25.02.2014 Views

ADESSO Sicilia - Naturoasen am Meer (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Deutschland € 6,90<br />

CH sfr 12,40 · A · I · F · BeNeLux: € 7,50<br />

02<br />

Februar<br />

2014<br />

<strong>Sicilia</strong><br />

<strong>Naturoasen</strong> <strong>am</strong> <strong>Meer</strong><br />

B2-C2<br />

Extra im Heft<br />

FIT IN ITALIENISCH<br />

mit 19 Gr<strong>am</strong>matik-Tabellen<br />

Lazio Vitorchiano, tutto il fascino di un antico borgo scolpito nella lava<br />

MATTEO RENZI: FINALMENTE UNA VIA DI USCITA PER L’ITALIA IN CRISI?


Immer und überall –<br />

deine Lieblingssprache<br />

AKTION:<br />

6 für 3!<br />

Beschenk dich selbst:<br />

6 Monate Sprachen online lernen,<br />

aber nur 3 Monate bezahlen!<br />

www.dalango.de/beschenkdichselbst<br />

Ein Produkt des


EDITORIALE<br />

Erweitern Sie<br />

Ihren Italienisch-<br />

Wortschatz!<br />

Foto dall’album di<br />

f<strong>am</strong>iglia: nell'Oasi Wwf<br />

di Torre Salsa, in <strong>Sicilia</strong><br />

(vedi pag. 12). Qui le<br />

spiagge di Fungitelle e<br />

di Torre Salsa quasi<br />

deserte anche a luglio!<br />

Cari lettori,<br />

incominci<strong>am</strong>o con Matteo Renzi (vedi pag. 62), senza ombra di dubbio<br />

l’uomo dell’anno che si è da poco concluso, ma soprattutto di quello<br />

che è appena cominciato. Infaticabile, astuto, piacione e deciso, il sindaco<br />

di Firenze ha conquistato il Partito Democratico. Non sappi<strong>am</strong>o<br />

ancora cosa ne voglia fare, ma intanto dice, per tranquillizzare il premier<br />

Enrico Letta: “Sti<strong>am</strong>o c<strong>am</strong>biando i giocatori, non sti<strong>am</strong>o andando<br />

dall’altra parte del c<strong>am</strong>po”. Una cosa è certa, in lui sono riposte le<br />

senza ombra<br />

di dubbio<br />

infaticabile<br />

astuto<br />

piacione<br />

il sindaco<br />

il c<strong>am</strong>po<br />

chissà<br />

incoraggiante<br />

la quota<br />

combattivo<br />

il bisogno<br />

la scheda<br />

conservare<br />

ohne jeden<br />

Zweifel<br />

unermüdlich<br />

schlau<br />

gefallsüchtig<br />

Bürgermeister<br />

Spielfeld<br />

wer weiß<br />

ermutigend<br />

Stand<br />

kämpferisch<br />

Bedürfnis<br />

Karte<br />

aufbewahren<br />

speranze di un’Italia migliore. Si<strong>am</strong>o<br />

sulla buona strada? Chissà! In ogni caso<br />

è incoraggiante la notizia, proprio di<br />

questi giorni, che lo spread è sceso sotto<br />

i 200 punti. Si<strong>am</strong>o a quota 197, come<br />

non accadeva dal luglio 2011. La mia<br />

impressione, dopo qualche giorno passato<br />

nel Belpaese, è di un’Italia stanca e<br />

disorientata, ma per fortuna sempre<br />

combattiva. Ce la farete, ce la faremo,<br />

soprattutto se i politici riusciranno a interpretare<br />

i veri bisogni degli italiani.<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-App:<br />

Pro Tag ein italienischer Begriff<br />

mit Audio-Datei für das<br />

Aussprache-Training<br />

mit Erklärung und Beispielsatz<br />

auf Italienisch<br />

Übersetzung ins Deutsche<br />

PS: Questo mese, da non perdere, la seconda parte de L’italiano in<br />

tabelle. Dalle congiunzioni al passato remoto, dal passivo al congiuntivo,<br />

19 pratiche schede da raccogliere e conservare. Chi fosse interessato<br />

anche alle tabelle del livello A1-B1 può scrivere al servizio<br />

clienti abo@spotlight-verlag.de o telefonare al +49 (0)89 85681150.<br />

GRATIS!<br />

Über iTunes Store oder Android Market<br />

adesso-online.de/apps<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

12 VIAGGI: SICILIA, LE SPIAGGE PROTETTE<br />

Acht sizilianische naturgeschützte Strände:<br />

immer ein einzigartiges Erlebnis.<br />

26 Intervista: Walter Siti<br />

Er gilt als einer der größten italienischen Romanciers<br />

der Gegenwart. Ob er sich dessen bewusst ist?<br />

54 Fine settimana: Vitorchiano, Lazio<br />

Ein Ort mit langer Tradition: Pfefferstein und Roms<br />

Kapitolwachen aus der Kleinstadt im Latium.<br />

68 L’Italia a tavola: Il re dei vini, il Sassicaia<br />

Vielfach prämiert und weltweit hoch geschätzt<br />

ist er der Star unter den italienischen Rotweinen.<br />

LINGUA<br />

33 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

37 SPECIALE<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

19 übersichtliche Tabellen + 17 Übungen:<br />

B2-C2<br />

So machen Sie Ihr Italienisch fit –<br />

und stellen es gleich noch auf die Probe!<br />

49 Giocando s’impara...<br />

Wortspiele: Spielerisch Italienisch lernen<br />

50 Lingua viva<br />

Wortwörtlich vom Frust zur Lust: einen Shortino auf<br />

den Governissimo!<br />

OPINIONI<br />

24 L’Italia in diretta<br />

Endstation Europa, von V. Palumbo<br />

32 Passaparola<br />

In der Kürze liegt die Würze, von R. Beltr<strong>am</strong>i<br />

62 Tra le righe<br />

Matteo Renzi, von S. Vastano<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Posta prioritaria<br />

Leserbriefe<br />

07 Notizie dall’Italia<br />

Neues aus Italien<br />

29 Scherzi a parte<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

30 I misteri dell’arte: Una “fotocopia” dipinta<br />

St<strong>am</strong>mt die berühmte Renaissance-Utopie der<br />

Idealstadt aus der Hand eines Architekten?<br />

52 Grandangolo<br />

Traditioneller Ringk<strong>am</strong>pf im Herzen Sardiniens.<br />

58 Botta e risposta<br />

Ein Thema – zwei Antworten: Haben wir Grund<br />

zu j<strong>am</strong>mern?<br />

59<br />

Das leichte Heft im Heft - Friaul-Julisch Venetien<br />

60 Pratic<strong>am</strong>ente parlando<br />

Die närrische Zeit <strong>am</strong> italienischen Stiefel!<br />

66 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autor des Monats: Marco Montemarano<br />

74 Anteprima <strong>ADESSO</strong> 03/14<br />

<strong>Vorschau</strong> auf die März-Ausgabe 03/14<br />

Seguici su<br />

facebook.com/adesso.magazin<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

IN COPERTINA<br />

Cala Marinella, Riserva<br />

dello Zingaro (TP), <strong>Sicilia</strong>.<br />

© A. GAROZZO<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Texte zum Anhören<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Thematische Sprachübungen<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

italienische Musik, Übungen zu<br />

Gr<strong>am</strong>matik und Aussprache: CD<br />

mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nützlich und unterhalts<strong>am</strong>:<br />

Das Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong><br />

mit Zusatzübungen. Info unter<br />

Tel.: (0049) 89-85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-85681 -152;<br />

Fax: -159; Mail: schulmedien@spotlight-verlag.de.<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen… Mit<br />

<strong>ADESSO</strong> Premium freier Zugang<br />

zum Nachrichten- und Übungsarchiv.<br />

ABONNENTEN-SERVICE: tel. (0049) 89-85681-16; fax (0049) 89-85681-159; e-mail: abo@spotlight-verlag.de


FEBBRAIO 2014<br />

37<br />

B2-C1<br />

Extra<br />

im Heft<br />

FIT IN ITALIENISCH<br />

mit 19 Gr<strong>am</strong>matik-<br />

Tabellen<br />

62<br />

12<br />

54 52


6<br />

EVVIVA IL<br />

NUOVO<br />

u Cara redazione,<br />

complimenti per il “nuovo<br />

volto” del supplemento<br />

mensile e per i<br />

suoi nuovi contenuti.<br />

mi è sempre piaciuto,<br />

ma con il nuovo tema<br />

sulle regioni italiane lo trovo<br />

ancora più interessante.<br />

Buonissima idea, grazie!<br />

Konrad Dick<br />

Grazie per i complimenti! Si<strong>am</strong>o<br />

anche noi molto soddisfatti<br />

di questa nuova serie<br />

sulle regioni italiane, alla quale<br />

dedichi<strong>am</strong>o ogni mese molta<br />

energia! La vera soddisfazione,<br />

però, è sapere che il nostro<br />

lavoro è apprezzato da<br />

voi lettori e utile per il vostro<br />

italiano.<br />

ITALIEN<br />

UND SEINE<br />

VERGESSE-<br />

NEN HUNDE<br />

u La nostra lettrice Sonja<br />

Gollwitzer ci scrive per<br />

denunciare il problema del<br />

randagismo nel Sud Italia e<br />

contribuire a risolverlo. La<br />

legislazione italiana è severa<br />

in proposito: considera l’abil<br />

supplemento<br />

apprezzare<br />

Beilage<br />

schätzen<br />

bandono di un cane come<br />

un reato e lo punisce con<br />

una multa da 1.000 a 10.000<br />

euro. È previsto inoltre che<br />

ogni randagio venga portato<br />

in un canile, sterilizzato e<br />

dotato di microchip di identificazione.<br />

Ciò nonostante,<br />

purtroppo, in alcune zone<br />

d’Italia – in particolare in<br />

C<strong>am</strong>pania, Calabria, Puglia<br />

e <strong>Sicilia</strong> – la situazione è<br />

molto complessa e il fenomeno<br />

del randagismo ha<br />

conosciuto sviluppi imprevisti.<br />

Per affrontarlo e cercare<br />

di arginarlo molte associazioni<br />

animaliste si impegnano<br />

ogni giorno.<br />

Una di queste<br />

è la tedesca Tierschutzprojekt,<br />

con cui la nostra<br />

lettrice collabora.<br />

Naturalmente si occupano<br />

del randagismo<br />

anche numerose associazioni<br />

italiane. Per fare<br />

qualche esempio citi<strong>am</strong>o<br />

l’Oipa (Organizzazione italiana<br />

protezione animali,<br />

www.oipa.org), l’Enpa,<br />

(Ente nazionale protezione<br />

animali, www.enpa.it) e la<br />

Lav (Lega antivivisezione,<br />

www.lav.it). A tutte, per il<br />

loro tenace e importante<br />

lavoro, un “grazie” da parte<br />

della redazione.<br />

Italien gehört für mich wie für<br />

so viele zu einem der schönsten<br />

Urlaubsziele. Aber wer mit<br />

offenen Augen reist, der sieht<br />

vor allem in Süditalien ein Tierelend,<br />

das wenig mit unserem<br />

Bild von Bella Italia zu tun hat.<br />

Zu Tausenden verhungern hier<br />

die Straßenhunde, werden<br />

denunciare<br />

il randagismo<br />

la legislazione<br />

severo<br />

in proposito<br />

l’abbandono<br />

il reato<br />

punire<br />

la multa<br />

il randagio<br />

il canile<br />

lo sviluppo<br />

affrontare<br />

arginare<br />

l’associazione<br />

(f.) animalista<br />

tenace<br />

vergiftet, gequält oder landen<br />

in einem öffentlichen Tierheime.<br />

Gefördert durch Behördenwillkür<br />

und Korruption ist<br />

ein Geschäft entstanden, mit<br />

dem<br />

mittlerweile<br />

dreistellige Millionenbeträge<br />

erwirtschaftet werden. Die<br />

Rechnung ist einfach: Je mehr<br />

Hunde, desto weniger Kosten,<br />

umso größer der Gewinn.<br />

Die Hunde in den so genannten<br />

Business canili warten eingepfercht,<br />

ohne ausreichend<br />

Futter und ohne medizinische<br />

Versorgung auf ihren Tod. Es<br />

gibt keine Öffnungszeiten,<br />

weil Adoptionen nicht<br />

zum Geschäftsmodell<br />

gehören.<br />

Und während in<br />

Spanien oder Griechenland<br />

das Elend<br />

der Straßenhunde<br />

bekannt ist, ist Italien<br />

in dieser Hinsicht ein immer<br />

noch vergessenes Land.<br />

Das Tierschutzprojekt Italien<br />

e.V. hat es sich daher zur Aufgabe<br />

gemacht, ein Modellprojekt<br />

zu schaffen, das im krassen<br />

Gegensatz zu den öffentlichen<br />

Auffanglagern steht. Mit<br />

dem spendenfinanzierten “Oasi<br />

Nuova Vita” entsteht in Manduria<br />

ein Refugium mit ange-<br />

melden,<br />

hinweisen<br />

Aussetzen<br />

von Tieren<br />

Gesetzgebung<br />

streng<br />

hier: hierzu<br />

Aussetzen<br />

Straftat<br />

bestrafen<br />

Geldbuße<br />

Straßenhund,<br />

streunender<br />

Hund<br />

Hundezwinger<br />

Entwicklung<br />

anpacken<br />

eindämmen<br />

Tierschutzverein<br />

beharrlich<br />

schlossener Kastrationsklinik<br />

für Straßenhunde und ehemalige<br />

canili-Hunde. Aber das<br />

“Oasis Nuova Vita” ist auch<br />

ein Aufklärungszentrum, das<br />

Adoptionen vor Ort genauso<br />

fördern soll wie ein Umdenken<br />

in der Bevölkerung. Denn nur<br />

wenn Haushunde nicht mehr<br />

unkastriert auf der Straße entsorgt<br />

werden, werden auch<br />

Italiens vergessene Hunde eine<br />

Chance haben.<br />

Sonja Gollwitzer<br />

Mehr dazu auf der Seite von:<br />

www.tierschutzprojekt-italien.de<br />

NICHT ÜBER<br />

DIE KIRCHE<br />

LÄSTERN!<br />

u Sehr geehrte Redaktion,<br />

ich liebe die katholische<br />

Kirche und sie bedeutet mir<br />

unglaublich viel. Ich bin<br />

entsetzt, wie gehässig Sie<br />

in der Septemberausgabe<br />

über die Kirche lästern!<br />

Meiner Meinung nach sollte<br />

Ihre Zeitschrift weltanschaulich<br />

neutral sein!<br />

Mit freundlichen Grüßen,<br />

Margit Fendt<br />

Sehr geehrte Frau Fendt,<br />

es tut uns leid zu hören, dass<br />

Sie der Artikel über die katholische<br />

Kirche verärgert hat.<br />

In der Rubrik L’Italia in diretta<br />

werden Artikel von renommierten<br />

Journalisten verschiedener<br />

Zeitungen Italiens veröffentlicht.<br />

Diese Artikel sollen,<br />

neben dem Inhalt also auch<br />

das diverse Meinungsbild<br />

Italiens wiedergeben, was<br />

selbstverständlich dazu führen<br />

kann, dass nicht immer alle<br />

Leser mit der darin vertretenen<br />

Meinung übereinstimmen.<br />

Beste Grüße<br />

die <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


prima pagina<br />

LAVORI DOMESTICI<br />

NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

di redazione<br />

PREPARARE I PASTI<br />

16 minuti 59 minuti<br />

APPARECCHIARE/SPARECCHIARE,<br />

LAVARE I PIATTI<br />

6 minuti 23 minuti<br />

LAVARE E STIRARE<br />

0 minuti 19 minuti<br />

Fonte Istat Rapporto Coesione sociale 2012<br />

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI<br />

19 minuti 27 minuti<br />

PULIZIA DELLA CASA<br />

18 minuti 74 minuti<br />

SOCIETÀ<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

DONNE ITALIANE<br />

STAKANOVISTE<br />

Casa, lavoro e figli, poco tempo libero e sempre qualche<br />

problema da risolvere: è il ritratto della donna italiana.<br />

Lo studio Ocse How’s life? 2013. Measuring well-being descrive<br />

la donna italiana come m<strong>am</strong>ma o moglie tuttofare,<br />

che sacrifica ogni minuto del proprio tempo libero per la f<strong>am</strong>iglia<br />

e il lavoro. Le donne italiane lavorano in totale 58 ore<br />

a settimana, in casa e fuori, ben 11 ore in più rispetto ai<br />

mariti o ai compagni; 2,3 ore in più della media europea e 6<br />

rispetto alla Germania. Se fuori di casa la differenza è in media<br />

soltanto di un’ora, a casa le ore in più sono ben 22 a<br />

settimana. È un lavoro non retribuito, che non è conteggiato<br />

in nessuna classifica. È però molto importante nell’organizzazione<br />

f<strong>am</strong>iliare, soprattutto perché è presente dove lo<br />

stato non c’è. Anche in questo caso, i dati europei sono<br />

molto diversi: le donne europee fanno un lavoro pagato per<br />

24,5 ore a settimana, mentre lavorano in casa senza stipendio<br />

per 31,5 ore. Questi numeri confermano che in Italia c’è<br />

ancora molto da fare per arrivare a una vera parità tra uomo<br />

e donna, anche a causa della crisi. Una buona notizia, però,<br />

c’è e arriva dal 47° Rapporto Censis sulla situazione sociale<br />

del paese: sono le donne il “nuovo ceto borghese produttivo”<br />

italiano. Nell’ultimo trimestre del 2013 le imprese rosa erano<br />

quasi 5.000 in più rispetto al 2012, il 23,6% del totale. Un’ulteriore<br />

prova della “capacità di resistenza e adatt<strong>am</strong>ento,<br />

ma anche di innovazione delle strategie messe in atto dalle<br />

donne nel mondo produttivo”.<br />

LAVORO TOTALE DEGLI ITALIANI<br />

DONNE 58<br />

UOMINI 47<br />

LAVORO A CASA<br />

DONNE 36<br />

UOMINI 14<br />

} DIFFERENZA<br />

22 ORE<br />

LAVORO FUORI DI CASA<br />

DONNE 22<br />

}<br />

DIFFERENZA<br />

UOMINI 23<br />

1 ORA<br />

0 10 20 30 40 50 60<br />

stakanovista<br />

risolvere<br />

il ritratto<br />

l’Ocse f.<br />

(il/la)<br />

tuttofare<br />

in totale<br />

il compagno<br />

la differenza<br />

in media<br />

non retribuito<br />

arbeitswütig<br />

lösen<br />

Porträt<br />

OECD<br />

(Mädchen)<br />

für alles<br />

in Summe<br />

Lebensgefährte<br />

Unterschied<br />

im Durchschnitt<br />

nicht vergütet<br />

conteggiare<br />

la classifica<br />

lo stipendio<br />

confermare<br />

la parità<br />

il ceto<br />

borghese<br />

il trimestre<br />

la prova<br />

mettere in<br />

atto<br />

anrechnen<br />

Rangliste<br />

Gehalt<br />

bestätigen<br />

Gleichstellung<br />

bürgerliche<br />

Schicht<br />

Quartal<br />

Beweis<br />

umsetzen<br />

Dati in ore Fonte: studio Ocse<br />

How’s life? 2013. Measuring<br />

well-being.<br />

7<br />

} DIFFERENZA<br />

11 ORE<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

scienza e natura<br />

8<br />

UN BATTERIO FASTIDIOSO<br />

Circa 6.000 ulivi rischiano di dover essere sradicati<br />

e 8.000 ettari di terreno agricolo presentano<br />

già danni gravi. Tutto questo per un batterio, la<br />

Xylella fastidiosa, che si propaga “a macchia d’olio” – è<br />

proprio il caso di dirlo – nel Salento. Gli effetti della sua<br />

diffusione sono evidenti: le foglie diventano gialle e le<br />

piante muoiono. Per il momento, il batterio killer sembra<br />

trovarsi solo nel Salento, in Puglia, e ha contagiato poche<br />

piante, ma può arrivare in tutta Europa. Il ministero delle<br />

Politiche agricole ha messo già a disposizione 2 milioni<br />

di euro per affrontare l’emergenza. È stato chi<strong>am</strong>ato un<br />

entomologo dell’Università di Berkeley, Rodrigo Almeida,<br />

che lavora con i ricercatori del Cnr. Prima di tutto, per<br />

eliminare gli insetti che trasportano il batterio e lo aiutano<br />

a diffondersi, è necessario pulire canali e fossi. Poi bisogna<br />

abbattere gli alberi già malati, che per fortuna<br />

sono ancora pochi e in ben precise zone. È una decisione<br />

difficile, ma la Giunta regionale della Puglia l'ha presa<br />

subito, per perdere il minor numero possibile di alberi.<br />

Si tratta infatti di alberi molto preziosi, con le foglie color<br />

verde argento, custodi di tradizioni secolari. È un patrimonio<br />

unico al mondo che bisogna preservare.<br />

CREATIVITÀ<br />

SPRECATA<br />

La creatività italiana e le invenzioni<br />

made in Italy sono f<strong>am</strong>ose in tutto il<br />

mondo. Il “popolo di santi, poeti e navigatori”<br />

si conferma anche popolo di inventori, con 5.976<br />

domande di brevetto presentate dal gennaio all’agosto<br />

del 2013. Si<strong>am</strong>o all’ottavo posto al mondo per numero di<br />

brevetti, dopo Stati Uniti, Cina, Corea del Sud e Germania,<br />

ma prima della Francia. Eppure, quando si tratta di passare<br />

dal dire al fare, le cose c<strong>am</strong>biano. Solo un’idea su 100<br />

viene realizzata. Mancano gli investimenti, ma soprattutto<br />

non c’è fiducia in queste invenzioni, che invece spesso<br />

sono brillanti. Per esempio il bike sharing: l’ha inventato<br />

un italiano, ma si è diffuso prima in Europa e poi nel nostro<br />

paese. Tra le altre idee ci sono i tablet che trasmettono<br />

sensazioni tattili, oltre che uditive e visive, o l’acqua di<br />

mare microfiltrata, da usare al posto del sale. Chissà se i<br />

creativi italiani troveranno qualcuno disposto a sognare<br />

il futuro insieme con loro.<br />

46%<br />

è la percentuale di<br />

f<strong>am</strong>iglie italiane che fa fatica<br />

a pagare il mutuo per la<br />

casa. ING Direct ha condotto<br />

l’indagine Mutui e case su un c<strong>am</strong>pione<br />

di 12.000 persone in 12 paesi.<br />

Il 29% dei cittadini europei non<br />

riesce a pagare la rata mensile.<br />

Tra questi, i più fortunati sembrano<br />

i tedeschi: solo il 19%<br />

ha problemi con il mutuo.<br />

BATTERIO FASTIDIOSO<br />

il batterio Bakterie<br />

fastidioso lästig<br />

propagarsi sich ausbreiten<br />

a macchia zusehends,<br />

d’olio ölfleckartig<br />

la diffusione Verbreitung<br />

evidente offensichtlich<br />

contagiare anstecken<br />

affrontare anpacken<br />

il ricercatore Forscher<br />

il Cnr (Consi- nationaler<br />

glio nazionale Forschungsdelle<br />

ricerche) rat<br />

eliminare beseitigen<br />

diffondersi sich verbreiten<br />

il fosso Graben<br />

abbattere fällen<br />

la Giunta Regionalregionale<br />

regierung<br />

il custode Hüter<br />

il patrimonio Kulturgut<br />

preservare schützen<br />

CREATIVITÀ<br />

sprecato vergeudet<br />

l’invenzione f. Erfindung<br />

il navigatore Seefahrer<br />

la domanda Patentdi<br />

brevetto anmeldung<br />

il numero Anzahl<br />

trattarsi di um etw. gehen<br />

passare übergehen<br />

mancare fehlen<br />

la fiducia Vertrauen<br />

diffondersi sich verbreiten<br />

la sensazione Empfindung,<br />

Gefühl<br />

tattile Tastuditivo<br />

Gehördisposto<br />

bereit<br />

46%<br />

fare fatica Mühe haben<br />

il mutuo Darlehen<br />

condurre durchführen<br />

l’indagine f. Untersuchung<br />

il c<strong>am</strong>pione Stichprobe<br />

Dati<br />

forniti dal ministero dei Trasporti e delle infrastrutture,<br />

settembre<br />

2013.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


economia e politica<br />

SENATORI... A VITA!<br />

Dall’agosto 2013 l’Italia ha quattro nuovi senatori a vita, Claudio Abbado, ➋ Elena<br />

Cattaneo, ➌ Renzo Piano e ➍ Carlo Rubbia: un direttore d’orchestra, una neurobiologa,<br />

un architetto e un Premio Nobel per la Fisica. Il presidente della Repubblica, Giorgio<br />

Napolitano, ha scelto personalità di grande prestigio internazionale, ma non sono<br />

mancate le critiche. Il Movimento 5 Stelle considera inutile la nomina dei senatori, che<br />

prendono uno stipendio alto e avranno in futuro una bella pensione, in un momento<br />

di crisi economica. Pdl e Lega Nord hanno accusato Napolitano di avere nominato<br />

personalità ostili a Berlusconi. Al di là delle considerazioni politiche, la scelta di Napolitano<br />

è un segnale positivo, un riconoscimento all’Italia dell’eccellenza e del merito.<br />

LA PAROLA DEL MESE<br />

SPENDING REVIEW<br />

Questa espressione significa letteralmente “revisione della spesa pubblica”. Tommaso<br />

Padoa Schioppa l’ha introdotta nel 2008, quando era ministro delle Finanze, ma<br />

è diventata di uso comune con il governo Monti, nel 2011. È oggi una delle espressioni<br />

più usate e temute dagli italiani. Una cosa è certa: bisogna ridurre la spesa pubblica e<br />

migliorare l’efficienza dell’<strong>am</strong>ministrazione. Nel 2011 la spesa pubblica in Italia era al<br />

50% del Pil e il debito pubblico superava il 120%. I tagli, partiti con il governo Berlusconi<br />

e continuati con il governo Monti, erano “tagli lineari”, ovvero, uguali per tutti i ministeri,<br />

senza un criterio chiaro. Sono stati tolti 360 milioni di euro alla scuola, ma le auto blu,<br />

le Provincie e privilegi della classe politica sono rimasti gli stessi. Ora ci prova il nuovo<br />

commissario Carlo Cottarelli, appena arrivato dal Fondo monetario internazionale per<br />

volere del premier Enrico Letta. Cottarelli ha affermato che, se l’Italia è riuscita a battere<br />

la Germania a calcio per 16 anni, ci può riuscire anche sul piano della spesa pubblica.<br />

SENATORI... A VITA!<br />

a vita auf Lebenszeit<br />

il prestigio Ansehen<br />

mancare fehlen<br />

inutile unnötig<br />

lo stipendio Gehalt<br />

accusare beschuldigen<br />

ostile feindselig<br />

al di là di jenseits von<br />

il riconoscimento<br />

Anerkennung<br />

l’eccellenza herausragende<br />

Leistung,<br />

Exzellenz<br />

il merito Verdienst<br />

SPENDING REVIEW<br />

la spesa öffentliche<br />

pubblica Ausgaben<br />

introdurre einführen<br />

di uso allgemein<br />

comune gebräuchlich<br />

il governo Regierung<br />

temuto gefürchtet<br />

ridurre verringern<br />

l’<strong>am</strong>ministrazione<br />

f. Verwaltung<br />

il Pil (Prodotto BIP, Bruttoininterno<br />

lordo) landsprodukt<br />

il debito Staatspubblico<br />

verschuldung<br />

superare übersteigen<br />

il taglio Kürzung<br />

l’auto (f.) blu Dienstwagen<br />

il Fondo internation<strong>am</strong>onetario<br />

in- ler Wähternazionale<br />

rungsfonds<br />

il volere Wille<br />

battere schlagen<br />

il calcio Fußball<br />

il piano Ebene, Plan<br />

IL PERCHÉ<br />

derivare abst<strong>am</strong>men<br />

mesticare,<br />

mescolare mischen<br />

il miscuglio Mischung<br />

l’erba<br />

coltivata Gartenkraut<br />

l’erba<br />

selvatica Wildkraut<br />

la cicoria<br />

di c<strong>am</strong>po Feldzichorie<br />

il crespigno,<br />

la lattuga<br />

pungente Gänsedistel<br />

il caccialepre Bitterlattich<br />

la cresta<br />

di gallo Klappertopf<br />

il dente<br />

di leone,<br />

il tarassaco Löwenzahn<br />

la pimpinella Anis<br />

il raperonzolo Feldsalat<br />

la lattughella Kopfsalat<br />

la valeriana Baldrian<br />

il convento Kloster<br />

il frate Mönch<br />

l’offerta Spende<br />

la rughetta Rauke<br />

la catalogna: Chicorée-Variante<br />

la scarola Endivie<br />

condito angemacht<br />

macinato gemahlen<br />

IL PERCHÉ<br />

MISTICANZA<br />

Perché alcune insalate si<br />

chi<strong>am</strong>ano “misticanza”?<br />

Georg Steiner<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice<br />

dell’Istituto dell’Enciclopedia<br />

Italiana.<br />

La parola misticanza (o mesticanza)<br />

deriva dal verbo mesticare,dal<br />

latino miscere, “mescolare”. Significa<br />

“mescolanza”, un miscuglio<br />

di più cose. Antic<strong>am</strong>ente indicava<br />

un genere musicale del<br />

XVI e XVII secolo formato da melodie<br />

e testi diversi. Oggi la parola<br />

indica un’insalata composta di<br />

erbe coltivate ed erbe selvatiche,<br />

tipica dell’Italia centrale. La sua<br />

caratteristica principale è la varietà<br />

di sapori. Le erbe c<strong>am</strong>biano,<br />

infatti, a seconda della stagione.<br />

Nella misticanza classica, utilizzata<br />

fin dal XIII secolo, trovi<strong>am</strong>o<br />

erbe con nomi difficili come la cicoria<br />

di c<strong>am</strong>po, il crespigno (o<br />

lattuga pungente), il caccialepre,<br />

la cresta di gallo, il dente di leone<br />

(o tarassaco), la pimpinella, il raperonzolo,<br />

la lattughella, la valeriana<br />

e altro. Fino agli inizi del<br />

1800, molte di queste verdure<br />

erano coltivate nei conventi. I frati<br />

le offrivano alle f<strong>am</strong>iglie in c<strong>am</strong>bio<br />

di una piccola offerta. Oggi la misticanza<br />

è composta soltanto di<br />

rughetta, catalogna, indivia e<br />

scarola, condite con olio, sale e<br />

pepe macinato grosso.<br />

Inviate i vostri perché a:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

9<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

cultura e spettacolo<br />

10<br />

IL FASCINO<br />

DI POMPEI<br />

IN GERMANIA<br />

Sembra di essere a Pompei e di<br />

c<strong>am</strong>minare per le strade della città<br />

romana distrutta dall’eruzione<br />

del Vesuvio nel 79 d.C. Quel giorno,<br />

la vita quotidiana è stata cancellata<br />

in poche ore, ma affreschi, dipinti, monili, statue e oggetti<br />

sono restati intatti per secoli. Non si<strong>am</strong>o a Pompei, però,<br />

ma a Monaco di Baviera, nella Kunsthalle der Hypo-Kulturstiftung.<br />

Fino al 23 marzo, la mostra Pompeji. Leben auf dem<br />

Vulkan permette di <strong>am</strong>mirare 260 reperti della zona del Vesuvio,<br />

alcuni mai usciti dall’Italia. Un’occasione unica! Ci sono,<br />

per esempio, molti gioielli preziosi; il f<strong>am</strong>oso calco in gesso<br />

del cane morto durante l’eruzione, proveniente dalla Casa di<br />

Orfeo a Pompei; la statuetta bronzea dell’atleta, ritrovata nella<br />

Villa dei Papiri di Ercolano; un’impronta umana perfett<strong>am</strong>ente<br />

conservata dall’età del bronzo. Il pezzo più importante<br />

è un mosaico a parete di 24 metri<br />

trovato a Massa Lubrense, restaurato da poco<br />

e mai esposto finora.<br />

Il patrimonio di Pompei è straordinario,<br />

ma rischia di andare perduto. Nel giugno<br />

del 2013, l’Unesco ha ordinato<br />

all’Italia di preparare, entro il 2015, un<br />

“Grande progetto” per la rinascita del<br />

sito che costa 105 milioni di euro ed<br />

è cofinanziato dall’Unione europea.<br />

Intanto, nell’estate 2014, partirà il<br />

“Pompei Sustainable Preservation<br />

Project”. Un te<strong>am</strong> specializzato di<br />

ricercatori della Technische Universität<br />

di Monaco di Baviera e<br />

dell’istituto Fraunhofer di Stoccarda<br />

lavorerà a questo progetto<br />

di conservazione sostenibile<br />

per dieci anni. Pompei tornerà<br />

allo splendore che l’ha resa f<strong>am</strong>osa<br />

nel mondo. Intanto possi<strong>am</strong>o<br />

<strong>am</strong>mirare il suo fascino<br />

a Monaco di Baviera.<br />

www.hypo-kunsthalle.de<br />

IL DVD DEL MESE<br />

ANCHE SE È AMORE<br />

NON SI VEDE<br />

FICARRA&PICONE<br />

Il film è una commedia degli errori <strong>am</strong>bientata nel<br />

mondo di oggi, fatta di storie d’<strong>am</strong>ore e di <strong>am</strong>icizia. I<br />

protagonisti di Anche se è <strong>am</strong>ore non si vede sono Valentino<br />

e Salvo, interpretati con i loro nomi veri dai celebri<br />

comici siciliani Salvatore Ficarra e Valentino Picone. Valentino,<br />

timido e romantico, <strong>am</strong>a molto la sua fidanzata<br />

Gisella (Ambra Angiolini) e la riempie di regali. Diventa<br />

persino opprimente, con la sua gentilezza. Salvo, invece,<br />

vive senza regole e non incontra<br />

mai la donna perfetta. I due<br />

<strong>am</strong>ici hanno un’agenzia turistica<br />

e lavorano con un’affascinante<br />

guida che ha un solo difetto: non<br />

conosce le lingue straniere. Il film<br />

è divertente e pieno di equivoci.<br />

Tra viaggi, matrimoni disastrosi e<br />

colpi di scena si arriva al lieto fine,<br />

che non è ovvio.<br />

VINCI IL DVD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung] dei DVD in palio. Entro il 26<br />

febbraio vai alla pagina www.adesso-online.de/gewinnspiel<br />

oppure spedisci una cartolina al seguente indirizzo: Spotlight<br />

Verlag, <strong>ADESSO</strong>, DVD del mese – Anche se è <strong>am</strong>ore non si vede,<br />

Fraunhoferstr. 22, D-82152 Planegg. Per chi non vince, il DVD è in<br />

vendita, insieme a tanti altri capolavori del cinema italiano, da:<br />

MUSIC PARADISE, Rebgasse 49, CH-4058 Basel,<br />

tel. (0041) 61 68192407, fax (0041) 61 6812127.<br />

E-mail imp@musicparadise.ch; www.musicparadise.ch;<br />

Facebook Music Paradise<br />

POMPEI<br />

c<strong>am</strong>minare laufen<br />

cancellare auslöschen<br />

l’affresco Fresko<br />

il dipinto Gemälde<br />

il monile Schmuckstück<br />

il secolo Jahrhundert<br />

il reperto Fundstück<br />

il calco<br />

in gesso Gipsabdruck<br />

proveniente da aus<br />

l’impronta<br />

umano<br />

l’età del bronzo<br />

il mosaico<br />

a parete<br />

esposto<br />

il patrimonio<br />

il sito<br />

partire<br />

il ricercatore<br />

Fußabdruck,<br />

Spur<br />

menschlich<br />

Bronzezeit<br />

Wandmosaik<br />

ausgestellt<br />

hier: Schätze<br />

hier: Ausgrabungsstätte<br />

starten<br />

Forscher<br />

Fremdsprache<br />

Missverständnis<br />

Hochzeit<br />

Überraschungs-<br />

effekt<br />

riempire di qc.<br />

opprimente<br />

l’agenzia<br />

turistica<br />

affascinante<br />

la guida<br />

la lingua<br />

straniera<br />

l’equivoco<br />

il matrimonio<br />

il colpo<br />

di scena<br />

mit etw.<br />

überhäufen<br />

erdrückend<br />

sostenibile nachhaltig<br />

rendere bekannt<br />

f<strong>am</strong>oso machen<br />

DVD DEL MESE<br />

l’errore m. Fehler<br />

(essere)<br />

<strong>am</strong>bientato spielen<br />

il/la protagonista<br />

Hauptfigur<br />

interpretato gespielt<br />

timido schüchtern<br />

la fidanzata Verlobte<br />

Reisebüro<br />

bezaubernd<br />

Fremdenführer,<br />

-in<br />

© M. Treglia, M. Dato<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

costume<br />

IL TESORO DELLA FEDE<br />

A Napoli c’è un’autorità che tutti rispettano:<br />

San Gennaro, il patrono della città.<br />

San Gennaro, martire nel 305 d.C. perché<br />

non vuole rinnegare la sua fede, è una figura<br />

importantissima. Tre volte all’anno – il primo sabato<br />

di maggio, il 19 settembre e il 16 dicembre<br />

– si svolge nel Duomo una cerimonia in suo onore.<br />

Il momento centrale è quando il sangue del<br />

Santo, conservato in un contenitore di vetro, si<br />

scioglie. Il fenomeno è considerato di buon augurio<br />

per la città. Non tutti sanno però, che papi,<br />

re, imperatori, personaggi illustri e gente comune,<br />

per dimostrare la loro fede, hanno donato<br />

nel tempo oggetti preziosi che oggi costituiscono<br />

un tesoro di grandissimo valore. È un tesoro<br />

che vale addirittura<br />

più dei gioielli<br />

della Corona il martire Märtyrer<br />

la fede Glaube<br />

rinnegare verleugnen<br />

inglese e di quelli<br />

svolgersi stattfinden<br />

dello zar di Russia!<br />

La storia ini-<br />

di vetro Glasbehälter<br />

il contenitore<br />

zia nel 1527, anno<br />

in cui a Napoli la vita è molto difficile: c’è la guerra<br />

sciogliersi hier: flüssig<br />

werden<br />

il buon gutes<br />

tra Francia e Spagna, c’è una violenta eruzione del augurio Zeichen<br />

Vesuvio e in città scoppia la peste. I cittadini allora il papa Papst<br />

chiedono aiuto al Santo. Non solo fanno un voto, ma comune gewöhnlich<br />

il valore Wert<br />

stipulano un contratto davanti a un notaio. San Gennaro<br />

accontenta i suoi fedeli. Come ringrazi<strong>am</strong>ento, addirittura sogar<br />

valere wert sein<br />

i napoletani iniziano a costruire una cappella per conservare<br />

il suo tesoro. Oggi, per la prima volta, quel violento hier: heftig<br />

iniziare beginnen<br />

scoppiare ausbrechen<br />

tesoro esce dal Duomo di Napoli. Fino al 16 febbraio fare un voto ein Gelübde<br />

è possibile vederlo a Roma, a Palazzo Sciarra, nella<br />

ablegen<br />

mostra Il tesoro di Napoli. I capolavori del museo stipulare einen Vertrag<br />

di San Gennaro. I 70 pezzi esposti un contratto abschließen<br />

il notaio Notar<br />

sono tutti di grande valore. C’è accontentare zufrieden<br />

il fedele<br />

costruire<br />

uscire<br />

esposto<br />

l’argento<br />

dorato<br />

lo smeraldo<br />

la collana<br />

la pietra<br />

preziosa<br />

con il passare<br />

del tempo<br />

inserire<br />

a mani<br />

vuote<br />

l’imbarazzo<br />

Gläubiger<br />

errichten<br />

hier: verlassen<br />

ausgestellt<br />

vergoldetes<br />

Silber<br />

Smaragd<br />

Halskette<br />

Edelstein<br />

im Laufe<br />

der Zeit<br />

einfügen<br />

mit leeren<br />

Händen<br />

Verlegenheit<br />

per esempio la mitra di San<br />

Gennaro, in argento dorato<br />

con 3.326 di<strong>am</strong>anti, 164<br />

rubini, 198 smeraldi e<br />

due granati. C’è anche<br />

la ➋ splendida collana<br />

del Santo, iniziata<br />

nel 1679 . È in<br />

oro, argento e pietre<br />

preziose ed è diventata<br />

sempre più<br />

ricca con il passare<br />

del tempo grazie ai<br />

doni di personaggi illustri,<br />

tra cui una croce di smeraldi di Giuseppe Bonaparte.<br />

Nella collana è stato inserito anche un anello<br />

d’oro con di<strong>am</strong>ante dell’ultima regina d’Italia,<br />

Maria José di Savoia. Nel 1933 la regina va a trovare<br />

San Gennaro a mani vuote. C’è un momento<br />

di imbarazzo, ma la regina capisce, si toglie<br />

l’anello che porta al dito e lo dona al Santo.<br />

www.mostrasangennaroroma.it<br />

Übung<br />

macht den<br />

Meister!<br />

Ihr<br />

Magazin-<br />

Upgrade<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

abo@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


RISERVA<br />

DELLO ZINGARO<br />

Raue Schönheit mit<br />

schroffen Kalksteinfelsen<br />

und unzähligen<br />

Sandbuchten.<br />

RISERVA<br />

FOCE DEL BELICE<br />

Eine Oase in der<br />

goldfarbenen<br />

Dünenlandschaft an<br />

der Mündung des<br />

Belice.<br />

RISERVA<br />

FOCE DEL FIUME<br />

PLATANI<br />

Unberührte Natur<br />

mit weißem<br />

Fels und klarem<br />

<strong>Meer</strong>esblau an der<br />

Mündung des<br />

Platani.<br />

RISERVA DI<br />

TORRE SALSA<br />

Drei Traumstrände<br />

in unverfälschter<br />

Naturoase.<br />

(hier: Torre Salsa<br />

Strand )<br />

SICILIA<br />

le spiagge protette<br />

Lo Zingaro, Oasi del Simeto, Torre Salsa sind Orte mit einzigartiger<br />

Flora und Fauna… und fantastischen Stränden. Wer bereit ist,<br />

abseits der üblichen Pfade zu wandern, dem bietet Sizilien unberührte<br />

Strände von wilder Schönheit.<br />

Testo: Francesco de Tomaso<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


VIAGGI - SICILIA<br />

RISERVA DEL<br />

FIUME IRMINIO<br />

Durch Dünen<br />

und wilde Natur<br />

zu einem der<br />

geheimsten und<br />

schönsten Strände.<br />

RISERVA ISOLA<br />

DELLE CORRENTI<br />

Eine magische kleine Insel<br />

für Badegäste und<br />

Windsurfer an Siziliens<br />

Südspitze.<br />

RISERVA<br />

OASI DEL<br />

SIMETO<br />

Ein kostbares<br />

Naturreservat<br />

dank Bernstein,<br />

Artenvielfalt und<br />

Wasserreichtum.<br />

RISERVA DI<br />

VENDICARI<br />

An malerischen<br />

Sandstränden<br />

zwischen Fl<strong>am</strong>ingos,<br />

Reihern und dem<br />

barocken Noto.<br />

FATE CONTO DI AVERE UN<br />

MERAVIGLIOSO GIARDINO<br />

MEDITERRANEO CHE, PER<br />

RIMANERE SEMPRE BELLO<br />

E RIGOGLIOSO, HA BISO-<br />

GNO DI CONTINUE E AMO-<br />

REVOLI CURE. Certe zone costiere<br />

della <strong>Sicilia</strong> e certe spiagge<br />

sono un po’ così: tesori da proteggere,<br />

da fruire con le dovute<br />

cautele, perché altrimenti si fa in<br />

fretta a rovinare tutto. Abbiate<br />

pazienza, quindi, se qua e là, nei<br />

paradisi di mare e di natura selvaggia<br />

che sti<strong>am</strong>o per presentarvi,<br />

troverete qualche “divieto<br />

di…”. È per il loro bene, ma anche<br />

per il vostro, perché si prova<br />

sempre un certo orgoglio<br />

quando si contribuisce a preservare<br />

qualcosa di unico.<br />

Pronti, allora, per un viaggio<br />

nella natura più incont<strong>am</strong>inata?<br />

Comunque, una vacanza nelle<br />

oasi della <strong>Sicilia</strong>, non significa rinunciare<br />

alle gioie “mondane”.<br />

Le riserve di cui vi parli<strong>am</strong>o si<br />

trovano non lontano dalle più<br />

f<strong>am</strong>ose località dell’isola.<br />

geschützt<br />

sich etw.<br />

vorstellen<br />

üppig<br />

genießen<br />

mit der gebo-<br />

tenen Vorsicht<br />

schnell<br />

wild<br />

Verbot<br />

Wohl<br />

zu etw.<br />

beitragen<br />

unberührt<br />

verzichten<br />

Freude<br />

protetto<br />

fare conto<br />

di qc.<br />

rigoglioso<br />

fruire<br />

con le dovute<br />

cautele<br />

in fretta<br />

selvaggio<br />

il divieto<br />

il bene<br />

contribuire<br />

a qc.<br />

incont<strong>am</strong>inato<br />

rinunciare<br />

la gioia<br />

© Huber/Sime<br />

13<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


14<br />

CALETTE DA SOGNO<br />

E ACQUA LIMPIDA<br />

“Guardare e non toccare!”: è questo il motto della<br />

Riserva naturale orientata dello Zingaro, lungo la costa<br />

nord-occidentale della <strong>Sicilia</strong>, a pochi chilometri da Trapani.<br />

Si rassegnino i cacciatori, i pescatori e i semplici collezionisti<br />

di souvenir naturali: qui non si può portare via nulla.<br />

In compenso, basta guardare le bellezze del luogo per<br />

cadere in estasi. La prima cosa da fare, nella Riserva dello<br />

Zingaro, è rendere onore al suo custode d’eccezione: il paesino<br />

di Scopello, che si erge all’ingresso dell’area naturale<br />

come un coreografico gendarme protetto da antiche mura<br />

invece che dall’armatura. Il suo nome pare derivare dal greco<br />

skopelos, cioè “scoglio”. In effetti, uno dei simboli del posto<br />

sono i due spettacolari faraglioni che si ergono come sculture<br />

nel mare cristallino. Delimitano una caletta meravigliosa<br />

su cui si staglia un’antichissima tonnara, in funzione fino a<br />

pochi anni fa e oggi integrata perfett<strong>am</strong>ente nel paesaggio.<br />

È un angolo suggestivo, che ogni estate attira tantissimi siciliani<br />

e turisti, nonostante l’ingresso a pag<strong>am</strong>ento. Il consiglio<br />

è di arrivare la mattina presto e di andare via verso l’ora di<br />

pranzo, anche perché in zona non ci sono bar o ristoranti.<br />

Reso il sacrosanto tributo al borgo con una visita al<br />

cuore storico di Scopello, un piccolo mondo antico in cui<br />

l’uomo ha sapientemente incastonato botteghe e localini<br />

tipici, ci si può tuffare nella natura dello Zingaro. Sti<strong>am</strong>o<br />

parlando di 7 km di costa e 160 ettari in totale che racchiudono<br />

quanto di meglio possa offrire la natura mediterranea:<br />

bianche calette calcaree bagnate da acqua così<br />

limpida che pare vetro, candidi muraglioni a picco e, all’interno,<br />

i più diversi tipi di ecosistema. Qui vivono circa<br />

600 specie vegetali, di cui ben 40 esclusive di questa zona<br />

d’Italia, e decine di specie di uccelli, tra cui l’ormai<br />

rarissima aquila del Bonelli. Se avete un po’ di fortuna, la<br />

vedrete volteggiare intorno alle grotte che bucano la<br />

montagna, un tempo usate dai pastori per ricoverare le<br />

greggi durante la notte. Guardando in giù, invece, ecco<br />

le spiagge, tutte di infinita bellezza – come Punta della<br />

Capreria, Cala Marinella o Cala Beretta –, un tempo approdi<br />

commerciali e adesso meta di vacanze indimenticabili.<br />

Il c<strong>am</strong>minatore instancabile ha poi a disposizione<br />

tre sentieri, il più frequentato dei quali corre lungo il mare<br />

da un capo all’altro della riserva e tocca uno dei più importanti<br />

siti archeologici della <strong>Sicilia</strong>, la celebre Grotta<br />

limpido klar<br />

rassegnarsi sich fügen<br />

il cacciatore Jäger<br />

il/la collezionista<br />

S<strong>am</strong>mler, -in<br />

in compenso dafür<br />

cadere in Ekstase<br />

in estasi geraten<br />

rendere jdm. die Ehre<br />

onore a qcn. erweisen<br />

il custode Hüter<br />

l’armatura Rüstung<br />

parere scheinen<br />

lo scoglio Felsen<br />

il faraglione: nadelförmiger, aus<br />

dem <strong>Meer</strong> ragender Fels<br />

ergersi emporragen<br />

la caletta kleine Bucht<br />

la tonnara: historische Thunfisch-<br />

Fanganlage<br />

a pag<strong>am</strong>ento<br />

rendere<br />

il tributo<br />

sapientemente<br />

incastonare<br />

tuffare<br />

calcareo<br />

il muraglione<br />

a picco<br />

l’aquila<br />

del Bonelli<br />

volteggiare<br />

bucare<br />

ricoverare<br />

il gregge<br />

l’approdo<br />

commerciale<br />

il c<strong>am</strong>minatore<br />

il sito<br />

kostenpflichtig<br />

Tribut zollen<br />

geschickt<br />

einfügen<br />

eintauchen<br />

kalkhaltig<br />

hohe Mauer<br />

steil<br />

Habichtsadler<br />

kreisen<br />

durchlöchern<br />

Unterschlupf<br />

gewähren<br />

Herde<br />

Handelsplatz<br />

Wanderer<br />

Ausgrabungsstätte<br />

© Atlantide, Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


VIAGGI - SICILIA<br />

dell’Uzzo, uno dei primi<br />

insedi<strong>am</strong>enti preistorici<br />

dell’isola.<br />

INFORMAZIONI: A<br />

circa 49 km da Trapani.<br />

www.riservazingaro.it,<br />

accessibile tutti i giorni<br />

dalle 7 alle 19, ingresso<br />

a pag<strong>am</strong>ento.<br />

SENTIERO PRINCIPA-<br />

LE: partenza dal lato<br />

Scopello oppure dal lato<br />

San Vito Lo Capo. Lunghezza:<br />

circa 6,2 km. Difficoltà:<br />

escursionistico.<br />

CONSIGLI UTILI:<br />

munitevi di cibo e acqua potabile, perché nella riserva<br />

non sono presenti fonti; indossate scarpe comode e arrivate<br />

di mattina presto. In estate le calette meno affollate<br />

sono quelle a metà del percorso.<br />

NATURA LIBERA<br />

E SELVAGGIA<br />

Benvenuti in uno dei “giardini” più segreti della<br />

<strong>Sicilia</strong>, la Riserva naturale Macchia foresta del fiume<br />

Irminio. È un piccolo gioiello di natura incont<strong>am</strong>inata<br />

che si estende intorno alla foce del fiume, nei<br />

comuni di Ragusa e Scicli, nella parte sud-orientale dell’isola.<br />

La prima cosa da menzionare è la spiaggia solitaria<br />

e selvaggia che si raggiunge dopo un buon tratto di sentiero<br />

tra ginepri, lentischi e alte dune. Verso l’interno, il paesaggio<br />

è talmente vario che bisogna scegliere. Si può godere<br />

lo spettacolo del lago artificiale<br />

di Santa Rosalia, dove il fiume Irminio,<br />

in inverno, si concede una pausa<br />

e arriva a sommergere i salici sulle rive;<br />

oppure addentrarsi nella macchia<br />

mediterranea, verso Marina di Ragusa<br />

e poi in direzione di Donnalucata,<br />

piccolo borgo sul mare e regno del Barocco,<br />

per raggiungere infine la foce<br />

del fiume. Da Donnalucata, in corrispondenza<br />

del cartello “Riserva naturale<br />

Macchia foresta del fiume Irminio”,<br />

si lascia la macchina per proseguire<br />

a piedi. Dapprima si transita<br />

il salice<br />

addentrarsi<br />

in corrispondenza<br />

di<br />

Siedlung<br />

lungo il sentiero che taglia il fitto canneto,<br />

poi ci si addentra tra le dune dorate.<br />

Ci accolgono secolari ginepri<br />

coccolone, dal caratteristico tronco<br />

contorto che a tratti sembra un giganl’insedi<strong>am</strong>ento<br />

l’acqua<br />

potabile<br />

la fonte<br />

affollato<br />

incont<strong>am</strong>inato<br />

la foce<br />

menzionare<br />

il sentiero<br />

il ginepro<br />

il lentisco<br />

il paesaggio<br />

sommergere<br />

Trinkwasser<br />

Quelle<br />

überfüllt<br />

unversehrt<br />

Mündung<br />

erwähnen<br />

Pfad<br />

Wacholder<br />

Mastixstrauch<br />

Landschaft<br />

überschwemmen<br />

Weide<br />

eindringen<br />

auf Höhe von<br />

il cartello<br />

transitare<br />

il canneto<br />

il ginepro<br />

coccolone<br />

il tronco<br />

contorto<br />

pietrificato<br />

il binocolo<br />

l’airone (m.)<br />

cinerino<br />

la garzetta<br />

il tarabusino<br />

il palmipede<br />

il mestolone<br />

la marzaiola<br />

l’intruso<br />

cedere alla<br />

tentazione<br />

Schild<br />

gehen<br />

Schilf<br />

Großfrüchtiger<br />

Wacholder<br />

St<strong>am</strong>m<br />

verdreht<br />

versteinert<br />

Fernglas<br />

Graureiher<br />

Seidenreiher<br />

Zwergdommel<br />

Schwimmvogel<br />

Löffelente<br />

Knäkente<br />

Eindringling<br />

der Versuchung<br />

nachgeben<br />

tesco serpente pietrificato. Nelle zone meno soleggiate è di<br />

scena il lentisco, mentre più vicino al mare gli <strong>am</strong>anti del<br />

birdwatching possono soddisfare la loro curiosità inquadrando<br />

con i binocoli gli abitanti tipici di questa zona:<br />

l’airone cinerino, la garzetta, il tarabusino, varie specie di<br />

palmipedi, tra cui il mestolone e la marzaiola. La foce dell’Irminio<br />

è popolata anche da un gruppo di “intrusi” un po’<br />

invadenti, ma di grande effetto, specie se siete in compagnia<br />

dei b<strong>am</strong>bini: le nutrie, che si avvicinano ai turisti in<br />

cerca di cibo. Non cedete alla tentazione! Ricordatevi che<br />

siete in una riserva da proteggere e non date da mangiare<br />

agli animali selvatici.<br />

INFORMAZIONI: A circa 90 km da Siracusa.<br />

http:territorio.provincia.ragusa.it/riserve/pages/103/show<br />

PUNTO DI ACCESSO: Marina di Ragusa-Donnalucata.<br />

CONSIGLI UTILI: portate con voi acqua e cibo; la<br />

spiaggia non è attrezzata.<br />

Qui: la spiaggia di Playa Grande presso la foce del fiume<br />

Irminio. Nell’altra pagina: veduta dall’alto di Cala Tonnarella<br />

dell’Uzzo nella Riserva naturale dello Zingaro.<br />

Sopra: una spiaggia nella Riserva naturale dello Zingaro.<br />

15<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


16<br />

MERAVIGLIA<br />

TRA LE CORRENTI<br />

Di fronte al comune di Portopalo di Capo Passero,<br />

in provincia di Siracusa, la <strong>Sicilia</strong> offre un altro<br />

dei suoi gioielli da proteggere e da <strong>am</strong>mirare, l’isola<br />

delle Correnti. Perché visitare questo isolotto selvaggio,<br />

su cui non si trova altro che una struttura militare<br />

ormai fuori uso, insieme a un vetusto faro e a un’aspra<br />

scogliera? Innanzitutto perché è il punto d’incontro tra<br />

il Mar Ionio e il Mar Mediterraneo. Poi perché le correnti<br />

che danno nome all’isola qui fanno sul serio, rendendo<br />

le acque ideali per chi fa surf e windsurf. Infine, perché<br />

a dare il benvenuto è la Natura con la “N” maiuscola.<br />

Dall’estremità della spiaggia di Portopalo, l’isola delle<br />

Correnti si può raggiungere a piedi, lungo una stradina<br />

di pietra e terra più o meno sommersa, a seconda della<br />

marea. Una volta lì, a parte l’ebbrezza che si prova quando<br />

ci si mette in piedi sullo scoglio e ci si sente in capo al<br />

mondo, è possibile c<strong>am</strong>minare immersi nella macchia<br />

mediterranea, oppure fare un tuffo dove l’acqua è più<br />

blu e la sabbia più dorata. Volendo si possono anche<br />

esplorare le numerose grotte marine di cui l’isola è costellata,<br />

come le suggestive Grotte del Polipo. L’importante<br />

è fare attenzione al vento, che da queste parti non<br />

scherza. Nel caso, ci si può riparare nella zona di Punta<br />

Formiche.<br />

INFORMAZIONI: A circa 60 km da Siracusa.<br />

www.regione.sicilia.it (seguire “Parchi e riserve di <strong>Sicilia</strong>”).<br />

CONSIGLI UTILI: vale la pena di aspettare la sera, per<br />

godersi lo spettacolare tr<strong>am</strong>onto.<br />

Qui: una veduta dell’isola delle Correnti.<br />

Sotto: la spiaggia sulla foce del fiume Platani con<br />

le dune di sabbia sulle quali crescono i ginepri.<br />

Nell’altra pagina: la spiaggia di Porto Palo di<br />

Menfi, nella Riserva naturale del fiume Belice.<br />

BELLEZZA<br />

INCONTAMINATA<br />

Altra meraviglia da non perdere, nelle <strong>Sicilia</strong> delle<br />

spiagge protette, è la Riserva naturale Foce del<br />

fiume Platani. Si<strong>am</strong>o in provincia di Agrigento, più<br />

precis<strong>am</strong>ente nella zona compresa tra Capo Bianco e<br />

Borgo Bonsignore, in prossimità delle rovine dell’antica<br />

città greca di Eraclea Minoa. <strong>Sicilia</strong> meridionale, dunque,<br />

nel pieno dei colori e del calore del mare africano, dove le<br />

dune sabbiose e la macchia mediterranea seguono il corso<br />

del fiume tenendo a bada, come gendarmi, qualunque intrusione.<br />

Su tutto domina la scenografica falesia di Capo<br />

Bianco, un incantevole scenario di roccia candida che si<br />

tuffa nel blu intenso del mare, costellato di piccoli pescherecci<br />

partiti dai porticcioli della zona. Un po’ più all’inter-<br />

la corrente<br />

la struttura<br />

militare<br />

fuori uso<br />

vetusto<br />

il faro<br />

aspro<br />

fare sul serio<br />

maiuscolo<br />

sommerso<br />

la marea<br />

l’ebbrezza<br />

in capo<br />

al mondo<br />

kurz ins <strong>Meer</strong><br />

springen<br />

Schutz suchen<br />

sich lohnen<br />

verlieren, hier:<br />

verpassen<br />

Ruinen<br />

Süd-<br />

Hitze, Wärme<br />

Lauf<br />

aufhalten<br />

Eindringen<br />

Klippe<br />

schneeweiß<br />

Fischerboot<br />

kleiner Hafen<br />

fare un tuffo<br />

ripararsi<br />

valere la pena<br />

perdere<br />

le rovine pl.<br />

meridionale<br />

il calore<br />

il corso<br />

tenere a bada<br />

l’intrusione f.<br />

la falesia<br />

candido<br />

il peschereccio<br />

il porticciolo<br />

Strömung<br />

Militäranlage<br />

außer Betrieb<br />

uralt<br />

Leuchtturm<br />

rau<br />

ernst machen/<br />

meinen<br />

großgeschrieben<br />

überschwemmt<br />

Gezeiten<br />

Berauschtheit<br />

<strong>am</strong> Ende<br />

der Welt<br />

© F. Barbagallo, Huber/Sime (2)<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


VIAGGI - SICILIA<br />

no, il territorio tipic<strong>am</strong>ente palustre è diventato il domicilio<br />

di una quantità infinita di specie volatili: 48 che nidificano<br />

e 83 di passaggio, stando alle guide locali, il che trasforma<br />

la Riserva naturale Foce del fiume Platani in una<br />

vera e propria oasi faunistica come poche. Può darsi, però,<br />

che da queste parti si trovi a vagare anche chi non ha particolare<br />

interesse per la flora e la fauna e non è appassionato<br />

di mare. In tal caso, la storia dà una mano a rendere<br />

comunque indimenticabile il soggiorno. La già citata Eraclea<br />

Minoa è una meraviglia fondata nel VI secolo a.C.,<br />

portata alla luce negli anni Cinquanta. Vale la pena di vederla<br />

anche solo per il bellissimo teatro, di cui si intravede<br />

l’impianto originale in pietra.<br />

INFORMAZIONI: A circa 40 km da Agrigento.<br />

www.regione.sicilia.it (seguire “Parchi e riserve di <strong>Sicilia</strong>”).<br />

CONSIGLI UTILI: portate con voi la macchina fotografica<br />

perché, dopo un lungo periodo di assenza, la tartaruga<br />

Caretta caretta è tornata a deporre le uova nella<br />

spiaggia della riserva.<br />

palustre<br />

il domicilio<br />

la specie<br />

volatile<br />

nidificare<br />

il passaggio<br />

stando a<br />

vagare<br />

portato<br />

alla luce<br />

la tartaruga<br />

Caretta caretta<br />

omonimo<br />

il terremoto<br />

moorig, sumpfig<br />

Domizil, hier:<br />

Lebensraum<br />

Haupt-<br />

verbindung<br />

Siedlung<br />

Frühmittelalter<br />

unwegs<strong>am</strong><br />

il castello<br />

a tratti<br />

innalzarsi<br />

soffice<br />

plasmato<br />

scalare<br />

la cima<br />

navigabile<br />

la principale<br />

via di comunicazione<br />

l’insedi<strong>am</strong>ento<br />

l’alto Medioevo<br />

impervio<br />

Burg, Schloss<br />

streckenweise<br />

sich erheben<br />

locker, weich<br />

geformt<br />

erklimmen<br />

Spitze<br />

befahrbar<br />

Vogelart<br />

nisten<br />

Durchreise<br />

laut, zufolge<br />

wandern<br />

ans Tageslicht<br />

gebracht<br />

Unechte Karettschildkröte<br />

gleichn<strong>am</strong>ig<br />

Erdbeben<br />

UN’OASI<br />

TRA LE DUNE<br />

Sulla costa sud-occidentale della <strong>Sicilia</strong> scorre<br />

un altro fiume che ha fatto la storia isolana: il Belice.<br />

È una storia tragica, perché nel 1968 la valle omonima<br />

fu colpita dal terremoto; ma anche una storia di bellezza,<br />

perché la Riserva Naturale orientata Foce del Belice è<br />

un gioiellino di natura che non si può perdere. C’è tutto,<br />

qui, dalla macchia mediterranea alla vegetazione palustre<br />

con tutti i suoi animali, ma soprattutto ci sono le dune. Castelli<br />

di dune. Cattedrali di dune. Sti<strong>am</strong>o parlando infatti di<br />

5 km di finissima sabbia color oro che, a tratti, s’innalza a<br />

formare architetture soffici e ben plasmate, alte fino a 7-8 m.<br />

Viene quasi voglia di scalarle fino in cima per poi lasciarsi<br />

rotolare giù. Per il resto, bisogna segnalare che un tempo il<br />

fiume Belice era navigabile; anzi, per millenni è stato la principale<br />

via di comunicazione, da queste parti. Ecco spiegata<br />

la quantità di insedi<strong>am</strong>enti ritrovati lungo il suo percorso,<br />

che vanno dalla preistoria sino all’alto Medioevo.<br />

INFORMAZIONI: A circa 100 km da Trapani.<br />

www.turismo.trapani.it (seguire “Natura”, poi “Castelvetrano”).<br />

Accessibile tutto l’anno, ingresso gratuito. È possibile<br />

prenotare visite guidate.<br />

CONSIGLI UTILI: indossate scarpe da trekking, i sentieri<br />

possono essere in alcuni tratti piuttosto impervi.<br />

17<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


VIAGGI - SICILIA<br />

In questa pagina: due immagini della Riserva<br />

naturale di Torre Salsa. A sinistra, la spiaggia<br />

di Fungitelle, lunga 7 km; sotto, la spiaggia di<br />

Torre Salsa.<br />

18<br />

SPIAGGE INCONTAMINATE<br />

TRA GINEPRI E ORCHIDEE<br />

Un po’ più a est rispetto alla foce del fiume Platani<br />

c’è la Riserva naturale orientata di Torre Salsa. A essere<br />

salsa, ossia “salata”, è un’antica torre di avvist<strong>am</strong>ento<br />

che da secoli domina quest’area di incredibile<br />

bellezza. Si tratta di oltre 760 ettari che si estendono nel<br />

territorio del comune di Siculiana. Si parla di 6 km di spiagge<br />

incont<strong>am</strong>inate alternate a ripidissime e bianche falesie<br />

di marna calcarea; e dietro, a fare da sfondo e contrasto cromatico,<br />

c’è il paesaggio agrario tipico, ad <strong>am</strong>pie terrazze naturali.<br />

Qui l’intervento dell’uomo è stato accorto e si è limitato<br />

a delimitare un sentiero che è utile percorrere per<br />

farsi un’idea dei tesori locali. Per esempio le orchidee, che<br />

crescono qua e là nella macchia, ma che il Wwf ha riunito<br />

in un delizioso giardino botanico. Poi eccoci nella “valle del<br />

ginepro”, dove è possibile <strong>am</strong>mirare gli ultimi esemplari<br />

esistenti dell’ormai rarissimo ginepro turbinato, sparsi in<br />

uno scenario caratterizzato da strati di cristalli di gesso. Infine,<br />

c’è la zona delle cave abbandonate, dove le ferite causate<br />

dall’uomo alle montagne si rimarginano a mano a mano<br />

che si scende verso il mare e il paesaggio c<strong>am</strong>bia: si passa<br />

dalla macchia a cespugli fino alla vegetazione delle dune,<br />

per poi arrivare alla spiaggia vera e propria. Qui non resta<br />

che togliersi gli scarponcini da trekking e mettersi in costume<br />

per un bagno memorabile nell’acqua cristallina.<br />

© F. Barbagallo, Huber/Sime (3)<br />

abbandonato<br />

rimarginarsi<br />

il cespuglio<br />

lo scarponcino<br />

da trekking<br />

memorabile<br />

il manuale<br />

il consiglio<br />

il divieto<br />

rispettare<br />

godere<br />

sterrato<br />

il fango<br />

la vettura<br />

verlassen<br />

ver-/abheilen<br />

Strauch<br />

Wacholder<br />

in Bezug auf<br />

salzig<br />

Festungsturm<br />

im Wechsel mit<br />

sehr steil<br />

Kalkmergel<br />

Hintergrund<br />

Eingreifen<br />

besonnen<br />

abgrenzen<br />

hilfreich<br />

Mittelmeer-<br />

Wacholder<br />

Schicht<br />

Gips<br />

Grube<br />

il ginepro<br />

rispetto a<br />

salato<br />

la torre di<br />

avvist<strong>am</strong>ento<br />

alternato a<br />

ripidissimo<br />

la marna<br />

calcarea<br />

lo sfondo<br />

l’intervento<br />

accorto<br />

delimitare<br />

utile<br />

il ginepro<br />

turbinato<br />

lo strato<br />

il gesso<br />

la cava<br />

Wanderschuh<br />

denkwürdig<br />

Handbuch<br />

Tipp,<br />

Ratschlag<br />

Verbot<br />

beachten,<br />

einhalten<br />

genießen<br />

unasphaltiert<br />

Schl<strong>am</strong>m<br />

Fahrzeug<br />

INFORMAZIONI: A circa 18 km da Agrigento.<br />

www.wwftorresalsa.com, accessibile tutto l’anno dalle località<br />

di Pantano ed Eremita; orario: dalle 9 alle 19:45); ingresso<br />

gratuito. È possibile prenotare visite guidate. All’ingresso<br />

della riserva viene consegnato ai visitatori un<br />

manuale che contiene una serie di consigli e divieti da rispettare<br />

per godere al meglio le bellezze dell’area. Per scegliere<br />

dove rilassarvi al sole è molto utile sapere, per esempio,<br />

che la spiaggia di Fungitelle è sabbiosa, quella di Torre<br />

Salsa è di scogli, quella di Monte stella è perfetta per chi<br />

vuole concedersi un po’ di solitudine.<br />

CONSIGLI UTILI: se piove o è appena piovuto, è meglio<br />

rimandare la visita, perché la strada che porta al parcheggio<br />

è sterrata e il fango rischia di bloccare le ruote<br />

della vettura.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


Gut für<br />

den Kopf!<br />

Besser mit Sprachen. Land und Leute<br />

verstehen – und nebenbei die Sprache<br />

lernen. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Ausgaben<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.spotlight-verlag.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Magazins Ihrer Wahl zum Preis von 3<br />

(€ 18,60 / SFR 27,90 – Business Spotlight € 34,50 / SFR 51,75).


Wählen Sie Ihr<br />

Lieblingsmagazin:<br />

Einfach Englisch!<br />

Englisch trainieren<br />

und in das Lebensgefühl<br />

des Sprachraums<br />

eintauchen.<br />

Englisch für den Beruf.<br />

Sprachtraining mit<br />

vielen Artikeln rund<br />

um die Businesswelt<br />

kombiniert mit interkulturellen<br />

Tipps.<br />

Einfach<br />

Deutsch lernen.<br />

Sprache trainieren und<br />

den deutschsprachigen<br />

Kulturraum verstehen.<br />

Die schönsten Seiten<br />

auf Italienisch.<br />

Vermittelt das italie nische<br />

Lebensgefühl und<br />

erweitert die Sprachkenntnisse<br />

auf genussvolle<br />

Art und Weise.<br />

Typisch Französisch!<br />

So wird Französischlernen<br />

zum Genuss.<br />

Frankreich und seine<br />

unverwechselbare<br />

Lebensart auf authentische<br />

Art und Weise.<br />

Die Welt auf Spanisch.<br />

Der perfekte Mix aus<br />

Sprachtraining kombiniert<br />

mit spannen–<br />

den Einblicken in Land<br />

und Leute.<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.spotlight-verlag.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Magazins Ihrer Wahl zum Preis von 3<br />

(€ 18,60 / SFR 27,90 – Business Spotlight € 34,50 / SFR 51,75).


VIAGGI - SICILIA<br />

UNA SPIAGGIA<br />

ALL’OMBRA DELL’ETNA<br />

C’è una zona in cui la <strong>Sicilia</strong>, terra spesso colpita<br />

dalla siccità, si abbevera a piene mani: è il territorio<br />

solcato dal fiume Simeto, considerato il più<br />

grande dell’isola per l’<strong>am</strong>piezza del bacino e la portata<br />

dell’acqua. Nasce sui monti Nebrodi e, dopo<br />

avere tratto vigore da numerosi affluenti, sfocia nel Mar<br />

Ionio, poco a sud di Catania. Qui, proprio dove il grande<br />

fiume si mescola al mare, è stata istituita la Riserva naturale<br />

orientata Oasi del Simeto. Arrivando da Catania lungo<br />

la strada per Siracusa, bisogna passare il Ponte Primosole,<br />

proprio sul Simeto, e lasciare l’auto nel parcheggio.<br />

Poi si procede sul sentiero lungo l’argine sinistro del fiume.<br />

È una passeggiata piacevole e rilassante, anche in<br />

mountain bike, con <strong>am</strong>pie vedute, visto che si procede su<br />

un terrapieno. A destra abbi<strong>am</strong>o il lento corso del fiume,<br />

a sinistra si aprono distese di c<strong>am</strong>pi coltivati, in fondo c’è<br />

la mole dell’Etna. Non potrebbe esserci cornice migliore<br />

per arrivare alla spiaggia, dove, nell’acqua bassa e trasparente,<br />

vi capiterà di trovare vari pescatori di telline all’opera<br />

con i loro setacci. Tanto accanimento potrebbe incuriosire...<br />

Infatti c’è qualcosa di molto prezioso là sotto,<br />

oltre a questi molluschi: l’<strong>am</strong>bra. Proprio così, l’<strong>am</strong>bra del<br />

la siccità<br />

abbeverarsi<br />

solcato<br />

il bacino<br />

la portata<br />

d’acqua<br />

il vigore<br />

l’affluente m.<br />

sfociare<br />

istituire<br />

il sentiero<br />

l’argine m.<br />

la veduta<br />

il terrapieno<br />

Trockenheit<br />

trinken, saufen<br />

durchflossen<br />

Becken, hier:<br />

Flussbett<br />

Wassermenge<br />

Kraft<br />

Nebenfluss<br />

münden<br />

errichten<br />

Weg<br />

Deich, D<strong>am</strong>m<br />

Aussicht<br />

Erdwall<br />

la distesa<br />

il c<strong>am</strong>po<br />

coltivato<br />

la mole<br />

basso<br />

la tellina<br />

il setaccio<br />

l’accanimento<br />

il mollusco<br />

l’<strong>am</strong>bra<br />

sputare<br />

la mareggiata<br />

la maglia<br />

Weite<br />

bebautes Feld<br />

Menge,<br />

hier: Massiv<br />

niedrig,<br />

hier: flach<br />

Tellmuschel<br />

Sieb<br />

Verbissenheit<br />

Muschel<br />

Bernstein<br />

spucken<br />

Sturmflut<br />

Masche<br />

Simeto è f<strong>am</strong>osissima. Si tratta di fr<strong>am</strong>menti della preziosa<br />

resina preistorica che il fiume sputa in mare dopo<br />

le mareggiate e che i pescatori sperano di trovare tra le<br />

maglie del setaccio insieme con le telline.<br />

INFORMAZIONI: A circa 20 km da Catania.<br />

www.apt-catania.com/italian/leoasi.htm. Accessibile tutto l’anno,<br />

ingresso gratuito. È possibile prenotare visite guidate.<br />

CONSIGLI UTILI: il periodo migliore è tra luglio e gennaio,<br />

per non disturbare le numerose specie che qui nidificano<br />

tra febbraio e giugno.<br />

21<br />

Qui, da sinistra: Contrada Pietra Rossa,<br />

nella Riserva naturale Oasi del Simeto;<br />

una vista dell’Oasi vicino al fiume Simeto.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


Qui: la ex tonnara<br />

di Vendicari. Sotto:<br />

la spiaggia di Cala<br />

Mosche nella Riserva<br />

naturale di Vendicari.<br />

22<br />

TRA FENICOTTERI<br />

E BAROCCO<br />

Ecco il più curato “giardino protetto” di <strong>Sicilia</strong>,<br />

indicato da molti come modello da seguire: la Riserva<br />

naturale di Vendicari, in provincia di Siracusa.<br />

I suoi “pantani”, nome che non rende loro giustizia,<br />

sono un antico serbatoio di natura conservato<br />

insieme con l’arte barocca, che da queste parti, per esempio<br />

a Noto, la fa da padrona. Dall’ingresso dell’oasi, rigid<strong>am</strong>ente<br />

controllata per fare sì che si conservi al meglio,<br />

attraverso le saline del Pantano Grande si raggiunge<br />

la suggestiva torre sveva a guardia della costa:<br />

un colpo d’occhio magnifico su quel che resta di un’ottocentesca<br />

tonnara, testimonianza viva dell’antica tradizione<br />

peschereccia della zona. Fenicotteri e aironi rosil<br />

fenicottero<br />

curato<br />

il pantano<br />

rendere giustizia<br />

a qcn./qc.<br />

il serbatoio<br />

farla da<br />

padrone<br />

rigid<strong>am</strong>ente<br />

svevo<br />

a guardia di<br />

il colpo<br />

d’occhio<br />

la testimonianza<br />

peschereccio<br />

l’airone (m.)<br />

rosso<br />

Fl<strong>am</strong>ingo<br />

gepflegt<br />

Sumpf<br />

jdm./etw. ge-<br />

recht werden<br />

Behälter<br />

dominieren<br />

streng<br />

schwäbisch<br />

zur Bewachung<br />

Blick<br />

Zeugnis<br />

Fischfang-<br />

Purpurreiher<br />

il cavaliere<br />

d’Italia<br />

la spatola<br />

la striscia<br />

la battigia<br />

il garbo<br />

legittimo<br />

il capanno<br />

spiare<br />

il pennuto<br />

la tintarella<br />

gli scavi pl.<br />

la circumnavigazione<br />

reperire<br />

Stelzenläufer<br />

Löffelreiher<br />

Streifen<br />

Strandlinie,<br />

Wasserlinie<br />

<strong>am</strong> Strand<br />

Anmut, hier:<br />

Zurückhaltung<br />

rechtmäßig<br />

Verschlag<br />

ausspionieren,<br />

hier: beobachten<br />

Vogel<br />

Sonnenbräune<br />

Ausgrabungen<br />

Rundfahrt<br />

finden<br />

si, cavalieri d’Italia e spatole sono punti colorati sull’infinita<br />

striscia monocromatica della battigia. Ci si può avvicinare<br />

con garbo e, per far vedere che non si ha intenzione<br />

di disturbare i legittimi abitanti dell’oasi, è bene<br />

servirsi degli appositi capanni, per osservare senza essere<br />

osservati. Oppure, anziché spiare il benessere dei<br />

pennuti, si può pensare al proprio, inteso come bagni e<br />

tintarella. A tal proposito, perfette sono la lunghissima<br />

spiaggia principale della riserva, oppure quelle di Cal<strong>am</strong>osche<br />

e di Marianelli, o ancora quella di Eloro, quest’ultima<br />

a due passi dai f<strong>am</strong>osi scavi dell’omonima città<br />

greca. E con il mare calmo – perché no? – c’è chi consiglia<br />

la circumnavigazione dell’oasi in canoa. Niente motori,<br />

per favore; altrimenti, che area protetta sarebbe?<br />

INFORMAZIONI: A circa 45 km da Siracusa.<br />

www.oasivendicari.net<br />

CONSIGLI UTILI: portate con voi acqua potabile, perché<br />

all’interno della riserva non è possibile reperirla. Oltre<br />

che dall’ingresso principale, in estate la riserva è accessibile<br />

anche da Eloro e da Fondo di Mosche, ingressi<br />

più pratici per chi vuole dedicarsi ai bagni in mare.<br />

© Huber/Sime (2), F. Barbagallo (3)<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


92010 Montallegro/Siculiana (Agrigento)<br />

www.torresalsa.it | info@torresalsa.it<br />

Tel. +39 0922.847074 | Fax: +39 0922.845309 | Cell. +39 336 945967<br />

Da sopra, in senso orario: la piscina<br />

dell’agriturismo Terre di Vendicari ; il ristorante<br />

La Cialoma, a Marz<strong>am</strong>emi; il cortile interno<br />

di Palazzo Hedone, a Scicli.<br />

RELAX NELLA NATURA<br />

C’è un modo per immergersi complet<strong>am</strong>ente<br />

nell’atmosfera e nel silenzio<br />

delle oasi protette: soggiornare nei<br />

dintorni. Si avrà così tutto il tempo che<br />

serve per degustare i piatti tipici della<br />

zona. All’interno delle riserve non è<br />

possibile alloggiare, ma vicino non mancano<br />

alberghi caratteristici e agriturismi.<br />

Nella riserva naturale di Vendicari c’è l’agriturismo<br />

Terre di Vendicari (www.terredivendicari.it),<br />

in una splendida masseria<br />

del 1700 circondata da uliveti, mandorleti,<br />

limoneti e piantagioni di fichi d’India. Dopo<br />

una passeggiata nella tenuta, una buona<br />

cena preparata con alcuni dei numerosi<br />

prodotti dell’azienda, come il miele e<br />

l’olio extravergine, vi aiuterà a recuperare<br />

le energie. Per provare, invece, l’autentica<br />

cucina di pesce freschissimo, basta<br />

andare a Marz<strong>am</strong>emi, il vicino paesino della<br />

tonnara, dove esiste una taverna tradizionale,<br />

La Cialoma (www.lacialoma.it). Si<br />

tratta di un locale a conduzione f<strong>am</strong>iliare,<br />

dove Lisa C<strong>am</strong>pisi, figlia dell’ultimo rais<br />

della tonnara, tr<strong>am</strong>anda le ricette apprese<br />

oralmente dal padre.<br />

Andando verso ovest, vicino alla Riserva<br />

naturale del fiume Irminio, presso Scicli, si<br />

trova il resort di lusso Palazzo Hedone<br />

(www.palazzohedone.it). Il palazzo è stato<br />

recentemente restaurato con un design<br />

moderno e con una particolare attenzione<br />

all’impatto <strong>am</strong>bientale. Sono stati utilizzati,<br />

infatti, materiali ecocompatibili, come<br />

la pietra pece e la bianca pietra di<br />

Comiso, presenti nella zona. Il visitatore<br />

troverà qui un <strong>am</strong>biente di lusso, con una<br />

piscina e una biblioteca di arte siciliana.<br />

immergersi eintauchen<br />

soggiornare sich aufhalten<br />

alloggiare hier: übernachten<br />

la masseria Bauernhaus<br />

circondato da umgeben von<br />

il mandorleto Mandelhain<br />

il fico d’India Feigenkaktus<br />

la tenuta Landgut<br />

il miele Honig<br />

recuperare<br />

le energie Energie tanken<br />

a conduzione<br />

f<strong>am</strong>iliare f<strong>am</strong>iliengeführt<br />

il rais: leitender Fischer beim Thunfischfang<br />

tr<strong>am</strong>andare weiterführen<br />

recentemente kürzlich<br />

l’impatto Auswirkung<br />

<strong>am</strong>bientale auf die Umwelt<br />

ecocompatibile umweltverträglich<br />

la pietra pece Pechstein<br />

la piscina Pool<br />

23<br />

AGRITURISMO TORRE SALSA<br />

SICILIA


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI VALERIA PALUMBO<br />

L’ITALIA E L’IMMIGRAZIONE<br />

Nel secolo scorso sono stati<br />

tantissimi i siciliani a lasciare la<br />

regione in cerca di fortuna (vedi<br />

foto d’epoca a sinistra). Oggi è la<br />

piccola isola di L<strong>am</strong>pedusa, in<br />

<strong>Sicilia</strong>, ad accogliere ogni anno<br />

gli sbarchi di migliaia di disperati<br />

in fuga dalla guerra e dalla f<strong>am</strong>e.<br />

L’isola però non riesce da sola a<br />

far fronte all’emergenza. E<br />

mentre Italia ed Europa tardano<br />

a intervenire in maniera efficace,<br />

gli immigrati diventano facile<br />

preda di business illegali.<br />

24<br />

Immigrati: un buon affare<br />

Zigtausende Flüchtlinge landen jedes Jahr in Italien: ein Problem,<br />

das ganz Europa betrifft. Allerdings machen nicht wenige mit dem<br />

Schicksal der Flüchtlinge das Geschäft ihres Lebens.<br />

“PRIMA A PARTIRE ERAVAMO NOI. ORA PARTONO<br />

LORO. È LA STESSA BARCA”. Così un pescatore siciliano,<br />

qualche tempo fa, spiegava alla radio perché aveva<br />

soccorso un gruppo di migranti in difficoltà, al largo dell’isola<br />

di L<strong>am</strong>pedusa. “La stessa barca”: solo dal 1900 al<br />

1915 emigrarono dalla <strong>Sicilia</strong> 1.126.513 persone, in fuga<br />

per f<strong>am</strong>e. Molti scappano ancora in cerca di fortuna.<br />

Oggi, però, non è della loro emigrazione che si parla,<br />

bensì delle migliaia di disperati che attraversano il Mediterraneo.<br />

Dall’inizio del 2013 a ottobre sono sbarcate a L<strong>am</strong>pedusa<br />

37.450 persone, di cui 6.316 minori. Di questi, 4.056<br />

sono i cosiddetti Misna, minori stranieri non accompagnati.<br />

Molti – troppi – si trovano nel Cda (Centro di accoglienza)<br />

dell’isola. A metà ottobre erano circa 700, a fronte<br />

di una capienza massima di 250 posti. Secondo una denuncia<br />

di Save the Children del novembre 2012, ma ancora<br />

attuale: “I servizi igienici non funzionano, ci sono solo 330<br />

materassi disponibili e molti migranti sono costretti a condividere<br />

il letto con altri o a dormire sul pavimento <strong>am</strong>massati.<br />

Non tutti gli <strong>am</strong>bienti sono riscaldati”.<br />

Qual è il problema? Il primo, macroscopico, è che a far<br />

fronte agli arrivi ci sono<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta uno stralcio del nostro<br />

reportage, che questo mese è<br />

dedicato all’immigrazione in Italia.<br />

www.adesso-online.de/immigrazione<br />

sostanzialmente solo il<br />

Comune di L<strong>am</strong>pedusa<br />

e la Regione <strong>Sicilia</strong>. A dare<br />

una mano, Save the<br />

Children, la Caritas e, di<br />

recente, l’Ong AiBi (www.aibi.it), che si occupa di b<strong>am</strong>bini<br />

e ha sottoscritto un accordo di collaborazione con l’<strong>am</strong>ministrazione<br />

comunale per affidare a f<strong>am</strong>iglie italiane le madri<br />

sole con figli o i ragazzi non accompagnati. La burocrazia,<br />

però, rende le procedure molto lente. Questa situazione<br />

è la norma. In genere i giornali ne parlano, però, soltanto<br />

quando alla tragedia quotidiana si unisce quella speciale<br />

(ma non troppo): la morte in mare.<br />

È quello che è accaduto il 3 ottobre 2013, quando c’è stato<br />

il naufragio più dr<strong>am</strong>matico: 366 morti, tra cui vari b<strong>am</strong>bini,<br />

per un barcone che aveva preso fuoco nelle acque di<br />

fronte all’isola dei Conigli. Secondo il giornalista Gabriele<br />

l’affare (m.)<br />

la barca<br />

il pescatore<br />

soccorrere<br />

qcn.<br />

al largo di<br />

Geschäft<br />

Boot, Schiff<br />

Fischer<br />

jdm. zu<br />

Hilfe eilen<br />

auf dem offenen<br />

<strong>Meer</strong> vor<br />

auf der Flucht<br />

fliehen<br />

sein Glück<br />

versuchen<br />

Verzweifelter<br />

landen<br />

Minderjähriger<br />

unbegleitet<br />

Meldung<br />

Sanitär-<br />

anlagen<br />

teilen<br />

Boden<br />

zus<strong>am</strong>mengedrängt<br />

heizen<br />

etw. bewältigen<br />

la denuncia<br />

i servizi (pl.)<br />

igienici<br />

condividere<br />

il pavimento<br />

<strong>am</strong>massato<br />

affidare<br />

unirsi<br />

il naufragio<br />

in fuga<br />

scappare<br />

in cerca<br />

di fortuna<br />

il disperato<br />

sbarcare<br />

il minore<br />

non accompagnato<br />

il Cda (Centro<br />

di accoglienza)<br />

la capienza<br />

Auffanglager<br />

Fassungsvermögen<br />

riscaldare<br />

far fronte a qc.<br />

l’Ong (f.) Organizzazionnon<br />

governativa<br />

l’accordo di<br />

collaborazione<br />

Nichtregie-<br />

rungsorgani-<br />

sation, NGO<br />

Vertrag für die<br />

Zus<strong>am</strong>menarbeit<br />

anvertrauen<br />

sich<br />

anschließen<br />

Schiffbruch<br />

© ADNKronos, ANSA (3)<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

Del Grande, responsabile del blog Fortress Europe, dal 1994<br />

a oggi nel Canale di <strong>Sicilia</strong> sono morte 6.835 persone, ossia<br />

una media di 150 al mese, cinque al giorno. La guerra civile<br />

in Siria, ma anche l’aggravarsi della situazione politica in<br />

Eritrea ed Egitto, hanno reso l’estate del 2013 particolarmente<br />

“calda”. Il problema, però, è vecchio. Ha a che fare<br />

in generale con l’immigrazione in Europa (l’Italia è quasi<br />

sempre solo un paese di transito: l’obiettivo è raggiungere<br />

il Nord Europa) e con le leggi che sono state approvate per<br />

combattere il fenomeno. In particolare, in Italia si discute<br />

della Legge Bossi-Fini, varata nel 2002 e firmata, per primi,<br />

da Gianfranco Fini, allora vicepresidente del Consiglio, e<br />

Umberto Bossi, che era ministro per le Riforme istituzionali.<br />

La legge conferma che l’immigrazione clandestina è un<br />

reato e questo è il motivo per cui anche i sopravvissuti al<br />

naufragio del 3 ottobre 2013 sono finiti sotto inchiesta.<br />

Il dibattito, però, non si ferma entro i confini italiani. La<br />

richiesta impellente che dal Belpaese, e in particolare dalla<br />

<strong>Sicilia</strong>, arriva sui tavoli dell’Unione europea è quella di una<br />

partecipazione attiva dei paesi membri al controllo dei confini<br />

dell’Europa e alla gestione dei tanti immigrati in arrivo<br />

non solo sulle coste italiane, ma anche spagnole e greche.<br />

Non che nel corso degli anni non si sia tentato di arginare<br />

il fenomeno. Il punto non è solo che chi scappa per<br />

f<strong>am</strong>e o fugge da paesi in guerra non si scoraggia facilmente.<br />

La verità è che il traffico di uomini nel Mediterraneo<br />

è un affare che coinvolge molti. In una regione ancora<br />

controllata dalla mafia, com’è la <strong>Sicilia</strong>, non sarebbe<br />

possibile far sbarcare tante persone se dietro non ci fosse<br />

la criminalità organizzata, e questo è vero anche per altre<br />

regioni del Sud Italia. Le indagini sono in corso e anche<br />

in questo caso il fenomeno è globale: “Sono 3.600 i gruppi<br />

criminali che operano nel territorio dell’Ue” ha spiegato<br />

l’8 ottobre scorso l’europarl<strong>am</strong>entare Salvatore Iacolino.<br />

Non si tratta soltanto di un business illegale. Come ha rivelato<br />

un’inchiesta di Raffaella Cosentino sul quotidiano la<br />

Bürgerkrieg<br />

verschärfen<br />

Durchgangs-<br />

land<br />

Gesetz<br />

verabschieden<br />

beschlossen<br />

Ministerrat<br />

illegal<br />

Straftat<br />

gegen jdn.<br />

wird ermittelt<br />

la guerra civile<br />

aggravarsi<br />

il paese<br />

di transito<br />

la legge<br />

approvare<br />

varato<br />

il consiglio<br />

clandestino<br />

il reato<br />

qcn. finisce<br />

sotto<br />

inchiesta<br />

il confine<br />

impellente<br />

arginare<br />

scoraggiarsi<br />

coinvolgere<br />

l’indagine f.<br />

operare<br />

rivelare<br />

Grenze<br />

dringlich<br />

eindämmen<br />

den Mut<br />

verlieren<br />

involvieren<br />

Ermittlung<br />

tätig sein<br />

enthüllen<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Trovi un esercizio sul tema<br />

nella Gr<strong>am</strong>matica di febbraio.<br />

in gara<br />

accaparrarsi<br />

Arbeits-<br />

losigkeit<br />

Arbeiter<br />

Auftrag<br />

Wert<br />

täuschen<br />

hier: basierend<br />

hier: Person<br />

la disoccupazione<br />

l’operatore m.<br />

l’appalto<br />

il valore<br />

ingannare<br />

tarato<br />

la presenza<br />

il Cara (Centro<br />

di accoglienza<br />

per richiedenti<br />

asilo)<br />

nato per<br />

l’occasione<br />

Asylbewer-<br />

berheim<br />

hier: speziell<br />

hierfür<br />

gegründet<br />

im Wettstreit<br />

sich sichern<br />

Repubblica del 16 ottobre 2013: “I Centri (...) sono fabbriche di<br />

posti di lavoro in territori in cui la disoccupazione era la regola<br />

già prima della crisi”. Il Cda di L<strong>am</strong>pedusa, per esempio,<br />

dà lavoro a 60 operatori e la società che lo gestisce lo fa<br />

“con un appalto del valore di 8.212.500 euro per tre anni. Una<br />

cifra che inganna perché tarata su un budget di circa 30 euro<br />

al giorno a migrante per il numero ufficiale dei posti. In<br />

media le presenze sono il doppio, spesso il triplo”. Questa la<br />

situazione anche degli otto Cara italiani, Centri di accoglienza<br />

per richiedenti asilo, situati nel Sud e nel Centro Italia. Chi<br />

c’è dietro i Cara? “Cooperative, società nate per l’occasione,<br />

ma anche colossi industriali del Nord e multinazionali”, si<br />

legge sul quotidiano. Tutti in gara per accaparrarsi appalti<br />

da milioni di euro, con la scusa degli immigrati.<br />

Valeria Palumbo: Chefredakteurin der Monatszeitschrift<br />

L’Europeo, Mitglied in den italienischen Gesellschaften<br />

der Historikerinnen und der Literatinnen.<br />

Autorin zahlreicher Bücher in erster Linie über Frauen.<br />

Gebürtige Römerin, lebt und arbeitet in Mailand.<br />

25<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


INTERVISTA - WALTER SITI<br />

Resistere al<br />

MONDO<br />

Walter Siti, Gewinner des Premio Strega 2013, strahlt Ruhe<br />

und Gelassenheit aus. Ganz anders als sein Roman<br />

Resistere non serve a niente, der von der Grauzone zwischen<br />

Hochfinanz und Illegalität handelt.<br />

Testo: Cristina Giordano<br />

26<br />

RESISTERE NON SERVE A NIENTE NON È SOLTANTO<br />

IL ROMANZO VINCITORE DEL PREMIO STREGA<br />

2013, È SOPRATTUTTO UN CAPOLAVORO DELLA<br />

LETTERATURA CONTEMPORANEA. Si comprende fin<br />

dalle prime pagine, perché il tasso di cinismo che si respira<br />

in questa storia è elevato quanto quello che intossica la<br />

realtà dalla quale trae ispirazione. In questo suo ultimo romanzo,<br />

Walter Siti racconta con grande efficacia il mondo<br />

della finanza d’assalto, svelando la forma mentis di chi si<br />

nasconde dietro alle operazioni di borsa, in cui non è sem-<br />

resistere Widerstand<br />

leisten,<br />

standhalten<br />

vincitore Siegeril<br />

Premio Strega: bedeutender<br />

ital. Literaturpreis<br />

contemporaneo<br />

zeitgenössisch<br />

il tasso Grad<br />

intossicare vergiften<br />

trarre sich inspirieren<br />

ispirazione da lassen von<br />

la finanza Heuschreckend’assalto<br />

kapitalismus<br />

svelare enthüllen<br />

l’operazione Börsen-<br />

(f.) di borsa geschäft<br />

distinguere unterscheiden<br />

pacato gelassen<br />

rassicurante beruhigend<br />

accorgersi etw.<br />

di qc. bemerken<br />

essere<br />

incentrato su<br />

l’operatore (m.)<br />

della finanza<br />

il denaro<br />

vietare<br />

la vendita allo<br />

scoperto<br />

(short selling)<br />

osare<br />

il gioco<br />

d’azzardo<br />

la scommessa<br />

la tenuta<br />

l’azienda<br />

i debiti pl.<br />

il guadagno<br />

il default<br />

calarsi<br />

procurarsi<br />

sostenere<br />

un es<strong>am</strong>e<br />

sich drehen um<br />

Finanzexperte<br />

Geld<br />

verbieten<br />

Leerverkauf<br />

wagen<br />

Glücksspiel<br />

Wette<br />

Ausdauer<br />

Unternehmen<br />

Schulden<br />

Gewinn<br />

Zahlungsunfähigkeit<br />

sich hineinversetzen<br />

sich besorgen<br />

eine Prüfung<br />

ablegen<br />

plice distinguere la legalità dall’illegalità. Walter Siti è una<br />

persona pacata, dalla voce rassicurante. Alla fine della<br />

conversazione, l’impressione è di aver incontrato uno dei<br />

più grandi romanzieri italiani dei nostri tempi. L’unico a<br />

non accorgersene, paradossalmente, sembra proprio lui.<br />

Il suo ultimo romanzo, Resistere non serve a niente, è<br />

incentrato sul mondo della finanza d’assalto. Esiste<br />

un’etica della finanza? Dovrebbe esistere e molti operatori<br />

della finanza stanno cercando di introdurla, per non<br />

perdere il contatto tra il denaro e quello che con il denaro<br />

si può acquistare, per esempio vietando le vendite allo<br />

scoperto. Ma il mondo della finanza è sempre più veloce<br />

e astratto ed è difficile parlare di un’etica vera e propria.<br />

A un certo punto nel suo romanzo, il broker protagonista<br />

della storia, Tommaso, afferma: “La finanza è sexy<br />

solo per chi sa osare”. Perché? Perché la finanza è diventata<br />

molto simile a un gioco d’azzardo. Le operazioni finanziarie<br />

sono sostanzialmente scommesse sulla tenuta<br />

di certi paesi, di certe aziende, sui debiti. L’anno scorso, i<br />

maggiori guadagni finanziari si sono realizzati sulla Grecia.<br />

Bastava scommettere che il default non ci sarebbe stato<br />

e si guadagnava. La finanza assomiglia sempre più a una<br />

sala scommesse grande quanto il mondo.<br />

Come ha fatto a calarsi così perfett<strong>am</strong>ente nel complicatissimo<br />

mondo della finanza? Ho studiato per un<br />

anno. Mi sono procurato i libri all’Università Bocconi di<br />

Milano, come per sostenere il primo es<strong>am</strong>e di Finanza.<br />

© Effigie<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


Walter Siti, Resistere<br />

non serve a niente,<br />

Rizzoli editore,<br />

324 pagine, € 17.<br />

Per le nozioni matematiche che non riuscivo a comprendere,<br />

mi sono fatto aiutare da un <strong>am</strong>ico laureato in matematica<br />

finanziaria. Inoltre, ho chiesto aiuto a un gestore<br />

di hedge fund che ha controllato il testo prima della sua<br />

pubblicazione, in modo da verificare che non avessi scritto<br />

fatti inattendibili.<br />

E lei che rapporto ha con il denaro? Ho un rapporto sbadato.<br />

Nel senso che ne ho sempre avuto molto poco. A casa,<br />

di denaro non ce n’è mai stato molto. Adesso che qualche<br />

volta mi è capitato di averne un po’ di più, tendo a buttarlo<br />

via, a sprecarlo. Quando ce l’ho, lo spendo e non risparmio.<br />

Torni<strong>am</strong>o al romanzo che ha vinto il Premio Strega.<br />

Il protagonista Tommaso, ex obeso e bulimico, vive una<br />

profonda conflittualità con il proprio corpo. Lei invece<br />

ha affermato in passato di essere stato attratto per molto<br />

tempo dal corpo maschile muscoloso. Cosa c’è dietro a<br />

quest’<strong>am</strong>bivalenza? In realtà sono due visioni del corpo<br />

molto più vicine di quel che possa sembrare. Il corpo che<br />

ho desiderato per molti anni era un corpo erculeo, un corpo<br />

dove i muscoli erano esagerati, il corpo dei body-builder,<br />

per intenderci. I body-builder, così come gli anoressici<br />

e i bulimici, soffrono di disturbi alimentari e si nutrono in<br />

modo irregolare, per esempio mangiando dodici chiare<br />

d’uovo al mattino, prediligendo soltanto le proteine, per<br />

poi mettersi a dieta prima delle gare. Come anoressici e<br />

bulimici, anche i body-builder si guardano spesso allo<br />

specchio e vorrebbero adeguarsi a una forma fisica ideale,<br />

irraggiungibile. Questo li porta a considerare il proprio<br />

anoressico<br />

il disturbo<br />

alimentare<br />

nutrirsi<br />

Essstörung<br />

sich ernähren<br />

la chiara<br />

d’uovo<br />

prediligere<br />

la gara<br />

irraggiungibile<br />

l’estraneo<br />

la scissione<br />

esibire<br />

Gogo-Girl<br />

verloren gehen<br />

Arbeits-<br />

losigkeit<br />

verzichten<br />

Verlangen<br />

la pubblicità<br />

passeggero<br />

l’apice m.<br />

la ragazza<br />

immagine<br />

smarrire<br />

la disoccupazione<br />

rinunciare<br />

il desiderio<br />

Eiweiß<br />

vorziehen<br />

Wettk<strong>am</strong>pf<br />

unerreichbar<br />

Fremdkörper<br />

Spaltung<br />

zur Schau<br />

stellen<br />

Werbung<br />

vorübergehend<br />

Gipfel<br />

Manager<br />

Veröffentli-<br />

chung<br />

unglaubwürdig<br />

unachts<strong>am</strong><br />

wegwerfen<br />

verschwenden<br />

fettleibig<br />

angezogen<br />

herkulisch<br />

übertrieben<br />

d<strong>am</strong>it wir uns<br />

richtig<br />

verstehen<br />

magersüchtig<br />

il gestore<br />

la pubblicazione<br />

inattendibile<br />

sbadato<br />

buttare via<br />

sprecare<br />

obeso<br />

attratto<br />

erculeo<br />

esagerato<br />

per intenderci<br />

corpo come se fosse una specie di estraneo. Entr<strong>am</strong>bi vivono<br />

una netta scissione tra corpo e personalità.<br />

In Italia il corpo è un trofeo da esibire. Basta dare<br />

un’occhiata alla pubblicità e alla televisione. Si tratta di<br />

una fase passeggera o definitiva? Credo che l’apice di<br />

questa fase si sia avuto soprattutto negli anni Novanta.<br />

Le f<strong>am</strong>ose ragazze immagine di allora, oggi sono smarrite.<br />

Con la crescente disoccupazione, ho come l’impressione<br />

che il mito di diventare ricchi e f<strong>am</strong>osi si sia perso come<br />

una delle tante chimere alle quali i giovani sono<br />

costretti a rinunciare. Hanno altro a cui pensare. Ma la<br />

questione è quanto il desiderio infinito di essere gl<strong>am</strong>our<br />

sia entrato nei loro cervelli e come questi cervelli possano<br />

27<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


INTERVISTA - WALTER SITI<br />

Mi piace<br />

essere onesto [ehrlich] con me stesso e seguire<br />

la mia vocazione [Berufung] di scrittore in piena<br />

libertà<br />

i progr<strong>am</strong>mi di cultura in TV<br />

l’apertura dei cattolici verso gli omosessuali<br />

Non mi piace<br />

risparmiare<br />

la mancanza [Mangel] di etica nella finanza<br />

la Buchmesse di Francoforte (Siti ha confessato:<br />

“Vedere tanti libri tutti insieme mi dà un forte<br />

senso di inutilità [Nutzlosigkeit]. Ho l’impressione<br />

di non contare [zählen] niente. E che la massa di<br />

cose scritte sia talmente grande che ti travolge<br />

[travolgere: fortreißen]”)<br />

Lo scrittore<br />

Walter Siti (66),<br />

vincitore del<br />

Premio Strega<br />

2013.<br />

28<br />

Modenese di nascita e romano d’adozione [Wahlrömer],<br />

CHI È<br />

Walter Siti è un docente universitario di letteratura<br />

italiana in pensione. Autore trasversale [hier: vielseitig], ha scritto<br />

diversi saggi [Essays] su Pasolini e Montale, pubblicato volumi di<br />

critica letteraria, ma ha firmato anche progr<strong>am</strong>mi televisivi.<br />

Cura per il quotidiano La St<strong>am</strong>pa la rubrica Una finestra sul niente,<br />

dedicata alla televisione. Gay dichiarato, Siti ha spesso affrontato<br />

le questioni legate all’omosessualità, dando voce alle sue<br />

più profonde [tief gehende] ossessioni attraverso i personaggi dei<br />

suoi romanzi, in particolare nella trilogia Scuola di nudo (1994),<br />

Un dolore normale (1999), Troppi paradisi (2006), ma anche ne<br />

Il contagio (2008) e Autopsia dell’ossessione (2010). È considerato<br />

tra i più grandi romanzieri italiani contemporanei.<br />

hier: ob es<br />

ihnen gelingt<br />

oder nicht<br />

sich (zu)wenden<br />

Wert<br />

Speerspitze<br />

untergehen<br />

anstreben<br />

Regenbogen<br />

sich scheiden<br />

lassen<br />

reagire a un periodo di recessione, riuscendo o meno a<br />

indirizzarsi verso altri valori.<br />

In passato ha affermato: “Gli omosessuali rappresentano<br />

il modello d’avanguardia del consumismo del desiderio”.<br />

Che cosa intendeva dire? Il desiderio è la spina<br />

dorsale del nostro sistema economico. La società nella<br />

quale vivi<strong>am</strong>o è basata sul desiderio perché, se non desiderassimo<br />

un modello nuovo degli oggetti, ci terremmo<br />

quelli vecchi e non consumeremmo abbastanza. Nelle relazioni<br />

sessuali i gay, per la loro tendenza a c<strong>am</strong>biare molto<br />

spesso partner, erano una punta di di<strong>am</strong>ante di questo<br />

consumismo così trionfante. Ora invece credo che questo<br />

tipo di consumo sia tr<strong>am</strong>ontato e che le cose siano c<strong>am</strong>biate.<br />

Molti omosessuali <strong>am</strong>biscono a un compagno fisso,<br />

vogliono creare una f<strong>am</strong>iglia e addirittura adottare un<br />

b<strong>am</strong>bino. Stanno diventando l’avanguardia di un altro<br />

modello, quello della “f<strong>am</strong>iglia arcobaleno”.<br />

Ha divorziato dalla Chiesa per “eccesso di religiosità”.<br />

In che senso? Da adolescente ho iniziato a interessarmi alle<br />

scritture religiose, leggevo i testi dei teologi e pensavo che<br />

tutto dovesse essere autentico. Durante la confessione al<br />

prete dicevo di aver avuto certi pensieri, il prete mi assicuriuscendo<br />

o meno<br />

Rückgrat<br />

Wirtschafts-<br />

system<br />

behalten<br />

Beziehung<br />

indirizzarsi<br />

il valore<br />

la spina<br />

dorsale<br />

il sistema<br />

economico<br />

tenere<br />

la relazione<br />

la punta<br />

di di<strong>am</strong>ante<br />

tr<strong>am</strong>ontare<br />

<strong>am</strong>bire<br />

l’arcobaleno<br />

divorziare<br />

l’adolescente<br />

m.<br />

la confessione<br />

l’assoluzione f.<br />

giungere alla<br />

conclusione<br />

la sincerità<br />

l’<strong>am</strong>biente m.<br />

seppur<br />

la contraddizione<br />

lo schermo<br />

convincersi<br />

calare<br />

l’audience m.<br />

Jugendlicher<br />

Beichte<br />

Absolution<br />

zu dem Schluss<br />

kommen<br />

Ehrlichkeit<br />

Bereich<br />

auch wenn<br />

Widerspruch<br />

Bildschirm<br />

hier: glauben<br />

abnehmen<br />

Einschaltquote<br />

rava l’assoluzione se promettevo di non averli più. Non potendo<br />

prometterlo, non mi dava l’assoluzione e io non potevo<br />

fare la comunione. Sono giunto alla conclusione che<br />

la Chiesa non volesse la mia sincerità e me ne sono andato.<br />

Nel rapporto tra omessuali e Chiesa, sta c<strong>am</strong>biando<br />

qualcosa? Sì, oggi è molto più facile dichiararsi gay. Non<br />

in tutti gli <strong>am</strong>bienti e non sempre, ma certemente è più<br />

semplice. La Chiesa sta c<strong>am</strong>biando non tanto nelle dichiarazioni<br />

di papa Francesco, che ripete le posizioni classiche<br />

della religione cattolica, seppur usando il tono dialogante<br />

che gli è tipico, ma nel fatto che molti omosessuali dichiarano<br />

apert<strong>am</strong>ente di essere cristiani senza per questo sentire<br />

la contraddizione.<br />

Lei ha lavorato per la TV ed è critico televisivo. Che<br />

progr<strong>am</strong>ma le piacerebbe vedere sul piccolo schermo?<br />

La televisione ha tempi sempre più veloci, ma non riesco<br />

a convincermi che non si possa parlare di arte e di letteratura<br />

in TV. Si crede che l’arte possa annoiare e che parlare<br />

a lungo in TV faccia calare l’audience, ma sono convinto<br />

che molto dipende da chi parla.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

29<br />

wieder aufleben<br />

lassen<br />

breite Schul-<br />

tern haben,<br />

allerlei aushalten<br />

können<br />

im übertra-<br />

genen Sinne<br />

rilanciare<br />

(avere) le spalle<br />

larghe (pl.)<br />

metaforic<strong>am</strong>ente<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

30<br />

LEON BATTISTA<br />

ALBERTI<br />

Leon Battista Alberti<br />

nasce a Genova nel 1404.<br />

Si forma come umanista<br />

a Venezia e a Bologna, poi<br />

si sposta a Roma e a Firenze.<br />

Scrive il De f<strong>am</strong>ilia,<br />

in tre libri, e nel 1435 il De<br />

pictura, il primo trattato<br />

di arte pittorica concepito<br />

da una prospettiva intellettuale<br />

e non solo tecnica.<br />

Del 1450 è il De re aedificatoria,<br />

un fond<strong>am</strong>entale<br />

testo di architettura che<br />

diviene f<strong>am</strong>oso in tutta<br />

Europa. A Firenze progetta<br />

vari edifici, tra cui Palazzo<br />

Rucellai e la facciata<br />

di Santa Maria Novella.<br />

È una figura centrale<br />

nella cultura europea del<br />

Quattrocento: letterato,<br />

teorico dell’arte, architetto,<br />

umanista. Muore a<br />

Roma nell’aprile del 1472.<br />

spostarsi a<br />

il trattato<br />

l’arte (f.)<br />

pittorica<br />

progettare<br />

l’edificio<br />

la facciata<br />

umziehen<br />

nach<br />

Traktat<br />

Malkunst<br />

entwerfen<br />

Gebäude<br />

Fassade<br />

UNA “FOTOCOPIA”<br />

Modernste Analysen brachten eine komplette Zeichenvorlage<br />

unter dem Urbiner Gemälde der Idealstadt<br />

zum Vorschein. Weist diese architektonische<br />

Präzision auf Leon Battista Alberti als Meister hin?<br />

L’ATMOSFERA RAREFATTA E ARMONIOSA NEL CELEBRE DIPINTO<br />

DEL TARDO QUATTROCENTO LA CITTÀ<br />

IDEALE HA SEMPRE COMUNICATO UN<br />

dipinto gemalt SENSO DI MISTERO. L’ edificio curvo al centro<br />

e i nitidi palazzi ai lati hanno evocato per<br />

rarefatto ätherisch<br />

il dipinto Gemälde<br />

il tardo<br />

secoli una perfezione enigmatica che non si sapeva<br />

Quattrocento spätes 15. Jh.<br />

a chi attribuire con certezza. Forse alla<br />

la città ideale Idealstadt scuola di Piero della Francesca? Certo, quel pittore<br />

non era nuovo a esperimenti di tal gene-<br />

curvo hier: bogenförmig<br />

nitido klar<br />

re: si pensi alla sua Pala di Brera e all’uovo sospeso<br />

il lato Seite<br />

sopra la Vergine con il b<strong>am</strong>bino. Eppure,<br />

evocare heraufbeschwören,<br />

evozieren<br />

a ben guardare, potrebbe non essere così.<br />

enigmatico rätselhaft<br />

Due studiosi, Maurizio Saracini e Gabriele<br />

attribuire zuschreiben Morolli, hanno ipotizzato che a rappresentare<br />

nuovo neu, hier: una città tanto perfetta sia stato il più grande<br />

unbewandert<br />

teorico della costruzione vissuto nel Quattrocento:<br />

Leon Battista Alberti. Autore del De re ae-<br />

la pala Altarbild<br />

sospeso hier: hängend<br />

ipotizzare<br />

la costruzione<br />

annehmen<br />

Bau<br />

dificatoria, il principale trattato sull’architettura<br />

dell’età antica, Alberti avrebbe inserito in questa


26 a PUNTATA<br />

DIPINTA<br />

La Città ideale, dipinto conservato nella Galleria Nazionale delle Marche, a Urbino.<br />

“città ideale” alcuni particolari tratti dagli edifici che egli stesso<br />

aveva progettato e realizzato. Sarebbero dirett<strong>am</strong>ente citati in<br />

questa tempera su tavola, per esempio, i fiorentini Palazzo Rucellai<br />

➋, la facciata di Santa Maria Novella ➌ e il Tempio Malatestiano<br />

di Rimini ➍. Gli esperti hanno poi rilevato – attraverso<br />

analisi radiografiche e riflettografiche – che il disegno sottostante<br />

è assolut<strong>am</strong>ente identico alla resa in pittura, raro caso di<br />

antica “fotocopia monocroma”.<br />

il particolare Detail Ciò dimostrerebbe che non ci<br />

tratto da entnommen<br />

trovi<strong>am</strong>o di fronte all’opera di<br />

von<br />

la tavola Bild<br />

un pittore, ma di un architetto. I<br />

rilevare feststellen pittori, infatti, erano soliti mettere<br />

su tela solo alcune linee guida,<br />

radiografico Röntgenriflettografico<br />

reflektographisch<br />

per poi integrarle con il pennello.<br />

La precisione e la qualità del<br />

la resa Umsetzung<br />

in pittura in Malerei<br />

l’opera Werk<br />

disegno sottostante dimostrerebbero<br />

invece la paternità di un<br />

essere solito gewöhnlich<br />

fare qc. etw. tun architetto, Leon Battista Alberti,<br />

la tela Leinwand<br />

la linea guida hier: Hilfslinie appunto. La città ideale non sarebbe<br />

dunque solo il capolavoro<br />

il pennello Pinsel<br />

la paternità hier: Urheberschaft<br />

che da secoli <strong>am</strong>miri<strong>am</strong>o – ora<br />

appunto eben<br />

custodito alla Galleria Nazionale<br />

il capolavoro Meisterwerk di Urbino –, ma l’eccezionale testimonianza<br />

pittorica di uno dei<br />

custodito aufbewahrt<br />

la testimonianza<br />

Zeugnis più versatili talenti del Quattrocento<br />

versatile vielseitig<br />

italiano.<br />

IL PROGETTO DIVENTA REALTÀ<br />

UNA CITTÀ IDEALE<br />

IN TOSCANA<br />

Leon Battista Alberti era il principale referente<br />

per quanto concerne l’idea di “città<br />

ideale”, come dimostra anche il suo rapporto<br />

con papa Pio II Piccolomini, per il quale<br />

aveva lavorato. Il pontefice decise di tradurre<br />

in realtà il progetto di città illustrato nel De re aedificatoria.<br />

Dal 1459<br />

il referente Bezugsperson<br />

costruire in Toscana,<br />

al 1461 fece allora<br />

il rapporto Beziehung vicino a Siena, una<br />

fedelmente getreu<br />

cittadina che riproducesse<br />

fedelmente i<br />

illustrato veranschaulicht<br />

principi illustrati da<br />

in onore di zu Ehren von<br />

la pavimentazione<br />

Bodenbelag Nacque così la città<br />

Leon Battista Alberti.<br />

lo scorcio Ausschnitt di Pienza, in onore del<br />

pontefice. I suoi palazzi,<br />

le pavimentazioni, le prospettive e le proporzioni<br />

dei suoi edifici ricordano molto da vicino<br />

alcuni scorci de La città ideale.<br />

LA VERA “CITTÀ IDEALE”<br />

Un particolare della mappa di Pienza, in provincia<br />

di Siena, costruita per volere di papa Pio II<br />

Piccolomini sulla base delle teorie illustrate da<br />

Leon Battista Alberti nel suo De re aedificatoria.<br />

31<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

l’aeroplano<br />

il finestrino<br />

IN AEREO<br />

il bracciolo<br />

la cappelliera<br />

il sedile<br />

la maschera<br />

dell’ossigeno<br />

l’ala<br />

la turbina<br />

la hostess<br />

il carrello<br />

la stiva<br />

l’aeroporto<br />

il bagaglio/<br />

la valigia<br />

33<br />

la pista di<br />

atterraggio<br />

il passeggero<br />

il giubbotto di<br />

salvataggio<br />

la cintura di<br />

sicurezza<br />

il pilota<br />

la cabina di<br />

pilotaggio<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

il volo<br />

la sicurezza<br />

ripassare<br />

la valigia<br />

l’addetto<br />

il bagaglio<br />

a mano<br />

il liquido<br />

la carta<br />

d’imbarco<br />

Flug<br />

Sicherheit<br />

wiederholen<br />

Koffer<br />

Angestellter<br />

Handgepäck<br />

Flüssigkeit<br />

Bordkarte<br />

Sitzplatz<br />

Gepäckablage<br />

Reihe<br />

Flügel<br />

Sicherheits-<br />

gurt<br />

Armlehne<br />

Schlaf<br />

Wagen<br />

il posto<br />

a sedere<br />

la cappelliera<br />

la fila<br />

l’ala<br />

la cintura<br />

di sicurezza<br />

il bracciolo<br />

il sonno<br />

il carrello<br />

DI SICURO NELLA VOSTRA VITA AVETE GIÀ PRE-<br />

SO UN AEREO PER L’ITALIA. E di sicuro avete già sentito<br />

le informazioni che le hostess danno all’inizio del volo,<br />

per la sicurezza dei passeggeri. Molti dei nomi degli<br />

oggetti che vedete intorno a voi, quando siete a bordo di<br />

un aereo, li conoscete già. Altri forse no. Ecco quindi un<br />

testo per aiutarvi a ripassare.<br />

Abbi<strong>am</strong>o fatto il check-in per imbarcare una grossa valigia<br />

e abbi<strong>am</strong>o già passato i vari controlli. Un addetto ha visto<br />

quello che c’è dentro il nostro bagaglio a mano e ci ha fatto<br />

passare. Si<strong>am</strong>o a posto, anche stavolta abbi<strong>am</strong>o ricordato<br />

di non portare liquidi a bordo. Entri<strong>am</strong>o nell’aereo con la<br />

nostra carta d’imbarco in mano. Sopra c’è scritto il numero<br />

del nostro posto a sedere. Lo cerchi<strong>am</strong>o e, dopo qualche difficoltà,<br />

metti<strong>am</strong>o il nostro bagaglio a mano nella cappelliera<br />

che è già aperta sopra le file di sedili. Ci sedi<strong>am</strong>o. Il nostro<br />

posto è accanto a un piccolo finestrino che si chi<strong>am</strong>a<br />

oblò. Attraverso l’oblò ci divertiremo tra poco a guardare<br />

in basso e a vedere le case, la c<strong>am</strong>pagna, l’aeroporto diventare<br />

sempre più piccoli. Da dove si<strong>am</strong>o seduti vedi<strong>am</strong>o<br />

un’ala dell’aereo. Allacci<strong>am</strong>o la cintura di sicurezza ma<br />

poi ci ricordi<strong>am</strong>o che nel bagaglio a mano c’è il libro che<br />

abbi<strong>am</strong>o portato per il viaggio. Chiedi<strong>am</strong>o scusa al nostro<br />

vicino, sollevi<strong>am</strong>o il bracciolo del sedile e ci alzi<strong>am</strong>o, apri<strong>am</strong>o<br />

la cappelliera e la valigia sotto lo sguardo critico di<br />

una hostess. Prendi<strong>am</strong>o il libro e ci metti<strong>am</strong>o seduti.<br />

Le hostess hanno iniziato a dare le istruzioni per la sicurezza.<br />

Una voce le traduce in inglese. Apri<strong>am</strong>o il libro e,<br />

dopo una pagina, ci addormenti<strong>am</strong>o. Il viaggio può cominciare.<br />

Il nostro sonno durerà fino a quando una hostess<br />

passerà con il carrello per portarci una bibita e un<br />

piccolo snack.<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

ROMAN E LUISA IN AEREO<br />

il mal d’aria<br />

decollare<br />

promettere<br />

offendersi<br />

laurearsi<br />

il voto<br />

Flugkrankheit<br />

abheben<br />

versprechen<br />

beleidigt sein<br />

Uni abschließen<br />

Note<br />

ROMAN: Mi dai una di quelle<br />

pasticche contro il mal d’aria,<br />

per favore?<br />

LUISA: Ma prenderla adesso è<br />

perfett<strong>am</strong>ente inutile. L’aereo decolla<br />

tra cinque minuti e la pasticca<br />

ci mette due ore a fare effetto.<br />

ROMAN: E il volo quanto dura?<br />

LUISA: Un’ora e mezzo.<br />

ROMAN: Come? Solo un’ora e<br />

mezzo? Ma io volevo finire il libro<br />

di Antonio, prima di arrivare.<br />

LUISA: Amore, ma andi<strong>am</strong>o in<br />

Italia, i voli non sono mai lunghi.<br />

ROMAN: E adesso come faccio?<br />

Gli ho promesso di leggerlo prima<br />

di rivederlo. E Antonio verrà a<br />

prenderci all’aeroporto insieme<br />

a sua moglie.<br />

LUISA: Ma dai, mica si offenderà<br />

perché non hai finito il libro.<br />

ROMAN: Tu non lo conosci<br />

abbastanza. Antonio è una<br />

persona di parola e si aspetta<br />

la stessa cosa dagli altri.<br />

LUISA: Ma quanto è lungo il libro?<br />

ROMAN: 350 pagine.<br />

LUISA: Allora fai così: leggi le<br />

prime dieci pagine, le dieci pagine<br />

centrali e le ultime dieci pagine.<br />

La mia <strong>am</strong>ica Simona faceva<br />

sempre così, all’università.<br />

ROMAN: E si è laureata?<br />

LUISA: Certo, con il massimo dei<br />

voti.<br />

ROMAN: E che lavoro fa oggi?<br />

LUISA: Ma come? Simona? Ma la<br />

conosci benissimo! È il tuo medico!<br />

34<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Luisa e Roman stanno andando in ____________.<br />

2. Sono a bordo di un ____________.<br />

3. Lui vorrebbe una pasticca contro il mal ___________.<br />

4. L’<strong>am</strong>ico che verrà a prenderli all’aeroporto si chi<strong>am</strong>a<br />

____________.<br />

5. Verrà a prenderli insieme a sua ____________.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Quanto è lungo il libro che Roman deve leggere?<br />

2. Come si chi<strong>am</strong>a il medico di Roman?<br />

3. Quanto ci mette la pasticca a fare effetto?<br />

4. Quanto durerà il volo?<br />

5. Quando decolla l’aereo?<br />

PERSONAGGI<br />

FAMOSI<br />

Quanti nomi di personaggi storici italiani<br />

conoscete? Nell’esercizio 3 vi daremo<br />

informazioni che riguardano alcuni di<br />

questi personaggi. Il loro nome, però,<br />

sarà incompleto: mancherà il nome o il<br />

cognome. A voi riempire gli spazi vuoti.<br />

Prima di guardare le nostre soluzioni,<br />

provate a chiedere a un <strong>am</strong>ico italiano.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attent<strong>am</strong>ente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

1<br />

4<br />

2<br />

3<br />

Orizzontali:<br />

4. Una grande attrice citata<br />

nell’esercizio 3: Anna …<br />

6. Il sedile ha un … per<br />

appoggiare il braccio.<br />

7. La sedia su un aereo o in<br />

un’automobile si chi<strong>am</strong>a …<br />

9. Un’altra grande attrice citata<br />

nell’esercizio 3: Sofia …<br />

10. In fase di decollo si<br />

allacciano le cinture di…<br />

8<br />

6<br />

7<br />

5<br />

Verticali:<br />

1. Per salire sull’aereo ci<br />

vuole la carta di …<br />

2. “O Roma o morte”, disse<br />

Giuseppe …<br />

3. Il bagaglio a mano in aereo<br />

si mette nella …<br />

5. “Eppur si muove”, disse<br />

Galileo …<br />

6. La Cappella Sistina fu<br />

affrescata da Michelangelo<br />

…<br />

8. Il finestrino di una nave o<br />

di un aereo si chi<strong>am</strong>a …<br />

35<br />

9<br />

10<br />

SOLUZIONI 01.2014<br />

Esercizio 3*:<br />

1. La Cappella Sistina è stata dipinta da Michelangelo<br />

__________________________________.<br />

2. ______________ Pavarotti è stato un grande tenore italiano.<br />

3. “O Roma o morte” è una frase molto celebre di ____________<br />

Garibaldi.<br />

4. Il vero nome del cantante Jovanotti è ___________ Cherubini.<br />

5. “Eppur si muove”, disse Galileo ______________.<br />

6. Una delle più f<strong>am</strong>ose attrici italiane: ______________ Loren.<br />

7. E una grande attrice italiana: ______________ Magnani.<br />

1P<br />

A<br />

2C<br />

R<br />

3F R A G O R E U<br />

4F A S<br />

5<br />

R B P C<br />

U R N O<br />

6S P E C C H I E T T O<br />

C Z U T<br />

I Z M O<br />

7<br />

8<br />

V O L A N T E A E<br />

T C<br />

9<br />

10<br />

B A G A G L I A I O<br />

P<br />

C<br />

11<br />

F I S C H I O<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


chiedi?<br />

2010 13<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

PAGINE FACILI<br />

MARIA GIOVANNA,<br />

LA “PASIONARIA”<br />

DELLA CROCE ROSSA<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SUL PASSATO<br />

REMOTO<br />

7<br />

C<br />

8<br />

9<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

D<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

A<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

©<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (erreichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schnell) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

E<br />

B<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichn<strong>am</strong>) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat), un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chi<strong>am</strong>ano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht) su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

F<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

C<br />

G<br />

D<br />

H<br />

E<br />

I<br />

F<br />

J<br />

G<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ci<strong>am</strong>pino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

F<br />

2<br />

Das Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

Italienisch reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

In Zus<strong>am</strong>menarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

ARRIVO<br />

K<br />

H<br />

L<br />

I<br />

M<br />

J<br />

1<br />

2<br />

K<br />

3<br />

4<br />

5<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

denza<br />

la Croce Rossa<br />

contribuire<br />

approfondire<br />

l’impegno<br />

la motivazione<br />

la battaglia<br />

bisognoso<br />

impedire<br />

la catena<br />

Jura<br />

Rotes Kreuz<br />

beitragen<br />

vertiefen<br />

Einsatz<br />

Begründung<br />

Schlacht<br />

bedürftig<br />

verhindern<br />

Kette<br />

È UN’ALTRA DELLE TANTE STORIE DI “EC-<br />

CELLENZA ITALIANA”. Ma è anche un’altra<br />

delle tante storie di italiani che utilizzano il loro<br />

talento all’estero. Si chi<strong>am</strong>a Maria Giovanna Pietropaolo,<br />

ha 25 anni ed è calabrese. Vive a Ginevra,<br />

in Svizzera, e poco tempo fa è stata la prima<br />

italiana a vincere un prestigioso premio: il premio<br />

“Henry Dunant” per i diritti umani. Dopo la laurea<br />

in Giurisprudenza e un master, Maria Giovanna<br />

è andata in Svizzera a lavorare per la Croce<br />

Rossa internazionale. Qui fa parte dell’Accademia<br />

del diritto umanitario internazionale. I suoi scritti<br />

sono stati considerati “un lavoro accademico eccezionale<br />

che contribuisce ad approfondire e rinnovare<br />

l’impegno nel c<strong>am</strong>po dei diritti umani”.<br />

Questa la motivazione<br />

del premio,<br />

utilizzare nutzen<br />

all’estero im Ausland<br />

intitolato a Henry<br />

vincere gewinnen<br />

i diritti (pl.) Menschenumani<br />

rechte nel 1863 ha fondato<br />

Dunant, l’uomo che<br />

la giurispru-<br />

la Croce Rossa dopo<br />

aver visto l’orrore della battaglia di Solferino.<br />

Maria Giovanna Pietropaolo, nel suo lavoro, cerca<br />

una prospettiva per la solidarietà, contro gli<br />

interessi nazionali. In molte catastrofi umanitarie,<br />

sostiene Maria Giovanna, “di fronte a gente<br />

bisognosa ci sono governi che per ragioni politiche<br />

impediscono la catena della solidarietà”.<br />

Esercizio 4:<br />

Trasformate i seguenti verbi, presenti nel testo, dal presente indicativo al<br />

passato remoto, come nell’esempio:<br />

utilizzarono<br />

➔ utilizzano_____________________<br />

1. si chi<strong>am</strong>a _____________________<br />

2. vive __________________________<br />

3. fa parte _______________________<br />

Sopra: un’immagine di Henry<br />

Dunant, fondatore della Croce<br />

Rossa. Sotto: Maria Giovanna<br />

Pietropaolo.<br />

4. contribuisce___________________<br />

5. cerca _________________________<br />

6. sostiene ______________________<br />

7. ci sono _______________________<br />

8. impediscono __________________<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. Italia; 2. aereo; 3. d’aria; 4. Antonio; 5. moglie.<br />

ESERCIZIO 2: 1. 350 pagine; 2. Simona; 3. due ore; 4. un’ora e mezzo; 5. fra cinque minuti.<br />

ESERCIZIO 3: 1. Buonarroti; 2. Luciano; 3. Giuseppe; 4. Lorenzo; 5. Galilei; 6. Sofia;<br />

7. Anna. ESERCIZIO 4: 1. si chi<strong>am</strong>ò; 2. visse; 3. fece parte; 4. contribuì; 5. cercò; 6. sostenne;<br />

7. ci furono; 8. impedirono.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


37 <strong>ADESSO</strong> 02.2014 L’ITALIANO IN TABELLE<br />

EXTRA IM HEFT<br />

TABELLA 1<br />

VERBI: CONDIZIONALE SEMPLICE DEI VERBI REGOLARI IN -ARE, -ERE, -IRE B2-C1<br />

io<br />

tu<br />

lui/lei/Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

Attenzione:<br />

TABELLA 2<br />

VERBI: CONDIZIONALE SEMPLICE DEI PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI B2-C1<br />

andare<br />

avere<br />

bere<br />

dare<br />

dovere<br />

essere<br />

fare<br />

potere<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

Gr<strong>am</strong>matik im Griff: Das Wichtigste in 19 Tabellen...<br />

zum Herausnehmen und Aufbewahren.<br />

Il condizionale semplice si usa:<br />

• per esprimere una richiesta o un consiglio in modo cortese: Mi daresti l’indirizzo di tuo fratello?<br />

• per esprimere un desiderio: Vorrei tanto andare in vacanza!<br />

• per esprimere un’opinione personale o un dubbio: Secondo me il governo [Regierung] dovrebbe abbassare le tasse [Steuern].<br />

• per riportare una notizia non confermata: Il papa partirebbe per l’Asia il mese prossimo.<br />

lavorerei<br />

lavoreresti<br />

lavorerebbe<br />

lavoreremmo<br />

lavorereste<br />

lavorerebbero<br />

LAVORARE<br />

molto<br />

lavoreremo = wir werden arbeiten<br />

lavoreremmo = wir würden arbeiten<br />

andrei, andresti, andrebbe, andremmo,<br />

andreste, andrebbero a casa<br />

avrei, avresti, avrebbe, avremmo, avreste,<br />

avrebbero dei figli<br />

berrei, berresti, berrebbe, berremmo, berreste,<br />

berrebbero un caffè<br />

darei, daresti, darebbe, daremmo, dareste,<br />

darebbero un bacio<br />

dovrei, dovresti, dovrebbe, dovremmo,<br />

dovreste, dovrebbero lavorare<br />

sarei, saresti, sarebbe, saremmo, sareste,<br />

sarebbero in vacanza<br />

farei, faresti, farebbe, faremmo, fareste,<br />

farebbero una torta<br />

potrei, potresti, potrebbe, potremmo, potreste,<br />

potrebbero uscire<br />

leggerei<br />

leggeresti<br />

leggerebbe<br />

leggeremmo<br />

leggereste<br />

leggerebbero<br />

LEGGERE<br />

rimanere<br />

sapere<br />

Attenzione: come tenere si coniugano i suoi composti appartenere [gehören], attenere [betreffen], contenere [enthalten], ecc.<br />

stare<br />

tenere<br />

vedere<br />

venire<br />

vivere<br />

volere<br />

un libro<br />

leggeremo = wir werden lesen<br />

leggeremmo = wir würden lesen<br />

finirei<br />

finiresti<br />

finirebbe<br />

finiremmo<br />

finireste<br />

finirebbero<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

FINIRE<br />

rimarrei, rimarresti, rimarrebbe, rimarremmo,<br />

rimarreste, rimarrebbero a casa<br />

saprei, sapresti, saprebbe, sapremmo,<br />

sapreste, saprebbero la verità<br />

starei, staresti, starebbe, staremmo,<br />

stareste, starebbero bene<br />

B2-C2<br />

terrei, terresti, terrebbe, terremmo, terreste,<br />

terrebbero in braccio il bebè<br />

vedrei, vedresti, vedrebbe, vedremmo,<br />

vedreste, vedrebbero un bel panor<strong>am</strong>a<br />

l’università<br />

finiremo = wir werden beenden<br />

finiremmo = wir würden beenden<br />

verrei, verresti, verrebbe, verremmo, verreste,<br />

verrebbero dalla zia<br />

vivrei, vivresti, vivrebbe, vivremmo, vivreste,<br />

vivrebbero in Italia<br />

vorrei, vorresti, vorrebbe, vorremmo, vorreste,<br />

vorrebbero pagare<br />

FORTSETZUNG<br />

DER AUSGABE<br />

<strong>ADESSO</strong> 10.2013


TABELLA 3<br />

VERBI: CONDIZIONALE COMPOSTO<br />

B2-C1<br />

Il condizionale composto si usa:<br />

• per esprimere un desiderio non realizzato: Sarei andato volentieri in vacanza!<br />

• per esprimere il futuro nel passato: Tempo fa mi ha detto che avrebbe voluto c<strong>am</strong>biare lavoro, ma non so se l’ha fatto.<br />

io<br />

tu<br />

lui/lei/Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

IL CONDIZIONALE COMPOSTO CON AVERE<br />

avrei<br />

avresti<br />

avrebbe<br />

avremmo<br />

avreste<br />

avrebbero<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

con l’insegnante<br />

IL CONDIZIONALE COMPOSTO CON ESSERE<br />

sarei<br />

saresti<br />

sarebbe<br />

saremmo<br />

sareste<br />

sarebbero<br />

andato/a<br />

andato/a<br />

andato/a<br />

andati/e<br />

andati/e<br />

andati/e<br />

TABELLA 5<br />

VERBI: CONGIUNTIVO PRESENTE DEI PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI<br />

andare<br />

avere<br />

dovere<br />

dare<br />

essere<br />

fare<br />

piacere<br />

porre<br />

vada, vada, vada, andi<strong>am</strong>o, andiate, vadano<br />

a casa<br />

abbia, abbia, abbia, abbi<strong>am</strong>o, abbiate,<br />

abbiano dei figli<br />

debba, debba, debba, dobbi<strong>am</strong>o, dobbiate,<br />

debbano lavorare<br />

dia, dia, dia, di<strong>am</strong>o, diate, diano un bacio<br />

sia, sia, sia, si<strong>am</strong>o, siate,<br />

siano in vacanza<br />

faccia, faccia, faccia, facci<strong>am</strong>o, facciate,<br />

facciano una torta<br />

piaccia, piaccia, piaccia, piacci<strong>am</strong>o, piacciate,<br />

piacciano a Luigi<br />

ponga, ponga, ponga, poni<strong>am</strong>o, poniate,<br />

pongano i fiori nel vaso<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

TABELLA 4<br />

VERBI: CONGIUNTIVO PRESENTE DEI VERBI REGOLARI IN -ARE, -ERE, -IRE<br />

I principali usi del congiuntivo:<br />

• dopo verbi ed espressioni che<br />

esprimono sentimento, come temere,<br />

avere paura, sperare, essere felice:<br />

Temo che Mariella si <strong>am</strong>mali.<br />

• dopo verbi ed espressioni che esprimono<br />

opinione, come credere, pensare, ritenere,<br />

supporre: Penso che Mariella si <strong>am</strong>mali.<br />

• dopo verbi che esprimono volontà,<br />

io<br />

tu<br />

lui/lei/Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

mangi<br />

mangi<br />

mangi<br />

mangi<strong>am</strong>o<br />

mangiate<br />

mangino<br />

MANGIARE<br />

poco<br />

come volere, desiderare, pretendere:<br />

Voglio che tu dica la verità.<br />

• dopo verbi ed espressioni che esprimono<br />

dubbio, come dubitare, non essere<br />

sicuro: Dubito che tu dica la verità.<br />

• dopo verbi impersonali, come basta,<br />

bisogna, conviene, sembra, pare:<br />

Basta che tu dica la verità.<br />

• dopo si dice/dicono: Si dice che in questo<br />

legga<br />

legga<br />

legga<br />

leggi<strong>am</strong>o<br />

leggiate<br />

leggano<br />

LEGGERE<br />

un libro<br />

potere<br />

rimanere<br />

sapere<br />

stare<br />

tenere<br />

uscire<br />

venire<br />

volere<br />

apra<br />

apra<br />

apra<br />

apri<strong>am</strong>o<br />

apriate<br />

aprano<br />

APRIRE<br />

finisca<br />

finisca<br />

finisca<br />

fini<strong>am</strong>o<br />

finiate<br />

finiscano<br />

al cinema<br />

FINIRE<br />

B2-C1<br />

ristorante si mangi meglio che altrove.<br />

• dopo il verbo essere alla forma impersonale<br />

+ aggettivo, avverbio o nome:<br />

È meglio che tu vada in Germania per<br />

imparare il tedesco.<br />

• dopo affinché, benché, nonostante,<br />

sebbene, a patto che, prima che, chiunque,<br />

ecc.: Benché io non sappia sciare,<br />

vengo in montagna con voi.<br />

la porta<br />

i compiti<br />

[Hausaufgaben]<br />

Attenzione: come finire si coniugano anche capire, costruire, preferire, pulire, sostituire, spedire, unire, chiarire, impedire, tradire.<br />

B2-C1<br />

possa, possa, possa, possi<strong>am</strong>o, possiate,<br />

possano uscire<br />

rimanga, rimanga, rimanga, rimani<strong>am</strong>o,<br />

rimaniate, rimangano a casa<br />

sappia, sappia, sappia, sappi<strong>am</strong>o, sappiate,<br />

sappiano la verità<br />

stia, stia, stia, sti<strong>am</strong>o, stiate, stiano bene<br />

tenga, tenga, tenga, teni<strong>am</strong>o, teniate, tengano<br />

in braccio il bebè<br />

esca, esca, esca, usci<strong>am</strong>o, usciate,<br />

escano da scuola<br />

venga, venga, venga, veni<strong>am</strong>o,<br />

veniate, vengano dalla zia<br />

voglia, voglia, voglia, vogli<strong>am</strong>o,<br />

vogliate, vogliano pagare<br />

Attenzione: il verbo dovere al congiuntivo presente può avere anche le forme: deva, deva, deva, dobbi<strong>am</strong>o, dobbiate, devano.<br />

Attenzione: come piacere si coniugano anche giacere [liegen] e tacere [schweigen].<br />

38 <strong>ADESSO</strong> 02.2014 L’ITALIANO IN TABELLE


39 <strong>ADESSO</strong> 02.2014 L’ITALIANO IN TABELLE<br />

TABELLA 7<br />

VERBI: CONCORDANZA DEL CONGIUNTIVO PRESENTE E PASSATO<br />

FRASE PRINCIPALE<br />

FRASE SECONDARIA [Nebensatz]<br />

Congiuntivo<br />

B2-C1<br />

Tempi azione futura azione contemporanea [gleichzeitig] azione passata<br />

presente<br />

futuro<br />

imperativo<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

TABELLA 6<br />

VERBI: CONGIUNTIVO PASSATO<br />

io<br />

tu<br />

lui/lei/Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

IL CONGIUNTIVO PASSATO CON AVERE<br />

abbia<br />

abbia<br />

abbia<br />

abbi<strong>am</strong>o<br />

abbiate<br />

abbiano<br />

Immagino che…<br />

Immaginerò che…<br />

Immagina che…<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

con l’insegnante<br />

IL CONGIUNTIVO PASSATO CON ESSERE<br />

sia<br />

sia<br />

sia<br />

si<strong>am</strong>o<br />

siate<br />

siano<br />

andato/a<br />

andato/a<br />

andato/a<br />

andati/e<br />

andati/e<br />

andati/e<br />

al cinema<br />

B2-C1<br />

voi partiate domani voi partiate adesso voi siate partiti ieri<br />

TABELLA 8<br />

VERBI: CONGIUNTIVO IMPERFETTO DEI VERBI REGOLARI IN -ARE, -ERE, -IRE B2-C1<br />

MANGIARE<br />

LEGGERE<br />

FINIRE<br />

TABELLA 9<br />

VERBI: CONGIUNTIVO IMPERFETTO DEI PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI<br />

bere<br />

dare<br />

essere<br />

io<br />

tu<br />

lui/lei/Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

bevessi, bevessi, bevesse, bevessimo,<br />

beveste, bevessero un caffè<br />

dessi, dessi, desse, dessimo, deste, dessero<br />

un bacio<br />

fossi, fossi, fosse, fossimo, foste, fossero<br />

in vacanza<br />

TABELLA 10<br />

VERBI: CONGIUNTIVO TRAPASSATO<br />

io<br />

tu<br />

lui/lei/Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

mangiassi<br />

mangiassi<br />

mangiasse<br />

mangiassimo<br />

mangiaste<br />

mangiassero<br />

IL CONGIUNTIVO TRAPASSATO CON AVERE<br />

avessi<br />

avessi<br />

avesse<br />

avessimo<br />

aveste<br />

avessero<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

parlato<br />

poco<br />

leggessi<br />

leggessi<br />

leggesse<br />

leggessimo<br />

leggeste<br />

leggessero<br />

con l’insegnante<br />

fare<br />

stare<br />

andare<br />

un libro<br />

fossi<br />

fossi<br />

fosse<br />

fossimo<br />

foste<br />

fossero<br />

finissi<br />

finissi<br />

finisse<br />

finissimo<br />

finiste<br />

finissero<br />

B2-C1<br />

facessi, facessi, facesse, facessimo, faceste,<br />

facessero una torta<br />

stessi, stessi, stesse, stessimo, steste,<br />

stessero bene<br />

andassi, andassi, andasse, andassimo, andasste,<br />

andassimo a casa<br />

andato/a<br />

andato/a<br />

andato/a<br />

andati/e<br />

andati/e<br />

andati/e<br />

i compiti<br />

al cinema<br />

B2-C1<br />

IL CONGIUNTIVO TRAPASSATO CON ESSERE


TABELLA 12<br />

VERBI: IL PERIODO IPOTETICO<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

TABELLA 11<br />

VERBI: CONCORDANZA DEL CONGIUNTIVO PRESENTE E PASSATO<br />

FRASE PRINCIPALE<br />

presente o futuro<br />

condizionale semplice<br />

condizionale composto<br />

TABELLA 13<br />

VERBI: LA FORMA PASSIVA<br />

FRASE SECONDARIA<br />

se + presente o<br />

futuro<br />

se + congiuntivo<br />

imperfetto<br />

se + congiuntivo<br />

trapassato<br />

Vado/Andrò al mare se il<br />

tempo è/sarà bello.<br />

Andrei al mare se il<br />

tempo fosse bello.<br />

Sarei andato al mare se il<br />

tempo fosse stato bello.<br />

VERBO ESSERE (O VENIRE) + PARTICIPIO PASSATO + DA<br />

L’ipotesi è reale o<br />

molto probabile.<br />

L’ipotesi è possibile,<br />

ma non sicura.<br />

L’ipotesi è impossibile<br />

e irrealizzabile.<br />

Roma è / viene visitata da molti stranieri [Ausländer]<br />

Roma è stata visitata da molti stranieri<br />

Roma era / veniva visitata da molti stranieri<br />

Roma fu / venne visitata da molti stranieri<br />

Roma sarà / verrà visitata da molti stranieri<br />

Roma sarebbe / verrebbe visitata da molti stranieri<br />

Roma era stata visitata da molti stranieri<br />

Roma sarebbe stata visitata da molti stranieri<br />

Attenzione: con i tempi semplici (presente, imperfetto, passato remoto, futuro, condizionale semplice) si può usare venire al<br />

posto di essere: sono/vengo invitato da, ero/venivo invitato da, fui/venni invitato da, sarò/verrò invitato da, sarei/verrei invitato da.<br />

TABELLA 14<br />

VERBI: PASSATO REMOTO DEI VERBI REGOLARI IN -ARE, -ERE, -IRE<br />

Il passato remoto si usa:<br />

• per indicare un’azione conclusa nel passato e che non ha più continuazione nel presente: Mio nonno emigrò in America nel 1949.<br />

io<br />

tu<br />

lui/lei/Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

lavorai<br />

lavorasti<br />

lavorò<br />

lavor<strong>am</strong>mo<br />

lavoraste<br />

lavorarono<br />

LAVORARE<br />

molto<br />

credei/etti<br />

credesti<br />

credé/ette<br />

credemmo<br />

credeste<br />

CREDERE<br />

crederono/ettero<br />

alle sue<br />

parole<br />

finii<br />

finisti<br />

finì<br />

finimmo<br />

finiste<br />

finirono<br />

FINIRE<br />

Attenzione: solo pochi verbi in -ere sono regolari al passato remoto. Questi verbi hanno le forme temei / temetti<br />

alla prima persona singolare; alla terza persona singolare temé / temette; alla terza persona plurale temerono/temettero.<br />

Le forme più usate sono quelle in -etti, -ette, -ettero.<br />

B2-C1<br />

Tempi azione futura azione contemporanea azione passata<br />

passato prossimo<br />

imperfetto<br />

trapassato prossimo<br />

passato remoto<br />

condizionale semplice<br />

condizionale composto<br />

FRASE PRINCIPALE<br />

Ho immaginato che…<br />

Immaginavo che…<br />

Avevo immaginato che….<br />

Immaginai che…<br />

Immaginerei che…<br />

Avrei immaginato che…<br />

FRASE SECONDARIA [Nebensatz]<br />

Congiuntivo<br />

voi partiste domani. voi partiste adesso. voi foste partiti ieri.<br />

l’università<br />

C2<br />

B2<br />

B2<br />

40 <strong>ADESSO</strong> 02.2014 L’ITALIANO IN TABELLE


41 <strong>ADESSO</strong> 02.2014 L’ITALIANO IN TABELLE<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

TABELLA 15<br />

VERBI: PASSATO REMOTO DEI PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI<br />

B2<br />

avere ebbi, avesti, ebbe, avemmo, aveste, ebbero figli essere fui, fosti, fu, fummo, foste, furono in vacanza<br />

chiedere<br />

chiudere<br />

conoscere<br />

correre<br />

crescere<br />

decidere<br />

dire<br />

fare<br />

giungere<br />

[ankommen]<br />

leggere<br />

mettere<br />

nascere<br />

chiesi, chiedesti, chiese, chiedemmo,<br />

chiedeste, chiesero un’informazione<br />

chiusi, chiudesti, chiuse, chiudemmo,<br />

chiudeste, chiusero la porta<br />

conobbi, conoscesti, conobbe, conoscemmo,<br />

conosceste, conobbero il mio fidanzato [Verlobter]<br />

corsi, corresti, corse, corremmo, correste,<br />

corsero velocemente<br />

crebbi, crescesti, crebbe, crescemmo,<br />

cresceste, crebbero un figlio<br />

decisi, decidesti, decise, decidemmo, decideste,<br />

decisero la data del matrimonio [Hochzeit]<br />

dissi, dicesti, disse, dicemmo, diceste,<br />

dissero la verità<br />

feci, facesti, fece, facemmo, faceste, fecero<br />

una torta<br />

giunsi, giungesti, giunse, giungemmo,<br />

giungeste, giunsero a casa<br />

lessi, leggesti, lesse, leggemmo, leggeste,<br />

lessero un libro<br />

misi, mettesti, mise, mettemmo, metteste,<br />

misero l’auto in garage<br />

nacqui, nascesti, nacque, nascemmo,<br />

nasceste, nacquero nel 1936<br />

prendere<br />

rimanere<br />

rispondere<br />

sapere<br />

scegliere<br />

scrivere<br />

stare<br />

tenere<br />

vedere<br />

venire<br />

vivere<br />

volere<br />

presi, prendesti, prese, prendemmo,<br />

prendeste, presero il pacco<br />

rimasi, rimanesti, rimase, rimanemmo,<br />

rimaneste, rimasero a casa<br />

risposi, rispondesti, rispose, rispondemmo,<br />

rispondeste, risposero subito<br />

seppi, sapesti, seppe, sapemmo, sapeste,<br />

seppero la verità<br />

scelsi, scegliesti, scelse, scegliemmo,<br />

sceglieste, scelsero la giacca blu<br />

scrissi, scrivesti, scrisse, scrivemmo,<br />

scriveste, scrissero una mail<br />

stetti, stesti, stette, stemmo, steste, stettero<br />

bene<br />

tenni, tenesti, tenne, tenemmo, teneste,<br />

tennero in braccio il bebè<br />

vidi, vedesti, vide, vedemmo, vedeste, videro<br />

un bel panor<strong>am</strong>a<br />

venni, venisti, venne, venimmo, veniste,<br />

vennero dalla zia<br />

vissi, vivesti, visse, vivemmo, viveste, vissero<br />

a Berlino<br />

volli, volesti, volle, volemmo, voleste, vollero<br />

pagare<br />

TABELLA 16<br />

IL DISCORSO INDIRETTO CON FRASE PRINCIPALE AL PRESENTE<br />

DISCORSO DIRETTO<br />

Anna dice: “Sono stanca”.<br />

Anna e Valerio dicono:<br />

“Ci vogli<strong>am</strong>o bene”.<br />

Anna dice: ”Sono qui”.<br />

Anna dice: “Mia zia sta molto male”.<br />

L’insegnante dice: “Fate i compiti”.<br />

DISCORSO INDIRETTO<br />

Anna dice che è stanca.<br />

Anna e Valerio dicono che<br />

si vogliono bene.<br />

Anna dice che è lì.<br />

Anna dice che sua zia sta molto male.<br />

L’insegnante dice di fare i compiti.<br />

TABELLA 17<br />

IL DISCORSO INDIRETTO CON FRASE PRINCIPALE AL PASSATO<br />

DISCORSO DIRETTO<br />

Anna disse: “Sono stanca”.<br />

Anna ha detto: “Sono stata al cinema”.<br />

Anna disse: “Sarò in ufficio per le 8”.<br />

Anna aveva detto: “Vorrei uscire”.<br />

L’insegnante disse: “Fate i compiti”.<br />

Anna ha detto: “Ero stanca”.<br />

Anna diceva: “Amai molto Giorgio”.<br />

Anna disse: “Ero arrivata tardi”.<br />

DISCORSO INDIRETTO<br />

Anna disse che era stanca.<br />

Anna ha detto che era stata al cinema.<br />

Anna disse che sarebbe<br />

stata in ufficio per le 8.<br />

Anna aveva detto che avrebbe<br />

voluto/sarebbe voluta uscire.<br />

L’insegnante disse di fare i compiti.<br />

Anna ha detto che era stanca.<br />

Anna diceva che <strong>am</strong>ò molto Giorgio.<br />

Anna disse che era arrivata tardi.<br />

il verbo può c<strong>am</strong>biare persona<br />

i pronomi possono<br />

c<strong>am</strong>biare<br />

gli avverbi possono c<strong>am</strong>biare<br />

C1<br />

gli aggettivi possessivi possono c<strong>am</strong>biare<br />

imperativo > “di + infinito”<br />

presente > imperfetto<br />

passato prossimo ><br />

trapassato prossimo<br />

futuro > condizionale composto<br />

il condizionale semplice diventa<br />

condizionale composto<br />

imperativo > “di + infinito”<br />

l’imperfetto rimane invariato<br />

il passato remoto rimane invariato<br />

C1<br />

il trapassato prossimo rimane invariato


TABELLA 18<br />

PRONOMI RELATIVI<br />

che<br />

Invariabile<br />

cui<br />

Invariabile<br />

il / la quale<br />

i / le quali*<br />

Variabile<br />

TABELLA 19<br />

CONGIUNZIONI<br />

CAUSALI<br />

CONGIUNZIONI<br />

TEMPORALI<br />

CONGIUNZIONI<br />

FINALI<br />

CONGIUNZIONI<br />

CONDIZIONALI<br />

CONGIUNZIONI<br />

CONSECUTIVE<br />

CONGIUNZIONI<br />

ECCETTUATIVE<br />

CONGIUNZIONI<br />

CONCESSIVE<br />

CONGIUNZIONI<br />

MODALI<br />

CONGIUNZIONI<br />

DICHIARATIVE<br />

SOGGETTO<br />

La macchina che è<br />

parcheggiata sotto<br />

casa è mia.<br />

OGGETTO<br />

perché, siccome, poiché, dato che,<br />

visto che, dal momento che [da, weil ]<br />

appena [sobald], dopo che [nachdem],<br />

finché [solange, bis], mentre<br />

[während ], quando [wenn], ogni volta<br />

che [immer wenn]<br />

prima che [bevor]<br />

affinché, perché [d<strong>am</strong>it]<br />

se [falls]<br />

La signora che<br />

abbi<strong>am</strong>o incontrato<br />

si chi<strong>am</strong>a Maria.<br />

- -<br />

Ho incontarto la<br />

sorella di Luca,<br />

il quale**<br />

va all'università.<br />

così … che, cosicché, tanto …che,<br />

a tal punto che… [so sehr, dass]<br />

-<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

+ verbo<br />

all’indicativo<br />

+ verbo<br />

all’indicativo<br />

+ verbo al<br />

congiuntivo<br />

+ verbo al<br />

congiuntivo<br />

+ verbo<br />

all’indicativo o<br />

al congiuntivo<br />

+ verbo al<br />

congiuntivo<br />

+ verbo<br />

all’indicativo<br />

+ verbo al<br />

congiuntivo<br />

+ verbo<br />

all’indicativo<br />

+ verbo al<br />

congiuntivo<br />

+ verbo al<br />

congiuntivo<br />

+ verbo all’indicativo<br />

+ verbo al<br />

congiuntivo<br />

DOPO PREPOSIZIONE<br />

Non usci<strong>am</strong>o perché fa troppo caldo.<br />

Dato che fa troppo caldo non usci<strong>am</strong>o.<br />

Quando fa troppo caldo non usci<strong>am</strong>o.<br />

Prima che parta, avvertimi!<br />

Affinché tu possa superare l’es<strong>am</strong>e,<br />

ti do alcuni consigli.<br />

Se fa/facesse troppo caldo,<br />

non usci<strong>am</strong>o/usciremmo.<br />

B1-B2<br />

• di cui Ecco il libro di cui ti parlavo.<br />

• in cui A mia moglie non piace la casa in cui vivi<strong>am</strong>o.<br />

• con cui Chi è quel ragazzo con cui esci?<br />

(funziona allo stesso modo con tutte le altre preposizioni)<br />

DOPO ARTICOLO<br />

il cui, la cui, i cui, le cui<br />

Fabio, la cui moglie è svizzera, lavora con me.<br />

DOPO PREPOSIZIONE<br />

• del quale Ecco il libro del quale ti parlavo.<br />

• nel quale A Sara non piace la casa nella quale vivi<strong>am</strong>o.<br />

• con il quale Chi è quel ragazzo con il quale esci?<br />

(funziona allo stesso modo con tutte le altre preposizioni)<br />

* Il quale, la quale, i quali, le quali, sono pronomi relativi variabili e si concordano sempre con le parole a cui si riferiscono.<br />

**In questo caso è meglio usare il quale, invece di che, per evitare equivoci.<br />

CONGIUNZIONI SUBORDINATIVE<br />

nel caso che [falls], purché [vorausgesetzt,<br />

dass], a patto che, a condizione<br />

che [unter der Bedingung, dass]<br />

a meno che [es sei denn, dass], eccetto<br />

che [außer ], salvo che, tranne<br />

che [ausgenommen], senza che<br />

anche se [auch wenn]<br />

sebbene, benché, malgrado<br />

[obwohl ], nonostante (che) [trotz]<br />

come se, quasi che [als ob]<br />

che [dass]<br />

il fatto che [die Tatsache, dass]<br />

Nel caso che faccia troppo caldo, non usci<strong>am</strong>o.<br />

Sono così stanca che me ne vado subito a letto.<br />

Arriveranno puntuali, a meno che l’aereo<br />

non faccia ritardo [Verspätung haben].<br />

Anche se sono stanca esco con gli <strong>am</strong>ici.<br />

Benché io sia stanca esco con gli <strong>am</strong>ici.<br />

Ci guardavano come se ci conoscessero.<br />

Mara ha detto che arriva in ritardo.<br />

Il fatto che Mara arrivi in ritardo ci spiace<br />

[bedauern] molto.<br />

B2-C1<br />

42 <strong>ADESSO</strong> 02.2014 L’ITALIANO IN TABELLE


ESERCIZI<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

Stellen Sie Ihre Gr<strong>am</strong>matik-Kenntnisse auf die Probe!<br />

Zweifelsfall? Einfach einen Blick in die Tabellen werfen.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 47<br />

Cari lettori,<br />

si<strong>am</strong>o lieti di presentarvi la seconda e ultima parte<br />

dello speciale L’italiano in tabelle. Se avete già studiato<br />

le basi della gr<strong>am</strong>matica italiana, o le avete ripassate con<br />

noi in <strong>ADESSO</strong> 10/13, ecco arrivato il momento di<br />

affrontare i temi più avanzati. A voi la scelta: potete<br />

mettervi subito al lavoro con gli esercizi che trovate qui<br />

di seguito oppure fissare prima la teoria con le tabelle.<br />

In ogni caso,<br />

buona riuscita!<br />

TEST 1<br />

TABELLE 1, 2, 3<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle<br />

der Gr<strong>am</strong>matik und Linguistik.<br />

FACILE ESERCIZIO 1<br />

Inserisci le forme del condizionale semplice.<br />

io<br />

tu<br />

lui, lei, Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

io<br />

tu<br />

lui, lei, Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

ABITARE PRENDERE PARTIRE<br />

ANDARE<br />

VENIRE<br />

MEDIO ESERCIZIO 2<br />

Volgi la forma verbale dal singolare al plurale o<br />

viceversa.<br />

➔ (Io) parlerei a Luca. (Noi) parleremmo a Luca.<br />

1. Vorrebbe vedere quella giacca. ___________________<br />

__________________________________________________<br />

2. Canterei una canzone. ___________________________<br />

3. Prepareresti la cena [Abendessen], per favore? ____<br />

__________________________________________________<br />

4. Mangeremmo volentieri la pasta.__________________<br />

__________________________________________________<br />

5. Non ci crederebbe mai. __________________________<br />

__________________________________________________<br />

6. Tornereste qui anche domani? ____________________<br />

__________________________________________________<br />

7. Stareste più comodi [bequem] qui. ________________<br />

__________________________________________________<br />

8. Dovremmo alzarci prima. _________________________<br />

__________________________________________________<br />

9. Berrei un caffè. __________________________________<br />

10. Sapresti rispondere?_____________________________<br />

11. Potrebbero ripetere, per favore? __________________<br />

__________________________________________________<br />

12. Vivremmo volentieri in Austria. ____________________<br />

__________________________________________________<br />

13. Oggi rimarrei a casa tutto il giorno. ________________<br />

__________________________________________________<br />

14. Avresti una biro [Kuli] da prestarmi? _______________<br />

__________________________________________________<br />

15. Che ne direste di una gita [Ausflug] al mare? _______<br />

__________________________________________________<br />

MEDIO ESERCIZIO 3<br />

Metti i verbi al condizionale composto.<br />

1. La settimana scorsa (Antonia, andare) ___________<br />

_______________________________ volentieri al mare.<br />

2. Il medico mi ha detto che (io, dovere) ___________<br />

_________________________________ riposare di più.<br />

3. Non (tu, volere) ______________________ essere così<br />

aggressivo con Carmela.<br />

4. (Noi, partire) ______________________ per le vacanze,<br />

ma non sapev<strong>am</strong>o dove lasciare il cane.<br />

5. Giorgio e suo fratello (comprare) _________________<br />

______ un gatto, ma i loro genitori non hanno voluto.<br />

6. A Marco (piacere) ____________________ fare basket.<br />

7. (Voi, invitare) ____________________ i vicini di casa a<br />

cena, ma vi siete <strong>am</strong>malati [krank werden].<br />

43<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


SPECIALE<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

TEST 2<br />

TABELLE 4, 5, 6<br />

TEST 3<br />

TABELLE 7 e 11<br />

44<br />

MEDIO ESERCIZIO 1<br />

Metti i verbi tra parentesi al congiuntivo presente.<br />

Attenzione: alcuni verbi sono irregolari.<br />

1. Credo che lui la (vedere) ________________ volentieri.<br />

2. Mi sembra che (loro, abitare) __________________ in<br />

periferia.<br />

3. È indispensabile [unerlässlich] che (voi, partire)<br />

__________________ immediat<strong>am</strong>ente.<br />

4. Spero che (tu, arrivare) _________________ puntuale.<br />

5. Pare che (lei, venire) __________________ alla festa.<br />

6. Credo che (voi, avere) __________________ ragione<br />

[Recht].<br />

7. Voglio che (tu, rimanere) __________________ a casa<br />

a studiare.<br />

8. Ci auguri<strong>am</strong>o che (loro, fare) __________________<br />

tutto il possibile per risolvere [lösen] la situazione.<br />

9. Pensi<strong>am</strong>o che (voi, volere) __________________<br />

divorziare [sich scheiden lassen].<br />

10. È meglio che (tu, stare) __________________ qui.<br />

11. È giusto che (io, sapere) _________________ la verità.<br />

MEDIO ESERCIZIO 2<br />

Metti i verbi tra parentesi al congiuntivo passato.<br />

1. Non sono certo che ieri (voi, fare) _________________<br />

la scelta giusta.<br />

2. È giusto che la giuria [Jury] (premiare) _____________<br />

_________________ quel film.<br />

3. Non ci stupisce che (lei, ingrassare [zunehmen])<br />

_________________ di cinque chili negli ultimi mesi.<br />

4. Non so esatt<strong>am</strong>ente che cosa (succedere)<br />

_________________ ieri pomeriggio a casa dei vicini.<br />

5. È stato bocciato [bocciare: durchfallen lassen] all’es<strong>am</strong>e,<br />

nonostante (lui, studiare) _________________ molto.<br />

6. È la donna più interessante che (io, conoscere)<br />

_________________ in tutta la mia vita!<br />

7. È probabile che ieri (loro, non arrivare)<br />

_________________ in tempo.<br />

8. Non credo che ieri (tu, dire) _________________ tutto<br />

ciò che sai.<br />

9. È possibile che (noi, sopravvalutare [überschätzen])<br />

_________________ quella persona.<br />

10. È il romanzo più bello che (io, leggere) ____________!<br />

MEDIO ESERCIZIO 1<br />

Completa con le forme opportune del congiuntivo<br />

(congiuntivo presente, congiuntivo passato,<br />

congiuntivo imperfetto, congiuntivo trapassato).<br />

1. Penso che Maria<br />

ieri sera ________________________ (andare a teatro).<br />

oggi ___________________________________________.<br />

domani ________________________________________.<br />

2. Pensavo che Maria<br />

ieri sera ________________________ (andare a teatro).<br />

oggi ___________________________________________.<br />

domani ________________________________________.<br />

3. Temo che Marcello e Gino<br />

ieri non ________________________________ (partire).<br />

oggi non _______________________________________.<br />

domani non ____________________________________.<br />

4. Temevo che Marcello e Gino<br />

ieri non ________________________________ (partire).<br />

oggi non _______________________________________.<br />

domani non ____________________________________.<br />

5. Spero che tu<br />

ieri ____________________________ (capire la regola).<br />

oggi ___________________________________________.<br />

domani ________________________________________.<br />

6. Speravo che tu<br />

ieri ____________________________ (capire la regola).<br />

oggi ___________________________________________.<br />

domani ________________________________________.<br />

TEST 4<br />

TABELLE 8 e 10<br />

FACILE ESERCIZIO 1<br />

Scrivi la forma richiesta del congiuntivo imperfetto<br />

regolare e del congiuntivo trapassato.<br />

1. io, parlare _______________________________________<br />

2. noi, cantare _____________________________________<br />

3. lui, comprare ____________________________________<br />

4. loro, ascoltare ___________________________________<br />

5. voi, suonare_____________________________________<br />

6. tu, arrivare ______________________________________<br />

7. loro, vedere _____________________________________<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


SPECIALE<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

8. io, chiudere _____________________________________<br />

9. voi, scrivere _____________________________________<br />

10. lei, mettere______________________________________<br />

11. tu, rispondere ___________________________________<br />

12. noi, cadere______________________________________<br />

13. Lei, partire ______________________________________<br />

14. loro, preferire____________________________________<br />

TEST 5<br />

TABELLA 9<br />

MEDIO ESERCIZIO 1<br />

Completa la tabella inserendo le forme mancanti del<br />

congiuntivo imperfetto dei seguenti verbi irregolari.<br />

io<br />

tu<br />

lui, lei, Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

io<br />

tu<br />

lui, lei, Lei<br />

noi<br />

voi<br />

loro<br />

ESSERE BERE DARE<br />

fosse<br />

foste<br />

TEST 6<br />

TABELLA 12<br />

STARE<br />

stessi<br />

stessimo<br />

bevessi<br />

bevessimo<br />

FARE<br />

dessi<br />

dessero<br />

facessi<br />

facessero<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

3. (Loro, finire) subito di lavorare, se (loro, volere).<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

4. Se (noi, chiedere) subito le informazioni necessarie<br />

[notwendig], (noi, partire) puntuali.<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

5. Se (lei, sapere) sciare, (lei, venire) in montagna con noi.<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

TEST 7<br />

TABELLA 13<br />

MEDIO ESERCIZIO 1<br />

Rispondi alle domande usando il passivo.<br />

1. Chi pagherà le spese? ___________________________<br />

_________________________________ (Anna e Marino)<br />

2. Chi ha trovato il borsellino [Geldbeutel]? ___________<br />

___________________________________ (un passante)<br />

3. Chi controllerà i documenti? ______________________<br />

______________________________________ (la polizia)<br />

4. Chi vide il b<strong>am</strong>bino per l’ultima volta? _____________<br />

_______________________________________ (la nonna)<br />

5. Chi legge il nuovo libro di Umberto Eco?___________<br />

____________________________________ (gli studenti)<br />

6. Chi aveva pulito l’appart<strong>am</strong>ento? _________________<br />

_____________________________ (la donna di servizio)<br />

45<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 49<br />

MEDIO ESERCIZIO 1<br />

Metti le frasi nelle forme del periodo ipotetico.<br />

➔ Se (noi, potere), (noi, arrivare) puntuali.<br />

Se possi<strong>am</strong>o/potremo, arrivi<strong>am</strong>o/arriveremo puntuali.<br />

Se potessimo, arriveremmo puntuali.<br />

Se avessimo potuto, saremmo arrivati puntuali.<br />

1. Se (io, essere) ricco, ti (io, comprare) una casa.<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

__________________________________________________<br />

2. Se (voi, avere) bisogno di me, mi (voi, potere) chi<strong>am</strong>are.<br />

__________________________________________________<br />

MEDIO ESERCIZIO 2<br />

Dove è possibile, sostituisci la forma passiva<br />

“essere + participio passato” con la forma passiva<br />

“venire + participio passato”.<br />

1. Mario è stato lasciato da Marianna. _______________<br />

________________________________________________<br />

2. Il pesce è ritenuto un cibo molto sano [gesund] da<br />

tante persone ___________________________________<br />

________________________________________________<br />

3. Parma fu fondata [gegründet] dai Romani. _________<br />

________________________________________________<br />

4. Il b<strong>am</strong>bino è stato graffiato [gekratzt] dal gatto. _____<br />

________________________________________________<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


SPECIALE<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

46<br />

5. Questa squadra era stata considerata la favorita. ___<br />

________________________________________________<br />

6. L’iniziativa sarà finanziata dallo stato. ______________<br />

________________________________________________<br />

7. Sarei invitato dalla f<strong>am</strong>iglia Rossi. _________________<br />

________________________________________________<br />

TEST 8<br />

TABELLE 14 e 15<br />

MEDIO ESERCIZIO 1<br />

Trova i passati prossimi e sostituiscili con il passato<br />

remoto, come nell’esempio:<br />

➔ si è sposata > si sposò<br />

Qualche anno fa mia sorella si è sposata con un ricco<br />

<strong>am</strong>ericano. Si sono conosciuti in un locale di Venezia<br />

dove lei faceva la c<strong>am</strong>eriera [Bedienung]. Appena Fred,<br />

l’<strong>am</strong>ericano, l’ha vista, l’ha invitata al suo tavolo. I due<br />

hanno fatto <strong>am</strong>icizia, hanno continuato a frequentarsi<br />

[sich treffen] per tutto il tempo in cui Fred è<br />

rimasto a Venezia e, dopo la sua partenza [Abreise], sono<br />

cominciati i viaggi intercontinentali. Fred ha pagato tutti i<br />

suoi viaggi, le ha fatto regali bellissimi, insomma… come<br />

poteva lei dirgli di no quando lui le ha chiesto di sposarlo?<br />

I due sono poi andati a vivere in un ranch in Texas,<br />

dove lei ha imparato ad andare a cavallo [reiten] e ha<br />

iniziato a vestirsi come una vera cow-girl.<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

____________________________________________________<br />

DIFFICILE ESERCIZIO 2<br />

Inserisci le forme mancanti del passato remoto<br />

irregolare.<br />

1. chiesi, ____________, chiese, chiedemmo,<br />

____________, chiesero<br />

2. decisi, decidesti, ____________, ____________,<br />

decideste, decisero<br />

3. dissi, dicesti, ____________, dicemmo, diceste,<br />

____________<br />

4. feci, ___________, fece, facemmo, ___________, fecero<br />

5. risposi, rispondesti, rispose, ____________,<br />

____________, risposero<br />

6. stetti, stesti, stette, ____________, steste,___________<br />

7. ____________, ____________, seppe, sapemmo,<br />

sapeste, seppero<br />

8. venni, venisti, ____________, venimmo, ____________,<br />

vennero<br />

9. ____________, vivesti, ____________, vivemmo,<br />

viveste, vissero<br />

10. volli, volesti, volle, ___________, ___________, vollero<br />

TEST 9<br />

TABELLE 16 e 17<br />

FACILE ESERCIZIO 1<br />

Trasforma le frasi dal discorso indiretto al discorso<br />

diretto.<br />

1. Il ladro [Dieb] dichiara alla polizia che il suo nome è<br />

Alberto Tosi._____________________________________<br />

________________________________________________<br />

2. La m<strong>am</strong>ma dice ai figli di fare i letti. _______________<br />

________________________________________________<br />

3. L’agente immobiliare [Makler] conferma che è una<br />

delle villette più belle della zona. __________________<br />

________________________________________________<br />

4. Riccardo chiede se Paolo è qui con me. ___________<br />

________________________________________________<br />

MEDIO ESERCIZIO 2<br />

Trasforma le frasi dal discorso diretto al discorso<br />

indiretto.<br />

1. Maria disse: “Dobbi<strong>am</strong>o andare a casa”.___________<br />

________________________________________________<br />

2. Giorgio ha detto: “Sono arrivato tardi in ufficio”. ____<br />

________________________________________________<br />

3. Francesca disse: “Da b<strong>am</strong>bina volli imparare a suonare<br />

la chitarra”. _________________________________<br />

________________________________________________<br />

4. Lorena a 12 anni aveva detto: “Da grande imparerò<br />

a giocare a tennis”. ______________________________<br />

________________________________________________<br />

5. Disse: “Non farei mai una cosa del genere”. ________<br />

________________________________________________<br />

6. Ci ordinò: “Venite subito!” ________________________<br />

________________________________________________<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


SPECIALE<br />

L’ITALIANO IN TABELLE<br />

TEST 10<br />

TABELLA 18<br />

FACILE ESERCIZIO 1<br />

Aggiungi che, cui, il quale oppure la quale.<br />

1. Gli <strong>am</strong>ici ______ abbi<strong>am</strong>o incontrato ieri sono<br />

proprio simpatici.<br />

2. La ragazza con ______ sono andata in barca si<br />

chi<strong>am</strong>a Sara.<br />

3. È un animale ______ vive in Australia.<br />

4. Venezia è una città ______ è costruita sull’acqua.<br />

5. Valerio è l’uomo di ______ sono molto inn<strong>am</strong>orata<br />

[verliebt] e ______ sposerò.<br />

6. La domenica è l’unico giorno in ______ si può<br />

riposare [sich ausruhen].<br />

7. Lucia è la mia vicina di casa, ______ lavora in un<br />

supermercato.<br />

8. Sandro è andato a trovare suo nonno, ______ è<br />

stato operato.<br />

TEST 11<br />

TABELLA 19<br />

DIFFICILE ESERCIZIO 1<br />

Inserisci le seguenti congiunzioni al posto giusto:<br />

quando • senza che • affinché • a patto che<br />

il fatto che • benché • siccome • a meno che<br />

come se • così … che<br />

1. ____________ l’ho vista, l’ho salutata.<br />

2. ____________ non lo so, non ve lo posso dire.<br />

3. Ero ____________ commosso [gerührt] ____________<br />

non riuscivo a parlare.<br />

4. Continua a fumare ____________ il medico glielo abbia<br />

proibito [proibire: verbieten].<br />

5. Faremo una passeggiata ____________ non piova.<br />

6. Vi presto [ausleihen] i soldi ____________ me li restituiate<br />

[zurückgeben] appena possibile.<br />

7. I ragazzi sono usciti ____________ lo sapessimo.<br />

8. Si è comportata ____________ fosse offesa [beleidigt].<br />

9. Mi rattrista [traurig stimmen] ____________ tu parta.<br />

47<br />

SOLUZIONI:<br />

TEST 1 > Esercizio 1: abitare: abiterei,<br />

abiteresti, abiterebbe, abiteremmo, abitereste,<br />

abiterebbero prendere: prenderei, prenderesti,<br />

prenderebbe, prenderemmo, prendereste,<br />

prenderebbero partire: partirei, partiresti,<br />

partirebbe, partiremmo, partireste, partirebbero<br />

andare: andrei, andresti, andrebbe, andremmo,<br />

andreste, andrebbero venire: verrei, verresti,<br />

verrebbe, verremmo, verreste, verrebbero<br />

Esercizio 2: 1. vorrebbero 2. canteremmo<br />

3. preparereste 4. mangerei 5. crederebbero<br />

6. torneresti 7. staresti (comodo) 8. dovrei<br />

(alzarmi) 9. berremmo 10. sapreste 11. potrebbe<br />

12. vivrei 13. rimarremmo 14. avreste 15. diresti<br />

Esercizio 3: 1. sarebbe andata 2. avrei dovuto<br />

3. avresti voluto 4. saremmo partiti/e<br />

5. avrebbero comprato, 6. sarebbe piaciuto<br />

7. avreste invitato.<br />

TEST 2 > Esercizio 1: 1. veda 2. abitino<br />

3. partiate 4. arrivi 5. venga 6. abbiate 7. rimanga<br />

8. facciano 9. vogliate 10. stia 11. sappia<br />

Esercizio 2: 1. abbiate fatto 2. abbia premiato<br />

3. sia ingrassata 4. sia successo 5. abbia studiato<br />

6. abbia conosciuto 7. non siano arrivati/e<br />

8. abbia detto 9. abbi<strong>am</strong>o sopravvalutato<br />

10. abbia letto.<br />

TEST 3 > Esercizio 1: 1. sia andata, vada,<br />

vada 2. fosse andata, andasse, andasse 3. siano<br />

partiti, partano, partano 4. fossero partiti,<br />

partissero, partissero 5. abbia capito, capisca,<br />

capisca 6. avessi capito, capissi, capissi.<br />

TEST 4 > Esercizio 1: 1. parlassi, avessi parlato<br />

2. cantassimo, avessimo cantato 3. comprasse,<br />

avesse comprato 4. ascoltassero, avessero<br />

ascoltato 5. suonaste, aveste suonato 6. arrivassi,<br />

fossi arrivato/a; 7. vedessero, avessero<br />

visto 8. chiudessi, avessi chiuso 9. scriveste,<br />

aveste scritto 10. mettesse, avesse messo<br />

11. rispondessi, avessi risposto 12. cadessimo,<br />

fossimo caduti/e 13. partisse, fosse partito/a<br />

14. preferissero, avessero preferito<br />

TEST 5 > Esercizio 1: essere: fossi, fossi,<br />

fosse, fossimo, foste, fossero bere: bevessi,<br />

bevessi, bevesse, bevessimo, beveste, bevessero<br />

dare: dessi, dessi, desse, dessimo, deste,<br />

dessero stare: stessi, stessi, stesse, stessimo,<br />

steste, stessero fare: facessi, facessi, facesse,<br />

facessimo, faceste, facessero<br />

TEST 6 > Esercizio 1: 1. Se sono/sarò ricco,<br />

ti compro/comprerò... Se fossi ricco, ti comprerei...<br />

Se fossi stato ricco, ti avrei comprato...<br />

2. Se avete/avrete bisogno di me, mi potete/potrete...<br />

Se aveste bisogno di me, mi potreste...<br />

Se aveste avuto bisogno di me, mi avreste potuto...<br />

3. Finiscono/Finiranno subito di lavorare,<br />

se vogliono/vorranno. Finirebbero subito di<br />

lavorare, se volessero. Avrebbero finito subito<br />

di lavorare, se avessero voluto. 4. Se chiedi<strong>am</strong>o/chiederemo...<br />

parti<strong>am</strong>o/partiremo... Se chiedessimo...<br />

partiremmo... Se avessimo chiesto...<br />

saremmo partiti/e... 5. Se sa/saprà sciare,<br />

viene/verrà... Se sapesse sciare, verrebbe...<br />

Se avesse saputo sciare, sarebbe venuta...<br />

TEST 7 > Esercizio 1: 1. Le spese saranno/verranno<br />

pagate da Anna e Marino. 2. Il borsellino<br />

è stato trovato da un passante. 3. I documenti<br />

saranno/verranno controllati dalla polizia.<br />

4. Il b<strong>am</strong>bino fu/venne visto per l’ultima volta<br />

dalla nonna. 5. Il nuovo libro di Umberto Eco<br />

è/viene letto dagli studenti. 6. L’appart<strong>am</strong>ento<br />

era stato pulito dalla donna di servizio.<br />

Esercizio 2: 1. - 2. viene ritenuto 3. venne fondata<br />

4. - 5. - 6. verrà finanziata 7. verrei invitato.<br />

TEST 8 > Esercizio 1: si è sposata > si sposò;<br />

si sono conosciuti > si conobbero; l’ha vista ><br />

la vide; l’ha invitata > la invitò; hanno fatto <strong>am</strong>icizia<br />

> fecero <strong>am</strong>icizia; hanno continuato > continuarono;<br />

è rimasto > rimase; sono cominciati<br />

> cominciarono; ha pagato > pagò; ha fatto ><br />

fece; ha chiesto > chiese; sono andati > andarono;<br />

ha imparato > imparò; ha iniziato > iniziò.<br />

Esercizio 2: 1. chiedesti, chiedeste 2. decise,<br />

decidemmo 3. disse, dissero 4. facesti, faceste<br />

5. rispondemmo, rispondeste 6. stemmo,<br />

stettero 7. seppi, sapesti 8. venne, veniste<br />

9. vissi, visse 10. volemmo, voleste.<br />

TEST 9 > Esercizio 1: 1. Il ladro dichiara alla<br />

polizia: “Il mio nome è Alberto Tosi”. 2. La m<strong>am</strong>ma<br />

dice ai figli: “Fate i letti”. 3. L’agente immobiliare<br />

conferma: “È una delle villette più belle della<br />

zona”. 4. Riccardo chiede: “Paolo è lì con te?”<br />

Esercizio 2: 1. Maria disse che dovev<strong>am</strong>o<br />

andare a casa. 2. Giorgio ha detto che era arrivato<br />

tardi in ufficio. 3. Francesca disse che da<br />

b<strong>am</strong>bina volle imparare a suonare la chitarra.<br />

4. Lorena a 12 anni aveva detto che da grande<br />

avrebbe imparato a giocare a tennis.<br />

5. Disse che non avrebbe fatto mai una cosa<br />

del genere. 6. Ci ordinò di venire subito.<br />

TEST 10 > Esercizio 1: 1. che 2. cui 3. che;<br />

4. che 5. cui, che 6. cui 7. la quale 8. il quale.<br />

TEST 11 > Esercizio 1: 1. quando; 2. siccome;<br />

3. così … che; 4. benché; 5. a meno che; 6. a<br />

patto che; 7. senza che; 8. come se; 9. il fatto che.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


Italienisch<br />

unterwegs!<br />

Die schönsten Seiten auf Italienisch: Lebensart<br />

und Sprachgenuss in einem. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Magazine<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.adesso-online.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben <strong>ADESSO</strong> zum Preis von 3 (€ 18,60 / SFR 27,90).


GIOCANDO S’IMPARA...<br />

DI GIOVANNA IACONO<br />

... DALL’AMORE AL CARNEVALE!<br />

MEDIO 1 CRUCIVERBA<br />

ILLUSTRATO SUL CARNEVALE*<br />

Risolvi il cruciverba con i nomi degli oggetti e<br />

dei personaggi illustrati.<br />

ORIZZONTALI:<br />

5<br />

7<br />

FACILE<br />

2<br />

I VERBI DELL’AMORE*<br />

Annerisci [annerire: schwärzen] gli spazi numerati<br />

che corrispondono a un verbo “degli inn<strong>am</strong>orati”.<br />

Vedrai comparire il disegno di un _ _ _ _ _ .<br />

1. svegliarsi<br />

2. alzarsi<br />

3. baciarsi<br />

4. pulirsi<br />

5. alzarsi<br />

6. abbracciarsi<br />

7. laurearsi<br />

8. occuparsi<br />

9. riposarsi<br />

10. truccarsi<br />

11. fidanzarsi<br />

12. volersi bene<br />

13. sedersi<br />

14. sposarsi<br />

15. pettinarsi<br />

16. <strong>am</strong>arsi<br />

4<br />

10<br />

1<br />

7<br />

5<br />

VERTICALI:<br />

1<br />

3<br />

2<br />

9<br />

2<br />

15<br />

12<br />

6<br />

13<br />

11<br />

16<br />

3<br />

5<br />

14<br />

8<br />

49<br />

4<br />

7<br />

3<br />

S<br />

L<br />

1<br />

P<br />

L<br />

4<br />

M<br />

H<br />

6<br />

5<br />

5<br />

C<br />

D<br />

6<br />

C<br />

M<br />

2<br />

C<br />

B<br />

MEDIO<br />

3 REBUS DI SAN VALENTINO*<br />

Risolvi il rebus.<br />

La soluzione è: (5, 10)<br />

IM<br />

_________________________________________<br />

NTE<br />

MEHR ÜBUNGEN FINDEN SIE IM <strong>ADESSO</strong>plus 2.2014<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 59<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


Dai due papi allo shortino<br />

Sprachschöpfungen wie Governissimo ergeben sich oft durch politische<br />

oder bürokratische Anlässe. Aber auch allzu Menschliches spiegelt<br />

sich mit der Ludopatia und dem auf ex getrunkenen Shortino ab.<br />

50<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

IL CAMBIAMENTO ERA STATO ANNUNCIATO:<br />

GIÀ NEGLI ULTIMI MESI DELLO SCORSO ANNO,<br />

GRADUALMENTE, MA CON FREQUENZA SEMPRE<br />

MAGGIORE, LA PAROLA D’ORDINE DELLE PRIME<br />

PAGINE DEI GIORNALI ERA DIVENTATA RIPRESA.<br />

La tendenza persiste anche all’inizio di questo 2014. Il termine<br />

crisi, che aveva imperversato nei due anni precedenti,<br />

è andato pian piano<br />

scomparendo, per<br />

lasciare il posto a crescita.<br />

Anche se a volte si<br />

tratta solo di una crescita<br />

zero, l’orizzonte sembra<br />

proprio c<strong>am</strong>biato.<br />

Tutti i libri,<br />

tutti i prezzi*<br />

• Lo Zingarelli 2014,<br />

Zanichelli: volume e licenza<br />

online, € 64,50;<br />

volume con DVD-ROM<br />

e licenza online, € 79,50;<br />

versione scaricabile,<br />

€ 40,13; versione per<br />

iPad, iPhone e iPod<br />

touch, € 33,99.<br />

• Il Devoto-Oli, Vocabolario<br />

della lingua italiana<br />

2014, Le Monnier:<br />

versione online, € 24,80;<br />

versione scaricabile<br />

[Download-Version],<br />

€ 49,80; cartaceo, € 65,00.<br />

L’anno che è appena<br />

passato è stato abbastanza<br />

particolare: si sono tenute<br />

due elezioni straordinarie,<br />

quella di papa<br />

Francesco e quella che ha<br />

portato al secondo mandato<br />

del presidente della<br />

Repubblica Giorgio Napolitano.<br />

È rimbalzata di<br />

bocca in bocca, di pagina<br />

in pagina, la notizia di dimissioni<br />

straordinarie,<br />

quelle di papa Benedetto<br />

XVI, il primo papa emerito<br />

della storia. Molto si è<br />

parlato anche di quelle,<br />

scorso<br />

con frequenza<br />

sempre<br />

maggiore<br />

la parola<br />

d’ordine<br />

la ripresa<br />

imperversare<br />

la crescita<br />

le elezioni pl.<br />

rimbalzare<br />

le dimissioni pl.<br />

invocato<br />

a gran voce<br />

condannato<br />

l’interdizione<br />

(f.) dai pubblici<br />

uffici<br />

decadere<br />

vergangen<br />

immer öfter<br />

Parole<br />

Aufschwung<br />

grassieren<br />

Wachstum<br />

Wahlen<br />

sich verbreiten<br />

Rücktritt<br />

gefordert<br />

mit lauter<br />

Stimme<br />

verurteilt<br />

Verbot der Bekleidung<br />

öffent-<br />

licher Ämter<br />

eines Amtes<br />

entheben<br />

l’elusione f.<br />

la sentenza<br />

mirabolante<br />

la locuzione<br />

l’agibilità<br />

in sostanza<br />

svolgere<br />

scontare<br />

una condanna<br />

per la circostanza<br />

tirare in ballo<br />

Umgehung<br />

Urteil<br />

höchst<br />

erstaunlich<br />

Redewendung<br />

hier: Handlungsfähigkeit<br />

im Grunde<br />

ausüben<br />

eine Strafe<br />

verbüßen<br />

Anlass<br />

aufs Tapet<br />

bringen<br />

la grazia Begnadigung<br />

il tormentone Dauerbrenner<br />

il governo di scopo: eine auf wenige<br />

Punkte beschränkte Übergangsregierung<br />

invocate a gran voce, di Berlusconi, definitiv<strong>am</strong>ente condannato,<br />

tra l’altro, all’interdizione dai pubblici uffici e poi<br />

decaduto. Proprio la strategia di elusione della sentenza<br />

messa in atto da Berlusconi e dai suoi simpatizzanti ha fatto<br />

nascere una nuova, mirabolante e usatissima locuzione,<br />

quella di agibilità politica. Difficile da spiegare, ma in<br />

sostanza è la possibilità di continuare a svolgere attività<br />

politica – per esempio incontrare i propri collaboratori ed<br />

esprimersi pubblic<strong>am</strong>ente – anche mentre si sconta una<br />

condanna. Per la circostanza, si è addirittura tirata in ballo<br />

la grazia: invocata, smentita, criticata e paventata, ma<br />

di certo citata ovunque.<br />

Lo scenario politico ha visto imperversare il tormentone<br />

di un governo di scopo, o governissimo, basato sulle<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


LINGUA VIVA<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

larghe intese, in ossequio al patto di stabilità europeo e nel<br />

tentativo di approdare a una legge di stabilità condivisa. Il<br />

tutto sempre nel bel mezzo di una tempesta in cui ogni navigante<br />

minacciava di staccare la spina al governo, mentre<br />

il varo di una nuova legge elettorale – sempre sollecitato e<br />

mai realizzato – sembrava un miraggio pronto a scomparire<br />

puntualmente un attimo prima di essere raggiunto.<br />

Come in una moderna Commedia dell’arte, il teatrino<br />

della politica ha dato spettacolo con l’ossessione delle<br />

cosiddette primarie: duelli e sfide tra leader di uno stesso<br />

partito, che sono state promesse, ma poi non realizzate<br />

dal Pdl, progr<strong>am</strong>mate dall’Ncd (il Nuovo centro destra<br />

fondato da Alfano nel novembre 2013), e si sono svolte<br />

tra mille veleni nel Pd. Ci sono state poi lotte tra falchi e<br />

colombe; è ricomparso il contestato Porcellum, la legge<br />

elettorale con premio di maggioranza, dichiarata anticostituzionale<br />

dalla Consulta; si è assistito addirittura all’entrata<br />

in scena, in un contesto sempre più surreale, del<br />

cagnolino Dudù, il barboncino della fidanzata di Berlusconi<br />

(vedi <strong>ADESSO</strong> 01/14, pag. 56), ostentato emblema di<br />

bontà e tenerezza berlusconiane.<br />

Il vocabolario è stato sempre particolarmente espressivo.<br />

Matteo Renzi, che si era già autodefinito rott<strong>am</strong>atore<br />

breite Überein-<br />

stimmung, große<br />

Koalition<br />

la larga<br />

intesa<br />

Wahlgesetz<br />

angefordert<br />

Fata Morgana<br />

ein Schau-<br />

spiel bieten<br />

Vorwahlen<br />

Herausforderung<br />

gegründet<br />

hier: Bosheit<br />

K<strong>am</strong>pf<br />

strittig<br />

Mehrheits-<br />

prämie<br />

Pudel<br />

zur Schau<br />

gestellt<br />

Verschrotter<br />

Vorrangstellung<br />

Gegner<br />

gemäßigt<br />

zurückgreifen<br />

auf<br />

etw. bagatellisieren<br />

in ossequio<br />

a qc.<br />

approdare<br />

la tempesta<br />

il navigante<br />

minacciare<br />

staccare<br />

la spina<br />

il varo<br />

la legge<br />

elettorale<br />

sollecitato<br />

il miraggio<br />

dare<br />

spettacolo<br />

le primarie pl.<br />

la sfida<br />

fondato<br />

il veleno<br />

la lotta<br />

contestato<br />

il premio di<br />

maggioranza<br />

il barboncino<br />

ostentato<br />

il rott<strong>am</strong>atore<br />

il primato<br />

l’avversario<br />

moderato<br />

ricorrere a<br />

minimizzare<br />

getreu etw.<br />

hier: erreichen<br />

Sturm<br />

hier: Beteiligter<br />

drohen<br />

den Stecker<br />

herausziehen<br />

Verabschiedung<br />

Müllabgaben<br />

Abgabe für<br />

kommunale<br />

Dienste<br />

einheitliche<br />

Abgabe für<br />

Immobilien<br />

und verbundene<br />

kommunale<br />

Dienste<br />

hier: füllen<br />

Schiffbruch<br />

Jugend-<br />

arbeits-<br />

losigkeit<br />

hervorlugen<br />

Untugend<br />

Spielsucht<br />

in einem Zug<br />

austrinken<br />

gremire<br />

il naufragio<br />

la disoccupaziongiovanile<br />

fare capolino<br />

il vizio<br />

la ludopatia<br />

bere tutto<br />

d’un sorso<br />

als Statist(en)<br />

Sorge<br />

Steuer<br />

kommunale<br />

Grundsteuer<br />

einheitliche<br />

Gemeinde-<br />

steuer<br />

fare<br />

da contorno<br />

l’apprensione f.<br />

la tassa<br />

Ici (Imposta<br />

comunale<br />

sugli immobili)<br />

Imu, (Imposta<br />

municipale<br />

unica)<br />

Irpef (Imposta<br />

sul reddito<br />

delle persone<br />

fisiche)<br />

Tares (Tariffa<br />

rifiuti e servizi)<br />

Tasi (Tassa<br />

sui servizi<br />

indivisibili)<br />

Iuc (Imposta<br />

unica<br />

comunale)<br />

Einkommens-<br />

steuer<br />

NOVITÀ*<br />

Per esercitare e accrescere<br />

[steigern] la capacità di argomentazione<br />

e dialogo negli adolescenti<br />

[Jugendlicher, Jugendliche], Bonacci<br />

propone il nuovo Pro e contro<br />

Junior. Materiali per lo sviluppo<br />

delle capacità di argomentazione<br />

orale per adolescenti, adatto ai<br />

livelli B1-B2. Stimoli per parlare<br />

di moda, <strong>am</strong>ore, social network,<br />

cibi, scuola, società: € 15.<br />

Il test di italiano per stranieri<br />

raccoglie nella prima parte una<br />

sintesi della gr<strong>am</strong>matica italiana<br />

e poi propone esercizi di lettura<br />

e comprensione di testi, con<br />

possibilità di ascolto di materiale<br />

autentico dal sito [Webseite]<br />

dell’editore: Alphatest, € 12,90.<br />

Prontuario di gr<strong>am</strong>matica.<br />

L’italiano dalla A alla Z è un agile<br />

[beweglich, hier: handlich] libretto<br />

scritto da Giuseppe Patota.<br />

Sono elencati in ordine alfabetico<br />

circa 1.000 dubbi sulla lingua<br />

italiana: Laterza, € 12.<br />

(un termine entrato nel dizionario Zingarelli 2014), si è<br />

guadagnato il primato sotto questo punto di vista minacciando<br />

di asfaltare gli avversari e dicendo di volere un partito<br />

“cool”. Anche il tranquillo e moderato Letta, forse per<br />

non essere da meno, ha pensato di ricorrere a termini coloriti,<br />

osservando per esempio che il governo non è un<br />

punchball. In un’intervista a un giornale irlandese gli è stata<br />

attribuita l’espressione balls of steel, letteralmente palle<br />

d’acciaio. Lui minimizza e sostiene di aver detto solo di<br />

avere gli attributi, che in sostanza sono la stessa cosa.<br />

A fare da contorno compaiono e scompaiono, generando<br />

insicurezza e apprensione, sigle sempre più fantasiose<br />

dietro le quali si nascondono tasse vecchie e nuove:<br />

Ici, Imu, Irpef, Tares, Tasi e, da poco, la nuova Iuc. Intanto,<br />

al di là degli scontri nell’arena politica, termini di ben altro<br />

tenore e peso gremiscono le cronache di st<strong>am</strong>pa e televisione:<br />

migranti, barconi, naufragi, emergenza-casa, allarme<br />

disoccupazione giovanile. Nelle nuove edizioni dei<br />

maggiori vocabolari, fanno capolino per la prima volta termini<br />

che descrivono la quotidiana realtà digitale, come<br />

agenda digitale, phablet, hashtag; ma anche nuovi vizi, come<br />

la ludopatia o la sigaretta elettronica. E non manca neppure<br />

l’italico shortino, l’ultima moda giovanile del paese,<br />

che consiste nel bere tutto d’un sorso un bicchierino molto,<br />

ma molto alcolico. Forse per dimenticare…<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

51<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


GRANDANGOLO<br />

EIN BLICK AUF BESONDERE ITALIENER<br />

52<br />

LOTTA MILLENARIA<br />

S’istrumpa, der traditionelle<br />

sardische Ringk<strong>am</strong>pf:<br />

eine Art Lebensschule<br />

für junge Sarden.<br />

Testo: F. Memo<br />

Foto: Parallelozero / S. R<strong>am</strong>azzotti<br />

Ollolai, Sardegna.<br />

Una lotta antica che è anche<br />

un rito di passaggio: s’istrumpa.<br />

In Barbagia, il cuore della<br />

Sardegna, si tr<strong>am</strong>anda da sempre<br />

e forse ha le sue radici addirittura<br />

nell’età del bronzo. In<br />

passato erano i pastori che, tra<br />

queste montagne, si sfidavano<br />

tra loro in un combattimento<br />

molto simile al sumo. Oggi sono<br />

i ragazzi della zona a portare<br />

avanti una tradizione rimasta<br />

uguale nel tempo e impressa<br />

sald<strong>am</strong>ente nel costume locale.<br />

Gherradores è il nome di<br />

questi atleti, i quali cercano di<br />

istrumpare l’avversario, ovvero<br />

di buttarlo brusc<strong>am</strong>ente a terra.<br />

Le regole da rispettare sono<br />

ferree e gli allen<strong>am</strong>enti devono<br />

essere costanti. Per vincere<br />

non è determinante la forza,<br />

ma ci vogliono soprattutto<br />

astuzia – in sardo trassa – e<br />

concentrazione. Capacità che<br />

hanno reso s’istrumpa, nei secoli,<br />

un valido strumento per la<br />

formazione dei ragazzi, che<br />

imparano a non arrendersi all’avversario,<br />

anche se è più<br />

forte, ma soprattutto a rispettarlo<br />

senza barare o infierire.<br />

Una volta che uno dei due<br />

sfidanti cade a terra il duello<br />

è considerato concluso.<br />

la lotta<br />

il rito<br />

di passaggio<br />

tr<strong>am</strong>andare<br />

il pastore<br />

sfidarsi tra loro<br />

il combattimento<br />

portare avanti<br />

impresso<br />

sald<strong>am</strong>ente<br />

il costume<br />

l’avversario<br />

brusc<strong>am</strong>ente<br />

l’allen<strong>am</strong>ento<br />

l’astuzia<br />

la formazione<br />

arrendersi<br />

barare<br />

infierire<br />

lo sfidante<br />

K<strong>am</strong>pf<br />

Initiationsritus<br />

überliefern<br />

Hirte<br />

sich gegenseitig<br />

herausfordern<br />

Ringk<strong>am</strong>pf<br />

fortführen<br />

hier: fest<br />

verankert<br />

hier: Brauchtum<br />

Gegner<br />

abrupt<br />

Training<br />

List<br />

Schulung<br />

sich ergeben<br />

schummeln<br />

gemein sein<br />

Herausforderer<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


GRANDANGOLO<br />

Qui: Piero Frau, presidente della<br />

Federazione Nazionale S’istrumpa,<br />

mostra una sua foto da giovane<br />

insieme al c<strong>am</strong>pione Franco Columbu.<br />

Nell’altra pagina: due gherradores si<br />

sfidano sul nuraghe di Santa Sabina;<br />

gli allen<strong>am</strong>enti nella palestra di Ollolai<br />

(NU); s’istrumpa tra le montagne<br />

della Barbagia.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


FINE SETTIMANA<br />

Il paese delle<br />

MERAVIGLIE<br />

Vitorchiano im Latium ist die Stadt des Pfeffersteins, der das Stadtbild<br />

dominiert und seinen Weg in die ganze Welt gefunden hat. Der auf einem<br />

Tuffblock thronende Ort stellt traditionell die Wachen für das Kapitol.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

54<br />

il colpo<br />

d’occhio<br />

il belvedere<br />

il quadro<br />

la gola<br />

a strapiombo<br />

la valle<br />

medievale<br />

la roccia<br />

affacciato<br />

la pietra lavica<br />

la c<strong>am</strong>pagna<br />

il nocciolo<br />

il faggio<br />

il paesaggio<br />

il tufo<br />

argenteo<br />

il peperino<br />

la tomba<br />

il sarcofago<br />

estrarre<br />

la particella<br />

la biotite<br />

IL COLPO D’OCCHIO DAL BELVEDERE DI FRONTE<br />

AL PAESE È SPETTACOLARE: VITORCHIANO SEM-<br />

BRA USCITA DA UN QUADRO CUBISTA! È unica già<br />

la posizione, su una gola a strapiombo sopra la valle del<br />

fiume Vezza. Poi ci sono le caratteristiche case lunghe e<br />

strette del borgo medievale, costruite su una roccia vulcanica<br />

che ha forme molto strane e affacciate dirett<strong>am</strong>ente<br />

sulla gola. Case e roccia sono fatte della stessa pietra<br />

lavica e hanno lo stesso colore grigio. Intorno c’è la<br />

c<strong>am</strong>pagna verde della Tuscia laziale, ricca di boschi di<br />

noccioli, castagni, faggi e ulivi. Il contrasto tra la dolcezza<br />

del paesaggio e le rocce grigie è molto forte. Sopra c’è<br />

il Monte Cimino, un vulcano non più attivo. Viene da lì<br />

la lava che, nel tempo, è diventata tufo argenteo, chi<strong>am</strong>ato<br />

peperino.<br />

Gli Etruschi e i Romani lo usavano già per costruire<br />

tombe e sarcofagi, ma il peperino è estratto, lavorato ed<br />

esportato in tutto il mondo ancora oggi. Si chi<strong>am</strong>a così<br />

perché le particelle nere di biotite che lo formano ricordano<br />

il pepe. Queste particelle rendono la pietra molto<br />

resistente – una specie di cemento naturale – ma allo stesso<br />

tempo facile da lavorare. È in peperino la Porta Romana<br />

che si attraversa per entrare in paese, sotto la torre<br />

del castello medievale. Sono grigie con sfumature di<br />

azzurro anche le case con i tipici “profferli”, le scale esterne<br />

appoggiate agli archi, che gli artigiani del paese hanno<br />

decorato a mano. Sono in peperino i grandi palazzi<br />

del Quattrocento nella piazza principale – Piazza Roma<br />

– e persino la fontana a fuso, che risale al XIII secolo ed<br />

è attribuita alla scuola del pittore Vignola. Un leone, un’aquila,<br />

un vitello e un angelo – simboli dei quattro evangelisti<br />

– gettano acqua. In alto c’è lo stemma di Roma.<br />

Non è l’unico segno del potere di Roma. Il latino è su<br />

quasi tutti i monumenti del paese, lapidi e palazzi. Addirittura<br />

su porte e finestre si legge Deo ubique iis in terra parendum<br />

est, che significa: “A Dio bisogna obbedire ovunque;<br />

sulla terra a loro”, cioè ai Romani. È un particolare<br />

che stupisce, visto che il paese è lontano solo 8 km da<br />

Viterbo e ben 100 da Roma. Eppure, proprio perché Viterbo<br />

è vicina e potente, nel 1200 Vitorchiano si ribella.<br />

Il paese è messo sotto assedio e chiede aiuto. Roma interviene,<br />

libera la cittadina e guadagna un fedele alleato.<br />

Roma, infatti, è troppo lontana per fare sentire il suo potere,<br />

ma abbastanza vicina per fare paura. Ecco perché Vi-<br />

Blick, Ausblick<br />

Aussichtspunkt<br />

Gemälde<br />

Schlucht,<br />

Kl<strong>am</strong>m<br />

überhängend<br />

Tal<br />

mittelalterlich<br />

Felsen<br />

gegenüberliegend<br />

Lavagestein<br />

Land, hier:<br />

Landschaft<br />

Haselnussstrauch<br />

Buche<br />

Landschaft<br />

Tuffstein<br />

silberfarben<br />

Pfefferstein,<br />

Peperin<br />

Grab<br />

Sarkophag<br />

abbauen<br />

Partikel,<br />

Teilchen<br />

Biotit<br />

resistente widerstandsfähig<br />

il castello Burg<br />

la sfumatura Nuance<br />

il profferlo mittelalt. außen-<br />

(da: posto liegender<br />

avanti) Treppenaufgang<br />

appoggiato abgestützt<br />

l’artigiano Handwerker<br />

il Quattrocento 15. Jahrhundert<br />

la fontana a fuso: regionaltyp.<br />

Säulen-Springbrunnen<br />

il secolo Jahrhundert<br />

attribuire zuschreiben<br />

il pittore Maler<br />

gettare acqua Wasser speien<br />

lo stemma Wappen<br />

il potere Macht<br />

la lapide Grabstein<br />

obbedire gehorchen<br />

ovunque überall<br />

stupire überraschen<br />

ribellarsi sich auflehnen<br />

mettere<br />

sotto assedio belagern<br />

intervenire eingreifen<br />

guadagnare verdienen,<br />

hier: gewinnen<br />

fedele getreu<br />

lontano weit weg,<br />

entfernt<br />

© Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


Una suggestiva<br />

veduta di Vitorchiano,<br />

il paesino in provincia<br />

di Viterbo arroccato sulle<br />

rocce di peperino.


FINE SETTIMANA<br />

Vitorchiano<br />

LAZIO<br />

ROMA<br />

56<br />

MAGICA QUOTIDIANITÀ<br />

Dall’alto, in senso orario: una vista d’insieme di Vitorchiano;<br />

la proprietaria di un negozio di alimentari consegna la spesa a un cliente<br />

che ha calato il cestino dalla finestra; i cavatelli al finocchietto, piatto<br />

tipico del posto, presso il ristorante La Lanterna a Vitorchiano; uno<br />

scorcio di Via Ugolini con le caratteristiche scale esterne dette “profferli”.<br />

il feudatario<br />

il padrone<br />

ottenere<br />

vigilare<br />

il C<strong>am</strong>pidoglio<br />

la guardia<br />

essere<br />

gemellato<br />

l’isola<br />

di Pasqua<br />

Feudalherr<br />

Herrscher<br />

erhalten<br />

wachen<br />

Kapitol<br />

Wache<br />

Partnerstadt<br />

sein<br />

Osterinsel<br />

l’operaio<br />

costruire<br />

scoprire<br />

il quintale<br />

tronco<br />

la quercia<br />

lo studioso<br />

gli inferi pl.<br />

Arbeiter<br />

errichten<br />

entdecken<br />

Doppelzentner<br />

stumpf<br />

Eiche<br />

Wissenschaftler<br />

Unterwelt<br />

torchiano è l’unico paese medievale senza feudatari, né<br />

padroni. Gli abitanti di Vitorchiano ottengono anche un<br />

altro grande onore, quello di poter vigilare sulla sicurezza<br />

del C<strong>am</strong>pidoglio. Sono chi<strong>am</strong>ati i “fedeli di Vitorchiano”<br />

e formano ancora oggi la guardia capitolina, con il bel<br />

costume cinquecentesco color giallo e <strong>am</strong>aranto che – sostiene<br />

qualcuno – è stato disegnato da Michelangelo Buonarroti.<br />

Non è l’unico aspetto eccezionale di questo paesino<br />

delle meraviglie che non finisce mai di stupire.<br />

Vitorchiano, infatti, è gemellata con una località molto<br />

particolare: l’isola di Pasqua, nel Pacifico. Nel 1990, invitati<br />

dalla trasmissione televisiva Alla ricerca dell’arca, un clan<br />

f<strong>am</strong>iliare Maori, composto da 19 persone, arriva a Vitorchiano.<br />

Qui, con l’aiuto degli operai del posto, in poco meno<br />

di un mese, costruisce, usando metodi e strumenti della<br />

tradizione Maori, un gigantesco Moai in peperino. I lavori<br />

sono accompagnati da riti e cerimonie tipici dell’isola<br />

del Pacifico, scoperta proprio nel giorno di Pasqua del 1722.<br />

La statua, che si trova nella piazza principale di Vitorchiano,<br />

è ancora oggi una delle più curiose attrazioni del borgo.<br />

È alta sei metri e pesa 30 quintali.<br />

A pochi chilometri da Vitorchiano, nei boschi di Bomarzo,<br />

c’è un altro monumento antichissimo: una grande<br />

pir<strong>am</strong>ide tronca che ricorda quelle dei Maya. In realtà è un<br />

monumento etrusco in peperino, nascosto fra i boschi di<br />

querce. Secondo molti studiosi era un altare diviso in tre<br />

parti, che rappresentano il cielo, la terra e gli inferi ed era<br />

usato per pratiche esoteriche o per studi astronomici.<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


IL GIARDINO DOVE<br />

“OGNI PENSIERO VOLA”<br />

Il Giardino di Bomarzo, a pochi<br />

chilometri da Vitorchiano, è<br />

f<strong>am</strong>oso per le sue statue<br />

di mostri. In senso orario: la<br />

donna dormiente;<br />

un drago; la casa pendente;<br />

la maschera infernale;<br />

Ercole e Caco.<br />

57<br />

Il giardino dei mostri<br />

il mostro<br />

il peperino<br />

inventare<br />

meravigliare<br />

il principe<br />

prigioniero<br />

dare sfogo<br />

l’allievo<br />

spaventare<br />

il muschio<br />

la felce<br />

di recente<br />

la belva<br />

stringere<br />

la proboscide<br />

Ungeheuer<br />

Pfefferstein<br />

sich ausdenken<br />

überraschen<br />

Fürst, Prinz<br />

gefangen<br />

freien Lauf lassen<br />

Schüler<br />

erschrecken<br />

Moos<br />

Farn<br />

kürzlich<br />

Raubtier<br />

drücken<br />

Rüssel<br />

Il giardino dei mostri di Bomarzo è un<br />

parco del Cinquecento dove il peperino<br />

è protagonista. Pier Francesco Orsini,<br />

detto Vicino, lo inventa per meravigliare<br />

i suoi ospiti. Il principe nasce nel<br />

1523 ed è un soldato. Ha una vita difficile,<br />

per molto tempo è prigioniero in<br />

Francia e, dopo la morte della moglie,<br />

“sol per sfogare il core” – per dare sfogo<br />

al suo cuore – fa costruire questo<br />

parco. Chi<strong>am</strong>a uno dei più f<strong>am</strong>osi architetti<br />

dell’epoca, Pirro Ligorio, un allievo<br />

di Michelangelo, e crea con lui statue<br />

enormi, mostri che però non devono<br />

spaventare, ma meravigliare i visitatori.<br />

Oggi il suo giardino non c’è più, ma le<br />

statue sì. Sono coperte di muschio e di<br />

felci, circondate da castagni e noccioli e,<br />

di recente, sono state anche restaurate.<br />

Rappresentano animali misteriosi: per<br />

esempio un drago in stile orientale che<br />

si difende dalle belve feroci, un elefante<br />

la tartaruga<br />

la balena<br />

l’orco<br />

il mapp<strong>am</strong>ondo<br />

il casato<br />

a due piani<br />

storto<br />

pendere<br />

gira la testa<br />

dell’epoca<br />

il viale<br />

la differenza<br />

l’inganno<br />

con orario<br />

continuato<br />

Schildkröte<br />

Wal<br />

Ungeheuer<br />

Globus<br />

Herrschergeschlecht<br />

zweigeschossig<br />

schief<br />

hängen<br />

alles dreht sich<br />

von d<strong>am</strong>als<br />

Allee, Weg<br />

Unterschied<br />

Täuschung<br />

durchgehend<br />

che stringe nella proboscide un soldato,<br />

una sirena enorme, una tartaruga che ha<br />

sulla schiena una donna e una balena.<br />

C’è anche un orco con la bocca aperta<br />

che è in realtà la porta di una taverna.<br />

Sulla testa ha un mapp<strong>am</strong>ondo e, sopra<br />

il mapp<strong>am</strong>ondo, una miniatura del castello<br />

Orsini dimostra la potenza del casato.<br />

C’è anche una piccola casa a due<br />

piani, tutta storta, che sembra pendere<br />

più della Torre di Pisa: è divertente entrare,<br />

ma come gira la testa, quando si<br />

esce! Il giardino dei mostri di Bomarzo è<br />

molto diverso dai giardini all’italiana dell’epoca.<br />

Qui non c’è regolarità geometrica<br />

e non ci sono viali con fontane. Su<br />

ogni statua ci sono brevi frasi che invitano<br />

a meditare su argomenti leggeri, come<br />

la differenza fra l’arte e l’inganno, e si<br />

legge il motto: “Qui ogni pensiero vola”.<br />

Informazioni: il parco è aperto tutti i giorni<br />

dell’anno con orario continuato: dalle<br />

8:30 alle 19 da aprile a ottobre; dalle<br />

8:30 al tr<strong>am</strong>onto da novembre a marzo.<br />

www.parcodeimostri.com<br />

© I. Mancusi (5), Huber/Sime, F. Cogoli (3)<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

IN ITALIA IL PESSIMISMO È AL-<br />

LE STELLE. Gli italiani non hanno<br />

più fiducia nelle istituzioni e non desiderano<br />

neppure c<strong>am</strong>biarle. I l<strong>am</strong>enti<br />

sono all’ordine del giorno. I<br />

giovani se ne vanno a cercare lavoro<br />

all’estero e sembrano non accorgersi<br />

della bellezza e delle potenzialità del<br />

loro paese. Certo, c’è la crisi, la disoccupazione<br />

giovanile è al 40% e la corruzione<br />

dilagante e trasversale ha<br />

alle stelle<br />

la fiducia<br />

l’ordine (m.)<br />

del giorno<br />

accorgersi di qc.<br />

außerordentlich hoch<br />

Vertrauen<br />

Tagesordnung<br />

etw. bemerken<br />

fatto tr<strong>am</strong>ontare ogni ideale politico.<br />

“Basta piangere!”, redarguisce il giornalista<br />

Aldo Cazzullo nel suo ultimo<br />

libro, edito da Mondadori, e ricorda<br />

che prima si stava peggio: si era più<br />

Jugendarbeits-<br />

losigkeit<br />

grassierend<br />

parteiübergreifend<br />

rügen, hier: mahnen<br />

Bequemlichkeit<br />

la disoccupazione<br />

giovanile<br />

dilagante<br />

trasversale<br />

redarguire<br />

la comodità<br />

poveri, c’era più violenza e non esistevano<br />

le mille comodità di oggi, come<br />

computer e telefonini, eppure<br />

non mancava la speranza nel futuro<br />

e il desiderio di c<strong>am</strong>biare le cose.<br />

Basta piangere!<br />

Gej<strong>am</strong>mert wird derzeit in Italien viel und über alles, aber ist das tatsächlich<br />

immer gerechtfertigt?<br />

58<br />

L’Italia è un paese per vecchi?<br />

Sì! Non c’è spazio per i giovani,<br />

in Italia; non c’è lavoro, né aiuti<br />

sociali.<br />

I cinquantenni di oggi, quando<br />

erano giovani, non si l<strong>am</strong>entavano<br />

perché sapevano che i genitori<br />

avevano vissuto la f<strong>am</strong>e e<br />

la guerra. La nuova generazione<br />

ha questa consapevolezza?<br />

Non abbi<strong>am</strong>o vissuto la guerra<br />

e abbi<strong>am</strong>o necessità che 30 anni<br />

fa erano un lusso. Eppure<br />

sti<strong>am</strong>o male.<br />

Ci sono differenze, fra ieri e<br />

oggi? Violenza, corruzione, disoccupazione, precariato…<br />

Negli anni Settanta la violenza aveva un fine politico, anche<br />

se sbagliato. Oggi la violenza nasce dalla disperazione perché<br />

non c’è lavoro.<br />

Chi sono, oggi, i pessimisti, la vecchia o la nuova generazione?<br />

I giovani! I nostri padri sono riusciti a stare meglio dei loro genitori<br />

e chi era precario sapeva che il suo lavoro sarebbe migliorato.<br />

Noi sappi<strong>am</strong>o che non avremo mai uno stipendio<br />

fisso, né una pensione.<br />

lo spazio<br />

il cinquantenne<br />

la consapevolezza<br />

la violenza<br />

il precariato<br />

il fine<br />

la disperazione<br />

lo stipendio<br />

invadere<br />

Platz<br />

Fünfzigjähriger<br />

Bewusstsein<br />

Gewalt(tätigkeit)<br />

Präkariat, unsichere<br />

Arbeitsverhältnisse<br />

Ziel<br />

Verzweiflung<br />

Gehalt<br />

überfallen,<br />

besetzen<br />

Sonia Vranesevic, di Firenze, 24 anni, studentessa (a sinistra), e<br />

Fabio Buosi, di Milano, 51 anni, agente di vendita [Handelsvertreter].<br />

Qual è la speranza per il<br />

futuro?<br />

Che l’Italia venga “invasa”<br />

dallo straniero… magari dai<br />

tedeschi!!<br />

L’Italia è un paese per vecchi?<br />

No. Però, secondo me, i giovani<br />

hanno maturato un atteggi<strong>am</strong>ento<br />

decadente nei confronti<br />

della vita. Spesso si<strong>am</strong>o noi i<br />

più combattivi.<br />

I cinquantenni di oggi, quando<br />

erano giovani, non si l<strong>am</strong>entavano<br />

perché sapevano che i genitori<br />

avevano vissuto la f<strong>am</strong>e e<br />

la guerra. La nuova generazione<br />

ha questa consapevolezza?<br />

No. Oggi tra i giovani soffrire la<br />

f<strong>am</strong>e significa non avere l’ultimo<br />

modello di tablet.<br />

Ci sono differenze, fra ieri e oggi? Violenza, corruzione,<br />

disoccupazione, precariato…<br />

Si va di male in peggio, almeno secondo il sentire comune.<br />

Chi sono, oggi, i pessimisti, la vecchia o la nuova generazione?<br />

In linea di massima, secondo me, la nuova generazione<br />

è quella meno consapevole<br />

e quindi più spaventata<br />

del futuro.<br />

Qual è la speranza per il<br />

futuro?<br />

Che si possa invertire la<br />

tendenza. Basterebbe<br />

una piccola deviazione in<br />

positivo.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sul pessimismo<br />

giovanile che trovi nella rubrica<br />

Gr<strong>am</strong>matica di questo mese.<br />

www.adesso-online.de/bastapiangere<br />

maturare<br />

combattivo<br />

il cinquantenne<br />

la consapevolezza<br />

soffrire la f<strong>am</strong>e<br />

la violenza<br />

il precariato<br />

andare di male<br />

in peggio<br />

spaventato<br />

invertire<br />

la deviazione<br />

reifen, hier:<br />

entwickeln<br />

kämpferisch<br />

Fünfzigjähriger<br />

Bewusstsein<br />

Hunger leiden<br />

Gewalt(tätigkeit)<br />

Präkariat, unsichere<br />

Arbeitsverhältnisse<br />

immer schlech-<br />

ter werden<br />

erschrocken<br />

umkehren<br />

Abweichung<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


ITALIENISCH<br />

LEICHT GEMACHT<br />

LE REGIONI<br />

D’ITALIA<br />

LOMBARDIA 09.2013<br />

EMILIA-ROMAGNA 10.2013<br />

MARCHE 11.2013<br />

PIEMONTE 12.2013<br />

SICILIA 01.2014<br />

FRIULI-VENEZIA GIULIA 02.2014<br />

Lazio 03.2014<br />

Basilicata 04.2014<br />

Valle d’Aosta 05.2014<br />

C<strong>am</strong>pania 06.2014<br />

Molise 07.2014<br />

Trentino-Alto Adige 08.2014<br />

Toscana 09.2014<br />

Sardegna 10.2014<br />

Umbria 11.2014<br />

Liguria 12.2014<br />

Calabria 01.2015<br />

Veneto 02.2015<br />

Abruzzo 03.2015<br />

Puglia 04.2015<br />

JEDEN<br />

MONAT<br />

IM HEFT<br />

59<br />

Zusätzliche sowie zurückliegende<br />

Ausgaben von können<br />

Sie zus<strong>am</strong>men mit dem Sprachmagazin<br />

<strong>ADESSO</strong> nachbestellen:<br />

Tel. +49(o)89/85681-16;<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

➋<br />

* SOLUZIONI DELLA RUBRICA<br />

“GIOCANDO S’IMPARA” (PAG. 49):<br />

CRUCIVERBA ILLUSTRATO (siehe rechts)<br />

➋ I VERBI DELL’AMORE 3. baciarsi 6. abbracciarsi<br />

11. fidanzarsi 12. volersi bene 14. sposarsi 16. <strong>am</strong>arsi.<br />

Il disegno: cuore. (siehe rechts )<br />

➌ REBUS DI SAN VALENTINO: Amore importante.<br />

P<br />

C<br />

U<br />

O<br />

S L L<br />

F C M C A R R O<br />

I I A O M<br />

L N S R C B<br />

A R L E C C H I N O I<br />

T L H A S N<br />

A L E N T A<br />

A R D U<br />

A O M<br />

L E<br />

I<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


PRATICAMENTE PARLANDO<br />

TRADIZIONI<br />

Carnevali d’ Italia<br />

Nicht nur in Venedig geht es an den tollen Tage prunkvoll und ausgelassen<br />

zu. Auf der ganzen Halbinsel wird in traditionellen Masken und<br />

Kostümen auf Umzügen und Festen kräftig und spektakulär gefeiert.<br />

Testo: Isabella Bernardin<br />

60<br />

IL “CARNEVALE ITALIANO” È PER MOLTI SOLO<br />

QUELLO DI VENEZIA, CON LE SUE MERAVIGLIO-<br />

SE MASCHERE ARTISTICHE. Certo, quello della Serenissima<br />

– dedicato quest’anno al tema “La natura fantastica”<br />

(www.carnevale.venezia.it) – è il Carnevale più<br />

antico e scenografico del Belpaese. Tuttavia, per chi ha<br />

voglia di scoprire le tradizioni della Penisola, gli appunt<strong>am</strong>enti<br />

da segnare in agenda sono tantissimi. Molto diffusi<br />

in tutta Italia sono i cortei di carri allegorici con figure<br />

di cartapesta, vere e proprie opere d’arte che<br />

ironizzano su temi d’attualità. Tra i più f<strong>am</strong>osi vi sono<br />

quello di Viareggio (vedi <strong>ADESSO</strong> 02/12, pag. 48), in Toscana,<br />

quello di Sciacca (www.ilcarnevaledisciacca.com), in<br />

provincia di Agrigento, e<br />

artistico künstlerisch quello di Acireale (www.carnevaleacireale.com),<br />

conside-<br />

la Serenissima: Bezeichnung<br />

für (die Republik) Venedig<br />

scenografico spektakulär rato “il più bello della <strong>Sicilia</strong>”.<br />

Suggestivi e misteriosi<br />

l’appunt<strong>am</strong>ento<br />

Termin<br />

sono poi quelli che si svolgono<br />

in Sardegna (vedi<br />

l’agenda Terminkalender<br />

il corteo Umzug, Korso <strong>ADESSO</strong> 02/13, pag. 54).<br />

il carro Umzugsallegorico<br />

wagen Raccontarvi tutte le feste<br />

la cartapesta Pappmaché del Carnevale sarebbe impossibile,<br />

ma abbi<strong>am</strong>o rac-<br />

l’opera d’arte Kunstwerk<br />

ironizzare sich lustig<br />

machen colto per voi quelle proprio<br />

particolare besonders da non perdere, per le maschere<br />

e le tradizioni che le<br />

suggestivo malerisch<br />

da non nicht zu<br />

perdere verpassen rendono uniche. Buon divertimento!<br />

unico einzigartig<br />

LA BATTAGLIA DELLE ARANCE<br />

CARNEVALE DI IVREA, PIEMONTE<br />

Il Carnevale eporediese è sicur<strong>am</strong>ente il più emozionante<br />

d’Italia, ma anche il più “pericoloso”. L’evento<br />

principale, infatti, è la f<strong>am</strong>osa “battaglia delle arance”,<br />

che ricorda la ribellione del popolo contro un<br />

feudatario che aff<strong>am</strong>ava la città. Migliaia di “aranceri<br />

a piedi” – il popolo – combattono a colpi di arance<br />

contro gli “aranceri sul carro”, simbolo dei soldati del<br />

tiranno. La battaglia si svolge di domenica, lunedì e<br />

martedì. Per partecipare come semplici spettatori<br />

basta mettersi dietro apposite reti e indossare il tipico<br />

berretto frigio, che si può acquistare in città e serve<br />

per indicare che non si vuol essere coinvolti nella<br />

battaglia. Se invece si decide di partecipare attiv<strong>am</strong>ente,<br />

bisogna iscriversi (a pag<strong>am</strong>ento) a una squadra<br />

di aranceri a piedi. www.storicocarnevaleivrea.it<br />

LA BATTAGLIA DELLE ARANCE<br />

eporediese von/aus Ivrea<br />

l’evento Ereignis<br />

la battaglia Schlacht<br />

il feudatario Lehnsherr<br />

aff<strong>am</strong>are aushungern<br />

l’arancere m. Orangenwerfer<br />

combattere kämpfen<br />

il carro Wagen<br />

svolgersi stattfinden<br />

lo spettatore Zuschauer<br />

la rete Netz, Gitter<br />

il berretto phrygische<br />

frigio Mütze<br />

essere hier:<br />

coinvolto mitmachen<br />

iscriversi sich anmelden<br />

a pag<strong>am</strong>ento kostenpflichtig<br />

IL ROGO DEL PUPO<br />

il rogo Scheiterhaufen,<br />

Feuertod<br />

il quintale<br />

la car<strong>am</strong>ella<br />

la folla<br />

il tr<strong>am</strong>onto<br />

arrabbiato<br />

il primato<br />

attestare<br />

lo statuto<br />

cittadino<br />

Doppelzentner<br />

Bonbon<br />

Menschenmenge<br />

Sonnenuntergang<br />

wütend<br />

Rekord<br />

bestätigen<br />

Verfassung<br />

der Stadt<br />

a edizione hier: jährlich<br />

momento<br />

culminante Höhepunkt<br />

guidare leiten<br />

divorare verschlingen<br />

la purifi- Läuterung,<br />

cazione Reinigung<br />

LA SIRINATA DA SAVUZIZZA<br />

la sirinata (dial.<br />

per serenata) Serenade<br />

la vetrina Schaufenster<br />

© Ansa,Regione.vda<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


IL ROGO DEL PUPO<br />

CARNEVALE DI FANO, MARCHE<br />

A Fano, una graziosa cittadina sull’Adriatico, si svolge il Carnevale più dolce d’Italia.<br />

Quintali di car<strong>am</strong>elle e cioccolatini vengono gettati alla folla degli spettatori dai grandi<br />

carri allegorici che sfilano fino al tr<strong>am</strong>onto, accompagnati da bande musicali come la<br />

storica Musica arabita, ossia “arrabbiata”, e da vari gruppi folkloristici. Il Carnevale di<br />

Fano ha anche un altro primato: è considerato il più antico d’Italia dopo quello di Venezia.<br />

Il primo documento che ne attesta l’esistenza risale al 1347. Nel 1450 i Malatesta inseriscono<br />

addirittura nello Statuto cittadino l’obbligo di festeggiarlo. Oggi il Carnevale di<br />

Fano è anche la più importante festa popolare delle Marche, con oltre 100.000 spettatori<br />

a edizione. Il momento culminante è il “rogo del Pupo”, con cui la festa si conclude. Il<br />

Pupo è la grande figura allegorica che guida il corteo dei carri e le fi<strong>am</strong>me che lo divorano<br />

alla fine del Carnevale sono un simbolo di purificazione. www.carnevaledifano.com<br />

LA SIRINATA<br />

DA SAVUZIZZA<br />

CARNEVALE DI CASTRO-<br />

VILLARI, CALABRIA<br />

Quello di Castrovillari non<br />

è solo un Carnevale, ma<br />

un vero e proprio Festival<br />

internazionale del folklore.<br />

Dal 1959 è una vetrina internazionale<br />

delle tradizioni<br />

del mondo, che qui si incontrano<br />

e si cont<strong>am</strong>inano.<br />

Da non perdere la Sirinata<br />

da savuzizza, una tradizione<br />

locale che la sera del giovedì<br />

anticipa il Carnevale.<br />

In questa occasione gente<br />

comune e gruppi di musicisti<br />

girano per le strade suonando<br />

musiche popolari,<br />

bevendo e mangiando salsiccia<br />

e dolci tradizionali.<br />

www.carnevalecastrovillari.it<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

In Italia oggi trovi un<br />

esercizio sul Carnevale di Ivrea.<br />

LA CARTAPESTA<br />

CARNEVALE DI PUTIGNANO,<br />

PUGLIA<br />

Giunto alla 620 a edizione,<br />

vanta uno dei più f<strong>am</strong>osi cortei<br />

di carri allegorici. L’edizione di<br />

quest’anno è dedicata a Giuseppe<br />

Verdi e i mastri cartapestai<br />

hanno realizzato opere che<br />

lasceranno il pubblico a bocca<br />

aperta. Oltre ai carri, da non<br />

perdere sono anche i cosiddetti<br />

“Giovedì”, le feste goliardiche<br />

che scandiscono il Carnevale<br />

e sono animate da sagre e<br />

spettacoli. Ognuna è dedicata<br />

a una particolare categoria di<br />

persone, come i preti, le<br />

monache, i pazzi e... i cornuti.<br />

www.carnevalediputignano.it<br />

I LANDZETTE<br />

CARNEVALE COUMBA FREIDA,<br />

VALLE D’AOSTA<br />

Meno f<strong>am</strong>oso del vicino Carnevale di Verrès<br />

(www.carnevaleverres.it), con il suo imponente<br />

corteo storico è, in realtà, il più suggestivo della<br />

regione. Parli<strong>am</strong>o del Carnevale che si celebra<br />

nei vari paesini della Valle del San Bernardo.<br />

I venti gelidi che soffiano nella stagione<br />

invernale gli hanno fatto guadagnare il nome<br />

di Coumba freida, ossia “Valle fredda”. I protagonisti<br />

della festa sono i landzette, maschere<br />

un po’ inquietanti che ricordano il passaggio<br />

di Napoleone attraverso il colle del Gran San<br />

Bernardo, durante la c<strong>am</strong>pagna d’Italia del<br />

1800. I loro abiti rossi riprendono le uniformi<br />

dei soldati e sono arricchiti con c<strong>am</strong>panelli e<br />

specchietti che hanno lo scopo di allontanare<br />

gli spiriti maligni. Durante i giorni del Carnevale,<br />

i landzette sfilano in corteo nei comuni della<br />

valle, ballano per le strade, fanno visita alle f<strong>am</strong>iglie<br />

del paese e ricevono in c<strong>am</strong>bio fontina, lardo<br />

di Arnad e altre bontà locali. www.lovevda.it<br />

61<br />

cont<strong>am</strong>inarsi hier: sich<br />

gegenseitig<br />

inspirieren<br />

anticipare hier: vorverlegen<br />

la musica<br />

popolare Volksmusik<br />

la salsiccia: grobe ital. Bratwurst<br />

LA CARTAPESTA<br />

la cartapesta Pappmaché<br />

giungere erreichen<br />

hier: vorweisen<br />

können<br />

widmen<br />

Pappmaché-<br />

Meister<br />

sogenannt<br />

Studenten-<br />

hier: begleiten<br />

Volksfest<br />

Aufführung<br />

vantare<br />

dedicare<br />

il mastro<br />

cartapestaio<br />

cosiddetto<br />

goliardico<br />

scandire<br />

la sagra<br />

lo spettacolo<br />

il pazzo Irrer<br />

il cornuto Gehörnter<br />

I LANDZETTE<br />

imponente stattlich<br />

suggestivo malerisch<br />

il vento gelido Eiswind<br />

guadagnare verdienen, hier:<br />

bekommen<br />

la valle Tal<br />

inquietante unheimlich<br />

la c<strong>am</strong>pagna<br />

d’Italia Italienfeldzug<br />

il c<strong>am</strong>panello Glocke, Klingel<br />

lo specchietto kleiner Spiegel<br />

lo spirito<br />

maligno böser Geist<br />

sfilare vorbeiziehen<br />

la fontina: halbharter Kuh-Rohmilchkäse<br />

aus der Region<br />

il lardo Speck<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Matteo<br />

RENZI<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Firenze, 11 gennaio 1975. STATO CIVILE: è sposato con Agnese, insegnante precaria, e ha tre figli.<br />

SEGNI PARTICOLARI: laureato in Giurisprudenza, è sindaco di Firenze dal 2009 e, dal dicembre 2013, segretario del Partito<br />

democratico. Gioca bene a pallone e ha un'ottima oratoria.<br />

62<br />

Hier kommt der „Verschrotter“: Der<br />

frisch gekürte Parteichef der regierenden<br />

Mitte-Links-Partei PD will mit Italiens<br />

korrupter und unproduktiver politischer<br />

Klasse endgültig aufräumen.<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Questo mese puoi<br />

ascoltare Matteo Renzi in<br />

un brano radiofonico.<br />

PROVATE A CHIEDERE A UN ITALIANO CHE COSA<br />

PENSA DEI POLITICI. La risposta è scontata. In nessun<br />

altro paese dell’Unione europea i politici godono meno fiducia<br />

che in Italia. Per questo l’affluenza ai seggi di quasi 3<br />

milioni di italiani, l’8 dicembre scorso, in occasione delle primarie<br />

del Partito democratico, ha sorpreso anche i più cinici.<br />

“È il segnale – ha detto Matteo Renzi nel primo discorso<br />

dopo la sua elezione a segretario con quasi il 70% dei voti<br />

– che da oggi non c’è più alibi per nessuno”. Come dire: è<br />

arrivato il momento di c<strong>am</strong>biare la classe politica italiana.<br />

A cominciare dal Pd, come dimostra la nuova segreteria,<br />

annunciata da Renzi il giorno dopo l’elezione e formata da<br />

sette donne e cinque uomini, con un’età media di 35 anni.<br />

Le carte in regola per diventare, a 38 anni, segretario del<br />

Pd, Matteo Renzi le aveva tutte. Per questo ora tutti si chiedono<br />

quale sarà il rapporto tra l’esuberante fiorentino e il<br />

più serioso Enrico Letta, che è pisano e ha 10 anni<br />

di più. “Con me segretario, – assicura Renzi – “il governo<br />

di Letta sarà più forte”. In effetti, una delle qualità che<br />

contraddistingue Renzi è proprio la lealtà. L’altra, l’<strong>am</strong>bizione,<br />

spiega la carriera di questo ragazzo, nato in una f<strong>am</strong>iglia<br />

di democristiani e che da b<strong>am</strong>bino faceva il chierichetto.<br />

“Sono <strong>am</strong>bizioso – confessa lui – ma so aspettare”.<br />

Per vincere le sue sfide, sia nel c<strong>am</strong>po di pallone sia nella<br />

vita, farebbe qualunque cosa,<br />

ovvi<strong>am</strong>ente sempre nel<br />

rispetto delle regole. Uno<br />

dei suoi slogan è: “La sinistra<br />

deve tornare a vincere”.<br />

Da ragazzo, Matteo non sapeva se fare il calciatore o<br />

seguire il mito di Bob Kennedy, che gli aveva trasmesso<br />

sua madre. Oggi gioca ancora a pallone, tifa per la Fiorentina,<br />

la sua squadra del cuore, ed è un po’ il Kennedy d’Italia,<br />

il trentenne che vuole spedire a casa i senatori e i dirigenti<br />

inutili (o corrotti) della pubblica <strong>am</strong>ministrazione.<br />

Non per niente è soprannominato “il Rott<strong>am</strong>atore”.<br />

Nella sua Firenze, non c’è dubbio, qualcosa funziona<br />

davvero meglio, per esempio gli asilo nido o i trasporti<br />

pubblici, e ci sono più aree pedonali. Oltre al fatto di essere<br />

giovane e di muoversi in bicicletta, il suo capitale è<br />

la comunicazione: dategli un microfono e Renzi vi inchioderà<br />

la platea. Persino i suoi avversari <strong>am</strong>mettono che<br />

“quel toscanaccio di un Renzi” è una bomba di simpatia.<br />

essere einen Hochlaureato<br />

schulabschluss<br />

haben<br />

la giurispru- Rechtswisdenza<br />

senschaft<br />

il sindaco Bürgermeister<br />

il segretario Parteichef<br />

il Partito democratico (Pd): ital.<br />

Mitte-Links-Partei<br />

giocare a Fußball<br />

pallone spielen<br />

l’oratoria hier: Rhetorik<br />

scontato klar,<br />

vorhersehbar<br />

godere Vertrauen<br />

fiducia genießen<br />

l’affluenza Wahlbeai<br />

seggi teiligung<br />

le primarie pl. Vorwahlen<br />

cinico zynisch<br />

il discorso Rede<br />

l’elezione f. Wahl<br />

la segreteria Parteivorstand<br />

avere le carte in regola per qc.:<br />

für etw. qualifiziert sein<br />

il rapporto Verhältnis<br />

esuberante überschäumend<br />

serioso ernsthaft<br />

il c<strong>am</strong>po<br />

il calciatore<br />

il mito<br />

trasmettere<br />

tifare per qc.<br />

la squadra<br />

spedire<br />

il dirigente<br />

corrotto<br />

il rott<strong>am</strong>atore<br />

l’asilo nido<br />

l’area pedonale<br />

inchiodare<br />

la platea<br />

l’avversario<br />

<strong>am</strong>mettere<br />

Regierung<br />

il governo<br />

contraddistinguere<br />

la lealtà<br />

il democristiano<br />

il chierichetto<br />

confessare<br />

vincere<br />

una sfida<br />

unterscheiden<br />

Loyalität<br />

Christ-<br />

demokrat<br />

Messdiener<br />

beichten<br />

eine Heraus-<br />

forderung<br />

bewältigen<br />

Feld<br />

Fußballer<br />

Mythos<br />

übertragen,<br />

hier: vererben<br />

Fan von<br />

etw. sein<br />

Mannschaft<br />

schicken<br />

Führungskraft<br />

korrupt<br />

Verschrotter<br />

Krippe<br />

Fußgängerzone<br />

hier: fesseln<br />

Publikum<br />

Gegner<br />

zugeben<br />

© ANSA<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


, 9 dicembre 2013<br />

Pd, Matteo Renzi è il<br />

nuovo segretario “Basta<br />

inciuci, ora si c<strong>am</strong>bia<br />

davvero”<br />

l’inciucio: Mauschelei<br />

L’articolo…<br />

Dall’8 dicembre 2013<br />

Matteo Renzi è il segretario<br />

FACILE E IN BREVE<br />

il segretario Parteivorsitz<br />

il Partito democratico (Pd): ital.<br />

Mitte-Links-Partei<br />

il sindaco Bürgermeister<br />

il demo- Christcristiano<br />

demokrat<br />

occuparsi sich befassen<br />

la novità Neuheit<br />

il linguaggio Ausdrucksweise<br />

esuberante überschäumend,<br />

übersprudelnd<br />

<strong>am</strong>bizioso ehrgeizig<br />

apparire erscheinen<br />

rinnovare erneuern<br />

rott<strong>am</strong>are verschrotten<br />

dirigente führend<br />

stesso eigen<br />

il saggio Essay<br />

Il segretario del<br />

Partito democratico,<br />

Matteo Renzi (38).<br />

del Pd (Partito democratico). Nato a Firenze nel 1975, dal<br />

2009 è il sindaco della città. È cresciuto in una f<strong>am</strong>iglia di<br />

democristiani e ha cominciato a occuparsi di politica<br />

da ragazzo. È un leader politico molto popolare ed è sembrato<br />

subito una novità nel panor<strong>am</strong>a politico italiano, per<br />

il suo stile e il suo linguaggio.<br />

Renzi è un personaggio<br />

esuberante e<br />

molto <strong>am</strong>bizioso, e anche<br />

un bravo comunicatore<br />

che <strong>am</strong>a apparire nei<br />

media. Vuole rinnovare la<br />

politica e “rott<strong>am</strong>are” la<br />

vecchia classe dirigente<br />

e le vecchie idee del suo<br />

stesso partito. È sposato<br />

con Agnese, un’insegnante,<br />

e ha tre figli, ma non<br />

<strong>am</strong>a molto parlare della<br />

sua vita privata. Ha<br />

scritto anche diversi<br />

saggi politici, tra cui<br />

Tra De Gasperi<br />

e gli U2 e Fuori!.<br />

Anche nelle interviste, che rilascia a profusione, gli escono<br />

battute come bollicine nella Coca-Cola. “Sono uno che<br />

osa, non uno che usa”, giusto per darvene un assaggio.<br />

“La parola leadership non è una parolaccia”; “io non logoro,<br />

strappo”. Persino Angela Merkel, a quanto pare, è rimasta<br />

colpita da tanta effervescenza. Tant’è che i libri di<br />

Renzi – Tra De Gasperi e gli U2. I trentenni e il futuro (Giunti,<br />

2006) e Fuori! (Rizzoli, 2011) – sono tra i pochi saggi politici<br />

letti persino in Italia.<br />

, 9 dicembre 2012<br />

Pd, la squadra di Renzi:<br />

donne e under 40.<br />

Incontro con Letta:<br />

“Lavoreremo bene”<br />

Certo, c’è chi ritiene esagerato<br />

il suo <strong>am</strong>ore per i<br />

media. Doveva proprio<br />

rilasciare<br />

a profusione<br />

geben<br />

in Hülle<br />

und Fülle<br />

la battuta Scherz<br />

aprire il salotto di casa ai<br />

la bollicina Bläschen<br />

fotografi di Vanity Fair? E<br />

osare wagen<br />

perché l’uomo che vuole<br />

rinnovare l’Italia è andato<br />

a cena da Silvio Berlusconi?<br />

l’assaggio<br />

logorare<br />

strappare<br />

Kostprobe<br />

abnutzen<br />

reißen<br />

A chi lo accusa di essere<br />

a quanto pare wie es scheint<br />

colpito beeindruckt<br />

affetto da protagonismo, l’effervescenza Lebhaftigkeit<br />

lui risponde che oggi il politico<br />

deve essere “aperto a<br />

tutti e trasparente”. E che,<br />

il saggio<br />

ritenere<br />

esagerato<br />

Essay<br />

finden<br />

überzogen<br />

il salotto Wohnzimmer<br />

se vuole vincere, la sinistra<br />

accusare beschuldigen<br />

deve attirare i voti dei delusi<br />

essere<br />

di Berlusconi. “Solo la<br />

mia f<strong>am</strong>iglia è tabù”, avverte<br />

affetto da qc.<br />

attirare<br />

an etw. leiden<br />

hier: gewinnen<br />

lui. Per il resto, gli ita-<br />

il deluso Enttäuschter<br />

avvertire warnen<br />

liani sanno tutto di lui:<br />

guadagnare verdienen<br />

quanto guadagna il sindaco<br />

nonostante trotz<br />

di Firenze (4.300 euro al<br />

mese) e quanto ha sul conto<br />

la virtù<br />

il principino<br />

Tugend<br />

junger Prinz<br />

(a novembre 2012 era-<br />

vanesio eitel<br />

onesto ehrlich<br />

no 22.000 euro). O che sua<br />

la dote Gabe<br />

moglie Agnese, nonostante<br />

assai sehr<br />

la celebrità del marito, è<br />

insegnante precaria. Forse è questa la virtù che più affascina,<br />

nel Principino toscano. Sarà <strong>am</strong>bizioso e vanesio,<br />

ma di sicuro è onesto, Matteo Renzi. Nel nostro paese,<br />

purtoppo, una dote assai rara.<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

63<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Te<strong>am</strong> aus dem Spotlight Verlag.<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

ÜBUNGS-ROMAN<br />

ÜBUNGEN<br />

<strong>ADESSO</strong> JAHRGANG 2013<br />

Nutzen Sie die Gelegenheit, alle zwölf<br />

Ausgaben des Jahres 2013 jetzt zu bestellen<br />

– um Wissenswertes zu erfahren und<br />

Versäumtes nachzuholen. Der Magazin- ,<br />

der Übungsheft- wie auch der Audio-CD-<br />

Jahrgang sind um 20% vergünstigt.<br />

Magazin-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 942013. € 59,90 (D)/€ 61,20 (A)<br />

Übungsheft plus-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 941352. € 32,65 (D)/€ 33,60 (A)<br />

Audio-CD-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 941300. € 103,70 (D)/€ 103,70 (A)<br />

TUTTO COMINCIÒ CON<br />

UNA TELEFONATA<br />

Das Buch kann wie ein Roman gelesen<br />

werden. Eine junge Studentin, die sich<br />

auf ihren Studiumabschluss vorbereitet ,<br />

bekommt eines Tages einen Anruf, der ihr<br />

komplettes Leben verändert. Schwierige<br />

Wörter sind tabellarisch auf jeder Seite<br />

erklärt und <strong>am</strong> Ende jedes der 26 Kapitel<br />

gibt es Übungen zu Sprachverständnis,<br />

Wortschatz und Gr<strong>am</strong>matik.<br />

Buch mit 140 Seiten. Italienisch<br />

Niveau B1. Artikel-Nr. 45541<br />

€ 17,90 (D)/€ 18,50 (A)<br />

202 ESERCIZI CON SOLUZIONI E<br />

GRAMMATICA DI RIFERIMENTO<br />

Übung macht den Meister. In dieser Reihe<br />

finden Sie sehr vielfältige Sprachübungen<br />

zu italienischer Gr<strong>am</strong>matik und dem<br />

korrekten Sprachgebrauch. Die Bücher<br />

können perfekt im Unterricht eingesetzt<br />

werden, sind aber auch für Selbstlerner<br />

geeignet. Neben genauen Gr<strong>am</strong>matikerklärungen<br />

sind auch die Lösungen zu den<br />

Aufgaben jeweils im Buch enthalten.<br />

Buch auf Niveau A1/A2 Artikel-Nr. 45533<br />

Buch auf Niveau B1/B2 Artikel-Nr. 45534<br />

Jeweils € 22,90 (D)/€ 23,60 (A)<br />

LERNEN MIT MUSIK<br />

LERNKRIMI-HÖRBUCH<br />

CANTAGRAMMA<br />

Italienische Lieder hören und dabei die Gr<strong>am</strong>matik lernen<br />

– eine geniale Kombination, die das Nützliche mit dem<br />

Angenehmen verbindet. Die Reise durch die Canzone beginnt<br />

in den berühmten 60er-Jahren. Die ausgewählten<br />

Lieder sind neben ihrer kulturellen Bedeutung vor allem<br />

durch Verständlichkeit und Qualität ihrer Texte gekennzeichnet<br />

sowie durch ein ausgewogenes Verhältnis zwischen<br />

Wort und Musik.<br />

Buch und CD gibt es jeweils auf zwei Sprachniveaus:<br />

livello elementare deckt A1 und A2 ab, livello intermedio<br />

erreicht die Niveaus B1 und B2<br />

Livello elementare - Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45526<br />

Livello intermedio - Niveau B1/B2. Artikel-Nr. 45528<br />

Italienisch. Jeweils Buch + Audio-CD<br />

Je € 19,90 (D)/€ 20,60 (A)<br />

SINFONIA SICILIANA<br />

Bei einem Stadtfest in Palermo wird ein<br />

Musiker ermordet – Rosa Nicoletti ermittelt<br />

wieder! Lesen Sie die spannende Krimigeschichte<br />

und trainieren Sie Ihr Italienisch<br />

mit den vielseitigen Übungen auf CD.<br />

Hörbuch mit Begleitheft. Italienisch. B1<br />

Artikel-Nr. 43040. € 9,99 (D)/€ 9.99 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

REDEWENDUNGEN<br />

FÜR ANFÄNGER<br />

SPRACHKALENDER<br />

ALLTAGSTAUGLICH ITALIENISCH<br />

Alltagstauglich Italienisch bietet in tabellarischer<br />

Darstellung praxisrelevante Redemittel<br />

und Phrasen zu wichtigen Themen<br />

wie z. B. Begrüßung und Vorstellung,<br />

Höflichkeitsfloskeln, Meinungen äußern,<br />

über Gefühle und Emotionen reden, Freizeit,<br />

Sport, Medien, Shoppen, Telefonieren<br />

und vieles mehr. So können Sie sich<br />

auf spezielle Gesprächsthemen gezielt<br />

vorbereiten und Sicherheit schaffen.<br />

Buch (112 Seiten) + MP3-Downloads.<br />

Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45539<br />

€ 8,99 (D)/€ 9.30 (A)<br />

PERMESSO?<br />

Permesso? ist ein Anfängerkurs für Italienisch<br />

als Fremdsprache auf der Niveaustufe<br />

A1/A2. Der Kurs vermittelt in<br />

15 Lektionen durch praktische Übungen<br />

den Grundwortschatz und gr<strong>am</strong>matikalische<br />

Strukturen, die Einwanderer<br />

in Italien benötigen, um sich im Alltag<br />

zurechttzufinden. Übungen zur Aussprache<br />

finden Sie auf der enthaltenen<br />

Audio-CD. Die Lösungen sind enhalten.<br />

Buch (160 Seiten) + Audio-CD. Italienisch<br />

Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45540<br />

€ 19,90 (D)/€ 20,60 (A)<br />

SPRACHKALENDER<br />

ITALIENISCH 2014<br />

Verabreichen Sie sich Ihre tägliche Portion<br />

Italienisch in fünf Minuten durch einen<br />

Mix aus Information, Unterhaltung<br />

und Übungen! Mit zwölf Sondertests<br />

und Lösungen zu allen Aufgaben jeweils<br />

auf der Rückseite. Außerdem: Gr<strong>am</strong>matik<br />

des Monats, Tests und interessante<br />

Internetlinks.<br />

Sprachkalender (324 Blatt). Italienisch<br />

Artikel-Nr. 48115<br />

€ 9,99 (D)/€ 9,99 (A)<br />

KULINARISCHES<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer oder Produktn<strong>am</strong>en suchen.<br />

Bestellen.<br />

ITALIENS WEINWELTEN<br />

Der renommierte Weinjournalist Steffen<br />

Maus legt hier ein epochales Weinbuch<br />

über die italienische Weinkultur vor. Es<br />

ist eine Ode an die italienische Erde, die<br />

Menschen und die Traube.<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

oder telefonischen Bestellung geben Sie bitte die Artikelnummer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Buch mit 384 Seiten. Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45542. € 35,00 (D)/€ 36.00 (A)<br />

Sonderangebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

66<br />

AFFARI<br />

ITALIANI<br />

USCIRE DA<br />

UN INCUBO<br />

Una gioventù dorata, una f<strong>am</strong>iglia accogliente<br />

in un quartiere della “Roma<br />

bene”. Lorenzo è un chitarrista heavy<br />

metal di talento: <strong>am</strong>ici, bevute, canne<br />

e fidanzata, sembra tutto perfetto. Un<br />

giorno cade sciando e la sua vita diventa<br />

un incubo: operazioni, sofferenze<br />

e, soprattutto, la condanna della<br />

paralisi. Ci vorranno anni pieni di imprevisti e situazioni<br />

dr<strong>am</strong>matiche prima di riprendere a dominare alcune delle funzioni<br />

più elementari del corpo. Un romanzo forte – perché si<br />

tratta della sua storia vera – ma nello stesso tempo leggero,<br />

che ci introduce, attraverso i tormenti, in un’esperienza di vita<br />

rara e preziosa. Nonostante le lunghe crisi Lorenzo riesce<br />

a scrivere, a raccontare, addirittura<br />

a presentarsi in televisione<br />

in una trasmissio-<br />

la “Roma Roms wohl-<br />

accogliente aufgeschlossen<br />

ne di largo seguito. Certo, il<br />

bene” habendste<br />

forte leg<strong>am</strong>e con la f<strong>am</strong>iglia<br />

Gesellschaft<br />

e l’agiatezza economica risolvono<br />

molti problemi, ma<br />

la canna Joint<br />

la fidanzata Freundin<br />

l’incubo Albtraum<br />

non c<strong>am</strong>biano la realtà. Lorenzo<br />

dà prova di grande la paralisi Lähmung<br />

la condanna Strafe<br />

forza: la vita è una e non si dominare beherrschen<br />

può sostituire, bisogna accettarla<br />

nonostante quello la trasmissione Sendung<br />

il tormento Qual<br />

di largo mit hoher Einseguito<br />

schaltquote<br />

che ci nega.<br />

Lingua: abbastanza<br />

l’agiatezza Wohlstand<br />

difficile, parlato. Genere: economico wirtschaftlich<br />

romanzo giovanile.<br />

dare prova den Beweis für<br />

Lorenzo Amurri, Apnea,<br />

di qc. etw. erbringen<br />

Fandango, 251 pagine.<br />

negare verwehren<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

“SÌ, LO VOGLIO!”<br />

Gli ultimi 30 anni di politica italiana visti<br />

come un unico affaire, guidato da menti<br />

spietate, pronte a qualunque cosa pur<br />

di gestire denaro e potere. Se la prima<br />

scena si svolge a New York, in <strong>am</strong>biente<br />

mafioso, nessuno si stupisce: i leg<strong>am</strong>i<br />

tra mafia, politica, alti livelli militari ed<br />

economici, nell’Italia di quegli anni, non<br />

sono più un mistero. I nomi dei vari Gelli, Craxi, Berlusconi vengono<br />

però mascherati, come se quella raccontata fosse una<br />

fiction cinematografica. Anche se il titolo del romanzo è un chiaro<br />

rimando al discorso elettorale<br />

tenuto da Berlusconi in<br />

occasione della sua discesa<br />

in c<strong>am</strong>po nel 1994. Accl<strong>am</strong>ato<br />

come rivelazione del noir<br />

l’affare (m.)<br />

la mente<br />

spietato<br />

Geschäft,<br />

Angelegenheit<br />

hier: Person<br />

graus<strong>am</strong><br />

politico all’italiana, Sarasso<br />

pur di nur um<br />

gestire steuern<br />

racconta il lato oscuro dell’Italia,<br />

entrando nei covi e nel-<br />

stupirsi sich wundern<br />

il potere Macht<br />

le menti dei politici e dei mafiosi,<br />

il leg<strong>am</strong>e Verbindung<br />

raccontando avveni-<br />

menti e registrando dialoghi.<br />

I protagonisti sono spesso<br />

il livello<br />

mascherare<br />

la fiction cinematografica<br />

hier: Rang<br />

verschleiern<br />

Filmstory<br />

meschini, magari astuti, ma<br />

accl<strong>am</strong>ato hier:<br />

ignoranti e cattivi. Ecco servito<br />

tutto lo squallore che ab-<br />

angekündigt<br />

la rivelazione Entdeckung<br />

bi<strong>am</strong>o attraversato.<br />

il noir Thriller<br />

Lingua: abbastanza<br />

il covo Höhle<br />

difficile, parlato. Genere:<br />

romanzo giovanile. Simone<br />

Sarasso, Il paese che <strong>am</strong>o,<br />

Marsilio, 580 pagine.<br />

l’avvenimento<br />

meschino<br />

astuto<br />

lo squallore<br />

Ereignis<br />

gemein<br />

schlau<br />

Trostlosigkeit<br />

Sposarsi in Italia… Quanti stranieri hanno questo sogno! Certo, “perché l’Italia” – spiega la<br />

wedding planner Serena Obert, che ha scritto la prefazione di questo libro – “come nessun altro<br />

luogo al mondo, mette a disposizione atmosfere incantate, scorci unici, paesaggi mozzafiato”.<br />

Per non parlare della cucina e dei vini! Per passare dal sogno alla realtà ci vuole<br />

però molta organizzazione. Ecco, quindi, l’idea di questo volume che raccoglie 15 location<br />

ideali per pronunciare il fatidico “sì!” in Italia. Una cartina permette di visualizzarle a colpo<br />

d’occhio: da Nord a Sud, si passa da Verona a Venezia; da Anghiari, in Toscana, a Ravenna,<br />

in Emilia-Romagna, fino a Martina Franca, in Puglia, e a Roma.<br />

Vedi<strong>am</strong>o una delle proposte più da vicino. Per esempio, la graziosa cittadina di Alassio, in Liguria, detta “la città degli<br />

inn<strong>am</strong>orati”. Dopo una descrizione della città e della<br />

sua storia recente, si passa alle questioni organizzative: in sposarsi heiraten<br />

a colpo<br />

quali chiese ci si può sposare e quali sono le più suggestive?<br />

Dove tenere il rinfresco di nozze? Gli autori del li-<br />

la prefazione Vorwort<br />

d’occhio auf einen Blick<br />

incantato zauberhaft<br />

recente jüngst<br />

lo scorcio hier: Panor<strong>am</strong>a suggestivo malerisch<br />

bro hanno raccolto spunti interessanti. Un utile box segnala<br />

inoltre i recapiti degli uffici comunali ai quali raccogliere s<strong>am</strong>meln<br />

Buffet<br />

mozzafiato atemberaubend il rinfresco Umtrunk mit<br />

rivolgersi per avviare le pratiche <strong>am</strong>ministrative. Tutto il pronunciare aussprechen, lo spunto Idee<br />

libro è in lingua italiana e inglese. Isabella Bernardin<br />

verkünden le pratiche (pl.) Verwaltungsan<strong>am</strong>ministrative<br />

Love me in Italy, Lunargento, 161 pagine, € 18, e-book, € 7.<br />

fatidico schicksalhaft<br />

gelegenheiten<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


LIBRI E LETTERATURA<br />

IL LIBRO DELL’AUTORE<br />

LA RICCHEZZA<br />

La generazione che entrava nella vita adulta alla fine degli anni<br />

Settanta in Italia era ricca di potenzialità, ma è rimasta privata<br />

di tutto. Come accade a Fabrizio e Mario, figli di un onorevole<br />

romano. Le loro vite sono raccontate attraverso gli occhi dell’<strong>am</strong>ico<br />

Giovanni, che poi sarà<br />

l’<strong>am</strong>ante della sorella maggiore<br />

Maddalena. I colpi di scena<br />

alter<br />

la vita adulta Erwachsenen-<br />

e gli sviluppi s’inseguono nel la potenzialità Möglichkeit<br />

corso dei decenni e in giro per<br />

il mondo. Il racconto descrive<br />

con precisione e ironia personaggi<br />

pieni di coraggio e disperazione.<br />

Originale, acuto e<br />

ben narrato: chapeau, Marco.<br />

Lingua: abbastanza<br />

facile. Genere: romanzo<br />

generazionale.<br />

privato<br />

l’onorevole m.<br />

il colpo<br />

di scena<br />

lo sviluppo<br />

inseguirsi<br />

il decennio<br />

la disperazione<br />

acuto<br />

beraubt<br />

Abgeordnete<br />

Überraschungs-<br />

effekt<br />

Verlauf<br />

sich verfolgen<br />

Jahrzehnt<br />

Verzweiflung<br />

scharfsinnig<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

MARCO<br />

MONTEMARANO<br />

Ben noto ai lettori di <strong>ADESSO</strong>, Marco Montemarano ha<br />

vinto con il romanzo La ricchezza il Premio Neri Pozza,<br />

un premio letterario per testi inediti di narrativa che già<br />

dalla prima edizione, per autorevolezza della giuria e<br />

risonanza, sembra destinato a imporsi nel panor<strong>am</strong>a<br />

nazionale. Marco nasce a Milano nel 1962, ma cresce a<br />

Roma, dove studia Giurisprudenza e suona il blues. Dal<br />

1990 abita a Monaco, dove svolge attività di traduttore<br />

legale, insegnante di lingua, giornalista, autore e conduttore<br />

radiofonico. È uno dei collaboratori “storici” di<br />

<strong>ADESSO</strong>: fin dai primi<br />

numeri, nel 1995, è autore<br />

della rubrica Pagine<br />

inedito unveröffentlicht<br />

noto bekannt<br />

facili ed è il curatore di la narrativa Belletristik<br />

<strong>ADESSO</strong> audio. Scrive da l’autorevolezza Ansehen<br />

quando aveva 25 anni,<br />

la giuria Jury<br />

ma soltanto dieci anni fa<br />

la risonanza Nachhall<br />

si è imposto di fare sul<br />

imporsi sich durchsetzen<br />

serio, portando a termine<br />

cinque romanzi. Il primo<br />

la giuri- Rechtssprudenza<br />

wissenschaft<br />

pubblicato, Acqua passata,<br />

è stato tra i vincitori<br />

il traduttore Rechtslegale<br />

übersetzer<br />

del concorso IoScrittore2012<br />

ed è uscito nel<br />

il conduttore<br />

2013 sotto forma di<br />

radiofonico Radiosprecher<br />

e-book. Negli ultimi anni,<br />

Marco è tornato anche a<br />

il curatore Herausgeber<br />

suonare come chitarrista<br />

portare zu Ende<br />

solista. Ha pubblicato a termine bringen<br />

due dischi e tenuto il concorso Wettbewerb<br />

diversi concerti.<br />

il disco CD<br />

© M. Cantagallo<br />

DAL LIBRO:<br />

A settembre, quando Fabrizio mi vide nel cortile della scuola<br />

e mi salutò chi<strong>am</strong>andomi Hitchcock, quel nome non mi riempì<br />

d’orgoglio e anzi non mi sembrò neppure mio.<br />

Una sera però Maddalena mi telefonò a casa. Parlò tutto<br />

d’un fiato e mi ordinò di farmi mettere in classe con Mario,<br />

l’altro suo fratello, quello con cui non avevo sc<strong>am</strong>biato più<br />

di dieci parole in due anni. Riattaccò senza darmi il tempo<br />

di rispondere. Andai in bagno a vomitare e poi in c<strong>am</strong>era<br />

mia a piangere. Quella sera chiesi a mio padre di telefonare<br />

a scuola per farmi c<strong>am</strong>biare sezione.<br />

“Sei sicuro, Giovanni?” chiese.<br />

“Non chi<strong>am</strong>armi così” risposi.<br />

Lui il giorno dopo chi<strong>am</strong>ò. E a metà ottobre ricominciai<br />

a frequentare casa Pedrotti,<br />

stavolta come compagno di<br />

classe di Mario.<br />

Mario sembrava esibire la<br />

somiglianza tra il suo viso e<br />

quello di suo fratello apposta<br />

per fornirne al mondo la<br />

versione antitetica. Aveva<br />

costruito la sua personalità<br />

nei pochi spazi lasciati liberi<br />

dal fratello maggiore.<br />

Lì dove c’era Fabrizio, nel<br />

rumore, in mezzo alla gente,<br />

nella risata, lui semplicemente<br />

non poteva stare.<br />

Era inespressivo, distaccato,<br />

non cercava l’approvazione<br />

degli altri. Non aveva<br />

bisogno di nessuno e tanto<br />

meno di me.<br />

il cortile<br />

della scuola<br />

l’orgoglio<br />

anzi<br />

d’un fiato<br />

sc<strong>am</strong>biare<br />

riattaccare<br />

vomitare<br />

la sezione<br />

Schulhof<br />

Stolz<br />

im Gegenteil<br />

in einem<br />

Atemzug<br />

wechseln<br />

auflegen<br />

kotzen<br />

hier: Schulklasse<br />

verkehren in<br />

dieses Mal<br />

vorzeigen<br />

Ähnlichkeit<br />

absichtlich<br />

gegensätzlich<br />

Lachen<br />

ausdruckslos<br />

distanziert<br />

frequentare<br />

stavolta<br />

esibire<br />

la somiglianza<br />

apposta<br />

antitetico<br />

la risata<br />

inespressivo<br />

distaccato<br />

l’approvazione<br />

f.<br />

Zustimmung<br />

67<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

GRANDEUR ITALIANA<br />

CON RADICI FRANCESI<br />

Vom simplen Tafelwein zur Revolution des italienischen Weinbaus. Mit<br />

dem exklusiven, nicht für alle erschwinglichen Sassicaia verwirklichte Mario<br />

Incisa della Rocchetta seinen Traum vom italienischen Bordeaux-Wein.<br />

Testo: Jesper Storgaard Jensen<br />

68<br />

IL SASSICAIA È FRUTTO DI UN SOGNO, MA AN-<br />

CHE DI INTELLIGENZA, PERSEVERANZA E PA-<br />

ZIENZA. Per farsi raccontare la storia di uno dei più f<strong>am</strong>osi<br />

vini d’Italia, <strong>ADESSO</strong> è andato a Bolgheri, in<br />

provincia di Livorno, per incontrare Nicolò Incisa della<br />

Rocchetta, una vera personalità del settore vinicolo italiano<br />

e figlio di Mario, l’inventore di questo straordinario vino.<br />

Con noi c’è Carlo Paoli – agronomo e direttore marketing<br />

della Tenuta San Guido, dove si produce il Sassicaia –<br />

che ci mostra le terre in cui uve tipic<strong>am</strong>ente francesi hanno<br />

imparato a “parlare italiano”.<br />

Sti<strong>am</strong>o guidando verso il castello di Castiglioncello:<br />

“Oggi è chiuso al pubblico – ci dice Paoli – ma ha un ruolo<br />

importante nella storia della nostra azienda. Proprio nel<br />

seminterrato di questo castello, Mario Incisa della Rocchetta<br />

avviò la sperimentazione di un vino allora totalmente<br />

sconosciuto”. A continuare il racconto è proprio suo<br />

figlio, produttore di uno dei vini più apprezzati al mondo,<br />

con prezzi dai 140 ai 150 euro a bottiglia, che variano a seconda<br />

delle annate. L’incontro avviene al ristorantino della<br />

Tenuta San Guido: “Quando Mario Incisa della Rocchetta<br />

è arrivato a Bolgheri, negli anni Quaranta, i vini di<br />

questa zona non avevano una buona reputazione. La vicinanza<br />

del mare era considerata un fattore negativo e<br />

molta gente pensava che fosse impossibile produrre vini<br />

di qualità. Per questa ragione, i produttori locali puntavano<br />

esclusiv<strong>am</strong>ente sulla quantità, con l’uso di uva Sangiovese,<br />

Malvasia e Trebbiano. All’epoca, nessuno aveva pensato<br />

che il Cabernet Sauvignon e il Cabernet Franc, uve<br />

francesi, potessero crescere bene in Toscana”.<br />

la radice<br />

la perseveranza<br />

la pazienza<br />

f<strong>am</strong>oso<br />

il settore<br />

vinicolo<br />

l’inventore m.<br />

la tenuta<br />

l’uva<br />

il castello<br />

l’azienda<br />

il seminterrato<br />

avviare<br />

la sperimentazione<br />

allora<br />

sconosciuto<br />

Wurzel<br />

Beharrlichkeit<br />

Geduld<br />

berühmt<br />

Weinbranche<br />

Erfinder<br />

Weingut,<br />

Landgut<br />

Traube<br />

Burg, Schloss<br />

Betrieb<br />

Kellergeschoss<br />

starten<br />

Experimen-<br />

tieren<br />

seinerzeit<br />

unbekannt<br />

meist<br />

geschätzt<br />

Vierziger<br />

Jahre<br />

Ruf<br />

Nähe<br />

gelten<br />

Grund<br />

setzen<br />

Rebsorte<br />

sich geschla-<br />

gen geben<br />

Studium<br />

abschließen<br />

Liebhaber, -in<br />

beachtlich<br />

sich bewusst<br />

werden<br />

beide<br />

steinig<br />

più apprezzato<br />

gli anni (pl.)<br />

Quaranta<br />

la reputazione<br />

la vicinanza<br />

essere<br />

considerato<br />

la ragione<br />

puntare<br />

il vitigno<br />

darsi<br />

per vinto<br />

concludere<br />

gli studi<br />

l’<strong>am</strong>ante m./f.<br />

notevole<br />

rendersi<br />

conto<br />

entr<strong>am</strong>bi<br />

sassoso<br />

UN VITIGNO FRANCESE<br />

IN TOSCANA<br />

Mario Incisa della Rocchetta aveva un grande sogno e<br />

non era uomo da darsi facilmente per vinto: “Aveva concluso<br />

gli studi di Agronomia all’Università di Pisa – continua<br />

il figlio – e, verso la fine degli anni Trenta, aveva deciso<br />

di sistemarsi in questa zona. Era un <strong>am</strong>ante del vino<br />

e i suoi vini preferiti provenivano da Bordeaux. Quindi<br />

sognava di creare un vino italiano stile Bordeaux, facendo<br />

crescere l’uva francese in terra italiana. La conoscenza<br />

di mio padre della Francia e dei vini francesi era notevole.<br />

Infatti, fu il primo a rendersi conto che il terreno qui,<br />

intorno a Bolgheri, è simile a quello della zona di Graves,<br />

vicino a Bordeaux. Sono entr<strong>am</strong>bi terreni sassosi”.<br />

© Tenuta San Guido, J. S. Jensen, Atlantide, Corbis<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


LE ORIGINI DI UN MITO<br />

Da destra, in senso orario: Nicolò Incisa della Rocchetta, figlio dell’inventore<br />

del Sassicaia, uno dei vini italiani più pregiati; una bottiglia del<br />

Bolgheri Sassicaia 2003; una veduta dall’alto del castello e del paesino<br />

di Bolgheri, in Toscana; vigneti sul mare della Tenuta San Guido.<br />

69


UNA LEGGENDA TRA I CIPRESSI DELLA TOSCANA<br />

In questa pagina, da destra: il viale dei cipressi che conduce fino a Bolgheri,<br />

citato da Giosuè Carducci (1835-1907) nella poesia Davanti San Guido ;<br />

la torre di accesso al castello vista dal cortile; la cantina storica dove viene<br />

conservato il vino. Nell’altra pagina: l’uva da cui ha origine il Sassicaia.<br />

70<br />

Boden<br />

herrühren<br />

entkorken<br />

pflanzen<br />

Rebstock<br />

munkeln<br />

Jahrhundert<br />

mittelmäßig<br />

gewonnen aus<br />

jdn. etw.<br />

beschuldigen<br />

Geistes-<br />

krankheit<br />

unbeirrt<br />

Markteinführung<br />

il suolo<br />

derivare<br />

stappare<br />

piantare<br />

la vite<br />

mormorare<br />

il secolo<br />

mediocre<br />

ricavato da<br />

tacciare<br />

qcn. di qc.<br />

l’insanità<br />

mentale<br />

imperterrito<br />

il lancio<br />

Proprio da questa caratteristica<br />

del suolo deriva il<br />

nome del vino, spiega Nicolò<br />

Incisa della Rocchetta,<br />

mentre stappa una bottiglia<br />

di Sassicaia del 2008.<br />

Finalmente inizia la nostra<br />

degustazione.<br />

Così, nel 1944, Mario Incisa<br />

della Rocchetta piantò<br />

l’uva francese Cabernet in terra toscana. Quando le viti<br />

diedero i primi frutti, avviò la sperimentazione. Intanto<br />

la gente del posto mormorava, perché un’uva francese in<br />

Toscana era un evento rivoluzionario. Per secoli, il cibo<br />

era stato accompagnato con un vino da tavola locale piuttosto<br />

mediocre, ricavato da<br />

uva Sangiovese. Molti produttori<br />

della zona arrivarono<br />

addirittura a tacciare<br />

il giovane Incisa della Rocchetta<br />

di “insanità mentale”,<br />

ma lui non se ne curò e<br />

continuò imperterrito a lavorare.<br />

Verso la metà degli<br />

anni Sessanta, il vino sembrava<br />

pronto per il grande<br />

lancio. Durante le degustazioni,<br />

Incisa della Roc-<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

© Tenuta San Guido (2), J. S. Jensen, Marka (2)<br />

chetta notò che le annate rimaste in stoccaggio per alcuni<br />

anni avevano sviluppato un carattere notevole. Incoraggiato<br />

dai risultati, iniziò a usare metodi di vinificazione<br />

e di stoccaggio appresi in Francia. Ogni annata<br />

sembrava superare qualitativ<strong>am</strong>ente la precedente, finché<br />

nel 1968 arrivò il momento di affrontare il mercato e<br />

le prime bottiglie di Sassicaia furono messe in vendita.<br />

VERSO IL TRIONFO<br />

Gli inizi non furono facili. L’uso di vitigni francesi al posto<br />

dell’uva nativa equivaleva a dare uno scossone a un <strong>am</strong>biente<br />

tradizionalista. Le reazioni non si fecero attendere:<br />

“I nostri primi tentativi di vendere il vino non hanno avuto<br />

molto successo. Ricordo ancora oggi che io e mio padre<br />

andav<strong>am</strong>o di ristorante in ristorante, a Firenze, per vendere<br />

il vino, ma i proprietari non erano entusiasti”. Col passare<br />

del tempo, la perseveranza e la pazienza della f<strong>am</strong>iglia<br />

Incisa della Rocchetta, oltre ai miglior<strong>am</strong>enti apportati<br />

al vino, permisero al Sassicaia di conquistare un posto di<br />

prim’ordine nei ristoranti e poi nelle case degli italiani. Il<br />

primo riconoscimento internazionale arrivò da Londra nel<br />

1978. Durante una degustazione bendata, organizzata dalla<br />

rivista <strong>am</strong>ericana Decanter, alcuni critici assaggiarono 32<br />

diversi vini Cabernet, provenienti da tutto il mondo, e il<br />

Sassicaia conquistò a sorpresa il primo posto.<br />

Da allora il celebre vino italiano non è mai tornato indietro.<br />

Anche i critici più severi sono concordi nel giudicare<br />

l’annata del 1985 come “leggendaria”. Il Sassicaia ha<br />

ottenuto in varie occasioni i rarissimi “100 punti” e il f<strong>am</strong>oso<br />

critico <strong>am</strong>ericano Robert Parker ha affermato che<br />

quell’annata del Sassicaia “è uno dei più straordinari vini<br />

mai fatti”. Gli Incisa della Rocchetta e la loro tenuta sono<br />

riusciti a mantenere costante un altissimo livello di<br />

qualità. Recentemente, la guida enogastronomica del<br />

G<strong>am</strong>bero Rosso ha scelto il Sassicaia del 2009 come migliore<br />

vino rosso dell’anno 2013 in Italia, venduto sul mercato<br />

con prezzi che variano da 145 ai 167 euro a bottiglia.<br />

UN OMAGGIO<br />

ALLA NATURA<br />

Nel corso degli ultimi 35 anni, la qualità del Sassicaia è diventata<br />

materia di diverse leggende e aneddoti, ai quali<br />

Nicolò Incisa della Rocchetta non disdegna di contribuire.<br />

Una storia “fuori del mondo” è per esempio quella avvenuta<br />

nel 2005. “Tra gli esperimenti scientifici che un’azienda<br />

toscana stava conducendo, alcuni riguardavano gli<br />

effetti dell’assenza di gravità sul vino. Furono effettuati a<br />

bordo del satellite Foton M2, mandato in orbita dal Kazakhstan,<br />

e il nostro contributo fu una bottiglia di Sassicaia<br />

annata 2000, che è stata la prima bottiglia ad andare<br />

nello spazio”, racconta Incisa della Rocchetta.<br />

l’annata<br />

lo stoccaggio<br />

sviluppare<br />

incoraggiato<br />

la vinificazione<br />

superare<br />

affrontare<br />

mettere<br />

in vendita<br />

nativo<br />

equivalere<br />

lo scossone<br />

il tentativo<br />

il proprietario<br />

conquistare<br />

di prim’ordine<br />

la degustazione<br />

bendata<br />

assaggiare<br />

essere<br />

concorde<br />

giudicare<br />

affermare<br />

mantenere<br />

il livello<br />

il corso<br />

Jahrgang<br />

Lagerung<br />

entwickeln<br />

ermutigt<br />

Weinherstellung<br />

übertreffen<br />

anpacken<br />

zum Verkauf<br />

anbieten<br />

ursprünglich<br />

gleichbedeutend<br />

sein<br />

Stoß<br />

Versuch<br />

Inhaber<br />

erobern<br />

erstklassig<br />

Blind-<br />

verkostung<br />

verkosten<br />

einig sein<br />

beurteilen<br />

behaupten<br />

halten<br />

Niveau<br />

Lauf<br />

Il nostro incontro si sta per concludere. Abbi<strong>am</strong>o degustato<br />

un Sassicaia del 2008 e ascoltato la sua storia dal<br />

figlio di chi lo ha inventato. Nicolò Incisa della Rocchetta<br />

è riuscito a portare avanti degn<strong>am</strong>ente il grande sogno<br />

del padre; un sogno che, diventato realtà, ha rivoluzionato<br />

il settore vinicolo italiano. Eppure la f<strong>am</strong>iglia ha sempre<br />

attribuito il merito del successo soprattutto a qualcos’altro.<br />

Mario, infatti, non si stancava mai di ripetere<br />

quello che sembrava essere diventato il suo motto: “Le<br />

mie idee, per quanto riguarda lo sviluppo del suolo, si basano<br />

sul mio rispetto illimitato e immenso per la natura,<br />

per tutte le sue forme ed espressioni, le sue stagioni che<br />

c<strong>am</strong>biano, i suoi misteri e miracoli, che non dobbi<strong>am</strong>o mai<br />

smettere di <strong>am</strong>mirare”.<br />

TENUTA SAN GUIDO: www.tenutasanguido.com<br />

disdegnare hier: verabsäumen<br />

contribuire beitragen<br />

scientifico wissenschaftlich<br />

l’assenza Schweredi<br />

gravità losigkeit<br />

mandato in die Umlaufin<br />

orbita bahn gebracht<br />

contributo Beitrag<br />

lo spazio Weltall<br />

degn<strong>am</strong>ente würdig<br />

il merito Verdienst<br />

stancarsi müde werden<br />

basarsi su sich stützen auf<br />

illimitato unbegrenzt<br />

il miracolo Wunder<br />

smettere aufhören<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nella rubrica Gr<strong>am</strong>matica<br />

trovi un esercizio sul Sassicaia.<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta la nostra<br />

mini-inchiesta sul tema: quali<br />

sono i vini preferiti dagli italiani?<br />

71<br />

<strong>ADESSO</strong> FEBBRAIO 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

Sprachreisen<br />

weltweit<br />

Italien, Spanien, Mexiko, Argentinien<br />

F+U Academy of Languages<br />

Hauptstraße 1, 69117 Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit <strong>Meer</strong>blick<br />

in f<strong>am</strong>iliärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

Italienisch-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen Italienisch-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei der F<strong>am</strong>ilie<br />

der Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

<br />

<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien in guter Stimmung<br />

Standard-, Intensivkurse in kleinen Gruppen<br />

CELI Prüfungszentrum · Italienisch und Kochen<br />

Italienisch und Tauchen<br />

Skype Unterricht!<br />

Via Caffaro 4/7, 16124 Genua · Tel. +39 010 2465870 · Fax +39 010 2542240 · info@adoortoitaly.com · www.adoortoitaly.com<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 529,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 739,–)<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

Studitalia Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

(0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

Alfa SprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und die besten<br />

Progr<strong>am</strong>me für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

Sizilien – <strong>Meer</strong> und Kultur<br />

Italienisch-Sprachkurs und klassische Kochschule mit<br />

einer erfahrenen Muttersprachlehrerin. Unterkunft<br />

und Verpflegung in der f<strong>am</strong>iliären Atmosphäre der<br />

Lehrerin, in einem kleinen Dorf direkt an der Küste.<br />

Tel: +39-091-8787146,<br />

e-mail: rb.sicilia@hotmail.com<br />

Bücher<br />

Parli<strong>am</strong>o l´italiano<br />

Italienisch kompakt.<br />

Lehr- und Arbeitsbuch<br />

von Antonio Perrotta<br />

erhältlich unter www.lehrerselbstverlag.de<br />

Einem Teil dieser Ausgabe<br />

ist eine Beilage von<br />

plan international deutschland e.V.<br />

beigefügt.<br />

BerufSauSBildung, fortBildung<br />

<br />

<br />

Ihre Anzeige im<br />

Sprach- und Reisemarkt AdeSSo<br />

Print & E-Paper<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (07221) 22661<br />

Berufsfachschule für Fremdsprachen:<br />

Europasekretär/in, Übersetzer/in, Fremdsprachenkorrespondent/in,<br />

Welthandelskorrespondent/in, EDV- und Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

F+U Academy of Languages, Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

Rabatte<br />

ab 3 Anzeigen 3 % Rabatt<br />

ab 6 Anzeigen 6 % Rabatt<br />

ab 9 Anzeigen 10 % Rabatt<br />

ab 12 Anzeigen 15 % Rabatt<br />

Beispiel 1<br />

1-spaltig / 20 mm hoch<br />

e 86,– (schwarz/weiß)<br />

e 111,– (farbig)<br />

Beispiel 2<br />

1-spaltig / 40 mm hoch<br />

e 172,– (schwarz/weiß)<br />

e 222,– (farbig)<br />

Beispiel 3<br />

2-spaltig / 30 mm hoch<br />

e 258,– (schwarz/weiß)<br />

e 333,– (farbig)<br />

Weitere Formate möglich.<br />

Alle Preise zuzüglich MwSt.<br />

<strong>ADESSO</strong> febbraio 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

Scuola Leonardo da Vinci®<br />

Italienisch in Florenz – Mailand – Rom – Siena<br />

www.scuolaleonardo.com<br />

Accademia Lingua eGusto –<br />

Kleinste Lerngruppen, größter Lernerfolg,<br />

Villa und Garten mit <strong>Meer</strong>blick, gemeins<strong>am</strong>e<br />

Mittagessen, Touren zu Wein, Öl, Pasta, Käse,Trüffel ...<br />

Italienischer<br />

Sprach-Genuss<br />

in der Toskana<br />

www.lingua-e-gusto.com, Tel. +49 421 364 9301<br />

Trieste<br />

Tropea<br />

Sant‘anna InStItute<br />

Italienisch lernen, Alghero erleben<br />

mit Pintadera, der kleinen Sprachschule im<br />

Herzen der Altstadt. Nebst intensiven Grundkursen<br />

bieten wir u.a. einen Crash-Kurs an,<br />

genannt “AllegraMente”, der Besuchern von<br />

Alghero einen einzigartigen Einblick in die<br />

Sprache und das Lebensgefühl der Italiener<br />

ermöglicht.<br />

Tel: +39 079 917064<br />

www.pintadera.info<br />

info@pintadera.info<br />

Italienische Sprache und Kultur in Sorrent<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

+39 040 304020 | Als Bildungsurlaub anerkannt | +39 0963 603284<br />

www.adesso-online.de<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Rein ins Land.<br />

Raus mit der Spache.<br />

Sprachreisen & Sprachkurse weltweit<br />

DIALOG-SPRACHREISEN<br />

T. 0761 286470 • www.dialog.de<br />

Amüsanter Italienischkurs für<br />

Anfänger und Fortgeschrittene<br />

in einer venezianischen Villa:<br />

www.villabornancin.it<br />

Wir stellen uns vor!<br />

Stadt und Kunst, Musik von Schlagerkomponisten,Italienisch<br />

kochen,<br />

und wenn uns das nicht gelingt…<br />

gehen wir ins Restaurant!<br />

www.idealingue.it<br />

ferienhÄuSer und -Wohnungen<br />

VENEDIG Rialto Nähe<br />

Ein ganzes Fischerhaus mit kleiner<br />

Terrasse nur für Sie. Für 2-4 Personen.<br />

Weekend-Miete all inclusive e 450.-<br />

Details und Fotos:<br />

www.cortediavolo.com<br />

oder 0043/13693165 (Fr. Kaut)<br />

ROM +TOSK. +UMBR. +MARKEN<br />

Gün. priv. Landhs + f<strong>am</strong>. Hotels, teils Pool!<br />

Rom: priv. Stadtwhgn in zentraler und<br />

sehr guter Lage! Tel. 0981-13655<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

haben Sie fragen zu anzeigenschaltungen?<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panor<strong>am</strong>a-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

CINQUE TERRE WANDERN & MEER<br />

FeWo oder Haus mit Terrassen,<br />

traumhafter <strong>Meer</strong>blick. Idealer Ausgangspunkt<br />

zum Wandern + Schwimmen im <strong>Meer</strong>.<br />

Infos: www.arucca.com<br />

oder Tel: 0039-335-6871576<br />

SARDINIEN + SIZ. + SÜDITALIEN<br />

Exkl. + gün. priv. Einzelhs + f<strong>am</strong>. Hotels<br />

An herrl. Sandstränden! Auch Originaltrulli<br />

und Landgüter! Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

Nächster Anzeigentermin:<br />

19. februar<br />

für die April-Ausgabe<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

VENEDIG<br />

Stilvolle Appartements in antikem Palast<br />

zwischen Rialto-Brücke und Markusplatz,<br />

mit antiken Möbeln, für 2–6 Personen,<br />

Mindestmiete 1Woche, in NS auch kürzer.<br />

Tel. 0039-041-720620, Fax -721677<br />

(A. Lorenzon)<br />

Unesco-Welterbe Cilento<br />

<strong>Meer</strong>, Berge, griechische Tempel...<br />

Villen, Fewos+Hotels <strong>am</strong> <strong>Meer</strong><br />

Wandern auf Italienisch<br />

Erlebnissprachkurs<br />

0941 /567 6460, www.cilento-ferien.de<br />

<strong>ADESSO</strong> febbraio 2014


Schon gehört?<br />

Der Audio-Trainer mit Hörverständnis-Übungen<br />

in Ihrer Lieblingssprache. Als CD oder Download.<br />

4<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.spotlight-verlag.de/audio-angebot<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Audio-Trainers Ihrer Wahl zum Preis von 3.<br />

Audio-CD: € 32,40 / SFR 48,60 – Business Spotlight € 48,60 / SFR 72,90<br />

Audio-Download: € 27,60 / SFR 41,40 – Business Spotlight € 41,40 / SFR 62,10


S<strong>am</strong>mlerstücke!<br />

Alle Ausgaben des Jahrgangs 2013 für Ihr Archiv.<br />

Auch mit praktischer S<strong>am</strong>melmappe erhältlich.<br />

Sonderpreis<br />

!<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.adesso-online.de/extras


ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 02/2014 ALLE TEXTE AUF<br />

IRO D’ITALIA<br />

FRIAUL-JULISCH VENETIEN<br />

Wie gut kennen Sie den ”<br />

Stiefel“?<br />

Eine Reise durch Landeskunde,<br />

Kultur und Traditionen<br />

der italienischen Regionen.


Friuli-<br />

Venezia Giulia<br />

AUSTRIA<br />

FRIULI-VENEZIA<br />

GIULIA IN BREVE<br />

Il Friuli-Venezia Giulia è una regione<br />

a statuto speciale, circondata dai monti e<br />

affacciata sul mare. Nella regione ci sono<br />

numerose spiagge f<strong>am</strong>ose, come quella<br />

di Trieste, quella dell’isola di Grado, che<br />

da anni ha ottenuto la Bandiera blu — un<br />

riconoscimento dato alle località che sanno<br />

gestire il territorio in modo “sostenibile”<br />

— e la vivace Lignano Sabbiadoro.<br />

La regione comprende due territori:<br />

il Friuli, il 90% del totale, e la Venezia<br />

Giulia, il 10%. La Venezia Giulia è entrata<br />

a far parte della regione a partire dalla<br />

fine della seconda guerra mondiale. Il<br />

Friuli è diviso dal 1521 in due parti: quella<br />

occidentale e centrale sotto i Veneziani;<br />

quella orientale, con Aquileia, annessa<br />

all’Austria. Nel 1797, anche il Friuli occidentale<br />

e centrale passano all’Impero<br />

asburgico. L’influenza dell’Austria si vede<br />

ancora oggi negli storici caffè di Trieste,<br />

capoluogo dal 1963. Nelle Dolomiti Friulane<br />

vivono ancora oggi i Ladini, una minoranza<br />

linguistica tutelata dalla Costituzione<br />

(vedi <strong>ADESSO</strong> 11/13, pag. 48).<br />

POPOLAZIONE<br />

1.236.321 abitanti<br />

PAESAGGIO<br />

42,5% montagna<br />

38,1% pianura<br />

19,3% collina<br />

SUPERFICIE<br />

7.858 km²<br />

AREE PROTETTE<br />

53.446 ettari<br />

2 parchi regionali<br />

(delle Dolomiti<br />

Friulane e delle<br />

Prealpi Giulie)<br />

11 riserve naturali<br />

regionali<br />

CLIMA<br />

13,6° temperatura<br />

media annua<br />

DENSITÀ<br />

ABITATIVA<br />

157,3 abitanti<br />

per km²<br />

LAVORO<br />

Tasso di occupazione:<br />

63,1%<br />

Tasso di disoccupazione:<br />

8,6%<br />

PIL<br />

32.942,6 milioni<br />

di euro<br />

73% servizi<br />

25,7% industria<br />

1,4% agricoltura<br />

DOLOMITI<br />

VENETO<br />

PREALPI<br />

CARNICHE<br />

Pordenone<br />

3<br />

ALPI<br />

CARNICHE<br />

PREALPI<br />

GIULIE<br />

Udine<br />

Lignano<br />

Sabbiadoro Grado<br />

MAR<br />

ADRIATICO<br />

ALPI<br />

GIULIE<br />

SLOVENIA<br />

Gorizia<br />

TRIESTE<br />

1. Quale di questi<br />

film è stato girato in<br />

Friuli-Venezia Giulia?<br />

a. La dolce vita<br />

di Federico Fellini<br />

120<br />

b. La Grande guerra<br />

di Mario Monicelli<br />

c. Ieri, oggi, domani<br />

di Vittorio De Sica<br />

km di piste da sci<br />

(discesa) + 100 km<br />

di anelli da fondo<br />

130 Km<br />

di coste<br />

siti Unesco<br />

Aquileia,<br />

Dolomiti,<br />

siti longobardi<br />

con Cividale<br />

2<br />

02/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Friuli-<br />

Venezia Giulia<br />

PERSONAGGI<br />

FAMOSI<br />

Tra i personaggi f<strong>am</strong>osi nati nel<br />

Friuli-Venezia Giulia, ricordi<strong>am</strong>o<br />

innanzitutto gli scrittori Umberto<br />

Saba (1883-1957) e Italo Svevo<br />

(1861-1928). Il c<strong>am</strong>pione mondiale<br />

dei pesi massimi Primo Carnera<br />

(1906-1967) è nato a Sequals,<br />

un paesino in provincia di Pordenone.<br />

È friulano anche il disegnatore<br />

Carlo Tullio Altan, autore<br />

della Pimpa, un simpatico cane<br />

con le orecchie lunghe che, negli<br />

anni Settanta, è il protagonista di<br />

un fumetto pubblicato sul Corriere<br />

dei Piccoli e fa sognare milioni<br />

di b<strong>am</strong>bini. Poi ricordi<strong>am</strong>o il cantautore<br />

pop di Udine Francesco<br />

Renga, lo stilista Ottavio Missoni<br />

(1921-2013) noto per i coloratissimi<br />

e vivaci tessuti a zig-zag (vedi<br />

foto), il grande alpinista ed esploratore<br />

Ardito Desio, che nel 1954<br />

conquista per la prima volta il K2.<br />

Infine lo scienziato Carlo<br />

Rubbia, Premio Nobel per<br />

la Fisica nel 1984 e oggi<br />

senatore a vita (vedi anche<br />

<strong>ADESSO</strong>, pag. 9),<br />

l’allenatore di calcio<br />

Enzo Bearzot<br />

(1927-2010)<br />

e il portiere<br />

Dino Zoff, entr<strong>am</strong>bi<br />

protagonisti<br />

dei<br />

Mondiali di<br />

calcio del<br />

1982, quando<br />

l’Italia<br />

diventa, per<br />

la terza volta,<br />

c<strong>am</strong>pione<br />

del<br />

mondo.<br />

TRIESTE<br />

Il capoluogo del Friuli-Venezia Giulia<br />

è Trieste, una città multiculturale già<br />

alla fine del 1700, quando è l’unico<br />

sbocco sul mare dell’Impero asburgico.<br />

Tra le meraviglie da vedere ci sono<br />

Piazza Unità d’Italia, la più grande<br />

d’Europa dirett<strong>am</strong>ente sul mare; il Castello<br />

di Mir<strong>am</strong>are, il Teatro romano,<br />

e la chiesa di rito serbo-ortodosso di<br />

San Spiridione. Una caratteristica che<br />

rende Trieste unica sono le maniglie<br />

lungo i muri degli edifici. Servono per<br />

aggrapparsi quando soffia la bora, un<br />

vento che arriva anche a 170 km orari.<br />

IL CONSIGLIO<br />

DI FILIPPO<br />

Se sull’altopiano del Carso vedete lungo<br />

la strada un posto dove gli agricoltori<br />

e gli allevatori vendono i loro prodotti,<br />

fermatevi. Sono le osmizze ed esistono<br />

dai tempi di Carlo Magno. Qui potete<br />

assaggiare i vini e i prodotti locali, come<br />

prosciutti e formaggi. A Trieste, fate<br />

tappa nel ristorante Buffet da Pepi per<br />

provare la porzina coi capuzi, coppa di<br />

maiale lessata condita con crauti e rafano.<br />

Aperto nel 1897 da Pepi Klajnsic,<br />

è stato ribattezzato “Pepi S’ciavo”.<br />

(www.buffetdapepi.com).<br />

2. Che cos’è<br />

Grado?<br />

a. una penisola<br />

b. un’isola<br />

c. un lago<br />

FRIULI IN BREVE<br />

a statuto mit Sonderspeciale<br />

status<br />

circondare umgeben<br />

affacciarsi hier: direkt<br />

liegen<br />

il riconoscimento<br />

gestire führen<br />

sostenibile nachhaltig<br />

il totale hier: Ges<strong>am</strong>tfläche<br />

occidentale westlich<br />

orientale östlich<br />

l’influenza Einfluss<br />

Anerkennung<br />

il capoluogo (Regional-)<br />

Hauptstadt<br />

la minoranza Minderheit<br />

tutelare geschützt<br />

la popolazione<br />

Bevölkerung<br />

l’abitante Bewohner,<br />

m./f. -in<br />

la superficie Fläche<br />

la densità Bevölkeabitativa<br />

rungsdichte<br />

il tasso di Erwerbstätioccupazione<br />

genquote<br />

il tasso di<br />

disoccu- Arbeitspazione<br />

losenrate<br />

il Pil (Pro- BIP (Bruttodotto<br />

interno inlandslordo)<br />

produkt)<br />

l’anello<br />

da fondo Loipe<br />

PERSONAGGI<br />

il c<strong>am</strong>pione<br />

mondiale Weltmeister<br />

i pesi (pl.) Schwermassimi<br />

gewicht<br />

il disegnatore Zeichner<br />

il fumetto Comic<br />

il cantautore Liedermacher<br />

l’esploratore<br />

m. Entdecker<br />

(m.) di calcio trainer<br />

TRIESTE<br />

il capoluogo Hauptstadt<br />

lo sbocco Zugang<br />

serbisch-<br />

orthodoxe<br />

Kirche<br />

il rito serboortodosso<br />

lo scienziato Wissenschaftler<br />

a vita auf Lebenszeit<br />

l’allenatore Fußball-<br />

la maniglia Handgriff<br />

l’edificio Gebäude<br />

aggrapparsi sich festhalten<br />

IL CONSIGLIO<br />

l’agricoltore<br />

m. Landwirt<br />

l’allevatore<br />

m. Züchter<br />

lessato gekocht<br />

il rafano <strong>Meer</strong>rettich<br />

3


Friuli-<br />

Venezia Giulia<br />

Memoria<br />

IL VAJONT<br />

È il 9 ottobre 1963. L’ora di cena<br />

è passata da poco quando il monte<br />

Toc frana. Lì vicino c’è una diga.<br />

La frana cade nel bacino artificiale<br />

di quella diga, che è pieno d’acqua,<br />

e provoca una gigantesca ondata.<br />

L’acqua travolge Longarone<br />

e i paesi vicini. Muoiono oltre<br />

1900 persone. Pochi giorni dopo<br />

la tragedia, il ministero dei Lavori<br />

pubblici crea una commissione di<br />

inchiesta per capire che cosa è<br />

accaduto. Si fa anche un processo<br />

e, a poco a poco, gli italiani vengono<br />

a sapere l’<strong>am</strong>ara verità: la<br />

tragedia poteva essere evitata. Il<br />

processo finisce nel 1971 e i dirigenti<br />

della società che ha costruito<br />

la diga vengono condannati. A<br />

distanza di più di 50 anni, il Vajont<br />

è ancora una ferita aperta nella<br />

memoria e nella coscienza degli<br />

italiani. A quella tragedia, l’attore<br />

Marco Paolini ha dedicato una<br />

straordinaria opera teatrale, dalla<br />

quale è stato tratto il DVD, Vajont<br />

9 ottobre ’63.<br />

Un rito prima ancora che una tradizione. A Trieste, la pausa caffè è<br />

un momento molto importante della giornata. Sono molti i caffè storici<br />

attivi sin dai tempi dell’impero Austro-ungarico. Negli anni, questi<br />

locali diventano luogo di ritrovo per artisti e intellettuali, come gli<br />

scrittori Italo Svevo e Umberto Saba. J<strong>am</strong>es Joyce frequentava spesso<br />

il Caffè pasticceria Pirona. Il Caffè San Marco, fondato nel 1914, è<br />

invece f<strong>am</strong>oso come rifugio dei patrioti italiani antiaustriaci.<br />

Se in un bar di Trieste ordinate<br />

semplicemente “un caffè”, il barista capisce subito che siete<br />

turisti. Qui, infatti, la bevanda preferita dagli italiani non ha<br />

un nome solo. Conoscere la terminologia è d’obbligo:<br />

è il classico<br />

espresso in<br />

tazzina<br />

è l’espresso<br />

servito in<br />

un bicchierino<br />

di vetro<br />

è il caffè<br />

macchiato<br />

è il caffè<br />

macchiato caldo<br />

servito in<br />

un bicchierino<br />

di vetro<br />

è il caffè macchiato in<br />

un bicchierino<br />

di vetro con tanta<br />

schiuma<br />

è il cappuccino<br />

è il caffè<br />

leggermente<br />

macchiato<br />

Guarda il documentario sulla tragedia<br />

del Vajont realizzato dalla Rai<br />

www.adesso-online.de/vajont<br />

CURIOSITÀ<br />

Lo sapevate? Il 30% delle sedie<br />

di tutto il mondo è prodotto in<br />

Friuli, in provincia di Udine! La<br />

storia del Distretto della sedia<br />

comincia attorno al 1870, con<br />

le botteghe di circa 20 f<strong>am</strong>iglie.<br />

Da allora sono nate numerose<br />

aziende, che nel tempo si sono<br />

consolidate. Nel 2011 è nato il<br />

marchio Italian Chair District<br />

(www.italian-chair-district.it).<br />

4<br />

Le prime botteghe del caffè aprono a Trieste<br />

alla fine del 1700. La città è un porto franco<br />

dove arrivano dall’Oriente molte navi cariche<br />

di caffè verde. Il mercato del caffè si sviluppa<br />

tanto che nel 1914 viene fondata in città una<br />

Borsa del caffè e già nel 1913 i sacchi di caffè<br />

scaricati in un anno sono 1.849.388!<br />

L’arred<strong>am</strong>ento dei locali storici di Triste ricorda<br />

gli eleganti caffè viennesi. Il più antico<br />

è il Caffè Tommaseo, vicino a Piazza Unità<br />

d’Italia, aperto nel 1830. Al pianterreno di<br />

Palazzo Stratti si trova, dal 1839, il Caffè degli<br />

Specchi, il “salotto buono” della città.<br />

L’azienda è fondata a Trieste nel 1933 da<br />

Francesco Illy, un ungherese arrivato in città<br />

dopo la prima guerra mondiale. La società<br />

diventa ben presto un simbolo del caffè<br />

espresso di qualità nel mondo.<br />

02/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Souvenir<br />

BABUCCE FRIULANE<br />

Le papusse o furlane sono calzature tradizionali<br />

legate alla storia e alla cultura di questa<br />

regione. Nascono alla fine della seconda<br />

guerra mondiale, quando la povertà è diffusa<br />

e bisogna cercare di utilizzare i<br />

materiali che ci sono. Le suole sono<br />

fatte con vecchi pneumatici di bicicletta,<br />

per l’imbottitura si usano sacchi<br />

di iuta e per le tomaie stoffe usate. A causa dei<br />

costi molto bassi, le papusse si diffondono velocemente,<br />

soprattutto a Venezia, dove i gondolieri le usano perché<br />

le suole non rovinano la vernice delle gondole. Oggi è<br />

possibile anche farle fare su misura, con stoffe proprie.<br />

www.piedaterre-venice.com<br />

LO SAPEVATE?<br />

A TAVOLA<br />

Tra le specialità ci sono le zuppe,<br />

come la minestra di Paparot,<br />

con polenta e spinaci, e il brodetto,<br />

con crostacei e piccoli pesci.<br />

È tipico anche il gulasch, un ricordo<br />

del periodo asburgico. Prodotto<br />

regionale Dop è il prosciutto<br />

di San Daniele, mentre quello<br />

di Sauris, altrettanto prelibato, è<br />

Igp. Formaggio tradizionale dal<br />

1200 è il Montasio, ricavato dal<br />

latte bovino. Tra i dolci, non perdete<br />

la gubana, tipica di Udine,<br />

con uvetta, noci e pinoli. Spesso,<br />

al momento di essere servita, è<br />

bagnata con un liquore alle prugne.<br />

Tra i vini più apprezzati ci sono<br />

il Picolit, il Friulano (fino al 2007 denominato<br />

Tocai), lo Schioppettino e il Refosco dal Peduncolo<br />

Rosso. Da non dimenticare che<br />

a Udine, nel 1859, è nata la prima fabbrica<br />

della Birra Moretti. Una curiosità: le patate<br />

in Friuli hanno due nomi diversi. Si<br />

chi<strong>am</strong>ano cartufolas (da Kartoffeln) nella<br />

Carnia, dove sono state introdotte nel 1765<br />

dalla Germania, e patatis nel resto del Friuli.<br />

3. Quale novità<br />

gastronomica<br />

si diffonde<br />

prima a Udine<br />

e poi in Italia?<br />

a. il caffè<br />

b. il prosciutto<br />

di San Daniele<br />

c. lo zucchero<br />

filato<br />

Trieste diventa territorio italiano solo il 5 ottobre 1954, nove anni dopo la fine<br />

della seconda guerra mondiale. Fino a quel giorno, Stati Uniti e Gran Bretagna,<br />

che hanno occupato la città, la <strong>am</strong>ministrano. Trieste, infatti, è contesa tra l’Italia<br />

e la Iugoslavia. Si arriva a un accordo il 5 ottobre 1954, con la firma del cosiddetto<br />

Memorandum di Londra: Trieste e il territorio collinare che la circonda sono assegnati<br />

all’Italia, mentre la Iugoslavia ottiene la zona tra Capodistria e Cittanova.<br />

Trovi la ricetta della gubana su:<br />

www.adesso-online.de/gubana<br />

4. Da quale<br />

popolo è<br />

stata fondata<br />

Aquileia?<br />

a. i Romani<br />

b. i Longobardi<br />

c. i Bizantini<br />

Friuli-<br />

Venezia Giulia<br />

MEMORIA<br />

franare abrutschen<br />

la diga D<strong>am</strong>m<br />

la frana Erdrutsch<br />

il bacino künstliches<br />

artificiale Becken<br />

l’ondata Welle<br />

i lavori (pl.) öffentliche<br />

pubblici Arbeiten<br />

la commis- Untersione<br />

di suchungsinchiesta<br />

ausschuss<br />

<strong>am</strong>aro bitter<br />

evitare vermeiden<br />

il dirigente Manager<br />

condannare verurteilen<br />

la memoria Gedächtnis<br />

CURIOSITÀ<br />

il distretto Bezirk<br />

l’azienda Unternehmen<br />

IL BUON CAFFÈ<br />

il luogo<br />

di ritrovo Treffpunkt<br />

l’artista m./f. Künstler, -in<br />

frequentare besuchen<br />

fondato gegründet<br />

il rifugio Zufluchtsort<br />

la bevanda Getränk<br />

d’obbligo Pflicht<br />

la bottega Geschäft<br />

il porto<br />

franco Freihafen<br />

svilupparsi sich<br />

entwickeln<br />

fondare gründen<br />

l’arred<strong>am</strong>ento<br />

Einrichtung<br />

il pian- Erdterreno<br />

geschoss<br />

il salotto Salon,<br />

buono gute Stube<br />

l’azienda Unternehmen<br />

SOUVENIR<br />

la calzatura Schuhe<br />

diffuso verbreitet<br />

utilizzare verwenden<br />

la suola Sohle<br />

lo pneumatico<br />

di Fahrradbicicletta<br />

reifen<br />

l’imbottitura Fütterung<br />

la tomaia hier: Obermaterial<br />

la vernice Lack<br />

LO SAPEVATE?<br />

il territorio Staatsgebiet<br />

<strong>am</strong>ministrare verwalten<br />

essere umstritten<br />

conteso sein<br />

l’accordo Abkommen<br />

il territorio<br />

collinare Hügelland<br />

A TAVOLA<br />

il crostaceo Krustentier<br />

prelibato köstlich<br />

il latte bovino Kuhmilch<br />

l’uvetta Rosinen<br />

la noce Walnuss<br />

il pinolo Pinienkern<br />

il liquore Zwetschgenalle<br />

prugne likör<br />

apprezzato geschätzt<br />

02/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 5


Friuli-<br />

Venezia Giulia<br />

PRIMATO<br />

Vicino a Trieste sorge il Carso,<br />

un altopiano da cui viene<br />

il termine carsismo, ossia il<br />

processo chimico dell’acqua<br />

che “scioglie” le rocce. Il<br />

Carso è pieno di “buchi” o<br />

meglio, di grotte. Qui c’è la<br />

grotta turistica più grande<br />

del mondo, la Grotta Gigante,<br />

alta 98,5 m, lunga 167,6<br />

m e larga 76,3 m.<br />

www.grottagigante.it<br />

6. Qual è la vetta<br />

più alta delle<br />

Dolomiti Friulane?<br />

a. la Cima dei Preti<br />

b. il Gran Sasso<br />

c. l’Etna<br />

FESTE<br />

Lingua<br />

• Mandi significa “ciao” ed è usato per<br />

salutarsi quando si va via. L’origine della<br />

parola non è chiara. Secondo alcuni deriva<br />

dal latino manus Dei (mano di Dio). Quindi:<br />

“[Che la] mano di Dio [sia su di te]”.<br />

Nel Friuli-Venezia Giulia, oltre all’italiano,<br />

si parlano tre lingue:<br />

• il friulano, detto anche marilenghe,<br />

cioè “lingua materna”, conosciuto da<br />

circa 650.00 persone. Nel 1999 è stato<br />

riconosciuto lingua minoritaria storica;<br />

• lo sloveno, diffuso soprattutto nella<br />

provincia di Trieste e nelle zone a est di<br />

Gorizia e Udine.<br />

• il tedesco, parlato soprattutto in provincia<br />

di Udine, per esempio nelle località<br />

di Sauris o Tarvisio, dove sono diffusi dialetti<br />

germanici di ceppo carinziano.<br />

LA BARCOLANA è una delle regate più<br />

f<strong>am</strong>ose al mondo e si svolge ogni anno<br />

nel golfo di Trieste. Alla prima edizione,<br />

quella del 1969, hanno partecipato solo<br />

51 barche. Oggi è un evento internazionale.<br />

Partecipano quasi 1800 imbarcazioni<br />

provenienti da tutto il mondo, che gareggiano<br />

davanti a un pubblico di<br />

300.000 persone La Barcolana è chi<strong>am</strong>ata<br />

anche Coppa d’autunno perché in genere<br />

la gara si svolge in quella stagione.<br />

5. Dove si può<br />

sciare in Friuli-<br />

Venezia Giulia?<br />

a. a Piancavallo<br />

b. a Madonna<br />

di C<strong>am</strong>piglio<br />

c. in Val di Fassa<br />

COSE DA<br />

VEDERE<br />

CATTEDRALE<br />

DI SAN GIUSTO<br />

Si trova sul colle<br />

vicino a Trieste. È<br />

formata da due<br />

chiese dell’XI secolo<br />

unite tra loro; la<br />

facciata è in pietra<br />

arenaria con un<br />

bel rosone gotico.<br />

GRADO E<br />

LAGUNA<br />

Grado, “isola del<br />

sole”, è una località<br />

balneare e termale.<br />

Fa parte di<br />

una laguna caratterizzata<br />

dai casoni,<br />

le tipiche abitazioni<br />

dei pescatori.<br />

GLI AFFRESCHI<br />

DI TIEPOLO<br />

Il Palazzo Patriarcale<br />

di Udine ospita<br />

— nella Galleria<br />

degli Ospiti e nella<br />

Sala Rossa — alcuni<br />

splendidi affreschi<br />

realizzati da Gianbattista<br />

Tiepolo.<br />

PARCO<br />

DELLE DOLOMITI<br />

FRIULANE<br />

Area protetta dal<br />

1996, è un paradiso<br />

per gli escursionisti.<br />

Nel parco si<br />

trovano alcune impronte<br />

fossili di<br />

dinosauro.<br />

6<br />

02/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Friuli-<br />

Venezia Giulia<br />

IL FATTO STORICO<br />

LA DISFATTA DI CAPORETTO<br />

Caporetto, nella valle del fiume Isonzo, oggi è in Slovenia,<br />

ma in passato era in provincia di Gorizia. Sul<br />

fronte dell’Isonzo, durante la prima guerra mondiale,<br />

ci sono stati molti scontri: gli italiani cercavano di<br />

arrivare a Trieste, gli austro-tedeschi volevano fermarli.<br />

Il 24 ottobre 1917 si combatte una delle battaglie<br />

più sanguinose tra quelle avvenute sul fronte italiano.<br />

Per l’esercito italiano, comandato dal generale<br />

Luigi Cadorna, è una vera e propria disfatta, che entra<br />

nell’immaginario nazionale. Da allora l’espressione<br />

“è una Caporetto” si usa per dire che qualcosa è<br />

“una grande sconfitta” o un “grande fallimento”.<br />

DA FARE<br />

Non perdete un’esperienza affascinante<br />

e unica al mondo: una gita a<br />

cavallo nella laguna di Grado. Sull’isola<br />

della Cona, che si trova all’interno<br />

della Riserva Naturale del<br />

Fiume Isonzo, vive una razza equina<br />

molto particolare, presente in poche<br />

zone al mondo: sono i cavalli C<strong>am</strong>argue.<br />

Si tratta di una specie molto<br />

antica, che viene dalla Francia<br />

ed è f<strong>am</strong>osa per la capacità di<br />

adattarsi a zone molto umide. Durante<br />

la passeggiata, vedrete un panor<strong>am</strong>a<br />

mozzafiato, fatto di paludi,<br />

praterie e boschi.<br />

Per info: www.riservafoceisonzo.it<br />

TEMPIETTO<br />

LONGOBARDO<br />

Questa straordinaria<br />

testimonianza dell’architettura<br />

tardo-medievale<br />

è a Cividale di<br />

Friuli. Sulla parete<br />

d’ingresso si possono<br />

<strong>am</strong>mirare splendide<br />

decorazioni a stucco.<br />

AQUILEIA<br />

È stata la sede del Patriarcato<br />

fino al 1420.<br />

Da vedere la basilica di<br />

Santa Maria Assunta,<br />

con un prezioso pavimento<br />

a mosaico del<br />

IV secolo d.C.; l’area<br />

archeologica romana e<br />

la Basilica patriarcale.<br />

LEGGENDA<br />

In Friuli i terremoti sono<br />

frequenti. Secondo la tradizione<br />

popolare, la<br />

causa è l’Orcolat<br />

(che in dialetto<br />

friulano vuol dire<br />

“orcaccio”),<br />

un mostro che vive<br />

nelle montagne della<br />

Carnia. L’ultima volta<br />

che l’Orcolat ha dimostrato<br />

la sua furia distruttrice<br />

è stato in occasione<br />

del terribile terremoto<br />

del 6 maggio 1976.<br />

PALMANOVA<br />

Progettata nel Rinascimento<br />

come città-fortezza,<br />

ha una pianta a<br />

forma di stella con nove<br />

punte. La piazza<br />

centrale ha la forma di<br />

un esagono, da cui<br />

partono le sei strade<br />

principali.<br />

PRIMATO<br />

il primato Rekord<br />

l’altopiano Hochebene<br />

sciogliere auflösen<br />

la roccia Felsen<br />

LINGUA<br />

la lingua Muttermaterna<br />

sprache<br />

minoritario Minderheitsil<br />

ceppo (Sprach-)<br />

St<strong>am</strong>m<br />

carinziano kärntnerisch<br />

FESTE<br />

la regata Regatte<br />

svolgersi stattfinden<br />

l’imbarcazione<br />

f. Schiff<br />

gareggiare gegeneinander<br />

antreten<br />

7 COSE DA VEDERE<br />

il colle Hügel<br />

unire verbinden<br />

la pietra<br />

arenaria Sandstein<br />

il rosone Fensterrose<br />

la località<br />

balneare Badeort<br />

l’affresco Fresko<br />

ospitare beherbergen<br />

l’escur- Ausflügler,<br />

sionista m./f. -in<br />

l’impronta Abdruck<br />

la testimonianza<br />

Zeugnis<br />

tardo- spätmittelmedievale<br />

alterlich<br />

la sede Sitz<br />

il pavimento Mosaika<br />

mosaico boden<br />

la pianta Grundriss<br />

la punta Spitze<br />

IL FATTO STORICO<br />

la disfatta di Caporetto:<br />

Schlacht von Karfreit<br />

la disfatta Debakel<br />

la valle Tal<br />

lo scontro Gefecht<br />

combattere kämpfen<br />

la battaglia Schlacht<br />

l’esercito Heer<br />

la sconfitta Niederlage<br />

il fallimento Scheitern<br />

LEGGENDA<br />

il terremoto Erdbeben<br />

l’orcaccio Ungeheuer<br />

la furia Berserkerwut<br />

distruttrice<br />

in occasione<br />

di anlässlich<br />

DA FARE<br />

la gita<br />

a cavallo Reitausflug<br />

la razza<br />

equina Pferderasse<br />

adattarsi sich<br />

anpassen<br />

umido feucht<br />

mozzafiato atemberaubend<br />

la palude Sumpf<br />

la prateria Wiesen<br />

02/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 7


Friuli-<br />

Venezia Giulia SUPER QUIZ<br />

Hai letto tutto l’ ? Adesso mettiti alla prova!<br />

1. Quale f<strong>am</strong>oso scrittore<br />

frequentava spesso il Caffè Pirona<br />

a Trieste?<br />

a. J<strong>am</strong>es Joyce<br />

b. Italo Svevo<br />

c. Umberto Saba<br />

2. I triestini lo chi<strong>am</strong>ano caffè<br />

gocciato. Cos’è?<br />

a. un cappuccino<br />

b. un caffè macchiato<br />

c. un decaffeinato<br />

3. Qual è un prosciutto tipico<br />

friulano?<br />

a. il prosciutto di Parma<br />

b. il prosciutto di San Daniele<br />

c. il prosciutto Gran Biscotto<br />

4. È una città a forma di stella<br />

a. Aquileia<br />

b. Cividale del Friuli<br />

c. Palmanova<br />

5. Dove vivono i Ladini?<br />

a. sulle Dolomiti<br />

b. sulle Alpi<br />

c. sugli Appennini<br />

6. Qual è la città della Barcolana?<br />

a. Trieste<br />

b. Grado<br />

c. Lignano Sabbiadoro<br />

7. Come si chi<strong>am</strong>a il vento che soffia<br />

a Trieste?<br />

a. il maestrale<br />

b. la bora<br />

c. lo scirocco<br />

8. Che cosa fu la tragedia del Vajont<br />

del 1963?<br />

a. un terremoto che distrusse Longarone<br />

b. il crollo di un edificio pubblico a Trieste<br />

c. un’ondata gigantesca che distrusse i comuni<br />

sotto il monte Toc.<br />

9. Chi è l’autore degli affreschi del<br />

Palazzo Patriarcale di Udine?<br />

a. Michelangelo Buonarroti<br />

b. Gianbattista Tiepolo<br />

c. Giotto<br />

10. Quando è avvenuta la disfatta di<br />

Caporetto?<br />

a. durante la prima guerra mondiale<br />

b. durante le guerre napoleoniche<br />

c. durante la seconda guerra mondiale<br />

11. Dove si trova la cattedrale di<br />

San Giusto?<br />

a. vicino ad Aquileia<br />

b. vicino a Udine<br />

c. vicino a Trieste<br />

12. Che cosa sono le babucce?<br />

a. dolci tipici delle Dolomiti Friulane<br />

b. calzature tradizionali friulane<br />

c. barche che gareggiano durante la Barcolana<br />

SOLUZIONI SUPER QUIZ: 1. a; 2. b; 3. b; 4. c; 5. a; 6. a; 7. b; 8. c; 9. b; 10. a; 11. c; 12. b.<br />

1. b Protagonisti del film sono Alberto Sordi e Vittorio Gassman, nei panni di [in der Rolle<br />

von] due soldati al fronte. 2. b Grado è un’isola che si trova nell’omonima [gleichn<strong>am</strong>ig]<br />

laguna. 3. c Lo zucchero filato [Zuckerwatte] arriva a Udine nel 1906, portato dal circo di<br />

Buffalo Bill. 4. a Fondata dai Romani nel 181 a.C., Aquileia diventa in seguito longobarda e,<br />

dal 1077, sede del Patriarcato. 5. a Le piste di Piancavallo si trovano a nord di Pordenone.<br />

6. a La Cima dei Preti è alta 2.703 m.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin: Rossella Dimola Chef vom Dienst: Salvatore<br />

Viola Autoren und Redaktion: A. Balzer, I. Bernardin, C. Carniani, M. Guerra, G. Iacono, I. Mancusi, F. Memo, S. Viola Gestaltung:<br />

www.prodigo.de Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck Ges<strong>am</strong>t-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/<br />

8 56 81-130 Verlag und Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evvivaonline.de;<br />

www.adesso-online.de. © 2014 Spotlight Verlag, auch für alle genannten Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

8<br />

02/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!