Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

multimedia.b2b24.it

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Mensile – Poste Italiane S.p.A. – sped. A.P. – D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art.1.c.1: DCB Forlì

Anno IV

NOV 11 NOV12

Monthly/Mensile

IL SOLE 24 ORE SPA

by Ortofrutta Italiana

www.freshpointmagazine.it

• Apple fi gures

Statistiche mele

• Apple & pears world

sales

Vendite mondiali

mele e pere

• Apple in Russia

Melo in Russia

• Turkey

Turchia

• East Europe wholesale

markets

Mercati all’ingrosso Est

Europa

• Table grape, kiwi fruit,

fennel

Uva da tavola, actinidia,

fi nocchio

• Isr - Food Bazaar (Usa)

Gdo - Food Bazaar (Usa)

• Italian Figures

Statistiche Italia

the buyer’s magazine / la rivista del buyer


SUMMARY

SOMMARIO

11 NOVEMBER/NOVEMBRE 12

heading/rubriche

3

4

72

75

76

editorial/editoriale

news/news

the freshest cut/the freshest cut

events/appuntamenti

commercial news/le aziende informano

10 focus/focus

10 EU apple exports to non-EU

countries on the increase

Mele: verso i Paesi terzi la Ue esporta di più

Mario Schiano lo Moriello

16 Apple in Russia: investments

fuel prodigious growth

Melo in Russia: investimenti dai risultati strabilanti

Paolo Battistel

20 Apple and pear sales rising

Mele e pere consumi in aumento

Silvia Zucconi

26 market/mercato

26 Turkey, world’s 7th largest producer of F&V

Turchia, settimo produttore al mondo di frutta e verdura

Kenan Aydınoğlu

38 Borettana onion and blue potato

excellence in Veneto crops

Borettana e patata blu colture di eccellenza in Veneto

Giulia Giovanelli

40 Cei-Wmf, history of a wholesale

marketing network

Cei-Wmf, la storia di una rete

per il commercio all’ingrosso

Zoran Krsnik

44 Oscar-like Innovations

Innovazioni da oscar

Jessika Pini

48 APEO sells Italia grapes

from Puglia worldwide

Apeo: dalla Puglia uva Italia in tutto il mondo

Giuseppe Francesco Sportelli


54 product/prodotto

54 Kiwi: Italy fi rst in Europe

Kiwi: Italia prima in Europa

Silvia Zucconi

58 Dietetic and healthy. Fennel for all seasons

Dietetico e salutare. Finocchio ad ogni stagione

Enrico Barcella

62 isr/gdo

62 Food Bazaar, a home from home

that realizes the American dream

Food Bazaar, una casa

per realizzare l’american dream

Daniele Tirelli

66

66 Fresh packaged sells despite the recession

Il confezionato tira nonostante la crisi

Dario Casati e Lucia Baldi

Anno IV - n. 11 - november/novembre

www.agricoltura24.com

Editor/Direttore responsabile: Elia Zamboni

Assistant editor/Vice direttore: Beatrice Toni

Editorial staff/In redazione: Francesco Bartolozzi, Dulcinea Bignami, Gianni Gnudi

(editor-in-chief/capo redattore), Alessandro Maresca, Giorgio Setti (editor-in-chief/capo

redattore), Lorenzo Tosi

Editorial offi ce/Segreteria di redazione: Phone/tel. (+39) 051 6575.847

Fax. (+39) 051 6575.856 - redazione.edagricole@ilsole24ore.com

Contact persons/Referenti: Lorenzo Bazzana (Coldiretti), Cesare Bellò (Opo Veneto/Unaproa), Paolo Bruni

(FedagriConfcooperative), Gianni Brusatassi (Uiapoa), Marco Crotti (Cio/Unaproa), Ambrogio De Ponti (Apol/

Unaproa), Valentino Di Pisa (Caab), Claudio Gamberini (Conad), Giuseppe La Rocca (Mof), Reinhold Marsoner

(Interpoma), Fabrizio Marzano (Unaproa), Carmelo Mennone (Alsia), Paolo Merci (Verona Mercato), Luigi

Peviani (Aneioa), Francesca Ramondo (Gruppo T18), Salvatore Rapisarda (Euroagrumi), Giuliana Roncolini (Cia),

Domenico Scarpellini (Macfrut), Luciano Trentini (Arefl h).

English version by/Versione inglese a cura di: Ilaria Menna, Ilaria Nanni, Lawrence Smith,

Claudia Spisni, David Verzoni e Marina Zaccarini.

Cover’s image/immagine di copertina: Marina Alberghini - AM&QR, Bologna

Graphic/Uffi cio grafi co: Emmegi Group Srl

Design/Progetto grafi co: Lizart Comunicazione visiva – Bologna

Editorial Director/Direttore editoriale Business media: Mattia Losi

Owner and Editor/Proprietario ed Editore: Il Sole 24 ORE S.p.A.

Registered offi ce/Sede legale: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano

Chairman/Presidente: Giancarlo Cerutti

Managing Director/Amministratore delegato: Donatella Treu

Operative offi ce/Sede operativa: Via Patecchio, 2 - Milano 20141 - Phone/tel. (+39) 02 3964.61

Advertising/Uffi cio Pubblicità: Phone/tel. (+39) 051 6575.822 - Fax (+39) 051 6575.853

pubblicita.agroindustria@ilsole24ore.com

Traffi c Department/Uffi cio Traffi co: Phone/tel. (+39) 051 6575.842

impianti.editoriaspecializzata@ilsole24ore.com

Printed by/Stampato da: Faenza Industrie Grafi che - Via Vittime civili di guerra, 35 - Faenza (RA)

Subscriptions/Abbonamenti: www.shopping24.it - abbonamenti@businessmedia24.com

Phone/tel. (+39) 02 or 06 3022.5680 – fax (+39) 02 3022.5402

Customer service/Servizio clienti periodici: servizioclienti.periodici@ilsole24ore.com

Yearly subscriptions abroad. Foreign subscription by priority mail/

Estero. Abbonamento annuo prioritaria: euro 119,00

Yearly subscription in Italy/Abbonamento annuo: euro 72,00

Back issues/Arretrati (disponibili i sei mesi precedenti): euro 14,40

Intestate postal account no. 13951488 to: Il Sole 24 ORE S.p.A. The subscription will start

from the fi rst reachable number/Conto corrente postale n. 87729679 intestato a: Il Sole 24 ORE S.p.A.

L’abbonamento avrà inizio dal primo numero raggiungibile.

The payment receipt of the postal account is a valid accounting document/La ricevuta di pagamento

del conto corrente postale è documento idoneo e suffi ciente ad ogni effetto contabile.

Subscription renewal in Italy/Rinnovo abbonamenti in Italia:

A warning will be sent by the Editor one month before the deadline. Upon request, Institutions and companies

may receive the above along with an offer/Attendere l’avviso che l’Editore farà pervenire un mese prima della

scadenza. Per Enti e Ditte che ne facciano richiesta l’avviso verrà inoltrato tramite preventivo. VAT discharged

by the publisher/Iva assolta alla fonte dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1°comma, lett. c,

D.P.R. 26101972 n. 633 e successive modifi cazioni ed integrazioni.

Sales Administration/Amministrazione Vendite: fax (+39) 051.6575823 - Casella Postale 397

Uffi cio Postale Bologna Centro 40100 Bologna - freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Internet web site: www.freshpointmagazine.it

Reg. Tribunale di Bologna n. 7598 del 10/11/2005 Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a.

Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,

comma 1, DCB Forlì” Iscrizione R.O.C. n. 6553 del 10 dicembre 2001

ISSN 1827 – 577X

Associato a:

ed è membro italiano di EUROFARM,

l’associazione dei più importanti giornali

periodici agricoli europei

Privacy Policy Disclosure as per Legislative Decree 196/3. The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, the publisher, gathers and

stores the personal data you voluntarily supply when you subscribe to any of our publications or when you purchase from

lists containing personal information regarding business transactions and the like that come under Art. 24, paragraph 1,

section d of Leg. Dec. 196/03 and uses said data to send you the publication on subscription or a complimentary copy of one

of our publications. Il Sole 24 ORE may exercise its rights as per the provisions of Art. 7 Leg. Dec. 196/03 regarding access,

deletion, correction and so forth by requesting said exercise from the Head of its Data Handling Department, Customer

Services, at the main offi ces of Il Sole 24 ORE S.p.A. located in Via Goito 13, 40126 Bologna, Italy. Articles and photographs

submitted to The Publisher shall not be returned, even if unpublished. All rights reserved. No part of this publication shall

be reproduced, stored or transmitted in any way of form whatsoever, whether digitially, electronically, via photocopy or

mimeograph machines, without written consent from the publisher. The complete, up-to-date list of all Heads of the Data

Handling Department is available at Uffi cio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milan. Il Sole 24 ORE may share your data

with staff in its Order, Marketing, Customer Services and Administration departments and with affi liate companies of Gruppo

24 ORE for the purpose of exchanging said data with independent companies that are responsible for mailing the publication

and printed advertising matter to subscribers. Il Sole 24 ORE S.p.A., Titolare del trattamento, tratta, con modalità connesse

ai fi ni, i Suoi dati personali, liberamente conferiti al momento della sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da elenchi

contenenti dati personali relativi allo svolgimento di attività economiche ed equiparate per i quali si applica l’art. 24, comma

1, lett. d del D.Lgs n. 196/03, per inviarLe la rivista in abbonamento od in omaggio. Potrà esercitare i diritti dell’art. 7 del

D.Lgs n. 196/03 (accesso, cancellazione, correzione, ecc.) rivolgendosi al Responsabile del trattamento, che è il Direttore

Generale dell’Area Professionale, presso Il Sole 24 ORE S.p.A., Servizio Clienti c/o la sede di via Goito 13 – 40126 Bologna).

Gli articoli e le fotografi e, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa

pubblicazione può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica, elettrostatica,

fotocopia ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore. L’elenco completo ed aggiornato di tutti i Responsabili del

trattamento è disponibile presso l’Uffi cio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milano. I Suoi dati potranno essere trattati da

incaricati preposti agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno essere comunicati alle società

di Gruppo 24 ORE per il perseguimento delle medesime fi nalità della raccolta, a società esterne per la spedizione della Rivista

e per l’invio di nostro materiale promozionale.

Declaration as per Art 2, paragraph 2, of the “Professional Code of Ethics in Journalism for the handling of personal

data”. “The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, publisher of Fresh Point Magazine, herewith publicly declares that it houses data

banks for editorial uses that store personal data. The place in which it may exercise the rights provided in Leg. Dec. 196/3 is

the offi ce of the Head for Personal Data Handling, secretarial desks of coordinating editors (fax. 051-6575.856)”. “La società

Il Sole 24 ORE S.p.A., editore della rivista Fresh Point Magazine rende noto al pubblico che esistono banche dati ad uso

redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile esercitare i diritti previsti dal D.Lg 196/3 è l’uffi cio

del responsabile del trattamento dei dati personali, presso il coordinamento delle segreterie redazionali (fax. 051-6575.856)”.


Agriculture, techniques

for two worlds apart

Agricoltura, tecniche

per due mondi diversi

Duccio Caccioni

There’s no doubt that over the last twenty years

we’ve seen notable advances in crop pest and

disease management. Yet we must not forget that in

the 1970s-1980s the methods farmers employed to

combat or control pests, fungi and the pathogens that

damage crops relied simply on the use, frequently

indiscriminate and over the top, of chemicals that often

proved harmful to both humans and the environment.

Efforts since then have focused on avoiding or

reducing the worst such effects.

Greater awareness of public opinion, distributors and

consumers has led to the search for more sustainable

fi eld management practises and greater emphasis

on food quality. Yet this has occurred only in some

countries, and in many parts of the world today crops

are still managed using practises that are harmful to

the environment, animals and humans. For example,

while the incidence of tumours among farmers has

seen a dramatic decline over the last thirty years

throughout the western world, the same cannot be

said for many developing countries, where rates have

even registered a notable rise at times.

The danger – and the drama – is that today the gap

is widening between these two worlds, one that’s

as much geographical as social. One world has

“good” food, perhaps even certifi ed and farmed

under integrated or organic practises, while the other

has mostly “commodities”, cheap foods farmed

under harmful techniques. Common sense tells us

that the resulting damage, say, to the environment, is

borne by every one of us.

(English version by David Verzoni)

freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Indubbiamente negli ultimi vent’anni si è assistito a

un notevole miglioramento delle tecniche di controllo

dei parassiti e dei patogeni delle colture. È importante

ricordare che, ancora a cavallo degli anni ’70 e ’80

del secolo scorso, l’agricoltura e soprattutto la lotta

agli insetti, ai funghi e ai batteri che danneggiano le

coltivazioni, era improntata alla semplifi cazione ottenuta

attraverso l’uso, spesso grossolano e indiscriminato,

di molecole chimiche spesso dannose per l’uomo e

l’ambiente.

Da allora si sono evitati o ridotti danni gravissimi.

Una maggiore sensibilità dell’opinione pubblica, dei

distributori e dei consumatori ha indotto alla ricerca di

metodi agricoli e di terapia delle piante più sostenibili e

a una maggiore attenzione sulla qualità degli alimenti.

Questo è tuttavia accaduto solo in alcuni Paesi. In tante

parti del mondo è ancora in corso un uso indiscriminato

di tecniche agricole esiziali per l’ambiente, gli animali,

l’uomo. Se, per esempio, l’incidenza di neoplasie fra

gli agricoltori ha registrato una drastica riduzione negli

ultimi trent’anni in tutti i Paesi occidentali, ciò non è

vero per molti Paesi in via di sviluppo, dove talora si

segnalano formidabili aumenti.

Il pericolo - e il dramma - è che oggi si sta allargando la

forbice fra due mondi, non solo geografi ci ma anche

sociali. Un mondo in cui ci si alimenta con prodotti

“buoni”, magari certifi cati e ottenuti con procedimenti di

lotta integrata e/o biologica, e un altro mondo dove

prevalgono le “commodities”, alimenti a basso prezzo

ottenuti con tecniche dannose. Il buon senso poi ci

indica come i danni, per esempio ambientali, siano

sopportati invece da tutti.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

3

editorial

editoriale


news

notizie

UE-Morocco accord approved

Sancito accordo Ue-Marocco

The Offi cial Journal of the European Union published executive

order 812/2012 on 13 September last regulating the Customs

duties for produce commodities imported from Morocco. The

order went into effect on 1 October, formally initiating the the

accords initialled with Morocco on 13 December 2010 and ratifi

ed by the EU Parliament last February.

The OJ had already published on 7 the Council of Europe’s decision

to proceed with the free-trade deal on farm commodities

and food and fi sh products between the EU and Morocco. Thus

an agreement that had raised more than one question during

prior negotiations, even meeting with strong objections from

farmers in southern EU member states, is now legally binding to

all effects and purposes. (DV)

Spanish citrus crop down

Agrumi spagnoli in calo

Spain’s combined citrus fruit crop is

expected to decline this year. Estimates

released by the Ailimpo citrus association

see a 2012/2013 crop of 6.1 million tons, a

slide of 5.74% over a year ago. Tangerine

production is expected to fall 13.1% to

2.08 million tons, clementine’s by 17.6%

to 1.43 million and lemon by 12.1% to

870 thousand tons. The only bright spot is

orange, which is projected to rise 1.97%

on a crop of 3.1 million tons. (DV)

La produzione di agrumi in Spagna

quest’anno sarà in calo. Secondo le previ-

4 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

sioni diramate dall’associazione di settore

Ailimpo, la raccolta totale per la stagione

2012/2013 sarà di 6,1 milioni di tonnellate,

ovvero il 5,74% in meno rispetto

all’annata precedente. La produzione di

mandarini scenderà a 2,08 milioni di

tonnellate (-13,1%), quella di clementine

avrà un decremento del 17,6% (1,43

milioni di tonnellate), per i limoni la decrescita

sarà del 12,1% (870mila tonnellate).

Solo per le arance si prevede un aumento

dell’1,97%, con una raccolta complessiva

pari a 3,1 milioni di tonnellate.

Il 13 settembre scorso, sulla Gazzetta Uffi ciale della Ue è stato

pubblicato il regolamento esecutivo (812/2012) riguardante

i contingenti daziari sui prodotti ortofrutticoli importati dal

Marocco. Il regolamento è entrato in vigore il primo di ottobre

ed è l’applicazione degli accordi siglati con il Paese magrebino il

13 dicembre 2010 e ratifi cati dal Parlamento europeo lo scorso

febbraio.

Il 7 settembre la Gazzetta Ue aveva pubblicato la decisione del

Consiglio Europeo sull’accordo di liberalizzazione del commercio

di prodotti agricoli, agroalimentari e ittici fra l’Unione Europea e

il Marocco. È a tutti gli effetti sancito, quindi, un accordo che ha

fatto molto discutere e che ha visto l’opposizione in particolare

da parte dei produttori dei Paesi del Sud Europa.

France, potato

sales up

Francia, cresce

il consumo di patate

While the economic crisis is affecting food

sales even in France, consumers there

boosted sales of fresh-market potatoes

by 7.5% in the 2011/2012 season over

the previous year. Indeed, not only was

there a rise in the average purchase, but

also a rise in the average amount per

sale: 5-kilo bags of fresh potatoes posted

a leap of 65% by volume. (DV)

La crisi infl uenza i consumi alimentari

anche in Francia. Per la stagione

2011/2012 il consumo di patate fresche

nell’esagono è cresciuto del 7,5% rispetto

allo stesso periodo dell’anno precedente.

È incrementato l’acquisto medio,

ma anche la quantità media per atto di

acquisto: le confezioni da 5 kg di patate

fresche hanno registrato un aumento

delle vendite di ben il 65% in volume.


EU-Central America tariff deal

Accordo Ue-Centro America su tariffe doganali

It will not be long now before the free-trade

pact between the European Union and six

Central American countries is expected to

take effect. The deal, which calls for reciprocal

dismantling of tariff barriers for many

farm commodities and foods, was initialled

last 29 June in Tegucicalpa, Honduras, and

is scheduled to become binding between

the end of 2012 and early 2013 after being

ratifi ed by the EU Parliament. The deal

covers trade relations with Costa Rica, El

Germany, tainted Chinese strawberry

Germania, tossinfezione da fragole cinesi

Nearly 10 thousand children living in areas

of northern Germany became ill after eating

frozen strawberries from China. The fruit

was imported by a company located in the

state of Saxony and used in school meals

that are prepared and distributed by a wellknown

multi-national corporation. (DV)

Circa 10mila bambini residenti nel Nord

Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua

and Panama. Notable too is the fact that

Costa Rica and Guatemala are big producers

of banana, with respective crops of 1.7

and 2.1 million tons a year, as well as of

pineapple and other tropical fruit. (DV)

È ormai in dirittura d’arrivo l’accordo di

associazione fra l’Unione Europea e sei

Stati del Centro America che prevede la

reciproca riduzione o l’eliminazione delle

tariffe doganali per molti prodotti agro-

della Germania sono stati colpiti da gastroenterite

dopo l’ingestione di fragole congelate

provenienti dalla Cina. I frutti erano stati

importati da una società specializzata con

sede nel Land della Sassonia ed erano stati

impiegati per la preparazione di alimenti poi

distribuiti nelle mense scolastiche gestite da

una nota multinazionale del settore.

alimentari. L’accordo, siglato lo scorso

29 giugno a Tegucicalpa (Honduras),

dovrebbe entrare in vigore tra la fi ne del

2012 e l’inizio del 2013 (dopo la ratifi ca

del Parlamento europeo) e riguarderà i

rapporti commerciali con Costa Rica, El

Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua

e Panama. Fra questi Paesi, Costa Rica e

Guatemala sono forti produttori di banane

(rispettivamente 1,7 e 2,1 milioni di tonnellate),

oltre che di ananas e frutta esotica.

news

notizie


news

notizie

EU, slide in potato production

Ue, cala la produzione di patate

According to figures released by Northwestern

European Potato Growers, the

EU potato crop in France, Germany, the

UK, Belgium and Holland is expected

to come in at some 23 million tons, a

slide of 14.5% over 2011. The German

PSA in New Zealand

Psa in Nuova Zelanda

New Zealand’s Ministry of Agriculture has

released a study projecting that, despite

rising prices, the country’s kiwifruit growers

will see their profi ts fall by a third

because of the vine-killing PSA bacterium,

which is also beginning to affect

plantings in Italy. One of the possible

scenarios being considered is a complete

crop loss of the gold varieties due to the

6 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Tropical fruit,

world production grows

Frutta tropicale, cresce

la produzione nel mondo

Based on strong global-demand figures, FAO is forecasting that

world-wide tropical fruit production will hit the 82.1 million-ton

mark by 2014. The overall rise will include mango to 11.6 million

tons, 40% grown in India, pineapple to 18.7 million, 46% coming

from the Pacific Asia, and papaya to 13 million, 30% grown in

South America and the Caribbean. (DV)

Secondo i dati Fao, nel 2014 la produzione di

frutta tropicale dovrebbe raggiungere gli 82,1

milioni di tonnellate con un aumento rilevante

vista la forte domanda del mercato

mondiale.

È previsto un aumento della produzione

di mango (11,6 milioni di

tonnellate, di cui il 40% in India), di

ananas (18,7 milioni di tonnellate,

il 46% nell’area Asia Pacifico) e

di papaia (13 milioni di tonnellate,

il 30% prodotto in Sud

America e nei Carabi).

yield is projected to be 1.4 million tons.

(DV)

La produzione di patate nella Ue è in

calo. Secondo i dati diramati dalla Nepg

(l’associazione dei produttori del Nord

e Centro Europa) la raccolta in Francia,

disease. Plantations of gold varieties that

are more resistant to Psa are already

under way in the New Zealand. (DV)

Il ministero dell’Agricoltura neo-zelandese

ha diffuso uno studio secondo

il quale si prevede che, a dispetto di

prezzi crescenti, il profitto dei coltivatori

di actinidia neo zelandosi scenderà di

un terzo per effetto degli attacchi del

Germania, Gran Bretagna, Belgio e

Olanda dovrebbe attestarsi sui 23 milioni

di tonnellate, con una contrazione del

14,5% rispetto al 2011. In Germania è

previsto un calo pari a 1,4 milioni di

tonnellate.

batterio Psa, una fitopatia che sta colpendo

anche gli impianti italiani. Sono

stati prospettati differenti scenari per

uno dei quali si prevede addirittura la

perdita completa della produzione delle

varietà gialle per effetto della batteriosi.

In Nuova Zelanda si sta espandendo la

coltivazione di varietà gialle più resistenti

alla Psa.


news

notizie

Big retail comes to India

La gdo arriva in India

Following months of heated debate, India’s government has formally

opened the country’s doors to the foreign big supermarket

chains. It’s a market with an estimated turnover of some US $450

million a year. According to Prime Minister Manmoan Singh, the

arrival of the big western retail chains should provide needed

stimulus to India’s economy, whereas many opponents of the

move say it will damage a domestic economy that relies on millions

of small shopkeepers.

India is a target in the sights of many retail giants, the US-based

Wal-Mart topping the list. Recently, the McDonald’s fast-food

chain announced the opening of its fi rst two restaurants in the

two holy cities of Amritsar and Katra, which will serve vegetarian

burgers only. (DV)

Italy, kiwi off 25%

Italia, actinidia -25%

According to projections by CSO, Italy’s

kiwifruit crop is expected to fall by 25%

this year. All orchard areas are looking

at a decline in yields except districts in

Verona Province. Indeed, the growing

areas in the northern hemisphere are all

seen in some decline, including France,

off 7%, and Spain, down 17%. The only

exception is Greece, which is expected

to post a 5% rise. (DV)

8 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Secondo le previsioni del Cso, la produzione

italiana di actinidia quest’anno

dovrebbe avere una flessione del

25%. Tutte le aree produttive presentano

una riduzione di produzione

eccetto quella veronese. In calo anche

tutte le aree di coltivazioni dell’emisfero

Nord (Francia -8%, Spagna

-17%), ad eccezione della Grecia in

cui si prevede un +5%.

Dopo mesi di forti polemiche, il Governo indiano ha formalmente

aperto il suo mercato all’insediamento delle grandi catene estere

della gdo. Si tratta di un mercato stimato in 450 milioni di dollari

l’anno. Secondo il primo ministro Manmoan Singh, l’apertura di

grandi supermercati alla occidentale dovrebbe essere d’impulso

all’economia indiana, mentre per i molti oppositori della riforma

vi sarebbero effetti esiziali, poiché il sistema economico indiano è

formato da milioni di piccoli commercianti al dettaglio.

L’India è un obiettivo per molti dei giganti della distribuzione mondiale,

come per esempio l’americana Wal Mart. Recentemente, la

catena di ristoranti McDonald ha annunciato la prima apertura di

due negozi nelle due città sante di Amritsar e Katra che serviranno

esclusivamente hamburger vegetariani.

McDonald’s more

health-conscious

in America

McDonald’s più

salutista in America

The McDonald’s fast-food chain is revolutionising

its marketing strategy. The

chain’s 14 thousand US outlets serving

25 million customers a day have been

carrying a display since 17 September

indicating the calories of the portions

served and menus now feature fruit and

vegetables. In fact, the usual deserts that

once were part of its “happy meals” have

been replaced by fruit. This step is seen

as bringing the company more in line

with the strong “wellness” trend that is

sweeping the country. (DV)

La catena di fast food McDonald’s sta

rivoluzionando le proprie strategie di

marketing. Dal 17 settembre nei 14mila

negozi americani (25 milioni di clienti al

giorno) è stato installato un display che

indica le calorie delle porzioni servite e

nei menù ci sono più frutta e verdura:

negli “happy meal” i dessert tradizionali

sono stati rimpiazzati da frutta.

L’iniziativa allinea la nota catena alla

forte tendenza “salutista” che percorre

tutti gli Stati Uniti.


Oragnic acreage up in Spain

Aumenta superfi cie bio in Spagna

Spain’s organic farmers are expanding

acreage for their crops. According to fi gures

released by the country’s Ministry

of Agriculture, organic acreage rose to

1,845,039 hectares in 2011, up 11.76%

over the preceding year. This makes Spain

the EU leader in organic acreage for the

fourth consecutive year.

Even the number of all business operators

Morocco, orange and clementine off

Marocco, meno arance e clementine

Morocco’s overall citrus production is

expected to be 25% lower than last

year’s. The Ministry of Agriculture is

forecasting production at 1.5 million tons

compared to the 1.86 million of a year

ago. The decline appears equally distributed

between the country’s two main

Apple stable in Germany

Mela stabile in Germania

According to German grower associations, the country’s apple

crop this year should be about even with last year’s. Projections

indicate that this year’s overall crop should be about 933 million

tons: Germany’s most widely grown varieties are Holsteiner Cox,

Elstar, Jonagold and Boskoop. (DV)

linked to the sector is growing, having

gone from 27,767 in 2010 to 32,837 in

2011. The industry’s most proactive organic

region is Andalusia with 10,203 business

operators, followed by Castile-La Mancha

with 7,266. Spain also has the most extensive

meadow and pasture grazing acreage

at 913 thousand ha with the highest

growth rate, 61,276 ha. Strong growth

crops: orange, which is seen as posting

a 27% drop to 763 thousand tons, and

clementine, which is expected to post a

24% drop to 665 thousand. (DV)

La produzione di agrumi in Marocco

dovrebbe essere del 25% più bassa dello

scorso anno. Il ministero dell’Agricoltura

was also posted by olive at 168,176 ha, up

33.48% over 2010, and, to a lesser extent,

grain, 178 thousand ha, up 7.21%. (DV)

La superfi cie destinata all’agricoltura biologica

in Spagna è ancora in aumento.

Secondo i dati del ministero dell’Agricoltura

spagnolo, nel 2011 gli ettari dedicati

al bio sarebbero 1.845.039 con un

aumento dell’11,76% rispetto al 2010. La

Spagna verrebbe per il quarto anno consecutivo

a collocarsi in posizione leader

nella Ue per quanto riguarda le superfi ci

destinate all’agricoltura biologica.

Anche il numero di operatori (tutti i componenti

della fi liera) è in aumento: si è

passati dai 27.767 del 2010 ai 32.837

del 2011. La regione più attiva nel settore

bio è l’Andalusia con 10.203 operatori,

segue la Castiglia-Mancha con 7.266.

Le superfi ci a prati e pascoli sono le più

estese (913mila ha) e quelle che hanno

avuto il maggior incremento (+61.276

ha). Importanti aumenti anche per l’olivo

(168.176 ha totali, +33,48% sul 2010) e i

cereali (178mila ha, +7,21%).

marocchino prevede raccolte pari a 1,5

milioni di tonnellate (2011/12: 1,86 milioni).

Il calo è equamente distribuito fra le

arance (prevista una raccolta di 763mila

tonnellate, -27%) e clementine (665mila,

-24%) i due principali prodotti esportati

dal Marocco.

Secondo le organizzazioni agricole tedesche la raccolta di mele

in Germania dovrebbe rimanere stabile sui livelli dell’anno passato.

Quest’anno si prevede una raccolta totale di 933milionia

tonnellate. Le varietà più diffuse in Germania sono Holsteiner

Cox, Elstar, Jonagold e Boskoop.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

9

news

notizie


focus/apples

focus/mele

EU apple exports to non-EU

countries on the increase

Mele: verso i Paesi terzi

la Ue esporta di più

Mario Schiano lo Moriello - Ismea

In order to get a better picture of the situation, trade fl ows were analysed over the

last twelve campaigns. This year, imports from non-EU countries hit a record low

Per mettere a fuoco i fl ussi è stata realizzata un’analisi degli scambi nelle ultime

dodici campagne. L’import dai Paesi extra Ue raggiunge quest’anno il livello minimo

A pples are among the most traded fruit and vegetables

worldwide. Italy, USA and China are the

world’s leading exporters (Table 1). In 2011, the export

earnings of these three countries came to more than

2 billion euro. They are followed in the world rankings

by France and Chile. However, countries from all the

main geographical regions feature among the top ten

world exporters: Italy, France, the Netherlands, Poland

and Belgium (Europe), USA (North America), Chile and

Argentina (South America), China (Asia), New Zealand

(Oceania), and South Africa (Africa).

10 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Le mele sono tra i prodotti ortofrutticoli più scambiati

a livello mondiale. Italia, Usa e Cina sono i principali

esportatori mondiali (tabella 1). Nel 2011, gli incassi di

questi tre Paesi hanno superato i 2 miliardi di euro. A

seguire si piazzano Francia e Cile. Tra i primi dieci esportatori

mondiali, vi sono Paesi di tutte le principali aree geografi

che della terra: Italia, Francia, Paesi Bassi, Polonia e

Belgio (Europa), Usa (America del Nord), Cile ed Argentina

(America del Sud), Cina (Asia), Nuova Zelanda (Oceania) e

Repubblica Sudafricana (Africa).

Russia, Germania e Regno Unito sono i principali impor-


focus/apples

focus/mele

TAB. 1 - MAIN EXPORTERS AND MARKET SHARE % IN 3 MAIN MARKETS (YEAR: 2011)

TAB. 1 - PRINCIPALI ESPORTATORI E QUOTA % NEI PRIMI TRE MERCATI DI SBOCCO (ANNO 2011)

Mln Euro

fi rst/primo

Markets/Mercati di sblocco

second/secondo third/terzo

Italy/Italia 713,8 GER 32 SPA 9 RUS 5

Usa/Usa 689,7 MEX 21 CAN 19 IND 9

China/Cina 661,6 RI 16 RUS 13 THA 11

France/Francia 530,2 UK 22 SPA 13 GER 10

Chile/Cile 406,8 COL 10 USA 10 TAI 9

Holland/Paesi Bassi 249,1 GER 49 UK 8 FRA 7

Poland/Polonia 213,9 RUS 62 BY 13 UCR 10

South Africa/Sud Africa 211,8 UK 27 MAL 12 RPB 9

New Zealand/Nuova Zelanda 201,4 NDL 14 UK 12 USA 11

Belgium/Belgio 149,8 GER 32 NDL 20 RUS 20

Argentina/Argentina 133,9 BRA 34 RUS 24 NDL 9

Spain/Spagna 86,2 FRA 16 UK 13 POR 8

Austria/Austria 74,3 GER 38 ROM 14 UNG 11

Germany/Germania 68,1 RUS 23 DAN 12 SVE 8

Japan/Giappone 60,7 TAI 86 HK 8 CIN 2

Source: author’s calculations based on various sources / Fonte: elaborazioni dell’autore di varie fonti

Russia, Germany and the UK are the world’s leading

importers of apples (Table 2). They are followed by

countries in the Far East (Taiwan, Indonesia, India and

Thailand) and the Arabian Peninsula (Saudi Arabia and

the United Arab Emirates). In recent years, there have

been increases in Egyptian imports and, more generally,

in those of the countries of North Africa. Holland is

a case apart, being both a major importer (ranking fourth

among apple importers for an expenditure of 249.3 million

euro), and a major exporter (the world’s sixth largest

exporter, with receipts of 249.1 million euro).

Apple trade data in fact reveal a dense network of

exchanges covering the entire globe. Simplifying, we

can distinguish two different types of fl ow. The fi rst

– short range - concerns consumer markets located

in close proximity to producing countries (e.g., shipments

from Italy to Germany and Spain, or from China

to Indonesia, Russia and Thailand). The second type -

medium or long range - reaches more distant markets

(e.g. from Italy to Russia and the Arabian Peninsula or

from the U.S. to India). The development of improved

post-harvest techniques and the multiplication of intercontinental

shipping routes have led to increases in this

second type of trade, raising the level of competition

among the export giants.

Development of trade between the EU and non-EU

countries

In order get a better picture of trade fl ows between

the EU and non-EU countries, the apple trade was

analysed over the last twelve apple campaigns, from

2000/1 up to 2011/12. For this purpose an apple

campaign was defi ned as the period from the month

of August to July of the following year.

During the period under review, after an initial growth

12 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

tatori mondiali di mele (tabella 2). A seguire troviamo

alcuni Paesi del Far Est (Taiwan, Indonesia, India e

Tailandia) e quelli della Penisola arabica (Arabia Saudita

ed Emirati Arabi Uniti). Negli ultimi anni sono cresciute

le importazioni dell’Egitto e, più in generale, quelle dei

Paesi del Nord Africa. Un discorso a parte va fatto per

i Paesi Bassi, Paese chiave sia per quanto riguarda i

fl ussi in entrata (è al quarto posto nella graduatoria degli

importatori di mele, con una spesa di 249,3 milioni di

euro), sia per quelli in uscita (è al sesto posto tra gli

esportatori, con introiti per 249,1 milioni di euro).

I dati sugli scambi di mele fanno emergere una fi tta rete

che, di fatto, copre l’intero globo terrestre. Semplifi cando,

si possono distinguere due diversi tipi di fl usso. Il primo

- di corto raggio – interessa i mercati di consumo localizzati

in prossimità dei Paesi produttori (ad esempio, le

spedizioni dall’Italia a Germania e Spagna oppure dalla

Cina ad Indonesia, Russia e Tailandia). Il secondo tipo di

fl ussi – quelli di medio e lungo raggio – interessa mercati

di sbocco più lontani (dall’Italia a Russia e Penisola arabica

oppure dagli Usa all’India). Lo sviluppo delle tecniche

post-raccolta e l’infi ttirsi delle rotte di navigazione intercontinentali

incrementano, in particolare, questo secondo

tipo di scambi, innalzando il livello di competizione tra i

colossi mondiali delle esportazioni di questo prodotto.

Andamento degli scambi tra Ue e Paesi terzi

Per mettere a fuoco i fl ussi tra Ue e Paesi Terzi è stata

realizzata un’analisi degli scambi di mele nelle ultime dodici

campagne melicole, partendo dal 2000/01 e arrivando a

quella del 2011/12. La campagna melicola è stata defi nita

come il periodo che va dal mese di agosto al luglio dell’anno

successivo. Nel periodo preso in esame, le importazioni

della Ue dai Paesi terzi hanno avuto dapprima una dinamica

di crescita (tra la campagna 2000/01 e quella 2004/05) e


TAB. 2 - MAIN IMPORTERS AND SHARE % OF THE FIRST THREE SUPPLIERS (YEAR: 2011)

TAB. 2 - PRINCIPALI IMPORTATORI E QUOTA % DEI PRIMI TRE FORNITORI (ANNO 2011)

Mln Euro

fi rst/primo

Supplier/Mercati di approvvigionamento

second/secondo third/terzo

Russia/Russia 545,5 POL 21 CIN 11 ITA 10

Germany/Gremania 479,6 ITA 44 NDL 25 FRA 10

UK/Regno Unito 365,6 FRA 32 RSA 20 NZL 13

Holland/Paesi Bassi 249,3 CHIL 27 NZL 20 FRA 15

Taiwan/Taiwan 166,9 - - - - - -

Indonesia/Indonesia 160,9 - - - - - -

Mexico/Messico 152,8 USA 93 CHIL 5 CAN 1

Canada/Canada 144,0 USA 77 CHIL 11 NZL 6

India/India 134,8 USA 37 CHIN 36 CHIL 11

Saudia Arabia/Arabia Saudita 127,3 - - - - - -

United Arab Emirates/Emirati Arabi Uniti 120,3 - - - - - -

Spain/Spagna 117,8 FRA 39 ITA 30 CHIL 10

Belgium/Belgio 113,0 NZL 35 FRA 25 NDL 20

Tailandia/Tailandia 98,9 CIN 65 NZL 15 USA 14

Egypt/Egitto 96,2 ITA 32 SIR 29 RL 17

Source: author’s calculations based on various sources / Fonte: elaborazioni dell’autore di varie fonti

in EU imports from non-EU countries (between

2000/01 and 2004/05) a negative trend established

itself (Figure 1). Imports peaked in 2004/5 at about

one million tons for an expenditure of 767 million

euros; from then on imports declined, reaching a

record low of 593 thousand tons for an expenditure

of 529 million euro in 2009/2010.

The campaign that has just ended, from August 2011

to July 2012, will hit a new low with imports probably

falling short of 550 thousand tons for a cost of less

than 500 million euros.

As for EU exports to non-EU countries, there has

been steady growth since 2000/01, interrupted only

by slowdowns during the 2007/08 and 2010/11 campaigns.

The campaign that has just ended will set a record

high for apple exports with more than 1.5 million tons

for revenues of 775 million euros.

The main EU exporter countries to non-EU

countries. Poland is the largest exporter

to countries outside the EU, particularly

to Russia,

Belarus and Ukraine.

In 2011, Polish

exports accounted

for about 40% of

the overall EU total.

Italy and France

were runners up,

both with 19% of

total EU exports to

non-EU countries.

The main EU

importers from non-

successivamente una dinamica negativa (fi gura 1). Il picco

massimo delle importazioni, circa un milione di tonnellate

e un esborso di 767 milioni di euro, è stato raggiunto nella

campagna 2004/05; poi il fl usso in ingresso nella Ue è

rallentato e nel 2009/2010 è stato toccato il punto minimo,

593mila tonnellate e una spesa di 529 milioni di euro.

La campagna appena conclusa, da agosto 2011 a

luglio 2012, farà registrare il nuovo punto di minimo delle

importazioni, che presumibilmente si fermeranno intorno

a quota 550mila tonnellate e una spesa inferiore a 500

milioni di euro. Per quanto riguarda le esportazioni della Ue

verso i Paesi terzi, dalla campagna 2000/01 si osserva un

trend di crescita regolare, interrotto solo dal rallentamento

registrato nel corso della campagna 2007/08 e da quello

della campagna 2010/11.

La campagna appena terminata segnerà il picco massimo

delle esportazioni con oltre 1,5 milioni di tonnellate e introiti

per 775 milioni di euro.

I principali Paesi esportatori della

Ue verso i Pt. La Polonia è il

principale esportatore verso i

Paesi extra Ue, in particolare

verso Russia, Bielorussia

e Ucraina. Nel 2011, le

esportazioni polacche

hanno costituito il 40%

circa di quelle complessive

della Ue. Alle

spalle della Polonia, si

piazzano Italia e Francia,

entrambe con una quota

del 19% delle esportazioni

complessive Ue

verso i Paesi terzi.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

13

focus/apples

focus/mele


focus/apples

focus/mele

Figure 1 – EU trade in apples with non-EU countries (tons)

Figura 1 – Scambi di mele della Ue con i Paesi (in tonnellate)

1.400.000

1.200.000

1.000.000

800.000

600.000

400.000

200.000

0

2000/01 2002/03 2004/05 2006/07

*updated to June 2012 / * aggiornati a giugno 2012

Source: author’s calculations based on Eurostat data / Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

TAB. 3 - EU TRADE IN FRESH APPLES WITH NON-EU COUNTRIES BY CAMPAIGN

TAB. 3 - SCAMBI DI MELE DELLA UE CON I PAESI TERZI PER CAMPAGNA

Import Export

Campaign/Campagna Tons/Tonnellate 1.000 Euro Euro/Kg Tons/Tonnellate 1.000 Euro Euro/Kg

2000/01 677.095 593.154 0,88 546.715 218.786 0,40

2001/02 728.011 659.839 0,91 581.179 261.612 0,45

2002/03 803.707 685.353 0,85 653.827 270.375 0,41

2003/04 912.057 728.069 0,80 557.011 218.586 0,39

2004/05 980.637 766.922 0,78 631.730 244.363 0,39

2005/06 829.705 687.313 0,83 784.714 342.246 0,44

2006/07 890.769 757.415 0,85 952.961 430.340 0,45

2007/08 892.608 716.817 0,80 746.876 457.733 0,61

2008/09 739.185 637.298 0,86 1.222.669 512.587 0,42

2009/10 593.000 529.015 0,89 1.223.173 494.964 0,40

2010/11 614.588 536.279 0,87 1.071.222 634.408 0,59

2011/12* 429.117 375.965 0,88 1.488.688 774.345 0,52

*updated to June 2012 / * aggiornati a giugno 2012

Source: author’s calculations based on various sources / Fonte: elaborazioni dell’autore di varie fonti

EU countries. The Netherlands and the UK are the

principal importers, both accounting for 30% of

overall EU imports.

Reversal of the trend. At the beginning of the period

under examination, the EU was a net importer of

apples, but a progressive reduction in imports and

together with a concomitant increase in exports has

resulted in a reversal of the initial situation, so that

for some years now the EU has been a net exporter

of apples to non-EU countries. Of particular importance

in this regard were increased shipments to

Russia, North Africa (Egypt, Libya and Algeria) and

the Arabian Peninsula (Saudi Arabia and UAE).

Peak periods for imports from and exports to non-

EU countries. Exports to non-EU countries are con-

14 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

2008/09

Import (t)

2010/11

Export (t)

I principali Paesi importatori della Ue dai Pt. Le

importazioni di mele dai Paesi terzi interessano particolarmente

i Paesi Bassi e il Regno Unito che detengono

entrambe una quota del 30%.

L’inversione del trend. All’inizio del periodo osservato,

l’Unione Europea era importatore netto di mele, ma la progressiva

riduzione delle importazioni e l’incremento delle

esportazioni ha determinato il ribaltamento della situazione

iniziale, cosicché da qualche anno la Ue è esportatore

netto di mele nei confronti dei Paesi extra Ue. In particolare,

ha infl uito l’aumento delle spedizioni verso Russia,

Nord-Africa (Egitto, Libia e Algeria) e Penisola Arabica

(Arabia Saudita ed Eau).

Picchi di importazioni ed esportazioni verso i Pt. Le

esportazioni verso i Paesi terzi si concentrano nel perio-


Figure 2 – EU trade in apples with non-EU countries (000 €)

Figura 2 – Scambi di mele della Ue con i Paesi (000 €)

800.000

600.000

400.000

200.000

0

2000/01 2001/02 2002/03 2003/04

2004/05

*updated to June 2012 / * aggiornati a giugno 2012

Source: author’s calculations based on Eurostat data / Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Eurostat

centrated in the period between January and May;

64% of total campaign exports are accounted for in

these fi ve months. Exports peak in March, with 16%

of total exports.

Imports from non-EU countries are concentrated

between April and July. These four months account for

61% of total imports with imports peaking in June.

(English version by Lawrence Smith)

2005/06 2006/07 2007/08 2008/09 2009/10 2010/11 2011/12

Import (1000 Euro)

Export (1000 Euro)

do compreso tra gennaio e maggio; in questi cinque

mesi si accumula il 64% delle esportazioni dell’intera

campagna melicola. Il picco di massima è raggiunto

a marzo, quando si registra il 16% delle esportazioni

complessive. Le importazioni dai Paesi Terzi sono

concentrate tra aprile e luglio. In questi quattro mesi si

accumula il 61% delle importazioni di mele. Il picco delle

importazioni è raggiunto nel mese di giugno.

focus/apples

focus/mele


focus/apples

focus/mele

Apple in Russia: investments

fuel prodigious growth

Melo in Russia: investimenti

dai risultati strabilanti

Paolo Battistel – Ceres S.r.l.

New intensive orchards in the Caucasus are attracting local and foreign investors.

Apple is a priority crop for the federation’s government

Negli ultimi anni la realizzazione d’impianti intensivi nel Caucaso ha richiamato l’attenzione

di investitori locali e stranieri. La melicoltura è una priorità per il Governo

federale

Despite all the tears being shed in the continuing

world-wide economic crunch, there are those

fortunate enough to be smiling and looking to the

future with optimistic eyes. This is what we’re seeing

in eastern Europe’s apple industry, and southern

Russia is a particularly spectacular case of the

sector’s growth.

Russia’s fruit industry currently encompasses about

half a million hectares but only about 30% are real

commercial orchards. The other 2/3 are family-run

holdings, often for self-suffi ciency, and produce a

crop of only 2 million tons, or 5-6 tons per hectare,

just a quarter of which achieving top-grade quality.

It’s a still standing relic of the Soviet era when half

of the country’s overall produce crop came from

family-run plots strictly regulated to a mere 600

square metres and the other half came from col-

New, modern apple orchards, some as big as 300 ha,

are springing up in Russia’s Caucasus area, especially

in the Kabardino-Balkaria Republic

Nuovi e moderni impianti di meli, alcuni estesi fi no a 300 ha, stanno

sorgendo in Russia, nell’area caucasica, in particolare

nella Repubblica Kabardino-Balkaria.

16 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

In un’economia mondiale in cui molti piangono gli effetti

di una crisi lunga e profonda, per fortuna c’è anche chi

sorride e guarda al futuro con ottimismo. È il caso della

melicoltura nei Paesi dell’Est, in particolare nel Sud della

Russia, che sta godendo di uno strabiliante sviluppo.

Alla frutticoltura russa è destinato circa mezzo milione di

ettari, ma solamente il 30% sono frutteti professionali.

Gli altri 2/3 sono rappresentati da minuscoli impianti

familiari, destinati spesso ad autoconsumo, che producono

solamente 2 milioni di tonnellate (5-6 t/ha), di cui

solo un quarto arriva alla 1^ classe qualitativa.

Si tratta di un’eredità ancora viva dell’era sovietica, in

cui quasi metà della produzione di ortofrutta nazionale

proveniva da piccoli appezzamenti familiari, ognuno

rigorosamente di soli 600 mq, mentre l’altro 50% proveniva

da aziende collettive enormi, quanto altrettanto

ineffi cienti.

New apple orchard in Baksan, Kabardino-Balkaria Republic: part

of the plants were imported from Italy and part were supplied by

new, highly professional local nurseries

Nuovo impianto di melo a Baksan (repubblica Kabardino-Balkaria):

le piante sono in parte importate dall’Italia, in parte provengono da

nuovi vivai locali di alta professionalità.


Excellent cropping results at orchard year 4 are also a measure

of the contribution of European, especially Italian, know-how

Eccellente risultato produttivo al quarto anno d’impianto:

a risultati di questo tipo contribuisce anche la tecnologia europea,

in particolare italiana.

lective farms that were as enormous as they were

ineffi cient.

It’s an age that appears light years away from today

if we look closely, and especially, at the developments

over the last 4-5 years in the Caucasus area.

Country of the future

Apple is easily the most popular fruit in Russia and,

given that its original roots as a wild plant from

nearby Kazakhstan, central-south Russia probably

Apple arose as a wild plant in these areas, indicating that the

climate and soils are ideally suited for record-setting crop yields

and quality.

La mela nasce da queste parti dal punto di vista botanico, per cui

clima e terreni sono molto adatti a ottenere rese e qualità da primato.

Tale epoca appare oggi lontana anni luce da noi, se

osserviamo attentamente i recenti sviluppi degli ultimi

4-5 anni, soprattutto nell’area del Caucaso.

La nazione del futuro

Il frutto più consumato in Russia è in assoluto la mela,

che tra l’altro nasce da queste parti, dal punto di vista

botanico (in Kazakistan, per la precisione), quindi signifi -

focus/apples

focus/mele


focus/apples

focus/mele

has ideal soil and weather conditions for industry

growth.

Russian authorities are fully aware of the factors

limiting their produce industry and are pursuing various

ways to stimulate the interest of big investors,

including a range of subsidies as well as extension

support services and European technology, especially

from Italy.

New, modern apple orchards, even as big as 150-

300 hectares, are being planted in the Krashnodar-

Voronetz area, the Volga Valley and Caucasus

republics, most notably Kabardino-Balkaria.

Several investors even have already set up modern

local nursery operations to supply their own

needs for plants grafted to dwarfi ng stocks and

for orchard structural materials like concrete trellis

posts, steel cables, irrigation systems and hail nets.

So it’s only reasonable to suppose that in a few

years’ time several thousand hectares of modern

orchards will have been planted in Russia. Indeed,

if there’s a country that is about to experience a

boom in the world’s commercial apple industry,

that country will surely be Russia.

A closer look shows that its 17 million square

kilometres for “only” 147 million inhabitants make

Russia the world’s most extensive land mass as

well as its biggest apple importer with the highest

market growth at nearly 2 million tons a year, or

about 20% of Europe’s entire crop. It’s a rate that

has nearly quadrupled since the year 2000.

Russian nutritionists have calculated that the coun-

The variety most in demand and most widely grown in Russia is

Golden Delicious.

La varietà più richiesta dal mercato russo e più coltivata è la

Golden Delicious.

18 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

ca che può trovare condizioni pedoclimatiche ideali per

svilupparsi proprio nel centro-sud della Russia.

Le autorità russe conoscono molto bene i limiti del proprio

settore ortofrutticolo, per cui stanno stimolando in

diversi modi grandi investimenti in questo settore, con

vari tipi di sussidi, ma anche con apporti di tecnici e

tecnologia europea, in particolare italiana.

Nuovi e moderni meleti, alcuni anche di grande estensione

(150-300 ha ciascuno), stanno sorgendo sia

nell’area di Krashnodar e Voronetz, che nella valle del

Volga e nelle repubbliche Caucasiche, in particolare

nella repubblica Kabardino-Balkaria.

Alcuni investitori hanno già avviato anche un’effi ciente

attività vivaistica locale, per auto-approvvigionarsi di

piante innestate su portainnesti nanizzanti, e di unità

produttive per realizzare in loco tutti i materiali necessari

all’impianto dei frutteti (pali in cemento, cavi d’acciaio,

impianti d’irrigazione, reti antigrandine).

È dunque ragionevole prevedere, nell’arco di pochi anni,

l’impianto di alcune migliaia di nuovi ettari di frutteti

moderni anche in Russia. Se c’è una nazione dove nei

prossimi 10 anni c’è il futuro della melicoltura professionale

mondiale, questa è sicuramente la Russia.

Con i suoi 17 milioni di kmq, per “soli” 147 milioni di

abitanti, la Russia non è, infatti, solo la nazione più estesa

al mondo ma, in fatto di mele, anche il più grosso

importatore di questo frutto e con il tasso di crescita più

elevato: circa 2 milioni di tonnellate, ovvero circa il 20%

della produzione europea. La crescita è quasi quadruplicata

in dieci anni, a partire dal 2.000.

I nutrizionisti russi hanno calcolato in circa 80 kg pro-

Apple is the most important and popular fruit in Russia:

consumers are demanding higher and higher quality standards.

La mela è il frutto più importato e più consumato in Russia:

i consumatori sono sempre più esigenti in termini di standard

qualitativi.


try needs a yearly per-capita fresh fruit consumption

of about 80 kilos as a basis for a healthy dietary

regime. The real fi gures from various sources,

however, put the actual amount at only 40-50 kilos.

By way of comparison, the rate is nearly 90 in Italy

and 120 in the US. Of Russians’ 40-50 kilos, apple

accounts for more than 30%, a fi gure that by itself

gives you a good idea of the country’s enormous

growth potential in terms of both commercial fruit

production and trade.

Development plans

We don’t need to look very far for main reasons

behind this lag. First off, most of the orchards

are extensive plantings that have been left largely

untended since the Perestrojka era, thereby resulting

in a good 30-40% drop in cropping capacity.

Then there are the organisational shortcomings

of the logistic and distribution system, as well as

decisional mistakes in orchard location and management

approaches.

The last few years have thus seen the government

single out for priority treatment agriculture in general

and the apple sector in particular. Indeed, a

specifi c fi ve-year plan it set up from 2008-2012 has

proved an immediate success. For example, while

the plan called for new 7,900 hectares of orchard

plantings in 2008 alone, the actual number was no

fewer than 11,700, including 1,600 of high-density

orchards. Another 8,700 ha were planted in 2009

and 9,400 in 2010, fi gures that together represent a

veritable boom of Russia’s fruit industry.

Most of the new apple orchards have been, and

are being, planted in the Federation’s so-called

southern “district”, i.e. in the area of Krasnodar that

stretches to the Don and in the northern Caucasus,

a zone particularly suited to rapid industry development

because of vast areas of highly fertile soil,

abundant water supply and a continental climate

with cold winters of -10/15°C and host summers of

+25/35°C.

The results of the initial intensive orchards planted

in the last three-four years have been spectacular

in terms of cropping, quality and, especially, the

more than 100% return to growers are stimulating

local investors and foreign businesses alike to keep

strengthening the pace in the same direction.

(English version by David Verzoni)

Extensive tracts of land and good quality irrigation water help to

promote big plantings that enable good economy of scale

Grandi appezzamenti e acqua irrigua di ottima qualità favoriscono

l’insediamento di unità di grande estensione dove è possibile ottenere

elevate economie di scala.

capite il consumo annuo minimo di frutta fresca, quale

base per una sana alimentazione. Le statistiche parlano,

invece, a seconda delle varie fonti, di soli 40-50 kg, contro

i circa 90 dell’Italia e i 120 degli Usa, tanto per avere

un metro di paragone. Di questi 40-50 kg, oltre il 30% è

rappresentato da mele e solo questo dato basta a dare

un’idea dell’enorme potenziale di sviluppo sia per la coltivazione,

che per il commercio del frutto in questo Paese.

Il programma di sviluppo

Le principali ragioni di tale situazione defi citaria hanno

un’origine molto lontana: la maggior parte degli impianti

di tipo estensivo, tra l’altro falcidiati da anni d’incuria

dopo il periodo della Perestrojka, che ne hanno ridotto

di un buon 30-40% la già scarsa capacità produttiva;

carenze organizzative del sistema logistico e distributivo;

errori tecnici nel posizionamento e gestione degli impianti.

Per questo motivo, negli ultimi anni, il problema dello

sviluppo del settore agricolo e in particolare della

melicoltura è diventato una delle priorità del Governo

federale, che ha varato uno specifi co programma per il

periodo 2008-2012 che ha avuto immediato successo.

Nel solo 2008, ad esempio, si era previsto di impiantare

7.900 nuovi ettari, mentre ne sono stati realizzati ben

11.700, di cui 1.600 ad alta densità. Altri 8.700 ha sono

arrivati nel 2009 e 9.400 nel 2010, il che rappresenta un

vero e proprio boom della frutticoltura russa.

La maggior parte dei nuovi meleti viene realizzata nel

cosiddetto “distretto meridionale” della Federazione

Russa, ovvero nella zona di Krasnodar, lungo il tratto

terminale del Don e nel Caucaso settentrionale, dove le

condizioni sono particolarmente favorevoli a un rapido

sviluppo della frutticoltura industriale: grande disponibilità

di ampi appezzamenti di terreno di ottima fertilità,

abbondanti risorse idriche, clima continentale con inverni

freddi (-10/15°C) ed estati calde (+25/35°C).

I risultati strabilianti dei primi impianti intensivi realizzati

negli ultimi tre o quattro anni, sia in termini di produzione

e qualità, sia di redditività netta (superiore al 100%!),

stanno stimolando sia investitori locali che operatori

stranieri a puntare in modo sempre più deciso in questa

direzione.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

19

focus/apples

focus/mele


focus/apple & pear sales

focus/vendite mele e pere

Apple and pear sales rising

Mele e pere consumi in aumento

Silvia Zucconi – Nomisma

The steadiest rise in world-wide sales today is in China. Key to the growing popularity

of these fruits is their price stability

È la Cina il Paese che, nel mondo, registra la crescita più consistente. La sempre

maggiore diffusione di questi frutti è dovuta anche alla stabilità dei prezzi

That apple and pear are two

kinds of fruit that are found in

shops today throughout the year is due

not so much to their storability as to the fact that

the northern hemisphere’s crop covers the months

from July to December and the southern’s runs from

February through June. The other decisive factor

putting them on the tables of consumers the world

over is their essential price stability, both year in and

year out as well as during any given season. The only

real variable the market throws up is the difference in

consumer preference for one variety over another, a

factor that is especially evident for apple.

European Union stability

Global sales of apple in the 2011-2012 season

peaked at 52.5 million tons, a fi gure indicating a pro-

20 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Mele e pere rappresentano due tipologie di

frutta ormai presenti tutto l’anno nei punti

vendita poiché, al di là della conservabilità, la

produzione dell’emisfero Nord (che va da

luglio a dicembre) è complementare

a quella realizzata nell’emisfero

Sud (il cui periodo produttivo

si estende da febbraio a

giugno). L’altro fattore che

favorisce un’ampia diffusione

di questi frutti sulle

tavole dei consumatori di

tutto il mondo è la sostanziale

stabilità del prezzo

sia negli anni, sia durante

la stessa stagione. L’unica

vera variabilità del mercato

è data dal modifi carsi, soprattutto

per le mele, delle preferenze

del consumatore per le

varietà prescelte.

Stabile l’Unione Europea

Nella stagione 2011-2012 i consumi mondiali

di mele hanno raggiunto 52,5 milioni di tonnellate,

mostrando una progressiva crescita (+36% in soli

quattro anni), tanto che nella stagione 2007-2008

la domanda globale non raggiungeva i 40 milioni di

tonnellate.

Oltre ad essere il principale produttore mondiale di

mele (35 milioni di tonnellate prodotte nell’ultimo anno,

54% della produzione mondiale), la Cina è anche il

principale mercato al consumo. Per l’annata produttiva

2011-2012 ha coperto il 56% della domanda

mondiale, raggiungendo quasi 29 milioni tonnellate di

prodotto fresco consumato. Al di là del ruolo espresso

sulla domanda mondiale, impressiona la crescita dei

consumi di mele in questo Paese: in soli quattro anni la


focus/apple & pear sales

focus/vendite mele e pere

Figure 1 - World apple sales (ton)

Figura 1 - Consumi mondiali di mele (t)

55.000.000

50.000.000

45.000.000

40.000.000

35.000.000

30.000.000

38568257

2007/2008

47139372

2008/2009

gressive four-year rise of 36% with the respect to the

nearly 40 million sold in 2007-2008.

In addition to being the world’s biggest apple producer

at 35 million tons as of last year, or a 54% share

of the market, China is also the biggest consumer

market. Indeed, its 2011-2012 sales claimed 56% of

world demand on a fresh-market volume of almost 29

million tons. Quite apart from what these numbers tell

us, what is truly impressive is the country’s growth of

apple sales. In fact, demand over the last four years

has risen 87%, an astonishing performance when

compared to 2007-2008 volume of 16 million tons, or

42% of world demand.

The world’s second-ranking apple market is the

European Union, which holds a 15% share and is also

the second biggest producer with 18% by volume.

Retail sales in the EU’s member states are essentially

stable as demand over the last four years has hovered

around 8 million tons.

22 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

48950437

49448347

52528058

Var. 2007-08/2011-12 + 36%

2009/2010 20010/2011 2011/12

Source: Foreign Agricultural Service–Usda data reworked by Nomisma / Fonte: elaborazioni Nomisma Foreign Agricultural Service – Usda

Figure 2 – Trend of apple sales in leading world markets (thousand tons, compared to 2007-2008 & 2011-2012)

Figura 2 – Andamento dei consumi di mele nei principali mercati (000 t, confronto stagione 2007-2008 e 2011-2012)

35.000

30.000

25.000

20.000

15.000

10.000

5.000

16.058

28.975

7.997 7.772

2.345 2.541 2.256 2.153 2.029 1.915 1.365 1.324 839 1.145

5.679 6.703

0

China/Cina European Union

/Unione Europea

Turkey/Tuchia US/Stati Uniti India/India Russia/Russia Ukraine/Ucraina Other/Altri Paesi

Source: Foreign Agricultural Service–Usda data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma Foreign Agricultural Service – Usda

2007-2008 2011-2012

Figure 3 - World apple demand by share of retial sales in leader

markets (2011—2012, thousand ton & % value)

Figura 3 - Domanda mondiale di mele: quote dei principali mercati al

consumo (2011/2012, 000 t e valori %)

India/India

3,6%

Ukraine/Ucraina

2,2%

Other/Altri Paesi

12,8%

Turkey/Turchia

4,8%

US/Stati Uniti

4,1%

China/Cina

52,2%

European Union

/Unione Europea

14,8%

Source: Foreign Agricultural Service–Usda data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma Foreign Agricultural Service – Usda


Figure 4 - Wrold pear sales (ton)

Figura 4 - Consumi mondiali di pere (tonnellate)

19.500.000

19.000.000

18.500.000

18.000.000

17.500.000

17.000.000

16.500.000

16.000.000

15.500.000

15.000.000

16740991

2007/2008

17077695

2008/2009

Scrolling down the rankings of the world’s apple producers,

we see Turkey in third place at more than 2.5

million tons, or 5% of market share an up 8% over

2007-2008. Next comes the United States with just

over 2 million tons, or 4% of world share, followed by

India at 1.9 million, or a 3.6% share, and Russia at 1.3

million, or 2.5%, all three showing a slightly declining

trend in sales. By contrast, Ukraine, which currently

stands in seventh place with a 2.2% share, is a more

dynamic market, posting a 28% rise in sales over the

last four years.

Steadily growing demand

The global pear market is also showing steadily

growth trend, having gone from 16.7 million tons sold

in 2007-2008 to more than 19 million in 2011-2012,

up 2.5 million tons, or 15%.

Like apple, China is once again the world’s leading

consumer, posting a 2011-12 domestic market

17955047

18491565

19212294

Var. 2007-08/2011-12 + 15%

2009/2010 20010/2011 2011/12

Source: Foreign Agricultural Service–Usda data reworked by Nomisma / Fonte: elaborazioni Nomisma Foreign Agricultural Service – Usda

Figure 5 – Trend of pear sales in leading world markets (000 tons, compared to 2007-2008 & 2011-2012)

Figura 5 – Andamento dei consumi di pere nei principali mercati (000 t, confronto stagione 2007-2008 e 2011-2012)

16.000

14.000

12.000

10.000

8.000

6.000

11.522

14.080

4.000

2.000

0

China/Cina

2.549

2.138

European Union

/Unione Europea

450 511

Russia/Russia

425 414

US/Stati Uniti

339 361

Turkey/Tuchia

324 349

Japan/Giappone

158 248

Brazil/Brasile

974 1.111

Other/Altri Paesi

Source: Foreign Agricultural Service–Usda data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma Foreign Agricultural Service – Usda

2007-2008 2011-2012

domanda è cresciuta dell’87% (nell’annata 2007-2008

i consumi ammontavano a 16 milioni di tonnellate, con

un peso sulla domanda mondiale pari al 42%).

Il secondo mercato mondiale è l’Unione Europea (15%

della domanda globale; secondo produttore mondiale

con il 18% dei volumi); i Paesi comunitari nel complesso

sono caratterizzati da un andamento dei consumi

sostanzialmente stabile, con una domanda che oscilla

negli ultimi quattro anni attorno agli 8 milioni di tonnellate

di mele.

Scorrendo la graduatoria dei principali mercati di consumo

di mele si osserva, in terza posizione, la Turchia

con oltre 2,5 milioni di tonnellate (5% della domanda

mondiale, con un andamento in crescita del +8%

rispetto al 2007-2008). Seguono gli Stati Uniti (poco

più di 2 milioni di tonnellate consumate, 4% della

domanda mondiale), India (1,9 milioni di tonnellate,

3,6%) e Russia (1,3 milioni di tonnellate, 2,5%). Tutti

e tre i Paesi presentano un andamento tendenziale

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

23

focus/apple & pear sales

focus/vendite mele e pere


focus/apple & pear sales

focus/vendite mele e pere

Figure 6 - World pear demand by share of retial sales in leader markets

(2011/2012, 000 tons & % value)

Figura 6 - Domanda mondiale di pere: quote dei principali mercati al

consumo (2011/2012; 000 t e valori %)

Russia/Russia

2,7%

European Union

/Unione Europea

11,1%

Turkey/Turchia

1,9%

US/Stati Uniti

2,2%

Japan/Giappone

1,8%

Brazil/Brasile

1,3%

China/Cina

73,3%

demand that topped 14 million tons, or

70% of global retail sales. This is signifi -

cant growth as sales rose by nearly 3

million tons, or 22%, in a mere four

years. The most impressive pear

growth rate by country, however,

is the 57% posted by

Brazil, which currently ranks

seventh in world sales at

248 thousand tons.

The picture in the European

Union, which accounts for

11 of world pear sales,

shows stagnation of

demand as freshmarket

sales slumped

16% last year, a slide

that began with the 2.1

million tons registered

the year before and is

signifi cantly below the

2.55 million posted in

2007-2008.

Russia at 2.7%), the US

at 2.2%, Turkey at 1.9%

and Japan at 1.8% are,

behind China and the EU,

the biggest retail markets,

all showing a trend towards

growth except the US, where

demand is more stable.

(English version by David Verzoni)

Other/Altri Paesi

5,8%

Source: Foreign Agricultural Service–Usda data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma Foreign Agricultural Service – Usda

24 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

dei consumi in lieve diminuzione). L’Ucraina (2,2% la

quota mondiale di consumo detenuta, settimo mercato

per importanza) è invece un mercato più dinamico,

in crescita (+28% negli ultimi quattro anni).

Domanda in costante crescita

Anche il consumo mondiale di pere è da anni in

costante aumento, passando da 16,7 milioni di tonnellate

del 2007-2008 ad oltre 19 milioni dell’ultima stagione

2011-2012; in quattro anni la domanda ha così

registrato un incremento di 2,5 milioni di tonnellate di

prodotto consumato (+15%).

Come per le mele, anche per le pere la

Cina è il principale mercato di consumo: la

domanda ha superato i 14 milioni di tonnellate

nel 2011-2012, raggiungendo così oltre

il 70% dei consumi di pere realizzati a livello

mondiale. La crescita dei consumi è signifi cativa:

quasi 3 milioni di tonnellate di pere in più

consumate in soli quattro anni (+22%). Il Paese

in cui si è registrata la dinamica di crescita

più rilevante (+57%) è però il Brasile

(settimo mercato mondiale per i consumi

di pere con 248mila tonnellate).

Più stagnante la situazione nell’Unione

Europea (11% della domanda

mondiale): prosegue la brusca

frenata (-16%) dei consumi,

già iniziata nella precedente

stagione (2,1 milioni di tonnellate),

con livelli quindi

ben lontani dai consumi

registrati nel 2007-

2008 (2,55 milioni

di tonnellate di

prodotto fresco).

Russia (2,7%),

Stati Uniti (2,2%),

Turchia (1,9%)e Giappone

(1,8%) sono, dopo Cina

ed Unione Europea,

i mercati in cui

si registrano i

maggiori quantitativi

venduti

di pere, con consumi

in tendenziale

crescita, ad eccezione

degli Stati Uniti, dove la

domanda è più stabile.


market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V

Turkey, world’s 7th largest

producer of F&V

Turchia, settimo produttore

al mondo di frutta e verdura

Kenan Aydınoğlu – Ipsia

Number one for sweet cherries and second for leek, cucumber, sour cherries,

melon and water melon

Primo per ciliegie e secondo per porri, cetrioli, amarene, meloni e angurie

A s one of world’s

leaders in the

fresh produce sector,

Türkiye is recognized

across the globe for

high-quality products,

enormous production

capacity and increasingly

competitive trade

structures. With an

annual production of

44 million tonnes of

fruits and vegetables,

and exports valued at

US$2.1 billion, Türkiye

is soon expected to

become Europe’s vegetable

and fruit warehouse. The country exports

2.9 million tonnes of fruits and vegetables annually,

accounting for 6.6% of total production. Türkiye is

aiming to export fresh produce worth US$10 billion

by 2023 and this fi gure was approximately USD 2,25

billion in 2010. New target markets such as Japan,

along side existing ones have been targeted with in

the new programme to promote exports of this group

of products.

Türkiye has a very fertile soil with a convenient ecologic

structure which is very suitable for vegetable

and fruit production. Based on the urbanisation in

1970s the production for the local market increased

to more than 50% of the total production. In 1980s

this fi gure went upto 70%.

Frozen and canned food sectors based on vegeta-

26 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

In qualità di leader

mondiale del settore

ortofrutticolo, la Turchia

è nota a livello internazionale

per i suoi prodotti

di qualità, l’enorme

capacità produttiva

e la crescente competitività

delle strutture

commerciali. Con una

produzione annua di

frutta e verdura pari a

44 milioni di tonnellate

ed esportazioni per

un valore di 2,1 miliardi

di dollari, il paese è

candidato a diventare il

magazzino ortofrutticolo d’Europa. Ogni anno la Turchia

esporta 2,9 milioni di tonnellate di derrate ortofrutticole,

ossia il 6,6% della produzione totale, ma mira a incrementare

le esportazioni fi no a raggiungere i 10 miliardi di

dollari entro il 2023, partendo dalla base di 2,25 miliardi

di dollari fatturati nel 2010. Per raggiungere il suo obiettivo,

punterà sul Giappone, mantenendo i mercati di

riferimento già esistenti.

Il suolo turco è molto fertile e particolarmente adatto

all’agricoltura. Basandosi sull’urbanizzazione negli

anni Settanta, la produzione per il mercato locale è

aumentata del 50% rispetto al totale, raggiungendo il

70% negli anni Ottanta, nel corso dei quali è cresciuto

anche il settore legato ai cibi ad alto contenuto di servizio

basati sull’ortofrutta. Già negli anni Novanta, il 90%

delle verdure veniva coltivato per soddisfare il fabbiso-


TAB. 1 - FRESH FRUITS & VEGETABLES PRODUCTION IN TURKEY (000 TONS)

TAB. 1 - PRODUZIONE TURCA DI FRUTTA E VERDURA FRESCHE (000 T)

Products/Prodotti 20.05 20.06 20.07 20.08 20.09 20.10

Oranges/Arance 1.445 1.536 1.426 1.427 1.690 1.710

Soft Citrus/Mandarini 715 791 744 756 846 859

Lemons/Limoni 600 710 651 672 784 787

Grapefruits/Pompelmi 150 180 163 168 131 213

Grapes/Uva 3.850 4.000 3.613 3.918 4.264 4.255

Apples/Mele 2.570 2.002 2.458 2.504 2.782 2.600

Apricots/Albicocche 860 460 558 716 661 450

Peaches/Pesche 510 553 539 552 547 539

Figs/Fichi 285 290 210 205 244 254

Cherries/Ciliegie 280 310 398 338 418 418

Pomegranates/Melagrane 80 90 107 128 170 209

Watermelon, melon/Cocomeri, meloni 5.795 5.571 5.458 5.752 5.484 5.294

Pears/Pere 360 317 356 355 384 380

Tomatoes/Pomodori 10.050 9.855 9.945 10.985 10.746 10.052

Potatoes/Patate 4.090 4.397 4.246 4.225 4.397 4.513

Onions, dry/Cipolle 2.070 1.765 1.859 2.007 1.850 1.900

Cucumbers & Gherkins/Cetrioli e cetriolini 1.745 1.800 1.675 1.683 1.735 1.739

Peppers (Stuffi ng&Green)/Peperoni (verdi e tondi) 1.829 1.842 1.759 1.796 1.953 1.985

Eggplants/Melanzane 930 924 864 814 816 847

Carrots/Carote 388 395 642 592 594 533

TOTAL (including others)/TOTALE (altri inclusi) 44.900 42.500 42.300 44.400 45.900 44.988

Source: Prime Ministry Republic of Turkey, Turkish Statistical Institute.

Fonte: Governo della Repubblica di Turchia, Istituto Turco di Statistica.

bles and fruits became larger during the same years.

In 1990s, 90% of the vegetables were produced

according to the demand in the local and domestic

markets rather than for home use.

The producers started to follow the markets and tried

to produce fresh vegetables with higher effi cieny and

profi t and certainly lower cost. In 2000s the exported

amount of fresh vegetables reached 1 million tons.

Fresh vegetables are the main input for frozen,

canned and take-home food industries.

Most of the country’s agricultural land is used for fresh

products, which are grown in all regions practically all

year round. Along with a tremendous diversity of fruit

and vegetables, the Turkish fresh produce industry is

characterised by the volume of total production. Key

products include grapes, pome and stone fruits, and

citrus fruit.

A wide variety of grapes top the list of fresh fruit production,

accounting for a 37% share. In this group,

table grapes are the product with the highest commercial

value.

Türkiye is the world’s leading producer and exporter

of fresh fi gs. The leading varieties in terms of production

and export for consumption as fresh fruit

include the Bursa Siyahı grown in the Bursa province

gno nazionale piuttosto che per il consumo domestico.

Così i produttori iniziarono a seguire i mercati, tentando

di produrre verdure fresche in modo più effi ciente,

abbattendo i costi per aumentare i profi tti. Nell’ultimo

decennio si è quindi arrivati ad esportare 1 milione di

tonnellate di verdure fresche che sono essenziali anche

alle industrie che confezionano cibi pronti, congelati o

in scatola.

La stragrande maggioranza delle zone adibite all’agricoltura

sono destinate alla coltura di prodotti freschi

che non risente d’interruzioni nel corso dell’anno.

Oltre alla straordinaria varietà offerta, l’industria ortofrutticola

turca è nota per il volume della produzione

totale. I prodotti di punta sono uva, pomacee, drupe

e agrumi.

L’uva, con le sue numerose cultivar, è in cima alla lista e

rappresenta il 37%; le varietà da tavola sono quelle con

il valore commerciale maggiore.

La Turchia è anche leader mondiale nella produzione

ed esportazione di fi chi freschi, le cui cultivar di maggior

valore in relazione al consumo del frutto fresco sono

Bursa Siyahı e Mut delle omonime regioni.

Le pomacee cosituiscono il 22% della produzione totale

e sono dunque la seconda varietà più importante della

produzione turca. La mela è sul gradino più alto del

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

27

market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V


market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V

TAB. 2 - EXPORTS OF FRESH FRUITS & VEGETABLES BY YEARS (QUANTITY: TONS - VALUE: US$ 000)

TAB. 2 - ESPORTAZIONI ORTOFRUTTICOLE PER ANNO (QUANTITÀ: TONNELLATA - VALORE: 000 $)

2008 2009 2010

Prodotti/Prodotti Q V Q V Q V

Fresh Fruits (incl. others)/Frutta fresca (incl. altri) 1.261.965 1.050.816 1.704.123 1.271.017 1.877.446 1.455.838

Lemons/Limoni 221.816 202.906 406.884 277.580 426.608 312.865

Table Grapes/Uva da tavola 201.873 169.283 181.290 147.247 230.514 196.591

Satsumas/Satsuma 145.285 92.500 140.256 103.796 233.062 155.448

Cherries/Ciliegie 28.549 113.445 50.785 132.579 62.824 144.664

Oranges/Arance 161.604 95.539 236.596 146.995 212.817 143.454

Grapefruits/Pompelmi 130.226 81.776 136.544 88.282 156.642 101.909

Pomegranates/Melagrane 28.788 27.669 40.820 39.104 63.011 59.302

Strawberries/Fragole 22.292 30.124 23.200 25.260 25.867 28.101

Figs/Fichi 9.573 24.293 12.941 25.989 13.615 26.749

Apricots/Albicocche 22.120 31.987 18.428 20.586 25.845 26.641

Apples, Starking/Mele, starking 12.916 7.092 47.860 17.368 62.339 25.183

Peaches, Nectarines/Pesche, nettarine 38.924 32.728 26.737 19.765 35.220 24.174

Mandarins/Mandarini 61 23 11.299 7.831 17.619 10.973

Pears/Pere 6.046 6.785 13.431 8.940 14.428 8.826

Quinces/Cotogne 6.970 6.818 9.210 7.572 10.190 8.284

Watermelons/Cocomeri 44.612 12.868 56.393 6.594 35.029 6.272

Apples, Golden/Mele, golden 2.849 2.254 5.253 2.194 12.173 5.415

Fresh Vegetables (including others)/Verdura fresca (incluse altre) 984.019 613.952 1.021.083 618.307 1.043.422 712.258

Tomatoes/Pomodori 440.194 389.030 542.231 406.412 574.279 476.867

Cucumber&Gherkins/Cetrioli e cetriolini 80.032 58.926 95.170 66.482 105.060 75.466

Onions/Cipolle 213.692 35.107 135.521 16.608 95.639 16.267

Capsicums/Peperoni 66.161 66.730 64.770 61.019 61.247 69.366

Carrots/Carote 46.442 10.260 56.256 9.954 56.366 10.283

Eggplants/Melanzane 6.959 6.695 7.964 7.100 9.682 8.691

Potatoes/ Patate 89.895 8.741 68.768 5.772 85.118 9.738

Leeks/Porri 5.989 3.905 13.122 5.763 11.753 6.236

Lettuce/Lattuga 3.070 3.130 1.524 1.741 1.624 2.254

TOTAL (including others)/TOTALE (inclusi altri)

Source: Prime Ministry Republic of Turkey, Turkish Statistical Institute

Fonte: Governo della Repubblica di Turchia, Istituto Turco di Statistica

2.245.984 1.674.768 2.725.206 1.889.324 2.920.868 2.168.096

and the Mut Figs from the Mut region.

Accounting for 22% of total production, pome fruit

is the second most important type of fruit grown in

Türkiye. Apples top the list of products with an average

annual production volume of 2.6 million tonnes.

Up until recently, quince, which have been cultivated

in the region since ancient times, were produced

exclusively for domestic markets. Today, Turkish

quinces are exported to meet the growing international

demand for exotic fruits.

Although citrus fruits rank only third in Turkish

fresh fruit production, they are one of the country’s

traditional export commodities. Annual citrus

fruit productionin Türkiye totals around 3.5 million

tonnes. Key products include oranges, with an

annual harvest of more than 1.7 million tonnes. The

main varieties of oranges grown in Turkey are navel

oranges, Washing ton, Navelina, Navelate, Lanelate,

Shamoutiare, Cara Cara, etc. [about 75 %], the

28 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

podio con una produzione annuale di 2,6 milioni di tonnellate.

Recentemente, però, anche le cotogne, coltivate

in questa regione sin da tempi antichissimi e destinate

esclusivamente al mercato interno, sono diventate prodotto

d’esportazione per soddisfare la domanda estera

di frutta esotica.

Benché gli agrumi siano solo al terzo posto fra i prodotti

coltivati in Turchia, sono tradizionalmente un articolo

d’esportazione. Ogni anno ne vengono prodotti circa

3,5 milioni di tonnellate di cui 1,7 sono solo di arance,

prevalentemente della varietà navel (Washington,

Navelina, Navelate, Lanelate, Shamoutiare, Cara Cara,

ecc.) che copre il 75% del totale, mentre il restante è

ripartito tra le varietà Valencia (circa il 15%), Shamouti

e le arance comuni (Finike, Kozan, Dörtyol, ecc.). Non

lontano dalle città di Mersin e Adana viene inoltre

coltivata per soli fi ni di export una nuova varietà precoce

chiamata “Fukomoto”. Con il 45% il mandarino

Satsuma (Satsuma Ovary e Okitsu wase) è la princi


emaining part is covered by Valencia (about 15

%), Shamouti and common oranges (Finike,

Kozan, Dörtyol etc.). A new early variety

known as “Fukumoto” is now being

grown for export purposes near the

cities of Mersin and Adana. The

major mandarin varieties and its

hybrids are Satsuma (Satsuma

Ovary and Okitsu wase)

[about 45%], Fremont,

Clementine, Minneola,

Nova, Robinson

and Willovleaf.

Türkiye grows 787,000

tonnes of lemons annually

and exports around 311,000

tonnes. The main varieties

of lemons are Kütdiken (about 50%), Interdonato

(about 25% and this early variety grown, particularly

in the Eastern Mediterranean region), Italyan

Memeli, Lamas, Molla Mehmet, Kıbrıs (Cyprus) and

Meyer (Yesiloglu et al., 1999). Lamas, high-quality

early variety is second only to the Interdonato lemon

which requires special environmental conditions and

is found only in a limited area of the Mediterranean

region west of Mersin near Erdemli and Silifke. This

fruit is ideal for storage and transport since it can be

kept for a long time in natural product stores in cen-

pale cultivar di mandarino e suoi

ibridi; si coltivano però anche le

clementine e le varietà Fremont,

Minneola, Nova, Robinson e

Willovleaf. Per quanto riguarda i

limoni, il raccolto annuo è pari a

787.000 tonnellate, di cui circa

311.000 destinate alle

esportazioni. Le cultivar

principali sono:

Kütdiken (circa il

50 %), Interdonato

(che rappresenta

circa 25% ed è

una varietà precoce

coltivata soprattutto

nella regione orientale del

Mediterraneo), Italyan Memeli, Lamas, Molla Mehmet,

Cyprus e Meyer (Yesiloglu e altri, 1999). Il Lamas è

una varietà precoce di alta qualità seconda solo ai

limoni Interdonato, che richiedono speciali condizioni

ambientali e crescono pertanto solo in un’area limitata

del Mediterraneo ad ovest di Mersin e in prossimità

di Erdemli e Silifke. È un frutto ideale per la conservazione

e il trasporto, dal momento che si mantiene

bene anche per lungo tempo negli appositi magazzini

dell’Anatolia centrale. Il pompelmo Star Ruby è la

varietà turca principale (circa il 65%), seguita dalle cul-

market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V


market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V

TAB. 3 - EXPORTS OF FRESH FRUITS & VEGETABLES BY COUNTRIES (QUANTITY: 1 000 TONNES - VALUE: 000 US $)

TAB. 3 - EPORTAZIONI ORTOFRUTTICOLE PER PAESE IMPORTATORE (QUANTITÀ: TONNELLATA - VALORE: 000 $)

2008 2009 2010

Countries/Paesi Q V Q V Q V

Russian Fed./Fed. Russa 756.145 627.850 826.601 619.024 990.168 781.210

Germany/Germania 115.810 163.465 126.772 174.502 150.806 201.339

Ukraine/Ucraina 202.258 135.141 221.228 140.414 276.861 181.463

Bulgaria/Bulgaria 169.729 102.341 269.564 197.817 210.841 166.969

Iraq/Iraq 232.824 50.276 382.825 125.578 358.882 154.144

Romania/Romania 168.965 115.477 167.279 103.856 189.821 124.035

Saudi Arabia/Arabia Saudita 104.763 69.802 150.105 88.240 148.287 95.576

Poland/Polonia 36.555 29.878 45.230 34.018 54.629 45.686

The Netherlands/Paesi Bassi 30.099 33.890 33.703 38.212 33.482 38.563

United Kingdom/Regno Unito 17.116 30.686 26.762 35.074 22.786 31.130

Iran/Iran 16.876 8.501 54.627 27.593 44.900 28.609

Azerbaijan/Azerbaigian 21.411 9.037 28.674 12.239 46.733 23.019

Czech Republic/Repubblica Ceca 21.879 16.294 20.495 15.980 25.469 20.851

Belarus/Bielorussia 21.922 17.984 14.381 12.062 25.072 20.411

Serbia/Serbia 20.703 15.141 26.892 17.279 27.371 18.413

Georgia/Georgia 20.077 10.605 38.480 14.306 45.478 17.427

Italy/Italia 9.517 15.221 10.873 18.496 11.181 17.218

Moldova/Moldavia 32.271 17.427 24.384 13.951 27.467 16.425

France/Francia 10.382 16.562 9.003 15.207 9.965 15.070

Austria/Austria 24.180 22.035 12.625 13.915 13.698 14.492

Greece/Grecia 27.453 21.475 31.065 25.698 12.906 11.118

Bosnia Herzegovina/Bosnia Erzegovina 16.852 11.196 24.493 15.025 20.130 10.770

Belgium/Belgio 9.066 22.062 9.975 14.154 4.500 9.780

Switzerland/Svizzera 4.785 6.802 5.166 7.142 5.747 8.785

Macedonia/Macedonia 12.951 7.474 17.891 9.848 14.340 8.648

Hungary/Ungheria 15.132 10.614 11.914 8.861 10.262 7.680

Kosovo/Kosovo 13.287 6.490 12.743 5.756 14.354 7.246

Croatia/Croazia 8.642 6.194 8.345 5.810 9.857 7.237

Denmark/Danimarca 2.845 5.050 3.790 4.406 4.681 7.207

TOTAL (including others)/TOTALE (inclusi altri)

Source: Prime Ministry Republic of Turkey, Turkish Statistical Institute

Fonte: Governo della Repubblica di Turchia, Istituto Turco di Statistica

2.245.984 1.974.768 2.725.206 1.889.324 2.920.868 2.168.096

tral Anatolia. Star Ruby is dominant grapefruit variety

[about 65 %] of Turkey. The other varieties are Rio

Red, Henderson, Marsh Seedless and Redblush.

Lemons are the earliest citrus varieties to be harvested

compared to other citrus crops in Turkey. The

lemon harvest begins by September and continues

through late-January. Mandarins and its hybrids

are harvested from mid-September through early-

February. Most of the orange matures during winter

months situated in mid-November and continues

through late March. The grapefruits are harvested

from mid-October through early-March.

Accounting for 13% of total production, stone fruit

ranks fourth in Türkiye. This product group includes

apricots, peaches, plums and cherries (sweet and

sour). Türkiye is the world’s leading cherryproducer

with annual production of 418,000 tonnes. Türkiye

is famous the world over for the local “Napoleon

30 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

tivar Rio Red, Henderson, Marsh Seedless e Redblush.

In Turchia l’agrume coltivato da maggior tempo è il

limone, il cui raccolto comincia entro settembre per

continuare fi no alla fi ne di gennaio. I mandarini sono

leggermente più tardivi e si raccolgono dalla metà di

settembre fi no ai primi di febbraio. Le arance, invece,

maturano nei mesi invernali, dalla metà di novembre

fi no alla fi ne di marzo. Infi ne il raccolto del pompelmo

va da metà ottobre a inizio marzo.

Nella produzione turca le drupe sono al quarto posto

e costituiscono il 13% del totale. All’interno di questo

gruppo si contano albicocche, pesche, prugne, ciliegie

e amarene. La Turchia è il quarto produttore al mondo

di ciliegie con un raccolto annuo di 418.000 tonnellate.

La varietà Napoleon locale (Ziraat 0900) è famosa

in tutto il mondo, ma tutte le cultivar turche di questo

frutto sono note per l’elevata qualità. Solitamente la

stagione inizia con la varietà Sapı Kısa, coltivata nella


(Ziraat 0900)” variety.

Turkish cherries are

known for their high quality.

The season normally

begins with the “Sapı

Kısa” variety grown in

the region around İzmir

(Kemalpaşa), followed by

“Napoleon (Ziraat 0900)”

cherries harvested in the

regions around Afyon,

Burdur, Isparta and

Salihli in June and July.

Along with cherries for

fresh consumption, there

is a growing demand for

the “Starks Gold 0900”

variety, which is well suitedfor processing.

Pomegranates are systematically grown in the

Mediterranean region, near the Aegean Sea and in

the south-eastern regions of Anatolia. Annual production

totalling 209,000 tonnes is primarily grown near

Finike, Kener, Antalya, İzmir and Mersin. There are

several varieties of pomegranate produced to meet

different requirements in terms of fruit size, colour

and thickness of the peel, as well as colour, softness

and juiciness of the seeds. Major importing countries

include Germany, Austria, United Arab Emirates,

regione limitrofa a Smirne

(Kemalpaşa); in giugno e

luglio si raccolgono poi le

Napoleon (Ziraat 0900),

provenienti dalle aree di

Afyon, Burdur, Isparta e

Salihli. Non solo ciliegie

per il consumo fresco:

cresce, infatti, la richiesta

per la varietà “Starks Gold

0900”, ottima per la lavorazione.

Nelle regione che si affacciano

sul Mediterraneo e

sull’Egeo, e nelle regioni

sudorientali dell’Anatolia,

si continuano a coltivare

le melagrane, con una produzione annua totale di

209.000 tonnellate, concentrata prevalentemente nelle

vicinanze di Finike, Kemer, Antalya, Smirne e Mersin.

Le numerose varietà prodotte rispondono alle diverse

richieste del mercato in termini di dimensioni, colore e

spessore della buccia, nonché di colore, consistenza e

succosità dei chicchi. I principali mercati d’esportazione

sono la Germania, l’Austria, gli Emirati Arabi, il Belgio

e la Danimarca. I paesi arabi tendono a preferire la

melagrana dolce, mentre le varietà dalla buccia rossa e

dal gusto agrodolce sono maggiormente apprezzate in

market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V


market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V

Figure 1 – Distribution scheme

Figura 1 – Schema della distribuzione

Exporter (Exporters’ Union)

Esportatore (Unione degli esportatori)

Export

Esportatore

Source: Royal Netherlands Embassy, Ankara

Fonte: Ambasciata Reale dei Paesi Bassi, Ankara

Belgium and Denmark. While the sweeter pomegranate

varieties are preferred in the Arab countries,

consumers in Europe like the red-skinned, sweet-sour

varieties. “Hicaz” is the most popular export variety.

Türkiye ranks third in world chestnut production with

an annual harvest of 63,000 tonnes. Nearly 75% of

the chestnuts produced in Türkiye come from the

Aegean region (Aydin). As hard-shell fruits grown

in a natural environment without artifi cial fertilisers,

chestnuts are regarded as organic products. Most of

the chestnuts produced in Türkiye are used for confectionery

products or exported as fresh fruit. Turkish

chestnuts enjoy a high market appeal because of their

light brown colour and large, round shape.

TAB. 4 - DISTRIBUTION OF VEGETABLE PRODUCTION BY REGION

TAB. 4 - DISTRIBUZIONE DELLA PRODUZIONE DI ORTAGGI PER REGIONE

Region/Regione (1,000 Ha)

Production/

Produzione

(%) (%)

Central North/Centro-settentrionale 114 14 12

Aegean/Egeo 170 21 24

Thrace/Tracia 106 13 15

Mediterranean/Mediterraneo 146 18 24

Northeast/Nord-est 8 1 1

Southeast/Sud-est 61 8 6

Black sea/Mar Nero 52 6 7

Middle east/Centro-orientale 105 13 6

Middle south/Centro-meridionale 48 6 5

Total/Totale

Source: Royal Netherlands Embassy, Ankara

Fonte: Amabsciata Reale dei Paesi Bassi, Ankara

810 100 100

32 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Producers’

Produttore

Wholesale market (incl.commissioner)’

Mercato all’ingrosso (incl.commissioner)

Open bazaars

Bazaar aperto

Trader

Commerciante

Customer

Cliente

Producer organization

Organizzazione dei produttori

Producers’ Union, Bazaars

Unione dei produttori, bazaar

Retailer

Dettagliante

Europa. La cultivar più popolare all’estero è comunque

la “Hicaz”.

La Turchia è terza a livello mondiale anche nella produzione

di castagne con un raccolto annuale di 63.000

tonnellate, provenienti per il 75% dalla regione egea

(Aydın). Si tratta di frutti biologici coltivati in ambiente

naturale senza l’uso di fertilizzanti artifi ciali. La maggior

parte delle castagne di produzione turca è destinata

all’industria dolciaria o esportata come frutto fresco,

particolarmente ricercato sul mercato per il suo colore

marrone chiaro, la forma rotondeggiante e le grandi

dimensioni.

La Turchia si distingue però anche come produttore di

verdure con un volume annuo di 30 milioni di tonnellate.

Gli ortaggi a frutto sono i capolista con un raccolto

di 21 milioni di tonnellate ogni anno. In testa ci sono i

pomodori (10 milioni), seguiti da patate, cocomeri e altre

varietà di melone, cipolle e cetrioli.

Proprio per la produzione di cetrioli – le cui coltivazioni,

in serra e in pieno campo, si trovano in prossimità del

Mediterraneo – la Turchia si piazza seconda su scala

mondiale con un raccolto di 1.739 milioni di tonnellate

all’anno. I consumatori li amano perché sono succosi,

croccanti e aromatici, dunque ideali in insalata.

Per quanto riguarda la produzione di pomodori, la

Turchia è terza nel mondo con un raccolto annuo di

10 milioni di tonnellate. Il paese ha sviluppato anche

un’industria per la lavorazione del pomodoro che cresce

prevalentemente nelle regioni egee e mediterranee e in

prossimità del Mar di Marmara. I pomodori sono dunque

destinati sia al consumo fresco sia alla lavorazione


Along with fruit, some 30

million tonnes of vegetables

areproduced annually

in Türkiye. Fruiting

vegetables lead the way

with annual production of

21 million tonnes. At the

top of the list are tomatoes

(10 million tonnes),

followed by potatoes,

watermelons and other

melon varieties, onions

and cucumbers.

With an annual harvest

of 1.739 million tonnes,

Türkiye is the world’s second

largest producer of

cucumbers. These green

vegetables are grown in

the Mediterranean region

both outdoors and in traditional

greenhouses. The

crunchy Turkish cucumber

with its juicy pulp and

delicious fl avour is ideal for salads – and very popular

in consumers’ kitchens.

Türkiye is the world’s third-largest producer of tomatoes

with an annual harvest of 10 million tonnes.

The country also has a highly developed tomato

processing industry.Most of the tomatoes produced

in Türkiye are grown in the Aegean, Marmara and

Mediterranean regions. These tomatoes are produced

for fresh consumption as well as for industrial processing

(tomato paste and canned tomatoes). The

Marmara and Aegean regions are specialised in this

sector. Table tomatoes, including the early (spring/

summer) as well as late (autumn/winter) varieties, are

grown in both open and closed agricultural systems.

Türkiye also holds third place for the production of

sweet peppers with an annual harvest of 1,985 million

tonnes. Sweet peppers are grown in Türkiye outdoors

as well as in greenhouses. In addition to supplying the

domestic market, in the past few years, Turkish peppers

have been exported to countries in Central and

Northern Europe. Türkiye ranks fourth place in global

pepper exports. Sweet peppers are generally grown

in the Mediterranean region, particularly in Antalya,

Bursa, Mersin, Hatay and Samsun. Most sweet pepper

varieties exported by Türkiye are grown from optimised

F1 seeds. Other varieties are also produced.

The main varieties are classifi edas charleston, large

red bell peppers, sivri peppers, dolma peppers and

long peppers.

Melons also play an important role in Turkish vegetable

production and are the leading greenhouse

products. Along with the products already mentioned,

industriale (concentrato e

pelati), localizzata in due

regione specializzate limitrofe

al Mar di Marmara

e all’Egeo. I pomodori da

tavola – sia le varietà precoci

(primavera/estate), sia

quelle tardive (autunno/

inverno) – vengono coltivati

in serra ma anche in

pieno campo.

La Turchia è però terza

anche per la produzione di

peperoni dolci, il cui raccolto

ammonta a 1.985

milioni di tonnellate ogni

anno. Come i pomodori,

anche i peperoni vengono

coltivati sia in serra che a

pieno campo e, da qualche

anno, non servono più

soltanto il mercato interno,

ma anche i paesi dell’Europa

centrale e settentrionale,

tanto che oggi la Turchia occupa il quarto posto

nel mondo per l’esportazione dei peperoni. Li coltivano

generalmente nella regione mediterranea, in particolare

nelle vicinanze di Adalia, Bursa, Mersin, Hatay

e Samsun. La maggior parte delle cultivar esportate

sono coltivate a partire da sementi F1 ottimizzate, ma

si producono anche altre varietà; le più famose sono:

il Charleston, il peperone rosso a campana, quello di

Sivri, il Dolma e le varietà allun gate.

Il melone è altrettanto importante nella produzione ortofrutticola

turca ed è il frutto da serra di punta. Oltre ai

prodotti già citati, anche molti altri ortaggi sono coltivati

in serra e sono pertanto disponibili durante tutto il corso

dell’anno. Tra i più importanti si annoverano: pomodori,

cetrioli, peperoni verdi, meloni, melanzane, fagiolini,

zucche e molti altri.

La richiesta di prodotti biologici ha creato nuove

opportunità di esportazione per la Turchia. Grazie

al suo enorme potenziale produttivo, infatti, il paese

ha recentemente cominciato ad esportare quantità

signifi cative di frutta e ortaggi biologici. Le terre adibite

all’agricoltura biologica e quelle in via di conversione

costituiscono però ancora una porzione minima del

totale. Il biologico è stato introdotto nella regione egea

nel 1985 e si è poi espanso fi no a raggiungere le altre

regioni. Anche il numero di produttori dediti all’agricoltura

organica aumenta di anno in anno (IGEME,

2005). Nel 1994 il Ministero dell’Agricoltura e degli

Affari Agricoli (MARA) ha promulgato la normativa su

“La produzione, la lavorazione e il commercio di piante

e animali ottenuti con agricoltura e allevamento biologici”.

Tale regolamento stabilisce il contenuto delle

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

33

market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V


market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V

many types of vegetables are grown in greenhouses

and available throughout the year. Some of the most

important vegetable varieties cultivated in greenhouses

include tomatoes, cucumbers, green peppers, melons,

aubergines, green beans, pumpkins and many others.

The demand for organic products has created new

export opportunities for Türkiye. Thanks to its enormous

production potential, Türkiye has in recent years

started to export signifi cant quantities of organically

grown fresh fruits and vegetables. Organic farming

and in-conversion land constitute a small proportion

of the total agricultural land. Organic agriculture was

initiated in Aegean region in 1985 and has expanded

to all regions. The number of farmers in Turkey

dealing with organic agriculture is also increasing

year by year (IGEME, 2005). In 1994, the Regulation

on “The Production, Processing and Marketing of

Plant and Animal Products produced by Organic

Farming Methods” was introduced by the Ministry of

Agriculture and Rural Affairs (MARA). This regulation

stated the contents of organic agricultural activities,

the duties of the Control and Certifi cation Bodies and

other rules to be applied in organic agriculture. This

regulation was in accordance with Council Regulation

(EEC) No. 2092/91. A revision of the Regulation was

introduced in 2002 and is still in force today (IGEME,

2005). The major organic products which are produce

34 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

attività agricole organiche, i doveri degli Organismi

di Controllo e Certifi cazione, nonché altre norme da

applicarsi nell’ambito del biologico. Le disposizioni

sono state emanate in conformità con il Regolamento

Comunitario (CE) N. 2092/91 e sono tuttora valide le

modifi che alla Normativa introdotte nel 2002 (IGEME,

2005). La maggior produzione biologica turca si divide

tra mele, grano, pomodori, lenticchie e olive e la

produzione totale del biologico si assesta intorno alle

209.000 tonnellate.

Esportazioni

La percentuale maggiore di frutta e verdura fresche

prodotta sul suolo turco viene esportata in paesi appartenenti

alla Federazione Russa, una piazza del valore di

789 milioni di dollari che rappresenta il 36% delle esportazioni

ortofrutticole totali della Turchia. La Germania è il

secondo mercato per l’export con una quota di mercato

del 9%; importa, infatti, dalla Turchia frutta e verdura fresche

per un valore di 203 milioni di dollari. Altri mercati

importanti per le esportazioni turche sono la Bulgaria,

l’Ucraina, l’Iraq e la Romania.

Nel 2010 la Turchia ha registrato un volume totale di

export pari a 1,8 milioni di tonnellate (1,4 miliardi di

dollari). I più esportati sono stati gli agrumi che nel 2010

hanno raggiunto il 67%. Erano diretti principalmente

verso la Federazione Russa, l’Ucraina, l’Iraq, l’Arabia


in Turkey are apples, wheat, tomatoes, lentils and

olives. The total produce of organic products is for

four years variations around the 209,000 tons.

Export

Türkiye exports the largest share of its fresh fruit and

vegetables to countries in the Russian Federation.

This market is valued at US$789 million and accounts

for an estimated 36% of the total fresh produce

exported from Türkiye. Germany is the second largest

export market with a 9% market share. Türkiye

exports fresh fruit and vegetables worth US$203 million

to Germany. Other key export markets for Türkiye

include Bulgaria, Ukraine, Iraq and Romania.

The volume of fresh fruit exports in 2010 totalled 1.8

million tonnes (US$1.4 billion). Citrus fruits topped the

list with a substantial 67% share in 2010. The Russian

Federation, Ukraine, Iraq, Saudi Arabia, Romania and

Germany are the main export markets for Turkish citrus

fruit. Citrus fruit exports to Russia in 2010 totalled

US$276 million.

Measured by value,lemons are the most frequently

exported citrus fruit (US$311 million). Thanks to both

natural and modern cold storage, Turkish lemons are

available throughout the year. The main export varieties

are Interdonato and llamas lemons. The lemon exports

to the Russian Federation are valued at US$84 million.

Mandarins, clementines and satsumas rank in second

Saudita, la Romania e la Germania. Nel 2010 le esportazioni

verso la sola Russia hanno prodotto un fatturato

di 276 milioni di dollari.

In termini di valore, pari a 311 milioni di dollari, i limoni

sono l’agrume maggiormente esportato. Grazie alle tecniche

di stoccaggio moderne ma naturali, i limoni turchi

sono disponibili tutto l’anno. Le cultivar più richieste

all’estero sono l’Interdonato e la Lamas. La Federazione

Russa importa limoni per un valore di 84 milioni di dollari.

Mandarini, clementine e mandarini satsuma sono al

secondo posto con un volume d’esportazione di 214

milioni di dollari. Anche in questo caso la Federazione

Russa è il mercato di riferimento più importante e importa

mandarini dalla Turchia per un valore di 111 milioni di

dollari. Le esportazioni di uva sono invece stimate a 206

milioni di dollari con in testa la popolare varietà sultanina

che è il frutto più esportato in assoluto.

È da pochi anni che la Turchia ha iniziato a esportare

ciliegie, ma il volume d’export continua a crescere. Le

ciliegie turche, infatti, sono sempre più apprezzate dai

consumatori per il loro aspetto indice di alta qualità e

il sapore delizioso. La Turchia esporta ciliegie per un

valore di 150 milioni di dollari prevalentemente verso la

Germania che da sola copre oltre un terzo del volume

totale (52 milioni).

Anche la frutta turca meno comune, ad esempio fi chi,

cotogne e melagrane, sta riscuotendo successo fra

i consumatori esteri. La Turchia sta mettendo molto

market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V


market/Turkey F&V

mercato/Turchia F&V

place (by value) on the citrus fruit export list (US$214

million). The Russian Federation is the main export market

with exports from Türkiye totalling US$111 million.

Grape exports are estimated at US$206 million. Table

grape varieties include the popular “Sultana”, which

accounts for the largest share of total fruit exports.

The export of sweet cherries from Türkiye started

only a few years ago and the volume has increased

remarkably since then. Turkish sweet cherries are rapidly

gaining popularity among buyers thanks to their

high quality appearance and delicious taste. Cherry

exports from Türkiye amounted to US$150 million.

Germany, the largest foreignmarket for Turkish cherries,

accounted for US$52 of total cherry exports.

Exotic fruits from Türkiye, particularly fi gs, quinces

and pomegranates, are rapidly becoming more familiar

to foreign importers. As a result of efforts in Türkiye

to increase exports, fresh fruitproducts are now

shipped to more than 50 countries across the globe.

Turkish exporters have also started to expand their

market share in the CIS countries.

Türkiye exported 1,046,000 tonnes of fresh vegetables

in 2010. Tomatoes account for a signifi cant 55%

share of the export total with a value of US$483 million.

Other key export products in the fresh vegetable

segment include cucumbers, sweet peppers and

onions. The Russian Federation, Bulgaria, Germany,

Romania, Ukraine, Poland and the Netherlands are

the leading destinations for Turkish vegetables.

Turkish exporters of fresh fruit and vegetables are

aware of consumer demands in respect to health

and environmental awareness. They meet customer

needs by offering products that meet legal requirements

as well as market demands. A number of

tools, including ISO 9001, ISO 22000, HACCP, GAP

and GLOBALGAP, offer powerful arguments when

it comes to quality, food safety and environmental

awareness. Turkish exporters are successfully implementing

these standards, resulting in a signifi cant

impact on the international fresh produce trade.

Literature:

1) Dilek Koç Subaşı, Fresh Fruits and Vegetables,

IGEME (Export Promotion Center of Turkey), 2011

2) M.A.E. van Leeuwen & M.P.J. van der Voort &

W. Sukkel & S. Balci, Organic Agriculture in Turkey,

Trade opportunities for organic fruit and vegetables,

Applied Plant Research, 2008

3) Mustafa Satıcı, Turkish greenhouse fruit and vegetable

production, FreshPlaza News, Antalya Fresh

Fruit and Vegetables Exporter Unions, 2010

4) Yeşiloğlu T., Emeksiz F., Tuzcu Ö., Alemdar T.,

Safe and High Quality Supply Chains and Networks

for the Citrus Industry between Mediterranean Partner

Countries and Europe – National Citrus Sector

Analysis: Turkey. Euro Med Citrus Net, 2007

36 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

impegno nell’aumentare il volume d’esportazione e lo

dimostra il fatto che oggi rifornisce di frutta fresca più di

50 paesi nel mondo, fra i quali anche i paesi della CSI,

dove sta tentando si espandere la sua quota di mercato.

Nel 2010 la Turchia ha inoltre esportato 1.046.000 tonnellate

di verdura, il 55% delle quali rappresentato dai

soli pomodori per un valore di 483 milioni di dollari. Altri

prodotti di punta nel segmento degli ortaggi freschi sono

i cetrioli, i peperoni dolci e le cipolle, mentre i mercati di

riferimento principali sono la Federazione Russa, la

Bulgaria, la Germania, la Romania, l’Ucraina, la Polonia

e i Paesi Bassi. Gli esportatori ortofrutticoli turchi conoscono

bene le richieste del consumatore in termini di

salute e rispetto ambientale e rispondono alle richieste

del mercato offrendo prodotti conformi ai requisiti

legali. Una serie di linee guida come la ISO 9001, la

ISO 22000, l’HACCP, la GAP e la GLOBALGAP, sono

validi argomenti quando si parla di qualità, sicurezza

alimentare e consapevolezza ambientale. La Turchia

sta implementando con successo tali standard, una

politica che mostra i suoi effetti positivi sul commercio

internazione di prodotti freschi.

(raduzione dall’inglese di Ilaria Menna)

Bibliografi a:

1) Dilek Koç Subaşı, Fresh Fruits and Vegetables,

IGEME (Export Promotion Center of Turkey), 2011

2) M.A.E. van Leeuwen & M.P.J. van der Voort & W.

Sukkel & S. Balci, Organic Agriculture in Turkey, Trade

opportunities for organic fruit and vegetables, Applied

Plant Research, 2008

3) Mustafa Satıcı, Turkish greenhouse fruit and vegetable

production, FreshPlaza News, Antalya Fresh Fruit

and Vegetables Exporter Unions, 2010

4) Yeşiloğlu T., Emeksiz F., Tuzcu Ö., Alemdar T.,

Safe and High Quality Supply Chains and Networks

for the Citrus Industry between Mediterranean Partner

Countries and Europe – National Citrus Sector Analysis:

Turkey. Euro Med Citrus Net, 2007


market/Veneto region

mercato/Veneto

Borettana onion and blue potato

excellence in Veneto crops

Borettana e patata blu

colture di eccellenza in Veneto

Giulia Giovanelli

Orto Veneto, the region’s big fruit and vegetable producer organisation, has skilfully

promoted its commodities in the market while garnering even export consumer

preference

Orto Veneto, l’Organizzazione produttori ortofrutticoli veneti, ha saputo valorizzare il mercato

dell’orticoltura guadagnando i consensi dei consumatori anche nel mercato estero

The promoting of several vegetable commodities

from growing districts like the Lusia basin, an area of

excellent vegetables of enviable value that should command

greater attention than they currently receive, has

proven to be a success in both the domestic and export

marketplace. Indeed, that Veneto keeps reaping success

after success today depends not only on the justly

celebrated Treviso radicchio, an item which has easily

doubled its yields in the last ten years, but also on commodities

that are often not accorded the same notoriety.

Lusia vegetables

Situated between the rivers Po and Adige, the Lusia

basin is the area’s vegetable capital, producing some

50 varieties, including PGI butterhead and gentile

lettuce, Pdo white Polesano

garlic, celery, cabbage

varieties like Peking and

caulifl ower, radish, rock-

Packaged Borettana onions from the “Orti dei Berici” Coop.

Confezioni di cipolle borettane della cooperativa “Orti dei Berici”.

38 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Il rilancio di alcune zone vocate alla produzione di

orticole come gli orti di Lusia, bacino d’invidiabili eccellenze

agroalimentari che meriterebbero una rivalutazione

rispetto all’attuale situazione, trova un buon riscontro nel

mercato nazionale ed estero.

Dunque, se il Veneto oggi continua a collezionare successi,

non è solo merito del celeberrimo radicchio trevigiano,

le cui produzioni sono certamente raddoppiate

negli ultimi dieci anni, ma lo si deve anche ad altrettante

produzioni che spesso non vengono ricordate.

Orti di Lusia

Tra il Po e l’Adige, di cui Lusia è la capitale orticola,

si coltivano una cinquantina di varietà di verdure: dalle

insalate Igp come cappuccia e gentile, all’aglio bianco

polesano Dop, al sedano, alle crucifere (cavolo, rapa,

cavolfi ore, ravanello, rucola), pomodori, carote, fagiolini

e prezzemolo.

Agricola Lusia, una realtà che produce, lavora e commercializza

ortaggi destinati per lo più al mercato della gdo,

è fi ore all’occhiello tra le aziende venete. Stessa

cosa accade nella Bassa Veronese, dove la

cooperativa “Orti dei Berici”, azienda di Pojana

Maggiore in provincia di Vicenza, leader nella

produzione e nella commercializzazione di

cipolle borettane, si sta confrontando con

una richiesta via via maggiore di prodotto, in

particolare nel settore della quarta gamma.

Conseguentemente, come si può immaginare,

sta lievitando anche la loro coltivazione: tenere e

dolci, si distinguono dalle altre cipolle per la forma

schiacciata e per la piccola dimensione. Le tuniche sono

color giallo paglierino, mentre l’interno è bianco. Si tratta


et, tomato, carrot, green bean and parsley.

Agricola Lusia, a farm that grows, packs and markets

vegetables earmarked in the main for the big retail

chains, is at the top of Veneto’s farm rankings. We fi nd

the same thing in a lower area of the Adige valley, where

“Orti dei Berici”, a cooperative at Pojana Maggiore in

Vicenza Province, is the leader in the production and

marketing of Borettana onion, is working hard to meet

an ever increasing demand, especially from the freshcut

trade. Accordingly, as one can easily imagine, more

and more of the crop is being planted. Apart from

being tender and sweet, Borettana onion stands out

from other varieties for its fl at shape and small size.

With an outer skin that’s a straw-like yellow colour

and white fl esh, this onion grows best in sandy, welldrained

soils like those found in the lower Adige valley.

Demand for Borettana is strong, as the Orto Veneto

Associated Producer Organisation readily admits. As

a crop, Borettana onion dates back more than seven

centuries and originally came from Emilia-Romagna.

And, while it holds a good share of the domestic market,

it is also much in demand in export markets, especially

in northern Europe. It’s a very versatile vegetable

and can be combined with any number of other ingredients.

Today Borettanas are mostly sold in containers

of various sizes, peeled and ready to use.

A vegetable for health

Another item being much bruited about, but has proved

to be a success with loyal consumers of its niche market,

is the Moriago della Battaglia blue potato. It seems

to have found an ideal growing area in fi elds bordering

the Piave River, where the famous Corenetta potato is

also grown. With roots running all the way back to its

native Peruvian Andes, the Moriago blue has always

been celebrated for its wealth of antioxidants, compounds

that protect the body by neutralising free radicals

and, hence, also slowing the ageing process. This

is why some people call it the “health-saving” potato.

Moriago’s benefi cial properties and nutritional value

are highlighted by the culinary and medicinal traditions

from which it springs and boosted even further

by contemporary research. It’s not easy to fi nd a blue

potato since it’s not widely grown as a cash crop. On

the other hand, it is a hardy plant, resistant to diseases

and drought and, hence, grows with little management

fuss. Not to mention its outstanding character in terms

of both fl avour and versatility in the kitchen. These

two distinctive crops, like many others in the valley

area, receive special attention from Orto Veneto, the

organisation of Veneto produce farmers that through

the years has presided over a considerable agricultural

heritage by helping growers to hone their professional

skills and to promote innovation while protecting health

and the environment.

(English version by David Verzoni)

The blue potato.

La patata blu.

di ortaggi che amano i terreni ben drenati e sabbiosi,

proprio come se ne trovano nella Bassa Veronese.

Il consumo è sostenuto e lo conferma l’Opo Veneto: le

cipolle borettane, varietà presente da oltre sette secoli

e originaria dell’Emilia-Romagna, oltre a piazzarsi bene

sul mercato nazionale, sono sempre più richieste anche

all’estero, in particolare nel Nord Europa. È un ortaggio

molto versatile e quindi si presta a tante combinazioni.

Oggi la cipolla borettana si commercializza perlopiù in

contenitori di diverso peso, pelata e già pronta per l’uso.

L’ortaggio della salute

Altro prodotto molto chiacchierato, ma che sta riscuotendo

i consensi dei consumatori pur restando un prodotto

di nicchia, è la patata blu di Moriago della Battaglia, ai

margini del fi ume Piave, dove la sua coltura sembra

avere trovato l’habitat ideale, stesso terreno dove crescono

le cornette, altra produzione tipica delle terre del

Piave. È una varietà antichissima che proviene dalle Ande

peruviane,celebrata per la ricchezza di antiossidanti,

sostanze che neutralizzando i radicali liberi, in grado di

proteggere l’organismo e di rallentarne quindi i processi

d’invecchiamento, motivo per cui qualcuno la identifi ca

come patata “salva salute”.

Le sue proprietà benefi che e virtù nutrizionali sono esaltate

dalla tradizione offi cinale e alimentare e sono avvalorate

da ricerche scientifi che del nostro tempo. Non è facile

trovare la patata blu, generalmente poco coltivata perché

non redditizia. In compenso è una pianta forte, resistente

alle malattie e alla siccità e che quindi non richiede grandi

cure, di forte personalità sia nel gusto, sia nel colore e

piacevolmente versatile in cucina. Queste realtà produttive,

come tante altre sul territorio, sono costantemente

seguite da Orto Veneto, l’Organizzazione produttori

ortofrutticoli veneti, che negli anni ha sapientemente tutelato

un considerevole patrimonio agricolo, indirizzando

le aziende verso sistemi professionali e innovativi, con

rigoroso rispetto per salute e ambiente.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

39

market/Veneto region

mercato/Veneto


market/East Europe wholesale markets

mercato/mercati all’ingrosso Est Europa

Cei-Wmf, history of a wholesale

marketing network

Cei-Wmf, la storia di una rete

per il commercio all’ingrosso

Zoran Krsnik - President of the Cei-Wmf Management Board

The Central European Wholesale Market Foundation today includes eighteen

wholesale markets in eight countries serving some 130 million consumers

La Central European Wholesale Market Foundation conta oggi diciotto mercati all’ingrosso

in otto Paesi al servizio di 130 milioni di consumatori

At the beginning of the nineties of the last century,

the Agribusiness department of the European Bank

for Reconstruction and Development (Ebrd) in cooperation

with the Food and Agriculture Organization of the

United Nations (Fao) and the Central European Initiative

(Cei) initiated a Project of construction of a network of

wholesale markets for fruit, vegetables and fl owers in

European transition countries. The general objective

of the Project was to construct a logistics infrastructure

needed for whole sale trade in fresh agricultural

products according to the standards of the European

Union in order to achieve higher effi ciency of the agri-

40 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Il dipartimento Agribusiness della Ebrd1 ,

Banca europea per la ricostruzione e lo

sviluppo, in collaborazione con la Fao e la

Cei (Central European Initiative) nei primi anni

novanta del secolo scorso ha dato vita a un

progetto per realizzare una rete di mercati

ortofrutticoli e fl oricoli all’ingrosso nell’area

europea. Obiettivo del progetto, creare un’infrastruttura

logistica per il commercio all’ingrosso

dei prodotti freschi che fosse adeguata

agli standard dell’Unione Europea, allo scopo

di incrementare l’effi cienza del settore agricolo

nei Paesi interessati.

La Ebrd si è offerta di fi nanziare il progetto

applicando condizioni favorevoli, mentre la

Fao e la Cei si sono fatte carico di sostenerne

e supervisionarne la realizzazione. Il modello

raccomandato fu accettato da molti Paesi e

già poco tempo dopo in Polonia, Ungheria,

Romania, Croazia e alcuni altri paesi dell’area

Cee prese il via la costruzione di mercati all’ingrosso.

Nel frattempo, gli investitori iniziarono a confrontarsi

sulle strategie di marketing e su altre possibili forme

di collaborazione tra i partecipanti al progetto.

Il progetto diventa realtà

L’idea di unire i diversi partecipanti in un’organizzazione

vera e propria emerse per la prima volta nel 1998

davanti a un boccale di birra in un delizioso ristorante di

Staré Mě sto, la piazza principale di Varsavia: due persone

che all’epoca avevano ancora un’esperienza limitata

1 European Bank for Reconstruction and Development.


market/East Europe wholesale markets

mercato/mercati all’ingrosso Est Europa

cultural sector in the interested

countries. The Ebrd offered to

fi nance the project under favourable

conditions while Fao and

Cei were responsible for support

and supervision of the construction

process. The recommended

model was accepted by several

countries and construction of

wholesale markets in Poland,

Hungary, Romania, Croatia and

some other countries of the Cee

region started shortly after that.

At the same time, the stakeholders

started to debate about

marketing and other forms of

cooperation between the Project

participants.

An idea becomes reality

The fi rst idea to connect Project

participants in one formal

organization came on in 1998 during a pleasant

meeting with beers in a charming restaurant on the

central square of Warsaw, Stare Miasto, where a couple

of people, with a little experience in the wholesale

market business at that time, were discussing how to

help each other to implement, promote and improve

wholesale market’s model of trading in their countries.

Soon after this meeting, in July 1999, the idea

came true.

With the assistance and generous support from our

main sponsors the Ebrd, Fao, Unece and Cei, as well

as with the “tail wind” from some enthusiasts such

as our fi rst consultant Mr. Edward Seidler (for years

known as “the King” among the project participants),

three founding members, the Bronisze WM, the

Budapest WM and the National WM Company Croatia

established the Wholesale Markets Foundation under

the auspices of the Central European Initiative.

In the meantime, the Foundation was growing, slowly

but safely, so from the initial three wholesale markets

coming from three countries, today we have a

strong organization of 18 wholesale markets from

eight countries covering an area of approximately 130

million consumers. As it is a very important chain in

distribution of fresh fruit and vegetables, the perspective

and interest for further growth is obvious. Having

in mind how many global and regional associations of

wholesale markets exist today, we may be proud of

this success.

The primary objective of the Foundation is to help the

newly established wholesale market companies in

Central and Eastern Europe to develop and improve

their operations to better serve their clients and

increase their revenue earning capabilities. These

42 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

di commercio all’ingrosso si misero a ragionare su come

aiutarsi reciprocamente a implementare, promuovere e

migliorare il modello commerciale di mercato all’ingrosso

nei rispettivi Paesi. Poco dopo questo incontro, nel

luglio 1999, l’idea divenne realtà.

Grazie all’assistenza e al generoso supporto dei principali

sponsor dell’iniziativa, Ebrd, Fao, Commissione economica

per l’Europa (Unece) 2 e Cei, e sospinti dal vento in poppa

di altri sostenitori unitisi ad essi (come Edward Seidler, il

nostro primo consulente, per anni chiamato “il re” dagli altri

partecipanti) tre membri fondatori, la Wholesale Markets

Bronisze, Polonia, la Wholesale Markets di Budapest e la

National Wholesale Markets Company, Croazia, diedero

vita alla Wholesale Markets Foundation, sotto gli auspici

della Central European Initiative.

Da allora la Fondazione, lentamente ma costantemente, è

cresciuta: dai primi tre mercati in tre Paesi è giunta oggi a

essere un’organizzazione di 18 mercati all’ingrosso in otto

Paesi, arrivando a servire complessivamente circa 130

milioni di consumatori. Una catena di primaria importanza

per la distribuzione di prodotti ortofrutticoli freschi, per la

quale esistono perciò interesse e prospettive concrete di

un’ulteriore crescita. Se consideriamo la quantità di mercati

all’ingrosso, a livello globale e locale, realizzati fi n qui, c’è

di che essere orgogliosi del successo ottenuto.

Obiettivo primario della Fondazione è di aiutare le realtà

sorte di recente in Europa Centrale e nell’Europa dell’Est

a sviluppare e migliorare le loro attività, per servire sempre

meglio il cliente aumentando nel contempo le capacità

di profi tto. Questo obiettivo è stato raggiunto grazie

allo scambio di esperienze e al reciproco confronto sulle

migliori modalità di esercizio che hanno avuto luogo rego-

2 United Nations Economic Commission for Europe.


have been achieved through the exchange of experience’s

and the best practise in seminars, workshops

and study tours which have been held regularly twice

a year.

Crisis management meeting

Furthermore, the Cei Foundation aims to provide

more effective support and services to present and

potential new members by:

• improvement in market operations

• improvement in services to attract large-scale,

modern retailers in order to diversify their source

of income

• improvement in exchange of information and experience

etc.

Since the Foundation also serves as a match-making

platform for wholesalers and producers from all over

Europe and it continuously monitors trends in fruit

and vegetables marketing trying to fi nd answers to

problems that occur in the market, many organizations

fi nd it very useful and helpful in their daily work.

To support this mission, in May 2012 the Foundation,

for the fi rst time in its history, has organised a regional

Forum - a joint seminar of the wholesale markets

representatives from Cee countries together with the

representatives of traders and producers from these

markets. Simply speaking, the intention of organizing

such a meeting was to help all involved players to

overcome current diffi cult period caused by the global

economic crisis, to introduce themselves to each

other, to exchange contacts and to establish business

cooperation for better future for all of us.

The current members of the Foundation are as follows:

• Albania (Wholesale Markets of Korce, Lushnje,

Shkoder, Vlore)

• Bosnia and Herzegovina (Wholesale Market of

Čapljina)

• Croatia (National Wholesale Market Company and

Wholesale Market Companies of Zagreb, Split,

Rijeka, Osijek)

• Hungary (Nagibany Piac Budapest)

• Kosovo (Pristina Wholesale Market)

• Poland (Wholesale Markets of Bronisze, Rzesow,

Zielona Gora)

• Romania (Bucharest Wholesale Market)

• Ukraine (Wholesale Markets of Donetsk, Lviv, Kiev)

In order to support communication and better information

about the Cei-Wmf activities, the Foundation

created a web site www.ceiwmf.org. We would like

to draw your attention to our price quotation system

available at the Foundation website www.ceiwmf.org/

quotations/compare, presenting the current prices of

fruit and vegetables in the CEE countries. We would

like to invite any interested partners and potential

Foundation members to visit our website and contact

our representatives.

larmente, due volte all’anno, tramite seminari, workshop

e viaggi di studio.

Un incontro nella crisi

Inoltre, la Fondazione Cei si propone di fornire un supporto

e servizi più effi caci agli attuali membri e a quelli

potenziali con i seguenti interventi:

• miglioramento delle operazioni commerciali;

• miglioramento dei servizi per attrarre i moderni dettaglianti

che operano su vasta scala, allo scopo di diversifi

care le fonti di reddito;

• miglioramento negli scambi di informazioni ed esperienze.

Poiché la Fondazione costituisce una piattaforma d’incontro

e di confronto tra venditori all’ingrosso e produttori

di tutta Europa ed è in grado di monitorare costantemente

l’andamento del mercato ortofrutticolo cercando

di offrire soluzioni ai problemi che si presentano, molte

organizzazioni ne ricevono un aiuto molto utile e concreto

nello svolgimento quotidiano del loro lavoro.

Per sostenere questo importante ruolo, nel maggio 2012

la Fondazione, per la prima volta nella sua storia, ha

organizzato un meeting per far incontrare i rappresentanti

dei mercati all’ingrosso provenienti dai diversi Paesi della

Comunità Europea con i rappresentanti dei trader e dei

produttori di quegli stessi mercati. In questo modo si è

inteso, insomma, incoraggiare tutti i soggetti coinvolti, in

questo momento di diffi cile crisi mondiale, a presentarsi

e a conoscersi reciprocamente per favorire contatti e

futuri scambi e collaborazioni commerciali, per un futuro

migliore per tutti noi.

Questi gli attuali membri della Fondazione:

• Albania (Wholesale Markets di Korce, Lushnje, Shkoder,

Vlore)

• Bosnia ed Herzegovina (Wholesale Market di Čapljina)

• Croazia (National Wholesale Market Company e

Wholesale Market Companies di Zagabria, Split, Rijeka,

Osijek)

• Ungheria (Nagibany Piac Budapest)

• Kosovo (Pristina Wholesale Market)

• Polonia (Wholesale Markets di Bronisze, Rzesow,

Zielona Gora)

• Romania (Bucarest Wholesale Market)

• Ucraina (Wholesale Markets di Donetsk, Lviv, Kiev)

La Fondazione, per assicurare un’adeguata informazione

e divulgazione sulle attività e le iniziative della Cei-Wmf

ha istituito un sito web, www.ceiwmf.org. In particolare,

desideriamo richiamare l’attenzione sul nostro sistema

di quotazione dei prezzi, disponibile all’indirizzo www.

ceiwmf.org/quotations/compare, in grado di fornire le

quotazioni correnti dell’ortofrutta nei Paesi della Comunità

Europea. Invitiamo chi fosse interessato a partecipare

come partner dell’iniziativa o a diventare membro della

Fondazione a visitare il nostro sito e contattare i nostri

rappresentanti.

(Traduzione dall’inglese di Maria Schiavoni)

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

43

market/East Europe wholesale markets

mercato/mercati all’ingrosso Est Europa


market/Macfrut

mercato/Macfrut

Oscar-like Innovations

Innovazioni da oscar

Jessika Pini

All the products that Macfrut’s visitors voted as the best novelties of 2012

Tutti i prodotti che i visitatori del Macfrut hanno incoronato come le migliori novità

del 2012

This was the third consecutive year that the

Macfrut produce trade show in Cesena awarded

its own Oscars for product innovation. And those

deciding the outcome were the industry exhibitors

and visitors themselves.

Macfrut’s professional public showed their preference

for red pear by awarding the Oscar in the category for

Innovation and Research to the new Falstaff’ cultivar

bred by Cra-Frf, a Forlì-based research station. This

pear is also called Red Abate because of its resemblance

to cv. Abbé Fétel, the most widely grown in

Italy. Unlike the latter, however, Falstaff’ has a stable

red colouring and a taste fl ecked with spice fl avours

of vanilla and cinnamon

44 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Per il terzo anno consecutivo il Macfrut di Cesena

premia l’innovazione di prodotto con gli Oscar

Macfrut. E a decidere i vincitori sono gli stessi espositori

e i visitatori della fi era.

Al popolo di Macfrut piacciono le pere rosse e assegna

l’oscar per la categoria Innovazione e ricerca alla

nuova varietà di pera ‘Falstaff’ del Cra-Frf, unità di

ricerca per la frutticoltura di Forlì, detta anche Abate

Rossa per la sua somiglianza con la Abate Fétel, la

cultivar più diffusa in Italia. A differenza di quest’ultima,

però, la ‘Falstaff’ si distingue per la stabile colorazione

rossa e un sapore caratterizzato da aromi speziati,

come vaniglia e cannella.

La pesatrice WD4-125 del Gruppo Sorma

ha vinto nella categoria Macchine e tecnologie

per la selezione e il confezionamento.

Particolarmente indicata per gli agrumi, si

distingue per l’elevata precisione (+/- 1

grammo grazie al gruppo di pesatura

completamente indipendente dalla macchina

e quindi esente da ogni vibrazione)

e per la produttività. É dotata, infatti, di

quattro nastri indipendenti, ognuno con

capienti tazze a rivestimento intercambiabile

in grado di pesare fi no a 100 confezioni

da un kg al minuto. La facilità di

sostituzione del rivestimento rende facile

il passaggio di confezionamento

dagli

agrumi da agricoltura

convenzionale a

quelli da agricoltura

biologica senza

rischio di contaminazioni.

The WD4-125 scale from Gruppo Sorma.

Pesatrice WD4-125 del Gruppo Sorma.


Wholesale markets and new opportunities: logistics

and full range of services

I Centri agroalimentari guardano a nuovi sviluppi:

logistica e completamento di gamma

Macfrut also provided a forum for the

Round Table that focused on new roles

that municipal wholesale markets (MMs)

can take on to further streamline produce

distribution. New concepts, new

tasks were at the top of the agenda. The

underlying idea was to redefi ne their

business profi le, something that has

become a necessity in the wake of the

crisis-driven decline in volumes handled

by these markets over the last few years,

as well as the growth of logistics hubs

operated directly by the big retail chains.

«The traditional role MMs perform of

supplying independent grocery shops

and, in part, even of the supermarket

chains that come up short on stock is

holding it own», said Duccio Caccioni,

editor-in-chief of Fresh Point Magazine

and head of marketing at Bologna’s

Caab Municipal Market.

However, big retail has greatly reduced

the sales power of independent retailers,

thereby forcing MMs to reposition

themselves. «Here at Caab we’ve been

working along three lines – noted CAAb’s

CEO Alessandro Bonfi glioli. – First, we’re

reinforcing the role the market plays on

the local level by focusing on growth and

coordination of neighbourhood markets,

fi lling in the gaps of the range of produce

items we sell, and, apart from produce,

put more emphasis on the market a

food exchange for and from the city

centre. Next, we’re busy working on a

project to exploit Bologna’s central location

as a hub link of international trade

by building a corridor running through

us to Perpignan’s MM in France and

Istanbul’s in Turkey. Then too we’ve

recently installed eco-sustainable solar

panels on the roofs of the market complex

that today produce 7 MW of power,

which will be raised to 11 MW later on».

Anther topic discussed was the industrywide

consolidation of the MMs in an

effort to strengthen their role. Roberto

Piazza of the Fedagro association noted

that «If the 160 MMs listed in Italy up

to a few years ago that provided a

needed service to a national agriculture

industry that was just as fragmented,

the expansion of the big retail chains

has changed the game today and this

fragmentation serves the interests of no

one. Rethinking the number of markets

really needed and their location should

be the task of institutional authorities

and should be aimed at concentrating

supplies. It makes no sense, for example,

to have municipal markets scattered

everywhere throughout the country».

The discussion then turned to the small

retailers and the major clients of MMs.

Donatella Prampolini, Vice-president of

Fida said: «Because of the expansion

of big retail, even the members of our

association have had to take the cue and

are setting up mini-chains to reach critical

mass. Our retailers face two strategy

options: become big or specialise. To

succeed in the latter, we need MMs

to supply us with produce of a higher

quality and at a lower price than what

consumers can fi nd in the big chains. All

too often, especially when it comes to

small MMs, we can’t get that plus value,

which is the factor that sets us apart and

encourages customer loyalty. It would be

a big help if MMs could complete their

range of items by supplying meat and

cheese as well».

Even MMs in eastern Europe are getting

into the global strategy line of optimising

logistics through Cei, an association of

19 central and eastern Europe MMs from

8 countries, Albania, Bosnia, Hungary,

Kosovo, Poland, Romania, Ukraine and

Croatia, that serve some 130 million

consumers. Cei also acts as a reference

and contact point for operators interested

in developing business relations

with eastern Europe...

Al Macfrut si è parlato anche dei nuovi ruoli

che i mercati all’ingrosso potranno svolgere

per rendere più effi ciente la distribuzione

dei prodotti ortofrutticoli nella tavola

rotonda Mercati all’ingrosso: nuovi concetti,

nuove funzioni. Una ridefi nizione di attività

che si è resa necessaria in seguito al

calo, negli ultimi anni, dei volumi di traffi co

merci presso i Centri agrolimentari (Caa),

anche in concomitanza con lo sviluppo da

parte delle catene della grande distribuzione

di piattaforme logistiche proprie.

«Tiene la funzione classica dei Caa di rifornimento

dei piccoli dettaglianti e, in parte,

della gdo nel caso di rotture di stoccaggio»,

ha affermato Duccio Caccioni, editor

di Fresh Point Magazine e responsabile

marketing del Centro agroalimentare di

Bologna.

Ma la distribuzione organizzata ha ridotto

di molto il peso dei canali di vendita al

dettaglio e quindi anche i mercati all’ingrosso

devono riposizionarsi. «Come Caab

abbiamo lavorato in tre direzioni – ha

spiegato Alessandro Bonfi glioli, direttore

Caab (Bologna) –. Abbiamo potenziato

le fuzioni che il mercato può svolgere a

livello locale: sviluppo e coordinamento

dei mercati rionali; il completamento della

gamma di referenze, oltre all’ortofrutta;

accentuare la funzione di piattaforma di

scambio per e da il centro storico cittadino

per i generi alimentari. In secondo luogo,

sul piano internazionale abbiamo sfruttato

la posizione centrale di Bologna come

punto di raccordo di un corridoio commerciale,

in fase di completamento, tra il

mercato all’ingrosso di Perpignan (Francia)

e Istambul (Turchia). E, infi ne, l’attenzione

alla sostenibilità ambientale con l’inaugurazione

di un impianto fotovoltaico sui

tetti del Caab che oggi produce 7 MW di

energia e arriverà a 11 MW».

Sul ruolo di aggregazione distributiva che

dovrebbero riconquistare i Caa è intervenuto

Roberto Piazza (Fedagro): «Se fi no a

qualche anno fa i 160 mercati all’ingrosso

ortofrutticoli italiani hanno dato un servizio

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

45

market/Macfrut

mercato/Macfrut


market/Macfrut

mercato/Macfrut

all’altrettanto polverizzata agricoltura del

Paese, con la crescita della gdo tutto è

cambiato e questa frammentazione non

giova a nessuno. La programmazione del

numero dei mercati e della loro posizione

dovrebbe essere fatta dalle istituzioni

e dovrebbe andare nella direzione della

concentrazione dell’offerta: non ha senso,

per esempio, che le piattaforme della gdo

siano sparse per tutta l’Italia».

Per i piccoli dettaglianti, nonché maggiori

acquirenti dei mercati all’ingrosso

è intervenuta Donatella Prampolini, vice

presidente Fida: «Rispetto alla crescita

The weigh scale WD4-125 made by Gruppo Sorma

won in the category of Machinery and Technology

for sorting and packaging. Designed mainly for citrus,

it has high precision (+/- 1 gram), in that the weighing

unit is entirely independent of the line itself and,

hence, free of vibrations, and working

capacity. In fact, its is equipped

with four independent conveyor belts

each featuring large cups of interchangeable

linings that can weigh

up to 100 one-kilo packages per

minute. The ease with which the

cup lining can be changed facilitates

the change-over from conventionally

grown to organically grown citrus

without risking contamination.

The Macfrut Oscar for packaging

and packing materials was won by

the environmentally friendly Agita

& Gusta from Bonduelle. This is

octagonally shaped, eco-friendly and

designed to preserve ergonomically

and offer to consumers a portion of

vegetables, grain or fresh-cut pinzimonio

salad. Its special shape is

designed to reduce the environmental

impact of the packaging itself.

All this while it also considerably

simplifi es life for consumers since its

contents are ready to eat in four simple

steps. All you need do is remove

the fi lm from the bottom of the package

to take out the fork and napkin, press down on

middle part to free the condiment, shake the bowl to

amalgamate everything and then remove the top fi lm

to begin eating.

The award for the best innovation in Seeds and Fresh

Produce went to the fresh smoothie from DimmidiSì

of La Linea Verde. This is the fi rst fresh-produce

46 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

della gdo, anche i nostri associati si sono

dovuti adeguare costituendo mini catene

per fare massa critica. Due sono le scelte

strategiche per i dettagliati: diventare

grandi oppure specializzarsi. Per riuscire

in questa seconda ipotesi abbiamo bisogno

di trovare nei Centri agroalimentari

prodotti di qualità superiore rispetto a

quelli offerti dalla gdo a un minor prezzo.

E spesso, soprattutto i piccoli Caa non forniscono

questo plus che per noi è fattore

di differenziazione e di fi delizzazione del

consumatore. Utile sarebbe anche trovare

presso i Caa il completamento di gamma,

The Falstaff pear from Cra-Frf.

Pera varietà Falstaff del Cra-Frf.

quindi anche carne e formaggi».

In una logica ormai assodata in tutto il

mondo di ottimizzazione logistica, anche

l’Est Europa si sta muovendo in questa

direzione con il Cei, un’associazione

dei mercati del Centro-Est Europa

che aggrega 19 mercati membri di 8

Paesi (Albania, Bosnia, Ungheria, Kosovo,

Polonia, Romania, Ucraina e Croazia) che

coprono circa 130 milioni di consumatori e

che rappresenta un punto di riferimento e

di contatto per le aziende interessate a sviluppare

rapporti commerciale con l’Europa

orientale. J.P.

Nel settore packaging e materiali d’imballaggio ha prevalso

la nuova confezione amica dell’ambiente Agita &

gusta di Bonduelle. Si tratta di un packaging ottagonale

eco-friendly, in grado di conservare in modo ergonomico,

e offrire al meglio al consumatore, una porzione

di verdure, cereali

o pinzimonio di quarta

gamma. La particolare

forma della confezione

permette di ridurre l’impatto

ambientale dell’imballaggio

stesso. Oltre a

semplifi care non poco la

vita al consumatore, dato

che il contenuto è pronto

all’uso in quattro semplici

mosse. Non bisogna

far altro che rimuovere la

pellicola dal fondo della

confezione per estrarre

la forchetta e il tovagliolo,

premere sulla parte centrale

del fondo per liberare

il condimento, agitare

la ciotola per amalgamare

e rimuovere la pellicola

superiore per gustare il

tutto.

Miglior prodotto della

categoria Sementi e prodotti

ortofrutticoli freschi

è stato nominato il frappé

fresco DimmidiSì di La Linea Verde. Si tratta del primo

frappé fresco vegetale realizzato con frutta frullata,

latte di riso e panna vegetale in due referenze: fragola

e pesca-mango in porzioni individuali da 150 ml.

Trionfatore della categoria Logistica e servizi è risultato

infi ne il Rovesciatore Cm165 Flap Fpr della società Cm

srl. Si tratta di una macchina piccola e decisamente


Apricot, automated ripening detector

Albicocche, selezione automatizzata della maturazione

One of the biggest problems in fruit

marketing is detecting the right trade-off

between shelf-life and fl avour, something

that’s often unsatisfactory because

the fruit gets picked before reaching its

proper ripening date on the plant. Unitec

unveiled at Macfrut Uni SLM apricot

vision © , a high-tech way of detecting the

degree of fruit softness for proper packing

or packaging date.

Invented a year ago for sweet cherry,

it has been adapted to apricot for use

with apricot from 2012 on. The machine

detects fruit fi rmness using optical sensors

reading in the infrared wavelength,

shake made with blended fruit, rice milk and vegetable

cream and it comes in individual 150-ml portions

in two fl avours: strawberry and peach-mango.

The winner for Logistics and Services was the

Rovesciatore (Tipper) Cm165 Flap Fpr made by Cm

srl. This is a small, very practical machine featuring

two bins like those lifts are equipped with but here

they’re linked together in a single compact unit. This

is the feature that convinced the panel of judges to

award it the Oscar for upgrading the performance of

such tippers in logistics and, hence, reduce costs.

Indeed, its adaptability to various formats facilitates

the emptying of different sized crates.

(English version by David Verzoni)

which enables the unit to sort out fruit

no only with skin defects but those that

are over-ripe and, hence, already have

a reduced shelf-life that’s unfi t for marketing.

«This technology – said Unitec

President Angelo Benedetti – is very useful

for companies with a lot of export

business since it can sort out apricots that

are too ripe. It thus eliminates fruit whose

shelf-life and handling resistance are unfi t

for packing and shipping the distance to

export markets». D.V.

Uno dei grandi problemi della commercailizzazioe

della frutta è trovare un giusto

punto di compromesso tra shelf life e

gusto, spesso insoddisfacente a causa del

non raggiugimento sulla pianta di un corretto

stadio di maturazione. Per facilitare

il confezionamento di questo frutto Unitec

ha presentato al Macfrut Uni SLM apricot

vision © , una tecnologia per selezionare il

grado di morbidezza delle albococche.

Nata un anno fa per le ciliegie è stata

adattata alle albicocche a partire dalla

campagna 2012. La macchina seleziona

le albicocche sovra mature tramite sensori

ottici che operano nel campo della banda

di luce dell’infrarosso, in grado di rilevare

la consistenza della polpa dei frutti e

non solo la presenza di difetti esteriori di

buccia, eliminando i prodotti con una shelf

life ridotta a poche ore e, quindi, non più

idonei alla commercializzazione. «Questa

tecnologia – afferma Angelo Benedetti,

presidente Unitec – è molto utile per le

aziende che lavorano molto sull’esportazione

per evitare di confezionare albicocche

con un grado di maturazione già

troppo avanzato e spedire prodotti con

una shelf life suffi ciente a sostenere tale

tempistiche di consegna». J.P.

Uni SLM apricot vision © from Unitec

Uni SLM apricot vision © di Unitec

Fresh DimmidiSì smoothie.

Frappé fresco DimmidiSì.

pratica, con due benne simili a

quelle dei carrelli elevatori unite

tra loro da un corpo compatto.

Ed è questa sua praticità ad

aver convinto la giuria, che gli ha

assegnato l’Oscar per il miglioramento

che questo rovesciatore

permette nel processo logistico,

con conseguente riduzione dei

costi.

La sua adattabilità ai diversi formati,

infatti, agevola lo svuotamento

dei cassoni di diverse dimensioni.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

47

market/Macfrut

mercato/Macfrut


product/table grape

prodotto/uva da tavola

APEO sells Italia grapes

from Puglia worldwide

Apeo: dalla Puglia

uva Italia in tutto il mondo

Giuseppe Francesco Sportelli

But for seedless varieties there is the looming danger of supply exceeding

demand, the result of inadequate planning

Ma per le apirene si profi la il pericolo di un eccesso di offerta rispetto alla domanda, frutto

dell’assenza di programmazione

Every year, approximately 750-800 thousand tons

of grapes, both seeded and seedless, leave Puglia

for markets all over the world, from Sweden to Brazil,

from the United States to Saudi Arabia. This great success

story is largely due to the Apulian fruit and vegetable

exporters association (APEO), which combines

not only 70 table grape producer-packers, but also

those of stone fruit (cherries, peaches, nectarines),

vegetables and pota- toes, and which acts as link

Red Globe grapes from Orchidea

Frutta srl of Rutigliano (Ba).

Red Globe di Orchidea Frutta srl

di Rutigliano (Ba).

48 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Circa 750-800mila tonnellate di uva da tavola, con

semi e apirena, ogni anno partono dalla Puglia

per arrivare sui mercati del mondo intero, dalla Svezia

al Brasile, dagli Stati Uniti all’Arabia Saudita. Questo

lusinghiero successo è in gran parte merito dell’Associazione

esportatori ortofrutticoli pugliesi (Apeo), che

unisce 70 produttori-confezionatori di uva da tavola, ma

anche di drupacee (ciliegie, pesche, nettarine), ortaggi e

patate, e funge da anello di congiunzione fra produzione

e grande distribuzione organizzata.

«I numeri non sono tutto - evidenzia Giacomo Suglia,

presidente di Apeo, nonché amministratore di Ermes

snc di Noicattaro (30 ha a uve con semi e apirene) e

vicepresidente di FruitImprese - perché non si fa

mercato senza qualità, ma sono comunque

esplicativi. L’Italia produce oltre

un milione di tonnellate di uva da

tavola, il 75% delle quali proviene

dalla Puglia. Circa l’80% dell’offerta

pugliese viene movimentata dai soci

Apeo: di essa il 50% è costituito da

uva Italia, l’altra metà da uve con semi,

Victoria, Palieri, Red Globe e poche

altre, e apirene».

Nuovi mercati di sbocco

Mentre fi no ad alcuni fa l’offerta di Apeo era indirizzata

pressoché completamente in Europa, il calo dei consumi

indotto nel vecchio continente dalla crisi economica ha

costretto a cercare nuovi approdi.

«La Germania resta il mercato più importante. Seguono

i Paesi del Nord Europa: Svezia, Norvegia, Danimarca e

altri. Tiene bene l’Inghilterra. L’Europa orientale alimenta


Giacomo Suglia, chairman of Apeo.

Giacomo Suglia, presidente di Apeo.

between production and the large retail chains.

«The fi gures don’t tell the whole story - emphasizes

Giacomo Suglia, APEO chairman and director of

Ermes snc of Noicattaro (30 hectares of seeded and

Italia table grapes bearing the Ermes snc of Noicattaro (Ba)

brand.

Uva da tavola Italia a marchio Ermes snc di Noicattaro (Ba).

una discreta richiesta. Ma da almeno cinque anni crescono

le esportazioni verso i Paesi arabi: Emirati Arabi Uniti,

Arabia Saudita, Oman, persino l’Egitto e altri del Nord

Africa. Di pari passo cresce la domanda di Stati Uniti e

product/table grape

prodotto/uva da tavola


product/table grape

prodotto/uva da tavola

Melissa from Agricoper of Gianni Liturri srl of Noicattaro (Ba).

Melissa di Agricoper di Gianni Liturri srl di Noicattaro (Ba).

seedless grapes) and vice chairman of Fruitimprese –

because it is quality that guarantees us a market, but

they are indicative. Italy produces over one million

tons of table grapes, 75% of which come from Puglia.

And about 80% of Puglia’s output passes through

the hands of APEO members: of these Italia grapes

account for 50% while the remainder is made up of

seeded grapes - Victoria, Palieri, Red Globe and a

few others - and seedless varieties».

New markets

Until fairly recently, APEO concentrated its marketing

efforts in Europe but declining European consumption

as a result of the economic crisis has obliged it

to look for new markets.

«Germany remains our most important market. It

is followed by the countries of Northern Europe:

Sweden, Norway, Denmark and others. The English

market is holding up well. There is a signifi cant

demand from Eastern Europe. But more importantly,

for at least fi ve years now, our exports to the Arab

countries have been on the up: the United Arab

Emirates, Saudi Arabia, Oman, Egypt and other even

North Africa. And the growth in demand from the

United States and Canada has kept pace with them,

while even Brazil and several countries in the Far East

are asking for our grapes».

Suglia emphasizes that seeded grapes are in demand

almost everywhere. «For example, the Arab countries

usually procure seedless grapes from California,

South Africa and Chile, but in summer they prefer

seeded varieties from Puglia like Italia, Red Globe

and Palieri, which are distinguished by their large,

beautifully colored berries, their fragrance and sweetness

and stronger fl avor. Seedless grapes are above

all an English preserve with England the main consumer

followed by Sweden, Norway and Germany.

50 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Canada, mentre cominciano a chiedere uva

pugliese persino il Brasile e diversi Paesi

dell’Estremo Oriente».

Le uve con semi sono richieste quasi

ovunque, sottolinea Suglia.

«Ad esempio i Paesi arabi, che

di norma si approvvigionano di

apirene da California, Sudafrica,

Cile, in estate preferiscono le uve

con semi pugliesi, come Italia,

Red Globe e Palieri, che si distinguono

per gli acini grossi, di bel

colore, dolci e profumati e per il

gusto più marcato. Invece le uve

apirene sono appannaggio soprattutto

di Inghilterra, in assoluto la prima

acquirente, e poi di Svezia, Norvegia

e Germania. Naturalmente i mercati non sono uguali:

alcuni, come l’Inghilterra, sono molto esigenti in termini

di qualità del prodotto, tipologie di confezioni e

certifi cazioni aziendali quali Globalgap per le buone

pratiche agricole, Ifs e Brc per la sicurezza alimentare,

pagando ovviamente prezzi più elevati; altri,

come Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Ungheria,

Lituania, Croazia e altri Paesi della ex-Jugoslavia, si

accontentano di uva di minore qualità e confezionata

alla buona, anche alla rinfusa in cassette da 10 kg,

adatta per i loro mercati rionali, ma meno costosa. La

Puglia è una delle poche aree al mondo, fra tutte quelle

produttrici di uva da tavola, capaci di offrirla in una

gamma così ampia e variegata di qualità e confezioni».

Richiesta di sgravi fi scali e contributivi

L’attuale mercato mondiale dell’uva da tavola è soddisfacente

per consumatori e importatori, meno invece

per produttori-confezionatori, sostiene Suglia.

Crimson from Giuliano srl of Turi (Ba).

Crimson della Giuliano srl di Turi (Ba).


product/table grape

prodotto/uva da tavola

Of course, markets all differ: some, like England, are

very demanding in terms of product quality, types

of packaging and certifi cation like Globalgap for

good agricultural practices, Ifs and BRC for food

Safety, and are, of course, prepared to pay higher

prices, while others, like Poland, the Czech Republic,

Romania, Hungary, Lithuania, Croatia and the other

countries of the former Yugoslavia are content with

lower quality but less expensive grapes packaged

with less care, even in bulk in boxes of 10 kg suitable

for their local markets. Puglia is one of the few areas

in the world, among all those producing table grapes,

able to offer such a wide and varied range of quality

and packaging».

Calls for tax relief and reductions in social security

contributions

According to Suglia, the current world market for table

grapes is satisfactory for consumers and importers,

but less so for producer-packers.

«An excessive expansion of supply in the global market

is forcing prices lower, even in the case of packaged

grapes. At the same time costs are continually

rising, especially those of electricity (for refrigerator

units), diesel fuel and packaging. And the pressure on

prices in the global market prevents us from compensating

for this by raising prices. That is why we are

asking national and European institutions for effective

action, not in terms of economic incentives, but of

tax relief: reductions in the excise duty on diesel, in

social security contributions and in income tax. We

are asking that greater attention be paid to agriculture

and in particular to the fresh fruit and vegetable sector,

a resource that sustains many other sectors of

production».

In the meantime, while awaiting government action,

Suglia invites Puglia’s producer-packers to operate

in ways that favour the development of the sector. In

particular he wants them to be more critical in their

attitude towards seedless varieties.

«There are signs that the enthusiasm of recent years

for the development of the seedless market is now

beginning to wane. In the absence of planning, the

danger of overproduction, of an excess of supply with

respect to demand, has long been feared. With the

world economy now in recession, not all consumers

can pay high prices for seedless grapes, which cost

more to produce both because their average yield

per hectare, 150 q, is about half that of the grapes

with seeds ( 300 q), and because their packaging in

500 g baskets with a lid, is more labour consuming.

The imbalance between the two types of grape was

particularly marked this year: faced with more competitive

seedless Spanish and Greek grapes, some

Apulian grapes remained in cold storage».

(English version by Lawrence Smith)

52 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

APEO members are the biggest producer-packers in Puglia

of both grapes and cherries.

I soci Apeo sono anche i più grossi produttori-confezionatori

pugliesi non solo di uva da tavola, ma anche di ciliegie.

«Il mercato globale, ampliando a dismisura l’offerta,

abbassa i prezzi dell’uva, benché sia anche confezionata.

Invece i costi, soprattutto quelli per energia

elettrica (funzionamento delle celle frigo), gasolio per

i trasporti e imballaggi, sono in continua crescita. E

proprio l’appiattimento verso il basso causato dal mercato

globale ci impedisce di ribaltare tali aumenti sui

prezzi. Ecco perché chiediamo alle istituzioni nazionali

ed europee un segnale forte, non in termini d’incentivi

economici, ma di sgravi fi scali e contributivi: le

accise sul gasolio, i contributi Inps, le deduzioni Irpef.

Chiediamo maggiore attenzione verso l’agricoltura e

in particolare l’ortofrutta fresca, risorsa che alimenta

numerosi altri settori produttivi».

In attesa di uno «scatto propositivo istituzionale»

Suglia invita i produttori-confezionatori pugliesi a

operare con giudizio per lo sviluppo del comparto. In

particolare cerca di ricondurli a valutazioni più critiche

sulle apirene.

«L’entusiasmo degli anni scorsi per lo sviluppo del

loro mercato mostra segni di cedimento. Il pericolo

da tempo temuto è la sovrapproduzione, l’eccesso

di offerta rispetto alla domanda, frutto dell’assenza

di programmazione. Poiché l’economia mondiale è

in fl essione, non tutti i consumatori possono pagare

prezzi alti per le apirene, che accusano costi più

elevati sia perché la resa media per ettaro, 150 q, è

circa la metà di quella delle uve con semi, 300 q, sia

perché esigono un confezionamento più laborioso, in

cestini da 500 g con coperchio. Quest’anno lo squilibrio

è stato netto: di fronte all’offerta di uve apirene

spagnole e greche, più concorrenziali, parte dell’uva

pugliese è rimasta nelle celle frigo».


. Il controllo della movimentazione.

. Control of moving.

CM ha fatto della movimentazione agricola e industriale un solido sistema di qualità totale, fondato

interamente sulla competenza ed il know how. L'ampia gamma di prodotti sono il risultato dell' investimento

nella continua e costante ricerca dell'innovazione tecnologica.

CM has shaped agricultural and industrial moving into a solid system of total quality, based entirely on competence

and know-how. Our wide range of products is the result of investments in ongoing and constant research

in technological innovation.

Excellence in motion

C.M. srl - Via Bedazzo, 39 - 48022 LUGO (RA) Italy - Tel. +39 0545 34134 - Fax +39 0545 32117

www.cm-elevatori.it - cm@cm-elevatori.it

Sollevare, trasportare, rovesciare

Lifting, moving, tipping


product/kiwi fruit

prodotto/actinidia

Kiwi: Italy fi rst in Europe

Kiwi: Italia prima in Europa

Silvia Zucconi – Nomisma

Italy’s crop plays the leading role with a nearly 70% of the northern hemisphere’s

production. China tops the world rankings

La produzione italiana ha un ruolo di primo piano, poiché rappresenta circa il 70% di

quella dell’emisfero Nord. Cina in testa alla classifi ca mondiale

Italy’s 2011 crop of 448,232 tons makes it the leading

kiwi producer in Europe. A look at the world

chart shows China in the top slot with a crop that

is just over Italy’s at about 470 thousand tons. 1

Following China and Italy in the rankings are New

Zealand and Chile. The up and coming player in the

global arena right now is Greece, which has exported

85% of its crop at a price below that of Italy’s.

Italy is easily the leading producer in the northern

hemisphere, accounting for nearly 70% of the mar-

1 World kiwifruit review.

54 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Italia, con 448.232 tonnellate nel 2011, è il primo

L’ produttore di kiwi in Europa. A livello mondiale in

testa alla classifi ca c’è la Cina, con una produzione di

poco superiore a quella italiana – circa 470mila tonnellate1

. Dopo il colosso cinese, si attestano l’Italia, appunto,

Nuova Zelanda e Cile. Nello scacchiere competitivo sta

cominciando, inoltre, a inserirsi anche la Grecia: nelle

ultime due campagne ha esportato l’85% della produzione

interna, con un prezzo inferiore di vendita rispetto

a quello italiano.

1 World kiwifruit review.


ket. Yet, the world-wide forecast for kiwi shows

clouds on the horizon, with projections indicating

a 15-17% decline due to bacterial attacks of the

vines. 2 Then too there’s another factor affecting

Italy’s 2012 crop, especially the plantations

in Piedmont and other northern districts: the late

February frosts interfered with shoot growth and a

severe April hail storm completed the job by devastating

whatever crop the vines might have yielded. 3

Some 54% of Italy’s kiwi crop, or 243 thousand

tons, comes from plantings in northern districts

and 30%, or 134.7 thousand tons, from centralarea

districts. The most widely grown cultivar is

Hayward. Lately, a group of nine domestic producers

formed a consortium that today accounts for

more than a 100 thousand tons of Hayward, or

about 20% of the country’s crop. 4

Acreage

There are currently more than 22 thousand hectares

under kiwi in Italy. The overall trend mirrors that for

yield as 51% of the acreage, or 11,510 hectares,

is in northern districts, the leaders being Piedmont

at 4,950 hectares, Emilia-Romagna at 3,250 and

Veneto at 3,200. The districts in the central area

account for 36%, although it should be noted that

nearly 90% of this acreage lies in Latina Province,

which alone has 7,200 hectares under kiwi and is

2 CSO estimates that the drop due to vine infection ranges anywhere form 10%

to 50% of the crop compared to healthy plantings. Yet, account should also

be taken of the social and employment implications such a crop decline may entail.

3 Projections show a plunge of 80% in Piedmont.

4 Spreafi co, Naturitalia, Salvi-Unacoa, Granfrutta Zani, Frutta C2, Orogel Fresco,

Pempacorer, Minguzzi and Consorzio Kiwigold.

La produzione italiana ha un ruolo di primo piano poiché

copre circa il 70% di quella di tutto l’emisfero Nord. A

livello mondiale le previsioni per il kiwi non sono positive:

è previsto un calo produttivo del 15-17% a causa di una

batteriosi che ha colpito i frutteti 2 . In Italia c’è un altro

fattore di contrazione della produzione 2012, soprattutto

nelle regioni del Nord (Piemonte in primis): le gelate

tardive di febbraio hanno complicato la germogliazione

delle piante e una forte grandinata ad aprile ha rovinato

defi nitivamente i raccolti 3 .

2 Il CSO ha stimato che le aziende colpite da batteri osi abbiano avuto un calo

produttivo compreso tra il 10% e il 50% rispetto a quelle non colpite.

Accanto alle ripercussioni produttive, sicuramente le implicazioni occupazionali

e quindi sociali non sono da sottovalutare.

3 In Piemonte si stima un calo produttivo dell’80%.

TAB. 1 – ITALY’S MAIN KIWI EXPORT MARKETS (TON)

TAB. 1 – PRINCIPALI MERCATI DI DESTINAZIONE DEL KIWI ITALIANO (T)

2009 2010 2011 % sul exp 2011 Var. 2010-2011

WORLD/Mondo 378.122 372.232

di cui:

365.956 -1,7%

Germany/Germania 74.318 75.769 65.451 17,9% -13,6%

Spain/Spagna 58.241 46.728 46.778 12,8% 0,1%

France/Francia 36.209 27.407 23.394 6,4% -14,6%

Poland/pPolonia 19.396 20.326 22.506 6,1% 10,7%

Russia/Russia 15.295 16.764 16.903 4,6% 0,8%

UK/Regno Unito 19.511 15.952 15.469 4,2% -3,0%

US/Stati Uniti 12.211 10.687 14.738 4,0% 37,9%

Holland/Olanda 18.313 14.834 13.653 3,7% -8,0%

Brazil/Brasile 4.403 7.892 11.818 3,2% 49,7%

Lithuania/Lituania 6.356 12.276 10.260 2,8% -16,4%

Belgium/Belgio 11.117 12.571 9.413 2,6% -25,1%

Other/Altri Paesi 102.752 111.026 115.573 31,6% 4,1%

Source: Global Trade Atlas data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma su dati Global Trade Atlas

Figure 1 – Italy’s kiwi cropo (2011, ton)

Figura 1 – Italia: produzione di kiwi (2011, t)

Centre/Centro

8067,0

36%

South/Sud

2934,0

13%

Source: Istat data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma su dati Istat

North/Nord

11510,0

51%

22.511 hectares cultivated

ettari coltivati

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

55

product/kiwi fruit

prodotto/actinidia


product/kiwi fruit

prodotto/actinidia

thus the country’s main production hub.

Italy exports 75% of its kiwi crop. Its 2011 exports

amounted to over 365 thousand tons, a 1.7% dip on

the year before. Germany and Spain are its main kiwi

trading partners.

In fact, Germany imported more than 65 thousand

tons of Italian kiwi in 2011, or 18% of its total kiwi

exports, although this fi gure represented a slide of

Figure 2 – Italy’s kiwi acreage (2011-2012, hectare)

Figura 2 – Italia: superfi ci coltivate a kiwi (2011/2012, ha)

Centre/Centro

134775,0

30%

North/Nord

243243,0

54%

Source: Istat data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma su dati Istat

South/Sud

70214,0

16%

448.232 tons produced

tonnellate prodotte

56 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Il 54% della produzione arriva dalle regioni del Nord

del Paese (oltre 243mila tonnellate di kiwi), seguono

le regioni del Centro (134,7 mila tonnellate, 30%). La

varietà principalmente coltivata in Italia è la Hayward.

Di recente, nove produttori 4 italiani hanno costituito un

consorzio che complessivamente ha una produzione di

oltre 100mila tonnellate di kiwi Hayward (circa il 20%

della produzione italiana).

Le superfi ci coltivate

In termini di superfici, sono oltre 22mila gli ettari

coltivati a kiwi in Italia. Come accade per la produzione,

al Nord si concentra oltre la metà dell’area

coltivata (11.510 ettari, 51%); le regioni con le

superfici più ampie sono Piemonte (4.950 ettari),

Emilia-Romagna (3.250) e Veneto (3.200). Le

regioni del Centro detengono il 36% delle superfici

coltivate, anche se va ricordato che quasi il 90% di

tale macroarea è concentrata in una sola provincia,

Latina, che con 7.200 ettari coltivati a kiwi è il principale

polo produttivo italiano.

Il 75% della produzione italiana viene esportata. Nel

2011 le esportazioni sono state di oltre 365mila tonnellate,

in lieve contrazione con quanto registrato nel 2010

4 Spreafi co, Naturitalia, Salvi-Unacoa, Granfrutta Zani, Frutta C2, Orogel Fresco,

Pempacorer, Minguzzi, Consorzio Kiwigold.


TAB. 2 – KIWI EXPORTERS TO ITALY (TON)

TAB. 2 – PROVENIENZA DELLE IMPORTAZIONI ITALIANE DI KIWI (T)

2009 2010 2011 % sul exp 2011 Var. 2010-2011

WORLD/Mondo 54.868 52.755

di cui:

48.281 -8,5%

Chile/Cile 32.946 29.273 23.663 49,0% -19,2%

New Zealand/Nuova Zeland 15.286 17.456 16.882 35,0% -3,3%

Belgium/Belgio 2.021 1.475 2.661 5,5% 80,4%

Greece/Grecia 1.105 1.327 1.590 3,3% 19,8%

Spain/Spagna 617 550 1.167 2,4% 112,2%

Holland/Olanda 1.920 1.233 1.103 2,3% -10,5%

Argentina/Argentian 231 355 416 0,9% 17,2%

Germany/Germania 258 431 353 0,7% -18,1%

Slovenia/Slovenia 311 297 175 0,4% -41,1%

France/Francia 119 244 113 0,2% -53,7%

Other/Altri PAesi 54 114 158 0,3% 38,6%

Source: Global Trade Atlas data reworked by Nomisma

Fonte: elaborazioni Nomisma su dati Global Trade Atlas

12% in receipts compared to 2009 and of 13.6%

vis à vis 2010. Spain accounted for 13% of exports

in 2011, or nearly 47 thousand tons, although here

there has been a real plunge of 10 thousand tons

since 2009. Exports to France, the third-ranked trading

partner for kiwi, have also shown a progressive

slump, with receipts dropping 14.6% last year alone.

By contrast, exports to Poland have been growing,

registering a solid rise of 10.7% in 2011 over the

year before on a volume of 22 thousand tons.

The biggest upward-pointing curves in 2011, however,

were posted by exports to the US, which

imported 4% of the crop for a rise of 38%, and

Brazil, which also showed a rise of 38% of imported

Italian kiwi on a volume of 11,800 tons. On the

downside, though, we see that 2011 exports fell

3% to the UK, 8% to Holland, 16.4% to Lithuania

and 25.1% to Belgium.

Italy’s kiwi imports are of modest proportions, registering

about 48 thousand tons, or some 10% of

its own crop, most of them coming from countries

in the southern hemisphere.

In fact, about 85% of Italy’s imports are from Chile

and New Zealand, the former holding a 49% share

at just under 24 thousand tons, and the latter a

35% share at about 17 thousand tons. Imports in

2011 also showed a growing trend, albeit still in

small volumes, from Belgium, up 80%, and Spain,

up 112%, whereas the opposite trend was posted

by those from France, down 53.7% where Corsica

and Aquitaine are the main producing areas, and

from Slovenia, off 41%.

(-1,7%). Germania e Spagna sono i principali mercati di

destinazione del kiwi italiano.

Sul mercato tedesco nel 2011 sono arrivate oltre

65mila tonnellate di kiwi italiano (18% delle esportazioni

italiane), registrando una frenata rispetto alle relazioni

commerciali sia del 2009 (-12% rispetto al 2011), sia

del 2010 (-13,6%). Alla Spagna è destinato un ulteriore

13% della produzione italiana (quasi 47mila tonnellate

nel 2011); negli ultimi due anni i fl ussi di export hanno

subito una brusca frenata (-10mila tonnellate rispetto

al 2009). Anche le esportazioni verso la Francia, terzo

mercato di destinazione con oltre 23mila tonnellate,

sono in progressiva fl essione (-14,6% solo nell’ultimo

anno).

Decisamente in aumento, al contrario, le esportazioni

verso il mercato polacco (22mila tonnellate nel 2011,

+ 10,7% rispetto al 2010) e soprattutto Stati Uniti (cui

arriva il 4% del kiwi italiano, +38% nell’ultimo anno) e

Brasile (11.800 tonnellate e +38%, rispettivamente).

Sul fronte opposto, invece, le esportazioni verso Regno

Unito (-3%), Olanda (-8%), Lituania (-16,4%) e Belgio

(-25,1%).

Le importazioni di kiwi sono abbastanza modeste: circa

48mila tonnellate di kiwi provenienti da altri Paesi (circa

10% della produzione), soprattutto dall’emisfero Sud.

Circa l’85% delle importazioni italiane arriva, infatti, da

Cile (poco meno di 24mila tonnellate di prodotto, 49%

dell’import del nostro Paese) e Nuova Zelanda (quasi

17mila, 35% delle importazioni italiane). In decisa crescita,

seppur i fl ussi in termini assoluti siano di modesta

entità, i kiwi che nel 2011 sono arrivati da Belgio (+80%)

e Spagna (+112%); in forte frenata invece quelli di

Francia (-53,7%, soprattutto da Corsica e Aquitania) e

Slovenia (-41%).

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

57

product/kiwi fruit

prodotto/actinidia


product/fennel

prodotto/fi nocchio

Dietetic and healthy

Fennel for all seasons

Dietetico e salutare

Finocchio ad ogni stagione

Enrico Barcella

Italy holds 90% of Europe’s yearly crop. And the new hybrids and climate differences

in growing districts ensure year round harvesting

Il 90% della produzione europea è assicurata dall’Italia. Grazie ai nuovi ibridi e alla

diversità degli ambienti climatici il periodo di raccolta è esteso a tutto l’anno

I taly produces an average 5 million tons of fennel on

nearly 22 hectares, making it Europe’s leading supplier

with more than a 90% share of the market. The

leading producer regions are Campania with 23% of

the domestic crop, Apulia with 19%, Calabria with

15% and Abruzzo with 12%. Noteworthy too in this

context is the fact that consumption is rising in Italy

and in Europe because consumers are realising that

fennel is very low in calories and high in fi bre, properties

that make it both dietetically sound and good for

your health. A passing curiosity here is that while fen-

58 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Con circa 22 mila ettari e 5 milioni di tonnellate

prodotte l’Italia copre più del 90% della produzione

europea di fi nocchi. Le regioni dove si concentrano

le maggiori produzioni sono la Campania, 23%

della produzione italiana, la Puglia, 19%, la Calabria,

15%, l’Abruzzo, 12%. Il consumo del fi nocchio sta

aumentando sia in Italia, sia in Europa, grazie alle

proprietà dietetiche e salutistiche di questo prodotto

che ha un bassissimo contenuto di calorie e molte

fi bre. Va sottolineato che, mentre in Italia per il 90%

dei casi il fi nocchio viene consumato crudo, in Francia


product/fennel

prodotto/fi nocchio

nel is eaten raw 90% of the time in Italy, consumers

in France and Germany prefer theirs cooked.

Exports now account for almost 10% of Italy’s crop

and the amount is gradually rising, with Germany and

Holland, where consumption has tripled in the last 3

years, being the principal markets.

We see the peak in fennel receipts from December

through March, when 60%-70% of the yearly crop

goes to market. Commercial grade fennel, called

Florence fennel, is a bulb-like fruit weighing between

300 and 500 grams and is sold loose in produce

departments and stalls in crates of 10, 12 or 15 bulbs

or packaged in trays.

Production is on the rise in all of Italy’s districts. Big

produce marketing companies now schedule harvests

year round using varieties marked by uniform

traits. This approach means that the fennel grown

in the upland fi elds of Fucino goes to market fi rst

from mid-June to late October, followed by the crop

marketed in November and December from the fi elds

in Apulia near Foggia, and then by the supplies running

from January to mid-June that come from upper

Lazio, Lesina, lower Molise, Andria, Metaponto, the

Sele plain, Calabria and Sicily.

The right cultivars

Fennel acreage in the districts of Lesina and Poggio

Imperiale in Apulia Region currently stands at more

than 1,500 hectares, the fruit being harvested from 15

October to the end of the following June.

Just under half of the acreage, or 600 hectares, is

cultivated in the fi elds of the member growers of the

San Michele Farms producer organisation, one of the

country’s biggest vegetable POs.

Nicola Occhionero is the PO’s agronomist who supervises

the fennel crop’s management. «We export

nearly 60% of the 30,000 tons we grow every year,

with the remainder sent to the domestic market. Our

main export partners are Germany, Holland, d, the UK

and, more recently, the Russian Federation on and

other markets in eastern Europe».

He noted too that one reason for the increas-

ing success in the export trade is yearround

supplies.

«The varieties we grow cover a 9-month

marketing window – said Occhionero. –

This obviously has a direct bearing on the

volumes sold and on consumer shopping

habits. I’d venture that aside from proper

crop management practices in the fi eld,

the key to success is growing the right

cultivars. You need varieties that have a

commercial weight of about 500 grams,

a colour as white as possible and crispycrunchy

bulb leaves. We test dozens of new w

varieties every year according to strict statistical istical

60 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

e in Germania il consumo avviene previa cottura.

L’export rappresenta circa il 10% del prodotto italiano

ed è in costante crescita. L’esportazione riguarda

principalmente Germania e Olanda, dove il consumo di

fi nocchio è triplicato negli ultimi 3 anni.

I picchi di consumo si registrano da dicembre a

marzo, periodo in cui viene utilizzato il 60-70% della

produzione annuale. Le pezzature commerciali vanno

dai 300 ai 500 grammi a cespo che consentono la

presentazione del prodotto in casse da 10 - 12 -15

pezzi oppure in vaschetta.

La produzione di fi nocchio si sta ampliando in

tutte le zone vocate: importanti gruppi commerciali

programmano una produzione continua per

tutto l’anno con varietà che hanno caratteristiche

omogenee. In questo modo si passa dall’altopiano

del Fucino, che produce da metà giugno a tutto

ottobre, a Foggia, in cui si raccoglie in novembre e

dicembre, mentre da gennaio a metà giugno le zone

di produzione sono l’Alto Lazio, la zona di Lesina, il

basso Molise, Andria, Metaponto, la piana del Sele,

la Calabria e la Sicilia.

Varietà giuste

Nei comuni di Lesina e Poggio Imperiale, in Puglia, si

coltivano oltre 1.500 ettari di fi nocchio con raccolta a

partire dal 15 ottobre fi no a fi ne giugno.

La metà circa della superfi cie complessiva coltivata

a fi nocchio, 600 ettari, è realizzata dall’OP Azienda

Agricola San Michele, una delle maggiori realtà di produzione

orticola italiane.

Nicola Occhionero è l’agronomo che segue le coltivazioni

di fi nocchio: «Delle circa 30.000 tonnellate che

produciamo, il 60% sono destinate all’esportazione

e il resto al mercato interno. Le piazze estere dove

la domanda è più forte sono la Germania, l’Olanda,

l’Inghilterra e, da alcuni anni, la Federazione Russa e i


approaches. We’ve found over the years that another

key asset cultivars need is resistance to washing

and packaging. We set up a joint effort with a leading

manufacturer of handling lines and designed an

automatic sorting unit that also washes the bulbs four

times. Another important factor in crop quality is food

safety. This is an especially critical factor for the big

supermarket chains and has resulted in lowering the

amounts and number of spray treatments well below

EU regulations. Indeed, the big chains in Germany no

longer want any detectable residues above the fourmolecule

limit of any active ingredient».

Summer crop

The fi elds of the Abruzzo Region’s Fucino plateau

enjoy all the benefi ts of weather patterns that at a

700-metre elevation are perfect for a top-quality summer

fennel crop.

Current acreage in the area is approximately 2,000

hectares and yields amount to 5000 tons of fennel.

Much of the crop comes from seed so as to achieve

a root system that ensures maximum assimilation of

water to protect the crop during periods of summer

drought conditions.

Antonio Civitani, a farmer based at Luco dei Marsi in

Aquila Province, grows and markets an average yearly

crop on 50 hectares. «This year we had a good crop

and a good farmgate in June, which was over €1 for

per packed kilo. Like all good things, though it didn’t

last for long, as prices fell steadily afterwards to 50

euro cents a kilo by September. Let me pint out too

that our overhead here, including picking costs, run to

about €3,000 per hectare for a sown crop and €5,000

for transplants. Then you have to add the costs for

sorting, packing and transport, which run the tab up

to €1 a kilo».

Most of the crop grown in these highland fi elds is earmarked

for domestic consumption, which continues

to be strong. The leading export markets are France,

Germany and, more recently, copuntries in eastern

Europe.

(English version by David Verzoni)

paesi dell’Est Europa».

Sull’allargamento dei consumi all’estero ha inciso la

destagionalizzazione della produzione.

«Con le varietà che coltiviamo copriamo un arco

produttivo di nove mesi – osserva Occhionero – e

questo incide sia direttamente sulle quantità vendute

sia sull’abitudine al consumo. A parte una buona

tecnica produttiva, al primo posto vi è la scelta

delle varietà giuste: pezzature sui 500 grammi,

colore bianchissimo, costa croccante. Ogni anno

mettiamo in prova decine di cultivar con test ripetuti

secondo precisi schemi statistici. Importantissima

è la fase di selezione lavaggio e confezionamento.

In collaborazione con un’azienda leader del

settore abbiamo progettato e messo in funzione

una calibratrice automatica che lo seleziona e lo

sottopone a ben quattro lavaggi. Un altro fattore di

qualità è dato dalla sicurezza sanitaria del prodotto.

Sopratutto per la Gdo questo aspetto è divenuto

una discriminante, tanto da portare i limiti di utilizzo

dei fi tofarmaci molto al di sotto di quelli previsti dalla

normativa europea. Recentemente la Gdo tedesca

ha chiesto che non siano rintracciabili sul prodotto

più di quattro molecole di fi tofarmaci».

Coltivazione estiva

In Abruzzo, nell’altopiano del Fucino, grazie alle condizioni

climatiche determinate da un’altitudine di circa

700 metri, si ottengono produzioni estive di grande

qualità.

Complessivamente, vengono destinati a questa coltivazione

circa 2.000 ettari che danno origine a 50.000

quintali di prodotto. La coltivazione è spesso realizzata

mediante semina per ottenere un apparato radicale

fi ttonante che garantisce una maggior capacità di assimilare

acqua e, quindi, di superare periodi caldi.

Antonio Civitani, di Luco dei Marsi in provincia dell’Aquila,

annualmente coltiva e commercializza mediamente

50 ettari di fi nocchio: «Quest’anno le produzioni

sono state buone e a giugno anche i prezzi, superiori a

un euro al chilogrammo per il prodotto imballato, sono

stati gratifi canti. Ma è durata poco, perché i prezzi

sono andati man mano calando fi no alle partite di settembre

che sono state pagate 50 centesimi. Bisogna

tenere in considerazione che i costi fi no al raccolto si

aggirano intorno ai 3.000 euro per ettaro se si ricorre

alla semina, 5.000 se si ricorre alla piantina. Poi ci sono

i costi di raccolta selezione e trasporto e si arriva così

a un euro il chilogrammo».

Per quanto riguarda i mercati di destinazione, la maggior

parte della produzione rimane sul mercato interno,

che si mostra sempre attivo; per l’estero la domanda

viene da Francia, Germania e, recentemente, anche

dai paesi dell’Est.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

61

product/fennel

prodotto/fi nocchio


isr/Food Bazaar (Usa)

gdo/Food Bazaar (Usa)

Food Bazaar, a home from home

that realizes the American dream

Food Bazaar, una casa

per realizzare l’american dream

Daniele Tirelli

With 80 thousand products, Food Bazaar answers the needs of a multicultural

society and of immigrants who do not want to sever their last ties with the past

and their country of origin

Con 80mila referenze risponde alle esigenze di una società multiculturale, agli immigrati

che non vogliono recidere gli ultimi legami con il passato e il Paese d’origine

Bogopa is a name unknown to our business community

but it designates one of the most surprising

innovations in the fi eld of U.S. food distribution.

This company manages Food Bazaar whose slogan

is “My Home Away From Home”. It seeks to meet all

the needs of a family belonging to a particular ethnic

group or loyal to some foreign cuisine. Thus, in any

one of its seventeen large superstores located in the

Tri-State (New York, New Jersey and Connecticut),

a Peruvian family desirous of “papa seca” (peruvian

dried potatoes) to prepare a true “carapulcra” can

actually fi nd it. If the family is Guatemalan and loves

“rellenitos de plantain” it can fi nd the ingredients to

Exterior view of Food Bazaar.

L’esterno di Food Bazaar.

62 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Bogopa è un nome sconosciuto alla nostra business

community, e invece nasconde una delle

più sorprendenti novità nel campo della distribuzione

alimentare statunitense. Questa società gestisce l’insegna

Food Bazaar che ha come slogan “My Home

Away From Home”.

Cerca cioè di rispondere a tutte le esigenze di una

famiglia di consumatori legata a una particolare etnia

o a uno stile nutrizionale nazionale. Pertanto, in ognuno

dei suoi diciassette grandi superstore ubicati nel

Tri-State (New York, New Jersey, Connecticut) una

famiglia peruviana che desideri papa seca (un agglomerato

di farina di patate) per preparare una vera

“carapulcra”, può effettivamente trovarla. Se invece

la famiglia è guatemalteca e ama i “rellenitos de plantano”

trova egualmente le basi per farlo. Se proviene

dal Mexico e necessita di huitlacoche per fare favolosi

tamales, nessun problema, anche in questo caso

sarà accontentata, al pari dei consumatori polacchi

desiderosi di un buon Barszcz, o vietnamiti o indonesiani

o perché no, italiani.

Prodotti per culture diverse

Food Bazaar riempie un altro interstizio di un universo

commerciale estremamente variegato ed è facile intuire

quale sia la distanza tra il genere di customer service

implicito in una simile proposta assortimentale e quello

diffuso nel nostro Paese. Da noi le prugne sono sbrigativamente

liquidate come “gialle, rosse e nere” e l’uva

è Italia o Regina. Al contrario Food Bazaar distingue

le reali differenze culinarie tra Messico, Guatemala e

Perù che noi accomuneremmo in un tutt’uno defi nito

“sudamericano”.


Welcome home: home from home for a family far from its country of origin and loved ones.

Benvenuto a casa: tante opportunità per una famiglia lontana dalla sua patria e dagli affetti.

make it. If it comes from Mexico and requires “huitlacoche”

to make fabulous tamales, no problem, even in

this case the family will be satisfi ed, just as will Polish

consumers desiring a good Barszcz, or Vietnamese

consumers, Indonesians or, for that matter, Italians.

Products from different cultures

Food Bazaar fi lls a gap in an extremely variegated

commercial universe and it is easy to guess how different

is the kind of customer service implicit in such

a product assortment from that widespread in Italy. In

Italy plums can be summarily categorized as “yellow,

red and black”, and grapes as Italia or Regina. In contrast,

Food Bazaar distinguishes the real culinary differences

between the cuisines of Mexico, Guatemala

and Peru that we lump together as “South American”.

Innumerable sociological studies have shown that

immigrants are typically more demanding, attentive

to, and knowledgeable about the quality of the fresh

produce that they buy for utilization in their traditional

home cooking. In consequence, the job of managing

an adequate supply of vegetables such as Malanga

Coco, Kabucha, Yucca, Tomatillo, Artocarpus (breadfruit)

or the problematic Durian, to name just a few of

the products involved, is far from simple.

According to Food Bazaar, “We do not just sell groceries,

rather we respond to the complexity of the

many cultures we serve”. Aware of the multicultural

mix that that is being created in the states in which

it operates, and of the effects of globalization, Food

Innumerevoli studi sociologici dimostrano che il pubblico

degli immigrati è tipicamente più esigente,

attento e competente circa la qualità del prodotto

fresco che acquista per poi elaborarlo nella propria

cucina casalinga tradizionale. Dunque gestire un’offerta

soddisfacente di vegetali come Malanga Coco,

Kabucha, Yucca, Tomatillo, Artocarpus (l’albero del

pane) o il problematico Durian, per fare solo pochi

nomi, è per nulla semplice.

Dunque, affermano in Food Bazaar, “noi non vendiamo

grocery, ma diamo una risposta alla complessità

delle tante culture che serviamo”. Consapevole

dell’intreccio multiculturale della società che si sta

formando negli stati in cui opera e degli effetti della

globalizzazione, l’insegna fornisce una risposta a

quelli che non vogliono recidere gli ultimi legami con il

passato e il Paese d’origine, perseverando nelle loro

abitudini alimentari.

Ecco la ragione dell’enorme reparto pescheria che

annuncia la presenza di pesce chirurgo, di pompano,

butter fi sh, pesce pappagallo, ling whiting e tante altre

specie (fresche e surgelate), nonché di una sequenza

di bivalvi e crostacei da far invidia ad un acquario.

A completamento, anche un bel numero di vasche

con pesce vivo: dalla tilapia, a vari tipi di aragoste e

granchi che i clienti possono scegliere direttamente.

Altrettanto impressionante è la macelleria delle carni

fresche che rifl ette con il suo numero enorme di preparazioni

le altrettanto innumerevoli ricette inventate

in ogni parte del mondo.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

63

isr/Food Bazaar (Usa)

gdo/Food Bazaar (Usa)


isr/Food Bazaar (Usa)

gdo/Food Bazaar (Usa)

A huge variety of goods is displayed in a way that is orderly,

functional, and yet picturesque.

Un’immensa quantità di merce è esposta in modo ordinato,

funzionale, ma allo stesso tempo pittoresco.

Bazaar has opted to meet the needs of those who do

not want to sever their last ties with the past and with

their country of origin and maintain them by preserving

their traditional eating habits.

And that’s why Food Bazaar stores have huge fi sh

departments proclaiming the presence of surgeon

fi sh, pompano, butter fi sh, parrot fi sh, ling whiting

and many other species (both fresh and frozen), not

to mention a range molluscs and crustaceans that

would be the envy of any aquarium. And to complete

their range there are a good number of tanks with live

fi sh: from tilapia to various types of lobsters and crabs

- and customers can choose directly from the tank.

Equally impressive is the meat department where

fresh meat is prepared in a vast number of different

ways which refl ect the equally numerous recipes

invented in every part of the world.

A home from home

Here “home” is not a rhetorical concept but means

recognition of the way in which eating together every

evening or on festive occasions keeps a family together

when it is far from its country of origin and from

loved ones, in a social context that is often hard, diffi -

cult and divisive. Food Bazaar’s family of reference is

of course lower middle class, made up of people who

work hard in the industrial suburbs of New Jersey and

New York, blue collar workers struggling to take their

fi rst steps towards their American dream, which for

them means eating abundantly according to their own

customs and traditions. In short, Food Bazaar’s target

is the population of “underserved” communities living

in the Bronx, Brooklyn and Trenton.

Curiously, Bogopa was founded by a Korean, Francis

An, who emigrated to Argentina before becoming an

American citizen, and who choose to target not his

own ethic group, as might be expected, but all the

constituent elements of that multicultural melting pot

that is the Tri-State. A second peculiarity of Food

Bazaar is that its huge international assortment, not

only of perishable products, but also of products of

all imaginable brands, is also beginning to attract a

64 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Food Bazaar seeks to meet all the needs of a family belonging

to a particular ethnic group or loyal to a foreign cuisine

Food Bazaar cerca di rispondere a tutte le esigenze di una famiglia

di consumatori legata a una particolare etnia o a uno stile nutrizionale

nazionale.

Una casa per chi è lontano

Home, casa è, in questo caso, un concetto non retorico,

ma qualcosa che, in un ambiente sociale duro e

spesso disgregante, vede nella cena collettiva di ogni

sera o nella tavola delle festività uno dei collanti per

una famiglia lontana dalla sua patria e dagli affetti. La

famiglia di riferimento di Food Bazaar naturalmente è

quella di ceto medio basso, fatta di persone che lavorano

duramente nelle periferie industriali del New Jersey

e di New York, dei blue collar, degli occupati nei servizi

che lottano per realizzare i primi step del loro american

dream: ovvero mangiare abbondantemente secondo i

propri usi e costumi. Il target insomma è la popolazione

delle “underserved” communities che vivono nel Bronx,

a Brooklyn, a Trenton.

È curioso il fatto che Bogopa sia un’azienda privata

fondata da Francis An emigrato coreano in Argentina

e poi cittadino americano il quale individuò come

target non i suoi connazionali, ma tutte le componenti

multiculturali che sono affl uite nel crogiuolo sociodemografi

co del Tri-State.

Una seconda peculiarità di Food Bazaar è che l’enorme

assortimento internazionale, non solo di prodotti

deperibili, ma anche di prodotti confezionati di tutte le

marche comincia ad attirare anche una clientela pienamente

integrata nel contesto americano. Cresce cioè la

curiosità per la cucina esotica e per quel che di strano

ed enigmatico viene diffuso dalla continua rivoluzione

nei trasporti e nei commerci. Questo interesse può


The huge fi sh department with surgeon fi sh, pompano,

butter fi sh, parrot fi sh, ling whiting and other species.

L’enorme reparto pescheria con pesce chirurgo, pompano,

butter fi sh, pesce pappagallo, ling whiting e tante altre specie.

clientele that is fully integrated into American society.

A growing curiosity about exotic cuisines and about

what is strange and enigmatic is being spread by a

continuous revolution in transport and trade. And this

is a curiosity that can be satisfi ed at very reasonable

prices by departments overfl owing with goods in Food

Bazaar’s 5-6 thousand sq m specialized superstores.

Something for everyone

So, even the cosmopolitan middle and upper classes

may have a good reason to undertake a journey of

discovery amongst the cuisines of the world - and

Food Bazaar makes that a concrete possibility. The

name might sound unattractive to our ears because

of associations with disorder and poor quality, but it

is one that is often used in the Far East and which

has quite different connotations for Food Bazaar’s

customer base, to whom the store has made a promise:

“We want to offer you an experience, the most

enjoyable possible, and we want your family’s money

to be well spent”.

The most immediately striking aspect of Food Bazaar

is the sheer quantity of goods on display, and what is

more, in an ordered, functional manner that is at the

same time picturesque. Having passed beyond the

great banners with the fl ags of dozens of countries that

welcome visitors with “Welcome Home”, the customer

begins a journey literally lined by entire walls of goods.

This is a kind of merchandising that is typical of the East

Coast and which, unlike the more refi ned Californian

style, does not seem to satiate the public even with

70-80 thousand products on offer. For us, worried about

our waistlines, it is diffi cult imagine the sensations of an

immigrant newly arrived in the U.S., for whom this overabundance

is the crystallization of a dream of freedom,

fi rst and foremost from food shortages. In this sense we

can say that Food Bazaar constitutes one of many versions

of the American dream.

(English version by Lawrence Smith)

Tanks with live fi sh: from tilapia to various types of lobsters

and crabs. Customers can choose directly from the tank.

Le vasche con il pesce vivo: dalla tilapia, a vari tipi di aragoste

e granchi che i clienti possono scegliere direttamente.

essere soddisfatto, peraltro a prezzi molto ragionevoli,

nei reparti stracarichi di merce di questi superstore specializzati

di 5-6mila m2.

Un’esperienza per tutti

Dunque, anche per le classi medio-alte di cultura

cosmopolita può esservi una giustifi cazione per un

viaggio esperienziale tra le cucine del mondo. Tutto ciò

si concretizza sotto l’ insegna Food Bazaar che ai nostri

orecchi potrebbe suonare poco attraente in quanto la

parola evoca il disordine e la scarsa qualità. Al contrario,

questo nome è usato spesso nei Paesi del Far East e

suona in tutt’altro modo per la sua clientela abituale alla

quale viene formulata una promessa molto esplicita:

“vogliamo offrirti un’esperienza, la più piacevole possibile

e desideriamo che i soldi della tua famiglia siano

spesi bene”.

L’aspetto che di Food Bazaar colpisce immediatamente

è la quantità abnorme di merce esposta peraltro in

modo ordinato, funzionale, ma allo stesso tempo pittoresco.

Oltrepassato il grande banner con le bandiere

di decine di Stati che accolgono il visitatore con un

“Welcome Home”, s’inizia un percorso che attraversa

letteralmente pareti intere di merci. Si tratta di un merchandising

tipico della East Coast che, a differenza delle

raffi natezze californiane, pare non saziare il pubblico

neppure con 70-80mila referenze in assortimento. Per

noi, abitualmente preda delle ansie per la nostra linea,

è diffi cile vivere le sensazioni di un immigrato negli Usa

che, al contrario, vede in questa sovrabbondanza il concretizzarsi

di un sogno di libertà, in primo luogo, dalle

ristrettezze alimentari. In questo senso si può affermare

che anche Food Bazaar costituisce una delle tante versioni

dell’american dream.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

65

isr/Food Bazaar (Usa)

gdo/Food Bazaar (Usa)


Fresh packaged sells

despite the recession

Il confezionato tira

nonostante la crisi

Dario Casati e Lucia Baldi

Sales volumes and turnover up despite a slumping 2011. Discount and conventional

outlets expand, but big retail’s still the most economical

Incrementano volume e fatturati delle vendite malgrado un 2011 molto diffi cile. In

espansione discount e negozi tradizionali, ma la gdo resta più conveniente

T he effects of the recession have acted as a

sump hole, pulling all sectors of the economy

down, with its dynamics affecting even the main

macroeconomic variables. Italy’s gross domestic

product shrank for the third straight quarter, underscoring

the strength of the grip the recession had

on 2011 and continues to exert in 2012. While the

GDP grew 0.4% in 2011, the projections for 2012

66 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Sotto i colpi della crisi tutti i settori dell’economia

arretrano per effetto di una dinamica che sta

coinvolgendo le principali variabili macroeconomiche.

Il prodotto interno lordo del nostro Paese arretra per

il terzo trimestre consecutivo confermando lo stato

di recessione in cui si è chiuso il 2011 e si è aperto

il 2012. Nel 2011 il Pil è cresciuto dello 0,4% mentre

le previsioni indicano che quest’anno si chiuderà con


THE MARKET AT A GLANCE

IL MERCATO IN PILLOLE

766 milioni di €: valore del mercato 2011 (+4% vs 2010)

97,6 milioni di kg: volumi venduti 2011 (+5,1% vs 2010)

18% valore IV gamma su tot. ortofrutta nel 2011 (8% nel 2005)

2% valore IV gamma su tot. food nel 2011 (0,7% nel 2001)

68% quota a marchio del distributore nel 2010

see a 1.5% contraction on the year and a weak

rebound only in 2013, in the order of 0.4%.

It’s a situation in which consumer spending showed

a dip of 0.8% in 2011, including groceries. Indeed,,

generally speaking, it even evinced an anti-cyclical

trend, sliding 1.3% more than that for other goods

and services. This is further proof of the fact that

the country’s consumers are attributing less importance

today than in the past to satisfying their

demand for essential necessities, thereby bringing

to the fore particularly interesting food for thought.

Once again, however, the trade in fresh-cut and

minimally processed foods has continued its

growth trend, with turnover up 4% over 2010,

which was up 6% over 2009, and sales volumes

up 5.1% against the 7.3% rate of the year before

(see table).

Crop trends

The star performer of the fresh-cut trade is lettuce.

It still retains the biggest market share at

nearly 70% despite a slight dip due largely to the

continuous introduction of new items with different

contents in their bags. In effect, more and more

consumers are looking for fresh-cut products that

add new ingredients to the usual lettuce. This is

especially true in the summer months and these

items provide added value to the products on sale.

The curly-leaf types are the best selling lettuce,

Market turnover of €766 million in 2011 (+4% vs 2010)

97.6 million kg: 2011 sales volume (+5,1% vs 2010)

18% value for fresh-cut IV gamma of total produce in 2011 (8% in 2005)

2% value for fresh-cut of total food in 2011 (0.7% in 2001)

68% share for distributor private label in 2010

Source: Nielsen TradeMis, Ismea-ACNielsen data reworked by authors/ Fonti: Nielsen TradeMis, Ismea-ACNielsen e nostre elaborazioni

Figure 1 - Fresh-cut curly leaf lettuce

Figura 1 - Insalate a cespo per la IV gamma

Curly endive & Escarole

Indivia riccia e Indivia Scarola

15%

Lettuce (Iceberg, Romaine, Butterhead, Lollo)

Lattughe (Iceberg, Romana, Cappuccio, Lollo)

25%

Source: AOPUNOLOMBARDIA data reworked by authors

Fonte: nostre elaborazioni su dati AOPUNOLOMBARDIA

Chicory and Radiccho

Ciorie e Radicchio

60%

un arretramento dell’1,5 rispetto all’anno precedente,

mentre un timido segno positivo si profi lerà solo per il

2013, con un incremento dello 0,4%.

In questo contesto anche i consumi nel 2011 sono

stati in fl essione dello 0,8%, compresi quelli alimentari,

in genere contraddistinti da un andamento anticiclico,

che sono scesi dell’1,3%, addirittura più degli altri consumi

di beni e servizi a conferma del fatto che il nostro

consumatore assegna un ruolo meno rilevante che in

passato al soddisfacimento dei bisogni essenziali. Si è

aperto, dunque, uno scenario di particolare interesse.

I prodotti di IV gamma presentano, ancora una volta,

un andamento positivo, con un incremento del valore

dei consumi del 4% rispetto al 2010, che era cresciuto

del 6% in confronto al 2009, e dei volumi venduti pari

al 5,1%, contro il precedente 7,3% (vedi tabella).

La dinamica produttiva

Nella IV gamma le insalate rappresentano ancora la

quota maggiore (circa il 70% del totale) pur seguendo

un lieve trend decrescente dovuto alla continua introduzione

di prodotti diversi all’interno delle buste vendute.

Infatti, sempre più i consumatori, specialmente

nella stagione estiva, richiedono prodotti di IV gamma

dove, assieme alle classiche insalate, possono trovare

altri particolari ingredienti che incrementino il valore

aggiunto della confezione acquistata.

Tra le insalate, quelle a cespo rappresentano circa il

60%, mentre le “baby leaf” il restante 40%. Bisogna

Figure 2 - Fresh-cut baby leaf salad production

Figura 2 - Produzione di insalate baby leaf per la IV gamma

Rocket

Rucola

20%

Cicorino, Spinacino, Asians

Cicorino, Spinacino, Orientali

10%

Corn salad / Valerianella

20%

Source: AOPUNOLOMBARDIA data reworked by authors

Fonte: nostre elaborazioni su dati AOPUNOLOMBARDIA

Lattughino

Lattughino

50%

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

67


Figure 3 - Sales by value by area

Figura 3 - Vendite in valore per area

Sud/Sud

13%

Centre/Centro

29% North-East/Nord-Est

20%

Source: Nielsen data reworked by authors

Fonte: nostre elaborazioni su dati Nielsen

North-West

Nord-Ovest

38%

accounting for some 60% of sales, with “baby leaf”

ones holding the remaining 40%. Note, however,

that this quantitative breakdown of share does not

take into account a rate of processing wastage that

for curly types can sometimes run as high as 50%

of a picked head before the end-product is ready

for bagging. Compare this to the nugatory rate for

baby-leaf types. Of the former, the chicory types

and radicchios account for 60% of farm crops,

followed by lettuce at 25% and endives at 15%

(figure 1). Yet iceberg is still the most widely grown

variety, enjoying widespread consumer preference

while being particularly suited to salad mixes. Of

the small wild types, loose-leaf lattughino has

garnered half the crop share, a ranking largely due

again to its being well suited to mixes with other

lettuce types, and is followed by the 20% of rocket

and 20% of corn salad (figure 2).

An expanding trade

Last year proved to be doubly difficult for the

fresh-cut sector. In effect, to the pall cast by the

general drop in consumer demand was joined by

the gloom of the Escherichia coli out break, which

had a negative ripple effect on the demand for

produce in general even though it started and was

confined to Germany.

Italian consumers were quick to react to a potential

threat of contamination involving a specific category

of food products and cut spending across

the board for every kind of fresh produce irrespective

of species, of origin, of crop management

practises and processing/storage techniques. The

upshot of all this was a marked drop in demand

for produce, a demand that only slowly recovered

thereafter. The trade’s 2011 performance was thus

arguably better than the official 4% figure might

indicate.

68 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Figure 4 - Sales by value by outlet

Figura 4 - Vendite in valore per canale

Libero servizio

18%

Discount

6%

Source: Nielsen data reworked by authors

Fonte: nostre elaborazioni su dati Nielsen

Tradizionali

4%

Super

47%

Iper

25%

tuttavia considerare che tale ripartizione, effettuata

in termini quantitativi, non tiene conto dei successivi

scarti di produzione necessari per arrivare al prodotto

fi nito, scarti che, per le insalate a cespo in alcuni casi

arrivano al 50% del prodotto raccolto, mentre sono

quasi inesistenti per le “baby leaf”. Per quanto riguarda

le prime (fi gura 1) le cicorie e i radicchi rappresentano

il 60% della produzione agricola, seguite dalle lattughe

(25%) e dalle indivie (15%). Tuttavia la varietà oggi più

coltivata è l’iceberg, sempre più gradita ai consumatori

e particolarmente idonea a essere usata nei mix. Nella

categoria delle insalatine, è il lattughino a rappresentare

circa la metà di tutta la produzione (fi gura 2), anche

in questo caso perché particolarmente idoneo a essere

mescolato con altre insalate, mentre rucola e valerianella

rappresentano il 20% ognuna.

Un mercato in espansione

Il 2011 è stato un anno doppiamente diffi cile per i consumi

di prodotti di IV gamma. Infatti, alla problematica

del calo generale della domanda, si è affi ancata, nella

prima metà dell’anno, la vicenda dell’Escherichia coli

che, pur essendosi verifi cata in Germania rimanendo,

di fatto, confi nata in quel Paese, ha avuto un pesante

effetto negativo sulla domanda di prodotti ortofrutticoli

in generale.

Il consumatore italiano è stato molto reattivo di fronte

a un caso di potenziale rischio alimentare legato a

episodi di contaminazione di una specifi ca categoria di

prodotti e ha operato una riduzione generalizzata dei

consumi di ogni genere di orticole indipendentemente

dalla specie, dall’origine, dalla tecnica colturale e dalle

modalità di preparazione/conservazione. Il risultato si

è tradotto in una forte riduzione della domanda dei

prodotti orticoli che solo gradualmente si è poi ripresa.

Il dato fi nale, pertanto, deve ritenersi più positivo di

quanto l’incremento del 4% possa indicare.

La costante crescita del consumo dei prodotti di IV


The consistent growth of consumer spending for

fresh-cut foods is a phenomenon that proceeds

unabated and evinces a trend that traces a uniform

curve throughout the country (figure 3). While

their popularity is gradually gaining ground other

areas, the country’s north-west quadrant retains a

strong leadership in demand. Note, however, that

despite a year in which consumer spending slowed

because of the downturn, the trade expanded even

in areas like the South, where the growth rate was

1% but where the average income per capita is

below the national average.

Distribution’s role

Here the lion’s share is held by the big chains,

which hold 50% in their usual supermarkets and

another 25% in their hypermarkets, followed by

the nearly 18% in ‘metro’ grocery stores and the

remaining 6% in discount outlets (figure 4).

Yet a comparison with the preceding year shows

that the recession has led to a more marked

change in shopping habits than before, a shift

resulting in market-share variations, albeit slight

ones. While the hypermarkets show a substantial

stability, the supers are off 0.7% and the metros

off 0.5%. By contrast, the discount chains are

up 0.3% and conventional groceries up 1%. The

curves these trends trace seem to be contradictory,

but at the moment it’s hard to see anything

new in terms of trends emerging from the market.

The leading role the big chains play in distribution

Figure 5 - Fresh-cut prices in 2011 (€/Kg)

Figura 5 - Prezzi della IV gamma nel 2011 (euro/Kg)

Specialist drug

Conventional/

Tradizionali

Metro/

Libero servizio

Supermrket/

Supermercati

Total Italy/

Totale Italia

Hypermarket/

Ipermercati

Discount/

Discount

00 02 04 06 08

Source: Nielsen TradeMis data reworked by authors/Fonte: nostre elaborazioni su dati Nielsen TradeMis

gamma è un fenomeno che prosegue e rileva una

dinamica che si afferma in maniera uniforme sul territorio

nazionale (fi gura 3). Si sta gradualmente ampliando

il consumo nelle altre circoscrizioni territoriali, anche

se il Nord-Ovest conserva un ruolo primario. È importante

notare, tuttavia, che in un anno in cui la dinamica

dei consumi è stata frenata dalla crisi, si è compiuta

un’espansione anche nelle aree, come quella meridionale

dove l’incremento è di un punto percentuale, in

cui i redditi medi pro capite-sono inferiori alla media

nazionale.

Il ruolo della distribuzione

Nel campo della distribuzione si conferma la ripartizione

delle vendite che assegna ai supermercati poco

meno del 50% del totale, agli iper il 25%, ai negozi a

libero servizio circa il 18% e ai discount il restante 6%

(fi gura 4).

Tuttavia, il confronto con l’anno precedente indica

che la crisi ha orientato in modo diverso dal passato

il consumatore determinando alcuni spostamenti nelle

quote, anche se modesti. Gli iper rimangono sostanzialmente

stazionari mentre i super perdono lo 0,7% e

i negozi a libero servizio lo 0,5%. Al contrario, aumenta

dello 0,3% il peso dei discount e dell’1% quello dei

negozi tradizionali. Da queste dinamiche sembrano

emergere segnali contrastanti, anche se al momento

risulta diffi cile individuare vere e proprie tendenze

innovative.

Sempre sul piano del rapporto con la distribuzione

trova un’ulteriore conferma il ruolo della gdo in questo

06

08

08

08

09

09

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

11

10 12

69


is strengthened by their private label items, which

today account for some 68% of their combined

turnover. This despite the promotional push of the

market-leading brands of the big corporations,

which have begun repolish a languishing image by

stepping up their advertising efforts.

Business profile

The upturn in fresh-cut sales volumes and turnover

in a year of a slumping market shows on the one

hand the strength of the trade and on the other that

its supply chain must face the challenge of a business

profi le that is, given the context, notably unusual.

In effect, consumers seem to be of two, contrasting,

minds. On the one hand, they show their

preference for fresh-cut minimally processed foods,

including heat-’n’-eat vegetable soups, purées, fruit

and smoothies, by putting them in their trolleys. On

the other, however, they tend to pick and choose to

budget so as to limit the number of items they buy,

without living them up altogether.

It is against this background that the rise in market

share of the discount chains and conventional

grocery stores can be linked to the slight shift in

consumer habits and to a return of shopping at

neighbourhood stores because of the considerable

rise in the price of petrol. This despite the fact that

when we take a comparative look at the prices of

fresh-cut items at the various categories of retail

outlets, we see that the lowest prices are still to be

found at the big chains (figure 5).

Figure 6 - Produce prices

Figura 6 - Prezzi dei prodotti orticoli

10

09

08

07

06

05

04

03

02

01

00

08 08

70 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

09 09

particolare comparto, grazie alla forte presenza delle

marche commerciali che salgono al 68% del mercato

nonostante un forte impegno dei principali produttori e,

in particolare, delle imprese leader di mercato, volto ad

affermare i rispettivi marchi industriali anche grazie ad

uno sforzo pubblicitario in precedenza molto ridotto.

L’andamento economico

L’ulteriore incremento del volume delle vendite e del

fatturato in un anno tanto diffi cile se da un lato testimonia

la vitalità del comparto, dall’altro avviene in un

contesto dove l’offerta deve fare i conti con un quadro

d’insieme molto particolare. Infatti, il consumatore

manifesta contemporaneamente due atteggiamenti

in apparenza contrastanti: da un lato una costante

propensione all’acquisto dei prodotti di IV gamma e

di quelli a essi collegabili di V gamma oltre ai piatti

pronti di origine vegetale come minestre, purea, frutta

preparata e succhi freschi del tipo degli smoothies, e

dall’altro conferma comportamenti di acquisto mirati a

contenere la spesa unitaria, pur non rinunciando a tale

consumo.

In questo senso si può considerare l’aumento della

quota di mercato dei discount e quella dei negozi

tradizionali da collegare a minori spostamenti dei consumatori

e al ritorno all’acquisto nei punti di vendita

di prossimità a causa dell’incremento del costo dei

carburanti, anche se l’esame dei prezzi della IV gamma

nelle diverse categorie di punti vendita conferma la

maggiore convenienza della gdo (fi gura 5) rispetto alle

altre forme di vendita.

2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011

Fresh-cut vegetables/Ortaggi IV gamma

Source: Ismea data reworked by authors/Fonte: nostre elaborazioni su dati Ismea

08

08 7,82

Prepared vegetables/Ortaggi V gamma Fresh vegetables & pulses/Ortaggi e legumi freschi


This overall picture also explains the fact that even

in 2011 the prices of fresh-cut foods posted a

related dip, narrowing the gap compared to fresh

produce, their benchmark, and making them relatively

more attractive to consumers (figure 6). The

average price of fresh-cut foods had been substantially

falling since 2006, levelling at a plateau in

2010 and holding steady also in 2011. By contrast,

fresh produce prices have risen over the year along

the same curve as farm commodity prices, a trend

that prepared foods have also followed.

Emerging trends

As it proceeds apace despite the currently overcast

economic environment, the trade’s growth

continues to attract new players beckoned by

solid profit margins, substantive expansion and

relatively limited entry-level barriers. While this

rate of expansion held true for a number of years,

it slowed considerably in 2011 as profit margins

began shrinking, a tendency due in part to the

higher number of new competitors. In contrast, the

trade’s big players reinforced their positions by

focusing on product and processing innovations.

Continued technological fine-tuning of handling

and processing lines is needed to assure that

products meet increasingly higher product safety

standards in order to upgrade processing and food

hygiene. This upgrading also makes it possible to

lengthen shelf-life, one of the trade’s crucial strong

points.

Product innovation also occupies a top spot on the

trade’s R&D agenda and moves in several directions.

Apart from the conventional focus on reinforcing

and broadening salad assortments through

new and unusual mixes, efforts here are also fixed

on upgrading services incorporated in packaging,

the underlying idea being to provide a valid

substitute for meals eaten out of the home since

this sector of the food services industry is showing

signs of a slowdown.

Another area for innovation is to supply ready-toeat

or to-heat first-course dishes and prepared

fruit packages. While there are a lot of products in

the pipeline, there are also contrasting views about

the timing of their introduction, a debate that turns

on whether to go ahead now in hard economic

times or hold on for the long awaited consumerspending

rebound so as to gain market share as

the economy begins expanding.

Overall, then, the fresh-cut trade continues to

develop and to represent the core of a key sector

for recently introduced innovation, a kind of

evolving economic laboratory that merits increate

observation.

(English version by David Verzoni)

Sempre nel contesto indicato trova spiegazione il fatto

che anche nel 2011 i prezzi dei prodotti orticoli di IV

gamma sono scesi in termini relativi (fi gura 6) riducendo

il divario con i prodotti orticoli freschi che sono il

loro benchmark, e cioè l’elemento di confronto specifi

co, e favorendo la convenienza all’acquisto. Il prezzo

medio dei prodotti di IV gamma è sostanzialmente in

calo dal 2006 e ha toccato un minimo nel 2010, mantenendo

poi lo stesso livello nel 2011. Al contrario si

mostra in salita il prezzo di quelli freschi che segue la

dinamica generale dei prezzi agricoli nell’ultimo anno,

mentre i prodotti di V gamma si allineano a questo

stesso andamento.

Tendenze evolutive

Lo sviluppo del comparto, che prosegue nonostante

il peggioramento delle condizioni del contesto, rivela

ancora una certa propensione all’ingresso di nuovi

entranti attirati dalla migliore redditività e dalla sostanziale

crescita, oltre che dalla ridotta incisività delle barriere

all’entrata. Questo fenomeno, più attivo negli anni

scorsi, nel 2011 si è fortemente rallentato in concomitanza

con la riduzione dei margini, che peraltro è in

parte provocata anche dall’incremento dei competitori.

Al contrario si sono rafforzati i maggiori protagonisti,

impegnati in particolare sul fronte dell’innovazione di

processo e di prodotto.

L’introduzione di perfezionamenti tecnologici delle tecniche

di lavorazione è data dalla necessità di assicurare

livelli di sicurezza sempre più elevati grazie al miglioramento

dell’igienicità del processo e del prodotto. Ciò

consente, inoltre, di ottenere un ulteriore allungamento

della shelf-life del prodotto che rimane uno dei punti di

maggiore criticità del comparto.

L’innovazione di prodotto è anch’essa oggetto di

un’intensa attività di ricerca e si muove su più linee.

Accanto a quella più tradizionale del rafforzamento e

ampliamento dell’offerta delle insalate, estesa a mix

innovativi e inconsueti, si è ampliata l’offerta di servizi

incorporati nelle confezioni nella logica di fornire un

sostituto al consumo del cibo fuori casa, un’esigenza

che trova conferma nel rallentamento della categoria

di questi consumi.

L’altra linea, invece, punta sull’offerta nell’area dei

primi piatti pronti e su quella della frutta preparata

per il consumo. Vi sono molti prodotti nella pipeline,

ma anche opinioni contrastanti sull’opportunità di

lancio nell’attuale fase di difficoltà o in quella, lungamente

attesa, della ripresa dei consumi per accrescere

le rispettive quote di mercato nel momento

dell’espansione.

Nel complesso, il comparto si conferma come la sede

di un’importante categoria d’innovazione introdotta di

recente e ancora in fase evolutiva, una sorta di laboratorio

economico in evoluzione a cui occorre dedicare

una crescente attenzione.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

71


the freshest cut

diAlessandroTuratti

Pürbloom is a new coating based on natural compounds for application by

appropriate systems like the Turatti company’s treatment tank

Pürbloom è un nuovo rivestimento a base di prodotti naturali che deve essere applicato

con sistemi idonei, come la vasca di trattamento della ditta Turatti

72 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

Treatments and edible

coatings for Fresh-Cut F&V

Trattamenti e rivestimenti

edibili per frutta e verdura

in IV gamma

Production of fresh-cut fruit is on the increase

because consumers are more and more aware

of the importance of healthy dietary habits while

demanding that meal preparation take less of their

time. Then too we’re also seeing a radical change in

the kinds of food on offer for meals eaten outside the

home, whether at work or at school. Many of these

items represent an innovative and more practical way

of eating fruit, examples being peeled and cut fruit as

desert in refectories and packaged fresh fruit in vending

machines.

A fresh-cut fruit is one whose original state has been

physically altered, say, by washing, slicing and peel-

Left to right: difference between an uncoated fruit salad kept for 15 days at 7°C

and one treated with an antioxidant product and coated with Pürbloom.

Da sinistra a destra: differenza tra un’insalata di frutta, dopo 15 giorni, conservata

a 7°C senza alcun trattamento, con un prodotto a base di antiossidanti e col

rivestimento Pürbloom.

La produzione di frutta in quarta gamma è in aumento

poiché i consumatori sono sempre più consapevoli

dell’importanza di mantenere sane abitudini alimentari,

disponendo però di meno tempo per la preparazione

dei pasti. Inoltre, assistiamo al cambiamento radicale

di offerta nell’alimentazione fuori casa: dal lavoro allo

studio, è sempre più consueto che il pasto avvenga al

di fuori delle mura domestiche. Questi prodotti costituiscono

un modo innovativo e pratico per consumare la

frutta spaziando dal prodotto pelato e tagliato da gustare

come dessert nelle mense, alle confezioni di frutta

fresca disponibili nei distributori automatici.

Un frutto di quarta gamma è un frutto che è stato fi sicamente

modifi cato dal suo stato originale

(tagliato, pelato, lavato), rimanendo ciò

nonostante in uno stato fresco. Proprio

perché fresca – senza conservanti e non

pastorizzata – la frutta minimamente trattata

assicura il corretto apporto di antiossidanti

naturali, vitamine, fi bre e sali minerali.

Effetti negativi del taglio

Tuttavia, poiché i frutti sono costituiti da

tessuti viventi, questi sono sottoposti a

un’accelerazione dell’attività metabolica

dovuta alle operazioni di sbucciatura e


ing, while retaining its fresh nature. Indeed, it is precisely

because it is fresh – free of preservatives and

unpasteurised – that minimally processed fruit can

retain its content of natural antioxidants, vitamins,

fi bre and minerals.

Downside of slicing

Fruits are made up of living tissues that will undergo

an acceleration of metabolic activity during peeling

and slicing operations. This promotes the onset of

enzymatic action that causes such forms of deterioration

as tissue browning and softening, the release

of malodorous smells and the increase of microbial

count, phenomena which in turn reduce shelf-life.

In addition to browning, slicing essentially induces

over-ripening and a resulting loss of fl esh fi rmness.

Since it also causes damage to cells next to those cut

by the blade, properly sharpened knives are a must.

These negative effects of slicing can be effectively

countered by applying a commercially available coating

that makes the fl esh less transparent.

Dipping sliced fresh fruit and vegetables in a protective

coating of this kind prevents fl esh browning and

inhibits moisture loss by increasing product resistance

to air exposure. These coatings are made up of different

compounds that are all edible, colourless and tasteless.

These edible coatings are also designed to help

extend the shelf-life of fresh-cut fruit by curtailing the

taglio. Ciò favorisce i processi enzimatici, responsabili

dei fenomeni di deterioramento, quali imbrunimento e

rammollimento dei tessuti, produzione di cattivi odori e

aumento della carica microbica, che a loro volta riducono

la shelf-life.

L’operazione di taglio provoca sostanzialmente un’ulteriore

maturazione del frutto e un conseguente calo di

consistenza, oltre che l’imbrunimento. Il taglio danneggia

anche le cellule vicine a quelle direttamente sezionate

dalla lama; è molto importante, quindi, utilizzare

coltelli ben affi lati. Gli effetti negativi del sezionamento

possono essere contrastati effettuando un coating (rivestimento)

con alcuni prodotti commerciali, che rendono

la polpa meno traslucida.

Immergere frutta e verdura fresche già tagliate in questi

liquidi di protezione ne impedisce l’imbrunimento e combatte

la disidratazione, aumentando la resistenza dei

prodotti al contatto con l’aria. Questi tipi di rivestimento

sono composti di diversi elementi, ma sono accomunati

dall’essere commestibili, incolori ed insapori.

Tali rivestimenti commestibili offrono ottime prospettive

nell’estensione della durata dei prodotti di frutta in quarta

gamma, riducendo gli effetti degenerativi causati dalle

operazioni di processo. Pellicole composte da polisaccaridi,

proteine e lipidi possono servire come barriere

alla migrazione di umidità, a impedire la diffusione di gas

e a controllare la crescita microbica. Possono anche

migliorare la qualità e l’aspetto dei prodotti freschi


degenerative effects caused by minimal processing

operations. Films made up of polysaccharides, proteins

and lipids act as barriers against moisture loss,

gas release and a rise in the microbe count. They can

also enhance product quality and fragrance while

keeping texture intact.

Edible coatings have also been studied as potential

vectors of such active ingredients as antioxidants,

antimicrobials, colouring agents, vitamins, probiotics

and nutraceutics.

An innovative system

Recently, an innovative coating has been developed

called Pürbloom. Based on natural compounds,

this coating is an important advance because it

considerably enhances a product’s sensory qualities

throughout its shelf-life while extending that shelflife

at the same time. In effect, not only does it keep

fresh-cut fruit from deteriorating, Pürbloom offers

a number of other advantages like being capable of

incorporating antimicrobial agents and such fl avour

enhancers as caramel in apple coating.

Properly treating and coating a given product requires

systems that provide effective contact between them.

The Turatti company’s treatment tank is specifi cally

designed for handling apple and other sliced fruit and

vegetables, including for example avocado, onion,

potato and carrot, which need a certain kind of solution

for a set time. Turatti’s system dips or sprays

the product as required in a solution that protects its

shape, fragrance and colour by preventing oxidation.

It is designed to reduce to a minimum the amount of

treatment solution and coating applied while extending

the duration of treatment, a very simple operation in

itself. It’s also possible to access all the

parts of the line to permit proper cleaning

and maintenance without damaging

any kind of product in any way.

(English version by David Verzoni)

74 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

impedendo il decadimento di elementi importanti, quali

sapore e aroma, e fornendo altresì integrità strutturale.

Rivestimenti commestibili sono stati studiati come

potenziali vettori di principi attivi: antiossidanti, antimicrobici,

agenti coloranti, vitamine, probiotici, e nutraceutici.

Un sistema innovativo

Di recente è stato sviluppato un coating innovativo

denominato Pürbloom. Questo rivestimento a base

di prodotti naturali rappresenta una novità di rilievo,

poiché migliora in modo signifi cativo la qualità sensoriale

del prodotto durante tutta la sua durata (consentendo

altresì un’estensione di quest’ultima). Oltre a eludere il

decadimento della frutta di quarta gamma, Pürbloom

offre numerosi altri vantaggi, come la possibilità di

incorporare agenti antimicrobici e sapori (ad esempio

caramello nel rivestimento delle mele).

Per svolgere in maniera idonea il trattamento e il rivestimento,

è necessario utilizzare sistemi che permettano

un’effi cace contatto tra gli stessi. La vasca di

trattamento della ditta Turatti serve, appunto, per la

lavorazione di mele e altri tipi di frutta e verdura tagliata

(ad esempio avocado, cipolle, patate e carote) che

necessitino dell’impiego di una determinata soluzione

per un tempo prefi ssato. Grazie all’unità di trattamento,

il prodotto viene, infatti, immerso o cosparso con una

sostanza in grado di proteggerne la forma, la fragranza

e il colore evitando il rischio di ossidazione. Il sistema è

stato progettato in modo da ridurre al minimo la quantità

di sostanza additiva, prolungando invece la durata

del trattamento (essendo la regolazione estremamente

semplice). È inoltre possibile accedere a tutte le parti

dell’impianto per le varie operazioni di pulizia e manutenzione,

senza per questo causare danneggiamenti di

alcun genere al prodotto.

Turatti’s dip tank properly treats and coats apple and other

sliced fruit and vegetables.

La vasca della ditta Turatti svolge in maniera idonea il trattamento

e il rivestimento di mele e altri tipi di frutta e verdura tagliata.


15-17 November – Bolzano

Interpoma, the biennial apple show

15-17 novembre – Bolzano

Interpoma, la biennale delle mele

South Tyrol, with its 18 thousand hectares of orchards, is

Europe’s largest apple-growing district and one of the world’s

most important producers in terms of crop management practises

and growers skills.

That’s why this area is the ideal place for Interpoma, the apple

trade show held every two years and this year marks its seventh

recurrence. The show, the world’s only event entirely given over

to the cultivation, storage and marketing of apple, will open its

doors once again at the Bolzano Fiera convention centre from 15

to 17 November. Interpoma has become over the years the most

important event for industry experts and businesses.

Interpoma 2012 has scheduled a full agenda of conferences and

meetings where internationally recognised experts will take up

the trade’s key current issues and visitors will be able to see the

latest innovations in the world-wide apple industry.(DV)

Info: www.interpoma.it

L’Alto Adige con i suoi 18mila ettari di superfi cie coltivata, è l’area

melicola chiusa più vasta d’Europa e, per quel che riguarda il patrimonio

delle conoscenze tecniche, è tra i Paesi produttori di mele più

importanti al mondo.

Ecco perché questa regione rappresenta il luogo ideale per

l’appuntamento fi eristico biennale di Interpoma che, quest’anno,

giunge alla sua settima edizione. Dal 15 al 17 novembre, l’unico

appuntamento al mondo dedicato solo ed esclusivamente alla

coltivazione, conservazione e commercializzazione della mela, si

svolgerà nuovamente alla Fiera Bolzano. Interpoma ha ormai assunto

un’importanza internazionale diventando un must per specialisti.

Interpoma 2012 prevede anche un fi tto programma di convegni

e d’incontri, dove autorevoli esperti di fama internazionale

affrontano tematiche attuali e proposte innovative per il mercato

melicolo mondiale.

Info: www.interpoma.it

Events

Appuntamenti


commercial news

le aziende informano

Barduca chooses organic

Barduca sceglie il bio

Francesco Barduca’s company, which has

its headquarters in Borgoricco (Padua),

it’s specialized in packing raw and freshcut

organic vegetables, ready-to-use.

Francesco Barduca started to grow vegetables

in full fi eld in 1977. Then, in order

to offer a better service to his customers,

he set up a baby-leaf processing company

and he widened the production area to 50

hectares, next to the processing company,

certifying it as organic farming. To believe

in organic and to produce organic food,

it’s one of the targets of the company’s

policy.

At the present time, the references put

on the market include several varieties of

organic vegetables such as: corn salad,

rocket, bennet, spinach, aromatic herbs,

red radicchio, carrots and parsley, packed

in bowls or in bags as mono-product or in

different mixes.

The new references proposed are the

“Natur Bio Plus” line, in bag with different

basis weight, suitable for a fast and

light lunch. Another important novelty

concerns the packaging choice, which is

recyclable for a new line of loose organic

products mixes. As a matter of fact, the

use of biodegradable packaging respects

the company’s policy of environmental

sustainability.

The organic choice determined the company’s

success, together

with the constant

attention paid to products

quality and freshness,

to a fl exible, timely

and reliable service, as

well as to a non-stop analytical

monitoring of raw materials.

All this has been much

appreciate by customers of

the large-scale retail trade,

either in Italy or in Europe.

Innovation, research and

quality are the driving elements

of the company,

since ever. These are

the reasons that allowed

Francesco Barduca to have

important acknowledg-

76 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

ments. The last of

which in 2011, at

“Confi dustria Prizes

the Excellence”,

where the company

received the Andrea

Pininfarina’s certifi cate of

excellence.

The attention to the environment

and the increase in value

of the territory are the basic principles

that have led the recent company’s

choices: to invest in full fi eld production

and in vegetables greenhouses for processing,

shortening the supply chain.

Not least, the plan to bed an orchard

with ancient and autochthonous varieties.

«Such a plan talks about the origin,

the trace-and-tracking, the history and

the culture of the place in which it takes

birth, because – said Barduca – I want to

succeed in giving to the new generations

the fruitful land my parents gave me, not

a land barren and stressed land because

of too much interventions».

For further information: Francesco

Barduca Srl, Via Piovega, 41/C, 35010

Borgoricco (PD), phone +39 049 9338070,

fax +39 049 9335590, info@barduca.it,

www.barduca.it

English version by Ilaria Nanni.

L’azienda Francesco Barduca, con sede a

Organic rocket.

Rucola biologica.

Salad mix with tomatoes, sweet peppers

and olives.

Insalatona pomodori, peperoni e olive.

Borgoricco in provincia di Padova, è specializzata

nel confezionamento di ortaggi

di I e IV gamma biologici lavati e pronti

all’uso. Francesco Barduca ha iniziato ha

coltivare ortaggi a pieno campo nel 1977,

successivamente per offrire un servizio

migliore ai propri clienti ha fondato un’azienda

trasformazione di baby leaf e ha

incrementato la superfi cie produttiva fi no a

50 ettari di terreno, limitrofa all’azienda di

trasformazione, certifi candola ad agricoltura

biologica. Credere nel biologico e produrre

tutto biologico è uno degli obiettivi della

politica aziendale.

Le referenze attualmente commercializzate

comprendono numerose varietà di ortaggi

biologici quali lattughino, rucola,

valeriana, spinacine, spinaci,

erbe aromatiche, radicchio rosso,

carote e prezzemolo confezionati

in vaschetta e in busta come

monoprodotto o in vari mix.

Le nuove referenze proposte sono

la linea “Natur Bio più” in busta

con varie grammature, adatte a

diverse esigenze di consumo e con

minimo utilizzo di imballaggio, e

le insalatone biologiche ideali per

pranzi veloci e leggeri. Un’altra

importante novità riguarda la scelta

dell’imballaggio riciclabile per

una nuova linea di mix di prodotti

biologici sfusi. L’utilizzo di imballaggi

biodegradabili rispetta

infatti la cultura aziendale della

sostenibilità ambientale.


La scelta del biologico ha determinato

il successo aziendale insieme

alla costante attenzione per la qualità

e freschezza dei prodotti, a un

servizio fl essibile, tempestivo e affi -

dabile e a un continuo monitoraggio

analitico delle materie prime. Tutto ciò è

stato apprezzato dai clienti della grande

distribuzione italiana ed europea.

Innovazione, ricerca e qualità sono

sempre stati gli elementi trainanti

dell’azienda. Queste le motivazioni

che hanno permesso alla Francesco

Barduca di ottenere importanti riconoscimenti.

L’ultimo dei quali nel 2011

nell’ambito di “Confi ndustria premia

le eccellenze” in cui le è stato

conferito un attestato di eccellenza

Andrea Pininfarina.

L’attenzione all’ambiente e alla

valorizzazione del territorio sono i

In the outline of the interventions provided

for the industrial plan, concerning the

relaunching and the work growth, together

with a reorganization characterized by

a marked managerial ability of the Group,

particularly of its own enterprise, CILP, the

Leghorn’s Harbour Company, has decided

to insert, from September onwards, two

new important characters to carry out the

targets foreseen. In particular, the sole

manager CILP, Gerardo Larotonda, and

the sales manager of CPL Group, Antonio

Rognoni. «An important investment for

our Group, faced in a particularly tricky

moment, characterized by expense reduction,

aiming at growth and development

– said CPL president, Enzo Raugeri –. The

experience and the professional ability of

the two new characters let us look forward

to the future hopefully and optimistically,

in order to deal with the moment of

crisis we are living in and getting over it».

In the last 10 years, Larotonda has been

the general manager in Turin road-rail

distribution hub. Before, for about 20

years, he was the general and marketing

Organic spinach

Spinacine biologiche.

The relaunching of CPL and CILP

Il rilancio di Cpl e Cilp

manger of the biggest Cargo Transport

Cooperative in Italy. Roles carried out

inside big realities, by excellent outcomes

of rise in sales proceeds, reaching the

sector leadership, thanks to an intense

marketing activity aimed at creating new

logistics opportunities within the international

and domestic ambit.

«The decision of the top management

at CPL Group to put in two new professional

characters was the proof of a great

responsibility, as far as the social body

of the Cooperative is concerned and, at

the same time, it was the proof of the its

awareness as regards the place to hold

on the market, aiming at a new company

strategy – said Larotonda –. That comforted

me in taking the decision to come

to Leghorn, where, in these working days,

I have had the change to discover the professionalism

and the abilities required to

reach the targets we fi xed, among which

a reorganization and innovation of the

methodological processes together with

a widening of the company activities, to

supplement the logistics ones».

principi base che hanno guidato

le recenti scelte aziendali: investire

nella produzione in pieno

campo e in serra di orticole per la

loro trasformazione accorciando la

fi liera. Non ultimo il progetto della

messa a dimora di un frutteto con

varietà antiche e autoctone. «Questo

progetto parla di origine, tracciabilità,

storia e cultura del luogo che gli

dà vita perché – afferma Barduca

– voglio riuscire a consegnare alle

nuove generazioni la terra fertile che

mi hanno consegnato i miei genitori e

non una terra resa sterile e stressata

dai troppi interventi».

Per informazioni: Francesco Barduca

Srl, via Piovega, 41/C, 35010

Borgoricco (PD), tel. +39 049

9338070, fax +39 049 9335590,

info@barduca.it, www.barduca.it

Born in Santa Margherita Ligure, in 1954,

Rognoni graduated at the historical nautical

school in Camogli. Former sea captain,

he had several managerial tasks with

important national and international traders,

among which Zim, Dole, Clerici in

Genoa, Orsero Group in Savona where he

took a part in relaunching the fruit trade,

by truck and containers. «Since these very

fi rst days of work at CPL, I have started up

myself to arrange a plan of interventions in

the different business sectors of the Group

– said Rognoni, who was the director of

the Tuscany Terminal, at Dole Group, in

Leghorn, in 1987 –. In particular, together

with Riccardo Boccone, managing director

Leghorn Reefer Terminal, we are putting

forward an intense work on the next Lrt’s

company activities, the new logistics pole

for fresh products handling that offers

great potentialities of development. Next

meetings with the leading multinational

companies in the fi eld are already in our

agenda, to plan dealings for 2013 and the

most important matches will be played in

these weeks».

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

77

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

In the meantime, however, things are

already moving up and a new business

of citrus that concerns about six ships

is scaling the port of Leghorn at Lrt

Terminal.

English version by Ilaria Nanni.

Nel quadro degli interventi previsti dal piano

industriale relativi al rilancio e alla crescita

dell’attività insieme a una riorganizzazione

improntata a una spiccata managerialità

del Gruppo, e in particolare della propria

impresa, Cilp, la Compagnia portuale di

Livorno ha deciso di inserire dal mese

di settembre due nuove importanti fi gure

per la realizzazione degli obiettivi previsti.

Si tratta dell’amministratore unico Cilp,

Gerardo Larotonda e del direttore commerciale

del Gruppo Cpl, Antonio Rognoni.

«Un investimento importante per il nostro

Gruppo, affrontato in un momento particolarmente

delicato caratterizzato dal contenimento

dei costi e dal puntare alla crescita

e allo sviluppo – ha dichiarato il presidente

Cpl Enzo Raugei –. L’esperienza e le competenze

professionali delle due nuove fi gure

ci permettono di guardare con fi ducia e ottimismo

al futuro per affrontare e superare il

momento di crisi che stiamo vivendo».

Larotonda negli ultimi 10 anni ha svolto il

Montini’s handy trolleys

I carrelli maneggevoli Montini

For fi fty years, Montini’s company has

been in the fi eld of goods handling.

Now, it presents the eighth edition of

Interpoma – International Showcase of

apple growing, preservation and marketing

(Bolzano the 15th – 17th November

2012), advanced solutions for fruit and

vegetables handling.

Montini’s last novelties are represented

by the new series Bingo Zinc and by the

Bingoplus N250 Compact.P XL trolley.

The new series of Bingo Zinc trolleys,

completely zinced and with stainless steel

components, it’s unique of its kind all over

the world, as far as frontal elevator trolleys

are concerned. Such a series includes

either 3 wheels models (by a maximum

capacity up to 1,800 kg) or 4 wheels models

(by maximum capacity up to 4,000 kg).

78 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

ruolo di direttore generale presso l’Interporto

di Torino. In precedenza è stato direttore

generale e commerciale della più grande

Cooperativa di trasporti a collettame a livello

nazionale, per circa 20 anni. Ruoli svolti

all’interno di grandi realtà con ottimi risultati

di crescita del fatturato e raggiungimento di

posizioni leadership del settore, grazie anche

a un’intensa attività di marketing fi nalizzata a

creare nuove opportunità logistiche in ambito

nazionale e internazionale.

«La decisione dei vertici del Gruppo Cpl di

inserire nel loro management due nuove

fi gure professionali è stata prova di grande

responsabilità nei confronti del corpo sociale

della Cooperativa e al tempo stesso di consapevolezza

in merito a come porsi sul mercato,

puntando a una nuova strategia imprenditoriale

– ha dichiarato Larotonda –. Questo

mi ha confortato nella decisione di venire a

Livorno, dove in questi giorni di lavoro ho

potuto riscontrare professionalità e competenze

necessarie per raggiungere gli obiettivi

preposti, tra cui una riorganizzazione e innovazione

dei processi metodologici insieme

a un ampliamento delle attività aziendali a

completamento delle attività logistiche».

Originario di Santa Margherita Ligure, classe

1954, Rognoni si è diplomato nello stori-

For their technical features, the innovative

Bingo Zinc trolleys are destined to food

industry, in particular to the ichthyic, dairy,

meat, fruit and vegetables sectors.

The features of these sectors are:

– presence of salt, blood and water; that

is to say, very corrosive elements for

ferrous components;

– the need to wash trolleys frequently;

– the large amount of water used, very

dangerous for the electric and electronic

parts;

– the respect of sanitary conditions;

– the requirement of products suitable

for getting in touch with foodstuff,

also accidentally (i.e. hydraulic oil and

grease).

Montini’s meets all these needs by its

Bingo Zinc trolleys, which underwent a

co Istituto nautico di Camogli. Ex capitano di

lungo corso, ha ricoperto numerosi carichi

gestionali e manageriali con importanti

operatori nazionali e internazionali, tra cui

Zim, Dole, Clerici di Genova, Gruppo Orsero

di Savona dove ha partecipato al rilancio

del traffi co della frutta, auto e container.

«Fin da questi primi giorni di lavoro presso

la Cpl mi sono attivato per predisporre

un piano di interventi nei diversi settori

commerciali del Gruppo – ha dichiarato

Rognoni, che a Livorno già nell’87 è stato

direttore del Termisal Toscana del gruppo

Dole –. In particolare, insieme a Riccardo

Boccone, amministratore delegato Livorno

Reefer Terminal, stiamo mettendo in campo

un intenso lavoro sulle prossime attività

imprenditoriali di Lrt, il nuovo polo logistico

per la movimentazione del fresco che offre

grandi potenzialità di sviluppo. Prossimi

appuntamenti con le più grandi multinazionali

del settore a livello mondiale sono già

in agenda per pianifi care i traffi ci nel 2013

e le partite più importanti si giocheranno in

queste settimane».

Nel frattempo però le cose si stanno già

muovendo e un nuovo traffi co di agrumi

di circa sei navi sta già scalando il porto di

Livorno proprio al Terminal Lrt.

hot zincing process (effective method for

anticorrosive protection), a metallization

process and they have stainless steel

components and other technical clever

devices, as well as specifi c protections.

The Bingoplus trolley N250 Compact.P XL

is characterized by the extreme handiness,

even in very narrow spaces, as

well as for its huge capacity: by a vertical

rod at 6,950 metres, it lifts 1,600 kg

by 500 mm barycentre. The trolley can

be equipped with high capacity battery

Amp/h (up to 80 V-775 Ah, for a greater

working range) and with the new high frequency

recharging rectifi er, the Montini’s

Super Charger, by a special programme

of fi lling up recharging, in order to guarantee

2 hours more of working range. A

compact machine, by only 1,110 width,


The Bingo Zinc 163 at work.

Bingo Zinc 163 al lavoro.

to work in narrow stowage corridors

and cold stores: thanks to the steering

rear axle (up to 101°) current model, the

Montini’s Super Steering can steer in the

same space as a 3 wheel trolley.

For further information: Montini – Via G.

Bentini, 7/9 – 48010 Cotignola (RA) –

phone +39 0545 991051 – www.montini.

biz – info@montini.biz.

English version by Ilaria Nanni.

Da cinquanta anni attiva nel campo della

movimentazione, la società Montini presenta,

all’ottava edizione di Interpoma - Fiera

internazionale per la coltivazione, conservazione

e commercializzazione della mela

(Bolzano, 15-17 novembre 2012), soluzioni

avanzate per la movimentazione nel settore

ortofrutticolo.

Le ultime novità Montini sono rappresentate

dalla nuova serie Bingo Zinc e dal carrello

modello Bingoplus N 250 Compact.P XL.

La nuova serie di carrelli Bingo Zinc, completamente

zincati e con componenti in

acciaio inox, è unica al mondo nel panorama

dei carrelli elevatori elettrici frontali.

Questa serie prevede sia i modelli a 3 ruote

(con portate fi no a 1.800 kg) sia i modelli

a 4 ruote (con portate fi no a 4.000 kg).

Per le caratteristiche tecniche previste, gli

innovativi Bingo Zinc sono destinati all’industria

alimentare, in particolare al settore

ittico, caseario, della carne, delle verdure e

degli ortaggi.

Le caratteristiche di questi settori sono:

– la presenza di sale, sangue e acqua,

ossia elementi molto corrosivi per i componenti

ferrosi;

– la necessità di lavare frequentemente i

carrelli;

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

– la grande presenza d’acqua, molto dannosa

per le parti elettriche ed elettroniche;

– il rispetto delle normative igienico-sanitarie;

– la richiesta di prodotti idonei al contatto

con gli alimenti, anche in casi accidentali

(es. olio idraulico e grasso).

A queste necessità risponde Montini con i

carrelli Bingo Zinc, che hanno subìto un processo

di zincatura a caldo (effi cace metodo

di protezione anticorrosiva), un processo di

metallizzazione, e hanno dei componenti in

The 21st edition of the World Food

Moscow, which took place September

last at the Expocentre in Moscow, took

in a record number of exhibitors taking

part to the greatest International

food&beverage review. There were

1,500 exhibitors coming from 70

Countries during the four days of the

showcase, by the intent to increase

their own business on the growing

Russian market.

This year, for the first time in the

showcase, there were Portugal, Finland,

Jordan, Korea, Taiwan, Moldova,

Bulgarian Dairy Association and Brazil.

The India Trade promotion Organization

(ITPO) finally returned to Moscow, while

Iran vastly increased the size of its

stand. To be pointed out the first participation

of Australia, by the Indian Ocean

Rock Lobster, in the Seafood pavilion.

Thailand was the Partner Country for

this exhibition, represented by 20 companies

inside the Thailand pavilion,

which displayed the wide variety of

popular Thai cuisine, form pineapple to

canned brown rice milk as energy drink.

The Chilean Fresh Fruit Association was

the sponsor of the Fruit and Vegetable

sector.

An educational and business programme

took place during the exhibition, which

included the Product of the Year, the

Retail Centre, the Food Forum and the

New Product Showcase. For the first

time, within the Food Forum, the Citrus

80 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2012

acciaio inox e altri accorgimenti tecnici e

protezioni specifi che.

Il carrello Bingoplus N 250 Compact.P XL

si caratterizza per l’estrema maneggevolezza

anche in spazi ridotti e per la grande

portata: con montante a 6.950 mm, solleva

1.600 kg a baricentro 500 mm. Il carrello

può essere equipaggiato con batteria a

elevata capacità Amp/h (fi no a 80 V-775

Ah, per una maggiore autonomia di lavoro)

e con il nuovo raddrizzatore di ricarica in alta

frequenza, il Montini Super Charger, con

Record of exhibitors at the World Food Moscow

Record di espositori per il World Food Moscow

Conference took place centred on how

to introduce citrus products into the

Russian market, on its awareness level

and on price and volumes variations.

Tony Higginson, Head of Sales at ITE

Group, said: «World Food Moscow has

once again proved to be the right place

to exhibit products and to approach the

food&beverage Russian market. exhibitors

have had the opportunity to run

into business, to increase the number of

their high profile contacts during these

four days, which will probably lead to

new business in the Russian market».

For further information: www.worldfood.ru

English version by Ilaria Nanni.

La 21esima edizione del World Food

Moscow, svoltasi nel settembre scorso

all’Expocentre di Mosca, ha ospitato un

numero record di espositori partecipanti

alla maggiore rassegna internazionale

del food&beverage. Sono stati ben 1.500

gli espositori provenienti da 70 Paesi a

presenziare durante i quattro giorni di

esposizione, con l’intento di accrescere

il proprio business sul mercato russo in

espansione.

Quest’anno si sono visti per la prima volta

in mostra Portogallo, Finlandia, Giordania,

Corea, Taiwan, Moldova, l’Associazione

lattiera bulgara e il Brasile. È invece

ritornata a Mosca l’India Trade Promotion

Organisation (Itpo), mentre l’Iran ha

aumentato considerevolmente gli spazi

del proprio stand. Da segnalare anche

speciale programma di rabbocco di ricarica,

per garantire 2 ore in più di autonomia e

di lavoro. Una macchina compatta, con

larghezza di soli 1.110 mm, per operare in

corridoi di stivaggio ristretti e celle frigorifere:

grazie all’assale posteriore sterzante fi no

a 101° (di serie), il Super Sterzo Montini, si

può sterzare negli stessi spazi di un carrello

a 3 ruote.

Per informazioni: Montini - via G. Bentini, 7/9 -

48010 Cotignola (Ra) - tel. +39 0545 991051

- www.montini.biz - info@montini.biz.

la prima partecipazione australiana, al

padiglione Seafood, con Indian Ocean

Rock Lobster.

È stata la Tailandia il Paese partner

della manifestazione 2012, rappresentata

da 20 aziende all’interno del padiglione

tailandese, che hanno esposto l’ampia

varietà della cucina popolare locale,

dall’ananas al latte di riso scuro come

drink energetico. La Chilean Fresh Fruit

Association è stata invece lo sponsor

della sezione Ortofrutta.

Durante la manifestazione si è svolto un

programma educativo e commerciale,

comprendente il Prodotto dell’anno, il

Centro Retail, il Forum alimentazione e

l’Esposizione nuovi prodotti. Nell’ambito

del Forum alimentazione, per la prima

volta si è tenuta una conferenza sui

Citrus, incentrata sul modo per introdurre

i prodotti a base di agrumi sul mercato

russo, sulla loro accettazione e sulle fluttuazioni

dei prezzi e dei volumi.

Tony Higginson, direttore vendite di ITE

Group, ha detto: «World Food Moscow

ha dimostrato per l’ennesima volta di

essere il luogo giusto per presentare i

propri prodotti e per accedere al mercato

russo del food&beverage. Gli espositori

hanno potuto condurre transazioni d’affari

e incrementare il numero dei propri

contatti di alto livello durante i quattro

giorni di manifestazione, il che porterà

probabilmente a nuovi affari sul mercato

russo».

Per informazioni: www.world-food.ru.

More magazines by this user
Similar magazines