26.02.2014 Views

ADESSO Elba - Fuga die primavera (Vorschau)

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Deutschland € 6,90<br />

CH sfr 12,40 · A · I · F · BeNeLux: € 7,50<br />

05<br />

Mai<br />

2013<br />

<strong>Elba</strong><br />

<strong>Fuga</strong> di <strong>primavera</strong><br />

I Medici: Intrighi, passioni e misteri nella Firenze del Rinascimento<br />

VIAGGIARE SLOW. DA TREVISO A VENEZIA, IN BARCA LUNGO IL FIUME SILE<br />

A TAVOLA. IL POMODORINO DOP CHE COLORA DI ROSSO LE PENDICI DEL VESUVIO


X<br />

illegaler<br />

Download<br />

GRATIS<br />

Testen Sie den aktuellen Audio-Sprachtrainer von <strong>ADESSO</strong>!<br />

Jetzt GRATIS downloaden:<br />

www.spotlight-verlag.de/audio-test


EDITORIALE<br />

Cari lettori,<br />

l’Italia è in fermento! Fino a qualche settimana fa, non c’era il papa e<br />

non avevamo un governo italiano. Nel momento in cui scrivo, per<br />

fortuna almeno il papa, al quale diamo un caloroso benvenuto, è stato<br />

eletto. Sul fronte politico, siamo ancora un po’ in<strong>die</strong>tro. Chi di voi<br />

si chiede perché mettersi d’accordo sia<br />

essere in<br />

così difficile, deve sapere che in Italia<br />

fermento gären<br />

c’è stato un vero e proprio tsunami politico<br />

(pagg. 11 e 24-25). Mentre state<br />

il papa Papst<br />

il governo Regierung<br />

caloroso herzlich leggendo questo editoriale, in Italia si<br />

eleggere wählen<br />

mettersi<br />

elegge il presidente della Repubblica.<br />

d’accordo sich einigen Aspettando di sapere chi, per i prossimi<br />

sette anni, siederà in Quirinale, vi<br />

sedere hier: wirken<br />

il Quirinale: ital. Präsidentenpalast<br />

<strong>die</strong>tro hinter den presentiamo il suo palazzo... e che palazzo<br />

(pag. 46)!!! Uno sguardo <strong>die</strong>tro le<br />

le quinte Kulissen<br />

i costi (pl.) Betriebsdi<br />

gestione kosten<br />

quinte ci fa scoprire, però, che i costi di<br />

l’itinerario<br />

gestione sono molto più alti che in altri<br />

paesi del mondo.<br />

in bicicletta Radweg<br />

la fuga kurze<br />

Nel poco spazio rimasto, che dire?<br />

di <strong>primavera</strong> Frühlingsreise<br />

il percorso Route, Strecke Sono dedicate agli amanti delle due ruote<br />

le pagine sugli itinerari in bicicletta<br />

insolito ungewohnt<br />

l’imbarcazione<br />

f. Boot, Schiff<br />

nella bellissima isola d’<strong>Elba</strong> (pagg. 21-23),<br />

la fretta Eile<br />

meta perfetta per una fuga di <strong>primavera</strong>.<br />

È pensato per chi ama viaggiare slow<br />

il percorso sul fiume Sile (pag. 50), che attraversa luoghi insoliti e vi porterà<br />

fino a Venezia a bordo di romantiche imbarcazioni. Fra le alternative<br />

disponibili, io sceglierei la barca di legno elettrica. Buon viaggio, ma<br />

mi raccomando… senza fretta!<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

HABEMUS...<br />

PARODIAM!<br />

In occasione dell’elezione<br />

del papa, sul<br />

web si sono scatenate<br />

le paro<strong>die</strong>. Noi<br />

abbiamo postato<br />

questa su Facebook.<br />

Fra condivisioni e<br />

visualizzazioni abbiamo<br />

raggiunto cifre da<br />

capogiro. Almeno per<br />

una volta... grazie<br />

Silvio!<br />

© Dan Pelle<br />

© iStock/MichaelSmithPhotography<br />

Jeder hat<br />

den Traum<br />

von der<br />

großen Liebe.<br />

448 Seiten | Gebunden mit Schutzumschlag<br />

D19,99 [D] | Auch als E-Book erhältlich<br />

Manchmal liegen Jahrzehnte, Kontinente<br />

und Richard Burton dazwischen,<br />

bevor er sich erfüllt. Eine herzzerreißende,<br />

komische und verrückte Liebesgeschichte<br />

mit der psychologischen<br />

Tiefe hoher Literatur.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013<br />

Leseprobe auf blessing-verlag.de


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

12 VIAGGI: ISOLA D’ELBA<br />

Frühlingslaune auf <strong>Elba</strong>: traumhafte Strände<br />

und para<strong>die</strong>sische Routen für Wanderer und Radler.<br />

26 Intervista: Graziella Magherini<br />

Die Psychoanalytikerin erklärt Symptome und Hintergründe<br />

des von ihr entdeckten Stendhal-Syndroms.<br />

28 I misteri dell’arte: Pisa, burla o miracolo?<br />

Zwei Helden der italienischen Nationalbewegung in einem<br />

mittelalterlichen Werk verewigt? Scherz oder Wunder?<br />

44 Cultura: La dinastia dei Medici<br />

Leidenschaften, Intrigen, Krankheitsgeschichten – <strong>die</strong><br />

Medici-Schau in Mannheim verrät neue Einzelheiten.<br />

50 Fine settimana: Scivolando sul fiume<br />

Entschleunigt durch das östliche Oberitalien auf<br />

dem 94 km langen Sile bis in <strong>die</strong> Lagune von Venedig.<br />

62 L’Italia a tavola: Un pomodorino vulcanico!<br />

An den Hängen des Vesuv sonnengereifte<br />

Pomodorini – ein antikes, ur-neapolitanisches Aroma.<br />

LINGUA<br />

33 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

37 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten, u. a. mit Übersetzungen,<br />

Übungen, Alltagsitalienisch<br />

39 Lucilla indaga<br />

Der Sprachkrimi in Bildern<br />

40 L’italiano per espresso<br />

Verbessern Sie Ihr Italienisch!<br />

I vostri dubbi: Sprachliche Regionalismen<br />

Una parola tira l’altra: Lo sport<br />

OPINIONI<br />

24 L’Italia in diretta<br />

Politik mit M5S, von Michael Braun<br />

30 Passaparola<br />

Saubere Etiketten, von R. Beltrami<br />

56 Tra le righe<br />

Giuseppe Mussari, von Stefano Vastano<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Posta prioritaria<br />

Leserbriefe<br />

07 Notizie dall’Italia<br />

Neues aus Italien<br />

32 Botta e risposta<br />

Ein Thema – zwei Antworten:<br />

Ist <strong>die</strong> E-Zigarette nun eine gute Erfindung oder nicht?<br />

46 Praticamente parlando<br />

Der Quirinale stellt sich vor: Was für ein Palast!<br />

49 Scherzi a parte<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

55<br />

Das leichte Heft im Heft<br />

58 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autorin des Monats: Daria Bignardi<br />

67 Approfondimento<br />

Was nicht im Wörterbuch steht<br />

70 Anteprima <strong>ADESSO</strong> 06/13<br />

<strong>Vorschau</strong> auf <strong>die</strong> Juni-Ausgabe 06/13<br />

IN COPERTINA<br />

Monte Capanne, Isola d’<strong>Elba</strong>, la<br />

spiaggia di Capo Sant’Andrea.<br />

© HUBER / SIME<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

ABONNENTEN-SERVICE<br />

tel. (0049) 89-85681-16;<br />

fax (0049) 89-85681-159<br />

e-mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

berühmte Opernarien,<br />

Übungen zu Grammatik und Aussprache:<br />

CD mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Nützlich und unterhaltsam: Das<br />

Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong> mit<br />

Zusatzübungen. Info unter Tel.:<br />

(0049) 89-85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong> in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-<br />

85681 -152; Fax: -159, Mail:<br />

schulme<strong>die</strong>n@spotlight-verlag.de<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen…<br />

Mit <strong>ADESSO</strong> Premium freier<br />

Zugang zum Nachrichten- und<br />

Übungsarchiv.


MAGGIO 2013<br />

26<br />

50<br />

12<br />

62<br />

28


Da sinistra: la spiaggia di Chia, in provincia<br />

di Cagliari; le dune bianche di Capo<br />

Teulada, il punto più a sud della Sardegna,<br />

e uno scorcio del paese di Teulada.<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo: Eveline Elshuber<br />

CHE SOGGIORNO FANTASTICO! GRAZIE <strong>ADESSO</strong>!<br />

6<br />

© Shutterstock (3)<br />

L’anno scorso, sulla rivista <strong>ADESSO</strong> c’era un concorso<br />

a premi. Per celebrare il 30 o anniversario della sua attività,<br />

l’agenzia di viaggi Oscar Reisen metteva in palio una vacanza<br />

in Sardegna. Per vincere, i lettori dovevano rispondere<br />

in maniera corretta a tre domande su questa regione.<br />

Ho deciso di partecipare. Ho scritto le soluzioni alle domande<br />

e le ho inviate. A luglio ho ricevuto la risposta:<br />

avevo vinto un soggiorno di cinque giorni in Sardegna.<br />

Che sorpresa! E così quest’anno [2012, n.d.r.], martedì 17<br />

luglio, io e mio marito siamo partiti da Monaco e siamo<br />

arrivati a Cagliari. Già il volo è stato magnifico: c’era il sole<br />

e la vista dall’aereo era bellissima. A Cagliari ci aspettava<br />

un tassista (con una Mercedes nera!) che ci ha portato a<br />

Chia, dove siamo stati alloggiati in un bellissimo albergo,<br />

il Chia Laguna Resort. La nostra camera aveva un balcone<br />

vista mare e la cena in albergo è stata sempre ottima.<br />

Aufenthalt<br />

Preisaus-<br />

schreiben<br />

il soggiorno<br />

il concorso<br />

a premi<br />

l’agenzia<br />

di viaggi<br />

mettere<br />

in palio<br />

partecipare<br />

la soluzione<br />

inviare<br />

vincere<br />

la sorpresa<br />

il volo<br />

magnifico<br />

la vista<br />

il tassista<br />

alloggiare<br />

l’albergo<br />

Reisebüro<br />

als Preis<br />

aussetzen<br />

teilnehmen<br />

Lösung<br />

senden, hier:<br />

einschicken<br />

gewinnen<br />

Überraschung<br />

Flug<br />

großartig<br />

Aussicht<br />

Taxifahrer<br />

unterbringen<br />

Hotel<br />

il cielo<br />

il bordo<br />

la piscina<br />

la spiaggia<br />

il trenino<br />

tranquillo<br />

il sogno<br />

la guida<br />

orgoglioso<br />

la meta<br />

visitare<br />

la battaglia<br />

la sabbia<br />

estendersi<br />

l’ettaro<br />

famoso<br />

riposarsi<br />

Himmel<br />

Rand<br />

Swimmingpool<br />

Strand<br />

kleiner Zug<br />

ruhig<br />

Traum<br />

Führer<br />

stolz<br />

Ziel<br />

besuchen<br />

Schlacht<br />

Sand<br />

sich erstrecken<br />

Hektar<br />

berühmt<br />

sich ausruhen<br />

Appena arrivati, visto che il tempo era bello – cielo azzurro<br />

senza nuvole e temperatura di circa 35 gradi – siamo<br />

andati a prendere il sole sul bordo della piscina.<br />

Mercoledì siamo andati invece in spiaggia, utilizzando<br />

un trenino blu che parte ogni 15 minuti. Il mare era bellissimo:<br />

chiaro, tranquillo, magnifico! Ma il paesaggio...<br />

mi mancano le parole: un sogno!<br />

Giovedì abbiamo fatto un’escursione in jeep con una<br />

guida che parlava solo italiano. Io sono riuscita a capire<br />

tutto ed ero davvero molto orgogliosa di me stessa.<br />

La meta della nostra escursione erano le dune bianche<br />

di Capo Teulada, che si trovano in un’area militare e, per<br />

questo, possono essere visitate dai turisti solo due mesi<br />

all’anno, d’estate. Capo Teulada è il punto più a sud della<br />

Sardegna ed è conosciuto anche perché qui, il 27 novembre<br />

del 1940, ci fu la battaglia di Capo Teulada, detta<br />

anche di Capo Spartivento, tra la Royal Navy britannica<br />

e la Regia Marina italiana. L’area delle dune di sabbia<br />

bianchissima e molto fine, si estende per 7.000 ettari e la<br />

costa è lunga 20 km. È un paesaggio di una bellezza<br />

straordinaria, che abbiamo naturalmente fotografato.<br />

Dopo abbiamo visitato il piccolo e famoso paesino di<br />

Teulada, dove abbiamo preso un caffè tipico italiano e<br />

infine siamo tornati in albergo.<br />

Gli altri giorni della vacanza, siamo rimasti a riposarci e<br />

a prendere il sole. Poi, siamo ritornati a Monaco e, da lì,<br />

a Salisburgo. Devo dire “molte grazie” ad <strong>ADESSO</strong> e a<br />

Oscar Reisen perché è stato davvero un soggiorno<br />

fantastico!<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Notizie<br />

DALL’ITALIA<br />

7 Spettacolo Una star in cucina 8 Economia Eccellenza italiana 8 Sport Il Giro a Ischia<br />

8 L’Italia in numeri Il caffè importato dall’Italia 8 Cultura Questo luogo mi sta a cuore 9 Il CD del mese<br />

Zucchero 9 Attualità Addio Università 10 Attualità La App migliore del mondo 10 Il perché Le fraschette<br />

11 La parola del mese Tsunami<br />

SPETTACOLO<br />

UNA STAR IN CUCINA<br />

Si dice che gli italiani, mentre mangiano, parlano<br />

di quello che hanno nel piatto, di quello che<br />

hanno mangiato il giorno prima e di quello che cucineranno<br />

il giorno dopo. È forse per questa passione<br />

per il cibo che la televisione italiana è letteralmente invasa<br />

dai programmi di cucina? La tendenza è universale,<br />

ma nel Belpaese ha il carattere di un vero e proprio<br />

fenomeno di costume. La scelta è molto vasta. Da un<br />

lato ci sono i tutorial della “vecchia scuola”, che prediligono<br />

ricette classiche e le spiegano passo passo; dall’altro<br />

le sfide di “ultima generazione”, come MasterChef<br />

Italia. Qui la competitività fra i concorrenti è spinta all’estremo<br />

e i piatti, dai nomi e dagli accostamenti inverosimili,<br />

stuzzicano più gli occhi che l’appetito. Eppure il<br />

programma è il format di maggiore successo del momento,<br />

tanto che il comico Maurizio Crozza ha dato vita<br />

a un’esilarante parodia dei suoi<br />

giurati, dal titolo BastardChef.<br />

Non solo. La “telecucina” ha<br />

Guarda una ricetta del programma<br />

Cucina con Ale.<br />

www.adessoonline.de/questomese/notizie-dallitaliamaggio-2013<br />

A sinistra: il giovane<br />

chef Alessandro Borghese,<br />

conduttore di<br />

vari programmi di successo<br />

come Ale contro<br />

tutti e Cucina con Ale. Accanto<br />

alla carriera televisiva,<br />

ha avviato l’attività di<br />

banqueting Il lusso della<br />

semplicità. www.alessandroborghese.com<br />

il potere di trasformare in star i suoi protagonisti, che da<br />

cuochi conosciuti solo dagli intenditori diventano personaggi<br />

di culto, celebrati sui rotocalchi come divi di Hollywood.<br />

È il caso di Carlo Cracco, “il cuoco più sexy”<br />

d’Italia, noto al grande pubblico proprio grazie a Master-<br />

Chef Italia. In poco tempo è passato dalla cucina al<br />

Festival di Sanremo, fino alle copertine di varie riviste.<br />

Oggi c’è chi va nel suo ristorante stellato, a Milano, solo<br />

per farsi fotografare con lui e il suo libro, Se vuoi fare il<br />

figo usa lo scalogno, che è arrivato alla quattordicesima<br />

ristampa. L’elenco delle star della cucina non finisce certo<br />

qui. Simone Rugiati, per esempio, è lo chef più amato<br />

dalle ragazzine, forse perché, prima di vederlo nel suo<br />

programma Cuochi e fiamme, l’avevano conosciuto come<br />

naufrago de L’isola dei famosi. Insomma, la varietà è<br />

tanta, state solo attenti a non fare indigestione!<br />

il costume Gewohnheit,<br />

Brauch<br />

il tutorial: hier: Kochshow mit Anleitungen<br />

und Tipps<br />

prediligere bevorzugen<br />

la sfida Herausforderung,<br />

hier:<br />

Wettbewerb<br />

l’accostamento Kombination<br />

inverosimile unglaublich<br />

stuzzicare anregen<br />

esilarante erheiternd<br />

il giurato Juror<br />

l’intenditore m. Kenner<br />

il rotocalco Illustrierte<br />

la copertina Titelblatt<br />

fare il figo den geilen<br />

Typen spielen<br />

lo scalogno Schalotte<br />

l’elenco Liste<br />

il naufrago Schiffbrüchiger<br />

L’isola dei famosi: Reality-Show<br />

ähnlich dem Dschungelcamp-Format<br />

fare indige- sich an etw.<br />

stione di qc. überessen, etw.<br />

bis zum Überdruss<br />

haben<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

In Voci d’Italia puoi ascoltare<br />

una mini-inchiesta sul tema.<br />

7<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


ECONOMIA<br />

ECCELLENZA ITALIANA<br />

Il cavallino rampante è il marchio più forte al mondo, più ancora di colossi come Google e Samsung. Lo dicono<br />

le vendite record del 2012 (+4,5%), le migliori negli ultimi 66 anni, e un fatturato da urlo (2,4 miliardi di euro, con un<br />

utile di 244 milioni di euro). Ma il successo del marchio è decretato anche dalla società indipendente di valutazione<br />

Brand Finance, che ha messo la Ferrari in cima alla classifica dei marchi più forti e riconoscibili del mondo. La classifica<br />

si basa su diversi criteri: il margine netto, il ricavo medio per cliente, la spesa in marketing e pubblicità, ma anche<br />

la fedeltà al marchio e la simpatia suscitata. Il nuovo modello F150, presentato a marzo al Salone di Ginevra,<br />

riuscirà a conquistare i cuori – e le tasche! – dei compratori?<br />

8<br />

SPORT<br />

IL GIRO A ISCHIA<br />

Dopo ben 54 anni, il Giro<br />

d’Italia torna sull’isola di<br />

Ischia. La 96 a edizione della<br />

competizione ciclistica più importante<br />

d’Italia si svolge dal<br />

4 al 26 maggio. Parte da Napoli,<br />

fa la sua seconda tappa a<br />

Ischia, la meravigliosa isola del<br />

Golfo di Napoli, scende fino in<br />

Calabria e risale tutta la penisola<br />

fino a Brescia, in Lombardia.<br />

A Ischia, i concorrenti disputano<br />

la gara cronometrica a squadre,<br />

sul difficile circuito che collega il<br />

paese di Ischia a quello di Forio.<br />

Nel 1959 il palermitano Antonino<br />

Catalano aveva vinto, a sorpresa,<br />

la gara. Chissà se anche<br />

quest’anno Ischia porterà<br />

fortuna a un ciclista italiano!<br />

324.<br />

324.<br />

324.<br />

sono le tonnellate di caffè<br />

verde che l'Italia importa in<br />

media ogni anno. Il Belpaese è<br />

al quinto posto nella classifica<br />

mondiale dei paesi importatori<br />

di caffè, dopo Usa,<br />

Germania, Giappone<br />

e Francia.<br />

ECCELLENZA<br />

il cavallino sich aufbäurampante<br />

mender<br />

Hengst<br />

la vendita Verkauf<br />

il fatturato Umsatz<br />

da urlo sagenhaft<br />

l’utile m. Gewinn<br />

la cima Spitze<br />

il margine<br />

netto Nettospanne<br />

il ricavo Ertrag<br />

il cliente Kunde<br />

la fedeltà<br />

al marchio Markentreue<br />

suscitato erweckt<br />

conquistare erobern<br />

IL GIRO A ISCHIA<br />

la competizione<br />

ciclistica Radrennen<br />

scendere hinunterfahren<br />

risalire wieder<br />

hinauffahren<br />

il concorrente Wettkämpfer<br />

disputare kämpfen<br />

la gara<br />

cronometrica Teama<br />

squadre zeitfahren<br />

324.000<br />

la tonnellata Tonne<br />

il Belpaese Italien<br />

la classifica Weltrangmondiale<br />

liste<br />

MI STA A CUORE<br />

stare a cuore am Herzen<br />

liegen<br />

il luogo<br />

del cuore Lieblingsort<br />

la fortificazione<br />

Festung<br />

indetto da angesetzt von<br />

votare wählen,<br />

abstimmen<br />

segnalare melden<br />

il monumento Denkmal<br />

l’opera d’arte Kunstwerk<br />

la salva- Schutz,<br />

guardia Erhalt<br />

l’abbazia Abtei<br />

omonimo gleichnamig<br />

CULTURA<br />

QUESTO LUOGO<br />

MI STA A CUORE!<br />

Il luogo del cuore degli italiani è la<br />

cittadella di Alessandria, una fortificazione<br />

settecentesca che si trova<br />

alle porte della città di Alessandria,<br />

in Piemonte. All’ultima edizione<br />

del referendum indetto dal Fai,<br />

il Fondo ambiente italiano, è<br />

stata votata da 53.953 persone.<br />

Ogni due anni l’iniziativa, nata<br />

nel 2003, invita i cittadini a segnalare<br />

il monumento, l’opera<br />

d’arte, la chiesa, l’area italiana<br />

che più hanno a cuore. I luoghi vincitori vengono inseriti in progetti di restauro<br />

e salvaguardia del Fai. Tra i vincitori delle edizioni passate ci sono,<br />

per esempio, gli eremi dell’abbazia di Santa Maria di Pulsano, a Monte<br />

Sant‘Angelo, nel Gargano, in Puglia; il Castello della Colombaia, a Trapani;<br />

la Fontana dell’Acqua Acetosa nel piazzale omonimo, a Roma; Villa Arconati<br />

a Castellazzo di Bollate, in Lombardia.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

IL CD DEL MESE<br />

LA SESIÓN CUBANA<br />

ZUCCHERO<br />

“A 57 anni, trovo giusto<br />

fare di testa mia”, ha<br />

detto Adelmo “Zucchero”<br />

Fornaciari, commentando<br />

il suo ultimo<br />

disco, La sesión cubana.<br />

“Per anni il mio manager<br />

mi ha detto: se suoni<br />

a Cuba, puoi scordarti di fare carriera negli<br />

Stati Uniti. Finalmente mi sono deciso! Volevo<br />

che questo disco uscisse prima che l’isola diventasse<br />

un’altra cosa”. Eccolo, dunque, l’album<br />

che Zucchero ha tanto atteso di realizzare:<br />

13 canzoni – tra inediti, cover e arrangiamenti<br />

dei suoi classici – registrate all’Avana<br />

e condite con un avvolgente ritmo caraibico.<br />

Tra le cover più celebri, ci sono la versione in<br />

lingua italiana di Guantanamera, il bolero creolo<br />

portato al successo negli anni Trenta da José<br />

Fernández Diaz, e l’Ave Maria no Morro, il canto<br />

di invocazione alla Madonna scritto nel 1942<br />

da Herivelto Martins. Con oltre 120.000 copie<br />

vendute, La sesión cubana è già doppio disco<br />

di platino.<br />

“TOUR 2013”<br />

Germania/Austria/Svizzera<br />

5 maggio Zurigo, Hallenstadion<br />

7 maggio Ginevra, Arena<br />

9 maggio Bregenz, Werkstattbühne<br />

10 maggio Innsbruck, Olympiahalle<br />

12 maggio Vienna, Stadthalle<br />

13 maggio Graz, Stadthalle<br />

14 maggio Salisburgo, Domplatz<br />

24 maggio Monaco di Baviera, Olympiahalle<br />

25 maggio Stoccarda, Schleyer-Halle<br />

29 maggio Düsseldorf, Mitsubishi-Electric-Halle<br />

31 maggio Berlino, o2 World<br />

CD DEL MESE<br />

fare di testa seinen Kopf<br />

propria durchsetzen<br />

il disco Platte, CD<br />

scordarsi hier: sich<br />

qc. etw. aus<br />

dem Kopf<br />

schlagen<br />

l’inedito unveröffentlichter<br />

Song<br />

registrato aufgenommen<br />

condito gewürzt<br />

avvolgente mitreißend<br />

l’invocazione<br />

f. Anrufung<br />

ADDIO UNIVERSITÀ<br />

ospitare unterbringen<br />

la denuncia Mitteilung<br />

l’iscrizione f. Einschreibung<br />

calare abnehmen<br />

il laureato Akademiker<br />

il taglio Kürzung<br />

l’ateneo Universität<br />

la borsa<br />

di studio Stipendium<br />

il quadro Bild<br />

Zucchero<br />

Fornaciari è in<br />

tour con il suo<br />

ultimo disco,<br />

La sesión<br />

cubana.<br />

ATTUALITÀ<br />

ADDIO UNIVERSITÀ<br />

Sono 58.000 gli studenti persi<br />

dall’Università italiana negli<br />

ultimi <strong>die</strong>ci anni. Tanti quanti<br />

può ospitarne l’intera Università<br />

Statale di Milano. La denuncia<br />

viene dal Consiglio universitario<br />

nazionale: le iscrizioni sono calate<br />

del 4% in tre anni. E di conseguenza<br />

è diminuito anche il numero<br />

dei laureati, tanto che nel<br />

2012 eravamo al 34° posto su 36<br />

nella classifica dei laureati.<br />

Tra le cause, come sempre, i tagli<br />

dovuti alla crisi economica, che<br />

ha diminuito i fondi agli atenei e<br />

ridotto l’offerta di corsi, di borse<br />

di studio e il personale docente.<br />

Un quadro tragico che riguarda<br />

tutto il territorio italiano, a<br />

esclusione di Piemonte e Trentino,<br />

dove le immatricolazioni aumentano<br />

invece di diminuire.<br />

9<br />

VINCI IL CD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung ] dei CD in palio.<br />

Entro il 29 maggio vai alla pagina www.adessoonline.de/<br />

gewinnspiel oppure spedisci una cartolina al<br />

seguente indirizzo: Spotlight Verlag, <strong>ADESSO</strong>,<br />

CD del mese - La sesión cubana, Fraunhoferstr. 22,<br />

D-82152 Planegg. Per chi non vince, il CD è in<br />

vendita, insieme a tanti altri capolavori<br />

della musica italiana, da: MUSIC PARADISE,<br />

Rebgasse 49, CH-4058 Basel,<br />

tel. (0041) 61 681 92 407,<br />

fax (0041) 61 681 21 27.<br />

e-mail imp@musicparadise.ch<br />

www.musicparadise.ch<br />

Facebook Music Paradise


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

10<br />

Creata da tre<br />

giovani italiani,<br />

Atooma permette di<br />

insegnare al cellulare<br />

come eseguire<br />

vari compiti.<br />

ATTUALITÀ<br />

LA APP MIGLIORE DEL MONDO<br />

Si chiama Atooma ed è stata premiata al<br />

World Mobile Congress di Barcellona come<br />

“l’applicazione migliore del mondo”. Creata<br />

da quattro italiani di 27 anni, Atooma permette di<br />

istruire lo smartphone senza essere dei programmatori.<br />

In pratica, scaricando questa applicazione<br />

(a oggi solo per Android), si può insegnare al<br />

proprio cellulare come eseguire vari compiti,<br />

come mandare da solo un sms quando si arriva a<br />

casa, attivare il vivavoce se si è in macchina,<br />

eliminare la suoneria sul posto di lavoro e altre<br />

operazioni più complesse. Complimenti ai giovani<br />

creatori, che rappresentano il successo delle<br />

start-up italiane!<br />

IL PERCHÉ<br />

LE FRASCHETTE<br />

Perché nel Lazio alcune osterie sono<br />

chiamate “fraschette”? Annette Krause<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice<br />

dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.<br />

Il termine popolare fraschetta indica un particolare<br />

tipo di osteria diffusa principalmente<br />

nella zona dei Castelli Romani, nel Lazio. Anticamente si<br />

metteva sopra l’ingresso del locale un ramoscello o una<br />

frasca (l’equivalente di una moderna insegna) a indicare<br />

che lì si poteva trovare il vino. Un tempo, infatti, le fraschette<br />

non servivano da mangiare, ma offrivano solo un<br />

posto per sedersi e bere un vino rustico da accompagnare<br />

al pane e al companatico che ci si portava da casa. All’interno<br />

c’erano semplici tavoli di legno grezzo coperti da fogli<br />

bianchi al posto della tovaglia. Da un lato c’erano le<br />

botti dalle quali si spillava il vino. In fondo al locale, interrata,<br />

generalmente si trovava la cantina, dove i gestori<br />

conservavano il vino. Le fraschette erano molto diffuse nel<br />

Medioevo, ma forse la loro origine risale addirittura all’epoca<br />

romana, quando i contadini delle campagne, in<br />

viaggio verso la capitale per vendere i propri prodotti, avevano<br />

bisogno di punti di ristoro lungo il tragitto. Ancora<br />

oggi esistono alcune fraschette, ma hanno perso il carattere<br />

di spartana essenzialità: al loro interno è possibile<br />

comprare generi alimentari e fare un pasto completo, ma<br />

soprattutto si può degustare il vino “sciolto”, cioè non imbottigliato,<br />

ma spillato direttamente dalle botti e servito in<br />

caraffe di varie dimensioni. Ogni caraffa ha un suo nome<br />

tradizionale: quella da 2 litri è detta boccale, quella da 1 litro<br />

mezzo boccale, da mezzo litro fojetta e quella da un<br />

quarto, ovviamente, quartino. I piatti serviti nelle moderne<br />

fraschette sono quelli tipici del Lazio, come la pasta alla<br />

carbonara e la porchetta, cioè il maiale disossato e cotto<br />

intero nel forno, insaporito con sale, pepe, aglio ed erbe<br />

aromatiche.<br />

Inviate i vostri perché a: adesso@spotlight-verlag.de<br />

© www.franzrusso.it, shutterstock (2), Ansa<br />

ATOOMA<br />

istruire anweisen<br />

scaricare herunterladen<br />

il compito Aufgabe<br />

il vivavoce Freisprechanlage<br />

eliminare hier: ausschalten<br />

la suoneria Klingelton<br />

IL PERCHÉ<br />

il ramoscello Zweig<br />

la frasca Buschen<br />

il companatico<br />

la botte<br />

spillare<br />

interrato<br />

la cantina<br />

il gestore<br />

il ristoro<br />

il tragitto<br />

sciolto<br />

disossato<br />

le erbe (pl.)<br />

aromatiche<br />

Brotbelag<br />

Fass<br />

zapfen<br />

unterirdisch<br />

Keller<br />

Betreiber<br />

Erquickung<br />

Fahrt<br />

hier: offen<br />

entbeint<br />

Gewürz-<br />

kräuter<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


LA PAROLA DEL MESE<br />

TSUNAMI<br />

Una gigantesca onda si è abbattuta sul mondo politico<br />

italiano, quella del Movimento 5 Stelle (M5S) di<br />

Beppe Grillo (vedi pag. 24). Uno tsunami che con forza<br />

dirompente ha travolto tutti e tutto, a cominciare<br />

dal parlamento. Il parlamento italiano era infatti uno<br />

dei più “vecchi” d’Europa, con un’età media di 55 anni.<br />

Oggi, invece, con 48 anni di media, è diventato più<br />

l’onda<br />

abbattersi<br />

Welle<br />

hereinbrechen<br />

Spreng-<br />

kraft<br />

durchschnittlich<br />

la forza dirompente<br />

medio<br />

Beitrag<br />

Verjün-<br />

gung<br />

gebildet<br />

mit Stu<strong>die</strong>nabschluss<br />

il ringiovanimento<br />

colto<br />

laureato<br />

primeggiare<br />

non c’è<br />

che dire!<br />

il contributo<br />

führen<br />

dagegen<br />

ist nichts<br />

zu sagen!<br />

Beppe Grillo (64),<br />

leader del Movimento 5 Stelle.<br />

giovane persino di quello statunitense, dove la media è sopra i 50 anni. I 165 neoparlamentari del M5S, con i loro<br />

37 anni di media, hanno dato il contributo maggiore a questo ringiovanimento. Lo tsunami grillino non ha solo<br />

ringiovanito il parlamento italiano, lo ha anche colorato di rosa, con il 44% di donne tra i neoeletti. Dall’inizio<br />

della storia repubblicana, non si erano mai viste tante donne in parlamento. La presenza femminile nelle due camere<br />

è passata dal 20% della scorsa legislatura al 31% di oggi. Anche<br />

nel Partito democratico (Pd) la percentuale di donne neoelette è<br />

cresciuta (35%). Il partito più maschilista rimane la Lega Nord, con<br />

solo il 5% tra deputate e senatrici. Il parlamento di oggi è più giovane,<br />

più rosa ma anche più colto. Infatti la percentuale di deputati<br />

laureati è aumentata, rispetto alla passata legislatura. Anche in questo<br />

campo primeggiano i parlamentari 5 Stelle con l’88% di laureati,<br />

seguiti a ruota dal gruppo di Scelta civica, il movimento di Mario<br />

Monti, con l’81%. Una bella rivoluzione, non c’è che dire! S.Viola<br />

SERIÖS UND UNVERBINDLICH<br />

ILLEGALER<br />

AUDIO-DOWNLOAD<br />

Testen Sie gratis den aktuellen<br />

Audio-Sprachtrainer von <strong>ADESSO</strong>!<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Il modo più piacevole e divertente di imparare l'italiano!<br />

PRATICO E INFORMATIVO<br />

In circa un'ora di ascolto [Hörzeit], viaggi, interviste,<br />

cultura, musica, attualità, reportage e tanti<br />

esercizi! Nel booklet accluso [beiliegend] trovate<br />

tutti i testi e le soluzioni degli esercizi, per<br />

seguire anche con la lettura ed esercitarvi in modo<br />

pratico.<br />

QUANDO E DOVE VOLETE<br />

In auto, sull'autobus, mentre passeggiate [passeggiare:<br />

spazieren gehen], fate jogging, oppure<br />

vi rilassate a casa vostra, avete la possibilità di<br />

migliorare la pronuncia [Aussprache] e arricchire<br />

[hier: erweitern] il vostro vocabolario.<br />

SCARICATELO <strong>ADESSO</strong>!<br />

www.spotlight-verlag.de/audio-test


<strong>Fuga</strong> di <strong>primavera</strong><br />

D’ELBA<br />

12<br />

ISOLA<br />

<strong>Elba</strong> ist eine kleine Welt für sich, ein Mini-Italien mit Bergen, Traumstränden,<br />

Natur für Wander- und Radtouren, aber auch Kunst, Kultur und Extravaganz.<br />

Alles mitten im tiefblauen Meer vor der toskanischen Küste.<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

Sopra: uno scorcio del<br />

paese e della spiaggia di<br />

Rio Marina. Qui: in bici<br />

sull’isola. Nell’altra<br />

pagina: la spiaggia di<br />

Portoferraio.<br />

LA GUARDI SULLA CARTINA E, PICCOLA<br />

Isola<br />

COM’È, TI DICI CHE NO, NON È POSSId’<strong>Elba</strong><br />

BILE. Non è possibile che l’isola d’<strong>Elba</strong> sia<br />

davvero quella che raccontano, un’Italia in<br />

miniatura. In appena 220 chilometri quadrati<br />

si troverebbe un concentrato di tutte le<br />

bellezze che il Belpaese è in grado di offrire? Invece sì, è<br />

proprio vero. Cercate il meglio delle spiagge mediterranee?<br />

All’<strong>Elba</strong> c’è solo l’imbarazzo della scelta. Preferite la montagna?<br />

Nessun problema, all’<strong>Elba</strong> la trovate. Volete la città<br />

d’arte? Chiedete (all’<strong>Elba</strong>) e vi sarà dato. Se scegliete di<br />

fare una vacanza in questa piccola meraviglia dell’arcipelago<br />

toscano, sappiate che vi<br />

la fuga di kurze aspetta molto più che “mare<br />

<strong>primavera</strong> Frühlingsreise<br />

in miniatura in klein, Modellessere<br />

in der Lage dana: l’isola d’<strong>Elba</strong> è una ve-<br />

e sole”, tintarella e vita mon-<br />

in grado sein<br />

ra e propria nazione in miniatura<br />

di 30.000 abitanti,<br />

offrire bieten<br />

l’imbarazzo<br />

della scelta Qual der Wahl dove non si finisce mai di<br />

la tintarella Sonnenbräune<br />

stupirsi sich wundern stupirsi per la varietà di luoghi,<br />

ambienti e la varietà Vielfalt<br />

culture.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


VIAGGI - ISOLA D’ELBA<br />

13<br />

© Huber/Sime (2), E. Caracciolo<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


VIAGGI - ISOLA D’ELBA<br />

TREKKING IN MONTAGNA<br />

Dicevamo che l’isola d’<strong>Elba</strong> non è solo mare, ma anche<br />

montagna ed escursionismo. Per esempio, non si può trascurare<br />

il MONTE CAPANNE, che domina l’<strong>Elba</strong> dall’alto<br />

dei suoi 1.019 metri. Da lassù, dove si può arrivare<br />

con un’attrezzata cabinovia, nelle giornate limpide si possono<br />

ammirare tutte le altre isolette dell’arcipelago toscano.<br />

Ci sono innumerevoli sentieri da percorrere e, con<br />

un po’ di fortuna, si possono ammirare isolati branchi di<br />

mufloni e il volo di qualche rapace solitario. Del resto, la<br />

salita al Monte Capanne può diventare la tappa di un itinerario<br />

più articolato, molto consigliato a chi vuole scoprire<br />

le bellezze dell’<strong>Elba</strong> con gli scarponcini ai piedi: si<br />

tratta del cosiddetto “anello occidentale”.<br />

Si parte dall’abitato di Procchio e, dopo avere superato il<br />

cosiddetto isolotto della Paolina (dove pare la Bonaparte<br />

si bagnasse nuda), si arriva a Marciana Marina. Da qui si<br />

prende la strada in ripida salita che conduce a Marciana<br />

Alta, da dove parte la cabinovia. Su un contrafforte del<br />

Monte Capanne, imperdibile il paesino di Poggio, che va<br />

percorso tutto fino ad arrivare alla Porta me<strong>die</strong>vale dei Lorena,<br />

da cui si gode di una vista incantevole. Poi si prosegue<br />

scendendo verso la costa, passando per i borghi di<br />

trascurare<br />

la cabinovia<br />

limpido<br />

il sentiero<br />

il branco<br />

il rapace<br />

solitario<br />

la salita<br />

l’itinerario<br />

vernachlässigen<br />

Seilbahn<br />

klar<br />

Pfad<br />

Herde<br />

Raubvogel<br />

einsam<br />

Aufstieg<br />

Route<br />

articolato<br />

lo scarponcino<br />

l’abitato<br />

ripido<br />

condurre<br />

il contrafforte<br />

godere<br />

interminabile<br />

la striscia<br />

la caletta<br />

di pietrisco<br />

mehrteilig<br />

Wanderschuh<br />

Stadtgebiet<br />

steil<br />

führen<br />

Ausläufer<br />

genießen<br />

endlos<br />

Streifen<br />

Kiesbucht<br />

Sant’Andrea e Colle d’Orano. A un certo punto della strada<br />

si piega verso Chiessi e si prosegue fino ad arrivare al<br />

Golfo di Fetovaia, considerato a buon diritto uno dei luoghi<br />

più belli dell’isola. Continuando il giro, si raggiunge il<br />

paesino di Seccheto, la spiaggia di Cavoli e, finalmente,<br />

Marina di Campo, che segna la fine del nostro itinerario.<br />

UN TUFFO NEL MARE PIÙ BLU<br />

Passando dalla montagna al mare, ci troviamo a tu per<br />

tu con una straordinaria varietà di meraviglie. All’<strong>Elba</strong><br />

non c’è una spiaggia uguale all’altra: interminabili strisce<br />

di sabbia dorata, come quelle della Biodola e di Procchio,<br />

si alternano a minuscole calette di pietrisco, come<br />

quella della Madonna delle Grazie. Ci sono spiagge di<br />

14<br />

Da sinistra (in senso<br />

orario): una barca-bar<br />

presso la spiaggia della<br />

Padulella, vicino a Capo<br />

Bianco; la spiaggia di<br />

Cavoli e il sentiero<br />

sul Monte Capanne.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


NON SOLO MARE E “TINTARELLA”<br />

In senso orario: un tuffo in prossimità<br />

dello Scoglietto, la piccola isola al largo<br />

di Portoferraio; un’immagine aerea<br />

dell’isola d’<strong>Elba</strong>; il golfo di Fetovaia.<br />

sabbia nera come la pece, come l’Innamorata, e candide<br />

“ciottolaie”, come Sansone, e incantevoli solarium scolpiti<br />

nel granito, come Sant’Andrea. Tra l’altro, in un periodo<br />

di crisi come questo, fa piacere sapere che le spiagge<br />

dell’isola d’<strong>Elba</strong> sono quasi tutte libere, pur essendo servite<br />

da bar, ristoranti e stabilimenti, per chi cerca il massimo<br />

del comfort. Inoltre, alcune zone balneabili, tra cui<br />

una parte delle spiagge di Schiopparello e Marciana Marina,<br />

sono attrezzate anche per i cani.<br />

Detto questo, gli esperti conoscitori dell’isola danno<br />

qualche dritta su dove fare il bagno. Una delle spiagge più<br />

gettonate è quella della BIODOLA, che si trova tra Portoferraio<br />

e Procchio. Si tratta di 600 metri di sabbia finissima<br />

(quindi ideale anche per chi ha bambini<br />

“maniaci” di paletta e secchiello) costellata<br />

qua e là da macchia mediterranea<br />

che arriva fino al mare. Per il<br />

fondale, che digrada dolcemente consentendo<br />

di “passeggiare” in acqua, e<br />

la presenza di bellissimi alberghi, la<br />

Biodola è il luogo ideale per chi ama il<br />

massimo relax. L’unico neo è che si deve<br />

parcheggiare sul ciglio della strada,<br />

magari un po’ lontano, soprattutto nei<br />

periodi più affollati dell’estate.<br />

Altra spiaggia incantevole è L’INNAMORATA, a circa 5<br />

chilometri da Capoliveri. Celebre fra i turisti per gli incantevoli<br />

tramonti e il mare<br />

che, in certi giorni, sembra<br />

cristallo liquido, il 14 luglio<br />

di ogni anno ospita la rievocazione<br />

di una leggenda<br />

che risale al Cinquecento. I<br />

protagonisti sono due innamorati,<br />

Lorenzo e Maria.<br />

Una spettacolare fiaccolata<br />

e una sfilata di figuranti in<br />

abiti d’epoca ricordano il<br />

sacrificio della ragazza, gettatasi<br />

in mare per salvare il<br />

fidanzato rapito dai pirati.<br />

Di lei si ritrovò solo lo scialle,<br />

abbandonato dai flutti<br />

su uno scoglio.<br />

Una spiaggia ideale per<br />

chi ha figli piccoli è quella<br />

di MARINA DI CAMPO:<br />

la sabbia è finissima e, per<br />

oltre 50 metri dalla riva, si<br />

cammina senza che l’acqua<br />

superi l’altezza della<br />

vita. Inoltre è attaccata al<br />

centro abitato, quindi se si<br />

alloggia nelle vicinanze<br />

non c’è bisogno di prennero<br />

come<br />

la pece<br />

candido<br />

la ciottolaia<br />

il solarium<br />

la spiaggia<br />

libera<br />

la zona<br />

balneabile<br />

dare qualche<br />

dritta<br />

gettonato<br />

digradare<br />

il neo<br />

il ciglio<br />

della strada<br />

affollato<br />

ospitare<br />

il/la protagonista<br />

la fiaccolata<br />

la sfilata<br />

d’epoca<br />

il sacrificio<br />

il fidanzato<br />

superare<br />

la vita<br />

pechschwarz<br />

schneeweiß<br />

steiniger Strand<br />

Sonnenterrasse<br />

öffentlicher<br />

Strand<br />

Badebereich<br />

ein paar<br />

Tipps geben<br />

beliebt<br />

abfallen<br />

Schönheitsfehler<br />

Straßenrand<br />

überfüllt<br />

hier: Platz<br />

bieten<br />

Hauptfigur<br />

Fackelzug<br />

Korso<br />

historisch<br />

Opfer<br />

Verlobter<br />

übersteigen<br />

hier: Taille<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

A questa magnifica isola<br />

è dedicato un esercizio nella<br />

rubrica Grammatica.<br />

© Huber/Sime (2), R. Jahns/Fotofinder, F. Bonfirraro/A.S.D. Non Solo Velisti, LAIF


VIAGGI - ISOLA D’ELBA<br />

16<br />

© Huber/Sime (3), Marka (2), G. Santoni, Shutterstock<br />

Polpo con peperoni friggitelli del<br />

ristorante Il Chiasso, Capoliveri.<br />

L’ELBA<br />

A TAVOLA<br />

il buon- Feingustaio<br />

schmecker<br />

il versante Seite, Hang<br />

il baccalà Klippfisch<br />

il prezzemolo Petersil<br />

il peperone Paprika<br />

fare coppia gut zusammen<br />

passen<br />

per secoli jahrhundertelang<br />

recarsi sich begeben<br />

il totano Tintenfisch<br />

la bietola Mangold<br />

il cece Kichererbse<br />

la mandorla Mandel<br />

Alchermes: sehr süßer roter<br />

Likör aus Gewürznelken, Zimt,<br />

Vanille und Kräutern<br />

l’anice m. Anis<br />

la ciambella Kringel<br />

lievitato Hefe-<br />

Trasformare gli ingre<strong>die</strong>nti semplici della tradizione<br />

contadina e marinara in vere e proprie leccornie da<br />

buongustai. È questa, in sintesi, la filosofia della cucina<br />

dell’isola d’<strong>Elba</strong>.<br />

Pezzo forte del menu elbano, tipico del versante orientale<br />

dell’isola, è lo stoccafisso alla riese, chiamato anche sburrita,<br />

che è una zuppa di baccalà con acciughe sotto sale,<br />

cipolla, pomodori, basilico, prezzemolo, peperoni, olio, peperoncino<br />

e sale. Fa coppia, a proposito di piatti “poveri”,<br />

con il gurguglione, ovvero stufato di peperoni e melanzane,<br />

che a Porto Azzurro, per influenza del dominio spagnolo,<br />

è chiamato anche gaspaccio ed è stato per secoli<br />

il cibo di minatori e contadini che si recavano al lavoro. Arrivano<br />

direttamente dal mare prelibatezze come il totano<br />

con le bietole, ripieno o semplicemente alla diavola (cotto<br />

in padella con aglio, olio,<br />

rosmarino, vino bianco e<br />

abbondante peperoncino),<br />

il baccalà con i ceci e il<br />

polpo con le patate, detto<br />

all’elbana.<br />

Quanto ai dolci, l’assortimento<br />

è ricchissimo e prevede<br />

la schiaccia briaca,<br />

preparata con uvetta, pinoli,<br />

noci, mandorle, nocciole,<br />

olio, vino e Alchermes; la<br />

sportella, cioè pane con gli<br />

anici a forma di ciambella<br />

con le estremità che si incrociano,<br />

sovrapponendosi,<br />

e il corollo, un ciambellone<br />

lievitato e cotto nel<br />

forno dopo il pane.<br />

dere la macchina. C’è anche<br />

chi arriva tranquillamente<br />

al mare con il passeggino,<br />

il passeggino<br />

granuloso<br />

il capoluogo<br />

Kinderwagen<br />

körnig<br />

Hauptstadt<br />

per poi “parcheg-<br />

il giacimento<br />

minerario Erzlager<br />

giarlo” in un’area apposita. sbarcare landen<br />

Più adatta ai giovani in<br />

compagnia, perché offre la<br />

il traghetto<br />

la darsena<br />

Fähre<br />

del porto Hafenbecken<br />

possibilità di fare sport e di<br />

imponente stattlich<br />

costruirsi un’abbronzatura il reperto Fundstück<br />

perfetta, è invece la spiaggia<br />

di CAVOLI, raggiungibile facilmente in auto: è circondata<br />

dalla macchia mediterranea e ha un fondo di sabbia<br />

granulosa, quella che non si attacca alla pelle.<br />

A SPASSO FRA ARTE E STORIA<br />

Passiamo ora all’<strong>Elba</strong> delle cittadine e cominciamo dal capoluogo,<br />

PORTOFERRAIO, città celebre fin dai tempi<br />

dei Greci e dei Romani per i suoi giacimenti minerari.<br />

Qui si sbarca dal traghetto e la prima meraviglia – a parte<br />

la darsena del porto, considerato “il più sicuro al mondo”<br />

perfino dall’ammiraglio Nelson – è l’imponente Fortezza<br />

della Linguella, che ospita un interessante Museo<br />

civico archeologico con molti reperti di epoca etrusca.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


VIAGGI - ISOLA D’ELBA<br />

L’ISOLA DI NAPOLEONE<br />

Nell’altra pagina: Piazza Cavour<br />

e la Porta del Mare, a<br />

Portoferraio. Qui (in senso<br />

orario): il Monte Capanne e il<br />

paese di Marciana Alta; Marciana<br />

Marina; un’abitazione tipica a<br />

Portoferraio; la chiesa di Santa<br />

Chiara a Marciana Marina; uno<br />

scorcio del golfo di Fetovaia.<br />

17<br />

Addentrandosi nel centro storico, caratterizzato da vie<br />

strette e tortuose che si alternano a scalinate e sfociano in<br />

piazzette panoramiche, si arriva all’imponente Forte Falcone,<br />

di epoca medicea, che è il punto più alto della città.<br />

Da qui si ammira un bellissimo panorama e non si può<br />

fare a meno di notare uno stupefacente edificio situato<br />

più a valle, Villa dei Mulini. Costruita nel 1724 dal granduca<br />

Gian Gastone de’ Medici, la villa fu abitata da Napoleone<br />

Bonaparte durante il suo “periodo elbano”. Si entra<br />

dal pian terreno e si<br />

addentrarsi eindringen<br />

tortuoso verschlungen<br />

alternarsi a sich<br />

abwechseln<br />

la scalinata Treppe<br />

sfociare einmünden<br />

non poter fare nicht anders<br />

a meno di können als<br />

l’edificio Gebäude<br />

il periodo elbano: vedi pag. 67<br />

il pian terreno Erdgeschoss<br />

la stanza<br />

dei valletti Knappensaal<br />

possono visitare, nell’ordine,<br />

il grande salone, la biblioteca,<br />

la camera da letto,<br />

lo studio e la stanza dei<br />

valletti. Notevole il giardino,<br />

che si estende tra la palazzina<br />

e il mare, ornato da<br />

due belle statue, tra cui<br />

una di Minerva che si dice<br />

risalente all’antica Grecia.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


VIAGGI - ISOLA D’ELBA<br />

UN ROMANTICO BORGO MEDIEVALE<br />

Arroccato sulla collina, il paese di<br />

Capoliveri ha stretti vicoli con arcate.<br />

Poco lontano ci sono splendide spiagge.<br />

18<br />

© Huber/Sime (2)<br />

ISOLA D’ELBA<br />

INFORMAZIONI<br />

www.aptelba.it<br />

COME ARRIVARE<br />

In traghetto da Piombino (LI):<br />

www.toremar.it<br />

www.moby.it<br />

www.blunavytraghetti.com<br />

MANGIARE<br />

CAFFESCONDIDO<br />

Via del Carmine 65<br />

57037 Portoferraio<br />

+39 340 3400881.<br />

Atmosfera accogliente e cucina<br />

tradizionale a base di pesce.<br />

DA ORESTE ALLA STREGA<br />

Piazza Vittorio Emanuele 6<br />

57038 Rio Marina<br />

+39 0565 962211.<br />

Cucina con prodotti di stagione.<br />

Non perdete lo stoccafisso alla<br />

riese, con pinoli, capperi e olive.<br />

LA BOTTE GAIA<br />

Viale Europa 5/7<br />

57036 Porto Azzurro<br />

+39 0565 95607.<br />

www.labottegaia.com<br />

Ristorante con ampia lista di vini<br />

e cucina a base di pesce.<br />

OSTERIA DEL NOCE<br />

Via della Madonna 14<br />

57030 Marciana<br />

+39 0565 901284.<br />

www.osteriadelnoce.it<br />

Cucina creativa elbana e ligure.<br />

Bella la terrazza panoramica.<br />

SUMMERTIME<br />

Via Roma 56<br />

Capoliveri<br />

+39 0565 935180.<br />

Rustico e accogliente, propone<br />

piatti della tradizione elbana.<br />

la, oltre a Portoferraio, vale assolutamente la pena di visitare<br />

CAPOLIVERI, un delizioso borgo me<strong>die</strong>vale arroccato<br />

su una piccola collina con vista sul mare. Sugli stretti<br />

vicoli ad arcate, chiamati “chiassi”, si affacciano botteghe<br />

tipiche. Splendida la costa circostante, caratterizzata da<br />

numerose insenature e piccole baie, come quelle di Morcone,<br />

Pareti, l’Innamorata, un tempo centri di pescatori e<br />

ora rinomati luoghi di villeggiatura. La sera, poi, tutti a fare<br />

vita mondana nella parte alta del paese! Si può lasciare<br />

la macchina negli ampi parcheggi alla base della collina<br />

e usare le navette gratuite per arrivare a destinazione.<br />

Bellissima anche MARCIANA MARINA, dove le casette<br />

dai colori pastello creano un meraviglioso contrasto<br />

con il blu profondo del mare. L’esteso lungomare, seil<br />

capriccio<br />

dovere<br />

il cimelio<br />

il comune<br />

me<strong>die</strong>vale<br />

arroccato<br />

la collina<br />

circostante<br />

l’insenatura<br />

la baia<br />

la villeggiatura<br />

la navetta<br />

blu profondo<br />

il lungomare<br />

Laune<br />

hier:<br />

verdanken<br />

Kleinod<br />

Gemeinde<br />

mittelalterlich<br />

hier: thronend<br />

Hügel<br />

umliegend<br />

Einbuchtung<br />

Bucht<br />

Sommerfrische<br />

Shuttle<br />

tiefblau<br />

Strandpromenade<br />

Chi fosse interessato ai capricci napoleonici deve visitare<br />

Villa San Martino, che si trova in aperta campagna, a circa<br />

5 chilometri da Portoferraio. La maestosa architettura<br />

neoclassica dell’edificio si deve al conte Anatolio Demidoff,<br />

marito di una nipote<br />

di Napoleone, che nel 1851<br />

volle costruire un ambiente<br />

degno dell’illustre parente<br />

acquisito. Non per<br />

niente il pezzo forte della<br />

villa è la cosiddetta Galleria<br />

Demidoff, piena di cimeli<br />

napoleonici, dove si trova<br />

anche la splendida statua<br />

di Galatea, del Canova, per<br />

la quale sembra abbia posato<br />

Paolina Borghese.<br />

Degli otto comuni dell’iso-<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Die Produkte erscheinen im Spotlight Verlag, Fraunhoferstraße 22, 82152 Planegg/Deutschland, Amtsgericht München HRB 179611, Geschäftsführer: Dr. Wolfgang Stock<br />

Das Angebot des Jahres.<br />

Jetzt 30% sparen und 2 Ausgaben<br />

<strong>ADESSO</strong> testen.<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten Übungen und<br />

spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft, Kultur und Reisen.<br />

Ihr Vorteil:<br />

€ 9,60<br />

statt € 13,80<br />

Jetzt bestellen und Vorteilspreis sichern!<br />

Einfach Bestellkarte ausfüllen und abschicken, E-Mail an abo@spotlight-verlag.de, Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16<br />

oder weitere Infos unter www.adesso-online.de/minimagazin<br />

Bestellkarte<br />

Ich bestelle ein Miniabo von:<br />

✓<br />

<strong>ADESSO</strong> Magazin<br />

2 Ausgaben zum Vorzugspreis von € 9,60 / SFR 14,40<br />

Sie erhalten 2x <strong>die</strong> jeweils neueste Magazin-Ausgabe.<br />

Wenn ich mich nicht 10 Tage nach Erhalt der zweiten Ausgabe bei Ihnen melde,<br />

möchte ich das Abonnement automatisch um 12 Ausgaben verlängern, zum<br />

Vorzugspreis von € 74,40 / SFR 111,60.<br />

Die Belieferung kann ich nach Ablauf des ersten Bezugs zeitraums jederzeit beenden<br />

– mit Geld-zurück-Garantie für bezahlte, aber noch nicht gelieferte Ausgaben.<br />

Meine Adresse:<br />

Privatanschrift Dienstanschrift<br />

Name Institution/Firma<br />

Familienname, Vorname<br />

Straße, Hausnummer<br />

Land, PLZ, Ort<br />

Bitte freimachen,<br />

falls Marke zur Hand<br />

oder faxen:<br />

+49(0)89/85681-159<br />

In den Preisen sind <strong>die</strong> Versandkosten für Deutschland enthalten. Bei Versand ins<br />

Ausland werden <strong>die</strong> Porto-Mehrkosten berechnet. Weitere Details finden Sie unter<br />

spotlight-verlag.de/faq.<br />

Widerrufsrecht: Diese Bestellung kann ich innerhalb der folgenden 14 Tage<br />

schriftlich ohne Begründung bei der Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstraße 22,<br />

82152 Planegg/Deutschland widerrufen.<br />

E-Mail<br />

Senden Sie mir auch <strong>die</strong> kostenlose Unterrichtsbeilage (nur für Besteller in Lehrberufen)<br />

Ich arbeite in Schule Erwachsenenbildung 809.C10<br />

Ich bin damit einverstanden, dass der Spotlight Verlag mich per Post oder E-Mail<br />

über Angebote informiert. Dieses Einverständnis kann ich jederzeit widerrufen.<br />

X<br />

Datum, Unterschrift<br />

600.040<br />

ANTWORT<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Fraunhoferstraße 22<br />

82152 Planegg/München<br />

Deutschland


Unser Beitrag zu mehr Verständigung.<br />

Alles auf einen Blick unter www.adesso-online.de/komplett<br />

<strong>ADESSO</strong> – das Magazin für Ihr Italienisch<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten Übungen und<br />

spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft, Kultur und Reisen.<br />

Inklusive Online-Zugang zum Premium-Bereich.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus – das Übungsheft<br />

Vertiefen Sie Ihre Grammatik- und Wortschatzkenntnisse! 24-seitiges Übungsheft<br />

in praktischem Pocket-Format für alle, <strong>die</strong> sich ihre Lieblingssprache systematisch<br />

aneignen möchten.<br />

<strong>ADESSO</strong> Audio – Italienisch-Training, das ins Ohr geht<br />

Trainieren Sie Ihr Hörverständnis! Die CD umfasst rund eine Stunde Texte, Interviews<br />

und Sprachübungen. Das Begleit-Booklet ergänzt Aufgaben und Texte zum Mitlesen.<br />

Lehrerbeilage – Bestnoten für Ihren Unterricht<br />

Kostenlose Tipps und Ideen für Abonnenten in Lehrberufen! Das Lehrmaterial ist<br />

in drei verschiedenen Niveaustufen aufbereitet. Sie erhalten <strong>die</strong> Beilage auf Anfrage<br />

zusammen mit Ihrem Magazin.<br />

Premium-Abo – das Online-Extra<br />

Erhalten Sie unbegrenzten Zugriff auf Texte, Übungen und Archiv!<br />

Die umfassende Online-Plattform bietet Ihnen aktuelle Beiträge und einen großen<br />

Pool an interaktiven Übungen. Das Premium-Abo ist bereits kostenlos im Magazin-<br />

Abo enthalten.<br />

Mehr Informationen unter www.adesso-online.de/komplett<br />

Bei Rückfragen erreichen Sie uns unter E-Mail abo@spotlight-verlag.de oder Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16.


gnato da un secolare filare di tamerici, si presta a romantiche<br />

passeggiate al tramonto che portano fino al rione<br />

del Cotone, nel quale antichi edifici si affacciano su<br />

scogli a strapiombo sul mare e le barche sono tirate a secco<br />

fin sulla porta di casa. Del resto, Marciana non può<br />

non tradire l’antica tradizione marinara, anche perché<br />

questo era il centro elbano famoso per la pesca del tonno,<br />

che veniva esportato, ma anche utilizzato per la buzzamaglia,<br />

il tipico stufato locale.<br />

Poi c’è RIO MARINA, chiamata a buon diritto “la capitale<br />

del ferro”. Qui un tempo tutto ruotava intorno all’estrazione<br />

e al trasporto di questo metallo. Il suo colore rossastro<br />

impregna ancora le facciate delle case, le spiagge<br />

e gli stessi fondali. Dopo<br />

il filare Reihe la chiusura delle miniere,<br />

la tamerice Tamariske<br />

il rione Stadtviertel l’attività estrattiva ha lasciato<br />

il posto allo sviluppo<br />

lo scoglio Felsen<br />

a strapiombo über das Meer<br />

turistico, ma ancora oggi<br />

sul mare hängend<br />

tirare a secco an Land ziehen la “civiltà del ferro” di Rio<br />

tradire verraten Marina può essere ricostruita<br />

visitando il Museo<br />

il tonno Thunfisch<br />

lo stufato Geschmortes<br />

a buon diritto mit Fug und mineralogico comunale.<br />

Recht<br />

Dopo tante bellezze, vi<br />

il ferro Eisen<br />

l’estrazione f. Abbau sentirete forse stanchi, ma<br />

il fondale Meeresboden con gli occhi e il cuore pieni<br />

di meraviglia per questa<br />

l’attività<br />

estrattiva Fördertätigkeit<br />

lo sviluppo Entwicklung briciola di Toscana che si è<br />

la briciola Krümel, hier:<br />

messa a scimmiottare in<br />

äußerste Ecke<br />

scimmiottare nachmachen versione mignon l’intero<br />

mignon hier: Miniatur- Belpaese.<br />

La Villa dei Mulini, a<br />

Portoferraio, fu abitata da<br />

Napoleone Bonaparte.<br />

IN BICI FRA<br />

CIELO E MARE<br />

Testo e foto: Enrico Caracciolo<br />

Non solo mare e sole, spiagge e scogli, ma anche<br />

sentieri che si snodano nel cuore dell’isola d’<strong>Elba</strong>,<br />

traiettorie spettacolari lungo coste solitarie, in<br />

mezzo a vigneti, oliveti, avvolte nei profumi di erbe<br />

aromatiche. L’isola è<br />

lo scoglio<br />

il sentiero<br />

snodarsi<br />

la traiettoria<br />

il vigneto<br />

il minatore<br />

la fonte<br />

allenarsi<br />

l’infortunio<br />

dissetarsi<br />

il campione<br />

in fuga<br />

Felsen<br />

Pfad<br />

sich<br />

schlängeln<br />

Strecke,<br />

Bahn<br />

Weinberg<br />

Bergmann<br />

Quelle<br />

trainieren<br />

Unfall<br />

Durst<br />

löschen<br />

Meister<br />

auf der<br />

Flucht<br />

hier: Rad-<br />

wegnetz<br />

Schotter-<br />

straße<br />

verschmähen<br />

bedecken,<br />

hier: zurücklegen<br />

la rete di<br />

itinerari<br />

la strada<br />

sterrata<br />

disdegnare<br />

coprire<br />

terra di pescatori, agricoltori,<br />

vecchi minatori,<br />

ma anche di ciclisti.<br />

Sulla strada che da<br />

Porto Azzurro arriva al<br />

bel borgo di Rio nell’<strong>Elba</strong>,<br />

c’è la Fonte di Fausto<br />

Coppi. Il Campionissimo,<br />

verso la fine<br />

della sua carriera, venne<br />

ad allenarsi sulle<br />

strade dell’<strong>Elba</strong> per ritrovare<br />

la forma migliore<br />

dopo un infortunio.<br />

Sulla fonte si legge:<br />

“1960-2010, qui si dissetò<br />

il campione da 50<br />

anni in fuga”. L’isola è<br />

molto amata dai ciclisti,<br />

perché offre un’incredibile<br />

rete di itinerari<br />

adatti agli amanti della<br />

bici da strada in cerca<br />

di percorsi tecnici per<br />

allenarsi, ai bikers che si divertono su sentieri e<br />

strade sterrate, ai cicloturisti che pedalano un po’<br />

ovunque alla ricerca del genius loci, senza disdegnare<br />

soste in bar e osterie, ma anche alle famiglie<br />

con bambini che hanno bisogno di percorsi accessibili<br />

da coprire in relax e sicurezza.<br />

21<br />

1PERCORSO<br />

CALAMITA<br />

Punto di partenza e arrivo: Capoliveri<br />

Distanza: 20 km<br />

Dislivello: 350 m circa<br />

Tipo di strada: prevalentemente sterrata<br />

Difficoltà: medio-facile<br />

L’itinerario, che gira intorno alla montagna, è un<br />

fantastico viaggio in equilibrio tra cielo e mare,<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


VIAGGI - ISOLA D’ELBA<br />

22<br />

adatto per quasi tutti i livelli di preparazione.<br />

In ogni momento è possibile<br />

fare un tuffo in mare da qualche<br />

spiaggia, come quella dell’Innamorata<br />

a ovest e quelle dello Stagnone e<br />

di Capo Calvo a est, oppure piegare<br />

verso il cuore della montagna, tra i<br />

profumi della macchia mediterranea.<br />

Gli amanti del buon vino possono fare<br />

una sosta presso la Tenuta delle<br />

Ripalte, per visitare la cantina e degustare<br />

il leggendario vino Aleatico<br />

dell’isola d’<strong>Elba</strong>. Di grande interesse<br />

sono anche le miniere di Calamita e<br />

Ginevro. www.capoliveribikepark.it<br />

2PERCORSO<br />

DELLE MINIERE<br />

Punto di partenza e arrivo: Capoliveri<br />

Lunghezza: 17 km<br />

Dislivello: 420 m circa<br />

Tipo di strada: prevalentemente<br />

sterrata<br />

Difficoltà: impegnativo<br />

L’itinerario si sviluppa sul versante<br />

occidentale del Monte Calamita e<br />

tocca sia la costa sia l’entroterra, in<br />

un susseguirsi di vedute panoramiche<br />

e ambienti mozzafiato, come<br />

quello che si offre alla vista salendo<br />

al Ponte di Fero. A strapiombo sulla<br />

spiaggia Le Francesche, lo sguardo<br />

vola verso Punta Calamita, la miniera<br />

del Vallone con i vecchi macchinari<br />

dismessi, Montecristo e la Corsica<br />

nel blu intenso del Mar Tirreno.<br />

www.capoliveribikepark.it<br />

3PERCORSO<br />

RIPA EST<br />

Punto di partenza e arrivo: Capoliveri<br />

Lunghezza: 17 km<br />

Dislivello: 410 m circa<br />

Tipo di strada: prevalentemente<br />

sterrata<br />

Difficoltà: medio-impegnativo<br />

L’itinerario esplora il versante orientale<br />

del Monte Calamita e si affaccia<br />

sul litorale della Maremma, fino al<br />

Monte Argentario. Lungo il percorso<br />

sono moltissimi i punti panoramici<br />

con viste emozionanti. Per esempio,<br />

dal Saglione si abbracciano con un<br />

solo colpo d’occhio la rada di Porto<br />

Azzurro, il promontorio delle Cannelle,<br />

il borgo di Rio nell’<strong>Elba</strong>, Portoferraio,<br />

Golfo Stella e il faro di Forte<br />

Focardo. La parte finale del percorso<br />

passa per la Tenuta delle Ripalte, su<br />

strade molto scenografiche.<br />

www.capoliveribikepark.it<br />

Dislivello: 400 m circa<br />

Tipo di strada: asfaltata<br />

Difficoltà: medio-impegnativo<br />

Il Volterraio è l’itinerario storico sulle<br />

strade di Fausto Coppi. Prevede<br />

passaggi spettacolari accanto ai ruderi<br />

dell’antico castello fortificato del<br />

Volterraio e al borgo di Rio nell’<strong>Elba</strong>,<br />

uno dei luoghi più autentici dell’isola.<br />

Per chi volesse degustare un pranzo<br />

tipico accompagnato dall’ottimo vino<br />

Aleatico, in località Magazzini c’è l’azienda<br />

agricola Monte Fabbrello. Più<br />

avanti si trova un’altra perla della viticoltura<br />

locale, l’azienda Acquabona.<br />

PERCORSO 1<br />

il livello di<br />

prepara- Trainiertzione<br />

heitsgrad<br />

fare un tuffo kurz ins<br />

in mare Meer<br />

springen<br />

piegare abbiegen<br />

la cantina Weinkeller,<br />

Keller<br />

PERCORSO 2<br />

impegnativo anspruchsvoll<br />

il versante<br />

occidentale Westhang<br />

l’entroterra Binnenland<br />

mozzafiato atemberaubend<br />

a stra- überpiombo<br />

hängend<br />

i macchinari hier: ver-<br />

(pl.) dismessi lassener<br />

Maschinenpark<br />

PERCORSO 3<br />

esplorare erkunden<br />

affacciarsi hinausgehen<br />

il percorso Strecke<br />

la rada Ankerplatz<br />

il promon- Küstentorio<br />

vorsprung<br />

il faro Leuchtturm<br />

4PERCORSO<br />

VOLTERRAIO<br />

Punto di partenza e arrivo:<br />

Porto Azzurro<br />

Distanza: 24 km<br />

PERCORSO 4<br />

i ruderi pl. Ruine<br />

il castello Festungsfortificato<br />

burg<br />

la viticoltura Weinbau<br />

PERCORSO 5<br />

la suggestione<br />

Eindruck<br />

la strada Küstencostiera<br />

straße<br />

la salita Anstieg<br />

il saliscendi Auf und Ab<br />

il ristoro Erfrischung<br />

il rifornimen- Wasserto<br />

d’acqua vorrat<br />

5ELBA<br />

OVEST<br />

Punto di partenza e arrivo:<br />

Portoferraio<br />

Lunghezza: 76,7 km<br />

Dislivello: 1.310 m circa<br />

Tipo di strada: asfaltata<br />

Difficoltà: impegnativo<br />

È un itinerario di grandi suggestioni<br />

panoramiche. Il tour segue la strada<br />

costiera e aggira l’<strong>Elba</strong> occidentale.<br />

Si passa da Marina di Campo, dalle<br />

splendide spiagge di Cavoli, Fetovaia<br />

e Seccheto e dalla spettacolare<br />

salita verso Marciana e Poggio,<br />

dove ci si può dissetare alla Fonte di<br />

Napoleone. Non ci sono salite troppo<br />

impegnative, ma frequenti saliscendi.<br />

Molte le possibilità di sosta per<br />

ristoro e rifornimento d’acqua.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


VIAGGI - ISOLA D’ELBA<br />

Cavo<br />

Patresi<br />

Chiessi<br />

Capo Sant’Andrea<br />

Pomonte<br />

MARCIANA<br />

6<br />

•<br />

Monte<br />

Capanne<br />

1018<br />

Fetovaia<br />

MARCIANA<br />

MARINA<br />

Cavoli<br />

Procchio<br />

Sant’Ilario<br />

in Campo<br />

CAMPO<br />

NELL’ELBA<br />

Capo Enfola<br />

Sansone<br />

Le Ghiaie<br />

PORTOFERRAIO<br />

Biodola<br />

Marina<br />

di Campo<br />

Villa<br />

di Napoleone<br />

Lacona<br />

Schiopparello<br />

5 4<br />

Norsi<br />

CAPOLIVERI<br />

M.delle Grazie<br />

Innamorata<br />

Rio<br />

nell’<strong>Elba</strong><br />

2<br />

PORTO<br />

AZZURRO<br />

•<br />

Monte<br />

Calamita<br />

413<br />

RIO<br />

MARINA<br />

3<br />

1<br />

Ortano<br />

Barbarossa<br />

Capo Calvo<br />

Stagnone<br />

6ANELLO DI<br />

MONTE<br />

CAPANNE<br />

Punto di partenza e arrivo: Sant’Ilario<br />

Lunghezza: 20 km<br />

Dislivello: 540 m<br />

Difficoltà: impegnativo<br />

Tipo di strada: prevalentemente<br />

sterrata<br />

Sono le strade della famosa<br />

Granfondo per MTB “<strong>Elba</strong> Ovest”<br />

(www.elbaovest.com) che, dopo la<br />

partenza dal piccolo borgo di Sant’Ilario,<br />

guadagna quota accarezzando<br />

le falde del Monte Perone, ambiente<br />

naturalistico di grande interesse caratterizzato<br />

da piccole valli umide e<br />

da una rigogliosa macchia mediterranea.<br />

Il bosco è il tema dominante<br />

della prima parte dell’itinerario. Si<br />

pedala tra lecci, castagni, piante della<br />

macchia mediterranea e in una<br />

bella pineta di pini marittimi modellati<br />

dal vento su un tappeto di felci. Dalla<br />

sommità del rilievo la vista sull’isola<br />

e sulle sue coste è eccezionale. Prima<br />

di tornare alla base, il percorso<br />

transita nei pressi della chiesa di San<br />

Giovanni in Campo, raro esempio di<br />

architettura in stile romanico-pisano.<br />

PERCORSO 6<br />

prevalentemente überwiegend<br />

la quota Höhe<br />

accarezzare streicheln, hier:<br />

durchstreifen<br />

la falda Bergfuß<br />

la valle umida Feuchttal<br />

rigoglioso üppig<br />

il leccio Steineiche<br />

la felce Farn<br />

la sommità Spitze<br />

il rilievo Erhebung<br />

raro selten<br />

CONTATTI UTILI<br />

GUIDE CICLOTURISTICHE<br />

23<br />

GIAN PIERO MOCALI, Portoferraio<br />

+39 328 7242289. www.elbamountainbike.it<br />

Guida dell’Accademia di Mountain Bike.<br />

Escursioni individuali e per gruppi<br />

organizzate in base alla preparazione fisica<br />

e agli interessi dei partecipanti.<br />

FABRIZIO FALAGIANI, Capoliveri<br />

+39 348 3624835. www.guidamtbelba.it<br />

Guida dell’Accademia di Mountain Bike<br />

specializzata nell’area del Monte Calamita.<br />

ASSISTENZA BICI<br />

CAPOLIVERI LEGEND PARK<br />

+39 392 9606114. www.rentelbabike.it<br />

Punto di riferimento per informazioni,<br />

escursioni e noleggio [Miete] di mountain<br />

bike nella zona del Monte Calamita.


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI MICHAEL BRAUN<br />

IL FENOMENO GRILLO<br />

A sinistra: deputati del<br />

Movimento 5 Stelle alla prima<br />

seduta del parlamento.<br />

A destra: Piazza San Giovanni,<br />

a Roma, gremita di gente per il<br />

comizio elettorale di Beppe<br />

Grillo; l'arrivo alla camera del<br />

deputato del M5S Cosimo<br />

Petraroli, con il figlio in<br />

braccio; la copertina<br />

dell’Economist dedicata alle<br />

ultime elezioni italiane;<br />

la neodeputata del M5S<br />

Claudia Mannino.<br />

24<br />

Partecipare “a 5 stelle”<br />

Seit den Wahlen im Februar rührt Beppe Grillos Movimento 5 Stelle<br />

kräftig in der politischen Brühe Italiens um. Sein Führungsstil ist<br />

umstritten, seine Mitstreiter dafür umso engagierter.<br />

STUPORE, INCREDULITÀ, ADDIRITTURA SCONFOR-<br />

TO. Sono queste le reazioni dell’opinione pubblica europea<br />

di fronte al successo spettacolare di Beppe Grillo e del<br />

suo Movimento 5 Stelle (M5S) alle elezioni italiane del 24-<br />

25 febbraio 2013. “Un clown” – come ha detto Peer Steinbrück<br />

e ribadito la rivista economica inglese The Economist<br />

– che fonda un partito e dal nulla arriva a superare il 25%,<br />

manda 109 deputati e 54 senatori a Roma e blocca così<br />

ogni prospettiva di governo stabile.<br />

Se dobbiamo credere a molti osservatori, con Grillo ha<br />

vinto un populista, un demagogo, un radicale antieuropeo,<br />

un personaggio che, per giunta, governa il suo movimento<br />

con metodi dittatoriali. Qualcuno ha paragonato<br />

il trionfo del comico genovese alla vittoria altrettanto<br />

inaspettata di Silvio Berlusconi nel lontano 1994. I paralleli<br />

ci sono tutti: il paese è – oggi come allora – alle prese<br />

con una forte crisi economica e ha una classe politica screditata,<br />

allora da Tangentopoli, oggi dagli scandali della<br />

“casta”. I due leader, entrambi carismatici, hanno creato<br />

un movimento dal nulla, senza essere politici di professione,<br />

usano un linguaggio aggressivo contro “i vecchi<br />

partiti” e puntano sui nuovi canali di comunicazione: la<br />

TV per Berlusconi, il web per Grillo.<br />

Eppure le somiglianze sono più apparenti che reali. Ce<br />

ne accorgiamo quando guardiamo da vicino gli attivisti “5<br />

Stelle”. Uno di loro è Diego De Lorenzis, di Lecce, ingegnere<br />

informatico di 33 anni, che tra l’altro è l’età media<br />

del più giovane gruppo parlamentare mai entrato alla camera<br />

dei deputati. È stato appena eletto alla camera e racconta<br />

che <strong>die</strong>ci anni fa, da studente, ha passato un anno<br />

a Barcellona. Lì ha incontrato molti ragazzi spagnoli, francesi,<br />

inglesi, insomma: giovani europei. “E i tedeschi, ad<br />

esempio, mi raccontarono che da voi separate il vetro marrone,<br />

quello verde, quello bianco; noi invece non sappiamo<br />

neanche cosa sia, la raccolta differenziata”. Poi gli capita,<br />

diversi anni fa, di vedere uno spettacolo di Beppe<br />

Grillo. No, Grillo non urlava “tutti a casa!” contro i vecchi<br />

politici; parlava di spazzolini da denti, dello spreco che<br />

facciamo, dell’inquinamento che creiamo buttandoli tutti<br />

lo stupore<br />

l’incredulità<br />

Verblüffung<br />

Staunen,<br />

Ungläubigkeit<br />

Unbehagen<br />

Bewegung<br />

Wahlen<br />

bekräftigen<br />

gründen<br />

übersteigen<br />

Aussicht<br />

Regierung<br />

obendrein<br />

vergleichen<br />

mit etw. be-<br />

schäftigt sein<br />

verrufen<br />

lo sconforto<br />

il movimento<br />

le elezioni pl.<br />

ribadire<br />

fondare<br />

superare<br />

la prospettiva<br />

il governo<br />

per giunta<br />

paragonare<br />

essere alle<br />

prese con qc.<br />

screditato<br />

auf etw. setzen<br />

Ähnlichkeit<br />

bemerken<br />

Abgeordne-<br />

tenkammer<br />

verbringen<br />

trennen<br />

puntare su qc.<br />

la somiglianza<br />

accorgersene<br />

la camera<br />

dei deputati<br />

passare<br />

separare<br />

la raccolta<br />

differenziata<br />

capitare<br />

urlare<br />

lo spazzolino<br />

da denti<br />

lo spreco<br />

l’inquinamento<br />

Mülltrennung<br />

passieren<br />

schreien<br />

Zahnbürste<br />

Verschwendung<br />

Umwelt-<br />

verschmutzung<br />

© Ansa (4)<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

interi invece di cambiare solo la testina. E poi chiedeva al<br />

pubblico: “Voi che cosa fate per cambiare le cose?”<br />

Diego, allora, si iscrive al meet-up di Lecce, un gruppo<br />

di persone che discutono su una piattaforma web e si incontrano<br />

una volta al mese. Come lui, si attivano in migliaia,<br />

soprattutto giovani. Chiamarli “populisti” o addirittura<br />

“antieuropei” non porta lontano: condividono un forte<br />

impegno ambientalista (in Italia manca un partito verde rilevante),<br />

guardano con simpatia alle esperienze di altri paesi<br />

europei, semmai diffidano della politica “italiana”.<br />

Francesca Santarella ha 42 anni. Dal 2011 è consigliera<br />

comunale a Ravenna. Prima di entrare nel M5S non aveva<br />

mai fatto politica, “ma poi hanno voluto buttare giù una<br />

vecchia fabbrica nel porto di Ravenna, un edificio che fa<br />

parte dell’archeologia industriale e che era stato classificato<br />

come monumento”. Francesca si arrabbia, “gli unici che<br />

mi hanno dato ascolto sono stati i grillini”. Anche lei guarda<br />

le soluzioni europee, “ad esempio la riconversione di<br />

tanti complessi industriali e minerari della Ruhr, come lo<br />

Zeche Zollverein di Essen, in centri culturali”. E ha da ridire<br />

sulla politica italiana, sulla sua capacità di “aggiustare<br />

le norme”: “Trovano sempre il modo di aggirare le regole”.<br />

Non è populista, la retorica di Francesca o di Diego, e<br />

neppure il loro approccio alla politica. Non sperano passivamente<br />

nel grande leader che risolva i problemi con la<br />

bacchetta magica, ma vogliono partecipare. “Il nostro disinteresse<br />

ha permesso ai politici di fare qualunque cosa<br />

con il nostro benestare”, dice Diego. Non vogliono più “firmare<br />

un assegno in bianco”, oppongono alla politica reale<br />

l’utopia di una politica “fatta direttamente dai cittadini”.<br />

Allo stesso tempo, i grillini vivono una forte contraddizione.<br />

Dicono che nell’M5S “uno vale uno”, ma c’è uno<br />

in particolare, Beppe Grillo, che ha sempre la prima e l’ultima<br />

parola. Non si sa quanto possa reggere la quadratura<br />

del cerchio di un movimento di “democrazia digitale”<br />

che ha, però, un capo assoluto. Presto il movimento do-<br />

la testina Bürstenkopf<br />

iscriversi beitreten<br />

condividere teilen<br />

l’impegno Engagement<br />

ambientalista Umweltschutzdiffidare<br />

etw./jdn.<br />

di qc./qcn. misstrauen<br />

la consigliera Stadt-/<br />

comunale Gemeinderätin<br />

buttare giù abreißen<br />

l’edificio Gebäude<br />

il monumento Denkmal<br />

dare ascolto zuhören<br />

il grillino: Anhänger von Beppe<br />

Grillo<br />

la riconversione<br />

Umwidmung<br />

ridire bemängeln<br />

aggirare umgehen<br />

l’approccio Annäherungsversuch<br />

la bacchetta<br />

magica Zauberstab<br />

il benestare Billigung<br />

Widerspruch<br />

zählen, gelten<br />

halten,<br />

standhalten<br />

Chef, Führer<br />

anpacken<br />

abstimmen<br />

kein gutes Haar<br />

an jdm. lassen<br />

jdm. etw.<br />

vorwerfen<br />

Insolvenz-<br />

verwalter<br />

Diktat<br />

Bürgermeister<br />

anheben<br />

Gemeinde-<br />

steuer<br />

Tagegeld<br />

Kinderkrippe<br />

il capo<br />

affrontare<br />

combaciare<br />

dire peste e<br />

corna di qcn.<br />

rimproverare<br />

qc. a qcn.<br />

il curatore<br />

fallimentare<br />

il dettame<br />

il sindaco<br />

aumentare<br />

le tasse (pl.)<br />

locali<br />

la retta<br />

l’asilo nido<br />

Blankoscheck<br />

Bürger<br />

l’assegno<br />

in bianco<br />

il cittadino<br />

la contraddizione<br />

valere<br />

reggere<br />

vrà affrontare un altro problema enorme: quello di far<br />

combaciare le sue proposte con la realtà del governo di<br />

un paese che si trova in fortissima crisi. Grillo e i suoi hanno<br />

rimproverato a Monti di agire soltanto come “curatore<br />

fallimentare” sotto i dettami dell’Europa della Merkel.<br />

L’unica grande città in cui governa un sindaco dell’M5S<br />

– Parma – ci dice però quanto sia difficile passare dalle parole<br />

ai fatti. Qui il sindaco grillino, Federico Pizzarotti,<br />

non ha fatto altro che aumentare le tasse locali o le rette<br />

degli asili nido per risanare il bilancio, come se fosse un<br />

curatore fallimentare qualsiasi...<br />

Michael Braun: Journalist und Italien-Korrespondent<br />

der Berliner Tageszeitung (TAZ). Kolumnist für<br />

verschiedene journalistische Zeitschriften wie <strong>die</strong><br />

Neue Presse und, in Italien, das Wochenmagazin<br />

Internazionale. Lebt und arbeitet in Rom.<br />

25<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


INTERVISTA<br />

La vertigine della<br />

BELLEZZA<br />

Testo: Cosimo Carniani<br />

26<br />

IN VISITA A FIRENZE NEL 1817, MARIE-HENRI BEY-<br />

LE, IL GRANDE ROMANZIERE FRANCESE MEGLIO<br />

NOTO COME STENDHAL, DESCRIVE NEL SUO DIA-<br />

RIO UN MALESSERE ACCUSATO NELLA CHIESA DI<br />

SANTA CROCE, DAVANTI ALLE TOMBE DI GRANDI<br />

COME GALILEO GALILEI. Probabilmente non fu il primo<br />

caso e, di certo, non fu l’ultimo. Ogni anno, numerosi<br />

viaggiatori si presentano al pronto soccorso dell’ospedale<br />

di Santa Maria Nuova dopo aver visitato gli Uffizi o un altro<br />

luogo di quel museo a cielo aperto che è Firenze. Sono<br />

in preda alla “sindrome di Stendhal”, così definita da Graziella<br />

Magherini, la psichiatra che circa 30 anni fa l’ha scoperta<br />

e raccontata al grande pubblico nel libro La sindrome<br />

di Stendhal.<br />

Professoressa Magherini, ci può spiegare come ha individuato<br />

la “sindrome di Stendhal”? Sono stata direttrice<br />

del centro di salute mentale di Firenze, che ha anche un<br />

punto di appoggio all’ospedale di<br />

Santa Maria Nuova. Lì venivano stranieri<br />

che si sentivano male. Avevano<br />

avuto disturbi di vario tipo: attacchi<br />

di panico, forme di depressione o eccitamento;<br />

a volte situazioni anche<br />

più serie. Si trattava di episodi acuti,<br />

brevi e risolvibili velocemente. Dalle<br />

descrizioni che ci facevano, ci rendemmo<br />

conto che proprio dopo l’incontro con alcune opere<br />

queste persone improvvisamente perdevano il senso<br />

del benessere, spesso anche il senso dell’identità. Studiando<br />

il fenomeno, abbiamo visto che c’erano tre fattori determinan-ti:<br />

una struttura della personalità sensibile, caratterizzata<br />

da una certa immaturità dell’Io; il viaggio, di<br />

per sé destabilizzante in quanto interrompe la regolarità<br />

della vita quotidiana; il potere della della grande opera.<br />

la vertigine<br />

Schwindel<br />

(gefühl)<br />

Unwohlsein<br />

hier: verspürt<br />

Notaufnahme,<br />

Ambulanz<br />

Freiluft-<br />

erfasst<br />

werden von<br />

il malessere<br />

accusato<br />

il pronto<br />

soccorso<br />

a cielo aperto<br />

essere<br />

in preda a<br />

il punto<br />

di appoggio<br />

Manchem Kunstgenießer schwinden<br />

beim Betrachten von Renaissancewerken<br />

<strong>die</strong> Sinne. Graziella Magherini<br />

beschäftigt sich seit Jahrzehnten<br />

mit <strong>die</strong>sem Phänomen, genannt Stendhal-Syndrom.<br />

Anlaufstelle<br />

il disturbo<br />

l’eccitamento<br />

l’episodio<br />

acuto<br />

rendersi conto<br />

l’opera<br />

il benessere<br />

l’immaturità<br />

interrompere<br />

il potere<br />

Störung<br />

Erregung<br />

Vorfall<br />

heftig<br />

sich bewusst<br />

werden<br />

Werk<br />

Wohlbefinden<br />

Unreife<br />

unterbrechen<br />

Macht<br />

Sopra: la psichiatra<br />

Graziella Margherini. Qui:<br />

Bacchino malato di<br />

Caravaggio, conservato<br />

alla Galleria Borghese di<br />

Roma. Nell’altra pagina:<br />

Nascita di Venere di<br />

Sandro Botticelli, Galleria<br />

degli Uffizi di Firenze.


Ci sono opere particolarmente “pericolose”? Inizialmente<br />

ero convinta che non esistessero opere speciali; poi<br />

mi sono resa conto che ci sono autori che stimolano le<br />

emozioni più di altri. Uno di questi è Caravaggio. Secondo<br />

la nostra esperienza, il fruitore che non ha ancora<br />

un’identità psicosessuale matura è particolarmente esposto<br />

a provare disagio di fronte alle opere di Caravaggio,<br />

specialmente quelle giovanili. Pensi ai volti bellissimi e alle<br />

movenze di quei ragazzi efebici, dei quali non si sa ancora<br />

se sono maschi o femmine; pensi al Narciso, al Suonatore<br />

di liuto, oppure al Bacchino malato...<br />

Ci può fare un altro esempio? La Venere di Botticelli.<br />

Sembra purissima e invece alcuni suoi particolari – come<br />

i capelli, il soffio dello Zefiro, i moti del mare – hanno la<br />

capacità di destabilizzare l’identità, suscitando la violenza<br />

delle persone. Questi particolari, noi li chiamiamo “fatti<br />

scelti”, ossia indizi che esprimono una situazione di aggressività<br />

e di violenza profonde, sottese a una patina di<br />

bellezza che sembra assolutamente tranquilla.<br />

Sono passati circa 30 anni dalle prime diagnosi di<br />

“sindrome di Stendhal”. Qual è la situazione attuale? In<br />

ambito psicoanalitico siamo andati molto avanti. Abbiamo<br />

studiato cosa succede in profondità nelle persone che con<br />

animo sensibile e ricettivo vanno incontro a una fruizione<br />

infantile<br />

il perturbante<br />

emergere<br />

Nutznießer<br />

reif<br />

Unbehagen<br />

hier: früh<br />

Antlitz<br />

Blasen<br />

hervorrufen<br />

Gewalt<br />

Besonderheit<br />

auserwählt<br />

verborgen unter<br />

Umfeld<br />

empfänglich<br />

hier: Lösung<br />

sich angezo-<br />

gen fühlen<br />

in Erinnerung<br />

rufen<br />

kindlich<br />

Unheimliches<br />

auftauchen<br />

il fruitore<br />

maturo<br />

il disagio<br />

giovanile<br />

il volto<br />

il soffio<br />

suscitare<br />

la violenza<br />

il particolare<br />

scelto<br />

sotteso<br />

l’ambito<br />

ricettivo<br />

la formula<br />

sentirsi<br />

attratto<br />

richiamare<br />

rimosso verdrängt<br />

inconscio unbewusst<br />

ripercuotersi sich auswirken<br />

capace fähig<br />

il desiderio Wunsch<br />

provare erleben<br />

la causa Grund<br />

l’adolescente m. Jugendlicher<br />

adeguato geeignet<br />

la crescita Wachstum<br />

la diversifica- Unterzione<br />

scheidung<br />

la pittrice Malerin<br />

Artemisia Gentileschi: vedi pag. 67<br />

la contemporanea<br />

Zeitgenossin<br />

composito vielschichtig<br />

l’intermediazione<br />

f. Vermittlung<br />

estetica, e siamo arrivati<br />

a proporre una formula.<br />

Di fronte a un’opera<br />

d’arte, in un primo momento<br />

ci sentiamo attratti<br />

dall’aspetto formale<br />

e questo richiama<br />

molto i primi rapporti<br />

infantili, l’esperienza<br />

della bellezza che il<br />

bambino vede nel volto<br />

della madre. Contemporaneamente,<br />

l’opera<br />

Mi piace<br />

la lettura<br />

la solidarietà<br />

i tulipani<br />

Non mi piace<br />

il brutto tempo<br />

l’invidia [Neid ]<br />

l’affollamento [Gedränge]<br />

a Firenze<br />

funziona da perturbante. Riesce, cioè a far emergere contenuti<br />

psichici rimossi e inconsci, perché questi sono la<br />

fonte dell’ispirazione dell’artista stesso.<br />

I cambiamenti del mondo, come la digitalizzazione, si<br />

ripercuotono sulla fruizione estetica? Purtroppo da qualche<br />

tempo vediamo persone che non sono state capaci di<br />

crescere in tutti i vari aspetti della personalità. In questi casi,<br />

i fruitori non possono essere veramente tali, perché è come<br />

se non avessero il desiderio di provare emozioni.<br />

Ha formulato ipotesi sulle cause di questo fenomeno?<br />

In breve, credo che la disorganizzazione delle famiglie moderne<br />

renda difficile al bambino e all’adolescente l’identificazione<br />

necessaria per costruire il senso della propria<br />

identità. Credo che per la crescita armoniosa sia indispensabile<br />

la diversificazione del ruolo maschile e femminile.<br />

Rientra in questa problematica il suo interesse per la<br />

pittrice Artemisia Gentileschi? Sì, lei sembra quasi una<br />

nostra contemporanea, perché, nonostante i suoi problemi,<br />

è riuscita a mantenere in maniera adeguata i tre diversi<br />

codici della donna: femminile, della maternità e dell’identità<br />

sociale. Questo è il problema della donna attuale. Ha<br />

un’identità molto composita e non dovrebbe perderla.<br />

Anche l’arte contemporanea può suscitare la “sindome<br />

di Stendhal”? No, perché ha bisogno di un codice per<br />

essere compresa. L’intermediazione del codice allontana<br />

molto il fruitore.<br />

È vero che gli italiani sono immuni dalla sindrome?<br />

Diciamo che lo sono in Italia, ma non all’estero.<br />

27<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

28<br />

PIAZZA DEI MIRACOLI<br />

Piazza dei Miracoli (nella foto<br />

grande al centro) è Patrimonio<br />

mondiale dell’Unesco.<br />

Ne fanno parte il Camposanto,<br />

il Battistero e la Cattedrale<br />

con il suo campanile, che è la<br />

celebre Torre di Pisa (qui<br />

sotto). Tutte le costruzioni sono<br />

del XII secolo. Nell’Ottocento<br />

viene creato il grande<br />

prato su cui i tre famosi edifici<br />

spiccano ancora oggi. Dagli<br />

inizi del Novecento, proprio<br />

per questa complessiva e<br />

straordinaria bellezza, la<br />

piazza è detta “dei Miracoli”.<br />

il miracolo<br />

il Patrimonio<br />

mondiale<br />

il secolo<br />

l’Ottocento<br />

il prato<br />

l’edificio<br />

spiccare<br />

Wunder<br />

© Shutterstock (3)<br />

PISA: BURLA O<br />

Die Piazza dei Miracoli<br />

in Pisa mit schiefem<br />

Turm, Baptisterium<br />

und Camposanto<br />

ist eindeutig eine mittelalterliche<br />

Bauanlage.<br />

Wie erklären sich hier<br />

Skulpturen zentraler Figuren<br />

des 19. Jahrhunderts<br />

wie Garibaldi und<br />

Mazzini?<br />

PIAZZA DEI MIRACOLI E LA SUA<br />

TORRE PENDENTE SONO EMBLE-<br />

MI DELLA CITTÀ DI PISA DAL XII<br />

SECOLO. Il Battistero è il più grande<br />

d’Italia e reca scolpiti sotto gli eleganti<br />

pinnacoli numerosi profeti della tradizione<br />

biblica. Alla loro realizzazione<br />

parteciparono anche Nicola e Giovanni<br />

Pisano. Recentemente, fra le sculture<br />

dell’Antico Testamento, sono state<br />

scoperte due fisionomie insolite, che<br />

non sembrano riconducibili ai profeti<br />

di un tempo. Nella volta nord del battistero,<br />

infatti, fanno capolino due visi<br />

non antichi, ma ben noti in tutta Italia,<br />

due volti che la storica dell’arte Lucia Tomasi Tongiorni ha attribuito nientemeno<br />

che a due padri della patria italiana, Giuseppe Garibaldi ➋ e Giuseppe<br />

Mazzini ➌. Garibaldi ha la barba e il cappellino, mentre Mazzini, con<br />

il suo viso lungo, indica un libro con il dito. Ma com’è possibile che su una costruzione<br />

del XII<br />

la burla<br />

il miracolo<br />

pendente<br />

scolpito<br />

il pinnacolo<br />

partecipare<br />

scoprire<br />

insolito<br />

la volta<br />

fare capolino<br />

Scherz<br />

Wunder<br />

schief<br />

eingemeilßet<br />

Fiale<br />

beitragen<br />

entdecken<br />

ungewöhnlich<br />

Gewölbe<br />

hervorlugen<br />

Weltkulturerbe<br />

Jahrhundert<br />

19. Jahrhundert<br />

Wiese<br />

Gebäude<br />

hervorstechen<br />

il volto Antlitz<br />

la storica Kunstdell’arte<br />

historikerin<br />

nientemeno keinen<br />

che a Geringeren als<br />

Giuseppe Mazzini: vedi pag. 67<br />

il cappellino Barett<br />

il Risorgimento: ital. Einigungsbewegung<br />

im 19. Jh.<br />

la divinazione Wahrsagung<br />

secolo, si trovino<br />

i volti di due celebri<br />

personaggi<br />

del Risorgimento?<br />

Non si tratta<br />

ovviamente di<br />

un caso di divinazione<br />

né, no-


17° PUNTATA<br />

MIRACOLO?<br />

LA CURIOSITÀ<br />

L’ITALIA UNITA<br />

NEL MARMO<br />

Il Battistero di Pisa non è<br />

l’unico monumento che<br />

presenta un impianto scultoreo<br />

“modificato” a posteriori<br />

attraverso l’inserimento,<br />

fra i marmi antichi, di volti<br />

contemporanei all’epoca del<br />

restauro. Anche nella chiesa<br />

di San Michele in Foro ➍ di<br />

Lucca, infatti, si possono<br />

ammirare incongruenze<br />

stupefacenti: nel complesso,<br />

risalente al XII secolo, spiccano<br />

alcune sculture che<br />

rappresentano Vittorio Emanuele<br />

II ➎, Cavour ➏, Napoleone<br />

III ➐ e papa Pio IX!<br />

Una burla? Niente affatto.<br />

L’Italia era stata appena unificata<br />

e, sulla facciata della<br />

chiesa di Lucca, mancavano<br />

alcune sculture. L’architetto,<br />

anziché rimpiazzarle con figure<br />

qualsiasi, decise di inserire<br />

alcuni personaggi contemporanei.<br />

In un’insolita<br />

mescolanza di sacro e profano,<br />

chi aveva fatto l’Italia<br />

assurgeva così a “personaggio<br />

sacro” per la patria.<br />

29<br />

nostante il nome della piazza, di uno strano miracolo:<br />

secondo l’esperta, le statue sarebbero<br />

una sorta di simbolico omaggio ottocentesco alle<br />

due personalità. Le avrebbe aggiunte nell’Ottocento<br />

lo scultore pisano Francesco Storni,<br />

che restaurò il Battistero tra il 1850 e il 1883, un<br />

periodo cruciale per l’Unità d’Italia. Orrida contaminazione<br />

o iniziativa giustificabile? Non solo:<br />

reale aggiunta posteriore o forzatura dei critici<br />

moderni? Le opinioni degli storici dell’arte<br />

lo scultore<br />

il periodo<br />

cruciale<br />

orrido<br />

giustificabile<br />

l’aggiunta<br />

posteriore<br />

la forzatura<br />

al riguardo<br />

del genere<br />

Bildhauer<br />

kritische Zeit<br />

schauderhaft<br />

entschuldbar<br />

nachträglicher<br />

Zusatz<br />

verzerrte<br />

Auslegung<br />

hierzu<br />

solch<br />

al riguardo sono molto diverse tra loro. Certo è che il Risorgimento ispirò atti<br />

del genere non solo a Storni, visto che anche a Lucca troviamo qualcosa di<br />

Anlage,<br />

hier: Struktur<br />

Einfügen<br />

zeit-<br />

genössisch<br />

Widerspruch<br />

Scherz<br />

überhaupt nicht<br />

ersetzen<br />

aufsteigen<br />

l’impianto<br />

l’inserimento<br />

contemporaneo<br />

l’incongruenza<br />

la burla<br />

niente affatto<br />

rimpiazzare<br />

assurgere<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

Questioni di etichetta<br />

30<br />

© Shutterstock<br />

Ob Fleisch, Milch oder Gemüse –<br />

geschummelt wird offensichtlich<br />

überall. Vorschläge für verbraucherfreundliche<br />

Etiketten gäbe es schon,<br />

bloß <strong>die</strong> Lebensmittel-Lobby findet<br />

das weniger gut.<br />

LE BUGIE HANNO QUASI SEMPRE LE GAMBE COR-<br />

TE. Abbiamo scoperto che, sulle nostre tavole, arrivano cavalli<br />

spacciati per manzi, pomodori cinesi travestiti da pelati<br />

made in Italy, latte in polvere di provenienza non<br />

identificata che si trasforma in fresca mozzarella campana,<br />

magari di un bel colore blu puffo. Come sottolinea Carlo Petrini,<br />

fondatore di Slow Food, la domanda “cosa hai mangiato<br />

oggi?” si sta trasformando da un gradevole inizio di<br />

conversazione nell’incipit di un’inchiesta giudiziaria.<br />

Il problema è che, per difenderci dalle frodi, non basta<br />

leggere le etichette. È vero che, dopo il disastro della<br />

mucca pazza, è obbligatorio indicare la provenienza della<br />

carne che si compra in macelleria e che un minimo di<br />

“carta d’identità” ce l’hanno, almeno in origine, anche<br />

frutta, verdura, pesce, olio e prosciutto. Tuttavia per tutto<br />

il resto è ancora poco chiaro cosa si deve scrivere e cosa<br />

si può non scrivere sulle etichette.<br />

Si parla di giro di vite nelle norme stabilite a Bruxelles,<br />

che entreranno in vigore entro il 2016: caratteri più grandi<br />

per indicare gli ingre<strong>die</strong>nti, indicazioni sul contenuto di<br />

grassi e sale, chiarezza sui valori nutrizionali e la provenienza<br />

della materia prima. Nel frattempo, si va avanti così<br />

e non ci si deve sorprendere se la carne di cavallo finita<br />

nelle lasagne Findus è partita dalla Romania, transitata<br />

da Cipro e per un’azienda francese, prima di arrivare<br />

nei negozi di Londra, passando<br />

per Amsterdam e il<br />

Lussemburgo.<br />

MUCCA O<br />

CAVALLO?<br />

Lo scandalo<br />

della carne di<br />

cavallo spacciata<br />

per carne bovina<br />

ha aperto un<br />

dibattito sul tema<br />

della sicurezza<br />

alimentare.<br />

la bugia<br />

spacciare per<br />

il pelato<br />

Lüge<br />

ausgeben für<br />

geschälte<br />

Tomate<br />

Herkunft<br />

Schlumpfblau<br />

Gründer<br />

Anfangsworte<br />

gerichtliche<br />

Ermittlung<br />

Betrug<br />

Rinderwahn<br />

Personal-<br />

ausweis<br />

straffere Zügel<br />

la provenienza<br />

blu puffo<br />

il fondatore<br />

l’incipit m.<br />

l’inchiesta<br />

giudiziaria<br />

la frode<br />

la mucca pazza<br />

la carta<br />

d’identità<br />

il giro di vite<br />

entrare<br />

in vigore<br />

entro<br />

l’ingre<strong>die</strong>nte m.<br />

il valore<br />

nutrizionale<br />

la materia<br />

prima<br />

in Kraft treten<br />

binnen<br />

Zutat<br />

Nährwert<br />

Rohstoff<br />

transitato<br />

da Cipro<br />

frenare<br />

auspicare<br />

vigilare<br />

la libera<br />

circolazione<br />

delle merci<br />

indignarsi<br />

rassegnarsi<br />

la schifezza<br />

jdn. warnen<br />

Grenze<br />

Verschlechte-<br />

rung<br />

Rindfleisch<br />

Zucht<br />

mettere in<br />

guardia qcn.<br />

il limite<br />

il peggioramento<br />

la carne bovina<br />

l’allevamento<br />

la macellazione<br />

la sostenibilità<br />

über Zypern<br />

weiterverkauft<br />

bremsen<br />

erhoffen<br />

überwachen<br />

freier<br />

Warenverkehr<br />

sich empören<br />

sich mit etw.<br />

abfinden<br />

Mist, Widerlichkeit<br />

Schlachtung<br />

Nachhaltigkeit<br />

Chi ha interesse a frenare l’operazione “etichette pulite”<br />

che consumatori e associazioni auspicano da parecchio<br />

tempo? Chiaramente le grandi lobby che si occupano<br />

di prodotti alimentari, in un mondo globalizzato, non<br />

hanno alcun interesse a raccontare i viaggi avventurosi<br />

delle loro materie prime. È del resto comprensibile che<br />

l’Europa vigili sulla libera circolazione delle merci. Eppure,<br />

se il consumatore finale smette di indignarsi e si rassegna,<br />

finisce per trovarsi in tavola solo schifezze.<br />

Carlo Petrini ci mette in guardia, in un articolo sul<br />

quotidiano la Repubblica, citando proprio lo spot della<br />

Findus, in cui il capitano insegna che anche le cose buone<br />

si possono migliorare. Il che ci ricorda,<br />

però, che non c’è limite al peggioramento<br />

di quelle cattive, se non si fa attenzione.<br />

Le “etichette narranti” proposte da<br />

Slow Food sono una sorta di biografia<br />

del prodotto. Nel caso della carne bovina,<br />

ad esempio, prevedono dettagli<br />

non solo sulla data e il luogo di nascita, allevamento<br />

e macellazione, ma anche sull’alimentazione e la sostenibilità<br />

ambientale della produzione. Forse, a quel<br />

punto, sarebbe più difficile scambiare un cavallo per<br />

una mucca…<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Perfektion lässt sich leicht üben.<br />

Mit dem Übungsheft <strong>ADESSO</strong> plus passend zum aktuellen Magazin.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus ist <strong>die</strong> ideale Ergänzung zum Magazin:<br />

Bietet auf 24 Seiten vertiefende Übungen zu Grammatik,<br />

Wortschatz und Redewendungen<br />

Enthält Tests zur Überprüfung des Lernerfolgs<br />

Erscheint monatlich passend zum Magazin<br />

Zu jeder<br />

Ausgabe von<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

Zusammen mit dem Magazin <strong>ADESSO</strong> steht Ihnen damit ein<br />

perfektes Lernsystem zur Verfügung.<br />

Am besten, Sie probieren es gleich aus!<br />

Bestellen Sie jetzt <strong>ADESSO</strong> plus zum aktuellen Magazin:<br />

www.adesso-online.de/plusheft


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

IN ITALIA È SCOPPIATO IL BOOM<br />

DELLE SIGARETTE ELETTRONI-<br />

CHE. I negozi che le vendono spuntano<br />

come funghi e ne hanno di tutti<br />

i tipi: chic e raffinate, oppure alla moda,<br />

con bocchini coloratissimi e ornati<br />

di disegni sgargianti. Un buon profumo<br />

di sigaro e cognac aleggia fra gli<br />

scaffali asettici, sui quali fanno bella<br />

mostra di sé essenze di ogni sorta,<br />

dalla vaniglia alla menta, dal caffè alla<br />

fragola. L’idea è interessante, poter<br />

scoppiare<br />

spuntare<br />

come funghi<br />

il bocchino<br />

ornato<br />

sgargiante<br />

aleggiare<br />

ausbrechen<br />

wie Pilze aus dem<br />

Boden schießen<br />

Zigarettenspitze<br />

geschmückt<br />

grell<br />

wehen<br />

asettico<br />

bruciare<br />

il veleno<br />

nuocere<br />

acceso<br />

irritare<br />

il polmone<br />

keimfrei<br />

verbrennen<br />

Gift<br />

schaden<br />

hitzig<br />

reizen<br />

Lunge<br />

fumare senza bruciare carta, senza<br />

emettere né aspirare veleni e senza la<br />

coscienza sporca di nuocere a sé e<br />

agli altri. In più, non ci si ritrova con<br />

dita e denti gialli e si risparmia denaro.<br />

Tuttavia è in corso un acceso dibattito<br />

e l’Istituto mondiale di sanità<br />

frena gli entusiasmi: la sigaretta elettronica<br />

potrebbe essere nociva, avverte,<br />

e irritare i polmoni.<br />

La sigaretta elettronica<br />

Heiß diskutiert wird derzeit in Italien der elektronische Glimmstengel.<br />

Wie soll vor allem in der Öffentlichkeit damit umgegangen werden?<br />

32<br />

Sei una fumatrice?<br />

Una volta fumavo, ho smesso<br />

da qualche anno.<br />

Che cosa pensi della sigaretta<br />

elettronica?<br />

Sono contraria, perché so che<br />

non elimina il problema della<br />

dipendenza, anche se poi – per<br />

carità – è meglio fumare una<br />

sigaretta elettronica che una<br />

reale.<br />

Quali sono i lati negativi?<br />

Non è stata sperimentata e non<br />

sappiamo quali danni provochi<br />

nel corso degli anni.<br />

È giusto vietare la sigaretta elettronica<br />

nei luoghi pubblici?<br />

Sì, perché comunque mette a repentaglio la salute delle<br />

altre persone.<br />

Ci sono metodi più efficaci per smettere di fumare?<br />

Fumare è un modo per scaricare le tensioni, un bisogno di<br />

rassicurazione. L’unica cosa che conta è prendere consapevolezza<br />

di ciò che si fa. Io ho cominciato a concentrarmi<br />

su ogni sigaretta che mi<br />

smettere<br />

eliminare<br />

la dipendenza<br />

il danno<br />

mettere<br />

a repentaglio<br />

la consapevolezza<br />

privarsi di qc.<br />

aufhören<br />

entfernen,<br />

hier: lösen<br />

Abhängigkeit<br />

Schaden<br />

gefährden<br />

Bewusstsein<br />

auf etw.<br />

verzichten<br />

Piera Puccinelli, di Scilla (Reggio Calabria), 54 anni,<br />

mamma (a sinistra) e Sabina Costantino, di Foggia, 44 anni,<br />

funzionario pubblico [Angestellte im öffentlichen Dienst].<br />

accendevo, a ripetermi che<br />

mi faceva male e, piano<br />

piano, ho smesso, senza<br />

privarmi di qualcosa e senza<br />

impormi divieti, pensando<br />

che era meglio rilassarmi<br />

con una passeggiata nel<br />

parco.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Sul tema delle sigarette<br />

elettroniche trovi un esercizio<br />

nella rubrica Grammatica.<br />

ben venga<br />

l’incentivo<br />

a piacere<br />

il vapore<br />

la convinzione<br />

soll recht sein<br />

Anreiz<br />

nach Belieben<br />

Dampf<br />

Überzeugung<br />

Sei una fumatrice?<br />

No.<br />

Che cosa pensi della sigaretta<br />

elettronica?<br />

Se usare questo tipo di sigaretta<br />

può servire a ridurre, o addirittura<br />

a eliminare le sigarette o<br />

la dipendenza da fumo, ben venga<br />

l’utilizzo di questo strumento<br />

nuovo. L’importante è che non<br />

sia un incentivo a fumare per chi<br />

ancora non fuma, ecco, con l’idea<br />

che non fa male.<br />

Quali sono i lati negativi?<br />

Le dosi di nicotina che si possono<br />

aggiungere a piacere andrebbero<br />

controllate da un medico.<br />

È giusto vietare la sigaretta elettronica nei luoghi pubblici?<br />

No, pare che emetta solo vapore. Se il fumo passivo non<br />

comporta danni, perché vietarla?<br />

Ci sono metodi più efficaci per smettere di fumare?<br />

È una questione di convinzione, come quando si decide di<br />

dimagrire. Bisogna esserne<br />

convinti e trovare un diversivo<br />

che non sia il cibo.<br />

La sigaretta elettronica<br />

può esserlo!<br />

Fai un esercizio sul<br />

tema. www.adessoonline.de/i-nostriprodotti/adessoplus/adesso-plusdi-maggio-2013<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


la campagna<br />

elettorale<br />

PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

LE ELEZIONI IN ITALIA<br />

il candidato<br />

il seggio<br />

elettorale<br />

l’elettore<br />

lo scrutinatore<br />

il comizio<br />

la scheda<br />

elettorale<br />

l’urna<br />

il presidente<br />

della camera<br />

gli elettori<br />

il parlamento<br />

33<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

il deputato<br />

IN ITALIA SI VOTA SPESSO. Ci sono le elezioni politiche,<br />

quelle per eleggere i membri del parlamento. Il parlamento<br />

in Italia è diviso in due camere che hanno gli stessi poteri:<br />

la camera dei deputati e il senato. Entrambi si trovano al<br />

centro di Roma, a Palazzo<br />

le elezioni pl. Wahlen Montecitorio e a Palazzo<br />

votare abstimmen, Madama. Poi ci sono le elezioni<br />

regionali, provinciali e<br />

wählen<br />

la camera Abgeordnetendei<br />

deputati kammer comunali. Anche le regioni,<br />

aggiungersi hinzukommen le province e i comuni italiani<br />

hanno i loro parlamen-<br />

abrogare ein Gesetz<br />

una legge aufheben<br />

ti, che devono essere eletti<br />

la campagna<br />

elettorale Wahlkampf dai cittadini. Naturalmente,<br />

il manifesto<br />

affiggere<br />

Plakat<br />

anschlagen<br />

ogni cinque anni, anche in<br />

Italia ci sono le elezioni europee.<br />

L’Italia è tra i paesi fon-<br />

il programma Fernsehtelevisivo<br />

programm<br />

il seggio Wahllokal datori della Comunità europea.<br />

la scheda<br />

lo scrutatore<br />

Wahlzettel<br />

Wahlhelfer A tutte queste ele-<br />

zioni si aggiungono, ogni<br />

il conteggio Auszählung<br />

tanto, i referendum. In questo<br />

la stima Schätzung<br />

la proiezione Hochrechnung<br />

caso i cittadini votano per<br />

governare regieren<br />

dire se vogliono o non vogliono<br />

abrogare una legge.<br />

le stime,<br />

le proiezioni<br />

Normalmente, in Italia, si vota di domenica e fino alle ore<br />

15 di lunedì. Già nelle settimane prima, in televisione, sui<br />

giornali e per la strada si parla solo di politica. C’è la campagna<br />

elettorale, in cui i partiti, le loro liste e i loro candidati<br />

si fanno pubblicità, per esempio, con comizi, lettere inviate<br />

a casa ai cittadini, manifesti affissi per strada, partecipando<br />

a programmi televisivi. Il luogo in cui si vota si chiama<br />

seggio elettorale. Qui l’elettore (o l’elettrice) vota su una scheda<br />

elettorale, dentro una cabina. Dopo aver votato, l’elettore<br />

mette la sua scheda (o “le sue” schede) in un’urna. Nel seggio<br />

elettorale lavorano gli scrutatori, uomini e donne che<br />

dopo la chiusura del seggio hanno il compito di contare le<br />

schede e i voti ricevuti dalle liste e dai candidati. Durante<br />

il conteggio delle schede si iniziano a fare le prime stime,<br />

chiamate proiezioni. Poi le televisioni comunicano i risultati<br />

provvisori e infine i risultati definitivi. Come in ogni paese<br />

democratico, chi vince le elezioni governa. Ma la domanda<br />

a questo punto è sempre la stessa: per quanto tempo?<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er <strong>die</strong> Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

GIORGIO E GIOVANNA<br />

INDECISI ALLE ELEZIONI<br />

indeciso<br />

sono stufo<br />

mi fa schifo<br />

lamentarsi<br />

ridicolo<br />

accompagnare<br />

segreto<br />

unentschlossen<br />

ich habe es satt<br />

es ekelt mich an<br />

sich beklagen<br />

lächerlich<br />

begleiten<br />

geheim<br />

GIORGIO: Domani si vota.<br />

GIOVANNA: Sì, lo so. E tu hai<br />

deciso per quale partito votare?<br />

GIORGIO: Guarda, io sono stufo<br />

della politica. Mi fa schifo. Per me<br />

sono tutti uguali. Un branco di<br />

criminali.<br />

GIOVANNA: E quindi non voti?<br />

GIORGIO: No.<br />

GIOVANNA: Secondo me fai male.<br />

Votare è un dovere di tutti i cittadini.<br />

Se non voti, dopo non hai nemmeno<br />

il diritto di lamentarti della<br />

politica.<br />

GIORGIO: Ma guarda, anche<br />

volendo, non so proprio chi votare.<br />

I politici mi sembrano ridicoli.<br />

Io preferisco occuparmi della mia<br />

vita privata. Il lavoro, la famiglia...<br />

GIOVANNA: Va bene. Però almeno<br />

mi devi accompagnare al seggio<br />

elettorale. Così, dopo, da lì<br />

andiamo in campagna in macchina,<br />

a trovare mia madre.<br />

GIORGIO: Ma io non so nemmeno<br />

dov’è, il seggio elettorale.<br />

GIOVANNA: È in Via Verdi, dove<br />

c’è la scuola del nostro piccolo<br />

Emanuele. Ma da quanto tempo<br />

non voti?<br />

GIORGIO: Da 15 anni.<br />

Ero ragazzo, quasi non mi ricordo.<br />

GIOVANNA: E per chi hai votato,<br />

15 anni fa?<br />

GIORGIO: Il voto è segreto!<br />

34<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Per Giorgio i politici sono un branco di ____________.<br />

2. Giorgio è ___________________________ della politica.<br />

3. Per Giovanna invece votare è un __________________<br />

dei cittadini.<br />

4. Giorgio preferisce occuparsi della sua vita<br />

________________________________________________.<br />

5. Giovanna propone di andare a trovare sua _________.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Quando ha votato Giorgio per l’ultima volta?<br />

2. Dice per chi ha votato?<br />

3. Dove si trova il seggio elettorale?<br />

4. Come si chiama il figlio di Giovanna e Giorgio?<br />

5. Dove vive la madre di Giovanna?<br />

SIAMO GENTILI!<br />

Non è facile dire le cose nel<br />

modo giusto, essere gentili<br />

con gli altri. Nell’esercizio 3<br />

noi vi proponiamo due forme<br />

della stessa richiesta. A voi<br />

scegliere quella più gentile.<br />

Prima di leggere la nostra<br />

soluzione provate a chiedere<br />

a un amico italiano.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

2<br />

3<br />

1<br />

4<br />

Orizzontali:<br />

2. Chi conta le schede è lo ...<br />

5. Dalle parti di Bologna c'è il<br />

... più potente del mondo.<br />

6. Il supercomputer Eurora<br />

serve tra l’altro per la<br />

ricerca sui ...<br />

7. Il parlamento italiano è<br />

composto dalla camera<br />

dei deputati e dal ...<br />

9. Prima delle elezioni i partiti<br />

fanno la ... elettorale.<br />

11. Gli elettori votano usando la<br />

... elettorale.<br />

7<br />

5<br />

6<br />

8<br />

Verticali:<br />

1. Il supercomputer Eurora<br />

serve alla ricerca ... e<br />

a quella sui terremoti.<br />

3. Il parlamento è composto<br />

da due ...<br />

4. Il locale in cui si vota si<br />

chiama “... elettorale”.<br />

8. Dopo il voto l’elettore mette<br />

la scheda nell’ ... elettorale.<br />

10. Un sinonimo di “ecologico”<br />

è “...”.<br />

35<br />

10 9<br />

11<br />

Esercizio 3*:<br />

1. a. Dammi la limonata<br />

che c’è sul tavolo<br />

b. Per favore, mi passi la<br />

limonata che c’è sul tavolo?<br />

2. a. Potresti dirmi che ore<br />

sono?<br />

b. Che ora è?<br />

3. a. E dove sei stato di bello?<br />

b. Vorrei che tu mi dicessi<br />

dove sei stato fino<br />

a quest’ora.<br />

4. a. Ascolta che cosa buffa!<br />

b. Puoi starmi a sentire,<br />

per favore? Ti ho detto che<br />

ho una cosa buffa da dirti!<br />

5. a. Prendi un caffè?<br />

b. Ma che, prendi un caffè?<br />

SOLUZIONI 04.2013<br />

1<br />

T<br />

2<br />

C<br />

O<br />

R<br />

3<br />

S<br />

4<br />

S N<br />

E O<br />

5<br />

S C N<br />

D T<br />

6<br />

A R M A D I O<br />

E T L R<br />

N A U P<br />

7<br />

D<br />

8<br />

Z C O M O D I N O<br />

9<br />

P A N E I E L<br />

T R C<br />

10<br />

A L I M E N T A R I<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


chiedi?<br />

2010 13<br />

2<br />

7<br />

C<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

8<br />

9<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

D<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

A<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

©<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

E<br />

B<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat), un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht) su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

F<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

C<br />

G<br />

D<br />

H<br />

E<br />

I<br />

F<br />

J<br />

G<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

F<br />

2<br />

Das Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

Italienisch reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

ARRIVO<br />

K<br />

H<br />

L<br />

I<br />

M<br />

J<br />

1<br />

K<br />

3<br />

4<br />

5<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

PAGINE FACILI<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

IL COMPUTER<br />

VERDE<br />

SI CHIAMA EURORA E, SECONDO GLI SPECIALISTI,<br />

È IL COMPUTER PIÙ EFFICIENTE DEL MONDO. Non<br />

solo, è anche verde, dato che rispetta tutti i parametri ambientali<br />

previsti nel settore dell’elettronica. E poi (e questa<br />

è proprio una grande sorpresa!) è italiano al 100%! Il supercomputer<br />

ambientalista si trova dalle parti di Bologna,<br />

in un piccolo centro chiamato Casalecchio di Reno. È al<br />

servizio del Cineca, un consorzio senza scopo di lucro formato<br />

da 54 università italiane. È già diventato il punto di riferimento<br />

della ricerca tecnologica in Italia e anche in Europa. Al<br />

progetto partecipa anche il Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche).<br />

L’impresa che l’ha realizzato è italiana e si chiama Eurotech,<br />

anche se in cooperazione con l’americana Nvidia. Il segreto,<br />

spiega Eurotech, è il nuovo<br />

sistema di raffreddamento<br />

verde grün<br />

ad acqua della macchina, ambientale Umweltla<br />

sorpresa Überraschung<br />

che ha permesso di migliorare<br />

del 30% l’efficienza<br />

di lucro orientiert<br />

senza scopo nicht gewinn-<br />

il punto<br />

dei supercomputer che<br />

di riferimento Standard<br />

finora erano considerati i la ricerca Forschung<br />

più efficienti e verdi del l’impresa Unternehmen<br />

il sistema di<br />

mondo. Eurora è stato sviluppato<br />

nell’ambito del progetto europeo Prace, che permettere erlauben<br />

raffreddamento Kühlsystem<br />

coinvolge Italia, Germania, Francia, Gran Bretagna,<br />

Olanda e Spagna. Le applicazioni del su-<br />

sviluppare entwickeln<br />

nell’ambito di im Rahmen von<br />

coinvolgere mit einbeziehepercomputer<br />

sono tante: dalla ricerca farmaceutica<br />

a quella sui terremoti.<br />

il terremoto Erdbeben<br />

Esercizio 4:<br />

Volgete al singolare (con l’articolo!) le seguenti espressioni.<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SUL<br />

SINGOLARE<br />

1. gli specialisti ______________________________________________________<br />

2. i parametri ambientali ______________________________________________<br />

3. le università italiane ________________________________________________<br />

4. i punti di riferimento ________________________________________________<br />

5. i computer più efficienti del mondo __________________________________<br />

6. le applicazioni _____________________________________________________<br />

7. i nuovi sistemi di raffreddamento ____________________________________<br />

8. i supercervelloni ambientalisti _______________________________________<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. criminali; 2. stufo, 3. dovere; 4. privata; 5. madre.<br />

ESERCIZIO 2: 1. 15 (quindici) anni fa; 2. no; 3. in Via Verdi; 4. Emanuele; 5. in campagna.<br />

ESERCIZIO 3: 1. b; 2. a; 3. a; 4. a; 5 a.<br />

ESERCIZIO 4: 1. lo specialista; 2. il parametro ambientale; 3. l’università italiana; 4. il punto di<br />

riferimento; 5. il computer più efficiente del mondo; 6. l’applicazione; 7. il nuovo sistema di<br />

raffreddamento; 8. il supercervellone ambientalista.<br />

© Shutterstock<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

ÜBERSETZUNG<br />

37 <strong>ADESSO</strong> 05.2013 LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong> LINGUA<br />

Una rondine non fa <strong>primavera</strong><br />

1) _________________<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Coniuga il verbo al passato remoto e<br />

al participio passato<br />

offendere<br />

(beleidigen)<br />

ESERCIZIO<br />

2) _________________<br />

Metti le frasi al passato prossimo.<br />

1) (io, arrivare) tardi. _______________________<br />

2) A che ora (voi, uscire) dall’ufficio l’altroieri?<br />

________________________________________<br />

3) (loro, partire) ieri pomeriggio. _____________<br />

4) Chi (venire) alla tua festa?_________________<br />

5) La mamma (andare) a fare la spesa al supermercato.<br />

________________________________<br />

6) Quando (tu, entrare)? _____________________<br />

1. Dein Zimmer ist ein Schweinestall!<br />

2. Ich habe meine Oma in den Hühnerstall<br />

begleitet.<br />

3. Die Kühe sind im Kuhstall.<br />

1. ordinare da bere<br />

2. il cocktail alcolico<br />

3. il cocktail analcolico<br />

4. i salatini<br />

5. gli stuzzichini<br />

VOCABOLARIO<br />

L’aperitivo<br />

cacciaballe<br />

6. il buffet<br />

7. il cameriere /<br />

la cameriera<br />

8. il / la barista<br />

9. il bancone del bar<br />

10. il dehors<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Ma tu credi alla storia che ha raccontato Luca?<br />

Secondo me è solo un gran cacciaballe!<br />

espressione confidenziale<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

dita / ditta<br />

Giovanna lavora nella ___________ di famiglia.


TRADUZIONE<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

1. La tua camera è un porcile!<br />

2. Ho accompagnato la nonna nel pollaio.<br />

3. Le mucche sono nella stalla.<br />

1. zum Trinken<br />

bestellen<br />

2. alkoholischer<br />

Cocktail<br />

3. alkoholfreier<br />

Cocktail<br />

4. Salzgebäck<br />

WORTSCHATZ<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

Lügenmaul<br />

Und du glaubst <strong>die</strong> Geschichte, <strong>die</strong> Luca<br />

erzählt hat? Meiner Meinung nach ist er nur ein<br />

großes Lügenmaul!<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

le dita<br />

Der Aperitif<br />

5. Häppchen<br />

6. Buffet<br />

7. Kellner / Kellnerin<br />

8. Barmann<br />

9. Theke<br />

10. Schanigarten,<br />

Tische im Freien<br />

la ditta<br />

Giovanna lavora nella ditta di famiglia<br />

[Familienbetrieb].<br />

Eine Schwalbe macht<br />

noch keinen Sommer<br />

il melone<br />

i meloni<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Passato remoto<br />

offesi<br />

offendesti<br />

offese<br />

offendemmo<br />

offendeste<br />

offesero<br />

ÜBUNG<br />

il calzettone<br />

i calzettoni<br />

Participio passato<br />

offeso<br />

Verbo ausiliare:<br />

avere<br />

Soluzioni: 1) sono arrivato; 2) siete usciti;<br />

3) sono partiti; 4) è venuto; 5) è andata;<br />

6) sei entrato.<br />

I verbi di moto generalmente hanno l’ausiliare<br />

essere nei tempi composti, tranne:<br />

nuotare (ho nuotato), navigare (ho navigato),<br />

passeggiare (ho passeggiato), girare<br />

(ho girato), sciare (ho sciato) viaggiare<br />

(ho viaggiato), camminare (ho camminato).<br />

38 <strong>ADESSO</strong> 05.2013 SAMMELKARTEN SPRACHE


EINE REPORTERIN<br />

AUF<br />

VERBRECHERJAGD<br />

LUCILLA INDAGA<br />

TESTI: G. IACONO E S. VIOLA DISEGNI: I. MANCUSI<br />

UN PASSAGGIO AL VICINO<br />

39<br />

hier:<br />

mitnehmen<br />

nichts zu<br />

danken<br />

wieder<br />

abholen<br />

Verspätung<br />

o Gott!<br />

Blutunter-<br />

suchung<br />

zurückkehren<br />

töten<br />

jdn. verdäch-<br />

tigen<br />

accompagnare<br />

si figuri<br />

riprendere<br />

il ritardo<br />

oddio!<br />

le analisi (pl.)<br />

del sangue<br />

tornare<br />

uccidere<br />

sospettare<br />

di qcn.<br />

OCCHIO ALLA LINGUA!<br />

• Le analisi I sostantivi che finiscono in -i,<br />

spesso femminili, non cambiano al plurale.<br />

➔ l’analisi = le analisi; la tesi = le tesi.<br />

• Si figuri! È un’esclamazione usata qui come<br />

formula di cortesia, in risposta a un ringraziamento<br />

[Dank]. Significa che "non c’è<br />

problema" e che "è stato un piacere".<br />

➔ Grazie! Si figuri, è stato un piacere.<br />

• La mia povera moglie Con i nomi di<br />

parentela [Verwandtschaft ] al singolare,<br />

il possessivo non è preceduto dall’articolo<br />

determinativo. ➔ sua moglie, tuo zio.<br />

Il possessivo richiede l’articolo quando il<br />

nome di parentela è accompagnato anche<br />

da un aggettivo, come in questo caso.<br />

➔ la sua cara nonna, la sua bella moglie.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

40<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle der<br />

Grammatik und Linguistik.<br />

REGOLA GENERALE<br />

• L’aggettivo santo si usa nelle seguenti forme:<br />

santo davanti a parola maschile che comincia<br />

per s + consonante ➔ Santo Stefano<br />

san davanti a parola maschile che comincia per<br />

consonante diversa da s + consonante<br />

➔ San Pietro, San Francesco<br />

santa davanti a parole femminili che cominciano<br />

per consonante ➔ Santa Chiara<br />

sant’ davanti a parola maschile o femminile che<br />

comincia per vocale ➔ Sant’Angelo, Sant’Elena<br />

➎ santi al plurale maschile ➔ Santi Apostoli<br />

➏ sante al plurale femminile ➔ Sante Vergini<br />

• L’italiano parlato al Nord è spesso diverso da<br />

quello parlato nell’Italia centrale e meridionale.<br />

Ecco le principali differenze:<br />

NORD ITALIA<br />

L’articolo è spesso usato davanti ai nomi propri<br />

di persona ➔ la Maria, il Giovanni<br />

Le parole tendono a perdere vocali e consonanti,<br />

soprattutto a fine parola ➔ caval (= cavallo)<br />

I suoni sono spesso nasali ➔ pãn (= pane),<br />

vn (= vino)<br />

CENTRO E SUD ITALIA<br />

Il pronome “Voi” è spesso usato al posto<br />

di “Lei” nelle forme di cortesia<br />

➔ E Voi, signora Rossetto, come state?<br />

Si tende a mettere il verbo<br />

alla fine della frase ➔ Malato fui<br />

Si usa il passato remoto anche per indicare<br />

eventi molto vicini nel tempo.<br />

➔ Ieri andammo a teatro<br />

Il verbo stare è usato spesso al posto<br />

di essere ➔ Sto nervoso<br />

➎ Il verbo tenere è usato spesso al posto di<br />

avere, possedere ➔ Il bambino tiene molta fame;<br />

Non tengo abbastanza soldi<br />

➏ Si tende a pronunciare le consonanti doppie<br />

anche quando sono semplici ➔ Non si rubba!<br />

➐ I verbi intransitivi sono spesso<br />

usati con il complemento oggetto ➔ Mi esca<br />

il biglietto! Può scendermi le valigie?<br />

➑ In Toscana le frasi vengono costruite spesso con<br />

il “si” impersonale ➔ Si va al cinema stasera?<br />

invece che Andiamo al cinema stasera?<br />

PER SAPERNE DI PIÙ<br />

vedi anche <strong>ADESSO</strong> 09/03.<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

L’ITALIANO<br />

REGIONALE<br />

Kompetente Sprachverwendung<br />

PERCHÉ A VENEZIA SI DICE “SAN STAE”?<br />

Durante le vacanze invernali abbiamo visitato tante chiese a<br />

Venezia. Ma perché non si dice Santo Stefano ma San Stae?<br />

Ho imparato che, se si tratta di un nome maschile, si usa "san"<br />

davanti a un nome che comincia per consonante e "santo" davanti a<br />

s + consonante: "Santo Stefano".<br />

M. von Ditfurth, via e-mail<br />

La regola citata dalla lettrice è corretta.<br />

Questo è però un caso di italiano regionale, essendo la toponomastica<br />

a Venezia in veneziano. Stae è il diminutivo popolare del<br />

nome del santo a cui è dedicata la chiesa di Sant’Eustachio e<br />

Compagni martiri, nel sestiere di Santa Croce. Nella grammatica<br />

del veneziano non c’è l’articolo<br />

“lo”; gli articoli maschili sono<br />

sempre “el” e “un”, anche<br />

davanti a s + consonante o a z.<br />

Si dice quindi: San Stae,<br />

San Stefano, San Stino,<br />

San Spiridione, San Zeno, ecc.<br />

il pistola [Depp]<br />

l’anguria [Wassermelone]<br />

il cacio [Käse]<br />

il bauscia [Angeber]<br />

mo’ [jetzt]<br />

codesto [<strong>die</strong>ser]<br />

lavorare<br />

la fondina [Napf]<br />

la coccia [Kopf]<br />

scordare<br />

il pedalino [Socke]<br />

bigiare [schwänzen]<br />

il boiler [Wasserboiler]<br />

la toponomastica<br />

il diminutivo<br />

il santo<br />

dedicato<br />

il sestiere<br />

(dial. venez.)<br />

✪✪ ESERCIZIO A<br />

In quale parte d’Italia si usano questi vocaboli?<br />

Metti una crocetta.<br />

Ortsnamenkunde<br />

Verkleinerungsform<br />

Heiliger<br />

gewidmet<br />

Stadtteil<br />

NORD TOSCANA SUD<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

✪✪ ESERCIZIO B<br />

Come si chiamano gli abitanti di… ? Completa la tabella.<br />

REGIONE<br />

Abruzzo<br />

Calabria<br />

Friuli-Venezia Giulia<br />

Lazio<br />

Lombardia<br />

Molise<br />

Puglia<br />

Sardegna<br />

Umbria<br />

Veneto<br />

ABITANTI<br />

abruzzesi<br />

lucani<br />

campani<br />

emiliani, romagnoli<br />

liguri<br />

marchigiani<br />

piemontesi<br />

siciliani<br />

toscani<br />

trentini, altoatesini<br />

valdostani<br />

✪✪✪ ESERCIZIO C<br />

Le frasi che seguono contengono alcune espressioni regionali.<br />

Individuale e riscrivi la frase in italiano standard.<br />

1) Signora, scusate, sapreste dirmi dov’è Via Larga? _____________<br />

____________________________________________________________<br />

2) Sonia molto intelligente è!____________________________________<br />

3) Quando se magna? _________________________________________<br />

4) La Marcella e il Giacomo hanno deciso di sposarsi. ____________<br />

____________________________________________________________<br />

5) Teniamo sete. _______________________________________________<br />

6) Suo marito sta molto preoccupato. ___________________________<br />

7) Che traggedia! ______________________________________________<br />

8) Che pistola di figlio che mi ritrovo! ____________________________<br />

____________________________________________________________<br />

9) Abbiamo mangiato pãn e bevuto v n. _________________________<br />

____________________________________________________________<br />

10) Mi scendi le chiavi, per favore? ______________________________<br />

11) Partimmo ieri per le vacanze._________________________________<br />

GRADO DI DIFFICOLTÀ:<br />

✪ Facile ✪✪ Medio ✪✪✪ Difficile<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A: NORD : il pistola, l’anguria,<br />

il bauscia, lavorare, la fondina, bigiare, il boiler.<br />

TOSCANA : il cacio, codesto SUD : il cacio,<br />

mo’, la coccia, scordare, il pedalino<br />

ESERCIZIO B: Abruzzo: abruzzesi; Basilicata:<br />

lucani; Calabria: calabresi; Campania: campani;<br />

Emilia-Romagna: emiliani, romagnoli;<br />

Friuli-Venezia Giulia: friulani, giuliani; Lazio:<br />

laziali; Liguria: liguri; Lombardia: lombardi;<br />

Marche: marchigiani; Molise: molisani; Piemonte:<br />

piemontesi; Puglia: pugliesi; Sicilia:<br />

siciliani; Sardegna: sardi; Toscana: toscani;<br />

Trentino-Alto Adige: trentini, altoatesini;<br />

Umbria: umbri; Val d’Aosta: valdostani;<br />

Veneto: veneti.<br />

ESERCIZIO C: 1) Signora, scusi, saprebbe<br />

dirmi dov’è Via Larga? 2) Sonia è molto intelligente!<br />

3) Quando si mangia? 4) Marcella e<br />

Giacomo hanno deciso di sposarsi. 5) Abbiamo<br />

sete. 6) Suo marito è molto preoccupato!<br />

7) Che tragedia! 8) Che figlio stupido mi<br />

ritrovo! 9) Abbiamo mangiato pane e bevuto<br />

vino. 10) Mi porteresti giù le chiavi?<br />

11) Siamo partiti ieri per le vacanze.<br />

ESERCIZIO 1: 1) e; 2) f; 3) g [Manege]; 4) a;<br />

5) b; 6) c; 7) d.<br />

ESERCIZIO 2: Sport acquatici: nuoto, vela<br />

[Segelsport], sci d’acqua. Sport motoristici:<br />

moto da corsa, auto da corsa. Sport invernali:<br />

sci, pattinaggio [Schlittschuhlaufen].<br />

Sport di combattimento: pugilato [Boxen],<br />

scherma [Fechten]. Sport di squadra: pallacanestro<br />

[Basketball], pallavolo [Volleyball].<br />

Sport individuali: corsa a ostacoli [Hindernislauf],<br />

salto in alto [Hochsprung], lancio<br />

del giavellotto [Speerwerfen].<br />

ESERCIZIO 3: 1) gli sport estremi; 2) palazzetto<br />

dello sport; 3) appassionato di; 4) gli<br />

sport acquatici; 5) sport di squadra; 6) fare<br />

sport; 7) abbigliamento per lo sport; 8) per<br />

sport; 9) sportivamente; 10) pagina dello<br />

sport; 11) agonistico.<br />

ESERCIZIO 4: 1) a; 2) a; 3) a; 4) b.<br />

41<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

VERBI<br />

• fare (dello) sport<br />

• praticare uno sport [eine Sportart ausüben]<br />

• fare qualcosa per sport [etw. als Hobby betreiben]<br />

• investire nello sport<br />

SPORT<br />

PAROLE DERIVATE<br />

• sportivo<br />

• sportivamente [sportlich, fair]<br />

• sportività [Sportlichkeit,<br />

Sportsgeist]<br />

• … automobilistico<br />

• … motoristico<br />

• … estremo<br />

• … individuale<br />

• … alpino<br />

• … di massa<br />

• … acquatico [Wasser-]<br />

• … nautico [Wasser-]<br />

• … subacqueo [Unterwasser-]<br />

TIPOLOGIA<br />

• … invernale [Winter-]<br />

• … equestre [Reit-]<br />

• … professionistico [Profi-]<br />

• … agonistico [Leistungs-]<br />

• … dilettantistico [Amateur-]<br />

• … di squadra [Mannschafts-]<br />

• … di combattimento [Kampf-]<br />

• … su ghiaccio [Eis-]<br />

42<br />

ESPRESSIONI<br />

• appassionato di... [ein begeisterter Sportler]<br />

• pagina dello...<br />

• palazzetto dello... [Sporthalle]<br />

• mondo dello...<br />

• abbigliamento per lo... [Sportbekleidung]<br />

• tipo di...<br />

✪ ESERCIZIO 1*<br />

Dove si praticano questi sport?<br />

1) nuoto<br />

2) calcio<br />

3) equitazione<br />

4) pattinaggio<br />

5) vela<br />

6) aerobica<br />

7) pallacanestro<br />

a) palazzo del ghiaccio<br />

b) mare<br />

c) palestra<br />

d) palazzetto dello sport<br />

e) piscina<br />

f) stadio<br />

g) maneggio<br />

✪ ESERCIZIO 2*<br />

A quali categorie appartengono i seguenti sport? Inserisci ciascuno sport nella colonna corrispondente.<br />

nuoto • sci • corsa a ostacoli • moto da corsa • pugilato • vela • pattinaggio • auto da corsa • scherma<br />

salto in alto • pallacanestro • sci d’acqua • pallavolo • lancio del giavellotto<br />

sport<br />

acquatici<br />

sport<br />

motoristici<br />

sport<br />

invernali<br />

sport di<br />

combattimento<br />

sport di<br />

squadra<br />

sport<br />

individuali<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 41<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

✪✪ ESERCIZIO 3*<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate:<br />

palazzetto dello sport • sport di squadra<br />

per sport • abbigliamento per lo sport • fare sport<br />

agonistico • appassionato di • gli sport acquatici<br />

pagina dello sport • sportivamente • gli sport estremi<br />

1) Salvatore è un uomo molto coraggioso [mutig] e gli<br />

piacciono __________________________________________.<br />

2) Luigi fa l’allenatore [Trainer] di una squadra e trascorre<br />

molto tempo nel _____________________________________.<br />

3) Francesco è un ______________________________ sport.<br />

4) Adoriamo il mare e _________________________________.<br />

5) Il rugby è uno _____________________________________.<br />

6) Secondo te è importante ____________________________<br />

7) Lavoro per un’azienda italiana leader nel settore<br />

dell’_________________________________________________<br />

8) Mi piace dipingere [malen]. Lo faccio _________________.<br />

9) Si sono battuti [kämpfen] ___________________________.<br />

10) Quando leggo il giornale incomincio sempre dalla<br />

____________________________________________________.<br />

11) Mio cugino pratica lo sport a livello _________________.<br />

43<br />

SUL NOSTRO SITO<br />

www.adesso-online.de<br />

ESERCIZI<br />

Ogni settimana sul nostro sito trovi un<br />

nuovo esercizio grammaticale. Questo<br />

mese esercizi sul lessico delle relazioni,<br />

sui verbi ausiliari e altro ancora!<br />

NOVITÀ due volte al mese il quiz culturale<br />

di <strong>ADESSO</strong> ti aspetta sul nostro sito.<br />

NOVITÀ una volta al mese sul nostro sito<br />

il gioco Indovina il monumento.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGAZIN<br />

È ANCHE SU FACEBOOK<br />

Cerca “<strong>ADESSO</strong> Magazin” su Facebook e<br />

diventa fan della nostra pagina!<br />

Ogni giorno puoi esercitare il tuo italiano e<br />

ricevere notizie sull’Italia e aggiornamenti<br />

sui contenuti dei nostri prodotti.<br />

✪✪ ESERCIZIO 4*<br />

Conoscete il significato dei seguenti modi di dire<br />

provenienti dalla lingua del calcio?<br />

1) Dribblare un problema significa…<br />

a) evitarlo [vermeiden]<br />

b) affrontarlo [anpacken]<br />

2) Salvarsi in corner significa…<br />

a) all’ultimo momento<br />

b) con astuzia [mit List]<br />

3) Prendere qualcuno in contropiede significa…<br />

a) alla sprovvista [unvorbereitet]<br />

b) per un pelo [um ein Haar]<br />

4) Di serie B significa…<br />

a) di grande importanza<br />

b) di poca importanza<br />

SONDAGGIO<br />

COSA PENSATE DELLE<br />

“DIMISSIONI” DI PAPA<br />

BENEDETTO XVI?<br />

Risultati del sondaggio pubblicato su<br />

<strong>ADESSO</strong>-online dal 27 / 02 al 18/03 / 2013<br />

Disapprovo:<br />

un vicario<br />

di Dio non<br />

può dimettersi<br />

3%<br />

Dimostrano la presa di<br />

coscienza di una grave<br />

crisi della Chiesa 9%<br />

Aprono una<br />

grave crisi<br />

nella Chiesa<br />

3%<br />

© Shutterstock, Ansa<br />

• Sport si può usare in funzione di aggettivo invariabile nel senso<br />

di “sportivo” ➔ versione sport, vettura sport, modello sport.<br />

• Alcuni sport si praticano con una mazza: golf, cricket, baseball.<br />

Altri invece con una racchetta: tennis, ping-pong, sci.<br />

Apprezzo il<br />

coraggio del<br />

gesto 56%<br />

La Chiesa aveva bisogno<br />

di una modernizzazione,<br />

inconciliabile con il<br />

conservatorismo<br />

di Benedetto XVI 29%<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


CULTURA<br />

Jüngste Forschungen gewähren neue Einblicke in <strong>die</strong> Abgründe und<br />

Geheimnisse der Medici, einst eine der mächtigsten Familien Europas,<br />

geprägt durch herausragende Charaktere, Intrigen und Leidenschaften.<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

44<br />

FINO AL 28 LUGLIO 2013, IL MUSEO REISS-<br />

ENGELHORN DI MANNHEIM DEDICA A<br />

UNA DELLE PIÙ FAMOSE DINASTIE<br />

DEL MONDO, i Medici, una mostra straordinaria<br />

dal titolo Die Medici. Menschen, Macht<br />

und Leidenschaft. Al centro ci sono i Medici<br />

come esseri umani con le loro passioni,<br />

contraddizioni e segreti. Non è un caso se, accanto<br />

ai più consueti quadri, opere d’arte provenienti<br />

dai più importanti musei fiorentini e oggetti<br />

preziosi, troviamo vesti, armi, oggetti d’uso quotidiano<br />

e manoscritti. Ancora più straordinaria è la sezione<br />

di medicina legale e bioarcheologia, dove vengono<br />

mostrati, anche attraverso animazioni computerizzate, i<br />

risultati degli esami svolti sui resti riesumati di alcuni<br />

Ausstellung<br />

Mensch<br />

Leidenschaft<br />

Widerspruch<br />

Zufall<br />

Gemälde, Bild<br />

stammend<br />

Gewänder<br />

Waffe<br />

la mostra<br />

l’essere (m.)<br />

umano<br />

la passione<br />

la contraddizione<br />

il caso<br />

il quadro<br />

proveniente<br />

le vesti pl.<br />

l’arma<br />

l’oggetto<br />

d’uso<br />

quotidiano<br />

la medicina<br />

legale<br />

svolto<br />

riesumato<br />

sontuoso<br />

Gebrauchs-<br />

gegenstand<br />

Rechts-<br />

medizin<br />

durchgeführt<br />

exhumiert<br />

prunkvoll<br />

il condottiero<br />

l’ugonotto m.<br />

avvicendarsi<br />

lo storico<br />

Pracht<br />

Merkmal<br />

eng<br />

verbunden<br />

Renaissance<br />

Hof<br />

beginnen<br />

enden<br />

la magnificenza<br />

il tratto<br />

legato a<br />

doppio filo<br />

il Rinascimento<br />

la corte<br />

dare inizio a<br />

terminare<br />

il principe<br />

elettore<br />

il Palatinato<br />

il casato<br />

Kurfürst<br />

Pfalz<br />

Adelsgeschlecht<br />

Feldherr<br />

Hugenotte<br />

aufeinander<br />

folgen<br />

Historiker<br />

UNA DINASTIA AVVOLTA DAL MISTERO<br />

Persino lo stemma dei Medici è di difficile interpretazione.<br />

Secondo una tesi, le palle simboleggiano pasticche<br />

farmaceutiche, usate dai primi rappresentanti della dinastia<br />

in qualità di medici. Nell’altra pagina: la statua di<br />

Cosimo I de’ Medici in Piazza della Signoria, a Firenze.<br />

membri della famiglia. Personaggi che, attraverso<br />

i libri, siamo stati abituati a considerare<br />

figure eccezionali, si mostrano in tutta la loro<br />

umana fragilità, spirituale e fisica. Una fragilità nascosta<br />

<strong>die</strong>tro la sontuosa magnificenza che fu il tratto<br />

caratteristico di questa famiglia legata a doppio filo alla<br />

grande stagione del Rinascimento, una famiglia che<br />

esercitò la sua influenza nelle corti di mezza Europa.<br />

Tra i protagonisti di questa storia che comincia con<br />

Giovanni di Bicci (1360-1429), il banchiere che <strong>die</strong>de inizio<br />

alla dinastia, e termina con Anna Maria Luisa (1667-<br />

1743), moglie del principe elettore del Palatinato Giovanni<br />

Guglielmo, troviamo i nomi che, nel bene e nel male,<br />

hanno fatto grande il casato: Lorenzo il Magnifico (1449-<br />

1492), papa Leone X (Giovanni de’ Medici, 1475-1521), il<br />

condottiero Giovanni, detto “dalle Bande Nere” (1498-<br />

1526), Caterina de’ Medici (1519-1584), il cui nome rimarrà<br />

tragicamente legato alla Notte di San Bartolomeo (23-24<br />

agosto 1572) durante la quale furono massacrati migliaia<br />

di ugonotti (i protestanti francesi). Accanto e intorno a loro,<br />

si sono avvicendate figure meno note, ma non per<br />

questo meno importanti o ricche di fascino e mistero.<br />

Anche gli storici Marco Ferri e Donatella Lippi, nel loro<br />

libro I Medici. La dinastia dei misteri, hanno provato a


CULTURA<br />

il lato<br />

oscuro<br />

il confronto<br />

ricavato<br />

la fonte<br />

il rivolo<br />

contribuire a<br />

la ferita<br />

l’arma da fuoco<br />

assumere<br />

i contorni<br />

il romanzo<br />

giallo<br />

le truppe (pl.)<br />

pontificie<br />

imperiale<br />

suscitare<br />

scalpore<br />

Seite<br />

dunkel<br />

Vergleich<br />

entnommen<br />

Quelle<br />

Bach<br />

beitragen zu<br />

Verletzung<br />

Feuerwaffe<br />

Kontur<br />

annehmen<br />

Kriminalroman<br />

päpstliche<br />

Truppen<br />

kaiserlich<br />

Aufsehen<br />

erregen<br />

diffondersi<br />

avvelenare<br />

il secolo<br />

scagionare<br />

l’accusa<br />

la testimonianza<br />

il banco<br />

degli imputati<br />

rompere<br />

all’altezza di<br />

aggredire<br />

il traditore<br />

sospetto<br />

seppellire<br />

la ricognizione<br />

le spoglie pl.<br />

sich verbreiten<br />

vergiften<br />

Jahrhundert<br />

entlasten<br />

Vorwurf<br />

Beweis,<br />

Zeugnis<br />

Anklagebank<br />

brechen<br />

auf Höhe<br />

angreifen<br />

Betrüger<br />

verdächtig<br />

begraben<br />

Nachforschung<br />

sterbliche<br />

Überreste<br />

far luce sui lati più oscuri di questa famiglia fiorentina,<br />

fatti che difficilmente trovano spazio nella storiografia ufficiale.<br />

Il confronto tra i dati ricavati dalle fonti storiche e<br />

dall’analisi effettuata sui resti riesumati di alcuni membri<br />

della famiglia ci restituisce un quadro che rappresenta “il<br />

romanzo della realtà, fatto di<br />

vite individuali che, come<br />

rivoli, contribuiscono al<br />

fluire del fiume della<br />

storia”. Così la morte<br />

di Giovanni dalle<br />

Bande Nere, che<br />

secondo la storia ufficiale<br />

fu causata da una ferita<br />

di arma da fuoco alla<br />

gamba, assume i contorni<br />

di un romanzo giallo.<br />

Giovanni era in quel 1526<br />

alla testa delle truppe pontificie<br />

alleate della Francia contro l’esercito<br />

imperiale di Carlo V d’Asburgo.<br />

La morte del “gran capitano”<br />

suscitò molto scalpore e presto<br />

si diffuse la voce che il maestro Abramo – il<br />

medico che, vista la ferita, aveva deciso di<br />

amputare la gamba a Giovanni – avesse<br />

avvelenato gli strumenti. Maldicenze?<br />

La verità si scoprirà quattro secoli dopo,<br />

Die Medici. Menschen,<br />

Macht und Leidenschaft<br />

A Mannheim, fino al 28 luglio 2013. Reiss-Engelhorn-Museen.<br />

www.medici2013.de<br />

quando il corpo di Giovanni sarà riesumato e i suoi resti<br />

analizzati. Gli esami scagionano Abramo dall’accusa di avvelenamento,<br />

ma il confronto fra le testimonianze storiche<br />

e le analisi sui resti riporta il medico sul banco degli<br />

imputati. Il colpo che ferì Giovanni, gli ruppe la gamba sopra<br />

il ginocchio. Dalla ferita, un’infezione cominciò a<br />

diffondersi per tutto il corpo. Perché, allora, maestro Abramo<br />

decise di amputare la gamba di Giovanni solo all’altezza<br />

del piede, consentendo all’infezione di aggredire gli<br />

organi vitali? Era forse un traditore?<br />

La storia dei Medici non è soltanto segnata da morti<br />

sospette e intrighi. Le cronache parlano anche di storie<br />

straordinarie d’amore, come quella della principessa Violante<br />

di Baviera, così legata al marito Ferdinando de’ Medici<br />

da disporre che, alla propria morte (avvenuta nel<br />

1731), il cuore venisse sepolto accanto al corpo del marito.<br />

Una storia forse troppo romantica per<br />

essere vera? Durante una serie di ricognizioni<br />

nei sepolcri dei due principi,<br />

effettuate a partire dalla<br />

metà del XIX secolo, il<br />

cuore imbalsamato di<br />

Violante è stato ritrovato<br />

proprio accanto<br />

alle spoglie dell’amato<br />

Ferdinando.<br />

Storie ricche di<br />

fascino e mistero,<br />

che raccontano il<br />

lato umano della<br />

dinastia più<br />

potente d’Europa.<br />

45


SOCIETÀ<br />

PRATICAMENTE PARLANDO<br />

Ecco a voi il Quirinale!<br />

In Kürze zieht ein neuer Präsident im Quirinale ein.<br />

Wir werfen einen Blick hinter <strong>die</strong> Kulissen: 1.200 Zimmer,<br />

4 Hektar Parkanlage, enorme Kosten und natürlich Geschichte,<br />

Interessantes und Nützliches.<br />

Testo: Isabella Bernardin, Cosimo Carniani, Giovanna Iacono Foto: Fabrizio Villa<br />

46<br />

IL PALAZZO DEL QUIRINALE<br />

È la sede ufficiale della presidenza della Repubblica e la<br />

residenza del presidente della Repubblica dal 1° gennaio<br />

del 1948, giorno dell’entrata in vigore della Costituzione<br />

italiana. Si trova sul colle Quirinale (da Quirino, un’antica<br />

divinità romana). Un tempo era la residenza estiva dei<br />

papi. In seguito all’annessione di Roma al Regno d’Italia,<br />

nel 1870, il Quirinale è diventato la residenza della famiglia<br />

reale dei Savoia fino al giugno del 1946 e alla proclamazione<br />

della Repubblica.<br />

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA<br />

È il capo di stato italiano, rappresenta l’unità nazionale,<br />

vigila sul rispetto della Costituzione ed è garante dell’indipendenza<br />

nazionale. Tra le sue varie funzioni, è a capo<br />

delle Forze armate, può concedere una grazia e commutare<br />

una pena, presiede il Consiglio superiore della magistratura.<br />

Non viene eletto direttamente dal popolo, ma dal<br />

parlamento. L’attuale presidente, in carica fino al maggio<br />

2013, è Giorgio Napolitano. Nel momento in cui scriviamo<br />

non sappiamo ancora chi sarà il suo successore. Vi lasciamo<br />

lo spazio per scrivere il nome del dodicesimo presidente<br />

della Repubblica italiana: …………………….……<br />

IL QUIRINALE IN CIFRE<br />

180.000 metri quadrati di superficie totale<br />

1.200 stanze<br />

2.181 dipendenti, di cui 1.095 addetti alla presidenza,<br />

1.086 militari, addetti alla sicurezza e poliziotti.<br />

8 collezioni artistiche: arazzi, orologi, dipinti antichi e moderni,<br />

mobili, carrozze, porcellane, statue e oggetti antichi.<br />

300 metri quadrati misura il tappeto del Salone delle Feste.<br />

33 auto, tra cui 3 Maserati, 2 Lancia Flaminia 335 del 1961<br />

(utilizzate per la Festa della Repubblica del 2 giugno).<br />

Amtssitz des<br />

Staatspräsidenten<br />

Dienstsitz<br />

Inkrafttreten<br />

Verfassung<br />

Hügel<br />

Papst<br />

wachen<br />

Einhaltung<br />

an der Spitze<br />

stehen<br />

Streitkräfte<br />

Begnadigung<br />

umwandeln<br />

Strafe<br />

Oberster<br />

Gerichtsrat<br />

wählen<br />

Nachfolger<br />

Gesamtfläche<br />

Beschäftigter<br />

Zuständiger<br />

Kunst-<br />

sammlung<br />

Wandteppich<br />

Gemälde<br />

Kutsche<br />

commutare<br />

la pena<br />

il Consiglio<br />

superiore<br />

della magistratura,<br />

Csm<br />

eleggere<br />

il successore<br />

la superficie<br />

totale<br />

il dipendente<br />

l’addetto<br />

la collezione<br />

artistica<br />

l’arazzo<br />

il dipinto<br />

la carrozza<br />

il Quirinale<br />

la sede<br />

l’entrata<br />

in vigore<br />

la Costituzione<br />

il colle<br />

il papa<br />

vigilare<br />

il rispetto<br />

essere<br />

a capo di<br />

le Forze (pl.)<br />

armate<br />

la grazia<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Nell’altra pagina: uno scorcio<br />

dell’esterno del Quirinale; un<br />

cameriere apparecchia la tavola.<br />

In questa pagina (da destra): la<br />

Sala Rossa del Quirinale; la Sala<br />

degli Arazzi; due cocchieri<br />

posano con<br />

alcune delle carrozze conservate<br />

al Quirinale.<br />

I COSTI DEL QUIRINALE<br />

Per la prima volta nella storia del Quirinale, nel 2013<br />

Giorgio Napolitano ha reso pubblica la previsione di bilancio<br />

dell’anno in corso. La spesa prevista è di circa 228<br />

milioni di euro, pari a 624.000 euro al giorno. La voce di<br />

spesa maggiore riguarda il personale: oltre 121 milioni di<br />

euro. Sono cifre enormi! Per farvi un’idea, la Casa Bianca<br />

costa 136,5 milioni all’anno, l’Eliseo 112,5 milioni,<br />

Buckingham Palace “solo” 57 milioni, Schloss Bellevue<br />

meno di 30 milioni.<br />

I CORAZZIERI<br />

Sono un’unità specializzata dell’Arma dei Carabinieri,<br />

con il ruolo di guardia d’onore del presidente della<br />

Repubblica. Per farne parte bisogna avere particolari<br />

requisiti: essere alti almeno 190 cm, avere una<br />

corporatura “adeguatamente armoniosa” e saper cavalcare<br />

alla perfezione. I corazzieri nascono nel 1868,<br />

quando alcuni Carabinieri a cavallo sono chiamati a<br />

fare da scorta d’onore al matrimonio di Margherita di<br />

Savoia e Umberto I.<br />

SCUDERIE DEL QUIRINALE<br />

Risalgono alla metà del 1700 e si trovano proprio accanto<br />

al Palazzo del Quirinale. Nel 1999, l’architetto Gae Aulenti<br />

le ha trasformate in un ampio spazio espositivo che<br />

ospita importanti mostre ed eventi culturali. Quest’anno<br />

da non perdere, la mostra dedicata alla carriera del pittore<br />

Tiziano, in corso fino al 16 giugno. Per maggiori informazioni:<br />

www.scuderiequirinale.it<br />

I CONCERTI<br />

Ogni domenica, nel periodo compreso fra ottobre e<br />

giugno, la Cappella Paolina del Quirinale ospita un<br />

concerto. I generi variano dalla musica classica a quella<br />

barocca e me<strong>die</strong>vale, dall’etnico all’improvvisazione.<br />

Una curiosità: la cappella, ancora officiata, ha le<br />

stesse caratteristiche architettoniche della Cappella Sistina<br />

in Vaticano.<br />

47<br />

I GIARDINI<br />

Con i loro 4 ettari, costituiscono una grande oasi verde<br />

che sovrasta Roma. Tra aiuole, siepi e sentieri ben curati,<br />

si trovano anche diverse fontane. In particolare, è<br />

famosa la Fontana dell’Organo, che aziona lo strumento<br />

musicale da cui prende il nome attraverso un<br />

gioco d’acqua. Nel cortile dei giardini si trova una botola:<br />

se la si apre e si scende la scala, si raggiunge uno<br />

scavo archeologico che include ville signorili di epoca<br />

romana. I giardini sono aperti al pubblico solo in occasioni<br />

particolari, in genere il 2 giugno, per la Festa della<br />

Repubblica.<br />

la previsione<br />

di bilancio Haushaltsplan<br />

in corso laufend<br />

la voce di spe- größter Kostensa<br />

maggiore posten<br />

sovrastare überragen<br />

l’aiuola Beet<br />

la siepe Hecke<br />

il sentiero Weg<br />

il cortile Innenhof<br />

la botola Falltür<br />

lo scavo Ausgrabung<br />

il corazziere: Kürassier (Leibgarde<br />

des italienischen Staatspräsidenten)<br />

Ehrengeleit<br />

Marstall<br />

zurückgehen<br />

Ausstel-<br />

lungsraum<br />

Ausstellung<br />

Gattung<br />

mittelalterlich<br />

<strong>die</strong> Messe<br />

zelebrieren<br />

la guardia<br />

d’onore<br />

il requisito<br />

la corporatura<br />

cavalcare<br />

la scorta<br />

d’onore<br />

la scuderia<br />

risalire<br />

lo spazio<br />

espositivo<br />

la mostra<br />

il genere<br />

me<strong>die</strong>vale<br />

officiata<br />

Ehrengarde<br />

Anforderung<br />

Statur<br />

reiten<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


A destra: un sarto<br />

confeziona la divisa di un<br />

corazziere; corazzieri in<br />

servizio nel palazzo.<br />

Sotto: preparativi di un<br />

ricevimento.<br />

Scopri il Quirinale con il<br />

Gioco dell’oca. www.adesso-online.de/questomese/praticamente-parlando<br />

48<br />

I MENU DEL QUIRINALE<br />

Leggere i menu del Quirinale vuol dire ripercorrere la<br />

storia della classe dirigente italiana. Per esempio, è interessante<br />

notare che, prima del 1907, erano scritti in francese;<br />

che il primo vino italiano a comparire nel menu presidenziale<br />

è stato un Barolo; che dalle 15 portate dei re,<br />

si è passati alle sei dei primi presidenti della Repubblica,<br />

alle tre inaugurate da Carlo Azeglio Ciampi (presidente<br />

dal 1999 al 2006). I menu svelano i gusti personali dei re<br />

e dei vari presidenti: Vittorio Emanuele II amava i cibi<br />

semplici, come la polenta con formaggi piemontesi, mentre<br />

Vittorio Emanuele III adorava il pollo arrosto. Tra i<br />

presidenti, se sulla tavola di Giuseppe Saragat (1964-<br />

1971) non mancavano mai<br />

trote e ravioli, su quella di<br />

Sandro Pertini si trovavano<br />

brodini, carni bianche e<br />

pesce bollito, ma spesso il<br />

presidente cedeva alla<br />

sua vera passione, il babà<br />

allo zabaione. L’uscente<br />

Giorgio Napolitano ha<br />

valorizzato nei suoi menu<br />

la qualità e la tradizione<br />

regionale italiana<br />

ripercorrere Revue passieren<br />

lassen<br />

notare feststellen<br />

presidenziale Präsidentla<br />

portata Gang<br />

inaugurato hier: eingeführt<br />

il cibo Essen<br />

il pollo arrosto Grillhähnchen<br />

la trota Forelle<br />

il brodino Brühe<br />

bollito gekocht<br />

cedere nachgeben<br />

il babà: typ. neapol. Hefeteiggebäck<br />

mit Rum<br />

VISITE AL PALAZZO DEL QUIRINALE<br />

Tutte le domeniche, dalle 8:30 alle 12. Non è necessaria la registrazione.<br />

Costo: 5 € (gratuito sotto i 18 anni e sopra i 65 anni).<br />

Per maggiori informazioni: www.quirinale.it<br />

Lo sapevate che…<br />

FRANCESCANO è l’aggettivo con cui si potrebbe<br />

descrivere il primo presidente, Enrico De Nicola.<br />

Non ha mai voluto uno stipendio dallo stato e<br />

pagava di tasca sua persino i francobolli e le telefonate.<br />

Può sorprendere che non abbia mai voluto<br />

stabilirsi in una reggia come il Quirinale?<br />

IL PICCONATORE è il soprannome dato al presidente<br />

Francesco Cossiga (1985-1992) per via delle<br />

“picconate” che voleva dare al sistema politico italiano,<br />

bisognoso di una profonda trasformazione nella<br />

nuova situazione internazionale determinata dalla<br />

caduta del muro di Berlino. Fu lui a far installare i<br />

bottoni rossi sul telefono del Quirinale: le linee<br />

criptate a prova di intercettazione.<br />

IL PIÙ AMATO è, senza dubbio, Sandro Pertini<br />

lo stipendio<br />

di tasca<br />

sua<br />

la reggia<br />

la picconata<br />

schietto<br />

alla mano<br />

la patente<br />

Gehalt<br />

aus eigener<br />

Tasche<br />

Schloss<br />

Angriff,<br />

Seitenhieb<br />

bedürftig<br />

tiefgreifend<br />

Fall<br />

Knopf<br />

bisognoso<br />

profondo<br />

la caduta<br />

il bottone<br />

a prova di<br />

intercettazione<br />

la tensione<br />

perseguitato<br />

il partigiano<br />

abhörsicher<br />

Spannung<br />

verfolgt<br />

Widerstandskämpfer<br />

ehrlich<br />

umgänglich<br />

Führerschein<br />

(1978-1985). Riuscì a<br />

riavvicinare i cittadini<br />

alle istituzioni in un momento<br />

di forte tensione.<br />

Era figura di grande carisma<br />

e statura morale.<br />

Fu sempre antifascista<br />

(e come tale perseguitato)<br />

e partigiano.<br />

Aveva modi ironici e<br />

schietti, era alla mano<br />

e girava su una Fiat<br />

500 rossa guidata dalla<br />

moglie, perché non<br />

aveva mai preso la<br />

patente. L’auto si trova<br />

oggi al Museo dell’Automobile<br />

di Torino.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

49<br />

Ehemann<br />

wenn man<br />

bedenkt, dass<br />

jdn. mit Samt-<br />

handschuhen<br />

anfassen<br />

il marito<br />

pensare che<br />

trattare qcn.<br />

con i guanti<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


FINE SETTIMANA<br />

Scivolando sul<br />

FIUME<br />

Mit dem Boot über den Sile bis zur Lagune von Venedig: eine Wasserfahrt<br />

durch eines der schönsten Naturgebiete Venetiens, vorbei an venezianischen<br />

Patriziervillen, alten Wassermühlen und seltenen Tierarten.<br />

Testo: Valentina Pinton<br />

50<br />

Il Parco Naturale<br />

del fiume Sile<br />

La strada verde del Parco Naturale Regionale del fiume<br />

Sile è un corridoio ecologico lungo 94 km, che va dalle<br />

sorgenti del Sile alla foce di Portegrandi, nella laguna di<br />

Venezia. Si chiama Il Girasile e si può percorrere in bicicletta,<br />

a piedi o in barca. Contiene più di 125 km di tracciati,<br />

compresa la rete delle antiche restere, le strade lungo<br />

gli argini su cui, sino alla metà del 1900, transitavano<br />

gli uomini e gli animali addetti al traino delle imbarcazioni<br />

commerciali. Il Girasile è<br />

senz’altro il modo migliore<br />

per scoprire i tesori naturalistici<br />

e storici custoditi nelle<br />

anse del Sile.<br />

Per maggiori informazioni:<br />

www.parcosile.it<br />

la sorgente<br />

l’argine m.<br />

l’addetto a<br />

il traino<br />

custodito<br />

l’ansa<br />

Quelle<br />

Damm<br />

zuständig für<br />

Schleppen<br />

bewahrt<br />

Biegung<br />

FORSE NON TUTTI I TURISTI SANNO CHE C’È<br />

UNA VIA AFFASCINANTE E INSOLITA PER RAG-<br />

GIUNGERE VENEZIA. Una via d’acqua che si snoda in<br />

mezzo a una natura rigogliosa e territori ricchi di storia,<br />

che l’uomo ha sempre sfruttato per l’economia locale e il<br />

trasporto di merci. È il Sile, il più lungo fiume di risorgiva<br />

(ovvero di origine naturale) d’Italia, che con i suoi 94<br />

km collega Casacorba di Vedelago, in provincia di Treviso,<br />

alla laguna di Venezia.<br />

Negli anni, i vecchi barcaioli che affollavano il fiume<br />

si sono fatti da parte e hanno lasciato le meraviglie naturalistiche<br />

e culturali del territorio alla curiosità dei turisti.<br />

Il modo migliore per scoprirle è scivolare dolcemente sulle<br />

acque del fiume. Le possibilità fra cui scegliere sono<br />

molte: per esempio, ci si può imbarcare su una delle belle<br />

motonavi a fondo piatto, oppure salire a bordo di un<br />

houseboat per una vacanza in totale relax e con ogni<br />

comfort. Oppure si può noleggiare una delle piccole imbarcazioni<br />

ecologiche a trazione elettrica ed esplorare in<br />

autonomia le bellezze del Sile. Meglio ancora, vi consigliamo<br />

una gita in canoa, magari di qualche ora, per pagaiare<br />

in silenziosa contemplazione<br />

della natura e scivolare gleiten<br />

insolito ausgefallen<br />

sentirvi parte del fiume.<br />

snodarsi sich schlängeln<br />

Siete pronti a salpare con rigoglioso üppig<br />

noi?<br />

sfruttare nutzen<br />

Partiamo da Casacorba<br />

di Vedelago. Qui possiamo [la sorgente] di risorgiva: Art von<br />

il trasporto Warendi<br />

merci transport<br />

Schichtquelle<br />

vedere con i nostri occhi la<br />

il barcaiolo Bootsführer<br />

magia delle acque limpide farsi da parte sich zurückziehen<br />

del Sile che escono dal sottosuolo<br />

attraverso i cosid-<br />

lasciare jdm. etw.<br />

qc. a qcn. überlassen<br />

detti fontanassi (“fontanili“ imbarcare sich einschiffen<br />

in italiano, cioè le polle di<br />

la motonave Motorschiff<br />

risorgiva). Questo luogo, il fondo piatto Flachboden<br />

considerato da sempre misterioso,<br />

noleggiare chartern<br />

compare in molti<br />

l’imbarcazione<br />

f.<br />

racconti pagani e in storie la trazione<br />

Schiff, Boot<br />

della tradizione cristiana. elettrica Elektroantrieb<br />

pagaiare paddeln<br />

Nella storia del Fontanasso<br />

salpare ablegen<br />

del prete, per esempio, c’è il sottosuolo Untergrund<br />

un prete che porta l’eucarestia<br />

a un moribondo. La di risorgiva Quelltopf<br />

il fontanile Quelle<br />

la polla<br />

regina lo incontra proprio pagano heidnisch<br />

il moribondo Todkranker<br />

qui, ma quando lo vede<br />

inchinarsi sich verneigen<br />

non si inchina. Viene allora<br />

colpire treffen<br />

colpita da un fulmine, il fulmine<br />

Blitz<br />

© Huber/Sime (2), Mauritius Images<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Casacorba<br />

di Vedelago<br />

Santa<br />

Cristina<br />

Quinto di<br />

Treviso<br />

TREVISO<br />

Casier<br />

Lughignano<br />

Casale<br />

sul Sile<br />

Fiume Sile<br />

Quarto<br />

d’Altino<br />

Portegrandi<br />

VIAGGIARE SLOW LUNGO LE ACQUE<br />

Da sinistra (in senso orario): un momento della<br />

navigazione nell’Oasi di Cervara, all’interno del<br />

Parco Naturale del Sile; a piedi lungo il fiume a<br />

Casale sul Sile; uno scorcio di Treviso e del<br />

Canale Buranelli.


IN BARCA O IN BICI, IMMERSI NELLA NATURA<br />

Da sinistra (in senso orario): in bici lungo il Sile,<br />

nei pressi di Silea; imbarcazioni nell’Oasi di<br />

Cervara; Villa di Maser (TV), di Andrea Palladio,<br />

Patrimonio Unesco; un ponte pedonale sul Sile.<br />

che la fa sprofondare nel terreno fino a<br />

formare una voragine. Questi luoghi<br />

conservano ancora oggi il loro mistero.<br />

Ce ne accorgiamo in particolare mentre<br />

guardiamo le erbe e le alghe di palude,<br />

quasi a cercare la soluzione del segreto<br />

che queste acque nascondono da millenni.<br />

La natura e i suoi abitanti accompagnano tutta la nostra<br />

crociera lungo il Sile. Nell’Oasi del Mulino di Cervara,<br />

una zona di palude dalla bellezza straordinaria, ci<br />

ritroviamo nel regno degli uccelli. La riserva naturale ha<br />

un osservatorio ornitologico<br />

ed è subito chiaro che sprofondare versinken<br />

gli ospiti siamo noi. Guardiamo<br />

in silenzio, con la<br />

la voragine Abgrund<br />

l’erba Kraut<br />

la palude Moor, Sumpf<br />

speranza di scorgere gli aironi,<br />

che sono i principali la crociera Bootsfahrt<br />

nascondere verstecken<br />

il mulino Mühle<br />

abitanti di questa zona, i<br />

la riserva Naturnaturale<br />

schutzgebiet<br />

martin pescatore, i germani<br />

reali e gli usignoli di fiume.<br />

Il grande mulino esi-<br />

scorgere erblicken<br />

l’airone m. Reiher<br />

il martin<br />

steva già nel 1325, come pescatore Eisvogel<br />

leggiamo nei documenti, e il germano<br />

reale Stockente<br />

ci fa pensare alla vita dell’uomo<br />

sul fiume. Vediamo di fiume Seidensänger<br />

l’usignolo<br />

poi la cavana, che è un po- la cavana: Unterstellplatz für Boote<br />

© Huber/Sime (3), Stockfood<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


il mugnaio<br />

catturare<br />

il testimone<br />

il cimitero<br />

i primi anni<br />

(pl.) Settanta<br />

l’armatore m.<br />

affondare<br />

il fallimento<br />

la carcassa<br />

consumarsi<br />

farsi largo<br />

essere in<br />

abbandono<br />

il canneto<br />

nidificare<br />

il tuffetto<br />

la garzetta<br />

la navigazione<br />

la colonna<br />

il portico<br />

la rotta<br />

commerciale<br />

il guadagno<br />

diminuire<br />

la terraferma<br />

il burchiello<br />

sfarzoso<br />

la carrozza<br />

costruire<br />

Müller<br />

fangen<br />

Zeuge<br />

Friedhof<br />

frühe Siebziger<br />

Jahre<br />

Reeder<br />

versenken<br />

Konkurs<br />

hier: Reste<br />

hier: verrotten<br />

sich einen<br />

Weg bahnen<br />

verwahrlosen<br />

Schilf<br />

nisten<br />

Tauchente<br />

Seidenreiher<br />

Fahrt<br />

Säule<br />

Säulengang<br />

Handelsweg<br />

Ver<strong>die</strong>nst,<br />

Gewinn<br />

abnehmen<br />

Festland<br />

Kahn<br />

prachtvoll<br />

Kutsche<br />

errichten<br />

sto coperto dove “parcheggiare”<br />

la pantana, cioè la tipica<br />

barca del Sile a fondo<br />

piatto; il casone (un tipo di<br />

casa contadina povera) e la<br />

pescheria, che un tempo era<br />

usata dai mugnai per catturare<br />

il pesce della palude.<br />

Tra Quinto di Treviso e Silea<br />

vediamo molti altri mulini.<br />

Non sono solo esempi<br />

di archeologia industriale,<br />

ma silenziosi testimoni di<br />

tempi antichi, quando questa<br />

zona riusciva a produrre<br />

la farina per tutto il territorio<br />

circostante.<br />

Altrettanto affascinante<br />

è il cimitero dei burci. I<br />

burci sono imponenti imbarcazioni<br />

usate soprattutto<br />

per trasportare le merci.<br />

Ci raccontano che, nei primi<br />

anni Settanta, alcuni armatori<br />

affondarono una<br />

parte delle loro barche per protestare contro il fallimento<br />

del grande mulino Chiari & Forti. Le carcasse sono ancora<br />

qui e si consumano lentamente. Un giorno torneranno<br />

a far parte del fiume perché la vita, si sa, trova<br />

sempre spazio per farsi largo, anche dove tutto è in abbandono.<br />

Tra i resti dei vecchi burci sono cresciuti cespugli,<br />

alberi, canneti ed erbe. Qui nidificano molti animali<br />

tipici della zona, come anatre, tuffetti, garzette.<br />

Continuiamo la navigazione ed ecco che incontriamo<br />

le ville veneziane. A volte nascoste nel verde, oppure<br />

più in vista, con colonne e capitelli neoclassici,<br />

portici leggeri e stucchi decorativi, formano un vero e<br />

proprio museo all’aperto. Ricordano l’epoca in cui, dopo<br />

la scoperta di nuove rotte commerciali, i guadagni<br />

erano diminuiti e i ricchi veneziani<br />

investivano nella terraferma.<br />

Non è troppo difficile<br />

immaginarli a bordo di burchielli<br />

o su sfarzose carrozze,<br />

diretti verso le ville in provincia.<br />

Riconosciamo Villa Barbaro-Valier<br />

(ora Battaggia) del<br />

1500; la settecentesca Villa Fanio<br />

Cervellini; Villa Barbaro<br />

Gabbianelli a Lughignano, la<br />

più antica del Sile, fatta costruire<br />

da Caterina Cornaro<br />

verso la fine del Quattrocento<br />

Kurs in Kleingruppen<br />

Einzelunterricht<br />

Kombinierter Kurs<br />

I sapori del Sile<br />

Il Sile invita i suoi visitatori a conoscere anche i suoi<br />

prodotti gastronomici, molti dei quali sono già noti<br />

e apprezzati in tutta Italia. Tra le numerose specialità,<br />

da non perdere il radicchio rosso di Treviso Igp,<br />

di sicuro il più noto, l’asparago bianco di Badoere, il radicchio<br />

verdolino o verdon, la patata dolce di Zero Branco<br />

e un formaggio prelibato, la casatella trevigiana. Per<br />

gli amanti del pesce, ricordiamo<br />

la trota, l’anguilla<br />

e lo storione del Sile,<br />

alla base di squisite<br />

ricette tradizionali. Da<br />

non perdere la sopa coàda,<br />

che un tempo era<br />

considerata pietanza povera,<br />

ma oggi è proposta<br />

come specialità della cucina<br />

trevigiana. L’area del<br />

Sile permette di gustare<br />

anche squisiti dessert<br />

come il tiramisù o la zonclada,<br />

una torta secca tipica<br />

della zona meridionale<br />

del Trevigiano.<br />

Italienische<br />

Sprachschule<br />

in<br />

TREVISO<br />

E.STI.VE EuroStudi Veneto<br />

Vicolo Barberia 9 (Piazza Pola)<br />

31100 TREVISO www.italiaservice.com<br />

noto bekannt<br />

apprezzato geschätzt<br />

l’Igp (f.), ggA,<br />

Indicazione geschützte<br />

geografica geogr.<br />

protetta Angabe<br />

l’asparago Spargel<br />

la patata<br />

dolce Süßkartoffel<br />

la trota Forelle<br />

l’anguilla Aal<br />

lo storione Stör<br />

la sopa coàda: trad. Suppe<br />

mit Brot, Taubenfleisch und<br />

Käse<br />

la pietanza Arme-Leupovera<br />

te-Essen<br />

meridionale südlich<br />

Weekendkurs<br />

ViaVai Kurs<br />

Kulturprogramm<br />

eurostudi@italiaservice.com<br />

Tel. +39.0439.81821<br />

Fax +39.0439.827544<br />

Mobiltelefon +39.3425590839<br />

53


L’arrivo nella laguna di<br />

Venezia, in prossimità<br />

dell’isola di Burano.<br />

54<br />

come dono di nozze per la sua damigella Fiammetta;<br />

Villa Dalla Riva (ora Canzian), del Seicento; Villa Mantovani<br />

Orsetti e Villa Celestia, del XVI secolo.<br />

Interrompiamo la navigazione per fermarci nella zona<br />

archeologica della città sepolta di Altino, antico centro paleoveneto,<br />

conquistato dai Romani nel II secolo a.C. Merita<br />

una visita il Museo Archeologico Nazionale, che conserva<br />

reperti preromani e romani, parte all’interno e parte<br />

all’esterno, nella vicina area archeologica. Partiva da qui la<br />

più monumentale delle strade transalpine romane: la Via<br />

Claudia Augusta “Altinate“. Costruita da Druso per scopi<br />

militari e commerciali attorno al 15 a.C. (ampliata poi dall’imperatore<br />

Claudio, da cui prende il nome), collegava Altino<br />

alla città di Augusta. Passava per Trento e Bolzano e<br />

oltrepassava le Alpi al Passo di Resia. Una parte del suo<br />

tracciato – da Altino a Silea – è percorribile ancora oggi.<br />

FIUME SILE<br />

INFORMAZIONI<br />

PARCO NATURALE<br />

DEL FIUME SILE<br />

Via Tandura 40, 31100 Treviso<br />

+39 0422 321994<br />

fax +39 0422 321839.<br />

info@parcosile.it<br />

www.parcosile.it<br />

IN BARCA SUL SILE<br />

NATANTI ELETTRICI<br />

Piazza Pio X, Casier (TV)<br />

+39 345 9358622.<br />

www.barchiamo.eu<br />

HOUSBOAT<br />

BOOKING CENTRE HOUSEBOAT<br />

HOLIDAYS ITALIA<br />

Via C. Colombo 36,<br />

45014 Porto Viro (RO)<br />

+39 0426 666025.<br />

www.houseboat.it<br />

MOTONAVI<br />

NAVIGAZIONE F.LLI STEFANATO<br />

Via Garibaldi 13<br />

31032 Casale sul Sile (TV)<br />

+39 0422 788663.<br />

www.navigazionestefanato.it<br />

Lo sapevate che…<br />

La città di Treviso è una delle località<br />

toccate dal fiume Sile. Lo segnala già<br />

Dante nella Divina Commedia, in<br />

occasione dell’incontro [Begegnung]<br />

con Cunizza, sorella di Ezzelino III,<br />

signore del territorio di Treviso.<br />

“Dove Sile e Cagnan s’accompagna”,<br />

dice Dante nel Paradiso (canto IX, v. 49). Oggi, nel punto in<br />

cui le acque del Sile e quelle dell’affluente [Nebenfluss]<br />

Cagnan si incontrano, si trova il Ponte Dante.<br />

Giungiamo finalmente a Portegrandi, dove si trova la<br />

foce del Sile. È sempre emozionante arrivare dall’entroterra<br />

e affacciarsi sulla laguna, con il suo muto e insondabile<br />

mistero. In lontananza,<br />

scorgiamo l’affascinante<br />

isola di Torcello. Ci voltiamo<br />

in<strong>die</strong>tro a salutare le acque<br />

tranquille del Sile. Ci<br />

hanno condotto fin qui attraverso<br />

luoghi di pace, natura<br />

incontaminata, storie<br />

di uomini, civiltà e antichi<br />

mestieri che non vogliono<br />

e non possono essere dimenticati.<br />

Il nostro è un silenzioso<br />

ringraziamento.<br />

La promessa è di ritornare<br />

presto in questi luoghi che<br />

hanno ancora tanto da raccontare.<br />

Hochzeits-<br />

geschenk<br />

Hofdame<br />

Jahrhundert<br />

begraben<br />

erobert<br />

Fundstück<br />

Zweck<br />

überqueren<br />

Strecke<br />

befahrbar<br />

Mündung<br />

Binnenland<br />

still<br />

unergründlich<br />

unberührt<br />

Beruf,<br />

Handwerk<br />

il dono<br />

di nozze<br />

la damigella<br />

il secolo<br />

sepolto<br />

conquistato<br />

il reperto<br />

lo scopo<br />

oltrepassare<br />

il tracciato<br />

percorribile<br />

la foce<br />

l’entroterra<br />

muto<br />

insondabile<br />

incontaminato<br />

il mestiere<br />

© Laif<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Jeden<br />

Monat<br />

im Heft<br />

Italienisch<br />

leicht gemacht<br />

für Italien-<br />

Liebhaber<br />

SOLUZIONE LUCILLA INDAGA (DA PAG. 39): Secondo Lucilla, il suo vicino di casa ha cercato di crearsi un alibi. Ha affermato [affermare:<br />

behaupten] infatti di dover fare le analisi del sangue, ma ha anche detto di avere bevuto caffè a colazione, mentre le analisi del sangue si devono fare<br />

a digiuno [nüchtern].


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Giuseppe<br />

MUSSARI<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Catanzaro, 20 luglio 1962. STATO CIVILE: sposato con Luisa Stasi e padre di tre figli.<br />

SEGNI PARTICOLARI: si è iscritto a Medicina e si è laureato in Giurisprudenza, prima di diventare banchiere.<br />

56<br />

MPS – seit Januar hat das Kürzel einen<br />

festen Platz in allen Nachrichtenme<strong>die</strong>n.<br />

Es steht für eines der traditionsreichsten<br />

Bankhäuser, das nun dank<br />

Mussari am Rand des Ruins steht.<br />

I TELEGIORNALI DEL 14 FEBBRAIO RIPORTAVANO<br />

UNA NOTIZIA E UN’IMMAGINE: UN’AUTO CHE<br />

ARRIVA ALLA PROCURA DI SIENA, DOVE UNA<br />

FOLLA ATTENDE UN SIGNORE CONVOCATO DAI<br />

MAGISTRATI. Nel momento in cui l’uomo, Giuseppe<br />

Mussari, scende dall’auto, la gente gli lancia delle monetine.<br />

Una di quelle immagini che fanno male, non solo ai<br />

telespettatori, ma al sistema Italia, al futuro degli italiani.<br />

Quel signore, dal 2006 al 2012, è stato a capo del Monte<br />

dei Paschi di Siena, una delle banche più antiche e potenti<br />

d’Italia, la famosa banca con la sede nella Rocca Salimbeni,<br />

uno dei palazzi più belli di Siena.<br />

Mps, tre lettere che oggi tutti, in Italia, collegano agli<br />

scandali e ai trucchi di Mussari e dei suoi avidi manager.<br />

Solo grazie a massicci aiuti statali (circa 4 miliardi) il Monte<br />

non ha fatto crac. Un fallimento che, oltre alla perdita del<br />

posto di lavoro per decine di dipendenti, avrebbe gettato<br />

nel caos il sistema bancario italiano. Già, perché Mussari,<br />

prima di guidare la banca, era anche il presidente della<br />

Fondazione Mps. E come se non bastasse, ha anche guidato,<br />

dal luglio 2010 al gennaio 2013, l’Associazione bancaria<br />

italiana (Abi). Poi, il 22 gennaio 2013, il giornale Il Fatto Quotidiano<br />

dà la notizia di uno strano accordo tra Mussari e la<br />

banca giapponese Nomura: uno scambio di derivati (i più<br />

rischiosi titoli speculativi) per coprire mutui bancari per un<br />

valore di circa 740 milioni di euro. Sono le prime noccioline<br />

(marce) di un gigantesco bubbone, ossia l’acquisto di Antonveneta,<br />

la banca padovana che, nel novembre 2007,<br />

Mussari acquista dagli spagnoli di Santander per una cifra<br />

di 9 miliardi, che nel 2008 salgono a oltre 10. A operazione<br />

conclusa, per saldare i debiti di Antonveneta, si sfonda il<br />

tetto dei 18 miliardi. Peccato che Santander, nel settembre<br />

2007, per l’istituto padovano avesse pagato 6,6 miliardi!<br />

Oggi Alessandro Profumo, il nuovo presidente Mps –<br />

all’epoca presidente di Unicredit – giudica “troppi” pure<br />

i 9 miliardi pagati all’inizio. “Antonveneta fu offerta anche<br />

a noi di Unicredit”, ha detto il 28 gennaio. “Dicemmo di<br />

no perché 9 miliardi erano troppi”. Mussari disse invece<br />

di sì perché voleva che Mps diventasse il terzo gruppo<br />

bancario italiano. A tutti i costi, come dimostra l’incredibile<br />

lista di reati compiuti a Rocca Salimbeni per la scalata ad<br />

laurearsi Stu<strong>die</strong>nabschluss<br />

erwerben<br />

la procura Staatsanwaltschaft<br />

la folla Menschenmenge<br />

convocato hier: vorgeladen<br />

il magistrato Richter,<br />

Staatsanwalt<br />

lanciare le monetine: Geldstücke<br />

werfen, Anspielung auf <strong>die</strong> Szene<br />

vom 30. April 1993 als B. Craxi<br />

den Erhalt von Schmiergeldzahlungen<br />

zugab und <strong>die</strong> Abgeordnetenkammer<br />

gegen <strong>die</strong> Aufhebung<br />

seiner Immunität stimmte<br />

il tele- Fernsehspettatore<br />

zuschauer<br />

potente mächtig<br />

la sede Sitz<br />

il trucco Trick, Betrug<br />

avido gierig<br />

l’aiuto statale staatliche Hilfe<br />

fare crac zusammenbrechen<br />

il fallimento Insolvenz<br />

la perdita Verlust<br />

il/la dipen- Beschäftigter,<br />

dente Beschäftigte<br />

la fondazione Stiftung<br />

l’Associazione (f.) bancaria italiana:<br />

italienischer Bankenverband<br />

l’accordo Vereinbarung<br />

lo scambio Tausch<br />

il mutuo<br />

bancario Bankdarlehen<br />

le noccioline<br />

pl. hier: Peanuts<br />

il bubbone Eiterbeule<br />

l’acquisto Erwerb<br />

saldare Schulden<br />

i debiti begleichen<br />

sfondare Höchstbetrag<br />

il tetto überschreiten<br />

giudicare halten, urteilen<br />

pagare zahlen<br />

il reato Straftat<br />

compiuto begangen<br />

la scalata hier: Übernahme<br />

© Ansa<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


, 31 gennaio 2013<br />

Napolitano: “Su Mps<br />

fare chiarezza e tutelare<br />

l’interesse nazionale”<br />

tutelare: schützen<br />

L’articolo…<br />

Giuseppe Mussari, nato<br />

a Catanzaro nel 1962, è un<br />

FACILE E IN BREVE<br />

Giuseppe Mussari (50).<br />

Dal 2006 al 2012 è<br />

stato a capo del Monte<br />

dei Paschi di Siena.<br />

avvocato e banchiere italiano. Il suo nome è legato allo<br />

scandalo del Monte dei Paschi di Siena, la più antica<br />

banca del mondo. Mussari è stato per più di <strong>die</strong>ci anni ai<br />

vertici della banca di Siena: dapprima come presidente<br />

della Fondazione Mps e poi, dal 2006, come presidente<br />

del Cda della Banca Monte dei Paschi.<br />

La caduta di Mussari è iniziata quando è emerso il caso<br />

della banca padovana Antonveneta, acquistata dal Monte<br />

dei Paschi a un prezzo<br />

l’avvocato<br />

i vertici pl.<br />

la caduta<br />

emergere<br />

il caso<br />

acquistato<br />

scoprire<br />

i conti pl.<br />

mettere<br />

in luce<br />

l’intreccio<br />

Rechtsanwalt<br />

Führung<br />

Fall<br />

auftauchen<br />

Fall<br />

erworben<br />

entdecken<br />

Konten, Bücher<br />

ans Licht<br />

bringen<br />

Verflechtung<br />

troppo alto,<br />

e quando sono state scoperte<br />

alcune operazioni<br />

poco chiare per nascondere<br />

i problemi nei conti<br />

della banca. Il caso di<br />

Mussari ha messo in luce<br />

l’intreccio di rapporti,<br />

spesso poco chiari, tra<br />

il mondo della finanza e<br />

quello della politica.<br />

Antonveneta. Si va dalle false comunicazioni ai falsi in bilancio,<br />

dalla truffa aggravata alle manipolazioni di mercato.<br />

Più che una banca, ai magistrati di Siena il vertice di<br />

Mps ricorda “un’associazione a delinquere”, visto che indagati<br />

non sono solo Mussari e l’ex direttore generale di<br />

Mps Antonio Vigni. In carcere è finito anche Gianluca Baldassarri,<br />

ex responsabile Finanza di Mps. Per non parlare<br />

degli effetti dei loschi affari di Mps sulla politica toscana,<br />

, 15 febbraio 2013<br />

Mps, Mussari sentito<br />

in procura a Siena,<br />

gli lanciano monete<br />

la procura: Staatsanwaltschaft<br />

dato che nel mirino dei magistrati<br />

ci sono 3 ex sindaci<br />

di Siena. Non per niente si<br />

parla della “casta di Siena”,<br />

intendendo il tossico intreccio<br />

tra banchieri e politici<br />

che avrebbe rischiato di<br />

uccidere il “modello toscano”,<br />

un modello di vita da<br />

cui sono nate non solo le<br />

banche, ma l’umanesimo<br />

italiano.<br />

Certo, il nuovo manager<br />

Alessandro Profumo sta<br />

facendo di tutto per salvare<br />

il nome e il prestigio di<br />

Mps. Il simpatico Enrico<br />

Rossi, presidente della Regione<br />

Toscana, è convinto<br />

che “Mps ce la farà” a uscire<br />

dalla crisi. Persino Giorgio<br />

Napolitano, il presidente<br />

della Repubblica, assicura a<br />

tutti, clienti e investitori,<br />

wahrheitswid-<br />

rige Mitteilung<br />

Bilanz-<br />

fälschung<br />

schwerer<br />

Betrug<br />

Markt-<br />

manipulation<br />

la falsa comunicazione<br />

il falso<br />

in bilancio<br />

la truffa<br />

aggravata<br />

la manipolazione<br />

di mercato<br />

l’associazione<br />

(f.)<br />

a delinquere<br />

il carcere<br />

losco<br />

l’affare m.<br />

il mirino<br />

il sindaco<br />

l’intreccio<br />

uccidere<br />

convinto<br />

farcela<br />

tutelare<br />

essere<br />

in ballo<br />

il ladro<br />

kriminelle<br />

Vereinigung<br />

Gefängnis<br />

krumm, finster<br />

Geschäft<br />

Visier<br />

Bürgermeister<br />

Verflechtung<br />

töten<br />

überzeugt<br />

es schaffen<br />

schützen<br />

auf dem Spiel<br />

stehen<br />

Dieb<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta un brano radiofonico<br />

su Giuseppe Mussari.<br />

che la magistratura deve “fare chiarezza su Mps e tutelare<br />

l’interesse nazionale”. In ballo, in effetti, non c’è solo una<br />

banca, ma il credito del sistema Italia e quell’intreccio, a dir<br />

poco velenoso, tra politica, economia e finanza. Per questo<br />

l’immagine di Giuseppe Mussari davanti alla procura di<br />

Siena resta impressa, così come il termine con cui la gente<br />

che gli lanciava le monetine l’ha accolto: “ladro”.<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

57<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

58<br />

IN CARCERE<br />

PER UNA NOTTE<br />

Siamo negli anni Settanta e l’Asinara,<br />

l‘isola selvaggia a nord della Sardegna,<br />

oggi riserva integrale, ospita un carcere<br />

di massima sicurezza, in cui finiscono i<br />

criminali e i terroristi più pericolosi.<br />

Per una notte due visitatori restano<br />

bloccati sull’isola a causa del mare in<br />

tempesta. Sono la moglie di un pluriomicida<br />

e il padre di un giovane killer terrorista. Entrambi i<br />

protagonisti sono segnati dalla sofferenza e, anche se liberi<br />

e innocenti, scontano ogni giorno una pena infinita, inflitta<br />

loro dal parente incarcerato.<br />

Il mondo rarefatto che li circonda<br />

è per la donna una<br />

sorpresa, per l’uomo un ricordo<br />

doloroso.<br />

La sorpresa, per il lettore, è<br />

imbattersi in un’umanità dolente<br />

proprio sulla soglia di<br />

il carcere<br />

selvaggio<br />

la riserva<br />

integrale<br />

restare<br />

bloccato<br />

il mare<br />

Gefängnis<br />

wild<br />

strenges Natur-<br />

schutzgebiet<br />

festsitzen, ste-<br />

cken bleiben<br />

stürmisches<br />

uno dei luoghi più disumani in tempesta Meer<br />

il pluriomicida mehrfacher<br />

al mondo, e non dentro. Chi<br />

Mörder<br />

è dentro, si sa, lo è per propria<br />

responsabilità; i familia-<br />

la sofferenza Leiden<br />

scontare eine Strafe<br />

ri dei carcerati, invece, sono una pena verbüßen<br />

costretti a fare la spola tra i<br />

inflitto verhängt<br />

loro cari e il mondo che li ha rarefatto ätherisch<br />

condannati.<br />

Lingua: facile. Genere:<br />

romanzo sentimentale.<br />

Francesca Melandri,<br />

Più alto del mare, Rizzoli,<br />

237 pagine.<br />

la soglia<br />

la responsabilità<br />

fare la spola<br />

condannare<br />

Schwelle<br />

Verantwortung<br />

hin- und<br />

herpendeln<br />

verurteilen<br />

IL GIOCO<br />

DEGLI AFFETTI<br />

Chi esce dal fallimento di una relazione<br />

lunga deve riorientarsi, capire<br />

se è preferibile la solitudine e quali<br />

siano le condizioni che è disposto<br />

ad accettare per ricominciare. Irene<br />

ha le idee chiare. Per questo rifiuta<br />

tutti gli uomini che incontra. Le basta<br />

un’occhiata, poche parole per<br />

capire che non vuole accontentarsi. Non ha fretta e, quando<br />

arriverà l’uomo giusto, lo capirà. Nicola invece, benché<br />

frustrato da un matrimonio sbagliato, quando si ritrova da<br />

solo non sa come affrontare la nuova libertà. Affermato<br />

autore di gialli, De Silva abbandona il genere per rivelarsi<br />

qui un acuto osservatore<br />

dei comportamenti umani.<br />

Segue le persone co-<br />

il fallimento Scheitern<br />

l’affetto Gefühl<br />

me una videocamera che la relazione Beziehung<br />

indaga da vicino la loro vita<br />

coniugale, il gioco de-<br />

la condizione Bedingung<br />

la solitudine Einsamkeit<br />

gli affetti. Cerca di capire rifiutare ablehnen<br />

l’enorme difficoltà che, accontentarsi sich begnügen<br />

oggi, gli adulti hanno a incontrarsi,<br />

in un mondo nel<br />

affrontare bewältigen<br />

l’autore (m.)<br />

di gialli Krimiautor<br />

quale tutto sfugge sulla<br />

abbandonare verlassen<br />

superficie, in modelli che,<br />

acuto scharfsinnig<br />

alla fine dei conti, non ci indagare erforschen<br />

si sente di condividere.<br />

la vita<br />

Lingua: abbastanza diffi-<br />

coniugale Eheleben<br />

cile. Genere: racconto<br />

sentimentale. Diego De<br />

Silva, Mancarsi, Einaudi,<br />

104 pagine.<br />

sfuggire<br />

la superficie<br />

alla fine<br />

dei conti<br />

entgehen<br />

Oberfläche<br />

letztendlich<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

IN VACANZA CON FIDO<br />

È tempo di vacanze e, per chi tra voi condivide la vita con un animale domestico e non intende<br />

lasciarlo a casa, è tempo di prepararsi per godere al meglio del viaggio senza spiacevoli<br />

sorprese. In Italia, spiega la nuova edizione della guida Touring Viaggiare con cane e gatto,<br />

sono sempre di più le strutture che accolgono gli amici a quattro zampe. Tantissime sono<br />

le spiagge dove anche Fido può rilassarsi con un tuffo in mare e, nelle grandi città, le aree<br />

verdi attrezzate in cui fargli fare una piacevole passeggiata. Ci sono poi strutture come l’Hotel<br />

Ali sul Lago di Magione, sul Lago Trasimeno (PG), che offre persino uno sconto di 10 euro<br />

al giorno a chi porta con sé il proprio animale. Per ogni regione, la guida presenta una<br />

panoramica degli itinerari più belli per voi e il vostro animale, indirizzi utili, ristoranti e alberghi<br />

pet friendly. Completa<br />

la guida una sezione dedicata<br />

alle normative vigenti in Italia,<br />

che contiene molti consigli utili per il viaggio e un simpatico<br />

galateo, perché “le buone maniere garantiscono armonia<br />

fra chi ha pets e chi non ne ha e sono il vero segreto<br />

di una bella vacanza con loro”. Isabella Bernardin<br />

Viaggiare con cane e gatto. Nuova edizione,<br />

Touring Editore, 320 pagine, € 18.<br />

Fido: typischer Hundename (wie<br />

Bello)<br />

condividere teilen<br />

l’animale (m.)<br />

domestico Haustier<br />

godere genießen<br />

spiacevole unangenehm<br />

l’edizione f. Ausgabe<br />

la struttura Ferienanlage<br />

a quattro<br />

zampe<br />

il tuffo<br />

persino<br />

l’itinerario<br />

vigente<br />

il consiglio<br />

il galateo<br />

vierbeinig<br />

Sprung<br />

sogar<br />

Route<br />

geltend<br />

Tipp<br />

Knigge<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

IL LIBRO DELL’AUTRICE<br />

L’ACUSTICA PERFETTA<br />

Arno si considera un uomo fortunato: è violoncellista alla Scala,<br />

ha sposato l’unica donna che ha amato e ha tre figli adorabili.<br />

Ma Sara, che è stata il suo primo amore adolescenziale,<br />

che ha ritrovato per caso dopo 16 anni e subito sposato, è<br />

inquieta, infelice. E fa qualcosa di assolutamente imprevedibile,<br />

sparisce. Questo mette<br />

Arno di fronte a una realtà fortunato glücklich<br />

sconosciuta. Per salvare i cardini<br />

stessi della sua vita, co-<br />

l’amore (m.)<br />

adorabile entzückend<br />

mincia a indagare su quella adolescenziale Jugendliebe<br />

della moglie, sui suoi dolori<br />

giovanili e le ferite sempre taciute.<br />

Chi è la persona con cui<br />

ha vissuto tutti questi anni?<br />

Può un marito accettare che<br />

sua moglie non si fidi di lui?<br />

Lingua: media difficoltà.<br />

Genere: romanzo<br />

sentimentale.<br />

per caso<br />

inquieto<br />

sparire<br />

mettere di<br />

fronte a qc.<br />

il cardine<br />

indagare<br />

la ferita<br />

taciuto<br />

zufällig<br />

unruhig<br />

verschwinden<br />

mit etw.<br />

konfrontieren<br />

Angelpunkt<br />

nachforschen<br />

Wunde<br />

verschwiegen<br />

DAL LIBRO:<br />

L’AUTRICE DEL MESE<br />

DARIA<br />

BIGNARDI<br />

Nasce nel 1961 a Ferrara, figlia di una maestra e di un<br />

rappresentante. Da giovane ama le mode trasgressive.<br />

Inizia gli studi al Dams di Bologna, poi passa a Lettere,<br />

laureandosi a soli 23 anni. Dopo un soggiorno a Londra,<br />

nel 1984 si stabilisce a Milano. Lavora nella pubblicità,<br />

ma scrive come giornalista. Diventata professionista,<br />

entra in televisione come assistente di Gad Lerner alla<br />

trasmissione Milano Italia. Nel 1995 è a sua volta conduttrice<br />

nelle reti del gruppo Mediaset (Berlusconi): la<br />

celebrità arriva quando presenta le prime due edizioni<br />

del Grande Fratello. Da allora, cura diverse trasmissioni<br />

culturali, anche alla radio. La più nota è Le invasioni barbariche,<br />

su La7, un talk<br />

show in prima serata con<br />

i personaggi del momento.<br />

Si sposa due volte, la<br />

seconda con Luca Sofri,<br />

figlio di Adriano, e ha due<br />

figli. Il suo primo romanzo,<br />

Non vi lascerò orfani,<br />

di carattere autobiografico,<br />

esce del 2009, incontra<br />

un largo favore di<br />

pubblico e riceve numerosi<br />

premi. Nel 2010 esce<br />

Karma pesante, nel 2012<br />

L’acustica perfetta. Collabora<br />

al giornale Vanity<br />

Fair, per il quale cura un<br />

blog dedicato a temi di<br />

attualità.<br />

la maestra Lehrerin<br />

il rappresentante<br />

Vertreter<br />

trasgressivo unkonventionell<br />

il Dams: Universität für Kunst, Musik<br />

und Theater<br />

il soggiorno Aufenthalt<br />

la pubblicità Werbung<br />

la trasmissione Sendung<br />

la conduttrice TV-Moderatorin<br />

presentare moderieren<br />

curare herausgeben,<br />

leiten<br />

la prima Hauptserata<br />

sendezeit<br />

il favore Publikumsdi<br />

pubblico gunst<br />

Quella domenica pomeriggio, mentre sua madre continuava<br />

a gridare domande alle quali nessuno rispondeva<br />

e noi davamo la caccia al gatto, mi lasciò.<br />

Me l’aveva detto così, come fosse un dettaglio marginale,<br />

mentre afferrava Nero e lo infilava nella gabbietta: “Arno,<br />

non sono più la tua ragazza”.<br />

Ero andato a sedermi sotto uno dei quattro pini in fondo al<br />

giardino, con la schiena appoggiata al tronco, i gomiti puntati<br />

sulle ginocchia e i pugni sotto al mento. Dovevo ancorarmi<br />

per non tremare o cadere svenuto. Il tronco mi grattava<br />

la schiena nuda e sudata e gli aghi di pino secchi mi<br />

pungevano attraverso il costume da bagno, ma non era nulla<br />

in confronto al male che<br />

sentivo dentro: per la prima<br />

volta in vita mia capivo il significato<br />

dell’espressione “avere<br />

il cuore spezzato“.<br />

Sara mi raggiunse e si accovacciò<br />

di fronte a me con una<br />

pigna in mano. “Chiudi gli<br />

occhi, annusa“, mi disse avvicinandomela<br />

alle narici.<br />

Sentii prima il profumo della<br />

resina e poi la pressione di un<br />

bacio sopra ogni palpebra. Ci<br />

mise un’eternità a passare da<br />

una palpebra all’altra. Con<br />

imbarazzo mi ero sentito crescere<br />

un’erezione impossibile<br />

da occultare nel costume da<br />

bagno e avevo deciso di non<br />

riaprire gli occhi mai più.<br />

gridare schreien<br />

dare la jmd./etw.<br />

caccia a nachnahmen<br />

lasciare verlassen<br />

marginale nebensächlich<br />

afferrare packen<br />

il tronco Stamm<br />

il gomito Ellbogen<br />

puntato aufgestützt<br />

il pugno Faust<br />

ancorarsi verankern<br />

svenuto ohnmächtig<br />

grattare kratzen<br />

l’ago di pino Piniennadel<br />

il cuore gebrochenes<br />

spezzato Herz<br />

accovacciarsi sich niederhocken<br />

la pigna Zapfen<br />

annusare schnuppern<br />

la narice Nasenloch<br />

la resina Harz<br />

con imbarazzo verlegen<br />

occultare verbergen<br />

© LAIF<br />

59<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

ZWEISPRACHIG<br />

WÖRTERBUCH<br />

GRAMMATIK<br />

FIORETTI DELLA TOSCANA –<br />

TOSKANA LESEBUCH<br />

Anfänger und fortgeschrittene Lerner<br />

werden sich freuen, in <strong>die</strong>sem Buch Bekanntes<br />

und Unbekanntes, Klassisches<br />

und Modernes, Eingängiges und Anspruchsvolles<br />

in italienisch-deutschem<br />

Paralleldruck vorzufinden: Auf den linken<br />

Seiten des Buches finden Sie <strong>die</strong> italienische<br />

Version, rechts <strong>die</strong> deutsche Übersetzung.<br />

Für alle Toskana-Liebhaber.<br />

Buch mit 223 Seiten. Italienisch – Deutsch<br />

Niveau A2-B2. Artikel-Nr. 45521<br />

€ 8,90 (D)/€ 9,50 (A)<br />

TASCHENWÖRTERBUCH ITALIENISCH<br />

Das Must-have-Wörterbuch von Langenscheidt<br />

jetzt komplett neu mit kostenlosem<br />

Online-Wörterbuch. Der hochaktuelle<br />

Neuwortschatz deckt <strong>die</strong> Bereiche<br />

Alltag, Kommunikation, Me<strong>die</strong>n, Wirtschaft<br />

und Politik ab. Besonderes Extra<br />

sind Vorlagen für E-Mails und Briefe,<br />

Bewerbung und Lebenslauf, Grammatiktabellen<br />

und Zahlen. Mit rund 130.000<br />

Stichwörtern und Wendungen.<br />

Zweisprachiges Wörterbuch mit 1632 Seiten<br />

Italienisch-Deutsch, Deutsch-Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45519, € 24,99 (D)/€ 25,60 (A)<br />

GRAMMATICA ATTIVA<br />

Das Buch enthält 44 Einheiten zu Grammatik-Hauptthemen,<br />

<strong>die</strong> mit abwechslungsreichen<br />

und ansprechenden Lehrmethoden<br />

vermittelt werden. Jede Einheit<br />

wird durch eine kommunikative Situation<br />

dargestellt, <strong>die</strong> sich an einem bestimmten<br />

Thema orientiert. Übersichtliche Diagramme<br />

erleichtern das Verständnis. Im<br />

Anhang gibt es Tests zur Selbstbeurteilung.<br />

Bucht mi 320 Seiten. Italienisch<br />

Niveau A1-B2. Artikel-Nr. 45518<br />

€ 23,90 (D)/€ 24,60 (A)<br />

GRAMMATIK<br />

SELBSTLERNKURS<br />

GRAMMATICA D‘USO DELLA LINGUA ITALIANA<br />

Das Buch Grammatica d’uso della lingua italiana hilft Ihnen<br />

mit vielen Übungen und Erklärungen Ihr italienisch auf<br />

einfache Weise zu verbessern. Das Buch ist in 95 Einheiten<br />

gegliedert, in denen alle Themen nach dem Doppelseiten-<br />

Prinzip unterteilt sind.<br />

Auf der linken Seite wird <strong>die</strong> Grammatik genauer erläutert,<br />

begleitet von Beispielsätzen. Auf der rechten<br />

Seite gibt es dann zahlreiche passende Übungen. Mit<br />

dabei ist ein Anhang mit Tabellen und interessanten Informationen,<br />

wie beispielsweise den unregelmäßigen<br />

Verben. Zusätzlich finden Sie Beispiele von Tests für das<br />

CELI-Zertifikat. Eine Audio-CD mit Übungen hilft Ihnen bei<br />

der Aussprache und dem Hörverständnis.<br />

Buch (244 Seiten) + Audio-CD. Italienisch. Niveau A2/B1<br />

Artikel-Nr. 45517. € 19,99 (D)/€ 20,60 (A)<br />

UNTERWEGS IN ITALIEN<br />

Mit Unterwegs in Italien können wissbegierige<br />

Kinder ab 9 Jahren Sprache und<br />

Land auf eigene Faust entdecken. Mit<br />

Übungsaufgaben, Lösungen und Audio-<br />

CD für ein besseres Hörverständnis.<br />

Buch (80 Seiten) + Audio.CD. Niveau A1<br />

Artikel-Nr. 45520. € 12,95 (D)/€ 13,40 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

SPRACHSPIEL<br />

von den Machern<br />

von Spotlight!<br />

DVD-TIPP<br />

????? SPRACHÜBUNGEN<br />

ARE YOU JOKING?<br />

ENGEL DES BÖSEN<br />

ESERCIZI BASIC<br />

Das neue Spiel aus dem Spotlight Verlag,<br />

zusammengestellt von den Redakteuren<br />

von Spotlight! Englisch lernen wird mit<br />

<strong>die</strong>sem Spiel zum Witz. Spieler dürfen<br />

dabei Witze, Reime, Zungenbrecher und<br />

lustige Zitate zum Besten geben, gerne<br />

auch mimik- und gestenreich! Die Mitspieler<br />

hören genau zu und prüfen, ob sie<br />

ein Kärtchen mit einer im Text vorkommenden<br />

Vokabel besitzen.<br />

Englisches Sprachspiel. Niveau B1-C2<br />

Artikel-Nr. 18128<br />

€ 19,95 (D)/€ 19,95 (A)<br />

Der Film erzählt <strong>die</strong> wahre Geschichte<br />

des berühmtesten Gangsters Italiens: Renato<br />

Vallanzasca. Durch präzise geplante<br />

Raubüberfälle, Entführungen und Morde<br />

stieg er in den 70er-Jahren zum König<br />

der Mailänder Unterwelt auf und wurde<br />

zum gefürchtetsten Verbrecher des Landes.<br />

Durch seinen teuflischen Charme<br />

und sein engelsgleiches Gesicht war<br />

er besonders bei den Frauen beliebt ...<br />

DVD auf Deutsch und Italienisch.<br />

Artikel-Nr. 41108<br />

€ 14,99 (D)/€ 14,99 (A)<br />

Esercizi basic ist ein Übungsbuch der<br />

italienischen Grammatik, das speziell für<br />

junge Lerner und Anfänger entwickelt<br />

wurde. Es eignet sich zur Neuaneignung<br />

der Sprache ebenso wie zu Wiederholung<br />

und Übung bekannter Grammatikstrukturen.<br />

Die Neuauflage trainiert <strong>die</strong><br />

Sprachverwendung im Kontext, bietet<br />

zahlreiche neue Übrungen und Testformate<br />

und bietet sämtliche Lösungen.<br />

Buch mit 218 Seiten. Italienisch.<br />

Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45523<br />

€ 17,50 (D)/€ 18,00 (A)<br />

LERNKRIMI<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

CHIANTI DI SANGUE<br />

Zwei spektakuläre Mordfälle lassen<br />

Commissario Nicoletti in <strong>die</strong> Toskana<br />

reisen. Kann er den Fall lösen? Die Jubiläumsausgabe<br />

enthält ein zusätzliches<br />

Hörbuch auf CD. Niveau B1.<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

oder telefonischen Bestellung geben Sie bitte <strong>die</strong> Artikelnummer, <strong>die</strong> Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Buch (160 Seiten) + Audio-CD. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45524. € 7,99 (D)/€ 8,30 (A)<br />

Sonderangebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


L’ITALIA A TAVOLA<br />

UN POMODORINO<br />

VULCANICO!<br />

Feuerrot hängen <strong>die</strong> kleinen Aromabomben in Trauben von der Decke.<br />

Pomodorini vom Feinsten. Und natürlich reifen sie auf den fruchtbaren<br />

Vulkanböden des Vesuv und stehen unter dem Schutz von Slow Food.<br />

Testo: Francesco De Tomaso Foto: Stefano Scatà<br />

62<br />

SAGRA DEL POMODORINO DEL PIENNOLO DEL VESUVIO<br />

dal 15 al 17 luglio 2013, Cercola (NA). www.prolococercola.it<br />

Zipfel, Spitzbart<br />

Ende<br />

Rippe<br />

linieren<br />

Flanke, Seite<br />

Traube<br />

Decke<br />

Pastasoße<br />

bestellen<br />

rau<br />

eigens<br />

Bewässerungs-<br />

anlage<br />

Gefälle<br />

Ernte<br />

in <strong>die</strong>sem Zu-<br />

sammenhang<br />

il pizzo<br />

l’estremità<br />

la costa<br />

rigare<br />

il fianco<br />

il grappolo<br />

il soffitto<br />

il sugo<br />

coltivare<br />

aspro<br />

apposta<br />

l’opera<br />

di irrigazione<br />

la pendenza<br />

il raccolto<br />

a tal<br />

proposito<br />

tingersi sich färben<br />

il torpore Trägheit<br />

darsela Reißaus<br />

a gambe nehmen<br />

assai viel<br />

sputare spucken<br />

la leccornia Leckerbissen<br />

appunto eben<br />

Dop: ital. Siegel für Produkte mit<br />

geschützter Herkunftsbezeichnung<br />

a regola nach allen Red’arte<br />

geln der Kunst<br />

il livello<br />

del mare Meeresspiegel<br />

i dintorni pl. Umgebung<br />

il partenopeo Neapolitaner<br />

il pendolo Pendel<br />

il ciliegino Kirschtomate<br />

SE IL VESUVIO SI TINGE DI ROSSO FUOCO E AT-<br />

TIRA L’ATTENZIONE DI TUTTA NAPOLI, i casi sono<br />

due, o il gigante si è svegliato dopo anni di torpore<br />

ed è opportuno darsela a gambe, perché potrebbe essere<br />

seriamente arrabbiato, oppure è tempo di raccogliere<br />

i pomodorini che del Vesuvio sono figli ed è bene<br />

allora preparare la tavola.<br />

Consideriamo quest’ultima ipotesi, più probabile<br />

anche se assai meno nota. Tutti sanno, infatti, che il vulcano<br />

può sputare lava, pochi che sa dar vita a una delle<br />

leccornie tipiche di queste parti: il pomodorino, appunto.<br />

Certo non uno qualunque, qui si parla di un<br />

prodotto Dop, coltivato e conservato a regola d’arte sulle<br />

pendici della grande montagna, dalla cima fin quasi<br />

al livello del mare. La sua denominazione esatta è “pomodorino<br />

del piennolo del Vesuvio”. Tanto per cominciare,<br />

piennolo è un termine assolutamente sconosciuto<br />

a chi non frequenta abitualmente Napoli e i suoi dintorni.<br />

Apprendiamo dai partenopei che piennolo è la forma<br />

dialettale di “pendolo” e cominciamo a capire. In effetti,<br />

questi pomodorini gustosissimi, che si distinguono<br />

dai più comuni ciliegini perché hanno una sorta di “pizzo”<br />

all’estremità e due coste che ne rigano i fianchi, si<br />

conservano riuniti in grappoli e appesi a soffitti e pareti,<br />

quasi fossero un ornamento, più che materia prima<br />

per sughi deliziosi.<br />

Andiamo con ordine: la storia, innanzitutto. Difficile<br />

dire chi per primo pensò di coltivare l’aspra terra la<br />

vica del vulcano. Certo è che l’esperimento riuscì a meraviglia.<br />

Le caratteristiche del territorio erano e sono<br />

ideali per questi pomodorini, che sembrano fatti apposta<br />

per vivere con tanto sole e pochissima acqua. Innanzitutto<br />

non richiedono grandi opere di irrigazione<br />

– che sarebbero un problema, considerate le pendenze<br />

del Vesuvio – e poi, grazie alla ridotta umidità, si possono<br />

conservare molto più a lungo dei loro “parenti”.<br />

Stiamo parlando di mesi, per cui il raccolto di luglio è<br />

buono fino alla Pasqua dell’anno successivo. Si legge a<br />

tal proposito nel volume Degli ortaggi e loro coltivazione<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


BONTÀ CAMPANA<br />

A destra: il coltivatore Giovanni<br />

Ponsiello di Pollena Trocchia (NA).<br />

Sotto: fettuccine di Gragnano con<br />

alici, peperoncini verdi e pomodorino<br />

piennolo del ristorante La Torre del<br />

Saracino, a Vico Equense (NA).<br />

Il frutto del Vesuvio,<br />

colora di rosso le<br />

pendici del vulcano.<br />

presso la città di Napoli, scritto nel 1858 dall’illustre<br />

botanico Bruni: “Si mantengono ottimi fino a <strong>primavera</strong>,<br />

purché legati in serti e sospesi alle soffitte”.<br />

Ecco, come si può notare dalle foto di questo<br />

servizio, le ghirlande di pomodorini appese a soffitti<br />

e pareti sono molto coreografiche. Inoltre tale<br />

usanza ha fatto la fortuna di questi prodotti della<br />

terra, perché il “piennolo” stracarico diventa una dispensa<br />

da cui piluccare ogni tanto e mettere direttamente<br />

in bocca, oppure cogliere a piene mani per<br />

preparare ricette indimenticabili.<br />

il serto Kranz<br />

l’usanza Brauch<br />

In un modo o<br />

fare la fortuna Glück sein<br />

di qc. für etw. nell’altro, il “pomodorino<br />

del piennolo<br />

stracarico übervoll<br />

la dispensa Speisekammer<br />

del Vesuvio” in cucina<br />

è una piluccare abzupfen<br />

garanzia.


L’ITALIA A TAVOLA<br />

La buccia, piuttosto spessa<br />

e resistente, fa da “caspula<br />

protettiva” a una polpa<br />

straordinariamente soda e<br />

compatta, povera di succo,<br />

prosciugata dall’altissimo<br />

calore che raggiunge il terreno<br />

vulcanico. Il sapore è<br />

dolce ma anche piacevolmente<br />

asprigno, grazie alle<br />

sostanze acide di cui è impregnata<br />

la terra. Inoltre, a<br />

mano a mano che il pomodorino<br />

“invecchia” appeso<br />

al soffitto, la fragranza e la<br />

piacevolezza al palato aumentano.<br />

Ne sanno qualcosa<br />

i contadini che, secoli fa<br />

e ancora adesso, quando la<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Trovi la ricetta della<br />

bruschetta al pomodoro nella<br />

Grammatica di questo mese.<br />

la buccia<br />

resistente<br />

la capsula<br />

protettiva<br />

la polpa<br />

sodo<br />

prosciugato<br />

asprigno<br />

a mano<br />

a mano che<br />

il palato<br />

secoli fa<br />

il campo<br />

schiacciare<br />

mattina vanno nei campi a lavorare, strappano qualche pomodorino<br />

dal “piennolo” di casa e lo schiacciano sul pane,<br />

con un filo d’olio e una foglia di basilico. Gli chef, invece,<br />

utilizzano questi pomodorini per cotture veloci, per esem-<br />

Haut, Schale<br />

widerstandsfähig<br />

Schutzkapsel<br />

Fruchtfleisch<br />

fest<br />

ausgetrocknet<br />

herb<br />

während<br />

Gaumen<br />

vor Jahrhunderten<br />

Feld<br />

zerdrücken<br />

64<br />

PACCHERI AL<br />

POMODORINO DEL<br />

PIENNOLO<br />

Ingre<strong>die</strong>nti:<br />

200 g di pomodorini del piennolo<br />

2 spicchi d’aglio<br />

2 cucchiai di olio extravergine d’oliva<br />

400 g di paccheri<br />

4-5 foglie di basilico e sale<br />

Preparazione: Lavate i pomodorini con l’acqua fresca<br />

e togliete il picciolo. In una padella, fate soffriggere<br />

nell’olio gli spicchi d’aglio leggermente schiacciati.<br />

Togliete la padella dal fuoco per qualche istante e<br />

fate raffreddare leggermente l’olio. Poi aggiungete i<br />

pomodorini, un pizzico di sale e le foglie di basilico<br />

lavate e spezzettate.<br />

i paccheri: typ. neapolitanische<br />

Pastaform<br />

il picciolo Stiel<br />

fare<br />

soffriggere anbraten<br />

un pizzico di Prise<br />

spezzettato gehackt<br />

cospargere bestreuen<br />

Lasciate cuocere a fuoco<br />

lento per circa 8 minuti,<br />

girando ogni tanto<br />

con un cucchiaio di legno.<br />

Cuocete i paccheri,<br />

uniteli al sugo ancora<br />

caldo, cospargeteli<br />

di parmigiano a piacere<br />

e servite ben caldi.<br />

OTTIMO IN CUCINA<br />

Accanto: pizza Margherita con pomodorino<br />

del piennolo del Vesuvio.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


L’ITALIA A TAVOLA<br />

pio vermicelli alle vongole o pesce all’acqua<br />

pazza. Sono ideali anche per la<br />

carne alla pizzaiola; basta cuocere le fettine<br />

nel sughetto a base di pomodorino<br />

e poi usare l’eccesso per condire i maccheroni.<br />

La ricetta più classica è però<br />

quella degli spaghetti con la pummarola<br />

‘n coppa, ossia “con sopra il pomodoro”.<br />

Unico difetto, se così si può dire, di<br />

questi pomodorini è che produrne in<br />

1 2 3<br />

grandi quantità è faticoso e poco remunerativo, perché<br />

i migliori terreni si trovano ad alta quota sul Vesuvio.<br />

la vongola Venusmuschel<br />

il pesce all’acqua pazza: in einem<br />

speziellen Sud zubereiteter Fisch<br />

alla pizzaiola: mit Tomatensoße<br />

und aromatischen Gewürzen<br />

faticoso mühsam<br />

remunerativo einträglich<br />

ad alta quota in großer Höhe<br />

il presidio Slow-Food-<br />

Förderkreis<br />

anziano alt<br />

Anche per questo, un’importante<br />

associazione come<br />

Slow Food ha creato il<br />

presidio del pomodorino<br />

del piennolo, curando anche<br />

la produzione della<br />

conserva in vetro per i<br />

frutti molto maturi e ormai<br />

un po’ troppo “anziani”<br />

per essere appesi a testa<br />

in giù.<br />

4 5<br />

I MAGNIFICI<br />

CINQUE<br />

In Italia si producono annualmente circa 5 milioni<br />

di tonnellate di pomodori di 320 varietà diverse,<br />

molte delle quali rappresentano realtà [hier: Produkt]<br />

regionali. I pomodori universalmente diffusi<br />

da Nord a Sud sono cinque. Eccoli:<br />

65<br />

CILIEGINO O PACHINO<br />

1 Prodotto soprattutto in Sicilia, è di piccole<br />

dimensioni [Größe], cresce a grappolo [Traube]<br />

e raggiunge i 20-30 grammi di peso. Ideale per<br />

le insalate di pasta fredda estive.<br />

CUORE DI BUE (LIGURIA)<br />

2 Pomodoro da insalata con buccia fine, polpa<br />

carnosa [fleischig] e aromatica. Può raggiungere<br />

anche i 500 grammi di peso ed è ideale tagliato<br />

spesso e condito con olio e basilico.<br />

SAN MARZANO (CAMPANIA)<br />

3 Dalla caratteristica forma allungata, è il classico<br />

pomodoro da salsa o da conserva: polpa soda,<br />

pochi semi, poca acqua. Ideale per sughi densi.<br />

TONDO INSALATARO<br />

4 Tipica varietà da insalata, può essere a<br />

grappoli oppure singolo, con polpa consistente<br />

[festes Fleisch] che si mantiene a lungo. Diventa<br />

più dolce e saporito [geschmackvoll ] con un clima<br />

caldo e una buona esposizione al sole.<br />

COSTOLUTO FIORENTINO<br />

O GRINZOSO (TOSCANA)<br />

5 Di forma caratteristica, con “costole” [Rippe]<br />

molto rientranti, polpa soda, pochi semi, poca<br />

acqua. Buccia [Haut] piuttosto spessa. Ottimo<br />

per le insalate, ma anche per i sughi.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


Sprachen lernen für alle!<br />

NEU!<br />

KOSTENLOS UND<br />

UNVERBINDLICH<br />

Die neue Basismitgliedschaft:<br />

✔ 10 kostenlose Videos<br />

✔ 90 interaktive Übungen<br />

✔ Voller Zugriff auf „mein dalango“<br />

www.dalango.de<br />

Einfach Lernen mit Spaß!


APPROFONDIMENTO<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

© Shutterstock<br />

DA INTERVISTA (PAG. 27)<br />

ARTEMISIA<br />

GENTILESCHI<br />

Giuditta decapita<br />

Oloferne, di Artemisia<br />

Gentileschi,<br />

è conservato alla<br />

Galleria degli Uffizi<br />

di Firenze.<br />

È DURO, IL DESTINO DEI FIGLI D’ARTE. In questo<br />

caso, poi, parliamo di una “figlia” d’arte, cresciuta in un<br />

ambiente piuttosto ostile alle donne artiste. Suo padre è<br />

il famoso pittore romano Orazio Gentileschi. Artemisia<br />

nasce a Roma nel 1593, in un periodo in cui a Roma opera,<br />

tra gli altri, Caravaggio. Le sue prime esperienze artistiche<br />

sono contrassegnate dal trauma dell’incontro con<br />

l’artista Agostino Tassi, un collega del padre, che la seduce<br />

e probabilmente la violenta (le fonti non sono concordi).<br />

Si svolge un processo e lo scandalo costringe Artemisia<br />

a lasciare Roma. Prosegue la sua attività a Firenze,<br />

dove è la prima donna ad<br />

il destino Schicksal essere accettata all’Accademia<br />

delle Arti del Dise-<br />

il figlio d’arte Künstlerkind<br />

ostile feindlich<br />

gno, poi a Roma, Venezia,<br />

il pittore Maler<br />

operare tätig sein Napoli, Londra. La sua coraggiosa<br />

figura di artista e<br />

contrassegnato<br />

gezeichnet<br />

di donna diventa, negli<br />

sedurre verführen<br />

violentare vergewaltigen anni Settanta del 1900,<br />

la tortura Qual<br />

uno dei simboli del femminismo<br />

il rapporto Verhältnis<br />

internazionale.<br />

DA I MISTERI DELL’ARTE (PAG. 28)<br />

GIUSEPPE MAZZINI<br />

Accanto a Giuseppe Garibaldi e Camillo Benso conte di Cavour,<br />

Giuseppe Mazzini è uno dei grandi personaggi del Risorgimento<br />

italiano. Nato nel 1805 a Genova (che faceva parte<br />

della Repubblica Ligure), può essere considerato il grande<br />

ideologo dell’Unità d’Italia. Come molti intellettuali della sua<br />

generazione, Mazzini è poeta, filosofo, scrittore. Fin da giovane,<br />

si innamora dei poeti del Romanticismo (tra cui Goethe)<br />

e dell’idea di un’Italia unita<br />

e repubblicana. Giuseppe<br />

partecipa ai più importanti<br />

moti rivoluzionari del tempo:<br />

quelli del 1831 e quelli del<br />

1848. Viene condannato varie<br />

volte per attività rivoluzionarie<br />

ed è costretto a vivere<br />

in esilio. Dopo l’Unità<br />

d’Italia viene eletto in parlamento,<br />

nel 1866, ma rifiuta<br />

per non prestare giuramento<br />

alla monarchia dei Savoia.<br />

Muore repubblicano,<br />

nel 1872, a Pisa.<br />

DA VIAGGI (PAG. 17)<br />

NAPOLEONE<br />

ALL’ISOLA D’ELBA<br />

Villa dei Mulini, a Portoferraio.<br />

il conte Graf<br />

il Risorgimento: italienische Einigungsbewegung<br />

im 19. Jh.<br />

fare parte zu etw.<br />

di qc. gehören<br />

l’unità Einheit<br />

lo scrittore Schriftsteller<br />

partecipare teilnehmen<br />

il moto Bewegung<br />

condannare verurteilen<br />

eleggere wählen<br />

rifiutare ablehnen<br />

prestare<br />

giuramento Eid leisten<br />

Quando, il 4 maggio del<br />

1814, Napoleone Bonaparte<br />

arriva all’isola d’<strong>Elba</strong>,<br />

la sua stella è ormai<br />

al tramonto. È stato<br />

sconfitto da prussiani,<br />

austriaci e russi. In Francia<br />

il nuovo re Luigi XVIII<br />

ha iniziato la cosiddetta<br />

“Restaurazione”, togliendo<br />

ai cittadini i diritti<br />

acquisiti con la Rivoluzione francese. Pochi mesi dopo,<br />

al Congresso di Vienna, si pensa di esiliare l’Imperatore Napoleone<br />

per sempre, da qualche parte nell’oceano (lo si farà<br />

un anno dopo, quando Bonaparte sarà mandato all’isola di<br />

Sant’Elena, dove morirà nel 1821). Dopo <strong>die</strong>ci mesi all’<strong>Elba</strong><br />

Napoleone, che ha il titolo di “re”, riesce a sfuggire alla sorveglianza<br />

inglese e torna a Parigi, accolto dalla popolazione.<br />

Hanno inizio i cosiddetti “cento giorni”, che culminano<br />

nella sconfitta di Waterloo.<br />

Sulla permanenza di Napoleone<br />

all’isola d’<strong>Elba</strong> esiste<br />

un film italiano del 2006, che<br />

vi consigliamo: N (io e Napoleone)<br />

di Paolo Virzì, ispirato<br />

al romanzo N di Ernesto<br />

Ferrero, con Monica<br />

Bellucci e Daniel Auteuil<br />

nella parte dell’Empereur.<br />

essere<br />

al tramonto<br />

sconfiggere<br />

il diritto<br />

esiliare<br />

sfuggire<br />

la sorveglianza<br />

culminare<br />

la permanenza<br />

im Sinken sein<br />

besiegen<br />

Recht<br />

verbannen<br />

fliehen<br />

Bewachung<br />

gipfeln<br />

Aufenthalt<br />

67<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


SPRACHKURSE UND SPRACHFERIEN<br />

Sprachreisen<br />

weltweit<br />

Italien, Spanien, Mexiko, Argentinien,<br />

Costa Rica, Frankreich, England<br />

F+U Academy of Languages<br />

Hauptstraße 1, 69117 Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

LAGO DI COMO<br />

Lingua italiana e passeggiate<br />

La casa delle rondini – in B&B<br />

Fr. Oro 23 - 23822 Bellano (Lc)<br />

Tel. 00 39 0341820586<br />

www.casarondini.it<br />

Accademia Lingua eGusto –<br />

Kleinste Lerngruppen, größter Lernerfolg,<br />

Villa und Garten mit Meerblick, gemeinsame<br />

Mittagessen, Touren zu Wein, Öl, Pasta, Käse,Trüffel ...<br />

www.lingua-e-gusto.com, Tel. +49 421 364 9301<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

Italienisch-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen Italienisch-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei der Familie<br />

der Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

AlfaSprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und <strong>die</strong> besten<br />

Programme für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

Lernen Sie Italienisch<br />

- vor Ort und hautnah -<br />

auf unserem Landgut<br />

IN DER MAREMMA !<br />

Einzel-, Paar-, Familien-, Senioren-,<br />

Kleingruppenkurse in familiärer Atmosphäre.<br />

Eigene FeWo’s! Tel. 0039 0564 507922<br />

www.podere-carbone.de (mit Video!)<br />

Italienischer<br />

Sprach-Genuss<br />

in der Toskana<br />

THE ITALIAN WAY<br />

Italienische Sprach- und Kochschule<br />

in Piemont/Langhe! Italienische Kulturund<br />

Sprachkurse für alle Stufen.<br />

www.theitalianway.it · info@theitalianway.it<br />

0039 0173 793201<br />

0039 346 3477875<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

BERUFSAUSBILDUNG, FORTBILDUNG<br />

Berufsfachschule für Fremdsprachen:<br />

Europasekretär/in, Übersetzer/in, Fremdsprachenkorrespondent/in,<br />

Welthandelskorrespondent/in, EDV- und Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

F+U Academy of Languages, Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

www.Sprachen-zuhause-lernen.de<br />

staatl. zugelassener Fernunterricht mit Abschlusszertikat – T. 089/8541745 - mail@zickerts.de<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, (07221) 22661<br />

www.ifa.uni-erlangen.de<br />

Staatlich anerkannte Fachakademie und Berufsfachschule<br />

für Fremdsprachenberufe<br />

Staatl. gepr. Fremdsprachenkorrespondenten, Euro-Korrespondenten,<br />

Übersetzer und Dolmetscher<br />

Englisch, Französisch, Italienisch,<br />

Russisch, Spanisch<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

Hindenburgstr. 42, 91054 Erlangen, Tel. (0 91 31) 81293 - 30, E-mail: ifa@ve.uni-erlangen.de<br />

SANT‘ANNA INSTITUTE SORRENTO LINGUE<br />

Italienische Sprache und Kultur<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

Mehr Sprache<br />

können Sie<br />

nirgendwo<br />

shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

SPRACHPRODUKTE<br />

www.adesso-online.de<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen,<br />

um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache,<br />

Lernsoftware und<br />

vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt<br />

entdecken:<br />

THEMENVORSCHAU<br />

Ausgabe 06/13:<br />

• Alghero und der Golf von Asinara – Sardinien<br />

• Die Kirschen Piemonts<br />

• Italienisch für den Beruf<br />

Anzeigenschluss: 24.04.13, Erstverkaufstag: 29.05.13<br />

Ausgabe 07/13:<br />

• Kalabriens schönste Strände<br />

• Der Mozzarella<br />

Anzeigenschluss: 22.05.13, Erstverkaufstag: 26.06.13<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


SPRACHKURSE UND SPRACHFERIEN<br />

ITALIENISCH IN ITALIEN: www.italienisch-sprachschulen.de/<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Studitalia<br />

Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com (0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

Die Italienisch Sprachschulen in<br />

Nord- und Süditalien – wo Bildung und<br />

Urlaub sich harmonisch ergänzen!<br />

Le Venezie – Kultur und Dolce Vita<br />

Tropea – Weißer Sandstrand und Sonne<br />

Exzellente Italienisch Sprachkurse in<br />

kleinen Gruppen (3 bis 6 Studenten)<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

Sprachkulturreise<br />

nach Lucca<br />

16. – 23. Juni 2013<br />

Deborah Ferrini-Kreitmair<br />

Tel.: + 49 172 - 83 85 706<br />

info@sprachkulturkueche.de<br />

www.sprachkulturkueche.de<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 499,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 699,–)<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

PUI – Le Venezie: +39 040 30 40 20<br />

PUI – Tropea: +39 0963 60 32 84<br />

info@piccolauniversitaitaliana.com<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Als Bildungsurlaub anerkannt<br />

FERIENHÄUSER UND -WOHNUNGEN<br />

ROM + UMBRIEN/TOSK/MARKEN<br />

Exkl.+gün. priv. Landhs, teilw. Pool + fam.<br />

Hotels; Rom: priv. Stadtwhgn in guter Lage!<br />

Alle Termine: Tel. 0981-13655<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

INSEL ELBA<br />

VILLA am MEER<br />

Wohnungen € 190/€ 390 bis<br />

€ 420/€ 590 pro Woche<br />

Garten, Parken.<br />

Tel. 0039 0565 95675<br />

oder 0033 450 36 7125<br />

www.villamarinella.eu<br />

VENEDIG<br />

Stilvolle Appartements in antikem Palast<br />

zwischen Rialto-Brücke und Markusplatz,<br />

mit antiken Möbeln, für 2–6 Personen,<br />

Mindestmiete 1Woche, in NS auch kürzer.<br />

Tel. 0039-041-720620, Fax -721677<br />

(A. Lorenzon)<br />

Mittelmeer und Seealpen –<br />

Ferienhaus in Ligurien<br />

zu vermieten<br />

www.casamaremon.com<br />

INSEL ELBA<br />

Ferienwohnungen am Meer zum Mieten<br />

und Verkauf, sowie Wandertouren im<br />

schönsten Wandergebiet der Insel.<br />

www.latuacasasulmare.it<br />

Daniela Lüst +39 349 40 20 953<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

Unesco-Welterbe Cilento<br />

Meer, Berge, griechische Tempel...<br />

Villen, Fewos+Hotels am Meer<br />

Wandern auf Italienisch<br />

Erlebnissprachkurs<br />

0941 /567 6460, www.cilento-ferien.de<br />

Italienisch lernen wie in Italien<br />

im Italienischen Kulturinstitut Hamburg<br />

Telefon: 040 / 39 99 91 31 · www.iic-hamburg.de<br />

Amici dell’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo e.V., Hamburg<br />

Haben Sie Fragen zur Anzeigenschaltung?<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131 · Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Istituto<br />

Italiano<br />

di<br />

Cultura<br />

Amburgo<br />

nel Gargano a 500 metri dal mare<br />

Tel. +39-330-543766<br />

www.lachiusadellemore.it<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

Die Ferienhaus-Spezialisten für Italien<br />

030.30820408·Manteuffelstr.5a·12203 Berlin<br />

SARD.+SIZ+KALABRIEN+APUL.<br />

Exkl. + gün. priv. Einzelhs + fam. Hotels<br />

am Meer, an herrl. Sandstränden!<br />

Auch Originaltrulli!<br />

Alle Termine: Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGGIO 2013


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 6,90<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird besonders<br />

umweltfreund lich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und inkl. Versandkosten<br />

Österreich:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 111,60 zzgl. sfr 15 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 74,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach Ablauf des<br />

ersten Bezugsjahres jederzeit beendet<br />

werden - mit Geld-zurück-Garantie für<br />

bezahlte, aber noch nicht gelieferte<br />

Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong>www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

GIARDINI<br />

D’ITALIA<br />

Oasi verdi cittadine o contornate dall’acqua; fontane e<br />

giochi di siepi degni dei giardini di Versailles; grotte e<br />

labirinti che racchiudono storie affascinanti.<br />

Dal Nord al Sud, un’Italia verde che non ti aspetti!<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

PRODUKTION<br />

Salvatore Viola<br />

REDAKTION<br />

Isabella Bernardin, Giovanna<br />

Iacono, Cosimo Carniani,<br />

Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Michael Braun, Marina Collaci,<br />

Francesco De Tomaso, Anna<br />

Mandelli, Daniela Mangione,<br />

Marco Montemarano, Valentina<br />

Pinton, Stefano Vastano,<br />

Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Andrea Balzer, Monica Guerra,<br />

Tanja Lau, Friederike Ott,<br />

Dorothea Schmuck<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

H.W.M. GmbH,<br />

82152 Planegg<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Me<strong>die</strong>nservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt <strong>die</strong> Meinung<br />

der Autoren, nicht <strong>die</strong> der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag ers chei nen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Dr. Michael Brockhaus<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

PR UND KOOPERATIONEN<br />

Heidi Kral<br />

KEY ACCOUNT MANAGEMENT<br />

Corinna Hepke<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

Konto-Nummer 0 212 865 200<br />

BLZ: 300 800 00<br />

Credit Suisse Zürich-Enge<br />

Konto-Nummer 554 833-41<br />

(BC 48 42)<br />

Bank Austria AG Wien<br />

Konto-Nummer 108-108-147/00<br />

BLZ: 12 000<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

FINE SETTIMANA<br />

Un viaggio ad Alghero, in<br />

Sardegna: un eden mediterraneo<br />

tra natura, sport e relax.<br />

INTERVISTA<br />

Gli uomini italiani di oggi? Persi,<br />

spaesati, scontenti. Ce li racconta<br />

lo scrittore Simone Perotti.<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel.<br />

0211/887-2315, Fax 0211/887-97-2315,<br />

E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg, Tel.<br />

040/30183-210, Fax 040/30183-283, E-<br />

Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332, Fax<br />

+49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John's Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt <strong>die</strong> Anzeigenpreisliste Nr. 21 ab<br />

Ausgabe 1/13<br />

IVW - Meldung<br />

IV - Quartal 2012<br />

24.408 verbreitete<br />

Auflage <strong>ADESSO</strong><br />

<strong>ADESSO</strong> 06/13 IN VENDITA DAL 29 MAGGIO


Das kann sich hören lassen!<br />

12 Ausgaben <strong>ADESSO</strong> – dazu ein Design-Radio gratis.<br />

Edles Design-Radio mit innovativer technischer Ausstattung:*<br />

spielt MP3 und Radio<br />

Holzgehäuse (in weiß oder braun) mit Aluminium-Front<br />

UKW/FM-Radio mit Dock-in für viele MP3-Player<br />

Verbindungskabel für MP3- oder CD-Player<br />

Digitaluhr mit Weckfunktion<br />

Maße ca.15 x15 x12 cm<br />

aktuelle<br />

Auswahl<br />

siehe<br />

Homepage<br />

Ihre Vorteile:<br />

Sie sparen 10% gegenüber dem Einzelkauf<br />

Sie beziehen 12 Ausgaben für nur €74,40/SFR111,60 **<br />

Sie bekommen jede Ausgabe komfortabel nach Hause geliefert<br />

Sie haben freien Zugang zum Premium-Bereich im Internet<br />

Sie erhalten ein Design-Radio gratis<br />

Bestellen Sie bequem unter www.adesso-online.de/praemie oder schreiben Sie uns unter abo@spotlightverlag.de<br />

oder an Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstraße 22, 82152 Planegg/München, Deutschland.<br />

Sie erreichen uns auch unter +49(0)89/85681-16. Bitte geben Sie das Stichwort „Radio-Prämie“ an.<br />

* Solange Vorrat reicht. Die Prämie liefern wir nach Eingang der Zahlung versandkostenfrei nach Deutschland, Österreich und in <strong>die</strong> Schweiz. Lieferung ohne MP3-Player.<br />

** Für <strong>die</strong> Magazinbestellung außerhalb Deutschlands fallen Versandkosten an. Weitere Details finden Sie unter spotlight-verlag.de/faq.


Unsere Auswahl für Sprachliebhaber.<br />

Entdecken Sie Ihre Leidenschaft für Sprachen.<br />

Deutsch perfekt – Einfach Deutsch lernen<br />

Écoute – Typisch Französisch!<br />

ECOS – Die Welt auf Spanisch<br />

Spotlight – Einfach Englisch!<br />

Business Spotlight – Englisch für den Beruf<br />

<strong>ADESSO</strong> – Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

www.spotlight-verlag.de


Juwelen und Luxusgüter<br />

aus dem ehemaligen<br />

Besitz der Camorra<br />

werden nun versteigert.<br />

Was passiert<br />

mit den Erlösen?<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

Maggio 2013<br />

Alle Texte auf<br />

Vieni via con me: Montepulciano, in Toscana Era il...: Il divorzio in Italia


2 Cose nostre<br />

WAS UNS DIESEN MONAT BEEINDRUCKT HAT<br />

ORGOGLIO<br />

STOLZ<br />

Si chiama “Volare”, come la famosa canzone di Domenico<br />

Modugno, ed è la prima missione spaziale tutta “made<br />

in Italy”. Il protagonista è Luca Parmitano, astronauta di<br />

Catania. Si tratta della prima missione di lunga durata<br />

(si parla di un periodo di sei mesi) dell’Agenzia spaziale<br />

italiana. La missione nasce da una cooperazione tra l’Asi<br />

e la Nasa. La navicella, che fa parte della serie Sojuz,<br />

partirà il 29 maggio e salirà “nel blu dipinto di blu”.<br />

“Volare” è la prima missione<br />

spaziale tutta italiana.<br />

ORGOGLIO<br />

spaziale Weltraumla<br />

durata Dauer<br />

la navicella Raumschiff<br />

nel blu dipinto di blu: Originaltitel<br />

und Zitat aus Lied „Volare“<br />

SUCCESSO<br />

la catena Kette<br />

annunciare ankündigen<br />

essere stabilito feststehen<br />

GENIALITÀ<br />

il Rinascimento Renaissance<br />

il mecenate Mäzen<br />

dedicare widmen<br />

raccogliere sammeln<br />

essere<br />

considerato gelten als<br />

MANIA<br />

Scarabeo Scrabble<br />

la partita Spiel(runde)<br />

ricco reich<br />

GENIALITÀ<br />

GENIALITÄT<br />

© Uff. stampa ASI/L. Parmitano, Eataly<br />

SUCCESSO<br />

ERFOLG<br />

Eataly, la catena di negozi di<br />

alimentari di eccellenza, ha molto<br />

successo. Qualche settimana fa il<br />

suo direttore, Oscar Farinetti, ha<br />

annunciato che Eataly aprirà<br />

anche nelle Cinque Terre. “Un<br />

posto che a New York è più<br />

famoso di Genova”, dice Farinetti.<br />

La data di apertura del nuovo<br />

tempio della gastronomia italiana<br />

non è ancora stabilita. E intanto<br />

già si parla di aprire Eataly anche<br />

in Germania, per cominciare<br />

probabilmente a Berlino e Monaco.<br />

Pietro Bembo è un cardinale, letterato<br />

e intellettuale del Rinascimento, ma<br />

soprattutto uno dei più grandi mecenati<br />

dell’arte italiana. A lui è<br />

dedicata la mostra Pietro<br />

Bembo e l’invenzione<br />

del Rinascimento, che si<br />

tiene nel Palazzo del Monte<br />

di Pietà di Padova.<br />

Amico di Ludovico Ariosto<br />

e di Isabella d’Este,<br />

Bembo ha raccolto<br />

nella sua vita opere<br />

dei più grandi artisti<br />

dell’epoca. La sua<br />

collezione è considerata<br />

“il primo<br />

Museo del Rinascimento”<br />

(Bembo la<br />

chiamava “Casa delle Muse”).<br />

La mostra è in corso<br />

fino al 19 maggio ed è chiusa<br />

il lunedì. Per informazioni:<br />

www.mostrabembo.it<br />

MANIA<br />

MANIE, SUCHT<br />

Si chiama Ruzzle ed è la<br />

nuova passione del web.<br />

Il gioco è semplice: si tratta<br />

di comporre parole<br />

come quando si gioca a<br />

Scarabeo. È diffuso in<br />

tutto il mondo, ma gli italiani giocano<br />

a Ruzzle più di ogni altro popolo.<br />

I giocatori da noi sono 7 milioni,<br />

per un totale di 30 milioni di partite<br />

al giorno. Il motivo? La lingua italiana,<br />

così musicale e ricca di vocali,<br />

è la più adatta ai giochi di parole.<br />

Provate anche voi!


Stefano Casiraghi e<br />

Carolina di Monaco<br />

Che amore! 3<br />

Sie galten als lebender Beweis dafür, dass auch in der High Society<br />

wahre Liebe und Gefühle möglich sind. Dann kam er viel zu früh<br />

bei einem tragischen Unfall ums Leben.<br />

“Carolina per me è come un figlia e ancora oggi<br />

mi chiama mamma”. Sono parole di Fernanda<br />

Casiraghi, pronunciate in occasione del ventesimo<br />

anniversario della morte del figlio Stefano. “Stefano<br />

era una cometa”, ha scritto qualcuno. Figlio di ricchi<br />

imprenditori, nato dalle parti del Lago di Como,<br />

a 23 anni Stefano diventa improvvisamente famoso<br />

sposando la principessa Carolina di Monaco. Nel<br />

giro di tre anni nascono i tre figli Andrea, Charlotte<br />

e Pierre. Stefano è talmente innamorato di Carolina<br />

che qualche amico, per<br />

scherzare, inizia a chiamarlo<br />

“Carolino”. Sì.<br />

un grande amore. La<br />

prova che anche<br />

La storia d’amore tra<br />

Carolina di Monaco e<br />

Stefano Casiraghi è<br />

stata intensa quanto<br />

sfortunata. Lui muore in<br />

un incidente dopo sette<br />

anni di matrimonio.<br />

tra i giovani vip sono possibili<br />

sentimenti veri. Le foto<br />

in occasione<br />

di anlässlich<br />

di Stefano e Carolina, a la morte Tod<br />

guardarle oggi, sono piene l’impren- Unterditore<br />

di una grande tenerezza.<br />

m. nehmer<br />

Lei, che ha tre anni più di sposare heiraten<br />

lui, è al suo secondo matrimonio,<br />

nel giro di innerhalb von<br />

dopo essere stata<br />

guardare anschauen<br />

la tenerezza Zärtlichkeit<br />

sposata giovanissima con<br />

il motoscafo Motorboot<br />

un ricco banchiere di Parigi.<br />

difendere verteidigen<br />

Stefano è uno sportivo. La agitato stürmisch<br />

sua grande passione sono i rovesciarsi kentern<br />

motoscafi offshore. Nel annegare ertrinken<br />

1990, Stefano e Carolina<br />

sono sposati da sette anni e il figlio più grande,<br />

Andrea, va già a scuola. Stefano ha compiuto<br />

30 anni da meno di un mese.<br />

Il 3 ottobre, sul mare di fronte a<br />

Montecarlo, corre sul suo catamarano<br />

per difendere il titolo<br />

mondiale vinto nel<br />

1989. Il mare è agitato.<br />

Improvvisamente la sua<br />

barca si rovescia. Stefano<br />

cade in acqua e<br />

annega. Una morte<br />

terribile. E la vita di<br />

Carolina e dei<br />

suoi tre figli non<br />

sarà mai più<br />

la stessa.<br />

Disegno di: Isadora Mancusi<br />

maggio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


4<br />

Luce: il lato oscuro<br />

Photovoltaik bringt saubere Energie und vor allem auch Arbeitsplätze nach<br />

Süditalien. Aber halt: doch nicht unter sklavenähnlichen Arbeitsbedingungen!<br />

Il fotovoltaico e, in generale, l’energia generata<br />

dal sole e le altre energie alternative, sono il futuro.<br />

Dallo sfruttamento di queste forme di energia<br />

“pulita” dipenderà una gran parte del nostro<br />

benessere nei prossimi decenni. In Italia, il fotovoltaico<br />

ha avuto uno sviluppo enorme negli ultimi<br />

anni. Il territorio è adatto: sono presenti grandi superfici<br />

di campagna non coltivata e c’è molto sole.<br />

È un affare anche per molti investitori stranieri,<br />

che da diversi anni operano sul territorio italiano<br />

in questo settore. Eppure il fotovoltaico ha il suo<br />

lato oscuro. La storia inizia due anni fa, quando i<br />

lavoratori irregolari dell’impresa spagnola Tecnova<br />

si ribellano nel Salento (in Puglia, provincia di<br />

Lecce) per rivendicare i loro diritti di lavoratori.<br />

La polizia indaga. Si scopre che anche nel settore<br />

erzeugt<br />

Nutzung<br />

Wohlstand<br />

Entwicklung<br />

Fläche<br />

nicht bestellt<br />

Geschäft<br />

dunkle Seite<br />

illegaler<br />

Arbeiter<br />

verlangen<br />

ermitteln<br />

Aufenthalts-<br />

erlaubnis<br />

unterbezahlt<br />

Sklaverei<br />

aufdecken<br />

il lavoratore<br />

irregolare<br />

rivendicare<br />

indagare<br />

il permesso<br />

di soggiorno<br />

sottopagato<br />

la schiavitù<br />

scoprire<br />

generato<br />

lo sfruttamento<br />

il benessere<br />

lo sviluppo<br />

la superficie<br />

non coltivato<br />

l’affare m.<br />

il lato oscuro<br />

del fotovoltaico, purtroppo, quello di sfruttare lavoratori<br />

stranieri senza permesso di soggiorno è<br />

un sistema diffuso. I lavoratori sono spesso di origini<br />

africane. Sono sottopagati e lavorano in condizioni<br />

di schiavitù. Qualche settimana fa la Guardia<br />

di Finanza ha scoperto in un blitz altri 500<br />

lavoratori-schiavi nei campi del fotovoltaico, ancora<br />

una volta nel Salento.<br />

© Shutterstock


5<br />

Juwelen und Luxusgüter aus dem ehemaligen<br />

Besitz der Camorra werden nun versteigert.<br />

Mit den Erlösen wird das „Justizmuseum“<br />

in Neapel finanziert.<br />

C’è una sala, nel tribunale di Napoli, che si chiama Sala<br />

dell’Arengario. Qui vengono venduti all’asta i beni<br />

confiscati ai criminali. Napoli è l’epicentro della camorra<br />

e i beni confiscati a questa terribile associazione criminale<br />

hanno ormai un valore di milioni di euro. Si tratta di<br />

gioielli, soprattutto oro e diamanti indossati dalle donne<br />

dei boss. Tra questi, ci sono, per esempio, un anello con<br />

diamante da 50.000 euro<br />

e un orologio Cartier da<br />

24.000 euro. Poi ci sono<br />

orologi, soprattutto Rolex,<br />

molto in voga tra i camorristi.<br />

A fine febbraio è iniziata<br />

l’asta per la vendita di questi<br />

beni. L’Italia è in crisi<br />

e per questo il prezzo di base<br />

è stato fissato al 20% del<br />

valore commerciale di questi<br />

beni. Si tratta di oggetti<br />

sequestrati alle più importanti<br />

famiglie di camorra,<br />

come i Giuliano di Forcella,<br />

o ai grandi spacciatori di droga del quartiere napoletano<br />

di Scampia. Dopo i gioielli saranno venduti le automobili,<br />

le moto, i camion e altri beni<br />

di valore commerciale. Il ricavato<br />

di questa grande ope-<br />

confiscato beschlagnahmt,<br />

vendere<br />

all’asta versteigern<br />

razione servirà a uno scopo<br />

nobile: verrà realizza-<br />

l’associazione f. Vereinigung<br />

eingezogen<br />

il gioiello Juwel, Schmuck<br />

ta, tramite una fondazione, sequestrare beschlagnahmen<br />

un’esposizione permanente, lo spacciatore<br />

il Museo della Giustizia napoletana.<br />

I beni illegali della ca-<br />

di droga Drogendealer<br />

l’arma Waffe<br />

il ricavato Erlös<br />

morra torneranno così, in lo scopo Zweck<br />

qualche modo, ai cittadini. la fondazione Stiftung


6 Vieni via con me<br />

Montepulciano<br />

Jeden Monat schicken wir Sie mit einem Ortskundigen auf eine Entdeckungsreise an<br />

sieben besondere Orte: Italienische Städte authentisch erleben – abseits der üblichen<br />

Touristenrouten. Diesen Monat führt Sie Nicola durch „sein“ Montepulciano (Toskana).<br />

© Shutterstock (2), Alinari<br />

1 Lasciate l’auto vicino alla chiesa di Sant’Agnese<br />

e percorrete a piedi il centro storico fino ad arrivare<br />

in Piazza Grande, proprio in cima alla collina<br />

su cui è arroccato il paese di Montepulciano.<br />

2 Fate colazione o prendete un aperitivo al bellissimo<br />

Caffè Poliziano, in Via Voltaia del Corso 27.<br />

Chiedete di sedervi nel terrazzino, da cui si gode<br />

una vista favolosa su tutta la Val di Chiana.<br />

3 È d’obbligo visitare una cantina e degustare il<br />

vino Nobile di Montepulciano. In Piazza Grande,<br />

al n. 7, c’è la sede del Consorzio del Vino Nobile,<br />

dove potete chiedere informazioni<br />

sulle aziende della<br />

la cima Gipfel, Spitze<br />

la collina Hügel zona e le indicazioni per<br />

godere genießen<br />

raggiungerle.<br />

essere<br />

4 Visitate la chiesa<br />

di San Biagio,<br />

d’obbligo Pflicht sein<br />

l’indicazione<br />

f. Hinweis appena fuori dal<br />

il paesaggio Landschaft centro storico, e ammirate<br />

me<strong>die</strong>vale mittelalterlich lo stupendo paesaggio che<br />

impagabile unbezahlbar la circonda.<br />

5 Se amate la carne, non potete<br />

perdere la bistecca alla fiorentina.<br />

Per mangiare quella vera, andate<br />

all’Osteria dell’Acquacheta,<br />

che si trova in Via del<br />

Teatro 2, a due passi da<br />

Piazza Grande.<br />

6 Approfittate delle tante<br />

terme della zona. A mezz’ora<br />

da Montepulciano<br />

c’è Bagno Vignoni, un incantevole<br />

borgo me<strong>die</strong>vale<br />

la cui piazza centrale consiste in<br />

una grande vasca di acqua calda.<br />

7 Comprate una bottiglia del vostro<br />

vino preferito, andate a Pienza<br />

e procuratevi il pecorino più buono<br />

del mondo. Ora siete pronti per perdervi<br />

nella Val D’Orcia, per un impagabile<br />

pranzo all’aperto, immersi nella più incantevole<br />

Toscana.<br />

maggio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Era il… 7<br />

PASTA PER LA PIZZA<br />

Per 2 persone Preparazione 20 min. + 2 ore<br />

Ingre<strong>die</strong>nti: 15 g di lievito fresco, 1,5 dl di acqua tiepida,<br />

300 g di farina e 1 cucchiaino di sale.<br />

Preparazione: Versate metà dell'acqua calda in una<br />

ciotola, sciogliete il lievito aiutandovi con una forchetta<br />

e lasciate riposare per 10 minuti. Mettete la farina e il<br />

sale in un’altra ciotola, poi versate il lievito con il resto<br />

dell’acqua e impastate bene. Se necessario, aggiungete<br />

altra acqua tiepida fino a formare una palla, mettetela<br />

su un piano di lavoro e impastate per circa 5<br />

minuti, premendo e stendendo con le mani fino a ottenere<br />

una consistenza<br />

la pasta Teig soda, ma soffice. Mettete<br />

l’impasto in un conte-<br />

il lievito Hefe<br />

tiepido lauwarm<br />

la ciotola Schüssel nitore coperto da un<br />

riposare ruhen canovaccio umido per<br />

impastare kneten circa 2 ore, fino a quando<br />

sarò raddoppiato di<br />

stendere ausbreiten<br />

sodo fest<br />

soffice weich volume. A questo punto<br />

il canovaccio feuchtes la pasta è pronta per<br />

umido Tuch creare le vostre pizze.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock<br />

Chefredakteurin: Rossella Dimola Produktion: Salvatore Viola Autoren:<br />

Giovanna Iacono, Marco Montemarano Redaktion: Andrea Balzer, Isabella<br />

Bernardin, Monica Guerra, Salvatore Viola Gestaltung: www.prodigo.de<br />

Druck: Me<strong>die</strong>nhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck Gesamt-<br />

Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-130 Verlag und<br />

Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evviva-online.de; www.adesso-online.de.<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für alle genannten Autoren,<br />

Fotografen und Mitarbeiter.<br />

maggio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong><br />

Era il...<br />

12 maggio 1974<br />

Italiens Bürger entscheiden sich in einem<br />

Referendum für <strong>die</strong> Scheidung.<br />

Manifestazione a Roma contro<br />

l’abolizione del divorzio, 1974.<br />

introdurre<br />

la legge<br />

il divorzio<br />

abolire<br />

raccogliere<br />

la firma<br />

necessario<br />

favorevole<br />

accusare<br />

contrario<br />

arretrato<br />

la maggioranza<br />

einführen<br />

Gesetz<br />

Scheidung<br />

abschaffen<br />

sammeln<br />

Unterschrift<br />

erforderlich<br />

für, dafür<br />

vorwerfen<br />

dagegen<br />

rückständig<br />

Mehrheit<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta il reportage<br />

sulla storia del divorzio.<br />

Nel 1970 l’Italia è uno degli ultimi paesi europei<br />

a introdurre una legge che consente il divorzio.<br />

Nei primi quattro anni i divorzi non sono molti. Molti italiani<br />

hanno un’idea ancora molto<br />

tradizionale della famiglia.<br />

Forse per questo, un gruppo di<br />

politici conservatori vuole far<br />

abolire il divorzio con un referendum.<br />

Nelle strade vengono<br />

raccolte molte più delle<br />

500.000 firme necessarie. Nelle<br />

settimane prima del referendum,<br />

l’Italia si divide in due: chi<br />

è favorevole al divorzio accusa<br />

chi è contrario di avere un’idea<br />

arretrata del paese. Chi è contrario<br />

accusa gli altri di voler attentare<br />

alla famiglia. Anche il<br />

Vaticano interviene contro il divorzio.<br />

Il 12 maggio del 1974 si vota. Quasi il 60% per cento<br />

degli italiani dichiara di volere il divorzio. Le percentuali<br />

più alte si registrano nelle grandi città del Nord. Al Sud la<br />

maggioranza dei cittadini vota contro il divorzio. Il risultato<br />

del referendum fa capire che non si torna in<strong>die</strong>tro: la legge<br />

sul divorzio è necessaria a un paese moderno.<br />

Ascolta una parte del nostro reportage sul divorzio.<br />

www.adesso-online.de/i-nostri-prodotti/adesso-audio/adesso-audio-di-maggio-2013


8 La foto del mese<br />

LA PIÙ BELLA<br />

DEL MONDO<br />

Mare cristallino, fondali trasparenti,<br />

sabbia bianca che non hanno nulla da<br />

invidiare ai paradisi caraibici. A vantare<br />

tutto ciò è la splendida spiaggia<br />

dei Conigli, nella zona sud-occidentale<br />

dell’isola di Lampedusa, in Sicilia. Nel<br />

2013, Tripadvisor, il famoso sito di recensioni<br />

di viaggi, ha scelto questa<br />

meraviglia della natura come spiaggia<br />

più bella del mondo e le ha assegnato<br />

il premio Travellers’ Choice Beaches<br />

Awards 2013, selezionandola tra<br />

276 località di tutto il mondo. La<br />

spiaggia è un luogo incontaminato e<br />

protetto grazie anche alla riserva naturale<br />

gestita da Legambiente. Qui, in<br />

<strong>primavera</strong>, si può assistere allo spettacolo<br />

delle tartarughe Caretta Caretta,<br />

che scelgono proprio questa<br />

spiaggia per deporre le loro uova.<br />

il fondale Meeresboden<br />

vantare sich rühmen<br />

sud-occidentale südwestlich<br />

il sito Webseite<br />

assegnare vergeben<br />

incontaminato unberührt<br />

la tartaruga Unechte<br />

Caretta Caretta Karettschildkröte<br />

deporre ablegen<br />

© Shutterstock<br />

maggio 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!