25.02.2014 Views

ADESSO Sicilia (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Unsere Auswahl für Sprachliebhaber.<br />

Entdecken Sie Ihre Leidenschaft für Sprachen.<br />

Deutsch perfekt – Einfach Deutsch lernen<br />

Écoute – Das Sprachmagazin für Frankreichliebhaber<br />

ECOS – Die Welt auf Spanisch<br />

Spotlight – Einfach Englisch!<br />

Business Spotlight – Englisch für den Beruf<br />

<strong>ADESSO</strong> – Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

www.spotlight-verlag.de


EDITORIALE Sprache<br />

verbindet<br />

COSA SI NASCONDE<br />

DIETRO QUESTO CODICE?<br />

Abbiamo preparato un video per voi! Per vederlo<br />

posizionate la telecamera del vostro smartphone<br />

davanti al codice, oppure digitate il link<br />

www.adesso-online.de/questo-mese/videoeditoriale<br />

Cari lettori,<br />

questo mese vi presentiamo una novità, così evitiamo di parlare troppo<br />

dell’imbarazzante risultato elettorale del febbraio scorso. In ogni caso<br />

trovate un commento (giustamente ironico) di Salvatore Viola sulla<br />

campagna elettorale a pagina 50. Cosa ci ha colpito particolarmente, a<br />

elezioni concluse? A me personalmente,<br />

la novità Neuigkeit il fatto che il sobrio professor Monti piace<br />

soprattutto agli italiani residenti al-<br />

evitare vermeiden<br />

imbarazzante peinlich<br />

il risultato<br />

l’estero. Il 27% dei votanti (1 milione) gli<br />

elettorale Wahlergebnis ha dato la preferenza, ovvero due terzi<br />

la campagna<br />

elettorale Wahlkampf in più che in Italia.<br />

colpire beeindrucken Senza divagare troppo, torniamo alla<br />

concluso entschieden<br />

sobrio sachlich nostra novità. Da ora in poi, in calce ad<br />

residente wohnhaft alcuni articoli della rivista, troverete un<br />

il votante Wähler<br />

codice QR che consente a chi ha uno<br />

ovvero das heißt<br />

divagare abschweifen smartphone e la App gratuita di approfondire<br />

alcuni argomenti legati al-<br />

in calce unten<br />

consentire erlauben<br />

approfondire vertiefen l’articolo in questione. Vi faccio un esempio:<br />

a pagina 66, posizionando il telefo-<br />

legato a qc. zusammenhängend<br />

mit<br />

nino sul codice QR, accederete direttamente<br />

alla nostra pagina Internet, dove<br />

accedere zugreifen<br />

la gattara: Frau, die sich um streunende<br />

Katzen kümmert<br />

potrete ascoltare una parte del reportage<br />

sulle gattare di Roma. Troverete il re-<br />

fornire liefern, bieten<br />

il collegamento Verbindung<br />

digitare eingeben portage completo, come sempre, in<br />

stimare (wert)schätzen<br />

orgoglioso stolz<br />

<strong>ADESSO</strong> audio di aprile. Un altro esempio:<br />

dopo aver letto la bellissima intervista<br />

a Lorella Zanardo (vedi pag. 24) vi viene voglia di guardare il video<br />

sulle donne italiane e la TV? Il codice QR vi fornisce il collegamento diretto!<br />

Chi non avesse uno smartphone, può digitare direttamente il link<br />

scritto a lato del codice.<br />

A proposito di donne, questo mese ve ne presentiamo alcune che stimiamo<br />

particolarmente: Milena Gabanelli (pag. 56), Fabiola Gianotti e<br />

Ilaria Capua (evviva! a pag. 5), Rita Levi Montalcini (evviva! a pag. 8) e,<br />

come dicevamo, Lorella Zanardo (pag. 24). Grazie, siamo orgogliosi di<br />

essere italiani!<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013<br />

Es muy fácil, ¿verdad?<br />

Einfach Spanisch lesen<br />

preguntar<br />

llevar<br />

comprender<br />

libro<br />

_<br />

_<br />

It’s quite easy<br />

Einfach Englisch lesen<br />

book<br />

you<br />

lovely<br />

con<br />

rojo lengua<br />

bonito<br />

abuela<br />

amor fácil carry<br />

noche<br />

Einfach lesen<br />

Erste Schritte in die neue Sprache<br />

Ein Lesevergnügen für Jung und Alt<br />

Einfache, kurze Texte für Anfänger<br />

capire<br />

libro<br />

almorzar<br />

jump pupil<br />

light understandrouge<br />

ciel<br />

tower<br />

easy nuit fleur<br />

moi<br />

dormir<br />

language yes amour<br />

avec<br />

sister<br />

facile<br />

speak jardin<br />

pouvoir<br />

froid trouver<br />

_<br />

È proprio facile<br />

Einfach Italienisch lesen<br />

parlare<br />

caldo<br />

lingua<br />

stella<br />

amore<br />

notte<br />

Großes Gewinnspiel<br />

und das gesamte Programm unter<br />

www.dtv.de/zweisprachig<br />

40 Jahre<br />

_ zweisprachig<br />

_<br />

C’est vraiment facile<br />

Einfach Französisch lesen<br />

ciao<br />

mio<br />

belle<br />

bella<br />

rosso<br />

facile<br />

© gettyimages/Adam Gault


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

12 VIAGGI: ISOLE EOLIE<br />

Faszination mal sieben: Rau, unberührt und<br />

voller Magie liegen die Äolischen Inseln vor Sizilien.<br />

24 Intervista: Lorella Zanardo<br />

Das Fernsehen macht aus Frauen Sexobjekte? Eine von<br />

ihnen wehrt sich – und fängt bei den Jugendlichen an.<br />

30 I misteri dell’arte: L’umiliazione della Chiesa?<br />

Beeindruckend präzise – und doch mysteriös:<br />

Wen sehen wir wirklich in der „Geißelung Christi“?<br />

46 Fine settimana: L’altra Romagna<br />

Romagna – nicht nur am Meer: Entdecken Sie<br />

Brisighella und die Umgebung im Landesinneren.<br />

50 Politica: La fantasia al potere?<br />

Italien hatte die Qual der Wahl: Kurios,<br />

wo man überall sein Kreuzchen machen konnte.<br />

62 L’Italia a tavola: Il prosciutto di San Daniele<br />

Exzellenz pur: Der unverwechselbare<br />

Traditionsschinken aus dem Friaul.<br />

LINGUA<br />

33 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

37 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten, u. a. mit Übersetzungen,<br />

Übungen, Alltagsitalienisch<br />

39 Lucilla indaga<br />

Der Sprachkrimi in Bildern<br />

40 L’italiano per espresso<br />

Verbessern Sie Ihr Italienisch!<br />

I vostri dubbi: Imperfekt oder Perfekt?<br />

Una parola tira l’altra: La parola<br />

44 Lingua viva<br />

Die Sprache der Geschichte<br />

OPINIONI<br />

28 L’Italia in diretta<br />

Teures Aufrüsten, von Riccardo Iacona<br />

32 Passaparola<br />

Die „Aufschieberitis“, von R. Beltrami<br />

56 Tra le righe<br />

Milena Gabanelli, von Stefano Vastano<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Notizie dall’Italia<br />

27 Scherzi a parte<br />

Neues aus Italien<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

52 Praticamente parlando<br />

55<br />

Der „Stiefel“ – zum Wandern<br />

Das leichte Heft im Heft<br />

58 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autorin des Monats: Lilli Gruber<br />

66 Botta e risposta<br />

Ein Thema – zwei Antworten:<br />

Streunende Katzen füttern… tierlieb oder schmutzig?<br />

70 Anteprima <strong>ADESSO</strong> 05/13<br />

<strong>Vorschau</strong> auf die Mai-Ausgabe 05/13<br />

IN COPERTINA<br />

Spiaggia di pietra pomice<br />

a Lipari, isole Eolie.<br />

© HUBER/SIME<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

ABONNENTEN-SERVICE<br />

tel. (0049) 89-85681-16;<br />

fax (0049) 89-85681-159<br />

e-mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

berühmte Opernarien,<br />

Übungen zu Grammatik und Aussprache:<br />

CD mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Nützlich und unterhaltsam: Das<br />

Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong> mit<br />

Zusatzübungen. Info unter Tel.:<br />

(0049) 89-85681 -16; Fax: -159,<br />

siehe Seite 65.<br />

<strong>ADESSO</strong> in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-<br />

85681 -152; Fax: -159, Mail:<br />

schulmedien@spotlight-verlag.de<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen…<br />

Mit <strong>ADESSO</strong> Premium freier<br />

Zugang zum Nachrichten- und<br />

Übungsarchiv.


APRILE 2013<br />

46<br />

24<br />

12<br />

52<br />

62


Notizie<br />

NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

DALL’ITALIA<br />

6 Cultura Spiritualità e tecnologia 7 Il CD del mese Eros Ramazzotti 8 Ambiente Le piante “mangia-inquinamento”<br />

8 Architettura Milano, la città che sale 8 Attualità “Voglio morire vivo” 9 Spettacolo Ilva: l’attualità<br />

al cinema 10 Attualità Carceri da condannare 10 Società Gli italiani del futuro 11 Il perché I venti italiani<br />

11 L’Italia in numeri Gli italiani che fanno sport nel tempo libero<br />

CULTURA<br />

SPIRITUALITÀ<br />

E TECNOLOGIA<br />

Si chiama Frame ed è la prima mediateca francescana<br />

pensata per andare incontro ai gusti dei fedeli di<br />

oggi. Allestita ad Assisi, nella famosa basilica di San<br />

Francesco, Frame è un enorme archivio multimediale.<br />

Contiene oltre 1.000 immagini, 700 bolle papali, più di<br />

300 affreschi della basilica e del convento di Assisi. Ci<br />

sono documenti molto importanti, come il manoscritto<br />

originale – del 1228 – che attesta la donazione del terreno<br />

per costruire la basilica di San Francesco. Il tutto è<br />

presentato ai pellegrini e ai visitatori con le più moderne<br />

tecnologie multimediali: documentari in 3D sulla vita di<br />

San Francesco, sulla storia<br />

della basilica e dei frati<br />

di Assisi, postazioni multimediali,<br />

maxischermi,<br />

touch screen. “Comunicare<br />

il/la fedele<br />

allestito<br />

la bolla<br />

papale<br />

Gläubiger<br />

aufgebaut<br />

päpstliche<br />

Bulle<br />

era una delle grandi<br />

il convento Kloster<br />

la donazione Schenkung<br />

qualità di Francesco”, si<br />

il terreno Grund(stück)<br />

legge sul sito web della<br />

il pellegrino Pilgerer<br />

basilica di San Francesco.<br />

il frate Bruder<br />

I frati di oggi hanno tradotto<br />

il suo pensiero in un<br />

linguaggio moderno.<br />

la postazione<br />

il maxischermo<br />

(Arbeits-)Platz<br />

Großbild-<br />

leinwand<br />

Guarda il video dell’inaugurazione di Frame.<br />

www.adesso-online.de/questo-mese/<br />

notizie-dallitalia-aprile-2013<br />

© www.sanfrancesco.org (4), Universal


IL CD DEL MESE<br />

NOI<br />

EROS<br />

RAMAZZOTTI<br />

Il 13 novembre 2012 è uscito in tutto il mondo il<br />

nuovo disco di Eros Ramazzotti. A distanza di circa<br />

tre anni dal precedente album, Ali e radici, Eros<br />

presenta 14 canzoni inedite che parlano di sentimenti,<br />

amore, amicizia e ricordi. Un disco che non<br />

rompe con il passato, ma cavalca lo stile e le tematiche<br />

che hanno decretato il successo del cantautore<br />

romano. Tante le collaborazioni presenti nel disco:<br />

con Andy Garcia per il brano Io sono te; con<br />

Nicole Scherzinger, ex leader del gruppo Pussycats<br />

Dolls, in Fino all’estasi; con il gruppo rap milanese<br />

Club Dogo nel pezzo Testa o cuore; con i tre<br />

giovani tenori de Il Volo (vedi <strong>ADESSO</strong> 08/11, pag. 9)<br />

in Così; infine con la band belga Hooverphonic per<br />

Solamente uno. Due curiosità: nei primi secondi<br />

della canzone Una tempesta di stelle, dedicata alla<br />

figlia appena nata Raffaella Maria, è presente una<br />

registrazione vocale della voce della bambina; al<br />

coro di Abbracciami ha partecipato anche l’altra figlia<br />

Aurora, avuta con Michelle Hunziker.<br />

il disco<br />

precedente<br />

inedito<br />

rompere<br />

cavalcare<br />

decretare<br />

Platte<br />

vorherig<br />

unveröffentlicht<br />

brechen<br />

reiten,<br />

hier: nutzen<br />

bestimmen<br />

Erfolg<br />

Liedermacher<br />

Besonderheit<br />

gewidmet<br />

Stimm-<br />

aufnahme<br />

Chor<br />

mitmachen<br />

il successo<br />

il cantautore<br />

la curiosità<br />

dedicato<br />

la registrazione<br />

vocale<br />

il coro<br />

partecipare<br />

“NOI WORLD TOUR 2013”<br />

Germania/Austria/Svizzera<br />

5/6 aprile Monaco di Baviera,Olympiahalle<br />

10 aprile Vienna, Wiener Stadthalle<br />

14 aprile Halle/Westfalen, Gerry Weber Stadion<br />

22 aprile Oberhausen, König-Pilsener-Arena<br />

23 aprile Colonia, Lanxess Arena<br />

25 aprile Norimberga, Arena Versicherung<br />

2 maggio Ginevra, Grand-Saconnex Arena<br />

4 maggio Francoforte, Festhalle<br />

5 maggio Stoccarda, Hanns-Martin-Schleyerhalle<br />

12/13 maggio Zurigo, Hallenstadion<br />

16 maggio Berlino, o2 World<br />

VINCI IL CD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung] dei CD in palio.<br />

Entro il 24 aprile vai alla pagina www.adesso-online.de/<br />

gewinnspiel oppure spedisci una cartolina al seguente indirizzo:<br />

Spotlight Verlag, <strong>ADESSO</strong>, CD del mese – Noi, Fraunhoferstr. 22,<br />

D-82152 Planegg. Per chi non vince, il CD è in vendita, insieme a<br />

tanti altri capolavori della musica italiana, da:<br />

MUSIC PARADISE, Rebgasse 49, CH-4058 Basel,<br />

tel. (0041) 61 68192407, fax (0041) 61 6812127,<br />

www.musicparadise.ch<br />

www.ticketbande.eu<br />

Bestellhotline: +49 (0)1805 26 78 33<br />

(EUR 0.14/min aus dem deutschen Festnetz,<br />

max. EUR 0.42/min aus dem deutschen Mobilfunknetz)


gingko<br />

biloba<br />

melo da fiore<br />

biancospino<br />

carpino bianco<br />

AMBIENTE<br />

LE PIANTE “MANGIA-INQUINAMENTO”<br />

Il melo da fiore e il biancospino sono perfetti per assorbire le polveri sottili; il carpino bianco, invece, assorbe bene<br />

l’anidride carbonica. Poi c’è il gingko biloba, che cattura sia i gas serra che le polveri sottili. Perché allora non usarli<br />

nelle nostre grandi città inquinate e inquinanti? Se lo è chiesto il Comune di Bologna, che ha dato così vita, grazie a<br />

cofinanziamenti europei, al progetto Gaia. Il progetto prevede di piantare 3.000 piante “mangia-inquinamento” sul<br />

territorio comunale, entro la fine del 2013. Un ottimo metodo per migliorare la qualità dell’aria.<br />

8<br />

ARCHITETTURA<br />

LA MILANO CHE SALE<br />

LE PIANTE<br />

la pianta Pflanze als<br />

mangia- Schadstoffinquinamento<br />

fänger<br />

il melo<br />

da fiore Wildapfel<br />

il biancospino Weißdorn<br />

la polvere<br />

sottile Feinstaub<br />

il carpino<br />

bianco Hainbuche<br />

l’anidride<br />

carbonica Kohlendioxid<br />

catturare einfangen<br />

il gas serra Treibhausgas<br />

piantare pflanzen<br />

l’aria Luft<br />

LA MILANO CHE SALE<br />

il cantiere Baustelle<br />

i lavori<br />

in corso pl. Bauarbeiten<br />

premiato ausgezeichnet<br />

la sede Sitz<br />

sanitario medizinisch<br />

il frutteto Obstgarten<br />

“VOGLIO MORIRE VIVO”<br />

il cancro ter- Leberkrebs<br />

minale im Endal<br />

fegato stadium<br />

l’eutanasia Sterbehilfe<br />

diffuso verbreitet<br />

l’associazione<br />

f. Verein<br />

Würde<br />

klarer Verstand<br />

zu Gunsten<br />

Gesetz-<br />

gebung<br />

Gefängnis<br />

Unterschrif-<br />

tensammlung<br />

Gesetzes-<br />

entwurf<br />

verweigern<br />

Behandlung<br />

Straf-<br />

gesetzbuch<br />

Mord<br />

la dignità<br />

la lucidità<br />

a favore di<br />

la legislazione<br />

il carcere<br />

la raccolta<br />

di firme<br />

il disegno<br />

di legge<br />

rifiutare<br />

la cura<br />

il codice<br />

penale<br />

l’omicidio<br />

il suicidio<br />

Selbstmord<br />

Tutta Milano è un cantiere aperto! Non<br />

si tratta di semplici lavori in corso, ma di<br />

progetti dei più premiati architetti internazionali<br />

del momento. Partiamo da<br />

nord: a Porta Volta c’è il cantiere della<br />

nuova Fondazione Feltrinelli, degli svizzeri<br />

Herzog & De Meuron, gli autori dello<br />

stadio di Pechino. Poco lontano c’è il<br />

grandioso complesso di Porta Nuova, che comprende, tra l’altro, la sede della<br />

Regione Lombardia, ideata da Ieoh Ming Pei, e la Torre Cesar Pelli, alta più di<br />

200 metri. Ancora più a nord si sta sviluppando la Città della Salute, un centro<br />

sanitario modello con giardini e frutteti, firmato Renzo Piano. Più a sud, troviamo<br />

il Campus Bocconi, dei giapponesi Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa, l’ambiziosa<br />

Cittadella di Prada, di Rem Koolhaas, il Museo delle Culture di David<br />

Chipperfield, curatore dell’ultima Biennale. E poi il complesso Citylife, il progetto<br />

di riqualificazione del quartiere della Fiera Campionaria, con le tre torri di<br />

Daniel Libeskind, l’architetto delle nuove torri gemelle, Arata Isozaki, Andrea<br />

Maffei e Zaha Hadid (vedi foto). La Milano del futuro è da guardare a testa in su!<br />

ATTUALITÀ<br />

“VOGLIO MORIRE VIVO”<br />

Si chiama Gilberto, ha 53<br />

anni e un cancro terminale<br />

al fegato. È il testimonial dello<br />

spot in favore dell’eutanasia di<br />

Exit International, diffuso in<br />

Italia dall’associazione Luca<br />

Coscioni e dal Partito radicale.<br />

Il video, che al momento in cui<br />

scriviamo circola solo sul web,<br />

sta scioccando l’Italia. “Voglio<br />

morire vivo. Proprio perché<br />

amo la vita, voglio decidere io<br />

quando andarmene, prima<br />

che la malattia mi tolga completamente<br />

la dignità, il controllo,<br />

la lucidità”, dice Gilberto<br />

alla telecamera. Sono<br />

parole chiare e dirette, che<br />

toccano un tema molto delicato.<br />

Secondo i dati Eurispes, il<br />

67% della popolazione italiana<br />

è a favore della “dolce morte”.<br />

Eppure non esiste una vera e<br />

propria legislazione al riguardo.<br />

Chi aiuta un malato terminale<br />

a morire rischia 12 anni di<br />

carcere. Per questo, sul sito<br />

www.eutanasialegale.it è partita<br />

una raccolta di firme per<br />

presentare un disegno di legge<br />

di iniziativa popolare che<br />

prevede, tra gli altri punti, la<br />

possibilità da parte del malato<br />

di rifiutare le cure e l’esclusione<br />

dal Codice penale dei reati<br />

di omicidio e di aiuto al suicidio<br />

in questi casi.<br />

© Shutterstock (5), Arata Isozaki and Andrea Maffei<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

Michele Riondino (34), uno<br />

dei protagonisti del film.<br />

SPETTACOLO<br />

ILVA: L’ATTUALITÀ AL CINEMA<br />

L’Ilva è ancora un tema molto caldo in Italia. E il film Acciaio, di Stefano Mordini,<br />

tratto dall‘omonimo e pluripremiato romanzo di Silvia Avallone, non poteva<br />

uscire in un momento migliore. Mentre il governo italiano sta decidendo la sorte<br />

dell’impianto Ilva di Taranto (vedi evviva! 02/13, pag. 4) e in tutta Italia si discute su<br />

“salute, economia e lavoro”, il film racconta al grande pubblico le storie di chi vive<br />

“intorno” a un’acciaieria. In questo caso si tratta dello stabilimento Lucchini di<br />

Piombino, in Toscana, e la vicenda è raccontata dal punto di vista di due amiche<br />

adolescenti. Da un lato c’è l’acciaieria, un luogo da persone adulte e indurite dalla<br />

fatica, dall’altra l’isola d’Elba, luogo di famiglie privilegiate e felici. Il film non vuole<br />

essere un documentario su come si vive in fabbrica, ma ha comunque il merito<br />

di delineare benissimo uno spaccato<br />

sociale. Per Michele Riondino,<br />

che interpreta il fratello<br />

di una delle protagoniste,<br />

il film non è stato una semplice<br />

prova d’attore: dopo<br />

gli studi a Taranto, doveva<br />

diventare operaio dell’Ilva,<br />

come suo padre. Invece,<br />

in fabbrica ci è entrato<br />

solo come attore.<br />

la vicenda<br />

adole-<br />

adulto<br />

indurito<br />

il merito<br />

lo spaccato<br />

l’attore<br />

l’operaio<br />

Geschichte<br />

wachsend<br />

erwachsen<br />

verhärtet<br />

Verdienst<br />

Einblick<br />

Ilva: in der Stahlbranche<br />

tätige ital. Aktiengesellschaft<br />

essere auf etw.<br />

tratto da qc. beruhen<br />

omonimo gleichnamig<br />

il governo Regierung<br />

la sorte Schicksal<br />

l’impianto Anlage<br />

l’acciaieria Stahlwerk<br />

lo stabilimento<br />

Werk<br />

heranscente<br />

Schauspieler<br />

Arbeiter<br />

© Shutterstock (5), Arata Isozaki and Andrea Maffei<br />

ITALIENISCHLERNEN<br />

einmal anders<br />

Gewinnen Sie mit <strong>ADESSO</strong> und PONS eines von fünfzehn<br />

brandneuen Büchern „Italienisch rund um den Stiefel” –<br />

Quiz, Sprachrätsel und Skurriles<br />

• Mit 20 großen Quizthemen die Italienisch-Kenntnisse<br />

erweitern und Italien<br />

noch besser kennen lernen<br />

• Mit vielen unterhaltsamen Anekdoten<br />

und Skurrilitäten<br />

• Wortverzeichnis zu den schwierigsten<br />

Wörtern<br />

• Lösungen mit Hintergrundinformationen<br />

Vai con<br />

l’italiano!<br />

So lernen Sie<br />

die Italiener verstehen<br />

- ihre<br />

Sprache, ihre<br />

Kultur und ihre<br />

Eigenheiten.<br />

Beantworten Sie die Fragen<br />

und gewinnen Sie!<br />

1) In welcher Region liegt der Iseosee?<br />

a) In Molise<br />

b) In der Lombardei<br />

2) Was ist das "Maschio Angioino"?<br />

a) Eine Burg in Neapel<br />

b) Ein typischer Wein aus Kampanien<br />

3) Wer war der erste König Italiens?<br />

a) Umberto I<br />

b) Vittorio Emanuele II<br />

Teilnahme direkt auf www.adesso-online.de/pons<br />

Teilnahmeschluss: 14.05.2013<br />

Nicht teilnahmeberechtigt sind Mitarbeiter der Spotlight Verlag GmbH und<br />

der PONS GmbH sowie deren Angehörige. Eine Barauszahlung der Preise<br />

ist ausgeschlossen. Einsendeschluss ist der 14.05.2013. Der Rechtsweg ist<br />

ausgeschlossen.<br />

<strong>ADESSO</strong>


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

10<br />

La Corte europea ha<br />

chiesto all’Italia di<br />

risolvere il problema<br />

del sovraffollamento<br />

delle carceri.<br />

ATTUALITÀ<br />

CARCERI DA CONDANNARE<br />

La Corte europea ha emesso una<br />

sentenza importante: ha condannato lo<br />

stato italiano a risarcire per danni morali con<br />

complessivi 99.600 euro sette detenuti delle<br />

carceri di Busto Arsizio e Piacenza. Secondo<br />

la Corte, i detenuti hanno ricevuto un trattamento<br />

“inumano e degradante”, che viola l’articolo 3<br />

della Convenzione dei diritti dell’uomo. Costretti<br />

a dividere in tre lo spazio pensato per una sola<br />

persona, senza acqua calda per lunghi periodi e<br />

con ventilazione e illuminazione inadeguate.<br />

Il problema è sempre il solito, il sovraffollamento<br />

delle carceri. La Corte ha chiesto all’Italia di trovare<br />

una soluzione il prima possibile, di incoraggiare i<br />

magistrati a usare misure alternative alla detenzione<br />

e a rivedere le politiche penali. Soprattutto ha<br />

chiesto al Belpaese<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta la nostra inchiesta<br />

sul tema: “Che cosa pensate della<br />

situazione delle carceri italiane?”<br />

di risolvere entro un<br />

anno analoghe violazioni<br />

dei diritti dei<br />

detenuti. Staremo a<br />

vedere…<br />

SOCIETÀ<br />

GLI ITALIANI DEL FUTURO<br />

Come saranno gli italiani del futuro? Difficile dirlo<br />

con certezza, ma si può comunque provare a fare una<br />

previsione partendo dalle certezze dei nostri giorni. I<br />

bambini che nasceranno nel 2013 si chiameranno probabilmente<br />

Sofia, Martina, Giulia, oppure Francesco,<br />

Alessandro, Andrea, che sono i nomi più diffusi al momento.<br />

I loro genitori saranno quasi sicuramente sposati<br />

(lo è l’80% delle coppie italiane con figli). Dei<br />

600.000 bambini che si stima nasceranno in Italia nel<br />

2013, uno su tre si iscriverà all’Università e avrà poi un<br />

lavoro sedentario, che porterà il 40% degli uomini e il<br />

50% delle donne ad avere problemi di salute legati al<br />

sovrappeso già intorno ai 45 anni. I lavori più gettonati<br />

saranno: costruttore di parti del corpo, nanomedico,<br />

consulente della terza età e guida turistica nello spazio.<br />

L’italiano e l’italiana del futuro si sposeranno tra i<br />

26 e i 30 anni. A 40 anni arriveranno a guadagnare circa<br />

32.000 euro, infine andranno in pensione nel 2083,<br />

all’età di 70 anni. Giusto in tempo per godersi un po’ di<br />

meritato riposo, visto che l’aspettativa di vita per un<br />

uomo è di 79,2 anni e per la donna di 81,8.<br />

© Ansa, Shutterstock (3)<br />

CARCERI<br />

il carcere Gefängnis<br />

la Corte Europäischer<br />

europea Gerichtshof<br />

emettere erlassen<br />

la sentenza Urteil<br />

condannare verurteilen<br />

lo stato Staat<br />

risarcire entschädigen<br />

il danno immaterieller<br />

morale Schaden<br />

complessivo insgesamt<br />

il detenuto Gefangener<br />

il trattamento Behandlung<br />

violare verletzen<br />

costretto gezwungen<br />

inadeguato unzureichend<br />

il sovraffollamento<br />

Überfüllung<br />

incoraggiare ermutigen<br />

il magistrato Richter<br />

la misura Maßnahme<br />

la detenzione Haft<br />

rivedere überdenken<br />

penale strafrechtlich<br />

il diritto Recht<br />

GLI ITALIANI DEL FUTURO<br />

comunque auf jeden Fall<br />

la previsione Prognose<br />

proba- wahrscheinbilmente<br />

lich<br />

diffuso verbreitet<br />

la coppia Paar<br />

stimare schätzen<br />

sedentario sitzend<br />

la salute Gesundheit<br />

il sovrappeso Übergewicht<br />

gettonato gefragt<br />

il costruttore Hersteller<br />

il consulente Seniorendella<br />

terza età berater<br />

la guida Führer<br />

lo spazio Weltraum<br />

guadagnare verdienen<br />

godersi genießen<br />

meritato verdient<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


IL PERCHÉ<br />

I VENTI ITALIANI<br />

Perché il vento che spira da nord si chiama “tramontana”<br />

e da dove vengono i nomi degli altri venti?<br />

Martina Feld<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice dell’Istituto<br />

dell’Enciclopedia Italiana.<br />

La tramontana è un vento freddo e forte, che spira<br />

da nord. Il nome deriva dal latino transmontanum,<br />

cioè che proviene da oltre i monti che – per chi<br />

vive in Italia – sono le Alpi. Per estensione, il termine tramontana<br />

ha finito per definire anche la direzione settentrionale<br />

nella rosa dei venti e la Stella Polare, in quanto indica<br />

il nord. Ecco spiegato com’è nata l’espressione per<br />

lo più scherzosa perdere la tramontana, che, come perdere<br />

la bussola, significa “confondersi, non avere più il controllo<br />

di sé”.<br />

Anche gli altri venti che interessano l’Italia hanno nomi originali.<br />

Il vento proveniente da est è detto levante, participio<br />

presente di levare, in riferimento al sorgere del sole. Il<br />

vento proveniente da ovest, dove tramonta il sole, è il ponente,<br />

participio presente del latino ponere, “porre”, che<br />

nella tarda latinità significava anche “tramontare”. Infine il<br />

vento caldo e umido che spira da sud, apportatore di tempeste,<br />

è stato chiamato austro dai Romani, che usavano<br />

per estensione questo termine per indicare il meridione come<br />

punto cardinale. I nomi degli altri quattro venti provenienti<br />

dalle direzioni cardinali intermedie della rosa dei venti<br />

sono grecale, maestrale, scirocco e libeccio. Il grecale è<br />

il vento che soffia da nord-est, così denominato perché<br />

agli antichi navigatori del Mediterraneo centrale sembrava<br />

spirare dalla Grecia. Il maestrale, vento di nord-ovest, è tipico<br />

del Mediterraneo centro-occidentale, dove si manifesta<br />

nel corso dell’anno con più frequenza rispetto agli altri<br />

venti. Il suo nome deriva da maestro, cioè “maggiore, principale”.<br />

Lo scirocco è un vento caldo e secco che proviene<br />

dal Sahara. Quando supera il Mediterraneo si arricchisce<br />

di umidità e porta piogge sulle coste italiane: deriva il<br />

proprio nome dall’arabo magrebino shuluq. Infine il libeccio<br />

è un vento umido proveniente da sud-ovest, molto frequente<br />

nel Mediterraneo, dove si presenta a raffiche fortissime:<br />

il nome viene dall’arabo lebe, a sua volta in prestito<br />

dal greco lips-libos, “vento<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio<br />

sull’etimologia dei nomi dei<br />

venti nella rubrica Grammatica.<br />

piovoso”.<br />

Inviate i vostri perché<br />

a: adesso@spotlight-verlag.de<br />

IL PERCHÉ<br />

spirare wehen<br />

provenire kommen<br />

l’estensione f. Erweiterung<br />

il termine Begriff<br />

settentrionale nördlich<br />

indicare anzeigen<br />

nascere entstehen<br />

confondersi verwirrt sein<br />

interessare betreffen<br />

levare heben<br />

il sorgere Aufgehen<br />

tramontare untergehen<br />

l’apportatore<br />

m. Überbringer<br />

la tempesta Sturm<br />

il meridione Süden<br />

il punto Himmelscardinale<br />

richtung<br />

il grecale Gregale<br />

il maestrale Mistral<br />

lo scirocco Scirocco<br />

il libeccio Libeccio<br />

soffiare wehen<br />

denominato genannt<br />

occidentale westlich<br />

manifestarsi sich zeigen<br />

superare überwinden<br />

arricchirsi sich anreichern<br />

la raffica Bö, Windstoß<br />

il prestito Leihgabe<br />

18.284.000<br />

la popolazione Bevölkerung<br />

dichiarare angeben<br />

18.284.000<br />

18.284.000<br />

sono gli italiani che praticano<br />

un’attività sportiva<br />

nel tempo libero. Rappresentano<br />

il 31,1% di tutta la popolazione. Il<br />

Nord-Est vanta la quota più alta<br />

di sportivi praticanti (38,6%). La<br />

Campania e la Puglia sono le regioni<br />

meno sportive, nelle<br />

quali solo due persone su<br />

dieci dichiarano di<br />

fare sport.<br />

Fonte: Istat, rapporto Noi<br />

Italia, gennaio 2013.


VIAGGI - ISOLE EOLIE<br />

EOLIE<br />

Inmitten der Urgewalten von<br />

Wasser, Luft und Erde: Die bezaubernden,<br />

fast unberührten Äolischen<br />

Inseln schlagen wandernde<br />

Naturliebhaber und Badeurlauber<br />

gleichermaßen in ihren Bann.<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

12<br />

© Huber/Sime (3), V. Sciosia, Shutterstock<br />

IL FUOCO CHE SCIVOLA SULLA ROCCIA PER AN-<br />

DARE A SCOTTARE IL MARE. Il vento che soffia forte<br />

e poi si nasconde all’improvviso dietro verdi pendii. La<br />

terra che in primavera si sveglia e trasforma in gioielli sette<br />

briciole di vulcano sparse nel blu. E poi, e poi… Ce ne<br />

sarebbero tanti di modi per descrivere le isole Eolie, ma<br />

nessuno renderebbe ragione a questo minuscolo arcipelago<br />

a nord-est della <strong>Sicilia</strong>, che per le sue bellezze naturali<br />

è stato dichiarato Patrimonio dell’umanità Unesco. Lipari,<br />

Stromboli, Salina, Vulcano, Panarea, Alicudi e<br />

Filicudi. Sette, piccine e da fiaba. Potete far ridere i bambini<br />

raccontando loro che si chiamano Eolie da Eolo, non<br />

il dio del vento, ma uno dei sette nani di Biancaneve. Così,<br />

quando da grandi torneranno da queste parti, avranno<br />

quel po’ di fantasia infantile<br />

che è necessaria<br />

scivolare gleiten<br />

la roccia Fels<br />

quando, arrampicandosi<br />

scottare verbrühen<br />

soffiare wehen su un vulcano o nuotando<br />

il pendio Hang nel mare cristallino, si ha<br />

la briciola Krümel l’impressione di vivere in<br />

sparso verstreut<br />

un’altra dimensione.<br />

rendere hier: gerecht<br />

ragione werden<br />

Scopriamole a una a<br />

minuscolo winzig klein una, queste sette bellissime<br />

l’arcipelago Inselgruppe isole, disposte a formare<br />

piccino klein<br />

una sorta di “Y”, con Vulcano<br />

alla base e alle estre-<br />

la fiaba Fabel<br />

il nano Zwerg<br />

Biancaneve Schneewittchen mità est e ovest, rispettivamente,<br />

Stromboli e rispettivamente jeweils<br />

Alicudi.<br />

Panarea<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


SETTE, PICCOLE E DA FIABA<br />

Lipari, Salina, Stromboli, Vulcano,<br />

Panarea, Alicudi e Filicudi sono la parte<br />

emersa di antichissimi vulcani.<br />

Per le loro bellezze naturalistiche<br />

sono state dichiarate Patrimonio<br />

dell’umanità Unesco.<br />

Filicudi<br />

ISOLE EOLIE<br />

Stromboli<br />

926m<br />

Basiluzzo<br />

Vulcano<br />

Stromboli<br />

675m<br />

Alicudi<br />

Filicudi<br />

774m<br />

Salina<br />

962m<br />

602m<br />

Lipari<br />

Panarea<br />

Vulcano<br />

500m<br />

Isole Eolie<br />

Milazzo


602 m<br />

Lipari<br />

IL CUORE<br />

DELL’ARCIPELAGO<br />

In questa pagina:<br />

la chiesa di Quattropani,<br />

a Lipari, con Salina<br />

sullo sfondo; la spiaggia<br />

di pietra pomice;<br />

il piccolo porto di Lipari.<br />

14<br />

LIPARI<br />

Der ”<br />

Berg aus Sahne“<br />

L’ISOLA PIÙ GRANDE – SI FA PER DIRE, VISTO CHE<br />

PARLIAMO COMUNQUE DI 37 CHILOMETRI QUA-<br />

DRATI – È LIPARI. La considerano tutti il “cuore” delle<br />

Eolie e allora cominceremo da qui la nostra esplorazione.<br />

Scopriamo innanzitutto che a cesellarla, con la maestria<br />

di cui solo la natura è capace, sono state ben 12 bocche vulcaniche,<br />

che oggi danno evidenti segni di sé soprattutto<br />

nella Valle Muria, formata da rocce incredibilmente rosse.<br />

Lungo la costa nord-orientale il colore di fondo cambia<br />

del tutto: ci si aspetta i toni cupi della roccia vulcanica<br />

e invece... ecco la sorpresa della “montagna di panna”,<br />

candida fino ad abbagliare perché è fatta di pomice, ma<br />

variegata di ossidiana quel tanto da farla apparire un immenso<br />

dolce caramellato. Non per niente Lipari è l’unica<br />

tra le Eolie a registrare un’attività industriale: l’estrazione<br />

della pomice, appunto. Per il resto l’isola, lunga appena<br />

9 chilometri e quindi facilmente visitabile in un paio<br />

di giorni, offre una grande varietà di attrazioni. Per esempio,<br />

proprio sopra il centro abitato principale si erge “l’acropoli”<br />

locale, ovvero il Castello; a Marina Lunga e Marina<br />

Corta arrivano navi e traghetti e poco più in là si<br />

distende una serie di piccole, ma suggestive spiagge. È<br />

quindi possibile dedicarsi alla nobile arte di oziare al sole,<br />

oppure prendere l’aliscafo ed esplorare le altre isole<br />

Eolie, più piccole, ma non meno affascinanti.<br />

Obsidian<br />

erscheinen<br />

Abbau,<br />

Gewinnung<br />

bewohnt<br />

Haupt-<br />

emporragen<br />

Fähre<br />

sich erstrecken<br />

bezaubernd<br />

sich widmen<br />

vornehm<br />

müßig gehen<br />

Tragflügelboot<br />

l’ossidiana<br />

apparire<br />

l’estrazione f.<br />

abitato<br />

principale<br />

ergersi<br />

il traghetto<br />

distendersi<br />

suggestivo<br />

dedicarsi<br />

nobile<br />

oziare<br />

l’aliscafo<br />

ohnehin<br />

ansehen,<br />

betrachten<br />

ziselieren<br />

Meisterhaftigkeit<br />

Zeichen<br />

Grund-<br />

dunkel<br />

schneeweiß<br />

blenden<br />

Bimsstein<br />

durchzogen,<br />

gesprenkelt<br />

comunque<br />

considerare<br />

cesellare<br />

la maestria<br />

il segno<br />

di fondo<br />

cupo<br />

candido<br />

abbagliare<br />

la pomice<br />

variegato<br />

© F. Cappelleri, Huber/Sime (4), LAIF<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


Salina<br />

VIAGGI - ISOLE EOLIE<br />

962 m<br />

SALINA<br />

Die grüne Insel<br />

FIGLIA DI TERRA E FUOCO È ANCHE SALINA,<br />

L’ISOLA PIÙ VERDE DELL’ARCIPELAGO, CARAT-<br />

TERIZZATA DALLE DUE VETTE PIÙ ALTE DELLE<br />

EOLIE, Fossa delle Felci e Fossa dei Porri, vulcani spenti<br />

ormai da tempo che contribuirono a dare all’isola l’antico<br />

nome di Didime, dal greco didymos, “gemello”. Nonostante<br />

si estenda per poco più di 26 chilometri quadrati,<br />

Salina ha ben tre comuni distinti: Santa Marina Salina,<br />

Malfa e Leni, più una serie di frazioncine che costituiscono<br />

un’ideale “ragnatela” attraverso cui esplorare l’isola.<br />

Per esempio, dall’abitato di Lingua, che si trova all’estremità<br />

sud-orientale, parte una stradina che porta a Rinella,<br />

poi a Santa Marina Salina e a Malfa. A qualcuno sembrerà<br />

di avere già visto questi luoghi da qualche parte e<br />

la sensazione si farà sempre più netta avvicinandosi al<br />

borgo di Pollara. Dejà vu comprensibile, visto che proprio<br />

qui è stato girato il film Il postino, con l’indimenticabile<br />

Massimo Troisi. Anche a Salina, poi, è d’obbligo salire a<br />

rendere omaggio ai vulcani, o almeno a uno dei due: in<br />

questo caso si parla dell’ascesa al Monte della Fossa delle<br />

Felci, che è anche un parco naturale di straordinaria<br />

bellezza. L’escursione richiede un’oretta, ma non è particolarmente<br />

faticosa, a patto<br />

la vetta Gipfel<br />

di essere bene attrezzati<br />

contribuire beitragen<br />

con zaino e scarponcini. Si<br />

distinto unterschiedlich<br />

la frazioncina kleiner Ortsteil parte dalla frazione di Valdichiesa<br />

costituire bilden<br />

ed è possibile av-<br />

la ragnatela Spinnenwebe valersi dell’aiuto di guide<br />

netto klar<br />

specializzate.<br />

il borgo Dorf<br />

l’omaggio Ehre<br />

l’ascesa Aufstieg<br />

attrezzato ausgerüstet L’ISOLA DEL FILM IL POSTINO<br />

lo zaino Rucksack In questa pagina: il fiore del<br />

lo scarponcino Wanderschuh cappero; l’Hotel Punta Scario<br />

avvalersi von etw. Gedi<br />

e uno scorcio di Lingua,<br />

qc. brauch machen frazione di Santa Marina<br />

Salina.<br />

15


16<br />

Stromboli<br />

926 m<br />

STROMBOLI<br />

”<br />

Iddu“, der lebendige Vulkan<br />

NON CI STANCHEREMMO MAI<br />

DI RACCONTARVI DI QUE-<br />

ST’ISOLA MERAVIGLIOSA, IN<br />

CUI IL PASSARE DEL TEMPO È<br />

SCANDITO DAI LEGGERI COL-<br />

PETTI DI TOSSE DI UN VUL-<br />

CANO BRONTOLONE! Parliamo<br />

di Iddu – ossia, quello, come lo chiama<br />

la gente del posto, 400 abitanti<br />

di cui circa la metà originaria dell’isola<br />

e l’altra venuta qui dal resto<br />

d’Italia, ma anche da altri paesi, tra<br />

cui Russia e Germania. Iddu, dicevamo, veglia sull’isola e<br />

soffre di insonnia da secoli. Ogni tanto si fa sentire in modo<br />

un po’ più energico, com’è successo all’inizio di quest’anno,<br />

destando qualche preoccupazione tra gli abitanti.<br />

Di notte, poi, lo Stromboli dà spettacolo, mentre di<br />

giorno si pavoneggia grazie a una perenne nuvoletta che<br />

gli esce dalla cima e cambia<br />

forma di continuo. Andare<br />

a Stromboli e non fare una<br />

visita ravvicinata a Iddu, sarebbe<br />

come andare a Roma<br />

e non vedere il Vaticano!<br />

Levatevi, però, dalla testa<br />

l’idea di fare da soli: per sa-<br />

VIAGGI - ISOLE EOLIE<br />

lire fino alla bocca del vulcano bisogna affidarsi a una delle<br />

guide professioniste, che partono ogni giorno verso le<br />

17 dal centro del paese di San Vincenzo. Un’esperienza<br />

impegnativa, perché si cammina per circa tre ore in salita,<br />

ma che vi resterà nel cuore. Se invece preferite non faticare,<br />

un classico della vacanza a Stromboli è la gita in<br />

barca alla Sciara del Fuoco, un’immensa colata lavica ora<br />

solidificata, che alcuni anni fa è scesa fino al mare lungo<br />

un versante dell’isola. Potrete starvene comodamente seduti<br />

in barca, con il motore spento e godervi, nella tranquillità<br />

della sera, lo spettacolo degli sbuffi di lapilli che illuminano<br />

le tenebre. Il magma rosso vivo che ribolle non<br />

è, però, l’unica meraviglia di Stromboli. Anche le spiagge<br />

sono eccezionali: lì per lì generano un po’ d’inquietudine,<br />

perché la sabbia è nera, essendo vulcanica, e ovviamente<br />

al sole diventa rovente e impone l’uso delle ciabattine.<br />

Però la limpidezza delle acque ha pochi concorrenti nel<br />

Mediterraneo, sia che si scelga la spiaggia di Forgia Vecchia,<br />

a Scari, non lontana dal porticciolo dove arrivano gli<br />

aliscafi; sia che si preferisca andare in quella servita di Ficogrande,<br />

a metà strada tra Scari e Piscità, proprio di fronte<br />

alla buffa isoletta di Strombolicchio. Dall’altro lato di<br />

San Vincenzo, in una zona raggiungibile solo dal mare,<br />

© Corbis, Huber/Sime (2), F. Cappellari, F. Villa<br />

il colpetto<br />

di tosse<br />

brontolone<br />

vegliare<br />

soffrire<br />

l’insonnia<br />

destare<br />

pavoneggiarsi<br />

perenne<br />

la cima<br />

impegnativo<br />

la colata<br />

il versante<br />

lo sbuffo<br />

il lapillo<br />

la tenebra<br />

generare<br />

l’inquietudine f.<br />

rovente<br />

imporre<br />

la ciabattina<br />

la limpidezza<br />

il porticciolo<br />

Husten<br />

mürrisch<br />

wachen<br />

leiden<br />

Schlaflosigkeit<br />

wecken<br />

sich aufplustern<br />

immerwährend<br />

Spitze<br />

anspruchvoll<br />

Guss<br />

Seite<br />

Wolke<br />

kleiner<br />

Lavastein<br />

Dunkelheit<br />

schaffen<br />

Beunruhigung<br />

glühend heiß<br />

(er)zwingen<br />

Badeschlappe<br />

Klarheit<br />

kleiner Hafen


“IDDU”, IL<br />

VULCANO CHE<br />

VEGLIA SU<br />

STROMBOLI<br />

Nell’altra pagina: il<br />

vulcano e l’isola vista<br />

da Strombolicchio.<br />

In questa pagina: il<br />

pescatore Gaetano<br />

Cincotto; il paese di<br />

San Vincenzo e un<br />

laboratorio della<br />

Scuola in mezzo<br />

al mare.<br />

c’è il paesino incantato di Ginostra. Qui il logorio<br />

della vita moderna è davvero sconosciuto:<br />

i 50 abitanti si spostano solo a piedi,<br />

vivande e masserizie vengono trasportate a<br />

dorso d’asino, la luce elettrica non è mai arrivata<br />

e la sera, per girare tra le strade completamente<br />

buie, bisogna essere muniti di<br />

torce. Una buona idea può essere quella di<br />

partire per una delle gite giornaliere che portano<br />

via mare a Ginostra, e qui fermarsi in<br />

una delle locande che propongono romantiche<br />

cene a lume di candela.<br />

Se la maestra non arriva...<br />

“Che paradiso, Stromboli. Qui il tempo sembra essersi fermato!”,<br />

si pensa non appena si approda sull’isola. Poi viene subito da chiedersi:<br />

“Ma come sarà, viverci tutto l’anno?” “Le difficoltà ci sono”, ci<br />

spiega Carolina Barnao, che abita sull’isola con la sua famiglia. “Soprattutto<br />

per quel che riguarda la scuola”. A Stromboli ci sono circa<br />

60 bambini tra i 2 e i 13 anni. Di questi, 10 frequentano la scuola media,<br />

o meglio, la frequenterebbero, se non fosse per i continui problemi<br />

istituzionali e meteorologici che<br />

ostacolano il regolare svolgimento delle<br />

lezioni. “Sull’isola non ci sono insegnanti<br />

residenti titolati. I professori delle<br />

medie arrivano ogni giorno con la<br />

nave, per tenere una o due ore di lezione.<br />

In inverno, a causa del cattivo<br />

tempo, spesso non riescono ad arrivare”.<br />

Risultato? Le lezioni non ci sono<br />

e i ragazzi non vanno a scuola. Le<br />

pressioni dei genitori affinché le istituzioni<br />

riconoscano la specificità dell’isola<br />

e intervengano sulle leggi nazionali,<br />

fino a oggi sono cadute nel vuoto.<br />

Così è nata l’iniziativa Scuola in mezzo<br />

al mare, di cui Carolina è una delle<br />

più attive promotrici. “Sull’isola vivono<br />

persone con le competenze più varie”,<br />

prosegue. “Ci sono musicisti, giornalisti,<br />

ceramisti, pescatori... perché non<br />

sfruttarli per sopperire alle carenze della<br />

scuola?” L’iniziativa, fra mille difficoltà<br />

burocratiche, è riuscita a dar vita<br />

in questi ultimi anni a laboratori sul<br />

mare di giornalismo e di ceramica. In<br />

attesa che dall’alto arrivi una soluzione<br />

definitiva al problema. I.Bernardin<br />

la maestra Lehrerin<br />

approdare landen<br />

riguardare betreffen<br />

frequentare besuchen<br />

la scuola media: ital. „Mittelschule“,<br />

entspricht der 6. bis<br />

8. Klasse<br />

ostacolare behindern<br />

lo svolgimento<br />

Ablauf<br />

residente ortsansässig<br />

titolato mit Titel,<br />

hier: befähigt,<br />

berechtigt<br />

il professore Lehrer<br />

la nave Schiff<br />

le pressioni<br />

pl. Druck<br />

intervenire eingreifen,<br />

hier: ändern<br />

la legge Gesetz<br />

la promotrice Förderin<br />

vario vielfältig<br />

proseguire fortfahren<br />

il ceramista Keramiker<br />

il pescatore Fischer<br />

sfruttare nutzen<br />

sopperire wettmachen,<br />

ausgleichen<br />

la carenza Mangel<br />

il laboratorio Workshop<br />

17<br />

incantato<br />

il logorio<br />

spostarsi<br />

la vivanda<br />

la masserizia<br />

a dorso<br />

d’asino<br />

la gita<br />

la locanda<br />

a lume<br />

di candela<br />

verzaubert<br />

Aufreibung<br />

sich fortbewegen<br />

Speise<br />

Hausrat<br />

auf dem<br />

Rücken eines<br />

Esels<br />

Ausflug<br />

Wirtshaus<br />

bei Kerzen-<br />

licht<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


VIAGGI - ISOLE EOLIE<br />

Vulcano<br />

500 m<br />

VULCANO<br />

Das natürliche Spa<br />

SI CHIAMA VULCANO, MA, IN REALTÀ, I VULCANI<br />

DELL’ISOLA SONO DUE, che potremmo considerare “padre<br />

e figlio”, dal momento che si chiamano Vulcano e Vulcanello.<br />

Collegati da uno stretto istmo, per secoli hanno tenuto<br />

lontano la specie umana a furia di fuoco e fiamme. Poi,<br />

nel XIX secolo, iniziarono le prime attività estrattive dello<br />

zolfo. Oggi la principale attività dell’isola, dopo il turismo,<br />

è la coltivazione di vigneti. Può stupire, eppure è proprio<br />

così. E il vino che viene prodotto non è meno eccezionale<br />

del paesaggio dell’isola. Non perdete l’occasione di assaggiare<br />

il Malvasia delle Lipari, un vino dolce, perfetto con<br />

i dessert; oppure il Passito di Malvasia, dai sentori di eucalipto,<br />

miele ed erbe aromatiche. Ma veniamo alle cose da<br />

fare! A Vulcano, nonostante sia selvaggia, si trova ormai<br />

ogni genere di servizio. La gente del luogo consiglia escursioni<br />

“coast to coast” tra scenari mozzafiato e profumi mediterranei.<br />

Si può per esempio noleggiare un motorino e<br />

percorrere i 16 chilometri che separano l’abitato di Vulcano<br />

dalla località Gelso, mentre salendo verso Lentia si gode<br />

della vista di tutte le Eolie. Bellissima anche la salita al<br />

cratere, che richiede circa un’ora e l’assistenza di una guida.<br />

Da non perdere, poi, i fanghi caldi sulfurei presso il Porto<br />

di Levante e la Valle dei Mostri a Vulcanello, con incredibili<br />

concrezioni laviche.<br />

stretto<br />

l’istmo<br />

a furia di<br />

l’attività<br />

estrattiva<br />

lo zolfo<br />

il vigneto<br />

assaggiare<br />

il sentore<br />

selvaggio<br />

eng<br />

Landenge<br />

mit, durch<br />

Gewinnung<br />

Schwefel<br />

Weinberg<br />

kosten<br />

mit Aroma<br />

nach<br />

wild<br />

il genere<br />

consigliare<br />

mozzafiato<br />

Art<br />

empfehlen<br />

atemberaubend<br />

mieten<br />

entlangfahren<br />

Ortschaft<br />

genießen<br />

Schlamm<br />

Schwefel-<br />

Lava-<br />

noleggiare<br />

percorrere<br />

la località<br />

godere<br />

il fango<br />

sulfureo<br />

lavico<br />

© Corbis, V. Sciosia, Huber/Sime<br />

18<br />

VINO, FANGHI E “COAST TO COAST”<br />

In questa pagina: fanghi caldi sulfurei in riva al mare; escursione<br />

nei pressi del cratere del vulcano; una veduta aerea di Vulcano.


Die Produkte erscheinen im Spotlight Verlag, Fraunhoferstraße 22, 82152 Planegg/Deutschland, Amtsgericht München HRB 179611, Geschäftsführer: Dr. Wolfgang Stock<br />

Das Angebot des Jahres.<br />

Jetzt 30% sparen und 2 Ausgaben<br />

<strong>ADESSO</strong> testen.<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten Übungen und<br />

spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft, Kultur und Reisen.<br />

Ihr Vorteil:<br />

€ 9,60<br />

statt € 13,80<br />

Jetzt bestellen und Vorteilspreis sichern!<br />

Einfach Bestellkarte ausfüllen und abschicken, E-Mail an abo@spotlight-verlag.de, Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16<br />

oder weitere Infos unter www.adesso-online.de/minimagazin<br />

Bestellkarte<br />

Ich bestelle ein Miniabo von:<br />

✓<br />

<strong>ADESSO</strong> Magazin<br />

2 Ausgaben zum Vorzugspreis von € 9,60 / SFR 14,40<br />

Sie erhalten 2x die jeweils neueste Magazin-Ausgabe.<br />

Wenn ich mich nicht 10 Tage nach Erhalt der zweiten Ausgabe bei Ihnen melde,<br />

möchte ich das Abonnement automatisch um 12 Ausgaben verlängern, zum<br />

Vorzugspreis von € 74,40 / SFR 111,60.<br />

Die Belieferung kann ich nach Ablauf des ersten Bezugs zeitraums jederzeit beenden<br />

– mit Geld-zurück-Garantie für bezahlte, aber noch nicht gelieferte Ausgaben.<br />

Meine Adresse:<br />

Privatanschrift Dienstanschrift<br />

Name Institution/Firma<br />

Familienname, Vorname<br />

Straße, Hausnummer<br />

Land, PLZ, Ort<br />

Bitte freimachen,<br />

falls Marke zur Hand<br />

oder faxen:<br />

+49(0)89/85681-159<br />

In den Preisen sind die Versandkosten für Deutschland enthalten. Bei Versand ins<br />

Ausland werden die Porto-Mehrkosten berechnet. Weitere Details finden Sie unter<br />

spotlight-verlag.de/faq.<br />

Widerrufsrecht: Diese Bestellung kann ich innerhalb der folgenden 14 Tage<br />

schriftlich ohne Begründung bei der Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstraße 22,<br />

82152 Planegg/Deutschland widerrufen.<br />

E-Mail<br />

Senden Sie mir auch die kostenlose Unterrichtsbeilage (nur für Besteller in Lehrberufen)<br />

Ich arbeite in Schule Erwachsenenbildung 809.C10<br />

Ich bin damit einverstanden, dass der Spotlight Verlag mich per Post oder E-Mail<br />

über Angebote informiert. Dieses Einverständnis kann ich jederzeit widerrufen.<br />

X<br />

Datum, Unterschrift<br />

600.040<br />

ANTWORT<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Fraunhoferstraße 22<br />

82152 Planegg/München<br />

Deutschland


Unser Beitrag zu mehr Verständigung.<br />

Alles auf einen Blick unter www.adesso-online.de/komplett<br />

<strong>ADESSO</strong> – das Magazin für Ihr Italienisch<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten Übungen und<br />

spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft, Kultur und Reisen.<br />

Inklusive Online-Zugang zum Premium-Bereich.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus – das Übungsheft<br />

Vertiefen Sie Ihre Grammatik- und Wortschatzkenntnisse! 24-seitiges Übungsheft<br />

in praktischem Pocket-Format für alle, die sich ihre Lieblingssprache systematisch<br />

aneignen möchten.<br />

<strong>ADESSO</strong> Audio – Italienisch-Training, das ins Ohr geht<br />

Trainieren Sie Ihr Hörverständnis! Die CD umfasst rund eine Stunde Texte, Interviews<br />

und Sprachübungen. Das Begleit-Booklet ergänzt Aufgaben und Texte zum Mitlesen.<br />

Lehrerbeilage – Bestnoten für Ihren Unterricht<br />

Kostenlose Tipps und Ideen für Abonnenten in Lehrberufen! Das Lehrmaterial ist<br />

in drei verschiedenen Niveaustufen aufbereitet. Sie erhalten die Beilage auf Anfrage<br />

zusammen mit Ihrem Magazin.<br />

Premium-Abo – das Online-Extra<br />

Erhalten Sie unbegrenzten Zugriff auf Texte, Übungen und Archiv!<br />

Die umfassende Online-Plattform bietet Ihnen aktuelle Beiträge und einen großen<br />

Pool an interaktiven Übungen. Das Premium-Abo ist bereits kostenlos im Magazin-<br />

Abo enthalten.<br />

Mehr Informationen unter www.adesso-online.de/komplett<br />

Bei Rückfragen erreichen Sie uns unter E-Mail abo@spotlight-verlag.de oder Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16.


Panarea<br />

© Huber/Sime, Marka, Cubo Images, A. Garozzo<br />

Basiluzzo<br />

CON UNO DEI NUMEROSI TRAGHETTI CHE FAN-<br />

NO DA AUTOBUS TRA LE EOLIE, SI PUÒ ARRIVA-<br />

RE FACILMENTE A PANAREA, CHE NELL’ARCIPE-<br />

LAGO È NOTA COME ISOLA DEI VIP: per la sua<br />

bellezza, infatti, molte stelle del jet set (per esempio gli<br />

stilisti Dolce e Gabbana) l’hanno scelta come rifugio esclusivo.<br />

Anche il regista Michelangelo Antonioni ne era rimasto<br />

stregato, quando nel 1959 aveva girato sull’isola<br />

L’avventura (Premio speciale della Giuria al Festival di Cannes<br />

del 1960), un film che celebrava la potenza della natura.<br />

È davvero impossibile non restare incantati dalla più<br />

il traghetto<br />

l’arcipelago<br />

noto<br />

la stella<br />

lo stilista<br />

il rifugio<br />

il / la regista<br />

stregare /<br />

incantare<br />

il premio<br />

lo scoglio<br />

fondersi<br />

a meraviglia<br />

PANAREA<br />

Bei Tag und Nacht<br />

eine wahre Schönheit<br />

Fähre<br />

Inselgruppe<br />

bekannt<br />

Stern, hier: Star<br />

Designer<br />

Zuflucht<br />

Regisseur, -in<br />

verzaubern<br />

Preis<br />

Klippe<br />

verschmelzen<br />

wunderbar<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

la calce Kalk<br />

la scogliera Riff<br />

la piega Falte<br />

la caletta kleine Bucht<br />

attraccare anlegen<br />

il motocarro: dreirädriges Fahrzeug<br />

(la spiaggia)<br />

attrezzata Strandbad<br />

affollato überfüllt<br />

inevita- unausbilmente<br />

weichlich<br />

piccola delle Eolie, che, tra l’altro, con gli isolotti di Basiluzzo,<br />

Spinazzola, Lisca Bianca, Dattilo, Bottaro, Lisca Nera<br />

e gli scogli dei Panarelli e delle Formiche, costituisce<br />

un microarcipelago a parte. Ovunque sull’isola si fondono<br />

a meraviglia capolavori naturali e architettonici, rendendola<br />

davvero un piccolo paradiso. San Pietro, Drautto<br />

e Ditella sono i borghi dalle bianche casine di calce che,<br />

dal mare, si arrampicano su frastagliate scogliere tra le cui<br />

pieghe si nascondono calette da sogno. Da San Pietro, dove<br />

attraccano gli aliscafi, si può per esempio prendere uno<br />

dei piccoli motocarri usati come taxi, oppure incamminarsi<br />

verso le uniche due spiagge cui si arrivi via terra: Cala<br />

degli Zimmari, attrezzata e spesso un po’ troppo affollata,<br />

specie durante l’estate, ma soprattutto la meravigliosa<br />

Cala Junco (vedi box a pagina 23). La sera, a chi cerca il divertimento<br />

puro, Panarea riserva molte sorprese, con i<br />

suoi localini, i ristoranti romantici, i pub che ne fanno la<br />

più mondana delle Eolie e, inevitabilmente, la più cara.<br />

L’ISOLA MONDANA CHE FA<br />

INNAMORARE ANCHE I VIP<br />

In questa pagina: la vista<br />

sull’isolotto di Basiluzzo e<br />

su Stromboli; uno scorcio<br />

del paese di San Pietro; gli<br />

straordinari riflessi del mare<br />

di Cala Junco.<br />

21


Alicudi<br />

675 m<br />

774 m<br />

Filicudi<br />

ALICUDI E FILICUDI<br />

Die Unberührten<br />

22<br />

CONCLUDIAMO CON LE DUE EOLIE PIÙ APPAR-<br />

TATE E SELVAGGE: ALICUDI E FILICUDI. La prima,<br />

vista da lontano, è un piccolo cono regolare, come i vulcani<br />

che disegnano i bambini. Ha sì e no 150 abitanti, chiamati<br />

“arcudari”, noti per la loro forza fisica, che da un bel<br />

po’ di tempo hanno lasciato quasi del tutto pesca e agricoltura<br />

per dedicarsi ai turisti. Del resto ce n’è bisogno,<br />

perché ad Alicudi un po’ di assistenza è necessaria, se non<br />

ci si chiama Robinson Crusoe. Non c’è traccia di una strada<br />

degna di questo nome, qui si va a piedi o a dorso d’asino.<br />

E poi niente discoteche, pizzerie e boutique, solo un<br />

caratteristico albergo ristorante e due negozi di alimentari.<br />

Proprio per questo c’è chi dice che questa sia l’isola<br />

più adatta a una vacanza solitaria dal fascino incommensurabile.<br />

Oppure, in alternativa ad Alicudi, ecco la “sorellina<br />

più grande”, Filicudi. La primavera la sorprende nella sua<br />

fase più bella, quando le sue pendici sono letteralmente<br />

coperte di fiori che agitano le loro corolle all’unisono, mosse<br />

dal vento. Nel porto, dove attraccano le barche e gli aliscafi,<br />

si trovano servizi come bancomat, negozi, noleggio<br />

In questa pagina: escursione a Capo Graziano, a Filicudi;<br />

tipica casa di Alicudi, con Filicudi sullo sfondo; Filicudi vista<br />

dal mare, con il faraglione La Canna.<br />

imbarcazioni e motorini.<br />

Approfittatene, perché poi<br />

appartato<br />

il cono<br />

abgelegen<br />

Kegel<br />

disegnare zeichnen<br />

Filicudi ci tiene a mostrare<br />

sì e no gerade eben<br />

solo il suo lato più selvaggio.<br />

fisico körperlich<br />

Certo, volendo si può la pesca Fischerei<br />

andare su due ruote lungo<br />

l’agricoltura Landwirtschaft<br />

la traccia Spur<br />

la strada che collega Filicudi<br />

degno würdig<br />

Porto a Val di Chiesa e gli alimentari Lebensmittel<br />

solitario einsam<br />

Pecorini a Mare, ma è molto<br />

incommen-<br />

meglio salire in groppa surabile unermesslich<br />

a un asinello o andare a la pendice Hang<br />

agitare schwenken<br />

piedi e addentrarsi nella la corolla Blütenkrone<br />

macchia, tra fichi d’India e approfittare nutzen<br />

la ruota Rad<br />

colture di capperi. Questo<br />

la groppa Kruppe<br />

lo spirito con cui vanno affrontate<br />

addentrarsi vordringen<br />

Filicudi e tutte le il fico d’India Feigenkaktus<br />

affrontare angehen<br />

Eolie, uno spirito libero e<br />

rimpiangere nachtrauern<br />

avventuroso, che cerca di il gioiello Juwel<br />

non tenere conto del fatto<br />

che, prima o poi, la vacanza finirà e ci ritroveremo nel “solito”<br />

mondo, a rimpiangere questi piccoli gioielli cesellati<br />

dal fuoco e regalati al mare.<br />

ISOLE EOLIE<br />

© Huber/Sime (2), LAIF (2)<br />

COME ARRIVARE<br />

E MUOVERSI<br />

FRA LE ISOLE<br />

COLLEGAMENTI<br />

MARITTIMI<br />

Da Napoli:<br />

www.snav.it<br />

www.alilauro.it<br />

Dalla <strong>Sicilia</strong> (Messina,<br />

Milazzo, Palermo):<br />

www.usticalines.it<br />

www.ngi-spa.it<br />

EOLIE IN<br />

CATAMARANO<br />

www.eoliebooking.com<br />

/catamarano<br />

Una settimana in<br />

catamarano, per scoprire<br />

le Eolie dal mare.<br />

IN BARCA A<br />

VELA CON I<br />

DELFINI<br />

www.aeoliandolphin.<br />

com<br />

Crociere in barca a<br />

vela o catamarano,<br />

per conoscere e<br />

avvistare i delfini<br />

del Mediterraneo.


VIAGGI - ISOLE EOLIE<br />

Le spiagge più belle delle Eolie<br />

Praia di Vinci (Lipari)<br />

All’estremità meridionale dell’isola, questa<br />

spiaggia incontaminata ha acque<br />

cristalline, perfette per lo snorkeling.<br />

➋ Spiaggia Bianca (Lipari)<br />

Considerata da molti la spiaggia più<br />

bella dell’isola, prende il nome dal colore<br />

del fondale, caratterizzato da sedimenti<br />

di pomice.<br />

➌ Le Balate di Pollara (Salina)<br />

Non si tratta di una spiaggia, ma di un<br />

accesso al mare, forse uno dei più belli<br />

dell’isola, visto che vi è stato girato Il<br />

film Il postino. Per tuffarsi nelle acque<br />

trasparenti bisogna scendere i gradini<br />

del piccolo borgo scavato nella roccia.<br />

➍ Spiaggia dello Scario (Salina)<br />

A 5 minuti a piedi dal centro di Malfa,<br />

questa spiaggia di ciottoli circondata<br />

dalla macchia mediterranea è perfetta<br />

anche per i bambini, per il suo facile<br />

accesso al mare.<br />

➎ Forgia Vecchia (Stromboli)<br />

Un paradiso per chi cerca tranquillità.<br />

Per raggiungerla, bisogna percorrere il<br />

sentiero che parte dalla spiaggia di<br />

Scari. La fatica è ripagata dal mare e<br />

dalla vista del cono del vulcano.<br />

➏ Spiaggia di Gelso (Vulcano)<br />

La spiaggia meno affollata di tutta l’isola,<br />

ha sabbia nera e acque trasparenti.<br />

Per raggiungerla, fatevi trasportare da<br />

una delle tante barche di pescatori che<br />

partono dalle Spiagge Nere.<br />

➐ Cala Junco (Panarea)<br />

È l’insenatura più bella di tutta l’isola:<br />

südlichster Punkt<br />

Grund<br />

Bimsstein-<br />

ablagerung<br />

Zugang<br />

hineinspringen<br />

Stufe<br />

Dorf<br />

gegraben, gehöhlt<br />

umgeben<br />

Ruhe<br />

entlanglaufen<br />

Pfad<br />

sich auszahlen<br />

Kegel<br />

stimmungsvoll<br />

Fischer<br />

Bucht<br />

Schwimmbad<br />

Fels<br />

voll<br />

Kieselstein<br />

l’estremità<br />

meridionale<br />

il fondale<br />

il sedimento<br />

di pomice<br />

l’accesso<br />

tuffarsi<br />

il gradino<br />

il borgo<br />

scavato<br />

circondato<br />

la tranquillità<br />

percorrere<br />

il sentiero<br />

ripagare<br />

il cono<br />

suggestivo<br />

il pescatore<br />

l’insenatura<br />

la piscina<br />

lo scoglio<br />

affollato<br />

il ciottolo<br />

una piscina naturale formata da scogli<br />

di basalto e acque turchesi. Visitatela<br />

a giugno e a settembre, quando è meno<br />

affollata di turisti.<br />

➑ Spiaggia Bazzina (Alicudi)<br />

Una piccola spiaggia di ciottoli, in una<br />

bellissima insenatura, bagnata da un<br />

mare azzurro e cristallino, con fondali<br />

bassi. Si raggiunge solo via mare.<br />

➒ Spiaggia di Capo Graziano<br />

(Filicudi)<br />

È considerata la più bella spiaggia di<br />

Filicudi. Proseguendo verso est, la<br />

spiaggia lascia spazio a rocce e calet-<br />

Sprachen lernen<br />

– einfach<br />

beim Lesen!<br />

Antonio Tabucchi:<br />

Sostiene Pereira<br />

Una testimonianza · Hrsg.: Judith Krieg<br />

224 S. · UB 19859 · € 6,60<br />

Neu<br />

Reclams Rote Reihe<br />

Italienische Literatur in der Originalfassung.<br />

Mit praktischen Übersetzungshilfen.<br />

Zum reclam-typischen Preis.<br />

Informationen zu allen Titeln der<br />

Roten Reihe unter www.reclam.de<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013<br />

Reclam<br />

Viel mehr als<br />

Klassiker in Gelb.


INTERVISTA<br />

Non spegnete la<br />

TELEVISIONE<br />

Testo: Isabella Bernardin<br />

24<br />

Mit einem Dokumentarfilm im Internet<br />

gegen die Allmacht des chauvinistischen<br />

Fernsehens: Eine starke<br />

Frau kämpft gegen den unerträglichen<br />

alltäglichen Sexismus in Italiens TV<br />

und Werbung.<br />

DA QUANDO, QUATTRO ANNI FA, HA REALIZZATO<br />

IL DOCUMENTARIO IL CORPO DELLE DONNE, LO-<br />

RELLA ZANARDO NON SI È FERMATA UN ATTIMO.<br />

Mentre sul web il suo lavoro otteneva, nel giro di pochi<br />

mesi, centinaia di migliaia di visualizzazioni, lei iniziava<br />

a girare l’Italia intera (ma non solo) per mostrare agli italiani<br />

e alle italiane come la televisione nazionale, sia pubblica<br />

che privata, abbia ingabbiato le donne nel ruolo di<br />

“oggetti sessuali in perenne lotta contro il tempo”, con effetti<br />

devastanti sull’immagine femminile nella nostra società<br />

e sulla capacità di percezione reale di sé delle nuove<br />

ausschalten<br />

Augenblick<br />

erhalten<br />

Anzeige,<br />

hier: Klick<br />

zeigen<br />

öffentlich<br />

einzwängen<br />

Rolle<br />

ständig<br />

Kampf<br />

verheerend<br />

Gesellschaft<br />

Selbst-<br />

wahrnehmung<br />

Erfolg<br />

gleichnamig<br />

Anprangern<br />

erziehen<br />

retten<br />

hier: Prozess<br />

Ausland<br />

hier: unvoreingenommen<br />

spegnere<br />

l’attimo<br />

ottenere<br />

la visualizzazione<br />

mostrare<br />

pubblico<br />

ingabbiare<br />

il ruolo<br />

perenne<br />

la lotta<br />

devastante<br />

la società<br />

la percezione<br />

di sé<br />

il successo<br />

omonimo<br />

la denuncia<br />

educare<br />

salvare<br />

il percorso<br />

l’estero<br />

vergine<br />

accendere einschalten<br />

offrire anbieten<br />

disparato unterschiedlich<br />

il veleno Gift<br />

rendersi conto (be)merken<br />

a quattro auf allen<br />

zampe Vieren<br />

indecente anstößig<br />

il desiderio Wunsch<br />

la trasmissione Sendung<br />

la ricerca Untersuchung<br />

il Censis: ital. Sozialforschungsinstitut<br />

stupire verwundern<br />

la quantità Menge<br />

la velina Showgirl<br />

la grechina Dekoration<br />

prevedere absehen<br />

Mediaset: Gruppe von Fernsehsendern<br />

im Besitz von Silvio Berlusconi<br />

Rai: ital. Staatsfernsehen<br />

proporre anbieten<br />

generazioni. Dal successo del video a quello del libro<br />

omonimo, dalla denuncia all’azione, oggi la Zanardo, insieme<br />

con il suo team, porta nelle scuole di tutta Italia il<br />

progetto etico Nuovi occhi per i media, per educare insegnanti,<br />

genitori e ragazzi a una visione critica dei contenuti<br />

televisivi, perché, “per salvare l’Italia”, dice “si deve<br />

partire dai giovani e dalla televisione…”<br />

Da quattro anni lavori giorno e notte per portare<br />

avanti un percorso di sensibilizzazione. Com’è iniziato<br />

tutto? Dopo molti anni passati all’estero, sono tornata<br />

in Italia. Avevo uno sguardo vergine sui media italiani;<br />

quindi, quando ho acceso la TV, ho visto realmente cosa<br />

offriva, mentre le persone più disparate che vivevano<br />

in Italia, anche persone di cultura, guardavano,<br />

ma non vedevano più. D’altra parte è un fenomeno<br />

semplicissimo da capire: è come prendere una<br />

piccolissima dose di veleno tutti i giorni, non te<br />

ne rendi conto! Ricordo che una sera ho chiesto:<br />

“Come mai c’è una ragazza a quattro zampe<br />

sotto il tavolo??!” [Flavia Vento nella trasmissione<br />

Libero, n.d.r.). Mi sono sentita rispondere: “Ma<br />

come ‘perché’? È la televisione!” Mi sono resa<br />

conto che quello che io vedevo e mi sembrava<br />

indecente e terribile, per gli altri era la TV, era<br />

normale. Così è nato il mio desiderio di ribellarmi<br />

a questo tipo di programmi, che non sono<br />

la norma in tutto il mondo.<br />

Be’, anche in Germania ci sono trasmissioni<br />

in cui le donne hanno un ruolo stereotipato. Che<br />

cosa caratterizza in negativo il caso italiano? Come<br />

ci dice la ricerca Censis Donne e media in Europa,<br />

quello che stupisce del caso Italia è la quantità. Nel<br />

nostro paese quello della velina, della donna-oggetto,<br />

della “grechina”, è il modello unico. La cosa che<br />

stupisce di più è che il servizio pubblico sia andato<br />

in questa direzione. Si poteva prevedere che Mediaset<br />

lo facesse, ma dalla Rai ci si aspettava che<br />

proponesse anche altro.<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


Mi piace<br />

la poesia, che non vedo come pratica elitaria [elitär],<br />

ma come qualcosa che ti salva la vita<br />

il ballo [Tanz], una costante della mia vita, che significa<br />

energie riattivate [reaktiviert] del corpo<br />

viaggiare<br />

Non mi piace<br />

la politica italiana, tutta, che è il diavolo [Teufel] in<br />

questo momento<br />

il conformismo, che uccide [uccidere: (ab)töten] la<br />

possibilità di cambiare dei ragazzi e delle ragazze<br />

il freddo<br />

scendere auf die Straße<br />

in piazza gehen<br />

crescere aufwachsen<br />

accadere geschehen<br />

addirittura sogar<br />

lanciare einführen<br />

Drive In: Sketchsendung mit Auftritten<br />

von leicht bekleideten jungen<br />

Frauen<br />

accogliere aufnehmen<br />

bacchettone bigott<br />

nudo nackt<br />

il volto Gesicht<br />

profondo tief<br />

in ginocchio hier: am Boden<br />

a spron battuto spornstreichs<br />

madornale gewaltig<br />

sottovalutare unterschätzen<br />

un tempo einst<br />

intrattenere unterhalten<br />

Viene da chiedersi, come fai<br />

tu ne Il corpo delle donne, “come<br />

mai noi donne non scendiamo<br />

in piazza a protestare per come<br />

veniamo rappresentate”?<br />

Le donne che sono cresciute<br />

con questa TV, la<br />

trovano normale. La generazione<br />

col punto di<br />

domanda potrebbe essere<br />

la mia, le cinquantenni<br />

di oggi. Le femministe<br />

dov’erano, mentre<br />

accadeva questo disastro?<br />

Pensa che, addirittura,<br />

quando agli<br />

inizi degli anni Ottanta<br />

Berlusconi ha lanciato la trasmissione Drive<br />

In, gli intellettuali di sinistra l’hanno accolta come<br />

una grande innovazione, perché in un’Italia un<br />

po’ bacchettona si cominciavano a vedere i corpi<br />

nudi, mentre il volto, che comunica chi siamo,<br />

non era più interessante. Questa poi è diventata<br />

la norma e per capirne gli effetti devastanti, bisogna<br />

pensare che, per la maggior parte delle italiane<br />

che erano giovani in quegli anni, la televisione<br />

è stata l’unico strumento di socializzazione, vista<br />

la profonda crisi della famiglia e la scuola costantemente<br />

in ginocchio. La TV funziona da 30 anni,<br />

a spron battuto, senza alcun tipo di regola. L’errore<br />

madornale è stato sottovalutarne gli effetti.<br />

Eppure negli anni Sessanta la televisione italiana<br />

proponeva programmi educativi. Questa è la<br />

cosa brutta, ma allo stesso tempo interessante.<br />

Quando vado nelle scuole, lo ricordo sempre ai ragazzi:<br />

negli anni Sessanta la TV italiana era considerata,<br />

con la Bbc, la migliore del mondo. Un tempo, riuscivamo<br />

a fare una TV di qualità, che intratteneva educando.<br />

25


Alcune immagini del<br />

documentario Il corpo delle<br />

donne. Per realizzarlo,<br />

Lorella Zanardo ha<br />

registrato oltre 400 ore di<br />

programmi televisivi.<br />

“Non cancellarmi nemmeno<br />

una ruga. Ci ho messo<br />

una vita a farmele venire”.<br />

Anna Magnani al truccatore, sul set del film Mamma Roma, da Il corpo delle donne.<br />

26<br />

Non c’è più una TV di qualità, in Italia? Certo che ci<br />

sono trasmissioni di qualità. Tutti mi citano Milena Gabanelli<br />

(vedi pag. 56), però i temi che affronta la Gabanelli sono<br />

di nicchia. Bisogna pensare a programmi di intrattenimento<br />

che portino anche messaggi formativi. In altri<br />

paesi europei ci sono. Perché non li facciamo anche noi?<br />

Ma la TV non si può semplicemente spegnere? Le<br />

persone che incontro nei dibattiti in tutta Italia accendono<br />

la TV al mattino e la tengono accesa fino a sera. Come fai<br />

a dirgli: “Spegni la TV”! Chi spegne la TV è una persona<br />

che ha sviluppato alternative. Noi dobbiamo tenere conto<br />

della situazione italiana, dove il televisore è diffuso al<br />

98%. Gli italiani guardano tanta TV e questo va incrociato<br />

con altri dati: la media degli italiani non legge quotidiani<br />

né libri, quest’anno abbiamo raggiunto la percentuale più<br />

bassa di laureati d’Europa, abbiamo il più alto tasso di<br />

analfabetismo di ritorno d’Europa. Questa è la situazione,<br />

che ci piaccia o meno. Da questo dobbiamo partire. Quinaffrontare<br />

la nicchia<br />

il messaggio<br />

formativo<br />

diffuso<br />

incrociare<br />

il dato<br />

la media<br />

il quotidiano<br />

il laureato<br />

il tasso<br />

ridicolo<br />

impazzare<br />

la rete<br />

la rimostranza<br />

irrisorio<br />

anpacken<br />

Nische<br />

Botschaft<br />

bildend<br />

verbreitet<br />

kreuzen, hier:<br />

in Zusammenhang<br />

bringen<br />

Tatsache<br />

Durchschnitt<br />

Tageszeitung<br />

Hochschulabsolvent<br />

Anteil<br />

lächerlich<br />

toben<br />

Netz, hier:<br />

Fernsehsender<br />

Beschwerde<br />

vernachlässigbar<br />

il telegiornale<br />

Nachrichtensendung<br />

Zuschauer<br />

zurückgewinnen<br />

Formel, Rezept<br />

festlegen<br />

Kalender<br />

Wirkung<br />

ungeheurlich<br />

zurückziehen<br />

Werbung<br />

sexistisch<br />

lo spettatore<br />

recuperare<br />

la formula<br />

fissare<br />

l’agenda<br />

l’efficacia<br />

mostruoso<br />

ritirare<br />

la pubblicità<br />

sessista<br />

l’associazione<br />

f.<br />

battersi<br />

il diritto<br />

effettivamente<br />

rilassato<br />

furibondo<br />

Guarda il documentario Il corpo<br />

delle donne su www.adesso-online.de/questo-mese/intervista-a-lorella-zanardo<br />

Verband<br />

kämpfen<br />

Recht<br />

tatsächlich<br />

entspannt<br />

wild, wütend<br />

di capisci anche che<br />

è ridicolo quando<br />

Berlusconi impazza<br />

su cinque reti e poi<br />

vedi le rimostranze di Bersani sulle pagine de la Repubblica.<br />

Ma la Repubblica non la legge nessuno! Stiamo parlando<br />

di cifre irrisorie rispetto a Striscia la notizia [il telegiornale<br />

satirico di Canale 5, n.d.r.] che da 25 anni fa 8 milioni di<br />

spettatori tutte le sere. Ecco perché dico che per recuperare<br />

il paese, bisogna partire dalla TV!<br />

Qual è, allora, la formula per cambiare le cose? Molti<br />

ridono quando lo dico, ma garantisco che funziona: fissare<br />

in agenda ogni giorno “mezz’ora di protesta”. È semplice:<br />

bisogna concentrarsi su un tema che ci disturba – tutto non<br />

si può fare e poi bisogna anche lavorare, studiare... – e poi<br />

scrivere mail, telefonare ai giornali... Ha un’efficacia mostruosa!<br />

In questi anni sono state ritirate tantissime pubblicità<br />

sessiste. Certo, si fa una vita faticosa... Come dice la<br />

mia amica Kristin Engvig, presidente dell’Advisory Board<br />

Win, una grande associazione di donne di cui faccio parte,<br />

“se una delle italiane che si battono per i diritti delle donne<br />

in Italia venisse in Norvegia, dopo sei mesi diventerebbe<br />

primo ministro”. Effettivamente, quando vado a trovarla,<br />

mi sembra che le donne lì facciano una vita rilassata rispetto<br />

alla lotta furibonda che bisogna fare qui per vivere.<br />

Lorella Zanardo in Germania<br />

Monaco di Baviera - 26 aprile 2013, ore 17:30.<br />

Sdi München, Baierbrunner Straße 28. Ingresso libero.<br />

Lorella Zanardo presenta il suo documentario, Il corpo delle donne,<br />

e il suo ultimo libro Senza chiedere il permesso (Feltrinelli, 2012).<br />

Per informazioni: www.sdi-muenchen.de.<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

27<br />

sbocciare<br />

il chilo<br />

aufblühen, hier:<br />

zum Vorschein<br />

kommen<br />

Kilo<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI RICCARDO IACONA<br />

IL CACCIABOMBARDIERE<br />

PIÙ COSTOSO DEL MONDO<br />

è l’F35 (ultima foto a destra).<br />

L’Italia ne acquisterà<br />

probabilmente 90, per circa<br />

200 milioni di dollari a pezzo.<br />

Secondo gli esperti, però, il<br />

prezzo reale sarà di 700<br />

milioni, per via dei costi di<br />

manutenzione, visto che l’F35<br />

ha dimostrato, durante<br />

i test, di avere molti difetti.<br />

Troppi per giustificare una<br />

spesa così alta, mentre la crisi<br />

in Italia impone ai cittadini<br />

grandi sacrifici.<br />

28<br />

© Shutterstock (3), Ansa (2)<br />

Il costo degli armamenti<br />

In Italien wird überall die Sparschraube angezogen, und doch plant die<br />

Regierung den umfangreichen Kauf von mangelhaften Jagdbombern.<br />

LE SPESE PER GLI ARMAMENTI MILITARI SONO<br />

UN TEMA SCOTTANTE, SOPRATTUTTO IN TEMPO<br />

DI CRISI ECONOMICA, QUANDO AI CITTADINI SI<br />

CHIEDONO E SI IMPONGONO ENORMI SACRIFICI.<br />

Mentre si tagliano le spese su welfare e sanità, è difficile<br />

far mandare giù agli italiani l’acquisto di aerei che costeranno<br />

più di 200 milioni di euro ciascuno. L’Italia ha, infatti,<br />

in programma l’acquisto di ben 90 (ma erano 131 fino<br />

a poco tempo fa) F35, i cacciabombardieri di quinta<br />

generazione prodotti dall’americana Lockheed Martin.<br />

“L’F35? Il peggior aereo che abbiamo mai costruito!”,<br />

mi dice scuotendo la testa l’ingegner Pierre Sprey. L’incontro<br />

nel Maryland, presso la base aerea di Patuxent River,<br />

dove stanno testando in volo i primi F35 che dovranno<br />

sostituire gli F22 (vedi prima foto a destra di pag. 29)<br />

e i Tornado. È uno dei sistemi d’arma più costosi del mondo.<br />

Vicino alla base aerea c’è un piccolo museo, nel quale<br />

si trova un prototipo dell’F35 nella versione per la Marina,<br />

ovvero capace di decollare e atterrare su una<br />

portaerei. “Vede questo? È l’attacco per la catapulta, in<br />

modo che l’aereo possa decollare in poco spazio. Ebbene,<br />

persino questa cosa elementare l’hanno sbagliata! L’attacco<br />

per la catapulta durante i test si è rotto…”, mi dice<br />

Sprey, guidandomi sotto l’aereo. “E adesso le faccio vedere<br />

il gancio dietro, stessa incompetenza!” Il gancio che<br />

Sprey mi mostra serve ad agganciare il cavo di acciaio sulla<br />

portaerei per bloccare l’aereo quando atterra, altrimenti<br />

finirebbe in mare: “Il gancio non afferra il cavo, l’hanno<br />

provato tante volte, ogni volta lo manca e torna su. La ragione<br />

è che l’hanno messo troppo vicino alle ruote! E questa<br />

è una roba così semplice! Qui stiamo parlando di uno<br />

degli aerei più sofisticati del mondo e non riusciamo<br />

neanche a disegnare bene un gancio?!”<br />

L’ingegner Pierre Sprey non è l’ultimo arrivato. Consigliere<br />

militare del generale McNamara negli anni Sessanta,<br />

è l’uomo che ha progettato la prima versione dell’F16,<br />

il caccia intercettore di maggior successo e di cui l’industria<br />

americana ha venduto migliaia di esemplari in tutto il<br />

gli armamenti<br />

pl.<br />

scottante<br />

il cittadino<br />

imporre<br />

il sacrificio<br />

tagliare<br />

il welfare<br />

la sanità<br />

mandare giù<br />

l’acquisto<br />

ciascuno<br />

ben<br />

il cacciabombardiere<br />

scuotere<br />

la testa<br />

l’ingegnere m.<br />

la base aerea<br />

in volo<br />

sostituire<br />

Rüstung<br />

brisant<br />

Bürger<br />

auferlegen<br />

Opfer<br />

kürzen<br />

Sozialleistungen<br />

Pl.<br />

Gesundheitswesen<br />

schlucken<br />

Erwerb, Kauf<br />

jeder<br />

ganze<br />

Jagdbomber<br />

den Kopf<br />

schütteln<br />

Ingenieur<br />

Luftstützpunkt<br />

im Flug<br />

ersetzen<br />

il sistema<br />

d’arma<br />

capace<br />

la portaerei<br />

l’attacco<br />

la catapulta<br />

lo spazio<br />

rompersi<br />

il gancio<br />

mostrare<br />

il cavo<br />

di acciaio<br />

afferrare<br />

mancare<br />

la ruota<br />

sofisticato<br />

disegnare<br />

essere l’ultimo<br />

arrivato<br />

il consigliere<br />

il caccia<br />

intercettore<br />

il migliaio<br />

Waffensystem<br />

fähig<br />

Flugzeugträger<br />

Halterung<br />

Katapult<br />

Platz<br />

brechen<br />

Haken<br />

zeigen<br />

Stahlseil<br />

hier: treffen<br />

verfehlen<br />

Rad<br />

hochentwickelt<br />

entwerfen<br />

von gestern<br />

sein<br />

Berater<br />

Abfangjäger<br />

Tausend<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

mondo. Sprey mi illustra tutti i problemi che l’F35 ha avuto<br />

da quando hanno cominciato a fare i test, a partire dall’elettronica:<br />

“Il software di questo aereo è un disastro perché<br />

è troppo complesso. Il computer ha bisogno di nove<br />

milioni di linee di codice, più di quattro volte le linee di codice<br />

del computer dell’F22, che non sono ancora tutte state<br />

scritte, per cui non si possono testare le armi. Sarà un<br />

miracolo se l’F35 riuscirà a volare 15 ore alla settimana, perché<br />

il resto del tempo lo passerà in manutenzione. Voi italiani<br />

lo comprerete a non meno di 200 milioni di dollari a<br />

pezzo, ma tra costi di esercizio e di manutenzione vi costerà<br />

700 milioni di dollari. Sarà come un cappio attorno al<br />

vostro collo, una macchina succhiasoldi!”<br />

Sono in tanti a pensarla come Sprey, negli Stati Uniti,<br />

dove giornali come il New York Times e il Washington Post si<br />

sono fatti promotori di un dibattito che ha coinvolto esperti,<br />

giornalisti, consulenti militari e politici. Un rapporto del<br />

Pentagono uscito a dicembre dell’anno scorso ha dedicato<br />

ben 18 pagine ai problemi del progetto. La Lockheed Martin<br />

ha subito risposto che i punti critici sono in via di risoluzione<br />

e che proprio la complessità dell’aereo è la sua carta<br />

vincente perché l’F35 è un aereo ad altissima tecnologia.<br />

“Quanto costerà ogni F35 non lo sa nessuno…”, mi dice<br />

il giornalista Walter Pincus, vincitore nel 2002 del Premio<br />

Pulitzer proprio per gli articoli che ha scritto sui temi<br />

dell’intelligence e della difesa. “La vera domanda è: a che<br />

cosa ci serve un nuovo cacciabombardiere? Non c’è nessun<br />

paese che possiede un’arma minimamente comparabile<br />

con questo aereo, quindi che ci possa minacciare. Non<br />

solo. Le nuove ricerche vanno verso la costruzione di un<br />

aereo senza pilota. Perché, allora, spendere tutti questi soldi<br />

per un progetto che sarà già vecchio quando ci saranno<br />

i primi aerei? L’F35 rischia di fare la fine dell’F22, che è<br />

costato tantissimo e non è mai stato utilizzato in guerra.<br />

E il resto del mondo come si comporta? Canada, Australia,<br />

Olanda e Turchia stanno decidendo se continuare<br />

Line of Code<br />

Wunder<br />

fliegen<br />

la linea<br />

di codice<br />

il miracolo<br />

volare<br />

la manutenzione<br />

i costi (pl.)<br />

di esercizio<br />

il cappio<br />

il collo<br />

succhiasoldi<br />

il promotore<br />

coinvolgere<br />

il rapporto<br />

dedicare<br />

essere in via<br />

di risoluzione<br />

la carta<br />

vincente<br />

Wartung<br />

Betriebs-<br />

kosten Pl.<br />

Schlinge<br />

Hals<br />

geldfressend<br />

Initiator<br />

miteinbeziehen<br />

Bericht<br />

widmen<br />

gerade gelöst<br />

werden<br />

Trumpf<br />

il vincitore<br />

il premio<br />

l’intelligence<br />

possedere<br />

comparabile<br />

minacciare<br />

la ricerca<br />

rischiare<br />

la guerra<br />

puntare su<br />

corrispondere<br />

la ricaduta<br />

il posto<br />

di lavoro<br />

la politica<br />

estera<br />

cedere<br />

la fetta<br />

la sovranità<br />

Gewinner<br />

Preis<br />

Geheimdienst<br />

besitzen<br />

vergleichbar<br />

bedrohen<br />

Forschung<br />

Gefahr laufen<br />

Krieg<br />

setzen auf<br />

entsprechen<br />

hier: Ertrag<br />

Arbeitsplatz<br />

Außenpolitik<br />

abtreten<br />

Teil<br />

Souveränität<br />

o no nel progetto. I tedeschi, invece, non hanno voluto<br />

comprare gli F35 per motivi strategici, ma anche industriali.<br />

Preferiscono puntare tutto sul progetto Eurofighter,<br />

il cacciabombardiere europeo, per cui a un euro speso corrisponde<br />

un euro in ricadute industriali e posti di lavoro.<br />

Ma ci sono anche realtà che non mantengono nessuna forza<br />

armata, come la Costarica, dove la presidente Laura<br />

Chinchilla Miranda ha di recente dichiarato: “Abolire l’esercito<br />

ci ha permesso di investire i soldi per la salute e l’educazione”.<br />

L’Italia, come dicevamo, ha deciso di comprarne<br />

di meno, da 131 a 90 esemplari. Eppure, da noi, tutti<br />

i politici parlano di difesa europea. Riuscirà mai questa Europa,<br />

che fa fatica persino a mettersi d’accordo su una comune<br />

politica economica ed estera, a cedere fette importanti<br />

di sovranità sulle armi e sul loro utilizzo?<br />

Riccardo Iacona: Reporter, berichtet über Leben und<br />

Politik in Italien. Seit 2009 ist er Autor und Moderator<br />

der Fernsehsendung Presa diretta auf RAI 3.<br />

29<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

30<br />

PIERO<br />

DELLA FRANCESCA<br />

Piero della Francesca nasce<br />

a Sansepolcro, al confine tra<br />

Umbria e Marche, intorno al<br />

1416. È insieme matematico e<br />

pittore. Si forma in Toscana e<br />

presto lavora a Ferrara, Rimini,<br />

Ancona. Tra il 1465 e il 1472<br />

è a Urbino, dove diventa l’artista<br />

che esprime gli ideali del<br />

momento: realizza infatti nella<br />

sua pittura una sintesi perfetta<br />

tra l’umanesimo cortigiano e<br />

il trionfo della prospettiva, che<br />

innalza a livelli straordinari<br />

grazie alla fusione tra preparazione<br />

scientifica e sensibilità<br />

artistica. Oltre alla Flagellazione<br />

di Cristo (Palazzo Ducale<br />

di Urbino ➏), sono celebri in<br />

tutto il mondo il Battesimo di<br />

Cristo ➐ (oggi alla National<br />

Gallery di Londra), la Pala di<br />

Brera ➑ (Pinacoteca di Brera,<br />

Milano), La Resurrezione<br />

(Museo Civico di Sansepolcro),<br />

dove comparirebbe anche<br />

il pittore (vedi particolare<br />

nella foto sotto). Muore nel<br />

1492 a Sansepolcro.<br />

il confine<br />

il pittore<br />

formarsi<br />

l’artista<br />

esprimere<br />

cortigiano<br />

innalzare<br />

straordinario<br />

Grenze<br />

Maler<br />

sich bilden<br />

Künstler, -in<br />

ausdrücken<br />

höfisch<br />

heben<br />

außergewöhnlich<br />

la preparazione<br />

scientifico<br />

Ausbildung<br />

wissenschaftlich<br />

L’UMILIAZIONE<br />

Der Meister der Perspektive wusste<br />

Kunst perfekt mit Mathematik zu verschmelzen.<br />

Doch seine „Geißelung Christi“<br />

bleibt mysteriös: Welche historischen<br />

Persönlichkeiten hat er hier<br />

wirklich verewigt?<br />

SCONOSCIUTA PER 400 ANNI, LA FLAGELLAZIONE DI<br />

CRISTO FU RITROVATA SOLO NEL 1839 DAL PITTORE TE-<br />

DESCO JOHANN DAVID PASSAVANT NELLA SAGRESTIA<br />

DEL DUOMO DI URBINO. Accanto c’era una tavola con la firma<br />

di Piero della Francesca e una frase latina, convenerunt<br />

in unum, ossia, probabilmente, “si accordarono”. La tavola, descritta<br />

da chi l’aveva ritrovata, è poi andata perduta. Il dipinto,<br />

invece, ha cominciato a essere<br />

oggetto delle interpretazioni più<br />

diverse. Si è pensato che il quadro<br />

rappresentasse l’umiliazione<br />

della Chiesa cristiana da parte<br />

dei musulmani, vincitori a<br />

Costantinopoli nel 1453. La frase<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nella Grammatica trovi<br />

un esercizio su questo famoso<br />

dipinto di Piero della Francesca.<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta un brano<br />

radiofonico che parla della<br />

Flagellazione di Cristo.<br />

l’umiliazione f.<br />

la sagrestia<br />

la tavola<br />

la firma<br />

il dipinto<br />

il vincitore<br />

spronare<br />

l’unità<br />

meditare qc.<br />

la crociata<br />

il nemico<br />

il predecessore<br />

la congiura<br />

ritenere<br />

il trono<br />

il Vangelo<br />

la tesi<br />

la riscossa<br />

guidato<br />

raffigurato<br />

flagellato<br />

la rovina<br />

Demütigung<br />

Sakristei<br />

Holztafel<br />

Unterschrift<br />

Gemälde<br />

Sieger<br />

anspornen<br />

Einigung<br />

etw. planen<br />

Kreuzzug<br />

Feind<br />

Vorgänger<br />

Verschwörung<br />

meinen<br />

Thron<br />

Evangelium<br />

These<br />

Gegenangriff<br />

geführt<br />

dargestellt<br />

gegeißelt<br />

Ruin<br />

avrebbe dunque spronato all’unità<br />

della Chiesa, che meditava<br />

una crociata contro il nemico. Il<br />

critico Roberto Longhi, invece, riconobbe<br />

nella figura bionda con<br />

il vestito rosso Oddantonio da<br />

Montefeltro, il predecessore di Federico da Montefeltro,<br />

ucciso nel 1444 in una congiura. Il critico<br />

Eugenio Battisti ritenne che sul trono ➋ non<br />

ci fosse Pilato, come raccontato dai Vangeli, ma<br />

Maometto II. C’è chi, come Silvia Ronchey, in<br />

un libro di qualche anno fa, L’enigma di Piero (Rizzoli),<br />

ha ripreso la tesi iniziale: il dipinto sarebbe<br />

stato una sorta di manifesto politico per preparare<br />

una riscossa della Chiesa che sarebbe<br />

stata guidata da Bessarione, un intellettuale<br />

orientale poi convertitosi al cristianesimo, raffigurato<br />

appunto nel dipinto vestito alla greca ➌.<br />

Il Cristo flagellato sarebbe il simbolo della rovina<br />

di Bisanzio, caduta nelle mani del sultano.<br />

Più recente è l’ipotesi di Silvio Bozzi, dirigente


16° PUNTATA<br />

DELLA CHIESA?<br />

LA CURIOSITÀ<br />

LA MATEMATICA<br />

IN UN QUADRO<br />

La Flagellazione è un concentrato<br />

di leggi matematiche<br />

e geometriche. I due<br />

piani in cui il quadro è diviso<br />

sono tra loro in rapporto<br />

aureo e la prospettiva degli<br />

scacchi del pavimento è<br />

costruita secondo perfetti<br />

rapporti matematici. Costanti<br />

sono i rapporti di distanza<br />

fra le varie figure; uguali sono<br />

i quadrati che contengono<br />

i protagonisti nei due diversi<br />

piani. Il cerchio nero sul<br />

pavimento, sul quale si<br />

trovano la colonna e il Cristo,<br />

è inscritto in un più ampio<br />

quadrato e la sistemazione<br />

evoca il problema della quadratura<br />

del cerchio, sul quale<br />

Piero della Francesca lavorò<br />

a lungo nei propri trattati<br />

matematici. L’altezza del<br />

quadro, 58,3 centimetri,<br />

sarebbe pari a quella del<br />

“braccio fiorentino”, unità di<br />

misura dell’epoca, usata<br />

nella provincia di Firenze.<br />

31<br />

della polizia scientifica. Grazie all’impiego delle<br />

moderne tecniche di indagine usate dalla poscientifica<br />

rung<br />

la polizia Spurensiche-<br />

l’indagine f. Ermittlung<br />

lizia, Bozzi ha notato che la curva degli occhi e il committente Auftraggeber<br />

la forma del naso e della bocca del personaggio il rituale Ritus<br />

con la veste rossa sono esattamente quelle del il gradino Stufe<br />

lo sfondo Hintergrund<br />

filosofo Marsilio Ficino. I due personaggi a lato<br />

sarebbero, invece, il cardinale Bessarione e<br />

rarefatto fein, raffiniert<br />

il committente Giovanni Bacci. Secondo Bozzi, la scena rappresenterebbe l’iniziazione<br />

di Ficino a una fratellanza pitagorico-platonica. Si chiarirebbero<br />

così anche le simbologie presenti nel dipinto: la toga rossa tipica del rituale,<br />

la scala con sette gradini ➍ e le porte della conoscenza ➎ sullo sfondo. Con<br />

questa interpretazione esoterica avrebbe un senso anche l’atmosfera rarefatta<br />

e altamente simbolica dell’intero quadro. Ma c’è anche chi, come Adolf Huxley,<br />

ha celebrato in questo dipinto l’assoluta libertà dell’artista, che avrebbe<br />

qui voluto esprimere la più pura sperimentazione compositiva.<br />

la legge<br />

il piano<br />

il rapporto<br />

aureo<br />

gli scacchi pl.<br />

contenere<br />

la colonna<br />

ampio<br />

la sistemazione<br />

evocare<br />

il trattato<br />

Gesetz<br />

Ebene<br />

goldener<br />

Schnitt<br />

Schach<br />

fassen<br />

Säule<br />

groß, weit<br />

Anordnung<br />

heraufbeschwören<br />

Abhandlung<br />

© Shutterstock<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

L’arte di rimandare<br />

32<br />

Unliebsames bis zur letzten Minute<br />

liegen lassen… wer kennt das<br />

nicht? Gute Nachrichten: Aufschieben<br />

macht effizienter und hilft dabei, anderes<br />

zu erledigen.<br />

È GIÀ DA UN PO’ CHE VOLEVO SCRIVERE DI QUE-<br />

STO ARGOMENTO E, COME SEMPRE, MI RIDUCO<br />

ALL’ULTIMO MINUTO, QUASI ALLA SCADENZA DI<br />

CONSEGNA DELL’ARTICOLO. La solita ritardataria, disordinata,<br />

incapace di organizzarsi? Eh no, cari miei, ho<br />

scoperto proprio stamattina di essere una “procrastinatrice<br />

strutturata”. La definizione è di un accademico di tutto<br />

rispetto, John Perry, professore emerito di filosofia all’Università<br />

di Stanford. I nostri due maggiori quotidiani<br />

nazionali, la Repubblica e il Corriere della Sera, hanno dedicato<br />

contemporaneamente ampio spazio alle teorie elaborate<br />

nel suo ultimo libro, The Art of Procrastination, nel<br />

quale i lettori sono invitati a non fare oggi quello che si può<br />

fare domani e a non sentirsi in difetto, nella certezza assoluta<br />

che la quantità di lavoro svolto sarà alla fine superiore<br />

e che le priorità verranno rispettate automaticamente.<br />

Musica per le nostre orecchie! Chi non è felice di sentirsi<br />

dare un contrordine di questo tipo, dopo esser corso<br />

per tutta la vita dietro agli impegni, salvandosi sempre in<br />

corner grazie al sano senso di colpa che, alla fine, ti costringe<br />

a fare quello che devi? Meno male che ci sono gli<br />

psicologi, i filosofi e gli scienziati a spiegarci come vanno<br />

queste cose! All’occorrenza vengono in aiuto anche gli<br />

esempi di quelli che, sull’arte di rimandare, la sanno più<br />

lunga: gli scrittori. Dalla vaga intuizione di quello che si<br />

vorrebbe scrivere all’eureka, il passo non è sempre breve,<br />

ed è inutile agitarsi. Meglio, nel frattempo, correggere i<br />

compiti, sistemare l’archivio, occuparsi, insomma, di tutto<br />

quello che non ci si sognerebbe mai di fare, se non per<br />

evitare di affrontare l’impegno che sta in cima alla lista.<br />

rimandare<br />

ridursi all’ultimo<br />

minuto<br />

la scadenza<br />

di consegna<br />

incapace<br />

scoprire<br />

la procrastinatrice<br />

il quotidiano<br />

dedicare<br />

contemporaneamente<br />

elaborare<br />

sentirsi<br />

in difetto<br />

svolto<br />

il contrordine<br />

l’impegno<br />

salvarsi<br />

in corner<br />

il senso<br />

di colpa<br />

costringere<br />

all’occorrenza<br />

aufschieben<br />

bis zur letzten<br />

Minute warten<br />

Abgabetermin<br />

unfähig<br />

entdecken<br />

Aufschieberin<br />

Tageszeitung<br />

widmen<br />

gleichzeitig<br />

ausarbeiten<br />

sich schuldig<br />

fühlen<br />

geleistet, getan<br />

Gegenbefehl<br />

Verpflichtung<br />

im letzten<br />

Augenblick<br />

die Kurve<br />

kriegen<br />

Schuldgefühl,<br />

Gewissensbisse<br />

zwingen<br />

bei Bedarf<br />

saperla lunga<br />

sich auskennen<br />

sich aufregen<br />

aufräumen<br />

vermeiden<br />

anpacken<br />

ganz oben<br />

Gleichung<br />

Aufschub<br />

agitarsi<br />

sistemare<br />

evitare<br />

affrontare<br />

in cima<br />

l’equazione f.<br />

la dilazione<br />

l’inganno che<br />

tendiamo<br />

a noi stessi<br />

consapevole<br />

portare<br />

a termine<br />

condurre a qc.<br />

irrimediabilmente<br />

ingegnoso<br />

adatto<br />

ritagliare<br />

sostenere<br />

l’azienda<br />

il tasso<br />

Selbstbetrug<br />

bewusst<br />

zu Ende<br />

bringen<br />

zu etw. führen<br />

unweigerlich<br />

findig, sinnvoll<br />

passend<br />

ausschneiden<br />

behaupten<br />

Firma<br />

Anteil<br />

Ecco, dunque, l’intuizione di Perry: rimandare è il segreto<br />

della riuscita. Un’intuizione che è stata spiegata<br />

scientificamente dal collega Pier Steel, dell’Università di<br />

Calgary, tramite l’equazione della dilazione produttiva:un<br />

piccolo inganno che tendiamo a noi stessi iniziando diverse<br />

attività contemporaneamente, consapevoli che alcune<br />

non riusciremo mai a portarle a termine, ma che altre<br />

faranno da alibi e verranno concluse. Rimandare<br />

un’attività conduce irrimediabilmente a finirne un’altra,<br />

un metodo ingegnoso<br />

Vorrei trovare un commento adatto a una conclusione<br />

intelligente, ma nel frattempo mi cade l’occhio su un<br />

articolo del Corriere della Sera che ho ritagliato ieri, in cui<br />

un altro professore sostiene che, in azienda, la stupidità<br />

è necessaria. Il giusto tasso di stupidità fa funzionare le<br />

cose meglio dell’eccessiva intelligenza, che invece blocca<br />

i rapporti tra le persone. Interessante... magari ne parliamo<br />

la prossima volta.<br />

La verità è che devo proprio fare un salto alla posta,<br />

che chiude tra pochissimo…<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

© Shutterstock<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

ALL’ALIMENTARI<br />

la confezione<br />

di biscotti<br />

la cliente<br />

la bottiglia<br />

di vino<br />

il prosciutto<br />

il salame<br />

il pane<br />

la cassa<br />

lo scaffale<br />

il negoziante<br />

la scatola di<br />

pomodori<br />

pelati<br />

la confezione<br />

di latte<br />

il grembiule<br />

le verdure<br />

la mela<br />

la confezione<br />

di pasta<br />

la vetrina<br />

33<br />

le banane<br />

la borsa della<br />

spesa<br />

i salumi<br />

il bancone<br />

i formaggi<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

Lebens-<br />

mittelladen<br />

führen<br />

verkaufen<br />

l’alimentari,<br />

il negozio di<br />

generi<br />

alimentari<br />

gestire<br />

vendere<br />

la catena di<br />

distribuzione<br />

fare la spesa<br />

scegliere<br />

umano<br />

fare due<br />

chiacchiere<br />

il negoziante<br />

lo scaffale<br />

la scatola<br />

Ladenkette<br />

einkaufen<br />

wählen<br />

menschlich<br />

plaudern<br />

Ladeninhaber<br />

Regal<br />

Dose<br />

confezionato<br />

il sottaceto<br />

la bevanda<br />

il tesoro<br />

il bancone<br />

il formaggio<br />

il salume<br />

crudo<br />

cotto<br />

genuino<br />

l’azienda<br />

il forno<br />

alle spalle di<br />

il legume<br />

i fagioli<br />

i ceci<br />

verpackt<br />

in Essig eingelegtes<br />

Gemüse<br />

Getränk<br />

Schatz<br />

Verkaufstheke<br />

Käse<br />

Wurstsorte<br />

roh<br />

gekocht<br />

naturbelassen<br />

Betrieb<br />

Backofen<br />

hinter<br />

Hülsenfrucht<br />

Bohnen<br />

Kichererbsen<br />

I PICCOLI NEGOZI DI GENERI ALIMENTARI DI<br />

UNA VOLTA, QUELLI CHE ERANO GESTITI DA UNA<br />

FAMIGLIA E VENDEVANO I PRODOTTI TIPICI DI<br />

UNA REGIONE, PURTOPPO STANNO SCOMPA-<br />

RENDO. La colpa è delle grandi catene di distribuzione.<br />

Oggi è più conveniente fare la spesa al supermercato. Lì<br />

trovi tutto e hai la possibilità di scegliere tra diverse marche<br />

per ogni tipo di prodotto. Tuttavia, gli italiani continuano<br />

ad amare i piccoli negozi di alimentari, perché offrono<br />

un contatto umano. Qui si possono fare due<br />

chiacchiere con le altre persone che fanno la spesa e parlare<br />

con il negoziante. Normalmente un negozio di alimentari<br />

ha molti scaffali con prodotti in scatola (tonno, pomodori<br />

pelati e altro) e altri prodotti confezionati (pasta,<br />

biscotti). E poi marmellate e sottaceti. Sale e zucchero.<br />

Olio e aceto. Bevande varie. Ma il vero tesoro di questi<br />

negozi è la vetrina del bancone. Qui sono in mostra i formaggi,<br />

divisi normalmente in formaggi “dolci” e “piccanti”.<br />

Ma anche i salumi: salame, mortadella, prosciutto<br />

crudo e prosciutto cotto. Di solito si tratta di prodotti della<br />

regione in cui ci troviamo. Prodotti genuini, che vengono<br />

spesso da piccole aziende alimentari. E poi c’è il pane,<br />

che viene dal forno del paese e che di solito si trova<br />

alle spalle del negoziante, dietro al bancone. Le forme sono<br />

diverse e cambiano da regione a regione, così come i<br />

nomi. Qualche volta, in uno di questi vecchi negozi di alimentari,<br />

c’è anche un banco con frutta e verdura. Tutti<br />

prodotti di stagione, naturalmente, e della zona. Oltre a<br />

frutta e verdura fresche, ci sono spesso anche legumi secchi,<br />

come fagioli e ceci. Vi è venuta l’acquolina in bocca?<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

GIANNA NEL NEGOZIO<br />

DI GENERI ALIMENTARI<br />

l’etto hundert Gramm<br />

mi permetta erlauben Sie mir<br />

le occhiaie pl. schwarze Ringe<br />

unter den Augen<br />

il provolone: mit dem Reifen pikant werdender<br />

Knetkäse<br />

il barattolo Glas<br />

l’albicocca Aprikose<br />

il tenente Leutnant<br />

l’economia Betriebswirtaziendale<br />

schaftslehre<br />

NEGOZIANTE: Cosa le do oggi,<br />

bella signora?<br />

GIANNA: Grazie per il complimento,<br />

ma oggi non mi sento per niente<br />

bella. Mi dia due etti di prosciutto<br />

San Daniele, per favore.<br />

NEGOZIANTE: E invece mi permetta<br />

di dire che la trovo splendida.<br />

Ecco qui. Due etti e mezzo.<br />

Va bene lo stesso?<br />

GIANNA: Sì, va bene. Stanotte ho<br />

dormito malissimo. Guardi che<br />

occhiaie ho. E poi vorrei tre etti di<br />

provolone dolce.<br />

NEGOZIANTE: Tre etti di provolone<br />

dolce... Ecco. Tre etti e mezzo. Va<br />

bene lo stesso? E come mai ha<br />

dormito male?<br />

GIANNA: Ho un figlio di quattro<br />

mesi, stanotte non stava bene e<br />

non ci ha fatto dormire. Senta, mi<br />

dia anche due scatole di pomodori<br />

pelati.<br />

NEGOZIANTE: Ecco, due scatole<br />

di pelati. Eh, i figli piccoli a volte<br />

non ti fanno dormire. I miei per<br />

fortuna sono grandi.<br />

GIANNA: E un barattolo di marmellata<br />

di albicocche. Ah sì? E quanti<br />

anni hanno?<br />

NEGOZIANTE: Ecco qui la marmellata.<br />

Il più grande ha 23 anni ed è<br />

tenente dell’esercito. La ragazza ne<br />

ha 19. Studia a Milano. È tutto?<br />

GIANNA: Sì, grazie, è tutto. E che<br />

cosa studia sua figlia?<br />

NEGOZIANTE: Economia aziendale.<br />

Allora, sono 14 euro e 20.<br />

34<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Gianna ordina ____________ etti di prosciutto.<br />

2. Poi chiede ____________ etti di formaggio.<br />

3. La figlia del negoziante studia a ____________.<br />

4. Il figlio di Gianna ha ____________ mesi.<br />

5. Gianna chiede ____________ scatole di pelati.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Quanto prosciutto dà il negoziante a Gianna?<br />

2. E quanto formaggio le dà?<br />

3. Di che cos’è la marmellata?<br />

4. Che cosa studia la figlia del negoziante?<br />

5. Che cos’ha Gianna sotto gli occhi?<br />

I MOBILI DELLA<br />

NOSTRA CASA<br />

Torniamo a parlare di arredamento.<br />

In una semplice attività a scelta multipla<br />

imparerete il nome e l’uso di alcuni mobili<br />

della vostra casa.<br />

Prima di guardare le nostre soluzioni<br />

provate a chiedere a un amico italiano.<br />

Buon lavoro e buon divertimento!<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute<br />

nelle Pagine facili.<br />

Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

Orizzontali:<br />

6. Tengo i miei vestiti nell’...<br />

8. Accanto al letto c’è il ...<br />

9. Il ... in Italia ha mille nomi<br />

diversi.<br />

10. Il primo testo della rubrica<br />

Pagine facili parla di un<br />

negozio di ...<br />

2<br />

3<br />

5<br />

6<br />

4<br />

7<br />

1<br />

Verticali:<br />

1. Tra i prodotti in scatola citati<br />

nel primo testo ci sono i<br />

pelati e il ...<br />

2. Il mobile della cucina si<br />

chiama ...<br />

3. Le verdure in un barattolo<br />

di aceto si chiamano ...<br />

4. Tengo le mie scarpe nella ...<br />

5. La traduzione di ... è<br />

“Wurst”.<br />

7. I formaggi sono distinti<br />

in “...” e “piccanti”.<br />

8<br />

9<br />

35<br />

10<br />

Esercizio 3*:<br />

1. Tengo le scarpe<br />

a. nella scarpiera<br />

b. nell’armadio<br />

2. I vestiti sono appesi<br />

a. nella credenza<br />

b. nell’armadio<br />

3. Le stoviglie e i piatti sono<br />

a. nella credenza<br />

b. nella scarpiera<br />

4. Accanto al letto c’è<br />

a. il comodino<br />

b. il divano<br />

5. Leggo un libro<br />

a. sul comodino<br />

b. in poltrona<br />

6. Luca guarda la TV sdraiato<br />

a. nell’armadio<br />

b. sul divano<br />

SOLUZIONI 03.2013<br />

1<br />

G<br />

3<br />

4<br />

F O G L I E A<br />

5<br />

6<br />

O A R A M I<br />

R L M B<br />

7<br />

P E S C I O L I N O O<br />

E A I G<br />

T C N L<br />

8<br />

A C O R T E C C I A<br />

9<br />

L H L O T<br />

I I L R<br />

10<br />

O G A T T I N O<br />

11<br />

O L U P E T T O<br />

G<br />

T<br />

N<br />

T<br />

C<br />

2<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


chiedi?<br />

2010 13<br />

2<br />

7<br />

C<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

8<br />

9<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

D<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

A<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

©<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

E<br />

B<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat), un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht) su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

F<br />

C<br />

G<br />

D<br />

H<br />

E<br />

I<br />

F<br />

J<br />

G<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

F<br />

2<br />

ARRIVO<br />

K<br />

H<br />

L<br />

I<br />

M<br />

J<br />

1<br />

K<br />

3<br />

4<br />

5<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

PAGINE FACILI<br />

HOLLYWOOD:<br />

CHE CRUDELE!<br />

Il regista Gabriele<br />

Muccino (46).<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SUL FUTURO<br />

SEMPLICE<br />

GABRIELE MUCCINO È UNO DEI PIÙ<br />

BRAVI E FAMOSI REGISTI ITALIANI.<br />

Tra i suoi grandi film ricordiamo L’ultimo<br />

bacio, del 2001. Dopo anni di grandi successi,<br />

arriva la svolta: Muccino tenta l’avventura<br />

americana e diventa, per qualche<br />

anno, il regista preferito di Will Smith. Con<br />

lui gira La ricerca della felicità e Sette anime.<br />

Poi, il duro impatto con la realtà e la crudeltà<br />

di Hollywood. Il suo film del 2012,<br />

Quello che so sull’amore, ha un grande cast:<br />

Uma Thurman, Dennis Quaid, Catherine<br />

Zeta-Jones sono alcuni degli attori che vi hanno recitato. È un melodramma classico,<br />

la storia di un ex giocatore di calcio che allena<br />

la squadra del figlio. La critica statunitense<br />

lo stronca. Il Los Angeles Times scrive: “Un film<br />

crudele<br />

il/la regista<br />

grausam<br />

Regisseur, -in<br />

la svolta Wende<br />

che non c’è nessuna ragione di vedere”. Che cosa<br />

è successo? “A Hollywood – spiega Muccino preferito Lieblings-<br />

tentare versuchen<br />

– i film vengono impacchettati come merci. Se l’impatto Aufprall<br />

un film ha l’etichetta di “commedia sentimentale”<br />

recitare spielen<br />

il giocatore Spieler<br />

devono succedere certe cose. Altrimenti la la squadra Mannschaft<br />

critica non è contenta”. “Negli Stati Uniti – conclude<br />

Gabriele Muccino – il talento è valorizza-<br />

altrimenti sonst<br />

stroncare hier: verreißen<br />

impacchettare verpacken<br />

to, ma corre anche grandi rischi. Può essere ucciso<br />

dalle regole del mercato”.<br />

valorizzare<br />

uccidere<br />

aufwerten<br />

töten<br />

Das Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

Italienisch reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

Esercizio 4:<br />

Volgete al futuro le seguenti frasi presenti nel testo, come nell’esempio:<br />

➔ Gabriele Muccino è uno dei più<br />

bravi registi italiani. _____________ Gabriele<br />

_______________________________<br />

Muccino sarà uno dei più<br />

_______________________________<br />

bravi registi italiani.<br />

1. Tra i suoi grandi film ricordiamo<br />

L’ultimo bacio. _________________<br />

_______________________________<br />

2. Muccino tenta l’avventura americana.<br />

_________________________<br />

_______________________________<br />

3. Il suo film ha un grande cast.<br />

_______________________________<br />

_______________________________<br />

4. I film vengono impacchettati<br />

come merci. ___________________<br />

_______________________________<br />

5. Altrimenti la critica non è contenta.<br />

_______________________________<br />

_______________________________<br />

6. Il talento corre grandi rischi. ____<br />

_______________________________<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. due; 2. tre; 3. Milano; 4. quattro; 5. due. ESERCIZIO 2: 1. due etti<br />

e mezzo; 2. tre etti e mezzo; 3. albicocche; 4. economia aziendale; 5. le occhiaie. ESERCIZIO 3: 1. a;<br />

2. b; 3. a; 4. a; 5. b; 6. b. ESERCIZIO 4: 1. ricorderemo; 2. tenterà; 3. avrà; 4. verranno; 5. sarà;<br />

6. correrà.<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

ÜBERSETZUNG<br />

37 <strong>ADESSO</strong> 04.2013 LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong> LINGUA<br />

Chi compera il superfluo<br />

venderà il necessario<br />

1) _________________<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Coniuga il verbo al passato remoto e<br />

al participio passato<br />

perdere<br />

(verlieren)<br />

ESERCIZIO<br />

2) _________________<br />

Rispondi alle domande.<br />

Attenzione ai falsi alterati.<br />

1) Il tacchino è un piccolo tacco?<br />

2) Il mattone è un uomo molto matto?<br />

3) Il pigrone è una persona particolarmente pigra?<br />

4) L’ombrellino è un ombrello piccolo ed elegante?<br />

5) Il cavalletto è un piccolo cavallo?<br />

1. Darf ich vorstellen? Frau Schröder,<br />

das ist Frau Köhler.<br />

2. Meine Frau und ich wollen im Sommer<br />

nach Italien fahren.<br />

3. Eine unbekannte Frau ging an ihm vorbei.<br />

1. i fornelli<br />

2. il forno<br />

3. il frigorifero<br />

4. il microonde<br />

5. le presine<br />

VOCABOLARIO<br />

In cucina<br />

Che sola!<br />

6. lo strofinaccio<br />

7. il mestolo<br />

8. la pentola<br />

9. la padella<br />

10. lo scolapasta<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

La TV usata che ho comprato si è rotta<br />

dopo due mesi! Che sola!<br />

espressione confidenziale<br />

Attenzione!<br />

“Che sola” si pronuncia con la “o” aperta.<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

casa / cassa<br />

Ho comprato una _______________ in Puglia.<br />

È proprio sul mare ed è stata un ottimo affare.


TRADUZIONE<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

1. Permettete che vi presenti? Signora<br />

Schröder, questa è la signora Köhler.<br />

2. Mia moglie e io in estate vogliamo<br />

andare in Italia.<br />

3. Una donna sconosciuta<br />

gli passò accanto.<br />

1. Herd<br />

2. Backofen<br />

3. Kühlschrank<br />

4. Mikrowelle<br />

5. Topflappen<br />

WORTSCHATZ<br />

In der Küche<br />

So ein Beschiss!<br />

6. Putzlappen<br />

7. Suppenkelle<br />

8. Topf<br />

9. Pfanne<br />

10. Nudelsieb<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

Der gebrauchte Fernseher, den ich gekauft<br />

habe, ist nach zwei Monaten kaputt gegangen!<br />

So ein Beschiss!<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

la casa la cassa<br />

Ho comprato una casa in Puglia.<br />

È proprio sul mare ed è stata un ottimo<br />

[sehr gut] affare [Geschäft].<br />

Wer das Überflüssige kauft, wird<br />

bald das Notwendige verkaufen<br />

il semaforo<br />

i semafori<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Passato remoto<br />

persi / perdetti / perdei<br />

perdesti<br />

perse / perdette / perdé<br />

perdemmo<br />

perdeste<br />

persero / perdettero /<br />

perderono<br />

ÜBUNG<br />

la chitarra<br />

le chitarre<br />

Participio passato<br />

perso / perduto<br />

Verbo ausiliare:<br />

avere<br />

Soluzioni: 1) no; 2) no; 3) sì; 4) sì; 5) no.<br />

Non tutte le parole che finiscono in -ino, -one<br />

o -etto sono diminutivi o accrescitivi.<br />

Alcune hanno un significato proprio.<br />

Per esempio: vetrina [Schaufenster ],<br />

bagnino [Bademeister], buffone [Spaßvogel ],<br />

campione, barone, montone [Schafbock],<br />

cotone [Baumwolle], grilletto [Abzug],<br />

gazzetta [Zeitungsblatt].<br />

38 <strong>ADESSO</strong> 04.2013 SAMMELKARTEN SPRACHE


EINE REPORTERIN<br />

AUF<br />

VERBRECHERJAGD<br />

LUCILLA INDAGA<br />

TESTI: G. IACONO E S. VIOLA DISEGNI: I. MANCUSI<br />

LA RIMPATRIATA<br />

39<br />

Wiedersehen<br />

verbringen<br />

Klassenka-<br />

meradin vom<br />

Gymnasium<br />

la rimpatriata<br />

trascorrere<br />

la compagna<br />

di liceo<br />

la camera<br />

d’albergo<br />

Accidenti!<br />

lo sparo<br />

sospettare<br />

di qcn.<br />

odiarsi<br />

non c’entra<br />

niente<br />

Hotelzimmer<br />

Ach du<br />

Schreck!<br />

Schuss<br />

jdn.<br />

verdächtigen<br />

sich hassen<br />

Sie hat nichts<br />

damit zu tun<br />

OCCHIO ALLA LINGUA!<br />

• Vecchie L’aggettivo vecchio cambia il significato<br />

del sostantivo a cui si riferisce, a<br />

seconda che sia posizionato prima o dopo<br />

il sostantivo:<br />

vecchie compagne significa amiche che si<br />

conoscono da tanto tempo;<br />

compagne vecchie significa amiche anziane.<br />

• Ventina ha un valore approssimativo [eine<br />

ungefähre Angabe sein], significa circa venti.<br />

Il suffisso -ina si aggiunge alle decine:<br />

➔ dieci= decina ➔ trenta= trentina<br />

• Fargliela pagare significa vendicarsi.<br />

➔ Mi ha insultato [beleidigen] davanti a<br />

tutti. Gliela farò pagare!<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

40<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle der<br />

Grammatik und Linguistik.<br />

REGOLA GENERALE<br />

L’imperfetto si usa per esprimere:<br />

azioni abituali o ripetute nel passato:<br />

➔ Da bambino suonavo il pianoforte.<br />

azioni in svolgimento nel passato,<br />

interrotte da altre:<br />

➔ Stavo cucinando, quando è arrivato il postino.<br />

azioni di durata indeterminata<br />

contemporanee nel passato:<br />

➔ Lucia giocava, mentre Sara leggeva.<br />

per descrivere caratteristiche di persone,<br />

cose o luoghi:<br />

➔ Era un bell’uomo. La spiaggia era vuota.<br />

Il passato prossimo si usa per esprimere:<br />

azioni finite nel passato, ma i cui effetti<br />

continuano nel presente:<br />

➔ Ieri ho giocato a pallone e oggi sono<br />

pieno di dolori.<br />

azioni che interrompono un’altra in svolgimento:<br />

➔ Mentre stiravo, è andata via la luce.<br />

CURIOSITÀ<br />

L’imperfetto ha pochi verbi irregolari:<br />

➔ essere, io ero<br />

➔ dire, io dicevo<br />

➔ bere, io bevevo<br />

➔ fare, io facevo<br />

➔ tradurre, io traducevo<br />

➔ condurre, io conducevo<br />

➔ porre, io ponevo<br />

➔ trarre, io traevo<br />

APPROFONDIMENTO<br />

Passato prossimo o passato remoto?<br />

Il loro uso divide l’Italia:<br />

al Nord si preferisce il passato prossimo,<br />

al Sud il passato remoto.<br />

PER SAPERNE DI PIÙ<br />

vedi anche <strong>ADESSO</strong> 05/08 e 02/12.<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

IMPERFETTO<br />

O PASSATO<br />

PROSSIMO?<br />

Selbstständige Sprachverwendung<br />

“HA OSPITATO” OPPURE “OSPITAVA”?<br />

Sono una vostra abbonata di lingua italiana. Abito nel Principato<br />

del Liechtenstein e tengo corsi d’italiano per adulti. È sempre un<br />

grande problema riuscire a far capire la differenza tra passato<br />

prossimo e imperfetto. So che ci sono delle regole ben precise e<br />

questo è chiaro. Ma in alcuni casi limite la differenza non è<br />

assolutamente chiara; per esempio in un testo abbiamo letto:<br />

“Nel corso dei secoli il paese ha ospitato tanti personaggi illustri<br />

che ci andavano per curarsi con le acque termali”. A questo punto<br />

tutti mi chiedono: “ma perché HA OSPITATO se l’azione si è<br />

ripetuta nel corso dei secoli?” A questa domanda non ho mai una<br />

risposta concreta. Dico semplicemente che io, essendo italiana,<br />

sento che la frase è corretta così, ma non so il perché!<br />

S. Beck-Peverelli, via mail<br />

Se l’autore del testo avesse scelto l’imperfetto, avrebbe segnalato<br />

che l’azione non è ancora conclusa. Scegliendo il passato prossimo,<br />

l’autore considera l’azione finita, anche se i suoi effetti possono<br />

continuare nel presente.<br />

segnalare hervorheben<br />

concluso beendet<br />

considerare betrachten<br />

l’effetto Folge, Wirkung<br />

✪✪ ESERCIZIO A<br />

Scegli l’opzione corretta.<br />

1) Facevo / Ho fatto la doccia perché avevo / ho avuto caldo.<br />

2) Stamattina mi svegliavo / mi sono svegliata prestissimo.<br />

3) Andrea e Cristina si sposavano / si sono sposati nel 2012 e<br />

trascorrevano / hanno trascorso la luna di miele [Flitterwochen]<br />

in Australia.<br />

4) Mentre tornavamo / siamo tornati a casa, incontravamo/<br />

abbiamo incontrato Luciana con i bambini.<br />

5) Ieri non uscivate / siete usciti perché eravate / siete stati<br />

troppo stanchi.<br />

6) La mamma telefonava / ha telefonato alla sua amica poi<br />

andava / è andata a fare la spesa.<br />

il presente<br />

7) Di solito d’estate Luigi e Rosanna uscivano / sono usciti<br />

fino a tardi e si divertivano / si sono divertiti tantissimo.<br />

8) Quando non ero / sono stato ancora sposato [verheiratet]<br />

normalmente lavoravo / ho lavorato anche il sabato.<br />

9) Due anni fa Alberto cambiava / ha cambiato lavoro.<br />

Gegenwart<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

✪✪ ESERCIZIO B<br />

Completa questa storia con l’imperfetto o il passato prossimo.<br />

(Essere) 1) _____________ una sera buia e ventosa [windig] e le<br />

strade della città (essere) 2) __________________ ghiacciate [vereist].<br />

Come sempre Antonella (tornare) 3) ________________ a casa a piedi<br />

dalla ditta [Firma] in cui (lavorare) 4) ____________________________.<br />

(Essere) 5) ____________ stanca e anche un po’ triste perché<br />

(sentirsi ) 6) _____________ sola. Improvvisamente (vedere)<br />

7) _______________ qualcosa muoversi in mezzo alla strada e<br />

(spaventarsi ) 8) ________________. Che cosa (potere) 9) ___________<br />

essere? Prendendo il coraggio a due mani [all ihren Mut zusammennehmend<br />

], Antonella (avvicinarsi ) 10) __________________________ e<br />

(vedere) 11) _____________ un gattino che (avere) 12) _____________<br />

freddo e fame. La donna non (sapere) 13) _______________ che cosa<br />

fare. Ma poi (decidere) 14) _____________________: lo (prendere)<br />

15) _____________ in braccio, lo ( portare) 16) _____________________<br />

a casa e gli (dare) 17) _____________ un po’ di latte caldo.<br />

Ora Antonella non si sente più sola perché… c’è Ettore con lei!<br />

✪✪✪ ESERCIZIO C<br />

Imperfetto o passato prossimo?<br />

1) Negli anni Novanta i miei zii (avere) ___________________________<br />

una grande casa al mare e in estate (noi, andare)<br />

___________________________________________ sempre a trovarli.<br />

2) Quando i loro cuginetti (essere) ____________________ piccoli,<br />

(loro, guardare) _____________ tutti i pomeriggi la TV dei ragazzi.<br />

3) Una volta (lei, andare) _____________________________________<br />

all’estero [ins Ausland ] con la scuola.<br />

4) Ti ricordi il momento esatto in cui (noi, innamorarsi)<br />

__________________________________________________________?<br />

5) All’asilo [Kindergarten] mi (lei, portare) ________________________<br />

sempre la nonna.<br />

6) Da bambino (io, mangiare) __________________________________<br />

malvolentieri [ungern] la verdura.<br />

7) L’altro giorno mio fratello (farsi) ______________________________<br />

male in palestra [Fitnessstudio].<br />

8) Riccardo è il mio ragazzo; (io, conoscerlo) ____________________<br />

alla festa di compleanno di Anna.<br />

9) Nel 2010 mia moglie e io (andare) ____________________________<br />

in Portogallo per due mesi e (imparare) ______________ la lingua.<br />

10) Per tanti anni Renato (essere) __________________ il mio migliore<br />

amico, poi purtroppo (io, perderlo) ___________________________<br />

di vista [aus den Augen verlieren].<br />

GRADO DI DIFFICOLTÀ:<br />

✪ Facile ✪✪ Medio ✪✪✪ Difficile<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A: 1) ho fatto, avevo; 2) mi sono<br />

svegliata; 3) si sono sposati, hanno trascorso;<br />

4) tornavamo, abbiamo incontrato;<br />

5) siete usciti, eravate; 6) ha telefonato,<br />

è andata; 7) uscivano, si divertivano; 8) ero,<br />

lavoravo; 9) ha cambiato.<br />

ESERCIZIO B: 1) era; 2) erano; 3) tornava;<br />

4) lavorava; 5) era; 6) si sentiva; 7) ha visto;<br />

8) si è spaventata; 9) poteva; 10) si è<br />

avvicinata; 11) ha visto; 12) aveva;<br />

13) sapeva; 14) ha deciso; 15) ha preso;<br />

16) ha portato; 17) ha dato.<br />

ESERCIZIO C: 1) avevano, andavamo;<br />

2) erano, guardavano; 3) è andata; 4) ci<br />

siamo innamorati; 5) portava; 6) mangiavo;<br />

7) si è fatto male; 8) l’ho conosciuto;<br />

9) siamo andati, abbiamo imparato;<br />

10) è stato, l’ho perso.<br />

ESERCIZIO 1: 1) b; 2) a; 3) a; 4) b; 5) a;<br />

6) a; 7) b.<br />

ESERCIZIO 2: 1) le parole crociate; 2) il paroliere;<br />

3) la parola magica; 4) le parolacce;<br />

5) il passaparola; 6) sono rimasto senza<br />

parole; 7) avete mantenuto la parola data;<br />

8) ha rivolto la parola; 9) illeggibili;<br />

10) parole straniere; 11) prendere la parola.<br />

ESERCIZIO 3: I tre sinonimi sono:<br />

vocabolo, termine, lemma.<br />

Parlamentare [Abgeordneter], mansarda<br />

[Dachwohnung], vertice [Gipfel ], compassione<br />

[Mitleid], sarto [Schneider], aquila<br />

[Adler], ape [Biene].<br />

41<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

VERBI<br />

• rivolgere la parola [das Wort an jdn. richten]<br />

• rimangiarsi la parola data [sein Wort zurücknehmen]<br />

• prendere in parola [beim Wort nehmen]<br />

• credere sulla parola [aufs Wort glauben]<br />

• non fare parola [kein Wort verlauten lassen]<br />

• mantenere la parola data [sein Wort halten]<br />

• rimanere senza parole [sprachlos sein]<br />

• prendere la parola [das Wort ergreifen]<br />

PAROLA<br />

ESPRESSIONI<br />

• parole (in)crociate<br />

[Kreuzworträtsel ]<br />

• gioco di parole<br />

[Wortspiel ]<br />

• giro di parole<br />

[Umschreibung]<br />

• libertà di parola<br />

[Redefreiheit]<br />

© Shutterstock<br />

42<br />

PAROLE DERIVATE<br />

PAROLE COMPOSTE<br />

• passaparola [Mundpropaganda]<br />

• malaparola [Beleidigung]<br />

• portaparola [Wortführer]<br />

TIPOLOGIA<br />

• … degli esperti<br />

• … composta<br />

• … d’amore<br />

[zusammengesetzt]<br />

• … d’odio<br />

• ... di stima<br />

• … magica [Zauber-]<br />

[der Wertschätzung]<br />

• … d’onore [Ehren-]<br />

• ... di incoraggiamento<br />

• … d’ordine [Parole]<br />

[der Ermutigung]<br />

• … chiave [Schlüssel-]<br />

• … di galantuomo<br />

• … di Dio [Wort Gottes]<br />

[Ehrenwort]<br />

• … di conforto [des Trostes] • … di circostanza<br />

• … di sdegno [der Empörung] [angemessen]<br />

• parolaccia [Schimpfwort]<br />

• parolone [großes Wort]<br />

• parolina [Wörtchen]<br />

• paroliere [Texter]<br />

✪✪ ESERCIZIO 1*<br />

Qual è il significato di questi modi di dire?<br />

1) Parole al vento significa…<br />

a) parole dette a voce alta<br />

b) parole inutili<br />

2) Esprimersi a mezze parole<br />

significa…<br />

a) con reticenza<br />

[Zurückhaltung]<br />

b) in modo sintetico<br />

3) È una parola significa…<br />

a) è facile dirlo, ma non farlo<br />

b) è facile farlo, ma non dirlo<br />

4) Essere una persona di parola<br />

significa…<br />

a) essere eloquente<br />

b) essere affidabile<br />

5) Gli manca solo la parola<br />

si usa per dire che…<br />

a) un animale è molto intelligente<br />

b) una persona non parla molto<br />

6) Metterci una buona parola<br />

significa…<br />

a) fare una raccomandazione<br />

b) usare correttamente la lingua<br />

7) Avere l’ultima parola significa…<br />

a) non avere più niente da dire<br />

b) avere ragione in una disputa<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 41<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

✪✪ ESERCIZIO 2*<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate di seguito:<br />

le parolacce • ha rivolto la parola • parole straniere<br />

sono rimasto senza parole • illeggibili • avete mantenuto<br />

la parola data • il passaparola • prendere la parola<br />

le parole crociate • la parola magica • il paroliere<br />

Das erste Wörterbuch,<br />

das Sie klicken<br />

und blättern können.<br />

1) Nel tempo libero adoro fare ________________________.<br />

È un allenamento per il cervello [Gehirntraining].<br />

2) Giulio Rapetti, in arte [Kunstname] Mogol, è stato<br />

_______________________ di famosi cantanti come Lucio<br />

Battisti, Gianni Morandi, Fausto Leali.<br />

3) _________________ non è abracadabra, ma… per favore.<br />

4) Bambini, non dite __________________________________!<br />

5) Secondo me _______________________________________<br />

è la migliore forma di pubblicità.<br />

6) Quando mi ha raccontato la verità [Wahrheit],<br />

___________________________________________________.<br />

7) Non ci fidiamo più di voi: non _______________________.<br />

8) Francesco era molto arrabbiato con loro e non li ha<br />

guardati né gli _____________________________________.<br />

9) Ginevra ha una pessima calligrafia [Handschrift] e le<br />

parole che scrive sono _____________________________.<br />

10) Quante _________________ ci sono nella lingua italiana?<br />

11) Dopo l’intervento [Vortrag] dell’esperto vorrei<br />

__________________ e porre [stellen] qualche domanda.<br />

43<br />

✪✪ ESERCIZIO 3*<br />

Trova i tre sinonimi di “parola”:<br />

vocabolo • parlamentare • avviso • legge • causa<br />

mansarda • vertice • compassione • termine<br />

affare • fumatore • guerra • ancora • sarto<br />

labbra • monte • lemma • aquila • consiglio • ape<br />

Gedruckt und online – das neue Langenscheidt<br />

Taschenwörterbuch vereint das Beste<br />

aus zwei Welten. Das Nachschlagewerk von<br />

morgen: Erhältlich für Englisch, Französisch,<br />

Italienisch und Spanisch.<br />

• Alcune parole italiana sono obsolete [veraltet] e sono state<br />

sostituite da altre parole o espressioni. Per esempio:<br />

al posto di cieco [Blinder] si usa l’espressione non vedente;<br />

sordo [Tauber] = non udente; handicappato = disabile;<br />

hostess = assistente di volo; ospizio [Altersheim] =casa<br />

di riposo; spazzino [Strassenkehrer] = operatore ecologico.<br />

Mehr unter www.klicken-und-blättern.de<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


Passato d’Italia<br />

44<br />

Die Sprache Italiens verstehen ohne seine vielschichtige Vergangenheit<br />

zu kennen? Unmöglich! Und für alle, denen dicke Geschichtsbücher zu<br />

schwer sind, gibt es jetzt etwas Neues.<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

CONOSCERE IL PASSATO DELL’ITALIA È ESSEN-<br />

ZIALE PER GUSTARNE LE OPERE ARTISTICHE, I<br />

MONUMENTI, LE STRUTTURE URBANE. Sono proprio<br />

le stratificazioni di domini e popoli che hanno contribuito<br />

a dare al paese un mix culturale e artistico unico<br />

al mondo. Riconoscere l’impronta longobarda di una città,<br />

capirne le tradizioni in base alla passata presenza spagnola<br />

o austriaca, capire perché una certa regione è anticlericale<br />

e un’altra, invece, particolarmente devota, si può<br />

solo conoscendo il passato che è ancora lì a parlarci. Purtroppo<br />

la storia di popoli e nazioni è spesso indigesta. Le<br />

date, le battaglie, gli atti politici, le guerre la rendono noio-<br />

Tutti i libri, tutti i prezzi*<br />

• Che storia! La storia italiana<br />

raccontata in modo semplice<br />

e chiaro, Bonacci, € 16.<br />

• Italia, che storia! Franco<br />

Panini, € 14 (vedi <strong>ADESSO</strong><br />

08/12, pag. 58)<br />

• Studiare storia e geografia<br />

in italiano L2, Centro Studi<br />

Erickson, € 21.<br />

• Profilo di storia italiana per<br />

stranieri. Nuova edizione riveduta<br />

e corretta, Guerra, € 16.<br />

sa. Però è anche talmente ricca che si può districare prendendone<br />

il meglio, ossia gli aspetti essenziali e più utili.<br />

Per aiutarci a farlo, un buon testo che cerca di ripercorrere<br />

la storia dell’Italia selezionando le informazioni<br />

in modo preciso, ma accattivante, è Che storia! La storia italiana<br />

raccontata in modo semplice e chiaro (Bonacci editore).<br />

Comprende cinque sezioni principali: il passato romano,<br />

il Medioevo, il Rinascimento, l’Ottocento e il Novecento.<br />

Le date, i nomi, i termini tecnici e politici sono pochi. Si<br />

parla, piuttosto, di aspetti del passato curiosi, utili magari<br />

per comprendere come le società che si sono susseguite<br />

sul territorio italiano organizzassero la loro vita. Particolari<br />

che, di solito, non sono considerati centrali dal<br />

la battaglia<br />

l’atto<br />

la guerra<br />

talmente<br />

districare<br />

ripercorrere<br />

accattivante<br />

il Medioevo<br />

il Rinascimento<br />

l’Ottocento<br />

il Novecento<br />

il termine<br />

tecnico<br />

piuttosto<br />

magari<br />

la società<br />

susseguirsi<br />

il particolare<br />

essere<br />

considerato<br />

Mittelalter<br />

Renaissance<br />

neunzehntes<br />

Jahrhundert<br />

zwanzigstes<br />

Jahrhundert<br />

Kunstwerk<br />

hier: Aufein-<br />

anderfolgen<br />

Herrschaft<br />

Prägung<br />

fromm<br />

schwer<br />

verdaulich<br />

Schlacht<br />

Akt, Handlung<br />

Krieg<br />

so<br />

entwirren<br />

vorüberziehen<br />

lassen<br />

ansprechend<br />

l’opera<br />

artistica<br />

la stratificazione<br />

il dominio<br />

l’impronta<br />

devoto<br />

indigesto<br />

Fachbegriff<br />

vielmehr<br />

möglicherweise<br />

Gesellschaft<br />

aufeinander<br />

folgen<br />

Detail<br />

gelten als<br />

© Shutterstock<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


LINGUA VIVA<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

svelare verraten<br />

quanto das, was<br />

lo sviluppo Verlauf<br />

riflettere hier: sich beschäftigen<br />

mit<br />

la cittadina Städtchen<br />

il ritmo Rhythmus<br />

la consuetudine<br />

Gewohnheit<br />

sopravvivere überleben<br />

lo stipendio Lohn, Gehalt<br />

l’operaio Arbeiter<br />

la polenta: Brei aus Maisgrieß<br />

il contadino Bauer<br />

il brodo<br />

ristretto Kraftbrühe<br />

ampio weit<br />

la svolta Wende<br />

l’influenza Einfluss<br />

il costume Sitten Pl.<br />

quotidiano Alltagslo<br />

snodo Gelenk,<br />

hier: Punkt<br />

lo schema Übersicht<br />

il disegno Zeichnung<br />

cogliere erfassen<br />

a colpo auf den ersten<br />

d’occhio Blick<br />

Zuwachs<br />

Haushalts-<br />

gerät<br />

Einteilung<br />

in Zeitalter<br />

l’incremento<br />

l’elettrodomestico<br />

la periodizzazione<br />

lo spostamento<br />

l’impostazione<br />

f.<br />

rivolgersi<br />

precedente<br />

compreso tra<br />

l’unità<br />

la guerra<br />

mondiale<br />

la verifica<br />

segnalare qc.<br />

Bewegung<br />

Ansatz<br />

sich wenden<br />

vorherig<br />

zwischen<br />

Einigung<br />

Weltkrieg<br />

Kontrolle<br />

auf etw.<br />

hinweisen<br />

adatto passend<br />

la scoperta Entdeckung<br />

appositamente eigens<br />

la bandiera Fahne<br />

l’inno di Mameli: ital. Nationalhymne<br />

l’assimilazione<br />

f.<br />

il lessico<br />

Aufnahme<br />

Wortschatz<br />

racconto storico, e che svelano più di quanto ci direbbe lo<br />

sviluppo di una battaglia. Per esempio si riflette sui tempi<br />

di viaggio nell’antica Roma. Ecco allora le grandi vie<br />

che attraversano l’Italia – la Salaria, l’Emilia, la Flaminia<br />

–, che ancora percorriamo con auto veloci, diventare cosa<br />

viva, una sorta di ponte fra passato e presente. Sapere<br />

come si costruivano le strade nell’antica Roma o nel Medioevo<br />

aiuta a capire se si sta camminando su vie che hanno<br />

“solo” 1.000 o già 2.500 anni; sapere se la piazza e le<br />

mura di una cittadina sono medievali o del Rinascimento<br />

permette di comprendere la stratificazione culturale, i<br />

ritmi di vita, oppure tradizioni e consuetudini che sono<br />

sopravvissute fino a oggi. È utile anche avere idea di quale<br />

fosse lo stipendio di un operaio milanese dell’Ottocento;<br />

di quanta polenta mangiava un contadino; di come,<br />

negli anni del fascismo, sono cambiati i termini<br />

gastronomici. È allora, infatti, che il consommé è diventato<br />

“brodo ristretto” e il flan “sformato”. A volte bastano<br />

davvero pochi particolari per comprendere una situazione<br />

più ampia e generale. Nei particolari si ritrovano le<br />

svolte, che sono state così importanti da avere ancora oggi<br />

un’influenza sulla società, il costume, il pensiero, l’arte<br />

e la vita quotidiana. Oltre al racconto e alle classiche foto,<br />

aiutano a capire snodi importanti gli schemi e i<br />

disegni, grazie ai quali si colgono a colpo d’occhio il ritardo<br />

tecnologico dell’Italia, l’incremento di elettrodomestici<br />

durante il boom economico, ma anche le periodizzazioni,<br />

le migrazioni e gli spostamenti di popoli.<br />

Chi voglia invece studiare la storia d’Italia con un’impostazione<br />

più classica, può rivolgersi a Profilo di storia italiana<br />

per stranieri. Nuova edizione riveduta e corretta, di Guerra<br />

Edizioni. Il libro divide la materia in otto sezioni: sono<br />

isolati e più approfonditi, rispetto al testo precedente, il<br />

periodo tra Medioevo e Rinascimento, quello spagnolo e<br />

l’epoca compresa tra l’Unità d’Italia e la prima guerra<br />

mondiale. Alla fine di ogni capitolo, nella rubrica La parola<br />

agli storici, sono raccolte alcune riflessioni di chi ha<br />

studiato a lungo l’epoca di cui si parla. Ci sono anche<br />

test di comprensione e di verifica dell’apprendimento.<br />

Segnaliamo infine due proposte adatte a differenti tipologie<br />

di lettori. Italia, che storia! è un viaggio alla scoperta<br />

della storia d’Italia appositamente pensato per i<br />

più piccoli, a partire dai 6 anni (Franco Panini Editore):<br />

qui il cammino è tra i simboli, i riferimenti, le curiosità<br />

dell’Italia, dalla bandiera al dialetto, dai modi di dire all’inno<br />

di Mameli. Studiare storia e geografia in italiano L2,<br />

del Centro Studi Erickson, è invece uno strumento utile<br />

a chi la storia deve insegnarla. Contiene una serie di<br />

attività che facilitano la comprensione e l’assimilazione<br />

dei contenuti di storia (e geografia) a chi ha un lessico<br />

ancora incompleto.<br />

NOVITÀ*<br />

Langenscheidt propone un nuovo<br />

tipo di videocorso per principianti<br />

[Anfänger], direttamente fruibile [nutzbar]<br />

in Internet. Il prezzo varia a seconda<br />

del periodo di frequenza [Besuch],<br />

tre o sei mesi. Per circa 70 ore di<br />

lezione online: 6 mesi, € 17,99 al<br />

mese; 3 mesi, € 22,50 al mese.<br />

A2 passi dall’italiano è un nuovo<br />

eserciziario completo dell’editore<br />

Loescher, adatto, come informa il<br />

titolo, a un livello A2. Gli esercizi sono<br />

mirati [essere mirato: auf etw. abzielen] a<br />

migliorare il lessico di base: € 6,50.<br />

Per Alpha Test è uscito Italiano per<br />

stranieri. Verbi, un nuovo testo che<br />

illustra il sistema dei verbi italiani con<br />

esempi tratti dalla [aus] vita quotidiana e<br />

test di valutazione: € 7,50.<br />

Per la collana [Reihe] dedicata [gewidmet]<br />

al cinema italiano è disponibile<br />

[verfügbar] il libretto che permette di lavorare<br />

sul celebre [berühmt] film di Ferzan<br />

Özpetek La finestra di fronte, Guerra<br />

Edizioni: € 8.<br />

È disponibile il secondo volume<br />

[Band ], adatto al livello B1-B2, di Piazza<br />

Italia (Alma edizioni), sussidio [Hilfsmittel ]<br />

che offre testi autentici, presi da giornali, riviste,<br />

dalla Rete o dai blog e che mira a mettere<br />

lo studente a diretto contatto con la<br />

mentalità italiana: € 17,50.<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

45<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


FINE SETTIMANA<br />

Il centro storico<br />

di Brisighella.<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


EMILIA-<br />

ROMAGNA<br />

BOLOGNA<br />

Casola<br />

Valsenio<br />

L ’altra<br />

ROMAGNA<br />

Rund um Casola gibt es sie noch: Jujuben, Azerol-Äpfel und<br />

Kornelkirschen – fast vergessene Obstsorten und der größte Heilpflanzengarten<br />

Italiens. Und das ist nicht die einzige Überraschung,<br />

die das Hinterland der Romagna für Sie bereit hält!<br />

Testo: Marina Collaci<br />

Brisighella<br />

© Shutterstock, APT Servizi Emilia Romagna<br />

MOLTI CONOSCONO SOLO LA COSTA ROMAGNO-<br />

LA E LE ALLEGRE SPIAGGE DI RIMINI E RICCIONE,<br />

MA È UN PECCATO PERDERE L’ENTROTERRA DEL-<br />

LA ROMAGNA, che offre panorami naturali bellissimi,<br />

borghi medievali, terme curative e ristorantini fantastici.<br />

Per esempio ci si può<br />

avventurare nel Parco Regionale<br />

della Vena del<br />

Gesso, che è la più grande<br />

catena di gesso selenitico<br />

in Europa, un percorso di<br />

oltre 20 km da Imola fino a<br />

Brisighella, piacevole a cavallo,<br />

in moto o in bicicletta.<br />

Nelle stradine tutte curve<br />

i tesori si scoprono per<br />

gradi. A ogni tornante appaiono<br />

i resti di una torre<br />

merlata, di un castello, di<br />

un’abbazia benedettina.<br />

All’improvviso una cresta<br />

color argento interrompe il<br />

profilo verde delle colline.<br />

È una roccia carsica tenera<br />

fatta di solfato di calcio,<br />

chiamata pietra di luna<br />

proprio per i suoi cristalli<br />

brillanti. Le acque dei fiumi<br />

l’hanno modellata nei<br />

secoli creando sculture e<br />

monumenti naturali di<br />

ogni forma, come la soressere<br />

un peccato<br />

l’entroterra<br />

il borgo<br />

medievale<br />

le terme<br />

curative pl.<br />

avventurarsi<br />

la catena<br />

il gesso<br />

selenitico<br />

il percorso<br />

il tesoro<br />

scoprire<br />

per gradi<br />

il tornante<br />

apparire<br />

merlato<br />

l’abbazia<br />

la cresta<br />

l’argento<br />

la collina<br />

la roccia<br />

carsica<br />

tenero<br />

il solfato<br />

di calcio<br />

il secolo<br />

il terreno<br />

la silice<br />

la cascata<br />

la valle<br />

l’ulivo<br />

il sentiero<br />

(zu) schade<br />

sein<br />

Hinterland<br />

Dorf<br />

mittelalterlich<br />

Heilthermen<br />

sich wagen<br />

Kette<br />

Selenit<br />

Strecke<br />

Schatz<br />

entdecken<br />

schrittweise<br />

Serpentine<br />

auftauchen<br />

mit Zinnen<br />

(versehen)<br />

Abtei<br />

Kamm<br />

Silber<br />

Hügel<br />

Karstfels<br />

weich<br />

Kalziumsulfat<br />

Jahrhundert<br />

Boden<br />

Kieselerde<br />

Wasserfall<br />

Tal<br />

Olivenbaum<br />

Pfad<br />

IL PAESE DEI FRUTTI DIMENTICATI<br />

A Casola Valsenio si coltivano ancora frutti quasi spariti dalle<br />

tavole italiane. Nel secondo e terzo fine settimana di ottobre<br />

si celebrano con la Festa dei frutti dimenticati.<br />

prendente dorsale della Vena del Gesso. Ci sono poi la<br />

Grotta Tanaccia e gli affascinanti Orridi di Basino, fantastiche<br />

sculture realizzate dall’acqua nel terreno ricco di<br />

silice. Poiché il gesso conserva bene il calore, in questa valle<br />

c’è un microclima particolare e gli ulivi producono oli<br />

eccellenti come il Brisighella e il Nobil Drupa.<br />

Siamo quasi in Toscana, eppure qui le colline sono più<br />

colorate e sensuali che nella più famosa regione vicina. In<br />

tarda primavera sembra di essere in Provenza; per esempio<br />

quando si è sul Sentiero della Lavanda, lungo una<br />

decina di chilometri, che dal piccolo borgo di Fontanelice<br />

va alla piccola città medievale di Casola Valsenio, un’esplosione<br />

di viola e di profumi.<br />

47<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


FINE SETTIMANA<br />

fondato<br />

il monaco<br />

la pianta officinale<br />

/ la<br />

pianta curativa<br />

l’ettaro<br />

essere<br />

coinvolto<br />

la ricetta<br />

l’erba selvatica<br />

il dopoguerra<br />

il contadino<br />

omologato<br />

l’azzeruola<br />

piccolissimo<br />

sodo<br />

la giuggiola<br />

lo sciroppo<br />

il brodo<br />

gegründet<br />

Mönch<br />

Heilpflanze<br />

Hektar<br />

mitmachen<br />

Rezept<br />

Wildkraut<br />

Nachkriegszeit<br />

Bauer<br />

einheitlich<br />

Azerol-Apfel<br />

sehr klein<br />

hart<br />

Jujube<br />

Sirup<br />

Brühe<br />

la pera volpina<br />

l’uva spina<br />

la corniola<br />

la sorba<br />

la mela gelata<br />

la polpa<br />

la nespola<br />

il filare<br />

il pendio<br />

la vite<br />

la prelibatezza<br />

l’assalto<br />

il nemico<br />

sopraelevato<br />

il duca<br />

l’esercito<br />

la resistenza<br />

l’asino<br />

estratto<br />

i dintorni pl.<br />

Kulturbirne<br />

Stachelbeere<br />

Kornelkirsche<br />

Vogelbeere<br />

„Gefrorener<br />

Apfel“<br />

Fruchtfleisch<br />

Mispel<br />

Reihe<br />

Hang<br />

Rebe<br />

Köstlichkeit<br />

Angriff<br />

Feind<br />

erhöht<br />

Herzog<br />

Heer<br />

Widerstand<br />

Esel<br />

gewonnen<br />

Umgebung<br />

48<br />

© LOOK, P. Lucci, www.ilgiardinodelleerbe.it (4), Shutterstock<br />

Vale la pena di fermarsi a Casola Valsenio, un borgo<br />

fondato nell’anno Mille dai monaci benedettini, dove, nel<br />

1975, è stato inaugurato il più importante Giardino di<br />

piante officinali d’Italia. In un’oasi di più di 4 ettari si coltivano<br />

450 specie di piante curative e profumate. Il giardino<br />

ha anche una biblioteca specializzata, un museo con laboratori<br />

e organizza continuamente seminari per adulti e<br />

bambini, oltre a ospitare due dei più importanti eventi cittadini,<br />

la manifestazione Erbe in fiore e la Giornata della Lavanda.<br />

Tutto il paese è coinvolto nella coltura di erbe, fiori<br />

e frutta. I ristoranti sono specializzati in ricette a base di erbe<br />

selvatiche e curative e molti abitanti coltivano nel loro<br />

giardino piante dimenticate dal tempo e dalle mode, in<br />

particolare alberi da frutto. A Casola, come nei paesi vicini,<br />

si trovano ancora tutti i tipi di frutta che negli anni del<br />

dopoguerra hanno sfamato i contadini poveri. Durante il<br />

boom degli anni Sessanta, erano spariti dalle tavole degli<br />

italiani, che preferivano frutta più omologata. Ci sono i<br />

grandi alberi di azzeruole, che sono piccolissime mele rosse<br />

sode e saporite; ci sono le giuggiole, con le quali si preparano<br />

sciroppi e marmellate squisite, come il brodo di<br />

giuggiole (da cui il modo di dire essere in brodo di giuggiole,<br />

che significa “essere al massimo della felicità“); le pere volpine,<br />

anch’esse piccolissime, che si mangiano solo cotte nel<br />

vino rosso; l’uva spina, le corniole, le sorbe, le mele gelate<br />

dalla polpa caratteristica e un tipo di pesche e uno di nespole<br />

che qui crescono in pieno inverno. Il giardino continua<br />

lungo le strade del borgo, con lunghi filari di alberi da<br />

frutto più classici, come kiwi, cachi e albicocchi, che colorano<br />

i pendii accanto alle viti di Sangiovese. I momenti migliori<br />

per conoscere e assaggiare queste prelibatezze sono<br />

il secondo e terzo fine settimana di ottobre, quando stand<br />

di produttori locali, laboratori, spettacoli e mostre invadono<br />

la città per la Festa dei frutti dimenticati.<br />

Il centro principale della valle è Brisighella, famosa per<br />

la sua architettura particolarissima: una delle strade principali,<br />

costruita nel Medioevo per difendersi dagli assalti dei<br />

nemici, è coperta e sopraelevata. In pratica corre attraverso<br />

le case del paese, le unisce l’una all’altra e riceve luce da<br />

grandi finestre di grandezza ogni volta diversa. Nel 1461 il<br />

duca di Urbino aveva mandato l’esercito contro la cittadina,<br />

ma gli abitanti di Brisighella, proprio grazie alla loro strada<br />

speciale, avevano visto il nemico dall’alto e organizzato<br />

subito la resistenza. Poi la via è stata chiamata Via degli asini,<br />

perché qui passavano gli asini che portavano i gessi<br />

estratti nei dintorni. Le stalle si trovavano all’altezza della<br />

strada sopraelevata, al piano di sopra abitavano i portatori<br />

di gesso, che si chiamavano birocciai. Sotto venivano parcheggiate<br />

le birocce, ovvero i carri usati per il trasporto del<br />

gesso. Le particolarità di Brisighella non finiscono qui. Le<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


IL CUORE ANTICO DELLA ROMAGNA<br />

Nella pagina accanto: uno scorcio del Parco della Vena del Gesso.<br />

Sopra: la Torre dell’Orologio a Brisighella. A destra: la Via degli<br />

asini, una delle strade principali di Brisighella,<br />

è stata costruita nel Medioevo, sopraelevata, come difesa dagli<br />

attacchi nemici. Sotto: spigo, iperico, nigella ed erba cipollina del<br />

Giardino delle Erbe di Casola Valsenio.<br />

case sono addossate alla parete gessosa<br />

e il borgo medievale si trova alla<br />

base di tre pinnacoli rocciosi, dai<br />

quali si può godere la vista sul borgo<br />

e sulla valle: sul primo c’è la Rocca,<br />

il castello costruito nel XIV secolo<br />

e restaurato nel Quattrocento; sul<br />

secondo la Torre dell’Orologio medievale<br />

e sul terzo il santuario settecentesco<br />

del Monticino. All’uscita di<br />

Brisighella si trova la pieve di San<br />

Giovanni in Ottavo o del Thò, una<br />

chiesa romanica costruita probabilmente nell’XI secolo su<br />

un precedente tempio dedicato a Giove Ammone.<br />

Questi sono anche luoghi di piacevoli bagni termali.<br />

Per esempio alle Terme di Riolo, con gli stabilimenti liberty<br />

che hanno avuto ospiti illustri come Lord Byron, le<br />

piscine di acque minerali e i centri medici. Il castello medievale<br />

è del 1300 ed è stato<br />

restaurato – si dice – addirittura<br />

da Leonardo da<br />

Vinci. Sulle sue mura merlate<br />

è possibile passeggiare<br />

e persino degustare aperitivi<br />

e piadine appena fatte.<br />

Proprio in cima alle mura,<br />

infatti, si trova il bar, il Torrino<br />

Wine Bar, da cui si può<br />

ammirare lo splendido panorama<br />

e concludere in<br />

bellezza una giornata alla<br />

scoperta di questa terra<br />

meravigliosa.<br />

addossato a<br />

il pinnacolo<br />

il Quattrocento<br />

il santuario<br />

settecentesco<br />

angelehnt an<br />

Spitze, Zinne<br />

fünfzehntes<br />

Jahrhundert<br />

Wallfahrtskirche<br />

ab dem<br />

achtzehnten<br />

Jahrhundert<br />

wahrscheinlich<br />

vorherig<br />

Jupiter<br />

Ammon<br />

Strandbad<br />

Jugendstil-<br />

verkosten<br />

probabilmente<br />

precedente<br />

Giove<br />

Ammone<br />

lo stabilimento<br />

liberty<br />

degustare<br />

la piadina: mürber Teigfladen<br />

in cima a oben auf<br />

49<br />

ROMAGNA<br />

INFORMAZIONI<br />

PARCO DELLA VENA<br />

DEL GESSO<br />

www.parcovenadelgesso.it<br />

IL GIARDINO<br />

DELLE ERBE<br />

Via del Corso 6,<br />

Casola Valsenio (RA)<br />

+39 0546 73158.<br />

www.ilgiardinodelleerbe.it<br />

TERME DI RIOLO<br />

Via Firenze 15<br />

Riolo Terme (RA)<br />

+39 0546 71045.<br />

www.termediriolo.it<br />

EVENTI CASOLA<br />

VALSENIO<br />

www.proloco-casolavalsenio.blogspot.de<br />

ERBE IN FIORE<br />

25 e 26 maggio 2013.<br />

Proposte gastronomiche<br />

insolite e laboratori<br />

dedicati ai fiori e<br />

alle piante officinali.<br />

GIORNATA<br />

DELLA LAVANDA<br />

29 giugno 2013.<br />

FESTA DEI FRUTTI<br />

DIMENTICATI<br />

12 e 13, 19 e 20<br />

ottobre 2013.<br />

MANGIARE<br />

RISTORANTE<br />

L’INFINITO<br />

Via del Trebbio 12<br />

Brisighella (RA)<br />

+39 0546 80437.<br />

www.ristorantelinfinito.com<br />

RISTORANTE<br />

MOZART<br />

Via Montefortino 7<br />

Casola Valsenio (RA)<br />

+39 0546 73508.<br />

www.ristorantemozart.com<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


POLITICA<br />

LA FANTASIA<br />

AL POTERE?<br />

Bei einem Blick auf Italiens Parteienlandschaft könnte man meinen,<br />

die 68er-Utopie der „Fantasie an die Macht” sei wahr geworden: Hier<br />

einige der politischen Kuriositäten, die im Februar zur Wahl standen.<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

50 NEL 1968, NEI GIORNI DELLA RIVOLTA STUDENTE-<br />

SCA, SUI MURI DELLA SORBONA DI PARIGI CAM-<br />

PEGGIAVA UNA SCRITTA CHE POI SAREBBE DI-<br />

VENTATA UNO DEGLI SLOGAN PIÙ FAMOSI DEL<br />

MOVIMENTO GIOVANILE DI QUEGLI ANNI TUR-<br />

BOLENTI: LA FANTASIA AL POTERE! Naturalmente<br />

non era che un grido lanciato nel vuoto dell’utopia, eppure<br />

qualche decennio dopo, guardando all’Italia politica di<br />

questi anni, i nostalgici potranno dire: “Altro che utopia!”<br />

Da almeno 20 anni, nel Belpaese sembra regnare la<br />

fantasia, ora sognante, ora sfrenata. Sugli scranni del par-<br />

© Ansa<br />

il potere Macht<br />

campeggiare hier: prangen<br />

il grido Schrei, Ruf<br />

il decennio Jahrzehnt<br />

regnare regieren<br />

ora … ora … mal … mal …<br />

sognante träumerisch<br />

sfrenato ungezügelt<br />

lo scranno Sitz<br />

partorire hervorbringen<br />

il barzellettiere<br />

Witzbold<br />

il presidente del Consiglio: ital.<br />

Regierungschef<br />

lo stilista Designer<br />

l’alta società gehobene<br />

Gesellschaft<br />

adorare lieben<br />

dedicato gewidmet<br />

medio Durchschnittsle<br />

elezioni pl. Wahlen<br />

riscontrabile anzutreffen<br />

i Mondiali Weltmeister-<br />

(pl.) di calcio schaft<br />

il sostenitore Anhänger<br />

il partito Partei<br />

il tifoso Fan<br />

la bandiera Fahne<br />

l’inno Hymne<br />

di tutti i colori alles Mögliche<br />

concludersi zu Ende<br />

gehen<br />

la vittoria Sieg<br />

di un soffio hier: knapp<br />

il Partito democratico: ital. Mitte-<br />

Links-Partei<br />

la camera (dei deputati): Abgeordnetenkammer;<br />

bildet mit dem<br />

Senat das ital. Parlament<br />

il pareggio Gleichstand<br />

il contendente Gegner<br />

scendere in in die Arena<br />

campo (sport.) hinabsteigen<br />

lamento si sono alternati alcuni dei personaggi più bizzarri<br />

che la storia d’Italia abbia mai partorito. Barzellettieri<br />

(il più bravo è stato quattro volte presidente del Consiglio),<br />

cantanti, showgirl, stilisti, intellettuali, signore<br />

dell’alta società, figuri che sembrano usciti da un racconto<br />

di Dickens e facce mefistofeliche che potrebbero essere<br />

di casa tra le pagine del Faust. Insomma, ce n’è stato (e<br />

ce n’è) per tutti i gusti. La politica in Italia è tanto complicata<br />

quanto appassionante e divertente e gli italiani la<br />

adorano. Pensate solo che i talk show dedicati all’approfondimento<br />

politico, come Ballarò o Servizio Pubblico,<br />

sono visti da milioni di telespettatori.<br />

L’italiano medio attende le elezioni con un pathos non<br />

riscontrabile in nessun altro paese del mondo, nemmeno<br />

si trattasse della finale dei Mondiali di calcio. Gli italiani,<br />

più che sostenitori di questo o quel partito, sono veri e<br />

propri tifosi, con tanto di bandiere e inni. Non che si<br />

aspettino chissà quale cambiamento, ma è certo che ogni<br />

volta le elezioni sono uno spettacolo, dove se ne vedono<br />

di tutti i colori.<br />

Le elezioni del 2013 che, nel momento in cui scriviamo,<br />

si sono appena concluse, non hanno fatto eccezione.<br />

Anzi! Sono state straordinarie. Sia per il risultato, con la<br />

vittoria di un soffio del Partito democratico alla camera,<br />

il pareggio al senato e lo straordinario risultato del Movimento<br />

5 Stelle di Beppe Grillo (primo partito in Italia), sia<br />

per ciò che è successo prima, a cominciare dai contendenti.<br />

Mario Monti che sale in politica, Silvio Berlusconi<br />

che scende (ancora!) in campo, la novità del Movimento 5<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


POLITICA<br />

IL VINCITORE<br />

Il comico Beppe Grillo. In poco<br />

più di tre anni il suo movimento,<br />

nato in internet, è diventato la<br />

prima forza politica in Italia.<br />

la follia Verrücktheit<br />

la campagna<br />

elettorale Wahlkampf<br />

colpire qcn. jdm. auffallen<br />

spropositato hier: übergroß<br />

il florilegio Blütenlese<br />

la sigla Abkürzung<br />

il movimento Bewegung<br />

il Viminale: ital. Innenministerium<br />

recapitare zustellen<br />

nascente aufgehend<br />

lo scudo Schutzschild<br />

il garofano Nelke<br />

la falce Sichel<br />

il martello Hammer<br />

la fiamma Flamme<br />

il Ventennio: Zeit des faschistischen<br />

Regimes in Italien<br />

i costumi pl. Sitten<br />

dimezzare halbieren<br />

lo stipendio Gehalt<br />

il solco hier: Schiene<br />

la contraddi- Widerspruch<br />

zione in termini in sich<br />

civico Bürgervotare<br />

wählen<br />

trascurare vernachlässigen<br />

l’evasore Steuerfiscale<br />

m. hinterzieher<br />

deprecabile unwillkommen<br />

sobrio schlicht<br />

la tassa Steuer<br />

il ladro Dieb<br />

il calcio Fußball<br />

la rinascita Wiederaufblühen<br />

Giovanni dalle Bande nere: Giovanni<br />

de’ Medici; ital. Feldherr<br />

(1498-1526)<br />

delirante absurd<br />

il Sacro roma- Heiliges Römino<br />

impero sches Reich<br />

apparentato verbündet<br />

stravagante verrückt<br />

il confine Grenze<br />

sgranato weit<br />

aufgerissen<br />

l’incredulità Ungläubigkeit<br />

il pesce<br />

d’aprile Aprilscherz<br />

la risata Lachen<br />

seppellire begraben<br />

affliggere plagen<br />

Stelle. Tra le tante piccole e grandi follie della campagna<br />

elettorale, a colpirci in modo particolare è stato il numero<br />

spropositato di liste che si sono candidate a partecipare<br />

alle elezioni.<br />

Pensate, ne sono state presentate<br />

219 e ne sono state ammesse ben 169!<br />

Un florilegio di simboli, sigle e nomi<br />

frutto della fantasia più sfrenata. Oltre<br />

ai simboli dei partiti e dei movimenti<br />

più accreditati a entrare in parlamento,<br />

come il Partito democratico,<br />

il Partito della libertà, la lista di Monti,<br />

il Movimento 5 Stelle, gli uffici del<br />

Viminale si sono visti recapitare veramente<br />

di tutto. Per gli amanti del vintage<br />

troviamo simboli storici come il<br />

sole nascente dei social democratici,<br />

lo scudo crociato dei democristiani, il<br />

garofano dei socialisti, la falce e martello<br />

dei comunisti e, naturalmente la<br />

fiamma dei nostalgici del Ventennio.<br />

Per quelli di costumi più “liberali”, si<br />

SONDAGGIO<br />

SE FOSTE ITALIANI,<br />

CHI VOTERESTE?<br />

Lo abbiamo chiesto ai nostri lettori nel<br />

sondaggio pubblicato su <strong>ADESSO</strong>-online<br />

dall’06 /02 al 26/02/2013. Ecco i risultati.<br />

Pierluigi<br />

Bersani<br />

(PD) 21%<br />

Altri 1%<br />

Non voterei<br />

1%<br />

Niki<br />

Vendola<br />

(SEL)<br />

11%<br />

Mario Monti<br />

(Scelta Civica) 57%<br />

Silvio<br />

Berlusconi<br />

(PDL) 5%<br />

Beppe Grillo<br />

(M5S)<br />

5%<br />

Roberto<br />

Maroni<br />

(Lega Nord)<br />

0%<br />

va dal Partito Dna (nulla a che fare con la genetica, la sigla<br />

sta per “democrazia, natura, amore”) dell’ex diva del porno<br />

Ilona Staller, nota come Cicciolina, all’attualissimo Movimento<br />

del Bunga Bunga (di cui saremmo curiosi di leggere<br />

il programma!). Anche l’antipolitica è rappresentata,<br />

con Dimezziamo lo stipendio ai politici e con un movimento<br />

che è di fatto una contraddizione in termini, la lista<br />

civica Io non voto. Certo non potevano essere trascurati<br />

gli evasori fiscali, categoria deprecabile in tutto il mondo,<br />

che però in Italia può scegliere tra il sobrio Basta tasse! e il<br />

più esplicito Forza evasori-Stato ladro. Qualcuno nella capitale<br />

ha pensato anche agli appassionati del calcio e ha<br />

presentato le liste Forza Roma e Forza Lazio. Ce n’è anche<br />

per gli amanti della storia, come la lista Rinascita italiana<br />

- Giovanni dalle Bande nere o la delirante Sacro romano<br />

impero liberale cattolico, apparentata<br />

ad altre liste non meno stravaganti,<br />

tra cui quella del movimento A tutto<br />

campo, nel tempo e nello spazio.<br />

Siamo ai confini della realtà. E<br />

credetemi, potremmo andare avanti<br />

all’infinito, ma immagino voi lettori<br />

con gli occhi sgranati per l’incredulità,<br />

mentre vi chiedete se è tutto<br />

vero o si tratta di un pesce d’aprile.<br />

Tutto vero! A proposito, un altro famoso<br />

slogan del Sessantotto mi pare<br />

dicesse: Una risata vi seppellirà! E di<br />

certo, se non fosse per la drammatica<br />

crisi economico-finanziaria e<br />

i tanti problemi che affliggono il<br />

Belpaese, ci sarebbe davvero da morire<br />

dalle risate.<br />

51<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


VIAGGIARE<br />

Trekking kann einfach alles sein: Vom großen Abenteuer bis zur<br />

Selbstbesinnung inmitten der Wunder unserer Natur. Schließen Sie<br />

sich den wanderbegeisterten Italienern an und entdecken Sie das<br />

Belpaese zu Fuß!<br />

Testo: Luca Vitali<br />

PRATICAMENTE PARLANDO<br />

Scoprire l’Italia a piedi<br />

52<br />

© Huber/Sime, Shutterstock (2), Sve-Eric Rho<br />

UN TEMPO C’ERANO L’ESCURSIONISMO E GLI<br />

ESCURSIONISTI, OVVERO GLI AMANTI DELLA<br />

MONTAGNA, CON PANTALONI ALLA ZUAVA, ZAI-<br />

NO E SCARPONI. Poi, negli anni Ottanta, è nato il<br />

trekking, ed è cambiato tutto: attrezzatura, stile, facce, anche<br />

le mete da raggiungere. Da allora è stato tutto un fiorire<br />

di gruppi, associazioni, libri e materiali. Camminare<br />

è diventato per molti non solo uno sport appassionante,<br />

ma addirittura una filosofia e una passione di vita.<br />

l’attrezzatura<br />

la meta<br />

fiorire<br />

l’associazione f.<br />

trascorrere<br />

intero<br />

staccare<br />

l’esperienza<br />

entdecken<br />

I MILLE SPIRITI DEL TREKKING<br />

Fare un trekking vuol dire trascorrere giorni interi a contatto<br />

con la natura e con pochi compagni, a volte senza<br />

contatti esterni. È l’occasione per staccare dalla vita di tutti<br />

i giorni e cercare di vivere qualcosa di diverso. Per questo<br />

il trekking è per molti un’esperienza esistenziale,<br />

come ha teorizzato Duccio Demetrio, filosofo dell’educazione<br />

e autore del libro Filosofia del camminare (Cortina<br />

Editore, 2005). A ben vedere lo avevano capito già i romantici:<br />

semplicemente il contatto con la natura stimola<br />

la spiritualità, più o meno religiosa. Una figura di spicco<br />

in questo senso è Luca Gianotti (http://lucagianotti.wordpress.com),<br />

fondatore di una delle prime associazioni italiane<br />

di trekking ecologico e solidale. Gianotti ha elaboscoprire<br />

i pantaloni<br />

alla zuava<br />

lo zaino<br />

gli scarponi pl.<br />

Kniebundhose<br />

Rucksack<br />

Wanderschuhe<br />

Ausrüstung<br />

Ziel<br />

aufblühen<br />

Verband<br />

verbringen<br />

ganz<br />

eine Pause<br />

einlegen<br />

Erlebnis<br />

stimolare<br />

di spicco<br />

il fondatore<br />

elaborare<br />

la ricerca<br />

interiore<br />

la traccia<br />

marginale<br />

il collaboratore<br />

la proposta<br />

la collina<br />

l’avventura<br />

il sito<br />

servire<br />

la mappa<br />

anregen<br />

herausragend<br />

Gründer<br />

erarbeiten<br />

innere Suche<br />

Spur,<br />

hier: Müll<br />

am Rande<br />

Mitarbeiter<br />

Angebot<br />

Hügel<br />

Abenteuer<br />

Website<br />

nötig sein<br />

Landkarte<br />

rato una sua formula per la ricerca interiore: il deepwalking,<br />

una sorta di regola del camminare per “non lasciare<br />

tracce, rispettare il paesaggio e sostenere le realtà<br />

marginali”. Tra i suoi collaboratori c’è una guida-medico<br />

e psicoterapeuta che offre trekking terapeutici.<br />

I PERCORSI PIÙ INTERESSANTI<br />

Sono davvero tante in Italia le proposte per gli amanti del<br />

trekking. Che si tratti di una passeggiata di un giorno sulla<br />

collina dietro casa o che si debbano affrontare dieci<br />

giorni di avventura estrema. Ovviamente, chi vuole, può<br />

partire da solo, basta organizzarsi. Ottenere informazioni<br />

sui percorsi oggi è abbastanza semplice. Oltre alle classiche<br />

guide, ci sono siti specializzati dove si trova tutto<br />

ciò che serve, dalle informazioni sui percorsi alle mappe.<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2012


Nell’altra pagina:<br />

il Monte Sibilla, nel Parco<br />

Nazionale dei Monti Sibillini<br />

(percorso 3). In questa<br />

pagina (da destra): un tratto<br />

della Via dei formaggi, in Val<br />

Formazza, Piemonte<br />

(percorso 2); il Ponte vecchio<br />

di Bobbio, in provincia di<br />

Piacenza, Emilia-Romagna<br />

(percorso 1).<br />

1<br />

LA VIA DEGLI ABATI<br />

La Via Francigena, percorsa nel Medioevo dai pellegrini<br />

verso Roma, vi pare trafficata come lo “stradone”<br />

di Santiago? Oppure, tappa dopo tappa, l’avete già percorsa<br />

tutta? Provate allora questa variante, più diretta, che<br />

era usata un tempo per raggiungere Roma da Pavia, un<br />

“classico” tra le vie religiose. Si parte da Bobbio, in alta Val<br />

Trebbia (Emilia-Romagna), che con la sua celebre abbazia<br />

fu uno tra i più importanti centri culturali dell’alto Medioevo,<br />

e, dopo cinque giorni, toccando Groppallo, Bardo<br />

e Borgotaro, si arriva a Pontremoli, in Toscana, sul fiume<br />

Magra. Si cammina ogni giorno una media di 5-6 ore, con<br />

dislivelli di 600 metri in discesa e in salita. Il percorso si<br />

snoda per antiche vie, valli boscose, borghi e castelli di una<br />

zona d’Appennino splendida e poco conosciuta.<br />

INFORMAZIONI UTILI<br />

Lunghezza: 125 km. Durata media: 5 giorni. Difficoltà:<br />

medio/impegnativo. Mappa e roadbook completo:<br />

www.retecamminifrancigeni.eu/<br />

2<br />

LA VIA DEI FORMAGGI<br />

La guida Sven Erik Rho si è innamorato della Val<br />

Formazza, in Piemonte, dove nasce il Bettelmatt, il formaggio<br />

più ricercato d’Italia perché le forme sono pochissime<br />

e prenotate con anni di anticipo, a prezzi folli. Il cammino<br />

che propone attraversa in cinque giorni le alte valli<br />

del Parco Naturale Veglia-Devero, tra le più belle di tutto<br />

l’arco alpino, e permette di conoscere i pastori degli alpeggi,<br />

assistendo alla mungitura e alla fabbricazione del<br />

formaggio. Un trekking “solidale” perché sostiene un’economia<br />

oggi in difficoltà: si chiacchiera con i pastori per capire<br />

la vita dell’alpeggio e, in cambio di cibo e alloggio, si<br />

dà alla valle un piccolo contributo economico. Si parte dall’Alpe<br />

Veglia, splendida conca a 1.600 metri d’altezza, di<br />

fianco al Passo del Sempione, e attraverso l’Alpe Devero si<br />

raggiunge l’alta Valle Formazza, terra delle popolazioni<br />

Walser. Quest’anno l’appuntamento è dal 21 al 26 luglio.<br />

INFORMAZIONI UTILI<br />

Durata: 6 giorni, 5 notti. Difficoltà: impegnativo.<br />

Per prenotazioni: www.viaggisolidali.it<br />

3<br />

il dislivello<br />

la discesa<br />

la salita<br />

snodarsi<br />

la valle<br />

il borgo<br />

splendido<br />

impegnativo<br />

nascere<br />

ricercato<br />

Abt<br />

l’abate m.<br />

la Via Francigena<br />

il Medioevo<br />

il pellegrino<br />

trafficato<br />

celebre<br />

l’abbazia<br />

toccare<br />

Frankenweg<br />

Mittelalter<br />

Pilgerer<br />

hier: voll<br />

berühmt<br />

Abtei<br />

berühren, hier:<br />

vorbeikommen<br />

Höhenunterschied<br />

Abstieg<br />

Aufstieg<br />

sich schlängeln<br />

Tal<br />

Dorf<br />

wunderbar<br />

anspruchsvoll<br />

entstehen<br />

erlesen<br />

la forma<br />

folle<br />

l’arco alpino<br />

il pastore<br />

l’alpeggio<br />

assistere<br />

la mungitura<br />

sostenere<br />

chiacchierare<br />

l’alloggio<br />

la conca<br />

sperimentale<br />

l’angolo<br />

l’istruttore<br />

dedicarsi<br />

impervio<br />

la facoltà<br />

vale a dire<br />

la bussola<br />

Laib<br />

verrückt<br />

Alpenraum<br />

Hirt<br />

Alm<br />

beiwohnen<br />

Melken<br />

unterstützen<br />

plaudern<br />

Unterkunft<br />

Kessel,<br />

Mulde<br />

experimentell<br />

Winkel<br />

Ausbilder<br />

sich widmen<br />

unwegsam<br />

Fähigkeit<br />

das heißt<br />

Kompass<br />

IL TREKKING SPERIMENTALE<br />

Franco Michieli, 50 anni e una vita spesa a camminare<br />

su vie lunghe e difficoltose in ogni angolo del mondo,<br />

è una delle guide più esperte d’Italia. Istruttore e autore<br />

di centinaia di articoli e filmati, dal 1998 si è dedicato<br />

a una particolare forma di trekking “di orientamento”, in<br />

cui l’uomo attraversa “zone impervie, interpretandole<br />

soltanto con le facoltà umane”, vale a dire senza mappe,<br />

né gps, orologi o bussole. Perdersi e ritrovare la strada “a<br />

vista” significa per Franco aiutare ciascuno di noi a ritro-<br />

53<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2012


PRATICAMENTE PARLANDO<br />

54<br />

© Shutterstock (3), Prodigo<br />

vare una dimensione di sintonia e fiducia<br />

col proprio corpo. Mi perdo con i lupi è<br />

una settimana di trekking-corso di orientamento<br />

nel bellissimo gruppo montuoso<br />

dei Sibillini, nel cuore dell’Appennino<br />

umbro. Senza seguire i sentieri segnati,<br />

giorno per giorno, Franco improvvisa<br />

con i suoi “allievi” tappe e percorsi, attraversando<br />

un’area di 40 km in linea<br />

d’aria, quasi del tutto selvaggia. Quest’anno<br />

l’appuntamento è dal 25 maggio al 1° giugno.<br />

INFORMAZIONI UTILI<br />

Lunghezza: il percorso varia in base alle capacità<br />

del gruppo. Durata: 8 giorni, 7 notti. Difficoltà: impegnativo.<br />

Per prenotazioni: www.compagniadeicammini.it<br />

4<br />

IL TREKKING SU MISURA<br />

Avete in mente un trekking che nessuna agenzia offre,<br />

ma, per realizzarlo, vorreste affidarvi a un esperto?<br />

Nessun problema: c’è chi, come le associazioni Vie dei<br />

Canti e Walden, organizza trekking su misura. Facciamo<br />

un esempio concreto: avete scoperto grazie ad <strong>ADESSO</strong> la<br />

poesia di Dino Campana e volete visitare i luoghi dell’Appennino<br />

romagnolo nei quali visse la sua intensa storia d’amore<br />

con Sibilla Aleramo. Su Internet avete trovato<br />

una mappa di un trekking organizzato<br />

anni fa dalla sezione di Ravenna del Club<br />

alpino italiano. Avete letto i racconti e visto<br />

le foto di chi questo percorso l’ha fatto<br />

a piedi, a cavallo, in bicicletta, dalla Badia<br />

di Moschieta nella Valle dell’Inferno, attraverso<br />

castagneti secolari, fino alla cascata<br />

del Rovigo. Vi prudono già i piedi? Le guide<br />

organizzeranno per voi spostamenti,<br />

pranzi e pernottamenti, accompagnandovi poi<br />

nell’avventura. Il costo non è tanto diverso da<br />

quello di un trekking già pronto.<br />

INFORMAZIONI UTILI<br />

www.viedeicanti.it;<br />

www.waldenviaggiapiedi.it<br />

5<br />

Einklang<br />

Vertrauen<br />

Gebirgs-<br />

gruppe<br />

gekennzeichnet<br />

Schüler<br />

wild, unberührt<br />

maßgeschneidert<br />

sich<br />

anvertrauen<br />

Kastanienwald<br />

Wasserfall<br />

jucken<br />

la sintonia<br />

la fiducia<br />

il gruppo<br />

montuoso<br />

segnato<br />

l’allievo<br />

selvaggio<br />

su misura<br />

affidarsi<br />

il castagneto<br />

la cascata<br />

prudere<br />

residenziale<br />

il confine<br />

la meraviglia<br />

l’agriturismo<br />

perlustrare<br />

il faggeto<br />

l’abetaia<br />

la cima<br />

il cimitero<br />

il pino<br />

Schlangenloricato<br />

hier: mit fester<br />

Unterkunft<br />

Grenze<br />

Wunder<br />

Ferienbauernhof<br />

erkunden<br />

Buchenwald<br />

Tannenwald<br />

Gipfel<br />

Friedhof<br />

haut-Kiefer<br />

IL TREKKING RESIDENZIALE<br />

Al confine tra Basilicata e Calabria c’è una delle meraviglie<br />

naturali del Sud: il Parco Nazionale del Pollino,<br />

un luogo ideale per praticare il trekking in cui si ritorna<br />

ogni giorno nello stesso alloggio. Ai piedi del parco, attorno<br />

a Viggianello, ci sono diversi alberghi e agriturismi.<br />

Partendo dal Colle dell’Impiso (1.573 metri), con passeggiate<br />

di circa 12-14 chilometri, con dislivelli tra i 600 e gli<br />

800 metri, si possono perlustrare le tante bellezze locali,<br />

come le faggete e le abetaie secolari e la cima di Serra delle<br />

Ciavole (2.130 metri), con il cimitero dei pini loricati.<br />

INFORMAZIONI UTILI<br />

www.viaggiarenelpollino.com;<br />

www.parcopollino.gov.it<br />

A sinistra:<br />

escursionisti nel<br />

Parco del Pollino<br />

(percorso 5).<br />

Sopra: uno scorcio<br />

del Parco Nazionale<br />

dei Monti Sibillini<br />

(percorso 3).<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2012


Jeden<br />

Monat<br />

im Heft<br />

Italienisch<br />

leicht gemacht<br />

für Italien-<br />

Liebhaber<br />

SOLUZIONE LUCILLA INDAGA (DA PAG. 39): Lucilla ha notato che Camilla indossa [indossare: tragen] due pantofole diverse e che una è<br />

identica a quella accanto al letto di Milena, la donna uccisa [getötet]. Probabilmente Camilla ha perso una pantofola mentre commetteva [commettere:<br />

begehen] il delitto [Tat ] e, nella fretta [Hast] di uscire dalla stanza di Milena, ha infilato [infilare: überstreifen] per sbaglio una di quelle della vittima.


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Milena<br />

GABANELLI<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Nibbiano (Piacenza), 9 giugno 1954. STATO CIVILE: è sposata e vive a Bologna con il marito e la<br />

figlia Giulia. SEGNI PARTICOLARI: è una delle poche giornaliste della televisione italiana premiate anche all’estero; l’unica che ha<br />

rinunciato a un premio a favore di una collega (nel 2008 ha ceduto il Premio Mondello alla collega Sabrina Giannini,<br />

più giovane di lei, per valorizzarne il lavoro e incentivarne la carriera, n.d.r.).<br />

56<br />

Exzellenter Journalismus “made in<br />

Italy”: Eine Fernsehmoderatorin hat<br />

keine Angst vor den Reichen und Mächtigen<br />

– und versammelt die Einwohner<br />

des Belpaese vor dem Fernseher.<br />

COSA PENSANO, I NOSTRI LETTORI, DEL GIORNA-<br />

LISMO ITALIANO? Spesso, parlando con colleghi e amici,<br />

ho l’impressione che qui in Germania il giornalismo italiano<br />

sia visto tutto come di bassa qualità. L’immagine<br />

della TV italiana è legata all’idea di programmi “spazzatura”:<br />

spettacolini in cui tante belle signorine poco vestite<br />

si atteggiano a ballerine o, peggio, a conduttrici; talk show<br />

in cui conduttori e ospiti urlano parolacce e spropositi per<br />

l’intera trasmissione. Corrisponde al vero, un’immagine<br />

così negativa del giornalismo made in Italy?<br />

Per limitarci alla TV, il canale d’informazione di gran<br />

lunga più seguito dagli italiani, la risposta è un secco e deciso<br />

no. Anche in Italia, nonostante le gravi crisi (economica,<br />

politica e sociale), si sforna ancora oggi giornalismo<br />

di alta qualità. Lo dimostra, dal 1997, Milena Gabanelli,<br />

che conduce su Rai 3 la trasmissione Report (www.report.<br />

rai.it), uno dei rari programmi di culto prodotti nell’ultimo<br />

decennio dalla televisione pubblica. Non è un’esagerazione:<br />

le puntate di Report sono tra le più seguite e discusse<br />

dai telespettatori, persino dai più giovani. I dati<br />

rilevati da Blogmeter registrano un numero assai elevato<br />

di giovani fan (in media, circa 600.000) per le puntate della<br />

Gabanelli e del suo team di esperti giornalisti. E ciò non<br />

solo perché Report, grazie a Twitter e a Internet, è aperta<br />

all’interazione con il pubblico, ma soprattutto perché la<br />

Gabanelli è una vera reporter. Segue cioè le buone, classiche<br />

regole del giornalismo investigativo.<br />

Diceva Giorgio Bocca, uno degli ultimi grandi del nostro<br />

giornalismo, che la Gabanelli, dall’aspetto così gracile,<br />

“è l’ultima giornalista a fare inchieste in Italia, in un<br />

momento in cui i giornali le hanno abbandonate”. È una<br />

triste, doppia verità. Quella stampata sui giornali è, in Italia,<br />

un’informazione sempre più effimera. Ironia della<br />

sorte, proprio in TV e su un’emittente pubblica va in onda<br />

un programma che indaga a fondo, vagliando le notizie<br />

prima di darle in pasto ai telespettatori: è lo stile di Report,<br />

per l’appunto. La Gabanelli, d’altronde, ha iniziato la sua<br />

fortunata carriera con il giornalismo d’inchiesta. È stata<br />

tra i pochi che hanno messo piede nell’isola dove vivono<br />

i discendenti degli ammutinati del Bounty. Da allora, dal<br />

1990, non ha smesso di puntare la telecamera sui focolai<br />

di guerra; è stata inviata in Iugoslavia, Cecenia e Somalia<br />

e ha raccontato in TV vere e proprie tragedie globali, come<br />

l’osceno traffico di reni in India. Soprattutto ha svelato<br />

la giornalista<br />

premiato<br />

l’estero<br />

rinunciare a<br />

a favore di<br />

il programma<br />

spazzatura<br />

atteggiarsi<br />

la conduttrice<br />

urlare<br />

lo sproposito<br />

la trasmissione<br />

di gran lunga<br />

sfornare<br />

dimostrare<br />

la puntata<br />

Journalistin<br />

ausgezeichnet<br />

Ausland<br />

verzichten auf<br />

zu Gunsten von<br />

abbandonare<br />

effimero<br />

la sorte<br />

l’emittente f.<br />

andare in onda<br />

a fondo<br />

vagliare<br />

la notizia<br />

dare qc. in<br />

pasto a qcn.<br />

per l’appunto<br />

il discendente<br />

l’ammutinato<br />

puntare su<br />

il focolaio<br />

di guerra<br />

l’inviata<br />

osceno<br />

il traffico<br />

il rene<br />

svelare<br />

aufgeben<br />

flüchtig<br />

Schicksal<br />

Sender<br />

auf Sendung<br />

gehen<br />

gründlich<br />

eingehend<br />

prüfen<br />

Nachricht<br />

jdm. etw.<br />

vorsetzen<br />

eben<br />

Nachfahr<br />

Meuterer<br />

richten auf<br />

Trash-TV<br />

sich aufspielen<br />

Moderatorin<br />

brüllen<br />

Unsinn<br />

Sendung<br />

bei weitem<br />

hervorbringen<br />

beweisen<br />

(einzelne) Sendung,<br />

Folge<br />

Fernseh-<br />

zuschauer<br />

erhoben<br />

sehr<br />

hoch<br />

Aussehen<br />

Untersuchung<br />

il telespettatore<br />

rilevato<br />

assai<br />

elevato<br />

l’aspetto<br />

l’inchiesta<br />

Kriegsherd<br />

Berichterstatterin<br />

grauenhaft<br />

illegaler Handel<br />

Niere<br />

enthüllen<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


, 7 gennaio 2013<br />

Berlusconi twitta insulti a<br />

Rai3 e Gabanelli<br />

l’insulto: Beleidigung<br />

L’articolo…<br />

Milena Gabanelli è una<br />

giornalista e conduttrice<br />

FACILE E IN BREVE<br />

Milena Gabanelli<br />

(58), giornalista e<br />

conduttrice del<br />

programma Report.<br />

televisiva. È un esempio apprezzato di giornalismo investigativo,<br />

professionale e coraggioso. Dal 1997 conduce<br />

sulla rete della televisione pubblica Rai 3 il programma<br />

Report, molto seguito<br />

la giornalista<br />

la conduttrice<br />

apprezzato<br />

la rete<br />

pubblico<br />

indagare<br />

a fondo<br />

macchiare<br />

smascherare<br />

la truffa<br />

rivelare<br />

coinvolgere<br />

potente<br />

Journalistin<br />

Moderatorin<br />

geschätzt<br />

Netz, Verbund<br />

öffentlich<br />

ermitteln<br />

gründlich<br />

beschmutzen<br />

entlarven<br />

Betrug<br />

enthüllen<br />

betreffen<br />

mächtig<br />

dal pubblico, nel quale<br />

la Gabanelli indaga a<br />

fondo sui fatti di corruzione<br />

e criminalità che<br />

macchiano l’Italia. La<br />

giornalista, con le sue<br />

indagini, non ha mai<br />

paura di smascherare<br />

truffe e rivelare scandali,<br />

anche quando coinvolgono<br />

personaggi potenti<br />

e popolari del mondo<br />

finanziario e politico.<br />

agli italiani amare verità sui potenti. E non importa se nel<br />

suo mirino finisce un manager o un ministro, di destra,<br />

di centro o di sinistra. Non sarà elegante, ma in italiano<br />

si usa ormai il verbo “sputtanare” per questa tipica attività<br />

giornalistica. Ebbene, se la Gabanelli ha ricevuto tanti meritatissimi<br />

premi italiani e internazionali è perché il suo<br />

Report “sputtana” tutto il marcio del Belpaese.<br />

Prendiamo la puntata del 15 aprile 2012. Come sempre<br />

in modo chiarissimo, la Gabanelli ha spiegato quanto<br />

costa agli italiani l’economia “al nero”, il mondo del lavoro<br />

sommerso fatto di attività economiche senza scontrini<br />

e dichiarazioni. Ogni anno sfuggono al fisco 150 miliardi<br />

, 18 ottobre 2012<br />

Diffamazione, in senato<br />

spunta l’emendamento<br />

“anti-Gabanelli”<br />

spuntare: auftauchen; l’emendamento: Gesetzesänderung<br />

di euro. Oppure la famosa<br />

trasmissione del 31 ottobre<br />

il potente<br />

il mirino<br />

Mächtiger<br />

Fadenkreuz<br />

sputtanare durch den<br />

2011, in cui Report ha puntato<br />

l’obiettivo sulla Gla-<br />

meritato verdient<br />

(volg.) Dreck ziehen<br />

ming, un’azienda specializzata<br />

in scommesse di<br />

il marcio<br />

il lavoro<br />

Verfaultes<br />

sommerso Schwarzarbeit<br />

poker online, che fattura<br />

lo scontrino Kassenzettel<br />

milioni e appartiene all’imprenditore<br />

sfuggire entgehen<br />

Marco Bassetti la scommessa Wette<br />

fatturare umsetzen<br />

per il 30% e per il 70% alla<br />

appartenere gehören<br />

Mondadori, ossia al signor l’imprenditore<br />

Silvio Berlusconi. Non è un<br />

caso se l’ex premier si scatena<br />

m.<br />

ossia<br />

Unternehmer<br />

das heißt<br />

su Twitter contro la scatenarsi sich abreagie-<br />

il caso Zufall<br />

Gabanelli. Anche perché<br />

ren<br />

lei, di recente, ha preso a prendere anfangen,<br />

a fare qc. etw. zu tun<br />

pubblicare editoriali di<br />

di fuoco hier: Brandil<br />

segno Zeichen<br />

fuoco sul sito online Corriere.it.<br />

Segno che le analisi<br />

della giornalista sono apprezzate<br />

apprezzato<br />

temuto<br />

geschätzt<br />

gefürchtet<br />

non solo in TV e<br />

erregen<br />

fare scalpore Aufsehen<br />

sono temute non solo da i fondi pl. Mittel<br />

Berlusconi o da ricchi manager,<br />

mandare in tilt außer Gefecht<br />

ma anche dai politi-<br />

setzen<br />

spacciarsi sich ausgeben<br />

ci. Ha fatto scalpore la trasmissione<br />

il paladino Verfechter<br />

del 28 ottobre<br />

scorso che ha fatto luce sull’uso privato dei fondi del partito<br />

Italia dei Valori. È bastata una puntata di Report a<br />

mandare in tilt Italia dei Valori, che si spacciava per paladino<br />

della moralità. Ne avessimo di più, in Italia, di giornalisti<br />

che mettono a nudo i nostri “intoccabili”.<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

© Uff. Stampa RAI<br />

57<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

58<br />

GABER,<br />

IL SIGNOR “G.”<br />

A 10 anni dalla scomparsa di Giorgio<br />

Gaber, inventore del “teatro canzone”,<br />

l’amico e coautore di tutti i suoi testi e<br />

spettacoli racconta una delle figure più<br />

significative della musica leggera italiana.<br />

Si parte dagli anni Sessanta, quando<br />

un pittore d’avanguardia incontra un<br />

giovane chitarrista di successo. Diventano<br />

amici, iniziano a scrivere canzoni e a condividere anni<br />

esplosivi. In televisione, accanto a Gaber sfilavano i grandi di<br />

allora, Celentano e Mina, ma anche Jacques Brel, Luigi Tenco,<br />

Battiato. Alla ricerca di una canzone impegnata, “il signor<br />

G” arriva al teatro quasi per caso. Il recitativo si contrappone<br />

alla musica, in un flusso di parole che diventerà la colonnasonora<br />

degli anni Settanta. Dalla critica alla mentalità borghese,<br />

alla nascita dell’individualismo;<br />

dal fallimento del<br />

politico alla critica sociale,<br />

tutto viene raccontato come<br />

in una canzone di Gaber, con<br />

ironia e guizzi dissacranti.<br />

Lingua: abbastanza<br />

difficile. Genere: memoriale.<br />

Sandro e Roberto Luporini,<br />

G.: vi racconto Gaber,<br />

Mondadori, 311 pagine.<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Questo mese puoi fare<br />

il dettato sulla canzone<br />

Destra-Sinistra di Giorgio Gaber.<br />

la scomparsa<br />

l’inventore m.<br />

il pittore<br />

condividere<br />

sfilare<br />

la ricerca<br />

impegnato<br />

il recitativo<br />

contrapporsi<br />

la colonna<br />

sonora<br />

borghese<br />

il fallimento<br />

il guizzo<br />

dissacrante<br />

Ableben<br />

Erfinder<br />

Maler<br />

teilen<br />

hier: auftreten<br />

Suche<br />

(politisch)<br />

engagiert<br />

Vortrag<br />

sich entgegenstellen<br />

Soundtrack<br />

bürgerlich<br />

Scheitern<br />

Aufblitzen<br />

ketzerisch<br />

UNA STORIA<br />

PIEMONTESE<br />

Una venturina, nell’alta Langa di un<br />

secolo fa, era una figlia di nessuno,<br />

spesso affidata a contadini che la<br />

prendevano in casa in cambio di un<br />

magro sussidio. Ma la vita dei montanari<br />

è dura e Gemma, costretta a<br />

fare la serva, non ce la fa. Grazie a<br />

un colpo di fortuna, riesce a farsi<br />

adottare da una famiglia agiata. Ora che è protetta può<br />

andare a scuola e frequentare gli altri bambini del paese.<br />

Intelligente e benvoluta, cresce e studia, ma non riuscirà<br />

mai a comprendere perché la società la ricacci indietro,<br />

alle sue umili origini. Il romanzo è di una maestra in pensione,<br />

che ha deciso di raccontare la dura vita del mondo<br />

contadino piemontese in<br />

cui è cresciuta e ha insegnato.<br />

Autrice di diversi libri,<br />

il suo successo ha<br />

ampiamente superato la<br />

provincia di Cuneo. Le<br />

sue storie, tutte autentiche<br />

e ancora impregnate<br />

di modi di dire, di sentire<br />

e di pensare della cultura<br />

e dell’aria di un tempo,<br />

rappresentano una delle<br />

ultime testimonianze di<br />

un’epoca ormai lontana.<br />

Lingua: difficile. Genere:<br />

romanzo. Maria Tarditi,<br />

La venturina, Baldini<br />

e Castoldi, 341 pagine.<br />

la Langa: Gebiet im Piemont<br />

affidato anvertraut<br />

il contadino Bauer<br />

il sussidio Zuschuss<br />

il montanaro Gebirgsbewohner<br />

costretto gezwungen<br />

la serva Dienstmagd<br />

adottare adoptieren<br />

agiato gut situiert<br />

ricacciare zurücktreiben<br />

la maestra Lehrerin<br />

giunto erreicht<br />

l’autrice f. Autorin<br />

superare bei weitem<br />

ampiamente übertreffen<br />

impregnato erfüllt, getränkt<br />

la testimonianza<br />

Zeugnis<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

L’ALTO ADIGE<br />

IN NUMERI<br />

A volte le statistiche possono essere davvero noiose! Tra numeri,<br />

date e grafici di difficile interpretazione può venir voglia di<br />

girare velocemente pagina. Non è il caso di questo libro, colorato<br />

e accattivante, che raccoglie tutte le informazioni possibili<br />

e immaginabili sulla regione più a nord d’Italia. Dalla A di “agricoltura” alla V di “vino”, gli autori di questo libro raccontano<br />

in un centinaio di schede tutto quello che c’è da sapere sull’Alto Adige. Non ci sono solo dati classici, come il numero<br />

di abitanti, ma anche informazioni curiose, probabilmente sconosciute anche agli altoatesini: le caratteristiche della produzione<br />

di mele, i modi più comodi per salire in quota, le rotte aeree che sorvolano la regione. Il tutto presentato in tedesco,<br />

italiano e inglese, in maniera leggera e divertente, attraverso la tecnica dell’infografica, che unisce, cioè, informatica e arti<br />

grafiche. Premiato come “libro più innovativo del 2013” dall’ITB<br />

Book Awards, è un regalo perfetto per gli appassionati<br />

della regione, ma anche per chi ama sfogliare e risfoglia-<br />

accattivante ansprechend<br />

unire vereinen<br />

l’Alto Adige Südtirol<br />

la maniera Weise<br />

re i libri scoprendo ogni volta nuovi contenuti. I. B. raccogliere sammeln<br />

premiato ausgezeichnet<br />

l’appassionato Liebhaber<br />

salire in höhere<br />

Hermann Gummerer, Franziska Hack, Infographics:<br />

sfogliare blättern<br />

in quota Lagen steigen<br />

no.parking, Alto Adige tutto di tutto, Folio, 128 pagine,<br />

scoprire entdecken<br />

€ 21,10 (D, A), € 19,90 (I).<br />

la rotta aerea Flugroute<br />

il contenuto Inhalt<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

IL LIBRO DELL’AUTRICE<br />

L’EREDITÀ<br />

Nel diario della bisnonna Rosa Tiefethaler prende vita la storia<br />

di una famiglia di agiati viticoltori di Pinzon, appena a nord<br />

di Trento. Nel 1918 la loro terra passa all’Italia e il fascismo<br />

cercherà in tutti i modi di trasformare i nuovi cittadini in italiani.<br />

La famiglia, che è di madrelingua tedesca, si ribella,<br />

vuole conservare tradizioni e lingua. Inizia una lotta clandestina<br />

che condurrà la più ribelle,<br />

Hella, addirittura al l’eredità Erbe<br />

confino. In famiglia si discute<br />

il diario Tagebuch<br />

anche se accettare la pro-<br />

posta fatta da Hitler con le<br />

cosiddette Opzioni e varcare<br />

le Alpi. L’istinto giornalistico<br />

permette alla Gruber di<br />

raccontare con chiarezza il<br />

traumatico passaggio dal<br />

Südtirol all’Alto Adige.<br />

Lingua: facile.<br />

Genere: storia familiare.<br />

la bisnonna<br />

agiato<br />

il viticoltore<br />

passare a qcn.<br />

il cittadino<br />

la lotta<br />

clandestino<br />

condurre<br />

il confino<br />

varcare<br />

Urgroßmutter<br />

gut situiert<br />

Winzer<br />

an jmd. gehen<br />

Bürger<br />

Kampf<br />

heimlich<br />

führen<br />

Verbannung<br />

überschreiten<br />

L’AUTRICE DEL MESE<br />

LILLI GRUBER<br />

Dietlinde Gruber nasce nel 1957 a Bolzano da una famiglia<br />

molto religiosa di antichi proprietari agricoli diventati<br />

imprenditori. Si laurea in Lingue a Venezia, torna a Bolzano<br />

e, in quegli anni cruciali, sulla scia di Alex Langer cerca<br />

il dialogo tra le due etnie dell’Alto Adige. Giornalista<br />

prima nei giornali locali, passa poi alla Rai regionale, finché<br />

nel 1987 diventa la prima donna italiana a condurre<br />

un notiziario nazionale in prima serata, il Tg2. Ormai popolarissima<br />

in tutto il paese<br />

e considerata da molti<br />

un vero sex symbol, diventa<br />

inviata e riferisce i<br />

grandi eventi mondiali: la<br />

caduta del Muro di Berlino,<br />

la Guerra del Golfo e<br />

così via. Nel 2002, da un<br />

suo soggiorno di tre mesi<br />

a Baghdad nasce un libro<br />

che diventa un bestseller.<br />

Scrive e cura trasmissioni<br />

anche in Germania (Focus<br />

TV su Pro7), per anni ha<br />

una rubrica anche su<br />

<strong>ADESSO</strong>. Nominata Cavaliere<br />

del lavoro, si candida<br />

al parlamento europeo nel<br />

2004 per la coalizione di<br />

centrosinistra. Dopo essersi<br />

impegnata in diverse<br />

commissioni, si dimette<br />

(rinunciando alla pensione)<br />

per tornare a fare la<br />

giornalista a tempo pieno.<br />

Oggi conduce la trasmissione<br />

Otto e mezzo sulla<br />

rete televisiva La7.<br />

il proprietario<br />

agricolo Gutsbesitzer<br />

l’imprenditore<br />

m. Unternehmer<br />

laurearsi einen Hochschulaschluss<br />

erwerben<br />

cruciale entscheidend<br />

sulla scia in jmds.<br />

di qcn. Kielwasser<br />

passare a wechseln zu<br />

condurre moderieren<br />

il notiziario Nachrichten<br />

la prima Hauptsserata<br />

endezeit<br />

l’inviata Berichterstatterin<br />

riferire berichten<br />

il soggiorno Aufenthalt<br />

curare betreuen<br />

la trasmissione Sendung<br />

nominare ernennen<br />

il Cavaliere del lavoro: Arbeitsverdienstorden<br />

für außerordentl.<br />

wirtschaftl. und insbesondere soziale<br />

Verdienste<br />

impegnarsi sich engagieren<br />

dimettersi zurücktreten<br />

rinunciare verzichten<br />

la rete hier: Sender<br />

DAL LIBRO:<br />

I fascisti sono andati a colpo sicuro, quella sera: qualcuno<br />

deve aver parlato. Il 10 gennaio Hella viene trasferita<br />

dalla cella della caserma di Margeid alla prigione di<br />

Neumarkt, dove sarà nuovamente interrogata. Viene affidata<br />

alle cure del capitano Giovanni Battista Gandino che ha<br />

sicuramente avuto ordini precisi dal procuratore di Trento:<br />

bisogna farla cantare. Da questo momento la giovane comincia<br />

ad apparire meno sicura di sé. Ha capito che la polizia e la<br />

magistratura fasciste fanno sul serio, non vogliono solo spaventarla.<br />

Difficilmente i suoi potranno evitarle la prigione o<br />

il confino. Non ci riuscirà sua madre, che si sta dando da fare<br />

in ogni modo; non ci riusciranno gli altri suoi familiari,<br />

che stanno bussando a tutte le porte. Sono intervenuti persino<br />

alti prelati, ma sarà tutto inutile. Hella si ritrova sola<br />

in fondo a una cella, e la sua fiducia nella grandezza del Reich<br />

e del suo condottiero si appanna.<br />

Dovrà ingoiare un andare a ganz sicher<br />

po’ del suo orgoglio per ottenere<br />

un castigo meno severo.<br />

colpo sicuro gehen<br />

la prigione Gefängnis<br />

interrogare befragen<br />

Il 20 gennaio nel faccia a faccia<br />

con il capitano Gandino le cure pl. Obhut<br />

affidare übergeben<br />

il procuratore Staatsanwalt<br />

il suo tono è già molto diverso:<br />

“Non ho mai voluto fare la magistratura Justiz<br />

apparire erscheinen<br />

propaganda anti-italiana”, il confino Verbannung<br />

dichiara, dando finalmente la fiducia Vertrauen<br />

il condottiero Feldherr<br />

soddisfazione agli inquirenti.<br />

“Ho soltanto esternato ingoiare herunter-<br />

appannarsi sich trüben<br />

qual è il mio pensiero nei riguardi<br />

dell‘Italia”. Adesso è<br />

schlucken<br />

l’orgoglio Stolz<br />

ottenere erreichen<br />

pronta ad ammettere che in il castigo Strafe<br />

casa Kobler c’erano tre donne<br />

il 28 novembre 1937.<br />

ammettere<br />

l’inquirente m. Ermittler<br />

zugeben<br />

59<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

ZWEISPRACHIG<br />

WÖRTERBUCH<br />

GRAMMATIK<br />

FIORETTI DELLA TOSCANA –<br />

TOSKANA LESEBUCH<br />

Anfänger und fortgeschrittene Lerner<br />

werden sich freuen, in diesem Buch Bekanntes<br />

und Unbekanntes, Klassisches<br />

und Modernes, Eingängiges und Anspruchsvolles<br />

in italienisch-deutschem<br />

Paralleldruck vorzufinden: Auf den linken<br />

Seiten des Buches finden Sie die italienische<br />

Version, rechts die deutsche Übersetzung.<br />

Für alle Toskana-Liebhaber.<br />

Buch mit 223 Seiten. Italienisch – Deutsch<br />

Niveau A2-B2. Artikel-Nr. 45521<br />

€ 8,90 (D)/€ 9,50 (A)<br />

TASCHENWÖRTERBUCH ITALIENISCH<br />

Das Must-have-Wörterbuch von Langenscheidt<br />

jetzt komplett neu mit kostenlosem<br />

Online-Wörterbuch. Der hochaktuelle<br />

Neuwortschatz deckt die Bereiche<br />

Alltag, Kommunikation, Medien, Wirtschaft<br />

und Politik ab. Besonderes Extra<br />

sind Vorlagen für E-Mails und Briefe,<br />

Bewerbung und Lebenslauf, Grammatiktabellen<br />

und Zahlen. Mit rund 130.000<br />

Stichwörtern und Wendungen.<br />

Zweisprachiges Wörterbuch mit 1632 Seiten<br />

Italienisch-Deutsch, Deutsch-Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45519, € 24,99 (D)/€ 25,60 (A)<br />

GRAMMATICA ATTIVA<br />

Das Buch enthält 44 Einheiten zu Grammatik-Hauptthemen,<br />

die mit abwechslungsreichen<br />

und ansprechenden Lehrmethoden<br />

vermittelt werden. Jede Einheit<br />

wird durch eine kommunikative Situation<br />

dargestellt, die sich an einem bestimmten<br />

Thema orientiert. Übersichtliche Diagramme<br />

erleichtern das Verständnis. Im<br />

Anhang gibt es Tests zur Selbstbeurteilung.<br />

Bucht mi 320 Seiten. Italienisch<br />

Niveau A1-B2. Artikel-Nr. 45518<br />

€ 23,90 (D)/€ 24,60 (A)<br />

GRAMMATIK<br />

SELBSTLERNKURS<br />

GRAMMATICA D‘USO DELLA LINGUA ITALIANA<br />

Das Buch Grammatica d’uso della lingua italiana hilft Ihnen<br />

mit vielen Übungen und Erklärungen Ihr italienisch auf<br />

einfache Weise zu verbessern. Das Buch ist in 95 Einheiten<br />

gegliedert, in denen alle Themen nach dem Doppelseiten-<br />

Prinzip unterteilt sind.<br />

Auf der linken Seite wird die Grammatik genauer erläutert,<br />

begleitet von Beispielsätzen. Auf der rechten<br />

Seite gibt es dann zahlreiche passende Übungen. Mit<br />

dabei ist ein Anhang mit Tabellen und interessanten Informationen,<br />

wie beispielsweise den unregelmäßigen<br />

Verben. Zusätzlich finden Sie Beispiele von Tests für das<br />

CELI-Zertifikat. Eine Audio-CD mit Übungen hilft Ihnen bei<br />

der Aussprache und dem Hörverständnis.<br />

Buch (244 Seiten) + Audio-CD. Italienisch. Niveau A2/B1<br />

Artikel-Nr. 45517. € 19,99 (D)/€ 20,60 (A)<br />

UNTERWEGS IN ITALIEN<br />

Mit Unterwegs in Italien können wissbegierige<br />

Kinder ab 9 Jahren Sprache und<br />

Land auf eigene Faust entdecken. Mit<br />

Übungsaufgaben, Lösungen und Audio-<br />

CD für ein besseres Hörverständnis.<br />

Buch (80 Seiten) + Audio.CD. Niveau A1<br />

Artikel-Nr. 45520. € 12,95 (D)/€ 13,40 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

FÜR DEN BERUF<br />

DVD-TIPP<br />

HUMOR<br />

Rezensiert in<br />

<strong>ADESSO</strong> 10/12!<br />

CONVERGENZE<br />

ENGEL DES BÖSEN<br />

FRITZ MISTO<br />

Benötigen Sie Italienisch im Beruf? Oder<br />

möchten Sie Ihre Kenntnisse zumindest<br />

auf einen so guten Stand bringen, dass<br />

Sie ohne Probleme in Italien arbeiten<br />

könnten? Das neuartige Konzept von<br />

Convergenze gewann das Europäische<br />

Sprachensiegel 2012 für innovative<br />

Sprachvermittlung. Auf der enthaltenen<br />

DVD erhalten Sie Musterkorrespondenzen,<br />

Präsentationen und Videos.<br />

Lehrbuch + DVD-ROM. Italienisch.<br />

Niveau B2/C1. Artikel-Nr. 45515<br />

€ 29,99 (D)/€ 30,90 (A)<br />

Der Film erzählt die wahre Geschichte<br />

des berühmtesten Gangsters Italiens: Renato<br />

Vallanzasca. Durch präzise geplante<br />

Raubüberfälle, Entführungen und Morde<br />

stieg er in den 70er-Jahren zum König<br />

der Mailänder Unterwelt auf und wurde<br />

zum gefürchtetsten Verbrecher des Landes.<br />

Durch seinen teuflischen Charme<br />

und sein engelsgleiches Gesicht war<br />

er besonders bei den Frauen beliebt ...<br />

DVD auf Deutsch und Italienisch.<br />

Artikel-Nr. 41108<br />

€ 14,99 (D)/€ 14,99 (A)<br />

Wir Deutschen lieben und ehren die italienische<br />

Küche – und das zurecht. Doch<br />

wie ist es eigentlich andersrum? Wie sehen<br />

die Italiener unsere deutsche Küche<br />

voller „Wurstel“ und „Krauti“? Von Italienern<br />

für Italiener geschrieben finden<br />

Sie in diesem Buch jede Menge Sitten,<br />

Bräuche und Eigenheiten der Deutschen<br />

und der deutschen Küche, über die auch<br />

wir Deutschen schmunzeln können.<br />

Buch mit 190 Seiten. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45516<br />

€ 16,90 (D)/€ 17,60 (A)<br />

SPRACHSPIEL<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

UN FINE SETTIMANA A ROMA<br />

Erfahren Sie mehr über die italienische<br />

Sprache und die italienische Hauptstadt<br />

durch das Brettspiel der <strong>ADESSO</strong>-Redaktion,<br />

das Sprachwissen und Landeskunde<br />

perfekt verbindet.<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

oder telefonischen Bestellung geben Sie bitte die Artikelnummer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Brettspiel mit 2 Niveaustufen. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 48108. € 29,95 (D)/€ 30,85 (A)<br />

Sonderangebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


L’ITALIA A TAVOLA<br />

TUTTA LA DOLCEZZA<br />

DEL FRIULI<br />

Italienische Qualitätskost par excellence: Der wunderbar aromatische<br />

Traditionsschinken aus San Daniele tut Leib und Seele gut. Lassen<br />

auch Sie ihn sich auf der Zunge zergehen…<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

62<br />

© Courtesy of Consorzio Prosciutto di San Daniele, Mauritius Images<br />

SE C’È QUALCOSA DI CUI L’ITALIA È DAVVERO<br />

RICCA, COME POCHISSIME ALTRE NAZIONI AL<br />

MONDO, È L’ALTISSIMA QUALITÀ DEI SUOI PRO-<br />

DOTTI ALIMENTARI; prodotti che non si limitano a essere<br />

buoni, ma che sono eccellenti perché, dietro alla loro<br />

produzione, ci sono tradizioni secolari, condizioni<br />

ambientali che si possono trovare solo in un certo luogo<br />

e in nessun altro, regolamenti e controlli a garanzia della<br />

qualità. Il prosciutto di San Daniele appartiene senza<br />

dubbio a questo gruppo di eccellenze. Ecco perché ho accettato<br />

con un piacere particolare l’invito a una serata di<br />

degustazione di questa vera e propria delizia.<br />

Ci troviamo nell’ambiente raffinato e accogliente del<br />

Pop Up Store di Monaco di Baviera. Ho subito il piacere di<br />

incontrare Vladimir Dukcevich e Mario Emilio Cicchetti,<br />

rispettivamente presidente e direttore generale del Consorzio<br />

del Prosciutto di San Daniele, che mi invitano a se-<br />

ricco reich<br />

il prodotto Nahrungsalimentare<br />

mittel<br />

limitarsi einfach nur<br />

a essere qc. etw. sein<br />

secolare jahrhundertealt<br />

ambientale Umweltappartenere<br />

gehören<br />

accettare eine Einladung<br />

un invito annehmen<br />

la delizia Köstlichkeit<br />

accogliente behaglich<br />

rispettivamente jeweils<br />

il consorzio: Genossenschaft zum<br />

Schutz eines Produktes<br />

l’assaggio Kostprobe<br />

crudo roh<br />

annunciare ankündigen<br />

il palato Gaumen<br />

affettato aufgeschnitten<br />

l’olfatto<br />

travolgere<br />

l’onda<br />

rivelare<br />

l’equilibrio<br />

la sapidità<br />

avvolgere<br />

trattenere<br />

il mugolio<br />

osservare<br />

il contorno<br />

la striatura<br />

di grasso<br />

saporito<br />

monoinsaturo<br />

il ricambio<br />

Geruchssinn<br />

überwältigen<br />

Welle<br />

offenbaren<br />

Gleichgewicht<br />

Schmackhaftigkeit<br />

einhüllen<br />

unterdrücken<br />

Winseln<br />

betrachten<br />

Rand<br />

Fettstreifen<br />

wohlschmeckend<br />

einfach<br />

ungesättigt<br />

Austausch<br />

dermi con loro e a prepararmi al primo assaggio di questo<br />

grande prosciutto crudo. Ad annunciare il piacere che<br />

attende il palato è il profumo, intenso e fine allo stesso<br />

tempo, del prosciutto appena affettato. L’olfatto è travolto<br />

da una piccola onda aromatica. Ma è in bocca che il San<br />

Daniele rivela il suo vero sapore, un perfetto equilibrio tra<br />

sapidità e dolcezza che avvolge piacevolmente il palato.<br />

Non riesco a trattenere un mugolio di soddisfazione.<br />

Il signor Dukcevich mi invita a osservare la fetta, in particolare<br />

il contorno e le striature di grasso all’interno della<br />

parte magra. “Vede, il grasso nel San Daniele è buono<br />

come il resto. Non solo nel senso che è saporito, ma anche<br />

che è sano. È una delle caratteristiche del nostro prosciutto.<br />

I grassi del San Daniele sono per la maggior parte<br />

monoinsaturi, ovvero grassi “buoni”, quelli che aiutano<br />

il ricambio del colesterolo nel sangue”. Buono a sapersi,<br />

mi dico. Del resto il grasso si associa sempre a ciò che fa<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2012


Nell’altra pagina: code di gamberi al<br />

prosciutto di San Daniele su crema di<br />

patate al profumo di aglio del ristorante<br />

Da Scarpan di San Daniele del Friuli.<br />

Qui: il prosciutto di San Daniele affettato.<br />

63<br />

male alla salute e subito mi vengono in mente le persone<br />

che, di fronte a una fetta di crudo, anche pregiato, per prima<br />

cosa tolgono il grasso dal bordo. Praticamente un sacrilegio!<br />

Il ghiaccio è rotto e, tra una fetta di prosciutto e un bicchiere<br />

di ottimo Ribolla Gialla, un vino bianco friulano<br />

che si abbina in modo eccellente al San Daniele, cerco di<br />

saperne di più su questa delizia che prende il nome da<br />

San Daniele del Friuli, un piccolo comune in provincia di<br />

Udine, famoso in tutto il mondo per il suo prosciutto. Innanzitutto,<br />

chiedo, come fa una coscia di maiale a diventare<br />

prosciutto di San Daniele? I responsabili del Consorzio<br />

mi spiegano che il San Daniele viene prodotto secondo<br />

Gesundheit<br />

hochwertig<br />

entfernen<br />

Rand<br />

sehr gut<br />

aus dem Friaul<br />

zu etw. passen<br />

Schweine-<br />

keule<br />

la salute<br />

pregiato<br />

togliere<br />

il bordo<br />

ottimo<br />

friulano<br />

abbinarsi a qc.<br />

la coscia<br />

di maiale<br />

un disciplinare molto rigoroso, sviluppatosi a partire dal<br />

1961, anno di nascita del Consorzio. Tutto dipende da tre<br />

fattori: materia prima, metodi di lavorazione e ambiente.<br />

Le cosce provengono esclusivamente da suini allevati in<br />

10 regioni dell’Italia centro-settentrionale. I metodi di la-<br />

il disciplinare<br />

svilupparsi<br />

la materia<br />

prima<br />

provenire<br />

allevato<br />

settentrionale<br />

Bestimmungen<br />

Pl.<br />

sich<br />

entwickeln<br />

Rohstoff<br />

stammen<br />

gezüchtet<br />

Nord-<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2012


L’ITALIA A TAVOLA<br />

64<br />

© Courtesy of Consorzio Prosciutto di San Daniele (2), LAIF<br />

SPAGHETTONI AL TORCHIO<br />

CON TOPINAMBUR,<br />

PROSCIUTTO DI SAN DANIELE<br />

E BOTTARGA DI TONNO<br />

Spaghettoni aus der Nudelpresse mit topinambur,<br />

prosciutto di San Daniele und Thunfisch-Bottarga<br />

Osteria Tancredi, San Daniele del Friuli<br />

Ingredienti per 4 persone:<br />

300 g di spaghettoni al torchio<br />

4 topinambur<br />

100 g di San Daniele tagliato spesso<br />

Olio extravergine di oliva<br />

Bottarga di tonno<br />

Sale e pepe<br />

Procedimento: Pulite e cuocete i topinambur in acqua<br />

salata. Tagliateli a cubetti e metteteli da parte. Tagliate il<br />

prosciutto in strisce di circa 2 cm di spessore. Fate cuocere<br />

gli spaghettoni in abbondante acqua salata. Mentre<br />

la pasta cuoce, fate saltare i topinambur nell’olio. Aggiungete<br />

il prosciutto a cubetti<br />

spesso<br />

tagliare<br />

a cubetti<br />

la striscia<br />

abbondante<br />

saltare<br />

stufare<br />

scolare<br />

la padella<br />

grattugiare<br />

il filo<br />

dick<br />

würfeln<br />

Streifen<br />

reichlich<br />

anbraten<br />

schmoren<br />

abgießen<br />

Pfanne<br />

reiben<br />

Hauch<br />

e lasciatelo stufare per<br />

qualche minuto. Una volta<br />

pronti, scolate gli spaghettoni<br />

e saltateli in padella<br />

con il topinambur e il prosciutto.<br />

Aggiungete il pepe.<br />

Una volta che la pasta è nel<br />

piatto, grattugiatevi sopra<br />

la bottarga e insaporite con<br />

un filo d’olio extravergine<br />

d’oliva.<br />

vorazione devono essere quelli tradizionali, antichi almeno<br />

quanto la storia di questo prosciutto, la cui fama<br />

aveva superato i confini del Friuli già nel XIV secolo. Nella<br />

lavorazione, il tempo svolge un ruolo fondamentale,<br />

dal taglio della coscia fino alla stagionatura, che non deve<br />

essere inferiore a 13 mesi. Non prevedendo alcun metodo<br />

di conservazione che non sia quello naturale, le cosce<br />

fresche devono raggiungere nel più breve tempo<br />

possibile i centri di lavorazione. Qui sono affidate a mani<br />

esperte, che procedono alla salatura con sale marino.<br />

L’ultima, ma non meno fondamentale condizione, è l’ambiente.<br />

Acqua, aria e territorio concorrono alla creazione<br />

di un microclima particolare, che si trova solo su queste<br />

colline, a metà strada tra le Alpi e il mare, e che esercita<br />

un’influenza determinante sul risultato.<br />

Un tema a cui tengo particolarmente, soprattutto<br />

quando si parla di prodotti di qualità certificata (vorrei ricordare<br />

che il San Daniele<br />

è un prodotto a Denominazione<br />

di origine protetta)<br />

è come fa il consumatore<br />

a riconoscere il vero<br />

prosciutto di San Daniele.<br />

“Sono diversi, i segni distintivi<br />

che permettono al<br />

consumatore di riconoscere<br />

il vero San Daniele – mi<br />

spiega il presidente Dukcevich<br />

– a cominciare dalla<br />

coscia, che comprende ancora<br />

lo zampino; il piede<br />

del maiale, per capirci. Naturalmente<br />

non deve mancare<br />

il marchio del Consorzio,<br />

compreso il numero a<br />

due cifre che identifica il<br />

produttore; poi ci sono<br />

una serie di codici dai quali<br />

si può risalire all’allevamento<br />

di provenienza dei<br />

maiali come al prosciuttificio<br />

che ha eseguito la lavorazione”.<br />

E poi, aggiungo<br />

io, il sapore è davvero inconfondibile.<br />

Dunque, con<br />

un po’ di attenzione al momento<br />

dell’acquisto, è possibile<br />

evitare di farsi ingannare.<br />

Ora mi preme sapere<br />

che ruolo ha il prosciutto<br />

di San Daniele nella dieta<br />

dei friulani. Il presidente<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Trovi un esercizio sul prosciutto<br />

San Daniele nella rubrica<br />

Grammatica.<br />

la fama<br />

superare<br />

il confine<br />

svolgere<br />

un ruolo<br />

il taglio<br />

la stagionatura<br />

inferiore<br />

prevedere<br />

affidare<br />

procedere<br />

il sale marino<br />

esercitare<br />

l’influenza<br />

determinante<br />

tenere a qc.<br />

Ruf<br />

überschreiten<br />

Grenzen<br />

eine Rolle<br />

spielen<br />

Fleischstück<br />

Ablagerung<br />

geringer<br />

vorsehen<br />

anvertrauen<br />

fortfahren<br />

Meersalz<br />

ausüben<br />

Einfluss<br />

entscheidend<br />

Wert auf<br />

etw. legen<br />

geschützte<br />

Ursprungs-<br />

bezeichnung<br />

Unterschei-<br />

dungsmerkmal<br />

erlauben<br />

Schweinefuß<br />

Siegel<br />

Code<br />

etw. zurückverfolgen<br />

Schinken pro-<br />

duzierender<br />

Betrieb<br />

unverwechselbar<br />

Erwerb, Kauf<br />

vermeiden<br />

täuschen,<br />

betrügen<br />

jdm. wichtig<br />

sein<br />

Kost<br />

la Denominazione<br />

di origine<br />

protetta<br />

il segno<br />

distintivo<br />

permettere<br />

lo zampino<br />

il marchio<br />

il codice<br />

risalire a qc.<br />

il prosciuttificio<br />

inconfondibile<br />

l’acquisto<br />

evitare<br />

ingannare<br />

premere<br />

a qcn.<br />

la dieta<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2012


L’ITALIA A TAVOLA<br />

Perfektion lässt sich<br />

leicht üben.<br />

SAPIENZA E TRADIZIONE<br />

Da sopra: due momenti della lavorazione, la<br />

salatura e la stagionatura.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus ist die ideale Ergänzung<br />

zum Magazin:<br />

sorride e, sollevando il bicchiere, risponde: “Il<br />

prosciutto naturalmente è parte integrante<br />

non solo della nostra dieta, ma anche della nostra<br />

cultura. Lo si gusta così, semplicemente<br />

accompagnato dal vino e dal pane, come stiamo<br />

facendo noi stasera, ma la delicatezza del<br />

sollevare heben<br />

la parte wesentlicher suo sapore ne fa un ingrediente prelibato di<br />

integrante Bestandteil molte preparazioni, dalle più semplici alle più<br />

accompagnato<br />

da zusammen mit raffinate. Si può usare nelle insalate o per insaporire<br />

un piatto di pasta, fino agli accosta-<br />

l’ingrediente m. Zutat<br />

prelibato köstlich menti più sorprendenti, come con i gamberoni.<br />

Eccole una piccola pubblicazione con<br />

la preparazione Zubereitung<br />

l’accostamento Kombination<br />

il gamberone Krebs alcune ricette preparate per noi da alcuni ristoranti<br />

di San Daniele. Rimarrà sorpreso”. In<br />

la ricetta Rezept<br />

meravigliarsi sich wundern<br />

il cuoco Koch effetti c’è da meravigliarsi, di fronte alle creazioni<br />

dei cuochi di San Daniele, piatti dai no-<br />

evocativo zur Verfügung<br />

di qc. xerinnert<br />

mi invitanti ed evocativi di delizie per il palato,<br />

come gli spaghetti saltati al vino Friulano<br />

saltato in Wein<br />

al vino geschmort<br />

lo scrigno Schrein nello scrigno di San Daniele, le code di gamberi<br />

al prosciutto di San Daniele su crema di<br />

la coda<br />

di gambero Krebsschwanz<br />

la crema Kartoffeldi<br />

patate cremesuppe torchio con topinambur, prosciutto di San Da-<br />

patate al profumo di aglio o gli spaghettoni al<br />

l’ospite m. hier: Gastgeber<br />

indovinare raten niele e bottarga di tonno. Mentre saluto miei<br />

ospiti medito su quale sarà la prima delle ricette<br />

che proverò. Considerato che ho una passione per la bottarga, indovinate<br />

un po’? Esatto, proprio gli spaghettoni al torchio! Ah, la ricetta è nella<br />

pagina accanto, provate anche voi e fatemi sapere.<br />

24 Seiten Übungen zu Grammatik,<br />

Wortschatz und Redewendungen<br />

Tests zur Überprüfung des Lernerfolgs<br />

Monatlich passend zum Magazin<br />

Zu jeder<br />

Ausgabe von<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

Am besten, Sie probieren<br />

es gleich aus!<br />

Bestellen Sie hier <strong>ADESSO</strong> plus:<br />

www.adesso-online.de/plusheft<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2012


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

LE GATTARE UN TEMPO ERANO<br />

SIGNORE ANZIANE E SOLE CHE<br />

SI OCCUPAVANO DEI RANDAGI.<br />

Spesso povere, rinunciavano a un<br />

piatto di carne per offrirlo ai loro<br />

amati gatti. Oggi le gattare sono molto<br />

cambiate. Spesso sono ragazze giovani<br />

e la loro attività, talvolta, è riconosciuta<br />

dal Comune. A Roma, per<br />

esempio, le gattare sono iscritte a un<br />

albo, denunciano la colonia di gatti<br />

di cui si occupano, si impegnano a<br />

farli sterilizzare e a curarli quando sono<br />

malati. Inoltre sono organizzate in<br />

randagio streunend<br />

la gattara: Frau, die sich um streunende Katzen<br />

kümmert<br />

anziano alt<br />

rinunciare verzichten<br />

offrire anbieten<br />

iscritto eingetragen<br />

l’albo öffentliches Register<br />

denunciare melden<br />

impegnarsi sich verpflichten<br />

Netzwerk<br />

Speise<br />

ausgewogen<br />

sinken<br />

gesund<br />

verwöhnt<br />

wohlgenährt<br />

Katzen-<br />

sich aalen<br />

la rete<br />

il cibo<br />

bilanciato<br />

diminuire<br />

sano<br />

viziato<br />

pasciuto<br />

felino<br />

crogiolarsi<br />

una rete e offrono ai randagi cibi bilanciati.<br />

Così la popolazione di randagi<br />

è diminuita e i 180.000 gatti liberi<br />

romani sono sani, viziati e<br />

pasciuti, proprio come quelli domestici.<br />

Per farsi un’idea dell’attività delle<br />

gattare romane, si possono visitare<br />

i siti Internet www.gattidiroma.com<br />

e www.igattidellapiramide.it, oppure fare<br />

un giro tra i monumenti antichi,<br />

per vedere le colonie feline crogiolarsi<br />

al sole fra le rovine romane.<br />

Chi ha bisogno delle “gattare”?<br />

In vielen Städten Italiens – insbesondere in Rom – gehören herrenlose Katzen ebenso<br />

zum Straßenbild wie Frauen, die sich liebevoll um sie kümmern. Ist das nun<br />

Tierliebe… oder einfach nur schmutzig?<br />

66<br />

Ci sono molti gatti randagi nel<br />

suo quartiere?<br />

Sì, tantissimi.<br />

Conosce delle gattare?<br />

Certo! Le vedo arrivare la mattina<br />

presto e poi la sera, con i loro<br />

piattini di carta e i croccantini,<br />

e sistemarli nello stesso<br />

angolo da più di 20 anni.<br />

Cosa ne pensa?<br />

Loro trascorrono il tempo, i gatti<br />

mangiano, lasciano sempre<br />

tutto pulito. Sono contenti tutti.<br />

C’è un rapporto particolare fra<br />

Roma e i gatti?<br />

Se vai nell’antico carcere di Roma,<br />

a Regina Coeli, ne trovi tanti. Erano l’unico affetto che<br />

i carcerati potevano avere, perché saltavano persino dentro<br />

il carcere!<br />

E i gatti? Secondo Lei a<br />

il quartiere<br />

il piattino<br />

di carta<br />

i croccantini pl.<br />

sistemare<br />

l’angolo<br />

trascorrere<br />

il rapporto<br />

il carcere<br />

l’affetto<br />

saltare<br />

benone<br />

comportarsi<br />

Viertel<br />

Plastikteller<br />

Trockenfutter<br />

(auf)stellen<br />

Ecke<br />

hier: vertreiben<br />

Verhältnis<br />

Gefängnis<br />

Zuneigung<br />

springen<br />

sehr gut<br />

sich benehmen<br />

Gianfederico Rotellini, di Roma, 46 anni,<br />

avvocato [Rechtsanwalt] (a sinistra) e Daniele Movarelli,<br />

di Roma, 32 anni, pubblicitario [Werbefachmann].<br />

Roma vivono bene?<br />

Stanno benone. E se nella<br />

prossima vita mi reincarno<br />

in un gatto di Roma, vuol<br />

dire che mi sono comportato<br />

proprio bene!<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Nel numero di febbraio<br />

puoi ascoltare un reportage<br />

dedicato alle gattare di Roma.<br />

l’avanzo Rest<br />

il marciapiede Bürgersteig<br />

buttare wegwerfen<br />

il tessuto soziales<br />

sociale Gefüge<br />

il tempio Tempel<br />

uccidere töten<br />

mah: Ausdruck des Zweifels<br />

il topo Maus<br />

ripulire säubern<br />

Ci sono molti gatti randagi nel<br />

suo quartiere?<br />

No, sono pochi. Quando ero piccolo<br />

me li ritrovavo dappertutto.<br />

Conosce delle gattare?<br />

No, ma mi ricordo i piattini con<br />

gli avanzi di cibo lasciati dalle<br />

gattare sui marciapiedi.<br />

Cosa ne pensa?<br />

Per la maggior parte delle persone<br />

i gatti sporcano le strade;<br />

secondo me, invece, fanno parte<br />

di una cultura antica in cui gli<br />

avanzi non si buttano, in cui si<br />

crea un tessuto sociale e si dà<br />

da mangiare anche ai gatti.<br />

C’è un rapporto particolare fra Roma e i gatti?<br />

Certo! Com’è possibile immaginarsi Trastevere, il Colosseo,<br />

il tempio di Piazza Argentina dove è stato ucciso Giulio Cesare<br />

o le rovine dei Fori Romani senza i gatti?<br />

E i gatti? Secondo Lei a Roma vivono bene?<br />

Mah! Qualcuno dice: “Se le gattare smettono di dar da<br />

mangiare ai gatti, i gatti ricominciano<br />

a mangiare i<br />

topi e, quindi, ripuliscono<br />

Roma dai ratti, invece di<br />

sporcarla!”<br />

Ascolta un pezzo del<br />

reportage sul tema.<br />

www.adessoonline.de/audio<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


Sprachen lernen für alle!<br />

NEU!<br />

KOSTENLOS UND<br />

UNVERBINDLICH<br />

Die neue Basismitgliedschaft:<br />

✔ 10 kostenlose Videos<br />

✔ 90 interaktive Übungen<br />

✔ Voller Zugriff auf „mein dalango“<br />

www.dalango.de<br />

Einfach Lernen mit Spaß!


SPRACHKURSE UND SPRACHFERIEN<br />

Sprachreisen<br />

weltweit<br />

Italien, Spanien, Mexiko, Argentinien,<br />

Costa Rica, Frankreich, England<br />

F+U Academy of Languages<br />

Hauptstraße 1, 69117 Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

SANT‘ANNA INSTITUTE SORRENTO LINGUE<br />

Italienische Sprache und Kultur<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

Accademia Lingua eGusto –<br />

Kleinste Lerngruppen, größter Lernerfolg,<br />

Villa und Garten mit Meerblick, gemeinsame<br />

Mittagessen, Touren zu Wein, Öl, Pasta, Käse,Trüffel ...<br />

www.lingua-e-gusto.com, Tel. +49 421 364 9301<br />

THE ITALIAN WAY<br />

Italienische Sprach- und Kochschule<br />

in Piemont/Langhe! Italienische Kulturund<br />

Sprachkurse für alle Stufen.<br />

www.theitalianway.it · info@theitalianway.it<br />

0039 0173 793201<br />

0039 346 3477875<br />

Italienischer<br />

Sprach-Genuss<br />

in der Toskana<br />

Italienisch-Kurse mit<br />

PDL-Methode am<br />

Meer und auf dem<br />

Segelboot. Unterkunft<br />

und Verpflegung in<br />

einer familiären Villa.<br />

www.dialogando.de<br />

Tel. +39 070 2041291<br />

SARDEGNA<br />

Alfa SprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und die besten<br />

Programme für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

Einem Teil dieser Ausgabe ist eine Beilage von<br />

Berlitz Austria Kids GmbH beigefügt.<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

Italienisch-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen Italienisch-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei der Familie<br />

der Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

AKTIV- UND KULTURURLAUB<br />

BRIEFFREUNDE<br />

Italienisch lernen im Kulturinstitut Hamburg<br />

www.iic-hamburg · Telefon: 040 / 39 99 91 31<br />

Istituto<br />

Italiano<br />

di<br />

Cultura<br />

Amburgo<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

www.adesso-online.de<br />

BERUFSAUSBILDUNG, FORTBILDUNG<br />

Berufsfachschule für Fremdsprachen:<br />

Europasekretär/in, Übersetzer/in, Fremdsprachenkorrespondent/in,<br />

Welthandelskorrespondent/in, EDV- und Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

F+U Academy of Languages, Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

www.Sprachen-zuhause-lernen.de<br />

staatl. zugelassener Fernunterricht mit Abschlusszertikat – T. 089/8541745 - mail@zickerts.de<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, (07221) 22661<br />

www.ifa.uni-erlangen.de<br />

Staatlich anerkannte Fachakademie und Berufsfachschule<br />

für Fremdsprachenberufe<br />

Staatl. gepr. Fremdsprachenkorrespondenten, Euro-Korrespondenten,<br />

Übersetzer und Dolmetscher<br />

Englisch, Französisch, Italienisch,<br />

Russisch, Spanisch<br />

Hindenburgstr. 42, 91054 Erlangen, Tel. (0 91 31) 81293 - 30, E-mail: ifa@ve.uni-erlangen.de<br />

Fossombrone/Fano – ehem. Landhaus<br />

in traumhafter Alleinlage auf einem Hügel<br />

mit Weingarten zu verkaufen. 20 km zur Adria,<br />

2 km zum Ort. Wohn. 320 qm, VB € 395.000.<br />

Tel. +49-(0)89-4302382casa.marken@web.de<br />

THEMENVORSCHAU<br />

Ausgabe 06/13:<br />

• Alghero und der Golf von Asinara – Sardinien<br />

• Die Kirschen Piemonts<br />

• Italienisch für den Beruf<br />

Anzeigenschluss: 24.04.13, Erstverkaufstag: 29.05.13<br />

Ausgabe 07/13:<br />

• Kalabriens schönste Strände<br />

• Der Mozzarella<br />

Anzeigenschluss: 22.05.13, Erstverkaufstag: 26.06.13<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

IMMOBILIEN<br />

Nördl. Toskana<br />

– Wanderparadies –<br />

Teilhs. (histor. Gutshof), 3 Zi.,<br />

Kü, Duschb., sep. WC . gr. Garten,<br />

€ 159.000,-<br />

von Privat, Tel. 040/5 51 43 31<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


SPRACHKURSE UND SPRACHFERIEN<br />

ITALIENISCH IN ITALIEN: www.italienisch-sprachschulen.de/<br />

<br />

<br />

KOCHUNTERRICHT<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 499,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 699,–)<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

DA ADELE, ITALIANO IN CUCINA<br />

Nella sua cucina di Salerno o di Düsseldorf Adele preparerà<br />

con voi piatti mediterranei. Un’idea divertente per migliorare l’italiano<br />

insieme. I vini? Della Costiera amalfitana! A presto.<br />

Adele info@adeles-goodcompany.de (Anfänger o. Fortgeschrittene)<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

italienisch auf<br />

SIZILIEN<br />

am Meer<br />

www.solemar-sicilia.it<br />

fax +39 091 955561<br />

Die Italienisch Sprachschulen in<br />

Nord- und Süditalien – wo Bildung und<br />

Urlaub sich harmonisch ergänzen!<br />

Le Venezie – Kultur und Dolce Vita<br />

Tropea – Weißer Sandstrand und Sonne<br />

Exzellente Italienisch Sprachkurse in<br />

kleinen Gruppen (3 bis 6 Studenten)<br />

PUI – Le Venezie: +39 040 30 40 20<br />

PUI – Tropea: +39 0963 60 32 84<br />

info@piccolauniversitaitaliana.com<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Als Bildungsurlaub anerkannt<br />

Studitalia Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

(0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

Sprachkulturreise<br />

nach Lucca<br />

16. – 23. Juni 2013<br />

Deborah Ferrini-Kreitmair<br />

Tel.: + 49 172 - 83 85 706<br />

info@sprachkulturkueche.de<br />

www.sprachkulturkueche.de<br />

FERIENHÄUSER UND -WOHNUNGEN<br />

Unesco-Welterbe Cilento<br />

Meer, Berge, griechische Tempel...<br />

Villen, Fewos+Hotels am Meer<br />

Wandern auf Italienisch<br />

Erlebnissprachkurs<br />

0941 /567 6460, www.cilento-ferien.de<br />

Sardegna – Sinis – Capo Mannu<br />

Haus in Mandriola zw. Natur- und<br />

Vogelschutzgebiet, 150 m z. Meer, 2 SZ,<br />

gr. Wohnküche m. offenem Grillkamin,<br />

abgeschl., gepflegter Hof.<br />

Kontakt: Tel.: +49 (0)170/75 85 321 oder<br />

Mail: brigitte.m.peter@googlemail.com<br />

nel Gargano a 500 metri dal mare<br />

Tel. +39-330-543766<br />

www.lachiusadellemore.it<br />

Die Ferienhaus-Spezialisten für Italien<br />

030.30820408·Manteuffelstr.5a·12203 Berlin<br />

CASE VACANZE<br />

ALLE ISOLE EOLIE<br />

www.eoliando.it<br />

SARDINIEN + SÜDITALIEN<br />

Exkl. + gün. priv. Einzelhs<br />

+ fam. Hotels am Meer<br />

an herrl. Sandstränden! Auch Originaltrulli!<br />

Alle Termine: Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

LIGURIEN<br />

stilv. Ölbauern-Haus, Dachterr./Meerbl., bis 5 Pers., Strand: 2 km<br />

Tel. 09133/3371 | www.urlaub-in-poggi.de<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

Italienischunterricht als Freizeitvergnügen.<br />

Frühling in der Toskana in landestypischen Ferienwohnungen<br />

auf großem Anwesen in Meernähe.<br />

Dazu ein fröhlicher effektiver Italienischunterricht m. Termin n. Wunsch.<br />

Infos über 08656/1070 oder www.private-toscana.com<br />

ROM+FLORENZ+MITTELITALIEN<br />

Exkl.+gün. priv. Landhs, teilw. Pool+fam.<br />

Hotels | Rom: priv. Stadtwhgn in guter Lage!<br />

Alle Termine: Tel. 0981-13655<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<strong>ADESSO</strong> APRILE 2013


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 6,90<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird besonders<br />

umweltfreund lich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und inkl. Versandkosten<br />

Österreich:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 111,60 zzgl. sfr 15 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 74,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach Ablauf des<br />

ersten Bezugsjahres jederzeit beendet<br />

werden - mit Geld-zurück-Garantie für<br />

bezahlte, aber noch nicht gelieferte<br />

Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong>www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

ISOLA D’ELBA<br />

Paradiso per gli sportivi, l’isola più grande<br />

dell’arcipelago toscano vi aspetta con spiagge<br />

da sogno, romantiche baie e luoghi carichi di storia.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

PRODUKTION<br />

Salvatore Viola<br />

REDAKTION<br />

Isabella Bernardin, Giovanna<br />

Iacono, Cosimo Carniani,<br />

Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Marina Collaci, Francesco<br />

De Tomaso, Riccardo Iacona,<br />

Anna Mandelli, Daniela Mangione,<br />

Marco Montemarano, Stefano<br />

Vastano, Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Monica Guerra, Julia Grahner,<br />

Tanja Lau, Friederike Ott,<br />

Dorothea Schmuck<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

H.W.M. GmbH,<br />

82152 Planegg<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Medienservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt die Meinung<br />

der Autoren, nicht die der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag ers chei nen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Dr. Michael Brockhaus<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

PR UND KOOPERATIONEN<br />

Heidi Kral<br />

KEY ACCOUNT MANAGEMENT<br />

Corinna Hepke<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

Konto-Nummer 0 212 865 200<br />

BLZ: 300 800 00<br />

Credit Suisse Zürich-Enge<br />

Konto-Nummer 554 833-41<br />

(BC 48 42)<br />

Bank Austria AG Wien<br />

Konto-Nummer 108-108-147/00<br />

BLZ: 12 000<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

L’ITALIA A TAVOLA<br />

Il frutto più dolce del Vesuvio?<br />

Il “piennolo”, il pomodorino<br />

Dop orgoglio dei napoletani.<br />

MONTE<br />

DEI PASCHI<br />

DI SIENA<br />

DAL 1472<br />

TRA LE RIGHE<br />

Il declino dei Monte dei Paschi<br />

di Siena attraverso il ritratto di<br />

Giuseppe Mussari.<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel.<br />

0211/887-2315, Fax 0211/887-97-2315,<br />

E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg, Tel.<br />

040/30183-210, Fax 040/30183-283, E-<br />

Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332, Fax<br />

+49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John's Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt die Anzeigenpreisliste Nr. 21 ab<br />

Ausgabe 1/13<br />

IVW - Meldung<br />

IV - Quartal 2012<br />

24.408 verbreitete<br />

Auflage <strong>ADESSO</strong><br />

<strong>ADESSO</strong> 05/13 IN VENDITA DAL 24 APRILE


Das kann sich hören lassen!<br />

12 Ausgaben <strong>ADESSO</strong> – dazu ein Design-Radio gratis.<br />

Edles Design-Radio mit innovativer technischer Ausstattung:*<br />

spielt MP3 und Radio<br />

Holzgehäuse (in weiß oder braun) mit Aluminium-Front<br />

UKW/FM-Radio mit Dock-in für viele MP3-Player<br />

Verbindungskabel für MP3- oder CD-Player<br />

Digitaluhr mit Weckfunktion<br />

Maße ca.15 x15 x12 cm<br />

aktuelle<br />

Auswahl<br />

siehe<br />

Homepage<br />

Ihre Vorteile:<br />

Sie sparen 10% gegenüber dem Einzelkauf<br />

Sie beziehen 12 Ausgaben für nur €74,40/SFR111,60 **<br />

Sie bekommen jede Ausgabe komfortabel nach Hause geliefert<br />

Sie haben freien Zugang zum Premium-Bereich im Internet<br />

Sie erhalten ein Design-Radio gratis<br />

Bestellen Sie bequem unter www.adesso-online.de/praemie oder schreiben Sie uns unter abo@spotlightverlag.de<br />

oder an Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstraße 22, 82152 Planegg/München, Deutschland.<br />

Sie erreichen uns auch unter +49(0)89/85681-16. Bitte geben Sie das Stichwort „Radio-Prämie“ an.<br />

* Solange Vorrat reicht. Die Prämie liefern wir nach Eingang der Zahlung versandkostenfrei nach Deutschland, Österreich und in die Schweiz. Lieferung ohne MP3-Player.<br />

** Für die Magazinbestellung außerhalb Deutschlands fallen Versandkosten an. Weitere Details finden Sie unter spotlight-verlag.de/faq.


135 DR<br />

Wählen Sie aus über<br />

200 Fernlehrgängen<br />

» Staatlich zugelassen<br />

» Start jederzeit<br />

» Bequem von zuhause aus<br />

» Persönliche Studienbetreuung<br />

» Online-Campus inklusive<br />

» 4 Wochen kostenlos testen<br />

Schulabschlüsse<br />

Abitur ......................................................... 901<br />

Fachhochschulreife ..................................... 914<br />

Realschulabschluss ...................................... 921<br />

Hauptschulabschluss .................................. 930<br />

Allgemeinbildung – Lernen nach Maß ........ 990<br />

Fremdsprachen<br />

Englisch-Kurse ............................................ 599<br />

Cambridge First Certificate in English ......... 605<br />

Cambridge Certificate in Advanced English ... 617<br />

Int. Legal English Certificate .............. NEU 607<br />

Fremdsprachenkorrespondent/in<br />

IHK - Englisch, gepr. ................................. 650<br />

Handelsenglisch .......................................... 606<br />

Technisches Englisch ................................... 615<br />

Wirtschaftsenglisch-Kurse ........................... 660<br />

Russisch für Fortgeschrittene ............. NEU 626<br />

Französisch-Kurse ....................................... 613<br />

Spanisch/Diploma Salamanca ..................... 621<br />

Wirtschaftsspanisch<br />

(Certificado de Español Comercial) ........... 622<br />

Latinum ...................................................... 640<br />

Kreativität / Medien<br />

Autor/in – Schriftsteller/in ........................... 944<br />

Biografisches Schreiben ..................... NEU 955<br />

INFO-COUPON<br />

Jetzt kostenlos <br />

Folgende Lehrgänge interessieren mich:<br />

Digitale Fotografie ...................................... 318<br />

Digitale Musikproduktion ........................... 230<br />

Drehbuchautor/in ........................................ 946<br />

Filmproduktion – professionell gemacht ..... 231<br />

Fotodesigner/in, gepr. ......................... NEU 195<br />

Fotografie – professionell gemacht ............. 317<br />

Gartengestaltung ........................................ 141<br />

Grafik – Design .................................. NEU 316<br />

Grafik-Designer/in – PC, gepr. ............ NEU 194<br />

Grafik-Designer/in MAC ..................... NEU 190<br />

Journalist/in ................................................ 945<br />

Kinder- und Jugendbuchautor/in ................. 952<br />

Kommunikationsberater/in ILS, gepr. ........... 321<br />

Kreatives Gestalten ..................................... 953<br />

Kunst verstehen .......................................... 939<br />

Mediaexperte/in ......................................... 322<br />

Musik aktiv – Rock & Pop .................. NEU 956<br />

Online-Redakteur/in .................................... 949<br />

PR-Referent/in, gepr. .......................... NEU 954<br />

Raumgestaltung/Innenarchitektur .............. 722<br />

Texter/in und Konzeptioner/in ..................... 320<br />

Persönlichkeit /<br />

Gesundheit<br />

Altenbetreuung, praktische ......................... 155<br />

Entspannungstrainer/in ...................... NEU 131<br />

Ernährungsberater/in .................................. 139<br />

Erziehungsberatung .................................... 138<br />

Fachkraft in der häuslichen Pflege ..... NEU 163<br />

Fachpraktiker/in für Massage, Wellness<br />

und Prävention ............................... NEU 135<br />

Fachwirt/in im Sozial- und<br />

Gesundheitswesen IHK ............................ 157<br />

Feng-Shui-Berater/in .................................... 143<br />

Gewichtscoach – Berater für<br />

Gewichtsmanagement .................... NEU 128<br />

Heilpraktiker/in .................................. NEU 136<br />

Homöopathie, praktische ............................ 146<br />

Kindererziehung .......................................... 145<br />

Management-Know-how für<br />

Gesundheitswirtschaft .................... NEU 484<br />

Medizinische Schreibkraft, gepr. ........ NEU 161<br />

135 DR<br />

<br />

<br />

Mentaltrainer/in ................................. NEU 162<br />

Moderator/in ..................................... NEU 125<br />

Personal- und Business-Coach ........... NEU 134<br />

Persönlichkeitstraining ................................ 149<br />

Phytotherapie .................................... NEU 127<br />

Psychologischer Berater/Personal Coach ..... 147<br />

Psychologie, Grundwissen .......................... 153<br />

Psychotherapie ........................................... 144<br />

Selbstständig als Berater/in ............... NEU 132<br />

Sprech- und Kommunikationstraining .......... 137<br />

Tierheilpraktiker/in .............................. NEU 129<br />

Wellnessberatung ............................... NEU 133<br />

Wirtschaft / Beruf<br />

Betriebswirt/in staatl., gepr. ........................ 374<br />

Betriebswirt/in ILS, gepr. ............................. 379<br />

Betriebswirtschaftslehre ............................. 491<br />

Betriebswirtschaftslehre<br />

für Nichtkaufleute ........................... NEU 495<br />

Bilanzbuchhalter/in IHK, gepr. ..................... 421<br />

Bilanzbuchhalter/in IHK international .. NEU 423<br />

Buchhalter/in .............................................. 270<br />

Bürosachbearbeiter/in ................................. 415<br />

Controller/in IHK, gepr. ................................ 427<br />

Energiemanager/in ............................ NEU 394<br />

Erfolgreich selbstständig werden ....... NEU 319<br />

Fachberater/in für Finanzdienstleistungen IHK 312<br />

Fachberater/in im Vertrieb IHK, gepr. ........... 332<br />

Fachkfm./kff. für Marketing IHK, gepr. ......... 341<br />

Finanzbuchhaltung mit SAP® ERP .............. 229<br />

Gebäudeenergieberater/in (HWK) ....... NEU 432<br />

Handelsfachwirt/in IHK, gepr. ...................... 340<br />

Haus- und Grundstücksverw. ILS, gepr. ........ 408<br />

Immobilienfachwirt/in IHK, gepr. ........ NEU 411<br />

Immobilienmakler/in ILS, gepr. ........... NEU 410<br />

Immobilienmanagement .................... NEU 407<br />

Industriefachwirt/in IHK, gepr. .................... 338<br />

IT-Betriebswirt/in ILS, gepr. .......................... 382<br />

Kaufmännisches Grundwissen .................... 405<br />

Logistikmanagement .................................. 404<br />

Managementassistent/in bSb, gepr. ............ 294<br />

Marketingreferent/in ILS, gepr. .................... 310<br />

Personalfachkauffrau/-mann IHK, gepr. ....... 555<br />

Personalreferent/in bSb, gepr. ..................... 554<br />

Praxismanagement ............................ NEU 486<br />

Praxiswissen d. Gesundheitswirtschaft .. NEU 483<br />

Projektmanagement (Projektleiter/in IHK) ... 337<br />

Referent für interne Unternehmenskommunikation<br />

............................... NEU 324<br />

Sichere Existenzgründung .................. NEU 327<br />

Social Management ........................... NEU 485<br />

Social Media Manager/in ................... NEU 957<br />

Speditionssachbearbeiter/in ........................ 414<br />

Steuerberater/in – Vorbereitungskurs .. NEU 419<br />

Steuerfachwirt/in – Vorbereitungskurs .. NEU 418<br />

Techn. Betriebswirt/in IHK, gepr. ................. 380<br />

Tourismusfachwirt/in IHK ............................ 159<br />

Tourismusmanagement ...................... NEU 160<br />

Train the Trainer mit IHK-Zertifikat ..... NEU 556<br />

Wirtschaftsfachwirt/in IHK, gepr. ................. 339<br />

Wirtschaftsmediation mit IHK Zertifikat ...... 342<br />

Computer / EDV<br />

Android App Programmierer/in, gepr. .. NEU 184<br />

C++ Programmierer/in für Windows ........... 246<br />

C# Software Entwickler/in, gepr. ........ NEU 213<br />

Cloud Computing ............................... NEU 188<br />

Datenbankentwickler/in für Microsoft<br />

SQL Server, gepr. ............................. NEU 199<br />

Europäischer Computer Führerschein ......... 298<br />

Fachinformatiker/in – Weiterbildung zum<br />

Schwerpunkt Anwendungsentwicklung ... 218<br />

Fachinformatiker/in – Weiterbildung zum<br />

Schwerpunkt Systemintegration ..... NEU 187<br />

Informatiker/in ............................................ 191<br />

IT-Manager/in, gepr. .................................... 234<br />

IT-Sicherheit in Netzwerken ........................ 236<br />

IT-Supporter/in, gepr. .......................... NEU 196<br />

Java-Programmierer/in, gepr. ...................... 217<br />

Lehrerfortbildung –<br />

multimediale Unterrichtsgestaltung .. NEU 214<br />

Medieninformatiker/in ....................... NEU 189<br />

Microsoft-Office .......................................... 241<br />

Multimedia-Designer/in, gepr. ..................... 247<br />

Netzwerkadministrator/in<br />

für MS Server 2008 R2, gepr. ................... 198<br />

Netzwerkmanager/in<br />

für Windows Server 2008 R2, gepr. .......... 197<br />

PC-Betreuer/in, gepr. ................................... 289<br />

PHP/MySQL-Datenbankentw., gepr. ... NEU 216<br />

Programmierer/in, gepr. .............................. 274<br />

VBA-Programmierer/in, gepr. ...................... 253<br />

Visual Basic Programmierer/in, gepr. ........... 232<br />

Wirtschaftsinformatiker/in .......................... 193<br />

Web-Designer/in, gepr. ....................... NEU 215<br />

Web-Entwickler/in (ILS), gepr. ............ NEU 186<br />

Web-Master, gepr. ....................................... 252<br />

Techniker / Meister<br />

Bautechniker/in ........................................... 720<br />

Chemietechniker/in, gepr. ................... NEU 793<br />

Elekt. Steuer- und Regelungstechnik ........... 767<br />

Elektrotechniker/in ...................................... 769<br />

Fachkraft für erneuerbare Energien ... NEU 738<br />

Fahrzeugtechniker/in .......................... NEU 703<br />

Gepr. Schutz- und Sicherheitskraft IHK ........... 727<br />

Grundlagen der Elektrotechnik ................... 712<br />

Haustechnik ....................................... NEU 744<br />

Sanitär-, Heizungs-, Klima-Techniker/in NEU 705<br />

Industriemeister/in Elektrotechnik ......... NEU 842<br />

Industriemeister/in Luftfahrttechnik ............ 845<br />

Industriemeister/in Metall ........................... 840<br />

Maschinentechniker/in ....................... NEU 715<br />

Mechatroniktechniker/in ............................. 735<br />

Meister/in im Elektrotechnikerhandwerk .... 870<br />

NC- und CNC-Technik ................................. 702<br />

Qualitätsmanagement ................................ 717<br />

SPS-Technik ................................................. 768<br />

Vertriebsingenieur/in - Technische/r<br />

Vertriebsmanager/in......................... NEU 345<br />

Weitere Fernlehrgänge unter:<br />

www.ils.de


© Getty Images<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

Aprile 2013<br />

Alle Texte auf<br />

Cose nostre: I 500 anni delle mura di Lucca Il bello: Le donne del futuro<br />

VIENI VIA CON ME: ISCHIA Era il...: Esce La Gazzetta dello Sport


2 Cose nostre<br />

WAS UNS DIESEN MONAT BEEINDRUCKT HAT<br />

NOVITÀ<br />

NEUIGKEIT<br />

Guidare l’auto o la moto è molto stressante e<br />

pericoloso. Ce lo dicono le statistiche: ogni anno, in<br />

Italia, circa 4.000 persone perdono la vita in incidenti<br />

stradali. Mantenere il controllo nel traffico non è facile.<br />

Ecco il rimedio per imparare: lo psicologo nella scuola<br />

guida. In diverse autoscuole italiane (soprattutto<br />

a Milano e Roma) esiste un progetto-pilota. A chi<br />

vuole prendere la patente vengono insegnati anche<br />

l’autocontrollo e le buone maniere al volante.<br />

Gli insegnanti sono psicologi professionisti.<br />

NOVITÀ<br />

pericoloso gefährlich<br />

l’incidente (m.)<br />

stradale Verkehrsunfall<br />

mantenere behalten<br />

il rimedio Mittel<br />

(gegen etwas)<br />

la scuola guida<br />

/ l’autoscuola Fahrschule<br />

la patente Führerschein<br />

le buone gutes<br />

maniere Benehmen<br />

al volante am Steuer<br />

FEDELTÀ<br />

il proverbio Sprichwort<br />

dimostrare beweisen<br />

il pastore deutscher<br />

tedesco Schäferhund<br />

la padrona Frauchen<br />

fedele treu<br />

dedicare widmen<br />

occuparsi di sich kümmern<br />

um<br />

SCONCERTO<br />

affondare sinken<br />

la vittima Opfer<br />

la compagnia Gesellschaft<br />

annunciare ankündigen<br />

il recupero Bergung<br />

folle wahnsinnig<br />

INTEGRITÀ<br />

la testimonianza<br />

Zeugnis<br />

il Rinascimento Renaissance<br />

il patrimonio architektonische<br />

architettonico Schätze<br />

inaugurare eröffnen<br />

in relazione a im Verhältnis zu<br />

il processo di Einigungsunificazione<br />

prozess<br />

© Shutterstock (2), Ansa, APT Lucca<br />

FEDELTÀ<br />

TREUE<br />

“Il cane”, dice un proverbio, “è il<br />

miglior amico dell’uomo”. Questa<br />

storia lo dimostra. Il protagonista è<br />

Ciccio, un pastore tedesco che<br />

vive a San Donaci, un paese in<br />

provincia di Brindisi (Puglia).<br />

Qualche tempo fa la sua padrona,<br />

Maria, è morta. Da quel momento<br />

Ciccio, fedele anche dopo la morte,<br />

va sempre in chiesa, sperando di<br />

ritrovare la sua padrona, che<br />

aveva dedicato buona parte<br />

della sua vita a occuparsi<br />

dei cani randagi. Tra<br />

questi anche Ciccio, che<br />

da lei aveva<br />

trovato una<br />

casa.<br />

SCONCERTO<br />

FASSUNGSLOSIGKEIT<br />

È passato più di un anno dalla tragedia<br />

della Concordia, la nave da crociera<br />

affondata di fronte all’isola del Giglio.<br />

E mentre si ricordano le 32 vittime del<br />

disastro, la compagnia Costa ha annunciato<br />

che i costi per il recupero<br />

del relitto aumentano: non più 300<br />

milioni di dollari, come annunciato<br />

all’inizio, ma 400 o forse di più. Chi<br />

pagherà questa cifra folle? Questa<br />

la domanda di molti italiani, soprattutto<br />

in un periodo di crisi come<br />

quello che stiamo vivendo.<br />

INTEGRITÀ<br />

VOLLSTÄNDIGKEIT<br />

Le mura della città di Lucca sono<br />

una delle testimonianze più complete<br />

e perfette del Rinascimento<br />

italiano. Sono lunghe circa 4.223<br />

metri e sono integralmente conservate.<br />

Un caso quasi unico nella<br />

storia dell’architettura! La loro storia<br />

inizia nel 1513. Per celebrare i<br />

500 anni di questo patrimonio architettonico,<br />

il Comune di Lucca ha<br />

inaugurato il 20 gennaio una serie<br />

di conferenze ed eventi culturali<br />

che mettono le mura in relazione<br />

con il ruolo della città di Lucca nel<br />

processo di unificazione dell’Italia.


Tina Modotti e<br />

Julio Antonio Mella<br />

Che amore! 3<br />

Sie eine große Fotografin und Revolutionärin – er ein junger<br />

kubanischer Kommunist. Eine tragische Liebe zwischen den großen<br />

Kriegen des 20. Jahrhunderts.<br />

Tina Modotti è una<br />

delle più affascinanti<br />

figure femminili italiane del<br />

XX secolo. È stata scrittrice,<br />

attrice, fotografa, ma soprattutto<br />

un’idealista, una rivoluzionaria<br />

e una spia comunista<br />

al servizio della polizia<br />

segreta sovietica. Durante la<br />

guerra di Spagna (1936-<br />

l’attrice f.<br />

la spia<br />

la guerra<br />

dedicare<br />

il fondatore<br />

la lotta<br />

fuggire<br />

celebre<br />

l’artista m./f.<br />

al suo fianco<br />

Schauspielerin<br />

Spionin<br />

Krieg<br />

widmen<br />

Gründer<br />

Kampf<br />

fliehen<br />

berühmt<br />

Künstler, -in<br />

an seiner<br />

Seite<br />

1939), Tina Modotti fa parte delle Brigate Internazionali<br />

comuniste (quando muore, il grande poeta<br />

Pablo Neruda le dedica la famosa poesia Tina Modotti<br />

è morta). Uno degli amori più grandi di questa<br />

donna dalle forti passioni<br />

è stato sicuramente<br />

quello per Julio Antonio<br />

Mella. Questo<br />

studente rivoluzionario,<br />

nato a Cuba<br />

e fondatore del locale<br />

Partito comunista,<br />

era in lotta<br />

contro la dittatura<br />

di Gerardo<br />

l’impegno Engagement Machado. Dopo vari problemi<br />

con la giustizia, era fug-<br />

uccidere töten<br />

accusare qn. jdm. etwas<br />

gito in Messico e proprio qui<br />

vorwerfen<br />

l’omicidio Mord conosce Tina Modotti. È il<br />

costretto gezwungen settembre del 1928. Lui ha<br />

l’assassino Mörder appena 25 anni. Lei ne ha<br />

arrestare festnehmen<br />

sette di più ed è già celebre<br />

il ritratto Porträt<br />

la copertina Cover come artista e come rivoluzionaria.<br />

Tra i due nasce una<br />

l’omaggio Ehrung<br />

grande passione. Lui la ispira.<br />

Al suo fianco l’attività di fotografa e l’impegno<br />

politico di Tina diventano più intensi. Ma è un amore<br />

che dura pochi mesi. Il 10 gennaio 1929 Mella viene<br />

ucciso dai killer di Machado. Tina dà vita a dimostrazioni<br />

di protesta, ma viene accusata dell’omicidio<br />

del suo amante ed è costretta a lasciare il Messico.<br />

I veri assassini vengono arrestati solo due anni dopo.<br />

Tina fugge a Berlino. Qui, nel<br />

1932, riesce a far pubblicare<br />

un bellissimo ritratto fotografico<br />

di Julio sulla copertina<br />

dell’Arbeiter Illustrierte<br />

Zeitung. Un<br />

omaggio al suo<br />

grande amore.<br />

L’amore fra l’artista e rivoluzionaria<br />

Tina Modotti e il cubano<br />

Julio Antonio Mella dura solo<br />

pochi mesi: lui viene ucciso dai<br />

killer di Gerardo Machado.<br />

Disegno di: Isadora Mancusi<br />

aprile 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


4<br />

Morti sul lavoro,<br />

storia senza fine<br />

Zu viele Menschen sterben in Italien bei Arbeitsunfällen:<br />

Europaweit belegt das „Belpaese“ auf dieser traurigen<br />

Rangliste den ersten Platz.<br />

il rapporto Bericht<br />

l’Istituto nazionale per l’assicurazione<br />

contro gli infortuni sul lavoro<br />

(Inail): nationaler Versicherungsträger<br />

für Arbeitsunfälle<br />

Krankheit<br />

entsprechen<br />

anzeigen<br />

Ausländer<br />

Aufenthalts-<br />

genehmigung<br />

regulär, legal<br />

geschehen<br />

Bauwesen<br />

mangelhaft<br />

la malattia<br />

corrispondere<br />

denunciare<br />

lo straniero<br />

il permesso<br />

di soggiorno<br />

in regola<br />

accadere<br />

l’edilizia<br />

carente<br />

Se ne parla da sempre, ma il problema non è mai<br />

stato affrontato alla radice. In Italia molte persone,<br />

troppe, muoiono per incidenti mentre stanno facendo<br />

il loro lavoro. Secondo il rapporto Inail relativo<br />

al 2011, in Italia ci sono stati 725.000 infortuni. I morti<br />

sono 920. I casi di malattia<br />

professionale sono<br />

affrontare anpacken<br />

la radice Wurzel<br />

l’incidente m. /<br />

più di 45.000. Ma, sempre<br />

secondo l’Inail, l’infortunio Unfall<br />

queste<br />

cifre non corrispondono<br />

alla verità. Gli<br />

incidenti e i morti sul lavoro<br />

sono molti di più. A<br />

volte non vengono denunciati<br />

perché le vittime<br />

lavorano in nero e spesso<br />

si tratta di stranieri<br />

senza permesso di soggiorno.<br />

Poi c’è la paura di<br />

perdere il lavoro anche di<br />

chi è “in regola”. Il 90% degli<br />

incidenti mortali accadono nel<br />

settore industriale. Soprattutto<br />

nell’edilizia, dove il rispetto<br />

delle norme di sicurezza<br />

sul lavoro è ancora carente.<br />

E nel resto d’Europa? L’Eurostat<br />

(l’istituto di statistica<br />

europeo) ha confrontato 13 attività<br />

presenti in tutti i paesi<br />

dell’Unione europea: tra il 2008<br />

e il 2010, in Italia sono morte in<br />

media 718 persone, in<br />

Germania 537, in<br />

Francia 550, in Gran<br />

Bretagna 178. L’Italia<br />

è al primo posto,<br />

nell’Ue, per il numero<br />

di incidenti sul<br />

lavoro.<br />

aprile 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


5<br />

La fisica Fabiola<br />

Gianotti (a sinistra),<br />

il 4 luglio 2012, ha<br />

annunciato presso il<br />

Cern di Ginevra la<br />

prima osservazione di<br />

una particella compatibile<br />

con il bosone di<br />

Higgs; Ilaria Capua<br />

(a destra) è stata<br />

segnalata dalla rivista<br />

Scientific American<br />

tra i 50 scienziati<br />

più importanti dei<br />

nostri tempi.<br />

Donne del futuro<br />

Die Zukunft Italiens könnte in den Händen von Frauen liegen, die auf den wichtigsten<br />

internationalen Forschungsgebieten tätig sind: Zwei typische Geschichten.<br />

Sono l’immagine di un’Italia che si impegna e ottiene<br />

grandi risultati. Due donne che, con il loro<br />

lavoro, stanno contribuendo a costruire il futuro<br />

dell’umanità. La prima è Fabiola Gianotti. Nata a Roma<br />

nel 1962, è una fisica italiana e al Cern di Ginevra<br />

dirige un progetto tutto suo, che si chiama Atlas.<br />

Nell’ambito di questo progetto è stato osservato per<br />

la prima volta, lo scorso anno, il “bosone di Higgs”,<br />

la particella elementare che alcuni hanno definito<br />

“la particella di Dio”. È stata lei in persona ad annunciare<br />

la scoperta, il 4 luglio del 2012.<br />

Un altro bellissimo esempio di “donna italiana del<br />

futuro” è Ilaria Capua, anche<br />

lei romana, nata nel<br />

1966. Il suo settore è la<br />

virologia nel campo<br />

della veterinaria. È<br />

stato anche grazie a<br />

lei che si sono capite<br />

tante cose sull’influenza aviaria, che negli ultimi decenni<br />

ha colpito diversi continenti, mettendo in pericolo<br />

la vita di milioni di persone. La rivista Scientific<br />

American l’ha inserita tra i 50 scienziati più importanti<br />

della nostra epoca. Ilaria dirige oggi un importante<br />

centro di ricerche a Padova. Negli ultimi anni<br />

ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali.<br />

Ultimo in ordine di tempo, nel 2012, la Gordon Memorial<br />

Medal per il suo contributo alla ricerca scientifica<br />

in campo veterinario.<br />

l’influenza<br />

aviaria<br />

colpire<br />

inserire<br />

lo scienziato<br />

la ricerca<br />

il riconoscimento<br />

il contributo<br />

sich engagieren<br />

Physikerin<br />

im Rahmen von<br />

Elementar-<br />

teilchen<br />

verkünden<br />

Erkenntnis<br />

Feld<br />

Tiermedizin<br />

impegnarsi<br />

la fisica<br />

nell’ambito di<br />

la particella<br />

elementare<br />

annunciare<br />

la scoperta<br />

il campo<br />

la veterinaria<br />

Vogelgrippe<br />

treffen<br />

aufnehmen<br />

Wissenschaftler<br />

Forschung<br />

Auszeichnung<br />

Beitrag<br />

© Shutterstock, ATLAS Experiment © 2012 CERN


6 Vieni via con me<br />

Ischia<br />

Jeden Monat schicken wir Sie mit einem Ortskundigen auf eine Entdeckungsreise<br />

an sieben besondere Orte: Italienische Städte authentisch erleben – abseits der<br />

üblichen Touristenrouten. Diesen Monat führt Sie Giovanna durch „ihr“ Ischia.<br />

© Shutterstock<br />

1 Iniziate la giornata con caffè e cornetto caldo,<br />

classico o con la crema e l’amarena, al Bar Calise<br />

di Piazza degli Eroi. www.barcalise.com<br />

2 Dal borgo di Ischia<br />

il cornetto hier: Croissant Ponte raggiungete l’isolotto<br />

su cui si trova il Ca-<br />

il borgo Dorf<br />

meraviglioso wunderbar<br />

incantare verzaubern stello Aragonese. Il panorama<br />

dalle terrazze è<br />

il compositore<br />

Komponist<br />

proveniente<br />

da aus stelloaragonese.it<br />

meraviglioso. www.ca-<br />

consiglia- sehr zu<br />

tissimo empfehlen<br />

3 Lasciatevi incantare dai<br />

la stagione Saison Giardini La Mortella, un<br />

assaporare (aus)kosten<br />

l’angolo Winkel eden realizzato dal compositore<br />

inglese William Wal-<br />

a picco steil über<br />

su qc. etw. ton, dove crescono piante<br />

il porticciolo kleiner Hafen<br />

la pineta Pinienwald provenienti da tutto il<br />

il coniglio da fossa: Grubenkaninchen<br />

mondo. Consigliatissimo<br />

nella sta-<br />

godersi genießen<br />

tuffarsi sich stürzen gione dei concerti.<br />

la baia Bucht<br />

www.lamortella.org<br />

il chiarore Schein<br />

la vasca Becken 4 Assaporate la calma del<br />

la cala Bucht pittoresco paesino di<br />

Sant’Angelo, chiuso al traffico. Un<br />

angolo incantato, con case color pastello<br />

a picco sul mare, il porticciolo,<br />

la piazzetta e stradine tipiche dove<br />

passeggiare in tranquillità.<br />

5 Se siete amanti dello<br />

Slow Food, non perdete,<br />

tra le pinete del Cretaio, la<br />

trattoria Il Focolare. Potrete<br />

gustare i piatti tipici<br />

della tradizione contadina<br />

ischitana, tra cui il coniglio<br />

da fossa. www.trattoriailfocolare.it<br />

6 Dal piazzale della chiesa del Soccorso,<br />

a Forio, godetevi lo spettacolo del<br />

sole che si tuffa nella baia di Citara.<br />

7 Fate un bagno al chiarore della luna<br />

nelle vasche naturali della cala di Sorgeto,<br />

dove l’acqua marina si confonde<br />

con l’acqua termale, raggiungendo temperature<br />

molto calde!<br />

aprile 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Era il… 7<br />

PASTA “DI FRETTA”<br />

Per 4 persone Preparazione 15 min.<br />

Ingredienti. 4 cucchiai di olio extravergine al limone,<br />

4 cucchiaini di pinoli, 8 rametti di timo fresco, 300 g<br />

di spaghetti, 4 cucchiai di parmigiano.<br />

Preparazione. Scaldate in una padella l’olio al limone<br />

con i rametti di timo. In un’altra padella tostate<br />

i pinoli. Fate cuocere intanto la pasta. Prendete<br />

due cucchiai di acqua di cottura e uniteli al<br />

condimento per amalgamarlo.<br />

A cottura ulti-<br />

pasta di Pasta auf<br />

fretta die Schnelle<br />

mata, scolate la pasta<br />

il pinolo Pinienkern<br />

il rametto Zweiglein e versatela nella padella<br />

il timo Thymian<br />

dell’olio al limone.<br />

la padella Pfanne Aggiungete ipinoli e il<br />

tostare rösten<br />

parmigiano grattugiato,<br />

il condimento hier: andere<br />

Zutaten girate bene per distribuire<br />

amalgamare vermengen<br />

il condimento e<br />

scolare abgießen servite calda.<br />

Era il...<br />

3 aprile 1896<br />

Zum ersten Mal erscheint die<br />

Gazzetta dello Sport<br />

Il giornalista Eugenio Camillo<br />

Costamagna, fondatore della<br />

Gazzetta dello Sport.<br />

Zeitung<br />

Tageszeitung<br />

unverkennbar<br />

Fan<br />

Verlags-<br />

Hunderte<br />

Auflage<br />

il giornale<br />

il quotidiano<br />

inconfondibile<br />

l’appassionato<br />

editoriale<br />

le centinaia pl.<br />

la tiratura<br />

essere in<br />

grado di<br />

prevedere<br />

fedele<br />

il secolo<br />

können<br />

vorsehen<br />

treu<br />

Jahrhundert<br />

È da sempre uno dei giornali<br />

più letti d’Italia. Parliamo della<br />

Gazzetta dello Sport, il quotidiano<br />

che giorno per giorno,<br />

dalle sue inconfondibili pagine<br />

rosa (colore scelto imitando il<br />

Journal de sport francese) informa<br />

gli appassionati italiani<br />

sul calcio e su tutti gli altri<br />

sport. Oggi fa parte del gruppo<br />

editoriale Rizzoli - Corriere della<br />

Sera (Rcs) ed è praticamente<br />

una grande industria, che dà<br />

lavoro a centinaia di persone<br />

tra redattori, giornalisti freelance,<br />

grafici e personale amministrativo.<br />

Il 3 aprile del<br />

1896, quando è nato a Milano,<br />

questo giornale era un piccolo<br />

foglio con una tiratura di poche<br />

centinaia di copie. Il momento<br />

era simbolico: il 6 aprile iniziavano<br />

ad Atene le prime Olimpiadi<br />

moderne, il primo grande evento sportivo moderno.<br />

Sul primo numero della Gazzetta si legge: “Per trattare<br />

lo sport bisogna essere in grado di correre coi tempi,<br />

prevedere, arrivare”. Un progetto a cui il giornale con i<br />

fogli rosa è rimasto fedele in più di un secolo di storia.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock<br />

Chefredakteurin: Rossella Dimola Produktion: Salvatore Viola Autoren:<br />

Marco Montemarano Redaktion: Isabella Bernardin, Julia Grahner, Monica<br />

Guerra, Giovanna Iacono, Salvatore Viola Gestaltung: www.prodigo.de<br />

Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck Gesamt-<br />

Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-130 Verlag und<br />

Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evviva-online.de; www.adesso-online.de.<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für alle genannten Autoren,<br />

Fotografen und Mitarbeiter.<br />

aprile 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


© Ansa<br />

8 La foto del mese<br />

ADDIO,<br />

SIGNORA<br />

DELLA SCIENZA<br />

Proprio questo mese avrebbe compiuto<br />

104 anni, Rita Levi Montalcini. La scienziata<br />

e senatrice a vita, invece, si è<br />

spenta lo scorso 30 dicembre 2012. Una<br />

donna tenace e carismatica, delicata ed<br />

elegante, che era diventata simbolo della<br />

ricerca scientifica, ma anche di appassionato<br />

impegno civile, con la sua battaglia<br />

a favore delle donne. Lei stessa amava<br />

dire che “vivere o morire è la stessa cosa.<br />

L’importante è il modo in cui viviamo<br />

e il messaggio che lasciamo. È questo<br />

che sopravvive. È questa l’immortalità”.<br />

Certamente Rita Levi Montalcini, che<br />

aveva ricevuto il Premio Nobel per la<br />

Medicina nel 1986, ha lasciato al mondo<br />

una preziosa eredità, scientifica e morale.<br />

la scienza la senatrice a vita spegnersi tenace delicato la ricerca scientifica l’impegno la battaglia a favore<br />

delle donne il messaggio sopravvivere prezioso l’eredità Wissenschaft<br />

Senatorin auf<br />

Lebenszeit<br />

versterben<br />

zäh, hartnäckig<br />

zart<br />

wissenschaftliche<br />

Forschung<br />

Engagement<br />

Kampf für die Frauen<br />

Botschaft<br />

überleben, bleiben<br />

wertvoll<br />

Erbe


A C S R A P<br />

___________________<br />

I C I L E E G<br />

Ciliege<br />

___________________<br />

WORTSPIELE<br />

ITALIENISCH<br />

Sprachspielereien, Wortdoku,<br />

Kreuzworträtsel...<br />

I O I L O N V<br />

___________________<br />

I C I L C S A T<br />

___________________<br />

<strong>ADESSO</strong>


Giovanna Iacono<br />

e Gianluca Aprile.<br />

Cari lettori,<br />

c’è un proverbio che dice: “Noi non smettiamo di giocare perché<br />

siamo vecchi, ma diventiamo vecchi perché smettiamo di giocare”.<br />

E allora, perché non giocare con l’italiano, per tenere attiva la mente e<br />

migliorare le nostre conoscenze linguistiche?<br />

In questo libricino trovate tanti giochi di diverse tipologie, dai rebus alle<br />

parole crociate, dagli enigmi agli anagrammi e perfino sudoku di parole.<br />

Portatelo con voi durante le prossime vacanze e cimentatevi non solo con<br />

quelli più semplici, ma anche con quelli “für Profis”: imparerete sempre<br />

qualcosa di nuovo e, se proprio fossero troppo difficili, potrete chiedere<br />

aiuto a qualche amico italiano!<br />

Mettete alla prova la vostra abilità di giocare con le parole dell’italiano,<br />

ma soprattutto: buon divertimento!<br />

La soluzione dell’esercizio in copertina è:<br />

ICILEEG IOILONV A C S R A P ICILCSAT<br />

______________ Ciliege ______________ Violino ______________ Scarpa ______________ Ciclista<br />

IMPRESSUM Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin: Rossella Dimola<br />

Produktion: Salvatore Viola Autoren: Gianluca Aprile, Giovanna Iacono Redaktion: Isabella Bernardin,<br />

Julia Grahner, Monica Guerra, Salvatore Viola Gestaltung: www.prodigo.de Verlag: Spotlight Verlag<br />

GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: (0049) 89-85681-0, www.spotlight-verlag.de<br />

2<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


1 UNA PALLA COLORATA<br />

Trova i 10 colori nascosti. Le lettere non utilizzate, lette di seguito,<br />

formano il nome di una famosissima canzone di Domenico Modugno.<br />

•nneroerossolbgialloludbiancoiverdepiviolanarancionetorosadigrigioblmarroneu<br />

La canzone è:<br />

___________________<br />

___________________<br />

___________________<br />

2 SILLABE INCATENATE<br />

Scrivi in sillabe, in senso orario, le 8 parole corrispondenti alle<br />

definizioni. L’ultima sillaba di ogni parola è la prima della successiva.<br />

1. Ha cinque dita.<br />

2. Desiderio malinconico di cose,<br />

persone o luoghi lontani.<br />

3. Il nome del famoso compositore<br />

Puccini.<br />

4. La regione con Isernia e<br />

Campobasso.<br />

MA NO STAL<br />

5. Un fatto conosciuto da pochi<br />

e che si vuole tenere nascosto.<br />

6. Si usa a tavola per pulirsi le mani<br />

e la bocca.<br />

7. Il pronome soggetto per Luisa<br />

e Sandro.<br />

8. La Città eterna.<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 3


3 CRUCIVERBA “ALLA MODA”<br />

Risolvi il cruciverba con i nomi degli oggetti illustrati.<br />

2<br />

5<br />

1<br />

7<br />

6<br />

3<br />

4<br />

10<br />

8<br />

9<br />

5<br />

1 2<br />

4<br />

3<br />

6<br />

7<br />

8<br />

9<br />

11<br />

10<br />

11<br />

4<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


4 SUDOKU DI PREPOSIZIONI<br />

Riempi le caselle vuote con le 9 preposizioni semplici. In ogni riga,<br />

colonna e riquadro devono essere presenti tutte le preposizioni,<br />

senza ripetizioni.<br />

DI SU FRA TRA CON A<br />

IN A DA DI<br />

A SU DA IN<br />

DI<br />

A<br />

A IN FRA<br />

PER<br />

FRA<br />

DA TRA IN PER<br />

SU PER TRA<br />

5 PREVISIONI METEO<br />

Risolvi il rebus. (4, 5, 1, 5, 5)<br />

MA M E 20 F<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 5


6 CRUCIVERBA CON IL CONTRARIO<br />

In ogni definizione ci sono tre aggettivi. Due sono sinonimi,<br />

il terzo è un contrario. Inserisci l’aggettivo contrario nel cruciverba.<br />

Orizzontali: 3. veloce,<br />

lento, rapido 5. piccolo,<br />

minuto, grande 6. scuro,<br />

chiaro, luminoso<br />

7. sleale, sincero, onesto<br />

10. sbagliato, corretto,<br />

errato 11. triste, felice,<br />

contento<br />

Verticali: 1. rumoroso,<br />

silenzioso, chiassoso<br />

2. noioso, spassoso,<br />

divertente 4. furbo,<br />

ingenuo, astuto 6. brutto,<br />

stupendo, orribile<br />

8. tranquillo, agitato,<br />

calmo 9. forte, debole,<br />

fiacco<br />

3<br />

6<br />

6<br />

10<br />

11<br />

9<br />

7<br />

2<br />

5<br />

8<br />

4<br />

1<br />

7 I MEZZI DI TRASPORTO<br />

Trova le parole della lista scritte correttamente e unisci i numeri<br />

corrispondenti. Comparirà il disegno di un oggetto. Quale?<br />

1. automobile 2. nave<br />

3. elicotero 4. tragetto<br />

5. motorrino 6. autobus<br />

7. carozza 8. tram<br />

9. aereo 10. motocicleta<br />

11. camper 12. pattini<br />

13. taxi 14. treno<br />

6<br />

9<br />

10 2<br />

7<br />

3<br />

8<br />

6<br />

1<br />

5<br />

14<br />

11 12<br />

4<br />

13<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


8 AL RISTORANTE<br />

Nel disegno a destra mancano 5 particolari presenti in quello di sinistra.<br />

Quali?<br />

l’ _ _ _<br />

il _ _ _ _ _<br />

un _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _<br />

l’ _ _ _ _ _ _ _ _ _<br />

una _ _ _ _ _ _<br />

9 Für Profis DELITTO E CASTIGO<br />

Riempi le caselle secondo le definizioni. Alla fine, nella colonna<br />

evidenziata leggerai dove finiscono i criminali.<br />

1. Si fa per poter spendere i soldi sospetti.<br />

2. Colui che uccide.<br />

3. Chi ruba è un …<br />

4. Decide se un imputato è 1<br />

colpevole o innocente. 2<br />

5. Se assisti a un<br />

3<br />

crimine sei un …<br />

6. Il posto in cui si 4<br />

giudicano i reati.<br />

5<br />

7. L’azione di chi ruba<br />

6<br />

i portafogli nella<br />

metropolitana. 7<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 7


10 Für Profis NEL LABIRINTO DELLA ROUTINE<br />

Completa le frasi con le parole della lista e inseriscile nello schema.<br />

Attenzione! Nell’elenco mancano tre parole. Per scoprirle, aiutati<br />

con gli incroci.<br />

fatto • senti • va • mezzo • precisione • darsi • entro<br />

1. La professoressa se l’è presa con me, ma io che c’_____________?<br />

Stavo soltanto scrivendo i compiti sul diario.<br />

2. Allora, quando hai _________ minuti, passa nel mio ufficio. Devo parlarti.<br />

3. Non è un problema mio, odio essere messo in _____________ a<br />

discussioni che non mi riguardano.<br />

4. Giulia, te la _____________ di lavorare anche domenica prossima?<br />

5. Scusa, non ho capito bene, per la ________________ cosa ha detto<br />

l’altoparlante?<br />

6. Mi piace molto il tuo maglione, fra l’_____________ il rosso è il mio<br />

colore preferito.<br />

7. Questa città mi piace, ma ogni __________ fa bene anche cambiare aria.<br />

8. È finita la birra, provo a passare al supermercato, può _____________<br />

che sia ancora aperto.<br />

9. Io credevo di amare<br />

Laura, il _____________<br />

è che da quando ho<br />

2<br />

capito che Chiara è<br />

interessata a me, mi<br />

sento confuso.<br />

5<br />

10. Franca, ti _____________<br />

di andare a teatro,<br />

stasera?<br />

8<br />

1<br />

6<br />

7<br />

4<br />

3<br />

10<br />

9<br />

8<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


11 Für Profis IL CASELLARIO<br />

Riempi lo schema in base alle definizioni. Nella colonna centrale<br />

si leggerà il nome di uno dei maggiori pittori del Settecento veneziano.<br />

1. In basso.<br />

2. Molto secco.<br />

3. Ha la locomotiva e i vagoni.<br />

4. La mangiano i bambini piccoli.<br />

5. Il contrario di pieno.<br />

6. È famoso quello di Siena.<br />

7. Non è cattivo.<br />

1.<br />

2.<br />

3.<br />

4.<br />

5.<br />

6.<br />

7.<br />

SOTTO<br />

12 ANAGRAMMI<br />

Con l’aiuto delle immagini risolvi l’anagramma delle parole elencate.<br />

Le lettere evidenziate in rosso, lette di seguito, danno il nome della<br />

città detta “la dotta, la rossa, la grassa”.<br />

1. CIBI ➔ ___<br />

2. GOLA ➔ ___<br />

3. STELI ➔ _ _ _ _<br />

4. MONILE ➔ ___ __<br />

5. VEGLIA ➔ ____ _ 6. NERA ➔ _ _ _<br />

7. LAME ➔ ___<br />

La città è: ____________________________________<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 9


13 Für Profis RIME BACIATE<br />

Cancella gli oggetti i cui nomi fanno rima tra loro.<br />

Restano due oggetti. Quali?<br />

1. ___________<br />

4. ___________<br />

7. ___________<br />

10. __________<br />

2. ___________<br />

5. ___________<br />

8. ___________<br />

11. __________<br />

3. ___________<br />

6. ___________<br />

9. ___________<br />

12. __________<br />

Oggetti rimasti: ______________________________________<br />

14 Für Profis UNA LETTERA FA LA DIFFERENZA<br />

Metti una lettera davanti a ciascuna parola e formane un’altra. Le lettere<br />

aggiunte, in ordine, comporranno il titolo di un famoso romanzo<br />

di Italo Svevo.<br />

1. ___imitare 2. ___mare 3. ___orso 4. ___pera 5. ___palla 6. ___anfora<br />

7. ___stanza 8. ___sodo 9. ___astro 10. ___io 11. ___nello 12. ___istinto<br />

13. ___caro 14. ___ero 15. ___vento 16. ___ero 17. ___maggio<br />

10<br />

L<br />

A<br />

Il libro di Italo Svevo è: __________________________________________________<br />

La<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


15 DAL DOTTORE<br />

Cerca nella griglia le parole che si usano dal dottore.<br />

Le parole vanno cercate in orizzontale (← → ) e diagonale (↖↘).<br />

pomata • termometro • vaccino • gesso • sciroppo • cerotto<br />

1. Si fa per non prendere l’influenza:<br />

__________________________<br />

2. Si mette dopo essersi rotti una<br />

gamba: ______________________<br />

3. Si mette sulla ferita: __________<br />

4. Si prende quando si ha la tosse:<br />

__________________________<br />

5. Si spalma su una bruciatura:<br />

_____________________________<br />

6. La febbre si misura con il: _____<br />

_____________________________<br />

D<br />

O<br />

E<br />

D<br />

O<br />

A<br />

E<br />

Q<br />

X<br />

A<br />

L<br />

M<br />

N<br />

Q<br />

I<br />

L<br />

W<br />

Y<br />

X<br />

G<br />

B<br />

A<br />

O<br />

S<br />

P<br />

U<br />

M<br />

W<br />

V<br />

D<br />

C<br />

U<br />

E<br />

T<br />

U<br />

O<br />

C<br />

S<br />

S<br />

V<br />

S<br />

P<br />

C<br />

T<br />

K<br />

S<br />

T<br />

U<br />

T<br />

Z<br />

O<br />

I<br />

K<br />

O<br />

S<br />

A<br />

S<br />

D<br />

S<br />

E<br />

Z<br />

E<br />

H<br />

D<br />

J<br />

R<br />

O<br />

T<br />

C<br />

S<br />

G<br />

O<br />

V<br />

A<br />

D<br />

Z<br />

R<br />

I<br />

E<br />

I<br />

T<br />

G<br />

I<br />

S<br />

W<br />

E<br />

A<br />

E<br />

J<br />

J<br />

A<br />

M<br />

J<br />

N<br />

I<br />

C<br />

R<br />

I<br />

U<br />

T<br />

C<br />

R<br />

J<br />

X<br />

E<br />

F<br />

O<br />

A<br />

K<br />

E<br />

O<br />

C<br />

Y<br />

L<br />

C<br />

T<br />

N<br />

U<br />

P<br />

E<br />

I<br />

M<br />

O<br />

R<br />

P<br />

N<br />

A<br />

Y<br />

I<br />

E<br />

I<br />

O<br />

U<br />

Z<br />

R<br />

X<br />

E<br />

O<br />

P<br />

A<br />

F<br />

B<br />

N<br />

E<br />

M<br />

N<br />

K<br />

I<br />

I<br />

I<br />

F<br />

T<br />

O<br />

Q<br />

T<br />

T<br />

O<br />

A<br />

P<br />

S<br />

E<br />

K<br />

Q<br />

F<br />

E<br />

T<br />

R<br />

I<br />

D<br />

O<br />

T<br />

K<br />

U<br />

W<br />

U<br />

V<br />

O<br />

V<br />

O<br />

O<br />

T<br />

O<br />

F<br />

A<br />

V<br />

B<br />

E<br />

B<br />

G<br />

A<br />

E<br />

I<br />

W<br />

E<br />

W<br />

V<br />

16 IL CANTANTE NASCOSTO NEI CONTRARI<br />

Trova il contrario delle parole elencate nella colonna di sinistra. Scrivi<br />

l’iniziale nella colonna centrale e il resto in quella di destra. Le iniziali,<br />

lette di seguito, formeranno il nome di un famoso cantante italiano.<br />

➔ bello<br />

1. basso<br />

2. presto<br />

3. niente<br />

4. realtà<br />

5. dolce<br />

6. poco<br />

7. lucido<br />

B<br />

______<br />

______<br />

______<br />

______<br />

______<br />

______<br />

______<br />

______<br />

rutto<br />

__________<br />

__________<br />

__________<br />

__________<br />

__________<br />

__________<br />

__________<br />

__________<br />

Il nome del cantante è: Franco B __ __ __ __ __ __ __<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 11


17 QUAL È LA TUA CITTÀ<br />

ITALIANA IDEALE?<br />

Completa gli aggettivi del test con i suffissi -ale, -bile, -ico, -oso,<br />

-ario, -ese e scopri la tua città italiana ideale.<br />

INIZIO<br />

Sei un<br />

camminatore<br />

instanca_____?<br />

La campagna<br />

è preferi______<br />

alla città?<br />

SÌ<br />

Sì<br />

No<br />

Sei un tipo<br />

poet______?<br />

No<br />

Sì<br />

VENEZIA<br />

Hai un animo<br />

romant_____ e<br />

perderti tra le<br />

calli di questa<br />

città corrisponde<br />

al tuo<br />

ideale di vita.<br />

SIENA<br />

Piccola città a<br />

dimensione<br />

umana, ide_____<br />

per gli ecologisti<br />

come te.<br />

12 www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


No<br />

Sei curi______?<br />

Sì<br />

Ti piace vestirti<br />

in modo<br />

origin______?<br />

SÌ No Sì<br />

Ami le città<br />

onfusion_____?<br />

No<br />

Dicono di te<br />

che sei<br />

coraggi______?<br />

Sì<br />

NAPOLI<br />

Certo, è all’opposto<br />

di una<br />

città finland___,<br />

ma è proprio la<br />

miscela di mare,<br />

storia e confusione<br />

che la<br />

rende affascinante.<br />

ROMA<br />

Città internazion_____,<br />

è la<br />

metropoli che<br />

potrà soddisfare<br />

te, che sei<br />

incontenta____.<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 13


18 Für Profis IL LABIRINTO<br />

DEI PARTICIPI IRREGOLARI<br />

Completa lo schema coniugando i verbi al participio passato.<br />

1. chiedere<br />

2. succedere<br />

3. accendere<br />

4. rispondere<br />

5. scendere<br />

6. correre<br />

7. rompere<br />

8. bere<br />

9. spegnere<br />

10. tradurre<br />

11. dire<br />

12. offrire<br />

13. perdere<br />

14. essere<br />

15. nascere<br />

16. vivere<br />

17. morire<br />

18. leggere<br />

1<br />

2<br />

S<br />

3<br />

4<br />

13<br />

6<br />

14<br />

10<br />

S<br />

7<br />

5<br />

11<br />

T<br />

12<br />

15<br />

9<br />

8<br />

V<br />

S<br />

16 17<br />

T<br />

18<br />

14<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


19 LETTERE IN COMUNE<br />

Scrivi il nome degli oggetti raffigurati e collega le parole che finiscono<br />

(gruppo A) e iniziano (gruppo B) con la stessa sillaba.<br />

Gruppo A<br />

Gruppo B<br />

1<br />

a<br />

2<br />

b<br />

3<br />

c<br />

4<br />

5<br />

d<br />

e<br />

B<br />

BICCHIERE<br />

1. _______________<br />

2. _______________<br />

3. _______________<br />

4. _______________<br />

5. _______________<br />

1._____ 2._____ 3._____ 4._____ 5._____<br />

a. _______________<br />

REMO<br />

b. _______________<br />

c. _______________<br />

d. _______________<br />

e. _______________<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 15


20 SOTTRAZIONE ILLUSTRATA<br />

Cancella nell’ordine le lettere che servono per scrivere il nome<br />

dell’animale illlustrato. Quelle che rimangono, lette di seguito, formano<br />

un modo di dire che significa “affrontare una difficoltà in modo diretto”.<br />

1. TFAAGRLFALILA<br />

4. ATQAUAILA<br />

2. ALREEOLNAE<br />

5. ORLTOSROO<br />

3. TLEEPSRE<br />

Il modo di dire è:<br />

(8, 2, 5, 2, 4):<br />

______________________<br />

______________________<br />

21 UN LIBRO ITALIANO<br />

Cerchia la lettera all’incrocio di ogni coppia di sinonimi.<br />

Leggendo le lettere cerchiate a partire dalla colonna di sinistra, scoprirai<br />

il titolo dell’ultimo libro di Andrea Camilleri.<br />

caro<br />

felice<br />

sportivo<br />

sopra<br />

bravo<br />

nuovo<br />

corto<br />

utile<br />

atletico<br />

R<br />

H<br />

T<br />

O<br />

C<br />

A<br />

E<br />

Q<br />

breve<br />

D<br />

D<br />

R<br />

V<br />

V<br />

G<br />

I<br />

E<br />

contento<br />

S<br />

U<br />

W<br />

A<br />

A<br />

F<br />

O<br />

R<br />

pratico<br />

C<br />

A<br />

A<br />

D<br />

R<br />

P<br />

T<br />

O<br />

recente<br />

E<br />

Z<br />

I<br />

E<br />

Q<br />

M<br />

G<br />

T<br />

costoso<br />

T<br />

M<br />

L<br />

I<br />

Y<br />

F<br />

I<br />

I<br />

capace<br />

Q<br />

V<br />

P<br />

P<br />

O<br />

B<br />

S<br />

A<br />

su<br />

U<br />

P<br />

B<br />

T<br />

P<br />

Z<br />

R<br />

S<br />

Il titolo del libro è: Il T __ __ __ __ __ __ __<br />

16


22 Für Profis GLI IMPERATIVI NASCOSTI<br />

Cerca nella griglia 9 forme irregolari di imperativo formale (Lei).<br />

Le parole vanno cercate in orizzontale (→) e in verticale (↓).<br />

Faccia<br />

1. fare ___________________________<br />

2. andare ________________________<br />

3. sapere ________________________<br />

4. essere_________________________<br />

5. tenere _________________________<br />

6. avere__________________________<br />

7. dare___________________________<br />

8. dire ___________________________<br />

9. stare __________________________<br />

O<br />

V<br />

E<br />

L<br />

S<br />

F<br />

S<br />

A<br />

P<br />

P<br />

I<br />

A<br />

T<br />

D<br />

I<br />

C<br />

A<br />

C<br />

I<br />

A<br />

D<br />

I<br />

A<br />

C<br />

A<br />

B<br />

B<br />

I<br />

A<br />

I<br />

R<br />

T<br />

E<br />

N<br />

G<br />

A<br />

23 LE CARTE DA GIOCO<br />

Come si chiamano i semi delle carte da gioco in italiano?<br />

1. RUOCI 2. FRIOI 3. DAQUIR 4. CHEPIC<br />

1.___________ 2.___________ 3.___________ 4.___________<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 17


24 A CIASCUNO IL SUO MESTIERE<br />

Risolvi i piccoli rebus per scoprire che lavoro fanno le diverse persone.<br />

1. Marta fa la: CU (5) __ __ __ __ __<br />

2. Dario fa l’: O IO (7) __ __ __ __ __ __ __<br />

3. Luigi fa il: D RE (7) __ __ __ __ __ __ __<br />

4. Simone fa il: CON (7) __ __ __ __ __ __ __<br />

5. Andrea fa l’: A (6) __ __ __ __ __ __<br />

6. Alessandro fa il: GRA (5) __ __ __ __ __<br />

18 www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


25 Für Profis CACCIA AL PASSATO REMOTO<br />

Cerca nello schema i verbi coniugati al passato remoto. Le parole vanno<br />

cercate in orizzontale (← → ), in verticale (↓↑) e diagonale (↖↘).<br />

Noi (rompere)_____________<br />

Tu (andare) _______________<br />

Loro (avere) ______________<br />

Voi (essere) _______________<br />

Io (stare) _________________<br />

Lui (scomparire) ___________<br />

Loro (nascere) ____________<br />

Lui /Lei (dare) _____________<br />

Loro (scegliere) ___________<br />

Io (volere) ________________<br />

Io (cadere)________________<br />

Io (aprire)_________________<br />

F<br />

D<br />

E<br />

Z<br />

Z<br />

A<br />

G<br />

P<br />

Y<br />

A<br />

T<br />

G<br />

F<br />

E<br />

N<br />

U<br />

U<br />

Q<br />

U<br />

C<br />

M<br />

O<br />

P<br />

E<br />

O<br />

N<br />

A<br />

S<br />

K<br />

W<br />

A<br />

Z<br />

B<br />

A<br />

O<br />

N<br />

E<br />

N<br />

S<br />

A<br />

M<br />

D<br />

I<br />

C<br />

W<br />

K<br />

C<br />

S<br />

T<br />

V<br />

O<br />

A<br />

O<br />

A<br />

U<br />

I<br />

J<br />

A<br />

K<br />

O<br />

S<br />

X<br />

Q<br />

T<br />

A<br />

P<br />

T<br />

L<br />

P<br />

S<br />

I<br />

Q<br />

V<br />

S<br />

X<br />

M<br />

R<br />

C<br />

U<br />

E<br />

I<br />

N<br />

J<br />

R<br />

I<br />

U<br />

B<br />

O<br />

A<br />

T<br />

H<br />

P<br />

B<br />

A<br />

E<br />

T<br />

U<br />

U<br />

I<br />

W<br />

D<br />

L<br />

L<br />

A<br />

R<br />

I<br />

O<br />

A<br />

D<br />

D<br />

R<br />

T<br />

I<br />

I<br />

E<br />

D<br />

O<br />

L<br />

P<br />

O<br />

U<br />

O<br />

U<br />

R<br />

O<br />

D<br />

O<br />

I<br />

K<br />

U<br />

A<br />

K<br />

I<br />

Q<br />

M<br />

X<br />

H<br />

T<br />

U<br />

V<br />

C<br />

I<br />

L<br />

L<br />

A<br />

K<br />

Q<br />

A<br />

O<br />

P<br />

J<br />

B<br />

E<br />

B<br />

B<br />

E<br />

R<br />

O<br />

E<br />

F<br />

U<br />

F<br />

U<br />

O<br />

E<br />

Y<br />

S<br />

C<br />

E<br />

L<br />

S<br />

E<br />

R<br />

O<br />

E<br />

D<br />

S<br />

O<br />

E<br />

M<br />

H<br />

P<br />

Z<br />

U<br />

F<br />

I<br />

X<br />

Q<br />

E<br />

R<br />

I<br />

B<br />

U<br />

O<br />

M<br />

Q<br />

Z<br />

S<br />

A<br />

E<br />

O<br />

A<br />

E<br />

B<br />

Q<br />

E<br />

U<br />

O<br />

E<br />

O<br />

M<br />

O<br />

W<br />

U<br />

Z<br />

Q<br />

S<br />

O<br />

F<br />

I<br />

D<br />

E<br />

P<br />

A<br />

A<br />

U<br />

A<br />

W<br />

G<br />

Q<br />

J<br />

L<br />

T<br />

W<br />

D<br />

E<br />

L<br />

E<br />

Q<br />

G<br />

E<br />

X<br />

U<br />

W<br />

N<br />

T<br />

O<br />

K<br />

E<br />

J<br />

U<br />

D<br />

M<br />

Z<br />

U<br />

Z<br />

26 IL CUNEO<br />

Partendo dalla punta della piramide inserisci le parole corrispondenti<br />

alle definizioni. Ogni parola è composta dalle stesse lettere di quella<br />

precedente, più una nuova iniziale.<br />

1. La congiunzione più comune<br />

2. Il capo di una monarchia<br />

3. In un giorno ce ne sono 24.<br />

4. I frutti del rovo.<br />

5. Disposizione d’animo di una persona.<br />

6. Fenomeno acustico non gradevole<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 19


27 Für Profis VERBI OPPOSTI<br />

Cancella da ogni riquadro le lettere che formano i contrari dei verbi elencati.<br />

Le lettere rimanenti, lette in ordine, compongono un modo di dire<br />

che significa “farsi valere in modo deciso, mostrare il proprio carattere”.<br />

1. amare 2. dividere 3. iniziare<br />

4. entrare 5. sporcare 6. piangere<br />

T O I<br />

A U N<br />

U O F<br />

D I A<br />

➋<br />

R I R<br />

➌<br />

I N R<br />

R R E<br />

E E F<br />

I R E<br />

U S I P U U<br />

➍ C I L ➎ N L I ➏<br />

R E E G R E<br />

H R I<br />

D I E<br />

R E E<br />

Modo di dire (6, 5, 2, 6): __________________________________________________<br />

28 UNA LETTERA DI TROPPO<br />

Elimina da ogni parola una lettera e forma un’altra parola di senso<br />

compiuto. Le lettere eliminate, lette di seguito, costituiscono il nome<br />

di un’isola siciliana.<br />

sole<br />

➔ isole _____________<br />

1. pasta ____________<br />

2. amici_____________<br />

3. perno ____________<br />

4. stella_____________<br />

5. eletto ____________<br />

6. pollo _____________<br />

7. palla _____________<br />

8. eventi ____________<br />

9. rape _____________<br />

10. piace_____________<br />

11. amare ____________<br />

L’isola è: _______________________________________________________________<br />

20<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


SOLUZIONI<br />

Gioco 1: 1. nero 2. rosso 3. giallo<br />

4. bianco 5. verde 6. viola 7. arancione<br />

8. rosa 9. grigio 10. marrone.<br />

La canzone è: Nel blu dipinto di blu.<br />

Gioco 2: 1. ma-no 2. no-stal-gia<br />

3. Gia-co-mo 4. Mo-li-se 5. se-gre-to<br />

6. to-va-glio-lo 7. lo-ro 8. Ro-ma<br />

Gioco 3: 1. maglione 2. gonna<br />

3. cintura 4. cappotto 5. guanti<br />

6. giacca 7. pantaloni 8. camicia<br />

9. sciarpa 10. calzini 11. impermeabile<br />

Gioco 4: vedi pag. 22.<br />

Gioco 5: Mare mosso e venti forti.<br />

Gioco 6: vedi pag. 23.<br />

Gioco 7: Vedi pag. 22. Le parole<br />

sbagliate sono: 3. (elicottero),<br />

4. (traghetto), 5. (motorino),<br />

7. (carrozza), 10. (motocicletta).<br />

Gioco 8: l’uva; il fiore; un sopracciglio;<br />

l’etichetta; una scarpa.<br />

Gioco 9: 1. riciclaggio<br />

2. assassino 3. ladro 4. giudice<br />

5. testimone 6. tribunale 7. borseggiare.<br />

La parola è: carcere. Vedi pag. 23.<br />

Gioco 10: vedi pag. 23.<br />

Gioco 11: 1. sotto 2. arido 3. treno<br />

4. pappa 5. vuoto 6. Palio 7. buono.<br />

Soluzione: (Giovanni Battista) Tiepolo<br />

Gioco 12: 1. bici 2. lago 3. liste<br />

4. limone 5. valige 6. rane 7. mela<br />

La città è: Bologna.<br />

Gioco 13: Oggetti che fanno rima tra<br />

di loro: 1-6 (fiore /cuore)<br />

2-11 (panchina /tazzina)<br />

3-10 (porta /torta)<br />

5-7 (ombrellone /pallone)<br />

9-12 (gelato /cioccolato).<br />

Oggetti rimasti: tavolo, armadio.<br />

Gioco 14: 1. limitare 2. amare<br />

3. corso 4. opera 5. spalla 6. canfora<br />

7. istanza 8. esodo 9. nastro 10. zio<br />

11. anello 12. distinto 13. icaro<br />

14. zero 15. evento 16. nero<br />

17. omaggio.<br />

Il libro è: La coscienza di Zeno.<br />

Gioco 15: vedi pag. 23.<br />

Gioco 16: 1. alto 2. tardi 3. tutto<br />

4. illusione 5. amaro 6. tanto 7. opaco.<br />

Il nome del cantante è: Franco Battiato<br />

Gioco 17: instancabile, preferibile,<br />

curioso, originale, confusionarie,<br />

poetico, coraggioso, romantico,<br />

ideale, finlandese, internazionale,<br />

incontentabile<br />

Gioco18: vedi pag. 22.<br />

Gioco 19: 1. b (bicchiere /remo) 2. e<br />

(fragola /lavatrice) 3. a (occhiali /libro)<br />

4. c (cartolina /nave) 5. c (pera /rapa)<br />

Gioco 20: 1. farfalla 2. leone<br />

3. lepre 4. aquila 5. orso.<br />

Modo di dire: Tagliare la testa al toro.<br />

Gioco 21: Il titolo del libro è:<br />

Il Tuttomio. Vedi pag. 22.<br />

Gioco 22: vedi pag. 22<br />

Gioco 23: 1. cuori 2. fiori 3. quadri<br />

4. picche<br />

Gioco 24: 1. cuoca 2. operaio<br />

3. dottore 4. console 5. agente<br />

6. grafico<br />

Gioco 25: vedi pag. 23.<br />

Gioco 26: vedi pag.23.<br />

Gioco 27: Il modo di dire è:<br />

Tirare fuori le unghie. Vedi pag. 22.<br />

Gioco 28: 1. asta (P) 2. mici (A)<br />

3. pero (N) 4. sella (T) 5. letto (E)<br />

6. polo (L) 7. pala (L) 8. venti (E)<br />

9. ape (R) 10. pace (I) 11. mare (A).<br />

L’isola è: Pantelleria.<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 21


DA IN PER<br />

FRA PER CON TRA SU<br />

CON TRA DI PER FRA<br />

FRA TRA PER SU CON IN DA<br />

CON DA DI TRA SU PER<br />

IN SU DA FRA CON TRA A DI<br />

TRA DI IN PER A DA SU CON<br />

A CON SU FRA DI<br />

IN CON DA DI A FRA<br />

22<br />

4<br />

CH I ESTO<br />

21 U<br />

27<br />

C A<br />

18 C C<br />

E C R<br />

S E I<br />

S S C E S O<br />

CORSO P B<br />

O O E<br />

T S S V<br />

TRADOTTO P U<br />

P E R S O E O F E T<br />

7<br />

T T F N A T O<br />

A T E T<br />

V I S S U T O O M O R T O<br />

O<br />

T<br />

L E T T O<br />

22<br />

www.adesso-online.de <strong>ADESSO</strong>


E<br />

C I N Q U E<br />

T<br />

M<br />

P R E C I S I O N E<br />

O E Z<br />

N Z<br />

10<br />

T A N T O<br />

DARS I<br />

L<br />

F A T T O<br />

V A R<br />

O<br />

15<br />

26<br />

E<br />

R E<br />

O R E<br />

M O R E<br />

U M O R E<br />

R U M O R E<br />

6<br />

S<br />

N<br />

I<br />

L E N T O I L<br />

I G R A N D E<br />

SC URO G N<br />

T S L E A L E Z<br />

U O G N I<br />

P F I U O<br />

E C O R R E T T O S<br />

N R A O<br />

D T R I S T E<br />

O E O<br />

9<br />

25<br />

R I C I C L A G G I O<br />

ASSASS I NO<br />

L A D R O<br />

G I U D I C E<br />

TEST IMONE<br />

TR I BUNALE<br />

BORSEGG I ARE<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de 23


Unsere Auswahl für Sprachliebhaber.<br />

Entdecken Sie Ihre Leidenschaft für Sprachen.<br />

Deutsch perfekt – Einfach Deutsch lernen<br />

Écoute – Das Sprachmagazin für Frankreichliebhaber<br />

ECOS – Die Welt auf Spanisch<br />

<strong>ADESSO</strong> – Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Spotlight – Das Magazin in Englisch<br />

Business Spotlight – Englisch für den beruflichen Erfolg<br />

www.spotlight-verlag.de

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!