versione per tablet - Provincia di Pordenone

provincia.pordenone.it

versione per tablet - Provincia di Pordenone

www.provincia.pordenone.it/index.php?id=333

B VALORIZZAZIONE

Valorizzare il patrimonio

immobiliare dell’Ente

Immobili non scolastici

La valorizzazione degli immobili provinciali è stata attuata attraverso

una politica di dismissione delle locazioni passive in corso

e di razionalizzazione degli immobili destinati ad uffici di proprietà

dell’Ente.

Si è quindi provveduto a realizzare tutti gli interventi necessari

per adattare la sede dell’Ufficio Scolastico Provinciale ad ospitare

servizi provinciali per poi trasferirvi il Servizio Caccia e Pesca

e la Polizia Locale.

I locali presso la sede dell’Ente lasciati liberi dal Servizio Caccia e

Pesca sono quindi stati utilizzati per ampliare gli spazi a disposizione

del Servizio Politiche del Lavoro.

I locali di via Rovereto liberati dalla Polizia Locale, hanno poi consentito

la disdetta della locazione degli uffici di via Brusafiera che

potranno, nel corso del 2012, essere trasferiti lì oltre che nell’atrio

della sede centrale.

Altra locazione disdettata ha riguardato i locali siti al piano terra

di via Rovereto ove era ospitata la mostra degli animali imbalsamati

del Servizio Caccia e Pesca, trasferiti nei locali di proprietà

dell’Ente di via Sturzo.

Ufficio scolastico provinciale

Altra disdetta ha riguardato la locazione del magazzino di San

Vito al Tagliamento che ospita oggetti vari del Museo della Vita

Contadina che, nel corso del 2012 potranno essere trasferiti in un

immobile di proprietà a Praturlone, previo qualche piccolo intervento

di riadeguamento.

Le locazioni così concluse comporteranno un risparmio per l’Ente

di circa € 62.500,00 annui.

Oltre a ciò si è provveduto a trasferire il Centro per l’Impiego di

Sacile nei locali messi a disposizione del Comune, dopo avervi

rea lizzato una serie di interventi per adeguarne la destinazione

ad uffici pubblici.

Si è provveduto a valorizzare l’appartamento di proprietà sito in

via Sturzo a Pordenone attraverso una serie di contratti con associazioni

private che ne hanno occupato 6 stanze, con un introito

per l’Ente di € 3.365,00 annui sino al 2017.

Per consentire il miglior utilizzo dei cosiddetti “appartamenti per

madri nubili” di proprietà della Provincia siti in comune di San Vito

al Tagliamento e Spilimbergo, sono stati individuati i Comuni di

San Vito e Maniago in qualità di Enti Gestori del Servizio Sociale

dei Comuni rispettivamente dell’Ambito Est e dell’Ambito Nord,

quali destinatari di concessioni-contratto mediante i quali concedere

la disponibilità dei citati alloggi a titolo gratuito ai Comuni

che a loro volta dovranno far fronte alle esigenze di manutenzione

ordinaria e straordinaria degli immobili.

Altre concessioni-contratto destinate alla valorizzazione degli immobili

provinciali stipulate nel corso del 2011 hanno riguardato

Palazzo Gerometta a Clauzetto, concesso all’Associazione Antiqua,

e il cosiddetto “Cimitero ebraico del Bosco della Man del

Ferro” di San Vito al Tagliamento, concesso all’omonima Associazione.

94 Rendiconto Sociale 2011

More magazines by this user
Similar magazines