Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

multimedia.b2b24.it

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Mensile – Poste Italiane S.p.A. – sped. A.P. – D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art.1.c.1: DCB Forlì

Anno V

FEB 02 FEB 13

Monthly/Mensile

IL SOLE 24 ORE SPA

by Ortofrutta Italiana

www.freshpointmagazine.it

• Germany

Germania

• Organics trend

Tendenze del biologico

• Italian exports - fi gures

Statistiche export italiano

• Italian valerian

Valeriana italiana

• Italian table grape

fi gures

Statistiche uva

da tavola italiana

• Tomato, aubergine,

pistacchio

Pomodoro, melanzane,

pistacchio

• Isr - Grocery Outlet (Usa)

Gdo - Grocery Outlet (Usa)

• Convenience foods trend

Tendenze nel convenience

food

the buyer’s magazine / la rivista del buyer


SUMMARY

SOMMARIO

2 FEBRUARY/FEBBRAIO 13

heading/rubriche

3

4

94

100

102

editorial/editoriale

news/news

the freshest cut/the freshest cut

events/appuntamenti

commercial news/le aziende informano

6 market/mercato

6 Germany: market in robust rebound

Germania: mercato in forte ripresa

Silvia Zucconi

14 Organics, growth in big retail

Biologico, supermercati e catene crescono

Roberto Pinton

18 Reboot consumer spending, a must

for the EU produce industry

Rilancio dei consumi, priorità per l’ortofrutta europea

Fabio Lunati

26 Italian fruit: overall sales up, citrus slides

Frutta italiana: positivo il saldo, sale il defi cit per gli agrumi

Mario Schiano lo Moriello

32 Italian table grape

A crop of variable quality

Uve da tavola italiane un anno a qualità variabile

Mario Schiano lo Moriello

38 Italian valerian, an expanding market

Valeriana in Italia mercato in aumento

Luigina Trento

44 Organics, from Metaponto to Central-North Europe

Bio, dal Metapontino al Centro-Nord Europa

Giuseppe Francesco Sportelli

50 Clementines, the Calabrian model

Clementine, Calabria modello per la produzione italiana

Marianna Martorana

56 AgroSud, from seed to market:

The supply chain on show at Naples

AgroSud, dal seme al commercio la fi liera in mostra a Napoli

Cèdric Green

62 product/prodotto

62 Multinationals & sustainability what can be done

Multinazionali e sostenibilità un binomio possibile

Sara Andersen Scotti


66 Tomato, de gustibus

Pomodoro, de gustibus

Sara Spinelli

72 Holland wins over the market

with a new mix of exotic fruits

L’Olanda conquista il mercato col nuovo mix di frutta esotica

Giulia Giovanelli

76 New life for the old aubergine

Una nuova giovinezza per la melanzana

Paolo Battistel

80 Pistachio from Bronte, half the growers opt for PDO

Pistacchio di Bronte, la metà dei produttori sceglie la Dop

Marianna Martorana

86 isr/gdo

86 Grocery Outlet, the elite discount for everyone

Grocery Outlet, il discount di lusso per tutti

Daniele Tirelli

92

92 Convenience foods enjoy

robust health despite the crisis

Convenience in buona salute nonostante la crisi

Duccio Caccioni

Anno V - n. 2 - february/febbraio

www.agricoltura24.com

Editor/Direttore responsabile: Mattia Losi

Assistant editor/Vice direttore: Beatrice Toni

Editorial staff/In redazione: Francesco Bartolozzi, Dulcinea Bignami, Gianni Gnudi

(editor-in-chief/capo redattore), Alessandro Maresca, Giorgio Setti (editor-in-chief/capo

redattore), Lorenzo Tosi

Editorial offi ce/Segreteria di redazione: Phone/tel. (+39) 051 6575.847

Fax. (+39) 051 6575.856 - redazione.edagricole@ilsole24ore.com

Contact persons/Referenti: Lorenzo Bazzana (Coldiretti), Cesare Bellò (Opo Veneto/Unaproa), Paolo Bruni

(FedagriConfcooperative), Gianni Brusatassi (Uiapoa), Marco Crotti (Cio/Unaproa), Ambrogio De Ponti (Apol/

Unaproa), Valentino Di Pisa (Caab), Claudio Gamberini (Conad), Giuseppe La Rocca (Mof), Reinhold Marsoner

(Interpoma), Fabrizio Marzano (Unaproa), Carmelo Mennone (Alsia), Paolo Merci (Verona Mercato), Luigi

Peviani (Aneioa), Francesca Ramondo (Gruppo T18), Salvatore Rapisarda (Euroagrumi), Giuliana Roncolini (Cia),

Domenico Scarpellini (Macfrut), Luciano Trentini (Arefl h).

English version by/Versione inglese a cura di: Ilaria Menna, Ilaria Nanni, Lawrence Smith,

Claudia Spisni, David Verzoni e Marina Zaccarini.

Cover’s image/immagine di copertina: Marina Alberghini - AM&QR, Bologna

Graphic/Uffi cio grafi co: Emmegi Group Srl

Design/Progetto grafi co: Lizart Comunicazione visiva – Bologna

Editorial Director/Direttore editoriale Business media: Mattia Losi

Owner and Editor/Proprietario ed Editore: Il Sole 24 ORE S.p.A.

Registered offi ce/Sede legale: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano

Chairman/Presidente: Giancarlo Cerutti

Managing Director/Amministratore delegato: Donatella Treu

Operative offi ce/Sede operativa: Via Patecchio, 2 - Milano 20141 - Phone/tel. (+39) 02 3964.61

Advertising/Uffi cio Pubblicità: Phone/tel. (+39) 051 6575.822 - Fax (+39) 051 6575.853

pubblicita.agroindustria@ilsole24ore.com

Traffi c Department/Uffi cio Traffi co: Phone/tel. (+39) 051 6575.842

impianti.editoriaspecializzata@ilsole24ore.com

Printed by/Stampato da: Faenza Industrie Grafi che - Via Vittime civili di guerra, 35 - Faenza (RA)

Subscriptions/Abbonamenti: www.shopping24.it - abbonamenti@businessmedia24.com

Phone/tel. (+39) 02 or 06 3022.5680 – fax (+39) 02 3022.5402

Customer service/Servizio clienti periodici: servizioclienti.periodici@ilsole24ore.com

Yearly subscriptions abroad. Foreign subscription by priority mail/

Estero. Abbonamento annuo prioritaria: euro 119,00

Yearly subscription in Italy/Abbonamento annuo: euro 72,00

Back issues/Arretrati (disponibili i sei mesi precedenti): euro 14,40

Intestate postal account no. 13951488 to: Il Sole 24 ORE S.p.A. The subscription will start

from the fi rst reachable number/Conto corrente postale n. 87729679 intestato a: Il Sole 24 ORE S.p.A.

L’abbonamento avrà inizio dal primo numero raggiungibile.

The payment receipt of the postal account is a valid accounting document/La ricevuta di pagamento

del conto corrente postale è documento idoneo e suffi ciente ad ogni effetto contabile.

Subscription renewal in Italy/Rinnovo abbonamenti in Italia:

A warning will be sent by the Editor one month before the deadline. Upon request, Institutions and companies

may receive the above along with an offer/Attendere l’avviso che l’Editore farà pervenire un mese prima della

scadenza. Per Enti e Ditte che ne facciano richiesta l’avviso verrà inoltrato tramite preventivo. VAT discharged

by the publisher/Iva assolta alla fonte dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1°comma, lett. c,

D.P.R. 26101972 n. 633 e successive modifi cazioni ed integrazioni.

Sales Administration/Amministrazione Vendite: fax (+39) 051.6575823 - Casella Postale 397

Uffi cio Postale Bologna Centro 40100 Bologna - freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Internet web site: www.freshpointmagazine.it

Reg. Tribunale di Bologna n. 7598 del 10/11/2005 Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a.

Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,

comma 1, DCB Forlì” Iscrizione R.O.C. n. 6553 del 10 dicembre 2001

ISSN 1827 – 577X

Associato a:

ed è membro italiano di EUROFARM,

l’associazione dei più importanti giornali

periodici agricoli europei

Privacy Policy Disclosure as per Legislative Decree 196/3. The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, the publisher, gathers and

stores the personal data you voluntarily supply when you subscribe to any of our publications or when you purchase from

lists containing personal information regarding business transactions and the like that come under Art. 24, paragraph 1,

section d of Leg. Dec. 196/03 and uses said data to send you the publication on subscription or a complimentary copy of one

of our publications. Il Sole 24 ORE may exercise its rights as per the provisions of Art. 7 Leg. Dec. 196/03 regarding access,

deletion, correction and so forth by requesting said exercise from the Head of its Data Handling Department, Customer

Services, at the main offi ces of Il Sole 24 ORE S.p.A. located in Via Goito 13, 40126 Bologna, Italy. Articles and photographs

submitted to The Publisher shall not be returned, even if unpublished. All rights reserved. No part of this publication shall

be reproduced, stored or transmitted in any way of form whatsoever, whether digitially, electronically, via photocopy or

mimeograph machines, without written consent from the publisher. The complete, up-to-date list of all Heads of the Data

Handling Department is available at Uffi cio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milan. Il Sole 24 ORE may share your data

with staff in its Order, Marketing, Customer Services and Administration departments and with affi liate companies of Gruppo

24 ORE for the purpose of exchanging said data with independent companies that are responsible for mailing the publication

and printed advertising matter to subscribers. Il Sole 24 ORE S.p.A., Titolare del trattamento, tratta, con modalità connesse

ai fi ni, i Suoi dati personali, liberamente conferiti al momento della sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da elenchi

contenenti dati personali relativi allo svolgimento di attività economiche ed equiparate per i quali si applica l’art. 24, comma

1, lett. d del D.Lgs n. 196/03, per inviarLe la rivista in abbonamento od in omaggio. Potrà esercitare i diritti dell’art. 7 del

D.Lgs n. 196/03 (accesso, cancellazione, correzione, ecc.) rivolgendosi al Responsabile del trattamento, che è il Direttore

Generale dell’Area Professionale, presso Il Sole 24 ORE S.p.A., Servizio Clienti c/o la sede di via Goito 13 – 40126 Bologna).

Gli articoli e le fotografi e, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa

pubblicazione può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica, elettrostatica,

fotocopia ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore. L’elenco completo ed aggiornato di tutti i Responsabili del

trattamento è disponibile presso l’Uffi cio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milano. I Suoi dati potranno essere trattati da

incaricati preposti agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno essere comunicati alle società

di Gruppo 24 ORE per il perseguimento delle medesime fi nalità della raccolta, a società esterne per la spedizione della Rivista

e per l’invio di nostro materiale promozionale.

Declaration as per Art 2, paragraph 2, of the “Professional Code of Ethics in Journalism for the handling of personal

data”. “The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, publisher of Fresh Point Magazine, herewith publicly declares that it houses data

banks for editorial uses that store personal data. The place in which it may exercise the rights provided in Leg. Dec. 196/3 is

the offi ce of the Head for Personal Data Handling, secretarial desks of coordinating editors (fax. 051-6575.856)”. “La società

Il Sole 24 ORE S.p.A., editore della rivista Fresh Point Magazine rende noto al pubblico che esistono banche dati ad uso

redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile esercitare i diritti previsti dal D.Lg 196/3 è l’uffi cio

del responsabile del trattamento dei dati personali, presso il coordinamento delle segreterie redazionali (fax. 051-6575.856)”.


Organics: new paradigms not to

be dismissed lightly

Biologico, nuovi paradigmi

da non sottovalutare

Duccio Caccioni

Since its pioneering days, organic farming has

developed in an extraordinary way, exponentially

over the last twenty years. There has been a huge

increase in certifi ed organic acreage in response to a

continuous growth in consumption. In some countries

annual growth rates have been double fi gures, and

expansion has been a truly global phenomenon that

continues even in times of economic crisis.

However, describing the development of organic

agriculture purely in terms of the logic of the market,

even at a time like this when the market seems to

rule the roost in all things, seems to be extremely

reductive: organic agriculture has been, and continues

to be, a cultural movement, and some of its cultural

assumptions have now become commonsense.

We now seem to be entering a new phase. As Michael

Pollan notes in his “The Omnivore’s Dilemma”, organic

farming has often taken the industrial road, that is

to say, it has tended to adopt highly specialized

production models in order to meet the demands of a

massively increasing market. What is being proposed

now, therefore, are new and different models that go

beyond organic agriculture. Production techniques

which are still more sustainable from an environmental

point of view, and distribution on a local scale so as to

reduce food miles to zero.

New paradigms that can give rise to scepticism at

the very least, like those proposed by the pioneers of

the organic movement all those years ago. But that

should not be dismissed lightly.

(English version by Lawrence Smith)

freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Dalle sue forme pionieristiche l’agricoltura biologica

ha avuto uno straordinario sviluppo, esponenziale

nell’ultimo ventennio. Le superfi ci agricole certifi cate

nel mondo si sono moltiplicate a risposta di consumi

in continua crescita. Una crescita che in alcuni Paesi

è contrassegnata da tassi annuali a doppia cifra, un

fenomeno veramente globale che continua anche in

tempi di crisi economica.

Descrivere lo sviluppo dell’agricoltura biologica secondo

logiche di mercato, pur in tempi in cui solo il mercato

pare aver sempre tutte le ragioni, appare tuttavia

estremamente riduttivo: l’agricoltura biologica è stata e

continua ad essere un movimento culturale e certi suoi

presupposti culturali hanno oramai permeato il sentire

comune.

Oggi si profi la una nuova svolta. Come nota Michael

Pollan nel suo “Dilemma dell’Onnivoro”, l’agricoltura

biologica ha spesso preso la via dell’industrializzazione,

ovvero dell’adozione di modelli produttivi fortemente

specializzati per soddisfare prontamente un mercato

in tumultuosa crescita. Si propongono, quindi, ulteriori

e nuovi modelli che vanno oltre l’agricoltura biologica.

Le tecniche di produzione divengono dunque ancor

più sostenibili dal punto di vista dell’ambiente e la

distribuzione avviene su scala locale, tendenzialmente

a km zero.

Nuovi paradigmi che, analogamente a quanto avvenne

molti anni fa con i primi antesignani del bio, possono

suscitare perlomeno scetticismo. Ma che non possono

essere sottovalutati.

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

3

editorial

editoriale


notizie

Europe’s potato

crop slips

Patate, in Europa

produzione in calo

Figures released by the North-western

European Potato Growers, the industry

group of farmers in Germany, Belgium,

Holland, the UK and France, indicate that

the crop from north-central Europe is

headed downwards. The total crop from

the fi ve major producers is projected at

22.3 million tons, a 16.7% decline on the

year and a 10% slide over the average of

the last fi ve years. (DV)

Secondo i dati diramati dalla Nepg

(North-western european potato growers

) l’associazione che raggruppa

i principali Paesi produttori europei

(Germania, Belgio, Olanda, Gran

Bretagna e Francia) la produzione di

patate nel centro e Nord Europa è in

netto calo. Il totale delle raccolte nei

5 Paesi maggiori produttori sarebbe

pari a 22,3 milioni di t, con un calo del

16,7% rispetto all’anno precedente e

del 10% rispetto alla media degli ultimi

5 anni. (DC)

Andalusia looks to artichoke

L’Andalusia punta sui carciofi

4 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Tomato, an

anti-depressant too

Pomodori anche

anti-depressivi

According to a study by Japanese and

Chinese researchers to be published

in the January issue of the Journal of

Affective Disorders, tomato appears to

be a strong anti-depressant. The active

ingredient involved is, once again, lycopene,

a compound that is reported to act

as an anti-infl ammatory, anti-ageing (cell)

and anti-cholesterol agent. Lycopene is

absorbed by the body only from cooked

tomatoes. (DV)

Secondo i risultati di una ricerca condotta

da un’equipe di ricercatori nippo-cinesi

che saranno pubblicati a gennaio sul

Journal of Affective Disorders, il pomodoro

avrebbe un forte effetto antidepressivo.

La molecola responsabile sarebbe ancora

una volta il licopene, di cui in passato è

già stata dimostrata l’attività anti-infi ammatoria,

anti-invecchiamento cellulare e

anti-colesterolo. Il licopene viene assorbito

dal corpo umano solo dopo previa

cottura dei pomodori.

Spain’s artichoke crop this year is expected

to be up. According to the Asaja industry

association, there are currently 1,650

hectares under the crop in southern Spain,

up 20% on the year. Andalusia’s farmers

have been planting more acreage in recent

years because the crop has delivered good

cash returns and seems relatively immune

to the market downturn. (DV)

La produzione di carciofi in Spagna

appare in netto aumento. Nel Sud della

Spagna, secondo l’associazione Asaja, la

superfi cie investita nella coltura sarebbe

superiore del 20% rispetto al 2011 e

avrebbe quest’anno raggiunto i 1.650

ettari. Gli agricoltori andalusi investono

nella coltura che negli ultimi anni appare

più redditizia e meno coinvolta nelle crisi

di mercato.

Italy, regulatory

pact for

the fresh-cut trade

Italia, disciplinato

il commercio

del fresh cut

A meeting of central-government and

regional authorities has produced an

agreement on a regulatory package for

the fresh-cut produce trade outlined in

a previous ministerial decree. The new

measures are based on a joint outline

drafted by the Ministers of Health and

Economic Development and are intended

to bring to full enactment the provisions

of legislative package 77 of 13 May 2011

concerning the preparation, packaging

and distribution of fresh-cut fruit and

vegetable products.

The new measures defi ne the chemicalphysical

and hygiene-health parameters

of the crop growing cycle and product

packaging, storage and distribution.

They also set for the minimum quality

requisites for fresh-cut produce, the

information that must appear on labels

for consumer protection and the obligatory

use of eco-compatible packaging

materials. (DV)

Intesa raggiunta in conferenza Stato-

Regioni, sul decreto per la disciplina del

commercio dei prodotti ortofrutticoli di

quarta gamma sulla base dello schema

di decreto predisposto di concerto con

i ministri della Salute e dello Sviluppo

economico, per dare pratica attuazione

alla legge 13 maggio 2011 n. 77, recante

disposizioni concernenti la preparazione,

il confezionamento e la distribuzione dei

prodotti ortofrutticoli di quarta gamma.

In particolare, il provvedimento defi nisce

i parametri chimico-fi sici e igienicosanitari

del ciclo produttivo, del confezionamento,

della conservazione e della

distribuzione dei prodotti ortofrutticoli

di quarta gamma, nonché i requisiti

qualitativi minimi e le informazioni che

devono essere riportate sulle confezioni

a tutela del consumatore, oltre a prevedere

l’utilizzo obbligatorio d’imballaggi

ecocompatibili.


Peru, table grape

paces exports

Perù, quotato l’export

per l’uva da tavola

Peru keeps boosting its table grape crop and

exports. This South American country is about to

become an off-season leader in the crop for northern

hemisphere markets. According to market

observers at the trade journal Alerta Economica,

Peru’s 2103 exports are expected to surge 28.7%.

The country’s main table-grape export markets

are Honk Kong (20.9%), Holland (10.7%), Russia

(9.5%) and the US (7.7%). (DV)

In Perù continua ad aumentare la produzione e

l’esportazione di uva da tavola. il Paese sudamericano

si avvia quindi a divenire un leader nella

produzione in contro-stagione per i mercati dell’emisfero

Nord. Secondo gli analisti della stampa

di settore peruviana (Alerta economica) nel 2013

le esportazioni peruviane dovrebbero aumentare

del 28,7%. I principali mercati d’esportazione

per l’uva da tavola peruviana sono Honk Kong

(20,9%), l’Olanda (10,7%), la Russia ( 9,5%) e gli

Usa (7,7%), (CG)

I controlli...

la nostra missione!

Checks...

our mission!

E’ naturale... scegli Barduca duca

Lavorazione di ortaggi biologici e convenzionali: rucola, valeriana, spinaci,

spinacine, lattughino, radicchio e carote.

Distribuzione in tutta Europa in busta o vaschetta, monoprodotto o mix.

Process of organic and conventional vegetables: rocket salad, valerian

salad, spinach, baby spinach, lettuce, chicory and carrot.

European distribution in bag or tray, monoproduct or mix.

Francesco Barduca Srl - Via Piovega, 41/C - 35010 Borgoricco (PD)

ph. +39 049.9338070 - fax +39 049.9335590 - info@barduca.it


notizie


market/Germany

mercato/Germania

Germany: market

in robust rebound

Germania: mercato

in forte ripresa

Silvia Zucconi - Nomisma

It’s Europe’s top-ranking consumer of produce. Apple heads the list of per-capita

fresh fruit on average and tomato ranks atop the vegetables

È il Paese europeo dove si consuma più ortofrutta. Le mele guidano la classifi ca

dei consumi medi pro-capite di frutta fresca, mentre i primi tra gli ortaggi sono i

pomodori

Germany is both the EU’s biggest fresh-produce

market and its biggest importer. It’s a particular

focus for exporters since only a fi fth of the fruit and a

third of the vegetables it consumes are domestically

produced. In effect, more than half of all the country’s

Per-capita sales of fresh fruit in Germany have risen 8% since 2008.

Dal 2008, in Germania, il consumo pro-capite di frutta fresca è aumentato dell’8%.

6 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

La Germania non solo è il più grande mercato europeo

per il consumo di frutta e ortaggi freschi ma

è anche il principale Paese importatore dell’Unione

Europea. Il mercato tedesco è di particolare interesse

per le imprese straniere: solo un quinto della frutta


market/Germany

mercato/Germania

Figure 1 – Germany: per-capita sales of fresh fruit and vegetables (2010, kg)

Figura 1 – Germania: consumi pro-capite di frutta e ortaggi freschi (2010, kg)

Apples / Mele

Bananas / Banane

Oranges / Arance

Easy peeler

Table graps / Uva da tavola

Tomatoes / Pomodori

Carrots / Carote

Cucumbers / Citrioli

Onions / Cipolle

Peppers / Peperoni

0 5

Source: Deutscher Fruchtthandelsverband / Fonte: Deutscher Fruchtthandelsverband

fresh produce is imported from Spain, Italy and France.

The other factor making Germany such an attractive

market is scale: 82 million consumers with mid-tohigh

spending power, especially signifi cant when

compared to the purchasing power found in other EU

markets. In actual fact, the German market is so big

that you can divide it into various levels of average

household spending power. For example, consumers

in many eastern Lander, where incomes are lowest,

tend to prefer lest expensive kinds of fruit, or those

items with the lowest average unit price.

A more composite picture of demand emerges in

the wealthier areas like Berlin and Hamburg, where

consumers pursue a broader assortment of produce

and greater choices to pick from. That consumers are

willing to pay surely affects the choice of fruit at retail

outlets. Stuttgart, Frankfurt, Dusseldorf and Munich

are the cities where household purchasing power

Tomato commands top consumer preference for vegetables

in Germany.

I pomodori sono gli ortaggi preferiti dai tedeschi.

4,4

8 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

4,8

5,9

6,2

6,3

7,8

9,2

10

14,7

19,5

10 15 20

consumata e un terzo degli ortaggi sono di provenienza

locale; più della metà di frutta ed ortaggi freschi consumati

in Germania sono importazioni provenienti da

Spagna, Italia e Francia.

L’altro fattore di attrattività del mercato tedesco è dato

dalle sue ampie dimensioni: 82 milioni di consumatori,

con una capacità di spesa medio-alta, soprattutto se

confrontata con il potere di acquisto registrato negli

altri mercati europei. In realtà, il mercato tedesco è

così vasto che è possibile defi nire aree geografi che

caratterizzate da differenti livelli di capacità di spesa

delle famiglie, almeno in termini medi. In molti land

della Germania orientale, dove i redditi sono più bassi,

i consumatori preferiscono tipologie di frutta tendenzialmente

più economiche o dal prezzo medio unitario

più basso. Più composita è invece la domanda nelle

aree più ricche del Paese, come Berlino e Amburgo,

dove l’interesse del consumatore si rivolge ad una

gamma di prodotti più ampia, con una maggiore

richiesta di varietà.

La disponibilità a pagare dei consumatori infl uenza certamente

l’offerta di frutta presente nei punti vendita:

Stoccarda, Francoforte, Dusseldorf e Monaco,

sono le città tedesche dove la capacità di spesa

delle famiglie comporta una maggiore profondità

di assortimento sia nelle diverse varietà di frutta,

sia in relazione ai livelli qualitativi associati.

Il consumatore cerca tradizione e sicurezza

Le preferenze del consumatore sono quindi un elemento

di grande specifi cità: da un lato, il consumatore

tedesco attribuisce grande importanza all’aspetto esteriore

del prodotto, alla perfezione dei colori e delle forme dei

frutti, all’assenza di piccoli difetti piuttosto che al gusto, al

sapore e alle sue caratteristiche organolettiche in generale.


TAB. 1 - SALES OF FRUIT BY CATEGORY (2006-2011)

TAB. 1 - VENDITA DI FRUTTA PER TIPOLOGIA (2006-2011)

Fruits / Frutta 2006 (tons) 2011 (tons) % sul 2011 Var. % 2010/11 Var. % 2006-11

Apple / Mele 1.450,9 1.426,1 26,5 2 -1,7

Orange, Tangerine and Mandarin / Arance, Clementine

e Mandarini

806,2 951,8 17,7 2,5 18,1

Banana / Banane 880,4 791,1 14,7 2 -10,1

Peach/Nectarine / Pesche/Nettarine 271,2 320,6 6,0 3 18,2

Grape / Uva 296,8 239,6 4,5 3,2 -19,3

Strawberry / Fragole 206,1 221,3 4,1 2,3 7,4

Pear/Quince / Pere/Cotogne 171,8 172,4 3,2 2,1 0,4

Pineapple / Ananas 115,8 132,6 2,5 -3,4 14,5

Lemon and Lime / Limone e Lime 123,6 125,3 2,3 3,2 1,3

Cherry / Ciliege 82,4 97,2 1,8 2,3 17,8

Plum/Sloe / Susine/Prugnole 84,4 70,0 1,3 2,1 -17,1

Grapefruit/Pomelo / Pompelmi/Pomelo 49,5 49,0 0,9 2,1 -0,9

Cranberry/Blueberry / Mirtillo rosso/Mirtillo 7,0 7,5 0,1 1,1 6,6

Other Fruit / Altra frutta 924,7 777,3 14,4 1,3 -15,9

Total Fruit / Totale frutta 5.470,9 5.381,7 100,0 2,0 -1,6

Source: Euromonitor data reworked by Nomisma / Fonte: elaborazioni Nomisma su dati Euromonitor

leads to a greater assortment and relative quality of

the fruit sold at retail.

Tradition and safety: consumer priorities

Consumer preference is thus a highly signifi cant factor.

On the one hand, German consumers attach a

lot of importance to appearance-fruit free of small

blemishes and of perfect colouring and shape are

more important factors than taste and fl avour traits in

general. On the other, they tend to be conservative, or

traditional, in the kinds of produce they buy.

Other factors German consumers key on include the

provenance and safety of their produce. Indeed, the

latter is of such importance that the maximum residue

limits set by the big retail chains are lower than those

set by EU regulations. GlobalGAP standards are often

indispensible for entering the German market, which

sells nearly 75% of its produce through the big supermarket

chains, including discount houses.

Current market trends indicate that retail volumes

have been gradually picking up since the 2007-2008

slow-down. In fact, 2011 sales were just shy of 5.4

million tons registered, almost equal to 2006 levels;

this increase comes to the detriment of tinned fruit,

up only 2% over 2010.

In effect, the latest fi gures show that pro-capita sales

of fresh fruit have risen 8% and those of tinned fruit

have slid 6% since 2008. This gradual rise in fruit

sales has been stimulated a price war among the

country’s big supermarket chains, which have been

building direct supply chains with farmers, cooperatives

and importers.

D’altro canto, l’altra tendenza è la staticità o tradizione dei

gusti, anche nel consumo di frutta e verdura.

Gli altri elementi su cui in consumatore tedesco pone

molta enfasi sono l’origine del prodotto e la richiesta di

garanzie di sicurezza tanto è vero che i limiti massimi di

residui defi niti dalle principali catene distributive sono

inferiori a quelli ammessi dai regolamenti dell’Unione

Europea. La certifi cazione GlobalGAP è spesso un

requisito indispensabile per poter entrare nel mercato

tedesco, mercato che tra l’altro convoglia circa il 75%

di frutta e verdura fresca tramite le catene distributive,

soprattutto discount.

Considerando le dinamiche di mercato, i volumi di frutta

consumati tornano progressivamente ad aumentare,

dopo la frenata evidenziata nel biennio 2007-2008. Di

fatto nel 2011 le vendite sono state di poco inferiori a

5,4 milioni di tonnellate, ritornando quasi ai livelli 2006;

la crescita delle quantità vendute è aumentata, a discapito

di quella conservata, +2% rispetto al 2010.

Dal 2008, il consumo pro-capite di frutta fresca è

aumentato dell’8%, mentre quello della frutta in scatola/conservata

è diminuito del 6%. Dopo la caduta

delle vendite del 2007-2008, il consumo di frutta è

stato stimolato dall’accesa concorrenza di prezzo tra i

supermercati tedeschi, favorita anche dal ricorso degli

approvvigionamenti delle diverse catene direttamente

da agricoltori, le cooperative e gli importatori.

I più venduti

Le mele guidano anche i consumi medi pro-capite, con

19,5 kg consumati all’anno, seguite da banane (14,7 kg),

arance (9,2 kg), mandarini (5,9 kg); i pomodori sono inve-

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

9

market/Germany

mercato/Germania


market/Germany

mercato/Germania

Lead items

Apple leads the list of average per-capita fruit consumption

at 19.5 kilos a year, followed by banana at

14.7, orange at 9.2 and tangerine at 5.9 kilos; the top

ranking for vegetables goes to tomato at 10 kilos, followed

by carrot at 7.8, cucumber at 6.3, onion at 6.2

and sweet pepper at 4.8 kilos.

The 2011 fi gures show that apple topped all fruit sales

by volume at more than 1.4 million tons, or 26.5%

of all sales by volume. Current trends indicate that

apple is essentially stable, off a mere 0.3% when the

average annual variation over 2006-11 is taken into

account but up 2% over last year.

Behind apple at second place in the rankings is

orange with a sales volume of 952 thousand tons, or

18% of the total and up 18% over 2006. Peach also

shows a similar trend at 321 thousand tons sold, or

6% of total 2011 volume, and up 3% over 2010 and

18% on 2006.

While the only fruit down in 2011 vis à vis 2010 was

pineapple, off 3.4%, the average trend since 2006

shows declines of 19% for table grape, 17% for plum,

and 10% for banana.

Another important trend to be added to the profi le

of German consumers is their preference for organic

fruit. According to estimates of the Bölw Organic

Food Industry Association, some 23% of the 70 kilos

of fruit eaten per-capita in 2009 was organic. The

association’s projections for 2011 expect that share

to climb to nearly a third of total sales, a signal indication

of the growing interest organics and their assurances

continue to command. In effect, the growth

trend of organics will likely be strengthened since the

German government allocates € 400 million a year in

subsidies aimed at eco-sustainability via support for

organic farming.

Apple tops the rankings of the average fruit sales per capita.

Le mele guidano la classifi ca dei consumi medi pro-capite

di frutta fresca.

10 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

ce gli ortaggi più consumati (10 kg), seguiti da carote (7,8

kg), cetrioli 86,3 kg), cipolle (6,2 kg), peperoni (4,8 kg).

Nel 2011 le mele sono stata la tipologia di frutta maggiormente

consumata in Germania, con oltre 1,4 milioni

di tonnellate, rappresentando il 26,5% delle vendite

totali di frutta fresca in quantità. In termini tendenziali,

il consumo di mele è sostanzialmente stabile (-0,3% se

si considera la variazione media annua registrata tra il

2006 e il 2011), anche se nell’ultimo anno si è registrata

una crescita del 2%.

La graduatoria dei prodotti più venduti in Germania individua

al secondo posto gli agrumi, che con 952mila tonnellate

nel 2011, pesano per il 18% sulle vendite di frutta

fresca e segnano un +18% rispetto al 2006. Anche le

pesche con 321mila tonnellate vendute nel 2011 (6%

sulle vendite a volume di frutta) hanno dinamiche analoghe:

+3% rispetto al 2010 e +18% rispetto al 2006.

L’unico frutto che perde terreno rispetto al 2010 è

l’ananas, con una fl essione delle vendite del 3,4%;

considerando le tendenze di medio periodo, sono uva

(-19% rispetto al 2006), prugne (-17%) e banane (-10%)

le tipologie di prodotto che segnano il passo.

Tra le altre tendenze di consumo registrate sul mercato

tedesco non si può non segnalare l’interesse del consumatore

tedesco per la frutta biologica: secondo le stime

del Bölw, dei 70 kg di frutta consumato pro-capite nel

2009, il 23% era biologica. Le stesse stime proposte

per il 2011, segnalano che la quota di frutta a marchio

bio ha raggiunto quasi un terzo del totale dei consumi,

mostrando quindi l’interesse crescente per tale tipologia

di offerta e di garanzie associata. Le dinamiche di

crescita di tale comparto dovrebbero essere assicurate

anche dagli investimenti del governo tedesco, che

destina 400 milioni di euro all’anno per a favore della

sostenibilità ambientale realizzata attraverso il supporto

all’agricoltura biologica.

Germany is the EU’s biggest produce market and its biggest

produce importer.

La Germania è il più grande mercato europeo per il consumo

di ortofrutta e il principale Paese importatore dell’Unione Europea.


market/Germany

mercato/Germania

TAB. 2 - FORECAST SALES OF FRUIT BY CATEGORY (VARIATIONS 2011-2016)

TAB. 2 - PREVISIONI DI VENDITE DI FRUTTA PER TIPOLOGIA (VARIAZIONI % 2011-2016)

% total

volume growth /

% crescita

totale in volume

Var.

% 2015/16

Outlook

What does the future hold for the fresh-fruit market

in Germany? Experts expect to see constant

growth up to 2016, when sales are projected to

reach 6 million tons, or a yearly growth rate of 2%

over the next 5 years. The factors underpinning

this view include household spending patterns over

the last three years and the effects of public health

campaigns.

Indeed, Germany has had, and has, a number of

advertising campaigns promoting the daily intake of

at least 5 portions of fruit and vegetables. So successful

has this advertising been with the public that

the food industry began adding nutritional information

on packaging in 2010, as well as devising specifi c

packaging units for the sale of small amounts of fruit

in order to stimulate purchases by households with

few members.

Projections also indicate that apple will remain the top

fruit at retail, its volume rising by 207 thousand tons,

up 14.5% compared to 2011.

Apple’s success will in large measure be due to

domestic production and the role the fruit plays in

national cuisine. Strawberry is expected to have the

highest yearly average growth rate at 3%, followed

by apple, sweet cherry and rebounding banana at a

2.7% rate.

(English version by David Verzoni)

12 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Var. % 2011-16 CAGR

- Compound annual

growth rate /

Var. % 2011-16 CAGR

- Tasso di crescita

annuale composto

Var.

% 2011/16

Apple / Mele 2,6 2,7 14,5

Banana / Banane 2,6 2,7 14,3

Cherry / Ciliegie 2,7 2,7 14,4

Cranberry/Blueberry / Mirtillo rosso/Mirtili 1,1 1,2 5,9

Grapefruit/Pomelo / Pompelmi/Pomelo 1,1 1,5 7,6

Grape / Uva 0,4 1,2 6,3

Lemon and Lime /Limoni e Lime 1,0 1,6 8,3

Orange, Tangerine and Mandarin / Arance

Clementine e Mandarini

2,4 2,4 12,3

Peach/Nectarine / Pesche/Nettarine 2,7 2,6 13,6

Pear/Quince /Pere/Cotogne 1,6 2,2 11,7

Pineapple / Ananas 0,6 1,4 7,0

Plum/Sloe /Susine/Prugnole 1,1 1,5 7,7

Strawberry / Fragole 2,7 2,9 15,2

Other Fruit / Altra Frutte 3 2,3 12,2

Total Fruit / Totale Frutta 2,4 2,4 12,8

Source: Euromonitor data reworked by Nomisma / Fonte: elaborazioni Nomisma su dati Euromonitor

The campaign recommending fi ve portions

of fruit and vegetables a day has been

a big success among German consumers.

La raccomandazione di consumare almeno

cinque porzioni di frutta e verdura al giorno

che ha avuto un gran riscontro nei consumatori

tedeschi.

Le prospettive

Quali sono le prospettive di mercato per la frutta fresca

in Germania? Il consumo di frutta è previsto in crescita

costante fi no al 2016, dove le vendite di frutta dovrebbero

toccare i 6 milioni di tonnellate, registrando una

crescita media annuo del 2% per i prossimi cinque anni.

I fattori che confermano tale pattern, sono riconducibili

certamente alle attuali tendenze registrate nelle abitudini

di consumo delle famiglie tedesche negli ultimi tre anni,

all’esito delle campagne promozionali di salute pubblica.

Anche in Germania vi sono numerosi programmi di

promozione del consumo giornaliero di almeno cinque

porzioni di frutta e verdura che hanno avuto gran riscontro

presso i consumatori tanto che l’industria alimentare

ha iniziato a febbraio 2012 ad inserire le informazioni

nutrizionali sulle confezioni, nonché la realizzazione di

packaging specifi ci per la vendita di piccole quantità di

frutta, che hanno favorito l’acquisto dei consumatori di

piccoli nuclei familiari.

Le previsioni delle vendite segnalano che saranno le

mele a registrare, in termini assoluti, la crescita maggiore

(+207mila tonnellate in cinque anni, +14,5% rispetto

al 2011). I fattori di successo delle mele sono la produzione

interna e il ruolo che questo frutto ha nella cucina

nazionale. Le fragole sono il frutto per cui è stimata la

crescita media annua più signifi cativa (+3%), seguite

dalle mele, per l’appunto, dalle ciliegie e dalla ripresa

delle banane (+2,7% mediamente ogni anno).


market/organics retail

mercato/biologico, vendita al dettaglio

Dennree, with wholesale receipts up 12.8% in 2011, spent €420 million on 15 new outlets in 2012.

Dennree (+12,8% di vendite all’ingrosso nel 2011) per 420 milioni ha aperto 15 nuovi negozi nel 2012.

Organics, growth in big retail

Biologico, supermercati

e catene crescono

Roberto Pinton

The number of retail outlets is growing in Italy, Europe and, especially, in Germany.

From foods to wellness, it’s a crisis-proof market that creates jobs

Si moltiplicano i punti vendita in Europa, soprattutto in Germania, ma anche in Italia.

Dall’alimentazione al salutistico, è un mercato che non conosce crisi e crea occupazione

Frankfurt and Tubingen in December, Stuttgart

and Hamburg in January, Berlin in February

are just the latest organic supermarket openings by

Germany’s industry leader Alnatura, which now has

more than 70 outlets in 40 cities with a combined fl oor

space approaching 45 thousand square metres and

1,810 employees, 150 being new hirings.

14 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Adicembre a Francoforte e Tubinga, a gennaio a

Stoccarda e Amburgo, a febbraio a Berlino: continuano

le aperture di supermercati biologici del leader

del mercato tedesco Alnatura, che ormai superano

le 70 unità in 40 città e si avvicinano ai 45mila mq di

superfi cie di vendita, con 1.810 addetti (150 di nuova

assunzione).


Alnatura, Germany’s market leader

Established in 1984 by Götz E. Rehn, who’s still the

CEO, Alnatura reported a turnover last September

of €516 million, up 11% on the year, a rise that not

only tops the growth rate of the food industry as a

whole but is also above the 10% average posted

by the organic trade alone, a performance making

Alnatura one of the top thirty companies in

Germany’s highly competitive retail business.

Half of these receipts come from its wholly owned

Super Natur Markts and the other half from wholesale

operations with the chains dm-Drogeriemärkten

and Tegut (a joint effort dating back to 1986),

Budni, Hit, Globus, Cactus and AEZ, a network currently

made up of 3,325 outlets in 14 Lander.

Alnatura’s industry expertise convinced Migros,

the Swiss retail giant with 550 outlets, 2011 sales

of €17.5 billion, including €360 million of organics

alone, a fi gure placing it right behind Coop

with a 27% market share, to tap it as its partner

in the opening of the fi rst organics supermarket in

Switzerland. The new outlet stocks some 600 items

of the Migros Bio line (at the same price as in its

traditional outlets), 800 of Alnatura’s 1,060 items

and nearly 3 thousand name brands, the overall

price range running from list to premium.

If everything goes as planned with the pilot outlet,

Alnatura, leader del mercato tedesco

L’azienda di distribuzione fondata nel 1984 da Götz

E. Rehn, tuttora amministratore delegato, nel settembre

scorso ha presentato un bilancio da 516 milioni

di euro, in crescita dell’11%, non solo più del tasso di

sviluppo del mercato alimentare in genere, ma anche

sopra a quello medio del 10% registrato dal segmento

biologico, piazzandosi tra le prime trenta imprese

del competitivo retail tedesco.

Metà del fatturato deriva dai propri Super Natur

Markt, l’altra metà dall’attività di distribuzione alle

catene dm-Drogeriemärkten e Tegut (con cui la collaborazione

risale al 1986), Budni, Hit, Globus, Cactus

e AEZ, una rete costituita da 3.325 punti vendita in

14 Lander.

Il know how di Alnatura ha portato Migros, maggior

retailer elvetico (550 punti vendita, vendite 2011 per

17,5 miliardi di euro, 360 milioni dei quali da prodotti

biologici, che lo collocano alle spalle di Coop con un

27% di quota di mercato) a sceglierlo come partner

per l’apertura del primo supermercato interamente

biologico in Svizzera, il cui assortimento comprende

circa 600 referenze della linea Migros Bio (allo stesso

prezzo della rete tradizionale), 800 delle 1.060 referenze

a marchio Alnatura e circa 3mila a marchio del produttore,

dalla fascia di primo prezzo a quella premium.


market/organics retail

mercato/biologico, vendita al dettaglio

Figure 1 –

Figura 1 –

Billion Euros

20,0

15,0

10,0

5,0

0,0

10,8

10,0

2004

Source: FiBL/Ifoam

Fonte: FiBL/Ifoam

11,2

12,1

13,5

12,3

Turnover Europe

14,3

15,3

15,9

17,0

Turnover European Union

Jörg Blunschi, CEO of Migros Zurich, said the company

would open fi ve more in Zurich.

Alnatura’s major rival in Germany is also on the

move. Established in 1974, Dennree today has 1,300

employees and 11 thousand organic food items in the

catalogue it sends to 1,500 customers in Germany,

Austria, Luxembourg and South Tyrol. Having closed

the books on 2011 with wholesale receipts of €420

16 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

18,2 19,7

18,2

17,0

2005 2006 2007 2008 2009 2010

Se i risultati del pilota saranno positivi, Jörg Blunschi,

amministratore delegato di Migros Zurich, ha già

annunciato di prevedere altre cinque aperture a

Zurigo.

Non riposa nemmeno il maggior competitor Dennree

(fondato nel 1974, 1.300 collaboratori, 11mila referenze

biologiche a catalogo fornite a 1.500 clienti

in Germania, Austria, Lussemburgo e Alto Adige).

Archiviato il 2011 con vendite all’ingrosso per 420

milioni (+12,8%), cui si aggiunge il fatturato generato in

116 punti vendita a insegna denn’s bio, ha proceduto

a 15 nuove aperture nel 2012, per oltre 7mila mq.

Le novità in Italia

Interessanti novità si registrano anche sul mercato

italiano.

Ecor NaturaSì, il principale player nazionale, nel

corso del 2012 ha tagliato il nastro di dieci nuovi

punti vendita, trasferendo o rinnovandone altri 4

(nel 2011 ne aveva aperti 8 e ristrutturati 5). Non è

possibile localizzare il centesimo negozio, inaugurato

nell’ottobre scorso: nello stesso giorno ne sono stati

aperti due, uno a Milano (l’ottavo della città, con altri

quattro nell’hinterland) e l’altro a Lecce, a mille km di

distanza.

Parte dei punti vendita è a gestione diretta, parte in

franchising, così come i due ristoranti (uno a Verona,

eat what you want a 15 euro a pranzo, a 18 a cena

e nei festivi, l’altro a Milano), a cui si aggiungono una

macelleria biologica e due negozi a Madrid.

Il fatturato complessivo aziendale (distribuzione all’ingrosso

e retail) del 2011 è stato di 194 milioni, con

TAB 1 - PROFILE OF ITALY’S ORGANICS

TAB 1 - IL BIOLOGICO ITALIANO IN SINTESI

2009 2010 2011

Current acreage (ha) / Superfi cie già bio (ha) 735.327 821.921 837.107

Acreage in convers. (ha) / Superfi cie in convers. (ha) 371.357 291.821 259.782

Total acreage / Superfi cie totale 1.106.684 1.113.742 1.096.889

Farmer / Agricoltori 43.230 41.807 41.811

Avg ha per farm / Media ettari per azienda 25,6 26:06:00 26:02:00

Processor / Trasformatori 5.223 5.592 6.165

Importer / Importatori 53 44 63

Total business operators / Totale operatori 48.509 47.663 48.269

Big chain sales / Vendite gdo 450 mil 500 mil 545 mil

Specialised sales / Vendite specializzato 700 mil 800 mil 895 mil

Food service / Ristorazione 200 mil 250 mil 280 mil

Other sales / Altre vendite 200 mil 250 mil 280 mil

Total domestic sales / Totale vendite domestiche 1.550 mil 1.800 mil 2.000 mil

Export / Export 1.000 mil 1.050 mil 1.135 mil

Total sales (mil euro ) / Vendite totali (mil euro ) 2.550 mil 2.850 mil 3.135 mil

Source: Sinab, Ismea and own data reworked by AssoBio

Fonte: rielaborazione AssoBio da dati Sinab, Ismea e propri


million, up 12.8% on the year, to which is to be added

the turnover at its 116 denn’s bio outlets, Dennree

opened 15 new outlets in 2012 with a total fl oor space

of more than 7 thousand sq metres.

What’s new in Italy

Italy’s market is also showing signs of growth.

Ecor NaturaSì, the country’s major player, cut the

ribbon at ten new outlets in 2012 while transfer ring

or renovating another 4 (it had opened 8 and renovated

5 in 2011). It’s not possible to tell which one

was no. 100 since on the same day last October

it opened one in Milan (the eighth in the city, with

another four in the province) and one at Lecce, a

thousand kilometres away.

Part of its outlets are under direct management and

the others are franchising operations, like the eat

what you want restaurants in Verona and Milan with

their €15 lunch and €18 dinner menus, including

holidays). Then too there is an organic slaughterhouse

and two butcher shops in Madrid.

Its overall 2011 turnover, including wholesale and

retail operations, was €194 million, whereas fi rsthalf

earnings were up 5% 2012.

A plus-sign in growth was also posted by its closest

rival Ki Group. Set up in the early 1970s, it continues

to focus on wholesale operations and ended

the year with a dynamic fl ourish having merged with

BioEra, a group listed on the Milan Stock Exchange

since 2011.

When the latter recently bought a stake in Essere

Benessere, which has 70 chemists in franchising,

6 non-prescription chemists, 28 corners in hypermarket,

68 City Stores, all on the US drugstore

model, and expected 2012 pre-tax earnings of €125

million, Ki Group became the chain’s main organic

food supplier for at least the next three years. It will

also handle wholesaling of a list of items for Quid

Novi Pharma’s 9 thousand chemists in Italy.

Nor is that the end of the story. Late in the year

BioEra acquired 100% of the Bionature chain’s 5

outlets in northern Italy and one opening in Rome

Province. Unconfi rmed rumours describe the buyout

as the fi rst step in a much bigger retail plan that

could lead to 25 outlets over the next three years.

Other industry rumours, which have been neither

denied nor confi rmed, that a deal calling for some

50 organic outlets in franchising over the next three

years is being worked out between BioEra and

Almaverde Bio, the consortium that manages the

umbrella organic trademark for twelve companies,

including Ca’ Nova (Apofruit Group), Fruttagel and

Besana.

(English version by David Verzoni)

una crescita del 5% nei primi sei mesi del 2012.

In crescita anche il follower Ki Group, fondato nei

primi anni ’70 e fi nora concentrato sull’attività di

distribuzione all’ingrosso; entrato a far parte del gruppo

BioEra, quotato alla Borsa di Milano dal 2011, ha

visto un fi nale d’anno estremamente dinamico.

Grazie all’entrata della capogruppo nel capitale sociale

di Essere Benessere (70 farmacie in franchising,

6 parafarmacie, 28 corner in ipermercati e 68 City

Stores, ispirati ai drugstore statunitensi, previsioni di

bilancio 2012 a 125 milioni), Ki Group è diventato il

fornitore di alimenti biologici di riferimento per almeno

un triennio dei punti vendita del gruppo. Distribuirà

inoltre una selezione di referenze attraverso la rete

Quid Novi Pharma (9mila farmacie in Italia).

Le novità non si limitano al settore salutistico: a fi ne

anno BioEra ha acquistato il 100% della catena

Bionature (5 negozi in Nord Italia, un sesto in apertura

in un centro commerciale dell’hinterland di Roma).

Alnatura is one of Germany’s top thirty retailers.

Alnatura è tra le prime trenta imprese del competitivo

retail tedesco.

Voci non confermate descrivono l’iniziativa come

primo passo di un progetto nel retail di vasto respiro,

che potrebbe prevedere l’ampiamento della rete a 25

pdv nell’arco di un triennio.

Altri rumours di mercato, che gli interessati non

confermano né smentiscono, danno per concluso

un accordo per la promozione di una rete di circa

50 punti vendita biologici in franchising in tre anni

tra BioEra e Almaverde Bio, società consortile che

gestisce il marchio biologico ombrello per dodici

aziende, tra cui Ca’ Nova (Gruppo Apofruit) Fruttagel

e Besana.

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

17

market/organics retail

mercato/biologico, vendita al dettaglio


market/purchasing trend

mercato/tendenze di acquisto

Reboot consumer spending, a must

for the EU produce industry

Rilancio dei consumi, priorità

per l’ortofrutta europea

Fabio Lunati - Nomisma

As much economic crisis as quality-price ratio, supply, ease of use, healthhygiene

guarantees, all factor in when purchasing fresh produce

Non solo la crisi economica, ma anche rapporto qualità-prezzo, reperibilità, facilità

d’uso, garanzie igienico-sanitarie incidono sull’acquisto dei prodotti ortofrutticoli freschi

Any number of surveys show that fruit and vegetables

are staple items in European households.

One of the latest, a 2010 TNS comparative

poll correlating dietary regime and health in

Germany, France, the UK, Italy, Holland and Spain,

once again supports the widespread consumption

of fruit and vegetables among consumers in all

these countries. The survey involved nearly 6,600

persons over 18 and reports that the rate of interviewees

in each country who said they ate vegetables

every day is high, ranging from 68% in France

to 40% in Germany. A statistically similar rate,

ranging from a high of 74% in Italy to a low of 48%

in Germany, was found for fruit (table 1).

Why the decline

Analysts see consumer-spending levels for produce

as still below market potential in many EU

countries. The amount of produce sold is lower

than the WHO daily recommended average per

18 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Molteplici sono le indagini che mettono in luce

il radicamento generalizzato del consumo di

frutta e ortaggi nelle famiglie europee. Una delle più

recenti analisi a carattere comparativo (il confronto è

stato fatto tra sei Paesi comunitari: Germania, Francia,

Regno Unito, Italia, Olanda e Spagna) sulla correlazione

tra alimentazione e salute ha confermato la larga

diffusione del consumo di frutta e ortaggi in tutti i Paesi

(Tns 2010). Il monitoraggio ha coinvolto un campione

complessivo di circa 6.600 persone maggiori di

18 anni e ha dimostrato come in ciascuno dei Paesi

esaminati la percentuale di intervistati che dichiara un

consumo giornaliero di ortaggi sia alta. In dettaglio, si

passa dal 68% della Francia al 40% della Germania.

Con la stessa frequenza, la frutta fresca viene invece

acquistata soprattutto da italiani (74%) e meno di tutti

dai tedeschi (48%) (tabella 1).

Le ragioni del calo

In molti Paesi della Ue il livello dei consumi è conside-

TAB. 1 - CONSUMER SURVEY OF FRUIT AND VEGETABLES IN SIX EU COUNTRIES

TAB 1 - INDAGINE SU CONSUMO DI FRUTTA E ORTAGGI IN SEI PAESI COMUNITARI

Vegetables/Ortaggi Fruit/Frutta

State/Frequency

Paesi/Frequenza

Once a day

1 volta al giorno

Once a week

1 volta a settimana

Less frequently

Più rararemente

Once a day

1 volta al giorno

Once a week

1 volta a settimana

Less frequently

Più rararemente

France/Francia 68,0% 30,0% 2,0% 61,0% 31,0% 8,0%

Germany/Germania 40,0% 54,0% 6,0% 48,0% 43,0% 9,0%

Italy/Italia 64,0% 32,0% 4,0% 74,0% 23,0% 3,0%

Spain/Spagna 59,0% 36,0% 5,0% 65,0% 28,0% 8,0%

Holland/Olanda 56,0% 43,0% 1,0% 54,0% 37,0% 9,0%

UK/Regno Unito 64,0% 33,0% 3,0% 61,0% 31,0% 8,0%

Source: Tsn Infratest 2010/ Fonte: Tsn Infratest 2010


capita: 400 g of fruit and vegetables. This is why

specifi c programmes were enacted beginning in the

2009/2010 school year to promote to children and

adolescents a dietary model focused on fruit and

vegetables. The idea is that if you can get people

into the habit of eating produce early in life they will

continue to do so as adults.

While it will take some time to see the results, the

initial feedback from the marketplace is anything

but encouraging. Recent EU-wide surveys show

that sales of produce fell 10-3% in 2010 compared

to the 2005-2010 average (Freshfel, 2011).

This is why it’s important to pinpoint the reasons

behind spending on fruit and vegetables in an effort

to see if they can explain this decline. And the list

of variables is a long one. The potential factors

involved range from environmental, climate, to the

social, school and work, cultural, say dietary traditions,

personal tastes, greater or lesser awareness

of the need for adopting healthy dietary habits, and

age, whether teens, adults or the elderly. Then too

the recent outbreak of Escherichia coli in Germany

underscores that food safety is an important factor

in the mid-to-long-term demand pattern of the

marketplace.

Price

It’s obvious that the loss of purchasing power by

EU households and the concomitant rise in produce

retail prices can adversely affect consumption

levels, a situation that in turn becomes an

obstacle to growth.

It seems, however, that the factor linked to price

TAB. 2 - PRODUCE SALES IN ITALY, 2010-2011 (FRESH FRUIT &

VEGETABLES (+ FROZEN VEG.) - ACQUISTI DI PRODOTTI

ORTOFRUTTICOLI IN ITALIA NEL BIENNIO 2010-2011 (FRUTTA E

ORTAGGI FRESCHI + SURGELATI)

2010 2011 var %

Volume (t)

Volumi (t)

8.481.373 8.395.973 -1

Value (€ million)

Valore (milioni di Euro)

13.376,60 13.405,60 0,21

Purchasing household (million)

Famiglie acquirenti (milioni)

23,847 24,218 1,6

Average purchase (kg)

Acquisto medio (kg)

355,99 346,7 -2,61

Average bill (€ )

Spesa media (Euro)

589,11 582,43 -1,13

Source: Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane (Macfrut)

Fonte: Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane (Macfrut)

Survey data indicate that only 54% of respondents in Italy

are fully satisfi ed with the quality of service offered by produce

retailers, a rate among the lowest in the EU.

Da un’indagine risulta che in Italia solo il 54% degli intervistati

ha manifestato una piena soddisfazione per la qualità del servizio

offerto dal venditore. È una delle percentuali più basse di tutta l’Ue.

rato ancora insoddisfacente rispetto alle potenzialità di

questa categoria di prodotti. La quantità consumata è

inferiore a quella media consigliata dall’Organizzazione

mondiale della sanità (Oms): 400 g di frutta e verdura

al giorno per persona. Per questo motivo, dall’anno

scolastico 2009/2010 sono stati avviati specifi ci programmi

per gli alunni delle scuole per promuovere,

tra i bambini e gli adolescenti, un modello di consumo

alimentare imperniato su frutta e verdura. L’idea è che

le persone che si abituano a mangiare questi alimenti

in tenera età lo faranno anche da adulti.

Si vedranno nel lungo periodo i risultati, ma i segnali

che ora provengono dal mercato sono poco rassicuranti:

recenti analisi condotte a livello comunitario

(Freshfel, 2011) hanno rilevato come nel 2010 il consumo

di ortofrutta sia calato del 10,3% rispetto alla

media degli anni 2005-2010.

È perciò importante cercare di isolare i motivi che concorrono

a infl uenzare il consumo di frutta e verdura per

verifi care se possono spiegare il fenomeno complessivo.

L’elenco delle variabili è lungo. I condizionamenti

possono essere ambientali (clima), sociali (istruzione,

lavoro) e culturali (tradizioni alimentari), il gusto degli

individui, la maggiore o minore sensibilità verso l’adozione

di sane abitudini alimentari e l’età (adolescenti,

adulti e anziani). Inoltre, il caso dell’escherichia coli,

ha confermato come anche la sicurezza del prodotto

costituisca un elemento importante nel condizionare

l’andamento del mercato nel medio-lungo periodo.

Il prezzo

È chiaro che la riduzione dei redditi reali delle famiglie

europee, accompagnata alla crescita dei prezzi al

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

19

market/purchasing trend

mercato/tendenze di acquisto


market/purchasing trend

mercato/tendenze di acquisto

Germany: consumers wary of spending

Germania: i consumi tardano a riprendersi

The extent to which food safety can

infl uence purchases once again came

to the fore in a virulent rush in the 2011

Escherichia coli out break there. As has

occurred in the past with the BSE, or

mad cow, emergency over tainted beef,

the EU’s fresh produce industry went

into veritable shock when the news

spread.

The shock waves of panic that rippled

through the 27-member Union on

a tide of confusing information about

the actual risks involved in consuming

vegetables like cucumber, tomato and

lettuce soon turned into a factor that

dampened sales and consumption of

these items for several months. The

ensuing negative fallout hit the sales

of fresh produce hardest in Germany,

the leading importer of produce from

the Mediterranean area and the country

most directly affected by the outbreak.

Indeed, the numbers posted by the

country for consumer spending on produce

evince the extent of the adverse

impact.

In the minds of German consumers

vegetables are the very embodiment of

healthy food and in this case triggered

a shying away from their purchase even

though the E. coli threat was easier to

manage than that of BSE. Originally

20 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

believed to be the pathogen’s vector,

cucumber and other vegetables

thought to be at risk became the focal

point of suspicion, and the fl agging

sales fi gures posted at the end of 2011

indicated the demand for produce in

Germany had yet to recoup the position

they occupied before the outbreak.

Of particular note here is the chronic

weakness of consumer demand. In

effect, summer 2011 saw spending

stagnation even for fruit. More important

in the negative column, however,

is the fact that in the year’s last quarter

vegetable sales failed to gain ground

even though average prices were well

below those of 2010. By late 2011 fruit

and vegetables were the only items of

overall retail groceries in Germany that

posted a net loss, being down 2.6%

against the 6.2% rise on the year. The

monthly produce sales trend of German

households is shown in fi gure 2. (DV)

In che misura la sicurezza del prodotto

infl uenzi le scelte d’acquisto è emersa di

nuovo con particolare virulenza a seguito

dello scoppio, nell’estate del 2011,

dell’epidemia di Escherichia coli. Come

avvenuto in passato per l’emergenza alimentare

delle carni bovine (encefalopatia

spongiforme bovina - Bse), il commercio

comunitario di ortofrutta fresca ha subito

It’s not only price that can be a constraint on purchases. The available supply of

a given fruit and vegetable variety displayed in an appealing fashion and stocked

regularly can also be a positive infl uence on consumer preference.

Non solo il prezzo può essere una potenziale remora all’acquisto. La disponibilità di una

varietà di frutta e verdura proposta in forma attraente e con continuità può infl uenzarne

positivamente il consumo

un vero e proprio shock commerciale

dovuto a questa situazione.

La reazione al panico ingenerato nella

Ue-27 dal sovrapporsi di informazioni

confuse sui rischi legati al consumo di

ortaggi (cetrioli, pomodori e insalate) si

è trasformato in un fattore che ha rappresentato

per alcuni mesi un ostacolo

all’acquisto e al consumo di questa categoria

di prodotti. Le conseguenze negative

della situazione descritta hanno trovato

riscontro nell’andamento delle vendite di

frutta e ortaggi freschi in Germania, il

principale Paese di destinazione dell’offerta

di origine mediterranea, e quello

maggiormente coinvolto nella crisi. I dati

di consumo di frutta e ortaggi freschi di

questo Paese dimostrano le dimensioni

del danno subito.

Gli ortaggi, che sono nell’immaginario del

consumatore tedesco un alimento salubre

per eccellenza, hanno fatto da detonatore

a comportamenti di disaffezione verso il

prodotto, anche se l’E-coli è stata una

minaccia più gestibile della Bse. Il cetriolo

(ritenuto all’inizio il vettore della malattia)

e gli altri prodotti ritenuti a rischio sono

comunque fi niti al centro dei sospetti e

le aride cifre di vendita dicono che in

Germania, a fi ne 2011, la domanda di

ortofrutta non aveva ancora recuperato

le posizioni detenute prima dello scoppio

della crisi.

In particolare, colpisce la debolezza cronica

della domanda. L’estate 2011 ha visto

la stagnazione degli acquisti di frutta, ma

l’aspetto più negativo è legato al fatto che

negli ultimi mesi dell’anno, con il prezzo

medio delle verdure largamente sotto

a quello del 2010, le vendite non sono

comunque decollate. A fi ne 2011 frutta

e ortaggi sono stati, tra tutti i prodotti

di largo consumo acquistati presso la

rete commerciale al dettaglio tedesca,

gli unici che, per vendite complessive in

valore, hanno fatto registrare una variazione

negativa (-2,6%, contro +6,2% nel

2010). L’andamento mensile delle variazioni

del valore degli acquisti delle famigli

tedesche è riportato nella fi gura 2.


trends can be discounted. In effect, a relatively

long-term market survey by Food tracked retail

food and produce price curves over the last years,

using 2005 as the base year of 100, and found that

the price upswing for groceries as a whole was

greater than that for fruit alone. Yet, given the current

recession, it worthwhile noting that vegetable

retail prices in the EU dipped below those for groceries

and for fruit (fi gure 1).

Extra services

The price factor may thus be a caution light

when shopping but it’s not the driver conditioning

consumption in an abstract comparison against

other food items. Supply availability is, instead, an

important factor here: a fruit or vegetable variety

that’s displayed attractively and of steady supply

can in effect positively infl uence purchase choice.

In contrast, a lack of supply, or one limited, say,

by narrow assortment of poor quality or displayed

unappealingly, puts a potential constraint on purchase

choice.

A 2009 Ipsos market survey conducted on behalf

of the EU’s Executive Agency for Health and

Consumers polled Union consumers about their

views on the way fresh produce is sold at retail. It

found that an average seven out of ten shoppers

are satisfi ed with their retailers of fruit and vegeta-

dettaglio dei prodotti ortofrutticoli, può infl uire negativamente

sui livelli di consumo di frutta e verdura divenendo,

di fatto, un ostacolo alla crescita.

Il fattore legato all’andamento dei prezzi sembrerebbe

però da scartare. Infatti, l’analisi condotta nel

lungo periodo sulle variazioni dell’indice dei prezzi al

consumo dei prodotti ortofrutticoli e alimentari (Food)

mette in luce che la dinamica dei prezzi al dettaglio

dei prodotti alimentari è stata superiore a quella della

frutta (non a quella degli ortaggi) nel corso degli ultimi

tre anni (anno base 2005 = 100). Tuttavia, per quanto

riguarda la congiuntura vale la pena di rilevare come

nel corso della seconda metà del 2011 anche le variazioni

dei prezzi al consumo degli ortaggi in Europa

siano scese al di sotto sia di quelle degli alimentari, sia

di quelle della frutta stessa (fi gura 1).

I servizi accessori

L’aspetto prezzo può dunque costituire una remora

all’acquisto, ma non è il “driver” che condiziona i

consumi in un ipotetico confronto con altri prodotti

alimentari. La disponibilità, invece, è un fattore importante:

una varietà di frutta o verdura proposta in

forma attraente con continuità può, infatti, infl uenzarne

positivamente il consumo. In particolare, la mancanza

o l’offerta limitata (ridotta come gamma e di scarsa

qualità o presentata in modo inadatto) è una potenziale

remora all’acquisto.

market/purchasing trend

mercato/tendenze di acquisto


market/purchasing trend

mercato/tendenze di acquisto

Figure 1 – Monthly index trend of retail grocery & produce prices in 27-member EU (base year 2005=100)

Figura 1 – Andamento dell’indice mensile dei prezzi al consumo di alimentari, frutta e ortaggi nell’Ue-27 (anno base 2005=100)

130,00

120,00

110,00

100,00

90,00

80,00

2005M07

2005M08

2005M09

2005M10

2005M11

2005M12

2009M01

2009M02

2009M03

2009M04

2009M05

2009M06

2009M07

2009M08

2009M09

2009M10

2009M11

2009M12

2010M01

2010M02

2010M03

2010M04

2010M05

2010M06

2010M07

2010M08

2010M09

2010M10

2010M11

2010M12

2011M01

2011M02

2011M03

2011M04

2011M05

2011M06

2011M07

2011M08

2010M09

2011M10

2011M11

2011M12

Fruit/Frutta Food/Alimentari Vegetables/Ortaggi

Source: Eurostat data reworked by author – Food Supply Chain (price index)

Fonte: elaborazioni su dati Eurostat – Food Supply Chain (indice dei prezzi)

bles. Indeed, for those who purchase produce at

local market stalls or greengrocers’ the rate rises

to a more satisfi ed 78% compared to those who

shop for the same items elsewhere, with the big

supermarket chains posting only a 59% rate of

satisfaction.

Yet there are notable differences between individual

EU member states. For example, a country like

France with a long produce-purchasing tradition

scored only 56% and big importers like Denmark

and Sweden respectively posted 57% and 59%.

The best approach here is to contextualise the

survey’s numbers in a national frame work, so we’ll

take a closer look using Italy as our benchmark.

The Italian garden

The rate of Italy’s consumers saying they were

satisfi ed with the service offered by their produce

retailers was 54%, one of the lowest scores in the

EU. Spending on produce, including frozen vegetables,

thus continues to fl ag. The country’s households

spent €13.4 billion on groceries in 2011. A

comparison against shows a slight dip in volume

of 1% and a slighter rise of 0.21% in sales (source:

Osservatorio Macfrut).

Other reasons that may help to explain the phenomenon

include the amount of time one can spend in

22 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Una recente indagine (Ipsos 2009), condotta per conto

della Dg Sanco, sulla soddisfazione dei consumatori

riguardo alle modalità di vendita al dettaglio dell’ortofrutta

fresca, ha rilevato che in media sette consumatori

europei su dieci sono soddisfatti del loro rivenditore

quando si tratta di acquistare frutta e verdura fresca.

Coloro che l’acquistano nei mercati di strada o nei

negozi aziendali sembrano essere più soddisfatti (78%)

di quelli che comprano questi prodotti attraverso altri

canali di distribuzione, in particolare la gdo (59%).

Tuttavia, esistono differenze tra i singoli Stati membri

della Ue e, tra quelli meno soddisfatti, vi sono sia Paesi

di lunga tradizione frutticola come la Francia (56%),

sia forti importatori come Danimarca (57%) e Svezia

(59%). Per questo motivo conviene contestualizzare il

dato europeo a livello nazionale, concentrando l’analisi

sull’Italia.

La situazione nel Belpaese

In Italia la quota d’intervistati che ha manifestato una

piena soddisfazione per la qualità del servizio offerto

dal venditore è stata del 54% cioè uno dei valori più

bassi di tutta l’Ue: solo otto Paesi hanno fatto registrare

un punteggio più basso. Il consumo di ortofrutta

(ortaggi surgelati compresi) in Italia continua ristagnare.

Nel 2011 la spesa delle famiglie è stata di 13,4

miliardi di euro. Rispetto al 2010, il 2011 ha segnato


market/purchasing trend

mercato/tendenze di acquisto

Figure 2 – Germany: monthly household spending variation for fresh fruit & vegetables ( % variation over same period of preceding year)

Figura 2 – Germania: variazione mensile degli acquisti di frutta e ortaggi freschi delle famiglie (variazione % sullo stesso periodo dell’anno precedente)

25%

20%

15%

10%

5%

0%

-5%

-10%

-15%

-20%

06%

-07%

08%

-02%

04%

02%

01%

04%

09%

-06%

Source: Gfk data reworked by author – Consumer Index / Fonte: elaborazioni su dati Gfk – Consumer Index

the kitchen (frozen foods are a solid sector), shops

close to hand and ease of preparation and cooking,

prepared foods and so on being examples here.

The time factor involved in eating fruit and vegetables,

however, is complex variable since it depends

on the dietary habits in each country. Responses

from some countries indicate that fruit, unlike vegetables,

is often considered easy to eat. Generally

speaking, irregular work hour and a hectic lifestyle

are seen as impediments for vegetables.

Conclusions

The overall EU market is too large and variegated

even to think about undertaking a detailed comparative

analysis of consumer spending habits on

produce. Perhaps it’s better to acknowledge that

there is no one single driver capable of explaining

consumption trends. What is certain is that the fruit

and vegetable industry cannot rely solely on longterm

planning but must pursue a strategy that can

reboot consumer spending on these items in the

immediate future.

(English version by David Verzoni)

24 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

-09%

09%

-13%

19%

11%

-07% -07%

12% 12%

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Media

annua

-08%

-05%

10%

-06%

08%

-03%

Year/Anno 2011

Year/Anno 2010

06%

una leggera contrazione degli acquisti in volume, con

un calo dell’1% e un piccolo incremento della spesa

totale (+0,21%) (fonte: Osservatorio Macfrut).

Altre motivazioni che possono spiegare il fenomeno

sono il tempo a disposizione per la preparazione del

cibo (i surgelati sono un settore solido), la disponibilità

di negozi e la semplicità di preparazione e di cottura

del prodotto (IV gamma, ecc..).

I vincoli di tempo per mangiare frutta e verdura rappresentano

però un aspetto complesso infl uenzato

dalle abitudini alimentari di ogni Paese. Da alcuni provengono

indicazioni che la frutta è spesso considerata

un alimento facile da consumare, al contrario delle

verdure. In generale, orari di lavoro irregolari e l’intenso

stile di vita sono percepiti come ostacoli al consumo di

verdure fresche.

Conclusioni

Per un’analisi comparata il mercato della Ue si confi gura

come troppo ampio e variegato per potere pensare

di sviluppare compiutamente questo aspetto del consumo

di prodotti ortofrutticoli. Forse si deve prendere

atto che non esiste un unico driver in grado di spiegare

l’andamento dei consumi. Di certo frutta e ortaggi non

possono puntare solo sul lungo periodo, ma anche su

azioni in grado di garantire un rilancio di questa categoria

di prodotti nell’immediato.


market/italian fi gures

mercato/statistiche italiane

Italian fruit: overall sales up,

citrus slides

Frutta italiana: positivo il saldo

Sale il defi cit per gli agrumi

Mario Schiano lo Moriello - Ismea

All fresh fruit exports rose more than 2%, although orange, small citrus and

lemon slid 14%

Aumentate di oltre il 2% le esportazioni di frutta fresca, mentre quelle di arance, piccoli

agrumi e limoni sono diminuite del 14%

The italian fi gures for the January-August 2012

balance of trade show an upswing for fruit and

citrus, with sales rising from €263 to €304 million,

up 16%. The biggest rise was garnered by fresh fruit

sales, which went from €896 to €963 million, up 7.5%.

26 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Idati relativi al periodo gennaio-agosto 2012, indicano

il miglioramento del saldo relativo agli scambi italiani di

frutta e agrumi, che è cresciuto da 263 a 304 milioni di

euro (+16%). In particolare è aumentato l’attivo relativo

alla frutta fresca che è cresciuto da 896 a 963 milioni di

euro (+7,5%). Contemporaneamente, si è ridotto il defi cit

relativo agli scambi di frutta in guscio (-7%) e quello relativo

a banane e frutta tropicale (-4%). Di contro, un contributo

negativo è venuto dagli scambi di agrumi il cui defi cit

è sprofondato da 34 a 93 milioni di euro.

Esportazioni

Nel periodo preso in esame, le esportazioni

di frutta e agrumi sono state

circa 1,9 milioni di tonnellate in aumento

di 0,7% rispetto allo stesso periodo

del 2011. Gli incassi sono ammontati a

1.622 milioni di euro (+0,1%). Tra i diversi

aggregati, è particolarmente positiva la

performance registrata dalla frutta, le cui spedizioni

in volume sono ammontate a circa 1,7

milioni di tonnellate e sono aumentate del 2,1%.

Stabili gli incassi della frutta fresca (1.410 milioni di

euro) a causa della fl essione dei prezzi medi (-2%).

Molto male le esportazioni di agrumi, le cui spedizioni

sono scese a 160mila tonnellate, con

una fl essione del 14% rispetto al periodo

gennaio-agosto 2011 e del 29% rispetto

allo stesso periodo del 2010. Gli incassi

The balance of trade in fresh fruit grew 7.5%

from January-August 2012.

Nel periodo gennaio-agosto 2012 l’attivo

della frutta fresca è cresciuto del 7,5%.


C’è frutta...

...E FRUTTA!

Bontà, freschezza, qualità sono valori irrinunciabili. Per questo Naturitalia produce e distribuisce ortofrutta italiana,

di stagione, sicura e rispettosa dell’ambiente valorizzando al meglio il lavoro delle aziende agricole associate e soddisfacendo

pienamente le esigenze del mercato e dei consumatori. NATURITALIA: BONTÀ ITALIANA

PIÙ SAPORE,

PIÙ FRESCHEZZA,

PIÙ QUALITÀ

Una linea speciale, che seleziona

soltanto le migliori varietà

di frutta, raccolte e confezionate

in tempi brevissimi,

per portare in tavola

ancora più sapore e più sicurezza.

Naturitalia soc. coop. agricola - Via Bruno Tosarelli 155 - 40055 Villanova di Castenaso (BO) Italia

Tel +39 051 781846 - Fax +39 051 781857 - E-mail info@naturit.it - www.naturit.it

®


market/italian fi gures

mercato/statistiche italiane

The trade defi cit declined 7% for nuts, and 4% for banana and

tropical fruit.

Il defi cit relativo agli scambi di frutta in guscio si è ridotto del 7%,

del 4% per banane e frutta tropicale.

At the same time, the defi cit in nuts and dried fruit

shrank to 7% and in that for tropical fruit to 4%. In

contrast, the trade defi cit for citrus climbed in red ink

from €34 to €93 million.

Exports

The data for the period show that fruit and citrus

exports totalled some 1.9 million tons, up 0.7% on

the year, with at €1.622 billion, up 0.1%.

A glance at the breakdown shows that fruit volumes

rose to nearly 1.7 million tons, up 2.1% on the year.

Receipts for fresh fruit hell steady at €1.41 billion

on a 2% dip in average prices.

The poorest showing was posted by citrus, its

exports declining to 160 thousand tons, down 14%

over the same period in 2011 and 29% compared

to that in 2010. Receipts also showed a downward

trend of 20% as prices slid 6%. This despite a good

start to the 2011/12 season. Indeed, clementine

exports had risen by 17% in December 2011 compared

to the year before.

The leading exports by volume up to August this

year have been apple, up 34%, kiwi, up 14%, nectarine,

up 10%, watermelon, up 9%, peach, up 5%,

table grape, up 7%, pear, up 5%, and orange, up

5%. Compared to 2011, shipments of kiwi were up

6%, of peach up 3%), of pear up 48% and of watermelon

up 5%. By contrast, orange was off 20%,

nectarine 6%, table grape 4% and apple 0.7%.

TAB. 1 - ITALY’S EXPORTS BY COMMOSITY (JAN-AUG 2012)

TAB. 1 - EXPORT DELL’ITALIA PER PRODOTTO (GEN-AGO 2012)

28 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

sono arrivati a 95 milioni di euro con una fl essione del

20% su base tendenziale. I prezzi sono diminuiti del 6%.

Eppure la campagna agrumicola 2011/12 era partita

bene: infatti, a dicembre 2011 le esportazioni di clementine

erano aumentate del 17% rispetto a dicembre

2010. Tra i principali prodotti esportati, nel periodo

gennaio-agosto, ci sono mele (34% delle esportazioni

complessive in volume), kiwi (14%), nettarine (10%),

angurie (9%), pesche (5%), uve (7%), pere (5%) e arance

(5%). Rispetto al 2011, sono cresciute le spedizioni

IN VOLUME

IN VALUE /

IN VALORE

AUP / VMU

Share /Quota Tons / Ton Var. % vs. 2011 “Share /Quota” .000 Euro Var. % vs. 2011 Euro /kg Var. % vs. 2011

Fruit & Citrus /Frutta ed agrumi 100% 1.904.824 0,7% 100% 1.622.271 0,1% 0,852 -0,6%

Apple / Mele 34% 642.447 -0,7% 29% 477.881 -3,6% 0,744 -2,9%

Kiwifruit / Kiwi 14% 257.305 5,5% 13% 209.050 -13,4% 0,812 -17,9%

Grapes / Uve da tavola 7% 137.849 -4,0% 11% 176.782 2,5% 1,282 6,8%

Nectarine /Nettarine 10% 187.395 -6,4% 9% 150.534 15,7% 0,803 23,6%

Peach / Pesche 5% 92.198 3,3% 5% 73.135 22,0% 0,793 18,1%

Pear / Pere 5% 92.832 47,8% 4% 71.551 -1,5% 0,771 -33,3%

Watermelon / Angurie 9% 169.750 16,0% 4% 57.624 30,0% 0,339 12,1%

Shelled Hazelnut /

Nocciole sgusciate

0,5% 8.935 49,4% 3% 54.741 72,8% 6,126 15,7%

Orange / Arance 5% 88.378 -20,1% 3% 52.181 -24,4% 0,590 -5,3%

Strawberry /Fragole 1% 18.120 8,0% 2% 40.264 0,2% 2,222 -7,3%

Other / Altro 11% 209.615 -20,1% 16% 258.528 -1,8% 1,233 5,8%


Figure 1 - Share breakdown of fruit exports by sales (jan-aug 2012)

Figura 1 - Composizione percentuale delle esportazioni di frutta in valore

(gen-ago 2012)

Tropical fruit / Frutta tropicale

2%

Citrus fruits /

Agrumi

6%

Nuts /

Frutta a guscio

7%

Fruit of temperate climate / Frutta di origine temperata

85%

Imports

The period’s imports show a dip of 4.3% by volume

and 2.9% drop in billings despite a 1.4% rise in average

prices. A good part of the reason resides in the

declines posted by fresh fruit (14%), nuts (14%) and

tropical fruit (6%). In contrast, the biggest rise was

the 21% of citrus, largely due to the concomitant

23% rise in billings because of the price increase.

Overall, fruit and citrus imports totalled nearly 1 million

270 thousand tons on billings of €1.318 billion.

The import leaders were banana, which accounted

for 33% by volume, orange at 11%, pineapple at

7%, lemon at 6%, pear at 5%, small citrus 4%,

strawberry at 3% and shelled almond at 2%.

Compared to last year, imports of banana were off

Figure 2 - Share breakdown of fruit imports by sales (jan-aug 2012)

Figura 2 - Composizione percentuale delle importazioni di frutta in valore

(gen-ago 2012)

Tropical fruit /

Frutta tropicale

26%

Fruit of temperate climate /

Frutta di origine temperata

31%

Citrus fruits / Agrumi

14%

Nuts / Frutta a guscio

29%

di kiwi (+6%), pesche (+3%), pere (48%) e angurie (5%).

Di contro, le principali fl essioni delle spedizioni sono

state registrate da arance (-20%), nettarine (-6%), uve

(-4%) e mele (-0,7%).

Importazioni

Per quanto concerne le importazioni, nel periodo in

esame si è registrata una fl essione sia delle quantità

importate (-4,3%), sia del relativo esborso (-2,9%), a

fronte di prezzi medi in aumento dell’1,4%. A tale risultato

ha contribuito la fl essione delle importazioni dei

principali aggregati: frutta fresca (-14%), frutta in guscio

(-14%) e frutta tropicale (-6%). Di contro, le importazioni

di agrumi sono cresciute del 21% e la relativa spesa del

23% a causa del concomitante aumento dei prezzi.

TAB. 2 – ITALY’S IMPORTS BY COMMODITY (JAN-AUG 2012)

TAB. 2 – IMPORT DELL’ITALIA PER PRODOTTO (GEN-AGO 2012)

IN VOLUME

IN VALUE /

IN VALORE

AUP / VMU

Share /Quota Tons / Ton Var. % vs. 2011 “Share /Quota” .000 Euro Var. % vs. 2011 Euro /kg Var. % vs. 2011

Fruits & Citrus / Frutta ed

agrumi

100% 1.268.714 -4,3% 100% 1.317.841 -2,9% 1,039 1,4%

Bananas / Banane 33% 414.402 -6,7% 19% 248.847 -9,7% 0,600 -3,1%

Shelled almonds / Mandorle

sgusciate

2% 20.843 6,5% 6% 83.386 16,5% 4,001 9,4%

Strawberries / Fragole 3% 40.065 14,2% 6% 80.694 13,1% 2,014 -1,0%

Shelled Hazelnuts / Nocciole

sgusciate

1% 14.021 -25,3% 6% 76.405 -19,0% 5,449 8,5%

Oranges / Arance 11% 137.892 37,1% 5% 71.598 38,6% 0,519 1,2%

Pears / Pere 5% 68.359 -37,5% 5% 67.660 -29,0% 0,990 13,6%

Pineapples / Ananas 7% 93.928 -5,3% 5% 62.507 -1,3% 0,665 4,3%

Lemons / Limoni 6% 70.510 4,6% 4% 54.118 26,5% 0,768 21,0%

Small Citrus / Piccoli agrumi 4% 56.012 31,2% 3% 41.929 17,4% 0,749 -10,5%

Shelled Pinenuts / Pinoli

sgusciati

1% 7.320 -19,0% 3% 34.897 6,2% 4,767 31,1%

Other / Altro 27% 345.361 -9,0% 38% 495.801 -5,3% 1,436 4,1%

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

29

market/italian fi gures

mercato/statistiche italiane


market/italian fi gures

mercato/statistiche italiane

The trade balance for citrus was negative,

going from €34 to €93 million.

Negativi gli scambi di agrumi il cui defi cit è passato

da 34 a 93 milioni di euro.

7%, of hazelnut 25%, of pear 37%, of pineapple

5% and of pine nut 19%. By contrast, imports rose

37% for orange, 31% for small citrus fruit and 5%

for lemon; those for almond and strawberry were

also up.

Suppliers and export markets

The consolidated top three leading exporters to Italy

are Spain, Costa Rica and the US, whereas imports

fl exed downwards from Ecuador (off 35% by volume

and 42% in value), Chile, Argentina, France, Turkey

and Germany.

On the other hand, Italy’s main export markets were

Germany, which took in more than 530 thousand

tons for receipts of €503 million, followed by France,

Spain, Austria, the UK, Switzerland and Poland.

A slight dip was registered by Russia, whose fruit

imports from Italy amounted to 71 thousand tons for

receipts of €51.8 million.

There was also good news from the southern

rim of the Mediterranean and beyond, with Egypt

now ranking as Italy’s 16th biggest market, Libya

17th, Algeria 23rd, Saudi Arabia 24th and the Arab

Emirates 27th.

(English version by David Verzoni)

30 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Nel complesso, le importazioni di frutta e agrumi

ammontano a circa 1 milione e 270mila tonnellate con

un esborso di 1.318 milioni di euro. I principali prodotti

importati sono: banane (che costituiscono il 33% dei

volumi importati), arance (11%), ananas (7%), limoni

(6%), pere (5%), piccoli agrumi (4%), fragole (3%) e

mandorle sgusciate (2%).

Rispetto al 2011, sono diminuite le importazioni di banane

(-7%), nocciole (-25%), pere (-37%), ananas (-5%) e

pinoli (-19%). Di contro, sono cresciute le importazioni

di arance (+37%), piccoli agrumi (+31%) e limoni (+5%),

ma anche quelle di mandorle e fragole.

Fornitori e mercati di sbocco

Tra i fornitori dell’Italia, ai primi tre posti si consolidano

le posizioni di Spagna, Costarica e Stati Uniti, mentre si

sono ridotte le importazioni da Ecuador (-35% in volume

e -42% in valore), Cile ed Argentina, ma anche quelle da

Francia, Turchia e Germania.

Tra i principali mercati di sbocco dell’Italia, la Germania

si conferma al primo posto con spedizioni per oltre

530mila tonnellate e introiti per 503 milioni di euro. A

seguire si collocano Francia, Spagna, Austria Regno

Unito, Svizzera e Polonia. Un piccolo passo indietro

viene fatto dalla Russia, le cui importazioni di frutta

dall’Italia ammontano a 71mila tonnellate per un valore

di 51,8 milioni di euro.

Notizie particolarmente positive giungono dalla sponda

meridionale del Mediterraneo, con Egitto in 16esima

posizione nella graduatoria dei clienti dell’Italia, Libia

17esima, Algeria 23esima, e dalla penisola arabica con

Arabia Saudita in 24esima posizione ed Emirati Arabi

in 27esima.


market/italian table grape fi gures

mercato/uva da tavola italiana, statistiche

Italian table grape

A crop of variable quality

Uve da tavola italiane

un anno a qualità variabile

Mario Schiano lo Moriello - Ismea

The 2012 crop rose 8%. Quality suffered because of hot weather and rain

Nel 2012 produzione ha registrato una crescita dell’8%. Danni qualitativi provocati

da caldo e piogge

Figures released by the Organisation Internationale

de la Vigne et du Vin (OIV) put the world-wide

2011 table grape at 15.2 million tons.

The leading producers were China, India, Turkey, Iran

and Italy, which combined for 85% of the global crop

(fi gure 1).

Between 2000 and 2011, global production evinced a

negative trend, sliding from 22.3 to 15.2 million tons.

The period saw a decline in the crop of Italy and Iran

and a rise in that of China, India and Turkey, countries

that are now the world leaders.

Most impressive has been the exponential growth

32 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Secondo i dati dell’Oiv (Organisation Internationale

de la Vigne e du Vin), nel 2011 la produzione mondiale

di uve da tavola ammontava a 15,2 milioni di t.

I principali Paesi produttori sono Cina, India, Turchia,

Iran e Italia che sono accreditate dell’85% della produzione

complessiva (fi gura 1).

Tra il 2000 e il 2011, la produzione mondiale ha registrato

un trend negativo, con una fl essione da 22,3 a 15,2

milioni di t. In questo arco temporale, la produzione di

Italia e Iran è diminuita, mentre quella di Cina, India e

Turchia è cresciuta e questi Paesi si sono attestati nelle

prime tre posizioni a livello mondiale.


posted by China, which started from a crop of 1.7

million t in 2000 and rose to the top ranking with more

than 6 million t by 2011, a fi gure that amounts to 40%

of the global crop.

Yet a look at the export fi gures shows a much more

variegated international picture. In fact, the world’s

leading exporter is Chile, followed by Italy, the US,

Holland and South Africa. Turkey ranks ninth, India

16th, China 18th and Iran 34th, positions indicating

that domestic consumption in these countries far

outstrips exports.

According to its offi cial Istat statistics, Italy had some

48.300 hectares under table grape in 2012 and an

estimated crop of 1.1 million tons, or a yield of 22.7 t/

ha. Its major growing areas are in the Taranto and Bari

districts of Apulia, in Sicily’s Agrigento, Caltanissetta

and Ragusa districts, followed by those of Cagliari

and Sassari in Sardinia, Rome and Latina in Lazio and

Basilicata’s Metaponto.

Although the 2012 season has yet to run its course,

we can still project a fairly good picture of the current

table grape crop and trade season.

Italy’s 2012 season

The country’s 2012 crop is expected to post an 8%

rise on the year. The hot summer weather followed

by late-summer rains adversely affected quality in

uncovered vineyards and, as a result, initial estimates

put the crop lower than in 2011.

Yet, while market prices began to rise between

August and October until stabilising at levels similar

to last year’s, the marked variability in quality led to

equally marked price differences depending on the

markets involved.

In particolare, è impressionante la crescita esponenziale

della Cina che, partita nel 2000 con 1,7 milioni di t, è

salita in testa alla classifi ca, vantando nel 2011 una

produzione di oltre 6 milioni di t, corrispondente al 40%

della produzione complessiva.

Se si considerano le statistiche relative alle esportazioni, il

quadro internazionale risulta assai diverso. Infatti, il primo

esportatore mondiale è il Cile, seguito da Italia, Usa, Paesi

Bassi e Rep. sudafricana. La Turchia è al nono posto,

mentre India, Cina e Iran sono relegati, rispettivamente

in 16a, 18a e 34a posizione; segno che in questi Paesi

i consumi interni superano di gran lunga le esportazioni.

In Italia, nel 2012, in accordo con i dati congiunturali

dell’Istat, la superfi cie in produzione ammonta a circa

48.300 ha, mentre la produzione è stimata in 11 milioni

di q. La resa media è pari a 227 q/ha. Le principali

aree di produzione sono Puglia (Taranto e Bari) e Sicilia

(Agrigento, Caltanissetta e Ragusa). Seguono Sardegna

(Cagliari e Sassari), Lazio (Roma e Latina) e Basilicata

(Metaponto).

Anche se la campagna 2012 dell’uva da tavola è ancora

in corso, è possibile tracciare un bilancio, anche se

parziale, di questa stagione produttiva e commerciale.

La campagna italiana 2012

In termini di quantità, la produzione 2012 registra un

incremento di circa l’8%, rispetto al 2011. L’andamento

climatico molto caldo, prima, e le piogge di fi ne estate,

poi, hanno creato problemi qualitativi soprattutto alle

uve non coperte. In tale contesto generale, il mercato

ha esordito con quotazioni alla produzione che si sono

attestate su livelli inferiori a quelle della campagna 2011.

Tra agosto e ottobre il mercato si è stabilizzato su livelli

di prezzo simili a quelli delle campagne precedenti.

Tuttavia, la forte variabilità del profi lo qualitativo delle uve

ha determinato ampie forbici delle quotazioni, anche in

funzione dei diversi mercati serviti.

Figure 1 – Wrold Table grape crop

Figura 1 – Produzione mondiale di uve da tavola

Turkey / Turchia

12%

Italy / Italia

8%

Iran 10%

Other / Altri

15%

India 15%

China / Cina

4%

Source: Oiv data reworked by the author / Fonte: elaborazioni su dati Oiv

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

33

market/italian table grape fi gures

mercato/uva da tavola italiana, statistiche


market/italian table grape fi gures

mercato/uva da tavola italiana, statistiche

Figure 2 – Farmgate table grape price, average of cultivars (€/kg)

Figura 2 – Prezzo alla produzione delle uve da tavola, media delle diverse varietà (euro/kg)

0,80

0,70

0,60

0,50

0,40

0,30

0,20

0,10

0,00

Jun / Lug

Source: Ismea / Fonte: Ismea

For example, although exports were initially up 12%

for deliveries in July, they were off 7% by August

compared to the year before despite list prices being

up 8% over 2011.

Domestic sales

Italian households account for some 6% of all fresh

fruit sales, excluding citrus. In effect, market penetration

for table grape is high, with 84% of households

buying it at least once a year. The average sale of tale

grape per household was 8.4 kilos in 2011, against

9.1 in 2010, the annual average household receipt

sliding from €17.30 to €16.20.

Table grape sales largely come between August

and January, with a peak of 70% by volume coming

between September and November.

The big chains account for 60% of all sales by volume,

with supermarkets at 39%, hypers at 13%,

discounts at 6% and other at 2%; traditional outlets

34 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

2010 2011 2012

Aug / Ago Sept / Set Oct / Ott Nov / Nov Dec / Dic

Per quanto concerne i mercati esteri, le esportazioni

sono partite bene. Infatti, lo scorso luglio i quantitativi

spediti sono stati superiori del 12% rispetto a luglio

2011, ma in agosto il confronto su base annua ha

segnato -7%, anche se sulla base di listini in aumento

dell’8% rispetto al 2011.

Gli acquisti per il consumo domestico

Gli acquisti di uve da tavola da parte delle famiglie italiane

costituiscono il 6% circa delle vendite in volume di frutta

fresca, escluso agrumi. La penetrazione degli acquisti è

molto alta. Infatti, l’84% delle famiglie compra uve da tavola

almeno una volta l’anno. Nel 2011, l’acquisto medio era

pari a 8,4 kg per famiglia, mentre nel 2010, tale quantità

ammontava a 9,1 kg. Tra il 2011 e il 2010 la spesa media

annua è scesa da 17,30 a 16,20 euro/famiglia.

Gli acquisti sono concentrati tra agosto e gennaio. In

particolare tra settembre e novembre, si realizzano il

70% degli acquisti in volume.

Per quanto riguarda i canali

di vendita, la distribuzione

moderna concentra

il 60% delle vendite

in volume, ripartiti

tra super (39%), iper

(13%), discount (6%)

e liberi servizi (2%); il

dettaglio tradizionale

veicola il restante 40%

frazionato tra ambulanti

e mercati rionali (20%),

frutta e verdura (17%) e altri (3%).

Con riferimento alle caratteristiche socio-demografi che

delle famiglie acquirenti si rileva una concentrazione


market/italian table grape fi gures

mercato/uva da tavola italiana, statistiche

Figure 3 – Italy’s table grape exports (ton)

Figura 3 – Esportazioni italiane di uve da tavola (tonnellate)

140.000

120.000

100.000

80.000

60.000

40.000

20.000

0

Giu / Giu Jun / Lug Aug / Ago Sept / Set Oct / Ott Nov / Nov Dec / Dic

Source: Istat data reworked by the author / Fonte: elaborazioni su dati Istat

account for the remaining 40%, with stall vendors and

open markets accounting for 20%, greengrocers for

17% and other 3%.

Interestingly, households spending the most are

those whose main provider is of a relatively advanced

age. For example, 38% of sales volumes are purchased

by a household whose head is 65 and 73% by

one whose head is 45 and over. If we look at buyers

of fresh fruit in general, purchases by those 65 and

over is 4% higher.

Compared to fresh fruit, one- and two-member

households buy 2% more table grape than others.

A breakdown by earnings shows that middle-income

households purchase more table grape, 1% higher

than that for fruit in general.

Another salient fact in this typical portrait is that the

model household table-grape buyer lives in a town

with fewer than 20 thousand residents. Indeed, these

towns account for 49% of table grape sales, a fi gure

that is 3% higher than that for fresh fruit in general.

Off-season sales

Some 90% of table grape imports fall between

December and June, a window when there is little

or no Italian crop. Thanks to the Christmas holidays,

imports rise to nearly 2 thousand tons by December,

slide to 1,500 by January, and then progressively rise

again to a peak of 3,500 t in June.

Table grape imports were 23 thousand tons in 2011,

for billings of more than €41 million. Italy’s main suppliers

are Spain (27%), Chile (19%), Holland (15%) and

Egypt (12%), followed by Greece, France, South Africa,

Germany and Peru, with a 4% share by volume.

(English version by David Verzoni)

36 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

2010 2011 2012

degli acquisti da parte delle famiglie il cui responsabile

ha un età abbastanza elevata. Si pensi che il 38% dei

volumi è acquistato da persone con età superiore a 65

anni e nel 73% dei casi il responsabile degli acquisti

ha un età comunque superiore a 45 anni. Rispetto agli

acquirenti di frutta fresca, gli acquisti della fascia over 65

anni è superiore del 4%.

Tra gli acquirenti di uve, rispetto a quelli di frutta fresca,

si rileva un peso maggiore delle famiglie composte da

una o due persone (+2%).

Sotto il profi lo della condizione economica, è la classe

con redito medio ad acquistare maggiormente uve da

tavola, +1% rispetto al dato della frutta.

Un’altra particolarità della famiglia tipo acquirente di uve

è che risiede prevalentemente in cittadine con meno di

20mila abitanti. Infatti, in queste cittadine si concentra il

49% delle vendite di uve, dato che è superiore del 3%

rispetto alla frutta fresca.

I consumi fuori stagione

Il 90% circa delle importazioni di uve da tavola sono

concentrate tra dicembre e giugno, periodo in cui è

assente o assai scarsa la produzione italiana. In dicembre,

complici le festività natalizie, le quantità importate

ammontano a circa 2mila t, in gennaio i volumi in

ingresso scendono a 1.500 t, quindi segue un periodo

di progressivo incremento fi no al massimo di 3.500 t

raggiunto nel mese di giugno.

Nel 2011 sono state importate circa 23mila t di uve da

tavola con una spesa di oltre 41 milioni di euro. I principali

Paesi fornitori sono Spagna (27%), Cile (19%), Paesi

Bassi (15%), Egitto (12%), seguono Grecia, Francia,

Rep. Sudafricana, Germania e Perù con una quota del

4% delle importazioni in volume.


market/italian valerian

mercato/valeriana italiana

Italian valerian

an expanding market

Valeriana in Italia

mercato in aumento

Luigina Trento - Ubifrance Italia

The major growing regions. Lazio has the best weather for big crop yields. The

estimates from Istat and market experts

Le regioni dove viene coltivato il prodotto. In particolare nel Lazio il clima favorevole

consente di produrne ingenti quantità. Le stime di Istat e produttori

Market experts estimate that Italy had some 2

thousand hectares under garden valerian in

2011, a fi gure that puts the overall crop at about 16

thousand tons.

Italian farmers began putting valerian on their cashcrop

agenda about 10 years ago in response to

demand from the fresh-cut trade. In effect, as market

demand kept growing, fresh-cut businesses started

looking for alternative areas to meet the winter supplies

the farms in northern Europe could not deliver.

The fi rst to plant valerian in Italy were farmers in an

area of Lombardy, those in Bergamo Province to be

precise. Today, however, this baby-leaf green has

spread to farms in Veneto, Campania and

Lazio regions. In effect, the latter area has

been posting notably strong growth rates

due to the area’s particularly favourable

sold and climate conditions.

While the crop’s marketing

calendar now covers the

entire year, growers in

the southern Lazio

and Campania areas

deliver most of their

valerian from October

to April.

Businesses in the

trade say that sales

of valerian are posting an

upward trend and the market

response is in line with it. Valerian

is usually sold in supermarkets as

a single-product in bags weighing from

38 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Secondo le stime degli operatori del settore il nostro

Paese, nel 2011, ha dedicato alla coltivazione di

valeriana una superfi cie di circa 2mila Ha. In termini

di volumi la produzione si aggira intorno alle 16mila

tonnellate.

L’interesse verso la coltura della valeriana in Italia è nato

circa 10 anni fa per rispondere alle esigenze degli industriali

della IV gamma. Questi ultimi in effetti, di fronte

ad una domanda crescente di valeriana da parte del

mercato, hanno cercato delle zone alternative ai bacini

del Nord Europa incapaci di fornire quantitativi suffi cienti

nei periodi invernali.

Le prime coltivazioni di valeriana in Italia hanno interessato

la Lombardia, la provincia

di Bergamo per l’esattezza.

Attualmente, questa insalata


70 to 200 g. Now the fresh-cut industry also uses

polystyrene containers with 500 g or 1 kilo of valerian,

although the baby-leaf product here is, unlike its

supermarket counterpart, unwashed and earmarked

mainly for the Horeca food-service trade or export.

Italy’s main growing areas

Lombardy

Industry estimates put the region’s garden valerian

ITALIAN PRODUCTION

PRODUZIONE IN ITALIA

Istat Data Expert estimates

Province/

Region

Provincia/

Regione

Acreage

(ha)

Superfi ci

(ha)

Volume

(t)

Volume

(t)

Acreage (ha)*

cycle no./year

Superfi ci (ha)*

n°cicli/anno

Avg.

Volume (t)

Volumi

medi (t)

Cuneo 24 311

Piedmont/

Piedmonte

24 311

Varese 0,4 18

Milan 3 115

Bergamo 185 8900

Brescia 19 463

Monza-

Brianza

0,5 19

Lombardy/

Lombardia

208 9516 200*5 (=1000)

Verona 14 200

Vicenza 3 30

Treviso 11 96

Venice 146 1750

Padua 2 30

Rovigo 0,3 4

Veneto 177 2110 150-200*2

(=300-400)

Bologna 0,5 10

Forlì-

Cesena

16 320

Rimini 0,5 5

Emilia-

Romagna

17 335

Florence 0,05 6

Livorno 0,02 0,3

Tuscany/

Toscana

0,07 7

Rome/Roma 24 211

Latina 15 210

Lazio 39 421 350-400*2

(=700-800)

Salerno 50 1250

Campania 50 1250 50

Italy/Italia 515 13950 2 050-2 250 16 000

Source: istat data, expert estimates reworked by Ubifrance Italia

Fonte: Ubifrance Italia secondo dati Istat e stime degli operatori

baby-leaf viene coltivata anche in Veneto, in Campania

e nel Lazio. In quest’ultimo bacino, in particolare, la

produzione di valeriana è in forte crescita grazie alle

condizioni pedoclimatiche della regione, favorevoli alla

coltura. Il calendario di produzione copre tutto l’anno,

tuttavia la maggiore parte dei produttori del Sud (Lazio

e Campania) concentra la produzione nel periodo compreso

tra ottobre e aprile.

Per quanto riguarda i consumi, gli operatori del settore

segnalano una tendenza all’aumento e un mercato

sempre recettivo alla valeriana. Essa è distribuita principalmente

nella gdo in sacchetti mono-prodotto di

formato variabile (da 70 g a 200 g). Un formato meno

presente nella moderna distribuzione è la cassetta in

polistirolo da 500 g o da 1 kg. Questo tipo di confezionamento

rientra nella categoria conosciuta come “prima

gamma evoluta”, cioè prodotto che non ha subito

la fase del lavaggio. Questo segmento è destinato

principalmente al settore Horeca e ai mercati

extranazionali.

La produzione nei principali bacini

Lombardia

Secondo le stime degli operatori, la produzione di valeriana

in Lombardia si aggira intorno ai 200 Ha. Nella

regione vengono realizzati circa cinque cicli all’anno,

aspetto che fa totalizzare alla Lombardia una produzione

di mille Ha di valeriana all’anno. La produzione si

concentra principalmente nella provincia di Bergamo.

In Lombardia è attivo un importante consorzio della

IV gamma: l’Aop Uno Lombardia. Essa è costituita

da nove Op di cui cinque sono specializzate nel settore

della IV gamma. La produzione della regione è

fornita oltre che dalle due aziende leader del settore,

Buonduelle e La Linea Verde, da altre quattro aziende

quali Op Agronomia, Mio Orto, Sab e Belgravia e più

altri numerosi piccoli produttori.

Veneto

I professionisti del settore stimano le superfi ci dedicate

alla valeriana nel Veneto pari a circa 400 Ha (contro i

177 pubblicati da Istat). In questo bacino, la produzione

di valeriana non prevede l’operazione di sabbiatura. Il

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

39

market/italian valerian

mercato/valeriana italiana


market/italian valerian

mercato/valeriana italiana

acreage at about 200 hectares.

Farmers here usually grow

fi ve crops a year, a cycle that

yields a crop equal to about

a thousand hectares. Most

of it is grown in Bergamo

Province.

The big fresh-cut growers in

Lombardy have formed the Aop

Uno Lombardia Consortium. Its

members include nine Producer

Organisations of which fi ve are

fresh-cut specialists. The

biggest valerian growers in

the region are Buonduelle

and La Linea Verde, followed by

Op Agronomia, Mio Orto, Sab and Belgravia, along

with a number of small farmers.

Valerian crop trend in Italy (t), 2007-2011

Evoluzione dei volumi prodotti in Italia 2007-2011 (t)

15.000

10.000

5.000

0

Source: Istat

Fonte: Istat

2007

11567

2008

13598

2009

14249

2010

13914

Veneto

Industry observers estimate that the valerian acreage

in this region is about 400 hectares, although

offi cial government Istat fi gures put it at 177 ha.

Growers here do not use sand-ridging and produce

a year-round crop. In Veneto, as in other valerian

areas in northern Italy, the crop has a three-month

winter cycle. In effect, the winter months are the most

stressful for the plant since the onset of short daylight

periods in November causes a notable lengthening

of the growing cycle.

The biggest Veneto growers joined forces in 1997

to form the Consorzio dei Freschissimi del Veneto

(Extra-Fresh Veneto Consortium) for the fresh-cut

industry. Today the Consortium includes 17 farms in

the provinces of Venice and Padua and dedicates its

efforts both to promote salad and baby-leaf greens in

the fresh-cut sector and to provide extension services

to its members.

Campania

Istat estimates put this region’s valerian acreage

at about 50 hectares, a figure that coincides with

that of industry experts. While the crop has been

40 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

2011

13950

calendario di produzione copre tutto l’anno. In Veneto,

come negli altri bacini del Nord Italia, la durata del ciclo

raggiunge quasi i tre mesi in inverno. Infatti, il periodo

più delicato per questa coltura è la stagione invernale e

particolarmente il mese di novembre, quando la mancanza

di luminosità provoca un notevole allungamento

del ciclo.

In Veneto i maggiori attori del settore fanno capo al

Consorzio dei freschissimi del Veneto creato nel 1997

per volontà degli operatori della IV gamma della regione.

Il Consorzio conta oggi 17 aziende agricole situate tra

le province di Venezia e di Padova. L’obiettivo è valorizzare

le insalate e le giovani piantine destinate alla IV

gamma, nonché fornire sostegno tecnico ai soci.

Campania

La produzione della valeriana in Campania si aggira

intorno ai 50 Ha (fonte Istat). Questo valore è confermato

anche dagli operatori del settore. La coltura di

questa baby-leaf ha subito un notevole sviluppo in

Campania solo negli ultimi cinque anni principalmente

per rispondere alla domanda degli operatori del settore

della IV gamma (mancanza di disponibilità durante

l’inverno nelle regioni del Nord). Infatti, per i principali

attori della Campania questa coltura rimane solamente

un segmento marginale e per la quale non prevedono

ulteriori sviluppi.

In Campania, infatti, il 70% della produzione delle

insalate destinate alla IV gamma è costituita da rucola,

lattuga e spinaci. Lo scarso interesse nei confronti

della valeriana da parte dei produttori campani è legato

innanzitutto ad una questione economica (scarso margine

del prodotto) ma anche, e soprattutto, dovuto al

fatto che la coltura richiede una maggiore specializzazione

tecnica rispetto alle altre insalate.

Nel caso della valeriana infatti:

• un ciclo solo è realizzabile mentre nel caso della

rucola si realizzano dai 6 ai 7 cicli;

• la seminatrice utilizzat a é specifi ca della valeriana e


expanding at a rapid rate over the last five years

in response to growing demand from the fresh-cut

trade because of winter supply gaps in northern

areas, most of the big farmers in Campania continue

to see this baby-leaf as marginal to their operations

and further expansion is not on their agenda.

Indeed, 70% of all the leafy salad greens

Campania’s growers earmark for the fresh-cut

trade are rocket, lettuce and spinach. Their lack

of interest in valerian can be attributed to its narrower

profit margin here and, above all, to the

fact that it calls for a greater demand on more

specialised field management practises than these

other greens. In fact, valerian has only one growing

cycle here whilst rocket, for example, has 6

to 7, and the seeder used for valerian cannot be

used for the other crops. Then too there’s a rather

long depreciation period for the sanding unit, and

the crop is picked manually, thus needing a lot of

hands.

Worthy of note here, however, is the popularity

of the so called ‘oriental’ baby-leaf greens with

Campania’s fresh-cut growers. These are in actual

fact species of the Brassicaceae family and have

notably short cycles, 20-40 days at most. The most

popular cultivars are Mizuna, Red Mizuna, Mizuna

Red Night, Tatsoi and Red Pack Choi, all being

widely used in preparing mixed salads for the freshcut

trade.

non può essere usata per le altre colture;

• il periodo di capitalizzazione della sabbiatrice è piuttosto

lungo;

• la raccolta è fatta a mano e richiede molta manodopera.

Da segnalare, invece, il notevole interesse che i produttori

locali della IV gamma mostrano per le “baby-leaf”

cosiddette “orientali”. Si tratta di specie della famiglia

delle brassicacee che si caratterizzano per un ciclo piuttosto

breve (dai 20 ai 40 giorni al massimo). Le varietà

più diffuse sono la Mizuna, la Red Mizuna, la Mizuna

Red Night, la Tatsoi e la Red Pack Choi. Queste insalate

sono molto usate nella preparazione di mix di insalate

per la IV gamma.

Lazio

Nel Lazio la coltura della valeriana si è fortemente sviluppata

nel corso degli ultimi cinque anni a scapito del

cavolo rapa. Le condizioni pedoclimatiche favorevoli e la

presenza di terre sabbiose rende infatti il Lazio il bacino

ideale per la produzione di valeriana: in questa regione

l’operazione di sabbiatura, tipica della coltura non è

necessaria. La produzione si concentra essenzialmente

durante il periodo compreso tra ottobre e fi ne maggio

(70-85% della produzione della regione). Secondo le

stime degli operatori, la coltura della valeriana in Lazio

è di circa 800 Ha. Questo bacino permette di realizzare

dei cicli molto brevi rispetto alle regioni del Nord: la

durata di un ciclo in Lazio è più di 55 giorni, quella di un

market/italian valerian

mercato/valeriana italiana


market/italian valerian

mercato/valeriana italiana

Lazio

Valerian has posted a very strong growth rate over

the last fi ve years in the region to the detriment of

kohlrabi (German turnip). The area’s favourable soils,

especially the notable sandy profi le that obviates

the need for sanding, and weather make it ideal for

producing the crop. Most of the valerian, 70-80% of

the region’s overall crop, is grown here from October

through late May. Industry experts estimate valerian’s

regional acreage at nearly 800 ha. A good reason for

its popularity is its notably shorter growing cycle than

that found in the northern regions: a bit more than

55 days in Lazio against 100 in Lombardy.

In effect, producing this baby-leaf in short

cycles results in a better quality crop since

cycle length is involved in the yellowing

of the cotyledons, a problem that

frequently occurs in northern

growing areas. The region’s

big Agrieuropa Coop produced

the equivalent of

320 ha of valerian (four

cycles on 80 ha) in 2012.

Domestic and export

markets

The country’s valerian growers

deliver 70% of their

crop to the domestic

fresh-cut trade. Some

87% of the processed

and packaged green is

sold by the big retail chains,

supermarkets and, to lesser

extent, greengrocers. Selling

of loose valerian in bins at retail

is not common in Italy and the only ones buying

it in bulk are in the food-service and Horeca trade.

The fact that there is no Customs code for valerian

makes it very hard to pin down exact export volumes.

Yet, given the domestic supply rate as a benchmark,

a likely estimate of 30% is bound for export markets,

a volume that industry experts say has been growing

in recent years. The export season runs from October

to April.

Most of Italy’s valerian is exported to Germany, followed

by the Netherlands, Russia, Austria, the countries

of northern and eastern Europe and, to a far

lesser extent, Greece.

The export demand for Italian valerian rises considerably

during the autumn-winter season when the crop

in the northern European areas has been picked.

Valerian is exported either in bulk or packaged in bags

or punnets, with bulk exports being sent unwashed in

3-4 kilo crates so as to increase shelf-life.

(English version by David Verzoni)

42 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

ciclo in Lombardia è di 100 giorni.

Il fatto di produrre questa insalata sui cicli brevi permette

di ottenere un prodotto di migliore qualità, in quanto

la durata del ciclo ha un’infl uenza soprattutto sull’ingiallimento

delle cotiledoni. Questo problema si riscontra

facilmente nei bacini del Nord.

Agrieuropa e Ortolanda sono le due aziende agricole

più importanti di Lazio interessate dalla produzione

di valeriana. Nel 2012, Agrieuropa ha investito a

valeriana una superfi cie di circa 320 ha (quattro cicli

su 80 Ha).

La distribuzione sul mercato interno ed estero

I produttori di valeriana destinano la maggiore parte

della loro produzione (70% della loro disponibilità)

agli industriali italiani

della IV gamma.

Il prodotto confezionato

è poi distribuito sul

mercato interno principalmente

dalla gdo (87%),

dai supermercati,

e in misura minore

da fruttivendoli.

La valeriana in

prima gamma

è poco diffusa

in Italia: i

soli utilizzatori

di prodotto non

imballato sono i

ristoratori e il settore

Horeca in generale.

Non esistendo un codice

doganale per la valeriana,

è molto diffi cile conoscere i

volumi esatti esportati. Tuttavia

la percentuale di valeriana destinata

al mercato estero può essere stimata a circa il 30%

e secondo gli operatori del settore questa quota è in

crescita da qualche anno. Le esportazioni si concentrano

nel periodo compreso tra ottobre e aprile.

La valeriana italiana è commercializzata sul mercato

europeo soprattutto in Germania e in altri Paesi come

l’Olanda, la Russia, l’Austria, i Paesi del Nord e dell’Est

Europa. Dei quantitativi limitati sono destinati anche al

mercato greco.

La richiesta della valeriana italiana da parte dei

mercati europei aumenta notevolmente durante

le stagioni autunno-inverno quando nei bacini del

Nord Europa la campagna di raccolta giunge a

termine.

Il prodotto è esportato o in prima gamma o confezionata

in sacchetti o vaschette. Per quanto riguarda

il segmento prima gamma, è confezionato in casse

di 3-4 Kg, non lavato per aumentarne la self-life.


market/Metaponto’s organics

mercato/biologico nel Metaponto

Organics, from Metaponto

to Central-North Europe

Bio, dal Metapontino

al Centro-Nord Europa

Giuseppe Francesco Sportelli

Lunati and Acinapura farms have found a stale market tank to their high-quality

organic produce. Strawberry is their forte

Le aziende Lunati e Acinapura hanno conquistato un mercato stabile grazie all’offerta

di ortofrutta bio di alta qualità. Prodotto di punta è la fragola

The tables of Europe’s organic produce consumers

are graced by high-quality items from Italy’s

South, a region marked by fertile soil and sun, skilled

crop management and peerless human dedication.

In helping to keep up and reinforce these historical

trade ties in the organic market between Europe’s

South and North are also two produce farms based in

Metaponto: Società agricola Taverna di Nova Siri near

Acinapura Farms: strawberries of the Najad variety.

Azienda Acinapura: fragole della varietà Najad.

44 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Sulle tavole dei consumatori europei di ortofrutta biologica

arrivano prodotti di alta qualità dalle terre del

Mezzogiorno. Un concentrato di sole e terra, ma anche

di alto sapere agronomico e dedizione umana senza

pari. A tenere saldi e rafforzare ulteriormente gli storici

legami commerciali fra Sud e Nord dell’Europa nel mercato

del biologico concorrono anche alcune prestigiose

aziende ortofrutticole del Metapontino: Società agricola


market/Metaponto’s organics

mercato/biologico nel Metaponto

Mid-June picking of cv. Candonga at Taverna Farms.

Raccolta della varietà Candonga a metà giugno nell’azienda Taverna.

Matera and Valle Rita at Ginosa Marina in the Taranto

area, both owned by the Lunati family, Acinapura

Ercole Farms at Rocca Imperiale in Cosenza Province.

They offer a broad crop assortment year-round to

meet the needs of the most demanding markets.

Label and terroir

«Central-North Europe keeps increasing its demand

for organic strawberry, stone fruit and vegetables

and the Metaponto area knows how to meet it - said

Pasquale Lunati, crop manager as well as owner

along with his father Egidio of Taverna and Valle Rita

Farms. – We grow Icea-certifi ed organics, including

40 ha of apricot, orange and clementine, 30 ha of vegetable,

10 of watermelon and melon, and 8 of strawberry

for the big retail chains in Germany, Denmark,

Sweden, Norway, Austria and Switzerland. And, if

we look beyond the top-quality on offer, we also fi nd

that the label is important as it ties product to terroir.

Indeed, since that we’re members of the Materabased

Assofruit Italia at Scanzano Jonico producer

organisation (PO), we market our produce under the

umbrella Frutthera label, which appears on the side

of the packaging, whereas the name and address

of our farms are prominently displayed on the top.

Linking our produce to trademarks that recall the area

of provenance is clearly a big plus for our business».

Acinapura Farms has 50 hectares of Icea-certifi ed

organic produce, including 10 under strawberry, 8

under apricot, 3 under nectarine, 3 under PGI lemon

46 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Organic

strawberry from

Taverna farms

in 2-kilo cardboard

boxes with eight

250-g baskets.

Fragole bio

dell’azienda Taverna

in cassette di cartone

da 2 kg con otto

cestini da 250 g.

Taverna di Nova Siri (Mt) e Valle Rita, società semplice

agricola di Ginosa Marina (Ta), entrambe della famiglia

Lunati, e Azienda agricola Acinapura Ercole di Rocca

Imperiale (Cs). Capaci di offrire per tutto l’anno ricchi

panieri di prodotti e quindi di soddisfare le continue

richieste di mercati esigenti.

Marchio e il territorio

«Il Centro-Nord Europa chiede sempre più fragole, drupacee

e ortaggi da agricoltura biologica e il Metapontino

sa dire la propria al riguardo - dichiara Pasquale Lunati,

titolare col padre Egidio delle aziende Taverna e Valle

Rita e responsabile della produzione - . Coltiviamo in

bio, con certifi cazione Icea, 40 ha di albicocche, arance

e clementine, 30 a ortaggi, 10 ad angurie e meloni e 8

a fragole per la gdo di Germania, Danimarca, Svezia,

Norvegia, Austria e Svizzera. Accanto alla qualità del

prodotto è importante comunque un marchio che lo

leghi al territorio: poiché siamo associati all’Op Assofruit

Italia di Scanzano Jonico (Mt) commercializziamo le produzioni

col marchio comune Frutthera, che appare sui

bordi laterali delle confezioni, mentre in testata appaiono


Acinapura: organic strawberry in 300 g fl ow-pack containers.

Acinapura: fragole bio in cestini fl ow-pack da 300 g.

di Rocca Imperiale and the rest under leafy greens,

kohlrabi, table tomato, rocket, melon, watermelon

and other vegetables.

Market leaders

«Europe’s organics market is holding steady despite

the downturn - said owner Ercole Acinapura. – Yet

if you want to be player that counts you need a

constant fi eld and business expertise to ensure

continuous deliveries that meet quality and quantity

demands. “Acinapura Bio” is our trademark and we

try to keep it on display even if the big chains want to

use their own labels».

Top-quality organic produce cannot be sold in anything

but appealing and diversifi ed packaging to meet

the various demands of its customers.

«A good example here is strawberry, one of our

lead items - said Lunati. – First of, let me note that

our yields are more than enough to meet demand

from our northern Europe markets: 25-30 t/ha for cv.

Candonga, 35-40 t/ha for cv. Najad, and 30-35 t/ha

for cv. Ventana. These strawberries are packaged

in lidded baskets that are placed 2-kilo boxes of 8

baskets each of 250-g, in 5-kilo wood or cardboard

crates holding 10 baskets of 500-g each, 4-kilo cardboard

boxes with 16 baskets of 250 g each, and in

3-kilo cardboard boxes with 10 baskets of 300 g

each».

Acinapura Farms sends most of its strawberry crop to

the big German chains and specialty organic shops,

Organic strawberry packaging line at Acinapura Farms.

Linea di confezionamento delle fragole bio nell’azienda Acinapura.

ben evidenti il nome e l’ubicazione delle nostre aziende.

Legare i prodotti a marchi che ricordano la terra di provenienza

è sicuramente un punto di forza della nostra

offerta».

L’azienda Acinapura, sempre con certifi cazione Icea,

coltiva in biologico circa 50 ha: 10 a fragola, 8 ad albicocche,

3 a nettarine, 3 a limone di Rocca Imperiale Igp

e il resto a insalate, cavolo rapa, pomodoro da mensa,

rucola, meloni, angurie e altre ortive.

Protagonisti sul mercato

«Il mercato europeo del biologico rimane stabile, nonostante

la crisi, - sostiene il titolare dell’azienda, Ercole

Acinapura - . Ma per esserne protagonisti è necessa-

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

47

market/Metaponto’s organics

mercato/biologico nel Metaponto


market/Metaponto’s organics

mercato/biologico nel Metaponto

The Lunati farms also sell a wide assortment of organic

vegetables: Romaine caulifl ower.

Le aziende Lunati offrono anche un ampio ventaglio di ortive bio:

nella foto i cavolfi ori della tipologia Romanesco.

followed by shipments to the big chains in Austria

and Italy.

«The right business model for us is anchored to a

lengthy list of customers, which includes all the biggest

chains in Germany. The 250- and 350-g lidded or

fl ow-pack container is the most popular packagingless

so the 500-g- in 30 x 40 cm cardboard boxes

with 8 baskets of 250 g each, or 40 x 60 cm boxes

with 16 baskets of 250 g or 10 baskets of 300 g

each».

Produce for all seasons

Off-season supplies have become a hallmark of

Metapontino’s farms in their effort to meet market

demand for organic produce all year round.

«The release of new verities, new propagation techniques

like bare-rooted fresh plants and new forcing

methods have all helped us lately to bring in a crop

by early February, even by mid-January at times, and

on through June - noted Lunati. – This is a 5-6-month

window for fresh-plant Candonga (4 ha), bare-root

Ventana (2 ha) and cold-stored Najad (2 ha), although

the peak crop season runs from March through May.

Remember too that getting a really early organic

strawberry crop is hard since picking with organics

begins a month later than that for conventional crops

as no mineral dressing is used to force them more».

Acinapura Farms, which so far has concentrated

picking in April and May when demand from the big

chains in Italy and abroad is at its peak, is also working

to broaden its crop marketing window.

«While cold-stored cultivars grow best in our heavy

soils and begin picking in that period, we’re now

introducing the fresh-plant ones to help broaden our

seasonal marketing calendar».

(English version by David Verzoni)

48 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

rio un impegno, tecnico e commerciale, costante per

garantire un’offerta continua e valida in quantità e qualità.

“Acinapura Bio” è il nostro marchio e cerchiamo di

imporlo, anche se la gdo vuole sempre mettere avanti i

propri marchi».

L’offerta di ortofrutta biologica di qualità non può non

accompagnarsi a confezioni belle e diversifi cate, rispettando

tutte le richieste dei clienti.

«Faccio l’esempio della fragola, uno dei nostri prodotti di

punta - sottolinea Lunati -. Premetto che raggiungiamo

in campo rese di tutto rispetto, che ci permettono di

soddisfare ampiamente la domanda del Centro-Nord

Europa: per Candonga 250-300 q/ha, per Najad 350-

400 q/ha, per Ventana 300-350 q/ha. Confezioniamo

le fragole in cestini con coperchio, sistemati in cassette

di cartone da 2 kg con otto cestini da 250 g, cassette

di legno o di cartone da 5 kg con 10 cestini da 500 g,

cassette di cartone da 4 kg con 16 cestini da 250 g,

cassette di cartone da 3 kg con 10 cestini da 300 g».

L’azienda Acinapura colloca le fragole in prevalenza in

Germania, alla gdo e a negozi specializzati nel biologico,

poi alla gdo austriaca e italiana.

«La strategia commerciale giusta è essere legati a un

largo numero di acquirenti, infatti noi vendiamo a tutte le

più importanti catene della gdo tedesca. La confezione

preferita è il contenitore da 250 o 300 g di plastica con

coperchio o fl ow pack, più raramente da 500 g: in cassette

di cartone 30 x 40 cm con 8 cestini da 250 g o 40

x 60 cm con 16 cestini da 250 g o 10 cestini da 300 g».

Prodotti per tutte le stagioni

Per meglio soddisfare le esigenze dei mercati europei i

produttori bio metapontini puntano alla massima destagionalizzazione

dell’offerta.

«Grazie all’introduzione di nuove varietà e di nuovo

materiale di propagazione, piante fresche e cime radicate,

e alle tecniche di forzatura, da alcuni anni riusciamo

a raccogliere sin dai primi di febbraio, a volte addirittura

da metà gennaio, e continuiamo sino alla fi ne di giugno

- osserva Lunati - . Un arco di 5-6 mesi, riempito dalle

piante fresche di Candonga (4 ha), dalle cime radicate di

Ventana (2 ha) e dalle piante frigoconservate della varietà

Najad (2 ha), per quanto il pieno produttivo cada fra

marzo, aprile e maggio. Nel biologico la raccolta avviene

comunque con un mese di ritardo rispetto al convenzionale,

perché la coltura è meno spinta in quanto non si

fa ricorso ai concimi minerali: perciò è diffi cile ottenere

produzioni biologiche precoci di fragola».

Anche l’azienda Acinapura, che ora concentra la produzione

ad aprile e maggio, quando la gdo italiana ed

europea esprime il pieno della domanda, sta lavorando

per ampliare l’arco temporale dell’offerta.

«Le varietà frigo conservate, più adatte ai nostri terreni

pesanti, raggiungono la piena produzione in quel

periodo. Tuttavia stiamo inserendo anche le fresche per

destagionalizzare almeno in parte l’offerta».


market/Calabria clementines

mercato/clementine Calabria

Clementines

the Calabrian model

Clementine, Calabria modello

per la produzione italiana

Marianna Martorana

Field experimentation on the Sibari plain has made it possible to double the

length of the production calendar. New varieties have been introduced in order

to take on foreign competitors

Le sperimentazioni nei campi della piana di Sibari hanno consentito il raddoppio del

calendario. L’introduzione di nuove varietà per competere con l’estero

Calabria is renowned for its production of citrus

fruit and particularly for certain types of

citrus which are strongly associated with it. That

goes clementines, whose cultivation is concentrated

mainly on the Plain of Sibari, which accounts for

50% of Italian production, along with some areas of

Newly harvested Caffi n clementines (foto F. Perri).

Clementine Caffi n appena raccolte (foto F. Perri).

50 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

La Calabria è rinomata per la produzione di agrumi

e, in particolare, per alcune tipologie che ormai la

identifi cano. È il caso delle clementine, la cui superfi

cie coltivata si concentra soprattutto nella Piana di

Sibari, da cui deriva circa il 50% della produzione

italiana, integrata dalle superfi ci della piana di Gioia


the plains of Gioia Tauro and Lametino. It is no exaggeration,

therefore, to affi rm that Calabrian clementine

growing refl ects the state of the industry at the

national level, whose annual average production is

about 400 thousand tons.

“For about fi fteen years now - says Francesco Perri,

a Calabrian agronomist expert in citrus growing – we

have been working to extend the clementine production

calendar”.

Experimental fi elds were planted on the plain of

Sibari in order to compare selections of clementines

and numerous Italian and foreign mutations. And

it is from these experiments that the guidelines for

clementine growing in Italy have been derived with

the objective – one which has now been achieved –

of doubling the length of the production calendar: it

now extends from the beginning of October up to

February and March.

Genotypes and territories

“The thing to emphasize - continues Perri – is that

we now have a map of the territory indicating the

suitability of different areas which technicians should

take into consideration when deciding what varieties

to plant”. Thanks to this information early varieties

can be planted in early zones which bring out the

Tauro e del Lametino. Non è errato, quindi, affermare

che la clementinicoltura calabrese rispecchia la situazione

nazionale, la cui produzione media è di circa

400mila tonnellate.

‹‹Da circa quindici anni - afferma Francesco Perri,

agronomo calabrese esperto in agrumicoltura - si

lavora sull’ampliamento del calendario di maturazione

del clementine››.

A partire dagli anni ‘90 sono stati realizzati dei campi

sperimentali nella piana di Sibari al fi ne di confrontare

delle selezioni di clementine e numerose mutazioni

italiane ed estere. Proprio da queste sperimentazioni

derivano le linee guida per la clementinicoltura italiana

il cui obiettivo, oggi raggiunto, è stato quello raddoppiare

il calendario disponibile dall’inizio di ottobre fi no

ai mesi di febbraio e marzo.

Genotipi e territori

‹‹L’aspetto da sottolineare - continua Perri - è l’individuazione

di una mappa di vocazionalità dei territori,

che i tecnici dovrebbero tenere in considerazione

nella scelta delle varietà da impiantare››. Ciò signifi ca

che le zone precoci, in particolare quelle costiere

ma non solo, permettono di esaltare le caratteristiche

varietali di precocità, viceversa, altre zone non

soggette a gelate, possono ospitare e valorizzare i


market/Calabria clementines

mercato/clementine Calabria

Growing Comune clementines (foto F. Perri).

Clementine Comune in produzione (foto F. Perri).

best in them, for the most part coastal areas but not

only, while later varieties can fl ourish in other frostfree

areas. Such considerations are often overlooked

because of the pressure of market demand for a

particular variety, but ignoring them can result in an

erroneous strategy that can lead to economic losses.

In other words, in agriculture, shrewd choices are

not just a matter of competitiveness but of profi tability

too. Some 18 thousand ha of the Plain of Sibari

are under citrus cultivation, of which 10 thousand

dedicated to clementines.

Economic conditions have changed dramatically,

however, over the last twenty years and prices have

fallen from a thousand lire per kilo to today’s 20 cent/

kg. Planning and diversifi cation are what is needed

if this situation is to be reversed and there are some

interesting case histories in this regard. The POA

Armonia, based in Battipaglia (Salerno) sells around

8 thousand tons of clementines, 80% of which from

Calabria. The number of its members has increased

enabling it not only to boost the quantities it markets

but also to expand its varietal range.

Its target market is the Italian market, which is

very demanding in terms of quality, where you can

52 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

genotipi più tardivi. Questi aspetti, spesso vengono

tralasciati in ragione della richiesta del mercato di

una particolare varietà, strategia errata che porterebbe

solo a una perdita economica. Quindi, scelte

oculate per un’agricoltura non solo competitiva, ma

anche redditizia. Nella piana di Sibari la superfi cie

agrumicola è di circa 18mila ha di cui 10mila investiti

a clementino.

Negli ultimi 20 anni la condizione economica è però

cambiata del tutto e si è passati da mille lire al chilo

agli odierni 20 cent/kg. Programmazione e diversifi -

cazione sono le strategie da perseguire per sovvertire

questa situazione. Esistono alcune interessanti

realtà che agiscono secondo questi dettami. L’Aop

Armonia, con sede a Battipaglia (Salerno) commercializza

circa 8mila tonnellate di clementine derivanti

per l’80% dalla Calabria. Il numero di soci conferitori

è aumentato permettendo non solo di ampliare le

quantità, ma anche la gamma varietale dell’offerta.

Il mercato di riferimento è quello italiano, molto esigente

in termini qualitativi, dove si può puntare sul

valore aggiunto di un prodotto pregiato e tutto italiano.

Per riuscire a competere con le produzioni estere

e soprattutto spagnole, si sta cercando di introdurre


focus on the added value of an all-Italian premium

product. In order to compete with foreign products,

especially Spanish clementines, an effort is being

made to introduce premium early and late varieties

possessed of sensory characteristics which depend

not only on the variety but also on the zone of production.

Diversifi cation as a marketing strategy

Diversifi cation has already been adopted as a strategy

by some of the more go-ahead companies like

Agridoc2 and the Gallo Ortofrutticola group based at

Corigliano Calabro, but only a small minority of the

companies in Calabria have so far gone down this

road. One good example of cooperation is the PO

Biosybaris which handles about ten thousand tons

of organic citrus fruit. As far as the varietal profi le

is concerned, the varieties to note are: Caffi n, a

seedless clementine which is already on the market

from the beginning of October and is available until

the end of the following month, and ten days later,

Spinoso, available until the beginning of November.

Corsica2 and Sra 89 are available from 20 October

until 10 November, while Commune makes its

appearance from the second half of November and

is available until the end of the year. The production

calendar usually ends in February with Hernandina.

varietà precoci e tardive di pregio che presentino

anche determinate caratteristiche sensoriali, dipendenti

non solo dalla varietà ma anche dalle zone di

produzione.

Diversifi cazione, una strategia

La diversifi cazione è già stata avviata da alcune

aziende evolute come Agridoc2 e dal gruppo Gallo

Ortofrutticola localizzate a Corigliano Calabro, ma

ancora si tratta di una rappresentanza esigua rispetto

alla maggioranza delle aziende calabresi. Buon esempio

di cooperazione è l’Op Biosybaris che lavora circa

10mila tonnellate di agrumi biologici.

Per quanto riguarda il profi lo varietale, si ricorda:

Caffi n, clementino apireno, già sul mercato dall’inizio

di ottobre fi no alla fi ne del mese seguito, dopo circa

10 giorni, da Spinoso la cui disponibilità prosegue

fi no all’inizio di novembre. Dal 20 ottobre fi no al 10

novembre si collocano Corsica2 e Sra 89 per partire,

da metà novembre, con il Comune fi no alla fi ne

dell’anno. L’offerta solitamente si conclude a febbraio

con Hernandina. Ciò permette di evitare la pratica

molto diffusa, in diverse zone italiane, di anticipare

o posticipare la raccolta del clementine comune a

discapito della qualità.

‹‹Attualmente - spiega Perri - stiamo osservando

INNOVAZIONE

A TUTTO CAMPO

INNOVATION THROUGHOUT THE FIELD

PREPARAZIONE - TRAPIANTO - PROTEZIONE - RACCOLTA

SOIL PREPARATION - TRANSPLANTING - PLANT PROTECTION - HARVEST

HORTECH Srl - Horticulture Technology

Viale dell’Artigianato, 20 - 35021 Agna (PD) - Italy

Tel. +39 049 9515369 - Fax +39 049 5381080 - info@hortech.it

www.hortech.it

www.immagina.biz


market/Calabria clementines

mercato/clementine Calabria

In this way Calabria manages to avoid the very

widespread practice, in various Italian areas of production,

of anticipating or postponing the harvesting

of common clementines to the detriment of quality.

“At the moment - says Perri - we are looking at the

behavior of some precocious varieties registered in

Spain that were produced by spontaneous mutation

of Oronules (Pri 23, Basol, Cultifort, Orogros

and Prenules). Although some have already shown

severe agronomic limitations, others may be able to

adapt to our areas of production”.

Research and innovation

However, Italian research has also generated new

opportunities and Perri refers to a project carried out

by the Acireale (Ct) Experimental Institute for citrus

cultivation, now known as CRA, based on the introduction

of triploids, which represents an important

innovation. Similar to clementines, they would make

it possible to diversify and amplify the production

calendar: they are seedless, easy to peel, do not

produce pollen, thus eliminating the phenomenon

of cross-pollination (a problem which arises in the

cultivation of other related non-triploid hybrids which

The intervention of skilled technicians is essential for the production of a quality product (foto F. Perri).

Il controllo da parte di tecnici specializzati è imprescindibile per produzioni di qualità (foto F. Perri).

54 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

il comportamento di alcune varietà precocissime

derivanti dalle mutazioni spontanee di Oronules registrate

in Spagna (Pri 23, Basol, Cultifort, Orogros e

Prenules). Sebbene, alcune abbiano già mostrato forti

limiti agronomici, altre potrebbero adattarsi meglio ai

nostri areali produttivi››.

Ricerca e innovazione

Non mancano però le possibilità derivanti dalla ricerca

italiana e Perri racconta di un progetto condotto

con l’Istituto sperimentale per l’agrumicoltura di

Acireale (Ct), ora Cra, basato sull’introduzione di una

linea di triploidi che rappresentano un’importante

innovazione di prodotto. Si tratta di tipologie simili alle

clementine che permetterebbero di ampliare il calendario

e di diversifi care l’offerta; sono apireni, easy

peeling, non producono polline evitando il fenomeno

dell’impollinazione incrociata (problema derivante

dalla coltivazione di altri ibridi non triploidi consociati

che producono polline e quindi frutti con semi) e si

collocano sul mercato in modo differente sia da clementine

sia da tarocco.

Oltre a Mandared, varietà pigmentata nella polpa

e nella buccia disponibile da gennaio alla metà di


produce pollen and hence seeded fruit), and

have a market position that differs

from that of both clementines and

tarocco.

Apart from Mandared, a variety

with pigmented fl esh and peel

available from January to mid-

March, this family includes Tacle

(patented in 2001), Alkantara

(patented in 2004) and the

recent arrivals Early Sicily

and Sweet Sicily (both patented

in 2012) .

Once again it is necessary

to acquire the

know-how required for

the technical management

of these varieties,

generous from a productive

point of view

and vigorous, but thistly

and in need of a suitable

location in order to give of their

best.

(English version by Lawrence Smith)

Caffi n Clementines from Op Agridoc2 marketed

in 1 kg girsacs (foto F. Perri).

Clementine Caffi n della Op Agridoc2 commercializzate

in girsac da 1 kg (foto F. Perri).

marzo, appartengono a questa famiglia

Tacle (brevettato nel 2001), Alkantara

(brevettato nel 2004) e gli ultimi arrivati

Early Sicily e Sweet Sicily

(brevettati nel 2012).

Ancora una volta è

necessario acquisire

il know how

necessario alla

gestione tecnica

di queste varietà,

molto generose

dal punto di

vista produttivo,

ma spinescenti e

vigorose da collocare

nel territorio più

vocato.

market/Calabria clementines

mercato/clementine Calabria


market/AgroSud fair Naples

mercato/fi era AgroSud Napoli

AgroSud, from seed to market

The supply chain on show

at Naples

AgroSud, dal seme al commercio

La fi liera in mostra a Napoli

Cèdric Green

A rich program of meetings and conferences with special focus on fresh cuts at

AgroSud, the central and southern Italy agricultural fair held in Naples from 1 to

3 March

Nutrito programma di incontri e convegni alla fi era dell’agricoltura del Centro e Sud

Italia, dall’1 al 3 marzo. Speciale focus sulla IV gamma

In Naples, from 1 to 3 March 2013, the OltreMare

exhibition space will be hosting AgroSud, the central

and southern Italy agricultural fair. The last edition

saw the participation of over 30 thousand visitors

and fi rmly established the fair as a point of reference

for southern Italian agriculture. One of the highlights

will be Ortomed, which focuses

on Mediterranean horticulture,

a specialized event for horticulture,

which as the organizers

explain “…aims to be a

driving force for the activities

of the supply chain and which

increases the exhibition space

dedicated to the horticultural

sector so as to make the fair

representative of all commercial

categories. The result is an

exhibition that will refl ect the

entire supply chain all the way

from seeds and innovative techniques

of cultivation to the harvesting

and marketing of the

product”.

The fourth edition of the

Neapolitan event will, therefore,

seek to represent the entire

horticultural production and

marketing chain in southern

Italy. Not by chance, among the

56 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Salvatore Bonavita, AgroSud CEO

Salvatore Bonavita, amministratore delegato

di AgroSud.

ANapoli, alla Mostra d’OltreMare, dall’1 al 3 marzo

2013 apre i battenti AgroSud, la fi era dell’agricoltura

del Centro e Sud Italia. La precedente edizione

ha visto la partecipazione di oltre 30mila visitatori e si

è quindi creato un evento di riferimento per il mondo

agricolo del Meridione italiano. All’interno di AgroSud

vi sarà OrtoMed, Orticoltura

Mediterranea a confronto, una

manifestazione specializzata per

il settore orticolo che, come

spiegano gli organizzatori “….si

pone come obiettivo far da volano

alle attività di fi liera, ampliando

gli spazi espositivi dedicati al

comparto orticolo con l’obiettivo

di consolidare la rappresentatività

delle singole categorie

commerciali. Il risultato sarà un

percorso espositivo che rispecchierà

interamente la fi liera a

partire dal seme alle tecniche di

coltivazione innovative fi no ad

arrivare alla raccolta e commercializzazione

del prodotto”.

Alla quarta edizione della manifestazione

napoletana si cercherà,

quindi, rappresentare

tutta la fi liera di produzione e

commercio dei prodotti orticoli

del Sud Italia. Non a caso fra i


market/AgroSud fair Naples

mercato/fi era AgroSud Napoli

The entrance to the fair.

L’ingresso della fi era.

supporters of the initiative are some of the largest

producer organizations in Campania like Finagricola,

Cooperativa Sole, Rago Group, Aoa, Altamura, Euro.

Com, and Terra Orti.

The development of Campania

In recent years Campania has distinguished itself for

the production of horticultural products, in particular

of leafy vegetables that are destined above all for

convenience food processing. Campania’s horticultural

producers have specialized in supplying the

fresh-cut processing industry, ndustry, not only

in Northern Italy but

throughout Europe,

especially during the

autumn-winter period.

Today export fl ows to

Northern and Central

Europe are substantial

and the region’s com-

panies have achieved a

high level of technical al

specialization.

Many international buyers rs

have been invited to the he

event and an appropriate ate

space will be put at their heir disposal in which BtoB

meetings can be arranged with producers. The fair

also promises a rich conference program which will

focus in particular on “The fresh-cut range on the

road to PGI.”

“This exhibition - explains Salvatore Bonavita,

AgroSud CEO – has responded to the new needs of

the entrepreneurial class by becoming a network of

relationships and interactions where companies producing

goods and services for agriculture, POs, dealers,

import-export agencies and distribution channels

all share the exhibition space, creating business

opportunities and stimulating professional growth”.

(English version by Lawrence Smith)

58 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

sostenitori dell’iniziativa vi sono alcune fra le maggiori

organizzazioni di produttori della Campania quali

Finagricola, Cooperativa Sole, Rago Group, Aoa,

Altamura, Euro.Com, Terra Orti.

L’evoluzione della Campania

La Campania, negli ultimi anni, si sta distinguendo

per la produzione di prodotti orticoli, in particolare

di ortaggi a foglia che sono indirizzati soprattutto

all’industria dei prodotti convenience. Le aziende del

settore orticolo campano si sono specializzate nella

produzione di materie prime che soprattutto

du durante

il periodo autun-

no nno-invernale -inv alimentano

le l le ind industrie di produzio-

ne n ne de della quarta gamma,

non solo s nel Nord Italia

ma mma

in tutta l’Europa.

Oggi Og O g i fl ussi di espor-

tazio tazione verso tutti

i PPaesi

del Nord e

Centro Ce C Europa sono

ing ingenti e le aziende

di produzione hanno

re realizzato un eleva-

ti tiss tissimo ssim grado di spe-

ci cial cializzazione aliz izzazione tecnica.

Molti Molti sono i buyers internazionali iinvitati

all’evento e

a questi sarà messa a disposizione

un’apposita area

nella quale programmare incontri BtoB con i produttori.

Si promette anche un nutrito programma di

convegni tra i quali un focus speciale dal titolo “La IV

gamma verso l’Igp”.

‹‹Questa fi era - spiega Salvatore Bonavita, amministratore

delegato di AgroSud - risponde alle nuove

esigenze della classe imprenditoriale divenendo un

network di relazioni ed interazioni dove le aziende

produttrici di beni e servizi per l’agricoltura, le Op,

i commercianti, le agenzie di import-export, i canali

distributivi condividono lo spazio espositivo e costruiscono

opportunità di business e crescita professionale››.


product/bananas

prodotto/banane

Multinationals & sustainability

what can be done

Multinazionali e sostenibilità

un binomio possibile

Sara Andersen Scotti

Chiquita’s commitment to protect the local communities working for its banana

operations and their environment passes the twenty-year mark. A triumph for

human rights and biodiversity

Chiquita festeggia vent’anni d’impegno per tutelare le condizioni delle comunità

locali produttrici di banane e dell’ambiente in cui vivono nel rispetto dei diritti umani

e della biodiversità

Back in 1992, when

sustainable farming

was still not much of

a major issue, Chiquita

was the fi rst multinational

to put to the

test in Costa Rica

the ethical code of

Rainforest Alliance,

the NGO advocating

standards for

sustainable agriculture

in tropical countries under

its Better Banana Project. The corporation has since

put into place a number of measures that more

fully integrate sustainability into its business model.

In celebration of this long-standing commitment,

Chiquita decided to take part last December in the

2012 Socialis Prize, which is awarded to the best

undergraduate or graduate thesis on corporate social

responsibility and sustainable development.

«Chiquita decided for the Socialis Prize, whose contribution

to the spread of corporate social responsibility has

been fundamental, in order to emphasise the many changes

in crop management and distribution practices that

have taken place in the last twenty years», noted Luciana

Luciani, head of communications at Chiquita Italia.

Protecting growers

In 2000 Chiquita adopted in their entirety the SA8000

(Social Accountability International) code, which is

62 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Nel 1992, quando

ancora di produzione

sostenibile non si

parlava molto, Chiquita

fu la prima multinazionale

a sperimentare

in Costa Rica

il protocollo di

Rainforest Alliance,

la Ong attiva nella

defi nizione di standard

per l’agricoltura

sostenibile nei paesi tropicali,

per la coltivazione della banane (Better banana

project). Da allora sono state molte le azioni adottate

dall’azienda per integrare il valore della sostenibilità nel

proprio business. E per celebrare i vent’anni di impegno

in questa direzione lo scorso dicembre ha partecipato

all’edizione 2012 del premio Socialis per le migliori

tesi di laurea sulla responsabilità sociale e lo sviluppo

sostenibile.

«Chiquita ha scelto l’iniziativa del premio Socialis, il cui

contributo si è rivelato fondamentale nella diffusione

della cultura della responsabilità d’impresa, per testimoniare

i molti cambiamenti intervenuti nei criteri applicati

nella produzione e distribuzione dei propri prodotti negli

ultimi 20 anni», ha dichiarato Luciana Luciani responsabile

comunicazione di Chiquita Italia.

Tutela dei produttori

Nel 2000 Chiquita ha incorporato integralmente le

norme del SA8000 (Social accountability international),


ased on conventions of the International Labor

Organization, the Universal Declaration of Human

Rights and the United Nations Declaration of the

Rights of the Child. Since 2004 the SA8000 norms

have covered 100% of the company’s Latin American

operational divisions and their nearly 14 thousand

employees as well as part of the independent growers

who sell their bananas to Chiquita.

Another step in the direction of greater worker protection

was taken in June 2001: Chiquita was the

fi rst multinational, and still the only US corporation,

to sign an international framework agreement with

Colsiba (Coordinadora de sindicatos bananeros), the

main labour union of the banana industry, and with

Iuf (International union of foodworkers). This historymaking

pact assures freedom of association and

observance of ILO conventions for all employees.

Environmental stewardship

In 2008 Chiquita joined forces with Rewe, a German

retail giant, to protect Panama’s mangrove forests

and the San San Pond Sak wetlands, an eco-system

listed as one of Unesco’s Biosphere Reserves and

protected by the Ramsar Convention. The project

involves not only protecting biodiversity and species

at risk of extinction but also micro-activities

designed to generate income for local communities.

Chiquita has also been working for several years

now with MIT in a project called the Carbon-

basato sulle convenzioni dell’Ilo (International labor

organization), la Dichiarazione universale dei diritti umani

e la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo.

Dal 2004, la certifi cazione SA8000 riguarda il

100% delle divisioni produttive in America Latina (circa

14mila lavoratori coinvolti) e parte dei produttori indipendenti

dai quali Chiquita acquista banane.

Un altro passo in favore della tutela dei lavoratori viene

fatto a giugno 2001: Chiquita è la prima multinazionale,

e tuttora l’unica azienda americana, a siglare un

accordo quadro (International framework agreement)

con Colsiba (Coordinadora de sindicatos bananeros), la

principale organizzazione sindacale del settore bananiero,

e Iuf (International union of foodworkers). Lo storico

accordo sancisce la libertà di associazione e il rispetto

delle Convenzioni internazionali dell’Ilo (Organizzazione

internazionale del lavoro) per tutti i dipendenti.

Conservazione dell’ambiente

Tra le azioni in favore della conservazione ambientale,

nel 2008, in partnership con Rewe, un distributore

tedesco, Chiquita realizza a Panama un’iniziativa a

tutela delle foreste di mangrovie e della laguna di San

San Pond Sak, un ecosistema inserito nella lista delle

Biosfere dell’Unesco e protetto dalla convenzione di

Ramsar. Oltre alla conservazione della biodiversità e a

programmi di protezione di specie in pericolo di estinzione,

il programma prevede l’avvio di micro attività a

sostegno del reddito per le comunità locali.

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

63

product/bananas

prodotto/banane


product/bananas

prodotto/banane

2012 socialis prize, the winners

Premio socialis 2012, i vincitori

Here are the 2012 Socialis winners:

Claudia Catanese for Lo sviluppo

di logiche di responsabilità sociale

nella fi liera agroalimentare, Facoltà

di Economia, Università degli studi

di Roma Tor Vergata; Maria Giuliana

Del Prete for La comunicazione della

sostenibilità ambientale tra Csr e non

convenzionalità, Facoltà di Scienze

Politiche, Università Luiss; Marianna

Bianca Galantucci for Household

food waste in Italy: the case of the

ethical purchasing groups, Facoltà

di Economia, fi nanza e integrazione

internazionale, Università degli studi

di Pavia.

Special mention: Giulia Canzonetta for

Indagini di mercato e responsabilità

sociale d’impresa: il caso Unicoop,

effi cient supply chain and

taking part in the SmartWay

green transportation program

promoted by the US

Environmental Protection

Agency. So far the environmental

impact of its logistics

network has improved by

some 16%.

«Chiquita has responded

well to the challenges posed

by the current economic

climate and by the tight

pricing policy practiced by

wholesalers – said Paolo

Prudenziati, Vice-president

and General Manager

Banana Chiquita Europe. –

It has done so by bringing

to bear the efficiency of its

supply chain and the value

of its brand name, which

today is reaping the rewards

for our commitment to corporate

responsibility from

the more discerning and attentive consumers. Our

2012 performance goes against the market grain

in that we’re posting a slight increase in volumes

and stable sales on the year ».

(English version by David Verzoni)

64 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Facoltà di Ingegneria, Università degli

studi di Roma Tor Vergata; Claudia

Coletta for How the smart city model

matches equity issues. A comparative

study of Stockholm and Torino, Facoltà

di Sociologia, Università degli studi

di Torino; Fabio Forti for Le opportunità

del marketing non convenzionale

nelle organizzazioni non governative.

Proposte applicative al campaigning di

Save the Children. (DV)

Vincitori del premio Socialis 2012:

Claudia Catanese Lo sviluppo di logiche di

responsabilità sociale nella fi liera agroalimentare,

facoltà di Economia, Università

degli studi di Roma Tor Vergata; Maria

Giuliana Del Prete La comunicazione

della sostenibilità ambientale tra Csr e

non convenzionalità, facoltà di Scienze

Politiche, Università Luiss; Marianna

Bianca Galantucci Households food waste

in Italy: the case of the ethical purchasing

groups, facoltà di Economia, fi nanza

e integrazione internazionale, Università

degli studi di Pavia.

Menzioni speciali a: Giulia Canzonetta

Indagini di mercato e responsabilità sociale

d’impresa: il caso Unicoop, facoltà di

Ingegneria, Università degli studi di Roma

Tor Vergata; Claudia Coletta How the

smart city model matches equity issues.

A comparative study of Stockholm and

Torino, facoltà di Sociologia, Università

degli studi di Torino; Fabio Forti Le opportunità

del amrketing non convenzionale

nelle organizzazioni non governative.

Proposte applicative al campaigning di

Save the Children. (SAS)

Da qualche anno Chiquita collabora

con il Mit di Boston nel

programma Carbon-effi cient

supply chain e aderisce allo

SmartWay green transportation

program promosso dall’Epa

(Environmental protection

agency, Usa).

Ad oggi l’impatto ambientale

del network logistico è migliorato

del 16%.

«Chiquita è riuscita a fronteggiare

la diffi cile contingenza

economica degli ultimi anni

e la politica di forte contenimento

dei prezzi praticata

dai distributori – afferma Paolo

Prudenziati, vice president

and general manager banana

Chiquita Europe – facendo

leva sull’effi cienza della catena

della fornitura e sul valore della

marca che, grazie all’impegno

nel campo della responsabilità

d’impresa sta rispondendo

positivamente anche alle istanze dei consumatori più

attenti e sensibili. Il 2012 per noi si chiude in controtendenza

rispetto al mercato, registriamo infatti un leggero

incremento dei volumi sul 2011 e prezzi di vendita pressoché

stabili».


product/tomato

prodotto/pomodoro

The sensory qualities of tomato are best appreciated raw.

Le peculiarità sensoriali possono essere apprezzate al meglio se il pomodoro è consumato crudo.

Tomato, de gustibus

Pomodoro, de gustibus

Sara Spinelli

The most popular have a strong, but not acidic, fl avour. If cooked, taste depends

on the oil

Piacciono quelli dal sapore intenso, ma non acido. Se cotti il sapore dipende dall’olio

Tomato ranks second only to potato as the

world’s most popular produce item. Any number

of studies have investigated the most important

traits consumers seek in its fresh fruit, the upshot

being that the best have an intense tomato taste

and smell but are not too acidic. It’s also been suggested

that acceptability declines once a certain

sweet-to-acid balance is exceeded.

Even fl esh fi rmness plays an important part in preference,

as do traits linked to appearance like bright

colouring. In effect, the degree of fi rmness, moisture,

weight, the buttery smell of diacetyl and mealy

66 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Il pomodoro è il prodotto vegetale più consumato al

mondo dopo la patata. Sono stati condotti molti studi

con l’obiettivo di individuare le caratteristiche più importanti

del frutto di pomodoro fresco in grado di rispondere

alle aspettative dei consumatori: per piacere i pomodori

devono avere un fl avour (cioè un sapore e un odore) intenso

di pomodoro, ma non devono risultare troppo acidi.

È stato anche suggerito un giusto rapporto tra dolcezza

e acidità, oltre il quale l’accettabilità diminuisce.

Anche la consistenza gioca un ruolo fondamentale,

assieme ad alcune caratteristiche legate all’aspetto

come la luminosità.


texture tend to have an adverse affect on acceptability

according to Sinesio and co-workers (2012).

Comparing tastes

A broad-ranging EU-Sol survey (www.eu-sol.net)

of 800 consumers in Italy, France and Holland

using 16 tomato varieties to investigate these traits

identifi ed several consumer types depending on

specifi c sensory properties. Not everyone liked the

same tomato, nor is there an ideal profi le that fi ts

all consumers.

The survey found fi rst of all that the biggest differences

in preference were not between consumers

of different countries but between consumers of

the same country. Generally speaking, sweetness,

the sweet/acid balance and fi rmness are highest

on the preference list. It also proved possible in all

three countries to identify some 3-4 consumer profi

les depending on preferences for specifi c sensory

properties (Causse et al. 2010).

Sinesio et al. (2010) report for Italy that they identifi

ed four groups of consumers according to preference.

The fi rst likes ribbed fruit with intense fl avour

and outstanding taste. The second group evinced

a preference for fi rmer, fl eshier and juicier fruit. The

third and fourth preferred juicy tomatoes with a fruity

fl avour and sweet taste while eschewing thick-fl eshed

fruit having notes of sourness and a squash-like taste.

La consistenza della polpa, l’umidità, il peso, l’odore

di diacetile (un odore che ricorda quello del burro) e

la farinosità sono invece fattori che tendono a infl uire

negativamente sul gradimento (Sinesio et al. 2012).

Gusti a confronto

Un ampio studio europeo (Eu-Sol: www.eu-sol.net),

condotto su 800 consumatori di diversa nazionalità

(italiani, francesi e olandesi) utilizzando sedici varietà

di pomodoro, ha permesso di approfondire questi

rilievi mostrando che è possibile individuare diverse

tipologie di consumatori caratterizzate da preferenze

per specifi che proprietà sensoriali.

Non tutti infatti preferiscono lo stesso pomodoro, né

si può dire che esista un profi lo ideale prediletto da

tutti i consumatori.

Dai rilievi di questo studio è emerso che le maggiori

differenze in termini di preferenza non sono tra consumatori

di nazionalità diversa, quanto piuttosto tra

consumatori dello stesso Paese. In generale la dolcezza,

il rapporto dolcezza/acidità e la compattezza

sono le proprietà maggiormente apprezzate. In tutti e

tre i Paesi è stato però possibile individuare dalle tre

alle quattro tipologie di consumatori sulla base delle

preferenze espresse per specifi che proprietà sensoriali

(Causse et al. 2010).

Per quanto riguarda il caso italiano (Sinesio et al.

2010), sono stati individuati quattro gruppi di con-

product/tomato

prodotto/pomodoro


product/tomato

prodotto/pomodoro

Italian consumers prefer tomato sauce redolent of fresh tomato.

I consumatori italiani preferiscono passate dall’odore di pomodoro fresco.

The results of the survey suggest that the market

must offer an assortment of tomato varieties with

a range of sensory properties capable of meeting

the range of preferences corresponding to the different

consumer groups. Most important here is

fl avour, the range of sweet-to-acid balance and

fruit fi rmness, with some consumers preferring fi rm

and compact fruit and others a soft one that melts

in the mouth.

When cooked

Fresh, raw tomato, the state in which its particular

sensory traits are best expressed, is usually eaten

as an ingredient in salads. Yet we should remember

that most of the tomato served at table is cooked,

either peeled or as sauce, and its best sensory properties

here are different. The wide-ranging European

Ecropolis Project on organic foods reports that Italian

consumers prefer tomato sauces that preserve the

intense fl avour and fragrance of heated fresh tomato

but, unlike their French counterparts, do not like the

taste and fragrance of tomato purée.

Yet, for a more accurate picture of consumer preferences,

we must remember that tomato is usually

68 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

sumatori sulla base delle preferenze espresse. Una

prima tipologia preferisce pomodori costoluti caratterizzati

da elevata sapidità e fl avour intenso.

Una seconda tipologia di consumatori preferisce, al

contrario, pomodori più tenaci, polposi e succosi. Il

terzo e il quarto gruppo mostra invece di preferire

pomodori succosi, caratterizzati da un fl avour fruttato

e da un sapore dolce, mentre non ama i pomodori

con la buccia spessa e resistente caratterizzati da un

gusto aspro, note vegetali e di cucurbitacea.

I risultati di questo studio suggeriscono, quindi, che è

di estrema importanza per il mercato offrire una varietà

di prodotti diversi per caratteristiche sensoriali, in

modo da incontrare le preferenze di diverse tipologie

di consumatori.

Ciò soprattutto in relazione al fl avour, ai diversi gradi

di bilanciamento tra dolce e acido e alla consistenza,

che alcuni preferiscono soda e compatta mentre altri

prediligono quella tenera di un pomodoro che si scioglie

in bocca.

Quando è cucinato

Il pomodoro consumato fresco, a crudo, è utilizzato

principalmente per la preparazione di insalate. In que-


Figure 1 – Rating freshness

Figura 1 – Valutazione della freschezza

Tomato / Pomodoro

Tomato / Pomodoro

+ Oil B / Olio B

Tomato / Pomodoro

+ Oil A / Olio A

Oil B / Olio B

Oil A / Olio A

-1,5 -1 -0,5 0 0,5 1

Average freshness rating by consumers per sample of oil, t

omato and by oil/tomato combination (Masi et al. 2011)

Punteggi medi di freschezza espressi dai consumatori per i campioni di olio,

per il pomodoro e per le combinazioni olio/pomodoro (Masi et al. 2011)

eaten not alone but in addition to other ingredients.

First and foremost of the latter, at least in

Mediterranean diets, is olive oil.

Recent studies by Erminio Monteleone and coworkers

at Florence University focused on the sensory

functionality of extra-virgin olive oils differing

sto caso le sue peculiarità sensoriali possono essere

apprezzate al meglio. Non bisogna però dimenticare

che la maggior parte del pomodoro che arriva sulle

nostre tavole è quello cotto dei pelati e delle passate.

In questo caso le proprietà sensoriali più apprezzate

sono diverse.

Da un vasto studio europeo (progetto Ecropolis)

sul consumo di prodotti biologici, è risultato che i

consumatori italiani preferiscono passate di pomodoro

caratterizzate da un intenso gusto e odore di

pomodoro fresco cotto, mentre non amano il gusto

e odore di purea di pomodoro, a differenza di quelli

francesi.

Se si vuole però investigare più accuratamente il

gradimento dei consumatori, occorre tenere presente

che difficilmente il pomodoro viene consumato da

solo quanto piuttosto in aggiunta ad altri ingredienti.

Primo fra tutti, almeno nella tradizione mediterranea,

l’olio d’oliva.

Studi recenti, condotti presso l’Università di Firenze

da Erminio Monteleone e collaboratori, hanno preso

in esame la funzionalità sensoriale di oli extravergini

d’oliva diversi per specifi che proprietà sensoriali.

Questo tipo di studi all’avanguardia nel panorama

internazionale ha gettato una nuova luce sul tema

dell’identità sensoriale di prodotti alimentari utilizzati

come ingredienti in preparazioni culinarie.

Infatti, oltre al tradizionale profi lo sensoriale, cioè

product/tomato

prodotto/pomodoro


product/tomato

prodotto/pomodoro

in specifi c sensory properties. Studies of this kind

are at the vanguard in the international panorama

and are intended to shed new light on the sensory

profi le of foods used as ingredients in dishes.

In effect, in addition to the traditional sensory profi

le rating the perceived intensity of the overall sensory

properties, it is now possible to gain insights

into the infl uence that a product used as an ingredient

has on the sensory profi le and the acceptability

of the foods to which it is added.

Combined with olive oil

A recently released study provides several key

insights into the capacity that extra-virgin oils of

differing sensory profi les have of altering the sensory

properties of a cream of tomato made by blending

tinned peeled tomatoes. The results proved to

be signifi cant. For, quite apart from the type, not

only did the addition of olive oil eliminate a negatively

perceived fl avour like that of tinned tomato,

but it even made the cream more acceptable than

it would have been without condiment.

It was also found that the addition of olive oil

resulted in the disappearance of the watery trait

and a signifi cant diminution of the acidic taste, both

being factors that explain why tomato purée with oil

is better than that without it. Another fi nding was

that at certain concentrations several oils brought

out fl avour and fragrance traits like bitterness, peppery

and herb-like nuances that were absent in the

purée without condiment.

Then too the adding of a given olive oil enhanced the

perception of the cream of tomato’s freshness. Two

oils were tested here individually: A, which seemed

the fresher tasting, had a fl avour combining nuances

of artichoke, chopped herbs and a marked intensity

of bitterness and a peppery spiciness, and B,

deemed less fresh with a fl avour of green fruit, lemon

and unripe tomato. The oil judged to be less fresh

did more to enhance the perception of freshness

when added to the cream of tomato (see fi gure).

What this suggests is that the sensory properties

deriving from the interaction of two ingredients are

not a mere sum of their parts but the result of specifi

c effects due to different combinations.

These results indicate that if we want to identify

the sensory factors infl uencing what consumers

like and prefer in their produce, we must take into

account that most of these food products are not

eaten as they are but cooked, often with the addition

of other ingredients like olive oil.

Studying the sensory perception of these foods is

therefore important if we want to identify the factors

guiding consumer preferences. And to the raw we

must add the cooked as well.

(English version by David Verzoni)

70 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

l’insieme di proprietà sensoriali che caratterizzano un

prodotto valutate in termini di intensità, è oggi possibile

disporre di informazioni aggiuntive relative alla

capacità di un prodotto, utilizzato come ingrediente,

di infl uire sul profi lo sensoriale e sull’accettabilità degli

altri prodotti a cui è aggiunto.

La combinazione con l’olio

Uno studio recentemente pubblicato ha preso in

esame la capacità di oli extravergini dai profili sensoriali

nettamente diversi di modificare le proprietà

sensoriali di creme di pomodoro, ottenute frullando

pomodori pelati in scatola.

I risultati sono stati significativi: non solo l’aggiunta

di olio, a prescindere dal tipo, ha consentito l’eliminazione

di un flavour non apprezzato come quello di

conserva di pomodoro, facendo sì che la purea così

presentata risultasse sempre più gradita rispetto a

quella scondita.

Si è inoltre osservato che l’aggiunta di olio determina

la scomparsa del carattere acquoso e una decisa

diminuzione di dominanza del gusto acido, entrambi

fattori che spiegano perché la purea di pomodoro

con olio sia preferita a quella scondita. Inoltre, alcuni

oli a determinate concentrazioni hanno causato la

comparsa di sensazioni gustative e olfattive assenti

nella sola purea scondita (come l’amaro, il piccante,

l’erbaceo).

Ma non è tutto: l’aggiunta di un particolare olio

ha causato anche l’aumento della freschezza percepita

della purea di pomodoro. In particolare tra

due oli, che valutati singolarmente apparivano uno

più fresco (A, caratterizzato da flavour di carciofo

ed erba tagliata e da un’intensità elevata di amaro

e piccante) e uno meno fresco (B, caratterizzato

da frutta acerba, limone e pomodoro verde), è

stato quello giudicato meno fresco a contribuire

maggiormente all’aumento della percezione di freschezza

se aggiunto alla purea di pomodoro (vedi

figura).

Ciò lascia pensare che le proprietà sensoriali derivanti

dall’interazione di due prodotti non siano la

semplice somma delle parti, ma il risultato di effetti

specifici dati dalle diverse combinazioni.

Da questi risultati emerge che se si vuole comprendere

i fattori che influenzano il gradimento e

le preferenze dei consumatori per prodotti orticoli

dal punto di vista sensoriale, non si può trascurare

il fatto che la maggior parte di questi prodotti non

sono consumati tal quali ma sono cucinati, spesso

con l’aggiunta di altri ingredienti (almeno l’olio).

Lo studio della percezione sensoriale di questi prodotti

è quindi importante per individuare i fattori che

guidano le preferenze dei consumatori nel consumo

a crudo, ma non è sufficiente.


product/exotic fruits

prodotto/frutta esotica

One of the fruit combinations in the Solentes basket mixes range.

Una della combinazioni di frutta nei cestelli mix Solentes.

Holland wins over the market

with a new mix of exotic fruits

L’Olanda conquista il mercato

col nuovo mix di frutta esotica

Giulia Giovanelli

Solentes is available throughout the year and meets the growing demand for

high quality products. The Greenery also offers other novelties: from Tasty

Pep to Red Egg

Solentes è disponibile tutto l’anno e soddisfa la crescente domanda di prodotti di

alta qualità. The Greenery propone altre novità: dal Tasty Pep al Red Egg

T

he cooperative The Greenery continues to

scale the heights of the market with Solentes,

an exotic mix of Fairtrade products.

72 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

a cooperativa The Greenery continua la sua sca-

Llata, proponendo Solentes: un mix di prodotti

esotici equo-solidali.


product/exotic fruits

prodotto/frutta esotica

Hage International, the company that created the

new exotic fruit brand Solentes, is offering this

very attractive mix in response to the growing

demand for luxury packaged exotic products. The

mix includes a combination of exotic and special

varieties, packaged in a small basket, which

has the advantage of making it a perfect promotional

gift. With a brand that is synonymous with

reliability and that guarantees products selected

in accordance with the strictest criteria of food

safety and quality, the Solentes range consists

of various types of baskets with standard exotic

varieties such as mangos and papayas, exotics

for garnishing purposes such as carambolas (star

fruit) and pomegranates, Chinese mandarins, and

a mix of luxury potato varieties. Still more product

combinations are available, however, such as the

ingredients needed to make guacamole, and edible

fl ower petals. The basic range of exotic products is

in constant expansion.

“Our collaboration with carefully selected growers

from different countries”, explains Corrie Visbeen,

product manager of the Exotics and Specialties

department, “enables us to satisfy a growing customer

demand for high-quality products. Together

with our suppliers we focus on quality, fl avour and

food safety in order to guarantee continuity in this

regard. The mix baskets are packaged in threes

with product information printed on the labels.

What is more, the Solentes mix is available all the

year-round”.

The other novelties

But with The Greenery

the novelties don’t end

here. The company is

also offering other curious

varieties of vegetables

such as Tasty Pep

mini bell peppers, which

are already available and

sure to become a fi xture

on store shelves.

Consumers don’t like seeds in

snack sized vegetables. After three

years of crop improvement, in cooperation

with Dolf Boekestijn, The Greenery

has managed to introduce a unique variety: the

seedless Tasty Pep. In shape this baby bell pepper

is identical to that of standard size, only smaller,

with a length of 25-55 mm and the diameter of

25-40 mm. They are deliciously sweet and savory

and are attractive in colour. This makes them very

popular among children, and since they are seedless

they are ideal as a healthy snack.

Red Egg is another interesting novelty, a new vari-

74 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Così, Hage International, l’azienda partner che ha

coniato il nuovo marchio di frutta esotica Solentes,

decide di rispondere alla crescente domanda di

prodotti di lusso confezionati, offrendo una miscela

davvero accattivante. Il mix ready-to-eat comprende

una combinazione di varietà esotiche speciali, confezionata

in un piccolo cestino, che lo rende anche

un perfetto regalo promozionale. La gamma del mix

Solentes, marchio sinonimo di garanzia di prodotti

selezionati secondo i più rigidi criteri di sicurezza alimentare

e qualità, è costituita da diversi tipi di cesti,

con lo standard di varietà esotiche al mango e papaia,

frutta da guarnizione come la carambola (frutta a

stella) e melograni, mandarini cinesi, diverse varietà

di patate di lusso. Sono comunque disponibili anche

altre combinazioni di prodotti, come gli ingredienti

necessari per realizzare il guacamole, e petali di fiori

edibili. I reparti sono in costante ampliamento della

gamma di base.

«La nostra collaborazione con i produttori accuratamente

selezionati e di diversi Paesi – spiega Corrie

Visbeen, product manager del reparto Specialità

e Frutta esotica – ci consente di soddisfare una

domanda crescente di prodotti con alti requisiti.

Insieme con i nostri fornitori ci concentriamo su

The new brand of exotic fruit aims to satisfy

the growing demand for luxury packaged products.

Il nuovo marchio di frutta esotica ha l’obiettivo

di rispondere alla crescente domanda di prodotti di lusso

confezionati.


ety of tomato that, thanks to its unique characteristics

(its deep red color, oval shape and surprising

versatility), can be utilized in many ways and is

already being tipped as the market leader of the

next decade.

These tomatoes can be used in soups, sauces and

pasta dishes. Because they are more fl eshy than

other varieties, they release less liquid on cutting,

at no cost to taste. This makes them an excellent

addition to salads, sandwiches and even chips.

Their unique oval shape means that they can be cut

into uniform slices of interesting shapes. Red Egg

was developed in close cooperation with farmers

belonging to The Greenery cooperative in association

with Themato, Nico Duyvestein and Fred van

Zeyl. A Romanella variety, Red Egg is currently

distributed not only in the retail sector, but also in

the H&R sector, and is available from April in the

following sizes: 60-80 g, 80-125 g and 125 g.

(English version by Lawrence Smith)

The Solentes mix range also includes exotics for garnishing

purposes such as carambolas (star fruit).

La gamma del mix Solentes comprende anche frutta da

guarnizione come la carambola (frutta a stella).

qualità, sapore e sicurezza alimentare, per essere

in grado di garantire la continuità di tutti questi

elementi. I cestelli mix sono confezionati in tre referenze.

Le informazioni sul prodotto sono stampate

su apposite etichette e, per di più, il mix Solentes è

disponibile tutto l’anno».

Le altre novità

Ma le novità per The Greenery non finiscono qui.

Infatti, l’azienda propone anche altre curiose varietà

di ortaggi come il mini peperone Tasty Pep, già

disponibile e subito diventato un appuntamento

fisso sugli scaffali dei negozi.

I consumatori non amano i semi nelle verdure

dimensioni snack.

Dopo tre anni di miglioramento delle colture, assieme

a Dolf Boekestijn, si è riusciti ad introdurre una

varietà unica: il Tasty Pep senza semi. La forma del

baby peperone è identica a quella dalla dimensione

standard, solo più piccola, con una lunghezza di

25-55 mm e il diametro di 25-40 mm. Sono deliziosamente

dolci e sapidi e hanno un bel colore. Ciò

li rende molto popolari tra i bambini, e

siccome non contiene

i semi, è ideale come

spuntino sano.

Altra interessante novità

è Red Egg, una nuova

varietà di pomodoro

che, grazie alle sue

peculiarità (colore

rosso intenso,

forma ovale e versatilitàsorprendente),

è utilizzato

in mille modi ed è,

quindi, già stato considerato

come il leader dei

pomodori per il prossimo

decennio.

Questi pomodori possono

essere utilizzati in zuppe, salse e

piatti di pasta. Poiché sono più carnosi di altre varietà,

rilasciano meno liquidi al taglio senza penalizzare

il sapore. Questo rende Red Egg un’ottima aggiunta

alle insalate, ai panini e persino alle patatine fritte. La

sua forma ovale, unica, consente un taglio in fette

uniformi interessanti.

Red Egg è stato sviluppato in stretta collaborazione

con i coltivatori aderenti a The Greenery in associazione

con Themato, Nico Duyvestein e Fred van

Zeyl. Appartenente alla varietà Romanella, è attualmente

distribuito non solo per il settore retail, ma

anche per i servizi di ristorazione, ed è disponibile da

aprile nelle seguenti categorie di dimensioni: 60-80 g,

80-125 g e 125 g.

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

75

product/exotic fruits

prodotto/frutta esotica


product/aubergine

prodotto/melanzana

New life

for the old aubergine

Una nuova giovinezza

per la melanzana

Paolo Battistel – Ceres srl – Agricultural Consultants/ Ceres srl – Società di consulenza in Agricoltura

A vegetable long looked down upon comes back into favour thanks to new, more

effi cient and fruitful management methods. Holland goes to the head of the class

Un ortaggio per lungo tempo snobbato conosce oggi una rinascita grazie a recenti

tecniche di produzione, più razionali e fruttuose. All’Olanda il primato anche per la

messa a punto dei nuovi sistemi

The last of the solanaceae threesome that includes

tomato and sweet pepper, aubergine, or eggplant,

has always been seen as the poor relation,

the one hidden in a corner during the party. It’s even

lagged a few steps behind the other two when seen

in the light of crop management practices.

In the last few years, however, aubergine has been

the object of renewed interest because of rapid

developments in crop management techniques and

new varieties.

Aubergine is a native species of eastern India or

southern China, where it is still more widely grown

than anywhere else. Indeed, China alone today

accounts for 30-40% of the worldwide crop, which is

estimated to cover more than a million hectares.

76 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Del trio di solanacee, pomodoro, peperone e melanzana,

quest’ultima è sempre stata considerata un po’

il parente povero, quello da nascondere in un angolo alle

feste. Anche dal punto di vista delle varietà e delle tecniche

colturali è sempre rimasta un passo indietro alle altre due.

Negli ultimi anni, invece, si è assistito a un maggior interesse

per questa specie, con una rapida evoluzione sia

delle tecniche, che dell’assortimento varietale.

Originaria dell’India orientale, o forse della Cina meridionale,

è proprio in quelle aree che si coltiva di più nel

mondo. La Cina, infatti, rappresenta da sola il 30-40%

del totale mondiale, che oggi viene stimato in più di un

milione di ettari.

Arrivata in Europa con gli arabi, si è progressivamente

affermata come pianta tipicamente mediterranea.

Just picked and packing-ready ultra-black and shiny aubergines at Pagani Farms in Verona Province.

Melanzane nerissime e brillanti appena raccolte presso l’azienda Pagani di VR, pronte per il confezionamento.


Growing elongated aubergine on coconut fi bres in Turkey.

Coltivazione di melanzana lunga su fi bra di cocco in Turchia.

Brought to Europe by the Arabs, it gradually became

identifi ed as a typically Mediterranean plant. In effect,

both Turkey with nearly 500,000 ha under aubergine

and Italy with 10-11,000 ha (10% forced at farms in the

central-southern regions of Campania, Lazio, Apulia,

Calabria and Sicily) are among the world’s top ten producers.

Although its acreage has declined somewhat in

the last decade, yields have gone up, rising from 40-50

to 60-70 t/ha. Under optimum open-fi eld conditions, the

crop can deliver up to 80 t/ha, whereas the when forced

in cold tunnels, yield can be as high as 18-20 kg/m2.

Holland a leader

As with tomato and sweet pepper, Holland has

invested most lately in developing more effi cient crop

management and production systems. While the

50-70 ha of Dutch open-fi eld acreage is not much

compared to the 1500-1700 each for tomato and

sweet pepper, it’s enough to deliver chart-topping

results, with per-unit yields well above 55 kg/m2, a

fi gure unimaginable for any grower in Italy.

Apart from soilless culture and greenhouse heating,

the other two factors contributing to this top-notch

performance are undoubtedly the use of grafted

plants and continued pruning of lateral shoots, leaves

and fruits so as to keep an even balance between

crop vegetative and reproductive demands.

Recently, the leading Italian aubergine growers have

taken a leaf from the pages of the Dutch book, including

Pgani Farms in Verona Province.

New striped aubergine cultivar popular in northern Europe.

Nuova varietà di melanzana violetta striata, sempre più popolare

in Nord Europa.

È molto diffusa in Turchia, infatti, con circa 50mila

ha, ma anche la superfi cie italiana è di tutto rispetto:

10-11.000 ha, di cui il 10% in coltura protetta, soprattutto

nelle regioni centro-meridionali (Campania, Lazio,

Puglia, Calabria e Sicilia). Nell’ultimo decennio le superfi

ci coltivate sono un po’ diminuite, compensate però

dall’aumento delle rese, passate da 40-50 a 60-70 t/

ha. In condizioni ottimali, a pieno campo, si può arrivare

fi no a 80 t/ha, mentre in tunnel freddi e con colture fuori

suolo, sono possibili rese fi no a 18-20 kg/m2.

L’Olanda insegna

Come già successo con pomodoro e peperone, è stata

l’Olanda ad aver investito di più, negli ultimi anni, nella

messa a punto di sistemi più razionali e produttivi. La

superfi cie olandese a melanzana fuori suolo è ancora ben

poca cosa (circa 50-70 ha), rispetto al totale di pomodoro

e peperone (circa 1.500-1.700 ha ciascuno), ma è già

in grado di esibire risultati da primato, con produzioni

unitarie che superano abbondantemente i 55 kg/m2,

inimmaginabili per qualsiasi coltivatore italiano.

Le altre due colonne portanti di questi risultati da primato,

oltre al fuori suolo e al riscaldamento, sono state sicuramente

l’uso di piante innestate e una continua e razionale

potatura di germogli laterali, foglie e frutti, al fi ne di mantenere

costante l’equilibrio vegetativo e riproduttivo della coltura.

Sulla base dell’esperienza olandese, recentemente

anche alcuni coltivatori italiani leader nel settore si sono

incamminati in questa direzione come, ad esempio,

l’azienda Pagani di Verona.

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

77

product/aubergine

prodotto/melanzana


product/aubergine

prodotto/melanzana

Aubergine plant grafted on Maxifort stock for rock-wool

cultivation in Holland.

Pianta di melanzana innestata su Maxifort per coltivazione su lana

di roccia in Olanda.

Deciding on soilless culture was, fi rst of all, aimed at

eliminating the need for the few chemical compounds

left used for soil fumigation. Thus, while initial planting

outlays are higher, there are many advantages, including

the elimination of tilling operations and mulching

and drip irrigation equipment, and plant cycle lengthening

due to the elimination of soil fumigation. In addition,

with comparable cultivars, specifi c crop weight is

heavier and all over fruit colour enhanced, all features

that the market is paying a premium for.

Breeding for shape and colour

Top of the line aubergine is usually packed in 30x50

wooden crates holding a dozen fruits, with secondchoice

fruits sold 15 and 9 to a crate. When working

under short picking shifts, i.e. a maximum of 3 days, you

rarely get under- or over-sized fruit. Farmgate prices over

the last fi ve years have averaged about €0.73 a kilo.

Breeding has also dedicated more attention to aubergine

lately, focusing mostly on shape, colour and, of

course, yield.

Improving shape has involved all three fruit types

(round, oval, elongated) in continuous efforts focusing

on “ideotypes” with enhanced eye-appeal for

consumers (diametrical ratios, tear shape, and so on).

On the other hand, local markets in Italy, for instance,

are chock full of varieties having the most disparate

shapes and colours that are sought after by afi cionados

of regional recipes.

When it comes to colour, the breeding priority is still

all-over black, no half hues, for the most popular

cultivars, although researchers also work on the most

eye-catching variations in hues for the purple and

white fruits. As a matter of fact, striped varieties have

lately become very popular in northern Europe.

So, we have a simple vegetable that had long been

“snubbed” but seems to be enjoying new life.

(English version by David Verzoni)

78 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Uniformity, high specifi c weight and very dark, shiny colour are

the strong suits of the aubergines grown in soilless culture by

Pagani farms.

1. Omogeneità, alto peso specifi co e colore molto scuro e brillante

sono i punti di forza della produzione fuori suolo dell’azienda Pagani.

La scelta del fuori suolo è stata fatta, innanzitutto, per

prevenire l’eliminazione dei pochi prodotti rimasti ancora

disponibili per la disinfezione del terreno. Vi sono investimenti

iniziali più alti, ma anche numerosi vantaggi:

eliminazione delle lavorazioni al terreno e dell’acquisto e

messa in opera di manichette e pacciamatura, e in più

si allunga il ciclo, non dovendo dipendere dalla disinfezione

del terreno. A parità di varietà, inoltre, si ottengono

un maggiore peso specifi co e una più intensa brillantezza

dei colori, sia del calice sia del frutto, e i mercati

stanno premiando questa scelta.

La genetica per forme e colori

Il confezionamento avviene per il 90% in normali cassette

di legno 30x50 da12 pezzi, il resto a 15 e 9 pezzi

è venduto come seconda scelta. Operando con turni di

raccolta brevi (massimo 3 giorni) diffi cilmente si raccolgono

frutti fuori misura. Il prezzo medio all’origine, negli

ultimi cinque anni, è stato di 0,73 €/kg.

Anche la genetica ha dedicato più spazio alla melanzana

negli ultimi anni, concentrandosi soprattutto su

forma, colori e, ovviamente, produttività.

Il miglioramento delle forme ha riguardato tutte e tre le

tipologie di base (tonda, ovale e allungata) con continua

ricerca di “ideotipi” che possano catturare l’attenzione

del consumatore (rapporti diametrici, forma a goccia,

etc.), ma i mercati locali italiani continuano a traboccare

anche di varietà dalle forme e colori più disparati, altrettanto

ricercati dagli appassionati di ricette regionali.

Quanto al colore, la priorità rimane sempre quella nel

nero pieno, senza sfumature, per le varietà più diffuse,

ma anche nei tipi violetti e bianchi si è lavorato molto per

trovare variazioni cromatiche più accattivanti. Nel Nord

Europa, ad esempio, sono diventati ultimamente molto

popolari anche i tipi striati.

Un ortaggio semplice e per molto tempo “snobbato”,

dunque, ma che pare aver ritrovato una nuova giovinezza.


product/pistachio from Bronte

prodotto/pistacchio di Bronte

The Bornte pistachio is easily recongnisible by its dark purplish skin colour, bright shiny green nut colour and its oblong shape

(photo courtesy of C. Cassaniti).

Il pistacchio di Bronte è facilmente riconoscibile per la colorazione violaceo scuro della pellicina, per l’intenso e brillante colore verde

e per la forma oblunga (foto C. Cassaniti).

Pistachio from Bronte, half

the growers opt for PDO

Pistacchio di Bronte, la metà

dei produttori sceglie la Dop

Marianna Martorana

Two years after its award, the quality seal today will likely involve more than two thousand

growers under certifi cation. The efforts of the managing consortium to promote it

Dopo due anni dal riconoscimento, sono oltre duemila gli interessati alla certifi cazione.

Le iniziative del Consorzio di tutela per promuoverlo

As the second season continues for Bronte pistachio,

or ‘green gold’ as its known, under the PDO

quality seal of excellence awarded with the publication

of the news in the offi cial EU Journal on 13

80 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Alla seconda stagione dell’oro verde di Bronte

come produzione di eccellenza Dop, riconosciuta

il 13 gennaio 2010 con la pubblicazione sulla

Gazzetta Uffi ciale dell’Ue, ci si prepara alle nuove


product/pistachio from Bronte

prodotto/pistacchio di Bronte

January 2010, the managing consortium is gearing

up for new membership. Biagio Schilirò, President

of the Bronte Pistachio Consortium, said that the

seal is fi rst and foremost a guarantee for consumers,

protecting them from the not in frequent attempts of

fraud in the marketplace. Since the current season

began with the harvest from late August to early

September, more than 50% of the district’s growers

will in all likelihood seek certifi cation.

«While we’re still waiting for the offi cial fi gures, continued

Schilirò, and the application deadline for certifi

cation by Corfi lcarni in Messina has just expired,

there are more than two thoudand potentially eligible

growers, a number that refl ects the fragmentary

nature of the small holdings here».

A crop spread by the Arab conquests, pistachio is

grown under nearly 4 thousand hectares in the rich

“sciara” soils of the districts comprising the towns of

Bronte, Adrano and Biancavilla within Sicily’s Catania

Province at elevations ranging from 300 to 900 m asl.

With an average biennial crop of two thousand tons,

the Etna-area pistachio accounts for just about 1%

of world production. In effect, the plant thirves in the

volcanic soil here, which does not readily lend itself

82 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

adesioni. Biagio Schilirò, presidente del Consorzio di

tutela pistacchio verde di Bronte spiega che il riconoscimento

è innanzitutto una garanzia per i consumatori,

che li tutela dai numerosi tentativi di frode cui

sono spesso soggetti. Dalla nuova produzione di fi ne

agosto e inizio di settembre, oltre il 50% dei produttori

molto probabilmente si certifi cheranno.

«Mancano ancora dati uffi ciali, continua Schilirò, e sono

appena scaduti i termini per la presentazione della

richiesta di certifi cazione che vede impegnato come

ente certifi cante il Corfi lcarni di Messina. I produttori

interessati sono, comunque, oltre i duemila in considerazione

dell’elevata frammentarietà della superfi cie».

Il pistacchio, diffusosi a partire dalla dominazione

araba, è coltivato su circa 4mila ettari di “sciara” nel

territorio dei comuni di Bronte, Adrano e Biancavilla

ricadenti nella provincia di Catania, tra i 300 e i 900 m

s.l.m. Con una media di duemila tonnellate per biennio,

il pistacchio etneo rappresenta appena l’1% della

produzione mondiale, valorizzando una zona di coltivazione

lavica che non si presta a molte altre colture

e impiegando spesso come portainnesto il terebinto

(Pistacia terebinthus) che cresce spontaneamente,

senza un regolare sesto di impianto.

There are many processed pistachio products and recognising the certifi ed nut is a crucial aspect for consumers.

I trasformati di pistacchio sono ormai numerosissimi e la riconoscibilità del prodotto a tutela dei consumatori diventa un aspetto cruciale.


to many other crops, and growers use the local stock

of wild terebinth (Pistacia terebinthus), or turpentine

tree, as a rootstock in plantations of irregular spacing.

Only in Sicily

Sicily is the only region in Italy where the emeraldgreen

pistachio is grown. It is a crop marked by

intense fragrance and high nutritional value, traits

that have even led researchers in the pharmaceutical

industry to study its properties.

While the PDO seal has been attached to the crop

for only a year, it has led to higher production figures

and wholesale prices as high as nearly €38 a

kilo for shelled nuts, against the €22 a kilo in past

years. It’s a rise that’s been more than earned for

a crop whose labour demand for picking alone

amounts to almost 30% of total overhead.

«Widely used in typical Sicilian confectionary products,

as well as an ingredient in many dishes and

gourmet foods – noted Giuseppe Firrarello, mayor

of Bronte – it is a prominent cash crop of our town

and is important also for supplementing household

incomes and for keeping land here under production.

Put another way, local administrations in our growing

districts must take into account the ties binding the

crop to the local area in all their policy measures».

The crop has also been, and is still, undergoing fi eld

tests. The crop’s Consortium has recently decided

to enlist the help of several extension service agenzie

to set up trials to improve fi eld management

practices by focusing on mechanical harvesting,

wherever possible, and by supporting projects of

joint interest with other grower cosnsortia and

associations working with such Sicilian nut crops

as almond, hazelnut and carob. The underlying idea

is to promote diversifi cation of the island’s crops,

which refl ect tradition and the use of local, rather

than imported, genotypes.

Support by the Ministry

The key words are codifying crops, processors and

wholesalers and traceability, all factors designed to

make these commodities familiar to consumers and

help them make educated purchases. Obviously, the

EU quality seal makes everything easier for pistachio,

and more complicated for the other nuts. However,

the importance of the industry itself and the need

to manage it properly in the nut market has led to

industry representatives gathering for talks at the

Agriculture Ministry in Rome.

It’s worth noting too that Bronte pistachio is on Slow

Food’s recommended list, a testament to a farming

model built on quality and the reviving of traditions

linked to authentic taste and terroir. «PDO and Slow

Food movement aren’t incompatible - noted Schilirò.

– Given that PDO is an EU seal of legal standing, hav-

Solo in Sicilia

La Sicilia è l’unica regione italiana dove si produce

il pistacchio verde smeraldo, dal profumo intenso,

dalle elevate caratteristiche nutrizionali che lo

vedono oggetto di studi anche per le produzioni

farmaceutiche.

Il riconoscimento della Dop, già dopo una sola

stagione, ha permesso incrementare la produzione

con prezzi all’ingrosso di circa 38 €/kg per lo

sgusciato rispetto ai 22 €/kg degli anni precedenti.

Incremento più che meritati per una coltura per cui

l’incidenza della manodopera sul costo di produzione

è considerevole e di circa il 30% solo per le

operazioni di raccolta.

«Impiegato ormai largamente nei dolci tipici siciliani, ma

anche in numerosi piatti e nella gastronomia - afferma

Giuseppe Firrarello, sindaco di Bronte - rappresenta l’economia

trainante del paese anche per il ruolo nell’inte-

Detail of fruit set (photo courtesy of C. Nicoletto).

Particolare dell’allegaggione (foto C. Nicoletto).

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

83

product/pistachio from Bronte

prodotto/pistacchio di Bronte


product/pistachio from Bronte

prodotto/pistacchio di Bronte

Pistacchio at the fruit-set stage (photo courtesy of C. Nicoletto).

Pistacchio in fase di allegaggione (foto C. Nicoletto).

ing this certifi cation of protected designation of origin

automatically means being able to use Slow Food’s

snail sticker».

Now that the new membership drive is over, the

next step will be to raise the awareness of the

growers who have not applied to join, and obviously

promote the crop to consumers as well. The

local pistachio festival is once good oopportunity to

make the crop known beyond its natural borderes

here, and National TV stations have helped a lot in

this connection by dedicating air time to the Bronte

pistachio and its image. The Consortium intends

to continue its promotional efforts, although the

extent of future campaigns will depend a lot on the

funds available.

(English version by David Verzoni)

84 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

grazione del bilancio familiare e per l’importante

funzione di salvaguardia del territorio.

Ciò signifi ca che le amministrazioni devono

tener conto dell’identità prodotto- territorio

in tutte le politiche».

È già stato oggetto di studi negli scorsi

anni. Ora il Consorzio di tutela ha inserito

nella propria programmazione azioni

da svolgere con vari enti di ricerca per

migliorare gli aspetti inerenti alla tecnica

colturale, puntando ancora una volta

sulla raccolta meccanizzata (ove possibile)

e portando avanti i progetti condivisi

con gli altri consorzi e associazioni

che si occupano di frutta secca siciliana,

ossia mandorle, nocciole e carrubbe.

L’obiettivo è la diversifi cazione delle produzioni

isolane, specchio della tradizione

e dell’impiego di genotipi locali, rispetto a

quelle provenienti da altri Paesi.

Tavolo tecnico al Ministero

Parole d’ordine sono codifi cazione dei

prodotti, dei trasformatori e degli operatori

commerciali, tracciabilità, tutto per rendere

riconoscibile il prodotto e permettere al

consumatore di scegliere.

Ovviamente il riconoscimento comunitario

rende tutto più semplice per il pistacchio,

più complicata la situazione per le altre

colture.

Tuttavia, l’importanza del comparto e la

necessità di tutela nei confronti della frutta

secca hanno determinato la creazione

di un tavolo tecnico nazionale presso il

Ministero delle politiche agricole alimentari

e forestali.

Non dimentichiamo che il pistacchio di

Bronte è anche presidio Slow food, a testimoniare un

modello di agricoltura basato sulla qualità, il recupero

dei saperi, delle tradizioni legate al territorio. «Dop e

Slow food non sono incompatibili - spiega Schilirò - ma

essendo la Dop un marchio legale e comunitario, avere

la certifi cazione di denominazione di origine protetta,

signifi cherà automaticamente poter impiegare anche la

chiocciolina Slow food».

Conclusa la campagna di adesioni, il prossimo passo

sarà quello di sensibilizzare i produttori che non avranno

aderito e, ovviamente, anche i consumatori. Già la

sagra del pistacchio è un’occasione che lo fa conoscere

anche fuori del territorio regionale e, negli ultimi anni, le

rubriche televisive nazionali hanno contribuito molto ad

accrescere l’immagine del pistacchio brontese.

A questo proposito il Consorzio si muoverà per continuare

la promozione, ma molto dipenderà dalla

disponibilità di accesso ai fondi.


isr/Grocery Outlet (Usa)

gdo/Grocery Outlet (Usa)

Grocery Outlet, the elite

discount for everyone

Grocery Outlet, il discount

di lusso per tutti

Daniele Tirelli

It serves the average American family and stocks name-brand foods that others

can’t sell or have produced in surplus

Serve la famiglia media americana e vi si trovano referenze di marca che altri non

sanno vendere o hanno fatto produrre in eccesso

Hard times are still with us and within a few

months we’ll begin calling the recession by its

real name-depression. If the impoverishment of part

of the population goes from likely bet to sure thing,

the psychological climate will tend to become even

darker and more pessimistic. This is the outlook

unless a devaluation, albeit unlikely, of the euro provides

breathing room for our exports, including

foods.

Our retail businesses could bring

some relief to many households

right now through

new sales formats that

maximise savings.

They could, that

is, if they copied

86 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Itempi restano duri e la recessione tra pochi mesi

comincerà ad essere chiamata con il suo vero nome:

depressione. Se l’impoverimento di una parte della

nostra popolazione diventa da probabile a certo, il clima

psicologico tenderà a divenire ancor più cupo e pessimistico.

Tutto questo a meno che una svalutazione

(improbabile) dell’euro non dia fi ato alle nostre esportazioni

(anche alimentari).

In questo contesto il nostro retail

potrebbe portare sollievo al

disagio di molte famiglie

con nuovi formati di


from the United States, that academy of retail expertise,

that vast laboratory of entrepreneurial experimentation

where anything can happen and usually

does.

On more than one occasion I’ve tried unsuccessfully

to explain to people who are not familiar with the

country, but think otherwise, that there is less waste

in the US than in our own country. A free market recycles

everything: used, unsold, even damaged goods.

Even the poor, immigrants new or illegal, school

dropouts, all become a bona fi de business target...

and not out of any altruistic streak but because of the

profi t motive.

From recycling to empire

A young, quick-thinking Jim Read got the idea and

in 1946 began selling off military surplus from World

War II, thereafter moving on to surplus and closeout

goods from private enterprise. It was from these

humble, obscure yet useful origins that what is known

as the Grocery Outlet sprang. Today the chain’s 150

stores serve the much denigrated (in Europe) “average

American family” in towns scattered across

Oregon, Idaho, Washington State, California, Nevada

and Arizona. Yet the real news is that since the fi nancial

meltdown in 2008 the company has seen doubledigit

growth in sales.

Indeed, today GO customers are no longer just those

vendita destinati al massimo risparmio. Potrebbe farlo

qualora copiasse dagli Stati Uniti, ovvero dall’accademia

del retail, dall’enorme laboratorio da cui scaturiscono

esperienze imprenditoriali di ogni tipo, un’interessante

esperienza.

Ho inutilmente spiegato in più occasioni che, contrariamente

a quel che dicono coloro che gli Usa non li

conoscono, in quel Paese si spreca meno che da noi. Il

mercato reso libero ricicla tutto: merci usate, invendute

o danneggiate. Anche i poveri, gli immigrati recenti o

clandestini, i dropout diventano per il commercio un

target interessante...e non per spirito altruistico, ma per

l’opportunità di raccoglier buoni profi tti.

Dal riciclo all’impero

Lo intuì il giovane e sveglio Jim Read che, nel 1946,

iniziò a smaltire scorte militari accumulate e inutilizzate

durante il confl itto, per dedicarsi poi a quelle

delle imprese private. Da quell’umile, utile, oscuro

lavoro nacque la catena che oggi si chiama Grocery

Outlet e che con i suoi 150 store dispersi in cittadine

di Oregon, Idaho, Washington, California, Nevada e

Arizona, serve la tanto (da noi) disprezzata “famiglia

media” americana. La novità è che, dopo il disastro

fi nanziario del 2008, quest’insegna ha visto crescere

le sue vendite a tassi di due cifre.

Oggi, non solo gli individui spiaggiati sulle rive del

fi ume del denaro facile e dei consumi affl uenti o gli

isr/Grocery Outlet (Usa)

gdo/Grocery Outlet (Usa)


isr/Grocery Outlet (Usa)

gdo/Grocery Outlet (Usa)

who have been by-passed by the fl oodwaters of easy

money and conspicuous consumption and dollarstrapped

college students. Even stalwarts of the middle

class who have been duped by the under-handed

deals of Wall Street card sharks are also walking

through the doors. This is certainly not to say that

GO welcomes them in squalid warehouses that are

typical of some Italian discounts. Rather GO shoppers

enter stores that are better organised and more

welcoming than certain Italian chains and designed

to suggest intelligent purchases in line with the company’s

declared mission of providing customers with

“a fun place to fi nd bargains on brands they trust!”

Bargain prices: always an event

Entering a GO store, you’re likely to fi nd in wellmarked

displays name-brand items that other companies

can’t sell or that hungry-eyed product managers

have rashly over-produced. GO’s buyers are

ready to care of business, to remedy tactfully, with

discretion, the mistakes of suppliers without damaging

their relations with conventional chains in the

industry. Selling at bargain prices is always promoted

as an exceptional, unrepeatable, event, even if GO’s

“walls of savings” are always stocked high and deep.

In actual fact, GO’s merchandising approach became

offi cial in 1971 when Del Monte signed the fi rst

explicit agreement to supply the chain. Before then,

the big brand names had supplied Go but then hypocritically

denied how the stores procured their items.

From then on many others progressively heard the

siren call from the “terminator”, who would solve their

warehouse surpluses by picking up the phone.

Throughout the incubating period leading to its current

success, GO mostly handled packaged dry

goods, a recipe wonderfully simple, practical and

88 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

studenti squattrinati dei college, sono parte del fl usso

di clienti di Grocery Outlet (d’ora in poi GO). Varcano

le soglie dei suoi supermercati anche le “cicale” delle

classi medie fregate dagli sporchi giochetti dei maghi

di Wall Street. Ma non pensate però che GO li accolga

in magazzini squallidi tipici di certi discount italiani!

Piuttosto nei suoi punti vendita più ordinati e allegri

di certi supermercati italiani suggerisce loro acquisti

intelligenti in linea con la sua dichiarata missione di

fornire ai clienti “a fun place to fi nd bargains on brands

they trust!”

Prezzo stracciato: sempre un evento

Nei suoi outlet potete trovare, ben ordinati, referenze di

marca che altri non sanno vendere o che manager dall’

“occhio bovino” hanno fatto produrre incautamente in

eccesso. I buyer di GO canalizzano tutto: con tatto,

con discrezione per porre rimedio agli errori dei fornitori

senza distruggere le loro relazioni con gli altri canali con-

venzionali della distribuzione. La vendita del prodotto

a prezzi stracciati è sempre proposta come un evento

eccezionale e irripetibile, anche se i “wall of savings” di

GO sono sempre belli alti e voluminosi.

Nei fatti, questo rapporto venne uffi cializzato nel 1971

quando Del Monte fi rmò il primo esplicito accordo di

fornitura a GO. Prima di allora i grandi marchi consegnavano

il prodotto e negavano ipocritamente di non

sapere dove l’insegna se lo fosse procurato. Fu così

che molte altri cedettero progressivamente alle lusinghe

del “terminator” che con una telefonata, risolve

problemi sgombrando il magazzino aziendale.

Nel lungo periodo di incubazione del suo odierno

successo GO trattava quasi esclusivamente prodotti

confezionati secchi: era tutto molto semplice, pratico

e profi ttevole. Poi negli anni a venire vennero portati

vari affi namenti. L’incessante ruotare della “wheel of


profi table. Since then the company has been constantly

tweaking its model. And the endless turning of

the “wheel of retail” has kept nurturing the role of this

constant recycler and its capacity to attract a great

many customers by discounts as high as 50-70% off

list prices.

Full assortment

Which brings us to 1982, when the sons of Jim Read,

who had gone on to greener pastures, added frozen

foods to their stock list. By 1984 they’d taken on Deli

foods, introduced produce in 1999 and fresh meats

in 2003. The idea of a spartan warehouse disgorging

boxfuls of pasta and detergent had turned into

a well-ordered, always clean, supermarket with a

full, essential assortment ready to play the price-war

game with the big chains discounts, category killers

and beat them at it.

Today, in its efforts to out-do its rivals, GO has a

new logo: Grocery Outlet Bargain Market. Get it? The

“bargain market” is the latest twist in the company’s

serve-yourself business model and is aimed at shoppers

whose pockets have been emptied by taxes,

alimony payments, the kids’ college tuition, mortgage

payments or, more simply, whose instincts keep them

safe from the allure of the latest thing on the market.

So it’s hard to see why in an Italy where for a decade

at least many have been struggling to get to the end

of the month, and where secure jobs have all but

dried up, no one has tried to turn a profi t by importing

the GO model. In actual fact, Grocery Outlet is not

a haven for the poor but reaches out to a far larger

public it calls the “frugal-minded consumers”, customer

base that seems to have escaped the notice of

our own retailers, who are always complaining about

falling sales.

retail” irrobustiva il ruolo di questo centro di smaltimento

capace di attrarre clienti in gran numero con sconti del

50-70% sul prezzo regolare.

Un assortimento completo

Pertanto nel 1982 i fi gli di Jim Read, passato a miglior

vita, cominciarono a trattare anche i surgelati. Nel 1984

si permisero anche la gastronomia pronta. Nel 1999 si

concessero l’ortofrutta e nel 2003 persino la macelleria.

L’idea di un magazzino spartano da cui asportare cartoni

di pasta e detersivo si era trasformata nell’immagine

di un supermercato ad assortimento completo, essenziale,

sempre pulito e ordinato in grado di partecipare al

rude gioco dei prezzi bassi di grandi catene, discount e

category killer, battendole.

Oggi GO per distinguersi da ogni altro formato affi gge

una nuova insegna: Grocery Outlet Bargain Market.

Capito? Il “bargain market” è l’ennesima mutazione

della formula a libero servizio ed è destinata a chi ha il

conto prosciugato dalle tasse, dagli alimenti alla moglie

divorziata, dal college dei fi gli, dal mutuo sulla casa o da

chi semplicemente non si lascia affascinare dai richiami

degli ultimi prodotti lanciati.

Non si capisce allora perché in un’Italia lamentosa

dove da un decennio ci sarebbe chi non arriva alla fi ne

del mese e in cui sopravvive un esercito di precari,

nessuno ne approfi tti importando questo modello. In

realtà Grocery Outlet non si rivolge solo ai poveri, ma

al pubblico ancora più ampio di coloro che chiama

“frugal-minded consumer” e a cui i nostri retailer che

denunciano un preoccupante, duraturo calo delle vendite

sembrano non pensare.

Tecnica vincente

La tecnica che usa GO è semplice: compra “opportunisticamente”

per pochi penny ciò che costa dollari dalle

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

89

isr/Grocery Outlet (Usa)

gdo/Grocery Outlet (Usa)


isr/Grocery Outlet (Usa)

gdo/Grocery Outlet (Usa)

The right tack

GO uses a very simple approach: it buys for pennies

at the “opportune” moment what costs dollars from

big name brands whose supply chain is glutted by

the mistakes of their trade managers. For example,

Kellogg’s decided in 2001 to promote sales in comarketing

using Universal Pictures’ Shrek character.

When the fi lm’s run was over, however, the company

found itself with a mountain of unsold cereal. By striking

a deal with GO, which put it on sale at less than

half the list price during the fi lm’s fi rst run, Kellogg’s

managed to recoup part of its costs.

Today all the big mass-consumer brands turn to GO

at similar times. Indeed, as we’ve seen with factory

outlets, it looks suspiciously like

close-out sales have become

an industry standard as a buffer

against a production capacity

that rises way out of step

with demand. In other words,

we’re seeing the revenge of that

important little rule explained

in micro-economic textbooks,

but often ignored by executives,

which states that the selling

price of a canvas must at least

cover the variable costs of production.

Yet GO manages to go

one step further in out-doing its

other close-out rivals. It fi lls in

any stock gaps by buying from

conventional suppliers lossleader

products. It thus achieves

two aims at once: it makes sure

customers always fi nd what

they expect to and camoufl ages

things a bit by making it hard to tell end-of-series products

from other items.

From its very start, Grocery Outlet has developed

ways to fi ne-tune its model so that, as we’ve noted,

today it even includes perishable fresh-food counters

supplied by local businesses. Indeed, apart from their

usual customers, even these latter suppliers can fi nd a

safety-valve in GO for surpluses at seasonal peaks in

the business cycle. The highly effi cient logistics set-up

at GO lets them solve at least part of the problems that

are all too well-known in Italy’s agri-food industry.

While the stock assortment at Grocery Outlet changes

every week, this can even be an advantage for certain

shoppers. Bargain hunters like to fi nd the special deal

of the day and those who are not loyal customers are

pleasantly surprised by the constant variety on display.

In short, when in business, these California gentlemen

from Berkeley are saying, you can’t afford to let preconceived

ideas get in the way.

(English version by David Verzoni)

90 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

industrie manifatturiere con le pipeline ingolfate dagli

errori dei trade manager. Nel 2001 Kellogg’s decise di

promuovere le sue vendite in co-marketing utilizzando

il character Shrek della Universal Pictures. Quando

però il fi lm uscì dalle sale cinematografi che si trovò con

una montagna di cereali da smaltire. Accordandosi

con GO che li mise in vendita a meno della metà del

prezzo regolare praticato durante la stagione di Shrek,

Kellogg’s riuscì a recuperare una parte dei costi.

Ormai tutte le aziende del largo consumo ricorrono a

questa catena in occasioni simili. Anzi, così come è

avvenuto nel caso dei factory outlet, il sospetto è che il

canale dei close-out sia stato istituzionalizzato in quanto

buffer di una crescita della capacità produttiva che

si rivela permanentemente più

rapida di quella della domanda.

Riemerge cioè l’importanza

di quella regola spiegata in

un capitoletto dei libri microeconomia

spesso dimenticato

dai manager per cui in queste

spiacevoli evenienze il prezzo

di cessione di un canvas deve

coprire almeno i costi di produzione

variabili.

GO riesce però a distinguersi

dagli altri close-out mettendo in

atto un’altra tecnica: colma gli

eventuali buchi assortimentali

con acquisti attraverso i canali

convenzionali di prodotti lossleader

che raggiungono due

obiettivi: non deludono la clientela

che trova tutto ciò che le

serve; confondono le acque

rendendo diffi cile distinguere i

fi ne serie dalle altre referenze.

Dall’impostazione iniziale, Grocery Outlet ha messo

in atto un’evoluzione che come si è detto oggi comprende

anche reparti di prodotti freschissimi deperibili,

che sono forniti da operatori locali. Oltre alle forniture

regolari anch’essi possono trovare in questa catena

uno sbocco agli eccessi di produzione in particolare

in periodi di alta stagionalità. Dunque, attraverso la

logistica effi cientistica di quest’insegna, possono risolvere

in parte quelle problematiche così note al mondo

agricolo italiano.

Certo, in Grocery Outlet l’assortimento cambia settimanalmente,

ma per certa clientela questo può anche

essere un vantaggio: i “bargain hunter” godono nel

trovare l’occasione del giorno, e coloro che sono poco

fedeli alla marca godono della sorpresa della continua

varietà.

Insomma, il vero commercio, ci dicono questi signori

di Berkeley (CA), non può permettersi di coltivare

pregiudizi.


Convenience foods enjoy

robust health despite the crisis

Convenience in buona salute

nonostante la crisi

Duccio Caccioni

Consumers tend favour them, but are more attentive to waste. A growing market but

one whose turnover remains constant

I consumatori propendono per il genere, ma sono più attenti agli sprechi. Mercato in

crescita, a fatturato costante

If some 98,218 tons of convenience foods were

consumed in Italy in 2011 for a turnover of €776

million (source: Nielsen), fi rst estimates for 2012 (early

December 2012) predict sales of over 100,000 tons

for an unchanged, if not slightly reduced, turnover.

It doesn’t seem, in other words, that the crisis will

change the consumer propensity to buy them, or

damage the market’s growth, but the context is one

of falling unit prices.

The upward trend has been confi rmed for private

labels, whose percentage of total sales is rising: from

65% in 2011 to over 70% in 2012. Private labels

products are usually well-established products (one

thing that is worth noting is the increasing presence of

products from organic farming, which distributors are

selling under specifi c, dedicated brands).

Innovation continues to play a role though left to

producers/ packers, who are proving dynamic in

their readiness to introduce

new marketing initiatives,

despite there being fewer

resources for research and

development.

Increasingly wide ranges

The range of convenience

foods offered by producers

is now exceptionally wide,

ranging from ready-to-eat

potato purée to one course

meals, from peppers fried

in oil with tomatoes and

onions to main courses.

92 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Se nel 2011 in Italia il consumo di prodotti convenience

è stato valutato in 98.218 tonnellate per un

fatturato pari a 776 milioni di euro (fonte: Nielsen), nel

2102 le prime stime (inizio dicembre 2012) danno come

superate le 100mila tonnellate/anno, ma a fatturato

costante, se non in leggera contrazione. La crisi non

modifi cherebbe, quindi, la propensione all’acquisto e la

crescita del mercato, che avviene però a prezzi unitari

decrescenti.

Si conferma la tendenza alla crescita delle private label,

la cui incidenza sul totale delle vendita appare in salita:

dal 65% del 2011 a oltre il 70% nel 2012. Con la

marca privata sono in genere contrassegnati prodotti

già affermati (da notare una sempre maggiore presenza

di prodotti da coltivazione biologica, che sono venduti

con marchi specifi ci e dedicati da parte dei distributori).

L’innovazione viene ancora e comunque lasciata ai

produttori/packers, che si mostrano ancora dinamici e

pronti a mettere in campo

iniziative di marketing,

nonostante possano contare

su minori risorse economiche

di un tempo per

effettuare le operazioni di

ricerca e sviluppo.

Gamma sempre più

ampia

La gamma convenience

proposta dai produttori

è oggi eccezionalmente

ampia: si va dai purè

pronti ai piatti unici, dalle


Another trend is the introduction of smaller sizes: in

addition to the standard 150 and 200 g bags, monoportion

formats of 50/80 g are emerging. Indeed, producers

have had to come to terms with the fact that

consumers are becoming more and more conscious

of waste; they tend to think more before buying and

their purchasing is more focused on their real needs.

Convenience products have now become the object

of planned purchasing - only 20-30% of the market

is subject to impulse buying - and there is generally

something innovative about them. This trend is

confi rmed by an analysis of dedicated displays at

retail outlets. In the past two years there has been

some rationalization: there has been a reduction in

the number of products in favour of those with a high

turnover.

All convenience products, including ready-to-eat

meals, are always sold in the fruit and vegetable

department. with a growing impact on its total takings.

On average, they account for 6% of takings, but

in some cases (small neighborhood supermarkets in

urban areas) that fi gure can easily exceed 10% with

peaks of 15-20%.

(English version by Lawrence Smith)

peperonate ai primi piatti. Un’altra tendenza è rappresentata

dalla riduzione dei formati di vendita: oltre alle

classiche buste del peso di 150 e 200 grammi si stanno

affermando i formati “monodose” da 50/80 grammi.

Infatti, occorre considerare che i consumatori sono

sempre più sensibili allo spreco, tendono a rifl ettere

di più prima di acquistare e si orientano verso spese

mirate, in funzione delle reali esigenze di consumo.

I prodotti convenience sono ormai divenuti prodotti ad

acquisto programmato – solo il 20-30% del mercato è

soggetto all’acquisto d’impulso – e si tratta in genere

di prodotti con un certo contenuto innovativo. La tendenza

viene confermata dall’analisi dei display dedicati

presso i punti vendita. Negli ultimi due anni si è avuta

una certa razionalizzazione, è diminuito il numero di

referenze, sono stati favoriti i prodotti con maggiore

rotazione.

Tutti i prodotti, inclusi i piatti pronti, sono comunque

sempre venduti nel reparto ortofrutta, prodotti che

hanno una sempre maggiore incidenza sul fatturato

totale di reparto. Mediamente, con il 2012 si è superato

il 6%, ma per alcuni formati di vendita (piccoli

supermercati vicinali in aree urbane) si oltrepassa tranquillamente

il 10% con punte del 15-20%.


the freshest cut

Top trends in F&V

processing lines

Le tendenze più innovative

nella lavorazione

di ortofrutta

di Alessandro Turatti

Keeping pace with expanding produce consumption, they ensure greater consumer

convenience and food safety

Sono conseguenti all’aumento del consumo di prodotti ortofrutticoli e garantiscono

più convenienza e sicurezza

The number and variety of fruit and vegetables

consumers can choose from today have expanded

noticeably in the last few years. This industry

growth has undoubtedly benefi ted from the considerable

emphasis placed on the importance produce

plays in a healthy, balanced diet.

This growth trend has gone hand in hand with a

number of recently introduced innovative processing

and storage equipment that stand alongside the more

traditional heating, freezing and drying lines. The factor

that all the new fruit and vegetable products have

in common is convenience. It’s an added value that

makes life easier for consumers and broadens their

shopping horizons.

On a par with product innovation are the design and

building of new food processing lines via several

novel criteria. So let’s take a look at the trends in this

area through the examples in the following sections.

More and more sustainable ideas

Food processing is an industry with one of the highest

environmental and climate impact ratings. The

produce trade has been very active in developing

sustainable crop practices to meet growing consumer

concerns and is always looking for ways to upgrade

its supply chain. In effect, the industry is a leader in

organic and integrated crop practices and is reducing

its carbon footprint through new systems with tighter

94 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

Il numero e la varietà di prodotti ortofrutticoli a disposizione

del consumatore sono aumentati notevolmente

negli ultimi anni. La crescita dell’industria di frutta e

verdura ha indubbiamente benefi ciato dell’enfasi posta

sull’importanza di questi prodotti in una dieta sana ed

equilibrata.

Questo consumo in incremento si coniuga con la recente

introduzione commerciale di modalità di processo

e conservazione innovative, che si affi ancano a quelle

tradizionali (che si basano su riscaldamento, congelamento

ed essiccazione). Il fattore che accomuna questi

nuovi prodotti di frutta e verdura (ottenuti attraverso le

tecnologie summenzionate) è la convenienza. Grazie

a questo valore aggiunto si fornisce così maggiore

comodità al consumatore, grazie a un’offerta varia e

accresciuta.

Parimenti all’innovazione a livello di prodotto, la progettazione

e la costruzione dei macchinari concepiti

per la lavorazione degli stessi, devono avvenire secondo

alcuni criteri inediti, che possono essere riassunti

secondo alcune tendenze che andremo a delineare qui

di seguito.

Soluzioni sempre più sostenibili

La trasformazione alimentare è una delle industrie che

provoca i più alti impatti ambientali sul clima. Il settore

ortofrutticolo è stato attivo nello sviluppo di pratiche

agricole sostenibili per far fronte alle accresciute esi-


It’s possible to reduce water inputs by a third compared

to a traditional system while increasing at the same time

the effi ciency of disinfectant solutions using

the patented Camel system. (Photo: courtesy of Turatti Srl)

Si può ridurre il consumo d’acqua, fi no a un terzo rispetto

a un sistema tradizionale, aumentando nel contempo l’effi cienza

delle soluzioni di disinfezione, tramite il sistema brevettato

mod. Camel. (Foto Turatti Srl)

emission standards, the design of more energy-effi -

cient greenhouses, upgraded logistics, and so forth.

Sustainable processing also offers advantages for

everyone since greater production effi ciency reduces

environmental impact while cutting the cost per kilo

of fi nished product.

Processing effi ciency is thus an essential key of sustainability

and returns a concrete reduction in energy

inputs and wastage while recycling the latter in a

value-added loop...

One good example of the way produce processing

lines are changing is the introduction of more effi cient

water-use systems for washing.

Cutting water inputs results in collateral benefi ts that

are aimed at improving waste-water quality and making

it easier to recycle for operations like cooling,

clearing and even for irrigation in the fi eld.

Sustainability also includes lower impact on the ecosystem

and in integral recycling of each and every

resource component. Produce processing leads to

both solid and liquid waste-products, and their proper

management involves both legislative norms as well

as economic necessity.

Sol id wastes range from 10 to 60 depending on commodity

type and their composition offers a recycling

opportunity. Paradoxically, a company’s waste can

become a by-product for use in other production

processes.

The too thee is the recycling of second-generation

plant biomass deriving from the processing of fruit

and vegetables.

Turatti’s system was designed to rapidly remove wastage

in a produce processing line and handle it effi ciently without

being invasive for the environment.

(Photo: courtesy of Turatti Srl)

Il sistema realizzato da Turatti è stato progettato per rimuovere

rapidamente gli scarti prodotti in un impianto di lavorazione

vegetali, e per gestirli in maniera effi cace e non invasiva

per l’ambiente stesso. (Foto Turatti Srl)

genze dei consumatori ed è alla continua ricerca di

miglioramento della fi liera. Il compartimento ha visto

la più alta diffusione di sistemi di agricoltura biologica

e integrata e sta affrontando le sue emissioni di gas

serra attraverso l’istituzione di una metodologia di

emissioni di anidride carbonica, la produzione in serra

sempre più effi ciente, una migliore logistica, sistemi di

riduzione di anidride carbonica, ecc.

La trasformazione sostenibile offre situazioni vantaggiose

per tutti: una maggiore effi cienza produttiva

riduce l’impatto ambientale tagliando nel contempo il

costo per chilogrammo di prodotto fi nito.

L’effi cienza produttiva rappresenta pertanto un elemento

chiave della sostenibilità e si traduce in concreto

in una riduzione dei consumi e degli scarti e

nella valorizzazione di quest’ultimi.

Per quanto riguarda le soluzioni di processo, il settore

della lavorazione di frutta e verdura ha visto ad esempio

l’introduzione di sistemi di lavaggio più effi cienti.

La riduzione dei consumi d’acqua, porta come

conseguenza altri benefi ci correlati che vanno nella

direzione del miglioramento della qualità delle acque

di scarico per renderle idonee ad operazioni di riciclo

(nei processi di raffreddamento, di pulizia, in agricoltura).

La sostenibilità si declina anche nel minore impatto

ambientale sull’ecosistema e nella valorizzazione integrale

delle risorse, in tutte le loro componenti. Nello

specifi co, rifi uti prodotti nelle industrie di trasformazione

di frutta e verdura comprendono sia prodotti

allo stato solido che in quello liquido. La corretta

gestione dei rifi uti deve essere inquadrata allo stesso

tempo in un quadro normativo quanto come una

necessità economica.

La percentuale di rifi uti solidi varia dal 10 al 60 % in

base al tipo di prodotto e la loro composizione per-

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

95


Greater food safety

It must be noted that food safety is the responsibility

of every link in the supply chain running from “from

farm to fork”. Yet it must also be said that the pipeline

segment stretching from crop delivery at the processing

plant to its end-packaging there is a high-risk

area.

The last few years have unfortunately seen a number

of product recalls and production losses, which have

even caused plant closings, because of contamination

due to poorly designed equipment. Physical contaminants

like plastic or, even more dangerous, glass

shards can compromise food safety, though they

seldom receive media coverage. What really grabs

headlines here, and is surely the most dangerous, is

a pathogen like Listeria or Escherichia coli O157: H7.

The surfaces of the lines that come into contact with

the produce being processed must be designed and

built with materials that minimise the risk of food contamination,

as well as being kept clean and in good

working order under periodic maintenance.

In effect, designing food processing lines with hygiene

in mind has three main advantages. First of all, it

affects end-product quality by preventing scraps of

product from getting stuck in places along a poorly

designed line and later contaminating the food as

they decay.

Next hygiene-conscious design prevents product

contamination with foreign bodies that can be dangerous

to human health like pathogens, chemical

96 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

mette di cogliere l’opportunità per una loro riutilizzazione.

Paradossalmente lo scarto per un’azienda può

divenire il sottoprodotto utilizzato in un altro processo

produttivo.

A questo deve essere inoltre aggiunta la valorizzazione

delle biomasse di seconda generazione di origine

vegetale, che scaturiscono dai processi di trasformazione

delle frutta e della verdura.

Più sicurezza alimentare

Deve essere rilevato che la sicurezza alimentare

è una responsabilità condivisa lungo tutta la fi liera

(“from farm to fork”). Tuttavia è altresì chiaro che quel

segmento della fi liera che va dal ricevimento della

materia grezza nello stabilimento, fi no alla fase del

confezionamento (e che corrisponde quindi al processo

di trasformazione), rappresenta una delle aree

più a rischio.

Purtroppo negli ultimi anni ci sono stati molti esempi

di richiamo del prodotto e perdita di produzione (fi no

ad arrivare alla chiusura dello stabilimento), a causa

di contaminazioni derivanti da macchinari mal progettati.

Contaminanti fi sici quali pezzi di plastica, possono

pregiudicare la salubrità del cibo, ma raramente

ricevono l’attenzione dei media. Contaminanti fi sici di

natura più pericolosa quali frammenti di vetro, sono

molto più gravi ma la più grande fonte di preoccupazione

sono i microrganismi patogeni quali Listeria o

Escherichia coli O157: H7.

Le parti delle macchine che vengono a contatto delle

The Aqua washer unit effectively embodies the highest and

latest sanitary design standards. (Photo: courtesy of Turatti Srl)

La lavatrice Mod. Aqua rappresenta in maniera molto

effi cace lo standard più elevato e recente di progettazione sanitaria.

(Foto Turatti Srl)


clearing agents and splintered glass.

And third it considerably reduces down-time of lines

for sanitisation and maintenance, thereby increasing

output capacity. A good example is the increasing

use of CIP (Cleaning In Place, Cleaning in Process)

systems that make it possible to clean the parts of

a line without dismantling them and without opening

the equipment. CIP systems come with a higher initial

price-tag but later translate into savings of time and

money in manual maintenance and into a better use

of inputs since heat, detergent and water consumption

are more effi cient and waste water is reduced to

a minimum.

Automation

Quality-control and automation play a key role in

today’s food industry. Although it got off to a late start

compared to other industries, the produce processing

sector today has one of the highest growth rates for

automated lines. For example, it is one of the biggest

users of high-tech vision systems for the removal of

foreign bodies and quality-control of raw product at

input.

However, the potential these high-tech systems have

for delivering increased productivity, better quality

and greater effi ciency has yet to be fully exploited.

insalate devono essere mantenute pulite ed essere

progettate e costruite in materiale tale da rendere

minimi (se mantenute in buono stato e sottoposti a

regolare manutenzione), i rischi di contaminazione

degli alimenti.

Di fatto, la progettazione igienica degli impianti alimentari

permette di ottenere tre vantaggi principali.

In primo luogo questa permette di infl uire sulla qualità

del prodotto fi nale evitando che alcune parti del prodotto

che si incuneano in un’area di una macchina

non progettata correttamente non vadano a contaminare

la produzione dopo il loro deterioramento.

Oltre a questo, un corretto design igienico infl uisce

sulla sicurezza alimentare impedendo la contaminazione

del prodotto con sostanze che potrebbero

pregiudicare la salute del consumatore. Tale contaminazione

potrebbe essere microbiologica (agenti

patogeni), chimica (ad esempio, prodotti chimici per

la pulizia) e fi siche (ad esempio vetro).

In terzo luogo, la progettazione igienica riduce in

modo considerevole il tempo impiegato per la sanitizzazione

e la manutenzione dei macchinari, con il

conseguente aumento dei tempi di produzione. Ad

esempio si assiste ad un più frequente utilizzo di

sistemi quali quelli defi niti C.I.P. (Cleaning In Place o

Cleaning in Process) che consentono di pulire i com


An example of a CIP (“Cleaning in Place”) system for a salad

processing line. (Photo: courtesy of Turatti Srl)

4 - Esempio di C.I.P. (“Cleaning in Place”) da un impianto

per la lavorazione dell’insalata. (Foto Turatti Srl)

Thorough control of the processing stages is more

important than ever before and should not come expost

facto or, worse, as an after-thought. It should,

that is, be an integral part of planning and design right

from the start.

Indeed, automation can only be a successful option

98 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

ponenti dell’impianto senza smontarli e senza aprire

il sistema. Questi impianti rappresentano un investimento

iniziale superiore che si traduce in seguito in

risparmi di tempo e denaro rispetto alla manutenzione

manuale, consentendo nello stesso tempo un migliore

utilizzo delle risorse. I consumi di calore, detergente

e acqua sono infatti ottimizzati e le acque refl ue ridotte

al minimo.

Automazione

Il controllo e l’automazione giocano un ruolo di primo

rilievo nell’industria alimentare odierna. Seppur con

un ritardo iniziale rispetto ad altri settori, l’industria

della lavorazione dei prodotti dell’ortofrutta, si colloca

oggi tra i segmenti in più rapida crescita nell’automazione

degli impianti. Ad esempio, questo settore è tra

i più prolifi ci nell’utilizzo di tecnologie di visione per la

rimozione dei corpi estranei e per l’analisi della qualità

del prodotto grezzo.

Tuttavia, le possibilità offerte da queste nuove tecnologie

a livello di aumento della produzione, di una

maggiore qualità e di una più accurata effi cienza

devono essere ancora sfruttate appieno. Un controllo

effi cace del processo è più importante che mai e non

dovrebbe essere concepito ex-post o peggio ancora

quale un ripensamento, bensì dovrebbe rappresentare

una parte integrante del processo di progettazione

fi n dall’inizio.

Affi nché l’automazione abbia successo deve, infatti,

essere integrata nel progettazione complessiva del

sistema produttivo e fornire in tempo reale le informazioni

che riguardano il processo con capacità di

The Bonduelle plant at San Paolo d’Argon is a state-of-the-art example of integrated processing management via full automation

of its processing lines. (Photo: courtesy of Turatti Srl)

L’impianto di Bonduelle a San Paolo d’Argon è un esempio all’avanguardia di gestione integrata del processo tramite un’automazione

completa delle linee. (Foto Turatti Srl)


if it’s integrated into the overall design process of

the line itself so it can provide processing data in

real-time for effective quality control. The control processes

that deliver the best result begin with accurate

measuring of the processing data – proper control

is not possible if the measuring points are less than

optimal or entirely lacking. Then too monitoring and

logging the processing data have become increasingly

more important today because of new legislative

provisions and the exponential increase in the cost of

raw materials. Yet the real key to improving each step

in overall processing is putting intelligently analysed

to proper use in the service of further benefi ts of

analysis and reporting.

Indeed, the factors that affect a processing line’s

profi tability are subject to variations in real time. Take,

for example, the cost of raw materials and energy

inputs or the turnover in the work force. Systems that

can control and measure these variables in real time

are thus indispensible since they help staff to make

the right decisions via on-the-spot information and to

take specifi c steps to improve performance by being

able to measure the results.

It should also be noted that most produce processing

lines are isolated and, hence, need to be more fully

integrated with fl ow-management systems and automated

weighing stations.

(English version by David Verzoni)

controllo continuo. I processi di controllo che hanno

una buona riuscita iniziano con la misurazione accurata

dei dati del processo stesso - non si può controllare

in maniera effi cace se i punti di misura sono

tutt’altro che ottimali o mancanti del tutto. Inoltre, il

monitoraggio e la registrazione dei dati di processo

è diventato sempre più importante negli ultimi anni, a

causa dei requisiti legislativi e dell’incremento esponenziale

dei costi delle materie prime. Ma la chiave

per il miglioramento dei processi nel loro complesso

è nell’utilizzo che i dati analizzati in modo intelligente

possono fornire in termine di ulteriori benefi ci per l’analisi

e il reporting.

Di fatto, i componenti che infl uiscono sulla profi ttabilità

di una linea di processo, subiscono variazioni

in tempo reale: si pensi, ad esempio, al costo delle

materie prime e dell’energia o al turnover della forza

lavoro. Sono pertanto indispensabili sistemi in grado

di controllare e misurare in tempo reale queste variabili,

potenziando le capacità del personale di prendere

decisioni attraverso informazioni contestualizzate

ed eseguire specifi che azioni di miglioramento, misurandone

i risultati.

Infine, la maggior parte delle linee di lavorazione per

frutta e verdura sono isolate, necessitando maggiori

integrazioni, con un utilizzo più esteso di sistemi di

gestioni del flusso e di celle di pesatura automatizzate.


Events

Appuntamenti

22-24 April 2013 / Perpignan

Medfel goes orange

22-24 aprile 2012 / Perpignan

Medfel si tinge di arancione

The 5th Medfel show will take on an

orange hue and turn its spotlights on citrus.

In fact, after hosting Italy at last year’s

event, the international showcase for the

Euro-Mediterranean fruit and vegetable

industry will feature Egypt as its 2013

guest-country of honour in its citrus arena.

Running from 22-24 April 2013 at the

Parc des congrès et des expositions convention

centre in Perpignan, Medfel will of

course put on display all the novelties the

industry has to offer in trade, transport

and logistics in the Mediterranean Basin.

The three-day event will host 300 exhibitors,

5 thousand visitors and more than 3

thousand business meetings with industry

buyers and players from 35 countries.

There will also be a full agenda of conferences

and presentations. One of the most

notable will be Europeach, the annual presentation of the crop

forecasts for peach and nectarine. (DV)

Info: www.medfel.com

AZIENDA AGROALIMENTARE

GIUSEPPE FUGARO

FABIO GIUSEPPE LUCCHESI

L’etichettatura

dei prodotti

agroalimentari

Norme, sanzioni,

giurisprudenza

L’etichettatura è un veicolo

d'informazione per il consumatore

ma è anche uno strumento

antifrode, un’etichetta chiara

e corretta non è solo una necessità

giuridica ma anche un mezzo efficace di

tutela dei consumatori. Gli autori oltre

a schematizzare norme e sanzioni, forniscono esempi diretti

che aiutano ad interpretare correttamente la legislazione.

Il volume intende fare il punto sullo stato attuale delle norme vigenti,

nazionali e comunitarie e del regime sanzionatorio in materia di etichettatura

dei prodotti agroalimentari.

€ €

Sconto del 15% a tutti gli abbonati

La L 5ª edizione di Medfel sceglie il colore

arancione a e mette gli agrumi in primo

piano. p Infatti, dopo l’Italia nel 2012,

quest’anno q il salone internazionale

dedicato d alla frutta e verdura dell’area

dell’Europa d mediterranea mette gli agrumi

sotto s i rifl ettori e accoglie l’Egitto come

ospite o d’onore nel 2013.

La L fi era offrirà tutte le novità per quanto

t riguarda il commercio dell’ortofrutta,

il trasporto e la logistica nel bacino del

Mediterraneo M e si svolgerà dal 22 al 24

aprile a 2013 a Perpignan, al Parco delle

Esposizioni. E Nelle tre giornate sono attesi

300 3 espositori e 5mila visitatori, e si prevedono

d oltre 3mila appuntamenti di affari tra

buyer b e imprenditori provenienti da 35 Paesi.

Nutrito N anche quest’anno il programma di

incontri i

e conferenze. Particolare attesa

per “Europeach”, l’appuntamento annuale con le previsioni sul raccolto

di pesche e nettarine.

Info: www.medfel.com

18457

Sì, desidero acquistare il volume

BUONO D’ORDINE


Prezzo Prezzo abbonati

❑ L’ETICHETTATURA DEI PRODOTTI (cod. 5383) € 21,00 € 17,50

Totale ordine € ...................................................................... (spedizione a mezzo pacco postale)

Cognome e Nome _____________________________________________________________

Via ______________________________________________________________ N° ________

Cap _________________ Città ____________________________________ Prov. __________

Telefono _____________________________ E-mail __________________________________

P.IVA _______________________________________________________________________

Codice Fiscale ________________________________________________________________

La compilazione della cedola dà

diritto di ricevere offerte di prodotti MODALITÀ DI PAGAMENTO

e servizi della società de Il Sole 24

ORE. Se non desidera riceverle

barri la seguente casella ❑

Informativa ex D.LGS. n. 196/’03

❑ Versamento su conto corrente postale n° 87731675

❑ Pagherò contrassegno al postino l’importo dei libri ordinati + € 4,40 per

(Tutela della Privacy). Il Sole 24

ORE S.p.A. Titolare del

trattamento, raccoglie tutti i dati

personali liberamente conferiti per

fornire i servizi indicati e, se lo

desidera, per aggiornarla su

iniziative ed offerte del Gruppo.

Potrà esercitare i diritti dell’art. 7

del D.LGS. n. 196/’03 (accesso,

spese postali

❑ Vi autorizzo ad addebitare l’importo dei libri ordinati sulla carta di credito

(esclusa carta Electron)




correzione, cancellazione, ecc.)

rivolgendosi al Responsabile del

trattamento che è il Direttore

N.

Generale dell’Area Professionale

presso il Sole 24 ORE S.p.A. -

Servizio Clienti c/o sede di via

Goito 13, 40126 Bologna. L’elenco

Data di scadenza /

completo e aggiornato di tutti i

responsabili del trattamento è

disponibile presso l’ufficio privacy

*solo per carta Visa codice di sicurezza

via Monte Rosa 91, 20149 Milano.

I Suoi dati potranno essere trattati

da incaricati preposti agli ordini, al

Titolare carta

marketing, al servizio clienti,

all’amministrazione e potranno

essere comunicati alle società del

Gruppo Il Sole 24 ORE per il

Data / Firma Titolare

perseguimento delle medesime

finalità della raccolta, a società

COME ORDINARE

esterne per l’evasione dell’ordine

e per l’invio di materiale

promozionale ed agli istituti

bancari. Consenso. Attraverso il

conferimento del Suo indirizzo email,

del numero di telefax e/o del

numero di telefono (del tutto

facoltativi) esprime il Suo specifico

consenso all’utilizzo di detti

strumenti per l’invio di

informazioni commerciali.

Attenzione: se effettua l’ordine tramite fax non invii l’originale per posta

Per ordini cumulativi: Tel. 051 6575865

PER POSTA

Compili il buono d’ordine e lo spedisca in busta chiusa a:

Il Sole 24 ORE S.p.A.

Casella Postale 397 - Ufficio Postale Bologna Centro - 40100 BOLOGNA

VIA FAX al n. 051 6575839

(allegando fotocopia dell’eventuale ricevuta del bollettino di c/c postale)

Il volume è disponibile anche sul sito www.edagricole.it


commercial news

le aziende informano

Sant’Orsola patents three new raspberries

Sant’Orsola brevetta tre nuovi lamponi

More than ten years ago, the Sant’Orsola

Farmers’ Cooperative from Pergine

Valsugana (TN), a leader in soft fruits,

strawberries and late cherries production,

it has started an improvement and

selection of varieties on the testing field

in Vigolo Vattaro (TN). Nowadays, the

company is the owner or the licensee

of one variety and two advanced selections

of strawberries, two advanced

selections of small strawberries and

eight varieties of raspberries.

The three new varieties of raspberry,

presented by the Sant’Orsola Farmers’

Cooperative, are called Evita, Amaranta

and Sungold, patented in 2012, which

make eight varieties of raspberries the

Farmers’ Cooperative owns or holds the

exclusive license. The patented varieties

meet the growers’ needs, the

production and return needs, as well

as the market ones, as far as the fruits

features are concerned.

Evita is an early blooming raspberry

variety, characterized by high output

of the plant. Its fruits are cone-shaped,

bright red coloured and large size, by

102 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

long guaranteed shelf-life. Amaranta

has a plant frame that helps in harvesting,

while the fruits have a well

balanced flavour and a good strength.

Finally, Sungold is a yellow raspberry,

strong and by delicate flavour, which

plant guarantees an output over the

average.

«The variety innovation activity begins

by natural crossbreeds. Nowadays, testing

involves an area of 12 thousand

square metres – said Marco Giacomelli,

To have a new variety, they start from rating 6,000 seeds, every year.

Per arrivare a una nuova varietà si parte dalla valutazione di 6.000 semenzali ogni anno.

chief of variety research at Sant’Orsola

–. The process to have a new variety

requires a long selection, which starts

from the rating of 6,000 seeds every

year».

Only a limited number of varieties

come to the final stage, during which

advanced tests are carried out, such

as production, average weight of fruits,

shelf life, tartness, sweetness, hardness

and compression resistance. Before

coming to nurseries and fields, the

chosen varieties deal with a sanification

process, against viruses, at the specialized

Institutes and trough a screen

house controlled multiplication process

in reliable nurseries.

«Furthermore, since 2010, we have a lab

for plants production in vitro by means

of micro-propagation – Giacomelli went

on –. This makes it possible to improve

the wholesome amount of available

material and, therefore, to have sound

specimen in case of unexpected events

during the usual stage of production in

field, such as hard frosts, dried plants or

cold stores malfunction».

«Variety research is now

basic for us – said the

director of Sant’Orsola

Farmers’ Cooperative,

Michele Scrinzi –,

because it let us supply

more wholesome and

more profitable plants

to our breeders and to

produce and put more

competitive fruits on the

market, therefore, more

profitable for the whole

company».

The patented varieties are

not only destined to partners,

but also to licensees

in the United Kingdom,

in Central and Western

Europe, in Africa, in

America and in Australia.

For further information:

www.santorsola.com; www.facebook.

com/CoopSantOrsola.

(English version by Ilaria Nanni)

Oltre 10 anni fa la Cooperativa Sant’Orsola

di Pergine Valsugana (Tn), leader nella

produzione di piccoli frutti, fragole e

ciliegie tardive, ha avviato il programma

di selezione e miglioramento varietale

nel campo sperimentale di Vigolo Vattaro

(Tn). Oggi l’azienda è proprietaria o licenziataria

di una varietà e due selezioni

avanzate di fragola, due selezioni avanzate

di fragolina e otto varietà di lampone.

Si chiamano Evita, Amaranta e Sungold le

tre nuove varietà di lampone presentate

dalla Cooperativa Sant’Orsola, brevettate

nel 2012, con le quali salgono a otto le


varietà di lamponi di cui la Cooperativa

è proprietaria o licenziataria in esclusiva.

Le varietà brevettate rispondono sia a

esigenze di coltivazione, produzione e

redditività che alle richieste del mercato

sulle caratteristiche dei frutti.

Evita è una varietà di lampone rifiorente

precoce, caratterizzata da un’elevata

produttività della pianta. I frutti sono

conici, rosso brillante e di grandi dimensioni

e garantiscono un’elevata shelf life.

Amaranta presenta una struttura della

pianta che agevola la raccolta, mentre i

frutti hanno un sapore ben bilanciato e

una buona resistenza. Infine Sungold è

un lampone giallo, resistente e dal sapore

delicato, la cui pianta garantisce una produttività

superiore alla media.

«L’attività di innovazione varietale avviene

attraverso incroci naturali, le sperimentazioni

interessano oggi una superficie di

12mila mq – spiega Marco Giacomelli,

responsabile della ricerca varietale

Sant’Orsola –. Il processo per arrivare

a una nuova varietà richiede una lunga

selezione, che parte dalla valutazione di

6.000 semenzali ogni anno».

Solo un numero limitato di selezioni arriva

alla fase finale, durante la quale vengono

effettuati test avanzati come produzione,

peso medio del frutto, shelf life, acidità,

dolcezza, durezza e resistenza alla compressione.

Prima di arrivare ai vivai e sui

campi, le varietà scelte affrontano un

percorso di sanificazione da virus presso

Istituti specializzati e un percorso di moltiplicazione

controllata in screenhouse in

vivai di fiducia.

«Dal 2010 ci siamo dotati inoltre di un

laboratorio per la produzione di piante in

vitro tramite micropropagazione – prosegue

Giacomelli –. Questo ci consente di

aumentare la quantità di materiale sano

disponibile e avere quindi esemplari di

sicurezza in caso di imprevisti durante

la normale fase di produzione in campo,

come gelate, piante che si seccano o

malfunzionamenti delle celle frigo».

«L’attività di ricerca varietale risulta oggi

fondamentale per noi – ha dichiarato il

direttore della Cooperativa Sant’Orsola

Michele Scrinzi – perché ci consente

di fornire piante più sane e redditizie ai

nostri coltivatori e di produrre frutti più

competitivi sul mercato, quindi più redditizi

per tutta la compagine sociale».

Le varietà brevettate sono destinate non

solo ai soci, ma anche a soggetti licenziatari

nel Regno Unito, nell’Europa centrale

e occidentale, in Africa, in America e in

Australia.

Per informazioni: www.santorsola.com,

www.facebook.com/CoopSantOrsola.

Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

103

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

CM’s tippers prized by Eima 2012

I rovesciatori CM premiati all’Eima 2012

During the last Eima edition, the international

showroom for agricultural

machineries, CM presented the

brand new tipper that won the

recommendation of the specialized

jury for 2012. It is the CM 165 Flap

PFR tipper, with locking system and

adjustable forks width, also proposed

in stainless steel version.

It’s a fork tipper for bins characterized

by easy frame and high handling.

Work is completed in short time as

regards the usual solutions; hooking

happens by pitchforking the bin and

by bringing near forks to the supporting

feet, so to have the leaking of two fl aps

incorporated in forks that, together with

a restraint on the upper edge of the bin,

block it completely.

It can be applied to forklift, it’s ideal

for tipping and handling bins. Equipped

with a sequence valve, which allows

blocking and tipping bins, with just

one control, rapid hooking/realising and

connecting pipes.

The innovative patented blocking system

improves the novelty of this tipper,

equipped with adjustable forks to hold

containers of different size. The model

carried out in stainless steel is suitable

for foodstuff, ichthyic sector and slaughtering.

Also the Forklift Quadruplex CM 20QH

received a recommendation at Eima

2012. It’s a hydraulic forklift suitable for

tractors by medium-high power; it has

a lift capacity of 2,000 kg and a greatly

lower profi le, which guarantees an excellent

visibility of the work area. It is made

up of H shaped hot rolled steel profi les

grade ST 52.3, roller bearings, Fleyer

chains and double effect lateral lifting

cylinders that provide the worker with

great visibility.

For further information: CM Srl Calini

& Colonaci - Bedazzo St., 39 - 48022

Lugo (RA) - phone +39 0545 34134 - fax

+39 0545 32117 - cm@cm-elevatori.it -

www.cm-elevatori.it

(English version by Ilaria Nanni)

104 Fresh Point Magazine n.2 – february/febbraio 2013

The CM 165 Flap

PRF tipper, by locking

and forks regulated

width system.

il rovesciatore CM 165 Flap PFR,

con sistema di bloccaggio e regolazione

larghezza forche.

CM all’ultima edizione dell’Eima, l’esposizione

internazionale di macchine per l’agricoltura,

ha presentato un nuovissimo

rovesciatore che si è aggiudicato la segna-

Enforceable to forklifts, it’s suitable

for tipping and handling bins.

Applicabile a carrelli elevatori, è ideale per

il rovesciamento e la movimentazione di bins.

lazione della giuria specializzata per il 2012.

Si tratta del rovesciatore CM 165 Flap PFR,

con sistema di bloccaggio e regolazione

larghezza forche, proposto anche nella

versione Inox.

È un rovesciatore a forche per bins caratterizzato

dalla semplicità costruttiva e

dall’alta manovrabilità. Il ciclo di lavoro

viene completato in tempi ridotti rispetto

alle soluzioni comunemente adottate; l’aggancio

avviene inforcando il bin e avvicinando

le forche ai piedi di appoggio

in modo da provocare la

fuoriuscita di due alette incorporate alle

forche che, insieme a un vincolo sul bordo

superiore del bin, lo bloccano completamente.

Applicabile a carrelli elevatori, è ideale per il

rovesciamento e la movimentazione di bins.

Dotato di serie di valvola di sequenza, che

consente il bloccaggio e il rovesciamento

del bins con un solo comando, aggancio/sgancio

rapido e tubi di connessione.

L’innovativo sistema di bloccaggio brevettato

valorizza la novità di questo rovesciatore,

dotato di forche regolabili per la presa di

contenitori di varie misure. Il modello realizzato

in acciaio inox è indicato per il settore

alimentare, ittico, macellazione.

Ha ricevuto una segnalazione a Eima 2012

anche l’elevatore quadruplex CM 20QH,

elevatore idraulico indicato per trattori di

media-elevata potenza; ha una capacità

di carico di 2.000 kg con un ingombro in

altezza molto ridotto, che garantisce un’ottima

visibilità dell’area di lavoro. Costruito

con profi li in acciaio ad H laminati a caldo

in qualità ST 52.3, cuscinetti a rullini,

catene tipo Fleyer e due cilindri laterali di

sollevamento a doppio effetto che offrono

all’operatore un’ottima visibilità.

Per informazioni: CM Srl di Calini & Calonaci

- Via Bedazzo, 39 - 48022 Lugo (Ra) - tel.

(+39) 0545 34134 - fax 0545 32117 -

cm@cm-elevatori.it - www.cm-elevatori.it

More magazines by this user
Similar magazines