24.02.2014 Views

ADESSO Chianti - Das Herzstueck der Toskana (Vorschau)

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

11<br />

November<br />

2013<br />

<strong>Chianti</strong><br />

<strong>Das</strong> Herzstück <strong>der</strong> <strong>Toskana</strong><br />

Lingua Da downshifting a showgirl, gli anglicismi nell’italiano di tutti i giorni<br />

L’AMATRICIANA: STORIA E SEGRETI DELLA PASTA ITALIANA PIÙ FAMOSA NEL MONDO<br />

MERAVIGLIA TRA LE ALPI: TRENTO E IL SUO NUOVISSIMO MUSEO DELLE SCIENZE


Gut für<br />

den Kopf!<br />

Besser mit Sprachen. Land und Leute<br />

verstehen – und nebenbei die Sprache<br />

lernen. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Ausgaben<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt Ihr Lieblingsmagazin!<br />

www.spotlight-verlag.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Magazins Ihrer Wahl zum Preis von 3<br />

(€ 18,60 / SFR 27,90 – Business Spotlight € 34,50 / SFR 51,75).


EDITORIALE<br />

<strong>Chianti</strong> Classico Il Puro<br />

Riserva 2008 Castello di Volpaia<br />

Erweitern Sie<br />

Ihren Italienisch-<br />

Wortschatz!<br />

<strong>Chianti</strong> Classico Coltus Boni<br />

2009 Badia a Coltibuono<br />

<strong>Chianti</strong> Classico Vigneto di Campolungo<br />

Riserva 2008 Lamole di Lamole<br />

<strong>Chianti</strong> Classico<br />

Riserva 2009 Rocca delle Macie<br />

<strong>Chianti</strong> Classico Montegiachi<br />

Riserva 2009 Agricoltori<br />

del <strong>Chianti</strong> Geografico<br />

<strong>Chianti</strong> Classico<br />

2008 Castell’in Villa<br />

Massimo riconoscimento del “Gambero Rosso” per i vini. Qui sei dei <strong>Chianti</strong> 2013.<br />

Cari lettori,<br />

in Italia c’è un’altra meraviglia. No, questa volta non è un luogo riconosciuto<br />

dall’Unesco Patrimonio dell’umanità, ma il nuovo Museo delle<br />

Scienze a Trento, il MuSe (vedi pag. 50). Io non ci sono ancora stata,<br />

la meraviglia Wun<strong>der</strong><br />

ma a giudicare dal suo slogan – “curiosi<br />

di natura” – è il posto giusto per me.<br />

il patrimonio<br />

Di meraviglia in meraviglia, ci spostiamo<br />

verso sud e arriviamo nella<br />

dell’umanità Weltkulturerbe<br />

a giudicare nach etw.<br />

da qc. zu urteilen “quintessenza del mondo”, come la definì<br />

papa Bonifacio VIII. Siamo in Tosca-<br />

curioso neugierig<br />

il papa Papst<br />

la pieve di<br />

na e questo mese vi parleremo del suo<br />

campagna Landpfarrei giardino dell’Eden, il <strong>Chianti</strong> (vedi pag.<br />

medievale mittelalterlich 12). Il “regno del Gallo nero”, con le sue<br />

il vigneto Weinberg<br />

pievi di campagna, i borghi medievali,<br />

la collina Hügel<br />

l’ombra Schatten i vigneti che assecondano il dolce profilo<br />

la cantina hier: Weinkeller<br />

delle colline, le case coloniche al-<br />

il frantoio Ölpresse<br />

l’ombra dei cipressi e gli uliveti, comincia<br />

pochi chilometri a nord di Siena e si<br />

la fretta Eile<br />

go<strong>der</strong>si genießen<br />

estende fino alle porte di Firenze. Andare<br />

nel <strong>Chianti</strong> significa dunque fare un viaggio fra cantine e frantoi,<br />

botteghe artigianali e vecchie tradizioni, ma soprattutto immergersi<br />

nella natura e nella storia. Lasciate da parte la fretta e godetevi uno dei<br />

paesaggi più belli del mondo!<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-App:<br />

Pro Tag ein italienischer Begriff<br />

mit Audio-Datei für das<br />

Aussprache-Training<br />

mit Erklärung und Beispielsatz<br />

auf Italienisch<br />

Übersetzung ins Deutsche<br />

GRATIS!<br />

Über iTunes Store o<strong>der</strong> Android Market<br />

adesso-online.de/apps<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

12 VIAGGI: CHIANTI<br />

Ein Streifzug durch das <strong>Chianti</strong>-Gebiet: im herbstlichweichen<br />

Novemberlicht laden Geschichtszeugnisse<br />

und Weingüter zum Staunen und Genießen ein.<br />

26 Intervista: Inge Schönthal Feltrinelli<br />

Einst abenteuerlustige Fotoreporterin, ist die Deutsche<br />

heute die Dame des italienischen Verlagswesens.<br />

50 Fine settimana: Trento<br />

Eine spektakuläre Architektur beherbergt das im Juli<br />

eröffnete Museum für Wissenschaft (MuSe) in Trient.<br />

62 L’Italia a tavola: Amatrice con gusto<br />

Pasta all’amatriciana: Nützliches, Wissenswertes<br />

und Geschichtliches zu diesem Pastagenuss<br />

aus dem Latium.<br />

LINGUA<br />

33 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

37 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten, u. a. mit Übersetzungen,<br />

Übungen, Alltagsitalienisch<br />

39 Giocando s’impara...<br />

Wortspiele: Spielerisch Italienisch lernen<br />

40 L’italiano per espresso<br />

Verbessern Sie Ihr Italienisch!<br />

I vostri dubbi: Anglizismen<br />

Una parola tira l’altra: La sala<br />

OPINIONI<br />

24 L’Italia in diretta<br />

<strong>Das</strong> teuflische Gift, von R. Iacona<br />

44 Passaparola<br />

Schreiben als Therapie, von Renata Beltrami<br />

56 Tra le righe<br />

Francesco Totti, von Stefano Vastano<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Posta prioritaria<br />

Leserbriefe<br />

07 Notizie dall’Italia NOVITÀ<br />

Neues aus Italien<br />

29 Scherzi a parte<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

30 I misteri dell’arte: Di chi sarà mai quel volto?<br />

Auch 800 Jahre nach ihrer Entstehung geben diese<br />

Fresken von Giotto in <strong>der</strong> Basilika in Assisi Experten<br />

wie Laien noch Rätsel auf.<br />

32 Botta e risposta<br />

Frauen in den italienischen Medien – Klei<strong>der</strong>stän<strong>der</strong><br />

o<strong>der</strong> Meinungsmacherinnen?<br />

46 Grandangolo NOVITÀ<br />

Aktiver Wettkampfsportler – mit 93!<br />

48 Praticamente parlando<br />

Erbe einer bewegten Geschichte: Zwölf sprachliche<br />

Min<strong>der</strong>heiten leben offiziell in Italien.<br />

55<br />

NOVITÀ<br />

<strong>Das</strong> leichte Heft im Heft – Marken<br />

58 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autor des Monats: Valerio Massimo Manfredi<br />

67 Approfondimento<br />

Was nicht im Wörterbuch steht<br />

70 Anteprima <strong>ADESSO</strong> 12/13<br />

<strong>Vorschau</strong> auf die Dezember-Ausgabe 12/13<br />

QUESTO MESE IN REGALO LA GUIDA TASCABILE<br />

“FLORENZ FÜR FEINSCHMECKER”<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

IN COPERTINA<br />

Badia a Passignano,<br />

in provincia di Firenze,<br />

Toscana.<br />

© HUBER / SIME<br />

Fe<strong>der</strong><br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Texte zum Anhören<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Thematische Sprachübungen<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

italienische Musik, Übungen zu<br />

Grammatik und Aussprache: CD<br />

mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nützlich und unterhaltsam:<br />

<strong>Das</strong> Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong><br />

mit Zusatzübungen. Info unter<br />

Tel.: (0049) 89-85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-85681 -152;<br />

Fax: -159; Mail: schulmedien@spotlight-verlag.de.<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen… Mit<br />

<strong>ADESSO</strong> Premium freier Zugang<br />

zum Nachrichten- und Übungsarchiv.<br />

ABONNENTEN-SERVICE: tel. (0049) 89-85681-16; fax (0049) 89-85681-159; e-mail: abo@spotlight-verlag.de


NOVEMBRE 2013<br />

46<br />

50<br />

12<br />

62<br />

56


BETONUNG<br />

DER WÖRTER<br />

u Sehr geehrte<br />

<strong>ADESSO</strong>-Redaktion,<br />

ich bin seit langem begeisterter<br />

Leser von <strong>ADESSO</strong>. Lei<strong>der</strong><br />

habe ich allerdings bisher<br />

noch nicht verstanden, wann<br />

Sie die Betonung <strong>der</strong> italienischen<br />

Wörter explizit hervorheben.<br />

Da eine Kennzeichnung<br />

offensichtlich nicht<br />

bei allen Wörtern erfor<strong>der</strong>lich<br />

ist, bitte ich Sie um eine kurze<br />

Erklärung Ihrer Auswahl.<br />

Alexan<strong>der</strong> Schmidt<br />

Sehr geehrter Herr Schmidt,<br />

wir kennzeichnen generell<br />

alle Wörter, die nicht auf <strong>der</strong><br />

vorletzten Silbe betont werden<br />

durch eine Unterstreichung<br />

des zu betonenden<br />

Vokals. Zudem heben wir<br />

bei allen Wörtern, die auf<br />

zwei Vokale enden, die<br />

Betonung hervor, auch<br />

wenn diese regelmäßig ist.<br />

Beispiel: la farmacia,<br />

la voglia. Wir hoffen, dass<br />

wir Ihre Unklarheiten beseitigen<br />

konnten und wünschen<br />

Ihnen weiterhin viel Spaß<br />

mit <strong>ADESSO</strong>!<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo e foto: Ulrich Schwendke<br />

UNA BELLA AMICIZIA ITALO-TEDESCA<br />

6<br />

Grazie a Internet ho<br />

conosciuto Paolo<br />

Ferretti di Reggio<br />

Emilia. Dopo poco<br />

tempo siamo diventati<br />

veri amici, e anche le<br />

nostre mogli, così che<br />

Paolo mi ha invitato<br />

insieme a mia moglie<br />

a un compleanno di<br />

sua figlia. Questa festa,<br />

nella trattoria Da<br />

Gianni a Carpineti, in provincia di Reggio Emilia, è stata<br />

meravigliosa. Non ricordo il numero di antipasti, primi e<br />

secondi, i dolci, le bevande, ma tutti erano buonissimi. In<br />

questa occasione ho capito perché sulle tavole degli<br />

italiani, dopo un pasto,<br />

conoscere kennenlernen<br />

la moglie Ehefrau<br />

il compleanno Geburtstag<br />

la figlia Tochter<br />

la bevanda Getränk<br />

il pasto Mahlzeit<br />

la gita Ausflug<br />

l’edificazione f. Bau<br />

la chiesetta kleine Kirche<br />

il castello Burg<br />

settentrionale nördlich<br />

mozzafiato atemberaubend<br />

il caseificio Käserei<br />

Dop (Denominazione di origine<br />

protetta): ital. Siegel für Produkte<br />

mit geschützter Herkunftsbezeichnung<br />

la sigla Abkürzung<br />

acquistare kaufen<br />

la provvista Vorrat<br />

visitare besichtigen<br />

il marchio Markenzeichen<br />

la stagionatura Lagerzeit<br />

pulito sauber<br />

ben arredato gut<br />

ausgestattet<br />

spesso sembra regnare il<br />

caos. Dopo pranzo abbiamo<br />

fatto una gita in montagna,<br />

cioè al castello di<br />

Carpineti, che ha a che fare<br />

con la contessa Matilde<br />

di Canossa. Lei ordinò<br />

l’edificazione della chiesetta<br />

in stile romanico dedicata<br />

a Sant’Andrea, tuttora<br />

ben conservata, come<br />

abbiamo visto. Il castello<br />

invece è in rovina, ma il<br />

panorama dell’Appennino<br />

settentrionale è sorprendente<br />

e mozzafiato. La vista<br />

si estende fino al Monte<br />

Cimone, alto 2.165 m.<br />

Il giorno dopo, Paolo ci ha<br />

guidato a un caseificio a<br />

est di Reggio Emilia dove<br />

si produce il famoso<br />

TRA CASTELLI E<br />

PARMIGIANO,<br />

ALLA SCOPERTA<br />

DELL’EMILIA-ROMAGNA<br />

Da sinistra: il gruppo al<br />

castello di Carpineti, in<br />

provincia di Reggio Emilia;<br />

l’abbazia di Nonantola,<br />

in provincia di Modena;<br />

Paolo Ferretti tra le forme<br />

di Parmigiano Reggiano.<br />

Parmigiano Reggiano<br />

Dop. Questa sigla significa<br />

Denominazione<br />

di origine protetta.<br />

Naturalmente abbiamo<br />

acquistato una<br />

buona provvista di<br />

formaggio, perché lo<br />

usiamo frequentemente<br />

nella nostra<br />

cucina. Abbiamo potuto<br />

anche visitare l’interno del caseificio, dove abbiamo<br />

visto, fra l’altro, grandi forme di Parmigiano Reggiano<br />

che portavano il marchio ovale impresso a fuoco. Tante<br />

avevano una stagionatura di due anni. Dopo la visita del<br />

caseificio, pulito e ben arredato, abbiamo proseguito il<br />

nostro viaggio per conoscere altri luoghi, per esempio<br />

l’abbazia di Nonantola, fondata nel 752. L’Italia è piena<br />

di buona cultura e di bella natura.<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, “La voce dei lettori”,<br />

Postfach 1565, D-82144 Planegg, fax +49 89 85681-360, e-mail:<br />

adesso@spotlight-verlag.de. Oggetto: La voce dei lettori<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absen<strong>der</strong> zurückgesandt.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


prima pagina<br />

NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

di: redazione<br />

Il sindaco di Roma (sopra), Ignazio Marino, ha chiuso<br />

al traffico Via dei Fori Imperiali. Per il momento la zona<br />

è a traffico limitato (vedi cartina sotto), ma in futuro<br />

si potrà percorrerla solo a piedi o in bicicletta.<br />

Guarda uno stralcio di un documentario<br />

dedicato ai Fori Imperiali<br />

www.adesso-online.de/fori<br />

URBANISTICA<br />

ROMA: A PIEDI NEI FORI IMPERIALI<br />

È accaduta una piccola rivoluzione<br />

nel cuore dell’Urbe: dal mese di<br />

agosto, Via dei Fori Imperiali – la strada<br />

che porta dal Colosseo a Piazza<br />

Venezia e attraversa l’area archeologica<br />

dei Fori – è chiusa alle automobili<br />

(è aperta solo a taxi, mezzi pubblici<br />

e d’emergenza).<br />

La stampa, anche internazionale, ha<br />

dato grande spazio a questa pedonalizzazione.<br />

Perché tanto interesse<br />

per la viabilità romana? Ignazio Marino,<br />

il sindaco che ha deciso di chiu<strong>der</strong>e<br />

i Fori alle auto, dice che è solo<br />

l’inizio di un progetto molto ambizioso:<br />

creare il più grande parco archeologico<br />

del mondo, dai Fori Imperiali<br />

ai Fori Traianei, fino alla Via Appia Antica.<br />

In futuro Via dei Fori Imperiali<br />

sarà aperta solo a pedoni e ciclisti,<br />

ma senza l’asfalto, che verrà tolto per<br />

fare posto a nuovi scavi.<br />

È un progetto importante, ma molti<br />

non sono d’accordo. Già la sola pedonalizzazione<br />

ha causato proteste<br />

e polemiche. Si lamentano per esempio<br />

i commercianti e i residenti della<br />

zona per i danni economici e i disagi.<br />

C’è anche chi ha parlato di “antifascismo<br />

urbanistico”. Infatti Via dei<br />

Fori Imperiali ha un forte valore simbolico,<br />

perché è stata fatta costruire<br />

a piedi pl.<br />

acca<strong>der</strong>e<br />

nel cuore di<br />

l’Urbe f., lett.<br />

attraversare<br />

chiuso a<br />

i mezzi pubblici pl.<br />

il mezzo<br />

d’emergenza<br />

la stampa<br />

la pedonalizzazione<br />

il sindaco<br />

chiu<strong>der</strong>e<br />

l’inizio<br />

zu Fuß<br />

sich ereignen<br />

im Herzen von<br />

Rom<br />

queren<br />

gesperrt für<br />

öffentliche<br />

Verkehrsmittel<br />

Einsatzfahrzeug<br />

Presse<br />

Verkehrsberuhigung<br />

Bürgermeister<br />

sperren<br />

Anfang<br />

da Mussolini tra il 1924 e il 1932. Per<br />

collegare il Colosseo a Piazza Venezia,<br />

il centro dell’Impero fascista, è<br />

stato eliminato addirittura un intero<br />

quartiere. Eppure Ignazio Marino<br />

sembra molto deciso. I sindaci di Roma<br />

che in passato hanno parlato della<br />

pedonalizzazione dei Fori sono<br />

molti. Lui è l’unico che l’ha realizzata.<br />

ambizioso<br />

il pedone<br />

il, la ciclista<br />

lo scavo<br />

d’accordo<br />

lamentarsi<br />

il, la residente<br />

il danno<br />

il disagio<br />

costruire<br />

addirittura<br />

il quartiere<br />

deciso<br />

realizzare<br />

ehrgeizig<br />

Fußgänger<br />

Fahrradfahrer, -in<br />

Ausgrabung<br />

einverstanden<br />

sich beklagen<br />

Anwohner, -in<br />

Schaden<br />

Unannehmlichkeit<br />

bauen<br />

sogar<br />

Stadtviertel<br />

entschlossen<br />

verwirklichen<br />

7<br />

© ANSA<br />

BLU:<br />

ZTL allargata<br />

ROSSO:<br />

Tratto per bus e taxi<br />

VERDE:<br />

Viabilità privata<br />

Colosseo


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

cultura e spettacolo<br />

8<br />

IL CD DEL MESE<br />

SOTTO CASA<br />

di MAX GAZZÈ<br />

Durata complessiva: 37' Discografia recente: Raduni 1995-2005<br />

(2005), Tra l'aratro e la radio (2008), Quando? (2010)<br />

Esce quest’anno l’ottavo disco di<br />

Max Gazzè, intitolato Sotto casa.<br />

L’album è quasi tutto sull’amore,<br />

cantato sotto ogni aspetto. C’è<br />

l’amore che finisce, quello che resiste<br />

nel tempo, quello segnato<br />

dalla gelosia e quello violento.<br />

Uno dei brani più interessanti è proprio Sotto casa, presentato<br />

all’ultima edizione di Sanremo. “L’idea di questo<br />

testo – ha spiegato Max Gazzè – è venuta a me e a mio<br />

fratello pochi minuti dopo aver avuto una lunga conversazione<br />

con due testimoni di Geova venuti a citofonare<br />

a casa nostra. Il testo di questo brano mi piace molto,<br />

perché mette in luce molti tratti caratteriali del<br />

mondo mo<strong>der</strong>no. Uno di essi è proprio la chiusura della<br />

fede e la distanza tra mondo laico e mondo religioso”.<br />

VINCI IL CD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung] dei CD in palio. Entro il<br />

27 novembre vai alla pagina www.adesso-online.de/gewinnspiel<br />

oppure spedisci una cartolina al seguente indirizzo: Spotlight<br />

Verlag, <strong>ADESSO</strong>, CD del mese – Max Gazzè, Fraunhoferstr. 22,<br />

D-82152 Planegg. Per chi non vince, il CD è in vendita, insieme a<br />

tanti altri capolavori della musica italiana, da:<br />

MUSIC PARADISE, Rebgasse 49, CH-4058 Basel,<br />

tel. (0041) 61 68192407, fax (0041) 61 6812127.<br />

E-mail imp@musicparadise.ch; www.musicparadise.ch;<br />

Facebook Music Paradise<br />

CERCASI LIBRI A LAMPEDUSA<br />

Difficile da cre<strong>der</strong>e, ma sull’isola di Lampedusa non esistono<br />

né biblioteche, né librerie. Eppure parliamo di un’importante<br />

meta turistica, che in estate ha oltre 6.000 abitanti.<br />

I fondi pubblici, come al solito, non ci sono. Il sindaco Giusi<br />

Nicolini ha deciso allora di rivolgersi a tutta l’Italia: “Mandate<br />

i vostri libri a Lampedusa”, ha chiesto a luglio tramite i mezzi<br />

di comunicazione. La risposta è stata straordinaria. A fine<br />

agosto erano arrivate sull’isola più di 400 scatole di libri,<br />

mandate da cittadini, case editrici, comuni e associazioni.<br />

La raccolta è ancora in corso e in inverno aprirà la prima<br />

biblioteca dell’isola.<br />

IL PRINCIPE<br />

COMPIE 500 ANNI<br />

Nel 2013 si festeggiano i 500 anni de Il Principe, l’opera<br />

più famosa di Niccolò Machiavelli. Consi<strong>der</strong>ato il testo<br />

fondatore della scienza politica mo<strong>der</strong>na, Il Principe è, con<br />

Pinocchio di Carlo Collodi, il libro italiano più tradotto nel<br />

mondo. Ancora oggi è una lettura straordinaria per la profondità<br />

filosofica e l’acuta capacità di osservazione psicologica<br />

dell’autore. Tra le iniziative per celebrarlo, segnaliamo<br />

la mostra che verrà allestita alla Biblioteca nazionale di Firenze<br />

e che si concentra sulla vita politica della Firenze di<br />

Savonarola e sulla vita di Machiavelli.<br />

La via al Principe, 10 dicembre 2013 - 22 febbraio 2014,<br />

Biblioteca nazionale centrale di Firenze, +39 055 249191.<br />

CD DEL MESE<br />

ottavo achter<br />

il disco Schallplatte<br />

l’amore m. Liebe<br />

cantato besungen<br />

la gelosia Eifersucht<br />

violento gewalttätig<br />

il brano Stück<br />

il fratello Bru<strong>der</strong><br />

il, la testimone Zeuge, Zeugin<br />

di Geova Jehovas<br />

mettere<br />

in luce f. beleuchten<br />

laico weltlich<br />

LAMPEDUSA<br />

cre<strong>der</strong>e glauben<br />

la libreria Buchhandlung<br />

in estate f. im Sommer<br />

i fondi öffentliche<br />

pubblici pl. Gel<strong>der</strong><br />

rivolgersi a sich wenden an<br />

straordinario außerordentlich<br />

la scatola Schachtel<br />

il cittadino Bürger<br />

la casa<br />

editrice Verlag<br />

l’associazione<br />

f. Verein<br />

la raccolta Sammlung<br />

in corso in Gang<br />

MACHIAVELLI<br />

Il Principe “Der Fürst”<br />

l’opera Werk<br />

famoso berühmt<br />

Niccolò<br />

Machiavelli vedi pag. 67<br />

la scienza Politikpolitica<br />

wissenschaft<br />

tradotto übersetzt<br />

la profondità Tiefe<br />

acuto scharf<br />

la capacità di Beobachosservazione<br />

f. tungsgabe<br />

la mostra Ausstellung<br />

allestito ausgerichtet<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


economia<br />

MOLE COLA, LA COLA TUTTA ITALIANA<br />

Una cola tutta italiana è la sfida di due imprenditori piemontesi,<br />

Graziano Scaglia e Francesco Bianco, già famosi<br />

per aver aperto quattro anni fa a Torino il primo fast food<br />

etico e a chilometro zero (www.mbun.it). La nuova cola<br />

prende il nome dal simbolo della città di Torino,<br />

la Mole Antonelliana, e per il momento si trova<br />

solo in Piemonte e Valle d’Aosta. L’obiettivo è raggiungere<br />

tutta l’Italia, con una vera e propria rete di distribuzione.<br />

“Il nostro prodotto – spiegano<br />

Graziano e Francesco – nasce dall’esigenza<br />

filosofica di avere una bevanda italiana,<br />

buona e che fa anche del bene”. Infatti, il<br />

30% degli utili viene donato all’organizzazione<br />

internazionale Sos Villaggio dei<br />

bambini. www.bevimolecola.it<br />

LA PAROLA<br />

DEL MESE<br />

ANGELO<br />

CUSTODE<br />

C’è un angelo custode “tradizionale”, quello<br />

che, secondo la cristianità, protegge ogni<br />

persona, ma da oggi c’è anche l’angelo del<br />

fisco. Sì, proprio così. Si tratta di un funzionario<br />

delle tasse, che, in incognito, passa<br />

tutta la giornata in un esercizio pubblico accanto al cassiere e controlla<br />

gli scontrini. Se, alla fine della giornata, gli scontrini sono molti di più che<br />

nei giorni precedenti, scattano i controlli e le multe. Questi controlli a sorpresa,<br />

i “blitz”, sono iniziati a Cortina nel Natale del 2011, per poi arrivare<br />

nei negozi, negli alberghi e nelle discoteche di tutta Italia. Le polemiche<br />

sono molte, anche se tutti pensano che i<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascola il reportage<br />

sull’evasione fiscale in Italia.<br />

Ascolta uno stralcio<br />

del reportage<br />

www.adessoonline.de/evasione<br />

controlli sono necessari per ristabilire le<br />

regole. Si discute molto, invece, sulle entrate<br />

spettacolari dei finanzieri nei negozi,<br />

un po’ troppo in stile western.<br />

IL PERCHÉ<br />

POVERO<br />

IN CANNA<br />

Perché si dice “povero in canna”?<br />

Markus Müller<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice<br />

dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.<br />

Questa espressione indica in genere una<br />

persona molto povera,<br />

che non ha i<br />

mezzi sufficienti per<br />

vivere. Le ipotesi sulla<br />

sua origine sono molte. Di<br />

sicuro la canna è utilizzata<br />

come simbolo di fragilità e debolezza<br />

(tremare come una canna<br />

significa “tremare per il freddo o per<br />

la paura”). Secondo alcuni, povero in<br />

canna rimanda ai mendicanti che anticamente<br />

camminavano usando una<br />

canna come bastone per appoggiarsi.<br />

Giuseppe Manuzzi, nel suo Vocabolario<br />

del 1833, paragonava invece la povertà<br />

dell’individuo alla povertà della canna, che<br />

dentro è vuota. Altri citano la descrizione<br />

che l’evangelista Matteo fa di Cristo (Matteo,<br />

27, 27-31), in cui la canna è simbolo<br />

della povertà assoluta.<br />

Nella letteratura italiana l’espressione povero<br />

in canna compare per la prima volta<br />

in Franco Sacchetti, poeta e scrittore popolare<br />

del Trecento: “Tutti quelli che vanno<br />

tralunando, stanno la notte su’ tetti come<br />

le gatte, hanno tanto gli occhi al cielo che<br />

perdono la terra, essendo sempre poveri<br />

in canna”.<br />

Inviate i vostri perché a:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

9<br />

MOLE COLA<br />

l’imprenditore m. Unternehmer<br />

l’obiettivo Ziel<br />

raggiungere abdecken<br />

la rete di<br />

distribuzione f. Vertriebsnetz<br />

l’esigenza Anspruch<br />

la bevanda Getränk<br />

l’utile m. Gewinn<br />

donare spenden<br />

ANGELO CUSTODE<br />

l’angelo custode Schutzengel<br />

proteggere beschützen<br />

il fisco Steuerbehörde<br />

il cassiere Kassierer<br />

lo scontrino Kassenzettel<br />

la multa Strafe<br />

il negozio Geschäft<br />

necessario notwendig<br />

l’entrata Einnahme<br />

troppo zu sehr<br />

IL PERCHÉ<br />

povero arm<br />

sufficiente per ausreichend zu<br />

l’origine f. Herkunft<br />

la canna Schilfrohr<br />

la debolezza Schwäche<br />

tremare zittern<br />

la paura Angst<br />

il, la mendicante Bettler, in<br />

il bastone Stock<br />

vuoto leer<br />

la descrizione Beschreibung<br />

tralunare<br />

ant. per<br />

osservare Sterne<br />

gli astri pl. beobachten<br />

il tetto Dach<br />

la gatta Katze<br />

al cielo im Himmel<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

costume e società<br />

10<br />

IL RAGÙ A TEMPO<br />

Siamo nel ristorante Tandem, in Via Giovanni Paladino,<br />

nel centro storico di Napoli. Manuela Mirabile<br />

ha avuto una singolare iniziativa, la pausa ragù a un euro<br />

al minuto. In pratica, funziona così: il cameriere porta in<br />

tavola un’abbondante ciotola di ragù e alcune fette di<br />

pane. Parte il cronometro e il cliente paga un euro per<br />

ogni minuto di “scarpetta”. Fare la scarpetta vuol dire<br />

intingere il pane nel sugo, per pulire bene il piatto senza<br />

lasciare nessuna traccia. “L’idea è nata a tavola con mia<br />

nonna, davanti a un bel piatto di ragù e a una bella bottiglia<br />

di vino”, racconta Manuela. La trovata è originale<br />

e, in tempo di crisi, un’ottima soluzione per un pasto<br />

veloce ed economico. Non tutti però la pensano così.<br />

Per i più tradizionalisti è un oltraggio, un tentativo di fastfoodizzare<br />

un famoso piatto napoletano, che va assaporato<br />

lentamente, anche per rispetto del tempo necessario<br />

per prepararlo (vedi <strong>ADESSO</strong> 03/12, pag. 62).<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

BUON COMPLEANNO<br />

OMINO CON I BAFFI!<br />

Cosa c’è di più italiano della caffettiera? Nel 2013 uno dei<br />

simboli più famosi del made in Italy compie 80 anni. La<br />

caffettiera, così come la conosciamo oggi, nasce infatti nel<br />

1933 sul lago d’Orta, in Piemonte. La inventa Alfonso Bialetti<br />

nella sua piccola fabbrica di semilavorati in<br />

alluminio. L’idea gli viene guardando le donne<br />

del paese di Omegna lavare i panni sulle rive del<br />

lago. Sotto un contenitore con il fondo bucato,<br />

nel quale ci sono i panni da lavare, le donne<br />

mettono sapone e cenere presa dal focolare.<br />

A contatto con l’acqua, il sapone e<br />

la cenere producono una schiuma che sale<br />

fino al contenitore dei panni. Bialetti<br />

usa lo stesso principio per costruire la<br />

caffettiera. Grazie a questa intuizione,<br />

l’arte di fare il caffè diventa una<br />

semplice pratica quotidiana, alla<br />

portata di ogni famiglia. Merito<br />

dell’ingegno italiano e della sua<br />

creatività. Dalla fine degli anni Cinquanta,<br />

infatti, la Moka Bialetti viene<br />

lanciata nel programma Carosello da<br />

un buffo personaggio creato da Paul<br />

Campani, “l’omino coi baffi”, che<br />

diventa il logo del marchio. Un<br />

successo tutto italiano che oggi,<br />

con 300 milioni di moka vendute,<br />

è entrato nelle case di tutto il<br />

mondo, ma anche in importanti<br />

musei, come la Triennale del Design<br />

di Milano e il Museo di Arte mo<strong>der</strong>na<br />

di New York.<br />

200<br />

litri è il consumo<br />

medio d’acqua al giorno<br />

di un italiano (il consumo<br />

medio giornaliero di un tedesco<br />

è di 122 litri). Di questi 200 litri,<br />

solo il 3,5% serve per bere e cucinare.<br />

L’Italia, infatti, ha il record<br />

poco invidiabile del consumo<br />

d’acqua in bottiglia: 165 litri<br />

pro capite all’anno.<br />

(Dati Istat)<br />

RAGÙ<br />

il ragù Fleischsoße<br />

a tempo auf Zeit<br />

il cameriere Ober<br />

la ciotola Schüssel<br />

la fetta<br />

di pane m. Stück Brot<br />

il cronometro Stoppuhr<br />

il, la cliente Kunde, -in<br />

intingere eintunken<br />

il piatto Teller<br />

la traccia Spur<br />

economico günstig<br />

l’oltraggio hier: Verrat<br />

an <strong>der</strong> ital.<br />

Esskultur<br />

il tentativo Versuch<br />

assaporare genießen<br />

200<br />

giornaliero Tagescucinare<br />

kochen<br />

la bottiglia Flasche<br />

pro capite pro Kopf<br />

BUON COMPLEANNO<br />

l’omino Männchen<br />

il baffo Schnurrbart<br />

la caffettiera, la moka: einfache<br />

Espressomaschine für zuhause<br />

inventare erfinden<br />

il semilavorato Halbfertigware<br />

lavare Wäsche<br />

i panni pl. waschen<br />

la riva Ufer<br />

il contenitore Behälter<br />

con il fondo mit durchlöbucato<br />

chertem Boden<br />

la cenere Asche<br />

il focolare Feuerstelle<br />

il sapone Seife<br />

la schiuma Schaum<br />

il merito Verdienst<br />

il marchio Marke<br />

il museo Museum<br />

© F.Cirri/PRODIGO<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

scienza<br />

MAR MEDITERRANEO,<br />

UN MARE TROPICALE<br />

Il nostro Mar Mediterraneo diventa sempre<br />

più tropicale. Negli ultimi 20 anni, 98 nuove<br />

specie marine su 100 sono specie tropicali,<br />

arrivate soprattutto dal Mar Rosso e dall’Oceano<br />

Atlantico. Purtroppo sono soprattutto meduse,<br />

pericolose non solo per l’uomo, ma anche<br />

per i pesci, perché mangiano i pesci<br />

appena nati. Le cause sono le temperature<br />

sempre più alte e la pesca, che ha decimato i<br />

pesci predatori più grandi. Gennaro Esposito,<br />

chef del ristorante<br />

Torre del la specie Art<br />

Saracino di Vico purtroppo lei<strong>der</strong><br />

Equense, in provincia<br />

la medusa Qualle<br />

di Napoli, pericoloso gefährlich<br />

ha approfittato il pesce Fisch<br />

di questo fenomeno<br />

la pesca Fischfang<br />

e ha in-<br />

ventato originali<br />

il pesce<br />

predatore Raubfisch<br />

e gustose ricette<br />

approfittare etw.<br />

a base di me-<br />

di qc. ausnützen<br />

duse.<br />

gustoso schmackhaft<br />

Mehr Vielfalt für Ihren Unterricht.<br />

Gratis für Lehrer<br />

im Abo!<br />

Für mehr Aktualität und Abwechslung in Ihrem Italienisch-Unterricht:<br />

Passend zu jedem Heft: Optimal ergänzendes Lehrmaterial für drei unterschiedliche Sprachniveaus<br />

Didaktisch aufbereitete Übungen, Kopiervorlagen und Vorschläge für Ihre Unterrichtsgestaltung<br />

6 Seiten praxisnahe Expertentipps<br />

Bestellen Sie einfach und bequem unter<br />

www.adesso-online.de/lehrer


VIAGGI - CHIANTI<br />

Un luogo diVino!<br />

CHIANTI<br />

Eine herbstliche Tour durch das beson<strong>der</strong>s reizvolle Herzstück <strong>der</strong> <strong>Toskana</strong><br />

zwischen Florenz und Siena: Die klassische Landschaft des <strong>Chianti</strong>-Gebiets ist<br />

geprägt von Zeugnissen etruskischer und römischer Geschichte und einer<br />

jahrhun<strong>der</strong>tealten Weinbautradition. Und mit etwas Glück treffen Sie einen<br />

Metzger, <strong>der</strong> bei <strong>der</strong> Arbeit Dante rezitiert.<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

12<br />

È UN LUOGO DIVINO, OLTRE CHE “DI VINO”.<br />

CONCEDETECI IL GIOCO DI PAROLE, VISTO CHE<br />

QUI LO SPLENDORE DEL PAESAGGIO VA A BRAC-<br />

CETTO CON LA PREZIOSA QUALITÀ DEI VITIGNI.<br />

Il <strong>Chianti</strong> è un minuscolo scrigno di cultura e buona cucina,<br />

dove può capitare di gustare la miglior bistecca del<br />

mondo mentre l’oste recita la Divina Commedia. E succede<br />

davvero, non è uno scherzo! Il <strong>Chianti</strong> è anche la parte<br />

più bella di una regione che già di per sé è tra le più<br />

belle d’Italia. Chi ama la Toscana non può non amare la<br />

sua parte più intima, più genuina, più apprezzata dal<br />

mondo intero. <strong>Chianti</strong>shire, la chiamano gli inglesi e gli<br />

americani, che ormai hanno colonizzato questi posti perché<br />

li ritengono “the best in the world”.<br />

Benvenuti nel <strong>Chianti</strong>, dunque, inteso come territorio,<br />

ma anche come vino, il celeberrimo vino rosso che qui<br />

si produce. Benvenuti in questo itinerario nel cuore d’Italia<br />

che ammalia la vista e delizia il palato, mentre ci si<br />

avventura nella storia vagando di borgo in borgo. Qui<br />

Medioevo e Rinascimento si fondono, sprigionando un<br />

inconfondibile profumo d’antico. E pensare che prima, ai<br />

tempi degli Etruschi e poi dei Romani, il <strong>Chianti</strong> era quasi<br />

inospitale. C’erano montagne, più che colline, e la limitata<br />

accessibilità lo teneva fuori dalle grandi vie di comunicazione.<br />

Meglio così, visto che ciò ha contribuito a<br />

tenerlo al riparo dalle grandi invasioni barbariche.<br />

göttlich<br />

des Weins,<br />

Wein-<br />

divino<br />

di vino<br />

il gioco<br />

di parole pl.<br />

lo splendore<br />

il paesaggio<br />

andare a<br />

braccetto con<br />

il vitigno<br />

lo scrigno<br />

l’oste m.<br />

davvero<br />

lo scherzo<br />

genuino<br />

apprezzato da<br />

Wortspiel<br />

Schönheit<br />

Landschaft<br />

einhergehen<br />

mit<br />

Rebe<br />

Schatzkiste<br />

Wirt<br />

wirklich<br />

Witz<br />

ursprünglich<br />

geschätzt von<br />

l’inglese m., f.<br />

il territorio<br />

l’itinerario<br />

ammaliare<br />

la vista<br />

deliziare<br />

il palato<br />

vagare<br />

il Medioevo<br />

sprigionare<br />

inconfondibile<br />

il profumo<br />

inospitale<br />

la collina<br />

l’accessibilità<br />

al riparo da<br />

Englän<strong>der</strong>, -in<br />

Gegend<br />

Route<br />

Augen<br />

verzaubern<br />

Gaumen<br />

erfreuen<br />

ziehen<br />

Mittelalter<br />

verbreiten<br />

unverwechselbar<br />

Duft<br />

unwirtlich<br />

Hügel<br />

Erreichbarkeit<br />

geschützt vor<br />

© Laif, Huber/Sime


NEL CUORE DELLA TOSCANA<br />

Nell’altra pagina: il consorzio del<br />

marchio storico del <strong>Chianti</strong><br />

Classico a Castellina in <strong>Chianti</strong>.<br />

Qui: Castellina in <strong>Chianti</strong>.<br />

13<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


VIAGGI - CHIANTI<br />

14<br />

© Huber/Sime (4)<br />

Il borgo medievale di Certaldo, in provincia di Firenze.<br />

GRANDI VINI,<br />

GRANDI AUTORI<br />

Questa terra di vino e di paesaggi incantevoli non poteva<br />

non ispirare grandi autori e artisti. I rigogliosi<br />

vigneti che circondano i paesini medievali del <strong>Chianti</strong> hanno<br />

ospitato e affascinato, tra gli altri, due pilastri della letteratura<br />

italiana: Niccolò Machiavelli (pag. 67) e Giovanni<br />

Boccaccio. Niccolò Machiavelli, dopo essere stato<br />

esiliato da Firenze, nel 1512, si ritirò nella casa paterna,<br />

detta l’Alberghaccio, a San Casciano in Val di Pesa, e proprio<br />

qui compose Il Principe, alternando l’attività letteraria<br />

alla cura dei vigneti. La casa, perfettamente ricostruita,<br />

è visitabile (solo di mattina). Su prenotazione è possibile<br />

partecipare a una degustazione dei vini che vengono prodotti<br />

qui (per informazioni: +39 055 828471).<br />

Appena fuori dal territorio del <strong>Chianti</strong> classico, a pochi chilometri<br />

da Tavarnelle in Val di Pesa, si trova invece l’incantevole<br />

borgo di Certaldo, dove morì Boccaccio, autore<br />

del Decameron. Quest’anno, in occasione del settimo<br />

centenario della sua nascita (1313-2013), sono numerose<br />

le iniziative, tra spettacoli,<br />

ispirare inspirieren letture e istallazioni, organizzate<br />

nei palazzi storici del<br />

rigoglioso üppig<br />

circondare umgeben comune (www.boccaccio2013.it).<br />

È un’ottima oc-<br />

il pilastro Pfeiler<br />

la casa<br />

casione per visitare anche<br />

paterna Vaterhaus<br />

le bellezze di Certaldo alta,<br />

essere besichtigt<br />

come la casa della famiglia<br />

visitabile werden<br />

können<br />

di Boccaccio, il Palazzo<br />

su preno- auf Vorbetazione<br />

f. stellung Tommaso e Prospero e il<br />

Pretorio, la chiesa di San<br />

morire sterben Museo d’Arte sacra, allestito<br />

all’interno di un ex con-<br />

la nascita Geburt<br />

la lettura Lesung vento agostiniano del XV<br />

il convento Kloster secolo.<br />

Più tardi, questo “cuore”<br />

di Toscana divenne il<br />

il campo<br />

di battaglia Schlachtfeld<br />

campo di battaglia in cui si<br />

misuravano le ambizioni<br />

setzung<br />

il potere Macht<br />

lo scontro Auseinan<strong>der</strong>-<br />

innumerevole unzählig<br />

di potere di Siena e Firenze.<br />

Testimoni dei numero-<br />

fortificato befestigter Ort<br />

il borgo<br />

si scontri sono gli innumerevoli<br />

costellare übersäen<br />

castelli e borghi la guida Fahrstil<br />

sinuoso kurvenreich<br />

fortificati che oggi costellano<br />

la pieve Kirche<br />

le campagne. Il resto<br />

rigido streng<br />

il filare Zypressendi<br />

cipressi pl. reihe<br />

del <strong>Chianti</strong> è fatto di verdi<br />

colline solcate da strade sinuose<br />

l’ulivo Olivenbaum<br />

e mai invadenti, che argentato Schimmern<br />

il bagliore silbriges<br />

invitano a una guida lenta incantevole zauberhaft<br />

e tranquilla. Poi è tutto un esplorare erkunden<br />

la vendemmia Weinlese<br />

trionfo di borghi, case coloniche,<br />

l’odore m. Geruch<br />

pievi, ville rinasci-<br />

mentali, dettagli di un meraviglioso quadro naturale in<br />

cui la rigida geometria dei vigneti è ammorbidita da filari<br />

di cipressi, e gli ulivi mandano bagliori argentati che<br />

rendono ancor più incantevoli i colori dell’autunno.<br />

Da dove cominciare per esplorare il <strong>Chianti</strong>, in questi<br />

giorni di fine vendemmia, mentre l’odore del mosto an-<br />

Piazza Matteotti<br />

a Greve in <strong>Chianti</strong>.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


UNA NATURA OSPITALE<br />

In senso orario: agriturismo<br />

Le Volpaie a Greve in <strong>Chianti</strong>;<br />

raccolta dell’uva a Panzano in <strong>Chianti</strong>;<br />

a cavallo a Gaiole in <strong>Chianti</strong>.<br />

cora pervade i vicoli di paesini che sembrano quelli delle fiabe?<br />

C’è chi dice che la “porta” che dà accesso al paradiso si<br />

trovi più o meno a metà strada tra Firenze e Siena, a Greve<br />

in <strong>Chianti</strong>. Si tratta di una delle cittadine più vivaci della zona,<br />

celebre per la sua piazza che… spiazza, perché è stranamente<br />

triangolare, con mirabili portici su ogni lato e, al<br />

centro, la statua di Giovanni da Verrazzano, lo scopritore<br />

della baia di New York. Già qui, nella piazza di Greve, il<br />

<strong>Chianti</strong> tradisce la sua vocazione buongustaia. Il porticato<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Ascolta un brano<br />

radiofonico sulla zona del <strong>Chianti</strong><br />

e sui suoi percorsi in bicicletta.<br />

il vicolo<br />

la fiaba<br />

l’accesso a<br />

spiazzare<br />

mirabile<br />

il portico<br />

lo scopritore<br />

la baia<br />

la trappola<br />

il goloso<br />

la macelleria<br />

la carne<br />

il salume<br />

Gasse<br />

Märchen<br />

Zutritt zu<br />

etwas verwirrend<br />

sein<br />

wun<strong>der</strong>voll<br />

Bogengang<br />

Entdecker<br />

Bucht<br />

Falle<br />

Genießer<br />

Metzgerei<br />

Fleisch<br />

Wurstwaren<br />

la tentazione<br />

custodire<br />

raffigurante<br />

il trittico<br />

il Palazzo<br />

del Comune<br />

dipen<strong>der</strong>e da<br />

l’altura<br />

nelle vicinanze<br />

pl.<br />

il gioiello<br />

impreziosito<br />

da<br />

la sosta<br />

disseminato<br />

lungo<br />

la torre<br />

campanaria<br />

merlato<br />

Versuchung<br />

bewahren<br />

darstellend<br />

Triptychon<br />

Rathaus<br />

abhängig<br />

sein von<br />

Anhöhe<br />

in <strong>der</strong> Nähe<br />

hier:<br />

Kostbarkeit<br />

geschmückt<br />

mit<br />

Pause<br />

verstreut<br />

entlang<br />

Glockenturm<br />

mit Zinnen<br />

versehen<br />

è una vera propria trappola per golosi, che senza via di<br />

scampo finiscono dritti dritti nell’Antica Macelleria Falorni,<br />

dal 1729 specializzata in carni e salumi chiantigiani. Per<br />

sfuggire alle tentazioni, si può raggiungere il lato più stretto<br />

del “triangolo” e ammirare la neoclassica chiesa di Santa<br />

Croce, che custodisce tra l’altro un affresco del XIV secolo<br />

raffigurante una Madonna col Bambino e un trittico di Bicci<br />

di Lorenzo, datato 1420. Poco più in là ci sono il Palazzo<br />

del Comune, costruito sui resti del rinascimentale Palazzo<br />

Pretorio, e il Museo di Arte sacra, aperto nell’antico Ospizio<br />

di San Francesco. E pensare che, nel Medioevo, Greve aveva<br />

solo la funzione di mercato e dipendeva dal magnifico<br />

Castello di Montefioralle, che sorge ancora oggi su un’altura<br />

a non più di 2 chilometri dal centro di Greve.<br />

Nelle vicinanze, San Casciano in Val di Pesa e Tavarnelle<br />

in Val di Pesa sono altri due gioielli del <strong>Chianti</strong> più classico.<br />

Il primo, che oggi è un importante centro commerciale e<br />

agricolo, sorge in collina ed è impreziosito dalla pieve di Santa<br />

Cecilia a Decimo, una delle chiese più antiche del territorio.<br />

Tavarnelle, che deve il suo nome alle antiche taverne di<br />

sosta e ristoro disseminate lungo la strada tra Firenze e Siena,<br />

è invece famosa, tra l’altro, per la chiesa di Santa Lucia al<br />

Borghetto, raro esempio di architettura gotica della zona. A<br />

8 km da qui, circondata da cipressi, la meravigliosa Badia a<br />

Passignano, con la sua torre campanaria merlata, sembra<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


VIAGGI - CHIANTI<br />

17<br />

TRA BORGHI E CAMPAGNE<br />

Da sinistra, in senso orario:<br />

festa dell’uva a Vagliagli, frazione<br />

di Castelnuovo Berardenga,<br />

Siena; uva a Barberino, regione<br />

del <strong>Chianti</strong> Classico; uno scorcio<br />

di Vertine, frazione di Gaiole in<br />

<strong>Chianti</strong>; una veduta del Castello<br />

di Brolio, a Gaiole in <strong>Chianti</strong>.<br />

una visione. All’interno della chiesa, da non per<strong>der</strong>e il refettorio<br />

affrescato con l’Ultima cena di Domenico e Davide<br />

Ghirlandaio. Da non trascurare è Panzano, sempre a<br />

pochi chilometri da Greve. Dicevamo, all’inizio, che nel<br />

<strong>Chianti</strong> può capitare di incontrare Dante Alighieri anche<br />

dal macellaio. Succede proprio a Panzano, presso l’Antica<br />

Macelleria Cecchini, dove da anni vige una bizzarra tradizione:<br />

Dario, il macellaio-poeta,<br />

mentre taglia la<br />

il refettorio Speisesaal<br />

affrescato freskengeschmückt<br />

mitica “fiorentina”, recita i<br />

l’Ultima cena das Letze versi della Divina Commedia.<br />

L’esperienza è sugge-<br />

Abendmahl<br />

trascurare vernachlässigestiva,<br />

anche se l’acquolina<br />

incontrare treffen in bocca è garantita e si rischia<br />

di per<strong>der</strong>e le altre ric-<br />

la (bistecca) T-Bone Steak<br />

fiorentina (Florentiner<br />

chezze del borgo. Tra queste,<br />

il castello, che nel XII<br />

Spezialität)<br />

la ricchezza Schatz<br />

il borgo Dorf<br />

secolo fu un importante<br />

© Illustration: Millenaria/M. Tosi, Laif, I. Pompe/LOOK, Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


VIAGGI - CHIANTI<br />

QUI, DOVE IL TEMPO SI È FERMATO<br />

Da sinistra: uno scorcio dell’agriturismo<br />

Livernano a Radda in <strong>Chianti</strong>; Badia a<br />

Coltibuono, Gaiole in <strong>Chianti</strong>.<br />

18<br />

Lo sapevate che…<br />

Il gallo nero [schwarzer Hahn] è il simbolo dei produttori<br />

[Hersteller] del <strong>Chianti</strong> Classico. La leggenda racconta che<br />

nel Medioevo [Mittelalter] Firenze e Siena, stanche delle<br />

[müde von] sanguinose battaglie [Kämpfe] per il dominio<br />

[Vorherrschaft] su questa zona, decisero che il confine<br />

[Grenze] dei loro possedimenti sarebbe stato tracciato nel<br />

punto in cui due cavalieri [Reiter], uno senese e uno fiorentino,<br />

si fossero incontrati partendo al canto del gallo dalle<br />

rispettive città. I senesi scelsero un gallo bianco e lo riempirono<br />

di cibo [Futter], sperando così<br />

di farlo cantare più forte; i fiorentini<br />

presero un gallo nero e<br />

non gli die<strong>der</strong>o da mangiare.<br />

Il gallo digiuno [nüchtern] si svegliò<br />

[svegliarsi: aufwachen] per la<br />

fame [Hunger] prima dell'alba [vor<br />

Sonnenaufgang], con il risultato<br />

[Ergebnis] che il cavaliere fiorentino<br />

incontrò quello senese a soli<br />

12 km da Siena.<br />

il baluardo Bollwerk<br />

a difesa di zur Verteidigung<br />

von<br />

minuscolo sehr klein<br />

gareggiare wetteifern<br />

le macerie pl. Trümmer<br />

le mura pl. Stadtmauern<br />

la pianta Grundriss<br />

longitudinale längs<br />

verlaufend<br />

il paese Dorf, Ort<br />

il susseguirsi Abfolge<br />

la facciata Fassade<br />

ornato con verschönert<br />

mit<br />

lo stemma Wappen<br />

governare regieren<br />

fornito gut ausgestattet<br />

obbligato unumgänglich<br />

la schiacciata: Fladen aus Hefeteig<br />

la puntata Abstecher<br />

baluardo a difesa della Repubblica di Firenze, e la chiesa<br />

di Santa Maria, del 1200 ma ricostruita in stile neoclassico<br />

nell’Ottocento. A poca distanza da Panzano, ecco una delle<br />

chiese più importanti di tutto il <strong>Chianti</strong>, la minuscola<br />

ma splendida pieve di San Leolino, del X secolo.<br />

Un altro gioiello di questa zona, che gareggia in bellezza<br />

con Tavarnelle e Panzano e forse le supera, è Barberino<br />

di Val d’Elsa. La storia<br />

di questo borgo incantato è<br />

strettamente legata a quella<br />

della città di Semifonte,<br />

rasa al suolo dai Fiorentini<br />

nel 1202. Si narra che le macerie<br />

delle mura siano state<br />

usate per costruire Barberino,<br />

con quella sua inconfondibile<br />

pianta ellittica,<br />

attraversata da due<br />

arterie longitudinali. Entrando<br />

dalla Porta Senese,<br />

eccoci in Via Francesco da<br />

Barberino, il “salotto buono”<br />

del paese, dove è tutto<br />

un susseguirsi di antichi<br />

edifici. Tra gli altri, il Palazzo<br />

del Podestà, con la facciata tutta ornata con gli stemmi<br />

delle famiglie che governarono questi luoghi. In fondo alla<br />

via, dove un tempo c’era la Porta Fiorentina, ecco l’antico<br />

Ospedale dei Pellegrini, fondato nel 1663 e oggi trasformato<br />

in una fornita e mo<strong>der</strong>na biblioteca. Sosta<br />

obbligata per i buongustai, poco più in là, l’Antico Forno,<br />

che da generazioni sforna una delle “schiacciate” più famose<br />

del <strong>Chianti</strong> e forse dell’intera Toscana. Lasciando il<br />

paese, non senza aver prima visitato la chiesa di San Bartolomeo,<br />

conviene fare una puntata alla splendida pieve<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


Besser mit<br />

Sprachen!<br />

Jetzt Sprachmagazin wählen – und das Übungsheft<br />

gibt’s geschenkt dazu. Ein Jahr lang!<br />

+<br />

Aktion:<br />

Übungsheft<br />

gratis!*<br />

Übungsheft<br />

gratis!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.spotlight-verlag.de/plus-gratis<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Angebot für Neu-Abonnenten: Jahresabo Print o<strong>der</strong> E-Paper mit kostenlosem Übungsheft für ein Jahr zum Preis<br />

von € 74,40 /SFR 111,60 (Business Spotlight € 69,00 / SFR 103,50). <strong>Das</strong> Aktionsangebot gilt bis zum 30.11.2013.


<strong>ADESSO</strong> – Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

<strong>ADESSO</strong> – das Magazin für Ihr Italienisch<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten<br />

Übungen und spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft,<br />

Kultur und Reisen. Inklusive Online-Zugang zum Premium-Bereich.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus – das Übungsheft<br />

Vertiefen Sie Ihre Grammatik- und Wortschatzkenntnisse! 24-seitiges<br />

Übungsheft in praktischem Pocket-Format für alle, die sich ihre Lieblingssprache<br />

systematisch aneignen möchten.<br />

<strong>ADESSO</strong> Audio – Italienisch-Training, das ins Ohr geht<br />

Trainieren Sie Ihr Hörverständnis! Die CD umfasst rund eine Stunde Texte,<br />

Interviews und Sprachübungen. <strong>Das</strong> Begleit-Booklet ergänzt Aufgaben und<br />

Texte zum Mitlesen.<br />

Lehrerbeilage – Bestnoten für Ihren Unterricht<br />

Kostenlose Tipps und Ideen für Abonnenten in Lehrberufen!<br />

<strong>Das</strong> Lehrmaterial ist in drei verschiedenen Niveaustufen aufbereitet.<br />

Sie erhalten die Beilage auf Anfrage zusammen mit Ihrem Magazin.<br />

Premium-Abo – das Online-Extra<br />

Erhalten Sie unbegrenzten Zugriff auf Texte, Übungen und Archiv!<br />

Die umfassende Online-Plattform bietet Ihnen aktuelle Beiträge und einen<br />

großen Pool an interaktiven Übungen. <strong>Das</strong> Premium-Abo ist bereits kostenlos<br />

im Magazin- Abo enthalten.<br />

Mehr Informationen unter www.adesso-online.de/komplett<br />

Bei Rückfragen erreichen Sie uns unter E-Mail abo@spotlight-verlag.de o<strong>der</strong> Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16.


di Sant’Appiano, nonché alla cappella di San Michele Arcangelo,<br />

costruita alla fine del Cinquecento.<br />

Spostandosi verso Siena, un’altra tappa fondamentale<br />

per scoprire il <strong>Chianti</strong> e i suoi tesori è sicuramente<br />

Castellina in <strong>Chianti</strong>. Di origine etrusca, questo centro<br />

situato in posizione strategica tra Firenze e Siena fu per<br />

lungo tempo un importante avamposto dei Fiorentini e<br />

per questo fu distrutto e ricostruito diverse volte nel corso<br />

degli anni. Delle antiche mura oggi rimane il camminamento<br />

coperto, chiamato Via delle Volte. Dalle sue feritoie<br />

si gode uno splendido panorama dell’intero <strong>Chianti</strong><br />

e c’è chi dice che sia meglio percorrerlo al tramonto, per<br />

apprezzare appieno uno spettacolo davvero incantevole.<br />

spostarsi<br />

il tesoro<br />

l’avamposto<br />

distruggere<br />

ricostruire<br />

il camminamento<br />

coperto<br />

la feritoia<br />

splendido<br />

al tramonto<br />

apprezzare<br />

appieno<br />

avventurarsi<br />

la bottega<br />

la pasticceria<br />

recarsi<br />

weiterfahren<br />

Schatz<br />

Vorposten<br />

zerstören<br />

wie<strong>der</strong><br />

aufbauen<br />

Tunnelgang<br />

Schießscharte<br />

wun<strong>der</strong>voll<br />

bei Sonnenuntergang<br />

in seiner ganzen<br />

Schönheit<br />

genießen<br />

sich<br />

umschauen<br />

Geschäft<br />

Konditorei<br />

sich einfinden<br />

Nell’attesa dell’ora giusta,<br />

conviene avventurarsi lungo<br />

Via Ferruccio, ovvero il<br />

corso principale, su cui si<br />

affacciano Palazzo Bianciardi<br />

e Palazzo Squarcialupi,<br />

appartenuti alle famiglie<br />

più in vista della città,<br />

e molte botteghe tradizionali.<br />

Palazzo Squarcialupi,<br />

tra l’altro, ospita l’Enoteca<br />

Antiquaria, prezioso “archivio”<br />

del <strong>Chianti</strong> Classico.<br />

Si può poi pren<strong>der</strong>e un gelato<br />

all’Antica Delizia, pasticceria<br />

rinomata, e recarsi<br />

appena fuori dal centro<br />

La pieve di Santa<br />

Maria di Spaltenna,<br />

Gaiole in <strong>Chianti</strong>.<br />

COME<br />

MUOVERSI<br />

IN AUTO<br />

La piacevolezza delle strade, da percorrere a ritmo lento,<br />

rende forse l’auto il mezzo migliore per esplorare il <strong>Chianti</strong>.<br />

Partendo da Firenze, si può scegliere fra tre opzioni:<br />

la Superstrada Firenze-Siena, che costeggia il confine<br />

tra il <strong>Chianti</strong> e la Val d’Elsa, con uscita a Poggibonsi Nord;<br />

la Statale 222 <strong>Chianti</strong>giana, che raggiunge tutti i paesi<br />

più significativi e garantisce scenari mozzafiato (per questo<br />

motivo andrebbe percorsa di giorno); la Statale Cassia,<br />

che porta fino a Greve in <strong>Chianti</strong>, dove incrocia la<br />

<strong>Chianti</strong>giana. Una possibilità molto suggestiva è quella<br />

di partecipare a un tour nella campagna toscana a bordo<br />

di un’Alfa Romeo d’epoca. Per maggiori informazioni:<br />

www.nostalgic.de<br />

IN BICI O SCOOTER A NOLEGGIO<br />

Nella bella stagione, o comunque nelle belle giornate, è meraviglioso<br />

visitare il <strong>Chianti</strong> in bici o in scooter: entrambi si<br />

possono noleggiare a Greve in <strong>Chianti</strong>, presso il grande negozio<br />

Officina Ramuzzi (www.ramuzzi.com). Tra i tanti itinerari<br />

in bicicletta, ve ne segnaliamo due molto suggestivi e<br />

adatti a tutti. Il percorso che da Castellina in <strong>Chianti</strong> arriva<br />

a Radda in <strong>Chianti</strong> e il cosiddetto Castelnuovo Berardenga<br />

Tour. Il primo si snoda per 28 km, con 19 km di<br />

sterrato e panorami mozzafiato sulla Montagnola senese e<br />

la valle dell’Elsa. Il secondo è un percorso ad anello di 30<br />

km che attraversa le incantevoli terre del <strong>Chianti</strong> senese.<br />

21<br />

la piacevolezza<br />

partire da<br />

scegliere<br />

costeggiare<br />

il confine<br />

la (strada)<br />

statale<br />

incrociare<br />

partecipare a<br />

Freude<br />

aufbrechen<br />

aus<br />

wählen<br />

entlang<br />

verlaufen<br />

Grenze<br />

Staats-<br />

straße<br />

kreuzen<br />

teilnehmen<br />

an<br />

historisc<br />

mit dem<br />

Fahrrad<br />

Miet-<br />

Route<br />

für alle<br />

geeignet<br />

sich<br />

erstrecken<br />

Schotterweg<br />

ringförmig<br />

bezaubernd<br />

d’epoca<br />

in bici f.<br />

a noleggio<br />

l’itinerario<br />

adatto<br />

a tutti pl.<br />

snodarsi<br />

lo sterrato<br />

ad anello<br />

incantevole<br />

© G. Santoni, Huber/Sime (2), Marka<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


VIAGGI - CHIANTI<br />

abitato per ammirare il tumulo etrusco di Montecalvario,<br />

importantissimo esempio di architettura funebre etrusca.<br />

Ed eccoci arrivati a Radda in <strong>Chianti</strong> e Gaiole in<br />

<strong>Chianti</strong>, altri due pezzi forti di questo nostro itinerario<br />

novembrino. Radda è forse uno dei centri abitati meglio<br />

conservati, dove il Medioevo si respira ancora appieno<br />

nel dedalo di viuzze concentriche che caratterizza il centro<br />

storico. Tutto si stringe intorno alla piazzetta centrale<br />

con la sue due perle, il Palazzo del Podestà e la chiesa di<br />

San Niccolò, di origine romanica. Non lontano dal paese,<br />

ecco il suggestivo Castello di Volpaia, antica fortificazione<br />

in arenaria, dal caratteristico colore scuro. Da ve<strong>der</strong>e,<br />

nei dintorni, anche la chiesa di Sant’Eufrosino, che oggi<br />

è sconsacrata e, in tributo alle migliori tradizioni dei luoghi,<br />

è diventata un’enoteca. Un vero e proprio inno a Bacco<br />

è poi il paese di Gaiole in <strong>Chianti</strong>, che, stretto sopra<br />

un colle di cipressi, è famoso per la concentrazione di<br />

aziende vinicole e per gli splendidi paesaggi circostanti.<br />

Nel suo comprensorio sorge tra l’altro il massiccio Castello<br />

di Brolio, di origine longobarda, appartenente fin<br />

dal XII secolo alla famiglia dei Ricasoli, che da allora non<br />

ha mai smesso di produrre qui il suo famoso <strong>Chianti</strong> Classico.<br />

Gaiole è anche il punto di partenza per meravigliose<br />

escursioni nei territori circostanti. Per esempio si può<br />

visitare la pieve di Spaltenna, con all’interno un prezioso<br />

crocifisso ligneo del Quattrocento; o il Castello di Vertine,<br />

piccolo borgo fortificato dalle incantate atmosfere,<br />

oppure, ancora, Badia a Cotilbuono, un ex monastero risalente<br />

al 1049 diventato oggi una rinomata azienda agricola<br />

che produce olio e altre prelibatezze.<br />

Certo, ci sono decine di altre perle nascoste, nelle campagne<br />

del <strong>Chianti</strong>, a ren<strong>der</strong>e<br />

ancora più prezioso que-<br />

il tumulo Hügelgrab<br />

funebre Grabsto<br />

piccolo mondo antico<br />

meglio am besten<br />

conservato erhalten che tutto il pianeta ci invidia.<br />

Non abbiamo parlato a<br />

il dedalo Labyrinth<br />

la viuzza Gässchen fondo di delizie come Castelnuovo<br />

Berardenga, ar-<br />

suggestivo eindrucksvoll<br />

in arenaria aus Sandstein<br />

nei dintorni pl. in <strong>der</strong> roccato su un colle tra<br />

Umgebung l’Ombrone e il torrente Malena,<br />

o del minuscolo borgo<br />

sconsacrato aufgelassen<br />

l’inno Loblied<br />

circostante umliegend di San Gusmè, o ancora di<br />

massiccio massiv Vagliagli, con il vicino castello<br />

di Aiola, o di Ponti-<br />

l’escursione f. Ausflug<br />

il crocifisso Kruzifix<br />

ligneo aus Holz gnano e della sua bellissima<br />

certosa quattrocente-<br />

il monastero Kloster<br />

la prelibatezza Köstlichkeit sca. Nel <strong>Chianti</strong> c’è una tale<br />

concentrazione di tesori<br />

nascosto verborgen<br />

il pianeta Planet<br />

arroccato su hoch oben che conviene scoprirli “sul<br />

gelegen campo” e non c’è articolo di<br />

il torrente Bach<br />

la certosa Kartäuserklostegrafie<br />

che possa raccontar-<br />

giornale o album di foto-<br />

raccontare erzählen ne tutta la storia.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


UNA SOSTA TRA LE COLLINE<br />

Nell’altra pagina: Castellina in <strong>Chianti</strong>. Qui. da sinistra:<br />

un’immagine d’epoca di un trasporto di fiaschi delle Fattorie dei<br />

Marchesi Antinori; la cantina del Castello di Volpaia, a Radda in<br />

<strong>Chianti</strong>. Sotto: uno scorcio del borgo di Montefioralle.<br />

QUANDO IL VINO NON È UN “FIASCO”!<br />

il fiasco Korbflasche, hier:<br />

Fiasko<br />

astemio abstinent<br />

degustare,<br />

assaggiare probieren<br />

esten<strong>der</strong>si sich ausdehnen<br />

a seconda delle<br />

stagioni pl. je nach Jahreszeit<br />

dettare vorgeben<br />

percorrere zurücklegen<br />

ghiotto interessant<br />

l’ettaro Hektar<br />

l’annessa angeglie<strong>der</strong>tes<br />

tenuta Weingut<br />

a fiumi pl. im Überfluss<br />

la visita geführte<br />

guidata Besichtigung<br />

dare i natali pl. hervorbringen<br />

il vin santo Dessertwein<br />

il po<strong>der</strong>e Landgut<br />

lo stuzzichino Häppchen<br />

fornitissimo sehr gut bestückt<br />

la cantina Weinkeller<br />

la fiaschetteria Weinhandlung<br />

versare gießen<br />

il crostino: geröstete Weißbrotscheibe mit<br />

unterschiedlichem Belag<br />

il vetro Glas<br />

rivestito di paglia mit Stroh umhüllt<br />

panciuto bauchig<br />

il collo Hals<br />

impilare stapeln<br />

A meno che non siate rigorosamente<br />

astemi, è un delitto visitare il <strong>Chianti</strong><br />

senza degustare il prodotto che ha<br />

reso questo territorio famoso in tutto<br />

il mondo. Da queste parti i vigneti sono<br />

la base del paesaggio, si estendono<br />

per chilometri e chilometri, rivestono<br />

ovunque le colline di colori diversi a seconda<br />

delle stagioni e dettano i ritmi delle<br />

attività umane.<br />

Grandi o piccole che siano, create secoli<br />

fa o ieri l’altro, tutte le aziende vinicole<br />

del <strong>Chianti</strong> offrono la possibilità di<br />

degustare i vini più pregiati, ed è praticamente<br />

impossibile percorrere più di<br />

un chilometro senza trovarne una. Facciamo<br />

qualche esempio: a Greve in<br />

<strong>Chianti</strong>, l’enoteca Le Cantine offre la<br />

possibilità di assaggiare decine di varietà,<br />

così come la ghiotta opportunità<br />

del Museo del Vino. Tre chilometri più in<br />

là, benvenuti al Castello di Vicchiomaggio,<br />

che propone degustazioni del<br />

Chanti Classico Gallo Nero prodotto nei<br />

130 ettari dell’annessa tenuta. Vino a<br />

fiumi e visite guidate anche al vicino Castello<br />

di Verrazzano, che diede i natali<br />

al navigatore Giovanni da Verrazzano. A<br />

Panzano in <strong>Chianti</strong> trovate l’Antica<br />

Fattoria Montagliari, che oltre alle degustazioni<br />

di <strong>Chianti</strong> propone assaggi di<br />

vin santo, grappa, olio e altri prodotti della<br />

zona. Poi, a circa 2 chilometri dal centro,<br />

dal lontano 1427 è in attività il Po<strong>der</strong>e<br />

Panzanello: anche qui, <strong>Chianti</strong><br />

Classico a volontà, servito con gustosi<br />

stuzzichini. A fine pasto, tutti a visitare le<br />

fornitissime cantine!<br />

C’è anche un’altra sfiziosa possibilità di<br />

degustare i vini toscani: se<strong>der</strong>si in una<br />

delle tante fiaschetterie della zona, ossia<br />

le tipiche enoteche toscane. Qui un<br />

tempo si poteva solo bere vino, che veniva<br />

versato nel bicchiere dai fiaschi, da<br />

cui il nome del locale. Oggi il vino si accompagna<br />

a crostini, taglieri di salumi e<br />

formaggi o piatti della tradizione toscana.<br />

Una curiosità: il famoso fiasco toscano<br />

– in vetro, rivestito di paglia, panciuto<br />

e con il collo allungato – si è diffuso<br />

velocemente, a partire dal XII secolo,<br />

proprio per via della sua forma. Permetteva,<br />

infatti, di impilare i fiaschi sui<br />

carri in maniera stabile. Sembra, inoltre,<br />

che il rivestimento in paglia sia stato inventato<br />

da Leonardo da Vinci.<br />

© Huber/Sime (2)<br />

23<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI RICCARDO IACONA<br />

L’INQUINAMENTO A BRESCIA<br />

Un caso unico in Europa: un’area<br />

di 4 milioni di m 2 contaminata<br />

dalle emissioni altamente<br />

inquinanti di policlorobifenili<br />

(Pcb). A sinistra: un manifesto in<br />

un parco giochi di Brescia<br />

polemizza contro la mancata<br />

bonifica della città. A destra:<br />

Brescia dall’alto. Nell’altra<br />

pagina: manifestanti chiedono la<br />

bonifica della città; un cartello<br />

avverte del pericolo; la fabbrica<br />

Caffaro di Brescia, responsabile<br />

delle emissioni di Pcb.<br />

24<br />

Vietato giocare nell’erba<br />

Leben mit dem Gift im Boden: das Verbotsschild „Rasen betreten verboten“<br />

hat in Brescia eine an<strong>der</strong>e Bedeutung. <strong>Das</strong> hochgiftige Polychlorbiphenyl<br />

hat die Anzahl von Krebsfällen in die Höhe schnellen lassen.<br />

PCB È L’ACRONIMO DI “POLICLOROBIFENILI”. SI<br />

TRATTA DI UNA MISCELA INQUINANTE, PERSI-<br />

STENTE E ALTAMENTE CANCEROGENA, COME LA<br />

DIOSSINA. Il prodotto venne brevettato nei primi anni del<br />

1900 dalla Monsanto, negli Stati Uniti. Serviva inizialmente<br />

come additivo per gli oli lubrificanti e di raffreddamento,<br />

ma proprio per la sua formula chimica, non infiammabile e<br />

non deteriorabile, è finito un po’ dappertutto, nelle vernici,<br />

negli antiparassitari e persino nella “carta carbone”. In Italia,<br />

il brevetto del Pcb venne comprato negli anni Trenta dalla<br />

fabbrica Caffaro di Brescia, che fino agli anni Ottanta ne<br />

ha prodotte migliaia di tonnellate e ne ha versate 150 nei canali<br />

e nelle falde acquifere della zona. Così il Pcb, a Brescia,<br />

ha viaggiato per decine e decine di chilometri e oggi se ne<br />

trovano tracce persino nei comuni a sud della città. Il primo<br />

a parlarne è stato Marino Ruzzenenti, uno studioso di storia<br />

industriale che nel 2001 pubblicò un libro intitolato Un<br />

secolo di cloro e... Pcb. Da allora tutti sanno che a Brescia è successo<br />

un disastro. Il Pcb ha inquinato in profondità un intero<br />

quartiere in cui vivono 25.000 persone. È arrivato persino<br />

nei campi in cui si coltivavano il grano, la frutta e la<br />

verdura; dove pascolavano le mucche da carne e da latte. È<br />

entrato così nella catena alimentare, al punto che il Pcb si<br />

trova oggi nel sangue dei bresciani in percentuali che superano<br />

di migliaia di volte la soglia di sicurezza.<br />

Quanto è pericoloso, il Pcb, per la salute delle persone<br />

che entrano in contatto con questa sostanza? Philippe<br />

Grandjean, scienziato di fama internazionale, ha cominciato<br />

a studiare il Pcb 20 anni fa. L’ho incontrato a Boston,<br />

negli Stati Uniti, presso l’Università di Harward, dove insegna<br />

e fa ricerca. Ecco cosa mi ha detto: “Il Pcb provoca il<br />

cancro, in particolare il cancro al seno e i tumori del sangue.<br />

Noi pensiamo che sia collegato allo sviluppo del diabete<br />

e, secondo le nostre ricerche, impedisce il corretto sviluppo<br />

del cervello dei bambini. I bambini esposti al Pcb<br />

hanno capacità cognitive ridotte, il loro quoziente di intelligenza<br />

è più basso. Il Pcb si trasmette da madre a figlio anche<br />

con l’allattamento. Studiando i bambini esposti al Pcb<br />

abbiamo visto che attacca anche il sistema immunitario”.<br />

verboten<br />

im Gras<br />

spielen<br />

Polychlor-<br />

biphenyl<br />

Mischung<br />

beständig<br />

krebserregend<br />

patentieren<br />

Zusatzstoff<br />

vietato<br />

giocare<br />

nell’erba<br />

il policlorobifenile<br />

la miscela<br />

persistente<br />

cancerogeno<br />

brevettare<br />

l’additivo<br />

l’olio lubrificante<br />

infiammabile<br />

non deteriorabile<br />

dappertutto<br />

la vernice<br />

la carta<br />

carbone<br />

la tonnellata<br />

Schmieröl<br />

entflammbar<br />

nicht<br />

abbaubar<br />

überall<br />

Lack<br />

Kohlepapier<br />

Tonne<br />

la falda<br />

acquifera<br />

la traccia<br />

inquinare<br />

il quartiere<br />

il grano<br />

pascolare<br />

la catena<br />

alimentare<br />

il sangue<br />

la soglia di<br />

sicurezza<br />

pericoloso<br />

la salute<br />

il cancro<br />

al seno<br />

lo sviluppo<br />

il cervello<br />

l’allattamento<br />

Wassera<strong>der</strong><br />

Spur<br />

vergiften<br />

Stadtviertel<br />

Weizen<br />

weiden<br />

Nahrungskette<br />

Blut<br />

Grenzwert<br />

gefährlich<br />

Gesundheit<br />

Brustkrebs<br />

Entstehung<br />

Gehirn<br />

Stillen<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

Negli Stati Uniti, in Alabama, c’è una piccola città che è<br />

stata esposta per 60 anni, come Brescia, al Pcb, perché lì c’era<br />

una delle fabbriche della Monsanto che producevano<br />

questa sostanza. Ci sono andato di persona e quello che ho<br />

visto ce l’ho ancora negli occhi: un’intera comunità letteralmente<br />

distrutta. Le case nelle quali la gente abitava sono<br />

state abbattute, le scuole chiuse. Angela Martin, pediatra<br />

di una clinica specializzata nella cura dei bambini di<br />

Anniston esposti al Pcb, ha studiato centinaia di cartelle cliniche.<br />

Questo è quello che ha scoperto: “Il Pcb entra nella<br />

tiroide, nel pancreas, nel sistema linfatico. Noi abbiamo tantissimi<br />

bambini con la pressione alta, tanti con l’insulina a<br />

400, quando dovrebbe essere a 10, e tantissimi casi di asma,<br />

di eczemi e di altre malattie della pelle. Qui a Anniston c’è<br />

il più alto numero di malattie della pelle di tutto lo stato<br />

dell’Alabama. Qui abbiamo tanti casi di Rabdomiosarcoma,<br />

un tumore raro ma molto aggressivo. Tutto per colpa della<br />

forza distruttiva che il Pcb esercita sul nostro organismo”.<br />

La dimensione clinica del disastro è tale che a Anniston<br />

è intervenuta l’Agenzia per l’Ambiente e la Monsanto<br />

è stata condannata da un tribunale a risarcire gli abitanti<br />

e ad accollarsi le spese di bonifica. Una bonifica molto<br />

complicata, che va avanti ormai da quasi 10 anni, perché<br />

bisogna prelevare e distruggere tutta la terra, per chilometri<br />

e chilometri, e fino a una profondità di almeno 60<br />

centimetri. Inoltre bisogna bonificare ruscelli, canali e fiumi<br />

fino a 50 miglia dall’epicentro dell’inquinamento. E da<br />

noi? Non è successo niente<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta la mini-inchiesta<br />

sul tema “Come percepite l’inquinamento<br />

in Italia?”<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sull’inquinamento<br />

a Brescia nella Grammatica.<br />

per 10 anni. Dopo l’uscita<br />

del libro di Ruzzenenti, a<br />

dire il vero, anche il ministero<br />

dell’Ambiente era venuto<br />

a verificare la situazione<br />

di Brescia e i tecnici<br />

dell’Istituto superiore di sanità<br />

avevano certificato che<br />

abbattere<br />

il, la pediatra<br />

la cartella<br />

clinica<br />

la tiroide<br />

il pancreas<br />

la pressione<br />

alta<br />

l’asma<br />

la malattia<br />

della pelle<br />

raro<br />

esercitare<br />

condannare a<br />

risarcire<br />

l’abitante m., f.<br />

abreißen<br />

Kin<strong>der</strong>arzt,<br />

-ärztin<br />

Hautkrankheit<br />

selten<br />

ausüben<br />

verurteilen zu<br />

entschädigen<br />

Einwohner, -in<br />

Sanierungs-<br />

kosten<br />

abtragen<br />

Tiefe<br />

Bach<br />

Erscheinen<br />

in Konkurs<br />

gehen<br />

le spese<br />

di bonifica<br />

prelevare<br />

la profondità<br />

il ruscello<br />

l’uscita<br />

fallire<br />

il provvedimento<br />

il divieto<br />

lanciare<br />

l’allarme m.<br />

l’incidenza<br />

il fegato<br />

l’occasione f.<br />

fittamente<br />

abitato<br />

Patientenakte<br />

Schilddrüse<br />

Bauchspeicheldrüse<br />

hoher<br />

Blutdruck<br />

Asthma<br />

Maßnahme<br />

Verbot<br />

Alarm<br />

schlagen<br />

Häufigkeit<br />

Leber<br />

Gelegenheit<br />

dicht besiedelt<br />

le cose scritte nel libro erano tutte vere. Tuttavia, poiché la<br />

Caffaro era nel frattempo “opportunamente” fallita, non<br />

si sono trovati i soldi per la bonifica. Da più di 10 anni i<br />

bresciani continuano dunque a vivere a contatto con il<br />

Pcb. Gli unici provvedimenti presi sono stati il divieto di<br />

camminare e giocare nei parchi. Brescia è diventata così<br />

“la città dove ai bambini è vietato giocare nell’erba”.<br />

Intanto, gli ultimi studi epidemiologici continuano a lanciare<br />

l’allarme: l’incidenza del tumore maligno della tiroide<br />

a Brescia è del 49% superiore rispetto alle altre città del Centro-Nord;<br />

+58% per il tumore al fegato; +20% per il linfoma<br />

Non-Hodgkin; +26% per il tumore al seno. Quando comincerà<br />

la bonifica? Tra l’altro, si tratterebbe di una<br />

straordinaria occasione di ricerca, perché non esiste un’altra<br />

città in Europa nella quale l’inquinamento e la relativa<br />

bonifica riguardino un’area di 4 milioni di metri quadri, con<br />

interi quartieri fittamente abitati, case, ospedali e scuole.<br />

Riccardo Iacona: Reporter, berichtet über Leben und<br />

Politik in Italien. Seit 2009 ist er Autor und Mo<strong>der</strong>ator<br />

<strong>der</strong> Fernsehsendung Presa diretta auf RAI 3.<br />

25<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


INTERVISTA<br />

Una vita da<br />

ROMANZO<br />

Testo: Cristina Giordano<br />

26<br />

Als Fotoreporterin war ihr Leben in<br />

den 1950er-Jahren ein einziges Abenteuer.<br />

1958 hat Inge Schönthal den Linksaktivisten<br />

und Verleger Giangiacomo Feltrinelli<br />

geheiratet und gilt heute als die Grande<br />

Dame des italienischen Verlagswesens.<br />

SIGNORA DELL’EDITORIA ITALIANA E, PRIMA, FO-<br />

TOREPORTER DI TALENTO, A 83 ANNI INGE SCHÖN-<br />

THAL FELTRINELLI CONTINUA A ESSERE UN PUNTO<br />

DI RIFERIMENTO NEL PANORAMA CULTURALE ITA-<br />

LIANO E INTERNAZIONALE. In Germania, la sua vita e<br />

la sua carriera vengono ora celebrate dal volume Fotografien,<br />

uscito a settembre per la casa editrice Steidl di Gottinga.<br />

La incontro nel suo studio milanese, a pochi passi dal<br />

Duomo. In questa piccola stanza, il tempo sembra essersi<br />

fermato: alle pareti, fotografie di grandi letterati, attori e<br />

personaggi politici che hanno fatto la storia. Tra pile di libri,<br />

giornali e riviste, c’è una macchina da scrivere con la<br />

tastiera tedesca, un regalo di Roberto Olivetti, come mi<br />

Bezugspunkt<br />

jdn. treffen<br />

Arbeitszimmer<br />

Wand<br />

Schauspieler<br />

Stoß<br />

Zeitschrift<br />

Schreib-<br />

maschine<br />

Tastatur<br />

Geschenk von<br />

anvertrauen<br />

lächeln<br />

Farbband<br />

nicht zu<br />

bekommen<br />

Vorrat<br />

hand-<br />

geschrieben<br />

il romanzo<br />

l’editoria<br />

di talento<br />

il punto di<br />

riferimento<br />

incontrare qcn.<br />

la stanza<br />

la parete<br />

l’attore<br />

la pila<br />

la rivista<br />

la macchina<br />

da scrivere<br />

la tastiera<br />

il regalo di<br />

confidare<br />

sorri<strong>der</strong>e<br />

il nastro<br />

introvabile<br />

la scorta<br />

vergato<br />

a mano<br />

Roman<br />

Verlagswesen<br />

talentiert<br />

l’onorificenza<br />

insignire<br />

la stima<br />

straordinario<br />

l’impegno<br />

il dopoguerra<br />

il patrigno<br />

il figlio<br />

la pubblicità<br />

inizialmente<br />

la nave<br />

l’inviata<br />

scattare<br />

una foto<br />

lo scoop<br />

pesante<br />

lento<br />

il flash<br />

avere buon<br />

occhio<br />

al semaforo<br />

Ehrung<br />

auszeichnen<br />

Wertschätzung<br />

außergewöhnlich<br />

Verpflichtung<br />

Nachkriegszeit<br />

Stiefvater<br />

Kind<br />

Werbung<br />

am Anfang<br />

Schiff<br />

Berichterstatterin<br />

ein Foto<br />

machen<br />

Knüller<br />

schwer<br />

langsam<br />

Blitz<br />

einen guten<br />

Blick für etw.<br />

haben<br />

an einer Ampel<br />

confida lei stessa. La presidente della<br />

Giangiacomo Feltrinelli Editore non<br />

ama i computer e sorride quando mi<br />

confessa che i nastri per la macchina<br />

da scrivere sono ormai introvabili,<br />

ma fortunatamente ne ha ancora<br />

una piccola scorta nascosta da qualche<br />

parte. Con orgoglio mi mostra<br />

una lettera vergata a mano dalla<br />

scrittrice sudafricana Nadine Gordimer,<br />

sua amica e Premio Nobel, e il<br />

Fotografien, Inge<br />

Feltrinelli, Steidl,<br />

280 pagine, € 30.<br />

telegramma con l’annuncio dell’onorificenza di cui è<br />

stata insignita da Giorgio Napolitano. Segni di stima per<br />

una donna straordinaria, che tra i suoi mille impegni mi<br />

dedica un pezzetto della sua giornata.<br />

Com’è iniziata la sua straordinaria carriera di fotoreporter?<br />

Nel dopoguerra il mio patrigno (i miei genitori si<br />

erano separati, mia madre si era risposata e mio padre era<br />

emigrato in America) si ritrovò senza lavoro e qualche<br />

tempo dopo morì, lasciando mia madre sola con tre figli.<br />

Viste le difficoltà economiche, non potevo studiare e dovevo<br />

aiutare finanziariamente la mia famiglia. Una fotografa<br />

di Gottinga, che successivamente divenne molto famosa<br />

nel campo della pubblicità, cercava un’assistente.<br />

L’ho seguita ad Amburgo e così è iniziata la mia carriera<br />

di fotoreporter.<br />

Cosa fotografava inizialmente? Stupidamente, all’inizio<br />

fotografavo le navi di Amburgo (ride), poi cominciai a<br />

collaborare con alcune riviste femminili. Come inviata,<br />

iniziai a scrivere le cosiddette human interest stories, raccontando<br />

e fotografando soprattutto le donne. Qualche<br />

tempo dopo, partii per l’America e iniziai a realizzare i<br />

primi reportage.<br />

Nelle strade di New York, lei scattò una meravigliosa<br />

foto a Greta Garbo. Mi racconta la storia di quella fotografia?<br />

Fu il mio primo scoop. La tecnica non era il mio<br />

forte; le macchine fotografiche a quei tempi erano molto<br />

pesanti, lente e il flash pesava un paio di chili. Ma avevo<br />

buon occhio. Al semaforo vidi questo bellissimo profilo,<br />

© Effigie<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


INTERVISTA<br />

riconobbi immediatamente Greta Garbo e, in un paio di secondi,<br />

scattai la foto. Fu il famoso “momento decisivo”, come<br />

diceva il famoso fotografo Henri Cartier-Bresson. Poi mi<br />

rivolsi a un’agenzia e la rivista Life comprò la mia foto per<br />

50 dollari. I primi 50 dollari della mia vita guadagnati con<br />

la fotografia. Una foto che oggi è diventata molto celebre.<br />

Tra i suoi scatti più conosciuti c’è la foto in cui è ritratta<br />

vicino a Ernest Hemingway. Dove fu scattata? A Cuba. È<br />

una storia lunghissima... Hemingway non amava incontrare<br />

fotografi o giornalisti. Il suo editore tedesco Rowohlt aveva<br />

intenzione di pubblicare una riedizione dei suoi romanzi,<br />

proibiti in Germania durante il nazismo. Ma Hemingway<br />

non rispondeva mai al telefono – stiamo parlando di tempi<br />

in cui l’unico mezzo tecnologico che esisteva, oltre al telefono,<br />

era il telex, ed Hemingway non lo aveva –; Rowohlt,<br />

quindi, mi chiese di incontrarlo personalmente. Ma andare<br />

riconoscere<br />

guadagnato<br />

il, la giornalista<br />

l’editore m.<br />

la riedizione<br />

l’annuncio<br />

erkennen<br />

verdient<br />

Journalist, -in<br />

Verleger<br />

Neuauflage<br />

Anzeige<br />

l’autista m., f.<br />

alternarsi<br />

al volante<br />

il soggiorno<br />

la rete<br />

di amicizie pl.<br />

Fahrer, -in<br />

sich am Steuer<br />

abwechseln<br />

Aufenthalt<br />

Freundeskreis<br />

a Cuba non fu facile. In un annuncio lessi che cercavano un<br />

autista per portare un’auto da New York a Miami. Mi presero!<br />

Eravamo in tre, io e altri due uomini, costretti ad alternarci<br />

al volante ogni 500 chilometri. Arrivata a Key West, raggiunsi<br />

Cuba. Poi Hemingway mi chiese di rimanere da lui e<br />

ci restai per due settimane. Fu un soggiorno fantastico!<br />

Lei fotografò i personaggi più famosi di quegli anni.<br />

Come riuscì a fotografare Picasso? Anche Picasso non<br />

amava né i giornalisti, né i fotografi. Grazie alla mia rete<br />

di amicizie, riuscii a contattare Daniel-Henry Kahnweiler,<br />

Nata a Essen nel 1930 e cresciuta [aufgewachsen] a Gottinga, Inge<br />

CHI È<br />

Schönthal Feltrinelli intraprende ad Amburgo la carriera di fotografa.<br />

Nel 1952 trascorre un lungo periodo a New York. Nella Grande mela fotografa,<br />

tra gli altri, Greta Garbo, John Fitzgerald Kennedy, Winston Churchill. Dopo aver<br />

conosciuto e sposato l’editore e intellettuale di sinistra Giangiacomo Feltrinelli,<br />

si trasferisce a Milano. Nel 1972 Giangiacomo viene trovato morto, dilaniato<br />

[zerfetzt] da un’esplosione, a Segrate, vicino a Milano. Le cause precise del decesso<br />

non sono mai state chiarite, ma l’episodio è da ricondursi alla sua militanza<br />

politica [politische Aktivität]. Inge Feltrinelli diventa presidente dell’omonima<br />

[gleichnamig] casa editrice. Ha ricevuto innumerevoli [unzählige] riconoscimenti<br />

[Auszeichnungen] ed è stata tra l’altro insignita da Giorgio Napolitano dell’onorificenza<br />

di Grande Ufficiale della Repubblica.<br />

27<br />

Inge Schönthal<br />

Feltrinelli (83), editrice<br />

e fotografa.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


INTERVISTA<br />

Mi piace<br />

vestirmi di colori vivaci [lebhafte], amo<br />

soprattutto l’arancione [Orange]<br />

rileggere [wie<strong>der</strong>lesen] Il Gattopardo, o i libri<br />

di Nadine Gordimer<br />

le donne che ricoprono incarichi dirigenziali<br />

[Führungspositionen]<br />

Non mi piace<br />

la minestra di piselli [Erbsensuppe] servita dagli<br />

inglesi a Gottinga nel dopoguerra<br />

la situazione politica italiana di oggi<br />

scrivere al computer<br />

28<br />

il suo mercante d’arte, una persona molto antipatica. Picasso,<br />

invece, fu molto gentile e simpatico con me. Si mise<br />

addirittura a fare il clown per le mie foto. Una delizia!<br />

Tra tutte le persone che ha fotografato e intervistato, ci<br />

sono le attrici Sofia Loren, Anna Magnani, Kim Novak,<br />

solo per citarne alcune... Di quale ha il ricordo più bello?<br />

Tra le attrici, la più piacevole fu Anna Magnani. Prima di<br />

andare da lei, mi dissero che la Magnani odiava le donne<br />

giovani e carine come me, e che si circondava solo di uomini.<br />

Ma si sbagliavano. Anna Magnani nei miei confronti si<br />

comportò come una mamma. Volle conoscere la mia storia<br />

e sapere da dove arrivavo. Fu davvero molto premurosa.<br />

A un certo punto della sua vita, incontrò quello che<br />

divenne suo marito: Giangiacomo Feltrinelli (vedi ADES-<br />

SO 11/05, pag. 70). Fu nel 1958 da Rowohlt, la casa editrice<br />

di Hemingway, una sera durante una festa ad Amburgo.<br />

Io arrivavo dal Ghana e non avevo nemmeno un vestito<br />

pulito. Passai velocemente dalla tintoria e arrivai alla festa<br />

il mercante<br />

d’arte f.<br />

invece<br />

gentile<br />

la delizia<br />

l’attrice f.<br />

il ricordo<br />

piacevole<br />

odiare<br />

sbagliarsi<br />

nei miei<br />

confronti pl.<br />

premuroso<br />

incontrare<br />

il marito<br />

il vestito<br />

pulito<br />

la tintoria<br />

in ritardo<br />

il divorzio<br />

la moglie<br />

il frigo<br />

Kunsthändler<br />

hingegen<br />

freundlich<br />

Vergnügen<br />

Schauspielerin<br />

Erinnerung<br />

angenehm<br />

hassen<br />

sich irren<br />

mir gegenüber<br />

aufmerksam<br />

treffen<br />

Ehemann<br />

sauberes<br />

Kleid<br />

Reinigung<br />

verspätet<br />

Scheidung<br />

Ehefrau<br />

Kühlschrank<br />

la vivacità<br />

l’artista m., f.<br />

difficile<br />

l’avvento<br />

pubblicare<br />

il lettore<br />

il peccato<br />

arrangiarsi<br />

tirarsi su<br />

le maniche pl.<br />

al contrario di<br />

la busta paga<br />

preoccupato<br />

Lebendigkeit<br />

Künstler, -in<br />

schwierig<br />

Aufkommen<br />

veröffentlichen<br />

Leser<br />

Schande<br />

sich arrangieren<br />

sich die Ärmel<br />

hochkrempeln<br />

im Gegensatz<br />

zu<br />

Lohntüte<br />

besorgt<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sulla biografia<br />

di Inge Feltrinelli nella rubrica<br />

Grammatica.<br />

in ritardo. Quella sera conobbi Giangiacomo Feltrinelli.<br />

Nel 1960 vi siete sposati in Messico. Perché in Messico?<br />

Giangiacomo era già stato sposato. Quando l’ho conosciuto,<br />

si era appena separato. In Italia, allora, non esisteva<br />

il divorzio. Io ero la seconda moglie (sorride).<br />

Con Giangiacomo Feltrinelli si trasferì in Italia.<br />

Com’era l’Italia di allora? Per me era paradisiaca. Milano<br />

era una città molto europea. In Germania cominciava il<br />

famoso Wirtschaftswun<strong>der</strong>, il boom economico. I tedeschi<br />

erano solo interessati a comprare un frigo nuovo o una<br />

macchina nuova. Milano invece era piena di gallerie d’arte,<br />

teatri, c’era il Piccolo Teatro di Giorgio Strehler, c’era la<br />

Scala. C’era una grande vivacità intellettuale. Tutti gli artisti<br />

vivevano o passavano da Milano. E Giangiacomo mi<br />

diede una grande chance. Imparai a tenere la casa aperta<br />

per tutti coloro che volevano lasciare un’idea, un manoscritto.<br />

C’era sempre qualche scrittore che si fermava a<br />

dormire da noi. Così conobbi il poeta Eugenio Montale o<br />

Marguerite Duras e tanti altri scrittori, curiosi di conoscere<br />

una tedesca che non fosse nazista.<br />

Quanto è difficile oggi fare l’editore? Con l’avvento<br />

di Amazon e dell’e-book è davvero molto difficile. Ci sono<br />

troppi editori che pubblicano troppi libri. Ma la verità è<br />

che abbiamo pochi lettori. L’Italia è un paese dove il 50%<br />

degli italiani non legge un libro. Abbiamo gli stessi livelli<br />

di Grecia e Portogallo. E questo è il nostro dramma. I famosi<br />

hot rea<strong>der</strong>s, i lettori forti, sono solo l’11%. È un gran<br />

peccato, per un paese ricco di cultura come l’Italia.<br />

Dal punto di vista politico, come le sembra l’Italia di<br />

oggi? Pessima! Stiamo vivendo il momento più brutto<br />

della nostra storia. Gli italiani in genere creano sempre<br />

dal caos, sono molto bravi ad arrangiarsi e a tirarsi su le<br />

maniche, al contrario dei tedeschi, i quali se hanno 5 euro<br />

in meno nella busta paga diventano subito nevrotici. Ma<br />

nonostante sia una grande ottimista, sono sinceramente<br />

molto preoccupata.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

29<br />

prossimo<br />

sperare di<br />

nächster<br />

hoffen zu<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel <strong>der</strong> italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

30<br />

GIOTTO<br />

Nasce nel 1267 a Colle di<br />

Vespignano, vicino a Firenze,<br />

da una famiglia contadina.<br />

Cimabue – si racconta<br />

– lo vede disegnare su<br />

un sasso le pecore del suo<br />

gregge e lo invita subito<br />

nella propria bottega. Secondo<br />

la leggenda, Giotto<br />

è capace di tracciare cerchi<br />

perfetti senza bisogno<br />

del compasso. Fa velocemente<br />

carriera: tra i 20 e i<br />

30 anni dipinge gli affreschi<br />

della basilica di San<br />

Francesco ad Assisi. Poi<br />

lavora a Roma, a Padova,<br />

a Firenze, a Napoli; diffonde<br />

nella Penisola il rinnovamento<br />

dell’arte italiana,<br />

eclissando l’astrazione bizantina<br />

che dominava fino<br />

a quel momento. Muore<br />

nel 1337, a 70 anni, quando<br />

ha da poco iniziato a<br />

dipingere il campanile del<br />

Duomo di Firenze.<br />

contadino<br />

disegnare<br />

il sasso<br />

la pecora<br />

il gregge<br />

la bottega<br />

tracciare<br />

un cerchio<br />

il compasso<br />

dipingere<br />

l’affresco<br />

diffon<strong>der</strong>e<br />

l’arte f.<br />

eclissare<br />

dominare<br />

morire<br />

il campanile<br />

bäuerlich<br />

zeichnen<br />

Stein<br />

Schaf<br />

Herde<br />

Werkstatt<br />

Kreis<br />

zeichnen<br />

Zirkel<br />

malen<br />

Freske<br />

verbreiten<br />

Kunst<br />

ablösen<br />

vorherrschen<br />

sterben<br />

Glockenturm<br />

DI CHI SARÀ MAI<br />

<strong>Das</strong> Gesicht in den Wolken<br />

– gut 800 Jahre mussten<br />

seit <strong>der</strong> Entstehung<br />

dieses Kunstwerks vergehen,<br />

ehe eine Historikerin<br />

das Gesicht entdeckte.<br />

Seitdem rätselt die Fachwelt<br />

über Bedeutung und<br />

Absicht dieser Einfügung.<br />

Il volto nascosto tra le nuvole nella<br />

scena della morte di San Francesco,<br />

nella Basilica superiore di San<br />

Francesco ad Assisi.<br />

LA VIVACITÀ DEI COLORI E GLI SPLENDIDI PARTICOLARI DE-<br />

GLI AFFRESCHI DI GIOTTO NELLA BASILICA SUPERIORE DI AS-<br />

SISI SONO RIUSCITI A DISTRARRE PER SECOLI L’ATTENZIONE<br />

DI MIGLIAIA DI VISITATORI ED ESPERTI. Per oltre 800 anni, infatti,<br />

nessuno si è accorto di un piccolo, interessante<br />

e sorprendente particolare presen-<br />

il volto Gesicht<br />

la vivacità Lebendigkeit te nel mistico cielo nella scena della morte di<br />

il particolare Detail<br />

distrarre Aufmerkl’attenzione<br />

f. samkeit angelo, Giotto avrebbe dipinto, ben nasco-<br />

San Francesco. In alto a destra, vicino a un<br />

ablenken<br />

sto fra le nuvole (ma ora assai chiaro), un<br />

il visitatore Besucher<br />

sorprendente überraschend volto . Il merito della scoperta va a una medievista,<br />

Chiara Frugoni, che è stata la sola,<br />

l’angelo Engel<br />

ben nascosto gut versteckt<br />

la nuvola Wolke negli 800 anni di vita di questi affreschi, ad<br />

assai sehr<br />

accorgersi del particolare. Si tratterebbe, per<br />

il merito Verdienst la precisione, di un demone, ma a quale scopo,<br />

per dire cosa Giotto lo avrebbe inserito<br />

il, la medie- Mittelaltervista<br />

spezialist, -in<br />

accorgersi etw.<br />

fra le nuvole? Uno scherzo, un’impertinenza,<br />

un messaggio? Per Chiara Frugoni po-<br />

di qc. bemerken<br />

a quale zu welchem<br />

scopo Zweck trebbe trattarsi di uno di quei demoni che, si<br />

inserire einfügen credeva, ostacolavano l’ascesa al cielo delle<br />

il messaggio Botschaft<br />

l’ascesa Aufstieg anime dopo la morte. C’è chi ha parlato di<br />

al cielo zum Himmel un segnale più direttamente diabolico, poiché<br />

sopra la fronte del demone c’è un’ombra<br />

la morte Tod<br />

la fronte Stirn<br />

l’ombra Schatten netta , che ricorda chiaramente un paio di<br />

le corna<br />

corna scure. Altri storici dell’arte ricordano<br />

scure pl. dunkle Hörner<br />

che l’inserimento di particolari misteriosi era<br />

l’inserimento Einfügen<br />

ricorrente verbreitet ricorrente, un sistema utilizzato dai pittori<br />

il pittore Maler antichi per comunicare un messaggio a una


QUEL VOLTO?<br />

23° PUNTATA<br />

CHI FU IL PRIMO?<br />

VOLTI TRA<br />

LE NUVOLE<br />

Fino al 2011 si riteneva che il primato della<br />

cosiddetta “manipolazione delle nuvole”<br />

spettasse, nell’arte antica, ad Andrea Mantegna,<br />

che nel suo San Sebastiano dipinto<br />

del 1460, faceva sbucare dalla vaporosità delle<br />

nubi una suggestiva figura di uomo a cavallo<br />

. Il demone di Giotto retrodaterebbe tale<br />

pratica alla fine del 1200. C’è tuttavia chi non<br />

esclude che lo stesso<br />

ritenere annehmen<br />

intento possa es-<br />

il primato Vorreiterstellunsere<br />

rintracciato in<br />

altre nuvole di Giotto:<br />

come si fa, infat-<br />

spettare zustehen<br />

la vaporosità<br />

a cavallo<br />

Leichtigkeit<br />

auf einem<br />

ti, a essere certi che<br />

nelle nuvole della<br />

Pferd scena dell’estasi di<br />

retrodatare zurückdatieren<br />

Francesco, sempre<br />

esclu<strong>der</strong>e ausschließen nella Basilica superiore,<br />

rintracciare<br />

certo<br />

entdecken<br />

sicher non siano pre-<br />

senti altri profili?<br />

31<br />

cerchia di iniziati. C’è chi, però, la cerchia Kreis<br />

confrontando il profilo del volto<br />

fra le nuvole con la raffigu-<br />

confrontare vergleichen<br />

di iniziati pl. Eingeweihter<br />

la raffigurazione<br />

Darstellung<br />

razione della Prudenza , nell’Allegoria<br />

dell’Obbedienza, nel la prudenza Klugheit<br />

ciclo pittorico della Basilica inferiore,<br />

ha ipotizzato che il profi-<br />

la vecchiaia Alter<br />

il protettore För<strong>der</strong>er<br />

arcigno mürrisch<br />

lo non volesse evocare altro che<br />

lieve sanft<br />

la vecchiaia e che si trattasse del<br />

viso di qualche vecchio protettore di San Francesco. Certo, il<br />

profilo un po’ arcigno, anche se reso lieve e leggero dalla materia<br />

– le nuvole – in cui è disegnato, collocato in una scena così<br />

importante come quella della morte del Santo, apre a nuove<br />

riflessioni e ipotesi sull’intero ciclo pittorico.<br />

San Sebastiano di Andrea Mantegna,<br />

conservato nel Kunsthistorisches Museum di Vienna.<br />

San Francesco in estasi,<br />

Basilica superiore di San<br />

Francesco ad Assisi.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

32<br />

IN UN POMERIGGIO D’ESTATE,<br />

SU UNA SPIAGGIA TUNISINA<br />

STO LEGGENDO UNA RIVISTA<br />

ITALIANA DI POLITICA QUAN-<br />

DO, ALL’IMPROVVISO, MI SEN-<br />

TO OSSERVATA. Alzo gli occhi e vedo<br />

una fila di ragazzi che guardano<br />

turbati la copertina della mia rivista.<br />

Io non me n’ero neanche accorta, ma<br />

in bella vista c’è una donna nuda,<br />

usata per illustrare un reportage che<br />

con il corpo delle donne non ha proprio<br />

nulla a che fare. I ragazzi pensano<br />

di sicuro che io stia leggendo una<br />

rivista pornografica in un luogo pubblico.<br />

Me ne vado, vergognandomi<br />

un po’. In Italia siamo oramai assuefatti<br />

a questo genere di pubblicità e il<br />

la bella<br />

statuina<br />

la spiaggia<br />

la rivista<br />

all’improvviso<br />

la copertina<br />

nudo<br />

vergognarsi<br />

assuefatto a<br />

la pubblicità<br />

hier: Frau, die nur als<br />

Dekoration dient<br />

Strand<br />

Zeitschrift<br />

plötzlich<br />

Titelseite<br />

nackt<br />

sich schämen<br />

gewöhnt an<br />

Werbung<br />

fenomeno, anziché diminuire, negli<br />

ultimi anni è cresciuto. Tuttavia, nel<br />

deserto si è levata una voce, anzi due.<br />

Prima quella della blogger e attivista<br />

per i diritti delle donne Lorella Zanardo<br />

(vedi <strong>ADESSO</strong> 04/13, pag. 24),<br />

poi quella della neopresidente della<br />

Camera Laura Boldrini, che ha detto:<br />

“È inaccettabile che in questo paese<br />

diminuire<br />

il deserto<br />

il dentifricio<br />

veicolare qc.<br />

attraverso qc.<br />

esprimere<br />

un parere<br />

muto<br />

svestito<br />

rinunciare a<br />

zurückgehen<br />

Wüste<br />

Zahnpasta<br />

hier: etw. mit Hilfe<br />

von etw. verkaufen<br />

eine Meinung<br />

ausdrücken<br />

stumm<br />

ausgezogen<br />

verzichten auf<br />

ogni prodotto, dallo yogurt al dentifricio,<br />

sia veicolato attraverso il corpo<br />

della donna”. Poi ha aggiunto: “Solo<br />

il 2% delle donne in tivù esprime pareri.<br />

Il resto è muto, a volte svestito”.<br />

La Rai ha scelto allora di rinunciare a<br />

Miss Italia (vedi <strong>ADESSO</strong> 08/13, pag. 8)<br />

e questo potrebbe essere l’inizio di<br />

una nuova èra.<br />

Donne in TV: solo belle statuine?<br />

Nur dekoratives Beiwerk o<strong>der</strong> Persönlichkeiten mit eigener Meinung – welche Rolle<br />

sollen Frauen in den italienischen Medien spielen?<br />

Le piaceva ve<strong>der</strong>e Miss Italia in<br />

TV?<br />

La guardavo volentieri quando<br />

ero piccola.<br />

Come commenta la decisione<br />

della Rai di non trasmettere più<br />

il concorso?<br />

Giusto! Un tempo era un programma<br />

divertente. Le ragazze<br />

facevano delle gare. Oggi è monotono:<br />

le ragazze sfilano con<br />

un numero.<br />

Trova piacevole ve<strong>der</strong>e un corpo<br />

femminile sui media?<br />

Non mi piace affatto ve<strong>der</strong>e una<br />

donna che si mette completamente<br />

in mostra. È chiaro che così la sua intelligenza passa<br />

in secondo piano.<br />

Secondo la presidente della<br />

la decisione<br />

trasmettere<br />

il concorso<br />

divertente<br />

la gara<br />

sfilare<br />

passare in<br />

secondo piano<br />

apparire<br />

roseo<br />

Entscheidung<br />

übertragen<br />

Wettbewerb<br />

unterhaltsam<br />

Wettbewerb<br />

über den Laufsteg<br />

gehen<br />

an zweiter<br />

Stelle stehen<br />

erscheinen<br />

rosig<br />

Stefania Creo, di Minturno (Latina), 29 anni, fisioterapista<br />

(a sinistra) e Francesco Pannocchi, di Roma, 53 anni,<br />

disoccupato [arbeitslos].<br />

Camera, il 98% delle donne<br />

che appaiono in TV non<br />

esprime un parere. Lei lo<br />

aveva notato?<br />

Sì, e non vedo un futuro più<br />

roseo. Qualcuno prova a<br />

cambiare qualcosa, ma non<br />

c’è nulla di concreto.<br />

Le piaceva ve<strong>der</strong>e Miss Italia in<br />

TV?<br />

Fa parte del nostro folklore.<br />

Come commenta la decisione<br />

della Rai di non trasmettere più<br />

il concorso?<br />

Negli anni Cinquanta era un modo,<br />

per le donne belle, di salire<br />

alla ribalta. Oggi ha perso la sua<br />

importanza.<br />

Trova piacevole ve<strong>der</strong>e un corpo<br />

femminile sui media?<br />

Come uomo, con l’educazione<br />

che ho avuto e che mi porto dietro,<br />

mi fa sempre piacere ve<strong>der</strong>e<br />

un bel corpo femminile coperto<br />

o scoperto. Anche se in alcuni contesti lo trovo fuori luogo.<br />

Secondo la presidente<br />

della Camera, il 98% delle<br />

donne che appaiono in<br />

TV non esprime un parere.<br />

Lei lo aveva notato?<br />

A pensarci bene, le conduttrici<br />

televisive sono<br />

poche. Il resto, è vero, fa<br />

la bella statuina! E persino<br />

le donne della mia generazione<br />

hanno spesso<br />

un atteggiamento di sottomissione.<br />

groß heraus-<br />

kommen<br />

Zusammenhang<br />

unangemessen<br />

Fernseh-<br />

mo<strong>der</strong>atorin<br />

sogar<br />

salire<br />

alla ribalta<br />

il contesto<br />

fuori luogo<br />

la conduttrice<br />

televisiva<br />

persino<br />

l’atteggiamento<br />

di sot-<br />

tomissione f.<br />

unterwürfiges<br />

Verhalten<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


PAGINE FACILI<br />

il tubetto di<br />

dentifricio<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

LE CONFEZIONI<br />

il carrello della<br />

spesa<br />

il supermercato<br />

il cartone<br />

di latte<br />

il panetto<br />

di burro<br />

lo scaffale<br />

il vasetto di<br />

yogurt<br />

la scatoletta<br />

di tonno<br />

il barattolo di<br />

Nutella<br />

i pomodori in<br />

scatola<br />

il pacco di<br />

biscotti<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

la borsa della<br />

spesa<br />

QUANDO SIETE IN VACANZA, O MAGARI PASSA-<br />

TE UN PERIODO NELLA VOSTRA CASA IN ITALIA,<br />

OVVIAMENTE DOVETE ANDARE A FARE LA SPE-<br />

SA. Non si può mangiare sempre al ristorante e cucinare<br />

in Italia, con i prodotti tipici del posto, è bello ed è anche<br />

un’esperienza “culturale”. Andiamo subito al supermercato<br />

oppure in un negozio. Sì, ma siamo capaci di nominare<br />

i vari tipi di confezione che vediamo sugli scaffali?<br />

L’italiano, come quasi tutte le lingue, segue regole particolari<br />

e a volte due confezioni che sembrano identiche<br />

hanno nomi diversi. La birra e le altre bibite, ad esempio,<br />

si vendono in bottiglia o in lattina, ma i pomodori pelati,<br />

quelli per fare il sugo, si chiamano pomodori in scatola.<br />

la confezione<br />

ovviamente<br />

fare la spesa<br />

lo scaffale<br />

seguire<br />

la bibita<br />

la bottiglia<br />

la lattina<br />

i pomodori<br />

pelati pl.<br />

la lattina<br />

di birra<br />

la bottiglia<br />

la scatola,<br />

Konservenla<br />

scatoletta<br />

il contenitore<br />

il barattolo<br />

il pacco<br />

il pacchetto<br />

brevettato<br />

il salume<br />

il prodotto<br />

alimentare<br />

preparato<br />

Verpackung<br />

natürlich<br />

einkaufen<br />

Regal<br />

folgen<br />

Erfrischungsgetränk<br />

Flasche<br />

Getränkedose<br />

geschälte<br />

Tomaten<br />

dose<br />

Behälter<br />

Glas<br />

Packung<br />

Schachtel<br />

patentiert<br />

Wurst<br />

il pacchetto<br />

di sigarette<br />

Lebensmittel<br />

vorbereitet<br />

il fustino<br />

di detersivo<br />

il sacchetto<br />

di patatine<br />

Anche il contenitore di metallo che contiene il tonno all’olio<br />

d’oliva si chiama scatola o scatoletta. Volete la Nutella,<br />

la crema alla nocciola famosa nel mondo che piace ai grandi<br />

e ai bambini? Il suo contenitore si chiama barattolo. La<br />

pasta, avvolta nel cellophane, è venduta a pacchi. Invece<br />

le sigarette sono in un pacchetto. Il latte è venduto in bottiglie<br />

di plastica o di vetro, oppure, più spesso, in contenitori<br />

brevettati e usati in tutto il mondo, chiamati tetrapak.<br />

In questo caso si parla di cartone di latte, anche se di solito<br />

si dice, ad esempio, “Puoi comprare un litro di latte?”<br />

Quando non si sa bene come chiamare un prodotto confezionato<br />

(ad esempio nel caso di formaggi e salumi) si<br />

dice “una confezione”. Insomma, i nomi delle confezioni<br />

per prodotti alimentari sono tanti e a volte non sono proprio<br />

quelli che ci aspettiamo. Per fortuna al supermercato,<br />

in genere, non si deve parlare. Ma in Italia esistono ancora<br />

molti negozi piccoli e “familiari”. E allora si deve essere<br />

preparati a parlare con il personale!<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

il pacco<br />

di pasta<br />

33<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

HERMANN E CONCETTA<br />

AL SUPERMERCATO<br />

avanzare<br />

accidenti!<br />

il lupo<br />

stare bene con<br />

il vicino di casa<br />

übrig bleiben<br />

verdammt!<br />

Wolf<br />

gut zusammenpassen<br />

Nachbar<br />

HERMANN: Ma quanti pacchi di<br />

pasta prendi?<br />

CONCETTA: Sono 12, quattro<br />

di spaghetti, quattro di rigatoni<br />

e quattro di penne. Perché?<br />

HERMANN: Ma sono troppi.<br />

CONCETTA: Sei chili. Ti ricordo<br />

che siamo in sei in famiglia e io<br />

preparo quasi un chilo di pasta<br />

al giorno. E poi ci fermiamo una<br />

settimana. Se avanza, la mangeremo<br />

quando torneremo in<br />

primavera.<br />

HERMANN: Accidenti! Mangiamo<br />

così tanto?<br />

CONCETTA: I ragazzi mangiano<br />

come lupi! Sono giovani e<br />

fanno tanto sport! E tu vuoi<br />

sempre doppia porzione!<br />

HERMANN: Hai ragione. Senti,<br />

che ne dici se prendo questa<br />

confezione da sei lattine di birra?<br />

CONCETTA: No, dai, la birra<br />

sta bene con la pizza, non<br />

con la pasta.<br />

HERMANN: Per me non c’è differenza...<br />

ma va be’, lasciamo stare...<br />

Allora prendiamo il vino?<br />

CONCETTA: Sì, prendiamo il vino<br />

rosso. Che ne dici del Primitivo?<br />

È proprio di queste zone.<br />

HERMANN: Ottimo! È il mio<br />

preferito. Tre bottiglie?<br />

CONCETTA: Facciamo quattro,<br />

stasera vengono i vicini di casa<br />

a cena.<br />

34<br />

Esercizio 1*:<br />

1. La famiglia di Hermann e Concetta è composta<br />

di _______________ persone.<br />

2. Secondo Concetta i ragazzi mangiano come<br />

_______________.<br />

3. I ragazzi fanno tanto _______________.<br />

4. Hermann vuole sempre doppia _______________.<br />

5. La birra sta bene con la ____________________.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Che tipi di pasta compra Concetta?<br />

2. Quanta pasta compra Concetta?<br />

3. Quando torneranno in Italia?<br />

4. Quante lattine di birra vuole pren<strong>der</strong>e Hermann?<br />

5. Quante bottiglie di vino prendono?<br />

ALCUNI VERBI<br />

DI MOVIMENTO<br />

Conosciamo di sicuro i verbi di<br />

movimento più importanti, come andare,<br />

venire, camminare. Ce ne sono altri che<br />

sono forse meno usati, ma che è bene<br />

sapere. Nell’esercizio a scelta multipla<br />

che segue, trovate il verbo corretto.<br />

Prima di guardare le nostre soluzioni,<br />

chiedete aiuto a un amico italiano.<br />

Buon lavoro!<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

1 2<br />

Orizzontali:<br />

1. Il contenitore del latte si<br />

chiama ...<br />

3. Camminare con una gamba<br />

infortunata si dice “...”.<br />

8. Compro una ... di birra.<br />

9. Compro una ... di vino.<br />

10. Compro un ... di pasta.<br />

11. Il primo testo parla dei<br />

diversi tipi di ...<br />

3<br />

6<br />

8<br />

7<br />

5<br />

4<br />

Verticali:<br />

2. Compro un ... di sigarette.<br />

4. Ca<strong>der</strong>e su un ostacolo si<br />

dice “...”.<br />

5. Saltare su un muro per<br />

atterrare dall’altra parte si<br />

dice “...”.<br />

6. La Nutella è venduta<br />

in un ...<br />

7. Mio figlio non sa camminare<br />

ma sa già ...<br />

35<br />

9<br />

10<br />

11<br />

SOLUZIONI 10.2013<br />

Esercizio 3*:<br />

1. Il papa si è recato/buttato in visita in Germania.<br />

2. Prima di inserirmi/imbarcarmi sull’aereo sono andato<br />

al duty free.<br />

3. Da quando ha avuto l’incidente, Luca zoppica / complica<br />

vistosamente.<br />

4. Mio figlio è incappato/inciampato in una radice ed è caduto.<br />

5. Non abbiamo trovato il cancello e abbiamo<br />

scavalcato/scalcagnato il recinto.<br />

6. La bambina non cammina ancora, ma è molto veloce a<br />

gattonare / gettonare.<br />

1<br />

2<br />

U C C E L L I<br />

3<br />

B M<br />

4<br />

P<br />

E T<br />

6<br />

P E S C I<br />

9<br />

O<br />

5<br />

A P I N G U I N O<br />

L I R<br />

7<br />

A N F I B I<br />

E<br />

A<br />

L<br />

8<br />

R<br />

L<br />

V E R T E B R A T I<br />

T<br />

N<br />

10<br />

P I P I S T R E L L O<br />

I<br />

L<br />

11<br />

M A M M I F E R I<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


chiedi?<br />

2010 13<br />

2<br />

C<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

D<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

per raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

per raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schnell) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (inten<strong>der</strong>e: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

nelle ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (inten<strong>der</strong>e: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (inten<strong>der</strong>e: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le città d’arte<br />

E<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chie<strong>der</strong>e qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vollzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

F<br />

G<br />

H<br />

I<br />

J<br />

K<br />

L<br />

M<br />

1<br />

3<br />

4<br />

5<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

PAGINE FACILI<br />

IL VALZER DEI<br />

FONDI EUROPEI<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SUL<br />

FUTURO<br />

LA STORIA NON È NUOVA. Ma leggendo i nuovi dati relativi all’uso dei<br />

fondi europei da parte dell’Italia viene una grande rabbia. I soldi ci sono. Sono<br />

lì a portata di mano. È sufficiente usare le procedure corrette e questi fondi<br />

dell’Unione europea, chiamati “fondi strutturali”, creati per finanziare progetti<br />

all’interno della stessa Ue, vengono erogati. Solo che in Italia, per un misto di<br />

pigrizia, incompetenza e burocrazia eccessiva, i fondi vengono utilizzati solo<br />

in piccola parte. Certo, l’Italia non è sola in questa triste statistica. Ma non è<br />

una consolazione! Diamo un’occhiata ai dati. I fondi stanziati dall’Ue tra il<br />

2007 e il 2013 sono stati utilizzati per oltre il 70% dal Portogallo e per oltre il<br />

60% dalla Germania, dalla Grecia e dalla Polonia. Paesi che hanno saputo, in<br />

buona parte, usare le procedure europee per avere i finanziamenti. Anche<br />

l’Austria, il Belgio e l’Olanda si avvicinano al 60% di utilizzo dei fondi strutturali.<br />

E l’Italia? È tra gli ultimi in classifica, con il 42,8%. Solo la Repubblica<br />

Ceca, la Romania e la Bulgaria hanno fatto peggio di noi. Peccato! Proprio per<br />

uscire dalla crisi alcuni finanziamenti mirati, in settori-chiave dell’economia,<br />

sono importantissimi!<br />

L<br />

7<br />

8<br />

9<br />

A<br />

© 2010 Grubbe Media GmbH<br />

©<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat), un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht) su Roma.<br />

B<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

C<br />

D<br />

E<br />

F<br />

G<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

F<br />

2<br />

<strong>Das</strong> Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

Italienisch reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

o<strong>der</strong> im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

ARRIVO<br />

H<br />

I<br />

J<br />

K<br />

Trost<br />

zur Verfügung<br />

stellen<br />

schade!<br />

gezielt<br />

Schlüssel-<br />

sektor<br />

peccato!<br />

mirato<br />

il settorechiave<br />

Wut<br />

Geld<br />

in Reichweite<br />

ausreichend<br />

Strukturfond<br />

auszahlen<br />

Faulheit<br />

la rabbia<br />

i soldi pl.<br />

a portata<br />

di mano f.<br />

sufficiente<br />

il fondo<br />

strutturale<br />

erogare<br />

la pigrizia<br />

la consolazione<br />

stanziare<br />

Esercizio 4:<br />

Formate il futuro indicativo dei seguenti verbi presenti nel testo, come<br />

nell’esempio.<br />

stanzierò<br />

➔ io - stanziare _________________<br />

1. noi - essere ___________________<br />

2. voi - venire ___________________<br />

3. loro - erogare _________________<br />

4. io - creare ____________________<br />

5. lui - utilizzare _________________<br />

6. lei - uscire ____________________<br />

7. tu - fare ______________________<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. sei; 2. lupi; 3. sport; 4. porzione; 5. pizza.<br />

ESERCIZIO 2: 1. spaghetti, rigatoni, penne; 2. 12 (dodici) pacchi, sei chili; 3. in primavera;<br />

4. sei; 5. quattro.<br />

ESERCIZIO 3: 1. recato; 2. imbarcarmi; 3. zoppica; 4. inciampato; 5. scavalcato; 5. gattonare.<br />

ESERCIZIO 4: 1. saremo; 2. verrete; 3. erogheranno; 4. creerò; 5. utilizzerà; 6. uscirà; 7. farai.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

ÜBERSETZUNG<br />

37 <strong>ADESSO</strong> 11.2013 LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong> LINGUA<br />

Mors tua, vita mea<br />

(Morte tua, vita mia)<br />

1) _________________<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Coniuga il verbo al passato remoto e<br />

al participio passato<br />

appen<strong>der</strong>e<br />

(aufhängen)<br />

sc___enziato<br />

cosc___enza<br />

convalesc___enza<br />

adolesc___ente<br />

LE FOTOPAROLE<br />

ESERCIZIO<br />

2) _________________<br />

Aggiungi la “i” quando è necessaria.<br />

usc___ere<br />

apparisc___ente<br />

fantasc___enza<br />

riconosc___enza<br />

sc___ettico<br />

1. Die Treppe hat zwölf Stufen.<br />

2. Ich habe die erste Stufe meines<br />

Sprachkurses absolviert.<br />

1. l’autobus m.<br />

2. il tram<br />

3. la metropolitana<br />

4. l’obliteratrice f.<br />

5. il, la conducente<br />

VOCABOLARIO<br />

I mezzi pubblici<br />

fare l’indiano<br />

6. il passeggero<br />

7. la fermata<br />

8. il posto a se<strong>der</strong>e<br />

9. il biglietto<br />

10. la multa<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Gliel'ho già detto mille volte che deve andare<br />

al supermercato, ma continua a fare l'indiano.<br />

Questa sera non si mangia!<br />

espressione colloquiale<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

bara / barra<br />

La ____________ è anche detta feretro o,<br />

in maniera colloquiale, cassa da morto.


TRADUZIONE<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

1. La scala è formata da 12 scalini/gradini.<br />

2. Ho terminato il primo livello<br />

del mio corso di lingua.<br />

WORTSCHATZ<br />

Öffentliche Verkehrsmittel<br />

1. Bus<br />

2. Straßenbahn<br />

3. U-Bahn<br />

4. Fahrkartenentwerter<br />

5. Fahrer, -in<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

sich dumm stellen<br />

Ich habe ihm schon tausend Mal gesagt, dass<br />

er einkaufen gehen soll, aber er stellt sich<br />

weiterhin dumm. Heute Abend gibt es nichts<br />

zu essen!<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

la bara<br />

6. Fahrgast<br />

7. Haltestelle<br />

8. Sitzplatz<br />

9. Fahrkarte<br />

10. Strafe<br />

la barra<br />

La bara [Sarg] è anche detta feretro o,<br />

in maniera colloquiale, cassa da morto.<br />

la penna<br />

le penne<br />

Des einen Tod ist<br />

des an<strong>der</strong>en Brot<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Passato remoto<br />

appesi<br />

appendesti<br />

appese<br />

appendemmo<br />

appendeste<br />

appesero<br />

ÜBUNG<br />

il coltello<br />

i coltelli<br />

Participio passato<br />

appeso<br />

Verbo ausiliare:<br />

avere<br />

Soluzioni: scienziato; coscienza; convalescenza;<br />

adolescente; usciere; appariscente;<br />

fantascienza; riconoscenza; scettico.<br />

“Sce” si scrive sempre senza la “i”, tranne che<br />

nelle parole scienza e coscienza e nei loro<br />

<strong>der</strong>ivati (scientifico, coscienzioso, cosciente,<br />

incosciente, coscientemente) e in usciere,<br />

perché la parola si forma con il suffisso -iere.<br />

38 <strong>ADESSO</strong> 11.2013 SAMMELKARTEN SPRACHE


GIOCANDO S’IMPARA...<br />

DI GIOVANNA IACONO<br />

...DALLA CUCINA ALLE CITTÀ<br />

NOVITÀ<br />

MEDIO<br />

1 SOTTRAZIONE<br />

ILLUSTRATA IN CUCINA *<br />

Cancella nell’ordine le lettere che servono<br />

per scrivere il nome di un utensile [Gerät] usato<br />

in cucina. Quelle che rimangono, lette di<br />

seguito, formano un proverbio [Sprichwort].<br />

1. P I A L D D E L L I A<br />

2. A I V O M B L U T O O<br />

3. F A T A L G E L I E P E R E<br />

DIFFICILE<br />

2<br />

DI DOVE SONO? *<br />

Risolvi i piccoli rebus per scoprire da quale<br />

città vengono le persone.<br />

1. Domenico è di: TRE<br />

(7) _ _ _ _ _ _ _<br />

2. Sonia è di: CU<br />

(5) _ _ _ _ _<br />

3. Gigi è di: RMO<br />

(7) _ _ _ _ _ _ _<br />

4. N T C I O O T L O L A E<br />

5. M C O A N L O N I N O I C<br />

6. O P E R O C S H A I T E<br />

4. Claudia è di: P<br />

(5) _ _ _ _ _<br />

5. Biagio è di: S<br />

(5) _ _ _ _ _<br />

39<br />

Il proverbio è (2, 7, 2 , 2, 7, 2, 3, 1, 8):<br />

______________________________________________<br />

6. Paola è di: PA<br />

(5) _ _ _ _ _<br />

8<br />

6<br />

10<br />

9<br />

12<br />

13<br />

16<br />

MEDIO<br />

3<br />

UNISCI I PUNTINI *<br />

Trova le parole che indicano parti del corpo umano<br />

[menschlicher Körper] e unisci i numeri corrispondenti.<br />

Comparirà il disegno di un’altra parte del corpo. Quale?<br />

3<br />

4<br />

5<br />

1<br />

18<br />

7<br />

15<br />

2<br />

11<br />

14<br />

17<br />

1. piede<br />

2. calza<br />

3. ginocchio<br />

4. zucca<br />

5. testa<br />

6. dito<br />

7. orecchio<br />

8. cappello<br />

9. manica<br />

10. bocca<br />

11. braccio<br />

12. occhio<br />

13. gambero<br />

14. viso<br />

15. collana<br />

16. spalla<br />

17. pancia<br />

18. luna<br />

MEHR ÜBUNGEN FINDEN SIE IM <strong>ADESSO</strong>plus 11.2013<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 55<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

40<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle <strong>der</strong><br />

Grammatik und Linguistik.<br />

REGOLA GENERALE<br />

Le parole straniere non hanno il plurale:<br />

➔ il putsch - i putsch<br />

➔ il manager - i manager<br />

➔ la brioche - le brioche<br />

➔ il golpe - i golpe<br />

APPROFONDIMENTO<br />

I sostantivi tedeschi, spagnoli e francesi<br />

generalmente mantengono il genere della lingua di<br />

origine (il neutro tedesco diventa maschile):<br />

➔ il lager, la pelota, la boutique.<br />

Per quanto riguarda l’inglese, che non ha<br />

distinzioni di genere, le parole generalmente si<br />

orientano al corrispondente vocabolo italiano:<br />

➔ il relax (= il riposo, maschile), la star (= la<br />

stella, femminile).<br />

LESSICO<br />

In italiano gli anglicismi si trovano soprattutto<br />

nel linguaggio giornalistico, sportivo, economico,<br />

informatico e scientifico:<br />

➔ summit, lea<strong>der</strong>, premier, doping, dribbling,<br />

pressing, broker, know-how, lobby, marketing,<br />

network, web, day hospital, shock.<br />

DENGLISCH E ITINGLESE<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

GLI ANGLICISMI<br />

NELL’ITALIANO<br />

Kompetente Sprachverwendung<br />

Complimenti per <strong>ADESSO</strong> 06/13. Secondo me è il migliore numero<br />

degli ultimi anni. Purtroppo vengono usate troppe parole Denglisch<br />

o meglio ITINGLESE, come spending review o live per<br />

“in diretta” (pagina 28). Sarebbe facile tradurre queste parole in<br />

italiano o in tedesco. Secondo uno studio tedesco, il 60% dei tedeschi<br />

non sa l’inglese. In Italia penso che siano di più. Benché io<br />

abbia vissuto in Australia per tanti anni e sappia l’inglese, non<br />

capisco l’espressione down-shifting (pagina 25), mentre spending<br />

review significa “controllo delle spese”.<br />

J. Brandt, München<br />

La scelta tra l’espressione italiana<br />

e quella inglese non può es-<br />

zwischen<br />

la scelta tra Entscheidung<br />

sere dettata solo dalla “traducibilità”,<br />

dettare bestimmen<br />

ma dalla funzione che di<br />

la traducibilità Übersetzbarkeit<br />

di volta in volta von Mal zu Mal<br />

volta in volta l’espressione ha<br />

il contesto Zusammenhang<br />

nel contesto. Per esempio,<br />

l’espressione f.,<br />

il termine Begriff<br />

showgirl è preferibile alla sua<br />

sostituire ersetzen<br />

traduzione, ballerina di varietà, sovrapponibile austauschbar<br />

che richiama subito un contesto letteralmente wörtlich<br />

d’altri tempi; look e aspetto, in scalare di marcia einen Gang<br />

zurückschalten<br />

un testo sulla moda, non sono<br />

rallentare verlangsamen<br />

sovrapponibili. Spending review<br />

la spesa Ausgabe<br />

è un’espressione giornalistica il punto di vista Gesichtspunkt<br />

la certezza Sicherheit<br />

diffusa nei media italiani solo<br />

la scalata Machtübernahme<br />

nella versione in lingua inglese.<br />

prestigioso prestigeträchtig<br />

Si riferisce non a un generico<br />

“controllo della spesa”, ma alla<br />

pren<strong>der</strong>si cura di sich kümmern um<br />

“revisione della spesa pubblica statale, in particolare a quella avviata<br />

dal governo Monti”. Down-shifting letteralmente significa “scalare di<br />

marcia”; in senso metaforico vuol dire rallentare, ripensare le spese;<br />

da un punto di vista più esistenziale chi sceglie il down-shifting decide,<br />

dopo aver tentato per anni la scalata economica, sociale o lavorativa,<br />

di dedicarsi ad attività meno prestigiose, ma che gli permettono<br />

di pren<strong>der</strong>si cura di sé e della famiglia.<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO A<br />

Come si traduce in italiano?<br />

PER SAPERNE DI PIÙ<br />

vedi anche <strong>ADESSO</strong> 11/07 e 12/07.<br />

1) Hobby P _ _ _ _ _ _ _ _ _<br />

2) Slow L _ _ _ _<br />

3) Make up T _ _ _ _ _<br />

4) Teenager A _ _ _ _ _ _ _ _ _ _<br />

5) T-shirt M _ _ _ _ _ _ _ _<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO B<br />

Come si dice in italiano? Collega le parole inglesi con i loro<br />

corrispettivi italiani.<br />

1) lo skilift a) la giacca sportiva<br />

2) il check-up b) il dirigente d’azienda<br />

3) il killer c) lo spuntino<br />

4) il blazer d) l'allenatore<br />

5) il trainer e) il malvivente<br />

6) il goal f) la sciovia<br />

7) il gossip g) il sicario<br />

8) il gangster h) l'ammiratore, il tifoso<br />

9) lo snack i) il pirata informatico<br />

10) il manager l) la rete<br />

11) l’hacker m) il controllo medico generale<br />

12) il fan n) il pettegolezzo<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO C<br />

Sottolinea le parole straniere presenti nel testo e scrivi i corrispondenti<br />

termini italiani. Vedrai che in alcuni casi ciò è possibile,<br />

in altri casi viene meno la sinteticità.<br />

In vacanza, quando sono arrivato nell’hotel dove avevo mandato un fax<br />

per prenotare la suite, la signorina della reception mi ha detto che a<br />

causa di [wegen] un black-out alcuni fax non erano arrivati e quindi la<br />

mia suite era occupata [belegt]. Ho chiesto una stanza, ma tutto l’hotel<br />

era pieno per un meeting internazionale di business men che partecipavano<br />

a un workshop. Ho passato perciò le mie vacanze in un residence,<br />

ma in realtà avevo a disposizione solo un bungalow senza particolari<br />

comfort. Le uniche attrazioni del residence erano un pub e un bowling<br />

e non c’era neanche la possibilità di farmi portare in camera un drink o<br />

un cocktail. Il ristorante non era buono e ho preferito mangiare in un<br />

fast-food. Per fortuna l’altra sera ho conosciuto una ragazza piena di<br />

humour che lavora part-time come cameriera. Abbiamo flirtato un po’,<br />

ma lei non cercava un boyfriend per il weekend. Cercava un partner per<br />

la vita! In questo periodo ho proprio il record della sfortuna [Pech].<br />

Ho bisogno di un break, di qualche giorno di relax. Ma il mio boss mi<br />

ha detto che se non torno subito al lavoro mi dice bye-bye...<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A: 1) passatempo; 2) lento;<br />

3) trucco; 4) adolescente; 5) maglietta.<br />

ESERCIZIO B: 1) f; 2) m; 3) g; 4) a; 5) d; 6) l;<br />

7) n; 8) e; 9) c; 10) b; 11) i; 12) h.<br />

ESERCIZIO C: hotel = albergo; fax = non ha<br />

traduzione; suite = camera grande e lussuosa<br />

di un grande albergo; reception = ufficio<br />

accoglienza clienti; black-out = improvvisa<br />

interruzione totale di energia elettrica;<br />

meeting = congresso, convegno, riunione;<br />

business men = uomini d’affari; workshop =<br />

corso, laboratorio, gruppo di lavoro; residence<br />

= albergo composto da appartamenti<br />

arredati, con bagno e cucina, che si possono<br />

affittare per lunghi periodi; bungalow =<br />

casetta monofamiliare per turisti, in villaggi<br />

di vacanze o camping; comfort = comodità,<br />

agio; pub = birreria; bowling = non ha traduzione;<br />

drink = bevanda; cocktail = bevanda<br />

alcolica; fast-food = locale che serve pasti<br />

rapidi; humour = umorismo; part-time =<br />

a tempo parziale; boyfriend = ragazzo,<br />

fidanzato; weekend = fine settimana;<br />

partner = compagno; record = primato;<br />

break = pausa; relax = riposo totale;<br />

boss = capo; bye-bye = addio, ciao.<br />

ESERCIZIO 1: 1) d’aspetto/d’attesa;<br />

2) da pranzo; 3) di lettura, di consultazione;<br />

4) operatoria, parto; 5) professori/insegnanti;<br />

6) macchine; 7) riunioni; 8) stampa; 9) da tè;<br />

10) d’armi; 11) operativa; 12) lauree; 13) di<br />

registrazione; 14) di montaggio.<br />

ESERCIZIO 2: 1) caposala; 2) sala giochi;<br />

3) saletta; 4) multisala; 5) sala d’aspetto;<br />

6) sala macchine; 7) sala professori.<br />

ESERCIZIO 3: 1) a; 2) b; 3) b.<br />

41<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

PAROLE COMPOSTE<br />

• caposala [Stationspfleger]<br />

• multisala [Multiplex-Kino]<br />

PAROLE DERIVATE<br />

• saletta [kleiner Saal, Gaststube]<br />

• salone [Wohnzimmer, Halle]<br />

VERBI<br />

• accomodarsi in …<br />

[Platz nehmen]<br />

• se<strong>der</strong>si in …<br />

SALA<br />

42<br />

ESPRESSIONI<br />

• … da pranzo [Esszimmer]<br />

• … da ballo [Tanzsaal]<br />

• … da concerto [Konzertsaal]<br />

• … da tè [Teestube]<br />

• … d’attesa/d’aspetto [Wartesaal]<br />

• … d’armi [Waffenkammer]<br />

• … di lettura [Lesesaal]<br />

• … di consultazione [Lesesaal]<br />

• … di registrazione [Aufnahmeraum]<br />

• … di montaggio [Schnei<strong>der</strong>aum]<br />

• … di proiezione [Vorführraum]<br />

TIPOLOGIA<br />

• … riunioni [Sitzungssaal]<br />

• … professori / insegnanti [Lehrerzimmer]<br />

• … giochi [Spielhalle]<br />

• … operatoria [Operationssaal]<br />

• … parto [Kreißsaal]<br />

• … stampa [Pressezentrum]<br />

• … macchine [Maschinenraum]<br />

• … cinematografica [Kinosaal]<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO 1*<br />

Di quale sala si tratta? Completa le frasi.<br />

1) In uno studio medico [Arztpraxis] c’è la<br />

sala _______________________.<br />

2) In un appartamento c’è la sala _____________.<br />

3) In una biblioteca ci sono la sala ___________ e<br />

la sala _____________________.<br />

4) In un ospedale [Krankenhaus] ci sono la sala<br />

________________ e la sala _________________.<br />

5) In una scuola c’è la sala ___________________.<br />

6) In una nave c’è la sala _____________________.<br />

7) In una grande ditta [Firma] c’è la sala<br />

____________________________.<br />

8) Nel parlamento c’è la sala _________________.<br />

9) In una pasticceria [Konditorei ] c’è la<br />

sala ___________________________.<br />

10) In una palestra dove si pratica la scherma<br />

[Fechten] c’è la sala ________________________.<br />

11) Nelle centrali elettriche [Elektrizitätswerke] c’è la<br />

sala ___________________________.<br />

12) In un’università c’è la sala ___________________.<br />

13) In una casa discografica [Schallplattenfirma] c’è<br />

la sala _________________________.<br />

14) In uno studio televisivo [Fernsehstudio] c’è la<br />

sala ___________________________.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 41<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO 2*<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate<br />

qui di seguito:<br />

sala professori • caposala • sala macchine<br />

saletta • sala giochi • sala da ballo<br />

multisala • sala d’aspetto<br />

1) Sono appena stato operato e non sto bene. Per favore<br />

mi chiami la _______________________________________.<br />

2) Ragazzi, prima fate i compiti [Hausaufgaben] e poi, se<br />

volete, potete andare in ___________________________.<br />

3) Deborah festeggerà il suo compleanno in una<br />

_________________________ di un locale chic di Roma.<br />

4) Il vecchio cinema è stato sostituito [ersetzt] da un anonimo<br />

____________________________________________.<br />

5) La ________________________ del pediatra [Kin<strong>der</strong>arzt]<br />

è sempre piena di giochi.<br />

6) Durante la visita della nave ci hanno portato anche in<br />

_________________________________________________.<br />

7) Scusi, ho un colloquio [Gespräch] con l’insegnante di<br />

filosofia di mia figlia. Lo trovo in __________________?<br />

DIFFICILE<br />

ESERCIZIO 3*<br />

Qual è il significato dei tre proverbi?<br />

1) Nelle sale degli altri si balla meglio che nella propria<br />

a. È più bello essere invitati che invitare.<br />

b. È più bello organizzare feste danzanti [Tanzfeste].<br />

2) Se porti l’asino in sala ti caccerà dalla sala e dalla<br />

camera<br />

a. È meglio tenere gli animali domestici [Haustiere]<br />

lontani dalla sala da pranzo.<br />

b. È meglio non far entrare persone rozze [grob] e poco<br />

discrete in casa propria.<br />

3) Fatta la festa non si trova chi spazzi la sala<br />

a. Non organizzare feste se non hai la colf [Haushaltshilfe]<br />

che ti aiuta.<br />

b. Tutti preferiscono divertirsi, pochi si accollano gli<br />

incomodi [Mühe auf sich nehmen].<br />

43<br />

SUL NOSTRO SITO<br />

www.adesso-online.de<br />

ESERCIZI<br />

Ogni settimana sul nostro sito trovi un<br />

nuovo esercizio. Questo mese: esercizi sui<br />

modi di dire legati agli stati d’animo,<br />

sui pronomi indefiniti e altro ancora!<br />

CULTURA<br />

• Due volte al mese il quiz culturale<br />

di <strong>ADESSO</strong> ti aspetta sul nostro sito.<br />

• Una volta al mese sul nostro sito<br />

il gioco Indovina il monumento.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGAZIN<br />

È ANCHE SU FACEBOOK<br />

Cerca “<strong>ADESSO</strong> Magazin” su Facebook e<br />

diventa fan della nostra pagina!<br />

Ogni giorno puoi esercitare il tuo italiano e<br />

ricevere notizie sull’Italia e aggiornamenti<br />

sui contenuti dei nostri prodotti.<br />

SONDAGGIO<br />

QUAL È IL TUO MARE<br />

PREFERITO?<br />

Risultati del sondaggio pubblicato su<br />

<strong>ADESSO</strong>-online dal 05/08 al 09/09/2013<br />

Mar Ligure<br />

27%<br />

Mar Adriatico<br />

26%<br />

• Nella sala lauree si svolge l’esame finale del percorso universitario;<br />

nella sala operativa sono riuniti i dispositivi di controllo e<br />

di comando a distanza di operazioni di ordine pubblico; nella sala<br />

corse degli ippodromi si accettano le scommesse sui cavalli.<br />

Mar Tirreno<br />

10%<br />

Mar Ionio<br />

12%<br />

Mar<br />

di Sardegna<br />

25%<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

La fabbrica delle parole<br />

44<br />

Wenn Kin<strong>der</strong> und Jugendliche<br />

schreibend ihrer Fantasie freien Lauf<br />

lassen dürfen, entstehen wun<strong>der</strong>bare<br />

Geschichten: Schreibwerkstätten als<br />

praktische Lebenshilfe und Bereicherung<br />

für alle Beteiligten.<br />

CHIUDIAMO IL CICLO DI RIFLESSIONI SULLE PA-<br />

ROLE (vedi <strong>ADESSO</strong> 09/13 e 10/13) DANDO LA PAROLA<br />

AI BAMBINI. In molti paesi si moltiplicano i progetti non<br />

profit che utilizzano una formula di respiro internazionale<br />

basata sul mix potentissimo di tre elementi: la scrittura<br />

creativa, i bambini e i ragazzi in età scolare e i tutor volontari.<br />

Dopo Stati Uniti, Inghilterra, Irlanda e Spagna, è<br />

nata a Milano La Grande Fabbrica delle Parole. Il procedimento<br />

è sempre lo stesso, offrire ai bambini la possibilità<br />

di esprimersi e di liberarsi degli stereotipi dai quali vengono<br />

quotidianamente bombardati. In famiglia non sempre<br />

c’è la possibilità o il tempo per decostruire i messaggi<br />

trasmessi dai media, che implicano violenza, razzismo e<br />

discriminazione striscianti, supereroi troppo perfetti.<br />

“La scrittura è la prima cosa che ci rende liberi”, dice<br />

Dave Eggers, il fondatore della scuola 826 Valencia di San<br />

dare la parola<br />

a qcn.<br />

il bambino<br />

potentissimo<br />

il messaggio<br />

la violenza<br />

strisciante<br />

il supereroe<br />

il fondatore<br />

l’infanzia<br />

imparare<br />

l’adulto<br />

raramente<br />

la pagina<br />

bianca<br />

fare una<br />

passeggiata<br />

il tema<br />

prestabilito<br />

la storia<br />

fantasmagorico<br />

indimenticabile<br />

weiße Seite<br />

Spaziergang<br />

machen<br />

vorgegebenes<br />

Thema<br />

Geschichte<br />

zauberhaft<br />

unvergesslich<br />

il libro<br />

stampato<br />

in copertina<br />

gedrucktes<br />

Buch<br />

auf <strong>der</strong><br />

Titelseite<br />

abstrakt<br />

wahrnehmen<br />

quälen<br />

jdm. das<br />

Wort erteilen<br />

Kind<br />

sehr wirkungsvoll<br />

kreatives<br />

Schreiben<br />

im Schulalter<br />

ehrenamtlich<br />

Vorgehens-<br />

weise<br />

sich<br />

ausdrücken<br />

Botschaft<br />

Gewalt<br />

unterschwellig<br />

Superheld<br />

Grün<strong>der</strong><br />

hier: Kin<strong>der</strong><br />

lernen<br />

Erwachsener<br />

selten<br />

la scrittura<br />

creativa<br />

in età scolare<br />

volontario<br />

il procedimento<br />

esprimersi<br />

astratto<br />

percepire<br />

martellare<br />

quotidianamente<br />

täglich<br />

la crisi della<br />

spazzatura Müllkrise<br />

la fatina kleine Fee<br />

discinto freizügig<br />

la timidezza Schüchternheit<br />

lo scrittore Schriftsteller<br />

scatenarsi loslegen<br />

il sogno Traum<br />

l’associazione<br />

f. Verein<br />

l’incontro Treffen<br />

il fanciullino: Bezug auf das<br />

Werk „<strong>Das</strong> Knäblein“ des Dichters<br />

Giovanni Pascoli<br />

l’immaginazione<br />

f.<br />

il raziocinio<br />

petulante<br />

smemorato<br />

meraviglioso<br />

chissà<br />

Vorstellung<br />

Vernunft<br />

lästig<br />

schusselig<br />

wun<strong>der</strong>schön<br />

wer weiß<br />

Francisco. “E non si tratta<br />

solo di un servizio che si offre<br />

all’infanzia”, continua.<br />

“Anche noi abbiamo molto<br />

da imparare da loro, che a<br />

differenza di tanti adulti,<br />

raramente hanno il panico<br />

della pagina bianca”.<br />

Ci sono tanti modi per<br />

dare la parola ai bambini. Si può partire dall’incipit o proporre<br />

già un finale, come fa Vox Prima in Spagna, o fare<br />

una passeggiata in città, come propone la Ong milanese,<br />

in cerca di “indizi di storie”. Senza regole di stile o temi<br />

prestabiliti, si tratta di offrire ogni volta contenitori diversi<br />

in cui riversare liberamente i contenuti. Per produrre<br />

storie fantasmagoriche o avventure indimenticabili bastano<br />

le due ore dei laboratori creativi. Alla fine, i bambini<br />

tornano a casa con un libro stampato, che riporta il loro<br />

nome e la foto in copertina, un simbolo fortissimo per fare<br />

capire che la cultura non è un valore astratto. Inoltre i<br />

laboratori creativi aiutano a capire come i bambini percepiscono<br />

ed elaborano, nella loro fantasia, il flusso di notizie<br />

che li martella quotidianamente. Ad esempio, nel periodo<br />

della crisi della spazzatura a Napoli, le storie dei<br />

bambini milanesi erano piene di spazzatura. Dopo lo scandalo<br />

di Vallettopoli (vedi <strong>ADESSO</strong> 08/07, pag. 20), le fatine<br />

nei racconti delle bimbe sono diventate più discinte.<br />

All’inizio c’è una forma di timidezza, raccontano i volontari<br />

dell’associazione milanese, ma poi, non appena i<br />

piccoli scrittori capiscono di avere campo libero, si scatenano<br />

e parlano dei loro sogni e della loro esperienza diretta,<br />

seppure alternata alla fantasia. I numeri parlano<br />

chiaro: sono più di 3.000 i bambini che hanno frequentato<br />

l’associazione e oltre 120 i maestri volontari, oltre agli<br />

incontri con scrittori professionisti.<br />

Come diceva Pascoli, la voce del fanciullino che c’è in<br />

noi si pone in contatto con il mondo attraverso l’immaginazione<br />

e la sensibilità e dà vita alla poesia meglio di<br />

quanto possa fare l’uomo adulto con il raziocinio.<br />

Intanto, la fanciullina petulante e un po’ smemorata che<br />

c’è in me corre a cercare su Internet le parole di quel meraviglioso<br />

vecchio pezzo dei Deep Purple, Child in Time.<br />

Chissà, forse avevano letto il nostro grande poeta...<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


Perfektion lässt sich leicht üben.<br />

Mit dem Übungsheft <strong>ADESSO</strong> plus passend zum aktuellen Magazin.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus ist die ideale Ergänzung zum Magazin:<br />

Bietet auf 24 Seiten vertiefende Übungen zu Grammatik,<br />

Wortschatz und Redewendungen<br />

Enthält Tests zur Überprüfung des Lernerfolgs<br />

Erscheint monatlich passend zum Magazin<br />

Zu je<strong>der</strong><br />

Ausgabe von<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

Zusammen mit dem Magazin <strong>ADESSO</strong> steht Ihnen damit ein<br />

perfektes Lernsystem zur Verfügung.<br />

Am besten, Sie probieren es gleich aus!<br />

Bestellen Sie jetzt <strong>ADESSO</strong> plus zum aktuellen Magazin:<br />

www.adesso-online.de/plusheft


NOVITÀ<br />

GRANDANGOLO<br />

EIN BLICK AUF BESONDERE ITALIENER<br />

46<br />

IO SONO LEGGENDA<br />

Sport als Lebenselixier –<br />

Ugo Sansonetti ist mit<br />

93 Jahren noch ganz<br />

vorne dabei.<br />

Testo: I. Bernardin<br />

Foto: Parallelo Zero / A. Faccilongo<br />

Roma. È una vita da record,<br />

quella di Ugo Sansonetti.<br />

Romano, classe 1919, dopo<br />

una carriera lavorativa piena<br />

di soddisfazioni, all’età di<br />

75 anni si è detto: “Torno a<br />

divertirmi!” Detto fatto!<br />

Da sempre appassionato di<br />

sport, negli anni Novanta ha<br />

iniziato la sua carriera nell’atletica<br />

leggera, categoria<br />

Master (riservata agli atleti<br />

dai 35 anni in su e divisi in<br />

gruppi per età). Da allora ha<br />

partecipato a 85 gare, collezionato<br />

oltre 100 medaglie<br />

d’oro tra titoli nazionali e<br />

locali, stabilito record.<br />

E non si è fermato qui. Da<br />

qualche anno ha cominciato<br />

anche a tuffarsi e, nel 2012,<br />

ha partecipato ai Mondiali<br />

Master di Riccione, solo qualche<br />

mese dopo essersi rotto<br />

il femore. “Lo sport – dice<br />

Sansonetti – educa la volontà”.<br />

Il suo motto, “Non fermarsi<br />

mai”, nel 2003 è diventato<br />

anche un libro, dedicato a tutti<br />

gli over “anta”, affinché non<br />

rinuncino alla gioia di praticare<br />

sport. Un’energia e un successo<br />

atletico che gli sono<br />

valsi il soprannome di “Matusalesto”.<br />

Ecco come avere 93<br />

anni e non sentirli.<br />

la classe Jahrgang<br />

divertirsi Spaß haben<br />

detto fatto! gesagt getan!<br />

appassionato sportdi<br />

sport begeistert<br />

la gara Wettkampf<br />

tuffarsi hier: Wassersport<br />

betreiben<br />

i Mondiali (pl.) Schwimm- und<br />

Master Wasserball-Weltmeisterschaften<br />

il femore Oberschenkel<br />

dedicato a gewidmet<br />

rinunciare a verzichten auf<br />

il successo sportlicher<br />

atletico Erfolg<br />

il soprannome Beiname<br />

Matusalesto: Verbindung aus Methusalem<br />

und „lesto“ (flink).<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


GRANDANGOLO<br />

Ugo Sansonetti (93) si<br />

allena al complesso natatorio<br />

del Foro Italico, Roma.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


PRATICAMENTE PARLANDO<br />

SOCIETÀ<br />

Le minoranze linguistiche<br />

In Italien hat die Geschichte auch auf Sprachebene viele Spuren<br />

hinterlassen: zwölf offiziell anerkannte sprachliche Min<strong>der</strong>heiten<br />

werden zwar von einem Artikel <strong>der</strong> Verfassung geschützt, müssen<br />

jedoch im Alltag um Rechte und Anerkennung kämpfen.<br />

Testo: Carlo Tomaso Parmigiani<br />

48<br />

IL BELPAESE, NEI SECOLI, È STATO PERCORSO DA<br />

MIGRAZIONI E INVASIONI PROVENIENTI DA<br />

LUOGHI MOLTO DIVERSI. Nella sua complessa storia,<br />

inoltre, è stato oggetto di numerose dominazioni straniere.<br />

Tutto ciò ha lasciato in eredità una nutrita schiera<br />

di minoranze linguistiche, che ancora oggi risiedono, con<br />

le proprie lingue, i propri costumi e le proprie tradizioni,<br />

in molte regioni d’Italia.<br />

La presenza di tante minoranze e la necessità di tutelarne<br />

la sopravvivenza creano non pochi problemi, che i<br />

padri costituenti avevano previsto inserendo nella Costituzione<br />

(del 1947) l’articolo 6, che recita: “La Repubblica<br />

tutela con apposite norme le minoranze linguistiche”.<br />

Affinché si arrivasse, però, a una vera e propria legge<br />

di tutela ci sono voluti oltre 40 anni. Solo sotto la spinta<br />

dell’Europa e delle molte associazioni di rappresentanza<br />

delle minoranze linguistiche, nel 1999 il parlamento ha<br />

la minoranza<br />

linguistica<br />

nei secoli pl.<br />

la migrazione<br />

sprachliche<br />

Min<strong>der</strong>heit<br />

im Lauf <strong>der</strong><br />

Jahrhun<strong>der</strong>te<br />

Migrationsstrom<br />

Ort<br />

Fremd-<br />

herrschaft<br />

als Erbe<br />

hinterlassen<br />

ansässig sein<br />

Sitte<br />

schützen<br />

il luogo<br />

la dominazione<br />

straniera<br />

lasciare<br />

in eredità<br />

risie<strong>der</strong>e<br />

il costume<br />

tutelare<br />

la sopravvivenza<br />

i padri<br />

costituenti pl.<br />

apposito<br />

la legge<br />

sotto la<br />

spinta di<br />

l’associazione<br />

f.<br />

riconoscere<br />

parlante<br />

Überleben<br />

Väter <strong>der</strong><br />

Verfassung<br />

geeignet<br />

Gesetz<br />

aufgrund des<br />

Drucks von<br />

Verband,<br />

Verein<br />

anerkennen<br />

sprechend<br />

il ladino Ladinisch<br />

l’occitano Okzitanisch<br />

diseguale ungleich<br />

la lingua Min<strong>der</strong>heitenminoritaria<br />

sprache<br />

il riferimento Beziehung<br />

estero ausländisch<br />

l’accordo Abkommen<br />

l’albanese<br />

parlato nel<br />

Sud Italia vedi pag. 67<br />

suscitare hervorrufen<br />

l’esclusione f. Ausschluss<br />

il, la Rom Rom<br />

la comunità sesshafte<br />

stanziale Gemeinschaft<br />

ciò nonostante dennoch<br />

il fondatore Grün<strong>der</strong><br />

affermare behaupten<br />

migliorabile optimierbar<br />

peccato schade<br />

esaurirsi zu Ende gehen<br />

articolarsi sich glie<strong>der</strong>n<br />

notevole beträchtlich<br />

il, la parlante Sprecher, -in<br />

l’appoggio Unterstützung<br />

riconosciuto l’esistenza di 12 minoranze linguistiche<br />

“storiche” con una norma che dice: “... la Repubblica<br />

tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi,<br />

catalane, germaniche, greche, slovene e croate, e di<br />

quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano,<br />

il ladino, l’occitano e il sardo” (Legge 482/99).<br />

UNA TUTELA DISEGUALE<br />

La tutela della gran parte delle lingue minoritarie è arrivata,<br />

come detto, solo nel 1999. Tuttavia alcune lingue,<br />

in particolare quelle che hanno riferimenti forti in nazioni<br />

estere, avevano già ricevuto tutela con alcune leggi<br />

statali precedenti, anche a seguito di accordi bilaterali.<br />

Sono il tedesco e il ladino in Trentino-Alto Adige; lo<br />

sloveno in Friuli-Venezia Giulia; il francese in Valle d’Aosta;<br />

l’albanese parlato nel Sud Italia. Inoltre, il Friuli-Venezia<br />

Giulia aveva già una legge di tutela del friulano e<br />

la Sardegna una per il sardo.<br />

La formulazione della legge del 1999, inoltre, ha suscitato<br />

non poche polemiche, soprattutto per l’esclusione<br />

del “romanì”, la lingua dei Rom e dei Sinti, che hanno<br />

da secoli comunità ormai stanziali presenti in<br />

numerose città italiane, e per l’esclusione dei galloitalici<br />

di Sicilia. Ciò nonostante, un esperto come il sociolinguista<br />

Giovanni Agresti, fondatore e vicepresidente<br />

dell’associazione Lem Italia (Lingue d’Europa e del Mediterraneo),<br />

afferma convinto che “la normativa italiana<br />

è migliorabile, ma se si guarda a quello che succede<br />

all’estero, è sicuramente una delle norme migliori esistenti.<br />

Peccato, piuttosto, che si stiano esaurendo i finanziamenti<br />

previsti per la tutela delle diverse minoranze<br />

linguistiche”.<br />

A ben guardare, la tutela delle minoranze linguistiche<br />

si articola, nei fatti, ad almeno tre livelli. Più<br />

“fortunate” sono le tre lingue (francese, sloveno e tedesco-sudtirolese)<br />

che hanno un notevole numero di<br />

parlanti, una netta identità nazionale e l’appoggio forte<br />

dei paesi di riferimento (Francia, Austria e Iugosla-<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


circolo di cultura greca Apodiafazzi di Bova (in provincia di Reggio<br />

Calabria), Carmelo Giuseppe Nucera, secondo il quale: “Anche<br />

per le minoranze linguistiche e per la cultura, come per l’economia,<br />

continua a esistere una ‘questione meridionale’. Le<br />

minoranze, infatti, potrebbero costituire una risorsa per il Mezzogiorno,<br />

ma invece di valorizzarle, si sfrutta spesso il loro nome per<br />

fare cose che nulla hanno a che ve<strong>der</strong>e con la salvaguardia”. Da<br />

qualche tempo, però, nei comuni della Grecìa salentina, nella<br />

provincia di Lecce, il griko viene insegnato nelle<br />

scuole, dove i bambini, per almeno un’ora alla<br />

settimana, imparano a scrivere, parlare e<br />

cantare in questa antica lingua che<br />

stava rischiando di scomparire.<br />

Guarda il video sull’insegnamento<br />

del griko a scuola.<br />

www.adesso-online.de/griko<br />

via prima, Slovenia poi). A un livello intermedio<br />

ci sono, da un lato il friulano, il ladino e il sardo, che hanno<br />

potuto contare su comunità di parlanti numerose e sul<br />

fatto di essere parlate prevalentemente in regioni a statuto<br />

speciale (o autonome) che ne hanno garantito la tutela;<br />

dall’altro il franco-provenzale, l’occitano e le lingue<br />

germaniche, che almeno al Nord, e in particolare nelle regioni<br />

autonome, hanno avuto un buon livello di tutela.<br />

Più problematica appare la situazione nel Meridione, dove<br />

se l’arbëreshë può contare su un numero di parlanti<br />

notevole, su recenti leggi di tutela a livello regionale e,<br />

negli ultimi anni, sull’appoggio dell’Albania, maggiori<br />

difficoltà esistono sia per il greco (o griko), per i pochi<br />

croatofoni del Molise, per gli occitani di Calabria e i franco-provenzali<br />

di Puglia. A confermarlo è il presidente del<br />

prevalentemente<br />

il Meridione<br />

la difficoltà<br />

costituire<br />

una risorsa<br />

la salvaguardia<br />

insegnare<br />

rischiare di<br />

vor allem<br />

Süditalien<br />

Schwierigkeit<br />

Ressource<br />

bilden<br />

Schutz<br />

lehren<br />

Gefahr laufen<br />

scomparire<br />

la dislocazione<br />

il comune<br />

il dialetto<br />

il mocheno<br />

il cimbro<br />

l’altopiano<br />

verschwinden<br />

Verteilung<br />

Gemeinde<br />

Dialekt<br />

Mòchener,<br />

Fersentaler<br />

Zimber<br />

Hochebene<br />

DA NORD A SUD,<br />

MINORANZE<br />

PICCOLE<br />

E GRANDI<br />

La dislocazione geografica<br />

delle minoranze riguarda<br />

buona parte del territorio italiano e<br />

coinvolge circa 2 milioni e 400.000<br />

cittadini. Sono coloro che parlano:<br />

ARBËRESHË (ALBANESE ANTI-<br />

CO): 80.000 persone in 50 comuni fra<br />

Abruzzo, Basilicata, Campania, Molise, Puglia<br />

e Sicilia;<br />

CATALANO: 20.000 ad Alghero (Sardegna);<br />

CROATO: 2.100 in tre comuni del Molise;<br />

FRANCESE: 20.000 in 20 comuni della Valle<br />

d’Aosta e in 74 comuni del Piemonte;<br />

FRANCO-PROVENZALE: 90.000 in 119 comuni fra<br />

Piemonte, Puglia e Valle d’Aosta;<br />

FRIULANO: 430.000 in 184 comuni, prevalentemente<br />

in Friuli-Venezia Giulia e in minima parte in Veneto;<br />

LINGUE GERMANICHE: 293.400 in 159<br />

comuni tra Friuli-Venezia Giulia (dialetti bavaro-carinziani),<br />

Piemonte e Valle d’Aosta (dialetti alemanni dei<br />

Walser), Trentino-Alto Adige (dialetti sudtirolesi in tutta<br />

la provincia di Bolzano; mocheni del Trentino, che parlano<br />

un dialetto <strong>der</strong>ivato dall’Alto tedesco antico parlato<br />

nel Medioevo; cimbri di Luserna), Veneto (cimbri dell’altopiano<br />

dei sette comuni);<br />

GRECO (DIALETTI NEOGRECI): 12.000 in 25<br />

comuni in Puglia, Calabria e Sicilia;<br />

LADINO: 55.000 in 55 comuni fra Trentino-Alto<br />

Adige e Veneto;<br />

OCCITANO: 40.000 in 110 comuni fra<br />

Calabria, Liguria e Piemonte;<br />

SARDO: 1 milione e 269.000 in 365 comuni della<br />

Sardegna;<br />

SLOVENO: 70.000 in 32 comuni del Friuli-Venezia<br />

Giulia.<br />

49<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


50<br />

Curiosi di natura<br />

TRENTO<br />

Trient ist um eine Attraktion reicher: Der Stararchitekt Renzo Piano<br />

plante das neue MuSe, das Museum für Wissenschaft. In einem<br />

spannenden interaktiven Ausstellungsparcour zeigt das Naturkundemuseum<br />

Entstehung und Entwicklung <strong>der</strong> alpinen Umwelt.<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

A TRENTO L’HANNO INCLUSO TRA LE MERAVI-<br />

GLIE, NEANCHE FOSSE UN MONUMENTO STORICO<br />

O UNA CHIESA. Lo consi<strong>der</strong>ano un gioiello da non per<strong>der</strong>e,<br />

come la Fontana del Nettuno, gli incredibili affreschi<br />

Wun<strong>der</strong><br />

Kirche<br />

Kostbarkeit<br />

Neptun-<br />

brunnen<br />

unglaublich<br />

schön<br />

Mauern<br />

Museum für<br />

Wissenschaft<br />

entkräften<br />

la meraviglia<br />

la chiesa<br />

il gioiello<br />

la Fontana<br />

del Nettuno<br />

incredibile<br />

le mura pl.<br />

il Museo<br />

delle Scienze<br />

sfatare<br />

il luogo<br />

comune<br />

diffuso<br />

polveroso<br />

lo sbadiglio<br />

in fretta<br />

Gemeinplatz<br />

verbreitet<br />

verstaubt<br />

Gähnen<br />

schnell<br />

a caccia di<br />

la creatura<br />

il genio<br />

inaugurato<br />

l’uragano<br />

inclinato<br />

ricordare<br />

l’edificio<br />

galleggiare<br />

lo specchio<br />

d’acqua<br />

concepito per<br />

raccontare<br />

il pianeta<br />

le Alpi pl.<br />

il paesaggio<br />

auf <strong>der</strong><br />

Suche nach<br />

Werk<br />

Genie<br />

eröffnet<br />

Orkan<br />

geneigt<br />

erinnern an<br />

Gebäude<br />

schwimmen<br />

Wasserspiegel<br />

geplant, um zu<br />

erzählen<br />

Planet<br />

Alpen<br />

Landschaft<br />

delle cinquecentesche Case Cazuffi-Rella e le gigantesche<br />

mura del Castello del Buonconsiglio. Del resto il MuSe, il<br />

Museo delle Scienze, è una meraviglia se non altro perché<br />

sfata uno dei luoghi comuni più diffusi, secondo cui un museo<br />

è per definizione un luogo polveroso e un po’ antiquato,<br />

dove lo sbadiglio arriva in fretta, soprattutto per i<br />

giovani sempre a caccia di emozioni. La geniale creatura<br />

del genio Renzo Piano, inaugurata lo scorso luglio nel capoluogo<br />

trentino, ribalta invece la tradizione museale con<br />

la forza di un uragano. A cominciare dalla struttura esterna<br />

che, con i suoi piani inclinati e irregolari, ricorda più una<br />

montagna che un edificio e sembra letteralmente galleggiare<br />

sullo specchio d’acqua che la circonda.<br />

Museo delle Scienze è un nome forse un po’ riduttivo<br />

per questo palazzetto altamente tecnologico, concepito<br />

per raccontare la storia del nostro pianeta. Si parte dalle<br />

Alpi, dove nel corso delle ere geologiche i climi e i<br />

paesaggi hanno conosciuto un’evoluzione continua, tan-<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


IL MUSE DI TRENTO<br />

Da sinistra, in senso orario:<br />

backstage degli allestimenti al<br />

Museo delle Scienze di Trento;<br />

panorama dal Castello del<br />

Buonconsiglio; un particolare del<br />

Big Void, lo spazio vuoto al centro<br />

del museo che dalla terrazza<br />

arriva al seminterrato; mercatino<br />

di Natale in Piazza Fiera;<br />

il Big Void visto dal basso;<br />

ricostruzione dei nostri antenati<br />

preistorici; l’esterno del MuSe.<br />

51<br />

la neve<br />

il regno<br />

il tributo a<br />

vegliare<br />

su qc.<br />

la visita<br />

l’osservatorio<br />

l’assaggio<br />

con stupore m.<br />

la discesa<br />

il viaggio a<br />

il piano<br />

l’aquila<br />

Schnee<br />

Reich<br />

Tribut an<br />

über etw.<br />

wachen<br />

Besuch<br />

Aussichtspunkt<br />

Vorgeschmack<br />

staunend<br />

Abfahrt<br />

Reise zu<br />

Stockwerk<br />

Adler<br />

to che oggi fiocca la neve in<br />

quello che un tempo era il<br />

regno degli oceani tropicali.<br />

Non poteva essere altrimenti,<br />

perché Il MuSe di<br />

Trento è un tributo alle Alpi<br />

e, in particolare, alle Dolomiti<br />

che vegliano sulla<br />

città. La visita inizia proprio<br />

dalla terrazza, il primo grande osservatorio sulle<br />

grandi montagne, dove lo sguardo può spaziare tutto intorno<br />

per un “assaggio” di quello che vedremo con stupore<br />

all’interno, in una discesa fino ai sotterranei, come<br />

in un viaggio al centro della Terra.<br />

Per cominciare, si scende al quarto piano e ci si sente<br />

già un po’ “aquila”. Già, perché il MuSe offre l’opportu-<br />

© C Corrent/Arch. MUSE (2), Huber/Sime (2), M. De Stefano /Arch. MUSE, A. Gadotti/ Arch. Trento Futura<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


FINE SETTIMANA<br />

Lo sapevate che...<br />

Proprio accanto al santuario [Wallfahrtskirche] di San Romedio, vicino al paese di Sanzeno, a pochi chilometri da Trento,<br />

vive un orso bruno [Braunbär] in carne e ossa. È il simbolo di un’antica leggenda. Si racconta, infatti, che sulla rocca [Fels]<br />

dove oggi sorge il santuario, verso la fine del X secolo si ritirò Romedio di Thaur, un nobile bavarese che aveva scelto di<br />

rinunciare a tutte le sue ricchezze per trascorrere la vita in eremitaggio [Einsiedelei]. Da qui, un giorno, raggiunse Trento<br />

in groppa a un orso bruno ammansito [gezähmt]. Il luogo divenne meta di pellegrinaggio e l'episodio contribuì alla<br />

canonizzazione [Heiligsprechung] di Romedio. Il 15 gennaio il santo viene festeggiato con una messa e il tradizionale piatto<br />

[Gericht] del pellegrino a base di trippa [Kutteln].<br />

nità di indossare (virtualmente) un paio di ali e di fare la conoscenza<br />

delle vette dal cielo, attraverso un incredibile susseguirsi<br />

di filmati e diorami che raccontano l’alta montagna<br />

come potrebbe ve<strong>der</strong>la, appunto, un grande rapace. Dentro<br />

un tunnel ipertecnologico lungo 10 m, chiamato Esperienza<br />

glaciale, il visitatore prova il brivido delle pareti a picco<br />

e sente arrivare d’improvviso l’agghiacciante rombo della<br />

valanga, che fa scappar via d’istinto. L’emozione continua<br />

all’esterno, nel passaggio attrezzato lungo 23 m che solo chi<br />

soffre di vertigini ha il diritto di non percorrere.<br />

Il terzo piano è dedicato all’esplorazione della biodiversità,<br />

ovvero alla grande varietà della vita alpina.<br />

Immaginando di percorrere in discesa un tortuoso sentiero<br />

di montagna, si passa attraverso 26 diversi ambienti,<br />

arricchiti da due acquari. Verrebbe da dire di portarsi<br />

un giaccone e tutta l’attrezzatura, perché si tratta<br />

di un’avventura vera. Sbuca lo stambecco, che è impagliato<br />

ma sembra vivo grazie a diavolerie interattive;<br />

52<br />

anlegen<br />

Paar Flügel<br />

Gipfel<br />

vom Himmel<br />

aus<br />

Abfolge<br />

Greifvogel<br />

Besucher<br />

Schau<strong>der</strong><br />

Steilwand<br />

grauenvoll<br />

Dröhnen<br />

Lawine<br />

flüchten<br />

nicht schwin-<br />

delfrei sein<br />

indossare<br />

il paio di ali pl.<br />

la vetta<br />

dal cielo<br />

il susseguirsi<br />

il rapace<br />

il visitatore<br />

il brivido<br />

la parete<br />

a picco<br />

agghiacciante<br />

il rombo<br />

la valanga<br />

scappare via<br />

soffrire<br />

di vertigini pl.<br />

percorrere<br />

dedicare<br />

l’esplorazione f.<br />

tortuoso<br />

il sentiero<br />

di montagna<br />

l’acquario<br />

il giaccone<br />

l’attrezzatura<br />

vero<br />

sbucare<br />

lo stambecco<br />

impagliato<br />

la diavoleria<br />

interattiva<br />

durchlaufen<br />

widmen<br />

Erkundung<br />

gewunden<br />

Gebirgspfad<br />

Aquarium<br />

Windjacke,<br />

Anorak<br />

Ausrüstung<br />

echt<br />

plötzlich<br />

auftauchen<br />

Steinbock<br />

präpariert<br />

interaktives<br />

Wun<strong>der</strong>werk<br />

SOGNARE, DIVERTIRSI, IMPARARE<br />

Qui, dall’alto: una delle ricostruzioni umane in silicone<br />

esposte al MuSe. Per ottenere questo risultato iperrealista, il<br />

museo si è affidato a veri e propri artisti, detti “paleoartisti”;<br />

il Maxi Ooh!, lo spazio del museo dedicato ai bambini da zero a<br />

5 anni; una sezione del museo. Nell’altra pagina, dall’alto:<br />

Palazzo Alberti Colico a Trento; la serra tropicale montana del<br />

MuSe, che occupa una superficie di 600 m 2 ;<br />

uno scorcio di Trento con il Castello del Buonconsiglio.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


BOLZANO<br />

TRENTINO-<br />

ALTO<br />

ADIGE<br />

Trento<br />

la predazione<br />

sognare<br />

divertirsi<br />

imparare<br />

il tempio<br />

al servizio di<br />

formarsi<br />

i sensi pl.<br />

allertare<br />

stuzzicare<br />

il fondale<br />

marino<br />

immane<br />

il rilievo<br />

la storia<br />

della vita<br />

la molecola<br />

curioso<br />

ragionevole<br />

accattivante<br />

la Terra<br />

gli artropodi pl.<br />

la fattezza<br />

fiabesca<br />

il pesce<br />

corazzato<br />

il periodo<br />

Devoniano<br />

la mascella<br />

il Siluriano<br />

spaventarsi<br />

in agguato<br />

Beutefang<br />

träumen<br />

Spaß haben<br />

lernen<br />

Tempel<br />

im Dienste von<br />

sich bilden<br />

Sinne<br />

schärfen<br />

anregen<br />

Meeresboden<br />

unermesslich<br />

Berg<br />

Geschichte<br />

des Lebens<br />

Molekül<br />

neugierig<br />

angemessen<br />

fesselnd<br />

Erde<br />

Glie<strong>der</strong>füßer<br />

phantastischer<br />

Ausdruck<br />

Panzerfisch<br />

Devon<br />

Kieferknochen<br />

Silur<br />

erschrecken<br />

auf <strong>der</strong> Lauer<br />

ascolti i rumori dei boschi e<br />

assisti a scene di predazione<br />

che non potresti mai ve<strong>der</strong>e<br />

in natura. Poco importa se a<br />

dare vita alla meraviglia è la<br />

più mo<strong>der</strong>na tecnologia;<br />

l’importante è sognare, divertirsi,<br />

imparare.<br />

Incomparabile, a questo<br />

proposito, è il secondo<br />

piano, tempio della multimedialità<br />

al servizio della<br />

scienza, dove in mezz’ora impari divertendoti come si sono<br />

formate le Alpi. Tutti e cinque i sensi sono allertati e<br />

stuzzicati tramite illusioni ottiche, rappresentazioni virtuali<br />

e diorami, quanto basta per capire i meccanismi che<br />

hanno portato gli antichi fondali marini a innalzarsi fino<br />

a modellare gli immani rilievi che conosciamo oggi.<br />

Ed eccoci al primo piano, dove il tema è la storia della<br />

vita, dalla prima molecola all’Homo sapiens. Curiosi di sapere<br />

come si fa a raccontarla tutta in un tempo ragionevole?<br />

Ci sono le accattivanti rappresentazioni di come si formò la<br />

Terra. Ecco, poi, le primordiali forme di vita: artropodi antichissimi<br />

dalle fattezze fiabesche e creature quasi aliene, come<br />

i pesci corazzati del periodo Devoniano o quelli senza<br />

mascelle del Siluriano. In alcuni momenti quasi ci si spaventa,<br />

al MuSe, e allora conviene cambiare ambiente, ma<br />

una cosa è certa: l’emozione è sempre in agguato!<br />

© S. Goldberg/Publifoto/Arch. R.P.B.W., C. Corrent/Arch. MUSE, Huber/Sime (2), M. De Stefano /Arch. MUSE (2)<br />

53<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


LA NUOVA<br />

MERAVIGLIA<br />

DI TRENTO<br />

L’architetto Renzo Piano,<br />

che ha firmato il progetto<br />

del museo; Piazza del<br />

Duomo e la Fontana<br />

del Nettuno; la sfera<br />

interattiva realizzata dai<br />

ricercatori NOAA, che<br />

illustra la scienza del<br />

sistema Terra ai visitatori<br />

di tutte le età; visitatori<br />

al primo piano del MuSe,<br />

dedicato alla nascita<br />

della vita.<br />

scorgendo qua e là creature<br />

vive, come i camaleonti pigmei<br />

o il turaco di Livingstone,<br />

il meraviglioso e variopinto<br />

uccello africano. Ci si<br />

dimentica quasi di essere in<br />

Trentino, anche perché, appena<br />

usciti dalla serra del<br />

MuSe, vediamo due enormi acquari con giganteschi pesci<br />

tropicali. Per la gioia dei bambini, che termineranno la visita<br />

di questo straordinario museo – esattamente come gli<br />

adulti, del resto – con gli occhi lucidi di meraviglia.<br />

© M. Zarucco, Arch. Uff. St. PAT, Huber/Sime, L. Liandru/Arch. MUSE, C. Corrent/Arch. MUSE<br />

Per esempio, scendendo al pianterreno conviene prepararsi<br />

a un vero e proprio raid nella giungla. La serra tropicale<br />

del MuSe riproduce infatti l’ambiente misterioso e<br />

suggestivo della foresta pluviale africana. Per la precisione,<br />

ci troviamo sui Monti Udzungwa, in Tanzania, e camminiamo<br />

facendoci strada tra la vegetazione fitta e umida,<br />

Erdgeschoss<br />

Dschungel<br />

Tropenhaus<br />

Regenwald<br />

dicht<br />

erblicken<br />

Zwerg-<br />

chamäleon<br />

Turako<br />

Freude<br />

Erwachsener<br />

glänzend<br />

Verkehr<br />

Grün<br />

il pianterreno<br />

la giungla<br />

la serra<br />

tropicale<br />

la foresta<br />

pluviale<br />

fitto<br />

scorgere<br />

il camaleonte<br />

pigmeo<br />

il turaco<br />

la gioia<br />

l’adulto<br />

lucido<br />

il traffico<br />

il verde<br />

a misura<br />

d’uomo<br />

entusiasmante<br />

il punto<br />

di partenza<br />

meritare<br />

una visita<br />

lebenswert<br />

begeisternd<br />

Ausgangs-<br />

punkt<br />

einen Besuch<br />

wert sein<br />

auf <strong>der</strong> ge-<br />

genüberliegenden<br />

Seite<br />

Wand<br />

Freske<br />

vor dem Hin-<br />

tergrund von<br />

sich<br />

abzeichnen<br />

riesiges<br />

Bauwerk<br />

Bischof<br />

verkehrsbe-<br />

ruhigte Gasse<br />

Aussicht<br />

wun<strong>der</strong>schön<br />

über<br />

Jahrzehnte<br />

Sitz<br />

zeitgenös-<br />

sisch<br />

dalla parte<br />

opposta<br />

la parete<br />

l’affresco<br />

sullo<br />

sfondo di<br />

stagliarsi<br />

la mole<br />

il vescovo<br />

la viuzza<br />

pedonale<br />

la visuale<br />

splendido<br />

per<br />

decenni pl.<br />

la sede<br />

contemporaneo<br />

LE ALTRE MERAVIGLIE DI TRENTO<br />

Né troppo piccola, né troppo grande, con poco traffico e<br />

tanto verde, Trento è sicuramente una delle cittadine italiane<br />

più “a misura d’uomo”, dove è possibile vivere una<br />

mezza giornata di visita davvero entusiasmante. Un buon<br />

punto di partenza è Piazza del Duomo, al centro della<br />

quale c’è la Fontana del Nettuno, consi<strong>der</strong>ata il più importante<br />

monumento della città e vero e proprio simbolo<br />

di Trento. A sud della piazza, merita una visita la cattedrale<br />

di San Vigilio, mentre dalla parte opposta non bisogna<br />

assolutamente per<strong>der</strong>e le case Cazuffi-Rella, con le<br />

pareti ricoperte di affreschi del 1500. Non lontana da Piazza<br />

del Duomo sorge la chiesa di Santa Maria Maggiore,<br />

del XIV secolo, sullo sfondo di Torre Vanga e Torre Verde.<br />

Poco più in là, si staglia la mole imponente del Castello del<br />

Buonconsiglio, del 1200, che per secoli ha ospitato i vescovi<br />

della città. Addentrandosi nel centro storico ci si può<br />

per<strong>der</strong>e nelle viuzze pedonali, arrivando fino a Piazza Fiera,<br />

da dove la visuale sulle antiche mura trentine è splendida.<br />

Se si seguono le indicazioni per Palazzo delle Albere,<br />

si raggiunge invece una struttura rinascimentale voluta<br />

dalla potente famiglia Madruzzo, che per decenni resse il<br />

Principato di Trento. Oggi l’edificio è sede del Museo di<br />

Arte mo<strong>der</strong>na e contemporanea, il complemento ideale al<br />

MuSe nella Trento che diverte e istruisce.<br />

IL SITO DEL MUSEO: www.muse.it<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


LE REGIONI<br />

D’ITALIA<br />

LOMBARDIA 09.2013<br />

EMILIA-ROMAGNA 10.2013<br />

MARCHE 11.2013<br />

Piemonte 12.2013<br />

Sicilia 01.2014<br />

Friuli-Venezia Giulia 02.2014<br />

Lazio 03.2014<br />

Basilicata 04.2014<br />

Valle d’Aosta 05.2014<br />

Campania 06.2014<br />

Molise 07.2014<br />

Trentino-Alto Adige 08.2014<br />

Toscana 09.2014<br />

Sardegna 10.2014<br />

Umbria 11.2014<br />

Liguria 12.2014<br />

Calabria 01.2015<br />

Veneto 02.2015<br />

Abruzzo 03.2015<br />

Puglia 04.2015<br />

ITALIENISCH<br />

LEICHT GEMACHT<br />

JEDEN<br />

MONAT<br />

IM HEFT<br />

55<br />

Zusätzliche sowie zurückliegende<br />

Ausgaben von können<br />

Sie zusammen mit dem Sprachmagazin<br />

<strong>ADESSO</strong> nachbestellen:<br />

Tel. +49(o)89/85681-16;<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

* SOLUZIONI DELLA RUBRICA<br />

“GIOCANDO S’IMPARA” (PAG. 39):<br />

1. P I A L D D E L L I A (padella)<br />

2. A I V O M B L U T O O (imbuto)<br />

3. F A T A L G E L I E P E R E (tagliere)<br />

4. N T C I O O T L O L A E (ciotola)<br />

5. M C O A N L O N I N O I C (colino)<br />

6. O P P E R O C S H A I T E (posate)<br />

Il proverbio :<br />

Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi.<br />

➋ 1. Treviso 2. Cuneo 3. Palermo 4. Parma<br />

5. Siena 6. Pavia<br />

➌ Parole che indicano parti del corpo :<br />

1. piede [Fuß ] 3. ginocchio [Knie] 5. testa<br />

[Kopf] 6. dito [Finger ] 7. orecchio [Ohr ]<br />

10. bocca [Mund] 11. braccio [Arm]<br />

12. occhio [Auge] 14. viso [Gesicht]<br />

16. spalla [Schulter] 17. pancia [Bauch]<br />

Disegno:<br />

la mano [Hand ] (siehe rechts)<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Francesco<br />

TOTTI<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Roma, 27 settembre 1976. STATO CIVILE: sposato dal 2005 con Ilary Blasi, è il papà di<br />

Christian e Chanel. SEGNI PARTICOLARI: oltre a magnifici gol, scudetti e coppe, er Pupone vanta diversi titoli (di volumi di<br />

barzellette, ma non solo) in libreria, oltre a riconoscimenti per meriti sportivi e opere sociali.<br />

56<br />

„Großes Kind“ wird er von seinen<br />

Fans liebevoll genannt. Seinem Verein,<br />

dem AS Rom, hält <strong>der</strong> gebürtige Römer<br />

schon seine ganze Karriere lang die<br />

Treue. Aus den zahlreichen Witzen über<br />

sich selbst hat Totti ein Buch gemacht<br />

– und einen Bestseller gelandet.<br />

È ALTO 1 METRO E 80 PER 80 CHILI ESATTI, NON<br />

UN GRAMMO DI PIÙ. Indossa la maglia numero 10,<br />

quella del regista in campo. Al braccio, porta la fascetta<br />

bianca del capitano. “Milita” – come si dice nel gergo (un<br />

po’ da caserma) del calcio – nella Roma da sempre, ossia<br />

dal 1992. Da allora è sceso in campo con la maglia giallorossa<br />

qualcosa come 535 volte. Nella storia della serie A,<br />

nessun altro attaccante ha segnato per la stessa squadra<br />

più di lui: l’avrete capito, stiamo parlando di Francesco<br />

Totti, meglio noto a Roma e dintorni come er Pupone. Il<br />

nomignolo non è un dispregiativo, ma al contrario il segno<br />

dell’affetto vero dei suoi tifosi, innamorati delle clamorose<br />

gesta del loro campione.<br />

Con quel suo scarpino magico, Totti ha infilato ben 287<br />

reti, per la gioia dei tifosi romanisti. Sì, ci sono capicannonieri<br />

che hanno segnato più di lui, come Alessandro Del<br />

Piero o Pippo Inzaghi, ma non è solo la quantità dei gol<br />

o delle partite disputate a trasformare un bravo calciatore<br />

in una specie di eroe. Totti, nel cuore dei romanisti, è una<br />

leggenda. “Lui è un simbolo, una bandiera”, così lo definì<br />

un allenatore intelligente come Fabio Capello nel 1999.<br />

Di fatto, da quell’anno a oggi, er Pupone ha accumulato<br />

tanti altri record. Eravate a Roma nell’estate del 2000? Allora<br />

ricor<strong>der</strong>ete i muri della Capitale verniciati di giallorosso<br />

per lo scudetto (il terzo) vinto dalla Roma grazie,<br />

per l’appunto, al genio del capitano Totti. Nel 2006 e poi<br />

nel 2008, dopo un memorabile 2 a 1 contro l’Inter, ecco<br />

per due volte anche la Coppa Italia. E quanti di voi lo ricordano<br />

ai Mondiali del 2006 in Germania? Il 9 luglio di<br />

quella fantastica estate Totti diventa, nella finale contro la<br />

Francia, disputata all’Olympiastadion di Berlino, campione<br />

del mondo. Per i giudici della Fifa, è tra i migliori giocatori<br />

del torneo.<br />

Eppure non bastano le coppe e la gloria a fare di quel<br />

simpatico campione, anche fuori degli stadi, un Pupone<br />

amato e stimato da tanti italiani. Da dieci anni in qua –<br />

il gol Tor<br />

lo scudetto Meistertitel<br />

“er Pupone”: dial., das große<br />

Kind, Tottis Spitzname<br />

la barzelletta Witz<br />

il riconoscimento<br />

Auszeichnung<br />

il merito Verdienst<br />

indossare tragen<br />

la maglia Trikot<br />

il, la regista Mittelfeldin<br />

campo regisseur, -in<br />

al braccio am Arm<br />

la fascetta weiße<br />

bianca del Kapitänscapitano<br />

binde<br />

il gergo Fachsprache<br />

scen<strong>der</strong>e aufs Spielfeld<br />

in campo gehen<br />

giallorosso gelbrot<br />

l’attaccante<br />

m., f. Stürmer, -in<br />

segnare treffen<br />

la squadra Mannschaft<br />

meglio noto<br />

e dintorni pl.<br />

il nomignolo<br />

il dispregiativo<br />

besser<br />

bekannt<br />

und<br />

Umgebung<br />

Spitzname<br />

verächtlicher<br />

Ausdruck<br />

Zeichen <strong>der</strong><br />

Zuneigung<br />

Fussballschuh<br />

Tor<br />

Torschützen-<br />

könig<br />

Spiel<br />

Fußballspieler<br />

Herz<br />

Aushängeschild<br />

Trainer<br />

anhäufen<br />

anstreichen<br />

denkwürdig<br />

ausgetragen<br />

Schiedsrichter,<br />

-in<br />

Turnier<br />

geschätzt<br />

il segno<br />

d’affetto<br />

lo scarpino<br />

la rete<br />

il capocannoniere<br />

la partita<br />

il calciatore<br />

il cuore<br />

la bandiera<br />

l’allenatore m.<br />

accumulare<br />

verniciare<br />

memorabile<br />

disputato<br />

il, la giudice<br />

il torneo<br />

stimato<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


Il calciatore della<br />

Roma Francesco<br />

Totti (37).<br />

, 21 agosto 2013<br />

Totti e i suoi fan,<br />

le vacanze sotto assedio<br />

di Francesco e Ilary<br />

sotto assedio: im Belagerungszustand<br />

© ANSA<br />

L’articolo…<br />

Francesco Totti è un<br />

calciatore italiano, nato<br />

FACILE E IN BREVE<br />

a Roma nel 1976. Sin da piccolo dimostra il suo talento<br />

per il calcio. A 13 anni inizia la sua avventura nel settore<br />

giovanile della AS Roma, la squadra a cui Totti ha legato<br />

il suo nome e la sua carriera. Dal 1993 Totti gioca<br />

nella stessa squadra. Ha il ruolo di attaccante e indossa<br />

la maglia numero 10, quella del regista in campo.<br />

Totti, per i successi conseguiti finora, per i tanti gol segnati<br />

nella Roma e nella Nazionale, è diventato un vero<br />

eroe per i suoi tifosi, che gli hanno dato il soprannome<br />

scherzoso di Pupone. Totti è un’icona del calcio italiano<br />

anche per il suo carattere spontaneo, sincero<br />

e giocoso, di chi non ama pren<strong>der</strong>si troppo sul serio.<br />

La sua autoironia trova spazio nei libri – tra cui la celebre<br />

raccolta di barzellette<br />

su se stesso – che<br />

il settore Jugendgiovanile<br />

abteilung Totti ha scritto e che<br />

il successo Erfolg sono diventati veri e<br />

il tifoso Fan, Anhänger<br />

propri bestseller. Dal<br />

il soprannome Beiname<br />

sincero aufrichtig<br />

2005 è felicemente sposato<br />

con la presentatri-<br />

giocoso heiter, vergnügt<br />

pren<strong>der</strong>si sich ernst ce TV Ilary Blasi, da cui<br />

sul serio nehmen ha avuto due figli.<br />

fenomeno più che raro nel nostro paese di Pinocchi – Totti<br />

riesce a ven<strong>der</strong>e i suoi libri più di certi affermati scrittori.<br />

Non stiamo certo parlando di opere da Premio Nobel,<br />

visto che sin dal titolo – Tutte le barzellette su Totti<br />

(raccolte da me) – il calciatore riesce a pren<strong>der</strong>si amabilmente<br />

in giro. Sarà anche per questa sua candida modestia,<br />

una dote rarissima tra le esaltate superstar dello<br />

, 24 agosto 2013<br />

Roma. Il dg Baldissoni:<br />

“Totti giocherà con<br />

noi finché vorrà”<br />

sport, che i suoi libri diventano<br />

bestseller. Testi amabilmente liebevoll<br />

lo scrittore Schriftsteller<br />

la modestia Bescheidenheit<br />

che in qualche modo – come<br />

quell’altra sua fatica in-<br />

fare il Löffel, Lupfer<br />

esaltato überspannt<br />

titolata Mo je faccio er cucchiajo<br />

(ora gli faccio il<br />

cucchiaio machen<br />

il marito Ehemann<br />

la conduttrice Fernsehtelevisiva<br />

mo<strong>der</strong>atorin<br />

cucchiaio) – avvicinano lo<br />

sport anche ai meno sportivi.<br />

la vacanza Sommerestiva<br />

urlaub<br />

immortalare verewigen<br />

Alle italiane, in ogni caso,<br />

quel bel fusto romano<br />

giocare spielen<br />

il segreto Geheimnis<br />

di 1 metro e 80 continua a<br />

la virtù Tugend<br />

piacere, e di anno in anno<br />

sempre di più. Già, perché il cosiddetto pupone, oltre ai<br />

muscoli e ai trofei, si sta dimostrando pure un bravo marito<br />

e un buon padre di famiglia. Sposato dal 19 giugno<br />

2005 con la conduttrice televisiva Ilary Blasi, una donna<br />

di spettacolo che non si dà molte arie, ha due stupendi pupetti<br />

dai nomi un po’ stravaganti, Christian e Chanel. Le<br />

vacanze estive dei “Fantastici 4” vengono regolarmente<br />

immortalate su tutte le riviste illustrate del paese. Il segreto<br />

del magico Pupone, però, è che, nonostante i successi in<br />

campo o nella vita, è rimasto quel semplice, cordiale ragazzino<br />

che era quando giocava alla Lodigiani e nemmeno<br />

si sognava che, da grande, sarebbe diventato l’eroe che<br />

oggi è. Rispetto per questa virtù da vero campione.<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent <strong>der</strong><br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus <strong>der</strong> italienischen Presse.<br />

57<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

58<br />

L’INCREDIBILE<br />

VITA DI NESTO<br />

Sauro è uno dei tanti giovani italiani alla<br />

<strong>der</strong>iva per il mondo. Rimasto senza<br />

soldi, tira a campare in un villaggio uruguaiano<br />

al limitare della foresta, dove<br />

passa le sue giornate a bere birra e a<br />

chie<strong>der</strong>si come tornerà a casa. Per caso<br />

incontra un vecchio ubriacone che<br />

gli fa un racconto incredibile. Si tratta<br />

niente meno che di Nesto Bodensante, figlio di nessuno,<br />

cresciuto negli allevamenti di bovini delle grandi società<br />

straniere e poi grande calciatore e mito dell’Italia fascista.<br />

È stato dato per morto, ma in realtà ha vissuto una seconda<br />

vita ai margini della società. Nel giro di poche sere, il vecchio<br />

trasmette al giovane i ricordi di un’epoca lontana, nella<br />

quale ha vissuto una vita degna di un film di Kusturica.<br />

Opera prima di notevole originalità,<br />

ha avuto critiche<br />

molto positive: divertente,<br />

originale e ben scritto, il romanzo<br />

si legge d’un fiato e<br />

offre al povero lettore italiano<br />

la possibilità di rifugiarsi<br />

in una realtà distante che,<br />

per quanto assediata da<br />

belve e serpenti, per qualche<br />

ora lo tiene lontano dai<br />

dolori dell’Italia presente.<br />

Lingua: abbastanza<br />

facile. Genere: romanzo<br />

calcistico. Stefano Marelli,<br />

Altre stelle uruguayane,<br />

Rubbettino, 226 pagine.<br />

alla <strong>der</strong>iva<br />

al limitare<br />

della foresta<br />

per caso<br />

l’ubriacone m.<br />

il racconto<br />

l’allevamento<br />

di bovini pl.<br />

il calciatore<br />

ai margini pl.<br />

divertente<br />

d’un fiato<br />

la belva<br />

il serpente<br />

lontano da<br />

<strong>der</strong> sich treiben<br />

lässt<br />

am Waldrand<br />

zufällig<br />

Säufer<br />

Erzählung<br />

Rin<strong>der</strong>zucht<br />

Fußballspieler<br />

am Rand<br />

unterhaltsam<br />

in einem Zug<br />

Raubtier<br />

Schlange<br />

weit weg von<br />

EROTISMO<br />

ALL’ITALIANA<br />

Nato da un’operazione di marketing<br />

diretta a sfruttare il successo delle “tre<br />

sfumature” di E. L. James, tanto piaciute<br />

agli italiani, questa “prima trilogia<br />

erotica italiana” presenta la spirale<br />

erotica di una giovane restauratrice<br />

veneziana, sedotta da un sensuale<br />

cuoco siciliano, misterioso e senza inibizioni.<br />

Il volume ci presenta Elena, quasi fidanzata con Filippo,<br />

in preda ai dubbi: lui è dovuto correre a Roma per lavoro,<br />

mentre Leonardo, chef di fama internazionale, la invita all’inaugurazione<br />

del suo ristorante esclusivo. Elena, seguendo<br />

l’esempio dell’amica Gaia, si lascia tentare, e Venezia, con tutte<br />

le sue seduzioni, fa da scenario a una vicenda poco originale,<br />

ma comunque ben confezionata. Gli ingredienti ci sono<br />

tutti, sono usati in maniera coerente e le pagine scorrono veloci.<br />

Le scene di sesso sono<br />

un po’ da romanzetto rosa, e la sfumatura Abstufung<br />

certo, il valore letterario dell’opera<br />

non è dei più eleva-<br />

sensuale sinnlich<br />

sedotto da verführt von<br />

ti. La lettura va raccomandata<br />

agli appassionati del inibizione f. Hemmung<br />

senza ohne<br />

genere, che sapranno anche fidanzato verlobt<br />

in preda von Zweifeln<br />

sorri<strong>der</strong>e di fronte ai limiti di<br />

ai dubbi pl. gequält<br />

un prodotto più interessante<br />

per la sociologia del corazione<br />

f. Eröffnung<br />

l’inaugustume<br />

che per la critica letteraria.<br />

führen<br />

tentare in Versuchung<br />

Lingua: facile.<br />

l’ingrediente m. Zutat<br />

Genere: romanzo erotico.<br />

elevato hoch<br />

Irene Cao, Io ti guardo,<br />

sorri<strong>der</strong>e lächeln<br />

Rizzoli, 350 pagine.<br />

il limite Grenze<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

DESIGNER AI FORNELLI<br />

Che circostanza insolita, 130 designer che si cimentano ai fornelli! Non meno insoliti<br />

sono i risultati del loro lavoro: 70 piatti, tutti antipasti e stuzzichini, originali<br />

per concezione e forme. Parole d’ordine: “divertimento” e “sperimentazione senza<br />

barriere”, alla ricerca della semplificazione e dell’ergonomia. Cucinare non è<br />

più solo abbinare ingredienti e sapori, ma immaginare piccole architetture, creare<br />

“mondi in miniatura in un piatto”. Veniamo a qualche esempio concreto. All’insegna<br />

della semplicità è la Millefoglie 3P del collettivo Altrosguardo Design. “3P” sta per pera, provola e prosciutto,<br />

che si alternano in strati sovrapposti. C’è poi Sorridi è pronto di Angeletti Ruzza Design, un aperitivo di dischetti di polenta<br />

guarniti da una sorridente faccina di salsa tartufata.<br />

L’aperitivo può diventare un momento per attivare la propria<br />

cimentarsi sich messen il dischetto kleine Scheibe<br />

creatività con Create your taste, di Isabella Taddeo. I com-<br />

ai fornelli pl. am Herd<br />

il, la com- Tischgenosse,<br />

mensali possono “dipingere” le “tele” di pancarrè con salse<br />

insolito ungewöhnlich mensale -genossin<br />

e marmellate colorate disposte sul piatto-tavolozza. Se poi<br />

dipingere malen<br />

il risultato Ergebnis<br />

lo stuzzichino Häppchen<br />

il piatto non dovesse riuscire come voluto, non disperate.<br />

la salsa Sauce<br />

abbinare kombinieren<br />

Ciascun designer, a piè di pagina, consiglia il suo ristorante<br />

il piatto- Teller, <strong>der</strong> auch<br />

all’insegna di im Zeichen von<br />

preferito dove cenare in alternativa. Isabella Bernardin<br />

la pera Birne<br />

tavolozza als Palette dient<br />

Stuzzicati dal design. Le ricette dei designer, Editrice in strati so- aufeinan<strong>der</strong> non disperare nicht<br />

Compositori, 161 pagine, € 19.<br />

vrapposti pl. geschichtet<br />

verzweifeln<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

IL LIBRO DELL’AUTORE<br />

ALÈXANDROS.<br />

IL FIGLIO DEL SOGNO<br />

Pubblicato nel 1998, è il primo della trilogia dedicata ad Alessandro<br />

Magno, uno dei maggiori longseller italiani. La trilogia<br />

ripercorre la breve vita del re macedone che, incoronato a 17<br />

anni, conquista tutto il mondo antico e si spinge addirittura<br />

in India, con una campagna che non avrà eguali. Ne Il figlio<br />

del sogno, l’autore narra l’infanzia e la giovinezza di Alessandro<br />

fino alla sua partenza<br />

alla conquista dell’Asia. Manfredi,<br />

attingendo alle ricche<br />

breve kurz<br />

il sogno Traum<br />

fonti antiche, riesce a ricostruire<br />

il re König<br />

una figura viva, irre-<br />

quieta e solare, del tutto attendibile.<br />

Lingua: facile.<br />

Genere: romanzo storico.<br />

incoronato<br />

conquistare<br />

irrequieto<br />

solare<br />

attendibile<br />

gekrönt<br />

erobern<br />

ruhelos<br />

sonnig<br />

glaubwürdig<br />

DAL LIBRO:<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

VALERIO<br />

MASSIMO<br />

MANFREDI<br />

Nato nel 1943 in un paese dell’Emilia, studia archeologia a<br />

Bologna, specializzandosi poi in topologia del mondo antico<br />

a Milano. Insegna in diversi atenei, in Italia e all’estero.<br />

Collaboratore e direttore di numerose e importanti campagne<br />

di scavo italiane e straniere in tutto il mondo, ma soprattutto<br />

in Medio Oriente, pubblica numerosi studi e articoli<br />

scientifici e tiene conferenze in grandi università. Negli<br />

anni Settanta, progetta e realizza le spedizioni “Anabasi”,<br />

allo scopo di ricostruire la ritirata dei Diecimila attraverso<br />

la Turchia raccontata da Senofonte. La sua carriera di<br />

scrittore di romanzi storici inizia con la trilogia Alèxandros,<br />

a cui seguono, in 15 anni, più di 20 titoli, prevalentemente<br />

sul mondo antico greco e<br />

romano, ma non soltanto.<br />

Manfredi ha ricevuto numerosi<br />

premi e onorificenze<br />

internazionali, i suoi romanzi<br />

sono tradotti in<br />

tutto il mondo e hanno superato<br />

i 12 milioni di copie<br />

vendute. Autore di soggetti<br />

e sceneggiature per il cinema,<br />

collabora con diversi<br />

giornali e periodici<br />

scrivendo articoli di argomento<br />

archeologico. Ha<br />

condotto trasmissioni televisive<br />

di divulgazione e<br />

approfondimento storico.<br />

Universität<br />

im Ausland<br />

Mitarbeiter<br />

Ausgrabungs-<br />

projekt<br />

wissenschaftlich<br />

l’ateneo<br />

all’estero<br />

il collaboratore<br />

la campagna<br />

di scavo<br />

scientifico<br />

tenere una<br />

conferenza<br />

la ritirata<br />

il romanzo<br />

storico<br />

il premio<br />

l’onorificenza<br />

il periodico<br />

la divulgazione<br />

Vortrag halten<br />

Rückzug<br />

historischer<br />

Roman<br />

Preis<br />

Ehrung<br />

Zeitschrift<br />

Verbreitung<br />

Olympias aveva voluto recarsi al santuario di Dodona per<br />

una strana ispirazione, per un presagio che l’aveva visitata<br />

nel sonno mentre dormiva accanto a Filippo, re dei Macedoni,<br />

pieno di vino e di cibo.<br />

Aveva sognato che un serpente strisciava lentamente lungo<br />

il corridoio e poi entrava silenzioso nella camera da letto.<br />

Lei lo vedeva ma non poteva muoversi, non poteva gridare<br />

né fuggire. Le spire del grande rettile scivolavano sul<br />

pavimento di pietra e le scaglie luccicavano con riflessi di<br />

rame e di bronzo, sotto i raggi della luna che penetravano<br />

dalla finestra.<br />

Per un momento aveva desi<strong>der</strong>ato che Filippo si destasse e<br />

la prendesse fra le braccia, la riscaldasse contro il petto<br />

muscoloso, l’accarezzasse<br />

con le sue grandi mani da il santuario Orakelstätte<br />

guerriero, ma subito il suo il presagio Vorahnung<br />

sguardo era tornato a posarsi<br />

nel sonno im Schlaf<br />

su quel drakon, su<br />

mentre während<br />

sognare träumen<br />

quell’animale portentoso<br />

il serpente Schlange<br />

che si muoveva come un<br />

gridare schreien<br />

fantasma, come una creatura<br />

magica, di quelle che gli<br />

il pavimento<br />

di pietra Steinboden<br />

la scaglia Schuppe<br />

dei suscitano a loro piacimento<br />

dalle viscere della<br />

il rame Kupfer<br />

il raggio Strahl<br />

terra.<br />

destarsi aufwachen<br />

Ora, stranamente, non le riscaldare qcn. jdn. wärmen<br />

faceva più paura, non provava<br />

accarezzare jdn. streicheln,<br />

alcun ribrezzo, anzi<br />

qcn. liebkosen<br />

il guerriero Krieger<br />

si sentiva sempre più attratta<br />

e quasi affascinata da<br />

portentoso fantastisch<br />

il fantasma Gespenst<br />

quelle movenze sinuose, da il ribrezzo Abscheu<br />

quella potenza aggraziata la movenza gewundene<br />

e silente.<br />

sinuosa Bewegung<br />

59<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

ÜBUNGEN<br />

WEIHNACHTSLIEDER<br />

GRAMMATIK<br />

202 ESERCIZI CON SOLUZIONI E<br />

GRAMMATICA DI RIFERIMENTO<br />

Übung macht den Meister. In dieser Reihe<br />

finden Sie sehr vielfältige Sprachübungen<br />

zu italienischer Grammatik und dem<br />

korrekten Sprachgebrauch. Die Bücher<br />

können perfekt im Unterricht eingesetzt<br />

werden, sind aber auch für Selbstlerner<br />

geeignet. Neben genauen Grammatikerklärungen<br />

sind auch die Lösungen zu den<br />

Aufgaben jeweils im Buch enthalten.<br />

Buch auf Niveau A1/A2 Artikel-Nr. 45533<br />

Buch auf Niveau B1/B2 Artikel-Nr. 45534<br />

Jeweils € 22,90 (D)/€ 23,60 (A)<br />

TU SCENDI DALLE STELLE<br />

Wussten Sie, dass viele Weihnachtslie<strong>der</strong><br />

ihren Ursprung im Italienischen haben?<br />

Mehr als 74 Minuten Weihnachtsmusik<br />

von dichter Atmosphäre und harmonischer<br />

Geschlossenheit. Die Lie<strong>der</strong> sind<br />

aus allen Regionen Italiens in Originalsprache:<br />

aus Sizilien, Neapel, Rom, dem<br />

Trentino, dem Veneto, <strong>der</strong> Lombardei<br />

und einigen mehr. Alle Texte sind im<br />

Booklet abgedruckt.<br />

Audio-CD mit 28 Lie<strong>der</strong>n. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 44037<br />

€ 14,95 (D)/€ 14,95 (A)<br />

GRAMMATICA AVANZATA<br />

DELLA LINGUA ITALIANA<br />

Diese Grammatik eignet sich für Lerner<br />

mit guten Italienischkenntnissen, die diese<br />

aber noch weiter perfektionieren möchten.<br />

Auf fortgeschrittenem Niveau werden<br />

grammatische Strukturen, Syntax und<br />

Stilelemente behandelt – dabei wird speziell<br />

auf die gesprochene Sprache eingegangen.<br />

Die Grammatik wird in übersichtlichen<br />

Tabellen präsentiert. Mit Lösungen.<br />

Buch mit 207 Seiten. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45535<br />

€ 21,49 (D)/€ 22,10 (A)<br />

LERNEN MIT MUSIK<br />

HÖRKURS<br />

CANTAGRAMMA<br />

Italienische Lie<strong>der</strong> hören und dabei die Grammatik lernen<br />

– eine geniale Kombination, die das Nützliche mit dem<br />

Angenehmen verbindet. Die Reise durch die Canzone beginnt<br />

in den berühmten 60er-Jahren. Die ausgewählten<br />

Lie<strong>der</strong> sind neben ihrer kulturellen Bedeutung vor allem<br />

durch Verständlichkeit und Qualität ihrer Texte gekennzeichnet<br />

sowie durch ein ausgewogenes Verhältnis zwischen<br />

Wort und Musik.<br />

Buch und CD gibt es jeweils auf zwei Sprachniveaus:<br />

livello elementare deckt A1 und A2 ab, livello intermedio<br />

erreicht die Niveaus B1 und B2<br />

Livello elementare - Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45526<br />

Livello intermedio - Niveau B1/B2. Artikel-Nr. 45528<br />

Italienisch. Jeweils Buch + Audio-CD<br />

Je € 19,90 (D)/€ 20,60 (A)<br />

AUDIOTRAINING PLUS ITALIENISCH<br />

Bequemes, mobiles Lernen und Üben für<br />

unterwegs! Für Anfänger und Fortgeschrittene<br />

– hören, besser verstehen und<br />

leichter sprechen. Ebenso enthalten ist<br />

eine App für Smartphones zum Üben.<br />

Buch (144 Seiten) + 4 Audio-CDs. Niv. A1-B1<br />

Artikel-Nr. 43039. € 12,99 (D)/€ 12,99 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

WEIHNACHTEN<br />

WEIHNACHTEN<br />

SPRACHKALENDER<br />

ASPETTANDO IL NATALE<br />

Weihnachten auf Italienisch! Hauchen<br />

Sie dem Weihnachtsfest etwas italienische<br />

Seele ein. In dieser Sammlung finden<br />

Sie 25 Geschichten von italienischen<br />

Schriftstellern aus dem 19. und 20. Jahrhun<strong>der</strong>t.<br />

Dabei werden Sie merken, dass<br />

die Italiener an Weihnachten Wert auf<br />

ganz an<strong>der</strong>e Dinge legen als die Deutschen.<br />

Perfekt auch für die letzten Unterrichtsstunden<br />

vor dem Fest.<br />

Buch mit 25 Geschichten auf 240 Seiten<br />

Italienisch. Artikel-Nr. 45512<br />

€ 19,90 (D)/€ 19,90 (A)<br />

RACCONTI DI NATALE<br />

Lässt sich die Menschheit in Krippenund<br />

Baumliebhaber einteilen? Sind destruktive<br />

Weihnachtsgeschenke manchmal<br />

heilsam? Und kann man an Weihnachten<br />

ein Stückchen von seinem Gott<br />

abgegeben? Bekannte italienische Autoren<br />

geben Antworten. <strong>Das</strong> Medienpaket<br />

aus Audio-CD, Textbuch und CD-ROM<br />

garantiert Hörgenuss, Lesestoff und<br />

Sprachentraining.<br />

Audio-CD + Textbuch + CD-ROM. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 44043<br />

€ 19,80 (D)/€ 19,80 (A)<br />

SPRACHKALENDER<br />

ITALIENISCH 2014<br />

Verabreichen Sie sich Ihre tägliche Portion<br />

Italienisch in fünf Minuten durch einen<br />

Mix aus Information, Unterhaltung<br />

und Übungen! Mit zwölf Son<strong>der</strong>tests<br />

und Lösungen zu allen Aufgaben jeweils<br />

auf <strong>der</strong> Rückseite. Außerdem: Grammatik<br />

des Monats, Tests und interessante<br />

Internetlinks.<br />

Sprachkalen<strong>der</strong> (324 Blatt). Italienisch<br />

Artikel-Nr. 48115<br />

€ 9,99 (D)/€ 9,99 (A)<br />

LERNKRIMI-HÖRBUCH<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer o<strong>der</strong> Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

DER ESPRESSOMÖRDER<br />

VOM GARDASEE<br />

Kommissarin Nicoletti gönnt sich ein freies<br />

Wochenende am Gardasee. Während sie<br />

in einem Café am Seeufer von Salò sitzt,<br />

fällt plötzlich ein Mann tot zu Boden...<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail o<strong>der</strong> Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

o<strong>der</strong> telefonischen Bestellung geben Sie bitte die Artikelnummer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Hörbuch mit Begleitheft. Italienisch. B1<br />

Artikel-Nr. 43040. € 9,99 (D)/€ 10.30 (A)<br />

Son<strong>der</strong>angebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


L’ITALIA A TAVOLA<br />

AMATRICE<br />

CON GUSTO<br />

Die Pasta mit den fünf P: In Sachen Spaghetti all’amatriciana, einem<br />

Klassiker <strong>der</strong> italienischen Küche aus dem Herzen des Belpaese, haben<br />

Köche und Feinschmecker in Amatrice ihre ganz eigenen Vorstellungen.<br />

Testo: Giusy Cinardi Foto: Franco Cogoli<br />

62<br />

NON C’È DUBBIO, GLI SPAGHETTI ALL’AMATRI-<br />

CIANA, O “ALLA MATRICIANA”, COME VENGONO<br />

ANCHE POPOLARMENTE DETTI, SONO FAMOSI IN<br />

TUTTO IL MONDO. Eppure sulle origini e la storia di<br />

questo piatto squisito, che si prepara con spaghetti, guanciale,<br />

pomodoro e pecorino, non c’è mai stato accordo.<br />

La pancetta è usata<br />

al posto del guanciale<br />

come ingrediente<br />

base della pasta<br />

all’amatriciana.<br />

È certo – il nome parla<br />

chiaro – che vengono da<br />

il dubbio<br />

famoso<br />

Zweifel<br />

bekannt<br />

Amatrice, un comune di<br />

quasi 3.000 abitanti in provincia<br />

il guanciale: Speck zum Kochen<br />

l’origine f. Herkunft<br />

squisito köstlich<br />

di Rieti, a meno di<br />

aus Backe o<strong>der</strong> Nacken<br />

il pomodoro Tomate<br />

due ore da Roma, che fa l’accordo Einigkeit<br />

parte del Lazio ed è proprio<br />

l’abitante m., f. Einwohner, -in<br />

al confine con le tre re-<br />

al confine con an <strong>der</strong> Grenze<br />

gioni vicine, Abruzzo, Marche<br />

zu<br />

e Umbria. Si discute la paternità Urheberschaft<br />

la ricetta Rezept<br />

invece sulla regione che ha l’inventore Erfin<strong>der</strong><br />

la paternità della ricetta. l’oste m. Wirt<br />

originario di ursprünglich<br />

Per alcuni l’amatriciana è<br />

aus<br />

abruzzese, perché un tempo<br />

residente a ansässig in<br />

Amatrice era in provin-<br />

affermare behaupten<br />

il buongustaio Feinschmecker<br />

cia dell’Aquila; per altri<br />

la tesi Version<br />

l’inventore fu un oste solo il cuoco Koch<br />

in onore (m.) di zu Ehren von<br />

originario di Amatrice, ma<br />

il paese<br />

residente a Roma e quindi di origine f. Heimatdorf<br />

affermano che l’amatriciana<br />

riguardare betreffen<br />

è romana. Questo buon-<br />

la preparazione Zubereitung<br />

agrodolce süßsauer<br />

gustaio aggiunse i pomodori<br />

agli spaghetti che mangiava al suo paese, preparati<br />

con guanciale e pecorino e conosciuti come “pasta alla Gricia”,<br />

da Grisciano, un piccolo borgo vicino ad Amatrice.<br />

Se si crede a questa tesi, “all’amatriciana” non significa<br />

“come si fanno ad Amatrice”, ma è un nome inventato dal<br />

cuoco in onore del suo paese di origine.<br />

Le discussioni non riguardano solo la storia, ma anche<br />

la preparazione del piatto (vedi box pag. 65). Quale pomodoro<br />

bisogna usare? La varietà migliore sembra essere<br />

quella agrodolce chiamata a Roma “casalino”, ideale<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


PASTA ALL’AMATRICIANA<br />

Ingredienti per 4 persone:<br />

400 g di spaghetti (o bucatini)<br />

125 g di guanciale di maiale<br />

2 cucchiai di olio extravergine<br />

d’oliva<br />

1 bicchiere di vino bianco<br />

secco<br />

500 g di polpa di pomodoro<br />

a pezzi (meglio se di pomodori<br />

freschi e maturi)<br />

una punta di peperoncino<br />

rosso<br />

100 g di formaggio pecorino<br />

grattugiato<br />

Preparazione. Tagliate il<br />

guanciale a listarelle piuttosto<br />

spesse e mettetele a<br />

rosolare a fuoco dolce in<br />

una pentola con l’olio.<br />

Aggiungete il vino, fate sfumare<br />

e poi versate la polpa<br />

di pomodoro, mescolando<br />

bene. Aggiustate di sale e<br />

aggiungete il peperoncino<br />

tagliato finemente. Lasciate<br />

cuocere per almeno 15 minuti,<br />

mescolando ogni tanto.<br />

Intanto mettete l’acqua sul<br />

fuoco per la pasta. Quando<br />

bolle, aggiungete un po’ di<br />

sale grosso e buttate la pasta.<br />

Una volta cotta al dente,<br />

scolate la pasta, mettetela in<br />

un piatto grande e concavo<br />

e ricopritela di salsa e pecorino<br />

grattugiato. Mescolate<br />

e servite.<br />

il guanciale di maiale: Speck<br />

zum Kochen aus Backe o<strong>der</strong><br />

Nacken<br />

a pezzi gestückelt<br />

grattugiato gerieben<br />

rosolare anbraten<br />

la pentola Topf<br />

finemente fein<br />

mescolare umrühren<br />

bollire kochen<br />

scolare abgießen<br />

il piatto<br />

concavo tiefer Teller<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


L’ITALIA A TAVOLA<br />

64<br />

I TANTI SAPORI DI AMATRICE<br />

Da sopra: pasta alla Gricia all’agriturismo Piccolo<br />

Lago; pancetta arrotolata; Miriam e Laura Battistelli<br />

del ristorante Lo Scoiattolo; stracchino stagionato,<br />

uno dei tanti prodotti tipici di Amatrice.<br />

la cipolla<br />

il ricettario<br />

assente<br />

talvolta<br />

rinunciare a<br />

la pancetta<br />

gestire<br />

lo scoiattolo<br />

festeggiare<br />

durante<br />

la sagra<br />

la manifestazione<br />

Zwiebel<br />

Rezeptbuch<br />

nicht vorhanden<br />

manchmal<br />

verzichten auf<br />

Bauchspeck<br />

führen<br />

Eichhörnchen<br />

feiern<br />

während<br />

kulinarisches<br />

Volksfest<br />

Veranstaltung<br />

con il pecorino romano.<br />

E qui si apre una seconda<br />

diatriba, quella tra i<br />

sostenitori del pecorino<br />

romano da un lato e<br />

quelli del parmigiano<br />

dall’altro. Infine, c’è la<br />

“questione cipolla”: ci<br />

vuole o non ci vuole?<br />

Quasi tutti i ricettari la<br />

prevedono, ma è assente<br />

nella cucina familiare,<br />

che talvolta rinuncia anche al guanciale e utilizza<br />

la più diffusa pancetta, tanto che oggi l’amatriciana è<br />

nota come la “pasta delle cinque p”: pasta, pancetta,<br />

pomodoro, peperoncino, pecorino.<br />

Noi l’abbiamo vista cucinare da Miriam Battistelli<br />

(vedi box pag. 63), che gestisce da 40 anni il ristorante Lo<br />

Scoiattolo (www.villaggioloscoiattolo.it), ad Amatrice, e da<br />

allora prepara e serve la vera pasta all’amatriciana. Tutto<br />

il paese ha festeggiato questa squisitezza<br />

durante l’ultimo fine settimana di<br />

agosto, con la Sagra dell’amatriciana,<br />

manifestazione arrivata alla 47 a edizione<br />

e alla quale vale la pena di partecipare.<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


Se la reale origine o la ricetta autentica non si conoscono,<br />

certo è che un semplice piatto di pasta ha reso<br />

Amatrice famosa in tutto il mondo. Questo piccolo paese<br />

ha però tante altre cose da offrire: si trova alle porte del<br />

Parco nazionale del Gran Sasso, è circondato dai Monti<br />

della Laga e da paesaggi meravigliosi. A due passi c’è il<br />

lago Scandarello, che ha una storia particolare. Ce la racconta<br />

Chiara Buffa, proprietaria dell’agriturismo Piccolo<br />

Lago (www.agriturismopiccololago.it): “È un lago artificiale,<br />

creato con una diga tra la prima e la seconda guerra mondiale.<br />

Nel 1944, la diga rischia di saltare in aria perché minata.<br />

Si evita una catastrofe solo grazie all’eroismo di alcuni<br />

partigiani, che svuotano il bacino e salvano tutti i<br />

paesi vicini. È un fatto da ricordare”.<br />

Amatrice è bella da visitare, storicamente interessante,<br />

ma soprattutto “buona da mangiare”: sono eccellenti i<br />

salumi, le salsicce, lo stracchino stagionato, il prosciutto<br />

Igp e tante altre squisitezze, come gli “gnocchi ricci”, una<br />

pasta fatta a mano, più antica dell’amatriciana. Intanto,<br />

anche se la paternità della ricetta dell’amatriciana non è<br />

ancora stata trovata, i romani, riconoscenti per l’invenzione<br />

di un piatto così gustoso, hanno dedicato ad Amatrice<br />

una strada in uno dei quartieri più antichi della città,<br />

il Rione Ponte. Una bella soddisfazione, no?<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sugli ingredienti<br />

della pasta all’amatriciana<br />

nella rubrica Grammatica.<br />

reale<br />

circondato da<br />

il paesaggio<br />

la storia<br />

la proprietaria<br />

il lago<br />

artificiale<br />

Fai l’esercizio dedicato<br />

alla pasta all’amatriciana.<br />

www.adesso-online.de/amatriciana<br />

wirklich<br />

umgeben von<br />

Landschaft<br />

Geschichte<br />

Eigentümerin<br />

künstlicher<br />

See<br />

la diga<br />

saltare in aria<br />

minato<br />

svuotare<br />

il bacino<br />

salvare<br />

i salumi pl.<br />

stagionato<br />

riconoscente<br />

per<br />

dedicare<br />

il quartiere<br />

Il salame di Amatrice,<br />

una delle tante bontà<br />

del paese.<br />

Staudamm<br />

in die Luft<br />

fliegen<br />

vermint<br />

leeren<br />

Becken<br />

retten<br />

Wurstwaren<br />

gereift<br />

dankbar für<br />

widmen<br />

Stadtviertel<br />

NON È LO<br />

STESSO SE USI<br />

LA PANCETTA!<br />

O FORSE SÌ?<br />

Se vi mettete a cercare, trovate tante<br />

ricette per la pasta all’amatriciana.<br />

Qual è quella giusta? Inutile preten<strong>der</strong>e<br />

di stabilire una regola esatta. Ecco<br />

però alcuni consigli che vi aiuteranno<br />

a cucinare la vostra amatriciana.<br />

GUANCIALE O PANCETTA?<br />

Non sono la stessa cosa! Trovare il guanciale a<br />

volte è difficile e allora si usa la pancetta.<br />

Il guanciale si ricava dalla guancia e dal collo del<br />

maiale, spesso è condito con sale, pepe, aglio,<br />

salvia e rosmarino ed è fatto stagionare per tre<br />

mesi. La pancetta, invece, si ottiene dal grasso<br />

sotto la pelle della pancia ed è venduta stagionata<br />

(tesa), arrotolata e condita con spezie<br />

(arrotolata), aromatizzata e affumicata (bacon).<br />

BUCATINI O SPAGHETTI?<br />

È solo questione di gusti! Sono entrambe paste<br />

di semola di grano duro. I bucatini sono lunghi<br />

come spaghetti, ma più grossi e bucati: la cottura<br />

è un po’ più veloce perché l’acqua passa<br />

anche dal foro centrale.<br />

PARMIGIANO O PECORINO?<br />

La differenza tra questi due formaggi è nel<br />

latte con cui vengono prodotti: rigorosamente<br />

di mucca il parmigiano; di pecora il pecorino,<br />

che quindi ha un sapore più intenso.<br />

CONSERVA O POMODORI?<br />

Va bene anche la conserva, ma le ricette più<br />

antiche parlano di un pomodoro tipico del Lazio.<br />

Piccolo, rosso e con venature profonde, dal sapore<br />

acre e delicato, è noto come “spagnoletta”,<br />

ma a Roma è chiamato “casalino”.<br />

giusto richtig<br />

il consiglio Rat<br />

il guanciale: Speck zum<br />

Kochen aus Backe o<strong>der</strong><br />

Nacken<br />

la guancia Wange<br />

il collo Nacken<br />

il maiale Schwein<br />

condito con gewürzt mit<br />

l’aglio Knoblauch<br />

la salvia Salbei<br />

stagionare lagern<br />

il grasso Fett<br />

Bauch<br />

gerollt<br />

geräuchert<br />

Ge-<br />

schmacks-<br />

sache<br />

Milch<br />

Kuh<br />

Schaf<br />

Geschmack<br />

hier: Tomaten<br />

aus <strong>der</strong><br />

Dose<br />

herb<br />

la pancia<br />

arrotolato<br />

affumicato<br />

la questiondi<br />

gusti<br />

il latte<br />

la mucca<br />

la pecora<br />

il sapore<br />

la conserva<br />

acre<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen, um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache, Lernsoftware und vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt entdecken:<br />

www.sprachenshop.de


APPROFONDIMENTO<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

Una rielaborazione grafica del ritratto di Niccolò Machiavelli eseguito<br />

da Santi di Tito e conservato a Palazzo Vecchio, Firenze.<br />

DA NOTIZIE DALL’ITALIA (PAG. 8)<br />

NICCOLÒ<br />

MACHIAVELLI<br />

MACHIAVELLICO. Questo aggettivo della lingua italiana,<br />

che se riferito a un piano significa “spregiudicato”<br />

o addirittura “diabolico”, viene dal nome di Niccolò<br />

Machiavelli (quando lo scrivete, state attenti al numero<br />

delle “c” nel nome e nel cognome!). Machiavelli, nato<br />

e morto a Firenze (1469-1527) è infatti l’autore de Il<br />

Principe. Di quest’opera, quasi tutti conoscono la formula<br />

semplificata: “Il fine giustifica i mezzi”, che è quasi<br />

un manifesto dell’opportunismo in politica. L’importanza<br />

di Machiavelli, però, va molto al di là di questo.<br />

Attivo in politica nella sua città in un’epoca di grandi<br />

cambiamenti, è uno degli<br />

riferito a bezogen auf autori che più di tutti<br />

spregiudicato skrupellos<br />

hanno influenzato lo sviluppo<br />

della lingua italia-<br />

addirittura sogar<br />

diabolico teuflisch<br />

stare attento a achten auf na. Oltre a Il Principe, sono<br />

da ricordare le sue<br />

il nome Vorname<br />

il cognome Nachname<br />

l’autore Autor opere Discorso sopra la prima<br />

deca di Tito Livio, in cui<br />

l’opera Werk<br />

semplificato vereinfacht Machiavelli tenta di fondare<br />

una prassi politica<br />

Il fine giusti- Der Zweck heifica<br />

i mezzi pl. ligt die Mittel<br />

l’importanza Bedeutung mo<strong>der</strong>na sul modello dell’antica<br />

Roma, e La Man-<br />

il cambiamento Verän<strong>der</strong>ung<br />

influenzare beeinflussen<br />

lo sviluppo Entwicklung dragola, uno dei capolavori<br />

del teatro italiano del<br />

fondare begründen<br />

il capolavoro Meisterwerk Cinquecento.<br />

DA (PAG. 7)<br />

IL CORTEGIANO DI BAL-<br />

DASSARRE CASTIGLIONE<br />

È una delle più importanti opere letterarie del Rinascimento<br />

italiano. Scritta tra il 1513 e il 1524 da Baldassarre Castiglione,<br />

descrive come deve comportarsi e vivere un perfetto cortigiano<br />

(o una perfetta cortigiana, dato che il terzo dei quattro<br />

libri che formano l’opera è dedicato interamente alle<br />

signore). Ancora oggi, quest’opera<br />

si legge come una<br />

scritto geschrieben<br />

sorta di elogio del potere. La<br />

descrivere beschreiben<br />

corte è vista al tempo stesso<br />

come luogo segreto, in il cortigiano Höfling<br />

comportarsi sich benehmen<br />

cui il potere viene gestito, e dedicare jdm. etw.<br />

come luogo in cui il potere qc. a qcn. widmen<br />

viene messo in mostra. Castiglione,<br />

nato a Casatico una sorta di eine Art<br />

ancora oggi noch heute<br />

(oggi in provincia di Mantova)<br />

l’elogio Lob <strong>der</strong><br />

nel 1478 e morto a Tole-<br />

del potere Macht<br />

do nel 1529, aveva soggiornato<br />

segreto geheim<br />

in molte corti, tra cui mettere zur Schau<br />

quelle di Mantova, di Urbino in mostra stellen<br />

e di Milano. La sua opera soggiornare sich aufhalten<br />

dunque è una testimonianza<br />

storica particolarmente<br />

la testimonianza<br />

Zeugnis<br />

attendibile.<br />

attendibile glaubwürdig<br />

DA PRATICAMENTE<br />

PARLANDO (PAG. 48)<br />

LA LINGUA<br />

ALBANESE<br />

NEL SUD ITALIA<br />

La minoranza albanese presente in molte zone del Sud Italia<br />

è storicamente una delle minoranze più importanti della Penisola.<br />

E non per la presenza dei tanti migranti albanesi che<br />

sono arrivati nel nostro paese a partire dagli anni Ottanta.<br />

L’albanese parlato dalle minoranze chiamate arbërëshe, infatti,<br />

ha poco a che fare con l’albanese mo<strong>der</strong>no. La storia<br />

degli albanesi in Italia inizia nel XV e dura fino al XVIII secolo.<br />

Nell’arco di 300 anni, molti albanesi hanno lasciato il loro<br />

paese e si sono stabiliti nel<br />

Sud Italia in seguito alla conquista<br />

la minoranza Min<strong>der</strong>heit<br />

ottomana. Secondo<br />

per la aufgrund <strong>der</strong><br />

le statistiche, appartengono<br />

oggi a questo gruppo circa<br />

presenza di Anwesenheit<br />

von<br />

100.000 persone che vivono la storia Geschichte<br />

in 100 comuni italiani, distribuiti<br />

il secolo Jahrhun<strong>der</strong>t<br />

tra le regioni Calabria<br />

nell’arco di innerhalb von<br />

lasciare verlassen<br />

(dove si trova la maggior<br />

stabilirsi sich nie<strong>der</strong>lassen<br />

parte dei comuni), Sicilia,<br />

Puglia, Basilicata, Campania,<br />

Abruzzo e Molise. Que-<br />

secondo nach<br />

la conquista Eroberung<br />

sti comuni sono definiti “Comuni<br />

appartenere a angehören<br />

dell’Arberia” da una il comune Gemeinde<br />

legge del 1999 che tutela le distribuito tra verteilt auf<br />

minoranze linguistiche. In la legge Gesetz<br />

molti di questi centri l’albanese<br />

tutelare schützen<br />

è ormai scomparso. scomparso<br />

verschwunden<br />

67<br />

<strong>ADESSO</strong> NOVEMBRE 2013


SprAcHkurSe und SprAcHFerien<br />

Sprachreisen<br />

weltweit<br />

Italien, Spanien, Mexiko, Argentinien<br />

F+U Academy of Languages<br />

Hauptstraße 1, 69117 Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

Italienisch an <strong>der</strong> Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

LAZIO<br />

HORTA B & B located in Orte (district of Viterbo) in<br />

the green heart of Italy, between museums and less<br />

known archaeological sites and scenic hiking trails.<br />

Living with a family offering food specialties and<br />

Italian language courses with qualified teachers.<br />

kapelleg@tin.it, Tel. 0039-348-3367862<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 499,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 699,–)<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

<br />

<br />

Alfa SprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und die besten<br />

Programme für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

www.spotlight-verlag.de<br />

SprAcHprodukte<br />

Lernen Sie Italienisch<br />

- vor Ort und hautnah -<br />

auf unserem Landgut<br />

IN DER MAREMMA !<br />

Einzel-, Paar-, Familien-, Senioren-,<br />

Kleingruppenkurse in familiärer Atmosphäre.<br />

Eigene FeWo’s! Tel. 0039 0564 507922<br />

www.po<strong>der</strong>e-carbone.de (mit Video!)<br />

VerScHiedeneS<br />

Haben Sie Fragen zu<br />

Anzeigenschaltungen?<br />

Mehr Sprache<br />

können Sie<br />

nirgendwo<br />

shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen,<br />

um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache,<br />

Lernsoftware und<br />

vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt<br />

entdecken:<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Ihre Anzeige im<br />

Sprach- und Reisemarkt AdeSSo<br />

Print & E-Paper<br />

Themenvorschau<br />

Ausgabe 01/14:<br />

• Leben in Venedig<br />

Anzeigenschluss: 13.11.13, Erstverkaufstag: 18.12.13<br />

Än<strong>der</strong>ungen vorbehalten.<br />

www.adesso-online.de<br />

Rabatte<br />

ab 3 Anzeigen 3 % Rabatt<br />

ab 6 Anzeigen 6 % Rabatt<br />

ab 9 Anzeigen 10 % Rabatt<br />

ab 12 Anzeigen 15 % Rabatt<br />

Beispiel 1<br />

1-spaltig / 20 mm hoch<br />

e 84,– (schwarz/weiß)<br />

e 108,– (farbig)<br />

Beispiel 3<br />

2-spaltig / 30 mm hoch<br />

e 252,– (schwarz/weiß)<br />

e 324,– (farbig)<br />

Beispiel 2<br />

1-spaltig / 40 mm hoch<br />

e 168,– (schwarz/weiß)<br />

e 216,– (farbig)<br />

Weitere Formate möglich.<br />

Alle Preise zuzüglich MwSt.<br />

aDesso novembre 2013


SprAcHkurSe und SprAcHFerien<br />

ITALIENISCH IN ITALIEN: www.italienisch-sprachschulen.de/<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In <strong>der</strong> Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

Studitalia Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

(0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

Sizilien – Meer und Kultur<br />

Italienisch-Sprachkurs und klassische Kochschule mit<br />

einer erfahrenen Muttersprachlehrerin. Unterkunft<br />

und Verpflegung in <strong>der</strong> familiären Atmosphäre <strong>der</strong><br />

Lehrerin, in einem kleinen Dorf direkt an <strong>der</strong> Küste.<br />

Tel: +39-091-8787146,<br />

e-mail: rb.sicilia@hotmail.com<br />

Italienische Sprachreise nach Ligurien!<br />

Sprachkurs Italienisch Stufe A2 vom 22.-28.06.14;<br />

Stufe B1 vom 29.06.- 05.07.14. Unterkunft und<br />

Verpflegung im 4-Sterne-Hotel am Meer, Ausflüge<br />

in Begleitung des Tutors (d.h. mehr Übung!),<br />

Anmeldeschluss: 31.01.14.<br />

www.donatella-azzalini.de<br />

E-Mail: info@donatella-azzalini.de<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

o<strong>der</strong> 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

Italienisch-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen Italienisch-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei <strong>der</strong> Familie<br />

<strong>der</strong> Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

Sant‘anna InStItute Sorrento LIngue<br />

Italienische Sprache und Kultur<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

Die Italienisch Sprachschulen in<br />

Nord- und Süditalien – wo Bildung und<br />

Urlaub sich harmonisch ergänzen!<br />

Le Venezie – Kultur und Dolce Vita<br />

Tropea – Weißer Sandstrand und Sonne<br />

Exzellente Italienisch Sprachkurse in<br />

kleinen Gruppen (3 bis 6 Studenten)<br />

PUI – Le Venezie: +39 040 30 40 20<br />

PUI – Tropea: +39 0963 60 32 84<br />

info@piccolauniversitaitaliana.com<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Als Bildungsurlaub anerkannt<br />

beruFSAuSbildung, Fortbildung<br />

FerienHÄuSer und -WoHnungen<br />

Berufsfachschule für Fremdsprachen:<br />

Europasekretär/in, Übersetzer/in, Fremdsprachenkorrespondent/in,<br />

Welthandelskorrespondent/in, EDV- und Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

F+U Academy of Languages, Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

<br />

<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (07221) 22661<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

Die Ferienhaus-Spezialisten für Italien<br />

030.30820408·Manteuffelstr.5a·12203 Berlin<br />

TOSKANA plus UMBRIEN<br />

Cortona: Großzüg. FeWo, 2SZ, 2BZ, 2-4P.,<br />

Maisonette in restaur. Bauernh., gr. Pool,<br />

eigener Garten, Sprachschule im Ort.<br />

Beson<strong>der</strong>s günstige Langzeittarife.<br />

030-3274727 | cortona47@gmx.de | www.fewo-pergola.de<br />

VENEDIG<br />

Stilvolle Appartements in antikem Palast<br />

zwischen Rialto-Brücke und Markusplatz,<br />

mit antiken Möbeln, für 2–6 Personen,<br />

Mindestmiete 1Woche, in NS auch kürzer.<br />

Tel. 0039-041-720620, Fax -721677<br />

(A. Lorenzon)<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

Nächster Anzeigentermin: 13. november für die Januar-Ausgabe<br />

Einem Teil dieser Ausgabe<br />

ist eine Beilage von<br />

Plan International<br />

Deutschland e.V.<br />

beigefügt.<br />

immobilien<br />

Im pittoresken Städtchen Cividale del Friuli/<br />

Udine umgeben von Weinbergen<br />

100 m 2 -Whg. zu verkaufen: beste Aufteilung,<br />

3 1/2 Zi., Kü., Bad, gr. Balkone, 1. OG, kl.<br />

Wohneinh., ruhige Lage m. Park, Garage, ged.<br />

Stellpl., ca.70 m 2 Kellerraum. Von Privat<br />

VB 250.000 Euro | Tel. +49 (0)6109 67007<br />

aDesso novembre 2013


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 6,90<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird beson<strong>der</strong>s<br />

umweltfreund lich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und inkl. Versandkosten<br />

Österreich:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 111,60 zzgl. sfr 15 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 74,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach Ablauf des<br />

ersten Bezugsjahres je<strong>der</strong>zeit beendet<br />

werden - mit Geld-zurück-Garantie für<br />

bezahlte, aber noch nicht gelieferte<br />

Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong>www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

BOLOGNA<br />

Passeggiate con noi nel centro storico di Bologna,<br />

l’affascinante capoluogo emiliano, alla scoperta di<br />

un percorso culturale e artistico inedito.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

CHEF VOM DIENST<br />

Salvatore Viola<br />

BILDREDAKTION<br />

Isadora Mancusi<br />

REDAKTION<br />

Isabella Bernardin, Giovanna<br />

Iacono, Cosimo Carniani, Isadora<br />

Mancusi, Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Giusy Cinardi, Marina Collaci,<br />

Francesco De Tomaso, Cristina<br />

Giordano, Riccardo Iacona, Anna<br />

Mandelli, Daniela Mangione,<br />

Marco Montemarano, Carlo<br />

Tomaso Parmigiani, Stefano<br />

Vastano, Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Monica Guerra, Tanja Lau,<br />

Frie<strong>der</strong>ike Ott, Dorothea<br />

Schmuck, Cornelia Schubert<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

H.W.M. GmbH,<br />

82152 Planegg<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Medienservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt <strong>der</strong> Artikel gibt die Meinung<br />

<strong>der</strong> Autoren, nicht die <strong>der</strong><br />

Redaktion wie<strong>der</strong>.<br />

Im Spotlight Verlag ers chei nen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Markus Schunk<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

LEITUNG MARKETING B2C & PR<br />

Heidi Kral<br />

LEITUNG MARKETING B2B &<br />

KOOPERATIONEN<br />

Susanne Mürbeth<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

Konto-Nummer 0 212 865 200<br />

BLZ: 300 800 00<br />

Credit Suisse Zürich-Enge<br />

Konto-Nummer 554 833-41<br />

(BC 48 42)<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

Ogni famiglia ha le sue tradizioni...<br />

Quest’anno vi raccontiamo<br />

quelle della redazione!<br />

Continua il nostro viaggio nelle<br />

regioni d’Italia. A dicembre scoprirete<br />

le meraviglie del Piemonte.<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel.<br />

0211/887-2315, Fax 0211/887-97-2315,<br />

E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg, Tel.<br />

040/30183-210, Fax 040/30183-283, E-<br />

Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332, Fax<br />

+49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John's Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt die Anzeigenpreisliste Nr. 21 ab<br />

Ausgabe 1/13<br />

IVW - Meldung<br />

II - Quartal 2013<br />

26.865 verbreitete<br />

Auflage <strong>ADESSO</strong><br />

<strong>ADESSO</strong> 12/13 IN VENDITA DAL 27 NOVEMBRE


Täglich nonstop zur<br />

Lieblingssprache<br />

Dein Online-<br />

Sprachtraining!<br />

Sprachen online lernen:<br />

Videos mit Untertiteln und interaktiven Übungen<br />

Jetzt kostenlos testen: www.dalango.de<br />

Ein Produkt des


ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 11/2013 ALLE TEXTE AUF<br />

IRO D’ITALIA<br />

MARKEN<br />

Wie gut kennen Sie den ”<br />

Stiefel“?<br />

Eine Reise durch Landeskunde,<br />

Kultur und Traditionen<br />

<strong>der</strong> italienischen Regionen.


Marche<br />

MARCHE<br />

IN BREVE<br />

Le Marche sono l’unica regione<br />

d’Italia con il nome al plurale.<br />

Marche viene da mark, che in alto<br />

tedesco significava “confine”.<br />

Infatti questa zona confinava con il<br />

Sacro Romano Impero ed era divisa<br />

in marche, ossia in feudi, poi riuniti<br />

sotto un potere solo, la Marca di<br />

Ancona. Forse proprio per la sua<br />

storia, la principale caratteristica della<br />

regione è ancora oggi la pluralità.<br />

Ci sono tre gruppi linguistici, che<br />

<strong>der</strong>ivano dalle lingue romanze del<br />

Nord, del Centro e del Sud Italia.<br />

Il territorio delle Marche è prevalentemente<br />

collinare. Il litorale si affaccia<br />

sul Mar Adriatico, è diviso in due<br />

parti dal promontorio del Monte<br />

Conero ed è sabbioso. Vi si trovano<br />

alcune importanti località balneari<br />

come Portorecanati e San Benedetto<br />

del Tronto.<br />

POPOLAZIONE<br />

1.565.335 abitanti<br />

805.938 donne<br />

759.397 uomini<br />

146.368 stranieri<br />

DENSITÀ<br />

ABITATIVA<br />

165 abitanti<br />

per km²<br />

FAMIGLIA<br />

637.079 famiglie<br />

2,5 componenti<br />

in media<br />

TURISMO<br />

2.260.569 turisti<br />

15,8% stranieri<br />

SUPERFICIE<br />

9.366 km²<br />

PAESAGGIO<br />

53% collina<br />

36% montagna<br />

11% pianura<br />

CLIMA<br />

12° temperatura<br />

media annua<br />

LAVORO<br />

646.000 occupati<br />

16.000 agricoltura<br />

232.000 industria<br />

398.000 servizi<br />

EMILIA<br />

ROMAGNA<br />

SAN<br />

MARINO<br />

TOSCANA<br />

UMBRIA<br />

Gradara<br />

Urbino<br />

Gola del<br />

Furlo<br />

APPENNINO<br />

UMBRO-MARCHIGIANO<br />

1. In quale città,<br />

secondo Johann<br />

Caspar Goethe, si<br />

può ammirare<br />

“il più bel tramonto<br />

del mondo”?<br />

a) Pesaro<br />

b) Ancona<br />

c) Fermo<br />

Pesaro<br />

Fano<br />

Frasassi<br />

MAR<br />

ADRIATICO<br />

Monti Sibillini<br />

LAZIO<br />

1831<br />

Sirolo<br />

Porto<br />

Recanati<br />

Macerata<br />

ANCONA<br />

Fermo<br />

San Benedetto<br />

del Tronto<br />

Ascoli Piceno<br />

santuari<br />

ABRUZZO<br />

sito Unesco:<br />

il centro storico<br />

di Urbino<br />

parchi (il 10% della superficie<br />

regionale è tutelata), di cui:<br />

2 parchi nazionali<br />

(Monti Sibillini, Gran Sasso<br />

e Monti della Laga);<br />

4 parchi regionali<br />

(Sasso Simone e Simoncello,<br />

Gola della Rossa e di Frasassi,<br />

Monte San Bartolo, Monte Conero);<br />

6 riserve naturali<br />

(Abbadia di Fiastra, Montagna di<br />

Torricchio, Gola del Furlo, Oasi<br />

10Wwf Ripa Bianca, Sentina).<br />

42<br />

11/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Marche<br />

PERSONAGGI<br />

FAMOSI<br />

Fra i molti personaggi delle Marche,<br />

il primo da ricordare è Giacomo<br />

Leopardi, forse il più grande<br />

poeta italiano dell’Ottocento. Nato<br />

nel 1789 a Recanati, dove ancora<br />

si può visitare la sua casa natale,<br />

Leopardi parla nelle sue opere dei<br />

sentimenti e della condizione umana.<br />

In due famose poesie, A Silvia<br />

e l’Infinito, descrive anche il paesaggio<br />

marchigiano. Non si possono<br />

non citare, poi, la schermitrice<br />

Valentina Vezzali (tre ori olimpici);<br />

il pilota motociclistico Valentino<br />

Rossi, la pedagogista Maria Montessori<br />

(vedi pag. 5), lo chef 2 stelle<br />

Michelin Moreno Cedroni. Sono<br />

ancora da ricordare Fe<strong>der</strong>ico II,<br />

nato a Jesi nel 1194, e partorito, secondo<br />

la leggenda, nella piazza<br />

principale della città, e gli artisti rinascimentali<br />

Bramante, Raffaello<br />

Sanzio e Piero della Francesca.<br />

ANCONA<br />

Il capoluogo delle Marche è Ancona.<br />

I Greci fondano la città nel IV secolo<br />

a.C. su un promontorio a forma di gomito<br />

e la chiamano Ankon, che vuol<br />

dire appunto “gomito”. Oggi Ancona<br />

ha uno dei porti più grandi d’Italia ed<br />

è anche una città d’arte. Il suo centro<br />

storico conserva architetture romane,<br />

bizantine e veneziane. Da ve<strong>der</strong>e<br />

il Duomo di San Ciriaco e l’importante<br />

Museo archeologico nazionale<br />

delle Marche.<br />

IL CONSIGLIO DI<br />

LUIGI MARIA<br />

Nel centro di Fabriano si trova una delle<br />

farmacie storiche più importantid’Italia,<br />

la Mazzolini Giuseppucci<br />

(Corso della Repubblica 33). Oggi è<br />

un museo e conserva l’arredamento<br />

in legno, realizzato da Adolfo Ricci alla<br />

fine del 1800. La volta e le pareti sono<br />

intagliate e raccontano, attraverso i ritratti<br />

di 25 scienziati, tra cui Wilhelm<br />

Konrad Röntgen, le più importanti scoperte<br />

chimiche, fisiche e mediche.<br />

2. Dov’è ambientato<br />

il film di Nanni<br />

Moretti La stanza<br />

del figlio?<br />

a) Ancona<br />

b) Ascoli Piceno<br />

b) Pesaro<br />

MARCHE IN BREVE<br />

significare bedeuten<br />

il confine Grenze<br />

il Sacro Heiliges<br />

Romano Römisches<br />

Impero Reich<br />

divi<strong>der</strong>e unterteilen<br />

ossia o<strong>der</strong> besser<br />

gesagt<br />

il feudo Lehen<br />

riunito geeint<br />

il potere Macht<br />

principale hauptil<br />

territorio Gebiet<br />

prevalen- vorwiegend<br />

temente<br />

collinare hügelig<br />

il litorale Küste<br />

il promontorio<br />

Vorgebirge<br />

la località<br />

balneare Badeort<br />

la popola- Bevölkezione<br />

rung<br />

l’abitante Einwohner,<br />

m., f. -in<br />

la densità Bevölkeabitativa<br />

rungsdichte<br />

il componente<br />

Mitglied<br />

in media durchschnittlich<br />

la superficie Fläche<br />

il santuario Wallfahrtsort<br />

PERSONAGGI<br />

il poeta Dichter<br />

la casa Geburtsnatale<br />

haus<br />

l’opera Werk<br />

il sentimento Gefühl<br />

la poesia Gedicht<br />

il paesaggio Landschaft<br />

la schermitrice<br />

Fechterin<br />

l’oro olympische<br />

olimpico<br />

il compositore<br />

Komponist<br />

partorire gebären<br />

l’artista (m., Renais<br />

f.) rinasci- sancementale<br />

Künstler, -in<br />

ANCONA<br />

Goldmedaille<br />

il capoluogo Hauptstadt<br />

fondare gründen<br />

il gomito Ellbogen<br />

chiamare nennen<br />

il porto Hafen<br />

la città<br />

d’arte f. Kunststadt<br />

il centro<br />

storico Altstadt<br />

IL CONSIGLIO<br />

la farmacia historische<br />

storica Apotheke<br />

conservare erhalten<br />

l’arredamento<br />

Einrichtung<br />

in legno aus Holz<br />

la volta Gewölbe<br />

la parete Wand<br />

lo scienziato Wissenschaftler<br />

la scoperta Entdeckung<br />

3<br />

© Huber/Sime, ANSA


Marche<br />

MADE IN MARCHE<br />

Nelle Marche si trovano aziende importanti che producono oggetti molto pregiati. I due principali settori di<br />

attività sono quello tessile, nella zona di Ancona, e quello delle scarpe, tra le province di Ascoli Piceno, Fermo<br />

e Macerata. Tra i marchi del settore tessile c’è, per esempio, Genny. Il marchio è conosciuto soprattutto per la<br />

sua linea giovane, Byblos, e oggi fa parte del gruppo Prada. Tra i marchi di scarpe più conosciuti ricordiamo<br />

Calzaturificio Rossi, Nero Giardini, Cesare Paciotti e Tod’s.<br />

7.000.000.000<br />

Fatturato annuo in euro<br />

240.000.000<br />

Paia di scarpe<br />

prodotte all’anno<br />

29.931<br />

Numero di addetti. È la<br />

prima regione italiana per<br />

numero di addetti, il<br />

31,2% del totale nazionale<br />

SHOPPING<br />

Dove comprare i marchi prodotti nelle Marche con<br />

sconti fino al 60%? Ecco qualche indirizzo utile:<br />

www.outletnellemarche.it, www.spaccimarche.com.<br />

Cesare Paciotti<br />

Calzature di lusso.<br />

Via Pirelli 16<br />

Zona Industriale A<br />

Civitanova Marche (Mc)<br />

Fornarina<br />

Scarpe e abbigliamento<br />

per le più giovani.<br />

Via Pirelli<br />

Zona Industriale A<br />

Civitanova Marche (Mc)<br />

Manas<br />

Scarpe e accessori<br />

da uomo e da donna.<br />

Via Ascoli 2/4<br />

Montecorsaro Scalo (Mc)<br />

Fratelli Guzzini<br />

Oggetti di design per<br />

la casa e la cucina.<br />

Contrada Mattonata 60<br />

Recanati (Mc)<br />

Lardini<br />

Alta sartoria da uomo.<br />

Via Tornazzano 3<br />

Filottrano (An)<br />

Della Valle<br />

Scarpe Tod’s e Hogan.<br />

Strada Brancadoro,<br />

Casette d’Ete, Sant’Elpidio<br />

a Mare (Fm)<br />

Calzaturificio Rossi<br />

Calzature artigianali<br />

maschili.<br />

Via Dolomiti snc<br />

Montegranaro (Fm)<br />

Nero Giardini<br />

Calzature e pelletteria<br />

per uomo, donna e<br />

bambino.<br />

Via dell’Artigianato 6<br />

Monte San Pietrangeli (Fm)<br />

Zeis Excelsa<br />

Gruppo che produce, tra<br />

gli altri, Merrel e Harley<br />

Davidson Footwear.<br />

Via Alpi 133/135<br />

Montegranaro (Fm)<br />

Rocco P.<br />

Calzature artigianali<br />

di alta qualità da uomo<br />

e da donna.<br />

Via dell’Artigianato 9<br />

Torre San Patrizio (Fm)<br />

Alberto Guardiani<br />

Calzature di qualità da<br />

donna, uomo e bambino.<br />

Via Alpi, Zona ind.le Villa<br />

Luciani<br />

Montegranaro (Fm)<br />

IL SETTORE<br />

CALZATURIERO<br />

3.799 aziende<br />

32,5%<br />

del totale nazionale<br />

di aziende calzaturiere.<br />

È la prima regione italiana<br />

per numero di calzaturifici.<br />

Piedi famosi<br />

Papa Ratzinger, l’ex presidente americano George H.<br />

W. Bush, la cantante Rihanna, Arnold Schwarzenegger<br />

sono solo alcune delle personalità che portano le<br />

scarpe prodotte dai maestri calzaturieri delle Marche<br />

POLTRONA FRAU<br />

Non fatevi ingannare dal nome: Poltrona Frau è un<br />

marchio tutto italiano! L'azienda nasce a Torino nel<br />

1912 e il suo fondatore, Renzo Frau, è di origini sarde.<br />

La produzione avviene nelle Marche, tra le dolci colline<br />

della provincia di Macerata. A Tolentino c'è anche lo<br />

spaccio aziendale (SS 77 km 74.500), dove si possono<br />

acquistare pezzi di culto con sconti<br />

fino al 30%. Per esempio la poltrona<br />

Vanity Fair (nella foto), che è stata<br />

creata nel 1930 con il nome<br />

Frau 904 e oggi è uno dei simboli<br />

del design italiano.<br />

4


Marche<br />

Souvenir<br />

LA CARTA<br />

Fabriano è la città della carta. Qui le cartiere sono un’antica<br />

tradizione. Già nel 1436, lo Statuto comunale vietava<br />

di insegnare i segreti dell’arte della carta ai non residenti<br />

e di costruire in un raggio di 50 miglia da Fabriano edifici<br />

per fabbricarla. Ancora oggi esistono in città laboratori<br />

che producono la carta a mano, come Bartolini Carta a<br />

Mano, in Largo Bartolo da Sassoferrato 7, dove è possibile<br />

acquistare anche prodotti in carta, tra cui cornici, agende<br />

e album fotografici. La cartiera industriale più famosa nel<br />

mondo è, invece, la Fabriano (www.fabriano.com), fondata<br />

nel 1782. Da non per<strong>der</strong>e il Museo della Carta e<br />

della Filigrana (www.museodellacarta.com).<br />

LO SAPEVATE?<br />

A Loreto, nella Basilica della Santa<br />

Casa, è custodita la Santa Casa di<br />

Nazareth, ossia la casa nella quale<br />

l’arcangelo Gabriele annuncia a Maria<br />

che avrà un figlio, Gesù. Secondo<br />

una leggenda cattolica, quando nel<br />

1291 la zona di Nazareth è invasa dai<br />

Turchi, gli angeli sollevano la casa e<br />

la portano al sicuro a Loreto. L’edificio<br />

ha proprio le caratteristiche delle<br />

costruzioni palestinesi dell’epoca.<br />

In tutta la regione è tradizione accen<strong>der</strong>e<br />

grandi fuochi, nella notte<br />

tra il 9 e il 10 dicembre, per “rischiarare<br />

il cammino alla Santa Casa”.<br />

CURIOSITA<br />

La vecchia banconota da 1.000 Lire<br />

aveva sul retro il ritratto di Maria<br />

Montessori, preso dal quadro Bambini<br />

allo studio di Armando Spadini.<br />

La grande scienziata e pedagogista,<br />

nata nel 1870 a Chiaravalle, in provincia<br />

di Ancona, è l’inventrice di<br />

un metodo educativo basato sull’indipendenza<br />

del bambino. Il “metodo<br />

Montessori” è applicato oggi in oltre<br />

20.000 scuole in tutto il mondo.<br />

3. Dove si può<br />

assaggiare il<br />

famoso tartufo<br />

delle Marche?<br />

a) Acqualagna<br />

b) Gradara<br />

c) Jesi<br />

A TAVOLA<br />

Tra i piatti più apprezzati in tutta la regione<br />

c’è il fritto all’ascolana, fatto di<br />

olive all’ascolana (nella foto), cioè ripiene<br />

di carne, impanate e fritte, e da<br />

cremini, preparati con la crema pasticciera,<br />

impanati e fritti. Altri piatti importanti<br />

sono i Vincisgrassi, una variante<br />

delle lasagne al forno, e poi, soprattutto<br />

nel capoluogo, lo stoccafisso all’anconetana,<br />

con pomodoro e acciughe, e il<br />

brodetto di pesce. Per un pasto veloce,<br />

l’ideale è una crescia sfogliata. Simile<br />

alla piadina romagnola, può essere farcita<br />

con gli ingredienti più vari, come<br />

formaggio, prosciutto, rucola, salsiccia.<br />

L’importante è mangiarla calda.<br />

Trovi la ricetta delle olive<br />

all’ascolana su:<br />

www.adesso-online.de/olive<br />

MADE IN MARCHE<br />

l’azienda Unternehmen<br />

il settore Textiltessile<br />

branche<br />

il marchio Marke<br />

calzaturiero Schuhlo<br />

sconto Rabatt<br />

la poltrona Sessel<br />

sardo sardisch<br />

lo spaccio Werksverkauf<br />

SOUVENIR<br />

la cartiera Papierfabrik<br />

il segreto Geheimnis<br />

in un im Umkreis<br />

raggio di von<br />

l’edificio Gebäude<br />

il laboratorio Werkstatt<br />

la cornice Bil<strong>der</strong>rahmen<br />

l’agenda Notizbuch<br />

LO SAPEVATE?<br />

l’arcangelo Erzengel<br />

annunciare verkünden<br />

sollevare emporheben<br />

il tentativo Versuch<br />

accen<strong>der</strong>e anzünden<br />

il fuoco Feuer<br />

rischiarare beleuchten<br />

CURIOSITÀ<br />

sul retro auf <strong>der</strong><br />

Rückseite<br />

il ritratto Portrait<br />

la scienziata Wissenschaftlerin<br />

l’inventrice Begrün<strong>der</strong>in<br />

l’indipen- Unabhändenza<br />

gigkeit<br />

applicare anwenden<br />

A TAVOLA<br />

ripieno gefüllt<br />

impanato paniert<br />

la crema<br />

pasticciera Tortencreme<br />

il piatto Gericht<br />

lo stoccafisso<br />

Stockfisch<br />

l’acciuga Sardelle<br />

il brodetto reichhaltige<br />

di pesce m. Fischsuppe<br />

il pasto schnelle<br />

veloce Mahlzeit<br />

farcito gefüllt<br />

la salsiccia Bratwurst<br />

4. Qual è un<br />

vino tipico delle<br />

Marche?<br />

a) Primitivo<br />

b) Verdicchio<br />

c) Barbera<br />

11/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 5


Marche<br />

DA FARE<br />

PRIMATO<br />

Castelfidardo, in provincia di<br />

Ancona, è la patria della fisarmonica.<br />

Qui, nel 1864, il<br />

musicista Paolo Soprani e la<br />

sua famiglia producono per<br />

la prima volta in Italia quella<br />

che oggi conosciamo tutti<br />

come fisarmonica.<br />

Museo internazionale della<br />

Fisarmonica, Via Mordini,<br />

Castelfidardo.<br />

6. A chi è dedicato<br />

il festival lirico di<br />

Pesaro?<br />

a) Giuseppe Verdi<br />

b) Beniamino Gigli<br />

c) Gioacchino Rossini<br />

Prendete un caffè da Meletti, in Piazza del Popolo,<br />

ad Ascoli Piceno. Fondato nel 1907, è un elegante<br />

locale in stile liberty con decorazioni floreali e arredi<br />

originali. Lo chiamano anche “il Senato” perché è<br />

stato, e per molti rimane, il centro della vita socioculturale<br />

della città. Tra gli altri, vi sono passati<br />

Ernest Hemingway, Jean-Paul Sartre e Renato Guttuso.<br />

Dopo il caffè, provate la specialità della casa:<br />

l’Anisetta con la mosca. La mosca è un chicco di<br />

caffè che arricchisce il liquore a base di anice, prodotto<br />

dalla ditta Meletti.<br />

MUSICA MAESTRO!<br />

Le Marche hanno la particolarità di avere tanti teatri, circa<br />

1 ogni 15.000 abitanti, una concentrazione forse unica in<br />

Europa! Molti sono stati costruiti fra il XVIII e il XIX secolo,<br />

quando quasi tutti i comuni, anche i più piccoli, volevano<br />

avere un teatro. Circa 100 teatri storici sono ancora in<br />

attività. Per fare due esempi: lo Sferisterio di Macerata,<br />

dall’acustica perfetta, è un affascinante<br />

esempio di architettura tardo-neoclassica europea<br />

all’aperto; il Teatro della Concordia a<br />

Jesi presenta sul sipario la leggendaria storia<br />

della nascita di Fe<strong>der</strong>ico II (vedi pag. 3, Personaggi<br />

famosi). Le Marche hanno anche<br />

una grande tradizione musicale: erano<br />

marchigiani il tenore Beniamino Gigli, uno<br />

dei più grandi cantanti d’opera del XX secolo,<br />

e due dei più importanti compositori<br />

italiani, Giovanni Battista Pergolesi e<br />

Gioacchino Rossini (nella foto).<br />

5. In quale museo<br />

si trova il ritratto<br />

di Fe<strong>der</strong>ico da Montefeltro<br />

di Piero<br />

della Francesca<br />

(vedi foto pag. 7)?<br />

a) Musei Vaticani<br />

b) Galleria degli Uffizi<br />

c) Pinacoteca di Brera<br />

COSE DA<br />

VEDERE<br />

URBINO<br />

Il suo centro storico<br />

è Patrimonio<br />

dell’Umanità Unesco.<br />

Da non per<strong>der</strong>e<br />

il Palazzo Ducale,<br />

voluto da Fe<strong>der</strong>ico<br />

da Montefeltro, e<br />

la casa natale di<br />

Raffaello.<br />

PARCO<br />

NAZIONALE DEI<br />

MONTI SIBILLINI<br />

ll parco è diviso<br />

tra Marche e<br />

Umbria. A circa<br />

1.940 m c’è il suggestivo<br />

Lago di<br />

Pilato, il più alto<br />

dell’Appennino.<br />

GRADARA<br />

Il bel castello<br />

medievale è famoso<br />

per essere stato<br />

lo scenario dell’amore<br />

di Paolo e<br />

Francesca, cantato<br />

nella Divina Commedia<br />

di Dante<br />

Alighieri.<br />

GROTTE DI<br />

FRASASSI<br />

Sono le grotte più<br />

grandi d’Italia.<br />

L’itinerario aperto<br />

al pubblico è lungo<br />

700 metri e si<br />

snoda fra stalattiti,<br />

stalagmiti e<br />

piccoli laghi.<br />

6<br />

11/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Marche<br />

IL PERSONAGGIO STORICO<br />

FEDERICO DA MONTEFELTRO<br />

Fe<strong>der</strong>ico da Montefeltro (1422-1482) è una figura centrale<br />

del Rinascimento italiano. Diventa signore di Urbino<br />

a 22 anni e, in 30 anni, riesce a ren<strong>der</strong>e il suo territorio<br />

tre volte più grande. Nel 1474 ottiene addirittura il titolo<br />

di duca. Fe<strong>der</strong>ico è famoso per il suo mecenatismo. La<br />

sua corte è ricca, frequentata da uomini di cultura e<br />

da artisti molto importanti. Piero della Francesca, per<br />

esempio, gli fa un ritratto molto famoso (nella foto).<br />

Lo splendore della corte viene mantenuto anche dal figlio<br />

di Fe<strong>der</strong>ico, Guidobaldo, ed è qui che è ambientato<br />

Il Cortegiano, il trattato di Baldassarre Castiglione<br />

con il quale nasce la figura del gentiluomo di corte.<br />

SANTUARIO DI<br />

SAN NICOLA DA<br />

TOLENTINO<br />

A Tolentino si trova uno<br />

dei santuari più importanti<br />

d’Italia. Bellissimo<br />

il ciclo di affreschi di<br />

scuola giottesca, contenuto<br />

nel cosiddetto Cappellone<br />

di San Nicola.<br />

FESTE<br />

SPIAGGIA<br />

DI SIROLO<br />

Questa bella spiaggia<br />

di sassi bianchi è<br />

caratterizzata da due<br />

faraglioni di pietra<br />

calcarea (“Le due<br />

sorelle”). Si può<br />

raggiungere solo<br />

via mare.<br />

LEGGENDA<br />

La Sibilla, secondo la leggenda,<br />

era una famosa<br />

veggente che viveva in<br />

una grotta tra i monti che<br />

oggi si chiamano, appunto,<br />

Sibillini. Per alcuni la<br />

Sibilla era buona e bella<br />

e viveva insieme alle fate;<br />

per altri, invece, era<br />

cattiva e viveva isolata su<br />

un monte. Oggi nella<br />

grotta non si può più entrare,<br />

ma si può visitare<br />

il Museo della Sibilla, nel<br />

paese di Montemonaco.<br />

CARNEVALE DI FANO<br />

È il Carnevale più antico d’Italia. I primi documenti<br />

che ne parlano sono del 1347. È famoso<br />

per la sfilata dei carri allegorici, opera dei maestri<br />

della cartapesta, e per il “getto”, il lancio<br />

sul pubblico di una grande quantità di dolci.<br />

GIOSTRA DELLA QUINTANA<br />

È un antico torneo cavalleresco che si svolge<br />

ad Ascoli Piceno la prima domenica di agosto.<br />

I cavalieri sono armati di una lunga lancia. Fanno<br />

tre giri di pista e poi devono colpire con<br />

precisione l’anello attaccato alla mano di un<br />

grosso fantoccio, detto il Moro. Da non per<strong>der</strong>e<br />

lo sfarzoso corteo storico della giostra,<br />

con circa 1.400 persone vestite con costumi<br />

ispirati al XV secolo.<br />

GOLA DEL FURLO<br />

È un’importante<br />

riserva naturale con<br />

belle pareti rocciose,<br />

molte specie protette<br />

e resti archeologici.<br />

Tra questi ultimi, ci<br />

sono, per esempio, la<br />

Galleria di Vespasiano<br />

e il viadotto romano.<br />

PRIMATO<br />

la patria Heimat<br />

la fisar- Ziehmonica<br />

harmonika<br />

produrre fertigen<br />

DA FARE<br />

fondato gegründet<br />

in stile (m.) im<br />

liberty Jugendstil<br />

l’arredo Einrichtung<br />

la mosca Fliege<br />

il chicco<br />

di caffè Kaffeebohne<br />

l’anice m. Anis<br />

MUSICA MAESTRO<br />

l’abitante Einwohner,<br />

m., f. -in<br />

unico einmalig<br />

il comune Gemeinde<br />

il sipario Vorhang<br />

il, la cantan- Opernte<br />

d’opera sänger, -in<br />

il compositore<br />

Komponist<br />

7 COSE DA VEDERE<br />

il Patrimonio Weltkulturdell’Umanità<br />

erbe<br />

la grotta Höhle<br />

l’itinerario Route<br />

il santuario Wallfahrtsort<br />

l’affresco Fresko<br />

la spiaggia Strand<br />

il faraglione Klippe<br />

la pietra<br />

calcarea Kalkstein<br />

raggiungere erreichen<br />

la riserva Naturnaturale<br />

schutzgebiet<br />

roccioso Felsla<br />

specie geschützte<br />

protetta Art<br />

PERSONAGGIO STORICO<br />

ottenere erhalten<br />

il duca Herzog<br />

il mecena- Mäzenatentismo<br />

tum<br />

la corte Hof<br />

il ritratto Portrait<br />

Il Cortegiano vedi ADES-<br />

SO pag. 67<br />

il gentiluomo höfischer<br />

di corte f. Edelmann<br />

LEGGENDA<br />

il, la veg- Wahrsager,<br />

gente -in<br />

la grotta Höhle<br />

il monte Berg<br />

la fata Fee<br />

visitare besichtigen<br />

FESTE<br />

la sfilata Umzug<br />

la carta- Papppesta<br />

maschee<br />

il lancio Werfen<br />

i dolci pl. Süßigkeiten<br />

la lancia Lanze<br />

l’anello Ring<br />

il fantoccio Puppe<br />

11/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 7


Marche<br />

SUPER QUIZ<br />

Hai letto tutto l’ ? Adesso mettiti alla prova!<br />

1. Perché l'antico nome greco di Ancona<br />

era Ankon (gomito [Ellbogen])?<br />

a. per la forma del promontorio su cui sorge<br />

b. per le sue colline<br />

c. per il suo fiume [Fluss] principale<br />

2. Cos’è il brodetto?<br />

a. una zuppa di patate<br />

b. una zuppa di pesce [Fisch]<br />

c. una zuppa di pomodoro<br />

3. Chi era il marchigiano<br />

Giacomo Leopardi?<br />

a. un letterato, poeta e scrittore<br />

b. uno scienziato<br />

c. un compositore [Komponist]<br />

4. Quale di questi compositori<br />

non è marchigiano?<br />

a. Giuseppe Verdi<br />

b. Gioacchino Rossini<br />

c. Giovanni Battista Pergolesi<br />

5. Dove si trova<br />

la Santa Casa di Nazareth?<br />

a. ad Ancona<br />

b. a Pesaro<br />

c. a Loreto<br />

6. Dove si svolge<br />

il più antico Carnevale d’Italia?<br />

a. a Venezia<br />

b. a Viareggio<br />

c. a Fano<br />

7. Quale strumento è stato fabbricato<br />

a Castelfidardo, nel 1864, per la<br />

prima volta in Italia?<br />

a. un violino<br />

b. una fisarmonica<br />

c. una tromba [Trompete]<br />

8. È una famosa spiaggia<br />

delle Marche:<br />

a. Cala Luna<br />

b. Le due sorelle<br />

c. Scala dei Turchi<br />

9. Quali grotte sono nelle Marche?<br />

a. Grotte di Castelcivita<br />

b. Grotte di Toirano<br />

c. Grotte di Frasassi<br />

10. Quale famosa scienziata [Wissenschaftlerin]<br />

è ritratta sul retro delle<br />

vecchie 1.000 lire?<br />

a. Rita Levi Montalcini<br />

b. Maria Montessori<br />

c. Margherita Hack<br />

11. Come si chiama il duca [Herzog] e<br />

mecenate di Urbino ritratto da Piero<br />

della Francesca?<br />

a. Fe<strong>der</strong>ico da Montefeltro<br />

b. Giuliano de’ Medici<br />

c. Sigismondo Malatesta<br />

12. Quale parco è nelle Marche?<br />

a. Parco nazionale dei Monti Sibillini<br />

b. Parco nazionale della Majella<br />

c. Parco nazionale del Gran Paradiso<br />

SOLUZIONI SUPER QUIZ: 1. a; 2. b; 3. a; 4. a; 5. c; 6. c; 7. b; 8. b; 9. c; 10. b; 11. a; 12. a.<br />

SOLUZIONI<br />

1. b<br />

2. a<br />

3. a<br />

4. b<br />

5. b<br />

6. c<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin:<br />

Rossella Dimola Chef vom Dienst: Salvatore Viola Autoren und Redaktion:<br />

I. Bernardin, C. Carniani, M. Guerra, G. Iacono, I. Mancusi, C. Schubert, S. Viola<br />

Gestaltung: www.prodigo.de Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck<br />

Gesamt-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-130 Verlag und<br />

Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: +49 (0)89<br />

8 56 81-0, www.evviva-online.de; www.adesso-online.de. © 2013 Spotlight Verlag,<br />

auch für alle genannten Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

8<br />

11/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


ADRESSEN,<br />

TIPPS UND<br />

TRADITIONELLE<br />

REZEPTE<br />

<strong>ADESSO</strong>


…dove si mangia bene a Firenze?<br />

Questa domanda mi è stata<br />

fatta tantissime volte. Sì, ne conosco<br />

molti, e qui ve ne consiglio<br />

14. Sono i miei preferiti sia per il<br />

cibo, sia per l’atmosfera che si respira.<br />

In alcuni mi sento veramente<br />

a casa! A voi che siete di passaggio,<br />

mi sento di dire che non<br />

si può affermare di essere stati a<br />

Firenze se non si sono provate<br />

le specialità della sua cucina:<br />

ribollita, crostini, bistecca, cantuccini<br />

e vin santo… Ma prima di<br />

“metterci a tavola”, ci sono quattro<br />

cose che dovete sapere.<br />

La cucina fiorentina è semplice,<br />

genuina e senza fronzoli,<br />

proprio come il carattere dei<br />

fiorentini: diretti, con la battuta<br />

sempre pronta e di una sobria<br />

gentilezza. Dunque, niente salse,<br />

salsine e mousse!<br />

➋ Il pane, a Firenze, è senza<br />

il posticino: nettes kleines<br />

Lokal<br />

consigliare empfehlen<br />

di pas- für wenige<br />

saggio Tage<br />

la ribollita: Gemüsesuppe<br />

aus Palmkohl, Bohnen und<br />

Brot<br />

il cantuccino: knuspriges<br />

Mandelgebäck<br />

il vin santo: Dessertwein<br />

genuino ursprünglich<br />

senza fron- ohne<br />

zoli pl. Schnickschnack<br />

la battuta witzige Bemerkung<br />

sobrio hier: nicht<br />

übertrieben<br />

sciocco doof, hier:<br />

ohne Salz<br />

il legume Hülsenfrucht<br />

mancare fehlen<br />

sale: è sciocco e si ritrova in molti piatti, come la ribollita.<br />

➌ Le zuppe e le minestre a base di legumi e verdure<br />

sono un must.<br />

➍ Un fiasco di <strong>Chianti</strong> o un buon<br />

vino rosso toscano non devono<br />

mai mancare.<br />

Pont<br />

Fiasch<br />

pag. 2<br />

Porta S<br />

Io Osteri<br />

pag. 21<br />

Bellosguardo<br />

2<br />

Lucilla Dimola, fiorentina doc, per lavoro<br />

pranza fuori 350 giorni all’anno… ma<br />

solo dove si mangia davvero bene!<br />

200 m<br />

Luoghi d


la Vittoria<br />

Stazione<br />

Mercato di San Lorenzo<br />

pag. 10<br />

Da Mario<br />

ria di pesce<br />

diano<br />

rsonale<br />

Trattoria del Carmine<br />

pag. 9<br />

Alla Vecchia Bettola<br />

pag. 14<br />

Duomo<br />

pag. 5<br />

Vini & Vecchi Sapori<br />

pag. 6<br />

Caciovino Trallallà<br />

Le Mossacce<br />

pag. 8<br />

Piazza della Signoria<br />

Fagioli<br />

Ponte Vecchio<br />

pag. 18<br />

La Buca dell’Orafo<br />

pag. 12<br />

pag. 16<br />

Le Volpi e l’Uva<br />

Palazzo Pitti<br />

orta Romana<br />

Fiesole<br />

<strong>der</strong>e<br />

pag. 13<br />

Piatti e Fagotti<br />

Da Ruggero<br />

Enoteca 7 Rosso<br />

pag. 4 pag. 17<br />

400 m


La vera cucina fiorentina<br />

È un ristorante dove le famiglie fiorentine vanno<br />

da sempre. Io ci venivo con i nonni, la domenica<br />

a pranzo, per mangiare l’arista al forno cotta con<br />

l’osso. Da allora, per fortuna, non è cambiato<br />

niente! Tutto è in nome della tradizione fiorentina,<br />

con attenzione alla qualità degli ingredienti e alle<br />

ricette casalinghe. L’arista è divina e, quando è<br />

stagione, sono da provare i carciofini sott’olio fatti<br />

in casa. Altri due classici da assaggiare sono il<br />

roastbeef e le cappelle di porcini alla griglia. Nei<br />

mesi invernali poi, provate le pere caramellate al<br />

forno, che sono sempre in bella mostra nella loro<br />

teglia all’entrata e non sono solo belle a ve<strong>der</strong>si...<br />

PS: È un locale un<br />

i nonni pl. Großeltern po’ fuori dal centro.<br />

l’arista f.: Schweinebraten<br />

aus <strong>der</strong> Lende prenota, è molto<br />

Eppure, se non si<br />

l’osso Knochen difficile trovare posto.<br />

l’ingrediente<br />

m. Zutat +39 055 220542.<br />

Via Senese 89<br />

assaggiare probieren Chiuso martedì e mercoledì.<br />

il porcino Steinpilz<br />

la pera karamellicaramellata<br />

sierte Birne<br />

al forno aus dem<br />

Ofen<br />

la teglia Auflaufform<br />

prenotare reservieren<br />

Qui, dall’alto: la ribollita,<br />

la tipica zuppa toscana<br />

a base di pane e verdure;<br />

carciofi fritti e arista.<br />

4


Sopra: lo staff<br />

di Vini & Vecchi<br />

Sapori.<br />

A sinistra:<br />

pappardelle al<br />

sugo di anatra.<br />

la botte<br />

il buchetto<br />

Fass<br />

hier: ganz<br />

kleines<br />

Lokal<br />

ohne Re-<br />

servierung<br />

Unbe-<br />

kannter<br />

Haus-<br />

manskost<br />

Kaninchen<br />

Ente<br />

Hack-<br />

braten<br />

gefüllt<br />

Kutteln<br />

senza prenotazione<br />

f.<br />

lo sconosciuto<br />

la cucina<br />

casalinga<br />

il coniglio<br />

l’anatra<br />

il polpettone<br />

farcito<br />

la trippa<br />

Nella botte piccola c’è il vino buono<br />

In questo buchetto all’ombra di Palazzo Vecchio trovare posto senza<br />

prenotazione è quasi impossibile. Ovviamente si condivide il tavolo con<br />

altri sconosciuti (fino a quel momento), che all’ora di pranzo sono quasi<br />

tutti “del posto”! La cucina è toscana, casalinga, il servizio informale e<br />

piacevole. Qualche piatto: pappardelle sul coniglio o sull’anatra, polpettone<br />

di carne farcito, trippa alla fiorentina e tortino di carciofi, quando è stagione!<br />

Buono il vino rosso della casa.<br />

PS: Il caffè viene servito direttamente dalla moka<br />

napoletana di latta, proprio come quella della nonna!<br />

Via dei Magazzini 3, Zona Piazza Signoria, +39 055 293045.<br />

Chiuso la domenica e il lunedì a pranzo.<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 5


Come dalla mamma!<br />

È un posto mitico, imperdibile... ed è anche il mio<br />

rifugio quotidiano. Di solito lo frequento a pranzo,<br />

perché qui mi sento in famiglia e, soprattutto, si<br />

mangia come dalla mamma. Per inten<strong>der</strong>ci, c’è<br />

anche la classicissima pastina in brodo! Tutto è<br />

ottimo: la ribollita, gli involtini con i carciofi, il<br />

bollito con la salsa verde, i fagioli all’uccelletto<br />

[vedi ricetta pag. 23]. I crostini “neri” (solo a<br />

cena) sono tra i più buoni di Firenze, l’hamburger<br />

è fatto a mano con la “ciccia” buona e qualche<br />

piatto di pesce, il venerdì, è accompagnato con<br />

una maionese fatta in casa a dir poco divina.<br />

Dovete sapere, però,<br />

imperdibile nicht zu che si mangia gomito<br />

versäumen a gomito con gli ospiti<br />

il rifugio täglicher di turno – studenti,<br />

quotidiano Rückzugsort<br />

la pastina Nudelin<br />

brodo suppe<br />

la ribollita: Gemüsesuppe<br />

aus Palmkohl, Bohnen und<br />

Brot<br />

gli involtini Kalbscon<br />

i carciofi<br />

pl.<br />

röllchen<br />

mit Artischocken<br />

il bollito: mit Stangensellerie,<br />

Möhren, Zwiebeln und<br />

Salz gekochtes Rindfleisch<br />

il crostino “nero”: geröstete<br />

Weißbrotscheibe mit<br />

einer Creme aus Hühnerleber<br />

la ciccia<br />

(dial.)<br />

gomito a<br />

gomito<br />

Fleisch<br />

Ellbogen an<br />

Ellbogen<br />

6<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


Nell’altra pagina: i crostini<br />

“neri”; cantucci e vin<br />

santo; Giovanni, uno dei<br />

proprietari, con il cameriere<br />

Davide fra i tavoli.<br />

Qui: il cuoco Matteo in<br />

cucina; pappa al pomodoro;<br />

schiacciata con l’uva.<br />

avvocati, turisti – e<br />

molto, molto velocemente.<br />

Non si fa in<br />

tempo a ordinare che<br />

la pietanza è già in<br />

tavola e non è consentito<br />

per<strong>der</strong>si in<br />

chiacchiere. Dopo il<br />

caffè, se non si lascia il posto agli altri, il personale<br />

vi fa appunto delle simpatiche “mossacce”.<br />

PS: Matteo più che un cuoco è un acrobata.<br />

Nella piccolissima cucina a vista, si muove<br />

abilmente fra pile di pentole e padelle, cui si<br />

aggiungono, a seconda della stagione, castagnaccio,<br />

fiori di zucca ripieni, schiacciata con<br />

l’uva e piselli freschi in umido.<br />

Via del Proconsolo 55r, +39 055 294361.<br />

Chiuso sabato e festivi.<br />

www.trattorialemossacce.it<br />

l’avvocato<br />

ordinare<br />

la chiacchiera<br />

la mossaccia<br />

il cuoco<br />

la cucina<br />

a vista<br />

la pila<br />

il castagnaccio<br />

il fiore<br />

di zucca<br />

ripieno<br />

l’uva<br />

Rechtsanwalt<br />

bestellen<br />

Plau<strong>der</strong>ei<br />

eindeutige<br />

Geste<br />

Koch<br />

einsehbare<br />

Küche<br />

Stoß<br />

Kastanien-<br />

kuchen<br />

gefüllte<br />

Zucchini-<br />

blüte<br />

Traube<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 7


Qui: tagliere di<br />

formaggi e salumi;<br />

l’interno di<br />

Caciovino Trallallà.<br />

Punto d’incontro<br />

per menti aperte<br />

e palati curiosi.<br />

Caciovino Trallallà è un localino delizioso, con tre<br />

tavolini di numero, per due persone (magre) ciascuno,<br />

più due sgabelli al bancone. Romantico e<br />

accogliente, è un piccolo laboratorio del gusto<br />

grazie alla passione di Ermanno e Nunzia che,<br />

nel mezzo del cammin di loro vita hanno deciso<br />

di lasciare il lavoro a Roma per dedicarsi a qualcosa<br />

che amano davvero, il cibo. La loro passione<br />

si ritrova nella scelta dei prodotti, che sono<br />

quasi tutti a chilometro zero: vini locali, birre artigianali<br />

e formaggi accompagnati da gelatina alla<br />

birra, salumi di cinta e crostini con salsiccia freschissima,<br />

proprio gustosi... E tutto questo, a<br />

due passi da Ponte Vecchio.<br />

Borgo SS. Apostoli 29r, +39 055 215558.<br />

Venerdì e sabato aperto<br />

anche a pranzo.<br />

Chiuso la domenica.<br />

www.caciovino.it<br />

la mente<br />

aperta<br />

il palato<br />

curioso<br />

lo sgabello<br />

la passione<br />

nel mezzo del cammin di<br />

loro vita: im besten Alter<br />

(Anspielung al v. 1 della<br />

„Divina commedia“ wo<br />

steht „di nostra vita“)<br />

handwerk-<br />

lich gebrautes<br />

Bier<br />

la birra<br />

artigianale<br />

offener<br />

Geist<br />

neugieriger<br />

Gaumen<br />

Hocker<br />

Leidenschaft<br />

il salume di cinta: Wurstwaren<br />

vom Sieneser Streifenschwein<br />

la salsiccia<br />

a due passi<br />

(pl.) da<br />

Bratwurst<br />

unweit von<br />

8<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


Diladdarno con gusto<br />

Siamo diladdarno, come si dice a Firenze, cioè<br />

“al di là del fiume Arno”, in una zona molto vivace<br />

sopratutto la sera. Se la stagione è bella, adoro<br />

mangiare ai tavolini all’aperto, dove non è raro<br />

fare amicizia con i vicini. Qui il menu non è solo toscano,<br />

c’è sempre una selezione di piatti semplici<br />

molto buoni. Per esempio a me piace moltissimo il<br />

loro modo di preparare il vitello tonnato. E poi qui<br />

ho ritrovato i tortellini panna e prosciutto, un piatto<br />

degli anni Ottanta, ma che è sempre un piacere<br />

riassaporare quando è cucinato come si deve.<br />

Piazza del Carmine 18, +39 055 218601.<br />

Chiuso la domenica a luglio, agosto e settembre.<br />

In alto: il cuoco della<br />

Trattoria del Carmine.<br />

Qui: vitello tonnato;<br />

l’interno del locale e<br />

il menu.<br />

al di là<br />

il fiume<br />

vivace<br />

adorare<br />

all’aperto<br />

raro<br />

il vicino<br />

semplice<br />

preparare<br />

ritrovare<br />

panna e<br />

prosciutto<br />

jenseits<br />

Fluss<br />

lebendig<br />

lieben<br />

im Freien<br />

selten<br />

Nachbar<br />

einfach<br />

zubereiten<br />

wie<strong>der</strong><br />

entdecken<br />

mit Sahne<br />

und<br />

Schinken<br />

9


a mezzogiorno<br />

la partita<br />

(di calcio)<br />

la Fiorentina<br />

sacro<br />

la fila<br />

atten<strong>der</strong>e<br />

il proprio<br />

turno<br />

la caciara<br />

il cartello<br />

appeso<br />

la vetrata<br />

il leggio<br />

10<br />

mittags<br />

Fußballspiel<br />

AC Florenz<br />

heilig<br />

Schlange<br />

warten, bis<br />

man dran<br />

ist<br />

Durcheinan<strong>der</strong><br />

Schild<br />

aufgehängt<br />

Glasscheibe<br />

Pult<br />

Qui si mangia insieme...<br />

...e si respira pura fiorentinità. Mario è aperto solo<br />

a mezzogiorno e chiuso la domenica perché...<br />

la partita della Fiorentina è SACRA! L’ambiente è<br />

spartano, ma l’abito non fa il monaco, vista la fila<br />

che si forma all’ingresso. Bisogna atten<strong>der</strong>e pazientemente<br />

il proprio turno, tra camerieri che fanno<br />

acrobazie fra i tavoli e commensali che vanno e<br />

vengono. Insomma, una vera e propria caciara alla<br />

toscana… Ma ne vale la pena! È arrivato il vostro<br />

turno? Non immaginatevi un tavolino tutto per voi<br />

perché, come si legge su un cartello<br />

appeso sulla vetrata della cucina:<br />

“Qui si mangia insieme agli altri<br />

dal 1953”. Il menu varia di giorno in<br />

giorno ed è scritto su un piccolo<br />

leggio fuori del locale. Nell’attesa,<br />

quindi, lo si può già “studiare”.<br />

Tra le proposte: filetto di maiale al<br />

forno con fagioli zolfini e olio novo<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


Nell’altra pagina:<br />

il proprietario Fabio;<br />

ossobuco; fagioli zolfini.<br />

Qui: l’ingresso<br />

della fiaschetteria;<br />

il classico pane toscano<br />

senza sale; il cuoco<br />

Andrea con un taglio di<br />

carne per la bistecca<br />

alla fiorentina.<br />

(“nuovo”), tagliatelle sul fagiano, ossobuco.<br />

Le porzioni sono abbondanti e i prezzi ragionevoli.<br />

PS: Attenzione a parlare di calcio! I proprietari,<br />

i cuochi e i camerieri sono tutti viola,<br />

ovvero tifosi sfegatati della Fiorentina.<br />

All’ingresso è ben visibile la targa con su<br />

scritto “locale degobbizzato”. I gobbi sono i<br />

tifosi della Juventus, acerrimi avversari di<br />

quelli della Fiorentina.<br />

Via Rosina 2, +39 055 218550.<br />

Aperto solo a pranzo. Chiuso la domenica.<br />

www.trattoria-mario.com<br />

Fasan<br />

Kalbs-<br />

haxe<br />

reichlich<br />

angemes-<br />

sener Preis<br />

Fußball<br />

Eigentümer<br />

eingefleisch-<br />

ter Fan<br />

Schild<br />

Buckeliger<br />

erbittert<br />

Gegner<br />

il fagiano<br />

l’ossobuco<br />

abbondante<br />

il prezzo ragionevole<br />

il calcio<br />

il proprietario<br />

il tifoso<br />

sfegatato<br />

la targa<br />

il gobbo<br />

acerrimo<br />

l’avversario<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 11


A cena da un sommelier<br />

Sosta imperdibile per gli amanti del vino e per<br />

chi è alla ricerca di prodotti di qualità. Nascosta<br />

tra Ponte Vecchio e Palazzo Pitti, questa piccola<br />

enoteca è diventata un punto di riferimento per i<br />

fiorentini e per i turisti più attenti. Gestita da un<br />

gruppo di enologi e sommelier, tutti molto competenti<br />

e simpatici, propone oltre 400 etichette,<br />

fra cui molte di piccoli produttori sconosciuti alla<br />

massa, ma di alto livello e con un buon rapporto<br />

qualità prezzo. Il vino<br />

la sosta<br />

l’amante<br />

m., f.<br />

alla<br />

ricerca di<br />

nascosto<br />

gestito<br />

proporre<br />

sconosciuto<br />

il rapporto<br />

qualità<br />

prezzo<br />

abbinare a<br />

la salsiccia<br />

al tartufo<br />

optare per<br />

l’acciuga<br />

Pause<br />

Liebhaber,<br />

-in<br />

auf <strong>der</strong> Su-<br />

che nach<br />

versteckt<br />

betrieben<br />

anbieten<br />

unbekannt<br />

Preis-Leis-<br />

tungs-Ver-<br />

hältnis<br />

kombinieren<br />

mit<br />

Bratwurst<br />

mit Trüffel<br />

sich entscheiden<br />

für<br />

Sardelle<br />

può essere abbinato<br />

a fantastici crostoni<br />

caldi gratinati in forno<br />

con asiago e speck, o<br />

alla salsiccia al tartufo.<br />

In alternativa, si può<br />

optare per una selezione<br />

di formaggi italiani<br />

o francesi, oppure per<br />

piccoli sandwich con<br />

burro bretone e<br />

acciuga, salsa di<br />

tonno al cognac e<br />

cipolline... Fatevi<br />

consigliare dal buon<br />

Ciro & company.<br />

Piazza dei Rossi 1<br />

+39 055 239 8132.<br />

Chiuso la domenica.<br />

www.levolpieluva.com<br />

Sopra: Ciro<br />

(in piedi) e<br />

Riccardo,<br />

proprietari<br />

dell’enoteca<br />

Le Volpi e<br />

l’Uva.<br />

12


Un locale particolare,<br />

in un luogo particolare.<br />

Siamo a San Domenico, sulle colline di Firenze,<br />

andando verso Fiesole. Qui c’è Piatti e Fagotti,<br />

una bottega di alimentari con una saletta adibita<br />

a ristorantino. I proprietari, Tommaso & Tommaso,<br />

sono due veri toscanacci, cordiali, sorridenti<br />

e con la battuta sempre pronta. Propongono<br />

piatti tipici, come pasta e fagioli o pappardelle al<br />

cinghiale, ma non solo. Ottimo, per esempio, il<br />

carpaccio di prosciutto al forno su letto di finocchi.<br />

Prima di ordinare, studiate attentamente la<br />

lavagna. E appena entrati, date un’occhiata al<br />

bancone, che è appetitoso come un quadro di<br />

Arcimboldo e ricorda le botteghe di una volta!<br />

PS: Se dovete atten<strong>der</strong>e un po’ prima di essere<br />

serviti, prendete un bicchiere di vino e qualche<br />

crostino, andate a se<strong>der</strong>vi sul muretto davanti<br />

al locale e godetevi il bellissimo panorama!<br />

Via delle Fontanelle 3/9/11, San Domenico (Fiesole).<br />

+39 055 5276764. Giovedì, venerdì e sabato aperto anche<br />

a cena. Chiuso la domenica. www.piattiefagotti.com<br />

Hügel<br />

Lebens-<br />

mittel-<br />

geschäft<br />

kleines Nebenzimmer<br />

waschech-<br />

ter Toskaner<br />

lachend<br />

witzige<br />

Bemerkung<br />

Wildschwein<br />

Fenchel-<br />

bett<br />

Tafel<br />

einen Blick<br />

werfen auf<br />

Theke<br />

Bild<br />

warten<br />

Mäuerchen<br />

la collina<br />

la bottega<br />

di alimentari<br />

pl.<br />

la saletta<br />

il toscanaccio<br />

sorridente<br />

la battuta<br />

il cinghiale<br />

il letto di<br />

finocchi pl.<br />

la lavagna<br />

dare un’occhiata<br />

a<br />

il bancone<br />

il quadro<br />

atten<strong>der</strong>e<br />

il muretto<br />

In alto: pere caramellate<br />

di Piatti e Fagotti;<br />

il bancone della bottega.<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 13


ono<br />

(dial.)<br />

la ricetta<br />

segreto<br />

ripassare<br />

esaltare<br />

la milza<br />

il sugo<br />

di coniglio<br />

il fungo<br />

la lombatina<br />

di<br />

vitella<br />

le frattaglie<br />

pl.<br />

il cervello<br />

fritto<br />

la torta di<br />

mele pl.<br />

la pasta<br />

tiepido<br />

conviviale<br />

il cameriere<br />

l’attesa<br />

14<br />

buono<br />

Rezept<br />

geheim<br />

erhitzen<br />

zur Geltung<br />

bringen<br />

Milz<br />

Kaninchen-<br />

sauce<br />

Pilz<br />

Lenden-<br />

braten<br />

vom Kalb<br />

Innereien<br />

frittiertes<br />

Hirn<br />

Apfel-<br />

kuchen<br />

Teig<br />

lauwarm<br />

gesellig<br />

Kellner<br />

Wartezeit<br />

Qui è tutto bono!<br />

Cominciamo dalle penne “alla Vecchia Bettola”.<br />

La ricetta è segreta. Vengono ripassate in padella<br />

e condite con pomodoro e quel certo non so<br />

che capace di esaltarne il condimento... Provatele<br />

e poi mi direte! Per il resto, tutto è ottimo: i<br />

crostini di milza, i tortelli di patate al sugo di<br />

coniglio, i piatti a base di funghi del Mugello in<br />

autunno e anche la semplicissima lombatina di<br />

vitella alla griglia, perché le carni utilizzate sono<br />

locali e selezionate. Se poi vi piacciono le frattaglie,<br />

questo è il posto giusto per assaggiare una<br />

vera specialità della cucina fiorentina: il cervello<br />

fritto. Io preferisco di gran lunga i fritti misti di<br />

pollo, coniglio e verdure, oppure la torta di mele<br />

(quasi tutta mele e poca pasta) servita tiepida.<br />

Il posto è molto conviviale, grazie a Massimiliano<br />

e ai camerieri, che sono gli stessi da sempre...<br />

e così l’attesa per il tavolo diventa divertente,<br />

non solo per me che ci ritorno spesso!<br />

Viale Ariosto 34r, +39 055 224158.<br />

Aperto a pranzo e a cena. Chiuso domenica e lunedì.<br />

www.florence.ala.it/bettola<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de<br />

Da sinistra: penne “alla<br />

Vecchia Bettola”; l’interno<br />

della trattoria; antipasto<br />

toscano; il tipico fiasco di<br />

vino rosso; frittatina di patate;<br />

Luigi con la schiacciata<br />

con l’uva; il proprietario,<br />

Massimiliano Stagi,<br />

al lavoro nell’ora di punta;<br />

finocchiona toscana.


A due passi da Ponte<br />

Vecchio...<br />

È a due passi da Ponte Vecchio,<br />

ma non è un locale da turisti. È un<br />

posto con una lunga storia di famiglia,<br />

iniziata 30 anni fa. Qui si mangiano<br />

sia i classici della cucina fiorentina,<br />

come la pappa al<br />

pomodoro, l’ossobuco, la panzanella<br />

(solo d’estate!), le fave con il<br />

pecorino (solo in<br />

primavera!), sia le<br />

“specialità di<br />

Giordano”, come<br />

i gamberoni al curry e la pasta<br />

fatta in casa. I miei piatti preferiti?<br />

Le chitarrine con calamaretti e<br />

salvia, oppure, in primavera, con<br />

i pisellini freschi; la bistecca alla<br />

fiorentina (tra le più buone di Firenze)<br />

e il tortino di carciofi.<br />

PS: Nel palazzo che la<br />

ospita, già nel 1200 c’erano<br />

le botteghe degli orafi.<br />

Via dei Girolami 28r,<br />

+39 055 21 36 19.<br />

Chiuso la domenica e il lunedì a<br />

pranzo. www.bucadellorafo.com<br />

l’orafo Goldschmied<br />

la pappa al pomodoro:<br />

Tomatensuppe mit Broteinlage<br />

l’osso- Kalbsbuco<br />

haxe<br />

la panzanella: Brotsalat<br />

mit Zwiebel, Tomate,<br />

Gurke und Basilikum<br />

il piatto Lieblingspreferito<br />

gericht<br />

i pisellini frische<br />

freschi pl. Erbsen<br />

la bistecca alla fiorentina:<br />

T-Bone-Steak vom Chianina-Rind<br />

la bottega Werkstatt<br />

Sopra: l’entrata del ristorante. A destra:<br />

melanzane alla griglia; panzanella.<br />

16


Qui: tartare di<br />

manzo; l’esterno<br />

del locale;<br />

crema catalana.<br />

l’artigia- Hanwerksnalità<br />

kunst<br />

incan- bezautevole<br />

bernd<br />

L’artigianalità in cucina<br />

la vista Aussicht<br />

Se decidete di andare a Fiesole – e ve lo consiglio,<br />

il colle Hügel<br />

anche per l’incantevole vista sui colli di Firen-<br />

fare una Pause<br />

ze – l’Enoteca 7 Rosso è il posto ideale dove fare sosta machen<br />

una sosta, perché si trova proprio sulla strada che gestire betreiben<br />

porta a San Domenico. A gestirla sono due ragazzi,<br />

faticare schuften<br />

Lorenzo in sala e Veronica in cucina. Preparano la tavolozza Malerpalette<br />

piatti con prodotti artigianali, “per lasciare spazio l’artista Künstler,<br />

alle capacità di uomini e donne che tutti i giorni<br />

m., f. -in<br />

faticano per mantenere indimen- unvergessticabile<br />

intatte le antiche tradizioni<br />

lich<br />

culinarie d’Italia”. I crostoni<br />

sono eccellenti. Assolutamente<br />

in estate f. im Sommer<br />

da provare è l’assortimento di<br />

formaggi, non solo per la presentazione, che ricorda<br />

la tavolozza di un artista, ma anche per la selezione<br />

di qualità e mai banale. Tra i piatti cucinati, sono indimenticabili<br />

le pappardelle al ragù con fegatini di<br />

pollo, cacao e pepe indonesiano.<br />

PS: In estate si mangia in giardino!<br />

Via San Domenico 103, +39 055 580812.<br />

Aperto solo a cena. Chiuso domenica (in inverno) e lunedì.<br />

www.7rossovini.it<br />

17


la pietanza<br />

ad arte f.<br />

Gericht<br />

nach den<br />

Regeln <strong>der</strong><br />

Kunst<br />

jahres-<br />

zeitlich<br />

verwöhnen<br />

langweilen<br />

aus einem<br />

an<strong>der</strong>en Ort<br />

Fleisch-<br />

klößchen<br />

di stagione<br />

f.<br />

coccolare<br />

stancare<br />

da fuori<br />

la polpettina<br />

18<br />

È sempre un piacere!<br />

Un posticino che adoro. In una sola frase, è<br />

come mangiare a casa. Pietanze semplici, realizzate<br />

ad arte e solo con prodotti di stagione, una<br />

cucina che ti coccola e che non ti stanca mai.<br />

È il primo posto a cui penso quando qualcuno mi<br />

viene a trovare da fuori, per l’accoglienza di Antonio,<br />

Simone e Maurizio. Non saprei consigliare<br />

un piatto in particolare. Tutto è speciale: i crostini<br />

toscani, il prosciutto del Casentino, le polpettine,<br />

i tortelli fatti in casa con ricotta e limone, gli<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


la zucca Kürbis<br />

la pappa al pomodoro:<br />

Tomatensuppe mit Broteinlage<br />

la cucina einsehbare<br />

a vista Küche<br />

conferire verleihen<br />

il cuoco Koch<br />

mettere einer<br />

d’accordo Meinung<br />

sein lassen<br />

gnocchetti di zucca,<br />

l’arista, la ribollita e la<br />

pappa al pomodoro (le<br />

più buone di Firenze!)<br />

e i dolci fatti in casa. Il<br />

vino della casa (<strong>Chianti</strong>)<br />

viene servito con il<br />

metodo del “fiasco a<br />

consumo”, ovvero si<br />

paga quel che si beve.<br />

La cucina a vista, all’ingresso,<br />

e alcune pietanze già pronte in bella<br />

mostra conferiscono al locale un’atmosfera casalinga.<br />

Se capita di dover aspettare per avere<br />

un tavolo, è un piacere fare due chiacchiere con i<br />

cuochi. Incredibile ma vero: questo locale mette<br />

d’accordo proprio tutti, anche i fiorentini doc.<br />

PS: Come dolce c’è anche il “gelatino bono”,<br />

che non è una marca<br />

di gelati. Bono, a Firenze,<br />

significa semplicemente<br />

“buono”,<br />

quindi non si sta parlando<br />

di un gelato<br />

qualsiasi.<br />

Corso dei Tintori 47r,<br />

Zona Santa Croce<br />

+39 055 244285.<br />

Chiuso sabato e domenica.<br />

Nell’altra pagina:<br />

fagioli all’uccelletto;<br />

menu del giorno.<br />

Qui, da sopra: l’interno<br />

del locale; involtino di<br />

Gigi; la cucina a vista<br />

all’entrata del ristorante.<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de<br />

19


Oggi, pesce fresco!<br />

Immaginate di entrare in una pescheria,<br />

di comprare del pesce freschissimo e, se ne<br />

avete voglia, di farvelo cucinare al momento<br />

dal proprietario. Questo posticino è un’elaborazione<br />

della classica fiaschetteria fiorentina<br />

dove, al posto del crostino toscano,<br />

potete trovare varie insalatine (per esempio<br />

polpo e patate, gamberi e carciofi), acciughe<br />

ripiene e marinate, fritture di ogni genere.<br />

Meraviglioso il crudo, che si sceglie direttamente<br />

dal banco. Inoltre sono sempre<br />

disponibili due primi preparati al momento.<br />

È una soluzione informale e divertente per<br />

mangiare pesce di qualità e a buon prezzo.<br />

PS: Si mangia seduti su sgabelli, quindi<br />

lo consiglio per un aperitivo, per un pranzo<br />

o una cena veloci.<br />

Piazza Taddeo Gaddi 5r, +39 055 706492.<br />

Chiuso domenica e lunedì.<br />

Qui: frittura mista di<br />

pesce. Sotto: l’esterno<br />

della fiaschetteria.<br />

la fiaschet- Weinhandteria<br />

lung<br />

la pe- Fischscheria<br />

geschäft<br />

la voglia Lust<br />

il proprietario<br />

Eigentümer<br />

il posticino: nettes kleines<br />

Lokal<br />

il polpo<br />

il carciofo<br />

l’acciuga<br />

il banco<br />

divertente<br />

a buon<br />

prezzo<br />

lo sgabello<br />

Tintenfisch<br />

Artischocke<br />

Sardelle<br />

Theke<br />

amüsant<br />

günstig<br />

Hocker<br />

20


Qui: tartare<br />

di manzo con<br />

puntarelle,<br />

maionese alle<br />

alici e gelatina<br />

alle arance;<br />

l’interno del<br />

locale; i cuochi<br />

al lavoro.<br />

La cucina? Arte, piacere e passione.<br />

Quando ho voglia di qualcosa di raffinato, originale e di buon gusto,<br />

vado da Io Osteria Personale, che è l’espressione di un’idea di cucina<br />

raccontata “a modo mio”, come dice Matteo, il proprietario. Il menu è<br />

stagionale ed è suddiviso in portate di pesce, carne e verdure.<br />

Quindi… niente pasta! Non vi aspettate di trovare la classica catalogazione<br />

in antipasti, primi e secondi. Potete<br />

scegliere tra i “menu degustazione” o “alla<br />

carta”. Le portate sono tutte sorprendenti,<br />

anche se qualcuno potrebbe trovare che le<br />

raffinato<br />

a modo<br />

mio<br />

fein<br />

auf meine<br />

Art<br />

quantità sono un po’ piccole. Qualche esempio:<br />

la tartare di carne Chinina con barbe<br />

stagionale jahreszeitlich<br />

la portata Gang<br />

rosse e gelato al pecorino; la purea di patate e scegliere auswählen<br />

olio nuovo con cuore di caprino; i nastrini di la barba rote<br />

calamari in crema di ceci alla salvia. Un bistrot<br />

dal gusto internazionale, che porta una ventata<br />

rossa<br />

la purea di<br />

Beete<br />

Kartoffelpatate<br />

di novità a Firenze.<br />

pl. püree<br />

il caprino Ziegenkäse<br />

PS: L’osteria si trova nel quartiere di San<br />

i ceci pl. Kichererbsen<br />

Frediano, dove ancora si respira l’aria della<br />

“vecchia Firenze”, fra botteghe artigiane e la salvia Salbei<br />

mercati.<br />

Borgo San Frediano 167r, +39 055 933 1341.<br />

www.io-osteriapersonale.it<br />

la ventata<br />

di novità<br />

il quartiere<br />

frischer<br />

Wind<br />

Stadtviertel<br />

21


Ingredienti per 6 persone:<br />

2 cavoli neri,1 cipolla, 2 carote,<br />

1 gambo di sedano, 2 pomodori<br />

maturi,1 patata, 80 g di fagioli borlotti<br />

secchi, 5 cucchiai di olio extravergine<br />

di oliva, sale, pepe, 4 fette<br />

di pane casalingo toscano raffermo<br />

Preparazione:<br />

Fate un battuto con sedano, carota<br />

e cipolla e fatelo rosolare in una<br />

pentola con l’olio. Poi aggiungete i<br />

pomodori pelati e la patata sbucciata<br />

e tagliata a pezzi grossi. Lasciate<br />

insaporire un po’, poi unite le foglie<br />

di cavolo nero tagliate a listarelle,<br />

i fagioli già ammorbiditi in acqua e<br />

2 litri di acqua fredda. Salate e cuocete<br />

a pentola coperta per circa<br />

2 ore, finché i fagioli non siano ben<br />

cotti. Servite la zuppa su uno strato<br />

di pane tagliato a fette, con olio a<br />

crudo e pepe appena macinato.<br />

Un piatto di<br />

peposo<br />

dell’Impruneta.<br />

il cavolo nero<br />

la cipolla<br />

il sedano<br />

la patata<br />

raffermo<br />

il battuto<br />

sbucciato<br />

tagliato a<br />

listarelle pl.<br />

a pentola coperta<br />

22<br />

Palmkohl<br />

Zwiebel<br />

Stangensellerie<br />

Kartoffel<br />

altbacken<br />

fein gehacktes<br />

Gemüse<br />

geschält<br />

in Streifen<br />

geschnitten<br />

bei geschlossenem<br />

Topf<br />

IMPRESSUM Herausgeber und Verlagsleiter:<br />

Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin: Rossella<br />

Dimola Chef vom Dienst: Salvatore Viola Autorin:<br />

Lucilla Dimola Redaktion: Isabella Bernardin,<br />

Monica Guerra, Cornelia Schubert, Salvatore Viola<br />

Bildredaktion: Isadora Mancusi Gestaltung:<br />

www.prodigo.de Verlag: Spotlight Verlag GmbH,<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: (0049)<br />

89-85681-0, www.spotlight-verlag.de Bil<strong>der</strong>:<br />

Prodigo/F. Cirri; Huber/Sime; Cubo; Stockfood;<br />

S. Scatà; Atlantide; Sintesi.<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


Ingredienti per 6 persone:<br />

1 kg di muscolo di vitellone, 8 spicchi<br />

d’aglio, 2 bicchieri di <strong>Chianti</strong>, sale,<br />

pepe nero<br />

Preparazione:<br />

Tagliate il muscolo in pezzi non<br />

troppo piccoli. Metteteli in una pirofila<br />

a bordi alti o in una teglia, insieme<br />

con gli spicchi d’aglio sbucciati<br />

e interi, il vino e 2 cucchiai di pepe<br />

nero macinato. Aggiustate di sale.<br />

Aggiungete acqua calda in modo<br />

da coprire a filo la carne e mettetela<br />

in forno a 140 °C. Fate cuocere mescolando<br />

ogni tanto, per circa 3 ore.<br />

Quindi, se necessario, aggiungete<br />

altra acqua calda. Alla fine, il peposo<br />

dovrà risultare ben ritirato, cremoso<br />

e morbidissimo; gustatelo<br />

con altro pepe appena macinato e,<br />

volendo, su fette di pane bianco<br />

casalingo abbrustolite.<br />

il vitellone<br />

il bicchiere<br />

tagliare<br />

la pirofila a<br />

bordi alti pl.<br />

la teglia<br />

sbucciato<br />

aggiustare<br />

aggiungere<br />

macinato<br />

abbrustolito<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de<br />

Jungrind<br />

Glas<br />

schneiden<br />

feuerfeste Form<br />

mit hohem Rand<br />

Auflaufform<br />

geschält<br />

hier: abschmecken<br />

hinzufügen<br />

gemahlen<br />

geröstet<br />

Ingredienti per 4 persone:<br />

250 g di fagioli cannellini secchi<br />

(o 700 g freschi), 300 g di pomodori<br />

pelati (o un cucchiaio di conserva),<br />

2 spicchi d’aglio, qualche fogliolina<br />

di salvia, 6 cucchiai di olio<br />

extravergine d’oliva, sale, pepe<br />

Preparazione:<br />

Cuocete i fagioli (se usate quelli<br />

secchi, metteteli in ammollo per una<br />

notte) a fuoco bassissimo. Schiacciate<br />

i due spicchi di aglio e rosolateli in<br />

padella con l’olio e la salvia. Prima<br />

che l’aglio prenda colore, aggiungete<br />

i pomodori o la conserva sciolta in<br />

una tazza d’acqua calda, salate, pepate<br />

e fate cuocere per un quarto<br />

d’ora. Unite i fagioli scolati e ancora<br />

tiepidi e fateli insaporire per un altro<br />

quarto d’ora. Alla fine, i fagioli dovranno<br />

essere densi, ma non sfatti.<br />

il fagiolo<br />

i pomodori<br />

pelati pl.<br />

la conserva<br />

(di pomodoro)<br />

lo spicchio d’aglio<br />

la salvia<br />

mettere in ammollo<br />

schiacciare<br />

rosolare<br />

la padella<br />

scolato<br />

tiepido<br />

sfatto<br />

Bohne<br />

geschälte<br />

Tomaten<br />

Tomatenmark<br />

Knoblauchzehe<br />

Salbei<br />

einweichen<br />

zerdrücken<br />

anbraten<br />

Pfanne<br />

abgegossen<br />

lauwarm<br />

zerkocht<br />

23


Gut für<br />

den Kopf!<br />

Besser mit Sprachen. Land und Leute<br />

verstehen – und nebenbei die Sprache<br />

lernen. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Ausgaben<br />

zum Preis<br />

von 3!<br />

www.spotlight-verlag.de/4fuer3

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!