Pagina 13 - Arengo Online - Comune di Rimini

arengo.comune.rimini.it

Pagina 13 - Arengo Online - Comune di Rimini

Ufficio stampa

Rassegna stampa

sabato 2 marzo 2013

Pagina 1 di 100


Il Resto del Carlino Rimini

Corriere Romagna di Rimini

INDICE

Il Cud arriva via internet, rischio caos per i pensionati

02/03/13 5

La crisi taglia visite ed esami, si rinuncia anche alla prevenzione

02/03/13 6

«Il disastro dal 2012: mancano i soldi per curarsi»

02/03/13 7

Elezioni: gli scenari

02/03/13 8

ECONOMIA, TURISMO, AMBIENTE E INFRASTRUTTURE: LE RICETTE PER ‘GRILLOLAND’

02/03/13 9

Maggioli: «Porte aperte ai giovani in gamba»

02/03/13 10

Dalle fogne al Trc, ecco lo tsunami dei ‘grillini’

02/03/13 11

«Ora i nostri sindaci non vogliono più ricandidarsi»

02/03/13 12

«I soldi per l’opera? Li metta Hera: il depuratore porterà mille camion in più»

02/03/13 13

«Gnassi, basta con le promesse Pronti a occupare la via Emilia»

02/03/13 14

«In buca con il turismo grazie ai campi da golf»

02/03/13 15

Torna il Premio Biagi, i nomi dei giurati

02/03/13 16

Noi riminesi

02/03/13 17

«Contro la tassa pronti ad azioni clamorose»

02/03/13 18

Si raffreddano le trattative con i francesi e la Costa torna in pole per l’affare

02/03/13 19

Riccione, rincarano i ‘grattini’: 5 euro per quattro ore di sosta

02/03/13 20

A14, CASELLO CHIUSO PER LAVORI

02/03/13 21

Rifiuti, la Tares fa paura Rincari dal 5 al 10 per cento

02/03/13 22

San Marino istituisce il mediatore familiare

02/03/13 23

Turismo, riviera in buca con il golf

02/03/13 24

«Aeradria, si dimettano Masini o Gnassi»

02/03/13 25

Lombardi da Samorì al Pdl Miserocchi: lo includiamo

02/03/13 26

Il Pd cerca volti nuovi Melucci scalda Magrini Fabio Galli si defila

02/03/13 27

Fipe Confcommercio: confermati Lanzetti e Callà

02/03/13 28

Santa Giustina: presi in giro dal Comune

02/03/13 29

Domenica limitazioni anche per le auto euro quattro

02/03/13 30

Commissario ad acta, si accelera

02/03/13 31

Addetti alle pulizie, stato di agitazione

02/03/13 32

Raggio Verde, nuovo asfalto per le strade

02/03/13 33

Fusione Hera-Acegas premiata Hera

02/03/13 34

Isola Verde, quattro assunzioni dopo l’accordo di Firenze

02/03/13 35

Pagina 2 di 100


Tassa soggiorno l’Aia: «Imposta che colpisce le categorie più deboli»

02/03/13 36

Stagionali, l’estate inizia il 9 marzo

02/03/13 37

Controllli nei cantieri, due denunce

02/03/13 38

I grillini: «Ponte Conca, serve chiarezza»

02/03/13 39

“Il Pellicano”, 15mila euro in dono

02/03/13 40

Ferretti, missione di salvataggio

02/03/13 41

Rifiuti, tassa allo studio

02/03/13 42

La Voce di Romagna Rimini

Siamo in attesa di un giudizio

02/03/13 43

Il guru e il nuovo ordine mondiale

02/03/13 44

Beppe Grillo, la faccia cattiva della rete

02/03/13 45

Anche il golf è un gioco di squadra

02/03/13 46

Via Bagli: anziché fluidificare il traco lungo l’asse della Fiera lo rallenta e crea pericoli agli utenti della

strada

02/03/13 47

Decisivi i giovani Auenza alta

02/03/13 48

I più sorpresi sono loro, il M5S

02/03/13 49

In calo gli sforamenti in provincia di Rimini

02/03/13 51

Ci sono voluti ben 7 anni per una rotatoria ‘vera’

02/03/13 52

“ECCO PERCHÉ SIAMO RIMASTI IN SILENZIO”

02/03/13 53

“Lo stop scelta del Comune

02/03/13 54

La circonvallazione? “Il tracciato c’è già”

02/03/13 55

Audizione Benedettini

02/03/13 56

Fiducia al cda: "così è violato è il regoalemnto"

02/03/13 57

Prevenire gli incidenti con l’aiuto dei giovani che li hanno sperimentati

02/03/13 58

ESTATE AL MARANO: IL COMITATO PRONTO A “MUOVERE GUERRA”

02/03/13 59

HANNO RAGIONE TASSA FUORI TEMPO MASSIMO

02/03/13 60

L’Aia al Comune: “Riflettete, e poi fermatevi”

02/03/13 61

La banca dona 15mila euro a “Il Pellicano”

02/03/13 62

Verdeblu in Trentino per i Mondiali di sci nordico Vacanza, sport e mare gli ingredienti principali

02/03/13 63

Nuova tassa sui rifiuti: la città fa scuola, ospitati tecnici e assessori

02/03/13 64

Gennaio nero: calano imprese e visitatori

02/03/13 65

Nuovo Quotidiano di Rimini

Santa Giustina non si arrende

02/03/13 66

“Non facciamoci la guerra tra noi”

02/03/13 67

Pazzaglia: “Gnassi chieda le dimissioni di Masini o si dimetta da sindaco”

02/03/13 68

Pagina 3 di 100


Cud, i pensionati devono andare on line

02/03/13 69

Lavoratori delle pulizie in agitazione

02/03/13 70

Domani stop alle auto in centro

02/03/13 71

Turismo in buca con il golf

02/03/13 72

Tassa soggiorno, Aia alla carica

02/03/13 73

Tares, stangata per le famiglie

02/03/13 74

Il Ponte

A poche ore dal voto, conosciamo i "prescelti"

28/02/13 75

Elezioni, ecco come e quado si vota

28/02/13 76

Carim, dopo il Comune lascia anche l'Inps

28/02/13 77

Peep Viserba-Celle: il prolungametno di via Sozzi si farà

28/02/13 78

Per il nuovo Dea sono in arrivo 10 milioni di uero

28/02/13 79

Medicina del turimo: a Rimini nasce l'istituto

28/02/13 80

Università, ulletti chide più autonomia

28/02/13 81

Nuova statael 26, Anas pronta a partire

28/02/13 82

Notai e Sportello: chiedono sempre più tutela

28/02/13 83

Tessera elettorale, se non la trovate ecco come fare

28/02/13 84

Bimillenari feo ponte di Tiberio: francobollo per l'evento

28/02/13 85

Fonte "Sacramora" voetata alle vetture

28/02/13 86

Ghiaccio in strada, in 30m all'espedale

28/02/13 87

Sito riminese vende vacanza:ma è uan truffa

28/02/13 88

Biodigestore, accuse tra Gnassi ed Hera

28/02/13 89

La finaanza recupera 300 milioni di euro

28/02/13 90

Etica nella politica?

28/02/13 91

Aumento di furti: così proteggo il "nido"

28/02/13 92

Quando la Cina fa...Centro

28/02/13 93

Da San Clemente alle Filippine grazie al vino

28/02/13 94

Addio cara costa, vado a vivere al alta quota

28/02/13 95

Un taglio ai servizi per far tornare i conti

28/02/13 96

Ss16, la variante è in strada

28/02/13 97

Banche, raccolta in crescita,

28/02/13 98

La guerra ai "furbetti" vale un tesoretto

28/02/13 99

"Tegola" affitti: il Comune aiuta 173 famiglie

28/02/13 100

Pagina 4 di 100


press unE

\‘‘

Per visoalizzare il Cud si dovrà

accedere al sito dell'Inps. A

destra, il direttore provinciale,

Alessandro Romano

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Cud va via internet,

IL NUMERO

:,\. "\\`‘,

L

ti

cittadini interes sa

Sono pensio na

riminesi che dovranno

far fronte al nuovo Ud

tetematico. L'inps di

Rimini eroga oltre 99rnita

assegni

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

rischio caos per i

e

pensionati

li documento sarà disponibile anche sul sito Inps

ARRIVA il Cud telematico e i

pensionati finiscono nelle rete.

Da quest'anno infatti la ceitiftcazione

unica dei redditi sarà disponibile

online sul portale

dell'Inps. Una modalità per abbattere

tempi e costi alla pubblica

amministrazione, ma che rischia

di creare più di un problema a chi

non è molto avvezzo a mai!, in lernet

e affini. I pensionati, ma anche

i disoccupati, per visualizzare

e stampare il proprio Cud dovranno

accedere al sito e inserire il codice

identificativo personale. Una

rivoluzione non indolore. «Ci

aspettiamo qualche problema, soprattutto

all'inizio — spiega il di-

rettore provinciale dell'Inps, Alessandro

Romano — ma siamo

pronti a fronteggiare questa novità

con tutte le nostre forze e ad aiutare

gli utenti in difficoltà».

UNA VIA d'uscita è comunque

prevista. Per i pensionati che ne

faranno richiesta sarà possibile ottenere

il Cud in formato cartaceo

attraverso uno di questi canali:

'sportelli veloci' delle agenzie

Inps provinciali (via Macanno a

Rimini, via Santa Maria Maddale-

na a Mordano e via .Marecchia

Novafeltria); postazioni informatiche

self service istituite in tutte

le strutture territoriali; posta elettronica;

'Sportello amico' degli uffici

postali pagando 2,70 ellf0;

sportello mobile per gli utenti ul.-

traottantaein.quen n i e pensionati

residenti all'estero con servizio dedicato

al rilascio con modalità agevolate

di alcuni prodotti istituzionali

e con un numero dedicato

(0541/398340) attivo dal lunedì al

venerdì dalle 8,50 alle 12,50; spedizione

a domicilio per coloro

che ne facessero richiesta attraverso

il Contact center al numero gratuito

803164; infine tramite i centri

di assistenza fiscale.

I PENSIONATI in provincia di

Rimini sono circa 50mila e ogni

mese l'Inps eroga oltre 99:mila assegni.

Filippo Graziosi

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

GLI 'SPORTELLI VELOCI'

PER IL CUCE A RIMINI,

MORCIANO A NOVAFLETRIA I eicx p.r i pe,i,)irti

Pagina 5 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

a "tala..a jel


pressunE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

La crisi taglia ite ed

da anche alla preve

In due anni si sono dimezzati i tempi di alcune prestazioni

SEMPRE MENO persone in fila

per fare esami o visite specialistiche.

L'effetto della crisi economica

è anche questo e se da un certo

punto di vista può essere positivo,

dall'altro è negativo perché viene

meno anche il fattore prevenzione.

Il fenomeno emerge con forza se

si osservano i giorni di attesa —

per quanto riguarda l'Azienda

Usi di Rimini — del febbraio

2010, quando ancora la crisi non

era percepita in tutta la sua gravità

e si rapportano con quelli relativi

a febbraio di quest'anno.

Qualche esempio (le principali

prestazioni richieste sono riportate

nella tabella a fianco): per effet-

SMìTiJCCi

«Giovani e pensionati

Le due categorie

più penaLizzate»

mare una tac neurologica, nel febbraio

2010, era necessario attendere

quattordici giorni: ora solo cinque.

Per una risonanza magnetica

alla colonna vertebrale due anni

fa si aspettavano oltre due mesi,

adesso basta un mese e mezzo,

quasi dimezzati i tempi di attesa

anche per la risonanza articolare:

da 7.3 giorni a 44. Ma scende molto

anche un esame importantissimo

per la prevenzione, la mammografia:

da 40 giorni a 25, segno

che la richiesta di prevenire il tumore

al seno è scesa drasticamente.

Scendono anche le visite di controllo,

compresa quella cardiologica,

così come quelle andrologica,

oculista, ortopedica, dermatologica.

«indubbiamente c'è una flessione

del lavoro — conferma Fernando

Santucci, direttore sanitario di

uno dei più noti e frequentati po-

liambulatori di Rimini, il Valturio

. Ecografie e test cardiologici:

è la diagnostica quella che soffre

di più, assieme alle visite specialistiche».

Alla domanda su quali siano le categorie

di pazienti che hanno allentato

maggiormente controlli e

visite, il dottor Santucci non ha

dubbi: «Sono i giovani e i pensionati

quelli che hanno più problemi.

I giovani che non hanno lavoro

e tutti quei pensionati che hanno

un reddito mensile basso e fanno

fatica a sostenere le spese minime.

Abbiamo cercato di venire incontro

a queste categorie facendo

delle promozioni, tipo la Valturio

Card, ma la situazione è molto pesante

per le persone. Per quello

che ci riguarda — prosegue —i

nostri specialisti più noti non hanno

grosse difficoltà, ma chi è meno

conosciuto sì. Diciamo che

noi siamo in pareggio e di questi

tempi è già un'ottima cosa».

Monica Raschi

LE RISOW\NZE

NELLA DIAGNOSTICA

PER IMMAGINI SONO QUELLE

CALATE DRASTICAMENTE

I GIORNI DI A>TT'ESA

„:,-i3e7s-.,, , -,,:''' 11 ''''' ,1 :' "''' ' r

PRESTAZIONE FE BB 8040 4)10 FEBBRAIO 2013 M EOIA REGIONALE

Te

í

'

Tac addome 3c 5 5 4,5

Tacee arologiche ' 14

34

3 articolare 15 '. 5

Riel'IliVel 5,,,,it‹,ng.1.0, 40

l noce 4a :i 4° 41,4°, M , e 3'' : ,2 431:56 17 46'01 8

acceco ericl.o efa

73 525 5 5 432

Ri sonanz e 40 12

E cogr"atia a ddom

Marnrriografia ,

1[1Lettr"ocal dio r

Eiettr a) .

■.f . 1 31t o acra.r,diolo glo ,,:g,i, lca

Pagina 6 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

23 29

134

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

44

:35

73

20 52

" aridrologica

9

21

14

401

oc,u1 stIca 35 29

100 18

51

'" ori.opedicci

31 16

37

f lisatr cc

23 19

3254

derrIlatotog I ...a

17

LA MAM.,UGL`,FU

ESAME PREVENTIVO

PER ECCELLENZA: ALLARMA

IL CALO DELL'ATTESA

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 3

si untile alla


press unE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■

Giorgio Ceni, direttore

Nuova Ricerca, conferma

il crollo delle attese

NUOVA RKRCA

«IL disastro

daL 2012:

mancano i solidi

per curarsi»

«NON CI SONO più liste

di attesa. Su alcune

specialità come

cardiologia, ecografie,

oculistica c'era fino a un

mese e mezzo di attesa:

adesso in un giorno o due

si fa tutto».

Giorgio Celli, direttore

della Nuova Ricerca

specifica da quando si è

verificato il crollo: «Fino

ad agosto/settembre 2012

si è andati abbastanza

bene, poi è stato il disastro.

11 fatturato è diminuito ma

tutto sommato tiene e il

nostro personale lavora

tutto perché noi puntiamo

su qualità e professionalità.

Quello che però è

preoccupante è che viene

meno la prevenzione: chi

non entra negli screening

gratuiti e prima faceva un

controllo all'anno, adesso

lo fa ogni due. E non è che

è venuta meno la volontà

di curarsi: non ci sono

proprio i soldi. Quante

volte — sottolinea —

sentiamo la persona dire

che non può venire a fare il

controllo perché ha perso

il lavoro o è in cassa

integrazione».

m.ras.

Pagina 7 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 3

LA els! la?» ecl

si rwore. unci,e oreNey.or,

.« ygni

. -04-*.k. ti *..


press unE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

NIS ".■ ■\.‘„ n n ■IN

‘,. \\\

kg, \kkg, ‘,\ \\\., \\;;\

.\\ \

I VOTI CONQUISTATI

DAL MOVIMENTO 5 STELLE

IN PROVINCIA DI RIMINI

E LA PERCENTUALE OTTENUTA

DAI 'GRILLINI': IN PROVINCIA

ORA SONO IL PRIMO PARTITO

E IL RISULTATO DEL M5S

NEL COMUNE DI RIMINI, DOVE

E IL SECONDO PARTITO

Pagina 8 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

lO tyur-uni dei `griiFni'


press unE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■

Giorgio Ceni, direttore

Nuova Ricerca, conferma

il crollo delle attese

NUOVA RKRCA

«IL disastro

daL 2012:

mancano i solidi

per curarsi»

«NON CI SONO più liste

di attesa. Su alcune

specialità come

cardiologia, ecografie,

oculistica c'era fino a un

mese e mezzo di attesa:

adesso in un giorno o due

si fa tutto».

Giorgio Celli, direttore

della Nuova Ricerca

specifica da quando si è

verificato il crollo: «Fino

ad agosto/settembre 2012

si è andati abbastanza

bene, poi è stato il disastro.

11 fatturato è diminuito ma

tutto sommato tiene e il

nostro personale lavora

tutto perché noi puntiamo

su qualità e professionalità.

Quello che però è

preoccupante è che viene

meno la prevenzione: chi

non entra negli screening

gratuiti e prima faceva un

controllo all'anno, adesso

lo fa ogni due. E non è che

è venuta meno la volontà

di curarsi: non ci sono

proprio i soldi. Quante

volte — sottolinea —

sentiamo la persona dire

che non può venire a fare il

controllo perché ha perso

il lavoro o è in cassa

integrazione».

m.ras.

Pagina 9 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 3

LA els! la?» ecl

si rwore. unci,e oreNey.or,

.« ygni

. -04-*.k. ti *..


press unE

il Resto del Carlino

~MI

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

LO TSUN io visto .

mie ie. opportunita o incubo?

«Personalmente sono per il rinnov ali

r a i 13,plraegsgi °Ti ,tep rdees1aeCnat n ne erta am-d- eir

' aCe o d

lini

dente e i

lu i

Issimo corsom e d

co e gran arte

rt dei leader pro

vi calate delle categorie -----. S'iia ella politica che del:

ategorie. Ci sono tanti giovani in gamba I1 l

ndato termina nell'estate 2014. Non avessi te mtloare

problemi, avrei già lasciato». Quanto al-

0 ostnsat,sasleuce°2redopei''e xilalgtgetr°rlito«rGiori:(leinppernòi,,ietai ssia er.,,

una sc

contro

burocrazia soffocante, mobilità carente, 'e

pori l teina della modernizzazione.: c'è molto da ftre».

«1 gri ini? Dipende da come si pongono — fa

eco la o la dell'Aia Patrizia Rinalls Se si

bare un obiettivo, si può collaborare. Se si tratta

bre polemiche tini a se stesse ,. come spesso è

accaduto a Rimini, non ci siamo. Distruggere è mol-

Pagina 10 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

P

ella C

dl Con e

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

_°, .. d ,costruire oiu

i

uo, Teme lo ieePreside-nft

ìgig

ara cella 2._____ lain i intel e _.' al 1994,

e

r

,.. e, i y; ,

p

. «.» ,

e Ri, _ ;n0 «I

socj

, grossoino

parte de,„ con( d

ser .se''mlenrre_go,le d el

::--- il ri_

gioco. Sin

r1,., ,,outav.:io.... „clii gli

sempre stratta conferma

rii:?

''tlan Uptil mi 1/4„,. .-e/In ibnt./:° ,ì df`,'

s e uPs 3..b (:) riiii 1, àC i e C, Q n f3e

verso

,o

s ' - - -e- rdejecTI ti ty i ' i rc0

. :4oar p l.

v,

i drel n

ecoord

9;

inato

. 41

ms L, ei ei no' apn ecihreelsoto una n l. a piccola

, pare

scassa

‘ s oc sc. sol. a l i1, 11.3 -;:r presa, i' e sulla l lrn a oBs trin o-

rieuk 9:5,s,..poecciivinario,

-a,„ e ahrtaorem:sais>,>terni

, de a

politoicsouti jolkeeecono

', Siamo í -- n uno op ...

e per l'e

centl.›. " / s .con e . , . dea C f

ambia

e . ,on ei sc

il nostro str ,,,

nntariato n, re si può

e vol

on

Lutti ne h

51 deve m`

llni

etti> a volte son ' ,.

anno v '1.. a

c iosa s , og la»

presidente r. ede o naif ib — h. da ' all'ero C' (Gioia- *

,

- ra ergh

°

ruoli istituzionali

1 a 13

anni da una

.,ei, l'Italia è in nell'Aia —.. fin giusto''

pungolo serve, "tiLuzionali '

0,. ma da n olianlabilità gessata. .1., ,0 ill

3o

è in emer

n son o grfgenza

da 1

tempo». empo»,

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.


press unE

Una pattuglia di grillini festanti dopo il clamoroso successo elettorale

il Resto del Carlino

~MI

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Dalle fogne al Trc, ecco lo ts dei

Le linee guida per il territorio del primo partito della provincia: ora sarà molto difficile non te ne conto

di MARIO GRADARA

DAL SISTEMA fognario all'aeroporto,

dal palas al Tre, dalla spiaggia

alla viabilità. Dopo il boom

elettorale vediamo come sarebbe

il mondo (o meglio, Rimini e dintorni)

visto dai grillini.

Fogne, «Il piano delle fognature

del Comune di Rimini, del costo

di quasi un miliardo di curo, è e resterà

un libro dei sogni irrealizzabile:

parte della rete non è separabile

dice Luigi Camporesi, capogruppo

M5S in consiglio a Rimini

--. Ce l'hanno confermato

due ingegneri idraulici, uno del

settore pubblico e uno del privato,

cui abbiamo chiesto una valutazione

di adeguatezza del piano: 'non

giudicabile'. Meglio un concorso

di idee, o la 'soluzione Rotterdam';

grandi vasche dove far sibgare

i reflui nelle emergenze, per poi

depurarli».

Spiaggia. «Il demanio, spiaggia in

primis, appartiene alla collettività

— attacca Andrea Brandii, coordinatore

del gruppo di studio del

M5S che si occupa da tempo

dell'argomento e di turismo

Che deve decidere come utilizzar-

lo al meglio. Più spiagge libere, fino

al 20%, tutela dei piccoli imprenditori

(bagnini), meno cemento

e più tende». «La spiaggia di Rimini

ha assunto un valore — aggiunge

— non solo per i bagnini,

che però dovrebbero pagare canoni

più congrui, ma per tutta la libera.

Il Piano dell'arenile è stato partorito

dal Pd senza tenere conto

della collettività. Noi siamo per

migliorare, non per stravolgere».

Tre. «Spesa folle e strumento inutile,

noi non lo vogliamo — attacca

Fausto Battistel, coordinatore

del gruppo di studio su Trc e Mobilità

— perché accentua la frattura

tra mare e monte, rafforzando la

barriere. Andrebbe invece potenziata

la linea 11, togliendo le auto

progressivamente dalla zona mare

e ampliando la sede stradale usata

dai bus, sostituendoli con mezzi a

energia rinnovabile. Chiediamo

anche più bus 'verticali', tra mare

e monte, per servire parcheggi

scambiatori sopra la ferrovia».

Mobilità. «Da quasi 15 anni il Comune

di Rimini è inadempiente

— prosegue Battistel — non avendo

mai applicato il Piano mobilità

di legge, con puntuali verifiche di

dati fatti da un ente terzo».

Aeradria: «Appena insediati —

spiega Carla Francini, consigliere

comunale — già il 28 luglio 2011

abbiamo evidenziato la gravità della

situazione economico-finanziaria,

la forte esposizione debitoria.

Pagina 11 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Abbiamo sin dall'allora ipotizzato

gli scenari che si sono poi verificati.

Non abbiamo mai avute risposte

su: sostituzione del management

immediata, e ad agosto 2612

l'azione di responsabilità nei confronti

degli amministratori di Aeradria

da parte dei soci. Quello

che serve oggi? L'unica cosa da fare

è attendere le decisioni di altri

soggetti istituzionali che si proflUnceranno,

tribunale e procura.

sostituzione management e quando

ci sarà chiarezza trovare un socio

di maggioranza privato per alleggerire

le casse pubbliche».

Fiera e Palas: «La situazione —

prosegue — dell'esposizione è

piuttosto marcata. Bisogna evitare

che la situazione precipiti. Per far

ciò è indifferibile un accordo a livello

politico per la gestione in rete

del sistema fieristico provinciale

(compreso Riccione). E poi trasparenza

assoluta sulla gestione. A

oggi, a fronte di una serie di nostre

richeiste al presidente Cagnoni nega

alcuni dati operativi rilevanti,

non esplicitati nel bilancio. Serve

un quadro chiaro per decidere l'assetto

futuro del sistema fieristico».

W 1.9w:uni dei


pressunE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■

\,„ N T PD

NEL

i nostri sind

non vogliono più

ricandidarsi»

DALLA VALCONCA le accuse

più forti. «Grazie agli errori

fatti dal partito abbiamo 'regalato'

la valle al Movimento 5

Stelle», ha tuonato, a un certo

punto, il segretario del circolo

Pd di San Giovanni, Corrado

Palmetti. Non è stato l'unico a

mettere il dito nella piaga, nel

durissimo faccia a faccia avvenuto

ieri pomeriggio tra il segretario

provinciale Pd e neodeputato

Emma Petitti, e i segretari

dei vari circoli. Un confronto

serrato, in cui la Petitti

ha cercato, senza riuscirci troppo,

a placare gli animi e chi già

era pronto al 'regolamento dei

conti'. Il segretario ha ribadito

che, prima di indire i congressi,

bisognerà attendere la formazione

del governo. Ha ripetuto

come tra gli errori principali

il Pd abbia mancato il confronto

coi quartieri, con i cittadini,

ma serva più che mai responsabilità

in questo momento.

LA STRADA della Petitti e di

Federico Bellini, il segretario

comunale Pd, è ormai segnata.

Dovranno dimettersi, e potrebbero

essere gli stessi componenti

della direzione provinciale

del partito, lunedì, a chiedere

più o meno esplicitamente

un passo indietro. Anche per-

RIUNIONE DI FUOCO

CON I SEGRETARI

Emma Petitti fa autocritica

ma te sue dimissioni

e quelle del segretario

comunale Bertini

sono ormai scontate

ché la situazione è tragica. «In

Valconca — rivela Oriana Bertuccioli,

uno dei referenti dei

circoli Pd della valle — abbiamo

molti dei sindaci al primo

mandato che, dopo la 'botta finale'

delle elezioni politiche e

H boom di. Grillo, non se la sentono

più di ricandidarsi. Stiamo

facendo una gran fatica a

trovare persone, anche giovani,

disposte a impegnarsi in politica».

Insomma, manca il ricambio.

Proprio quello a cui invece

anela H Pd, a parole: tutti

ieri alla riunione dei segretari

si sono riempiti la bocca con la

parola «rinnovamento». «Quello

è necessario — attacca Paolo

Morolli, segretario Pd a Viserba

— ma certo con il voto i

nodi sono venuti al pettine, Al

Pd qui non hanno mai perdonato

le bollette pazze del teleriscaldamento».

Anche alle Celle

i problemi irrisolti da anni

hanno influito sul voto, anche

se H consigliere e segretario Sara

Donati assicura che «il urnd

nazionale di voto ha pesato più

dei problemi delle Celle». «Abbiamo

sbagliato in pieno tutta

la campagna elettorale: questo,

e i problemi irrisolti, come la

circonvallazione di Santa Giustina,

hanno fato il resto», gli

fa eco Ettore Paglierani.

Manuel Spadazzi

Pagina 12 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press unE

il Resto del Carlino

~MI

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

sotdí per l opera?

LI metta Fiera: ì dei '

porterà m tLe ramo

CHEISIA eirc

San urtino; o cc,

un curo a blla'n'''''ora rt

poco

adsi toèa esP: an. :!gt,t2npea' r7gr pepear2lntiediiso, condotta di Rimini

nord ,ina ,ii7or attacca

242 laatl.:a zo.ii. comitatoog dice'

almeno

Caso G a`si, continua il

17 de'12122be almeno e

all'anno

contaie bio gas , i 5-10 mezzi wzzi diretti più' attacentrale senza

. n giorno D

ci:reerfznil 'cael 1'; ''';71;(f: "'nove tp'.-reimn9is:e' uov lrarenntc; i.sj tle:;:à1

Pagina 13 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 6

,12 con pr-nrnss,

o,rup,e la


pressunE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

«Gnassi, basta con le promesse

Pronti a occupare la via affilia»

Santa Giustina in rivolta dopo l'incontro col sindaco

A PALAZZO GARAMPI ci torneranno

presto. Ma stavolta saranno molto meno

disponibili al dialogo. «O il. sindaco Gnassi

ci ascolta, una buona volta per tutte, e si

impegna a fare quello che il consiglio comunale

(non noi) ha approvato nel 2011,

o noi inizieremo a bloccare tutti i giorni il

traffico sulla via Emilia».

ARRABBIATI.? No, di più. Perché i residenti

di Santa Giustina sono «stufi» di sentire

promesse non realizzate, e di ascoltare

«bugie su bugie» dagli amministratori comunali.

E l'incontro di mercoledì con il

sindaco, con relativo resoconto di Gnassi,

ha fatto andare su tutte le furie stavolta i

cittadini. Dal comitato 'Santa Giustina c'è

da sempre' al circolo Pd, è un coro unanime:

subito la circonvallazione, per far 'respirare'

la frazione sommersa dai camion

e dal traffico. Fuori i soldi per «mitigare

l'impatto del depuratore e della centrale

di bio-gas in corso d'opera». Via da Santa

Giustina la Ss16, nonostante l'ipotesi del

nuovo tracciato preveda che passi propri

da qui. Un coro unanime di proteste, una

voce che si è alzata forte ieri quando Giuseppe

Fabbri, a capo del comitato, ha chiamato

a raccolto i cittadini (una cinquantina

i presenti) e la stampa, per «raccontare

tutta la verità su Santa Giustina» e sull'incontro

avuto con Gnassi. «Il sindaco non.

può dire che la nuova circonvallazione è

bloccata dalla Provincia. Parlano gli atti:

non è vero — tuona Fabbri — Il progetto

LA OL,EhlKA

«Non è vero che la nuova strada

è stata bloccata dalla Provincia:

a congelarla è it Comune»

della strada è stato approvato in consiglio

comunale all'inizio del 2011, eppure il 28

aprile dello stesso anno (a pochi giorni dalle

elezioni) il Comune, per mano di un dirigente

e dell'assessore Biagini, chiede di

sospendere la circonvallazione, per fare alcuni

approfondimenti. La Provincia non

ha firmato alcun atto contro la circonvallazione».

DA ALLORA non si è più mosso nulla.

Santarcangelo però il suo pezzo di circonvallazione

l'ha fatto (e quasi finito), mentre

Rimini ha nel progetto un cassetto da

anni. ((Noi non ci stiamo all'ipotesi ventilata

da Gnassi di fare la circonvallazione

fino al cimitero, e non fino a San Martino.

Non risolverebbe nulla — attaccano ancora

Fabbri e Pietro Berti — come ha dichiarato

lo stesso Comune di Rimini in passato»,

Quindi, «noi dialogheremo con Gnassi,

a patto che la circonvallazione si faccia

fino a San Martino». E che il Comune non

vada avanti con la 'nuova' Ss16. «Che senso

ha farla passare da qui, togliendo terreni

all'agricoltura e peggiorando il traffico?

Se ci portano qui l'Adriatica, vogliamo anche

il mare!». «Il colmo — rincara Berti

—è che Gnassi stesso ci ha detto: tranquilli,

la complanare della Ss16 non si fa, non ci

sono i solai! E allora perché il Comune non.

modifica il progetto?». Domande e interrogativi

che il comitato tornerà a porre a

Gnassi, dopo l'assemblea pubblica di gio-

vedì. E se Gnassi non vi ascoltasse? «ir or-

neremo a protestare in strada».

Manuel Spadazzi

Pagina 14 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

I MILIONI DI EURO

NECESSARI

PER COSTRUIRE

IL NUOVO PERCORSO

Pagina 6

ro.gi ,10,14,--11:1,ial nil

ard.


press unE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

PROGETTO LA PROVINCIA PUNTA SU UN SE I I ORE MOLTO RICCO

«In buca con il mo

p:* e al pi da golf»

Appello agli albergatoti: «credeteci di più»

SONO TURISTI modello. Viaggiano in bassa stagione,

portano la famiglia, si fermano per una settimana

e 'arricchiscono' il territorio. Il golf per fare

uscire il turismo dalla crisi. La ricetta la stanno cercando

insieme San Giovanni in Marignano e Verucchio

con i loro Riviera Golf Resort e Rimini-Verucchio

Golf Club con la regia della Provincia. «Questo

protocollo d'intesa a tre — spiega l'assessore provinciale

Fabio Galli vuole favorire un filone del turismo

sportivo che può diventare una risorsa. Basti

pensare che al mondo d sono 64milio:ni di golfisti e

il settore ha un trend di crescita dein% all'anno».

San Giovanni in Marignano ha investito sulla struttura

sin da metà degli anni Novanta. «Ci abbiamo

sempre creduto — spiega il sindaco Domenico Bianchi

— e la struttura negli anni è stata migliorata.

Sport e vacanza si abbinano meglio se le strutture so-

Pagina 15 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

WWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWW,

LE CIFRE

goLf ha grandi

potenziatità per it

turismo: è praticato da 64

milioni di spettatori

it:$ettore aumenta detr8

er cento atranno ed è

composto da turisti che

con la famiglia e

retnc per più giorni

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

no di eccellenza». Al coro si unisce il sindaco di Verucchio,

Giorgio Pruccoli. «Verucchio ci ha sempre

creduto racconta e non è stato facile dal punto

di vista politico convincere tutti. Questo protocollo

serve a dire agli operatori che noi ci siamo, nonostante

il momento di difficoltà». I numeri sono in crescita.

«Attualmente abbiamo circa 300 soci — spiega il

presidente del Riviera Golf Resort, Giovanni Ming,tizzi

e partendo da 3mila presenze, ora siamo arrivati

quasi a 7mila all'anno». A tirare le orecchie

agli albergatori della riviera ci pensa il direttore generale

del centro di San Giovanni, Filippo Spanò. «Gli

albergatori coinvolti — spiega — hanno risposto un

po' meno rispetto agli amministratori. Latitano perché

ancora non hanno capito la grandezza del turismo

legato al golf».

Donatella Filippi

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

naorilmisuo

w-ae ai curpi fin gch


pressunE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Paolo Maggioli, vicepresidente

Confindustria Rimini

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Torna il Premio Biagi, i nomi dei giurati

esaminare le candidature ci saranno anche Bruno Vernocchi e Paolo Maggioli

TORNA il 15 marzo il Premio

Marco Biagi-il Resto del Carlino

per la Solidarietà Sociale. Che, come

dalla prima edizione, anche

quest'anno si fregia dell'Alto Patronato

del Presidente della Repubblica.

Il premio è rivolte) - come

nel 2012 - a tutte le associazioni

senza fini di lucro che operano

nei territori di Bologna, Cesena,

Ferrara, Forlì, Imola, Modena,

Ravenna, Reggio Emilia e Rimini.

La giuria che assegna i riconoscimenti

si riunirà venerdì 8 marzo

per esaminare le candidature e

attribuire i premi. Il presidente è

Giovanni Morandi, direttore di.

QN Quotidiano Nazionale e il Resto

del Carlino.

ECCO l'elenco dei giurati: Vincenzo

Aiello (già dirigente dell'Ufficio

scolastico provinciale di Bologna

e Reggio Emilia); Marina

Bondi (direttore del Dipartimento

di studi linguistici e culturali

dell'Università-degli Studi di Modena

e Reggio Emilia); Cristina

Carbognani (vicepresidente della

Fondazione Manodori); Piergiuseppe

Dolcini (presidente della

Fondazione Cassa di Risparmio

di Folli); Fiorenzo Facchini

(Monsignore, sacerdote della Diocesi

di Bologna e Professore Emerito

in Antropologia all'Alma Ma-

ter); Paolo Maggioli (vicepresidente

di Confindustria Rimini);

Lanfranco Gualtieri (presidente

della Fondazione Cassa di Risparmio

di Ravenna); Mauro Lugli

(già presidente del Tribunale di

Modena e già presidente della

Commissione Tributaria Provin-

ciale di Modena, attualmente è difensore

civico di ateneo dell'Università

degli Studi di Modena e

Reggio Emilia); Paola Monari

(professore ordinario del dipartimento

di Scienze Statistiche 'Paolo

Fortunati' dell'Università degli

Studi di Bologna); Luigi Mon-

luschi (già professore ordinario di

diritto del lavoro nella facoltà di

Giurisprudenza dell'Università

degli Studi di Bologna, è condirettore

della Rivista Italiana di diritto

del lavoro, membro del Comitato

Scientifico della Fondazione

Marco Biagi, membro del comitato

scientifico della Fondazione

Giuseppe Pera, Montuschi è stato

il maestro di Marco Biagi); Pasquale

Nappi (professore associato

e delegato del rettore per la

disabilita dell'Università degli

Studi di Ferrara); Domenico

Olivieri (presidente Cooperativa

Sacmi Imola); Bruno Vernocchi

(vicepresidente della Fondazione

Cassa di Risparmio di Rimini);

Bruno Piraccini (presidente della

Fondazione Cassa di Risparmio

di Cesena); Giuseppe Rossi (consigliere

della Fondazione del Monte

di Bologna e Ravenna, vice presidente

di Confindustria Ravenna);

Fabio Bacchilega (consigliere

della Fondazione Cassa di Risparmio

di Imola); Paolo Zurla

(professore ordinario di Sociologia

e coordinatore del corso di laurea

triennale in Sociologia della

scuola di Scienze Politiche 'R.

Ruffilli' di Forlì).

Il segretario organizzativo del premio

è Pierluigi Masini, direttore

marketing della Poligrafici Editoriale

spa.

Pagina 16 di 100

Sotto l'Alto Patronato

del Presidente della Repubblica

q

.Rsto Chr,:ino

Pe r la Sotidanete Sociale

20 13 15 MARZO

t

CON I PATROCINI DI


Camera Ce, ueputab

Ministero peri Beni

e le Atbvita Culturali

Provincia di Bologna

Provincia di Ferrara

Provincia di Ravenna

Provincia diRengio Emilia

Comune di Cesena

Comune d, Ferrara

Comune di Fori,

Comune di Ravenna

Comune di Rimini

Alma Mater Studiorum di Bologna

Camera di Commercio di Bologna

Camera di Commercio di Farli Cesena

Camera di Commercio di Ravenna

Camera Commercio di Reggio Emilia

Pagina 9

To..n.i il P12,11) Ithoti, i anoli Jeiridthti


press unE

il Resto del Carlino

~MI

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Noi riminesi di STEFANO MUCCIOL1

Griffin?, le insidie del potere

EGREGIO direttore, qual è la differenza fra quei -

parole del cronista - quattro gatti festanti in piazza

Cavour per la vittoria di Grillo e la marea umana

che avrebbe invaso la stessa piazza se il Pd non

avesse subito una sconfitta così amara, netta, sonora?

Perche le decine di migliaia di persone che hanno

votato 'l'ultima speranza' non si sono precipitate

la sera di lunedì nella stessa piazza dove un mese

fa il lider maximo' aveva arringato migliaia di riminesi?

Bon, ve la dico io la differenza fra l'elettore

Cinque Stelle e l'elettore Pd: il primo non .mangia

dalle mani del partito! Ha votato Grillo in buona

fede non ha ricevuto riè si aspetta nè riceverà

favori o favoritismi! Non ha un'associazione che si

approvvigiona dalla Provincia, non è consulente

del Comune né impiegato, non ha una coopaativa

in partnership con qualche assessorato ecc. ecc.

ecc: penso di essermi spiegato. Allora cosa aspettano

gli esponenti del Pd locale a togliere il disturbo

a favore di gente pulita, immacolata, cristallina,

senza armadi pieni di scheletri?

a. a.

Pagina 17 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

GENTILE lettore, nei ftsteggiamenti dei grillini ho

colto quella spontaneità. quell'entusiasmo e quella

voglia di cambiamento che, in momenti diversi, mi e

capitato di vedere un i volontari delle Feste dell'Unità,

di Forza Italia e della Lega. Il Movimento 5

Stelle, per usare un concetto di Francesco Alberoni,

in questo momento sta vivendo il suo 'stato nascente'.

E' in una sorta di innamoramento con gli elettori

che speriamo possa Icire molto bene al nostro Paese.

Ricordiamoci, però, che è il potere a indurre i politici

in tentazione: i potranno essere giudica--

ti sino in fondo solo quando toccherà anche a loro

gestirlo.

Le lettere (rriax 15 righe) vanno indirizzate a

ll Resto del Cartina

Piazza Cavour. 4 - 47900 RIMINI

Tel. 0541 I 4:A111- Fax: 0541-51104

@ E-mail: cronaca.rimini@iicarlino.net

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.


press unE

il Resto del Carlino

RIMINI

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

\

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

S,BZRCA7OK PER IL NO ALL'IMPOSTA DI SOGGIORNO L'AIA DICHIARA 'GUERRA' AL COMUNE

«Contro la a pronti ad .oni cl °rose»

GLI albergatori sono decisi a inasprire

la battaglia sull'imposta di

soggiorno, definita «abominio di

strategia commerciale e mostruosità

di programmazione economica».

Per nulla intenzionati ad accollarsi

questo fardello sono pronti

a intraprendere azioni più forti e

pubbliche, che coinvolgeranno tutta

la città. Determinante sarà l'assemblea

di giovedì, dalla quale potrebbero

scaturire gli input per manifestazioni

eclatanti, anche tipo

quelle messe in atto nel novembre

2011 in piazza Matteotti con la partecipazione

delle rappresentanze

degli albergatori, arrivati da tutta

l'Emilia Romagna. Sta di fatto

che, a meno che il Comune non ci

ripensi, partirà quella che è già stata

definita la «fase h» , perché come

ribadisce il presidente Bruno

Bianchini: «Il buon senso va affer-

mato con le buone o con le cattive».

Dall'Aia parte intanto l'ennesimo

appello al Palazzo: «A tutti

gli amministratori che hanno ancora

un po' di buon seriso_rifiettete.

Fermatevi! Non è questa la strada,

non fatelo perché è sbagliato.

Non ragionate pensando a quello

che è più facile, ma piuttosto a

quello che serve al nostro sistema

economico... Non inseguite le sirene

dei vicini». Su tutto l'ombra

delle disdette dei turisti che, con

la scusa del nuovo balzello, potrebbero

cambiare facilmente hotel o

destinazione. Se non chiedere anche

i danni. «L'approvazione in

marzo dell'imposta di soggiorno

da applicare nell'estate 2013 spiega

l'Aia in una nota rappresenta

un abominio di strategia commerciale

e una mostruosità di programmazione

economica, perché

prenotazioni già definite, contratti

con agenzie e con tour operator,

già firmati da mesi, dovranno essere

ridiscussi, riconoscendo per legge

al cliente, o all'operatore di riferimento,

la facoltà di ridiscutere e

PAROLE M FUOCO

«Abominìo di strategia

e mostruosità di

programmazione economica»

recedere tutte le condizioni per

maggiore onerosità sopravvenuta:

senza penali, senza preavviso... e

probabilmente alla fine senza

clienti. Perderemo credibilità anche

all'estero, proponendo un'immagine

confusa e la solita incapaci-

Pagina 18 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ta di pianificazione delle amministrazioni

locali». L'Aia osserva,

inoltre che questa imposta «colpisce

le categorie più deboli nella vacanza,

un bene ormai primario per

ogni famiglia» e punta così il dito

contro I 'improvvisazione. «Riccione

decide di manifestare uno dei

lati peggiori della propria

italianità sbotta , pur nella consapevolezza,

che un atteggiamento

di questo tipo rappresenti un atto

contro i propri interessi, di masochismo».

Poi l'ultimo siluro: «Sicuramente

alcuni clienti sono già

ansiosi di pagare l'imposta, considerandola

un equo corrispettivo

per il servizio musicale notturno,

offerto in alcune zone della città o

per l'attività sessuale, offerta lungo

le principali strade da cortesi signorine».

Nives Concolino

Pagina 3

rtrrecUann in trettative cen rraree i

la CesiaUmna in mie pe- reltire 52%

.


pressunE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

PARCFU COMPAGNIE DES ALPES NON CON VIN TA DAI CONTI DI OLTREMARE E AQUAFAN

Si raffreddano le trattative con i francesi

e la Costa torna in pole per l'affare

pi».

CONGELATI sulla via Des Alpes.

A quanto emerge sulla trattativa

a porte chiuse per la cessione

dì Aquafan e Oltremare, le intenzioni

della Compagnie Des Alpes

(il colosso francese che ha puntato

da mesi gli occhi sui parchi riccionesi)

si sarebbero parecchio raffreddate

negli ultimi tempi. Alla

base di queso 'raffreddamento' ci

sarebbero delle questioni di natura

squisiatmente economica, che

hanno messo un freno alla trattativa.

Al momento dalla Valdadige,

RIFLESSIONE

H. colosso det divertimento

d'ottratpe si è preso tempo

per valutare i biLand

la società proprietaria dei parchi

tematici sulla collina della Perla

verde, non vengono dati riferimenti

precisi, anche se i boatos intanto

continuano rinconersi.

«LE TRATTATIVE proseguo-

no si limita a dire Sergio Lu-

nardi, presidente della Valdadige

Non poniamo limiti di tempo

a una trattativa che è così complessa.

Serve tutto il tempo necessario».

Tuttavia la stagione è alle

porte e se non verrà trovata la quadratura

del cerchio al pii] presto,

l'estate potrebbe iniziare di nuovo

con la Valdadige al comando

delle operazioni. «Le attività dei

parchi sono avviate e anzi, non si

sono mai fermate, non ci sono problemi

in questo senso e nemmeno

sul fronte del personale» spiega

ancora Lunardi, Perciò «le trattative

possono procedere con i tempi

dovuti, non abbiamo intenzione

di fare alcuna forzatura sui tem-

NEL FRATTEMPO alla finestra

resta il gruppo Costa edutaininent,

che in questi mesi non ha

mai perso la speranza di poter

piantare la bandierina sulla collina

riccionese, anche quando Compagnie

Des Alpes pareva in netto

vantaggio. Come ammesso da parte

dello stesso Lunardi, la trattativa

è complessa e da molti mesi Costa

(come pure i francesi) sta ana-

lizzando la situazione economica

e i bilanci dei parchi Aquafan e

Oltremare, con l'obiettivo di fare

chiarezza e poter formulare così

un'offerta economica. Sarebbero

state, secondo indiscrezioni, proprio

queste verifiche a far riflettere

parecchio il gruppo transalpino

sull'opportunità o meno di procedere

con l'acquisto di Oltremare

e Aquafan, cosa che ora potrebbe

rimettere in pale position il

gruppo Costa.

a.ol.

Pagina 19 di 100

Pagina 13

mi i fi aicrsi

rrOr :or"


press unE

Riccione, rincarano i 'grattini': 5 euro per quattro ore di sosta

PER il parcheggio del lungomare della Repubblica,

tra i piazzali Roma e San Martino, per

quest'estate si profila il rincaro, Il gattino dovrebbe

passare dai 2,8 ai 5 euro per quattro ore di

sosta anche se si sta ragionando su nuove formule

di abbonamento. Questo accade perché la gestione

dei posti auto, che per due stagioni era stata

dell'Ufficio Traffico, dovrebbe essere ripresa

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

dalla Bonatti S'pa. di Parma e le altre società.

Grande il malumore tra le associazioni, Bruno

Ferri dell'Upa preme affinché «si vada a trattare

con i privati». Durante un incontro con le categorie

c'è chi ha proposto al Comune di mollare il

Tic e di acquistare e gestire direttamente i posti

auto del lungomare. intanto la discussione si focalizza

sui grattini che, con il rincaro, danneggia-

otsrs.h.

Pagina 20 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

no soprattutto gli operatori di spiaggia. «Siamo

fortemente preoccupati si sfoga i/ presidente della

Cooperativa Bagnini, Enzo Manzi . Tra

questo aumento, tassa di soggiorno, debiti e turisti

che rischiano di calare non sappiamo come fare!

Per pagare meno i grattini l'assessore Lanfranco

Francolini ci ha proposto di comprarne in

blocco 2530.000, ma se poi ci restano in casa?».


press LinE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

4, CASELLO CHIUSO PER LAVORI

IL CASELLO di Cattolica resterà chiuso

dalle 22 di lunedì fino alle 6 di martedì per

tutti i mezzi in uscita e che provengono da

Bologna. Lo rende noto Autostrade per

l'Italia che spiega la chiusura con la

necessità di effettuare lavori di

manutenzione con carattere di urgenza.

L'uscita consigliata è quella di Riccione.

Pagina 21 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 15

i --

in'aseate i x -xd: de Ureelo

T. ex r,si'lertePienini va xile sire


pressunE

il Resto del Carlino

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

',',52 SPARISCE LA TARSU, 30 CENTESIMI IN PIU' AL METRO QUADRO

Rifiuti, la Tares fa pa

Rincari dal 5 al 10 ner cento

L'assessore Menai& «Siamo un modello per i Comuni,»

DA TARSU a Tares, ma sempre

dì rifiuti si tratta. Cambia il nome

della tassa sulla ‘inonnezza', e

cambia (ovviamente in peggio) ali.-

che quanto dovranno sborsare i

cittadini. Mentre a Rimini (che

non ha la Tarsu ma la Tia, cioè si

paga a tariffa) si annunciano aumenti

del 12-15%, «in gran parte

dovuti ai più 0,30 centesimi a metro

quadro che ci chiede lo Stato»,

spiega l'assessore al Bilancio di

Palazzo Garampi. Gianluca Brasini,

a Bellaria si conta di limitare i

rincari «al 2-3%, o poco più, noi

non abbiamo l'Iva da recuperare,

come i riminesi», dicono dal Comune.

Un dato che sembra ottimistico,

considerando che il più 0,30

cent a metro quadro scatta in automatico

ovunque. «Ma non non applicheremo

i 10 centesimi facoltativi

aggiuntivi», dicono dall'amministrazione

Ceccarell i. Più realistici

aumenti del 5-10%. A Rimini

la cosa è ancora da decidere.

Ma anche a Bellaria (come dappertutto)

la stangata ci sarà per le famiglie

numerose (un paradosso).

Il nuovo principio che introduce

la Tares è far pagare di più chi produce

più rifluiti. L'altro giorno

Bellaria Igea Marina ha organizzato

un incontro su Tares e bilancio

con 15 comuni del Riminese,

compreso il capoluogo e Riccione.

L'assessore Riccardo Magnani

(Pii) afferma: «Molti comuni

sono alle prese con le criticità del

passaggio al nuovo tributo: abbiamo

pertanto accolto la richiesta di.

condividere il percorso compiuto

dal Comune di Bellaria Igea Mari-

5,W.550 'CNTENUTO'

«Non applicheremo i

10 centesimi facoLtatitivi,

s paga motto dì più a Rimini»

na». Insomma, qui si fa scuola, sostiene

Magnani. L'idea è nata il

mese scorso in occasione di un incontro

in Provincia con Atersir,

l'autorità di vigilanza che intermedia

tra gli enti locali e il gestore

del servizio, nella fattispecie Hera.

«In quell'incontro — spiega

l'assessore Magnani sono emerse

le difficoltà incontrate da molti

comuni nell'elaborazione delle tariffe

e nel dover redigere un IRE il-

Pagina 22 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

vo regolamento, non da ultimo

per le implicazioni sui bilanci conninali.

A Bellaria Igea Marina,

che già nello scorso dicembre ha

approvato il bilancio di previsione

2013, è stato chiesto pertanto

di condividere il percorso compiuto

per il passaggio al nuovo tributo:

abbiamo accolto l'inp in positivamente

e abbiamo inteso intavolare

un confronto in cui condividere

spunti e fornire suggerimentio

sulla base del nostro operato».

Tra le questioni emerse durante il

confronto di giovedì, l'esigenza di

approvare regolamenti uniformi,

o quanto meno dotati di punti comuni

trasversali, secondo anche

il principio di trasparenza amministrativa,

oltre che l'esigenza di

omogeneizzare le tempistiche per

gli adempimenti: in entrambi i casi,

si punta soprattutto a una semplificazione

delle procedure a carico

dei cittadini. Nella stessa direzione,

«la consapevolezza espressa

dal tavolo di lavoro sulla necessità

di elaborare tariffe più contenute

possibile per quanto concerne

il carico fiscale sui contribuenti».

mgra.

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 16

RAmi ia TareS fA »mio

R.Puri hi 5 al ia Onún


pressunE

il Resto del Carlino

RIMINI

Direttore Responsabile: Giovanni Morandi

CON,s,GL.,'0 ESAMINATI 50 DECRETI LEGGE

San Marino istituisce

il mediatore familiare

RETRIBUZIONI dei direttori di dipartimento, concorsi, pubblica garanzia

sui finanziamenti erogati da Banca Centrale, interventi a sostegno

del sistema finanziario, cooperazione sociale, i provvedimenti su

canoni di locazione e accise carburanti. Nella giornata di ieri il Consiglio

grande e generale è ripartito dall'esame dei decreti delegati e decreti

legge, oltre 50. Passa in seconda lettura il progetto di legge sull'Uso

delle comunicazioni elettroniche e dell'e-commerce e in prima In prima

il progetto che istituisce la figura di un mediatore famigliare. «Un

aiuto — ha spiegalo il segretario di Stato agli Interni, Gian Carlo Venni-

:t-irti — a quelle coppie in procinto di separarsi. Una figura che opera in

maniera neutrale e in una collocazione extra processuale. Una figura,

che è occasione per i coniugi di dare il meglio di sè e utilizzare componenti

adulte e positive, per riorganizzare le loro relazioni. Il mediatore

fàmiliare viene attivato dai genitori e, assicurando imparzialità e riservatezza,

facilita il confronto rispetto al rapporto con i figli e a temi oggetto

di discussione».

Pagina 23 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 18

gaI die i I_e i '

,peste ailIrragsIrltLrt


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Turismo, riviera in buca con il golf

Protocollo per promuovere i campi di Verucchio e San Giovanni

RIMINI. Nel mondo viaggiano 25 milioni di

turisti che si muovono per giocare a golf, per

un giro d'affari in Europa da 50 miliardi. L'obiettivo

del protocollo d'intesa siglato ieri dalla

Provincia e dai Comuni di San Giovanni in

Marignano e Verucchio è di intercettarne una

fetta, attraverso due eccellenze sportive: il Riviera

Golf Resort di San Giovanni e il Rimini-Verucchio

golf club. Due attrazioni che saranno

il perno degli impegni e delle azioni future

della campagna turistica che avrà l'obiettivo

di attrarre in numero più alto di turisti per

favorire le due strutture e, soprattutto, le attività

del territorio, alberghi in primis, con la

promozione di un prodotto specifico e magari

la costituzione di un consorzio di alberghi.

Una strategia che si inserisce nel progetto

"Malatesta & Montefeltro" che ha l'obiettivo di

promuovere e costruire un prodotto turistico

L'assessore Fabio Galli t indaci Domenico Bianchi e Giorgio Pruccoli

Pagina 24 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

dell'entroterra autonomo. Lo scopo ora è quello

di incrementare le migliaia di presenze annue

che vantano le due strutture, le 7mila del

Riviera Golf Resort (per 300 soci) e le 8mila circa

di Verucchio (250 soci).

«Quello del golf è un settore nuovo e in forte

sviluppo - afferma Fabio Galli, assessore provinciale

al turismo - tale da crescere costantemente

a livello internazionale al ritmo

dell'8 % l'anno. Il turista golfista ha, inoltre una

capacità di spesa medio-alta».

L'età media è infatti tra i 45 e i 65 anni, spende

circa 90 euro al giorno (escluse le spese di

vitto e alloggio) contro la media dei 54 del turista

classico. «I190 % della spesa dei turisti va

al territorio - spiegano dalla direzione del campo

da golf di Verucchio - solo il 10 % va al gioco,

ma il mondo alberghiero fa infatti molta fatica

a capire l'opportunità che può nascere».

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 6

Cronaca d M m


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

«Aeradria, si dimettano Masini o Gnassi»

Il consigliere di Sel chiede che sia rispettata la volontà del consiglio comunale

RIMINI. Ormai quella di Fabio

Pazzaglia potrebbe sembrare u-

Il sindaco na sorta di fissazione: le dimissio-

Andrea ni del sindaco Andrea Gnassi. Il

Gnassi consigliere comunale di Sel Fare

e il comune le ha già chieste sull'onda

presidente del boom grillino alle ultime ele-

di Aeradria zioni politiche. Ora torna sull'ar-

Massimo gomento perchè il primo cittadino

Masini ha la colpa di non avere dato se-

guito all'ordine del giorno approvato

in aula e con il quale si chiedeva

l'azzeramento dei vertici di

Aeradria, a partire dal presidente

Massimo Masini. Invece non è

successo niente. Anzi.

«E' di un paio di giorni fa - ricorda

Pazzaglia - la notizia che i

soci di Aeradria hanno riconfer-

mato la fiducia a Masini e al cda.

Siamo di fronte a un fatto grave

perchè in questo modo il socio Comune

ha deliberatamente ignorato

l'esito della votazione. Ma così

facendo il sindaco ha commesso

un fatto grave perchè ha infranto

il nostro regolamento. Regolamento

che il sindaco dovrebbe difendere

e rispettare, come primo

cittadino e garante del nostro ordinamento

civico, in un'ottica di

rispetto della legalità e dei principi

che la città si è data».

Per Pazzaglia, la questione non

finisce qua. «La palese violazione

del regolamento da parte di Gnassi

in persona, pone una questione

che, oltre a interessare il campo

Pagina 25 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

etico e morale, assume un carattere

istituzionale in quanto il sindaco

è il primo che dovrebbe uniformarsi

alle regole esistenti».

Detto ciò, la conclusione è una

sola. «Invitiamo per l'ultima volta

Gnassi, coerentemente con l'esito

dell'ordine del giorno, a dare seguito

alla richiesta di dimissioni

nei confronti di Masini e del cda di

Aeradria, altrimenti chiediamo a

lui di spiegare quali sono i motivi

che lo inducono a violare il regolamento

comunale e contestualmente

di rassegnare le dimissioni

da sindaco visto che non vuole, o

non può, rispettare il nostro regolamento

che equivale alla Legge

della Città».

Pagina 8

Cronaca d M m

Il Pd cerca volti nuovi

MeIncei scalda Magrini

Fabio Galli si della


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Lombardi da Samorì al Pdl

Miserocchi: lo includiamo

RI MINI. Non sfugge a nessuno che Marco Lombardi,

candidato per la lista Samorì, continui a parlare a nome

del Pdl. Nulla di strano. E' pur sempre consigliere

regionale di Silvio Berlusconi. Però un minimo di chiarezza

va fatta, anche perchè in campagna elettorale,

dall'altra parte non erano stati poi così elastici.

«Questa sua scelta politica la andremo a discutere

all'interno del Direttivo - commenta oggi il coordinatore

provinciale del Pdl, Fabrizio Miserocchi -. Dobbiamo

capire anche la linea del nazionale, ce ne sono

altri di casi come quello di Lombardi. Ciò non toglie

che un giudizio politico lo vogliamo dare». E non sarà

positivo.

E poi, come finirà? «Io sono per includere. Nel 2014 ci

sono le amministrative, sono per includere, anche altri

partiti, come Giannino».

Pagina 26 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 8

Cronaca d M m

Il Pd cerca volti nuovi

MeIncei scalda Magrini

Fabio Galli si della

loMasinioGnassi»


pressunE

C;

orriere

(JJ'i A (__-)' ` L o

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Il Pd cerca volti nuovi

Melucci scalda Magrini

Fabio Galli si defila

RIMINI. La parola d'ordine

del Partito democratico

è sempre quella: calma,

non è successo niente.

Il Movimento 5 Stelle diventa

il primo partito in

quattordici piazze su ventisette?

Succede così in

tutta Italia. Riccione azzera

i vertici? Problemi che

si trascinano da tempo. Il

segretario provinciale

Emma Petitti è diventata

onorevole e nonostante la

richiesta del presidente

della ProvinciaSte-

Fra i papabili

anche Belluzzi

e la Marchioni

fano Vitali

e del sindaco

Andrea

Gnassi, non

ha ancora

comunicato

uno straccio di percorso

che porti al congresso.

Tutto è demandato a incontri

bolognesi, quindi la

segreteria di ieri e la direzione

di lunedì. Aperta parentesi:

pare che in direzione

se ne vedranno delle

belle. Chiusa parentesi.

La preoccupazione vera

è la solita: fare passare il

tempo, non dare risposte

alla gente che chiede soprattutto

rinnovamento.

Vitali e Gnassi si stanno

opponendo alla linea imposta

da Bologna da Maurizio

Melucci per dare un

segnale rapido, senza attendere

l'estate che poi significa

autunno. Il capitano

di questa operazione era

stato individuato in Fabio

Galli, candidato possibile

alla successione della

Petitti.

L'assessore

provinciale

è uno dei più

critici e

nell'operazioneRiccione

ci ha

messo una bella spallata.

In questo ore, però, ai più

stretti confidenti ha cominciato

a dire che la partita

segreteria non gli interessa.

Si vedrà. Ma sarà

difficile fargli cambiare idea.

Dall'altra parte c'è chi

come al solito ha messo in

moto la macchina delle idee.

La Petitti lascia, ecco

allora che serve un altro

segretario. Il tentativo di

mettere in campo Paolo

Zaghini ha generato ben

pochi entusiasmi. Se

dall'altra parte pensano a

Galli, ecco allora che noi

potremmo rispondere con

Juri Magrini. L'assessore

provinciale è un fedelissimo

di Melucci e un paio

di giorni fa gli è stato chiesto

di scaldarsi un pochino.

Potrebbe anche accettare.

Sempre in queste ore

Alessandro Belluzzi

(renziano della prima ora

insieme a Samuele Zerbini)

pare stia pensando di

provare a giocarsi la sua

chance in chiave segreteria.

Sempre attuale la possibilità

di chiedere a Elisa

Marchioni di provare a

incarnare una candidatura

di unità.

Pagina 27 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

In tutto ciò, ieri, il segretario

Emma Petitti ha

commentato l'esito del voto.

«A Rimini il Movimento

5 Stelle è praticamente

nato e ha avuto una delle

prime forti affermazioni.

E' storicamente una fucina

di movimenti, una terra

contendibile, questo lo

sappiamo. Dovremo fare

un confronto nel merito

su cosa significa cambiare.

Sono fiduciosa che il

Pd la saprà cogliere come

opportunità per cambiare

e rrecrere»

Pagina 8

dr dÙ

11Pd cerca volti nuovi

Melucchwahla Aknrini

Fabio Galli si detila


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Fipe Confcommercio: confermati Lanzetti e Callà

Rinnovo delle cariche nel segno della continuità. Prima battaglia: lotta alle sagre improvvisate

RIMINI. Confcommercio, continua il

rinnovo della cariche. Anche se i consiglieri

della Federazione pubblici esercizi

hanno operato una scelta di continuità. Il

consiglio direttivo - composto da Gaetano

Callà, Giuliano Lanzetti, Mario Pappano,

Nicola Martorella, Antonio De Luca, Aldo

Celli, Michael Frisoni e Andrea Protti - ha

confermato Lanzetti alla guida del sindacato.

Conferma anche per Gaetano Callà,

eletto all'unanimità presidente della Fipe

provinciale dal direttivo che raccoglie an-

Pagina 28 di 100

che i rappresentanti della delegazione di

Riccione e Misano Adriatico (Alessandro

Corazza, Alfredo Rastelli, Luca Ciro Anzivino,

Morena Carnevali. Eletto in qualità

di vice presidente della Fipe provinciale

Alessandro Corazza.

Durante l'incontro sono state tracciate

le linee guida della politica che il sindacato

seguirà nel futuro. A partire dal contrasto

al fenomeno sempre più diffuso della

"somministrazione in deroga" perpetrata

da sagre, sagrette e circoli privati

che sottraggono ingiustificatamente risorse

al circuito strutturato della somministrazione.

«Sia chiaro - puntualizza Callà

- la nostra denuncia è nei confronti delle

sagre improvvisate che spuntano ormai

come funghi per lucrare senza alcun

rispetto di leggi, regolamenti, norme igieniche.

Riteniamo che le sagre autentiche,

quelle storiche e radicate nei nostri territori,

rappresentino una ricchezza da tutelare

e promuovere sinergicamente con

l'offerta dei nostri pubblici esercizi».

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Pagina 10

Cronaca d M m

Santa Giustina: presi in giro da Comune

A9-e'

Commissario ad acta, si accelera


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

La protesta degli abitanti dopo l'incontro con il sindaco. «Complanare, Gnassi ha detto che non si fa ma la tiene nel Psc». Giovedì assemblea pubblica

Santa Giustina: presi in giro dal Comune

I residenti sulla circonvallazione: «Il progetto non è stato sospeso dalla Provincia, abbiamo le carte»

di SIMONE MASCIA

RIMINI. Si sono presentati con

un plico di documenti perché

«noi abbiamo i dati che smentiscono

il Comune sulle promesse

fatte: tutta roba inaccettabile».

Sono oltre una cinquantina

i residenti di Santa Giustina,

arrivati al bar Sport di via

Emilia per dare la loro versione

dopo l'incontro avuto mercoledì

con il sindaco Andrea Gnassi

su nuova circonvallazione, futura

complanare, presenza

dell'impianto biogas e raddoppio

del depuratore. Temi scottanti

che la nuova amministrazione

ha ereditato e che ora deve

risolvere. Ma non è semplice:

le parti, Palazzo Garampi e Santa

Giustina, restano distanti.

Giuseppe Fabbri, portavoce

dei residenti della zona, comincia

la dissertazione dalla circonvallazione,

che avrebbe alleggerito

il traffico nel centro di

Santa Giustina e per cui è stato

adottato un progetto il 27 gennaio

2011 poi naufragato. Su

dov'è finito quel progetto? E' il

primo punto della discordia. «Il

sindaco dice che è intervenuta

la Provincia e lo ha sospeso perché

non conforme al Ptcp - spiega

Fabbri - ma noi abbiamo le

lettere e le attestazioni che ulteriori

verifiche al progetto sono

state chieste dal Comune: la

Provincia non c'entra».

Parole, quelle di Fabbri, che

scatenano il malumore dei presenti.

Fabbri continua: «Il sin-

daco ha spiegato che a bilancio

non metterà nulla, bisognerà

trovare altri fondi e ha proposto

un tavolo tecnico coi cittadini

ma il vecchio progetto sospeso

di circonvallazione, da Santarcangelo

alla Fiera, non è preso

in considerazione: ci chiediamo,

vuole partire con un nuovo

progetto per dilatare i tempi?

Noi non ci stiamo».

Si scaldano gli animi nella

platea. E Fabbri continua, in

modo pacato, senza mai alzare i

toni. Prosegue con la complanare,

ovvero l'Adriatica da portare

a fianco dell'A14 e che invece

potrebbe appesantire il traffico

a Santa Giustina dove sono contrari.

«Gnassi ci ha rassicurati

- spiega ancora Fabbri -. Ha detto

che Anas non ha i i fondi e

non si farà: allora chiediamo,

perché se fa questa promessa

non lo toglie dal Psc, in cui invece

la complanare è presente?».

Capitolo stabilimento biogas

e raddoppio del depuratore, la

cui presenza porterà a fare pas-

sare «oltre 1.050 camion in un

anno per Santa Giustina». E anche

qui presentano i documenti

in cui si attesta che «il depuratore

produrrà 1.621 chili di ossido

di azoto annui, e 100.560

chili di anidride carbonica, oltre

al quintale di polveri sottili».

Il gestore, ricordano inoltra

i residenti, dovrebbe destinare

il 3% dei proventi a migliorie

per la viabilità. E anche su que-

Pagina 29 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

sto, a Santa Giustina non hanno

gradito le indicazioni del sindaco:

«Gnassi ci ha chiesto quanti

soldi dovrebbe dare Hera per

quei due impianti, soldi che servirebbero

a finanziare la circonvallazione

- spiegano -. Ci

sembra di essere presi in giro in

continuazione».

Ora la palla passa all'assemblea

pubblica prevista per giovedì

prossimo con il resto dei

residenti di Santa Giustina, a

cui saranno sottoposte le offerte

del Comune e con cui si capirà

quali sono i prossimi passi in

questa complicata e senza fine

diatriba.

Giuseppe

Fabbri

mentre

racconta

dell'incontro

avvenuto

con il sindaco

mercoledì sui

temi di Santa

Giustina

che

sanano

da anni

e su cui

non si è

t rOVat

ancora

soluzione

Pagina 10

Goma dMrtlini

, , , — „

Santa Giustma: presi gim dal Comune

Commissario ad acta„ si accelera


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

eN

Domenica limitazioni

anche per le auto

euro quattro

RIMINI. Qualità

dell'aria: la limitazione

alla circolazione nella

giornata di domenica 3 e

10 marzo è stata estesa

con ordinanza del

Comune con il divieto

anche ai veicoli euro 4.

Decisione nata per «la

situazione meteo che ha

favorito un aumento del

cosiddetto fondo

regionale di polveri

sottili».

Pagina 30 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 10

Cronaca d M m

Santa Giustina: presi in giro dal Comune

Commissario ad acta, si accelera


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Il privato vuole procedere, l'amministrazione comunale cerca di bloccare il consumo del territorio

Commissario ad acta, si accelera

Piani particolareggiati, la Provincia chiede le carte al Comune

RIMINI. Urbanistica e

piani particolareggiati:

conto alla rovescia per

l'arrivo del commissario

ad acta. Giusto qualche

giorno fa, la Provincia ha

chiesto al Comune una serie

di incartamenti per

potere decidere. Il tempo

scade il 5 marzo.

Procediamo con ordine.

Esiste un piano particolareggiato

a Viserba, collo-

cato tra le vie Popilia,

Marconi e Fattori: 1.300

metri quadrati dai quali

si ricaverebbero circa

quindici appartamenti

per i quali dovranno essere

restituiti all'amministrazione

spazi verdi e

parcheggi. Il titolare

dell'intervento si è rivolto

ai legali e ha chiesto

l'intervento del commissario

ad acta: in pratica


E' il sindaco Andrea Gnassi a frenare la cementificazione

Pagina 31 di 100

un quarto uomo che decida.

Al momento, infatti,

l'intervento è tra i piani

particolareggiati istruiti

e pubblicati, inviati all'esame

della giunta e del

consiglio comunale. Tradotto:

è in quel limbo in

cui tutto può accadere, restare

fermo per lungo

tempo o passare alla fase

dell'attuazione, con la

concessione di tutti i per-

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

messi. Il progetto è stato

presentato nel 2010, il 29

giugno.

A questo punto la Provincia

chiede a Palazzo

Garampi una serie di cavilli

tecnici, come lo stato

della pratica, oppure le

motivazioni dell'inerzia.

La questione non è di

poco conto, perchè va a

cozzare contro la volontà

dell'amministrazione di

bloccare lo sviluppo

quantitativo del territorio

a vantaggio di quello

qualitativo. La giunta Ravaioli

aveva adottato il

Piano strutturale, mentre

la giunta Gnassi ha lavorato

a lungo con i privati

per migliorare i piani

particolareggiati e renderli

più sostenibili e possibilmente

armonizzare

il Piano strutturale al

Piano strategico.

Ora la richiesta del

commissario ad acta (la

cui decisione non è appellabile)

può aprire un nuovo

corso nei rapporti fra

cittadini e amministrazione.

Pagina 10

Cronaca d M m

iis,11.1 ad acta, ecelera


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Un addetto alle pulizie: sono tante le colleghe in stato di agitazione

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Il caso. Le tre principali sigle sindacali preannunciano azioni di mobilitazione sempre più incisive nel corso delle prossime settimane

Addetti alle pulizie, stato di agitazione

Condizioni sempre più stressanti e precarie, tagli continui, stipendi arretrati

di ANNALISA BOSELLI

RIMINI. Condizioni di

lavoro insopportabili

negli appalti, tagli continui

alle ore a parità di

superfici da pulire, precarie

condizioni di sicurezza

nei micro-cantieri,

arretrati di stipendio

ormai diffusi a macchia

d'olio, mancata consegna

dei documenti di lavoro,

mancata applicazione

dei minimi orari

contrattuali. Sono le

principali motivazioni

che hanno spinto i lavoratori

delle pulizie e

multiservizi a entrare

in stato di agitazione

sindacale, un settore

che a Rimini conta circa

1.000 addetti.

«Le motivazioni sono

riconducibili - spiegano

Mirco Botteghi, della

Filcams-Cgil, Gianluca

Bagnolini, della Fisascat-Cisl

e Daniela Giorgini,

della Uiltucs-Uil - a

condizioni che stanno

rendendo intollerabile

la situazione. Da ultimo,

un fenomeno che denota

quanto appaltanti e appaltatori

compiano tagli

indiscriminati fregadosene

delle conseguenze

sociali; gli incontri convocati

su nostra richiesta

ed a norma di contratto

presso la direzione

territoriale del lavoro

di Rimini vanno ormai

quasi sempre deserti,

lasciando i lavoratori

in un clima di incertezza

e senza un interlocutore

che neanche per educazione

decide di confrontarsi,

lavorando così

in condizioni di stress

lavorativo crescenti».

I lavoratori riuniti in

assemblea, lo scorso 26

febbraio, hanno dato

mandato alle organizzazioni

sindacali di agire

immediatamente richiedendo

incontri alle associazioni

datoriali ed alle

istituzioni per rappre-

sentare la grave condizione

in cui versa il settore.

«Se alla situazione

non verrà data adeguata

dignità - annunciano

Pagina 32 di 100

già le tre sigle sindacali -

e attenzione da parte

delle imprese di pulizia

e dalle stazioni appaltanti

verranno intraprese

azioni di mobilitazio-

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ne sindacale maggiormente

incisive nel corso

delle prossime settimane».

Non è la prima volta

che il settore delle pulizie

è in sofferenza.

Pagina 11

lidedi alle pulizie, stato di agitazione

'sai Verde, quanro asso m

dopo l'accordo d lirenze

Rii} rd fidlopl


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Il parco Ausa

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Raggio Verde, nuovo asfalto per le strade

Ok della giunta ai lavori nella zona del parco Ausa per una spesa di 145mila euro

RIMINI. Le strade limitrofe

alla zona del parco Ausa, all'altezza

del "Raggio Verde", saranno

oggetto, nelle prossime

settimane, di un ampio intervento

di sistemazione.

La giunta comunale, infatti,

ha approvato ieri il progetto esecutivo

per la riqualificazione

e manutenzione straordinaria

delle vie Abruzzo, Romagna,

Molise, Sicilia, Campania e

dell'incrocio via San Gaudenzio.

Nelle vie interessate, oltre

all'asfaltatura del manto stradale,

si provvederà, a seconda

della necessità ad intervenire

sulle banchine, sulle caditoie e

su eventuali altre parti delle

strade.

Il costo del progetto di riqualificazione

è di circa 145mila

euro che l'Amministrazione

comunale è riuscita a finanziare

grazie alle economie ottenute

nella realizzazione del Raggio

Verde grande area verde

che circonda il nuovo Palacongressi.

"Poderi della Ghirlandetta"

progettati dall'architetto

paesaggista di fama internazionale

Andreas Otto Kipar.

(a.f.)

Pagina 33 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Pagina 11

Cronaca di.nini

Addetti alle pulizie, stato di agitazione

hai Ver . de, quanio assunzioni

dopo I conio di 111,11/C

..; . -


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

— ,

Fusione

Hera-Acegas

premiata Hera

RIMINI. La

fusione

Hera-Acegas si

inserisce in una

«strategia di

consolidamento

della leadership

nei servizi pubblici

a livello

nazionale». Con

queste motivazioni

i Comitati

scientifici e

d'onore della

Rivista

Management delle

utilities hanno

assegnato a

Tomaso Tommasi

di Vignano,

presidente di Hera,

il premio Manager

Utility 2012,

riconoscimento

consegnato ieri

mattina a Milano.

E' il premio che

ogni anno va a chi

si è distinto per il

contributo dato

allo sviluppo del

sistema. Tommasi

è stato premiato

per la realizzazione

della aggregazione

di Acegas Aps in

Hera, una realtà

che riguarda 3,5

milioni di cittadini

con un valore della

produzione di oltre

4,5 miliardi e un

margine operativo

lordo di oltre 750

milioni. Fusione

che a Rimini aveva

creato, a suo

tempo, non poche

polemiche,

imputando a Hera,

con questa fusione,

di allontanarsi dal

territorio riminese.

Pagina 34 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 11

CromeadMmini

Addetti alle pulizie, stato di agitazione

ffiporamgdodffirelve


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Isola Verde, quattro assunzioni

dopo l'accordo di Firenze

RIMINI. Verranno stabilizzati a tempo

indeterminato anche i 4 dipendenti

di Isola Verde grazie all'accordo firmato

due giorni fa a Firenze dai sindacati

Filcams Cgil, Nidi Cgil, Fisascat Cisl e

Uiltucs, con cui saranno stabilizzati

tutti i 275 associati in partecipazione

attualmente impiegati presso i 135 punti

vendita delle erboristerie in tutta Italia.

Grazie all'accordo, che utilizza lo

strumento della solidarietà espansiva,

è stata evitata la chiusura di una ven-

Pagina 35 di 100

tina di punti vendita del gruppo, inizialmente

paventata dall'azienda stessa,

ed è stata garantita la continuità

occupazionale a tutti i lavoratori attualmente

impiegati con contratti di

associazione in partecipazione. In particolare,

a fronte di una riduzione del

5 % dello stipendio dei dipendenti di Isola

Verde per un massimo di 24 mesi,

ai 275 associati in partecipazione sarà

offerta un'assunzione a tempo indeterminato.

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 11

Cronaca di.nini

Addetti alle pulizie, stato di agitazione

IyVla Verde,1N,1tlroaimnzioni

uvenle.uuo.oa filo


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Tassa soggiorno

l'Aia: «Imposta

che colpisce

le categorie

più deboli»

RICCIONE. «Una imposta

che colpisce le categorie

più deboli al pari

dell'Iva sul pane poiché si

applica su di un bene primario

per ogni famiglia».

L'Aia spiega ancora una

volta il perchè del no alla

tassa di soggiorno «imposta

che impatta negativamente

molto di più sui

redditi bassi che su quelli

alti che dovranno affrontare

un minore sacrificio.

La nostra clientela non è

composta da ricchi uomini

di affari ma piuttosto

da quella classe media in

difficoltà come mai in

precedenza».

E non solo. «L'approvazione

a marzo di un'imposta

di soggiorno da applicare

in estate è un abominio

di strategia commerciale

e una mostruosità di

programmazione economica.

Le prenotazioni sono

già definite, i contratti

con agenzie e tour operator

già firmati da mesi.

Dovranno essere rivisti

riconoscendo per legge al

cliente la facoltà di ridiscutere

e recedere tutte le

condizioni per maggiore

onerosità».

Pagina 36 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 12

SCTi mit «fio prerk botte, nonbono io t More,

Pironi rispegne le lucciole


pressunE

C;

orriere

(JJ'i A (__-)' ` L o

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Stagionali , l'estate inizia il 9 marzo

La giunta fissa i termini di apertura degli esercizi stagionali in vista della Pasqua

RICCIONE. L —estate" inizia il 9

marzo. La giunta ha fissato i termini

di apertura degli esercizi stagionali

in vista della Pasqua che

quest'anno cade il 31 marzo. Si

chiuderà il 3 novembre.

Come ogni anno il Comune ha

stabilito l'ambito temporale della

stagione turistica 2013, che si aprirà

sabato prossimo e si protrarrà

fino alla prima domenica di novembre.

Il provvedimento, che prenderà

la forma di un'ordinanza del sindaco,

riguarda l'apertura delle attività

stagionali di pubblico esercizio

(bar e ristoranti) e delle attività di

Pagina 37 di 100

aziende alberghiere (hotel e residenze

turistico-alberghiere), campeggi

e locali di intrattenimento e

svago in genere. Sono esclusi gli

stabilimenti balneari, per i quali

valgono le disposizioni emanate

dalla Regione per tutte le località

della costa. L'apertura degli alberghi

e delle residenze stagionali è

condizionata alla dotazione

dell'impianto di riscaldamento in

tutto l'esercizio. L'obbligo di accensione

dell'impianto di riscaldamento,

fatto salvo un andamento

climatico particolarmente negativo,

è fissato fino al 28 marzo compreso

e a partire dal 15 ottobre.

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Pagina 12

SCTi mit «fio prerk botte, nonbono io t More,

Pironi rispegne le lucciole


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Controlli nei cantieri, due denunce

RICCIONE. Due controlli, due

denunce e altrettante multe. Media

del 100 per cento quella totalizzata

dai carabinieri del Nucleo

ispettorato del lavoro di Rimini

e della Compagnia di Riccione

che giovedì hanno controllato

due cantiere edili: uno

nella Perla Verde e uno a Misano.

Nel primo al titolare dell'impresa

è stata contestata la man-

cata esibizione del piano di uso e

smontaggio dei ponteggi e l'uso

di attrezzature non conformi ai

requisiti di sicurezza. Nel secondo

è stato denunciato il responsabile

della ditta di ascensori

per aver omesso di far indossare

ai dipendenti i necessari

dispositivi di protezione. I responsabili

rischiano anche sanzioni

per 1.600 euro cadauno.

Pagina 38 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 13

«Stanchi di essere p


pressunE

Il palco del

Consiglio

comunale

riunito tra

San

Clemente e

Morciano

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

«Ponte Conca, serve chiarezza»

Le risposte di Vitali non sono bastate al M5S: «L" giunto il momento di presentare il conto»

di THOMAS DELBIANCO

MORCIANO. «Ponte sul Conca,

c'è ancora da fare chiarezza».

Non sono bastate al movimento

Cinque Stelle di San Clemente

le spiegazioni ricevute

mercoledì sera dal presidente

della Provincia Stefano Vitali

sui ritardi del Ponte sul Conca

imputati soprattutto ai progettisti,

ma anche con un'ammissione

di responsabilità da parte

dell'ente che rappresenta.

Per questo il Movimento 5 Stelle

di San Clemente, forte

dell'altissimo consenso ottenu-

to alle ultime elezioni (primo

partito con il 42% di preferenze)

vuole tenere i suoi cittadini

«informati sulla vicenda del

Ponte sul Conca e su tutte le altre

questioni intorno alle quali

occorre fare chiarezza da troppo

tempo. Siamo convinti che

da troppi anni nel nostro comune

si parli di responsabilità solo

morale e non amministrativa

e che sia giunto il momento

di presentare, a nome dei tanti

cittadini presi in giro, il conto

da pagare». Per il coordinatore

provinciale del Pdl Fabrizio

Miserocchi «quello a cui abbia-

Pagina 39 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

mo assistito l'altra sera al consiglio

comunale aperto di San

Clemente-Morciano è l'ennesimo

balletto del presidente della

Provincia Vitali. Il Ponte sul

fiume Conca che doveva essere

inaugurato a giorni, oggi non

c'è e questo è il primo fatto. Il

secondo fatto è che il progetto

aggiudicatario del bando è sbagliato.

Il terzo fatto, il più grave

- continua - è stata un ammissione

di responsabilità senza

conseguenza: troppo semplice

dire abbiamo sbagliato, ma

l'ammenda qual è? Chi paga?

Sempre e solo i cittadini».

Pagina 15

tti, missione di salvataggio


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

"Il Pellicano", 1 5mila euro in dono

Maxi assegno consegnato dal Credito Cooperativo di Gradara

CATTOLICA. La Banca

di Credito Cooperativo

I I parroco di Gradara ha donato

di Cattolica 15mila euro all'associa-

don Biagio zione cattolichina "II

Della Pellicano", nata nel 2000,

Pasqua era che accoglie una trenti-

presente na tra ragazzi e adulti del

alla territorio, con gravi dif-

cerimonia ficoltà di inserimento so-

di consegna ciale.

della La presenza di questa

donazione associazione è occasione

forte di umanizzazione

della vita dell'intera città

di Cattolica. Diverse

sono le attività svolte:

motorie e sportive, culturali,

di cucina, attività

manuali, il tutto con

l'ausilio di due psicologi

e diversi operatori volontari.

Alla consegna dell'assegno

gigante erano presenti

il parroco don Biagio

Della Pasqua, il presidente

de "Il Pellicano"

Pagina 40 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Gianfranco De Nicolò e il

presidente della Bcc di

Gradara, Fausto Caldari.

«Sono orgoglioso per

questa iniziativa, perché

fondamentale è anche la

nostra attività extra-bancaria,

mi riferisco

in particolare alla beneficenza

che rivolgiamo

alle parrocchie e alle

attività no-profit, sempre

a sostegno della nostra

collettività».

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 15

Ferretti, missione di salvataggio


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Lo stabilimento di Cattolica dovrà accogliere circa 250 persone tra la fine di marzo e aprile, circa 100 in più delle attuai

Ferretti, missione di salvataggio

Posti di lavoro da tutelare, i sindacati lunedì vanno in Provincia

di ANNALISA BOSELLI

CATTOLICA. Riorganizzazione

della Ferretti yacht:

fare il possibile per

garantire il lavoro in Italia.

E' il senso della spedizione

in Provincia che faranno

i sindacati lunedì

mattina, in vista della

riorganizzazione del gruppo

leader al mondo nella

costruzione di barche di

lusso nel corso della quale

verranno inoltrate proposte

per tutelare il lavoro.

Lo stabilimento di Cattolica,

infatti, dovrà accogliere

circa 250 persone

tra la fine di marzo e aprile,

circa 100 in più delle attuali,

in seguito alla chiusura

dello stabilimento di

San Giovanni in Marignano

e al trasferimento di una

quarantina di coloro

che erano a Cattolica e

San Giovanni a Mondolfo.

E sia ai lavoratori che

all'impresa, secondo Massimo

Bellini della Fillea-Cgil

di Rimini, serviranno

nuovi investimenti:

corsi di formazione mirata

per le figure professionali

di cui avrà bisogno

l'azienda (falegnami, mo-

toristi, esperti di design);

miglioramento della viabilità

per consentire il trasporto

delle imbarcazioni;

no a costi aggiuntivi per il

trasporto; una mensa e un

parcheggio fruibile per i

lavoratori dello stabilimento

della Regina.

L'appuntamento in Provincia,

cui è stata invitata

anche l'amministrazione

cattolichina, avverrà proprio

a una settimana esat-

ta dall'incontro tra sindacati

e proprietà che si è tenuto

a Forlì in cui è arrivata

la notizia che l'azienda

(il colosso cinese Shandong

Heavy Industry

Group detiene il 75% della

società) ha intenzione di

mettere in mobilità 100 dipendenti.

La contrarietà

dei sindacati ha fatto sì

che l'azienda si prendesse

l'impegno a non aprire unilateralmente

la proce-

dura di mobilità fino a un

accordo. «Premesso che

noi abbiamo - spiega Bellini

- uno dei sei cantieri

rimasti di questa azienda

che vuole investire dove ci

sono le condizioni migliori,

la domanda è: Rimini e

Cattolica cosa hanno da

offrire al gruppo Ferretti?

Ora la Provincia può giocare

un ruolo nella formazione

delle figure professionali,

mentre nel Comu-

Pagina 41 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ne di Cattolica si trova un

pezzo di viabilità scomoda

per fare passare le imbarcazioni.

Inoltre, quando

entreranno a regime i 250

dipendenti, un servizio

mensa e un parcheggio

per i lavoratori sarà necessario

anche per non

creare disordini, soprattutto

in estate».

Insomma, si tratta di

proposte per cercare di tutelare

il lavoro. Il gruppo

Ferretti, inoltre, è stato a

gennaio citato tra gli affari

"sospetti" contenuti nel

rapporto redatto dai servizi

segreti italiani, spedito

alla presidenza del Consiglio

e al Copasir sull'infiltrazione

dei cinesi nell'Italia

colpita dalla crisi economica.

Secondo gli 007

italiani, infatti, l'obiettivo

vero del gruppo (smentito

però dall'azienda che ha

già da tempo annunciato

un piano di investimenti

per 60 milioni di euro) sarebbe

stato quello di delocalizzare

la produzione

dall'Italia all'isola di Hinau,

in Cina, mentre in Italia

rimanevano solo linee

di rimessaggio e manutenzione.

Pagina 15

Ferretti, missione di salvataggi


pressunE

orriere

di Rimini e San Marino

Direttore responsabile: Pietro Caricato

Rifiuti, tassa allo studio

Bellaria, vertice con vari assessori della provincia

BELLARIA. Nuova tassa

sui rifiuti: allo studio

l'applicazione. L'amministrazione

comunale ha

ospitato due giorni fa un

incontro, organizzato

dall'assessorato al bilancio

e ai tributi, con l'obiettivo

di condividere

considerazioni, punti di

criticità e soluzioni riguardo

al nuovo sistema

di tributi legati alla raccolta

e smaltimento rifiuti,

ossia la Tares che dal 1°

gennaio 2013 ha sostituito

la Tarsu (o Tia in alcuni

casi): presenti numerosi

responsabili degli uffici

tributi, e alcuni assessori

di riferimento, giunti dai

comuni della Provincia.

L'idea è nata il mese

scorso in occasione di un

incontro indetto in Provincia

da Atersir, l'autorità

d'ambito e di vigilanza

che intermedia tra gli

enti locali e il gestore del

servizio, Hera.

Emersa dal tavolo di

confronto anche l'esigenza

di contenere le tariffe,

e uniformare regolamen-

Immondizia:

arrivano

rincari

con la Tares

si cerca

di limitare

i danni

ti e tempi di adempimento.

«In quell'incontro -

spiega oggi l'assessore al

bilancio Riccardo Magnani

- sono emerse le difficoltà

incontrate da molti

Pagina 42 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

comuni nell'elaborazione

delle tariffe e nel dover redigere

un nuovo regolamento,

non da ultimo per

le implicazioni sui bilanci

comunali».

Pagina 16

SanMariino arrival'asilo

22Rt!r


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

L'EDITORIALE

Siamo

in attesa

di giudizio

La politica italiana è anco-

ra ferma al gioco delle tre

carte: nessuno sa cosa c'è

sotto. Se la stessa carta o

tre carte diverse. In attesa

di sapere che cosa Bersani

vuole fare da grande; in

attesa di sapere se Berlu-

sconi sarà portato in un

carcere di massima sicu-

rezza e sottoposto al regi-

me del 41 bis oppure esi-

liato nell'isola di Sant'Ele-

na; in attesa di sapere se

Monti scollina e dove; in

attesa di sapere se Napo -

titano sarà arrestato dai

tedeschi per impedirne la

rielezione. In attesa di tut-

to questo ho una certezza.

A Goldman Sachs, una

delle banche d'affari più

importanti del mondo,

piace il Movimento Cin-

que Stelle. Perché è nuovo

e non è lavato col famoso

detersivo per la lana. Non

mi è dato sapere se sia l'i-

nizio di una tresca adulte-

rina. Ma comincio a tre-

mare all'idea che questo

nuovo ordine mondiale

che sta nascendo, non si

sa se con la benedizione

di Grillo, si comporti nei

confronti della pattuglia

dei giovani parlamentari

Cinque stelle come Gian-

ni Boncompagni. Che

tanti fa dettava in tv ad

Ambra Angiolini le battu-

te. Attraverso l'auricolare.

Stefano Andrini

Pagina 43 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 1

LA VOCE

tte anni Kr una rotatoria "vera"


press unE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

IL VIDEO

Il guru

e il nuovo

ordine

mondiale

Gaia, un nuovo ordine

mondiale è un video

pubblicato da Casaleggio,

il guru di Beppe

Grillo.

In apparenza gli strali

sono contro la massoneria

e i padroni del mondo

di sempre. In realtà il

video sposa un nuovo

padrone del mondo che

toglie all'uomo la sua identità.

Lo confermano

le parole iniziali: "conflitti

razziali, conflitti religiosi,

conflitti territoriali

appartengono al

passato, ogni uomo è

cittadino del mondo

soggetto alle stesse leggi.

Internet è stato il veicolo

del cambiamento".

Nel videomessaggio una

voce femminile spiega

che prima di arrivare alla

completa sostituzione

dell'anima umana con

un'avatar, il genere umano

dovrà passare attraverso

alcuni momenti

difficili. Nel 2018 si

creerà una nuova cortina

di ferro fra ovest e est,

"fra democrazia diretta

con libero accesso

ad internet, e Cina, Russia

e Medio Oriente, con

una dittatura di stampo

orwelliano e l'accesso a

internet sotto controllo".

Nel 2020, è previsto l'inizio

della Terza guerra

mondiale. Avrà una durata

di venti anni. Saranno

distrutti: San Pietro,

Notre Dame e Sagrada

Famiglia. Le bombe batteriologiche

saranno la

norma. Miliardi di persone

moriranno e il mare

si alzerà di dodici metri.

Nel 2040, con la vittoria

dell'Occidente, la democrazia

della Rete dominerà

incontrastata su

tutto il pianeta. Nel

2054 sarà eletto il primo

governo mondiale:

Gaia.

Pagina 44 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 3

ROMAGNA

Beppe Grillo, la faccia

cattiva della rete


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press unE D I

RO M AG NA

RIMINI &

SAN MARINO

SCUOLA Elena Ugolini, già sottosegretario all'istruzione nel

governo Monti, parla degli effetti del fenomeno sull' educazione

Beppe Grillo, la faccia

cattiva *dellà iséte

bolire tutti i libri, usare solo la re-

te, abolire il valore legale del ti-

tolo di studio.Mi chiedo se

uanti hanno votato Grillo hanno

letto il suo programma sulla scuola".

Chi parla è Elena Ugolini, riminese, già

sottosegretario all'istruzione del governo

Monti.

Lo tsunami grillino investirà anche la

scuola?

I giovani che hanno scelto Grillo hanno

seguito un clima in cui domina un cinismo

distruttivo. A prescindere da qualunque

contenuto di proposta. Se un giovane

esce dalla scuola riconoscendosi in una

certa modalità di minacciare, irridere e

trattare le persone mi chiedo qual è l'aria

che respirano. E questo vale anche per le

famiglie. Ho una figlia che ha appena

compiuto 16 anni, quando ha visto i risultati

mi ha chiamato e mi ha detto "ho

spento la televisione perché mi dispiace

vedere che l'Italia è in mano a della gente

così cattiva e arrabbiata". Parlavo nei giorni

scorsi con una dirigente della Cgil: suo

figlio le ha detto "vado a votare Gargamella".

Che vuol dire non tanto voto Pd ma la

caricatura di Bersani.

Nella scuola digitalizzata c'è il rischio

che attraverso la rete Grillo se ne impadronisca

un pò come hanno fatto negli

anni '60 i docenti comunisti che hanno

scalzato la presenza cattolica?

Il tema dell'innovazione è importante:

tuttavia non si deve dimenticare mai qual

è il cuore della scuola che, lo ricordo, è l'educazione.

Ovvero quel rapporto che può

aiutare un ragazzo a crescere e ad avere

una ipotesi costruttiva sulla realtà. Se questo

succede 1' uso delle nuove tecnologie

a scuola è prezioso. Può diventare uno

strumento per migliorare le possibilità di

ricerca e di scoperta dei ragazzi, può rendere

più efficace e costante il rapporto tra

studenti e insegnanti e nello stesso tempo

aprire al mondo.

Ma la rete non è solo positiva...

A me ha colpito molto la posizione dell'

amministratore delegato diYahoo Marissa

Mayer, una giovane donna di 37 anni, che

ha sospeso il telelavoro perché, ha detto,

è fondamentale che la gente si ritrovi nel

posto di lavoro per condividere la propria

creatività. Se è arrivata a questa conclusione

una società che vive di rete, figuriamoci

che attenzione dovremmo porre ad

una realtà come la scuola in cui anche "uno

sguardo" può cambiare un'ora di lezione.

Basterebbe che le persone andassero

su google e cliccassero "Gaia Casaleggio "

per vedere la filosofia che sta dietro al

Movimento Cinque Stelle. Questo mi

preoccupa molto di più delle loro proposte

sulla scuola. Si è parlato di un voto di

rabbia, di una protesta

che nasce dalla volontà

di chiudere con un certo

modo di fare politica di

gestire i soldi pubblici, di

buttare sulle spalle dei fi-

gli debiti fatti per vivere

al di sopra delle nostre

possibilità e garantire

rendite di posizione as-

surde. Ma non si posso-

Pagina 45 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

no dire cose giuste con la

cattiveria dei distruttori.

Torniamo al video...

Guardando questo vi-

deo si capisce qual è il

disegno complessivo en-

tro cui si sta muovendo

quella rabbia che non è

neutra ed ha nemici ben

precisi: la cultura occi-

dentale, i fondamenti del

diritto, l'esperienza cri-

stiana, un certo uso della ragione ed una

certa concezione della persona. E' impressionante

la superficialità con cui la gente

dice che ha dato "solo" un voto di protesta.

Un protesta contro chi? Questo voto

è un autogol. Certi contenuti come la necessità

di dimezzare i Parlamentari, vanno

benissimo. Dopo un anno a Roma lo posso

confermare: tutte quelle persone in

Parlamento non servono. Ma è il tono

stesso che condanna quei contenuti. Perché

è un tono che dice della violenza e

della mancanza di rispetto sulla quale non

ci potrà essere nessun futuro per l'Italia.

In campagna elettorale non si è parlato

di scuola...

Pagina 3

ROMAGNA

Beppe Grillo, la faccia

cattiva della rete


press unE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

Anche il golf

è un gioco

di squadra

ui in Riviera c'è chi

si continua a dimenticare

che il

golfista è anche un

turist a l'altro con una capacità

di spesa medio-alta, risorse

che investe per il 90%

sul territorio. Non solo. Il golfista

solitamente viaggia con

la famiglia, in periodi di bassa

stagione per noi, come la primavera

e l'autunno. E si trattiene

in media 7 giorni, perché

gli piace provarsi nei diversi

impianti che si trovano sul

territorio. L'identikit del nostro

turista ideale, pensandoci

bene... Peccato che i numeri

del Riviera Golf Resort di San

Giovanni in Marignano sommati

a quelli del Rimini-Verucchio

Golf Club - 600 soci

circa e 15mila presenze annue

- siano ancora lontani dal caratterizzare

un vero e proprio

flusso turistico. Ma un primo

segnale, forte e chiaro, arriva

dalla Provincia, dove ieri è stato

firmato un protocollo di valorizzazione

dei due impianti

La Riviera

si dimentica

che il golfista

è anche

un buon turista

che puntellano il nostro territorio

a nord e a sud. Un esplicito

invito alla Riviera, agli albergatori

in particolare, ad investire

in un segmento di

mercato che potrebbe riservare

grandi soddisfazioni. Anche

perché nel frattempo il golf ha

acquisito il titolo di sport olimpico.

E in questo momento

ha anche giocatori di rilievo

internazionale.

Le rispettive amministrazioni

comunali ci credono e ci stanno

mettendo del loro per sostenere

gli investimenti. Ma le

proprietà ammettono tutte le

difficoltà. A cui si aggiungono

quelle del momento. Ci mancava

anche il redditometro.

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

FIRMATO

IL PROTOCOLLO

La Provincia

in campo

Pagina 46 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

"Non vi nascondo che molti

soci ci hanno espresso perplessità

nel rinnovare l'iscrizione,

perché poi va in denuncia",

racconta ad esempio Giovanni

Minguzzi, presidente

del Riviera Golf Resort di San

Giovanni. "In questo momento

diventa sempre più importante

il lavoro di squadra. E il

golf può essere davvero l'occasione

per intercettare un turista

di un certo livello", fa notare

anche Sauro Nicolini, a

nome del Rimini-Verucchio

Golf Club.

Il protocollo firmato ieri è un

primo passo in questa direzione.

"L'impegno congiunto da

parte delle amministrazioni,

Provincia compresa, è pertanto

quello di intraprendere azioni

congiunte concrete, dalla

promozione ai pacchetti",

dice l'assessore provinciale al

turismo Fabio Galli, ricordando

che il binomio "Malatesta&

Montefeltro" è già un prodotto

di successo.

Valeria De Tommaso

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 10

:1neln il golf

e un fioco

disqundru


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

ROTATORIA PROVVISORIA 2

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

Via Bagli: anziché fluidificare il traffico lungo l'asse della Fiera

lo rallenta e crea pericoli agli utenti della strada

Lungo l'asse che dalla Fiera porta verso il centro, si

incontra una rotatoria a dir poco ingannevole situata

sulla via Emilia in corrispondenza di via Bagli. Delle

carenze della struttura si è discusso ripetutamente

anche nell'ambito delle problematiche generali che

interessano via Bagli. Di fatto la cosiddetta rotatoria

di via Bagli anziché fluidificare il traffico lo rallenta

creando pericolo agli utenti della strada. Chi si trova

a percorrere per la prima volta la via Emilia in direzione

Rimini viene tratto in inganno e tende a sbandare.

Immettersi dalla via Bagli sulla via Emilia verso

la Fiera è un'impresa e bisogna contare nella cortesia

di chi ha diritto alla precedenza. Anche quella di via

Bagli doveva essere una rotatoria provvisoria in vista

della realizzazione di quella all'altezza del parco della

Pace, propedeutica all'asse stradale verso l'ipotizzato

nuovo ponte sul Marecchia previsto nell'ambito della

pedonalizazione del ponte di Tiberio. Sempre nelle

immediate vicinanze di via Bagli, da notare che la rotatoria

sulla via Emilia in corrispondenza della via Jolanda

Capelli, la strada del sottopasso che ha sostituito

il passaggio a livello di via Popilia, viene spesso

aggirata da chi percorre via Emilia in direzione centro.

La via Capelli è destinata ad acquisire ulteriori

flussi di traffico una volta che sarà possibile il collegamento

con Rivabella.

av Una protesta per via Bagli

Pagina 47 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 10

, Ci sono valuti ben 7 anni

per una rutatoria 'vera

Ineologlisforamenti

inproAndadil.ini

2;:


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

Decisivi i giovani

Affluenza alta

Qualche cifra

per orientarsi nel

paese dei primati

Non è il Comune più

grillino d'Italia (Alcamo

è a quota 48%),

ma poco ci manca.

Con il 41,3% il Movimento 5

Stelle a San Clemente ha segnato

un record regionale. In paese

il centrodestra e il centrosinistra

hanno perso molto rispetto al

2008, ma meno che in altri centri

della provincia: l'emorragia

più pesante per la coalizione di

Berlusconi si è verificata a Montefiore

Conca (meno 23,8%), per

il raggruppamento Bersani a

Montegridolfo (meno 20%), qui

siamo "solo" a meno 21,6% e

meno 16,3%. L'affluenza al voto

per la Camera (81,9%) è stata di

quasi 2 punti più alta che nel

comune capoluogo di provincia.

Decisiva la componente

giovanile? Lo dicono tutti, ma i

giovanissimi (21-25 anni, quelli

che votavano solo alla Camera)

potevano determinare uno scostamento

fino all'8%. In realtà

nel confronto del voto ai partiti

a San Clemente fra Camera e

Senato, le differenze sono leggere.

Il M5S al Senato ha preso

solo 1'1,8% in meno che alla Camera,

quindi anche fra i "meno

giovani" ha superato la media

provinciale. In poche parole, i

cittadini di San Clemente si sono

affidati a Beppe Grillo con

un innamoramento generalizzato,

che non a caso ha sorpreso

gli stessi militanti del movimento.

Pagina 48 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 12

più sorpresi sono loro, il Al5S


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

INCHIESTA - UNA GIORNATA A SAN CLEMENTE, IL PAESE PIÙ "GRILLINO" DI ROMAGNA

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

I più sorpresi sono loro, il M5S

La "Strada Romagna" che attraversa

i colli, col suo manto

colorato (almeno dove è rimasto),

è una bella idea del-

l'amministrazione provinciale di diversi

anni fa. Ma quando la si imbocca

da Coriano per arrivare a San Clemente

mostra tutte le crepe del tempo

trascorso. E i rattoppi non sono da

meno nella via che da Sant'Andrea in

Casale riporta verso la riviera. Frequentano

queste stesse strade dissestate,

per andare al lavoro e tornare a

casa, gli elettori che il 24-25 febbraio

hanno dato al Movimento 5 Stelle il

41,3% dei voti. Sarà un caso?

Sembrano non essersi accorte di

nulla le due signore di una certa età

sedute dalla parrucchiera. Lei, giovane,

racconta di non aver votato, era

in ferie lontano da qui. Loro, invece,

orgogliosamente dicono di avere altri

riferimenti politici. Non sanno del

41,3% e la cosa non le sconvolge: "chi

ha votato Grillo mica ci crede, l'ha

fatto solo per provare. Per votarlo bisogna

avere la testa...", un po' per aria,

una cosa da matti, questo il significato

dell'espressione. "Qua sono

tutti di sinistra!".

Era vero almeno fino a qualche anno

fa: alle ultime comunali il 57% ha eletto

sindaco per il secondo mandato

Christian D'Andrea. Lo incontriamo

in municipio. "Sono qui per una riunione,

vengo dal lavoro", dice spiegando

la ragione del simbolo di un

gelato impresso sulla sua maglia blu.

D'Andrea infatti è un dipendente della

Mec3 (ingredienti e preparati per il

gelato artigianale) di Giordano Emendatori,

l'imprenditore che della

sua campagna per Grillo non ha fatto

mistero. "Hanno votato M5S molti

miei colleghi, ma anche moltissimi

miei amici che prima votavano Pd".

E lei? "Io no...". Perché lo hanno fatto

tanti suoi concittadini? "I fattori sono

molteplici. Anzitutto il trend nazionale,

con maggiore accentuazione

qui perché siamo il Comune più giovane

dell'Emilia-Romagna, come età

media. Negli ultimi 10 anni abbiamo

avuto 2mila nuovi abitanti in più, soprattutto

italiani, trasferiti dai comuni

della costa e da altre regioni". Poi?

"Per il crollo, così io lo definisco, a

qualsiasi livello dei partiti tradizionali".

Qual è il segnale? "Non do una

connotazione amministrativa al voto,

io ho vinto col 57% ma con il Pd al

37-39%. Il messaggio politico è chiarissimo:

c'è voglia di cambiamento, a

livello governativo ci vogliono alcuni

punti molto chiari, moralità, tagli alla

casta... argomenti che non necessariamente

appartengono al giovanilismo".

Venendo al quadro locale, le

strade non sono il massimo, e il ponte

sul Conca promesso da anni deve

essere modificato con altri 500mila

euro: non sono cose che fanno girare

le eliche? "A tutti, a me per primo. Bisogna

arrivare a una svolta vera. E occorre

autocritica a livello provinciale

e regionale. Gli anni d'oro ci hanno

fatto viaggiare al di sopra delle nostre

Pagina 49 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

possibilità". Pensa per caso ai due palacongressi?

Siamo di fronte a delle

scelte: le strutture bisogna farle funzionare,

e per competere a livello europeo

ci vogliono sinergie". Condivide

le idee del M5S? "Non mi piacciono i

loro toni ma alcuni contenuti programmatici

si possono condividere".

A Sant'Andrea c'è un negozio di

informatica: sarà quello il nido dei

grillini? Il titolare è Gianluca Donati:

"Sono stato tentato dal voto al M5S,

ma poi ho preferito ancora Berlusconi,

come imprenditore, anche se non

capisco perché in 10 anni non ha fatto

quello che doveva fare. Il punto è

che fare impresa in Italia è impossibile.

Ho due attività ma sto chiudendo,

continuerò a fare l'imprenditore

da casa mia. In negozio sto al freddo

per risparmiare. Avevo 4 dipendenti,

adesso sono solo. La troppa tutela del

lavoro uccide il lavoro stesso! Penso

alla Fornero, agli altri che stanno al

governo, gente che non ha mai lavorato

o dovuto pensare a come pagare

Equitalia o le bollette: c'è uno scollamento

mostruoso, l'Italia è un paese

ricchissimo ma gestito da gente che

non ha neanche l'idea della vita reale.

Monti arriva e ti dice: tu mi devi dare

il 50% di quello che produci; oppure

mi mette l'Imu a una casa che ha due

ipoteche. Noi del piccolo popolo queste

cose non le riusciamo a capire.

Eppure la legge dice che chi amministra

lo deve fare come il buon padre

di famiglia... Penso che siamo un

paese nettamente in decadenza, come

in passato la fine dell'impero romano.

Nei ministeri stanno al calduccio

sulla poltrona, in uno sfarzo simile

alla Roma antica, dove c'erano gli

schiavi, il popolo e i senatori, consi-

Pagina 12

I A sor n-esi sono loro, il M5S


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

derati come déi. Andare a Roma, coi

suoi lussi, le donne, le feste, ti fa perdere

l'obiettivo: Grillo un obiettivo in

testa ce l'ha, farà in modo che gli altri

inciucino, così la prossima volta anziché

il 25 prenderà il 40 o 50%. Lo

scriva, noi italiani ci siamo rotti il c...

Facciamo un altro tentativo: al bar (e

poi in un secondo bar) incrociamo una

decina di persone ma nessuno si

sbottona. Non si trova un elettore

grillino che sia uno. Oppure lo sono

ma non lo dicono.

E' più facile trovare il pidino arrabbiato

con Bersani e i caporioni del

partito: "invorniti come tope... Per il

comizio conclusivo ti dimentichi

piazza San Giovanni, la lasci a Grillo

e vai all'Ambra Jovinelli? Il politico

deve cercare il consenso, se non lo sa

fare prenda uno scopino e vada a fare

le pulizie".

In paese si dice che l'attuale assessore

Mirna Cecchini sia la candidata

naturale del centrosinistra alle prossime

comunali del 2014: "Non creda

alla vox populi - dice -, e comunque

è presto per spendersi in questo senso,

non abbiamo fatto ancora nessun

tipo di riflessione". Ma se fosse lei in

campo, cercherebbe un'alleanza col

M5S? "Lo dovrebbe chiedere a loro...

La porta si può anche aprire, ma

qualcuno ci deve entrare. Invece mi

pare che da parte loro ci sia una chiusura

totale. Comunque è presto, è un

discorso prematuro". La Cecchini è il

braccio destro del sindaco, e si sente

perché hanno la stessa analisi del voto:

la popolazione giovane, il voto politico

che non c'entra con l'attuale

amministrazione. In più aggiunge:

"saremmo sciocchi a non prendere in

considerazione il segnale politico.

Appartengo al Pd ma rimprovero al

mio partito di non aver saputo intercettare

e di aver sottovalutato un malessere

che invece è notevole. A livello

provinciale molto deve cambiare. Abbiamo

vissuto periodi al di sopra delle

nostre possibilità, penso ad alcune

opere pubbliche... A un elettore attento

questo non sfugge".

Alla fine per trovare un grillino col

pedigree ricorriamo all'aiuto dei por-

tavoce che ci mettono in contatto

con Patrizia Panigali, esperta di di-

dattica museale, lavoro e domicilio a

Bologna. E' una dei pochissimi atti-

visti M5S in comune. Sorpresa da

questo voto in paese? "E' inutile dire,

sì, sono sorpresa. Ci siamo confron-

tati, abbiamo tessuto le ipotesi più

creative. Abbiamo una popolazione

molto giovane, eterogenea, molti pri-

mati (tanti bambini, un territorio

molto ampio), una frazione, Sant'An-

drea in Casale, nata 10 anni fa per l'i-

pervalutazione del mercato immobi-

liare riccionese. Un terzo delle perso-

ne residenti viene da fuori regione, è

qua perché ha trovato le case a un

prezzo umano". I fattori decisivi: "le

persone giovani, più sensibili, dina-

miche e disponibili, con più facilità

di comunicazione. Il malessere na-

zionale: questo voto viene dal

profondo, non da una scontentezza

locale né dal rifiuto dell'amministra-

zione comunale. Il comune è sobrio,

semplice. Ci sono poche lobby o

clientele o asso ciazionismo o sinda-

cati... oppure al contrario ce ne sono

troppe!". Sta di fatto che a San Cle-

mente il M5S "non ha un presidio,

non ha consiglieri, non ha una sede:

non abbiamo nulla". Non è stato fatto

nessun banchetto di propaganda, so-

lo un incontro pubblico di presenta-

zione dei candidati molto affollato a

Morciano. Qualche pensiero in vista

delle comunali 2014? Alleanze? "E' un

discorso prematuro. Ma uno dei

princìpi di fondo del movimento è

non cercare alleanze con nessuno".

Paolo Facciotto

Pagina 50 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 12

I A sor n-esi sono loro, il M5S


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

RIMINI &

SAN MARINO

QUALITÀ DELL'ARIA La Regione dà il via al percorso

che porterà alla nascita di un nuovo Piano

In calo gli sforamenti

in provincia di Rimini

Nei primi due mesi del 2013 si

sono registrati dei miglioramenti

nella provincia di Rimini

per quanto riguarda il

numero complessivo di sforamenti. Il

dato colloca la provincia riminese all'ottavo

posto in Regione e mostra una riduzione

significativa

Confermato per

domani il blocco

del traffico dalle

8.30 alle 18.30

del numero di superamenti

rispetto al 2012:

28 giornate rispetto alle

34. Il trend resta positivo

anche negli ultimi

tre mesi del 2012: da

ottobre 2012 a febbraio

2013 i giorni di superamento

sono stati 69, dato nettamente in

calo rispetto agli 82 del periodo ottobre

2011-febbraio 2012. Proprio i primi dati

regionali del 2013 sono stati fra gli argomenti

analizzati nell'incontro di mercoledì

tra la Regione e gli Enti sottoscrittori

dell'Accordo di programma sulla qualità

dell'aria 2012-2015, che ha dato il via al

percorso che porterà alla nascita del pri-

mo Piano regionale. "Il nostro obiettivo

dichiara l'assessore regionale all'Ambiente

e alla Riqualificazione urbana Sabrina

Freda — è realizzare un Piano efficace

e circostanziato, che abbia come

modello le migliori pratiche europee e

mondiali. Il cuore del nuovo accordo dovranno

essere le città

che vedono un alto numero

di persone esposte

agli effetti negativi

di una cattiva qualità

dell'aria. Per poter ripensare

le nostre città

occorre partire da una

pianificazione sostenibile

e dimensionata sui reali bisogni, attenta

alla mobilità e che eviti il consumo

di suolo e la dispersione insediativa. Vogliamo

coinvolgere nel confronto che ci

porterà alla costruzione del primo piano

regionale per la qualità dell'aria non solo

gli amministratori, ma tutti i cittadini".

Domani 3 marzo a Rimini sarà comunque

operativo il blocco del traffico.

Pagina 51 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 11

, Ci sono valuti ben 7 anni

per una rutatoria 'vera

hulatorio odontoi

2;:


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Ci sono voluti ben 7 anni

per una rotatoria 'vera'

iF

4 ra

via sperimentale per

stata realizzata in

poi venire adattata ai

reali flussi di traffico,

ma è rimasta praticamente invariata

per sette lunghi anni.

Finalmente, nell'ambito del

progetto esecutivo per la riqualificazione

della zona dell'ex

macello, in corrispondenza

dell'intersezione tra via Dario

Campana e via Bruno Toni è

prevista la realizzazione di una

nuova rotatoria. La struttura

attuale è stata al centro di non

poche discussioni presso l'allora

Quartiere 4 perché ritenuta

non sicura; per effetto dei

nuovi insediamenti abitativi

che gravitano su via Toni il traffico

è andato via via crescendo.

Ecco cosa si legge a proposito

della rotatoria nel comunicato

dell'Amministrazione comunale:

"Considerato l'apporto si-

curamente favorevole della

predetta soluzione temporanea,

monitorato negli anni, al

fine della sicurezza stradale e

della fluidità del traffico nell'intersezione

tra Via D. Campana

- Via B. Toni, si è scelto di costruire

una rotatoria definitiva

avente caratteristiche dimen-

Prevista anche

una serie di

interventi per

la mobilità lenta

rionali e geometriche in funzione

dell'area sulla quale essa

insiste e, in particolare, dell'andamento

non lineare del tracciato

di Via D. Campana che,

proprio nella zona di innesto

con Via B. Toni presenta di-

La rotatoria "provvisoria" di via Dario Campana

Pagina 52 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

scontinuità nell'andamento

dell'asse viario". L'intervento

prevede, a margine della rotatoria,

tratti di percorsi pedonali

perimetrali e attraversamenti

pedonali all'incrocio con le tre

direttrici che vi convergono: via

Toni e i due tratti di via Campana,

a mare e a monte dell'intersezione

stradale. Nel tratto

di via Dario Campana che

fronteggia la facciata dell'ex

macello, tra via Toni e via Nataloni,

sono previste una serie

di opere di riqualificazione. Si

tratta del rifacimento delle

aiuole, della realizzazione di un

percorso pedonale e di uno ciclabile

sul lato Nord, della riorganizzazione

dell'area destinata

a parcheggio pubblico e della

realizzazione di un percorso

ciclo-pedonale contiguo sul lato

Sud.

Aldo Viroli

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 10

Ci sono voluti lxm 7 mini

per marotatorin 'vera'

hulatorio odontoi


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

FATTI, NON OPINIONI

"ECCO PERCHÉ SIAMO

RIMASTI IN SILENZIO"

"Santa Giustina c'è da sempre"

non ha voluto strumentalizzare la

campagna elettorale. "Non rappresentiamo

alcuna forza politica,

nessun partito. Tra noi ci sono

persone con le idee più diverse -

sottolineano i sostenitori del comitato

- Proprio per non interferire

con la campagna elettorale abbiamo

lasciato passare questo

mese in silenzio". Poi mercoledì

l'atteso incontro con il sindaco

Andrea Gnassi, presenti gli assessori

Sara Visintin e Roberto Biagini.

Incontro che non è andato proprio

come ci si aspettava. Tanto

che il comitato ha deciso di fare

chiarezza, precisando: "Noi non vi

raccontiamo opinioni ma fatti".

Pagina 53 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 13

RIMINI

eircomullazione?"11 tracciato c'è già"


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

SORPRESA

"Lo stop scelta

del Comune"

"Abbiamo sempre pensato

fosse stata la Provincia a bloccare

la variante della Circonvallazione".

Così ha sostenuto

anche il Comune, a margine

dell'ultimo incontro con il comitato.

E invece spulciando le

carte proprio il comitato si è

accorto che in realtà lo stop

decisivo è arrivato dal Comune,

con una delibera firmata

dall'architetto Alberto Fattori e

dall'assessore Roberto Biagini

in cui si chiedeva di sospendere

l'esame senza chissà quale

motivazione. "La delibera è

datata 28 aprile 2011, a quindici

giorni dalle elezioni", fa notare

Giuseppe Fabbri, senza

aggiungere commenti. Peccato

che "al momento dell'adozione

della variante il Comune

avesse sostenuto che non vi era

alcun impedimento. I tecnici

negli atti hanno anzi scritto

che la variante era conforme al

Piano territoriale di coordinamento

provinciale".

Andando a cercare spiegazioni

in Provincia, il comitato dice di

averne avuto riprova: "Si è

semplicemente preso atto della

delibera del Comune".

Ma il punto in questione è

controverso. Il Comune in proposito

ha più volte ribadito

che la variante è stata stoppata

perché sarebbe entrata in

contraddizione con il Piano

territoriale di coordinamento

provinciale.

Pagina 54 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 13

RIMINI

lacircomallazione?"II tracciato c'è già"


press LinE

LAWO CE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

La circonvallazione? "Il tracciato c'è già"

IL COMITATO SANTA GIUSTINA C'È DA SEMPRE "Non è possibile ricominciare coni progetti ad ogni nuova legislatura"

1 tracciato della Circonvallazio-

ne non può che essere quello a

cui il Comune aveva già dato il

via libera. Il comitato "Santa

Giustina c'è da sempre" è anche disposto

a mettere in piedi quel gruppo

di lavoro suggerito dal sindaco

Andrea Gnassi nell'incontro di qualche

giorno fa, per valutare insieme

ipotesi, vincoli, costi e sostenibilità

in relazione a diverse ipotesi. A patto

che la traiettoria sia quella già individuata

a suo tempo (nel consiglio

comunale del 27 gennaio 2011), dalla

strada di Gronda a San Martino in

Riparotta. "Non è possibile che ad ogni

nuova legislatura ricominci la fase

progettuale", ribadisce Giuseppe

Fabbri a nome del comitato. Con un

nuovo accorgimento però, visto che

nel frattempo è entrata in funzione

- "senza alcun preavviso", sottolinea

- anche la centrale a biogas. Che il

traffico da e per l'impianto venga dirottato

fuori dalla frazione. Piuttosto

che gravare, come succede oggi, sulla

via Fiumicino, larga appena tre

metri.

Non solo. Qui a Santa Giustina c'è

anche il depuratore già destinato ad

un raddoppio. "Magari non sono

impianti che inquinano di per sé,

ma indirettamente incidono eccome".

"E' la stessa

Provincia a dichia-

rarlo in uno studio,

stimando un pas-

saggio di 1.050 mez-

zi pesanti all'anno

da e per il depurato-

re, concentrati so-

prattutto in estate, equivalenti a

1.621 chilogrammi di ossido di azoto,

91 chilogrammi di polveri sottili

e 100.560 chilogrammi di anidride

carbonica. Numeri questi che ancora

non tengono conto del già previsto

raddoppio. Noi a questo punto

chiediamo che prima di procedere

venga realizzata la circonvallazione".

Ma la frazione più a nord di Rimini

ha anche un altro problema, ancora

sulla carta, la complanare, che dal-

l'area Igea Marina - Castellabate ar-

riverebbe fino alla Sacramora". Ov-

viamente il comitato non ne vuole

nemmeno sentir parlare. Emblema-

tico al proposito uno

dei tanti cartelli ap-

pesi da mesi lungo la

via Emilia. "Volete

portarci la statale A-

driatica? Allora vo-

gliamo anche il ma-

re", si legge nello stri-

scione proprio di fronte al cimitero.

"Nemmeno il Comune sembra cre-

derci alla complanare, dice che tan-

to Anas non ha i soldi, non si farà

mai. Ma allora che senso ha mante-

nere la previsione nel Piano struttu-

rale comunale?", chiede il comitato.

La conferenza stampa convocata ieri

al Bar Sport di Santa Giustina, proprio

di fronte a quell'incrocio dove

ogni giorno s'incolonnano lunghe

code, voleva essere una prima risposta

al Comune. Forte e chiara. Un

modo per dire che l'incontro di

qualche giorno fa non è andato così

bene come raccontato da Palazzo

Garampi. Prossime mosse? Intanto

il comitato tornerà a riunirsi martedì.

Giovedì prossimo invece ci sarà

l'assemblea pubblica a cui sono invitati

tutti i cittadini. "Dopodiché riprenderemo

i contatti con il sindaco.

Intanto lo ringraziamo per averci

incontrato e ascoltato. Speriamo

non insista sulla circonvallazione

corta per problemi di risorse. Per noi

il tracciato resta quello approvato".

Nell'assemblea poi si valuteranno

altre forme di "lotta non violenta,

nel pacifico esercizio del nostro diritto

alla libertà".

Valeria De Tommaso

Pagina 55 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Il dottor Fabbri, portavoce del comitato di Santa Giustina, ieri al Bar Sport (Foto ',lig

;!'

ktt*

4

Pagina 13

Latireonvallazime?"II traccialo c'è già"

„ .


pressunE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

LA MORETTI MANTIENE LA PROMESSA. MA GNASSI NON CI SARÀ

Benedettini parla alla conferenza organizzata da Cuore di Rimini Migliorini

Pagina 56 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Audizione Benedettini

Il progetto alternativo

lunedì in commissione

Lunedì mattina una seduta congiunta delle

commissioni III" (territorio) e V" (bilancio)

sarà dedicata all'audizione dell'architetto

Marco Benedettini, ideatore del progetto alternativo,

rispetto al Piano di Salvaguardia

della Balneazione, per superare il problema

degli sversamenti fognari in mare. Il progetto

è quello del "deviatore di costa", una sorta

di grande vasca di laminazione realizzata

a ridosso del lungomare sotto la sabbia, in

collegamento con i depuratori. L'idea della

"linea Maginot" da non fare oltrepassare agli

scarichi nemmeno in condizioni idrauliche

critiche (cioè forti precipitazioni improvvise)

ha fatto il giro della città, dall'estate scorsa

in avanti, e ha suscitato molti consensi anche

in ambienti tecnici e professionali. In dicembre,

ad un convegno organizzato dai civici

di "Cuore di Rimini", la consigliera comunale

del Pdl Giuliana Moretti aveva promesso

di impegnarsi affinché l'amministrazione

comunale venisse ufficialmente a conoscenza

del progetto, per poterlo valutare.

E così è stato, grazie alla sua determinazione

lunedì si terrà la seduta conoscitiva. Nel

frattempo Benedettini è stato ricevuto almeno

una volta dall'assessore ai lavori pubblici

Biagini, ma non ha mai potuto varcare

la porta del sindaco Gnassi, di cui non è prevista

la presenza in aula. L'appuntamento

comunque è già abbastanza sentito, ne è dimostrazione

il lancio su Facebook di Corrado

Paolizzi: "Riminesimil! Facciamoci sentire!

Lunedì mattina tutti in Comune alle 09,00!!!!

Siate numerosi io purtroppo (per fortuna

visti i tempi) sono inchiodato in ambulatorio

Non lasciamo solo l'arch. Marco Benedettini

che illustrerà l'idea sul raccordo

fognario di costa!!!". Negli ultimi approfondimenti

in tema, il professionista ha chiarito

che i costi di realizzazione dell'opera sono

notevolmente inferiori rispetto a quelli delle

vasche di laminazione. (pf)

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 14

Fiducia al cdm

"così è xiolato

il regolameto"

F

. '


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

RIMINI &

SAN MARINO

AERADRIA Pazzaglia all'attacco del sindaco

che ha rinnovato la fiducia agli amministratori

mentre un odg ne chiede le dimissioni

Fiducia al cda:

"così è violato

il regolamento"

Fabio Pazzaglia non molla la

presa: per il capogruppo di

Sel-FareComune la reiterazione

della fiducia di palazzo

Garampi al consiglio d'amministrazione

di Aeradria è "una palese violazione

del regolamento comunale".

Riepiloghiamo i fatti: il 21 febbraio

scorso il consiglio comunale, oltre a

votare a maggioranza la delibera di

"salvataggio" della società di gestione

del "Fellini" fino al 30 giugno, ha discusso

un ordine del giorno proposto

da Savio Galvani (Fds) nel quale si

chiedevano le dimissioni di Massimo

Masini e degli altri amministratori di

Aeradria attualmente in sella. Nell'occasione

il Pdl uscì dall'aula (per

non votare "contro l'aeroporto" e

nemmeno contro il cda), mentre

Pazzaglia con Renzi (Fratelli d'Italia)

e Casadei (Lega) votò a favore dell'odg

Galvani, che passò di stretta

misura grazie alla spaccatura interna

apertasi nel Pd. "Anche se il Pd si è

spaccato tra favorevoli e contrari -

rievoca Pazzaglia - alla fine l'ordine

del giorno è passato lo stesso, per un

soffio. Ricordiamo bene inoltre, dopo

l'esito della votazione, anche il plateale

disappunto del Sindaco Gnassi".

Senonché, prosegue il capogruppo

Sel-FC, da pochi giorni "i soci di

Aeradria, Comune di Rimini compreso,

hanno voluto riconfermare la fiducia

al Presidente Masini e al suo cda".

Commento: "siamo di fronte ad

un fatto grave perché in questo modo

il socio Comune di Rimini, con in

testa Gnassi, ha deliberatamente ignorato

l'esito della votazione del

Consiglio Comunale. Ma così facendo

il Sindaco ha commesso un fatto

grave perché ha infranto il nostro Regolamento

Comunale! Regolamento

che il Sindaco dovrebbe difendere e

rispettare come primo cittadino e garante

del nostro ordinamento civico,

in un'ottica di rispetto della legalità

e dei principi che la città si è data".

"La palese violazione del Regolamento

Comunale da parte del Sindaco in

persona - conclude Pazzaglia - pone

una questione che, oltre a interessare

il campo etico e morale, assume anche

un carattere istituzionale in

quanto il primo cittadino è il primo

che dovrebbe uniformarsi alle regole

esistenti. Premesso tutto ciò invitiamo

per l'ultima volta il Sindaco

Gnassi, coerentemente con l'esito

dell'ordine del giorno, a dare seguito

alla richiesta di dimissioni nei confronti

di Masini e del cda di Aeradria

altrimenti chiediamo a lui di spiegare

quali sono i motivi che lo inducono

a violare il Regolamento del Consiglio

Comunale e contestualmente

di rassegnare le dimissioni da Sindaco

visto che non vuole, o non può, rispettare

il nostro Regolamento Comunale

che equivale alla «Legge della

Città»".

(pf)

Pagina 57 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 14

Fiducia al cda:

"così èviolato

il regolamento"


pressunE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

OGGI UN SEMINARIO DEL PROGETTO CALIPSO

Prevenire gli incidenti con l'aiuto

dei giovani che li hanno sperimentati

Come prevenire gli incidenti? Uno

dei modi è quello di diminuire

le recidive, cosa che si può fare

coinvolgendo i giovani già incidentati.

Su queste premesse si

basa la prevenzione attiva al

Pronto Soccorso, che è oggetto di

una campagna dell'ospedale, finanziata

dai Piani di Zona del

Comune di Rimini e realizzata

all'interno del Progetto Calipso

dell'associazione Itaca. Oggi alle

10,30 si terrà il terzo e ultimo incontro

dei «Seminari Adolescenza».

Un seminario aperto alla cittadinanza

dove la Prof.ssa Carbone,

docente di psicologia dinamica

Università di Roma 'La Sapienza',

presidente ARPAd, psicoanalista

SPI-IPA; parlerà di una delle

sue ultime ricerche dal titolo

«Prevenzione attiva: lo sportello

giovani al pronto soccorso». A

questi temi si ispira il progetto di

ricerca attivo al Pronto Soccorso

'

t

,Fi ret

r- -

. azta

dell'Ospedale di Rimini, attuato

all'interno del Progetto Calipso,

finanziato dai Piani di Zona del

Comune di Rimini e finalizzato

alla prevenzione ed alla riduzione

degli incidenti stradali tra i giovani.

La ricerca sulla realtà riminese,

partita nei primi giorni di gennaio,

avrà la durata di un anno e

valuterà l'efficacia di un supporto

Pagina 58 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

psicologico rivolto ad adolescenti

e giovani adulti (14-25 anni) che

si rivolgono al Pronto Soccorso

per incidenti stradali.

In bibliografia - spiega una nota

dell'Ausl - molte ricerche evidenziano

come, prendere in considerazione

dal punto di vista

psicologico, il giovane incidentato,

anche con un unico colloquio,

può contribuire a diminuire notevolmente

il rischio di recidive.

Indagini sperimentali hanno dimostrato

il calo di recidive nel caso

di incidenti traumatici del 25%

rispetto alla media. Il dato assume

ancora maggiore rilievo considerando

che solo nel 2011 al

pronto Soccorso dell'Ospedale di

Rimini ci sono stati circa 2000 accessi

di giovani di età tra i 14 e i

24 anni a causa di traumi ed

infortuni.

Appuntamento in Sala Marvelli,

via Dario Campana 64, Rimini.

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 14

Fiducia al cda:

"così è xiolato

il regolameto"

. '


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

ESTATE AL MARANO: IL COMITATO PRONTO A "MUOVERE GUERRA"

RICCIONE Neanche il tempo

di arrivare a Pasqua e quelli

del Marano già mettono "le

mani avanti" in vista dell'ennesima

stagione all'insegna

dei rumori e della musica

che impedisce, da anni, di

prendere sonno durante le

notti d'estate. Infatti giovedì

sera, presso un hotel della

zona, si è dato appuntamento

un nutrito gruppo di residenti,

con l'intento di dare

più forza al comitato "Amici

del Marano", nato l'estate

scorsa. All'ordine del giorno

"il perdurare della totale assenza

di decoro in questa area,

che sembra dimenticata

dall'amministrazione comunale".

I presenti, ma l'appuntamento

ha avuto una risonanza

tale da richiamare nelle

sale dell'hotel anche giovani

ragazzi provenienti dal

Movimento 5 Stelle, interessati

alle problematiche del

territorio, hanno inoltre parlato

e discusso di" sporcizia,

criminalità, strutture fatiscenti

e, nonostante l'estate

debba ancora arrivare, già si

teme per il rumore notturno".

Il tema dei decibel è stato

l'argomento più sentito, in

quanto sembra che nulla

venga attuato per evitare i

Pagina 59 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

problemi delle passate estati.

E' questo un Comitato trasversale

ed eterogeneo, in

quanto composto da imprenditori

del turismo (albergatori,

bagnini e gestori

di pubblici esercizi), da persone

residenti altrove, ma amanti

della natura (in questo

quartiere il fiume Marano è

habitat naturale di molteplici

varietà faunistico/floreali),

nonché dei residenti stessi

del quartiere. I partecipanti

hanno condiviso le riflessioni

e deciso di attuare una serie

di iniziative che verranno

messe in atto a partire dalle

prossime settimane.

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 17

RICCONE

"Caccia grossa" a lui topo

nel Cup del Ceeearini


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

HANNO RAGIONE TASSA

FUORI TEMPO MASSIMO

"Approvare a marzo l'imposta di

soggiorno per l'estate 2013 rappresenta

un abominio. Prenotazioni

definite, contratti con agenzie

e tour operator firmati dovranno

essere ridiscussi, col rischio

che il cliente receda recedere,

per maggiore onerosità, senza

penali, senza preavviso e, probabilmente,

alla fine senza clienti".

Qui l'Aia ha ragione da vendere.

Pagina 60 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 18

====. L'Aia al Comune: IL flettete, e poi

fermi tevi

A"'"

Mancava dd Con,

non killa fa."


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

a al Comune: "Riflettete, e poi

fermatevi"

rroccati nel loro "Avengli

albergatori di

R Riccione

(ma qui l'Aia

A Ae

rappresenta solo una

parte) si rifiutano di incontrare

sindaco Pironi e amministratori

e continuano la loro "guerra"

all'Imposta di Soggiorno. Con

questo documento elencano

non pochi motivi della loro avversione

alla "tassa sul turista".

Lasciamo al lettore ogni considerazione.

"Si tratta di una imposta

che colpisce le categorie più deboli,

al pari dell'Iva sul pane, poiché

si applica su di un bene primario

per ogni famiglia.

La vacanza è oramai da anni

ritenuta in ogni economia moderna

come bene o servizio primario

e non derogabile, al pari

dell'istruzione, assistenza medica

ecc.

L'imposta imp atta negativamente

molto di più sui redditi

bassi che su quelli alti, per i quali

l'incidenza è inferiore e quindi

minore il sacrificio reale. Non ci

risulta che la nostra clientela sia

composta da ricchi uomini di affari,

ma piuttosto da quella classe

media in difficoltà, come mai in

precedenza... Determinante anche

la perdita di credibilità all'estero,

proponendo un'immagine

confusa e la solita incapacità di

pianificazione delle amministrazioni

locali. Un operatore, così

come un cliente privato straniero,

non riuscirà a capire come si

possano cambiare le regole del

gioco a partita già iniziata. Riccione

decide di non farsi mancare

l'opportunità di manifestare

uno dei lati peggiori della propria

italianità. Viva la semplificazione.

Tutta l'attività e la gestione della

tassa ricade sull'hotel trasformando

l'albergatore in un esattore,

che deve pretendere i soldi

dai propri clienti, magari dopo

anni o decenni di rapporto per-

IMPOSTA DI SOGGIORNO In una nota degli albergatori tutte

le ragioni per non imporre, "durante la partita", questa tassa

sonale. Tutto questo in una crisi

profonda del sistema economico

italiano ed europeo, con la paura

di perdere altre prenotazioni e,

soprattutto,... se non paga lo denunciamo...

Ovviamente è facile

imporla, cosa ben diversa e doverla

riscuotere, soprattutto per

gli hotel più piccoli per i quali la

gestione di questo ennesimo adempimento

rappresenta la goccia

che fa traboccare il vaso della

sopportazione, con costi aggiuntivi,

burocrazia, registri e controlli.

Un carico di burocrazia insopportabile.

Prima si impone una

imposta e poi si discute come

impiegarla. Questo è buongoverno?

Davvero non è più possibile

accettare questo modo di gestire

le cose. A tutti gli amministratori,

che hanno ancora un po' di buon

Pagina 61 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

senso, diciamo 'riflettete. Fermatevi!'

Non è questa la strada, non

fatelo perché è sbagliato. Non ragionate

pensando, a quello che è

più facile, ma piuttosto a quello

che serve al nostro sistema economico.

Viviamo tutti di turismo,

ma, soprattutto, viviamo di turisti,

di persone dotate di libero arbitrio,

facoltà di scelta che oggi

come noi vivono un momento

difficile. E' dalla loro scelta che

dipende la qualità della nostra vita.

Aiutiamoli a scegliere. Non inseguite

le sirene dei vicini... Abbiamo

dimostrato in passato di

avere le capacità di gestire la nostra

economia meglio di altri, e

oggi?", conclude, con una domanda

retorica, la nota dell'Associazione

Albergatori di Riccione.

(epi)

Pagina 18

L''Aiaal Comfine "Riflettete, e poi

fcnnal

MancoomasiddCons' o.

riorini non lobo fatto"


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

UN AIUTO BENEFICO

La banca dona 15mila

euro a "Il Pellicano"

CATTOLICA Ieri il presidente

della Banca di Credito Cooperativo

di Gradara, Fausto Caldari,

ha consegnato a don Biagio

Della Pasqua, parroco della

chiesa di S. Pio V, un assegno

di 15mila euro per il sostegno

dell'attività dell'associazione "Il

Pellicano" che, come spiega

Don Biagio, "nasce nell'Anno

Santo 2000 come un modo di

recuperare una fede più viva

attraverso anche un'attività sociale

che pone la sua attenzione

a persone in difficoltà." Infatti

l'associazione ospita ogni

pomeriggio un gruppo di giovani

adulti tra i 16 e 50 anni,

con problemi di disabilità psichiche,

fisiche e comportamentali.

Le attività di espressione e

socializzazione variano da

quelle ludico-sportive a quelle

teatrali e artistiche. Lo scultore

Augusto Gennari insegna a

modellare la creta, educatori

curano l'espressione scritta e

parlata, esperti sportivi insegnano

basket e gioco delle

bocce. Tutti volontari che, con

due psicologi, aiutano 25 ragazzi

ad avere una vita più

normale e integrata possibile

nella città. Un lavoro volto a intrattenere

e a responsabilizzare

i ragazzi, per renderli più autonomi

di quanto avvenga nell'ambito

familiare tendenzialmente

iperprotettivo. Il presidente

della Banca di Credito

Cooperativo di Gradara ha detto:

"Da anni sosteniamo Pellicano',

coerentemente alle tante

iniziative di carattere sociale

che la nostra Banca ha a cuore

facendo sentire la sua attenzione

nei confronti dei giovani

meritevoli nello studio e nel lavoro,

nell'assistenza sanitaria e

nella formazione culturale. Don

Biagio: "Il Pellicano vive di donazioni

e la Bcc di Gradara è al

1° posto per generosità, contiamo

nella fedeltà...".

Wilma Galluzzi

Pagina 62 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 18

xwcwx

Libaalemuurelifflettete,epoi

Mancava dd Con,

non killa fa."

I -1 \


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

VAL DI FIEMME TAPPA ITALIANA PER LA PROMOZIONE CITTADINA, TRA LE NEVI CON I LETTINI

Verdeblu in Trentino per i Mondiali di sci nordico

Vacanza, sport e mare gli ingredienti principali

La promozione di Verdeblu approda

sulle nevi della Val di

Fiemme. Da giovedì scorso,

per un paio di giorni, la com-

pagnia di Verdeblu è in montagna, a

Cavalese, per promuovere le vacanze

al mare a Bellaria Igea Marina e non

solo, infatti Verdeblu è in Trentino anche

per la promozione della Provincia

di Rimini. La stagione si avvicina e la

società pubblico privata di promocommercializzazione

bellariese ha già

inanellato alcune tappe importanti.

La prima è una new entry, infatti l'appuntamento

fieristico di Lugano in

Svizzera è una delle nuove tappe dell'inverno

2012-2013, poi è stata la volta

della classica "Vakanz" in Lussemburgo,

poi la tappa francese di Colmar,

ormai appuntamento di riferimento

per Verdeblu con il Sitv di Colmar

e Tourissimo di Strasburgo. Dopo

la Francia si è arrivati lo scorso mese

in Belgio per il nuovo Vert Blue Soleil

di Liegi e oggi la montagna italiana.

Ma perché una tappa tra le nevi? La

Pagina 63 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

scelta non è di certo stata occasionale,

infatti a Cavalese si svolge la tappa

dei Mondiali di sci nordico 2013. Già

da giovedì scorso gli stand promozionali

di Bellaria Igea Marina sono

pronti ad accogliere gli amanti della

montagna per tentarli con le proposte

offerte per le vacanze al mare. Per

gli appassionati di sport è pronto il

"bike game", ovvero il simulatore di

percorsi cicloturistici tra i colli romagnoli,

coordinati dai rappresentanti

di Mareterra Bike Team.

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 23

BELLARIA IGEA"RNA

" apnliticae troppo lontana dalla gente"


LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

press LinE D I

RO M AG NA

RIMINI &

SAN MARINO

INCONTRO L'assessore al Bilancio Magnani, insieme a Stefania Zammarchi,

ha relazionato "sugli aspetti politico-organizzativi, molte le problematiche"

Nuova tassa sui rifiuti: la città fa

scuola, ospitati tecnici e assessori

Bellaria Igea Marina fa scuola,

molti Comuni della Provincia

di Rimini hanno richiesto al

Comune di poter condividere

il percorso compiuto dal Comune bellariese

sull'introduzione della Tares, la

nuova tassa sui rifiuti entrata in vigore

dal primo gennaio scorso. L'Amministrazione

comunale ha ospitato giovedì

un incontro, organizzato dall'assessorato

al Bilancio a di Tributi, con l'obiettivo

di condividere considerazioni, punti

di criticità e soluzioni riguardo al nuovo

sistema di tributi legati alla raccolta

e smaltimento rifiuti, ossia la Tares che

dal primo gennaio scorso ha sostituito

la Tarsu, o la Tia. Un incontro al quale

hanno partecipato numerosi responsabili

degli uffici tributi, ed alcuni assessori

di riferimento, giunti dai comuni

della provincia di Rimini. Il Comune di

Bellaria Igea Marina ha approvato il bilancio

prima del 31 dicembre, unico comune

in Provincia, esattamente i122 dicembre,

introducendo l'applicazione

della nuova tassa sui rifiuti. Come spiega

l'assessore al Bilancio di Bellaria Igea

Marina, "l'idea è nata il mese scorso in

occasione di un incontro indetto in Provincia

da Atersir, l'autorità d'ambito e

Gli amministratori comunali

hanno presentato

il modello Bellaria

di vigilanza che intermedia tra gli enti

locali e il gestore del servizio, nella fattispecie

Hera s.p.a. In quell'incontro -

afferma oggi l'assessore bellariese al Bilancio

Riccardo Magnani - sono emerse

le difficoltà incontrate da molti comuni

nell'elaborazione delle tariffe e nel dover

redigere un nuovo regolamento,

non da ultimo per le implicazioni sui

bilanci comunali. A Bellaria Igea Marina,

che già nello scorso dicembre ha

approvato il bilancio di previsione 2013,

è stato chiesto pertanto di condividere

Pagina 64 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

il percorso compiuto per il passaggio al

nuovo tributo: abbiamo accolto l'input

positivamente e abbiamo inteso intavolare

un confronto in cui condividere

spunti e fornire suggerimento sulla base

del nostro operato". L'incontro è iniziato

con l'introduzione di Magnani e

del responsabile al servizio Stafania

Zammarchi che ha relazionato sugli aspetti

politico-organizzativi alla base

dell'azione intrapresa dal Comune di

Bellaria Igea Marina; presente anche

Carlo Casadei in rappresentanza di Atersir,

il quale è intervenuto fornendo

chiarimenti in merito alla predisposizione

dei piani finanziari che i diversi

Consigli Comunali dovranno approvare

propedeuticamente alla determinazione

delle tariffe Tares. Quali sono le questioni

affrontate? "L'esigenza di approvare

regolamenti uniformi e quella di

omogeneizzare le tempistiche per gli adempimenti:

in entrambi i casi, istanze

volte soprattutto a una semplificazione

delle procedure a carico dei cittadini.

Una consapevolezza questa espressa

dal tavolo di lavoro sulla necessità di elaborare

tariffe più contenute possibile

per quanto concerne il carico fiscale sui

contribuenti". (gd)

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 23

BELLARIA IGEA MAR

°Iapnliticaè tmppo lontana dalla gente"


press LinE

LAWOCE

Direttore Responsabile: Stefano Andrini

UFFICIO STATISTICA Il 2013 è iniziato ancora

con un segno meno, solo la disoccupazione

è in costante crescita: +1,32% in un anno

Gennaio nero:

calano imprese

e visitatori

1 2013 è ripartito da dove si era

concluso il 2012 per l'economia

sammarinese, ovvero con il segno

meno. Lo si apprende dalla sintesi

mensile dei principali aggiornamenti

dei dati statistici relativi a popolazione,

imprese, occupazione/disoccupazione

e turismo, pubblicata ieri dall'Ufficio

Informatica, Tecnologia, Dati e

Statistica (tutti i dati sono disponibili sul

sito internet www.statistica.sm).

PopolazioneLa popolazione residente

a131 gennaio 2013 è di 32.480 unità, 9 in

più rispetto a dicembre 2012 e 228 in più

rispetto a gennaio 2012. La popolazione

presente, che rispetto alla popolazione

residente comprende anche le persone

con permesso di soggiorno, è pari a

33.535 unità, 27 in meno rispetto al mese

precedente e 133 in più rispetto a gennaio

2012.

ImpreseNel mese di gennaio 2013 si

registra una diminuzione di 60 imprese

rispetto al mese di dicembre 2012; il totale

delle imprese operanti in Repubblica

al 31 gennaio 2013 è di 5.247 e rispetto a

gennaio 2012 si registra un decremento

di 285 unità. Il calo maggiore si registra

nei settori: 'Attività immobiliari, informatica

e servizi alle imprese" (-176 unità

in un anno), "Commercio" (-61 unità) e

"Industrie manifatturiere" (-44 unità).

Disoccupazione I lavoratori dipendenti

totali al 31 gennaio 2013 sono

18.521, con una riduzione rispetto a gennaio

2012 di 326 lavoratori. Nel corso

dell'ultimo anno il settore privato e il settore

pubblico hanno registrato una diminuzione,

rispettivamente di 297 e 29

lavoratori dipendenti. I lavoratori indipendenti

sono diminuiti di 41 unità

nell'ultimo anno. Il tasso di occupazione

totale ha perso 1,64 punti nell'ultimo anno,

mentre il tasso di occupazione interna

è diminuito di 0,61 punti. I disoccupati

totali e i disoccupati in senso stretto

sono aumentati rispettivamente di 223

e 215 unità da gennaio 2012 a gennaio

2013. Dei 1.027 disoccupati in senso

stretto presenti al 31 gennaio 2013, 364

hanno un'età compresa tra i 20 ed i 29

anni, mentre, come titolo di studio, 386

hanno il diploma di maturità e 199 hanno

la laurea o un diploma universitario.

Il tasso di disoccupazione totale ha segnato

un incremento di 1,32 punti nell'ultimo

anno e, sempre nello stesso periodo,

il tasso di disoccupazione in senso

stretto è aumentato di 1,28 punti.

TurismoRelativamente ai dati su occupazione

e disoccupazione, un confronto

corretto è possibile solo prendendo

come riferimento sempre lo stesso

mese di anni differenti, in quanto tali da-

Pagina 65 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ROMAGNA

RIMINI &

SAN MARINO

ti risentono della stagionalità. Nel mese

di gennaio 2013 l'afflusso turistico è stato

pari a 63.642 visitatori con un decremento

del 16,28% rispetto al mese di gennaio

2012. Nel mese di gennaio, le immatricolazioni

di autoveicoli (nuovi e usati)

sono passate da 311 nel 2012 a 265 nel

2013, con una flessione pari al -14,79%,

anche il numero delle immatricolazioni

di mezzi di lavoro è diminuito, 32 nel

gennaio 2012 e 22 nel gennaio 2013 (-

31,2%x). (db)

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 24

SAN MARINO

Gennaio nero:

calano imprese

e visitatori


press unE

uotidlano

Nii.Q di Rimini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

"Di qui passano mille camion alranno" Giovedì. prossimo Fa.ssern :fica per decidere se aderire o meno al tavolo proposto da Gnassi

Santa Giustina non si arrende

I cittadini delusi e arrabbiati dopo l'incontro di mercoledì con l'amministrazione comunale

Togliamo la Circon.vallazione non quello che ci offre il Comune.. soldi possono chiederli a Hera"

Pìtìl - Delusi e arrabbiati. Cosi si sentono i

cittadini di Santa Giustina dopo i rimo confronto

con l'amministrazione comunale, Annunciano

gi à nuove proteste. Non sono rimasti.

per nulla convil3ti dalle motivazioni messe sul

tavolo dal Comune in merito alla mancata realizzazione

della nuova Carcotwallaz io ne, che

eviterebbe al centro abitato di Santa Giustina.

tutto il traffico pesante di depuratore biodigestare,

Si parla di oltre mille camion all'anno. Da

Palazzo Garampi hanno infatti più volte imputa:o

la sospensione del progetto alla Provincia,

perché non conforme con il Ptcp. i rappresentanti

del comitato però insistono. "La delibera.

adottata dal consiglio comunale il 27 0-iu.,,no --

2011 è stata sospesa dall'amministrazione il 28

aprile del 201I, spiega il portavoce, Giuseppe

Fabbri, il confronto si fa quindi molto serrato.

una presa in giro continua ormai -- tuona

Pietro Berti Noi vogliamo risposte concrete.

O sì fa o non si fa. .E soprattutto quanti soldi è

disposto a metterci il Comune". Sulle proposte

c'è molto da discutere. "L'amministrazione ha

già detto di non essere in grado dii sostenere i

costi per la realizzazione della nuova Circonvallazione

- torna a spiegare Fabbri Pare ora

ci vogliano quindici milioni di curo. Vorrebbe

fermarsi con la bretella che sbuca vicino al cimitero.

Per noi non è .Úttibile.1.1 traffico

te deve essere deviato'. Di motivi ce ne sono,

Un cinquantina ì partecipanti all'assemblea dì ieri al Bar Sport di Santa Giustlna

"Di qua passano 1050 camion all'anno. Con il

blodigestOre e il raddoppio dei depuratore ci.

sara un aumento di 1621 chili di ossido di azoto,

'20 chili di polveri sottili e oltre 100 mila chili

di Cot", E: un prezzo che i residenti non vogliono

pagare. "Gli enti pubblici hanno diritto a risarcimenti

da Hera per la costruzione degli in:

Pianti, possono ottenere un milione di curo

Pagina 66 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

l'anno per fare opere compensative. Su questo

fronte Comune ci è sembrato impreparato",

inoltre, da chi vive sulla via Emilia, arriva un

secco no anche alla complanare che affiancherebbe

la Tolemaid.e. Giovedì è in programma

un'assemblea pubblica per decidere se aderire

o Meno al tavolo proposto dal Comune.

Brahìm ~rad

aNcrtízeznacd.r.gi

tijot;:d

32tta Giustnta ncr. 5ì arrenda


press LinE

uoticliano

Nii.Q ai rumini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Gli esiti del voto giudicati delucenti. Si ai congressi ma dopo che si è risolta l'impasse nazionale

t4 Non facciamoci la guerra tra noi"

Sostegno ad Emma Petitti nell'incontro tra i segretari di circolo

RIMINI - Chi si aspettava che volassero

gli stracci si dovrà fieredere.

F.j.E3 n ione "tranquilla", per

quanto sofferta, quella di ieri

sera tra i coordinatori dei circoli

di Rimini e dei comuni della

provincia del Partito Democratico,

per la prima volta a confronto

sugli esiti del voto. Nessun

attacco, questa volta, sarebbe

arrivato alla segreteria provinciale.

Ed Ernma Petitti, reduce

dall'incontro tra i segreta ri

a Bologna, si sarebbe mostrata

invece "carica" al tu per tu coni

"suoi". Un confronti) duran:t il

quale si è ovviamente preso atto

di un risultato che anche nel

territorio di Rimini stato, ed è

stato riconosciuto, deludente.

Quanto all'argomento "Movimento

5 stelle' e il boom registra:D

in parecchi comuni della

provincia, non poteva che essere

all'ordine del giorno. "Rimhocehiamo

: 7 i le maniche" sarebbe

stato uno dei leit motivi della

serata. E nelle analisi e negli interventi,

in prevalenza riferiti

però anche al-lo scenario nazio-

nate e all'impasse che si è creata

in Parlamento, sarebbe prevalsa

l'opinione che "non è il m

ento delle pugnalate". 'Non

facciamoci la gUerra tra di noi

ora" il senso di-diversi interventi,

tesi seminai ad invitare a capirei

fenomeno M5s e a pensare

a come rinnovare davvero il

partito. Tra i. partecipanti alla

riunione - il segretario del

circolo di Riccio ne Enrico Angelini

che non si è sottratto ad

un confronto sul "caso" Riccione,

dove la segreteria ha anndin.-

Pagina 67 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

dato le dimissioni. Ovviamente

si è parlato anche della necessita

di andare al più presto a congresso,

come invocato nei giorni

scorsi da Vitali e Gnassi. in

questo caso, l'indicazione è

quella di attendere prima che si

definisca quadro nazionale,

quindi un istante dopo si convocano

i congressi. Prossimo

confronto, e in questo caso più

"difficile' probabilmente per

segretario Petitti, quello di lunedì

con la direzione provinciale.

Pagina 7

C.N.nve-a

Si01;:d


press LinE

uotidlano

Nii.Q di Rimini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

Pagina 68 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 7

CAnve-a

zen

Si01;:d .,- Gti

Sart,i Gmaula noti si ai-rende


pressunE

uotidlano

Nii.Q ai Rimini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

I centri di assistenza fiscale hanno ottenuto l'autorizzazione ad accedere alle banche dati: Per noi un surplus di lavoro" Alle Poste servizio a pagamento

Cud, i penmonati devono andare on line

L'Inps da quest'anno non invia più documenti cartacei

La Cisl: "Molte lamentele, Caaf presi d'assalto"

RIMIN1- Via la carta, anche i pensionati devono

cominciare ad avere dimestichezza con internet,

Niente più Cud cartaceo, infatti, per pensionati

e cassa integrati e via dicendo, tutti coloro

cioè che ricevono sc)icii dall'inps, Da quasf

anno, la novità è il certificato ori line, ch e

scaricato da internet, dal sito dell'ente preVidenziale

Vi si accede in particolare seguendo il

percorso "Servizi al cittadino" e prevede l'inserimento

dei codice litet3tificativo Pin (ogni

utente ha il suo). Peccato però che quello che si

presenta come un passo in avanti in direzione

della modernizzazione delle procedure, rischia

di trasformarsi in un ostacolo. Se ne sono già

accorti parecchi cittadini, anche tra i ri

"Una procedura molto complessa fa notare

Renato Lunedei, presidente della Csil pensot

ati di imiini- e che come era inevitabile, ha

scatenato molte lamentele trai cittadini, quelli

' at3zian in particolare. In tanti. infatti si sono

rivolti al nostro Caafchiedendo unaiuto. C'è da

canirli, tra di loro c'è anche chi non sa come si

accende un computer. Figurarsi come potrebbero

mai riuscire a fare tutti que: passaggi complicati

per ottenere il Cuci. Fortunata7met3 te il

Ministero delle Entrate ci ha permesso di dare

loro una mano, nel senso che i Caaf hanno ottenuto

l'autorizzazione per accedere alle banchedati

dell'inps e quindi potranno loro stessi fornire

in prima persona lì servizio, scaricando il

Pagina 69 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

ud". Tutto ciò, se risolverà ovviamente il pro-

blema ai tanti cittadini ora in difficoltà, ne c. rce-

rà però non pochi agli stessi Caaf: "Per noi sani

un sovraccarico enorme di lavoro — spiega

Franco Dieta dei Caaf-Cgil oltre che un costo

che non ci verrà probabilmente rimborsato".

Più possibilista su questo punto Lunedei:

Roma. stanno decidendo proprio in questi giorni

che cosa fare. La prossima settimana sapremo",

LInps di Ritrai ricord 3. comunque it3 una

nota che per coloro che ne faranno richiesta sarà

possibile ottenere il. Cud anche in formato

cartaceo attraverso diversi canali: 'Ci si potrà.

ad esemnio rivolgere agli snortelli. veloci di una

delle nostre agenzie oppure alio 'Sporielio Ami-

co' degli uffici postali aderenti al progetto 'Reti

Amiche' (in cì u esto caso pagando però per il servizi

o 2,70 euro più 'va (ndr)".

Fededco Ross i

Pagina 8

Cod, pesleDati do,-. ,Do ,in:eclene


press LinE

uotidlano

Nii.Q di Rimiiii

Direttore Responsabile: Claudio Casali

Pagina 70 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 11

.„ . „ ■■■ -

.70 ueisect ;:r.e4ont


pressunE

uotidlano

Nii.Q ai rumini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

Blocco della circolazione dalle 8,30 alle 18,30 nell'area a mare della Statale 16

Domani stop alle auto m centro

- Blocco della circolazione delle auto

nella giornata di domani 3 Rimini. Unii decisione

presa a causa dell'aumento delle polveri so ttinell'aria,

un aumento dovuto anche alle condizioni

metereologiche di questo periodo. Nella

giornata di domani è quindi disposto, dalle 8,30

3.ite 18,30, il blocco della circolazione all'interno

dell'area a mare della Statale 16, in considera-

210 e della E) 3tura turistica del comune di. Rimini

e della ridotta accessibilità dell'area urbana a.

causa della riduzione della frequenza del. trasporto

pubblico locale sono esclusi però dalle

limitazioni tratti di viabilità urbana per consentire

l'accesso e l'uscita dai parcheggi del centro.

Pagina 71 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 11

Eri e t .rt buca nt


pressunE

uotidlano

Nii.Q ai Rimini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

Scommessa sul golf perii turismo in rlvlera

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Firmato un protocollo di intesa. Le strutture del territorio garantiscono già circa 15mila presenze annue

Turismo in buca con il golf

San Giovanni in Marig nano , Verucchio e Provincia uniscono le orze

Unica cabina di regia per promuovere 1Verta del territorio

Rlll Golf, turismo e un

indotto particolarmente appetibile

alle strutture ricettive

del riminese. ieri la Provincia

e i Comuni di San

Giovanni in Marignano e

Verucchio, non a caso sedi

dei due impianti golfistici

del tt :to ri o, hanno firmato

un accordo di promozione

del prodotto golfistico

del turismo a esso collegato.

una sorta di protocollo d'intesa

,per costituire una cabina

di regia unica che si occupi

di marketing interno, di

informazione specializzata,

di potenziamento e qualificazione

dei servizi di ospitalità.

I numeri li passa in rassegna

Fabio Galli. "Ci sono

64 milioni di golfisti e 94 federazioni.

atti nel mondo -

dice l'assessore provinciale

al turismo - per un trend di

;postamenti in crescita del--

F8% ann uo, con 25 milioni

di turisti che si muovono per

il golf. Si tratta di un segmento

relativamente nuovo

che si inserisce serisce nel filone più_

generale del turismo sportivo.

Col protocollo d'intesa

vogliamo fare sistema per

far conoscere meglio all'esterno

le nostre due realtà

golfistiche e per proporre

tutte le attività necessarie alla

promozione". Nessuna

previsione sui numeri di turisti

che potrà attirare il

nuovo strumento di Premo-

Pagina 72 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

zione, ma certezze sulle cifre

che San Giovanni (300 soci e

7000 presenze l'anno) e Vemucchio

(250 soci e 8000 pre-

senze) hanno accumulato

fin qui. L'impegno COligillnto

delle tre amministrazioni

(San Giovanni, Verucchio e

Provincia) vuole promuo

vere la messa in rete dell'intera

offerta golfistica con

tutte le altre risorse e componenti

del prodotto "Malatesta

e Montefeltro". "Quello

del golf non è un turismo

precisa il direttore

del Riviera Golf Resort di

San Giovanni in -Mari ,.-5,rta-

no, Filippo Spanò - La permanenza

media di. un turista

che arriva per il golf è di sette

giorni, quella di un turista

normale quattro. inoltre,

questo tipo di turista dedica

s; -_,l e.1110% delle spese al golf,

il resto lo spende sul territorio.

il passo in più? Lo devono

fare gli albergatori",

Loza

Pagina 11

Tle-Nit1.010 t'a 1 -On )1g-ed


press LinE

uotidlano

Nii.Q di Rimini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

Pagina 73 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 13

Riceoue -CzOolicn

- Nconen .

"Un niaIessue cluvaccoghe ■


pressunE

uotidlano

Nii.Q di Rimini

Direttore Responsabile: Claudio Casali

L'assessore al bdanelo, Riccardo Magnani

02/03/2013

Periodicità: Quotidiano

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

BELLARIA - Il Comune è pioniere in provincia nell'introduzione del nuovo tributo

Tares, stangata per le figlie

La nuova tassa sui ri fiuti sarà calcolata anche in base ai nuclei

Magnani: "Si valutano i casi singoli, no aumenti generalizzati"

BELLARIA - il Comune sale

in cattedra e dà lezioni sulla

Tares. Su come gestirla e ap-

plicarla ai bilanci comunali.

tutto di fronte a una classe

numerosa di responsabili

degli uffici tributi e assessori.

di riferimento provenienti

dai vari comuni della pro-

vincia. di Rimini. Perché è

proprio l'amministrazione

bel lariese a sapett3e di. più. vi-

sto che è stata tra le prime,

dal 1 0 gennaio 2013, a con-

vertirsi alla Tares, subentra-

ta alla Tarsi: (o Tia in alcuni

casi.), approvandola io scor-

so dicembre nel bilancio di

previsione 20i.3. Che vuoi

dire pagare la Tares? in pra-

tica se ì).r.irnaCOMe unico cri-

terio la tariffa veniva appli-

cata in base alla metratura

ade,,,,o su-

bentra come secondo para-

metro anche il numero dei

componenti familiari. Per la

serie: chi consuma di più,

paga di p.iù. "Se come logica

sociale va a discapito delle

famiglie numerose, dall'altra

chi vive solo, pagherà

meno di prima spiega Riccardo

Magnani, l'assessore

al bilancio e ai tributi Ogni

caso va valutato singolarmente

e non si può parlare di

un aumento generalizzato".

Così da pioniere del nuovo

sistema di tributi legati alla.

raccolta e allo smaltimento

dei rifiuti, il Coni.une è diventato

insegnante esperto,

tanto da ospitare un incontro

in cui delineare punti di

criticità e soluzioni. Dal confranto,

tenutosi giovedì, organizzato

dall'assessorato al

Pagina 74 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

bilancio e ai tributi, "sono

emerse le difficoltà incontrate

da molti comuni nell'elaborazione

delle tariffe e nel

dover redigere un .nuovo re-.

golamento, non da ultimo

per le implicazioni sui bilanci

comunali", spiega Magnani.

E aggiunge: "Proprio per

questo motivo ci è stato chiesto

di condividere il percorso

compiuto per il pa,,,,,igj :2,lo

al nuovo tributo. Abbiamo

accolto l'input e abbiamo inteso

intavolare un confronto

sulla base del nostro operato",

Tra i punti. caldi, l'eri.-

genza di approvare regolamenti

unifo.rnd oltre a quella

di omogeneizzare le tempi-stiche

per gli adempimenti.

Due istanze volte alla semplificazione

delle procedure

a carico dei cittadini. Nella

stessa direzione, la necessità

di elaborare tariffe più contenute

possibile per guanto

concerne carico. fiscale sui

co.ntribue.nti,

Mania Caseria

Pagina 14

U.C ,Ce,:t7.5b

lice2.stungéis,whiky,


press unE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

POLMCHE. A poche ore dal voto, conosciamo i "prescelti"

Ultime ore prima del voto. La televisione e i giornali hanno bombardato in

continuazione spettatori e opinione pubblica con scambi al vetriolo e

lancio di programmi da partito a partito. Per quanto su molte questioni -

tra cui la necessità di uscire dalla crisi - i partiti convergano, la maggior

parte delle posizioni di ogni schieramento sono ormai abbastanza chiare.

A un passo dall'elezione che potrebbe cambiare il Paese, o lasciare tutto così

com'è, un ultimo sguardo sulle questioni più tecniche: chi si candida, dove e

come si vota...

Con la soglia di sbarramento al 4% per la Camera è all'8% per il Senato sarà dura

per molte liste "superare" il turno. Inoltre, a seconda dei voti ricevuti, i candidati

passeranno secondo l'ordine in cui sono presenti in lista, a meno di avanzare per

il ritiro di altri candidati (ricordiamo che molti candidati sono presenti in più

liste regionali, e una volta eletti decideranno in quale di queste passare).

Quali e quanti sono i riminesi presenti nelle liste dei partiti in Emilia

Romagna? Tra i candidati alla Camera del PD, in posizioni con buona

probabilità di essere eletti, trovi/tino

Tiziano Arlotti, ex assessore ai Lavori infermiera e già attivista referendaria

Pubblici di Palazzo Garampi ed Emma contro il nucleare e per l'acqua e

Petitti, segretario di partito e Michela Militano, 27enne nata in

Consigliere a Rimini, entrambi usciti provincia di Torino, ma residente a

vincitori dalle primarie. Per il Senato, Rimini dal 1988. Per il Senato, invece,

invece, il PD candida Elisa Marchioni è presente Mario Galasso, da anni

(già parlamentare) e Daniele Imola impegnato nel volontariato e nel

(ex sindaco di Piccione), ma la sociale. Per tutti e tre le posizioni in

posizione in lista non è delle migliori. lista non sono favorevoli.

Buone le probabilità di essere rieletto Maggiori probabilità di essere eletto ci

per Sergio Pizzolante, numero due in sono, invece, per Walter Pasini,

Emilia, dopo Michela Brambilla, nella candidato nella lista Scelta Civica per

lista PDL per la Camera. Monti, uno dei massimi esperti di

Secondo le statistiche il terzo partito, medicina internazionale. Più difficile

per numero di voti, sarà il Movimento sarà il passaggio per Gabriele Galassi

5 Stelle, che già nella scorsa tornata e Mauro Ioli.

elettorale, in Emilia Romagna, superò Candidato alla Camera per la Lega

il 10%. Sono due ragazzi giovani i Nord è Paolo Ricci, coordinatore per il

candidati riminesi del partito di Grillo. partito dell'alta Valmarecchia e

Il primo è Tommaso Della Motta, vicesindaco di Sant'Agata Feltria.

classe 1981 e imprenditore. Seconda Per Sinistra e Libertà, al terzo posto in

Giulia Sarti, neolaureata 26enne con lista per la Camera, c'è Giovanni

alle spalle già alcuni anni nel Paglia, 35enne, impiegato di banca.

Movimento 5S.,,

Ancora giovani per il partito dell'ex pm

Antonio Ingroia, Rivoluzione Civile,

che ha, nelle sue liste tre riminesi. Alla

Camera, Maria Luisa Ciurlia,

Liste blindate. Tutte le liste sono

blindate, cioè presentate così dai

partiti e non è possibile indicare

preferenze. Qualsiasi segno sulla

Tra quelli in pole position

per una poltrona a Roma

c'è il "montiano" Pasini,

i due PD, Motti e Petitti,

la Sarti del

Movimento di Grillo

e Pizzolante del PdL

scheda che non sia la croce sul

simbolo del partito porta

all'annullamento del voto. E gli altri

candidati riminesi, quelli dei partiti

minori che probabilmente non

supereranno la soglia minima per

avere rappresentanti? Eccoli. Moderati

in Rivoluzione candida come capolista

al Senato Marco Lombardi, mentre la

Destra di Storace, Claudio Dau.

Fratelli d'Italia ha in lista Gioenzo

Renzi e Alessandro Pracucci; Futuro

e Libertà Pasquale Barone e Gianluca

Medri Ottaviani, e Forza Nuova,

Gianni Correggiari. Per la Lista UDC

al 10° posto c'è Veronica Fabbri,

mentre al Senato l'UDC sostiene la

Lista Monti. Fare per Fermare il

Declino ha in lista il riminese Marco

Rossi, mentre il partito Io amo l'Italia

di Magdi Allam, presenta come

capolista alla Camera Aleardo Maria

Cingolani. Infine, il Partito

Repubblicano presenta il cesenate

Renato Lelli, e la Lista Amnistia

Giustizia e Libertà (Radicali) Ivan

Innocenti di Rimini. Stefano Rossini

Pagina 75 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/2013

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

I candidati. riannesi


press unE

Elezioni,

ecco come

e quando

si vota

Le urne saranno aperte domenica,

dalle 8 alle 22, e lunedì dalle 7 alle 15 .

Va tracciato un solo contrassegno

sulla lista scelta dall'elettore

Domenica 24 e lunedì 25

febbraio si voterà per il

rinnovo del Parlamento.

I numeri italiani. Saranno poco più

di 47 milioni gli elettori chiamati

alle urne, ai quali si aggiungeranno

gli oltre 3.5 milioni di italiani

residenti all'estero. Più

precisamente, quelli residenti in

Italia sono 47.154.711 per la Camera

dei Deputati, di cui 22.644.738

uomini e 24.509.973 donne; per il

Senato della Repubblica 43.224.709,

di cui 20.628.247 maschi e

22.596.462 femmine, che

.eleggeranno 618 deputati e 309

senatori. Le sezioni saranno 61.598.

Per la circoscrizione estero, invece,

gli elettori sono 3.576.601 per la

Camera dei Deputati e 3.234.618 per

il Senato della Repubblica.

Eleggeranno 12 deputati e 6

senatori. Dunque, in totale, a

eleggere il Parlamento italiano sono

chiamati 50.731.312 elettori.

I numeri locali. Scendendo, invece,

dalla dimensione nazionale a quella

locale, sono 143 le sezioni elettorali

del Comune di Rimini, raggruppate

in 38 luoghi di riunione. Gli elettori

riminesi iscritti nelle liste elettorali

che potranno esercitare il voto sono

108.862 (di cui 51.906 uomini e

56.956 donne) per la Camera dei

Deputati, 101.201 (di cui 47.939

uomini e 53.262 donne) per il

Senato della Repubblica. Tra gli

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

uitracentenan lben 47, ai cui solo 8

gli uomini) l'elettore più anziano è

una donna di 105 anni d'età, mentre

gli elettori che voteranno per la

prima volta sono 1.880 (di cui 990

maschi e 890 femmine). Quattro i

ragazzi (1 maschio e 3 femmine)

che compiranno il diciottesimo

anno il 24 febbraio.

I cittadini italiani residenti all'estero

che esercitano il diritto di voto in

loco per corrispondenza sono 6.218

b. (di cui 3.206 maschi e 3.012

femmine), 86 quelli che rientrano in

Italia per esprimere il voto.

Quando e come si vota. Le urne saranno

aperte dalle ore 8 alle ore 22

del 24 febbraio e dalle ore 7 alle ore

15 del 25. Si vota tracciando solo un

contrassegno sulla lista prescelta,

senza alcun voto di preferenza, sia

per l'elezione della Camera (scheda

rosa, 18 anni per andare alle urne),

sia per quella del Senato (scheda

gialla, 25 anni per votare). Anche

- nel caso di liste collegate in coalizione

il segno va sempre posto sul solo

contrassegno della lista che si vuole

votare e non sull'intera coalizione.

Per esercitare il diritto di voto è necessario

presentarsi con documento

di identità valido e scheda elettorale.

Per il ritiro delle tessere elettorali

non consegnate e per il rilascio dei

duplicati, l'Ufficio elettorale rimarrà

aperto fino sabato 23, dalle 8 alle 19;

domenica 24, dalle 8 alle 22; lunedì

25, dalle 7 alle 15. (ste.ro.)

Pagina 76 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

I candidafi Jim mesi


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

La separazione

Carini, dopo il Comune

lascia anche l'Inps

Dopo il Comune, anche l'Inps ha deciso

di abbandonare Banca Carim. Con il

cambiamento delle condizioni, per

l'Istituto, non c'era più convenienza. E

così, la banca, si perde un giro di affari

di 8 milioni di euro.

Pagina 77 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Peep Viserba-Celle:

il prolungamento

di via Sozzi si farà

I l

Comune di Rimini ha dato ilvia

libera: via Sozzi verrà

prolungata. Si tratta di

un'opera viaria strategica che,

attraverso la realizzazione della

nuova strada, collegherà il Peep di

Viserba alla zona Celle, e costituirà

così un'alternativa a via Sacramora,

migliorando la rete di tutta la zona

di Rimini nord a supporto, oltre che

dei flussi nord-sud del traffico

cittadino, del nuovo quartiere

fieristico, dell'area artigianale, del

cimitero urbano e, naturalmente,

degli stessi insediamenti nel Peep

Viserba. La strada, lunga un

chilometro e 300 metri, che

collegherà Viserba alla città è

dotata di un marciapiede di due

metri e di un percorso

ciclopedonale di tre metri.

Pagina 78 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press unE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Serviranno per completare i piani superiori

D

feci milioni di euro per terminare il nuovo Pronto

Soccorso di Rimini. "Verranno investiti per la

realizzazione dei piani superiori del nuovo Dea" spiega il

Direttore Generale dell'Ausl, Marcello Tonini. Si tratta di

finanziamenti dell'Accordo di "programma integrativo" firmato a

Roma tra il Ministro della Salute e l'assessore regionale alla Sanità.

"Questi dieci milioni contribuiscono in modoimportante alla

crescita ulteriore dell'ospedale Infermi

che già si caratterizza come punto di

riferimento centrale, sebbene non unico,

per la sanità di tutta la provincia. Inoltre

questo finanziamento denota, anche in

questo particolare momento di crisi, la

forza del sistema sanitario regionale. Ma

è anche riprova della capacità del tessuto

socio-politico riminese, del sistema

Rimini di conseguire sostegno ai propri

progetti, mirati all'ulteriore

qualificazione dei servizi ai cittadini".

Attualmente il Dea ospita i reparti di

Pronto Soccorso-Medicina d'Urgenza e

di Rianimazione che occupano il

pianterreno e il piano smistamento.

Sono già appaltati e finanziati i lavori per

le nuove sale operatorie e per la nuova

Cardiologia, che troveranno posto ai

piani superiori (secondo e terzo) e i cui , lavori si completeranno entro il secondo

semestre del 2014. I finanziamenti

regionali saranno utilizzati per

proseguire nel completamento della

"palazzina azzurra" in cui, ai piani

superiori, saranno collocati reparti di

degenza per la Chirurgia e del

Dipartimento "Materno Infantile': Nel

complesso questi lavori, che hanno

anche una valenza legata alla sicurezza e

al risparmio energetico, avranno durata

di circa 5 anni. "ll finanziamento -conclude Tonini -

rappresenta un bel

riconoscimento alla lungimiranza e alla

capacità progettuale dell'Ausl e

segnatamente dei comparti legati alle

attività tecniche. Capacità che nel Dea

raggiunge il suo punto più evidente, ma

che si è sviluppata, nell'ultimo decennio,

in tutte le strutture di questa Azienda,

Pagina 79 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Il Direttore Generale, Marcello Tonini:

"Il finanziamento è merito del lavoro

svolto dal tessuto socio-politico.

Un ulteriore sforzo dell'Azienda

che ha già svolto importanti interventi"

portandovi una qualificazione continua e

armonica, nell'interesse dei pazienti e

degli utenti ma anche per migliorare le

condizioni di lavoro dei dipendenti. Basti

pensare che negli ultimi sei anni abbiamo

portato a termine 45 importanti

adeguamenti strutturali, tra cui, per

citare solo i principali, oltre allo stesso

Dea di Rimini, la ristrutturazione di tutti

i reparti dell'ospedale Cervesi di

Cattolica, la ristrutturazione di vari

reparti dell'ospedale Ceccarini di

Riccione, il blocco operatorio del

Franchini di Santarcangelo, i locali per la

nuova Tac e la manutenzione

straordinaria al corpo dell'edificio

ospedaliero al Sacra Famiglia di

Novafeltria".

Franc


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

m La novità

Medicina del turismo:

a Rimini nasce l'Istituto

Un Istituto di medicina del turismo che

coordini le mille attività del territorio. A

farlo nascere è Walter Pasini, uno dei

massimi esperti mondiali di medicina

internazionale. "La sede sarà a Rimini

perché il balneare da sempre è legato

alla salute".

Pagina 80 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

La richiesta

Università, Bulletti

chiede più autonomia

Consolidare le lauree brevi a forte

impatto e investire per dipartimenti ad

alto carico di innovazione. Tutto questo

"potendo scegliere da soli il corpo

docente". Carlo Bulletti, assessore

provinciale alla Cultura, chiede più

autonomia a Bologna.

Pagina 81 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


pressunE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

ffi I lavori

Nuova Statale 16,

Anas pronta a partire

Realizzare i lavori che costituirebbero

un'anticipazione della nuova 5516: il

tratto tra la Galleria di Scacciano e via

Berlinguer a Riccione, le due rotatorie

sull'attuale SS16, una all'altezza di via

Montescudo e l'altra all'incrocio con la

5572, oltre alla messa in funzione del

tratto dismesso dell' A14 a Covignano.

la richiesta fatta all'Anas.

Pagina 82 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Notai e Sporteti i cittadini

chiedono sempre più tutela

U

no è nato per derimere le questioni legali legate alle

utenze casalinghe, l'altro per aiutare i cittadini ad

addentrarsi nel mondo dette detrazioni fiscali, del

finanziamento mutui e delle tassazioni in caso di acquisto di

un immobile. Uno è lo Sportello Consumatori, l'altro è il

servizio Il Notaio risponde, entrambi creature del Comune di

Rimini. "Nel 2012 - dicono da Palazzo Garampi - sono stati

149 i cittadini riminesi che si sono rivolti allo Sportello". Nato

nel 2011 dall'intesa tra Amministrazione e associazioni dei

Consumatori presenti sul territorio, si è occupato

soprattutto di utenze domestiche e telefoniche, depositi

bancari e postali. Nettamente maggiori, invece, le

consulenze dello sportello "Il Notaio risponde" nato

dall'accordo tra Comune e Collegio Notarile dei Distretti di

Forlì e Rimini. "Sono stati 222 i cittadini che si sono rivolti al

servizio di consulenza gratuita, dove i notai riminesi si

mettono a disposizione degli utenti ogni martedì del mese per

agevolare la conoscenza su acquisto abitazioni, tassazione

relativa all'acquisto prima casa, compravendita e problemi

connessi all'urbanistica,rinegoziazione dei mutui, ipoteche,

successioni, testamenti ecc...".

Pagina 83 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Tessera elettorale,

se non la trovate

ecco come fare

I n

occasione delle elezioni

del 24-25 febbraio, l'Ufficio

elettorale del Comune di

Rimini invita gli elettori a

controllare il possesso e la

validità della propria tessera

elettorale e del documento

d'identità, necessari per poter

votare. Per il ritiro delle

tessere elettorali non

consegnate e per il rilascio dei

duplicati l'Ufficio, sito in via

Marzabotto, rimarrà aperto

fino a sabato 23, dalle 8 alle

19, domenica 24, dalle ore 8

alle 22 e lunedì 25, dalle ore 7

alle 15. Nelle giornate di voto

domenica 24 e lunedì 25 sarà

aperto rispettivamente dalle

ore 8 alle 22 e dalle 7 alle 15.

Pagina 84 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press LinE

Bimillenari

del Ponte

di Tiberio:

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Forse in pochi lo sanno, ma nel

2014, il Ponte di Tiberio

festeggerà il suo bimillenario

dell'inizio dei lavori. E il Ministro

dello Sviluppo Economico, Corrado

Passera, in risposta alla richiesta

avanzata dal sindaco Andrea

Gnassi, ha deciso che l'evento sarà

celebrato con un francobollo della

serie tematica "il patrimonio

artistico e culturale italiano".

Iniziato da Augusto nel 14 e

completato da Tiberio nel 21 d.C.,

Pagina 85 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

il Ponte di Tiberio è, con l'Arco

d'Augusto, il simbolo di Rimini,

nello stemma civico fin dal

Medioevo. Punto strategico, allora

come oggi, da cui prendono inizio

le vie per ìl Nord, le consolari

Emilia e Popilia dirette

rispettivamente a Piacenza e a

Ravenna per aprirsi all'Europa

centrale e orientale, il Ponte

unisce il centro urbano al suo

borgo più antico dedicato a San

Giuliano.

Pagina 4


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

La decisione

Fonte "Sacramora"

vietata alle vetture

quelle macchine di traverso su via

Sacramora erano un pericolo.

Così come i proprietari che per

and re alla fonte rischiavano di finire

sotto qualche mezzo. Il Comune, così,

ha creato appositamente un

parcheggio dalla parte opposta, ma

nulla. E così, da qualche giorno,

proprio davanti alle tre fontanelle, ci

sono dei bei paletti che evitano

qualsiasi tipo di sosta.

Pagina 86 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 4


press unE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Gli incidenti

Ghiaccio in strada,

in 30 all'ospedale

La neve non sarà caduta, ma il

ghiaccio non è mancato. Colpa

delle temperature rigidissime dei

giorni scorsi. Molte strade si sono

trasformate in piste di "pattinaggio",

tanto che in Pronto soccorso, a Rimini,

sono aumentati gli accessi. Il reparto di

Ortopedia, infatti, ha avuto un aumento

del 30% di lavoro per fratture a femore

e polso. A rimanerne vittima,

purtroppo, sono stati molti anziani.

Pagina 87 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.


press unE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Sito riminese

vende vacanza:

ma è una truffa

Volevano trascorrere il

Capodanno sulla neve e

così si erano messi atta

ricerca di qualche offerta

interessante. Su internet ne

avevano trovata una, addirittura

di un'agenzia di viaggi riminese:

380 euro a coppia, pensione

completa, compreso il cenone, in

un albergo di Roccaraso. Gli otto

amici colgono l'occasione al volo

e solo dopo aver pagato

chiedono conferma all'albergo a

cui, però, non risulta nulla. Anzi,

il direttore rimane stupito visto

che il prezzo reale per tre giorni

era esattamente il doppio. A quel

punto le quattro coppie provano

a mettersi in contatto con

l'agenzia, ma nulla. Niente

vacanza, niente soldi.

Pagina 88 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.


press unE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

o La querelle

Biodigestore, accuse

tra Gnassi ed Hera

Biodigestore di Ca' Batdacci, siamo

allo scaricabarile.

Dopo le polemiche

delle scorse

settimane, i cittadini

della zona di

Covignano, hanno

potuto incontrare il

sindaco di Rimini, il

presidente della

Provincia, più i tecnici Arpa, Ausl ed

Hera. Durante l'incontro, andato in

scena nella sala del Consiglio

comunale di Palazzo Garampi, Andrea

Gnassi ha detto di essere all'oscuro di

alcune modifiche apportate al

progetto. Ma Fiera ha subito

smentito: "mai operato senza

confronto con gli enti". Ma Comune e

Provincia replicano: "Fiera mente".

Pagina 89 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.


press unE

IL BILANCIO. La Guardia di Finanza presenta i numeri del 2012

Rimini? Una provincia di

evasori. Almeno è quello che

viene da pensare leggendo i

numeri presentati dalla

Guardia di Finanza. Lo scorso anno,

infatti, sono stati individuati 274

milioni di euro evasi (erano 153 lo

scorso anno) e oltre 86 milioni di Iva

non pagata. Il tutto in 150 verifiche e

408 controlli fiscali. Il che sta a

significare che i "furbetti" sono molti di

più.

Scoperti 34 evasori totali

e 16 paratotali tra i quali

artigiani e professionisti:

"il tutto con poche risorse"

I numeri. Nel 2012, gli uomini del

comandante Mario Venceslai, hanno

registrato 5.675 interventi, verbalizzato

6.035 soggetti successivamente

segnalati all'autorità giudiziaria e

arrestate 40 persone.

"A luglio - spiega il comandante delle

Fiamme Gialle - avevamo già superato

il rendimento operativo del 2011,

soprattutto per quanto riguardava la

lotta al sommerso".

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

La Finanza recupera

300 milioni di euro

Lotta che ha scovato 34 evasori totali e

16 paratotali, per 266 milioni di euro

occultati al fisco tra varie tipologie di

commercio: un artigiano, una sarta, un

architetto, un ingegnere, un

albergatore, un orologiaio e una

prostituta. Tredici le azioni nei

confronti di professionisti con la

verifica di violazioni di un milione di

euro. Grande attenzione all'evasione

fiscale internazionale. Sono stati

individuati oltre 20 milioni di euro evasi

attraverso i paradisi fiscali "e la

vicinanza con San Marino ha

sicuramente spinto all'incremento

dell'attività investigativa, grazie anche

alla maggiore collaborazione col Titano"

precisa Venceslai. Continuando nella

lettura dei numeri: sono stati 67 i

soggetti ispezionati, degli oltre 500

segnalati, con oltre 10 milioni di euro in

diversi Istituto di credito (controlli che

comprendono le operazioni Re Nero e

Varano della procura di Forli). Ma la

lotta all'evasione passa anche attraverso

i controlli, oltre 3mila, a scontrini e

ricevute fiscali. 1.309 le violazioni per

Pagina 90 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

omesso. rilascio con una percentuale di

irregolarità del 43%. Altro settore di

interesse è il controllo della spesa

pubblica con oltre 6 milioni e 400mila

euro di danno erariale segnalati a

Rimini. Tra le varie indagini, anche

quella sull'ex teatro Galli, l'ex Colonia

Murri, l'abuso d'ufficio di due medici e

un falso invalido. In aumento i reati

fallimentari in linea con il +10%

nazionale, 22 i denunciati (e un

arrestato) per riciclaggio, con

l'accertamento di oltre 16 milioni e 2 i

denunciati per usura. Nella lotta alla

criminalità sono stati sequestrati oltre

20 milioni di euro di patrimoni illeciti e

confiscati beni per oltre 6milioni.

Il commento. 'Abbiamo raggiunto

risultati insperati perché con poche

risorse e in poco tempo, siamo riusciti ad

arrivare al cuore di organizzazioni

criminali e soprattutto ad aggredire quei

patrimoni illeciti accumulati dai

sodalizi criminali che spesso sfuggono

sia alle verifiche investigative sia alle

classiche verifiche fiscali".

Lucia Genestreti


LL l %-i%J1.11.J. %,./ %stfl i Li. [IL Mie LI Lts11.411%.,/ i1illtd.1.1 '.Ali .1141. 1‘.1 tal 1.41,JLI.4A

ETICA NELLA POLITICA?

Serve un intervento virtuoso di tutta la sodetà. Di fondo si rischia di mettere in crisi il rapporto

fiduciario tra le persone, elettori e politici. Ma non è vero che tutti i politici sono uguali

Cercare l'etica nella politica è stato il tema del secondo

incontro, in previsione delle prossime elezioni politiche,

organizzato dall'associazione DiPersona, sabato 9 febbraio.

Un argomento centrale in questi ultimi anni in cui la

cosiddetta questione morale è stata al centro del dibattito politico e

sociale. La sensazione, osservando il panorama degli scandali e

delle tendenze della prima e della seconda repubblica, è che la

ricerca dell'etica nella politica sia equivalente a quella dell'ago nel

pagliaio.

.

Per capire meglio in che modo si possa agire per avere una politica

più responsabile abbiamo intervistato il relatore dell'incontro, il

professor Stefano Semplici, Ordinario di Etica Sociale all'Università

Tor Vergata di Roma e presidente del Comitato Internazionale

di Bioetica dell'Unesco.

"La questione etica - spiega il professor principalmente il

Semplici - è in primo luogo il modo in

cui la dimensione del bene e del giusto

incrocia la politica. Nella società

liberale e democratica , la poca liti è al

servizio dello stato per condividere lo

stesso spazio pubblico. Ogni popolo

basa la convivenza su una trama sottile

e profonda dì valori condivisi':

Questi valori condivisi, nelle società

laiche sono inquadrati nella

Costituzione che diventa, secondo le

parole del professor Semplici "la

pietra di paragone, o, ancora meglio il

pavimento sul quale camminano gli

italiani':

Un retroterra comune, quindi, uno

spazio condiviso che permea la nostra

vita, in modo talmente profondo da

non essere percepibile se non quando

viene espressamente richiamato.

"Spesso - afferma il professor Semplici

- noi non ci rendiamo conto di questo

spessore etico perché è fondato su

valori condivisi. Ce ne accorgiamo solo

quando questi valori sono sotto

pressione e sotto il peso dei

cambiamenti diventano da indiscussi a

messi in discussione.

La politica e la società si trovano a

fronteggiare cambiamenti profondi, ma

è importante evitare di prendere

scorciatoie, come l'idea di cambiare

solo perché tutti gli altri lo fanno. t

necessario interpretare questi vettori di

cambiamento in uno sforzo di

condivisione più possibile ampio. Il

parlamento deve votare delle leggi che

alla fine devono valere per tutti, spesso

sulla base di principi che valgono per

pochi. Ci accorgiamo del peso grave

della scelta ogni volta che una legge

passa o non passa solo per pochi voti,

scontentando, quindi, metà arco

costituzionale".

Di diverso peso, invece, la questione

morale.

"La questione morale impatta i

comportamenti personali dei singoli

politici. t una questione che riguarda

movente, il motivo che

scatena l'azione. Non

necessariamente, infatti,

la

diventa

questione

questione

morale

penale':

Ma perché è diventata cosi

tanto da occupare la maggior 1)°r tante

parte en discussione scussione politica?

"Perché diventa tanto più rilevant

quanto più sono diffuse le violazioni e ni

della legge. E quello che è successo

negli ultimi anni è sotto gliocc hi di

ti tutttita tutti. ISesrveutniutervento la o

virtuoso di

Di fondo si rischia di

mettere in crisi cerisi rapporto fiduciario

tra le persone, elettori e politici. La

lo

de

rit

UI

La

UI

la:

m

ch

Pagina 91 di 100

domanda è: quante debolezze siamo

disposti a perdonare all'uomo politico?

A questo si aggiunge che, in un

periodo di crisi, si sviluppo poi un

senso di ostilità verso il privilegio, ve-

ro presunto che sia. Ma non bisodimenticarsi

che non tutti i policia

sono uguali. Ci sono già molte

persone in parlamento che hanno un

approccio morale giusto e positivo':

(st.ro)

aie

1.cl.

i.d.

Pagina 6


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Aumento di furti:

così proteggo il "nido"

Alla Secchiaroli Elettronica le richieste di installazione di impianti

anti-intrusione sono aumentate del 30% nell'ultimo anno.

E, complice la tecnologia, cambiano i metodi di protezione

Gli specialisti dei sistemi d'allarme

"made in Rimini" non vogliono fare

del "terrorismo': In ogni caso

restano un osservatorio privilegiato

del trend dei furti sul territorio e

dell'aumento della paura dei cittadini, che

ne consegue. Alla Secchiaroli Elettronica, la

storica ditta di Miramare (40 dipendenti)

specializzata in impianti antifurto e

antirapina, continuano le richieste di

installazione, ma più da parte di privati che

di imprese e attività commerciali. "Negli

ultimi anni - racconta Bruno Secchiaroli -

c'è stato un aumento esponenziale dei

sistemi anti intrusione, in particolare nelle

abitazioni. All'incirca, un incremento del

40% rispetto al passato. Solo nel 2012 -

prosegue - l'aumento è stato del 20-30%

rispetto al 2011': E negli ultimi mesi si è

registrata un'impennata di richieste da

parte di famiglie che dopo aver subìto un

furto sono corse ad installare un impianto

per sentirsi più sicure.

La necessità di proteggere il nido

domestico è, inoltre, cambiata rispetto al

passato.

"Oggi si avverte il bisogno di difendere la

propria casa sia di notte che di giorno

- sia nei giorni

-continua Secchiaroli

lavorativi che nei fine settimana':

Cambiano le esigenze e, con esse, anche i

mezzi di difesa. Complice l'alta evoluzione

tecnologica.

"Se una volta gli impianti erano sistemi

volumetrici da attivare nelle ore trascorse

fuori casa, oggi le tecnologie permettono di

proteggere anche il perimetro della

Pagina 92 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

-n.

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

proprietà, oltre a porte e finestre. E

aumentano le richieste':

Sensori a barriera per rilevare intrusioni già

in giardino, sensori nascosti nel pavimento

esterno, sistemi wireless e telecamere sono

alcune ultime novità che stanno

conquistando il mercato. Ma come

distinguere tra il passo "felino" di un ladro e

quello di un gatto? Secchiaroli garantisce.

"Vuole una prova? Noi nel 2006 abbiamo

installato i sensori fuori dalla nostra

azienda: gli unici falsi allarmi che abbiamo

avuto sono stati per il terremoto all'Aquila e

quello in Emilia!':

La possibilità di accendere o spegnere l'impianto

anche a distanza dal proprio tablet o

smartphone è un'ulteriore comodità molto

richiesta dalla clientela. Che per difendersi

dai ladri non si badi a spese? Che l'elettro-

nica anti-intrusione sia più forte della crisi?

Non proprio, a sentire Secchiaroli: se una

volta l'azienda di Miramare aveva quasi il

monopolio oggi la concorrenza prolifica,

talvolta anche con prezzi stracciati. Resta al

consumatore finale fidarsi o meno delle

tecnologie offerte. (allea.)

Pagina 7

Se l'imprenditore

n'è on c i "topi"

ballano. E Mano

Aumento di furti:

così proteggo Pni

1.222=T°g4.-


press unE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

La storia della "comunità" che si trova a Savignano

Quando la Cina fa... Centro

5 i

chiama Centro Italia Cina. È

nato a Savignano e la sua sede si

trova all'interno dei locali

dell'istituto "don Baronid: Il

progetto è scaturito dall'idea del

parroco della collegiata di Santa Lucia,

don Pierpaolo Conti, e dall'esperienza

dei fratelli della Piccola Famiglia

dell'Assunta di Monte Tauro, da lungo

tempo dediti allo studio del fenomeno

dell'immigrazione e all'accoglienza

degli stranieri presenti sul territorio. Il

Centro rappresenta oggi per i bambini e

i giovani cinesi un importante luogo di

socializzazione, in cui imparare

l'italiano e continuare ad approfondire

lo studio della propria lingua e cultura

d'origine.

Abbiamo fatto visita al centro e

incontrato Maria Chiara, una delle

sorelle della Comunità di Monte Tauro

che gestisce il progetto.

Maria Chiara, quando è iniziata di fatto

la vostra storia?

"In un campeggio estivo nel 2005 in

montagna, in una casa parrocchiale

sopra San Piero in Bagno. In

quell'occasione riuscimmo a portare

con noi dieci bambini cinesi. Quella è

stata la prima esperienza condivisa

insieme a loro. Nel novembre dello

stesso anno, abbiamo aperto il Centro.

Alla proposta hanno aderito da subito

quaranta tra bambini e adolescenti

cinesi. I loro genitori, occupati per la

maggior parte della giornata, avevano

necessità di una struttura che desse

assistenza e sostegno didattico

pomeridiano ai loro figli'

Perché avete scelto di dedicare il Centro

unicamente ai giovani cinesi?

"timmigrazione cinese ha delle

caratteristiche singolari, del tutto

differenti rispetto a quelle di altre etnie.

Mentre gli immigrati dall'Est, abbagliati

dalle immagini illusorie della pubblicità

televisiva, tendono a vedere nell'Italia

una meta desiderata di arrivo, per i

cinesi non è così. Soprattutto per i

bambini. Essi si sentono costretti a

seguire i genitori in un paese del tutto

estraneo alla loro cultura. Abbiamo così

scelto di creare una casa Cina, un posto

in cui i bambini si sentissero a casa e

non stranieri. Molti di essi, al momento

dell'arrivo, manifestano un duplice

blocco: da una parte vivono il

trasferimento in Italia come

un'imposizione causata dall'attività

lavorativa dei genitori, dall'altra vi è

l'impatto con una forte diversità

linguistica. La lingua cinese ha un

proprio ceppo, del tutto differente

rispetto a quello indoeuropeo. Imparare

l'italiano per loro è uno scoglio

notevole':

Come si svolge il vostro progetto educativo?

"In un primo tempo cerchiamo di fare

ambientare i bambini sul nuovo

territorio. È importante che i ragazzi

cinesi più grandi, che conoscono la

lingua, facciano da mediatori nei

confronti degli ultimi arrivati. Il

secondo passo avviene tramite

l'allacciamento di un rapporto umano,

rafforzato dall'attività didattica e

ricreativa svolta insieme e in maniera

continuativa nel tempo.

Un altro punto di forza su cui insistiamo

e sul quale hanno insistito anche i loro

genitori, è l'insegnamento della lingua

cinese contemporaneo a quello

dell'italiano, perché i bambini non

smarriscano la loro cultura d'origine e

considerino questa un dono prezioso':

Qual è la principale difficoltà?

"Le famiglie cinesi migrano con

Pagina 93 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

frequenza da un città all'altra dell'Italia

e spesso anche in altri paesi europei.

Questo per i giovani è un forte fattore

destabilizzante, che rallenta il loro

ambientamento e la creazione di legami

stabili. Noi cerchiamo di mantenere il

rapporto con loro nonostante la

lontananza. Spesso ragazzi che hanno

frequentato il Centro e si sono poi

dovuti trasferire, tornano a trovarci in

occasione delle festività':

Qual è il punto di forza del Centro?

"La fedeltà. Il fatto che i cinesi sanno di

trovare in noi sempre una porta aperta,

un'occasione di dialogo e di ascolto,

cosa che spesso manca nella nostra

società':

Ci sono volontari che prestano servizio

al Centro?

"Senza volontari non esisterebbe il

Centro. Con noi ogni pomeriggio ci

sono docenti, ragazzi appartenenti agli

scout e all'Azione Cattolica. Ai volontari,

spesso giovani, raccomando di tenere

duro perché la relazione all'inizio non è

facile. Però, poi, dalla perseveranza e

dalla continuità fioriscono amicizie

stabili, forti. I bambini sanno

riconoscere l'impegno dei volontari nel

cercare di ascoltarli e comprenderli':

Come vedi il futuro di questo Centro?

"Penso che questa realtà rappresenti

una palestra di esperienza

interculturale alla quale tutta la

comunità savignanese debba attingere

in vista del futuro.

I legami che nascono qui dentro poi

sono destinati ad ampliarsi e radicarsi

anche all'esterno. resperienza

testimonia che un futuro insieme è

possibile. L'alternativa negativa è che si

creino due società parallele, indifferenti

l'una all'altra e senza punti di contatto':

Giacomo Vaccari

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 9

"Anivai piena di paure,

oggi mi sento italiana"


press unE

Dopo una sosta di un paio di settimane, riprende il nostro

viaggio per il mondo alla ricerca di notizie che

riguardino Rimini e la sua provincia. Come sempre, a

farci da Cicerone, è Google che ci accompagna nelle

Filippine. Molto spesso, quando si parla di vino riminese, si

tende a farlo con una certa aria di condiscendenza, come se, per

quanto buono, esso non possa comunque essere paragonato,

per qualità, ad altre varietà pregiate

italiane. Non la pensa di certo così

Massimo Lorenzi, intervistato dal

quotidiano filippino Sunstar, curioso

di sapere quale sia la vita di un

produttore vinicolo italiano. In realtà,

vino a parte, dall'articolo emerge anche

un chiaro quadro di romagnolità.

"Molti anni fa, tra i vasti vigneti di

Rimini, un bambino di 6 anni è alla

guida del trattore con suo nonno,

mentre aspetta con trepidazione la

vendemmia per poter ballare sui

grappoli di uva con tutta la famiglia.

Questa è una delle prime memorie di

Massimo Lorenzi, che di certo a

quell'epoca non immaginava che, anni

più tardi, avrebbe viaggiato per il

mondo con scatole su scatole dei vini del

nonno".

Una delle fermate in questo suo tour

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

mondiale è stata proprio quella fatta a

Cebu, la seconda città dell'arcipelago

filippino per numero di abitanti, dove

l'imprenditore riminese non ha

mancato di dimostrare lo spirito

avventuriero che contraddistingue gli

abitanti della nostra provincia, dal

momento che, come racconta lo stesso

quotidiano, "nessun produttore di vino

ha mai venduto direttamente i suoi

prodotti a Cebu, perlomeno sino ad ora".

Romagnoli popolo delle 3 V: Viticoltori,

Viaggiatori e Venditori? Pare proprio di

sì, a giudicare dalle parole di Massimo

nel resto dell'articolo.

"Sono molto orgoglioso di essere il primo

produttore di vino presente direttamente

a Cebu. La compagnia per cui lavoro

porta il nome di mio nonno, che per più

Pagina 94 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

Massimo Lorenzi, intervistato

dal quotidiano Sunstar, racconta

il suo arrivo nell'arcipelago.

"Nan vendo solo spremuta di uva,

ma passioni, emozioni e tradizioni"

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

11313=11

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

di 50 anni ha guardato la direzione delle

nuvole, sbriciolato le zolle di terreno con

le proprie mani e controllato l'umidi

dei vini nelle cantine, ogni giorno. Ora è

felice, perché stiamo esportando i suoi

vini in quasi 20 nazioni".

E non pensiate che, per Massimo,

viaggiare per il mondo significhi

soltanto vendere. "Per me è un piacere

insegnare ai cittadini di Cebu la cultura

italiana del vino. È la mia vita. E il vino

non è solo un bicchiere con dentro del

liquido, In un bicchiere di vino, ci sono

tradizione, passione, amore. E sono

queste le emozioni, cresciute e fermentate

crescendo nelle vigne sui dolci colli di

San Clemente, che prima di tutto, voglio

trasmettere ai miei clienti". Fabio Pani

2'2


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Addio cara costa,

vado a vivere

ad alta quota

In dieci anni la Valconca

è passata da 20 a 27 mila

abitanti: +35%, tre volte

l'aumento di Rimini e -

Riccione. E ora attrae

anche la seconda

collina

Che ci fosse un ritorno di

popolazione dall'area costiera

all'entroterra, era noto da

tempo. Ora arrivano i dati Istat

a certificarlo: i comuni interni hanno

registrato un aumento di residenti in

occasione del censimento di fine

2011 in percentuale molto alta, basti

ricordare che il bacino della Valconca

interna (per intenderci, il territorio

dei 9 enti che facevano parte

dell'Unione fino poco tempo fa) è

passato dal 2001 al 2011 da poco più

di 20.000 abitanti agli oltre 27.000

attuali con un incremento del 35%,

circa tre volte quello di Rimini e oltre

sei volte quello di Riccione.

A ben vedere, però, non tutta l'area

della vallata ha avuto lo stesso boom

di nuovi residenti. A fare la parte del

leone sono stati i comuni della

seconda fascia rispetto la costa, quelli

che stanno a ridosso di Coriano,

Misano e San Giovanni che avevano

beneficiato del flusso costaentroterra

in precedenza e che da

qualche anno hanno visto rallentare

la loro crescita demografica. Ad

attrarre nuovi abitanti sono in

particolare Monte Colombo (+72X) e

San Clemente (+69) ed in misura

minore Montescudo (+55). Più

distaccati Saludecio e perfino

Mordano che però non potrà

continuare a crescere all'infinito visto

che ormai si è "consumato" quasi

tutto il territorio.

Più che le nascite, a far aumentare i

residenti sono le migraziri ir'turre;"

un controesndaric~in anni

Sessanta e Settanta del secolo scorso,

con lo spostamento di coppie giovani

e con figli alla ricerca di abitazioni più

a buon mercato rispetto alla costa. Un

indicatore di questo fenomeno è

emerso pochi giorni fa: il comune di

Monte Colombo è quello con la

popolazione "più giovane" di tutta

l'Emilia-Romagna avendo solo 12,6

ultra sessantacinquenni ogni 100

residenti, seguito da San Clemente

che di "anziani" ne ha 13,5. Questo

fenomeno sta già creando non pochi

problemi ai due enti che devono fare i

conti, ad esempio, con una forte

nuova richiesta di strutture e di

trasporto scolastici. Maurizio Casadei

Pagina 95 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 24


press LinE

Un taglio al sevizi

per far tornare i conti

Da una parte incombe il Patto di stabilità. Dall'altra la

promessa agli albergatori di non applicare la tassa di

soggiorno. A questo punto per la Regina non resta che

tagliare. A palazzo Mancini le bocche son cucite, ma per far

quadrare i conti si va verso una riduzione dei servizi del 5%. Quasi

1 milione di euro resteranno così nelle casse comunali ma ad un

prezzo molto alto. Meno

potature, meno manutenzioni, contenere le spese. Stiamo

meno cura degli arredi, meno lavorando notte e giorno per

promozione e eventi, meno trovare soluzioni':

consulenze esterne e meno Allo stesso tempo si va verso

spese nella gestione della una Imu al massimo (1,06%) su

macchina comunale. "Stiamo alberghi ed attività turistiche.

cercando di non pesare sulle Resta da sciogliere il nodo su

tasche dei cittadini - conferma attività commerciali ed

Enrico Del Prete, capogruppo artigianali. Vi sarà una maxi-

Arcobaleno, Sel e Fed.- ma Imu anche su negozi, imprese

dovremo fare sacrifici e e capannoni? Su questo ancora

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

la giunta non ha sciolto le

riserve. Risparmiare non

basterà e urgono almeno altri

800.000 euro per rispettare il

Patto di stabilità. Ecco allora

rispuntare il contributo

volontario. Le categorie

economiche hanno fatto

intuire che la crisi ha svuotato

il portafogli e sarà difficile

riproporre tale contributo

Pagina 96 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

come l'anno scorso (quando si

raccolsero ben 420.000 euro)

ma l'amministrazione sta

tornando alla carica. Agli

albergatori che non vogliono la

tassa di soggiorno,

l'amministrazione vorrebbe

chiedere un ulteriore sforzo.

Una matassa non facile da

sciogliere.

Luca Pizzagalli

Pagina 24


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Dopo 30 anni via al primo stralcio di lavori. Ma...

Ss16, la variante è in strada!

Dopo 30 anni di vane promesse,

per la variante alla Statale 16

pare sia giunta l'ora di avviare un

primo stralcio dei lavori. Quello

che riguarda il tratto compreso tra

Misano e Riccione. Che se da un lato

alleggerisce il traffico interno, dall'altro

rischia di creare problemi con i mezzi

pesanti agli svincoli previsti a Villaggio

Argentina e a San Lorenzo. A questo

proposito, l'assessore misanese, Luigi

Guagneli, ha già espresso le sue

preoccupazioni, invocando il

prolungamento della stessa variante in

tempi brevi. Sarebbe un modo per

dimostrare che queste opere non

costituiscono il classico contentino

—^olettor: ,2 ,.. La notizia che si muove

mentre a Riccione il

J TRC avanza lento nel

.ontricciolo con la posa dei

sottoservi,... . ,. 1- proseguire con il

serpentone nell'area centrale

si attende però l'autunno,

anche perché l'Agenzia di

Mobilità non si è ancora

pronunciata sui paletti posti

due anni fa dal Comune di

Riccione: in primis la

realizzazione del tracciato a

unica corsia (tranne il doppio

binario alle stazioni) per

diminuire l'impatto

ambientale del TRC e il

prolungamento della linea

fino alle terme. Sulla Ss16,

intanto, è stato fatto a

Bologna il punto sugli

interventi richiesti dai

comuni del riminese. A

tavolino l'assessore regionale

alla Mobilità e Trasporti,

Alfredo Peri, con i

rappresentanti della

Provincia di Rimini, dei Comuni di

Misano, Riccione e Rimini, del Ministero

delle Infrastrutture, Anas e Società

Autostrade.

Nello specifico, come annunciano gli

amministratori, in ballo c'è "la

realizzazione di alcuni tratti di viabilità

che costituiscono un'anticipazione della

nuova Ss16, ma che avrebbero già oggi

una funzione decisiva per il collegamento

tra autostrada e rete stradale locale: il

tratto tra la Galleria di Scacciano a

Misano e via Berlinguer a Riccione, le due

rotatorie sull'attuale Ss16 a Rimini, una

all'altezza di via Montescudo e l'altra

all'incrocio con la Ss. 72, oltre alla messa

in funzione del tratto dismesso dell',914 a

Covignano".

Un piccolo passo insomma, verso

un'opera, diventata ormai una leggenda

metropolitana. Non si capisce, infatti,

perché gran parte dei centri romagnoli

Pagina 97 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012 -2015

OtN

che insistono sulla Emilia, a partire da

Cesena e Forlimpopoli, abbiano da

tempo risolto il problema

dell'attraversamento interno dei veicoli,

mentre Riccione, come Rimini e Misano,

che d'estate raddoppiano e triplicano il

traffico, siano ancora in stand-by.

Nonostante tutto il sindaco Massimo

Pironi appare fiducioso: "Con l'avvio

della progettazione esecutiva, dato dai

responsabili dell'Anas alla Società

Autostrade, si avvicina e si concretizza

l'opportunità di realizzare un primo

stralcio della nuova Statale 16. Per la

nostra città vuol dire compiere un

notevole salto di qualità sia in fatto di

mobilità cittadina, sia in fatto di salute

pubblica e migliore qualità della vita". Ma

il nodo di San Lorenzo, già al collasso

resta. Da qui la necessità, come a Misano,

di dare subito seguito alla variante verso

Rimini. Per dire il vero, un buon salto di

qualità, come osservano tutti

all'unisono in città, potrebbe

darlo anche il TRC, ma non

scorrendo accanto alla

ferrovia, dove altro non sarà

che uno spostamento a

monte della Linea 11 della

Tram. L'intervento da oltre

100 milioni di euro avrebbe

senso se scorresse lungo la

Flaminia, asse sul quale si

trovano centinaia di attività

che generano il vero traffico:

dall'aeroporto alle Befane,

dagli uffici dell'Ausl ai

sindacati, fino all'lnps e la

Fiera. Punti che potrebbero

essere allacciati con un'unica

linea, senza aggiungere

navette. Questione di logica e

di buon senso!

Nives Concolino

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 25

OWZani La Perla rende oma99ioa Savioli


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Banche, !accolta in crescita

Dopo anni di emorragia, torna a

crescere, seppur di poco, la raccolta

negli istituti di credito della Repubblica.

Dai 7 miliardi 269 del 2011, infatti, si è

passati ai 7 miliardi 285 di settembre. Almeno per quella

totale, perché per quella diretta, purtroppo, i numeri sono

ancora negativi, visto che è in perdita di quasi 100 milioni.

Il saldo positivo, quindi, è dato da quella indiretta che ha

fatto registrare un + 160 milioni sul trimestre scorso.

Pagina 98 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

Pagina 26


press LinE

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

Bellaria Igea Marina: il giro di vite

La guerra ai "furbetli"

vale un tesoretto

Dai rifiuti e dagli immobili

spunta un tesoretto di mezzo

milione di euro. A tanto

ammontano gli incassi

raccolti dal Comune di Bellaria Igea

Marina grazie al recupero degli

arretrati e degli accertamenti su

anni pregressi, per il mancato

pagamento dell'Ici e della Tarsu. Se

quest'ultima tassa, l'anno scorso, ha

fruttato al Comune 220mila euro

contro i 178mila del 2011, per l'ex

imposta sugli immobili (sostituita,

come noto, dall'Imu) la raccolta

relativa al 2012 è stata invece più

scarsa dell'anno precedente:

250mila euro, 55mila meno del 2011.

Non cambia, ad ogni modo, il

risultato complessivo: i 500mila euro

ricavati grazie al pugno di ferro degli

uffici comunali bellariesi, verranno

utilizzati dall'amministrazione

comunale in vari settori e "per

svariati servizi': Parola dell'assessore

al Bilancio del Comune, Riccardo

Magnani: "Al contrario della

percentuale dell'Imu attuale che va

destinata esclusivamente ad un

settore specifico - precisa Magnani - i

fondi raccolti dal recupero degli

Il Comune recupera

mezzo milione di euro

dagli accertamenti sui

mancati pagamenti di

Tarsu e Id. E annuncia un

nuovo pugno di ferro per

aumentare la raccolta

arretrati e dagli accertamenti su

Tarsu e Ici, viene ogni anno inserito

nel totale delle spese correnti".

Buona parte di queste entrate

proviene dalle tasche dei "furbetti':

Dagli uffici del Comune affermano

che in molti casi si tratta di cittadini

che hanno saltato i pagamenti

dell'imposta sulla casa anche per

tre-quattro anni consecutivi. In altri

casi riscontrati con gli accertamenti,

i contribuenti si sono

semplicemente dimenticati di

denunciare delle parti di abitazione

o di azienda pagando quindi una

tassa sui rifiuti inferiore.

Contro entrambe le categorie il

Comune bellariese annuncia un giro

Pagina 99 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

di vite serrato con controlli mirati e

a 360 gradi. Fondamentale, in

quest'ottica, la riorganizzazione

della macchina comunale, come

annunciato dall'assessore Magnani:

"Implementeremo il sito informativo

territoriale che ci sonsentirà di

mettere in rete tutti i settori:

dall'anagrafe all'urbanistica, dalla

ragineria all'ufficio tributi. I

controlli diventeranno così molto più

semplici". In altre parole, ogni

minimo movimento, in città, sarà

controllato automaticamente.

L'auspicio è di incrementare ancora

di più gli incassi da recupero. A discapito

di "furbetti" e "smemorati':

(r.c.)

Pagina 28


press LinE

"Tegola" affitti:

il Comune aiuta

173 famiglie

E una

tegola che pesa come un macigno.

E che è sempre più difficile alleggerire,

complici i tagli dallo Stato e dalla Re-

gione sulle risorse destinate al sociale. Il caro

affitti resta comunque una priorità nell'agenda

degli interventi del Comune di Santarcangelo.

Lo dimostra il fondo che la Giunta

clementina ha deciso di continuare a stanziare

anche in assenza dei fondi regionali

(88mila euro nel 2011), a beneficio delle famiglie

che più faticano a sostenere il canone.

Per ridurre il peso degli affitti pagati nel 2012,

il Comune ha pronti 80mila euro: verranno

versati entro il mese di febbraio alle 173 fa-

Direttore Responsabile: Giovanni Tonelli

miglie santarcangiolesi che sono riuscite ad

aggiudicarsi il bando. Alla scadenza prevista

per il 17 novembre scorso, le domande presentate

sono risultate 195, ma 22 non sono

state accolte perché prive dei requisiti previsti

per l'assegnazione dei fondi.

Il numero dei nuclei beneficiari è sceso fortemente

rispetto all'anno scorso, quando

erano stati 240, e ancora di più rispetto a due

anni fa quando i contributi avevano raggiunto

256 famiglie. Il calo è frutto anche della decisione

del Comune di apportare alcune modifiche

ai criteri necessari per l'accesso al

fondo, prima tra tutte la riduzione del limite

Pagina 100 di 100

Riproduzione autorizzata licenza Ars Promopress 2012-2015

28/02/20/3

Periodicità: settimanale

Tiratura: n.d.

Diffusione: n.d.

IN AUMENTO LE FAMIGLIE

SANTARCANGIOLESI IN DIFFICOLTÀ CON

IL PAGAMENTO DELL'AFFITTO

ISEE con l'obiettivo di assegnare un contributo

maggiore alle famiglie più in difficoltà.

Per queste l'indicatore in questione è sceso a

10.000 euro anziché 17.000 mentre è stato incrementato

a 13.000 euro per le famiglie con

tre o più figli o con presenza di anziani o disabili.

Il contributo medio che verrà erogato a fine

mese si attesta sui 465 euro, quello massimo

è pari a 877 euro, quello minimo è invece di

202 euro.

Alessandra Leardini

Pagina 28

More magazines by this user
Similar magazines