Views
4 years ago

Bright Star. La vita autentica di John Keats - Fazi Editore

Bright Star. La vita autentica di John Keats - Fazi Editore

16 Mio caro Taylor, è

16 Mio caro Taylor, è chiaro ormai che ti scrivo solo quando sono costretto. Mi dispiace. Devi anche scusarmi se entro subito nel vivo. Sono stato davvero sfortunato, di recente, con i soldi. Negli ultimi tre mesi è stato Brown a prestarmi il denaro. Ma non ne ha molto neppure lui e quindi devo rivolgermi a qualcun altro. Insieme – ma la cosa deve restare segreta – abbiamo appena finito una tragedia. Speriamo di ricavarne un po’ di sterline. Essendo di fatto soci, Brown mi ha suggerito di dirti che dividerebbe con me le garanzie di un prestito per andare avanti fino alla fine di questa estate. Devo anche dire che il proporti una garanzia non è dovuto a una mancanza di fiducia nei tuoi riguardi, quanto a una mia tranquillità contro i capricci di una vita troppo disordinata, che io invece vorrei saldamente incatenata a responsabilità e doveri. So che potrei diventare uno scrittore di successo. Per mia scelta, tuttavia, non lo sarò mai. Dovrò in ogni caso guadagnarmi da vivere. Ti confesso una cosa. Detesto, in ugual misura, sia il favore del pubblico, sia l’amore per una donna. Sono entrambi una melassa viscosa che si appiccica alle ali dell’indipendenza. Considero i lettori eternamente in debito verso di me per i versi che compongo, non certamente io debitore della loro ammirazione, della quale riesco benissimo a fare a meno. Come ricorderai, mi sono fatto convincere di recente a scrivere una prefazione a Endimione per accattivarmi il pubblico. Ho deciso che non lo farò mai più. Fosse stato per me, avrei detto semplicemente: «Ci sono già troppi versi in commercio, ma comprate comunque il mio libro. Vi farà trascorrere qualche piacevole ora di riposo tra una fatica e l’altra». Quando metterai giù la lettera certamente commenterai: «Com’è vero che una vita solitaria genera orgoglio ed egocentrismo!». È vero, lo so. Ma questo orgoglio, questo egocentrismo

mi fanno scrivere cose che nient’altro potrebbe indurmi a scrivere. E perciò io li coltivo. Per quanto possa essere umile di fronte al Genio, mi sento invece superiore e guardo con odio e disprezzo al mondo dei letterati. Un tamburino che tende la mano con familiarità al maresciallo, ecco cos’è, per me, il consenso e l’approvazione del pubblico! Questa non è saggezza e io non sono un saggio. È orgoglio. Perdonami se invece di scrivere do martellate. Una volta imbucata la lettera era tornato nella sua stanza, ma senza voglia di leggere né di scrivere e, dopo venti minuti a ciondolare tra finestra e scrivania, aveva deciso di uscire a fare due passi. Erano ormai le tre del pomeriggio e il sole batteva forte facendo di quel lunedì una giornata calda e luminosa. Passò dal cancelletto posteriore, attraversò la strada dietro casa ed entrò nel cortile della cattedrale dove c’era un sentiero lastricato e ombroso. Si rallegrava che il suo stato d’animo, nonostante la lettera, fosse ancora buono. Passeggiando sovrappensiero, era sbucato davanti alla facciata gotico-romanica, rimanendo per un attimo col fiato sospeso: era davvero straordinaria; cosa era in grado di fare l’uomo benché in nome d’una falsa convinzione! Entrò e vi rimase per qualche minuto: non c’era nessuno a quell’ora, a parte due vecchiette inginocchiate, assorte in preghiera, alle estremità laterali della navata. Uscì dalla cattedrale e girò a sinistra sotto un arco di pietra, per ritrovarsi sull’altro lato dell’edificio. Lasciandoselo alle spalle, proseguì per una piazza adorna di piante a basso fusto e aiuole macchiate di colori sgargianti, attraversò una delle antiche porte della città e giunse in College Street. Lì, due anni prima, era morta Jane Austen, ma Keats neanche sapeva chi fosse. Alla fine della via, d’un 17

invito educare alla bellezza 2010_Layout 1 - Fazi Editore
ebook-John il visionario - Fazi Editore
21 dicembre 1996 - Fazi Editore
Leggi un estratto - Fazi Editore
Fante & Bukowski - Fazi Editore
Nino aveva la luna storta: non ha detto una parola ... - Fazi Editore
I lettori di Anobii su Thomas Jay - Fazi Editore
Eliana Miglio si confessa - Fazi Editore
Leggi il primo capitolo - Fazi Editore
la nostra intervista - Fazi Editore
Fazi Tascabili 9 - Fazi Editore
L'attacco dei Vittra - Fazi Editore