24.02.2014 Views

ADESSO Speciale Viaggi (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

www.adesso-online.de Deutschland € 6,90<br />

Österreich € 7,50 - Schweiz sfr 12,40 - BeNeLux € 7,50 - Italien € 7,50 - Frankreich € 7,50<br />

02<br />

Februar<br />

2013<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

Nove idee per le vostre vacanze<br />

Die Tremiti<br />

Inseln im<br />

Großformat<br />

Seite 29<br />

L’Italia a tavola La nuova tendenza in cucina? Mangiare all’antica!<br />

ALLA SCOPERTA DEL FASCINO MAGICO E MISTERIOSO DEL CARNEVALE SARDO<br />

UNA PAROLA TIRA L’ALTRA: I MILLE MODI PER DIRE L’AMORE IN ITALIANO


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen, um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache, Lernsoftware und vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt entdecken:<br />

www.sprachenshop.de


EDITORIALE<br />

Erweitern Sie<br />

Ihren Italienisch-<br />

Wortschatz!<br />

AVVICINATEVI BENE ALLA FOTO. VI SEMBRA NEVE?<br />

Potrebbe essere, ma non lo è. È marna, la pietra bianchissima che costituisce<br />

la Scala dei Turchi in Sicilia, un meraviglioso tratto di costa in provincia di<br />

Agrigento (vedi pag. 15). È proprio vero che l’apparenza inganna! Anche le<br />

altre foto dello <strong>Speciale</strong> (vedi pag. 12) riservano sorprese. Prima di girare<br />

pagina e di leggere dove ci troviamo, provate a indovinare da soli.<br />

Cari lettori,<br />

scrivo questo editoriale di ritorno dall’Italia, dove ho trascorso le vacanze<br />

di Natale. Accendendo la televisione e leggendo i giornali sembra<br />

che niente sia cambiato, negli ultimi vent’anni. C’è Berlusconi che<br />

strilla in TV con lo stesso doppiopetto del 1994 e la medesima faccia<br />

di ritorno zurück, auf<br />

(grazie agli interventi chirurgici) di<br />

vent’anni fa. Le fabbriche continuano a<br />

dem Rückweg<br />

chiudere e si seguita a scioperare per difendere<br />

il posto di lavoro. I detenuti<br />

strillare schreien<br />

il doppiopetto Zweireiher<br />

l’intervento chirurgischer continuano a essere accatastati nelle carceri,<br />

chirurgico Eingriff<br />

senza un lavoro da imparare, né<br />

scioperare streiken una speranza da coltivare (della grave<br />

difendere verteidigen<br />

situazione delle carceri italiane parleremo<br />

nel prossimo numero). Le mafie<br />

il detenuto Inhaftierter<br />

accatastare stapeln<br />

il carcere,<br />

continuano a infettare lo stato. Un quadretto<br />

le carceri Gefängnis<br />

poco rassicurante, non vi pare?<br />

coltivare la Hoffnung L’unica cosa che conforta è che l’Italia e<br />

speranza hegen<br />

suoi abitanti continuano a essere... belli.<br />

Proprio alla bellezza abbiamo dedi-<br />

il quadretto Bild<br />

splendido wunderschön<br />

l’immagi- Vorstellung cato questo numero di <strong>ADESSO</strong> (vedi<br />

nazione f.<br />

pag. 12). Dall’Alto Adige alla Sicilia, abbiamo<br />

scelto nove splendidi luoghi, più<br />

o meno conosciuti, che secondo noi potrebbero servirvi da ispirazione<br />

per pianificare le vacanze. Nove splendidi punti di partenza o di<br />

arrivo per un sorprendente viaggio nel Belpaese! Buon viaggio anche<br />

a chi potrà partire solo con l’immaginazione.<br />

Die neue<br />

<strong>ADESSO</strong>-App:<br />

Pro Tag ein italienischer Begriff<br />

mit Audio-Datei für das<br />

Aussprache-Training<br />

mit Erklärung und Beispielsatz<br />

auf Italienisch<br />

Übersetzung ins Deutsche<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

GRATIS!<br />

Über iTunes Store<br />

oder Android Market<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013<br />

www.adesso-online.de/apps


912<br />

SOMMARIO<br />

<strong>Speciale</strong> VIAGGI<br />

LINGUA<br />

Ideen für den nächsten Urlaub gefällig?<br />

Wir führen Sie zu neun nicht alltäglichen, immer<br />

wieder beeindruckenden Traumzielen in ganz Italien.<br />

13 Civita di Bagnoregio im Latium<br />

15 La Scala dei Turchi auf Sizilien<br />

17 Villa Barbarigo in Venetien<br />

21 Le Tre Cime di Lavaredo im Trentino<br />

23 Nora auf Sardinien<br />

25 Caronia auf Sizilien<br />

27 Il Lago di Pilato in den Marken<br />

29 Le Isole Tremiti in Apulien<br />

33 San Galgano in der Toskana<br />

SERVIZI<br />

38 I misteri dell’arte: Un dipinto diabolico<br />

Schmückt San Pietro in Perugia ein religiöses<br />

Gemälde oder vielmehr ein teuflisches Vexierbild?<br />

54 Tradizioni: Carnevale, tra estasi e mistero<br />

Heidnisch, wild und ausgelassen fegt<br />

der sardische Karneval über die Insel Sardinien.<br />

56 Intervista: Sandra Limoncini<br />

Eine Familie, zwei Welten: die Geheimnisse<br />

deutsch-italienischer Kindererziehung.<br />

66 L’Italia a tavola: La buona cucina di una volta<br />

Der Duft hausgemachter Traditionsgerichte lockt<br />

wieder an den Tisch.<br />

OPINIONI<br />

36 Tra le righe<br />

Roberto Formigoni, von Stefano Vastano<br />

40 Passaparola<br />

Herausforderung Familie von Renata Beltrami<br />

41 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten u.a. mit Übungen und Wortschatz<br />

43 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

47 Lucilla indaga<br />

Der Sprachkrimi in Bildern<br />

48 L’italiano per espresso<br />

I vostri dubbi: Die Position des Adjektivs<br />

Una parola tira l’altra: L’amore<br />

52 Lingua viva<br />

Wortreich ins Jahr 2013<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Posta prioritaria<br />

Leserbriefe<br />

07 Notizie dall’Italia<br />

Neues aus Italien<br />

58 Botta e risposta<br />

Das Ende der Straßenkünstler in Rom?<br />

59<br />

Das leichte Heft im Heft<br />

60 Praticamente parlando<br />

Kuriose Museen auf der Halbinsel (2. Teil)<br />

62 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autor des Monats: Roberto Costantini<br />

71 Approfondimento<br />

Was nicht im Wörterbuch steht<br />

74 Anteprima <strong>ADESSO</strong> 03/13<br />

<strong>Vorschau</strong> auf die März-Ausgabe 03/13<br />

IN COPERTINA<br />

Civita di Bagnoregio, Lazio.<br />

© HUBER / SIME<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

ABONNENTEN-SERVICE<br />

tel. (0049) 89-85681-16;<br />

fax (0049) 89-85681-159<br />

e-mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-<br />

Interviews, berühmte Opernarien,<br />

Übungen zu Grammatik und<br />

Aussprache: CD mit Begleit heft,<br />

siehe Seite 19.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Nützlich und unterhaltsam: Das<br />

Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong> mit<br />

Zusatzübungen. Info unter Tel.:<br />

(0049) 89-85681 -16; Fax: -159,<br />

siehe Seite 9.<br />

<strong>ADESSO</strong> in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-<br />

85681 -152; Fax: -159, Mail:<br />

schulmedien@spotlight-verlag.de<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen…<br />

Mit <strong>ADESSO</strong> Premium freier<br />

Zugang zum Nachrichten- und<br />

Übungsarchiv.


FEBBRAIO 2013<br />

12<br />

66<br />

54


PARLIAMO<br />

DI POLITICA?<br />

u Sehr geehrte<br />

<strong>ADESSO</strong>-Redaktion,<br />

seit einigen Jahren lese ich<br />

mit großem Interesse Ihre<br />

Zeitschrift. Ich versuche<br />

auch, ein wenig die politische<br />

Situation in Italien zu<br />

verfolgen. Das ist nicht so<br />

leicht, weil man doch viel<br />

Hintergrundwissen braucht,<br />

um italienische Tageszeitungen<br />

zu verstehen. Dafür<br />

reicht auch mein Vokabular<br />

noch nicht aus. Gerade in<br />

den letzten Monaten ist es<br />

aber spannend, die Politik<br />

dort zu verfolgen, die parteiinternen<br />

Vorwahlen, den<br />

Wahlkampf, das Auftauchen<br />

von Berlusconi etc.<br />

Die Berichte in <strong>ADESSO</strong><br />

über einzelne Politiker finde<br />

ich immer nützlich. Leider<br />

gibt es aber keine Artikel<br />

über die aktuellen politischen<br />

Entwicklungen. Das<br />

würde sicher nicht nur<br />

mich, sondern auch andere<br />

Leser interessieren.<br />

Mit freundlichen Grüßen<br />

Leo Müller<br />

Sehr geehrter Herr Müller,<br />

vielen Dank für Ihre Zuschrift.<br />

Es ist in der Tat nicht einfach,<br />

die italienische Politik täglich<br />

zu verfolgen. Aufgrund der<br />

Produktionszeiten muss jede<br />

Ausgabe von <strong>ADESSO</strong><br />

allerdings bereits etwa zwei<br />

Monate vor dem Erscheinungsdatum<br />

abgeschlossen<br />

sein. Ein Beispiel: In dem<br />

Moment, in dem wir Ihnen<br />

antworten, hat Berlusconi<br />

gerade erklärt, 2013 erneut<br />

als Ministerpräsident zu<br />

kandidieren. Monti, der seit<br />

16. 11. 2011 Ministerpräsident<br />

war, hat seinen Rücktritt<br />

angekündigt, da die Partei<br />

Popolo della Libertà ihm das<br />

Misstrauen ausgesprochen<br />

hat, was u. a. Auswirkungen<br />

auf die Wirtschaft hat. Die<br />

Wahlen werden wahrscheinlich<br />

auf Februar vorgezogen.<br />

Unsere Leser, die unsere<br />

Homepage www.adesso-online.de<br />

besuchen und die<br />

Nachrichten auf unserem<br />

Profil bei Facebook verfolgen,<br />

haben gesehen, dass wir dort<br />

jeweils über die neuesten<br />

politischen Entwicklungen<br />

berichten. In dem Moment,<br />

in dem Sie diese Antwort<br />

lesen, wird jedoch eine<br />

Menge in der italienischen<br />

Politik geschehen sein, und<br />

wir alle werden mehr darüber<br />

wissen – vielleicht sogar, wie<br />

der neue Ministerpräsident<br />

heißt. Weiterhin viel Spaß<br />

mit <strong>ADESSO</strong>.<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

6<br />

© Ansa, Shutterstock<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo: Herbert Ühlein<br />

UNA “H” PUÒ<br />

CAMBIARE TUTTO!<br />

Alcuni anni fa, in aprile, sono andato in Puglia a<br />

trovare mia sorella, che è sposata con un pugliese e<br />

vive in un piccolo paese del Salento, tra Gallipoli e<br />

Santa Maria di Leuca. Ho visitato spesso questi luoghi,<br />

approfittando della possibilità di trascorrere le vacanze<br />

con i miei cari in una bella casa a soli 100 metri dal mare.<br />

Un giorno, volevo fare la spesa per il pranzo e sono<br />

andato a Gallipoli. Conoscevo già la città e ho trovato<br />

facilmente una “pescheria”, ma purtroppo era chiusa.<br />

Lì vicino sedeva un pescatore con la sua rete e gli ho<br />

domandato: “Dove potrei comprare delle pesche fresche?”<br />

Mi ha risposto: “Mi dispiace, ma in questa stagione<br />

le può trovare solo in<br />

sposato verheiratet scatola!” Sono tornato a<br />

approfittare di die Gelegenheit<br />

nutzen<br />

casa dispiaciuto e a mani<br />

vuote. Ma mia sorella non<br />

trascorrere verbringen<br />

i miei cari pl. meine Lieben si è persa d’animo e si è<br />

il pescatore Fischer subito offerta di preparare<br />

la rete Netz<br />

delle crespelle con la marmellata.<br />

Quando ho visto il<br />

la stagione Saison,<br />

Jahreszeit<br />

la scatola Dose<br />

vasetto di marmellata con<br />

perdersi sich entmutid’animo<br />

gen lassen<br />

la scritta “pesche”, ho<br />

la crespella Pfannkuchen esclamato: “Io non mangio<br />

prendere auf den Arm le crespelle con Fisch!!!!”<br />

in giro nehmen Poi ho visto la foto della<br />

PESCE!<br />

NON PESCHE!<br />

Il nostro lettore<br />

Herbert Ühlein<br />

racconta in questa<br />

lettera una<br />

divertente storia<br />

sulle difficoltà<br />

linguistiche.<br />

“pesca” e mi sono reso conto che in “pescheria” non si<br />

acquistano le “pesche”, ma il “pesce”, e che le “pesche”<br />

in quella stagione si potevano trovare solo in scatola. Mi<br />

prendono ancora in giro per questa storia!<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


Notizie<br />

DALL’ITALIA<br />

7 Alimentazione Cibo? Vietato buttarlo 8 Ambiente Cosa succede nel Lago di Scanno? 8 Il CD del mese<br />

I love Emilia 9 Il perché Serafino, lupetto e dolcevita 10 Personaggi Lina Merlin 10 La parola del mese<br />

Culatello 11 Società “Il bel gioco dura poco”, soprattutto con mamma e papà 11 Attualità Una piccola<br />

Las Vegas sul Ticino 11 L’Italia in numeri Le multe in Italia<br />

7<br />

© Uff. stampa Banco Alimentare, Shutterstock<br />

Secondo una ricerca realizzata dalla società<br />

Last Minute Market, in Italia viene “buttata una<br />

quantità di cibo sufficiente a sfamare tre quarti della<br />

popolazione del nostro paese per un anno intero”. Impressionante!<br />

Cosa si può fare per risolvere il problema?<br />

Come racconta il presidente della società, l’agroeconomista<br />

Andrea Segrè, nel suo libro Cucinare senza sprechi<br />

(Ponte alle Grazie, 2012), innanzitutto bisogna comprare<br />

con coscienza.<br />

Poi bisogna imparare che, in cucina, quelli che chiamiamo<br />

scarti, come le bucce di patate o i torsoli di pera,<br />

possono trasformarsi in prelibatezze. C’è però un’altra<br />

buttare<br />

la ricerca<br />

sfamare<br />

lo spreco<br />

lo scarto<br />

la buccia<br />

il torsolo<br />

wegwerfen<br />

Untersuchung<br />

den Hunger stillen,<br />

ernähren<br />

Verschwendung<br />

Ausschuss<br />

Schale<br />

Kerngehäuse<br />

il consumatore<br />

lo schiaffo<br />

la mancanza<br />

provocare<br />

il danno<br />

porre rimedio<br />

convenzionato<br />

Ogni anno, in Italia, si sprecano prodotti alimentari (spesso ancora buoni) per 13 miliardi di euro.<br />

A questo cerca di porre rimedio Banco Alimentare (foto), che con la sua azione di recupero di<br />

prodotti che altrimenti verrebbero gettati, riesce ad aiutare 1.700.000 persone bisognose.<br />

ALIMENTAZIONE<br />

CIBO? VIETATO BUTTARLO<br />

Verbraucher<br />

Ohrfeige, Schlag<br />

Mangel, Fehlen<br />

verursachen<br />

Schaden<br />

Abhilfe<br />

schaffen<br />

vertraglich<br />

gebunden<br />

questione molto importante da considerare quando si<br />

parla di sprechi alimentari. La maggior parte dei cibi viene<br />

buttata ancora prima di arrivare sulle tavole dei consumatori.<br />

Un dato che è uno schiaffo in faccia a chi soffre<br />

e muore per mancanza di cibo, e che provoca<br />

gravissimi danni economici e ambientali. Per fortuna, c’è<br />

chi si è attivato per porre rimedio a questo spreco. È la<br />

Fondazione non profit Banco Alimentare: 21 sedi in tutta<br />

la penisola, che si occupano di raccogliere dai grandi supermercati<br />

(ma anche<br />

da ristoranti e industrie)<br />

cibi e bevande che altrimenti<br />

verrebbero distrutti<br />

e li distribuisce a<br />

8.673 strutture caritatevoli<br />

convenzionate. Con<br />

questo sistema si riesce<br />

a dare un pasto a<br />

1.700.000 persone bisognose.<br />

Davvero un bel<br />

risultato.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sulla fondazione<br />

Banco Alimentare nella Grammatica.<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Questo mese puoi ascoltare un<br />

reportage sulle misure di recupero<br />

degli sprechi alimentari in Italia.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fate l’esercizio sui misteri del<br />

Lago di Scanno che trovate nella rubrica<br />

Grammatica.<br />

AMBIENTE<br />

COSA SUCCEDE<br />

NEL LAGO DI SCANNO?<br />

Scanno è, nel vero senso del termine, il<br />

“cuore dell’Abruzzo”, perché il suo piccolo<br />

lago circondato dalle montagne della Marsica,<br />

a circa 1.000 metri di quota, è a forma di<br />

cuore. Un luogo ameno, dove però da qualche<br />

tempo succedono cose misteriose. Il livello<br />

del lago è sceso inspiegabilmente di 6<br />

metri in meno di un anno, armi e munizioni dell’ultima guerra riaffiorano<br />

alla superficie dopo 70 anni, le bussole dei sommozzatori impazziscono e,<br />

addirittura, un oggetto non identificato sembra essere sepolto nel fondale.<br />

Ce n’è abbastanza per scatenare la fantasia di romanzieri e sceneggiatori,<br />

ma non quella degli abitanti del luogo, sicuri che tutto troverà una spiegazione<br />

logica e preoccupati soprattutto per gli squilibri ambientali legati all’abbassamento<br />

del livello dell’acqua. Più che nell’arrivo degli agenti della<br />

famosa serie televisiva The X-Files, gli abitanti sperano nell’arrivo dei tecnici<br />

del ministero dell’Ambiente per capire come salvare la loro terra.<br />

LAGO DI SCANNO<br />

il termine Wort, Begriff<br />

circondato umgeben<br />

la quota Höhe<br />

ameno anmutig<br />

il livello Wasserstand<br />

l’arma Waffe<br />

riaffiorare wieder auftauchen<br />

la bussola Kompass<br />

il sommozzatore Taucher<br />

impazzire durchdrehen<br />

il fondale Grund<br />

scatenare hier: beflügeln<br />

lo sceneggiatore Drehbuchautor<br />

lo squilibrio hier: Auswirkung<br />

il ministero Umweltdell’Ambiente<br />

ministerium<br />

IL CD DEL MESE<br />

la registra- Gesamtzione<br />

integrale aufnahme<br />

la vittima Opfer<br />

il terremoto Erdbeben<br />

il palco Bühne<br />

contribuire beitragen<br />

la ricostruzione Wiederaufbau<br />

il comune Gemeinde<br />

l’inedito neues Stück<br />

la sedia a rotelle Rollstuhl<br />

a muso duro unerschütterlich<br />

8<br />

IL CD DEL MESE<br />

I LOVE EMILIA ARTISTI VARI<br />

Quattro CD più due DVD con la registrazione integrale del grande concerto del 22 settembre 2012 a sostegno<br />

delle vittime del terremoto che ha colpito l’Emilia-Romagna nel maggio del 2012. Sul palco del Campovolo di<br />

Reggio Emilia si sono ritrovati i big della musica italiana, da Jovanotti a Zucchero Fornaciari, da Ligabue ai Litfiba,<br />

da Elisa a Laura Pausini e tanti altri. Ad applaudirli 150.000 persone, che con il loro aiuto (il biglietto costava<br />

25 euro), hanno contribuito alla ricostruzione delle scuole di ben 10 comuni colpiti dal sisma. Solidarietà e tanta<br />

tanta musica, con i grandi successi e gli inediti delle star di ieri e<br />

di oggi. Il momento più emozionante è stato quello in cui, tutte<br />

insieme, le star hanno cantato A muso duro, di Pierangelo Bertoli,<br />

il cantautore emiliano scomparso nel 2002 che con la sua voce e<br />

le sue canzoni faceva presto dimenticare la paralisi che, fin da<br />

bambino, lo aveva costretto sulla sedia a rotelle. Ci piace chiudere<br />

proprio con le sue parole: Canterò le mie canzoni per la strada / e<br />

affronterò la vita a muso duro / un guerriero senza patria e senza spada<br />

/ con un piede nel passato / e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.<br />

Salvatore Viola<br />

VINCI IL CD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung] dei CD in palio.<br />

Entro il 25 febbraio vai alla pagina www.adesso-online.de/<br />

gewinnspiel oppure spedisci una cartolina al seguente<br />

indirizzo: Spotlight Verlag, <strong>ADESSO</strong>, CD del mese –<br />

I love Emilia, Fraunhoferstr. 22, D-82152 Planegg. Per chi<br />

non vince, il CD èin vendita, insieme a tanti altri capolavori<br />

del cinema italiano, da: MUSIC PARADISE,<br />

Rebgasse 49, CH-4058 Basel,<br />

tel. (0041) 61 68192407, fax (0041) 61 6812127,<br />

www.musicparadise.ch<br />

© www.scanno.org, A. Pizzicannella, Shutterstock<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

IL PERCHÉ<br />

SERAFINO, LUPETTO E DOLCEVITA<br />

Perché nel linguaggio della moda si chiamano così?<br />

Ada Vogel<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana. Con i<br />

termini serafino, lupetto e dolcevita, entrati oramai a pieno titolo nel linguaggio comune, si<br />

identificano tre diversi capi di abbigliamento. Il SERAFINO è una maglietta o camicetta a<br />

girocollo, per uomo o donna, che ha sul davanti un’apertura chiusa da bottoncini. Sull’origine<br />

di questo termine, il Dizionario della moda di Anna Canonica Sawina<br />

(Varese, 1994, p. 200) dà questa spiegazione: “Da Serafino, protagonista<br />

dell’omonimo film interpretato da Adriano Celentano, che indossava la<br />

maglietta in questione». Il film Serafino, diretto dal registra Pietro Germi, è stato<br />

girato nel 1968. Da allora il nome si è diffuso e ha finito per identificarsi con questo capo di abbigliamento. Il LUPETTO è un<br />

maglione con maniche lunghe, caratterizzato da un girocollo (senza risvolto) piuttosto alto. Anche questo può essere indossato<br />

da uomini e donne ed è invernale o primaverile, a seconda del materiale<br />

con cui è realizzato. Usano questo capo di abbigliamento i giovani il serafino Shirt mit<br />

il bot- kleiner<br />

tra gli 8 e i 12 anni del movimento internazionale dei Boy-Scouts, chiamati<br />

appunto lupetti, cioè piccoli di lupo. Il termine, riferito a questo tipo<br />

Knopfleiste toncino Knopf<br />

il lupetto Stehkragenpullovenamig<br />

omonimo gleich-<br />

di maglione, è in uso dagli anni Sessanta. Il DOLCEVITA è un maglione a il dolcevita Rollkragenpullover<br />

verbreiten<br />

diffondersi sich<br />

maniche lunghe, chiuso davanti e dietro. Il suo elemento caratteristico è il<br />

collo alto, aderente e risvoltato. Il nome viene dal titolo del film di Federico<br />

Fellini La dolce vita (1960), in cui il protagonista, interpretato da Mar-<br />

il capo di<br />

il risvolto umgeschlagener<br />

abbiglia- Kleidungsmento<br />

stück<br />

Kragen<br />

cello Mastroianni, indossava un pullover del genere.<br />

il girocollo Rundhalsausschnitt<br />

aderente<br />

il collo Kragen<br />

Inviate i vostri perché a: adesso@spotlight-verlag.de<br />

anliegend<br />

Perfektion lässt sich leicht üben.<br />

Mit dem Übungsheft <strong>ADESSO</strong> plus passend zum aktuellen Magazin.<br />

Zu jeder<br />

Ausgabe von<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

<strong>ADESSO</strong> plus ist die ideale Ergänzung<br />

zum Magazin:<br />

Bietet 24 Seiten Übungen zu Grammatik,<br />

Wortschatz und Redewendungen<br />

Enthält Tests zur Überprüfung des Lernerfolgs<br />

Erscheint monatlich passend zum Magazin<br />

Zusammen mit dem Magazin <strong>ADESSO</strong> steht Ihnen<br />

damit ein ideales Lernsystem zur Verfügung.<br />

Am besten, Sie probieren es gleich aus!<br />

Bestellen Sie hier <strong>ADESSO</strong> plus:<br />

www.adesso-online.de/plusheft


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

10<br />

PERSONAGGI<br />

LINA MERLIN<br />

Angelina Merlin, detta Lina (1887-1979) è<br />

stata, nel 1948, la prima donna eletta al<br />

senato della giovanissima Repubblica<br />

italiana. Pochi ricordano o, addirittura,<br />

conoscono il suo nome. Eppure questa<br />

donna, che ha dedicato tutta la sua attività<br />

politica alla lotta per l’emancipazione femminile,<br />

è stata la protagonista di una vera e<br />

propria rivoluzione nel costume degli italiani.<br />

Il nome di Lina Merlin è infatti legato<br />

a una legge, varata nel 1958, che ha fatto<br />

chiudere le case di tolleranza.<br />

Quando la legge viene proposta, gli italiani<br />

si dividono in favorevoli e contrari. Per<br />

convincere l’opinione pubblica, nel 1955 la<br />

Merlin dà alle stampe un volume dal titolo<br />

Lettere dalle case chiuse, che descrive il dramma<br />

della prostituzione e le condizioni<br />

squallide in cui sono costrette a vivere le<br />

sue vittime, le prostitute. Al libro risponde<br />

con un pamphlet intitolato Addio Wanda! il<br />

giornalista Indro Montanelli, che scrive:<br />

“In Italia un colpo di piccone alle case chiuse<br />

fa crollare l’intero edificio, basato su tre<br />

fondamentali puntelli, la Fede cattolica, la<br />

Patria e la Famiglia. Perché era nei cosiddetti<br />

postriboli che queste tre istituzioni<br />

trovavano la più sicura garanzia”. Dopo<br />

dieci anni di dure polemiche e scontri<br />

parlamentari, alla fine è stata lei a vincere<br />

quella che si può definire una vera e<br />

propria battaglia in favore del progresso<br />

civile, il primo mattone della ricostruzione<br />

morale dell’Italia del dopoguerra.<br />

PAROLA DEL MESE<br />

CULATELLO<br />

Il culatello non è soltanto una notissima specialità gastronomica<br />

emiliana, ma anche il soprannome un po’ irriverente che, in<br />

Italia, alcuni giornalisti e alcuni comici (non è facile distinguerli, a<br />

volte...) hanno dato al segretario del Partito democratico (Pd) Pier<br />

Luigi Bersani. Bersani ha in comune con il famoso salume la provenienza<br />

(sono entrambi emiliani), ma anche la ruspante semplicità<br />

che rende un piatto (esattamente come il segretario) magari non<br />

particolarmente raffinato, ma di sapore deciso e sincero. Segretario<br />

del Pd dal 2009, sul finire del 2012 Bersani è stato protagonista quasi<br />

assoluto della scena politica. La sfida delle Primarie<br />

con l’altra grande promessa della politica italiana,<br />

il sindaco di Firenze Matteo Renzi, ha di fatto monopolizzato<br />

l’attenzione dei media e della pubblica opinione del<br />

Belpaese. Bersani ha vinto le Primarie e adesso si trova di<br />

fronte a una sfida più impegnativa, quella per il governo dell'Italia.<br />

E chi è lo sfidante? Un giovane e brillante politico del centrodestra?<br />

Un volto nuovo? Forse Angelino Alfano o Giorgia Meloni? A novembre<br />

Berlusconi annuncia le primarie del Pdl: “aspettatevi soprese!”<br />

aveva detto. A dicembre arriva la “sorpresa”: le primarie non si fanno!<br />

A sfidare il segretario del Pd c’è ancora lui, l’ultimo immortale,<br />

Silvio Highlander Berlusconi.<br />

Salvatore Viola<br />

Le case<br />

di tolleranza<br />

sono state<br />

chiuse in Italia<br />

grazie alla legge<br />

Merlin del 1958,<br />

ma il tema è<br />

ancora attuale.<br />

Qui: una manifestazione<br />

a Roma<br />

in favore della<br />

prostituzione<br />

legalizzata.<br />

LINA MERLIN<br />

eletto gewählt<br />

la lotta Kampf<br />

il costume Sitte<br />

la legge Gesetz<br />

varato verabschiedet<br />

la casa<br />

di tolleranza Bordell<br />

convincere überzeugen<br />

squallido elend<br />

la vittima Opfer<br />

il colpo Schlag mit<br />

di piccone der Hacke<br />

crollare einstürzen<br />

l’edificio Gebäude<br />

il puntello hier: Säule<br />

il postribolo Freudenhaus<br />

lo scontro Auseinandersetzung<br />

il mattone Baustein<br />

PAROLA DEL MESE<br />

il soprannome<br />

Spitzname<br />

Vorwahlen<br />

Bürgermeister<br />

anspruchs-<br />

voll<br />

Gesicht<br />

irriverente<br />

il segretario<br />

ruspante<br />

la sfida<br />

le Primarie<br />

pl.<br />

il sindaco<br />

impegnativo<br />

il volto<br />

respektlos<br />

General-<br />

sekretär,<br />

Parteichef<br />

hier:<br />

natürlich<br />

Herausforderung<br />

© Buenavista, Shutterstock (3)<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

SOCIETÀ<br />

“IL BEL GIOCO<br />

DURA POCO”,<br />

SOPRATTUTTO<br />

CON MAMMA<br />

E PAPÀ<br />

Un quarto d’ora al giorno. È questo<br />

il tempo che in media i genitori italiani<br />

trascorrono giocando con i propri<br />

figli. È il risultato di una ricerca<br />

effettuata su un campione di 500<br />

genitori, realizzata dall’associazione<br />

Pepita in occasione della seconda<br />

Settimana del Gioco in scatola.<br />

È vero che oggi si vive e si lavora a<br />

ritmi sempre più sostenuti e si ha<br />

davvero poco tempo libero, ma la<br />

ricerca ha anche rilevato che solo un<br />

genitore su cinque ritiene educativo<br />

giocare con i bambini. Un grave<br />

errore, secondo gli esperti dell’associazione,<br />

perché “solo giocando<br />

davvero, e non al computer, è possibile<br />

trasmettere il senso delle regole<br />

e sviluppare la fantasia”. In Europa,<br />

i genitori italiani sono quelli che<br />

dedicano meno tempo ai figli. In<br />

Norvegia, per esempio, il tempo<br />

medio è di 30 minuti, in Spagna di<br />

35. Un altro mito dell’italianità che si<br />

infrange contro il muro della realtà.<br />

IL BEL GIOCO DURA POCO<br />

trascorrere verbringen<br />

la ricerca Umfrage,<br />

Untersuchung<br />

il campione Sample,<br />

Stichprobe<br />

l’associazione<br />

f. Vereinigung<br />

il gioco Gesellschaftsin<br />

scatola und Brettspiel<br />

a ritmo<br />

sostenuto schnell<br />

sviluppare entwickeln<br />

infrangere zerbrechen<br />

UNA PICCOLA LAS VEGAS<br />

venire in mente in den Sinn<br />

kommen<br />

benestante wohlhabend, reich<br />

il tribunale örtliches<br />

cittadino Amtsgericht<br />

il parente stretto naher Verwandter<br />

interdire entmündigen<br />

il congiunto Angehöriger<br />

il gioco d’azzardo Glücksspiel<br />

la densità Dichte<br />

la macchinetta einarmiger Banmangiasoldi<br />

dit, Spielautomat<br />

la scommessa Wette<br />

il Pil, prodotto<br />

interno lordo BIP<br />

il sostegno Unterstützung<br />

1512%<br />

l’incremento Anstieg<br />

la multa Geldstrafe<br />

il primato Rekord,<br />

Vorrangstellung<br />

la contravvenzione<br />

Übertretung<br />

frequente häufig<br />

il taglio Kürzung<br />

1512%<br />

1512%<br />

1512%<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013<br />

È l’incremento percentuale delle<br />

multe stradali in Italia negli ultimi 10<br />

anni. Una multa ogni 10 secondi. L’Italia<br />

detiene questo primato europeo poco invidiabile.<br />

Milano e Napoli sono le città nelle quali<br />

si registra il maggior numero di contravvenzioni.<br />

Un aumento da record, dovuto non solo<br />

all’indisciplina degli automobilisti, ma<br />

anche ai controlli molto più frequenti,<br />

soprattutto a causa del bisogno dei<br />

comuni di “fare cassa” dopo i<br />

tagli del governo alle loro<br />

risorse...<br />

Studio realizzato dal CentroStudieRicerche Sociologiche<br />

Sono circa 1 milione<br />

in Italia i malati di<br />

gioco d’azzardo.<br />

ATTUALITÀ<br />

UNA PICCOLA<br />

LAS VEGAS SUL TICINO<br />

Quando si pensa a Pavia, viene in<br />

mente una di quelle belle, tranquille e<br />

ordinate città lombarde nelle quali<br />

non succede mai nulla, o quasi. Invece,<br />

nella piccola città sul fiume Ticino si<br />

respira più l’aria di Las Vegas che quella<br />

idilliaca della benestante provincia<br />

italiana. Secondo i dati del tribunale cittadino,<br />

solo nell’ultimo mese sono almeno<br />

20, tra mogli, madri e parenti<br />

stretti, le persone che hanno richiesto<br />

di fare interdire un loro congiunto che si<br />

è rovinato con il gioco d’azzardo. A<br />

Pavia c’è infatti la più alta densità delle<br />

cosiddette “macchinette mangiasoldi”<br />

(videopoker e simili), una ogni 136 abitanti.<br />

A questo si devono aggiungere le<br />

scommesse, che corrispondono a quasi<br />

l’8% del Pil locale; in pratica, per<br />

ogni cittadino di Pavia, una media che<br />

si aggira intorno ai 3.000 euro all’anno.<br />

Un vero e proprio dramma, soprattutto<br />

per le famiglie, che hanno difficoltà ad<br />

accedere alle strutture sociali di sostegno<br />

in quanto in Italia la dipendenza dal<br />

gioco d’azzardo non è ancora riconosciuta<br />

come malattia sociale. Così, in<br />

questa piccola e tranquilla provincia<br />

lombarda, capita di assistere alla prima<br />

manifestazione contro le slot machine.<br />

“Antonella Di Benedetto” di Krls Network of Business<br />

Ethics per Contribuenti.it<br />

11


<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

Nove idee per le<br />

vostre vacanze<br />

L’ITALIA DELLE<br />

MERAVIGLIE<br />

Haben Sie Ihren nächsten Urlaub schon geplant?<br />

Lassen Sie sich von uns einladen, neun einzigartige<br />

Sehenswürdigkeiten Italiens kennenzulernen.<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

12<br />

FEBBRAIO È IL MESE IDEALE PER PENSARE ALLE VACANZE. Avete già<br />

deciso di partire per l’Italia, ma rimane sempre il solito dilemma: mare, montagna<br />

o campagna? Niente paura. Noi di <strong>ADESSO</strong> vi suggeriamo nove idee<br />

per le vostre meritate vacanze con uno <strong>Speciale</strong> davvero speciale. Da Nord a<br />

Sud, abbiamo selezionato nove piccole meraviglie in grado, pensiamo, di accontentare<br />

tutti i gusti e che si possono visitare in ogni stagione. Dall’imponente<br />

bellezza delle Tre Cime di Lavaredo (pag. 21), nelle Dolomiti, fra Veneto<br />

e Trentino-Alto Adige, fino al lunare spettacolo della Scala dei Turchi (pag.<br />

15), in Sicilia. Naturalmente non è finita qui. Come uno speciale nello <strong>Speciale</strong>,<br />

abbiamo dedicato quattro pagine staccabili alle isole Tremiti (pag. 29), un piccolo<br />

arcipelago poche miglia a nord del promontorio del Gargano, dalla cui<br />

selvaggia bellezza, ne siamo certi, verrete rapiti.<br />

E ancora altre piccole, ma non meno straordinarie<br />

località di quel paese delle meraviglie<br />

che è l'Italia: Villa Barbarigo in Veneto (pag. 17),<br />

San Galgano in Toscana (pag. 33), il Lago di Pilato<br />

nelle Marche (pag. 27), nel cuore dei Monti<br />

Sibillini, Civita di Bagnoregio nel Lazio (pag. 13),<br />

Nora in Sardegna (pag. 23), Caronia in Sicilia<br />

(pag. 25), con vista sulle isole Eolie. Tutti luoghi<br />

diversissimi tra loro, ma che, oltre alla bellezza,<br />

hanno in comune la capacità di trasformare una<br />

normale vacanza in un viaggio da sogno.<br />

meritato<br />

selezionare<br />

la stagione<br />

lunare<br />

staccabile<br />

il miglio<br />

il promontorio<br />

rapire<br />

in comune<br />

wohlverdient<br />

auswählen<br />

Jahreszeit<br />

Mond-, hier:<br />

ähnlich einer<br />

Mondlandschaft<br />

herausnehmbar<br />

Meile<br />

Küstenvorsprung<br />

entführen, hier:<br />

überwältigen<br />

gemeinsam<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


© Huber/Sime<br />

SIAMO A…


14<br />

Civita di Bagnoregio in<br />

provincia di Viterbo.<br />

1Lazio<br />

CIVITA DI<br />

BAGNOREGIO<br />

Bizarr und nur über eine schmale Fußgängerbrücke<br />

erreichbar thront „der<br />

sterbende Ort“ auf einem Tuffhügel.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

NEI GIORNI NUVOLOSI CIVITA<br />

DI BAGNOREGIO SEMBRA GAL-<br />

LEGGIARE NELL’ARIA. Questo paesino<br />

del Lazio, in provincia di Viterbo,<br />

sorge infatti su uno sperone di<br />

tufo a 443 metri sul livello del mare e,<br />

per raggiungerlo, bisogna percorrere<br />

un esile ponte pedonale sospeso nel<br />

vuoto e lungo 300 metri. Ma ne vale<br />

la pena! Porta dritto all’antica Porta di<br />

Santa Maria, ricca di bassorilievi, sontuoso<br />

e unico ingresso al borgo medievale.<br />

Appena entrati, si ha l’impressione<br />

di trovarsi in un luogo<br />

senza tempo: non ci sono macchine,<br />

poiché il ponte si attraversa solo a piedi,<br />

e il silenzio è quasi assoluto.<br />

Abitata dagli Etruschi nel VII secolo<br />

a.C., la cittadina fu chiamata Bagnoregio,<br />

ovvero “il bagno del re”, dal re<br />

longobardo Desiderio che, secondo<br />

la leggenda, si immerse nella fonte<br />

termale di questo luogo vulcanico e<br />

guarì da una grave malattia. Grande<br />

e popolosa fino al Rinascimento, Civita<br />

di Bagnoregio conta oggi solo<br />

una decina di abitanti e altrettanti<br />

gatti. Cominciò a spopolarsi alla fine<br />

del Seicento, in seguito a un terremoto.<br />

Nei secoli gli abitanti continuarono<br />

ad andarsene, spaventati<br />

dalla lenta erosione delle pareti di<br />

tufo, che ha isolato l’abitato in cima<br />

alla collina. È stata definita “la città<br />

che muore” dallo scrittore Bonaventura<br />

Tecchi, originario di questa terra.<br />

Eppure il paese vive ancora: i suoi pochi<br />

abitanti sono artisti e la fondazione<br />

Civita si occupa del restauro dei<br />

magnifici monumenti. Suggestivi vicoli<br />

medievali, cortili e piazzette vantano<br />

case color cappuccino, scavate<br />

nel tufo e sormontate da torri, ornate<br />

di bifore e portali, archi e scale.<br />

Piazza San Donato, cuore del paese,<br />

accoglie i turisti come un salotto. Qui,<br />

in giugno e settembre si tiene il Palio<br />

della Tonna, la tradizionale corsa di<br />

asini. Alcuni vicoli si affacciano sul<br />

vuoto delle valli, su un canyon aspro<br />

e selvaggio, con un susseguirsi infinito<br />

di calanchi che al tramonto si colorano<br />

di mille tonalità. Chi vuole godere<br />

di questo spettacolo può sedersi ai<br />

tavoli dell’Hostaria del Ponte (www.hostariadelponte.it),<br />

di fronte a Bagnoregio,<br />

e gustare, insieme alla vista mozzafiato,<br />

una delle tante specialità locali.<br />

Nei dintorni<br />

Il lago di Bolsena è il più grande lago<br />

di origini vulcaniche d’Europa e<br />

anche uno dei più puliti. Lo chiamano<br />

il “lago che si beve” perché i pescatori<br />

utilizzano la sua acqua per cucinare<br />

la sbroscia, una zuppa fatta con<br />

pesci che vivono nel lago. Ha due isole<br />

molto suggestive, formate da resti<br />

di colate laviche, la Bisentina e la Martana,<br />

che fu prigione della regina dei<br />

Goti Amalasunta. È balneabile e particolarmente<br />

apprezzato dagli amanti<br />

della vela, del windsurf e della pesca<br />

sportiva. Sulle sponde del lago ci<br />

sono cinque bei borghi medievali:<br />

Bolsena, Montefiascone, Gradoli,<br />

Marta e Capodimonte.<br />

COME ARRIVARE<br />

In auto da Roma: prendere l’autostrada A1 e<br />

uscire a Orvieto, prendere per Castiglione Teverina<br />

e seguire le indicazioni per Bagnoregio.<br />

Il borgo medievale di<br />

Civita di Bagnoregio.<br />

schweben<br />

hier: Hügel<br />

Tuffstein<br />

Meeres-<br />

spiegel<br />

hier: schmal<br />

sich lohnen<br />

Jahrhundert<br />

eintauchen<br />

Thermal-<br />

quelle<br />

genesen<br />

dicht<br />

bevölkert<br />

galleggiare<br />

lo sperone<br />

il tufo<br />

il livello<br />

del mare<br />

esile<br />

valere la pena<br />

il secolo<br />

immergersi<br />

la fonte<br />

termale<br />

guarire<br />

popoloso<br />

il Seicento<br />

il terremoto<br />

in cima a<br />

l’artista m./f.<br />

la fondazione<br />

il cortile<br />

vantare<br />

sormontato<br />

il peperino<br />

l’arco<br />

l’asino<br />

aspro<br />

Abfolge<br />

Schlucht<br />

atemberaubend<br />

Umgebung<br />

sauber<br />

Lavastrom<br />

Gefängnis<br />

Bade-<br />

Segelsport<br />

Sport-<br />

fischerei<br />

il susseguirsi<br />

il calanco<br />

mozzafiato<br />

i dintorni pl.<br />

pulito<br />

la colata<br />

lavica<br />

la prigione<br />

balneabile<br />

la vela<br />

la pesca<br />

sportiva<br />

17. Jahrhundert<br />

Erdbeben<br />

oben auf<br />

Künstler, -in<br />

Stiftung<br />

Innenhof<br />

sich rühmen<br />

überragt<br />

Pfefferstein<br />

Bogen<br />

Esel<br />

rau<br />

© Huber/Sime (2), Laif<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


© R. Dimola<br />

SIAMO A…


La Scala dei Turchi,<br />

in provincia di Agrigento.<br />

2<br />

Sicilia<br />

LA SCALA<br />

DEI TURCHI<br />

Vergessen Sie Ihre Sonnenbrille nicht!<br />

Sonst werden Sie von diesem faszinierenden<br />

Naturwunder geblendet.<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

che, intendiamoci, nessuna fatica particolare<br />

per gli invasori: allora come<br />

oggi, infatti, gli scalini non sono spigolosi<br />

e ripidi, tutto l’insieme è dolcemente<br />

ondulato. Il che consente ai<br />

numerosi turisti e bagnanti di Realmonte<br />

di lasciare la spiaggia e, possibilmente<br />

nelle ore meno calde della<br />

giornata, di avventurarsi fino in cima<br />

alla Scala dei Turchi, da dove si può<br />

ammirare uno splendido panorama<br />

che arriva fino a Capo Rossello, lungo<br />

la costa agrigentina.<br />

16<br />

© R. Dimola<br />

TUTTI SANNO CHE IL MONDO È<br />

FATTO A SCALE, MA FORSE NON<br />

TUTTI SANNO CHE AL MONDO<br />

C’È UNA SCALA QUASI PERFET-<br />

TA, COSTRUITA DALLA NATURA<br />

E NON DALL’UOMO. Guardate con<br />

i vostri occhi: l’incredibile Scala dei<br />

Turchi si trova in Sicilia, in provincia<br />

di Agrigento. Parte dal mare, punta<br />

dritta verso il cielo ed è talmente bianca<br />

e perfetta nelle geometrie che è<br />

quasi un’eresia chiamarla “scogliera”.<br />

Il paese che ha la fortuna di avere la<br />

la scala<br />

partire<br />

puntare<br />

dritto<br />

l’eresia<br />

la scogliera<br />

noto<br />

orgoglioso<br />

avere una<br />

mezza idea<br />

Felsspitze<br />

celebre scalinata si chiama Realmonte<br />

e non è lontano dalla più nota Porto<br />

Empedocle. I suoi abitanti spiegano<br />

orgogliosi che della scala si parla<br />

spesso nei romanzi del commissario<br />

Montalbano e che l’Unesco ha una<br />

mezza idea di inserirla nell’elenco dei<br />

Patrimoni dell’umanità.<br />

Intorno alla Scala dei Turchi esistono<br />

due storie, una geologica e l’altra<br />

leggendaria. La prima dice che<br />

questo mirabile sperone roccioso è<br />

fatto interamente di marna, una roccia<br />

sedimentaria di natura calcarea e<br />

argillosa, caratterizzata appunto da<br />

quel colore bianco accecante che mette<br />

in seria difficoltà anche i fotografi<br />

più abili a giocare con la luce. La seconda<br />

storia ci riporta alle invasioni<br />

moresche, che imperversavano da<br />

queste parti nel Cinquecento, con i<br />

“Turchi” (così chiamati erroneamente)<br />

che si accostavano con i loro vascelli<br />

alla falesia e si inerpicavano su<br />

per la candida scalinata. Niente di<br />

avventurarsi<br />

la cima<br />

il salgemma<br />

il minatore<br />

ai margini di<br />

innalzare<br />

il santuario<br />

l’opera<br />

idraulica<br />

spietato<br />

l’edificio<br />

la colonna<br />

adagiato<br />

sich wagen<br />

Spitze<br />

Steinsalz<br />

Bergmann<br />

am Rand<br />

errichten<br />

Heiligtum<br />

Treppe<br />

beginnen<br />

zielen<br />

geradeaus<br />

Ketzerei<br />

Klippe<br />

bekannt<br />

stolz<br />

mit dem<br />

Gedanken<br />

spielen<br />

Liste<br />

Weltkultur-<br />

erbe<br />

l’elenco<br />

il Patrimonio<br />

dell’umanità<br />

lo sperone<br />

roccioso<br />

Mergel<br />

kalkhaltig<br />

tonhaltig<br />

blendend<br />

maurisch<br />

wüten<br />

fälschlicher-<br />

weise<br />

anlegen<br />

Schiff<br />

Steilhang<br />

hochklettern<br />

schneeweiß<br />

kantig<br />

gewellt<br />

la marna<br />

calcareo<br />

argilloso<br />

accecante<br />

moresco<br />

imperversare<br />

erroneamente<br />

accostarsi<br />

il vascello<br />

la falesia<br />

inerpicarsi<br />

candido<br />

spigoloso<br />

ondulato<br />

Wasserwerk<br />

erbarmungslos<br />

Gebäude<br />

Säule<br />

liegend<br />

Nei dintorni<br />

Non lontano dalla costa si trova l’antica<br />

miniera di salgemma di Realmonte,<br />

con l’annessa chiesa dei Minatori,<br />

che, a 150 metri di profondità,<br />

è un monumento sacro sotterraneo<br />

unico al mondo. A 20 chilometri dalla<br />

Scala dei Turchi e ai margini di Agrigento<br />

c’è la Valle dei Templi, gioiello<br />

archeologico dichiarato Patrimonio<br />

dell’umanità dall’Unesco. Qui, dove<br />

un tempo sorgeva la città chiamata<br />

Akragas, i Greci del V secolo a.C. innalzarono<br />

un “quartiere sacro” costituito<br />

da dieci templi e tre santuari, oltre<br />

a varie necropoli e a colossali<br />

opere idrauliche. La continua e spietata<br />

azione delle forze naturali e dell’uomo<br />

ha messo a dura prova l’integrità<br />

degli edifici. Eppure, anche di<br />

fronte alle disordinate rovine, alle colonne<br />

doriche spesso adagiate sul terreno<br />

come giganti addormentati, l’atmosfera<br />

è speciale.<br />

COME ARRIVARE<br />

La Valle<br />

dei Templi.<br />

Da Agrigento percorrere in auto la SS 189,<br />

proseguire sulla SS 115 e poi sulla SP 68.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


© Huber/Sime<br />

SIAMO A…


Villa Barbarigo, a Valsanzibio,<br />

in provincia di Padova.<br />

3<br />

Veneto<br />

VILLA<br />

BARBARIGO<br />

Irrgarten, Wasserspiele und symbolhafte<br />

Statuen prägen den weitläufigen<br />

Garten der Villa Barbarigo.<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

rinti dell’epoca tuttora esistenti. La<br />

villa vera e propria si staglia maestosa<br />

alla fine dell’itinerario, circondata<br />

nel piazzale da otto figure allegoriche<br />

che fanno da corona alla Fontana dell’Estasi;<br />

nei pressi, l’incantevole Scalinata<br />

delle Lonze, ispirata ai versi<br />

danteschi, ultimo gioiello di un giardino<br />

che è impossibile dimenticare.<br />

18<br />

© Huber/Sime (3)<br />

IL PORTALE DELLE MERAVIGLIE<br />

CHE VEDETE NELLA FOTO DÀ IL<br />

BENVENUTO A UNA DELLE VIL-<br />

LE CON GIARDINO – o forse è meglio<br />

dire “giardino con villa” – più<br />

straordinarie d’Italia: Villa Barbarigo<br />

Pizzoni Ardemani, che si trova a Valsanzibio,<br />

in provincia di Padova. Si<br />

tratta di un vero e proprio paradiso<br />

botanico-architettonico che si estende<br />

su 150.000 metri quadrati, con<br />

piante di oltre 800 specie diverse, 70<br />

statue di marmo bianco, quattro peschiere,<br />

16 fontane perfettamente<br />

funzionanti. Poi c’è la villa, di struttura<br />

semplice, costruita nel Seicento<br />

dal nobile veneziano Francesco Zuane<br />

Barbarigo e un tempo raggiungibile<br />

tramite canali anche da Venezia.<br />

Nel corso degli anni la tenuta è stata<br />

abbellita e perfezionata, grazie soprattutto<br />

all’opera dell’architetto e<br />

fontaniere pontificio Luigi Bernini.<br />

Oggi è di proprietà dei nobili Pizzoni<br />

Ardemani e continua a stupire i visitatori<br />

con la sua incomparabile bellezza<br />

(i giardini sono aperti tutti i<br />

giorni a partire dal 25 febbraio, dalle<br />

10 alle 13 e dalle 14 al tramonto).<br />

Il monumentale portale della foto,<br />

chiamato Portale di Diana e ricco<br />

di bassorilievi, conduce nel cuore incantato<br />

del giardino attraverso le immobili<br />

acque di un’antica peschiera.<br />

La prima sorpresa è la suggestiva Cascata<br />

dell’Iride, con i suoi quattro<br />

zampilli che si incrociano a formare<br />

un arcobaleno in miniatura. Seguono<br />

la Peschiera dei Venti e la Fontana<br />

della Pila, che immette nel viale principale.<br />

Qui si susseguono numerose<br />

statue, tutte dello scultore seicentesco<br />

Heinrich Meyring, noto in Italia<br />

come Enrico Merengo: tra queste ci<br />

sono la personificazione del Tempo,<br />

Endimione, Argo, Tifeo e Polifemo.<br />

Un sentiero conduce poi a quella che<br />

molti considerano la più grande attrattiva<br />

del parco, e cioè il labirinto in<br />

bosso, con un percorso di 1.500 metri:<br />

si tratta di uno dei più estesi labi-<br />

estendersi<br />

la pianta<br />

la peschiera<br />

la fontana<br />

costruito<br />

il Seicento<br />

il/la nobile<br />

la tenuta<br />

Il labirinto del giardino<br />

di Villa Barbarigo.<br />

I colli Euganei.<br />

Nei dintorni<br />

A due passi da Villa Barbarigo c’è<br />

Galzignano Terme, uno dei luoghi<br />

più interessanti del Parco dei Colli<br />

Euganei e punto di partenza di bellissimi<br />

itinerari naturalistici e non solo.<br />

Molti sentieri passano per il paese<br />

e permettono di vedere attrattive<br />

della zona come il monastero del<br />

Monte Rua o i resti del monastero benedettino<br />

di San Giovanni Battista,<br />

sul Monte Venda. Spostandovi a sud<br />

di Villa Barbarigo si arriva a Arquà<br />

Petrarca, uno dei borghi più belli d’Italia,<br />

dove trascorse gli ultimi anni<br />

della sua vita Francesco Petrarca, il celebre<br />

poeta toscano de Il Canzoniere.<br />

COME ARRIVARE<br />

Villa Barbarigo Pizzoni Ardemani dista 28 km<br />

da Padova. Si raggiunge con la A 13. Per maggiori<br />

informazioni: www.valsanzibiogiardino.it.<br />

lo scultore<br />

il sentiero<br />

l’attrattiva<br />

Bildhauer<br />

Pfad<br />

Sehenswürdigkeit<br />

Buchsbaum<br />

sich abheben<br />

Krone<br />

Treppe<br />

Ausgangs-<br />

punkt<br />

Route<br />

Kloster<br />

il bosso<br />

stagliarsi<br />

la corona<br />

la scalinata<br />

il punto<br />

di partenza<br />

l’itinerario<br />

il monastero<br />

sich<br />

erstrecken<br />

Pflanze<br />

Fischteich<br />

Brunnen<br />

errichtet<br />

17. Jahrhundert<br />

Adeliger,<br />

Adelige<br />

Landgut<br />

verschönern<br />

päpstlich<br />

unvergleich-<br />

bar<br />

führen<br />

malerisch<br />

Wasserstrahl<br />

Regenbogen<br />

führen<br />

aufeinander<br />

folgen<br />

abbellire<br />

pontificio<br />

incomparabile<br />

condurre<br />

suggestivo<br />

lo zampillo<br />

l’arcobaleno<br />

immettere<br />

susseguirsi<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


Die Produkte erscheinen im Spotlight Verlag, Fraunhoferstraße 22, 82152 Planegg/Deutschland, Amtsgericht München HRB 179611, Geschäftsführer: Dr. Wolfgang Stock<br />

Gut zuhören: Sonderangebot!<br />

Jetzt 2 Audio-CDs von <strong>ADESSO</strong><br />

für nur € 16,80 testen.<br />

Optimales Training für Aussprache und Wortschatz!<br />

Mit Interviews, Kultur-Tipps und aktuellen Themen<br />

inklusive 28-seitigem Booklet.<br />

Sparen<br />

Sie 30 %<br />

Jetzt bestellen und Vorteilspreis sichern!<br />

www.adesso-online.de/miniaudio oder Telefon +49 (0) 89/85681-16<br />

Bestellkarte<br />

Ich bestelle ein Miniabo von:<br />

✓<br />

<strong>ADESSO</strong> Audio (Italienisch)<br />

2 Ausgaben zum Vorzugspreis von € 16,80 / SFR 25,20<br />

Sie erhalten begleitend zum Heft die CD des aktuellen<br />

Monats und des Folgemonats.<br />

Meine Adresse:<br />

Familienname, Vorname<br />

Straße, Hausnummer<br />

Bitte freimachen,<br />

falls Marke zur Hand<br />

oder faxen:<br />

+49(0)89/85681-159<br />

Wenn ich mich nicht 10 Tage nach Erhalt der zweiten Ausgabe bei Ihnen melde,<br />

möchte ich das Abonnement automatisch verlängern um 12 Ausgaben Audio<br />

(Audio-CD) zum Vorzugspreis von € 129,60 / SFR 194,40.<br />

Die Belieferung kann ich nach Ablauf des ersten Bezugs zeitraums jederzeit beenden<br />

– mit Geld-zurück-Garantie für bezahlte, aber noch nicht gelieferte Ausgaben.<br />

In den Preisen sind die Versandkosten für Deutschland enthalten. Bei Versand ins<br />

Ausland werden die Porto-Mehrkosten berechnet. Weitere Details finden Sie unter<br />

spotlight-verlag.de/faq.<br />

Widerrufsrecht: Diese Bestellung kann ich innerhalb der folgenden 14 Tage schriftlich<br />

ohne Begründung bei der Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstraße 22,<br />

82152 Planegg/Deutschland widerrufen.<br />

Land, PLZ, Ort<br />

E-Mail<br />

X<br />

Ich bin damit einverstanden, dass der Spotlight Verlag mich schriftlich oder auch<br />

per E-Mail über Angebote informiert. Dieses Einverständnis kann ich jederzeit<br />

widerrufen.<br />

Datum, Unterschrift<br />

600.020<br />

ANTWORT<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Fraunhoferstraße 22<br />

82152 Planegg/München<br />

Deutschland


Unser Beitrag zu mehr Verständigung.<br />

Alles auf einen Blick unter www.adesso-online.de/komplett<br />

<strong>ADESSO</strong> – das Magazin für Ihr Italienisch<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten Übungen und<br />

spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft, Kultur und Reisen.<br />

Inklusive Online-Zugang zum Premium-Bereich.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus – das Übungsheft<br />

Vertiefen Sie Ihre Grammatik- und Wortschatzkenntnisse! 24-seitiges Übungsheft<br />

in praktischem Pocket-Format für alle, die sich ihre Lieblingssprache systematisch<br />

aneignen möchten.<br />

<strong>ADESSO</strong> Audio – Italienisch-Training, das ins Ohr geht<br />

Trainieren Sie Ihr Hörverständnis! Die CD umfasst rund eine Stunde Texte, Interviews<br />

und Sprachübungen. Das Begleit-Booklet ergänzt Aufgaben und Texte zum Mitlesen.<br />

Lehrerbeilage – Bestnoten für Ihren Unterricht<br />

Kostenlose Tipps und Ideen für Abonnenten in Lehrberufen! Das Lehrmaterial ist<br />

in drei verschiedenen Niveaustufen aufbereitet. Sie erhalten die Beilage auf Anfrage<br />

zusammen mit Ihrem Magazin.<br />

Premium-Abo – das Online-Extra<br />

Erhalten Sie unbegrenzten Zugriff auf Texte, Übungen und Archiv!<br />

Die umfassende Online-Plattform bietet Ihnen aktuelle Beiträge und einen großen<br />

Pool an interaktiven Übungen. Das Premium-Abo ist bereits kostenlos im Magazin-<br />

Abo enthalten.<br />

Mehr Informationen unter www.adesso-online.de/komplett<br />

Bei Rückfragen erreichen Sie uns unter E-Mail abo@spotlight-verlag.de oder Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16.


© Huber/Sime<br />

SIAMO A…


Le Cime di Lavaredo, in provincia<br />

di Belluno e Bolzano.<br />

4<br />

Veneto - Alto Adige<br />

LE TRE CIME<br />

DI LAVAREDO<br />

Welch Staunen des Wanderers über<br />

die drei steinernen, in den Himmel<br />

ragenden Riesenfinger!<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

Appena partiti si può ammirare la<br />

chiesetta di Maria Ausiliatrice, poi si<br />

arriva al Rifugio Lavaredo: da qui in<br />

poi le tre Cime si mostrano in tutto il<br />

loro splendore e, a seconda dell’ora e<br />

delle condizioni meteorologiche, mutano<br />

aspetto di continuo come capricciose<br />

vip in passerella.<br />

22<br />

© Huber/Sime (2), Shutterstock<br />

“MI SEMBRA DI TOCCARE IL CIE-<br />

LO CON UN DITO”. Si dice quando<br />

ci si sente felici e in pace con se stessi,<br />

magari in vacanza, immersi in uno<br />

scenario naturale che ha pochi eguali<br />

al mondo. Se poi le dita che toccano il<br />

cielo sono tre, immense e scolpite da<br />

madre natura, la meraviglia diventa<br />

pura estasi. È il caso delle tre Cime di<br />

Lavaredo, fiori all’occhiello delle Dolomiti.<br />

Un “indice”, un “medio” e un<br />

“anulare” affondati nelle nuvole o che,<br />

nelle giornate più limpide, fendono<br />

l’azzurro del cielo. Al confine fra Trentino-Alto<br />

Adige e Veneto, fra le province<br />

di Bolzano e Belluno, dominano<br />

da millenni le Alpi orientali. Non hanno<br />

nomi leggendari o fantasiosi. Per<br />

riconoscerle basta guardarne la “statura”:<br />

la Cima Grande è alta 2.999 metri,<br />

la Cima Ovest 2.973 metri, la Cima<br />

Piccola 2.857 metri.<br />

Per esplorarle da vicino viene voglia<br />

di improvvisarsi alpinisti. Non<br />

per niente sono la meta prediletta di<br />

chi ha dimestichezza con l’alta quota!<br />

Drei Zinnen<br />

eingetaucht<br />

gemeißelt<br />

Aushänge-<br />

schild<br />

Zeigefinger<br />

Mittelfinger<br />

Ringfinger<br />

spalten<br />

Grenze<br />

spielen<br />

nicht<br />

umsonst<br />

Tre Cime<br />

di Lavaredo<br />

immerso<br />

scolpito<br />

il fiore<br />

all’occhiello<br />

l’indice m.<br />

il medio<br />

l’anulare m.<br />

fendere<br />

il confine<br />

improvvisarsi<br />

non per<br />

niente<br />

la meta<br />

prediletta<br />

l’alta quota<br />

spingersi<br />

in macchina<br />

l’itinerario<br />

il rifugio<br />

a pedaggio<br />

il sentiero<br />

la pendenza<br />

l’allenato<br />

C’è chi assicura, però, che affrontarle<br />

non è facile. Molto più sicuro e rilassante<br />

ammirarle da lontano. Il consiglio<br />

è di spingersi in macchina fin dove<br />

è possibile, per poi avventurarsi in<br />

affascinanti itinerari a piedi. Il più<br />

consigliato prevede di lasciare le quattro<br />

ruote al grande parcheggio del Rifugio<br />

Auronzo, al quale si arriva con<br />

la strada a pedaggio che parte dal Lago<br />

di Misurina, in provincia di Belluno.<br />

Dal rifugio parte un sentiero che,<br />

attraverso un “anello” con pendenze<br />

accessibili anche ai meno allenati, consente<br />

di vedere le vette e di fotografarle<br />

dalle più diverse angolazioni.<br />

Lieblingsziel<br />

große Höhe<br />

mit dem Auto<br />

hinfahren<br />

Route,<br />

Weg<br />

Berghütte<br />

mautpflichtig<br />

Pfad,<br />

Weg<br />

Neigung<br />

Trainierter<br />

la vetta<br />

l’angolazione<br />

f.<br />

mutare<br />

capriccioso<br />

la passerella<br />

l’altitudine f.<br />

la stradina<br />

sterrata<br />

solcare<br />

la seggiovia<br />

l’associazione<br />

f.<br />

raffinato<br />

Il Rifugio Lavaredo.<br />

Gipfel<br />

Blickwinkel<br />

verändern<br />

launisch<br />

Laufsteg<br />

Höhe<br />

Schotter-<br />

straße<br />

durchziehen<br />

Sessellift<br />

Verein<br />

vornehm<br />

Nei dintorni<br />

Da non perdere è il suggestivo Lago<br />

di Misurina, specchio d’acqua di origine<br />

glaciale chiamato “la perla del Cadore”<br />

per la sua preziosa bellezza. Si<br />

trova a un’altitudine di 1.754 metri,<br />

circondato da boschi e dalle vette dolomitiche,<br />

tra cui le Tre Cime di Lavaredo.<br />

Un “classico” è il giro del lago, da<br />

percorrere a piedi o in bici lungo la deliziosa<br />

stradina sterrata che corre lungo<br />

la riva. Il paesaggio è solcato da numerosi<br />

sentieri: si può salire sul Monte<br />

Piana, con vista sulle Tre Cime, o raggiungere<br />

con la seggiovia del Col De<br />

Varda un punto panoramico da dove<br />

ammirare il Gruppo del Cristallo. Per<br />

i più mondani, a soli 30 minuti di macchina<br />

c’è Cortina d’Ampezzo, detta<br />

“la regina delle Dolomiti” non solo per<br />

lo splendido scenario montano che la<br />

circonda, ma anche per il suo fascino<br />

senza tempo, grazie al quale è entrata<br />

a far parte – unica località italiana –<br />

del Best of Alps, l’associazione che riunisce<br />

le 12 località di montagna più<br />

raffinate delle Alpi.<br />

COME ARRIVARE<br />

Il Lago di Misurina, a 1.754 m.<br />

Dal Brennero imboccare la A 22. Uscire a Bressanone<br />

/ Val Pusteria e proseguire sulla SS 49 fino a<br />

Dobbiaco. Da lì seguire la SS 48 e poi la SS 51.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


© Huber/Sime<br />

SIAMO A…


24<br />

Il sito archeologico di Nora,<br />

in provincia di Cagliari.<br />

5Sardegna<br />

NORA<br />

Sardische Vielfalt von der Antike<br />

bis in die Gegenwart lässt sich im<br />

auf einer ins Meer ragenden<br />

Landzunge gelegenen Nora erleben<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

LA SARDEGNA, COME I NOSTRI<br />

LETTORI BEN SANNO, È UNA<br />

TERRA MERAVIGLIOSA, nella quale<br />

una semplice vacanza può trasformarsi<br />

in un affascinante e, qualche volta,<br />

avventuroso viaggio. Se vi trovate<br />

nel Sud dell’isola, non potete perdere<br />

quella meraviglia che è il sito archeologico<br />

dell’antica città di Nora: un luogo<br />

suggestivo per la sua posizione e<br />

perché capita raramente di<br />

potersi muovere tra le rovine<br />

di una città la cui storia<br />

si perde letteralmente<br />

nella notte dei tempi.<br />

La spiaggia di Tuerredda.<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

Nora, a 35 km circa da Cagliari,<br />

sorge su un promontorio affacciato<br />

sul Mediterraneo. I ritrovamenti più<br />

antichi risalgono all’età nuragica<br />

(1700 a.C). La storia di Nora inizia con<br />

i Fenici, come sembra dimostrare la<br />

Stele di Nora (VIII secolo a.C.) conservata<br />

al Museo archeologico di Cagliari,<br />

su cui si può leggere per la prima<br />

volta il nome “Sardegna”. Sono i<br />

Romani, che ne fanno la<br />

sede del loro governatorato,<br />

a lasciare le tracce<br />

più evidenti: resti di edifici,<br />

templi, mosaici e il<br />

teatro romano testimoniano<br />

l’importanza di Nora,<br />

che raggiunse il suo<br />

massimo splendore tra il<br />

II e il III secolo d.C. Se, alla<br />

fine della vostra visita, non potete<br />

proprio resistere al richiamo del mare,<br />

niente di più semplice che raggiungere,<br />

naturalmente a piedi, la vicinissima<br />

spiaggia di Sant’Efisio per<br />

un bagno ristoratore.<br />

Il Paradiso sul mare<br />

Il Sud della Sardegna è un piccolo paradiso<br />

in riva al mare. Nel tratto di costa<br />

che da est a ovest parte da Villasimius<br />

e arriva al Golfo di Teulada, si<br />

trovano alcune tra le più belle spiagge<br />

della Sardegna. Limitiamoci a quelle<br />

più vicine a Nora. Pochi chilometri<br />

a sud del sito archeologico troviamo il<br />

Golfo di Chia, dove non c’è che l’imbarazzo<br />

della scelta tra dune, calette<br />

appartate e spiagge di sabbia bianca,<br />

come Su Giudeu o Sa Colonia. Proseguendo<br />

verso ovest, si raggiunge il<br />

Golfo di Teulada, con un paesaggio e<br />

un mare la cui bellezza toglie semplicemente<br />

il fiato. Qui, senz’altro da non<br />

perdere è la spiaggia di Tuerredda,<br />

una delle più belle della Sardegna, che<br />

strega per la sabbia bianca e la trasparenza<br />

cristallina delle acque.<br />

Un salto in città<br />

Cagliari, il capoluogo della Sardegna,<br />

merita senz’altro una visita. È una<br />

città particolare, con una zona vicina<br />

al mare che si distingue per i suoi palazzi<br />

monumentali di origine sabauda<br />

e il centro antico, il cosiddetto Castello,<br />

situato nella parte più alta della<br />

città e dotato di porte e mura. Qui sono<br />

ancora visibili le tracce delle dominazioni<br />

che si sono avvicendate in<br />

città, da quella pisana nel XIII secolo<br />

a quella piemontese del XVIII e XIX<br />

secolo. Particolari sono i cosiddetti<br />

“stagni”, che si trovano proprio a ridosso<br />

del centro abitato e offrono rifugio<br />

a un gran numero di uccelli, tra<br />

cui il bellissimo fenicottero rosa.<br />

La spiaggia di Su Giudeu.<br />

© Huber/Sime (2), Shutterstock (2)<br />

abenteuerlich<br />

Ausgrabungs-<br />

stätte<br />

in grauer<br />

Vorzeit<br />

Küsten-<br />

vorsprung<br />

Fundstück<br />

Phönizier<br />

Sitz<br />

Statthalterei<br />

avventuroso<br />

il sito<br />

archeologico<br />

nella notte<br />

dei tempi<br />

il promontorio<br />

il ritrovamento<br />

i Fenici pl.<br />

la sede<br />

il governatorato<br />

Spur<br />

Gebäude<br />

bezeugen<br />

erholsam<br />

an der Küste<br />

Küsten-<br />

abschnitt<br />

Qual der<br />

Wahl<br />

Bucht<br />

den Atem<br />

rauben<br />

la traccia<br />

l’edificio<br />

testimoniare<br />

ristoratore<br />

in riva<br />

al mare<br />

il tratto<br />

di costa<br />

l’imbarazzo<br />

della scelta<br />

la caletta<br />

togliere<br />

il fiato<br />

stregare<br />

meritare<br />

sabaudo<br />

dotato di<br />

la dominazione<br />

lo stagno<br />

a ridosso di<br />

il rifugio<br />

il fenicottero<br />

verhexen,<br />

hier: bezaubern<br />

wert sein<br />

savoyisch<br />

verfügt über<br />

(Fremd-)<br />

Herrschaft<br />

Weiher, Teich<br />

hinter<br />

Zuflucht<br />

Flamingo<br />

COME ARRIVARE<br />

Da Cagliari si segue la SS 195 per Teulada sino<br />

al km 27, dove si svolta a sinistra per Pula. Attraversato<br />

il centro abitato e imboccata la Via<br />

Nora, dopo 3 km si arriva all'area archeologica.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


SIAMO A…<br />

© Huber/Sime


26<br />

© Huber/Sime (3)<br />

Caronia, in<br />

provincia di<br />

Messina.<br />

6Sicilia<br />

CARONIA<br />

Auf den Spuren von Griechen,<br />

Arabern und Normannen in den<br />

sizilianischen Monti Nebrodi mit<br />

Ausblick auf die Liparischen Inseln.<br />

Testo: Isabella Bernardin<br />

brullo kahl<br />

sorgere sich erheben<br />

l’appen- Anhang,<br />

dice f. hier: Fortsatz<br />

il presepe Krippe<br />

arroccato (am Berg)<br />

klebend<br />

sul livello über dem<br />

del mare Meer<br />

proteso ausgestreckt<br />

fondato gegründet<br />

agiato reich<br />

battere Münzen<br />

moneta prägen<br />

il ritrovamento Fundstück<br />

dem Erd-<br />

boden gleichmachen<br />

radere<br />

al suolo<br />

fare bottino<br />

di<br />

trucidare<br />

A VEDERLA DALL’ALTO, CON I<br />

TETTI ROSSI COME LA TERRA<br />

BRULLA SU CUI SORGE, CARO-<br />

NIA SEMBRA PIÙ UN’APPENDICE<br />

NATURALE DELLA MONTAGNA<br />

CHE UNA CREAZIONE DELL’UO-<br />

MO. A chi la guarda dal mare appare<br />

invece come un piccolo presepe, arroccato<br />

sull’Appennino siciliano (300<br />

m s.l.m.) eppure proteso verso l’azzurro<br />

del Tirreno. Fu fondata dai Greci<br />

con il nome di Kalè Akté, ossia “bella<br />

costa”, nel punto in cui oggi sorge<br />

Marina di Caronia. Era una città così<br />

agiata da battere moneta propria, come<br />

dimostrano alcuni ritrovamenti archeologici.<br />

Poi i Saraceni la rasero al<br />

suolo, fecero bottino di oro e argento<br />

e trucidarono i suoi abitanti. Se ne salvarono<br />

alcuni e, intorno al 960 d.C.,<br />

fondarono sul Monte Caronia la città<br />

che possiamo ammirare oggi. I resti<br />

dell’antico insediamento, ancora visibili,<br />

giacciono lungo la costa, all’ombra<br />

del castello normanno di Caronia,<br />

del 1130 circa, uno dei più mirabili<br />

esempi del patrimonio artistico della<br />

città. Il complesso, oggi abitazione privata,<br />

custodisce al suo interno una<br />

delle due cappelle normanne a tre navate<br />

edificate in Sicilia (l’altra è la celebre<br />

Palatina di Palermo).<br />

Il Parco dei Nebrodi<br />

Il paese di Caronia si trova nel Parco<br />

dei Nebrodi che, con i suoi 85.000 ettari<br />

di superficie, è la più grande area<br />

protetta della Sicilia. Il parco è delimitato<br />

dal Mar Tirreno e dai Monti<br />

dell’Etna e, al suo interno, dà spazio<br />

ai paesaggi più vari, dai boschi ai pascoli<br />

d’alta quota, dai laghi ai torren-<br />

erbeuten<br />

niedermetzeln<br />

l’insediamento<br />

il patrimonio<br />

a tre navate<br />

la superficie<br />

il pascolo<br />

d’alta quota<br />

il torrente<br />

Siedlung<br />

Bestand<br />

dreischiffig<br />

Fläche<br />

Weide<br />

Hochland-<br />

Wildbach<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

arido<br />

bruciato<br />

superare<br />

l’amante m./f.<br />

la vetta<br />

abbandonare<br />

la ritirata<br />

il cavallo<br />

brado<br />

snodarsi<br />

la borgata<br />

rinomato<br />

trocken<br />

verbrannt<br />

hier: hinter<br />

sich lassen<br />

Anhänger, -in<br />

Gipfel<br />

hier: zurücklassen<br />

Rückzug<br />

Wildpferd<br />

sich<br />

schlängeln<br />

kleine<br />

Ortschaft<br />

berühmt<br />

Il Parco dei<br />

Nebrodi e,<br />

sullo sfondo,<br />

le isole Eolie.<br />

ti. Uno scenario verde e rigoglioso, in<br />

contrasto con l’immagine più comune<br />

della Sicilia come terra arida e bruciata<br />

dal sole, tanto che già gli Arabi<br />

definirono i Monti Nebrodi “un’isola<br />

nell’isola”. Superando il paese di<br />

Caronia in direzione delle montagne,<br />

ettari di boschi si offrono agli amanti<br />

del trekking sino a Portella dell’Obolo,<br />

la vetta più alta della catena<br />

montuosa. Tra le meraviglie in cui i<br />

visitatori del parco potrebbero imbattersi<br />

c’è il cavallo Sanfratellano,<br />

una specie introdotta dai Normanni,<br />

che ne abbandonarono nei boschi alcuni<br />

esemplari durante una ritirata.<br />

Gli animali si adattarono benissimo<br />

all’ambiente, dando vita alla colonia<br />

di cavalli bradi più vasta d’Europa.<br />

Nei dintorni<br />

A pochi minuti da Caronia si snodano<br />

chilometri di spiagge, affacciate<br />

sul mare più cristallino che si possa<br />

immaginare. Spiagge sabbiose o di<br />

roccia, incorniciate da macchia mediterranea,<br />

protette da piccole borgate<br />

marinare o centri balneari rinomati,<br />

come Torre del Lauro, Marina<br />

di Caronia e Canneto. All’orizzonte si<br />

vedono le isole Eolie, le sette perle del<br />

Mediterraneo. Ma questa è un’altra<br />

storia… per saperne di più dovete<br />

aspettare il numero di luglio!<br />

COME ARRIVARE<br />

Caronia è a 60 km da Cefalù e a 130 km da<br />

Messina. Si raggiunge in entrambe le direzioni<br />

percorrendo la A 20.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


© Huber/Sime<br />

SIAMO A…


28<br />

Il Lago di Pilato, in<br />

provincia di Ascoli Piceno.<br />

7Testo: Isabella Bernardin<br />

Marche<br />

LAGO DI PILATO<br />

Eine Szenerie wie aus Norditalien,<br />

doch der paradiesische See liegt auf<br />

2000 m Höhe im Herzen des<br />

Nationalparks Monti Sibillini.<br />

È UN LUOGO MAGICO, SI CAPI-<br />

SCE AL PRIMO SGUARDO. Basta<br />

poi chiedere un po’ in giro per scoprire<br />

che questo piccolo lago di soli<br />

500 metri di diametro, a 1.941 metri<br />

di altitudine, è davvero avvolto da<br />

secoli in un fitto intreccio di leggende<br />

e mistero.<br />

Siamo nel Parco dei Monti Sibillini,<br />

oltre 70.000 ettari intitolati al grande<br />

massiccio calcareo che si estende<br />

tra Marche e Umbria. Sul versante<br />

marchigiano, proprio al confine con<br />

quello umbro, questo specchio d’acqua<br />

montano attende placido i visitatori.<br />

C’è chi lo chiama il “lago degli<br />

occhiali” per la forma degli invasi comunicanti,<br />

ma il suo nome vero è Lago<br />

di Pilato. Secondo una delle tante<br />

leggende, il procuratore Ponzio Pilato<br />

fu condannato dall’imperatore Vespasiano<br />

a una morte senza sepoltura.<br />

Legato a un carro trainato da buoi<br />

lasciati liberi di vagare, sarebbe precipitato<br />

nel lago dalla cresta della Cima<br />

del Redentore. Per secoli, questa<br />

leggenda ha attirato nella conca streghe<br />

e negromanti, ma quella di Pilato<br />

non è l’unica storia che ha contribuito<br />

alla fama del luogo.<br />

Nell’antichità era chiamato Lago<br />

della Sibilla, come si legge in un documento<br />

del 1452, nel quale un giudice<br />

assolve la comunità di Montemonaco<br />

per aver accompagnato<br />

alcuni cavalieri a consacrare libri magici<br />

al Lacus Sibillae. La Sibilla appenninica,<br />

una veggente per alcuni bellissima,<br />

di indole buona e circondata<br />

da fate, per altri demoniaca, viveva<br />

isolata in un antro sul monte che oggi<br />

ha preso il suo nome. Vedere la<br />

grotta non è possibile, ma per conoscere<br />

meglio questa figura si può visitare<br />

il museo che le ha dedicato il<br />

comune di Montemonaco. Tra gli oggetti<br />

esposti c’è anche la Grande Pietra,<br />

un sasso inciso con segni misteriosi,<br />

rinvenuto proprio nel Lago di<br />

il diametro<br />

l’altitudine f.<br />

avvolto<br />

fitto<br />

l’intreccio<br />

il massiccio<br />

calcareo<br />

il confine<br />

placido<br />

l’invaso<br />

comunicante<br />

condannare<br />

la sepoltura<br />

il bue<br />

la cresta<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

Durchmesser<br />

Höhe<br />

eingehüllt<br />

dicht<br />

Gewirr<br />

Kalkmassiv<br />

Grenze<br />

still<br />

hier: Becken<br />

verbunden<br />

verurteilen<br />

Bestattung<br />

Ochse<br />

Grat, Kamm<br />

Erlöser<br />

Hexe<br />

Schwarz-<br />

künstler, -in<br />

Richter<br />

freisprechen<br />

Ritter<br />

weihen<br />

Seherin<br />

il Redentore<br />

la strega<br />

il/la negromante<br />

il giudice<br />

assolvere<br />

il cavaliere<br />

consacrare<br />

la veggente<br />

di indole<br />

buona<br />

la fata<br />

l’antro<br />

dedicare<br />

rinvenuto<br />

Pilato. Il tesoro più grande è però custodito<br />

ancora oggi dalle acque del lago<br />

ed è il mollusco Chirocefalo del<br />

Marchesoni, un piccolo crostaceo rosso<br />

lungo circa 10 millimetri che nuota<br />

con il ventre rivolto verso l’alto. È<br />

una specie delicatissima e protetta<br />

che, ogni primavera-estate, con la<br />

schiusa delle uova, colora di rosso le<br />

acque del lago, contribuendo a tener<br />

viva l’aura di magia che avvolge questi<br />

luoghi.<br />

Eppure, a ben guardare, qui l’unica<br />

vera magia è quella della natura.<br />

Come diceva Goethe nel Faust:<br />

“Grandi sono le forze della Montagna,<br />

là la natura libera agisce con strapotenza;<br />

la stupidità dei preti condanna<br />

ciò come una stregoneria”.<br />

Escursioni<br />

Il Parco dei Monti Sibillini offre agli<br />

amanti del trekking innumerevoli<br />

possibilità. Ci sono percorsi per i meno<br />

esperti, 17 escursioni più impegnative,<br />

oltre 14 itinerari in mountain-bike<br />

e 18 sentieri, pensati per i<br />

meno sportivi, che partono dai centri<br />

storici dei paesi del parco. È imperdibile<br />

per gli appassionati il Grande<br />

Anello dei Sibillini: 120 km di<br />

percorso escursionistico che abbraccia<br />

l’intera catena montuosa in 9 tappe.<br />

Per maggiori informazioni visitate il<br />

sito: www.sibillini.net<br />

COME ARRIVARE<br />

Da Perugia percorrere la SS 75, proseguire<br />

sulla SS 3, uscire a Cascia / Norcia, continuare<br />

sulla SS 209 e sulla SP 130.<br />

gutmütig<br />

Fee<br />

Höhle<br />

widmen<br />

aufgefunden<br />

custodire<br />

il mollusco<br />

il crostaceo<br />

il ventre<br />

la schiusa<br />

la strapotenza<br />

la stregoneria<br />

impegnativo<br />

il sentiero<br />

imperdibile<br />

la catena<br />

montuosa<br />

behüten<br />

Weichtier<br />

Krustentier<br />

Bauch<br />

Ausschlüpfen<br />

Übermacht<br />

Hexerei<br />

anspruchsvoll<br />

Pfad<br />

nicht zu<br />

versäumen<br />

Gebirgskette<br />

© Huber/Sime, Look<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

Puglia<br />

LE ISOLE TREMITI<br />

Die Tremiti-Inseln vor der apulischen Küste erwarten<br />

den Zivilisationsflüchtigen mit wilder Schönheit,<br />

natürlicher Vielfalt und kulturhistorischer<br />

Vergangenheit. Ein Ort, der im Heute angekommen<br />

ist und wo Zeit keine Rolle spielt.<br />

Testo: Gianmario Marras<br />

29<br />

© G. Marras (3), Shutterstock, Huber/Sime<br />

ALLE ISOLE TREMITI IL MITO DELLA VELOCITÀ<br />

NON TROVA ASILO. Per arrivarci si deve prima fare<br />

un ripasso di geografia, perché l’aeroporto più comodo<br />

è quello di Pescara, in Abruzzo; il porto più vicino è<br />

quello di Termoli, in Molise; la provincia di appartenenza<br />

è quella pugliese di Foggia. Sì, forse raggiungerle<br />

può risultare faticoso, ma d’altra parte, che ne sarebbe<br />

del mito delle isole senza la loro distanza dal mondo<br />

e la fatica spesa per raggiungerle? E poi le Tremiti sono<br />

uno di quei luoghi fortunati, in cui la fretta non ha ragione<br />

di esistere. Non si corre per attraversare isole di<br />

dimensioni che si possono misurare in metri! SAN DO-<br />

MINO, la più grande, in<br />

trovare asilo Asyl finden lunghezza ne conta 2.600;<br />

il ripasso Wiederholen<br />

SAN NICOLA e CAil<br />

porto Hafen<br />

faticoso mühsam PRAIA circa 1.600. Il CREla<br />

ragione<br />

lo scoglio<br />

Grund<br />

Klippe, Felsen<br />

TACCIO è poco più di<br />

uno scoglio argilloso e<br />

argilloso lehmig<br />

PIANOSA, la più lontana,<br />

la tempesta Sturm<br />

inaccessibile unzugänglich appena una decina di metri<br />

sul livello del mare,<br />

la riserva Meeresmarina<br />

schutzgebiet scompare quasi del tutto<br />

integrale vollständig durante le tempeste invernali.<br />

TANTO è un’iso-<br />

sbarcare landen<br />

inerpicarsi sich emporziehela<br />

inaccessibile, dichiarata<br />

lo strapiombo Felsvorsprung nel 1989 Riserva marina<br />

candido strahlend weiß integrale! In luoghi così<br />

traforato durchbohrt<br />

piccoli, va da sé che bisogna<br />

camminare: appena<br />

il cunicolo Stollen<br />

la falesia Klippe<br />

inoltrarsi<br />

la superficie<br />

sich fortsetzen<br />

Fläche<br />

sbarcati presso Cala delle<br />

Arene, a San Domino, si<br />

l’orto Gemüsegarten<br />

può prendere la strada<br />

l’uliveto Olivenhain<br />

il grano Getreide che si inerpica per poche<br />

il pascolo<br />

la roccaforte<br />

Weide<br />

Festung<br />

decine di metri sulla costa<br />

e godere della vista sulla<br />

sabbia finissima che separa la roccia dalle acque azzurre<br />

e calme. A est del paese, un’altra strada conduce allo<br />

strapiombo affacciato su Cala del Diamante. Di fronte<br />

spuntano i Pagliai, una decina di candidi monoliti<br />

piramidali traforati da cunicoli che sembrano messi lì<br />

apposta per decorare la falesia calcarea.<br />

Le due strade si uniscono dopo un centinaio di metri,<br />

per inoltrarsi in un bosco profumato di pini d’Aleppo,<br />

uno dei tesori naturali di San Domino. Esteso su buona<br />

parte della sua superficie, fa pensare a quando, intorno<br />

all’anno Mille, l’isola era descritta come “l’orto del paradiso“<br />

ed era coperta di uliveti, vigne, alberi da frutto, grano<br />

e pascoli. In quell’epoca, durata circa 600 anni, le Tremiti<br />

erano una vera e propria roccaforte della cristianità<br />

e le isole divennero un importante centro economico e<br />

culturale. Si sperimentavano tecniche innovative in agricoltura,<br />

si copiavano manoscritti su pergamena ed era attiva<br />

una scuola di astronomia, matematica e musica.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


MERAVIGLIE IN MEZZO AL MARE<br />

Nell’altra pagina: Cala Matana, nell’isola di San Domino; l’isola di San<br />

Nicola vista dal mare. Qui: uno scorcio del castello dell’isola di San<br />

Nicola; un particolare del fondale marino delle isole Tremiti; Cala del<br />

Diamante, nell’isola di San Domino.<br />

Di quel reame San Nicola, brulla e pietrosa, era la capitale.<br />

San Domino invece, quasi disabitata, era il luogo della<br />

beatitudine, con un’esplosione di natura tale da far pensare<br />

a un frammento dell’Eden. L’eredità naturale di quei tempi<br />

d’oro sopravvive lungo i sentieri ombreggiati, ben segnalati<br />

e attrezzati con numerose aree di sosta su tutto il<br />

perimetro costiero, che raggiungono punti panoramici, cale<br />

appartate, grotte. Sui promontori dai nomi a volte curiosi,<br />

rivelatori della storia, delle leggende e della natura dei<br />

luoghi, nonostante l’affollamento estivo si trovano facilmente<br />

angoli di pace. Nella piccola isola di San Nicola, per<br />

esempio, che fra le sue antiche mura custodisce memorie<br />

antiche, testimoniate dalle fortificazioni, dalle torri merlate<br />

e, soprattutto, dalla chiesa di Santa Maria a Mare, consacrata<br />

nel 1045, che conserva mirabili frammenti di mosaico d’epoca<br />

romanico-bizantina e una croce dipinta di oltre tre metri<br />

d’altezza, realizzata forse in Toscana nel XIII secolo.<br />

Reminiscenze artistiche di un’epoca che appare remota,<br />

il reame Königreich<br />

brullo kahl<br />

la beatitudine Glückseligkeit<br />

il frammento Fragment<br />

l’eredità Erbe<br />

il sentiero Pfad<br />

il perimetro<br />

costiero Küstenstrich<br />

la cala Bucht<br />

appartato abgeschieden<br />

il promontorio Küstenvorsprung<br />

rivelatore vielsagend<br />

l’affollamento Andrang<br />

la fortificazione Befestigung<br />

la torre merlata Zinnenturm<br />

consacrato geweiht<br />

remoto weit entfernt<br />

il secolo Jahrhundert<br />

il confino Verbannung<br />

l’oppositore m. Gegner<br />

in prevalenza überwiegend<br />

il sindacalista Gewerkschafter<br />

la linfa Lebenssaft<br />

vitale<br />

ignaro ahnungslos<br />

Sandro Pertini: vedi pag. 71<br />

la punizione Strafe<br />

il sarto Schneider<br />

il fabbro Schmied<br />

il calzolaio Schuster<br />

l’elicottero Hubschrauber<br />

l’accoglienza hier: Tourismusangebot<br />

laureata Juristin<br />

in Legge<br />

emblematico symbolisch<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Questo mese puoi<br />

ascoltare un brano radiofonico<br />

dedicato alle Isole Tremiti.<br />

mentre vivissimi sono i ricordi<br />

del secolo appena trascorso,<br />

quando l’isola venne<br />

trasformata in confino per<br />

gli oppositori al regime fascista,<br />

in prevalenza parlamentari,<br />

sindacalisti, medici,<br />

professori. Sbarcati a San<br />

Nicola, si rivelarono una vera<br />

linfa vitale per la comunità<br />

di pescatori e agricoltori.<br />

Questi ultimi, quasi ignari<br />

di quanto stava accadendo,<br />

un giorno videro arrivare<br />

anche il futuro presidente<br />

della Repubblica Sandro<br />

Pertini, trasferito qui in punizione<br />

dall’isola di Ponza,<br />

ma solo per qualche giorno.<br />

“I confinati”, ricordano i più<br />

anziani, “ci facevano il doposcuola.<br />

A quel tempo c’era<br />

tutto: il sarto, il fabbro, il<br />

calzolaio. C’erano vigneti e<br />

alberi da frutto. Le pecore e<br />

le capre non si contavano. Si<br />

faceva il formaggio, si coltivava<br />

il grano. Adesso, nei<br />

giorni d’inverno, il pane lo<br />

portano con l’elicottero”.<br />

Già, l’elicottero... C’è chi<br />

lo usa per arrivare prima, e<br />

più comodamente. Dall’aeroporto<br />

di Foggia fino all’isola<br />

di San Domino ci vogliono circa 20 minuti di volo. Grazie<br />

alle nuove attività legate al turismo, si cerca di migliorare<br />

anche la qualità dell’accoglienza. Così hanno fatto Donatella<br />

e Angelo. Lei laureata in Legge e grande appassionata<br />

di letteratura di viaggio; lui tremitese da generazioni, figlio<br />

di pescatori. Insieme hanno aperto nella piazzetta di<br />

San Domino un’enoteca dal nome emblematico, Era ora: il<br />

luogo perfetto per leggere pubblicazioni sulle isole, degustando<br />

ricercati prodotti tipici: salumi, formaggi, confetture<br />

di cipolle, accompagnati da un bicchiere di malvasia.<br />

COME ARRIVARE<br />

IN NAVE O IN ELICOTTERO www.lecinqueisole.it/collegamentitremiti.html<br />

30<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


© Huber/Sime<br />

31<br />

SIAMO A…


© Huber/Sime


© Cubo Images<br />

SIAMO A…


34<br />

© Cubo Images, Huber/Sime, Pro Loco di Chiusdino<br />

L’abbazia di<br />

San Galgano, in<br />

provincia di Siena.<br />

9Toscana<br />

ABBAZIA DI<br />

SAN GALGANO<br />

Himmelsdach, Grasteppich und<br />

eine fast überirdische Harmonie:<br />

Willkommen im Herzen der Toskana!<br />

Testo: Marina Collaci<br />

IL SUO TETTO È IL CIELO, IL PA-<br />

VIMENTO UN TAPPETO D’ERBA,<br />

EPPURE L’ABBAZIA CISTERCEN-<br />

SE DI SAN GALGANO È UNO DEI<br />

PIÙ NOTEVOLI ESEMPI DI ARTE<br />

GOTICA ITALIANA. È una chiesa<br />

imponente, con i suoi 69 metri di lunghezza<br />

e 29 di larghezza, e allo stesso<br />

tempo è un luogo mistico, di grande<br />

suggestione. Svetta solitaria su una<br />

collina immersa nel silenzio della campagna<br />

e le sue altissime volte a sesto<br />

acuto sembrano toccare le nuvole.<br />

I monaci cistercensi fecero erigere la<br />

grande chiesa nel XIII secolo, ispirandosi<br />

a modelli architettonici francesi e<br />

inserendo contaminazioni nel gusto<br />

il pavimento<br />

l’abbazia<br />

la suggestione<br />

svettare<br />

la collina<br />

la volta<br />

il sesto acuto<br />

il monaco<br />

erigere<br />

il secolo<br />

la contaminazione<br />

casuale<br />

Boden<br />

Abtei<br />

Zauber,<br />

Faszination<br />

emporragen<br />

Hügel<br />

Gewölbe<br />

Spitzbogen<br />

Mönch<br />

errichten<br />

Jahrhundert<br />

hier:<br />

Einfluss<br />

zufällig<br />

l’ottava<br />

la scala<br />

crollare<br />

travolgere<br />

illuminato<br />

la spada<br />

la roccia<br />

custodire<br />

l’eremo<br />

estrarre<br />

conficcare<br />

il miracolo<br />

la rinuncia<br />

senese dell’epoca. L’armonia<br />

che si respira fra queste<br />

mura non è probabilmente<br />

casuale, ma è il frutto di una<br />

precisa scienza basata su codici<br />

geometrici che seguivano<br />

i rapporti dell’ottava<br />

musicale e della scala diatonica,<br />

allo scopo di inserire l’uomo in<br />

un sistema di ritmi e armonie simili a<br />

quelli della natura. L’abbazia fu un<br />

luogo molto influente fino al XV secolo,<br />

poi iniziò una lenta decadenza,<br />

culminata il 6 gennaio 1786, quando il<br />

campanile crollò, travolgendo parte<br />

del tetto. Oggi, nelle notti d’estate,<br />

l’abbazia è illuminata con luci teatrali<br />

e ospita concerti e balletti.<br />

Curiosità<br />

Pochi lo sanno, ma la celebre spada<br />

nella roccia esiste ed è custodita nell’eremo<br />

di Montesiepi, una chiesetta<br />

romanica che sorge accanto all’abbazia<br />

di San Galgano. A differenza del-<br />

Oktave<br />

Tonleiter<br />

einstürzen<br />

mit sich<br />

reißen<br />

beleuchtet<br />

Schwert<br />

Felsen<br />

bewahren<br />

Einsiedelei<br />

herausziehen<br />

hineinstoßen<br />

Wunder<br />

Verzicht<br />

<strong>Speciale</strong><br />

VIAGGI<br />

spensierato<br />

obbedire<br />

trapassare<br />

l’abate m.<br />

la collina<br />

la quercia<br />

sgorgare<br />

sulfureo<br />

l’apparato<br />

respiratorio<br />

la vasca<br />

il chiaro<br />

di luna<br />

unbeschwert<br />

gehorchen<br />

durchdringen<br />

Abt<br />

Hügel<br />

Eiche<br />

sprudeln<br />

schwefelhaltig<br />

Atemwege<br />

Becken<br />

Mondschein<br />

la spada inglese, quella italiana non è<br />

stata estratta da re Artù, ma è rimasta<br />

conficcata nella sua roccia per secoli.<br />

È il miracolo compiuto da Galgano<br />

Guidotti, poi divenuto San Galgano,<br />

in segno di rinuncia alle armi. La storia<br />

racconta che era un ragazzo spensierato<br />

che amava i duelli e le belle<br />

donne. Un bel giorno dell’anno 1148,<br />

vede in sogno l’arcangelo Gabriele che<br />

lo invita a rinunciare per sempre alle<br />

gioie mondane. Obbedisce, anche se<br />

ha solo 28 anni, e diventa eremita.<br />

Giura di usare la spada solo come croce<br />

davanti alla quale pregare<br />

e la conficca in un masso<br />

che trapassa come burro.<br />

Da allora, nessuno è riuscito<br />

a estrarre l’arma dalla roccia. Galgano<br />

Guidotti muore a 33 anni; poco<br />

dopo la sua morte, gli abati cistercensi<br />

costruiscono l’abbazia nel luogo in<br />

cui lui era vissuto.<br />

Nei dintorni<br />

A circa 30 chilometri dall’abbazia di<br />

San Galgano, tra colline di querce e<br />

castagni, sgorga l’acqua sulfurea delle<br />

terme di Petriolo, ideale per curare<br />

malattie della pelle e dell’apparato<br />

respiratorio. Le vasche naturali<br />

sono collocate nelle acque del fiume<br />

Farma e ci si può immergere anche<br />

in inverno, poiché l’acqua è a 42°. Il<br />

momento migliore per rilassarsi qui?<br />

Decisamente al chiaro di luna.<br />

COME ARRIVARE<br />

Le terme sulfuree<br />

di Petriolo.<br />

Da Siena l’abbazia si può raggiungere in auto,<br />

prendendo la SP 73 in direzione Monticiano, o<br />

comodamente in autobus (informazioni e orari<br />

su www.trainspa.it).<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


Unsere Auswahl für Sprachliebhaber.<br />

Entdecken Sie Ihre Leidenschaft für Sprachen.<br />

Deutsch perfekt – Einfach Deutsch lernen<br />

Écoute – Das Sprachmagazin für Frankreichliebhaber<br />

ECOS – Die Welt auf Spanisch<br />

Spotlight – Das Magazin in Englisch<br />

Business Spotlight – Englisch für den beruflichen Erfolg<br />

<strong>ADESSO</strong> – Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

www.spotlight-verlag.de


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Roberto<br />

FORMIGONI<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Lecco, 30 marzo 1947. STATO CIVILE: celibe. SEGNI PARTICOLARI: oltre alle cravatte e alle giacche<br />

colorate, da due anni “il Celeste” parla di sé in terza persona e, d'estate, si fa fotografare in costume su uno yacht a Porto Cervo.<br />

36<br />

Alles andere als ein Heiliger: Roberto<br />

Formigoni, 17 Jahre Präsident<br />

der Region Lombardei zwischen Religion,<br />

Extravaganzen und fragwürdigen<br />

Freundschaften.<br />

IN QUESTA RUBRICA VI PARLERÒ DI UN PERSO-<br />

NAGGIO CHE HA MANDATO IN TILT L’OPINIONE<br />

PUBBLICA ITALIANA PER TUTTO IL 2012. Tranquillizzatevi,<br />

non intendiamo annoiarvi con le disavventure<br />

di Silvio Berlusconi. Parliamo di un altro uomo politico<br />

che con le sue gesta – e con quelle del suo entourage –<br />

ha scosso nell’ultimo anno la vita pubblica del Belpaese:<br />

Roberto Formigoni. Questo signore – anzi, signorino, o<br />

quasi, visto che ha fatto voto di castità all’età di 24 anni<br />

e, forse per l’aura di santità che lo circonda, viene scherzosamente<br />

soprannominato “il Celeste” – dal 1995 al 26<br />

ottobre 2012 è stato il presidente della Regione Lombardia,<br />

che per capoluogo ha quella pulsante metropoli che<br />

è Milano. Si tratta di 17 anni di potere ininterrotto.<br />

Quattro mandati consecutivi sono di per sé già<br />

un’anomalia. Durante l’ultimo, fin dall’inizio, una serie<br />

di “incidenti di percorso” hanno macchiato la carriera del<br />

Celeste al punto da costringerlo, nello scorso ottobre, a<br />

dimettersi dalla sua prestigiosa carica. Una carriera piuttosto<br />

“colorata”, quella di Formigoni. Certo, non quanto<br />

le sue giacche, ma comunque ricca di giravolte politiche<br />

e cambi di casacca. Mister Formigoni, infatti, non è un signor<br />

Nessuno. Innanzittutto è stato uno dei cervelli di<br />

Comunione e Liberazione, è entrato in politica giovanissimo<br />

nelle file della Democrazia cristiana e, dopo la fine<br />

del partito, travolto dall’inchiesta di Mani Pulite, è lui a<br />

traghettare verso nuovi lidi i cattolici italiani. Una serie<br />

di giri di valzer che, in pochi anni, lo fanno finire tra le<br />

braccia di Silvio Berlusconi. Proprio grazie all’accordo<br />

con il Cavaliere, nel 1995 Formigoni è eletto per la prima<br />

volta presidente della Regione Lombardia. Ma torniamo<br />

ai giorni nostri. I veri problemi, per il Celeste, arrivano<br />

infatti con il suo quarto mandato.<br />

Le polemiche cominciano già al momento della candidatura.<br />

Per molti Formigoni non dovrebbe neppure<br />

candidarsi. Una legge del 2004, infatti, prevede che il presidente<br />

della Regione eletto a suffragio universale e diretto<br />

non possa svolgere più di due mandati consecutivi.<br />

Formigoni si trova già alla fine del terzo (per il quale è<br />

stato eletto dal consiglio comunale). Per altri, quella legge<br />

è solo un’indicazione di principio e comunque non applicabile<br />

al caso del Celeste. Come se non bastasse, Formigoni<br />

si becca una denuncia per irregolarità nella raccolta<br />

delle firme necessarie alla candidatura. Ma non è tutto!<br />

Stando alle inchieste della magistratura, tra i sostenitori<br />

del Celeste – sia in consiglio comunale sia in giunta – sie-<br />

celibe<br />

celeste<br />

il costume<br />

mandare in tilt<br />

ledig<br />

himmlisch<br />

Badehose<br />

außer Gefecht<br />

setzen<br />

jdn. langweilen<br />

Widrigkeit<br />

Gefolge<br />

Keuschheits-<br />

gelübde<br />

Heiligenaura<br />

Hauptstadt<br />

ununterbrochen<br />

aufeinanderfolgend<br />

annoiare qcn.<br />

la disavventura<br />

l’entourage m.<br />

il voto<br />

di castità<br />

l’aura di santità<br />

il capoluogo<br />

ininterrotto<br />

consecutivo<br />

l’incidente (m.)<br />

di percorso Zwischenfall<br />

macchiare beflecken<br />

dimettersi zurücktreten<br />

la carica Amt<br />

la giravolta Kehrtwende<br />

il cambio Seitendi<br />

casacca wechsel<br />

Comunione e<br />

Liberazione vedi pag. 71<br />

la fila Reihe<br />

travolto weggespült<br />

l’inchiesta Ermittlung<br />

Mani Pulite: Saubere Hände, Ermittlungen<br />

in der Korruptionsaffäre<br />

„Tangentopoli“ Mitte der 90er<br />

Jahre<br />

traghettare übersetzen<br />

verso nuovi lidi zu neuen Ufern<br />

il suffragio allgemeines<br />

universale Wahlrecht<br />

il consiglio Gemeinde-/<br />

comunale Stadtrat<br />

comunque in jedem Fall<br />

beccarsi kassieren<br />

la denuncia Anzeige<br />

la firma Unterschrift<br />

stando a laut, zufolge<br />

la magistratura Staatsanwaltschaft<br />

il sostenitore Anhänger<br />

la giunta Regionalregierung<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


, 19 luglio 2012<br />

Formigoni, tutti i regali di<br />

Daccò: 20 milioni tra villa,<br />

barca e cene.<br />

L’articolo…<br />

Roberto Formigoni è un<br />

politico italiano che ha<br />

FACILE E IN BREVE<br />

L’ex presidente<br />

della Regione<br />

Lombardia, Roberto<br />

Formigoni (65).<br />

scosso l’Italia per tutto il 2012 (uno dei tanti...).<br />

Personaggio eccentrico, ha ricoperto la carica di presidente<br />

della Regione Lombardia per quattro mandati, non<br />

senza polemiche. Durante il suo ultimo mandato, però,<br />

alle polemiche si sono aggiunte molte inchieste sulla<br />

sua giunta che hanno portato, per esempio, all’arresto<br />

dell’assessore Domenico Zambetti. Le intercettazioni<br />

telefoniche dimostrano che Zambetti, per farsi eleggere,<br />

aveva comprato i voti<br />

scuotere erregen dalla ’ndrangheta (vedi<br />

la carica Amt<br />

<strong>ADESSO</strong> 01/13, pag. 24).<br />

l’inchiesta<br />

la giunta<br />

Ermittlung<br />

Regionalregierung<br />

È sospetta anche<br />

l’amicizia di Formigoni<br />

con Pierangelo Daccò,<br />

l’assessore m. Referent<br />

l’intercettazio- Telefonne<br />

telefonica abhörung ne a delinquere e<br />

arrestato per associazio-<br />

eleggere<br />

il voto<br />

wählen<br />

Stimme<br />

bancarotta. Nonostante<br />

gli scandali, Roberto<br />

la ’ndrangheta: kalabrische Mafiaorganisation<br />

Formigoni è rimasto in<br />

carica fino al 26 ottobre<br />

sospetto verdächtig<br />

l’associazione<br />

2012, giorno dello<br />

(f.)<br />

a delinquere<br />

lo scioglimento<br />

kriminelle<br />

Vereinigung<br />

Auflösung<br />

scioglimento del<br />

Consiglio regionale<br />

della Lombardia.<br />

dono personaggi di dubbia (molto dubbia) moralità e onestà,<br />

a cominciare dal vicepresidente della Regione, tal<br />

Franco Cristiani, indagato per corruzione. E il 10 ottobre<br />

scorso le manette scattano ai polsi di Domenico Zambetti.<br />

L’assessore alla Casa si è fatto eleggere comprando i voti<br />

dalla ‘ndrangheta, la mafia calabrese che fa il bello e il cattivo<br />

tempo nei cantieri di Milano e dintorni (vedi <strong>ADESSO</strong><br />

01/13, pag. 24). E questi sono solo gli esempi più appariscenti.<br />

Le inchieste che nel frattempo hanno riguardato<br />

, 22 novembre 2012<br />

Formigoni fotografa Ufo<br />

a Parigi e lo posta su Twitter.<br />

In Rete si scatena l’ironia.<br />

scatenarsi: sich austoben<br />

la giunta Formigoni sarebbero<br />

almeno 15.<br />

indagato gegen den we-<br />

dubbio fragwürdig<br />

per corruzione gen Korruption<br />

A mettere davvero in<br />

ermittelt wird<br />

crisi il Celeste, però, sono i le manette pl. Handschellen<br />

suoi rapporti con il faccendiere<br />

Pierangelo Daccò. Se-<br />

il voto Stimme<br />

fare il bello e il den Ton<br />

cattivo tempo angeben<br />

condo la magistratura, il faccendiere Geschäftemacher<br />

Daccò, che oggi è in carcere<br />

il carcere Gefängnis<br />

per tangenti nel settore della<br />

sanità, avrebbe offerto la sanità Gesundheits-<br />

la tangente Schmiergeld<br />

vacanze di lusso al presidente<br />

della Lombardia in<br />

wesen<br />

il favore Gefälligkeit<br />

la crociera Törn,<br />

cambio di favori. Parigi, i<br />

Kreuzfahrt<br />

Caraibi, crociere in yacht<br />

negare leugnen<br />

smentire Lügen strafen<br />

sono difficili da negare, ma<br />

gettare das Handtuch<br />

Formigoni lo fa ugualmente.<br />

Nega anche l’evidenza superare übertreffen<br />

la spugna werfen<br />

il bagliore Leuchten<br />

dei fatti, che lo smentiscono<br />

punto per punto. Nega insuperabile unschlagbar<br />

scomparire verschwinden<br />

fino alla fine, che arriva il<br />

26 ottobre scorso, quando Formigoni getta finalmente la<br />

spugna e si dimette dalla carica di presidente della Regione<br />

Lombardia. Il personaggio è comunque straordinario,<br />

tanto da meritare la parodia del comico Maurizio Crozza<br />

(vedi <strong>ADESSO</strong> 03/12, pag. 67). Nel caso del Celeste, però,<br />

la realtà supera di molto la fantasia. Ecco infatti il vero<br />

Formigoni che, in vacanza a Parigi, posta su Twitter la foto<br />

di un bagliore nel cielo della Ville Lumière accompagnata<br />

dal seguente testo: “Un Ufo a Parigi? Ho visto questa cosa<br />

nel cielo. Si muoveva. L’ho fotografata, poi è scomparsa”.<br />

Davvero insuperabile!<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

© Ansa<br />

37<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

UN DIPINTO<br />

Seit etwa 400 Jahren<br />

hängt Vassilacchis Gemälde<br />

in San Pietro in Perugia.<br />

Nun scheint es, als ob die<br />

unzähligen filigranen Figuren<br />

gleichzeitig als grimmiger<br />

Dämon auf den Gläubigen<br />

schauen würden. Ein<br />

Vexierbild?<br />

38<br />

© Courtesy of STT Servizio Turitico Territoriale Perugia<br />

ANTONIO<br />

VASSILACCHI<br />

Antonio Vassilacchi<br />

nacque nel 1556 a Milo,<br />

in Grecia. In seguito si<br />

trasferì a Venezia, dove si<br />

formò prima nella bottega<br />

di Paolo Veronese e poi in<br />

quella del Tintoretto.<br />

Qui fu soprannominato<br />

“l’Aliense”, dal latino<br />

alienus, cioè straniero.<br />

Ben presto apprezzato,<br />

fu ingaggiato per eseguire<br />

numerosi affreschi a<br />

Palazzo Ducale, dopo che<br />

un incendio, nel 1577, lo<br />

aveva distrutto. Lavorò a<br />

Vicenza, Padova, Salò<br />

finché, a fine secolo, fu<br />

chiamato a Perugia per<br />

celebrare in pittura<br />

l’ordine dei Benedettini.<br />

Morì a Venezia nel 1629.<br />

la bottega<br />

Benediktiner-<br />

Orden<br />

il Palazzo<br />

Ducale<br />

l’incendio<br />

l’ordine (m.)<br />

dei Benedettini<br />

Dogenpalast<br />

Brand<br />

Werkstatt,<br />

Atelier<br />

einen Beina-<br />

men geben<br />

sehr bald<br />

schätzen,<br />

anerkennen<br />

soprannominare<br />

ben presto<br />

apprezzare<br />

È TANTO MISTERIOSO QUANTO STU-<br />

PEFACENTE, QUELLO CHE SI VEDE<br />

DALL’ALTARE DELLA BASILICA DI SAN<br />

PIETRO , A PERUGIA. Per secoli un grandissimo<br />

dipinto – pare la tela più grande<br />

d’Europa – è stato forse solo sfiorato<br />

dagli sguardi di qualche celebrante e, per lo<br />

più, ignorato. Adesso però, con il beneficio di<br />

riprese video e fotografiche, la visione d’insieme<br />

dell’enorme affresco intitolato Il Trionfo<br />

dell’ordine dei<br />

stupefacente verblüffend Benedettini À,<br />

il dipinto Gemälde<br />

che occupa tutta la parete superiore di fronte<br />

la tela Leinwand,<br />

all’altare, non può più passare inosservata.<br />

Gemälde<br />

sfiorare streifen<br />

Papi, santi, vescovi, cardinali, che affollano<br />

il celebrante Priester, der<br />

die Messe liest<br />

e stipano il quadro, si raccolgono attorno alla figura<br />

centrale di San Benedetto da Norcia Ã.<br />

la ripresa Aufnahme<br />

La moltitudine di figure ecclesiastiche è fitta e<br />

la parete Wand<br />

il vescovo Bischof composita; l’atmosfera è quella di un’affollata<br />

stipare<br />

la moltitudine<br />

füllen<br />

Vielzahl<br />

celebrazione della grandezza di San Benedetto.<br />

Eppure, se si guarda il quadro nel suo insieme<br />

fitto dicht, stark e da lontano, emerge, chiara e distinta, una fisionomia<br />

mostruosa. Non si può negare: gli<br />

composito hier: vielfältig<br />

emergere auftauchen<br />

lo squarcio Fleck, squarci di cielo da cui si vedono sole e luna, collocati<br />

grifagno<br />

Ausschnitt<br />

grimmig simmetricamente, paiono due occhi enor-<br />

mi, grifagni e maligni Õ. Le macchie scure poste<br />

nella parte superiore degli squarci sono<br />

maligno boshaft<br />

la macchia Fleck<br />

cespugli frondosi, ma alludono anche ai sopraccigli.<br />

Subito sotto, alla presenza di San Be-<br />

il cespuglio Busch<br />

frondoso dicht<br />

alludere<br />

belaubt<br />

andeuten<br />

nedetto, al centro della tela, un’altra macchia<br />

scura forma un grande e inquietante naso ani-


DIABOLICO<br />

14° PUNTATA<br />

male. San Pietro Πe San Paolo il lato estremo Rand<br />

œ, ai lati estremi, in alto, costituiscono<br />

ambiguamente zweideutig<br />

le corna del mostro. Da il soggetto Thema<br />

minaccioso drohend<br />

lontano, la tela dipinta da Antonio<br />

Vassilacchi sembra proprio<br />

il giudizio Urteil<br />

a suo parere seiner<br />

raffigurare un demone che guarda<br />

Meinung nach<br />

ambiguamente il celebrante. essere in etw. ausgelie-<br />

È un caso o un effetto voluto?<br />

balia di qc. fert sein<br />

E perché mai il pittore avreb-<br />

regnato herrschend<br />

al riguardo darüber<br />

be dovuto dipingere un soggetto<br />

del genere, così contrario al il fedele Gläubiger<br />

il monito Mahnung<br />

luogo e tanto minaccioso? Secondo<br />

alcuni, questa scelta rispecchia il severo giudizio dell’artista<br />

sulle gerarchie ecclesiastiche, a suo parere in balia del<br />

demonio. C’è chi dice, invece, che il soggetto fu imposto al pittore,<br />

che si sarebbe così vendicato. C’è poi chi tenta di spiegare<br />

il silenzio regnato al riguardo fino a oggi attribuendo alle gerarchie<br />

ecclesiastiche la scelta di raffigurare il demonio come<br />

pauroso monito per i fedeli che uscivano dalla chiesa.<br />

LE IPOTESI DOPO 400 ANNI<br />

UN ARTISTA<br />

MOLTO<br />

COMPETITIVO<br />

Sembra impossibile che un’immagine così<br />

chiara sia stata ignorata per tanto tempo.<br />

I documenti e le testimonianze dei secoli passati,<br />

infatti, non menzionano un doppio registro<br />

di lettura a<br />

competitivo hier: proposito della tela<br />

ehrgeizig conservata nella basilica<br />

di San Pietro.<br />

menzionare erwähnen<br />

il registro<br />

di lettura Lesart Tutte le ipotesi sono<br />

recente jung, aus der quindi recenti. Una<br />

letzten Zeit delle ultime è particolarmente<br />

interes-<br />

allontanare hier:<br />

verstoßen<br />

nutrire hegen sante. La tela del<br />

la rivalsa Rache Vassilacchi potrebbe<br />

capo- auf den<br />

essere stata volutamente<br />

concepita in<br />

volgere Kopf stellen<br />

privo di ohne<br />

le fauci pl. Schlund contrapposizione alla<br />

tela del Tintoretto<br />

intitolata Il Paradiso –, realizzata per il Palazzo<br />

Ducale di Venezia e oggi al Louvre. Si sa<br />

che Tintoretto fu il secondo maestro di Vassilacchi,<br />

dopo che il Veronese l’aveva allontanato<br />

perché troppo competitivo. Forse Vassilacchi<br />

nutriva anche nei confronti del suo<br />

secondo maestro voglia di rivalsa, tanto da<br />

capovolgere il grande e affollatissimo dipinto<br />

sacro di Tintoretto, che raffigura “la salita al<br />

Paradiso”, in una tela altrettanto affollata che<br />

simboleggia “l’entrata all’Inferno”? Come se<br />

non bastasse, il demonio che emerge guardando<br />

il dipinto della basilica di Perugia da<br />

lontano sembra privo di bocca, ma una recente<br />

ipotesi fa notare che, proprio nel punto in<br />

cui avrebbero dovuto trovarsi le fauci del mostro,<br />

si apre il portale d’ingresso alla chiesa...<br />

Diavolo d’un Vassilacchi!<br />

39<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

La famiglia: un fatto naturale?<br />

40<br />

© Shutterstock<br />

Kaum eine andere soziale Institution<br />

war bisher stärker reglementiert<br />

als die Familie. Durch den aktuellen<br />

Trend hin zu liberaleren Formen könnte<br />

allerdings der familiäre Rückhalt<br />

verloren gehen.<br />

LA FAMIGLIA E LA COPPIA SONO TRA LE ISTITU-<br />

ZIONI SOCIALI PIÙ REGOLATE CHE CI SIANO. È la<br />

società a decidere quali rapporti di coppia o di generazione<br />

siano legittimi e riconosciuti come famiglia e quali vadano<br />

lasciati nell’informalità, se non nell’illegittimità.<br />

“Non vi è nulla di meno naturale della famiglia”, scrive<br />

Chiara Saraceno, sociologa e ricercatrice presso il Wissenschaftszentrum<br />

für Sozialforschung di Berlino, nel saggio<br />

Coppie e Famiglie. Non è questione di natura, pubblicato da<br />

Feltrinelli. Gli studi di storia sociale, accanto a quelli antropologici<br />

ed etnologici, evidenziano come in ogni società<br />

ed epoca i rapporti di sesso e di generazione siano<br />

regolati da norme, spesso con conseguenze paradossali.<br />

“La famiglia è una società naturale fondata sul matrimonio”,<br />

afferma l’articolo 29 della Costituzione italiana. In<br />

compenso, nell’articolo 30, si equiparano i diritti dei figli<br />

il rapporto<br />

legittimo<br />

l’informalità<br />

nulla<br />

la ricercatrice<br />

il saggio<br />

evidenziare<br />

la conseguenza<br />

fondato<br />

la Costituzione<br />

equiparare<br />

il diritto<br />

il figlio<br />

naturale<br />

l’obbligo<br />

genitoriale<br />

a prescindere<br />

da<br />

anagrafico<br />

l’affetto<br />

coincidere<br />

il tentativo<br />

il dovere<br />

la legge<br />

di natura<br />

generare<br />

l’abbandono<br />

Beziehung<br />

rechtmäßig<br />

Unverbindlichkeit<br />

nichts<br />

Forscherin<br />

Essay<br />

aufzeigen<br />

Folge<br />

hier: basierend<br />

Verfassung<br />

gleichstellen<br />

Recht<br />

uneheliches<br />

Kind<br />

elterliche<br />

Pflicht<br />

unabhängig<br />

von etw.<br />

meldeamtlich<br />

Gefühl, Liebe<br />

sich decken<br />

Versuch<br />

Pflicht<br />

Naturgesetz<br />

zeugen<br />

Verlassen<br />

il disconoscimento<br />

la patria<br />

potestà<br />

per altro verso<br />

la filiazione<br />

contraddittorio<br />

convivente<br />

il reddito<br />

l’edilizia<br />

popolare<br />

la scuola<br />

materna<br />

il risarcimento<br />

l’eredità<br />

incapace<br />

la fecondazione<br />

assistita<br />

la rivendicazione<br />

il declino<br />

andare di<br />

pari passo<br />

la famiglia<br />

allargata<br />

il mutamento<br />

insostenibile<br />

Aberkennung<br />

väterliche/<br />

elterliche Verfügungsgewalt<br />

andererseits<br />

Filiation<br />

widersprüchlich<br />

zusammenlebend<br />

Einkommen<br />

Sozialbau,<br />

-wohnung<br />

Kindergarten<br />

Schadenersatz<br />

Erbe<br />

un(zurechnungs)fähig<br />

künstliche<br />

Befruchtung<br />

Forderung<br />

Niedergang<br />

Hand in Hand<br />

gehen<br />

Veränderung<br />

untragbar<br />

naturali a quelli dei figli legittimi,<br />

affermando quindi che gli<br />

obblighi genitoriali esistono a<br />

prescindere dal fatto di essere<br />

sposati. “In questo caso è la<br />

presenza dei figli che origina<br />

una famiglia, per quanto solo<br />

naturale”. Famiglia anagrafica,<br />

famiglia legale, famiglia sociale e<br />

famiglia degli affetti raramente coincidono. Nel tentativo di<br />

stabilire i diritti e i doveri secondo le leggi di natura, spesso<br />

si usano espressioni come genitori biologici o figli naturali<br />

per definire rapporti che in passato erano semplicemente<br />

illegittimi. Rimane il paradosso che non basta nascere per<br />

essere figli e non basta generare per essere genitori. La legge<br />

consente infatti l’abbandono o il disconoscimento e toglie<br />

la patria potestà, se è il caso. L’adozione è per altro verso<br />

l’esempio più antico di filiazione.<br />

La coppia poi, che si potrebbe considerare l’unità minima<br />

della famiglia, in realtà è soggetta a normative confuse<br />

e, spesso, contraddittorie. In Italia, per esempio, una<br />

coppia convivente ma non sposata può essere considerata<br />

famiglia ai fini della definizione del reddito per avere<br />

accesso all’edilizia popolare o alla scuola materna, oppure<br />

al fine di escludere il partner dal risarcimento<br />

dovuto a terzi in caso di incidente stradale. Non è invece<br />

considerata tale dalle leggi che regolano l’eredità, o in caso<br />

di trattamenti sanitari di malati incapaci.<br />

Le migrazioni, la fecondazione assistita, l’invecchiamento<br />

della popolazione e le rivendicazioni delle coppie<br />

omosessuali sono fattori che si aggiungono a rendere complesse<br />

situazioni che in altri paesi sono già state affrontate,<br />

mentre in Italia sono ancora relativamente nuove. Le<br />

giovani generazioni spesso scelgono di convivere, perché<br />

preferiscono soluzioni apparentemente più “naturali” e<br />

meno complicate. Il declino della famiglia tradizionale va<br />

di pari passo con quello dello stato sociale. La famiglia diventa<br />

sempre più allargata e il welfare sempre più leggero.<br />

Senza un riconoscimento giuridico di questi mutamenti<br />

che stabilisca diritti e doveri di coppie e famiglie, si rischia<br />

che l’apparente libertà diventi un peso insostenibile e che<br />

la responsabilità ricada sulle scelte dei singoli.<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


41 <strong>ADESSO</strong> 02.2013 LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong> LINGUA<br />

IL PROVERBIO DEL MESE<br />

Chi prima arriva meglio alloggia<br />

1) _________________<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Coniuga il verbo al passato remoto e<br />

al participio passato<br />

aggiungere<br />

(hinzufügen)<br />

ESERCIZIO<br />

2) _________________<br />

Inserisci “quando” oppure “se” al posto giusto.<br />

1) ______ è arrivata?<br />

2) ______ sbaglio, correggimi.<br />

3) Faremo una gita in bicicletta, ______ farà bel<br />

tempo.<br />

4) ______ l’abbiamo visto, gli siamo andati incontro.<br />

5) ______ Renato mi incontrava, non mi salutava.<br />

6) Non so ______ accettare o rifiutare la tua<br />

proposta.<br />

ÜBERSETZUNG<br />

1. Da ist was faul im Staate Dänemark<br />

2. Sei nicht so faul,<br />

steh’ auf und zieh’ dich an!<br />

1. il lavandino<br />

2. la vasca da bagno<br />

3. la doccia<br />

4. la tenda della doccia<br />

5. lo shampoo<br />

VOCABOLARIO<br />

in bagno<br />

taggare<br />

6. il balsamo<br />

7. la spugna<br />

8. l’asciugacapelli<br />

9. l’asciugamano<br />

10. l’accappatoio<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Ho visto la foto su Facebook in cui sei taggata.<br />

Sei venuta proprio bene.<br />

espressione neutrale<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

il faro / il farro<br />

In estate preparo volentieri [ gerne]<br />

insalate di …………….


TRADUZIONE<br />

1. C’è qualcosa di marcio<br />

nel regno di Danimarca!<br />

2. Non essere pigro, alzati e vestiti!<br />

1. Waschbecken<br />

2. Badewanne<br />

3. Dusche<br />

4. Duschvorhang<br />

5. Shampoo<br />

WORTSCHATZ<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

markieren<br />

Ich habe das Foto, auf dem du markierst bist,<br />

auf Facebook gesehen. Gut schaust drauf aus.<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

il faro<br />

im Bad<br />

6. Haarspülung<br />

7. Schwamm<br />

8. Haartrockner<br />

9. Handtuch<br />

10. Bademantel<br />

il farro<br />

In estate preparo volentieri insalate di farro.<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

Wer zuerst kommt, mahlt zuerst<br />

il giornale<br />

i giornali<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Passato remoto<br />

aggiunsi<br />

aggiungesti<br />

aggiunse<br />

aggiungemmo<br />

aggiungeste<br />

aggiunsero<br />

ÜBUNG<br />

il pesce<br />

i pesci<br />

Participio passato<br />

aggiunto<br />

Verbo ausiliare:<br />

avere<br />

Soluzioni: 1) quando; 2) se; 3) se; 4) quando;<br />

5) quando; 6) se.<br />

“Quando” viene usato in senso temporale nel<br />

significato di als, immer wenn, wann. “Se” ha<br />

valore condizionale e vuol dire wenn, ob, falls.<br />

42 <strong>ADESSO</strong> 02.2013 SAMMELKARTEN SPRACHE


PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

IN COPISTERIA<br />

il commesso<br />

le fotocopie<br />

il raccoglitore<br />

la libreria<br />

le risme di carta<br />

lo schermo del<br />

computer<br />

la chiavetta<br />

Usb<br />

lo scanner<br />

la scrivania<br />

la taglierina a<br />

leva<br />

la cliente<br />

il tavolo<br />

il cestino<br />

il bancone<br />

43<br />

lo sportello<br />

la fotocopiatrice<br />

multifunzione<br />

il cassetto<br />

della carta<br />

la cartastraccia<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

la copisteria<br />

servire<br />

consegnare<br />

inviare<br />

sembrare<br />

stampato<br />

la (macchina)<br />

fotocopiatrice<br />

scansionare /<br />

scannerizzare<br />

Copyshop<br />

nötig sein<br />

abgeben<br />

senden<br />

erscheinen<br />

gedruckt<br />

Kopierer<br />

(ein)scannen<br />

andare in<br />

pensione<br />

l’apparecchio<br />

la stampante<br />

inserire<br />

in Rente<br />

gehen<br />

Gerät<br />

Drucker<br />

einlegen<br />

la chiavetta Usb USB-Stick<br />

fronte-retro<br />

la facciata<br />

il lucido<br />

beidseitig<br />

Seite<br />

Overheadfolie<br />

OGGI SERVE MENO CARTA. MOLTA GENTE LEG-<br />

GE LIBRI ELETTRONICI, CHIAMATI E-BOOK, SU<br />

COMPUTER CHIAMATI KINDLE O IPAD. Chi deve<br />

consegnare un testo o un documento lo fa normalmente<br />

in formato elettronico, inviando un file doc, docx o<br />

pdf. E quindi quello che solo 30 anni fa ci sembrava una<br />

cosa molto moderna, oggi ci sembra quasi antiquato: le<br />

fotocopie. Ma ancora per molti anni le fotocopie (e le<br />

macchine fotocopiatrici) serviranno. L’epoca della carta<br />

non è ancora finita e, per riprodurre molti documenti e<br />

testi stampati, si va ancora in “copisteria” (o in un “centro<br />

fotocopie”). Le fotocopiatrici sono diventate molto<br />

più moderne, da qualche anno. Normalmente, prima di<br />

fotocopiare un testo, questo viene “scansionato” o “scannerizzato”.<br />

Sono andate in pensione, quindi, le fotocopiatrici<br />

che “fotografavano” un foglio tante volte quante<br />

erano le copie che servivano. Le fotocopiatrici di oggi<br />

sono in genere apparecchi “multifunzione”, con<br />

integrate le funzioni di uno scanner, di un fax, di una<br />

stampante e di altri apparecchi. È possibile fotocopiare<br />

automaticamente un grande numero di copie (quindi<br />

non c’è bisogno di inserire i fogli uno alla volta). È possibile<br />

stampare direttamente file elettronici, contenuti<br />

ad esempio in una chiavetta Usb. Ed è possibile stampare<br />

tutti i documenti anche “fronte-retro” (e non solo su una<br />

delle due facciate dei fogli). Oltre alla carta, si possono<br />

stampare fogli per proiezioni (chiamati “lucidi”). Le fotocopiatrici<br />

sono quasi tutte a colori, ma esistono ancora<br />

sul mercato fotocopiatrici in bianco e nero. I formati<br />

della carta, in Italia come in quasi tutti i paesi dell’Unione<br />

europea, sono standardizzati. Il formato più tipico è<br />

l’A4, ma sono in uso anche l’A3 (grande il doppio dell’A4),<br />

l’A5 e altri.<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

MARTA IN COPISTERIA<br />

stampare<br />

indovinare<br />

il concorso<br />

rilegare<br />

ritirare<br />

ausdrucken<br />

erraten<br />

Wettbewerb<br />

binden<br />

abholen<br />

MARTA: Buongiorno. Ho bisogno<br />

di stampare e fotocopiare un documento.<br />

Ce l’ho in questa chiavetta<br />

Usb.<br />

COMMESSO: Bene. Mi dia pure la<br />

chiavetta. Come si chiama il documento?<br />

MARTA: Si chiama Io e lui. Ma è<br />

l’unico documento della chiavetta.<br />

Quanto mi costerà?<br />

COMMESSO: Io e lui? Che cos’è, il<br />

titolo di un romanzo?<br />

MARTA: Bravo, come ha fatto a indovinare?<br />

Voglio partecipare a un<br />

concorso letterario. È una storia<br />

d’amore tra un uomo e una donna<br />

che si svolge...<br />

COMMESSO: Quante pagine sono?<br />

MARTA: 200... 211, in realtà.<br />

COMMESSO: E quante copie le<br />

servono?<br />

MARTA: Me ne servono cinque.<br />

COMMESSO: Lo vuole far rilegare?<br />

MARTA: Sì. Se non costa troppo,<br />

certo. Con due fogli di plastica trasparente,<br />

uno davanti e uno dietro.<br />

COMMESSO: Bene. E lo vuole<br />

stampato fronte-retro?<br />

MARTA: Si, certo. Allora, quanto mi<br />

costerà?<br />

COMMESSO: Dunque, mi faccia<br />

vedere... 47 euro e 90.<br />

MARTA: Mamma mia! Ma è<br />

carissimo!<br />

COMMESSO: Guardi che noi<br />

abbiamo i prezzi più bassi sul<br />

mercato.<br />

MARTA: Va bene, va bene.<br />

E quando posso venire a ritirare<br />

le copie?<br />

COMMESSO: Può passare tra<br />

due ore.<br />

44<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Il documento è su una chiavetta ____________.<br />

2. Marta ha scritto un ____________.<br />

3. Vuole partecipare a un concorso ____________.<br />

4. Le servono ____________ copie.<br />

5. Il prezzo è di ____________.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Lo vuole stampato fronte-retro?<br />

2. Lo vuole far rilegare?<br />

3. Che cosa vuole all’inizio e alla fine del testo?<br />

4. Il prezzo le sembra caro o economico?<br />

5. Come si chiama il documento?<br />

ESPRESSIONI FISSE:<br />

TROVA IL SOSTANTIVO<br />

MANCANTE<br />

In italiano, come in tante altre lingue,<br />

ci sono molte espressioni fisse, formate<br />

da due sostantivi e una preposizione.<br />

Le conoscete? Nell’esercizio 3<br />

ci sono alcune frasi costruite intorno a<br />

espressioni di questo tipo, a voi<br />

aggiungere il sostantivo mancante.<br />

Prima di guardare la soluzione provate<br />

a chiedere a un amico italiano.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 46<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute<br />

nelle Pagine facili. Leggetele attentamente prima di<br />

iniziare! Buon divertimento!<br />

1<br />

Orizzontali:<br />

1. Stampare su entrambe le<br />

facciate di un foglio si dice<br />

stampare “...”.<br />

4. Ho salvato i documenti su<br />

una ... Usb.<br />

5. Le fotocopiatrici si trovano<br />

nella ...<br />

10. Un sinonimo di<br />

“scannerizzare” è “...”.<br />

Verticali:<br />

3<br />

5<br />

4<br />

6<br />

2<br />

7 8 9<br />

1. Le fotocopie si fanno con<br />

la ...<br />

2. Ho un vecchio ... da stiro.<br />

3. Mio nonno usa ancora una<br />

... da scrivere.<br />

6. Per stampare uso una ... a<br />

getto d’inchiostro.<br />

7. I fogli di plastica trasparente<br />

per presentazioni si<br />

chiamano “...”.<br />

8. In discesa bisogna tirare<br />

il ... a mano.<br />

9. Dormo in ... da letto.<br />

45<br />

10<br />

SOLUZIONI 01.2013<br />

Esercizio 3*:<br />

1. Potresti darmi un foglietto<br />

di _____________________?<br />

Devo scrivere un numero.<br />

2. Mi dispiace, da bere posso<br />

offrirti solo _____________<br />

del rubinetto.<br />

3. Le coperte sono nell’armadio<br />

in ____________ da letto.<br />

4. Riempio la vasca e ci metto<br />

i sali da _______________.<br />

5. Mio padre ancora scrive le<br />

sue lettere su una vecchia<br />

______________ da scrivere.<br />

6. Devo comprare un nuovo<br />

________________ da stiro.<br />

7. Questa canzone è il suo<br />

cavallo di ______________.<br />

8. Quando parcheggio in<br />

discesa tiro sempre il<br />

_________________ a mano.<br />

1<br />

M<br />

2<br />

V A S C A<br />

R<br />

3 4<br />

S G A<br />

5<br />

C U T R<br />

6<br />

7<br />

I D R A U L I C O U<br />

A R A N B<br />

8<br />

C N V C A L C I O<br />

Q I A O N<br />

9<br />

U Z N R T E<br />

O I D R U T<br />

N O I E B T<br />

10<br />

E N N N U O T O<br />

E O T<br />

11<br />

T E N N I S<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


chiedi?<br />

6<br />

7<br />

C<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

8<br />

9<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

D<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

A<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (erreichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

per raggiungere (erreichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

E<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

B<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

F<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat), un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht) su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

C<br />

G<br />

D<br />

H<br />

E<br />

I<br />

F<br />

J<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

F<br />

2<br />

Das Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Romfans!<br />

Jeder Spieler bewegt seine Spielfigur auf<br />

dem Stadtplan durch Rom. Dabei steuert<br />

er Sehenswürdigkeiten an und beantwortet<br />

Fragen, um Bildkarten zu sammeln oder<br />

abzugeben. So verdient sich jeder sein<br />

Fahrgeld für Taxi, Bus und Metro. Wer zuerst<br />

seine alten Bildkarten abgegeben und neue<br />

gesammelt hat, ist der Gewinner.<br />

Für 2-5 Spieler, ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch, einem Stadtplan als Spielfeld und<br />

anderen Spielmaterialien.<br />

In Zusammenarbeit mit <strong>ADESSO</strong>, Spotlight,<br />

Business Spotlight, Spot on, Écoute, ECOS<br />

und Deutsch perfekt – den Sprachmagazinen<br />

aus dem Spotlight Verlag.<br />

G<br />

ARRIVO<br />

K<br />

H<br />

L<br />

I<br />

M<br />

J<br />

1<br />

2<br />

K<br />

3<br />

4<br />

5<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

PAGINE FACILI<br />

LA BIRRA<br />

DA SPALMARE<br />

CHE COSA SUCCEDE SE UNA FAB-<br />

BRICA DI CIOCCOLATA E UNA<br />

FABBRICA DI BIRRA SI ALLEANO PER<br />

CREARE UN ALIMENTO NUOVO? Semplice:<br />

nasce la “birra da spalmare”. È questa<br />

la novità presentata all’ultimo Salone del Gusto<br />

di Torino, una delle più importanti fiere<br />

alimentari e gastronomiche del mondo. Le<br />

due imprese sono la Cioccolateria Napoleone<br />

di Rieti e il Birrificio Alta Quota di Cittareale<br />

(una cittadina sempre in provincia di<br />

Rieti). Si tratta quindi di una sinergia quasi “a chilometro zero”, che nasce cioè<br />

da realtà locali. Queste due piccole imprese artigianali già in passato avevano<br />

tentato esperimenti simili. Alla fine, qualche mese fa, è arrivato il risultato<br />

che si aspettava: una crema, anzi una gelatina dolce, dal profumo di birra,<br />

che può essere spalmata sul pane o su un<br />

cracker, ma anche utilizzata come ripieno, come spalmare aufstreichen<br />

farcitura per torte e dolci. Provate a immaginare<br />

una torta alla birra!<br />

la fiera Messe<br />

allearsi sich verbünden<br />

l’alimento Lebensmittel<br />

Non è finita qui: le imprese sono riuscite a l’impresa Unternehmen,<br />

realizzare due varianti dello stesso prodotto,<br />

Betrieb<br />

artigianale Handwerksla<br />

gelatina Gel<br />

con aromi diversi, il primo più delicato, il secondo<br />

più intenso. È la dimostrazione di quali il ripieno,<br />

la farcitura Füllung<br />

risultati possono essere raggiunti quando in Italia<br />

una realtà mette a disposizione di un’altra le mettere a zur Verfügung<br />

raggiungere erreichen<br />

sue conoscenze e la sua esperienza. Una delle disposizione stellen<br />

l’esperienza Erfahrung<br />

chiavi per uscire dalla crisi in fondo è anche<br />

la chiave Schlüssel<br />

questa: puntare su prodotti innovativi. Anche puntare auf etw.<br />

nel settore della gastronomia.<br />

su qc. setzen<br />

Esercizio 4:<br />

Nel testo sono presenti diverse preposizioni articolate. A voi il compito<br />

di completare le espressioni che seguono aggiungendo la preposizione.<br />

1. il Salone _________ Gusto<br />

2. una ________ più importanti fiere<br />

3. ________ fine è arrivato il risultato<br />

4. una crema _____ profumo di birra<br />

5. può essere spalmata _____ pane<br />

6. una torta __________ birra<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SULLE<br />

PREPOSIZIONI<br />

ARTICOLATE<br />

7. due varianti _____ stesso prodotto<br />

8. una ___________ chiavi per uscire<br />

__________ crisi<br />

9. anche _______ settore _________<br />

gastronomia<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. Usb; 2. romanzo; 3. letterario; 4. cinque; 5. 47 (quarantasette)<br />

euro e 90 (novanta). ESERCIZIO 2: 1. sì; 2. sì; 3. due fogli di plastica; 4. caro; 5. Io e lui.<br />

ESERCIZIO 3: 1. carta; 2. acqua; 3. camera; 4. bagno; 5. macchina; 6. ferro; 7. battaglia; 8. freno.<br />

ESERCIZIO 4: 1. del; 2. delle; 3. alla; 4. dal; 5. sul; 6. alla; 7. dello; 8. delle, dalla; 9. nel, della.<br />

Die Spiele gibt es bei SprachenShop.de<br />

und im Buch- und Spielwarenhandel.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


EINE REPORTERIN<br />

AUF<br />

VERBRECHERJAGD<br />

LUCILLA INDAGA<br />

TESTI: G. IACONO E S. VIOLA DISEGNI: I. MANCUSI<br />

BALLO IN MASCHERA<br />

47<br />

il ballo<br />

in maschera Maskenball<br />

un sacco wahnsinnig<br />

a pezzi kaputt<br />

lo schiamazzo<br />

Lärm<br />

accoltellare erstechen<br />

Pierrot vedi pag. 71<br />

accorgersi etw. (be-)<br />

di qc. merken<br />

(essere) sich verkleitravestito<br />

da det (sein) als<br />

la palestra Fitnessstudio<br />

OCCHIO ALLA LINGUA!<br />

• tutta la serata L’aggettivo tutto, quando<br />

ha una funzione attributiva, cioè quando<br />

aggiunge informazioni al nome a cui si<br />

riferisce, è seguito (e non preceduto)<br />

dall’articolo determinativo.<br />

‘ Marco va tutti i giorni in palestra.<br />

• di averla vista In questa frase secondaria<br />

si usa di + infinito perché il soggetto è lo<br />

stesso di quello della frase principale.<br />

‘ Pensi (tu) di andare (tu) al cinema?<br />

Mentre con soggetto diverso si usa che :<br />

‘ Pensi (tu) che Maria (lei) vada al cinema?<br />

• valzer È l'adattamento in italiano del<br />

tedesco Walzer. Come la maggior parte<br />

delle parole straniere, è di genere maschile.<br />

Altri esempi: ‘ il boss, lo champagne.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle der<br />

Grammatik und Linguistik.<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

LA COLLOCAZIONE<br />

DELL’AGGETTIVO<br />

Elementare und begrenzt selbstständige<br />

Sprachverwendung<br />

48<br />

REGOLA GENERALE<br />

• SOSTANTIVO + AGGETTIVO:<br />

con aggettivi che indicano forma, materia, colore:<br />

‘ un quadro triangolare,<br />

un terreno sabbioso, una gonna rossa<br />

con aggettivi di nazionalità:<br />

‘ il popolo svizzero, il vino austriaco<br />

con aggettivi alterati:<br />

‘ un ragazzo bellino, un pacco grandissimo<br />

con aggettivi che derivano da un nome, per<br />

esempio “stradale, nazionale, presidenziale, finanziario,<br />

economico, solare, atomico, parlamentare”:<br />

‘ la crisi economica, la seduta parlamentare<br />

con aggettivi che derivano da tempi verbali:<br />

‘ un tavolo rotto, un caldo soffocante<br />

con aggettivi che indicano luogo o posizione:<br />

‘ il lato destro della via<br />

• AGGETTIVO + SOSTANTIVO:<br />

con aggettivi possessivi:<br />

‘ tua zia, i nostri nonni<br />

con gli aggettivi “questo, quello”:<br />

‘ questa borsa, quella signora<br />

con gli aggettivi “primo, secondo, terzo”, ecc.:<br />

‘ la seconda via a destra<br />

(ma non quando questi aggettivi sono uniti a nomi<br />

di papi, re, ecc.: ‘ Papa Benedetto sedicesimo)<br />

con gli aggettivi “molto, troppo”:<br />

‘ molta gente, troppo zucchero<br />

ATTENZIONE<br />

• “Bravo, buono, grande” e altri aggettivi cambiano<br />

significato se si trovano prima o dopo il nome.<br />

Dopo il nome hanno un significato più concreto:<br />

‘ È una persona brava (= capace, abile)<br />

‘ È un uomo grande (= alto).<br />

Prima del nome hanno un significato metaforico:<br />

‘ È una brava persona (= onesta, sincera)<br />

‘ È un grand’uomo (= eccezionale).<br />

APPROFONDIMENTO<br />

• Alcuni aggettivi, come bello e buono, posti prima<br />

del nome si comportano come il o un<br />

‘ bel film, bei film, begli orologi,<br />

un buon albergo, i buoni amici.<br />

PER SAPERNE DI PIÙ<br />

vedi anche <strong>ADESSO</strong> 04/09<br />

“UN SERIO PROFESSORE” O “UN PROFESSORE SERIO”?<br />

Nell’<strong>ADESSO</strong> di settembre 2012, pagg. 56/57, il premier italiano Mario<br />

Monti viene chiamato “un serio professore, un pacato<br />

professore, uno stimato professore”. Io so che l’aggettivo dopo il<br />

nome dà un’informazione necessaria ed evidenzia qualità e caratteristiche,<br />

invece l’aggettivo prima del nome aggiunge al nome una<br />

qualità non fondamentale. Significano gli aggettivi “serio, pacato,<br />

stimato”, posti prima del professor Monti, davvero delle qualità non<br />

fondamentali? Oppure c’è un motivo stilistico?<br />

H. Bohl, via e-mail<br />

Il motivo è stilistico: in un testo stilisticamente elevato è più<br />

comune incontrare gli aggettivi prima del nome e il loro valore è affettivo,<br />

in quanto evocano una sensazione.<br />

La regola generale stabilisce<br />

che in italiano, di solito:<br />

• l’aggettivo qualificativo che segue<br />

il motivo<br />

elevato<br />

Grund<br />

gehoben<br />

il nome ha valore distintivo<br />

affettivo Gefühls-<br />

il valore Wert<br />

e trasmette un’informazione necessaria,<br />

in quanto da<br />

che non può essere<br />

evocare herauf beschwören<br />

stabilire festlegen<br />

eliminata senza compromettere<br />

seguire folgen<br />

il significato della frase;<br />

distintivo unterscheidend<br />

• l’aggettivo che precede il nome<br />

ha valore descrittivo e forni-<br />

compromettere beeinträchtigen<br />

trasmettere übermitteln<br />

necessario notwendig<br />

sce un’informazione non indispensabile:<br />

il significato Bedeutung<br />

rafforza il significato<br />

precedere vorangehen<br />

descrittivo beschreibend<br />

del sostantivo, aggiunge una<br />

fornire liefern<br />

nota descrittiva, arricchisce l’immagine,<br />

indispensabile unentbehrlich<br />

ha una funzione ritmica,<br />

rafforzare stärken<br />

aggiungere hinzufügen<br />

tuttavia non è di per sé indispensabile.<br />

arricchire bereichern<br />

di per sé an<br />

sich<br />

J ESERCIZIO A<br />

Ricomponi le frasi.<br />

1) il - hai - libro - messo - mio - dove?<br />

____________________________________________________________<br />

2) ho - una - verde - giacca - comprato.<br />

____________________________________________________________<br />

3) situazione - la - preoccupante - economica - è.<br />

___________________________________________________________<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

4) è - piccolina - ma - casetta - una - bellissima.<br />

_________________________________________________________________<br />

5) acquistato - un - questo - biglietto - hanno - per - concerto.<br />

_________________________________________________________________<br />

6) è - da - edificio - ristrutturato - poco - un.<br />

_________________________________________________________________<br />

7) Gudrun - ragazza - è - tedesca - una.<br />

_________________________________________________________________<br />

8) pesciolino - il - è - morto - rosso - mio.<br />

_________________________________________________________________<br />

9) questa - la - è - mia - di - tedesco - insegnante - signora.<br />

_________________________________________________________________<br />

10) mi - piacciono - verdure - bollite - le.<br />

_________________________________________________________________<br />

JJ ESERCIZIO B<br />

Prima o dopo il nome? Inserisci l’aggettivo al posto giusto.<br />

Attenzione alla desinenza.<br />

1) (troppo) Qui c’è ___________________ fumo [Rauch] _______________.<br />

2) (molto) Mamma, ho ________________ fame ______________________!<br />

3) (ottavo) L’___________ esercizio __________ del test era difficilissimo.<br />

4) (francese) Ho conosciuto un _____________ ragazzo _______________.<br />

5) (rettangolare) Nel bagno abbiamo le _____________________ piastrelle<br />

[Fliesen] _________________________.<br />

6) (destro) Sul ___________ lato __________ della strada vedrai il museo.<br />

7) (nutriente) Ogni atleta ha bisogno di ___________ pasti ____________.<br />

9) (nero) Emanuele ha gli __________________ occhi _________________.<br />

JJJ ESERCIZIO C<br />

Scegli il significato giusto a seconda della posizione dell’aggettivo.<br />

A<br />

1) Luca è un grand’uomo , ma non è un uomo grande .<br />

A. eccezionale / B. alto<br />

2) Alla sua festa c’erano diverse persone , ma non persone<br />

diverse dal solito [als sonst]. A. parecchie / B. di vario tipo<br />

3) C’erano vecchi amici , ma non amici vecchi .<br />

A. anziani / B. di un tempo<br />

4) C’era anche un alto magistrato [Richter] , ma non era un magistrato<br />

alto . A. di alta statura / B. che ricopre una carica di alto livello<br />

5) Luca mi ha dato certe notizie [Nachrichten] , ma non sono<br />

notizie certe . A. sicure / B. alcune<br />

6) Ha un semplice problema , purtroppo non è un problema<br />

semplice . A. nient’altro che / B. facile<br />

7) Si è comprato una nuova macchina ed è una macchina nuova.<br />

A. un’altra / B. non usata<br />

B<br />

GRADO DI DIFFICOLTÀ:<br />

J Facile JJ Medio JJJ Difficile<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A: 1) Dove hai messo il mio<br />

libro? 2) Ho comprato una giacca verde.<br />

3) La situazione economica è preoccupante<br />

[besorgniserregend]. 4) È una casetta piccolina<br />

ma bellissima. 5) Hanno acquistato un<br />

biglietto per questo concerto. 6) È un edificio<br />

ristrutturato [renoviert ] da poco. 7) Gudrun è<br />

una ragazza tedesca. 8) Il mio pesciolino<br />

rosso [Goldfisch] è morto. 9) Questa signora<br />

è la mia insegnante di tedesco. 10) Mi<br />

piacciono le verdure [Gemüse] bollite.<br />

ESERCIZIO B: 1) Qui c’è troppo fumo.<br />

2) Mamma, ho molta fame! 3) L’ottavo<br />

esercizio del test era difficilissimo. 4) Ho<br />

conosciuto un ragazzo francese. 5) Nel<br />

bagno abbiamo le piastrelle rettangolari.<br />

6) Sul lato destro della strada vedrai il<br />

museo. 7) Ogni atleta ha bisogno di pasti<br />

nutrienti. 8) Emanuele ha gli occhi neri.<br />

ESERCIZIO C: 1) A: un grand’uomo =<br />

un uomo eccezionale [außergewöhlich],<br />

di grandi qualità, di successo [erfolgreich];<br />

1) B: uomo grande = alto; 2) A: diverse<br />

persone = parecchie [ziemlich viele];<br />

2) B: persone diverse = di vario tipo;<br />

3) B: vecchi amici = di un tempo;<br />

3) A: amici vecchi = anziani; 4) B: un alto<br />

magistrato = che ricopre una carica di alto<br />

livello [hochrangig]; 4) A: un magistrato alto<br />

= di alta statura; 5) B: certe notizie = alcune;<br />

5) A: notizie certe = sicure; 6) A: un semplice<br />

problema = nient’altro che, solo un;<br />

6) B: un problema semplice = facile;<br />

7) A: una nuova macchina = un’altra;<br />

7) B: una macchina nuova = non usata<br />

[nicht gebraucht].<br />

ESERCIZIO 1: 1) a; 2) b; 3) a.<br />

ESERCIZIO 2: 1) amoruccio, amorino;<br />

2) ho fatto l’amore; 3) amore a prima vista;<br />

4) è in amore; 5) amorevoli; 6) si è<br />

innamorata di; 7) film d’amore; 8) canzoni<br />

d’amore; 9) travolgente; 10) corrisposto;<br />

11) dichiarazione d’amore.<br />

ESERCIZIO 3: 1) e; 2) h; 3) a; 4) c; 5) i; 6) d;<br />

7) b; 8) g; 9) f.<br />

49<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

VERBI<br />

• giurarsi amore eterno<br />

[sich ewige Liebe schwören]<br />

• fare l’amore / fare all’amore<br />

• ricambiare l’amore di<br />

[jds. Liebe erwidern]<br />

• provare amore per / verso<br />

[Liebe empfinden für]<br />

• essere in amore<br />

[in der Paarungszeit sein]<br />

AMORE<br />

• … paterno [väterlich]<br />

• … materno [mütterlich]<br />

• … filiale [kindlich]<br />

• … fraterno [brüderlich]<br />

• … coniugale [ehelich]<br />

• … omosessuale<br />

• … eterosessuale<br />

• … platonico<br />

• … corrisposto [erwidert]<br />

TIPOLOGIA<br />

• … divino [göttlich]<br />

• … sacro [heilig]<br />

• … profano [weltlich]<br />

• … romantico<br />

• … appassionato [leidenschaftlich]<br />

• … travolgente [stürmisch]<br />

• … infelice [unglücklich]<br />

• … a prima vista<br />

[auf den ersten Blick]<br />

50<br />

LESSICO<br />

• storia d’amore<br />

• lettera d’amore<br />

• poesia d’amore<br />

• canzone d’amore<br />

• libro d’amore<br />

• film d’amore<br />

• pena d’amore [Liebesqual]<br />

• nido d’amore [Liebesnest]<br />

• pazzo d’amore [liebestoll]<br />

• dichiarazione d’amore<br />

[Liebeserklärung]<br />

• matrimonio d’amore<br />

[Liebesheirat]<br />

• tormento d’amore<br />

[Liebesqual]<br />

• prova d’amore<br />

[Liebesbeweis]<br />

• mal d’amore<br />

[Liebeskummer]<br />

• amor di patria<br />

[Vaterlandsliebe]<br />

PAROLE DERIVATE<br />

• amoroso [liebevoll ]<br />

• amorevole [liebevoll ]<br />

• amoruccio [meine Kleine/r]<br />

• amorino [meine Kleine/r]<br />

• innamorato [verliebt]<br />

VERBI DERIVATI<br />

• amoreggiare con [flirten]<br />

• innamorarsi di [sich verlieben]<br />

JJ ESERCIZIO 1*<br />

Qual è il significato dei seguenti modi di dire?<br />

1) Andare d’amore e d’accordo significa…<br />

a) essere in perfetta armonia<br />

b) essere sposati da poco<br />

2) Per amore o per forza significa…<br />

a) lentamente<br />

b) necessariamente [notwendigerweise]<br />

3) Eseguire qualcosa con amore significa…<br />

a) fare qualcosa con cura [Sorgfalt] e impegno<br />

[Engagement]<br />

b) fare qualcosa con orgoglio [Stolz] e tenacia<br />

[Ausdauer]<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 49<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

JJ ESERCIZIO 2*<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate:<br />

amorevoli • si è innamorata di • dichiarazione d’amore<br />

corrisposto • amore a prima vista • amorino<br />

canzoni d’amore • ho fatto l’amore • amoruccio<br />

è in amore • film d’amore • travolgente<br />

1) Che uomo falso! Mi chiamava _______________________<br />

e ________________________ e poi mi tradiva [betrügen]!<br />

2) La prima volta che ____________________ avevo 18 anni.<br />

3) Il loro è stato ______________________________________.<br />

4) Il mio gatto ________________________________________.<br />

5) Le cure ____________________________________________<br />

della mamma sono insostituibili [unersetzlich].<br />

6) Annamaria _________________________________________<br />

un suo compagno di scuola [Schulkollege].<br />

7) Al cinema danno un romanticissimo _________________.<br />

8) Claudio Baglioni ha scritto bellissime _________________<br />

9) Tra Rossella e Marco c’è un amore __________________.<br />

10) Amo Valerio, ma sfortunatamente [unglücklicherweise] il<br />

mio amore non è ___________________________________.<br />

11) Giorgio mi ha fatto la ________________________________<br />

e mi ha chiesto di sposarlo. Sono al settimo cielo!<br />

51<br />

SUL NOSTRO SITO<br />

www.adesso-online.de<br />

ESERCIZI<br />

Ogni settimana sul nostro sito trovi un<br />

nuovo esercizio grammaticale. Questo<br />

mese esercizi sul lessico del Carnevale,<br />

il superlativo e altro ancora!<br />

NOVITÀ due volte al mese il quiz culturale<br />

di <strong>ADESSO</strong> ti aspetta sul nostro sito.<br />

NOVITÀ una volta al mese sul nostro sito<br />

il gioco Indovina il monumento.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGAZIN<br />

È ANCHE SU FACEBOOK<br />

Cerca “<strong>ADESSO</strong> Magazin” su Facebook e<br />

diventa fan della nostra pagina!<br />

Ogni giorno puoi esercitare il tuo italiano e<br />

ricevere notizie sull’Italia e aggiornamenti<br />

sui contenuti dei nostri prodotti.<br />

JJJ ESERCIZIO 3*<br />

Le sfumature dell’amore e dell’odio [Hass]…<br />

Collega la parola italiana alla traduzione tedesca.<br />

1) tenerezza<br />

2) attaccamento<br />

3) passione<br />

4) amicizia<br />

5) simpatia<br />

6) rancore<br />

7) malevolenza<br />

8) ripugnanza<br />

9) avversione<br />

a) Leidenschaft<br />

b) Missgunst<br />

c) Freundschaft<br />

d) Groll<br />

e) Zärtlichkeit<br />

f) Abneigung<br />

g) Abscheu<br />

h) Anhänglichkeit<br />

i) Zuneigung<br />

SONDAGGIO<br />

VENEZIA: LE GRANDI NAVI<br />

DA CROCIERA...<br />

Risultati del sondaggio pubblicato su<br />

<strong>ADESSO</strong>-online dal 12 / 11 all’ 11/12 / 2012<br />

Possono entrare,<br />

sono un valore aggiunto<br />

per la città 7%<br />

Non so 4%<br />

Possono entrare<br />

in città, ma vanno<br />

diminuiti<br />

gli accessi 12%<br />

© Shutterstock (2)<br />

• Per l’amor del cielo [um Gottes willen] è un’esclamazione<br />

[Ausruf ] che esprime impazienza [Ungeduld ] o consiglio<br />

accorato [besorgt].<br />

• L’amor proprio è l’orgoglio.<br />

• Tre proverbi con protagonista l’amore sono: L'amore è cieco<br />

[Liebe macht blind ]; L'amore non è bello se non è litigarello<br />

[Was sich liebt, das neckt sich]; Il primo amore non si scorda<br />

mai [Alte Liebe rostet nicht].<br />

Possono<br />

entrare,<br />

non è<br />

giusto<br />

negare ai<br />

turisti<br />

questo<br />

spettacolo<br />

5%<br />

Non devono entrare<br />

in città, sono causa di<br />

rischio e provocano<br />

gravi danni 72%<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


LINGUA VIVA<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

Parlando del (nel) 2013<br />

Die Krise hat Italien voll erwischt und zeigt auch verbale<br />

Wirkung: der Wortschatz in Medien und Öffentlichkeit<br />

ist nüchterner und bodenständiger geworden.<br />

52<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

RICORDARE LA GASTRONOMIA ITALIANA FA<br />

SEMPRE UN BUON EFFETTO, IN PATRIA COME AL-<br />

L’ESTERO. Allora è forse per tirarci su il morale che, tra le<br />

parole entrate stabilmente a far parte del nostro vocabolario<br />

quotidiano, lo Zingarelli 2013 segnala ovoline, arrosticini,<br />

culaccia, crossainteria. Altrimenti, a concentrarsi<br />

sui termini con cui l’Italia ha chiuso l’anno vecchio ed entra<br />

nel nuovo, non c’è da stare tanto allegri: disoccupazione<br />

e precariato sono al primo posto, come in diverse parti<br />

d’Europa; austerità e rigore – misure da seguire per<br />

uscire dalla ormai quasi impronunciabile, perché inflazionata,<br />

crisi – rimbalzano da un punto all’altro qui come<br />

altrove; economia e finanza regnano sovrane. Dall’importato<br />

spread, forestierismo martellante, sono derivati il caro-spread,<br />

e le misure, i piani, gli scudi anti-spread. L’evasione<br />

fiscale è al centro delle preoccupazioni del governo:<br />

ora, sembra, più che mai. Tra le misure più pubblicizzate<br />

e temute c’è il redditometro. È particolarmente acuta anche<br />

l’emergenza corruzione, parola per nulla nuova in Italia,<br />

che però ora si lega alla volontà diffusa di combattere<br />

il fenomeno. E così si parla ossessivamente e ogni giorno<br />

(finalmente) di misure o decreti anticorruzione.<br />

Certo, la situazione non è delle migliori, poiché gli<br />

scioperi e le agitazioni impazzano e situazioni limite, come<br />

quella degli esodati, si ripropongono quotidianamente.<br />

La tensione è spesso acuita da certe gaffe dei governanti,<br />

come la poco delicata frase del ministro Elsa<br />

Tutti i libri, tutti i prezzi*<br />

• lo Zingarelli 2013, Zanichelli:<br />

volume € 67,50; volume +<br />

DVD ROM + licenza annuale<br />

online, € 85,50; volume +<br />

licenza annuale online, € 76;<br />

DVD ROM, € 49,80; versione<br />

download per Mac e<br />

Windows, € 49,80; licenza<br />

online a privati, € 15; versione<br />

Android, € 15; versione<br />

per IPhone, IPad, ITouch,<br />

€ 29,99.<br />

• Devoto-Oli 2010. Vocabolario<br />

della lingua italiana,<br />

Le Monnier: volume, € 65;<br />

volume + CD-ROM + licenza<br />

online, € 82; versione per<br />

IPhone e IPad, € 22,99.<br />

la patria Heimat<br />

tirare su<br />

il morale aufheitern<br />

stabilmente dauerhaft<br />

l’ovolina kl. Mozzarella-<br />

Käse<br />

l’arrosticino Fleischspießchen<br />

la culaccia: Warenmarke für<br />

hochwertiges Schinkenstück (culatello)<br />

la cros- Croissantsainteria<br />

Laden<br />

la disoc- Arbeitscupazione<br />

losigkeit<br />

l’austerità Strenge<br />

il rigore Strenge, Härte<br />

rimbalzare zurückprallen<br />

altrove anderswo<br />

regnare herrschen<br />

il forestierismo Fremdwort<br />

martellante einhämmernd<br />

il caro Verteuerung<br />

la misura Maßnahme<br />

lo scudo Schild<br />

l’evasione (f.) Steuerhinterfiscale<br />

ziehung<br />

il redditometro: staatl. Instrument<br />

zur Feststellung von Diskrepanzen<br />

zw. Haushaltseinkommen und -ausgaben<br />

la volontà Wille<br />

lo sciopero Streik<br />

l’agitazione f. Aufruhr<br />

impazzare in vollem<br />

Gang sein<br />

la situazione<br />

limite Grenzsituation<br />

gli esodati pl.: Arbeitskräfte<br />

50plus, die nach Firmenumstrukturierung<br />

arbeitslos sind<br />

und deren Frühverrentung infolge<br />

der Reform des Pensionssystems<br />

in weite Ferne gerückt ist<br />

acuito verschärft<br />

la gaffe Fauxpas<br />

i governanti pl. Regierende<br />

minacciare drohen<br />

negare abschlagen<br />

la paccata (dial.) Batzen, Haufen<br />

il sindacato Gewerkschaft<br />

il sottosegretario<br />

Staatssekretär<br />

bollare abstempeln<br />

lo sfigato armes Schwein<br />

consolare trösten<br />

farla<br />

da padrone vorherrschen<br />

il Bunga-Bunga (volg.): aus dem<br />

Umfeld von Berlusconi geprägter<br />

Begriff für Sex-Parties<br />

le olgettine (pl., volg.): Hostessen,<br />

die alle in derselben Wohnanlage<br />

in der Via Olgettina wohnen<br />

il tribunale Gericht<br />

sobrio nüchtern<br />

il tormentone Dauerbrenner<br />

Fornero, che minacciava di negare una “paccata di miliardi”<br />

ai sindacati se non avessero appoggiato la riforma<br />

del lavoro proposta dal governo (paccata è neologismo registrato<br />

dal Vocabolario Devoto-Oli). E pensare che proprio<br />

la Fornero aveva aperto l’anno versando lacrime su<br />

una parola che non riusciva proprio a pronunciare, sacrifici.<br />

Però il suo sottosegretario, poco dopo, aveva bollato<br />

come sfigato chiunque non avesse finito in tempo gli<br />

studi universitari. E Monti, per “consolare“ i precari, era<br />

arrivato a dire che il posto fisso, in fondo, era monotono.<br />

Diciamo che, almeno, a farla da padroni non sono<br />

più i neologismi berlusconiani. Si parla, per esempio,<br />

sempre meno di Bunga-Bunga, anche se le olgettine ancora<br />

si sentono, per la verità, ma soprattutto nelle aule<br />

dei tribunali. Alle parole del berlusconismo si è sostituito<br />

il più sobrio tormentone del governo tecnico, che po-<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


GRILLISMO<br />

EVASIONE FISCALE<br />

MONTISMO<br />

NOVITÀ*<br />

ESODATI<br />

Da sinistra: Beppe<br />

Grillo, leader del<br />

Movimento 5 Stelle;<br />

il candidato premier<br />

del Pd, Pier Luigi<br />

Bersani, e Matteo<br />

Renzi, sconfitto al<br />

ballottaggio delle<br />

Primarie; Mario<br />

Monti; una manifestazione<br />

di esodati.<br />

© Ansa (4)<br />

trebbe (o potrebbe non) tornare, il cosiddetto Monti-bis.<br />

A deciderlo saranno, dopo mesi di isterismi per le Primarie<br />

di Pd e Pdl, le elezioni, quelle vere. Lì si vedrà se i<br />

discorsi sulla rottamazione dei politici vecchi, o della vecchia<br />

politica, avranno un esito reale. Si vedrà se gli ultimi<br />

scandali sui rimborsi elettorali e sull’uso indiscriminato<br />

dei finanziamenti ai partiti abbiano reso la sfiducia<br />

nella politica – un’altra locuzione usatissima in televisione,<br />

nella carta stampata e in Rete – così forte da determinare<br />

un cambiamento.<br />

Certo, il nuovo protagonista assoluto della scena italiana<br />

degli ultimi mesi del 2012, tutto da monitorare, è stato<br />

il grillismo, ovvero l’adesione al Movimento 5 Stelle<br />

capeggiato dall’ex comico<br />

Beppe Grillo. Il termine<br />

il bis Zugabe, hier:<br />

grillismo è, come tutti gli<br />

weitere Amtsperiode<br />

-ismi, usato con una sfumatura<br />

a metà tra il positivo e<br />

le Primarie pl. Vorwahlen<br />

la rottamazione<br />

il negativo, e si contrappone<br />

i rimborsi (pl.)<br />

elettorali<br />

la sfiducia<br />

la rete<br />

monitorare<br />

capeggiato<br />

la sfumatura<br />

l’auspicio<br />

Verschrottung<br />

Wahlkampf-<br />

finanzierung<br />

Misstrauen<br />

hier: Internet<br />

überwachen<br />

angeführt<br />

Nuance, Hauch<br />

Vorzeichen<br />

al montismo, assai più<br />

freddo e rigoroso. Ma sempre<br />

di -ismi si tratta. A ben<br />

pensarci, che il Belpaese sia<br />

agitato da un nuovo movimento<br />

guidato da un ex comico<br />

può essere, quanto<br />

meno, un allegro auspicio<br />

per l’Italia del 2013.<br />

È uscito Alla scoperta dell’Italia.<br />

Percorso di storia, cultura e civiltà<br />

italiana, che mette in risalto [mettere<br />

in risalto: etw. hervorheben] differenze e<br />

affinità [Ähnlichkeiten] che gli stranieri<br />

avvertono nei confronti della lingua<br />

italiana e delle tradizioni del nostro<br />

paese. Chi studia è invitato a chiedersi<br />

come si rendano [rendere: wiedergeben]<br />

nella propria lingua particolari<br />

espressioni italiane: Hoepli, € 14,30.<br />

Proviene dalla Spagna, ma è<br />

in lingua italiana, questa allettante<br />

[verlockend] e ricca proposta che usa<br />

le celebri Favole [Märchen] al telefono<br />

di Gianni Rodari per esercitare la<br />

lingua italiana: Pronto? Impara<br />

l’italiano con le “Favole al telefono”<br />

di Gianni Rodari, Acocagua Libros,<br />

adatto dai livelli da A1 a C1, con<br />

chiavi finali, € 12.<br />

Per la casa editrice Alpha Test<br />

è uscito Italiano per stranieri, una<br />

grammatica adatta al livello base<br />

che utilizza il metodo comunicativo,<br />

con l’ausilio di tabelle, immagini,<br />

schemi, esempi, € 7,50.<br />

È un classico della letteratura<br />

italiana, Sandokan di Emilio Salgari.<br />

Ora è proposto in versione ridotta<br />

da Hoepli, con esercizi per livello A2,<br />

note e un CD che contiene tutte le<br />

letture del testo: Sandokan il pirata<br />

e la bella Marianna, € 7,50.<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

53<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


CARNEVALE<br />

TRA ESTASI E MISTERO<br />

Grelle Farben im Wechsel mit erdigen gespenstischen Masken,<br />

Trommelwirbel, wildes Kuhglockengeläute, mittelalterliche Turniere<br />

und Pferdevorführungen. Karneval auf Sardinien!<br />

Testo e foto: Gianmario Marras<br />

54<br />

LA PRIMA VOLTA COMPAIONO AL CALAR DEL<br />

SOLE, ALLA LUCE DEI FUOCHI: sono maschere nere,<br />

dall’espressione triste, accompagnate dal suono di campanacci<br />

sistemati con matematica precisione, dai più<br />

grandi ai più piccoli, sul dorso coperto dalle pelli di una<br />

pecora nera. Avanzano con passo cadenzato, ritmico,<br />

quasi ipnotico, fra le case in pietra del paese, come animali<br />

muti, presi prigionieri.<br />

Sono i Mamuthones, simboli del CARNEVALE DI MA-<br />

MOIADA (Nuoro) e dell’intera Barbagia, accompagnati<br />

dagli Issohadores, che indossano uno sgargiante corpetto<br />

rosso e una maschera bianca e stringono nelle mani una<br />

fune, sa soha, che fanno roteare abilmente sulla folla. La<br />

bei Sonnen-<br />

untergang<br />

Kuhglocke<br />

Rücken<br />

Fell<br />

im Gleich-<br />

schritt<br />

gefangen<br />

nehmen<br />

anhaben<br />

grell<br />

Strick, Lasso<br />

geschickt<br />

Menschenmenge<br />

anspielen auf<br />

die Oberhand<br />

gewinnen<br />

Umzug<br />

Mandel<br />

Honig<br />

Herde<br />

Besiegter<br />

al calar<br />

del sole<br />

il campanaccio<br />

il dorso<br />

la pelle<br />

con passo<br />

cadenzato<br />

prendere<br />

prigioniero<br />

indossare<br />

sgargiante<br />

la fune<br />

abilmente<br />

la folla<br />

alludere a<br />

prendere<br />

il sopravvento<br />

il corteo<br />

la mandorla<br />

il miele<br />

l’armento<br />

il vinto<br />

Sieger<br />

Asche<br />

Freude<br />

Galle, Groll<br />

Essig<br />

Faschings-<br />

dienstag<br />

hier: stattfinden<br />

suchen<br />

verehrt<br />

wieder zum<br />

Leben erweckt<br />

il vincitore<br />

la cenere<br />

la gioia<br />

il fiele<br />

l’aceto<br />

il martedì<br />

grasso<br />

consumarsi<br />

ricercare<br />

venerato<br />

risuscitato<br />

il significato<br />

radunarsi<br />

il tamburino<br />

all’unisono<br />

il caprone<br />

annerito<br />

la raffigurazione<br />

la passione<br />

Darstellung<br />

Leidensgeschichte<br />

Bedeutung<br />

sich<br />

versammeln<br />

Trommler<br />

einstimmig<br />

Ziegenbock<br />

geschwärzt<br />

scena sembra alludere a una rappresentazione tragica,<br />

anche se l’atmosfera della festa prende il sopravvento. Si<br />

suona e si balla e, a ogni tappa delle maschere in corteo,<br />

si offrono cibi caldi e profumati, carne arrosto, dolci di pasta<br />

di mandorle e miele, tazzine colme di vino rosso.<br />

Sembra ancora valido l’invito fatto nel 1954 dallo scrittore<br />

Salvatore Cambosu: “Se vuoi un Carnevale che non<br />

ce n’è un altro su tutta la terra, vattene a Mamoiada. Vedrai<br />

l’armento con maschere di legno, l’armento muto e<br />

prigioniero, i vecchi vinti, i giovani vincitori: un Carnevale<br />

triste, un Carnevale delle ceneri, storia nostra d’ogni<br />

giorno, gioia condita con un po’ di fiele e aceto, miele<br />

amaro”. Nel 2013 il Carnevale si svolge dal 7 al 12 febbraio,<br />

dal giovedì al martedì grasso. Dai monti della Barbagia<br />

fino alla costa occidentale si consuma allora in Sardegna<br />

il rito del Carnevale più scenografico e misterioso del Mediterraneo.<br />

La sua genesi, secondo alcuni studiosi, va ricercata<br />

nei riti dedicati a Dioniso, dio dell’estasi e dell’energia<br />

vitale, venerato in forma di toro, fatto a pezzi<br />

dai Titani e poi risuscitato da Zeus, suo padre.<br />

Il Mamuthone altro non sarebbe, dunque, che la raffigurazione<br />

del dio, e il Carnevale, nelle sue diverse forme,<br />

una rappresentazione della sua passione e morte. Per capirci<br />

qualcosa in più, visitate il Museo delle Maschere mediterranee<br />

di Mamoiada (www.museodellemaschere.it), con<br />

un interessante percorso guidato fra le maschere e il significato<br />

del Carnevale festeggiato nella provincia di Nuoro:<br />

• a GAVOI, dove si radunano centinaia di tamburini che<br />

rimbombano all’unisono per il paese il giovedì grasso;<br />

• a FONNI, con la maschera di s’urthu (l’orso), che indossa<br />

pelle di caprone e ha il viso annerito dalla cenere;<br />

• ad AUSTIS, dove i terrificanti Colonganos procedono<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


TRADIZIONI<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Questo mese la rubrica<br />

Lessico è dedicata al Carnevale.<br />

con solennità quasi mistica, indossando maschere nere<br />

decorate con pelli di volpe, di martora, fronde di corbezzolo<br />

intrecciate, al suono di un carico di ossa bovine che<br />

pendono dalle spalle;<br />

• a OTTANA, con il travestimento grottesco di sos merdùles,<br />

vestiti di pelli e abiti logori, con una maschera lignea<br />

dai tratti deformi, e di sos boes, con le lunghe corna intagliate<br />

nel legno e ravvivate da sgargianti decorazioni.<br />

Anche sulla costa occidentale, a ORISTANO, smessi<br />

gli abiti pastorali e le maschere zoomorfe, il Carnevale si<br />

festeggia a cavallo. Si corre la Sartiglia (10-12 febbraio<br />

2013), giostra equestre in cui i cavalieri tentano di infilare<br />

con la spada una stella che penzola sulla pista, traendone<br />

auspici per l’anno agricolo, ma soprattutto dando sfoggio<br />

di abilità. Sfrenata e temeraria è sa carrela ’e nanti di SAN-<br />

TU LUSSURGIU, borgo poco distante da Oristano. Qui,<br />

fra le alte mura delle case in pietra, abili cavallerizzi lanciati<br />

al galoppo si sfidano in pariglie rasentando la folla,<br />

in una dimostrazione avvincente di destrezza.<br />

Meno di 20 km più a sud c’è un altro Carnevale da non<br />

perdere, quello di SENEGHE. Per arrivarci, si attraversano<br />

boschi e colline, cascate, nuraghi, chiese romaniche e borghi<br />

ben conservati: a Paulilatino c’è il Nuraghe Losa; fra i<br />

boschi di San Leonardo, la chiesetta omonima; a Bonacardo<br />

il santuario della Madonna<br />

di Bonacattu, che risale<br />

al VII secolo. Fra gli<br />

uliveti secolari, ecco il paese<br />

di Seneghe, dove va in<br />

Feierlichkeit<br />

Fuchs<br />

Marder<br />

Erdbeer-<br />

baumzweig<br />

geflochten<br />

Rinderknochen<br />

verschlissen<br />

Holz-<br />

(Gesichts-)Zug<br />

Horn<br />

Hirten-<br />

Pferde-<br />

karussell<br />

aufspießen<br />

Schwert<br />

baumeln<br />

Zukunft<br />

deuten<br />

la solennità<br />

la volpe<br />

la martora<br />

la fronda<br />

di corbezzolo<br />

intrecciato<br />

l’osso bovino<br />

logoro<br />

ligneo<br />

il tratto<br />

il corno<br />

pastorale<br />

la giostra<br />

equestre<br />

infilare<br />

la spada<br />

penzolare<br />

trarre auspici<br />

dare sfoggio mit etw.<br />

di qc. prunken<br />

sfrenato zügellos<br />

temerario verwegen<br />

il cavallerizzo Reiter<br />

in pariglie paarweise<br />

rasentare dicht<br />

entlangreiten<br />

la destrezza Fertigkeit<br />

la cascata Wasserfall<br />

i nuraghi: Nuraghen; turmartige<br />

Stein-Rundbauten aus der Bronzezeit<br />

omonimo gleichnamig<br />

il santuario Wallfahrtsort<br />

secolare jahrhundertealt<br />

culminare gipfeln<br />

il vigneto Weinberg<br />

acclamato bejubelt<br />

scena il Carnevale danzato, che culmina nel Ballo della<br />

Stella, nella piazza del paese. Il mare è vicino, costeggiato<br />

dalla strada panoramica che porta verso nord: si attraversano<br />

campagne coltivate, vigneti del vino malvasia e si arriva<br />

a BOSA, con le sue case colorate che digradano dal<br />

castello al mare. È qui che, il martedì grasso, il Carnevale<br />

morente sembra rinascere, acclamato<br />

da adulti e bambini<br />

che, vestiti di lenzuola<br />

bianche e con una lanterna<br />

in mano, vanno<br />

in cerca del suo spirito,<br />

cantando e ballando<br />

fino a notte fonda.<br />

55 55<br />

IL CARNEVALE PIÙ<br />

SCENOGRAFICO E<br />

MISTERIOSO DEL<br />

MEDITERRANEO<br />

Nell’altra pagina (da<br />

sinistra): un momento di sa<br />

carrela ’e nanti, la corsa a<br />

cavallo che si tiene a Santu<br />

Lussurgiu (OR); gli Issohadores,<br />

tipici di Mamoiada (NU) e<br />

della Barbagia; la sfilata di sos<br />

medùles, le maschere tradizionali<br />

del Carnevale di Ottana.<br />

In questa pagina: I Mamuthones,<br />

protagonisti del Carnevale di<br />

Mamoiada (NU) e della Barbagia;<br />

la maschera sos boes<br />

del Carnevale di<br />

Ottana.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


Kindererziehung<br />

ALL’ITALIANA<br />

Testo: Nicoletta De Rossi<br />

56<br />

Haben Sie sich schon mal gefragt,<br />

warum italienische Bambini bis in<br />

die Puppen aufbleiben und deutsche<br />

Kinder Punkt 8 im Bett liegen? Sandra<br />

Limoncini erzählt von Kindererziehung<br />

all’italiana und alla tedesca.<br />

VI SIETE MAI CHIESTI PERCHÉ, MENTRE I BAMBI-<br />

NI TEDESCHI SONO A LETTO GIÀ DA UN PEZZO,<br />

QUELLI ITALIANI SONO ANCORA A TAVOLA, MA-<br />

GARI AL RISTORANTE? Mangiano le stesse pietanze<br />

degli adulti, giocano tra una portata e l’altra e, dopo qualche<br />

ora, si addormentano in braccio alla mamma? Oppure<br />

perché per un bambino italiano è perfettamente normale,<br />

in estate, mangiare un gelato dopo le 9 di sera,<br />

mentre per un tedesco è impensabile? Di queste e di altre<br />

differenze nell’educazione dei bambini in Italia e in Germania<br />

tratta il libro di Sandra Limoncini, Bambini sind Balsamico<br />

für die Seele (Piper-Pendo Verlag). Il libro “non è una<br />

guida o un vademecum”, ci spiega l’autrice, “non vuole<br />

dare consigli”, è semplicemente il racconto della sua esperienza<br />

a metà fra cultura italiana e tedesca. Un libro che<br />

fa sorridere e offre ai lettori uno spaccato sulla società italiana,<br />

facendo riflettere sulle differenze. Se, per esempio,<br />

le camerette dei bambini italiani sono affollate di giochi,<br />

Barbie e peluche, quelle dei bambini tedeschi sono invece<br />

più sobrie e il numero di giochi è più contenuto. Oppure,<br />

ancora, a un italiano suonerà come una tortura il Waldkindergarten.<br />

Eppure per molti tedeschi un asilo all’aria aperta,<br />

nella natura, è una delle migliori esperienze che si possano<br />

offrire ai propri bambini.<br />

Gli occhi azzurri e i capelli biondi disorientano un po’,<br />

all’inizio, ma appena comincia a raccontare non ci sono<br />

più dubbi sull’anima, molto italiana, dell’autrice.<br />

Com’è nata l’idea di un libro che mette a confronto<br />

due diverse esperienze educative? A dire il vero è stata<br />

la casa editrice a contattarmi. Dopo il libro di mio marito,<br />

Maria, ihm schmeckt’s nicht!, era chiaro a tutti che Jan Weiler<br />

era sposato con un’italiana nata in Germania da padre<br />

italiano e madre tedesca. Sono mamma di due bambini e<br />

giornalista: a questo punto c’erano tutti gli ingredienti per<br />

scrivere un libro che parlasse dell’educazione italiana e<br />

di quella tedesca. Dopo una titubanza iniziale, ho accettato<br />

con piacere e mi sono lanciata in questo “esperimento”,<br />

che mi è servito anche per prendere consapevolezza<br />

delle differenze, dei punti di debolezza e di quelli di forza<br />

dei due modelli educativi. Scrivendo della mia esperienza<br />

ho capito meglio l’influenza di mio padre e di mia madre<br />

sulla mia formazione.<br />

A chi è dedicato il libro? Soprattutto alle mamme e alle<br />

famiglie, a tutti coloro che amano l’Italia e la sua cultura.<br />

E poi chi ha vissuto un’esperienza interculturale simile alla<br />

mia si riconoscerà facilmente in molte pagine del libro!<br />

la pietanza<br />

la portata<br />

la differenza<br />

trattare<br />

la guida<br />

il vademecum<br />

affollato<br />

la tortura<br />

l’asilo<br />

mettere<br />

a confronto<br />

disorientare<br />

Gericht<br />

Gang<br />

Unterschied<br />

handeln<br />

Führer<br />

Leitfaden<br />

überfüllt<br />

Folter<br />

Kindergarten<br />

vergleichen<br />

irreführend<br />

sein<br />

la casa<br />

editrice Verlag<br />

l’ingrediente m. Zutat<br />

la titubanza Zögern<br />

iniziale anfänglich<br />

prendere con- sich bewusst<br />

sapevolezza werden<br />

il punto di<br />

debolezza / Schwäche /<br />

di forza Stärke<br />

la formazione hier: Erziehung<br />

riconoscersi sich wiedererkennen<br />

© Uff. stampa Piper-Pendo Verlag<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


INTERVISTA<br />

Mi piace<br />

lo humour e la musica<br />

in Italia il calore [Wärme] della gente e del clima<br />

in Germania il concetto di fedeltà [Treue]<br />

Non mi piace<br />

il fanatismo in tutte le sue sfaccettature [Facetten]<br />

in Italia la corruzione<br />

in Germania la necessità della prestazione [Leistung]<br />

a tutti i costi<br />

Sandra Limoncini è nata in Renania [Rheinland ] da<br />

CHI È<br />

padre italiano e madre tedesca. Giornalista, lavora da<br />

oltre 12 anni al Bayerischer Rundfunk e vive con il marito e i due<br />

figli vicino a Monaco. Bambini sind Balsamico für die Seele<br />

(Piper-Pendo Verlag, 2012) è il suo primo libro.<br />

In Lei convivono due anime e due culture: si sente più<br />

italiana o più tedesca? Nonostante le mie sembianze piuttosto<br />

nordiche, sono una passionale e ho bisogno di scaricare<br />

l’energia. Indubbiamente il carattere italiano trasmessomi<br />

da mio padre è molto forte. Ma le due anime sono<br />

equilibrate, anche a tavola: adoro il Sauerbraten di mia<br />

mamma, ma amo moltissimo anche la cucina italiana e per<br />

la mia famiglia cucino sia piatti tedeschi che piatti italiani.<br />

Quali sono le differenze fra il modello educativo tedesco<br />

e quello italiano? Come dicevo, non ho voluto scrivere<br />

una guida, ma raccontare la mia esperienza. Nella<br />

mia famiglia le differenze sono sempre state evidenti. Mio<br />

padre è stato un genitore sempre molto presente. Per<br />

esempio, quando da ragazzina praticavo atletica leggera,<br />

mi accompagnava a tutte le gare; quando avevo un problema,<br />

potevo rivolgermi a lui in qualsiasi momento. Certamente,<br />

durante l’adolescenza, la sua è stata una presenza<br />

a volte “ingombrante”, ma mi ha coccolata e amata<br />

immensamente, e gliene sarò sempre grata. Mia madre è<br />

una donna molto tedesca, una vera e propria roccia, una<br />

persona che non si arrabbia mai, come si suol dire, “la calma<br />

in persona”, il necessario contrapposto alla passionalità<br />

di mio padre per un’educazione equilibrata.<br />

Secondo la sua esperienza, è meglio essere un bambino<br />

italiano o tedesco? Sarei tentata di dire italiano, perché<br />

i bambini italiani sono davvero molto coccolati. Non<br />

che non lo siano anche i bambini tedeschi, ma i bambini<br />

italiani sono davvero al centro dell’universo familiare: tutpassionale<br />

scaricare<br />

l’adolescenza<br />

ingombrante<br />

coccolare<br />

la roccia<br />

arrabbiarsi<br />

la calma<br />

equilibrato<br />

in funzione<br />

di qc./qcn.<br />

leidenschaftlich<br />

ablassen<br />

Jugend<br />

aufdringlich<br />

hätscheln<br />

Felsen<br />

wütend werden<br />

Ruhe<br />

ausgewogen<br />

von etw./jdm.<br />

abhängig sein<br />

viziato<br />

la competizione<br />

la prestazione<br />

il rendimento<br />

misurato<br />

l’innocenza<br />

l’opportunità<br />

la maggioranza<br />

onesto<br />

meritare<br />

verwöhnt<br />

Wettbewerb<br />

Leistung<br />

hier: Erfolg<br />

maßvoll<br />

Unschuld<br />

Chance<br />

Mehrheit<br />

ehrlich<br />

verdienen<br />

to gira intorno a loro e, soprattutto nei primi anni di vita,<br />

tutto è organizzato in loro funzione. Ricordo di serate a<br />

cena al ristorante con i nostri genitori e i loro amici in cui<br />

noi eravamo gli unici bambini: “Siamo una famiglia”, ripeteva<br />

sempre mio padre, e perciò tutto si faceva insieme.<br />

I bambini italiani sono forse un po’ viziati, ma per un bambino,<br />

essere “viziato” nel senso di “coccolato” è certamente<br />

una sensazione meravigliosa, non crede? I bambini tedeschi<br />

sembrano essere spesso in competizione e sono più<br />

orientati, sin da piccoli, alla prestazione e al rendimento:<br />

fattori certo molto importanti per la formazione e il futuro<br />

professionale, ma che dovrebbero essere sempre molto<br />

misurati, per non sottrarre innocenza all’età infantile. A<br />

pensarci bene, la situazione “perfetta” è essere italiano e<br />

crescere in Germania, perché la società tedesca offre molte<br />

più opportunità di quella italiana.<br />

Lei è nata e vive in Germania: come si sente quando<br />

è in Italia? Molto bene: mi sento a casa, sia in Germania<br />

sia in Italia. L’Italia è un paese meraviglioso. Spero tanto<br />

che gli italiani riescano in futuro a liberarsi dalla corruzione:<br />

è davvero un peccato per questo paese, perché la<br />

maggioranza degli italiani è onesta, creativa e intelligente,<br />

e merita una società migliore.<br />

57 57<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

58<br />

PER 20 ANNI IL MIMO MARCEL<br />

HA INCANTATO I TURISTI DI<br />

PIAZZA NAVONA CON PERSO-<br />

NAGGI ANIMATI DALLE SUE DI-<br />

TA. L’attrice toscana Fiore ha lanciato<br />

bolle giganti nel cielo del Pantheon,<br />

facendo impazzire di gioia centinaia<br />

di bambini. Ora, con la nuova delibera<br />

del sindaco di Roma, Gianni Alemanno,<br />

spariranno dal centro clown<br />

e contorsionisti, saltimbanchi, suonatori,<br />

burattinai, madonnari e poeti.<br />

Nelle grandi aree monumentali come<br />

il mimo<br />

il personaggio<br />

animato<br />

lanciare<br />

la bolla<br />

la delibera<br />

il sindaco<br />

Mime, Komödiant<br />

Figur<br />

belebt, hier: zum<br />

Leben erweckt<br />

werfen, hier: blasen<br />

Seifenblase<br />

Beschluss<br />

Bürgermeister<br />

Piazza della Rotonda, su cui si affaccia<br />

il Pantheon, Santa Maria in Trastevere,<br />

i Fori Imperiali e il Colosseo,<br />

il teatro di strada è vietato. Nelle altre<br />

piazze storiche sono permessi spettacoli<br />

solo per un tempo limitato e in<br />

il contorsionista<br />

il saltimbanco<br />

il suonatore<br />

il burattinaio<br />

il madonnaro<br />

iscrivere<br />

l’albo<br />

tutelare<br />

precise postazioni; inoltre gli artisti<br />

devono essere iscritti a un albo e seguire<br />

una serie di regole ferree. Certo,<br />

Roma è un museo a cielo aperto<br />

ed è necessario tutelarla, ma sono in<br />

tanti a protestare.<br />

È giusto regolamentare<br />

l’arte di strada?<br />

Auf Roms Plätzen wird gesungen, gespielt und jongliert.<br />

Soll damit jetzt wirklich Schluss sein?<br />

Schlangenmensch<br />

Gaukler<br />

Straßenmusikant<br />

Puppenspieler<br />

Madonnenmaler<br />

eintragen<br />

Berufsregister<br />

schützen<br />

È giusto regolamentare l’arte di<br />

strada?<br />

No. Le nuove regole del sindaco<br />

di Roma sono esagerate, vietano<br />

troppe cose.<br />

Gli spettacoli sono un rischio<br />

per la salvaguardia dei monumenti<br />

di Roma?<br />

Basta fare appello al buonsenso<br />

degli artisti. È chiaro che non<br />

si devono aggredire le persone<br />

o imbrattare i monumenti, ma<br />

quando mai un artista ha rovinato<br />

un monumento?<br />

Hai provato mai fastidio per il<br />

rumore degli spettacoli o per gli<br />

strumenti a percussione?<br />

Le comitive di ragazzi a Campo dei Fiori litigano, disturbano<br />

con schiamazzi e risse. Gli<br />

esagerato<br />

la salvaguardia<br />

il buonsenso<br />

aggredire<br />

imbrattare<br />

provare<br />

fastidio<br />

la comitiva<br />

litigare<br />

lo schiamazzo<br />

buio<br />

übertrieben<br />

Schutz<br />

gesunder Menschenverstand<br />

angehen<br />

beschmutzen<br />

genervt sein<br />

Gruppe<br />

streiten<br />

Geschrei, Lärm<br />

finster<br />

Serena Sapio, di Napoli, 32 anni, impiegata [Angestellte] in un<br />

negozio biologico [Bioladen ] di Roma (a sinistra) e Paola<br />

Tamburrini, di Roma, 70 anni, casalinga.<br />

artisti non suonano mai nelle<br />

ore notturne. A Roma si<br />

esibiscono veri talenti!<br />

Le esibizioni degli artisti di<br />

strada rovinano l’estetica<br />

delle piazze antiche?<br />

Il Pantheon, senza spettacoli,<br />

sembra buio; Piazza di<br />

Spagna è una splendida cornice<br />

per gli spettacoli di strada.<br />

Clown e mimi rendono le<br />

notti romane molto romantiche.<br />

È giusto regolamentare l’arte di<br />

strada?<br />

Sì. Se pensiamo ai giocolieri,<br />

che presentano i loro spettacoli<br />

fra le macchine in fila ai semafori;<br />

ai mangiafuoco, magari<br />

improvvisati, che fanno i loro<br />

spettacoli in mezzo alla folla,<br />

sappiamo che possono nascere<br />

seri pericoli.<br />

Gli spettacoli sono un rischio<br />

per la salvaguardia dei monumenti<br />

di Roma?<br />

Le piazze belle di Roma sono<br />

già molto affollate dai turisti e,<br />

con gli spettacoli, si creano ulteriori<br />

concentrazioni di folla. In Piazza di Trevi è quasi impossibile<br />

camminare.<br />

Ha provato mai fastidio per il rumore degli spettacoli o per gli<br />

strumenti a percussione?<br />

Io già eliminerei i clacson delle<br />

macchine, figuriamoci i<br />

tamburi!<br />

Le esibizioni degli artisti di<br />

strada rovinano l’estetica<br />

delle piazze antiche?<br />

Un panorama così maestoso<br />

come quello che offre Roma<br />

non si può trasformare in sagra<br />

di paese, con saltimbanchi<br />

e ballerini!<br />

Jongleur<br />

im Stau<br />

Feuer-<br />

schlucker<br />

Menschenmenge<br />

Hupe<br />

Trommel<br />

Dorffest,<br />

-kirmes<br />

il giocoliere<br />

in fila<br />

il mangiafuoco<br />

la folla<br />

il clacson<br />

il tamburo<br />

la sagra<br />

di paese<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


Jeden<br />

Monat<br />

im Heft<br />

Italienisch<br />

leicht gemacht<br />

für Italien-<br />

Liebhaber<br />

SOLUZIONE LUCILLA INDAGA (DA PAG. 47): Lucilla si è accorta che al costume del Pierrot a destra manca un bottone. Infatti,<br />

tradizionalmente, il costume di Pierrot ha tre bottoni. Il bottone che la donna morta stringe [stringere: festhalten] tra le mani potrebbe essere proprio<br />

quello mancante, strappato [strappare: abreißen] al suo assassino [Mörder] nel tentativo di difendersi.


PRATICAMENTE PARLANDO<br />

60<br />

COLLEZIONISMO<br />

MUSEI<br />

INSOLITI<br />

Die Museumsroute quer durch<br />

Italien führt zu weiteren kuriosen<br />

Sammlungen von Hexen,<br />

Mumien und Briganten, aber<br />

auch zu Naturstätten wie den<br />

Dolomiten oder dem Vajont.<br />

Testo: Carlo Tomaso Parmegiani<br />

IL VIAGGIO FRA I PIÙ CURIOSI MUSEI ITALIANI,<br />

INTRAPRESO NELLO SCORSO NUMERO DI ADES-<br />

SO, CI CONFERMA CHE LA FANTASIA ITALICA È<br />

DAVVERO SENZA LIMITE.<br />

A Trieste, per esempio, città da sempre spazzata dall’impetuosa<br />

bora, c’è il MUSEO DELLA BORA E DEL<br />

VENTO (www.museobora.org), che realizza in un piccolo<br />

spazio esposizioni temporanee legate al tema dei venti.<br />

E sulle ali del vento andiamo in montagna. Qui l’alpinista<br />

Reinhold Messner ha fondato il MESSNER MOUN-<br />

TAIN MUSEUM DOLOMITES di Cibiana di Cadore<br />

(Belluno) (www.messner-mountain-museum.it), considerato<br />

il “museo più alto d’Europa” perché ospitato in una ex fortificazione<br />

militare sulla vetta del Monte Rite, a 2.181 metri<br />

di quota. Oltre a offrire una magnifica vista, il museo è<br />

un ardito progetto architettonico, curato dall’Università di<br />

Architettura di Venezia (Iuav). Con le sue forme geome-<br />

triche in vetro e metallo vuole riprodurre il cristallo della<br />

Dolomia, la roccia tipica di queste splendide montagne, dichiarate<br />

dall’Unesco Patrimonio dell’umanità.<br />

A un’altra meraviglia della natura sono dedicati i diversi<br />

MUSEI DEL CORALLO che si trovano in tutta la<br />

penisola: il Museo Basilio Liverino a Napoli (www.liverino.it);<br />

il Museo Ascione a Salerno (www.museodelcorallo.it);<br />

il Museo del Corallo ad Alghero, in Sardegna (Via XX Settembre<br />

8). I musei espongono le mille forme assunte da<br />

questo preziosissimo organismo vivente, divenuto una delle<br />

materie prime più ricercate per la creazione di preziosi.<br />

Nell’estremo Nord-Est della penisola, a Erto (Pordenone),<br />

in Via IX Ottobre 4, si trova invece un museo dedicato<br />

a una delle più grandi tragedie causate dall’incapacità<br />

dell’uomo di rispettare la natura: il MUSEO DEL<br />

DISASTRO DEL VAJONT rievoca – tramite documenti,<br />

immagini e filmati – l’ondata di fango che, a causa<br />

di una prevedibile frana, superò la diga artificiale del<br />

Vajont e travolse i tre paesi di Longarone, Erto e Casso,<br />

causando in pochi minuti oltre 2.000 vittime.<br />

Stimolano a confrontarsi con le paure sepolte in tutti noi<br />

tre musei dedicati rispettivamente alle mummie, alle<br />

l’esposizione<br />

(f.) temporanea<br />

fondare<br />

la fortificazione<br />

la vetta<br />

la quota<br />

ardito<br />

la roccia<br />

il Patrimonio<br />

dell’umanità<br />

la penisola<br />

Weltkulturerbe<br />

Halbinsel<br />

Rohstoff<br />

begehrt<br />

Schmuckstück<br />

etw. gewidmet<br />

verursacht<br />

Unfähigkeit<br />

Katastrophe<br />

von Longarone<br />

Schlamm-<br />

lawine<br />

vorhersehbar<br />

Mure, Erdrutsch<br />

hier: darüber<br />

hinweggehen<br />

esporre<br />

la materia<br />

prima<br />

ricercato<br />

il prezioso<br />

dedicato a qc.<br />

causato<br />

l’incapacità<br />

il disastro<br />

del Vajont<br />

l’ondata<br />

di fango<br />

prevedibile<br />

la frana<br />

superare<br />

la diga<br />

artificiale<br />

travolgere<br />

sepolto<br />

ausstellen<br />

intrapreso<br />

senza limite<br />

spazzato<br />

impetuoso<br />

la bora<br />

hier: begonnen<br />

grenzenlos<br />

leer gefegt<br />

stürmisch<br />

kalter, böiger<br />

Fallwind in der<br />

nördl. und östl.<br />

Adria<br />

Sonderausstellung<br />

gründen<br />

Festungsanlage<br />

Gipfel<br />

Höhe<br />

gewagt, kühn<br />

Felsen<br />

Staudamm<br />

mitreißen<br />

begraben<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


2°<br />

parte<br />

streghe<br />

e ai briganti.<br />

Nel MUSEO<br />

DELLE MUMMIE, ricavato<br />

nella cripta della chiesa di Santo Stefano,<br />

a Ferentillo (Terni), sono esposte<br />

circa 20 mummie perfettamente conservate,<br />

la cui mummificazione è avvenuta in modo del tutto<br />

naturale, grazie a microorganismi presenti nella terra e<br />

al particolare microclima della zona. A Bidonì (Oristano),<br />

invece, in Via Monte 9, il S’omo ‘e sa Majarza (MUSEO DEL-<br />

LE STREGHE in sardo) propone un accurato percorso<br />

attraverso le leggende, la magia bianca e nera, nonché i<br />

rituali più misteriosi, riuscendo a far scorrere i brividi<br />

lungo la schiena anche ai più esperti cultori dell’occulto.<br />

Il MUSEO DEL BRIGANTAGGIO di Itri (Latina)<br />

(www.museobrigantaggio.it) raccoglie, infine, tutto ciò<br />

che è legato all’immaginario collettivo<br />

su questi “ribelli”: biografie, foto, editti,<br />

proclami, canzoni e censimenti.<br />

COLLEZIONI CURIOSE E ORIGINALI<br />

Nell’altra pagina: il Messner Mountain Museum,<br />

il museo più alto del mondo, a 2.181 m di quota<br />

in provincia di Belluno; le campane della chiesa<br />

di Longarone, conservate nel Museo del Vajont.<br />

Qui: un laccio in corallo realizzato per la regina<br />

Maria José di Savoia; il Museo del Brigantaggio di<br />

Itri; una selezione di venti imbottigliati nel Museo<br />

della Bora e del vento di Trieste; un amuleto della<br />

Barbagia, Sardegna, del Museo delle Streghe a<br />

Bidonì (OR); una fisarmonica del Museo Internazionale<br />

della Fisarmonica di Castelfidardo (AN);<br />

una bambola una bambola francese del 1880 del<br />

Museo delle Bambole di Angera (VA).<br />

Più adatto ai bambini è il MUSEO DELLE BAMBOLE<br />

(aperto da marzo a ottobre) e ospitato all’interno della<br />

Rocca di Angera (Varese), nello splendido contesto del Lago<br />

Maggiore. Custodisce una raccolta di oltre 1.000 fra giocattoli,<br />

libri per bambini, mobili in miniatura, bambole e giochi<br />

da tavolo, alcuni dei quali risalgono a diversi secoli fa.<br />

Se amate gli strumenti musicali, infine, non potete<br />

rinunciare al MUSEO INTERNAZIONALE DELLA<br />

FISARMONICA di Castelfidardo (Ancona) (www.museodellafisarmonica.it),<br />

comune<br />

che per oltre un secolo è la strega Hexe<br />

il brigante Brigant, Räuber<br />

stato il maggior centro produttivo<br />

mondiale di quel-<br />

accurato ausführlich<br />

grazie a dank<br />

l’affascinante strumento. il percorso Rundgang<br />

far scorrere Schauer<br />

L’esposizione, ospitata nel i brividi lungo über den<br />

seminterrato seicentesco la schiena Rücken laufen<br />

lassen<br />

del Palazzo Comunale, propone<br />

oltre 350 fisarmoniche collettivo stellungswelt<br />

l’immaginario kollektive Vor-<br />

da 22 paesi diversi, la riproduzione<br />

custodire aufbewahren<br />

di una bottega<br />

il gioco<br />

il giocattolo Spielzeug<br />

artigiana per la produzione da tavolo Brettspiel<br />

di fisarmoniche e un’approfondita<br />

documentazio-<br />

la fisarmonica Akkordeon<br />

risalire a zurückgehen<br />

auf<br />

ne fotografica. Un piccolo il seminterrato Kellergeschoss<br />

seicentesco aus dem 17. Jh.<br />

gioiello che accoglie, in media,<br />

oltre 12.000 visitatori alartigiana<br />

laden<br />

la bottega Handwerksl’anno.<br />

approfondito umfangreich<br />

61<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

62<br />

L’ULTIMO<br />

VALZER<br />

Un professore universitario si è ritirato in<br />

montagna, vicino alla casa natale del<br />

Catena, uno sconosciuto poeta morto in<br />

manicomio e da lui studiato e rivalutato.<br />

Dopo una vita da gaudente è rimasto<br />

solo, con un figlio che fa il musicista in<br />

America. Parla poco con gli esseri umani,<br />

di più con il suo cane Ombra e gli<br />

animali selvatici. Vive in una dignitosa solitudine, scrivendo a<br />

tempo perso, incontrando i rari abitanti della valle, dove abbondano<br />

personaggi in qualche modo sopravvissuti o fuggiti<br />

dalla vita normale. L’arrivo di una coppia di giovani e tormentati<br />

vicini lo scuote, soprattutto perché lei somiglia all’unico e<br />

vero amore della sua vita, perduto tanti anni prima. La storia<br />

si sviluppa in poche mosse, che ci portano nei boschi e sulle<br />

rive di un lago che pullula di leggende. La donna lo attrae come<br />

una calamita e il caso spinge<br />

il professore tra le sue braccia:<br />

con ritmo quasi fellinia-<br />

rivalutare aufwerten<br />

il manicomio Irrenanstalt<br />

no, i due si ritrovano a vorticare<br />

in un valzer al centro della selvatico wild<br />

il gaudente Genießer<br />

piazza del paese, durante la dignitoso würdevoll<br />

sagra estiva, davanti agli occhi<br />

di tutti. Ancora una volta abbondare im Überfluss<br />

a tempo perso nebenbei<br />

vorhanden sein<br />

Benni, con pochi strumenti, sa<br />

tormentato schwierig<br />

orchestrare un fraseggio poetico,<br />

in cui canta di una vec-<br />

erregen<br />

scuotere erschüttern,<br />

chiaia tormentata, trasognata la mossa Zug, Handlung<br />

ma coraggiosa.<br />

pullulare wimmeln<br />

Lingua: facile. Genere:<br />

la calamita Magnet<br />

romanzo. Stefano Benni,<br />

vorticare wirbeln<br />

Di tutte le ricchezze,<br />

il fraseggio hier: Rhythmus<br />

Feltrinelli, 207 pagine.<br />

trasognato verträumt<br />

UNA FAVOLA<br />

MODERNA<br />

A 24 anni Nadia vive una vita mediocre,<br />

da studentessa fuori corso, fatta<br />

di lavoretti e frustrazioni. Figlia di<br />

una femminista degli anni ribelli, è<br />

cresciuta senza un padre, non ha<br />

grande stima degli uomini e abita con<br />

un compagno scelto per comodità.<br />

Lo chiama “il babbeo” e litigano di<br />

frequente, ma lei ha un amante segreto in un’altra città.<br />

Quando scopre di aver vinto 21 milioni di euro con un biglietto<br />

della lotteria comprato per caso, decide di cambiare<br />

vita, convinta, da brava figlia della sua generazione,<br />

che quella sia la sua buona occasione e che “il denaro<br />

può tutto”. L’importante è essere abbastanza furbi da non<br />

fare errori e la sua fortuna<br />

le regalerà la felicità. Si distacca<br />

così dal suo mon-<br />

la studentessa Langzeit-<br />

mediocre mittelmäßig<br />

do e si trasferisce a Roma,<br />

dove diventa facilmente<br />

preda di avvocati e consulenti.<br />

Vassalli, con il distacco<br />

di un cronista e l’ironia<br />

fuori corso<br />

fatto di<br />

la stima<br />

litigare<br />

l’amante m./f.<br />

studentin<br />

aufgerieben von<br />

Wertschätzung<br />

streiten<br />

Geliebter,<br />

misurata del grande<br />

Geliebte<br />

per caso zufällig<br />

scrittore, come un Wilde<br />

l’occasione f. Gelegenheit<br />

dei giorni nostri, racconta<br />

il denaro Geld<br />

una favola moderna e disillusa,<br />

dall’epilogo triste, distaccarsi sich loslösen<br />

furbo schlau<br />

priva di retorica e ricca di la preda Beute<br />

insegnamenti.<br />

Lingua: facile. Genere:<br />

romanzo. Sebastiano<br />

Vassalli, Comprare il<br />

sole, Einaudi, 180 pagine.<br />

l’avvocato<br />

il consulente<br />

misurato<br />

la favola<br />

privo di<br />

Anwalt<br />

Berater<br />

maßvoll<br />

Märchen<br />

ohne<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

A TU PER TU CON GLI ITALIANI<br />

Avete in programma un viaggio in Italia e vorreste sapere sugli italiani qualcosa che va al<br />

di là dei soliti luoghi comuni? Questa è la guida che fa per voi, da mettere assolutamente<br />

in valigia. Pratica e leggera, KulturSchock Italien è un tuffo nello stile di vita, nella cultura,<br />

nei riti, nella mentalità degli abitanti del Belpaese. La prima parte del libro contiene<br />

un’ampia panoramica sulla storia d’Italia, dagli antichi Romani fino ai nostri giorni, mentre<br />

una ricca sezione centrale fornisce al lettore informazioni pratiche su temi caldi come<br />

la politica, l’economia, la religione, la burocrazia. Se volete essere sicuri di fare bella figura<br />

con gli italiani, leggete attentamente anche le pagine dedicate alla vita quotidiana, con le<br />

descrizioni delle abitudini a<br />

tavola, della passione per la moda, il calcio, la TV, i<br />

rapporti tra uomo e donna. L’autore chiude il libro con<br />

uno sguardo diretto sulle relazioni fra italiani e tedeschi:<br />

“I tedeschi amano gli italiani, ma non li stimano; gli<br />

italiani stimano i tedeschi, ma non li amano”, recita<br />

un famoso detto. Sarà poi vero? Giovanna Iacono<br />

Frank Schwarz, KulturSchock Italien, Reise know-How<br />

Verlag, 252 pagine, 14,90 (D).<br />

a tu per tu<br />

solito<br />

il luogo<br />

comune<br />

il tuffo<br />

ampio<br />

la panoramica<br />

la sezione<br />

centrale<br />

auf Du und Du<br />

üblich<br />

Gemeinplatz<br />

Sprung, hier:<br />

Eintauchen<br />

breit<br />

Übersicht<br />

Mittelteil<br />

caldo<br />

fare bella<br />

figura<br />

le abitudini<br />

(pl.) a tavola<br />

il calcio<br />

il rapporto<br />

il detto<br />

hier: brennend<br />

einen guten<br />

Eindruck<br />

hinterlassen<br />

Tischgewohnheiten<br />

Fußball<br />

Beziehung<br />

Spruch<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

© Courtesy of Marsilio Editori<br />

IL LIBRO DELL’AUTORE<br />

ALLE RADICI DEL MALE<br />

Michelino ha tre amici. Vivono a Tripoli, frequentano scuole<br />

e mondi diversi, ma stringono un patto di sangue. Subito devono<br />

confrontarsi con violenza e delitti, sangue e sadismo,<br />

razzismo, genitori distratti o peggio. Il patto e un’audacia<br />

precoce danno loro la forza di non esitare davanti a nulla.<br />

Il racconto salta poi alla Roma<br />

degli anni Ottanta: Michele<br />

è diventato controvo-<br />

frequentare besuchen<br />

stringere einen Pakt<br />

glia commissario e in un delitto<br />

riconosce la mano di un<br />

un patto schließen<br />

tempo. Tra intrighi internazionali<br />

di finanza e politica, la vicenda<br />

corre forse troppo veloce<br />

l’audacia<br />

precoce<br />

saltare<br />

Verwegenheit<br />

frühreif<br />

springen<br />

ed è raccontata con una controvoglia widerwillig<br />

certa approssimazione, ma<br />

la vicenda Geschichte<br />

offre al lettore vorace un soggetto<br />

nuovo e intrigante.<br />

l’appros- hier: Ungesimazione<br />

Lingua: facile.<br />

Genere: thriller noir.<br />

f.<br />

vorace<br />

nauigkeit<br />

hier: eifrig<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

ROBERTO<br />

COSTANTINI<br />

Nato a Tripoli nel 1952 da famiglia italiana, ha abitato in Libia<br />

fino al 1970, ovvero fino a quando, con l’ascesa al potere<br />

di Gheddafi, i 20.000 italiani dell’ex colonia furono<br />

espropriati e rimpatriati. Da allora vive a Roma. Appassionato<br />

di gialli, dopo alcune collaborazioni giornalistiche si<br />

laurea in Ingegneria e si dedica alla professione di consulente<br />

aziendale. Oggi è dirigente e docente della Libera<br />

Università di Studi Sociali di Roma. Ha scritto alcuni saggi,<br />

ma la sua passione resta il giallo. Durante i viaggi di lavoro<br />

concepisce una trilogia noir, a cui lavora per dieci anni.<br />

Nel 2011 esce la prima parte, Tu sei il male, che riceve<br />

ottime critiche, premi e<br />

successo di pubblico.<br />

Considerato lo Stieg Larsson<br />

italiano, nei suoi libri<br />

riapre i cassetti bui degli<br />

ultimi decenni della storia<br />

italiana. Alle radici del male,<br />

il secondo volume, è<br />

uscito nell’autunno 2012.<br />

Sono in corso le traduzioni<br />

in tutto il mondo, mentre<br />

l’autore sta lavorando<br />

al terzo. Il protagonista<br />

della trilogia, il commissario<br />

Michele Balistreri, è un<br />

donnaiolo cinico e superficiale,<br />

ha tutto dell’eroe<br />

negativo, ma non è malvagio.<br />

La sua cattiveria è un<br />

modo per vendicarsi del<br />

male che vede agire e<br />

contro cui combatte.<br />

Macht-<br />

übernahme<br />

enteignen<br />

in die Heimat<br />

zurückschicken<br />

Krimi<br />

Studienabschluss<br />

erwerben<br />

Unterneh-<br />

mensberater<br />

Leiter<br />

Essay<br />

verfassen<br />

Schublade,<br />

Fach<br />

Schürzenjäger<br />

oberflächlich<br />

böse,<br />

niederträchtig<br />

sich rächen<br />

kämpfen<br />

l’ascesa<br />

al potere<br />

espropriare<br />

rimpatriare<br />

il giallo<br />

laurearsi<br />

il consulente<br />

aziendale<br />

il dirigente<br />

il saggio<br />

concepire<br />

il cassetto<br />

il donnaiolo<br />

superficiale<br />

malvagio<br />

vendicarsi<br />

combattere<br />

DAL LIBRO:<br />

Dopo un po’ Ahmed venne a chiamarmi.<br />

“Ho pensato al vostro piano di fuga. Se le cose vanno<br />

storte dovrete fuggire subito, domani notte. Col motoscafo<br />

più potente della Mank”.<br />

“E da dove partiamo?” chiese Nico.<br />

“Ora usciamo e prepariamo tutto. Io e Mike andiamo al porto,<br />

prendiamo il gommone e il motoscafo e li ormeggiamo davanti<br />

al Uaddan. Lì col buio non passa nessuno. Tu, Nico, vai al<br />

distributore della Esso e riempi le taniche di benzina, quante<br />

ne servono per arrivare a Lampedusa. E le porti sul motoscafo”.<br />

“E poi?” chiese Nico.<br />

“Subito dopo l’attentato torneremo qui, comunque vada. Vi<br />

porterete solo una sacca con maglietta e pantaloni, nulla che faccia<br />

pensare a una fuga. Partiremo<br />

alle due di notte, quando il piano di fuga Fluchtplan<br />

escono anche i pescatori”. (...) andare storto schiefgehen<br />

fuggire fliehen<br />

Era un ottimo piano, come<br />

il motoscafo Motorboot<br />

sempre quando c’era di mezzo il gommone Schlauchboot<br />

Ahmed. Uscimmo e in meno ormeggiare anlegen<br />

di un’ora tutto era stato predisposto.<br />

Prima di mezzanot-<br />

col buio nach Einbruch<br />

der Dunkelheit<br />

passare vorbeikommen<br />

te eravamo rientrati.<br />

il distributore Tankstelle<br />

Io avevo un piano molto diverso.<br />

Uccidere Gheddafi, di benzina Benzinkanister<br />

la tanica<br />

comunque egal, wie es<br />

prendermi i miei soldi e quelli<br />

di Jalloun, affrontare mio esserci<br />

vada ausgeht<br />

padre, riprendermi la mia ragazza.<br />

E festeggiare il mio predisporre vorbereiten<br />

di mezzo beteiligt sein<br />

uccidere töten<br />

ventesimo compleanno a Tripoli,<br />

libera da Gheddafi. Non<br />

qcn. ausein-<br />

affrontare sich mit jdm.<br />

avevo nessuna intenzione di<br />

andersetzen<br />

fuggire in Italia.<br />

l’intenzione f. Absicht<br />

63<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

WORTSCHATZ<br />

SPRACHSPIEL<br />

XXL-MULTIBOXEN<br />

Die Multiboxen XXL enthalten den italienischen Wortschatz<br />

mit mehr als 2100 Wörtern und Beispielsätzen auf<br />

über 800 Karteikarten in einer Karteikartenbox, auf vier<br />

Hör-CDs + Begleitbuch und einem Poster pro Multibox.<br />

Der Wortschatz orientiert sich am europäischen Referenzrahmen<br />

in den unten beschriebenen Stufen und ist<br />

daher für Anfänger, Fortgeschrittene und auch Experten<br />

gut geeignet.<br />

Die Karteikarten sind sowohl alphabetisch als auch thematisch<br />

nutzbar. Jedes Stichwort ist mit der Lautschrift<br />

versehen. Die vier Hör-CDs pro Multibox enthalten über<br />

2100 Wörter und 300 Minuten Spielzeit. Sprechpausen<br />

zwischen den Wörtern ermöglichen es Ihnen die Wörter<br />

nachzusprechen und sie sich einzuprägen. Zusätzlich<br />

sind alle Wörter in einem Begleitbuch verzeichnet.<br />

Grundwortschatz – Niveau A1/A2 Artikel-Nr. 44043<br />

Aufbauwortschatz – Niveau B1/B2 Artikel-Nr. 44041<br />

Aufbauwortschatz plus – Niveau C1 Artikel-Nr. 44042<br />

Jeweils vier Audio-CDs + Karteikartenbox + XXL-Poster<br />

Je € 34,95 (D)/€ 34,95 (A)<br />

CAMPIONATO D‘ITALIANO<br />

Wer ist der Italienisch-Champion? Wer<br />

weiß mehr über Land und Sprache? Mit<br />

dem Brettspiel Campionato d‘italiano<br />

können Lerner ihr Wissen über die italienischsprachige<br />

Welt, Kultur und vieles<br />

mehr testen. Spielerisch wird neues Wissen<br />

vermittelt und die Freude am Sprachenlernen<br />

verstärkt. Kann im Unterricht<br />

oder zu Hause mit Freunden gespielt<br />

werden. Mit über 120 Fragen.<br />

Brettspiel auf Italienisch. Für 2-99 Spieler<br />

Niveau A2/B1. Artikel-Nr. 48114<br />

€ 17,80 (D)/€ 17,80 (A)<br />

<strong>ADESSO</strong> JAHRGANG<br />

SPRACHFÜHRER<br />

<strong>ADESSO</strong> JAHRGANG 2012<br />

Nutzen Sie die Gelegenheit, alle zwölf Ausgaben des Jahres<br />

2012 jetzt zu bestellen – um Wissenswertes zu erfahren<br />

und Versäumtes nachzuholen. Der Magazin- wie<br />

auch der Audio-CD-Jahrgang sind um 20% vergünstigt.<br />

Selbstverständlich finden Sie bei uns auch den Jahrgang<br />

des plus-Übungsheftes von 2012 zum vergünstigten<br />

Preis.<br />

Magazin-Jahrgang 2012 Artikel-Nr. 942012<br />

€ 56,70 (D)/€ 58,30 (A)<br />

Übungsheft plus-Jahrgang 2012 Artikel-Nr. 941252<br />

€ 30,85 (D)/€ 31,70 (A)<br />

Audio-CD-Jahrgang 2012 Artikel-Nr. 941200<br />

€ 97,25 (D)/€ 97,25 (A)<br />

ITALIENISCH GANZ LEICHT –<br />

GRAMMATIK UND WORTSCHATZ<br />

Diese Reihe enthält die wichtigsten Vokabeln<br />

für die Alltagskommunikation<br />

und beinhaltet die wichtigsten grammatischen<br />

Strukturen und Regeln.<br />

Buch mit 172 Seiten. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45513. € 5,99 (D)/€ 6,30 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

FÜR DEN BERUF<br />

GRAMMATIK<br />

HUMOR<br />

Rezensiert in<br />

<strong>ADESSO</strong> 10/12!<br />

CONVERGENZE<br />

DIE NEUE POWER-GRAMMATIK<br />

FRITZ MISTO<br />

Benötigen Sie Italienisch im Beruf? Oder<br />

möchten Sie Ihre Kenntnisse zumindest<br />

auf einen so guten Stand bringen, dass<br />

Sie ohne Probleme in Italien arbeiten<br />

könnten? Das neuartige Konzept von<br />

Convergenze gewann das Europäische<br />

Sprachensiegel 2012 für innovative<br />

Sprachvermittlung. Auf der enthaltenen<br />

DVD erhalten Sie Musterkorrespondenzen,<br />

Präsentationen und Videos.<br />

Lehrbuch + DVD-ROM. Italienisch.<br />

Niveau B2/C1. Artikel-Nr. 45515<br />

€ 29,99 (D)/€ 30,90 (A)<br />

Die Power Grammatik-Italienisch wurde<br />

komplett überarbeitet und erstrahlt nun<br />

vierfarbig mit einer Menge Neuerungen.<br />

Die grammatikalischen Strukturen<br />

werden anhand von italienischen Beispielsätzen<br />

und deutschen Erklärungen<br />

erläutert. Zwischentests helfen, den<br />

Lernerfolg zu überprüfen. Neu ist auch<br />

das Glossar mit dem Übungswortschatz.<br />

Lösungsschlüssel inklusive.<br />

Buch mit 202 Seiten. Italiennisch.<br />

Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45514<br />

€ 14,99 (D)/€ 15,40 (A)<br />

Wir Deutschen lieben und ehren die italienische<br />

Küche – und das zurecht. Doch<br />

wie ist es eigentlich andersrum? Wie sehen<br />

die Italiener unsere deutsche Küche<br />

voller „Wurstel“ und „Krauti“? Von Italienern<br />

für Italiener geschrieben finden<br />

Sie in diesem Buch jede Menge Sitten,<br />

Bräuche und Eigenheiten der Deutschen<br />

und der deutschen Küche, über die auch<br />

wir Deutschen schmunzeln können.<br />

Buch mit 190 Seiten. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45516<br />

€ 16,90 (D)/€ 17,60 (A)<br />

SPRACHSPIEL<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

UN FINE SETTIMANA A ROMA<br />

Erfahren Sie mehr über die italienische<br />

Sprache und die italienische Hauptstadt<br />

durch das Brettspiel der <strong>ADESSO</strong>-Redaktion,<br />

das Sprachwissen und Landeskunde<br />

perfekt verbindet.<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

oder telefonischen Bestellung geben Sie bitte die Artikelnummer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Brettspiel mit 2 Niveaustufen. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 48108. € 29,95 (D)/€ 30,85 (A)<br />

Sonderangebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


L’ITALIA A TAVOLA<br />

LA BUONA CUCINA<br />

DI UNA VOLTA<br />

Genug der sterilen Molekularküche mit ihren flüchtigen Mousse und<br />

Schäumen! Auf Italiens Tische kehren Traditionsgerichte mit einfachen<br />

Zutaten und Rezepten aus dem Hause Mama zurück.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

66<br />

BASTA CON I RISTORANTI CARI E CHE PROPON-<br />

GONO UN’ASETTICA CUCINA MOLECOLARE fatta<br />

di spume di tonno e mousse di coniglio dalla consistenza<br />

ariosa e impalpabile, preparate con sifoni e azoto<br />

liquido che hanno un che di ospedaliero! In Italia torna<br />

di moda la cucina della tradizione. Ecco, allora, la scoperta<br />

dell’acqua calda: la cucina della mamma. Cosa c’è di<br />

una volta früher<br />

asettico keimfrei<br />

la spuma Thunfischdi<br />

tonno Schaum<br />

impalpabile hauchdünn<br />

il sifone Siphonflasche<br />

l’azoto flüssiger<br />

liquido Stickstoff<br />

avere un che di ospedaliero:<br />

etwas von Krankenhaus an sich<br />

haben<br />

la scoperta dell’acqua calda:<br />

Entdeckung des Jahrtausends<br />

(iron.)/von nichts Neuem<br />

spandersi sich ausbreiten<br />

accogliente behaglich<br />

alla riscossa! los zum<br />

Gegenangriff!<br />

alla faccia di hier: auf etw.<br />

pfeifen<br />

il disprezzo Verschmähung<br />

più bello che salire le scale<br />

di casa stanchi morti, dopo<br />

una giornata di lavoro,<br />

e sentire il profumino della<br />

pasta al forno che si<br />

spande per tutto il palazzo;<br />

suonare il campanello<br />

con il tipico din-don e trovarsi<br />

in una casa calda e accogliente,<br />

con la tavola apparecchiata<br />

e una persona<br />

cara che non ti riempie il<br />

bicchiere, ma ti chiede di<br />

assaggiare la salsa? Mamme<br />

e nonne alla riscossa!<br />

Alla faccia del disprezzo<br />

INFORMAZIONI<br />

Cantine Settesoli<br />

www.cantinesettesoli.it<br />

www.mandrarossa.it<br />

Associazione Le Cesarine<br />

www.homefood.it<br />

BARI<br />

LA LOCANDA DI FEDERICO<br />

Piazza Mercantile 63<br />

www.lalocandadifederico.com<br />

Orecchiette alle cime di<br />

rapa, cozze gratinate.<br />

BOLOGNA<br />

OSTERIA DELLA<br />

LANTERNA (DA BIAGI)<br />

Via Savenella 9a<br />

www.ristorantebiagi.it<br />

Tortellini fatti a mano,<br />

da mangiare in brodo<br />

TRATTORIA TREBBI<br />

Via Solferino 40b<br />

www.trattoria-trebbi.com<br />

Tagliatelle al ragù e<br />

specialità bolognesi secondo<br />

i prodotti di stagione.<br />

AI PINI<br />

Via Emilia Ponente 351<br />

www.chioscoaipini.it<br />

Locale spartano dove<br />

gustare le tipiche tigelle<br />

e le crescentine.<br />

© Huber/Sime, G. Martorana / www.mandrarossa.it<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


L’ITALIA A TAVOLA<br />

ostentato dagli chef stellati, che in molte trasmissioni televisive,<br />

come Master Chef, condannano la cucina delle casalinghe<br />

definendola “minore”. In realtà quei bei piatti di<br />

casa, sani e appetitosi, ci rimangono nella testa e nel cuore<br />

più di tanti stravaganti pesci destrutturati o gelatine.<br />

La casa di vini siciliani Settesoli ha avuto la bella<br />

idea di pubblicizzare i prodotti sul suo sito (www.mandrarossa.it)<br />

accompagnandoli con foto e ricette di simpatiche<br />

signore siciliane. Bellissime, indossano golfini<br />

dai colori vivaci, orecchini dorati e, a volte, un bel<br />

grembiule a quadretti ben stirato. Ostentano qualche<br />

chilo in più e tutte le rughe della loro vita ricca di affetti.<br />

In mano hanno ciò che di più semplice possiamo<br />

immaginare: un bel cavolo verde, due uova, una melanzana.<br />

In poche righe rivelano ricette favolose, sane,<br />

aromatiche, a chilometro zero, molto economiche e realizzabili<br />

in pochi minuti. I loro suggerimenti sono preziosi.<br />

Per esempio scopriamo che...<br />

• basta mettere le cime di broccolo a rosolare in padella<br />

ostentare<br />

condannare<br />

il golfino<br />

il grembiule<br />

a quadretti<br />

a chilometro<br />

zero<br />

Brokkoli-<br />

Röschen<br />

anbraten<br />

Zimt<br />

le cime (pl.)<br />

di broccolo<br />

rosolare<br />

la cannella<br />

il chiodo<br />

di garofano<br />

la mandorla<br />

tostato<br />

a tocchetti<br />

la scarola<br />

zur Schau<br />

stellen<br />

aburteilen<br />

Strickjacke<br />

Schürze<br />

kariert<br />

aus regionaler<br />

Erzeugung<br />

Gewürznelke<br />

Mandel<br />

geröstet<br />

würfelig<br />

Endivie<br />

con un po’ di cannella, chiodi di garofano e salsa di pomodoro<br />

ed ecco un sugo veloce per una pasta che, volendo,<br />

si può finire di cuocere al forno con una bella grattugiata<br />

di mandorle tostate;<br />

• le melanzane tagliate a tocchetti si sposano benissimo<br />

con la ricotta salata e qualche foglia di basilico fresco; diventano<br />

così un’ottima salsa per i maccheroni;<br />

• per preparare una zuppa gustosa basta insaporire il brodo<br />

con pomodorini crudi, scarola, una patata, una cipolla<br />

e aggiungerci degli spaghettini spezzati;<br />

La nuova tendenza<br />

della cucina italiana?<br />

Mangiare all’antica,<br />

seguendo le ricette<br />

di famiglia.<br />

67<br />

LA CUCINA MIGLIORE È<br />

QUELLA DELLA MAMMA!<br />

Qui: la signora Giuseppina Interrante<br />

mostra il tummale di ricotta, un dolce<br />

della tradizione siciliana.<br />

Nell’altra pagina: le orecchiette,<br />

la tipica pasta pugliese.


68<br />

© Huber/Sime (2), G. Martorana / www.mandrarossa.it<br />

il fagiolo Bohne<br />

il cece Kichererbse<br />

il finocchietto<br />

selvatico wilder Fenchel<br />

la frittata Omelett<br />

la merenda Imbiss, Brotzeit<br />

l’ingre- Zutat<br />

diente m.<br />

il pizzico Prise, etwas<br />

la scaglia Splitter<br />

il cannolo: mit Ricotta-Creme<br />

gefüllte Teigrolle<br />

sbattere schlagen<br />

TRATTORIA LE MOSSACCE<br />

Via del Proconsolo 55r<br />

www.trattorialemossacce.it<br />

Affettati toscani, fettunta,<br />

ribollita e tutte le ricette<br />

della cucina fiorentina.<br />

Kalbshaxe<br />

Knochenmark<br />

Zitronen-<br />

schale<br />

Sardelle<br />

Safran<br />

la sfoglia<br />

il cavolo<br />

cappuccio<br />

la cotenna<br />

il pane raffermo<br />

il grano<br />

saraceno<br />

lo stinco<br />

di vitello<br />

il midollo<br />

la scorza<br />

di limone<br />

l’acciuga<br />

lo zafferano<br />

RISTORANTE DEL<br />

FAGIOLI<br />

Corso dei Tintori 47r<br />

+39 055 244285.<br />

Bistecca di chianina, bollito<br />

e pappa al pomodoro.<br />

Teig<br />

Weißkohl<br />

Speckschwarte<br />

altes Brot<br />

Buchweizen<br />

SA PESTA<br />

Via dei Giustiniani 16<br />

www.sapesta.it<br />

Farinata, acciughe<br />

ripiene e tutti i piatti della<br />

tradizione genovese.<br />

• la minestra più sana del mondo, quella fatta con fagioli,<br />

ceci e lenticchie, se aromatizzata con il finocchietto selvatico<br />

è capace di riconciliarti con il mondo;<br />

• una frittata alta e soffice di patate e cipolle rende la merenda<br />

di un bambino a scuola un momento di gioia.<br />

Non mancano ricette di alta pasticceria, come l’uovo incannulato.<br />

Con pochi ingredienti che tutti abbiamo in casa<br />

o possiamo procurarci facilmente – un uovo, un cucchiaio<br />

d’acqua, un pizzico di zucchero, poco olio e 250 g di ricotta<br />

condita con limone grattugiato, zucchero, cannella e scaglie<br />

di cioccolato – si può preparare una versione casalinga<br />

del celebre cannolo siciliano. Basta sbattere l’uovo in<br />

una terrina con acqua e zucchero e poi versare il composto<br />

in un padellino con un po’ di olio caldo. Verrà fuori una<br />

sfoglia da dividere in quattro parti e farcire con la ricotta.<br />

Non solo la Sicilia, ogni regione d’Italia ha le sue ricette<br />

facili da realizzare, squisite ma allo stesso tempo sane.<br />

Qualche esempio:<br />

• La RIBOLLITA TOSCANA, una favolosa zuppa a base<br />

di fagioli cannellini bianchi secchi, cavolo nero, cavolo<br />

cappuccio, osso di prosciutto o cotenna di maiale, bietole,<br />

verdure di stagione e del buon pane raffermo da<br />

inzupparci dentro.<br />

• I PIZZOCCHERI DELLA VALTELLINA, ovvero tagliatelle<br />

fatte con grano saraceno che vengono semplicemente<br />

bollite con verdure di stagione e poi insaporite con<br />

aglio e del buon formaggio morbido.<br />

• L’OSSOBUCO ALLA MILANESE, un piccolo osso di<br />

stinco di vitello ripieno di morbido midollo, che si cucina<br />

lentamente in padella con burro, brodo, cipolla, un pochino<br />

di pomodoro e si insaporisce a fine cottura con la<br />

gremulada, una salsina a base di scorza di limone grattugiata,<br />

acciuga, aglio e prezzemolo. Si serve con un cremoso<br />

risotto giallo allo zafferano.<br />

FIRENZE GENOVA LIVORNO<br />

ANTICA OSTERIA<br />

DI VICO PALLA<br />

Vico Palla 15r<br />

www.anticaosteriavicopalla.com<br />

Stoccafisso alla ligure.<br />

CANTINA SENSE<br />

Borgo dei Cappuccini 95<br />

www.ristorantecantinaseneselivorno.com<br />

Cacciucco e triglie alla<br />

livornese.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


L’ITALIA A TAVOLA<br />

• Il semplice MINESTRONE di verdure, in Liguria viene<br />

condito con il pesto, che lo rende un piatto molto gustoso.<br />

• La MOZZARELLA IN CARROZZA napoletana è fatta<br />

con fette di pancarrè bagnate nel latte e nell’uovo sbattuto,<br />

infarinate e farcite con fettine di mozzarella e fritte<br />

nell’olio extravergine di oliva.<br />

• Le ALICI IN TORTIERA campane si preparano in meno<br />

di cinque minuti disponendo i pesci in una teglia e spolverandoli<br />

con pangrattato, aglio tritato e un filo d’olio.<br />

• La Puglia, patria del mangiar bene, ostenta con orgoglio<br />

il suo piatto migliore: le semplici quanto deliziose<br />

ORECCHIETTE CON LE CIME DI RAPA, che si preparano<br />

facendo bollire la pasta fatta in casa nella stessa acqua<br />

in cui sono state già cotte le cime, una sorta di broccoli<br />

a foglia lunga che vengono poi ripassati in tegame<br />

con aglio e peperoncino e uniti alle orecchiette.<br />

il pancarrè<br />

infarinato<br />

l’alice f.<br />

la teglia<br />

le cime (pl.)<br />

di rapa<br />

ripassare<br />

in tegame<br />

la coda<br />

Toastbrot<br />

in Mehl<br />

gewendet<br />

Sardelle<br />

Backform<br />

Rübenspitzen<br />

in der Pfanne<br />

schwenken<br />

Schwanz<br />

Pinienkern<br />

Rosinen<br />

Bitter-<br />

schokolade<br />

il pinolo<br />

l’uva passa<br />

il cioccolato<br />

fondente<br />

l’associazione<br />

f.<br />

adoperarsi<br />

il socio<br />

il farro<br />

lo stufato<br />

Verein<br />

sich einsetzen<br />

Mitglied<br />

Zweikorn<br />

Geschmortes<br />

• La CODA ALLA VACCINARA è un piatto romano povero.<br />

La coda di manzo o di vitello viene cucinata per ore<br />

con carote, sedano, cipolla e aglio, e alla fine aromatizzata<br />

con pinoli tostati, uva passa e cioccolato fondente.<br />

Certo, non tutti hanno la mamma che conosce e cucina<br />

le ricette della tradizione. Per questo motivo è nata l’associazione<br />

culturale Le Cesarine, che ha sede a Bologna, ma<br />

soci in tutta Italia, e si adopera per<br />

tutelare e valorizzare il patrimonio<br />

culinario italiano. Le “cesarine” sono<br />

signore – ma possono essere anche<br />

uomini – che una commissione ha<br />

giudicato “bravissime” a cucinare i<br />

piatti della tradizione italiana legati<br />

al territorio. Organizzano cene, per<br />

un costo tra i 25 e i 40 euro, e ricevono<br />

a casa gli altri soci dell’associazione.<br />

Per partecipare basta andare<br />

sul sito Internet www.homefood.it,<br />

iscriversi come soci, scegliere la città,<br />

la data e la casa ospite. Sarà come recarsi<br />

a casa di amici, che si faranno<br />

in quattro per portare in tavola un<br />

menu favoloso, che cambia a seconda<br />

del luogo e delle esperienze della<br />

padrona di casa: lasagne, minestre<br />

di farro, risotti, parmigiane, stufati,<br />

torte e budini. Allora, aggiungiamo<br />

un posto a tavola?<br />

69<br />

PIATTI SANI, BUONI, ECONOMICI<br />

Nell’altra pagina: ribollita toscana e<br />

ossobuco con porcini. Qui: la signora<br />

Giuseppina Ognibene si appresta a fare<br />

una fritatta di patate.<br />

MILANO NAPOLI PALERMO ROMA<br />

OSTERIA ALLA GRANDE<br />

Via delle Forze Armate 405<br />

www.osteriaallagrande.com<br />

Risotto e cotoletta alla<br />

milanese, ossobuco con<br />

polenta, casoeûla.<br />

I PRIMI<br />

Via Mergellina 1/C<br />

www.ristoranteiprimi.com<br />

Specialità regionali di<br />

pesce fresco servite in un<br />

ambiente familiare.<br />

DAL MAESTRO<br />

DEL BRODO<br />

Via Pannieri 7<br />

+39 091 329523.<br />

Sarde a beccafico, bucatini<br />

con sarde e finocchietto.<br />

OSTERIA DELL’ANGELO<br />

Via Bettolo 24<br />

+39 06 3729470.<br />

Pasta all’amatriciana, coda<br />

alla vaccinara e altri piatti<br />

della cucina romana.<br />

TRATTORIA CADORNA<br />

Via Bettolo 24<br />

www.trattoriacadorna.it<br />

Pasta fresca fatta in casa,<br />

saltimbocca alla romana,<br />

puntarelle e abbacchio.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


Advertorial<br />

VIDEO präsentiert von<br />

La casa vacanze<br />

25% sparen !<br />

Exklusiv für <strong>ADESSO</strong>-Leser:<br />

Gutschein-Code:<br />

<strong>ADESSO</strong>-18<br />

Einlösbar unter www.dalango.de/gutschein<br />

ITALIENISCH<br />

ENGLISCH BUSINESS ENGLISCH FRANZÖSISCH SPANISCH<br />

Ben arrivati, avete<br />

fatto buon viaggio?<br />

Prego entrate,<br />

posso aiutarvi con le<br />

valigie?<br />

Buonissimo, le sue<br />

indicazioni erano perfette.<br />

Non si preoccupi, non<br />

sono così pesanti.<br />

Grazie!<br />

Accomodatevi pure,<br />

che vediamo il<br />

contratto.<br />

Che bella<br />

casa!<br />

Qui sono elencati<br />

i mobili della casa. In caso di<br />

danni la somma verrà trattenuta<br />

dalla caparra.<br />

Certo, è chiaro. Ci sono<br />

regole particolari nel condominio?<br />

Non sono permessi<br />

animali, niente rumori<br />

dopo le undici di<br />

sera…<br />

Il solito, insomma... Direi che<br />

possiamo fi rmare!<br />

Das ganze Video hier<br />

gratis sehen:<br />

www.dalango.de/adesso<br />

Mit Übungen und Wörterbuch!<br />

l’indicazione f.<br />

Anweisung<br />

la caparra<br />

Kaution<br />

la valigia Koff er il condominio Mehrfamilienhaus<br />

il contratto<br />

Vertrag<br />

il rumore<br />

Geräusch, hier: Laut sein<br />

il danno Schaden fi rmare unterzeichnen<br />

* Nur für Neuanmeldungen gültig. Der Gutschein ist nicht mit anderen Angeboten kombinierbar und kann nicht in bar ausgezahlt werden. Pro Kunde ist nur ein Gutschein einlösbar.


APPROFONDIMENTO<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

© Ansa, Shutterstock<br />

Sandro Pertini con<br />

l’allenatore della Nazionale<br />

di calcio, Enzo Bearzot, in<br />

una foto del 1980.<br />

DA ISOLE TREMITI (PAG. 30)<br />

SANDRO PERTINI<br />

UN PRESIDENTE COME LUI NON CI SARÀ PIÙ.<br />

Sandro Pertini, socialista, nasce nel 1896 a San Giovanni<br />

di Stella, in provincia di Savona. Combatte nella prima<br />

guerra mondiale e poi diventa un oppositore del Fascismo.<br />

Dopo l’esilio in Francia, entra nella Resistenza e,<br />

dopo la seconda guerra mondiale, milita nel Partito<br />

socialista. Quando diventa presidente della Repubblica,<br />

nel 1978, è già anziano: ha 82 anni e nessuno se lo aspetta,<br />

ma sta per trasformarsi in un grande moralizzatore<br />

della politica italiana. Gli italiani non dimenticheranno<br />

mai le critiche di Pertini ai partiti (tutti, anche il suo),<br />

gli interventi contro la mafia e a favore della giustizia<br />

sociale. E non dimenticheranno mai nemmeno la sua<br />

esultanza con l’allenatore<br />

combattere kämpfen Enzo Bearzot alla vittoria<br />

l’oppositore m. Gegner dei Mondiali di calcio del<br />

militare aktiv sein<br />

il partito Partei 1982. E la sua frase: “Non<br />

anziano alt<br />

ci prendono più”, dopo il<br />

il mora- moralische<br />

terzo gol dell’Italia contro<br />

lizzatore Instanz<br />

l’intervento Beitrag la Germania. Pertini muore<br />

a Roma nel 1990. Re-<br />

a favore di für<br />

l’esultanza Jubel<br />

sterà per sempre “il presidente<br />

più amato dagli<br />

i Mondiali (pl.)<br />

di calcio Fußball-WM<br />

il gol Tor<br />

italiani”.<br />

DA TRA LE RIGHE (PAG. 36)<br />

COMUNIONE<br />

E LIBERAZIONE<br />

Su Comunione e Liberazione, grande movimento cattolico<br />

italiano oggi presente in circa 70 paesi, l’Italia si divide. Per<br />

alcuni si tratta di una potentissima lobby. Per altri di uno dei<br />

più interessanti fenomeni di aggregazione giovanile. Nato<br />

nel 1954 intorno al sacerdote milanese Luigi Giussani, ha<br />

come scopo l’educazione cristiana dei suoi membri e la collaborazione<br />

alla missione cattolica in tutti gli ambiti della società.<br />

La sua prima apparizione in campo politico risale agli<br />

anni Settanta, a sostegno della Democrazia cristiana. Nel<br />

1982 è stato riconosciuto ufficialmente dalla Chiesa cattolica<br />

e, nei decenni, ha avuto<br />

l’appoggio di importanti Comunione e Gemeinschaft<br />

politici, come Giulio Andreotti<br />

Liberazione und Befreiung<br />

(sette volte premier). il movimento Bewegung<br />

L’evento centrale nella vita dividersi sich scheiden<br />

del movimento è il cosiddetto<br />

Meeting di Rimini, che<br />

l’aggregazione<br />

f. Vereinigung<br />

si svolge tutti gli anni in il sacerdote Priester<br />

estate e vede la partecipazione<br />

l’ambito Bereich<br />

di importanti perso-<br />

naggi della vita culturale,<br />

a sostegno di zur Unterstützung<br />

von<br />

politica e religiosa d’Italia, l’appoggio Unterstützung<br />

alla presenza di migliaia di l’evento Ereignis<br />

giovani, i cosiddetti ciellini. svolgersi stattfinden<br />

DA LUCILLA INDAGA (PAG. 47)<br />

PIERROT<br />

Per secoli la forma più importante di teatro popolare italiano<br />

è stata la cosiddetta Commedia dell’arte, con improvvisazioni<br />

e ripetizione di situazioni e personaggi noti al pubblico.<br />

I personaggi della Commedia dell’arte sono poi stati<br />

ripresi dal teatro classico,<br />

soprattutto quello di Goldoni,<br />

e spesso sono diventati<br />

“maschere” del Carnevale,<br />

come nel caso di Arlecchino<br />

e Pulcinella, Colombina<br />

e Balanzone. Anche Pierrot<br />

è nato in Italia e non in Francia,<br />

come pensano alcuni. Il<br />

suo nome originario è probabilmente<br />

Pedrolino, cioè<br />

“piccolo Pietro”. La forma<br />

il secolo Jahrhundert francese viene dal fatto che,<br />

il personaggio Figur,<br />

poco dopo la sua nascita,<br />

Persönlichkeit questa maschera sempre<br />

noto al<br />

pubblico<br />

riprendere<br />

Arlecchino<br />

originario<br />

vestito<br />

il successo<br />

l’avversario<br />

publikums-<br />

bekannt<br />

wiederaufgreifen<br />

Harlekin<br />

ursprünglich<br />

gekleidet<br />

Erfolg<br />

Gegenspieler<br />

vestita di bianco è stata imitata<br />

con grande successo<br />

in Francia. Non è l’unica<br />

maschera “bianca” della<br />

Commedia dell’arte e, probabilmente,<br />

si trattava in<br />

origine di una variante della<br />

figura di Brighella, avversario<br />

di Arlecchino.<br />

71<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


SPRACHKURSE UND SPRACHFERIEN<br />

Sprachreisen<br />

weltweit<br />

Italien, Spanien, Mexiko, Argentinien,<br />

Costa Rica, Frankreich, England<br />

F+U Academy of Languages<br />

Hauptstraße 1, 69117 Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

SANT‘ANNA INSTITUTE SORRENTO LINGUE<br />

Italienische Sprache und Kultur<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 499,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 699,–)<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

italienisch auf<br />

SIZILIEN<br />

am Meer<br />

www.solemar-sicilia.it<br />

fax +39 091 955561<br />

<br />

<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

Italienisch-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen Italienisch-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei der Familie<br />

der Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

THE ITALIAN WAY<br />

Italienische Sprach- und Kochschule<br />

in Piemont/Langhe! Italienische Kulturund<br />

Sprachkurse für alle Stufen.<br />

www.theitalianway.it · info@theitalianway.it<br />

0039 0173 793201<br />

0039 346 3477875<br />

FERIENHÄUSER UND -WOHNUNGEN<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

Italienisch-Kurse mit<br />

PDL-Methode am<br />

Meer und auf dem<br />

Segelboot. Unterkunft<br />

und Verpflegung in<br />

einer familiären Villa.<br />

www.dialogando.de<br />

Tel. +39 070 2041291<br />

SARDEGNA<br />

VENEDIG Rialto Nähe<br />

Ein ganzes Fischerhaus mit kleiner<br />

Terrasse nur für Sie. Für 2-4 Personen.<br />

Weekend-Miete all inclusive € 450.-<br />

Details und Fotos:<br />

www.cortediavolo.com<br />

oder 0043/13693165 (Fr. Kaut)<br />

Unesco-Welterbe Cilento<br />

Meer, Berge, griechische Tempel...<br />

Villen, Fewos+Hotels am Meer<br />

Wandern auf Italienisch<br />

Erlebnissprachkurs<br />

0941 /567 6460, www.cilento-ferien.de<br />

TOSCANA-MEER<br />

Kleines Naturstein-Ferienhaus für<br />

2-4 Personen, auf großem Grundstück<br />

mit uralten Olivenbäumen, Feigenbäumen,<br />

Wein & Zypressen, Blick aufs Meer und<br />

die Inseln Elba, Capraia und Korsika<br />

www.toscmar.de · 08662/9913<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

ROM+TOSK.+UMBR.+MARKEN<br />

Gün. priv. Landhs + fam. Hotels, teils Pool!<br />

Rom: priv. Stadtwhgn in zentraler und<br />

sehr guter Lage! Tel. 0981-13655<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

SARDINIEN+SIZ.+SÜDITALIEN<br />

Exkl. + gün. priv. Einzelhs + fam. Hotels<br />

An herrl. Sandstränden! Auch Originaltrulli<br />

und Landgüter! Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

VENEDIG<br />

Stilvolle Appartements in antikem Palast<br />

zwischen Rialto-Brücke und Markusplatz,<br />

mit antiken Möbeln, für 2–6 Personen,<br />

Mindestmiete 1Woche, in NS auch kürzer.<br />

Tel. 0039-041-720620, Fax -721677<br />

(A. Lorenzon)<br />

Die Ferienhaus-Spezialisten für Italien<br />

030.30820408·Manteuffelstr.5a·12203 Berlin<br />

TOSKANA: CORTONA<br />

Großzügige FeWo (Maisonette 85qm, 2 SZ, 2 BZ,<br />

eigener Garten, gem. Pool) für 2-4 Pers. in restauriertem<br />

Bauernhaus. Bes. günstige Langzeittarife.<br />

@gmx.de<br />

<br />

Einem Teil dieser Ausgabe<br />

sind Beilagen von<br />

Plan International<br />

Deutschland e.V. und<br />

RSD Reise Service<br />

Deutschland GmbH beigefügt.<br />

Mehr Sprache<br />

können Sie<br />

nirgendwo<br />

shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

THEMENVORSCHAU<br />

Ausgabe 04/13:<br />

• Sizilien und die Liparischen Inseln<br />

• Bologna<br />

Anzeigenschluss: 20.02.13, Erstverkaufstag: 27.03.13<br />

Ausgabe 05/13:<br />

• Elba aktiv<br />

• Die italienische Tomate, das rote Wunder<br />

Anzeigenschluss: 20.03.13, Erstverkaufstag: 24.04.13<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

SPRACHPRODUKTE<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen,<br />

um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache,<br />

Lernsoftware und<br />

vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt<br />

entdecken:<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


SPRACHKURSE UND SPRACHFERIEN<br />

ITALIENISCH IN ITALIEN: www.italienisch-sprachschulen.de/<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

SARDINIEN: die ganz besondere Insel<br />

und dazu der außergewöhnliche Italienischkurs!<br />

mit PDL: Italienisch erleben und genießen<br />

• auch auf dem Segelboot •<br />

Francesca Di Stefano, Tel.: 06402-512085<br />

www.pdl-sprachkurse.de<br />

Accademia Lingua eGusto –<br />

Kleinste Lerngruppen, größter Lernerfolg,<br />

Villa und Garten mit Meerblick, gemeinsame<br />

Mittagessen, Touren zu Wein, Öl, Pasta, Käse,Trüffel ...<br />

Italienischer<br />

Sprach-Genuss<br />

in der Toskana<br />

www.lingua-e-gusto.com, Tel. +49 421 364 9301<br />

Mola di Bari – Apulien Studitalia Sardinien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Italienisch lernen<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

Sprachferien in Olbia<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de (0039) 333 2133760<br />

www.studitalia.com<br />

infotiscali@studitalia.com<br />

Die Italienisch Sprachschulen in<br />

Nord- und Süditalien – wo Bildung und<br />

Urlaub sich harmonisch ergänzen!<br />

Le Venezie – Kultur und Dolce Vita<br />

Tropea – Weißer Sandstrand und Sonne<br />

Exzellente Italienisch Sprachkurse in<br />

kleinen Gruppen (3 bis 6 Studenten)<br />

PUI – Le Venezie: +39 040 30 40 20<br />

PUI – Tropea: +39 0963 60 32 84<br />

info@piccolauniversitaitaliana.com<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Als Bildungsurlaub anerkannt<br />

BERUFSAUSBILDUNG, FORTBILDUNG<br />

Berufsfachschule für Fremdsprachen:<br />

Europasekretär/in, Übersetzer/in, Fremdsprachenkorrespondent/in,<br />

Welthandelskorrespondent/in, EDV- und Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

F+U Academy of Languages, Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

<br />

<br />

Alfa SprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und die besten<br />

Programme für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

BRIEFFREUNDE<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (0 72 21) 22661<br />

www.ifa.uni-erlangen.de<br />

Staatlich anerkannte Fachakademie und Berufsfachschule<br />

für Fremdsprachenberufe<br />

Staatl. gepr. Fremdsprachenkorrespondenten, Euro-Korrespondenten,<br />

Übersetzer und Dolmetscher<br />

Englisch, Französisch, Italienisch,<br />

Russisch, Spanisch<br />

Hindenburgstr. 42, 91054 Erlangen, Tel. (0 91 31) 81293 - 30, E-mail: ifa@ve.uni-erlangen.de<br />

KOCHUNTERRICHT<br />

– DA LINA, CUCINA DIVINA –<br />

LINA è la mamma e ama cucinare con Adele e Lorena, le figlie. Un’idea<br />

per una vacanza divertente tra donne a Salerno o Sangemini (Umbria).<br />

B & B mit Kocheinführung und Betreuung vor Ort.<br />

info@adeles-goodcompany.de<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2013


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 6,90<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird besonders<br />

umweltfreund lich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und inkl. Versandkosten<br />

Österreich:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 111,60 zzgl. sfr 15 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 74,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach Ablauf des<br />

ersten Bezugsjahres jederzeit beendet<br />

werden - mit Geld-zurück-Garantie für<br />

bezahlte, aber noch nicht gelieferte<br />

Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong>www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

LAGO DI GARDA<br />

Il Lago di Garda per buongustai.<br />

Un itinerario originale per conoscere il territorio<br />

e le sue eccellenze gastronomiche.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

PRODUKTION<br />

Salvatore Viola<br />

REDAKTION<br />

Isabella Bernardin, Giovanna<br />

Iacono, Isadora Mancusi,<br />

Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Marina Collaci, Francesco De<br />

Tomaso, Anna Mandelli, Daniela<br />

Mangione, Gianmario Marras,<br />

Marco Montemarano, Carlo<br />

Tomaso Parmegiani, Stefano<br />

Vastano, Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Andrea Balzer, Monica Guerra,<br />

Tanja Lau, Agnes Luk<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

BILDREDAKTION<br />

Isadora Mancusi, Simona Morani<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

H.W.M. GmbH,<br />

82152 Planegg<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Medienservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt die Meinung<br />

der Autoren, nicht die der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag ers chei nen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Dr. Michael Brockhaus<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

PR UND KOOPERATIONEN<br />

Heidi Kral<br />

KEY ACCOUNT MANAGEMENT<br />

Corinna Hepke<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

Konto-Nummer 0 212 865 200<br />

BLZ: 300 800 00<br />

Credit Suisse Zürich-Enge<br />

Konto-Nummer 554 833-41<br />

(BC 48 42)<br />

Bank Austria AG Wien<br />

Konto-Nummer 108-108-147/00<br />

BLZ: 12 000<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

2013: ANNO VERDIANO<br />

200 anni fa nasceva Giuseppe<br />

Verdi. Tutti gli eventi organizzati<br />

in Italia per ricordarlo.<br />

INTERVISTA<br />

L’astrofisica Sandra Savaglio<br />

ci racconta la sua carriera, dalla<br />

Calabria alla Germania.<br />

© Shutterstock, O. Salmeri<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel.<br />

0211/887-2315, Fax 0211/887-97-2315,<br />

E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg, Tel.<br />

040/30183-210, Fax 040/30183-283, E-<br />

Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332, Fax<br />

+49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John's Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt die Anzeigenpreisliste Nr. 21 ab<br />

Ausgabe 1/13<br />

IVW - Meldung<br />

III - Quartal 2012<br />

28.312 verbreitete<br />

Auflage <strong>ADESSO</strong><br />

<strong>ADESSO</strong> 03/13 IN VENDITA DAL 27 FEBBRAIO


Das kann sich hören lassen!<br />

12 Ausgaben <strong>ADESSO</strong> – dazu ein Design-Radio gratis.<br />

Edles Design-Radio mit innovativer technischer Ausstattung:*<br />

spielt MP3 und Radio<br />

Holzgehäuse (in weiß oder braun) mit Aluminium-Front<br />

UKW/FM-Radio mit Dock-in für viele MP3-Player<br />

Verbindungskabel für MP3- oder CD-Player<br />

Digitaluhr mit Weckfunktion<br />

Maße ca.15 x15 x12 cm<br />

aktuelle<br />

Auswahl<br />

siehe<br />

Homepage<br />

Ihre Vorteile:<br />

Sie sparen 10% gegenüber dem Einzelkauf<br />

Sie beziehen 12 Ausgaben für nur €74,40/SFR111,60 **<br />

Sie bekommen jede Ausgabe komfortabel nach Hause geliefert<br />

Sie haben freien Zugang zum Premium-Bereich im Internet<br />

Sie erhalten ein Design-Radio gratis<br />

Bestellen Sie bequem unter www.adesso-online.de/praemie oder schreiben Sie uns unter abo@spotlightverlag.de<br />

oder an Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstraße 22, 82152 Planegg/München, Deutschland.<br />

Sie erreichen uns auch unter +49(0)89/85681-16. Bitte geben Sie das Stichwort „Radio-Prämie“ an.<br />

* Solange Vorrat reicht. Die Prämie liefern wir nach Eingang der Zahlung versandkostenfrei nach Deutschland, Österreich und in die Schweiz. Lieferung ohne MP3-Player.<br />

** Für die Magazinbestellung außerhalb Deutschlands fallen Versandkosten an. Weitere Details finden Sie unter spotlight-verlag.de/faq.


135 DP<br />

Wählen Sie aus über<br />

Personal- und Business-Coach ........... NEU 134<br />

200 Fernlehrgängen<br />

» Staatlich zugelassen<br />

» Start jederzeit<br />

» Bequem von zuhause aus<br />

» Persönliche Studienbetreuung<br />

» Online-Campus inklusive<br />

» 4 Wochen kostenlos testen<br />

Schulabschlüsse<br />

Abitur ......................................................... 901<br />

Fachhochschulreife ..................................... 914<br />

Realschulabschluss ...................................... 921<br />

Hauptschulabschluss .................................. 930<br />

Allgemeinbildung – Lernen nach Maß ........ 990<br />

Fremdsprachen<br />

Englisch-Kurse ............................................ 599<br />

Cambridge First Certificate in English ......... 605<br />

Cambridge Certificate in Advanced English ... 617<br />

Int. Legal English Certificate .............. NEU 607<br />

Fremdsprachenkorrespondent/in<br />

IHK - Englisch, gepr. ................................. 650<br />

Handelsenglisch .......................................... 606<br />

Technisches Englisch ................................... 615<br />

Wirtschaftsenglisch-Kurse ........................... 660<br />

Russisch für Fortgeschrittene ............. NEU 626<br />

Französisch-Kurse ....................................... 613<br />

Spanisch/Diploma Salamanca ..................... 621<br />

Wirtschaftsspanisch<br />

(Certificado de Español Comercial) ........... 622<br />

Latinum ...................................................... 640<br />

Kreativität / Medien<br />

Autor/in – Schriftsteller/in ........................... 944<br />

Biografisches Schreiben ..................... NEU 955<br />

INFO-COUPON<br />

Jetzt kostenlos <br />

Folgende Lehrgänge interessieren mich:<br />

Digitale Fotografie ...................................... 318<br />

Digitale Musikproduktion ........................... 230<br />

Drehbuchautor/in ........................................ 946<br />

Filmproduktion – professionell gemacht ..... 231<br />

Fotodesigner/in, gepr. ......................... NEU 195<br />

Fotografie – professionell gemacht ............. 317<br />

Gartengestaltung ........................................ 141<br />

Grafik – Design .................................. NEU 316<br />

Grafik-Designer/in – PC, gepr. ............ NEU 194<br />

Grafik-Designer/in MAC ..................... NEU 190<br />

Journalist/in ................................................ 945<br />

Kinder- und Jugendbuchautor/in ................. 952<br />

Kommunikationsberater/in ILS, gepr. ........... 321<br />

Kreatives Gestalten ..................................... 953<br />

Kunst verstehen .......................................... 939<br />

Mediaexperte/in ......................................... 322<br />

Musik aktiv – Rock & Pop .................. NEU 956<br />

Online-Redakteur/in .................................... 949<br />

PR-Referent/in, gepr. .......................... NEU 954<br />

Raumgestaltung/Innenarchitektur .............. 722<br />

Texter/in und Konzeptioner/in ..................... 320<br />

Persönlichkeit /<br />

Gesundheit<br />

Altenbetreuung, praktische ......................... 155<br />

Entspannungstrainer/in ...................... NEU 131<br />

Ernährungsberater/in .................................. 139<br />

Erziehungsberatung .................................... 138<br />

Fachkraft in der häuslichen Pflege ..... NEU 163<br />

Fachpraktiker/in für Massage, Wellness<br />

und Prävention ............................... NEU 135<br />

Fachwirt/in im Sozial- und<br />

Gesundheitswesen IHK ............................ 158<br />

Feng-Shui-Berater/in .................................... 143<br />

Gewichtscoach – Berater für<br />

Gewichtsmanagement .................... NEU 128<br />

Heilpraktiker/in .................................. NEU 136<br />

Homöopathie, praktische ............................ 146<br />

Kindererziehung .......................................... 145<br />

Management-Know-how für<br />

Gesundheitswirtschaft .................... NEU 484<br />

Medizinische Schreibkraft, gepr. ........ NEU 161<br />

135 DP<br />

<br />

<br />

Persönlichkeitstraining ................................ 149<br />

Phytotherapie .................................... NEU 127<br />

Psychologischer Berater/Personal Coach ..... 147<br />

Psychologie, Grundwissen .......................... 153<br />

Psychotherapie ........................................... 144<br />

Selbstständig als Berater/in ............... NEU 132<br />

Sprech- und Kommunikationstraining .......... 137<br />

Tierheilpraktiker/in .............................. NEU 129<br />

Wellnessberatung ............................... NEU 133<br />

Wirtschaft / Beruf<br />

Betriebswirt/in staatl., gepr. ........................ 374<br />

Betriebswirt/in ILS, gepr. ............................. 379<br />

Betriebswirtschaftslehre ............................. 491<br />

Betriebswirtschaftslehre<br />

für Nichtkaufleute ........................... NEU 495<br />

Bilanzbuchhalter/in IHK, gepr. ..................... 421<br />

Bilanzbuchhalter/in IHK international .. NEU 423<br />

Buchhalter/in .............................................. 270<br />

Bürosachbearbeiter/in ................................. 415<br />

Controller/in IHK, gepr. ................................ 427<br />

Energiemanager/in ............................ NEU 394<br />

Erfolgreich selbstständig werden ....... NEU 319<br />

Fachberater/in für Finanzdienstleistungen IHK 312<br />

Fachberater/in im Vertrieb IHK, gepr. ........... 332<br />

Fachkfm./kff. für Marketing IHK, gepr. ......... 341<br />

Finanzbuchhaltung mit SAP® ERP .............. 229<br />

Gebäudeenergieberater/in (HWK) ....... NEU 432<br />

Handelsfachwirt/in IHK, gepr. ...................... 340<br />

Haus- und Grundstücksverw. ILS, gepr. ........ 408<br />

Immobilienfachwirt/in IHK, gepr. ........ NEU 411<br />

Immobilienmakler/in ILS, gepr. ........... NEU 410<br />

Immobilienmanagement .................... NEU 407<br />

Industriefachwirt/in IHK, gepr. .................... 338<br />

Internationale Rechnungslegung ....... NEU 430<br />

IT-Betriebswirt/in ILS, gepr. .......................... 382<br />

Kaufmännisches Grundwissen .................... 405<br />

Logistikmanagement .................................. 404<br />

Managementassistent/in bSb, gepr. ............ 294<br />

Marketingreferent/in ILS, gepr. .................... 310<br />

Personalfachkauffrau/-mann IHK, gepr. ....... 555<br />

Personalreferent/in bSb, gepr. ..................... 554<br />

Praxismanagement ............................ NEU 486<br />

Praxiswissen d. Gesundheitswirtschaft .. NEU 483<br />

Projektmanagement (Projektleiter/in IHK) ... 337<br />

Referent für interne Unternehmenskommunikation<br />

............................... NEU 324<br />

Sichere Existenzgründung .................. NEU 327<br />

Social Management ........................... NEU 485<br />

Social Media Manager/in ................... NEU 957<br />

Speditionssachbearbeiter/in ........................ 414<br />

Steuerberater/in – Vorbereitungskurs .. NEU 419<br />

Deutschlands größte Fernschule<br />

Steuerfachwirt/in – Vorbereitungskurs .. NEU 418<br />

Techn. Betriebswirt/in IHK, gepr. ................. 380<br />

Tourismusfachwirt/in IHK ............................ 159<br />

Tourismusmanagement ...................... NEU 160<br />

Wirtschaftsfachwirt/in IHK, gepr. ................. 339<br />

Wirtschaftsmediation mit IHK Zertifikat ...... 342<br />

Computer / EDV<br />

Android App Programmierer/in, gepr. .. NEU 184<br />

C++ Programmierer/in für Windows ........... 246<br />

C# Software Entwickler/in, gepr. ........ NEU 213<br />

Citrix-Administrator/in, gepr. .............. NEU 212<br />

Cloud Computing ............................... NEU 188<br />

Datenbankentwickler/in für Microsoft<br />

SQL Server, gepr. ............................. NEU 199<br />

Europäischer Computer Führerschein ......... 298<br />

Fachinformatiker/in – Weiterbildung zum<br />

Schwerpunkt Anwendungsentwicklung ... 218<br />

Fachinformatiker/in – Weiterbildung zum<br />

Schwerpunkt Systemintegration ..... NEU 187<br />

Informatiker/in ............................................ 191<br />

IT-Manager/in, gepr. .................................... 234<br />

IT-Sicherheit in Netzwerken ........................ 236<br />

IT-Supporter/in, gepr. .......................... NEU 196<br />

Java-Programmierer/in, gepr. ...................... 217<br />

Lehrerfortbildung –<br />

multimediale Unterrichtsgestaltung .. NEU 214<br />

Medieninformatiker/in ....................... NEU 189<br />

Microsoft-Office .......................................... 241<br />

Multimedia-Designer/in, gepr. ..................... 247<br />

Netzwerkadministrator/in<br />

für MS Server 2008 R2, gepr. ................... 198<br />

Netzwerkmanager/in<br />

für Windows Server 2008 R2, gepr. .......... 197<br />

PC-Betreuer/in, gepr. ................................... 289<br />

PHP/MySQL-Datenbankentw., gepr. ... NEU 216<br />

Programmierer/in, gepr. .............................. 274<br />

VBA-Programmierer/in, gepr. ...................... 253<br />

Visual Basic Programmierer/in, gepr. ........... 232<br />

Wirtschaftsinformatiker/in .......................... 193<br />

Web-Designer/in, gepr. ....................... NEU 215<br />

Web-Entwickler/in (ILS), gepr. ............ NEU 186<br />

Web-Master, gepr. ....................................... 252<br />

Techniker / Meister<br />

Bautechniker/in ........................................... 720<br />

Chemietechniker/in ........................... NEU 793<br />

Elekt. Steuer- und Regelungstechnik ........... 767<br />

Elektrotechniker/in ...................................... 769<br />

Fachkraft für erneuerbare Energien ... NEU 738<br />

Fahrzeugtechniker/in .......................... NEU 703<br />

Gepr. Schutz- und Sicherheitskraft IHK ........... 727<br />

Grundlagen der Elektrotechnik ................... 712<br />

Haustechnik ....................................... NEU 744<br />

Sanitär-, Heizungs-, Klima-Techniker/in NEU 705<br />

Industriemeister/in Elektrotechnik ......... NEU 842<br />

Industriemeister/in Luftfahrttechnik ............ 845<br />

Industriemeister/in Metall ........................... 840<br />

Maschinentechniker/in ....................... NEU 715<br />

Mechatroniktechniker/in ............................. 735<br />

Meister/in im Elektrotechnikerhandwerk .... 870<br />

NC- und CNC-Technik ................................. 702<br />

Qualitätsmanagement ................................ 717<br />

SPS-Technik ................................................. 768<br />

Vertriebsingenieur/in - Technische/r<br />

Vertriebsmanager/in......................... NEU 345<br />

Weitere Fernlehrgänge unter:<br />

www.ils.de


Italienisch leicht gemacht<br />

Febbraio 2013<br />

Alle Texte auf<br />

Cose nostre: Medici a tutti i costi Che amore! Antonia Maino e Rajiv Gandhi<br />

IL BELLO: IL BAR DEL SILENZIO Ricettine: Le fritole veneziane


2 Cose nostre<br />

WAS UNS DIESEN MONAT BEEINDRUCKT HAT<br />

OSTINAZIONE<br />

HARTNÄCKIGKEIT<br />

In Italia quella del medico è una professione molto<br />

ambita e sono tanti i giovani che vogliono studiare<br />

Medicina. Alcuni dicono che sono troppi. Quasi tutte le<br />

Facoltà di Medicina in Italia sono infatti “a numero<br />

chiuso” ormai da molti anni. Secondo una ricerca, per<br />

aggirare questo problema, migliaia di italiani vanno<br />

ogni anno a studiare all’estero.<br />

Ad esempio in Romania: solo nella piccola Facoltà di<br />

Arad studiano 600 aspiranti medici italiani. Il loro sogno:<br />

essere medici, ma non per forza in Italia.<br />

Nella foto:<br />

centinaia di<br />

studenti in coda<br />

per sostenere il<br />

test d’ingresso a<br />

una delle due<br />

Facoltà di Medicina<br />

di Napoli. L’anno<br />

passato sono<br />

state 97.000 le<br />

iscrizioni complessive<br />

al test, nelle<br />

41 facoltà italiane.<br />

OSTINAZIONE<br />

ambito begehrt<br />

il numero Numerus<br />

chiuso clausus<br />

aggirare umgehen<br />

all’estero im/ins Ausland<br />

aspirante angehend<br />

il sogno Traum<br />

OPPORTUNITÀ<br />

la guida Stadtführer<br />

spendere ausgeben<br />

l'itinerario Route<br />

scoprire entdecken<br />

inedito neu, hier:<br />

unbekannt<br />

contenuto moderat<br />

PARADOSSO<br />

lo stabilimento Werk<br />

l’impianto Anlage<br />

volerci dauern<br />

la firma Unterschrift<br />

SOLIDARIETÀ<br />

il terremoto Erdbeben<br />

il danno<br />

la maggior<br />

parte<br />

l’azienda<br />

donare<br />

mettere a<br />

disposizione<br />

la ripresa<br />

Schaden<br />

der größte<br />

Teil<br />

Unternehmen<br />

spenden<br />

zur Verfügung<br />

stellen<br />

Wiederaufnahme<br />

des Betriebs<br />

© Ansa, Shutterstock<br />

OPPORTUNITÀ<br />

CHANCE<br />

Se avete in programma di andare<br />

a Roma, vi segnaliamo una nuova<br />

guida del Touring Club Italiano<br />

pensata per chi non vuole spendere<br />

troppo. Si chiama Roma Low<br />

Cost, è scritta dal giornalista Stefano<br />

Ardito e ha un prezzo... low<br />

cost : 7,90 euro! La guida propone<br />

11 itinerari a piedi per scoprire la<br />

capitale, i suoi angoli inediti e visitare<br />

monumenti per lo più gratuiti.<br />

Non mancano indirizzi di osterie,<br />

caffè, rosticcerie, ma anche di<br />

botteghe e negozi per comprare<br />

a prezzi contenuti.<br />

PARADOSSO<br />

PARADOXON<br />

È un paradosso: l’impresa italiana di<br />

Giovanni Rana, ora guidata dal figlio<br />

Gianluca, che produce pasta fresca,<br />

ha aperto un nuovo stabilimento a<br />

Bartlett, dalle parti di Chicago. Ma<br />

come! L’Italia è il paese della pasta!<br />

Perché si va a produrre in America?<br />

“Colpa della burocrazia”, dice Rana.<br />

Per realizzare l’impianto italiano di<br />

San Giovanni Lupatoto, in provincia di<br />

Verona, ci sono voluti sette anni. Per<br />

quello americano ci sono voluti solo 11<br />

mesi. Un altro esempio: per autorizzare<br />

la costruzione dell’impianto negli<br />

Stati Uniti sono servite<br />

solo cinque<br />

firme. In Italia<br />

più di 5.000.<br />

SOLIDARIETÀ<br />

SOLIDARITÄT<br />

Ve lo ricordate il terremoto dell’Emilia?<br />

Sì, proprio quello che tra il<br />

20 e il 29 maggio 2012 ha distrutto<br />

case e attività produttive con<br />

danni all’economia per 11,5 miliardi<br />

di euro. Oggi, a meno di un anno<br />

di distanza, la maggior parte delle<br />

5.000 aziende colpite è tornata a<br />

produrre. Grazie alla solidarietà.<br />

E non solo la solidarietà della gente<br />

comune che ha donato somme<br />

di denaro. Gli aiuti sono arrivati<br />

anche dalla concorrenza: diverse<br />

imprese hanno messo i loro macchinari<br />

a disposizione di imprese<br />

concorrenti per aiutare la ripresa.


Che amore! 3<br />

Tra Antonia e<br />

Rajiv è amore a<br />

prima vista. Lei si<br />

trasferisce in<br />

India, cambia<br />

nome in Sonia e<br />

condivide con<br />

Rajiv Gandhi la<br />

carriera politica.<br />

Antonia Maino e Rajiv Gandhi<br />

Wenn aus der Liebe zu einem Mann die Liebe zu einer ganzen Nation wird:<br />

Sonia Gandhi, gebürtige Italienerin und Witwe von Rajiv, ist heute eine der<br />

führenden Politikerinnen Indiens.<br />

il governo<br />

al sesto<br />

posto<br />

influente<br />

trasformarsi<br />

il corteggiamento<br />

opporsi<br />

la paura<br />

Regierung<br />

an sechster<br />

Stelle<br />

einflussreich<br />

zu etw.<br />

werden<br />

Werben<br />

sich dagegen<br />

stellen<br />

Angst<br />

Si chiama Antonia Edvige<br />

Albina Maino, è<br />

nata a Lusiana, in provincia<br />

di Vicenza, il 9 dicembre<br />

1946, ed è cresciuta a Orbassano,<br />

in provincia di Torino.<br />

Oggi è presidente del<br />

Partito del Congresso indiano,<br />

che è attualmente al governo.<br />

È quindi uno dei personaggi politici più importanti<br />

della storia moderna dell’India. Secondo<br />

Forbes, Sonia Gandhi, questo il nome scelto da lei<br />

in India, è al sesto posto tra le persone più influenti<br />

del pianeta. Ma come ci è arrivata?<br />

Alla base di questa sua incredibile carriera c’è un<br />

grande amore. L’amore per un uomo, Rajiv Gandhi,<br />

figlio di Indira Gandhi, primo ministro dell’India, e<br />

più tardi anche lui premier indiano. L’amore per un<br />

uomo che, con gli anni, si è trasformato in amore<br />

per un’intera nazione. I due si conoscono a Cam-<br />

poten- extrem bridge negli anni Sessanta.<br />

tissima mächtig Lei è una studentessa di inglese,<br />

lui studia ingegneria al<br />

a meraviglia wunderbar<br />

condividere teilen<br />

Trinity College. “Amore a<br />

uccidere töten<br />

prima vista”, come ha detto<br />

seguire le in jds. Fußorme<br />

di stapfen la stessa Sonia più di una<br />

qcn. treten volta. Il corteggiamento di<br />

dedicare widmen Rajiv, però, dura tre anni: la<br />

famiglia di lei si oppone a un<br />

amore che la porterà lontana dall’Europa, in una cultura<br />

tanto diversa. E poi Sonia ha paura, soprattutto<br />

della potentissima Indira Gandhi, la madre di lui. Ma<br />

quando le due donne si conoscono, tutto funziona<br />

a meraviglia. Diventano amiche.<br />

Sonia sposa Rajiv nel 1968 e condivide con lui tutta<br />

la carriera politica. Lui diventa premier quando sua<br />

madre viene uccisa, nel 1984. Nel 1991 viene ucciso<br />

anche lui. Sonia decide di seguire le orme del marito<br />

e di dedicare il resto della sua vita all’India. Da allora<br />

è la numero 1 del Partito del Congresso.<br />

Disegno di: Isadora Mancusi<br />

febbraio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


4<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

“Poveri” bambini...<br />

Zahlreiche Sozialprojekte versuchen Neapels Kinder von der Straße und<br />

Kriminalität fernzuhalten. Wichtige Gelder dafür fließen jetzt in andere Projekte.<br />

Napoli è una città con molti problemi, come la criminalità,<br />

la povertà, i grandi contrasti sociali. Nei<br />

cosiddetti “quartieri a rischio” della città sono migliaia<br />

i bambini e i ragazzi che, per mancanza di altre<br />

prospettive, rischiano di diventare piccoli soldati della<br />

camorra, la terribile organizzazione criminale campana.<br />

Contro questo pericolo si battono molte organizzazioni<br />

laiche e religiose, che offrono a 2.500<br />

ragazzi un’assistenza che va dalla garanzia del vitto<br />

la povertà<br />

la mancanza<br />

il pericolo<br />

battersi<br />

la garanzia<br />

il vitto<br />

il denaro<br />

il debito<br />

Armut<br />

Fehlen<br />

Gefahr<br />

ankämpfen<br />

Absicherung<br />

Verpflegung<br />

Geld<br />

Schulden<br />

Sozial-<br />

einrichtung<br />

sich anketten<br />

Bürgermeister<br />

Mittel<br />

Feuerbestat-<br />

tungsofen<br />

l’ente (m.) di<br />

assistenza<br />

incatenarsi<br />

il sindaco<br />

i fondi pl.<br />

il forno<br />

crematorio<br />

quotidiano alla scuola, a tutta una serie di attività<br />

che li tengono lontano dalla strada. Naturalmente,<br />

per poterlo fare occorrono tanti soldi. Denaro che<br />

la città di Napoli, a quanto pare, non ha. Il debito<br />

della città ha ormai raggiunto i 2 miliardi di euro e i<br />

finanziamenti agli enti di assistenza sono bloccati dal<br />

2008! Per cercare di sbloccare la situazione, le suore<br />

di alcuni istituti sono arrivate a incatenarsi davanti<br />

al municipio. Di fronte alle proteste, il sindaco di Napoli,<br />

Luigi de Magistris, ha promesso di trovare dei<br />

fondi, ma finora gli istituti non hanno visto nemmeno<br />

un centesimo. In compenso il Comune ha deciso di<br />

finanziare con 14 milioni di euro una serie di opere,<br />

tra cui migliorie dell’arredo urbano e la realizzazione<br />

di un forno crematorio. E per i progetti per i bambini<br />

dei quartieri a rischio neanche l’ombra di un soldo...<br />

© Ansa, Shutterstock (4)<br />

Dal 2008 il Comune di Napoli<br />

non riesce più a finanziare i<br />

centri che si occupano dei ragazzi<br />

nei quartieri “a rischio”.


5<br />

Il bar del silenzio<br />

Italiens Gesellschaft schenkt den Gehörlosen<br />

vermehrt Gehör. Dies spiegelt<br />

sich in einer Reihe von Initiativen<br />

zur allgemeinen Sensibilisierung und<br />

Integration wider.<br />

Essere disabile in Italia non vuol più dire essere<br />

escluso dalla società. Forse con qualche ritardo,<br />

la consapevolezza del problema sta crescendo. Le<br />

barriere architettoniche vengono pian piano abbattute<br />

e chi è disabile (o “diversamente abile”,<br />

come si preferisce dire) sa di avere dei diritti. Una<br />

categoria di disabili, quella dei sordi, è particolarmente<br />

attiva. A Bologna, in Via Belvedere, c’è un<br />

bar, Senza nome, gestito appunto da una coppia<br />

di sordi. Potremmo chiamarlo “il bar del silenzio”.<br />

Per ordinare è inutile parlare: bisogna usare il linguaggio<br />

dei sordi, con le due mani. Ci sono foto<br />

alle pareti per insegnare i simboli più facili ai clienti<br />

e uno specchio per esercitarsi. Un modo per portare<br />

più vicini due mondi che fino a poco tempo<br />

fa non comunicavano. Ma non è l’unica iniziativa<br />

che parte dai sordi per<br />

disabile behindert comunicare con il resto<br />

escluso ausgeschlossen<br />

il ritardo Verspätung del mondo: a Genova, a<br />

la consapevolezza<br />

Bewusstsein za domenica del mese ci<br />

Palazzo Ducale, ogni ter-<br />

abbattere abbauen<br />

il diritto Recht sono visite guidate con<br />

il sordo Gehörloser interpreti Lis (la Lingua<br />

gestire leiten italiana dei segni). L’Ente<br />

nazionale sordi è una<br />

la coppia Paar<br />

il silenzio Stille<br />

ordinare etw. bestellen delle associazioni più attive<br />

in Italia e organizza<br />

la parete Wand<br />

lo specchio Spiegel<br />

esercitarsi üben corsi di formazione, mostre<br />

e attività culturali.<br />

la lingua Gebärdendei<br />

segni sprache www.ens.it<br />

I gestori del bar Senza nome<br />

di Bologna. Qui, per ordinare,<br />

si usa il linguaggio dei segni.<br />

© G. Ventriglia. Disegni di F. Cirri/Prodigo<br />

febbraio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


6 Vieni via con me<br />

Arezzo<br />

Jeden Monat schicken wir Sie mit einem Ortskundigen auf eine Entdeckungsreise an<br />

sieben besondere Orte: Italienische Städte authentisch erleben – abseits der üblichen<br />

Touristenrouten. Diesen Monat führt Sie Fabio durch „sein“ Arezzo (Toskana).<br />

© Uff. stampa Comune di Arezzo<br />

1 Girovagate tra i banchi della Fiera Antiquaria<br />

(www.fieraantiquaria.org), che anima il centro<br />

storico il primo fine settimana di ogni mese. In Via<br />

Cavour e in Piazza della Badia, la Fiera continua<br />

con gli espositori di artigianato.<br />

2 Passate una serata in Piazza Sant’Agostino gustando<br />

un gelato, un aperitivo o una cena toscana.<br />

Il Circolo Culturale Aurora, che si trova nella<br />

piazza, organizza quasi ogni sera spettacoli di<br />

musica, cabaret e teatro.<br />

girovagare herumbummeln<br />

3 Cercate e fotografate i<br />

il banco Stand luoghi dove è stato ambientato<br />

La vita è bella, il famoso<br />

l’espositore<br />

m. Aussteller<br />

l’artigianato Handwerk film di Roberto Benigni. Tra<br />

lo spettacolo Aufführung questi, non perdete lo storico<br />

Caffè dei Costanti<br />

ambientare spielen<br />

lassen<br />

la collezione Sammlung (www.caffedeicostanti.it),<br />

in Piazza<br />

l’arredo Möbelstück<br />

d’epoca historisch<br />

il pezzo<br />

San Francesco.<br />

unico Einzelstück 4 Salite fino al Prato, il<br />

la bottega Laden<br />

il maestro Goldschmieorafo<br />

demeister Arezzo con la sua<br />

grande parco che domina<br />

Fortezza<br />

Medicea. Potrete respirare aria buona<br />

e ammirare dall’alto la città.<br />

5 Visitate la Casa Museo di Ivan Bruschi<br />

(www.fondazionebruschi.it)<br />

nel palazzo trecentesco del<br />

Capitano del Popolo. Una<br />

collezione di circa 10.000<br />

pezzi tra arredi d’epoca e<br />

oggetti curiosi, dalla preistoria<br />

fino ai nostri giorni.<br />

6 Volete tornare a casa<br />

con un capo di abbigliamento<br />

esclusivo “made in<br />

Arezzo”? Appena fuori da Porta<br />

San Lorentino trovate la Sartoria<br />

Creativa Bolli: solo pezzi unici fatti a<br />

mano. Dite che vi mando io!<br />

7 Se avete ancora voglia di shopping<br />

e non potete resistere al fascino dei gioielli<br />

preziosi, una tappa obbligatoria sono<br />

le botteghe dei maestri orafi aretini, famosi<br />

in tutto il mondo per le loro creazioni.<br />

febbraio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Era il… 7<br />

FRITOLE VENEZIANE<br />

Per 4 persone<br />

Preparazione 40 min. + 4 h di lievitazione<br />

Ingredienti. 12 g di lievito di birra, 200 g di farina,<br />

40 g di uva passa, 40 g di pinoli, 40 g di cedri<br />

canditi, 60 g di zucchero, 0,5 cl di grappa o rum,<br />

olio di semi.<br />

Preparazione. Sciogliete il lievito di birra in poca<br />

acqua tiepida e zucchero. Aggiungete la grappa e<br />

la farina, poi acqua<br />

quanto basta. Lavorate<br />

la fritola Krapfen<br />

la pasta, copritela con<br />

la lievi- Aufgehen,<br />

un panno e fatela lievitare<br />

in un luogo caldo.<br />

tazione hier: Ruhezeit<br />

il lievito<br />

di birra Bierhefe Quando sarà cresciuta<br />

l’uva passa Rosinen almeno del doppio, unite<br />

l’uvetta, i cedri a<br />

il cedro kandierte<br />

candito Zitronatzitrone pezzetti e i pinoli, fate<br />

sciogliere auflösen<br />

delle palline e friggetele<br />

la pasta Teig<br />

il panno Tuch in olio caldo. Poi scolate<br />

su carta assorbente,<br />

la pallina Kugel<br />

scolare abgießen spolveratele con lo<br />

la carta Küchenassorbente<br />

papier ancora<br />

zucchero e servitele<br />

calde.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock<br />

Chefredakteurin: Rossella Dimola Produktion: Salvatore Viola Autoren:<br />

Marco Montemarano Redaktion: Andrea Balzer, Isabella Bernardin,<br />

Monica Guerra, Giovanna Iacono, Simona Morani, Salvatore Viola<br />

Gestaltung: www.prodigo.de Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369<br />

Saerbeck Gesamt-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56<br />

81-130 Verlag und Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22,<br />

82152 Planegg Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evviva-online.de;<br />

www.adesso-online.de. © 2013 Spotlight Verlag, auch für alle genannten<br />

Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

Era il...<br />

L’Inquisizione brucia<br />

i libri ritenuti eretici.<br />

4 febbraio 1966<br />

Die katholische Kirche schafft den Index<br />

der verbotenen Bücher ab.<br />

Se vi domandano secondo voi quando è stato eliminato<br />

l’Indice dei libri proibiti della Chiesa cattolica,<br />

voi che cosa rispondete? Probabilmente “nel Medioevo”,<br />

oppure “dopo l’Inquisizione”. E invece no! La Chiesa<br />

cattolica romana ha tenuto una lista delle pubblicazioni<br />

proibite ai suoi fedeli fino<br />

l’indice m. Index a tempi molto vicini a noi. Per<br />

proibito verboten<br />

il Medioevo Mittelalter la precisione fino al 4 febbraio<br />

il fedele Gläubiger del 1966, tre anni prima dello<br />

lo sbarco<br />

sbarco sulla Luna! L’Indice era<br />

sulla Luna Mondlandung<br />

sostituire ersetzen stato creato nel 1558 da papa<br />

la Congregazione<br />

per Kongregation so il Sant’Uffizio (l’Inquisizio-<br />

Paolo IV ed era custodito pres-<br />

la dottrina für die<br />

ne). Solo nel 1966 questo ufficio<br />

della Chiesa cattolica è<br />

della fede Glaubenslehre<br />

il secolo Jahrhundert<br />

stato sostituito dalla Congregazione<br />

per la dottrina della fede (di cui è stato “prefetto”<br />

anche Joseph Ratzinger fino a quando è stato eletto<br />

papa). Tra gli autori “proibiti” nei quattro secoli di<br />

storia dell’Indice ci sono Machiavelli e Marx, Sartre e<br />

D’Annunzio, Leopardi e Kant.<br />

© Shutterstock<br />

febbraio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


8 La foto del mese<br />

UN GIGANTE<br />

NELLA<br />

LAGUNA<br />

Non ci sono solo gondole e vaporetti,<br />

lungo i canali della romantica<br />

Venezia. Negli ultimi anni, a solcare<br />

le acque lagunari ci sono infatti anche<br />

enormi navi da crociera. Colossi<br />

del mare, molto alti e lunghi anche<br />

più di 300 metri, che con le loro sagome<br />

imponenti sovrastano i tetti di<br />

Venezia, scorrono lenti lungo il Canale<br />

della Giudecca, passano davanti<br />

al Palazzo Ducale, sfilano vicinissimi<br />

a Piazza San Marco. Certamente lo<br />

spettacolo è impressionante e inconsueto,<br />

ma non a tutti piace. Sono<br />

sempre più numerosi i comitati<br />

che si oppongono al transito delle<br />

navi nella laguna. Secondo molti,<br />

spezzano l’incanto della città e, soprattutto,<br />

sono un pericolo per il suo<br />

già fragile equilibrio ambientale.<br />

solcare befahren<br />

la nave Kreuzda<br />

crociera fahrtschiff<br />

la sagoma Silhouette<br />

sovrastare überragen<br />

sfilare vorbeiziehen<br />

inconsueto ungewöhnlich<br />

spezzare zerstören<br />

l’equilibrio Gleichgewicht<br />

© S. Viola

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!