Allegati - Farmindustria

farmindustria.it

Allegati - Farmindustria

Allegati


Allegato 1

Sintesi delle misure previste nella Legge n.149/2005, nella Legge n. 266/2005 (Finanziaria 2006), nella Determinazione

AIFA 26 luglio 2005, nella Determinazione AIFA 28 ottobre 2005 e nella Determinazione AIFA 30 dicembre 2005

Decreto Legge n. 87 convertito in Legge n. 149/2005

ARGOMENTO CONTENUTO

Previsto un obbligo informativo, a carico del farmacista nei confronti del paziente, dell’esistenza di farmaci equivalenti qualora

quest’ultimo richieda un farmaco di classe C. Qualora manchi l’indicazione di non sostituibilità nella ricetta, il farmacista, dietro

richiesta del paziente, deve fornire un medicinale avente prezzo più basso di quello prescritto.

Obblighi del farmacista

Entro 30 giorni dall’entrata in vigore l’Aifa compila e diffonde l’elenco dei farmaci nei confronti dei quali si applica la disposizione

precedente. Copie dell’elenco devono essere esposte in farmacia.

Elenco dei farmaci

Il prezzo dei medicinali di classe C e C-bis è deciso dai titolari dell’AIC. Tale prezzo può essere aumentato solo nel mese di

gennaio degli anni dispari e, per Sop ed OTC, costituisce il prezzo massimo di vendita al pubblico. Diminuzioni di prezzo

sono sempre possibili.

Prezzi classe C e C-bis

Le farmacie possono vendere Sop ed OTC operando uno sconto fino al 20 per cento sul prezzo massimo stabilito dall’azienda

titolare. Lo sconto può variare da medicinale a medicinale, ma deve essere applicato uniformemente ai clienti della stessa

farmacia.

Sconto delle farmacie

Entro 120 giorni dall’entrata in vigore, sulle confezioni dei medicinali di cui alla disposizione precedente, va riportata, anche

con etichetta adesiva per le confezioni già in commercio, la dicitura: “Prezzo massimo di vendita euro..”.

Dicitura sulla confezione

I prezzi dei farmaci di classe C, ad esclusione dei Sop ed OTC, sono unici su tutto il territorio nazionale.

Unicità del prezzo

Il farmacista che non ottempera agli obblighi previsti dalle precedenti disposizioni è soggetto a sanzione pecuniaria. In caso di

reiterazione delle violazioni può esser disposta una chiusura temporanea della farmacia non inferiore a 15 giorni.

Sanzioni al farmacista

459


segue Allegato 1

460

ARGOMENTO CONTENUTO

Vengono definiti equivalenti tutti i medicinali con obbligo di prescrizione, che non abbiano mai goduto di tutela brevettuale, e

che contengano principi attivi per i quali è scaduta la suddetta tutela (generici e farmaci-copia). Le aziende titolari di AIC dei

farmaci equivalenti hanno novanta giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione per apporre sulla confezione la scritta

“medicinale equivalente”.

Medicinali equivalenti

Entro 90 giorni l’Aifa individua con decreto le specialità per le quali debbono essere previste confezioni monodose o con una

sola unità posologica

Confezioni monodose

Entro 90 giorni l’Aifa fissa con decreto il termine entro il quale devono essere rese disponibili in farmacia le confezioni monodose

o con unica unità posologica

Termine per la disponibilità in

farmacia

Prevista la scritta in caratteri braille del nome commerciale del prodotto sulle confezioni, per tutti i prodotti farmaceutici, fitoterapici

ed omeopatici

Braille

Previsti termini per l’informativa al paziente, per il confezionamento e la distribuzione dei prodotti coinvolti nell’applicazione del

braille. Previste anche le sanzioni per le aziende inadempienti.

Termini e sanzioni per

l’applicazione delle scritte in

braille


segue Allegato 1

Legge 23 Decreto dicembre Legislativo 2005, n. n. 266 156 (Finanziaria convertito in 2006)- Legge disposizioni n. 202/2004principali

ARGOMENTO CONTENUTO

Il livello complessivo del finanziamento statale della spesa del SSN per il 2006 è pari a 90.960 milioni di euro (89.960

+ 1.000). L’incremento di 1.000 milioni di euro sarà ripartito tra le Regioni, secondo modalità e criteri definiti con decreto

del Ministro della Salute di concerto con il Ministro dell’ Economia.

Livello di finanziamento

(c.278)

Sono previste risorse aggiuntive destinate al ripiano dei disavanzi 2002, 2003 e 2004 per 2.000 milioni di euro.

Risorse aggiuntive ripiano

disavanzi (c.279)

L’erogazione delle risorse del comma 279 è subordinata alla stipula di un’Intesa da parte della Conferenza Unificata sullo

schema del PSN 2006-2008, nonché di un’Intesa Stato-Regioni in merito agli interventi di contenimento delle liste di

attesa.

Criteri di erogazione

(c. 280-281)

Viene ulteriormente incrementato il finanziamento della spesa sanitaria di 213 milioni di euro, a partire dal 2006, per

coprire gli oneri per il personale in seguito all’adeguamento contrattuale.

Incremento finanziamento

(c.182)

Destinazione del 5 per mille dell'irpef, in aggiunta all'attuale 8 per mille. Per l’anno 2006, e a titolo iniziale e sperimentale

è devoluta una quota del 5 per mille a sostegno del volontariato, finanziamento della ricerca, scientifica e sanitaria e

dell’università, attività sociali del comune di residenza.

5 per mille (c.337)

Entro 10 mesi dall'entrata in vigore l'Aifa emana con decreto i criteri generali per la stipula successiva di appositi accordi

di programma che prevedano, in particolare, l'attribuzione di un premium price. Al comma 314 vengono previsti i criteri

di massima di cui gli accordi devono tenere conto.

Accordi di programma

(c.313-314)

Il premium price attribuito sulla base degli impegni di cui al comma 314, non può superare il 10 per cento dell'impegno

economico derivante dagli investimenti. Verrà riconosciuto all'interno di un'apposita procedura per la negoziazione prezzi.

Limite del premium price

(c.315)

461


segue Allegato 1

462

ARGOMENTO DESCRIZIONE

CONTENUTO

La Conferenza Stato-regioni nell'ambito dell'intesa che determina il livello del fabbisogno finanziario sanitario annuale, per

i rispettivi anni di cui al comma 313 (2006-2008) può fissare un importo finanziario aggiuntivo fino ad un ammontare

complessivo di 100 milioni per l'anno 2006.

Finanziamento del premium

price (c.316)

Prevista la possibilità per l'Aifa di ridurre il prezzo dei farmaci, come misura alternativa od integrativa rispetto a quelle già

previste dalla normativa vigente (l. 326/2003, art.5) per il ripiano degli sfondamenti del tetto di spesa farmaceutica.

Riduzione del prezzo dei

farmaci (c.408)


segue Allegato 1

Decreto Legislativo Determinazione n. 156 convertito AIFA 26 Luglio in Legge 2005 n. 202/2004

ARGOMENTO DESCRIZIONE

CONTENUTO

Viene fissata al 31 ottobre 2005 la scadenza del pagamento dello sconto del 4,12% sul prezzo al pubblico a carico delle

industrie farmaceutiche, previsto dalla legge 202/2004.

Scadenza

Viene confermato nelle premesse che l'adozione dell'aggiornamento del PFN 2005 è limitata al solo anno 2005.

Limitazione applicativa del

PFN 2005

Viene previsto che al 15 ottobre 2005 l'Aifa debba provvedere alla verifica dell'entità del ripiano per apportare eventuali correttivi.

Verifica entità ripiano

Determinazione AIFA 28 ottobre 2005

ARGOMENTO CONTENUTO

Dal 1° novembre 2005 non si applica più lo sconto del 4,12% sul prezzo al pubblico a carico del produttore (misura entrata in

vigore il 26 giugno 2004 con il d.l.156/2004 convertito con l.202/2004), poiché è stato raggiunto l'obiettivo del ripiano

dello sfondamento del tetto di spesa farmaceutica 2004.

Scadenza applicazione sconto

del 4,12%

463


segue Allegato 1

Determinazione AIFA 30 dicembre 2005

464

ARGOMENTO CONTENUTO

Ripristinati i prezzi antecedenti al PFN 2005 per i farmaci oggetto della revisione.

Cessazione del taglio selettivo

dei prezzi ex PFN 2005

Prevista una riduzione temporanea di prezzo al pubblico del 4,4%, sui prezzi in vigore al 31 dicembre 2004. Per tutti i farmaci

il cui prezzo non è stato toccato dall'introduzione del PFN 2005 si applica sul prezzo vigente al 15 gennaio 2005.

Riduzione del 4,4%

Esentati i prodotti emoderivati di origine estrattive, gli emoderivati da dna ricombinante, i vaccini, i farmaci con prezzo al

pubblico uguale o inferiore ai 5 euro purché non inseriti nelle liste di trasparenza.

Esenzioni dalla

riduzione del 4,4%

Previsto uno sconto temporaneo a carico della sola industria dell'1% sul prezzo ex-factory (corrispondente allo 0,6% del

prezzo al pubblico IVA compresa) dei farmaci destinati al mercato interno e rimborsabili dal SSN.

Sconto dell'1%

Esentati dallo sconto i prodotti dispensati in ospedale, i prodotti emoderivati di origine estrattive, gli emoderivati da dna

ricombinante, i vaccini, i farmaci con prezzo al pubblico uguale o inferiore ai 5 euro, i farmaci inseriti nelle liste di trasparenza.

Esenzioni dallo

sconto dell'1%

Prevista l'attivazione da parte dell'Aifa, entro il 31 marzo 2006, di uno specifico flusso informativo dei dati relativi all'assistenza

farmaceutica complessiva dell'anno 2005 al fine di rideterminare, eventualmente, l'entità del tetto di spesa farmaceutica,

tramite un decreto di concerto con il Ministero della salute ed con il Ministero dell'economia.

Flusso dati e tetto di spesa

Entro il 30 giugno 2006 l'Aifa deve verificare l'impatto delle misure introdotte ed assumere eventuali ulteriori misure di

ripiano qualora si rendessero necessarie.

Verifica impatto

Il provvedimento entra in vigore il 15 gennaio 2006.

Entrata in vigore


Allegato 2

MISURE DI CONTENIMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA ADOTTATE DALLE REGIONI: TICKET E LIMITAZIONE DELLE PRESCRIZIONI

(Aggiornato a maggio 2006)

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

ABRUZZO

ticket abolito

9 gennaio 2006 1 pezzo per ricetta per i farmaci inibitori 9 gennaio 2006

della pompa acida, nota 66, antibiotici

31 ottobre 2002 orali (conf. 6 gg), FANS iniettivi.

ticket sospeso

(prorogato fino al 1/12/05)

1 maggio 2004

1 specialità/generico per ricetta

max 2 specialità diverse per ricetta

(provvedimento temporaneamente revocato)

agosto 2002

2,3,4 e/pezzo

Secondo fasce di reddito

2 pezzi per ricetta (Rif. L. Naz.)

15 settembre 2003

1 pezzo per ricetta per i farmaci inibitori

della pompa acida

1 novembre 2002

31 dicembre 2002

1 pezzo per ricetta

BASILICATA

marzo 2005

Farmaci analgesici ed oppiacei, n. confenzioni

a seconda della terapia - max 30 gg

2 pezzi per ricetta

(disabili, indici, invalidi)

1 settembre 2005

Ticket abolito

CALABRIA

agosto 2004

Nessun ticket per i farmaci a brevetto scaduto

(confermato a marzo 2005)

novembre 2004

pezzo per ricetta

(esclusi antibiotici monodose, e farmaci

per fleboclisi, interferoni e per epatite cronica)

1 febbraio 2002

1 e/pezzo

2 pezzi per ricetta,

3 pezzi per alcune patologie (Rif. L. Naz.)

465


segue Allegato 2

466

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

CAMPANIA

EMILIA ROMAGNA

FRIULI V. GIULIA

8 aprile 2002

2 pezzi per ricetta

1 gennaio 2006

ticket abolito

LAZIO

dal 4 febbraio 2002

al 7 aprile 2002

1 pezzo per ricetta

1 febbraio 2002

1 e/pezzo

per i farmaci il cui prezzo è superiore ai 5 e

2 pezzi per ricetta (Rif. L. Naz.)

nessun ticket per farmaci a prezzo inferiore

o uguale a quello di riferimento

(Modifiche alle esenzioni: gennaio 2005;

esenzione totale per malati cronici, malattie

rare e trapianti d'organo per redditi inferiori a

33,500 e)

LIGURIA

1 luglio 2003

pensionati sociali, invalidi di guerra e civili

esentati dal pagamento del ticket 1 e/pezzo

(max 3 e/ricetta) per i malati cronici

21 marzo 2002

2 e/pezzo, max 4 e/ricetta

3 pezzi per ricetta


segue Allegato 2

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

(Modifiche alle esenzioni: Marzo 2003,

Ottobre, Gennaio 2004)

LOMBARDIA

10 marzo 2003

1 e/ pezzo (max tre pezzi per ricetta)

per invalidi (guerra/civili), pensionati e patologie

croniche e malattie rare

12 dicembre 2002

2 e/pezzo, max 4 e/ ricetta max 3 pezzi

per ricetta

MARCHE 1 pezzo per ricetta (non si possono rilascia- dal 19 gennaio 2004

re più ricette con la prescrizione dello stesso al 31 dicembre 2004

farmaco già prescritto nel medesimo giorno

- è possibile la prescrizione di due farmaci

diversi per ricetta

- farmaci analgesici/oppiacei, confezioni

sufficienti per 30 gg.

- patologie croniche max 2 confezioni per

ricetta, max 60 gg.)

dal 6 ottobre 2003

al 31 dicembre 2003

1 confezione di farmaci/generici per ricetta

2 specialità/generici diversi per ricetta.

La ricetta con un farmaco già prescritto può

essere rilasciata solo dopo una settimana dalla

prima prescrizione (esclusi antibiotici monodose,

fleboclisi, analgesici oppiacei, cronici).

467


segue Allegato 2

468

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

1 gennaio 2004

1 pezzo per ricetta

15 gennaio 2004

0,5 e/pezzo per farmaci generici ad esclusione

dei farmaci di prezzo inferiore ai 5 e

MOLISE

31 agosto 2003

Revoca sospensione ticket nei comuni terremotati

16 agosto 2002

1 e/pezzo, max 3 e/ricetta

4 novembre 2002

(nei comuni terremotati: ticket sospeso,più fornitura

gratuita farmaci fasce A, H, B, C)

1 novembre 2002

1 pezzo per ricetta per i farmaci inibitori

della pompa acida

(Modifiche alle esenzioni: primo giorno successivo

bilancio 2006)

PIEMONTE

1 luglio 2005

Nessun ticket per i farmaci per prezzo inferiore

o uguale a quello di riferimento

1 ottobre 2004

Modifiche alle esenzioni

1 aprile 2003

Esenzione ticket per i farmaci analgesici oppiacei

4 aprile 2002

2 e/pezzo, max 4 e/ricetta

fino a 3 pezzi per ricetta

Linee guida sulle modalità prescrittive

1 ottobre 2005

2 e/pezzo, max 5,5 e/ricetta

0,50 e/pezzo (farmaci a base di antibiotici,

interferone e pluriprescrivibili)

PUGLIA


segue Allegato 2

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

Modifiche agli esenti totali e parziali

PUGLIA

Ticket escluso per i generici e i genericabili se

con prezzo superiore al prezzo di rimborso e

per i soli generici con prezzo inferiore al prezzo

di imborso

Ticket dovuto solo sui genericabili con prezzo

superiore al prezzo di rimborso da brevetto

1 gennaio 2005

2 e/pezzo, max 5,5 e/ricetta

0,50 e/pezzo (farmaci a base di antibiotici,

interferone e pluriprescrivibili)

1 e/pezzo, max 3 e/ricetta (nuclei familiari

con reddito fino a 12.500 e/anno

Esenti totali: nuclei familiari con reddito inferiore a

10.000 e/anno, patologie neoplastiche, malattie

rare, croniche, invalidanti e donatori d'organi

1 settembre 2003

2 e/pezzo, max 5,5 e/ricetta

0,65 e/pezzo (farmaci pluriprescrivibili, analgesici)

1 e/pezzo, max 3 e/ricetta

(reddititi bassi, malattie croniche, invalidanti e rare)

10 agosto 2002

1 e/ricetta + 1,5 e/pezzo

max 4,5 e/ricetta

469


segue Allegato 2

470

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

dal 21 novembre 2002

al 31 dicembre 2002

1 pezzo per ricetta (esclusi antibiotici monodose

e interferoni)

1 aprile 2004

Ticket abolito

SARDEGNA

dal 1 luglio 2003

al 31 marzo 2003

75 cents/pezzo, max 1,50 e/ricetta

25 cents/pezzo (farmaci pluriprescrivibili)

5 agosto 2002

1,5 e/pezzo, max 3 e/ricetta

0,5 e/pezzo (farmaci pluriprescrivibili)

15 agosto 2005

Modifica alla fascia di reddito ISEE:

- inferiore a 9.000 e a carico del SSR

- ticket escluso per i farmaci non coperti da brevetto

Compartecipazione secondo le seguenti fasce

di reddito (ISEE):

- inferiore a 7.000 e: a carico del SSR

- da 7.000 e a 9.000 e: 0,50 e/pezzo

- oltre i 9.000 e: 2,00 e/pezzo max 4

e/ricetta

Compartecipazione secondo la patologia:

- 1 e/pezzo (pluriprescrizioni per fleboclisi)

- 0,50 e/pezzo (malattie croniche, invalidanti,

rare)

SICILIA

1 gennaio 2005

1 luglio 2004

2 e/pezzo, max 4 e/ricetta

0,50 e/pezzo, max 1,50 e/ricetta per

malattie croniche, invalidanti e rare


segue Allegato 2

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

(a tali quote si somma la differenza eventualmente

dovuta rispetto al prezzo di rimborso per

i farmaci non coperti da brevetto)

SICILIA

1 gennaio 2004

da 1,50 a 2 e/pezzo secondo fasce di reddito

max 3 pezzi/ricetta 0,50 e/pezzo, max

1,50 e/ricetta per le malattie croniche invalidanti

e rare

ticket escluso per i farmaci non coperti da brevetto

esenzione totale ticket per famiglie con

reddito complessivo lordo inferiore a

12.000,00 e

8 luglio 2002

1,55 e/pezzo, max 3,10 e/ricetta 2 pezzi

per ricetta 0,52 e/pezzo (malattie croniche,

invalidanti e rare)

TOSCANA

1 luglio 2002

2 e/pezzo, max 4 e/ricetta

1 e/ricetta

(alcuni invalidi militari e civili, pensionati e

malati cronici, disoccupati)

P.A. BOLZANO

P.A. TRENTO 1 pezzo per ricetta

dal 5 giugno 2002

471


segue Allegato 2

472

Regioni Ticket (ricetta e/o confezione) Decorrenza Limitazione delle prescrizioni Decorrenza

dal 10 ottobre 2002 al

31 dicembre 2002

1 pezzo per ricetta

UMBRIA

VALLE D'AOSTA

(Modifiche alle esenzioni: luglio 2003 e aprile

2004)

VENETO

1 aprile 2003

2 e/pezzo, max 4 e/ricetta

2 pezzi per ricetta

1 febbraio 2003

(entrata in vigore

spostata al 1 marzo

2003)

2 e/ricetta

2 e/pezzo


Allegato 3

MONITORAGGIO MONITORAGGIO DEGLI DEGLI ACCORDI CON I FARMACISTI PER LA DISTRIBUZIONE (ex L. 405/01 - art art 8, 8, comma 1, lettera a) a)

(Aggiornato a maggio 2006)

(Aggiornato ad aprile 2005)

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie e distributori: 10 %

– farmacie rurali sussidiate e

distributori: 13%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

solo per i farmaci registrati con procedura Nazionale

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

tranne PME

Regione Abruzzo

Federfarma

Assofarm

DGR n. 1149 del 22/11/04

OPERATIVO

ABRUZZO

– farmacie: 13%

– distributori: 3,8%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT

Regione Basilicata

ADF

Federfarma

DGR n. 205 del 01/02/05

(dal 01/02/05 al 31/12/05)

OPERATIVO

BASILICATA

– Rinnovo tacito per il 2006

salvo facoltà di recesso

– farmacie: 13 %

– farmacie rurali: 9%

– distributori: 3,8%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Basilicata

ADF

Federfarma

DGR n. 905 del 16/04/04

(dal 01/04/04 al 31/12/04)

– farmacie: 13 %

– distributori: 4 %

– Acquisto da parte delle due AUSL capofila (ASL n. 2 di

Potenza e Asl n. 4 di Matera)

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Basilicata

Federfarma

DGR n. 1535 del 07/08/03

(dal 01/09/03)

473


segue Allegato 3

474

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 18,8 %

– distributori: 4,5 %

– La Regione demanda alle farmacie private la distribuzione

dei farmaci (casi previsti dalla L.R. 29/2002)

– Le farmacie ospedaliere e territoriali continuano la

distribuzione dei farmaci dei protocolli terapeutici

(L'onere della gestione è a caric”

Accordo per distribuire i farmaci:

– Dimissione ospedaliera

(30gg.)

– Assistenza residenziale e

semiresidenziale.

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00.

Regione Calabria

Federfarma

ADF

Fulc

DGR n. 1158 del 17/12/02

(da aprile 03)

NON OPERATIVO

CALABRIA

– farmacie: 12-13%

– distributori: 2%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Elenco di medicinali tratti da

Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Campania

Federfarma

CODIN

DGR n. 2079 del 01/04/03

NON OPERATIVO

(fino al 21/12/03)

CAMPANIA

– farmacie:11 %

– distributori: 3,5 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL Avellino n. 2

Federfarma (AV)

(dal 15/09/03)

– farmacie e distributori: 17 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL Benevento n. 1

Federfarma (BN)

(dal 01/7/03)

– farmacie e distributori: 18%

< e 154,94

– farmacie e distributori: 14%

> e 154,94

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL Caserta n. 2

Accordo del 18/06/2003

NON OPERATIVO


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie e distributori: 15%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL Napoli n. 4

Accordo del 17/05/2002

NON OPERATIVO

(dal 01/06/2002 al

31/12/2002)

CAMPANIA

– farmacie: 0%

– Le AUSL della Regione individuano i farmaci da

acquistare in base ai loro consumi medi

– Le AUSL provvedono anche all'approvvigionamento

tramite ASL capofila con programmi di acquisto e

consegne in base ai fabbisogni

– I distributori provvedono”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Emilia Romagna

Federfarma

Confservizi

Accordo del 23/07/02

(dal 01/10/02 fino al 1/12/02)

NON OPERATIVO

EMILIA

ROMAGNA

– farmacie e distributori: 8%

> e 154,94

– farmacie e distributori: 13 %

< e 154,94”

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT

ASL Bologna

Federfarma

AFM Bologna SpA

Accordo del 26/05/04

OPERATIVO

– farmacie: 0 %

– distributori: 3 %

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

– Fino al 31/12/03 fase

sperimentale”

ASL Bologna (Città

Bologna Nord e Sud)

Federfarma (BO)

Farmacie di Comuni limitrofi

– farmacie e distributori: 14%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– In caso di rispetto del tetto del 13% (della ASL Rimini) l'accordo

sarà sospeso

– Allegato ”A” alla DDG 309/05

(elenco discrezionale

dell'ASL)

ASL Rimini

Federfarma Rimini

DDG n. 309/05

(dal 01/08/2005 al 31/07/06)

OPERATIVO

475


segue Allegato 3

476

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

< e 154,64

– farmacie: 10 %

– distributori: 3 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato “A“ e “B“ alla

DDG 268/2005

(PHT + altro)

EMILIA

ROMAGNA

> e 154,64

– farmacie: 5 %

– distributori: 3 %

ASL di Forlì

Federfarma Forlì

ForliFarma

Comune Santa Sofia

Comune Meldola

Opera Pia Piccinini di Predappio

Delibera n. 268 del 18/08/05

(dal 05/09/05 al 31/12/05)

OPERATIVO

– farmacie e distributori: 8%

> e 154,94

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 +

ciclosporina, antiepilettici

ultima generazione

– farmacie e distributori: 13%

< e 154,94

ASL Modena

Federfarma Modena

FCM

Accordo di giugno 2004

(dal 15/06/04 al 30/09/04)

– farmacie: 9,7%

– farmacie rurali e

con fatturato

< e 258,228: 11,7%

– distributori: 3,3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– La fase sperimentale include solo l'ASS n. 4

(Medio Friuli) in caso positivo sarà estesa a

tutta la Regione

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

(+ clopidogrel)

Regione Autonoma

Friuli Venezia Giulia

Federfarma

Assofarm

ADF

DGR n. 2927 del 29/10/04

(da 11/2004 fino al 31/12/05 )

NON OPERATIVO

FRIULI VENEZIA

GIULIA


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 9%

– distributori: 3%

– farmacie rurali: 12%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

solo per i farmaci dell'allegato n. 1

PHT

Regione Lazio

Federfarma

Farmacie Comunali

NON OPERATIVO

LAZIO

– farmacie urbane: 12%

– farmacie rurali e

con fatturato < e 258,228:

14%

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

tranne metadone

– Fase sperimentale

Regione Liguria

Federfarma

Assofarm

DGR n. 642 del 22/06/04

(dal 01/07/04)

OPERATIVO

LIGURIA

– farmacie: 9%

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al

D.M. 22/12/2000 tranne:

metadone;

buprenorfina

ASL 2 Savona

Federfarma

Assofarm

ADF

Delibera n. 1167 del 13/08/2004

– farmacie: 9%

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al

D.M. 22/12/2000 tranne:

metadone;

buprenorfina;

farmaci ad uso ospedaliero

ASL 4 Chiavari

Federfarma

Assofarm

ADF

Delibera n. 895 del 5/08/2004

– farmacie: 9%

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al

D.M. 22/12/2000 tranne:

metadone;

ASL 3 Genova

Federfarma

Assofarm

477


segue Allegato 3

478

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

buprenorfina

ADF

Delibera n. 1167 del 13/08/2004

(dal 1/10/2004)

LIGURIA

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Lombardia

ADF

Federfarma

Confservizi Lombardia

(da 06/02 a 12/03 prorogato

per il biennio fino a quando non

saranno individuate più opportune

modalità distributive)

OPERATIVO

LOMBARDIA

– farmacie: 13%

– distributori: 4,5%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL 15 Vallecamonica

Federfarma Brescia

CEF

ADF

Accordo del 4/10/01

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/1200

e successive integrazioni

ad eccezione dei principi attivi

non convenienti”

ASL 2 Brescia

Federfarma

Assofarm

ADF

Delibera n. 640 del 7/08/02

(fino alla scadenza dell'accordo

regionale)


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

e successive integrazioni

LOMBARDIA ASL Mantova

Federfarma Mantova

Confservizi

Confarma

ADF

Accordo del 13/03/03

(fino al 31/12/03)

– farmacie: da definire

– distributori: 3,5%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL Como

Federfarma

Assofarm

ADF Lombardia

Accordo del 18/11/2004

(fino al 31/12/05)

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL Milano 1 ”Legnano”

Federfarma Lombardia

Confservizi Lombardia

ADF Lombardia

Accordo del 31/08/2004

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL 2 Milano ”Melegnano”

Federfarma

Assofarm

ADF Lombardia

Accordo del 1/11/2004

479


segue Allegato 3

480

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

(che può essere ampliato)

LOMBARDIA ASL 3 Milano “Monza”

Federfarma

ADF Lombardia

Accordo del 13/07/04

(fino al 31/12/04)

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

(che può essere ampliato)

ASL 8 Città di Milano

Federfarma Lombardia

Confservizi Lombardia

ADF

Accordo del 20/11/04

(dal 1/12/204 al 31/12/05)

– farmacie: 13%

– distributori: 4,5%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL 12 Pavia

Federfarma

FARCOPA Pavia

Accordo del 18/02/04

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

e successive integrazioni

(come da elenco nell'accordo)

ASL 6 Lodi

Federfarma

Assofarm

ADF Lombardia

Accordo del 13/10/04

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Ampliamento dell'Allegato 2

al D.M. 22/12/00

(come da elenco nell'accordo)

ASL n. 1 Bergamo

Federfarma

ADF Lombardia

Accordo del 9/07/04


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

Darbepoietina;

eritropoietine;

octreotide;

filgrastim;

lenograstim

ASL Lecco

Federfarma Lecco

ADF Lombardia

Disciplinare di intesa

20/09/2004

(dal 1/12/04 al 31/12/05)

LOMBARDIA

– farmacie: 11,9%

– distributori: 3,6%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

ASL Cremona

Federfarma

Assofarm

Socrefarma

Accordo del 30/07/02

(dal 1/09/2002 al 31/12/03)”

– farmacie: 10%

– farmacie rurali: 11,5%

– distributori: 3%

– ASL unica (ASUR) acquista i farmaci al prezzo di cessione

ospedaliera da ogni Azienda Farmaceutica e li detiene in

conto deposito (contratto estimatorio) presso il grossista

che li distribuisce alle farmacie.

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00”

MARCHE

(per alcuni farmaci la quota

spettante alle farmacie è pari

a 9%)

Regione Marche

Federfarma

ADF

Federfarma Servizi

Assofarm

(dal 31/05/04 al 31/06/05)

OPERATIVO

– farmacie : 13%

– distributori: 4%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M.

22/12/2000

ASL n. 10 Camerino

Assofarm

(dal 09/10/2003 al

30/06/2004)

481


segue Allegato 3

482

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

MOLISE Regione Molise

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 – Distribuzione “in nome e per conto di”

– farmacie: 9,8%

Federfarma

– distributori: 3%

Farmacie non aderenti a

Federfarma

CAF-LATIUM

GALENITALIA

DGR n. 1505 del 31/10/05

(prorogato fino al 31/12/05)

– farmacie: 9,8%

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

– Fase sperimentale di 6 mesi

Regione Molise

Federfarma

Farmacie non aderenti a

Federfarma

CAF-LATIUM

GALENITALIA

DGR n. 1416 del 14/11/04

DGR n.109 del 06/02/04

– farmacie: 13%

– farmacie rurali: 14%

– distributori: 4%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

– Fase sperimentale di un anno

Regione Molise

Federfarma

Farmacie non aderenti a

Federfarma

CAF-LATIUM

GALENITALIA

DGR n. 1754

del 30/12/03

(dal 09/01/04 al 31/12/04)


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– Distribuzione diretta esclusiva della ASL per alcuni

principi attivi relativi alle patologie gravi che

richiedono controlli ricorrenti

– Le farmacie distribuiscono gli altri farmaci

dell'allegato 2

– I pazienti oncologici hanno la facoltà di s”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

– Fase sperimentale

di un anno (da 09/04

a 09/05)

PHT da ottobre 2005

Regione

Federfarma

Confservizi Piemonte

DGR n. 37-13371 del 13-09-04

(prorogato per il 2006)

OPERATIVO

PIEMONTE

– farmacie: 13%

– distributori: 4%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 +

omeprazolo;

enalapril;

claritromicina

Regione

Federfarma

ADF

DGR n.23-3935 del 31-08-2001

(dal 1-10-2001 al 31-12-2002)

– farmacie urbane: 10,5%

– farmacie rurali: 11,5%

– distributori: 4%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M.

22/12/2000 +

ormone somatotropo;

terapia infertilità;

interferoni pegilati

L. 405 art. 8 lett. B);

dimissione ospedaliera

(max 7 gg)

ASL 19 Asti

Federfarma

Assofarm

FAP Piemonte

Unifarma Piemonte

Nastri SpA

Accordo del 8/09/2004

(fino al 31/12/2005)

– farmacie: 9%

> 154,94=7,70%

– farmacie rurali: + 2%

– distribuzione “in nome e per conto di”

– distributori: 3%

– PHT ad esclusione di:

fibrosi cistica, malattie rare,

sclerosi mutipla,

tossicodipendenti,

antiretrovirali (AIDS),

HOSP1 e HOSP2

Ares Puglia

Federfarma

Assofarm

DGR n. 1721 del 31/11/05

(valido fino al 31/11/06)

NON OPERATIVO

PUGLIA

483


segue Allegato 3

484

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 13%

– distributori: 4%

– distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Puglia

Ares

Federfarma

Assofarm

ADF

Federfarma Servizi

DGR n. 833 del 02/07/02

(dal 10/07/02 al 31/12/02)

NON OPERATIVO

PUGLIA

– farmacie e distributori: 14%

– distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT + possibilità di

estendere ai farmaci H/RR

e ai non concedibili

P. A. Bolzano

Federfarma

Farmacie comunali

ASL di Bolzano, Merano,

Bressanone e Brunico

Accordo del 27/09/05

(valido fino al 31/12/06)

OPERATIVO

P.A. BOLZANO

– farmacie: 8,00 %

– distributori: 5,00 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

APSS di Trento

Unifarm

Ass. Titolari di farmacia

Farmacie comunali

SpA Azienda Multiservizi

di Rovereto

(dal 01/10/02)

OPERATIVO

P.A. TRENTO


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 0%

– farmacie rurali e

con fatturato

< e 400.000,00: 5 %

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT: allegato B alla DGR

n. 5/18 del 2006

Regione Sardegna

Federfarma

COSAFACA

DIFARMA

SIMA

DGR n. 5/18 dell'8/2/06

(fino al 31/12/06)

NON OPERATIVO

SARDEGNA

– farmacie: 9%

– farmacie rurali: 12,5%

– distributori: 3%

Fino al 30/06/06

distribuzione secondo

accordo Azienda

USL n. 6 di Palermo

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT ad esclusione di:

eritropoietina,

darbepoietina,

somatoprina, follitrpoina,

menotropina, lutropina,

urofollitropina

Regione Sicilia

Federfarma

Federfarma Servizi

ADF

D.A. n. 6872 del 12/12/05

NON OPERATIVO

SICILIA

– Acquisto e distribuzione da parte delle farmacie che sono

tenute ad applicare uno sconto ulteriore sui farmaci a

seconda delle fasce di prezzo.

– PHT ad esclusione di:

ormone somatotropo,

epoietine, darbepoietina.

ASL Palermo n. 6

Utifarma

Accordo di Settembre 2003

(fino al 31/12/05)

– farmacie: 13%

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– farmaci dell'allegato A alla

delibera

ASL Ragusa n. 7

Federfarma Ragusa

Accordo del 05/09/00

modificato il 22/09/04”

485


segue Allegato 3

486

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie e distributori: 10 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– l'operatività dell'accordo quadro è subordinata alla

stipula di accordi specifici sul territorio

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 +

I farmaci ad alto consumo e

alto costo (DGR 135/02).

TOSCANA Regione Toscana

Cispel

Urtofar

Accordo del 2/02/05

OPERATIVO

– farmacie e distributori: 17 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 +

I farmaci ad alto consumo e

alto costo (DGR 135/02).

Regione Toscana

Cispel

Urtofar

(da novembre 2002)

– farmacie e distributori: 17 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

(se raggiungono gli obiettivi,

altrimenti è garantito 8%)

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 +

Allegato “B“ alla

DGR n. 135/2002

(farmaci ad alto consumo e

alto costo).

ASL Pistoia n.3

Associazione sindacale

titolari di farmacia

(dal 13/03/2003)

OPERATIVO

– farmacie: 10%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 +

Allegato “B“ alla

DGR n. 135/02

(farmaci ad alto consumo e

alto costo).

ASL Siena n. 7

Cispel

Urtofar

Accordo del 22/06/05

(dal 01/07/02 al 31/12/2006)

OPERATIVO

– farmacie: 10%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00 +

Allegato “B“ alla

DGR n. 135/02

ASL di Firenze

Cispel

Federfarma


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

(farmaci ad alto consumo e

alto costo).

Accordo del 30/06/05

(valido fino al 31/12/07)

OPERATIVO

TOSCANA

– farmacie: 0%

– farmacie con fatturato

< = e 387.342,67: 3,5%

– distributori: 1,5%

max e 220,000/anno

– Distribuzione “in nome e per conto di”tranne:

note AIFA 12, 30, 30 bis, 51, 74, 39, bicalutamide

50 mg, emoderivati

– PHT

Regione Umbria

Federfarma

Assofarm

DGR n. 583 del 30/03/2005

(valido fino al 31/12/2006)

OPERATIVO

UMBRIA

– farmacie: 0%

trattenuta forfettaria SSN:

19% fatte salve farmacie con

fatturato < = e 387.342,67

– distributori: 3%

– Distribuzione “in nome e per conto di”:

antipsicotici atipici (non prezzo ex factory)

anticolinesterasici

bicalutamide

– Farmaci a prezzo contrattato: canale farmacia

(trattenuta forfettaria SSN)

– PHT

Regione Umbria

Federfarma

Assofarm

DGR n. 583 del 30/03/2005

(valido fino al 31/12/2005)

NON OPERATIVO

– farmacie: 12%

e 387.342,67

– distributori: 4%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Autonoma Valle D'Aosta

Azienda USSL Valle D'Aosta

Unifarma

Federfarma

Assofarma

(dal 1/01/05 al 31/12/05)

NON OPERATIVO

VALLE D’AOSTA

487


segue Allegato 3

488

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacie: 13 %

– distributori: 4 %

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

Regione Autonoma Valle D'Aosta

Azienda USSL Valle D'Aosta

Unifarma

Federfarma

Assofarma

(dal 1/05/2002 al 31/12/02)

(proroga al 31/12/03)

(proroga al 31/12/04)

VALLE D’AOSTA

– farmacisti:10%

– distributori: 4%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– La fase sperimentale coinvolge solo la ASL di Chioggia, in

caso di esito favorevole è estesa a tutte le ASL della

Regione.

– Allegato 2 al

D.M. 22/12/00 tranne:

epoietine, darbepoietina,

interferoni, somatropina,

fattori di crescita emopietici,

clopidogrel.

Regione Veneto

Federfarma

ADF

DGR n. 3353 del 7/11/03

(fase sperimentale fino a 05/04)

OPERATIVO

VENETO

– farmacisti: 6,8%

– distributori: 3,2%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT

Azienda ULSS n. 14 “Chioggia“

Azienda ULSS n. 10 “Portogruaro“

Azienda ULSS n. 12 “Veneziana“

Azienda ULSS n. 13 “Mirano“

Azienda ULSS n. 18 “Rovigo“

Azienda ULSS n. 19 “Adria“

Federfarma di Venezia e Rovigo

ADF

Accordo del 1/07/05

(dal 29/10/04 al 30


segue Allegato 3

REGIONI CONTRAENTI E VALIDITÀ CONTENUTI

MODALITÀ QUOTE DI SPETTANZA

– farmacisti: 10%

– distributori: 4%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– Allegato 2 al D.M. 22/12/00

e successive integrazioni

VENETO Azienda ULSS n. 14 “Chioggia“

Azienda ULSS n. 10 “Portogruaro“

Azienda ULSS n. 12 “Veneziana“

Federfarma Veneto

ADF

Accordo del 27/07/04

(sperimentale fino al 31/12/04)

– farmacisti: 6,8%

– distributori: 3,2%

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT

Azienda ULSS n. 20 “Verona“

Azienda ULSS n. 21 “Legnago“

Azienda ULSS n. 22 “Bussolengo“

Federfarma provincia di Verona

ADF

(dall' 1/05/05 al 30/04/06)

OPERATIVO

– farmacie: 10%

– distributori: 4%”

– Distribuzione “in nome e per conto di”

– PHT

Azienda ULSS n.4 “Alto Vicentino“

Nord Est Farma

Federfarma Vicenza

DDG n. 257 del 15/04/04

(durata 1 anno dall'attivazione)

OPERATIVO

489


Allegato 4

LEGGI FINANZIARIE REGIONALI PER IL 2006

(Aggiornato a maggio 2006)

490

REGIONE LEGGE FINANZIARIA CONTENUTI DI INTERESSE

ABRUZZO

BASILICATA

– stanziamenti per progetti specifici;

– modifiche alle Leggi Regionali precedenti;

– assegnazione funzionari e compiti alle Province;

– introduzione del controllo strategico da parte della Giunta sugli atti della Regione e degli enti vigilati;

– impegno a predisposizione progetto per il recupero e l'incremento delle entrate finanziarie

L. R. n. 1 del 11/01/06

Collegato alla manovra di finanza

regionale per il 2006

CALABRIA

– destinazione delle maggiori entrate tributarie alla copertura dei disavanzi sanitari;

– istituzione e finanziamento della società regionale So.Re.Sa. a cui è affidata la gestione smobilizzo crediti

maturati fino al 31/12/05

L.R. n. 24 del 29/12/05

CAMPANIA

– interventi vari: sul settore agricolo, turistico, ambientale, edilizia scolastica ed universitaria;

– sistema informativo regionale

L.R. n. 20 del 22/12/05

EMILIA ROMAGNA

FRIULI V. GIULIA

– adozione modelli informatici per gli acquisti;

– finanziamento interventi sistemi produttivi locali;

– contenimento costi di produzione delle ASL;

L.R. n. 4 del 28/04/06

LAZIO


segue Allegato 4

REGIONE LEGGE FINANZIARIA CONTENUTI DI INTERESSE

– istituzione cabina di regia per monitoraggio;

– promozione diffusione utilizzo farmaci equivalenti;

– istituzione fondo per la ricerca finanziato da 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2006-2008

LAZIO

Aumenti tributi regionali

L.R. n. 2 del 24/01/06

LIGURIA

– natura puramente finanziaria;

– rifinanziamento Leggi Regionali;

– istituzione fondo per il rispetto degli obblighi stabiliti

L.R. n. 22 del 29/12/05

LOMBARDIA

– riduzione indennità consiglieri;

– ridefinizione tassa per il diritto allo studio universitario;

– modifiche a precedenti Leggi Regionali

L.R. n. 2 del 10/02/06

MARCHE

– estensione patto di stabilità interno agli enti dipendenti e controllati;

– varie disposizioni finanziarie

L.R. n. 3 del 12/04/06

MOLISE

– variazione aliquote tributi regionali (IRAP, tassa automobilistica, etc.);

– ripianamento debito Asl attraverso transazioni con i creditori;

– istituzione "Fondazione per la ricerca sul mesotelioma pleurico";

– istituzione Fondo Regionale a sostegno vittime di pedofilia

L.R. n. 14 del 21/04/06

PIEMONTE

PUGLIA

491


segue Allegato 4

492

REGIONE LEGGE FINANZIARIA CONTENUTI DI INTERESSE

– finanziamenti per riorganizzazione donazioni e trapianti, per l'educazione sanitaria, per lo studio delle

malattie ereditarie del metabolismo, per cittadini affetti da neoplasia maligna, per l'edilizia sanitaria;

– definizione ammontare massimo risorse per contrattazione collettiva biennio 2006-2007

L.R. n. 1 del 24/02/06

SARDEGNA

SICILIA

– disposizioni contenute in precedenti Leggi Regionali;

– concessione alle ASL ed agli ESTAV della possibilità di contrarre indebitamento

L.R. n. 70 del 27/12/05

TOSCANA

– modifiche procedurali alle Leggi Provinciali

L.P. n. 13 del 23/12/05

P.A. BOLZANO

– determinazione oneri contrattuali e limiti di spesa del personale;

– manovre di contenimento spese di organizzazione;

– disposizioni in materia tributaria

L.P. n. 20 del 29/12/05

P.A. TRENTO

– disposizioni di carattere esclusivamente finanziario

L.R. n. 2 del 10/02/06

UMBRIA

– disposizioni generali per il contenimento della spesa in materia di personale;

– in particolare per contenere la spesa sanitaria: oltre alle limitazioni sulle assunzioni, possibilità di introdurre

dei sistemi di governo della mobilità sanitaria;

– concorrenze degli enti locali al rispetto degli obiettivi di finanza pubblica;

– determinazioni risorse per la finanza locale;

– determinazione dei trasferimenti correnti alle ASL per il finanziamento della spesa sanitaria;

– interventi di edilizia sanitaria

L.R. n. 34 del 19/12/05

VALLE D'AOSTA


segue Allegato 4

REGIONE LEGGE FINANZIARIA CONTENUTI DI INTERESSE

– assegnazione risorse residenzialità anziani non autosufficienti;

– stanziamento per il centro sulla sclerosi multipla;

– modifica limite massimo di reddito per la concessione gratuita di farmaci di fascia C ai malati gravi non

ospedalizzati

VENETO L.R. n. 2 del 3/02/06

493


Allegato 5

PROVVEDIMENTI DI INTERESSE DEL SETTORE APPRO-

VATI NEL BIENNIO 2005-2006

(aggiornato a maggio 2006)

• Legge 18 aprile 2005, n. 62 “Disposizioni per l’adempimento

di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità

europee. Legge Comunitaria 2004” (G.U. n. 96 del 27 aprile

2005, supplemento ordinario n. 76/L).

• Legge 26 luglio 2005, n. 149 “Conversione in legge, con modificazioni,

del decreto-legge 27 maggio 2005, n. 87 recante

disposizioni urgenti per il prezzo dei farmaci non rimborsabili dal

Servizio Sanitario Nazionale nonché in materia di confezioni di

prodotti farmaceutici e di attività libero-professionale intramuraria”

(G.U. n. 175 del 29 luglio 2005 - Testo coordinato G.U.

n. 175 del 29 luglio 2005).

• Legge 21 ottobre 2005, n. 219 “Nuova disciplina delle attività

trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati”

(G.U. n. 251 del 27 ottobre 2005).

• Legge 29 ottobre 2005, n. 229 “Disposizioni in materia di indennizzo

a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di

tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie” (G.U.

n. 258 del 5 novembre 2005).

• Legge 30 novembre 2005, n. 244 “Conversione in legge, con

modificazioni, del decreto-legge 1° ottobre 2005, n. 202, recante

misure urgenti per la prevenzione dell’influenza aviaria”

(G.U. n. 279 del 30 novembre 2005 – Testo coordinato G.U.

n. 279 del 30 novembre 2005).

• Legge 23 dicembre 2005, n. 266 “Disposizioni per la formazione

del bilancio annuale e pluriennale dello Stato. Legge

Finanziaria 2006” (G.U. n. 302 del 29 dicembre 2005, supplemento

ordinario n. 211/L).

• Legge 25 gennaio 2006, n. 29 “Disposizioni per l’adempimento

di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle

Comunità europee. Legge Comunitaria 2005” (G.U. n. 32

dell’8 febbraio 2006, supplemento ordinario n. 34/L).

494


• Legge 21 febbraio 2006, n. 49 “Conversione in legge, con modificazioni,

del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 272, recante

misure urgenti per garantire la sicurezza ed i finanziamenti

per le prossime Olimpiadi invernali, nonché la funzionalità dell’

Amministrazione dell’interno. Disposizioni per favorire il recupero

di tossicodipendenti recidivi” (G.U. n. 48 del 27 Febbraio

2006 supplemento ordinario - Testo coordinato G.U. n. 48 del

27 Febbraio 2006 supplemento ordinario).

• Legge 22 febbraio 2006, n. 78 “Conversione in legge, con modificazioni,

del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 3, recante

attuazione della direttiva 98/44/CE in materia di Protezione

giuridica delle invenzioni biotecnologiche” (G.U. n. 58 del 10

marzo 2006 – Testo coordinato G.U. n. 58 del 10 marzo

2006).

• Schema di decreto legislativo concernente il “Recepimento della

direttiva 2001/83/CE recante un Codice comunitario relativo

ai medicinali per uso umano e della direttiva 2003/94/CE” (In

attesa di essere pubblicato in G.U.).

495


Stampa: Arti Grafiche Tilligraf Srl - Roma

More magazines by this user
Similar magazines