La bellezza in fotografia

iemcandia.org

La bellezza in fotografia

La bellezza in fotografia

Jacques de Vos


Arte come “mimesi”

La tua pittura parrà ancor essa una cosa

naturale vista in un grande specchio”.

(Trattato della pittura, Leonardo)

Jan Van Eyck, I coniugi Arnolfini, 1434.

National Gallery Londra


Jaques Louis David,

Napoleone che valica le Alpi al passo

del San Gottardo, 1801.

Museo Malmaison


Ricerca “forzata” della bellezza in fotografia

Atelier Alinari, Lavoro in galleria. Posa per un ritratto a mezzo busto, 1905.


Fotografia come disegno e modello

Edgar Degas, Negativi di ballerine. Edgar Degas, “Le ballerine dietro le quinte”, 1897.


La critica di Baudelaire alla fotografia

• Fotografia che frena l’”artisticità”

solo in Pittura vi sono: creatività, invenzione e stile.

• E’ illusorio credere che la fotografia sia “riproduzione fedele della natura”

• Fotografia è “volgare”: tecnica impersonale e immagine artificiosa

• Fotografia deve tornare al suo vero compito: “ancella delle scienze e delle arti”


La Svolta:

Stieglitz

La bellezza è

già presente

nella struttura

della realtà.

Alfred Stieglitz, Ponte di terza classe, 1907.


Alfred Stieglitz, Pioggia primaverile,

1902.

Alfred Stieglitz, Inverno sulla Fifth Avenue, 1893.


“Imparare a

vedere

fotograficamente,

addestrarsi a

guardare

il soggetto”

(Weston)

Mammy, 1941.

Rhyolite, Nevada.

Plaster Works, Los Angeles, 1925.

Cliff with Seagull, Point Lobos, 1946.


“..tradurre gli elementi

e i valori della scena,

nell’immagine che si

propone di realizzare”

(Weston)

Andrea Canova, Ebe, 1800-1805.

Bernini, Estasi della Beata Ludovica Albertoni, 1671-1674.


“..la natura offre, già create e selezionate, pronte per

essere colte dall’intuizione dell’artista, quelle forme

semplificate ed estreme”.

(Weston)

Carciofo, 1939.


Peperone, 1930.

Nudo, 1927.


Nudo, 1936. Conchiglia, 1927.


Meraviglia per gli oggetti

Solo indagando e approfondendo ciò che

ci circonda si scopre la bellezza.

Andrea Canova, Ebe, 1800-1805.

Fungo velenoso, 1931.


Il Porto sepolto

Vi arriva il poeta

e poi torna alla luce con i suoi canti

e li disperde

Di questa poesia

mi resta

quel nulla

d’inesauribile segreto

Giuseppe Ungaretti, 1916.

“Ho fatto la mia parte nel

rivelare agli altri il mondo

vivente intorno a loro.”

Weston

More magazines by this user
Similar magazines