15.08.2013 Views

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Mensile – Poste Italiane S.p.A. – sped. A.P. – D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art.1.c.1: DCB Forlì

Anno III

APR

04 APR 11

Monthly/Mensile

IL SOLE 24 ORE SPA

by Ortofrutta Italiana

www.freshpointmagazine.it

Wholesale markets

Mercati all’ingrosso

Austria

EU potato consumption

Consumo patate Ue

Spring potato

Patate novelle

Strawberry

Fragole

Produce department

Reparto ortofrutta

Zip package

Confezioni richiudibili

the buyer’s magazine / la rivista del buyer


heading/rubriche

3

4

68

70

71

72

SUMMARY

SOMMARIO

04 APRIL/APRILE 11

editorial/editoriale

news/news

GlobalGap/GlobalGap

books/libri

events/appuntamenti

commercial news/le aziende informano

14 focus/focus

14 US forges new models of sustainable distribution

Dagli Usa nuovi modelli di distribuzione sostenibili

Eleonora Morganti

18 A makeover for Mercafir

Un nuovo concept per il Mercafir

Marco Pederzoli

22 market/mercato

22 Austria, growing preference for organics and home

grown produce

Austria, sempre più apprezzate le produzioni bio e locali

Bettina Riedel

28 Fruit from the world over even out of season

Frutta da tutto il mondo anche contro stagione

Giulia Giovanelli

32 Apple and pear production down slightly in 2011

Mele e pere, produzione in lieve flessione nel 2011

Duccio Caccioni

34 Declining market for fresh potatoes offset by surge

in processed volumes

Patata, mercato del fresco in calo più prodotto trasformato

Cécilia Celeyrette

38 Spring potato, Russian deficit stimulates market rebound

Patate novelle, il deficit russo favorisce la ripresa del mercato

Cécilia Celeyrette

42 Apple, North American growers look towards Europe

Mele, il mercato nordamericano si rivolge all’Europa

Cèdric Green

46 product/prodotto

46 The ideal strawberry is sweet and home grown

La fragola ideale è dolce e di origine nazionale

Cèdric Green

48 Puglia’s cherries offer quality and a wide choice of varieties

Ciliegia pugliese, qualità e ampia scelta varietale

Giuseppe Francesco Sportelli


52 panel test/panel test

52 Tasty and fragrant: the search for the perfect strawberry

Gustosa e profumata: alla ricerca della fragola perfetta

a cura di O.N.A.Frut e Duccio Caccioni

56 isr/gdo

56 A produce department like a neighbourhood market

Il reparto ortofrutta come un grande mercato rionale

Daniele Bernieri

59 SISA focuses on logistics and the private label

Sisa tra logistica e private label

Federica Pagliarone

62

62 Zip package made in France

Dalla Francia arriva il pack con la zip

Giulia Giovanelli

64 From tree to package 100% fruit shakes and juices

Dall’albero alla confezione frullati e succhi naturali al 100%

Giulia Giovanelli

66 News

Anno III - n. 4 - april/aprile

www.agricoltura24.com

Editor/Direttore responsabile: Elia Zamboni

Assistant editor/Vice direttore: Beatrice Toni

Editorial staff/In redazione: Francesco Bartolozzi, Dulcinea Bignami, Gianni Gnudi

(editor-in-chief/capo redattore), Alessandro Maresca, Giorgio Setti (editor-in-chief/capo

redattore), Lorenzo Tosi

Editorial office/Segreteria di redazione: Phone/tel. (+39) 051 6575.847

Fax. (+39) 051 6575.856 - redazione.edagricole@ilsole24ore.com

Contact persons/Referenti: Lorenzo Bazzana (Coldiretti), Cesare Bellò (Opo Veneto/Unaproa), Paolo Bruni

(FedagriConfcooperative), Gianni Brusatassi (Uiapoa), Marco Crotti (Cio/Unaproa), Ambrogio De Ponti

(Apol/Unaproa), Valentino Di Pisa (Caab), Claudio Gamberini (Conad), Giuseppe La Rocca (Mof), Reinhold

Marsoner (Interpoma), Fabrizio Marzano (Unaproa), Carmelo Mennone (Alsia), Paolo Merci (Verona

Mercato), Luigi Peviani (Aneioa), Francesca Ramondo (Gruppo T18), Salvatore Rapisarda (Euroagrumi),

Giuliana Roncolini (Cia), Domenico Scarpellini (Macfrut), Luciano Trentini (Areflh).

English version by/Versione inglese a cura di: Ilaria Nanni, Lawrence Smith, Claudia Spisni,

David Verzoni e Marina Zaccarini.

Cover’s image/immagine di copertina: Marina Alberghini - AM&QR, Bologna

Graphic/Ufficio grafico: NCS Media Srl – Bologna

Design/Progetto grafico: Lizart Comunicazione visiva – Bologna

Editorial Director/Direttore editoriale Business media: Mattia Losi

Owner and Editor/Proprietario ed Editore: Il Sole 24 ORE S.p.A.

Registered office/Sede legale: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano

Chairman/Presidente: Giancarlo Cerutti

Managing Director/Amministratore delegato: Donatella Treu

Operative office/Sede operativa: Via Patecchio, 2 - Milano 20141 - Phone/tel. (+39) 02 3964.61

Advertising/Ufficio Pubblicità: Phone/tel. (+39) 051 6575.822 - Fax (+39) 051 6575.853

pubblicita.agroindustria@ilsole24ore.com

Traffic Department/Ufficio Traffico: Phone/tel. (+39) 051 6575.842

impianti.editoriaspecializzata@ilsole24ore.com

Printed by/Stampato da: Faenza Industrie Grafiche - Via Vittime civili di guerra, 35 - Faenza (RA)

Subscriptions/Abbonamenti: www.shopping24.it - abbonamenti@businessmedia24.com

Phone/tel. (+39) 02 or 06 3022.5680 – fax (+39) 051 6575.900

Customer service/Servizio clienti periodici: servizioclienti.periodici@ilsole24ore.com

Yearly subscriptions abroad. Foreign subscription by priority mail/

Estero. Abbonamento annuo prioritaria: euro 119,00

Yearly subscription in Italy/Abbonamento annuo: euro 72,00

Back issues/Arretrati: euro 14,40

Back volumes/Annate arretrate: euro 90,00

Intestate postal account no. 87729679 to: Il Sole 24 ORE S.p.A. The subscription will start

from the first reachable number/Conto corrente postale n. 87729679 intestato a: Il Sole 24 ORE S.p.A.

L’abbonamento avrà inizio dal primo numero raggiungibile.

The payment receipt of the postal account is a valid accounting document/La ricevuta di pagamento

del conto corrente postale è documento idoneo e sufficiente ad ogni effetto contabile.

Subscription renewal in Italy/Rinnovo abbonamenti in Italia:

A warning will be sent by the Editor one month before the deadline. Upon request, Institutions and

companies may receive the above along with an offer/Attendere l’avviso che l’Editore farà pervenire un

mese prima della scadenza. Per Enti e Ditte che ne facciano richiesta l’avviso verrà inoltrato tramite preventivo.

VAT discharged by the publisher/Iva assolta alla fonte dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1°comma, lett. c,

D.P.R. 26101972 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni.

Sales Administration/Amministrazione Vendite: fax (+39) 051.6575823 - Casella Postale 397

Ufficio Postale Bologna Centro 40100 Bologna - freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Internet web site: www.freshpointmagazine.it

Reg. Tribunale di Bologna n. 7598 del 10/11/2005 Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a.

Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,

comma 1, DCB Forlì” Iscrizione R.O.C. n. 6553 del 10 dicembre 2001

ISSN 1827 – 577X

Associato a:

ed è membro italiano di EUROFARM,

l’associazione dei più importanti giornali

periodici agricoli europei

Privacy Policy Disclosure as per Legislative Decree 196/3. The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, the publisher, gathers

and stores the personal data you voluntarily supply when you subscribe to any of our publications or when you

purchase from lists containing personal information regarding business transactions and the like that come under Art.

24, paragraph 1, section d of Leg. Dec. 196/03 and uses said data to send you the publication on subscription or a

complimentary copy of one of our publications. Il Sole 24 ORE may exercise its rights as per the provisions of Art. 7

Leg. Dec. 196/03 regarding access, deletion, correction and so forth by requesting said exercise from the Head of its

Data Handling Department, Customer Services, at the main offices of Il Sole 24 ORE S.p.A. located in Via Goito 13,

40126 Bologna, Italy. Articles and photographs submitted to The Publisher shall not be returned, even if unpublished.

All rights reserved. No part of this publication shall be reproduced, stored or transmitted in any way of form whatsoever,

whether digitially, electronically, via photocopy or mimeograph machines, without written consent from the publisher.

The complete, up-to-date list of all Heads of the Data Handling Department is available at Ufficio Privacy, Via

Monte Rosa 91, 20149 Milan. Il Sole 24 ORE may share your data with staff in its Order, Marketing, Customer Services

and Administration departments and with affiliate companies of Gruppo 24 ORE for the purpose of exchanging said

data with independent companies that are responsible for mailing the publication and printed advertising matter to

subscribers. Il Sole 24 ORE S.p.A., Titolare del trattamento, tratta, con modalità connesse ai fini, i Suoi dati personali, liberamente

conferiti al momento della sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da elenchi contenenti dati personali relativi

allo svolgimento di attività economiche ed equiparate per i quali si applica l’art. 24, comma 1, lett. d del D.Lgs n.

196/03, per inviarLe la rivista in abbonamento od in omaggio. Potrà esercitare i diritti dell’art. 7 del D.Lgs n. 196/03

(accesso, cancellazione, correzione, ecc.) rivolgendosi al Responsabile del trattamento, che è il Direttore Generale dell’Area

Professionale, presso Il Sole 24 ORE S.p.A., Servizio Clienti c/o la sede di via Goito 13 – 40126 Bologna). Gli articoli e le

fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa pubblicazione

può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica, elettrostatica, fotocopia

ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore. L’elenco completo ed aggiornato di tutti i Responsabili del trattamento è

disponibile presso l’Ufficio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milano. I Suoi dati potranno essere trattati da incaricati preposti

agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno essere comunicati alle società di Gruppo

24 ORE per il perseguimento delle medesime finalità della raccolta, a società esterne per la spedizione della Rivista e per

l’invio di nostro materiale promozionale.

Declaration as per Art 2, paragraph 2, of the “Professional Code of Ethics in Journalism for the handling of

personal data”. “The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, publisher of Fresh Point Magazine, herewith publicly declares

that it houses data banks for editorial uses that store personal data. The place in which it may exercise the rights provided

in Leg. Dec. 196/3 is the office of the Head for Personal Data Handling, secretarial desks of coordinating editors

(fax. 051-6575.856)”. “La società Il Sole 24 ORE S.p.A., editore della rivista Fresh Point Magazine rende noto al pubblico

che esistono banche dati ad uso redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile esercitare

i diritti previsti dal D.Lg 196/3 è l’ufficio del responsabile del trattamento dei dati personali, presso il coordinamento delle

segreterie redazionali (fax. 051-6575.856)”.


Paolo Beltrami

Onemedit srl

A common agricultural policy to

put North Africa on a new footing

Una politica agricola comune

per risollevare il Nord Africa

Two months have been sufficient to change the destiny of

100 million people. Tunisia, Egypt, and now, Libya. And it

probably isn’t over. Countries that differ from one another

but which are united by a common Mediterranean coastline,

by the permeability of borders, and by a single

unique language that makes the region more like the U.S.

than Europe is even after 60 years of unity.

And as always, in economic crises, agriculture is at the

centre of things, an economic Cinderella in times of prosperity,

the only lifeline that can guarantee work, food and

exports in the short term.

Egyptian exports were only halted for 2 weeks and, though

reduced, they have already been picking up again with traditional

products such as potatoes, citrus fruits and beans, with

grapes soon to follow. The same goes for Tunisia, though Libya

for the moment has a problem even in feeding itself. Agriculture

in Tunisia, Egypt and Libya, although very different in structure,

will be required to guarantee employment already from next

season. In the short term it will provide valuable support, but in

the future it will be called upon to ensure regional self-sufficiency

and to satisfy the demands of the large scale retailing that is

spreading in all Arab countries, and then to become the area

leader in the fresh sector for Europe, Russia and the Gulf.

All this requires the capitalization of North African agriculture

through a small number of substantial reforms:

– to guarantee full ownership of agricultural enterprises,

and that goes for foreign capital too;

– to guarantee a minimum income level for families primarily

engaged in agriculture through integrative mechanisms

such as those adopted in Europe;

– to develop a regional quality system like those in the countries

of southern Europe with production protocols that are

shared and accepted by the major target markets.

At the regional level the human and financial resources

are not lacking. What is required is the political vision to

repeat what has been done in Europe with the Common

Agricultural Policy: this is a unique opportunity to offer the

fruits of our experience to our brothers on the southern

shores of the Mediterranean who should not be obliged

to come north in search of a decent living.

(English version by Lawrence Smith)

freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Due mesi sono bastati a cambiare il destino di 100 milioni

di persone. Tunisia, poi Egitto e da ultima, Libia. E

probabilmente non è finita. Paesi diversi tra loro ma

accomunati dalla costa mediterranea, dalla permeabilità

delle frontiere e da quell’unica lingua che rende tutta la

regione più simile agli Stati Uniti di quanto non sia

l’Europa dopo 60 anni di storia comune.

E come sempre, nelle crisi economiche, l’agricoltura

rimane lì, Cenerentola delle attività economiche in tempi

prosperi, unica ancora di salvezza a garantire lavoro,

cibo ed esportazioni nel breve periodo.

L’export dei prodotti egiziani ha subito uno stop di sole

2 settimane e seppure rallentato è già ripreso con i prodotti

tradizionali quali patate, agrumi, fagiolini e a breve

uva. Lo stesso vale per la Tunisia mentre la Libia oggi ha

un problema di auto-approvvigionamento. L’agricoltura

di Tunisia, Egitto e Libia, seppur molto diversa nelle sue

strutture, è chiamata a garantire l’occupazione già dalla

stagione prossima. Nel breve garantirà il proprio supporto,

ma in prospettiva le viene richiesto di garantire

l’autosufficienza regionale, di assecondare le richieste

della grande distribuzione che si sta diffondendo in tutti

i Paesi arabi e infine di diventare area leader nel settore

del fresco per l’Europa, la Russia e il Golfo.

Occorre capitalizzare l’agricoltura del Nord Africa attraverso

poche ma sostanziali riforme:

– garantire la piena proprietà delle società di produzione

agricola anche ai capitali stranieri;

– un livello di reddito minimo da garantire alle famiglie

dedite a tempo prevalente all’agricoltura attraverso

meccanismi di integrazione come quelli adottati in

Europa;

– lo sviluppo di un sistema di qualità regionale mutuato

da quello dei Paesi del Sud Europa con disciplinari di

produzione condivisi e accettati dai maggiori mercati

di destinazione.

A livello regionale non mancano le risorse umane e finanziarie.

Serve la visione politica per ripetere quanto fatto in

Europa con la politica agricola comune: un’occasione irripetibile

di offrire le proprie esperienze ai fratelli della sponda

Sud che nessuno vuole sulla sponda Nord.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

3

editorial

editoriale


news

notizie

Fedagri-Sigma venture for top-end local products

Progetto Fedagri-Sigma per le eccellenze locali

The main idea is to shorten the field-to-market

supply chain so as to offer consumers a broad

range of quality foods at a fair price while

strengthening ties between production and distribution

arms. The plan is called The Fruits of

Cooperation, a joint venture of industry associations

Fedagri/Confcooperative Emilia-Romagna

and the Sigma Group, a member of

Confcooperative, and is to be put into practice

via joint marketing strategies designed to ensure

a fair share of added value to each partner. «It’s

a venture – noted Fedagri regional head

Giovanni Bettini – that’s designed to strengthen

the supply chain and promote coop-marketed

foods, which have always been synonymous

with quality and the traditional, typical origin of

foods. Supplied by producers with deep local roots, the marketed

products represent all that stands for excellence in wines and fine

foods, offering consumers the best in what is natural, fresh, genuine

and guaranteed via certified quality controls ».

«Purchase foods from the coop supply chain means promoting

the values attached to the culture and the typical nature of their

rural areas of origin while helping to develop their economic and

social viability – said Sigma Group CEO Aldo Puccini. – Thanks to

the venture, consumers will find a broad range of quality foods

from several of Emilia-Romagna’s most important farm coops on

the shelves of the outlets of Realco, part of Sigma’s distribution

network. The range runs from packed cold meats, mik and dairly

products to fresh and processed produce items” (DV).

4 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Accorciare la filiera produzione-mercato per offrire

ai consumatori un’ampia gamma di prodotti

agroalimentari di qualità a un giusto prezzo e rafforzare

il legame tra il sistema produttivo e quello

distributivo, attraverso la definizione di strategie

commerciali condivise, per garantire una più equa

ripartizione del valore aggiunto: nasce con queste

finalità il progetto “I frutti della cooperazione”

messo a punto da Fedagri/Confcooperative Emilia-

Romagna unitamente al gruppo Sigma, aderente a

Confcooperative. «Un’iniziativa – sottolinea il presidente

regionale di Fedagri, Giovanni Bettini – che

si propone di valorizzare la filiera e i prodotti cooperativi,

da sempre sinonimo di qualità, tradizione

e tipicità. Provenienti da un tessuto di imprese profondamente

radicate sul territorio queste vere e

proprie eccellenze dell’enogastronomia offrono la massima naturalità,

freschezza e genuinità, garantite da rigorose certificazioni».

«Scegliere i prodotti della filiera cooperativa significa quindi valorizzare

la cultura e la tipicità del territorio promuovendone al tempo

stesso lo sviluppo economico e sociale – dichiara il consigliere

delegato del gruppo distributivo Sigma, Aldo Puccini –. Grazie al

progetto dall’inizio di marzo sugli scaffali dei punti vendita Realco,

centro distributivo aderente a Sigma, i consumatori possono trovare

un’ampia gamma di prodotti di qualità provenienti da alcune

delle più importanti cooperative agricole dell’Emilia-Romagna: un

paniere decisamente ricco composto da una selezione dei vini più

tipici e apprezzati a cui si affiancano salumi, carni, ortofrutta fresca

e trasformata e prodotti lattiero caseari”.

A certification sticker for integrated production

Un marchio per la certificazione della produzione integrata

Italy’s national system of Integrated Production has been readily

identifiable as of 21 February 2011 by a sticker certifying the

management regime while enabling consumers to have a readily

recognisable way of ensuring they are getting a guarantee of

extra quality and safety with Made in Italy foods. The IP management

regime is based on the use of crop energy and protection

inputs of low ecological, toxicological and economic impact. The

label is thus a significant new addition in support of guaranteeing

the quality standards of Italy’s produce commodities whilst

safeguarding them from fraud and providing consumers with

extra protection in terms of food safety and hygiene.

The importance of a national sticker identifying IP cropo management

also recently came to light in a market survey ISMEA conducted

for the Agriculture Ministry. Asked about the relationship

between consumers and IP, most respondents replied that they

approved the use of a sticker as it may influence which produce

items they put in their trolleys (DV).

Dal 21 febbraio 2011 il Sistema di qualità nazionale di produzione

integrata è facilmente identificabile da un marchio che certifica

la metodologia di produzione e lo rende riconoscibile dai

consumatori che hanno una garanzia in più sulla qualità e sicurezza

dei prodotti ortofrutticoli Made in Italy. Il sistema è basato

sull’uso di tutti i mezzi produttivi e di difesa colturale nel pieno

rispetto dei principi ecologici, tossicologici ed economici. Il marchio

aggiunge quindi un nuovo e importante tassello a supporto

della garanzia delle produzioni ortofrutticole italiane, fronteggiando

i tentativi di contraffazione e fornendo al consumatore maggiore

tutela anche in termini di salute e igiene alimentare.

L’importanza di un marchio nazionale che identifichi la produzione

integrata è emersa anche da una recente ricerca condotta da

Ismea per conto del Mipaaf sul rapporto tra i consumatori e produzione

integrata: la maggior parte dei consumatori ha dichiarato

di apprezzare il valore dell’applicazione di un marchio che

potrebbe guidare la scelta finale dei prodotti ortofrutticoli.


Potato, France is driving force in Europe

Patate, la filiera francese traina l’Europa

There’s no lack of dynamism in the potato

supply chain, whether in terms of fresh or

processed markets. The volumes of

processed tubers play a significant role here

and have posted continued growth in the

last few years both within and beyond EU

markets. Indeed, exports from the 27 member

states of the European Union have gone

from 4.9 mil tons in 2000-2001 to 5.47 million

in 2009-2010, up 12% in 10 years. A

closer shows that the rise in EU domestic

supplies amounted to 10%, or 4.87 mil tons,

and exports by 607,000 t, or 28%.

The factors driving this growth include a

steady rise in consumer demand in southern

European countries. The leaders in the

fresh market crop have been Spain, with

a 42% rise over the last decade to the

725.800 t imported in 2009-2010, and

Italy with a 33% rise to 458,000 t. Growth

has also been the sign of processing

potato, which has registered the highest

growth rates in Germany (23%, 361,000

t,) and Belgium (9%, 662,800 t); demand

in the Netherlands has remained more or

less stable at 1.09 mil tons in 2009-2010.

The engine driving these growth rates has

been France’s potato industry. Indeed, its

supply chain has combined diversification,

professional skills and business contacts

to double exports over the past 10 years,

the numbers going from 1 mil tons in

2000-2001 to a record of more than 2 mil-

Conad, 2010 profit up 5%

Conad, fatturato 2010 a +5%

Conad looked on 2010 with satisfaction,

closing its books with a 5.1% rise in revenues

over 2009 on a turnover of €9.77

billion. It’s a trend that has continued in

the first five weeks of 2011, which have

shown a growth rate of 5% on the year.

Like the other big retail chains, Conad too

continues to bolster the profile of its private

label lines, a sector that accounted

for 23% of sales last year, or €1.6 billion

in receipts, up 9.5% on the year. «Aside

lion in 2009-2010. This notable performance

is due mostly to accurate segmentation

of market supply starting in the 1980s,

a good example being the introduction of

cultivars having firm flesh, accurate information

regarding demand in export markets

and diversification of its cultivar

assortment according to growing areas.

This latter factor can be seen in the broad

range of varieties being grown, including

Agata with a 20.6% market share,

Charlotte with 13.6%, Cherie with 9.2%,

Franceline with 9.1%, Ratte with 4.2%,

Caesar with 3.9%, Nicola with 3.9%,

Annabelle with 3.4%, Amandine with 3.1%

and Monalisa with 2.8%. D.V.

La filiera della patata non manca di dinamismo,

sia che riguardi il prodotto fresco

o i prodotti “finiti”: i flussi di patate da

conservazione sono infatti significativi e

in questi ultimi anni non hanno cessato di

crescere, tanto sul mercato europeo che

verso Paesi più lontani. Le esportazioni

dei 27 paesi dell’Europa sono così passate

da 4,9 Mt nel 2000-2001 a 5,47 Mt nel

2009-2010, cioè una crescita di +12% in

10 anni, con un aumento del 10% all’interno

della Comunità (4,87 Mt) e del 28%

al di fuori dei confini europei (607.000 t).

Questo sviluppo è, nello stesso tempo,

ascrivibile a una crescita regolare della

domanda di spesa dei paesi dell’Europa

del Sud (725.800 t importate in Spagna

from promotions, using the private label is

the only way to keep prices down – said

Conad CEO Francesco Pugliese – whilst

meeting the demand of consumers looking

for quality foods, or even high-end

products, at competitive prices».

Over the last five years, Conad has seen

the number of new households shopping

regularly at its outlets grow by almost 2

million, registering 6,373,000 million by

the end of 2010. The Consortium is aim-

nel 2009-2010, cioè +42% in 10 anni, e

458.000 t in Italia, vale a dire +33%) ma

ugualmente ai crescenti bisogni dell’industria

che hanno trascinato un aumento

della domanda dei Paesi dell’Europa del

Nord, soprattutto del Belgio (662.800 t,

+9%) e della Germania (361.000 t,

+23%) mentre le quantità sono rimaste

relativamente stabili ma restano importanti

verso i Paesi Bassi (1,09 Mt nel

2009-2010).

L’elemento essenziale di questa progressione

è tuttavia legato al dinamismo della

filiera francese, che grazie alla diversificazione,

alla sua abilità e i suoi partner ha

saputo raddoppiare nel giro di 10 anni le

esportazioni, passando da 1 Mt nel 2000-

2001 a un livello record di più di 2 Mt nel

2009-2010. Questo consistente aumento si

spiega soprattutto con la segmentazione

culinaria dell’offerta negli anni ottanta, ad

esempio con le varietà a polpa soda, con

una migliore conoscenza delle esigenze dei

Paesi importatori e con lo sviluppo di una

produzione diversificata e adattata alle

diverse zone di produzione. La gamma

francese è ormai molto ampia: in testa troviamo

varietà come ‘Agata’ (20,6% del prodotto

distribuito in Francia), ‘Charlotte’

(13,6%), Cherie (9,2%), ‘Franceline’ (9,1%),

Ratte (4,2%), ‘Caesar’ (3,9%), ‘Nicola’

(3,9%), ‘Annabelle’ (3,4%), ‘Amandine’

(3,1%) e ‘Monalisa’ (2,8%). (C. C.)

ing at increasing its customer base by

opening 266 new retail outlets from 2011

to 2013. In addition, Conad wants to complete

the streamlining and modernising

overhaul of its Conad Superstores and

Conad City outlets by 2011. Begun late

last year, the plan will end up involving

nearly 2,900 of the Consortium’s in 1,432

towns and cities in every province of the

country, the main goal being to reformulate

outlet use and role by characteristics

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

5

news

notizie


news

notizie

rather than simply by trade name as has

occurred up to now. (DV)

Bilancio 2010 positivo per Conad che

chiude con un fatturato in crescita del

5,1% rispetto al 2009 e un giro d’affari di

9,775 miliardi di euro. Un trend che prosegue

anche nelle prime cinque settimane

del 2011 quando, a parità di rete di

vendita, si conferma l’andamento dello

scorso anno (+5%).

In linea con la strategia seguita dai gruppi

della gdo, anche Conad punta sul potenziamento

della marca commerciale che ha

totalizzato il 23% delle vendite complessi-

Australian bananas threatened

by Fusarium oxysporum

Le banane australiane minacciate

dal Fusarium oxysprum

The fungus Fusarium oxysporum, strain 4

(Panama disease), is a particular threat to

cv. Cavendish, the world’s most widely

grown banana variety, and continues to

spread in Western Australia, causing

extensive damage.

The fungus has in the recent past

destroyed entire plantations in Taiwan,

Indonesia, Malaysia, China and the

Philippines, and experts fear it may now

spread to Central and South America and

the Caribbean. Starting in the 1950s,

plantations in these areas of Gros Michel,

then the most popular cultivar, were decimated

by strain 1 of Panama disease and

replaced by Cavendish, which proved

resistant to the strain (DV).

8 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

ve dello scorso esercizio, raggiungendo

1.605 milioni di euro di fatturato (+9,50%

sul 2009): «A parte le promozioni, la private

label è l’unico strumento per poter tenere

bassi i prezzi – afferma Francesco

Pugliese, direttore generale Conad – e

rispondere così alle esigenze dei clienti che

cercano prodotti alimentari di qualità, ma

convenienti, oppure le eccellenze».

Negli ultimi cinque anni, le famiglie che

acquistano in modo non occasionale nei

punti di vendita Conad sono aumentate di

quasi 2 milioni, passando, a fine 2010, a

6,373 milioni. Un bacino di utenza che il

Il micete Fusarium oxysporum razza 4

(“Panama disease”) che colpisce in particolare

le banane della cultivar ‘Cavendish’,

in assoluto la più coltivata nel mondo, continua

a espandersi nel Western Australia

causando danni gravissimi.

Il micete in tempi recenti ha distrutto intere

coltivazioni di banane a Taiwan, in

Indonesia, Malesia, Cina e Filippine. Ora si

teme una diffusione nel Centro e Sud

America e nei Carabi. In queste aree, a partire

dagli anni ’50, le coltivazioni della cultivar

‘Gros Michel’, allora la più diffusa,

furono decimate dalla razza 1 del Fusarium

oxysporum e sostituite appunto dalla cultivar

‘Cavendish’, resistente a questo primo

ceppo della malattia (DC).

Consorzio vuole potenziare con l’apertura

di 266 nuovi punti vendita nel triennio

2011-2013; per l’anno in corso è inoltre

in programma il completamento della

ridefinizione dei canali Conad, Conad

Superstore e Conad City al fine di renderli

più razionali e moderni. Il progetto,

avviato alla fine dello scorso anno, coinvolgerà

circa un migliaio dei 2.900 punti

di vendita del gruppo presenti in 1.432

comuni di tutte le province italiane e prevede

una ridefinizione d’uso per caratteristiche

e ruolo anziché, come è avvenuto

sinora, per insegna.

European

consumers

against GMOs

Ai consumatori

europei non

piacciono gli ogm

According to survey data from

Eurobarometer, The EU Commission’s

public opinion analysis body, 54% of the

Union’s citizens view GMO foods as ‘not

good for them an their families’. While

the rate remains in this range for Italians

at 59%, the most diffident citizens are

Latvians at 78% and the least are the

Irish at 38%. However, nearly half of all

EU citizens think that biotech foods can

help the populations in developing countries

(DV).

Secondo le rilevazioni effettuate da

Eurobarometro, organismo demoscopico

della Commissione europea, il 54% dei

cittadini della Ue appare contraria agli alimenti

ogm considerandoli “non buoni per

loro e la loro famiglia”. In Italia tale percentuale

sale al 59%. I cittadini più diffidenti

sono i lettoni (78%), i meno prevenuti

gli irlandesi (38%). Quasi la metà dei cittadini

europei ritiene tuttavia che gli alimenti

biotech possano aiutare gli abitanti

dei Paesi in via di sviluppo.


Chile’s export outlook Up for apple

Positive le previsioni cilene sulle esportazioni di mele

Export projections by IQ Consulting for the

overall apple crop of southern hemisphere

producers are painting a positive picture,

with an increase of 8%. Chile itself should

see a 4% rise on the year to exports of

869 thousand tons. Higher rises are

expected elsewhere. For example, export

projections for South Africa see an 8%

increase to 320 thousand tons, for New

Zealand a more solid 16% rise to 300

thousand tons, due mostly to the international

success of Braeburn, its rise alone

being 25%, and for Argentina a strong

21% increase to 211 thousand tons.

Brazil appears to be the only southern

hemisphere country that can expect to see

a slide in exports, the rate being put at 7%

because of a revaluation of the Real and

greater domestic demand. It’s worth noting

that there may be a lot of small-sized

apples in the crop of many of these producers

and, hence, current forecasts may

be overestimated in the end. The apple

exports of these countries today have the

Serbia, new star of Europe’s

apple industry

Serbia, nuova protagonista

della melicoltura europea

Serbia is one of the new top players in Europe’s apple market. Its apple

exports were worth €397 million in 2010, four-fold its usual exports

and with a 55% jump in the volume shipped to Russia (DV).

La Serbia è uno dei nuovi protagonisti del mercato melicolo europeo.

Nel 2010 il Paese balcanico ha esportato mele per 397 milioni

di euro quadruplicando i quantitativi inviati all’estero. In particolare,

le esportazioni verso la Russia sono cresciute del 55%.

markets of Asia as new targets since their

traditionally strong markets of the US and

EU are sowing signs of weakening (DV).

Le previsioni dell’esportazione di mele dei

Paesi dell’emisfero Sud effettuate dall’organismo

cileno IQconsulting danno un

quadro assai positivo, con un aumento

totale pari all’8%. In Cile vi dovrebbe

essere una progressione rispetto al 2009

del 4%, con volumi di esportazione previsti

di 869mila tonnellate. In aumento

anche l’esportazione del Sud Africa (+8%)

per il quale si prevede un totale di

320mila tonnellate di mele inviate sui

mercati esteri. Molto forte l’aumento che

si dovrebbe registrare in Nuova Zelanda

(+16%, pari a 300mila tonnellate) dovuto

soprattutto alla maggiore disponibilità e al

successo sui mercati internazionali della

varietà ‘Braeburn’ (+25%). In Argentina si

stimano aumenti addirittura del 21% per

un totale di 211mila tonnellate.

Il Brasile è l’unico Paese del Sud del

mondo in cui si è pronosticato un calo

delle esportazioni, previste con una riduzione

del 7% a causa di una rivalutazione

del Real e della maggiore domanda

che sta esprimendo il mercato interno. In

molti Paesi dell’emisfero Sud si segnala

tuttavia una certa propensione ad avere

forti quantitativi di mele con calibri piccoli:

le previsioni effettuate potrebbero

quindi avere riscontri al ribasso. Le

esportazioni dei Paesi dell’emisfero Sud

sono hanno oggi l’Asia come nuovo polo

di attrazione, gli Stati Uniti e l’Europa

rimangono i mercati fondamentali ma

perdono terreno (C.G.).

Garlic, EU battles

Chinese fraud

Aglio, Ue contro le frodi cinesi

EU imports of garlic amount to some

80 thousand tons a year and China is

its main supplier. Olaf, the European

Anti-Fraud Office, has reported

numerous cases of evaded Customs

duties for amounts imported above

yearly quotas. The implicated shipments

enter through Holland declared

as onions or to Scandinavian markets

via Norway (DV).

L’importazione comunitaria di aglio

ammonta a circa 80mila tonnellate e

la Cina ne è il principale Paese esportatore.

La Olaf (Ufficio europeo per la

lotta contro le frodi) segnala numerosi casi di aggiramento della

esazione dei dazi suppletivi per le quantità che oltrepassano il

contingente annuale di importazione. I carichi passano

dall’Olanda spacciati come cipolle o entrano sul mercato nord

europeo via Norvegia.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

9

news

notizie


news

notizie

Bananas, EU reaches import tariff deal

Banane, accordo europeo sulle tariffe

d’importazione

The banana war has definitely come to an

end. On 3 February 2011 the European

Parliament approved with 501 yea votes

the accord the EU Commission negotiated

with WTO mediation. The import tariffs for

bananas from Latin America will be gradually

reduced from US $240 a ton to $114

by 2017. The deal, however, obviously

disappointed the ACP - Asia, and

Caribbean and Pacific – producers, who

are to be given extra help of €272 million

as a temporary measure (DV).

La guerra delle banane si può dire definitivamente

cessata. Il 3 febbraio 2011 il

Parlamento europeo ha approvato con

501 voti a favore l’accordo raggiunto dalla

Commissione con l’intermediazione del

Wto. Le tariffe di importazione per le

banane provenenti dall’America latina

saranno gradualmente ridotte da 240 usd

a tonnellata a 114 usd/t nel 2017.

L’accordo ha ovviamente provocato lo

scontento dei produttori dei Paesi Acp

(Africa, Caraibi, Pacifico) ai quali sono

stati offerti 272 milioni di usd come misura

di temporanea salvaguardia.

Italian Food back in fashion in UK

L’Italian Food torna di moda in UK

Italian Food is all the rage once again in

the UK. Figures for 2010 show that pizza

beat curry as the preferred dish of UK diners

and that revenues of Italian wines rose

15%, a notable performance for a market

judged as “mature”.

The real surprise, however, is in the appetizer

department. Sales of olives have

sky-rocketed and some supermarket

chains are now offering up to as many as

15 types. Sales are also up for dried and

cherry tomatoes, grilled sweet peppers

and other appetizers. The Tesco chain

reported an

increase of sales

10 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

for appetizers, mainly Italian products, of

42%, for a turnover of ₤38 million (DV).

È ri-esplosa in Inghilterra la moda

dell’Italian Food. Nel 2010 la pizza ha

sorpassato il curry come piatto preferito

dagli inglesi e la vendita di vini italiani è

aumentata del 15%: una performance

notevole per un mercato “maturo”.

Ma il fenomeno più eclatante è quello

degli antipasti. La vendita di olive è

aumentata vertiginosamente, alcune

catene di supermercati ne propongono

fino a 15 tipologie. In aumento anche la

vendita di pomodori secchi e ciliegini, di

peperoni grigliati e altri prodotti appetizer.

La catena Tesco ha

dichiarato un aumento

delle vendite di prodotti

per antipasti (prevalentemente

italiani)

del 42% per un fatturato

di 38 milioni di

sterline.

France ends

produce subsidies

La Francia

proibisce rimesse,

ristorni e ribassi

As of 28 January last France eliminated

price supports for produce marketed in the

country, including accounting practices like

post-billing price lowering. The measure is

contained in legislation modernising the

agriculture industry approved by the

Government last year. The provision in

question is Article 14 which states that

post-invoice booked losses, price reductions

and other kinds of overt or hidden

marketing subsidies between producers

and distributors are illegal. As the new law

regards the public at large, no exceptions

will be allowed between the contracting

parties. The new legislative act provides for

the elimination of price supports only for

French produce, thereby establishing a

“national preference” (DV).

Dallo scorso 28 gennaio per i prodotti ortofrutticoli

commerciati in Francia sono proibiti

le rimesse, i ristorni e i ribassi ex post nei

rapporti commerciali. La misura è contenuta

nella legge di modernizzazione dell’agricoltura

approvata lo scorso anno dal governo

francese. L’articolo 14 di tale legge ritiene le

rimesse, i ristorni e i ribassi ex post nei rapporti

fra produttori e distributori degli abbassamenti

indebiti di prezzo. Si tratta di una

disposizione di ordine pubblico che non può

essere derogata dalle parti. La legge tuttavia

prevede l’eliminazione dei contributi commerciali

solo per i prodotti francesi, stabilendo

così una “preferenza nazionale”.


Croatia, an importer of fresh and processed produced

Croazia, un Paese importatore di prodotti freschi e trasformati

Despite having a climate that’s favourable

to fruit and vegetable growing, Croatia is

an overall produce importer. Croatia’s

overall produce crop covers only about

2/3 of its domestic demand. The last few

years have seen the country’s growers

develop cv. Satsuma mandarin groves in

the Neretva Valley, some of the crop being

earmarked for export. There has also

been more acreage dedicated to apple, to

the extent that the crop now covers most

of domestic demand.

According to a USDA report, Croatia

imported fresh and processed produce

items for a bill of US $287 million in the

first 11 months of 2010, against an import

bill for fresh produce only in 2009 of $126

million. Apart from tropical fruit, Croatia

imports table grape, stone fruits, kiwi,

pear, watermelon, melon and strawberry.

While it imports citrus, mainly lemon,

from Spain and Greece, its main produce

trading partner is Italy, followed by Spain,

Greece, Turkey, Bosnia Herzegovina and

Macedonia. A look at processed items

shows that Croatia imports potato, tomato

concentrate, tinned fruit and jam. Here

too Italy is the country’s main supplier, followed

by Poland and Germany. Croatia

ran up a bill of $20.9 million for its fresh

fruit imports in 2009 (DV).

La Croazia, nonostante si trovi in una zona

climatica piuttosto favorevole alle coltivazioni

ortofrutticole, rimane un Paese

importatore. La produzione croata di prodotti

ortofrutticoli copre circa i 2/3 della

domanda interna. Negli ultimi anni si sono

sviluppate coltivazioni soprattutto di mandarini

(‘Satsumas’) nella Valle della

Neretva, che danno luogo a una certa

esportazione. Si registra qualche progresso

anche riguardo la produzione di mele,

che riesce perlomeno a coprire buona

parte del fabbisogno interno.

Secondo uno studio Usda, la Croazia nei

primi undici mesi del 2010 ha importato

287 milioni di usd in prodotti ortofrutticoli

freschi e trasformati. Per i soli prodotti

frutticoli freschi le importazioni nel 2009

sarebbero ammontate a 126 milioni di

usd. Oltre a frutta esotica la Croazia

importa uva da tavola, drupacee, kiwi,

pere, angurie, meloni e fragole. Le importazioni

di agrumi (principalmente limoni)

sono a opera di Spagna e Grecia, mentre il

principale partner commerciale nel settore

ortofrutticolo è l’Italia seguita da Spagna,

Grecia, Turchia, Bosnia Erzegovina e

Macedonia. Per quanto riguarda gli ortofrutticoli

trasformati, la Croazia importa

patate trasformate, concentrati di pomodoro,

frutta sciroppata e marmellate.

Anche in questo caso il principale Paese

esportatore è l’Italia seguita dalla Polonia e

dalla Germania. Le esportazioni di frutta

fresca dalla Croazia nel 2009 sono valse

20,9 milioni di usd (DC).

Turnover slightly up for world’s biggest retail chains

In lieve crescita i fatturati delle principali catene mondiali

An IGD grocery industry survey shows that

the world’s four biggest retail chains will

retain their dominant positions through

2015. The projections show that turnover for

the number one group, the US-based Wal-

Mart, should hit €402 billion, followed by

France-based Carrefour at €122 billion, and

UK-based Tesco at €106 billion. The figures

also indicate that Tesco should register the

highest growth rate over the next four years,

the increase being 7.5% a year, followed by

Carrefour’s 5.9%, and Wal-Mart’s 4.7%.

Since they face increasing competitive

pressures in their home markets, most of

the growth projected for these big chains is

expected to occur in Asia and South

America (DV).

Secondo uno studio dell’Istituto Igd, le principali

catene della grande distribuzione

mondiale manterranno la loro posizione al

2015. Per il gruppo numero uno mondiale,

la statunitense Wal Mart, sono previste ven-

dite per 402 miliardi di euro, per la francese

Carrefour 122 milioni di euro, per la terza

catena in ordine di grandezza, la britannica

Tesco, sono pronosticati incassi pari a 106

miliardi di euro. Secondo gli analisti sarebbe

Tesco a realizzare la maggiore crescita

dei fatturati da qui a 4 anni, con un

+7,5%/anno, seguirebbe Carrefour con un

+5,9%/anno e Wal Mart con un +4,7%.

La crescita di queste catene è prevista

soprattutto al di fuori dei confini dei rispettivi

Paesi di origine (dove devono affrontare

una concorrenza sempre più agguerrita)

e sarà presumibilmente incentrata in Asia e

Sud America.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

11

news

notizie


news

notizie

German big retail expands eastwards

La gdo tedesca si espande a Est

Germany’s anti-trust office, the

BundesKartellamnt, has begun an

investigation into the pricing practices

of the country’s main supermarket

chains. In effect, the four biggest retail

groups, Scwartz Group, Aldi, Edeka and

Rewe, control 85% of Germany’s food

retail market.

In the meantime, the same groups continue

to expand their international operations

eastwards. Rewe, for example,

has just announced that by 2015 it will

add 48 new supermarkets in Ukraine to

the 20 already opened under its Billa

subsidiary (DV).

12 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

L’ufficio federale anti trust tedesco

(BundesKartellamnt) ha avviato

un’indagine sui fattori di competizione

fra le principali insegne della distribuzione

al dettaglio in Germania. Di fatto,

i principali quattro gruppi tedeschi della

gdo (Scwartz Group, Aldi, Edeka e Rewe

) controllano l’85% dell’offerta alimentare

in Germania.

Continua intanto l’espansione internazionale

dei gruppi tedeschi, specie nei Paesi

dell’Est. Il gruppo Rewe ha annunciato

l’apertura di 48 nuovi supermercati che

si aggiungeranno ai 20 a insegna Billa in

Ucraina entro il 2015 (FP).

Auchan leaning to m-commerce

Auchan verso l’m-commerce

The France-based Auchan retail chain

announced that thanks to its encouraging

results with e-commerce, which now represents

5% of its turnover, it is looking closely at m-commerce,

or the use of mobile devices like phones with

Internet connection (DV).

La catena francese Auchan, dopo avere ottenuto lusinghieri risultati nell’e-commerce

che rappresenta oggi il 5% delle sue vendite, si appresta a predisporre un

sistema di m-commerce basato sull’uso dei telefonini con connessione internet.

A new round of EU-Mercosur talks

Riaperte le trattative tra Europa

e Mercosur

EU Trade Commissioner Karel De Gucht flew for talks from 7 to 9 February to Uruguay

and Paraguay, the countries that currently hold the revolving presidency of the

Mercosur free-trade zone that also includes Brazil and Argentina. The negotiations for

a free-trade between the WU and Mercosur began in 1995, were suspended in 2004

and resumed in 2010 (DV).

Il Commissario europeo per il commercio Karel De Gucht ha visitato dal 7 al 9 febbraio

l’Uruguay e il Paraguay, Paesi che detengono la presidenza del Mercosur, l’associazione

che raggruppa Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay. Le negoziazioni per un accordo

di libero commercio fra la Ue e il Mercosur sono iniziate nel 1995, sospese nel 2004 e

nuovamente riaperte nel 2010.

Wal-Mart too joins

anti-obesity

campaign

Anche Wal Mart

si schiera contro

obesità e

sovralimentazione

After the success of Michelle Obama’s “Lets

Move” anti-obesity and over-eating campaign,

the US’s biggest chain by far with

140 million customers a week has decided

to join the fight with its own campaign in

line with the goals of the First Lady’s.

The main idea on the one hand is to bring

down the price of fruit and vegetables by

cutting supply-chain and logistics costs,

moves that are expected to save consumers

a €1 billion a year, and on the other to

reduce the food content of salt by 25%, sugars

by 10% and unsaturated fats in its foods

by 2015 (DV).

Dopo il successo ottenuto dalla campagna

contro l’obesità e la sovralimentazione

“Let’s Move” voluta da Michelle Obama,

anche Wal Mart, la catena che con 140

milioni di clienti alla settimana è la protagonista

assoluta della gdo statunitense, ha

lanciato un proprio progetto basato sugli

obiettivi enunciati dalla First Lady.

Gli obiettivi sono rendere più convenienti

frutta e verdura agendo sui costi logistici e

di filiera (con un risparmio di un miliardo di

euro per anno da parte dei consumatori) e di

ridurre il contenuto di sodio (25%), di zuccheri

(10%) e di grassi insaturi negli alimenti

distribuiti entro il 2015.


Record revnues for Metro Group

Bilancio record per Metro Group

Metro Group, the German retail giant,

has announced a preliminary 2.6%

rise in 2010 earning on the year, for a

total of €67.3 billion, a record for the

group. Metro Group CEO Eckhard

Cordes said «A look back at 2010

shows that it was a year full of successes

for Metro Group. We also laid

the groundwork that will help us

speed up our international expansion

timetable».

While MetroGroup’s sales in Germany

slipped 1.4% in 2010, its international

earnings rose 5.4%.

A breakdown shows that the growth

rate in western European markets was

a relatively slow 2.8% but rose a solid

7.1% in its eastern European outlets.

It also clearly indicates that the most

robust growth was recorded in Asia

and Africa, where the sales posted an

increase of 17,1%.

Cordes concluded his remarks by noting

that «Fourth-quarter receipts in

Europe reflect the influence of bad

winter weather, which kept Christmas

sales to a mere 1.6% rise, whereas

international revenues rose 4.6% in

the period». (DV)

Metro Group, il gigante tedesco di

vendite al dettaglio, ha annunciato di

avere realizzato nel 2010 un aumento

preliminare del 2,6% nelle vendite

rispetto al 2009, corrispondente a

67,3 miliardi di euro: un successo

record per il gruppo. Eckhard Cordes,

Ceo di Metro Group, ha commentato:

«Guardando indietro, il 2010 è stato

un anno di successi per Metro Group.

Inoltre abbiamo gettato le basi per

l’accelerazione di un processo di

espansione internazionale».

Le vendite realizzate in Germania da

Metro Group sono scese dell’1,4%

durante il 2010, ma allo stesso tempo

quelle internazionali sono aumentate

del 5,4%.

Germania a parte, le vendite in Europa

occidentale si sono sviluppate a un

tasso più lento, sul 2,8%, mentre in

Europa Orientale sono cresciute considerevolmente

fino a raggiungere un

+7,1%.

Ma i risultati più importanti sono stati

ottenuti in Asia e in Africa, dove le vendite

di Metro Group hanno registrato

una crescita del 17,1%. Cordes ha infine

aggiunto: «Le vendite del quarto trimestre

sono state influenzate dalle

condizioni atmosferiche sfavorevoli

che hanno limitato il relativo sviluppo

durante il periodo di Natale ad appena

l’1,6%. Tuttavia, le vendite internazionali

sono salite del 4,6%».

Carrefour

turnover up

Incremento

di fatturato

per Carrefour

France-based Carrefour, the world’s second

largest retailer, announced a 5.8% rise in its

2010 revenues. It had sales of €101 billion for

an operating profit of €2.96 billion, up 9.2% on

the year. The French giant’s growth is largely

due to growth in its Asian and South American

markets. This success contrasts with the company’s

performance in Europe, especially in

France, where third-quarter results in 2010

were down. The company’s new “Carrefour

Planet” hypermarket stores appear to be delivering

promising sales results (DV).

La seconda catena di distribuzione al dettaglio

nel mondo, la francese Carrefour, ha dichiarato

un incremento del proprio fatturato globale

del 5,8%. Nel 2010 le vendite sono ammontate

a 101 miliardi di euro con un profitto operativo

di 2,96 miliardi (+9,2%). La crescita del

gigante francese è da imputarsi soprattutto

allo sviluppo dei mercati asiatici e latino americani.

Meno felice la situazione nel Vecchio

Continente dove soprattutto in Francia si sono

registrati cali nell’ultimo trimestre del 2010. I

nuovi formati di vendita, gli ipermercati

“Carrefour Planet”, pare stiano dando risultati

molto promettenti (DC).

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

13

news

notizie


focus/wholesale market

focus/mercati all’ingrosso

US forges new models

of sustainable distribution

Dagli Usa nuovi modelli

di distribuzione sostenibili

Eleonora Morganti

The growing demand for organic and local foods is behind the pursuit of an efficient

food distribution system that links growers and wholesale markets while reducing

environmental impact

Per rispondere alla crescente domanda di prodotti bio e locali si sviluppano soluzioni

per un sistema alimentare efficiente che connetta gli agricoltori e i mercati all’ingrosso

riducendo l’impatto ambientale

Demand for healthy and locally produced food

has strongly increased in recent years in

Europe and in the US (EU, Committee of Regions,

2011; USDA Marketing Service, 2009).

Consumers buy local and fresh foods to satisfy

demand for product quality and traceability, to

support local farmers and the local economy, to

express a preference for certain agricultural production

and distribution practices, or to reduce

the carbon print of their food.

Marketing networks

Interest in supporting more sustainable food systems

is also rising among national and local policymakers.

Many cities are implementing agro-food

governance policies and started to redesign urban

food provisioning through single initiatives or coordinated

strategies. Contemporary urban food planning

deals with creating new economic opportuni-

14 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

La domanda di prodotti alimentari biologici e di

produzione locale è decisamente aumentata

negli ultimi anni in Europa e negli Stati Uniti (fonti:

Ue, comitato delle regioni, 2011; servizio marketing

del dipartimento di Stato per l’agricoltura

degli Stati Uniti, 2009). I consumatori acquistano

prodotti freschi e locali per soddisfare

un’esigenza di qualità e tracciabilità, per sostenere

gli agricoltori e le economie locali, per esprimere

la loro preferenza verso un certo tipo di produzione

agricola o per ridurre l’impatto ambientale e

le emissioni di anidride carbonica.

I rapporti commerciali

L’interesse verso sistemi di produzione alimentare più

ecosostenibili si sta anche sviluppando fra i politici

nazionali e locali. Molte città stanno mettendo a punto

politiche agroalimentari e hanno iniziato a riprogrammare

l’approvvigionamento alimentare attraverso sin-


ties for small farmers and retailers, fostering individual

and communal health, and enhancing environmentally

friendly programs at the urban and

peri-urban levels (Sonnino, 2009).

The existing urban food system is complex, fragmented

and in evolution. Given this background,

we’ll focus on the role of wholesale produce markets

(WM) and their renewed services, which can

be included within a more sustainable urban food

plan, internalizing the costs related to healthcare

and environmental issues.

A look at the marketing relationships linking wholesalers

and small producers shows that significant

growth in the share of sales for local foods can

only be achieved if producers are able to supply

competitively priced products with consistent

quality in volumes that match distribution product

movement (King et al., 2010). Typically, this will

require aggregation of product across producers

and efficient distribution models; at present local

products enter wholesale market channels through

producers who are direct sellers, specialty distributors

and cooperatives.

The role of Food hubs

One crucial question is whether there is any innovative

distribution model linking fruit and vegetable

intermediaries and small producers at the local

level that can improve the competitiveness of local

growers while upholding local food sustainability

principles? Are wholesale markets ready to differentiate

their activities and facilitate new and more

flexible types of commercial relationship?

Taking advantage of the strategic location of WMs

in city areas and their role in improving the fruit and

vegetable supply chain’s efficiency, more and more

WMs are implementing additional services to

upgrade market efficiency and sustainable logistics

Figure 1 – Existing and potential Food Hubs in the Usa.

Figura 1 – Mappa delle infrastrutture fisiche e virtuali presenti negli Stati Uniti.

gole iniziative e strategie coordinate. La nuova pianificazione

alimentare urbana contribuisce a creare

nuove opportunità economiche per i piccoli produttori

e dettaglianti, difende la salute dei singoli e della

comunità e aiuta i programmi di tutela ambientale

nelle città e nelle periferie (fonte: Sonnino, 2009).

Il sistema alimentare urbano esistente è complesso,

frammentato e in continua evoluzione, focalizzato sul

ruolo dei mercati alimentari all’ingrosso e dei loro

nuovi servizi, che possono essere inseriti in una pianificazione

alimentare urbana più sostenibile, assorbendo

i costi relativi ai problemi sanitari e ambientali.

Per quanto riguarda i rapporti commerciali tra grossisti

e piccoli produttori, sarà possibile aumentare le

vendite di prodotti locali soltanto se i produttori saranno

in grado di fornire prodotti di qualità a prezzi competitivi

e in volumi che si accordino con i movimenti

della distribuzione (fonte: King et al., 2010).

Naturalmente, ciò richiederà l’aggregazione dei prodotti

tra i vari produttori; attualmente i prodotti locali

arrivano ai mercati all’ingrosso direttamente i produttori,

i distributori specializzati e le cooperative.

Il ruolo dei Food hub

L’interrogativo principale può essere: esiste un

modello di distribuzione innovativo che unisca gli

intermediari ortofrutticoli e i piccoli produttori a livello

locale, che sia in grado di migliorare la competitività

dei produttori locali e di rispettare i principi di

sostenibilità dei loro prodotti? I mercati all’ingrosso

sono pronti a differenziare le loro attività e a introdurre

nuove forme più flessibili di rapporti commerciali?

Sfruttando la loro posizione strategica nell’area urbana

e il loro ruolo chiave nel migliorare l’efficienza della

distribuzione ortofrutticola, sempre più grossisti

stanno mettendo a punto servizi commerciali e logistici

aggiuntivi per i prodotti locali a livello urbano.

Tali servizi includono: collaborazioni, design informatico

e telematico, veicoli più capienti, consegne fuori

orario, ottimizzazione dei percorsi per le consegne.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

15

focus/wholesale market

focus/mercati all’ingrosso


focus/wholesale market

focus/mercati all’ingrosso

for local produce at the urban level. These services

include collaboration, network design and information

technology, vehicles of greater capacity, overtime

deliveries and optimisation of delivery routes.

The direct impacts are thus lower carbon footprints,

better air quality, less congestion and, in some

cases, reducing delivery costs.

At an international level, the US is strongly committed

to restructuring the food system so it has a

more local focus. For example, under the Obama

administration, the USDA has created the Know

Your Farmer, Know Your Food initiative that puts

new emphasis on food hubs (FH). The USDA

defines a FH as a centrally located facility with a

business management structure facilitating the

aggregation, storage, processing, distribution and

marketing of locally and regionally produced food

products. FHs provide expanded market opportunities

for agricultural producers, job creation in rural

areas and increased access of fresh and healthy

foods for consumers.

In the most cases, around the US, FH physical and

“virtual” infrastructure is already in place, including

wholesale markets, shipping point markets and

hybrid markets (Figure 1).

San Francisco, a case study

Among the various examples of FHs in urban food

strategies, San Francisco merits special attention

because the city, the community and the food chain

stakeholders have identified a new food strategy

called the SF Foodshed Plan, which includes specific

measures regarding city logistics. The San

Francisco wholesale produce market represents a

potential food hub since it is a strategically located

facility where wholesalers receive large quantities

of food by rail, truck and air from local and international

producers for sale to grocers, restaurants

and institutions.

As an element of logistic optimisation, night deliveries

to the WM are arranged and consolidation

shipping is facilitated. An increased role in the supply

chain is achieved by diversifying the types of

customers: not only HORECA and local grocers,

but also some retailers have a commercial relationship

with this WM, i.e. the Whole Foods and Molly

Stones markets are interested in increasing the

local food supply within their stores.

(English version by David Verzoni)

16 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Le conseguenze di tutto questo sono: minor impatto

ambientale, miglior qualità dell’aria, traffico meno

congestionato e, in taluni casi, riduzione dei costi di

consegna.

A livello internazionale, gli Stati Uniti sono fortemente

motivati a ristrutturare il sistema alimentare, privilegiando

le realtà locali. Per esempio, sotto

l’amministrazione Obama, il dipartimento per

l’agricoltura (Usda) ha lanciato l’iniziativa “Know your

farmer, know your food” (Conosci il tuo produttore,

conosci il tuo cibo), ponendo grande enfasi sui poli

agroalimentari, i Food hub (Fh). Viene definito Fh

un’area industriale in posizione centrale, dotata di

struttura commerciale, che faciliti la raccolta, lo stoccaggio,

la lavorazione, la distribuzione e la vendita di

prodotti alimentari locali o regionali. I Fh garantiscono

notevoli opportunità di mercato agli agricoltori,

contribuiscono a creare posti di lavori nelle zone

rurali e forniscono ai consumatori prodotti sani e di

buona qualità.

Nella maggior parte dei casi, in tutti gli Stati Uniti, le

infrastrutture fisiche e “virtuali” sono già disponibili: si

tratta di mercati all’ingrosso, mercati per la spedizione

di merci, o mercati ibridi (vedi figura).

L’esempio di San Francisco

Fra i vari esempi di strategie urbane e di Fh, San

Francisco merita un’attenzione speciale; la città, la

comunità e gli operatori della catena agroalimentare

hanno identificato una nuova strategia, la “SF

Foodshed Plan” (Progetto a difesa dell’alimentazione

locale di San Francisco), che comprende interventi

specifici sulla logistica urbana. Il mercato alimentare

all’ingrosso di San Francisco rappresenta un potenziale

Fh: si tratta di un’area industriale in posizione

strategica nella quale i grossisti ricevono grandi quantità

di merci su rotaia, in camion e per via aerea da

produttori locali e internazionali, che rivendono a dettaglianti,

ristoratori e istituzioni.

Per ottimizzare la logistica, si effettuano consegne

notturne e si organizzano trasporti consolidati. La

diversificazione dei clienti gioca inoltre un ruolo

importante: non solo horeca e dettaglianti locali, ma

anche dettaglianti che abbiano rapporti commerciali

con il grossista, cioè quei negozi come Whole Foods

e Molly Stones, che siano interessati a incrementare

la presenza di prodotti locali all’interno dei propri

punti vendita.

(Traduzione dall'inglese di Claudia Spisni)


focus/wholesale market

focus/mercati all’ingrosso

A makeover for Mercafir

Un nuovo concept

per il Mercafir

Marco Pederzoli

New impetus is behind a project to make over Florence’s municipal wholesale as

a showcase for Tuscany’s finest foods whilst opening it up for retail sales and providing

training workshops and cultural activities

In corso un progetto di trasformazione per uscire dal tradizionale ruolo del mercato

all’ingrosso: proporsi come vetrina delle migliori produzioni toscane e consentire

l’accesso anche ai privati per l’acquisto diretto e iniziative formative e culturali

There are important changes looming on the horizon

for Florence’s wholesale market. While its

strategic position between airport and city makes it a

much sought after site, the market’s top executives

are advancing new proposals backed by university

studies to bring a market that can generate a €700

million a year turnover into line with the times.

Fresh Point Magazine asked Mercafir CEO Valdemaro

Nutini and executive vice-president Paolo Imperlati

about the new project. «We occupy a key zone of the

city here. It’s at the centre of the metropolitan area so it

plays a strategic role. What we’re trying to show the

owners, Florence’s City Hall, who have the final say in

all this, is that our market has the right to occupy this

strategic location. How are we doing this you might

ask? Well, to begin with – Nutini continued – you have

to realise that this market hoes to a different business

18 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Ci sono importanti cambiamenti all’orizzonte per il

mercato all’ingrosso di Firenze. La sua posizione

strategica, tra aeroporto e città, fa gola a tanti, ma proprio

dalla dirigenza del mercato arrivano proposte innovative

(supportate da studi universitari) per adeguare ai

tempi questa struttura, capace oggi di produrre un giro

d’affari nell’ordine dei 700 milioni di euro.

A parlarne a Fresh Point Magazine sono gli stessi

Valdemaro Nutini e Paolo Imperlati, rispettivamente presidente

e vice presidente di Mercafir, che hanno spiegato:

«Qui siamo in una zona della città molto importante. È il

punto centrale dell’area metropolitana, destinato perciò a

ospitare funzioni strategiche. Ciò che stiamo cercando di

rappresentare al proprietario, l’amministrazione comunale

di Firenze, alla quale spetterà la decisione finale, è la

legittimità del nostro mercato a stare all’interno di questo

snodo strategico. Come? In primo luogo – ha proseguito

Valdemaro Nutini and Paolo Imperlati, CEO and Vice-president

of Mercafir.

Valdemaro Nutini e Paolo Imperlati, presidente e vice presidente di Mercafir.

Among future goals is a broader range of food items so that customers can add wine, olive oil, packed meats and cheese to fruit, vegetables and meats.

Tra gli obiettivi per il futuro, l’ampliamento della varietà di prodotti, in modo che assieme a frutta, verdura e carni si possano acquistare anche

vino, olio, insaccati e formaggi.


New brief for Mercafir

Le nuove attività all’interno del Mercafir

The market’s business operators have

devised a number of new initiatives that

show the growing momentum for a revitalising

of the market itself.

Fruttital Firenze, for example, has built a

new warehouse right next to the market

that is mostly given over to banana ripening

facilities. Company CEO Riccardo

Maestrelli said «Despite the precarious

economy, we thought the time was right for

just such an investment since it will also

gives us the chance to add to our customer

list. When the bananas get to our warehouse,

they stay in the ripening rooms for

5-6 days before being packed in boxes or

packaged in shrink-wrapped trays».

One very noteworthy novelty is being pursued

by BF Frutta. The firm has opened a

new stall featuring ethnic specialities.

Tommaso Bonecchi, BF Frutta CEO, noted:

«The idea was to have us stand out, give us

an edge over many of our competitors by

offering a range of fresh and dried foods.

model than many of its counterparts in Italy. What I

mean is that next to the stalls for produce, meats, flowers

and plants and fish, we’ve developed over the last

ten years a number of key industry services involved in

food processing, the fresh-cut trade and banana ripening.

Not to mention the logistics hub we’ve set up to

deliver our products outside Tuscany. It’s a system that

has helped us keep the recession at bay».

Consumer demands and local supplies

«We also realise, however, that this isn’t enough and

that we’ve got to come to terms with the enormous

changes we’ve seen over the last twenty years. There

are a lot of people today, and here our many immigrants

and changes in consumer demands readily come to

mind, who eat different foods from those we do and it’s

our job to meet these new dietary demands. Even when

you look at small retailers, you no longer see just a

greengrocer’s or a butcher’s because even shops like

these now tend to stock a bit of everything. We’re trying

to get our market to adapt to this new situation. If a

retailer comes to our market to stock up, he needs to

find not just fruit and meat but also wine, just to mention

one example. We’ve got to broaden the range of our

supplies so that we’ve got wine, olive oil, packed meats

and cheeses next to fruit, vegetables and meats».

In a fragmented panorama of regional foods and, gen-

The lead items we carry today are ginger,

Chinese pears and pomelos».

Stefano Meli, vice-president of La Legnaia

Cooperative, had this to day: «I don’t think

that certain commodities our members

grow can compete price-wise with those

from other regions. We’re quite satisfied

that we do well with courgette, cabbage,

pulses and tomato, whereas our performance

is sub-par with items in other sectors

like fresh-cut leafy greens».

All’interno del mercato fiorentino sono diverse

le nuove iniziative intraprese dagli operatori,

che evidenziano come questa realtà sia

quanto mai in evoluzione.

Fruttital Firenze spa, nelle immediate adiacenze

del mercato, ha realizzato un nuovo

stabilimento dedicato in gran parte alla

maturazione delle banane. Il dirigente

Riccardo Maestrelli ha detto: «Nonostante il

momento difficile, abbiamo creduto opportuno

fare questo tipo di investimento, con

l’obiettivo di allargare anche la nostra clien-

tela. Le banane, quando arrivano nel nostro

centro, rimangono 5-6 giorni nel reparto di

maturazione per passare poi alla lavorazione,

dove offriamo servizi come il vassoiato/filmato».

Un’esperienza originale è quella di BF Frutta

srl, che dallo scorso gennaio ha aperto un

nuovo spazio, specializzato nell’etnico.

Tommaso Bonecchi, amministratore di BF

Frutta, ha detto: «Ho voluto cercare di differenziarmi

da molti miei colleghi, offrendo

accanto alla gamma del fresco anche quella

del secco. Oggi, varietà trainanti nell’etnico

sono il ginger, le pere cinesi e il pomelo».

Stefano Meli, vicepresidente della cooperativa

La Legnaia, ha infine dichiarato: «Non

credo che le produzioni dei nostri soci

potranno mai competere sul prezzo rispetto a

prodotti provenienti da altre regioni. Siamo

soddisfatti per i risultati ottenuti con zucchine,

cavoli, fagioli e pomodori. Meno redditività

si riscontra invece in settori come quello

dell’insalatina da taglio».

il presidente Nutini – occorre premettere che questo mercato

ha una concezione diversa rispetto a molti altri mercati

italiani, perché accanto ai comparti ortofrutticolo,

carni, florovivaistico e ittico, si sono sviluppati negli ultimi

dieci anni importanti attività di servizio, come trasformazione

alimentare, IV gamma e maturazione di banane.

Sono presenti inoltre importanti attività di logistica che veicolano

questi prodotti anche fuori dalla Toscana. Tale

sistema ha consentito di respingere i colpi della crisi».

Le esigenze dei consumatori e il territorio

«Riteniamo però che tutto questo non basti; negli ultimi

vent’anni siamo andati incontro a grandi cambiamenti.

Oggi c’è molta gente, penso agli extracomunitari e anche

alle mutate esigenze dei consumatori, che si alimenta con

prodotti diversi da quelli a cui siamo abituati: dobbiamo

dare risposte a questi nuovi modi di mangiare. Anche nei

negozi della piccola distribuzione, non c’è più l’ortolano o

il macellaio, perché anch’essi tendono oggi ad avere un

po’ di tutto. Noi stiamo cercando di fare in modo che

questo mercato si adatti a tale situazione: se il negoziante

viene a fare la spesa deve potere trovare non solo frutta

e carni, ma ad esempio anche vini. Dobbiamo fare crescere

la gamma, in modo che accanto a frutta, verdura e

carni ci siano pure vino, olio, insaccati e formaggi».

Rispetto a una realtà produttiva regionale che si presenta

frammentata e, in genere, di piccole dimensioni (come

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

19

focus/wholesale market

focus/mercati all’ingrosso


focus/wholesale market

focus/mercati all’ingrosso

erally speaking, of more or less niche products like

lardo di Colonnata and Pienza cheese, Mercafir seeks

to become the showcase that brings all these Tuscan

delights together. There is also a push to open the market

to the city’s retail trade. In other words, the idea is

to shed the role of wholesale only and at given times to

let in the general public and add training workshops

and cultural activities. Then there’s the question of

where to secure the funding for these projects? I think

it’s unrealistic to look for public sources, so we’ll need

to turn to the private sector. We’ve got to see whether

any players in big retail or even in the real estate market

might be interested in an operation like this.

2010 performance

Taking stock of the past year, Nutini and Imperlati concluded

that «2010 was a relatively tough season. While

a number of businesses closed, Fruttial, one of our

biggest companies, opened a new facility of 10 square

metres for the fresh-cut trade and banana ripening in a

lot owned by the city but not directly part of the market

area. We supported the entire operation despite the

fact that we’d be losing a hefty rent because the firm

expanded its business reach and remained linked to

the market. So, although there’s no concealing some

loss of ground, we ended the year with a small profit, a

result in line with the past. In effect, the Florence market

hasn’t posted a loss in 15 years».

(English version by David Verzoni)

ad esempio il lardo di Colonnata, il formaggi di Pienza), il

Mercafir vuole diventare la vetrina della produzione

toscana. Inoltre, c’è l’idea di aprire il mercato alla città: in

altre parole, di uscire dal ruolo di luogo degli scambi

all’ingrosso e, in particolari momenti, rendere possibile

l’accesso ai privati per acquisti e per iniziative formative

e culturali. Ma dove attingere le risorse per questi progetti?

Io ritengo utopistico pensare a fondi pubblici, quindi

occorrerebbe creare un tavolo di confronto per

l’intervento dei privati. Si tratta di capire quali soggetti, tra

la distribuzione o magari realtà di tipo immobiliare, possano

essere interessate a tale operazione.

Bilancio 2010

Tracciando un breve bilancio dell’anno passato, Nutini e

Imperlati hanno concluso: «Il 2010 è stato un anno di difficoltà

relativa. A fronte di concessionari che hanno cessato

l’attività, un grosso operatore (Fruttital, ndr) ha realizzato

in diritto di superficie, su un’area del Comune scorporata

al mercato, un grande stabilimento di 10mila metri

quadrati per offrire servizi alla gdo, in termini di maturazione

banane e IV gamma. Si è trattato di un’operazione che

noi stessi abbiamo favorito, seppure coscienti di rinunciare

a un importante canone, perché comunque l’azienda si

è sviluppata ed è rimasta collegata all’area del mercato.

In ogni caso, nonostante non si possano nascondere sofferenze,

chiudiamo con un piccolo utile in coerenza con il

passato. Sono del resto 15 anni che il mercato di Firenze

non presenta bilanci in rosso».


market/Austria

mercato/Austria

Austria, growing preference for

organics and home grown produce

Austria, sempre più apprezzate

le produzioni bio e locali

Bettina Riedel

In a country that imports more than it exports, especially when it comes to

processed foods, the F&V industry must pursue high-end quality guaranteed by

Producer Organisations

In un Paese in cui le importazioni, soprattutto per quanto riguarda il trasformato,

superano le esportazioni, il settore ortofrutticolo deve puntare sull’alta qualità garantita

dalle organizzazioni di produttori

Austria’s agriculture posted 2010 revenues totalling

€6.1 billion, with vegetables accounting for 6.9%

and fruit 5.9%. The country has 4,222 fruit-growing

operations for an acreage of 12,390 ha (Statistik

Austria, Obstanlagenerhebung, 2007).

Turnover and trade

The Austrian fruit industry posted a 2009/2010

turnover of €362 million, a 9.1% drop on the year.

Specialised and intensive fruit farms saw their returns

fall respectively by 10.1% and 8.5%. The main reason

22 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

agricoltura austriaca nel 2010 ha avuto un indotto di

L’ 6,1 miliardi di euro, di cui il settore orticolo rappresenta

il 6,9% e quello frutticolo il 5,9%. In Austria sono

presenti 4.222 aziende specializzate nella produzione di

frutta che occupano 12.390 ha di superficie (Statistik

Austria, Obstanlagenerhebung, 2007).

Fatturati e commercializzazione

Nel 2009/2010 il fatturato della frutticoltura era di 362

milioni di euro, in calo del 9,1% rispetto al 2008. La frutticoltura

specializzata e la produzione estensiva di frutta


is ascribable to the crop and price decrease registered

by apple (Tables 1 & 2).

The vegetable column of the ledger shows that the

overall crop was up despite a slide in acreage, with

overall yield at 0.59 million tons the highest in the

last ten years. Prices were slightly below those of the

year before, with overall revenues down by €0.20 billion.

This means that turnover was 1% off that of the

preceding year (Tables 3 & 4).

F&V marketing is highly concentrated in a few hands.

More than 90% of the fresh fruit and vegetables are

sold by big retail outlets, with a third of this figure falling

under the discount chains; only 10% is purchased

directly at the farmgate or municipal markets (Figure 1).

A look at the fruit sector shows that while 60% of the

farms sell part of their crop directly to consumers,

35% sell through POs, 34% produce for processors

and 25% sell for retail (Figure 2).

Import-export numbers

Austria consumes 60% of its vegetable crop and 63%

of its fruit crop, with apples and apple juice at a combined

93% being the best selling items (Statistik

Austria 2008/09, Versorgungsbilanzen). Austria’s F&V

industry is a traditional importer of vegetables, which

have a €411.5 million turnover. Exports on the other

hand posted revenues of only €108 million in 2009.

Most of the vegetable imports are processed for an outlay

of €199.5 million, followed by tomato at €54.2 million.

Even in the export column we find processed vegetables

as the lead items at €43.6 million; potato is the

second best-selling export at €15.7 million. Noteworthy

here is that despite the 37.95% rise in prices, the average

export price was down 32.4% on the year.

Figure 1 – Market shares of big retail chains, 2009.

Figura 1 – Quota di mercato delle catene del commercio al dettaglio 2009.

ZEV

Markant

Adeg

3,7

Zielpunkt

3,9%

Source: Grüner Bericht 2010

Fonte: Grüner Bericht 2010

Lidl

3,8

Hofer

19,8%

Other

Spar

28,4%

Rewe

31,0

hanno subito una flessione del loro indotto rispettivamente

di -10,1% e -8,5%. La causa principale è imputabile

alla diminuzione della produzione delle mele e inoltre

alla diminuzione dei prezzi (tabelle 1 e 2).

Per quanto riguarda gli ortaggi, la produzione ha registrato

un aumento, nonostante la diminuzione delle

superfici coltivate: la resa si è attestata pari 0,59 milioni

tonnellate, la più alta degli ultimi dieci anni. I prezzi

sono stati leggermente inferiori rispetto a quelli dell’anno

precedente, posizionando il valore economico

attorno a 0,20 miliardi di euro. Si è quindi registrato un

fatturato del 1% inferiore rispetto all’anno precedente

(tabelle 3 e 4).

La commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli è

molto concentrata. Più del 90% della frutta e verdura

fresca è commercializzata dalla grande distribuzione

organizzata, un terzo di questo da parte dei discount.

Solo il 10% del prodotto è acquistato direttamente dal

produttore o ai mercati (figura 1).

Il 60% delle aziende agricole nel settore frutticolo

distribuisce almeno una parte della produzione attraverso

la vendita diretta al consumatore. Il 35% delle

aziende commercializza attraverso le Op, un 34%

produce per la trasformazione e un quarto delle

aziende fornisce direttamente al commercio al dettaglio

(figura 2).

TAB. 1 - OVERALL FRUIT CROP 2010 & 2009 IN TONS (T) / RACCOLTA

DI FRUTTA 2010 E 2009 IN TONNELLATE (T)

Seed and stone

fruit / Frutta di

semi e drupe

Soft fruit /

Frutti di bosco

Total fruit /

Frutta totale

2010 217.312 20.419 237.732

2009 245.748 18.434 264.183

Source: Statistik Austria 2011, Ernteerhebung

Fonte: Statistik Austria 2011, Ernteerhebung

TAB. 2 - 2010 FRUIT CROP / RACCOLTA DI FRUTTA 2010

Resa (t)

Apple / Mele 197.413

Pear / Pere 8.185

Plum / Prugne 3.784

Apricot / Albicocche 3.437

Peach / Pesche 2.097

Cherry / Ciliege 1.998

Strawberry / Fragole 16.426

Currant / Ribes 1.880

Blueberry / Mirtilli

Source: Statistik Austria 2011, Ernteerhebung

Fonte: Statistik Austria 2011, Ernteerhebung

945

TAB. 3 - VEGETABLE CROPS: PRODUCTION & ACREAGE 2010, 2009 /

COLTIVAZIONE DI ORTAGGI: PRODUZIONE E SUPERFICIE 2010 E 2009

Acreage (ha) /

Superficie (ha)

Harvest (t) /

Raccolta (t)

2010 15.113 589.575

2009 15.335 594.639

Source: Statistik Österreich 2011 / Fonte: Statistik Österreich 2011

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

23

market/Austria

mercato/Austria


market/Austria

mercato/Austria

Figure 2 – Purchase place of fruit and vegetables (produce bought in

kilos/price).

Figura 2 – Luoghi d’acquisto di frutta e verdura (prodotto comprato in kg/pezzo).

100

90

80

70

60

50

40

30

20

10

0

4,9% 6,7%

1,8% 1,3%

93,3% 91,9%

Frutta fresca Ortaggi freschi

altri dal produttore GDO

Source: RollAma/Ama Marketing, n=2,500 Austrian households

Fonte: RollAma/Ama Marketing, n=2.500 nuclei familiari in Austria

The fruit column also shows that imports far out-distance

exports. While the former posted a bill of €631.4

million in 2009, fruit exports had revenues of €162.7

million. The best-selling imports are banana at €95.8

million, citrus at €91.3 million and soft fruits at €77 million.

The leading items in the export column are apple

and pear for a combined total of €45.1 million.

Process produce products posted an import bill of

€486.5 million and export revenues of €460 million.

Fruit juices are the leading items in the import-export

trade, and Figure 3 shows Austria’s most important

produce trading partners.

Figure 3 – Austria's main produce trading partners.

Figura 3 – I Paesi più importanti per l’import-export austriaco di frutta e ortaggi.

450000

400000

350000

300000

250000

200000

150000

100000

50000

0

Source: Statistik Österreich, Ama Marketing 2010

Fonte: Statistik Österreich, Ama Marketing 2010

Importazione Esportazione Importazione Esportazione

24 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

I valori dell’import-export

Il 60% del consumo di ortaggi è prodotto in Austria, il

settore frutticolo si attesta invece al 63% (Statistik

Austria 2008/09, Versorgungsbilanzen). Le mele e il

succo di mele sono il prodotto con la percentuale più

alta (93%). Tradizionalmente, il settore ortofrutticolo

austriaco è molto caratterizzato dalle importazioni di

ortaggi che hanno un valore economico di 411,5 milioni

di euro. Le esportazioni, invece, nel 2009 hanno raggiunto

un valore pari a 108 milioni di euro.

La maggior parte dei prodotti orticoli importati sono di

origine trasformata (199,5 milioni di euro), a seguire le

Vegetables Fruit

Ungheria

Olanda

Spagna

Germania

Italia


Figure 4 – Austria's best selling produce items.

Figura 4 – I prodotti ortofrutticoli più consumati in Austria.

Vegetables (1.000 kg) Fruit (1.000 kg)

Apple

Banana

Orangee

Table grape

Mandarin-orange

Tomato

Onion

Carrot

Sweet pepper

Cucumber

14161

Source: RollAma/Ama Marketing, n=2.500 nuclei familiari in Austria

Fonte: RollAma/Ama Marketing, n=2.500 nuclei familiari in Austria

20234

18754

18227

In the consumer’s trolley

The monthly household shopping bill for fresh foods

amounted to €129.50 in 2009. A breakdown shows

that fresh fruit accounted for 9%, fresh vegetables

8%, processed items 4% and potato only 1%

(RollAma/Ama Marketing). Austrians consume a yearly,

per-capita average of 108.3 kilos of vegetables,

96.6 of fruit, 56.1 of potato (Statistik Österreich/Ama

Marketing 2008/09). Table 5 and Figure 4 show the

amounts of produce consumed in Austria.

The country’s market for fresh organics keeps growing.

As Table 6 shows, today nearly 19.4% of Austria’s

Figure 5 – Market share of organics by distribution arm, 2009.

Figura 5 – Quota dei diversi canali di distribuzione al mercato biologico, 2009.

Big retail

66,8%

Source: Grüner Bericht 2010

Fonte: Grüner Bericht 2010

23327

27500

30976

33546

67186

69525

0 10000 20000 30000 40000 50000 60000 70000 80000

Specialist outlet

14,2%

HoReCa

5,1%

Farmgate

7,2%

Export

6,7%

importazioni del pomodori hanno un valore di 54,2 milioni

di euro. Anche nelle esportazioni i prodotti trasformati

realizzano il valore più alto con 43,6 milioni di euro. Le

patate sono il secondo prodotto più esportato con un

indotto di 15,7 milioni di euro. È importante sottolineare

che nonostante le quantità di patate esportate siano

aumentate del 37,95%, i prezzi medi per l’esportazione

si sono abbassati di un considerevole 32,4%.

Anche per la frutta le importazioni superano di molto le

esportazioni. Nel 2009 sono stati importati prodotti del

settore frutticolo per un valore di 631,4 milioni di euro.

L’esportazione di frutta invece ha un fatturato di 162,7

milioni di euro. I frutti più importanti per l’importazione

sono le banane (95,8 milioni di euro), gli agrumi (91,3

milioni di euro) e i frutti di bosco (77 milioni di euro). Per

l’esportazione invece sono le mele e le pere con un

valore di 45,1 milione di euro.

L’importazione dei prodotti trasformati ha un valore di

486,5 milioni di euro, le esportazioni di 460 milioni di euro.

I succhi di frutta sono il prodotto più importante per

l’import-export. In figura 3 sono riportati i Paesi più importanti

per l’import-export austriaco di frutta e ortaggi.

Nella spesa dei consumatori

Nel 2009 la spesa mensile per nucleo famigliare dei prodotti

freschi è stata di 129,5 euro.

Di questo il 9% è stato speso per la frutta fresca, l’8%

per la verdura fresca, il 4% per prodotti trasformati e

solo l’1% per le patate (RollAma/Ama Marketing). Gli

austriaci consumano mediamente 108,3 kg pro capite

di verdura, 96,6 kg pro capite di frutta, 56,1 kg pro capite

di patate (Statistik Österreich/Ama Marketing

2008/09). La tabella 5 e la figura 4 riportano le quantità

dei prodotti ortofrutticoli più consumati in Austria.

In Austria il mercato dei prodotti biologici freschi è in

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

25

market/Austria

mercato/Austria


market/Austria

mercato/Austria

TAB. 4 - MOST IMPORTANT VEGETABLE CROPS / LE COLTURE PIÙ

IMPORTANTI DELLA PRODUZIONE ORTICOLA

2010

Acreage (ha) /

Superficie (ha)

farmland is under organic regimes, an acreage that

amounts to 544,672 ha distributed over nearly 16.2%

of its total farms (Lebensministerium Österreich,

www.lebensministerium.at).

A look at the retail business shows that the volumes

of fresh organics grew 21.5% from 2009 to 2010, a

rate determining an 18.7% rise in receipts. In the

same period overall sales of organics hit 7.3% of all

foods, the highest share they’ve recorded to date.

A closer look shows that organic fruit volumes grew

12.5% in 2010, an increase that led to a 13.1% rise in

receipts. Vegetables showed a 12% volume growth

and a 23% rise in revenues. Austria’s discount chains

are playing a key role in the growth momentum of

organics since they have substituted them for the

conventional foods they used to offer. Then too the

price gap between the two categories is no longer

that wide and, hence, organics are more competitive

today (Figure 5).

An industry survey by RollAma shows the most

important factors in determining which organic foods

consumers choose. First organics have to be healthier

and free of chemical residues, be of higher and

more tightly controlled quality. It’s also interesting to

note that nearly 59% of the survey’s respondents are

willing to pay higher prices for organics (RollAma

Motivanalyse 2010).

Outlook

The last fe years have seen a notable increase in the

importance of producer organisations as contollers of

26 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Harvest (t) /

Raccolta (t)

Onion / Cipolla 2.905 154.105

Carrot / Carote 1.623 85.631

Cabbage / Cavoli 944 57.566

Lettuce /Lattughe 1.472 47.573

Tomato / Pomodori 175 44.241

Cucumber / Cetrioli 411 40.939

Squash / Zucche 321 10.784

Source: Statistik Österreich 2011 / Fonte: Statistik Österreich 2011

TAB. 5 - TOP 5 FRUITS AND VEGETABLES, 2009 / I TOP 5 NEL

CONSUMO DI FRUTTA E VERDURA, 2009

Vegetable / Ortaggi (1.000 kg) Fruit / Frutta (1.000 kg)

Tomato /

Pomodori

33.546 Apple / Mele 69.525

Onion / Cipolla 27.500 Banana / Banane 67.186

Carrot / Carote 23.327 Orange / Arance 30.976

Sweet Pepper /

Peperoni

18.754 Table grape / Uva 20.234

Cucumber /

Cetriolo

18.227

Mandarin-orange /

Mandarancio

14.161

Source: RollAma/Ama Marketing, n=2500 households / Fonte: RollAma/Ama Marketing,

n=2500 nuclei familiari / Fonte: RollAma/Ama Marketing, n=2500 nuclei familiari

TAB. 6 - ORGANIC FRAM PROFILES, 2010 / STRUTTURA AZIENDE

BIO 2010

Farm number /

Numero di aziende

Acreage (ha) /

Superficie (ha)

Farms with orchards /

Aziende con frutteti

Farms with vegetable

442 1.863

crops / Aziende con

produzione di ortaggi

530 2.342

Source: Bmlfuw, Bundesanstalt für Agrarwirtschaft Ama, Invekos - 2009 data /

Fonte: Bmlfuw, Bundesanstalt für Agrarwirtschaft Ama, Invekos - daten 2009

continuo aumento. Circa il 19,4% della superficie agraria

austriaca è destinata alla coltivazione biologica

(tabella 6), che risulta pari a 544.672 ha distribuiti nel

16,2% circa delle aziende agricole (Lebensministerium

Österreich, www.lebensministerium.at).

Nel commercio al dettaglio la crescita delle quantità dei

prodotti biologici freschi dal 2009 al 2010 è stata del

21,5%, con un aumento in termini economici del 18,7%.

Nello stesso periodo si raggiunto un 7,3% di quantità di

prodotti biologici venduti, la quota più alta mai raggiunta.

Sempre nel 2010 il mercato della frutta biologica è cresciuto

del 12,5% in termini di volume permettendo un

incremento del 13,1% a livello economico. Per gli ortaggi

si registra una crescita in volume del 12% e un

aumento del valore di un 23%. I discount giocano un

ruolo decisivo nello sviluppo del settore biologico, poiché

hanno sostituito la loro offerta da prodotti convenzionali

sono passati a quelli d’origine biologica. Inoltre la

differenza tra i prezzi tra le due tipologie di prodotti non

è più così accentuata permettendo ai prodotti biologici

di essere più competitivi (figura 5).

Secondo uno studio svolto dal RollAma, è stato possibile

determinare quali siano i fattori più rilevanti nella

scelta dei prodotti biologici da parte del consumatore.

Questi prodotti devono quindi essere più sani e privi di

residui fitosanitari, mostrare un sapore, una qualità

superiore e altamente controllati. È per di più interessante

evidenziare è che il circa 59% delle persone intervistate

accettano che i prezzi dei prodotti biologici siano più

alti (RollAma Motivanalyse 2010).


supply flows. One example that can stand for all is

that there were four POs in 1998 and today there are

six. Even the structure of the POs is changing. On the

one hand the number of member farms is dropping,

the rate being 29% from 2001/02 to 2006/07, and on

the other individual farm acreage is rising, the rate

over the same period being 25% (Hambrusch &

Quendler 2008).

According to industry experts, the competitive edge

of Austria’s produce industry resides in several factors,

the key being a broad assortment of crops in the

top-quality range that are widely known to be regionally/locally

produced. It’s a fact that will make PO

control of supply crucial (Hambrusch & Quendler

2008).

A survey by Austria’s Ministry of Agriculture shows

that 36% of respondents prefer to purchase fresh

foods of local/regional origin. Those interviewed also

said they were willing to pay 10% extra for local

foods. The freshness, quality, flavour and genuineness

that are bound up with thee foods are their most

sought-after qualities and are the source of their

added value (GfK Austria 2010).

(English version by David Verzoni)

Prospettive future

Negli ultimi anni in Austria è cresciuta l’importanza delle

organizzazioni di produttori come enti di concentrazione

dell’offerta, nel 1998 erano le Op riconosciute erano

quattro, oggi sono sei. Anche la struttura delle stesse

Op sta cambiando: da un lato il numero di aziende socie

sta diminuendo con un tasso del 29% dal 2001/02 al

2006/07, dall’altro la superficie globale delle aziende è

cresciuta, registrando un aumento del 25% dal 2001/02

al 2006/07 (Hambrusch, Quendler 2008).

Secondo gli esperti, i vantaggi competitivi del settore

ortofrutticolo austriaco si trovano specialmente nell’ampliamento

della produzione di prodotti di alta qualità, che

mostrano una forte connotazione regionale/locale. Sarà

dunque cruciale la concentrazione dell’offerta in organizzazioni

di produttori (Hambrusch e Quendler 2008).

Uno studio del ministero dell’agricoltura austriaco rivela

che per il 36% degli intervistati è fondamentale che i prodotti

freschi acquistati siano d’origine regionale/locale. Il

gruppo di persone intervistato è inoltre disposto a pagare

anche un 10% in più per i prodotti locali. La freschezza,

la qualità, il sapore e la naturalezza che li caratterizzano

sono i fattori più apprezzati e creano il valore aggiunto

dei prodotti locali (GfK Austria 2010).

market/Austria

mercato/Austria


market/Tuscany

mercato/Toscana

Fruit from the world over

Even out of season

Frutta da tutto il mondo

Anche contro stagione

Giulia Giovanelli

Tuscany-based Agricola Gloria imports produce from South America and

Australia. It’s a label ensuring top-quality, fresh and healthy fruit and vegetables

L’azienda toscana Agricola Gloria è specializzata nella distribuzione di prodotti

ortofrutticoli provenienti da Sud America e Australia garantendo alta qualità, salubrità

e freschezza

South America is becoming the world’s most fertile

basin for the growing of fruit for export to western

markets. When domestic crops and seasonality are

insufficient to meet the F&V demands of European

markets, importers turn to South America as the

source of first resort to supply consumer demands.

Subsidiary in Chile

Established in Tuscany in 1932, Agricola Gloria has

been a notable player in Italy’s wholesale produce

trade ever since. Even today it’s still a family-run business

handling ‘good fruit from the world over’ for year

round distribution. The idea is to select the best suppliers

of quality and healthy fruit while keeping in mind

Established in Tuscany in 1932, Agricola Gloria has been a

notable player in Italy’s wholesale produce trade ever since.

Agricola Gloria è un'azienda italiana, fondata in Toscana, che lavora

nel settore del commercio di frutta e verdura dal 1932.

28 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Il Sud America diventa oggi il bacino mondiale più

fecondo per produzione ed esportazione di frutta

destinata al mercato occidentale. Quando le produzioni

interne e la stagionalità non sopperiscono alla

richiesta di ortofrutta necessaria a soddisfare il mercato

europeo, l’America meridionale diventa la prima

fonte utile in grado di rispondere adeguatamente ai

bisogni dei consumatori.

Presente in Cile

Agricola Gloria è un'azienda italiana, fondata in Toscana,

che lavora nel settore del commercio di frutta e verdura

dal 1932. Un’azienda di famiglia da sempre votata alla

ricerca della “buona frutta dal mondo”, per poterla poi

ridistribuire favorendo una continuità stagionale, selezionando

i migliori fornitori in base all’alta qualità e salubrità

del prodotto, con un occhio alla tradizione e uno

all’innovazione tecnologica della gestione, conservazione,

stoccaggio e distribuzione delle merci fresche che

provengono da ogni parte del mondo.

L'azienda Agricola Gloria importa ortofrutta proveniente

dall’Uruguay, Costa Rica, Ecuador, Argentina, Brasile,

Sud Africa, Australia e Cile, dove proprio tre anni fa ha

formato la società Agricola Gloria Chile per potenziare la

propria presenza in uno dei territori più produttivi del

mondo per quanto riguarda l’ortofrutta. «L’importazione

di mele, pere e kiwi – spiega l’amministratore unico di

Agricola Gloria, Giulio Magrini – rappresenta il punto di

forza della nostra azienda, poiché è una tipologia di frutta

altamente richiesta nell’emisfero Nord durante tutto

l’anno, anche nei mesi estivi, quando non c’è sufficiente

produzione locale. Da non sottovalutare il mercato

degli agrumi, che riveste comunque un’importanza fon-


Oranges and lemons sell all year round in all retail outlets.

Il consumo di aranci e limoni è altamente diffuso durante tutto

l’anno, dalla gdo all’horeca.

the requisites of tradition and high-tech innovation in

storing, stocking and marketing fresh produce.

Agricola Gloria imports fruit and vegetables from

Uruguay, Costa Rica, Ecuador, Argentina, Brazil,

South Africa, Australia and Chile, where three years

ago it set up its Agricola Gloria Chile subsidiary to

strengthen its position in one of the southern hemisphere’s

most productive fruit areas. «Our apple pear

and kiwi imports – noted Agricola Gloria CEO Giulio

Magrini – are the company’s strongest suite because

these are high-demand commodities year round in

northern hemisphere markets, especially in summer

when domestic production can’t meet demand. Citrus

is also a key sector in terms of import volumes since

oranges and lemons sell all year round in all retail outlets

from supermarkets to the food service trade ».

The importance of logistics

The growing trend to consume out-of-season fruit

we’ve seen in these last ten years has remarkably

spurred trade in the international F&V marketplace.

Today consumers are used to buying the broadest

assortment ever of seasonal produce, although

this works to the detriment of a good quality/price

ratio. Despite the

bad publicity it sometimes

gets today,

imported fruit is

held to quality controls

at Customs

entry points that are

up to the EU standards

ensuring quality

and healthiness.

«The market – said

Magrini – is always

demanding out-of-season

produce. That’s why

Kiwi is one of the most popular fruits even out of season.

I kiwi sono uno dei frutti più richiesti dal mercato fuori stagione.

damentale nel volume delle importazioni, dal momento

che il consumo di aranci e limoni è altamente diffuso

durante tutto l’anno, dalla gdo all’horeca».

L’importanza della logistica

Nell’ultimo decennio la tendenza al consumo di frutta

contro stagione ha incentivato notevolmente il mercato

ortofrutticolo internazionale: oggi il consumatore

è abituato ad avere sulla propria

tavola la più vasta gamma di prodotti stagionali,

penalizzando il buon rapporto qualità/prezzo.

Nonostante la cattiva pubblicità che oggi

viene fatta, la frutta d’importazione è

sottoposta a rigidi controlli al momento

dello sdoganamento,

rispettando tutti i parametri

dettati dalla Comunità europea

garantisce qualità e

salubrità.

Agricola Gloria imports fruit and

vegetables from Uruguay, Costa

Rica, Ecuador, Argentina, Brazil,

South Africa, Australia and Chile.

L'azienda Agricola Gloria importa ortofrutta

proveniente dall’Uruguay, Costa Rica, Ecuador,

Argentina, Brasile, Sud Africa, Australia e Cile.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

29

market/Tuscany

mercato/Toscana


market/Tuscany

mercato/Toscana

we’re always looking for suppliers with whom we can

establish long-term, profitable relations in line with

our business philosophy. Chile is a good case in

point. In addition to increasing late-season

fruit supplies, it has proved to be an

excellent partner in terms of management

model and commodity

quality. We’ll soon be opening

a new facility specifically

designed for our business

partners as a logistics hub for

fresh produce in a strategic area

in central Italy. A finely woven

transport network will ensure daily

deliveries to the country’s main wholesale

markets. While retaining our familyrun

credentials, Agricola Gloria has

grown a lot in the last few years to

become a leading position in the market.

Indeed, we’re now one of the world’s top five in

our sector and our customer list is our best calling

card. Even today we still like to see our company not

so much as an end in itself but more as a home for

an extended family so that we can say to our customers

“our house is your house”!».

(English version by David Verzoni)

«Il mercato – sottolinea Magrini – richiede continuamente

prodotto fuori stagione, per questo motivo siamo

costantemente alla ricerca di collaborazioni in linea con

la nostra filosofia di gestione, per instaurare un duraturo

e proficuo rapporto. È il caso del Cile, che oltre a incrementare

negli ultimi periodi la produzione di frutta, si

è rivelato un ottimo partner per la serietà

nella gestione del lavoro e per la

qualità del prodotto. Molto presto,

poi, verrà inaugurata una

nuova sede, vera e propria piattaforma

del fresco, posta strategicamente

nel centro Italia e

costruita per essere il portale logistico

dei nostri partner. Attraverso

una fitta rete di trasporti, vengono

riforniti giornalmente tutti i principali mercati

ortofrutticoli. Pur mantenendo l’impronta famigliare,

Agricola Gloria in questi anni è molto cresciuta

assumendo una posizione leader nel mercato:

nel suo settore è infatti fra le prime cinque aziende al

mondo e i nostri clienti sono miglior biglietto da visita.

Ancora oggi ci piace vedere la nostra realtà non come

un’azienda fine a se stessa, ma come una casa e una

grande famiglia per poter dire ai nostri clienti “la mia

casa è la tua casa”!».


market/apple & pear forecasts

mercato/previsioni mele e pere

Apple and pear production

down slightly in 2011

Mele e pere, produzione

in lieve flessione nel 2011

Duccio Caccioni

At its meeting at Fruit Logistica in Berlin, WAPA (World Apple & Pear Association)

released its forecasts for the northern and southern hemispheres

Nella riunione del Wapa (World Apple & Pear Association) tenutasi in occasione del

Fruit Logistica di Berlino sono state formulate le previsioni per l’emisfero Nord e Sud

According to WAPA (the World Apple & Pear

Association) forecasts, southern hemisphere apple

production should come to 5.22 million tons, down 1%

on last year. Despite the fall in production, total exports

should increase by a good 5% to 1.76 million tons. In

the case of pears, total production should come to 1.55

million tons, a hike of 10% compared to 2010, and there

should also be a 5% increase in trade, taking exports to

827 thousand tons.

With regard to the situation in the northern hemisphere,

stocks are predicted to fall with regard to the

same period in 2010. European apple stocks should

total 3.315 million tons (12% down on 2010), while in

32 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Secondo le previsioni del Wapa, nell’emisfero Sud la

produzione di mele dovrebbe essere pari a 5,22

milioni di tonnellate con un calo dell’1% rispetto all’anno

precedente. Nonostante la riduzione di produzione,

l’export totale dovrebbe aumentare di ben il 5% raggiungendo

1,76 milioni di tonnellate. Per le pere le raccolte

dovrebbero ammontare a 1,55 milioni di tonnellate

con una crescita del 10% rispetto al 2010 e anche il

commercio internazionale dovrebbe avere un 5% di

aumento passando a 827mila tonnellate.

A proposito della situazione dell’emisfero Nord è stata

definita una situazione di calo di tutti gli stock in paragone

allo stesso periodo del 2010. Lo stock europeo


the case of pears there is talk of stocks plummeting

by as much as 14.5% (562 thousand tons).

Substantial falls are also predicted in U.S. stocks: -

4% in the case of apples and -16.7% in that of pears.

During the WAPA meeting, which marked the tenth

anniversary of the organization’s founding, a new president

(Moffit of USA Pears to replace Dalpiaz of

Assomela) and vice president (Beaven of Pipfruit, New

Zealand) were elected and agreement was announced

on the organization opening it doors to representatives

of the Chinese apple and pear sector.

(English version by Lawrence Smith)

di mele dovrebbe essere pari a 3,315 milioni di tonnellate

(-12% sul 2010), per le pere si parla di un calo

di ben il 14,5% (562mila tonnellate). In rilevante flessione

anche gli stock negli Usa: -4% per le mele e

–16,7% per le pere.

Durante la riunione del Wapa, che nell’occasione ha

celebrato il suo decimo anniversario, sono stati eletti

sia il nuovo presidente (Moffit di Usa Pears al posto

di Dalpiaz di Assomela), che il vice presidente

(Beaven di Pipfruit, Nuova Zelanda) ed è stato preannunciato

un agreement con la rappresentanza cinese

del settore.

TAB. 1 - PEAR PRODUCTION IN THE SOUTHERN HEMISPHERE (.000 TONS) / PRODUZIONE DI PERE NEI PAESI DELL'EMISFERO SUD (X 1.000 TONNELLATE)

Argentina 530 750 739 723 895 770 897 16 13

Australia 151 142 135 130 127 107 128 19 5

Chile 201 196 194 189 176 170 167 -2 -6

New Zealand 13 11 9 9 12 11 11 -2 1

South Africa 316 324 359 342 366 356 348 -2 -2

Total 1.211 1.423 1.436 1.393 1.577 1.414 1.550 10 6

(1) % Difference between February 2011 and 2010 / % Differenza percentuale tra Feb. 2011 e 2010

(2) % Difference between 2011 and the 2008-2009-2010 average / % Differenza percentuale tra Feb.2011 e la media del 2008-2009-2010

TAB. 2 - VARIETIES OF PEAR PRODUCED IN SOUTHERN HEMISPHERE (.000 TONS) / VARIETÁ DI PERE PRODOTTE NELL'EMISFERO SUD (X 1.000 TONNELLATE)

VARIETY 2005 2006 2007 2008 2009 2010 Feb. 2011 Var.% (1) Var. % (2)

Beurre Bosc 86 105 118 116 128 124 138 11 12

Other 250 313 259 261 305 284 314 11 11

Packham's Trium 402 460 487 480 528 488 525 8 5

Williams BC / Bart 415 474 494 454 526 429 486 13 3

Total 1.211 1.423 1.436 1.393 1.577 1.414 1.550 10 6

(1) % Difference between February 2011 and 2010 / % Differenza percentuale tra Feb. 2011 e 2010

(2) % Difference between 2011 and the 2008-2009-2010 average / % Differenza percentuale tra Feb.2011 e la media del 2008-2009-2010

TAB. 3 - PRODUCTION OF APPLES IN THE SOUTHERN HEMISPHERE (.000 TONS) / PRODUZIONE DI MELE NEI PAESI DELL'EMISFERO SUD (X 1.000 TONNELLATE)

COUNTRY 2005 2006 2007 2008 2009 2010 Feb. 2011 Var. % (1) Var. % (2)

Argentina 1.121 1.051 1.047 980 933 800 928 16 3

Australia 327 276 271 265 267 257 266 3 1

Brasile 882 759 993 983 1.053 1.226 951 -22 -13

Chile 1.562 1.644 1.732 1.770 1.811 1.755 1.785 2 0

New Zealand 506 392 427 434 466 448 503 12 12

South Africa 703 637 689 749 747 755 795 3 5

Total 5.101 4.758 5.158 5.182 5.276 5.262 5.228 -1 0

(1) % Difference between February 2011 and 2010 / % Differenza percentuale tra Feb. 2011 e 2010

(2) % Difference between 2011 and the 2008-2009-2010 average / % Differenza percentuale tra Feb.2011 e la media del 2008-2009-2010

TAB. 4 - VARIETIES OF APPLES PRODUCED IN THE SOUTHERN HEMISPHERE (.000 TONS) / VARIETÁ DI MELE PRODOTTE NELL'EMISFERO SUD (X 1.000 TONNELLATE)

VARIETY 2005 2006 2007 2008 2009 2010 F2011 Var. % (1) Var. % (2)

Braeburn 294 248 272 220 239 211 231 9 3

Cripps pink 149 153 164 206 215 229 238 4 10

Fuji 593 535 636 629 643 729 590 -19 -12

Gala 1.186 1.260 1.496 1.574 1.654 1.768 1.730 -2 4

Golden Delicious 186 155 181 172 169 169 171 1 1

Granny Smith 919 807 843 856 837 786 839 7 2

Red Delicious 1.370 1.177 1.152 1.078 1.025 843 8.891 6 -9

Other 404 423 415 447 494 527 538 2 10

Total 5.101 4.758 5.158 5.182 5.276 5.262 5.228 -1 0

(1) % Difference between February 2011 and 2010 / % Differenza percentuale tra Feb. 2011 e 2010

(2) % Difference between 2011 and the 2008-2009-2010 average / % Differenza percentuale tra Feb.2011 e la media del 2008-2009-2010

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

33

market/apple & pear forecasts

mercato/previsioni mele e pere


market/potato consumption

mercato/consumi patate

Declining market for fresh

potatoes offset by surge

in processed volumes

Patata, mercato del fresco in calo

più prodotto trasformato

Cécilia Celeyrette Infofruit

In recent years, per capita consumption has shrunk all over Europe in tandem

with a shift to processed and ready-to-serve foods

Negli ultimi anni i consumi hanno registrato una flessione nelle quantità pro capite

annue in tutta Europa, compensata però dall’aumento della richiesta di alimenti

lavorati e pronti all’uso

The consumption of fresh potatoes, which once

dominated the scene, is shrinking in many countries:

in the markets of Western Europe it is stable, but

in some cases the fresh product is tending to lose out,

in part because of the fight against obesity, but above

all because consumers and the foodservice industry

prefer easier to prepare processed products, whether

potato based (crisps, chips, etc.) or based on other

starchy food stuffs (pasta, rice or wheat).

34 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Il consumo di patate fresche, che in passato era quello

prevalente, si va riducendo in numerosi Paesi: sui mercati

dell’Europa occidentale è stabile, ma in alcuni casi

tende a regredire in un contesto di lotta all’obesità e

soprattutto in conseguenza del fatto che il consumatore

e la ristorazione preferiscono il prodotto lavorato, sia

a base di patate (patatine, patate fritte, ecc.) che di altri

farinacei (pasta, riso o frumento), perché più facili da

preparare.


Thus in Belgium, for example, consumption

has plummeted from 146 kg per capita in

1955 to 90-95 kg per capita in 1990, and 75 kg

in 2007 (Source: Eurostat). Similarly, in France,

though there was a modest increase at the beginning

of the recent campaign (+3.5% according to

Kantar Worldpanel data collected and analysed for

CNIPT, the National Committee of the potato trade), consumption

dropped from 75 kg per capita in 1980 to 65 kg

in 2007. In Germany, in the same time period, it fell from

95 to 69 kg. This contraction is also true of Southern

European countries, with a drop from 112 to 73 kg per

capita/year in Spain, though consumption is stable in

Italy at around 40 kg. Even in Eastern Europe, the trend

is a downward one: in Poland fresh potato consumption

has shrunk from 150 to 122 kg per capita/year

A campaign to revamp the image of the potato

For these reasons, several professional organizations

are striving to try to halt the trend: Britain (Potato

Council), France (CNIPT) and Belgium (Vlam in

Flanders and Apaq-W in Wallonia) have launched a

campaign, co-funded by the European Community,

to defend the place of fresh potatoes on consumer

tables from the inroads of pasta and rice. "The aim is

to show consumers aged between 25 and 40, in

France, Belgium and the United Kingdom, that fresh

potatoes have every right to their place in the kitchen

of today and in a modern style of life - says Carole

Blandin, CNIPT communications manager. The inten-

Una campagna per rinnovare

l’immagine

È così che in Belgio, ad esempio, il consumo

sarebbe passato dai 146 kg pro

capite del 1955 ai 90-95 kg pro capite del

1990, fino ai 75 kg del 2007 (Fonte: Eurostat).

Ugualmente, anche se in Francia dall’inizio della campagna

si registra un modesto incremento (+3,5% secondo

i dati Kantar Worldpanel per il Cnipt, Comité national

interprofessionnel de la pomme de terre, Comitato

nazionale interprofessionale della patata), il consumo

avrebbe subìto una contrazione, scendendo dai 75 kg

pro capite del 1980 ai 65 kg del 2007; in Germania si è

passati dai 95 ai 69 kg. Tale contrazione riguarda anche

i Paesi dell’Europa meridionale con un abbassamento

da 112 a 73 kg pro capite/anno in Spagna, mentre in

Italia la situazione è stabile intorno ai 40 kg. Anche nei

Paesi dell’Est la tendenza è verso il basso: in Polonia si

è passati da 150 a 122 kg pro capite/anno.

Per queste ragioni diverse organizzazioni professionali si

stanno attivando per cercare di fermare il trend: Regno

Unito (Potato Council), Francia (Cnipt) e il Belgio (Vlam

nelle Fiandre e Apaq-W in Vallonia) hanno presentato un

programma di comunicazione e di informazione, cofinanziato

dalla Comunità europea, per difendere il posto delle

patate fresche sulla tavola dei consumatori rispetto alla

pasta e al riso. «L’obiettivo è mostrare ai consumatori con

un’età compresa tra i 25 e i 40 anni di Francia, Belgio e

Regno Unito che le patate fresche rientrano a buon diritto

nella cucina e negli attuali e moderni stili di vita. L’intento è

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

35

market/potato consumption

mercato/consumi patate


market/potato consumption

mercato/consumi patate

tion is to change the potato’s rather old fashioned

image by presenting it as a fresh

ingredient, rich in creative possibilities,

capable of surprising you,

and perfectly suited to

today's kitchen. We want to

convince the consumers that

potatoes are an enjoyable,

healthy food that is easy

and convenient to prepare.”

Boom in Belgium

The drop in the

consumption of

fresh potatoes is,

however, offset by

increases in processed

product volumes as a result of a growing demand for

fast food, snacks and prepared foods. This rapid

growth is largely explained by the growth of urban

populations, by an increase in the numbers of those

returning home after a day's work, by the diversification

of food habits and by the quickening pace of life

today which leaves little time for the preparation of

fresh products.

However, while the upward trend in the consumption of

processed products in the Netherlands and Germany

has been quite gradual in recent years, in Belgium, the

sector has experienced a veritable boom, as Pierre

Lebrun, coordinator of Fiwap points out: "In Belgium the

industrial processing of potatoes is growing by a minimum

of 5 to 8% annually. Production this year is set to

burst the 3 million ton threshold compared to 550 thousand

tons in 1990, which means a six fold increase in

twenty years. If things go on this way, Belgium could outstrip

both Germany (whose processed volumes have

grown from 3.1 to 3.2 million tons) and the Netherlands

(3.3 to 3.4 million tons) in the medium term.

According to Lebrun, the explanation for this success

lies in the flexibility of the economy: its family run businesses

know their product very well and can make the

necessary economic decisions very quickly. They have

thus been able to adapt to the changing demands of

their customers, without, however, being obliged by

pressure from the big multinationals to make cuts in

their budget and promotional resources, unlike their

counterparts in the Netherlands. Their costs are limited

thanks to their high utilization of the 'Bintje' potato variety,

which is royalty-free, unlike the new varieties that

are bound by license. The limited proportion of contracts

(only 30 to 40% for the Belgian production) has

enabled these enterprises to obtain supplies at advantageous

prices in certain years, thus enabling them to

compete with the giants in the industry.

(English version by Lawrence Smith)

36 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

di modificare l’immagine un po’ demodé della patata

presentandola invece come un ingrediente fresco,

ricco di spunti creativi, capace di sorprendere sempre

e perfettamente adatto alla cucina di oggi. Si

vuole convincere il target che le patate sono un

alimento che piace, che fa bene

alla salute ed è inoltre

facile e pratico da preparare»,

spiega

Carole Blandin,

responsabile comunicazione

del Cnipt.

Il boom in Belgio

La contrazione

dei consumi del

fresco viene però

compensata dall’aumento

dei volumi del prodotto trasformato, che risponde

così alla crescente richiesta dell’industria del fast food,

degli snack e degli alimenti pronti. Questo rapido sviluppo

si spiega essenzialmente con la crescita della popolazione

urbana, con l’aumento di coloro che tornano a

casa dopo una giornata di lavoro e con la diversificazione

delle abitudini alimentari e dei ritmi di vita, che oggi

lasciano ben poco tempo da dedicare alla preparazione

dei prodotti freschi.

Tuttavia, mentre negli ultimi anni questa tendenza all’aumento

del consumo dei prodotti trasformati nei Paesi

Bassi e in Germania è stata abbastanza graduale, in

Belgio il settore ha conosciuto un vero e proprio boom,

come ci fa notare Pierre Lebrun, coordinatore della Fiwap:

«In Belgio la trasformazione industriale di patate ogni anno

conosce una crescita che va dal 5 all’8%, come minimo.

Il volume lavorato quest’anno si appresta a superare il

tetto di 3 Mt contro le 550mila t del 1990, il che significa

una moltiplicazione di sei volte tanto nel giro di vent’anni,

che potrebbe nel medio termine superare la Germania

(che va da 3,1 a 3,2 Mt) e i Paesi Bassi (da 3,3 a 3,4 Mt)».

La spiegazione di tanto successo risiede, secondo

Lebrun, nella flessibilità del tessuto economico, con

imprese familiari che conoscono bene la materia prima e

sono in grado di prendere le decisioni economiche

necessarie in tempi rapidi. Esse hanno così saputo adattarsi

in modo costante alle richieste dei loro clienti, senza

però dover sottostare alle riduzioni di budget e di risorse

promozionali delle grandi multinazionali, come ad esempio

quelle dei Paesi Bassi. I costi vengono controllati

anche grazie alla consistente presenza della varietà

‘Bintje’, libera da diritti, al contrario delle nuove varietà

che sono vincolate da licenza. La proporzione limitata

dei contratti (solamente dal 30 al 40% per la produzione

belga) ha permesso a queste imprese di rifornirsi in certi

anni a prezzi vantaggiosi, potendo così essere competitive

rispetto ai giganti del settore.

(Traduzione di Maria Schiavoni)


market/spring potato

mercato/patate novelle

Spring potato, Russian deficit

stimulates market rebound

Patate novelle, il deficit russo

favorisce la ripresa del mercato

Cécilia Celeyrette Infofruit

After three particularly trying seasons, this year could bring a slight recovery

thanks to the European and imported spring crop

Dopo tre anni particolarmente difficili, l’anno in corso potrebbe vedere una leggera

ripresa sia per le precoci di origine europea che d’importazione

The considerable poor harvest deficit of processing potato

in Europe, both in the western and, especially, in the eastern

countries and Russia, has revived the market somewhat

while diminishing stocks by 50% as of early 2011 according

to the association of North-Western European Potato

Growers.

The EU market may also see a slide as of next month

given that the Mediterranean’s potential is down because

of acreage drops in a number of Basin countries and crop

losses in North Africa and the Middle East because of bad

weather in late 2010. These factors could offset the

impact due to increased crop acreage since part of the

volumes would be exported to Russia.

2010, an off year

A catastrophic 2009 was followed by a slightly better

2010 for Europe’s spring potato crop, although supply

and demand still do not seem to be in line despite the further

acreage drop recorded in France, Italy and Spain and

the fact that winter

harvest data were

reported with those in

spring. While price

levels were higher

than those of past

years, crop levels

were more affected by

bad spring weather.

Then too imports last

year from outside the

EU were down

because the

exchange rate of the

euro dipped. In effect,

38 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Il forte deficit di patate da conservazione nell’Europa occidentale,

ma soprattutto nell’Europa dell’Est e in Russia, ha rappresentato

una boccata d’aria e ha favorito la diminuzione degli

stock di queste ultime (del 50% a inizio 2011, secondo

l’organizzazione Nepg-North-Western European Potato

Growers, Produttori di patate dell’Europa nordoccidentale). Il

mercato europeo potrebbe, inoltre, subire una riduzione nel

mese prossimo poiché il potenziale mediterraneo è deficitario, a

causa della diminuzione delle superfici in numerosi Paesi europei

e le basse rese o le perdite in Africa del Nord e Medio Oriente,

dovute al maltempo di fine 2010, che potrebbero limitare

l’impatto dell’incremento di superfici, dal momento che una

parte dei volumi dovrebbe essere dirottata verso la Russia.

Un 2010 sotto tono

Dopo un 2009 catastrofico, il bilancio del 2010 era stato leggermente

più positivo per le patate precoci europee, ma l’equilibrio

non sembrava ancora raggiunto malgrado l’ulteriore diminuzione

delle superfici registrata in Francia, in Italia e in Spagna e i dati

di produzione dell’inverno non fossero stati riportati in quella

della primavera. I livelli dei prezzi sono stati superiori a quelli degli

anni precedenti, ma le rese hanno più spesso risentito delle cattive

condizioni climatiche della primavera.

Allo stesso modo, l’anno scorso le importazioni dei Paesi

Terzi hanno subito ancora una flessione, dal momento che il

tasso di cambio è stato molto sfavorevole (ribasso dell’euro).

Le importazioni extracomunitarie l’anno scorso hanno

subito, in effetti, un’ulteriore contrazione del 7% rispetto al

2009 (-14% nel 2009 e -11% nel 2008), scendendo al di

sotto del livello delle 400mila t per i cinque principali Paesi

d’origine (Egitto, Israele, Marocco, Turchia e Tunisia), mentre

ancora nel 2007 arrivavano a più di 550mila t. La riduzione

è stata molto marcata per le patate israeliane (180,1mila t,

cioè -14% rispetto al 2009 contro le 260mila t nel 2007) ed


imports slipped by 7% on the year (-14% in 2009 and -

11% in 2008) and volumes were below the 400-thousand

t level for the five biggest exporters (Egypt, Israel,

Morocco, Turkey and Tunisia), the yardstick here being

the more than 550 thousand t imported in 2007. The

decrease was most notable for Israel, down 14% on the

year at 180.1 thousand t (note the 260 thousand in 2007)

and Egypt, down to 179.6 thousand, or off 11% on the

year (see the 237 thousand in 2007). Morocco on the

other hand gained market share at 21.7 thousand t

against a poor 8,700 t last year but was decidedly below

the 42-thousand level registered in 2007 and, above all,

the 80-90 thousand tons it shipped out in the late 1990s.

Tunisia exported 8,500 t and Turkey 3,400 t, both returning

to their usual levels after a poor showing in 2009.

Crop sowing in North Africa and the Middle East

Despite all this, industry experts expect to see a radically

different 2011. They say this is because of a new slide in

Europe’s acreage and the fact that the market has been

under the effects of Russia’s poor harvests since the end

of 2010. In effect, Russia’s crop of last year collapsed

because of unseasonable hot weather and persistent

drought in most areas of the country. Russia thus can currently

count on a mere 22 million tons against its usual 30

Mt and must import massive amounts of potato to meet

the population’s demand. As a matter of fact, Russia routinely

imports 500 thousand t and, if this year’s industry

projections are anything to go by, it should import something

between 1 to 4 Mt, an increase by a factor ranging

from 2 to 8 in relation to the average of imports it has registered

since 2004.

All of this has led to a sudden price rise, the range being

17-18 roubles a kilo since the beginning of this year

against the 7 roubles of the same period last year. The situation

is still unsettled since the per-kilo price of potatoes

on the Moscow market has spiked from 25 to more than

40 roubles in two months and we can expect to see a rise

in imports in the early months of 2011.

The upshot of all this is that many Mediterranean business

operators, especially in the Middle East, have

increased acreage hoping to gain a market edge and

increase returns. Thus, Israeli acreage is supposedly up

even though extending production westward in the

Negev Desert is limited because of the lack of water.

Egypt too has supposedly increased its acreage since its

pest and disease problems are being resolved.

Like every year, the European Commission has issued a

risk alert regarding the propagation of Pseudomonas

solanacearum (Smith) should it enter the EU in tubers of

Solanum tuberosum L. exported from “endemic zones” of

Egypt. It has also found that this risk is sufficiently

reduced so long as the specific conditions set forth in

Reg. (EC) 2004/4 are complied with.

Potato acreage in Cyprus is also thought to have

increased by 10-15%, and the increase in Algeria appears

egiziane (179,6mila t cioè -11% rispetto al 2009, contro le

237mila t del 2007) mentre il Marocco ha recuperato alcune

quote di mercato (21,7mila t) dopo un 2009 molto deficitario

(8.700 t),pur restando decisamente al di sotto del livello

raggiunto nel 2007 (42mila t) e soprattutto alla fine degli anni

’90 (da 80 a 90mila t). La Tunisia (8.500 t) e la Turchia (3.400

t) sono, in compenso, ritornate al loro livello precedente,

dopo un 2009 molto insoddisfacente.

Le semine in Nord Africa e Medio Oriente

Il 2011 dovrebbe nonostante ciò essere radicalmente differente

perché, oltre a una nuova riduzione delle superfici in

Europa, il mercato dalla fine del 2010 è drogato dal deficit

russo. Infatti, la Russia ha visto crollare la produzione dell’anno

precedente a causa di un caldo eccezionale e di una siccità

persistente nella maggior parte delle regioni. Così, con 22

milioni di tonnellate contro i 30 abituali, il Paese è attualmente

obbligato a importare massicci quantitativi di patate per

soddisfare i bisogni della popolazione. La Russia, in effetti,

tradizionalmente importa in media 500mila t di patate e quest’anno

dovrebbe, stando alle previsioni di esperti e organismi,

raggiungere una quantità da 1 a 4 Mt per la campagna

2010-2011, con un aumento per un fattore che va da 2 a 8

in rapporto alla media delle importazioni registrate dal 2004.

I prezzi dunque si sono bruscamente impennati. Si situavano

all’inizio della campagna in un range che andava dai 17 ai 18

rubli/kg, contro 7 rubli nello stesso periodo dell’anno scorso.

Attualmente la situazione è sempre molto tesa poiché il prezzo

al chilo delle patate sui mercati moscoviti è passato da 25

a più di 40 rubli nel giro di due mesi, e si può supporre che i

primi mesi del 2011 saranno un periodo di forti importazioni.

Di conseguenza, molti operatori mediterranei, in particolare

in Medio Oriente, hanno aumentato le superfici, sperando di

beneficiare del miglioramento del mercato e di ritorni più

remunerativi. Così, le superfici sarebbero sensibilmente

aumentate in Israele, anche se lo sviluppo della produzione

occidentale nel deserto del Negev trova dei limiti nelle risorse

d’acqua. Le superfici sarebbero ugualmente aumentate

in Egitto, dal momento che in quel Paese le difficoltà fitosanitarie

si vanno attenuando.

Per parte sua la Commissione europea ha, come ogni anno,

valutato il rischio di propagazione di Pseudomonas solanacearum

(Smith) legato all’entrata nell’Unione di tuberi di

Solanum tuberosum L. provenienti da “zone indenni”

dell’Egitto; inoltre, ha stabilito che tale rischio si era sufficientemente

ridotto, a patto che venissero rispettate le condizioni

particolari previste dalla decisione 2004/4/CE.

Le superfici avrebbero visto un aumento dal 10 al 15%

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

39

market/spring potato

mercato/patate novelle


market/spring potato

mercato/patate novelle

to be structural given that last year acreage rose 18%

over 2009, giving the country a potential potato crop of

some 4 million tons by 2013 (2.6 million in 2009 and 3.2

million in 2010); Turkey’s crop rose 3% in 2010 over 2009

to 4.5 million tons after pest and disease problems in

2008. Tunisia is forecasting higher exports, with no fewer

than 8 thousand t going to Germany alone. On the other

hand, the situation in Morocco remains unchanged as

growers are finding it hard to keep up with their rivals in

the other Basin countries.

By contrast, there may well be no surplus stocks this year

because drought and heavy December storms in North

African and the Middle East have led to big crop losses in

most of these countries. For example, Morocco expects

to see a 25-30% drop in exports and Israel says it may be

looking at a 30% decrease. And, in a best case scenario,

Egypt is forecasting a crop similar to last year’s. At any

rate, while the current import season has started out with

prices at high levels, part of the volumes shipped to

Europe are re-exported to Russia, so we can probably

expect to see a price reduction in EU markets.

EU situation unchanged or lower

Potato acreage in EU grower countries has continued to fall

in the past few years. The main reasons include a poor crop

preference rate due to the late release of stored potatoes

and the beginning in January of the import season for spring

varieties from Mediterranean Basin producers. Industry

experts thus do not expect to see acreage expansion in

Europe even if market conditions better this year than last

year. In effect, acreage may continue to slip because of the

poor returns growers have seen these last few years.

What we see then is acreage holding steady on the island

of Majorca but sliding 10-15% in Andalusia on the year.

The same scenario is repeated in Greece, where sowing is

down 10% in the Peloponnese. In effect, the crop appears

to be somewhat late in both countries, with the initial harvest

in Greece coming in April and at least fifteen days late

in Spain because of the bad weather in December and

January. Italy’s spring crop is also expected to be late, and

the continuous rainfall since January in northern Europe

has held up sowing there. By contrast, Germany’s first

crop is already in and an acreage gain is expected there.

Little sowing had occurred in France by February and the

first crop has just been sown in the UK.

(English version by David Verzoni)

40 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

anche a Cipro. La produzione sarebbe ugualmente in crescita

strutturale in Algeria, dove l’anno scorso le superfici

sono già progredite del 18% rispetto al 2009, con un obiettivo

potenziale di 4 milioni di tonnellate nel 2013 (2,6 milioni

nel 2009 e 3,2 milioni nel 2010) e in Turchia (4,5 milioni di

tonnellate nel 2010, cioè +3% rispetto al 2009) dopo i problemi

fitosanitari del 2008. La Tunisia prevede ugualmente

uno sviluppo delle esportazioni, con almeno 8mila t verso il

solo mercato tedesco. In compenso non c’è stato sviluppo

in Marocco, dove la produzione fatica in questi ultimi anni a

mantenere il passo con la concorrenza degli altri Paesi del

bacino del Mediterraneo.

Per contro, il potenziale potrebbe essere senza eccedenze,

perché le condizioni climatiche dell’inverno sono state sfavorevoli:

la siccità e le forti tempeste del mese di dicembre

hanno comportato una diminuzione delle rese e perdite

importanti per gran parte dei paesi dell’Africa del Nord e del

Medio Oriente. Il Marocco prevede ad esempio una diminuzione

dal 25 al 30% delle sue esportazioni. Le perdite

dovrebbero ugualmente essere del 30% in Israele. L’Egitto

prevede, nella migliore delle ipotesi, una produzione simile a

quella dell’anno scorso. La campagna d’importazione è

dunque iniziata su livelli di prezzo elevati. Una parte dei volumi

importati in Europa vengono riesportati verso la Russia. Il

mercato europeo dovrebbe subire una riduzione poiché una

parte dei volumi abitualmente importati in Europa sono già

stati oggetto di prelazione da parte della Russia.

Stabile o in ribasso la campagna Ue

Nell’Unione europea le superfici di patate precoci non

hanno cessato complessivamente di contrarsi in questi ultimi

anni, perché il prodotto ha spesso difficoltà a essere

valorizzato ad ampio raggio, a causa della comparsa tardiva

della patata da conservazione e, a partire da gennaio,

delle importazioni di patate novelle dai Paesi del bacino del

Mediterraneo. Perciò non sono attesi aumenti delle superfici

in Europa, a eccezione di alcuni Paesi, anche se le condizioni

di mercato sono più favorevoli dell’anno scorso.

Esse sarebbero anzi di nuovo in contrazione a causa dei

pessimi ritorni economici di questi ultimi anni.

Così, le superfici sono stabili sull’isola di Majorca, ma in

Andalusia starebbero arretrando di un 10-15% rispetto al

2010. Stessa situazione in Grecia, dove nel Peloponneso si

registra una diminuzione del 10% delle semine. La campagna

di questi Paesi accuserebbe, tra l’altro, un leggero ritardo.

I primi volumi sono, in effetti, attesi in Grecia all’inizio di

aprile, mentre la campagna spagnola mantiene per il

momento un ritardo di almeno 15 giorni, in conseguenza

delle cattive condizioni climatiche di dicembre e gennaio.

La campagna sarebbe ugualmente in ritardo in Italia. Le

piogge continue dalla fine di gennaio hanno parimenti un

po’ ritardato le semine nell’Europa del Nord. Invece le prime

hanno già avuto luogo in Germania, dove ci si aspetta una

piccola crescita delle superfici. A febbraio in Francia le

semine erano ancora poche, e anche nel Regno Unito le

prime semine hanno avuto inizio.


market/Usa apples

mercato/mele Usa

Apple, North American growers

look towards Europe

Mele, il mercato nordamericano

si rivolge all’Europa

Cèdric Green

The US Apple Export Council has kicked off a promotional campaign ti win over

Old World

La Usaec, l’associazione che riunisce i coltivatori di mele degli Stati Uniti, lancia una

campagna promozionale volta a conquistare i consumatori del Vecchio Continente

US Apple Export Council (USAEC) growers account for

nearly 40 per cent of total apple production in the US

and have been exporting their apples to Europe for 200

years, but other than in the UK and Scandinavia, sales in

Europe remain modest. Now, the association hopes a

new approach will uncover niche opportunities to

increase its presence across the continent.

Exports to Europe from October through to June last

season amounted to more than 330,000 boxes, which

represents around 18.5 per cent of all USAEC member

exports. That was a bounce back from two poor

volume years previously, with the UK almost entirely

responsible for this improvement.

Increasing production

Prior to the beginning of the 2010-11 campaign, the

42 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Il 40% della produzione totale di mele degli Stati

Uniti è fornita dai coltivatori associati all’Usaec - Us

Apple Export Council. Da 200 anni queste mele vengono

anche esportate, benché le vendite rimangano

complessivamente modeste tranne che nel Regno

Unito e in Scandinavia. L’associazione spera adesso

in un approccio che l’aiuti a trovare delle opportunità

di nicchia in modo da aumentare la diffusione del

prodotto nel continente europeo.

Nella stagione scorsa, da ottobre a giugno, più di

330mila casse di mele americane, equivalente al

18,5% circa di tutte le esportazioni dei membri Usaec,

sono state esportate in Europa, soprattutto grazie alle

quantità richieste nel Regno Unito, il che costituisce un

progresso notevole rispetto al volume troppo scarso

dell’anno precedente.


USAEC appointed new representatives in Europe, The

Garden, and it has begun to lay the foundations for a

concerted push to raise consumption of its apples

amongst Europe’s consumers.

USAEC chief executive Kris Marceca said: “I think a

large part of the reason we have not made a major

breakthrough in continental Europe is that our growers

do not have the major volumes that interest some

importers. They are looking for niche opportunities

and customers who want to deliver a real point of difference

to their customer base at the premium end of

the apple market. We have had great success using

this approach to open up new avenues in Asia and

there is no reason at all that European customers

should not explore the same potential.

“We’re not trying to sell huge volume into Europe and

we have no interest in sending apples into the market

that threaten local production,” she said. “We have a

huge market of our own in the US and we know what

being a domestic producer is all about. But new plantings

amongst our members mean that production volume

is going to increase gradually over the next few

seasons and we obviously want to find new customers

for the varieties that add value for the European consumer

and dovetail with local supply patterns.”

Varietal panorama

USAEC members grow large volumes of Gala, McIntosh,

Red Delicious and Cripps Pink, but Marceca said opportunities

lie beyond the big volume tickets. Varieties such

as Crispin, Honeycrisp, Cortland and Macoun could all

make their mark if European customers give them a run.

One variety that has already proven itself is Empire. “We

grow varieties here that would translate very well to the

European marketplace and that offer uniqueness in

flavour profiles and eye appeal. Empire is the perfect

example – it’s a half McIntosh, half Red Delicious cross

and has the red sweetness of the Red Delicious and the

distinct, tart flavour and bite of the McIntosh. That transfers

very well to the UK market and it really adds something

to the retail shelves. It delivers consistently with its

unique flavour and is able to attract a premium as one of

the stand-out items on the apple fixture.”

East Coast and Midwest

USAEC growers and

shippers are the ‘local’

apple suppliers for 75

per cent of the US population,

Marceca said.

“What the US consumer

wants from their apples

is consistent quality and

Kris Marceca, Ceo Usaec.

Kris Marceca, amministratore

delegato dell’Usaec.

Aumentare la produzione

Prima della campagna promozionale del 2011-12,

l’Usaec ha nominato “The Garden” i suoi nuovi rappresentanti

in Europa, e ha iniziato a gettare le basi per

un’azione concertata per favorire l’aumento della richiesta

delle proprie mele da parte dei consumatori europei.

Kris Marceca, amministratore delegato dell’Usaec, dichiara:

«Ritengo che la ragione principale del nostro mancato successo

in Europa dipenda dal fatto che i nostri coltivatori producono

meno di quanto richiesto dagli importatori. I nostri

associati cercano delle opportunità di nicchia presso dei

clienti che vogliono davvero distinguersi dalla clientela di

base per la qualità della merce trattata, posizionandosi sui

massimi livelli. Questo approccio ha avuto un enorme successo

sui mercati asiatici, dove siamo riusciti ad aprirci delle

nuove rotte commerciali, e non vedo alcuna ragione per cui

non possa avvenire lo stesso anche su quelli europei. Non

cerchiamo di fare degli enormi volumi di vendita in Europa e

non abbiamo alcun interesse nell’inviare dei prodotti che

entrino in concorrenza con quelli locali. Il mercato che abbiamo

negli Stati Uniti è già enorme e sappiamo molto bene

cosa significhi produrre in loco. Tuttavia, la capacità produttiva

dei nostri associati è destinata ad aumentare gradualmente,

essendo cresciuto il numero delle loro coltivazioni.

Ovviamente vogliamo trovare dei nuovi clienti per le varietà

che produciamo, dei consumatori europei che siano in

grado di apprezzare il valore dei nostri prodotti; da parte

nostra, faremo in modo che esso sia in armonia con i

modelli della produzione locale».

Il panorama varietale

I coltivatori Usaec producono grandi volumi di mele ‘Gala’,

‘McIntosh’, ‘Red Delicious’ e ‘Cripps Pink’, ma Marceca

sostiene che le vere opportunità si trovino oltre a quanto già

costituito da queste qualità, attualmente prodotte in grande

quantità. Varietà quali la ‘Crispin’, la ‘Honeycrisp’, la

‘Cortland’ e la ‘Macoun’ potrebbero diventare tutti marchi di

successo, se il mercato europeo desse loro un’opportunità.

La ‘Empire’ è una delle varietà che si è già affermata per le

proprie qualità: «Coltiviamo delle varietà che renderebbero

benissimo sul mercato europeo, essendo assolutamente

uniche sia nel gusto, sia nell’aspetto. La ‘Empire’, un incrocio

fra la ‘McIntosh’ e la ‘Red Delicious’, che combina la

dolcezza della ‘Red Delicious’ al gusto deciso e alla croccantezza

della ‘McIntosh’, ne è l’esempio perfetto. Questo

la rende ideale per il mercato del Regno Unito, dove, infatti,

è estremamente apprezzata nella vendita al dettaglio per

l’unicità del suo sapore e della sua consistenza».

I coltivatori Usaec della costa orientale e del Midwest soddisfano,

con le loro produzioni, il 75% del fabbisogno della

popolazione americana. «Il consumatore americano vuole

una qualità costante e una piacevolezza del gusto, proprio

come qualunque altro consumatore al mondo. Siamo

consapevoli che tutti, là fuori, aspettano la prossima scoperta,

la “nuova” mela che sarà prodotta in qualche orto

nel mondo. Le nuove varietà sono, per la loro stessa natu-

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

43

market/Usa apples

mercato/mele Usa


market/Usa apples

mercato/mele Usa

an enjoyable eating experience, just like everywhere else

in the world.

“We know that everyone out there is looking for the next

big thing; the next ‘new’ apple to come out of orchards

somewhere in the world. New varieties are, by their

nature, harder to find in any volume, and they can also

be harder to manage through the chain. My argument

would always be that maybe the ‘new’ variety already

exists, you just haven’t discovered it or stocked it yet.”

Family-run operations

The typical USAEC member business is a multi-generational,

family-owned operation that wants to develop a

customer base it can work with in the long term, she

added. “There is a lot of thought that goes into the

approach to market, but at the heart of everything, our

view as an association is that everybody in the supply

chain – and the consumer as well – is best served by the

best tasting apples available. Whatever the process that

takes the fruit from the orchard to the consumer, it has

to deliver value on every level for everyone involved.”

Any European importer or buyer who wants to be

involved has an open invitation. “We are always

pleased to speak to anyone interested in USAEC

apples. We’ve welcomed trade missions from Brazil,

Mexico, Singapore, Malaysia, Thailand and Russia in

recent years and we’d be more than happy to host

prospective European customers.”

(English version by David Verzoni)

ra, difficili da trovare nei piccoli e nei grandi volumi, e sono

ancora più difficili da gestire nelle catene della distribuzione.

Per questo motivo io sostengo che forse la “nuova”

varietà esiste già, solo che noi non l’abbiamo ancora scoperta,

né messa in stoccaggio».

Aziende a gestione familiare

Il tipico coltivatore Usaec di solito gestisce un’azienda di

famiglia tramandata da generazione in generazione e

cerca una clientela di base con la quale sviluppare un

rapporto a lungo termine.

«Noi tutti, membri dell’associazione, dedichiamo moltissima

attenzione all’approccio commerciale, ma, fondamentalmente,

siamo convinti che l’elemento imprescindibile

dell’intero processo, che va dalla produzione, alla

distribuzione, al consumo, sia l’ottima qualità del prodotto.

Al consumatore, insomma, si devono offrire solo

le mele migliori. Conseguentemente, anche il processo

che porta il frutto dall’orto alla tavola dei consumatori,

comunque esso si sviluppi, deve essere ineccepibile».

Invitiamo tutti gli importatori o i compratori europei che

fossero interessati a iniziare rapporti commerciali con

noi a contattarci e a farci visita. «Ci fa sempre piacere

scambiare opinioni con chiunque sia interessato alle

mele Usaec. Abbiamo recentemente avviato scambi

commerciali con il Brasile, il Messico, Singapore, la

Malesia, la Tailandia e la Russia e saremmo ben felici di

ospitare possibili futuri clienti europei».

(Traduzione dall’inglese di Marina Zaccarini)


product/strawberry

prodotto/fragola

The ideal strawberry

is sweet and home grown

La fragola ideale è dolce

e di origine nazionale

Cèdric Green

A survey conducted by Daniele Tirelli of Milan’s Iulm University sheds light on

what consumers like and know about and expect from this soft fruit

Un’indagine condotta da Daniele Tirelli dell’Università Iulm di Milano mette in luce

gusti, conoscenze e aspettative riguardo questo piccolo frutto

What do consumers experience when they eat

strawberries? What do consumers expect from

growers? And what should consumers be told about

strawberries? The responses to these and other questions

included in a survey by Iulm’s Prof Tirelli were

reported at a conference held at Rimini on 22 February

last during the presentation of La Fragola, the latest book

published in the Cultura&Cultura imprint.

The perceived view

Italian consumers by and large want their strawberries

“sweet” but not “too sweet”. Their flesh has to be either

firm and well textured so that it slices just right or

ready-to-eat ripe and juicy, but never crispy or too soft.

Most consumers by far expect to be able to keep their

strawberries fresh in the fridge for 2-3 days. Of course,

Figure 1 – What taste do you like in your strawberries.

Figura 1 – Che sapore hanno le fragole che preferisci?

77%

71%

65%

19%

15%

16%

14% 14%

9%

46 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Totale Uomini Donne

Dolce Molto zuccherino Un pochino aspro

Qual è il vissuto del consumatore per il prodotto fragola?

Che cosa il consumatore vuole dalla produzione?

E che cosa andrebbe comunicato al consumatore

riguardo le fragole? A tutte queste domande ha risposto

un’indagine realizzata dal prof. Tirelli dello Iulm di

Milano – indagine presentata a Rimini lo scorso 22

Febbraio in occasione della presentazione del libro “La

Fragola”, ultima realizzazione in ordine di tempo nella

collana Cultura&Cultura.

Come viene percepita

I consumatori italiani preferiscono di gran lunga le fragole

“dolci” ma solo pochi le vogliono “molto dolci”. La

polpa deve essere soda e consistente in maniera da

poterla tagliare a fette oppure tenera e succosa, mai

croccante o morbida. La stragrande maggioranza dei

Figure 2 – What is your preference in strawberry flesh?

Figura 2 – Com’è la polpa delle fragole che preferisci?

43%

Quasi croccante

Morbida

Tenera e succosa

Soda e consistente per poterla tagliare a fette

7%

39%

12%


Figure 3 – For which of these qualities would you pay more?

Fig. 3 – Per quali di queste caratteristiche saresti disposto a pagare qualcosa di più?

Fragole saporite

Fragole Italiane

Fragole che durano

di più in frigorifero

Fragole reperibili

tutto l’anno

Fragole che non

ammuffiscano subito

12%

11%

9%

53%

49%

TAB. 1 – HOW LONG DO STRAWBERRIES KEEP IN YOUR FRIDGE? /

PER QUANTO TEMPO PUOI CONSERVARE LE FRAGOLE IN FRIGO?

1 day at most / Al massimo 1 giorno 14%

2-3 days / Da 2 a 3 giorni 74%

4-7 days / Da 4 a 7 giorni 11%

Up to 2 weeks / Anche 2 settimane 0%

the strawberries have to be flavourful too and notable

importance is even attached to their country of origin.

An interesting finding of the survey comes in response to

the question regarding the place where consumers want to

find strawberries. Most respondents (49.1%) replied restaurants,

followed by cafés (28.6%) and cafeterias (23.6%), a

fact that underscores the importance this fruit has in a food

service trade that demands year-round supplies.

Yet consumers seem to know very little about the

crop’s seasonality and cultivars. This is perhaps the

survey’s most striking fact and is very telling of the

marketing and merchandising efforts that still needed

by the F&V industry here. Most Italian consumers

think that strawberry is a typical late spring-summer

fruit and no fewer than 60% said they didn’t know any

of the cultivars found on a long list they were given.

Indeed, many respondents said they knew varieties

that are non-existent, like Sanguinella di Sicilia and

Rubinella di Romagna, and only a few knew very popular

varieties like Camarosa and Candonga).

(English version by David Verzoni)

The tables and graphs included herein are taken from Daniele Tirelli’s chapter in La Fragola,

published under the imprint Coltura&Cultura/Bayer CropScience – Edizioni ART – Bologna.

Le tabelle e i grafici qui riportatati sono tratte dal capitolo di Daniele Tirelli contenuto nel libro

“La Fragola” della collana Coltura&Cultura/Bayer CropScience – Edizioni ART – Bologna.

Figure 4 – Which of these varieties do you know?

Figura 4 – Quali varietà di fragole conosci?

Nessuna di queste

Sanguinella di Sicilia

Rubinella di Romagna

Regina dei boschi

Camarosa

Diamante

Roxana

Principessa Grace

Regina delle valli

Contessa Matilde

Candonga

3%

3%

8%

7%

6%

4%

4%

15%

11%

11%

The varieties shaded in green are non-existent

60%

TAB. 2 – WHERE WOULD YOU MOSTLY LIKE TO FIND STRAWBERRIES?

/ DOVE VORRESTE TROVARE, CON PIÙ FREQUENZA, LE FRAGOLE?

Total %

Restaurant 4940,00

Café 2860,00

Cafeteria 2360,00

Self-service 1870,00

Vending machine 12,10

Motorway autogrill 11,50

Other 2,00

TAB. 3 – WHEN IS STRAWBERRY SEASON? / QUAND'È LA STAGIO-

NE DELLE FRAGOLE?

Total %

Late spring-summer / Tarda primavera ed estate 76,10

Depends on growing area / Dipende dalla regione di produzione 14,50

Not know / Non so 6,80

Almost year round / Quasi tutto l'anno 2,70

consumatori si aspetta poi di potere conservare le fragole

nel frigorifero domestico per 2-3 giorni. Le fragole

devono essere ovviamente saporite ma una grande

importanza viene data all’origine nazionale.

Un dato molto interessante viene dalla risposta alla

domanda riguardo il luogo in cui si vorrebbero trovare le

fragole: in questo caso si indica a gran voce il ristorante

(49,1%) ma anche il bar (28,6%) e la mensa (23,6%) a

ragione della grande importanza che questo frutto ha

per il tutto il settore horeca, che infatti chiede fragole per

12 mesi all’anno.

Scarsissima la conoscenza circa la stagionalità e le

diverse varietà: si tratta forse del dato più eclatante delle

ricerca e assai indicativo di quanto vi sia ancora da fare

nel marketing e merchandising ortofrutticolo. La maggioranza

degli italiani crede che la fragola sia un frutto

tipico della tarda primavera-estate. Interrogati sulle

diverse varietà il 60% dei consumatori italiani dice di non

conoscerne nessuna da una lunga lista fornita. Invece

molti dichiarano di conoscere varietà totalmente inesistenti

(come la Sanguinella di Sicilia, Rubinella di

Romagna, ecc.) e solo pochi conoscono varietà largamente

diffuse (ad esempio Camarosa, Candonga).

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

47

product/strawberry

prodotto/fragola


product/Puglia cherries

prodotto/ciliegie Puglia

Puglia’s cherries offer quality

and a wide choice of varieties

Ciliegia pugliese, qualità

e ampia scelta varietale

Giuseppe Francesco Sportelli

Despite the downturn in consumption, demand for this product remains high on both

the Italian and European markets, thanks above all to the outstanding ‘Ferrovia’ cultivar

Nonostante la crisi dei consumi, la domanda di questo prodotto si mantiene alta sia

sul mercato italiano che europeo, grazie soprattutto alla cultivar di spicco ‘Ferrovia’

The Puglia (or, more exactly, Bari) cherry market is

a dynamic one, both on the Italian and overseas

fronts: demand is buoyant; suppliers can count on the

quality of their product and on an increasingly large

range of varieties; there is little fear of competition.

One of the fruits most in demand

Yet almost every year wind and rain ruin part of the harvest

and undermine the incomes of farmers and

exporters. "If the sector is to prosper, it must overcome

these limitations – says Nicola Giuliano, owner of

Orchidea Frutta Srl of Rutigliano (Ba), which handles 3.5-

4 thousand tons of cherries annually. Some cherry growers

are setting up new plants with sheet covering, not

only to protect the crop from the weather but also to

obtain earlier harvests. Unfortunately, in the case of

existing plants, it isn’t possible to erect the structures

80% of Orchidea Frutta’s cherries are destined for the Italian

market and 20% for Germany, Belgium and Switzerland.

L’offerta dell’Orchidea Frutta srl è destinata per l’80% in Italia e il 20%

in Germania, Belgio e Svizzera.

48 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Il mercato della ciliegia pugliese (o, più esattamente,

barese) è dinamico, sia in Italia sia verso l’estero: la

domanda è vivace, l’offerta poggia su un prodotto di

qualità e su un ventaglio varietale sempre più ampio, la

concorrenza non fa paura.

Tra i frutti più richiesti

Eppure quasi ogni anno pioggia e vento rovinano parte

della produzione e compromettono i redditi di agricoltori

ed esportatori. «Per procedere a gonfie vele il comparto

dovrebbe superare questo limite produttivo – esorta

Nicola Giuliano, titolare della Orchidea Frutta Srl di

Rutigliano (Ba), che ogni anno movimenta 3,5-4mila t di

ciliegie –. Alcuni cerasicoltori stanno realizzando sui nuovi

impianti la copertura con teli, finalizzata sia alla protezione

dalle intemperie sia all’anticipo della raccolta.

Purtroppo sugli impianti preesistenti non è possibile posizionare

la struttura necessaria per sorreggere i teli, e i

ciliegeti baresi hanno tutti almeno 10-20 anni di età. Il

2010 è stata un’annata disastrosa per il Sud-Est barese,

abbiamo faticato per soddisfare la domanda, nazionale

ed europea, con un prodotto di qualità discreta. Tuttavia

la ciliegia viene sempre richiesta, è il frutto più apprezzato

al mondo, dopo la pesca e prima dell’uva da tavola».

La ciliegia è un frutto che piace, mette allegria ed è di facile

consumo, perciò la domanda tiene sempre bene, puntualizza

Vincenzo Patruno, responsabile della Centrale

consortile ortofrutticola di Bisceglie (Bt), che commercializza

circa 3mila q/anno di ciliegie. «Nel 2010 la crisi ha

inciso un po’ sui consumi, ma, col giusto rapporto fra

prezzo e qualità, la ciliegia trova sempre mercato. Anzi un

numero crescente di consumatori è disposto a spendere

qualcosa in più pur di acquistare ciliegie di alta qualità. Il

Nord barese è vocato per l’anticipo, quindi dai primi di


product/Puglia cherries

prodotto/ciliegie Puglia

that are necessary to support sheet covering and the

cherry orchards in the Bari production zone are all at

least 10-20 years old. 2010 was a disastrous year for

producers to the south-east of Bari: we struggled to satisfy

national and European demand with a product which

was not of the highest quality. However, cherries are

always in demand; they are one of the most popular fruit

in the world, after peaches but ahead of table grapes”.

According to Vincenzo Patruno, head of the Bisceglie

branch of the Bari Centrale Consortile Ortofrutticola (F&V

Consortium Centre) which markets about 3 thousand quintals

of cherries a year, the demand for cherries will always

hold up well because people like them, they are easy to eat

and they make you happy. "In 2010, the crisis did to some

extent adversely effect consumption, but with the right balance

between price and quality, there will always be a market

for cherries. Indeed there are signs that growing numbers

of consumers are willing to spend a little more to buy

high quality cherries. North of Bari conditions are suited to

early production and so, through general markets and

supermarket chains, we can market cherries from the

beginning of May up to the end of June in Northern Italy

and in Switzerland, Austria and Germany. We kick off the

season with 'Early Lory', an early variety whose fruit has a

bright red wine colour overlaid with flecking, and red pulp

that is tasty and juicy, and we continue with 'Bigarreau',

another early variety, and then with 'Celeste' and 'Red

Giant', which are medium early, and finally with 'Ferrovia'

and 'Lapins', which are medium-late”.

Local production

According to its managing director, Nicola Giuliano,

Giuliano Srl of Turi (Ba) handles 4 thousand tons of cherries

annually. Between May and July it supplies the Italian

market and European markets, particularly Austria,

Germany and England. "Our main distribution channel, he

says, is that of the large-scale retail chains, but some-

With a production of more than 100

thousand tons, Italy is one of the world’s

leading producers, preceded only by

Turkey, Iran and the U.S. In Europe,

Germany contends Italy’s primacy and

but is also the principal importer of

Italian cherries; Spain and Turkey are

also becoming major competitors.

Puglia is the leading producer at regional

level (40% of the national total), followed

by Campania, Veneto and Emilia

Romagna. 95% of Puglia’s cherry production

is concentrated in the Bari area,

50 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

of which two thirds is produced in the

South East and a third in the North-

West; 45 thousand tons of cherries are

produced on a surface area of almost 17

thousand ha (of which 16.35 thousand

in the province of Bari alone, which

accounts for the 96.2% of the acreage

under cultivation and 96.6% of the cherries

produced in the region). (L.S.).

L’Italia, con oltre 100mila t, occupa uno dei

primi posti nella produzione mondiale di ciliegie,

dopo Turchia, Iran e Usa. In Europa le

contende il primato produttivo la Germania,

A cardboard box containing 'Ferrovia' cherries from Giuliano Srl,

which sells 50% of its cherries in Northern Italy and the other

half in Germany, Switzerland and Austria.

Cassetta di cartone di ciliegie ‘Ferrovia’ della Giuliano Srl, che

commercializza il 50% dell’offerta nel Nord Italia e l’altra metà in

Germania, Svizzera e Austria.

maggio sino a fine giugno riusciamo a collocare le ciliegie,

attraverso i mercati generali e la grande distribuzione

organizzata, sia nel Nord Italia sia in Svizzera, Austria e

Germania. Partiamo con la ‘Early Lory’, varietà precoce il

cui frutto ha colore rosso intenso vinoso e sovraccolore

punteggiato, polpa gustosa, rossa, succulenta, e proseguiamo

con ‘Bigarreau’, precoce, ‘Celeste’ e ‘Giant Red’,

medio-precoci, ‘Ferrovia’ e ‘Lapins’, medio-tardive».

Produzioni locali

Anche la Giuliano Srl di Turi (Ba) alimenta, con 4mila

t/anno, fra maggio e luglio, il mercato italiano e quelli

europei, in particolare Austria, Germania e Inghilterra,

informa il direttore generale Nicola Giuliano. «Il canale di

distribuzione privilegiato è la gdo, ma talvolta facciamo

ricorso a importatori per alcuni mercati esteri. Le esportazioni

costituiscono il 50% delle vendite. Le varietà

commercializzate sono ‘Bigarreau’, ‘Giorgia’, ‘Celeste’,

‘Ferrovia’, ‘Lapins’ e ‘Sweet Heart’. La varietà di spicco,

la più pregiata, è ‘Ferrovia’, tipica del territorio dove

sorge l’azienda. Gli approvvigionamenti di materia prima

sono effettuati direttamente dall’agro di Turi e dal circon-

Puglia provides 40% of Italian cherries

La Puglia fornisce il 40% delle ciliegie italiane

che è anche il principale Paese importatore

di ciliegie italiane; ma la Spagna e la Turchia

stanno diventando competitor rilevanti.

La Puglia è la prima regione produttrice (40%

del totale nazionale), seguita da Campania,

Veneto ed Emilia Romagna. La produzione

pugliese è concentrata per il 95% nel

Barese, di cui due terzi nel Sud-Est e un terzo

al Nord-Ovest; su una superficie di quasi

17mila ha (di cui 16,35mila nella sola provincia

di Bari, che copre il 96,2% della superficie

investita e il 96,6% dei quantitativi prodotti)

si producono circa 45mila t» (G.F.S.).


Wooden crates containing ‘Ferrovia’ cherries produced in the cherry

producing zone north of Bari and marketed under Bari territorial

trade mark “Ciliegia tipica di Bisceglie” (“Typical Bisceglie cherries”).

Cassetta di legno di ciliegie ‘Ferrovia’ prodotte nel Nord Barese e

commercializzate col marchio territoriale “Ciliegia tipica di Bisceglie”.

times we resort to importers in the case of some foreign

markets. Exports constitute 50% of our sales. We market

the 'Bigarreau', 'Giorgia', 'Celeste', 'Lapins' and 'Sweet

Heart' varieties, but our outstanding and most prized

variety is ‘Ferrovia’, which is typical of the area where the

company is located. The company is supplied directly by

Turi area and its surroundings. When the local cherry season

comes to an we import from neighbouring countries

in order to guarantee a longer supply calendar".

'Ferrovia', says Giuliano of Orchidea Frutta, is the

Puglia cherry par excellence. "This cultivar is distinguished

by a very attractive fruit which is heart-shaped

and of medium dimensions; its bright burgundy colour

is overlaid with freckling and its red pulp, which is of

medium texture and juiciness, is very tasty. It is ideal for

long transportation and is in great demand abroad.

80% of our cherries are destined for the Italian market

and 20% for Germany, Belgium and Switzerland and

the ‘Ferrovia’ cultivar leads the way as our flagship

product. However, we have extended our supply

timetable with the early 'Bigarreau' variety, the medium-early

'Celeste' and 'New Star' varieties, the intermediate

'Lapins' and the late 'Sweet Heart' variety".

(English version by Lawrence Smith)

dario. Alla fine della campagna cerasicola locale, per

garantire un calendario di disponibilità più lungo, parte

della produzione viene importata da paesi limitrofi».

‘Ferrovia’, sottolinea Giuliano di Orchidea Frutta, è la ciliegia

pugliese per antonomasia. «Si distingue per un frutto

molto bello, cuoriforme e di medie dimensioni, con colore

di fondo rosso intenso vinoso e sovraccolore di tipo

punteggiato; la polpa, molto gustosa, ha colore rosa,

consistenza e succulenza media. È ideale per i lunghi trasporti

e molto richiesta all’estero. Anche per Orchidea

Frutta è la punta di diamante dell’offerta, destinata per

l’80% in Italia e il 20% in Germania, Belgio e Svizzera.

Però abbiamo allungato il calendario dell’offerta, con la

precoce ‘Bigarreau’, le medio-precoci ‘Celeste’ e ‘New

Star’, l’intermedia ‘Lapins’ e la tardiva ‘Sweet Heart’».

product/Puglia cherries

prodotto/ciliegie Puglia


panel test/strawberry

panel test/fragola

Tasty and fragrant: the search

for the perfect strawberry

Gustosa e profumata

alla ricerca della fragola perfetta

a cura di O.N.A.Frut e Duccio Caccioni

The O.N.A.Frut panel test shows that these characteristics are among those most valued

by consumers. And that they also want a good balance between sweetness and acidity

Nel panel test elaborato da O.N.A.Frut emerge che sono queste alcune delle caratteristiche

più apprezzate dai consumatori. Inoltre, il sapore deve essere dolce e l’acidità ben bilanciata

Strawberry consumption is becoming increasingly

deseasonalized: indeed, consumers are now

demanding strawberries 12 months a year. Supply

follows demand and strawberries are now found in

retail store displays all the year round. Outside the

typical production period (March-May) strawberry

consumption is oriented towards premium products,

in other words to products characterised by

high quality. Out-of-season strawberries are in

demand not only from consumers but also particularly

from the food service industry (H&R). In this

case particular attention is paid not only to

organoleptic quality but also to shelf-life, which

must be as long as possible.

La fragola è un frutto il cui consumo si sta sempre

più de-stagionalizzando: infatti, i consumatori

richiedono fragole ormai per 12 mesi all’anno.

L’offerta segue la domanda e le fragole sono presenti

nei display dei negozi al dettaglio durante tutto

l’arco dell’anno. Il consumo di fragola, soprattutto al

di fuori del periodo tipico (marzo-maggio), si orienta

su prodotti premium, quindi con caratteristiche qualitative

elevate. A richiedere fragole fuori-stagione

non sono solo i consumatori, ma particolarmente la

ristorazione (settore horeca). In questo caso viene

prestata particolare attenzione non solo alla qualità

organolettica ma anche alla shelf-life, che deve

essere massimamente prolungata.


Figure 1 – Sensory profile of the 'Sugar Lia' cultivar.

Figura 1 – Profili sensoriali delle fragole 'Sugar Lia'.

herbaceous

astringency

aroma

bitterness

fragrance

10

8

6

4

2

0

acidity

firmness

08/06/10 15/06/10

juiciness

sweetness

The test

The panel test set itself the objective not only of evaluating

some strawberry varieties harvested in June in

the North of Italy, but also that of identifying which

quality parameters are of particular interest from a

commercial point of view.

The sensory evaluation was performed on four cultivars

produced at the Piedmont CReSO Research

Centre ('Sugar Lia', 'Asia', 'Clery' and 'Alba').

The evaluations were preceded by training sessions

to prepare the individual judges for their task. QDA

(quantitative-descriptive analysis) sensory analysis

was employed for the purpose of mapping the sensory

profiles of the strawberry samples. The samples

were harvested the day before the evaluation and

kept in a refrigerated environment up to 2 hours prior

to the testing process. Each judge was given portions

of the fruit samples in order to assess them with

Figure 3 – Sensory profile of the 'Clery' strawberry.

Figura 3 – Profilo sensoriale delle fragole 'Clery'.

herbaceous

astringency

aroma

bitterness

fragrance

10

8

6

4

2

0

08/06/10

acidity

firmness

juiciness

sweetness

Figure 2 – Sensory profile of the ' Asia' strawberry profile.

Figura 2 – Profilo sensoriale delle fragole' Asia' (per i descrittori

contrassegnati con asterisco è stata evidenziata differenza significativa).

herbaceous

astringency

aroma

bitterness

fragrance

10

8

6

4

2

0

acidity

firmness

08/06/10 15/06/10

juiciness

sweetness

Il test

Il panel test effettuato aveva il fine, oltre che di valutare

alcune varietà di fragola prodotte nel Nord Italia nel

mese di giugno, anche quello di definire alcuni parametri

di qualità interessanti dal punto di vista commerciale.

È stata effettuata una valutazione sensoriale su quattro

varietà di fragola (‘Sugar Lia’, ‘Asia’, ‘Clery’ e ‘Alba’)

prodotte in Piemonte presso il Centro di ricerca CReSO.

Le valutazioni sono state precedute da sedute di addestramento

per il perfezionamento dell’attività dei singoli giudici.

Per la realizzazione dei profili sensoriali dei campioni di fragole

sono stati eseguiti test di analisi sensoriale Qda (analisi

quantitativa-descrittiva). I campioni di fragole sono stati

raccolti il giorno prima della valutazione e conservati in

ambiente refrigerato fino a 2 ore prima della valutazione. A

ciascun giudice sono stati presentati frutti porzionati sui

quali eseguire al valutazione di intensità del profumo,

durezza, succosità, sapore dolce, acido e amaro.

Figure 4 – Sensory profile of the 'Alba' strawberry.

Figura 4 – Profilo sensoriale delle fragole 'Alba'.

herbaceous

astringency

aroma

bitterness

fragrance

10

8

6

4

2

0

08/06/10

acidity

firmness

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

juiciness

sweetness

53

panel test/strawberry

panel test/fragola


panel test/strawberry

panel test/fragola

Figure 5 – Overall judgement: average values of fruit samples.

Figura 5 – Valori medi del giudizio di gradimento dei frutti porzionati: elaborazione complessiva.

10,00

5,00

0,00

Alba Asia Asia

II stacco

respect to aroma, texture, juiciness, sweetness, acidity

and bitterness.

Results

Thanks to the results obtained it was possible to

define the characteristics of the strawberries examined

by the panel of tasters.

The 'Sugar Lia' cultivar was evaluated after both a first

and a second harvesting and the resultant sensory profiles

were found to be perfectly matched. The fruit of

this cultivar are distinguished by a strong fragrance and

aroma. Their acidity level is medium and they are medium-high

in sweetness. No bitterness in flavour or

astringent or herbaceous aroma were perceived.

The ‘Asia' cultivar samples were harvested in two

successive moments of their maturation. The two

samples of the cultivar differed only in the values

relating to the strawberry aroma and sweetness

descriptors: the strawberries harvested in

mid-September were sweeter than the

other fruit but their strawberry aroma

was weaker.

The descriptors which returned the

highest values during the tasting of

the ‘Clery’ strawberries were strawberry

aroma, juiciness, sweetness

and fragrance. Their sensory profile

closely resembles that of the ‘Alba’

cultivar. In neither sample were sensations

of astringent or herbaceous aroma or

of bitterness in the flavour perceived.

54 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Clery Sugar Lia Sugar Lia

II stacco

Risultati

I risultati ottenuti permettono di dare indicazione delle

caratteristiche delle fragole esaminate dal panel di

assaggiatori.

La cultivar ‘Sugar Lia’ è stata valutata sia dopo il primo

che dopo il secondo stacco e i profili sensoriali sono risultati

perfettamente confrontabili. Questi frutti si distinguono

per profumo e aroma particolarmente intensi, sapore

acido medio e dolce medio-elevato. Non sono stati percepiti

sapore amaro, aroma erbaceo e astringente.

I frutti di ‘Asia’ raccolti in due successivi momenti di

maturazione hanno presentato profili differenti soltanto

per i descrittori di intensità del profumo di fragola

e sapore dolce: nelle fragole raccolte a metà

settembre l’intensità del profumo è risultata inferiore

e quella del sapore dolce maggiore rispetto

agli altri frutti.

I descrittori percepiti con

maggiore intensità durante

l’assaggio delle fragole

‘Clery’ sono il profumo

di fragola, la succosità,

il sapore dolce e

l’aroma. Tale profilo

risulta molto simile a

quello delle fragole

‘Alba’. In entrambi i campioni

non sono state percepite

le sensazioni di

astringente ed erbaceo, e il

sapore amaro.


Approval ratings

The only objective of a test of the QDA type is to

describe the sensory characteristics of a product. The

O.N.A.Frut. panel therefore decided to also include

the descriptor "Overall judgement" and to evaluate

the strawberries accordingly. Colour, flavour, aroma,

texture and juiciness were taken into account in this

evaluation. At best this assessment can only give a

rough indication of consumer satisfaction.

All the strawberries in the test received positive evaluations:

the difference in approval rating between the

first sample of 'Sugar Lia' and the second was not

considered to be significant. The fruit of the second

'Sugar Lia' sample returned higher approval ratings

than those of the 'Clery' and ‘Alba’ samples.

On the strength of this panel test, two parameters

would appear to be of particular importance with

respect to strawberry quality: their typical aroma and

above all their fragrance. As is confirmed not only by

this panel test and others previously carried out but also

by the experience of commercial operators, a good balance

between the acidity of the fruit and its sweetness

is also important, so this can be considered a secondary

factor. In any case, the fruit must be free of an astringent

and/or herbaceous aroma. A shelf life of 24-36

hours at temperatures above 15 ° C is a further, indeed

essential, requisite for commercial success.

(English version by Lawrence Smith)

Indicazioni sul gradimento

L’obiettivo di un test di tipo Qda è quello di descrivere

unicamente le caratteristiche sensoriali di un prodotto. Il

panel di O.N.A.Frut. ha pertanto deciso di inserire anche

il descrittore “giudizio finale” e di elaborarne i risultati. Il

giudizio di gradimento espresso dagli assaggiatori teneva

conto del colore, del sapore, dell’aroma, della consistenza

e succosità del prodotto. Tale giudizio può dare

un’indicazione di massima relativa al gradimento da

parte dei consumatori.

Si può affermare che tutte le fragole siano state gradite:

la differenza calcolata fra il gradimento di ‘Sugar Lia’ dei

due stacchi successivi non è risultata significativa. I frutti

di ‘Sugar Lia’ del secondo stacco sono stati più graditi

di quelli di ‘Clery’ e di quelli di ‘Alba’.

Le valutazioni compiute permettono di desumere che

due parametri molto importanti per la qualità delle fragole

sono l’aroma tipico e soprattutto il profumo.

L’esperienza degli operatori commerciali come anche

le prove compiute qui e in precedenza indicano che

l’acidità dei frutti deve essere bene bilanciata con il

sapore dolce, quindi se non eccessiva può essere

ritenuta un fattore secondario. I frutti devono comunque

essere privi di aroma astringente e/o erbaceo. La

shelf life e quindi la tenuta dei frutti per almeno 24-36

ore a temperature al di sopra i 15° C, può essere definita

come un pre-requisito per il miglior successo

commerciale.

panel test/strawberry

panel test/fragola


isr/produce department

gdo/reparto ortofrutta

A produce department

like a neighbourhood market

Il reparto ortofrutta

come un grande mercato rionale

Daniele Bernieri

The floor space for fresh produce has recently been enlarged to include fresh-cut

items, a move creating an image split0020with fruit and traditional vegetable displays

Lo spazio dedicato al fresco si è recentemente ampliato per fare posto ai prodotti di

IV gamma, mettendo in atto una distinzione valoriale e di immagine con il banco frutta

e verdura tradizionale

The big retail chains are responding by retaining the traditional look of produce departments.

Le catene distributive rispondono mantengono la tradizionalità del reparto ortofrutticolo tal quale.

The considerable influx of fresh-cut items is changing

the layout of supermarket produce departments.

Indeed, floor space has expanded to embrace

the big fridge units holding the prepared, fresh-cut

and ready-to-eat items ranging from soups to fruit

cocktails. It’s a revolution to be reckoned with, its long

reach changing how floor space is allocated and traffic

flows are directed in outlets. In effect, these

changes will have a not inconsiderable impact on the

shopping habits of our consumers, who are increasingly

inclined to reach for plastic bags and trays of

56 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Il massiccio afflusso dei prodotti di IV gamma ha cambiato

pelle al layout del reparto ortofrutta delle grandi

superfici, che si è ingrandito per ospitare i banchi frigoriferi

nei quali trovano spazio prodotti confezionati e

ready to eat freschi, come zuppe e macedonie. Una

rivoluzione non da poco, che ha modificato volumetrie

interne, flussi di traffico che si snodano nel punto di vendita

e ha impattato con un certo vigore sulle abitudini di

spesa dei nostri connazionali, sempre più propensi ad

attingere per ortaggi e affini da buste e vassoi in Pet collocati

all’interno di un frigorifero.


The idea is to blend the model of the neighbourhood

marketplace with the display needs of fresh-cut items.

Occorre conciliare il modello del mercato rionale con le esigenze

espositive dei prodotti di IV gamma.

vegetables and other ready-to-eat or heat produce

arrayed in fridges.

On the other hand, the display profiles of loose fruit

and vegetables in supermarket produce departments

have retained their traditional look. While we find the

retouches to ‘image’ and make-up that time inevitable

brings, this more or less big and busy corner continues

to recall the traditional neighbourhood market that

dominated shopping habits up to the overwhelming

advent of the big retail chains in Italy thirty years ago.

Between the modern and traditional

The produce department thus has a profile with a split

between image and value that is affecting how it

develops. Indeed, on the one hand is the space for

the fresh-cut trade featuring glass doors, smooth surfaces

and the enhanced lighting that are needed by

refrigerated foods consumers must pick out in large

display cases increasingly kept closed to reduce the

high energy consumption and subsequent environmental

impact of doorless cases. On the other is traditional

loose produce displayed in wicker bushels or

wooden crates that serve as a reminder both as a

measure of amount and as a link to the farm and fieldborne

freshness. At a time when demands for a short

supply chain, zero-mile foods and closer ties between

consumers and rural communities are the order of the

day, the big retail chains have responded with a produce

department that takes pride in its traditional features.

Indeed big retail uses this tradition to open consumer

hearts, to make floor displays look like stalls of

fresh and natural fruit and vegetables, a strategy that

gives tradition a leading role in shoppers’ choices.

«What we’re seeing – noted Claudio Rossi, CEO of

Synco, a company that specialises in the design and

manufacturing of display facilities and visual merchandising

in big retail outlets – is a trend that has a far greater

reach and is found throughout the western world. In a

few words, the image that the world’s big retail chains

Foldable plastic crates arranged on tiered shelves provide a

more sophisticated display image.

Cassette in plastica ripiegabili, depositate su scaffalature inclinate,

forniscono una maggiore raffinatezza d’immagine.

Invece, per frutta e verdura tal quale, tuttora proposta

dalla gdo, gli stilemi estetici continuano a rimanere tradizionali:

pur con le inevitabili evoluzioni di aspetto e

“immagine” complessiva, questo corner più o meno

grande rimanda alla memoria l’antico mercato rionale,

così come avveniva trent’anni fa, agli albori della massiccia

diffusione della distribuzione moderna in Italia.

Tra sviluppo e tradizione

Così il reparto vive una dicotomia valoriale e d’immagine

che ne sta caratterizzando l’attuale sviluppo: da un lato,

quello della IV gamma, in cui si impongono vetri, superfici

lisce, illuminazione potente, come si addice ai prodotti

cui il consumatore deve guardare attraverso la prospettiva

di un banco frigorifero (oltretutto sempre più

chiuso per ridurre l’impatto ambientale determinato dal

maggiore consumo di energia elettrica degli armadi refrigerati

aperti); l’ortofrutta tal quale, invece, vede ancora

un layout contrassegnato dall’uso di vimini, legno e della

cassetta come unità di misura che tratteggia un rapporto

più stretto con il campo, quindi con il mondo agricolo

e la freschezza. In questo frangente nel quale le istanze

di filiera corta, di chilometro zero e di un rapporto più

ravvicinato tra settore primario e consumatori stanno

emergendo con forza, le catene distributive rispondono

con un reparto ortofrutticolo tal quale che si ripiega sulla

sua tradizionalità, anzi fa leva su questa per colpire il

cuore del consumatore, per presentare il punto di vendita

come luogo nel quale freschezza e naturalità giocano

un ruolo primario nella selezione dei prodotti.

«Si tratta – spiega Claudio Rossi, amministratore delegato

di Synco, società che si occupa della progettazione

e della costruzione di attrezzature per l’esposizione e

il visual merchandising all’interno della gdo – di un trend

che ha dimensioni più larghe e coinvolge tutto il mondo

occidentale. In sostanza, l’immagine che la distribuzione

moderna planetaria vuole dare del reparto ortofrutticolo

è quella del mercato di una volta, nel quale concetti

come qualità e fiducia avevano un valore, senza spin-

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

57

isr/produce department

gdo/reparto ortofrutta


isr/produce department

gdo/reparto ortofrutta

want their produce departments to project is that of the

traditional market of yore where the concepts of quality

and trust were valued. They don’t want to push the innovation

button too hard so as not to confuse consumers

and not just those in a tradition-bound country like Italy».

Wicker baskets, wooden crates, symmetrical arrays of

fruit that offer the eye pyramids of appealing colour, or

simple foldable plastic crates placed on tiered shelves. In

other words, arranging displays in F&V departments

seeks either a more sophisticated profile requiring

greater staff skills and time to maintain them or a traditional

market-like look without to many bells and whistles

that appeals to a shopping public seeking low prices.

The must-have link to the past

Big retail is thus at a crossroads facing a display dilemma,

one that Italy will soon be facing too when the

fresh-cut fruit sector has expanded its range and depth

of assortment. In other words, it must decide whether

to press down hard on the accelerator of innovation

that includes display solutions or retain the traditional

nature of a neighbourhood marketplace, with the necessary

retouching here and there, that a wide swath of

the nation’s consuming public still has in mind?

«It’s my feeling that over the next two to three years –

said Alberto Carpisa, head produce buyer for Iper – the

fruit sector of the fresh-cut trade will register higher

growth rates in terms of both salads and single-fruit

containers, a trend that will also bring higher quality and

lower prices. This development will have further impact

on the structure of produce departments, although I

think that we’re still a long way from getting rid entirely

of the traditional market style of displaying fruit and vegetables.

Too much of an industrial look in the department

would be counter-productive. Just think if we

dreamed up a promotional even with a small vendor-like

lorry parked outside our hypermarkets ringing up sales

non-stop all day long. I think consumers are still hidebound

to tradition when shopping for produce».

(English version by David Verzoni)

A stall of loose fruit that still uses wicker baskets in its display units.

Un banco ortofrutta tal quale, che vede ancora un layout contrassegnato dall’uso di vimini.

58 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

gere troppo sulla leva dell’innovazione che lascerebbe

spiazzato il consumatore, non solo in un paese tradizionalista

come l’Italia». Cesti di vimini, cassette in legno,

cataste di frutta ben ordinate che propongono invitanti

piramidi cromatiche. Oppure semplici cassoni in plastica

ripiegabili, depositati su scaffalature inclinate: in questo

frangente, l’organizzazione dell’esposizione ortofrutticola

tal quale guarda o a una maggiore raffinatezza

d’immagine, che però sconta un più elevato grado di

intervento da parte del personale addetto per mantenere

in ordine l’esposizione, oppure puntare alla sostanza,

senza troppi fronzoli, cercando di proporsi con il prezzo

al pubblico più conveniente.

Il legame irrinunciabile con il passato

In questa circostanza, la gdo si trova di fronte a un

dilemma espositivo, che anche alla nostra latitudine

diverrà di stretta attualità quando lo sviluppo del settore

di IV gamma frutta avrà raggiunto una sufficiente espansione

in termini di profondità e ampiezza dell’offerta:

spingere con forza sul pedale dell’innovazione anche

per quanto riguarda le soluzioni espositive oppure permanere

nella tradizione della riproposizione del modello

mercato rionale, pur riveduto e corretto, tanto caro ad

un ampio strato della popolazione nazionale?

«Ritengo che nei prossimi due o tre anni – dichiara

Alberto Carpisa, responsabile acquisti ortofutta di Iper –

la IV gamma a base frutta raggiungerà uno sviluppo

maggiore, sia per quanto riguarda le macedonie che i

monoprodotto, con l’innalzarsi della qualità e

l’abbassarsi dei prezzi. Questo impatterà ulteriormente

sulla struttura del reparto, anche se ritengo che ancora

per molto tempo non potremo prescindere da un’offerta

per frutta e verdura simil mercato. Troppa industrializzazione

nel reparto non pagherebbe: basti pensare a

un’iniziativa promozionale nella quale abbiamo realizzato

un camioncino simil ambulante nelle aree esterne dei

nostri ipermercati, con risultati di vendita eccezionali.

Credo che il consumatore, in questo comparto, sia

ancora legato alla tradizione».


Mauro Rudello

Purchasing manager

and F&V platform

coordinator at Ce.di.

SISA Centro Nord.

Responsabile acquisti e

coordinatore piattaforme

ortofrutta Ce.di. Sisa

Centro Nord.

Mauro Rodello

SISA focuses on logistics

and the private label

Sisa tra logistica

e private label

Federica Pagliarone

Interview with Mauro Rudello, purchasing manager and coordinator of F&V

platforms at CE.DI. SISA Centro Nord, the supermarket chain which has branches

in 12 Italian regions

Intervista a Mauro Rudello, responsabile acquisti e coordinatore piattaforme ortofrutta

Ce.di. Sisa Centro Nord, la catena di supermercati presente in 12 Regioni italiane

According to Mauro Rudello, purchasing manager

and F&V platforms coordinator, the immediate

future of CE.DI. SISA North Central will be all about

improving logistics and adopting new technologies,

not only in order to ensure freshness of its products

and to cut costs, but also as part of a drive to cement

relationships of loyalty with customers. Moreover, its

future objectives also include expanding its private

label range in the fresh-cut sector and inserting the

SISA label in the fresh F&V and ready-to-eat sectors.

Mr Rudello, how did the Italian fruit and vegetable

sector do in 2010?

"Despite adverse weather conditions and the difficult economic

situation the balance sheet was a positive one."

How do you manage processes in the fresh F&V sector ?

“We check out and monitor all our supply channels, such as

the F&V markets of Padua, Verona, Rome and Pescara,

small local producers, farmers, large foreign cooperatives

and the big POs of Northern, Central and Southern Italy."

What guidelines govern your relations with the

F&V sector?

"Our organization seeks quality above all, but without

neglecting the small number of individual entrepre-

Secondo Mauro Rodello, responsabile acquisti e

coordinatore piattaforme ortofrutta, nel prossimo

futuro di Ce.di. Sisa Centro Nord ci sono soprattutto

l’efficienza della logistica e le nuove tecnologie che

permettono di garantire non solo la freschezza dei

prodotti e l’abbattimento dei costi, ma anche per

creare rapporti di fidelizzazione con i consumatori.

Inoltre, tra gli obiettivi futuri, l’ulteriore ampliamento

dell’offerta di private label nella IV gamma, oltre a inserire

il marchio Sisa nella I e nella V gamma.

Signor Rudello, qual è il bilancio 2010 dell'ortofrutta

italiana?

«Malgrado le avversità atmosferiche e la congiuntura

economica, la situazione è stata positiva».

In che modo gestisce i processi del settore del fresco?

«Vengono verificati tutti i canali di approvvigionamento,

come mercati ortofrutticoli di Padova, Verona, Roma,

Pescara, piccoli produttori locali, produttori agricoli, grosse

cooperative estere, grandi Op del Nord, Centro e Sud Italia».

Quali sono le direttive che regolano la vostra organizzazione

del reparto?

«La nostra organizzazione punta sulla massima qualità,

senza tralasciare eventuali, poche, esigenze di singoli

imprenditori per qualità da every day low price».

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

59

isr/Sisa

gdo/Sisa


neurs who seek to combine quality with the pursuit of

an EDLP wholesale pricing strategy”

How are you organized on the logistics front?

"Everything starts with the arrival of goods at the warehouse

from 4 am onwards. They are transferred to the picking area

where the orders are extracted (the points of sale transmit

their orders AxB) for the preparation of loads that are delivered

to points of sale during the night, by 8 the next day."

What volumes do you handle?

"CE.DI. SISA Centro Nord has 3 platforms and serves

12 regions, divided as follows:

Ronchi di Villafranca Padova, for points of sale in the

Veneto, Lombardy, Piedmont, Liguria, Trentino, Friuli,

Tuscany and Emilia-Romagna. On average, 60 thousand

packages are handled every week.

Ancarano Teramo for points of sale in the Marches

and Abruzzo. Average number of packages handled

per week: 40 thousand.

Latina for points of sale in Lazio and Umbria. Average

number of packages handled per week: 30 thousand."

Do you think that cutting costs improves efficiency?

"The only answer can be yes, indeed the CE.DI. SISA

Centro Nord logistics department is looking at new

technologies that could enable us to further reduce

costs to the benefit of the service we offer."

The big supermarket chains have been working

for years now on building up their brands. What

are you doing in this regard?

"CE.DI. SISA Centro Nord is controlled by a SISA, a

Bologna based organization, which has branches

60 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Sul piano della logistica com’è strutturata

l’organizzazione?

«Si parte con l’arrivo delle merci a magazzino dalle 4 del

mattino, successivamente vengono posti a picking le

merci, quindi vengono estratti gli ordini (i punti vendita

trasmettono gli ordini AxB) per effettuare la preparazione

della merce da consegnare ai punti vendita durante

la notte, entro le 8 del giorno successivo».

Quanti sono i vostri volumi movimentati?

«Il Ce.di. Sisa Centro Nord ha 3 piattaforme e 12

Regioni di competenza così suddivise:

Ronchi di Villafranca Padova, per i punti vendita di

Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Trentino, Friuli,

Toscana, Emilia-Romagna. Mediamente vengono movimentati

60mila colli a settimana.

Ancarano Teramo per i punti vendita di Marche,

Abruzzo. Media colli movimentati a settimana: 40mila.

Latina per i punti vendita di Lazio e Umbria. Media colli

movimentati a settimana: 30mila».

A suo avviso, abbattere i costi migliora l'efficienza?

«A questa domanda non si può rispondere che con un

sì, infatti la direzione logistica del Ce.di. Sisa Centro

Nord è molto attenta a tutte le tecnologie per abbattere

ulteriormente i costi a beneficio del servizio».

La gdo ormai lavora da anni sulla costruzione del proprio

brand. Voi come vi muovete?

«Il Ce.di. Sisa Centro Nord fa capo a un'organizzazione

con sede a Bologna, Sisa, che è presente in tutta Italia

A F&V sector storeroom at a SISA supermarket.

Un magazzino del reparto ortofrutta di uno dei supermercati Sisa.


throughout Italy and which is putting a lot of work into

the development of its own label: even though we

were a bit of slow getting off the starting blocks we

now market about 800 products under our own label.

Since 2009 we have launched 8 products in the freshcut

range under the SISA brand.

What are the principal strategic levers available to

you for improving your company’s competitiveness?

"Working in contact with so many operators means

that we are deeply involved the Italian fruit and vegetable

sector and in consequence the quality/price

lever is central to our strategy."

Which varieties have given you the greatest satisfaction?

"As CE.DI. SISA Center North is located in or near

areas with a vocation for F&V production, we are privileged

in not having notable problems in any area.”

What do you do about meeting consumer requirements?

"North Central Ce.di SISA has always sought to meet the

demands of its customers and for this reason we organize

ad hoc meetings with our associates. In addition, our

managerial staff often visit points of sale in order to get

first person testimony about the needs of our shoppers.

One of our top priorities is to be among the first to run

tests on new products. We have our own internal points

of sale that are suitable for this purpose. "

What are your flagship products?

“We don’t have flagship products because our platforms

handle on average some 3000 products at the

picking stage.”

How does your company stand with respect to its

competitors?

"Our associates are mostly local points of sale; 60%

of our clients are loyal customers (possessors of our

Fidelity card). We are attentive to quality, price and

seasonal products and non and our platforms work to

ensure the satisfaction of SISA shoppers.

What do you think of the draft European legislation

on the labeling of genetically modified products?

"It is vital that there be an obligation to label GM products

in order to protect the consumer who should be

in a position to make an informed choice."

Projects and priorities for the near future?

"One of our projects, which depends on SISA national

policy, is to further expand our private label range

in the fresh-cut sector and also to insert the SISA

brand in the fresh and ready-to-use ranges.

(English version by Lawrence Smith)

ed è molto attenta al private label (a oggi conta circa

800 referenze) anche se siamo partiti un po’ in ritardo.

Dal 2009 abbiamo sui nostri banchi ortofrutta IV gamma

a marchio Sisa con otto referenze».

Quali sono le leve strategiche fondamentali per la

competitività aziendale?

«Il fatto di avere contatti con tanti soggetti ci permette

di essere partecipi nella vita ortofrutticola italiana e

pertanto la leva di qualità\prezzo è per noi strategia

fondamentale».

Quali sono le varietà che vi danno maggiori soddisfazioni?

«Essendo il Ce.di. Sisa Centro Nord ubicato in zone a

vocazione ortofrutticola o limitrofe ci permette di non

avere grosse criticità in nessun segmento».

Cosa fate per andare incontro alle esigenze del consumatore?

«Il Ce.di Sisa Centro Nord è sempre attento alle

richieste del suo consumatore e per questo vengono

organizzati degli incontri ad hoc con gli associati.

Inoltre, noi responsabili siamo spesso presenti nei

punti vendita per essere testimoni in primis delle esigenze

del nostro shopper. È un'esigenza fondamentale

per la nostra organizzazione essere tra i primi a

gestire test per nuovi inserimenti. A riguardo abbiamo

al nostro interno dei punti vendita che si prestano a

questo scopo».

Quali sono i vostri prodotti di punta?

«Non abbiamo prodotti di punta poiché le nostre piattaforme

trattano in media circa 300 referenze a picking».

Come si profila la vostra azienda rispetto alla concorrenza?

«Gli associati del Ce.di. Sisa Centro Nord sono in maggioranza

punti vendita di quartiere; il nostro consumatore

è fedele all’insegna per il 60% (dato Fidelity card),

oltre ad essere attento alla qualità, al prezzo e ai prodotti

stagionali e non, pertanto le piattaforme lavorano per

assicurare che lo shopper Sisa sia soddisfatto».

Cosa ne pensa del progetto di legge europeo sull'etichettatura

di prodotti geneticamente modificati?

«È fondamentale che ci sia l’obbligo di dicitura sull’etichetta

del prodotto Ogm per salvaguardare il

consumatore che deve scegliere in funzione del suo

pensiero».

Progetti e obiettivi prioritari per il prossimo futuro?

«Uno dei progetti, subordinato alle politiche di Sisa

nazionale, è quello di ampliare ulteriormente la private

label nella IV gamma, oltre a inserire il marchio Sisa nella

I e nella V gamma».

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

61

isr/Sisa

gdo/Sisa


Zip package made in France

Dalla Francia arriva il pack con la zip

Giulia Giovanelli

Florette unveiled at the recent Fruit Logistica show a new re-sealable package for salads

that combines practical use and the guarantee of long shelf-life for foods once opened

L’azienda Florette ha presentato all’ultima edizione di Fruit Logistica una nuova

confezione richiudibile per insalate che unisce alla praticità d’uso la garanzia della

lunga durata dei prodotti una volta aperti

The Fruit Logistica Innovation

Award (Flia) is one of the most

important honours bestowed in the

fresh produce industry. The ideas

and patented devices exhibited by

the candidates at the 2011 show will

undoubtedly make their mark in the

food industry.

Familiar and quick

Among the nominees for this year’s award

was the France-based Florette company

for an innovative zip-packaging idea for the

fresh-cut trade. Achieving the new package

proved to be a formidable high-tech challenge.

To succeed, Europe’s leading firm in

fresh-cut salads and vegetables employed the Form

Fill Seal, a method developed by Flexico that uses a

single-layer OPP film fitted with a lengthwise zip. Many

different designs were tested and then consumers

were asked for their opinion before deciding on the zip

model, which proved to be the best in terms of practical

use because it was the most familiar one to consumers

and the fastest in opening and closing. While

it’s currently used for baby-leaf greens like rocket,

spinach and garden valerian, the innovative package is

ultimately devised to ensure consumers get long storage

life once a fresh-cut salad is opened. The new

package has so far been promoted by television

adverts in France and Belgium that aired from March

through May 2010 and today claims revenues of nearly

€340 million in Europe. In fact, volume production

currently is more than 1 million bags a day, or 88,000

tons sold from its 11 factories.

The Agrial Group

Florette is a subsidiary of Agrial, an agribusiness

group that originally was a farm coop and processor

62 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Innovation Award di

L’ Fruit Logistica (Flia) a

Berlino rappresenta uno dei

riconoscimenti più importanti

per il settore ortofrutticolo. Tra

le nominee del 2011 sono

stati presentati intuizioni e brevetti

che sicuramente faranno

la storia dell’agroalimentare.

Familiarità e rapidità

Nel ventaglio delle proposte di quest’anno,

appare il nome dell’azienda

francese Florette, con l’innovativo

packaging per insalata a zip destinato

alla IV gamma.

Per riuscire in una tale sfida tecnologica, l’azienda

leader in Europa delle insalate e delle verdure fresche

pronte all’uso, si è avvalsa del sistema Form

Fill Seal, un meteodo pre-applicato della società

Flexico che utilizza un film monostrato OPP con

cerniera longitudinale.

Sono stati testati molti sistemi diversi e sottoposti

successivamente al giudizio di svariati consumatori

prima di arrivare al traguardo: il metodo zip è

risultato il migliore per la praticità d’uso, perché

rimane assolutamente familiare e molto rapido sia

in apertura che in chiusura.

L'obiettivo dell’ innovativo pack che racchiude per

il momento le baby leaf come rucola, spinaci e

valeriana, è di offrire ai consumatori insalate in

busta con una lunga durata garantita una volta

aperte. L’innovazione è stata sostenuta da una

campagna televisiva in Francia e in Belgio da marzo

a maggio 2010 e ad oggi fattura in Europa circa

340 milioni di euro. Si producono infatti più di 1

milione di buste al giorno pari a 88mila tonnellate di

prodotto venduto grazie a 11 siti di produzione.


The lime that looks like caviar wins Flia 2011

Il lime che sembra caviale ha vinto il Flia 2011

The winner of the fresh F&V industry’s

2011 Oscar was Australia, or better an

Australian company that produces the

genius-touched Limeburst Fingerlimes,

lime juice contained in caviar-like vesicles.

When the fingers are chewed, the

juice is released, leaving a pleasant,

slightly sour taste of lime in the mouth.

This unique "citrus caviar" is also

notably eye-appealing and lends itself

well as a decorative garnish in preparing

other foods. It has been marketed since

spring 2010, weighs 25/30 grams, has a

size and shape similar to a finger, ranging

from 10 to 17 cm long.

Limeburst Fingerlimes are an innovation

that took no fewer than 15 years to

develop. They have only been marketed

internationally as of late and are basically

targeted to the high-end food service

trade. Limeburst Fingerlimes are currently

available in four distinct varieties:

Limeburst Green, Limeburst Burgudy,

Limeburst Pink and Limeburst Black, the

colour of their caviar respectively being

opaque, deep red, pink and bright green.

The ten best innovations were picked by

a panel of experts and presented to the

more than 50 people that visited Fruit

Logistica 2011, visitors who were also

asked to cast their vote for the year’s best

innovation. The winner was announced

on 11 February during a special awards

ceremony. One of the top ten candidates

from Normandy and today is based in western

France. The group now owns several well-known

brands that represent different pipelines. Florette itself

is part of a vegetable supply chain that has about

3,200 employees.

Agrial created 7,715 jobs while working with 10,000

member growers in 2009 alone. Florette today produces

mainly fresh-cut leafy greens, mixed vegetables

for minestrone, crudités, pinzimonios, salads

with edible flowers, aromatic herbs, and a line of well

assorted purées. Florette has opened facilities

throughout Europe in the last few years, with plants

not only in France but also in the UK, Spain,

Switzerland and Italy. Indeed, it keeps opening new

ones at a steady pace and the next, its twelfth, is

scheduled for Ingenio in the Canary Islands.

(English version by David Verzoni)

was Almond Mushroom, a mushroom

variety with an almond/aniseed aroma

that until now had been available only as

a dried item. Developed by the Hollandbased

Prime Champ Sales BV, it contains

high levels natural antioxidants, minerals,

essential amino acids, vitamins and

fibres while being low in calories. The

Almond Mushroom is available in diameters

of 40-60 mm packed in punnets of

approximately 120 g, with packaging

sizes being adjustable to customer

requirements. (D. V.)

Ma l’Oscar 2011 del mondo ortofrutticolo è

stato vinto dall’Australia, o meglio da un

azienda australiana, che ha prodotto il

geniale Limeburst Fingerlimes: succo di

lime contenuto in sfere che ricordano il

caviale. Masticando, il succo si libera

lasciando un gusto leggermente acidulo al

sapore di lime, ma allo stesso tempo unico.

Il "caviale di agrumi" è anche visivamente

molto allettante e si presta bene come

ingrediente decorativo nella preparazione

degli alimenti. Il frutto è stato introdotto nel

mercato nella primavera del 2010, ha un

peso variabile intorno ai 25/30 grammi,

dimensione e forma simili a un dito, tra 10

cm e 17 cm di lunghezza.

Un’innovazione che ha richiesto ben 15

anni, per portare questi risultati. Solo

recentemente i fingerlimes si sono proiettati

su scala internazionale e sono rivolti

principalmente al ristorante di fascia alta e

di servizio del settore alimentare. I

Fingerlimes Limeburst sono ora disponibili

in quattro diverse varietà: ‘Limeburst

Green’, ‘Limeburst Borgogna’, ‘Limeburst

Pink’ e ‘Black Limeburst’, cono colori che

vanno dal rosso scuro al rosa, dal verde

brillante al nero.

Le dieci migliori innovazioni sono state

selezionate da una giuria di giudici esperti e

presentate a più di 50mila visitatori di Fruit

Logistica 2011, anch’essi invitati a esprimere

il proprio voto per la migliore innovazione

dell'anno. Il vincitore è stato annunciato

l’11 febbraio, in occasione di una speciale

cerimonia di premiazione. Tra i candidati

c’era anche il ‘Fungo Almond’, una

varietà di fungo all’aroma di mandorla/anice

che finora è stata disponibile solo

in forma secca. Creato dall’azienda olandese

Prime Champ Sales BV, esso contiene

livelli elevati di antiossidanti naturali, minerali,

aminoacidi essenziali, vitamine e fibre

ed un basso contenuto di calorie. Il ‘Fungo

Almond’ è disponibile nei diametri di 40-60

mm in cestini di circa 120 g, adeguabili alle

richieste di mercato (G. G.).

Il gruppo Agrial

Casa madre di Florette è Agrial, un gruppo cooperativo

agricolo e di food-processing originario della Normandia

e con sede nell’ovest della Francia, detentore di marchi

prestigiosi e organizzato in diversi tipi di filiere: Florette fa

parte della filiera verdure dove sono impiegate circa

3.200 persone.

Solo nel 2009 Agrial ha creato 7.715 posti di lavoro e

cooperato con 10mila agricoltori aderenti. Florette oggi

produce soprattutto insalate in IV gamma, verdure in mix

di minestroni, crudité, pinzimoni, insalate con fiori commestibili,

erbe aromatiche e una linea ben assortita di

puree. Negli ultimi anni sono sorte filiali Florette in tutta

Europa, gli attuali undici stabilimenti sono dislocati in

Francia, Regno Unito, Spagna, Svizzera e Italia e sono

sempre in continua crescita; in apertura il dodicesimo

stabilimento europeo a Ingenio, nelle Isole Canarie.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

63


From tree to package

100% fruit shakes and juices

Dall’albero alla confezione

frullati e succhi naturali al 100%

Giulia Giovanelli

Tvb Italia and Natura Nuova have introduced new products free of OGMs and

preservatives that also focus on eco-sustainability and practical packaging

Le aziende italiane Tvb Italia e Natura Nuova presentano nuovi prodotti privi di ogm

e conservanti, in più puntano sull’ecosostenibilità e sulla praticità del packaging

The latest market trends indicate that natural juices

of 10% fruit are at the top of the wish list of Italian

consumers compared to fruit-based drinks. The merit

for this success goes to the fact that natural fruit

shakes not only meet the demands of consumers that

run from children and youngsters to parents and

grandparents but also get the nod from nutritionists.

Few calories, lots of vitamins

Tvb Italia, a national leader in the natural beverage market,

was established in 2008 to meet the increasing

demand for a healthy dietary regime. The main idea

was to supply consumers with an alternative to the

usual fruit-based drinks by offering shakes of “pure fruit

and nothing but” without added sugar, preservatives,

stabilisers, acidity regulators, fruit concentrate and

water. The fruit shake market is growing and, despite

the current recession, Tvb Italia has managed to boost

its turnover by a healthy 50% on the year.

64 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Le ultime tendenze di mercato stanno dimostrando che i

succhi di frutta al 100% naturali sono saliti in testa ai

gusti dei consumatori rispetto ai più comuni succhi a base

di frutta. Il merito di questo risultato va alla capacità della

bevanda di soddisfare le esigenze dei consumatori più

disparati: dai bimbi, ai ragazzi, arrivando fino ai genitori e i

nonni, il succo naturale di frutta fresca frullata è un drink che

mette d’accordo tutti, nutrizionisti compresi.

Poche calorie, molte vitamine

Tvb Italia, azienda leader nel settore del natural beverage,

nasce nel 2008 nell’ottica di rispondere al sempre più

marcato orientamento verso un’alimentazione sana e

salutare, e creare così un’alternativa al solito succo di

frutta, proponendo un frullato di “pura frutta & basta”,

senza zuccheri aggiunti, conservanti, stabilizzanti, acidificanti

o succhi concentrati, né acqua. Il mercato dei frullati

è in espansione e, nonostante il periodo di crisi che si

sta attraversando negli ultimi mesi, Tvb Italia è riuscita ad

aumentare il suo fatturato rispetto al 2009 del 50%.

Nella preparazione non vengono utilizzati ogm, in più

una bottiglietta di Tvb ha pochissime calorie ed è un

ottimo coadiuvante della dieta mediterranea. Il succo

‘mango e passione’ da solo fornisce il 95% della Rda

giornaliera consigliata di vitamina C (risultati di analisi di

laboratorio rilevati su prodotto imbottigliato).

Gli altri gusti dei succhi Tvb sono “fragola & banana”,

“mirtillo & Co” (ogni bottiglietta contiene 100 mirtilli e

263,2 mg di polifenoli), “manosanta” (un mix di frutti di

Frullà smoothies are made with fresh fruit flesh using an exclusive

cold extraction method.

I frullati Frullà sono ottenuti solo con polpa di frutta fresca trasformata

con l’esclusiva estrazione a freddo.


No GMOs are used in preparing these juices, and a

Tvb bottle contains very few calories and is a great

addition to a Mediterranean diet. The mango and

passion juice supplies 95% of the RDA of vitamin C

(revealed by laboratory analysis of a sample bottle).

The other juice flavours include “strawberry &

banana”, “blueberry & Co” (each bottle contains 100

blueberries and 263.2 mg of polyphenols), “manosanta”

(a blend of soft fruits rich in antioxidants), “pineapple

& Co”, “pear & banana”, “orange lemon carrot”

and the latest “Albikocca”. The juices are sold in ecosustainable

glass bottles that, as an extra naturally

feature, lengthen shelf-life up to 8 months since the

glass acts as a barrier against oxygen penetration.

Fruit in your pocket

Another company that has also introduced an all-Italian

beverage is Natura Nuova based in Ravenna Province.

Their product is called Frullà, a 100% fresh fruit smoothie

without preservatives and added sugar. Naturally tasty, it’s

a healthy snack drink prepared using only fresh fruit flesh

certified by the highest food quality and safety standards

and processed using an exclusive cold-extraction method.

The real novelty of Frullà, however, is its doypack container,

an innovative packaging solution that can be

used anywhere by anyone of just about any age.

Pocket-sized and re-sealable, it is ideal for ‘drinking

on the move”: at school, at sport, at work, outdoors

and at just about any time of day anywhere you are.

It’s like having fresh fruit in your pocket, a new way to

eat fruit whenever you want to.

Ease of use has become a fundamental factor in choosing

what we buy today. Even the food industry is doing its

part by responding to this demand by consumers intelligently

and in an innovative fashion. The Frullà line of

smoothies includes three flavours: apple and pear, strawberry

and blueberry, banana and pear.

The packaging is a guarantee of quality: from tree directly

to container in just a few seconds without other contact

because the doypack keeps light and oxygen outside and

prevents the addition of antioxidants

and acidity regulators inside. And

Natura Nuova does all of this using zeromile

supplies, including nationally produced,

100% recyclable cardboard

and aluminium. Even the power input

used comes from renewable sources,

the solar panel cells of the refrigeration

facility being a good example.

(English version by David Verzoni)

The glass of Tvb bottles is ecosustainable

and ensures a shelf-life of up

to 8 months.

Il vetro delle bottigliette Tvb è ecosostenibile

e garantisce una shelf life fino a 8 mesi.

The Frullà package is practical, resealable

and pocket-sized.

Il pack di Frullà è pratico, tascabile e

richiudibile.

bosco, ricco di antiossidanti),

“ananas & Co”, “pera & banana”,

“arancia limone carota” e l’ultimo

nato “Albikocca”. Il prodotto si presenta

contenuto in bottiglie di vetro,

una scelta ecosostenibile e che in

più allunga in modo naturale la shelf

life fino a 8 mesi, poichè funge da

barriera impenetrabile all’ossigeno.

La frutta in tasca

A presentare un altro prodotto interamente

italiano tutto da bere è l’azienda di Bagnacavallo (Ra)

Natura Nuova. Si chiama Frullà, un frullato di frutta fresca al

100%, senza conservanti e zuccheri aggiunti. Naturalmente

gustoso è uno snack sano, preparato utilizzando solo la

polpa della frutta fresca della migliore qualità, garantita dalle

più severe certificazioni di qualità e sicurezza alimentare, e

trasformata con l’esclusiva estrazione a freddo.

Ma la vera novità di questo prodotto è il packaging in doypack,

innovativo e facile da utilizzare in ogni luogo e per

tutte le età. Tascabile, richiudibile, la confezione ideale per

un “consumo in movimento”: a scuola, nei centri sportivi,

all’aperto e al lavoro, in ogni momento della giornata e in

ogni luogo. Una sorta di frutta in tasca, un nuovo modo

di gustare la frutta in tutte le occasioni.

La praticità è diventata un elemento fondamentale nella

scelta di tutti i beni di consumo: ciò investe anche il settore

dell’agroalimentare che cerca di adeguarsi, rispondendo in

maniera intelligente e innovativa, alle richieste di un consumatore

sempre più esigente, soprattutto per quanto riguarda

questi aspetti. La gamma Frullà è composta da tre gusti

diversi: mela e pera, fragola e mirtilli, banana e pera.

Il confezionamento è garanzia di qualità: dall’albero

direttamente alla confezione in pochissimi secondi,

senza contatto con l’esterno perché l’involucro preserva

il prodotto da luce e ossigeno ed

evita l’aggiunta di antiossidanti e acidificanti.

Tutto ciò utilizzando materie

prime a km zero, come alluminio e cartone

di provenienza nazionale e riciclabili

al 100%. Inoltre, tutta l’energia

elettrica utilizzata proviene da fonti

rinnovabili: l’impianto di raffreddamento,

ad esempio, è alimentato

dell’impianto fotovoltaico.

Tvb juices are a perfect match for

the Mediterranean diet and contain a

lot of vitamins.

I succhi Tvb sono ottimi coadiuvanti della

dieta mediterranea e contengono molte

vitamine.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

65


Fresh-Cut news is edited by Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Fresh Cut news è a cura di Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

La Linea Verde unveils Caesar Salad

La linea Verde presenta la Caesar Salad

La Linea Verde announced

a new addition to its line of

DimmidiSì fresh-cut items.

This time it’s Caesar Salad,

the famous American recipe

that, according to the company

based in Minerbio,

Bologna Province, is a real

first for the Italian retail market.

The DimmidiSì Caesar

Salad belongs to the family of fresh-cut

salads under the “Ricette dal mondo”

label. These are ready-to-eat salads in

plastic bags containing packets of dressing

ingredients that offer consumers typical

recipes from countries around the

world in a package designed for household

use. Caesar Salad is packaged in a

bag containing 160 g of Romaine lettuce,

30 g of croutons in packets and 30 g

Caesar dressing, a fresh spicy mix with

olive oil and cheese. It has a shelf-life of 7

days and a recommended retail price of

€2.19 per package.

And, to celebrate the 150th anniversary of

the Unity of Italy, La Linea Verde

announced the Tricolour salad in the

DimmidiSì line. The company said it was

delighted to celebrate the country in

which it started and works by dedicating

a product symbolising it: a fresh-cut salad

combining corn salad, curly endive and

red radicchio in a package recalling the

nation’s tricoloured flag. Tricolour Salad

went on sale in early March and remains

available through all of 2011 (DV).

66 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

La Linea Verde presenta

un’altra novità di IV gamma

a marchio DimmidiSì. Si

tratta della Caesar Salad, la

famosa ricetta americana

che, secondo l’azienda di

Manerbio, arriva per la

prima volta sul mercato

retail italiano. La Caesar

Salad DimmidiSì fa parte di una nuova

famiglia di insalate di IV gamma, le

“Ricette dal mondo”. Si tratta di insalate

pronte in busta che contengono al loro

interno bustine di condimenti e ingredienti

e che propongono ricette tipiche di altri

Paesi, in una confezione pensata per il

consumo domestico e familiare. La

Caesar Salad è confezionata in una busta

che contiene 160 g di insalata Lattuga

Romana, 30 g di crostini in bustine e 30 g

di salsa Caesar, un condimento fresco

speziato con olio e formaggio. La shelf-life

è di 7 giorni per un prezzo consigliato al

pubblico di 2,19 euro a confezione.

Inoltre, in occasione del 150° anniversario

dell’Unità d’Italia, La Linea Verde lancia

l’Insalata del Tricolore, firmata DimmidiSì.

L’azienda dichiara di essere lieta di

festeggiare il Paese nel quale è nata e

opera e lo fa dedicandogli un prodotto

simbolo della sua attività: un’insalata fresca

composta da valerianella, riccia e

radicchio rosso in una busta che per

l’occasione si ispira al tricolore. L’Insalata

del Tricolore è disponibile sul mercato dai

primi di marzo e per tutto il 2011.

Fructofresh is ready for retail

Fructofresh pronta per il mercato retail

Following significant investments in

2010 to upgrade its handling lines,

Fructofresh, the Polish company specialising

in fresh-cut fruit processing,

announced it is ready for to handle the

retail market. The company, which has

120 employees and handles fruit cutting

operations manually, will continue to

produce for the food service trade in

France and Germany while adding single-portion

packages for the retail market

(DV).

Dopo gli importanti investimenti del 2010

per l’ottimizzazione delle proprie linee di

lavorazione, l’azienda polacca Fructofresh,

specializzata nella produzione di frutta di IV

gamma, si dichiara pronta per il mercato

retail. L’azienda, che impiega 120 dipen-

Fresh-cut coconut

from Mexico

Dal Messico, noci

di cocco di IV gamma

Cocanmex, a Mexico-based company

that is already a player in North

America, is now turning to the

European market. It unveiled at Fruit

Logistica its “Coco nut”, a packaged,

easy-to-open coconut with hole for a

straw. “Coco nut” is being marketed as

a non-pasteurised, natural energy

drink for prompt consumption without

preservatives. The company says it has

a shelf-life of 40 days if kept in the

fridge (DV).

La Messicana Cocanmex, già presente

sul mercato Nord Americano, si rivolge

ora anche al mercato europeo. A Fruit

Logistica è stato presentato il “Coco

nut”, una noce di cocco confezionata,

forata e facile da aprire, fornita con

cannuccia. Il “Coco nut” viene presentato

come drink energetico naturale

pronto al consumo. Il prodotto non è

pastorizzato e non contiene conservanti.

L’azienda dichiara una shelf-life

di 40 giorni ottenibile solo grazie alla

refrigerazione.

denti ed

effettua le

operazioni

di taglio

manualmente, produrrà,

oltre alle confezioni fino a oggi destinate

alla ristorazione in Francia e

Germania, anche confezioni monodose per

il mercato al dettaglio.


Florette keeps focus on fruit

Florette continua a puntare sulla frutta

On the heels of its successful introduction

of fresh-cut fruit in the UK last

year, the France-based company and

Europe’s leader in fresh-cut salads

announced that it will introduce its

ready-to-eat fruit to the French market

beginning in May. Seven kinds of fruit

have been selected according to

French consumer preferences.

Pineapple and coconut will be sold in

single-portion packaging while apple,

table grape and seasonal fruit will be

part of a cocktail varying from summer

to winter. The packaging will be in 100

and 120 g formats for the food service

trade and 400 g for household sales.

Florette is also introducing in the

French market its “Plateau de fruits &

Sauce Chocolat”, a tray with a mix

of pineapple, coconut and apple

slices with a chocolate sauce that

can be eaten as is or heated in

the microwave (DV).

Dopo il successo della linea di

frutta di IV gamma lanciata

sul mercato britannico nel

2010, l’azienda francese,

leader europeo delle insalate

fresche, ha dichiarato che dal

prossimo mese di maggio inizierà

la vendita di frutta pronta

anche sul mercato francese. Sette tipi

di frutta sono stati selezionati in base

alle preferenze dei consumatori francesi.

Ananas e noce di cocco saranno

disponibili in confezioni mono-prodot-

to, mele, uva e frutta di

stagione comporranno

dei mix che varieranno

tra estate e inverno. I

formati saranno da

100 g o 120 g per la

ristorazione veloce,

da 400 g per le confezioni

destinate alle

famiglie.

Sempre per il mercato

francese, Florette propone

il “Plateau de fruits &

Sauce Chocolat”, un vassoio composto

da pezzi di ananas, noce di cocco e

mela accompagnate da una salsa al

cioccolato da consumare fredda o leggermente

scaldata al microonde.

Fresh-Cut news is edited by Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Fresh Cut news è a cura di Michele Contini, Momenta Soc. Coop.


GlobalG.A.P.

GlobalG.A.P.

Global G.A.P database

a tool for transparency

Il database Global G.A.P.

uno strumento di trasparenza

Jochen Baumgarte

A simple search system lets producers easily access certification data that are

continuously updated

Attraverso una semplice ricerca i produttori possono facilmente consultare dati sulle

certificazioni in un sistema sempre aggiornato e accessibile

The GLOBALG.A.P Database

currently holds the certification

data of more than 100,000 producers.

This data is managed and

updated by certification bodies and

trustees on behalf of the producer

and consists of various certification

information regarding valid certifications,

products, timelines, performed

audits, cycles, and producer

master data.

The certification data is made available

to several stakehold- ers such as

retailers or suppliers. The database

offers several online tools to access

the certification data, ranging from a

public search function available to regular users

(https://database.globalgap.org Search) to extended

search tools providing additional functionality and visibility

available to GLOBALG.A.P registered members.

The visibility level of master data and specific certification

information is set according to the GLOBALG.A.P

General Regulations and may be extended on producers’

request.

The principle underlying the IT development of the

68 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Jochen Baumgarte.

News

Il database Global G.A.P. attualmente

contiene i dati sulle certificazioni di

oltre 100mila produttori. Tali dati vengono

gestiti e aggiornati da organismi

di certificazione e da fiduciari per

conto del produttore, e forniscono

molteplici informazioni riguardanti: certificazioni,

prodotti, cronologie, revisioni,

cicli e dati unici di riferimento del

produttore; essi vengono inoltre messi

a disposizione dei diversi stakeholder,

come dettaglianti o fornitori.

Il database fornisce anche diversi

strumenti informatici di accesso ai

dati delle certificazioni, che vanno da

una funzione di ricerca al pubblico

disponibile per gli utenti abituali (https://database.

globalgap.org e funzione ‘Search’) a strumenti di ricerca

avanzati che mettono a disposizione dei membri registrati

Global G.A.P. ulteriori strumenti di funzionalità e

visibilità. Il livello di visibilità dei dati di riferimento e le

informazioni specifiche sulle certificazioni sono stabiliti

dal regolamento generale Global G.A.P. e possono

essere estesi su richiesta dei produttori.

Il principio fondamentale del database è il raggiungi-


data- base aims to fulfill a maximum of integrity and

transpar- ency by mapping the producer’s certification

process. The GLOBALG.A.P Database is continually

being developed to ensure up-to-date improvements

are made regarding func- tionality and usability.

In an effort to provide optimal support, GLOB-

ALG.A.P also offers a professional database support

team to respond to user queries and requests. The

support team assists certification bodies with managing

their data and provides stakeholders with data

access support. Furthermore, the GLOBALG.A.P

Integrity Program monitors activities within the database

and can detect any irregularities, thus serving

as an additional quality and transparency control

measure. The GLOBALG.A.P Database offers a

broad range of services aimed at maintaining transparency

and integrity:

Database functions & target groups

Certificate Validation - In addition to the public search

for a single GLOBALG.A.P Number (GGN) (accessible

without login), GLOBALG.A.P registered members

can also access more extensive infor- mation by logging

into their password-protected accounts. Here

they can select between an Expert Search, which

enables more search criteria, and an Upload Search,

which makes it possible to search multiple GGNs by

uploading an excel list in order to validate larger

quantities of information. All the search modes provide

certificate status and producer information

according to the predefined data privacy level.

Target Groups: Retailers, Suppliers and Wholesalers

Verification and Transparency of Integrity Rules -

Integrity rules and certification processes are mapped

based on the GLOBALG.A.P General Regulations, i.e.

the four-eyes principle. The application facilitates regular

checks as well as the download of data records

to monitor and report changes.

Target Groups: Certification Bodies, Standard Owners

and Accreditation Bodies

Audit Documentation and Checklist - The system

provides integrated audit documentation, from the

point of audit scheduling to the point of retaining

audit re- sults. To ensure optimal checklist handling,

a GLOBALG.A.P form client with a bidirectional interface

has been set up to help auditors complete their

checklists. At present, this service is available for

add-on modules such as the GRASP checklist and

assessments.

Target Groups: Certification Bodies, Producers.

(English version by David Verzoni)

mento del massimo livello di integrità e trasparenza,

attraverso la mappatura del processo di certificazione

del produttore. Il database Global G.A.P. viene continuamente

aggiornato per garantire una sempre maggiore

funzionalità di utilizzo.

Per offrire ulteriore assistenza, Global G.A.P. mette inoltre

a disposizione una squadra di professionisti a supporto

del database per rispondere a eventuali richieste

e quesiti degli utenti. Tale squadra assiste gli organismi

di certificazione nella gestione dei dati e fornisce supporto

agli stakeholder per quanto riguarda l’accesso ai

dati. Inoltre, il programma integrativo Global G.A.P. si

occupa di monitorare le attività del database e rileva

eventuali irregolarità, rivelandosi pertanto un ulteriore

strumento di controllo, qualità e trasparenza. Il database

Global G.A.P. offre quindi una vasta gamma di servizi,

tutti volti a garantire trasparenza e integrità.

Funzioni e gruppi target

Convalida della certificazione - Oltre alla ricerca per singoli

numeri Ggn (accessibile senza log in), i membri registrati

Global G.A.P. possono accedere a informazioni più

dettagliate utilizzando la loro password ed entrando nei

rispettivi account. Qui, sarà possibile scegliere tra la funzione

‘Expert Search’, che offre più criteri di ricerca, e la

funzione ‘Upload Search’, che permette di cercare

numeri Ggn multipli, scaricando un elenco in formato

Excel per convalidare una maggiore quantità di informazioni.

Tutte le funzioni di ricerca forniscono lo stato della

certificazione e informazioni sul produttore, compatibilmente

con il livello di privacy dei dati predefinito.

Gruppi target: dettaglianti, fornitori e grossisti.

Verifica e trasparenza delle norme d’integrità - Le norme

d’integrità e i processi di certificazione sono tracciati in

base al regolamento generale Global G.A.P., cioè in

base al principio ‘dei quattro occhi’. L’applicazione facilita

controlli regolari, nonché il download di dati aggiornati

per monitorare eventuali cambiamenti.

Gruppi target: organismi di certificazione, titolari standard

e organismi accreditati.

Documentazione di revisione e checklist - Il sistema fornisce

la documentazione completa di revisione, dalla

programmazione della revisione stessa, ai risultati ottenuti.

Per garantire la gestione ottimale della checklist, è

disponibile un modulo cliente con interfaccia bidirezionale

per assistere i revisori nel completamento della loro

checklist. Attualmente, questo servizio è disponibile per

moduli aggiuntivi, sul modello di quelli ‘Grasp’ per la

valutazione del rischio sociale.

Gruppi target: organismi di certificazione, produttori.

(Traduzione dall’inglese di Claudia Spisni)

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

69

GlobalG.A.P.

GlobalG.A.P.


Books

Libri

Valori e Valore del pomodoro

Cosimo D’Agliè

Collana Coltura&Cultura/Bayer CropScience Edizioni ART - Bologna

The series Coltura&Cultura, designed

and coordinated by Renzo Angelini

under the auspices of Bayer

CropScience, has been enriched by a

new arrival: a volume dedicated to the

tomato, a crop vital to Italian agriculture,

a basic ingredient in Italian cooking

and a product symbolic of the Bel

Paese’s agro-food exports to the rest

of the world. Italians consume almost

65 kg per head per year: a quantity

greater than that of any other food.

Indeed, tomatoes are eaten -

whether fresh or processed -

in almost all Italian families, in one in

seven all the year round: one in two

Italians eat them more than twice a

week and one in five whenever possible.

Recent nutritional research has discovered this vegetable

to be a veritable concentration of natural bioactive

molecules. The most important of these is lycopene,

the carotenoid that gives the tomato its red colour.

Lycopene, together with other carotenoids and polyphenols

in tomatoes, slows down the aging process and

prevents the onset of tumors in the lungs, stomach,

colon, ovaries and above all in the prostate gland.

This book “Tomato” (a massive 565 pages) has been

conceived along the same lines as the other volumes

that have preceded it in the series: the production of

tomatoes, both for fresh consumption and for industry

use, is subject to examination under all its possible

aspects, from botany to art history, from techniques

of cultivation to economics and the market,

from pest control to genomics. During the presentation

of the work, which took place in Modica last

December with a large audience in attendance, it was

announced that the book will also be sold on the web

as an e-book and will even be available there in the

form of individual chapters.

(English version by Lawrence Smith)

70 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

La collana Coltura&Cultura,

ideata e coordinata da

Renzo Angelini sotto gli auspici

di Bayer CropScience, si è

arricchita di un ultimo nato: il

volume dedicato al pomodoro,

una coltura fondamentale per

l’agricoltura italiana, un ingrediente

basilare per la cucina

nazionale, un simbolo dell’esportazione

agro-alimentare

del Bel Paese nel mondo. Gli

italiani ne consumano quasi 65

chilogrammi a testa l’anno: una

quantità superiore a quella di

qualsiasi altro alimento. Si mangiano

infatti pomodori – freschi

o trasformati – praticamente in

tutte le famiglie italiane, in una su sette tutto l’anno:

un italiano su due li mangia più volte alla settimana

e uno su cinque ogni volta che è possibile.

Un ortaggio che la ricerca nutrizionale ha riscoperto

negli ultimi anni come un vero e proprio concentrato di

molecole naturali bioattive. La più importante è il licopene,

il carotenoide che gli conferisce il colore rosso. Il

licopene, assieme ad altri carotenoidi e polifenoli contenuti

nei pomodori, rallenta i processi d’invecchiamento

e previene l’insorgenza dei tumori a polmone, stomaco,

colon, ovaie e soprattutto prostata.

Il volume “Il pomodoro” (di ben 565 pagine) è stato concepito

in linea con le precedenti uscite della collana: la

coltura, sia per il consumo fresco che per l’industria,

viene indagata in tutti i possibili aspetti, dalla botanica

alla storia dell’arte, dalle tecniche di coltivazione agli

aspetti economici e di mercato, dalla lotta ai parassiti

alla genomica. Durante la presentazione dell’opera,

avvenuta a Modica lo scorso dicembre con forte partecipazione

di pubblico, è stata diffusa la notizia che il libro

sarà venduto anche su web, anche per singoli capitoli,

nella versione per e-book.


15-17 April/Parma

Producers and consumers meet at Cibus Tour

15-17 aprile/Parma

Produttori e consumatori si incontrano a Cibus Tour

Cibus Tour is a new trade fair, promoted by the Fiere di Parma,

which is designed to create an opportunity for agro-food producers

to establish a marketing engagement with consumers: the

show will in fact be open to the public.

Cibus Tour will provide visitors with a complete picture of Made in Italy

food production: the exhibition will feature small and medium-sized

businesses of excellence who capitalize on typical local products;

regional administrations and associations which, in addition to exhibiting

and selling their own products, will be giving over space to regional

catering; big brand companies who will exhibit their sales and/or

supply formats; agricultural producers; companies specializing in biodynamic

and organic products; and supermarket chains who will be

offering the public an opportunity to taste their premium products.

The exhibition space consists of 3 sectors: Terroir Cibus, Cibus

Bio and Planet Nutrition. In addition there is an event within the

event: a space dedicated to the culture of pork products called

"Po (r) co but good", organized in collaboration with Slow Food.

For more information visit http://www.cibustour.it/index.php

4-6 May/Perpignan, France

Medfel, a Mediterranean showcase

4-6 maggio/Perpignan (Francia)

Medfel, una vetrina per il Mediterraneo

A mere two years have passed and Medfel has already become the

leading B2B event for the international trade of the Med-Basin’s

countries in fresh fruit and vegetables. The areas’s producers, who

now account for a fifth of the world’s produce consumption, see

Medfel as the occasion to showcase their produce and know-how.

It’s also a chance for Basin buyers to attend an event designed

for selecting and purchasing fresh produce from this important

growing area. It’s also a good occasion for international buyers as

they can meet with shipping agents and logistics firms specialising

in cold stores and fresh produce transport to ensure proper

distribution. Not to mention the F&V wholesale market in Europe.

The show’s format proved a big success the last time round with

more than 2,500 business meetings between participating producers

and international buyers. This year

producers can meet and talk to 150

selected VIP buyers from 30 countries.

Info: information@medfel.com,

www.medfel.com (DV)

Sono passati appena due anni e Medfel è

già il primo salone BtoB dedicato alla commercializzazione

internazionale della frutta e

della verdura fresche per i Paesi che si

affacciano sul Mediterraneo. Per i produt-

Cibus Tour è una nuova manifestazione fieristica, promossa da Fiere

di Parma, pensata per dare occasione ai produttori dell’agroalimentare

di stabilire un marketing engagement con i consumatori:

l’esposizione sarà infatti aperta al grande pubblico.

I visitatori di Cibus Tour troveranno quindi un quadro completo della

produzione alimentare Made in Italy: le piccole e medie aziende

d’eccellenza che valorizzano i prodotti tipici locali; le amministrazioni

regionali e le collettive aziendali che, oltre ad esporre e vendere i propri

prodotti, daranno spazio alla ristorazione regionale; le grandi

aziende di marca che presenteranno al grande pubblico i propri format

di vendita e/o somministrazione; i produttori agricoli; le aziende

del biologico e del biodinamico; le catene della grande distribuzione

che faranno gustare al pubblico i propri prodotti a marca premium.

Tre i settori che compongono la geografia di Cibus Tour: Cibus Terroir,

Cibus Bio e Pianeta Nutrizione. A essi si aggiunge un evento nell’evento,

cioè uno spazio dedicato alla cultura dei prodotti suini,

“Po(r)co ma buono”, realizzato in collaborazione con Slow Food.

Per informazioni: www.cibustour.it

tori attivi nelle regioni mediterranee

che producono un quinto della frutta

e della verdura consumate nel

mondo, Medfel è l’occasione per mettere in mostra i propri prodotti

e il proprio know-how.

Per gli acquirenti professionali, rappresenta invece la possibilità di

partecipare a un appuntamento mirato per selezionare e acquistare

frutta e verdura fresche in questa grande zona di produzione. È interessante

anche per i responsabili degli acquisti internazionali, che possono

incontrare in questa sede i trasportatori e gli specialisti della logistica

del freddo e del fresco che garantiscono la corretta distribuzione

dei prodotti, ma anche soprattutto gli attori della piattaforma multimodale

Saint-Charles de Perpignan, il più importante centro di smistamento

della frutta e della verdura in Europa.

All’ultima edizione, questa formula è stata un

vero successo, con oltre 2.500 incontri programmati

fra i produttori e gli acquirenti internazionali

che hanno partecipato all’evento.

Quest’anno, i produttori potranno approfittare

di incontri mirati con ben 150 compratori Vip

selezionati e provenienti da 30 Paesi.

Info: information@medfel.com,

www.medfel.com

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

71

Events

Appuntamenti


commercial news

le aziende informano

Ilip more and more eco-sustainable

Ilip sempre più ecosostenibile

The new version in R-PET (recycled PET)

of the welded small basket B22-TS was of

the novelties presented by Ilip – the firm

from Bologna leading producer of plastic

packaging for fruit and vegetables – few

days ago at Fruit Logistica, the international

showroom devoted to fruit and vegetables

marketing, which took place in

last February, in Berlin.

By choosing the R-PET, a material

obtained from waste separation and

mechanical recycling, and the respective

welding packaging system without cap,

Ilip has reduced the use of raw materials,

making the range of B22-TS small baskets

even more eco-sustainable.

The best protection of products and packaging

inviolability, perfect mechanicability,

high transparency for an excellent presentation

of produce and an excellent piling at

the point of sale: these are other values

added of the welded small basket B22-TS,

available in packs of 500 and 750 grams.

The engagement toward the protection of

the environment and for the development of

a fully eco-friendly economy is deeply rooted

in the firm from Bazzano (BO). Ilip, the

Marca by BolognaFiere 2011, a success

Marcabybolognafiere 2011, un successo

A rise in professional traders by 8.37%, in

2011, as regards the previous edition of

MarcaBolognaFiere. A definitely positive

result, also highlighted by the presence of

534 foreign traders (+7.8%) that underlines

the trust the brand world has as

regards the meeting organized by

BolognaFiere. Crowded stands, much followed

conventions/workshops and international

lounges livened up by the meetings

of foreign traders that came to the

event and which made use of the area

exclusively reserved to the international

business community for the appointments

in the showroom. So, fully satisfied the

exhibitors – more than 430 – that were

rising in number as regards 2010 and

72 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

bearing division of Ilpa Srl, has actually

carried out a development course characterized

by innovative materials research

and high environmental sustainability for

its packaging, such as the R-PET or the

PLA (poly-lactide), a fully composting product,

made from the cornflour fermentation.

For further information: Roberto Zanichelli,

Ilip, phone +39 051 6715411.

(English version by Ilaria Nanni)

La nuova versione in R-PET (PET riciclato)

della cestella termosaldabile B22-TS è stata

una delle novità con cui Ilip, azienda bolognese

leader nella produzione di imballaggi plastici

per prodotti ortofrutticoli, si è presentata

nei giorni scorsi a Fruit Logistica, la fiera internazionale

dedicata al marketing dell’ortofrutta

che si è svolta nel febbraio scorso a Berlino.

La scelta dell’R-PET, materiale ottenuto da raccolta

differenziata e riciclo meccanico, e il relativo

sistema di confezionamento in termosaldatura

che non richiede il coperchio, riducendo

l’utilizzo di materia prima, rendono la gamma

di cestelle B22-TS ancora più ecosostenibili.

Massima protezione degli articoli ed evidenza

dell’inviolabilità della confezione, perfetta

macchinabilità, elevata trasparenza per una

which confirmed an economic trend

pointed out by the Yearly Report on Brand,

presented the 19th of January last.

It is above all a question of “quality” of

business relationships, the “strong specialization”

of the visiting professional traders

and the incisive presence of buyers and

category manager of the large-scale retail

trade that granted this edition success,

which closed by the announcement of next

edition’s date, planned for the 18th and

19th of January 2012, in Bologna.

The headline of next year, “The Private

Label Business Alliance”, points out the

strategic choice taken up by BolognaFiere,

which wants to concentrate itself on interventions

aimed at reinforcing the synergies

The small basket B22-TS in R-PET.

La cestella B22-TS in R-PET.

presentazione ottimale del prodotto ed

eccellente impilabilità nel punto vendita:

questi sono ulteriori valori aggiunti della

cestella termosaldabile B22-TS, disponibile

nei due formati da 500 e 750 grammi.

L’impegno per il rispetto dell’ambiente e per

lo sviluppo di un’economia pienamente ecocompatibile

non è una novità per l’azienda

di Bazzano (Bo). Ilip, divisione portante di

Ilpa Srl, ha infatti attuato da diversi anni un

percorso di sviluppo improntato sulla ricerca

di materiali innovativi a elevata compatibilità

ambientale per i suoi imballaggi, come l’R-

PET o il PLA (polilattide), un prodotto completamente

compostabile, derivato dalla fermentazione

dell’amido di mais.

Per informazioni: Roberto Zanichelli, Ilip, tel.

051-6715411.

between “production” and “supplying”, not

only by means of initiatives carried out

inside the Fair, but also through a dialogue

that can be developed all year round.

Brand is a booming sector that has constantly

increased in 2010, rising in sales by

6.5% as regards the previous year (source:

Symphony Iri – Lcc data). A positive datum,

especially if compared with the trend

recorded by the industrial brands (-0.5%)

during the same period. The Report also

analysed the sales geography, pointing out

that the North-West confirms to be the area

that generates more than 1/3 of the whole

sales. In 2010, it was also confirmed a larger

penetration of private label in Middle

(17.2% in share) and in North-East (17%)


Italy. On the contrary, there is still a persistence

of a weak point in the Southern areas,

where the carried out sale weight by

12.9% and this is the largest rise in sales of

brand: +9.2% as regards 2009, an even

more important datum, if compared with

the average of brands that recorded +6.5%

and with the market performances of the

whole Lcc, which in the South recorded the

worse performances (-1%).

The values concerning sales proceeds are

also very interesting: brand reached nearly

6.4 thousand million euros in 2010, in

the two most important channels, hypermarkets

and supermarkets (it was 5.5 bn

euros, in 2009). The supermarket channel

is responsible for the 78.2% of sales of

branded products, and it confirms to be

the high-performance one in terms of

penetration, recording 15.8% share, as

regards 14% of hypermarket.

Fruit and vegetables, fresh and frozen the

high-performance divisions in terms of

allocation of sales for the merchandise

sector, if compared to the average of the

market; recording the greater rise in sales

share as regards 2009: +1.4% for fruit and

vegetables, +1 for fresh produce and +0.9

for frozen goods. In terms of rise in sales,

brand recorded a good performance in fruit

and vegetable division, by a rise of sales of

11.2%; as regards fresh produce by fixed

weight, it recorded +10.2% in sales, and

healthy products by +9.6% in value.

MarcabyBolognaFiere also proposed – in

addition to the traditional presentation of

the Yearly Report on brand – four appointments

devoted to strategic focuses for the

sector. The first day, they debated the contribution

of supply chain to brand success

and the strategies to improve dried fruit,

in an innovative way, at the points of sale

of the large-scale retail trade; the second

day, the meeting proposed important

European experiences and evidences of

brand and a discussion, for food industry,

on food safety and the healthy trend.

(English version by Ilaria Nanni)

Operatori professionali in crescita

dell’8,37% rispetto all’edizione precedente

a MarcabyBolognaFiere 2011. Un risultato

decisamente positivo, evidenziato anche

dalla presenza di 534 operatori esteri

(+7,8%) e che sottolinea la fiducia del

mondo della marca commerciale nei confronti

della manifestazione organizzata da

BolognaFiere. Stand affollati, convegni/seminari

seguitissimi e international

lounge animata dagli incontri degli operatori

commerciali esteri in visita all’evento, che

hanno potuto utilizzare l’area riservata

esclusivamente alla business community

internazionale per gli appuntamenti in fiera.

Piena soddisfazione, dunque, degli espositori

– oltre 430 – anche questi in crescita

rispetto al 2010 che hanno confermato il

trend economico evidenziato dal Rapporto

annuale sulla marca commerciale, presentato

il 19 gennaio scorso.

Sono soprattutto la “qualità” dei contatti

commerciali, la “forte specializzazione” degli

operatori professionali in vista e l’incisiva

presenza di buyer e category manager della

grande distribuzione, a decretare il successo

di questa edizione dell’evento che si è

conclusa con l’annuncio delle date della

prossima edizione, in programma a Bologna

il 18 e 19 gennaio 2012.

L’headline del prossimo anno, The private

label business alliance, sottolinea la scelta

strategica intrapresa da BolognaFiere che

intende concentrarsi sugli interventi finalizzati

a consolidare le sinergie, fra “produzione” e

“distribuzione”, non solo attraverso iniziative

da realizzare in Fiera ma, anche, attraverso

un dialogo che possa svilupparsi tutto l’anno.

La marca commerciale è un settore in espansione

che ha continuato a crescere nel 2010,

incrementando le vendite a valore del 6,5%

rispetto all’anno precedente (fonte: dati

Symphony Iri - Lcc). Un dato positivo, soprattutto

se paragonato al trend registrato dalle

marche industriali (–0,5%) nello stesso

periodo. Il Rapporto ha anche analizzato la

geografia delle vendite, evidenziando che il

Nord-Ovest si conferma l’area che genera più

di 1/3 delle vendite totali. Si conferma anche

nel 2010 la maggiore penetrazione della

marca privata del Centro Italia (17,2% in

quota) e nel Nord-Est (17%). Nonostante,

invece, persista una debolezza nelle aree del

Sud, dove le vendite realizzate pesano per un

12,9%, queste sperimentano il più consistente

incremento delle vendite a valore della

marca commerciale: +9,2% rispetto al 2009,

dato ancora più significativo, se confrontato

con il dato medio relativo alla marca commerciale,

che registra +6,5%, e con le performance

del mercato del Lcc complessivamente

considerato, che al Sud registra le

performance peggiori (–1%).

Anche i valori relativi al fatturato sono interessanti:

la marca commerciale raggiunge

quasi i 6,4 miliardi di euro di fatturato nel

2010, nelle due principali canalizzazioni,

ipermercato e supermercato, (nel 2009

erano 5,5 mld euro). Il canale supermercato

è responsabile del 78,2% delle vendite dei

prodotti a marca commerciale, e si conferma

il più performante in termini sia di penetrazione,

registrando una quota del 15,8%,

rispetto al 14% del canale ipermercato.

Ortofrutta, fresco e freddo i reparti più performanti

in termini di ripartizione delle vendite

per reparto merceologico se confrontati

con la media di mercato; registrando

anche la maggior crescita della quota di

vendita della marca commerciale rispetto al

2009: +1,4 punti per l’ortofrutta, +1 per il

fresco e +0,9 per il freddo. In termini di

incremento nelle vendite generate si registrano

buone performance della marca

commerciale, nei reparti ortofrutta, che

rispetto al 2009 incrementa dell’11,2% le

vendite a valore, nel fresco a peso fisso,

che registra il +10,2 % di vendite a valore,

e cura persona con un +9,6% a valore.

MarcabyBolognaFiere ha anche proposto –

in aggiunta alla presentazione del tradizionale

Rapporto annuale sulla marca commerciale

– quattro appuntamenti dedicati a

focus strategici per il settore; il primo giorno

si è dibattuto del contributo della supply

chain per il successo della marca commerciale

e di strategie per valorizzare in modo

innovativo la frutta secca nei punti vendita

gdo; il secondo giorno la manifestazione ha

proposto significative esperienze e testimonianze

europee di marca commerciale e un

dibattito per l’industria food sulla sicurezza

alimentare e il filone salutistico.

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

73

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

Kanzi bewitches the Identità Golose

Kanzi strega Identità golose

More than 300 kilos of apples Kanzi tasted

raw, as it is, or as an ingredient for delicious

snacks or mixed in thirst-quenching

cocktails made by the acrobatic barman

Fausto Argentesi. That’s the positive outcome

of the three days of Kanzi at the

Identità Golose, the international meeting

of Cookery that gathered thousands of

people keen on cookery from the 30th of

January to the 1st of February, at

Fieramilano City.

Kanzi is a new variety of apple, grown in

Italy in the plains of Alto Adige/Südtirol, by

the members of VOG and VIP Consortia.

During the kermess, lot of onlookers had

been tempted by the winning taste of such

a yummy apple, offered in fresh and

The world of dried fruit has a devoted

place on the web, at last. Since few days

ago, it is on-line the web site: Mysnack.it,

the first community devoted to dried and

sun-dried fruit, to soft fruit and to chestnuts,

a meeting point for experts, dealers

and lovers of the field.

The site proposes sections and news

devoted to the whole supply chain, starting

from production and marketing up to snack

consumption or the use as an ingredient for

industry and catering. It comes out from

74 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

crispy slice or as an ingredient of delicious,

surprising and original drinks.

Among the most required ones, the

unforgettable Kanzjito, a refreshing and

tasty mojito in Kanzi version, the trendy

Kanzi Spritz and the elegant Mellini, two

parts of “prosecco” and a part of fragrant

Kanzi juice.

For further information: www.kanzi.it

(English version by Ilaria Nanni)

Oltre 300 chili di mele Kanzi gustate così, al

naturale, oppure come ingrediente di deliziosi

stuzzichini o all’interno dei dissetanti

cocktail preparati dal barman acrobatico

Fausto Argentesi. È positivo il bilancio della

tre giorni di Kanzi a Identità golose, il congresso

internazionale di Cucina che dal 30

Mysnack.it, the community for dried fruit

Mysnack.it, community per la frutta secca

Mysnack.it homepage.

L’homepage di mysnack.it.

the deep passion its staff has for this field,

Mysnack.it will voice the protagonists of

the dried and sun-dried fruit sector, with

devoted spaces and surveys and paying

particular attention to the web 2.0 tools.

The web site proposes regularly up-to-date

news from Italy and from abroad, a

Rendezvous space, in which the main international

events devoted to this sector are

pointed out, as well as the specialized firms

directory and, to voice producers, they have

thought the survey: Produce in the Window,

a home page form in which the novelties

launched on the market are reviewed.

As far as the community is concerned, to

guarantee the direct dialogue with readers

and with the dried fruit world,

Mysnack.it is also present on the most

important social media: Facebook,

Twitter, Youtube and Flickr.

They have also conceived Mysnack TV, a

space in which it is possible to view and

propose videos and spots. Readers and

visitors of the portal can also express their

own opinion on the hot topics of the sector,

by means of the opinion pools proposed.

There is also room for consumers,

gennaio al 1° febbraio ha radunato migliaia

di appassionati di cucina all’interno dei

padiglioni di Fieramilano City.

Kanzi è una nuova varietà di mela, prodotta in

Italia nelle valli dell’Alto Adige/Südtirol dai

soci dei Consorzi Vog e Vip. Nel corso della

kermesse sono stati numerosi i curiosi che si

sono lasciati sedurre dal gusto accattivante di

questo deliziosa mela, offerta in freschi e

croccanti spicchi o sotto forma di ingrediente

di deliziosi drink, sorprendenti e originali.

Tra i più richiesti l’indimenticabile Kanzjito,

rinfrescante e gustoso mojito in versione

Kanzi, il modaiolo Kanzi Spritz e l’elegante

Mellini, due parti di prosecco e una parte di

profumato succo di Kanzi.

Per informazioni: www.kanzi.it.

such as the

recipes survey.

A prominent

position has given

to health and nutritional

aspects of

dried fruit, by studies

in depth and consumption

advices.

So, let’s meet on the

web, at the address

www.mysnack.it, to keep

on being up-to-date with the world of dried

and sun-dried fruit, of soft fruit and of

chestnuts.

For further information: Mysnack editorial

office, info@mysnack.it, phone +39 059

7863830.

(English version by Ilaria Nanni)

Il mondo della frutta secca ha finalmente un

suo spazio dedicato sul web. È on-line da

pochi giorni il sito internet Mysnack.it, la

prima community dedicata alla frutta secca,

essiccata, alla frutta morbida e alle castagne,

un punto di incontro per esperti, operatori

e appassionati del settore.

Il sito propone sezioni e notizie dedicate


all’intera filiera, partendo da produzione e

commercio fino ad arrivare al consumo

come snack o all’uso come ingrediente nell’industria

e nella ristorazione. Nato dalla

profonda passione del suo staff per questo

mondo, Mysnack.it darà voce ai protagonisti

del settore della frutta secca ed essiccata,

con spazi e rubriche dedicati e un’attenzione

particolare agli strumenti del web 2.0.

Il sito propone notizie dall’Italia e dall’estero

aggiornate regolarmente, uno spazio

Appuntamenti, dove sono segnalati i principali

eventi internazionali dedicati al settore,

la directory di aziende specializzate e, per

dare voce ai produttori, è stata pensata la

rubrica Prodotto in vetrina: una scheda in

home page in cui vengono recensite le novità

messe sul mercato.

Sul versante community, per garantire un

dialogo diretto con i lettori e con il mondo

della frutta secca, Mysnack.it è inoltre presente

anche sui principali social media:

Facebook, Twitter, Youtube e Flickr.

È stato ideato Mysnack Tv, uno spazio dove

è possibile visualizzare e proporre video e

spot. I lettori e i visitatori del portale potran-

no inoltre esprimere la propria opinione sui

temi caldi relativi al settore, tramite i sondaggi

proposti. Non mancano spazi pensati per i

consumatori, come la rubrica delle ricette.

Un particolare rilievo è dato agli aspetti salutistici

e nutrizionali della frutta secca, con

approfondimenti e consigli di consumo.

L’appuntamento è quindi sul web, all’indirizzo

www.mysnack.it, per rimanere aggiornati

sul mondo della frutta secca ed essiccata,

della frutta morbida e delle castagne.

Per informazioni: redazione Mysnack,

info@mysnack.it, tel. 059-7863830.

To the restaurant for recovering the prickly lettuce of Bergamo

Al ristorante per recuperare la scarola bergamasca

Last February, in Bergamo took place the

“Prickly Lettuce of Bergamo” event. Inside

the menus of the Restaurants in the High

Town that joined the enterprise, they put

one or more specialities made with this

typical vegetable of the district. The restaurants

that joined this idea were: Osteria di

via Solata, Trattoria tre Torri, Trattoria da

Ornella, Ristorante Pizzeria da Franco,

Ristorante Pizzeria da Mimmo, Cooperativa

Città Alta, Ristorante la Marianna,

Ristorante il Gourmet, Ristorante Baretto

San Vigilio, Mimì la Casa dei Sapori.

Organized by Bergamo Mercati Spa, the

plan wants to promote the variety of lettuce

known as “prickly lettuce of Bergamo”, a

peculiar vegetable of the district that has

already been the centre of several promotional

campaigns last year. Yielded since

centuries on small plots of land around the

walls of the High Town, above all in Borgo

Canale behind the sixteenth century

Sant’Alessandro Gate, the prickly lettuce of

Bergamo stands out among all the other

varieties for the particular whitening

process of its inner leaves.

It is sown only on open fields starting from

July and by the end of October it is tied up

with a lace, head by head, in order that the

inner leaves do not get the sunlight. So, it

begins a singular maturing process. When

the weather gets cold, the small plants are

moved to the ancient basements of the

High Town, where the market gardeners,

which hand on this processing from generation

to generation, lay them down in

the dark. The inner leaves keep on ripening,

but they do not get tan. The lettuce is

sold all winter on, up to springtime and, in

the past, it was the only vegetable available

during the harsh months. Nowadays,

it is a rarity, besides being a deliciousness:

the white heart is crispy and delicate

at taste. The best way to appreciate

the lettuce is to eat it as fresh, but it can

be also cooked and served with “polenta”

with pork or with the Branzi, a typical

cheese of the Val Brembana.

Furthermore, during the press conference

of the meeting, Livio Bresciani, the president

of the retail market gardeners Group

of the ASCOM, defined it a “modern lettuce”:

it can be cooked quickly, it’s crispy,

sparkling as today’s life and, above all, it

has no waste, a feature that makes it

almost comparable to fresh-cut products.

Nevertheless, the prickly lettuce of

Bergamo is going to disappear from people’s

table in Bergamo, which are the first

to ignore its existence. So, that’s why

Bergamo Mercati launches a strong signal

of revival and of communication. A

vegetable that cannot be lost and must

not be lost, but it has to enter into the elite

of typical produce.

For further information: Associazione

Montagna Italia, via Zelasco 1, 24122

Bergamo, phone +39 035 237323 – fax

+39 035 224686; Bergamo Mercati, via

Borgo Palazzo 207, phone +39 035

293131 – fax +39 035 298178.

(English version by Ilaria Nanni)

Nel febbraio scorso si è tenuto a Bergamo

l’evento “Scarola bergamasca”: nei menù

dei Ristoranti di Città Alta che hanno aderito

all’iniziativa sono state inserite una o più

specialità a base di questo ortaggio tipico

della città. I ristoranti che hanno accolto

l’idea sono stati: Osteria di via Solata,

Trattoria Tre Torri, Trattoria da Ornella,

Ristorante Pizzeria da Franco, Ristorante

Pizzeria da Mimmo, Cooperativa Città Alta,

Ristorante La Marianna, Ristorante Il

Gourmet, Ristorante Baretto San Vigilio,

Mimì la Casa dei Sapori.

Organizzato da Bergamo Mercati Spa, il progetto

è volto alla promozione della varietà di

insalata nota come “scarola di Bergamo”,

un ortaggio caratteristico del territorio che

già negli anni scorsi è stato al centro di

numerose iniziative di promozione. Coltivata

da secoli sui fazzoletti di terra attorno alle

mura della Città Alta, soprattutto in Borgo

Canale oltre la cinquecentesca porta

Sant’Alessandro, la scarola di Bergamo si

distingue dalle altre varietà in commercio

per il particolare processo di imbiancatura

delle foglie interne.

Seminata solo in campo aperto a partire

dalla fine di luglio, a fine ottobre viene legata

con un laccio, cespo a cespo, affinché le

foglie interne non prendano luce. Inizia così

un singolare processo di maturazione. Con i

primi freddi si trasferiscono le piantine negli

scantinati antichi di Città Alta, dove gli ortolani,

che si tramandano da generazioni questa

tecnica di lavorazione, le distendono al

buio. Le foglie interne continuano a matura-

Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

75

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

re ma non acquistano colore. L’insalata si

vende tutto l’inverno fin quasi a primavera e

in passato costituiva l’unico ortaggio disponibile

nei mesi rigidi. Ora è una rarità, oltre

che una prelibatezza: il cuore candido è

croccante e il sapore delicato. Il modo

migliore per apprezzarla è consumarla fresca,

ma la si può anche cuocere servendola

con polenta e maiale o con il Branzi, formaggio

tipico della Val Brembana.

Sipo closed its turnover by +6%, in

2010, reaching a share of 8 million

euros. A positive result – despite the

economic crisis – far over the average

of the whole division. The most important

customers of the large-scale retail

trade – which represents the main supplying

channel by an incidence equal to

80% on the overall turnover – have kept

the volume of sales they had last year,

while export has constantly increased

thanks to some cooperation they started

with foreign suppliers in Spain,

England, France, Greece, Esthonia,

Latvia, Lithuania, Ukraine and Hungary.

«In 2010, we mostly devoted ourselves to

the development of foreign markets,

restyling the company’s logo and the

brand Sapori del Mio Orto – said

Massimiliano Ceccarini, development

manager at Sipo – and, then, we launched

the new line of fresh-cut vegetables for

the HORECA market, a channel of trade

that nowadays involves only 4% of

turnover, but it has showed a rising trend».

For 2011, the company has announced

76 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

Nella conferenza stampa di presentazione

della manifestazione, inoltre, Livio Bresciani,

presidente del gruppo dettaglianti ortofrutticoli

dell’Ascom, l’ha definita un’”insalata

moderna”: è veloce da preparare, croccante,

frizzante come la vita di oggi e, soprattutto,

non ha scarti, caratteristica che la rende

quasi assimilabile ai prodotti di IV gamma.

Ciononostante, la scarola di Bergamo va scomparendo

dalle tavole dei bergamaschi, che

Sipo: +6% the turnover in 2010

Sipo: + 6% il giro d’affari nel 2010

the improvement of sales

in the HORECA and public

Catering channels, as

well as the launching of

new references in freshcut

sector; while, as far

as communication is

concerned, they confirmed

to take part to

Macfrut 2011, in Cesena;

the direct marketing actions towards buyers

of the large-scale retail trade and the

press office work.

Set up in the 50’s as a family commercial

farm, Sipo is by now one of the

leading realities in Italy for fresh-cut

produce. The raw material they use

comes from integrated farming crops,

from organic and conventional farming

and the company also produces and

packs fresh-cut vegetables branded

AlmaVerde Bio on behalf of the

AlmaVerde Bio Consortium Italy.

For further information: www.sipo.it

(English version by Ilaria Nanni)

Si è chiuso con un +6% il giro d’affari di

Sipo nel 2010, toccando quota 8 milioni

di euro. Un risultato positivo – nonostante

la crisi economica – e superiore alla

media generale del comparto. I clienti più

importanti della grande distribuzione –

che rappresenta il canale distributivo

principale con un’incidenza pari all’80%

sul fatturato complessivo – hanno mantenuto

i volumi di vendite dello scorso

anno, mentre l’export è cresciuto

The Sapori del Mio Orto.

I Sapori del mio Orto.

spesso sono i primi a ignorarne l’esistenza. Ecco

perché la Bergamo Mercati lancia un segnale

forte di ripresa e comunicazione. Un ortaggio

che non può e non deve perdersi, ma che deve

entrare nell’élite dei prodotti tipici orobici.

Per informazioni: Associazione montagna Italia,

via Zelasco 1, 24122 Bergamo, tel. 035.237323

- Fax 035.224686; Bergamo Mercati, via Borgo

Palazzo 207, 24125 Bergamo, tel. 035.293131

- Fax 035.298178.

costantemente grazie

all’avvio di alcune collaborazioni

con distributori esteri

di Spagna, Inghilterra,

Francia, Grecia, Estonia,

Lettonia, Lituania, Ucraina

ed Ungheria.

«Nel 2010 ci siamo dedicati

principalmente allo sviluppo

dei mercati esteri, al restyling

del logo aziendale e del marchio

Sapori del mio Orto – ha sottolineato

Massimiliano Ceccarini, development

manager di Sipo – e infine al lancio della

nuova linea di verdure di IV gamma per

l’Horeca, un canale che pesa oggi soltanto

il 4% del giro d’affari ma che mostra

un trend di incremento».

Nei piani per il 2011 l’azienda ha annunciato

lo sviluppo proprio delle vendite nel

canale Horeca e Ristorazione collettiva e

il lancio di nuove referenze nel settore

della IV gamma; mentre, a livello di

comunicazione, sono confermate la presenza

al Macfrut 2011 di Cesena, le azioni

di direct marketing ai responsabili

acquisto della distribuzione moderna e

l’attività di ufficio stampa.

Nata negli anni ‘50 come impresa agricola

familiare, Sipo è oggi una delle prime

realtà italiane nel settore dei prodotti di IV

gamma. Le materie prime utilizzate provengono

da colture a lotta integrata, da

agricoltura biologica e convenzionale e

l’azienda è anche produttore e confezionatore

di verdure di IV gamma a marchio

Almaverde bio per conto del Consorzio

Almaverde bio Italia.

Per informazioni: www.sipo.it


commercial news

le aziende informano

Syngenta: redoes its look after 10 years

Syngenta: dopo 10 anni si rifà il look

A brand new look for Syngenta, to celebrate

10 years of success of the world leading

Agribusiness Company, set up in 2000 by

the merging of Novartis and AstraZeneca:

10 dynamic years of growth and innovation,

which nowadays culminate in the

anniversary of the tenth candle, by means

of a complete restyling of its image.

Why has it renewed itself? For three

important reasons: the need of a greater

modernity to be always abreast of the

times, the research of a better graphics

recognizability and the sudden referability

to each product or initiative carried out by

Syngenta’s brand. So, starting from now

and for the next two years, Syngenta will

fully re-examine the graphics format of its

brands, of its products and packaging, of

its service and its communication.

Here we have some anticipations about

Syngenta’s new look. First of all, the

brands of product are characterized by a

new coordinated style, by the advantage

to have a personal wider recognizability,

even though it preserves its identity and

its personality. Syngenta’s logo is always

put next to the brands of product, for

strengthening their reciprocal bond.

Finally, a new crashing graphics, but rigorous,

connotes all the different tools of

communication of Syngenta in a modern

and distinctive way, which will be always

ascribable to the Company.

The new style has been called “the architecture

of the brand” by Syngenta, a spot-

The new publications show off the

renewed look.

Le nuove pubblicazioni sfoggiano il look

rinnovato.

78 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

An example of the new logos.

Un esempio dei nuovi loghi.

on definition. As a matter of

fact, Syngenta has made use

of the same means an architect

uses to plan and develop

a building. By such a new

“architecture”, common to

all the Groups’ business,

(Crop Protection, Seeds for

Large Crops, Seeds for Vegetable

Gardens and Flowers), Syngenta

wants to reinforce in its partners the

awareness of an extraordinary wide

range of products, unique in the present

agribusiness survey, and its constant effort

in terms of service innovation of an nonstop

farming evolution.

(English version by Ilaria Nanni)

Un look tutto nuovo per i dieci anni di

Syngenta, dieci anni di successi per il leader

mondiale dell’agribusiness, nata nel 2000

dalla fusione di Novartis e AstraZeneca: dieci

anni dinamici, di crescita e di innovazione,

che culminano oggi, nell’anniversario della

decima candelina, con un restyling completo

della propria immagine.

Perché rinnovarsi? Per tre importanti

motivi: l’esigenza di

maggior modernità

per essere sempre

al passo con

i tempi, la ricerca

di una migliore

riconoscibilità grafica

e l’immediata

riconducibilità di ogni

prodotto e iniziativa al

brand Syngenta. Così, a

partire da oggi e nell’arco

dei prossimi due anni,

The packaging of products offers

a greater recognizability.

Le confezioni dei

prodotti offrono

maggiore

riconoscibilità.

Syngenta rivisiterà

completamente la

veste grafica dei propri

marchi, prodotti e

confezioni, servizi e

comunicazione.

Ecco qualche anticipazione sul

nuovo look Syngenta. Innanzitutto i marchi

dei prodotti sono caratterizzati da un nuovo

stile coordinato, con il vantaggio di una loro

maggiore riconoscibilità, pur preservandone

l’identità e la personalità. Il logo Syngenta è

posizionato sempre accanto ai marchi di

prodotto, con l’obiettivo di rafforzare il loro

legame reciproco. Infine, una nuova grafica

d’impatto, ma rigorosa, connota tutti i differenti

strumenti di comunicazione di

Syngenta in modo moderno, distintivo, sempre

riconducibile all’azienda.

Il nuovo stile è stato denominato da

Syngenta “l’architettura del marchio”, una

definizione azzeccata: Syngenta ha operato

infatti con le stesse modalità con le quali un

architetto concepisce un progetto, su cui

viene poi basato lo sviluppo di tutto

l’edificio. Con questa nuova “architettura”,

comune a tutti i business del Gruppo (Crop

Protection, Sementi per grandi colture,

Sementi da orto e fiori), Syngenta si propone

di rafforzare nei suoi interlocutori la consapevolezza

della straordinaria ampiezza

della sua offerta, unica nel panorama attuale

dell’agribusiness, e del suo costante sforzo

in termini d’innovazione al servizio di

un’agricoltura in continua evoluzione.


Apple from Val Venosta, over all the rest!

Mela Val Venosta, sopra tutte! commercial news

A rise in fame for the Val Venosta brand

and a strengthening of the associated values,

both on a domestic and on an international

level. The promotional campaign

of VIP – the Association of Fruit and

Vegetables Cooperatives from Val Venosta

– is going to be particularly widespread

and full of initiatives.

There is still the red thread that followed

the advertising campaign in 2009, which

pivots on the concept of “Highness” in all

the different meanings of high altitude of

crops, respect of the excellent standards

of quality, excellence in taste and flavour.

From the end of March to the half of April,

on the Rai, Mediaset, La7 and satellite TV

networks will be proposed the “Highness”

spot, edited by the AdverPerformance. It is

an editing of short evocative sequences in

which, according to different perspectives,

highness becomes a value: the

charm of stiletto heels, a skyscraper that

dominates the whole city, to come to the

high altitude of the apple orchards in Val

Venosta, where highness becomes a synonym

of quality.

To complete the advertising project, there

will also be important advertising investments

on newspapers too, both on the

most important headings of the sector

and on the generals devoted to consumers.

A careful public relation work will

increase the visibility of the Apple from Val

Venosta, during the marketing deals, all

the year round.

Besides the TV campaign, it will also be

planned a deep web campaign that will

supplement the adverting project from

April to May, aiming to reach the web

sites ad the on-line headings. In addition

to that and to the restyling of the web site

www.vip.coop, it will also be created a

portal devoted to the “Apple Month” and

they will conceive walk-on banners

played on irony and on the communicative

immediacy.

Furthermore, 2011 also forecasts a particular

attention of VIP towards its business

partners: on the one hand the sales

promotion for the large-scale retail trade,

the tasting and the renewal of the pop

material for window dressing at the

points of sale; on the other hand, a

devoted contest, the sending of informative

brochures concerning the activities

and the novelties of the Consortium. VIP

also carries out several promotional and

sponsoring campaigns turned to the

large audience: a contest, apple supplying

inside gyms, free cooking courses

and the sponsoring of several events,

such as Kids and Andid. Furthermore, VIP

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

The apples from Val Venosta: Pinova, Stark, Gala, Golden.

Le mele Val Venosta: Pinova, Stark, Gala, Golden.

will also carry out promotions on TV, during

TV programmes connoted by high

positioning and undoubted success: the

apple from Val Venosta will be on air on

Rai networks thanks to TV programmes

such as “La Prova del Cuoco” and

“l’Eredità”, while on Mediaset by the programme

Il Milionario”, all that carried

out by special testimonial as Gerry Scotti,

Carlo Conti and Antonella Clerici.

Another interesting activity concerns the

“Apple Month” initiative, which in May will

involve a lot of small and big promoting

and marketing actions turned to propose

apple as a trendy object, by reaching consumers

in different moments of their

urban life. In this occasion, it will be

opened the portal devoted to several and

fascinating initiatives, to promote the

healthy fruit par excellence.

To increase the brand awareness in consumers

and to strengthen the trade relationships,

this year, VIP devotes itself to

foreign markets, by peculiar care, such

as Germany, Scandinavian Countries,

East Europe and Russia. Spain stands out

as a rising market for the Consortium, in

which they have invested a lot for advertising,

promotions on TV and public relations,

by the purpose to strengthen the

brand identification with product, at the

moment of purchase.

For further information: VIP, via Centrale

1/c, 39021 Laces (BZ)

(English version by Ilaria Nanni)

Aumento della notorietà per il marchio Val

Venosta e rafforzamento dei valori associati

a esso, sia sul territorio nazionale che

80 Fresh Point Magazine n.4 – april/aprile 2011

all’estero: la campagna di comunicazione

2011 della Vip, l’Associazione delle cooperative

ortofrutticole della Val Venosta, si

preannuncia particolarmente ampia e ricca

di iniziative.

Continua il filo rosso che accompagna la

campagna pubblicitaria inaugurata nel

2009 e che ruota intorno al concetto di

“Altezza” nelle diverse accezioni di alta

quota delle coltivazioni, rispetto di elevatissimi

standard qualitativi, eccellenza in

bontà e gusto. Da fine marzo a metà aprile

tornerà sulle reti Rai Mediaset, La7 e satellitari,

lo spot “Altezza” curato da

AdverPerformance. Si tratta del montaggio

di brevi sequenze evocative dove, in diverse

prospettive, l’altezza diventa un valore: il

fascino dei tacchi a spillo, l’altezza di un

grattacielo che domina la città, per arrivare

all’alta quota dei meleti venostani, dove

altezza diventa sinonimo di qualità.

Per completare il progetto pubblicitario verranno

fatti importanti investimenti pubblicitari

anche sulla carta stampata, sia sulle

principali testate di settore che su quelle

generaliste dedicate al consumer.

Un’intensa attività di public relation aumenterà

la visibilità della Mela Val Venosta

durante le operazioni di marketing intraprese

durante l’anno.

Oltre alla campagna tv, sarà pianificata

anche un’intensa campagna web che tra

aprile e maggio completerà il progetto

pubblicitario mirando a raggiungere siti

web e testate on-line. Oltre a questo e al

restyling del sito www.vip.coop, verrà

creato un portale dedicato al “Mese della

mela” e verranno ideati banner a compar-

sa giocati sull’ironia e l’immediatezza

comunicativa.

Il 2011 vede inoltre una particolare attenzione

della Vip verso i partner commerciali:

da un lato le attività di promozione delle

vendite per la gdo, le degustazioni e il rinnovo

del materiale pop per l’allestimento

dei punti di vendita; dall’altro, un concorso

a loro dedicato, l’invio di opuscoli informativi

sulle attività e novità del consorzio.

Vip porta avanti anche svariate attività

promozionali e sponsorizzazioni rivolte al

grande pubblico: un concorso, la distribuzione

di mele nelle palestre, i corsi di cucina

gratuiti e la sponsorizzazione di vari

eventi come Kids e Andid. Verranno inoltre

realizzate telepromozioni durante trasmissioni

connotate da un posizionamento alto

e da un indubbio successo: la mela Val

Venosta andrà on air sulle reti Rai grazie a

trasmissioni come La prova del cuoco e

l’Eredità, mentre con Il Milionario su

Mediaset, il tutto con testimoni d’eccezione

da Gerry Scotti a Carlo Conti per concludere

con Antonella Clerici.

Un’altra attività di grande interesse riguarda

l’iniziativa il “Mese della mela” che vedrà

maggio costellarsi di piccole e grandi azioni

di comunicazione e marketing volte a proporre

la mela come un oggetto di tendenza

raggiungendo i consumatori in diversi

momenti della loro vita metropolitana. In

occasione di questo avvenimento verrà

inaugurato un portale dedicato alle numerose

e appassionanti iniziative per con

l’obbiettivo di promuovere il frutto della

salute per eccellenza.

Per aumentare l’awareness del brand presso

i consumatori e rafforzare i rapporti con il

trade, Vip si dedica quest’anno con particolare

cura ai mercati esteri come Germania,

Paesi scandinavi, Europa dell’Est, Russia.

Spicca poi la Spagna, un mercato in crescita

per il consorzio, dove è stato stabilito un

vasto programma di investimenti pubblicitari,

telepromozioni e pr con l’obiettivo di rafforzare

l’identificazione della marca con il

prodotto al momento dell’acquisto.

Per informazioni: Vip, via Centrale 1/c,

39021 Laces (Bz)

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!