15.08.2013 Views

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

Mensile – Poste Italiane S.p.A. – sped. A.P. – D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art.1.c.1: DCB Forlì

Anno IV

APR 04 APR12

Monthly/Mensile

IL SOLE 24 ORE SPA

by Ortofrutta Italiana

www.freshpointmagazine.it

Wholesale markets

Mercati all'ingrosso

Italy trade balance

Bilancia commerciale

Italia

Franchising

Franchising

Medfel fair

Fiera Medfel

Melons, oranges, kiwi

Meloni, arance, actinidia

La Boqueria (Spain),

Sigma (Italy)

La Boqueria (Spagna),

Sigma (Italia)

Ready to eat meals

Pranzi pronti

the buyer’s magazine / la rivista del buyer


heading/rubriche

3

4

58

60

SUMMARY

SOMMARIO

04 APRIL/APRILE 12

editorial/editoriale

news/news

events/appuntamenti

commercial news/le aziende informano

14 focus/focus

14 Transit point, the new role of wholesale markets

Transit point, il nuovo ruolo dei mercati all’ingrosso

Duccio Caccioni

18 Marked worsening in Italy’s vegetable

and potato trade balance in 2011

Italia, commercio estero nel 2011 precipita il saldo

Mario Schiano lo Morello

26 market/mercato

26 Medfel turns red as tomatoes rule

Medfel si tinge di rosso Pomodoro principe del salone

Luigina Trento

28 Franchising, a good outlook for produce

Franchising, una buona prospettiva per l’ortofrutta

Luca Fumagalli

34 product/prodotto

34 Extended shelf life with paraffin

Con la paraffina la shelf life guadagna tempo

Giulia Giovanelli

36 Outstanding brand and terroir,

Redfalcon is definitely a Mundial melon

Identità e territorio, così Redfalcon è un melone Mundial

Marianna Martorana

40 Rosaria, the Tarocco PGI orange

from Etna which respects the environment

Rosaria, il tarocco igp dell’Etna rispettoso dell’ambiente

Federica Pagliarone


44 Red & yellow the new colours of kiwi

Rosso e giallo, così il kiwi cambia colore

Giulia Giovanelli

46 retail/dettaglio

46 Barcellona’s La Boqueria is a temple

of delight and temptation

La Boqueria, sulla rambla

il mercato dei peccati di gola

Daniele Tirelli

50 isr/gdo

50 When quality and freshness

encourage customers to shop every day

Quando qualità e freschezza

invogliano alla spesa quotidiana

Federica Pagliarone

54

54 Quality assurance

throughout the whole supply chain

Dal seme al prodotto,

i controlli che garantiscono la qualità

Federica Pagliarone

Anno IV - n. 4 - april/aprile

www.agricoltura24.com

Editor/Direttore responsabile: Elia Zamboni

Assistant editor/Vice direttore: Beatrice Toni

Editorial staff/In redazione: Francesco Bartolozzi, Dulcinea Bignami, Gianni Gnudi

(editor-in-chief/capo redattore), Alessandro Maresca, Giorgio Setti (editor-in-chief/capo

redattore), Lorenzo Tosi

Editorial office/Segreteria di redazione: Phone/tel. (+39) 051 6575.847

Fax. (+39) 051 6575.856 - redazione.edagricole@ilsole24ore.com

Contact persons/Referenti: Lorenzo Bazzana (Coldiretti), Cesare Bellò (Opo Veneto/Unaproa), Paolo Bruni

(FedagriConfcooperative), Gianni Brusatassi (Uiapoa), Marco Crotti (Cio/Unaproa), Ambrogio De Ponti

(Apol/Unaproa), Valentino Di Pisa (Caab), Claudio Gamberini (Conad), Giuseppe La Rocca (Mof), Reinhold

Marsoner (Interpoma), Fabrizio Marzano (Unaproa), Carmelo Mennone (Alsia), Paolo Merci (Verona

Mercato), Luigi Peviani (Aneioa), Francesca Ramondo (Gruppo T18), Salvatore Rapisarda (Euroagrumi),

Giuliana Roncolini (Cia), Domenico Scarpellini (Macfrut), Luciano Trentini (Areflh).

English version by/Versione inglese a cura di: Ilaria Menna, Ilaria Nanni, Lawrence Smith,

Claudia Spisni, David Verzoni e Marina Zaccarini.

Cover’s image/immagine di copertina: Marina Alberghini - AM&QR, Bologna

Graphic/Ufficio grafico: NCS Media Srl – Bologna

Design/Progetto grafico: Lizart Comunicazione visiva – Bologna

Editorial Director/Direttore editoriale Business media: Mattia Losi

Owner and Editor/Proprietario ed Editore: Il Sole 24 ORE S.p.A.

Registered office/Sede legale: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano

Chairman/Presidente: Giancarlo Cerutti

Managing Director/Amministratore delegato: Donatella Treu

Operative office/Sede operativa: Via Patecchio, 2 - Milano 20141 - Phone/tel. (+39) 02 3964.61

Advertising/Ufficio Pubblicità: Phone/tel. (+39) 051 6575.822 - Fax (+39) 051 6575.853

pubblicita.agroindustria@ilsole24ore.com

Traffic Department/Ufficio Traffico: Phone/tel. (+39) 051 6575.842

impianti.editoriaspecializzata@ilsole24ore.com

Printed by/Stampato da: Faenza Industrie Grafiche - Via Vittime civili di guerra, 35 - Faenza (RA)

Subscriptions/Abbonamenti: www.shopping24.it - abbonamenti@businessmedia24.com

Phone/tel. (+39) 02 or 06 3022.5680 – fax (+39) 051 6575.900

Customer service/Servizio clienti periodici: servizioclienti.periodici@ilsole24ore.com

Yearly subscriptions abroad. Foreign subscription by priority mail/

Estero. Abbonamento annuo prioritaria: euro 119,00

Yearly subscription in Italy/Abbonamento annuo: euro 72,00

Back issues/Arretrati (disponibili i sei mesi precedenti): euro 14,40

Intestate postal account no. 13951488 to: Il Sole 24 ORE S.p.A. The subscription will start

from the first reachable number/Conto corrente postale n. 87729679 intestato a: Il Sole 24 ORE S.p.A.

L’abbonamento avrà inizio dal primo numero raggiungibile.

The payment receipt of the postal account is a valid accounting document/La ricevuta di pagamento

del conto corrente postale è documento idoneo e sufficiente ad ogni effetto contabile.

Subscription renewal in Italy/Rinnovo abbonamenti in Italia:

A warning will be sent by the Editor one month before the deadline. Upon request, Institutions and

companies may receive the above along with an offer/Attendere l’avviso che l’Editore farà pervenire un

mese prima della scadenza. Per Enti e Ditte che ne facciano richiesta l’avviso verrà inoltrato tramite preventivo.

VAT discharged by the publisher/Iva assolta alla fonte dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1°comma, lett. c,

D.P.R. 26101972 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni.

Sales Administration/Amministrazione Vendite: fax (+39) 051.6575823 - Casella Postale 397

Ufficio Postale Bologna Centro 40100 Bologna - freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Internet web site: www.freshpointmagazine.it

Reg. Tribunale di Bologna n. 7598 del 10/11/2005 Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a.

Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,

comma 1, DCB Forlì” Iscrizione R.O.C. n. 6553 del 10 dicembre 2001

ISSN 1827 – 577X

Associato a:

ed è membro italiano di EUROFARM,

l’associazione dei più importanti giornali

periodici agricoli europei

Privacy Policy Disclosure as per Legislative Decree 196/3. The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, the publisher, gathers

and stores the personal data you voluntarily supply when you subscribe to any of our publications or when you

purchase from lists containing personal information regarding business transactions and the like that come under Art.

24, paragraph 1, section d of Leg. Dec. 196/03 and uses said data to send you the publication on subscription or a

complimentary copy of one of our publications. Il Sole 24 ORE may exercise its rights as per the provisions of Art. 7

Leg. Dec. 196/03 regarding access, deletion, correction and so forth by requesting said exercise from the Head of its

Data Handling Department, Customer Services, at the main offices of Il Sole 24 ORE S.p.A. located in Via Goito 13,

40126 Bologna, Italy. Articles and photographs submitted to The Publisher shall not be returned, even if unpublished.

All rights reserved. No part of this publication shall be reproduced, stored or transmitted in any way of form whatsoever,

whether digitially, electronically, via photocopy or mimeograph machines, without written consent from the publisher.

The complete, up-to-date list of all Heads of the Data Handling Department is available at Ufficio Privacy, Via

Monte Rosa 91, 20149 Milan. Il Sole 24 ORE may share your data with staff in its Order, Marketing, Customer Services

and Administration departments and with affiliate companies of Gruppo 24 ORE for the purpose of exchanging said

data with independent companies that are responsible for mailing the publication and printed advertising matter to

subscribers. Il Sole 24 ORE S.p.A., Titolare del trattamento, tratta, con modalità connesse ai fini, i Suoi dati personali, liberamente

conferiti al momento della sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da elenchi contenenti dati personali relativi

allo svolgimento di attività economiche ed equiparate per i quali si applica l’art. 24, comma 1, lett. d del D.Lgs n.

196/03, per inviarLe la rivista in abbonamento od in omaggio. Potrà esercitare i diritti dell’art. 7 del D.Lgs n. 196/03

(accesso, cancellazione, correzione, ecc.) rivolgendosi al Responsabile del trattamento, che è il Direttore Generale dell’Area

Professionale, presso Il Sole 24 ORE S.p.A., Servizio Clienti c/o la sede di via Goito 13 – 40126 Bologna). Gli articoli e le

fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa pubblicazione

può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica, elettrostatica, fotocopia

ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore. L’elenco completo ed aggiornato di tutti i Responsabili del trattamento è

disponibile presso l’Ufficio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milano. I Suoi dati potranno essere trattati da incaricati preposti

agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno essere comunicati alle società di Gruppo

24 ORE per il perseguimento delle medesime finalità della raccolta, a società esterne per la spedizione della Rivista e per

l’invio di nostro materiale promozionale.

Declaration as per Art 2, paragraph 2, of the “Professional Code of Ethics in Journalism for the handling of

personal data”. “The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, publisher of Fresh Point Magazine, herewith publicly declares

that it houses data banks for editorial uses that store personal data. The place in which it may exercise the rights provided

in Leg. Dec. 196/3 is the office of the Head for Personal Data Handling, secretarial desks of coordinating editors

(fax. 051-6575.856)”. “La società Il Sole 24 ORE S.p.A., editore della rivista Fresh Point Magazine rende noto al pubblico

che esistono banche dati ad uso redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile esercitare

i diritti previsti dal D.Lg 196/3 è l’ufficio del responsabile del trattamento dei dati personali, presso il coordinamento delle

segreterie redazionali (fax. 051-6575.856)”.


As vegetarians grow in number

so the market expands

Vegetariani in aumento

mercato in espansione

Duccio Caccioni

Keep an eye on vegetarians. In times of contracting

consumer spending, they represent a niche market

that’s flexing its muscles enough to be on the verge of

becoming a real player in the overall fruit and vegetable

sector. The number of consumers who have

forsaken the joys of meat is on the rise throughout the

western world. In the US, for example, vegetarians

and vegans, the latter having given up any product –

even non-food items – if animal origin, now account

for 3.2% of the population according to Vegetarian

Time Magazine, and their number keeps growing,

thanks in part to blanket TV advertising financed by

independent associations.

Even more interesting figures are being seen in

Europe. According to a 2008 market survey by Mintel,

the number in the UK is estimated at 6% of the populace,

and the European Vegetarian Union puts the

number of vegetarian/vegan consumers at 2% in

France and 4.3% in Holland. An Ac Nielsen/Eurispes

poll in Italy estimates that there are 7 million meat-free

consumers of whom 600 thousand are vegans – a

veritable European record.

As a matter of fact, the primary market for vegetarians,

which includes foods like seitan, a protein mix

made from grains, is showing strong growth. Also on

an upward swing is the market of processed items,

heat-n-eat meals and frozen food specialities. So, it’s

no accident that certification bodies for Iso 14021 and

other, industry standards are also spreading.

The profile of your typical vegetarian/vegan consumer

coincides in part with that of the classic organic consumer.

Indeed, many are under 40, female, of better

than average education, mid-to-high income and,

obviously, a heightened awareness of environmental

and health issues. To this group must also be added

many people under 65 who try to keep at bay as long

as possible signs of ageing and seek, perhaps even

finding, the fountain of longevity in their diets.

(English version by David Verzoni)

freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Attenzione ai vegetariani. In tempo di contrazione dei

consumi rappresentano una nicchia che sta diventando

oramai segmento di mercato e che può essere fondamentale

per il settore ortofrutticolo. Il numero di chi ha

rinunciato alle gioie della carne è in crescita in tutto il

mondo occidentale. Negli Usa i vegetariani e i vegani

(chi rinuncia totalmente a qualsiasi prodotto – anche

non alimentare – di origine animale) rappresentano il

3,2% della popolazione (fonte: Vegetarian Time

Magazine) e sono in costante crescita, anche grazie a

notevoli campagne informative televisive finanziate da

libere associazioni.

Dati ancora più interessanti arrivano dall’Europa.

Secondo una ricerca effettuata nel 2008 da Mintel, in

Inghilterra si arriverebbe al 6% della popolazione, mentre

la European Vegetarian Union stima percentuali di

consumatori vegetariani/vegani del 2% in Francia e del

4,3% in Olanda. In Italia, secondo i dati Ac

Nielsen/Eurispes, vi sarebbero addirittura sette milioni di

persone che hanno rinunciato alla carne, di cui 600mila

vegani: un vero e proprio record europeo.

Di fatto, il mercato di alimenti fondamentali per i vegetariani

come, per esempio, il seitan (un impasto proteico

ottenuto da cereali) è in formidabile ascesa. In crescita è

anche il mercato di prodotti industriali, piatti pronti e surgelati

dedicati e, non a caso, in tutta Europa si stanno

sviluppando anche sistemi di certificazione in base Iso

14021 o a standard privati.

L’identikit del consumatore vegetariano/vegano coincide,

in parte, con quello del consumatore biologico.

Molti consumatori vegetariani/vegani sono, in effetti,

under 40, femmine, con buona istruzione, reddito

medio-alto e, ovviamente, una certa sensibilità culturale

per le istanze ambientali e salutistiche. A questi si

aggiungono, però, molti under 65 che cercano di procrastinare

quanto più possibile i sintomi della senilità e

cercano (e magari trovano) nell’alimentazione l’elisir di

lunga vita.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

3

editorial

editoriale


news

notizie

Spain, freshly squeezed orange juice

at risk of contamination

Spagna, spremute d’arancia a rischio contaminazione

When asking for freshly squeezed orange

juice outside the home, we should pay

more attention to how it’s prepared. This

because not only does the vitamin C and

antioxidant content fade over time but

also because professional juicers and the

thermoses, pitchers or other containers

used to store the juice can conceal dangerous

agents of contamination.

This is result of a study carried out in

Spain, where some 138 million litres of

juice are consumed every year, and published

in Food Control. Researchers at

Valencia University tested 190 samples

collected at bars, restaurants and catering

firms and found that 43% contained a

count of gram-negative bacteria above

national and EU thresholds and that 12%

exceeded allowable limits of aerobic mes-

4 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

ophyll bacteria. Not to mention that 1% of

the samples contained staphylococcus

aureus and 0.5% salmonella.

If the juice is stored in a container of metal

or other material and kept there, contamination

can increase considerably. In effect,

the research team found what they determined

as unacceptable levels of gramnegative

bacteria and of aerobic mesophyll

bacteria – respectively 81% and 13% – in

juice kept in such containers because the

shape of the juicers, with all their irregularities,

hollow and wide surface areas act as

an ideal home for bacterial spread.

By contrast, if the juice is served immediately

upon squeezing, any germs present

do not have the time to proliferate. The

study’s tests showed that 22% of the samples

were contaminated by gram-negative

and only 2% by mesophyll bacteria. (DV)

Quando si consumano le spremute

d’arancia fuori casa bisognerebbe prestare

più attenzione alle modalità di preparazione,

non solo perché il tempo che passa

riduce la presenza di vitamina C e antiossidanti,

ma anche perché gli spremiagrumi

professionali e i thermos o i contenitori

usati per mantenere il succo per alcune

ore possono nascondere contaminazioni

pericolose.

G6 Alliance, new global partnership

G6 Alliance nuova partnership globale

A world-wide deal has been struck by six

maritime shippers in an effort to boost

profits of all the partners. The accord

brings together Japan-based Nippon Yusen

Kaisha (Nyk) and Mitsui Osk Line (Mol),

Germany’s Hapag-Lloyd, Orient Overseas

Container Line in Hong Kong, Apl in

Singapore and South Korea’s Hyundaï

Marchant Marine (Hmm). Under the deal,

called the G6 Alliance, service is scheduled

to begin in April 2012 and will involve 90

ships and nine routes connecting Europe to

some forty ports in the Far East. The part-

ners will offer more frequent daily sailings

from the main Asian, European and

Mediterranean ports of Dalian, Ningbo,

Quingdao, Shanghai, Hong-Kong, Singapo -

re, Colombo, Jeddah, Porto Said, Le Havre,

Southampton, Antwerp, Rotterdam, Ham -

burg and Bremerhaven. (DV)

Accordo a livello mondiale tra sei compagnie

marittime che mirano a unire le forze

per fare più utili. Hanno siglato l’accordo la

giapponese Nippon Yusen Kaisha (Nyk), la

tedesca Hapag-Lloyd, Orient Overseas

Container Line (Oocl) da Hong Kong, Apl da

Lo dimostra uno studio pubblicato su Food

Control e condotto in Spagna, Paese in cui

si consumano 138 milioni di litri di spremuta

all’anno. I ricercatori dell’Università di

Valencia hanno analizzato 190 campioni

provenienti da bar, ristoranti, società di

catering e scoperto che il 43% conteneva

un quantitativo di enterobatteri superiore ai

limiti nazionali ed europei, e che il 12%

eccedeva i limiti previsti per i batteri mesofili

aerobi. Inoltre, l’1% dei campioni conteneva

stafilocchi aurei e lo 0,5 salmonelle.

Se la spremuta è posta in un contenitore

di metallo o di altro materiale e lì mantenuta,

la contaminazione può salire notevolmente

– i ricercatori hanno trovato

livelli di enterobatteri e di batteri mesofili

definiti inaccettabili rispettivamente

nell’81 e nel 13% delle spremute così

conservate – perché la forma dello spremiagrumi,

con tutte le sue irregolarità,

cavità e larghe superfici funziona da sede

ideale per la proliferazione batterica.

Invece, se le spremute sono servite

immediatamente i germi, anche se presenti,

non hanno il tempo per moltiplicarsi:

all’analisi spagnola, sono risultati contaminati

da enterobatteri il 22% dei campioni,

e da batteri mesofili il 2% dei campioni.

Singapore, la coreana Hyundaï Marchant

Marine (Hmm) e la giapponese Mitsui Osk

Line (Mol). L’accordo, denominato G6

Alliance, sarà attivo da aprile 2012 e riguarda

90 navi utilizzate in nove itinerari che

collegano l’Europa a una quarantina di porti

in estremo Oriente. Il servizio offrirà partenze

più frequenti quotidiane dai principali

porti asiatici, europei e mediterranei

(Dalian, Ningbo, Quingdao, Shanghai, Hong-

Kong, Singapore, Colombo, Jeddah, Porto

Said, Le Havre, Southampton, Anversa,

Rotterdam, Amburgo, Bremerhaven).


news

notizie

Peru, table grape exports up 20%

Perù, le esportazioni di uva cresceranno del 20%

Table grape is the country’s second

biggest produce export commodity after

asparagus in Peru, and national Banco

Central de Reserva expects to see volumes

grow by 20% a year tank to higher

yields and, above all, increased plan-

India, world’s second leading producer

India, secondo produttore nel mondo

Recently released figures by India’s

Agriculture Ministry underscore continued

growth in country’s produce industry,

ranking it as the world’s second-leading

producer of fruit and vegetables behind

top-seeded China. In overall terms, India

currently has 17.8 million hectares under

produce crops for an output of 137.7 million

tons of vegetables and 75.8 million of

fruit in 2010-2011, compared to the

respective 129.1 and 68.5 million it

booked in 2008-2009. The Sub-continent

is the world’s leading producer of table

grape, mango, banana, papaya and persimmon,

alone accounting for 40% of the

world’s mango and 30% of banana supplies.

India’s exports are still relatively

weak given the fact that most commodities

are earmarked to meet its growing

domestic demand. (DV)

6 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

tations. Peru’s Ministry of Agriculture

announced that the crop’s acreage has

risen in the last few years by 4,500

hectares and projects that some 45

thousand additional tons should be available

for export over the next two years.

Secondo i dati diramati dal ministero per

l’Agricoltura indiano, il Paese asiatico

sarebbe il secondo produttore di frutta e

ortaggi al mondo dopo la Cina con una

crescita netta negli ultimi anni. Nel 2010-

2011 l’India ha prodotto 137,7 milioni di

tonnellate di ortaggi e 75,8 milioni di tonnellate

di frutta – nel 2008-2009 si era,

rispettivamente, a 129,1 e a 68,5 milioni.

L’area agricola utilizzata ammonta a 17,8

milioni di Ha. L’India è il principale produttore

mondiale di uva da tavola, mango,

banane, papaya e melagrana. Il 40% dei

mango e il 30% delle banane nel mondo

sono prodotte in India. Per ora l’esportazione

è piuttosto flebile, visto che i crescenti

quantitativi prodotti vanno a soddisfare

il sempre più ricettivo mercato locale.

(DC)

Peru exported nearly 78 thousand tons of

table grape from January through

November 2011, for receipts of US $200

million. Most of the exported crop is

shipped to the United States (24%),

Holland (14%), Hong Kong (13%) and

Russia (12%). (DV)

In Perù l’uva è il secondo prodotto più

esportato dopo gli asparagi e il Banco

Central de Reserva (Bcr) prevede che i

volumi delle esportazioni cresceranno del

20% l’anno, grazie alle rese migliori ma,

soprattutto, grazie alle nuove piantagioni.

Il ministero dell’Agricoltura (Minag) comunica

che in questi ultimi anni sono stati

piantati 4.500 ettari di uva che dovrebbero

produrre 45mila ulteriori tonnellate per

l’esportazione nei prossimi due anni. Nel

periodo gennaio-novembre 2011 il Perù

ha esportato circa 78mila tonnellate di

uva, che hanno reso 200 milioni di dollari

(Usd). Le principali destinazioni sono Stati

Uniti (24%), Paesi Bassi (14%), Hong Kong

(13%) e Russia (12%).


Southern Hemisphere, apple and pear in decline

Emisfero Sud, diminuisce la produzione di mele e pere

According to a survey by the World Apple &

Pear Association, Argentina, Australia,

Brazil, Chile, New Zealand and South Africa,

the area’s key producers, are expected to

post a slight dip in the neighbourhood of 2-

4 % in this year’s apple and pear crop compared

to 2011. The apple crop is expected

to total 5.5 million tons and exports are

estimated to slip 4% to1.67 million tons on

the year. The pear crop is projected to come

in at 1.51 million tons but exports are estimated

to rise by 14% to 721 thousand tons.

The leading pome-fruit producer in the

Southern Hemisphere, Argentina, should

register a decline of 9% in pear and 2% in

apple on the year. (DV)

Secondo le previsioni diramate dalla Wapa

(World Apple & Pear Association), nei Paesi

dell’emisfero Sud (Argentina, Australia,

Brasile, Cile, Nuova Zelanda, Sudafrica) la

raccolta di mele e di pere sarà in leggera

regressione in confronto al 2011: rispettivamente

-2 e -4%. Per le mele si prevede

un raccolto totale pari a 5,5 milioni di tonnellate

e le esportazioni dovrebbero essere

parimenti in calo di un 4% (1,67 milioni

di tonnellate). Per le pere si prevede una

raccolta di 1,51 milioni di tonnellate, ma

un netto incremento delle esportazioni

(+14%, 721mila tonnellate). Il Paese leader

nella produzione di pomacee nell’emisfero

Sud, l’Argentina, dovrebbe registrare

un calo sia nella produzione di pere (-9%

sul 2011), sia di mele (-2% sul 2011).

news

notizie


news

notizie

India & EU in trade deal

Accordo commerciale India-Ue

A recent meeting in Delhi laid the groundwork

for a bilateral trade agreement

between India and the European Union.

According to EU Commission President

José Barroso, the accord would represent

the world’s biggest trade deal ever, covering

a combined market of more than 1.7

billion people. India is a top importer of

perishable foodstuffs while boosting its

own output of commodities, especially in

the F&V sector. (DV)

USA, food-spending forecast down

Usa, previsto un calo dei consumi

alimentari

Market analysts at Guggenheim Secu -

rities and BMO Capital Markets anticipate

a slow-down in US in consumer spending

on food. They are forecasting a 1-2% slip

in retail receipts in 2012 as a result of

continuing high unemployment, ageing of

the population and the impact of high fuel

prices on the country’s overall economic

performance. However, on a more upbeat

note, the nation’s projected low inflation

rate, especially in the third quarter, could

provide a much needed boost to the economy.

(DV)

Secondo alcune agenzie di analisi eco-

8 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

nomica come Guggenheim Securities e

Bmo Capital Markets, il mercato dei

generi di consumo alimentare degli Usa

dovrebbe rallentare. Per il 2012 si prevede

un indebolimento dell’1-2% delle

vendite al dettaglio per effetto dell’elevata

disoccupazione e dell’invecchiamento

della popolazione, oltre che per motivi di

carattere strettamente economico (ad

esempio, il costo dei carburanti). La

bassa inflazione prevista per il 2012 (in

particolare nel secondo trimestre)

dovrebbe tuttavia aiutare il sistema economico.

Growth seen in world organics industry

Cresce il mercato mondiale del biologico

A recent report by analysts at Euromonitor

International puts 2010 worldwide organic

food and beverage sales at €20.8 billion.

Despite the 5% rise reported since

the last survey in 2008, there are signs of

a slow-down in such key markets as

Europe and North America on the one

hand but a greater momentum in those of

the Far East and South America, especially

in Brazil. Germany is still the top-ranked

European market, although France is also

showing robust growth despite the slug-

Nel recente meeting a Delhi sono state

buttate le basi per un accordo commerciale

bilaterale fra Unione europea e India.

Secondo il presidente della Commissione

europea José Barroso si tratterebbe del

maggiore trattato di facilitazione commerciale

planetario, poiché interessa 1,7

miliardi di persone. L’India è un forte

importatore di derrate agro-alimentari ma

sta rafforzando le proprie produzioni, per

esempio, in campo ortofrutticolo.

gish economy. Estimates released by

Organic Services put Italy’s organic industry

at €3.5 billion, and the country’s Ismea

agency value overall exports at some

45% of the nation’s overall organics output.

(DV)

Da quanto emerge dal recente rapporto di

Euromonitor International, nel 2010 il

mercato mondiale dei prodotti biologici è

valso 20,8 miliardi di euro. Nonostante sia

stata valutata una crescita del 5% rispetto

all’ultima analisi (2008), si evidenziano

Organics, EU-US

free-trade accord

Bio, libero

commercio tra

Europa e Stati Uniti

The European Union and the United States

signed an agreement this past 15

February that will dismantle all trade barriers

to their reciprocal trade in organic

foodstuffs as of 1 June. The deal clears

the way for free trade in organics certified

by their respective industry bodies without

additional certification requirements. The

EU and US are the world’s leading organic

producers and markets with a combined

turnover of €38 billion. (DV)

Lo scorso 15 febbraio Unione europea e

Stati Uniti hanno firmato un trattato che

sancisce, a partire dal prossimo 1° giugno,

che i prodotti certificati come biologici

nelle due rispettive federazioni non

avranno più barriere e potranno essere

commerciati liberamente (senza ulteriori

certificazioni) in entrambe le aree. Ue e

Usa sono i maggiori

produttori e consumatori

di alimenti

biologici nel

mondo, con

un fatturatocomplessivo

di 38

miliardi di euro.

segni di rallentamento nei mercati chiave

europei e Nord americani, mentre segnali

di maggior dinamismo provengono

dall’Estremo Oriente e dall’America Latina

(Brasile in testa). In Europa il principale

mercato rimane quello tedesco. In forte

sviluppo, nonostante la crisi, quello francese.

I dati Organic Services stimano il

mercato italiano in 3,5 miliardi di euro –

Ismea ha valutato che le esportazioni italiane

valgono circa il 45% dell’intero mercato

del biologico nazionale.


news

notizie

Spain, exports done 1%

Spagna, export meno 1%

Spain’s 2011 F&V exports showed a slip

of 1% over 2010. According to the country’s

Customs Service, export produce

receipts totalled €8.557 billion on a volume

of 10.4 million tons, up 10% on the

year. The country exported 4.2 million

tons of vegetables, up 14% in volume but

down 3% to €3.158 billion in sales, and

6.2 million tons of fruit, up 7% by volume

to €5.038 billion in receipts, a rise of 1%.

A report by the country’s Fepex produce

exporters’ association, the industry’s

2011 export performance is evidently due

to the decline in consumer spending

accompanying the E.coli scare last June

Table tomato

exceptional Greek export

performance

Pomodoro da mensa

Export eccezionale per la Grecia

10 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

in Germany. In effect, total Spanish produce

exports grew 6% up to the end of

May and then suddenly posted a 7% drop

from June through September. The country’s

main export markets continue to be

Germany, France and the UK in that order.

(DV)

Nel 2011 l’export ortofrutticolo spagnolo

ha segnato una flessione dell’1% rispetto

al 2010. Secondo la direzione centrale

delle dogane spagnole, il fatturato in

esportazione per frutta e ortaggi è stato

pari a 8.557 milioni di euro. In volume

sono stati esportati dagli spagnoli 10,4

milioni di tonnellate (+10% rispetto al

Greece’s exports of table tomato posted a

notable rise in 2011. Crop exports to EU

trade partners jumped a 148% to 10,392

tons. By contrast, Eurostat figures show that

exports to non-EU markets declined 31%.

Despite the current economic crisis,

Greek vegetable crops continue to

improve both as to quality and quantity,

making them more attractive to European

importers. (DV)

L’export di pomodori da mensa greci nel

2011 ha avuto un formidabile sviluppo.

L’esportazione di pomodori greci verso i

paesi della Ue è aumentata del 148%

raggiungendo le 10.392 tonnellate. I dati

Eurostat mostrano che l’export greco

verso i Paesi extra Ue ha invece avuto un

calo del 31%.

Nonostante la crisi economica, la produzione

di colture orticole in Grecia sta

segnando una incremento sia dal punto

di vista quantitativo che qualitativo e

diventa sempre più attrattiva per gli

importatori europei.

2010), di cui 4,2 milioni di ortaggi (+14%,

pari a 3.158 milioni di euro, -3%) e 6,2

milioni di tonnnellate di frutta (+7%, pari

a 5.038 milioni di euro, +1%). Secondo

l’associazione degli esportatori iberica

Fepex, è molto evidente che la performance

del 2011 sia legata alla crisi dei consumi

dovuta all’emergenza E.coli dello scorso

giugno in Germania. In effetti, l’export

totale spagnolo di ortofrutticoli era cresciuto

del 6% fino al mese di maggio per

poi cadere in maniera repentina da giugno

a settembre (-7%). I principali clienti

degli spagnoli rimangono, nell’ordine,

Germania, Francia e Regno Unito. (DC)

Moroccan citrus

popular with

Russians

Gli agrumi marocchini

piacciono ai russi

Russia is the leading importer of Moroc -

co’s citrus commodities. According to figures

released by Morocco’s national

exporters’ association, 49% of the country’s

overall citrus crop is earmarked for

the Russian market. The European Union

has been relegated to second place since

2010, its imports standing at 37% of total

exports, followed in a distant third by

North America at 12%. (DV)

È la Russia il principale importatore di

agrumi marocchini. Secondo i dati diramati

dalle Associazioni esportatori marocchine,

il 49% dell’intera produzione di

agrumi del Paese è indirizzata verso il

mercato russo. Dal 2010, l’Unione europea

è passata in seconda posizione e nel

2011 ha assorbito il 37%

della produzione,

seguita dal Nord

America

(12%).


news

notizie

EU, new Rucip rules

for the potato industry

Ue, nuovo regolamento Rucip

per il settore pataticolo

New regulations and marketing practices

set down by the Inter European Trade in

Potatoes (Rucip) took effect on 1 March of

12 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

this year. The members of the EU Rucip

Committee include the Europatat trade

association, the Euppa processors’ asso-

Agriculture in Italy’s

Emilia-Romagna Region goes digital

Emilia-Romagna (Italia)

l’agricoltura va in digitale

The first DTT, digital terrestrial television,

channel for the farm and food

industry aired in Emilia-Romagna

Region. Called “Antenna Verde” (Green

Antenna), the new channel airs on the

Telesanterno network, where broadcasts

run 24 hours a day on channel 626. The

programming includes feature shows,

public service and news reports dealing

with all facets of the region’s agriculture

industry, from fields to barns, from canning

to the table of consumers, as well

as the Region’s wines and specialty food

topics. Farming is a key industry in

Emilia-Romagna’s overall economy as it

includes 72 thousand holdings, 200

thousand jobs and 6 thousand food

businesses employing 60 thousand people,

for an overall turnover of €22 billion.

(DV)

È nato il primo canale digitale terrestre

dedicato all’agroalimentare dell’Emilia-

Romagna. Il nuovo canale, “Antenna

Verde”, è stato realizzato dal gruppo televisivo

che fa capo a Telesanterno. Le trasmissioni

sono visibili 24 ore al giorno sul

ciation and Intercoop Europe group of

cooperatives. The 2012 Rucip regulations

governing contracts in the potato industry

now contain provisions covering fixedterm

agreements, tolerance to both

Unece and general quality standards, the

definition of spring potatoes, quality-control

disputes and pathogen organisms

subject to quarantine. (DV)

Dal primo marzo sono entrate in vigore le

nuove regole e pratiche di mercato stabilite

dall’Inter European trade in potatoes

(Rucip). Il comitato europeo Rucip è composto

dall’Associazione europea

Europatat (commercio), dall’Euppa (associazione

dei trasformatori) e da Intercoop

Europe (cooperative). Il nuovo regolamento

Rucip 2012 per i contratti del settore

pataticolo contiene indicazioni sui contratti

a termine fisso, sulle tolleranze

riguardo a standard Unece e sulle caratteristiche

qualitative in genere, sulla definizione

di patate novelle, sulle contestazioni

qualitative e gli organismi patogeni

da quarantena.

canale 626. Il palinsesto giornaliero conterrà

programmi, servizi e spazi informativi

legati all’intera gamma dello scenario

agricolo regionale, dai campi alle stalle,

dalla trasformazione agroindustriale alle

tavole dei consumatori e all’enogastronomia

tipica dell’Emilia-Romagna. Il mondo

agricolo è un settore economico fondamentale

dell’Emilia-Romagna, poiché

costituito da 72mila aziende agricole,

200mila addetti, seimila aziende alimentari

con 60mila addetti, per un valore di

22 miliardi di euro.


focus/wholesale markets

focus/mercati all'ingrosso

Transit point, the new role

of wholesale markets

Transit point, il nuovo ruolo

dei mercati all’ingrosso

Duccio Caccioni

Today the traditional business of the wholesale market is taking on additional

tasks of an urban-logistical nature. The advantages for traffic and the environment

are evident

Alle funzioni classiche dei centri agroalimentari, oggi si affianca quella di carattere

logistico-urbanistica. Con evidenti vantaggi per il traffico e l’ambiente

The last twenty years have seen notable changes in

the ways the classic wholesale markets operate.

There has been a continuous chipping away at their

profile within the F&V supply chain in almost all western

countries. Distribution of fruit and vegetables has,

in actual fact, become considerably “verticalised”,

and more and more often there is a direct link

between producers and the big supermarket chains.

Indeed, this process has been enthusiastically

embraced within and by the European Union, which

has made the growth of commercial producer organisations

(POs) the linchpin of its farm policy.

Wholesale markets have thus frequently lost their pivotal

position in the distribution pipeline, a central operation

that at times was taken was taken for granted as

part of the conventional nature of things. Today they still

play a key role in western countries for the Ho.Re.Ca, or

food service industry, as well as for corner shops and

the small-to-mid-size supermarket chains.

They are also often used by the big retail chains as a

reservoir to plug holes in stock as well as to top up

holes in their lines, supplying secondary, local tropical

and other items.

Heated debate

Ownership of most such markets is municipal, or of

other local government administrations, and this factor

had frequently led to much debate about the

social role of these markets, a function that has often

raised pointed questions. It must be noted too that

the debate has been, and still is, often fuelled in part

by the real property value of the land on which the

markets are built.

14 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Negli ultimi venti anni è molto cambiata la funzione dei

mercati all’ingrosso. In quasi tutti i Paesi occidentali c’è

stata una regressione del loro ruolo all’interno della filiera

distributiva dei prodotti ortofrutticoli. La distribuzione

dei prodotti ortofrutticoli si è, di fatto, assai “verticalizzata”

e, sempre più spesso, vi è un legame diretto fra i produttori

e le catene della distribuzione organizzata – un

processo peraltro fortemente favorito all’interno

dell’Unione Europea, che ha posto come perno della

propria politica agricola lo sviluppo commerciale delle

Organizzazioni di produttori (Op).

I mercati all’ingrosso hanno, quindi, spesso perso la loro

centralità nelle operazioni di distribuzione, una centralità

che talora si connaturava come una vera e propria rendita

di posizione. Oggi nei principali Paesi occidentali

svolgono, comunque, un importante ruolo nei confronti

del settore Ho.Re.Ca come anche dei negozi di vicinato

(corner shop), oltre che delle piccole e medie catene di

supermercati.

Essi vengono, inoltre, frequentemente utilizzati anche

dalle grandi catene di supermercati per coprire le rotture

di stock oltre che per il completamento della gamma

(referenze minori, locali, esotiche e così via).

Dibattito acceso

La proprietà dei mercati all’ingrosso è, nella maggior

parte dei casi, pubblica (municipalità, amministrazioni

regionali) ed è stato così molto frequente il dibattito circa

la funzione sociale dei mercati stessi, una funzione che

è stata talora messa in discussione. Si deve aggiungere

che il dibattito era (ed è ancora) spesso animato anche

dal valore immobiliare delle aree su cui sorgono i mercati.


Diagram of logistic efficiency

Schema di efficienza logistica

Hub/Piattaforma

1

7

TOT. 100 KM

Pollution/Inquinamento: 100

Traffic parameter/Parametro traffico: 100

A Sully from remote hub by big lorry

(7 deliveries) in metropolitan area

Rifornimento da Piattaforma remota

da parte di un automezzo pesante

(Groupage 7 scarichi) in area metropolitana

In effect, the ones built after World War II in the major

cities of Europe are in the immediate urban outskirts,

areas that are prime real estate today. In cases where

private management has taken over, they’ve been

moved to areas of lower value, but in others, which

are the rule in Europe, they’ve been moved elsewhere

while remaining the property of local governments.

The removal of these markets to new quarters is till

going on in many countries and the debate about their

role continues, a debate that has of late raised even

more questions.

Included among the central role wholesale markets

play on the stage of the public sector, a role recognised

even by such international bodies as the UN,

OECD and FAO, is their part in city planning and related

logistics. In other words, in addition to the usual

services the markets render to the production and

distribution links of the supply chain, including transparent

pricing and the quality control and health

inspection of perishable foods, they now have a logistics

role in supplying urban centres.

A recognised role

Wholesale markets can act as transit points at which

6

3

2

4

5

Transit

point

1

7

6

TOT. 90 KM

Pollution/Inquinamento: 0 (mezzi a metano)

Traffic parameter/Parametro traffico: 45

Infatti, quelli costruiti nel secondo dopoguerra in tutte

le principali città europee si trovavano nella prima periferia

urbana, in aree assai appetibili in termini immobiliari.

In alcuni casi il loro spostamento in aree con minor

valore immobiliare è quindi avvenuto con la privatizzazione

delle società di gestione. In altri casi (la maggior

parte in Europa), il mercato è stato spostato in altra

sede ma è rimasto di proprietà pubblica. Lo spostamento

dei mercati all’ingrosso è ancora in atto in molti

Paesi e rimane aperto il dibattito circa la loro funzione,

un dibattito che nei recenti anni si è arricchito di ulteriori

elementi.

Fra le funzioni di carattere pubblico dei mercati all’ingrosso,

o centri agroalimentari, riconosciute anche dagli

organismi internazionali (Onu, Ocse, Fao) vi è quella di

carattere logistico-urbanistica. Ovvero, alle funzioni classiche

proprie dei mercati a servizio del sistema produttivo

e distributivo (creazione del prezzo in regime di trasparenza,

controllo qualitativo e igienico-sanitario delle

derrate), si affianca la funzione logistica a servizio dei

centri urbani.

Una funzione riconosciuta

I centri agroalimentari possono rappresentare dei transit

3

B Supply from transit point with non-pollution smaller

delivery trucks in metropolitan area (7 deliveries)

Rifornimento da Transit point con mezzi leggeri

non inquinanti in area metropolitana (7 scarichi)

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

2

4

5

15

focus/wholesale markets

focus/mercati all'ingrosso


focus/wholesale markets

focus/mercati all'ingrosso

bulk shipments are

unloaded from big

lorries and redespatched

to

smaller vehicles for

delivery within metropolitan

areas of

heavy traffic flows.

It’s an approach

that optimises

logistics efficiency

while offers two

important collateral

effects

– elimination of

heavy vehicular

traffic within

urban centres,

and

– cutting overall

transport mileage.

For example, whenever

big, long-haul

lorries must make a

number of unloading

stops during a

trip, the route they

are forced to travel

is a long and winding

one (figure A).

This contrasts with

the single, relatively

direct route light-weight vans need to drive (figure B).

It is obvious that the use of short-range delivery vehicles

rather than huge trucks and the ensuing mileage

reduction result in less traffic and, hence, less exhaust

and particulate-matter pollution. Indeed, the considerable

environmental value of transit points increases

further still if non-polluting vehicles are employed for

deliveries within metropolitan areas. Emission-free

vehicles can be fuelled by LPG or electric motors,

with hydrogen looming in future. A municipal market

located in proximity to a city can be an ideal transit

point for the food industry.

The diminution of traffic and pollution made possible

by transit points is seen by international experts as

highly significant. This is why in many western countries,

even when big retail is fully “verticalised” with

the production links of the industry pipeline via hubto-hub

supplies, the more far-sighted city administrations

have opted to maintain strong market infrastructures

by assigning them the additional role of transit

points for city centres.

It’s a trend that is clearly on the upswing and is undergoing

worldwide development.

(English version by David Verzoni)

16 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

point dove le merci

vengono scaricate

da mezzi pesanti e

distribuite da mezzi

leggeri all’interno di

un’area metropolitana

ad ampia intensità

di traffico. In questo

modo si ottiene

un’ottimizzazione

logistica con duplice

ricaduta:

– eliminazione del

traffico pesante

all’interno dei centri

metropolitani;

– diminuzione del

chilometraggio

totale di percorrenza.

In effetti, mentre un

automezzo pesante

che deve realizzare

un certo numero di

scarichi è costretto a

tortuosi e lunghi percorsi

(figura A),

diversa è la situazione

di un mezzo leggero

che percorre

una tratta unica

(figura B).

Appare ovvio che all’adozione di mezzi leggeri e alla

diminuzione del chilometraggio percorso si accompagna

un calo del traffico e del conseguente inquinamento

da gas e polveri. La già forte valenza ambientale dei

transit point aumenta se viene preso in considerazione

l’utilizzo di mezzi leggeri non inquinanti per il trasporto

interno all’area metropolitana. Tali mezzi possono essere

alimentati a gpl, a metano o possono essere a propulsione

elettrica (in futuro, propulsori a idrogeno). Un

mercato situato vicino a un’area metropolitana può rappresentare

il transit point ideale per il settore agroalimentare

.

L’abbattimento del traffico e dell’inquinamento reso

possibile grazie ai transit point è ritenuto internazionalmente

più che significativo. Per questo, in molti Paesi

occidentali, anche quando la gdo (grande distribuzione

organizzata) è da tempo pienamente “verticalizzata” con

le strutture della produzione (forniture dirette piattaforma-piattaforma),

le amministrazioni pubbliche più evolute

hanno voluto mantenere forti infrastrutture di mercato

con il principale compito di transit point per i centri urbani.

Una tendenza che appare oggi sempre più netta e che

si sta estendendo nel mondo.


focus/figures Italy

focus/statistiche Italia

Increased expenditure on imports and declining export earnings produced a worsening trade balance for Italy.

L’aumento della spesa per le importazioni e il calo delle entrate da esportazioni hanno prodotto, per l’Italia, un peggioramento del saldo della

bilancia commerciale.

Marked worsening in Italy’s

vegetable and potato trade

balance in 2011

Italia, commercio estero

nel 2011 precipita il saldo

Mario Schiano lo Moriello Ismea

Last year saw a quadrupling of Italy’s trade deficit in vegetables and potatoes.

Vegetable and potato prices rose while export volumes shrank

Segno negativo per l’anno passato, con un passivo di bilancio che è quadruplicato.

Sono aumentati i prezzi di ortaggi e patate, mentre sono diminuiti i volumi scambiati

The data for January-October 2011 showed a worsening

in Italy’s trade balance for vegetables and potatoes with

respect to the same period in 2010. The trade deficit

18 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Idati del periodo gennaio-ottobre 2011 mostrano un

peggioramento del saldo della bilancia commerciale

di ortaggi e patate dell’Italia rispetto allo stesso


Figure 1 – Italian Foreign Trade - Vegetables and tubers

Figura 1 – Commercio estero italiano - Ortaggi e tuberi

1.500.000

1.200.000

900.000

600.000

300.000

0

-300.000

-600.000

-900.000

Import

Export

in tons

quadrupled, increasing from 38 to 157 million euros. This

was the result of increased expenditure on imports (+4%)

coupled with a drop in export revenues (-7%).

In the first ten months of 2011, imports were just shy

of 1.5 million tons for an outlay of 1,140 million euros,

while exports totaled 852 thousand tons for export

earnings of 983 million euros (fig. 1).

In volume terms, imports were down by 4% compared

to the same period in 2010, while exports fell by

10%. There was a rising trend in average unit prices

(AUV), both in the case of imported products (+9%),

and of those leaving Italy (+3%).

As for the principal products concerned, the period

January to October 2011 saw increased imports of

tomatoes, bell peppers, lettuce, asparagus, cauliflower

and broccoli and, to a lesser extent, of garlic

(Table 1). On the other hand, imports of potatoes,

onions, chicory and runner beans decreased. With

regard to potatoes, onions and runner beans, this

downturn coincided with substantial price increases,

in excess of 30% in the case of potatoes.

Principal suppliers

Spain, France and the Netherlands are Italy’s main supply

markets (Fig. 2), although the so-called Third

Mediterranean Countries (TMCs) and China are continuing

to grow in importance. From the latter Italy imports

mostly mushrooms and frozen or dried vegetables.

During the period we are concerned with here,

imports of vegetables from Spain grew by 33% in volume

terms and 8% in value. In contrast, imports from

France and the Netherlands decreased in real terms,

but cost more because of increases in AUV.

Saldo in migliaia di euro

Jan-Oct 2009 Jan-Oct 2010 Jan-Oct 2011

Source: Author's processing of Eurostat data

Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

periodo del 2010. Il passivo del bilancio si è

quadruplicato, aumentando da 38 a 157 milioni di

euro. Questo risultato è il frutto dell’aumento della

spesa sostenuta per le importazioni (+4%) e della

contemporanea flessione delle entrate derivanti dalle

esportazioni (-7%).

Nei primi dieci mesi del 2011, le importazioni hanno sfiorato

quota 1,5 milioni di tonnellate con un esborso di

1.140 milioni di euro, mentre le esportazioni sono

In 2011, the prices of vegetables and potatoes increased while

traded volumes fell.

Nel 2011 sono aumentati i prezzi di ortaggi e patate e sono diminuiti i

volumi scambiati.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

19

focus/figures Italy

focus/statistiche Italia


focus/figures Italy

focus/statistiche Italia

TAB. 1 - VEGETABLES AND TUBERS – ITALIAN IMPORTS BY PRODUCT (JAN-OCT 2011

TAB. 1 - ORTAGGI E TUBERI - IMPORTAZIONI DELL'ITALIA PER PRODOTTO (GEN-OTT 2011)

IN VOLUME IN VALUE/IN VALORE AUP/VMU

Among the non-EU countries, in addition to China, which

increased its exports of vegetables to Italy by 28%,

there were increases in imports from Egypt, Argentina,

Tunisia and the United States. In contrast, imports from

Israel fell by 28% in volume and 12% in value.

Garlic imports

An in-depth analysis of garlic imports (Fig. 4) shows

that these increased by 9% in the first ten months of

2011, in concomitance with an average price increase

of 4%. Imports of this product vary greatly according

to the season, with imports peaking in winter

(January-February) and summer (July and August)

20 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Share %/

Quota %

Tons

Var. % vs.

2010

Share %/

Quota %

.000 Euro Var. % vs.

2010

Euro/kg

Var. % vs.

2010

Vegetables and tubers/Ortaggi e tuberi 100 1.454.372 -5,3 100 1.139.647 3,6 0,784 9,3

Potatoes/Patate 30 436.464 -17,1 12 132.955 8,6 0,305 30,9

Sweet peppers/Peperoni 6 82.629 18,0 9 107.254 11,0 1,298 -6,0

Tomatoes/Pomodori 8 109.312 32,9 8 88.983 6,1 0,814 -20,2

Garlic/Aglio 2 24.928 9,1 5 60.274 13,4 2,418 3,9

Onions/Cipolle 4 55.383 -6,8 2 26.777 1,9 0,483 9,3

Lettuces/Lattughe 4 54.559 25,8 3 34.431 -10,9 0,631 -29,2

Fresh beans/Fagiolini 1 12.022 -2,4 2 19.009 1,5 1,581 3,9

Indivia belga/Witloof chicory 1 10.453 -9,9 1 12.539 -15,5 1,200 -6,2

Cauliflowers & broccoli/Cavolfiori e broccoli 1 15.691 17,0 1 11.849 7,9 0,755 -7,7

Asparagus/Asparagi 0 4.537 20,9 1 11.233 4,8 2,476 -13,3

Other/Altro 45 648.395 -6,1 56 634.343 1,6 0,978 8,2

Source: Author's processing of Eurostat data

Fonte: elaborazioni dell’Autore su dati Eurostat

In the first ten months of last year, Italy’s garlic imports increased by 9%.

Nei primi dieci mesi dell’anno scorso, le importazioni di aglio

dell’Italia sono aumentate del 9%.

ammontate a 852mila tonnellate con introiti per 983

milioni di euro (fig. 1).

In termini di volume, le importazioni si sono ridotte del

4%, rispetto allo steso periodo del 2010, mentre le

esportazioni sono diminuite del 10%. La tendenza registrata

dai prezzi medi (Vmu) è stata positiva sia per i prodotti

in ingresso (+9%), sia per quelli in uscita dall’Italia

(+3%).

Per quanto riguarda i principali prodotti, tra gennaio e

ottobre 2011, sono aumentate le importazioni di pomodori,

peperoni, lattughe, asparagi, cavolfiori e broccoli e,

in misura minore, quelle di aglio (tab. 1). Di contro, si

sono ridotte le importazioni di patate, cipolle, indivia

belga e fagiolini. Per patate, cipolle e fagiolini, la flessione

è avvenuta in concomitanza di un cospicuo aumento

dei prezzi, che nel caso delle patate ha superato il

30%.

Mercati, in primo piano l’Europa

Con riferimento ai principali mercati di approvvigionamento,

Spagna, Francia e Paesi Bassi svolgono un

ruolo di primo piano (fig. 2), anche se continua a crescere

il peso dei Paesi Terzi del Mediterraneo (Ptm) e della

Cina. Da quest’ultima, provengono soprattutto funghi e

ortaggi congelati o essiccati.

Nel periodo osservato, le importazioni di ortaggi dalla

Spagna sono cresciute del 33% in volume e dell’8% in

termini di valore. Diversamente, le importazioni da

Francia e Paesi Bassi si sono ridotte in termini reali, ma

è cresciuto il relativo esborso a causa dell’aumento del

Vmu.

Tra i Paesi extra Ue, oltre alla Cina, che ha incrementato

le esportazioni di ortaggi verso l’Italia del 28%,

sono aumentate, le importazioni da Egitto, Argentina,

Tunisia e Stati Uniti. Di contro, le importazioni da


TAB. 2 - VEGETABLES AND POTATOES – ITALIAN EXPORTS BY PRODUCT (JAN-OCT 2011)

TAB. 2 - ORTAGGI E TUBERI – ESPORTAZIONI DELL'ITALIA PER PRODOTTO (GEN-OTT 2011)

IN VOLUME IN VALUE/IN VALORE AUP/VMU

Share %/

Quota %

Tons

and bottoming in autumn (October) and spring (May).

Between August 2010 and May 2011, as a result of a

reduction in international supply, there was a substantial

increase in average prices which exceeded 3

euros /kg in November 2010. Then, in July 2011,

prices returned to the levels of the previous year,

about 2 euro / kg.

Most of Italy’s supply of garlic comes from Spain,

which covers 50% of Italian imports of this product,

and from the Netherlands and France. Following

them, in terms of importance as suppliers, are

Argentina, China and Egypt, the main producers outside

Europe. In the case of imports from Spain, these

consist in part of garlic from Argentina, while garlic

imported from the Netherlands often comes originally

from China.

Exports

On the export front, the decline in shipments has

affected all the major products and was particularly

significant for tomatoes, potatoes, radishes, lettuce,

carrots and bell peppers (Table 2). On the other hand,

garlic exports bucked the trend with an increase of

4% in volume terms, despite a price increase of 19%.

There have also been price increases for bell peppers,

radishes and carrots, while cauliflower, broccoli,

kohlrabi and radicchio have fallen in price.

The downturn in exports has involved all of Italy’s

major markets (Fig. 3), with double-digit slumps in the

cases of Germany, France, United Kingdom and the

Netherlands. Exports to Austria have held up and are

essentially unchanged with respect to the same period

in 2010. Positive signals are coming from Poland,

the Czech Republic, Denmark, Sweden and Slovakia

which have all registered considerable increases in

Var. % vs.

2010

Share %/

Quota %

.000 Euro Var. % vs.

2010

Euro/kg

Israele si sono ridotte del 28% in volume e del 12% in

valore.

Le importazioni di aglio

Un’analisi più approfondita sulle importazioni di aglio

(fig. 4), evidenzia come nei primi dieci mesi del 2011,

queste siano sono cresciute del 9%, a fronte di un

aumento del prezzo medio del 4%. Le importazioni di

questo prodotto presentano una forte variabilità stagionale,

con picchi d’import in inverno (tra gennaio e febbraio)

e in estate (tra luglio e agosto) e punte di minimo

in autunno (ottobre) e primavera (maggio). Tra agosto

2010 e maggio 2011, a causa della riduzione dell’offer-

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Var. % vs.

2010

Vegetables and tubers/Ortaggi e tuberi 100 852.384 -9,9 100% 983.065 -7,4 1,153 2,7

Tomatoes/Pomodori 11 89.680 -17,0 15% 145.753 -16,5 1,625 0,7

Lettuces/Lattughe 6 49.732 -10,3 7% 71.976 -11,6 1,447 -1,4

Potatoes/Patate 16 139.738 -15,5 6% 60.306 -17,3 0,432 -2,1

Cauliflowers & broccoli/Cavolfiori e broccoli 7 56.071 -4,6 5% 45.781 -16,0 0,816 -12,0

Sweet peppers/Peperoni 3 24.608 -8,1 4% 42.978 -1,9 1,747 6,8

Carrots/Carote 9 74.515 -14,5 4% 38.671 -12,0 0,519 3,0

Radishes/Ravanelli 5 41.259 -10,6 4% 38.290 -5,9 0,928 5,3

Cabbages & Kohlrabi/Cavoli e cavoli rapa 5 46.475 -3,5 4% 35.203 -9,0 0,757 -5,7

Chicory/Radicchi 4 33.001 -21,2 4% 35.028 -27,8 1,061 -8,3

Garlic/Aglio 1 9.043 4,2 3% 33.178 23,6 3,669 18,6

Other/Altro 34 288.263 -3,8 44% 435.901 -0,1 1,512 3,9

Source: Author's processing of Eurostat data/

onte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

Table tomato exports fell by 17%.

Un calo del 17% è stato registrato nelle esportazioni di pomodoro

da mensa.

21

focus/figures Italy

focus/statistiche Italia


focus/figures Italy

focus/statistiche Italia

Figure 2 – Vegetables and tubers – Italy’s supply markets (Jan-Oct 2011)

Figura 2 – Ortaggi e tuberi – Mercati di approvvigionamento dell’Italia

(gen-ott 2011)

Argentina 3%

Israel

Israele

4%

Belhium

Belgio

5% Germany

Germania

5%

Other/Altri

22%

Egypt

Egitto

7%

China/Cina

8%

Source: Author's processing of Eurostat data

Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

the volume of vegetables imported from Italy.

Figures for the export of vegetables to countries outside

the EU show a reduction in volume terms (-10%),

but an increase in earnings (+6%) thanks to a considerable

increase in average prices. Switzerland, which

is Italy’s main non-EU market, reduced its imports in

terms of both quantity and value, but this was offset

by increased shipments to Norway (+40% in value),

Japan (+77%), United States (+18%) and Russia

(+43%). Most notably, increased shipments of fresh

tomatoes to Norway generated 2.35 million euros

compared to 550 thousand euros in the same period

in 2010.

The increase in exports to Japan was due mainly to a

positive performance on the part of fresh mushrooms

and frozen vegetables, and in this sense, the

Czech Rep.

Rep. Ceca

3%

Other/Altri

19%

Poland/Polonia

4%

Switzerland

Svizzera

5% Netherlands

Paesi Bassi

6% United Kingdom

Regno Unito

??%

France

Francia

??%

22 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Spain/Spagna

17%

France

Francia

17%

Netherlands

Paesi Bassi

12%

Figure 3 – Vegetables and tubers – Italy’s markets (Jan-Oct 2011)

Figura 3 – Ortaggi e tuberi – Mercati di sbocco dell’Italia (gen-ott 2011)

Slovenia 3%

Source: Author's processing of Eurostat data

Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

Germany

Germania

33%

Austria 10%

ta internazionale, si è verificato un cospicuo aumento

del prezzo medio che a novembre 2010 ha raggiunto

quotazioni superiori a 3 euro/kg. Poi, da luglio 2011, le

quotazioni si sono ristabilite sui livelli dell’anno precedente,

circa 2 euro/kg.

L’approvvigionamento di aglio da parte dell’Italia

avviene soprattutto da Spagna, che copre il 50% delle

importazioni italiane di questo prodotto, Paesi Bassi e

Francia. A seguire si piazzano Argentina, Cina ed

Egitto che sono i principali produttori extraeuropei.

Nel caso delle importazioni dalla Spagna sono presenti

quote di prodotto di provenienza argentina,

mentre nel caso dell’aglio importato dai Paesi Bassi,

si tratta molto frequentemente di prodotto originario

della Cina.

L’export

Sul fronte dell’export, la contrazione delle spedizioni

ha interessato tutti i principali prodotti ed è stata particolarmente

consistente per pomodori, patate, radicchi,

insalate, carote e peperoni (tab. 2). Le esportazioni

di aglio sono in controtendenza, con un aumento in

volume (+4%), nonostante i prezzi siano cresciuti del

19%.

Per quanto riguarda i listini, oltre all’aglio, sono cresciuti

i prezzi di peperoni, ravanelli e carote, di contro si sono

ridotte le quotazioni di cavolfiori, broccoli, cavoli rapa e

radicchi.

La contrazione dell’export ha coinvolto tutti i principali

mercati (fig. 3), con flessioni a doppia cifra per

Germania, Francia, Regno Unito e Paesi Bassi. Tengono

bene le esportazioni verso l’Austria che sono in sostanza

invariate rispetto allo stesso periodo del 2010.

Segnali positivi giungono da Polonia, Repubblica Ceca,

Danimarca, Svezia e Slovacchia che hanno registrato

considerevoli incrementi dei volumi di ortaggi importati

dall’Italia.

Le esportazioni di ortaggi verso i Paesi extra Ue, registrano

una riduzione in volume (-10%), ma un aumento

degli introiti (+6%) grazie al considerevole incremento

dei prezzi medi. La Svizzera, che è il principale

mercato extra Ue dell’Italia, ha evidenziato una riduzione

delle importazioni sia in termini di quantità, sia di

valore, ma tale circostanza è stata controbilanciata

dall’aumento delle spedizioni verso Norvegia (+40% in

valore), Giappone (+77%), Stati Uniti (+18%) e Russia

(+43%). In particolare, le esportazioni italiane verso la

Norvegia hanno visto l’aumento degli invii di pomodori

freschi, che hanno generato introiti per 2,35 milioni

di euro contro i 550mila euro dello stesso periodo del

2010.

L’aumento delle esportazioni verso il Giappone è imputabile

essenzialmente alla performance positiva dei funghi

freschi e degli ortaggi congelati, e in tal senso il disastro

di Fukushima potrebbe aver incentivato l’import

dall’Italia.


Fukushima disaster may have had a role in encouraging

imports from Italy.

Increased Italian exports to the United States were

driven by fresh mushrooms and frozen vegetables.

Finally, exports to Russia have grown as a result of

increased shipments of radicchio, onions, cabbage,

kohlrabi and head lettuce.

Downward trend in tomato shipments

A more detailed analysis of table tomato exports reveals

a drop from 108 to 90 thousand tons in the first ten

months of 2011 (-17%). With the exception of May and

August, monthly shipments were consistently below

2010 levels (Fig. 5). On the price front, average market

prices were very good between November 2010 and

March 2011, but later they were consistently inferior to

those of 2010. In October 2011, the downward price

trend was halted with prices picking up, but shipped

volumes were significantly lower than in October 2010.

The markets concerned were almost exclusively

European, with Germany, Austria and the United

Kingdom absorbing almost half of Italian shipments.

Among the markets outside the EU, Switzerland

stands out, followed by Norway and Albania. In 2011,

the decline in shipments concerned all the main markets,

and the overall trend was only bucked by secondary

level markets like Denmark and Norway.

(English version by Lawrence Smith)

Anche le esportazioni italiane verso gli Stati Uniti sono

state trainate da funghi freschi e ortaggi congelati.

Infine, le esportazioni verso la Russia, sono cresciute

grazie all’aumento delle spedizioni di radicchi, cipolle,

cavoli, cavolo rapa e lattughe a cappuccio.

Pomodoro, spedizioni in calo

Un’analisi più dettagliata delle esportazioni di pomodoro

da mensa evidenzia come, nei primi dieci mesi del

2011, queste si siano ridotte da 108 a 90mila tonnellate

(-17%). Ad eccezione di maggio e agosto, le spedizioni

mensili sono state costantemente sotto i livelli del

2010 (fig. 5). Sul fronte dei prezzi, le quotazioni medie

sono state molto buone tra novembre 2010 e marzo

2011, mentre dopo si sono attestate costantemente

sotto il livello del 2010. A ottobre 2011, si è verificata

una nuova inversione di tendenza con prezzi in ripresa

ma i volumi spediti erano nettamente inferiori rispetto a

ottobre 2010.

I mercati di sbocco sono elusivamente quelli europei

con Germania, Austria e Regno Unito che assorbono

più della metà delle spedizioni italiane. Tra i mercati

extra Ue, spicca la Svizzera seguita da Norvegia e

Albania. Nel 2011, la flessione delle spedizioni ha

riguardato tutti i principali mercati di sbocco, in controtendenza

solo mercati ausiliari come Danimarca e

Norvegia.

focus/figures Italy

focus/statistiche Italia


focus/figures Italy

focus/statistiche Italia

Figure 4 – Import of garlic (tons & €/kg) / Importazioni di aglio (tonnellate e €/kg)

Figura 4 – Import of garlic (tons & €/kg) / Importazioni di aglio (tonnellate e €/kg)

4.000

3.500

3.000

2.500

2.000

1.500

1.000

500

0

gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic

Source: Author's processing of Eurostat data

Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

24 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Garlic/Aglio

Import 2010 (ton) Import 2011 (ton) €/kg 2010 €/kg 2011

Figure 5 – Import of garlic (tons & €/kg) / Importazioni di aglio (tonnellate e €/kg)

Figura 5 – Import of garlic (tons & €/kg) / Importazioni di aglio (tonnellate e €/kg)

20.000

18.000

16.000

14.000

12.000

10.000

8.000

6.000

4.000

2.000

0

gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic

Source: Author's processing of Eurostat data

Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

Tomatoes/Pomodori

Export 2010 (ton) Export 2011 (ton) €/kg 2010 €/kg 2011

3,50

3,00

2,50

2,00

1,50

1,00

0,50

0,00

2,50

2,00

1,50

1,00

0,50

0,00


market/Medfel

mercato/Medfel

Medfel turns red

as tomatoes rule

Medfel si tinge di rosso

Pomodoro principe del salone

Luigina Trento

Big numbers for the 2012 edition of the international F&V exhibition dedicated to

trade between Mediterranean countries. With Italy as the guest of honour

Grandi numeri per l’edizione 2012 la fiera internazionale dell’ortofrutta dedicata agli

scambi commerciali tra i Paesi del Mediterraneo. Italia ospite d’onore

Red will be the dominant colour

at Medfel 2012 which will put

the spotlight on the tomato and has

chosen Italy as the guest of honor.

The 2012 edition of Medfel, an international

trade fair that covers the

entire fruit and vegetable supply

chain, from production to logistics

and transportation, will be held in

Perpignan from 24 to 26 April next.

Medfel has a very specific format: a

fair of relatively small dimensions, it encourages and

facilitates commercial contacts between professionals in

the sector from countries bordering the Mediterranean.

Numbers

300 exhibitors, 5 thousand professional visitors, 150

international buyers. Medfel was created to promote

the products and know-how of operators in the industry

and provides an effective system of BtoB meetings:

in 2011 more than 3 thousand meetings were organized

with 150 international buyers from 35 countries.

There are numerous conferences and seminars organized

in the form of debates broadcast live on television.

The issues that will be discussed at the 2012 edition

include: “The organic sector in the countries of the

Mediterranean”, “The transportation and logistics of

fresh produce”; “Distribution channels”; “The production

and consumption of fruit and vegetables”; “2012

summer fruit harvest forecasts for the European countries:

peaches, nectarines, melons and apricots”.

What’s new

The big news this year is that Italy will be the guest of honor

at the fair with a pavilion of 150 sq metres, set up in partner-

26 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Medfel 2011.

Un’immagine dell’ultima edizione di

Meddfel.

In un’edizione tutta votata al rosso,

Medfel 2012 sceglie il pomodoro

come prodotto principe del salone

ed elegge l’Italia a ospite d’onore.

La rassegna fieristica internazionale

che abbraccia tutta la filiera dell’ortofrutta,

dalla produzione, alla logistica e

al trasporto, si svolgerà a Perpignan

dal 24 al 26 aprile prossimi.

Medfel ha un format del tutto particolare:

una fiera dalle piccole dimensioni

che favorisce e facilita gli scambi commerciali fra i professionisti

della filiera dei Paesi affacciati sul Mediterraneo.

Le cifre dell’esposizione

Medfel conta 300 espositori, 5mila visitatori professionali,

150 buyers internazionali. È stato creato per valorizzare i

prodotti e far conoscere il savoir-faire degli operatori del

settore e prevede un sistema d’incontri BtoB efficace: nel

2011 sono stati organizzati più di 3mila appuntamenti con

150 buyer internazionali provenienti da 35 Paesi.

Numerose conferenze e seminari sono organizzati in

forma di dibattiti trasmessi in diretta televisiva. Questi

alcuni dei temi che verranno affrontati nell’edizione

2012: “Il settore bio nei Paesi dell’Europa mediterranea”;

Il trasporto e la logisitica dell’ortofrutta fresca; “I

canali distributivi”; “La produzione e i consumi di ortofrutta”;

“Previsioni di raccolta 2012 di frutta estiva nei

Paesi europei: pesche, nettarine, meloni, albicocche”.

Le novità

La grande novità di questa edizione è che l’Italia sarà

l’ospite d’onore della manifestazione fieristica e sarà

presente con un padiglione di oltre 150 m², realizzato in

partnership con il Cso e i principali operatori dell’orto-


ship with the CSO and the major operators in the Italian F&V

sector: producers, transporters and logistics companies.

Tomatoes, one of the most segmented products in the fruit

and vegetable sector, will come in for special attention.

Morocco will be present with a space of 200 sq

metres and Lebanon, Algeria, Spain, Egypt, Tunisia,

and Israel have all confirmed that they will be there.

Exhibitors at this edition

The Fair will host 250 F&V sector professionals from the

countries bordering on the Mediterranean – from producers,

dealers, importers and exporters of fresh produce to

operators in the organic supply chain and the olive sector.

Some fifty operators from the transport and cold chain logistics

sectors will be present as well as representatives

from sector federations, unions and associations, among

which: AFIDOL, FNSEA, AIM, AREFLH, Aneefle, CSIF,

FNPF, CRENO, CSO, Mfc, Freshuelva, Ctifl, Ipemed,

Elmed, Aslog, Cfcia, Interfel, Apia, Gil, GIF, UTAP, Gfel,

AOP Concombre Tomate, Abricot de France, Aopn Fraise,

Nectarine Peche Et De France, AOP Melon (AIM), Sud de

France, and Saint Charles International.

More than 5 thousand national and international visitors

are expected: buyers from the big supermarket

chains, importers/re-exporters, wholesalers, foodservice

operators, retailers, brokers, transport operators,

and large retail chain logistics operators.

(English version by Lawrence Smith)

frutta: produttori, trasportatori, responsabili di logistica.

Particolare rilievo sarà dato al pomodoro, uno dei prodotti

più segmentati nell’universo della frutta e verdura.

Altri Paesi del Mediterraneo che hanno già confermato

la loro presenza sono il Libano, l’Algeria, la Spagna,

l’Egitto, la Tunisia, Israele e il Marocco che sarà presente

con uno spazio di 200 m².

Gli espositori di questa edizione

Saranno 250 i professionisti dell’ortofrutta provenienti

dai Paesi del bacino del Mediterraneo tra produttori,

commercianti, importatori, esportatori del settore del

fresco e attori della filiera del bio e del settore oleicolo.

Cinquanta, invece, gli operatori del trasporto e della

logistica del freddo mentre, tra federazioni, sindacati e

associazioni del settore ci saranno Afidol, Fnsea, Aim,

Areflh, Aneefle, Csif, Fnpf, Creno, Cso, Mfc, Freshuelva,

Ctifl, Ipemed, Elmed, Aslog, Cfcia, Interfel, Apia, Gil, Gif,

Utap, Gfel, Aop Tomate Concombre, Abricot De France,

Aopn Fraise, Peche Et Nectarine De France, Aop Melon

(Aim), Sud De France, Saint Charles International.

Sono previsti per questa edizione più di 5mila visitatori

nazionali e internazionali tra buyer della gdo, importatori/re-esportatori,

centrali d’acquisto, grossisti, operatori

della ristorazione collettiva, dettaglianti, brokers,

responsabili di trasporto e della logistica della grande

distribuzione organizzata.


market/franchising

mercato/franchising

Franchising, a good outlook

for produce

Franchising, una buona

prospettiva per l’ortofrutta

Luca Fumagalli Dif & Co. srl

It’s an approach that works. So say the data of the last four years, with rising

turnover, affiliates and staff, despite the slumping economy

È un sistema che funziona. Lo confermano i dati degli ultimi quattro anni con l’aumento

del giro d’affari, delle unità affiliate e del personale impiegato. Nonostante la

crisi economica

Throughout its lengthy history, franchising has

evolved an image that blends effective problemsolving

and obfuscation, laudable achievements and

headline-grabbing flops. Yet, wherever this business

model has been properly applied, it has always

28 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Lungo il suo percorso evolutivo, la formula del franchising

si è prestata ad applicazioni efficaci e a mistificazioni,

a eclatanti performance e a clamorosi flop.

Tuttavia, nei settori e nei casi in cui è stato applicato

correttamente, si è sempre potuta riscontrare la sua


earned high scores for its value as a viable approach

to growth for stakeholders and for the competitive

edge it provides the franchised enterprises. In Italy, as

in all international markets, the approach has shown

that it can generate added value and high performance

ratings in terms of distribution efficiency, innovation,

job creation and business growth. A more specific

look at Italy shows that franchising has exhibited all

its undeniable advantages by holding its own even in

the current four-year downturn affecting the entire

global economy and financial community.

And the figures back this assertion up. Chief among

the key indicators of the industry is the relative number

of such groups operating in Italy, up from the 847

counted in early 2008 to the 883 recorded last year.

Another telling factor is overall turnover, which

evinces a growth trend over the past four years from

€21.129 to the current €22.168 billion. An upward

trend can also be seen in the number of franchisee

businesses, which today exceeds 54 thousand

against the 52,725 in 2008. Last, but not least, the

number of employees under franchises is rising compared

to an overall job market that has for some time

now been in reverse. Indeed, there were fewer than

183 thousand employees in franchised companies in

2008 and today there are more than 186,400.

Strength in the group

What exactly makes franchising work? One of the

model’s driving factors is group strength. A group is

made up of entrepreneurs, the franchisor and franchisee,

who share common interests and goals that

never clash. It’s thanks to this free and willing cohesion

between equals that part of a franchising chain’s

competitive edge is forged. This pairing of franchisor

and franchisee can trigger complementary forces,

combined strength and a synergy of resources such

as to provide a cushion against the devastating

impact that can be unleashed by the kind of suddenly

plummeting demand we’ve seen in these last few

years.

A franchisor’s global reach is part of the sum of its

individual local affiliates and their sum in turn. This

shared experience and common motivational base

promotes the system’s efficiency, a decisive factor

that in times of stress like these bring out the best

only in the most pro-active, flexible and efficient

businesses. The individual, affiliated entrepreneur

takes action at once more immediate, hands-on and

motivated than any head of a branch office could,

no matter how scrupulous or skilful he or she may

be. The franchisor too acts in a more concerted,

direct and participating way vis à vis the network

than any single distributor’s supplier, whether it be

for a big supermarket or a small neighbourhood

retailer, could do.

validità sia come strumento di sviluppo per le imprese

affilianti, sia come vantaggio competitivo per gli imprenditori

affiliati. In Italia e in tutti i mercati internazionali, il

movimento ha inoltre dimostrato di saper generare

valore aggiunto e risultati importanti in termini di razionalizzazione

distributiva, d’innovazione, di occupazione

e di crescita economica. Nello specifico del nostro

Paese il sistema del franchising ha esibito le sue indubbie

capacità di tenuta anche in un quadriennio come

l’ultimo, di grande difficoltà per l’intero mondo economico

e finanziario.

I dati ce ne danno la conferma. Tra i principali indicatori

del comparto spicca quello relativo al numero di

reti operative in Italia, passato dalle 847 unità agli inizi

del 2008 alle 883 nell’ultimo anno. Altra luce proviene

dalle indicazioni sul giro d’affari complessivo, che è

cresciuto nei quattro anni da 21.129 ai 22.168 milioni

di euro attuali. In aumento anche la quantità delle

unità affiliate, che supera oggi le 54mila unità, contro

le 52.725 del 2008. Infine, il personale impiegato

nelle reti di franchising cresce in netta controtendenza

rispetto a un mercato del lavoro che ormai da

tempo registra segni negativi: nel 2008 si contavano

poco meno di 183mila occupati, mentre al termine

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

29

market/franchising

mercato/franchising


market/franchising

mercato/franchising

Franchising in the big retail food industry has always

been a widely employed business model. The 2010

figures show that it represented 26.44% of overall

industry receipts, or nearly €6 million. The two most

outstanding features of the practice that have

always had the greatest impact in the food business

are brand recognition and considerable economies

of scale. In effect, there’s no doubt that the individual

retail food outlet, whether it’s a baker’s, a butcher’s,

a greengrocer’s, a convenience store or a

supermarket, can do very little by way of marketing,

effective advertising or ensuring customer loyalty.

The usual obstacle for such individual outlets is

turnover, since neither profit margins nor organisational

resources, at times not even professional

skills, are enough to do

the job.

30 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

del quadriennio le reti risultano impiegare oltre

186.400 unità.

La forza è nel gruppo

Ma perché il franchising funziona? Uno dei fattori trainanti

della formula è la forza di gruppo. Un gruppo che

è costituito da imprenditori, franchisor e franchisee,

con interessi e obiettivi comuni, mai contrastanti. Ed è

grazie a questa coesione tra pari, libera e volontaristica,

che si crea parte del vantaggio competitivo di una

rete di franchising. Tra affiliante e affiliati possono, infatti,

scaturire energie complementari, forze combinate,

risorse sinergiche tali da rendere meno devastante

l’impatto con una domanda in brusca frenata come

quella degli ultimi anni.

L’azione globale del franchisor si somma a quella

locale della singola unità affiliata. L’esperienza condivisa

e la motivazione comune favoriscono l’efficienza

del sistema, fattore decisivo in frangenti come quelli

attuali, che fanno emergere unicamente le imprese più

reattive, flessibili ed efficaci. Il singolo imprenditore

affiliato agisce in modo più immediato, coinvolto e

motivato di qualunque direttore di filiale, per quanto

scrupoloso e qualificato. Così come l’affiliante opera

in modo più articolato, partecipativo e diretto di qualsiasi

fornitore dell’impresa di distribuzione, sia essa un

supermercato di grandi dimensioni o una piccola bottega

di vicinato.

Nel campo della distribuzione alimentare organizzata il

franchising ha sempre avuto larga applicazione. Nel

2010 il settore ha rappresentato il 26,44% del giro

d’affari complessivo attribuibile al sistema franchising,

con quasi sei milioni di euro di volume. Le due caratteristiche

della formula, che nell’ambito del food

hanno sempre avuto maggior impatto, sono la notorietà

di marca e le grandi economie di scala. È indubbio,

infatti, che il singolo punto vendita alimentare, si

tratti del fornaio, del macellaio, del minimarket, del

negozio di ortofrutta o del supermercato, possa fare

poco in termini di marketing, di pubblicità vera e propria

o addirittura di fidelizzazione del cliente. Di solito

non lo permette il giro d’affari, non lo consentono né i

margini né le risorse organizzative né, talvolta, le competenze.

Vantaggi per gli affiliati

Viceversa l’appartenenza a una rete di franchising e il

conseguente utilizzo di un’insegna nota creano visibilità

e rassicurano il cliente. I numeri del gruppo permettono

la realizzazione di campagne di mass market,

nonché l’applicazione dei più moderni strumenti

di marketing e di fidelizzazione. Ma la vera leva del

franchising in settori come quello dell’ortofrutta è

senza dubbio la possibilità di creare economie di

scala a vantaggio di ogni singola unità affiliata. Il

gruppo può acquistare meglio del singolo, non solo in


Advantages for affiliates

By contrast, being part of a franchising chain and

the corollary coverage of a recognised brand name

creates visibility and reassures consumers. The

numbers comprising the group make possible mass

marketing campaigns as well as the application of

the latest marketing and customer-loyalty tools. Yet

the real, undeniable edge franchising offers in a

sector like the food industry resides in the

economies of scale that each affiliate enjoys. The

group can has greater purchasing power than a single

unit, and not just in the amounts it can buy,

because of the discounts it can command. There is

also the organisational angle of being able to

What is it?

Che cos’è

The definition of franchise, franchising

or business affiliation that is the most

widely used in Italy is that of the

Italian Franchising Association.

“Franchising is a business model

involving continued collaboration for

the distribution of goods and services

between franchisor and one or more

entrepreneurs called the franchisee,

each of whom is legally and economically

independent of the other, who

stipulate a contract under which the

franchisor cedes to the franchisee the

use of the business model, including

the right to exploit the former’s knowhow

and distinctive trademarks,

together with other services and

forms of assistance so as to enable

the franchisee to manage his or her

own business activities under the

same logo of the franchisor’s business.

The franchisee is held to follow

the trade policy and image of the franchisor

in the reciprocal interest of

both contracting parties and of the

end consumer, as well as to observe

the conditions of said contract freely

underwritten”.

Legislative Act 21/04/2004 takes this

definition into account and defines the

model as follows:

“Franchising is the contract, however

named, between two parties, each

legally and economically independent

one from the other, under which one

party cedes to the other the use,

under stipulated conditions, a set of

proprietary business or intellectual

rights relating to trademarks, commercial

names, logos, business models,

designs, ownership rights, knowhow,

patents, assistance or commercial

or technical consultancy by

admitting the franchisee into a system

comprising a group of franchisees

distributed throughout the country in

order to market given goods and services”.

(D.V.)

La descrizione della franchise, franchising

o affiliazione commerciale (nella

dicitura italiana) più largamente utilizzata

nel nostro Paese è quella proposta

dall’As sociazione italiana del franchising:

Il franchising (affiliazione commerciale)

è una formula di collaborazione

continuativa per la distribuzione di

beni e servizi fra un imprenditore

(franchisor o affiliante) e uno o più

imprenditori (franchisee o affiliati),

giuridicamente ed economicamente

indipendenti l’uno dall’altro, che stipulano

un apposito contratto, attraverso

il quale il franchisor concede al franchisee

l’utilizzazione della formula

commerciale, comprensiva del diritto

termini quantitativi, cioè con scontistiche più interessanti,

ma anche in termini organizzativi, grazie alla

possibilità di una vera e propria integrazione a monte,

che permetterebbe di saltare i numerosi passaggi

intermedi che ancora appesantiscono la filiera distributiva,

soprattutto per ciò che riguarda la piccola

distribuzione.

Le economie della vasta scala potrebbero semplificare

la logistica, l’informatizzazione e, in generale, tutti i principali

aspetti della supply chain. Il risultato dell’applicazione

della formula sarebbe la salvaguardia di quella

grande ricchezza rappresentata dalla bottega locale,

ovvero dal fruttivendolo di quartiere. Un operatore che,

liberato dalle pesanti incombenze degli acquisti quoti-

di sfruttare il know-how e i propri

segni distintivi, unitamente ad altre

prestazioni e forme di assistenza atte

a consentire al franchisee la gestione

della propria attività con la medesima

immagine dell’impresa franchisor,

mentre il franchisee si impegna a far

proprie la politica commerciale e l’immagine

del franchisor nell’interesse

reciproco delle parti medesime e del

consumatore finale, nonché al rispetto

delle condizioni contrattuali liberamente

pattuite”.

La legge del 21/04/2004, prendendo

spunto dal testo citato, ha così definito

la formula:

“L’affiliazione commerciale (franchising)

è il contratto, comunque denominato,

fra due soggetti giuridici, economicamente

e giuridicamente indipendenti,

in base al quale una parte concede

la disponibilità all’altra, verso corrispettivo,

di un insieme di diritti di proprietà

industriale o intellettuale relativi

a marchi, denominazioni commerciali,

insegne, modelli di utilità, disegni, diritti

di autore, know-how, brevetti, assistenza

o consulenza tecnica e commerciale,

inserendo l’affiliato in un sistema

costituito da una pluralità di affiliati

distribuiti sul territorio, allo scopo di

commercializzare determinati beni o

servizi”.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

31

market/franchising

mercato/franchising


market/franchising

mercato/franchising

arrange upstream integration in

order to cut out a number of the

middlemen that still have an

inordinate influence along the

supply chain, especially when it

comes to small distribution operations.

These enormous economies of

scale can streamline logistics,

information networks and, more

generally, all the major links of the supply

chain. The result of all that franchising

can deliver can help to safeguard the

enormous wealth accumulated by

the trade, starting with local retailers

like neighbourhood greengrocers.

A business operator who is

freed from the grind of having to

make daily purchases can dedicate

more time, and enthusiasm, to the most important

part of his or her business-attention to customer

relations.

(English version by David Verzoni)

32 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

diani, potrebbe dedicarsi

con maggior entusiasmo alla parte più rilevante della

sua impresa, cioè al rapporto qualificato con il suo cliente.


product/shelf life

prodotto/shelf life

Extended shelf life

with paraffin

Con la paraffina

la shelf life guadagna tempo

Giulia Giovanelli

From Spain comes a new method of preserving fruit and vegetables. A mixture of

natural waxes that protects food from fungi and bacteria

Arriva dalla penisola iberica il nuovo metodo di conservazione per l’ortofrutta. Una

miscela di cere naturali protegge gli alimenti da funghi e batteri

The credit belongs to

the Spanish company

Rep sol, which

operates in the petroleum

and natural gas

sector, with interests in

no less than thirty

countries, which for

many years now has invested

in research and

new technologies. Active

Packaging, as the

new made in Spain

technology is known,

is the latest thing in the

packaging industry.

It extends the shelflife

of perishable

foods such as fruit

and vegetables

thanks to a blend of

natural waxes and essential oils. The project owed its

origins to a desire to protect food against fungi and

bacteria and keep them fresh longer. In Spain, micro -

organisms present in food products are responsible

for approximately 25% of decay, which is why finding

a solution that would limit damage in this all important

sector became a priority.

More precisely the new technology consists in a wax,

Rycoat F-100, either in its solid form or as Emulactiv

C-1 in emulsion. The key ingredient is in fact paraffin,

a by-product derived from the processing of crude oil

that has many uses. Thanks to its insulating proper-

34 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Merito della società

spagnola Repsol, attiva

nei settori del

petrolio e del gas

naturale con interessi

in ben trenta Paesi,

che ormai da anni

investe in ricerca e

nuove tecnologie.

Active Packaging,

questo il nome della

nuova tecnologia

made in Spain, è l’ultima

frontiera del settore

imballaggi.

Il suo compito è, infatti,

quello di allungare la

conservabilità degli alimenti

deperibili come

frutta e verdura, grazie

a una miscela di cere

naturali ed essenze. Il progetto nasce proprio dalla

volontà di proteggere gli alimenti contro funghi e batteri

e mantenerli freschi più a lungo. In Spagna i microrganismi

presenti nei prodotti agroalimentari sono i re spon -

sabili di circa il 25% del deterioramento, motivo per cui

si è voluta trovare una soluzione per limitare i danni di un

settore oggi ai vertici dell’economia.

Più precisamente si tratta di una cera, Rycoat F-100 in

una forma solida o Emulactiv C-1 in emulsione. In -

grediente chiave della fortunata ricerca è proprio la

paraffina, un sottoprodotto derivato dalla lavorazione del

greggio che ha molti utilizzi. Grazie alle sue proprietà


ties, it can be used to coat the paper with which food

is wrapped. The paraffin wax that has been created

for active packaging can therefore limit the creation of

moisture and, once applied to the paper or cardboard

boxes, it acts as a bactericide. Moreover, as it is made

utilizing natural essences, it reduces or eliminates the

need for recourse to chemical fungicides.

A big advance for fruit and vegetables

Active packaging could amount to a big step forward

for the horticultural sector in Spain, which is the

world’s leading exporter of fruit and vegetables: any

extension of shelf life in this sector has a fundamental

impact on transport and storage costs.

This innovation in the packaging field is the result of

extensive research conducted by Repsol in collaboration

with the Guia group at the University of Zaragoza.

Chemistry is the science that has contributed most to

the development and progress that characterizes our

way of life today, and it continues to serve as a cornerstone

in the search for solutions to the challenges

of today and tomorrow. It is present in all areas of life:

from healthcare to leisure, from energy to technological

development.

Repsol’s Chemicals Area carries out research to

improve the quality of life in the society in which we

live.

(English version by Lawrence Smith)

isolanti, essa è impiegata per il rivestimento della carta

utilizzata per avvolgere i cibi. La cera di paraffina formulata

per imballaggi attivi è, quindi, in grado di limitare la

creazione di umidità e, una volta applicata alle scatole di

carta o cartone, agisce come battericida. Inoltre, poiché

è realizzata con essenze naturali, riduce o evita l’uso di

fungicidi chimici.

Progresso per l’ortofrutta

Active packaging può essere un grande passo avanti

per il settore ortofrutticolo in Spagna, che è il primo

esportatore mondiale di frutta e verdura e dove qualsiasi

estensione della shelf life dei prodotti alimentari ha un

impatto fondamentale sui costi di trasporto e di stoccaggio.

Questa innovazione in materia di packaging è il risultato

di lunghe ricerche condotte da Repsol in collaborazione

con il gruppo Guia dell’Università di Saragozza.

La chimica è la scienza che ha maggiormente contribuito

allo sviluppo e ai progressi che caratterizzano il

nostro stile di vita oggi e continua a servire come una

pietra miliare nella ricerca di soluzioni alle sfide di oggi

e di domani. È presente in tutti gli ambiti della nostra

vita: dalla sanità al tempo libero, dall’energia allo sviluppo

tecnologico.

Area Chimica Repsol svolge attività di ricerca per

migliorare la qualità della vita della società in cui viviamo.

product/shelf life

prodotto/shelf life


product/melon

prodotto/melone

Redfalcon cantaloupe melon (photo courtesy of Consorzio Mundial).

Melone cantalupo Redfalcon (foto Consorzio Mundial).

Outstanding brand

and terroir, Redfalcon

is definitely a Mundial melon

Identità e territorio, così

Redfalcon è un melone Mundial

Marianna Martorana

It’s the cultivar that replaced Fiola and Gealine last year. Its two pickings, early

and double-crop, let growers spread their overhead over both

La varietà dall’anno scorso ha sostituito Fiola e Gealine. Due i cicli colturali: precoce

e a doppia coltura, così il produttore può economizzare facendo gravare i costi su

entrambi

Brand-recognition and an identity rooted to place

are the distinguishing marks making up the profile

that the Mundial Consortium, which was established

to manage the Fiola cantaloupe grown along Sicily’s

36 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Riconoscibilità, identità e territorio, sono questi i fattori

su cui punta il Consorzio Mundial, nato per la tutela

del cantalupo Fiola, nella fascia costiera compresa tra

Licata (Ag) e Noto (Sr). Si è proseguito sulla linea della


coastal belt districts stretching from Licata in

Agrigento Province to Noto in Syracuse Province,

counts on in its business model. Mundial’s introduction

last year of Redfalcon under exclusive rights is in

keeping with its core strategy of quality and outstanding

produce traits. Indeed, the new cultivar has

replaced at a stroke Fiola and Gealine since last season.

And, in keeping with tradition, Redfalcon is grown

under tunnel measuring 3.8 m wide, 70 m long and 2

m high.

«The use of grafted plants, even in soils that aren’t

particularly suffering from exhaustion, is becoming

more widespread» commented Maurizio Bartolini,

President of Mundial and partner of Master Fruit in

Licata. In effect, despite the extra outlay for grafted

plants, which cost an average of 17% more than

seedlings, the practice enables earlier cropping and

7-8 kilos a plant more. It’s an advantage that’s not

to be underestimated in meeting crop costs, which

can amount to €19 thousand per hectare in soils

that deliver only one crop cycle. As a matter of fact,

growers who had early ripeners last season managed

to command higher prices against an average

€0.70 a kilo, a price that just about covers overhead

alone.

Double crop

This is precisely the reason why two crop cycles a

year have become standard procedure over the last

decade. The practice helps growers save money by

cutting their outlays for such inputs as plastic film, irrigation,

land rents, soil fumigation and tunnel depreciation

since they can spread the cost over two crops

since plastic for tunnel covering and mulching alone

amount to about

26% of overhead. On

the other hand, growers

who opt for only

one crop must aim

for extra earliness,

which means picking

by early April when

supply is low and

prices are higher.

«Usually - noted

Bartolini – farmers

opt to plant one early

and then a doublecrop

that they only

begin to pick about

10 May».

Only the early-season

cantaloupes are

marketed under the

Mundial label since

qualità e della caratterizzazione con l’introduzione, già

dallo scorso anno, della varietà Redfalcon, di cui il

Consorzio è esclusivista e che, dal 2011, ha sostituito

Fiola e Gealine.

La coltivazione avviene tradizionalmente in tunnel della

larghezza di 3,80 m, lunghezza di 70 m e altezza al

colmo di 2 m.

«L’uso di piante innestate, anche in terreni non particolarmente

stanchi, è in continuo aumento», afferma

Maurizio Bartolini, presidente del Consorzio Mundial e

socio della Master Fruit srl di Licata. Infatti, nonostante

l’incidenza del costo di acquisto delle piantine innestate,

che è di circa il 17% sul totale, questa tecnica ha

permesso di precocizzare la produzione anticipandola ai

primi giorni di aprile e di innalzare la resa a circa 7-8

kg/piante rispetto ai 4 kg delle piante franche. Questo

aspetto non è da sottovalutare per la copertura dei costi

di produzione totali che arrivano a circa 19mila

euro/ettaro, in un terreno in cui viene effettuato un solo

ciclo colturale. Con l’ultima campagna, solo chi ha avuto

produzioni precoci è riuscito a spuntare prezzi più elevati,

perché in media si sono avuti circa 0,70 €/kg, cioè

appena sufficienti a coprire le spese.

Due colture

Proprio per questo motivo, ormai da una decina di anni

si effettuano due cicli colturali. In questo modo, il produttore

può ottenere delle economie riducendo i costi

(plastica, impianto irriguo, affitto del terreno, sterilizzazione

e ammortamento degli archi), grazie alla possibilità

di farli gravare su due colture. In particolare i film plastici

per la copertura dei tunnel e per la pacciamatura

che rappresentano circa il 26% dei costi. In ogni caso,

chi opta per un ciclo singolo, punta sull’estrema preconizzazione,

iniziando la raccolta la prima settimana di

aprile, periodo in cui

l’offerta è bassa ed è

possibile realizzare

prezzi più elevati.

«Solitamente - spiega

Bartolini – le aziende

agricole scelgono di

fare una parte di melone

a ciclo singolo precoce

e un’altra a ciclo

a doppia coltura,

rinunciando alla precocità

e iniziando la

raccolta intorno al 10

maggio».

Solo i meloni appartenenti

alla prima cate-

Promoting the value of its melons is a matter of label recognition (photo

courtesy of Consorzio Mundial).

La valorizzazione del melone passa attraverso la riconoscibilità (foto Consorzio

Mundial).

goria sono commercializzati

col marchio

Mundial, e cioè quei

frutti di buona qualità

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

37

product/melon

prodotto/melone


product/melon

prodotto/melone

Forcing tunnel along the Licata coast.

Tunnel di coltivazione sulla costa di Licata (Ag).

they’re the fruit with the high quality and minimum

13°brix, the traits typifying this kind of cultivar. This

fruit is also free of defects in shape, colouring and rind

(like rub marks, handling bruises, and cracks around

the stem that can affect the flesh), stems longer than

2 cm, ribbing, raised navel or dirty fruit.

Monitoring and extension service

In efforts to keep the standard of fruit excellence and

to promote its crops, Mundial has decided to tighten

its regulations by stepping up monitoring in field and

packinghouse by enlisting the help of a specialised

extension service.

«It’s not just a matter of checking for residues - said

Bartolini. – It’s also about informing and providing

expert advice for growers, who are now more open

and willing to take suggestions on board. They’ve

learnt that it’s rewarding in the end».

As part of the promotional efforts to make our melons

market stand-outs, we decided in 2011 to sell only

melons bearing our sticker, even the fruit sold loose in

bins. It’s a way of ensuring that our fruit doesn’t get

mixed up with melons of other provenance and of bolstering

the recognition factor of “sweet inside” that

our ribbed cantaloupes are famous for.

Mundial has also decided that, instead of seeking

new markets, it will focus all its energy on upgrading

its position in its traditional export markets like

Switzerland and Germany. Unlike the domestic market,

these countries have a preference for uniform fruit

of small-to-medium size, or about 800 g and never

more than 1 kilo.

(English version David Verzoni)

38 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

con un minimo di 13°brix, che presentino le caratteristiche

tipiche della varietà e che non abbiano difetti di

forma, colorazione o della buccia dovuti a strofinamenti

o manipolazioni, screpolature e cicatrizzazioni attorno al

peduncolo che raggiungano la polpa, peduncoli superiori

a 2 cm, difetti di retatura, forma anomala, o con

cavità placentare elevata o, ancora, frutti sporchi.

Controllo e assistenza

La consapevolezza di ottenere un prodotto dalle eccellenti

caratteristiche e la volontà di valorizzarlo hanno

portato il Consorzio a integrare il regolamento, prevedendo

un’intensificazione del monitoraggio delle attività

sia in campagna, sia in magazzino, grazie anche al supporto

di un’azienda specializzata.

«Non si tratta solo di controllo dei residui - spiega ancora

Bartolini - ma di un’attività di informazione e assistenza

ai produttori che ormai si mostrano più aperti e pronti

ad accogliere i suggerimenti. Hanno, infatti, capito che

servono a premiare il loro lavoro».

Seguendo la linea della valorizzazione e distinguibilità,

dal 2011 si è deciso di non vendere nessun melone

privo di bollino, persino quello commercializzato in bins,

in modo da evitare possibili mescolamenti a frutti di origine

diversa e garantendo l’identità del retato “dolce

dentro”.

Sul fronte dei mercati di destinazione, non si pensa ad

acquisirne di nuovi, ma a migliorare il posizionamento in

quelli in cui si è già presenti, come Germania e

Svizzera. In questi Paesi, a differenza del mercato

nazionale, si prediligono frutti omogenei dalla pezzatura

medio-piccola di circa 800 g o, comunque, non

superiori a 1 kg.


product/orange

prodotto/arance

Aurelio Pannitteri

Chairman P.O. Rosaria

presidente Op Rosaria

40 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Aurelio Pannitteri

Rosaria, the Tarocco PGI

orange from Etna which

respects the environment

Rosaria, il tarocco igp

dell’Etna rispettoso

dell’ambiente

Federica Pagliarone

Tradition and expertise combined with advanced farming techniques: A cocktail

that explains the success of the firm Pannitteri, member of the P.O. (producers

organization) which was founded four years ago

Tradizione ed esperienza con innovative tecniche di coltivazione. Un connubio che

rappresenta il successo deIl’azienda Pannitteri aderente all’Op fondata quattro anni fa

The Pannitteri & C. was set up in 1980 in Paternò

(Catania, Sicily) by its two co-founders, Salvatore and

Aurelio Pannitteri. Since then it has specialized in growing,

processing, and packaging citrus fruits and now

handles from about 10 to 12.5thousand tons of product.

Thanks to its long experience in the citrus sector,

the firm guarantees its products and brings the best

oranges of Sicily to the tables of the consumers. Over

the last few years Pannitteri has brought to the Italian

consumers the Tarocco red oranges of Sicily under the

brand Rosaria. The Rosaria orange

grows at the foot of Mount Etna and

is a PGI-labeled Tarocco orange that,

thanks to the strong temperature

range between day and night

caused by Mount Etna, undergoes

the particular process of pigmentation

which gives it its

characteristic red color and

unique fragrance. The

Rosaria producers organization

was constituted on

The Rosaria orange grows at

the foot of Mount Etna and is a

PGI-labeled Tarocco orange

L’arancia Rosaria cresce alle falde

dell’Etna ed è un tarocco igp.

La ditta Pannitteri & C. srl, nata nel 1980 a Paternò e

con i due soci Salvatore e Aurelio Pannitteri, è specializzata

in coltivazione, lavorazione e confezionamento di

agrumi (dai 200mila ai 250mila quintali i volumi movimentati).

Grazie alle sue forti radici, derivate da anni

d’esperienza nel settore agrumicolo, l’azienda garantisce

personalmente i propri prodotti, fornendo ai clienti le

migliori arance rosse siciliane. Da qualche anno, infatti,

ha portato sul mercato nazionale il marchio Rosaria con

il quale commercializza il tarocco rosso di Sicilia.

L’arancia Rosaria, che cresce alle falde dell’Etna, è un

tarocco Igp che, grazie alla forte escursione termica tra

il giorno e la notte causata dal vulcano, acquista il particolare

processo di pigmentazione che fa diventare rosse

le arance, esaltandone gusto e profumo. L’Organizza -

zione produttori Rosaria è nata il 10 luglio 2008 per iniziativa

di un gruppo di operatori della filiera agrumicola

della Sicilia orientale con lo scopo di valorizzare gli agrumi

e, in particolare, l’arancia rossa di qualità.

Pannitteri, la vostra azienda ha saputo ottimizzare le

tecniche e le esperienze necessarie, tramandate da

secoli di agrumicoltura, facendo delle arance rosse

siciliane un prodotto conosciuto e apprezzato in tutto

il mondo. Qual è il vostro metodo di coltivazione?

Le aziende della filiera Rosaria possono essere definite un

felice connubio tra la tradizione e l’esperienza, acquisite


July 10th 2008 and was created out of the initiative

of a group of workers operating within

the citrus food-chain in eastern Sicily, whose

aim is the improvement of citrus production

and in particular of the quality red orange.

Mr Pannitteri, your firm was able to improve

hundreds-years-old techniques and expertise

making the red oranges of Sicily famous all

around the world. What’s your farming method?

The firms operating in the Rosaria citrus chain can be

seen as a perfect combination of tradition and experience

gained through a 50-years old activity in this field

and the most functional and advanced farming techniques.

Experience and a good knowledge of the territory

complement today’s need for cost cutting and

environmental respect. This cocktail results in oranges

that have excellent organoleptic properties and meet

the demand for the entire production season. The

organization staff supervise and supports the production

from the blossom to the harvest in order to make

sure that every firm meets our high quality standards

while respecting the environment at each production

stage. We grow our oranges by making use of integrated

and biological pest control. We resort to chemical

pesticides only if absolutely necessary and when so

we only use specific products with a low environmental

impact in order to protect the ecosystem balance.

Usually, by releasing useful and auxiliary insects into

our citrus orchards we are able to contrast the development

of harmful insects. Integrated pest control is

the key for developing sustainable farming that is both

profitable and environmentally friendly in as much as it

respects natural resources, consumers and operators,

by cleverly combining chemical and biological pest

control systems in order to grow high quality products

with the lowest environmental impact.

Rosaria brand oranges are the best of the selection.

Which systems do you use in order to keep

good quality standards?

Although selection and packaging are very important,

we firmly believe that the work on the field is the key

for quality. Therefore we pay the greatest attention to

farming techniques, finding the most suitable

areas for farming and selecting

the best cultivars. You can

use the most advanced

innovations, but you need

an excellent product in

order to meet the highest

Over the last few years Pannitteri has brought to the Italian

consumers the Tarocco red oranges of Sicily under the brand

Rosaria.

Da qualche anno l’azienda ha portato sul mercato nazionale il

marchio Rosaria con il quale commercializza il tarocco rosso di Sicilia.

Rosaria marmalade made with Tarocco red oranges

La marmellata prodotta con le arance rosse Rosaria.

in oltre 50 anni di attività nel settore, e le più

razionali e innovative tecniche di coltivazione

agronomica. L’esperienza e la conoscenza del

territorio si sono perfettamente integrate con le

più moderne esigenze di riduzione dei costi di

coltivazione e di rispetto dell’ambiente. Il risultato di questo

connubio è la produzione di arance dalle eccellenti

caratteristiche organolettiche e in grado di garantire una

copertura commerciale per l’intera stagione produttiva.

Le aziende sono seguite, dalla fioritura sino alla raccolta,

dallo staff tecnico dell’organizzazione che garantisce il

rispetto di rigidi disciplinari di produzione e il massimo

rispetto dell’ambiente supportando i produttori in tutte le

fasi della produzione. Le tecniche di coltivazione applicate

sono quelle della lotta integrata e della lotta biologica. La

lotta chimica è ridotta al minimo indispensabile e si utilizza

solo al superamento delle soglie d’intervento utilizzando

prodotti mirati, a basso impatto ambientale e che non

alterino gli equilibri creatisi nel tempo nell’ecosistema.

Spesso si applicano tecniche di lotta biologica attraverso

l’utilizzo d’insetti utili e ausiliari che vengono liberati all’interno

degli agrumeti contrastando lo sviluppo degli insetti

dannosi. Le tecniche di produzione integrata sono la base

per la realizzazione di un’agricoltura sostenibile, remunerativa,

rispettosa dell’ambiente, delle risorse naturali, dei

consumatori e degli stessi operatori agricoli, utilizzando

nella maniera tecnicamente migliore, sistemi di lotta chimica,

biologica e agronomica per ottenere produzioni di

qualità con il minor impatto ambientale possibile.

I prodotti a marchio Rosaria si contraddistinguono

dagli altri perché rappresentano il meglio della selezione.

Quali sistemi adottate per il mantenimento

delle buone caratteristiche qualitative?

Anche se le attività di selezione e confezionamento sono

importantissime, siamo assolutamente convinti che la

qualità si faccia in campo. Ecco perché puntiamo molto

sulle tecniche di coltivazione, sull’individuazione delle

aree vocate e sulla selezione delle migliori cultivar. Se il

prodotto non è eccellente, si possono mettere in campo

tutte le innovazioni tecnologiche possibili ma non si avrà

mai la qualità che si cerca. Ottenuta la qualità in campagna

è fondamentale che ogni attività successiva venga

effettuata con la massima competenza e professionalità.

Per questo motivo, negli anni abbiamo selezionato le

migliori maestranze nel settore della raccolta, della selezione

e confezionamento e dei controlli di qualità. Tutti

gli attori dell’organizzazione devono avere bene in

mente gli obiettivi di qualità che l’azienda ha sposato e

applicarli nella realtà.

Un altro aspetto importante nel settore della IV

gamma riguarda la sostenibilità ambientale attraverso

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

41

procuct/orange

prodotto/arance


procuct/orange

prodotto/arance

Pannitteri & C.’s headquarter.

La sede della ditta Pannitteri & C.

quality standards. Once you get quality on the field, it

is essential to be able to count on expertise in any further

step of the production. For this reason, for years

we have recruited the best skilled staff to work in the

stages of harvesting, selecting, packaging and quality

control. Every operator in our organization must keep

in mind our quality goals and reach them everyday.

In the fresh-cut sector environmental sustainability

is very important and is obtained through the

use of fully biodegradable packaging. What kind of

packaging do you employ?

We keep improving the use of reclosable and reusable

crates (see Ifco brand) so that we almost avoid the

problem of packaging disposal.

Where are your key outlets?

Markets, big retail chains and big supermarkets. For a

while now we have been supplying also to the horeca.

Transparency throughout the production process

would give the customer more guarantees. How

do you react to such needs?

It is fair to bring to the consumer a healthy and genuine

product; thus we are always there to answer to the

questions of our customers. Our organization strictly

enforces the guidelines of the legislation in force. Our

processing activities are carried out according to the

rules of both the HACCP and the quality manual that

settle the inner control procedures. In order to guarantee

the highest transparency and a better consumer

protection the firm has also started a serious and

expensive certification route so that it now has all the

most important quality certifications in this sector.

Through the international certification authority DNV

we have earned the following certifications: Uni En Iso

9001/2000 (quality system) since 2004; Eurep Gap

since 2005 and Global Gap since 2008; Brc (British

retail consortium) in 2007; Ifs (International food standard)

since last year. Any batch is traded only after

multiresidual and organoleptic analyses.

Can you talk about logistics, one of the pillars of

42 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

l’uso di materiali da imballaggio completamente biodegradabili.

Voi che tipologia d’imballaggi utilizzate?

Stiamo sempre più potenziando l’uso di cassette richiudibili

e riutilizzabili (tipo Ifco) che annullano quasi del tutto

il problema dello smaltimento degli imballaggi.

Quali sono i vostri mercati di riferimento?

Mercati, gd e gdo. Da qualche tempo stiamo rifornendo

anche il canale ho.re.ca.

Per offrire una maggiore garanzia al consumatore

sarebbe necessaria la trasparenza di tutto il processo

produttivo. Come rispondete a questa necessità?

È corretto fornire al consumatore un prodotto sano e

genuino e la nostra struttura è sempre pronta a fornire

tutte le spiegazioni necessarie a chi ne avesse di bisogno.

L’organizzazione applica scrupolosamente tutto quanto

previsto dalla legislazione di settore. Le attività di lavorazione

vengono svolte secondo quanto previsto nel Manuale

di autocontrollo aziendale (Hccp) e dal Manuale della qualità

che definiscono le procedure di controllo interne. Per

garantire la massima trasparenza e una maggiore tutela

dei consumatori l’azienda è andata oltre le disposizioni di

legge e ha avviato un serio e dispendioso iter certificativo

che le ha permesso di ottenere le più importanti certificazioni

di qualità del settore. Sempre attraverso l’ente di certificazione

internazionale Dnv sono state ottenute le

seguenti certificazioni: Uni En Iso 9001/2000 (Sistema di

qualità) dall’anno 2004; Eurep Gap dal 2005 e Global Gap

dal 2008; Brc (British retail consortium) nell’anno 2007; Ifs

(International food standard) dallo scorso anno. Nessuna

partita di prodotto in filiera è commercializzata senza lo

sblocco da parte del responsabile tecnico dopo la verifica

dei risultati analitici (analisi multi residuali) e organolettici.

Ci parli della logistica, uno dei pilastri dell’industria del

fresco. Com’è strutturata operativamente?

Collaboriamo da oltre 30 anni con una società di trasporti

che ci mette a disposizione esclusivamente

camion coibentati e refrigerati che vengono continuamente

monitorati dal punto di vista igienico e tecnologico

(sistemi di refrigerazione). La puntualità e la precisione

delle forniture è garantita per ordini del tipo A x C.


the fresh-market industry? How do you structure it

operatively?

For more than 30 years we have counted on a freight

company that only uses insulated and refrigerated

trucks which are constantly monitored from both a

sanitary and a technological point of view (cooling

systems). Punctuality and precision in supplying are

guaranteed for A x C orders

Do you think that cutting costs improves efficiency?

Thanks to our long experience in this sector we have

rationalized our activities thus cutting costs in every

field. However, it isn’t possible to cut costs below a

certain level without failing to be efficient and to

ensure security of both products and activities. Some

companies do it, but we don’t.

Do you keep an eye on market trends?

Of course. Keeping an eye on market trends helps to

formulate the most suitable strategies.

Is innovation an integral part of the company culture?

Yes, it is. In every sector technology is part of the

know-how needed by a certain company. From the

farming techniques to the packaging systems, technological

innovation helps to improve performance

and to be more efficient.

Do you rely more on quality or on price?

We believe that price doesn’t influence a quality product

that is perceived as such. We aim at finding a

good compromise between quality and price.

Today the Italian most famous orange is also

available as a 100% squeezed juice. What are

the most important features of this product?

Our juice is a natural product: just squeezed

red oranges, a mild process of pasteurization,

and nothing else added. Relatively low

pasteurization temperatures don’t alter the

content of vitamin C, the nutritional properties

and above all the organoleptic ones. We

aim at offering a product that is completely

different from the juices usually available on

the shelves of supermarkets which have very

little in common with our squeezed juice.

Our product is very similar to home-made

squeezed orange juice and thus needs to be

consumed in the short time (45 days) and

always follow the cold chain.

Projects for the neat future?

We have several projects in mind

concerning processed products.

Export is one of them.

(English version by Ilaria Menna)

A suo avviso, abbattere i costi migliora l’efficienza?

L’esperienza pluriennale nel settore ci ha permesso di

razionare al massimo le attività e, conseguentemente,

ridurre al massimo i costi in ogni settore di attività. Sotto

determinati livelli, però, non è possibile scendere senza

trascurare l’efficienza e la sicurezza delle attività e dei

prodotti. Forse alcune aziende lo fanno ma non è questa

la nostra politica.

Siete attenti alle tendenze del mercato?

Molto. Osservare il mercato e i suoi trend aiuta a eseguire

le giuste strategie aziendali.

L’inclinazione all’innovazione è parte integrante della

vostra filosofia aziendale?

Sì. Come in ogni settore, la tecnologia fa parte del know

how necessario a una struttura aziendale. Dalle tecniche

di coltivazione a quelle di confezionamento, la presenza

d’innovazione tecnologica aiuta a incrementare le performance

e a essere più efficienti.

Puntate di più sulla qualità o sul prezzo?

Pensiamo che un prodotto di qualità, e percepito come

tale, non sia influenzato dal prezzo. La nostra scelta è

comunque quella di trovare sempre un giusto compromesso

tra la qualità e prezzo.

L’arancia più famosa d’Italia, dopo un lungo percorso

di preparazione, oggi è anche una spremuta. Quali

sono le caratteristiche principali di questo prodotto?

La spremuta è un prodotto naturale, ottenuto dalla semplice

spremitura di arance rosse senza aggiunta

di additivi o conservanti, e sottoposta a un

processo di pastorizzazione blanda. Le temperature

di pastorizzazione relativamente

basse, consentono di mantenere inalterato il

contenuto di vitamina C, le caratteristiche

nutrizionali e, soprattutto, quelle organolettiche.

L’obiettivo che ci eravamo proposti era

quello di mettere a disposizione dei consumatori

un prodotto del tutto diverso dai succhi

oggi presenti sugli scaffali e che poco

hanno a che vedere con la nostra spremuta

di arance. Abbiamo ottenuto un prodotto

che si avvicina moltissimo alle spremute fatte

in casa e che, per questo motivo, deve essere

consumato in tempi relativamente brevi

(45 giorni) e deve seguire la catena del freddo.

La spremuta è ottenuta dalla semplice spremitura di

arance rosse senza aggiunta di additivi o conservanti.

La spremuta è ottenuta dalla semplice spremitura di arance

rosse senza aggiunta di additivi o conservanti.

Progetti per il prossimo futuro?

Abbiamo diversi pro-

getti da portare avanti,

soprattutto con i trasformati.

Uno di questi

è la vendita all’estero.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

43

procuct/orange

prodotto/arance


product/kiwi

prodotto/kiwi

Red & yellow

the new colours of kiwi

Rosso e giallo

così il kiwi cambia colore

Giulia Giovanelli

Summerfruit is marketing two new kiwifruit cultivars for the New Zealand-based

Enza. Field trials in Europe call for 300 hectares of plantations, 200 in Italy alone

Summerfruit propone due nuove varietà di actinidia, di proprietà della neozelandese

Enza. Il programma di sperimentazione prevede piantagioni per 300 ettari in Europa,

di cui 200 in Italia

Two brand new varieties for the

European market sold under the

Enza label Rs1 named Enza Red and

A19 called Enza Gold.

Rs1 is a cultivar with high cropping

potential and such unique traits as a

red core where the seeds are embedded

and yellow flesh beyond it radiating

from there to the rind. The flesh is

sweet with a lower acid content compared

to green kiwis. Dry matter can

run as high as 23%, compared to

Hayward’s 17%, and ºBrix is 22,

though this count depends on growing

district. Enza Red starts picking the

third week of September and marketing

takes place over a ten-day period.

Surprised consumers

«The first marketing campaign – noted Summerfruit’s

CEO Giampaolo Dal Pane – took place this year here

in Italy, and we’re very pleased with the sales numbers.

Shoppers were surprised to see two-toned

kiwifruit and were very curious. We’re still at the testing

stage so that the first real cropping and harvest

will not take place until next year. Plantations are thus

limited to only 300 hectares in all of Europe, with Italy

being assigned 200. The overall crop will be marketed

by Enza and its European subsidiaries but handled

and packed by the owners of the plantations».

The fruit is earmarked for European, and mostly, Asian

markets. In effect, Asian consumers have a preference

for sweet fruit with yellow flesh and this is pre-

44 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Enza Red, the commercial

name of the new Rs1 cultivar.

Enza Red della nuova varietà Rs1.

Due novità assolute per il mercato

europeo vendute entrambe con il

marchio Enza. La Rs1, chiamata Enza

Red e l’A19, Enza Gold.

La Rs1 è una varietà con un alto potenziale

produttivo e dalle caratteristiche

uniche in quanto, al centro nella sede

dei semi, è pigmentata di rosso e ai lati,

sino alla buccia, è gialla. Il frutto è dolce,

con minor acidità rispetto ai verdi. La

materia secca raggiunge anche il 23%

(Hayward al massimo è a 17) e il grado

brix a 22 e questo dipende dai luoghi di

coltivazione. La raccolta dei frutti avviene

la terza settimana di settembre e la

commercializzazione inizia nell’arco di

dieci giorni.

La sorpresa dei clienti

«La prima commercializzazione – afferma l’amministratore

delegato di Summerfruit, Giampaolo Dal Pane – è

stata fatta da noi in Italia, quest’anno, con ottimi risultati

economici. La clientela era sorpresa di vedere frutti

bicolori di kiwi e l’interesse è stato grande. Siamo ancora

in un contesto sperimentale, la produzione e il raccolto

avverranno solo il prossimo anno. Il programma è

limitato a 300 ettari in tutta Europa e all’Italia sono assegnati

200 ettari. Il prodotto sarà commercializzato da

Enza e dalle sue società in Europa, ma lavorato da

aziende produttrici del Paese in cui vengono realizzate le

piantagioni».

Attualmente i mercati di destinazione sono Europa, ma

soprattutto Asia. I Paesi asiatici prediligono i frutti dolci


cisely the kind of colour profile and taste that this

kiwifruit matches.

«This cultivar – continued Dal Pane – has two essential

traits: the chromatic and taste. Its flesh is notably sweet

in a well-balanced way. Enza Red also has good cropping

and we expect it to deliver 25/27 tons per hectare

of Grade I fruit. It doesn’t often happen in the fruit industry

that you have more demand than supply! Several

containers shipped from China were marketed in Italy

and elsewhere at prices around €18 for a 2.5-kilo package.

We’re not even hinting, so as not to create even the

impression of false hopes, that this can possibly be its

real market price. It’s only a sign of the interest the fruit

has aroused». The red colouring occurs naturally. In

actual fact, although China has a number of red- and

even pink-fleshed varieties, Summerfruit is decided to

secure the license to propagate Rs1, the only cultivar

whose red colouring appears to be a stable trait.

A high-cropping cultivar

A look at A 19, or Enza Gold shows that it routinely

yields more than 40 tons a hectare according to figures

from new Zealand and Chile, with peaks of 50-55

tons readily attainable.

«This kiwi – Summerfruit’s CEO noted – already starts

turning yellow a fortnight before picking. Its datasheet

profile shows that it ripens during the second

week of October and is high-cropping. Needless to

say, it’s got a very good taste, and its field-performance

profile indicates that it can end up being the

most promising yellow cultivar also because of it displays

a certain resistance to bacterial infections found

for the moment only in New Zealand. Unexpectedly, it

has proved immune to infection despite being classified

as highly prone to bacterial attacks».

While it has yet to be marketed in Europe, it will be

sold in future under the name of Enza Gold under the

Enza trademark. Summerfruit is undoubtedly betting

on the allure of novelties, and that’s why it’s also pursuing

new markets, including Brazil.

(English version by David Verzoni)

Exhibition of several kiwi varieties at

Enza’s stand.

Esposizione di Kiwi, di diverse varietà, allo

stand di Enza.

The traditional green Kiwi next to the new

varieties of different colouring.

Il tradizionale Kiwi verde accanto alle nuove

varietà di diversi colori.

e con del giallo all’interno e questo è certamente il prodotto

che più corrisponde, dal punto di vista cromatico,

al gusto di quei Paesi.

«La varietà – continua Dal Pane – ha due caratteristiche

essenziali: una cromatica e l’altra nel gusto. Il frutto è

molto dolce, ma di un dolce equilibrato. La produttività

della Rs1 è buona e le aspettative sono per 25/27 tonnellate

per ettaro di prodotto di cat. I. Non capita spesso,

in frutticoltura, di avere più domanda che prodotto!

Alcuni container arrivati dalla Cina, sono stati commercializzati

sia in Italia sia in altri Paesi, a prezzi intorno ai

18 € per collo da 2,5 kg. Non immaginiamo minimamente,

per non creare false illusioni, che questo possa

e debba essere il prezzo di mercato, ma è solo l’indicazione

dell’interesse che esiste attorno al prodotto». La

pigmentazione rossa è ottenuta naturalmente. Esistono,

infatti, in Cina varietà che pigmentano di rosso e anche

di rosa, ma Summerfruit riproduce la Rs1, l’unica varietà

che sembra avere una stabilità in questa colorazione.

Una varietà molto produttiva

Per la A 19, detta Gold, i dati neozelandesi e cileni dicono

che i quantitativi per ettaro siano superiori alle 40

tonnellate, ma con possibilità di raggiungere facilmente

le 50-55.

«Il frutto – sottolinea l’amministratore delegato di Sum -

merfruit – ingiallisce già quindici giorni prima della raccolta.

Le sue caratteristiche sono singolari: matura la

seconda settimana di ottobre ed è una varietà assai produttiva.

Inutile dire che il frutto è molto buono e che le

caratteristiche tecniche fanno sì che possa diventare la

varietà gialla più interessante anche per una certa resistenza

alla batteriosi presente sino ad ora in Nuova

Zelanda. Inaspettatamente, pur collocata tra impianti

altamente infetti, non si è ammalata».

La prima commercializzazione in Europa non è ancora

stata fatta, ma in futuro avverrà con il nome di Enza

Gold, sempre a marchio Enza. La sfida di Summerfruit è

sicuramente rivolta alle novità ed è quindi in questo spirito

che intende proseguire verso nuovi canali, tra cui il

Brasile.

A plantation of A19, aka Enza Gold.

Piantagione di A19, alias Enza Gold.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

45

product/kiwi

prodotto/kiwi


etail/La Boqueria (Spain)

dettaglio/La Boqueria (Spagna)

Barcellona’s La Boqueria

is a temple of delight

and temptation

La Boqueria, sulla rambla

il mercato dei peccati di gola

Daniele Tirelli

Active since the mid nineteenth century, Barcelona’s covered market is daily

besieged by tourists who come to marvel and photographers who want to capture

the apotheosis of food

Attivo dalla metà dell’800, il mercato coperto di Barcellona è letteralmente invaso,

ogni giorno, da turisti e fotografi. Per vedere e immortalare l’apoteosi del cibo

If there is a place that excels in everything concerning

the sale of fresh food, that place is definitely La

Boqueria in Barcelona. The city may have had the

daring to revamp itself according to the most audacious

of modernist canons, but its central market, an

inimitable and untouchable institution dedicated to

pleasure and the pride of Catalan gastronomy, has

survived it all. Not by chance, it is considered by

many to be the most beautiful market in Europe, if not

in the world (only seriously challenged, perhaps, by

the covered market in Budapest).

La Boqueria has it all: an academy for the art of selling,

it offers a concentration

of synaesthetic

experiences from which

the most modern of

supermarket chains has

much to learn. Terms like

aesthetic & emotional

marketing are unknown

to the almost 300 stall

holders who are housed

in the 2600 square

meters of the covered

market and Sant Josep

square, accessed

through number 91 in the

busy street of Rambla de

Caputxins. But for those

who for over 150 years

46 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

The main entrance to the Boqueria is dedicated to fruit and veg.

L’entrata principale della Boqueria è dedicata all’ortofrutta.

Se esiste un luogo che eccelle in tutte le tecniche di

vendita degli alimentari freschissimi, questo è

sicuramente La Boqueria di Barcellona. Pur se la città

ha avuto il coraggio di ridisegnare la propria pianta

ispirandosi alla più ardita modernità, il suo mercato

centrale è sopravvissuto a ogni minaccia in quanto

istituzione intoccabile e inimitabile del piacere e dell’orgoglio

gastronomico catalano. Non a caso in molti

lo considerano il più bel mercato d’Europa e del

mondo (insidiato forse dal mercato coperto di

Budapest).

La Boqueria è un “tutto”: un’accademia dell’arte del

vendere e un concentrato

di cariche sinestetiche da

cui tutte le catene più

moderne di supermercati

possono apprendere

senza limiti. Aesthetic &

emotional marketing

sono termini sconosciuti

ai quasi 300 gestori di

chioschi e banchi ospitati

nei 2600 mq dell’edificio

coperto e della piazzetta

Sant Josep cui si accede

dal n. 91 della trafficatissima

Rambla de

Caputxins. Sono però

concetti innati e pratiche

correnti per chi, da oltre


have staged this spectacular

display of goods, these are

innate concepts which take

on concrete form in their

everyday practice. It was, in

fact, in the mid nineteenth

century that the city government

decided to transform a

semi-itinerant market into a

covered market to better

serve the population.

Overwhelming

Today, although it attracts the

millions of tourists drawn to

this city unique for its culture,

hospitality and climate, and

thousands of amateur and

professional photographers, it

is very difficult to describe La

Boqueria. To understand its

appeal you must be exposed

to the bright colors, captivating

perfumes and the physical sensation of being in a

crowd of visitors which surrounds you, squeezes you

and carries you forward along its lanes a few steps at

a time. You have to experience the excitement of the

plenty, or rather the excess, which is laid before your

eyes, and maybe also the anxiety of being robbed in a

human press that would be absolutely unacceptable in

any shop. Visiting La Boqueria, has become a ritual for

tourists, even for hotel guests who certainly don’t need

to buy fresh produce. Just as has queuing up to eat a

plate of assorted pata negra (Iberian hams) standing in

a cubby-hole called Marcos, or getting a paella from El

Cochinillo Loco.

An urban legend has grown up concerning the market’s

name. The people of Barcelona like to think that

it derives from badoqueria, a term that expresses the

open mouthed amazed that was caused by a beautiful

door, a trophy of war torn in the distant past from the

captured city of Almeria. It is not true of course, but the

story is fitting for this place that grabs you and overwhelms

you with the visual effects of which its stall

holders have been masters from time immemorial.

An explosion of tastes and colours

The main entrance (as in the most modern supermarkets)

is dedicated to fruit and vegetables for which is

employed the most spectacular visual merchandising

you can imagine. Pyramids or cascades of produce

with their juxtaposed colours are arranged and lit so

as to stimulate the eye with a flood of chromatic perceptions.

Not surprisingly, the minority of real customers

must elbow their way amongst a perennial

crowd of photographers who then flood the web with

The fish sector, a circular area at the heart of the

market. An endless sequence of molluscs,

crustaceans and fresh fish lying on beds of ice.

La pescheria, un’area circolare nel cuore del mercato. Sui

letti di ghiaccio giace un’interminabile sequenza di

molluschi, crostacei e pesci freschissimi.

150 anni, allestisce questo

spettacolo della merce. Fu,

infatti, a metà dell’800 che

l’amministrazione cittadina

decise di trasformare un mercato

semiambulante in un

centro di servizi coperto e più

agevole per la popolazione.

Oltre l’acquisto

Oggi, sebbene sia meta di

milioni di turisti attratti da

questa città unica per cultura,

ospitalità e clima e di migliaia

di fotografi dilettanti e professionisti,

descrivere La

Boqueria è molto difficile. Per

capirne il fascino occorre

viverne l’esperienza fatta di

colori accesi, di odori forti, di

sensazioni fisiche che scaturiscono

dal subire la pressione

di un flusso enorme di visitatori

che vi circonda, vi schiaccia, vi conduce a piccoli

passi lungo le sue corsie. Bisogna provare l’eccitazione

del tanto e del troppo di ciò che viene riversato

sotto i vostri occhi, magari anche insieme all’ansia

di essere derubati nella calca umana assolutamente

inaccettabile in ogni altro tipo di negozio. Visitare La

Boqueria pertanto è divenuto un rito anche per i turisti

che, ospiti degli hotel, non devono certo acquistare

prodotti freschi da cucinare. Un rito è anche fare la

fila per mangiarsi in piedi un piatto di Pata Negra

assortiti nel bugigattolo di Marcos, o una paella di El

Cochinillo Loco.

Il nome di questo mercato è frutto di una leggenda

metropolitana. I barcellonesi amano pensare che derivi

da Badoqueria, un termine che esprime il senso di stupore

(il restare a bocca aperta) suscitato da un bellissimo

portale, trofeo di guerra in un lontano passato e

strappato alla città conquistata di Almeria. Non è vero,

ma la storia si addice a questo luogo che vi afferra prepotentemente

con i suoi artifizi scenici di cui i gestori dei

chioschi sono maestri da tempo immemorabile.

Esplosione di gusti e colori

L’entrata principale (al pari dei più moderni supermercati)

è dedicata all’ortofrutta cui si applica il più spettacolare

visual merchandising si possa immaginare. Gli

accostamenti di colori, le disposizioni piramidali o a

cascata sono illuminati e predisposti così da sollecitare

l’occhio con un effluvio di prepotenti percezioni cromatiche.

Non a caso, la minoranza dei clienti effettivi

deve farsi spazio in una folla perenne di fotografi che

poi inondano il web con le loro immagini, contribuendo

in questo modo a una delle più gigantesche opera-

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

47

retail/La Boqueria (Spain)

dettaglio/La Boqueria (Spagna)


etail/La Boqueria (Spain)

dettaglio/La Boqueria (Spagna)

Fruit drinks which can be consumed immediately or while

strolling along La Rambla.

Frutta frullata da consumare all’istante o passeggiando sulla

Rambla.

their images, thus contributing to one of the most

gigantic operations of viral marketing ever seen. If you

enter "Boqueria" in Google you get 749,000 images!

At the centre of the pavilion, in the very heart of the

market, there is a circular area dedicated to fish. It is

hard to say how many species of ultra-fresh fish are

displayed here. An endless sequence of molluscs,

crustaceans and fish of every kind lie on beds of ice

declaring their freshness to what is a very demanding

city by the sea. La Boqueria in fact serves the best

restaurants in Barcelona which take a special pride in

their fish. Smoked and salted fish flavours are not

wanting either, available in many types of herring and

especially of cod and stockfish.

Moving on to cheese and charcuterie, the stalls dedicated

to them offer a veritable explosion of the many

variants of jamon (Spanish ham) organized by taste,

origin and age: a profusion of alternatives unusual and

surprising even for us Italians. What is certain is that

The candy stall, a real temptation for all.

Il chiosco dei dolciumi, vera e propria tentazione per tutti.

48 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

The dried and candied fruit stall with nougat of every possible

provenance

Il chiosco della frutta secca e candita con torroni di diverse

provenienze.

zioni di marketing virale sia dato osservare. Se inserite

in Google il tag “Boqueria” vengono estratte 749mila

immagini!

Il cuore del mercato è l’area circolare al centro del padiglione

e dedicata alla pescheria. Difficile dire quante

specie ittiche commestibili (freschissime) vi siano esposte.

Sui suoi letti di ghiaccio giace un’interminabile

sequenza di molluschi, crostacei e pesci “incriccati” che

dichiarano la propria freschezza a una città marinara

molto esigente in materia. La Boqueria serve, infatti,

anche i migliori ristoranti di Barcellona che dei piatti di

pesce fanno uno specifico vanto. A corollario vi trovate

anche i sapori del pesce affumicato e salato declinato

nei tanti tipi di aringhe e soprattutto di baccalà e stoccafisso.

Passando ai formaggi e ai salumi va detto che i chioschi

a essi dedicati presentano una vera esplosione delle

tante varianti di jamon ordinati nella loro tassonomia di

gusti, provenienza e invecchiamento: una profusione di

alternative inusuale e stupefacente anche per noi italiani.

Certo è che il posto non ha nulla da invidiare alle

migliori jamonerie madrilene.

Se poi amate la carne bovina, ovina o altra che sia,

potreste essere esposti alla sindrome di Stendhal, ovvero

alla difficoltà di scegliere. Che siate un tradizionalista

che ama le interiora, la testa di pecora o finanche le

griadillas ternera, oppure un gastronomade in cerca dei

più teneri filetti, uno dei chioschi di macelleria saprà fornirvi

sicuramente la giusta risposta.

Ortofrutta spettacolare

Tuttavia il climax della spettacolarità raggiunge il suo

apice nell’area dell’ortofrutta. L’assortimento offerto è

profondissimo al punto che potrebbe essere interpretato

come tipico di un “farmer market” vocato al localismo

catalano, ma anche come offerta di uno specialista

attento all’esotismo più raffinato. Il tradizionale convive,


Fruit in an explosion of colors. Pyramids and cascades of produce

are arranged and lit so as to seduce the eye of the visitor.

Frutta in un’esplosione di colori. Le disposizioni piramidali o a cascata

sono illuminati e predisposti per sollecitare l’occhio dei visitatori.

the place has nothing to fear from even the best

Madrid charcuterie.

If you love beef, lamb or whatever, you could end up

a victim of the Stendhal Syndrome brought on by the

infinite range of choice. Whether you're a traditionalist

who loves the inner organs of beasts, or sheep's

heads, or even tender calf testicles, or a gastronome

in search of the most tender fillets, one of the butchers’

stalls will certainly provide you with what you are

looking for.

Spectacular fruit and vegetables

However, the spectacle reaches its climax in the fruit

and vegetable area. Here the product range is so very

wide that if on the one hand it has the character of a

"farmers market" dedicated to local Catalan products,

on the other it has that of a specialist market offering the

most refined of exotic produce. Tradition coexists, in

other words, with the most specialized of produce.

What is certain is that you end up forgetting price

because the quality of the produce (true or false) is

unmatched by any alternative. There is also a very

seductive range of fresh-cuts consisting of fresh salads,

fruit salads, blends and fruit drinks which can be consumed

immediately or while strolling along La Rambla.

And it doesn’t end there. The dried and candied fruit

stall with its seemingly unlimited range and a unique

palette of colors is spectacular too. The nougat (of

every possible provenance) on display promises that it

will not fail to stimulate your curiosity or your appetite.

The uniqueness of the Boqueria, finally, is proven by

the fact that almost none of those who return to

Barcelona fail to pay it another visit. So, in this era of

a psychologically troubled relationship with food, this

place always manages to magically revive the pleasures

of the palate.

(English version by Lawrence Smith)

The cheese and charcuterie stalls offer a wide choice of hams,

ordered according to taste, origin and age.

I chioschi di salumi e formaggi propongono numerose varianti di

prosciutti, ordinati secondo gusti, provenienza e invecchiamento.

cioè, con la varietà superspecialistica. La cosa certa è

che il tutto riesce a far scordare il prezzo poiché la qualità

percepita (vero o falso che sia) non ha paragoni con

nessuna alternativa. Molto accattivante è poi la proposta

di una IV gamma freschissima costituita da insalate,

macedonie, composizioni e blend di frutta frullata da

consumare all’istante o passeggiando sulla Rambla.

Spettacolare è anche, ad esempio, il chiosco della frutta

secca e candita con un assortimento apparentemente

illimitato e una tavolozza di colori irripetibile. Quello

dei torroni (di tutte le provenienze) promette invece di

non esaurire la vostra curiosità e la vostra golosità.

L’unicità della Boqueria, infine, è provata dal fatto che

quasi tutti coloro che ritornano a Barcellona, non mancano

mai di tornarci. Insomma, in un’epoca di relazioni

psicologicamente sofferte con il cibo, questo luogo riesce

sempre e comunque a ravvivare magicamente il

piacere della gola.

An attractive display of fresh-cuts, with salads and fruit salads,

completes the range of fruit and vegetables on offer.

Un’attraente IV gamma con macedonie e insalate freschissime va a

completare le proposte dell’ortofrutta.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

49

retail/La Boqueria (Spain)

dettaglio/La Boqueria (Spagna)


isr/Sigma (Italy)

gdo/Sigma (Italia)

Massimiliano Moretti

head of fruit and

vegetables at Realco, a

Sigma partner based in

Emilia-Romagna

responsabile ortofrutta di

Realco, socio Sigma

attivo in Emilia-Romagna

50 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Massimiliano Moretti

When quality and freshness

encourage customers

to shop every day

Quando qualità e freschezza

invogliano alla spesa

quotidiana

Federica Pagliarone

With its network of neighborhood shops as its distinguishing characteristic,

Sigma opts for expert local suppliers and focuses on reducing harvest to sales

counter times. A success story that has now lasted 50 years. A partner outlines

their strategies

Caratterizzato da una rete di negozi di vicinato, il gruppo Sigma punta su fornitori

qualificati del territorio e ad accorciare i tempi tra raccolta e messa in vendita dei

prodotti. Un bilancio positivo in 50 anni di attività. Le strategie raccontate da un

affiliato

With fifty years of success to its credit and a leading

role in large scale Italian retail distribution, Sigma takes

on 2012 the addition of five new distribution facilities

and a network of over 2,600 points of sale. We’re talking

about one of the largest wholly Italian organizations

of entrepreneurs in Italian retail distribution. A group

with a history that is worthy of note, composed of

companies with very different experiences, which nevertheless

share the same values: cooperation, development

and Italianness, which translate into quality

and freshness, localism and continuity. A sound,

robust group that has shown itself capable of adapting

to consumer needs, markets and territories while

remaining true to its original vocation: that of always

remaining close to its customers. A competitive forward-looking

group, that knows how to ensure a

secure future for its partners, as well as opportunities

for growth, through the synergy of strategic alliances.

Moretti, how did the Italian F&V sector do in 2011?

2011 was not a good year for fruit and veg. Indeed,

there were falls both in value and in volume of roughly

4%. These figures reflected the overall negative

trend in consumption last year. Vegetables in the

Con cinquant’anni di successi e un presente da leader

nella gdo, Sigma arriva al 2012 con l’ingresso di cinque

nuove strutture distributive e una rete di oltre 2.600

punti vendita. Stiamo parlando di una delle più grandi

organizzazioni interamente italiane d’imprenditori nel

panorama della grande distribuzione nazionale. Una

storia importante, tante diverse realtà che condividono

gli stessi valori: cooperazione, sviluppo e italianità che si

traducono in tradizione di qualità e freschezza, prossimità

e continuità dell’insegna nel tempo. Un gruppo solido

e forte, capace di adattarsi alle esigenze di consumi e

costumi, mercati e territori, restando fedele alla propria

vocazione originale: essere ogni giorno vicino ai consumatori.

Un gruppo competitivo e proiettato al futuro, che

sa garantire sicurezza e opportunità ai propri affiliati con

la forza di alleanze strategiche.

Moretti, qual é il bilancio 2011 dell’ortofrutta italiana?

Il 2011 non è stata un’annata felice per l’ortofrutta. Si è

registrato, infatti, un calo generale sia a valore, sia a

volume, di circa il 4%. Dati che sono lo specchio di un

complessivo trend dei consumi. Si distinguono le verdure

fresche di IV e V gamma che mantengono un trend di

leggera crescita. La frutta, invece, è la prima a segnare


fresh-cut and ready-to-eat ranges were an exception

to the rule and maintained a trend of slight growth.

Fruit did particularly badly, probably because of the

strange way in which the summer developed, with relatively

cool weather in May, June and July, which had

a negative impact above all on sales of red fruit.

Could you explain your management procedures

in the fresh produce sector?

If by that you mean the management of relationships

with suppliers, as Realco we are always on the look out

for suppliers with whom to establish partnerships who

are experts in their field so as to pool expertise and

offer the consumer a superior product. With a network

that consists mostly of neighborhood shops, which

must therefore meet customer needs on a more or less

daily basis, it is imperative that we guarantee our customers

the best in terms of quality and freshness.

What guidelines govern the organization of the

F&V department?

Everything revolves around attention to quality. Our

strengths are the daily delivery of the product, departments

which are always supervised and assisted by

the operator, including any recommendations made

to the client, and the large range of our product

assortment, especially of seasonal products. Where

possible, we try to work with local suppliers. By our

nature, we always look

for the best supplier in

the area most suited to

the production of a particular

item. This strategy

also goes for our “The

fruits of cooperation” initiative,

which is designed

to do just that. Moreover,

we give great importance

to marketing initiatives

that explain this

added value to the consumer:

why we have

chosen a certain product

from a specific area and

why that particular supplier.

Tell us about your logistics,

one of the mainstays

of the fresh produce

industry. How are

your logistics structured

operationally?

Our logistics are geared

to ensuring that as little

time as possible passes

performance peggiori, probabilmente a causa dello strano

andamento della scorsa stagione estiva, con maggio,

giugno e luglio non caldissimi che hanno influenzato

le vendite soprattutto nel segmento della frutta rossa.

Ci spiega in che modo gestisce i processi del settore

del fresco?

Se s’intende la gestione dei rapporti con i fornitori,

come Realco cerchiamo sempre più fornitori qualificati

con cui si attivano rapporti di partnership così da unire

le competenze per poter proporre al consumatore un

prodotto qualitativamente superiore. Con una rete formata

per lo più da negozi di vicinato, che devono quindi

rispondere alle esigenze di una spesa pressoché quotidiana,

dobbiamo garantire ai nostri consumatori il massimo

della qualità e della freschezza.

Quali sono le direttive che regolano la vostra organizzazione

del reparto?

Tutto ruota intorno all’attenzione per la qualità. I nostri

punti di forza sono la consegna quotidiana del prodotto, i

reparti sempre seguiti e assistiti dall’operatore, anche per

eventuali consigli al cliente, la profondità di assortimento,

soprattutto per i prodotti di stagione. Dove possibile, inoltre,

si cerca di lavorare con fornitori locali. Per nostra

natura, siamo sempre alla ricerca del fornitore migliore

presente nella zona più vocata alla produzione di un

determinato articolo. Una strategia perseguita anche con

l’iniziativa “I frutti della cooperazione”,

che va proprio

in questo senso. Per noi è

inoltre molto importante

attivare iniziative di marketing

per spiegare al consumatore

questo valore

aggiunto: perché scegliamo

un determinato prodotto

di una specifica

zona e perché scegliamo

proprio quel fornitore.

Ci parli della logistica,

uno dei pilastri dell’industria

del fresco. Com’è

strutturata operativamente?

La logistica è improntata

a garantire che passi il

minor tempo possibile

dalla raccolta del prodotto

alla sua messa in vendita

sul banco. Circa il 70%

dei prodotti ortofrutticoli

che movimentiamo, sono

esposti sui banchi dei

punti vendita in meno di

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

51

isr/Sigma (Italy)

gdo/Sigma (Italia)


isr/Sigma (Italy)

gdo/Sigma (Italia)

between the harvesting of the product and when it is

offered for sale in the supermarket. About 70% of our

vegetables reach the sales counter within less than 24

hours of harvesting. When a request from a point of

sale is received in the morning, it is transmitted to the

suppliers by noon, and by the end of the day at the

latest, the produce is delivered to our warehouse, to

be divided and delivered to all stores by 08.00 the following

morning.

What kind of volumes are you handling?

In 2011, the Realco F&V warehouse handled 19 thousand

tonnes of fresh fruit and vegetables.

Do you think that cutting costs improves efficiency?

Cutting costs is definitely an imperative but should

not be sought at the expense of quality. Obviously we

are trying to save everywhere we can: we are doing so

by favouring local suppliers which means lower transport

costs, and through optimizing our means of

delivery to retail outlets, either by uniting products

with similar characteristics, or by using partitions

(dividing, for example, fruit and vegetables from meat)

in order to maintain the correct temperatures.

Large scale retailers have worked for years on

developing own-label products as a means of generating

customer loyalty. What policy are you pursuing?

All the retail chains have been engaged for some time

now in promoting own-label products. In this regard,

the Sigma Group is currently seeking to expand its

assortment of fresh-cut products and has achieved

good results, both in terms of sales and customer

approval, with the nine products now available.

What strategic levers are fundamental for remaining

competitive?

As far as Realco’s fruit and vegetable department is

concerned, as I have said, they are definitely quality,

freshness, trust, service, and the assortment offered.

What are you doing to meet the needs of the consumer?

We offer solutions to consumer demands and needs

52 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

24 ore dal momento della raccolta. In mattinata arriva la

richiesta da parte del punto vendita, entro mezzogiorno

lo trasmettiamo ai fornitori e massimo a fine della giornata

viene consegnata presso il nostro magazzino, per

essere poi suddivisa e consegnata a tutti i punti vendita

entro le 08.00 della mattina successiva.

Quanti sono i vostri volumi movimentati?

Nel 2011 il magazzino ortofrutta Realco ha movimentato

19mila tonnellate di ortofrutta fresca.

A suo avviso, abbattere i costi migliora l’efficienza?

Quello di abbattere i costi è sicuramente un imperativo

generale che però ritengo non debba andare a scapito

della qualità. Ovviamente si sta cercando di risparmiare

in tutti i modi: noi lo facciamo prediligendo fornitori locali,

con conseguenti minori costi di trasporto, e ottimizzando

i mezzi di consegna ai punti vendita, unendo in

un solo mezzo merceologie dalle caratteristiche simili, o

utilizzando paratie (per dividere ad esempio l’ortofrutta

dalle carni) per mantenere le temperature corrette.

La gdo lavora da anni in termini di marketing affinché

il proprio brand riesca ad essere un catalizzatore di

fiducia. Voi come vi muovete?

Tutte le insegne stanno lavorando da tempo per promuovere

i propri prodotti a marchio. Su questo il gruppo

Sigma sta cercando di ampliare l’assortimento dei

prodotti di IV gamma e, con le nove referenze ora disponibili,

si stanno ottenendo ottimi risultati in termini sia di

vendita, sia di gradimento da parte del consumatore.

Quali sono le leve strategiche che ritiene fondamentali

per la competitività aziendale?

Per quanto riguarda il comparto ortofrutta di Realco,

come detto, sono sicuramente qualità, freschezza, fiducia,

servizio, assortimento proposto.

Che cosa fate per andare incontro alle esigenze del

consumatore?

Offriamo risposte alle richieste e alle esigenze, come per

esempio quella di prodotti, anche di prima gamma, ma

già confezionati e in piccole quantità, per soddisfare i

bisogni del single o del piccolo nucleo famigliare, o di chi

vuole acquistare prodotti senza dover perdere tempo a

sceglierli e pesarli.

Siete attenti alle tendenze del mercato?

Non solo siamo attenti analizzando l’andamento del

mercato anche grazie ad aziende di raccolta dati (ad

esempio Iri), ma spesso cerchiamo anche di prevenire i

trend e anticipare la risposta migliore al consumatore.

L’inclinazione all’innovazione è parte integrante della

vostra filosofia aziendale?

Diciamo di sì. Siamo costantemente attenti anche per


such as that for fresh primary produce packaged in

small quantities to meet the needs of singles or of a

small family unit, or of those who want to purchase

products without having to waste time in choosing

and weighing them.

Are you attentive to market trends?

Not only are we highly attentive to them, careful analyzing

market trends thanks to data collection companies

(eg IRI), but we often try to forecast and anticipate

consumer demands so as to meet them in the

best possible way.

Does an inclination to innovate form an integral

part of your company philosophy?

I would say so. We are constantly on the alert to

change because we are talking about a department

that has evolved constantly over the years in terms of

the product assortment it offers, in presentation, in

methods of preservation and with the arrival of readyto-eat

products, like smoothies and salads, in line

with the times which have led and will lead to profound

changes in consumer eating habits.

Do you concentrate more on price or quality?

We aim to strike the right balance between the two,

but if I have to say which has more weight, it definitely

has to be quality.

How is your company placed with regard to your

competitors?

Given that we are characterized by a neighborhood

format and that we cannot compete with the large

hypermarkets, we try to distinguish ourselves from

our real competitors in terms of quality, service and

the freshness of our produce.

How much do you invest in communication? Does

promotional activity impact in a significant way on

your sales?

In recent years, as Realco, we have definitely

increased our commitment to communication. Rather

than the traditional leaflet, however, we strive to provide

information that is as complete as possible in

order to enable our clients to understand what we

offer and why we have choosen a certain product and

a particular supplier.

Projects and priorities for the near future?

We will continue with the strategy that we have implemented

thus far, focusing on quality and a high level

of service and providing the consumer with real solutions

that can rapidly satisfy their daily shopping

requirements with the best possible quality-priceratio.

(English version by Lawrence Smith)

ché parliamo di un comparto che negli anni ha vissuto

una costante evoluzione sia nella presentazione, sia

nella proposta assortimentale, sia nella conservazione,

con l’arrivo anche di prodotti pronti da consumare,

come frullati e macedonie, in linea con i tempi moderni

che hanno portato, e porteranno, a profondi cambiamenti

nelle abitudini alimentari dei consumatori.

Puntate di più sulla qualità o sul prezzo?

In realtà puntiamo a un giusto equilibrio tra le due voci,

ma se dobbiamo dire quale delle due abbia un peso

maggiore, questa è sicuramente la qualità.

Come si profila la vostra azienda rispetto alla concorrenza?

Partendo dal presupposto che noi siamo caratterizzati

da un format di vicinato, e che non possiamo quindi

competere con gli ipermercati di grandi dimensioni, cerchiamo

di distinguerci dai nostri reali competitor per

qualità, servizio e cura del fresco.

Quanto investite in comunicazione? È rilevante l’incidenza

dell’attività promozionale sul vostro fatturato?

Come Realco, negli ultimi anni è sicuramente cresciuto

il nostro impegno in comunicazione. Più che sul classico

volantino, però, puntiamo a fornire un’informazione

più completa possibile ai nostri consumatori per far loro

capire cosa proponiamo e perché scegliamo un certo

prodotto e un determinato fornitore.

Progetti e obiettivi prioritari per il prossimo futuro?

Proseguiremo nella strategia finora messa in pratica,

puntando su qualità e alto livello di servizio e offrendo al

consumatore risposte concrete per una spesa quotidiana,

veloce e caratterizzata dal migliore rapporto qualità/prezzo.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

53

isr/Sigma (Italy)

gdo/Sigma (Italia)


Quality assurance throughout

the whole supply chain

Dal seme al prodotto, i controlli

che garantiscono la qualità

Federica Pagliarone

Silvio Pierdomenico, quality manager at Ambruosi & Viscardi

Silvio Pierdomenico, responsabile qualità dell’azienda Ambruosi & Viscardi

The company Ambruosi & Viscardi has specialized

in vegetables, lettuce and endive productions

(smooth and curled endive, red and green chicory).

Thanks to the strong expertise of the owners, the firm

is able to stand out from other trading companies in

the F&V sector. Over the years it has modernized by

improving its planning skills and rationalizing the use

of machineries, means of transportation, and human

resources.

Moreover, it has invested in salad

processing facilities and trained qualified

personnel in each sector of the

production in order to ensure quality

all the year round and convey to the

product the love and the commitment

the owners have for the land and

Italian farming tradition.

Leading business in the F&V and

fresh-cut sectors, in 2012 the firm

has launched its ready-to-eat production

in order to meet the needs of

those customers who lack time but

still ask for quality goods at a competitive

price. Silvio Pierdomenico is

the company’s quality manager.

54 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

The company Ambruosi & Viscardi has been working in

the vegetable business since 1982 conjugating technology

with the roots of farming culture. This year’s news:

Ready-to-eat products for those customers lacking time

L’azienda Ambruosi & Viscardi, operativa nel settore orticolo

da 1982, ha saputo coniugare tecnologia e radici della

cultura agricola. Novità di quest’anno: la nuova produzione

di V gamma per chi ha meno tempo

L

’Azienda agricola Ambruosi & Viscardi è specializzata

nella produzione d’insalate (riccia, scarola, radicchio,

pan di zucchero) e di verdure. Attraverso l’esperienza più

che ventennale dei propri soci mira a distinguersi tra le

grandi aziende distributrici di prodotti ortofrutticoli. Non a

caso, nel corso degli anni, ha modernizzato la propria

organizzazione, potenziando le capacità di programmazione

e razionalizzando l’uso dei mezzi meccanici e di

trasporto e delle risorse umane.

Ha, inoltre, investito risorse in strutture

per la lavorazione e la trasformazione

dell’insalata, ha formato personale

capace e preparato in ogni settore

produttivo e investito nella ricerca della

qualità costante e garantita per 365

giorni l’anno. Tutto ciò, senza dimenticare

le radici della cultura agricola,

quelle che sanno trasferire nelle produzioni

tutto l’amore per la terra e il calore

della migliore tradizione contadina.

L’azienda, già leader della I e IV gamma,

nel 2012 ha lanciato la nuova produzione

V gamma per venire incontro alle esigenze

dei consumatori che hanno

meno tempo e desiderano prodotti di


Which varieties have given you the greatest satisfaction?

We believe that it is essential for each variety to meet

the highest standards in terms of yield, waste percentage

and shelf-life. Of course this must be combined

with careful planning. Nowadays, any seed producer

can give us varieties for every time of the year,

it is up to us to grow them at best in order to get a

good harvest. Furthermore, market analyses tell us

that during the last years the so-called “blond” varieties

have become very popular because of their

sweet and delicate taste if compared to the dark-colored

ones. We are also registering an upward trend

concerning the production and distribution of vegetables

and baby leaf salads.

And which ones are more problematic?

The most critical situations occur when the yield

doesn’t meet the expected quality and quantity standards

and in case of difficult storage because of the

particular features of a certain variety.

What volumes do you handle?

Throughout a year we handle about 10thousand tons

of salads, baby leaf salads and vegetables.

For some time now only certain leaf vegetables

are being used to prepare ready-to-eat salads.

Can you tell us about your choices?

During the last years the development of fresh-cut

varieties has gone hand in hand with the increase in

the consumption of fresh-cut products. Currently, we

choose “hybrid” varieties in as much as they can be

traded both in the F&V sector and in the fresh-cut

sector.

Your company employs low environmental impact

systems and techniques that ensure a higher prevention

of diseases and parasites. Can you please

explain further?

We use a farming method certified by our company

(every certification is available under www.ambruosiviscardi.it)

that consists in a series of actions and

solutions that help us prevent any issue in terms of

plant susceptibility to diseases and physiopathologies.

Any kind of action, from tilling to choosing the

proper biocide, is inspired by criteria of good farming

and by technical guidelines of biological pest

control farming at both national and regional level.

Every step is monitored by the company’s agronomy

department through the work of four technical

supervisors.

Where are your key outlets?

Domestically we refer in particular to wholesale

traders and to the big retail chains for both the F&V

qualità a costi contenuti. Silvio Pierdomenico è il responsabile

dell’azienda per l’assicurazione della qualità.

Quali sono le varietà che vi danno maggiori soddisfazioni?

Dal nostro punto di vista è indispensabile che le varietà

coltivate assicurino i più alti standard in fatto di resa in

campo, percentuale di scarto e conservabilità. Tutto ciò,

inoltre, deve essere abbinato a una minuziosa programmazione.

Ormai ogni produttore sementiero riesce a

darci varietà per ogni periodo dell’anno, sta a noi coltivarle

nelle condizioni migliori per ottenere buoni risultati.

C’è poi uno studio parallelo fatto in base alle richieste

dei mercati secondo cui, negli ultimi anni, tra le “adulte”

si sono imposte le varietà di colorazione chiara, le cosiddette

“bionde” che risultano più delicate e più dolci

rispetto alle varietà di colorazione più scura. Stiamo raggiungendo

ottimi risultati anche per quanto riguarda la

produzione e distribuzione di verdure e Baby leaft.

Quelle che invece presentano maggiore criticità?

Le maggiori criticità si presentano quando i risultati ottenuti

in campo non raggiungono standard qualitativi e

quantitativi sostenibili, e quando la conservazione, per

peculiarità della varietà, non è di facile attuazione.

Quanti sono i volumi movimentati?

Nell’arco di un anno movimentiamo circa 10mila tonnellate

tra insalate, insalatine e verdure.

Per gli ortaggi a foglie destinati alle insalate pronte, da

tempo vengono usate particolari varietà: ci parli delle

vostre scelte.

Lo sviluppo delle varietà specifiche per la IV gamma

negli ultimi anni è andato di pari passo con l’incremento

del consumo di IV gamma. Attualmente, le nostre scelte

ricadono su varietà che potremmo definire “ibride”,

cioè che ci consentono l’utilizzo sia sul mercato fresco

che sul mercato della IV gamma.

La vostra azienda ha adottato sistemi e tecniche a

basso impatto ambientale che assicurano una maggiore

prevenzione delle malattie e dei parassiti nelle

colture a vantaggio della loro salubrità. Ci spiega di

cosa si tratta?

Si tratta di un metodo di coltivazione, peraltro certificato

dall’azienda (tutti i certificati sono disponibili su

www.ambruosiviscardi.it), che consiste in una serie d’interventi

e accorgimenti agronomici che servono a prevenire

il più possibile le problematiche in termini di suscettività

della coltivazione a malattie e fisiopatie. Ogni tipo

d’intervento, dalla lavorazione dei terreni alla scelta dei

fitofarmaci, è ispirato dai criteri espressi dalle Buone

pratiche agricole e dalle Linee tecniche nazionali e regionali

di produzione integrata. Il tutto avviene sotto la

supervisione di quattro responsabili tecnici coordinati

dall’ufficio agronomico dell’azienda.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

55


and the fresh-cut sector. As for the export markets,

Switzerland and Holland account for 3% of our general

turnover in both sectors.

Your salads are grown with the use of biological

pest control. Do you analyze them before the harvest?

Our inner self-control system carries out a multiresidual

analysis that allows for harvesting any homogeneous

farming phitosanitary plot. Once the analysis

report is proved to be good, it is allowed to harvest

the plot.

The processing of fresh-cut salads is usually

divided into the following stages: removing external

leaves, cutting, cleaning, drying, and packaging.

Can you tell us about your experience? In

particular, which system do you employ in the

killing step to destroy the microbial contamination?

After removing the external leaves and cutting the

raw material, it is sent to a washing tank with a high

level of chlorine in order to destroy the greatest

microbial contamination, especially the pathogenic

one. Then, it is washed two more times with drinkable

water to be sent later to the spin-driers and the

packaging stage. In order to reduce the bacterial

contamination, every evening it is essential to disinfect

with specific and reliable products every device

and machinery.

In the fresh-cut sector environmental sustainability

is very important and is obtained through the

use of fully biodegradable packaging. What kind of

packaging do you use?

We use packaging (films and trays) in polypropylene

that is fully recyclable and certified from the point of

view of food safety.

Transparency throughout the production process

would give the customer more guarantees. How

do you respond to such needs?

Our processing plant as well as our fields – 95% of

the raw material that we use belongs to us – are open

to the public and to anybody who is interested in seeing

how we carry out the production. We have already

welcomed middle and high school classes, university

groups, consumer delegations, and big retail chains

clients. If you want to visit us all you have to do is to

get in touch with our Quality Department.

The vegetables used in the fresh-cut sector are

typically leaf vegetables like salads, but also

tubers, legumes, carrots, thick soups, and fruit.

Are you also thinking about widening your offer?

Of course we keep that project always in mind. Still,

56 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

Quali sono i vostri mercati di riferimento?

Il mercato interno nazionale per la I e per la IV gamma è

rivolto soprattutto a gdo e mercati generali. Un 3% del

fatturato è realizzato con i mercati esteri di Svizzera e

Olanda con entrambe le tipologie di prodotto.

Le vostre insalate, coltivate secondo un disciplinare di

produzione di lotta integrata, sono analizzate prima

della raccolta?

Il nostro sistema di autocontrollo interno prevede un’analisi

multiresiduale di sblocco per ogni lotto fitosanitario

omogeneo di coltivazione (l’analisi, cioè, abilita il lotto di

prelievo assieme ai lotti a seguire che siano stati trattati,

da un punto di vista fitosanitario, in maniera omogenea).

Una volta visualizzata la regolarità del referto di analisi, il

lotto a cui è riferito viene abilitato alla raccolta (sblocco).

Il processo di produzione dell’insalata di IV gamma è

generalmente diviso nelle fasi di mondatura, taglio,

lavaggio, asciugatura e confezionamento: ci descrive

la vostra esperienza? In particolare, che sistema

adottate per abbattere la carica batterica?

La materia prima mondata e tagliata viene inviata a una prima

vasca di lavaggio con un elevato tenore di cloro per l’abbattimento

della maggior parte della carica microbica soprattutto

di quella patogena. Poi, è sottoposta a due lavaggi

con acqua potabilizzata, cui seguono l’asciugatura in centrifuga

e il confezionamento. Rilevante, per il contenimento

della carica batterica, è la sanificazione che avviene tutte le

sere a fine lavorazione su tutte le attrezzature e i macchinari

in linea, utilizzando prodotti specifici e di alta affidabilità.

Importante, nella IV gamma, è la sostenibilità ambientale

attraverso l’uso di materiali da imballaggio completamente

biodegradabili. Quali imballaggi utilizzate

per confezionare i prodotti?

Si utilizzano imballaggi (film e vaschette) in polipropilene,

materiale completamente riciclabile e dotato di tutti gli

attestati relativi all’alimentare.

Per offrire una maggiore garanzia al consumatore

sarebbe necessaria la trasparenza di tutto il processo

produttivo. Come rispondete a questa necessità?

Lo stabilimento di trasformazione, così come i campi di produzione

che ci appartengono per il 95% della materia prima

utilizzata, sono aperti al pubblico e a chiunque fosse interessato

a vedere il nostro modo di produrre. Abbiamo già ospitato

scolaresche di scuole medie, istituti superiori e università,

così come delegazioni di consumatori e clienti gdo. È

sufficiente mettersi in contatto con il nostro Ufficio Qualità.

I prodotti utilizzati per la IV gamma sono principalmente

ortaggi a foglia come le insalate, ma anche

tuberi, legumi, carote, minestroni e frutta. Pensate

anche voi di ampliare la gamma?

Il progetto di allargare la gamma dei prodotti è sempre


we believe that it is useful only if we are able to plan,

grow, and control our production, so that we keep the

highest quality standards.

Can you tell us about logistics, one of the pillars of

fresh-market foods? How do you structure it operatively?

Both domestically and internationally we refer to highly

qualified freight companies or cooperatives that are

a guarantee of care in one of the most critical stages

of the entire supply chain, that is to say keeping the

cold chain intact. We check the temperature from

when the product leaves our storeroom until it reaches

the final customer.

Do you think that cutting costs improves efficiency?

Broadly speaking I don’t think so. Sometimes cutting

costs is only intended at saving money. Efficiency

depends on a good general organization, a properly

trained staff and above all a careful planning that goes

from choosing the varieties, the production site and

the farming technique to rationalizing the company’s

transportations.

Do you keep an eye on market trends?

We definitely have to. It is necessary to pay attention

to every signal coming from the market because

many future business choices depend on its interpretation.

Is innovation an integral part of the company culture?

Of course it is. In recent years innovation has allowed

us to increase our productivity and product reliability.

Lately, we have paid great attention to the application

field of machinery for detachment and expulsion of

foreign bodies which is another critical stage in the

fresh-cut sector.

Do you rely more on quality or on price?

We think that recently the market has acknowledged

the quality of our products and we believe that this is

the only possible way opened for us in the future. But,

by constantly following the economies of scale we will

also be able to make profit while keeping a competitive

price for our customers.

What are your best-selling items beyond the freshcut

products?

The “adult” salads that are part of our best seller, the

“Poker” made up of endives (both curled endive and

escarole) and chicories (red and green).

Projects for the neat future?

We’ll concentrate on the ready-to-eat sector (precooked

vegetables, corn, and carrots).

(English version by David Verzoni)

vivo. È nostra ferma convinzione, però, che sia utile

applicarlo alle sole produzioni che siamo in grado di programmare,

coltivare e controllare, mantenendo così il

livello qualitativo più alto possibile.

Ci parli della logistica, uno dei pilastri dell’industria del

fresco. Com’è strutturata operativamente?

Per la distribuzione sul territorio nazionale ed estero ci si

affida a società terze o a cooperative di trasporti altamente

qualificate che riescano a garantirci la cura di uno

dei punti più delicati dell’intera filiera che è quello del

mantenimento della catena del freddo. Controlli sulle

temperature di trasporto sono attuati alla partenza del

prodotto dal nostro magazzino e lungo tutto il percorso,

fino al cliente finale.

A suo avviso, abbattere i costi migliora l’efficienza?

In linea di massima no. Ci sono degli ambiti in cui economizzare

sui costi ha solo un risvolto economico di

risparmio. L’efficienza passa attraverso una buona organizzazione

generale e personale adeguatamente formato

e, soprattutto, con una programmazione meticolosa

e attenta che va dalla scelta varietale a quella dei siti

produttivi, dalla tecnica colturale alla razionalizzazione

dei trasporti aziendali.

Siete attenti alle tendenze del mercato?

E come non esserlo. I segnali dal mercato vanno accolti

tutti con estrema attenzione: dalla loro interpretazione

dipendono molte delle scelte imprenditoriali future.

L’innovazione è parte integrante della vostra filosofia

aziendale?

Certamente: la tecnologia ci ha permesso negli ultimi

anni di aumentare produttività e affidabilità dei prodotti.

Ultimamente rivolgiamo molta attenzione al campo di

applicazione delle macchine per il controllo ed espulsione

dei corpi estranei, altro punto molto delicato della

produzione di IV gamma.

Puntate di più sulla qualità o sul prezzo?

Riteniamo che il mercato negli ultimi anni ci abbia premiato

riconoscendo la qualità dei nostri prodotti.

Pensiamo sia l’unica strada percorribile anche in futuro.

Le economie di scala costantemente perseguite ci aiuteranno

a mantenere anche un prezzo remunerativo per

l’impresa e accettabile dal nostro cliente.

Quali sono i vostri prodotti di punta oltre alla IV gamma?

Le insalate “adulte” cioè quelle che fanno parte del prodotto

più venduto che è il “Poker” composto da indivie

(riccia e scarola) e cicorie ( radicchio e pan di zucchero).

Progetti per il prossimo futuro?

Rivolgere l’attenzione ai prodotti di V gamma (verdure,

mais e carote precotte).

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

57


24-26 may 2012/the Hague

Europatat returns

to Holland

24-26 maggio 2012/L’Aja

Europatat torna

in Olanda

The most important convention of the European potato industry

will be held from 24 to 26 may at The Hague. A more explicit title

“The potato comes home”, would be hard to imagine since this

tuber is a traditional staple of the Dutch diet.

The yearly congress is a good opportunity to take stock of international

food industry trends and glimpse new ideas as they take

shape. The congress has a number of interesting talks lined up:

Hans Steenbergen of Inspiration Food, Trendwatcher, Jan Willem

Grievink (service chief of the Food Institute, the Netherlands) and

Anton Haverkort (researcher with Potato Research International).

(DV)

For more information: www.europatatcongress.eu

Il congresso europeo più importante nel settore delle patate si svolgerà

dal 24 al 26 maggio a L’Aja. Esplicito il titolo della manifestazione,

“La patata torna a casa”, nei Paesi Bassi dove, tradizionalmente,

le patate hanno un ruolo di primo piano.

L’annuale incontro sarà occasione per fare il punto sulle tendenze

alimentari internazionali e per fornire nuove idee all’industria.

Diversi gli appuntamenti in programma. Tra i relatori, tre noti

esperti del settore: Hans Steenbergen (Inspiration Food,

Trendwatcher), Jan Willem Grievink (direttore del servizio Food

Institute, Olanda) e Anton Haverkort (ricercatore del Potato

Research International).

Per informazioni: www.europatatcongress.eu


commercial news

le aziende informano

Seminis and De Ruiter, the new Monsanto’s brands

Seminis e De Ruiter, nuovi marchi Monsanto

The chef Guus Vredenburg during the sampling of peppers.

Lo chef Guus Vredenburg durante la degustazione dei peperoni.

The Monsanto’s Vegetable Seeds Division

presented the new brands, De Ruiter

and Seminis®, during the 2012 edition of

Fruit Logistica, showing also the working

team and the brand strategies. Among the

innovative products showed, there is

Beneforté®, new broccoli, Frescada and

Salaverde®, two new lettuces.

Monsanto lives the Food and vegetables

sector through a synergy among all the

partners of the supply chain and it has the

goal to support all the partners all along the

Monsanto’s stand at Fruit Logistica 2012.

Lo stand Monsanto a Fruit Logistica 2012

60 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

whole process, from seed supplying to the

dish. A specialized group of managers of the

supply chain showed Monsanto’s strategy

to follow its own customers, during Fruit

Logistica. Sean Gardner, vegetables supply

chain manger Europe, Middle East, Africa,

explained: «Our Group is made up of professional

men that optimize the process, by

searching solutions and stimulating the

cooperation of the whole supply chain».

Agriculture and customers are the heart of

Monsanto’s strategies. The goal is to help

customers in meeting the market needs

profitably and to supply them exactly

what they demand to a seeds company.

From this point of view, Monsanto has

introduced the renewed brands Seminis

and De Ruiter, which repositioning has

been favourably welcomed by the market.

Breeders turn to a sole target and they

have precise conditions of production;

they have to be satisfied by means of

suitable product performances that have

to meet the conditions of cultivation.

Therefore, Seminis is the line devoted to

full field and cold greenhouse products,

while De Ruiter is focused on warm

greenhouse and grafting products.

The brand is Monsanto’s promise to its

customers in terms of value. Such a

promise for both Seminis and De Ruiter is

an exceptional potential of growth. With

Seminis, Monsanto wants to give to

breeders the freedom of concentrating on

their own targets and on their own real

passions, of cultivating the best products,

of increasing their own business and of

building up a brilliant future. With De

Ruiter, the multinational company wants

to supply to breeders the pride of cultivating

big products and to put them on the

market with pleasure.

Beneforté® is the new broccoli, vegetables

among the richest in nourishment,

present in the top ten of the most beneficial

foods for our body. Beneforté® is

more than broccoli, it’s the result of more

than 10 years of crossbreed tests and

selections, to match up the best features

of normal cropped broccoli with those of

semi-wild broccoli that can be found in

the South of Italy. As a matter of fact, this

broccoli has an accentuated ability to

produce phytonourishments such as the

glucoraphanin. Beneforté® was one of

Monsanto’s novelties at Fruit Logistica.

Frescada® is the new lettuce variety that

in sampling tests liked a lot to those consumers

who usually appreciate Iceberg

and Romana. As far as the first is concerned,

Frescada is more aromatic, it has

a brighter green colour and it is more


nourishing; as regards the second one, it

is crispier and juicier, it is less bitterish

and it has a sweet aroma.

Salaverde® has the same taste as butter

head, but it has crispier leaves. Because

of its shape and firmness, it has the same

positioning as the butter head type. It

matches up the excellent quality of

Romana with the Cabbage: it has the heart

of the second and the long shape of the

former. The leaves are tender but, at the

same time, deliciously crispy; the heart is

bright yellow, the external leaves are

green. Salaverde is a Behr’s patented

brand.

Finally, by the new Monsanto’s proposals,

the chef and food designer Guus

Vredenburg gave birth to a tasting experience

by proposing delicious snacks that

revealed the different flavours of tomatoes

and peppers. In particular, Vredenburg

organized a testing workshop on peppers,

for some excellent partners, together with

the Wur, by which he brought them to discover

special tastes and fragrances in different

kinds of peppers.

For further information:

www.monsanto.com/li vingproof

(English version by Ilaria Nanni)

La Divisione Vegetable Seeds di Monsanto

ha presentato i nuovi marchi, De RuiterTM e

Seminis®, all’edizione 2012 di Fruit

Logistica, illustrando anche il gruppo di

lavoro e la strategia di marchio. Fra i prodotti

innovativi esposti, ci sono Beneforté®,

nuovo broccolo, e Frescada e Salaverde®,

due lattughe novità.

Monsanto vive il settore Food and vegetables

attraverso una sinergia fra tutti i partner

della filiera e ha come obiettivo quello

di supportare tutti i partner lungo tutto il

processo, dalla fornitura del seme fino al

piatto. Un gruppo specializzato di manager

di fileira ha illustrato durante Fuit Logistica

la strategia Monsanto per seguire i propri

clienti. Sean Gardner, direttore di filiera

ortaggi Europa, Medio Oriente, Africa, ha

spiegato: «Il nostro gruppo è formato da

professionisti che ottimizzano il processo,

ricercando soluzioni e stimolando la collaborazione

nell’intera filiera».

Agricoltura e clienti sono il cuore delle strategie

Monsanto. L’obiettivo è quello di aiutare

i clienti a soddisfare vantaggiosamente

le esigenze del mercato e fornire loro

proprio ciò che chiedono a una compagnia

sementiera orticola. In quest’ottica,

Monsanto ha introdotto i rinnovati marchi

Seminis e De Ruiter, il cui riposizionamento

è stato accolto molto bene dal mercato.

I produttori si rivolgono a un unico obiettivo

e possiedono precise condizioni produttive,

e vanno soddisfatti attraverso adeguate performance

di prodotto che incontrino le condizioni

colturali. Da questo punto di vista,

Seminis è la linea dedicata ai prodotti di

pieno campo e di serra fredda, mentre De

Ruiter è focalizzata sui prodotti per serra

calda e innesto.

Il marchio è la promessa di Monsanto ai

propri clienti in termini di valore. Questa

promessa per Seminis come per De Ruiter

presenta un eccezionale potenziale di crescita.

Con Seminis Monsanto vuole dare ai

produttori la libertà di concentrarsi sui propri

obiettivi e sulle proprie reali passioni, di

coltivare i migliori prodotti, di incrementare i

propri affari e di costruire un ottimo futuro.

Con De Ruiter la multinazionale intende fornire

ai produttori l’orgoglio di coltivare grandi

prodotti e la soddisfazione di proporli al

mercato.

Beneforté® è un nuovo broccolo, ortaggio

fra i più ricchi di sostanze nutrienti, presente

nella top ten degli alimenti in assoluto più

benefici per l’organismo. Beneforté è più di

un broccolo, è il risultato di oltre 10 anni di

prove d’incrocio e selezione per combinare

le migliori caratteristiche dei normali broccoli

coltivati con quelle dei broccoli semiselvatici

reperibili nel Sud Italia: questi broccoli,

infatti, hanno un’accentuata capacità di

Frescada, nuova lattuga a marchio Seminis.

Frescada, the new lettuce branded Seminis

produrre fitonutrienti come la glucorafanina.

Beneforté è una delle novità Monsanto a

Fruit Logistica.

Frescada® è una nuova varietà di lattuga

che nei test d’assaggio è piaciuta ai consumatori

che normalmente apprezzano la

Iceberg e a quelli che amano la Romana.

Rispetto alla prima, Frescada è più aromatica,

ha un colore più verde ed è più nutriente;

rispetto alla seconda ha una consistenza

più croccante e succosa, è meno amarognola

e ha un aroma dolce.

Salaverde® ha il sapore della testa di burro

ma foglie croccanti. Per la sua forma e consistenza

si posiziona come conveniente

tipologia di testa di burro. Combina le eccellenti

qualità della Romana e della

Cappuccio: ha il cuore della seconda e le

forme allungate della prima. Le foglie sono

tenere ma al tempo stesso deliziosamente

croccanti, il cuore è giallo brillante, le foglie

esterne sono verdi. Salaverde è un marchio

registrato Behr.

Infine, con le nuove proposte Monsanto lo

chef e food designer Guus Vredenburg ha

dato vita a un’esperienza gustativa proponendo

deliziosi snack che hanno rivelato i

diversi sapori di pomodori e peperoni. In

particolare Vredenburg ha organizzato un

workshop esperienziale sui peperoni, insieme

con il Wur, per alcuni dei partner d’eccellenza,

attraverso il quale li ha portati a

scoprire speciali sapori e aromi nei diversi

tipi di peperoni.

Per informazioni:

www.monsanto.com/livingproof

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

61

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

Angello won the Flia 2012

Angello vince il Flia 2012

Angello, a sweet seedless pepper by

Syngenta, won the Innovation Award

(Flia), an important and prestigious award

for the fruit and vegetable sector, at Fruit

Logistica 2012, voted by visitors among

10 of the most innovative products and

services of the year, during three days of

the showroom in Berlin.

Fruit of the constant work of Research &

development of Syngenta, oriented to

meet the modern and demanding consumers’

needs and tastes, Angello is the

first sweet and seedless pepper worldwide,

«a product extraordinarily sweet and

delightful (+25% of taste as regards the

standards of marketed peppers), rich in C

vitamin, able to meet and win the favour

of all the people that even don’t like peppers.

It lends itself to the most disparate

gastronomical specialities and it is excellent

to be eaten as a side dish, as a snack

or, covered with chocolate, as a dessert as

well» said Elena Ozeritskayam regional

marketing specialist at Syngenta.

Angello will be sold to consumers by the

brand having the same name and, besides

the absolute novelty to be seedless; it’s

the first snack-size pepper that makes it

particularly suitable to be eaten in different

situations and moments of the day.

The visitors of Syngenta’s stand, coming

from all over the world, and the 75% of

the 600 consumers sample interviewed in

Holland and in the United Kingdom much

appreciated this product; in particular the

deep red colour and the typical coneshape

that makes it very attractive, as

well as its taste and crispness.

«Angello pepper offers an excellent combination

of sensory experiences: it’s

crispy, it has excellent organoleptic features,

it’s sweet and everybody likes it. It’s

not only a product, but also a complete

gustative experience» said Luciano

Fioramonti, downstream business development

manager at Syngenta; who

added: «Angello is not only a pepper, but

also a new umbrella brand of Syngenta

that means vegetables by high innovation

content. Angello is the synonym of guarantee,

of unique gustative experiences of

62 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

sustainable products and of high-rate of

quality for consumers».

«The candidature in 2011 of the date

tomato Angelle and the acknowledgment

of such a prestigious award in 2012, by

the Angello pepper, represent the result

of years and years of testing on product

and of study for the most appreciated features

by consumers – finished Marco

Cantoni, head of vegetables at Syngenta,

in Italy – and these are the confirmations

of how the integration and the combination

between the use of updated technologies,

ad hoc planning quality, such as

Synergies for vegetable growing, and

deep comprehension of the supply chain

needs, can lead to the development of upto-date

products, welcomed with favour

by the market».

For further information: www.sygenta.it

(English version by Ilaria Nanni)

Angello, peperone dolce e senza semi di

Syngenta, ha vinto l’Innovation Award (Flia),

importante e prestigioso premio del settore

ortofrutticolo, a Fruit Logistica 2012, votato

dai visitatori durante i tre giorni della manifestazione

berlinese tra i 10 prodotti e servizi

più innovativi dell’anno.

Frutto del costante lavoro di Ricerca & sviluppo

di Syngenta finalizzato alla soddisfazione

delle necessità e dei gusti dei consumatori

più moderni ed esigenti, Angello è il

primo peperone al mondo dolce senza semi,

«un prodotto straordinariamente dolce e

gustoso (+25% di gusto rispetto allo standard

dei peperoni in commercio), ricco in

vitamina C, capace di incontrare il favore e

di conquistare anche tutti coloro che non

sono amanti dei peperoni. Si presta alle pre-

parazioni culinarie più disparate ed è ottimo

da gustare come contorno, come snack e,

ricoperto di cioccolato, persino come dessert»

ha affermato Elena Ozeritskaya, regional

marketing specialist di Syngenta.

Angello sarà venduto con l’omonimo marchio

al consumatore e, oltre alla novità

assoluta di essere senza semi, è il primo

peperone snack-size che lo rende particolarmente

adatto al consumo in diverse

situazioni e momenti della giornata. I visitatori

di tutto il mondo in visita allo stand di

Syngenta e il 75% del campione di 600

consumatori intervistati in Olanda e nel

Regno Unito hanno molto gradito questo

prodotto apprezzandone in modo particolare,

oltre al gusto e alla croccantezza, il colore

rosso intenso e la caratteristica forma

conica che lo rendono particolarmente

attraente.

«Il peperone Angello offre un’eccezionale

combinazione di esperienze sensoriali: è

croccante, ha qualità organolettiche eccellenti,

è dolce e piace a tutti. Non si tratta

solo di un prodotto, ma di un’esperienza

gustativa completa» ha dichiarato Luciano

Fioramonti, downstream business development

manager di Syngenta, che ha aggiunto:

«Angello non è solo un peperone, ma è il

nuovo umbrella brand di Syngenta che identifica

prodotti orticoli ad alto contenuto di

innovazione. Angello è sinonimo e garanzia

per i consumatori di esperienze gustative

uniche di prodotti sostenibili, di qualità elevata».

«La candidatura nel 2011 del pomodoro datterino

Angelle e il riconoscimento di questo

prestigioso premio nel 2012 con il peperone

Angello rappresentano i risultati di anni di


sperimentazione sul prodotto e di studio

delle caratteristiche più gradite ai consumatori

– ha concluso Marco Cantoni, head of

vegetables di Syngenta in Italia – e sono la

Lrt, important contacts at Fruit Logistica 2012

Lrt, importanti contatti al Fruit Logistica 2012

«A prestigious showcase that allowed us

to get very important contacts and to lay

the foundations of new and interesting

agreements», this was the comment of

Riccardo Boccone, managing director at

Leghorn Reefer Terminal, the second

structure all over Italy as for unloading

and handling of cool goods, which started

up its activity last September. The stand of

Leghorn, in which took also part the

Harbour Authorities of Leghorn and the

Chamber of Commerce, had a great success

among the visitors, who were sometimes

surprised in getting to know that in

Leghorn there is such a big facility – more

than 11 thousand square metres of covered

warehouse, at controlled temperature

–, very up-to-date and devoted to this

kind of goods traffic.

The workers of the Reefer had a chance to

get in touch with the representatives of

leading trademarks worldwide, such as

Dole and Del Monte, with whom they

already have important contracts in course,

but they also had the opportunity to talk

about new perspectives. With the multinational

company Del Monte, in 2012, the

Leghorn Reefer Terminal has started an

important traffic of bananas, pineapples

and melons, and the American multinational

company has declared that it wants to

stake on Leghorn as the main supplying

centre of its own fruits, in Italy. As far as

Dole is concerned, following the decision to

transfer its own traffic of goods on container

ships, it has decided, however, to bring

to the Lrt an important part of its freight

that will arrive in two ways: directly to the

port of call and from La Spezia.

The bananas coming from La Spezia are

organic crops and not all the terminal

reefers are qualified to handle such a kind

of produce. «The new Lrt – pointed out

Boccone – is endowed with features that

conferma di come l’integrazione e la combinazione

tra impiego di tecnologie avanzate,

progettualità ad hoc come Sinergie per l’orticoltura,

e profonda comprensione delle esi-

allowed it to receive and handle organic

products too, and such a characteristic

was also required by the contacts we had

during the Fair in Berlin».

As the MD at Lrt said, another aspect that

has characterized the main trend of cool

products handling is the prevalence of

container: «Either from the meetings we

had or from the conferences, it came out

that the biggest demand of transport turns

around containers – said Boccone –. This

implies that the potentialities of a terminal

reefer must absolutely match with suitable

structural and infrastructural features

of the harbour as a whole. For instance,

the tight closeness of the Leghorn Reefer

Terminal to the “Terminal Darsena Tosca -

na”, one of the most important container

port of call in the Mediterranean Sea, represents

for us a decisive factor to attract

the big traders that handle fruit».

For further information: www.livorno-rt.it.

(English version by Ilaria Nanni)

«Una vetrina prestigiosa che ci ha permesso

di prendere importantissimi contatti e di gettare

le basi per nuovi interessanti accordi»,

così ha commentato Riccardo Boccone,

amministratore delegato di Livorno Reefer

Terminal, la seconda struttura in Italia per lo

sbarco e movimentazione di prodotti refrigerati

che è entrata in operatività lo scorso

settembre. Lo stand livornese, a cui hanno

partecipato insieme a Lrt anche l’Autorità

portuale di Livorno e la Camera di commercio,

ha riscosso notevole successo di pubblico,

talvolta piacevolmente sorpreso nel

sapere che a Livorno è presente una struttura

così grande – oltre 11mila mq di

magazzino coperto a temperatura controllata

– e modernissima dedicata a questa tipologia

di traffico.

Gli operatori del Reefer hanno avuto occasione

di contattare i rappresentanti di marchi

leader a livello mondiale, tra cui Dole e

genze della filiera, possano condurre allo sviluppo

di prodotti all’avanguardia, accolti con

favore dal mercato».

Per informazioni: www.syngenta.it

Del Monte, con i quali hanno già importanti

contratti in corso, ma con cui hanno avuto

modo di parlare di nuove prospettive. Con la

multinazionale Del Monte, il Livorno Reefer

Terminal ha avviato nel 2012 un importante

traffico di banane, ananas e meloni e la

multinazionale americana ha dichiarato di

voler puntare su Livorno come principale

centro di distribuzione della propria frutta in

Italia. Quanto alla Dole, a seguito della decisione

di trasferire il proprio traffico su navi

container, ha comunque stabilito di portare

in Lrt un importante parte del carico che

arriverà in duplice modo: direttamente allo

scalo labronico e dalla Spezia.

Le banane provenienti dalla Spezia sono da

coltivazione biologica e non tutti i terminal

reefer sono abilitati a movimentare questo

tipo di prodotto. «Il nuovo terminal Lrt – ha

precisato Boccone – è dotato di caratteristiche

che permettono di ricevere e movimentare

anche i prodotti biologici e questa

caratteristica è stata richiesta anche nei

contatti emersi nel corso della Fiera di

Berlino».

Un altro aspetto che, come ha rilevato l’ad di

Lrt, ha caratterizzato il trend prevalente nella

movimentazione del refrigerato è la predominanza

del contenitore: «Sia dagli incontri

effettuati che dai convegni è emerso che la

maggiore richiesta di trasporto ruota attorno

al container – ha spiegato Boccone –.

Questo comporta che le potenzialità di un

terminal reefer devono necessariamente

essere accompagnate da adeguate caratteristiche

strutturali e infrastrutturali del porto

nel suo insieme. La stretta vicinanza per

esempio del Livorno Reefer Terminal al

Terminal Darsena Toscana, uno dei più

importanti scali container nel Mediterraneo,

rappresenta per noi un fattore determinante

per l’attrazione di grandi operatori che movimentano

frutta».

Per informazioni: www.livorno-rt.it

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

63

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

RZ Sabelle, the new aubergine

RZ Sabelle, melanzana novità

It has a strong and very fruitful plant.

La pianta è di buon vigore, decisamente

produttiva.

Rijk Zwaan Italia, the branch of the multinational

Dutch company having the same

name, the leading seed selector firm in

research, production and marketing of

first-rate horticultural seeds, introduced

the Sabelle RZ variety, a new type of “violet

round” aubergine connoted by richness

in anthocyans, which help in having an

elegant fruit, with bright violet colour, very

appealing for consumers as far as sight

and taste are concerned.

Sabelle RZ is the last release of a nonstop

and always improving variety offer, of

safe quality, by which the multinational

company wants to meet the aubergine

market needs, through innovation and the

rediscovery of tradition, as well as the

present and future trends of consumption.

Sabelle RZ is on the market from May to

Sensational Flavours

Sensational Flavours

Particularly suitable

to be grilled,

Sabelle RZ is

part of the

Sensational

Flavours, the Rijk

Zwaan’s line of vegetables

excellence, an exclusive selection

of varieties with extraordinary taste

and unique taste, selected by experts

for the happiness of consumers’ taste.

64 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2012

October, and it has a

good strength, very fruitful,

able to assure certain

uniformity to fruits, which

are homogeneous and bright

and which boast an excellent firmness,

by thick and white coloured paste.

In brief, the company introduces – in a

traditional segment such as that of

aubergine is – new concepts of quality of

the fruit and, not for chance, Sabelle RZ is

already a category benchmark, an ideal

product for a rich and tasty diet, so more

and more attractive either for the Italian

consumers or suppliers.

For further information: Secretary’s office

Rijk Zwaan Italia, Letizia Bonfiglioli,

phone: +39 051 729448, rijkzwaanitaly@rijkzwaan.it,

www.rijkzwaan.it.

(English version by Ilaria Nanni)

Rijk Zwaan Italia, filiale dell’omonima multinazionale

olandese leader nella ricerca, produzione

e commercializzazione di sementi

orticole di alta qualità, ha introdotto la

varietà Sabelle RZ, novità relativa alla tipologia

“violetta tonda” che si connota per la

particolare ricchezza di antociani, che contribuiscono

a ottenere un frutto elegante,

dal colore viola lucente, fortemente appealing

per il consumatore sul piano visivo,

oltre che in termini di sapore gratificante.

Sabelle RZ rappresenta l’ultima release di

una continua e crescente proposta varieta-

All these are premium products, and

they offer an important value added to

both breeders and suppliers. (I.N.)

Particolarmente idonea per essere cucinata

alla griglia, Sabelle RZ fa parte di

Sensational Flavours, linea di eccellenze

orticole Rijk Zwaan, un’esclusiva selezione

di varietà dal sapore straordinario e dal

gusto unico, selezionate da esperti per la

gioia del palato dei consumatori.

Posizionandosi in fascia premium, tutti i

Sabelle RZ is the new round and

violet aubergine by excellent taste.

Sabelle RZ è una nuova melanzana

tonda violetta di gusto eccellente.

le di sicura qualità, mediante la

quale la multinazionale intende

soddisfare i bisogni del mercato

della melanzana attraverso l’innovazione,

la riscoperta della tradizione ma

anche i trend di consumo presenti e futuri.

Presente in commercio da maggio a ottobre,

Sabelle RZ ha una pianta di buon vigore, decisamente

produttiva, in grado di assicurare una

certa uniformità dei frutti, che si presentano

omogenei e brillanti e vantano un’ottima consistenza,

con pasta densa, di colore bianco.

In poche parole, l’azienda introduce – in un

segmento tradizionale come quello della

melanzana – nuovi concetti di qualità del

frutto e, non a caso, Sabelle RZ già si propone

quale benchmark di categoria: un prodotto

ideale per una dieta ricca e gustosa,

dunque sempre più appetibile per i distributori

e i consumatori italiani.

Per informazioni: Segreteria di Rijk Zwaan

Italia, Letizia Bonfiglioli, tel. 051 729448, rijkzwaanitaly@rijkzwaan.it,

www.rijkzwaan.it

Sensory profile of Sabelle RZ F1.

Profilo sensoriale di Sabelle RZ F1

prodotti della gamma offrono un significativo

valore aggiunto sia ai coltivatori sia ai

partner della distribuzione.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!