<br />

Sp<strong>in</strong>a Patrizia<br />

Nardacchione Francesca<br />

Simiele Anna Maria<br />

De Lellis Marco<br />

Di Santo Piero<br />

Del Rosso Alfredo<br />

Petta Pasqual<strong>in</strong>o<br />

Di Stasi Massimo<br />

Colamaio Franco<br />

Felice Matteo<br />

Pietraroia Michele-Paolo<br />

Michele<br />

Simiele<br />

Lista numero 2<br />

La piazza<br />

***<br />

Benedetti Silvia<br />

Cioccia Pasqual<strong>in</strong>o<br />

Croce Alessandro<br />

D’Amico Elvira<br />

Di Paolo Giuseppe<br />

Irano Maria Angela<br />

La Vigna Mario<br />

Lombardi Maria Lucia<br />

Mastropietro Davide<br />

Petta Arcangelo<br />

Puntillo Antonio<br />

Valente Felice Pasquale<br />

Mauro<br />

Tufilli<br />

Roccavivara<br />

per tutti<br />

***<br />

D’Astolfo Almer<strong>in</strong>do<br />

Di Lisa Luciana<br />

Di Renzo Giuseppe<br />

Filippetti Gregorio<br />

Galizia Domenico<br />

Gianico Ros<strong>in</strong>a<br />

Toccariello Gabriele<br />

Tufilli Fabio<br />

Di Lisa Armando<br />

V<strong>in</strong>cenzo<br />

Pece<br />

Liberi<br />

di volare<br />

***<br />

Di Giov<strong>in</strong>e Mauro<br />

Cerio Nicola<br />

Mazzagatti Cristian<br />

Cipriani Francesco<br />

Fatone Giovanni<br />

Sciannamblo Bartolomeo<br />

Loisi Domenico<br />

De Mercurio Raffaele<br />

Salandra Massimo<br />

Capitano Gianluca<br />

Romano Giuseppe<br />

Paternoster Mario<br />

Angelo<br />

Codagnone<br />

San Giuliano<br />

nel cuore<br />

***<br />

Carbone V<strong>in</strong>cenzo<br />

Coccagno Gabriele<br />

Laurenzo Aurelio<br />

Mant<strong>in</strong>o Alessandra<br />

Salluzzi Barbara<br />

Saluppo Giuseppe<br />

Salvatore V<strong>in</strong>cenzo<br />

Simiele Pier<strong>in</strong>o<br />

Testa V<strong>in</strong>cenzo<br />

Valente Piero<br />

Varriano Donato<br />

Varriano Michele<br />

MONTELONGO<br />

Giuseppe<br />

Montagano<br />

Giovani<br />

bonefrani<br />

***<br />

Iarocci Michele<br />

Lalli Claudia, Carmen<br />

Liberatore Gianluigi<br />

Montagano Antonio<br />

Porrazzo Fernanda<br />

Ruccolo Valent<strong>in</strong>a<br />

Silvestri Giuseppe<br />

Vaccaro Domenico<br />

Iacobelli Maria<br />

Fiore Antonio<br />

Giuseppe<br />

Sabusco<br />

Lista numero 3<br />

Per Montelongo<br />

***<br />

Ciciola Michele<br />

Colonna Tommaso<br />

De Marco Giuseppe A.<br />

De Michele Domenico<br />

Ialenti Angelo<br />

Macchiagodena Dante M.<br />

Macchiagodena Nicol<strong>in</strong>o<br />

Martucci Gennaro<br />

Nicodemo Giuseppe<br />

Paolitto Celest<strong>in</strong>o<br />

Perrotta Mario<br />

Veleno Alessandro<br />

BONEFRO<br />

Massimiliano<br />

Vaccaro<br />

Stretta<br />

di mano<br />

***<br />

Altezza Salvatore<br />

Baccari Giulia<br />

Baccari Giuseppe<br />

Iacobelli Concetta<br />

Iacobelli Daniela<br />

Lalli Clement<strong>in</strong>a<br />

Montagano Ivano<br />

Mustillo Lucia<br />

Perrotta Luigi G<strong>in</strong>o<br />

Petruccelli Maria Valent<strong>in</strong>a<br />

Porrazzo Ferd<strong>in</strong>ando<br />

Ruccolo Nicola<br />

Angelo<br />

Cefaratti<br />

Uniti costruiamo<br />

il futuro<br />

***<br />

Capasso Antonio<br />

Colapaolo Alessio<br />

Cristofano Antonio<br />

D’Amore Lucio<br />

De Matteis Rosario<br />

Di Ioia Roberto<br />

Di Niro Carm<strong>in</strong>e<br />

Lo<strong>sito</strong> Rosario<br />

Monaco Maria<br />

Rubert<strong>in</strong>o Angel<strong>in</strong>a Antonia<br />

Valente Giuseppe<br />

Varriano Angelo<br />

Remo<br />

Sabetta<br />

Uniti<br />

per Montelongo<br />

***<br />

Petrella Angelo<br />

Pannitti Francesco<br />

De Michele Giovanni<br />

Blanco Michele<br />

Calandrella Pasqual<strong>in</strong>a<br />

Di Liello Maria<br />

La Fratta Giuliano<br />

Leandri Lorena<br />

Manna Eleonora<br />

Marzullo Rosanna<br />

Rosario<br />

Eremita<br />

Le ali<br />

per Bonefro<br />

***<br />

Cercè Mario Colombo<br />

Colombo Nicola<br />

D’Onofrio Michele<br />

Lalli Mario<br />

Lommano Silvio<br />

Macchiagodena Guidiana<br />

pelillo Pasquale<br />

Rea Maria Rosaria<br />

Ruccolo Luigi Vittorio Emanuele<br />

Santoianni Michele Antonio<br />

Vileno Rosalba<br />

7


8 COMUNALI PROVINCIA CAMPOBASSO<br />

Eliseo<br />

Castelli<br />

Crescere<br />

<strong>in</strong>sieme<br />

***<br />

Iammatteo Roberto<br />

Lombardi Cristian<br />

Lombardi Isabella<br />

Lombardi Rudy<br />

Lombardi Sandro<br />

Mastropietro Valent<strong>in</strong>o<br />

Rossi Monia<br />

Vicario Pasquale<br />

Storto Silvana<br />

CASALCIPRANO<br />

Domenico<br />

De Cesare<br />

Sosteniamo<br />

il futuro<br />

***<br />

Antonecchia Remo<br />

Mastracchio Loredana<br />

Petti Maurizio<br />

Amorosa Antonio<br />

Cocco Nicola Natal<strong>in</strong>o<br />

Nappa Angelo<br />

Padula Enzo<br />

Perrella Nicola<br />

Sp<strong>in</strong>a Michele<br />

Aldo<br />

Di Giacomo<br />

Insieme<br />

si può<br />

***<br />

Petruccelli Maria Valent<strong>in</strong>a<br />

Civita Leonardo<br />

Clementoni Carlo<br />

Del Signore Maurizio<br />

Delli Castelli Secondo<br />

Depalma Michele<br />

Fort<strong>in</strong>i Luciani<br />

Paolucci Enrico<br />

Primavera Antonio<br />

Raimondi Vito Donato<br />

Sabia Donato<br />

Sasso Massimiliano<br />

SAN POLO MATESE PROVVIDENTI<br />

Ton<strong>in</strong>o<br />

Sp<strong>in</strong>a<br />

Insieme per<br />

San Polo Matese<br />

***<br />

Capra Claudio<br />

D’Aversa Angela<br />

D’Egidio Anna<br />

D’Egidio Armand<strong>in</strong>o<br />

Gentile Pier Luigi<br />

Gianfagna Aldo<br />

Iezza Adriano<br />

Micone Felice<br />

Pilla Giuseppe<br />

Prioriello Domenico<br />

Sp<strong>in</strong>a Angelo Michele<br />

Sp<strong>in</strong>a Antonio<br />

Pasqual<strong>in</strong>o<br />

Mor<strong>in</strong>elli<br />

Insieme<br />

si cresce<br />

***<br />

Carluccio Maria<br />

Di Cienzo Enzo<br />

Di Paolo Arnaldo<br />

Di Paolo Giuseppe<br />

Lagatta Benito<br />

Lallitta Angelo<br />

Listorti Renato<br />

Palumbo Salvatore<br />

Pelillo Sida<br />

Cosimo<br />

Pedic<strong>in</strong>i<br />

Insieme<br />

si v<strong>in</strong>ce<br />

***<br />

Gentile Biagio<br />

Albanese Antonio<br />

Florestano Maurizio<br />

Ciccotelli Mario<br />

Colamaio Ton<strong>in</strong>o<br />

Giuliani Alfredo<br />

Manc<strong>in</strong>elli Mario<br />

Manc<strong>in</strong>i Gianni Franco<br />

Petrella Gaetano<br />

Sassano Franco<br />

Alessandro<br />

Frasca<br />

L’altra<br />

Provvidenti<br />

***<br />

Di Muccio Fabio<br />

D’Alessandro Ciro<br />

Berl<strong>in</strong>gieri Rocco<br />

Ferri Barbara<br />

Rocchio Roberta<br />

Montaquila Daniela<br />

Frasca Roberto<br />

Mostrato Cater<strong>in</strong>a<br />

Nardolillo Antonio<br />

Longo Rodolfo<br />

Salvatore<br />

Fucito<br />

Bene<br />

comune<br />

***<br />

Pietracupa Michele Antonio<br />

Soccio Stefano<br />

Ferrone Fernando<br />

Di Maria Carm<strong>in</strong>e<br />

Lapenna Aureliano<br />

Alfieri M. Assunta <strong>in</strong> Di Maria<br />

Spedaliere Nicol<strong>in</strong>o<br />

Romuladi Cesira <strong>in</strong> Polisena<br />

Petti Michele<br />

Reale Katia <strong>in</strong> Lapenna<br />

Silvaroli Domenico<br />

Mascia Tiziana<br />

LUPARA PIETRACUPA<br />

Domenico<br />

Cont<strong>in</strong>illo<br />

Lista<br />

numero 2<br />

***<br />

Blanco Alessandro detto Sandro<br />

Mastrogiuseppe Teresa<br />

Di Stefano Giuseppe<br />

Commatteo Lucio<br />

De Sanctis Giuseppe<br />

Ciccarelli Barbara<br />

Commatteo Antonietta<br />

Pietroniro Angelo<br />

Ciccarelli Michele<br />

Giacomodonato Nicola<br />

Mastrangelo Nicola<br />

Giovanni<br />

Santilli<br />

Lista numero 1<br />

Il faro<br />

***<br />

Lamenta Gian Carlo Arnaldo<br />

Pallad<strong>in</strong>o Massimo<br />

Perrotti Gennaro<br />

Allegra Mario<br />

Carrozza Giovanni<br />

Catelli Franco<br />

Coladangelo Gianfranco<br />

Foglietta Benedetto<br />

Gargano G<strong>in</strong>o<br />

Lombardi Giovanni<br />

Ranallo Domenico<br />

Muletti Fulvio<br />

Camillo<br />

Santilli<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Mario<br />

Alfonso<br />

Per<br />

Provvidenti<br />

***<br />

Alfonso Antonietta <strong>in</strong> St<strong>in</strong>ziani<br />

Battista Antonio<br />

Caporicci Ugo John Dom<strong>in</strong>ic<br />

Di Maria V<strong>in</strong>cenzo<br />

Di Rocco Armando<br />

Giorgetti Franco<br />

Marcantonio Angela Antonia <strong>in</strong><br />

Melfi<br />

Santoro Pasqual<strong>in</strong>o Antonio<br />

Sp<strong>in</strong>elli Benito<br />

Venditti Tiziana Antonia <strong>in</strong> Di<br />

Rocco<br />

SE si esclude Termoli, che conta 30.255 abitanti, tutti<br />

gli altri comuni nei quali si vota oggi e domani hanno<br />

una popolazione compresa tra i 166 ed i quasi 7 mila<br />

abitanti (Montenero di Bisaccia).<br />

Cifre che hanno rilevanza ai f<strong>in</strong>i delle candidature e<br />

dell’elezioni del s<strong>in</strong>daco e dei consiglieri comunali. La<br />

lista deve comprendere un numero di candidati non<br />

superiore al numero dei consiglieri da eleggere e, pena<br />

l’esclusione della lista, non <strong>in</strong>feriore ai tre quarti dei<br />

consiglieri assegnati nei comuni con popolazione f<strong>in</strong>o a<br />

15 mila abitanti e non <strong>in</strong>feriore ai due terzi dei consiglieri<br />

assegnati nei comuni con più di 15 mila abitanti.<br />

Tale numero deve essere di almeno 9 e non più di 12<br />

nei comuni f<strong>in</strong>o a 3 mila abitanti ed almeno 12 e non<br />

più di 16 <strong>in</strong> quelli da 3001 a 10 mila abitanti.<br />

Il paese più piccolo della prov<strong>in</strong>cia di Campobasso<br />

nel quale si voterà per il r<strong>in</strong>novo del Consiglio comunale<br />

è Provvidenti, con 166 abitanti.<br />

Dovranno essere eletti 12 consiglieri. Le operazioni<br />

di voto si svolgeranno <strong>in</strong> un solo seggio elettorale.<br />

Stranamente, le liste presentate a Provvidenti sono<br />

tre. Tre candidati alla poltrona di s<strong>in</strong>daco di un paese<br />

alle prese con il grave problema dello spopolamento.<br />

Insieme<br />

per Pietracupa<br />

***<br />

Carosone Angela<br />

Cirese Enzo<br />

Durante Tomas<br />

Esdra Fazioli<br />

Florio Andrea<br />

Izzi Lucia<br />

Manc<strong>in</strong>o Giovann<strong>in</strong>a<br />

Milano Diego<br />

Santilli Giuseppe Antonio<br />

Santilli V<strong>in</strong>cenzo Pietro<br />

Vanga Valerio Arturo<br />

Vasile Maica<br />

Gianluca<br />

D’Addario<br />

Unione<br />

per il paese<br />

***<br />

D’Addario Domenico<br />

Gianfagna Laura<br />

Di Rito Concetta<br />

Paglione Chiara<br />

Di Tota Marco<br />

Di Sano Michele<br />

Varriano Angelo<br />

Di Biase Loredana<br />

De Rosa Rosa<br />

Di Tota Antonietta<br />

Di F<strong>in</strong>o Leonardo<br />

Di Tota Giovanni<br />

red.cb.


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Giuseppe<br />

Centofanti<br />

Liberi di volare<br />

**<br />

**<br />

Mazzagatta Giuseppe<br />

Liberatore Stefano<br />

Centofanti Ivo<br />

Boriati Carm<strong>in</strong>e<br />

Fors<strong>in</strong>etti Filippo<br />

Pic<strong>in</strong>i Andreano<br />

Di Liberato Enea<br />

Silla Antonio Giovanni<br />

Matticoli Antonio<br />

Petrocelli Roberto<br />

Petrocelli Gianni<br />

Piacci Maurizio<br />

Nel centro alle porte<br />

di Isernia si è sparsa<br />

la voce che sia stata<br />

una strategia<br />

quella di candidare<br />

solo otto consiglieri<br />

Troppo pochi<br />

per la competizione<br />

COMUNALI PROVINCIA ISERNIA<br />

Marco<br />

De Simone<br />

Movimento<br />

Fascismo e libertà<br />

**<br />

Fanti Simone<br />

Agost<strong>in</strong>i Davide<br />

Dau Mariangela<br />

Lucches<strong>in</strong>i Riccardo<br />

Teasuro Gianfranco<br />

De Sanctis Fabrizio Massimo<br />

Montoro Giovanni Maria<br />

Sensi Augusto<br />

Caramello Stefano<br />

Giulio Clodio<br />

Mariani<br />

La civetta<br />

***<br />

***<br />

Angelone Marco<br />

Bell<strong>in</strong>gieri Sergio<br />

Cornacchione Domenico<br />

Di Sisto Ida Anna<br />

Di Vito Sara<br />

D’Ugo Pierluigi<br />

Preziosi Fiorenza Angela<br />

Lepore Daria<br />

Maiorano Delia<br />

Parlapiano Bernard<strong>in</strong>o<br />

Petrecca Massimo<br />

MONTENERO VALCOCCHIARA<br />

Orlando<br />

Roberto<br />

Democrazia<br />

e Libertà<br />

**<br />

Caserta Alietta<br />

Fabrizio Francesco<br />

Greco Antonio<br />

Mannarelli Simone<br />

Savelli Giuseppe<br />

Scalzitti Carlo<br />

Travia Gian Luca<br />

Ziroli Federico<br />

Zurchegna Alessio<br />

Franco<br />

Mercone<br />

R<strong>in</strong>ascita<br />

Meridionale<br />

***<br />

Merola Michele<br />

Veneruso V<strong>in</strong>cenzo<br />

Migliaccio Luigi<br />

Di Lettera Alfredo<br />

Di Lillo Giovanni<br />

Del Mese Pasqual<strong>in</strong>a<br />

Formicola V<strong>in</strong>cenzo<br />

Migliaccio Michele<br />

Pane Alfredo<br />

Lanna Giuseppe<br />

Santillo Pietro<br />

Stiletti Enrico<br />

Riccardo<br />

Manc<strong>in</strong>i<br />

Quattro spighe<br />

di grano<br />

***<br />

Ciccone Antonio<br />

Mutolo Emanuele<br />

Lanc<strong>in</strong>i Francesco<br />

Lanc<strong>in</strong>i Massimiliano<br />

Cianfrei Marco<br />

Oliva Marcello<br />

Rivolta Pamela<br />

Rivolta Ramiro Ezequiel<br />

Rocchio Carmela<br />

ROCCASICURA<br />

Angelo<br />

Campanelli<br />

Cont<strong>in</strong>uità<br />

per lo sviluppo<br />

***<br />

Billè Annalisa<br />

Di Benedetto Ton<strong>in</strong>o<br />

Di Franco Giulio<br />

Di Girolamo Giuseppe<br />

Gioiosa Pietro<br />

Lepore Antonio<br />

Lepore V<strong>in</strong>cenzo<br />

Lombardi Adelio<br />

Lombardi Angela<br />

Milano Pasquale<br />

Paol<strong>in</strong>o Camillo<br />

Ricciuti Ivan<br />

Carlo<br />

Di Nicola<br />

Montenero<br />

<strong>in</strong> Comune<br />

***<br />

Pallotto Isidoro<br />

Di Narco Pietro<br />

Milè Berard<strong>in</strong>o<br />

Rec<strong>in</strong>a Paolo<br />

Pede Pasquale<br />

Battista Clemente<br />

Valent<strong>in</strong>i Mario<br />

Caserta Elvira<br />

Orlando Giuliana<br />

Fabio<br />

Milano<br />

Per Roccasicura<br />

***<br />

***<br />

Capretta Mario<br />

Conte Graziano<br />

Ciarlone Alessandro<br />

Di Benedetto Morena<br />

D’Andrea Mauro<br />

Funaro Ugo<br />

Giordano Marco<br />

Lettieri Raffaele<br />

Lombardi V<strong>in</strong>cenzo<br />

Lombardozzi Paolo<br />

Scarpitti Idilia Rosa<br />

Scarpitti Maria Teresa<br />

Escluso dalla competizione Manc<strong>in</strong>i. Per Petroll<strong>in</strong>i unico ’ostacolo’ il quorum<br />

Una sola lista <strong>in</strong> corsa a Sessano<br />

CINQUE s<strong>in</strong>daci <strong>in</strong> corsa per la poltrona<br />

di s<strong>in</strong>daco a Montenero Valcocchiara,<br />

quattro a Roccasicura e uno a Sessano del<br />

Molise dove la lista capeggiata da Mario<br />

Manc<strong>in</strong>i («Manc<strong>in</strong>i per Sessano») è stata<br />

esclusa per un vizio nel numero dei consiglieri<br />

candidati.<br />

Manc<strong>in</strong>i, legato alla lista della passata<br />

maggioranza, aveva formato la sua squadra<br />

composta da Corrado Altieri, s<strong>in</strong>daco<br />

uscente di Sessano del Molise, Maurizio<br />

Cerasuolo, Felice Ciampittiello, Giovanni<br />

D’Agnone, Donato D’Ippolito, L<strong>in</strong>da Di<br />

Lucia, Claudio Durante e Sauro Durante.<br />

Una mossa davvero azzardata per Manc<strong>in</strong>i<br />

& C. che hanno sfidato gli avversari<br />

SESSANO DEL MOLISE<br />

Gabriella<br />

Petroll<strong>in</strong>i<br />

Una lampad<strong>in</strong>a<br />

per Sessano<br />

***<br />

D’Ippolito Giuseppe<br />

Ciccaglione Angiol<strong>in</strong>o<br />

Petrecca Massimo<br />

D’Ippolito Angelo<br />

Giacchetta Egidio<br />

Milano Jessica<br />

Caruso Concett<strong>in</strong>a<br />

Colardo Manrico<br />

Petrecca Nicol<strong>in</strong>o<br />

Petrecca Costant<strong>in</strong>o<br />

Valente Giancarlo<br />

con un numero di consiglieri (otto) <strong>in</strong>feriore<br />

al consentito.<br />

Il regolamento elettivo <strong>in</strong>fatti per i Comuni<br />

f<strong>in</strong>o a 15mila abitanti prevede che le<br />

liste dei candidati debbano essere composte<br />

da un numero non superiore al numero<br />

dei consiglieri da eleggere, e qu<strong>in</strong>di di<br />

12, ma non <strong>in</strong>feriore a 9.<br />

Errore o strategia quello della lista di<br />

Mario Manc<strong>in</strong>i?<br />

Resta il fatto che per Gabriella Petroll<strong>in</strong>i,<br />

adesso, l’unico ostacolo resta il quorum:<br />

dovrà concorrere da sola avendo<br />

l’improbabile onere di raggiungere il 50<br />

per cento più 1 degli aventi diritto al voto<br />

che per quanto riguarda il Comune di Ses-<br />

sano ammontando a 1.196 persone, 562<br />

maschi e 634 femm<strong>in</strong>e.<br />

La lista della Petroll<strong>in</strong>i avrà il compito<br />

di racimolare 598 votanti più 1. Impresa<br />

davvero ambiziosa, ma che permetterà<br />

alla Petroll<strong>in</strong>i di sedere sulla poltrona di<br />

prima cittad<strong>in</strong>a.<br />

Intanto <strong>in</strong> paese cont<strong>in</strong>ua la toto scommessa:<br />

errore o strategia?.<br />

E così a quanto pare nei piccoli centri le<br />

competizioni elettorali sembrano sentite.<br />

A Montenero Valcocchiara tra i candidati<br />

nelle liste ci sono solo c<strong>in</strong>que donne.<br />

Giuliano Di Lucia<br />

9


10 COMUNALI PROVINCIA ISERNIA<br />

Melich<strong>in</strong>o<br />

Petrocelli<br />

Uniti<br />

per Aquaviva<br />

***<br />

Petrocelli Umberto<br />

Berardi Angelo<br />

Berardi Enrico<br />

Berardi Gianni<br />

Manc<strong>in</strong>i Giovanni Anastasio<br />

Pala Silvana<br />

Panzera Anenio<br />

Panzera Silga<br />

Petrocelli Francesca<br />

Petrocelli Marianna<br />

Petrocelli Melich<strong>in</strong>o<br />

Tartaglione Carlo<br />

Una foto di gruppo<br />

per i candidati<br />

della lista<br />

Nuovi Orizzonti <strong>in</strong><br />

corsa a Sesto Campano<br />

dove l’ex s<strong>in</strong>daco<br />

Epifanio si «scontra»<br />

con Renata Cicerone<br />

Giampaolo<br />

F<strong>in</strong>izii<br />

Avanti<br />

per v<strong>in</strong>cere<br />

***<br />

Di Pietro Fabrizio<br />

Di Cesare Silvio Luigi<br />

Lucente Elio<br />

Petrella Walter Cesidio<br />

Zavarella Fabio<br />

Sp<strong>in</strong>osa Gabriele<br />

e Panfilis Venanzio<br />

Ranella Alessandro<br />

Capano Valerio<br />

Rossi Andrea<br />

Tasso<br />

Nicandro<br />

Uniti<br />

per Pozzilli<br />

***<br />

Angiolilli Cristian<br />

De Filippis Antonio<br />

Fella Domenico<br />

Forte Nicola<br />

Franchitti Franco<br />

Franchitti Gianpiero<br />

Melone Alessandro<br />

Musto Carm<strong>in</strong>e<br />

Petescia Alessandro<br />

Petescia Giacomo<br />

Petrella Attilio<br />

Rongione Michele<br />

SESTO CAMPANO<br />

Antonio<br />

Epifanio<br />

Nuovi<br />

Orizzonti<br />

***<br />

Chiuso Filomena Patrizia<br />

Coia Luciano<br />

Forte Gianluca<br />

Giann<strong>in</strong>i Maria<br />

Giulianelli Fabrizio<br />

Letizia Davide<br />

Martone G<strong>in</strong>o<br />

Martone Michele<br />

Roccia Filippo<br />

Taccone G<strong>in</strong>o<br />

Vallone Michele<br />

Zampilli Luciana<br />

Renata<br />

Cicerone<br />

Uniti<br />

per r<strong>in</strong>ascere<br />

***<br />

Cicerone Luigi<br />

De Filippo Agost<strong>in</strong>o<br />

Di Santo Antonio<br />

Forte Simone<br />

Fuoco Lucio<br />

Giann<strong>in</strong>i Romeo<br />

Iannarelli Oreme<br />

Integlia Elviro<br />

Lauria Domenico<br />

Marcaro Anna Maria<br />

Nardolilli Roberto<br />

Pescar<strong>in</strong>o Fausto<br />

ACQUAVIVA D’ISERNIA<br />

Stefano<br />

Di Cristofano<br />

Crescere<br />

<strong>in</strong>sieme<br />

***<br />

Ciummo Pasquale<br />

Di Cristofaro Emidio<br />

Di Ciuccio Maria<br />

D’Acchioli Maria Rosaria<br />

Petrocelli Giovanni<br />

Petrocelli Domenico<br />

Tartaglione Italia<br />

Rossi Gianluca Antonio<br />

Berardi Luigi<br />

POZZILLI<br />

Guido<br />

Ferri<br />

Ri...viva<br />

Pozzilli<br />

***<br />

Biello Antonio<br />

Calleo Sergio<br />

Coletta Anton<strong>in</strong>o<br />

de Corso Gianfranco<br />

De Rita Massimo<br />

Gianfrancesco Mario<br />

Lauro Carm<strong>in</strong>e<br />

Matteo Franco<br />

Merola Matteo<br />

Pirollo Nicandro<br />

Salvatore V<strong>in</strong>cenzo<br />

Lettese Giulia<br />

Elio<br />

Merolillo<br />

R<strong>in</strong>ascita<br />

Meridionale<br />

***<br />

Di Bernardo Gianpaolo<br />

Di Lillo Francesco Paolo<br />

Ciriello Pietro Domenico<br />

Di Lettera Alfredo<br />

Di Lillo Giovanni<br />

Pane Alfredo<br />

Catone Gaetano<br />

Ianniello V<strong>in</strong>cenza<br />

Ianniello Loredana<br />

Lanna Giuseppe<br />

Santillo Pietro<br />

Stiletti Enrico<br />

Stefania<br />

Passarelli<br />

Un paese<br />

<strong>in</strong> comune<br />

***<br />

Albanese Sergio<br />

Carcillo Nicandro<br />

Ciarlante Michele<br />

del Corpo Giacomo<br />

Di Donato Giuseppe<br />

Gentile Nicola<br />

Iannarelli Sabr<strong>in</strong>a<br />

Lanni Massimiliano<br />

Matteo Francesca<br />

Papa Cristiano<br />

Pirolli Alessandro<br />

Vera Federico<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Verso le elezioni<br />

A Pozzilli<br />

la corsa<br />

è solo a 3<br />

La Passarelli<br />

tenta la partita<br />

A Pozzilli la campagna<br />

elettorale è stata molto<br />

dibattuta tre le liste <strong>in</strong><br />

corsa. Il s<strong>in</strong>daco uscente<br />

Passarelli ha r<strong>in</strong>unciato<br />

a partecipare, e una<br />

donna Stefania Passarelli<br />

dovrà vedersela con<br />

i due avversari: Nicandro<br />

Tasso e Guido Ferri.<br />

Due liste si contendono<br />

la maggioranza al<br />

Consiglio comunale di<br />

Sesto Campano. Le liste<br />

depositate nelle mani<br />

del Segretario Generale<br />

sono quelle facenti capo<br />

al s<strong>in</strong>daco uscente Antonio<br />

Epifanio ed a Renata<br />

Cicerone. Una lista,<br />

quella capeggiata<br />

dall’ex s<strong>in</strong>daco, formata<br />

per spianare la strada<br />

alle nuove leve che si affacciano<br />

sulla scena politica<br />

locale. Sono ben<br />

nove coloro che si presentano<br />

davanti all’elettorato<br />

sestolese per la<br />

prima volta. Nutrito anche<br />

il programma amm<strong>in</strong>istrativo.<br />

Non si<br />

tratta di cose difficili da<br />

realizzare ex-novo,<br />

quanto il completamento<br />

di quelle opere già<br />

avviate o già appaltate<br />

ed <strong>in</strong> proc<strong>in</strong>to di essere<br />

<strong>in</strong>iziate. Un programma<br />

fatto tenendo ben saldi i<br />

piedi per terra considerato<br />

il momento congiunturalmentenegativo<br />

che sta vivendo il<br />

paese e di riflesso gli<br />

enti locali.<br />

E ora anche ad Acquaviva<br />

d’isernia con le<br />

quattro liste - <strong>in</strong> rappresentanza<br />

di altrettanti<br />

aspiranti s<strong>in</strong>daci: Melich<strong>in</strong>o<br />

Petrocelli, Giampaolo<br />

F<strong>in</strong>izii, Stefano Di<br />

cristofano, Elio Merolillo<br />

- parte la caccia al<br />

voto. Per tutti i risultati,<br />

basterà aspettare l’edizione<br />

di «Nuovo Molise»<br />

di martedì con tutte<br />

le preferenze candidato<br />

per candidato, lista per<br />

lista.<br />

Salvatore Roccia


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Solidarietà al Pontefice<br />

Picciano<br />

dalla parte<br />

di Ratz<strong>in</strong>ger<br />

LA NOTIZIA IN EVIDENZA<br />

ATTUALITA’<br />

PICCIANO esprima la sua<br />

solidarietà a Benedetto<br />

XVI.<br />

«Nessuno dovrebbe dubitare<br />

della ferma <strong>in</strong>tenzione<br />

di Benedetto XVI di sradicare<br />

il male dell’abuso sessuale,<br />

che non può aver posto<br />

nella Chiesa cattolica».<br />

Senza mezze misure il Presidente<br />

del Consiglio Regionale<br />

Michele Picciano difende<br />

papa Ratz<strong>in</strong>ger dalle<br />

accuse rivoltegli riguardo<br />

ai casi di pedofilia recentemente<br />

denunciati dalla<br />

Germania e dagli Usa.<br />

«L’enorme compassione e<br />

bontà - ha cont<strong>in</strong>uato il<br />

Presidente Picciano - con<br />

cui il Pontefice si è sempre<br />

personalmente impegnato a<br />

fare tutto quello che era e<br />

che è nelle sue possibilità<br />

per rendere giustizia e confortare<br />

le vittime, non può<br />

essere annullata da accuse<br />

ignobili. Non c’è dubbio - ha<br />

affermato Picciano - tuttavia,<br />

che i duri attacchi contro<br />

la Chiesa e il Santo Padre<br />

di questi giorni disorientano<br />

le coscienze di<br />

molti cristiani e creano<br />

amarezza. Ma dobbiamo<br />

str<strong>in</strong>gerci <strong>in</strong>torno al Santo<br />

Padre per dimostrargli,<br />

come Comunità Cristiana,<br />

il nostro appoggio e il nostro<br />

sostegno».<br />

Per i pubblici dipendenti si ipotizza un debito medio pari a 8mila euro pro capite<br />

RECENTEMENTE l’INP-<br />

DAP con la nota operativa<br />

n. 4 del 22/02/2010 pretende<br />

che gli Enti e le Amm<strong>in</strong>istrazioni<br />

pubbliche<br />

escluse dal beneficio della<br />

sospensione, ai sensi<br />

dell’art. 6, comma 1 bis,<br />

della Legge 6 dicembre<br />

2006, n. 290, devono provvedere<br />

al versamento<br />

dell’esistente credito contributivo,<br />

sia per la quota<br />

a carico del datore di lavoro<br />

che per quelle a carico<br />

del lavoratore, <strong>in</strong> un’unica<br />

soluzione, entro un mese<br />

dalla data di ricezione della<br />

nota, restando salva la<br />

possibilità per gli enti <strong>in</strong>teressati,<br />

<strong>in</strong> alternativa all’est<strong>in</strong>zione<br />

del debito contributivo<br />

<strong>in</strong> un’unica soluzione,<br />

di richiedere il pagamento<br />

dilazionato del do-<br />

IL FATTO<br />

Restituzione contributi sospesi<br />

I s<strong>in</strong>dacati chiedono dilazioni<br />

Proposta la rateizzazione <strong>in</strong> 120 mesi<br />

vuto, con una rateizzazione<br />

che, <strong>in</strong> rapporto all’entità<br />

delle somme da <strong>in</strong>troitare,<br />

può essere autorizzata<br />

f<strong>in</strong>o ad un massimo di 60<br />

mesi.<br />

La restituzione dei contributi<br />

sospesi, entro i term<strong>in</strong>i<br />

richiesti dall’INP-<br />

DAP, produrrebbe <strong>in</strong>evitabilmente<br />

sulle lavoratrici e<br />

sui lavoratori e sugli stessi<br />

enti debitori una pesante<br />

esposizione economica, tale<br />

da determ<strong>in</strong>are una drastica<br />

riduzione degli stipendi<br />

che porterebbe le famiglie<br />

ad affrontare notevoli diffi-<br />

coltà economiche e f<strong>in</strong>anziarie,<br />

e potrebbe trasc<strong>in</strong>are<br />

alcuni enti locali verso il<br />

dissesto economico.<br />

Si ipotizza che <strong>in</strong> media<br />

un dipendente pubblico dovrebbe<br />

restituire <strong>in</strong> unica<br />

soluzione all’<strong>in</strong>circa<br />

8.000,00 euro.<br />

Per gli enti soggetti al<br />

Patto di Stabilità Interno<br />

si metterebbe seriamente<br />

<strong>in</strong> pericolo il rispetto dello<br />

stesso patto con conseguenze<br />

sanzionatorie pesantissime.<br />

Questo significa che senza<br />

l’<strong>in</strong>tervento di un decre-<br />

11<br />

to legge o di una ord<strong>in</strong>anza,<br />

<strong>in</strong> deroga del Presidente<br />

del Consiglio dei M<strong>in</strong>istri<br />

a norma della legge<br />

225/92, le conseguenze per<br />

gli Enti e le popolazioni del<br />

Molise saranno pesantissime.<br />

Per quanto sopra le scriventi<br />

OO.SS, unitamente<br />

all’Anci Molise e l’UPI Molise,<br />

chiedono un urgente<br />

<strong>in</strong>tervento delle Istituzioni<br />

e degli Organi preposti al<br />

f<strong>in</strong>e di porre rimedio a siffatta<br />

situazione che deriverebbe<br />

da quanto prospettato<br />

nella nota dell’INPDAP,<br />

promuovendo tutti gli <strong>in</strong>terventi<br />

del caso aff<strong>in</strong>ché<br />

la dilazione di pagamento<br />

della somma complessiva<br />

da versare per la restituizone<br />

possa essere effettuata<br />

<strong>in</strong> 120 rate.<br />

Coldiretti Molise plaude alla bocciatura del mais transgenico; tre italiani su quattro contro le modifiche genetiche<br />

Stop agli Ogm da parte del m<strong>in</strong>istro Zaia<br />

Evidenziati i gravi rischi per salute e ambiente e l’assenza di alcun vantaggio economico<br />

NUOVO stop alla coltivazione<br />

di prodotti geneticamente<br />

modificati. Il m<strong>in</strong>istro<br />

delle Politiche Agricole,<br />

Luca Zaia, ha <strong>in</strong>fatti firmato<br />

il dispositivo che sbarra<br />

la strada alle coltivazioni<br />

transgeniche sul territorio<br />

nazionale e che è stato ora<br />

<strong>in</strong>viato ai m<strong>in</strong>isteri della<br />

Salute e dell’Ambiente. Il<br />

decreto blocca di fatto la decisione<br />

del Consiglio di Sta-<br />

to che qualche settimana fa<br />

aveva aperto alla coltivazione<br />

di granturco transgenico.<br />

Grande soddisfazione è<br />

stata espressa per questa<br />

decisione dai vertici della<br />

Coldiretti del Molise che da<br />

tempo sono impegnati nella<br />

promozione di prodotti ’tradizionali’<br />

made <strong>in</strong> Italy. "In<br />

Europa - ha evidenziato il<br />

presidente regionale della<br />

Coldiretti, Amodio De An-<br />

gelis - ben 21 su 27 Paesi<br />

hanno deciso di non coltivare<br />

mais geneticamente modificato.<br />

Per quanto riguarda<br />

l’Italia, poi, tutti i sondaggi<br />

evidenziano che tre<br />

italiani su quattro sono contrari<br />

all’Ogm. Per questo<br />

esprimiamo grande apprezzamento<br />

per la tempestiva<br />

firma del Decreto da parte<br />

del m<strong>in</strong>istro Zaia.<br />

"Dall’analisi effettuata<br />

dalla Coldiretti sul rapporto<br />

annuale 2009 dell’International<br />

Service for the Acquisition<br />

of Agri-biotech Applications<br />

(Isaaa) - gli ha fatto<br />

eco il direttore regionale,<br />

Angelo Milo - emerge che la<br />

coltivazione ogm <strong>in</strong> Europa<br />

<strong>in</strong>teressa solo sei Paesi e riguarda<br />

solo il mais bt geneticamente<br />

modificato, la cui<br />

la superficie coltivata nel<br />

2009 si è drasticamente ridotta<br />

del 12 per cento passando<br />

da 107.719 ettari a<br />

94.750 ettari, pari a molto<br />

meno dello 0,001 per cento<br />

della superficie totale di<br />

160 milioni di ettari coltivati<br />

<strong>in</strong> Europa. Il drastico<br />

crollo nei terreni sem<strong>in</strong>ati<br />

con organismi geneticamente<br />

modificati <strong>in</strong> Europa nel<br />

2009 - ha concluso il presidente<br />

De Angelis - conferma<br />

che nel coltivare prodotti<br />

transgenici, oltre ai rischi<br />

per la salute e per l’ambiente,<br />

non c’è neanche convenienza<br />

economica".<br />

Sono Mario Colalillo e Angelo Santoro, entrambi votati all’unanimità<br />

Eletti i presidenti di Api e Acem<br />

R<strong>in</strong>novati anche gli altri organi delle due associazioni<br />

COME ogni anno, l’ACEM<br />

(Associazione Costruttori<br />

Edili del Molise) e l’API<br />

(Associazione delle Piccole<br />

Industrie), nell’adempimento<br />

delle rispettive norme<br />

statutarie, hanno celebrato<br />

l’Assemblea dei soci.<br />

Numerose le imprese<br />

associate che si sono ritrovate<br />

venerdì 26 marzo,<br />

presso il Ristorante "Roberto"<br />

<strong>in</strong> agro di Castropignano,<br />

per discutere delle<br />

politiche associative, delle<br />

problematiche del settore<br />

e degli obiettivi da perseguire<br />

<strong>in</strong> futuro.<br />

L’assise assembleare, <strong>in</strong><br />

una sala gremita ai limiti<br />

della capienza dai numerosi<br />

imprenditori iscritti,<br />

dopo l’esam<strong>in</strong>azione e l’approvazione<br />

delle relazioni<br />

annuali sulle attività svolte<br />

e dei bilanci delle due<br />

Associazioni, ha provveduto<br />

anche al r<strong>in</strong>novo delle<br />

cariche sociali.<br />

Novità alla guida dell’A-<br />

CEM: alla carica di Presidente,<br />

<strong>in</strong>fatti, è stato elet-<br />

to Angelo Santoro, mentre<br />

alla Vice Presidenza<br />

ACEM è stato nom<strong>in</strong>ato<br />

Corrado Di Niro.<br />

Alla carica di Presidente<br />

API è stato confermato<br />

Mario Colalillo, ed alla carica<br />

di Vice Presidente<br />

sono stati eletti Vittoria<br />

Beccia e Gianni Paolo Ca-<br />

labrese.<br />

I vertici delle due Associazioni<br />

sono stati eletti<br />

alla unanimità, per acclamazione.<br />

L’Assemblea ha provveduto,<br />

altresì, al r<strong>in</strong>novo<br />

dei Consigli di amm<strong>in</strong>istrazione<br />

e degli altri organismi.


EMERGENZA SCUOLE SICURE<br />

CAMPOBASSO - Conferme<br />

alla notizia - pubblicata<br />

ieri su "Nuovo Molise" -<br />

secondo la quale il Comitato<br />

«Scuole sicure» ha presentato<br />

un esposto alla<br />

Procura per verificare lo<br />

stato di sicurezza delle<br />

scuole del capoluogo; ed è<br />

anche vero che l’Asrem sta<br />

effettuando dei sopralluoghi<br />

per poter compilare<br />

una relazione da presentare<br />

<strong>in</strong> Procura entro venti<br />

giorni. Relazione dalla<br />

quale dipendenranno le<br />

conseguenti decisioni, la<br />

più drastica delle quali è la<br />

chiusura degli istituti antisimsici.<br />

Ma dal Comune di<br />

Campobasso arrivano rassicurazioni:<br />

«Nessun allarme<br />

- precisa al propo<strong>sito</strong> il<br />

s<strong>in</strong>daco G<strong>in</strong>o Di Bartolomeo<br />

- la situazione è sotto<br />

controllo e stiamo facendo<br />

tutto il possibile per sistemare<br />

un problema che abbiamo<br />

ereditato dalle passate<br />

amm<strong>in</strong>istrazioni e che<br />

si trasc<strong>in</strong>a ormai da<br />

vent’anni».<br />

Il problema dell’edilizia<br />

scclastica e della sicurezza<br />

delle scuole del capoluogo,<br />

dunque, è concreto. Molti<br />

istituti non possiedono tutti<br />

i certificati antisismici e<br />

di agibilità. Ed è proprio<br />

per accertare quali sono,<br />

effettivamente, le condizioni<br />

di questi istituti che è<br />

partito l’esposto <strong>in</strong> Procura.<br />

I problemi delle scuole<br />

sono diversi: edifici vecchi<br />

e per questo non <strong>in</strong> regola<br />

con la normativa vigente,<br />

certificazioni <strong>in</strong>complete o<br />

standard non adeguati alle<br />

nuove leggi.<br />

Ma nessun allarme particolare<br />

per nessun istituto.<br />

E, contemporaneamente,<br />

un costante impegno da<br />

parte dell’amm<strong>in</strong>istrazione.<br />

«C’è stata una richiesta<br />

all’ufficio Prevenzione<br />

dell’Asrem - ammette il<br />

s<strong>in</strong>daco - per vedere <strong>in</strong> che<br />

stato sono le scuole, ma è<br />

un’<strong>in</strong>iziativa partita da<br />

noi, che abbiamo fornito<br />

tutta la documentazione e<br />

collaborato con i vertici<br />

dell’azienda sanitaria e i<br />

genitori. A questo propo<strong>sito</strong><br />

- aggiunge il primo cittad<strong>in</strong>o<br />

- abbiamo creato un<br />

attivissimo tavolo di lavoro<br />

al quale collaborano gli assessori<br />

Cim<strong>in</strong>o (lavori<br />

pubblici), Cefaratti (edilizia<br />

scolastica) e Di Giorgio<br />

(pubblica istruzione).<br />

Abbiamo deciso - spiega<br />

ancora Di Bartolomeo - di<br />

L’Asrem sta effettuando controlli <strong>in</strong> alcuni istituti<br />

«Esposto <strong>in</strong> Procura<br />

Solo ’prevenzione’»<br />

Il s<strong>in</strong>daco frena: nessun allarme<br />

<strong>in</strong>contrarci ogni mercoledì<br />

per fare il punto della situazione<br />

e decidere gli <strong>in</strong>terventi<br />

futuri».<br />

Il problema, certo, è di<br />

carattere economico. Per<br />

assicurare l’agibilità e la<br />

sicurezza di tutti gli istituti<br />

servirebbero risorse <strong>in</strong>genti.<br />

«Da quando mi sono<br />

<strong>in</strong>sediato - precisa al propo<strong>sito</strong><br />

il s<strong>in</strong>daco - ho chiesto<br />

alla regione i 18 milioni<br />

di euro con i quali dovremmo<br />

affrontare il problema.<br />

Ma anche senza quelli -<br />

conclude Di Bartolomeo -<br />

risolveremo il problema<br />

perché quello delle scuole e<br />

della sicurezza dei bamb<strong>in</strong>i<br />

è un tema che sta a cuore a<br />

tutti, un problema rispetto<br />

al quale non valgono colori<br />

politici o contrapposizioni<br />

di ruoli ma serve solo collaborazione<br />

e impegno».<br />

In reltà un progetto c’è,<br />

ma comporta tempo e risorse:<br />

«La nostra idea -<br />

spiega il capogruppo di<br />

maggioranza Salvatore<br />

Colagiovanni - è di creare<br />

un polo scolastico che<br />

possa garantire tutti gli<br />

standard, compresi quelli<br />

di sicurezza. Ci stiamo lavorando<br />

da appena ci siamo<br />

<strong>in</strong>sediati ma non è un<br />

progetto che si può risolvere<br />

<strong>in</strong> venti giorni. D’altra<br />

«Un problema<br />

che sta a cuore<br />

a tutti, ma<br />

servono tempo<br />

e risorse»<br />

parte quello della sicurezza<br />

scolastica - conclude Colagiovanni<br />

- è un problema<br />

che nessuno f<strong>in</strong>ora ha affrontato<br />

con l’impegno e la<br />

costanza con cui lo sta facendo<br />

l’amm<strong>in</strong>istrazione Di<br />

Bartolomeo».<br />

daniela di cecco<br />

L’<strong>in</strong>dicazione ’mancata’: evitare l’aumento degli alunni nelle strutture considerate non a norma<br />

La Cgil denuncia: Molise fuorilegge<br />

Secondo Sorella non è stato rispettato il decreto firmato Gelm<strong>in</strong>i - Tremonti<br />

SULL’emergenza scuole sicure<br />

<strong>in</strong>terviene anche la<br />

Cgil per voce del segretario<br />

regionale Sergio Sorella<br />

che, <strong>in</strong> una nota, contesta<br />

il mancato rispetto, <strong>in</strong> Molise,<br />

del decreto del 23 settembre<br />

2009 firmato Gelm<strong>in</strong>i<br />

e Tremonti. Un decreto<br />

<strong>in</strong> cui si scriveva di evitare<br />

l’aumento degli alunni<br />

per classe nelle scuole italiane<br />

non a norma o <strong>in</strong> situazioni<br />

critiche dal punto<br />

di vista edilizio.<br />

«Si scrive una cosa ma<br />

se ne fa un’altra - puntualizza<br />

ora Sorella - Solo per<br />

l’anno scolastico <strong>in</strong> corso,<br />

2009-2010, è stato consentito<br />

il mantenimento dei<br />

vecchi parametri (quelli<br />

del DM 24 luglio 2008 n.<br />

331) per quelle scuole <strong>in</strong>dividuate<br />

<strong>in</strong> appo<strong>sito</strong> "piano<br />

generale di riqualificazione<br />

dell’edilizia scolastica",<br />

piano che doveva essere<br />

predisposto d’<strong>in</strong>tesa tra<br />

MIUR e MEF. Di questo<br />

elenco di scuole - aggiunge<br />

il segretario della Cgil -<br />

non si è mai saputo niente,<br />

nonostante le varie richieste<br />

e sollecitazioni da parte<br />

nostra».<br />

Sorella sottol<strong>in</strong>ea poi che<br />

«solo da poco siamo venuti<br />

a sapere che era stato<br />

emanato a f<strong>in</strong>e settembre<br />

quel D.I. (a firma Gelm<strong>in</strong>i-<br />

Tremonti)».<br />

Un decreto (vedi sotto)<br />

nel quale figura l’elenco<br />

delle scuole che avrebbero<br />

avuto esplicitamente dirit-<br />

to, già per questo anno scolastico,<br />

a vedersi applicati<br />

i vecchi parametri sul numero<br />

massimo di alunni<br />

per la costituzione delle<br />

classi. Invece non è accaduto.<br />

Si è proceduto come<br />

se nulla fosse stato scritto.<br />

«Da un riscontro sull’e-<br />

La Black-list degli edifici di tutta la regione<br />

ECCO l’elenco delle scuole a rischio.<br />

I.Magistrale "Scarano"<br />

I.C."Molise Altissimo" Carovilli<br />

I.C. Sep<strong>in</strong>o "Tiberio"<br />

I. C. "F.Iov<strong>in</strong>e" Pozzilli<br />

I.C. Campomar<strong>in</strong>o<br />

Direzione Didattica Agnone<br />

Ist.Comp. "G.Colozza "Frosolone<br />

Isituto Comprensivo ’P.Valente’<br />

Circolo Didattico Di Trivento<br />

Trivento "Scarano"<br />

I.C. Boiano "Pallotta"<br />

I.C. "Molise Altissimo" Carovilli<br />

I.C. "A. Notte" Macchiagodena<br />

I.C. "O.D’Uva" Castelpetroso<br />

I.C. "Molise Altissimo" Carovilli<br />

Ist.Comp. Colli A Volturno<br />

I.C. Montefalcone N.S."Cordisco<br />

C.D. Di Montenero Di Bisaccia<br />

Isituto Comprensivo ’P.Valente’<br />

I.C. Montefalcone N.S."Cordisco<br />

Ist.Comp. "G.Colozza" Frosolone<br />

I.C. V<strong>in</strong>chiaturo<br />

I.C. "D.Alighieri" Cerro al Volturno<br />

I.C. Ripalimosani "Alighieri"<br />

I.C. Palata "Ricciardi"<br />

I.C. "G.Galilei" Monteroduni<br />

I.C. "D.Alighieri" Cerro al Volturno<br />

I.C. Ripalimosani "Alighieri"<br />

I.C. Petrella T. "Girardi"<br />

I.C. Sep<strong>in</strong>o "Tiberio"<br />

I.C. "Molise Altissimo" Carovilli<br />

Ist.Comp."G.Colozza" Frosolone<br />

I. C. "A.Notte" Macchiagodena<br />

Brigida M. (Sperim. Per D.M.)<br />

Direzione Didattica Agnone<br />

Giovanni Paolo I<br />

Montenero Di B. "Argentieri"<br />

I.C. Petacciato "V. Cuoco"<br />

Circolo Didattico Di Trivento<br />

I.C. Bonefro "Jov<strong>in</strong>e"<br />

I.C. Sep<strong>in</strong>o "Tiberio"<br />

Montenero Di Bisaccia<br />

I.C. Palata "Ricciardi"<br />

I. C. Campobasso "Petrone I"<br />

Ist.Comp. "G. D’agnillo" Agnone<br />

Circolo Didattico Di Trivento<br />

I.T.Commerciale "L.Pilla"<br />

Circolo Didattico Di Trivento<br />

I.C. Ururi "Grav<strong>in</strong>o"<br />

Direzione Didattica Agnone<br />

Isituto Comprensivo ’P.Valente’<br />

I.T.Nautico e Geometri "Ugo Tiberio"<br />

I.C. Palata "Ricciardi"<br />

Campobasso "Primo Circolo"<br />

L.Scientifico "Alfano Da Termoli"<br />

Ist.Comp. "G.Colozza"Frosolone<br />

A. Colozza<br />

I.T. Commerciale "G.Boccardi"<br />

I.C. Ripalimosani "Alighieri"<br />

I.C. Riccia<br />

I.T. Commerciale " L.Pilla"<br />

I.C. Gambatesa "Josa"<br />

Sant’elia A Pianisi<br />

Direzione Didattica Agnone<br />

I.C. "Molise Altissimo"Carovilli<br />

Isituto Comprensivo ’P.Valente’<br />

I.C. Sep<strong>in</strong>o "Tiberio"<br />

L.Mont<strong>in</strong>i<br />

I.T. Industriale "G.Marconi"<br />

S.C.S. Castropignano<br />

I.C. "F.Iov<strong>in</strong>e" Pozzilli<br />

I.C. "D.Alighieri"Cerro Al Volt<br />

I.C. "Molise Altissimo"Carovilli<br />

S.C.S. Castropignano<br />

Ist.Comp."G. D’agnillo" Agnone<br />

I.C. Campodipietra<br />

I.C. Campobasso "Petrone I."<br />

I.Magistrale "D.Pace"<br />

C.D. di Montenero Di Bisaccia<br />

Brigida M. (Sperim. Per D.M.)<br />

I.T. Nautico e Geometri "Ugo Tiberio"<br />

Pittarelli<br />

I.C. "G.Galilei" Monteroduni<br />

lenco delle scuole con criticità<br />

edilizia del Molise -<br />

aggiunge Sorella - abbiamo<br />

scoperto che sono oltre 80<br />

i plessi delle scuole molisane<br />

<strong>in</strong>seriti nella lista. Sono<br />

distribuiti su tutto il territorio<br />

regionale, da Venafro<br />

a Termoli».


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

PETRELLA TIFERNINA<br />

CAMPOBASSO<br />

Il fiore all’occhiello dell’istituto comprensivo<br />

Apre la sezione primavera<br />

E’ la prima volta per il paese<br />

L’<strong>in</strong>iziativa voluta dal s<strong>in</strong>daco<br />

PETRELLA TIFERNINA -<br />

Primo giorno di scuola per<br />

oltre dieci bamb<strong>in</strong>i da due a<br />

tre anni ieri, <strong>in</strong> paese, dove,<br />

con il contributo dell’Assessorato<br />

Regionale all’Istruzione,<br />

è stata attivata la Sezione<br />

primavera della scuola<br />

dell’<strong>in</strong>fanzia. Un fiore<br />

all’occhiello per l’Istituto<br />

Comprensivo presieduto<br />

dalla professoressa Rossella<br />

Gianfagna, che ha voluto<br />

fortemente l’ampliamento<br />

dell’offerta formativa, e un<br />

punto a favore per l’Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

Comunale del<br />

s<strong>in</strong>daco Di Lisio, riuscendo<br />

a far aprire per la prima<br />

volta a Petrella una scuola<br />

per i bamb<strong>in</strong>i di due anni.<br />

In pochi giorni è stato<br />

adeguato una parte dell’ambiente<br />

scolastico per accogliere<br />

i più piccoli, particolare<br />

attenzione è stata data<br />

all’area divertimenti, dove i<br />

piccoli alunni possono trascorrere<br />

con gioia le ore scolastiche.<br />

Un plauso va, senza<br />

dubbio, a tutto il personale<br />

della scuola dell’<strong>in</strong>fanzia,<br />

il quale, oltre il normale<br />

orario di lavoro, prima ha<br />

sistemato tutti gli arredi e<br />

oggi ha accolto <strong>in</strong> pompa<br />

magna i neo alunni. Da non<br />

trascurare che l’ampliamento<br />

dell’offerta formativa ha<br />

permesso, <strong>in</strong>oltre, l’assunzione<br />

temporanea di un <strong>in</strong>segnante<br />

e di unità del personale<br />

Ata.<br />

Il taglio<br />

del nastro<br />

ieri matt<strong>in</strong>a<br />

13<br />

Anche nel corso della giornata odierna<br />

Giornata Fai<br />

Siti aperti<br />

«Quella organizzata dalla Fai (Fondo Ambiente Italiano)<br />

<strong>in</strong> Molise rappresenta una vetr<strong>in</strong>a unica per la nostra<br />

regione, che permetterà di riscoprire le bellezze della<br />

nostra terra».<br />

Queste le prime parole dell’Assessore Pietro Montanaro<br />

sulla 18esima "giornata Fai di primavera", che ieri<br />

ed oggi ha visto l’apertura straord<strong>in</strong>aria e la visita di<br />

beni architettonici e naturali del Molise.<br />

A illustrare aspetti storico-artistici dei monumenti <strong>in</strong>fatti<br />

sono giovani studenti, <strong>in</strong>iziativa che permetterà ai<br />

più piccoli di conoscere le bellezze del nostro territorio,<br />

che necessitano di essere salvaguardate. Per quest’anno<br />

sono <strong>in</strong>seriti diversi percorsi, sono ben nove i siti di <strong>in</strong>teresse<br />

che saranno a disposizione dei visitatori. Il Molise,<br />

<strong>in</strong>fatti,spesso affasc<strong>in</strong>a tutti coloro che per la prima volta<br />

si avvic<strong>in</strong>ano alla nostra regione, ricca di risorse che<br />

vanno valorizzate e che rappresentano un punto a favore<br />

della nostra economia. Mi auguro - ha concluso Montanaro<br />

- che <strong>in</strong>iziative come questa possano rappresentare<br />

un trampol<strong>in</strong>o di lancio per l’attività turistica nostrana».<br />

Questo il programma dell’<strong>in</strong>iziativa con i luoghi da visitare:<br />

a Campobasso presso il Teatro Savoia, oggi dalle<br />

10 alle 13 e dalle 15 alle 18, le guide saranno dell’Istituto<br />

Galanti di Campobasso; il Convitto M.Pagano domani<br />

matt<strong>in</strong>a, le guide saranno i ragazzi de Convitto; la Banca<br />

d’Italia per l’<strong>in</strong>tera giornata, con la guida dei ragazzi<br />

del Geometra di Campobasso; la Banca Popolare delle<br />

Prov<strong>in</strong>ce molisane, con una rappresentazioni di foto d’epoca<br />

delle Prov<strong>in</strong>ce molisane. Si avrà la possibilità, <strong>in</strong>oltre,<br />

di visitare nel corso nell’<strong>in</strong>tera giornata di oggi i<br />

centri storici di Baranello, guidati dalle ragazze del Galanti<br />

di Campobasso; Riccia e il suo centro storico, guidati<br />

dai volontari dell’associazione Trediciarchi; il castello<br />

di Civitacampomarano, sotto la guida dei ragazzi<br />

delle scuole medie di Castelamuro e una guida del Comune;<br />

Castelmauro con l’Osservatorio Astronomico; ed<br />

<strong>in</strong>f<strong>in</strong>e Santa Maria del Canneto a Roccavivara con guide<br />

l’Associazione della protezione civile locale. g.p


14 CAMPOBASSO-ALTRI CENTRI<br />

Trivento - Convocata dal neo presidente<br />

Domani assemblea<br />

ord<strong>in</strong>aria della Proloco<br />

In agenda il Bilancio<br />

IN CRONACA<br />

TRIVENTO - Si terrà domani<br />

sera, presso i locali<br />

dell’ex circolo Acli di piazza<br />

Cattedrale, l’assemblea<br />

ord<strong>in</strong>aria della Pro loco.<br />

L’<strong>in</strong>izio della riunione è<br />

fissato alle 20.30 <strong>in</strong> prima<br />

convocazione e alle 21,30<br />

<strong>in</strong> seconda convocazione.<br />

All’ord<strong>in</strong>e del giorno<br />

dell’assemblea dei soci,<br />

convocata dal nuovo presidente<br />

Loreto Ciafard<strong>in</strong>i, ci<br />

sono <strong>in</strong>nanzitutto alcuni<br />

adempimenti previsti dallo<br />

statuto come la relazione<br />

del presidente sul bilancio<br />

del 2009 e la relazione<br />

dei revisore dei con-<br />

ti. Dopo la lettura di queste<br />

due relazioni i soci dovranno<br />

approvare il conto<br />

consuntivo del 2009. Grazie<br />

a questi atti i soci possono<br />

avere il quadro completo<br />

delle <strong>in</strong>iziative realizzate<br />

nel corso dell’ultimo<br />

anno ed anche delle<br />

relative spese. Il nuovo<br />

presidente, eletto alla f<strong>in</strong>e<br />

dello scorso anno dopo le<br />

dimissioni di Luigi Fagnani,<br />

ha già promosso alcune<br />

<strong>in</strong>iziative a Natale e Carnevale.<br />

Adesso, però, bisogna<br />

programmare le attività<br />

del periodo estivo che<br />

sono quelle che richiedono<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

maggiori sforzi organizzativi<br />

ed economici. Il presidente<br />

ha più volte lanciato<br />

appelli aff<strong>in</strong>ché i cittad<strong>in</strong>i<br />

partecip<strong>in</strong>o alle attività<br />

della Pro loco che è l’associazione<br />

istituzionalmente<br />

deputata alla promozione<br />

turistica del paese. Anche<br />

l’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale,<br />

sebbene dal punto di<br />

vista economico le risorse<br />

disponibili per questo settore<br />

sono prossime allo<br />

zero, dovrebbe dare una<br />

mano alla Pro loco nelle<br />

attività che saranno programmate.<br />

antonio manc<strong>in</strong>ella<br />

Bojano - Controllata anche la scuola media di Terre Longhe <strong>in</strong> seguito al malore di un alunno<br />

Droga, arrestato marocch<strong>in</strong>o<br />

Giornata di <strong>in</strong>tensa attività per i carab<strong>in</strong>ieri del Norm<br />

supportati da un’unità c<strong>in</strong>ofila del Nucleo di Chieti<br />

BOJANO - Ieri è stata effettuata un’operazione volta a<br />

contrastare il fenomeno droga dai Carab<strong>in</strong>ieri del Norm<br />

della locale Compagnia supportati da una Unità del Nucleo<br />

C<strong>in</strong>ofili di Chieti. I militari hanno effettuato una perquisizione<br />

presso la casa di un marocch<strong>in</strong>o 25enne, E.K.A., celibe,<br />

nullafacente, r<strong>in</strong>venendo 35 grammi di hashish e un bilanc<strong>in</strong>o<br />

di precisione. Il materiale è stato sequestrato. Il<br />

giovane dopo le formalità di rito è stato arrestato <strong>in</strong> flagranza<br />

di reato e associato alle carceri di Campobasso.<br />

Sempre i militari hanno effettuato un controllo nei moduli<br />

delle scuole medie di località Terre Longhe dove un alunno<br />

13enne di recente aveva avvertito un malore a seguito di<br />

uso di stupefacenti che gli sarebbero stati forniti da uno<br />

studente delle Superiori. Nelle aule l’e<strong>sito</strong> dell’ispezione negativa,<br />

dell’hashish, circa 20 gr., <strong>in</strong>vece, è stato r<strong>in</strong>venuto<br />

all’esterno sotto la f<strong>in</strong>estra di un bagno. Sembrerebbe che il<br />

ragazzo <strong>in</strong> possesso della droga, quando ha visto i Cc sia<br />

uscito dall’aula e l’abbia buttata dalla f<strong>in</strong>estra. (Luz)<br />

LA PRECISAZIONE<br />

RICEVIAMO e pubblichiamo<br />

dalla banca Monte<br />

dei Paschi di Siena.<br />

In data 23 e 24 Marzo il<br />

Quotidiano Nuovo Molise<br />

Oggi nella cronaca<br />

Bojano-Area Mates<strong>in</strong>a ha<br />

riportato la notizia che<br />

Banca Toscana avrebbe<br />

applicato ad un cliente<br />

della Filiale di Bojano<br />

tassi usurai. Viene poi sottol<strong>in</strong>eato<br />

come per due Direttori,<br />

avvicendatisi nelle<br />

conduzione della Filiale,<br />

sia stato richiesto dal Pm<br />

di Campobasso il r<strong>in</strong>vio a<br />

giudizio. Il tenore degli<br />

articoli è tale da mettere<br />

sotto accusa la Banca Toscana<br />

e le Banche <strong>in</strong> generale,<br />

presc<strong>in</strong>dendo dai necessari<br />

approfondimenti<br />

che tali complesse vicende<br />

meritano. Il rispetto dei<br />

parametri fissati dalla<br />

legge sull’usura, rilevati e<br />

calcolati dalla Banca d’Italia<br />

e resi pubblici dal<br />

M<strong>in</strong>istero dell’Economia e<br />

delle F<strong>in</strong>anze a mezzo<br />

pubblicazione sulla Gazzetta<br />

Ufficiale, come previsto<br />

proprio dalla Legge<br />

sull’ usura, sono sempre<br />

stati puntualmente rispettati<br />

da Banca Toscana<br />

qu<strong>in</strong>di dai Funzionari citati.<br />

Anche le perizie commissionate<br />

da Banca Toscana<br />

e, <strong>in</strong> seguito alla<br />

sua <strong>in</strong>corporazione, da<br />

BMps, utilizzando i suddetti<br />

criteri, hanno confer-<br />

mato la corretta applicazione<br />

dei tassi di <strong>in</strong>teresse<br />

e della commissione sul<br />

massimo scoperto, sempre<br />

risultati al di sotto dei "<br />

tassi soglia". Sulla base di<br />

presupposti non fondati<br />

sul quadro normativo sopracitato,<br />

non possono<br />

perciò essere correttamente<br />

effettuati calcoli riguardanti<br />

il T.E.G. (tasso effettivo<br />

globale), come <strong>in</strong>vece<br />

risulta dalla perizia allegata<br />

agli atti della procura<br />

che disconosce i criteri<br />

contenuti nelle istruzioni<br />

della Banca d’Italia, pervenendo<br />

ai risultati citati<br />

nell’articolo. Al secondo<br />

trimestre 2005 appartiene<br />

il risultato più "clamoroso":<br />

la citata perizia rileva<br />

un tasso globale applicato<br />

(<strong>in</strong>teressi, spese, commissioni)<br />

che si aggira <strong>in</strong>torno<br />

al 100%, quando il calcolo<br />

esatto, effettuato secondo<br />

i criteri di Banca d<br />

’Italia, evidenzia un TEG<br />

del 13,75% a fronte di un<br />

tasso soglia, all’epoca, del<br />

18,65%. Si prega, pertanto,<br />

di voler <strong>in</strong>formare i lettori<br />

che le somme <strong>in</strong> questione<br />

sono costituite da<br />

poche dec<strong>in</strong>e di euro: nel<br />

citato trimestre l’importo -<br />

di cui si discute - è pari a<br />

Euro 41,22 di cui euro<br />

6,31 per <strong>in</strong>teressi debitori,<br />

euro 23,97 per commissione<br />

sul massimo scoperto<br />

ed euro 10,84 per spese».<br />

Lar<strong>in</strong>o - Incontro pubblico organizzato dal comitato pro Vietri e da LARINascita<br />

’Sì a un tavolo di confronto’<br />

Sanità, il consigliere Petraroia chiede risposte concrete<br />

LARINO - "Si apra subito un tavolo<br />

di confronto istituzionale che impegni<br />

il presidente della regione Michele<br />

Iorio a dare risposte concrete<br />

agli amm<strong>in</strong>istratori, associazioni, comitati<br />

e cittad<strong>in</strong>i delle comunità di<br />

Lar<strong>in</strong>o, Venafro ed Agnone, <strong>in</strong> modo<br />

da renderli partecipi e consapevoli<br />

delle misure che verranno adottate<br />

nel piano di rientro dal deficit sanitario".<br />

E’ la proposta avanzata dal consigliere<br />

regionale Petraroia nel corso<br />

dell’affollata assemblea pubblica tenutasi<br />

venerdì a Lar<strong>in</strong>o presso l’auditorium<br />

di via Cluenzio, <strong>in</strong>detta dal<br />

comitato civico pro Vietri e dal movimento<br />

LAR<strong>in</strong>ascita; proposta sulla<br />

quale si è registrata una larga convergenza,<br />

compresa quella del vice<br />

s<strong>in</strong>daco ed assessore comunale alla<br />

sanità Quici. La proposta,pur condivisa,<br />

sembra però giungere <strong>in</strong> ritardo<br />

nella complessiva vertenza sulla<br />

sanità regionale, ad un mese cioè dal<br />

30 aprile prossimo, data ultima fissata<br />

dal m<strong>in</strong>istero competente per<br />

"la resa dei conti", e dal cui e<strong>sito</strong> dipende<br />

il dest<strong>in</strong>o,presumibilmente<br />

amaro, di una sanità regionale caratterizzata<br />

anche negli ultimi tempi<br />

da sprechi di denaro pubblico per<br />

f<strong>in</strong>i clientelari ed elettoralistici, perpetrati<br />

contro gli <strong>in</strong>teressi e a danno<br />

Le m<strong>in</strong>oranze consiliari<br />

oggi <strong>in</strong> piazza Roma<br />

«Piano casa?<br />

A Bojano<br />

è solo<br />

per pochi»<br />

BOJANO - "Piano casa? A<br />

Bojano è solo per pochi.<br />

Complimenti Silvestri!".<br />

dei cittad<strong>in</strong>i molisani,sui quali <strong>in</strong>dist<strong>in</strong>tamente<br />

verrà scaricato il peso<br />

dell’enorme debito sanitario, fattore<br />

di ostacolo allo sviluppo sociale, economico<br />

della regione e, conseguentemente,impoverimento<br />

culturale. La<br />

Regione Molise, è stato ricordato nel<br />

corso dell’assemblea, presenta al<br />

quarto trimestre del 2009 un risultato<br />

di gestione fortemente negativo,<br />

pari a circa 80 milioni di euro, che<br />

sommato al debito pregresso del<br />

2008 di 30 milioni segna un disavanzo<br />

da coprire di circa 110 milioni di<br />

euro, disavanzo di gestione per l’anno<br />

2009 di 67 milioni di euro tenuto<br />

conto delle coperture straord<strong>in</strong>arie<br />

derivanti dalla fiscalità aggiuntiva<br />

regionale. Per la copertura dell’ <strong>in</strong>gente<br />

deficit il governo regionale<br />

utilizzerà i fondi FAS "Fondo Aree<br />

Sottoutilizzate" previsti dal governo<br />

nazionale per lo sviluppo del tessuto<br />

produttivo delle aree <strong>in</strong>terne, il che<br />

significa r<strong>in</strong>unciare alla creazione<br />

di nuova occupazione, alla <strong>costruzione</strong><br />

di nuove <strong>in</strong>frastrutture e alla modernizzazione<br />

e lo sviluppo del Molise.<br />

Al danno la beffa,visto che a pagare<br />

saranno coloro che nulla c’entrano<br />

con il proliferare del deficit sanitario<br />

e non coloro che,proprio grazie<br />

agli sprechi, ne hanno beneficiato<br />

e cont<strong>in</strong>uano a beneficiare. A tut-<br />

E’ lo slogan che le m<strong>in</strong>oranze<br />

consiliari, Insieme<br />

per Bojano e PD, con il sostegno<br />

del movimento politico<br />

Costruire Democrazia<br />

che fa riferimento al consigliere<br />

regionale Massimo<br />

Romano, hanno scelto per<br />

dare vita alla manifestazione<br />

di denuncia della politica<br />

clientelare del governo locale,<br />

che si terrà questa matt<strong>in</strong>a<br />

<strong>in</strong> piazza Roma. Saranno<br />

<strong>in</strong> piazza con un gazebo<br />

per rivolgere un appello ai<br />

cittad<strong>in</strong>i, ai commercianti,<br />

agli imprenditori, agli artigiani<br />

bojanesi contro la vergogna<br />

di un piano casa solo<br />

per pochi partorito dall’Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

Silvestri. "Il<br />

Consiglio comunale ha recepito<br />

le norme del cosiddetto<br />

’piano casa’ contenute nella<br />

legge regionale n.30/09spiegano<br />

i promotori della<br />

manifestazione -,durante la<br />

discussione, <strong>in</strong>aspettatamente,<br />

la maggioranza,<br />

smentendo e stravolgendo<br />

dichiarazioni e atti precedenti,<br />

ha presentato un<br />

emendamento vergogna,<br />

privo di visto di regolarità<br />

tecnica del dirigente comunale,<br />

che senza motivazione<br />

e <strong>in</strong> modo arbitrario ed <strong>in</strong>spiegabile<br />

ha escluso zone<br />

to questo si aggiunge l’evidente<br />

malcontento popolare nei confronti<br />

delle scelte fatte f<strong>in</strong>o ad oggi dal governo<br />

regionale: su tutte la ormai famosa<br />

delibera di giunta regionale<br />

1261 del 28 novembre scorso, con la<br />

quale è stata decisa la soppressione<br />

dell’area materno <strong>in</strong>fantile all’<strong>in</strong>terno<br />

dell’ospedale Vietri, scelta - hanno<br />

ricordato i rappresentanti del comitato<br />

civico - che ha causato nell’ultimo<br />

anno un aggravio di spesa per<br />

2.500.000 euro a fronte di un esiguo<br />

risparmio di 1.500.000 euro, conseguenza<br />

della crescita della mobilità<br />

passiva verso altre regioni. "E’ la testimonianza<br />

- ha affermato il coord<strong>in</strong>atore<br />

del comitato Palmieri - che al<br />

governo regionale non <strong>in</strong>teressa riorganizzare<br />

<strong>in</strong> funzione di un miglioramento<br />

delle prestazioni sul territorio,<br />

ma colpire <strong>in</strong>discrim<strong>in</strong>atamente<br />

i comuni sprovvisti di adeguata protezione<br />

politica". Da evidenziare la<br />

presenza <strong>in</strong> sala dei soli consiglieri<br />

regionali Petraroia e Bonomolo e del<br />

consigliere prov<strong>in</strong>ciale Di Bello, nonché<br />

dei consiglieri comunali Pizzi,<br />

Puchetti e Caranfa, circostanza dovuta<br />

con molta probabilità alla co<strong>in</strong>cidenza<br />

della data dell’assemblea<br />

con quella di chiusura della campagna<br />

elettorale.<br />

Davide Vitiello<br />

centrali, di meno recente<br />

edificazione che necessiterebbero<br />

perciò di <strong>in</strong>terventi<br />

di riqualificazione, dalla<br />

possibilità di usufruire delle<br />

opportunità che offre la legge.<br />

Una scelta scellerata<br />

nell’esclusivo <strong>in</strong>teresse di<br />

pochi e contro il diritto della<br />

comunità, con danni sia al<br />

bilancio comunale che per<br />

l’economia cittad<strong>in</strong>a che<br />

versa già <strong>in</strong> crisi". Numerosi<br />

cittad<strong>in</strong>i danneggiati con<br />

l’assistenza delle m<strong>in</strong>oranze<br />

hanno già dato mandato a<br />

un legale per chiedere al<br />

Tar Molise di annullare la<br />

delibera. (Luz)


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Giunsero al luogo<br />

e crocifissero Gesù<br />

QUANDO giunsero al luogo<br />

detto Cranio, là crocifissero<br />

Gesù e i due malfattori,<br />

uno a destra e l’altro a s<strong>in</strong>istra.<br />

Gesù diceva: "Padre, perdonali,<br />

perché non sanno<br />

quello che fanno". Dopo essersi<br />

poi divise le sue vesti,<br />

le tirarono a sorte. Il popolo<br />

stava a vedere, i capi <strong>in</strong>vece<br />

lo schernivano dicendo:<br />

"Ha salvato gli altri, salvi<br />

se stesso, se è il Cristo di<br />

Dio, il suo eletto". Anche i<br />

soldati lo schernivano, e gli<br />

si accostavano per porgergli<br />

dell’aceto, e dicevano:<br />

"Se tu sei il re dei Giudei,<br />

salva te stesso". C’era anche<br />

una scritta, sopra il suo<br />

capo: Questi è il re dei Giudei.<br />

Uno dei malfattori appesi<br />

alla croce lo <strong>in</strong>sultava:<br />

"Non sei tu il Cristo? Salva<br />

te stesso e anche noi!". Ma<br />

l’altro lo rimproverava:<br />

"Neanche tu hai timore di<br />

Dio e sei dannato alla stessa<br />

pena? Noi giustamente,<br />

perché riceviamo il giusto<br />

per le nostre azioni, egli <strong>in</strong>vece<br />

non ha fatto nulla di<br />

male". E aggiunse: "Gesù,<br />

ricordati di me quando entrerai<br />

nel tuo regno". Gli rispose:<br />

"In verità ti dico,<br />

oggi sarai con me nel paradiso".<br />

Era verso mezzogiorno,<br />

quando il sole si eclissò<br />

e si fece buio su tutta la<br />

terra f<strong>in</strong>o alle tre del pomeriggio.<br />

Il velo del tempio si<br />

squarciò nel mezzo. Gesù,<br />

gridando a gran voce, disse:<br />

"Padre, nelle tue mani consegno<br />

il mio spirito". Detto<br />

questo spirò.<br />

Anche se la struttura<br />

portante del racconto della<br />

Passione dei quattro vangeli<br />

è simile, ci sono tante differenze<br />

che caratterizzano i<br />

s<strong>in</strong>goli racconti e che sono<br />

riconducibili al messaggio<br />

peculiare di ogni vangelo. Il<br />

racconto di Luca è da leggere<br />

come il compimento di<br />

una esistenza, quella di<br />

Gesù, vissuta alla luce di<br />

alcune caratteristiche. All’<strong>in</strong>izio<br />

della vita pubblica<br />

Gesù aveva detto che era<br />

venuto ad evangelizzare i<br />

poveri, a rimettere <strong>in</strong> libertà<br />

gli oppressi, a predicare<br />

il tempo della misericordia<br />

di Dio. Il momento più importante<br />

di questa missione<br />

non può non essere la sua<br />

morte <strong>in</strong> croce, vissuta<br />

all’<strong>in</strong>segna della manifestazione<br />

di quella misericordia.<br />

Ecco allora che le parole<br />

di perdono dette da<br />

Gesù, presenti solo nel racconto<br />

di Luca, spiegano il<br />

perché Dio deve usare misericordia:<br />

l’uomo non si<br />

rende conto del male che<br />

commette. Ciò poteva un<br />

tempo sembrare un eccesso<br />

di buonismo, ma oggi, alla<br />

luce di ciò che sappiamo<br />

della mente umana, piena<br />

di risvolti e punti oscuri,<br />

possiamo considerare veritiere<br />

quelle parole, <strong>in</strong> quanto<br />

ci rendiamo conto che è il<br />

male subito, sotto diverse<br />

forme, che a sua volta produce<br />

altro male. Gesù è venuto<br />

a spezzare il circolo vizioso<br />

e spesso mortale del<br />

male che si espande <strong>in</strong><br />

modo esponenziale. Al<br />

male, per v<strong>in</strong>cerlo realmente<br />

non si può che opporre il<br />

bene e non è possibile ottenere<br />

effetti benefici se si<br />

usa come mezzo il male. E’<br />

importante tenerlo presen-<br />

Oggi ricorre<br />

CON la Domenica delle<br />

Palme o più propriamente<br />

Domenica della Passione<br />

del Signore, <strong>in</strong>izia la solenne<br />

annuale celebrazione<br />

della Settimana Santa, nella<br />

quale vengono ricordati e<br />

celebrati gli ultimi giorni<br />

della vita terrena di Gesù,<br />

con i tormenti <strong>in</strong>teriori, le<br />

sofferenze fisiche, i processi<br />

<strong>in</strong>giusti, la salita al Calvario,<br />

la crocifissione, morte e<br />

sepoltura e <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e la sua Risurrezione.<br />

La Domenica delle Palme<br />

giunge quasi a conclusione<br />

del lungo periodo quaresimale,<br />

<strong>in</strong>iziato con il Mercoledì<br />

delle Ceneri e che per<br />

c<strong>in</strong>que liturgie domenicali,<br />

ha preparato la comunità<br />

dei cristiani, nella riflessione<br />

e penitenza, agli eventi<br />

drammatici della Settimana<br />

Santa, con la speranza e<br />

certezza della successiva<br />

Risurrezione di Cristo, v<strong>in</strong>citore<br />

della morte e del peccato,<br />

Salvatore del mondo e<br />

di ogni s<strong>in</strong>gola anima.<br />

I Vangeli narrano che<br />

giunto Gesù con i discepoli<br />

a Betfage, vic<strong>in</strong>o Gerusa-<br />

lemme (era la sera del sabato),<br />

mandò due di loro<br />

nel villaggio a prelevare<br />

un’as<strong>in</strong>a legata con un puledro<br />

e condurli da lui; se<br />

qualcuno avesse obiettato,<br />

avrebbero dovuto dire che il<br />

Signore ne aveva bisogno,<br />

ma sarebbero stati rimandati<br />

subito.<br />

Dice il Vangelo di Matteo<br />

(21, 1-11) che questo avvenne<br />

perché si adempisse<br />

ciò che era stato annunziato<br />

dal profeta Zaccaria (9,<br />

9) "Dite alla figlia di Sion;<br />

Ecco il tuo re viene a te<br />

mite, seduto su un’as<strong>in</strong>a,<br />

con un puledro figlio di bestia<br />

da soma".<br />

I discepoli fecero quanto<br />

richiesto e condotti i due<br />

animali, la matt<strong>in</strong>a dopo li<br />

coprirono con dei mantelli e<br />

Gesù vi si pose a sedere avviandosi<br />

a Gerusalemme.<br />

Qui la folla numerosissima,<br />

radunata dalle voci<br />

dell’arrivo del Messia, stese<br />

a terra i mantelli, mentre<br />

altri tagliavano rami dagli<br />

alberi di ulivo e di palma,<br />

abbondanti nella regione, e<br />

agitandoli festosamente<br />

PAGINA APERTA<br />

IL VANGELO DELLA DOMENICA<br />

te quando si parla, ad<br />

esempio, di guerre giuste.<br />

L’effetto del perdono è immediato,<br />

perché uno dei<br />

condannati con Gesù, a differenza<br />

di tutti gli altri, si<br />

lascia cambiare dal modo di<br />

essere di Gesù e riconoscendo<br />

il male commesso<br />

accede alla misericordia di<br />

Dio.<br />

Anche questo è un altro<br />

elemento di cui solo nel nostro<br />

tempo abbiamo realmente<br />

preso coscienza: l’accoglienza<br />

di chi sbaglia è<br />

terapeutica, quando è autentica,<br />

così come il riconoscimento<br />

dei propri errori<br />

commessi. Dal racconto della<br />

passione secondo Luca<br />

emerge una serie di riflessioni<br />

moderne sull’animo<br />

umano che ancora oggi, nonostante<br />

tutto ciò che sappiamo<br />

riguardo a questo,<br />

facciamo fatica a rendere<br />

patrimonio condiviso, rimanendo<br />

spesso legati a quello<br />

schema di azione e reazione<br />

(nel male) che è la vera causa<br />

delle <strong>in</strong>giustizie che<br />

vengono commesse e delle<br />

sofferenze degli uom<strong>in</strong>i. La<br />

croce di Cristo è l’unica salvezza<br />

non nel senso di una<br />

classifica delle religioni migliori,<br />

ma nel senso che rivela<br />

veramente all’uomo il<br />

segreto di un’umanità compiuta.<br />

Don Michele Tartaglia<br />

15<br />

Osanna al figlio di Davide<br />

Acclamato e condannato<br />

E’ la Pasqua, la prima delle<br />

feste solenni stabilite<br />

dal Signore per Israele <strong>in</strong><br />

ricordo della liberazione<br />

dall’Egitto, è una festa preziosa<br />

agli occhi di Dio perché<br />

prefigura l’opera salvifica<br />

di Cristo Gesù.<br />

Una gran folla lo aveva<br />

seguito s<strong>in</strong> dall’<strong>in</strong>izio del<br />

suo m<strong>in</strong>istero ed ora la sua<br />

vita terrena stava volgendo<br />

a term<strong>in</strong>e, la sua missione<br />

si avvic<strong>in</strong>ava alla<br />

conclusione, una conclusione<br />

troppo amara perché<br />

poco dopo sarebbe stato<br />

condannato alla crocefissione,<br />

condannato proprio<br />

dalla stessa folla che lo<br />

aveva acclamato nell’<strong>in</strong>gresso<br />

a Gerusalemme. Da<br />

tempo desiderava andare a<br />

Gerusalemme, ma questa<br />

volta il "dovervi" andare<br />

era legato alla realizzazione<br />

dello scopo centrale della<br />

sua venuta sulla terra,<br />

ossia attuare quanto era<br />

stato annunciato dai profeti:<br />

essere proclamato re.<br />

Egli era un personaggio<br />

talmente conosciuto che gli<br />

era impossibile avvic<strong>in</strong>arsi<br />

alla città e rimanere <strong>in</strong> <strong>in</strong>cognita;<br />

del resto, <strong>in</strong> quel<br />

periodo a Gerusalemme vi<br />

si recava da ogni parte<br />

tanta gente per festeggiare<br />

la Pasqua. Pochi giorni<br />

prima di andare <strong>in</strong> città,<br />

Gesù aveva operato un<br />

grande segno della sua potenza<br />

risuscitando Lazzaro<br />

morto già da quattro giorni<br />

e molti volevano vederlo <strong>in</strong><br />

quanto il miracolo aveva<br />

avuto grande risonanza sia<br />

a Betania sia a Gerusalemme,<br />

facendo accrescere<br />

sempre di più il numero<br />

dei suoi seguaci, tanto che<br />

il S<strong>in</strong>edrio aveva deliberato<br />

di ucciderlo per impedire<br />

che molti altri credessero<br />

<strong>in</strong> lui vedendo Lazzaro<br />

vivo e sano. Prima dell’<strong>in</strong>gresso<br />

<strong>in</strong> città, Gesù aveva<br />

scoraggiato ogni tentativo<br />

di essere pubblicizzato <strong>in</strong>-<br />

sieme alle sue opere ed<br />

aveva anche vietato a coloro<br />

che avevano capito la<br />

sua identità messianica di<br />

diffonderla, forse perché i<br />

giudei avevano una concezione<br />

sbagliata del Messia.<br />

Mentre era ancora fuori<br />

dalla città, ord<strong>in</strong>ò a due discepoli<br />

di raggiungere la<br />

borgata più vic<strong>in</strong>a dove<br />

avrebbero trovato un puledro,<br />

l’avrebbero dovuto<br />

prendere e portarglielo.<br />

Raccomandò loro che se<br />

qualcuno avesse chiesto<br />

spiegazioni avrebbero dovuto<br />

rispondere che "il Signore<br />

ne aveva bisogno e<br />

che lo avrebbe rimandato<br />

<strong>in</strong> dietro al più presto" (dal<br />

Vangelo di Matteo capitolo<br />

21 versetto 3). I due ubbidirono<br />

e tornarono con l’animale;<br />

adagiarono i loro<br />

mantelli sulla groppa del<br />

puledro e Gesù vi salì sopra.<br />

Alcuni dei presenti com<strong>in</strong>ciarono<br />

a stendere i<br />

loro mantelli sulla via che<br />

egli percorreva, altri agitavano<br />

i rami di palme e tutti<br />

<strong>in</strong>sieme gridavano: "Osanna<br />

(che <strong>in</strong> ebraico significa<br />

«Ti prego di salvare»<br />

o «salva ora») al Figlio<br />

di Davide! Benedetto colui<br />

che viene nel nome del Signore!<br />

Osanna nei luoghi<br />

altissimi"(dal Vangelo di<br />

Matteo capitolo 21 versetto<br />

9). Il fatto che il Signore<br />

Gesù cavalcasse un puledro<br />

era segno di pace e i<br />

LA DOMENICA DELLE PALME<br />

rendevano onore a Gesù<br />

esclamando "Osanna al figlio<br />

di Davide! Benedetto<br />

colui che viene nel nome del<br />

Signore! Osanna nell’alto<br />

dei cieli!".<br />

A questa festa che metteva<br />

<strong>in</strong> grande agitazione la<br />

città, partecipavano come<br />

<strong>in</strong> tutte le manifestazioni di<br />

gioia di questo mondo, i<br />

tanti fanciulli che correvano<br />

avanti al piccolo corteo<br />

agitando i rami, rispondendo<br />

a quanti domandavano<br />

"Chi è costui?", "Questi è il<br />

profeta Gesù da Nazareth<br />

di Galilea".<br />

La maggiore considerazione<br />

che si ricava dal testo<br />

evangelico, è che Gesù fa il<br />

suo <strong>in</strong>gresso a Gerusalemme,<br />

sede del potere civile e<br />

religioso <strong>in</strong> Palest<strong>in</strong>a, acclamato<br />

come solo ai re si<br />

faceva, a cavalcioni di un’as<strong>in</strong>a.<br />

Bisogna dire che nel Medio<br />

Oriente antico e di conseguenza<br />

nella Bibbia, la<br />

cavalcatura dei re, prettamente<br />

guerrieri, era il cavallo,<br />

animale nobile e considerato<br />

un’arma potente<br />

per la guerra, tanto è vero<br />

che non c’erano corse di cavalli<br />

e non venivano utilizzati<br />

nemmeno per i lavori<br />

dei campi.<br />

Logicamente anche il<br />

Messia, come se lo aspettavano<br />

gli ebrei, cioè un liberatore,<br />

avrebbe dovuto cavalcare<br />

un cavallo, ma<br />

Gesù come profetizzato da<br />

Zaccaria, sceglie un’as<strong>in</strong>a,<br />

animale umile e servizievole,<br />

sempre a fianco della<br />

gente pacifica e lavoratrice,<br />

del resto l’as<strong>in</strong>o è presente<br />

nella vita di Gesù s<strong>in</strong> dalla<br />

nascita, nella stalla di Betlemme<br />

e nella fuga <strong>in</strong><br />

Egitto della famigliola <strong>in</strong><br />

pericolo.<br />

Qu<strong>in</strong>di Gesù risponde a<br />

quanti volevano considerarlo<br />

un re sul modello di Davide,<br />

che egli è un re privo<br />

di ogni forma esteriore di<br />

potere, armato solo dei segni<br />

della pace e del perdono,<br />

a partire dalla cavalcatura<br />

che non è un cavallo<br />

simbolo della forza e del potere<br />

s<strong>in</strong> dai tempi dei faraoni.<br />

La liturgia della Domenica<br />

delle Palme, si svolge<br />

<strong>in</strong>iziando da un luogo adatto<br />

al di fuori della chiesa; i<br />

rami delle palme dava carattere<br />

nazionalistico<br />

all’avvenimento, <strong>in</strong> quanto<br />

la palma era il simbolo della<br />

nazione giudaica ed <strong>in</strong>dicava<br />

<strong>in</strong>dipendenza politica.<br />

Seguito dal corteo entrò<br />

nel tempio dimostrando<br />

così che il suo regno non<br />

era temporale ma spirituale;<br />

tuttavia era necessario<br />

che almeno una volta la regalità<br />

messianica del Figlio<br />

di Dio fosse proclamata<br />

pubblicamente e che il<br />

suo popolo fosse messo <strong>in</strong><br />

condizioni di prendere posizione<br />

nei suoi confronti.<br />

Ma a cosa servivano quelle<br />

acclamazioni se quella<br />

stessa sera egli, il re dei re,<br />

veniva dimenticato da tutti<br />

e ritornava <strong>in</strong> Betania da<br />

solo? Chi avrebbe potuto<br />

immag<strong>in</strong>are che pochi giorni<br />

dopo sarebbe uscito dalla<br />

stessa città portando la<br />

croce, sarebbe stato rigettato<br />

dalla stessa folla che<br />

lo aveva accolto trionfalmente?<br />

Eppure tramite<br />

quell’<strong>in</strong>gresso trionfale,<br />

egli offriva l’ultima possibilità<br />

ad Israele di riconoscerlo<br />

re e salvatore, il<br />

messia tanto atteso. Aveva<br />

ricordato ai suoi discepoli<br />

che quello che stava per<br />

fare sulla croce avrebbe costituito<br />

una grande svolta<br />

nella loro vita così come<br />

era stata la Pasqua per gli<br />

Ebrei. Quante volte ancora<br />

oggi acclamiamo il Signore<br />

Rubrica della chiesa evangelica<br />

Via delle Orchidee Termoli<br />

Via Lat<strong>in</strong>a Isernia<br />

www.evangelicatermoli.org<br />

<strong>in</strong>fo@evangelicatermoli.org<br />

fedeli vi si radunano e il sacerdote<br />

leggendo orazioni<br />

ed antifone, procede alla<br />

benedizione dei rami di ulivo<br />

o di palma, che dopo la<br />

lettura di un brano evangelico,<br />

vengono distribuiti ai<br />

fedeli (possono essere già<br />

dati <strong>in</strong> precedenza, prima<br />

della benedizione), qu<strong>in</strong>di<br />

si dà <strong>in</strong>izio alla processione<br />

f<strong>in</strong> dentro la chiesa.<br />

Qui giunti cont<strong>in</strong>ua la celebrazione<br />

della Messa, che<br />

si dist<strong>in</strong>gue per la lunga<br />

lettura della Passione di<br />

Gesù, tratta dai Vangeli di<br />

Marco, Luca, Matteo, secondo<br />

il ciclico calendario<br />

liturgico; il testo della Passione<br />

non è lo stesso che si<br />

legge nella celebrazione del<br />

Venerdì Santo, che è il testo<br />

del Vangelo di s. Giovanni.<br />

Il racconto della<br />

Passione viene letto alternativamente<br />

da tre lettori<br />

rappresentanti: il cronista,<br />

i personaggi delle vicenda e<br />

Cristo stesso. Esso è articolato<br />

<strong>in</strong> quattro parti: l’arresto<br />

di Gesù; il processo giudaico;<br />

il processo romano;<br />

la condanna, l’esecuzione,<br />

morte e sepoltura.<br />

Gesù e poi lo tradiamo con<br />

un nostro comportamento<br />

che non rispecchia i suoi<br />

<strong>in</strong>segnamenti? Quante volte<br />

diciamo di amarlo e poi<br />

lo mettiamo nel dimenticatoio<br />

facendo f<strong>in</strong>ta di non<br />

averlo mai <strong>in</strong>contrato?<br />

Quante volte lo accusiamo<br />

se le cose non vanno bene?<br />

Nonostante ciò con la sua<br />

morte ha dimostrato di<br />

amarci <strong>in</strong> modo <strong>in</strong>confutabile.<br />

La svolta che offriva<br />

agli ebrei tanti secoli fa la<br />

offre ancora oggi ad ognuno<br />

di noi che oltre ad acclamarlo<br />

lo dobbiamo riconoscere<br />

come nostro salvatore<br />

e nostro signore; lo dobbiamo<br />

riconosciamo,come<br />

egli stesso afferma, come<br />

l’unico mezzo attraverso il<br />

quale si eredita la vita<br />

eterna: "Io sono la Via, la<br />

Verità e la Vita"(dal Vangelo<br />

di Giovanni capitolo<br />

14 versetto 6). Lasciamo<br />

entrare il Signore nel nostro<br />

cuore, acclamiamolo<br />

come merita di essere acclamato,<br />

perché è lui soltanto<br />

che per amore nostro<br />

ha dato la sua vita donandoci<br />

così la salvezza eterna.<br />

Lasciamolo entrare nel<br />

nostro cuore tenebroso aff<strong>in</strong>ché<br />

la pienezza della<br />

sua luce risplenda <strong>in</strong> noi e<br />

saremo ripieni del suo Spirito<br />

e della sua Verità.


Intanto la giunta dovrà valutare le proposte giunte da maggioranza, opposizione e comitato civico<br />

Solo palliativi per il centro storico<br />

Per il Guerriero Sannita occorre<br />

una programmazione regionale<br />

ISERNIA - I tre documenti<br />

presentati per rilanciare il<br />

centro storico di Isernia saranno<br />

valutati dalla giunta<br />

comunale che avrà il compito<br />

di presentare un documento<br />

di s<strong>in</strong>tesi. E’ quanto<br />

deciso al term<strong>in</strong>e del consiglio<br />

comunale di Isernia. Oltre<br />

alle due mozioni, quella<br />

presentata da venti consiglieri<br />

di maggioranza e dai<br />

setti consiglieri di m<strong>in</strong>oranza,<br />

l’amm<strong>in</strong>istrazione di palazzo<br />

San Francesco dovrà<br />

prendere <strong>in</strong> considerazione<br />

anche gli spunti proposti<br />

dal comitato civico del centro<br />

storico. A tarda sera, venuto<br />

meno il numero legale,<br />

la seduta è stata sciolta.<br />

Intanto sulla questione del<br />

centro storico anche il movimento<br />

del Guerriero Sannita<br />

esprime un suo parere:<br />

rivitalizzare il centro storico<br />

di Isernia? Solo palliativi. Il<br />

movimento comunque plaude<br />

l’impegno del s<strong>in</strong>daco di<br />

Isernia per valorizzare l’area<br />

della stazione ferroviaria<br />

e rivitalizzare il centro<br />

storico ormai morto e decaduto<br />

rispetto agli anni passati.<br />

Le varie <strong>in</strong>iziative <strong>in</strong>-<br />

traprese sono e saranno<br />

però solo palliativi al problema.<br />

«Il problema non<br />

sarà mai risolto f<strong>in</strong>chè non<br />

si <strong>in</strong>terviene con una giusta<br />

ed efficace programmazione<br />

regionale che dia slancio e<br />

sviluppo al territorio». Il<br />

nucleo <strong>in</strong>dustriale Isernia-<br />

Venafro (argomento che<br />

sarà affrontato prossimamente<br />

<strong>in</strong> consiglio comunale)<br />

è un ricordo delle molteplici<br />

attività aziendali che<br />

davano - scrive il Guerriero<br />

Sannita - lavoro al popolo<br />

isern<strong>in</strong>o, ora anche il piccolissimo<br />

nucleo <strong>in</strong>dustriale di<br />

Pettoranello è <strong>in</strong>teressato<br />

all’eventuale perdita di cent<strong>in</strong>aia<br />

di posti di lavoro e<br />

tutto rende la prov<strong>in</strong>cia di<br />

Isernia una realtà fantasma.<br />

Il paventato aeroporto<br />

di cui tanto si parla servirà<br />

un domani a trasportare i<br />

nostri «cervelli» <strong>in</strong> altre<br />

parti d’Italia e all’estero.<br />

Basta passeggiare per Isernia<br />

e constatare la chiusura<br />

di molte attività commerciali<br />

e la difficoltà <strong>in</strong> cui quelle<br />

esistenti si dibattono, Lo<br />

spopolamento è palpabilee<br />

<strong>in</strong> tutta la prov<strong>in</strong>cia. I giovani<br />

- prosegue il Guerriero<br />

Sannita - sono emigrati e<br />

spesso <strong>in</strong>sieme a loro emigrano<br />

anche i genitori. Ed<br />

ecco perchè riteniamo che<br />

ogni proposta per rivitalizzare<br />

il centro storico di Isernia<br />

resti un palliativo, perchè<br />

manca la materia prima,<br />

il popolo e il benessere<br />

di un posto di lavoro. «Abbia<br />

il coraggio s<strong>in</strong>daco di<br />

dire la verità, il Guerriero<br />

Sannita la stima perchè<br />

nell’occasione degli <strong>in</strong>terventi<br />

per risolvere le problematiche<br />

<strong>in</strong>erenti le barriere<br />

architettoniche per i disabili<br />

ebbe il coraggio di dire che<br />

con un capitolo di spesa di<br />

soli 25.000 euro non poteve<br />

<strong>in</strong>tervenire come avrebbe<br />

voluto a difesa dei cittad<strong>in</strong>i<br />

che hanno bisogno. Lo dica<br />

s<strong>in</strong>daco che la programmazione<br />

regionale non ha dato<br />

i suoi frutti».<br />

mpt<br />

La riflessione nella domenica delle Palme <strong>in</strong>centrata sui problemi occupazionali<br />

«Condivido le vostre ansie»<br />

Il messaggio del vescovo Visco alle famiglie della diocesi<br />

ISERNIA - Si festeggia oggi<br />

la Domenica di Passione<br />

del Signore detta anche Domenica<br />

della Palme. «Prima<br />

di cantare per voi e con<br />

voi l’annuncio della Risurrezione<br />

sento il dovere -<br />

scrive monsignor Salvatore<br />

Visco - di dover condividere<br />

non poche ansie, preoccupazioni<br />

e sofferenze<br />

che affliggono famiglie e<br />

s<strong>in</strong>goli come i sacerdoti cui<br />

è affidata la cura delle anime<br />

ed esprimere a tutti solidale<br />

vic<strong>in</strong>anza». Le parole<br />

del vescovo sono rivolte a<br />

chi soffre «per lutti, anche<br />

di giovani recentemente<br />

scomparsi, a chi soffre per<br />

le malattia, per solitud<strong>in</strong>e e<br />

<strong>in</strong>comprensioni, nella ricerca<br />

affannosa del senso della<br />

vita, <strong>in</strong>giustizie e drammi<br />

psicologici, così come penso<br />

alle precarie condizioni di<br />

lavoro che rendono <strong>in</strong>stabile<br />

la serenità e il legittimo<br />

futuro dei lavoratori e delle<br />

loro famiglie». Il vescovo<br />

r<strong>in</strong>nova anche l’auspicio,<br />

<strong>in</strong>sieme ai sacerdoti della<br />

Inaugurato il Cafè <strong>in</strong> Piazza<br />

al centro commerciale<br />

ISERNIA - Il centro commerciale<br />

«In Piazza» si<br />

arricchisce ancora. Ieri è<br />

stato <strong>in</strong>augurato il «Caffè<br />

<strong>in</strong> Piazza», attività gestita<br />

da fratelli Ottaviano.<br />

La nuova attività ha preso<br />

il via ieri all’<strong>in</strong>terno<br />

del centro commerciale di<br />

Isernia. La nuova gestione<br />

sarà curata dai fratelli<br />

Fabio e Marco Ottaviano,<br />

che <strong>in</strong> questo<br />

modo hanno arricchito<br />

maggiormente l’offerta<br />

della struttura commerciale.<br />

Va ricordato che<br />

Fabio, gestisce già numerose<br />

attività commerciali<br />

all’<strong>in</strong>terno del centro<br />

commerciale isern<strong>in</strong>o ed<br />

ora, <strong>in</strong> compagnia del<br />

fratelli si è lanciato <strong>in</strong><br />

questa nuova avventura.<br />

In bocca al lupo ed auguri<br />

di cuore dalla redazione<br />

di Nuovo Molise.<br />

zona pastorale di Venafro,<br />

aff<strong>in</strong>chè la struttura dell’ospedale<br />

di Venafro cont<strong>in</strong>ui<br />

ad affrire servizi qualificati,<br />

a com<strong>in</strong>ciare dal pronto<br />

soccorso e desidero dare risonanza<br />

alle richieste legittime<br />

dei lavoratori nel momento<br />

di grave crisi economica<br />

e gestionale che <strong>in</strong>teressa<br />

le fabbriche del nostro<br />

territorio, Ittierre, Geomeccanica,<br />

Atme, Eta,<br />

Rer, tanto per citarne alcune».<br />

Monsignor Visco fa<br />

appello all’umanità di ciascun<br />

responsabile aff<strong>in</strong>chè<br />

si lavori assieme per la serena<br />

soluzione di così urgenti<br />

problemi». Mettendo<br />

sempre al primo posto la dignità<br />

della persona umana<br />

e i suoi fondamentali diritti<br />

e doveri, tutti i problemi<br />

potranno essere risolti nella<br />

giusta dimensione, secondo<br />

quela luce di Verità<br />

che promana dal Signore<br />

Risorto. Inf<strong>in</strong>e il vescovo<br />

Visco <strong>in</strong>vita «la chiesa ad<br />

elevare al Signore particolari<br />

preghiere per la consolazione<br />

di tutti coloro che<br />

sono nella sofferenza e nella<br />

trepidazione e per imparare<br />

da Lui l’esaudimento<br />

delle speranze e delle attese<br />

di tanti cuori, mentre assicuro<br />

la mia costante preghiera<br />

unita alla pastorale<br />

benedizione».<br />

Arcaro, assessore prov<strong>in</strong>ciale<br />

Auguri al neo<br />

dottor Marra<br />

Ha ultimato con successo<br />

il suo percorso di studi.<br />

Il 23 marzo scorso,<br />

presso l’Università La<br />

Sapienza di Roma, si laureato<br />

<strong>in</strong> medic<strong>in</strong>a e chirurgia,<br />

conseguendo la<br />

votazione di 110 e lode il<br />

25enne Andrea Marra<br />

di Pesche. Al neo medico<br />

vanno gli auguri da parte<br />

della sorella Roberta,<br />

dei genitori Elsa D’uva-<br />

Marra e della redazione.<br />

La delega di difesa del suolo<br />

al s<strong>in</strong>daco di Colli a Volturno<br />

La comunità soddisfatta per l’impegno riconosciuto<br />

ad Arcaro dal presidente della Prov<strong>in</strong>cia Mazzuto<br />

Il s<strong>in</strong>daco di Colli a Volturno,<br />

Alessandro Arcaro<br />

ottiene ancora una delega<br />

a livello prov<strong>in</strong>ciale. All’assessore<br />

anche la difesa del<br />

suolo. Soddisfatti i cittad<strong>in</strong>i.<br />

La notizia della ridistribuzione<br />

delle deleghe da<br />

parte del presidente della<br />

Prov<strong>in</strong>cia di Isernia, Mazzuto,<br />

ha visto premiare ancora<br />

una volta l’assessore<br />

Alessandro Arcaro che riveste<br />

anche la carica di<br />

s<strong>in</strong>daco di Colli a Volturno.<br />

Un doppio impegno davvero<br />

importante per il politico<br />

ben visto <strong>in</strong> tutta la<br />

zona e soprattutto impegnato<br />

su più versanti. Il<br />

presidente dell’ente di via<br />

Berta Luigi Mazzuto, dopo<br />

i vari problemi dettati da<br />

ricorsi vari per l’assenza <strong>in</strong><br />

giunta di una donna, ha<br />

provveduto a ridisegnare<br />

l’esecutivo con l’<strong>in</strong>serimento<br />

di Filomena Calenda e<br />

con la redistribuzione di<br />

tutte le deleghe. Una notizia<br />

positiva è giunta per<br />

l’assessore e s<strong>in</strong>daco Arcaro<br />

che oltre a quella sui lavori<br />

pubblici ha ottenuto la<br />

difesa del suolo. Un compito<br />

particolare spetterà ora<br />

ad Alessandro Arcaro che<br />

oltre ed essere attualmente<br />

impegnato su alcuni<br />

progetti di grande importanza,<br />

uno su tutti il riprist<strong>in</strong>o<br />

del famoso progetto<br />

dell’Isernia-At<strong>in</strong>a-Sora, dovrà<br />

occuparsi del territorio<br />

e difenderlo da qualsiasi<br />

progettazione che possa<br />

deturparlo. Un compito di<br />

grande prestigio per l’uomo<br />

politico che sta portando<br />

avanti una carriera non<br />

<strong>in</strong>differente, caratterizzata<br />

da quasi 10 anni, ormai, di<br />

amm<strong>in</strong>istrazione comunale<br />

<strong>in</strong> qualità di s<strong>in</strong>daco e questo<br />

<strong>in</strong>carico a livello prov<strong>in</strong>ciale<br />

che tutti sperano<br />

si protragga il più lungo<br />

possibile. Intanto, anche<br />

numerosi cittad<strong>in</strong>i di Colli<br />

a Volturno hanno espresso<br />

soddisfazione per la nuova<br />

delega assegnata al s<strong>in</strong>daco<br />

collese.<br />

michele visco


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Presentato a Isernia il libro «38 secondi»<br />

«Nessuno ha fatto nulla<br />

per salvare i ragazzi»<br />

Lo sfogo della mamma di Danilo Ciolli, morto<br />

<strong>in</strong>sieme a tre molisani sotto le macerie dell’Aquila<br />

ISERNIA - Il 6 aprile è vic<strong>in</strong>o<br />

e quella data rappresenta<br />

un momento di dolore per<br />

l’<strong>in</strong>tera popolazione abruzzese<br />

e per le quattro famiglie<br />

molisane che hanno<br />

perso, sotto le macerie<br />

dell’Aquila, i loro figli. Un<br />

dolore che si r<strong>in</strong>nova per<br />

tutti coloro che avevano conosciuto<br />

e amato quei quattro<br />

ragazzi, Danilo Ciolli,<br />

Vittorio Tagliente, Elvio<br />

Romano e Michele Iavaglilo.<br />

E a distanza di quasi<br />

un anno da quella tragedia<br />

la mamma di Danilo, Maria,<br />

ancora si chiede «Nessuno<br />

si è preoccupato di<br />

cosa poteva accadere? Dopo<br />

la scossa del 30 marzo di <strong>in</strong>tensità<br />

4.2 nessuno - tra chi<br />

avrebbe dovuto tutelare gli<br />

studenti nonostante le numerose<br />

scosse - si è preoccupato?».<br />

Il sisma dell’Aquila<br />

ha strappato alla vita<br />

309 persone e 55 erano ragazzi.<br />

Ieri nella sala gialla della<br />

Prov<strong>in</strong>cia per «cont<strong>in</strong>uare<br />

a tenere vivo il ricordo»<br />

ha detto Laura, sorella di<br />

Danilo, è stato presentato il<br />

libro di Giusi Pitari «38<br />

secondi», il cui ricavato servirà<br />

per ricostruire il laboratorio<br />

didattico per la facoltà<br />

di biotecnologia dell’università<br />

dell’Aquila. Un libro<br />

terapeutico - ha detto il<br />

dottor Gustavo Dom<strong>in</strong>ici<br />

che ha prestato soccorso<br />

all’Aquila - per chi scrive e<br />

per chi lo legge, un libro di<br />

testimonianze di denuncia e<br />

di dolore. Un volume scritto<br />

nell’imm<strong>in</strong>enza della tragedia,<br />

quando tra le pareti del<br />

camper, ha voluto raccontare<br />

la storia vissuta dai ragazzi.<br />

«Ogni tanto rileggo<br />

questo libro e piango ma<br />

f<strong>in</strong>o a quando le lacrime<br />

non f<strong>in</strong>iranno non digeriremo<br />

mai quello che è accaduto.<br />

Dopo 11 mesi di disgregazione,<br />

siamo riusciti - racconta<br />

l’autrice - ad unirci, a<br />

dire quello che non va all’Aquila<br />

e qualcosa sta cambiando».<br />

L’università è rimasta<br />

all’Aquila, tanti studenti<br />

hanno deciso di sceglierla<br />

per i loro percorsi,<br />

così come aveva fatto Danilo.<br />

«Lui considerava l’Aquila<br />

la sua seconda casa» ha<br />

ricordato la sorella «ma <strong>in</strong><br />

quei 38 secondi il mondo<br />

trema, il cuore trema e le<br />

famiglie non ci sono più». A<br />

Carovilli, paese dove viveva<br />

Danilo, non sapevano cosa<br />

significasse il vivere <strong>in</strong>sieme,<br />

dopo la morte di Danilo,<br />

la comunità ha scoperto il<br />

significato di questa parola<br />

ed ha dato vita all’associazione<br />

Musica e cultura Danilo<br />

Ciolli. Tanti gli amici<br />

che hanno voluto partecipare<br />

ieri alla presentazione<br />

del libro, <strong>in</strong> sala anche i genitori<br />

di un altro ragazzo di<br />

Isernia, Francesco Mart<strong>in</strong>o,<br />

morto nell’<strong>in</strong>cidente ferroviario<br />

di Roccasecca. «E’<br />

importante ricordare le vittime<br />

per problemi legati<br />

all’imperizia dell’uomo» ha<br />

sostenuto Paolo De Chiara,<br />

direttore de Il Ponte che<br />

ha collaborato all’evento. De<br />

Chiara ha ricordato anche il<br />

sisma che ha colpito il Molise,<br />

«che ha visto costruire<br />

una mega scuola con un pisc<strong>in</strong>a<br />

olimpionica, mentre <strong>in</strong><br />

altri paesi la ri<strong>costruzione</strong> è<br />

ferma». Ha ribadito come<br />

quella notte, lunga 38 secondi<br />

«c’era gente che rideva<br />

pensando ai soldi che<br />

avrebbe <strong>in</strong>tascato, mentre<br />

ISERNIA<br />

oggi all’Aquila i cittad<strong>in</strong>i di<br />

domenica tolgono le macerie<br />

dalle strade, perchè la protezione<br />

civile si occupa di<br />

grandi eventi ed organizza<br />

massaggi a casa di persone<br />

gelat<strong>in</strong>ose». E nessuno può<br />

capire cosa hanno provato<br />

quei cittad<strong>in</strong>i che ora come<br />

scrive Pitari nel suo libro<br />

Ivan Perriera riconfermato<br />

presidente del Camper Club<br />

IVAN Perriera è stato riconfermato<br />

alla guida<br />

dell’Isernia Camper<br />

Club, il sodalizio che<br />

opera per la promozione<br />

turistico culturale della<br />

Regione Molise dal 1991.<br />

«Il turismo non può cont<strong>in</strong>uare<br />

ad essere considerato<br />

marg<strong>in</strong>ale, perchè<br />

nonostante la scarsa<br />

attenzione che gli viene<br />

riservata <strong>in</strong> term<strong>in</strong>i di f<strong>in</strong>anziamenti,<br />

vale più<br />

del 10 per cento del Pil<br />

nazionale». La conferma<br />

alla guida del Camper<br />

club permetterà a Perriera<br />

di portare avanti i<br />

progetti avviati <strong>in</strong> collaborazione<br />

con la Regione.<br />

Fanno parte del consiglio<br />

direttivo Ivan Perriera,<br />

Rosario Giannasso<br />

(vice presidente), Salvatore<br />

Amico (tesoriere),<br />

V<strong>in</strong>cenzo Viccione (responsabile<br />

di sede),<br />

Gianni Alegiani (responsabile<br />

soci).<br />

17<br />

«per tutto questo ce la faremo».<br />

Una dichiarazione di<br />

speranza nella r<strong>in</strong>ascita<br />

dell’Aquila.<br />

mpt


18 AGNONE-ALTO MOLISE<br />

Potenziati i reparti di medic<strong>in</strong>a e chirurgia a Castel di Sangro<br />

AGNONE - Sanità, <strong>in</strong> Molise<br />

si tagliano i servizi, <strong>in</strong><br />

Abruzzo, a pochi chilometri<br />

dal conf<strong>in</strong>e, al contrario, gli<br />

ospedali vengono potenziati.<br />

L’ultima notizia che arriva<br />

dalla vic<strong>in</strong>a Castel di<br />

Sangro è che nell’ospedale<br />

cittad<strong>in</strong>o sono stati attivati<br />

nuovi posti letto nei reparti<br />

di Medic<strong>in</strong>a e Chirurgia. E<br />

quella che è <strong>in</strong>dubbiamente<br />

una buona notizia per i pazienti,<br />

diviene quasi una<br />

beffa per i cittad<strong>in</strong>i di Agnone<br />

e dei centri dell’Alto Molise,<br />

che restano sotto la<br />

spada di Damocle dei tagli<br />

annunciati da Campobasso.<br />

Conviene quasi essere<br />

abruzzesi, visto che lì il governatore<br />

Chiodi (PdL),<br />

tiene conto delle esigenze<br />

delle zone disagiate potenziando<br />

l’offerta dei presidi<br />

sanitari. Al di qua del conf<strong>in</strong>e,<br />

<strong>in</strong>vece, dove a governare<br />

è Iorio, sempre del PdL, le<br />

cose non vanno proprio nello<br />

stesso modo. A Castel di<br />

Sangro, con i dodici posti<br />

letto <strong>in</strong> più, si sale ora a 71<br />

Precisazione<br />

Ieri è stata pubblicata<br />

per errore una foto<br />

caricata su Facebook<br />

della manifestazione<br />

pro ospedale, scattata<br />

da Vittorio Labanca,<br />

unico titolare dei<br />

diritti. Ci scusiamo<br />

con l’<strong>in</strong>teressato per<br />

l’<strong>in</strong>conveniente.<br />

Molise: «tagli» alla sanità<br />

Abruzzo: nuovi posti letto<br />

Altro che Iorio,<br />

per salvare<br />

il ’Caracciolo’<br />

ci vuole Chiodi<br />

complessivi: 49 ord<strong>in</strong>ari, 10<br />

tra day surgery e day hospital<br />

e quelli appena varati <strong>in</strong><br />

Medic<strong>in</strong>a e Chirurgia. E<br />

così magari proprio dall’Abruzzo<br />

di Chiodi potrebbe<br />

arrivare un aiuto anche per<br />

il ’Caracciolo’ ormai <strong>in</strong> via<br />

di est<strong>in</strong>zione. Lo ha suggerito,<br />

nei giorni scorsi, anche<br />

Paglione: «Quello di Agnone<br />

è un ospedale di frontiera,<br />

a cavallo tra Molise e<br />

Abruzzo, e potrebbe essere<br />

oggetto di una attenzione<br />

diversa. Penserei ad un accordo<br />

di programma con la<br />

Regione Abruzzo, che parta<br />

dai s<strong>in</strong>daci, per valutare la<br />

possibilità di salvare l’ospedale<br />

di Agnone <strong>in</strong> quanto<br />

utile ad un territorio <strong>in</strong>terregionale».<br />

Insomma, vuoi vedere che<br />

Chiodi dovrà mettere una<br />

pezza alla sanità malandata<br />

di Iorio?<br />

Francesco Bottone<br />

effebottone@gmail.com<br />

Il Governatore del Molise, Iorio, e quello dell’Abruzzo, Chiodi<br />

Poggio - Il s<strong>in</strong>daco: «Così rispondiamo alle critiche sterili»<br />

Già riaperta la strada <strong>in</strong> frana<br />

P<strong>OGGI</strong>O SANNITA - Riaperta al traffico,<br />

<strong>in</strong> tempi record, la strada di collegamento<br />

con la fondovalle Verr<strong>in</strong>o.<br />

«Con lavori di somma urgenza si è proceduto<br />

al parziale riprist<strong>in</strong>o della viabilità.<br />

- spiega il s<strong>in</strong>daco Palomba - Il tran<strong>sito</strong><br />

è consentito agli autoveicoli con portata<br />

massima di 35 qu<strong>in</strong>tali, fatta eccezione<br />

per mezzi di soccorso, forze dell’ord<strong>in</strong>e<br />

e autobus del servizio pubblico. Resta il li-<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Frosolone - «Migliorerebbe il servizio»<br />

Farmaci, sì del Comune<br />

alla proposta Pallante<br />

FROSOLONE - Istituzione delle «proiezioni farmaceutiche»,<br />

la proposta del consigliere regionale Qu<strong>in</strong>t<strong>in</strong>o Pallante<br />

piace all’amm<strong>in</strong>istrazione comunale di Frosolone.<br />

In una nota del Municipio si esprime «apprezzamento e<br />

pieno sostegno all’<strong>in</strong>iziativa del consigliere Pallante <strong>in</strong> merito<br />

alla proposta di legge regionale sull’istituzione delle<br />

proiezioni farmaceutiche. Se questa legge dovesse essere<br />

approvata, detti istituti risulterebbero fondamentali per<br />

garantire un servizio farmaceutico completo e facilmente<br />

fruibile da quelle comunità residenti <strong>in</strong> centri rurali con<br />

sede farmaceutica unica, ma apprezzabilmente popolosi e<br />

notevolmente distanti dalle farmacie più vic<strong>in</strong>e, con i relativi<br />

disagi per i cittad<strong>in</strong>i utenti. Nelle aree <strong>in</strong>terne i servizi<br />

al cittad<strong>in</strong>o sono la carta da giocare per supportare ed<br />

agevolare le popolazioni, nello specifico la popolazione più<br />

anziana che è quella vulnerabile. La proposta di legge di<br />

Pallante muove <strong>in</strong> questa direzione, conferendo a chi amm<strong>in</strong>istra<br />

il territorio la possibilità di offrire un servizio<br />

farmaceutico dignitoso anche alle piccole comunità <strong>in</strong> frazione,<br />

contribuendo alla <strong>costruzione</strong> di quella rete di servizi<br />

sui quali si gioca il futuro delle aree <strong>in</strong>terne della nostra<br />

regione».<br />

mite di 40 km orari e il senso unico alternato<br />

nel tratto di restr<strong>in</strong>gimento. La parziale<br />

riapertura è stata possibile con l’utilizzo<br />

di fondi del Comune. Si resta <strong>in</strong> attesa<br />

della def<strong>in</strong>itiva sistemazione possibile<br />

solo con l’<strong>in</strong>tervento della Regione. La riapertura<br />

della strada costitusce anche la<br />

migliore risposta a quanti si sono affannati<br />

<strong>in</strong>vano a gettare discredito sull’operato<br />

dell’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale».<br />

Oggi la seconda lezione<br />

Gestione emergenze<br />

e Protezione civile,<br />

il corso a Scapoli<br />

SCAPOLI - E’ partito il corso<br />

«Pianificazione e gestione<br />

delle emergenze nell’ambito<br />

delle attività di volontariato<br />

di Protezione civile».<br />

Ieri la presentazione nella<br />

sala polifunzionale di Scapoli.<br />

Oggi, <strong>in</strong>vece, la disam<strong>in</strong>a<br />

della legge istitutiva della<br />

Protezione civile e la pianificazione<br />

dell’emergenza.


IN PRIMO PIANO<br />

I tecnici dell’azienda di Parma al tavolo delle trattative nella Capitale con l’assessore Mar<strong>in</strong>elli<br />

VENAFRO - Tappa decisiva<br />

e si spera f<strong>in</strong>ale della<br />

Geomeccanica verso l’uscita<br />

dalla crisi. Con la firma<br />

di un accordo pieno con la<br />

Egt, società di Parma attiva<br />

nel settore metalmeccanico.<br />

La Egt da sempre collabora<br />

con la storica <strong>in</strong>dustria<br />

venafrana, anche<br />

perché ’sforna’ una produzione<br />

complementare di<br />

benne e macch<strong>in</strong>e escavatrici<br />

più piccole.<br />

Domani pomeriggio, <strong>in</strong>torno<br />

alle 16, è convocato<br />

un tavolo a Roma presso il<br />

M<strong>in</strong>istero per le Attività<br />

Produttive. Ironia delle<br />

sorte, <strong>in</strong> corso Molise. Intorno<br />

ad un tavolo si<br />

ritroveranno-oltre ad un<br />

rappresentante del vertice<br />

del M<strong>in</strong>istero retto dal fedelissimo<br />

di Berlusconi,<br />

Claudio Scaloia, che dirigerà<br />

l’<strong>in</strong>contro, rappresentanti<br />

della Regione Molise<br />

guidati dall’assessore<br />

Franco Giorgio Mar<strong>in</strong>elli,<br />

i vertici della Geomeccanica<br />

(Pietro Di Lauro<br />

ed i Passarelli) e naturalemente<br />

della Egt, oltre<br />

a rappresentanti del<br />

s<strong>in</strong>dacato guidati dal responsabile<br />

regionale della<br />

Fiom-Cgil, Gianni D’Aguanno.<br />

Ma quali sono le f<strong>in</strong>alità<br />

di quest’atteso <strong>in</strong>contro,<br />

che fa ben sperare ai 95<br />

operai <strong>in</strong> sciopero ed <strong>in</strong> apprensione<br />

dal periodo natalizio?<br />

A spiegarlo, via telefon<strong>in</strong>o,<br />

è proprio Gianni<br />

D’Aguanno: «Siamo <strong>in</strong>teressati<br />

a conoscere il Piano<br />

Industriale di rilancio proposto<br />

dalla Egt. In partico-<br />

Vertenza Geomeccanica<br />

Scatta il vertice a Roma<br />

Domani <strong>in</strong>contro al M<strong>in</strong>istero con Egt e Regione<br />

lare il concordato coi creditori<br />

con cui la Geomeccanica<br />

è <strong>in</strong>debitata per svariati<br />

milioni di euro».<br />

Poi con tono più forte e<br />

deciso D’Aguanno aggiunge:<br />

«Come s<strong>in</strong>dacato siamo<br />

fortemente <strong>in</strong>teressati a garantire<br />

i livelli occupazionali,<br />

a difendere il posto di<br />

lavoro ad operaia altamente<br />

specializzati e motivati.<br />

Che hanno sempre fatto sacrifici<br />

per rilanciare la<br />

fabbrica».<br />

Un tasto difficile e sensibile,<br />

che tocca da vic<strong>in</strong>o la<br />

vita di ben novantac<strong>in</strong>que<br />

famiglie, che mai come <strong>in</strong><br />

questi primi mesi del 2010<br />

hanno sofferto la precarietà.<br />

Tanto che s<strong>in</strong>o a poco<br />

tempo fa lo stabilimento<br />

posto lungo la Strada Nazionale<br />

per Napoli è stato<br />

permanetemente occupato,<br />

giorno e notte. Con grossi<br />

sacrifici e disagi da parte<br />

di molti operai, aggravato<br />

dal fatto che per mesi e<br />

mesi mancava lo stipendio<br />

a partire da dicembre dello<br />

scorso anno, ma si spera<br />

che questa fase nera sia<br />

passata, Completamente<br />

alle spalle. In quanto poi<br />

all’accordo <strong>in</strong> vista con la<br />

Egt D’Aguanno fa capire di<br />

essere moderatamente ottimista.<br />

Anche se l’uscita<br />

dal tunnel non è ancora arrivata.<br />

Si spera che da domani<br />

pomeriggio la crisi<br />

alla Geomeccanica sia<br />

messa def<strong>in</strong>itivamente alle<br />

spalle. Con la ripresa della<br />

produzione ed il rilancio di<br />

un’<strong>in</strong>dustria apprezzata e<br />

conosciuta <strong>in</strong> tutto il mondo.<br />

Mario Lepore<br />

IN EVIDENZA Avvistamenti di lupi<br />

Venafro - Le classi delle medie restano smembrate <strong>in</strong> diverse strutture della città<br />

Istituto Pilla, problema irrisolto<br />

Lamentele dei genitori per la sistemazione precaria degli alunni<br />

VENAFRO - Sotto osservazione le Medie.<br />

In particolare tutto l’istituto Leopoldo<br />

Pilla dislocato <strong>in</strong> Venafro capoluogo.<br />

Mentre altre c<strong>in</strong>que classi, tra Elementari<br />

e Materne (Scuola Primaria e<br />

dell’Infanzia), sono sistemate nella frazione<br />

di Ceppagna. Il grande edificio di<br />

via Maiella è chiuso dal terremoto del 6<br />

aprile 2009.<br />

A seguito di perizia tecnica che ne ha<br />

decretato l’<strong>in</strong>agibilità. Oggi tutto l’Istituto,<br />

per quanto riguarda la città di Venafro,<br />

è dislocato su tre fronti. Sei classi<br />

(tutte terze) sono sistemate presso l’Isiss,<br />

sempre <strong>in</strong> via Maiella. Altre sette<br />

(prime e seconde) presso un’ala della<br />

Guardia di F<strong>in</strong>anza. E due <strong>in</strong> via<br />

Sant’Ormisda, presso un ex locale commerciale<br />

privato, completamente ristrutturato.<br />

Le ultime <strong>in</strong>formazioni, fornite<br />

da un genitore, riferiscono una cosa<br />

strana: <strong>in</strong> quest’ultimo caso sono occupate<br />

solo due locali su sei. Precisamente<br />

una prima e seconda classe della Primaria<br />

(Elementare), con altre tre o quattro<br />

Il presidio dei lavoratori <strong>in</strong> azienda e davanti alla Prefettura<br />

aule completamente vuote. «In un locale<br />

immenso e costoso. Una situazione del<br />

tutto assurda ed <strong>in</strong>spiegabile», a detta<br />

di molti genitori che hanno <strong>in</strong>terpellato<br />

la redazione di Nuovo Molise. Intanto<br />

l’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale ha bandito<br />

un concorso pubblico di idee per ristrutturare<br />

l’edificio di via Maiella. Perchè si<br />

stud<strong>in</strong>o progetti avanzati per renderlo<br />

nuovamente sicuro ed agibile. Tutta da<br />

leggere ed <strong>in</strong>terpreatare la relazione tecnica<br />

dell’Università di Cass<strong>in</strong>o, consegnata<br />

da poco. La relazione ha valutato<br />

lo stato di vulnerabilità dell’edificio, facendo<br />

capire che si può recuperare. Ma<br />

la relazione va approfondita e studiata<br />

da professionisti esperti, anche per capire<br />

le possibilità d’<strong>in</strong>tervento. Il caso è<br />

aperto e va risolto presto e nel migliore<br />

dei modi. E’ un argomento così str<strong>in</strong>gente<br />

e d’attualità, da essere stato espressamente<br />

<strong>in</strong>serito tra le tre mozioni da<br />

discutere nel prossimo Consiglio comunale<br />

del 1 aprile.<br />

nuovomoliseisernia@email.it<br />

sui monti di Venafro<br />

A segnalarlo il noto ambientalista Pes<strong>in</strong>o<br />

VENAFRO - Quando la natura riprende il sopravvento.<br />

Ed esplode su ogni distrazione e violenza umana.<br />

Da una newsletter a firma di Emilio Pes<strong>in</strong>o, presidente<br />

del Parco dell’Olivo di Venafro e noto ambientalista,<br />

si può leggere: «Avvistamenti recenti e ripetuti<br />

di lupi nel Parco e sui monti alle spalle di Venafro. Un<br />

primo esemplare è stato avvistato su Sammucro (il<br />

monte alle spelle de Le Noci, ndr) nei pressi dell’unica<br />

masseria esistente. Altri due, <strong>in</strong>vece, si sono avvic<strong>in</strong>ati<br />

nel Vallone delle Noci ai marg<strong>in</strong>i del Parco. Si conferma<br />

così, l’alta valenza naturalistica di quel territorio<br />

che spazia dalle Ma<strong>in</strong>arde f<strong>in</strong>o ai contrafforti sulla<br />

Piana di Venafro». Che dire di più?<br />

Emmelle


22 VENAFRO-AREA VOLTURNO<br />

La scoperta a Montenero Val Cocchiara<br />

Tornano alla luce<br />

sculture medievali<br />

Dopo i lavori di restauro sulla facciata della chiesa<br />

di San Nicola riaffiorano le antiche raffigurazioni<br />

MONTENERO VAL COCCHIARA - Arte e<br />

storia si fondono nel restauro della chiesa<br />

di San Nicola. Riportato <strong>in</strong> luce l’aspetto<br />

orig<strong>in</strong>ale del luogo sacro.<br />

Idea veramente geniale quella di don<br />

Elio Fiore, parroco del piccolo paese di<br />

Montenero Val Cocchiara, che ha fatto liberare<br />

la chiesa di San Nicola dall’<strong>in</strong>tonaco<br />

che per qualche secolo ne ha coperto la facciata.<br />

E così, nello scorso novembre, è venuta<br />

meno l’anonima crosta che mortificava la<br />

piccola ma pregevole <strong>costruzione</strong>, citata<br />

come «extra moenia» negli archivi ecclesiastici<br />

di Trivento, perchè sorta fuori dalle<br />

mura del primi nucleo di abitazioni.<br />

Il merito di questo restauro non è solo<br />

quello di aver messo <strong>in</strong> luce l’orig<strong>in</strong>ario<br />

aspetto della chiesa (arte romanica) <strong>in</strong> pietra<br />

locale e malta, ma soprattutto quello di<br />

far oggi godere la vista di alcuni suoi aspetti,<br />

prima nascosti o poco evidenti. Nella<br />

parte <strong>in</strong> alto a destra del campanile «a vela»<br />

è apparsa un’<strong>in</strong>teressante formella che<br />

rappresenta un leone con coda attorcigliata,<br />

dalla cui bocca spunta la coda di una lucertola.<br />

Leone e lucertola sono entrambi simboli<br />

medievali, il primo di fortezza e l’altra di r<strong>in</strong>ascita<br />

o resurrezione, ma f<strong>in</strong> ora di essi<br />

non si sapeva nulla. In basso, a s<strong>in</strong>istra del<br />

portale, ha riacquistato risalto e chiarezza<br />

la stele funeraria (forse utilizzo di altra <strong>costruzione</strong>)<br />

con una scritta <strong>in</strong> lat<strong>in</strong>o, dedica<br />

di una coppia al figlio morto, rivelando, più<br />

<strong>in</strong> basso ancora, la semplice ma tenera <strong>in</strong>cisione<br />

raffigurante un uomo alla guida di<br />

due buoi con chiari riferimento all’attività<br />

familiare.<br />

Un’immag<strong>in</strong>e citata dagli archivi diocesani,<br />

ma per niente visibile prima dei lavori.<br />

Si nota anche lo spostamento del rosone ad<br />

un’altezza maggiore, forse dovuto ai lavori<br />

di riprist<strong>in</strong>o del 1501 dopo i danni di un<br />

violento <strong>in</strong>cendio. Per merito di don Elio, la<br />

chiesa di San Nicola sembra riprendere<br />

l’importanza di un tempo, quando, prima<br />

dell’<strong>in</strong>augurazione di Santa Maria di Loreto<br />

(1535) era la parrocchia del paese e l’antica<br />

navata non era stata ancora sostituita da<br />

spazi irregolari per la riduzione dell’area<br />

retrostante (1688), nè ridotta e nè sparite le<br />

quattro colonne dell’altare che formavano<br />

un <strong>in</strong>sieme architettonico di particolare valore<br />

artistico. La restituzione alla comunità<br />

di Montenero di questo monumento rappresenta<br />

per la cultura locale un evento importante<br />

che conferma una cont<strong>in</strong>uità di testimonianze<br />

artistiche sul territorio, a partire<br />

dagli antichi sanniti.<br />

michele visco<br />

La struttura scolastica di Cerro è frequentata da 136 persone tra alunni, docenti e personale<br />

«Mettere <strong>in</strong> sicurezza la scuola»<br />

Il consigliere Mart<strong>in</strong>o sollecita <strong>in</strong>terventi per l’edificio Alighieri<br />

CERRO AL VOLTURNO -<br />

Il consigliere comunale di<br />

maggioranza Ferd<strong>in</strong>ando<br />

Mart<strong>in</strong>o si <strong>in</strong>teressa alla<br />

tematica della scuola sicura.<br />

Inviata una missiva<br />

alla giunta comunale e al<br />

presidente della Regione<br />

per chiedere <strong>in</strong>terventi urgenti<br />

presso l’istituto locale.<br />

A Cerro al Volturno<br />

nell’ultimo periodo le attenzioni<br />

maggiori dell’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale e<br />

dei s<strong>in</strong>goli componenti di<br />

quest’ultima si stanno concentrando<br />

sulla questione<br />

delle scuole sicure. L’ultima<br />

azione <strong>in</strong> tal senso è<br />

quella effettuata dal consigliere<br />

di maggioranza Ferd<strong>in</strong>ando<br />

Mart<strong>in</strong>o che ha <strong>in</strong>viato<br />

una lettera al presidente<br />

della Regione Michele<br />

Iorio, alla giunta<br />

comunale e al primo citta-<br />

d<strong>in</strong>o V<strong>in</strong>cenzo Iannarelli<br />

nel quale chiede che vengano<br />

effettuati urgentemente<br />

<strong>in</strong>terventi di manutenzione<br />

presso l’istituto<br />

comprensivo statale Dante<br />

Alighieri.<br />

«Avendo avuto sempre<br />

a cuore le problematiche<br />

riguardanti l’attività scolastica<br />

del nostro plesso -<br />

scrive il consigliere Mart<strong>in</strong>o<br />

- al f<strong>in</strong>e di rendere l’edificio<br />

scolastico pienamente<br />

agibile dal punto di vista<br />

strutturale ed assicurare<br />

la piena tranquillità di<br />

svolgimento delle lezioni<br />

per gli alunni e gli <strong>in</strong>segnanti<br />

(totale di 136 persone)<br />

e stimolare l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale <strong>in</strong> carica,<br />

segnalo che l’edificio <strong>in</strong><br />

questione ha bisogno di<br />

numerosi <strong>in</strong>terventi nel<br />

più breve tempo possibile<br />

che non comportano spese<br />

eccessive». La missiva, si<br />

sofferma poi sull’elenco degli<br />

<strong>in</strong>terventi che secondo<br />

il consigliere di maggioranza<br />

dovrebbero essere eseguiti<br />

sul plesso scolastico.<br />

«Valutazione delle sismo<br />

sicurezza da parte di<br />

esperti della Protezione Civile,<br />

<strong>in</strong> particolare l’impatto<br />

statico-d<strong>in</strong>amico sull’edificio<br />

dei pilastri e travi<br />

non saldate tra di loro ed<br />

aventi direttrici diverse di<br />

resistenza e sp<strong>in</strong>ta ubicate<br />

nel sem<strong>in</strong>terrato lato sud.<br />

Installazione - precisa<br />

Mart<strong>in</strong>o - di numero 2 scale<br />

esterne di uscita sicurezza<br />

<strong>in</strong>dispensabili <strong>in</strong> caso di<br />

emergenza e l’abbattimento<br />

della barriere architettoniche<br />

all’entrata con sistemazione<br />

della scala<br />

d’<strong>in</strong>gresso. Installazione di<br />

porte antipanico per le<br />

aule e la palestra con la ri-<br />

Un particolare della facciata venuto alla luce dopo i lavori<br />

qualificazione adeguata<br />

dell’area circostante l’<strong>in</strong>tero<br />

edificio e sostituzione di<br />

tutte le vetrate rotte con<br />

vetro adatto e resistente a<br />

colpi esterni ed altre avversità.<br />

Inf<strong>in</strong>e - conclude il<br />

consigliere comunale - andrebbe<br />

<strong>in</strong>stallata una porta<br />

adeguata per l’aula magna,<br />

bisognerebbe sostituire<br />

le tende, <strong>in</strong>compatibili<br />

con le più elementari norme<br />

igieniche e funzionali e<br />

acquistare armadietti senza<br />

vetri e telefoni per l’area<br />

scuola primaria ed asilo».<br />

Un quadro chiaro e<br />

conciso effettuato da Mart<strong>in</strong>o<br />

che dimostra la sua<br />

attenzione per le problematiche<br />

scolastiche, questione<br />

che sta a cuore anche<br />

a tutta l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

di Cerro e al s<strong>in</strong>daco<br />

Iannarelli, ma soprattutto<br />

a gran parte della cittadi-<br />

nanza locale che tiene alla<br />

sicurezza dei propri studenti<br />

e figli.<br />

mi.vi.<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Metanizzazione e piano<br />

sociale <strong>in</strong> agenda<br />

Assise<br />

straord<strong>in</strong>aria<br />

<strong>in</strong> serata<br />

a Rionero<br />

Carmos<strong>in</strong>o, s<strong>in</strong>daco di Rionero<br />

RIONERO SANNITICO -<br />

Torna a riunirsi il Consiglio<br />

comunale. All’ord<strong>in</strong>e del<br />

giorno numerosi argomenti.<br />

La maggioranza guidata dal<br />

primo cittad<strong>in</strong>o Ferd<strong>in</strong>ando<br />

Carmos<strong>in</strong>o dovrà rispondere<br />

ad alcune <strong>in</strong>terrogazioni<br />

proposte dall’opposizione.<br />

Riunione straord<strong>in</strong>aria<br />

quella del Consiglio comunale<br />

di Rionero Sannitico<br />

<strong>in</strong> programma per questa<br />

sera alle ore 20.30 all’<strong>in</strong>terno<br />

dell’aula consiliare utilizzata<br />

per questo tipo di attività.<br />

Il primo cittad<strong>in</strong>o Ferd<strong>in</strong>ando<br />

Carmos<strong>in</strong>o ha convocato<br />

l’assise civica per la<br />

trattazione di numerosi argomenti.<br />

Dopo la lettura e<br />

l’approvazione dei verbali<br />

della seduta precedente si<br />

provvederà alla discussione<br />

ed approvazione del piano<br />

sociale regionale per il<br />

triennio 2009-2011. In seguito<br />

verranno trattati argomenti<br />

importanti quali la<br />

questione della metanizzazione<br />

completa del territorio<br />

comunale e quella della gestione<br />

della segreteria comunale.<br />

La riunione del<br />

Consiglio proseguirà poi con<br />

l’ord<strong>in</strong>e del giorno richiesto<br />

dai consiglieri di m<strong>in</strong>oranza<br />

riguardante l’abolizione delle<br />

<strong>in</strong>dennità di carica ai<br />

componenti dell’esecutivo e<br />

del gettone di presenza ai<br />

consiglieri comunali. Argomento<br />

<strong>in</strong>teressante al vaglio<br />

dell’amm<strong>in</strong>istrazione. Il<br />

Consiglio si concluderà con<br />

la risposa del primo cittad<strong>in</strong>o<br />

all’<strong>in</strong>terrogazione proposta<br />

dal gruppo di m<strong>in</strong>oranza<br />

riguardante diverse tematiche<br />

e problematiche presenti<br />

sul territorio comunale.<br />

michele visco


Alle urne 27.503 termolesi. In lizza 541 candidati al Consiglio comunale <strong>in</strong> 19 liste<br />

Voto, a rischio ballottaggio<br />

Con c<strong>in</strong>que candidati a s<strong>in</strong>daco è forte<br />

la probabilità del ricorso al doppio turno<br />

DOPO tante strette di<br />

mano e pacche sulle spalle,<br />

fiumi di parole e tonnellate<br />

di carta oggi e domani saranno<br />

gli elettori a recuperare<br />

il loro ruolo da protagonisti<br />

dopo essere stati<br />

l’oggetto del desiderio di<br />

c<strong>in</strong>que candidati s<strong>in</strong>daco e<br />

ben 541 candidati alla carica<br />

di consigliere. Con la<br />

costituzione dei seggi avvenuta<br />

regolarmente ieri nelle<br />

29 sezioni da questa<br />

matt<strong>in</strong>a alle 7 si sta votando.<br />

Al voto 27.503 termolesi<br />

dopo lo scioglimento del<br />

Consiglio comunale a seguito<br />

delle dimissioni di<br />

V<strong>in</strong>cenzo Greco eletto<br />

nel giugno del 2006. In<br />

queste ore i cittad<strong>in</strong>i di<br />

Termoli stanno cercando di<br />

scegliere quello che dovrà<br />

essere il miglior s<strong>in</strong>daco<br />

per i prossimi anni tra Antonio<br />

Basso Di Br<strong>in</strong>o,<br />

Erm<strong>in</strong>ia Gatti, Filippo<br />

Monaco, Antonio Fasciano<br />

e Remo Di Giandomenico.<br />

Ma non è detto<br />

Il presidente del Consiglio regionale Picciano e il consigliere Totaro<br />

che l’impresa possa uscire<br />

al primo tentativo. E’ forte<br />

la sensazione - pare che<br />

anche i sondaggi commissionati<br />

lo conferm<strong>in</strong>o anche<br />

se tutto è possibile -<br />

che gli elettori saranno costretti<br />

a tornare alle urne<br />

l’11 e il 12 aprile prossimi.<br />

Doppio turno per un supplemento<br />

di campagna<br />

elettorale così come accad-<br />

de anche quattro anni fa<br />

quando nelle Amm<strong>in</strong>istrative<br />

del 28 e 29 maggio<br />

V<strong>in</strong>cenzo Greco (46,8%)<br />

e Oreste Campopiano<br />

(41,5%) si r<strong>in</strong>contrarano<br />

due settimane dopo e sappiamo<br />

tutti come andò a f<strong>in</strong>ire.<br />

Ieri matt<strong>in</strong>a la bella<br />

giornata di sole più che<br />

primaverile ha permesso a<br />

tutti i candidati di fare<br />

quattro passi per le vie del<br />

centro per gli ultimi sorrici<br />

non potendo fare altro <strong>in</strong><br />

quello che è il dì del silenzio.<br />

Pausa di riflessione<br />

che ha visto arrivare <strong>in</strong> città<br />

i pezzi pregiati della politica<br />

regionale come il presidente<br />

del Consiglio Michele<br />

Picciano, i consiglieri<br />

regionali Francesco<br />

Totaro e Antonio Chieffo.<br />

A passeggio anche l’ex<br />

s<strong>in</strong>daco V<strong>in</strong>cenzo Greco<br />

che volentieri si<br />

è offerto per una<br />

fotografia ma ha<br />

voluto evitare<br />

qualsiasi tipo di<br />

commento. Ora il<br />

palco è per altri.<br />

Caccia all’ultimo<br />

voto. Una<br />

vera e propria<br />

caccia grossa,<br />

senza esclusione<br />

di colpi e parentele.<br />

E non potrebbe<br />

essere di-<br />

versamente considerando<br />

che il gran numero di candidati<br />

alla carica di consigliere.<br />

Famiglie lacerate<br />

per dividere i voti senza offendere<br />

nessuno. Poi i conti<br />

si faranno quando sarà<br />

poosibile verificare, seggio<br />

per seggio, come e dove saranno<br />

andati a f<strong>in</strong>ire le<br />

s<strong>in</strong>gole preferenze. Con<br />

tante sorprese quando si<br />

riscontrerà che <strong>in</strong> molti<br />

non avranno nemmeno il<br />

proprio voto!<br />

In casa centrodestra la<br />

parola ballottaggio non<br />

viene nemmeno sospirata.<br />

Sono sicuri che già lunedì<br />

pomeriggio Di Br<strong>in</strong>o stacchi<br />

il biglietto. Forti<br />

dell’apporto di dieci liste si<br />

è certi della vittoria. I numeri<br />

dicono che potrebbe<br />

essere così. Se così non dovesse<br />

essere sarà facile<br />

gridare al mezzo passo falso.<br />

Ci spera Monaco che ritiene<br />

di poter recuperare<br />

<strong>in</strong> un eventuale doppio turno.<br />

Per il resto Di Giandomenico,<br />

Gatti e Fasciano<br />

hanno già v<strong>in</strong>to essendo<br />

riusciti a rimettere al centro<br />

del confronto la centralità<br />

di Termoli nella politica<br />

regionale. Un risultato<br />

che solo domani alle 15 si<br />

potrà conoscere. Un <strong>in</strong>vito<br />

agli elettori: ricordatevi del<br />

documento e della tessera.<br />

Tempo permettendo ci<br />

sarà fila ai seggi. Buon<br />

voto a tutti.<br />

P<strong>in</strong>o Cavuoti<br />

L’ex s<strong>in</strong>daco Greco <strong>in</strong> piazza Monumento<br />

Ubicazione seggi elettorali<br />

ed elenco presidenti<br />

Sezione 1 - Via XX settembre (Scuola elementare) Anna<br />

Taraborrelli<br />

Sezione 2 - Via XX settembre (Scuola elementare) Anna<br />

Pagliaccio<br />

Sezione 3 - Via XX settembre (Scuola elementare) Sara<br />

Catalano<br />

Sezione 4 - Via XX settembre (Scuola elementare) Marcell<strong>in</strong>o<br />

Di Sario<br />

Sezione 5 - Via Gioberti (Scuola media) Luigi Iovannelli<br />

Sezione 6 - Via Perrotta (Scuola media) Raffaella Merluzzo<br />

Sezione 7 - Via Perrotta (Scuola media) Adamo Manes<br />

Sezione 8 - Via Perrotta (Scuola media) Donatella Berardi<br />

Sezione 9 Via Sturzo (Scuola media) Silvana Ricci<br />

Sezione 10 Via Sturzo (Scuola media) Angela Fatica<br />

Sezione 11 Via Sturzo (Scuola media) Antonio Di Lena<br />

Sezione 12 Via Stati Uniti (Scuola elementare) Diego<br />

Dall’Ava<br />

Sezione 13 - Via Stati Uniti (Scuola elementare) Stefania<br />

Mendozzi<br />

Sezione 14 - Via Stati Uniti (Scuola elementare) Giacomo<br />

De Gregorio<br />

Sezione 15 - Via Volturno (Scuola elementare) Anna<br />

Michela D’Errico<br />

Sezione 16 - Via Volturno (Scuola elementare) Giulio<br />

Basso<br />

Sezione 17 - Via Volturno (Scuola elementare) Paolo<br />

Zaccardi<br />

Sezione 18 - Via Volturno (Scuola elementare) Felicia<br />

Caruso<br />

Sezione 19 - Via Volturno (Scuola elementare) Catia<br />

Zitti<br />

Sezione 20 - Via Volturno (Scuola elementare) Maria<br />

Ludovico<br />

Sezione 21 - Via Volturno (Scuola elementare) Luigi<br />

Gallo<br />

Sezione 22 - Via Tremiti (Scuola materna) Antonella<br />

Iannacci<br />

Sezione 23 - Via Tremiti (Scuola materna) Tania Venditti<br />

Sezione 24 - Contrada Difesa Grande (Scuola elementare)<br />

Carmen Ruggiero<br />

Sezione 25 - Contrada Difesa Grande (Scuola elementare)<br />

V<strong>in</strong>cenza Recchi<br />

Sezione 26 - Contrada Difesa Grande (Scuola elementare)<br />

Rosamaria Mucci<br />

Sezione 27 - Contrada Difesa Grande (Scuola media)<br />

Giuseppe Staniscia<br />

Sezione 28 - Contrada Difesa Grande (Scuola media) Alberto<br />

Vitale<br />

Sezione 29 - Viale San Francesco (Ospedale) Alessio<br />

Toto


24 TERMOLI<br />

«Il governo ha tenuto nascosta la lista per le elezioni regionali»<br />

I Verdi ribadiscono:<br />

Termoli <strong>sito</strong> nucleare<br />

La città è nell’elenco di sedi atomiche<br />

diramato dal leader nazionale Angelo Bonelli<br />

I VERDI ribadiscono: «Termoli è tra le città prossime<br />

sedi di centrali atomiche».<br />

In chiusura di campagna elettorale, venerdì sera a<br />

Roma, davanti a Montecitorio, è stato il leader nazionale<br />

del Sole che ride Angelo Bonelli, a fornire la lista di località<br />

dello Stivale <strong>in</strong>dividuate come future «case» di siti<br />

di produzione di energia nucleare. La prima, con ogni<br />

probabilità, sarà quella di Montalto di Castro, <strong>in</strong> prov<strong>in</strong>cia<br />

di Viterbo. Poi, tra i possibili siti atomici, ecco Caorso,<br />

<strong>in</strong> prov<strong>in</strong>cia di Piacenza e Tr<strong>in</strong>o Vercellese (Vercelli) e,<br />

per il depo<strong>sito</strong> nazionale di scorie radioattive, la località<br />

di Garigliano, a cavallo tra le prov<strong>in</strong>ce di Lat<strong>in</strong>a e Caserta.<br />

«Il governo - ha spiegato Bonelli - non ha avuto il coraggio<br />

di rivelare, prima delle elezioni regionali, i luoghi<br />

<strong>in</strong> cui verranno costruite le centrali nucleari ed <strong>in</strong> cui<br />

verranno sprecati almeno 30 miliardi di euro dei contribuenti<br />

italiani».<br />

Ecco allora la cart<strong>in</strong>a contenente le sedi dove verranno<br />

<strong>in</strong>stallate le centrali che produrranno energia atomica,<br />

secondo le <strong>in</strong>dicazioni fornite dai Verdi: Caorso (Piacenza),<br />

Tr<strong>in</strong>o Vercellese (Vercelli), Monfalcone (Gorizia),<br />

Chioggia (Venezia), San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno),<br />

Scarl<strong>in</strong>o (Grosseto), Montalto di Castro (Viterbo),<br />

Borgo Sabot<strong>in</strong>o (Lat<strong>in</strong>a), Garigliano (Lat<strong>in</strong>a-Caserta),<br />

Termoli (Campobasso), Mola di Bari (Bari), Scansano Jonico<br />

(Matera), Oristano e Palma di Montechiaro (Agrigento).<br />

Mi.Ta.<br />

Def<strong>in</strong>ita l’<strong>in</strong>terruzione<br />

dell’attività <strong>in</strong> mare<br />

Pausa pasquale<br />

per la pesca,<br />

prodotto fresco<br />

dal 7 aprile<br />

E’ STATO concordato il<br />

calendario lavorativo<br />

per i pescatori della flottiglia<br />

termolese <strong>in</strong> vista<br />

delle imm<strong>in</strong>enti festività<br />

pasquali.<br />

La riunione di venerdì<br />

è stata utile a def<strong>in</strong>ire<br />

gli ultimi dettagli. I<br />

rappresentanti delle or-<br />

ganizzazioni Flai-Cgil,<br />

Fai-Cisl e Associazione<br />

Armatori Pesca del Molise<br />

hanno stabilito che i<br />

pescherecci, oltre ai<br />

giorni festivi da calendario,<br />

osserveranno una<br />

giornata di fermo venerdì<br />

2 aprile ed un’altra<br />

giornata di stop, come<br />

tradizione, è fissata per<br />

martedì 6 aprile, successivo<br />

al Lunedì dell’Angelo,<br />

<strong>in</strong> occasione della ricorrenza<br />

tanto cara ai<br />

termolesi della «Madonna<br />

a Lungo».<br />

Le barche torneranno<br />

<strong>in</strong> mare alle ore 22 di<br />

martedì sera. E così, da<br />

mercoledì 7 aprile, sarà<br />

di nuovo possibile trovare<br />

nei mercati e nelle pescherie<br />

della città il prodotto<br />

fresco locale.<br />

rtm<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Uova per la solidarietà,<br />

la raccolta di fondi<br />

Sostegno alle attività dell’associazione<br />

Sistema Assistenziale. Banchetto <strong>in</strong> piazza<br />

UN contributo per le attività<br />

dell’associazione attraverso<br />

la vendita di<br />

uova di Pasqua prodotte e<br />

confezionate dall’azienda<br />

Papa.<br />

L’<strong>in</strong>iziativa, com<strong>in</strong>ciata<br />

ieri e che proseguirà anche<br />

oggi a Termoli, è<br />

dell’Associazione Sistema<br />

Assistenziale Europeo-<br />

SAE 112, organizzazione<br />

non lucrativa di utilità sociale,<br />

che è nata «con lo<br />

scopo di assistere il cittad<strong>in</strong>o<br />

- si legge <strong>in</strong> una nota<br />

- nelle sue realtà svantaggiate.<br />

Tra le pr<strong>in</strong>cipali attività<br />

c’è la tutela della<br />

salute e dell’ambiente, del-<br />

le risorse economiche e paesaggistiche,<br />

del patrimonio<br />

culturale e sociale sia<br />

nella quotidianità sia <strong>in</strong><br />

eventi calamitosi». Il sodalizio<br />

<strong>in</strong>vita la cittad<strong>in</strong>anza<br />

al sostegno. Con un<br />

contributo di 10 euro, <strong>in</strong><br />

cambio verrà consegnato<br />

un uovo pasquale di cioccolato,<br />

del peso di grammi<br />

300. Oggi volontari ed attivisti<br />

dell’associazione saranno<br />

presenti con uno<br />

stand <strong>in</strong> piazza Monumento,<br />

dalle 9 alle 13. Il<br />

ricavato sarà impiegato<br />

per le attività dell’associazione.<br />

Per <strong>in</strong>formazioni:<br />

sae112onlus@gmail.com


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Le elezioni <strong>in</strong> Basso Molise<br />

TERMOLI-LITORALE<br />

25<br />

Seggi aperti <strong>in</strong> due località<br />

del territorio oggi e domani<br />

Buon numero di donne e di giovani tra gli elementi salienti di questa «corsa» per il Comune<br />

Una poltrona per tre a Montenero<br />

Chiapp<strong>in</strong>i, Rosati e Travagl<strong>in</strong>i <strong>in</strong> lizza<br />

per il dopo D’Ascenzo: oggi e domani al voto<br />

MONTENERO DI BI-<br />

SACCIA - E le elezioni comunali<br />

alla f<strong>in</strong>e sono arrivate.<br />

Se <strong>in</strong> questi giorni i<br />

comizi e gli appuntamenti<br />

elettorali si sono succeduti<br />

a ritmo sempre più <strong>in</strong>calzante<br />

affollando piazze<br />

ed <strong>in</strong>fiammando platee, il<br />

«momento della verità» è<br />

ormai giunto anche per<br />

questa tornata montenerese.<br />

Questa matt<strong>in</strong>a l’evento<br />

A Portocannone<br />

di scena<br />

i Giochi<br />

della Gioventù<br />

PORTOCANNONE -<br />

Appuntamento questa<br />

matt<strong>in</strong>a, domenica 28<br />

marzo, a Portocannone<br />

per la fase <strong>in</strong>vernale dei<br />

«Giochi della<br />

Gioventù».<br />

L’organizzazione di<br />

questo evento è curata<br />

dalla Fitarco Molise, <strong>in</strong><br />

collaborazione con il Comune<br />

di Portocannone<br />

ed i gruppi Arcieri del<br />

Mare e Arcieri Pegasus.<br />

Teatro di una competizione<br />

riservata ai ragazzi,<br />

che si attende di<br />

sicuro <strong>in</strong>teressante ed<br />

appassionante per i giovanissimi<br />

partecipanti<br />

che vi prenderanno parte,<br />

sarà la Palestra comunale<br />

della Scuola<br />

Media di via Jov<strong>in</strong>e del<br />

centro bassomolisano, a<br />

partire dalle ore 10.<br />

Gli organizzatori <strong>in</strong>vitano<br />

la cittad<strong>in</strong>anza<br />

alla partecipazione, anche<br />

per rendere omaggio<br />

all’impegno ed alla<br />

voglia di non risparmiarsi<br />

<strong>in</strong> una discipl<strong>in</strong>a<br />

sportiva <strong>in</strong>dubbiamente<br />

«stimolante» di tanti<br />

ragazzi.<br />

Da oggi il gioco passa di<br />

fatto agli elettori, che potranno<br />

votare per tutta la<br />

giornata odierna (dalle 8<br />

alle 22) e domani ( dalle 7<br />

alle 15) per il r<strong>in</strong>novo del<br />

Consiglio comunale montenerese<br />

e per il nuovo<br />

s<strong>in</strong>daco che resteranno <strong>in</strong><br />

carica per c<strong>in</strong>que anni.<br />

Un «dopo D’Ascenzo»<br />

che non si è fatto attendere,<br />

dunque, e che è stato<br />

preceduto da una propaganda<br />

vivace quanto ricca<br />

di colpi di scena. Vediamo<br />

pertanto di fare il punto<br />

su questa campagna elettorale<br />

tutta nostrana.<br />

Tante le novità, dunque,<br />

a com<strong>in</strong>ciare dal numero<br />

degli schieramenti, con<br />

tre liste civiche (di cui<br />

due d’orientamento di s<strong>in</strong>istra)<br />

e tre candidati<br />

s<strong>in</strong>daco: P<strong>in</strong>o Chiapp<strong>in</strong>i<br />

(«Progresso e Libertà»),<br />

Nicola Travagl<strong>in</strong>i («Uniti<br />

per Montenero») e<br />

Margherita Rosati<br />

(«Montenero <strong>in</strong> Comune»),<br />

con un totale di 48<br />

aspiranti consigliere.<br />

Più donne, ben otto rispetto<br />

alla passata tornata<br />

elettorale, tra cui una<br />

capolista, <strong>in</strong> una rosa eterogenea<br />

di laureate e valide<br />

professioniste, ben distribuite<br />

tra i tre schieramenti<br />

(un elemento <strong>in</strong> più<br />

conta la lista della Rosati);<br />

e più giovani, candidati<br />

senza esperienze pregresse<br />

<strong>in</strong> politica e altri<br />

veterani del settore (tra<br />

cui alcuni amm<strong>in</strong>istratori<br />

uscenti, otto con lo stesso<br />

Travagl<strong>in</strong>i, tre con la Rosati<br />

e nessuno con Chiapp<strong>in</strong>i),<br />

che scelgono di met-<br />

Non è previsto<br />

ballottaggio<br />

Domani il nuovo<br />

primo cittad<strong>in</strong>o<br />

tere nuovamente a disposizione<br />

la propria esperienza<br />

per la collettività.<br />

Entusiasmo e spirito di<br />

<strong>in</strong>iziativa, dunque, che si<br />

fondono <strong>in</strong> un propositivo<br />

connubio all’ esperienza<br />

<strong>in</strong> vista di un r<strong>in</strong>novamento<br />

generale. A Montenero<br />

non è previsto il ballottaggio<br />

perché il Comu-<br />

ne ha meno di 15.000 abitanti,<br />

pertanto v<strong>in</strong>cerà la<br />

lista che riporterà più<br />

consensi.<br />

Seggi aperti dunque a<br />

partire da oggi, che saranno<br />

allestiti nella sede<br />

della Scuola Elementare<br />

di Piazza della Libertà,<br />

vic<strong>in</strong>o l’edificio comunale.<br />

Laura D’Angelo<br />

Si decide il nuovo s<strong>in</strong>daco dopo la parentesi del commissario prefettizio<br />

Bonefro sceglie la sua guida<br />

Eremita, Montagano e Vaccaro si contendono la fascia tricolore<br />

BONEFRO - Sono tre i candidati a s<strong>in</strong>daco<br />

di Bonefro. Chi prenderà il posto<br />

del commissario prefettizio tra Giuseppe<br />

Montagano, Rosario Eremita e<br />

Massimiliano Vaccaro?<br />

Soltanto nel pomeriggio di domani<br />

sarà noto il nome del primo cittad<strong>in</strong>o del<br />

paese bassomolisano che da giugno scorso<br />

è retto appunto da un commissario.<br />

Infatti nel comune del cratere sismico<br />

non fu raggiunto il quorum del 50 per<br />

cento più un voto.<br />

Il quorum si rese necessario perché <strong>in</strong><br />

corsa c’era una sola lista, guidata appunto,<br />

circa un anno fa, dallo stesso Giu-<br />

seppe Montagano che ora ritorna <strong>in</strong> corsa.<br />

Meccanismo, quello del quorum, che<br />

certamente non troverà spazio <strong>in</strong> queste<br />

ultime elezioni dato che le liste <strong>in</strong> corsa<br />

sono tre. Bonefro è un centro che necessita<br />

di particolare attenzione <strong>in</strong> virtù del<br />

processo di ri<strong>costruzione</strong> che vive certamente<br />

un momento difficile.<br />

C’è ancora tanto da risistemare e riprist<strong>in</strong>are<br />

all’<strong>in</strong>terno del paese compromesso<br />

dal terremoto del 2002. A distanza<br />

di quasi otto anni i lavori da fare sono<br />

ancora <strong>in</strong>genti. Chi guiderà il Comune di<br />

Bonefro avrà parecchio da fare. L’impegno<br />

sarà arduo.<br />

I ’piccoli ciceroni’ dell’Istituto Comprensivo illustreranno gli angoli più belli del paese<br />

Castelmauro e i suoi «tesori»<br />

Giornate Fai di primavera,<br />

’luci’ sul borgo e sue risorse<br />

CASTELMAURO - La riscoperta<br />

dei centri storici, le<br />

peculiarità ed anche il fasc<strong>in</strong>o<br />

dei caratteristici borghi<br />

dell’entroterra e la valorizzazione<br />

di alcune risorse paesaggistiche<br />

e storiche locali<br />

sono al centro dell’adesione<br />

dell’amm<strong>in</strong>istrazione comunale<br />

di Castelmauro all’annuale<br />

«Giornata di Prima-<br />

La laurea di Katia Ritucci<br />

HA conseguito la laurea<br />

specialistica <strong>in</strong> L<strong>in</strong>gue,<br />

letterature e culture<br />

moderne, presso l’Università<br />

degli studi «Gabriele<br />

D’Annunzio» di<br />

Chieti-Pescara Katia<br />

Ritucci. «Dopo tanto<br />

studio ed impegno hai<br />

raggiunto il tuo obiettivo.<br />

Siamo fieri ed orgogliosi<br />

di te. Congratulazioni».<br />

Il messaggio di<br />

auguri è da parte dei<br />

suoi genitori. Alla dottoressa<br />

Ritucci tanti auguri<br />

per una carriera<br />

ricca di soddisfazioni<br />

anche da parte della nostra<br />

redazione.<br />

vera» organizzata, a livello<br />

nazionale, dal FAI (il Fondo<br />

per l’Ambiente Italiano).<br />

«Un evento importante<br />

per il paese e per i suoi cittad<strong>in</strong>i<br />

- spiega il s<strong>in</strong>daco<br />

Angelo Sticca - un’occasione<br />

unica per pubblicizzare<br />

le proprie ricchezze storicoculturali,<br />

le tradizioni, l’<strong>in</strong>eguagliabile<br />

spirito di accoglienza.<br />

Una profonda<br />

sensibilità, tesa alla difesa<br />

ed al recupero dei propri<br />

beni ambientali, spalanca le<br />

porte a tutti coloro che vogliono<br />

conoscere il Molise ed<br />

i suoi Comuni». Sono visitabili<br />

tutte le bellezze di Castelmauro:<br />

il medioevale<br />

centro storico, con i suoi caratteristici<br />

vicoli e le sue<br />

monumentali porte di accesso<br />

all’antico feudo; la bellissima<br />

Chiesa Collegiata, con<br />

i preziosi altari <strong>in</strong> stile barocco;<br />

lo storico convento dei<br />

primissimi frati della Riforma<br />

Cappucc<strong>in</strong>a del 1530; la<br />

suggestiva faggeta di Monte<br />

Mauro, meta estiva di numerose<br />

gite ’fuori porta’ per<br />

molti molisani e non; il modernissimo<br />

Osservatorio<br />

Astronomico realizzato sulla<br />

vetta del Monte Mauro<br />

ad un’altezza di oltre 1000<br />

mt. Realizzato nel 2007,<br />

l’Osservatorio si dist<strong>in</strong>gue<br />

per numerose peculiarità:<br />

<strong>in</strong>novativo e all’avanguardia<br />

<strong>in</strong> campo <strong>in</strong>ternazionale<br />

consente di effettuare ricerche<br />

scientifiche anche <strong>in</strong><br />

modalità robotizzata, supporta<br />

le divulgazioni delle<br />

scuole ed università attraverso<br />

progetti dedicati, è <strong>in</strong>serito<br />

nella rete dei telescopi<br />

che effettuano la mappatura<br />

dei debris. Al momento<br />

le attività scientifiche sono<br />

coord<strong>in</strong>ate dall’astronomo<br />

prof. Dario Manc<strong>in</strong>i, che<br />

accoglierà i visitatori nella<br />

giornata di oggi, domenica<br />

28 marzo, dalle 10 alle 13 e<br />

dalle 15 alle 18.<br />

Tra le <strong>in</strong>iziative organizzate<br />

anche l’apertura al<br />

pubblico della biblioteca Comunale<br />

«Santa Margherita»,<br />

ove i ragazzi dell’istituto<br />

Comprensivo di Castelmauro,<br />

vestendo i panni di<br />

piccoli ciceroni, illustreranno<br />

con proiezioni fotografiche<br />

gli angoli più belli e nascosti<br />

del paese. Tutte opportunità<br />

da non perdere.


26 VASTO-SAN SALVO<br />

IN EVIDENZA<br />

Verso il leghista Moretti<br />

Tante offese<br />

e m<strong>in</strong>acce<br />

«on l<strong>in</strong>e»:<br />

la denuncia<br />

VASTO - Offese e m<strong>in</strong>acce,<br />

anche di morte.<br />

Le ha ricevute, su <strong>in</strong>ternet,<br />

Stefano Moretti,<br />

coord<strong>in</strong>atore dimissionario<br />

della Lega Nord di<br />

Vasto che ha sporto denuncia<br />

presso il Commissariato<br />

di Polizia di<br />

via Bachelet.<br />

«Sono giunte - si legge<br />

<strong>in</strong> un comunicato diramato<br />

dal direttivo del<br />

partito - all’<strong>in</strong>dirizzo<br />

della persona del nostro<br />

ex coord<strong>in</strong>atore m<strong>in</strong>acce<br />

gravissime su alcuni siti<br />

web. La Lega +- si legge<br />

ancora nello stesso comunicato<br />

- cont<strong>in</strong>uerà la<br />

propria battaglia al servizio<br />

della città e di tutti<br />

i vastesi e del vero cambiamento».<br />

L’articolo<br />

che ha prodotto i com-<br />

menti ’nel mir<strong>in</strong>o’ faceva<br />

riferimento alla richiesta<br />

di localizzare a Vasto<br />

Mar<strong>in</strong>a la nuova caserma<br />

dei Carab<strong>in</strong>ieri e<br />

di istituire, nella zona<br />

balneare, un posto di Polizia<br />

fisso a scopo di prevenzione.<br />

Tutto questo<br />

anche alla luce di alcuni<br />

gravi episodi accaduti<br />

recentemente nella zona<br />

centrale della località rivierasca.<br />

Una lettera è stata <strong>in</strong>dirizzata<br />

anche al numero<br />

di fax del Gab<strong>in</strong>etto<br />

del M<strong>in</strong>istro degli Interni<br />

Maroni aff<strong>in</strong>ché si<br />

presti particolare attenzione<br />

alla situazione vastese<br />

ponendo <strong>in</strong> essere<br />

<strong>in</strong>terventi necessari per<br />

garantire la sicurezza<br />

nel territorio.<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Le attività economiche del territorio provano a fare fronte compatto<br />

Unità d’<strong>in</strong>tenti al f<strong>in</strong>e<br />

di contrastare la crisi<br />

Impresa locale ’<strong>in</strong> vetr<strong>in</strong>a’ alla 2^ edizione<br />

di «Noi per conoscere Noi» dell’AssoVasto<br />

VASTO - Una vetr<strong>in</strong>a per le attività economiche<br />

del territorio, dei più svariati<br />

settori, l’<strong>in</strong>iziativa di scena nel nuovo capannone<br />

di Vastarredo Industrie, nella<br />

zona <strong>in</strong>dustriale di Punta Penna a Vasto.<br />

Si è tenuta ieri «Noi per conoscere Noi»,<br />

seconda edizione di una manifestazione a<br />

carattere pr<strong>in</strong>cipalmente promozionale,<br />

promossa dall’AssoVasto con la partecipazione<br />

di oltre ottanta espo<strong>sito</strong>ri, su una<br />

superficie di 1.500 metri quadrati <strong>in</strong>terni<br />

ed altrettanti esterni.<br />

La f<strong>in</strong>alità, ha ricordato il presidente<br />

dell’AssoVasto Gabriele Tum<strong>in</strong>i, è quella<br />

di promuovere la conoscenza delle attività<br />

economiche presenti sul territorio del<br />

Vastese, favorendo la collaborazione tra<br />

imprese anche al f<strong>in</strong>e di fare fronte compatto<br />

contro la crisi che, naturalmente, si<br />

è avvertita ed ancora si avverte anche da<br />

La struttura sportiva di località San Tommaso alla Mar<strong>in</strong>a nel mir<strong>in</strong>o dei soliti ignoti<br />

Ladri al PalaHistonium<br />

Raid notturno: sottratti computer, cassa e documenti<br />

VASTO - Gran parte di quello che<br />

hanno trovato dentro l’ufficio<br />

l’hanno portato via: ad essere «risparmiati»,<br />

si fa per dire, soltanto<br />

un contenitore di bevande, tavolo e<br />

sedia.<br />

Ladri <strong>in</strong> azione, la notte scorsa,<br />

al PalaHistonium di Vasto Mar<strong>in</strong>a,<br />

la struttura sportiva, ubicata <strong>in</strong> localitè<br />

San Tommaso sulla Statale<br />

16 Adriatica che ospita pr<strong>in</strong>cipalmente<br />

partite di calcio a 5. Sono<br />

stati i titolari dell’attività, ieri<br />

matt<strong>in</strong>a, ad accorgersi dell’effrazione<br />

notturna compiuta dai soliti<br />

ignoti e a compiere una stima di<br />

quello che è stato rubato.<br />

Infranta parte del vetro della<br />

porta antipanico dell’ufficio è stato<br />

poi un giochetto da ragazzi aprirla<br />

Promozione turistica <strong>in</strong> s<strong>in</strong>ergia alla Borsa Mediterranea<br />

VASTO - Rappresentanti<br />

del Comune di Vasto e operatori<br />

turistici presenti a<br />

Napoli alla tre giorni di<br />

appuntamenti nell’ambito<br />

della Borsa Mediterranea<br />

del Turismo che si svolge<br />

nella ’location’ della Mostra<br />

d’Oltremare.<br />

Venerdì e ieri spazi riservati<br />

agli operatori del<br />

settore ed <strong>in</strong> particolare ai<br />

tour operator, nazionali ed<br />

<strong>in</strong>ternazionali. Oggi, domenica<br />

28 marzo, apertura al<br />

pubblico. Tra le visite agli<br />

spazi espositivi la pittrice<br />

di orig<strong>in</strong>i vastesi Lola Vi-<br />

telli (nella foto) che lavora<br />

tra Roma, Napoli, Capri e<br />

Milano. A questa edizione<br />

partecipano, <strong>in</strong> un’azione<br />

s<strong>in</strong>ergica per la promozione<br />

di un territorio più ampio,<br />

anche i Comuni di San<br />

Salvo, Cupello e Torrebruna<br />

oltre a quello di Vasto.<br />

AUGURI!<br />

LAUREA <strong>in</strong> Giurisprudenza<br />

a Bologna per<br />

Andrea Spadacc<strong>in</strong>i,<br />

diletto figliolo degli amici<br />

Giancarlo Spadacc<strong>in</strong>i<br />

e della gentile signora<br />

Nunzia Salvatorelli. Auguri<br />

al neo dottore ed<br />

alla famiglia dalla nostra<br />

redazione.<br />

ed entrare così dentro a agire del<br />

tutto <strong>in</strong>disturbati. Sono stati sottratti<br />

un personal computer, l’<strong>in</strong>tera<br />

cassa, contenente denaro contante<br />

ed anche i documenti contabili<br />

dell’attività. Una denuncia è<br />

stata presentata ieri matt<strong>in</strong>a al<br />

Commissariato di Polizia che <strong>in</strong>daga<br />

sull’accaduto.<br />

piesse<br />

queste parti. Durante la giornata sono<br />

stati organizzati alcuni convegni con al<br />

centro argomenti di attualità ed <strong>in</strong>teresse<br />

come quello sull’<strong>in</strong>novazione tecnoligica,<br />

sul turismo e sull’accesso al credito. Tra i<br />

partecipanti non pochi rappresentanti politici<br />

ed istituzionali del territorio, il presidente<br />

della Commissione regionale Attività<br />

produttive Nicola Argirò ed il presidente<br />

di Conf<strong>in</strong>dustria Chieti Silvio Di<br />

Lorenzo. «Voglio utilizzare - ha sottol<strong>in</strong>eato<br />

Tum<strong>in</strong>i - una espressione ascoltata<br />

dal vescovo di Chieti Bruno Forte, la necessità<br />

di pensare ’glocal’. Ovvero aprirci<br />

alla globalizzazione ma senza dimenticare<br />

le nostre tradizioni, le nostre peculiarità<br />

ed anche la capacità di fare impresa, con<br />

dedizione e passione per la nostre attività,<br />

per la comunità ed il territorio».<br />

Michele Tana<br />

L’appuntamento<br />

La Passione Vivente<br />

per le vie del centro<br />

Settanta figuranti alla rappresentazione<br />

curata dall’associazione Pr<strong>in</strong>cipe De Curtis<br />

VASTO - La processione della Sacra Sp<strong>in</strong>a di venerdì<br />

sera, snodatasi tra due ali di folla dopo la<br />

solenne celebrazione a Santa Maria Maggiore,<br />

ha aperto a Vasto i riti della Settimana Santa.<br />

E oggi l’appuntamento è con la Via Crucis e Passione<br />

Vivente dell’associazione «Pr<strong>in</strong>cipe De<br />

Curtis» di Vasto. L’<strong>in</strong>iziativa si svolgerà nel centro<br />

storico, con <strong>in</strong>izio del percorso davanti al<br />

portale di San Pietro alle ore 18.30.<br />

L’allestimento vedrà co<strong>in</strong>volti oltre settanta figuranti<br />

<strong>in</strong> costume d’epoca. Parteciperanno<br />

all’evento, <strong>in</strong> costume o nel corteo, i soci dell’Azione<br />

Cattolica della parrocchia di Santa Maria<br />

del Sabato Santo e dell’Unitalsi ed officerà il pio<br />

servizio don Massimo D’Angelo. «E’ questa la<br />

Via Crucis cittad<strong>in</strong>a - spiega Biagio Santoro,<br />

presidente dell’associazione ’De Curtis’ - che si<br />

svolge da oltre 15 anni, richiamando migliaia di<br />

fedeli e non, i quali fanno ala ai figuranti che<br />

<strong>in</strong>terpretano con azioni e gesti i testi biblici che<br />

vengono letti. Quest’anno ci saranno novità nella<br />

rappresentazione delle stazioni con l’obiettivo di<br />

rendere più veritiera possibile la rappresentazione<br />

della Passione di Cristo». Si partirà dal portale<br />

di San Pietro con «L’ultima Cena», via via<br />

si arriverà a Palazzo d’Avalos e con il carico delle<br />

Croci il corteo si dirigerà a piazza Rossetti per<br />

la Crocifissione e la Resurrezione.


Secca sconfitta per il Bojano che perde<br />

un po’ di vantaggio sulla zona playout<br />

Trign<strong>in</strong>i e altomolisani sono ancora <strong>in</strong> corsa. Lupi: ko sfortunato e f<strong>in</strong>ale col... botto<br />

Playoff: Trivento e Agnone ci sono<br />

Il presidente Capone denuncia<br />

una telefonata anonima ricevuta<br />

da Alessandrì per ’addomesticare’<br />

i lupi e dichiara: «Andremo<br />

f<strong>in</strong>o <strong>in</strong> fondo a questa storia»<br />

Risultati e prossimo turno<br />

Il presidente rossoblù Capone, protagonista dopo la gara persa dai lupi con L’Aquila. Qui sopra Pentrelli (Trivento) festeggia il gol<br />

La classifica del girone F


28 SPORT<br />

All’Aquila basta un tiro <strong>in</strong> porta di Pietrella (nella foto<br />

festeggiato dai compagni) per espugnare Selvapiana<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Ospiti fortunati: con un tiro <strong>in</strong> porta<br />

conquistano tre punti fondamentali<br />

Buona prova dei rossoblù di Di Somma, ma il gol non arriva<br />

Campobasso iellato<br />

Che beffa con L’Aquila<br />

Gli abruzzesi colpiscono subito con Pietrella<br />

I lupi reagiscono ma la mira è sempre storta<br />

UNO SCIPPO <strong>in</strong> piena regola.<br />

L’Aquila espugna il Romagnoli<br />

di Selva Piana sotto<br />

le urla «Ladri, ladri» e<br />

dando una dimostrazione di<br />

<strong>in</strong>credibile modestia al cospetto<br />

di un Campobasso<br />

che è riuscito a perdere subendo<br />

un solo tiro <strong>in</strong> porta<br />

e fallendo almeno una dec<strong>in</strong>a<br />

di clamorose occasioni<br />

L’espressione sconsolata di mister Di Somma dopo l’ennesima palla gol sciupata dal Campobasso<br />

Dagli spogliatoi<br />

da rete. La partita di ieri a<br />

Selva Piana ha probabilmente<br />

chiuso il cerchio di<br />

una stagione balorda, soprattutto<br />

<strong>in</strong> casa, dove sono<br />

state tante, davvero troppe,<br />

le squadre che alla f<strong>in</strong>e<br />

hanno festeggiato sotto lo<br />

spicchio di Curva Sud, settore<br />

tradizionalmente dedicato<br />

ai tifosi ospiti. Va chiarito<br />

subito che ai lupi di Di<br />

Somma sarebbe andato<br />

stretto addirittura una pareggio,<br />

figuriamoci una<br />

sconfitta ma la «maledizione»<br />

che sembra esserci su<br />

Selva Piana <strong>in</strong> questa stagione<br />

ha fatto sì che ancora<br />

una volta i tifosi ed i giocatori<br />

rossoblù hanno dovuto<br />

piangere soprattutto<br />

sull’<strong>in</strong>credibile quantità di<br />

errori commessi sotto porta.<br />

A f<strong>in</strong>e partita attimi di<br />

tensione all’<strong>in</strong>terno degli<br />

spogliatoi ed anche subito<br />

fuori con alcune provocazioni<br />

fuori logo di qualche giocatore<br />

aquilano e l’<strong>in</strong>credibile<br />

denuncia di patron Capone<br />

di cui parleremo a<br />

parte. Per quanto riguarda<br />

la partita <strong>in</strong>vece tutto forse<br />

si può s<strong>in</strong>stetizzare nel terzo<br />

m<strong>in</strong>uto di gioco. Su un<br />

lancio lungo per la punta<br />

Vagl<strong>in</strong>i Follera colpisce di<br />

testa corto ma la posizione<br />

di fuorigioco del giocatore<br />

ospite è palese. L’arbitro<br />

Cangiano di Napoli (che dirigerà<br />

l’<strong>in</strong>contro quasi totalmente<br />

a senso unico a<br />

favore degli ospiti) lascia<br />

correre <strong>in</strong>credibilmente. Il<br />

pallone così arriva a Pietrella<br />

con un bel diagonale<br />

che supera Ascani. Questa<br />

sarà la prima ed unica conclusione<br />

<strong>in</strong> porta de L’Aquila<br />

<strong>in</strong> tutti i novantac<strong>in</strong>que<br />

m<strong>in</strong>uti di gioco. Da questo<br />

momento <strong>in</strong> poi <strong>in</strong>fatti <strong>in</strong><br />

campo ci sarà solo il Campobasso<br />

che collezionerà<br />

una serie <strong>in</strong>f<strong>in</strong>ita di pallegol<br />

senza riuscire a realizzarne<br />

alcuna. Al 9’ Alessandrì<br />

si gira <strong>in</strong> area con<br />

Covelli e Alessandrì ’sparano’<br />

<strong>in</strong>vano a ripetizione<br />

verso la porta avversaria<br />

Va a vuoto l’ultimo disperato<br />

tentativo di recuperare<br />

punti nella corsa ai playoff<br />

Il tecnico: «Nel calcio ci sono anche gare come queste». Cifaldi: «I gol sbagliati dai lupi non sono colpa nostra...»<br />

Di Somma: «Complimenti ai ragazzi»<br />

MENTRE Ferruccio Capone lancia i suoi<br />

strali <strong>in</strong> sala stampa e mentre ci sono dei<br />

veri e proprio attimi di tensioni tra i giocatori<br />

a causa di provocazioni senza senso da parte<br />

del centrocampista Onesti che a f<strong>in</strong>e partita<br />

avrebbe detto a Casapulla: «Ora vai a prenderti<br />

gli stipendi che non vieni pagato da<br />

quattro mesi», i due allenatori cercano di<br />

analizzare la partita. Salvatore Di Somma<br />

ha una calma olimpica nonostante tutti siano<br />

molto nervosi. Le sue dichiarazioni sono<br />

esclusivamente tecniche: «Non posso rimproverare<br />

nulla alla mia squadra sotto il profilo<br />

del gioco e dell’impegno. Abbiamo messo sotto<br />

la prima <strong>in</strong> classifica praticamente per novanta<br />

m<strong>in</strong>uti. Purtroppo abbiamo perso per<br />

un tiro <strong>in</strong> porta. Nel calcio può succedere.<br />

L’unico appunto che forse si può fare a posteriori<br />

è aver sbagliato troppe occasioni da rete».<br />

L’allenatore ospite Cifaldi <strong>in</strong>vece sembra<br />

addirittura imbarazzato a parlare di questa<br />

vittoria che ha riportato la sua squadra <strong>in</strong> testa<br />

alla classifica. Il mister aquilano ammette<br />

la superiorità del Campobasso: «Oggi devo<br />

ammettere che siamo stati fortunati. Abbiamo<br />

trovato subito il vantaggio e poi ci siamo<br />

difesi. Il Campobasso ha creato tanto ma ha<br />

pure sbagliato tanto. Non può essere colpa<br />

nostra se gli avversari sbagliano tante pallegol.<br />

In altre occasioni <strong>in</strong> questa stagione a<br />

noi era accaduto il contrario. Questa volta ci<br />

Campobasso 0<br />

L’Aquila 1<br />

Reti: 3’ Pietrella.<br />

Campobasso: Ascani, Ricci, Gargiulo, Casapulla, M<strong>in</strong>adeo,<br />

Follera, Murano (63’ Ferrent<strong>in</strong>o), Fazio, Covelli,<br />

Coqu<strong>in</strong> (68’ Tod<strong>in</strong>o), Alessandrì. All. Di Somma.<br />

L’Aquila: Modesti, Cavas<strong>in</strong>ni, Di Stefano, Ruscitti,<br />

Di Francia, Onesti, Pietrella (78’ Colella), Martellucci<br />

(47’ Recchiuti), Vagl<strong>in</strong>i (75’ Nardoianni), Villa, Sparacio.<br />

All. Cifaldi.<br />

Arbitro: Cangiano di Napoli<br />

Note: Spettatori 1000 circa di cui un cent<strong>in</strong>aio ospiti.<br />

Ammoniti Gargiulo, Casapulla, Covelli, Martellucci.<br />

è andata bene». Il capitano del Campobasso,<br />

Antonio M<strong>in</strong>adeo, è <strong>in</strong>vece la faccia dello<br />

sconforto: «Che volete che vi dica? Quest’anno<br />

è così: noi giochiamo e gli altri v<strong>in</strong>cono.<br />

Purtroppo non riusciamo a f<strong>in</strong>alizzare le occasioni<br />

che produciamo. Il nervosismo a f<strong>in</strong>e<br />

partita? Non lo so. Loro forse credevano che<br />

venivano qui e trovavano una squadra demotivata<br />

che li lasciava v<strong>in</strong>cere facile ma noi<br />

siamo il Campobasso e non regaliamo nulla<br />

a nessuno. Credo che l’impegno si sia visto<br />

ma anche la sfortuna ci ha messo la sua parte.<br />

Alla f<strong>in</strong>e comunque quello che resta è sempre<br />

il risultato f<strong>in</strong>ale ed anche stavolta abbiamo<br />

perso».<br />

gcm<br />

una giocata fantastica ma<br />

al momento del tiro <strong>in</strong> scivolata<br />

il portiere Modesti <strong>in</strong><br />

uscita bassa riesce a salvare<br />

la sua squadra. Al 21’<br />

Covelli fila via sulla s<strong>in</strong>istra,<br />

entra <strong>in</strong> area, crossa<br />

<strong>in</strong> mezzo per Coqu<strong>in</strong> che<br />

sulla l<strong>in</strong>ea di porta è anticipato<br />

all’ultimo momento da<br />

un difensore avversario. Al<br />

24’ clamorosa palla gol per<br />

Murano che, lanciato da<br />

Follera, si ritrova a tu per<br />

tu con Modesti che ancora<br />

una volta riesce a salvare<br />

la sua squadra. Al 33’ è la<br />

volta di Covelli che <strong>in</strong> piena<br />

area di rigore approfitta di<br />

un disimpegno sbagliato<br />

della difesa ospite ma calcia<br />

<strong>in</strong>credibilmente fuori da<br />

ottima posizione. Al 38’ c’è<br />

un gol annullato a Sparacio<br />

per fallo su M<strong>in</strong>adeo. Nella<br />

ripresa la muscia non cambia:<br />

Campobasso padrone<br />

del campo e ospiti di una<br />

pochezza a tratti addirittura<br />

imbarazzante. Al 50’<br />

Murano ha ancora una ottima<br />

occasione appena dentro<br />

l’area ma non riesce ad<br />

angolare il tiro. Al 56’ un<br />

<strong>in</strong>esauribile Covelli scheggia<br />

l’<strong>in</strong>crocio dei pali servito<br />

<strong>in</strong> area da Fazio. Al 70’ è<br />

lo stesso Fazio che si ritrova<br />

al limite dell’area con un<br />

bel pallone da calciare ma<br />

la sua conclusione è debole<br />

e centrale. L’ultima azione<br />

degna di nota dei lupi e al<br />

79’ con un’altra grande discesa<br />

di Covelli sulla s<strong>in</strong>istra<br />

ed il cross basso per<br />

l’accorrente Alessandrì che<br />

di esterno s<strong>in</strong>istro di pochissimo<br />

manda fuori. Negli<br />

ultimi dieci m<strong>in</strong>uti il<br />

Campobasso, ormai stanco,<br />

non ce la fa più ad impensierire<br />

Modesti e così L’Aquila<br />

riesce a portare a<br />

casa una vittoria tra le più<br />

immeritate del Campobasso<br />

<strong>in</strong> questa stagione che<br />

speriamo possa f<strong>in</strong>ire al più<br />

presto perché sta diventando<br />

un vero e proprio <strong>in</strong>cubo<br />

per i (pochi) tifosi rossoblù<br />

che ormai seguono le partite<br />

casal<strong>in</strong>ghe del Lupo.<br />

Giorgio C. Mascione


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

SPORT<br />

29<br />

Il patron: «Andremo <strong>in</strong> fondo alla vicenda»<br />

E tra i calciatori si rischia la rissa<br />

’Il giocatore ha fatto benissimo ad avvisarmi: queste cose mi fanno schifo’. La punta conferma tutto<br />

Capone denuncia: ’Chiamata sospetta’<br />

Agitato dopo gara, il presidente dei lupi rivela una telefonata<br />

’<strong>in</strong>teressata’ nella giornata di martedì: «Hanno contattato Alessandrì»<br />

NELL’ARIA <strong>in</strong>fuocata degli<br />

spogliatoi a f<strong>in</strong>e partita il<br />

patron Ferruccio Capone<br />

spara a zero su tutti: arbitro,<br />

L’Aquila, Lega e chi ne<br />

ha più ne metta.<br />

Il presidente del Campobasso<br />

prima urla ai giornalisti<br />

presenti: «Avete visto<br />

tutti cosa è successo oggi.<br />

Una partita condotta dall’<strong>in</strong>izio<br />

alla f<strong>in</strong>e a senso unico<br />

sotto il profilo arbitrale. E<br />

nessuno dice niente. Un gol<br />

de L’Aquila orig<strong>in</strong>ato da un<br />

fuorigioco di tre metri. Falli<br />

subiti cont<strong>in</strong>uamente fischiati<br />

contro. Un atteggiamento<br />

ostruzionistico da<br />

parte loro mai sanzionato.<br />

Se tutto è già deciso che lo<br />

dicessero». Dopo questo sfogo<br />

<strong>in</strong>iziale però arriva la<br />

vera e propria «bomba»:<br />

«Faccio una dichiarazione<br />

pubblica - dichiara Capone<br />

urlando tra la sala stampa<br />

e l’<strong>in</strong>gresso degli spogliatoi -<br />

Qualcuno ha telefonato ad<br />

Alessandrì. Voglio sapere<br />

Il numero uno<br />

del Campobasso<br />

polemizza<br />

con l’arbitro:<br />

«Gol loro orig<strong>in</strong>ato<br />

da fuorigioco<br />

e direzione<br />

a senso unico»<br />

chi ha telefonato ad Alessandrì<br />

ieri - venerdì ndr -<br />

Fatevelo dire da Alessandrì<br />

se è vero oppure no che gli<br />

hanno telefonato. Queste<br />

cose mi fanno schifo. Nel<br />

calcio si può anche perdere<br />

ma aver perso come abbiamo<br />

perso oggi fa venire il<br />

voltastomaco». A quel punto<br />

ovviamente Alessandrì è<br />

diventato l’uomo più ricercato<br />

all’<strong>in</strong>terno degli spogliatoi.<br />

Una volta raggiunto<br />

dai giornalisti l’attaccante<br />

rossoblù, autore anche di<br />

una discreta prestazione ha<br />

narrato la vicenda che risa-<br />

Ascani non riesce a <strong>in</strong>tercettare il tiro di Pietrella: è il gol vittoria<br />

Foto servizio Simone Di Niro<br />

lirebbe a martedì scorso:<br />

«E’ vero. Ho ricevuto una<br />

strana telefonata da un numero<br />

anonimo. Mi hanno<br />

chiesto come stavamo noi e<br />

visto che non avevamo<br />

obiettivi se volevamo ipegnarci<br />

oppure no. Io ho detto<br />

che non mi <strong>in</strong>teressava<br />

nulla di tutto ciò ed ho abbassato.<br />

Subito dopo ho<br />

chiamato immediatamente<br />

l’allenatore racontandogli<br />

l’accaduto ed il mister ha<br />

avvisato a sua volta la società.<br />

Voglio chiarire a<br />

scanso di equivoci questo<br />

perché queste sono cose che<br />

Il presidente Capone e Di Somma chiedono spiegazioni all’arbitro<br />

fanno male al calcio e come<br />

tali vanno denunciate».<br />

Il presidente Capone, letteralmente<br />

<strong>in</strong>furiato, ha ribadito<br />

che vorrà andare <strong>in</strong><br />

fondo a questa vicenda:<br />

«Faccio calcio da quaranta<br />

anni e l’ho sempre fatto osservando<br />

un’etica sportiva.<br />

Queste cose mi fanno schifo.<br />

Denunceremo questo episodio<br />

e andremo a fondo alla<br />

vicenda». Gli animi si sono<br />

surriscaldati ulteriormente<br />

quando Capone è venuto a<br />

sapere da Casapulla anche<br />

la provocazione che il giocatore<br />

Onesti avebbe fatto al<br />

term<strong>in</strong>e della<br />

partita:<br />

«Ora fatti<br />

pagare gli<br />

stipendi».<br />

Capone<br />

ha voluto<br />

chiarire prima<br />

con il<br />

presidente<br />

de L’Aquila<br />

e poi direttamente<br />

con<br />

il giocatore.<br />

Si può accusare<br />

Capone<br />

di tutto ma<br />

non di non<br />

pagare gli<br />

sitpendi.<br />

Al term<strong>in</strong>e<br />

del chiarimento<br />

la<br />

società de<br />

L’Aquila ha<br />

annunciato<br />

che multerà<br />

il proprio<br />

giocatore<br />

per queste<br />

<strong>in</strong>caute dichiarazioni.<br />

gcm<br />

Le pagelle<br />

Coqu<strong>in</strong> e Tod<strong>in</strong>o non <strong>in</strong>cidono<br />

Alessandrì generoso<br />

Ascani... senza voto<br />

Ascani sv: praticamente<br />

mai impegnato <strong>in</strong> tutta la<br />

partita contro la prima <strong>in</strong><br />

classifica! Sembra strano<br />

ma è vero. Ricci 7: destro,<br />

s<strong>in</strong>istro, di anticipo, di corsa,<br />

d’impostazione. Riesce<br />

a far tutto con estrema<br />

semplicità. Gargiulo 6,5:<br />

pomeriggio <strong>in</strong>solitamente<br />

propositivo per un terz<strong>in</strong>o<br />

che non ama le scorribande<br />

<strong>in</strong> attacco. Casapulla<br />

6,5: si ritrova praticamente<br />

senza avversari a centrocampo<br />

e per un pomeriggio<br />

riesce a dar sfoggio<br />

delle sue qualità. M<strong>in</strong>adeo<br />

5,5: non è al meglio il<br />

capitano. Qualche svarione,<br />

qualche liscio e quella<br />

mancanza di sicurezza che<br />

di solito è il suo marchio di<br />

fabbrica. Follera 6,5: anche<br />

per lui pomeriggio <strong>in</strong>solitamente<br />

facile contro<br />

un attacco <strong>in</strong>esistente.<br />

Murano 6: quando parte è<br />

devastante ma il gol clamoroso<br />

che si divora nel<br />

primo tempo fa ancora gridare.<br />

Ferrent<strong>in</strong>o 5: solita<br />

«fuffa» sulla fascia s<strong>in</strong>istra.<br />

Fazio 6,5: c’è. Lotta,<br />

si sacrifica, imposta, tira<br />

ma alla f<strong>in</strong>e son solo dolori.<br />

Covelli 7: a volte fa addirittura<br />

tenerezza per la<br />

sua generosità. Costruisce<br />

per sé e per gli altri <strong>in</strong>numerevoli<br />

palle-gol. Coqu<strong>in</strong><br />

5: dov’è f<strong>in</strong>ito quel giocatore<br />

che <strong>in</strong> poco tempo era<br />

diventato l’idolo della tifoseria?<br />

Praticamente nullo<br />

per tutto il tempo che è <strong>in</strong><br />

campo. Tod<strong>in</strong>o 5,5: non è<br />

<strong>in</strong>condizione né fisica che<br />

psicologica. Alessandrì<br />

6,5: nel giorno <strong>in</strong> cui è protagonista<br />

della denuncia di<br />

Capone gioca una delle sue<br />

migliori partite <strong>in</strong> rossoblù.<br />

gcm<br />

Alessandrì prova a pareggiare il conto, ma non è fortunato. A destra Francesco Covelli, sempre tra i migliori<br />

Prima operazione del Campobasso: bloccato l’attaccante isern<strong>in</strong>o classe 1991<br />

Mercato, Mol<strong>in</strong>o opziona il promettente Piccoli<br />

AVEVA promesso di com<strong>in</strong>ciare<br />

a pensare alla<br />

prossima stagione e, perciò,<br />

avrebbe deciso di<br />

prendere casa a Campobasso.<br />

Il direttore sportivo<br />

del club rossoblù Gigi Mol<strong>in</strong>o<br />

è di parola e, poche<br />

ore dopo le sue dichiara-<br />

zioni di amore al capoluogo<br />

regionale molisano,<br />

mette a segno la prima<br />

operazione <strong>in</strong> prospettiva<br />

2010/11.<br />

E’ di questi giorni <strong>in</strong>fatti<br />

la notizia che il club rossoblù<br />

avrebbe opzionato il<br />

promettente attaccante<br />

classe ’91 Gabriele Piccoli<br />

<strong>in</strong> forza al Vastogirardi e<br />

attualmente a Novara con<br />

la rappresentativa molisana.<br />

Piccoli è un attaccante<br />

di Isernia, cresciuto nella<br />

Scuola Calcio San Leucio.<br />

Il diciannovenne avrebbe<br />

colpito l’attenzione del direttore<br />

sporivo Mol<strong>in</strong>o<br />

nell’amichevole giocata<br />

tra lupi e Vastogirardi alcune<br />

settimane fa. Per<br />

Piccoli una chance importante<br />

dopo una stagione<br />

vissuta da protagonista. mc


30 SPORT<br />

Dopo c<strong>in</strong>que turni l’Atletico<br />

Trivento torna alla vittoria<br />

e si porta a 3 punti<br />

dalla zona play off.<br />

A causa delle assenze di<br />

Voria e Corrad<strong>in</strong>o, il primo<br />

per squalifica ed il secondo<br />

per noie muscolari,<br />

Carannante è costretto a<br />

rivedere l’assetto tattico<br />

della squadra. Al posto di<br />

Voria torna a giocare Varchetta<br />

mentre a centrocampo<br />

debutta dal primo<br />

m<strong>in</strong>uto Ferreyra. Anche <strong>in</strong><br />

attacco ci sono novità importanti.<br />

Infatti, resta <strong>in</strong><br />

panch<strong>in</strong>a Chicco ed al suo<br />

posto, con Guglielmi ancora<br />

una volta attaccante<br />

centrale, gioca l’under<br />

Vacca.<br />

Dopo la bella partita di<br />

Agnone il primo tempo<br />

presenta un Atletico Trivento<br />

sotto tono che non<br />

riesce a creare quasi nulla<br />

e si deve aspettare il 33’<br />

per vedere il primo tiro <strong>in</strong><br />

porta. A complicare le cose<br />

ci si mette anche l’<strong>in</strong>fortunio<br />

di Gallo che dopo appena<br />

25’ è costretto a lasciare<br />

il campo. Al suo posto<br />

Carannante decide di<br />

giocarsi la carta Pentrelli<br />

che il giorno prima aveva<br />

segnato il gol con il quale<br />

l’under 18 ha v<strong>in</strong>to il campionato.<br />

Così dal 4-3-3 <strong>in</strong>iziale<br />

si è passati ad un 4-<br />

2-3-1 con Pentrelli punta<br />

centrale. Come si diceva<br />

al 33’ la prima ed unica<br />

occasione del primo tempo.<br />

Su calcio d’angolo Vacca<br />

colpisce bene di testa<br />

ma il portiere riesce a resp<strong>in</strong>gere.<br />

Poi più nulla<br />

f<strong>in</strong>o al term<strong>in</strong>e del tempo.<br />

Negli spogliatoi Carannante<br />

sveglia la squadra e<br />

cambia Vacca con Lombardi,<br />

la mossa si rivelerà<br />

azzeccata.<br />

Infatti, al rientro <strong>in</strong><br />

campo bastano all’Atletico<br />

Trivento appena 3’ per<br />

cambiare il corso della<br />

partita. Al 48’ Lombardi,<br />

anche lui tra i protagonisti<br />

il giorno prima della<br />

vittoria del campionato<br />

under 18, va via sulla fascia<br />

destra serve una palla<br />

<strong>in</strong>vitante a Pentrelli ed<br />

il classe 91 con un piatto a<br />

girare batte Testa segnando<br />

la rete del vantaggio.<br />

Da questo momento è solo<br />

Atletico Trivento. Due m<strong>in</strong>uti<br />

dopo Bernardi, f<strong>in</strong>almente<br />

efficace sulla fascia,<br />

serve una palla <strong>in</strong><br />

area Pentrelli la gira per<br />

Lombardi che manca l’aggancio<br />

per un niente. Al<br />

57’ ancora una grossa occasione<br />

per i padroni di<br />

casa con Bernardi che riesce<br />

ad anticipare il portiere<br />

<strong>in</strong> uscita ma la palla f<strong>in</strong>isce<br />

a lato. Appena 1’ ed<br />

è Pentrelli che supera il<br />

portiere ma la palla, però,<br />

viene <strong>in</strong>tercettata, da un<br />

difensore. Al 66’ Pentrelli,<br />

ieri davvero <strong>in</strong>contenibile,<br />

si mangia una grossa occasione<br />

solo davanti al<br />

portiere. Al 69’ il Morro<br />

d’Oro si complica la vita<br />

con Bianch<strong>in</strong>i che colpisce<br />

con un calcio <strong>in</strong> faccia Guglielmi<br />

guadagnando anzitempo<br />

gli spogliatoi. Con<br />

uomo <strong>in</strong> più l’Atletico Trivento<br />

dilaga. Al 75’ l’arbitro<br />

annulla un gol per fuorigioco<br />

a Pentrelli ma il<br />

raddoppio è nell’aria. Bernardi<br />

ruba palla ad un difensore<br />

aspetta il portiere<br />

<strong>in</strong> uscita e poi lo batte con<br />

un diagonale millimetrico.<br />

Al 91’ l’arbitro annulla un<br />

eurogol da 35 metri a Borrelli<br />

per un fuorigioco di<br />

posizione di Lombardi. Su<br />

questo episodio si chiude<br />

l’ultima gara prima della<br />

pausa pasquale.<br />

Antonio Manc<strong>in</strong>ella<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Espulso al 69’ Bianch<strong>in</strong>i. A segno<br />

per i trign<strong>in</strong>i Pentrelli e Berardi<br />

Dopo c<strong>in</strong>que turni guadagna i tre punti con alcuni importanti novità<br />

L’Atletico Trivento torna<br />

a v<strong>in</strong>cere e vede i playoff<br />

All’Aquasantianni regolato il Centobuchi<br />

con una ripresa tutta di marca gialloblù<br />

Bernardi festeggiato da Pentrelli dopo il gol del due a zero (G<strong>in</strong>o Bracciale)<br />

Le pagelle<br />

Ferreyra per la prima volta dal primo m<strong>in</strong>uto<br />

Pentrelli, Bernardi<br />

e Lombardi super<br />

Qu<strong>in</strong>tigliano (6,5) ancora<br />

una domenica di assoluto<br />

riposo per il portiere trign<strong>in</strong>o;<br />

Scudieri (6,5) bene<br />

<strong>in</strong> difesa ogni tanto ha provato<br />

a salire sulla fascia;<br />

Ferrara (6,5) anche per<br />

lui non ci sono stati grossi<br />

problemi; Trovato (6,5)<br />

da due domeniche sostituisce<br />

Corrad<strong>in</strong>o e lo sta facendo<br />

davvero molto bene;<br />

Varchetta (6,5) l’unico<br />

problema, con un taglio<br />

sulla fronte, è venuto da<br />

uno scontro di gioco con il<br />

centravanti avversario;<br />

Spagnuolo (6,5) davanti<br />

all’area di rigore è una sicurezza<br />

ed ha lasciato poco<br />

spazio agli avversari; Gallo<br />

(6,5) aveva com<strong>in</strong>ciato<br />

bene come esterno destro<br />

poi un problema muscolare<br />

lo ha costretto a lasciare il<br />

campo, dal 25’ Pentrelli<br />

(7,0) che dopo aver giocato<br />

e segnato il giorno prima<br />

con l’under 18 - suo il gol<br />

che ha consentito la vittoria<br />

del campionato - al 3’<br />

della ripresa ha segnato la<br />

prima rete cambiando il<br />

corso della partita; Ferreyra<br />

(6,0) per la prima volta<br />

è stato schierato dal primo<br />

m<strong>in</strong>uto, la forma non è<br />

ancora quella migliore ma<br />

la volontà c’è; Guglielmi<br />

(6,0) tanto movimento per<br />

A.TRIVENTO 2<br />

MORRO D’ORO 0<br />

Atletico Trivento: Qu<strong>in</strong>tigliano, Scudieri, Ferrara,<br />

Trovato, Varchetta, Spagnuolo, Gallo (25’ Pentrelli),<br />

Ferreyra, Guglielmi, Bernardi (85’ Borrelli), Vacca<br />

(1’st Lombardi). All: Carannante<br />

Morro d’Oro: Testa, Ciano, Maimone, Malagn<strong>in</strong>o<br />

(73’ Guadagno), Agosto, Bianch<strong>in</strong>i, Bisegna, Tonelli<br />

(55’ Costant<strong>in</strong>o), Dama (35’Cortese), Cichella, Ragatzu.<br />

All: Graziani<br />

Arbitro: Opromolla di Salerno<br />

Assistenti: Ceravolo di Catanzaro e Nudo di Cosenza<br />

Reti: 3’st Pentrelli, 81’ Bernardi<br />

Note: al 69’ espulsione diretta per Bianch<strong>in</strong>i<br />

l’attaccante di Mirabello,<br />

che anche ieri è partito<br />

come punta centrale; Bernardi<br />

(7,0) dopo un primo<br />

tempo da dimenticare nella<br />

ripresa si è reso pericoloso<br />

<strong>in</strong> più occasioni f<strong>in</strong>o<br />

alla rete che ha chiuso la<br />

gara, dall’85’ Borrelli autore<br />

di un gran gol annullato<br />

dall’arbitro; Vacca (6,0)<br />

ha giocato solo un tempo<br />

senza creare, tranne che <strong>in</strong><br />

un’occasione, grosse problemi<br />

agli avversari, nel<br />

secondo tempo è entrato<br />

Lombardi (7,0) che ha<br />

scard<strong>in</strong>ato la difesa avversaria<br />

con le sue veloci <strong>in</strong>cursioni<br />

sulla fascia. am Guglielmi circondato da tre avversari


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

SPORT<br />

E’ troppo amareggiato Graziani per presentarsi alla stampa<br />

Carannante: «Nel secondo<br />

tempo è stato il mio Trivento»<br />

«Ora vietato fare più regali»<br />

All’<strong>in</strong>contro con la stampa<br />

si è presentato solo Carannante,<br />

troppo amareggiato<br />

l’allenatore del Morro d’Oro<br />

Graziani che deve fron-<br />

teggiare una situazione di<br />

classifica sempre più preoccupante<br />

e con i play out<br />

dietro l’angolo.<br />

«Abbiamo giocato un’ot-<br />

tima gara - ha detto il tecnico<br />

dell’Atletico Trivento<br />

- riuscendo a creare nella<br />

ripresa tante palle gol e se<br />

avessimo v<strong>in</strong>to più larga-<br />

Fotoservizio a cura di G<strong>in</strong>o Bracciale<br />

Pentrelli firma l’1-0 per l’Atletico Trivento<br />

mente non avremmo rubato<br />

niente. Nel primo tempo<br />

la squadra ha tenuto troppo<br />

basso il ritmo partita e<br />

putroppo quando giochia-<br />

Dallo spogliatoio<br />

mo così andiamo <strong>in</strong> difficoltà.<br />

Il gol del vantaggio<br />

ci ha spianato la strada e<br />

poi f<strong>in</strong>o al term<strong>in</strong>e c’è stata<br />

una sola squadra <strong>in</strong> campo.<br />

Nel secondo tempo ho<br />

visto i miei ragazzi giocare<br />

f<strong>in</strong>almente come sanno<br />

fare e la vittoria è stata la<br />

naturale conseguenza delle<br />

tante palle goal che abbiamo<br />

creato. Dopo la pausa<br />

di Pasqua siamo attesi da<br />

un derby impegnativo ma<br />

se vogliano puntare <strong>in</strong> alto<br />

non possiamo più fare regali.<br />

Ci sono ancora sei<br />

partite da giocare e tanti<br />

punti da conquistare per<br />

restare al passo con le prime<br />

della classe. Stiamo facendo<br />

un grande campionato<br />

e senza il punto di penalizzazione<br />

saremmo ad<br />

un passo dai play off». Anche<br />

il fantasista Alberto<br />

Bernardi, autore del goal<br />

che ha chiuso l’<strong>in</strong>contro, riconosce<br />

che nel primo tem-<br />

31<br />

po non è stata una grande<br />

partita. «Abbiamo com<strong>in</strong>ciato<br />

male - afferma - giocando<br />

al di sotto delle nostre<br />

possibilità. Nella ripresa<br />

abbiamo alzato il ritmo<br />

e poi tutto è diventato<br />

più facile. Ci auguriamo di<br />

cont<strong>in</strong>uare così per arrivare<br />

nei posti che contano<br />

della classifica anche se<br />

tra 15 giorni dovremo affrontare<br />

una trasferta<br />

come quella di Bojano dove<br />

poche squadre sono riuscite<br />

a v<strong>in</strong>cere». Infatti, alla<br />

ripresa del campionato un<br />

altro derby attende l’Atletico<br />

Trivento e il Bojano<br />

del girone di ritorno non è<br />

sicuramente quello <strong>in</strong>contrato<br />

all’andata. Ma se si<br />

vuole puntare ai play off,<br />

la Civitanovese è a 3 lunghezze<br />

anche se ha una<br />

gara <strong>in</strong> meno, bisogna com<strong>in</strong>ciare<br />

a v<strong>in</strong>cere anche<br />

<strong>in</strong> trasferta.<br />

Antonio Manc<strong>in</strong>ella<br />

Carm<strong>in</strong>e<br />

Guglielmi<br />

per la prima<br />

volta<br />

ha <strong>in</strong>dossato<br />

dal primo<br />

m<strong>in</strong>uto la fascia<br />

di capitano<br />

La rete di Bernardi che ha fissato il risultato sul due a zero Gallo (dopo l’<strong>in</strong>fortunio ha raggiunto i compagni <strong>in</strong> tribuna), Corrad<strong>in</strong>o e Voria


32 SPORT<br />

Luco Canistro 1<br />

Olympia Agnonese 1<br />

Reti: 14’ pt Regner, 1’ st Ciarlariello<br />

Luco Canistro: Fontanarosa, Berardi, Antonelli, Puleio,<br />

Coppitelli, Zazzara (33’ st Pozzebon), Simoni,<br />

Corsi, Regner, Leccese, Sebartoli. All. Iodice<br />

Agnonese: D’Ippolito, Pifano, Vitale, Di Lullo, Ciarlariello,<br />

Pesce, Tammaro, Alleruzzo, Siciliano, Aquaro,<br />

Di Vito (37’ st Orlando). All. Agov<strong>in</strong>o.<br />

Arbitro: Rossi di Rovigo.<br />

Note: spettatori 250 circa (una trent<strong>in</strong>a da Agnone).<br />

Ammonito Pescer. Espulso al 28’ Pesce per doppia<br />

ammonizione. Rec. 2’+3’.<br />

Prova generosa<br />

di Pifano che<br />

dà una mano<br />

anche come<br />

centrale difensivo<br />

Dagli spogliatoi<br />

Errore<br />

di D’Ippolito<br />

sul gol abruzzese,<br />

poi il portiere<br />

si riscatta<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Al quarto d’ora della ripresa viene espulso<br />

Pesce, ma i compagni resistono con gr<strong>in</strong>ta<br />

Ciarlariello pareggia il rocambolesco gol di Regner<br />

Agnone, un punto<br />

che sa di impresa<br />

I granata impattano a Canistro<br />

mostrando determ<strong>in</strong>azione e gioco<br />

TORNA a casa con un punto, l’Agnonese.<br />

Un punto prezioso quello<br />

di Canistro perché colto <strong>in</strong> rimonta<br />

e <strong>in</strong> piena emergenza. Soprattutto<br />

(ma non solo) per<br />

quanto riguarda i portieri: tra i<br />

pali va un D’Ippolito non la meglio,<br />

con Espo<strong>sito</strong> (appena 17 anni)<br />

<strong>in</strong> panch<strong>in</strong>a per la prima volta<br />

(Zoghaib e Pezone assenti).<br />

Nelle file granata mancano<br />

pure Litterio e Scampamorte, <strong>in</strong><br />

tribuna assieme a mister Agovi-<br />

no, squalificato.<br />

Per la trasferta abruzzese Pifano,<br />

che è alle prese con una fastidiosa<br />

pubalgia, torna sulla fascia<br />

destra, il baby Vitale va a<br />

s<strong>in</strong>istra, Tammaro si riposiziona<br />

<strong>in</strong> mediana, più pimpante che<br />

mai dopo aver scontato un turno<br />

di squalifica.<br />

Gara, come detto, tutto <strong>in</strong> salita<br />

per i granata di Agov<strong>in</strong>o, perché<br />

al 14’ i rovetani passano <strong>in</strong><br />

vantaggio grazie ad una doppia<br />

Il mister elogia tutti i suoi ragazzi, <strong>in</strong> particolare Ciarlariello: ’Bravo per il gol e per aver guidato bene una difesa <strong>in</strong>edita’<br />

Agov<strong>in</strong>o felice: «Un gran bel pareggio»<br />

UNA PICCOLA impresa.<br />

L’Agnone e Agov<strong>in</strong>o tornano<br />

<strong>in</strong> Molise soddisfatti.<br />

Perché dopo l’episodio<br />

sfortunato che ha portato<br />

al gol del Luco Canistro,<br />

l’espulsione di Pesce e<br />

l’<strong>in</strong>ffortunio fisico del portiere<br />

D’Ippolito, le cose si<br />

erano messe maluccio.<br />

«Siamo contenti - <strong>in</strong>terviene<br />

il mister - Siamo<br />

riusciti a pareggiare una<br />

partita difficile che abbiamo<br />

giocato tra mille <strong>in</strong>sidie.<br />

«Basti pensare che dopo<br />

l’espulsione di Bruno (Pesce,<br />

ndr) siamo stati costretti<br />

a giocare con Pifa-<br />

«Non pensiamo<br />

ai playoff,<br />

ma se dovessimo<br />

v<strong>in</strong>cere<br />

il recupero,<br />

potremmo anche<br />

provarci»<br />

no, che non scendeva <strong>in</strong><br />

caampo da diversi giorni,<br />

al centro, vic<strong>in</strong>o a Ciarlariello,<br />

Vitale e Di Lullo<br />

terz<strong>in</strong>i. Una situazione difensiva<br />

assolutamente imprevedibile<br />

che, grazie<br />

alla buona prova dei ragazzi,<br />

<strong>in</strong> particolare di<br />

Vittorio Ciarlariello, abbiamo<br />

gestito benissimo».<br />

Ciarlariello è stato prezioso<br />

anche <strong>in</strong> fase offensiva,<br />

visto che è stato lui a<br />

realizzare il gol del pari.<br />

«Vittorio ha fatto una<br />

grande partita e ha messo<br />

ord<strong>in</strong>e alla difesa nell’ultima<br />

mezzora. Bravissimo».<br />

Si sapeva che D’Ippolito<br />

non era <strong>in</strong> condizione.<br />

A parte il rocambollesco<br />

<strong>in</strong>fortunio tecnico<br />

<strong>in</strong> occasione del<br />

gol subìto, il giocatore<br />

è rimasto <strong>in</strong> campo per<br />

il bene della squadra<br />

dopo l’<strong>in</strong>fortunio stavolta<br />

di naturaa fisica.<br />

«Sì - conferma Agov<strong>in</strong>o -<br />

il ragazzo soffriva tantissimo<br />

e, per restare tra i<br />

pali, ha dovuto fare una<br />

<strong>in</strong>filtrazione».<br />

Il pareggio di Canistro<br />

porta l’Agnone a meno c<strong>in</strong>que<br />

dalla zona playoff. E i<br />

granata devono recuperare<br />

la gara casal<strong>in</strong>ga con la<br />

Massimo Agov<strong>in</strong>o<br />

si tiene ben stretto<br />

il risultato positivo<br />

di ieri a Canistro<br />

Nell’altra foto<br />

Vittorio Ciarlariello,<br />

protagonista<br />

di un’ottima gara<br />

Civitanovese, per cui la distaza<br />

potrebbe ridursi a<br />

due sole lunghezze. Ma<br />

Agov<strong>in</strong>o non ci pensa più<br />

di tanto. «L’importante è<br />

aver raggiunto l’obiettivo<br />

societario, cioè evitare i<br />

playout. Adesso proviamo<br />

a raggiungere quota c<strong>in</strong>quanta,<br />

per i playoff, <strong>in</strong>vece,<br />

ci sono squadre come<br />

Trivento e Civitanovese<br />

che hanno più possibilità<br />

di noi. Certo è - conclude il<br />

tecnico dell’Olympia - che<br />

se dovessimo v<strong>in</strong>cere il recupero<br />

un pensier<strong>in</strong>o agli<br />

spareggi post season potremmo<br />

farlo anche noi».<br />

Maurizio Cavaliere<br />

defaillance della difesa: Regner<br />

al 14’ sfrutta <strong>in</strong>fatti un errore di<br />

D’Ippolito, che non trattiene il<br />

tiro di Leccese (dopo un errore di<br />

Pesce sulla s<strong>in</strong>istra), e va al tap<strong>in</strong><br />

v<strong>in</strong>cente.<br />

Un paio di m<strong>in</strong>uti dopo, però,<br />

l’Agnonese potrebbe pareggiare,<br />

ma il colpo di testa di Roberto<br />

Aquaro, sempre molto <strong>in</strong>cisivo <strong>in</strong><br />

zona-gol, sfiora il palo. La formazione<br />

molisana stenta a imbastire<br />

una reazione conv<strong>in</strong>cente, eccezion<br />

fatta per un tiro di<br />

Fabio Di Vito dopo la mezzora,<br />

una stoccata comunque<br />

velleitaria che non impensierisce<br />

Fontanarosa.<br />

Nella ripresa si vede<br />

un’Agnonese diversa: al 1’<br />

punizione di Siciliano, la<br />

sfera term<strong>in</strong>a a Vittorio<br />

Ciarlariello che, all’altezza<br />

del secondo palo, fa secco<br />

Fontanarosa, 1-1 e primo<br />

gol stagionale per il difensore<br />

molisano che non giocava<br />

titolare dalla sfortu-<br />

nataa trasferta dell’Olympia<br />

a Morro d’Oro.<br />

I granata dimostranoo di<br />

essere ben diversi da quelli<br />

del primo tempo, e ora provano<br />

a sp<strong>in</strong>gere, ma a<br />

metà ripresa rimangono <strong>in</strong><br />

dieci per l’espulsione di un<br />

<strong>in</strong>genuo Pesce (eppure è il<br />

giocatori più esperto della<br />

difesa...) che rimedia un<br />

secondo cartell<strong>in</strong>o giallo<br />

per proteste.<br />

Agov<strong>in</strong>o passa allora al<br />

4-4-1, con Pifano che va a<br />

fare il centrale, vic<strong>in</strong>o aa<br />

Ciarlariello e Di Lullo che<br />

scala <strong>in</strong> posizione di terz<strong>in</strong>o<br />

destro.<br />

Il Luco Canistro, forte<br />

dell’uomo <strong>in</strong> più, <strong>in</strong>izia a<br />

premere con <strong>in</strong>sistenza, e<br />

il tecnico abruzzese Fabioo<br />

Iodice decide di osare mandando<br />

<strong>in</strong> campo anche Pozzebon<br />

per dare spessore<br />

all’attacco.<br />

La chance più ghiotta<br />

per i rovetani arriva proprio<br />

allo scadere, quando<br />

Roberto D’Ippolito, che è<br />

rimasto sul terreno ddi gioco<br />

grazie a una <strong>in</strong>filtrazione,<br />

ci deve mettere una<br />

pezza compiendo un prodigioso<br />

<strong>in</strong>tervento per negare<br />

il gol partita agli abruzzesi.<br />

F<strong>in</strong>isce così <strong>in</strong> parità<br />

e il punto non può che essere<br />

accolto con grande<br />

soddisfazione dalla truppa<br />

di Avov<strong>in</strong>o.<br />

All’orizzonte per l’Agnone,<br />

passate le festività pasquali,<br />

ci sono due impegni<br />

casal<strong>in</strong>ghi: il primo, mercoledì<br />

7 aprile, nell’<strong>in</strong>sidioso<br />

recupero con la Civitanovese<br />

di Iaconi, il secondo<br />

quattro giorni più tardi<br />

con il modesto Real Montecchio<br />

che ieri ha strappato<br />

un punto all’Atessa Valdisangro,<br />

ma che è ormai<br />

condannato alla retrocessione<br />

diretta.


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

SPORT<br />

33<br />

Un gol per tempo: Di Veneziano e Filaggi<br />

mettono le ali alla formazione marchigiana<br />

Per la formazione del tecnico Scarafoni arriva il secondo risultato utile consecutivo<br />

Bojano, <strong>in</strong> trasferta non va<br />

I biancorossi del presidente Amatuzio cadono a Centobuchi<br />

nell’importante scontro salvezza e devono <strong>in</strong>seguire la salvezza<br />

PER il Bojano, <strong>in</strong> trasferta<br />

è un anno nero. La formazione<br />

di Francesco Far<strong>in</strong>a<br />

lascia i tre punti anche a<br />

Centobuchi <strong>in</strong> quello che<br />

era un importante scontro<br />

salvezza. Per la formazione<br />

di Scarafoni, <strong>in</strong>vece, arrivano<br />

tre punti importantissimi.<br />

E’ stata una gara bella,<br />

vibrante a ritmi elevati,<br />

nella quale le due squadre<br />

hanno espresso un buon<br />

gioco. La voglia di fare<br />

bene da parte del Centobuchi<br />

si è vista f<strong>in</strong> dalle prime<br />

battute lo ha dimostrato<br />

f<strong>in</strong> da subito, il Bojano<br />

rispondeva con grande determ<strong>in</strong>azione<br />

e con tiri da<br />

fuori area del cecch<strong>in</strong>o<br />

Ruggieri che impegnava <strong>in</strong><br />

diverse circostanze l’estremo<br />

difensore Franchi. Già<br />

al 6’ pregevole azione condotta<br />

da Di Venanzio sulla<br />

s<strong>in</strong>istra a servire <strong>in</strong> area<br />

Filiaggi che da buona posizione<br />

non riesce a deviare<br />

<strong>in</strong> porta la sfera ed un difensore<br />

allontana il pericolo.<br />

Le azioni si alternano a<br />

tutto campo. Ruggieri dai<br />

trenta metri su palla piazzata<br />

centra lo specchio della<br />

porta, Franche alza sopra<br />

la traversa. Trascorrono<br />

appena 3’ e il Centobuchi<br />

passa <strong>in</strong> vantaggio. Po-<br />

VASTO - L’obiettivo è dare<br />

cont<strong>in</strong>uità al buon momento<br />

di forma fisico e mentale<br />

che la Pro Vasto ha ritrovato<br />

nelle ultime settimane,<br />

tornando alla vittoria<br />

<strong>in</strong>terna che manca da due<br />

mesi abbondanti (2 a 0 al<br />

Prato il 17 gennaio) e poco<br />

importa se l’avversario di<br />

turno si chiama Sangiovannese,<br />

formazione che<br />

ha v<strong>in</strong>to il match d’andata<br />

e si presenta all’Aragona<br />

con sei risultati utili di<br />

fila, reduce dalla vittoria<br />

casal<strong>in</strong>ga a spese del Celano.<br />

A dare la carica alla<br />

squadra biancorossa è il<br />

bomber vastese Giuseppe<br />

Dallo spogliatoio<br />

Il tra<strong>in</strong>er biancorosso analizza con obiettività il ko<br />

Far<strong>in</strong>a: «La nostra sterilità<br />

ci sta penalizzando molto»<br />

LA sterilità offensiva è il<br />

neo del Bojano <strong>in</strong> questa<br />

stagione, soprattutto <strong>in</strong><br />

trasferta. Anche ieri a<br />

Centobuchi i bifern<strong>in</strong>i<br />

hanno giocato un buon<br />

match creando diverse occasioni<br />

da gol (almeno<br />

c<strong>in</strong>que) che non sono state<br />

sfruttate a dovere dagli<br />

avanti molisani. Il tecnico<br />

Francesco Far<strong>in</strong>a analizza<br />

con la consueta professionalità<br />

e obiettività l’<strong>in</strong>contro.<br />

«Abbiamo creato tante<br />

palle gol - ammette il tra<strong>in</strong>er<br />

campano - cosa che ci<br />

capita spesso <strong>in</strong> questa<br />

stagione ma non abbiamo<br />

concretizzato. Loro sono<br />

venuti nella nostra area<br />

di rigore per due volte e<br />

hanno trovato due reti, la<br />

seconda, a detta dei miei<br />

ragazzi, <strong>in</strong> fuorigioco.<br />

Purtroppo non abbiamo<br />

preso nessun punto e questo<br />

mi dispiace ma dobbiamo<br />

guardare avanti<br />

perché la prestazione c’è<br />

stata».<br />

Mister, quest’anno <strong>in</strong><br />

trasferta non va proprio.<br />

Cosa manca al<br />

suo Bojano? «Sai, è un<br />

problema di sterilità offensiva<br />

che ci sta penalizzando<br />

parecchio <strong>in</strong> questo<br />

campionato».<br />

In difesa come sono<br />

andate le cose? «Abbastanza<br />

bene anche se abbiamo<br />

commesso un errore<br />

sul loro primo gol. Il<br />

secondo, ripeto, era probabilmente<br />

<strong>in</strong> fuorigioco».<br />

Tra due settimane c’è<br />

il derby con il Trivento<br />

da giocare al Colalillo<br />

che cosa si aspetta? «Adesso<br />

pensiamo a recuperare<br />

le energie e a goderci<br />

la Pasqua. Poi guarderemo<br />

al derby e ci prepareremo<br />

per fare una buona<br />

partita anche perché giochiamo<br />

sul terreno amico».<br />

Stefano Saliola<br />

All’Aragona i biancorossi ospitano la Sangivannese<br />

Soria carica la Pro Vasto:<br />

«Bisogna cont<strong>in</strong>uare così»<br />

Soria, sei gol all’attivo e<br />

decisivo anche a Poggibonsi,<br />

prima della sosta di<br />

campionato, dove ha messo<br />

a segno la rete del def<strong>in</strong>itivo<br />

2 a 2.<br />

«Dobbiamo cont<strong>in</strong>uare<br />

su questa strada, migliorare<br />

il discorso <strong>in</strong>trapreso da<br />

qualche tempo - dice Soria<br />

che, dopo alcune assenze<br />

forzate, è tornato <strong>in</strong> campo<br />

da un po’ di settimane più<br />

caricato che prima, - e affrontare<br />

le sette partite rimaste<br />

con la gr<strong>in</strong>ta che<br />

non ci manca, sempre a<br />

viso aperto contro ogni avversario<br />

e senza cali di<br />

concentrazione. Senza girarci<br />

tanto <strong>in</strong>torno, le ultime<br />

sfide sono per noi delle<br />

autentiche f<strong>in</strong>ali, qu<strong>in</strong>di<br />

dobbiamo affrontarle come<br />

tali, anche perché abbiamo<br />

dimostrato, specialmente<br />

contro il Fano e la Lucchese,<br />

le due prime della classe<br />

e senza andare troppo<br />

<strong>in</strong>dietro, che non ci manca<br />

nulla e devono essere gli<br />

altri a <strong>in</strong>vidiarci per l’organico<br />

di tutto rispetto e<br />

perché, nonostante le tante<br />

traversie, io e i miei compagni<br />

siamo riusciti a risollevarci<br />

con le nostre forze.<br />

Io <strong>in</strong> campo anche domenica?<br />

Il mister sa che<br />

Centobuchi 2<br />

Bojano 0<br />

Reti: 23’ Di Venanzio, 83’ Filiaggi.<br />

Centobuchi (3-4-3): Franchi 6,5, D’Addazio 6,5,<br />

Mozzoni 7, Polenta 6.5, Ianni 6,5, Valente 6,5,<br />

Fr<strong>in</strong>coni 7, Marzucchella 6 (72’Adorante 6,5), Pirelli<br />

6,5 (66’ Bif<strong>in</strong>i 6,5), Filiaggi 8 (90’ Gagliardi),<br />

Di Venanzio 7.5. All.: Scarafoni.<br />

Bojano (4-4-2): Massarese 6,5, Sacco 6, Carr<strong>in</strong>o 6,<br />

Bearzotti 6, Ruggieri 6.5, Parentato 6 (62’ Diallò<br />

6), Grillo 6 (79’ Gioffre 6), Altieri 5,5 (59’ Cappiello<br />

6), Fusco 6,5, Iaboni 6,5, Rendente 6. All. Far<strong>in</strong>a.<br />

Arbitro: Lacalamita di Bari.<br />

Note: ammoniti: Mozzoni, Polenta, Fr<strong>in</strong>coni, Marzucchella,<br />

Filiaggi, Fusco.<br />

lenta da centrocampo pesca<br />

sulla s<strong>in</strong>istra Di Venanzio<br />

che non <strong>in</strong>dugia a<br />

calciare di prima <strong>in</strong>tenzione<br />

<strong>in</strong> porta e la sfera si <strong>in</strong>fila<br />

all’<strong>in</strong>crocio dei pali alla<br />

s<strong>in</strong>istra dell’<strong>in</strong>colpevole<br />

Massarese. Il Centobuchi<br />

ci crede e vuole chiudere la<br />

gara. Brivido per i locali al<br />

52’: Rendente da fuori area<br />

calcia nello specchio e impegna<br />

Franchi che con la<br />

punta delle dita alza la sfera<br />

sulla traversa. Ancora<br />

pericoloso il Bojano al 55’<br />

con Grillo che, appostato<br />

dentro l’area riceve dalla<br />

s<strong>in</strong>istra, controlla e calcia,<br />

la sfera term<strong>in</strong>a fuori di<br />

poco f<strong>in</strong>endo alla s<strong>in</strong>istra<br />

di Franchi. Il Centobuchi<br />

diventa pericoloso nelle ripartenze<br />

e al 83’ Mozzoni<br />

sulla tre quarti del campo<br />

controlla bene la sfera e<br />

dalla s<strong>in</strong>istra serve <strong>in</strong> area<br />

Filiaggi che di testa devia<br />

<strong>in</strong> rete per il raddoppio. La<br />

gara si spegne ed il Centobuchi<br />

<strong>in</strong>camera tre preziosi<br />

punti per la classifica.<br />

«Dobbiamo affrontare le sette gare<br />

che ci mancano sempre a viso aperto»<br />

può sempre contare sulla<br />

mia <strong>in</strong>condizionata disponibilità<br />

ma tocca a lui decidere».<br />

Con il pareggio a<br />

Poggibonsi, la Pro Vasto è<br />

fuori dai play-out, seppure<br />

per un punto, ma il morale<br />

alto che contraddist<strong>in</strong>gue il<br />

gruppo allenato da Di Meo<br />

non può che migliorare la<br />

classifica dei biancorossi<br />

ed è l’auspicio del tecnico<br />

pugliese che, affidandosi di<br />

nuovo al 4-4-2, non si discosterà<br />

di molto dalla formazione<br />

dell’ultimo impegno<br />

<strong>in</strong> terra toscana. Fermo<br />

restando che mancheranno<br />

gli <strong>in</strong>fortunati De<br />

Giorgi e Fiore, con Avantaggiato<br />

<strong>in</strong> ripresa e Dimatera<br />

pronto a tornare <strong>in</strong><br />

campo, purtroppo c’è la<br />

conferma che Cammarata<br />

resterà a casa per un problema<br />

alla gamba che si è<br />

ripresentato giovedì <strong>in</strong> allenamento.<br />

Coppia d’attacco,<br />

qu<strong>in</strong>di, formata da Croce<br />

e Soria, ma deve tenersi<br />

Le probabili formazioni<br />

PRO VASTO<br />

Gaud<strong>in</strong>o<br />

Okoroji<br />

Servi<br />

Di Berard<strong>in</strong>o<br />

Ambrosecchia<br />

Dimatera<br />

Digno<br />

Bevo<br />

Berra (Soria)<br />

Croce<br />

Soria (Suriano).<br />

All. Di Meo<br />

Arbitro: Perisan di Pordenone<br />

Assistenti: Mond<strong>in</strong> e Dal C<strong>in</strong><br />

pronto anche Suriano se Di<br />

Meo dovesse cambiare<br />

qualcosa a centrocampo.<br />

Tra i pali ci sarà il giovane<br />

Gaud<strong>in</strong>o, aiutato dai quattro<br />

difensori: Servi e Di<br />

Berard<strong>in</strong>o centrali, a destra<br />

Okoroji, dall’altra parte<br />

Ambrosecchia. In mediana,<br />

Digno e Bevo al centro,<br />

sulle corsie esterne, <strong>in</strong>vece,<br />

è probabile che Dimatera<br />

sarà impegnato a<br />

destra, con Berra, eventualmente<br />

Soria, a s<strong>in</strong>istra.<br />

La pausa ha fatto<br />

certamente bene ai bian-<br />

SANGIOVANNESE<br />

Vaccarecci<br />

Sacenti<br />

Chiar<strong>in</strong>i<br />

Dianda<br />

D’Ambrosio<br />

De Cristofaro<br />

Bernicchi<br />

Bern<strong>in</strong>i<br />

Garufo<br />

Cori<br />

Pippi<br />

All. Fraschetti<br />

cazzurri della Sangiovannese:<br />

il tecnico Fraschetti,<br />

<strong>in</strong>fatti, ha recuperato, fra<br />

tutti, Bern<strong>in</strong>i, Bricca, Raimondi<br />

e Zane, ma dovrà r<strong>in</strong>unciare<br />

ancora all’attaccante<br />

Matteo Mer<strong>in</strong>i, <strong>in</strong>fortunatosi<br />

lo scorso 4 ottobre<br />

nel match <strong>in</strong>terno con il<br />

Bellaria, ora <strong>in</strong> fase di recupero<br />

dopo l’<strong>in</strong>tervento<br />

chirurgico. Dopo 35 anni,<br />

la Sangiovannese nuovamente<br />

all’Aragona: questa<br />

volta, però, cercherà di non<br />

perdere. Michele Del Piano


34 SPORT<br />

Gli anticipi<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

R<strong>in</strong>aldi e Magnifico <strong>in</strong>superabili <strong>in</strong> più di qualche circostanza. Il pari accontenta tutti<br />

Polzella agguanta i cug<strong>in</strong>i<br />

Il derby tra Lupi Mol<strong>in</strong>aro e Campobasso Calcio f<strong>in</strong>isce<br />

senza né v<strong>in</strong>ti, né v<strong>in</strong>citori. I rossoblù sono quasi salvi<br />

CAMPOBASSO 1<br />

LUPI MOLINARO 1<br />

Reti: 10’ D’Alessandro,<br />

46’ F. Polzella.<br />

Campobasso: R<strong>in</strong>aldi E.<br />

Lombardi, Pistilli, Bredice,<br />

Libertone, Cordisco,<br />

Carp<strong>in</strong>elli, Pulla, De Carlo<br />

(65’ G. Russo) Crtella<br />

D’Alessandro (75’ M. Russo).<br />

All. Oriente.<br />

Lupi Mol<strong>in</strong>aro: Magnifico,<br />

Paciarella, L. Paranza,<br />

Cornacchione (55’ Pistilli),<br />

Adamo (70’ A. Paranza),<br />

Di Lallo, Oriente,<br />

Magnotta, Zullo (50’ Manc<strong>in</strong>i);<br />

N. Polzella, F. Polzella.<br />

Arbitro: Mastronardi di<br />

Isernia.<br />

FINISCE senza né v<strong>in</strong>ti,<br />

né v<strong>in</strong>c<strong>in</strong>tori il derby<br />

tra Lupi Mol<strong>in</strong>aro e Campobasso<br />

Calcio. Il punto<br />

va probabilmente meglio<br />

agli uom<strong>in</strong>i di Oriente che<br />

mettono quasi <strong>in</strong> cassaforte<br />

la permanenza <strong>in</strong><br />

categoria (manca un ultimo<br />

passo). Per i Lupi Mol<strong>in</strong>aro<br />

l’1-1 non cambia<br />

molto gli scenari di classifica.<br />

A passare per primi<br />

<strong>in</strong> vantaggio sono proprio<br />

i «padroni di casa» con<br />

D’Alessandro, abile a concludere<br />

una bella azione<br />

sviluppata sulla destra.<br />

Una volta avanti, i rossoblù<br />

hanno colpito un palo<br />

con lo stesso D’Alessandro<br />

che ha successivamente<br />

creato altre due occasioni<br />

da gol sulle quali<br />

però è stato superlativo<br />

Magnifico. Nella seconda<br />

Fabrizio<br />

Polzella<br />

ha pareggiato<br />

per i Lupi Mol<strong>in</strong>aro<br />

frazione di gioco cresce la<br />

formazione di Barometro<br />

che vuole il pareggio. Pareggio<br />

che arriva grazie<br />

ad una bella sventagliata<br />

di Cornacchione sulla<br />

quale si è fa trovare pronto<br />

l’implacabile Fabrizio<br />

Polzella che dopo uno stop<br />

di petto <strong>in</strong>fila il portiere<br />

dei Lupi Mol<strong>in</strong>aro per l’1-<br />

1. Una volta riequilibrata<br />

la contesa, i Lupi hanno<br />

provato a v<strong>in</strong>cere il match<br />

ma hanno trovato sulla<br />

loro strada l’ottimo R<strong>in</strong>aldi<br />

che ha evitato la capitolazione.<br />

«Secondo me il<br />

pareggio è il risultato più<br />

giusto per quanto visto <strong>in</strong><br />

campo - ha spiegato al 90’<br />

Massimo Barometro - nella<br />

prima frazione di gioco<br />

meritavano loro di raddoppiare,<br />

nei secondi 45’<br />

abbiamo giocato meglio<br />

noi».<br />

Soddisfatto il mister<br />

rossoblù Carlo Oriente:<br />

«Ai ragazzi non posso<br />

rimproverare assolutamente<br />

nulla - <strong>in</strong>terviene<br />

- hanno fatto la partita<br />

che avevo chiesto <strong>in</strong> settimana,<br />

mettendo <strong>in</strong> pratica<br />

tutto quello che avevamo<br />

provato».<br />

Barometro:<br />

«Risultato<br />

giusto, abbiamo<br />

giocato<br />

un tempo a testa»<br />

Oriente:<br />

«Contento<br />

della prova»<br />

La classifica<br />

I pugliesi chiudono <strong>in</strong> dieci<br />

Maronea, colpo<br />

grosso contro<br />

il Roseto<br />

MARONEA 1<br />

ROSETO 0<br />

Reti: 20’ R. Moscufo.<br />

Maronea: Moscufo, Desiato, Michilli, St<strong>in</strong>ziani, M.<br />

D’Angelo, G. D’Angelo, Ferrara, Lattanzio (67’ Di<br />

Girolamo), Graziano (75’ Vassalli), Pasciullo (15’ R.<br />

Moscufo), S. Moscufo. All. Cordisco.<br />

Roseto: Giust<strong>in</strong>o, De Vivo, Saltarella, De Bellis, F<strong>in</strong>elli,<br />

Basso, Giann<strong>in</strong>i (60’ Forcelli), Vannella, Verna<br />

(65’ Marcantonio), Riccio, Mar<strong>in</strong>o. All. Catullo.<br />

Arbitro: Centofanti di Termoli.<br />

Note: espulso al 70’ F<strong>in</strong>elli.<br />

UNA rete di Riccardo Moscufo (entrato dopo 15’<br />

al posto dell’<strong>in</strong>fortunato Pasciullo, problemi al g<strong>in</strong>occhio<br />

per lui) regala tre punti pesanti alla Maronea<br />

di mister Cordisco <strong>in</strong> chiave salvezza. Il matchw<strong>in</strong>ner<br />

è riuscito a sfruttare a dovere un bel taglio<br />

di Simone Moscufo e ha trafitto Giust<strong>in</strong>o. Di fronte<br />

un Roseto rimaneggiato per squalifiche ed <strong>in</strong>fortuni<br />

(con Marcantonio <strong>in</strong> panca) che ci ha messo cuore e<br />

determ<strong>in</strong>azione ma non è riuscito a fare risultato.<br />

Per giunta, gli ospiti hanno chiuso ancora una volta<br />

con un uomo <strong>in</strong> meno per il rosso sventolato a F<strong>in</strong>elli<br />

(proteste a 20’ dal triplice fischio). I ragazzi di<br />

Catullo hanno creato diverse occasioni (nel primo<br />

tempo soprattutto) senza però fare breccia nella retroguardia<br />

bassomolisana. «Ogni volta che cerchiamo<br />

di alzare la testa ce la fanno abbassare <strong>in</strong> fretta<br />

- spiega Catullo - i giocatori sbagliano e questo è<br />

fuori dubbio ma è anche vero però che certe situazioni<br />

vanno gestite meglio da parte dei direttori di<br />

gara».


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

Juniores/Troppe occasioni sciupate<br />

Due calci piazzati<br />

condannano il Molise<br />

Molise 0<br />

Umbria 2<br />

Reti: 3’ pt Giust<strong>in</strong>iani<br />

(U), 39’ st Ventanni (U)<br />

Rappr. Molise (4-4-2):<br />

Russo, Espo<strong>sito</strong>, (24’ st<br />

Ricci), Pasciullo, (10’ st<br />

Balestra), Verruti, Ricamato,<br />

Laurelli, Alfuso,<br />

(15 pt Sisti), Piccoli, Lemma,<br />

(1’ st Potena), Camputaro,<br />

Pollio, (30 st Pizzi).<br />

All. Mar<strong>in</strong>elli<br />

Rappr. Umbria (4-4-2):<br />

Schiaroli, Berradi, (13’ st<br />

Tavernelli), Biccheri, Della<br />

Botte, Giust<strong>in</strong>iani, Padiglioni,<br />

Schioccola,<br />

Sdr<strong>in</strong>gola, Speranza, (34’<br />

st Mastr<strong>in</strong>i), Tavoloni, (1’<br />

st Ciribilli) Ventanni. All.<br />

Felicetti<br />

Arbitro: Ra<strong>in</strong>eri sez. Novara<br />

Note: angoli 6-2 per il<br />

Molise. Ammoniti: Giust<strong>in</strong>iani,<br />

Balestra, Sdr<strong>in</strong>gola.<br />

Villadossola (Verbania) -<br />

Due calci piazzati condannato<br />

il Molise alla<br />

sconfitta contro i pari età<br />

dell’Umbria. Pronti via ed<br />

è subito la formazione allenata<br />

da Mar<strong>in</strong>elli a sfiorare<br />

il gol.<br />

Dopo appena trenta secondi<br />

<strong>in</strong>fatti Lemma si<br />

presenta a tu per tu con<br />

Schiaroli ma <strong>in</strong>vece di<br />

mettere il piede sotto colpisce<br />

il pallone di collo<br />

che il numero uno umbro<br />

resp<strong>in</strong>ge con il corpo. Capovolgimento<br />

di fronte e<br />

l’Umbria passa <strong>in</strong> vantaggio.<br />

Terzo m<strong>in</strong>uto di gioco,<br />

punizione capolavoro dal<br />

limite dell’area battuta da<br />

Giust<strong>in</strong>iani che a girare<br />

trafigge Russo.<br />

La replica dei molisani<br />

non si fa attendere e arriva<br />

al 16’ quando una punizione<br />

di Lemma con la<br />

complicità di un difensore<br />

umbro per poco non sorprende<br />

Schiaroli che <strong>in</strong><br />

tuffo si rifugia <strong>in</strong> angolo.<br />

In seguito (26’) è Russo a<br />

chiudere la sarac<strong>in</strong>esca<br />

su Giust<strong>in</strong>iani e resp<strong>in</strong>gere<br />

con i piedi un calcio<br />

piazzato ancora dal limite.<br />

Il Molise non ci sta e<br />

<strong>in</strong>izia a pigiare sull’acceleratore.<br />

Al 29’ Piccoli colpisce<br />

un palo, poi è la volta<br />

di Pasciullo (30’) centrare<br />

l’<strong>in</strong>crocio, mentre<br />

sei m<strong>in</strong>uti più tardi il neo<br />

entrato Sisti al posto<br />

dell’<strong>in</strong>fortunato Alfuso,<br />

sfiora di un niente la traversa.<br />

La ripresa è alla camomilla<br />

e bisogna attendere<br />

il 31’ per registrare l’occasionissima<br />

che capita sui<br />

piedi di Piccoli, che dopo<br />

essersi fatto 20 metri palla<br />

al piede, si presenta<br />

davanti Schiaroli ma<br />

spreca mandando di un<br />

niente a lato. Nei restanti<br />

m<strong>in</strong>uti, prima che l’Umbria<br />

chiuda def<strong>in</strong>itivamente<br />

i giochi con Ventenni,<br />

è ancora il Molise<br />

a rendersi pericoloso.<br />

Questa volta con Sisti,<br />

che dopo aver approfittato<br />

di uno svarione difensivo<br />

tra Schiaroli e Padiglioni,<br />

si trova davanti lo<br />

specchio della porta vuoto<br />

ma calcia debolmente così<br />

da permettere a un difensore<br />

umbro di resp<strong>in</strong>gere<br />

sulla l<strong>in</strong>ea di porta. Al 38’<br />

Russo salva su De Santis,<br />

mentre un m<strong>in</strong>uto più<br />

tardi Laurelli <strong>in</strong> area atterra<br />

Ciribilli.<br />

Per il signor Ra<strong>in</strong>eri di<br />

Novara è rigore che Ventenni<br />

trasforma per il due<br />

a zero f<strong>in</strong>ale.<br />

Allievi/Guidotti e compagni sono stati comunque all’altezza<br />

Esordio amaro per i molisani<br />

Patriarca: risultato bugiardo<br />

Umbria 4<br />

Molise 1<br />

Reti: 2’ Albi (U), 19’ st Cerb<strong>in</strong>i<br />

(U), 20’ st Di Lollo (M),<br />

30’ st Cerb<strong>in</strong>i (U), 43’ st<br />

Sant<strong>in</strong>i (U)<br />

Rappr. Umbria (4-4-2):<br />

Zucconi, Albi, (38’ Buzzo),<br />

Bolletta, Bruschi, Cerb<strong>in</strong>i,<br />

(40’ st Mattelli), Fagotti,<br />

Guadagni, M<strong>in</strong>elli, Picchioni,<br />

(11’ st Sant<strong>in</strong>i), Russo,<br />

(37’ st Cimbelli), Tommassetti.<br />

All. Garofan<strong>in</strong>i<br />

Rappr. Molise (4-4-2): Pietracupa,<br />

Morena, De Vivo,<br />

(20’ st Di Corpo), Sabella,<br />

Di Biase, Patriarca, Pannunzio,<br />

(38’ Genovese),<br />

Mannato, Di Lollo, De Curtis,<br />

Guidotti, (5’st Di Giacomo).<br />

All. Patriarca<br />

Arbitro: Borca sez. Chivasso<br />

Note: angoli 5-1 per l’Umbria.<br />

Ammoniti: Patriarca<br />

(M), M<strong>in</strong>elli (U)<br />

Omegna (Novara) - Esordio<br />

amaro per il Molise. Un risultato<br />

che alla f<strong>in</strong>e potrebbe<br />

<strong>in</strong>gannare, visto che l’undici<br />

di Patriarca almeno<br />

f<strong>in</strong>o alla metà del secondo<br />

tempo ha tenuto testa ai<br />

pari età. Gara subito <strong>in</strong> salita<br />

per i molisani che dopo<br />

solo due m<strong>in</strong>uti vanno sotto<br />

grazie ad una rete di Albi<br />

che da fuori area a girare<br />

<strong>in</strong>ganna Pietracupa sotto<br />

l’<strong>in</strong>crocio. La replica di capitan<br />

De Vivo e soci è affidata<br />

a Mannato, il migliore <strong>in</strong><br />

campo, che da fuori area al<br />

7’chiama all’<strong>in</strong>tervento Zucconi.<br />

E’ ancora il numero<br />

uno umbro a resp<strong>in</strong>gere con<br />

i pugni una grande conclu-<br />

C5 - La selezione di Giovanni Fiorilli ko 4-2<br />

UMBRIA 4<br />

MOLISE 2<br />

Reti: Iacov<strong>in</strong>o. Damiano,<br />

Brischi, Arben, Adisl,<br />

Brunetti.<br />

Umbria: Tommas<strong>in</strong>i,<br />

Battistoni, Brischi, Brunetti,<br />

Ceccarelli, Arben,<br />

G. Mass<strong>in</strong>i, M. Mass<strong>in</strong>i<br />

Adisl, Eduardo, Spacc<strong>in</strong>i.<br />

All. S. Mass<strong>in</strong>i.<br />

Molise: Battista, Ruta,<br />

Pontico Fusco, Cavaliere,<br />

Buscio, Santella, Giampetruzzi,<br />

Angelone, Damiano,<br />

Iacov<strong>in</strong>o, Tondi.<br />

INIZIA nel peggiore dei<br />

modi l’avventura nel trofeo<br />

delle regioni per la selezione<br />

di calcio a 5 guidata<br />

da Giovanni Fiorilli.<br />

Contro l’Umbria i molisani<br />

non giocano male ma<br />

sono costretti alla resa<br />

dalla maggiore esperienza<br />

dei padroni di casa.<br />

Dopo un primo tempo di<br />

grande <strong>in</strong>tensità (chiuso<br />

sotto 2-1), Buscio e compagni<br />

non hanno mollato<br />

nella seconda frazione. La<br />

grande pressione prodotta<br />

ha però lasciato ampi<br />

spazi alle velocissime ri-<br />

partenze della formazione<br />

del selezionatore tecnico<br />

Mass<strong>in</strong>i.<br />

E proprio sfruttando le<br />

ripartenze, l’Umbria ha<br />

trovato il terzo e quarto<br />

gol che hanno di fatto<br />

chiuso i conti e costretto<br />

la selezione del Molise ad<br />

alzare bandiera bianca.<br />

Nel complesso la prestazione<br />

della formazione di<br />

Fiorilli non è dispiaciuta<br />

ma per v<strong>in</strong>cere serve un<br />

pizzico di cattiveria <strong>in</strong><br />

più.<br />

ste.sa.<br />

SPORT<br />

35<br />

Torneo delle Regioni - Prima giornata<br />

Così<br />

i tecnici<br />

«Arrivare sei-sette volte<br />

davanti il portiere<br />

dell’Umbria e non mettere<br />

il pallone <strong>in</strong> rete è<br />

s<strong>in</strong>onimo di mancanza<br />

di cattiveria, malizia,<br />

concretezza, probabilmente<br />

ancora non siamo<br />

pronti per fare certi<br />

tipi di discorsi, nonostante<br />

reputo il potenziale<br />

della mia squadra<br />

buono». Mauro Mar<strong>in</strong>elli,<br />

tecnico del Molise,<br />

commenta così la<br />

sconfitta rimediata<br />

dopo la prima giornata.<br />

«Durante l’ultimo periodo<br />

più di qualcuno si<br />

è montato la testa forse<br />

pensando di avere già<br />

v<strong>in</strong>to contro l’Umbria<br />

senza neppure giocare.<br />

Dal canto mio mi assumo<br />

tutte le responsabilità<br />

della sconfitta, ma<br />

quello che mi fa più<br />

rabbia è il fatto di aver<br />

dimostrato di non essere<br />

nella maniera più<br />

assoluta <strong>in</strong>feriore ai nostri<br />

avversari. Anzi,<br />

penso che siamo stati<br />

condannati da s<strong>in</strong>goli<br />

episodi, ma il calcio è<br />

soprattutto questo». «E’<br />

stata un partita molto<br />

equilibrata e combattuta<br />

su tutti i fronti - ammette<br />

Moreno Felicietti,<br />

commissario tecnico<br />

dell’Umbria - Sicuramente<br />

aver trovato il<br />

gol dopo appena tre m<strong>in</strong>uti<br />

ci ha spianato la<br />

strada, ma devo fare i<br />

complimenti al Molise<br />

che ha disputato un’ottima<br />

gara».<br />

sione di Di Lollo al m<strong>in</strong>uto<br />

14’. C<strong>in</strong>que m<strong>in</strong>uti più tardi<br />

Mannato sfiora il pareggio<br />

<strong>in</strong> area, la conclusione è de-<br />

viata <strong>in</strong> corner da Zucconi.<br />

Nella ripresa la musica non<br />

cambia e il Molise è sempre<br />

proteso <strong>in</strong> avanti alla caccia<br />

del gol che potrebbe giungere<br />

dopo appena sessanta secondi<br />

con l’onnipresente<br />

Giovanissimi/Il mister: pareggio sostianzialmente giusto<br />

I ragazzi di Maestripieri<br />

strappano un pari all’Umbria<br />

Molise 2<br />

Umbria 2<br />

Reti: 21’ T<strong>in</strong>ozzi (U), 8’ st Grazioso (M), 12’ st Piergiovanni<br />

(U), 28’ De Julis (M)<br />

Rappr. Molise (4-5-1): Sassano, Palombo, Gigante,<br />

Marcovecchio, Mauriello, Perrotta, (6’ st Carpent<strong>in</strong>o),<br />

D’Angelo, Grazioso, (27’ st De Julis), Fratengelo, Gianfagna,<br />

(32’ st Ant<strong>in</strong>ucci), Michilli (15’ st Pirolli). All. Maestripieri.<br />

Rappr. Umbria (4-5-1): Posanz<strong>in</strong>i, Bagnoli, (27’ st Falasco),<br />

Carloni, Cocco, (14’ st Solfiti), Falocco, Paci, Piergiovanni,<br />

Piersantelli, T<strong>in</strong>ozzi, Troll<strong>in</strong>i, Valent<strong>in</strong>i, (28’ st<br />

Botteghi). All. Parbuoni<br />

Note: angoli 4-3 per l’Umbria. Ammoniti: Marcovecchio<br />

(M). Recupero: pt: 2’; st’ 3’.<br />

Omegna (Novara) - Grande prova di carattere per i ragazzi<br />

di Marco Maestripieri che contro l’Umbria riescono<br />

a strappare un prezioso pareggio. Molisani <strong>in</strong> svantaggio<br />

al 21’. Angolo di Valent<strong>in</strong>io che a centro area trova T<strong>in</strong>ozzi<br />

che con una perfetta conclusione a f<strong>in</strong>e di palo trafigge<br />

l’<strong>in</strong>colpevole Sasano. Sullo scadere di tempo miracolo<br />

del portiere umbro Posanz<strong>in</strong>i che devia <strong>in</strong> angolo un’ottima<br />

girata <strong>in</strong> area di Mauriello. Il pareggio dei molisani<br />

arriva all’8’ della ripresa, quando Grazioso approfitta di<br />

una corta resp<strong>in</strong>ta di Posanz<strong>in</strong>i e deposita <strong>in</strong> rete. Al 12’<br />

l’Umbria torna <strong>in</strong> vantaggio con Piergiovanni che elude il<br />

fuorigioco si presente tutto solo davanti Sassano e lo supera<br />

<strong>in</strong>esorabilmente. A questo punto Maetripieri opta<br />

per l’entrata <strong>in</strong> campo di De Julis. Siamo al m<strong>in</strong>uto 27’ e<br />

la ossa si rivela v<strong>in</strong>cente. Nemmeno il tempo di entrare<br />

<strong>in</strong> campo e l’attaccante dell’Agnonese dopo un batti e ribatti<br />

nell’area piccola fa uno a uno. «E’ un pari sostanzialmente<br />

giusto - ammette Marco Masetripieri al term<strong>in</strong>e<br />

della partita - che rispecchia <strong>in</strong> pieno il valore delle<br />

due squadre». Il Molise <strong>in</strong> matt<strong>in</strong>ata affronterà i pari<br />

d’età della Puglia sul rettangolo di Dormelletto a partire<br />

dalle ore 9,30.<br />

La classifica: Lazio 3, Molise e Umbria 1.<br />

Mannato, sempre Zucconi si<br />

salva <strong>in</strong> angolo. Al 19’ la<br />

doccia gelata con Cerb<strong>in</strong>i<br />

che rimette dal fondo<br />

perl’accorrente Sant<strong>in</strong>i che<br />

fa 2 a 0. Il Molise riapre la<br />

gara dopo solo un m<strong>in</strong>uto.<br />

Mannato si procura i area<br />

un calcio di rigore che Di<br />

Lollo trasforma <strong>in</strong> maniera<br />

impeccabile. E’ questo il momento<br />

migliore per i molisani<br />

che capitolano al 30’.<br />

Una <strong>in</strong>certezza di Pietracupa<br />

consente a Cerb<strong>in</strong>i di<br />

fare tris. Nei m<strong>in</strong>uti di recupero<br />

l’Umbria dilaga <strong>in</strong><br />

contropiede con Sant<strong>in</strong>i fissando<br />

il risultato f<strong>in</strong>ale sul<br />

4 a 1. Al 91’ il tecnico Vittorio<br />

Patriarca ha commentato<br />

così la sconfitta. «E’ stato<br />

un risultato bugiardo soprattutto<br />

<strong>in</strong> virtù di quanto<br />

dimostrato dai miei ragazzi<br />

durante l’<strong>in</strong>tero arco del<br />

match».<br />

In tribuna ad assistere la<br />

gara anche il presidente<br />

della Figc Molise, Piero Di<br />

Crist<strong>in</strong>zi e il consigliere regionale,<br />

Mario Pietracupa.<br />

La classifica: Umbria e<br />

Lombardia 3; Lazio e Molise<br />

0.<br />

Calcio femm<strong>in</strong>ile - Alla ’prima’ ko di misura<br />

UMBRIA 2<br />

MOLISE 1<br />

Reti: 15’ aut, 50’ Di Gregorio,<br />

64’ Bell<strong>in</strong>i.<br />

Umbria: Antonelli, Anaclerio,<br />

Angeli, Bell<strong>in</strong>i, Carl<strong>in</strong>i,<br />

Crispoltoni, Cucci, De Santis,<br />

Ferraldeschi, Fortunati,<br />

Gallo. All. Giogli.<br />

Molise: Saliola, Iocca, Tavaniello,<br />

Angelone, Iannicco,<br />

Giusti, Franciosa, Riccio,<br />

Crisci, Gianpetruzzi, Vizzarri<br />

(Di Gregorio). All. Antrone.<br />

L’ULTIMO gol da dicias-<br />

settenne di Sara Di Gregorio<br />

(oggi compie 18 anni,<br />

auguri!) alla rappresentativa<br />

di calcio femm<strong>in</strong>ile per<br />

<strong>in</strong>iziare nel migliore dei<br />

modi l’avventura nel torneo<br />

delle regioni che si sta svolgendo<br />

<strong>in</strong> Umbria. Le ragazze<br />

di Antrone ci hanno messo<br />

tanto impegno e tanta<br />

determ<strong>in</strong>azione ma non è<br />

bastato per fare punti. Dopo<br />

essere passate <strong>in</strong> vantaggio<br />

con un’autorete, le ragazze<br />

di casa sono state raggiunte<br />

nella seconda frazione di<br />

gioco dalla Di Gregorio che<br />

ha coronato nel migliore dei<br />

modi una bella azione corale.<br />

Sembrava l’<strong>in</strong>izio di<br />

un’altra partita con il Molise<br />

a sp<strong>in</strong>gere sull’acceleratore<br />

e le avversarie a chiudere<br />

ogni spazio. E <strong>in</strong>vece è<br />

arrivata la doccia fredda<br />

che ha consentito alla squadra<br />

locale di mettere <strong>in</strong> archivio<br />

la prima sfida nel<br />

modo migliore. Oggi si torna<br />

<strong>in</strong> campo contro la Lombardia.<br />

C’è un solo risultato<br />

utile: la vittoria per cont<strong>in</strong>uare<br />

a sperare nel passaggio<br />

del turno.


36 SPORT<br />

E’ l’ultima<br />

fatica<br />

A2 - I pentri devono centrare i tre punti per salvarsi<br />

Katay, con il Città di Castello<br />

non sono ammessi passi falsi<br />

NON c’è alternativa. La<br />

Katay Geotec deve battere<br />

Città di Castello, già appagata<br />

dal raggiungimento<br />

dei playoff ma non per<br />

questo meno pericolosa,<br />

per chiudere la stagione<br />

con un turno di anticipo.<br />

Tenere a -6 Bassano<br />

(che osserverà un turno di<br />

riposo nell’ultima della regular<br />

season) è dunque<br />

l’imperativo del penultimo<br />

turno, con i molisani che<br />

tornano al PalaFraraccio<br />

dopo due trasferte consecutive,<br />

qualche occasione<br />

persa e solo pacche sulla<br />

spalla e niente più. Ma<br />

con la consapevolezza che<br />

la chiusura <strong>in</strong> bello stile di<br />

una stagione troppo altalenante<br />

nelle emozioni e<br />

nei risultati non dipende<br />

da altri ma da se stessa. I<br />

molisani hanno dunque<br />

un’occasione d’oro: conquistare<br />

i 3 punti, congedarsi<br />

al pubblico nel miglior<br />

modo possibile, rendere<br />

<strong>in</strong>differente, ai f<strong>in</strong>i della<br />

classifica, la storicamente<br />

ostica trasferta di Gioia<br />

del Colle. Tutto <strong>in</strong> una<br />

sera, tutto per cont<strong>in</strong>uare<br />

a sognare e vivere la serie<br />

A. Con Lorizio ancora<br />

squalificato sarà nuovamente<br />

Paolo Piccirillo a<br />

guidare la truppa biancoazzurra<br />

<strong>in</strong> questo cruciale<br />

appuntamento, recuperato<br />

Valera, la Katay Geotec si<br />

affida all’orgoglio, alle<br />

quattro vittorie su sei partite<br />

conquistate a «Fort<br />

PalaFraraccio» nel girone<br />

di ritorno, e ad una batteria<br />

di giocatori di esperienza<br />

che alle grandi sfide<br />

sono abituati. Proprio<br />

ai «senior» si chiede dunque<br />

il massimo sforzo e la<br />

necessaria lucidità per venire<br />

a capo di una partita<br />

che ha il fasc<strong>in</strong>o di una f<strong>in</strong>ale<br />

e che si preannuncia<br />

spettacolare. Gli umbri<br />

dell’ex Isernia Di Manno<br />

(secondo realizzatore del<br />

campionato), e dell’ex azzurro<br />

Rosalba, hanno avuto<br />

un ottimo girone di ritorno,<br />

il cui apice è co<strong>in</strong>ciso<br />

con i sette punti conquistati<br />

nelle tre partite più<br />

Programma e classifica<br />

M. Roma Volley-Massa Versilia<br />

Codyeco S.Croce-Mantova<br />

Bassano-Sora<br />

Padova-Crema<br />

Ravenna-Gioia del Colle<br />

Katay Isernia-Città di Castello<br />

Castellana Grotte-Bologna<br />

Classifica: Castellana 65; Roma, Bologna 54; Sora 49;<br />

Crema 47; Santa Croce 42; Ravenna 40; Padova 38;<br />

Città di Castello, Cavriago 37; Isernia 30; Massa Versilia<br />

26; Mantova 25; Bassano 24; Gioia del Colle 20.<br />

Giochi sportivi studenteschi, fase regionale<br />

A Termoli grande<br />

festa degli scacchi<br />

GRANDE festa degli<br />

scacchi venerdì a Termoli.<br />

Si sono svolti, presso l’Istituto<br />

Maiorana i giochi<br />

sportivi studenteschi re-<br />

gionali relativi alle scuole<br />

di primo livello: allievi per<br />

i nati nel 1994 e 1995 e<br />

Juniores per i nati nel<br />

1993 e precedenti.<br />

difficili (Roma, Castellana,<br />

Sora) tra la settima e<br />

la nona giornata. Poi uno<br />

stop a Crema e di nuovo<br />

due vittorie (Santa Croce<br />

<strong>in</strong> casa e Padova <strong>in</strong> trasferta)<br />

che hanno garantito<br />

un posto play off alla<br />

squadra di Radici. Il palleggiatore<br />

Orduna, i centrali<br />

Braga e Bortolozzo,<br />

l’altro schiacciatore Stoyanov,<br />

completano lo start<strong>in</strong>g<br />

six, oltre al libero Romiti.<br />

Oggi è importante il<br />

sostegno di tutti, è importante<br />

che il pubblico del<br />

PalaFraraccio faccia sentire<br />

il proprio calore e dia<br />

Si sono affrontate 9<br />

squadre, 7 della prov<strong>in</strong>cia<br />

di Campobasso e 2 della<br />

prov<strong>in</strong>cia di Isernia. Ogni<br />

squadra, composta da<br />

quattro giocatori + 1 per<br />

eventuale sostituzione,<br />

ha disputato 5 partite. La<br />

gara è stata molto avv<strong>in</strong>cente<br />

e combattuta. I ragazzi<br />

hanno dimostrato<br />

una buona preparazione e<br />

si sono impegnati con entusiasmo.<br />

Tutto è stato<br />

<strong>in</strong>certo, fno al qu<strong>in</strong>to turno.<br />

Alla f<strong>in</strong>e delle partite,<br />

il proprio contributo al<br />

raggiungimento dell’obiettivo.<br />

Saranno regolarmente<br />

validi gli abbonamenti<br />

anche se già completamente<br />

vidimati (è stata<br />

annullata la giornata<br />

biancoazzurra) mentre i<br />

ragazzi f<strong>in</strong>o a 15 anni<br />

avranno <strong>in</strong>gresso libero.<br />

Inf<strong>in</strong>e il Draghetto, mascotte<br />

della squadra, distribuirà<br />

gadget ai presenti.<br />

L’auspicio è quello<br />

di trovare di fronte al pubblico<br />

amico gli stimoli e la<br />

determ<strong>in</strong>azione necessarie<br />

per chiudere <strong>in</strong> bellezza la<br />

stagione.<br />

per la categoria Allievi è<br />

risultata v<strong>in</strong>citrice la<br />

squadra dell’Istituto Majorana<br />

di Termoli. Per la<br />

categoria Juniores si è<br />

classificata al primo posto<br />

la squadra dell’Istituto<br />

d’Arte di Isernia e al secondo<br />

posto il Liceo Scientifico<br />

di Campobasso. Le<br />

prime tre squadre sia Allievi<br />

che Juniores potranno<br />

partecipare alla fase<br />

f<strong>in</strong>ale di Caorle (Ve) che<br />

si disputerà dal 13 al 16<br />

maggio. Per il Molise è la<br />

prima volta che vengono<br />

disputati i Giochi Studenteschi<br />

<strong>in</strong>terscolastici di<br />

Scacchi. Questo è dovuto<br />

sia all’<strong>in</strong>teresse crescente<br />

dei ragazzi molisani verso<br />

questo gioco affasc<strong>in</strong>ante<br />

( sarà anche l’effetto Karpov,<br />

ospite del torneo di<br />

Campobasso del mese di<br />

luglio 2009), ma anche<br />

all’impegno dei docenti: il<br />

professore Arnaldo Francesch<strong>in</strong>i<br />

per l’Istituto Maiorana<br />

di Termoli, il professore<br />

Iov<strong>in</strong>o per l’Istituto<br />

Manuppella di Isernia<br />

e i professori Santopolo e<br />

Carcagnile del liceo<br />

Scientifico di Campobasso.<br />

Per il prossimo anno<br />

siamo certi che il numero<br />

delle scuole che avranno<br />

<strong>in</strong>teresse per il gioco degli<br />

scacchi crescerà <strong>in</strong> modo<br />

esponenziale. Le premesse<br />

e la voglia di far crescere<br />

ulteriormente questo<br />

sport.<br />

NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

B - Matera ko: è salvezza<br />

Scarabeo,<br />

un’impresa<br />

fantastica<br />

SCARABEO 4<br />

MATERA 3<br />

Reti: Moreira, 10’ PT Be<br />

n<strong>in</strong>casa, 15’ 30’’ PT Moreira,<br />

16’ Panarella, 6’ ST<br />

Panarella, 10’ ST Moreira,<br />

12’Nicola Gammariello.<br />

Scarabeo: Di Paolo, Bosco,<br />

Di Padua, Valvona, Cim<strong>in</strong>o,<br />

Espo<strong>sito</strong>, Natale, Moreira,<br />

Ben<strong>in</strong>ccasa, Terenzi,<br />

Palumbo, Placella- All.<br />

Terenzi-Troiano.<br />

Matera: Paolicelli, N.<br />

Gammariello, Lecci, Caione,<br />

Moias Barro Diego,<br />

Gammariello Alessio, Santos<br />

Paulo Sergio, Vivilecchia,<br />

Orlando, Cavalcante,<br />

Panarella, Cristallo, All E.<br />

Rond<strong>in</strong>one.<br />

Gr<strong>in</strong>ta, cuore, prestazione<br />

perfetta: serie B! Alla<br />

f<strong>in</strong>e di una gara <strong>in</strong>tensa,<br />

giocata con gr<strong>in</strong>ta e cuore<br />

dai ragazzi guidati dal duo<br />

Terenzi-Troiano, l’obiettivo<br />

è stato raggiunto, grazie<br />

alla vittoria per 4 a 3. I padroni<br />

di casa <strong>in</strong>iziano il primo<br />

tempo con la giusta aggressività,<br />

e solo dopo 42<br />

secondi di gioco arriva il gol<br />

del vantaggio: è il fantasista<br />

brasiliano Moreira a<br />

portare i suoi avanti. Pochi<br />

secondi dopo, nuovo bel fraseggio<br />

fra Moreira e Ben<strong>in</strong>casa,<br />

che si gira come sa<br />

fare, ma, davanti al portiere,<br />

manca lo specchio della<br />

porta. Al 4’ bella percussione<br />

di Bosco, e nella ripartenza<br />

il Mathera è pericoloso,<br />

ma il tiro non impensierisce<br />

Placella, estremo difensore<br />

dei venafrani. A<br />

metà del primo tempo arriva<br />

il secondo goal della Scarabeo<br />

Venafro: di nuovo<br />

Ben<strong>in</strong>casa e Moreira dialogano<br />

bene, e Ben<strong>in</strong>casa segna<br />

la sua diciannovesima<br />

rete della stagione. Prima<br />

del terzo gol, segnato da<br />

Moreira con classe ed esperienza,<br />

i venafrani sono ancora<br />

pericolosi, prima con<br />

Ben<strong>in</strong>casa e poi con un colpo<br />

di testa di Palumbo.<br />

Passano pochi secondi, a<br />

quattro m<strong>in</strong>uti dal term<strong>in</strong>e<br />

del primo tempo, che il brasiliano<br />

Panarella accorcia<br />

le distanze, sfruttando una<br />

delle poche <strong>in</strong>decisione della<br />

difesa avversaria. Nel secondo<br />

tempo la Scarabeo<br />

Venafro scende <strong>in</strong> campo<br />

decisa a chiudere la partita.<br />

Subito Bosco compie<br />

una percussione delle sue e<br />

un giocatore avversario<br />

sfiora l’autorete. Dopo pochi<br />

secondi, al 1’ della ripresa,<br />

Moreira si trova a tu<br />

per tu con il portiere avversario,<br />

che con bravura devia<br />

<strong>in</strong> angolo. Il Mathera è<br />

pericoloso subito dopo, ma<br />

Placella è attento e non si<br />

fa sorprendere. Al 6’ Moreira<br />

f<strong>in</strong>alizza con un bel pallonetto<br />

un’ottima azione corale,<br />

ma un difensore avversario<br />

salva sulla l<strong>in</strong>ea,<br />

con un bel gesto atletico.<br />

Pochi secondi dopo, su tiro<br />

da calcio d’angolo battuto<br />

da Panarella, Bosco devia<br />

<strong>in</strong> porta, e il Matera accorcia<br />

le distanze, portandosi<br />

sul passivo di 3 a 2. A metà<br />

della ripresa, sull’ennesima<br />

bella azione corale, Moreira<br />

segna il suo terzo goal della<br />

partita, quattordicesimo<br />

centro stagionale, e porta<br />

<strong>in</strong> vantaggio i suoi per 4 a<br />

2.<br />

I tifosi e i giocatori della Scarabeo festeggiano la salvezza<br />

Risultati e classifica<br />

Barletta C5-Sport<strong>in</strong>g Modugno 7-4<br />

Manfredonia-Adriatica Pescara 5-3<br />

Pellegr<strong>in</strong>o Sport-Loreto 2-7<br />

Real Molfetta-Atletico Giov<strong>in</strong>azzo 9-6<br />

Scarabeo-Deportivo Matera 4-3<br />

Sport<strong>in</strong>g Ortona-Olimpiadi 6-2<br />

Classifica: Adriatica Pescara 54; Loreto Aprut<strong>in</strong>o,<br />

Real Molfetta, Real Molfetta 49; Olimpiadi 41; Sport<strong>in</strong>g<br />

Ortona 36; Deportivo Matera 35; Frascella Matera<br />

33; Sport<strong>in</strong>g Modugno 32; Scarabeo 28, Manfredonia<br />

27 Atletico Giov<strong>in</strong>azzo 24; Barletta 22; Ge.Di Pellegr<strong>in</strong>o<br />

Sport 11.


NUOVO oggi MOLISE<br />

Domenica 28 Marzo 2010<br />

SPORT<br />

37<br />

Adesso le campobassane pensano ai playoff<br />

L’obiettivo è quello di fare bella figura<br />

Serie B d’Eccellenza - Ben sei giocatrici sono riuscite ad andare <strong>in</strong> dobbia cifra<br />

Caffé Monforte, ecco il riscatto<br />

Il Portici cade al Palavazzieri <strong>in</strong> una gara che non ha mai<br />

avuto storia. Le ragazze di Ladomorzi hanno giocato un match super<br />

CAFFE’ MONFORTE 88<br />

PORTICI 53<br />

(20-12; 50-28; 73-45)<br />

Caffè Monforte: Nastasio<br />

12, Cim<strong>in</strong>elli 16, Lombardo<br />

10, Giugliano 11, De Rosa<br />

15, Gianfagna 6, Bab<strong>in</strong>o<br />

15, Pirosanto 3, Caporicci,<br />

Maiella. All. Ladomorzi.<br />

Portici: Iossa 7, Aprea 6,<br />

Ascione 2, Ugon, Guastaferro<br />

15, Ceratto, Di Fiore<br />

10, Cristiano, Mallardo 13.<br />

All. Grillone.<br />

Arbitri: Sportelli di San<br />

Salvo e Castellan di Chieti.<br />

DOPO tre sconfitte consecutive<br />

ritorna al successo<br />

il Caffè Monforte Cam-<br />

pobasso che liquida senza<br />

troppi problemi il Portici,<br />

vendicando l’<strong>in</strong>op<strong>in</strong>ata<br />

sconfitta dell’andata. Nel<br />

primo quarto le locali, dopo<br />

un <strong>in</strong>izio con il freno a<br />

mano tirato, prendono immediatamente<br />

il largo.<br />

Tutto il qu<strong>in</strong>tetto base va a<br />

segno con regolare conti-<br />

nuità e per le campane la<br />

strada si fa <strong>in</strong> salita. Nel<br />

secondo parziale le campobassane<br />

sfruttano il tiro da<br />

tre. Bab<strong>in</strong>o si presenta al<br />

pubblico con un 4/4 stratosferico<br />

dalla l<strong>in</strong>ea dei 6,25<br />

seguita a ruota da Lombardo,<br />

Cim<strong>in</strong>elli e Anastasio.<br />

In questo modo si va al<br />

La Cestistica, senza Della Felba, va a Monteroni. Mart<strong>in</strong>o Group con Monopoli<br />

L’Italcom all’assalto<br />

Con il Francavilla match fondamentale per la promozione<br />

Qui Italcom - I biancoverdi<br />

alla ripresa dopo il<br />

turno di riposo. Due partite<br />

decisive: Soavegel<br />

Francavilla al Vazzieri<br />

Arena e dopo la sosta pasquale.<br />

Ceglie. Il countdown<br />

è <strong>in</strong>iziato: 5 partite <strong>in</strong><br />

poco più di un mese (sosta<br />

pasquale compresa) per la<br />

f<strong>in</strong>e della regular-season.<br />

Il calendario ci vede opposti<br />

alla Soavegel Francavilla<br />

e fra due domeniche,<br />

l’11 aprile, alla Olearia<br />

De Biasi di Ceglie.<br />

Ambedue hanno approfittato<br />

della sosta forzata<br />

dei molisani per il ritiro<br />

del Lecce, raggiungendoli<br />

a pari punti la prima e distaccando<br />

la formazione<br />

di Salvem<strong>in</strong>i di due punti,<br />

(anche se Motta e compagni<br />

osserveranno il loro<br />

turno di stop nella penultima<br />

giornata).<br />

Due partite decisive al<br />

term<strong>in</strong>e delle quali, con<br />

ogni probabilità, si del<strong>in</strong>eerà<br />

<strong>in</strong> modo netto la classifica<br />

della stagione regolare<br />

(ovviamente per ciò<br />

che concerne il nome della<br />

squadra che accederà, <strong>in</strong><br />

quanto prima, direttamente<br />

alla serie B Dilettanti,<br />

mentre per il secondo<br />

bisognerà attendere<br />

l’e<strong>sito</strong> della lotteria dei<br />

play-off). Ospiti di giornata,<br />

dunque i biancoblù di<br />

coach Olive. All’andata<br />

l’Italcom lasciò i punti ai<br />

br<strong>in</strong>dis<strong>in</strong>i, dopo un overtime<br />

e anche un po’ di sorte<br />

avversa. Nei mesi scorsi<br />

a Stura è subentrato<br />

Soro che ha dato centime-<br />

tri, esperienza e buona<br />

vena realizzativa ad una<br />

squadra già forte di suo al<br />

tiro, potendo contare sulle<br />

guardie Venturelli (secondo<br />

nella classifica dei<br />

marcatori con 23,29 punti<br />

di media) e Sarli (ex Taranto)<br />

e sul play Montagnani,<br />

che recupera palle<br />

ed «assiste» anche <strong>in</strong> maniera<br />

egregia, contendendo<br />

a Montuori il primato<br />

nella speciale classifica.<br />

Completano il roster: l’ala<br />

piccola Menzione e i lunghi<br />

Simone e Risolo. Un<br />

esame severo e senza possibilità<br />

di riparazione.<br />

Una f<strong>in</strong>ale. Il capitano<br />

Tony Saccardo ha pienamente<br />

recuperato dalla<br />

noia muscolare che gli ha<br />

impedito, nell’ultima partita<br />

casal<strong>in</strong>ga con Ascoli,<br />

di dare il suo pieno contributo.<br />

Ora è pronto a suonare<br />

la carica ai suoi compagni<br />

e a dare l’assalto<br />

per una vittoria fondamentale<br />

che può valere<br />

un’<strong>in</strong>tera stagione. A sostenerle<br />

i molisani, come<br />

sempre, ci sarà un tifo<br />

caldissimo, appositamente<br />

preparato <strong>in</strong> settimana.<br />

Lutto - La società<br />

Mens Sana tutta esprime<br />

il proprio cordoglio per il<br />

lutto che ha colpito l’atleta<br />

Fabio Sciarretta.<br />

Qui Cestistica - Senza<br />

Della Felba, con Casasola<br />

e Greco <strong>in</strong> dubbio, i ragazzzi<br />

di Sandro Di Salvatore<br />

andranno alla ricerca<br />

dei due punti per<br />

compiere un altro passo<br />

avanti <strong>in</strong> classifica gene-<br />

Programma e classifica<br />

Italcom-Francavilla<br />

Lucera-Ceglie<br />

Mart<strong>in</strong>o Group-Monopoli<br />

Pescara-Mola<br />

Ascoli-Giulianova<br />

Monteroni-Cestistica<br />

Fondi-Sulmona<br />

Classifica: Ceglie 38, Italcom e Francavilla 36, Mola<br />

32, Mart<strong>in</strong>o Group 30, Pescara, Monteroni e Nuova<br />

Cestistica 28, Giulianova 18, Lucera 16, Sulmona,<br />

Ascoli e Fondi 14, Banca Etruria 10, Monopoli 8.<br />

I giocatori di Giorgio Salvem<strong>in</strong>i cercano la grande impresa<br />

rale. «Abbiamo avuto una<br />

settimana difficile nella<br />

quale ci siamo allenati<br />

con gli uom<strong>in</strong>i contati -<br />

spiega Sandro Di Salvatore<br />

alla vigilia della contesa<br />

- ho preferito non rischiare<br />

quei giocatori che<br />

non sono al top della forma.<br />

In ogni caso scenderemo<br />

<strong>in</strong> campo per ottenere<br />

il massimo. Dobbiamo<br />

provarci a tutti i costi pur<br />

consapevoli che andremo<br />

ad affrontare una buona<br />

squadra».<br />

Qui Mart<strong>in</strong>o Group -<br />

Con il lutto nel cuore la<br />

formazione di coach De<br />

Florio ospita al Palasa-<br />

betta la Cenerentola del<br />

girone Monopoli. Con il<br />

giovane e valido playmaker<br />

(colpito da un lutto <strong>in</strong><br />

settimana) che sarà <strong>in</strong><br />

tribuna a tifare per i compegni,<br />

i bassomolisani<br />

hanno tutte le <strong>in</strong>tenzioni<br />

di fare bott<strong>in</strong>o pieno e allungare<br />

ulteriormente la<br />

striscia positiva. Le premesse<br />

ci sono tutte. Ed<br />

eventualmente i due punti<br />

avranno un sapore e<br />

una dedica speciale.<br />

Turno di riposo forzato<br />

per la Banca Etruria Venafro<br />

che doveva affrontare<br />

il Lecce, escluso dal<br />

campionato.<br />

riposo lungo sul punteggio<br />

di 50-28. Nella ripresa c’è<br />

poco da segnalare. Il terzo<br />

quarto si apre con il brutto<br />

<strong>in</strong>fortunio della Cristiano<br />

costretta a uscire <strong>in</strong> barella.<br />

Il match ha poca storia.<br />

Il Caffé Monforte conduce<br />

le danze senza difficoltà e<br />

al Portici rimangono solo le<br />

briciole. Gli ultimi 10’ sono<br />

di pura accademia. Ladomorzi<br />

fa entrare <strong>in</strong> campo<br />

le ragazze meno impiegate<br />

durante la stagione. Si va<br />

alla chiusura con un 88-53<br />

per De Rosa e compagne<br />

che si spera possa essere di<br />

buon auspicio per i playoff.<br />

F.B.<br />

Atletica - Alla Maratona di Roma<br />

Record regionale<br />

per la Di Pardo<br />

La 16a edizione della Maratona<br />

di Roma, che si è<br />

disputata la scorsa domenica,<br />

era dedicata alla<br />

memoria di Abebe Bikila,<br />

l’<strong>in</strong>dimenticabile campio-<br />

Si sono<br />

ben comportati<br />

anche<br />

gli altri<br />

portacolori<br />

della Nuova<br />

Atletica<br />

Isernia<br />

ne etiope passato alla storia<br />

per aver v<strong>in</strong>to un titolo<br />

olimpico transitando<br />

sul traguardo dell’Arco di<br />

Costant<strong>in</strong>o alle Olimpiadi<br />

di Roma del 1960 «senza<br />

scarpe».<br />

C<strong>in</strong>quant’anni dopo ha<br />

ripetuto il gesto il 25enne<br />

Siraj Gena, connazionale<br />

di Bikila, che ha trionfato<br />

con il tempo di 2h08’39"<br />

attraversando la l<strong>in</strong>ea del<br />

traguardo a piedi nudi.<br />

Sette atleti <strong>in</strong> più dello<br />

scorso anno a questa 16˚<br />

edizione, conclusa da<br />

11.023 maratoneti.<br />

Tra di loro anche gli<br />

atleti molisani della Nuova<br />

Atletica Isernia (Nai),<br />

Venafro Sport Team,<br />

Atletica Venafro, Avis<br />

Campobasso, Polisportiva<br />

Molise, Ama, e Runners<br />

Termoli. Ma il risultato<br />

Semy e light contact - Fight<strong>in</strong>g R<strong>in</strong>g e Iron Fist <strong>in</strong> Coppa<br />

FIGHTING R<strong>in</strong>g Bojano e<br />

Iron Fist Campobasso saranno<br />

presenti alla Coppa<br />

Italia di Semy e Light Contact.<br />

Fight<strong>in</strong>g R<strong>in</strong>g Semy<br />

Contact: Cadetti Marco<br />

Abate -42 kg, Alex Carbo-<br />

ne -47 kg, Mattia<br />

Amatuzio +47 kg. Light<br />

Contact: Ettore Gentili cadetti<br />

-57 kg, Antonio e Luigi<br />

Monaco, juniores -63/69<br />

kg, Maurizio Vitone seniores<br />

-69 kg. Assente per impegni<br />

scolastici il neo cam-<br />

più importante è stato festeggiato<br />

<strong>in</strong> casa Nai. Infatti,<br />

Arianna Di Pardo,<br />

tesserata con il sodalizio<br />

pentro, ha stabilito il nuovo<br />

record regionale sulla<br />

distanza: è giunta al traguardo<br />

<strong>in</strong> 3h04’23", migliorando<br />

così il proprio<br />

primato e quello regionale<br />

di circa tre m<strong>in</strong>uti e piazzandosi<br />

21a nella classifica<br />

assoluta femm<strong>in</strong>ile e<br />

4a italiana al traguardo.<br />

Gli altri atleti della Nai a<br />

far compagnia alla Di<br />

Pardo sono stati Armando<br />

Ritucci,che ha chiuso la<br />

gara <strong>in</strong> 2h59’58" e Paolo<br />

Tortola con 3h46’02". E’<br />

stata una trasferta molto<br />

positiva dunque per gli<br />

atleti pentri che hanno<br />

confermato, <strong>in</strong> un evento<br />

così importante, di avere<br />

grandi qualità e di poter<br />

dire la loro al cospetto di<br />

avversari di grande qualità<br />

e spessore.<br />

La partecipazione alla<br />

maratona di Roma deve<br />

rappresentare un punto<br />

di partenza per arrivare<br />

ancora più <strong>in</strong> alto nelle<br />

prossime appparizioni <strong>in</strong><br />

campo nazionale.<br />

pione italiano Antonio Petraroia.<br />

Iron Fist Campobasso<br />

Light Contact: Giuseppe<br />

Cordisco -70 kg<br />

GAV, L<strong>in</strong>o Iademarco -75<br />

kg Gav, Giuseppe Ricci e<br />

Angelo Cretella +80 kg<br />

Gav Arianna Di Pardo da record

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!