26.02.2014 Views

ADESSO Palermo (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Deutschland € 6,90<br />

CH sfr 12,40 · A · I · F · BeNeLux: € 7,50<br />

09<br />

September<br />

2013<br />

<strong>Palermo</strong><br />

Ein literarischer Spaziergang<br />

ITALIENISCH<br />

LEICHT GEMACHT<br />

NEU IM HEFT<br />

REGIONEN QUIZ<br />

Giocando s’impara... Rebus e tanti altri giochi per imparare l’italiano<br />

È TEMPO DI VENDEMMIA! GLI INDIRIZZI GOURMET PER GUSTARE L’UVA A TAVOLA<br />

SOCIETÀ: LA FAMIGLIA ITALIANA DI OGGI, TRA CAMBIAMENTI E SOLIDARIETÀ


Verliebt in<br />

Französisch.<br />

Typisch Französisch! Savoir-vivre für Sprachliebhaber<br />

und Genießer. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Magazine<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.ecoute.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben Écoute zum Preis von 3 (€ 18,60 / SFR 27,90).


EDITORIALE<br />

Cari lettori,<br />

con un pizzico di orgoglio vi presento le<br />

con un pizzico nicht ohne<br />

tante novità di questo mese:<br />

di orgoglio Stolz<br />

a pagina 7 trovate, come sempre, le la novità Neuheit<br />

la grinta Entschlossenheit<br />

Notizie dall’Italia, ma con una nuova grafica,<br />

più ordinata e facile da leggere.<br />

contribuire beitragen<br />

mandare am Laufen<br />

a pagina 30 c’è Grandangolo, una rubrica<br />

avanti halten<br />

che vuole dare spazio agli italiani “invisibili”,<br />

di cui molto spesso non si parla sui gior-<br />

il cruciverba Kreuzworträtsel<br />

la ricreazione Erholung<br />

il rebus Rätsel<br />

nali. Sono gli italiani normali, quelli che con lo Stivale hier: Italien<br />

il loro lavoro e la loro grinta contribuiscono<br />

sparso verteilt<br />

valutare bewerten<br />

a mandare avanti il nostro “bel paese“.<br />

mettere auf die Probe<br />

a pagina 39 scoprirete Giocando s’impara, alla prova stellen<br />

puntuale treffend<br />

“l’ora di ricreazione” di <strong>ADESSO</strong>. Un modo<br />

per imparare l’italiano con cruciverba, certosina Engelsgeduld<br />

la pazienza<br />

sudoku di parole, rebus e altro ancora.<br />

sopran- einen Spitznominare<br />

namen geben<br />

a pagina 55 troverete, dulcis in fundo, il<br />

saggio weise, klug<br />

nuovo evviva! I contenuti sono cambiati, la disponibilità Hilfsbereitschaft<br />

la sbadataggine<br />

Zerstreutheit<br />

ma la filosofia è rimasta la stessa: italiano<br />

facile di livello A2. Mese per mese, vi presenteremo<br />

le varie regioni d’Italia. Sarà impaginare gestalten<br />

la costanza Beständigkeit<br />

prezioso wertvoll<br />

un vero e proprio viaggio attraverso lo l’affidabilità Zuverlässigkeit<br />

Stivale, con tante informazioni interessanti,<br />

curiosità, personaggi, leggende, infografica, fatti storici e specificità<br />

linguistiche. Non preoccupatevi, il nuovo evviva! non è solo da leggere:<br />

grazie a tanti piccoli Quiz potrete valutare cosa sapete già della regione,<br />

mentre con il Superquiz finale potrete mettere alla prova le vostre capacità<br />

di comprensione del testo.<br />

Erweitern Sie<br />

Ihren Italienisch-<br />

Wortschatz!<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-App:<br />

Spero che i cambiamenti e le novità vi entusiasmino come hanno entusiasmato<br />

noi della redazione. A questo proposito, lasciatemi ringraziare<br />

tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questo bel progetto.<br />

Salvatore per il sostegno e il senso critico puntuale e costruttivo; Isabella<br />

per la precisione e la pazienza certosina (l’abbiamo soprannominata<br />

Gandhi!); Isadora per la creatività e la capacità di affrontare i problemi<br />

con saggia leggerezza; Giovanna per la disponibilità e il senso di responsabilità;<br />

Cosimo per la sua simpatica e professionale sbadataggine;<br />

Filippo per la sua costanza (ha già impaginato 8.328 pagine di <strong>ADESSO</strong><br />

e 2.520 pagine di <strong>ADESSO</strong> plus, più tutti i prodotti extra); Monica per i<br />

preziosissimi consigli, per l’affidabilità e l’accuratezza; Andrea e Julia<br />

per la flessibilità e la competenza.<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

Pro Tag ein italienischer Begriff<br />

mit Audio-Datei für das<br />

Aussprache-Training<br />

mit Erklärung und Beispielsatz<br />

auf Italienisch<br />

Übersetzung ins Deutsche<br />

GRATIS!<br />

Über iTunes Store oder Android Market<br />

adesso-online.de/apps<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

12 VIAGGI: PALERMO, DI LUCE E D’OMBRA<br />

Eine sizilianische Seele auf der Suche nach<br />

ihrer Heimat in einer „ebenso schönen wie riesigen“<br />

Stadt – mitten im Heute und erfüllt von Geschichte.<br />

26 Intervista: Carlo Cracco<br />

Der „sexy Sternekoch“: Aus der Küche<br />

auf die Titelseiten.<br />

50 Fine settimana: Il Parco del Circeo<br />

Nicht nur für VIPs: Urlaub im überwältigend schönen<br />

Naturschutzgebiet – gar nicht weit der Kapitale.<br />

62 L’Italia a tavola: L’uva nel piatto<br />

Nicht nur Wein: Süßer Pfiff für Traditionsrezepte<br />

und überraschende Spezialitäten. Adressen und Tipps.<br />

LINGUA<br />

33 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

37 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten, u. a. mit Übersetzungen,<br />

Übungen, Alltagsitalienisch<br />

39 Giocando s’impara... NOVITÀ<br />

Wortspiele: Spielerisch Italienisch lernen<br />

40 L’italiano per espresso<br />

Verbessern Sie Ihr Italienisch!<br />

I vostri dubbi: Partizip Perfekt,<br />

Pronomen und Konkordanz<br />

Una parola tira l’altra: L’auto<br />

OPINIONI<br />

24 L’Italia in diretta<br />

Kirche im Wandel?, von Valeria Palumbo<br />

44 Passaparola<br />

Botschaft der Worte, von Renata Beltrami<br />

56 Tra le righe<br />

Maria De Filippi, von Stefano Vastano<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Posta prioritaria<br />

Leserbriefe<br />

07 Notizie dall’Italia<br />

29 Scherzi a parte<br />

Neues aus Italien<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

30 Grandangolo NOVITÀ<br />

Ein Blick auf besondere Italiener: Köhler in Kalabrien.<br />

32 Botta e risposta<br />

Ein Thema – zwei Antworten: Italiens Schüler werden<br />

geprüft – um ihre Schulen zu testen. Effektiv oder unfair?<br />

46 I misteri dell’arte: Una madonna famosa<br />

Sie ist Italiens berühmteste Madonna – doch ihr<br />

Vorbild könnte eine ganz und gar weltliche Figur sein.<br />

48 Praticamente parlando<br />

55<br />

Die moderne Familie – überall gleich?<br />

Ein Blick hinter italienische Türen.<br />

NOVITÀ<br />

NOVITÀ<br />

Das leichte Heft im Heft - Lombardei<br />

58 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autor des Monats: Giorgio Scerbanenco<br />

67 Approfondimento<br />

Was nicht im Wörterbuch steht<br />

70 Anteprima <strong>ADESSO</strong> 10/13<br />

<strong>Vorschau</strong> auf die Oktober-Ausgabe 10/13<br />

Seguici su<br />

facebook.com/adesso.magazin<br />

IN COPERTINA<br />

Panoramica di <strong>Palermo</strong>,<br />

con le cupole della chiesa<br />

di San Cataldo.<br />

© HUBER / SIME<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Texte zum Anhören<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Thematische Sprachübungen<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

italienische Musik, Übungen zu<br />

Grammatik und Aussprache: CD<br />

mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nützlich und unterhaltsam:<br />

Das Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong><br />

mit Zusatzübungen. Info unter<br />

Tel.: (0049) 89-85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-85681 -152;<br />

Fax: -159; Mail: schulmedien@spotlight-verlag.de.<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen… Mit<br />

<strong>ADESSO</strong> Premium freier Zugang<br />

zum Nachrichten- und Übungsarchiv.<br />

ABONNENTEN-SERVICE: tel. (0049) 89-85681-16; fax (0049) 89-85681-159; e-mail: abo@spotlight-verlag.de


SETTEMBRE 2013<br />

48<br />

50<br />

12<br />

62<br />

26


VIVA LA<br />

CALABRIA!<br />

u Gentile redazione,<br />

ho appena comprato il<br />

numero di luglio di <strong>ADESSO</strong>.<br />

Palmi, il paese da cui<br />

provengo, è addirittura in<br />

copertina! Ne sono molto<br />

felice. Spero tanto che la<br />

Calabria sia più spesso<br />

oggetto dei vostri articoli.<br />

Abbiamo bisogno di<br />

pubblicità positiva!<br />

Giusy Costa<br />

Gentile signora Costa,<br />

siamo anche noi molto felici<br />

di aver parlato della Calabria<br />

e delle sue spiagge più belle.<br />

La Calabria è una regione<br />

meravigliosa, ancora poco<br />

conosciuta e che merita visibilità.<br />

Per questo, nel mese di<br />

marzo, abbiamo dato voce<br />

anche a una sua cittadina<br />

illustre, l’astrofisica Sandra<br />

Savaglio, che in un’intervista<br />

ci ha raccontato la sua carriera<br />

e l'amore per la sua terra.<br />

Ci ha consigliato di visitare<br />

Capo Vaticano, “i Caraibi<br />

d’Europa”. Lei cosa ne dice?<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

provenire<br />

la copertina<br />

la pubblicità<br />

meritare<br />

la visibilità<br />

la cittadina<br />

la terra<br />

la fontana<br />

l’angolo<br />

eterno<br />

stammen<br />

Cover<br />

Werbung<br />

verdienen<br />

hier: Aufmerksamkeit<br />

Bürgerin<br />

Heimat<br />

Brunnen<br />

Ecke<br />

ewig<br />

A ROMA<br />

CON <strong>ADESSO</strong><br />

u Gentile redazione,<br />

scrivo questa lettera a<br />

nome di cinque donne<br />

olandesi. Abbiamo seguito<br />

un corso di italiano per<br />

quattro anni e da qualche<br />

anno leggiamo la vostra<br />

rivista. Dopo aver letto<br />

l’articolo sulle fontane di<br />

Roma, in <strong>ADESSO</strong> 06/11, e<br />

quello uscito su <strong>ADESSO</strong><br />

01/13, intitolato “Roma, la<br />

bellezza dietro l'angolo”, è<br />

cresciuta in noi l'idea di fare<br />

un viaggio tutte e cinque insieme<br />

nella Città eterna.<br />

Detto fatto, nel maggio<br />

scorso siamo andate da<br />

Schiphol a Roma. Il tempo<br />

era molto bello e siamo<br />

riuscite a vedere quasi tutte<br />

le fontane dell’articolo.<br />

Senza dubbio continueremo<br />

a leggere <strong>ADESSO</strong>!<br />

Joke van Drongelen<br />

Gentile signora Van Drongelen,<br />

siamo lieti che i nostri articoli<br />

vi abbiano accompagnato alla<br />

scoperta di Roma. Se volete<br />

uno spunto per il prossimo<br />

viaggio, non perdete, a ottobre,<br />

l’articolo dedicato alla<br />

zona del Chianti, in Toscana.<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

6<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo: Leonore Hesseling Foto: Leonardo Gusperti<br />

CHE BEL REGALO PER MILANO!<br />

Sono stata una settimana<br />

a Milano e ho<br />

visitato il Museo del<br />

Novecento (vedi<br />

<strong>ADESSO</strong> 06/11, pag.<br />

28). Che bel regalo è<br />

stato fatto a Milano,<br />

con questo museo!<br />

Il museo si trova in<br />

una posizione centralissima,<br />

in una delle piazze più suggestive di Milano, accanto<br />

al Duomo e di fronte alla Galleria Vittorio Emanuele, all’interno<br />

del Palazzo dell’Arengario. Pianificato nel 1937, è stato<br />

inaugurato nel 1956, perché i lavori erano stati interrotti a<br />

causa della seconda guerra mondiale. Il museo si trova nel<br />

il regalo<br />

suggestivo<br />

pianificato<br />

interrompere<br />

il nucleo<br />

l’ampliamento<br />

collegare<br />

maestoso<br />

la scala mobile<br />

l’ascensore m.<br />

l’opera<br />

il Novecento<br />

l’artista m./f.<br />

Geschenk<br />

beeindruckend<br />

geplant<br />

unterbrechen<br />

Kern<br />

Anbau<br />

verbinden<br />

majestätisch<br />

Rolltreppe<br />

Aufzug<br />

Werk<br />

zwanzigstes<br />

Jahrhundert<br />

Künstler, -in<br />

esporre ausstellen<br />

la moneta Münze<br />

il Quarto<br />

stato vedi pag. 67<br />

il quadro Gemälde<br />

la lotta Kampf<br />

l’operaio Arbeiter<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

ammirare bewundern<br />

la vista Aussicht<br />

colpire beeindrucken<br />

la vetrata Glasfläche<br />

permettere ermöglichen<br />

godere genießen<br />

nucleo centrale e un ampliamento lo collega con il Palazzo<br />

Reale. Al centro del museo c’è una maestosa rampa rotonda,<br />

ma tutti i piani sono comunque raggiungibili anche tramite<br />

scale mobili o ascensori. Le opere sono del Novecento,<br />

come dice il nome del museo, e per la maggior parte di artisti<br />

italiani come Giorgio Morandi, Giacomo Balla, Giorgio De<br />

Chirico. È esposta anche la famosa scultura di Umberto<br />

Boccioni, Forme Uniche della Continuità nello Spazio, che si<br />

trova sulla moneta da 20 centesimi. Da vedere assolutamente<br />

è l’opera Il Quarto stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo,<br />

un quadro molto importante per gli italiani, che parla della<br />

lotta di classe degli operai. Questo capolavoro può essere<br />

ammirato anche senza pagare l’ingresso. In più, al museo si<br />

trovano anche un ristorante stile Novecento, con una vista<br />

spettacolare su Piazza del Duomo, e un bookshop. L’aspetto<br />

che mi ha colpito di più, oltre alle opere, è stato il panorama<br />

che il museo regala. Dalla sala Lucio Fontana, all’ultimo<br />

piano, una vetrata permette di godere una vista fantastica<br />

sul Duomo e sulla Piazza. Ho visitato il museo una seconda<br />

volta di sera, e il panorama con le luci del Duomo mi ha lasciato<br />

un’emozione indimenticabile.<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


prima pagina<br />

NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

di redazione<br />

Toscana<br />

I tubetti di collirio ritrovati<br />

nella nave greca<br />

affondata nel golfo di<br />

Baratti, in Toscana,<br />

2.200 anni fa.<br />

Cecina<br />

MAR<br />

TIRRENO<br />

POPULONIA<br />

Piombino<br />

ARCHEOLOGIA<br />

IL COLLIRIO<br />

PIÙ ANTICO DEL MONDO<br />

Volterra<br />

Collirio, ecco cosa contenevano i tubetti<br />

ritrovati negli anni Ottanta dentro<br />

una nave affondata nel golfo di<br />

Baratti, davanti all’antica città etrusca<br />

di Populonia, oggi Piombino.<br />

Dentro i tubetti di stagno, vecchi di<br />

2.200 anni, c’erano alcuni dischetti.<br />

Un’équipe di ricercatori dell’Università<br />

di Pisa li ha analizzati e ha trovato tracce<br />

di una sostanza usata oggi in oftalmologia:<br />

il carbonato di zinco. Probabilmente<br />

quei dischetti<br />

erano una medicina e,<br />

come racconta Plinio il<br />

Vecchio nella Naturalis historia (77 d.C.<br />

circa), gli antichi li appoggiavano sulle<br />

palpebre.<br />

La filologia conferma questa ipotesi: la<br />

parola collirio deriva dal greco kolluria,<br />

che letteralmente significa “piccoli panetti<br />

rotondi”. I Greci commerciavano<br />

con gli Etruschi e probabilmente la nave<br />

ritrovata nel golfo di Baratti era greca.<br />

La civiltà etrusca si è sviluppata nell’attuale<br />

Toscana, in parte dell’Umbria<br />

e nel Lazio – con diramazioni in Liguria,<br />

Emilia-Romagna e Lombardia – a partire<br />

dall’VIII secolo a.C. I Greci la consideravano<br />

misteriosa per i costumi<br />

esotici, la vita sociale delle donne e<br />

l’origine mitica. Sul territorio italiano ci<br />

sono ancora oggi molte tracce della civiltà<br />

etrusca. Il collirio più antico del<br />

mondo è conservato al Museo archeologico<br />

di Piombino.<br />

il collirio<br />

contenere<br />

il tubetto<br />

la nave<br />

affondato<br />

lo stagno<br />

il dischetto<br />

l’équipe f.<br />

il ricercatore<br />

la traccia<br />

l’oftalmologia<br />

il carbonato di zinco<br />

appoggiare<br />

l’ipotesi f.<br />

derivare<br />

letteralmente<br />

svilupparsi<br />

la diramazione<br />

il secolo a.C.<br />

considerare<br />

il costume<br />

Augentropfen Pl.<br />

enthalten<br />

Röhrchen<br />

Schiff<br />

gesunken<br />

Zinn<br />

Scheibchen<br />

Team<br />

Forscher<br />

Spur<br />

Augenheilkunde<br />

Zinkcarbonat<br />

legen<br />

Vermutung<br />

stammen<br />

wörtlich<br />

sich entwickeln<br />

Ausläufer<br />

Jahrhundert v. Chr.<br />

betrachten, ansehen<br />

Sitte<br />

7<br />

ISOLA<br />

D’ELBA<br />

Monte Castello<br />

Portoferraio<br />

Forni Etruschi<br />

Punta Ala<br />

SULLE TRACCE [SPUREN] DEGLI ETRUSCHI<br />

Volete conoscere la civiltà [Kultur ] etrusca?<br />

Un itinerario [Route] interessante parte dal bel<br />

borgo [Dorf ] di Volterra, in Toscana, arriva al Mar<br />

Tirreno all’altezza di Cecina e poi scende lungo la<br />

costa fino all’isola d’Elba. Nell'Antichità tutti questi<br />

luoghi [Orte] erano abitati dagli Etruschi. A Volterra,<br />

oltre al centro della cittadina [Städtchen], visitate<br />

il museo e le necropoli. A Cecina, sono interessanti<br />

i resti della villa romana della famiglia etrusca dei<br />

Cecina, che ha dato il nome alla città. Ancora più a<br />

sud, c'è il Parco archeologico di Baratti e Populonia.<br />

Infine, sull’isola d’Elba, si vedono ancora oggi tracce<br />

delle attività di estrazione [Gewinnung] e<br />

lavorazione del ferro [Eisen], in cui gli Etruschi<br />

erano maestri [Meister ].<br />

Per questo e altri itinerari: Italia etrusca,<br />

Giunti editore, € 11,90.<br />

Busto di Arianna<br />

in terracotta, del<br />

III sec. a.C.,<br />

proveniente dalla<br />

città etrusca di<br />

Falerii Novi, l’attuale<br />

Civita Castellana,<br />

nel Lazio.


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

cultura e spettacolo<br />

8<br />

© MARKA<br />

GRAMSCI NEL BRONX<br />

Una casa dedicata ad Antonio Gramsci, il fondatore del<br />

Partito comunista italiano, nel cuore del Bronx! È l’installazione<br />

costruita da Thomas Hirschhorn con l’aiuto degli<br />

abitanti del famoso quartiere di New York. In un’intervista al<br />

New York Times, l’artista svizzero spiega perché ha scelto<br />

proprio Gramsci: “Gramsci credeva nel valore della cultura<br />

e dell’insegnamento per liberare gli oppressi. Se riesco a far<br />

riflettere sulla potenza dell’arte e della letteratura, ho ottenuto<br />

quello che volevo”. I materiali usati per costruire il “condominio<br />

Gramsci” sono legno, plexiglass, compensato e nastro<br />

adesivo. Sulle pareti ci sono frasi di Antonio Gramsci. Ma il<br />

“condominio” non è solo un monumento. Per tutta l’estate,<br />

ha ospitato lezioni di filosofia, corsi per bambini, happening,<br />

seminari d’arte e di cucina, concerti. La casa è stata uno<br />

spazio per i cittadini. Adesso, finiti gli eventi, il “condominio”<br />

viene smontato e i pezzi messi in palio con una lotteria.<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

ANNA MAGNANI<br />

Il 26 settembre del 1973, 40 anni fa, moriva<br />

Anna Magnani, una delle più grandi attrici<br />

del cinema italiano. Il critico teatrale Silvio<br />

D’Amico diceva che Anna Magnani era<br />

nata attrice; non recitava, ma viveva le<br />

parti che le erano state affidate. Le sue<br />

interpretazioni nei film Bellissima,<br />

Mamma Roma e La rosa tatuata sono<br />

indimenticabili. Nel 1956 è la prima italiana<br />

a vincere l’Oscar come miglior<br />

attrice protagonista, per il<br />

film La rosa tatuata. Per<br />

celebrare la sua scomparsa<br />

sono stati restaurati<br />

in digitale i<br />

capolavori di Roberto<br />

Rossellini Roma<br />

città aperta e l’episodio<br />

Il miracolo nel<br />

film L’amore.<br />

GRAMSCI<br />

dedicato gewidmet<br />

il fondatore Gründer<br />

il partito Partei<br />

famoso berühmt<br />

il quartiere Viertel<br />

l’artista m./f. Künstler, -in<br />

il valore Wert<br />

liberare befreien<br />

l’oppresso Unterdrückter<br />

riflettere nachdenken<br />

la potenza Macht<br />

ottenere erreichen<br />

il condominio Hausgemeinschaft<br />

il legno Holz<br />

il compensato Sperrholz<br />

il nastro<br />

adesivo Klebeband<br />

lo spazio Platz<br />

il cittadino Bürger<br />

smontare abbauen<br />

mettere als Preis<br />

in palio aussetzen<br />

MAGNANI<br />

l’attrice f. Schauspielerin<br />

recitare spielen<br />

la parte Rolle<br />

affidare anvertrauen<br />

vincere gewinnen<br />

la mostra Ausstellung<br />

la scomparsa Ableben<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

CD DEL MESE<br />

conquistare erobern<br />

nonostante trotz<br />

sciogliersi sich auflösen<br />

dimostrare beweisen<br />

la maturità Reife<br />

influenzato beeinflusst<br />

fondere verschmelzen<br />

la sonorità Klang<br />

il cantautore Liedermacher<br />

la sfumatura Nuance<br />

affrontare angehen<br />

la delusione Enttäuschung<br />

IL CD DEL MESE<br />

LA TEORIA DEI COLORI<br />

CESARE CREMONINI<br />

Cesare Cremonini conquista il<br />

pubblico italiano nel 1999 con la<br />

sua band Lunapop. Il pubblico è<br />

molto giovane. Nel 2002, nonostante<br />

il successo, il gruppo si scioglie e<br />

Cremonini inizia una carriera da solo.<br />

La teoria dei colori è il suo quarto disco da solista. In<br />

questo album, il cantante bolognese dimostra la sua maturità<br />

musicale. Influenzato dal rock inglese, in particolare<br />

dai Beatles e dai Coldplay, Cremonini riesce a fondere<br />

queste sonorità con la tradizione italiana dei<br />

cantautori. Il tema dell’album è l’amore in tutte le sue<br />

sfumature, o meglio, con tutti i suoi colori. Come un<br />

colorato Arlecchino, l’autore affronta con un sorriso<br />

le difficoltà e le delusioni dell’amore.<br />

VINCI IL CD DEL MESE<br />

Partecipa all'estrazione [Verlosung]<br />

dei CD in palio. Entro il<br />

25 settembre vai alla pagina<br />

www.adesso-online.de/gewinnspiel<br />

oppure spedisci una cartolina<br />

al seguente indirizzo: Spotlight Verlag,<br />

<strong>ADESSO</strong>, CD del mese – Cesare<br />

Cremonini, Fraunhoferstr. 22, D-82152<br />

Planegg. Per chi non vince, il CD è in vendita,<br />

insieme a tanti altri capolavori della musica<br />

italiana, da: MUSIC PARADISE, Rebgasse 49,<br />

CH-4058 Basel, tel. (0041) 61 68192407,<br />

fax (0041) 61 6812127. E-mail imp@musicparadise.ch;<br />

www.musicparadise.ch;<br />

Facebook Music Paradise


economia e politica<br />

UNA STARTUP<br />

CONTRO LA CRISI<br />

Si chiama Matteo Achilli, ha 21 anni ed è detto<br />

“il Mark Zuckerberg italiano”. Nel 2012 fonda<br />

Egomnia.com, un social network per chi cerca e<br />

offre lavoro. Il successo è immediato. Egomnia è<br />

considerata la migliore startup italiana. Nei primi<br />

cinque mesi del 2013 ha fatturato oltre 500.000<br />

euro. Un risultato eccezionale, se si considera la giovanissima età di<br />

Matteo e, come lui stesso ha raccontato, la difficoltà di farsi prendere<br />

sul serio dalle aziende alle quali proponeva il suo progetto. Il punto di<br />

forza di Egomnia è uno speciale algoritmo, che assegna un punteggio<br />

a ogni iscritto secondo un criterio meritocratico. Questo aiuta le aziende<br />

a trovare davvero la persona giusta. Recentemente, Achilli ha firmato<br />

un accordo con uno dei principali sindacati italiani, la Cisl, per facilitare<br />

il ricollocamento di persone che hanno perso il lavoro o che appartengono<br />

alle cosiddette “categorie protette”.<br />

UN SINDACO IN BICI<br />

Roma ha un nuovo sindaco. Si chiama Ignazio Marino, è un medico<br />

famoso e ha una grande passione: la bicicletta. Il sindaco si muove<br />

sempre in bicicletta, anche nelle occasioni ufficiali, come durante la<br />

recente visita a papa Francesco. Nella città delle auto blu e delle scorte,<br />

il neosindaco sembra un marziano. La sua scorta è formata da un reparto<br />

speciale di vigili urbani, tutti in bicicletta.<br />

IL PERCHÉ<br />

VATTELAPPESCA<br />

Perché si dice “vattelappesca”?<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice dell’Istituto<br />

dell’Enciclopedia Italiana.<br />

Il termine Vattelappesca (o Vattelapesca) è<br />

usato spesso nel linguaggio familiare o popolare,<br />

soprattutto nelle esclamazioni. Significa<br />

“vai a trovarlo, vai a indovinarlo, vai a saperlo”.<br />

Esprime incertezza o ignoranza assoluta riguardo<br />

a qualcosa. Abita vattelappesca dove<br />

vuol dire che non si sa dove una persona abita;<br />

In quanti saranno? Vattelappesca vuol dire<br />

che non si sa quante persone sono. Le prime<br />

citazioni letterarie disponibili sono tutte del<br />

1800. Ricordiamo alcuni versi de Il poeta e gli<br />

eroi da poltrona di Giuseppe Giusti, un poeta<br />

del Risorgimento: “Dite, e l’Italia? / L’abbiamo<br />

a balia. / Balia pretesca, / Liberalesca, / nostra<br />

o tedesca? / Vattel’a pesca”. [Dite, e l’Italia?<br />

La facciamo allevare da altri. Preti, liberali, italiani<br />

o tedeschi? Vai a saperlo, n.d.r.].<br />

Il termine nasce dall’unione di tre elementi:<br />

vattelo, a e pesca. Vattelo è l’imperativo del<br />

verbo andare, più le particelle ti e lo. A pesca<br />

è un modo popolare per dire “a pescare”. Una<br />

curiosità: la a di a pesca deriva direttamente<br />

dal latino ac, che è la congiunzione “e”. Lo ritroviamo<br />

per esempio in alcuni numeri italiani,<br />

come diciassette, che deriva dal latino decem<br />

ac septem (dieci e sette), diciannove, da decem<br />

ac novem (dieci e nove), e così via. Spesso,<br />

nel dialetto e nel linguaggio quotidiano,<br />

dopo ac c’è l’imperativo, come succedeva già<br />

in latino. Publio Terenzio scriveva nell’Andria:<br />

Abi cito ac suspende te, che letteralmente significa<br />

“Vai via in fretta e impiccati” e quindi:<br />

“Vatti a impiccare”.<br />

Inviate i vostri perché a:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

9<br />

il papa Papst<br />

l’auto blu: Dienstfahrzeuge der öffentlichen<br />

Hand<br />

il marziano hier: Sonderling<br />

il reparto Abteilung<br />

i vigili urbani pl. Stadtpolizei<br />

IL PERCHÉ<br />

il termine Begriff<br />

indovinare erraten<br />

l’ignoranza Unwissen<br />

la citazione Nennung<br />

disponibile verfügbar<br />

il 1800 neunzehntes<br />

Jahrhundert<br />

il Risorgimento: Bewegung für die Einigung<br />

der italienischen Kleinstaaten in einem<br />

Nationalstaat (1815-1870)<br />

allevare aufziehen<br />

il prete Priester<br />

derivare stammen<br />

quotidiano Alltagssuccedere<br />

geschehen<br />

STARTUP<br />

fondare gründen<br />

offrire bieten<br />

essere considerato gelten als<br />

fatturare umsetzen<br />

il punto di forza Stärke<br />

assegnare zuweisen<br />

il punteggio Punktezahl<br />

l’iscritto Mitglied<br />

meritocratico Verdienstil<br />

laureato Akademiker<br />

firmare unterzeichnen<br />

principale größter,<br />

größtes, größte<br />

il sindacato Gewerkschaft<br />

il ricollocamento Weitervermittlung<br />

appartenere gehören<br />

la categoria protetta: Arbeitnehmergruppen,<br />

die bspw. auf Grund von Behinderungen<br />

besonderen Schutz genießen<br />

SINDACO IN BICI<br />

il sindaco Bürgermeister<br />

l’occasione f. Anlass<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

costume e società<br />

10<br />

Andrea Battistella<br />

(28) in vigna.<br />

UNO 007 AL SERVIZIO<br />

DI SUA MAESTÀ IL<br />

PROSECCO<br />

Si chiama Andrea Battistella, ha 28 anni e una<br />

laurea in Scienze vitivinicole ed enologiche.<br />

Il ministero delle Politiche agricole gli ha affidato<br />

un compito molto importante. Dal luglio di<br />

quest’anno deve sorvegliare chi vende Prosecco<br />

al bar, nei ristoranti e nelle enoteche del Veneto.<br />

Il suo nome tecnico è “agente vigilatore con qualifica<br />

di agente di pubblica sicurezza”. In pratica<br />

è un vero e proprio “poliziotto” che deve registrare<br />

tutte le irregolarità nella vendita del Prosecco Doc:<br />

non solo le contraffazioni, ma anche se il vino è servito in<br />

modo non corretto. Per esempio: il calice di Prosecco<br />

non deve essere mai riempito alla spina, inoltre non deve<br />

essere versato da una caraffa o da una bottiglia senza<br />

l’etichetta con su scritto “Prosecco Doc”. Chi non rispetta<br />

le regole rischia una denuncia e una multa molto alta.<br />

LA PAROLA DEL MESE<br />

SVAPARE<br />

È un verbo nato da poco e vuol dire “fumare la sigaretta elettronica”.<br />

Chi svapa respira vapore acqueo. In un primo momento,<br />

la sigaretta elettronica sembrava una buona alternativa<br />

alla sigaretta tradizionale, sia in termini economici sia di<br />

salute. Viva la sigaretta elettronica, allora? Non proprio. L’Organizzazione<br />

mondiale della sanità segnala che anche svapare<br />

può essere pericoloso. I liquidi per sigarette elettroniche contengono<br />

la glicerina che, ad alte temperature, sviluppa acroleina,<br />

una sostanza che può danneggiare il fegato. Il dibattito<br />

è aperto (vedi anche <strong>ADESSO</strong> 05/13, pag. 32). Forse la sigaretta<br />

elettronica fa male alla salute, ma a qualcuno fa malissimo di<br />

sicuro. I clienti delle tabaccherie sono sempre meno e quindi<br />

i tabaccai vedono la sigaretta elettronica, è proprio il caso di<br />

dirlo, “come il fumo negli occhi”.<br />

Oggi il volontariato<br />

non è più un impegno<br />

fisso. Le nuove reti<br />

permettono di aiutare<br />

senza garantire una<br />

continuità.<br />

PROSECCO<br />

Sua Maestà Ihre Majestät<br />

la laurea Hochschulabschluss<br />

la scienza Wissenschaft<br />

vitivinicolo Weinbauagricolo<br />

Landwirtschaftsaffidare<br />

anvertrauen<br />

sorvegliare überwachen<br />

l’agente Aufsichtsvigilatore<br />

m. beamter<br />

la contraffazione<br />

Fälschung<br />

il calice Glas, Kelch<br />

riempire füllen<br />

alla spina vom Fass<br />

versare (ein-)gießen<br />

la denuncia Anzeige<br />

la multa Geldstrafe<br />

SVAPARE<br />

fumare rauchen<br />

respirare einatmen<br />

il vapore<br />

acqueo Wasserdampf<br />

la salute Gesundheit<br />

l’Organizzazio- Weltgesundne<br />

mondiale heitsorganidella<br />

sanità sation<br />

pericoloso gefährlich<br />

il liquido Flüssigkeit<br />

contenere enthalten<br />

danneggiare schädigen<br />

il fegato Leber<br />

vedere qc. bei etw. rot<br />

come il fumo sehen<br />

negli occhi<br />

ALTRUISMO<br />

il volontariato Ehrenamt<br />

la fretta Eile<br />

l’impegno Verpflichtung<br />

l’associazione<br />

f. Verband<br />

liquido hier: flexibel<br />

consultare einsehen<br />

la Rete: Internet<br />

il contributo Beitrag<br />

l’associato Mitglied<br />

il capoprogetto<br />

Projektleiter<br />

sostenere unterstützen<br />

ALTRUISMO 2.0<br />

Se i tempi cambiano, cambia anche il modo di fare volontariato.<br />

In un mondo nel quale tutti hanno fretta e il lavoro<br />

è flessibile (o precario) è difficile rispettare impegni fissi. Molte<br />

associazioni di volontariato italiane lo hanno capito e si<br />

sono aperte al cosiddetto “volontariato liquido”. Sei libero<br />

domani dalle 18 alle 20? Consulta in Rete le attività in programma<br />

e dai il tuo contributo, anche se non hai una preparazione<br />

particolare. La filosofia del nuovo volontariato 2.0.<br />

è a grandi linee questa. A Roma c’è il network Romaltruista<br />

(www.romaltruista.it). A Milano e a Trieste sono nati www.milanoaltruista.org<br />

e www.triestealtruista.org. In provincia di<br />

Modena c’è Melpyou (www.melpyou.com), che mette in Rete<br />

le richieste di 80 associazioni. Un sistema che sembra<br />

funzionare molto bene. A Roma, il network è nato alla fine<br />

del 2011 e ha già 4.000 associati. La qualità del servizio è<br />

garantita dai capi-progetto, che sono sempre presenti per<br />

sostenere i volontari.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

scienza<br />

Per aiutare i malati di<br />

Sla un gruppo di ricercatori<br />

italiani ha creato le<br />

sette App CoumiCARE.<br />

UNA APP<br />

PER LA SLA<br />

la Sla (sclerosi<br />

laterale amiotrofica)<br />

la ricerca<br />

amyotrophe<br />

Lateralsklerose (ALS)<br />

Forschung<br />

Da oggi i malati di Sla<br />

il dispositivo Gerät<br />

hanno un grande aiuto.<br />

Grazie a una ricerca<br />

colpire betreffen<br />

responsabile zuständig<br />

deglutire schlucken<br />

tutta italiana, è nato ComuniCARE,<br />

un gruppo la fondazione Stiftung<br />

respiratorio Atem-<br />

di App che permettono<br />

guidato geleitet<br />

ai malati di Sla, anche<br />

scientifico wissenschaftlich<br />

nelle fasi più avanzate<br />

della malattia, di comunicare e mantenere la propria autonomia<br />

in casa. Per esempio, attraverso un tablet, il malato è in<br />

grado di controllare, solo con un lieve movimento della testa o di<br />

un dito, i dispositivi elettronici di casa, come gli interruttori della<br />

luce, la TV e l’aria condizionata. Un risultato davvero importante,<br />

che permette ai malati di migliorare la qualità della vita. La sclerosi<br />

laterale amiotrofica, chiamata più semplicemente Sla, è una malattia<br />

terribile. Colpisce il sistema nervoso e, in particolare, i neuroni<br />

responsabili del movimento. Il malato non può fare i movimenti<br />

più naturali, come deglutire, parlare e camminare. Nella<br />

fase più acuta funzionano male persino i muscoli respiratori. Il<br />

progetto, della Fondazione AriSla, è guidato da Marco Caligari,<br />

responsabile del laboratorio di Comunicazione e Demotica dell’Istituto<br />

scientifico di Veruno, in provincia di Novara.<br />

Mehr Sprache<br />

können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen, um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache, Lernsoftware<br />

und vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt entdecken:<br />

www.sprachenshop.de


VIAGGI - PALERMO<br />

Di luce e d’ombra<br />

PALERMO<br />

Inspiriert von Literatur und Literaten wandern wir durch das<br />

unbeschreibliche, einzigartige <strong>Palermo</strong>… durch Licht und Schatten, an<br />

Orte des Glaubens und der Macht, riechen, schmecken und spüren<br />

Sizilien inmitten der Wunderwerke seiner wechselhaften Vergangenheit.<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

12<br />

HO VISSUTO E VIVO LA CONDIZIONE, PER CERTI<br />

VERSI INVIDIABILE, DI CHI NASCE IN UN POSTO<br />

E CRESCE IN UN ALTRO. La condizione in cui il sangue<br />

e la terra sono come due amanti che vivono a più di<br />

1.000 km di distanza e si ritrovano solo nei pensieri reciproci.<br />

Il sangue è siciliano, ma la mia terra è sempre stata<br />

un delizioso angolo del Levante ligure, in provincia<br />

della Spezia. Ma, come si diceva un tempo, “il sangue<br />

non è acqua” e, crescendo, mi sono trovato a chiedermi<br />

quale posto, dentro di me, avesse la Sicilia, e soprattutto<br />

<strong>Palermo</strong>, la mia città natale.<br />

La risposta l’ho trovata nei libri (“i miei siciliani”, li<br />

chiamo io), nelle cronache e persino nei vecchi racconti<br />

dei parenti, che ora mi appassionano tanto quanto mi annoiavano<br />

da bambino. Così la Sicilia è diventata per me<br />

un luogo dell’anima e <strong>Palermo</strong> una città ideale, fatta di immagini,<br />

luoghi, personaggi, storie e qualche fantasticheria.<br />

Un ideale che, quando mi trovo davvero a <strong>Palermo</strong>,<br />

metto alla prova e confronto con la realtà. Ne viene fuori<br />

una città dai contrasti forti, di luci abbaglianti e ombre nerissime.<br />

È questa la città che, con l’aiuto dei “miei siciliani”,<br />

vorrei raccontarvi. Piccola parentesi: tra i “miei siciliani”<br />

ce ne sono molti che siciliani non sono. Anzi, c’è<br />

perfino un catanese! Mi perdoni, il lettore, questo piccolo<br />

scherzo, ma non ho resistito alla tentazione di giocare con<br />

la nota e plurisecolare rivalità tra <strong>Palermo</strong> e Catania. A<br />

questo punto, però, mi corre l’obbligo di concedere la prima<br />

parola proprio a lui, al catanese Vitaliano Brancati:<br />

<strong>Palermo</strong> è situata in una insenatura della costa nordoccidentale,<br />

non fra i monti e il mare, ma dietro monti che<br />

bagnano il piede nel mare. Questa muraglia non è continua<br />

né larga: ampie finestre la interrompono formando<br />

l’ombra Schatten<br />

per certi versi in gewisser<br />

Hinsicht<br />

invidiabile beneidenswert<br />

il sangue Blut<br />

reciproco gegenseitig<br />

delizioso entzückend<br />

l’angolo Winkel<br />

il Levante: östlicher Bereich der<br />

italienischen Riviera<br />

un tempo einst<br />

natale Geburtsla<br />

cronaca Chronik<br />

il/la parente Verwandter,<br />

Verwandte<br />

annoiare langweilen<br />

il luogo Ort<br />

l’anima Seele<br />

la fantasticheria<br />

Träumerei<br />

mettere<br />

alla prova<br />

abbagliante<br />

la parentesi<br />

resistere<br />

la tentazione<br />

noto<br />

plurisecolare<br />

l’obbligo<br />

corre a qcn.<br />

concedere<br />

l’insenatura<br />

nordoccidentale<br />

la muraglia<br />

ampio<br />

interrompere<br />

auf die Probe<br />

stellen<br />

blendend<br />

Einschub<br />

widerstehen<br />

Versuchung<br />

bekannt<br />

mehrere Jahrhunderte<br />

alt<br />

jmd. hat<br />

die Pflicht<br />

gewähren<br />

Bucht<br />

nordwestlich<br />

Mauer<br />

groß<br />

unterbrechen<br />

© A. Garozzo, Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


Qui: una suggestiva<br />

immagine dei Quattro<br />

Canti. Nell’altra pagina:<br />

veduta del lungomare di<br />

<strong>Palermo</strong> alla Favorita.<br />

13<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


VIAGGI - PALERMO<br />

14<br />

ciascheduna una spiaggia. Il sole sorge, fra i monti, dal mare<br />

e declina, fra i monti, nel mare. Al tramonto, i raggi del<br />

sole passano fra le montagne, colpendo <strong>Palermo</strong> nel più irregolare<br />

dei modi. La luce salta interi quartieri, che rimangono<br />

in una penombra turchina, e accende gruppi di<br />

case nei punti più disparati. La scena è molto singolare. Si<br />

vedono cupole, terrazze, tetti completamente privi di luce<br />

e, sotto questi, file di basse case illuminate fortemente. Raggi<br />

sottili vanno a pescare chi una finestra, chi un cane che<br />

si morde la coda, minutissimi particolari che, per essere illuminati<br />

nel mezzo di un quadro oscuro, si rendono visibili<br />

anche a grande distanza. (Lettere al direttore, 1938)<br />

Il monte a cui Brancati si riferisce è probabilmente il<br />

Monte Pellegrino , che in effetti sembra riparare dal mare<br />

la parte nord-occidentale della città, dove, come spiega<br />

lo scrittore Roberto Alajmo, molte case danno le spalle al<br />

mare, nel senso che il prospetto principale e le finestre di rappresentanza<br />

sono rivolte verso l’interno… (<strong>Palermo</strong> è una cipolla,<br />

2005). Questo dà la misura di quella sorta di atavica<br />

diffidenza che i palermitani nutrono per quel mare da dove<br />

hanno visto arrivare invasori di ogni tipo, dai Fenici ai<br />

Greci, dagli Arabi ai Normanni, e poi Tedeschi, Francesi,<br />

Spagnoli, Inglesi e Piemontesi, per non parlare dei navigli<br />

carichi, oltre che di armigeri stranieri, pure delle loro malattie.<br />

Fateci caso, mentre passeggiate per Via Roma, o ve<br />

Monte Pellegrino<br />

(circa 5 km più a nord)<br />

jeder<br />

aufgehen<br />

untergehen<br />

Sonnenuntergang<br />

Strahl<br />

treffen<br />

überspringen<br />

ganz<br />

Viertel<br />

Halbschatten<br />

tiefblau<br />

hier: erleuchten<br />

verschieden<br />

einzigartig<br />

Kuppel<br />

Dach<br />

ohne<br />

Reihe<br />

fischen, hier:<br />

erhaschen<br />

die einen…<br />

die anderen…<br />

sich in den<br />

Schwanz<br />

beißen<br />

klitzeklein<br />

Detail<br />

Bild<br />

dunkel<br />

sichtbar<br />

werden<br />

wahrschein-<br />

lich<br />

vor etw.<br />

schützen<br />

den Rücken<br />

zuwenden<br />

ciascheduno<br />

sorgere<br />

declinare<br />

il tramonto<br />

il raggio<br />

colpire<br />

saltare<br />

intero<br />

il quartiere<br />

la penombra<br />

turchino<br />

accendere<br />

disparato<br />

singolare<br />

la cupola<br />

il tetto<br />

privo di<br />

la fila<br />

pescare<br />

chi… chi…<br />

mordersi<br />

la coda<br />

minuto<br />

il particolare<br />

il quadro<br />

oscuro<br />

rendersi<br />

visibile<br />

probabilmente<br />

riparare<br />

da qc.<br />

dare le spalle<br />

il prospetto Fassade<br />

rivolto gewandt<br />

la misura Ausmaß<br />

atavico uralt<br />

la diffidenza Misstrauen<br />

nutrire hegen<br />

il naviglio Flotte<br />

carico beladen<br />

l’armigero Knappe<br />

fare caso auf etw.<br />

a qc. achten<br />

il cannolo: Teigrolle mit gesüßter<br />

Ricotta und kandierten Früchten<br />

tranne che außer dass<br />

trattarsi sich handeln<br />

tirare diritto geradeaus<br />

(ver)laufen<br />

il custode Wächter<br />

geloso hier: wachsam<br />

salvare retten<br />

il santuario Wallfahrtskirche<br />

il luccichio Funkeln<br />

l’oro Gold<br />

l’argento Silber<br />

l’ex voto Votivgabe<br />

prezioso wertvoll<br />

donato gestiftet<br />

la grazia Gnade<br />

il miracolo Wunder<br />

la teca Reliquiar<br />

disteso liegend<br />

la divagazione Abschweifen<br />

spingere (an)treiben<br />

vano vergeblich<br />

il tentativo Versuch<br />

imporsi qc. sich etw.<br />

vornehmen<br />

l’itinerario Route<br />

castello<br />

della Zisa<br />

Piazza Zisa<br />

(a circa 3 km)<br />

palazzo dei<br />

Normanni<br />

Piazza Indipendenza<br />

(a circa 300 m)<br />

castello<br />

della Cuba<br />

Corso Calatafimi<br />

(a circa 1 km)<br />

chiesa di<br />

San Cataldo<br />

Piazza Bellini<br />

(a circa 400 m)<br />

<strong>Palermo</strong><br />

MAR<br />

TIRRENO<br />

➋ Caffè Spinnato ➌ chiesa di S. M. degli Angeli ➍ chiesa di S. M. dello<br />

Spasimo ➎ Palazzo Abatellis Palazzo Steri Vucciria ➑ Palazzo<br />

Branciforte ➓ Palazzo Valguarnera-Ganci Palazzo Mirto Palazzo<br />

Butera Palazzo Ajutamicristo Palazzo Alliata chiesa di S.<br />

Giovanni degli eremiti chiesa della Martorana Cattedrale<br />

ne state seduti a gustarvi un cannolo da Spinnato, in Via<br />

Principe di Belmonte ➋. Tutto potrete pensare di <strong>Palermo</strong>,<br />

tranne che si tratti di una città di mare. A parte Corso Vittorio<br />

Emanuele – che un tempo si chiamava Via Toledo e<br />

tutti conoscono come Cassaro – che tira dritto fino al mare,<br />

le vie principali di <strong>Palermo</strong> corrono tutte verso il Monte<br />

Pellegrino, la cui bellezza, dice Goethe, è impossibile da descrivere<br />

a parole (Viaggio in Italia, 1829).<br />

Il monte è il custode geloso dei sacri resti della santa<br />

palermitana per eccellenza: Rosalia, patrona della città. Fu<br />

lei che, nel 1625, salvò <strong>Palermo</strong> dalla peste nera arrivata da<br />

Tunisi, neanche a dirlo, via mare. Si può resistere al richiamo<br />

della bellezza e della santa leggenda? Certo che no. Così,<br />

eccomi al santuario, dove la vera attrazione è la grotta<br />

della santa. Qui è tutto un luccichio di oro e argento. Sono<br />

migliaia gli ex voto, alcuni preziosissimi, donati per grazia<br />

ricevuta, quando non per un vero e proprio miracolo.<br />

Ed eccola lì, protetta da una teca, Rosalia vestita d’oro, distesa<br />

come vuole la tradizione iconografica.<br />

Ho da sempre il gusto delle associazioni e delle divagazioni,<br />

nella lettura come nella vita. Un gusto che mi<br />

spinge, a <strong>Palermo</strong>, da un luogo all’altro, rendendo vano<br />

ogni tentativo di impormi un itinerario. Pensando a san-


VIAGGI - PALERMO<br />

15<br />

In senso orario: Crocifissione<br />

di Antoon Van Dyck (1624) conservato a Palazzo<br />

Alliata di Villafranca; vita notturna in<br />

Piazza Caracciolo, alla Vucciria; uno dei giganteschi<br />

ficus di Villa Garibaldi, in Piazza<br />

Marina; la chiesa di San Domenico.<br />

© A. Garozzo (2), Dagmar Schwelle/laif


In senso orario: la chiesa di Santa<br />

Maria dello Spasimo; una carrozza<br />

ai Quattro Canti; il Teatro Massimo,<br />

uno dei più grandi teatri d’opera<br />

d’Europa; aperitivo alla Vucciria.<br />

© Huber/Sime, Dagmar Schwelle/laif (3)<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


VIAGGI - PALERMO<br />

ta Rosalia, mi viene in mente che da quando salvò <strong>Palermo</strong><br />

dalla peste alla morte dell’Inquisitore generale di Sicilia,<br />

don Juan López de Cisneros, non corrono che una trentina<br />

d’anni. López de Cisneros, morto, come si legge sulla<br />

sua lapide, “nell’esercizio della sua funzione di Inquisitore”,<br />

fu ucciso colli stessi ferri che aveva alle mani, ovvero a<br />

colpi di manette, dal frate agostiniano Diego La Matina.<br />

L’Inquisitore è sepolto nella chiesa di Santa Maria degli<br />

Angeli ➌, detta la Gancia. Ed eccomi qui, davanti alla chiesa<br />

in Via Alloro, nello storico quartiere dei Tribunali, che i<br />

palermitani chiamano ancora con il suo nome arabo: la<br />

Kalsa. Tra le cose da vedere, nel quartiere, vi consiglio una<br />

visita a ciò che resta della chiesa di Santa Maria dello Spasimo<br />

➍, unico esempio di stile gotico in città. Alla chiesa<br />

manca il tetto e, in particolare al tramonto, la navata centrale<br />

è investita da un particolare gioco di luce e ombra<br />

davvero suggestivo. Dopo aver visitato la Gancia, mi infilo<br />

nel vicino Palazzo Abatellis ➎ che ospita la Galleria Regionale,<br />

per assolvere quello che negli anni è diventato un<br />

piccolo rito: starmene una ventina di minuti davanti all’Annunziata<br />

di Antonello da Messina e lasciarmi stordire<br />

dalla sua bellezza. Ma torniamo al nostro Inquisitore.<br />

La cronaca della morte di López de Cisneros, per come<br />

l’ho letta in un libriccino dell’adorato Leonardo Sciascia<br />

(Morte dell’inquisitore, 1964), mi spinge fino alla non distante<br />

Piazza Marina, uno dei miei angoli preferiti, in città.<br />

È lì che si erge, severo e minaccioso, Palazzo Steri , che<br />

dal 1605 al 1782 è stato sede del terribile tribunale dell’Inquisizione<br />

spagnola. Allo Steri ho sempre preferito<br />

l’ombra dei giganteschi ficus di Villa Garibaldi, ma stavolta<br />

mi sono sentito in dovere di fare una visita non tanto<br />

al monumento, quanto al “luogo del delitto”. Quello<br />

contro la ragione e l’umanità che fu l’Inquisizione spagnola.<br />

Il palazzo, che sembra un castello, fu fatto erigere<br />

agli inizi del XIV secolo da Manfredi I, dell’allora potentissima<br />

casata dei Chiaramonte. L’edificio è stato per secoli<br />

il muto testimone della storia di <strong>Palermo</strong>. Dopo la caduta<br />

dei Chiaramonte – l’ultimo rappresentante della<br />

famiglia, Andrea, fu decapitato proprio davanti al suo palazzo<br />

– il palazzo, prima di diventare sede del tribunale<br />

correre hier: vergangen<br />

sein<br />

la lapide Grabstein<br />

uccidere umbringen<br />

il ferro Eisen, hier:<br />

Handschelle<br />

il colpo Schlag<br />

la manetta Handschelle<br />

il frate Mönch<br />

sepolto begraben<br />

consigliare empfehlen<br />

la navata<br />

centrale Mittelschiff<br />

investire hier: erleuchten<br />

suggestivo stimmungsvoll<br />

infilarsi hineinschlüpfen<br />

ospitare beherbergen<br />

assolvere absolvieren<br />

il rito Ritual<br />

stordire betäuben<br />

adorato angebetet<br />

ergersi sich erheben<br />

severo streng<br />

minaccioso bedrohlich<br />

la sede Sitz<br />

il luogo<br />

del delitto Tatort<br />

la ragione Vernunft<br />

l’umanità Menschlichkeit<br />

erigere errichten<br />

potente mächtig<br />

la casata Geschlecht<br />

muto stumm<br />

il testimone Zeuge<br />

la caduta Fall<br />

decapitare enthaupten<br />

il viceré Vizekönig<br />

la Regia königliche<br />

dogana Zollbehörde<br />

il polo Museumsmuseale<br />

standort<br />

il carcere Gefängnis<br />

inciso eingeritzt<br />

il prigioniero Gefangener<br />

il disegno Zeichnung<br />

l’invocazione f. Anrufung<br />

gridare (hinaus)-<br />

schreien<br />

la sventura Unglück<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

il pittore Maler<br />

la tela hier: Gemälde<br />

l’odore m. Geruch<br />

squarciare zerreißen<br />

il timpano Trommelfell<br />

la sorte Schicksal<br />

il marchese Marquis<br />

del Sant’Uffizio, è stato residenza dei viceré spagnoli e sede<br />

della Regia dogana. Oggi ospita il rettorato dell’Università<br />

di <strong>Palermo</strong> e un piccolo polo museale, dove è possibile<br />

visitare le carceri dell’Inquisizione. Le pareti delle<br />

celle, coperte di graffiti incisi dai prigionieri, ancora parlano<br />

e – attraverso disegni, invocazioni, preghiere o poesie<br />

– a volte gridano il dolore di chi ha avuto la sventura<br />

di cadere nelle mani del Sant’Uffizio.<br />

Lo Steri custodisce inoltre una piccola perla: uno dei<br />

capolavori del grande pittore palermitano Renato Guttuso,<br />

La Vucciria. La tela purtroppo ha solo forme e colori;<br />

per sentire anche gli odori e i rumori, con le grida dei<br />

venditori che squarciano l’aria (e qualche volta i timpani<br />

dei passanti), alla Vucciria , uno dei mercati storici di<br />

<strong>Palermo</strong>, bisogna andarci. Ironia della sorte, la piazza<br />

principale del mercato è intitolata proprio a quel marchese<br />

Domenico Caracciolo, viceré dal 1781 al 1789, che<br />

17


VIAGGI - PALERMO<br />

le sarde a beccafico: Rouladen<br />

aus marinierten Sardinen mit<br />

Schafkäse, Eiern, Bröseln etc. in<br />

Olivenöl<br />

vivace lebhaft<br />

la movida Nachtleben<br />

rinunciare verzichten<br />

il polpo bollito: gekochter Tintenfisch<br />

mitico legendär<br />

dirigersi auf etw.<br />

verso qc. zusteuern<br />

accorgersi bemerken<br />

la traversa Seitenstraße<br />

la folgorazione Blitzschlag<br />

rintanato hier: zurückgezogen<br />

recondito<br />

il principe<br />

Il Gattopardo<br />

distruggere<br />

la superficie<br />

l’ala<br />

paterno<br />

scapolo<br />

la disposizione<br />

il cortile<br />

la scuderia<br />

la reggia<br />

il ballo<br />

splendido<br />

mozzafiato<br />

verborgen<br />

Fürst<br />

dt. Titel:<br />

Der Leopard<br />

zerstören<br />

Fläche<br />

Flügel<br />

väterlich-<br />

(erseits)<br />

unverheiratet<br />

Verfügung<br />

Hof<br />

Reitstall<br />

Königspalast<br />

Ball<br />

prächtig<br />

atemberaubend<br />

nel 1782 riuscì a mettere la parola “fine” all’Inquisizione in<br />

Sicilia. Me ne ricordo mentre compro delle sarde a beccafico<br />

che conto di mangiare per pranzo. Penso anche a quanto<br />

è cambiato questo posto. Quello che un tempo era “solo”<br />

un mercato, oggi, ogni sera – e in particolare le piazze Caracciolo<br />

e Garraffello – si trasforma in uno dei centri più vivaci<br />

della movida palermitana che certo, come dappertutto,<br />

beve lo spritz, ma che non sa rinunciare ai sapori della<br />

tradizione, dal polpo bollito al mitico pani cà meusa (pane<br />

con la milza).<br />

Dirigendomi dalla Vucciria verso il Teatro Politeama, mi<br />

ritrovo davanti a Palazzo Branciforte ➑ (vedi <strong>ADESSO</strong><br />

08/12, pag. 7) in Via Bara all’Olivella. Fatto qualche metro,<br />

mi accorgo che una traversa di Via Bara all’Olivella è Via<br />

Lampedusa ➒ e ho come una folgorazione: La casa (…) era<br />

rintanata in una delle più recondite strade della vecchia <strong>Palermo</strong>,<br />

in Via Lampedusa al n. 17. La casa in questione era<br />

quella dei principi Tomasi di Lampedusa, dove Giuseppe,<br />

autore del celebre Gattopardo, aveva vissuto e che fu completamente<br />

distrutta nel 1943, durante un bombardamento.<br />

La sua superficie era di 1.600 mq. Abitata soltanto da noi<br />

in un’ala, dai miei nonni paterni in un’altra, dai miei zii scapoli<br />

al secondo piano, essa era tutta a mia disposizione durante<br />

20 anni, con i suoi tre cortili, le sue quattro terrazze, il<br />

suo giardino, le scale immense (…) le scuderie… (Infanzia,<br />

in Racconti, 1961). Il principe la chiama “casa”, ma dalla<br />

sua descrizione si direbbe una reggia. E sembrano effettivamente<br />

regge i palazzi dell’alta aristocrazia palermitana.<br />

Palazzo Valguarnera-Ganci ➓, dove Luchino Visconti ha<br />

girato la scena del ballo per il film Il Gattopardo; Palazzo<br />

Mirto , proprio al centro della Kalsa; lo splendido Palazzo<br />

Butera , con la sua vista mozzafiato sul golfo di Paler-<br />

18<br />

Santa Rosalia, patrona<br />

di <strong>Palermo</strong> e protrettrice<br />

dei palermitani.<br />

© A. Sabbadini/Buenavista, A. Garozzo<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


Italienisch<br />

unterwegs!<br />

Die schönsten Seiten auf Italienisch: Lebensart<br />

und Sprachgenuss in einem. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Magazine<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.adesso-online.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben <strong>ADESSO</strong> zum Preis von 3 (€ 18,60 / SFR 27,90).


Unser Beitrag zu mehr Verständigung.<br />

Alles auf einen Blick unter www.adesso-online.de/komplett<br />

<strong>ADESSO</strong> – das Magazin für Ihr Italienisch<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten Übungen und<br />

spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft, Kultur und Reisen.<br />

Inklusive Online-Zugang zum Premium-Bereich.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus – das Übungsheft<br />

Vertiefen Sie Ihre Grammatik- und Wortschatzkenntnisse! 24-seitiges Übungsheft<br />

in praktischem Pocket-Format für alle, die sich ihre Lieblingssprache systematisch<br />

aneignen möchten.<br />

<strong>ADESSO</strong> Audio – Italienisch-Training, das ins Ohr geht<br />

Trainieren Sie Ihr Hörverständnis! Die CD umfasst rund eine Stunde Texte, Interviews<br />

und Sprachübungen. Das Begleit-Booklet ergänzt Aufgaben und Texte zum Mitlesen.<br />

Lehrerbeilage – Bestnoten für Ihren Unterricht<br />

Kostenlose Tipps und Ideen für Abonnenten in Lehrberufen! Das Lehrmaterial ist<br />

in drei verschiedenen Niveaustufen aufbereitet. Sie erhalten die Beilage auf Anfrage<br />

zusammen mit Ihrem Magazin.<br />

Premium-Abo – das Online-Extra<br />

Erhalten Sie unbegrenzten Zugriff auf Texte, Übungen und Archiv!<br />

Die umfassende Online-Plattform bietet Ihnen aktuelle Beiträge und einen großen<br />

Pool an interaktiven Übungen. Das Premium-Abo ist bereits kostenlos im Magazin-<br />

Abo enthalten.<br />

Mehr Informationen unter www.adesso-online.de/komplett<br />

Bei Rückfragen erreichen Sie uns unter E-Mail abo@spotlight-verlag.de oder Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16.


VIAGGI - PALERMO<br />

Veduta su Piazza<br />

Pretoria, conosciuta<br />

come Piazza della<br />

Vergogna.<br />

Haustor<br />

empfinden<br />

Ritter<br />

Prunktreppe<br />

Stein<br />

sich begeben<br />

Absatz<br />

Rascheln<br />

Seide<br />

an etw.<br />

hängen<br />

auf etw.<br />

hinausgehen<br />

verbunden<br />

Vernach-<br />

lässigung<br />

erraten, hier:<br />

sich vorstellen<br />

il portone<br />

provare<br />

il cavaliere<br />

lo scalone<br />

la pietra<br />

recarsi<br />

il tacco<br />

il fruscio<br />

la seta<br />

essere affezionato<br />

a qc.<br />

affacciarsi<br />

su qc.<br />

legato<br />

lo stato<br />

di incuria<br />

indovinare<br />

il tesoro<br />

contenere<br />

vantare qc.<br />

arcivescovile<br />

scontato<br />

trascurare<br />

l’eredità<br />

il regno<br />

rispettarsi<br />

orgoglioso<br />

il re<br />

la prova<br />

la meraviglia<br />

il popolo<br />

Schatz<br />

enthalten<br />

sich etw.<br />

rühmen<br />

erzbischöflich<br />

selbstverständlich<br />

außen<br />

vor lassen<br />

Erbe<br />

Reich<br />

etw. auf sich<br />

halten<br />

stolz<br />

König<br />

Beweis<br />

Wunder(werk)<br />

Volk<br />

mo; Palazzo Ajutamicristo , solo per citare i più noti. Alcuni<br />

sono stati trasformati in musei, altri sono stati aperti<br />

a visite private su prenotazione, altri ancora trasformati in<br />

B&B di charme (vedi box a pagina 22).<br />

A parte i musei, che visito ogni volta che posso, gli altri<br />

mi limito a guardarli da fuori e a pensare a come dovevano<br />

essere al tempo del loro massimo splendore. A volte,<br />

se il portone è aperto, entro nel cortile principale e<br />

provo un’emozione che non so descrivere, immaginando<br />

dame e cavalieri salire scaloni di pietra per recarsi a un ballo,<br />

tra rumori di tacchi e fruscii di sete. Tra quelli a cui sono<br />

più affezionato, forse perché la piazza su cui si affaccia<br />

è legata ai ricordi di gioventù di mio padre, c’è il principesco<br />

Palazzo Alliata di Villafranca , in Piazza Bologni.<br />

Nonostante lo stato di incuria in cui si trova, non è difficile<br />

indovinarne la bellezza e immaginare i tesori che il palazzo<br />

doveva contenere, visto che ha ospitato una delle<br />

più importanti collezioni private d’arte della città, che vantava<br />

(e ancora vanta) una Crocifissione di Antoon Van Dyck<br />

(1624). Oggi il palazzo, che appartiene alla Curia e al Seminario<br />

arcivescovile di <strong>Palermo</strong>, è chiuso, ma si dice che<br />

ne faranno un museo. Speriamo!<br />

Il lettore lo troverà magari scontato, ma non si può<br />

raccontare <strong>Palermo</strong> trascurando l’eredità arabo-normanna,<br />

così come non si può non ricordare che fu la felice capitale<br />

di un regno sul cui trono sedeva nientemeno che<br />

Federico II di Svevia. Ogni palermitano che si rispetti non<br />

sarà mai abbastanza orgoglioso del suo re tedesco, tanto<br />

da vantarsene sempre e comunque. Di lui e dei Normanni<br />

prima di lui. Insomma, siamo o ci sentiamo tutti<br />

“un po’ normanni”. Un paio di occhi azzurri in famiglia<br />

sono la prova sufficiente a farci immaginare qualche goccia<br />

di sangue nordico nelle vene. Senza contare le meraviglie<br />

che questi popoli hanno lasciato in eredità ai palermitani.<br />

Il geografo arabo Muhammad al-Idrisi, che il<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


VIAGGI - PALERMO<br />

22<br />

re normanno Ruggero II d’Altavilla aveva chiamato a <strong>Palermo</strong><br />

per redigere una monumentale opera geografica,<br />

la descriveva così: Bella ed immensa città (...) <strong>Palermo</strong> ha<br />

edifici di tanta bellezza che i viaggiatori si mettono in cammino<br />

attratti dalla fama delle meraviglie che offre qui l’architettura,<br />

lo squisito lavoro, l’ornamento di tanti peregrini<br />

trovati dall’arte (Il libro di re Ruggero, ovvero Il libro<br />

dei piacevoli viaggi in terre lontane, XII secolo).<br />

E certo, di fronte alla Zisa (dall’arabo al-Aziz, “la Splendida”),<br />

il castello fatto costruire da Guglielmo I, figlio di Ruggero,<br />

si resta veramente a bocca aperta. Lo scrittore Ippolito<br />

Nievo, a <strong>Palermo</strong> al seguito di Garibaldi, scrive in una lettera<br />

del 1860 a Bice Melzi: Essa mi ricorda le Mille ed una notte,<br />

le romanze cantate al suono della chitarra; i sorbetti di rose;<br />

i turbanti, la pipa ed il chiaro di luna. Come dargli torto?<br />

E questo incanto d’Oriente, ereditato dagli arabi, che erano<br />

stati capaci di trasformare la Sicilia in una sorta di giardino<br />

dell’Eden, nessuno si sognò mai di cancellarlo. Le moschee<br />

furono sì trasformate in chiese, ma le cupole rosse di San Giovanni<br />

degli Eremiti e della chiesa di San Cataldo stanno<br />

ancora lì a testimoniare la capacità di contaminarsi e di lasciarsi<br />

contaminare dei sovrani normanni. Del resto, quello<br />

arabo-normanno (che comprende anche il bizantino) è lo stile<br />

che caratterizza la maggior parte dei monumenti antichi<br />

della città, come il castello della Cuba , la chiesa della Martorana<br />

, ma soprattutto lo straordinario Palazzo dei Normanni<br />

o Palazzo Reale, una costruzione a scopo difensivo,<br />

che Ruggero II trasforma in una reggia degna della potenza<br />

degli Altavilla. Sempre Ruggero fa costruire, all’interno del<br />

castello, la Cappella di San Pietro, conosciuta da tutti come<br />

Cappella Palatina che impressiona per la sua bellezza, con le<br />

volte dorate, gli intarsi in stile arabo e i preziosi mosaici bizantini.<br />

Questa contaminazione e l’accumulo di stili architettonici<br />

raggiunge l’apice nella poco distante Cattedrale.<br />

Si tratta di un magnifico edificio del XII secolo, di fattura<br />

per metà normanna e per metà saracena, pieno di stu-<br />

Dormire da re<br />

PALAZZO AJUTAMICRISTO (XV SECOLO)<br />

Via Garibaldi 23, +39 091 6161894.<br />

www.palazzo-ajutamicristo.com<br />

Abitato dai baroni Calefati di Canalotti, che hanno<br />

adibito a B&B alcune stanze.<br />

PALAZZO CONTE FEDERICO (XII-XV SECOLO)<br />

Via dei Biscottari 4, +39 091 6511881.<br />

www.contefederico.com<br />

Dimora nobiliare la cui parte più antica è del XII secolo.<br />

La splendida foresteria è stata trasformata in B&B.<br />

PALAZZO MONTEVAGO (XVI SECOLO)<br />

via Maqueda 92, +39 338 3195859.<br />

www.palazzomontevago.it<br />

Al piano nobile di questa lussuosa dimora sono state<br />

ricavate due suite per un soggiorno principesco.<br />

redigere<br />

l’opera<br />

la fama<br />

offrire<br />

squisito<br />

il peregrino<br />

il suono<br />

il sorbetto<br />

il turbante<br />

la pipa<br />

il torto<br />

l’incanto<br />

capace<br />

cancellare<br />

contaminarsi<br />

Schutz-<br />

würdig<br />

beeindrucken<br />

Gewölbe<br />

vergoldet<br />

Höhepunkt<br />

herrlich<br />

Ausführung<br />

geschnitzt<br />

spitzenbesetzt<br />

geschmückt<br />

Stickerei<br />

il sovrano<br />

straordinario<br />

a scopo<br />

difensivo<br />

degno<br />

impressionare<br />

la volta<br />

dorato<br />

l’apice m.<br />

magnifico<br />

la fattura<br />

intagliato<br />

merlettato<br />

ornato<br />

il ricamo<br />

verfassen<br />

Werk<br />

Ruhm<br />

bieten<br />

hervorragend<br />

Umherirrender<br />

Klang<br />

Sorbet<br />

Turban<br />

Pfeife<br />

Unrecht<br />

Zauber<br />

fähig<br />

auslöschen<br />

sich anstecken<br />

lassen<br />

Herrscher<br />

wundervoll<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Nel numero di settembre<br />

trovi una mini-audioguida per<br />

visitare <strong>Palermo</strong> in tre giorni.<br />

sbigottito<br />

imbattersi<br />

in qc.<br />

l’antenato<br />

lo svevo<br />

omaggiare<br />

l’imperatore m.<br />

lo stupore<br />

inginocchiarsi<br />

il porfido<br />

giacere<br />

mostruoso<br />

nudo<br />

la sublimità<br />

sostenuto<br />

il leone<br />

acquistare<br />

la rabbia<br />

l’animo<br />

inquieto<br />

scoprire<br />

augurarsi<br />

erstaunt<br />

auf etw.<br />

stoßen<br />

Vorfahr<br />

hier: Hohenstaufen<br />

Ehre erweisen<br />

Kaiser<br />

Staunen<br />

niederknien<br />

Porphyr<br />

liegen, ruhen<br />

hier: außergewöhnlich<br />

bloß<br />

Erhabenheit<br />

gestützt<br />

Löwe<br />

gewinnen, hier<br />

übernehmen<br />

Wut<br />

Gemüt<br />

ruhelos<br />

entdecken<br />

sich wünschen<br />

pendi particolari di miracolosa precisione e tutto intagliato,<br />

merlettato, e ornato di festoni come un ricamo di marmo…<br />

(Le Speronare, 1842). Basterebbe questa impressione<br />

di Alexandre Dumas, registrata durante il suo primo viaggio<br />

in Sicilia, per dare l’idea della grandiosità della Cattedrale,<br />

ma bisogna vederla coi propri occhi per rimanerne<br />

sbigottiti. E io rimango proprio così, sbigottito, ogni volta<br />

che, attraversata Porta Nuova venendo da Corso Calatafimi,<br />

fatte poche centinaia di metri su Corso Vittorio Emanuele,<br />

mi imbatto nella Cattedrale di <strong>Palermo</strong> . Anche<br />

qui assolvo un piccolo rito personale, e vado a “salutare”<br />

Federico II e i suoi antenati normanni (per parte di madre).<br />

Sembra una sciocchezza, ma è difficile non avvicinarsi<br />

per dedicare un pensiero al più grande degli Svevi,<br />

dopo il Barbarossa. Non sono certo l’unico. Sono migliaia<br />

i visitatori che ogni anno vengono a omaggiare lo Stupor<br />

Mundi, come veniva chiamato l’imperatore. In passato, ci<br />

è venuto anche un visitatore d’eccezione come Oscar Wilde<br />

che, con un certo stupore di se stesso, racconta in una<br />

lettera all’amico Robert Ross: …io mi sono inginocchiato<br />

davvero davanti all’enorme sarcofago di porfido nel quale<br />

giace Federico II. È di una mostruosa, nuda sublimità, color<br />

sangue, sostenuto da leoni che hanno acquistato un po’<br />

della rabbia dell’animo inquieto del grande imperatore.<br />

Sarebbero ancora tante le cose da raccontare, e altrettante<br />

le cose da scoprire. Di certo ci saranno altri libri, altre<br />

storie, che mi imporranno altri soggiorni e altre lunghe<br />

passeggiate nella “mia” città, per un viaggio che, mi<br />

auguro, durerà tutta la vita.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


23<br />

© Huber/Sime (2)<br />

In senso orario: L’Annunziata di Antonello da<br />

Messina, custodita a Palazzo Abatellis;<br />

uno scorcio della Cattedrale; panoramica<br />

della città con, in primo piano, le cupole<br />

della chiesa di San Cataldo e la Martorana.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI VALERIA PALUMBO<br />

CAMBIAMENTI NELLA<br />

CHIESA CATTOLICA<br />

A sinistra: l’ingresso al<br />

padiglione del Vaticano alla<br />

Biennale di Venezia di<br />

quest’anno. A destra: la prima<br />

pagina del quotidiano di Roma<br />

Il Messaggero dell’11 febbraio,<br />

dedicata alle dimissioni di<br />

Benedetto XVI. Nell’altra<br />

pagina: papa Giovanni Paolo II;<br />

religiosi in attesa di visitare il<br />

padiglione del Vaticano alla<br />

Biennale di Venezia; papa<br />

Francesco fra i fedeli.<br />

24<br />

Rivoluzione cattolica<br />

In der katholischen Kirche scheinen die Zeichen auf Wandel zu stehen<br />

– nicht zuletzt seit der Wahl von Papst Franziskus. Doch hält diese<br />

Hoffnung vieler Gläubigen einem genaueren Blick stand?<br />

IMMAGINATE LO STUPORE DEGLI AMMINISTRA-<br />

TORI DELLA NEW YORK UNIVERSITY DI FIRENZE,<br />

abituati da sempre a dialogare con la madre superiora del<br />

confinante monastero delle Carmelitane scalze attraverso<br />

la ruota, quando l’anno scorso sono stati ammessi nel<br />

parlatorio. La clausura era dunque finita? In realtà c’era<br />

stato un ammorbidimento della regola, ha spiegato la superiora.<br />

Peccato che, per l’età avanzata delle monache, il<br />

convento di Santa Teresa si stesse svuotando. Sorpresa:<br />

quest’anno il monastero brulica di novizie.<br />

Forse il miracolo non è legato soltanto all’ammorbidimento<br />

della clausura. Certo non è neanche frutto del “Fattore<br />

F”, ovvero dell’entusiasmo suscitato da papa Francesco,<br />

alias Jorge Mario Bergoglio, “vescovo di Roma”, come ama<br />

definirsi. Per quanto la Chiesa cattolica sembri davvero in una<br />

fase di “ristrutturazione” profonda, bisogna stare attenti agli<br />

abbagli. I cambiamenti, nella più misteriosa e longeva istituzione<br />

occidentale, non sono sempre lì dove uno se li aspetta.<br />

Per esempio, lo stile del papato: papa Francesco sembra<br />

aver oscurato il successo popolare di Giovanni Paolo<br />

II, Karol Wojtyła. In realtà ha ripreso il suo filone, già inaugurato<br />

da Giovanni XXIII, dei pontificati mediatico-popolari,<br />

che la Chiesa, ormai da 50 anni, alterna a pontificati<br />

più severi. L’insistenza sulla doppia firma dell’enciclica<br />

papale Lumen fidei, uscita il 5 luglio, segnala invece la continuità<br />

ideologica e teologica con il papato di Ratzinger.<br />

Non è una novità neanche avere due papi. Nel 1409,<br />

ce n’erano addirittura tre: Gregorio XII (romano), Benedetto<br />

XIII (avignonese) e Alessandro V, eletto dal Concilio<br />

di Pisa, che lo sostituì, nel 1410, con Giovanni XXIII.<br />

Certo, poi la questione è stata semplificata parlando di papa<br />

e antipapa. In ogni caso, questa è senz’altro la prima<br />

volta nella storia che due papi coesistono pacificamente.<br />

È senz’altro anche la prima volta che il Vaticano partecipa<br />

a una Biennale di Venezia con un proprio padiglione.<br />

Tuttavia, tanto per fare un esempio, il Vaticano ne<br />

aveva uno all’Esposizione internazionale di Parigi del<br />

1937 (e vi ospitava la Spagna franchista). E di certo il mecenatismo<br />

è stato una costante della storia della Chiesa.<br />

Dov’è il cambiamento, allora? Su aborto, contraccezione,<br />

lo stupore<br />

la madre<br />

superiora<br />

confinante<br />

il monastero<br />

la Carmelitana<br />

scalza<br />

ammettere<br />

il parlatorio<br />

Erstaunen<br />

Aufweichung<br />

Nonne<br />

wimmeln<br />

Wunder<br />

Papst<br />

Bischof<br />

l’abbaglio<br />

longevo<br />

occidentale<br />

il papato<br />

oscurare<br />

il filone<br />

Blenden<br />

langlebig<br />

westlich<br />

Amtszeit eines<br />

Papstes<br />

hier: in den<br />

Schatten stellen<br />

(Aus-)<br />

Richtung<br />

einführen<br />

medial<br />

Unterschrift<br />

gewählt<br />

ersetzen<br />

Halle<br />

Abtreibung<br />

Empfängnis-<br />

verhütung<br />

inaugurare<br />

mediatico<br />

la firma<br />

eletto<br />

sostituire<br />

il padiglione<br />

l’aborto<br />

la contraccezione<br />

Oberin<br />

angrenzend<br />

Kloster<br />

Unbeschuhte<br />

Karmeliterin<br />

(ein)lassen<br />

Besuchszimmer<br />

l’ammorbidimento<br />

la monaca<br />

brulicare<br />

il miracolo<br />

il papa<br />

il vescovo<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

© S.viola (2), ANSA (3)<br />

comunione ai divorziati, matrimoni gay, eutanasia, sesso prematrimoniale,<br />

la Chiesa resta sulle sue posizioni. Sugli scandali<br />

della pedofilia ha dovuto intervenire, ma solo perché<br />

l’emorragia di fedeli, soprattutto nelle diocesi nordeuropee,<br />

rischiava di provocare danni irreversibili.<br />

Sullo Ior, Istituto per le opere di religione, ossia la banca<br />

vaticana, ha resistito fino a quando ha potuto, prima di<br />

nominare una Pontificia commissione referente e obbligare<br />

alle dimissioni Paolo Cipriani e Massimo Tulli, direttore<br />

e vicedirettore dell’Istituto. Ha dovuto farlo non solo perché<br />

la magistratura italiana moltiplica le inchieste, ma perché<br />

l’adesione alla convenzione monetaria dell’Unione europea<br />

comporta l’adeguamento alle leggi e ai regolamenti<br />

sulla trasparenza. Fra l’altro lo Ior è al centro di scandali già<br />

dal tempo in cui faceva affari con il banchiere siciliano<br />

Michele Sindona e con il suo successore, Roberto Calvi: il<br />

primo è morto avvelenato nel 1986 nel carcere di Voghera,<br />

dove scontava l’ergastolo per l’omicidio, nel 1979, dell’avvocato<br />

Giorgio Ambrosoli (integerrimo commissario liquidatore<br />

della Banca privata italiana). Il secondo è stato ucciso<br />

a Londra nel 1982 in circostanze non ancora chiarite.<br />

Dopo sono arrivate le accuse di riciclaggio di denaro sporco,<br />

soprattutto di provenienza mafiosa, che hanno trovato<br />

riscontro in una serie di arresti, con il coinvolgimento di altre<br />

istituzioni finanziarie vaticane: a fine giugno 2013, è finito<br />

in carcere monsignor Nunzio Scarano, responsabile del<br />

servizio di contabilità analitica dell’Amministrazione del<br />

patrimonio della Sede Apostolica (Apsa), l’organismo che<br />

gestisce i beni della Santa Sede.<br />

Per spinta interna, più spesso per spinta esterna, la<br />

Chiesa è dunque in una fase di grandi movimenti.<br />

Attenzione, però. Sulle impalcature che avvolgono l’ascensore<br />

del Duomo di Milano campeggiava nel luglio scorso<br />

l’immensa pubblicità di un formaggio. Lo slogan era<br />

quanto meno sorprendente, visto che si trovava sui sacri tetti<br />

della seconda diocesi italiana: “Mangia come ami. Scegli<br />

l’eutanasia Sterbehilfe<br />

l’emorragia Blutung, hier:<br />

hoher Verlust<br />

il fedele Gläubiger<br />

il danno Schaden<br />

l’Istituto per le opere di religione<br />

(Ior): Institut für die religiösen Werke;<br />

oft als „Vatikanbank“ bezeichnet<br />

le dimissioni pl. Rücktritt<br />

la magistratura Justiz<br />

l’inchiesta Ermittlung<br />

l’adesione f. Beitritt<br />

comportare mit sich<br />

bringen<br />

l’adeguamento Anpassung<br />

l’affare m. Geschäft<br />

il banchiere Bankier<br />

il successore Nachfolger<br />

avvelenato vergiftet<br />

il carcere Gefängnis<br />

scontare lebenslange<br />

l’ergastolo Freiheitsstrafe<br />

absitzen<br />

l’omicidio Mord<br />

l’avvocato Rechtsanwalt<br />

integerrimo unbestechlich<br />

il commissario Liquidationsliquidatore<br />

verwalter<br />

uccidere ermorden<br />

la circostanza Umstand<br />

l’accusa Anschuldigung<br />

il riciclaggio di<br />

denaro sporco Geldwäsche<br />

il riscontro Bestätigung<br />

il responsabile Leiter<br />

la contabilità Buchhaltung<br />

l’Amministrazione (f.) del patrimonio<br />

della Sede Apostolica<br />

(Apsa): Güterverwaltung des<br />

Apostolischen Stuhls<br />

gestire verwalten<br />

il bene Gut<br />

la spinta Druck<br />

l’impalcatura Gerüst<br />

avvolgere einhüllen<br />

campeggiare sich abheben<br />

la svolta Wende<br />

il monito Mahnung<br />

interminabile endlos<br />

la fabbrica Bau<br />

destinato bestimmt<br />

indulgente nachsichtig<br />

il piacere”. A illustrarlo, una ridente ragazza con la bocca<br />

sporca di bianco. Ancora una volta, nessuna svolta. Piuttosto<br />

un monito antico: l’interminabile durata dei lavori per<br />

la fabbrica del Duomo. Tanto che in italiano si dice mangiare<br />

a ufo, ossia “mangiare gratis” perché a ufo viene quasi di<br />

sicuro dal latino “Ad usum Fabricae Ambrosianae”, ossia “destinato<br />

alla fabbrica del Duomo Milanese”, abbreviato “ad<br />

U.F.A. ”, poi diventato “a ufo”. E quando si tratta di soldi, si<br />

sa, la Chiesa di Roma continua a essere molto indulgente.<br />

Valeria Palumbo: Chefredakteurin der Monatszeitschrift<br />

L’Europeo, Mitglied in den italienischen Gesellschaften<br />

der Historikerinnen und der Literatinnen.<br />

Autorin zahlreicher Bücher in erster Linie über Frauen.<br />

Gebürtige Römerin, lebt und arbeitet in Mailand.<br />

25<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


INTERVISTA<br />

Un sognatore in<br />

CUCINA<br />

Testo: Vincenzo Petraglia<br />

26<br />

Italien lebt die gute Küche mit<br />

neuer Leidenschaft: Immer mehr TV-<br />

Sendungen und Bücher widmen sich<br />

dem Thema. Ein Trendsetter: Sternekoch<br />

Carlo Cracco, dessen Mailänder<br />

Restaurant Weltruf genießt.<br />

CARLO CRACCO È UNO DEGLI CHEF STELLATI<br />

DEL BELPAESE PIÙ APPREZZATI NEL MONDO, noto<br />

per le sue creazioni, che rivisitano in chiave contemporanea<br />

i piatti della tradizione italiana. Anche grazie al successo<br />

riscosso come giudice nella trasmissione televisiva<br />

MasterChef Italia, è sempre più corteggiato sia dal mondo<br />

della pubblicità sia da quello televisivo. Complice, sicuramente,<br />

il talento in cucina, ma anche grazie a fascino e bellezza,<br />

che ne fanno un autentico “sexy chef“, molti giornali<br />

fanno a gara nel dedicargli le loro copertine e non a caso<br />

è stato definito “il bello“ della grande cucina italiana. Classe<br />

1965, vicentino ma milanese d’adozione (il celeberrimo<br />

Ristorante Cracco, www.ristorantecracco.it, inserito dagli<br />

esperti fra i migliori 50 ristoranti al mondo, è suo), si è formato<br />

sotto la guida di Gualtiero<br />

Marchesi, in assoluto il più noto<br />

degli chef italiani nel mondo. Di<br />

recente si è trasformato anche in<br />

autore di bestseller. Il suo Se vuoi<br />

fare il figo usa lo scalogno, in meno<br />

di un anno, è giunto già alla<br />

quindicesima ristampa.<br />

Carlo Cracco, Se vuoi<br />

fare il figo usa lo scalogno,<br />

Rizzoli, € 15,90.<br />

Carlo, qual è la più grande<br />

magia del suo mestiere di chef?<br />

La possibilità di creare una storia<br />

propria, di essere come gli artigiani,<br />

un po’ scienziati e un po’<br />

sognatori, ma guidati sempre da moltissimo senso pratico.<br />

Quello della cucina è un mondo in cui si può dare benessere<br />

alle persone. Cercando di capire i loro gusti, si<br />

possono donare infatti, attraverso il cibo e le proprie creazioni,<br />

attimi di felicità.<br />

Dove trova l’ispirazione per creare i suoi piatti?<br />

L’ispirazione può venire da ogni cosa: un viaggio, una<br />

storia, una persona, un paesaggio, un ingrediente legato<br />

a un luogo o a una tradizione, dei ricordi, un profumo o<br />

un suono che ti è rimasto impresso…<br />

Il suo piatto preferito? Non ce n’è uno in particolare,<br />

però amo molto le uova. Penso sia quanto di più buono<br />

e vario possa esistere. E poi l’uovo è uguale in tutto il<br />

mondo, nel senso che lo trovi ovunque, declinato in mille<br />

modi diversi.<br />

il sognatore Träumer<br />

lo chef stellato Sternekoch<br />

il Belpaese: Italien<br />

apprezzato geschätzt<br />

noto bekannt<br />

rivisitare neu interpretieren<br />

in chiave con- zeittemporanea<br />

genössisch<br />

riscosso erzielt<br />

il giudice Juror<br />

la trasmissio- Fernsehne<br />

televisiva sendung<br />

corteggiato hofiert<br />

la pubblicità Werbung<br />

(essere) hier: mitverantcomplice<br />

wortlich sein<br />

il fascino Ausstrahlung<br />

fare a gara wetteifern<br />

dedicare widmen<br />

la copertina Cover<br />

a caso zufällig<br />

la classe Jahrgang<br />

d’adozione Adoptiv-,<br />

hier: Wahlceleberrimo<br />

weltberühmt<br />

formarsi ausgebildet<br />

werden<br />

la guida<br />

di recente<br />

lo scalogno<br />

la ristampa<br />

il mestiere<br />

l’artigiano<br />

lo scienziato<br />

il benessere<br />

donare<br />

il cibo<br />

l’attimo<br />

la felicità<br />

legato<br />

il luogo<br />

rimanere<br />

impresso<br />

quanto<br />

vario<br />

declinato<br />

Leitung<br />

kürzlich<br />

Schalotte<br />

Auflage<br />

Beruf<br />

Handwerker<br />

Wissenschaftler<br />

Wohlbefinden<br />

schenken<br />

Essen<br />

Augenblick<br />

Glück<br />

verbunden<br />

Ort<br />

in Erinnerung<br />

bleiben<br />

das, was<br />

abwechslungsreich<br />

dekliniert, hier:<br />

zubereitet<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Questo mese puoi<br />

ascoltare un brano radiofonico<br />

con un’intervista a Carlo Cracco.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


Carlo Cracco è lo chef italiano<br />

più famoso del momen-<br />

CHI È<br />

to. Nato nel 1965 a Vicenza, inizia la<br />

sua carriera a Milano, nel 1998, nel ristorante<br />

di Gualtiero Marchesi, il primo<br />

in Italia a essere premiato con le<br />

tre stelle Michelin. Dal 2007 è proprietario<br />

e chef del Ristorante Cracco, in<br />

Via Victor Hugo 4, a Milano, due stelle<br />

Michelin e tra i 50 migliori ristoranti al<br />

mondo. Dal 2011 conduce il programma<br />

televisivo MasterChef Italia.<br />

27<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


INTERVISTA<br />

Carlo Cracco<br />

(48) ai fornelli.<br />

Mi piace<br />

la cucina genuina [natürlich]<br />

la lettura<br />

viaggiare<br />

Non mi piace<br />

la presunzione [Überheblichkeit]<br />

l’invidia [Neid ]<br />

lo spreco [Verschwendung]<br />

28<br />

Se Carlo Cracco fosse un piatto, quale lo rappresenterebbe<br />

di più a livello caratteriale? Spaghetti al tuorlo<br />

d’uovo marinato. È uno spaghetto che, al posto della farina,<br />

ha soltanto l’uovo. È, quindi, un piatto che sembra<br />

qualcosa che, in realtà, non è. Per questo, una volta assaggiato,<br />

conduce in un viaggio completamente diverso da<br />

quello che ci si aspetterebbe quando lo si guarda!<br />

Pensa che oggi, anche per i ritmi di vita sempre più<br />

frenetici, ci si stia disabituando al mangiar bene? Purtroppo<br />

è un rischio molto grande che corriamo e, per questo,<br />

credo sia fondamentale educare al mangiar bene.<br />

Questo significa conoscere il cibo che si mangia, a partire<br />

dalla qualità degli ingredienti, essendo coscienti anche di<br />

cosa fa bene e cosa no alla salute, fino all’educazione di<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Questo mese, nella<br />

Grammatica, trovi un esercizio<br />

sulla biografia di Carlo Cracco.<br />

il tuorlo d’uovo<br />

la farina<br />

condurre<br />

il ritmo<br />

frenetico<br />

correre<br />

un rischio<br />

educare<br />

l’ingrediente m.<br />

cosciente<br />

la salute<br />

fortunatissimo<br />

la materia<br />

prima<br />

straordinario<br />

preservare<br />

diffondere<br />

nella veste di<br />

Eigelb<br />

Mehl<br />

führen<br />

Rhythmus<br />

hektisch<br />

ein Risiko<br />

eingehen<br />

erziehen<br />

Zutat<br />

bewusst<br />

Gesundheit<br />

sehr glücklich<br />

Rohstoff<br />

hervorragend<br />

bewahren<br />

verbreiten<br />

als<br />

nach und nach<br />

Fernseh-<br />

zuschauer<br />

Einsatz<br />

Ablenkung<br />

Sichtbarkeit<br />

um Himmels<br />

willen<br />

Lebenssaft<br />

Koch<br />

in den eigenen<br />

vier Wänden<br />

unterscheiden<br />

bestimmt<br />

Kombination<br />

verfeinern<br />

Raum, Platz<br />

cooler Typ<br />

Leitfaden<br />

verführen<br />

Eindruck<br />

machen<br />

gelingen<br />

piano piano<br />

il telespettatore<br />

l’impegno<br />

la distrazione<br />

la visibilità<br />

per carità<br />

la linfa vitale<br />

il cuoco<br />

fra le mura<br />

domestiche<br />

distinguere<br />

determinato<br />

l’abbinamento<br />

affinare<br />

lo spazio<br />

il figo (coll.)<br />

il vademecum<br />

sedurre<br />

fare colpo<br />

venire bene<br />

come si sta a tavola e di come si mangia. Noi siamo fortunatissimi<br />

a vivere in un paese come l’Italia, con una qualità<br />

e varietà della materia prima davvero straordinaria, e<br />

quindi dobbiamo preservare e diffondere il più possibile,<br />

anche fra i giovani, la cultura del cibo.<br />

Da qualche anno la vediamo protagonista nella veste<br />

di giudice televisivo a MasterChef Italia. A cosa è dovuta,<br />

secondo Lei, la moda della cucina in TV? Più che una<br />

moda, è probabilmente un bisogno. La gente vuole vedere<br />

e capire di più il mondo della cucina. Fino a qualche<br />

anno fa il livello dei programmi di cucina era più basso,<br />

mentre piano piano si è andati sempre oltre, perché i telespettatori<br />

chiedevano qualcosa in più.<br />

Che consiglio dà ai giovani che vogliono imparare il<br />

mestiere di chef? Serve impegno, costanza, rispetto per<br />

il lavoro. Oggi c’è molta distrazione all’interno del mestiere.<br />

Spesso si ha, per esempio, molta visibilità mediatica,<br />

il che, per carità, è anche bello e dà nuova linfa vitale,<br />

ma è importante non dimenticare che il nostro lavoro è<br />

una cosa molto seria e come tale va trattata.<br />

Che consiglio può dare invece a chi desidera essere<br />

cuoco fra le mura domestiche? Come ogni cosa, si comincia<br />

sempre dalla base. Bisogna, quindi, imparare innanzitutto<br />

le basi, il che significa andare a mangiare fuori, degustare,<br />

distinguere gusti e ingredienti, capire il cibo che si mangia<br />

e perché si mangia proprio quel cibo, con quei determinati<br />

abbinamenti e così via. Fatto questo si può, sperimentando,<br />

affinare la tecnica e dare spazio alla creatività.<br />

Di recente ha pubblicato Se vuoi fare il figo usa lo scalogno,<br />

una sorta di vademecum su come sedurre a tavola.<br />

Che cosa si può preparare per fare colpo? Il modo in cui<br />

prepariamo qualcosa dice molto di noi, parla del nostro<br />

modo di essere, per cui direi di fare la cosa che più ci assomiglia,<br />

sperando chiaramente che ci venga bene!<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

29<br />

sposarsi<br />

la società<br />

la zia zitella<br />

heiraten<br />

Gesellschaft<br />

unverheiratete<br />

Tante<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


GRANDANGOLO<br />

EIN BLICK AUF BESONDERE ITALIENER<br />

30<br />

CARBONE AMARO<br />

Kohlrabenschwarz:<br />

In Kalabriens Wäldern<br />

führen Köhler ihr<br />

Traditionshandwerk fort.<br />

Testo: S. Viola Foto: F. Villa<br />

Serra San Bruno, in provincia<br />

di Vibo Valentia, Calabria.<br />

Hanno i volti e il corpo anneriti<br />

dal fumo del carbone. Sono<br />

gli ultimi carbonai d’Italia,<br />

che nei boschi di queste zone<br />

tengono viva una tecnica che<br />

risale, inalterata, ai Fenici.<br />

Un lavoro duro, che comincia<br />

all’alba, finisce poco prima<br />

del tramonto e dura fino a<br />

15 ore al giorno. I carbonai<br />

raccolgono legna di leccio,<br />

la tagliano in pezzi di varie<br />

dimensioni, preparano la<br />

carbonaia in spiazzi appositi<br />

nel bosco. Poi ricoprono la<br />

carbonaia con foglie secche<br />

e terra; infine le danno fuoco<br />

con tizzoni ardenti. Da questo<br />

momento, per circa una settimana,<br />

il compito dei carbonai<br />

è di sorvegliare il fuoco.<br />

La carbonaia, per produrre<br />

il carbone, non deve bruciare<br />

troppo velocemente. Occorrono<br />

sei quintali di legna per<br />

ottenere un quintale di carbone<br />

e, se il lavoro è stato fatto<br />

bene, una carbonaia può<br />

produrre fino a 100 quintali di<br />

carbone vegetale di altissima<br />

qualità.<br />

il carbone<br />

il volto<br />

annerito<br />

il carbonaio<br />

risalire a<br />

inalterato<br />

i Fenici pl.<br />

l’alba<br />

il tramonto<br />

Kohle<br />

Gesicht<br />

schwarz<br />

Köhler<br />

zurückgehen auf<br />

unverändert<br />

Phönizier<br />

Sonnenaufgang<br />

Sonnenuntergang<br />

Stein-<br />

eichenholz<br />

Kohlenmeiler<br />

Lichtung<br />

eigens<br />

vorgesehen<br />

brennendes<br />

Holzscheit<br />

überwachen<br />

(ver)brennen<br />

Zentner<br />

(i.S.v. 50 kg)<br />

erhalten<br />

la legna<br />

di leccio<br />

la carbonaia<br />

lo spiazzo<br />

apposito<br />

il tizzone<br />

ardente<br />

sorvegliare<br />

bruciare<br />

il quintale<br />

ottenere<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


GRANDANGOLO<br />

NOVITÀ<br />

Il carbonaio Nazareno Scrivo.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

la valutazione<br />

l’istruzione f.<br />

la prova<br />

somministrare<br />

rubare<br />

il campo<br />

l’apprendimento<br />

la scienza<br />

Bewertung<br />

Bildung<br />

Prüfung<br />

verabreichen<br />

stehlen<br />

Bereich<br />

Lernen<br />

Wissenschaft<br />

il sindacato<br />

contrario<br />

il ragazzo<br />

schierarsi<br />

lo storico<br />

il parere<br />

togliere<br />

lo spazio<br />

Gewerkschaft<br />

gegen<br />

Jugendlicher<br />

Position beziehen<br />

Historiker<br />

Auffassung<br />

(weg)nehmen<br />

Raum<br />

INTRODOTTO NEL 2007 DALL’I-<br />

STITUTO NAZIONALE PER LA<br />

VALUTAZIONE DEL SISTEMA<br />

DELL’ISTRUZIONE (INVALSI), il<br />

test è una prova scritta in forma di<br />

quiz che viene “somministrata” (è<br />

proprio questo il verbo, rubato al<br />

campo medico, usato dal ministero<br />

dell’Istruzione) agli studenti per valutare,<br />

su base nazionale, il loro livello<br />

di apprendimento in italiano,<br />

matematica e scienze. Sono state<br />

molte le proteste di genitori, insegnanti<br />

e sindacati, contrari a una valutazione<br />

standard dei ragazzi. Anche<br />

alcuni intellettuali si sono schierati<br />

contro, come il drammaturgo<br />

Moni Ovadia e lo storico Luciano<br />

Canfora, critici nei confronti di una<br />

scuola che, a loro parere, toglie spazio<br />

all’individuo e al suo spirito critico.<br />

Attendibili o meno, i risultati<br />

raccontano un’Italia ancora divisa<br />

fra Nord e Sud: i risultati migliori sono<br />

in provincia di Trento, nel Friuli-<br />

Venezia Giulia, in Veneto, Marche e<br />

Piemonte. I peggiori nelle scuole del<br />

Mezzogiorno.<br />

Scuola: è giusto “testarla”?<br />

Italiens Schüler prüfen, um die Arbeit ihrer Schulen zu bewerten? Eine gute Idee,<br />

findet das Bildungsministerium. Eltern und Lehrer sind weniger überzeugt.<br />

32<br />

I critici del test Invalsi affermano<br />

che non si può valutare la capacità<br />

di un ragazzo in base alla<br />

crocetta di un quiz. È così?<br />

Sì e no. Con queste crocette la<br />

scuola diventa arida e io non<br />

sono d’accordo. Però capisco<br />

l’esigenza di una valutazione<br />

complessiva, nazionale.<br />

Valutare l’intera scuola e non il<br />

singolo studente è un modo per<br />

migliorare il sistema?<br />

È sempre giusto monitorare per<br />

migliorarsi. È sbagliato aver<br />

paura di una valutazione.<br />

In base al test, si crea una classifica<br />

di merito delle scuole italiane: le migliori e le peggiori.<br />

È giusto?<br />

affermare<br />

sagen,<br />

behaupten<br />

Fähigkeit<br />

Kreuzchen<br />

trocken<br />

Erfordernis<br />

Gesamt-<br />

ganz<br />

überwachen<br />

auf Grund<br />

von etw.<br />

Verdienst,<br />

hier: Erfolg<br />

Gefahr<br />

Viertel<br />

Wert<br />

la capacità<br />

la crocetta<br />

arido<br />

l’esigenza<br />

complessivo<br />

intero<br />

monitorare<br />

in base a qc.<br />

il merito<br />

il pericolo<br />

il quartiere<br />

il valore<br />

Stefano Ferri, di Calvi dell’Umbria (Terni), 58 anni, architetto<br />

(a sinistra) e Cristina Felici Morini, di Roma, 47 anni,<br />

casalinga [Hausfrau].<br />

È giusto, ma c’è il pericolo<br />

che si creino scuole di serie<br />

A e scuole di serie B, e questo<br />

non va bene. A chi andrebbero<br />

i pochi soldi che ci<br />

sono? La scuola di quartiere<br />

perderebbe valore.<br />

Come si potrebbe migliorare<br />

il sistema scolastico italiano?<br />

Meno ragazzi per classe e<br />

più materiale didattico. Basta<br />

poco: il videoregistratore<br />

e il computer che funzionano<br />

e saremmo tanto<br />

contenti!<br />

I critici del test Invalsi affermano<br />

che non si può valutare la capacità<br />

di un ragazzo in base alla<br />

crocetta di un quiz. È così?<br />

Sì, di questo sono convinte tutte<br />

le persone coinvolte, soprattutto<br />

i professori di scuola.<br />

Valutare l’intera scuola e non il<br />

singolo studente è un modo per<br />

migliorare il sistema?<br />

No, è una perdita di tempo per<br />

gli studenti, che farebbero meglio<br />

a studiare per una valutazione<br />

personale.<br />

In base al test, si crea una classifica<br />

di merito delle scuole italiane:<br />

le migliori e le peggiori. È giusto?<br />

Non capisco come, sulla<br />

base di un test, si possa<br />

valutare l’operato di una<br />

scuola. Una scuola deve<br />

essere capace di seguire<br />

alunni con diverse abilità<br />

in maniera differenziata.<br />

E poi una crocetta si può<br />

copiare.<br />

Come si potrebbe migliorare<br />

il sistema scolastico<br />

italiano?<br />

Con un po’ più di soldi alle<br />

scuole!<br />

affermare<br />

la capacità<br />

la crocetta<br />

convinto<br />

coinvolto<br />

il professore<br />

di scuola<br />

intero<br />

in base a qc.<br />

il merito<br />

l’operato<br />

seguire<br />

l’abilità<br />

la maniera<br />

sagen<br />

Fähigkeit<br />

Kreuzchen<br />

überzeugt<br />

beteiligt<br />

Lehrer<br />

ganz<br />

auf Grund<br />

von etw.<br />

hier: Erfolg<br />

Arbeit<br />

betreuen<br />

Fähigkeit<br />

Weise<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


il negozio di<br />

calzature<br />

PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

IL CENTRO COMMERCIALE<br />

la galleria<br />

l’uscita di<br />

sicurezza<br />

il negozio di<br />

intimo<br />

il negozio di<br />

articoli elettronici<br />

il negozio di<br />

abbigliamento<br />

il cono gelato<br />

il bar<br />

l’ottico<br />

il ristorante<br />

il cliente<br />

il giornale<br />

la tazzina<br />

del caffè<br />

il tavolino<br />

del bar<br />

33<br />

il parcheggio<br />

la scala mobile<br />

il negozio di<br />

articoli sportivi<br />

il carrello della<br />

spesa<br />

la borsa / il<br />

sacchetto<br />

della spesa<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

IL COMMERCIO E LO SHOPPING SONO DIVENTATI<br />

LA COSA PIÙ IMPORTANTE, NELLA NOSTRA EPO-<br />

CA. Una volta, nel fine settimana, si andava a passare il<br />

Einkaufs-<br />

zentrum<br />

Handel<br />

früher<br />

Freizeit<br />

Vergnügungspark<br />

il centro<br />

commerciale<br />

il commercio<br />

una volta<br />

il tempo libero<br />

il luna park<br />

brauchen<br />

überall<br />

Ort(schaft)<br />

genug<br />

Schaufenster<br />

Darstellung<br />

Kleidung<br />

Angebot<br />

avere<br />

bisogno di<br />

ovunque<br />

la località<br />

sufficiente<br />

la vetrina<br />

la rappresentazione<br />

l’abbigliamento<br />

l’offerta<br />

gli occhiali<br />

da sole<br />

alimentare<br />

migliorare<br />

artigianale<br />

in montagna<br />

Sonnenbrille<br />

Nahrungsmittel-<br />

besser werden<br />

handwerklich<br />

in die Berge/in<br />

den Bergen<br />

tempo libero in campagna,<br />

oppure si portavano i bambini<br />

al mare, al luna park,<br />

allo zoo! Oggi, giovani e<br />

meno giovani vanno a passare<br />

il loro tempo libero nei<br />

centri commerciali. E chi<br />

abita in provincia non ha<br />

nemmeno bisogno di andare<br />

nelle grandi città, perché<br />

i centri commerciali ormai<br />

sono ovunque. Quindi anche<br />

nelle più piccole località<br />

di provincia non è difficile<br />

trovarli. Certo, adesso<br />

che c’è la crisi si compra poco.<br />

Ma a volte è sufficiente<br />

guardare le vetrine per<br />

qualche ora, vedere quali<br />

sono le nuove mode e i<br />

nuovi modelli per tornare a casa contenti. Un centro commerciale<br />

è una rappresentazione del mondo attraverso i<br />

suoi prodotti. I negozi di abbigliamento, con le loro collezioni<br />

sempre nuove, ci fanno venire voglia di cambiare il<br />

nostro look. I negozi di articoli elettronici, con la loro infinita<br />

offerta di computer, smartphone, videocamere e televisori<br />

al plasma ci fanno pensare che oggi tutto è possibile.<br />

E poi gli occhiali da sole più chic, gli articoli sportivi<br />

che diventano sempre più tecnici. E anche la cucina poi...<br />

niente male! Negli ultimi anni l’offerta alimentare dei centri<br />

commerciali è migliorata. Non più solo fast food, ma anche<br />

pasta fresca, gelato artigianale e cucine etniche di diverso<br />

tipo. E nei centri commerciali oggi a volte ci sono<br />

cinema e teatri. Insomma: chi cerca una soluzione al problema<br />

di come passare il tempo libero, può trovarla in un<br />

centro commerciale. La domenica successiva, però, andate<br />

a fare una bella passeggiata in montagna!<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

LINDA E MASSIMO<br />

IN UN CENTRO COMMERCIALE<br />

34<br />

fumare<br />

dipendente<br />

vietato<br />

il luogo pubblico<br />

il regalino<br />

la moglie<br />

dimenticare<br />

essere bocciato<br />

odiare<br />

probabilmente<br />

il corridoio<br />

rauchen<br />

abhängig<br />

verboten<br />

öffentlicher Ort<br />

kleines Geschenk<br />

Ehefrau<br />

vergessen<br />

durchfallen<br />

hassen<br />

wahrscheinlich<br />

Gang<br />

MASSIMO: Ma qui si potrà fumare?<br />

LINDA: Sei proprio dipendente<br />

dalle sigarette, allora. No, qui è vietato,<br />

come in tutti i luoghi pubblici.<br />

MASSIMO: Ti dispiace se ti aspetto<br />

al parcheggio? Così intanto mi<br />

fumo una sigaretta.<br />

LINDA: Ma siamo appena arrivati!<br />

Devo ancora andare a vedere quel<br />

nuovo negozio di elettronica, e poi<br />

volevo comprare un regalino per il figlio<br />

di Gilberto che compie un anno.<br />

MASSIMO: Non c’è cosa più<br />

stupida che comprare un regalo<br />

a un bambino di un anno.<br />

LINDA: Ma non essere così! Gilberto<br />

e sua moglie non hanno mai<br />

dimenticato nemmeno un compleanno<br />

dei nostri tre figli.<br />

MASSIMO: Il mio, però, lo dimenticano<br />

sempre. E pensare che io e<br />

Gilberto siamo andati a scuola<br />

insieme.<br />

LINDA: Sì, solo per un anno però,<br />

perché poi...<br />

MASSIMO: ...poi sono stato bocciato,<br />

lo so. Il prof di matematica<br />

mi odiava, che ci posso fare?<br />

LINDA: Probabilmente fumavi nei<br />

corridoi già a 15 anni.<br />

MASSIMO: E invece no, ho cominciato<br />

a fumare a 17 anni.<br />

LINDA: Ma guarda un po’, hanno<br />

aperto anche qui un negozio di<br />

biancheria intima. Non volevi<br />

comprare dei nuovi boxer, tu?<br />

MASSIMO: Ma non è solo per<br />

donne?<br />

LINDA: Ma no! Dài, entriamo.<br />

MASSIMO: Guarda, lì c’è una<br />

tabaccheria. Torno subito.<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Secondo Linda, Massimo è dipendente dalle<br />

____________________________________________.<br />

2. Massimo ha cominciato a fumare a<br />

_______________________________________ anni.<br />

3. Alla fine del dialogo Massimo vede una<br />

____________________________________________.<br />

4. Linda e Massimo hanno __________________ figli.<br />

5. Massimo e Gilberto sono andati a<br />

____________________________________ insieme.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Quanti anni compie il figlio di Gilberto?<br />

2. Che cosa voleva comprare Massimo secondo<br />

Linda?<br />

3. In quale negozio che è stato appena aperto<br />

Massimo può comprare quello che sta cercando?<br />

4. Quale professore odiava Massimo ai tempi della<br />

scuola?<br />

5. Chi è stato bocciato?<br />

SCRIVERE A MANO!<br />

Ce ne stiamo quasi dimenticando, ma si<br />

può scrivere anche a mano, sulla carta, con<br />

una penna o una matita. L’esercizio 3 serve<br />

ad attivare alcuni termini legati a questa<br />

attività un po’ fuori moda. Riempite gli<br />

spazi vuoti con le parole mancanti.<br />

Prima di guardare le soluzioni, provate<br />

a chiedere a un amico italiano.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

2 3<br />

1<br />

Orizzontali:<br />

3. I quaderni sono a righe o<br />

a...<br />

4. Un negozio che vende abiti<br />

è un negozio di...<br />

5. Il primo testo è ambientato<br />

in un centro ...<br />

7. Gli smartphone sono in vendita<br />

nel negozio di articoli...<br />

8. Io scrivo i miei appuntamenti<br />

ancora su un'... cartacea.<br />

9. Nel primo testo si parla di<br />

“televisori al...”<br />

10. Serve per prendere appunti.<br />

4<br />

5<br />

6<br />

Verticali:<br />

1. Mio zio usa ancora una<br />

vecchia penna...<br />

2. Le mutande sono in vendita<br />

nel negozio di... intima.<br />

6. Per non dimenticare nulla<br />

ho fatto una lista su un... di<br />

carta.<br />

7<br />

35<br />

8<br />

9<br />

10<br />

SOLUZIONI 08.2013<br />

Esercizio 3*:<br />

1. Vorrei comprare un ________________________ per gli appunti.<br />

2. Io scrivo ancora gli appuntamenti nella mia _______________<br />

cartacea.<br />

3. Mio zio usa ancora una _______________ stilografica.<br />

4. Scrivo a matita e se sbaglio uso una _______________ da<br />

cancellare.<br />

5. Preferisce la carta bianca, a righe o a _______________?<br />

6. Per ricordarmi quello che devo fare, compilo liste su dei<br />

_______________ di carta.<br />

1<br />

2<br />

P E R M E S S O<br />

E S A<br />

4<br />

C<br />

5<br />

3<br />

Q<br />

I R U<br />

N<br />

P A S S A P O R T O<br />

A T S<br />

6<br />

M O T<br />

A<br />

E<br />

7<br />

I<br />

8<br />

L N L<br />

D U N L<br />

E<br />

9<br />

10<br />

N U L L A O S T A<br />

11<br />

N U O V A R T Z<br />

T T O O I<br />

I I R O<br />

T C T N<br />

À O A E<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


A creative-writing class was<br />

asked to write a short essay<br />

containing the following elements:<br />

religion, royalty, sex<br />

and mystery. The prize-winning<br />

essay read: “‘My God!’ said<br />

the queen. ‘I’m pregnant.’”<br />

A creative-writing class was<br />

asked to write a short essay<br />

containing the following elements:<br />

religion, royalty, sex<br />

and mystery. The prize-winning<br />

essay read: “‘My God!’ said<br />

the queen. ‘I’m pregnant.’”<br />

A creative-writing class was<br />

asked to write a short essay<br />

containing the following elements:<br />

religion, royalty, sex<br />

and mystery. The prize-winning<br />

essay read: “‘My God!’ said<br />

the queen. ‘I’m pregnant.’”<br />

ENGLISCH LERNEN IST EIN WITZ?<br />

Ja, mit diesem Spiel, in dem die Spieler Witze,<br />

Reime, Zungenbrecher und lustige Zitate zum<br />

Besten geben. Und da Spielen ja eine ernste<br />

Angelegenheit ist, versuchen alle sich das<br />

Lachen zu verkneifen, denn das gibt Extrapunkte.<br />

Für 3 – 8 Spieler ab 12 Jahren. Mit 400 Witzen,<br />

Zungenbrechern und Reimen, 252 Kärtchen<br />

mit 504 Vokabeln und 1 Spielanleitung mit<br />

ausführlichem Vokabelteil.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

PAGINE FACILI<br />

DE SALAZAR,<br />

SERVITORE<br />

DI DUE PARTITI<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SUI<br />

SOSTANTIVI<br />

PUÒ SUCCEDERE AN-<br />

CHE QUESTO, IN ITA-<br />

LIA. Alle ultime elezioni<br />

comunali della città di Roma<br />

un candidato, Francesco<br />

De Salazar, è stato eletto<br />

in due diverse liste e per<br />

due partiti diversi. La legge<br />

elettorale in Italia non<br />

proibisce, per le elezioni<br />

comunali, di candidarsi in<br />

liste diverse. E De Salazar,<br />

giovane politico locale (ha<br />

solo 33 anni) vicino agli ambienti di destra della Capitale, ha avuto diverse<br />

proposte. Così ha detto di sì prima alla lista nata intorno al candidato sindaco<br />

Marchini (abbastanza moderata) e poi a Fratelli d’Italia (che invece è una<br />

lista di estrema destra). Naturalmente De Salazar<br />

si è presentato in due collegi elettorali di-<br />

il servitore Diener<br />

il partito Partei versi: il “Municipio II” e il “Municipio XII”. Il<br />

le elezioni Wahl<br />

problema è che è stato eletto in tutti e due, grazie<br />

alla sua popolarità. In un’intervista al Cor-<br />

essere eletto gewählt werden<br />

proibire verbieten<br />

gli ambienti<br />

riere della Sera, De Salazar si è scusato con gli<br />

di destra rechte Szene<br />

elettori. “È stata una leggerezza”, ha detto. “Ma<br />

la proposta Angebot<br />

il sindaco Bürgermeister è evidente che la legge è sbagliata”. In un primo<br />

momento il politico ha detto di voler sedere<br />

il collegio<br />

elettorale Wahlkreis solo nel gruppo di Fratelli d’Italia. Poi però,<br />

la leggerezza Leichtfertigkeit<br />

sedere sitzen dopo le molte polemiche seguite alla sua doppia<br />

elezione, ha deciso di rinunciare a tutti e<br />

rinunciare verzichten<br />

l’incarico Amt<br />

due gli incarichi.<br />

Esercizio 4:<br />

Partendo da alcuni aggettivi del testo, trovate il sostantivo corrispondente<br />

(o uno dei possibili sostantivi).<br />

1. elettorale ___________<br />

2. giovane ____________<br />

3. diverso_____________<br />

4. sbagliato ___________<br />

5. vicino ______________<br />

6. moderato __________<br />

7. evidente____________<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 19,95 (UVP)<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. sigarette; 2. 17 (diciassette); 3. tabaccheria; 4. tre; 5. scuola.<br />

ESERCIZIO 2: 1. uno; 2. dei nuovi boxer; 3. negozio di biancheria intima; 4. quello di matematica;<br />

5. Massimo. ESERCIZIO 3: 1. taccuino/quaderno/blocco; 2. agenda; 3. penna; 4. gomma; 5. quadretti;<br />

6. fogli. ESERCIZIO 4: 1. elezioni; 2. gioventù; 3. diversità; 4. sbaglio; 5. vicinanza;<br />

6. moderazione; 7. evidenza<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

ÜBERSETZUNG<br />

37 <strong>ADESSO</strong> 09.2013 LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong> LINGUA<br />

Piccola scintilla può<br />

bruciare una villa<br />

1) _________________<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Coniuga il verbo al passato remoto e<br />

al participio passato<br />

piovere<br />

(regnen)<br />

ESERCIZIO<br />

2) _________________<br />

Inserisci le forme corrette dell’aggettivo “bello”.<br />

1) Oh, che _____________ tappeto!<br />

2) Oh, che _____________ orologio!<br />

3) Oh, che _____________ casa!<br />

4) Oh, che _____________ bambini!<br />

5) Oh, che _____________ orecchini!<br />

6) Oh, che _____________ ragazze!<br />

1. Die Gefangenen sind wieder frei.<br />

2. Der Eintritt ist heute frei.<br />

1. il vigneto<br />

2. la vite<br />

3. i filari<br />

4. iI grappolo d’uva<br />

5. l’acino d’uva<br />

VOCABOLARIO<br />

Il vino<br />

sapientone<br />

6. la vendemmia<br />

7. il mosto<br />

8. la fermentazione<br />

9. l’imbottigliamento<br />

10. l’etichetta<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Non lo sopporto più! Sempre con<br />

quell'atteggiamento da sapientone!<br />

Come se sapesse tutto lui!<br />

espressione colloquiale<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

note / notte<br />

Questa _________ non ho chiuso occhio!


TRADUZIONE<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

1. I prigionieri sono nuovamente liberi.<br />

2. Oggi l’ingresso è gratuito.<br />

1. Weinberg<br />

2. Weinrebe<br />

3. Zeile<br />

4. Weintraube<br />

5. Weinbeere<br />

WORTSCHATZ<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

Besserwisser<br />

Ich kann ihn nicht mehr ertragen! Dieser ewige<br />

Besserwisser! Als wüsste er einfach alles!<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

le note<br />

Der Wein<br />

6. Weinlese<br />

7. Most<br />

8. Gärung<br />

9. Abfüllung<br />

10. Etikett<br />

la notte<br />

Questa notte non ho chiuso occhio!<br />

la finestra<br />

le finestre<br />

Kleine Ursache,<br />

große Wirkung<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Passato remoto<br />

piovvi<br />

piovesti<br />

piovve<br />

piovemmo<br />

pioveste<br />

piovvero<br />

ÜBUNG<br />

la mano<br />

le mani<br />

Participio passato<br />

piovuto<br />

Verbo ausiliare:<br />

essere/avere<br />

Soluzioni: 1) bel; 2) bell’; 3) bella; 4) bei;<br />

5) begli; 6) belle.<br />

L’aggettivo “bello”, se precede il sostantivo, si<br />

fonde con le forme dell’articolo determinativo:<br />

be- + il = bel; be- + l’ = bell’; be- + la = bella;<br />

be- + i = bei; be- + gli = begli; be- + le = belle.<br />

38 <strong>ADESSO</strong> 09.2013 SAMMELKARTEN SPRACHE


omuvaelcastagnaacachicnoceotmelograno<br />

GIOCANDO S’IMPARA...<br />

DI GIOVANNA IACONO<br />

NOVITÀ<br />

...DALLA FRUTTA ALLA FAMIGLIA<br />

FACILE 1<br />

FRUTTA DI STAGIONE*<br />

La sequenza di lettere nasconde [nascondere:<br />

verstecken] sei frutti tipici dell’autunno. Le lettere<br />

non utilizzate, lette di seguito [hintereinander],<br />

formano il nome del frutto nella foto.<br />

MEDIO<br />

4<br />

TUTTI IN FAMIGLIA*<br />

Cerca nella griglia [Gitter] 15 nomi che indicano<br />

[indicare: auf etw. hinweisen] una parentela.<br />

Le parole vanno cercate in orizzontale (→) e<br />

verticale (↓). Le lettere rimaste formano un<br />

noto [bekannt] proverbio [Sprichwort].<br />

gper ana<br />

M O F R A T E L L O<br />

F S U O C E R A G C<br />

Il frutto della foto (4, 7):<br />

____________________________________<br />

DIFFICILE 2<br />

SQUADRA MAGICA*<br />

Inserisci le parole corrispondenti [entsprechend<br />

] alle definizioni. Le parole si dovranno<br />

leggere in orizzontale e in verticale.<br />

I O L I M A R I T O<br />

G R E E O B U O I G<br />

L E C U G I N O D N<br />

I L M E L I P Z I A<br />

O L A N I P O T E T<br />

P A D R E N O N N O<br />

A E R S N U O R A I<br />

39<br />

Definizioni: 1. Aggettivo<br />

che si riferisce a un<br />

prezzo o a un conto<br />

molto alto, caro.<br />

2. Digestivo a base di<br />

erbe. 3. Fibra naturale,<br />

morbida e calda, che<br />

si ricava dalle pecore.<br />

4. Antico altare.<br />

5. La sigla di Torino.<br />

MEDIO 3<br />

1<br />

2<br />

3<br />

4<br />

5<br />

SHOPPING*<br />

1 2 3 4 5<br />

Cosa ha comprato Fabio nel negozio di<br />

abbigliamento? Risolvi [risolvere: lösen]<br />

il rebus [Rätsel].<br />

n<br />

(7, 5): ____________________________________<br />

Una<br />

T G E N E R O U O I<br />

1. ______________ [Bruder]<br />

2. ______________ [Schwiegermutter]<br />

3. ______________ [Sohn]<br />

4. ______________ [Schwester]<br />

5. ______________ [Ehemann]<br />

6. ______________ [Schwiegersohn]<br />

7. ______________ [Cousin]<br />

8. ______________ [Tante]<br />

9. ______________ [Mutter]<br />

10. ______________ [Vater]<br />

11. ______________ [Schwager]<br />

12. ______________ [Schwiegertochter]<br />

13. ______________ [Opa, Großvater]<br />

14. ______________ [Enkelkind, Neffe, Nichte]<br />

15. ______________ [Ehefrau]<br />

Proverbio (6, 1, 4, 3, 5, 4): :<br />

____________________________________<br />

MEHR ÜBUNGEN FINDEN SIE IM <strong>ADESSO</strong>plus 09.2013<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 55<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle der<br />

Grammatik und Linguistik.<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

PARTICIPIO<br />

PASSATO,<br />

PRONOMI E<br />

CONCORDANZA<br />

Begrenzt selbstständige Sprachverwendung<br />

40<br />

REGOLA GENERALE<br />

Quando il participio passato ha l’ausiliare essere si<br />

accorda in genere (maschile o femminile) e numero<br />

(singolare o plurale) con il soggetto.<br />

➔ La nonna è uscita.<br />

➔ I nonni sono usciti.<br />

APPROFONDIMENTO<br />

Se mi, ti, si, ci, vi non hanno valore di complemento<br />

oggetto, ma di complemento di termine – seguiti da<br />

un complemento oggetto –, l’accordo del participio<br />

passato in genere e numero può avvenire sia con<br />

il soggetto sia con il complemento oggetto.<br />

➔ Paolo si è lavato.<br />

➔ Paolo si è lavate le mani.<br />

PER SAPERNE DI PIÙ<br />

vedi anche <strong>ADESSO</strong> 07/12.<br />

...MI HANNO COLPITA O COLPITO?<br />

Nella prima frase dell’editoriale di maggio 2010 si legge:<br />

“Cari lettori, vorrei attirare la vostra attenzione su alcune cifre<br />

che mi hanno molto colpita”. Il participio passato “colpita” mi ha<br />

“colpito” molto! Mi interessa sapere se il participio usato qui al<br />

femminile è corretto oppure bisogna dire “… alcune cifre mi hanno<br />

colpito”. Insomma: quando è obbligatoria e quando no la<br />

concordanza con il complemento oggetto? Ringraziando, saluto<br />

con stima e calabrese cordialità.<br />

N. Chiarelli, via e-mail<br />

Entrambe le frasi sono corrette. Quando è accompagnato dall’ausiliare<br />

avere, il participio passato resta solitamente invariato:<br />

➔ Margherita ha comprato due CD nuovi.<br />

Se però è preceduto dal complemento oggetto, il participio<br />

passato può concordare con esso:<br />

➔ Alcune cifre che mi hanno molto colpita.<br />

➔ Quando ci hai incontrati l’ultima volta?<br />

➔ Vorrei ascoltare i due CD che Marco ha comprati.<br />

➔ La ragazza che hai conosciuta non mi piace.<br />

anche se la forma invariata è la più frequente<br />

➔ Alcune cifre che mi hanno molto colpito.<br />

➔ Quando ci hai incontrato l’ultima volta?<br />

➔ Vorrei ascoltare i due CD che<br />

Marco ha comprato.<br />

➔ La ragazza che hai<br />

l’ausiliare m. Hilfsverb<br />

conosciuto non mi piace.<br />

solitamente üblicherweise<br />

invariato unverändert<br />

La concordanza con il complemento<br />

oggetto è obbligatoria<br />

precedere vorangehen<br />

concordare<br />

quando esso è costituito dai<br />

frequente häufig<br />

pronomi lo, la, li, le:<br />

essere<br />

➔ Marco ha saputo che sono<br />

costituito da bestehen aus<br />

usciti due CD nuovi di<br />

Renato Zero e li ha comprati.<br />

➔ Hai visto le ragazze straniere? Sì, le ho viste.<br />

übereinstimmen<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO A*<br />

Completa la risposta con il pronome e la desinenza.<br />

1) Hai chiamato i ragazzi? Sì, _____ ho chiamat____.<br />

2) Hanno preso il pallone [Ball]? Sì, ____ hanno pres____.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

3) Avete portato le vostre ragazze? No, non ____<br />

abbiamo portat____.<br />

4) Ha già ordinato [bestellt] la birra? Sì, ____ ha già<br />

ordinat____.<br />

5) Abbiamo invitato Anna e Serena? No, non ____<br />

abbiamo invitat____.<br />

6) Hai finito i soldi? No, non ____ ho finit____.<br />

7) Ha raccontato la storia della buonanotte? Sì, ____<br />

ha raccontat____.<br />

8) Avete trovato le chiavi? No, non ____ abbiamo<br />

trovat____.<br />

9) Hai già finito la ricerca? Sì, ____ ho già finit____.<br />

10) Hai ucciso [getötet] il ragno [Spinne]? Sì, ____ ho<br />

uccis____.<br />

1) Nel forno [Ofen] trovo le lasagne. La mamma ha<br />

preparato le lasagne. ____________________________<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

2) Ti restituisco [zurückgeben] il libro di tedesco. Tu<br />

mi hai prestato [ausgeliehen] il libro di tedesco. ___<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

3) Mariarosa ha mangiato la pizza. Mariarosa ha ordinato<br />

la pizza. ___________________________________<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

4) Vorrei vedere le scarpe di Eleonora. Eleonora ha<br />

comprato le scarpe ai saldi [Schlussverkauf].______<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

5) Mi piacerebbe rivedere il ragazzo. Ho conosciuto il<br />

ragazzo a una festa. ____________________________<br />

________________________________________________<br />

6) Telefono alla nonna. La nonna è partita l’altroieri<br />

[vorgestern] per il mare. _________________________<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

7) Le fragole sono mature [reif]. Ho comprato le fragole<br />

al mercato. ________________________________<br />

________________________________________________<br />

8) Suo marito è italiano. Ha conosciuto suo marito in<br />

Germania.______________________________________<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

9) I giornali sono sul comodino [Nachttisch]. Ho letto i<br />

giornali ieri sera. ________________________________<br />

________________________________________________<br />

DIFFICILE<br />

ESERCIZIO C*<br />

Sostituisci ai pronomi personali tonici tra parentesi<br />

la forma atona corrispondente. Attenzione alla<br />

concordanza del participio passato!<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO B*<br />

Unisci le frasi usando i pronomi.<br />

➔ Sono uscito con la ragazza. Voi mi avete presentato<br />

la ragazza. ____________________________________<br />

Sono uscito con la ragazza<br />

__________________________________________________<br />

che mi avete presentato/a.<br />

➔ Noi abbiamo conosciuto (loro) durante l’estate.<br />

_________________________________________________<br />

Li abbiamo conosciuti durante l’estate.<br />

1) Tu hai aspettato (lei) per un’ora._________________<br />

________________________________________________<br />

2) Loro hanno salutato (noi) prima di partire per le<br />

vacanze. _______________________________________<br />

________________________________________________<br />

3) Il papa ha ricevuto i pellegrini [Pilger] e ha benedetto<br />

[gesegnet] (loro). __________________________<br />

________________________________________________<br />

4) Il poliziotto ha aiutato (voi).______________________<br />

________________________________________________<br />

5) Il nubifragio [Wolkenbruch] ha sorpreso [überrascht]<br />

(lui) per la strada.__________________________<br />

________________________________________________<br />

6) Un mese fa ho iscritto (loro) a un corso di zumba<br />

e ora sono già molto brave. _____________________<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

7) Voi avete interrotto [unterbrochen] (me) durante il<br />

mio discorso. __________________________________<br />

________________________________________________<br />

8) Tuo marito ha reso felice (te) regalandoti quell’anello.<br />

__________________________________________<br />

________________________________________________<br />

9) La sua intelligenza ha stupito [verwundert] (noi).__<br />

________________________________________________<br />

10) L’insegnante ha corretto (lei) più volte. ___________<br />

________________________________________________<br />

11) Tiziana, ho amato (te) moltissimo. _______________<br />

________________________________________________<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 43<br />

41<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

VERBI<br />

• guidare [fahren]<br />

• prendere<br />

• posteggiare, parcheggiare<br />

[parken]<br />

• comprare<br />

• vendere<br />

• andare in...<br />

• salire in...<br />

• scendere dall’…<br />

AUTO<br />

• … da rally<br />

• … elettrica<br />

• … a benzina<br />

• … a metano [Erdgas-]<br />

• … a gas, a GPL [Autogas-]<br />

• ... civetta [Zivilstreifenwagen]<br />

• ... da corsa [Rennwagen]<br />

TIPOLOGIA<br />

• ... pirata<br />

[unfallflüchtiger Autofahrer]<br />

• ... blu [Dienstwagen des<br />

öffentlichen Dienstes]<br />

• … a due, quattro porte<br />

[zwei-, viertüriges Auto]<br />

PAROLE COMPOSTE<br />

42<br />

PAROLE DERIVATE<br />

• autista [Fahrer, Chauffeur]<br />

• autobus<br />

• autostrada<br />

• autobomba<br />

• automezzo [Fahrzeug]<br />

• autogrill [Raststätte]<br />

• autodromo [Autorennbahn]<br />

• automobilista [Autofahrer, -in]<br />

• autosilo [Park(hoch)haus]<br />

• autocarro [Lastwagen]<br />

• autobotte [Tankwagen]<br />

• autoblindata [Panzerwagen]<br />

• autovelox [Radarkontrolle]<br />

• autoambulanza, autolettiga<br />

[Krankenwagen]<br />

• automobilismo<br />

[Autorennsport]<br />

• autolavaggio<br />

[Autowaschanlage]<br />

• autonoleggio<br />

[Autovermietung]<br />

• autofficina<br />

[Autoreparaturwerkstätte]<br />

DIFFICILE<br />

ESERCIZIO 1<br />

Tre verbi non c’entrano con l’auto.<br />

Quali?<br />

guidare • frenare • accelerare<br />

urtare • decollare • riparare<br />

rimorchiare • rallentare • posteggiare<br />

dirottare • imboccare • deviare<br />

revisionare • accendere • tamponare<br />

sbandare • atterrare • cappottare<br />

investire • sorpassare<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO 2<br />

Qual è il significato dei seguenti modi di dire provenienti<br />

dalla lingua dei motori?<br />

1) Partire in quarta<br />

a) innestare la marcia sbagliata [den falschen<br />

Gang einlegen]<br />

b) iniziare qualcosa con grande entusiasmo e<br />

volontà [Wille]<br />

2) Seguire a ruota<br />

a) dopo poco tempo<br />

b) dopo molto tempo<br />

3) Essere giù di giri<br />

a) essere scoraggiato [niedergeschlagen] o depresso<br />

b) essere malato o ferito [verletzt]<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO 3<br />

Quale di queste non è un’auto?<br />

station wagon • fuoristrada • ciclomotore<br />

cabriolet • giardinetta • gippone • suv<br />

utilitaria • berlina<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO 4<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate qui di<br />

seguito:<br />

a quattro porte • autostrada • andate in • autolavaggio<br />

autolettiga • autofficina • autobomba • autodromo<br />

parcheggiare • autogrill • a gas<br />

1) La mia auto va ___________________________________.<br />

Un pieno [Tankfüllung] mi costa meno di 30 euro.<br />

2) Un’auto ____________________ è più comoda [bequem].<br />

3) Per me _____________________ è una cosa difficilissima.<br />

4) __________________ auto in vacanza o prendete il treno?<br />

5) Sono stanco di guidare. Faccio una sosta [Pause] in<br />

quell’_____________________________________________.<br />

6) Hai mai visto l’___________________________ di Monza?<br />

7) I feriti sono stati subito trasportati [überführen] in<br />

ospedale in _______________________________________.<br />

8) In Italia si paga il pedaggio [Maut] in<br />

__________________________________________________.<br />

9) Il papà è appena tornato dall’_______________________.<br />

L’auto sembra come nuova.<br />

10) La mia macchina è rotta. Devo portarla in<br />

__________________________________________________.<br />

11) I terroristi hanno messo un’_________________________<br />

davanti a una banca.<br />

• Sinonimi di auto sono: automobile, macchina, autovettura,<br />

autoveicolo.<br />

• L’autostoppista fa l’autostop [fare l’autostop: trampen], cioè<br />

chiede un passaggio gratuito agli automobilisti in transito.<br />

• Si può dire autoscuola [Fahrschule] oppure scuola guida.<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A: 1) li ho chiamati; 2) l’hanno<br />

preso; 3) non le abbiamo portate; 4) l’ha già<br />

ordinata; 5) non le abbiamo invitate; 6) non li<br />

ho finiti; 7) l’ha raccontata; 8) non le abbiamo<br />

trovate; 9) l’ho già finita; 10) l’ho ucciso.<br />

ESERCIZIO B: 1) Nel forno trovo le lasagne<br />

che la mamma ha preparato/e. 2) Ti restituisco<br />

il libro di tedesco che mi hai prestato.<br />

3) Mariarosa ha mangiato la pizza che ha ordinato/a.<br />

4) Vorrei vedere le scarpe di Eleonora<br />

che ha comprato/e ai saldi. 5) Mi piacerebbe<br />

rivedere il ragazzo che ho conosciuto<br />

a una festa. 6) Telefono alla nonna che è<br />

partita l’altroieri per il mare. 7) Le fragole<br />

che ho comprato/e al mercato sono mature.<br />

8) Suo marito, che ha conosciuto in Germania,<br />

è italiano. 9) I giornali che ho letto/i ieri<br />

sera sono sul comodino.<br />

ESERCIZIO C: 1) l’hai aspettata; 2) ci hanno<br />

salutato/i; 3) li ha benedetti; 4) vi ha<br />

aiutato/i; 5) l’ha sorpreso; 6) le ho iscritte;<br />

7) mi avete interrotto/a; 8) ti ha reso/a felice;<br />

9) ci ha stupito/i; 10) l’ha corretta; 11) ti ho<br />

amato/a.<br />

ESERCIZIO 1: decollare [abfliegen], dirottare<br />

[entführen], atterrare [landen].<br />

frenare [bremsen], accelerare [beschleunigen],<br />

urtare [prallen], rimorchiare [abschleppen],<br />

rallentare [abbremsen], imboccare<br />

[einschlagen], deviare [abweichen], revisionare<br />

[überprüfen], accendere [anmachen],<br />

tamponare [auffahren], sbandare [ins Schleudern<br />

geraten], cappottare [sich überschlagen],<br />

investire [überfahren], sorpassare<br />

[überholen].<br />

ESERCIZIO 2: 1) b; 2) a; 3) a.<br />

ESERCIZIO 3: il ciclomotore [Mofa]<br />

station wagon [Kombiwagen], fuoristrada<br />

[Geländewagen], cabriolet [Cabrio], giardinetta<br />

[kleiner Kombi], gippone [Jeep],<br />

suv [Geländewagen], utilitaria [Kleinwagen],<br />

berlina [Limousine].<br />

ESERCIZIO 4: 1) a gas; 2) a quattro porte;<br />

3) parcheggiare; 4) andate in; 5) autogrill;<br />

6) autodromo; 7) autolettiga; 8) autostrada;<br />

9) autolavaggio; 10) autofficina;<br />

11) autobomba.<br />

43<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


LA SOLIDARIETÀ, L’ISLAM,<br />

PAPA FRANCESCO, LA SINISTRA,<br />

PREMIARE IL MERITO, BERLUSCONI,<br />

PARI OPPORTUNITÀ PER LE DONNE,<br />

IL MALESSERE, L’UGUAGLIANZA,<br />

I GIOVANI, L’INDIGNAZIONE,<br />

LE LARGHE INTESE, LA CONCORRENZA,<br />

RISPARMIARE, LA FURBIZIA, DIVERTIRSI,<br />

EVADERE LE TASSE A VOLTE È NECESSARIO,<br />

L’UNITÀ NAZIONALE, LA DEMOCRAZIA,<br />

IL FEDERALISMO, INVESTIRE, L’EGOISMO,<br />

LA SPERANZA NEL FUTURO,<br />

44<br />

ECCO UN PASSAPAROLA NEL SENSO PIÙ LETTE-<br />

RALE DEL TERMINE! Grazie a un’indagine realizzata<br />

da Demos-Coop e pubblicata dal quotidiano la Repubblica,<br />

gli italiani hanno potuto indicare quali sono, a loro parere,<br />

le parole che ci uniscono e quelle che ci dividono.<br />

Soprattutto, sono emersi risultati molto chiari su quali sono<br />

le parole che vorremmo sentire nei prossimi anni e<br />

quali preferiremmo non usare mai più.<br />

Il lessico degli italiani descritto da questa indagine riflette<br />

tutte le incertezze della fase di cambiamento che<br />

stiamo vivendo, caratterizzata dall’assenza di orizzonti<br />

precisi. Emergono il solito malessere diffuso e la delusione<br />

nei confronti delle istituzioni; la voglia di virtù e beni<br />

nel senso più im wahrsten<br />

letterale Sinne des<br />

del termine Wortes<br />

l’indagine f. Umfrage<br />

il parere Meinung<br />

unire einigen<br />

emergere herauskommen<br />

il lessico Wortschatz<br />

l’assenza Fehlen<br />

il malessere Misere,<br />

Missstand<br />

diffuso verbreitet<br />

la virtù Tugend<br />

il bene comune Gemeingut<br />

notare bemerken<br />

il curatore Herausgeber<br />

evocare heraufbeschwören<br />

la violenza Gewalt<br />

suscitare auslösen<br />

richiamare qc. an etw.<br />

erinnern<br />

il soggetto Person<br />

l’ambito Bereich<br />

il concetto Begriff<br />

trasversale (partei-)übergreifend<br />

Enrico Letta: amtierender ital. Ministerpräsident<br />

(Partito democratico)<br />

Le parole del futuro<br />

Die Sprache eines Volkes sagt<br />

mehr über ein Land als nur Worte.<br />

Eine Umfrage in Italien brachte Enttäuschung<br />

zum Vorschein – und<br />

Wunsch nach mehr Gemeinsinn.<br />

Matteo Renzi: Bürgermeister<br />

von Florenz (Partito democratico)<br />

il magistrato Richter<br />

l’Ue EU<br />

premiare belohnen<br />

il merito Verdienst<br />

le pari Chancenopportunità<br />

gleichheit<br />

l’uguaglianza Gleichheit<br />

risparmiare sparen<br />

il popolo Volk<br />

l’indignazione Entrüstung<br />

la furbizia Schläue<br />

evadere Steuern<br />

le tasse hinterziehen<br />

le larghe intese große Koalition<br />

il partito Partei<br />

ricomparire wieder<br />

auftauchen<br />

l’elenco Liste<br />

l’imprenditore<br />

m. Unternehmer<br />

Mina: ital. Sängerin<br />

il ritornello Refrain<br />

la mente Kopf<br />

rimbalzare sich verbreiten<br />

ereditare erben<br />

il prestito Leihgabe<br />

impiccare erhängen<br />

la corda Seil<br />

il tuono Donner<br />

PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

comuni e la difficoltà a trovare le parole giuste per esprimere<br />

il proprio pensiero. Si nota subito l’assenza di parole<br />

“estreme”, che sono state volutamente escluse dai curatori<br />

di questo dizionario delle idee per non evocare<br />

violenza e aggressione. Sono state scelte parole socialmente<br />

riconosciute, che suscitano sentimenti contrastanti<br />

e richiamano progetti e soggetti molto diversi in ambito<br />

pubblico, politico, religioso, economico ed etico.<br />

A saltare subito all’occhio, in tutti i grafici, sono i nomi<br />

propri: papa Francesco riassume e personifica tutti i concetti<br />

positivi; Berlusconi e Grillo sono tra le parole che non<br />

piacciono più. Al centro dei diagrammi si trovano i leader<br />

trasversali, come Letta e Matteo Renzi. Magistrati, chiesa<br />

e Ue sono tra le parole che fanno discutere.<br />

Ecco le parole o espressioni più significative, in ordine<br />

di preferenza: la solidarietà, papa Francesco, premiare<br />

il merito, pari opportunità per le donne, l’uguaglianza, i giovani,<br />

risparmiare, la speranza nel futuro, divertirsi, l’unità nazionale,<br />

la cooperazione, la democrazia, il popolo, investire,<br />

la concorrenza. Decisamente “out”, nell’ordine: l’indignazione,<br />

il presidenzialismo, la furbizia, la sinistra, il malessere,<br />

il federalismo, evadere le tasse a volte è necessario, le larghe intese,<br />

la destra, Berlusconi, Grillo, l’Islam, i partiti, l’egoismo,<br />

i politici.<br />

Alla domanda sul futuro (“Secondo Lei, nei prossimi<br />

tre anni, rispetto a oggi che importanza avranno le seguenti<br />

parole...?”) ricompaiono, con una leggera variazione<br />

nell’ordine, le espressioni “in” del primo elenco,<br />

con papa Francesco in testa e, dopo il popolo, a sorpresa...<br />

gli imprenditori. Quelli nuovi, si spera.<br />

“Parole, parole, parole, soltanto parole”, cantava Mina<br />

in un ritornello che spesso torna alla mente. Quello<br />

era il passato. Oggi, tra i proverbi anonimi che rimbalzano<br />

sul web a proposito del tema “parole” ho letto: “Non<br />

ereditiamo il mondo dai nostri padri, lo prendiamo in<br />

prestito dai nostri figli. La lingua può impiccare l’uomo<br />

più velocemente di una corda. Meglio avere meno tuoni<br />

nella bocca e più luce nella mano. Attento mentre parli,<br />

con le tue parole crei un mondo intorno a te”.<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


Perfektion lässt sich leicht üben.<br />

Mit dem Übungsheft <strong>ADESSO</strong> plus passend zum aktuellen Magazin.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus ist die ideale Ergänzung zum Magazin:<br />

Bietet auf 24 Seiten vertiefende Übungen zu Grammatik,<br />

Wortschatz und Redewendungen<br />

Enthält Tests zur Überprüfung des Lernerfolgs<br />

Erscheint monatlich passend zum Magazin<br />

Zu jeder<br />

Ausgabe von<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

Zusammen mit dem Magazin <strong>ADESSO</strong> steht Ihnen damit ein<br />

perfektes Lernsystem zur Verfügung.<br />

Am besten, Sie probieren es gleich aus!<br />

Bestellen Sie jetzt <strong>ADESSO</strong> plus zum aktuellen Magazin:<br />

www.adesso-online.de/plusheft


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

UNA MADONNA FAMOSA<br />

In Italien kennt sie jedes Kind: Die Madonna<br />

delle vie. Doch hat Maler Roberto Ferruzzi hier<br />

tatsächlich seiner Verehrung für die Jungfrau<br />

Maria Ausdruck verliehen?<br />

46<br />

ROBERTO FERRUZZI<br />

Roberto Ferruzzi nasce<br />

a Sebenico (Šibenik),<br />

in Dalmazia, nel 1853.<br />

Figlio di un avvocato e<br />

di una contessa, si trasferisce<br />

con i genitori a<br />

Venezia ancora bambino.<br />

Poco dopo deve lasciare<br />

la città in seguito alla morte<br />

del padre e si stabilisce<br />

a Luvigliano, vicino a<br />

Padova. Studia giurisprudenza<br />

e si dedica alla<br />

pittura da autodidatta.<br />

Muore nel 1934.<br />

l’avvocato<br />

la contessa<br />

trasferirsi<br />

stabilirsi<br />

Rechtsanwalt<br />

Gräfin<br />

umziehen<br />

sich niederlassen<br />

Rechtswis-<br />

senschaft<br />

sich widmen<br />

Malerei<br />

C’È UN QUADRO CHE TUTTI GLI ITALIANI (E NON SOLO) CONO-<br />

SCONO, PERCHÉ L’HANNO VISTO DI SICURO MOLTE VOLTE NELLA<br />

LORO VITA. Insomma, è un dipinto “familiare”, che da oltre un secolo rappresenta<br />

per tutti gli italiani, da Nord a Sud, la Madonna. Si trova riprodotto<br />

nei luoghi più diversi: nei corridoi degli uffici, nelle stanze da letto, nelle sagrestie,<br />

negli androni di certi condomini e pure in qualche negozio. Il motivo<br />

della sua diffusione è spiegato anche dal titolo: la Madonna delle vie. Pochissimi<br />

sanno, però, che l’origine e la natura di questo quadro sono del tutto profane.<br />

L’autore, Roberto Ferruzzi, aveva visto nel 1886 una dodicenne del suo stesso<br />

paese, sui Colli Euganei, mentre stringeva al seno il fratellino appena nato.<br />

La scena gli era sembrata di una dolcezza tale<br />

che aveva deciso di immortalarla in un dipinto<br />

che intitolò Maternità. Per molti anni, anche se<br />

l’autore era ben conosciuto, l’origine del quadro<br />

rimase ignota: si credeva che il pittore avesse voluto<br />

ritrarre in versione ottocentesca, melodrammatica,<br />

la madre di Gesù. Il dipinto è così<br />

passato alla storia con i nomi di Madonnina delle<br />

vie, Madonna del riposo, Madonna della tenerezza,<br />

Zingarella o, più semplicemente, Madonnina.<br />

Nel 1984, la figlia della dodicenne ritratta da<br />

Ferruzzi, suor Angela Maria Bovo, pare abbia<br />

scoperto, grazie a storie familiari, che il famosissimo<br />

quadro a olio ritraeva sua madre, Angelina<br />

Cian, mentre teneva in braccio il fratellino Giovanni.<br />

Angelina aveva sposato Antonio Bovo e si<br />

era trasferita con il marito a Oakland, dove aveva<br />

avuto 10 figli. La settima, quella poi divenuta<br />

suor Angela, venne messa in orfanotrofio a causa<br />

dei problemi nervosi della madre, che non rivide<br />

mai più. La modella del quadro e madre della<br />

suora, dunque, dopo quel dipinto in cui<br />

appare soave e tenerissima, non ebbe vita facile.<br />

Terminò, infatti, i suoi giorni in manicomio.<br />

il quadro<br />

il dipinto<br />

familiare<br />

il secolo<br />

riprodotto<br />

il luogo<br />

la sagrestia<br />

l’androne m.<br />

il condominio<br />

la diffusione<br />

profano<br />

stringere<br />

tale<br />

immortalare<br />

ignoto<br />

ritrarre<br />

ottocentesco<br />

la zingarella<br />

la suora<br />

scoprire<br />

l’orfanotrofio<br />

soave<br />

tenera<br />

terminare<br />

i propri giorni<br />

il manicomio<br />

la giurisprudenza<br />

dedicarsi<br />

la pittura<br />

Bild<br />

Gemälde<br />

vertraut<br />

Jahrhundert<br />

reproduziert<br />

Ort<br />

Sakristei<br />

Hauseingang<br />

Mehrfamilienhaus<br />

Verbreitung<br />

weltlich<br />

drücken<br />

solcher, solche<br />

verewigen<br />

unbekannt<br />

abbilden<br />

in der Art des<br />

neunzehnten<br />

Jahrhunderts<br />

kleine<br />

Zigeunerin<br />

Schwester<br />

entdecken<br />

Waisenhaus<br />

lieblich<br />

zart<br />

seine letzten<br />

Tage verbringen<br />

psychiatrische<br />

Anstalt<br />

© Getty Images<br />

Un rosario con l’immagine<br />

della Madonna di Ferruzzi.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


21° EPISODIO<br />

E SCONOSCIUTA<br />

La Madonna delle vie<br />

di Roberto Ferruzzi.<br />

IL SUCCESSO<br />

DALLA<br />

BIENNALE<br />

AI SANTINI<br />

Il dipinto che Roberto Ferruzzi realizzò<br />

nel 1886 a Luvigliano vinse<br />

nel 1897 la Biennale di Venezia, che<br />

era stata istituita due anni prima per<br />

celebrare le nozze d’argento di re<br />

Umberto I e Margherita di Savoia. Ne<br />

scriveva allora una rivista d’arte: “Pittura<br />

miserina da principiante, ma d’espressione<br />

assai delicata: lo sguardo<br />

della Vergine e la boccuccia del Bambino,<br />

con quella bollicina di saliva fra<br />

le labbra, non si dimenticano più”. Già<br />

allora, dunque, il quadro fu interpretato<br />

come quello di una “madonnina”.<br />

Quella “pittura miserina” ebbe un<br />

successo straordinario e fu immediatamente<br />

comprata per 30.000 lire,<br />

una cifra altissima per l’epoca. Il dipinto<br />

fu acquistato in seguito dai<br />

Fratelli Alinari, titolari della famosa ditta<br />

fotografica di Firenze, che per primi<br />

ne tirarono delle stampe, concedendo<br />

ad altre ditte di riprodurre<br />

l'immagine. I santini con la Madonnina<br />

di Ferruzzi furono stampati in milioni<br />

di copie, contribuendo alla fortuna<br />

dell’originale. Il quadro passò poi,<br />

sembra, a un collezionista americano.<br />

Si racconta che questi si imbarcò per<br />

l'America, ma durante la traversata la<br />

nave affondò, il dipinto andò perduto<br />

e il suo proprietario morì.<br />

47<br />

Heiligenbild<br />

gründen<br />

Silber-<br />

hochzeit<br />

König<br />

armselig<br />

Anfänger, -in<br />

Jungfrau<br />

Mündchen<br />

Speichel-<br />

bläschen<br />

außerordentlich<br />

Inhaber<br />

Firma<br />

einen Abzug<br />

machen<br />

gewähren<br />

Überfahrt<br />

il santino<br />

istituire<br />

le nozze<br />

d’argento<br />

il re<br />

miserino<br />

il/la principiante<br />

la Vergine<br />

la boccuccia<br />

la bollicina<br />

di saliva<br />

straordinario<br />

il titolare<br />

la ditta<br />

tirare una<br />

stampa<br />

concedere<br />

la traversata<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


SOCIETÀ<br />

Unsere Länder verändern sich, die Familienbilder ähneln sich<br />

immer mehr – auf den ersten Blick. Wer genauer hinsieht,<br />

entdeckt Unterschiede aus Vergangenheit und Gegenwart.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

PRATICAMENTE PARLANDO<br />

La famiglia che cambia<br />

48<br />

IN APPARENZA, LA FAMIGLIA ITALIANA E LA FA-<br />

MIGLIA TEDESCA SONO ORMAI MOLTO SIMILI. Il<br />

modello tradizionale è in crisi e la famiglia patriarcale con<br />

tanti figli, che includeva zii e nonni, è ormai un ricordo<br />

lontano, relegato a vecchi film anni Cinquanta. In Italia,<br />

il tasso dei figli per donna è oggi di circa l’1,42%. Cala il<br />

numero delle coppie coniugate con figli: erano il 45,2%<br />

nel 1993-94, adesso sono il 33,7%. Anche lo stereotipo della<br />

famiglia tipo costituita da due genitori e due figli è al<br />

tramonto. “Questo campione di famiglia, come ci viene<br />

presentata in TV dalla pubblicità televisiva, stile biscotti<br />

del Mulino Bianco, è in minoranza e costituisce meno del<br />

50% delle famiglie italiane”, afferma Giuseppe Roma, direttore<br />

generale del Censis, l’Istituto italiano di ricerca socioeconomica.<br />

“Su 25 milioni di famiglie, la maggior parte<br />

è costituita da una o due persone per lo più anziane,<br />

soprattutto donne rimaste vedove“. Il professor Roma aggiunge:<br />

“Inoltre il collante ideologico e religioso ha ormai<br />

perso la sua presa; i tanti divorzi e separazioni hanno dato<br />

vita a famiglie allargate, che possono essere conviventi<br />

oppure no, e che mettono insieme nuovi nuclei familiari<br />

anche di 30 persone, fra figli acquisiti e figli naturali”.<br />

Eppure le apparenze ingannano e la famiglia italiana<br />

conserva alcune peculiarità che la rendono ancora oggi assai<br />

differente dal modello tedesco. Se facciamo parlare i<br />

numeri, vediamo che i giovani a casa con i genitori sono<br />

circa il 43% nella fascia che va dai 25 ai 34 anni. Significa<br />

che sono aumentati in questi ultimi anni, se si pensa che<br />

nel 1993 erano il 33,2%. Inoltre, fra i ragazzi che vanno via<br />

La caratteristica<br />

principale della famiglia<br />

italiana è la solidarietà<br />

al suo interno.<br />

in apparenza scheinbar<br />

ormai mittlerweile<br />

simile ähnlich<br />

relegato verbannt<br />

il tasso Quote<br />

calare sinken<br />

coniugato verheiratet<br />

tipo typisch<br />

costituito da bestehend aus<br />

il tramonto Sonnenuntergang,<br />

hier:<br />

Untergang<br />

il campione Modell, Muster<br />

la pubblicità Werbung<br />

Mulino Bianco: Marke, unter der<br />

die Firma Barilla Kekse u.Ä. produziert<br />

la minoranza Minderheit<br />

affermare feststellen,<br />

sagen<br />

Centro studi investimenti sociali<br />

(Censis): ital. Wirtschafts- und<br />

Sozialforschungsinstitut<br />

la ricerca Forschung<br />

la vedova Witwe<br />

il collante Klebstoff<br />

la presa Haftung<br />

il divorzio Scheidung<br />

allargato erweitert<br />

essere zusammenconvivente<br />

leben<br />

il nucleo<br />

familiare<br />

acquisito<br />

ingannare<br />

la peculiarità<br />

assai<br />

la fascia<br />

aumentare<br />

la forza<br />

trainante<br />

capace<br />

il reddito<br />

accumulare<br />

il patrimonio<br />

il risparmio<br />

il pubblico<br />

indebitato<br />

la formica<br />

imprimere<br />

una spinta<br />

lo sviluppo<br />

il paese<br />

il bene<br />

sperperato<br />

la proprietà<br />

il titolo di stato<br />

Kernfamilie<br />

angeheiratet<br />

täuschen<br />

Besonderheit<br />

sehr<br />

Gruppe<br />

mehr werden,<br />

zunehmen<br />

Zugkraft,<br />

hier: Motor<br />

fähig<br />

Einkommen<br />

ansammeln<br />

Vermögen<br />

Ersparnisse Pl.<br />

Öffentlichkeit,<br />

hier: öffentliche<br />

Hand<br />

verschuldet<br />

Ameise<br />

(vor)antreiben<br />

Entwicklung<br />

Land<br />

Gut<br />

verschwendet<br />

Eigentum<br />

Staatsanleihe<br />

di casa, solo il 16% va ad abitare a più di 50 chilometri di<br />

distanza dalla famiglia. Il 62% resta nello stesso comune.<br />

“La caratteristica della famiglia italiana è la forte solidarietà<br />

al suo interno. Fino a oggi la famiglia è stata la forza<br />

trainante dell’Italia”, spiega il direttore del Censis, “un<br />

nucleo capace di produrre reddito, accumulare patrimonio,<br />

creare risparmio. Se il pubblico era indebitato, il privato<br />

era ricco. La generazione che oggi ha 50-60 anni ha<br />

lavorato duro, messo da parte risparmi seguendo un modello<br />

‘da formica’, capace di imprimere una fortissima<br />

spinta allo sviluppo del paese. Soldi investiti in beni e non<br />

sperperati, dato che l’86% delle famiglie italiane ha una<br />

casa di proprietà e i titoli di stato sono all’80% nelle mani<br />

di investitori italiani”. Così, anche in tempi di crisi, la famiglia<br />

è l’unico bene su cui un ragazzo può contare; cala<br />

© I. Mancusi<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


l’occupazione, si contrae il Pil, non c’è ricambio generazionale<br />

e le nuove famiglie producono un reddito quasi pari<br />

alla metà di quelle precedenti. Si rimane dunque a casa con<br />

i genitori e si affidano i figli ai nonni, vista l’impossibilità di<br />

pagare una baby sitter. “Si è arrestato il turn over lavorativo<br />

e il livello di benessere ha smesso di crescere”, afferma<br />

Giuseppe Roma. “La domanda che ci poniamo è se ci sarà<br />

una famiglia nel futuro. Un giovane che oggi lavora e ha 30<br />

anni, andrà in pensione con 700, forse 800 euro al mese”.<br />

Eppure, a dispetto dei fatti, l’epoca dei mammoni, se-<br />

l’occu-<br />

pazione f.<br />

contrarsi<br />

il Prodotto interno<br />

lordo (Pil)<br />

pari<br />

precedente<br />

affidare<br />

arrestarsi<br />

il turn over<br />

il benessere<br />

a dispetto<br />

di qc.<br />

il mammone<br />

Beschäftigung<br />

schrumpfen<br />

Bruttoinlands-<br />

produkt<br />

gleich<br />

vorherig<br />

anvertrauen<br />

zum Stillstand<br />

kommen<br />

Umsatz<br />

Wohlstand<br />

etw. zum Trotz<br />

Muttersöhnchen<br />

Jahrhundert<br />

zugeben<br />

resigniert<br />

il secolo<br />

ammettere<br />

rassegnato<br />

la competizione<br />

il coetaneo<br />

sbandato<br />

Wettbewerb<br />

Gleichaltriger<br />

orientierungslos<br />

il legame<br />

coprire<br />

le spalle<br />

nuotare<br />

l’istruttore m.<br />

latitare<br />

supplire a qc.<br />

autotassarsi<br />

l’assenza<br />

il campo<br />

il sostegno<br />

la cura<br />

ovviare<br />

la carenza<br />

il perno<br />

la ventata<br />

mitigare<br />

Band<br />

den Rücken<br />

decken<br />

schwimmen<br />

Trainer<br />

fehlen<br />

etw. ausgleichen<br />

sich selbst<br />

besteuern<br />

Abwesenheit,<br />

Fehlen<br />

Feld<br />

Unterstützung<br />

Versorgung<br />

abhelfen<br />

Mangel<br />

Zapfen,<br />

hier: Stütze<br />

Windstoß,<br />

hier: Prise<br />

dämpfen<br />

condo il direttore del Censis, è<br />

finita. “Il ragazzo che rimane<br />

a casa perché non riesce a farsi<br />

il letto da solo è un fenomeno<br />

tramontato con il nuovo<br />

secolo”. Poi però<br />

ammette: “Semmai, in questa<br />

situazione di crisi, il fatto<br />

di non essere soli ha dato<br />

meno aggressività ai ragazzi<br />

nei confronti della vita. I giovani italiani sono un po’ più<br />

rassegnati, in questo mondo che si basa sulla competizione,<br />

rispetto ai coetanei di altri paesi, ma io mi chiedo<br />

se ciò sia un male“, continua Giuseppe Roma. “Sono meno<br />

sbandati perché hanno un legame con la famiglia, che<br />

gli copre sempre le spalle. Il modello<br />

anglosassone ti butta in acqua<br />

per imparare a nuotare,<br />

qui ti danno un<br />

istruttore che ti insegna<br />

a nuotare...”<br />

LA NUOVA FAMIGLIA<br />

La famiglia moderna italiana è<br />

La famiglia è<br />

allargata [erweitert], senza collante<br />

presente dove lo<br />

[Klebstoff] ideologico o religioso. Resta<br />

stato latita, supplisce<br />

alle sue<br />

Dove lo stato non arriva, supplisce<br />

però un punto di riferimento importante.<br />

[supplire: ausgleichen] la<br />

mancanze. Le famiglie<br />

italiane inve-<br />

famiglia.<br />

stono tanto nella scuola,<br />

si autotassano perché<br />

lo stato italiano non garantisce<br />

nulla ai giovani. In assenza di una politica sociale in tanti<br />

campi: politica abitativa, sostegno alle famiglie con<br />

bambini piccoli, cura degli anziani o dei malati di mente,<br />

è sempre e solo la famiglia – e al suo interno soprattutto<br />

le donne – a ovviare alle carenze e a rendere la famiglia<br />

il perno dello stato sociale. Il professor Giuseppe Roma<br />

conclude però con una ventata di ottimismo: “Il senso di<br />

appartenenza familiare, che è rimasto fortissimo, mitiga<br />

la tendenza all’individualismo degli italiani!”<br />

49<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


FINE SETTIMANA<br />

Il Parco del<br />

CIRCEO<br />

Früher ein Sumpfgebiet, heute blühende Landschaften: Unweit von<br />

Rom lockt ein Naturpark mit goldglitzernden Sanddünen,<br />

türkisblauen Seen, mediterraner Macchia und hübschen Dörfern …<br />

Naturfreunde ebenso wie Geschichtsbegeisterte!<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

50<br />

“DAI DIAMANTI NON NASCE NIENTE, DAL LETAME<br />

NASCONO I FIOR”, CANTAVA FABRIZIO DE ANDRÈ.<br />

Mai metafora fu più azzeccata! Il Parco nazionale del Circeo,<br />

sul litorale laziale, a pochi chilometri da Roma, oggi è<br />

una delle zone verdi costiere più belle d’Italia, ma fino a 80<br />

anni fa era un’immensa palude. Non proprio di “letame”,<br />

dunque, ma certo da valorizzare. L’opera di bonifica delle<br />

grandi Paludi Pontine realizzata durante il fascismo, compreso<br />

il taglio della vicina foresta di Terracina, indusse il<br />

Duce a fare la seguente considerazione: non si può, in nome<br />

della dea Agricoltura, sacrificare così la Natura. Lo stesso<br />

Mussolini, dunque, autorizzò nel 1934 l’istituzione del<br />

Parco nazionale del Circeo. Non solo: fondò al suo interno<br />

una cittadina, Sabaudia, che ancora oggi è meta<br />

prediletta di politici e vip dello spettacolo.<br />

Ed eccolo, il fiore nato dal letame, dove<br />

è possibile trascorrere un fine settimana<br />

incantevole. Attendono il visiil<br />

letame Mist<br />

azzeccato treffend<br />

il litorale laziale: Küste der Region<br />

Latium<br />

costiero Küstenla<br />

palude Sumpf<br />

valorizzare erschließen<br />

l’opera Trockendi<br />

bonifica legungsarbeit<br />

indurre<br />

la considerazione<br />

la dea<br />

sacrificare<br />

fondare<br />

la meta<br />

prediletto<br />

incantevole<br />

veranlassen<br />

Überlegung<br />

Göttin<br />

opfern<br />

gründen<br />

Ziel<br />

bevorzugt<br />

zauberhaft<br />

© Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


FINE SETTIMANA<br />

Una vista della città di<br />

Sperlonga, con il Monte<br />

Circeo e il suo parco<br />

sullo sfondo.<br />

51<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


tatore oltre 8.000 ettari di<br />

natura, ma anche di storia<br />

dell’uomo. La mappa comprende<br />

l’ettaro<br />

il promontorio<br />

a picco su<br />

Hektar<br />

Vorgebirge<br />

(steil) über<br />

un promontorio a<br />

la duna<br />

di sabbia Sanddüne<br />

picco sul mare, che è appunto<br />

il promontorio del protendersi sich erstrecken<br />

dorato golden<br />

Circeo; un’isola “alla Robinson<br />

Crusoe” che si chiama<br />

incontaminato<br />

cedere il<br />

unberührt<br />

etw. den<br />

passo a qc. Vortritt lassen<br />

Zannone; oltre 20 chilometri<br />

di dune di sabbia dorata il gioiello Juwel<br />

il tuffo Sprung<br />

che si protendono verso acque<br />

turchesi; quattro laghi<br />

il borgo Dorf<br />

costieri, oltre 3.000 ettari di foresta e centinaia di specie animali<br />

e vegetali. Senza contare che, nel momento in cui la<br />

sete di natura e di ambienti incontaminati cede il passo alla<br />

voglia di fare un tuffo nella Storia, c’è solo da scegliere<br />

tra una visita ai centri storici di Sabaudia o dell’incantevole<br />

San Felice Circeo e a veri e propri gioielli come la Villa di<br />

Domiziano o il borgo di Fogliano.<br />

Come visitare il Parco nazionale del Circeo in un fine<br />

settimana solo? Di sicuro non è possibile vedere<br />

tutto. Tuttavia si può cercare di prendere<br />

il meglio. Per quanto riguarda la natura,<br />

gli amanti del birdwatching e della fauna<br />

LAZIO<br />

UN FINE SETTIMANA TRA NATURA E STORIA<br />

Sopra: divertimento in spiaggia, nel Parco del<br />

Circeo; il Duomo di Terracina e il Foro Emiliano;<br />

relax in Piazza della Repubblica a Sperlonga.<br />

ROMA<br />

Parco<br />

del Circeo<br />

© Huber/Sime (3), Atlantide Phototravel<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


FINE SETTIMANA<br />

costiera in genere hanno a disposizione un meraviglioso<br />

ecosistema in cui tutto è calcolato alla perfezione: le dune<br />

di sabbia, che corrono lungo l’intero tratto costiero,<br />

proteggono l’entroterra in modo che migliaia di uccelli<br />

migratori trovino rifugio nelle zone umide e nei boschi,<br />

al riparo dai venti carichi di salsedine. Più in alto invece,<br />

sulle rocce del promontorio, l’occhio può ammirare il lento<br />

volteggiare dei grandi rapaci, tra cui il falco pescatore.<br />

Non dovete pensate, però, che il Parco nazionale del<br />

Circeo sia una di quelle aree protette in cui, in nome della<br />

natura, non ci si più divertire. A Sabaudia, per esempio,<br />

ci si mette le infradito e si scende, asciugamano in spalla,<br />

in una delle spiagge più esclusive d’Italia, rischiando di<br />

avere come vicino di ombrellone questo o quell’altro personaggio<br />

famoso. Poi, fatto<br />

il bagno e preso il sole, arriva<br />

il momento di fare una<br />

intero ganz<br />

a disposizione zur Verfügung<br />

il tratto<br />

passeggiata in centro. Si<br />

costiero Küstenstrich<br />

scopre allora uno dei migliori<br />

esempi dell’architet-<br />

l’entroterra Hinterland<br />

proteggere schützen<br />

l’uccello<br />

tura razionalista italiana: migratore Zugvogel<br />

larghe strade, edifici di forma<br />

lineare e sobria che si al riparo geschützt<br />

il rifugio Zuflucht<br />

carico beladen, voll<br />

stringono attorno alla Piazza<br />

del Comune, con la sua la roccia Fels<br />

la salsedine Salz(gehalt)<br />

volteggiare kreisen<br />

torre alta 42 metri. In riva al<br />

il rapace Raubvogel<br />

lago di Paola c’è il santuario<br />

di Santa Maria della pescatore Fischadler<br />

il falco<br />

l’area protetta Naturschutzgebiet<br />

Sorresca, eretto dai Benedettini<br />

nel VI secolo sui resti<br />

di una villa romana di rischiare Gefahr laufen<br />

le infradito Flipflop<br />

l’ombrellone m. Sonnenschirm<br />

500 anni prima.<br />

scoprire entdecken<br />

Un altro centro abitato<br />

sobrio schlicht<br />

da non perdere è San Felice<br />

Circeo, che sorge su una<br />

la riva Ufer<br />

stringersi um etw. herumattorno<br />

a qc. stehen<br />

piattaforma naturale a 100 il santuario Wallfahrtskirche<br />

eretto errichtet<br />

metri sul livello del mare,<br />

sorgere stehen<br />

raccolto nella sua cinta la piattaforma Hochebene<br />

muraria. Ha una storia an- la cinta muraria Stadtmauer<br />

Lo sapevate che…<br />

La foresta del Parco nazionale del Circeo è stata dichiarata<br />

Riserva della biosfera [Biosphärenreservat] e inserita dall’Unesco<br />

nel programma Mab (Man and Biosphere)<br />

nel 1977. Le caratteristiche<br />

più particolari della foresta, sono le<br />

cosiddette “piscine”. Si tratta di aree<br />

paludose [sumpfig] che si riempiono<br />

d’acqua piovana [Regenwasser]<br />

soprattutto nella stagione autunnale.<br />

Tutta la foresta è visitabile grazie a<br />

una fitta rete di sentieri, pedonali e<br />

ciclabili. [Wander- und Radwege].<br />

A piedi e in bici nel parco<br />

Il Parco nazionale del Circeo (www.parcocirceo.it) è<br />

un meraviglioso dedalo di sentieri naturalistici, da<br />

percorrere a piedi o in bici. Eccone tre:<br />

1° ITINERARIO<br />

25 km, in bici, 2h e 30.<br />

Il percorso corre lungo<br />

la duna costiera. Si parte<br />

dal piazzale di Torre Paola,<br />

a San Felice Circeo, e si<br />

pedala verso la città di<br />

Latina costeggiando i laghi<br />

di Paola e di Caprolace.<br />

L’itinerario non presenta<br />

difficoltà. Attenzione, però,<br />

si tratta di un una strada<br />

carrabile. Dopo un tratto<br />

di strada chiuso al traffico,<br />

si arriva alla foce del canale<br />

di Rio Martino e quindi a<br />

Latina.<br />

il dedalo<br />

il sentiero<br />

percorrere<br />

l’itinerario/<br />

il percorso<br />

costeggiare<br />

trattarsi<br />

carrabile<br />

la foce<br />

impegnativo<br />

Route<br />

entlangfahren<br />

sich handeln<br />

befahrbar<br />

Mündung<br />

anspruchsvoll<br />

Schotter-<br />

herauskommen<br />

Kamm<br />

Boot<br />

Kloster<br />

wieder<br />

hinabführen<br />

sterrato<br />

sbucare<br />

il crinale<br />

il battello<br />

il monastero<br />

ridiscendere<br />

Labyrinth<br />

Pfad<br />

entlanglaufen,<br />

-fahren<br />

2° ITINERARIO<br />

il versante Hang, Seite<br />

1 km, a piedi, 1h e 30.<br />

È piuttosto impegnativo, ma straordinario. Si parte da<br />

San Felice e si arriva al Picco di Circe, a 541 metri sul<br />

livello del mare. La partenza è ancora da Torre Paola, da<br />

cui si segue un percorso sterrato attraverso un bosco,<br />

per sbucare sul crinale e godersi il bellissimo panorama.<br />

I più esperti possono proseguire lungo il crinale fino al Picco<br />

di Circe, con i pochi resti dell’antico tempio di Venere.<br />

3° ITINERARIO<br />

2 km, a piedi, 1h e 30.<br />

Un itinerario sull’isola di Zannone, l’isoletta che fa parte<br />

del parco e che si raggiunge in battello da Ponza.<br />

Il sentiero parte dalla località del Varo, attraversa la<br />

macchia mediterranea e porta fino alla ex Casa di Caccia.<br />

Nelle vicinanze ci sono i resti di un monastero benedettino<br />

eretto nel 504. Poco dopo inizia il sentiero che<br />

ridiscende sul versante opposto e, attraverso il bosco<br />

del Cavone del Lauro, porta al Faro di Capo Negro.<br />

Si torna indietro per lo stesso percorso.<br />

53<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


FINE SETTIMANA<br />

Circeo: 8.000 ettari di natura, tra<br />

dune di sabbia dorata, laghi costieri,<br />

foreste e un pizzico di mondanità!<br />

54<br />

© Cubo Images, Atlantide Phototravel<br />

Sopra: Torre Cervia<br />

a San Felice Circeo.<br />

Qui: un cucciolo di<br />

cinghiale nel parco.<br />

tichissima, visto che in queste zone visse nientemeno che<br />

l’uomo di Neanderthal; poi fu colonia romana, possedimento<br />

dei Templari durante il Medioevo e infine roccaforte<br />

pontificia. Oggi San Felice è un delizioso borgo<br />

con gioielli, come le Torri papali, il faro del 1800, l’Acropoli<br />

sullo sperone roccioso che domina il paese e, fuori<br />

dal centro abitato, le grotte del Paleolitico dove, secondo<br />

Omero, soggiornò Circe, la maga che nell’Odissea trasforma<br />

in maiali i compagni di Ulisse.<br />

Se però siete in cerca di spiagge, oltre che di natura e<br />

cultura, dovete dirigervi verso sud e uscire dai confini del<br />

parco quel tanto che basta per arrivare a due “chicche” quali<br />

Terracina e Sperlonga. La prima, lungo la Via Pontina che<br />

da Roma va a Napoli, è caratterizzata da una lunga e meravigliosa<br />

spiaggia. Salendo sul monte che sovrasta la città,<br />

Monte Sant’Angelo, si raggiunge il tempio di Giove Anxur,<br />

da cui si gode un panorama mozzafiato che comprende ovviamente<br />

il Circeo e, più in là, le isole Ponziane, tra cui Zannone,<br />

che è inclusa nell’area del parco. Sperlonga, poi, è<br />

detta “la perla del Tirreno”. L’imperatore romano Tiberio si<br />

fece costruire qui una straordinaria villa che oggi è sede del<br />

Museo nazionale archeologico. Caratteristico di Sperlonga<br />

è il centro storico arroccato<br />

sulla roccia, attraversato da il possedimento<br />

Besitz<br />

scalette e vicoli, da dove la<br />

il Medioevo Mittelalter<br />

vista si apre su squarci di la roccaforte Hochburg<br />

mare indimenticabili. Imperdibile<br />

è l’aperitivo in<br />

papale päpstlich<br />

pontificio /<br />

il faro Leuchtturm<br />

piazzetta, punto di ritrovo lo sperone<br />

della vita mondana. La cittadina<br />

è rinomata anche<br />

Omero Homer<br />

roccioso Felsvorsprung<br />

soggiornare sich aufhalten<br />

per le sue numerose spiagge:<br />

dell’Angolo, Bazzano, la dirigersi sich begeben<br />

la maga Zauberin<br />

spiaggia delle Bambole, il confine Grenze<br />

la chicca Schmuckstück<br />

Fontana, La Canzatora. Tanto<br />

per non dimenticare che il tempio Tempel<br />

sovrastare überragen<br />

il Parco nazionale del Circeo<br />

e i suoi dintorni sono sì straordinario wundervoll<br />

mozzafiato atemberaubend<br />

l’imperatore m. Kaiser<br />

un paradiso naturale, ma<br />

la sede Sitz<br />

anche chi ci vuole andare arroccato zurückgezogen<br />

il vicolo Gasse<br />

per un fine settimana, da<br />

lo squarcio hier: Blick<br />

queste parti è… specie protetta.<br />

i dintorni pl.<br />

rinomato berühmt<br />

Umgebung<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


LE REGIONI<br />

D’ITALIA<br />

LOMBARDIA 09.2013<br />

Emilia-Romagna 10.2013<br />

Marche 11.2013<br />

Piemonte 12.2013<br />

Sicilia 01.2014<br />

Friuli-Venezia Giulia 02.2014<br />

Lazio 03.2014<br />

Basilicata 04.2014<br />

Valle d’Aosta 05.2014<br />

Campania 06.2014<br />

Molise 07.2014<br />

Trentino-Alto Adige 08.2014<br />

Toscana 09.2014<br />

Sardegna 10.2014<br />

Umbria 11.2014<br />

Liguria 12.2014<br />

Calabria 01.2015<br />

Veneto 02.2015<br />

Abruzzo 03.2015<br />

Puglia 04.2015<br />

ITALIENISCH<br />

LEICHT GEMACHT<br />

JEDEN<br />

MONAT<br />

IM HEFT<br />

55<br />

➍<br />

➋<br />

S A L A T O<br />

A M A R O<br />

L A N A<br />

A R A<br />

T O<br />

O<br />

* SOLUZIONI DELLA RUBRICA “GIOCANDO S’IMPARA” (PAG. 39):<br />

FRUTTA DI STAGIONE: muvaelcastagnaacachicnoceotmelogranoogperana<br />

Frutto della foto: mela cotogna<br />

➋ SQUADRA MAGICA (siehe links)<br />

➌ SHOPPING: Fabio ha comprato una... sciarpa nuova<br />

➍ TUTTI IN FAMIGLIA (siehe links) : Parole orizzontali: fratello, suocera, marito, cugino,<br />

zia, nipote, padre, nonno, nuora, genero. Parole verticali: figlio, sorella, madre, moglie,<br />

cognato. Proverbio : Moglie e buoi dei paesi tuoi [Kaufe deines Nachbarn Rind und freie<br />

deines Nachbarn Kind].<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Maria<br />

DE FILIPPI<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Milano, 5 dicembre 1961. STATO CIVILE: è sposata con il conduttore Maurizio Costanzo ed<br />

è madre di Gabriele, adottato all'età di 12 anni. SEGNI PARTICOLARI: è la conduttrice che urla di meno e che ha vinto più<br />

Telegatti, il premio della TV in Italia.<br />

56<br />

Eiskalte Quotenkönigin oder souveräne<br />

Moderatorin mit Gespür fürs<br />

Publikum? An Maria De Filippi und<br />

ihrer außergewöhnlichen TV-Erfolgsgeschichte<br />

scheiden sich die Geister.<br />

NON CONVINCONO PROPRIO TUTTI, LO STILE E<br />

LA RAPIDITÀ CON CUI LA SUA CARRIERA SI È SVI-<br />

LUPPATA. Chi non la trova simpatica, la chiama “Maria<br />

la Sanguinaria”. Si riferisce appunto alla calma, forse un<br />

po’ fredda, con cui Maria De Filippi conduce le sue trasmissioni.<br />

Certo, in Internet circolano video con i rari<br />

istanti in cui “la più bionda di Mediaset” – altra definizione<br />

non proprio cortese – si commuove per uno dei candidati<br />

che lascia Amici, il talent show in onda dal 2001. Di sicuro<br />

non è facile, specie nell’Italia di oggi, condurre un programma<br />

per 12 anni di fila. Maria De Filippi ci è riuscita.<br />

Non per niente, per i suoi fan, è “Maria la Nazionale”.<br />

Non stiamo parlando né di Claudia Cardinale né di Sofia<br />

Loren, ma è un fatto che, negli ultimi 20 anni, è stata la<br />

De Filippi, con quel suo aplomb e la sua “erre moscia”, a<br />

incarnare tanta televisione made in Italy. La prima apparizione<br />

sul piccolo schermo risale al 26 settembre 1992, quando<br />

sostituisce Lella Costa in una puntata di Amici. Da allora<br />

questa signorina del Nord, di buona famiglia e con una laurea<br />

in Giurisprudenza, non ha dominato solo i pomeriggi<br />

e le serate delle televisioni private, cioè le emittenti di Silvio<br />

Berlusconi. Basti dire che Amici, nel 1997, dopo cinque anni<br />

con la De Filippi alla conduzione, diventa un libro. La<br />

Mondadori non fa in tempo a ristamparne quattro edizioni<br />

che, nel 1998, esce l’altro volume, Amici di Sera. Aldo Grasso,<br />

uno dei critici più influenti, ha descritto così il pubblico<br />

della De Filippi: “Un’audience medio-bassa, sciampiste ed<br />

ex lettori di Susanna Tamaro, sognatori di Billionaire”. Sarà<br />

pure una TV di scarsi contenuti, cuori solitari e sentimenti<br />

a nudo, “ma – ha concluso lo stesso Grasso, – lei ne è la regina”.<br />

Una sovrana, “Maria la Sanguinaria”, che non solo<br />

dirige con tatto e garbo, ma inventa in continuazione altri<br />

format: nel 1996, dedicato ai conflitti sentimentali, parte<br />

Uomini e Donne, in onda dal lunedì al venerdì. Nel 1999 gli<br />

si affianca Coppie, una serie di interviste a ospiti di grido.<br />

Storica la puntata del 14 aprile 1999, in cui la De Filippi intervista<br />

Monica Lewinsky, la ragazza che portò il presidente<br />

Clinton sull’orlo di una crisi di nervi.<br />

il conduttore Moderator<br />

il segno Kennzeichen<br />

urlare schreien<br />

vincere gewinnen<br />

il premio Preis<br />

convincere überzeugen<br />

svilupparsi sich entwickeln<br />

sanguinario blutrünstig<br />

condurre moderieren<br />

la trasmissione<br />

Sendung<br />

l’istante m. Augenblick<br />

Mediaset: Fernseh-Sendergruppe<br />

von Silvio Berlusconi<br />

cortese höflich<br />

commuoversi gerührt sein<br />

in onda auf Sendung<br />

specie besonders<br />

di fila hintereinander<br />

l’aplomb m. Gelassenheit<br />

la erre moscia Gaumen-R<br />

incarnare verkörpern<br />

l’apparizione f. Auftritt<br />

il piccolo schermo: Fernsehen<br />

risalire a zurückgehen<br />

auf<br />

sostituire vertreten<br />

la puntata Folge<br />

la laurea Hochschulabschluss<br />

la giuri- Rechtssprudenza<br />

wissenschaft<br />

l’emittente f. Sender<br />

le emittenti<br />

di Silvio<br />

Berlusconi vedi pag. 67<br />

Mondadori: größtes Verlagsunternehmen<br />

Italiens; Mehrheitsaktionär<br />

ist Fininvest, ein Unternehmen<br />

von Silvio Berlusconi<br />

ristampare nachdrucken<br />

il volume Buch, Band<br />

influente einflussreich<br />

la sciampista Shampooniererin<br />

Susanna Tamaro: Autorin von<br />

Geh, wohin dein Herz dich trägt<br />

il sognatore Träumer<br />

Billionaire: Nachtclub, den Flavio<br />

Briatore auf Sardinien betreibt<br />

scarso wenig, dürftig<br />

solitario einsam<br />

la regina Königin<br />

la sovrana Herrscherin<br />

il tatto Takt(gefühl)<br />

il garbo Anmut<br />

inventare erfinden<br />

affiancare zur Seite<br />

stellen<br />

di grido angesagt<br />

l’orlo Rand<br />

© Photomovie/S.C. Montesi/Mediaset<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


, 24 giugno 2013<br />

“Amici, vince Moreno.<br />

Per Maria De Filippi<br />

una stagione trionfale”.<br />

L’articolo…<br />

Maria De Filippi è una<br />

famosa conduttrice della<br />

FACILE E IN BREVE<br />

La conduttrice televisiva<br />

Maria De Filippi (51).<br />

“Da mia madre ho ereditato il senso di responsabilità”,<br />

ha confidato lei. “È una donna forte, pratica e attiva”. Mai<br />

quanto la figlia! Una che nel giro di due anni avvia altri<br />

due programmi che diventano la spina dorsale della televisione<br />

italiana. Nel 2000 C’è posta per te, che mette in<br />

scena i sentimenti della gente comune; dal 2001, il talent<br />

, 12 giugno 2013<br />

Amici 2013: Pippo Baudo accusa<br />

Maria De Filippi "furbissima con show<br />

di bassa qualità".<br />

furbissima: sehr schlau<br />

televisione italiana. Nata a Milano nel 1961, è un personaggio<br />

controverso, da molti criticato per lo stile freddo<br />

e diretto con cui conduce i suoi programmi, che spesso<br />

sembrano sfruttare i problemi privati delle persone.<br />

Eppure le sue trasmissioni, in onda sulle TV private di<br />

Silvio Berlusconi, sono seguite da moltissimi telespettatori.<br />

La sua carriera televisiva inizia nel 1992 con il programma<br />

del pomeriggio Amici, un talk show con ragazzi<br />

molto giovani. Nel 2001 Amici si trasforma in un talent<br />

show che ancora oggi,<br />

la conduttrice<br />

condurre<br />

sfruttare<br />

la trasmissione<br />

Moderatorin<br />

moderieren<br />

ausnutzen<br />

Sendung<br />

dopo 12 anni, ha molto<br />

successo. Altri suoi programmi<br />

famosi sono<br />

Uomini e donne, che<br />

in onda auf Sendung<br />

tratta di problemi sentimentali,<br />

e C’è posta per<br />

il tele- Fernsehspettatore<br />

zuschauer<br />

te. Secondo alcuni la sua<br />

carriera brillante è stata<br />

trasformarsi werden zu<br />

aiutata dal suo matrimonio,<br />

nel 1995, con l’im-<br />

il successo Erfolg<br />

trattare di qc. von etw.<br />

portante e influente<br />

influente<br />

handeln<br />

einflussreich<br />

conduttore televisivo<br />

Maurizio Costanzo.<br />

show Amici di Maria De Filippi.<br />

Pippo Baudo, una<br />

leggenda della TV italiana,<br />

ereditare<br />

il senso di<br />

responsabilità<br />

erben<br />

Verantwor-<br />

tungsgefühl<br />

confidare offenbaren<br />

reputa quest’ultimo show<br />

avviare starten<br />

“una pericolosa illusione”.<br />

la spina<br />

A tutti coloro a cui lo stile o<br />

dorsale Rückgrat<br />

reputare halten für<br />

i contenuti delle sue trasmissioni<br />

non piacciono, la obiettare entgegnen<br />

pericoloso gefährlich<br />

De Filippi obietta che la<br />

la TV<br />

sua “non è TV spazzatura; spazzatura Trash-TV<br />

colpire treffen<br />

chi lo dice, lo fa per colpire il/la consorte Gemahl, -in<br />

Maurizio attraverso di del genere so ein,-e<br />

me”. “Maurizio” è Maurizio<br />

la stagione Staffel<br />

Costanzo, il più noto<br />

gli ascolti pl. Einschaltquote<br />

conduttore della televisione<br />

il sindaco Bürgermeister<br />

privata, che Maria De sollevare auslösen<br />

a dire il vero ehrlich gesagt<br />

Filippi ha sposato nel 1995,<br />

il/la contri- Steuerzahler,<br />

quando lui aveva 52 anni e<br />

buente -in<br />

lei 34. Certo, un consorte suscitare Neid<br />

invidia hervorrufen<br />

del genere può spiegare<br />

accadere geschehen<br />

l’inizio fulminante della fare la parte spielen<br />

carriera, ma non il fatto che<br />

oggi, dopo 12 stagioni, Amici abbia una media di ascolti<br />

del 23%. Persino un politico come Matteo Renzi, il famoso<br />

sindaco di Firenze, è stato ospite della De Filippi, sollevando<br />

a dire il vero non poche polemiche. Con i suoi milioni<br />

(la De Filippi è tra i primi 300 contribuenti italiani)<br />

la conduttrice suscita non poche invidie. Non capita spesso,<br />

alle conduttrici televisive, di finire in un film: a Maria<br />

De Filippi, invece, è accaduto di far la parte di se stessa,<br />

cioè la conduttrice, non in uno, ma già in due film.<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

57<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

58<br />

LA CITTÀ<br />

MISTERIOSA<br />

UN THRILLER<br />

ANTICO<br />

È il 1527, Roma è caduta in mano a<br />

Carlo V ed è tenuta sotto controllo dalle<br />

sue truppe. Nella città del papa la<br />

situazione è tesa, ma tutta l’Italia è<br />

percorsa da eserciti e le alleanze sono<br />

quanto mai incerte. Benvenuto Cellini,<br />

orafo fiorentino, è a Castel<br />

Sant’Angelo, al servizio del papa prigioniero,<br />

Clemente VII (un Medici), che se ne serve per coniare<br />

nuove monete. Vuole tornare a casa, ma quando una<br />

notte un vescovo è trovato<br />

assassinato, il papa chiede<br />

a lui, suo conterraneo, di<br />

svolgere in segreto un’indagine.<br />

Ci troviamo così a<br />

seguire misteriose tracce<br />

nei sotterranei di Roma, popolati<br />

da personaggi inquietanti.<br />

La Città eterna,<br />

con le sue stratificazioni architettoniche,<br />

il miscuglio di<br />

genti e situazioni, è lo scenario<br />

perfetto per un thriller<br />

ambientato negli anni della<br />

Riforma, pieni di intrighi di<br />

potere. Ben congegnato, il<br />

romanzo offre una piacevole<br />

occasione per visitare un<br />

mondo lontano.<br />

Lingua: facile. Genere: thriller<br />

storico. Luigi De Pascalis,<br />

La morte si muove nel<br />

buio, Mondadori, 379 pagine.<br />

il papa<br />

teso<br />

percorrere<br />

l’esercito<br />

l’orafo<br />

prigioniero<br />

coniare<br />

il vescovo<br />

assassinato<br />

il conterraneo<br />

l’indagine f.<br />

la traccia<br />

i sotterranei pl.<br />

popolato<br />

inquietante<br />

eterno<br />

la stratificazione<br />

il miscuglio<br />

la gente<br />

il potere<br />

congegnato<br />

offrire<br />

Papst<br />

angespannt<br />

durchziehen<br />

Heer<br />

Goldschmied<br />

gefangen<br />

prägen<br />

Bischof<br />

ermordet<br />

Landsmann<br />

Nachforschung<br />

Spur<br />

Untergrund<br />

bevölkert<br />

unheimlich<br />

ewig<br />

Schichtung,<br />

hier: Schicht<br />

Gemisch<br />

Volk<br />

Macht<br />

ausgedacht<br />

bieten<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

VIAGGIO IN FRIULI<br />

“Il Friuli è un piccolo compendio dell’universo”, scriveva il patriota Ippolito Nievo<br />

nel suo libro Le confessioni di un italiano. Anche lo scrittore viennese Rudi Palla apre<br />

Auf ins Friaul con questa frase. Tutto ha inizio in una bella giornata di maggio, quando<br />

l’autore si mette in viaggio alla volta di un territorio vicino, ma per lui ancora sconosciuto.<br />

Di tappa in tappa, esplora il Friuli e ne conosce la storia, i piatti della tradizione,<br />

aneddoti e curiosità. Scopre così che questa regione accoglie davvero paesaggi<br />

di una varietà straordinaria,<br />

dall’alpestre al lagunare. Il<br />

diario di viaggio è variegato,<br />

arricchito da fotografie in<br />

bianco e nero, ricette originali, segnalazioni storiche,<br />

naturali e culturali. Contiene per di più molti indirizzi<br />

utili, visualizzabili anche nelle pratiche cartine a inizio<br />

e fondo volume.<br />

Isabella Bernardin<br />

Rudi Palla, Auf ins Friaul, Folio Verlag, 144 pagine,<br />

€ 15,95 (D/A).<br />

il compendio<br />

viennese<br />

alla volta di<br />

la tappa<br />

esplorare<br />

scoprire<br />

accogliere<br />

la varietà<br />

Übersicht,<br />

Zusammenfassung<br />

Wiener<br />

in Richtung<br />

Etappe<br />

erkunden<br />

entdecken<br />

fassen,<br />

hier: bieten<br />

Vielfalt<br />

straordinario<br />

alpestre<br />

il diario<br />

variegato<br />

arricchito<br />

la ricetta<br />

il fondo<br />

il volume<br />

Vincitore del concorso “ilmioesordio”,<br />

organizzato dal sito di selfpublishing<br />

“ilmiolibro”, del gruppo l’Espresso,<br />

Fracassi racconta, in quadri frammentati,<br />

una strana e fantastica vicenda<br />

d’amore, ambientata in un paesino<br />

francese dopo la prima guerra mondiale.<br />

Un reduce si presenta da un’affittacamere<br />

e cerca di ricostruire il contenuto di una lettera<br />

scritta in un linguaggio sconosciuto. Come gli ha<br />

garantito un prigioniero ussaro in cambio della libertà, nel<br />

paese si nasconde una grande ricchezza. Trama, personaggi<br />

e dialoghi si presentano<br />

come parti di un sogno:<br />

uno dopo l’altro, com-<br />

il concorso Wettbewerb<br />

il vincitore Gewinner<br />

paiono anche i diversi protagonisti,<br />

tra cui un celebre<br />

ingegnere, un bambino abbandonato,<br />

una bellissima<br />

ragazzina suicida, un prete<br />

e altri, tutti legati al paese<br />

il sito<br />

in quadri<br />

frammentati<br />

la vicenda<br />

la guerra<br />

mondiale<br />

Website<br />

in bruchstück-<br />

haften Szenen<br />

Geschichte<br />

Weltkrieg<br />

dal filo invisibile del loro destino.<br />

Soltanto quando i vi-<br />

il reduce Heimkehrer<br />

ussaro husarisch<br />

la trama Handlung<br />

vi saranno riuniti dal reduce,<br />

si svelerà il senso di<br />

comparire auftauchen<br />

celebre bekannt<br />

tutta la vicenda. Un bell’esercizio<br />

di scrittura creati-<br />

abbandonato Findelkind<br />

il bambino<br />

va, che ricorda Baricco e un<br />

il prete Priester<br />

certo Calvino.<br />

legato verbunden<br />

Lingua: difficile.<br />

Genere: racconto.<br />

Francesco Fracassi,<br />

Aumarais, Feltrinelli,<br />

138 pagine.<br />

il filo<br />

il destino<br />

riunire<br />

svelarsi<br />

Band<br />

Schicksal<br />

versammeln,<br />

vereinen<br />

sich zeigen<br />

außergewöhnlich<br />

gebirgig<br />

Tagebuch<br />

vielfältig<br />

ergänzt,<br />

illustriert<br />

Rezept<br />

Ende<br />

Buch<br />

© Effigie<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

IL LIBRO DELL’AUTORE<br />

VENERE PRIVATA<br />

Pubblicato nel 1966, apre il ciclo che ha per protagonista Duca<br />

Lamberti, un medico appena uscito dal carcere, dove ha<br />

scontato tre anni per pratica dell’eutanasia. Radiato dalla professione,<br />

Lamberti accetta di aiutare un figlio di papà a uscire<br />

dall’alcolismo. Ben presto si trova a indagare su una morte nel<br />

mondo della prostituzione. I<br />

temi, affrontati con grande<br />

Venere Venus<br />

acutezza e lucidità morale, il carcere Gefängnis<br />

fanno di questo romanzo un<br />

piccolo gioiello su un’Italia<br />

che sta cambiando rapidamente;<br />

una società dura e già<br />

in preda alle inquietudini che<br />

presto porteranno alla rivoluzione<br />

dei costumi.<br />

Lingua: facile.<br />

Genere: giallo.<br />

scontare<br />

radiare<br />

l’acutezza<br />

la lucidità<br />

il gioiello<br />

la società<br />

in preda a qc.<br />

l’inquietudine f.<br />

il costume<br />

absitzen<br />

ausschließen<br />

Schärfe<br />

Klarheit<br />

Juwel<br />

Gesellschaft<br />

Opfer von etw.<br />

Unruhe<br />

Sitte<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

GIORGIO<br />

SCERBANENCO<br />

Nato nel 1911 a Kiev da padre russo e madre romana, cresce<br />

a Roma. Quando il padre scompare, inghiottito dalla rivoluzione<br />

sovietica, la madre va con il figlio a cercarlo. Dopo<br />

aver scoperto che il marito è stato ucciso dai rivoluzionari,<br />

la donna riesce, tra mille difficoltà, a tornare in Italia. È<br />

il 1921. Dopo pochi anni si trasferisce a Milano, ma presto<br />

si ammala e muore. Giorgio, traumatizzato, lontano dai parenti<br />

romani, per la prima volta si sente straniero: solo e<br />

senza mezzi, abbandona la scuola e inizia a fare mille lavori.<br />

Studia nel tempo libero, è appassionato di filosofia e letteratura<br />

e inizia a scrivere. Collabora con molte riviste, tra<br />

cui molti settimanali femminili.<br />

Benvoluto da tutti,<br />

risolve in breve le difficoltà<br />

economiche e diventa prima<br />

giornalista, poi romanziere.<br />

Segnato dai patimenti<br />

giovanili, la sua<br />

visione del mondo è amara,<br />

fatta di difficoltà e solitudine.<br />

I suoi libri spaziano<br />

fra tutti i generi della letteratura<br />

di consumo, dal rosa<br />

al western, fino al giallo,<br />

di cui viene oggi considerato<br />

in Italia il maestro<br />

indiscusso. Il suo stile<br />

immediato e scarno ben si<br />

presta a raccontare le<br />

vicende di un’umanità<br />

cittadina – quella di Milano<br />

– viva e dinamica quanto<br />

tormentata. Muore nel<br />

1969, all’apice del successo,<br />

per arresto cardiaco.<br />

scomparire<br />

inghiottito<br />

scoprire<br />

uccidere<br />

senza mezzi<br />

abbandonare<br />

verschwinden<br />

verschlungen<br />

herausfinden<br />

töten<br />

mittellos<br />

verlassen, hier:<br />

abbrechen<br />

Frauenzeit-<br />

schrift<br />

gemocht<br />

gezeichnet<br />

Leiden<br />

Einsamkeit<br />

sich bewegen<br />

Liebesroman<br />

Krimi<br />

il settimanale<br />

femminile<br />

benvoluto<br />

segnato<br />

il patimento<br />

la solitudine<br />

spaziare<br />

il rosa<br />

il giallo<br />

venire<br />

considerato<br />

scarno<br />

prestarsi<br />

la vicenda<br />

cittadino<br />

tormentato<br />

l’apice m.<br />

l’arresto<br />

cardiaco<br />

gelten als<br />

schmucklos<br />

sich eignen<br />

Begebenheit<br />

städtisch<br />

gequält<br />

Gipfel<br />

Herzstillstand<br />

DAL LIBRO:<br />

“Come si chiama Lei?”<br />

“Marangoni Antonio, io sto lì, alla Cascina Luasca, sono<br />

più di cinquant’anni che tutte le mattine vado a Rogoredo<br />

in bicicletta”.<br />

“Non stare a perdere tempo con questi vecchi, torniamo al<br />

giornale”.<br />

“È lui che ha scoperto la ragazza, ce la può descrivere, se no<br />

dobbiamo passare dall’obitorio e siamo in ritardo”.<br />

“Io l’ho vista quando è arrivata l’ambulanza, era vestita di<br />

celeste”.<br />

“Vestita di celeste. Capelli?”<br />

“Scuri, ma non neri”. (...)“Aveva dei grandi occhiali da sole,<br />

rotondi”. (...) “Mi sono avvicinato a quei cespugli, ecco,<br />

proprio quelli, e così ho visto la scarpa, il piede, insomma”.<br />

(...) “Io al principio ho visto solo la scarpa, il piede dentro<br />

non lo vedevo, ho allungato la mano”.<br />

“Alberta Redaelli, ventitré anni, commessa, trovata a Metanopoli,<br />

località Cascina<br />

Luasca, il cadavere è stato<br />

scoprire entdecken<br />

scoperto alle cinque e mezzo l’obitorio Leichenschauhaus<br />

del mattino dal signor<br />

Marangoni Antonio, abito<br />

l’ambulanza Krankenwagen<br />

celeste, capelli scuri ma non<br />

celeste hellblau<br />

neri, occhiali rotondi, io<br />

il cespuglio Busch<br />

comincio a telefonare<br />

al principio anfangs<br />

questo, poi torno a riprenderti”.<br />

la commessa Verkäuferin<br />

allungare ausstrecken<br />

la località Ort(schaft)<br />

“Allora ho sentito che dentro<br />

la scarpa c’era il piede,<br />

rimanere enttäuscht<br />

male sein, hier: sich<br />

e sono rimasto male, ho<br />

erschrecken<br />

scostato tutte quelle erbacce scostare zur Seite<br />

e l’ho vista, si capiva subito<br />

schieben<br />

che era morta”.<br />

l’erbaccia hier: Gestrüpp<br />

59<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

LANDESKUNDE<br />

SPRACHTRAINING<br />

DVD-TIPP<br />

FETTNÄPFCHENFÜHRER ITALIEN<br />

Italien ist viel komplexer als Dolce Vita,<br />

Pasta und Vino. Aber was sind eigentlich<br />

typische Eigenschaften der Italiener? In<br />

diesem Buch erfährt man alles Wichtige<br />

über Kultur und Leute. Die Studentin<br />

Franziska und ihr Vater Paul können nämlich<br />

über Fettnäpfchen ein Lied singen,<br />

als sie merken, dass die Italiener ganz anders<br />

ticken als die Deutschen. Lernen Sie<br />

jetzt mit Spaß Italien kennen.<br />

Buch mit 254 Seiten. Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45532<br />

€ 9,95 (D)/€ 10,20 (A)<br />

ITALIENISCH AUF ZACK!<br />

Von den Sprachexperten von Hueber und<br />

Galileo, dem TV-Wissensmagazin. Was für<br />

den Sportler gilt, gilt auch für das Gehirn:<br />

Nur wer regelmäßig trainiert, ist wirklich<br />

auf Zack. Italienisch auf Zack! ist der ideale<br />

Trainingspartner, denn Sie trainieren<br />

gleichzeitig Ihre Sprachkenntnisse und<br />

Ihre allgemeine Merkfähigkeit. In über<br />

100 Übungen wird das Gedächtnistraining<br />

mit dem Sprachtraining verbunden.<br />

Buch mit 160 Seiten. Italienisch<br />

Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45525<br />

€ 9,99 (D)/€ 10,30 (A)<br />

DON CAMILLO & PEPPONE EDITION<br />

Kurz nach Ende des Zweiten Weltkrieges<br />

spielt sich in einem kleinen italienischen<br />

Dorf ein ebenso absurder wie witziger<br />

Machtkampf ab. Der kommunistische Bürgermeister<br />

Peppone versucht alles, um eine<br />

moskautreue Politik zu betreiben. Das aber<br />

ruft den nicht minder schlagkräftigen Pfarrer<br />

Don Camillo auf den Plan. In fünf Filmen<br />

können Sie die Hassliebe der beiden auf<br />

lustige Art und Weise hautnah miterleben.<br />

Fünf DVDs. Italienisch + Deutsch (UT: Deutsch)<br />

Artikel-Nr. 41109<br />

€ 34,99 (D)/€ 34,99 (A)<br />

COMIC<br />

LANDESKUNDE<br />

L‘ITALIANO CON I FUMETTI<br />

Diese Comics enthalten abwechslungsreiche und anregende<br />

Geschichten aus dem Lehrwerk domani und erzählen<br />

in einer Comic-Bildsprache. Lerner erwerben so<br />

narrative Kompetenz und trainieren Lesestrategien, die<br />

auch für das Erschließen von Bildinhalten, Filmen und<br />

verschiedenen Textsorten hilfreich sind.<br />

Die Geschichten sind in verschiedenen Niveaustufen erhältlich<br />

und sowohl für den Unterricht als auch für das<br />

selbstständige Lesen zu Hause geeignet.<br />

Roma 2050 d.C. - Niveau A1. Artikel-Nr. 45526<br />

Una storia italiana - Niveau A2. Artikel-Nr. 45528<br />

Habemus papam - Niveau B1. Artikel-Nr. 45527<br />

Italienisch. Jeweils € 9,99 (D)/€ 10,30 (A)<br />

ITALIEN FÜR ANFÄNGER<br />

Italien ...! Man denkt an Sonne, Strand,<br />

Pizza und Pasta. Aber da gibt es noch<br />

das andere Italien, das nur der kennt, der<br />

wirklich heimisch werden und längere<br />

Zeit in Bella Italia verbringen will.<br />

Bucht mit 297 Seiten. Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45529. € 19,95 (D)/€ 20,60 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

SPRACHSPIEL<br />

von den Machern<br />

von Spotlight!<br />

DVD-TIPP<br />

????? ZWEISPRACHIG<br />

ARE YOU JOKING?<br />

Das neue Spiel aus dem Spotlight Verlag,<br />

zusammengestellt von den Redakteuren<br />

von Spotlight! Englisch lernen wird mit<br />

diesem Spiel zum Witz. Spieler dürfen<br />

dabei Witze, Reime, Zungenbrecher und<br />

lustige Zitate zum Besten geben, gerne<br />

auch mimik- und gestenreich! Die Mitspieler<br />

hören genau zu und prüfen, ob sie<br />

ein Kärtchen mit einer im Text vorkommenden<br />

Vokabel besitzen.<br />

Englisches Sprachspiel. Niveau B1-C2<br />

Artikel-Nr. 18128<br />

€ 19,95 (D)/€ 19,95 (A)<br />

HABEMUS PAPAM -<br />

EIN PAPST BÜXT AUS<br />

Gott und die Welt haben ihn erkoren.<br />

Aber seine innere Stimme sagt ihm, dass<br />

sie sich irren. Kardinal Melville ist panisch.<br />

Man hat ihn zum Papst gewählt.<br />

Was soll er bloß tun? Er kann sich der<br />

Welt nicht zeigen und tut es auch nicht.<br />

Schon bald ist die ganze Welt in Sorge,<br />

während der Papst verzweifelt nach einer<br />

Lösung sucht: Er büxt aus!<br />

DVD auf Deutsch und Italienisch.<br />

Artikel-Nr. 41110<br />

€ 14,99 (D)/€ 14,99 (A)<br />

UN CASO D‘AMORE<br />

Un caso d‘amore ist eine spannende<br />

Kriminalgeschichte. Komissar Marelli ermittelt<br />

in einem Mord in einem kleinen<br />

Nest namens Castello. Wer hätte je damit<br />

gerechnet, dass dort so etwas grausames<br />

passieren könnte? Da Marelli von<br />

Rom in die kleine Provinz versetzt wurde<br />

und nun schwer mit dem ruhigen Leben<br />

zu kämpfen hat, ist hierbei gleich sein<br />

Jagdinstinkt geweckt.<br />

Buch mit 177 Seiten. Italienisch - Deutsch.<br />

Artikel-Nr. 45531<br />

€ 8,90 (D)/€ 9,10 (A)<br />

ITALIENS WEINE<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

SLOW WINE 2013<br />

Mit unterhaltsamen Portraits werden<br />

Ihnen italienische Kellereien, Arten<br />

des Weinbaus sowie die besten Weine<br />

vorgestellt. Mit einer Karte können<br />

Sie alle Regionen genau erkunden.<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

oder telefonischen Bestellung geben Sie bitte die Artikelnummer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Buch mit 960Seiten. Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45530. € 29,90 (D)/€ 30,70 (A)<br />

Sonderangebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


L’ITALIA A TAVOLA<br />

L’UVA NEL PIATTO<br />

Aus Trauben wird nicht nur Wein gekeltert! Wir haben uns Italiens<br />

beste traditionelle und moderne Traubengerichte schmecken lassen:<br />

Adressen und Ideen für ein schmackhaftes Traubenmenü.<br />

Testo: Loredana Tartaglia<br />

62<br />

L’HA DIPINTO CARAVAGGIO, L’HA SCOLPITO MI-<br />

CHELANGELO: È BACCO, RICCIOLUTO E CORONA-<br />

TO DI PAMPINI, IL DIO DELL’UVA E DEL VINO. Settembre<br />

è il mese che celebra i grappoli, le campagne italiane<br />

si riempiono di profumi e, dalle uve dei grandi Rossi del<br />

Nord a quelle bianche e zuccherine del Sud, nella magica<br />

atmosfera della vendemmia, l’allegria rurale e la convivialità<br />

fanno da contorno al mese della raccolta. Eppure l’uva,<br />

in questi giorni, oltre che in bottiglia, diventa anche ingrediente<br />

prezioso. Il suo<br />

uso in cucina si è moltiplicato<br />

negli ultimi tempi, perché<br />

pochi frutti possono<br />

vantare tanta duttilità di colore,<br />

profumo e acidità. L’uva<br />

fresca o passita arriva nei<br />

ristoranti e nelle trattorie,<br />

che propongono sperimentazioni<br />

o ricette antiche.<br />

Alle Antiche Sere di TO-<br />

RINO, a pochi passi dal mercato<br />

coperto di Corso Racconigi,<br />

in una via minuscola,<br />

c’è un pergolato dove fermarsi<br />

per una cena e gustare<br />

il prelibato fagiano in salsa<br />

d’uva. Sembra di essere in<br />

campagna senza andare in<br />

campagna ed è piacevole abbandonarsi,<br />

in un’atmosfera<br />

da “tuffo nel passato”, a piatti<br />

dai sapori casalinghi.<br />

Sui COLLI EUGANEI,<br />

in Veneto, Corte Sconta è invece<br />

un ristorante rustico di<br />

dipingere<br />

scolpire<br />

riccioluto<br />

coronato<br />

il pampino<br />

l’uva<br />

il grappolo<br />

la vendemmia<br />

rurale<br />

la convivialità<br />

il contorno<br />

prezioso<br />

vantare<br />

la duttilità<br />

l’acidità<br />

l’uva passita<br />

la ricetta<br />

minuscolo<br />

il pergolato<br />

prelibato<br />

il fagiano<br />

abbandonarsi<br />

il tuffo<br />

casalingo<br />

il fegatino<br />

l’anice stellato<br />

il chicco<br />

di uva<br />

il palato<br />

sopraffino<br />

l’oca<br />

malen<br />

meißeln, hauen<br />

lockenköpfig<br />

gekrönt<br />

Weinblatt<br />

Weintraube<br />

(i.S.v. Weinbeere)<br />

Weintraube<br />

Lese<br />

ländlich<br />

Geselligkeit<br />

Rahmen<br />

kostbar<br />

aufweisen<br />

Flexibilität<br />

Säure<br />

Rosine<br />

Rezept<br />

winzig<br />

(Wein-)Laube<br />

köstlich<br />

Fasan<br />

versinken<br />

Sprung<br />

nach Hausfrauenart<br />

Geflügelleber<br />

Sternanis<br />

Weinbeere<br />

Gaumen<br />

feinst<br />

Gans<br />

tradizione padovana nel centro di Este: in tavola arrivano<br />

il patè di fegatini con pere candite all'anice stellato e chicchi<br />

di uva Pinella. Per i palati sopraffini c’è invece l’oca in onto<br />

FESTE DELL’UVA<br />

Masera, Verbania, 5-8 settembre • Gattinara, Vicenza, 6-8<br />

settembre • Impruneta, Firenze, 7 e 8 settembre • Verla di<br />

Giovo, Trento, 20-22 settembre • Marino, Roma, 4-7 ottobre.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


È TEMPO DI VENDEMMIA E DI CONVIVIALITÀ<br />

Nell’altra pagina: un momento della vendemmia a Susegana,<br />

Treviso. In questa pagina, da sinistra: petto di fagiano<br />

con pepe e salsa d’uva; tartare di tonnetto con acini bianchi<br />

e neri e yogurt, del ristorante Boncompagni, a Roma;<br />

Leonardo Vignoli, nel suo ristorante Da Cesare, a Roma.<br />

© Huber/Sime, Stockfood, G. Maltinti / Parioli Fotografia (2)<br />

(Presidio Slow Food) imbriaga<br />

(cotta in forno con<br />

Lippen lecken<br />

leccarsi i baffi sich die<br />

il vigneto Weinberg<br />

verdurine e chicchi di<br />

il ristretto kräftige Brühe<br />

uva Malbec). Roba da il fungo porcino Steinpilz<br />

leccarsi i baffi!<br />

il quadro Bild<br />

In TOSCANA, nella la proprietaria Inhaberin<br />

l’azienda Firma<br />

piccola Locanda di Tommaso,<br />

a Castelnuovo Be-<br />

noto bekannt<br />

omonimo gleichnamig<br />

rardenga, a pochi chilometri<br />

da Siena, fra i<br />

la fattoria Bauernhof<br />

incantevole zauberhaft<br />

il borgo Dorf<br />

vigneti si preparano fettuccine<br />

o tagliolini con<br />

medievale mitterlalterlich<br />

ristretto di uva Sangiovese e funghi porcini, mentre all’Osteria<br />

di Donatella, alla Fattoria del Colle di Trequanda,<br />

nelle crete senesi, tra dolci colline che sembrano prese<br />

da un quadro di Giotto, si assaggiano piatti cucinati<br />

con ricette antiche che, a settembre, aggiungono l’uva<br />

come ingrediente speciale. Donatella Cinelli Colombini,<br />

proprietaria dell’osteria e dell’azienda omonima, è<br />

una nota produttrice italiana di vini – ha vinto l’Oscar<br />

del Vino nel 2003. All’interno della fattoria del 1500, le<br />

sue cuoche sanno proporre agli ospiti perfette ricette<br />

innovative o tradizionali e si mangia seduti nella veranda,<br />

con un’incantevole vista sui vigneti e sul borgo<br />

medievale di Trequanda.


Fresca o passita,<br />

a settembre l’uva è<br />

protagonista delle<br />

tavole italiane.<br />

RICETTE TRADIZIONALI O INNOVATIVE<br />

Sopra: nella cucina del ristorante Molì,<br />

a Roma. A destra: relax alla Fattoria del Colle<br />

a Trequanda, Siena. Nell’altra pagina: uva di<br />

Aglianico di Taurasi, Avellino.<br />

64<br />

Matura a settembre, l’uva fragola, nel pergolato della<br />

trattoria Da Cesare a ROMA, nel quartiere di Monteverde.<br />

Il proprietario, Leonardo Vignoli, ha rilevato un vecchio<br />

locale del quartiere e il pergolato è rimasto quello.<br />

“Era un classico italiano degli anni Sessanta”, dice Leonardo.<br />

“Appena arrivato l’ho potato, perché gli acini cadevano<br />

sui tavoli, ma l’uva era talmente tanta che ho deciso<br />

di cucinarla e di aggiungerla come ingrediente ai<br />

piatti. A settembre, nel mio baccalà alla romana, al posto<br />

dell’uva passa uso l’uva fragola fresca, che ha acini piccoli<br />

e dolcissimi, con la polpa compatta e la buccia spessa”.<br />

E il piatto è uno dei più gettonati tra i clienti.<br />

maturare reifen<br />

l’uva fragola Erdbeerrebe<br />

(Vitis labrusca)<br />

rilevare aufkaufen<br />

potare beschneiden<br />

l’acino Weinbeere<br />

il baccalà alla romana: Klippfisch<br />

mit Kartoffeln, Rosinen, Zwiebeln<br />

und Pinienkernen in Tomatensauce<br />

l’uva passa Rosine<br />

la polpa Fruchtfleisch<br />

la buccia Schale<br />

gettonato gefragt<br />

annotare aufschreiben<br />

conquistare erobern<br />

esigente anspruchsvoll<br />

suggerire empfehlen<br />

il millefoglie: Blätterteigschnitte<br />

il filetto<br />

di maialino Frischlingsfilet<br />

la cinta senese: in der Umgebung<br />

Sienas gezüchtete Schweinerasse<br />

la colatura durchgeseihdi<br />

mosto ter Most<br />

lo spiedino<br />

arrosto Spießbraten<br />

la ricciola Große Bernsteinmakrele<br />

ellissoidale elipsoid<br />

inconfondibile unverwechselbar<br />

la frazione Ort(schaft)<br />

sapere hier:<br />

schmecken<br />

rivelare enthüllen<br />

sgrassare Fett<br />

abschöpfen<br />

la spezia Gewürz<br />

il chiodo<br />

di garofano Gewürznelke<br />

Un altro indirizzo romano da annotare è Molì, trattoria<br />

che ha conquistato il pubblico più esigente. Aperto<br />

solo a cena nel cuore di Testaccio, verso il Lungotevere,<br />

vi si può gustare la cucina del cuoco molisano Piero Zanni.<br />

In questa stagione, i piatti suggeriti sono quelli cucinati<br />

con uva Regina, uva rossa pugliese o Pizzutello,<br />

come il millefoglie con filetto di maialino di cinta senese,<br />

anice stellato, colatura di mosto e spiedino arrosto<br />

d’uva nera e bianca, mentre per chi ama il pesce c’è un<br />

delicato carpaccio di ricciola, con uva e frutti della passione.<br />

Poi il Pizzutello, l’acino ellissoidale dal sapore inconfondibile,<br />

diventa l’ingrediente speciale del dessert:<br />

millefoglie dolce con zabaione al moscato e riduzione di<br />

chicchi di uva.<br />

Da Roma si arriva in UMBRIA, nella piccola frazione<br />

di Acqualoreto, a 25 chilometri da Baschi (Terni), per<br />

mangiare le salsicce con l’uva cucinate da Neysa Forbicioni,<br />

proprietaria e cuoca dell’osteria La Cruccola. Con i<br />

tavoli sulla piazza del piccolo borgo medievale, questa<br />

osteria ha un fascino d’altri tempi perché Neysa prepara<br />

piatti che sanno “di casa“. Quando al mercato arriva<br />

l’uva bianca Regina o Italia, oltre a decorare perfino le<br />

appliques del ristorante con i grappoli, lei cucina le salsicce<br />

con l’uva, un’antica ricetta umbra per l’autunno, della<br />

quale non rivela facilmente il segreto. “Ci vogliono le<br />

salsicce di maiale locali alla norcina – dice Neysa – che<br />

vanno prima sgrassate in una padella con l’acqua. Poi si<br />

aggiungono il vino e le spezie, come chiodi di garofano<br />

© G. Maltinti / Parioli Fotografia, Az. Agr. Donatella Cinelli Colombini, Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


L’ITALIA A TAVOLA<br />

e stecche di cannella, e infine si coprono le salsicce con<br />

l’uva bianca Vittoria, che deve cuocere un bel po’ affinché<br />

le salsicce vengano caramellate”. “I chicchi più grandi<br />

– aggiunge con un sorriso – si devono rompere, così<br />

sprigionano tutta la loro dolcezza, ma solo mani esperte<br />

riescono a fare bene una ricetta così, mica è da tutti”.<br />

È romantico anche il pergolato ricoperto di uva Sanguinella<br />

e glicine da Rosiello a NAPOLI, una terrazza a<br />

Posillipo affacciata a picco sul golfo e sul Vesuvio, dove<br />

da sempre la buona borghesia napoletana e i turisti si<br />

inebriano con piatti dai profumi italiani, tra pomodori,<br />

uva e pasta.<br />

Il verde di una vera fattoria, sospeso a 500 metri d’altezza<br />

fra un cielo e due mari, fa da contorno a un pranzo<br />

o a una cena all’agriturismo Le Tore, ricavato da una masseria<br />

del 1800, che mette a disposizione otto camere arredate<br />

con mobili d’epoca di famiglia, TRA LA COSTIE-<br />

RA SORRENTINA E QUELLA AMALFITANA, sulle<br />

colline di Massa Lubrense. I tavoli sono proprio tra le vigne<br />

ed è un piacere mangiare all’ombra dei grappoli.<br />

Acini dorati ricchi di sole e profumi arrivano per la<br />

prima colazione alla Tenuta Cammarana, nella campagna<br />

ragusana, in SICILIA, dove Silvia Lapadula e suo mari-<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

“Fusilli all’uva e pancetta”<br />

è il titolo di un esercizio che trovi<br />

nella rubrica Grammatica.<br />

la stecca<br />

di cannella<br />

rompersi<br />

sprigionare<br />

mica<br />

a picco su<br />

la borghesia<br />

inebriarsi<br />

sospeso<br />

Zimtstange<br />

platzen<br />

ausströmen<br />

gar (nicht)<br />

steil über<br />

Bürgertum<br />

sich berauschen<br />

erhoben<br />

ricavato<br />

da qc.<br />

la masseria<br />

la vigna<br />

dorato<br />

lo scultore<br />

il casino<br />

di caccia<br />

nobile<br />

la dimora<br />

il lino<br />

la teiera<br />

le posate<br />

d’argento pl.<br />

la spremuta<br />

divorare<br />

in etw.<br />

eingerichtet<br />

Bauernhof<br />

Weinberg<br />

golden<br />

Bildhauer<br />

Jagdhof<br />

adelig<br />

Wohnsitz<br />

Leinen<br />

Teekanne<br />

Silberbesteck<br />

frisch gepresster<br />

Saft<br />

verschlingen<br />

to – lo scultore Giuseppe Pulvirenti – hanno ristrutturato<br />

un antico casino di caccia della loro nobile famiglia per<br />

trasformarlo in una dimora di campagna ricca di charme.<br />

Tra tovaglie in lino, teiere in porcellana e posate d’argento,<br />

accanto a ricotta fresca, pane e confetture fatte in<br />

casa, al risveglio, con il caffè o una spremuta, si divorano<br />

grappoli d’uva matura che hanno dentro tutto il sole<br />

di Sicilia.<br />

INDIRIZZI<br />

65<br />

PIEMONTE<br />

OSTERIA ANTICHE SERE<br />

Via Cenischia 9, Torino<br />

+39 011 3854347.<br />

VENETO<br />

OSTERIA CORTE SCONTA<br />

Via Guido Negri 72, Este (Padova).<br />

+39 392 9945104.<br />

TOSCANA<br />

OSTERIA LOCANDA DI TOMMASO<br />

Piazza Guglielmo Marconi 9/10<br />

Castelnuovo Berardenga (Siena)<br />

+39 0577 355411.<br />

www.lalocandaditommaso.com<br />

OSTERIA DI DONATELLA<br />

Loc. Il Colle di Trequanda (Siena).<br />

+39 0577 662108.<br />

www.cinellicolombini.it<br />

LAZIO<br />

OSTERIA DA CESARE<br />

Via del Casaletto 45, Roma<br />

+39 06 536015.<br />

MOLÌ<br />

Via Rubattino 22-24, Roma.<br />

+39 06 57289587.<br />

www.ristorantemoli.com<br />

OSTERIA BONCOMPAGNI<br />

Via Boncompagni 83, Roma.<br />

+39 06 45554413.<br />

www.osteriaboncompagni.com<br />

UMBRIA<br />

OSTERIA LA CRUCCOLA<br />

Piazza Giorgio Bernardi 8<br />

frazione Acqualoreto - Baschi (Terni).<br />

+39 0744 958397.<br />

CAMPANIA<br />

OSTERIA ROSIELLO<br />

Via Santo Strato 10, Napoli<br />

+39 081 5752341.<br />

www.ristoranterosiello.it<br />

LE TORE<br />

Via Pontone 43, Massa Lubrense<br />

(Napoli) +39 333 9866691.<br />

www.letore.com<br />

SICILIA<br />

OSTERIA TENUTA CAMMARANA<br />

Contrada Cammarana –<br />

Donnafugata (Ragusa)<br />

+39 0932 616158.<br />

www.tenutacammarana.it


Sprachen lernen für alle!<br />

NEU!<br />

KOSTENLOS UND<br />

UNVERBINDLICH<br />

Die neue Basismitgliedschaft:<br />

✔ 10 kostenlose Videos<br />

✔ 90 interaktive Übungen<br />

✔ Voller Zugriff auf „mein dalango“<br />

www.dalango.de<br />

Einfach Lernen mit Spaß!


APPROFONDIMENTO<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

Un particolare del dipinto Il Quarto stato di Pellizza da Volpedo.<br />

DA LA VOCE DEI LETTORI (PAG. 6)<br />

IL QUARTO STATO<br />

GIUSEPPE PELLIZZA DA VOLPEDO (1868-1907), PIT-<br />

TORE DEL REALISMO ITALIANO DI FINE OTTO-<br />

CENTO, NON È FORSE UNO DEGLI ARTISTI PIÙ<br />

FAMOSI NELLA STORIA DELL’ARTE. Eppure pochi<br />

quadri hanno occupato l’immaginario degli italiani come<br />

Il Quarto stato, da lui realizzato tra il 1898 e il 1901. Il<br />

monumentale dipinto rappresenta le lotte tra le forze sociali<br />

del tempo e il popolo che avanza. Artista inquieto,<br />

sempre in fuga dai movimenti della sua epoca, Pellizza<br />

Il Quarto<br />

stato<br />

il pittore<br />

l’Ottocento<br />

l’artista m./f.<br />

il quadro<br />

l’immaginario<br />

il dipinto<br />

la lotta<br />

il popolo<br />

inquieto<br />

la fuga<br />

l’opera<br />

uccidersi<br />

impiccarsi<br />

custodire<br />

il/la regista<br />

i titoli<br />

di testa pl.<br />

Vorspann<br />

da Volpedo lavora per circa<br />

dieci anni all’opera che<br />

lo ha reso celebre. Dopo la<br />

morte del suo amico e<br />

maestro Giovanni Segantini<br />

(1904) si uccide, impiccandosi<br />

nel suo atelier,<br />

proprio davanti a Il Quarto<br />

stato. Il quadro è custodito<br />

oggi nel Museo del<br />

Novecento di Milano (vedi<br />

<strong>ADESSO</strong> 06/11). Il regista<br />

Giuseppe Bertolucci<br />

l’ha inserito tra i titoli di<br />

testa del suo film Novecento,<br />

proprio in virtù della<br />

sua forza simbolica.<br />

DA L’ITALIA IN DIRETTA (PAG. 56)<br />

LE EMITTENTI<br />

DI SILVIO BERLUSCONI<br />

Nessuno, nella storia d’Italia, ha saputo usare meglio di lui i<br />

mass-media per costruire una carriera politica. Silvio Berlusconi,<br />

leader del centrodestra e quattro volte presidente del<br />

Consiglio, è a capo di un vero e proprio impero mediatico. I<br />

tre canali nazionali di Mediaset, la holding televisiva dipendente<br />

da Fininvest (partecipata<br />

al 51% dalla famiglia<br />

Berlusconi) fondata nel<br />

1978, sono Canale 5, Rete 4<br />

e Italia 1. La storia, in poche<br />

parole, è questa: grazie a<br />

una legge del 1990 (“legge<br />

Mammì”) la Fininvest ottiene<br />

il monopolio delle trasmissioni<br />

televisive nazionali private.<br />

Nel 1993 Berlusconi<br />

entra in politica e nel 1994<br />

diventa presidente del Consiglio.<br />

Nessuna opposizione,<br />

in 20 anni, è riuscita (o<br />

ha voluto) approvare una<br />

legge sul conflitto di interessi<br />

per impedire lo sfruttamento<br />

politico di questa<br />

posizione di monopolio.<br />

l’emittente f. Sender<br />

il centro- Mitte-Rechtsdestra<br />

Koalition<br />

il presidente del Consiglio: ital.<br />

Ministerpräsident<br />

essere a capo leiten<br />

partecipato mit Beteiligung<br />

von<br />

fondato gegründet<br />

la legge Gesetz<br />

la “legge Mammì”: in Italien werden<br />

Gesetze oft nach den Abgeordneten<br />

benannt, die sie eingebracht<br />

haben, hier: der damalige<br />

Postminister Oscar Mammì<br />

ottenere erreichen<br />

la trasmissione Sendung<br />

approvare verabschieden<br />

impedire verhindern<br />

lo sfruttamento Ausnutzung<br />

DA (PAG. 8)<br />

LA TORTA<br />

SBRISOLONA<br />

dt. Titel: Der<br />

vierte Stand<br />

Maler<br />

neunzehntes<br />

Jahrhundert<br />

Künstler, -in<br />

Bild<br />

Vorstellung(swelt)<br />

Gemälde<br />

Kampf<br />

Volk<br />

ruhelos<br />

Flucht<br />

Werk<br />

sich umbringen<br />

sich erhängen<br />

verwahren<br />

Regisseur, -in<br />

È un dolce lombardo, originario della<br />

città di Mantova, ma è possibile<br />

trovarlo in mille varianti anche in<br />

Emilia-Romagna e in Veneto. La parola<br />

brisa in dialetto mantovano significa “briciola” e il nome<br />

di questa torta ci fa capire che è molto friabile e tende a sbriciolarsi.<br />

È un dolce di origine contadina che risale alla fine<br />

del 1500 e che – si dice – a partire dal 1600 si mangiava alla<br />

corte dei Gonzaga. Si prepara<br />

con farina di grano e di la briciola Krümel<br />

mais. Si chiama anche “la<br />

friabile mürbe<br />

torta delle tre tazze”, perché<br />

per la sua preparazione si<br />

usano tre tazze (e cioè tre<br />

quantità uguali) di zucchero,<br />

contadino<br />

risalire a<br />

il 1500<br />

bäuerlich<br />

zurückgehen<br />

auf<br />

sechzehntes<br />

farina di grano e farina di<br />

Jahrhundert<br />

la farina Mehl<br />

mais. Al posto del burro e<br />

il grano Weizen<br />

delle mandorle, ingredienti<br />

al posto an Stelle<br />

usati oggi, si usavano in origine<br />

lo strutto e le nocciole, lo strutto Schweine-<br />

la mandorla Mandel<br />

sicuramente più economici.<br />

schmalz<br />

Inoltre nella ricetta originaria<br />

la percentuale di farina di<br />

mais era più alta di quella<br />

odierna.<br />

la nocciola<br />

la ricetta<br />

la percentuale<br />

odierno<br />

Haselnuss<br />

Rezept<br />

Prozentsatz<br />

heutig<br />

67<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2013


Sprachkurse und Sprachferien<br />

Sprachreisen<br />

weltweit<br />

Italien, Spanien, Mexiko, Argentinien<br />

F+U Academy of Languages<br />

Hauptstraße 1, 69117 Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 499,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 699,–)<br />

Alfa SprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und die besten<br />

Programme für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

italienisch auf<br />

SIZILIEN<br />

am Meer<br />

www.solemar-sicilia.it<br />

fax +39 091 955561<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils, 17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

Im ländlIchen Rom<br />

ItalIenIsch leRnen<br />

authentisch leben, essen und erleben.<br />

Erlernen oder verbessern Sie Ihr<br />

Italienisch in Kleingruppen (max. 5 Pers.)<br />

während 7, 10 oder 12 Tagen.<br />

Sie sind Gast im Haus der Lehrerin<br />

und erkunden bei zahlreichen Ausflügen<br />

die unbekannteren, pittoresken<br />

und historischen Schauplätze im<br />

ländlichen Rom.<br />

tel: +39 069 625752<br />

e-mail: info@scuolaappiavecchia.com<br />

www.scuolaappiavecchia.com<br />

Lernen Sie Italienisch<br />

- vor Ort und hautnah -<br />

auf unserem Landgut<br />

IN DER MAREMMA !<br />

Einzel-, Paar-, Familien-, Senioren-,<br />

Kleingruppenkurse in familiärer Atmosphäre.<br />

Eigene FeWo’s! Tel. 0039 0564 507922<br />

www.podere-carbone.de (mit Video!)<br />

www.adessoonline.de<br />

Sizilien – Meer und Kultur<br />

Italienisch-Sprachkurs und klassische Kochschule mit<br />

einer erfahrenen Muttersprachlehrerin. Unterkunft<br />

und Verpflegung in der familiären Atmosphäre der<br />

Lehrerin, in einem kleinen Dorf direkt an der Küste.<br />

Tel: +39-091-8787146,<br />

e-mail: edda_ballerino@hotmail.de<br />

HOTELS<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

Italienisch-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen Italienisch-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei der Familie<br />

der Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

ROMA – venite, godete, parlate!<br />

Im ruhigen, familiären Hotel Orto di Roma, fern vom Massentourismus,<br />

im Grünen, in der Nähe der Via Appia Antica, 10 Fahrminuten vom Kolosseum<br />

entfernt, können Sie Ihre Italienischkenntnisse sowohl im Hotel,<br />

als auch auf einzigartigen Ausflügen in das römische Umland anwenden.<br />

Zudem bieten wir Ihnen auch individuelle Sprachkurse. Leser von Adesso<br />

erhalten eine Flasche unseres hauseigenen Olivenöls als Gastgeschenk.<br />

Hotel Orto di Roma, Tel: +39 06 5042224, www.hotelortodiroma.com<br />

Themenvorschau<br />

Ausgabe 11/13:<br />

• Das romantische Italien<br />

Anzeigenschluss: 25.09.13, Erstverkaufstag: 30.10.13<br />

Ausgabe 12/13:<br />

• Das Aosta-Tal<br />

Anzeigenschluss: 23.10.13, Erstverkaufstag: 27.11.13<br />

Ausgabe 01/14:<br />

• Die Dolomiten – Schlemmen, Sport und Spa<br />

Anzeigenschluss: 13.11.13, Erstverkaufstag: 18.12.13<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

Ihre Anzeige im<br />

Sprach- und Reisemarkt Ade sso<br />

Print & E-Paper<br />

Rabatte<br />

ab 3 Anzeigen<br />

ab 6 Anzeigen<br />

ab 9 Anzeigen<br />

ab 12 Anzeigen<br />

3 % Rabatt<br />

6 % Rabatt<br />

10 % Rabatt<br />

15 % Rabatt<br />

Beispiel 1<br />

1-spaltig / 20 mm hoch<br />

e 84,– (schwarz/weiß)<br />

e 108,– (farbig)<br />

Beispiel 3<br />

2-spaltig / 30 mm hoch<br />

e 252,– (schwarz/weiß)<br />

e 324,– (farbig)<br />

Beispiel 2<br />

1-spaltig / 40 mm hoch<br />

e 168,– (schwarz/weiß)<br />

e 216,– (farbig)<br />

Weitere Formate möglich.<br />

Alle Preise zuzüglich MwSt.<br />

<strong>ADESSO</strong> Settembre 2013


Sprachkur<br />

se und Sprachferien<br />

ITALIENISCH IN ITALIEN: www.italienisch-sprachschulen.de/<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

Studitalia Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

(0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

<br />

<br />

Die Italienisch Sprachschulen in<br />

Nord- und Süditalien – wo Bildung und<br />

Urlaub sich harmonisch ergänzen!<br />

Le Venezie – Kultur und Dolce Vita<br />

Tropea – Weißer Sandstrand und Sonne<br />

Exzellente Italienisch Sprachkurse in<br />

kleinen Gruppen (3 bis 6 Studenten)<br />

PUI – Le Venezie: +39 040 30 40 20<br />

PUI – Tropea: +39 0963 60 32 84<br />

info@piccolauniversitaitaliana.com<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Als Bildungsurlaub anerkannt<br />

SANT‘ANNA INSTITUTE SORRENTO LINGUE<br />

Italienische Sprache und Kultur<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

Einem Teil dieser Ausgabe ist eine Beilage von<br />

Pro-Idee Catalog GmbH beigefügt.<br />

F erienhÄu ser und -Wohnungen<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

ROM + SARDINIEN + SÜDIT.<br />

Gün. priv. Strandhs + fam. Hotels,<br />

teils Pool! Rom: priv. Stadtwhgn<br />

in guter Lage!<br />

Alle Termine: Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

Marken/Villa del Monte<br />

Charmantes Ferienhaus mit<br />

2 separ. Whg. & Garten für 2 - 6 Pers.,<br />

360 oder 200 €/Wo/2 Pers.<br />

idyllisch, ruhig, ursprünglich.<br />

www.villadelmonte.de<br />

Tel: +49 (0)170 903 950 4<br />

Ber uf sausbildung, F or t bildung<br />

Berufsfachschule für Fremdsprachen:<br />

Europasekretär/in, Übersetzer/in, Fremdsprachenkorrespondent/in,<br />

Welthandelskorrespondent/in, EDV- und Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

F+U Academy of Languages, Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

<br />

<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (07221) 22661<br />

Haben Sie F ragen zu<br />

Anzeigenschaltungen?<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Die Ferienhaus-Spezialisten für Italien<br />

030.30820408·Manteuffelstr.5a·12203 Berlin<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

www.ifa.uni-erlangen.de<br />

Staatlich anerkannte Fachakademie und Berufsfachschule<br />

für Fremdsprachenberufe<br />

Staatl. gepr. Fremdsprachenkorrespondenten, Euro-Korrespondenten,<br />

Übersetzer und Dolmetscher<br />

Englisch, Französisch, Italienisch,<br />

Russisch, Spanisch<br />

Hindenburgstr. 42, 91054 Erlangen, Tel. (0 91 31) 81293 - 30, E-mail: ifa@ve.uni-erlangen.de<br />

<strong>ADESSO</strong> Settembre 2013


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 6,90<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird besonders<br />

umweltfreund lich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und inkl. Versandkosten<br />

Österreich:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 111,60 zzgl. sfr 15 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 74,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach Ablauf des<br />

ersten Bezugsjahres jederzeit beendet<br />

werden - mit Geld-zurück-Garantie für<br />

bezahlte, aber noch nicht gelieferte<br />

Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong>www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

MILANO<br />

Tre itinerari per scoprire la città: il centro come non<br />

l’avete mai visto, il fascino antico delle cascine e<br />

la grande tradizione dell’artigianato meneghino.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

CHEF VOM DIENST<br />

Salvatore Viola<br />

BILDREDAKTION<br />

Isadora Mancusi<br />

REDAKTION<br />

Isabella Bernardin, Giovanna<br />

Iacono, Cosimo Carniani, Isadora<br />

Mancusi, Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Marina Collaci, Anna Mandelli,<br />

Daniela Mangione, Marco<br />

Montemarano, Valeria Palumbo,<br />

Loredana Tartaglia, Vincenzo<br />

Petraglia, Stefano Vastano,<br />

Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Julia Grahner, Monica Guerra,<br />

Tanja Lau, Friederike Ott,<br />

Dorothea Schmuck<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

H.W.M. GmbH,<br />

82152 Planegg<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Medienservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt die Meinung<br />

der Autoren, nicht die der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag ers chei nen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Markus Schunk<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

LEITUNG MARKETING B2C & PR<br />

Heidi Kral<br />

LEITUNG MARKETING B2B &<br />

KOOPERATIONEN<br />

Susanne Mürbeth<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

Konto-Nummer 0 212 865 200<br />

BLZ: 300 800 00<br />

Credit Suisse Zürich-Enge<br />

Konto-Nummer 554 833-41<br />

(BC 48 42)<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

© D. Fracchia<br />

EXTRA IM HEFT<br />

L’italiano a portata di mano!<br />

4 cartoncini da staccare e conservare,<br />

25 tabelle e tanti esercizi.<br />

PRATICAMENTE PARLANDO<br />

Dimmi come ti comporti e ti dirò<br />

chi sei! Il galateo, ovvero le<br />

buone maniere all’italiana.<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel.<br />

0211/887-2315, Fax 0211/887-97-2315,<br />

E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg, Tel.<br />

040/30183-210, Fax 040/30183-283, E-<br />

Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332, Fax<br />

+49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John's Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt die Anzeigenpreisliste Nr. 21 ab<br />

Ausgabe 1/13<br />

IVW - Meldung<br />

II - Quartal 2013<br />

26.865 verbreitete<br />

Auflage <strong>ADESSO</strong><br />

<strong>ADESSO</strong> 10/13 IN VENDITA DAL 25 SETTEMBRE


Gut für<br />

den Kopf!<br />

Besser mit Sprachen. Land und Leute<br />

verstehen – und nebenbei die Sprache<br />

lernen. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Magazine<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt Ihr Lieblingsmagazin!<br />

www.spotlight-verlag.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Magazins Ihrer Wahl zum Preis von 3<br />

(€ 18,60 / SFR 27,90 – Business Spotlight € 34,50 / SFR 51,75).


ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 09/2013 ALLE TEXTE AUF<br />

Wie gut kennen Sie den ”<br />

Stiefel“?<br />

Eine Reise zu Land und Leuten,<br />

Kultur und Traditionen in den<br />

italienischen Regionen.<br />

ITALIEN<br />

QUIZ


Lombardia<br />

LOMBARDIA<br />

IN BREVE<br />

La Lombardia è la regione più popolosa<br />

e più ricca d’Italia. Il suo<br />

nome viene da Longobardia, parola<br />

usata nel Medioevo per indicare i<br />

territori abitati dai Longobardi. Il<br />

paesaggio lombardo è molto vario.<br />

A nord ci sono le montagne, poi le<br />

colline e, a sud, una grande pianura:<br />

la Pianura Padana. La Lombardia<br />

è una regione molto ricca di acqua.<br />

I principali laghi italiani, tra i quali<br />

il Lago di Garda, il Lago di Como e<br />

il Lago Maggiore, si trovano qui. La<br />

prima autostrada a pedaggio del<br />

mondo è stata aperta nel 1925 proprio<br />

per collegare Milano con le zone<br />

turistiche dei laghi.<br />

PIEMONTE<br />

Lago<br />

Maggiore<br />

SVIZZERA<br />

Varese<br />

Como<br />

Pavia<br />

Lago<br />

di Como<br />

Lecco<br />

PREALPI<br />

Monza e<br />

Brianza<br />

MILANO<br />

ALPI<br />

PIANURA PADANA<br />

Lodi<br />

Sondrio<br />

Bergamo<br />

Lago<br />

d’Iseo<br />

Cremona<br />

Monte<br />

Isola<br />

Brescia<br />

EMILIA-ROMAGNA<br />

Parco<br />

dello Stelvio<br />

TRENTINO-ALTO ADIGE<br />

Sirmione<br />

Fiume<br />

Po<br />

Lago<br />

di Garda<br />

VENETO<br />

Mantova<br />

POPOLAZIONE<br />

9.700.881 abitanti<br />

51,4 % donne<br />

48,6 % uomini<br />

9,8 % stranieri<br />

PAESAGGIO<br />

47 % pianura<br />

40,5 % montagna<br />

12,4 % collina<br />

9,1 % area protetta<br />

FAMIGLIA<br />

4.364.713 famiglie<br />

3.348 convivenze<br />

2,2 componenti,<br />

in media<br />

PERCORSI<br />

CICLABILI<br />

91 percorsi<br />

oltre 3.000 km<br />

SUPERFICIE<br />

23.863,7 km²<br />

(il 7,9 % di tutta<br />

l’Italia)<br />

DENSITÀ<br />

ABITATIVA<br />

406,5 abitanti<br />

per km²<br />

CLIMA<br />

10,5 C°<br />

temperatura<br />

media annua<br />

TURISMO<br />

13.258.859 turisti<br />

49,7% stranieri<br />

(dati 2011)<br />

1. Come si chiamano<br />

gli abitanti<br />

[Einwohner]<br />

di Bergamo?<br />

a) bergamesi<br />

b) bergamotti<br />

c) bergamaschi<br />

fiumi principali:<br />

Po, Adda, Oglio, Ticino, Mincio, Chiese, Olona<br />

9<br />

laghi,<br />

7 principali:<br />

Garda, Maggiore, Como, Iseo,<br />

52Lugano, Idro, Varese<br />

siti patrimonio UNESCO<br />

• Arte rupestre nella Valcamonica (BS)<br />

• Santa Maria delle Grazie e il Cenacolo di Leonardo<br />

da Vinci (MI)<br />

• Villaggio operaio di Crespi d’Adda (BG)<br />

• Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia (VA-CO)<br />

• Ferrovia retica nel paesaggio dell’Albula e del<br />

Bernina (SO)<br />

• Mantova e Sabbioneta<br />

• Monte San Giorgio (VA)<br />

• Palafitte dell’Arco alpino<br />

• Centri di potere e culto nell’Italia longobarda<br />

2 09/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Lombardia<br />

PERSONAGGI<br />

FAMOSI<br />

I lombardi famosi sono molti.<br />

Adriano Celentano (vedi foto),<br />

detto “Il Molleggiato” per il suo<br />

modo di ballare, è nato a Milano,<br />

in Via Gluck 14, ed è uno dei cantautori<br />

che hanno fatto la storia<br />

della musica leggera italiana. Ricordiamo<br />

poi il regista Dino Risi,<br />

l’inventore Alessandro Volta, il<br />

pittore Caravaggio, il musicista<br />

Claudio Abbado, gli stilisti Valentino<br />

e Ferrè, il Premio Nobel Dario<br />

Fo. Non ultimo Luchino Visconti,<br />

uno dei padri del Neorealismo. Il<br />

regista discendeva da un’importante<br />

famiglia aristocratica milanese,<br />

i Visconti di Modrone, signori<br />

di Milano per circa 200 anni. Alessandro<br />

Manzoni si è ispirato a uno<br />

di loro, Francesco Bernardino Visconti,<br />

per il personaggio dell’Innominato<br />

ne I promessi sposi.<br />

MILANO<br />

Il capoluogo della Lombardia è Milano,<br />

che è il maggior centro economico-finanziario<br />

italiano e una delle capitali<br />

mondiali della moda. Inoltre, il<br />

suo polo fieristico è il più grande d’Europa.<br />

Milano è una città molto ricca<br />

di storia ed è ancora oggi il principale<br />

centro culturale italiano. Molte importanti<br />

case editrici e uno dei più famosi<br />

teatri d’opera lirica al mondo, il<br />

Teatro alla Scala, si trovano in questa<br />

città. Oltre al famoso Duomo e alla<br />

Galleria Vittorio Emanuele, da vedere<br />

è anche il quartiere di Brera.<br />

IL CONSIGLIO DI GRETA<br />

La fiera degli “O bej! O bej!” è una<br />

festa antica. Si tiene il 7 dicembre<br />

insieme alla festa di Sant’Ambrogio,<br />

il santo patrono di Milano. Perché si<br />

chiama così? Nel 1510, papa Pio IV<br />

fa regalare a tutti i bambini dolci<br />

e giocattoli per festeggiare il santo<br />

e riaccendere la fede nei milanesi.<br />

Per la gioia, i bambini esclamano:<br />

“O bej! O bej!” (Oh! Belli! Oh! Belli!).<br />

Oggi la fiera è un interessante<br />

mercatone, che si tiene ai piedi del<br />

Castello Sforzesco.<br />

2. Gli antichi<br />

canali che<br />

attraversano<br />

Milano si<br />

chiamano:<br />

a) le calli<br />

b) i navigli<br />

c) i canaletti<br />

LOMBARDIA IN BREVE<br />

popoloso bevölkerungsreich<br />

il Medioevo Mittelalter<br />

indicare bezeichnen<br />

vario vielfältig<br />

la Pianura<br />

Padana Poebene<br />

principale wichtigster,<br />

wichtigste<br />

l’autostrada Autobahn<br />

il pedaggio Maut<br />

collegare verbinden<br />

la popolazione<br />

Bevölkerung<br />

l’abitante Einwohner<br />

lo straniero Ausländer<br />

il componente<br />

Mitglied<br />

in media durchnittlich<br />

la superficie Fläche<br />

la densità Dichte<br />

il lago See<br />

il sito Stätte<br />

l’arte (f.)<br />

rupestre Felskunst<br />

il Cenacolo Abendmahl<br />

il villaggio<br />

operaio Arbeiterdorf<br />

la ferrovia Räthische<br />

retica Bahn<br />

la palafitta Pfahlbau<br />

il potere Macht<br />

PERSONAGGI<br />

molleggiato gefedert<br />

ballare tanzen<br />

il cantautore Liedermacher<br />

la musica Unterhalleggera<br />

tungsmusik<br />

l’inventore m. Erfinder<br />

il pittore Maler<br />

lo/la stilista Designer, -in<br />

il/la regista Regisseur, -in<br />

discendere abstammen<br />

innominato ungenannt<br />

I promessi dt. Titel: Die<br />

sposi Brautleute<br />

MILANO<br />

il capoluogo Hauptstadt<br />

il polo<br />

fieristico Messe<br />

la casa<br />

editrice Verlag<br />

il teatro<br />

d’opera lirica Oper<br />

IL CONSIGLIO<br />

la fiera Jahrmarkt<br />

il santo Schutzpatrono<br />

heiliger<br />

il papa Papst<br />

il giocattolo Spielzeug<br />

riaccendere wieder<br />

entfachen<br />

la fede Glaube<br />

3


Lombardia<br />

Souvenir<br />

GLI AMARETTI DI SARONNO<br />

Quale souvenir comprare in Lombardia? Gli amaretti<br />

di Saronno! I biscotti duri a base di mandorle amare,<br />

nocciolo di pesca e zucchero. Il loro nome viene dalla<br />

città di Saronno, a 30 km da Milano. Oggi “Amaretti di<br />

Saronno” è un marchio registrato. Gli originali sono<br />

quelli prodotti dall’azienda D. Lazzaroni & C., che li produce<br />

dal 1700. Una curiosità: una scatola di Amaretti<br />

di Saronno Lazzaroni compare nel film Harry Potter e<br />

i Doni della Morte.<br />

CURIOSITÀ<br />

• Il fiume più corto d’Italia è di soli<br />

250 metri. Sfocia nel Lago di Como<br />

e si chiama Fiumelatte, per il colore<br />

bianco delle sue acque.<br />

• In Lombardia il 29, 30 e 31 gennaio<br />

sono detti i giorni della merla e<br />

considerati i più freddi dell’anno.<br />

LEGGENDA<br />

Secondo la leggenda, la notte<br />

di Natale del 999 il diavolo promette<br />

di costruire il Ponte Coperto<br />

di Pavia in cambio dell’anima<br />

del primo che ci passerà<br />

sopra. I pavesi, furbi, fanno passare<br />

per primo un cane. Nella<br />

realtà il Ponte Coperto di Pavia<br />

è stato costruito nel 1351 sui resti<br />

di un antico ponte romano.<br />

Durante la seconda guerra<br />

mondiale è stato molto danneggiato<br />

dai bombardamenti e ricostruito<br />

nel 1949.<br />

A TAVOLA<br />

3. La Lombardia è la<br />

maggiore produttrice<br />

in Italia di...:<br />

a) radicchio<br />

b) riso<br />

c) agrumi<br />

[Zitruspflanzen]<br />

Insieme alla cotoletta alla milanese (la fetta di lombata di vitello<br />

con l’osso, impanata e poi fritta nel burro), il piatto lombardo<br />

più famoso nel mondo è il risotto allo zafferano. Ma<br />

le specialità gastronomiche della Lombardia non finiscono<br />

qui. Consigliamo di provare la cassoeula, che è una minestra<br />

di carne di maiale e verza, e i pizzoccheri alla valtellinese,<br />

che sono tagliatelle spesse condite con verza, patate e molto<br />

formaggio. Tra i salumi, ricordiamo la bresaola;<br />

tra i formaggi, il gorgonzola (dall’omonima<br />

città), il mascarpone e la robiola.<br />

Tra i dolci, – oltre al panettone di<br />

Milano, il famoso dolce natalizio<br />

– la torta sbrisolona di Mantova<br />

e il torrone di Cremona.<br />

Trovi la ricetta originale del<br />

risotto allo zafferano su:<br />

www.adesso-online.de/risotto<br />

4 09/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Lombardia<br />

TUTTI AL LAVORO<br />

La Lombardia è il cuore finanziario, produttivo e creativo d’Italia. A Milano<br />

ha sede la Borsa Italiana, la società che si occupa del funzionamento del<br />

mercato finanziario italiano. Tanti sono poi i settori produttivi: moda,<br />

design, arredamento, comunicazione, meccanica, media ed editoria, ottica,<br />

metalmeccanica, industria tessile, chimica e farmaceutica…<br />

In Lombardia si concentra il 15,7% delle imprese italiane. Solo nell’area<br />

milanese si trova il 5% di quelle nazionali e il 35% di quelle regionali.<br />

L’OCCUPAZIONE<br />

4.280.000 occupati, di cui donne 41,7%<br />

7,5% tasso di disoccupazione<br />

I SETTORI DEL LAVORO<br />

1,4% È la percentuale di occupati<br />

nel settore Agricoltura.<br />

34,0% È la percentuale di occupati<br />

nel settore Industria.<br />

64,6% È la percentuale di occupati<br />

nel settore Servizi.<br />

Dati del 2009<br />

MARCHI STORICI<br />

Dati del 2009<br />

MILANO:<br />

IMPRESE E<br />

RICCHEZZA<br />

134 MILIARDI<br />

ricchezza prodotta,<br />

pari al 10% del Pil<br />

italiano (2008)<br />

1.180<br />

attività produttive,<br />

pari al 60% del totale<br />

lombardo<br />

18,6%<br />

È la percentuale<br />

degli imprenditori<br />

artigiani.<br />

La più alta<br />

in Italia.<br />

L’Alfa Romeo è uno dei più famosi marchi storici lombardi.<br />

Tra i marchi importanti nel settore alimentare ci sono, per<br />

esempio, Buitoni, Ramazzotti e Campari; nel settore della<br />

moda, Trussardi e Prada; in quello del design Kartell.<br />

SOUVENIR<br />

la mandorla Mandel<br />

il nocciolo Kern, Stein<br />

l’azienda Firma<br />

CURIOSITÀ<br />

sfociare münden<br />

considerare halten für<br />

LEGGENDA<br />

il diavolo Teufel<br />

promettere versprechen<br />

costruire bauen<br />

l’anima Seele<br />

furbo schlau<br />

la guerra<br />

mondiale Weltkrieg<br />

danneggiare beschädigen<br />

A TAVOLA<br />

la fetta Scheibe<br />

la lombata Lendenstück<br />

il vitello Kalb<br />

l’osso Knochen<br />

impanato paniert<br />

lo zafferano Safran<br />

la minestra: klare Suppe mit<br />

Einlage<br />

il maiale Schwein<br />

la verza Wirsing<br />

spesso dick<br />

condito gewürzt<br />

i salumi pl. Wurstwaren<br />

omonimo gleichnamig<br />

natalizio weihnachtlich<br />

la torta vedi <strong>ADESSO</strong><br />

sbrisolona pag. 67<br />

TUTTI AL LAVORO<br />

la sede Sitz<br />

la società Gesellschaft<br />

l’arreda- Innenmento<br />

einrichtung<br />

l’editoria Verlagswesen<br />

la metal- Maschinenmeccanica<br />

bau<br />

tessile Textill’impresa<br />

Unternehmen<br />

la ricchezza Reichtum<br />

il Pil (Prodotto<br />

interno<br />

lordo BIP<br />

4. Qual è la zona<br />

lombarda famosa<br />

per i suoi vigneti?<br />

[Weinbergen]<br />

a) Chianti<br />

b) Langhe<br />

c) Franciacorta


Lombardia<br />

COSE DA<br />

VEDERE<br />

LINGUA<br />

Pistola<br />

Nella provincia di Brescia si<br />

trova la fabbrica di armi Beretta.<br />

Fondata nel 1526, è una<br />

delle più antiche e delle più famose<br />

al mondo. Beretta è ormai<br />

sinonimo di “pistola”. Tuttavia<br />

la parola pistola, in<br />

Lombardia ha anche un altro<br />

significato. Dire a qualcuno<br />

che è un pistola è come dirgli<br />

che è un “imbecille”, uno<br />

“stupido”. Un sinonimo, un<br />

po’ più volgare, è pirla.<br />

L’ULTIMA CENA<br />

L’affresco di Leonardo<br />

Da Vinci si<br />

trova nell’ex refettorio<br />

del convento<br />

della chiesa di Santa<br />

Maria delle Grazie,<br />

a Milano. Per<br />

vederlo è obbligatorio<br />

prenotare.<br />

MANTOVA<br />

Città d’arte e Patrimonio<br />

dell’umanità<br />

dal 2008 con Sabbioneta,<br />

Mantova,<br />

sul fiume Mincio,<br />

è uno dei principali<br />

centri del Rinascimento.<br />

BERGAMO ALTA<br />

Situata su un colle,<br />

è il cuore della città.<br />

L’affascinante<br />

centro storico è<br />

ricco di edifici antichi<br />

e circondato<br />

da mura medievali.<br />

SIRMIONE E<br />

GROTTE DI<br />

CATULLO<br />

I NUMERI DELLA MODA<br />

12.000 imprese nel settore tessile e della moda<br />

4 miliardi e mezzo circa il fatturato delle<br />

esportazioni (9% del totale nazionale)<br />

662.273.068 euro saldo attivo<br />

14 scuole di moda, con più di 600 studenti<br />

200.000 visitatori (show room, fiere…)<br />

Le Grotte di Catullo<br />

(I secolo d.C.)<br />

sono i resti di una<br />

villa romana che si<br />

trova sulla punta<br />

della penisola di<br />

Sirmione, sul Lago<br />

di Garda.<br />

SHOPPING<br />

A MILANO<br />

150 MILIONI DI EURO<br />

di fatturato annuo<br />

in Corso Vittorio Emanuele<br />

100 MILIONI DI EURO<br />

di fatturato annuo<br />

in Corso Buenos Aires<br />

(350 punti vendita)<br />

200 MILIONI DI EURO<br />

di fatturato annuo<br />

in zona Duomo<br />

70% DEI TURISTI<br />

visita Milano per acquistare<br />

abbigliamento e accessori<br />

Fonte: Camera commercio Milano 2009<br />

DA FARE<br />

Bikemi è un servizio di bike<br />

sharing a Milano. Sul sito<br />

www.bikemi.com si trovano<br />

informazioni utili sulle piste<br />

ciclabili, i percorsi e la mappa<br />

per trovare le bici.<br />

5. Qual è il territorio<br />

della Lombardia<br />

con un’alta produzione<br />

industriale? *<br />

a) Brianza<br />

b) Versilia<br />

c) Gargano<br />

6 09/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Lombardia<br />

MONTE ISOLA<br />

È una montagna che<br />

si trova su un’isola<br />

piccolissima (solo<br />

11 km di costa) del<br />

Lago d’Iseo.<br />

6. La famosa corsa<br />

automobilistica<br />

delle Mille Miglia<br />

parte da...<br />

a) Imola<br />

b) Monza<br />

c) Brescia<br />

PARCO DELLO<br />

STELVIO<br />

È uno dei parchi<br />

naturali più antichi<br />

d’Italia. Si estende<br />

per 400 ettari in<br />

Lombardia, Trentino<br />

e Alto Adige.<br />

LO SAPEVATE?<br />

CERTOSA<br />

DI PAVIA<br />

Un capolavoro del Rinascimento<br />

lombardo.<br />

Il monastero, con<br />

il santuario della<br />

Beata Vergine Maria<br />

Madre delle Grazie, è<br />

del 1396.<br />

IL FATTO STORICO<br />

LA BATTAGLIA DI LEGNANO<br />

È il 1176. Le città dell’Italia settentrionale, che non<br />

vogliono sottomettersi all’imperatore del Sacro Romano<br />

Impero, hanno formato un’alleanza chiamata<br />

Lega Lombarda. Il 29 maggio, l’esercito imperiale<br />

guidato da Federico I di Svevia, detto Barbarossa,<br />

si scontra con quello della Lega lombarda a Legnano,<br />

vicino a Milano. La battaglia finisce con la vittoria<br />

della Lega. La guerra tra l’Impero e le città-stato del<br />

Nord Italia continua fino al 1183, quando la Pace di<br />

Costanza dà alle città della Lega l’autonomia giuridica<br />

e amministrativa. La<br />

battaglia di Legnano,<br />

simbolo di lotta per la libertà,<br />

è ricordata nella<br />

terza strofa dell'inno nazionale<br />

italiano e, nel<br />

1849, Giuseppe Verdi le<br />

dedica un'opera lirica.<br />

Cremona è la città degli strumenti ad arco. Intorno al<br />

1700 lavoravano qui eccellenti famiglie di liutai e maestri,<br />

come Antonio Stradivari e Guarnieri del Gesù. La<br />

tradizione della liuteria cremonese è viva ancora<br />

oggi ed è così eccezionale che l’Unesco l’ha dichiarata<br />

Patrimonio immateriale dell’umanità. Perché<br />

gli strumenti costruiti da Stradivari & Co. hanno<br />

una sonorità straordinaria? Diverse teorie cercano<br />

di spiegarlo, ma il segreto non è stato ancora<br />

scoperto e gli strumenti valgono anche<br />

milioni di euro. Se non avete la possibilità di<br />

comprare uno Stradivari, potete però<br />

visitare il Museo stradivariano di Cremona!<br />

7 COSE DA VEDERE<br />

il refettorio Speisesaal<br />

il Patrimonio Weltkulturdell’umanità<br />

erbe<br />

il Rina- Renaisscimento<br />

sance<br />

circondato umgeben<br />

le mura pl. Stadtmauer<br />

medievale mittelalterlich<br />

il secolo Jahrhundert<br />

d.C. n. Chr.<br />

la punta Spitze<br />

la penisola Halbinsel<br />

estendersi sich<br />

erstrecken<br />

l’ettaro Hektar<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

il monastero Kloster<br />

il santuario Wallfahrtskirche<br />

LINGUA<br />

l’arma Waffe<br />

fondato gegründet<br />

l’imbecille/ Dummkopf,<br />

il pirla Schwachkopf<br />

MODA<br />

l’impresa Unternehemen<br />

il fatturato Umsatz<br />

il saldo<br />

attivo Überschuss<br />

la fiera Messe<br />

DA FARE<br />

la pista<br />

ciclabile Radweg<br />

il percorso Route<br />

IL FATTO STORICO<br />

la battaglia Schlacht<br />

settentrionale<br />

Nordsotto-<br />

sich<br />

mettersi unterwerfen<br />

l’imperatore<br />

m. Kaiser<br />

il Sacro Heiliges<br />

Romano Römisches<br />

Impero Reich<br />

l’esercito Heer<br />

la vittoria Sieg<br />

la guerra Krieg<br />

giuridico rechtlich<br />

la lotta Kampf<br />

l’inno Hymne<br />

dedicare rechtlich<br />

l’opera<br />

lirica Oper<br />

LO SAPEVATE?<br />

l’arco Bogen<br />

il liutaio Hersteller<br />

von Saiteninstrumenten<br />

il Patrimonio immaterielles<br />

immateriale Weltdell’umanità<br />

kulturerbe<br />

la sonorità Klang(bild)<br />

straordinario außergewöhnlich<br />

valere wert sein<br />

7


Lombardia<br />

SUPER QUIZ<br />

Hai letto tutto l’ ? Adesso mettiti alla prova!<br />

1. Non è un lago lombardo<br />

a. Lago Maggiore<br />

b. Lago di Bolsena<br />

c. Lago di Como<br />

2. Il territorio lombardo è<br />

costituito [essere costituito:<br />

bestehen] soprattutto di...<br />

a. pianure e colline<br />

b. pianure e montagne<br />

c. montagne e colline<br />

3. La prima autostrada a<br />

pedaggio [Maut] è stata inaugurata<br />

[inaugurare: eröffnen]...<br />

a. nel 1925<br />

b. nel 1915<br />

c. nel 1945<br />

4. Ha composto un’opera lirica<br />

[Oper] sulla Battaglia di Legnano<br />

a. Gaetano Donizetti<br />

b. Gioacchino Rossini<br />

c. Giuseppe Verdi<br />

5. Quanti siti [Stätten] Patrimonio<br />

dell’Unesco [Weltkulturerbe] ci sono<br />

in Lombardia?<br />

a. 6<br />

b. 9<br />

c. 7<br />

6. La cotoletta alla milanese è<br />

fatta con...<br />

a. carne di maiale<br />

b. carne di vitello [Kalb]<br />

c. carne di agnello [Lamm]<br />

7. Tipici dolci lombardi<br />

a. pastiera, mustaccioli, babà<br />

b. panettone, torrone, amaretti<br />

c. cassata, cannoli, granita<br />

8. La Certosa di Pavia è un<br />

capolavoro [Meisterwerk]<br />

a. dell’arte rinascimentale [Renaissance-]<br />

b. dell’arte medievale [mittelalterlich]<br />

c. dell’arte neoclassica<br />

9. Il termine [Begriff] pistola<br />

in lombardo significa anche...<br />

a. violento [gewalttätig]<br />

b. intelligente<br />

c. stupido<br />

10. Qual è la città dei violini?<br />

a. Mantova<br />

b. Cremona<br />

c. Lecco<br />

11. La popolazione [Bevölkerung]<br />

della Lombardia lavora soprattutto...<br />

a. nel settore dei servizi<br />

b. nel settore agricolo [landwirtschaftlich]<br />

c. nel settore industriale<br />

12. In Lombardia c’è la più<br />

alta percentuale italiana di...<br />

a. alberghi<br />

b. imprenditori artigiani<br />

c. piste ciclabili<br />

SOLUZIONI SUPER QUIZ: 1. b; 2. b; 3. a; 4. c; 5. b; 6. b; 7. b; 8. a; 9. c; 10. b; 11. a; 12. b<br />

SOLUZIONI<br />

1. c<br />

2. b<br />

3. b<br />

4. c<br />

5. a<br />

6. c<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin:<br />

Rossella Dimola Chef vom Dienst: Salvatore Viola Autoren und Redaktion:<br />

I. Bernardin, C. Carniani, J. Grahner, M. Guerra, G. Iacono, I. Mancusi, S. Viola<br />

Gestaltung: www.prodigo.de Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck<br />

Gesamt-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-130 Verlag und<br />

Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: +49 (0)89<br />

8 56 81-0, www.evviva-online.de; www.adesso-online.de. © 2013 Spotlight Verlag,<br />

auch für alle genannten Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

8 09/2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!