il personaggio - Confindustria Genova

confindustria.ge.it

il personaggio - Confindustria Genova

il personaggio

Mario Torre

Intervista al

condirettore generale

di Elsag Datamat spa

Fusione

informatica

PIERA PONTA

10


Che la fusione tra Elsag e Datamat, perfezionata

nell’agosto del 2007 nell’ambito del Gruppo Finmeccanica,

abbia segnato l’inizio di un nuovo e felice

corso per le due aziende, è fuor di dubbio. I numeri parlano

da soli: nel 2005 la somma dei fatturati di Elsag e

Datamat era di circa 550 milioni di euro, il bilancio 2008

della nuova realtà evidenzia un giro d’affari di circa 700

milioni di euro, ordini per 940 milioni e oltre 40 milioni di

euro di investimenti in attività di ricerca e sviluppo.

Oggi Elsag Datamat è il centro di eccellenza Finmeccanica

nella progettazione e produzione di sistemi, soluzioni

e servizi hi-tech per l’automazione, la sicurezza, la mobilità,

la difesa e l’informatica. L’azienda, le cui sedi principali

sono a Genova, Roma e New York, ha un organico

complessivo di circa 3.800 addetti, di cui una cinquantina

proprio negli Stati Uniti presso la controllata Elsag North

America, società che commercializza i sistemi di sicurezza

del Gruppo Elsag Datamat sul mercato statunitense.

«Nella riorganizzazione - precisa Mario Torre, condirettore

generale dell’azienda - sono state rispettate e valorizzate

le rispettive culture industriali, le rispettive eccellenze

professionali e di prodotto e le complementarietà senza

alcuna ricaduta sugli organici».

La messa a fattor comune delle competenze, sottolinea

Torre, «ha consentito anche a Elsag Datamat di diventare

il centro di eccellenza per la logistica integrata delle Forze

Armate italiane; l’azienda ha infatti sviluppato per loro il

software di gestione di tutta la logistica, dall’approvvigionamento

ordinario per le truppe dell’esercito alla programmazione

dei fabbisogni degli aerei in missione».

Gli importanti risultati di Elsag Datamat sono ottenuti

grazie al continuo aggiornamento e sviluppo di prodotti

a valore aggiunto tra cui, ad esempio, il sistema di lettura

targhe venduto a Carabinieri e Polizia. «Dall’auto-pattuglia

su cui è montato - spiega Torre - il sistema è in grado

di leggere le targhe di tutti i veicoli fermi o in movimento,

anche a velocità superiori ai 150 km orari. Le targhe così

rilevate vengono confrontate con quelle delle vetture rubate

o sospette registrate nel database delle forze dell’ordine.

Con questo prodotto siamo leader di mercato negli

USA, dove Elsag North America rifornisce le polizie di tutti

gli Stati e, ultimamente, anche l’FBI. Secondo l’FBI, infatti,

circa il 70% dei reati negli USA viene commesso

con l’ausilio di un’auto rubata: riuscire quindi a identificarne

rapidamente la targa può significare sventare atti

criminali anche gravi. In America il nostro lettore targhe è

molto popolare e si sta confermando anche un utilissimo

strumento di marketing del “brand Italia”: basti pensare

che il sistema è stato protagonista di un episodio della famosissima

serie tv CSI». Quella investigativa non è però

la sola applicazione del dispositivo: viene infatti già utilizzato,

ad esempio, per il controllo degli accessi alle zone a

traffico limitato nonché per l’individuazione di mezzi che

trasportino merci pericolose, impedendone il transito in

situazioni di potenziale pericolo.

L’offerta Elsag Datamat per la sicurezza comprende numerosi

altri prodotti e soluzioni a elevato contenuto tecnologico.

L’azienda, tra l’altro, insieme a tutto il Gruppo

Finmeccanica, ha contribuito a garantire la sicurezza del

G8 svoltosi all’Aquila, mettendo a disposizione le proprie

competenze nella gestione dei grandi progetti informatici,

con particolare riferimento alla trasmissione sicura dei

dati, alla realizzazione di infrastrutture IT, comprensive di

server centrali e accessi alla rete fisici e wireless, e alla

gestione in sicurezza delle reti e delle postazioni di lavoro.

«Anche nell’automazione - aggiunge Mario Torre -

oltre ai tradizionali ma sempre più evoluti sistemi postali,

che sono ormai in grado di smistare 40.000 lettere all’ora

attraverso la lettura automatica degli indirizzi riportati

sulle buste, siamo all’avanguardia grazie alla recentissima

linea di prodotti per lo smistamento bagagli, completamente

sviluppata da noi, che ha oggi le migliori

performance al mondo».

Nella logistica, la realizzazione della soluzione informatica

per il VTS (Vessel Traffic System) nazionale, in collaborazione

con altre società del Gruppo Finmeccanica, costituisce

un asset di rilevanza internazionale con prospettive

di sicuro avvenire. Il VTS è un sistema in grado di condividere

e distribuire ai vari attori della filiera portuale (Autorità

portuali, terminalisti, spedizionieri, autotrasportatori,

ecc.) le informazioni relative alla propria attività in maniera

intelligente e sicura.

Elsag Datamat ha registrato performance brillanti anche

nell’informatica gestionale e Mario Torre ne è visibilmente

soddisfatto: «solo qualche anno fa - osserva - il 90%

del fatturato in questo segmento proveniva da contratti

con aziende Finmeccanica; oggi questa quota è scesa al

30%, mentre il restante 70% deriva da commesse esterne

al Gruppo, confermando la validità della nostra offerta».

L’azienda, tra l’altro, occupa il settimo posto in Europa

tra gli operatori del settore software e servizi informatici

(classifica Truffle 2008). Nel nostro paese, tra i principali

clienti di Elsag Datamat ci sono Poste Italiane, Telecom

Italia e la Pubblica Amministrazione, sia centrale sia

locale. «È di Elsag Datamat - precisa Torre - il sistema di

monetica che gestisce, su un’unica piattaforma informatica,

l’emissione e il relativo accredito ai singoli operatori

dei biglietti di metro, bus e treno della rete di trasporti

milanese. Sempre di Elsag Datamat è il software che elabora

le informazioni su orari e tempi di arrivo degli autobus

fornite alle fermate dell’AMT di Genova».

Ma per la società di Finmeccanica sono di fondamentale

importanza anche i mercati internazionali: la Russia, ad

esempio, dove l’azienda ha realizzato il centro postale di

Mosca e dove si prevede la realizzazione di ulteriori centri.

«Elsag Datamat - sottolinea Torre - ha solide competenze

di processo e quindi non si limita a fornire al cliente le

tecnologie e le macchine necessarie, ma individua la logistica

migliore per lo smistamento, ne segue la costruzione

e l’allestimento e definisce le fasi di ricevimento e di

consegna della posta. Sugli aspetti di processo, Elsag Datamat

è diventata partner degli operatori postali di Stati

Uniti, Canada e Olanda; nei Paesi emergenti, invece, la richiesta

e quindi la nostra offerta è spesso quella di sistemi

“chiavi in mano”, comprensivi anche dell’edificio in

cui sarà installato il sistema di smistamento».

Altro mercato di grande interesse è il Cile, protagonista,

quest’anno, del prestigioso volume strenna che fa parte

della collana editoriale (Tunisia e Giordania per le edizioni

passate) che Elsag Datamat dedica ai Paesi con cui ha

11


stabilito relazioni culturali oltre che di business. Ai Carabineros

cileni l’azienda ha fornito mille dispositivi portatili

(con previsione di ulteriori ordini), che consentono in pochi

secondi di rilevare la targa dei veicoli e l’identità delle

persone mediante la verifica delle impronte digitali. Per il

paese andino, Elsag Datamat ha inoltre progettato e realizzato

il database e le periferiche del sistema AFIS (Automated

Fingerprint Identification System) della Direzione

Investigativa dei Carabineros. In Egitto, la società ha recentemente

firmato un contratto da circa 10 milioni di

euro per la realizzazione del sistema di prenotazione e

gestione della biglietteria delle ferrovie nazionali.

In Arabia Saudita il business riguarda, invece, il settore

bancario e in particolare lo sviluppo del sistema applicativo

che consente ad Al-Rajhi Bank, l’istituto finanziario

islamico privato più grande del mondo, di operare secondo

le norme della legge coranica (Sharia).

Relativamente al mercato USA, la recente acquisizione da

parte di Finmeccanica della società americana DRS Technologies

costituisce per Elsag Datamat un’importante opportunità

di sviluppo del proprio business in settori quali

automazione e difesa.

Realtà di rilievo internazionale che opera sui mercati di

tutto il mondo, Elsag Datamat può vantare una lunga

storia da sempre legata, peraltro, al territorio genovese e,

a partire dagli anni sessanta, anche al nome di Enrico Albareto,

il grande manager che fu protagonista di una

lunga fase di sviluppo dell’azienda.

Il forte legame di Elsag Datamat con il territorio emerge,

inoltre, dalla capacità di fare sistema anche con la piccola

e media impresa locale: «oggi la grande industria è

sempre più focalizzata sul mercato e sul progetto - conclude

Torre -, che significa competenze di sistema, di

processo e di prodotto. Su questo terzo segmento, in

particolare, può giocare un ruolo di primo piano la piccola

impresa, non solo concorrendo alla realizzazione

del progetto della grande industria, ma anche attingendo

da quest’ultima know-how e relazioni utili a sviluppare

business in proprio e ad affrancarsi, così, dallo stato di

semplice subfornitore». ■

12

More magazines by this user
Similar magazines