TECNOLOGIE E SERVIZIO PER IL BAR - B2B24

multimedia.b2b24.it

TECNOLOGIE E SERVIZIO PER IL BAR - B2B24

argiornale

• INCREMENTARE IL BUSINESS

Diversifi care per richiamare nuovi clienti:

la strategia vincente

• TRADIZIONE INNOVATIVA

Tutto il gusto del cremino piemontese

in formato kebab

webstrategy strategy

TECNOLOGIE E

SERVIZIO PER IL BAR

di domani

PER OGNI MOMENTO

4 attrezzature per 4 occasioni di business

nell’arco della giornata

• SIMPLE POINT

Il fast food modulare, semplice

di nome e di fatto


argiornale per

2

strategie aziendali / formazione

Alle attrezzature, ai prodotti e al marketing Techfood unisce LA FORMAZIONE

nasce

Academy

la scuola per il pubblico esercizio di Techfood

Dal prossimo settembre prendono

il via corsi mirati a tutti i gestori

che vogliono incrementare la redditività

del proprio locale.

Protagoniste sono le apparecchiature,

con i mille segreti per il loro migliore utilizzo, insieme

agli strumenti di marketing che sanno trasformare

il semplice acquisto di una o più macchine in

una scelta determinante per il successo del locale.

IL CARRETTO CHE CONQUISTA

Techfood Academy si rivolge a tutti gli operatori di

bar, gelaterie, pizzerie, tavole calde che non vogliono

chiudersi nell’asfittico “solito”, ma aprirsi a nuove opportunità

di business con proposte inedite e gli strumenti

per valorizzarle e promuoverle a largo raggio,

attirando nuova clientela e incrementando gli incassi.

I corsi di una giornata vedono protagoniste le apparecchiature

di maggior successo di Techfood:

Patatwist, Rondò, Ghirotto, Pastaland.

Seguite gli appuntamenti di Techfood Academy sul sito www.techfood.it

È difficile resistere al richiamo di una buona crêpes passando davanti a Viel, un locale

storico - ha oltre 60 anni - della Milano del gusto e dello shopping, in corso Buenos Aires.

Alle due referenze di base, frullati e gelati, la terza è stata aggiunta grazie al carretto Last

Minute di Techfood, che fa bella mostra di sé appena fuori del locale, attirando l’attenzione

dei passanti. È personalizzato ed equipaggiato di due piastre che a pranzo, ma soprattutto

nell’ora della merenda, attorno alle 16, lavorano a pieno ritmo.


Proiettati nel futuro

Ieri, oggi domani. Il bilancio di vent’anni di attività, l’entusiasmo

e la ricerca continua di soluzioni al servizio dell’operatore

si ferma è perduto».

Questa è l’intuizione

sulla quale è

«Chi

nata Techfood nel

1992 e sulla quale

ha sviluppato la propria gamma di attrezzature,

per soddisfare e soprattutto

anticipare le tendenze dei consumi fuori

casa. Il dialogo continuo con gli operatori

dell’horeca ci ha fatto comprendere

che la tecnologia non bastava, che bisognava

fare un passo avanti: alle macchine abbiamo

unito strumenti di marketing per permettere al bar

di aumentare il proprio giro di affari.

Ed eccoci all’oggi: non abbiamo alcuna voglia di sederci

sugli allori, ma di rimboccarci le maniche per

lavorare a fianco degli operatori che vogliono continuare

a crescere e guardare con fiducia al futuro,

offrendo al cliente sempre qualcosa di nuovo e di-

editoriale

verso, che lo soddisfi e lo

faccia tornare, magari portando

con sé un amico, un

collega, un conoscente, che

potrà a sua volta diventare

un ospite abituale.

Per questo nel domani di

Techfood si “accendono”

nuove voci: formazione,

Angelo Iori, presidente

forniture chiavi in mano,

servizio, assistenza: un

pacchetto completo a disposizione di chi vuole crescere

con noi.Perché di fermarci non abbiamo alcuna

intenzione e la crescita registrata in questi anni ci

dice che quella che abbiamo intrapreso è la strada

giusta. Perché siamo convinti di avere ancora tanto

da “inventare” e costruire per e con gli operatori che

vogliono affrontare con convinzione il domani. Per

crescere insieme.

bargiornale per

3


argiornale per

4

strategie aziendali / full optional

Sono le parole che riassumono la filosofia aziendale di Techfood,

da vent’anni al fianco di chi vuole

arricchire l’offerta e attirare nuovi clienti

La Crêperie, La

Cialderia, La

Grattachecca

sono le apparecchiature

con cui Techfood muove i primi

passi tra il 1992 e il ’94. Da subito

emerge il “filo rosso” che da

allora contraddistingue tutta la

produzione: ampiezza di gamma,

facilità d’uso, marginalità

elevata per l’operatore e una

creatività che rende ogni novità

uno “scoop” per il settore e per

il locale. Ovvero un mezzo per

fidelizzare i clienti già acquisiti

e attirare nuova clientela. Ma la

tecnologia non basta: perché il

servizio possa essere completo

e l’impegno del barista minimo,

prende il via la produzione delle

basi alimentari per crêpes, cialde

per coni e, col tempo, piadine,

waffle, basi per focacce, churro,

pizza… Ogni produzione è realizzata

all’interno del moderno

TECNOLOGIA

& SERVIZIO

I NUMERI DI TECHFOOD

La produzione industriale

al giugno 2010

LE MACCHINE

Pezzi totali 24mila

Famiglie 27

Versioni 110

GLI ALIMENTI

Preparati 120mila q.li

Referenze 12

stabilimento di Castelnovo di

Sotto (RE). Il successo si rinnova

con Fantasygel Smoothie Ice

Cream che miscela una base di

gelato a una gamma infinita di

farciture; Pastaland realizza in

pochi minuti piatti fumanti di

pasta da una base secca, fresca,

precotta o surgelata, ma anche

gnocchi, riso e vermicelli di

soia o riso; Patatwist, senza


19 i brevetti

nazionali, europei

e internazionali

l’ausilio di olio

(e senza odore),

rende gustosissime

le patatine

surgelate e, con

l’ultima versione Happy Hour, tantissimi

precucinati per aperitivi ricchi di gusto e

senza sprechi, perché si utilizza solo ciò

che serve, in tempo reale. E ancora tantissime

apparecchiature, fino all’esclusiva

novità 2011 Chocokebab: un vero kebab

da 10 kg a base di cremino che ruota e

viene tagliato in scaglie con un apposito

coltello. Irresistibile.

Promuovere l’offerta

“Le nostre non sono apparecchiature di

primo acquisto - ci dice Giovanni Bruno,

consulente commerciale -: per far “funzionare”

un locale bastano la macchina

espresso, una piastra, un fornetto e un

microonde. Ma se si vuole incrementare

il business bisogna offrire qualcosa in più, diversificarsi

dalla concorrenza e puntare su momenti come

la colazione, il pranzo, la merenda o l’happy hour, in

base all’ubicazione e alla clientela che frequenta il

locale; dunque l’offerta si deve arricchire di nuove

IL MERCHANDISING

VISUAL

Ogni proposta

nel locale si deve

accompagnare a

un merchandising

articolato che

richiama l’attenzione

del cliente e spinge

al consumo.

Techfood lo fornisce

con i prodotti.

proposte. Da parte nostra

offriamo le macchine e

i semilavorati, entrambi

di rapido e facile utilizzo,

ma soprattutto forniamo

all’esercente un servizio

completo per la promozione

della nuova offerta. Perché,

accanto a una buona

marginalità, la vera mossa

vincente, che aumenta

il fatturato, è richiamare

nel locale nuovi clienti”.

Il kit di lancio della nuova

proposta comprende la comunicazione

interna, composta

da menu da tavolo,

locandine, rotair, tutto

personalizzato e con una

grafica d’impatto. A ciò si

uniscono azioni di visual

merchandising esterne al

locale, con pubblica affissione, volantinaggio e cartefedeltà.

Queste azioni di marketing danno risultati

tangibili: il numero degli scontrini aumenta davvero.

Alla bravura dell’imprenditore spetta poi la capacità

di mantenere e fidelizzare i nuovi clienti.

MARCHI REGISTRATI

La Crêperie

Patatwist

Labruschetta

Pastaland

Smoothie

Formula Wine

El Churrito Since 1927

Pizzaroll

Chocolate Fondue

Spiedotto

Simple Point

Sfiziomisto

Easy Cono

Chocokebab

Techfoodonline

Chocopita

full optional / strategie aziendali

CLICCA SUI NO MI

C

CA

C S

MI

bargiornale per

5


argiornale per

6

nuovi prodotti / Chocokebab

LA TRADIZIONE

INNOVATIVA

L’originale cremino piemontese

è ora in versione maxi per un

utilizzo esclusivo: il Chocokebab.

Scaglie di piacere da consumare

al tavolo o on the road

Tra i sapori che gli italiani hanno

nel loro DNA c’è senza dubbio

quello del cremino di cioccolato.

Nella ricetta originale due

strati esterni di cioccolato gianduja

più scuri ne racchiudono uno interno più

chiaro composto da una pasta di cioccolato con

nocciole, caffè o limone. Elaborata dal pasticciere

torinese Maurizio Dell’Agnese, questa ricetta

è diventata una preparazione unica e geniale: un

cremino a forma di kebab, al quale Techfood ha

unito la propria tecnologia. Ne è nato un sistema

innovativo che esalta il piacere di una specialità

storica in chiave moderna: Chocokebab, un angolo

di alta pasticceria per ogni locale che vuole

essere un re nel regno del gusto. Da consumare

al tavolo o on the road con la pratica confezione

da asporto.

MIX VINCENTE

Chocokebab è

stato presentato in

anteprima al Sigep

di Rimini e ha subito

riscosso il consenso

degli operatori. Ciò

che più ha convinto è

il mix di innovazione,

tecnologia, gusto e

prodotto.


Facile e gustoso

Un sistema refrigerato mantiene alla temperatura di

circa 20 ° un maxicremino di 10 kg realizzato artigianalmente

che ruota in senso circolare, viene tagliato

in scaglie da un apposito strumento con lama in ceramica

e raccolto in un involucro tiepido: la Chocopita.

È simile a una crêpe, ma più morbida e dolce.

Utilizzando l’apposito impasto fluido, pronto all’uso,

VANTAGGI E CONSIGLI

Il plus dell’esclusiva

Il servizio chiavi in mano di

Chocokebab offre l’opportunità

di un’esclusiva di zona, il

cui raggio d’azione varia in

base alla grandezza della

località in cui si trova il locale.

Sottoscrivendo un contratto

di ri-ordino, la si acquisisce

per un anno, nuovamente

prorogabile.

Farsi notare

Quando nel locale arriva una

nuova offerta, l’importante è

metterla bene in vista, all’interno o

all’esterno, per acquisti d’impulso

“in movimento”. Come? Techfood

propone il carrello Last Minute

Chocokebab, che il locale può

personalizzare con il proprio

marchio. Di dimensioni contenute,

è versatile e pratico.

Chocokebab / nuovi prodotti

Irresistibile nella versione da banco

e sul pratico carretto Last Minute

si cuoce in una doppia piastra di cottura in pochi secondi

ed è pronta per l’abbinamento con il cioccolato e

le numerose farciture suggerite in un apposito menu.

Tra questi, panna montata, crema pasticcera, gelato,

crema chantilly, creme di frutta - dall’arancia ai frutti

di bosco -, crema al caffè, alla menta, al cocco, di

limone; in superficie granelle di mandorle e nocciole

o zucchero a velo: rivoluzionario!

Tanti modi per servirlo

Nella Chocopita: cocco, mandorle,

frutti di bosco, nocciole, gelato,

arancia, caffè, caramello vaniglia.

Al piatto: con gelato, charlotte.

Nel pan di Spagna: charlotte,

con panna.

Decorazioni: con cioccolata

e caffè su un ciuffo di panna

montata.

bargiornale per

7


argiornale per

8

attrezzature / soluzioni per ogni ora

L’IMPORTANTE È

Distinguersi dalla concorrenza è una mossa strategica

per il successo del locale. Quattro attrezzature per quattro

occasioni di business nell’arco della giornata

07,00 - 09,00 • LA COLAZIONE

I waffle sono un’idea nuova e

gustosa da farcire con cioccolata,

miele, marmellata. Nella linea La

Cialderia anche piastre per cialde,

cialdoni, brioches e donuts.

12,30 - 14,30 • IL PRANZO

Pasta preparata espresso con

Pastaland, gruppo di cottura

automatico con due cestelli.

Cuoce pasta secca, fresca,

precotta, IQF, riso, gnocchi e

vermicelli di riso o soia.


soluzioni per ogni ora / attrezzature

DIVERSIFICARE

COTTURE NO PROBLEM Questa è praticità! Techfood fornisce ai propri

clienti l’utilissima tabella Patatwist Happy Hour, che alle diverse referenze suddivise

per azienda fornitrice, abbina tempi di cottura, temperatura e programma.

15,30 - 17,30 • LA MERENDA

Una pausa di gusto con una

buona crêpes dolce o salata

realizzata in soli 30 secondi con la

macchina a due piastre in acciaio

Rondò e farcita al momento

secondo il gusto del cliente.

18,30 - 20,30 • L’APERITIVO

L’happy hour deve offrire olive

ascolane, crocchette, verdure

pastellate, patatine… Con

Patatwist si prepara solo ciò che

serve, senza scarti, olio, odori,

sistemi di smaltimento.

bargiornale per

9


argiornale per

10

soluzioni in-store / Simple Point

SEMPLICE,

DI NOME E DI FATTO

Simple Point è il fast food modulare a partire da 8 metri quadri

Corner o isola: a chi vuole ampliare

un’attività esistente o avviarne una

nuova, Techfood propone Simple

Point, il fast food più piccolo ed efficiente

al mondo, totalmente “chiavi

in mano”. Una vera innovazione nel campo della ristorazione

moderna che rispetta ed esalta la cucina

nazionale e internazionale. Per realizzarlo è sufficiente

una superficie minima di 8 mq, dove avvengono la

preparazione, la cottura, la presentazione delle portate,

in base alla versione scelta: Pizza e bruschetta,

Pasta, Kebab, Ice Cream. A chi desidera un servizio

completo e continuativo, l’azienda assicura la fornitura

puntuale degli alimenti e dei prodotti di servizio.

La struttura è flessibile e adattabile ai contesti più vari.

Può essere composta anche da più moduli, in linea

INFLUENZA DEI SENSI

SULLA DECISIONE DI ACQUISTO

80% OCCHI

20% GUSTO

o in gruppo, per soddisfare ogni esigenza di offerta e

di spazio in centri commerciali, parchi divertimento,

località turistiche, cinema.

Visto da vicino

Ogni modulo ha piani di lavoro con alzatina in accia-


Ice Cream

QUATTRO VERSIONI

per preparare

rapidamente dolci

di ogni genere

e vari tipi di spremute.

Pasta

in 20 secondi un primo

piatto fumante per chi

vuole mangiare bene

e velocemente.

Pizza e bruschetta

il piacere della buona

cucina italiana e tante

ricette per menu ricchi

e intriganti.

Simple Point / soluzioni in-store

Kebab

il gusto di un tipico piatto

orientale, ma anche polli

allo spiedo. Meglio se con

patatine e finger food.

Ogni soluzione può essere arricchita con una o più macchine

per completare l’offerta e renderla ancora più accattivante

io e una piccola vetrata in cristallo di sicurezza nel

più severo rispetto delle normative HACCP. Nella

parte superiore si trovano il menu board personalizzabile

illuminato da una linea di luci a led e, sotto,

tre mini cremagliere per l’inserimento di pianetti

per la presentazione di bevande, topping di farcitura,

salse, porta tovaglioli e quanto serve per un

servizio completo.

I ripiani profondi 35 cm possono accogliere piccole

macchine da banco di supporto come fornetti, centrifughe,

spremagrumi, piccoli elettrodomestici. Le

quattro basi di sostegno, due anteriori e due posteriori,

sono scompartimenti vuoti a cassetto per lo

stoccaggio dei prodotti di servizio. Tutto è a portata

di mano: il registratore di cassa, il monitor per la

presentazione delle offerte della giornata o per l’intrattenimento.

C’è anche lo spazio per una piccola

macchina da caffè.

Grande rapidità

Detto-fatto: Simple Point si installa in giornata e per

essere funzionante necessita solo dell’alimentazione

elettrica. Per creare un insieme molto scenografico,

è possibile unire tra loro diversi moduli, disegnando

qualsiasi forma geometrica in base alle particolari

necessità del locale e allo spazio disponibile. L’allestimento

si completa semplicemente con tavoli tradizionali

o a fungo accompagnati dalle relative sedute.

In poco più di 48 ore si può realizzare una vera food

court che alle diverse preparazioni unisce la proposta

di prodotti alimentari. Ogni particolare è studiato

all’insegna della massima efficienza e praticità, ma

anche della flessibilità. Infatti è possibile scegliere

tra numerosi accessori, che possono essere facilmente

aggiunti o cambiati in base alle particolari necessità

del momento. Il fronte del banco di mescita e il

menu board sono personalizzabili.

bargiornale per

11


PER SAPERNE DI PIÙ

TELEFONATA GRATUITA

More magazines by this user
Similar magazines